Page 1

KHALA YOGA   LOTTA  DANZA  E  MEDITAZIONE      

La   parola   YOGA   significa   UNIONE.   KHALA   è   un   termine   sanscrito   e   ha   vari   significati   tra   i   quali:                             LOTTA,  TERRA,  LUOGO.   La   disciplina   del   KHALAYOGA   unisce   la   pratica   di   posizioni   (asanas),   di   respirazione   e   meditazione   alla   pratica  di  tecniche  di  lotta,  movimenti  delle  arti  marziali  e  la  danza.   KHALAYOGA   è   un   percorso   di   conoscenza   di   sé   e   di   incontro   con   gli   altri;   ci   si   relaziona   GIOCANDO   ALLA   LOTTA.   È  un  percorso  di  crescita  che  sviluppa  anche  la  coscienza  di  gruppo;  si  inizia  a  crescere  quando  si  smette  di   pensare  IO  e  si  prova  a  pensare  NOI.   Nella   prima   parte   di   ogni   lezione   si   esegue   una   sequenza   di   movimenti   e   posizioni   con   esercizi   di   respirazione  e  diverse  pratiche  di  focalizzazione  e  di  meditazione.   Nella   seconda   parte   della   lezione   si   lavora   principalmente   a   coppie;   se   nella   prima   parte   l’attenzione   del   praticante  è  rivolta  soprattutto  (ma  non  solo)  all’  “INTERNO”  di  sé,    nella  seconda  al  contrario  è  soprattutto   (ma   non   solo)   all’   ”ESTERNO”   di   sé.     Molti   movimenti   si   eseguono   a   terra,   sdraiati   e   seduti   utilizzando   tecniche  diverse;  dalle  prese  al  collo  a  colpi  portati  con  mani  e  piedi,  schivate  e  spostamenti  che  divengono   fluidi   e   anche   acrobatici.   Si   inizia   da   movimenti   molto   semplici   e   a   breve   distanza   dal   compagno.     Avanzando   nella   pratica   i   movimenti   si   portano   da   maggiore   distanza   con   anche   salti   e   sequenze   sempre   più  complesse  che  richiedono  una  maggiore  coordinazione  ed  equilibrio.   Ci  si  educa  da  subito  ad  ASCOLTARE,  a  SENTIRE  se  stessi  e  a  SENTIRE  l’altro.     Si   apprendono   e   si   praticano   le   tecniche   di   lotta   cercando   sempre   di   prestare   molta   attenzione   e   dare   molto  valore  ad  ogni  gesto  per  aumentare  la  consapevolezza  e  precisare  l’intenzione  in  ogni  AZIONE.   Nel   KHALAYOGA   la   lotta   è   uno   strumento   per   relazionarsi,   per   comunicare,   quindi   diventa   DARE   e   RICEVERE.  


Le tecniche   di   lotta   utilizzate   non   prediligono   nessuno   stile   marziale   in   particolare,   ma   si   cerca   di   avere   una   preparazione  più  ampia  e  libera  possibile  da  schemi  e  rigidità.   È   una   continua   ricerca   tra   studio   meticoloso   della   TECNICA   e   scoperta   dell’ISTINTIVITÀ   e   della   SPONTANEITÀ,  ci  si  educa  a  liberarsi  di  blocchi  e  rigidità  conducendo  i  propri  gesti  in  AZIONI  COSTRUTTIVE.   La   PRATICA   della   lotta   è   AZIONE.     L’ATTEGGIAMENTO   nella   pratica   è   fondamentale   per   crescere;   se   l’atteggiamento  e  le  nostre  intenzioni  sono  costruttive,  il  nostro  agire  diverrà  costruttivo.   Allora  la  PRATICA  diviene  ogni  volta  un’esperienza  interessante  e  spesso  anche  piacevole  e  divertente.  Al   contrario   se   il   nostro   atteggiamento   non   è   COSTRUTTIVO   la   pratica   diviene   fonte   di   malessere   e   incomprensione  e  non  è  RIGENERANTE.  Per  atteggiamento  costruttivo  si  intende  per  esempio  ASCOLTARE  e   non  agire  ciecamente,  ascoltare  sì  ma  non  SUBIRE,  sentirsi  in  difficoltà  è  diverso  dal  sentirsi  maltrattati  o   PICCHIATI;  così  come  mettere  in  difficoltà  è  diverso  dal  picchiare.   Ciascun  individuo  possiede  uno  stile  proprio  di  combattimento,  come  la  voce  e  come  la  calligrafia  e  nella   pratica  del  KHALAYOGA  si  cerca  di  valorizzare  le  caratteristiche  e  potenzialità  di  ognuno  senza  obbligarne  i   movimenti   a   rispettare   un   canone;   che   il   fisico   sia   grande   e   pesante   o   gracile   e   leggero   si   fa   di   tutto   per   STARE  BENE  ed  esprimersi  al  meglio.   Nel  percorso  è  previsto  l’uso  di  STRUMENTI:   • •

I BASTONI,   che   vengono   utilizzati   per   lo   studio   di   tecniche   di   combattimento   con   un   sistema   che   aiuta  la  focalizzazione  il  ritmo  e  la  sincronia.   IL  DISEGNO  E  LA  SCRITTURA  si  utilizzano  come  forma  di  meditazione  e  di  ricerca.    In  alcune  lezioni  si   fa   pratica   scrivendo   e   disegnando   sia   con   la   mano   sinistra   che   con   la   destra.     Risulta   essere   una   pratica   rilassante,   aumenta   la   concentrazione,   la   disciplina   e   contemporaneamente   la   libertà   espressiva.   GLI  STRUMENTI  MUSICALI.    Il  suono  è  parte  importante  dello  studio  del  KHALAYOGA.    La  lezione  è   sempre   accompagnata   da   musica,   preferibilmente   dal   vivo.     Grazie   al   suono   l’insegnante     COMUNICA  con  gli  allievi  che  a  coppie  praticano.  Essi  ascoltando  i  MESSAGGI  SONORI  e  seguendo  il   ritmo  modulano  i  loro  movimenti  in  modo  più  ARMONICO  e  si  crea  una  UNITÀ,  la  lezione  diventa   un’esperienza  non  solo  individuale,  non  solo  a  coppie  ma  anche  di  gruppo.    Avanzando  nella  pratica   l’allievo   si   prepara   anche   nell’uso   di   strumenti   a   percussione,   nell’uso   del   DEDGEREDOO,   uno   strumento   a   fiato   molto   primitivo   (è   un   tubo   di   legno)   degli   aborigeni   australiani   che   si   suona   utilizzando   una   particolare   respirazione.   Gli   strumenti   musicali   devono   rispettare   il   principio   della   RELAZIONE,  devono  comunicare  tra  loro  ed  essere  attenti  agli  allievi  che  praticano  in  movimento.   L’attenzione   al   gruppo   è   più   importante   delle   capacità   del   singolo   perché   la   forza   di   un   gruppo   unito  alimenta  poi  di  conseguenza  ogni  singolo.   STOFFA.     Si   utilizzano   pareo,     sarong,   sciarpe   o   gonne   per   combattere   e   DANZARE.     LA   DANZA   è   sempre  presente  nel  Khalayoga  anche  se  celata  o  non  espressa  secondo  i  canoni  comuni  ne  è  un   elemento   FONDAMENTALE.     La   stoffa   come   strumento   di   ricerca   nel   movimento   aiuta   e   stimola   ad   accedere  alla  danza  presente  nella  lotta.  

La lezione  termina  sempre  con  il  cerchio  dei  praticanti  seduti  in  silenzio.    Si  recupera  la  calma  e  il  respiro   regolare  se  la  pratica  è  stata  intensa  e    nel  silenzio  si  condivide  anche  il  vissuto  dell’esperienza.    A  volte  si   eseguono   dei   suoni   vocali   (OM)   e   altre   invece   segue   spontaneamente   un   breve   scambio   e   confronto   verbale.    

descrizione_khalayoga  

descrizione_khalayoga