Issuu on Google+

www.dirittoalfuturo.it

In collaborazione col Comitato Spontaneo di ...................


Legge 10 del 9 gennaio 1991 Norme per l'attuazione del Piano Energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili.


L'intento della legge è di recepire le politiche energetiche comunitarie. Purtroppo ciò accade solo in parte: infatti mentre l'Europa individua esattamente le fonti rinnovabili (solare, eolica, idraulica, geotermica e moto ondoso) nella versione italiana appare il termine "fonti assimilate alle rinnovabili".


Ecco come noi italiani abbiamo definito le fonti assimilate: - cogenerazione, intesa come produzione combinata di energia elettrica e di calore - calore di risulta, fumi di scarico ed altre forme di energia recuperabile in processi ed impianti - l'utilizzo di scarti di lavorazione e/o di processi


Sulla scorta di queste indicazioni (Legge 10/91), il Comitato Interministeriale Prezzi (CIP) con delibera n. 6 (da qui Cip6) del 29 aprile 1992, stabilisce che i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili ed assimilate, godranno di una maggiorazione di circa 3 volte il prezzo di mercato.


Chi paga questa maggiorazione? Noi cittadini col 7% della bolletta dell'energia elettrica (tariffa A3).


Dal 1992 abbiamo versato oltre tre miliardi di euro all’anno (3.076.923.077 euro), determinando un totale di oltre 50 miliardi di euro.


DETTAGLIO TIPOLOGIA ACQUISTI CIP6 (Situazione aggiornata al 31.03.2007 – Fonte GSE FISE Assoambiente – prot.n.p59930)  

ANNO 2006

Tipologia fonte Solare fotovoltaico

Totale Energia KWh

Importi Totali €

€/KWh

KWh/€

116.142

40.370

0.35

2.9

Eolico

1.275.230.582

195.823.974

0.15

6.5

Geotermico

1.454.128.250

223.753.076

0.15

6.5

Idroelettrico

1.324.326.083

202.602.527

0.15

6.5

0

0

0

0

Biomasse e Rifiuti

5.200.144.426

1.135.911.334

0.22

4.6

TOTALE Fonti Rinnovabili

9.253.945.483

1.758.131.281

0.19

5.3

 

 

 

 

Combustibili di processo o residui o recuperi di energia

17.337.251.741

2.179.884.346

0.13

8.0

Combustibili fossili

21.716.865.946

2.181.783.156

0.10

10.0

TOTALI Fonti Assimilate

39.054.117.687

4.361.667.502

0.11

9.0

 

 

 

 

48.308.063.170

6.119.798.783

 

 

Maree

 

 

TOTALE


Direttiva UE 77 del 2001, incentiva e stimola l'uso di fonti rinnovabili individuandole: solare, eolica, idraulica, geotermica, biogas, la parte biodegradabile dei rifiuti industriali ed urbani e le biomasse. Con biomasse si intendono i residui dell'agricoltura. Un chiaro stop alle truffaldine fonti assimilate italiane.


Ed è proprio in nome della Direttiva UE 77 che chiediamo il rimborso di quei soldi che dal 2001 prelevano illecitamente dalle nostre bollette, sotto la voce tariffa A3,


La Direttiva 77/2001 viene recepita all'italiana, col Decreto Legislativo 387 del dicembre 2003. L'art.17 esclude le fonti assimilate (cogenerazione, scarti petroliferi, ecc) ma include i rifiuti ed il Cdr, in spregio alla Direttiva 77/2001. Da qui la procedura di infrazione da parte dell'UE all'Italia.


Come denunciato dalla procedura d'infrazione, dall'entrata in vigore del 387/03 le famose fonti assimilate non avrebbero dovuto pi첫 prendere gli incentivi. Ma una parte delle nostre bollette continua ad andare alle cosiddette fonti assimilate.


Ecco in sintesi i passaggi della vertenza: 1. Richiesta di rimborso della componente A3 da inoltrare ad Enel + altri distributori di energia ed al GSE. Tale richiesta comporta la loro messa in mora 2. Sottoscrizione dei mandati difensivi 3. Invio delle richieste di rimborso ad Enel + altri distributori di energia ed al GSE 4. Azione civile: restituzione della componente A3, indebitamente applicata. Oltre agli interessi maturati ed al risarcimento del danno


Vertenza Cip 6