Page 1

DEFINIZIONE DI FATTORIA DIDATTICA concordata tra i partners La fattoria didattica è un’azienda agricola vera e propria, incluse le aziende dimostrative pubbliche, che accolgono gruppi scolastici e pubblico in genere e che nascono sia dalla necessità di trovare delle forme di reddito supplementare per gli agricoltori che per creare nuove occasioni di comunicazione diretta fra l’agricoltore ed il cittadino. Nella fattoria didattica è lo stesso agricoltore che fa conoscere ai ragazzi la vita degli animali, l’origine dei prodotti che consumano, stimolandone lo spirito critico e la curiosità. La fattoria didattica diventa quindi il mezzo per valorizzare l’ambiente agricolo attraverso l’esperienza ed il contatto diretto, favorendo nello stesso tempo un corretto approccio al consumo consapevole che passi attraverso l’intuizione e la comprensione delle complesse relazioni esistenti tra sistemi produttivi, consumi alimentari, salvaguardia dell’ambiente. La fattoria didattica è un vero e proprio laboratorio d’insegnamento all’aperto.

Criteri di qualità per la rete delle Fattorie Didattiche Criteri aziendali •

Le fattorie didattiche che fanno parte del network di Neprovalter devono trovarsi all’interno dei comprensori montani della regione di riferimento;

L’azienda presenta una capacità di accoglienza di almeno una classe. I laboratori delle attività sono condotti al massimo da un agricoltore per classe. L’azienda può suddividere la classe in gruppi per migliorare l’approccio alle attività aziendali;

Ogni azienda possiede almeno un ambiente coperto, commisurato alla grandezza dei gruppi ospitati, per l’accoglienza e l’intrattenimento delle classi;

Ogni fattoria didattica possiede almeno un percorso didattico (es. i profumi delle piante, dal latte al formaggio, dal grano al pane….) che si svolge all’interno dell’azienda o negli immediati dintorni;

Nell’azienda sono presenti spazi riservati alla colazione al sacco e, in alcuni casi (generalmente su prenotazione), al ristoro;


In ogni azienda è presente almeno un responsabile delle visite guidate che cura personalmente l’accoglienza ed il benessere dei bambini ospitati, avvalendosi anche di eventuali collaboratori;

Ogni responsabile delle visite s’impegna a frequentare i corsi di aggiornamento (Short course) che di volta in volta vengono organizzati dagli organismi competenti per migliorare la qualità del servizio offerto e la professionalità degli operatori;

L’agricoltore s’impegna a facilitare la migliore conoscenza della campagna e dell’ambiente rurale e a mettere a disposizione, secondo i bisogni delle scuole e dei programmi aziendali, materiali e supporti didattici relativi ai temi trattati nelle visite.

Criteri di sicurezza •

Ogni azienda della rete deve essere dotata dei sistemi di sicurezza previsti dalla legge (antincendio, luci d’emergenza, segnalazione uscite, attrezzature di pronto soccorso) e di contatti con i presidi sanitari più vicini;

Le attrezzature agricole e le sostanze pericolose (fitofarmaci, concimi…) devono essere inaccessibili ai bambini e le aree a rischio (concimaia, fossato, corsi d’acqua…) devono essere opportunamente segnalate e circoscritte. L’azienda deve essere in ogni caso coperta da un’assicurazione di responsabilità civile.

Gli animali devono essere esenti da zoonosi e controllati nell’area da loro frequentata e nel loro comportamento;

L’acqua è potabile e controllata periodicamente;

Le attività aziendali sono svolte seguendo le principali regole di igiene e sicurezza. Le fattorie didattiche sono quindi impegnate nella predisposizione di tutti quegli interventi che possono ridurre i rischi aziendali e rendere piacevoli e serene le visite. Criteri di igiene.

Ogni azienda deve essere dotata di servizi igienici idonei, commisurati alla capacità di accoglienza dell’azienda (indicativamente uno ogni dieci bambini).

Requisiti per Fattorie Didattiche  

Requisiti concordati tra i partner per definire una Fattoria Didattica