__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

ALINA PICAZIO

ITER


via Margutta 103, Roma tel. 06.36001878 www.galleriavittoria.com

008/2019

11 - 21 settembre 2019

Testi di: Marcella Cossu Artur Winiarski Małgorzata Wrześniak

Con il Patrocinio di:

ISBN 978-83-955274-0-1

© Alina Picazio 2019

I contenuti di questo catalogo sono di esclusiva proprietà dell’editore e non possono essere riprodotti o utilizzati senza autorizzazione Unauthorized use and/or duplication of this material without express and written permission from the editor is strictly prohibited


ITER di

Alina Picazio A cura di

Tiziano M. Todi


Alina Picazio

2


ITER [English]

In her art Alina Picazio has been focused on interiors for years. She often records images of actual corridors, staircases, passages and gates seen during her trips to Rome or walks around the Warsaw Bielany district. When cropping the “freeze frames” or complementing them with new elements, the Artist creates her own space – an image comprised of recorded impressions and remembered emotions experienced by homo viator on every day of her journey. Fragments of events, shreds of emotions, unfinished phrases, afterimages..., heard, seen or touched, moments accumulated in the memory and transformed by her artistic imagination, they all create an image of the road travelled so far and make you think about metaphors, symbols and signs that attract you to the spiritual sphere of the imagery. Alina Picazio's painting, originating in the attempt to understand what memory is and how a momentary sensation changes with time, how images are blurred and objects seen before transformed; the painting whose colourful matter is every day ordered and carefully organised in ever new sequences of the same and completely new manifestations – is indeed an image of the road with all the symbolic senses this sign reveals to the human mind. Iter means road and travelling along it, it means space and dwelling in space, it also defines time and living in time. Iter is a journey captured by the Artist in individual frames, put one on another with time and transformed by memory, evoking the feeling of suspension somewhere in the middle... between worlds, between here and there, between yesterday and tomorrow. This way, they become timeless representations illustrating the state of permanent transition, whose nature is elevated to an almost ritual function of transformation. In its symbolic essence, Iter – walking along a material road means, first of all, travelling towards the centre, towards the discovery of one's own internal life, towards enlightenment and the understanding of the mystery of being. In this sense, Alina Picazio's painting may be seen not only as illustrative – presenting an image of a person being permanently “on their way”, from one place to another, but also as contemplative – with its nonpictorial layer penetrating metaphysical spheres of human existence, looking for answers to the questions of living in and outside particular time and space, or – to put it more simply – looking for the explanation to the mystery of existence. This way the visibilium leads to the invisibilium, to the unknown, inscrutable and mysterious. With the help of a visible sign, it takes us to what can be found only inside oneself and in the extra-sensual world, or to use the words of the ancients: beyond physics – in the metaphysical world of ideas. This is also a type of Iter, Alina Picazio's art invites us to, placing metaphorical signs on the viewer's way. For years, the Artist has been using the same, symbolic elements, whose meaning manifests the most fully in her latest creations. Initially, the she was eager to “enclose” the viewer within cramp spaces of home interiors, often in the space of seclusion and intimacy – the bathroom, clean with the whiteness of ablution tools and ordered by sequentially placed tiles – it was the image of “I” – internal and close to the surroundings, the image of “I”, which is not entered by anybody but “I” itself, it was, finally, the image of “I” undergoing the ritual of purification and ordering. With time, the Painter started to “guide” the viewer around a black-and-white chequer of the floor, which was in fact only a kind of labyrinth created from tiles like from life events, from light and dark experiences, countless, good and bad memories... “making” the viewer to count the tiles as if in order to make one relive everything before reaching the truth about oneself – this is the image of “I” opening itself to the world, “I” searching the past for the answers to the present, “I” on its way and suspended between worlds – the inner “I”, which discovers the external circumstances shaping it, finally “I” not closed in itself but contemplating the possibility of going outside. It is worth observing that in her latest works (presented at the exhibition) the Artist willingly uses windows or glazed portals, which serve to introduce light into the painting space. She “guides” the viewer towards this light, up the stairs, to some higher storeys remaining outside the frame, she symbolically “opens' to the viewer the space beyond, lit with sunlight and an almost metaphysical beam. This is an image of “I” travelling towards illumination and a bedazzlement with the world, which – although covered with the mist of ignorance – shows itself in mild, warm and friendly colours, “I” opened to the brightness coming from “the other side of the mirror”, “I” without fear, standing in silence at the threshold of mystery. Filia mundi – daughter of two dawns... One may say that Alina Picazio's art – like the work of any artist – being a type of memoirs of events and experiences, reflects her own way of life or a fragment of the traversed path. What also influences an artist's choices of aesthetic and symbolic signs is their individual way of looking at the world, their experiences, emotions and desires. In a way, Alina Picazio remains in a passage which links two worlds and two homes – the one in Polish Bielany and the other in Italy, Naples and Rome. The marriage of northern landscapes with the southern sun results in a very aesthetic visions of either Warsaw staircases or portals of Roman palazzi... or perhaps of the former and the latter at the same time? Moving from one world to another and belonging to both, leads to remaining constantly “between”, as if in a passage, standing at the threshold and experiencing the need to identify the space, time and affiliation. This might constitute the timeless and at the same time topical content of Alina Picazio's painting, corresponding excellently with the condition of the contemporary, intercultural and transcultural world of the “man on a journey” and connecting the most culturally extreme corners of the globe. One might say that, in a sense, Iter diagnoses the contemporary homo viator – an explorer hungry for knowledge and a discoverer of novelties and new cultures, suspended in the search between worlds, still in transition between one place and another, existing on the boundary between what he remembers and forgets from his own or other's past – continually looking for identity in the ever changing kaleidoscope of events on the rough way of life. Prof. Małgorzata Wrześniak Ph. D. Cardinal Stefan Wyszyński University in Warsaw

Iter

3


ITER [Italiano]

Da anni Alina Picazio si concentra sulle immagini di interni. Le capita sovente di registrare squarci di corridoi, trombe delle scale, passaggi e porte, tutti esistenti nella realtà e osservati durante i suoi viaggi romani o durante le sue passeggiate a Bielany, il quartierde di Varsavia. Fissando in un quadro questi „fermo-immagine”, eventualmente completandoli con elementi supplementari, l'artista costruisce in questo modo il proprio spazio. Si tratta di una veduta ricavata da impressioni registrate e da sensazioni ricordate, quelle che accompagnano l'homo viator in ogni giornata del suo viaggio. Frammenti di avvenimenti, briciole di sentimenti, parole non dette, immagini residue ... momenti sentiti, visti, toccati e raccolti nella memoria e ricreati dalla fantasia artistica creano un'immagine di una strada già percorsa, al contempo dirigendo il pensiero nella direzione delle metafore, dei simboli e dei segni „che attraggono” verso la sfera spirituale di quelle stesse immagini. La pittura di Alina Picazio – alla base della quale c'è sicuramente il tentativo di indagare il tema del ricordo e di come esso trasforma con il passare del tempo l'impressione percepita in un dato momento, quanto si logora l'immagine e si tramuta l'oggetto veduto in precedenza, la cui materia coloristica viene quotidianamente ordinata e accuratamente fissata in sequenze successive di apparizioni che sono sempre le stesse ed allo stesso tempo si rivelano del tutto nuove – è essenzialmente un'immagine della strada, in tutti i sensi simbolici che tale segno rivela all'umana comprensione. Iter significa la strada ed il muoversi lungo la strada, significa lo spazio e l'esserci nello spazio, definisce pure il tempo ed il perdurare nel tempo. Iter è il viaggio trattenuto dall'artista in singoli scatti -immagine, sovrapposti dal tempo l'uno all'altro e trasformati dalla memoria, provocando un senso di sospensione ... tra i mondi, tra il qui ed il là, tra ieri e oggi. In questo modo i quadri oltrepassano il tempo, si fanno immagini sovratemporali che rappresentano uno stato permanente di passaggio, il cui significato viene quasi elevato alla funzione rituale della metamorfosi. Iter – avanzare sui propri passi in una strada materiale nella sua essenza simbolica è soprattutto un viaggio al centro, un sentiero alla scoperta del proprio interno, all'illuminazione ed alla comprensione del mistero dell'esssere. In questo senso la pittura di Alina Picazio puó essere intesa non solo come rappresentativa – la presentazione dell'individuo perennemente „in viaggio” da un posto ad un altro - ma anche come contemplativa , perchè nella sua dimensione ultra-pittorica penetra gli spazi metafisici dell'essenza umana, alla ricerca di risposte alla domanda sul posto di questa in un tempo concreto e al di là di esso, o per dirla altrimenti, sul disvelamento del mistero della sua durata. Ecco allora che visibilium ci conduce all'invisibilium, all'ignoto, all'indecifrabile ed al mistero. Con l'aiuto di un segno visibile ci conduce a ció che è percepibile solo al proprio interno ed in un modo ultrasensibile; per dirla con le parole degli antichi, oltre-la-fisica, nel mondo metafisico delle idee. Questo è pure il tipo di Iter al quale ci invita l'arte di Alina Picazio, mentre colloca dei segni metaforici sulla via dell'osservatore. Da anni, infatti, l’artista si serve sempre degli stessi elementi simbolici, ma il loro senso si rivela più pienamente nelle sue ultime creazioni. Nella fase iniziale del suo lavoro amava „chiudere” l'osservatore nel ristretto interno dello spazio domestico, spesso uno spazio di intimità e riservatezza come è quello del bagno, puro della bianchezza degli oggetti che servono a lavarsi e bene ordinato nella sequenza delle piastrelle: l'immagine dell' „io” interno, chiuso all'ambiente di fuori, l'immagine dell' „io” al quale nulla oltre a questo stesso „io” ha accesso, infine l'immagine dell' „io” che è passato attraverso un rituale di purificazione e di posizionamento nell'ordine dovuto. Con il passar del tempo peró la pittrice ha preso a „guidare” il visitatore attraverso la scacchiera bianconera del pavimento, che essenzialmente è solo una variazione di un labirinto di quelle piastrelle che sono gli eventi della vita, i momenti delle esperienze luminose e di quelle oscure, gli innumerevoli ricordi buoni e cattivi „facendogli” contare quelle piastrelle, come se egli dovesse rivivere tutto prima di giungere alla verità su sè stesso – è l'immagine dell' „io” che si apre al mondo, quell' „io” alla ricerca nel passato della risposta alle domande sul presente, quell' „io” che rimane sulla strada, sospeso tra differenti mondi – quell' „io” intimo, che scopre le condizioni interne della sua formazione, infine quell' „io” che non si chiude in sè stesso, ma che comincia a pensare sul serio ad uscire all'esterno. Va notato che nelle sue ultime opere (quelle presentate nella mostra) l'artista si serve spesso di finestre o porte vetrate, attraverso le quali la luce viene fatta entrare nello spazio pittorico, „guidando” in questo modo l'osservatore verso questa luce e su per le scale, in qualche punto dei piani superiori che restano esclusi dall'inquadratura dell'immagine; gli „apre” simbolicamente una stazione interna illuminata da un raggio di sole quasi metafisico. E' l'immagine di un „io” che mira ad essere illuminato ed abbagliato dal mondo, il quale, benchè avvolto nella nebbia dell'ignoranza, si presenta a sua volta in toni miti, caldi e amichevoli; un „io” aperto al chiarore che penetra dalla finestra e proviene „dall'altro lato dello specchio”; un „io” senza paura, che resta in silenzio sulla soglia del mistero. Filia mundi – figlia di due aurore … Si puó dire che l'opera di Alina Picazio – come quella di ogni altro artista – essendo una specie di diario di eventi e di vissuti, riflette il proprio sentiero di vita o anche un frammento di questa strada. Non è privo di senso per i segni estetici e simbolici scelti dal'artista il suo modo individuale di osservare la realtà, di vivere sentimenti e desideri. Alina Picazio in un certo senso si colloca nel punto di passaggio che unisce i suoi due mondi e le sue case, quella polaccha, di Varsavia, di Bielany, e quelli italiani, napoletana e romana. Il connubio tra le vedute nebbiose del Nord con il sole del Sud genera una visione alquanto estetica tanto delle scale di Varsavia che dei portoni dei palazzi romani ... forse l’una e l'altra cosa insieme. Muoversi da un mondo all'altro, appartenere ad entrambi, essere sempre „tra”, come in un passaggio, trovarsi costantemente sulla soglia e contemporaneamente sentire il bisogno di identificare gli spazi, il tempo e l'appartenenza. A quanto pare è proprio questo il contenuto extratemporale e quanto mai attuale della pittura di Alina Picazio che corrisponde perfettamente alla condizione del mondo inter- e trans-culturale di oggi, quello „dell'uomo in viaggio”, un viaggio che a sua volta collega i punti del globo più distanti culturalmente. Si puó dire che in un certo senso Iter esegue una diagnosi dell'odierno homo viator, affamato di sapere e scopritore di novità, capace di esplorare nuove culture, e che in questa ricerca incessante resta sospeso tra diversi mondi e si colloca nel passaggio da un punto ad un altro; la sua esistenza si mantiene al confine tra il ricordo e l'oblio del proprio e dell'altrui passato, alla incessante ricerca di identità nel mutevole caleidospcopio degli eventi nella strada accidentata del labirinto della vita. Prof. Małgorzata Wrześniak Ph. D. Universita' Cardinale Stefan Wyszyński di Varsavia Alina Picazio

4


A REBOURS [English]

More or less less twenty years ago, at the Museo Laboratorio of the Sapienza University of Rome, I presented an exhibition of the paintings of the young Alina Picazio, which had the deceptive title „Bagni Misteriosi“, and, beyond the pretentious dechirichan quote, meant also to refer to the predilection for a post-bonnardian and yet literal representation of bathrooms, tubs, shower tubs, the whole universe having to do with the pre-avant-garde "tub", in a furious whirl of brushstrokes from fuchsia to gold to turquoise, and which gave reason for the particular enthusiasm of that youthful and euphoric interpretation of the Nabis period. Well at least this is how I recall it today. I would like to add that the audience was taken aback and captured by the audacity of those peculiar paintings, which were like a breath of fresh air into the increasingly politically correct context of the provincial Italian culture at that time. Given that the topics were in any case attributable to figurative rather than abstract art, the exhibition was the starting point for a vivid debate on the future (referred to at that time) of painting, in particular figurative painting, among the likes of Maurizio Calvesi, Francesco del Drago, Ennio Calabria, who were, given their undisputed prestige, most careful to not underestimate those juvenile and intense artworks, but on the contrary to encourage the continuation of the taken path. Among the exhibited paintings there were some recurrent large-sized versions of a staircase introduced by a vestibule paved with black and white tiles, with large windows that gave onto gardens with lush vegetation and burly cast iron handrails; poetry, here too euphoric, full of joie de vivre, but at the same time restrained, almost signifying the split soul of an artist who embraces the Mediterranean radiance, but also the habitus of a more northern quietness. Twenty years later, I find the Proustian "Madeleine" revisited through the diaphanous and luminous veil of memory and time, of that staircase, of that domestic interior with its well-defined vintage handrails, but the light has changed, it is silvery and even more hazy and crepuscular, while time is suspended. The "classic" contemporary artists - Mondrian, Morandi, Manzù are after all the only ones not to take into account the passing of time, choosing, also, to adhere closely to their favourite topics and to continually reinvestigate few themes concerning the spheres of emotions and memory, outside of all things. Alina Picazio belongs to that group. Marcella Cossu - Art Curator La Galleria Nazionale, Roma

Iter

5


A REBOURS [Italiano]

Vent'anni fa, anno più anno meno, presso il Museo Laboratorio dell'Università La Sapienza di Roma, presentavo una mostra dei dipinti della giovanissima Alina Picazio, dal titolo proditorio di Bagni Misteriosi, che, al di là della pretestuosa citazione dechirichiana, intendeva riferirsi alla predilezione per una rappresentazione in chiave post-bonnardiana e tuttavia letterale di bagni, vasche, docce, tutto l'universo avente a che fare con il “tub” preavanguardistico, in un pulviscolo roteante e scintillante di pennellate dal fucsia, all'oro, al turchino, e che dava ragione del particolare entusiasmo di quell'interpretazione giovanile ed euforica del periodo Nabis. O tale, almeno, avverto oggi nel ricordo di allora. Posso aggiungere che il pubblico fu decontestualizzato e catturato dalla freschezza di quei particolari dipinti, così insoliti nell'ambito sempre più politicaly correct dell'alquanto provinciale contemporaneo nostrano, e, dato che comunque le tematiche risultavano ascrivibili alla figurazione piuttosto che all'astratto, la mostra fu il punto di partenza per un acceso dibattito sul futuro ( di allora) della pittura, in particolare quella figurativa, presenti tra gli altri Maurizio Calvesi, Francesco del Drago, Ennio Calabria, attentissimi, dall'alto del loro indiscusso prestigio, a non gettare acqua sul fuoco di quelle opere così giovanilmente intense e singolari, ma anzi, ad incoraggiare la prosecuzione della strada intrapresa. Tra i dipinti esposti c'erano poi, ricorrenti, alcune grandi versioni di una scalinata introdotta da un vestibolo pavimentato a riquadri bianchi e neri, con ampie finestre che “sfondavano” su giardini dalla sfolgorante vegetazione e vigorosi mancorrenti in ferro battuto; poesia, anche qui euforica, di una joie de vivre, ma contenuta, a significare quasi la doppia anima di un'artista che ha in sé la solarità mediterranea, ma anche la dissolvenza di una quiete più nordica. Vent'anni dopo, ritrovo la “Madeleine” proustiana nella rivisitazione, attraverso il velario diafano e luminoso della memoria e del tempo, di quella scala, di quell'interno domestico dai definiti mancorrenti d'epoca, ma la luce è cambiata, è argentea e ancor più pulviscolar-crepuscolare, mentre il tempo, quello, è come sospeso; sono gli artisti “classici” del contemporaneoMondrian, Morandi, Manzù…-- del resto, i soli a non tenere conto del trascorrere del tempo, scegliendo, anche, di “rimanere sul pezzo”, reinvestigando di continuo alcune circoscritte tematiche, del cuore e della memoria, al difuori dal tutto. Alina Picazio è del gruppo. Marcella Cossu - Art Curator La Galleria Nazionale, Roma

Alina Picazio

6


IMAGES OF OBLIVION fragments of the review of Alina Picazio's doctoral dissertation [English]

The interiors of staircases and the nooks and corners of the yards of old tenement houses and their ceramic floors arranging themselves into geometric ornaments. Corridors leading nobody knows where and dados covered with phtalic paint. Stairs and railings. Windows, vents, glass bricks, glazed vestibules at entrances to gateways and gardens, hidden in the recesses of the yards of old houses, whose nooks and corners conceal low walls of unknown purpose and building sides covered with vine. Flowerpots on windowsills. Ubiquitous, fluid and blurred modelling of forms and shapes, emphasising the conventionality of their existence. Smooth, changeable transitions of colour patches and lights, suggesting the lack of distinctive boundaries between the areas and shapes of lights and colour patches, their gradients and shades. There are numerous reflexes, twitches and vibrations, flashes, dispersions of light and particles of pigment. The delicate, multilayer morphology of the matter of these colour and light phenomena also reveals itself. The sensual experience evokes the impression that we watch the world through a type of a painting veil, created by layers of almost muslin, delicate fabric, a type of photographic film or thin, translucent tissue. It is hard not to come under the impression that we are observing a world made of elusive, shaky flashes of an old slide, flickering in the beam of a projector lamp. Diapositives cast on accidental screens, walls with their scratches and faded or dirty patches. On curtains, sheets, net curtains or blinds. One might think – on the blinds of our recollections and memory. With one turn of the knob, one can spread apart the blind strips and disintegrate the projected slide. Our memory is similarly ephemeral and its records uncertain, like pictures on the celluloid diapositive film projected after a long time on accidental screens. Over the years of our lives it gets eroded. Various covers put on it create a not entirely steady and clear image of non-memory. (...) In its highly transformed shape – transferred from photography, which serves the author as a carrier of memory, also impermanent – Alina Picazio's painting is not only a record but also a pictorial metaphor of the phenomenon the Author calls non-memory. It is an attempt to represent through painting the sense of uncertainty and the capacity of the artistic language of painting, drawing, graphic arts and photography to record the erosion of our memory. Can a painting at all be a carrier of memory? Or can it just record its vanishing traces, freely interpreted, located and mediated. The Author strives to create an image of such a situation. She creates pictures of non-memory, memory undergoing the process of fragmenting, evaporation, erosion... The painting becomes a painting version of celluloid film, marked with afterimages, spectra, overexposures and particles of reflexes of our image memory. It is like Polaroid photography emulsion, which “develops” only after some time and reveals its secret. The most fascinating stage of its existence is this elusive moment of the appearance of the first “ghosts”, phantoms, undefined shapes, unclear outlines and misty spaces. The concept of Alina Picazio's artistic programme (...) especially the cycle of paintings and the artistic method applied to its creation bring to mind the associations with the phenomenological concept of Immanuel Kant, who wrote that (...) in general, nothing we get to know intuitively in space is not the thing in itself, and the space does not belong to things as their quality (...) objects in themselves are completely unknown to us (...) [they are] just representations of our sensitivity. With the perspective so defined, the world of painting is not the equivalent of the world we experience, the more so that (...) objects in themselves are completely unknown to us (...). An attempt to express this situation was made by Paul Cézanne, who painted the chronic state of the uncertainty with which we experience the world. In its traditionally defined essence, painting is a place where the image of the surroundings – three-dimensional, spatial and perceived as deep is projected on the plane of the canvas. The process results in creating illusions of the surroundings, not the surroundings themselves. What appears are their apparitions and transformations. This state of impossibility to represent the essence of things seems to have been understood by Alberto Giacometti, who observed that (...) it is impossible to recreate what one sees (...). It was this very state of permanent impossibility to paint the mirror reflection of the “true” world that irritated the naturalist Emil Zola in late impressionist and post-impressionist works so much that he defined it, according to his understanding, as the impossibility to finish a picture. The writer gave some traits of Paul Cézanne's character to Claude Lantier, the protagonist of his novel L'Oeuvre, an artist chronically unable to complete his paintings. After its publication in Paris, the book outraged Zola's friend, Paul Cézanne and destroyed the friendship between him and the writer. Cézanne accused Zola of complete misunderstanding of his artistic concept. The unique characteristic of Paul Cézanne's art, to a certain extent lying at the foundation of contemporary painting, is the questioning of the ability of painting, or art in general to express the objective truth about the world around us. (...) Alina Picazio's paintings and the text of her doctoral dissertation evoke a reflection about the defects of the process of cognition and, consequently, about the fragmenting image of the world we know. Fragmented and blurred is not only our memory, but also the very reception of our reality, already at the beginning of the cognitive process. (...) Professor Artur Winiarski PhD Academy of Fine Arts in Warsaw

Iter

7


PELLICOLE DELLA NON-MEMORIA recensione della tesi di dottorato di Alina Picazio (frammento) [Italiano]

Interni di scale e meandri di cortili di vecchi palazzi con i loro pavimenti di ceramica che si compongono in ornamenti geometrici. Corridoi che portano non si sa dove con boiserie dipinte a vernici smaltate. Scale e passamano. Finestre, finestrine in vetrocemento, atrii con vetrate presso gli ingressi ai portoni, corridoi che danno su giardini nascosti negli angoli dei cortili di vecchie case, nei cui recessi si possono scoprire muretti dimenticati, di utilità e destinazione sconosciute, pareti coperte da vigne rampicanti. Balconi con vasi di fiori. La modulazione onnipresente, fluida e indefinita di forme e figure, a sottolineare la convenzionalità della loro esistenza. Passaggi lisci e labili di macchie di colori e di luci, a suggerire l'assenza di confini definiti tra le varie zone e le sequenze di toni e luci. Dei loro gradienti e delle loro sfumature. Sono presenti numerosi riflessi, vibrazioni, bagliori e diffusioni di luce, macchioline di pigmento. Emerge la morfologia delicata e stratificata della materia di questi eventi di colore e luce. Si presenta inoltre la sensazione, provocata da uno stimolo sensuale, che noi osserviamo il mondo attraverso una specie di diaframma pittorico, fatto come di strati di delicate materie di mussola, una specie di pellicola fotografica o di sottili e trasparenti veline. Difficile resistere all'impressione che stiamo osservando un mondo bagliori volatili ed instabili proiettati da una vecchia diapositiva, lampeggianti nel flusso di luce di una lampada di proiettore di slide. Diapositive impresse su schermi di fortuna, su pareti coperte di graffi, segni di sporcizia e sbiadimenti. Su tende, lenzuola, tendine e persiane. Sembrerebbero le persiane dei nostri ricordi e della nostra memoria. Basta un solo movimento della manovella della persiana per spostare le sue doghe e fare a pezzi le diapositive proiettate su di esse. La nostra memoria è instabile ed è incerto quello che essa registra, al modo di queste immagini impresse nella celluloide della pellicola delle diapositive e proiettate dopo tanti anni su schermi casuali. La memoria si consuma negli anni della nostra vita. Vi si sovrappongono diversi diaframmi che creano l'immagine non del tutto sicura ed evidente della non-memoria. (…) La pittura di Alina Picazio nella sua forma ampiamente ricreata e trasformata a partire dalle foto – da lei trattate come un supporto della memoria, anche di quella labile - non è tanto una trascrizione quanto una metafora per immagini di quel processoevento, da lei chiamato non-memoria. E' il tentativo pittorico di ritrarre i sentimenti di incertezza o le possibilità di stabilizzazione che la lingua delle arti plastiche - pittura, disegno, grafica, fotografia – mette a disposizione dei processi di progressiva erosione della nostra memoria. E' l'immagine pittorica in generale un supporto della memoria? O lo è solo delle sue tracce in via di dissoluzione, liberamente interpretate, situate e mediate? L'autrice vuole quindi di realizzare un immagine pittorica di questa precisa situazione. Ecco allora i quadri della nonmemoria, della memoria sottoposta ad un processo di spezzettamento, di volatilizzazione, di erosione ... Il quadro diventa una pellicola contrassegnata da bagliori, spettri, illuminazioni, frammenti di riflessi della nostra memoria immaginativa. E' come un'emulsione di una foto polaroid, che solo dopo un po' di tempo „si sviluppa”, rivelando il suo mistero. Ed il momento più affascinante della sua esistenza è quell'istante volatile, quando cominciano ad apparire sulla sua superficie le prime „animelle”, spettri, forme incerte, segni malcerti, spazi avvolti nella nebbia. La concezione del programma artistico proposto da Alina Picazio, ed in particolare il ciclo di pitture ed il metodo da lei applicato alla loro realizzazione, ricordano la concezione fenomenologica della conoscenza proposta da Immanuel Kant, quando scrive che (…) in generale, nulla di quanto conosciamo con l'intuizione nello spazio è una cosa in sè; e questo spazio non è una forma che appartiene alle cose come una loro proprietà (…) gli oggetti in sè stessi ci sono completamente ignoti (…) [sono] solamente riflessi della nostra sensibilità. Il mondo della pittura nell'ottica qui delineata non è un corrispettivo del mondo della nostra esperienza, tanto più che (…) gli oggetti in sè stessi ci sono completamente ignoti (…). Paul Cézanne cercó di esprimere questa situazione nei suoi ultimi quadri, dipingendo uno stato di incertezza cronica nell'esprienza del mondo. La pittura nella sua essenza intesa in modo tradizionale è quel luogo in cui l'immagine dell'ambiente tridimensionale, spaziale, percepita nella sua profondità da parte del soggetto umano, viene proiettata sul piatto del fondo di pittura. In questo processo vengono ricreate immagini illusorie di questo ambiente, non l'ambiente stesso. Ad apparire sono le sue manifestazioni e le sue metamorfosi. Fu probabilmente Alberto Giacometti a comprendere bene questa situazione di impossibilità di rendere l'essenza delle cose, quando osservó che (…) non c'è modo di ricreare ció che si vede (…). Proprio questo stato di perenne impossibilità di dipingere il riflesso rispecchiato del mondo „vero” feriva il naturalista Émile Zola davanti alla tarda pittura di impressionisti e post-impressionisti, tanto che egli lo descrisse come l'impossibilità di portare a termine una pittura. Il celebre scrittore trasferì alcuni tratti della personalità di Paul Cézanne nell'eroe del suo romanzo „L'Opera” (L'Oeuvre), Claude Lantier, artista cronicamente incapace di terminare i suoi dipinti. Dopo la pubblicazione di questo romanzo a Parigi, Cézanne, amico di Zola, se ne offese e la loro amicizia si ruppe. Cézanne accusó lo scrittore di non aver minimamente compreso la sua concezione artistica. Un tratto straordinario della pittura di Cézanne, che in qualche misura è rimasta a fondamento della pittura contemporanea, è la messa in discussione della possibiità di esprimere attraverso la pittura, e in generale attraverso l'arte, la verità obiettiva del mondo che ci circonda. (…) L'analisi della pittura di Alina Picazio insieme alla lettura del testo della sua tesi di dottorato pongono il problema delle lacune del processo conoscitivo e quindi, della frammentarizzazione dell'immagine del mondo che ci è noto. A questo spezzettamento e ad un processo di cancellazione è sottoposta la nostra memoria, ma al contempo è spezzettata già dal suo inizio anche la ricezione della realtà che ci circonda. (…)

Prof. Artur Winiarski Ph.D. Accademia delle Belle Arti in Varsavia

Alina Picazio

8


ITER di

Alina Picazio

Iter

9


ANOTHER TIME, ANOTHER PLACE 2018, acrilico e monotipo su tela, 70x100 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 70x100 cm

Iter

11


LAST SUMMER 2018, acrilico e monotipo su tela, 120x90 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 120x90 cm

Iter

13


1000 YEARS 2018, acrilico e monotipo su tela, 90x120 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 90x120 cm

Iter

15


SUMMER OF 1998 2018, acrilico e monotipo su tela, 120x90 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 120x90 cm

Iter

17


STATION TO STATION (KIELCE) 2018, acrilico e monotipo su tela, 90x120 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 90x120 cm

Iter

19


HOURS AND SECONDS 2018, acrilico e monotipo su tela, 90x120 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 90x120 cm

Iter

21


I’LL BE YOUR MIRROR 2018, acrilico e monotipo su tela, 90x120 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 90x120 cm

Iter

23


STEPS 2018, acrilico e monotipo su tela, 90x120 cm 2018, acrilic and monotype on canvas, 90x120 cm

Iter

25


BIOGRAPHY [English] Alina Picazio graduated at the Faculty of Painting at the Academy of Fine Arts in Warsaw in 1994, at the studio of Prof. Rajmund Ziemski. She also specialized in graphics and screen printing at the studio of Prof. Henryk Chyliński.In 1996, she received a scholarship from the Polish Ministry of Foreign Affairs and studied at the Academy of Fine Arts in Rome at the studio of Prof. Alessandro Trotti. In 2018 she received the Special Prize for the Foreign Artist of the 45th Premio Sulmona. She obtained her PhD degree in Fine Arts at the Institute of Fine Arts of the Jan Kochanowski University in Kielce in 2019. She is a member of the Polish Association of Visual Artists. [Italiano] Alina Picazio è nata a Varsavia. Nel 1994 ha conseguito il Diploma di Laurea con il massimo dei voti presso l'Accademia di Belle Arti di Varsavia, alla Facoltà di Pittura nell'Atelier del Prof. Rajmund Ziemski. Inoltre, si è specializzata in grafica e serigrafia alla Facoltà di Grafica nell'Atelier del Prof. Henryk Chyliński. Nel 1996 su segnalazione del Ministero della Cultura Polacca ha ottenuto una borsa di studio del Ministero degli Affari Esteri Italiano per la Sezione Pittura dell'Accademia di Belle Arti di Roma e ha seguito un corso di pittura sotto la guida del Prof. Alessandro Trotti. Nella sua carriera ha ricevuto numerosi riconoscimenti (fra i quali, Premio Speciale per Artista Straniero del 45° Premio Sulmona 2018). Nel 2019 ha conseguito il Dottorato di Ricerca( PhD) in Pittura presso l'Istituto di Belle Arti dell'Università di Jan Kochanowski di Kielce. Dal 1994 è membro dell'Unione degli Artisti Polacchi.

Website: www.picazio.pl

Alina Picazio

26


PERSONAL EXHIBITIONS 2004 – „Painting” – Gallery „U Koźmińskiego”, Warsaw 2002 – „The South" – Centrum Kultury Łowicka, Warsaw – „Painting” – Januszkiewicz Studio, Warsaw 1998 – Gallery „Cargo” – „Alitalia per l'Arte” – New York 1996 – “Interiors”, Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Rome – “Przestrzeń zamknięta”, Polish Institute, Rome – „Collage” Forum, Rome 1995 – „Wnętrza” – Łódzki Dom Kultury, Łódź – „Pittura” – Art Gallery 102, Rome – „Collage” – Klub Między Nami, Warsaw 1994 – Art Gallery 102, Rome – „Baths” Galleria Consorziale d'Arte A. Manunzio, Latina

2019 - „Oblivion” – XS Gallery, Kielce 2017 – „Middle of The Time" – Prom Kultury, Warsaw – „Repetitions" – Gallery 022 of The Polish Artists Society, Warsaw – „Passages" – Galeria Mazowiecka at The Warsaw City Hall 2015 – „Warsaw” – Galeria Autograf, Warsaw 2015 – „Zaglądając do okien” – Rest–art (Fort Sokolnickiego), Warsaw 2007 – „Sympathetic magic” – Galeria Delny, Warsaw 2006 – „ArteIncontri” – IItalian Cultural Institute in Warsaw 2005 – „Painting” – Deutsche Bank, Warsaw

GROUP EXHIBITIONS 2014 – Noc Muzeów – Galeria Autograf, Warsaw 2013 – Noc Muzeów – Galeria Autograf, Warsaw 2009 – Inne spojrzenie – National Museum – Warsaw 2008 – Monselice – Polacchi, Monselice – Italy – Obrazy – Dom Książki Świętokrzyska, Warsaw – Wietrzenie obrazów – Gallery Lufcik ZPAP, Warsaw 2007 – „Noc Muzeów”, open studio at PZO, Warsaw – Wspomnienie pracowni prof. Rajmunda Ziemskiego – Ocyna malarska, Warsaw 2005 – „Między emocją a rozumem” – SARP, Warsaw – "Jasiek dla śpiocha" – Fabryka Trzciny, Warsaw 2004 – „Non solo ori” – Accademia Polacca delle Scienze, Rome – „Alitalia per l'Arte" – Sala VIP Donatello, Athens 2003 – „Un mondo di immagini per chi immagina il mondo" Giffoni Valle Piana 2000 – „Grands et jeunes d'aujourd'hui”, Paris – „Wars 2000” – Zamek Książąt Pomorskich, Szczecin 1998 – Galeria Lufcik (ZPAP), Warsaw 1997 – „L'Arte a Roma – Rassegna di Arte Contemporanea”, Rome 1996 – „Biennale Pastelistów Polskich”, ZPAP Warsaw, Kraków, Łódź 1995 – Giorni di Via Margutta, Art Gallery 102, Rome 1994 – „Promocje'94”, Państwowa Gallery Sztuki BWA, Legnica

2018 - „Claritas”(with Stanisław Baj and Sylwester Piędziejewski) – Venice Exhibition Gallery, Venice, Italy 2017 – „Narrations” Gallery Akcent, Grudziądz – „Grid 5” – Gallery XS Institute of Fine Arts UJK, Kielce – „My Painting” Galeria Sztuki Ratusz, Legionowo – „Corso Polonia” Polish Institute, Rome, Italy – „Niezależnie od sytuacji” Galeria Autograf, Warsaw – „Aliud Atist” Museo di Caccia Sant' Oreste, Italy – „Kolory Mazowsza” Galeria 4 strony Świata, Pułtusk – „Jutrzenka” Nowogrodzki Ośrodek Sztuki, Nowy Dwór Mazowiecki – „Equilibrium” Galleria Vittoria, Rome, Italy – Noc muzeów”, Muzeum Ziemi Sochaczewskiej, Sochaczew –„Maestri del bisso della seta e del lino” – Polo Museale La Sapienza, Rome, Italy – „60x60” MDK, Kielce – „Let's Talk About Art” – Galeria Autograf, Warsaw – „Art Languages” – Galeria Jabłonna, Jabłonna 2016 – „Jutrzenka” – Muzeum Ziemi Sochaczewskiej, Sochaczew – „We Were A Very Poor Jetset vol. 6”, Galerie ÉdOÙard Paradis, Marseille – „Objects of Expression” – Pasłęcki Ośrodek Kultury, Pasłęk – „Returns”(wystawa fotograi), Galeria TA3, Warsaw – „Jutrzenka”, Galeria Jabłonna, Jabłonna – „Pentagraf” Galeria Mazowiecka, Warsaw – „City Stories”, Galeria Autograf, Warsaw – „Odmiana przez przypadki”, Galeria XS Institute of Fine Arts UJK, Kielce 2015 – „The Magic Garden” – Dni Saskiej Kępy

Iter

27


Galleria Vittoria Via Margutta 103 00187 - Roma Mostra ITER a cura di Tiziano M. Todi Testi critici: Marcella Cossu Małgorzata Wrześniak Artur Winiarski Progetto del catalogo: Alina Picazio


Finito di stampare a Settembre 2019


via Margutta 103, Roma 06.36001878 www.galleriavittoria.com

ISBN 978-83-955274-0-1

9 788395 527401

Profile for Alina Picazio

Iter - Alina Picazio  

Iter - Alina Picazio  

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded