__MAIN_TEXT__
feature-image

Page 1

O L O M A I T ON

SM

t s e t l i a t n o m #s o s u i h c o r e m #nonu ssemblee

100 a r e p a i l ta I a t o t s u u i h c in t ro e m u n l i e r a t n o sm Ogni anno migliaia di studenti provano i test d’accesso ai corsi a numero programmato, affidando il proprio futuro ad una lotteria, falsata da continue irregolarità . Il numero chiuso è frutto di interessi corporativi e mancanza di investimenti, dobbiamo smontare, una volta per tutte, questo sistema iniquo e macchinoso, che ci toglie il diritto di scegliere liberamente il nostro percorso di studio.

#smontiamoilnumerochiuso www.numerochiuso.org facebook/nonumerochiuso


COME NASCE  IL  NUMERO  CHIUSO  IN  ITALIA   Il  numero  chiuso  a  livello  nazionale  in  Italia  è  stato  introdotto  dalla  l.264/1998  meglio  conosciuta  come   legge  Zecchino,  l'allora  Ministro  dell'istruzione,  recante  norme  in  materia  di  accesso  ai  corsi  universitari,  in   seguito  alla  sentenza  383/98  della  Corte  Costituzionale  che  poneva  la  necessità  di  legiferare  in  riferimento   alla  suddetta  materia.     A  supporto  dell'introduzione  del  numero  chiuso  il  Ministro  portò  due  direttive  della  comunità  europea,  in   particolare  la  direttiva  78/687/CEE,  che  riguardava  la  figura  professionale  dei  dentisti  e  degli  odontoiatri,  e   la  direttiva  93/16/CEE,  che  invece  era  rivolta  ai  medici.     Secondo   quanto   previsto   dalla   l.   264/199,   la   scelta   del   numero   di   posti   disponibili   per   i   suddetti   corsi   di   laurea  deve  essere  prevista  sulla  base  di  determinati  parametri  esplicitati  all’articolo  3  comma  2,  lettere  a)   b)  e  c),  ovvero:   a)  sulla  base  dei  posti  nelle  aule;  delle  attrezzature  e  dei  laboratori  scientifici  per  la  didattica;  del  personale   docente;  del  personale  tecnico;  dei  servizi  di  assistenza  e  tutorato;   b)   sulla   base   del   numero   dei   tirocini   attivabili   e   dei   posti   disponibili   nei   laboratori   e   nelle   aule   attrezzate   per   le   attività   pratiche,   nel   caso   di   corsi   di   studio   per   i   quali   gli   ordinamenti   didattici   prevedono   l'obbligo   di   tirocinio  come  parte  integrante  del  percorso  formativo,  di  attività  tecnico-­‐pratiche  e  di  laboratorio;   c)   sulla   base   delle   modalità   di   partecipazione   degli   studenti   alle   attività   formative   obbligatorie,   delle   possibilità   di   organizzare,   in   più   turni,   le   attività   didattiche   nei   laboratori   e   nelle   aule   attrezzate,   nonché   dell'utilizzo  di  tecnologie  e  metodologie  per  la  formazione  a  distanza.   Il   sistema   del   numero   chiuso,   dunque,   è   una   declinazione   tutta   italiana   che   ha   il   solo   scopo   di   ridurre   i   finanziamenti   all'università   e   difendere   gli   interessi   degli   ordini   professionali:   basti   pensare   che   con   la   l.264/99  il  numero  programmato  a  livello  nazionale  per  il  corso  di  medicina  e  odontoiatria  è  stato  esteso,   senza  alcuna  reale  motivazione,  ai  corsi  di  architettura,  veterinaria,  e  scienze  della  formazione  primaria.   Entrambe  le  direttive  europee  si  limitano  ad  imporre  agli  Stati  membri  un’armonizzazione  dei  corsi  di  studio   di   odontoiatria   e   di   medicina,   a   garanzia   del   principio   della   libera   circolazione   dei   cittadini   Europei   all’interno   dell’Unione,   non   specificano   in   nessun   modo   le   modalità   atte   a   salvaguardare   la   qualità   della   didattica  di  tali  corsi  di  studio.   Il   numero   chiuso   non   ce   lo   chiede   l'Europa:   per   garantire   la   qualità   della   didattica,   infatti,   basterebbe   ricominciare   ad   investire   sull'università,   invertendo   la   dicotomia   per   cui   il   numero   di   studenti   deve   adeguarsi   alla   capacità   delle   strutture.   Lo   Stato   dovrebbe   avere   il   compito   di   adeguare   le   strutture   al   numero  di  studenti  al  fine  di  garantire  l'accesso  al  mondo  universitario,  non  il  contrario.                                        Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

1


EVOLUZIONE NORMATIVA  DEL  NUMERO  CHIUSO   Inizialmente  la  ripartizione  dei  posti  dei  corsi  a  numero  chiuso  da  parte  dello  Stato  era  effettuata  su  base   locale,  per  cui  ogni  studente,  a  seconda  di  dove  provava  il  test  d’ingresso,  avrebbe  concorso  solamente  con   tutti   coloro   i   quali   sostenevano   il   test   nello   stesso   Ateneo.   Questo   faceva   si   che   il   punteggio   d’ingresso   variasse   da   sede   a   sede,   con   conseguenti   discriminazioni   palesi   per   cui   lo   studente   poteva   entrare   con   punteggi  più  bassi  rispetto  a  quelli  totalizzati  in  altri  Atenei  e  viceversa.   La   palese   iniquità   provocata   da   questo   sistema   è   stata   una   delle   principali   motivazioni   portate   nei   vari   ricorsi  che  l’UDU  ha  presentato  ai  diversi  TAR  in  quegli  anni.   Le   continue   vittorie   ottenute   in   via   giudiziale   hanno   spinto   il   ministro   Profumo,   nel   2012,   a   rivalutare   il   sistema  delle  graduatorie  dei  corsi  a  numero  chiuso,  trasformandole  da  locali  a  nazionale.   Nonostante  la  graduatoria  unica  nazionale  abbia  portato  con  se  diversi  correttivi  che  hanno  reso  il  sistema   più  equo  rispetto  al  passato,  continuano  ad  essere  presenti  elementi  di  criticità,  dalle  modalità  di  scelta  dei   luoghi   in   cui   potersi   immatricolare,   all'effettiva   capacità   di   valutazione   di   un   test   a   crocette   di   un'ora   e   mezza  che  in  realtà  è  più  simile  ad  una  lotteria.   L’elemento   di   maggiore   innovazione   rispetto   al   numero   chiuso   è   stato   il   bonus   maturità,   introdotto   con   D.M.  334  dal  Ministro  Profumo.   Nonostante   il   Ministro   Fioroni   nel   2007   avesse   già   tentato   di   considerare   il   percorso   scolastico   antecedente,   nella   sua   totalità,   come   elemento   valutativo   nel   test,   senza   riuscire   a   darvi   attuazione;   il   bonus   maturità,   diversamente,   si   limitava   a   considerare,   quale   elemento   valutativo,   solo   il   voto   di   maturità   prevedendo   l’assegnazione   di   una   somma   di   punti   che   poteva   variare   da   un   minimo   di   4   fino   a   un   massimo   di  10  per  gli  studenti  che  avevano  ottenuto  almeno  un  voto  superiore  a  80  all’esame  di  maturità.   L'introduzione  del  bonus  maturità  dal  Ministro  Profumo  ha  messo  definitivamente  e  palesemente  in  crisi  il   sistema   del   numero   chiuso   aggravando   i   profili   di   iniquità   già   presenti:   in   determinati   istituiti,   infatti,   lo   studente   diplomato   con   90   avrebbe   potuto   ottenere   10   punti   bonus,   mentre   in   altri   casi   studenti   con   lo   stesso  punteggio  avrebbero  ottenuto  un  numero  di  punti  bonus  nettamente  inferiori.   L’UDU,   sin   da   subito,   ha   portato   avanti   una   battaglia   per   l’abolizione   del   bonus,   viste   le   discriminazioni   inaccettabili  che  il  sistema  avrebbe  comportato.     Con   il   cambio   di   Governo,   e   dunque   di   Ministro,   una   delle   questioni   su   cui   l'allora   neo   eletta   Ministro   Carrozza  pose  attenzione  fu  proprio  il  bonus  maturità.  Dopo  un  primo  momento  in  cui  sembrava  possibile   la  sua  abolizione,  il  12  Giugno  2013  venne  emanato  il  D.M.  449,  con  cui  il  bonus  maturità  fu  confermato  con   alcune  modifiche.   Nonostante   le   mobilitazioni   da   noi   portate   avanti   per   tutto   il   periodo   estivo   che   chiedevano   l'abolizione   immediata   del   bonus   prima   dell'inizio   dei   test,   vista   la   prospettiva   di   un   nostro   ricorso   contro   il   bonus,   il   Ministro  è  riuscito  a  causare  ulteriori  e  gravi  discriminazioni  eliminando  il  bonus  durante  lo  svolgimento  del   test  di  medicina.     L'abolizione   del   bonus   in   corso   di   svolgimento   dei   test   ha   causato,   infatti,   situazioni   ulteriormente   discriminatorie  e  inique:  migliaia  di  studenti  sono  entrati  per  fare  il  test  consapevoli  di  avere  o  non  avere   determinati  punti  bonus  e  sono  usciti  che  le  regole  erano  cambiate.  La  lotteria  dei  test,  quest'anno,  con  il   contributo  dei  disastri  causati  dal  Ministero  che,  anziché  eliminare  il  bonus  prima  dei  test,  ha  cambiato  le   regole  in  corsa,  ha,  più  degli  scorsi  anni,  posto  gli  studenti  in  una  condizione  di  totale  discriminazione.                          Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

2


Con la  pubblicazione  della  graduatoria,  in  data  30  Settembre  l'ultimo  candidato  ammesso  ad  immatricolarsi   nel  corso  di  laurea  di  medicina  e  chirurgia  era  a  Catanzaro,  con  un  punteggio  inizialmente  di  circa  40  punti   (punteggio  che  oggi  è  sceso  a  39,00  a  seguito  dei  successivi  scorrimenti).  Lo  stesso  per  odontoiatria,  il  cui   punteggio   era   leggermente   più   basso,   si   aggirava   inizialmente   intorno   al   39,40,   mentre   oggi   è   sceso   addirittura  a  38.60  con  la  graduatoria  aggiornata  al  5  Febbraio.   Dopo   la   pubblicazione   della   graduatoria   si   è   dato   al   via   a   tutti   quei   ricorsi   atti   a   tutelare   quegli   studenti   messi  in  una  condizione  discriminante  per  l'abolizione  in  corso  dei  test  del  bonus.   Il   Ministero   presa   consapevolezza   del   danno   causato   ha   posto   una   “sanatoria”   ammettendo   in   sovrannumero   gli   studenti   che   avrebbero   avuto   diritto   ad   immatricolarsi   se   si   fosse   applicato   il   bonus   maturità  al  punteggio  ottenuto  al  test.  È  per  questo  motivo  che  il  18  Dicembre  è  stata  emanata  una  nuova   graduatoria  comprensiva  di  coloro  che  avrebbero  beneficiato  dei  punti  bonus.  Sanatoria  che,  tuttavia,  non   ha  risolto  il  problema:  tale  rimedio,  infatti  ammetteva  in  sovrannumero  solo  coloro  che  sarebbero  risultati   idonei   se   effettivamente   la   graduatoria   del   30   settembre   avesse   tenuto   conto   del   bonus   maturità   escludendo  coloro  i  quali,  però,  con  il  bonus  superavano  i  40  punti  (punteggio  dell’ultimo  ammesso  della   graduatoria  del  30  settembre).       Applicando   a   tutti   il   bonus,   il   “punteggio   minimo”   per   accedere   al   corso   di   laurea   in   medicina   e   chirurgia   (cioè  il  punteggio  corrispondente  all’ultimo  candidato  ammesso)  si  è  alzato  da  40  punti  a  44,30,  mentre  per   odontoiatria  si  è  passati  da  38,60  a  43,50.   Con   questo   sistema,   in   sostanza,   si   è   verificata   la   situazione   di   studenti   entrati   nella   graduatoria   del   30   settembre  con  punteggi  di  39/40  punti  e  più  (il  punteggio  si  abbassa  man  mano  con  gli  scorrimenti),  e  altri   studenti   che,   con   punteggi   compresi   tra   39   e   44,30,   non   sono   stati   ammessi   nella   graduatoria   del   18   Dicembre,  generando  un  evidente  discriminazione.   Lo   spostamento   dei   test   di   medicina   e   odontoiatria   ad   Aprile,   infine,   sono   l'ultima   “sanatoria”   posta   dal   Ministero   che   va   a   danneggiare   gli   studenti   dell'ultimo   anno   delle   superiori,   svilendone   e   svuotandone   il   percorso:  i  ragazzi  sono  costretti  a  distogliere  l’attenzione  dallo  studio  delle  materie  dell’ultimo  anno,  per   concentrarsi  sui  test  d’ingresso,  senza  contare  che  spesso  nel  mese  d’Aprile  i  programmi  su  cui  dovrebbe   vertere  il  test  non  sono  ancora  stati  completati.                                              Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

3


LE CONSEGUENZE  DEL  NUMERO  CHIUSO   Il   percorso   intrapreso   dalla   Legge   Zecchino   nel   1999   e   le   molteplici   “sanatorie”   poste   negli   anni   portate   avanti  dai  diversi  Ministri  che  si  sono  susseguiti  non  hanno  fatto  altro  che  evidenziare  e  mettere  in  crisi  un   sistema   che   già   si   dimostrava   fallace   ed   iniquo   sotto   ogni   profilo.   Tutte   le   motivazioni   poste   a   difesa   e   salvaguardia  del  sistema  del  numero  chiuso  sono  facilmente  smontabili.   Il  sistema  che  si  è  venuto  a  creare  con  l'introduzione  del  numero  chiuso  è  un  sistema  fortemente  iniquo  e   discriminatorio  che  nel  tempo  ha  avuto  ricadute  su  tutto  il  sistema  universitario.     Si   è   venuta   a   creare,   infatti,   una   discriminazione   netta   tra   corsi   di   serie   A   e   corsi   di   serie   B,   studenti   di   serie   A   e   studenti   di   serie   B:   spesso,   a   causa   dei   blocchi   all'accesso,   infatti,   i   corsi   a   numero   aperto   vengono   “utilizzati”  come  luogo  transitorio  in  cui  dare  quegli  esami  che  potrebbero  essere  riconosciuti  nell'ipotesi  in   cui  l'anno  successivo  si  passi  il  test.  Ciò  ha  provocato  il  proliferare  di  numeri  programmati  locali  in  tutti  quei   corsi   il   cui   piano   di   studi   presenta   affinità   con   quello   dei   corsi   a   numero   chiuso.   Questo   fenomeno   è   emblematico  nella  rappresentazione  delle  ricadute  del  numero  chiuso  sul  sistema  universitario:  gli  studenti   ad   oggi   non   sono   liberi   di   intraprendere   il   percorso   di   studi   da   loro   prescelto   e   i   corsi   a   cui   si   iscrivono   sono   un  mero  ripiego  temporaneo.   In   questo   senso   è   evidente   che   il   sistema   del   numero   chiuso   non   è   in   grado   di   garantire   il   dettato   costituzionale  per  cui  il  diritto  allo  studio,  inteso  come  diritto  all'accesso,  deve  essere  garantito  a  tutti  e  lo   Stato   ha   il   compito   di   garantire   tutti   gli   strumenti   atti   al   “pieno   sviluppo   della   persona   umana”   a   prescindere  dalla  condizioni  socio  economiche  di  partenza.   Il   test   d'ingresso   è   una   vera   propria   lotteria   a   cui   ogni   anno   migliaia   di   studenti   “partecipano”   nella   speranza   di   sorteggiare   il   numero   fortunato.   Innanzitutto   un   test   di   un'ora   e   mezza,   le   cui   domande   non   verificano   nei   fatti   la   preparazione   pregressa,   non   è   indicativo   dell'attitudine   di   un   soggetto   ad   intraprendere   un   percorso   piuttosto   di   un   altro   (per   quello   esistono   gli   esami).   Ulteriore   problema   posto   dal   test   è   il   mercato   che   è   nato   introno   ai   test   d'ingresso:   chi   potrà   prepararsi   ai   test   frequentando   corsi   ad   hoc  sarà  sicuramente  avvantaggiato  rispetto  a  chi  non  potrà  permetterselo  che  dovrà  subire  doppiamente   la  lotteria  dei  test.  E'  questo  forse  un  sistema  equo?   La  scelta  dell’UDU  di  presentare  ogni  anno  ricorsi  contro  il  numero  chiuso  è  una  rivendicazione  politica  atta   ad   evidenziare   e   scardinare   un   sistema   palesemente   iniquo   e   che   ogni   anno   danneggia   migliaia   di   studenti:   dalle  criticità  del  bonus  maturità,  alle  palesi  violazioni  dell'anonimato.   E'   indispensabile   superare   il   sistema   del   numero   chiuso,   dovrebbe   farci   riflettere   il   fatto   che   l'Italia   è   penultima  tra  i  Paesi  OCSE  per  numero  di  giovani  laureati:  limitare  l'accesso  all'università  non  può  essere   una   soluzione   soprattutto   nel   momento   in   cui   il   sistema   è   già   in   grado   di   sostenere   un   numero   maggiore   di   studenti,  numero  che  andrebbe  a  crescere  se  si  ricominciasse  ad  investire  sull'università.   Il   numero   chiuso   è   innanzitutto   un   problema   culturale   che   passa   anche   dalla   quasi   totale   mancanza   di   momenti  di  orientamento  durante  il  percorso  scolastico  obbligatorio.  Tutte  le  motivazioni  portate  a  difesa   del  numero  chiuso  sono  mere  giustificazioni  figlie  di  scelte  politiche  fatte  di  tagli  all'istruzione.  E'  dunque  il   momento   ricominciare   ad   investire   seriamente   nel   nostro   sistema   formativo,   attraverso   una   programmazione  adeguata  e  maggiori  finanziamenti  atti  ad  eliminare  i  blocchi  all'accesso.                                Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

4


SMONTIAMO IL  NUMERO  CHIUSO!   IL  NUMERO  CHIUSO  CE  LO  CHIEDE  L'EUROPA?  FALSO!   La   comunità   europea   chiede   solo   di   armonizzare   i   sistemi   formativi   e   gli   standard   di   qualità,   affinché   i   professionisti  possano  muoversi  liberamente  nello  spazio  europeo  del  lavoro,  vedendo  riconosciuti  i  propri   titoli  e  non  afferma  in  nessun  caso  che  tali  standard  debbano  essere  garantiti  tramite  blocchi  all'accesso  e   la  definizione  di  un  numero  bassissimo  di  studenti  che  possono  intraprendere  il  percorso  di  studi.     In   tal   senso   è   incredibile   come   tali   direttive   siano   state   e   vengano   ancora   oggi   completamente   strumentalizzate   in   Italia,   in   quanto   la   stessa   legge   264/99   che   norma   l’accesso   ai   corsi   a   numero   chiuso   nazionali   sostiene   che   “…in   conformità   alla   normativa   comunitaria   vigente   e   alle   raccomandazioni   dell'Unione  europea  che  determinano  standard  formativi  tali  da  richiedere  il  possesso  di  specifici  requisiti.”   (art.1,  comma  1,  lett.  a).”   Si  tratta  dunque  di  una  vera  e  propria  mistificazione  legislativa  oltre  che  mediatica:  le  basi  su  cui  si  fonda  la   legislazione  stessa  del  numero  chiuso  non  sono  altro  che  una  reinterpretazione  opportunistica  di  direttive   europee   che   sostengono   tutt’altro   e   vengono   solo   sfruttate   per   limitare   il   diritto   allo   studio   dei   giovani   italiani  e  garantire  gli  interessi  di  pochi.   IL  NUMERO  CHIUSO  E’  L’UNICO  MODO  DI  GARANTIRE  LA  QUALITA'  DELLA  DIDATTICA?  FALSO!   La  qualità  del  percorso  formativo  non  dipende  dal  numero  di  studenti  iscritti:  le  università  sono  ricche  di   corsi  di  studio  con  pochissimi  studenti  che  non  riescono  comunque  a  garantire  una  didattica  di  qualità.  La   qualità  del  percorso  formativo  dipende  da  numerosi  fattori  alcuni  quantificabili  come  il  numero  di  docenti,   le  strutture,  i  laboratori  presenti,  e  i  servizi  a  disposizione  degli  studenti  mentre  altri  no,  come  la  qualità  dei   piani  di  studio  proposti  e  i  metodi    didattici  utilizzati.   Il  problema  è  che  da  anni  i  governi  succedutisi  hanno  deciso  di  non  considerare  l’università  una  priorità,  di   tagliare   i   finanziamenti   su   di   essa   impedendo   agli   atenei   di   rafforzare   gli   strumenti   messi   a   disposizione   degli   studenti,   di   bloccare   il   turn-­‐over   imponendo   dall’alto   la   riduzione   della   docenza   senza   interessarsi   minimamente  della  qualità  della  didattica  e  della  formazione  dei  giovani  italiani.   In   quest’ottica   il   numero   chiuso   è   solo   una   giustificazione,   anche   estremamente   riduttiva,   dei   mancati   investimenti  sulla  formazione  superiore,  a  maggior  ragione  quando  è  totalmente  assente  nel  nostro  Paese   una   politica   di   valutazione   concreta   che   consenta   veramente   di   certificare   la   qualità   della   didattica   impartita.   Ricominciare  ad  investire  sull’università  in  tutti  i  suoi  settori  significa  ricominciare  a  pensare  veramente  allo   sviluppo  e  al  progresso  dell’Italia  riportando  il  nostro  Paese  al  livello  degli  altri  Paesi  industrializzati  (che  in   tempo   di   crisi   invece   investono   in   istruzione)   e   allo   stesso   tempo   smontare   una   delle   giustificazioni   più   strumentali  del  numero  chiuso.     IL   NUMERO   CHIUSO   CONSENTE   DI   FAR   ISCRIVERE   SOLO   GLI   STUDENTI   CHE   IL   NOSTRO   SISTEMA   UNIVERSITARIO  PUO’  SOSTENERE.  FALSO!   La   programmazione   dei   posti   disponibili   per   i   corsi   a   numero   chiuso,   in   particolare   quelli   di   area   medica,   non   è   ad   oggi,   anche   legislativamente   parlando,   in   alcun   modo   collegata   alle   strutture   necessarie   a   garantire  una  didattica  di  qualità  agli  studenti  iscritti.    

                     Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

5


Come dimostra   la   stessa   Legge   264   che   definisce   le   modalità   con   cui   vengono   programmati   gli   accessi   attualmente   si   tiene   conto   in   minima   parte   del   presunto   fabbisogno   di   laureati   delle   varie   tipologie   nelle   strutture   pubbliche   e,   in   massima   parte,   degli   interessi   dei   vari   ordini   professionali   che   hanno   l’evidente   obiettivo  quello  di  garantire  gli  interessi  dei  propri  centri  di  potere  e  componenti  attuali.     Anche  solo  applicando  gli  attuali  (e  stringenti)  requisiti  necessari  per  garantire  la  qualità  dei  corsi  di  laurea   alle   disponibilità   di   docenza   e   strutture   dei   corsi   a   numero   chiuso   nazionali   si   scopre   che   il   numero   di   studenti   immatricolabili   anche   nella   situazione   attuale   sarebbe   enormemente   superiore   alle   8-­‐10.000   unita   attualmente  consentite.     Far   ripartire   gli   investimenti   sull’università   e   cambiare   il   paradigma   per   cui   la   programmazione   dei   posti   disponibili  è  legata  prevalentemente  alle  necessità  degli  ordini  professionali  di  categoria  consentirebbe  di   smontare  da  subito  il  numero  chiuso.   IL  NUMERO  CHIUSO  E’  L’UNICO  MODO  PER  GARANTIRE  UN’OCCUPAZIONE  A  TUTTI  GLI  STUDENTI    FALSO!   E’   importante   premettere   che   l’istruzione   universitaria   NON   ha   il   solo   scopo   di   formare   professionalità   spendibili  nel  mercato  del  lavoro,  l’istruzione  e  la  formazione    hanno  una  funzione  sociale  fondamentale,     che  va  al  di  la  del  solo  dato  occupazionale.  L’idea  che  si  debba  formarsi,  soltanto  se  vi  è  esigenza,  reale  o   presunta,   di   una   specifica   professionalità,   risponde   ad   una   visione   economicistica   dell’istruzione,   che   ne   nega  il  valore  intrinseco  per  l’individuo  e  la  collettività.   L’Italia  ha  un’altissima  disoccupazione  giovanile,  e,  nonostante  siamo  quasi  ultimi  in  Europa  per  numero  di   giovani  laureati,  si  sta  diffondendo  l’idea  che  il  numero  chiuso    garantisca  la  piena  occupazione.  Questa  idea   è  falsa,  perché  il  numero  chiuso  aggira  soltanto  il  problema,  che  va  invece  risolto  con  interventi  forti  in  due   direzioni:  l’orientamento  e  il  mercato  del  lavoro.      L’orientamento   dei   giovani,   è   l’unico   strumento   che   può   favorire   una   scelta   consapevole   del   proprio   percorso   di   studio,   limitando   così   le   distorsioni.   E’   necessario   investire   per   potenziarlo   ad   ogni   livello,   iniziando   dalla   Scuola,   che   deve   costruire   negli   anni   l’orientamento   degli   studenti,   partendo   dalla   strutturazione  stessa  dei  cicli,  ad  oggi  dei  compartimenti  stagni  che  non  comunicano  tra  loro.    Dall’altro  il  mercato  del  lavoro,  dove  si  deve  favorire  davvero  l’incontro  tra  domanda  e  offerta,  eliminare  la   precarietà,  favorire  l’inserimento  dei  giovani  in  un  sistema  sempre  più  “vecchio”,  ridistribuire  il  lavoro  ed   abbattere   i   privilegi   corporativi   di   alcuni   settori.   In   particolare,   molti   dei   numeri   programmati,   sono   collegati   a   professioni   “ordinistiche”,   cioè   tutelate   dagli   Ordini   professionali   che,   nel   nostro   Paese,   sono   spesso   arroccati   nella   difesa   corporativa   dei   soli   interessi   della   propria   categoria.   Non   è   un   caso   che,   proprio   gli   Ordini,   abbiano   spinto   fortemente   per   il   numero   chiuso,   e   concorrano   ogni   anno   alla   determinazione  del  numero  di  posti  disponibili  nei  vari  Corsi  di  studi.   Se  prendiamo  in  considerazione,  ad  esempio,  gli  sbocchi  occupazionale  dei  laureati  in  Medicina  e  Chirurgia,   o   in   Odontoiatria,   questi   vanno,   sostanzialmente,   in   due   direzioni:   all’interno   del   Servizio   Sanitario   Nazionale,  oppure  nel  Mercato  privato.   Nel  primo  caso,  è  ormai  noto  che  il  SSN  va  incontro  ad  una  rilevante  “gobba  pensionistica”,  cioè  ad  un  ciclo   di   pensionamenti   che   determinerà,   nei   prossimi   anni,   un   fabbisogno   crescente   di   medici   specialisti.   La   sostituzione,  con  altro  personale  sanitario,  di  determinate  funzioni  ora  svolte  da  medici,  è  un  effetto  la  cui   reale   entità   è   tutta   da   dimostrare,   e   comunque   non   sufficiente   a   compensare   i   pensionamenti.   Questo,   ovviamente,   in   un   contesto   in   cui   si   decide   politicamente   di   investire   nel   nostro   Sistema   Sanitario   Nazionale,   invece   di   dismetterlo   lentamente,   come   vorrebbero   alcuni.   Quella   contro   il   numero   chiuso   è   anche  una  battaglia  per  una  Sanità  pubblica  realmente  efficiente  e  garantita  a  tutti.                          Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

6


Parallelamente  Medici  di  Base  e  Pediatri  nel  nostro  paese  sono  troppo  pochi;  con  una  media  di  oltre  1.100   pazienti   a   testa,   i   nostri   Medici   di   Base   si   avvicinano   al   massimale,   previsto   dalle   convenzioni,   di   1.500   (millecinquecento!)   assistiti.   Inoltre   molti   di   loro   sono   “anziani”:   il   60%   dei   Medici   di   base   è   laureato   da   più   di  27  anni,  e  quasi  il  90%  da  più  di  20  anni.    E’  evidente  come  questo  settore  possa  rappresentare  un  altro   sbocco,  per  molti  giovani  medici,  magari  migliorando  al  contempo  la  qualità  e  la  capillarità  dell’Assistenza  di   base.   Discorso   a   parte,   invece,   il   mercato   privato.   E’   qui   che   si   rende   più   evidente   come,   dietro   la   programmazione   degli   accessi,   vi   sia   una   forte   spinta   conservatrice   da   parte   degli   Ordini   professionali,   ovviamente  interessati  a  limitare  la  concorrenza.   E’  ovvio  che,  a  tutela  anzitutto  dei  cittadini,  deve  essere  assolutamente  garantita  la  qualità  delle  prestazioni   mediche,  che  non  si  prestano  a  gare  al  ribasso.  Ma  si  ha  la  netta  sensazione  che,  nel  nostro  Paese,  si  usi  la   reale   preoccupazione   della   qualità,     per   garantire   ingiustificate   rendite   di   posizione;   come   sembra   testimoniare  il  semplice  dato  che  le  tariffe  dei  medici  privati  italiani  sono  tra  le  più  alte  in  Europa.   Insomma,  aggiungere  un  po’  di  concorrenza,  non  può  certo  danneggiare  un  mercato  fortemente   ingessato   in  logiche  corporative,  come  quello  italiano.   “IL  NUMERO  CHIUSO  SELEZIONA  GLI  STUDENTI  PIU'  MERITEVOLI”  FALSO!   Qualsiasi   forma   di   selezione   precedente   al   percorso   di   studi   non   permette   di   valutare   realmente   gli   studenti,  soprattutto  in  una  situazione  in  cui  l’assenza  di  un  vero  sistema  di  diritto  allo  studio  non  consente   a  tutti  gli  studenti  di  partire  dalle  stesse  condizioni  di  partenza  (basti  pensare  alla  contrapposizione  tra  gli   studenti  che  possono  permettersi  ripetizioni  e  veri  e  propri  corsi  di  preparazione  ai  test  e  coloro  che,  privi   dei  mezzi  necessari,  si  affidano  solo  alle  proprie  capacità).     Non   è   possibile   valutare   uno   studente   e   decidere   il   suo   percorso   di   studi   e   di   vita   sulla   base   di   un   test   a   crocette   di   un’ora   e   mezza   dove   spesso   le   materie   trattate   esulano   completamente   dal   percorso   di   studi   antecedente  e  posteriore.  Allo  stesso  tempo  l’eterogeneità  del  territorio,  della  situazione  scolastica  italiana   e  soprattutto  la  funzione  e  il  fine  stessi  della  scuola  media  superiore  di  secondo  grado  non  permettono  di   utilizzare   il   percorso   scolastico   come   indice   di   valutazione   di   studenti   che   vogliono   intraprendere   un   percorso  di  studi  universitario.   E’  POSSIBILE  SUPERARE  IL  NUMERO  CHIUSO?  VERO   Già  oggi  il  nostro  sistema  potrebbe  ospitare  molti  più  studenti,  di  quanti  effettivamente  ne  assorbe.  I  tagli   ai  finanziamenti,  il  blocco  alle  nuove  assunzioni  e  una  molteplicità  di  criteri  e  vincoli,  sono  le  giustificazioni   più   frequenti   della   recente   ondata   di   programmazione   degli   accessi,   che   ci   ha   portato   ad   avere   il   57%   di   tutti   i   corsi   di   studio   nel   nostro   Paese   a   numero   chiuso.   Per   la   maggior   parte   di   essi,   compresi   alcuni   dei   corsi  ad  accesso  programmato  nazionale  previsti  dalla  legge  264  del  ‘99,  il  numero  chiuso  potrebbe  essere   eliminato  immediatamente,  con  interventi  e  adeguamenti  minimi.    Per   quei   corsi   che   presentano   accentuate   esigenze   di   tirocinio,   di   laboratorio   e   di   personale,   e   che   non   riuscirebbero   ad   assorbire   nell’immediato   tutti   i   candidati,     si   tratta,   anzitutto,   di   invertire   la   prospettiva,   cominciando   a   programmare   e   tarare   le   risorse,   le   strutture   e   l’organizzazione,   sulla   base   del   numero   di   studenti  e  delle  loro  esigenze  didattiche,  incrementandole  gradualmente.  La  legge  264,  infatti,  prevede  che   si  tenga  conto  della  capacità  degli  Atenei  di  ospitare  studenti,  ma  non  vi  è  previsto  nessuno  strumento  per   incentivare  gli  atenei  ad  aumentare  quella  capacità  attraverso,  ad  esempio,  l’adeguamento  delle  strutture,   la  stipula  di  più  convenzioni  c  per  i  tirocini,  un’organizzazione,  della  didattica  più  efficiente.    

                     Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

7


Il superamento   totale   del   numero   chiuso,   passa   da   interventi   complessivi   sul   sistema   universitario,   ma   non   è   affatto   una   prospettiva   utopistica:   si   devono,   certamente,investire   più   risorse,   portandole   ameno   alla   media  europea,  ma  anche  programmarle  meglio,  in  modo  da  andare  effettivamente  incontro  alle  esigenze   specifiche  dei  vari  corsi  di  laurea.   Ciò  che  serve,  in  definitiva,  è  la  volontà  politica  di  superare  il  numero  chiuso,  e  la  capacità  programmatica   di  farlo.     ABOLIRE  IL  NUMERO  CHIUSO  E’  NECESSARIO.  VERO   L’Italia   è   penultima,   tra   i   paesi   OCSE,   per   numero   di   giovani   laureati:   tra   le   persone   comprese   tra   i   25   e   i   34   anni,  solo  il  20%  ha  una  laurea,  contro  una  media  OCSE  che  sfiora  il  40%,  e  siamo  ben  lontani  anche  dagli   obbiettivi  europei  in  materia  di  istruzione  di  “Europe  2020”.   Abbiamo   una   disoccupazione   giovanile   superiore   al   40%,   e   circa   2.000.000   di   “NEET”,   giovani   che   non   studiano,  non  si  formano  e  non  lavorano.  L’abbandono  scolastico,  al  19%,  è  tra  i  più  alti  d’Europa  e  significa   che  uno  studente  su  cinque  non  si  diploma.   Questi   semplici   dati   dimostrano   che   il   luogo   comune   secondo   cui   in   Italia   ci   sono   troppi   laureati   è,   semplicemente,   una   balla.   Una   falsità   alimentata,   strumentalmente,   da   chi   ha   interesse   a   sostenere   la   propria  visione  ideologica  dell’università  piccola  e  di  élite.  L’università  per  i  pochi  “bravi  per  nascita”,  che  se   la  possono  permettere.   Le   statistiche   dimostrano   che   i   laureati   hanno   più   possibilità   di   trovare   un’occupazione,   e   che,   in   termini   occupazionali,  hanno  risentito  meno  della  crisi,  rispetto  ai  non  laureati.   La   contraddizione   tra   questi   dati,   e   l’esistenza   del   numero   chiuso,   è   evidente:   mentre   tutto   il   mondo   avanzato,  cerca  di  aumentare  l’istruzione  media  e  la  percentuale  di  laureati  tra  i  propri  cittadini,  l’Italia  va   nella  direzione  opposta.   C’è  un  motivo  se,  in  tempi  di  crisi,  la  maggior  parte  degli  altri  Paesi  investono  nell’istruzione:  questa  genera,   infatti,  innovazione,  mobilità  ed  equità  sociale,  arricchisce  la  società  intera  di  idee,  cultura  e  professionalità.   L’istruzione  è,  in  definitiva,  uno  dei  pochi  strumenti  per  uscire  dalla  nostra  grave  crisi  economica  e  sociale;  e   andrebbe  garantita  a  tutti.    Bloccare,  con  il  numero  chiuso,  l’accesso  all’università  per  migliaia  di  studenti,  è   una  politica  sbagliata  e  priva  di  prospettiva.        

                     Unione  degli  Universitari  -­‐  Via  G.B.  Morgagni  27  -­‐  00161  Roma  -­‐  Tel.  342  6510958  

8


Profile for Alessio Portobello

Dossier sul numero chiuso  

In questo documento trovate in breve l'evoluzione del numero chiuso in Italia dall'introduzione della legge Zecchino fino ad oggi.

Dossier sul numero chiuso  

In questo documento trovate in breve l'evoluzione del numero chiuso in Italia dall'introduzione della legge Zecchino fino ad oggi.

Advertisement

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded

Recommendations could not be loaded