Page 1


I

l Movimento 5 Stelle nasce a Ladispoli nel 2011, per iniziativa di un nutrito gruppo di ci adini, con l’obie ivo di contribuire a migliorare la propria ci à e la qualità della vita dei suoi abitanti. In questi anni ha anzitu o svolto un lavoro di opposizione dall’esterno del palazzo comunale, contestando, anche in sede legale quando necessario, alcune scelte politiche dell’a uale Amministrazione, sopra u o in materia urbanistica. Ha svolto numerose iniziative sul territorio, organizzando eventi ed essendo sempre presente in strada con i suoi banche i per incontrare e confrontarsi con i ci adini. Parallelamente, il M5S locale ha lavorato alla proge azione di una ci à migliore, una Ladispoli con verde pubblico, strade, marciapiedi puliti, sicuri e fruibili, servizi efficienti, una ci à che sappia proteggere e rilanciare le proprie ricchezze e sviluppare nuovi se ori offrendo opportunità lavorative. Nel 2014, in occasione delle elezioni Europee, il M5S di Ladispoli ha o enuto oltre il 31% dei voti, affermandosi ampiamente come prima forza politica ci adina. A raverso la partecipazione di tanti ci adini e avvalendosi di grandi competenze a disposizione nei vari campi, questo gruppo ha acquisito la necessaria preparazione. È oggi pronto, so o la guida del candidato Sindaco Antonio Pizzuti Piccoli e della sua squadra e con la collaborazione di tu i i ci adini, ad amministrare Ladispoli.

1


A

ntonio Pizzuti Piccoli, 43 anni, nato e cresciuto a Ladispoli, è il candidato Sindaco per il Movimento 5 Stelle di Ladispoli alle elezioni comunali dell’11 giugno. Antonio, tra i fondatori del Movimento 5 Stelle di Ladispoli, è un naturalista, zoologo, agrotecnico e si occupa di conservazione della natura e tutela della biodiversità. Insegna scienze della terra, biologia e chimica presso Istituti Superiori di Roma e provincia. È dire ore tecnico dell'Oasi Naturale del Bosco di Palo e dire ore del Centro di Educazione Ambientale “La Fa oria degli Animali”. «Siamo pronti ad affrontare con onestà e passione questo impegno», dice Pizzuti Piccoli. «Abbiamo completato da tempo la lista dei candidati consiglieri e la squadra degli assessori, che non saranno esponenti politici, ma tecnici competenti in materia. Il nostro programma è fru o di un lavoro di 2 anni insieme ai ci adini. Vogliamo anzitu o ristabilire il decoro urbano, offrire ai residenti e ai visitatori una ci à pulita, accogliente, sicura, con servizi efficienti. Lavoreremo inoltre al rilancio economico e lavorativo di Ladispoli, valorizzando le sue peculiarità, ma anche ampliando lo sviluppo a se ori finora ignorati. E poi politiche sociali rivolte alle fasce deboli, trasparenza amministrativa (in primis negli appalti), controllo del territorio, tagli degli sprechi e molto altro. Obie ivi precisi e concreti, a cui vogliamo lavorare coinvolgendo i ci adini». CAMBIAMO LADISPOLI #aPICCOLIpassi

2


Sembra sempre impossibile, finché non viene fa o Nelson Mandela

Il Movimento 5 Stelle di Ladispoli prende vita da un desiderio: FAR RINASCERE LADISPOLI! Siamo convinti che ciò sia possibile lavorando insieme a un proge o di rinnovamento, difendendo e valorizzando il nostro territorio e investendo su un'economia sostenibile. La collaborazione di persone oneste e competenti e la partecipazione a iva dei ci adini saranno le nostre armi. Questo programma è il fru o di un lungo e appassionato lavoro di gruppo, che ci ha portato a conoscere proposte e proge i di ci adini, associazioni, comitati e realtà produ ive del nostro territorio. È nata quindi una visione della ci à completamente nuova, più equa e imparziale, lontana dagli interessi dei soliti noti. Il nostro programma è un insieme di idee e azioni concrete, spesso già realizzate con successo in altri comuni, sia in Italia che all'estero. I nostri obie ivi sono: Una Ladispoli sicura Una Ladispoli produ iva Una Ladispoli a misura d'uomo Una Ladispoli verde Una Ladispoli inclusiva Una Ladispoli di cui essere finalmente orgogliosi

3


Qualità della vita

U

Qualità della vita

na ci à deve essere ospitale e garantire ai suoi abitanti le migliori condizioni di vita possibili. Purtroppo, negli ultimi anni, Ladispoli ha perso progressivamente l'alto livello di qualità della vita che la cara erizzava: servizi inadeguati, degrado degli spazi pubblici, traffico veicolare, incremento della criminalità, disoccupazione. È per questo motivo che il Movimento 5 Stelle di Ladispoli si impegnerà affinché una gran parte delle risorse disponibili siano impiegate per rendere servizi più efficienti, per tutelare l'ambiente e la salute dei ci adini, per contrastare povertà e discriminazione, per offrire più opportunità ai giovani, per abba ere le barriere archite oniche. Nessuno deve rimanere indietro!

4


Qualità della vita

Contrasto alla povertà e alle discriminazioni - Istituzione del “bara o amministrativo”: sconto sulle tasse locali o su eventuali debiti nei confronti del Comune in cambio di lavoro offerto alla ci à; - Realizzazione della “casa della solidarietà” a raverso il reperimento di locali idonei per le a ività associazionistiche di volontariato sociale; - Acquisizione di proprietà inutilizzate di enti terzi che insistono sul territorio comunale e loro riutilizzo in ambito sociale; - Coordinamento tra Comune e associazioni di volontariato che si occupano delle povertà emergenti; - Garanzia di parità e pari opportunità tra uomini e donne e assenza di ogni forma di discriminazione dire a, indire a, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione o alla lingua, nell'accesso al lavoro, nel tra amento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, nelle promozioni e nella sicurezza sul lavoro; - Adozione di misure a e ad arginare il fenomeno della ludopatia. Efficienza nei servizi - Mappatura del patrimonio immobiliare comunale e predisposizione di un piano di utilizzo delle stru ure; - Avvio di un proge o per l'assistenza a donne e bambini vi ime di maltra amenti; - Miglioramento dell'offerta di asili nido comunali e privati; - A uazione del “bilancio sociale”; - Ristru urazione del bocciodromo del lungomare Marco Polo; - Potenziamento del “servizio di risocializzazione” dedicato agli anziani (accompagnamento a scuola degli studenti “nonnobus”, supporto all'ingresso delle scuole, ecc.);

5


- Realizzazione, in accordo con le associazioni, di un proge o di “pet therapy” dedicato alle persone rimaste sole; - Abba imento progressivo delle barriere archite oniche nelle stru ure ed aree di proprietà comunale; - Riorganizzazione del servizio di assistenza domiciliare; - Potenziamento dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico.

Qualità della vita

Opportunità per i giovani - Destinazione di una quota del bilancio comunale allo sviluppo delle politiche giovanili, avvalendosi del supporto del Consiglio comunale dei Giovani; - Incentivazione di iniziative per la formazione dei giovani su temi di rilevanza civile, sociale e ambientale, a raverso a ività concrete sul territorio e nelle scuole e il coinvolgimento nella vita ci adina; - Realizzazione di aeree ludico/sportive, da individuare nei parchi urbani più ada i (per dimensioni e cara eristiche), per ragazzi e adolescenti con skate park, pa inaggio, campi sportivi (basket, pallavolo, calce o); - Promozione di eventi legati alla musica, al teatro e alle arti in genere; -Regolamentazione dell'utilizzo del Centro di aggregazione giovanile sito in viale Mediterraneo, valutando prioritarie, e non onerose per i proponenti, le iniziative di natura sociale che integrano l'a ività dell'Amministrazione. Tutela dell'ambiente - Stop al consumo di suolo, nell'o ica della salvaguardia delle aree verdi residue e dell'agricoltura; - Riqualificazione e manutenzione efficiente del parco di Palo, delle aree verdi e delle alberature ci adine. Gestione delle aree verdi pubbliche nella direzione della continuità del sistema

6


Qualità della vita

ambientale e della costruzione di un sistema di connessioni tra le aree; - Espansione del verde urbano, prediligendo la piantumazione di alberi, arbusti e piante autoctone. Piantumazione di un albero per ogni nuova nascita, come previsto dalla legge. Rimozione degli alberi malati e/o posti in siti non idonei e sostituzione con alberi della specie adeguata nel sito adeguato; - Pulizia regolare ed efficiente delle strade, dei marciapiede e delle aree pubbliche comunali; - Monitoraggio periodico e continuativo della qualità delle acque dolci di superficie (fossi); mappatura ed eliminazione di eventuali scarichi abusivi. Progressiva rivalutazione dei fossi, creando camminamenti sicuri; - Adozione di misure indirizzate ad un maggior ricorso alle energie alternative e al risparmio energetico nelle stru ure comunali e aree a gestione pubblica (pannelli fotovoltaici, lampade LED, efficientamento degli impianti ecc.); - Redazione di piani di spiaggia per l'utilizzo e la manutenzione sostenibile dell'arenile; - Individuazione di aree pubbliche dove realizzare gli “Orti Urbani”, spazi affidati ai ci adini nei quali avviare a ività di coltivazione di specie ortive; - Adozione di un piano di zonizzazione acustica e sua applicazione. Salute dei ci adini Premesso che la gestione della sanità è competenza della Regione, come Amministrazione Comunale proporremo: - Richiesta pressante agli organi di competenza (ASL Roma 4 e Regione) per scongiurare la chiusura del PIT sulla via Aurelia; - Posizionamento nelle stru ure pubbliche (scuole comprese) di kit di prima emergenza;

7


- Promozione di campagne di prevenzione per le mala ie più comuni con la collaborazione della Croce Rossa Italiana e della ASL.

Qualità della vita

Promozione dello sport - Censimento e recupero delle stru ure sportive e polivalenti esistenti e pianificazione di una loro messa in sicurezza, dove necessaria, e di un loro proficuo utilizzo; - Assegnazione trasparente delle stru ure comunali alle diverse associazioni sportive riconosciute; - Realizzazione di un percorso salute e fitness; - Istituzione di una manifestazione annuale intitolata “Festa dello sport”, in collaborazione con il Coni e/o Enti di promozione sportiva; - A enzione particolare per tu e le iniziative volte a favorire la pratica sportiva in età evolutiva e terza età; - Valorizzazione di tu e le a ività sportive, agonistiche e non. Diri i degli animali - Realizzazione di aree pubbliche a norma di legge dedicate allo sgambamento libero dei cani in tu i i quartieri e individuazione di un arenile a rezzato accessibile agli animali d'affezione; - Potenziamento dell'Ufficio Tutela Animali e istituzione del Nucleo Tutela Animali per la vigilanza del rispe o delle regole; - Istituzione di corsi per la ci adinanza sulla cura e la gestione degli animali, con particolare a enzione a proge i scolastici; - Realizzazione di un presidio veterinario territoriale di concerto con la ASL. Istituzione di incentivi all'adozione di animali dai canili convenzionati;

8


Qualità della vita

- Lo a alla proliferazione del randagismo, a raverso convenzioni con le stru ure veterinarie, per la sterilizzazione di animali d'affezione padronali e collaborazione reale tra Amministrazione e Associazioni di volontariato animalista; - Controllo e mappatura del randagismo felino tutelando i ci adini che ne hanno cura; - Realizzazione di una stru ura-rifugio comunale per ospitare gli animali in a esa di adozione e supporto alla nascita di case alloggio gestite da privati ci adini e/o da associazioni animaliste; - Predisposizione di arredi urbani per la fauna selvatica (bat-box, casse e nido e mangiatoie) negli spazi verdi della ci à; - Regolamentazione e limitazione delle licenze per i fuochi d'artificio, alla luce delle ripercussioni negative che questi hanno su fauna domestica, randagia e selvatica.

La sicurezza (percepita e reale) di un territorio è di fondamentale importanza per quanto riguarda la qualità della vita. Una ci à in cui gli abitanti si sentono sicuri è spesso una ci à in cui il livello di qualità della vita è più alto. D’altra parte, una ci à che vede il proprio livello di qualità della vita aumentare è una ci à in cui il tasso di crimine diminuisce. È per questo motivo che abbiamo dato massima rilevanza al tema, elaborando un proge o di programma concreto assieme ad esperti e professionisti di Sicurezza Urbana...

9


Sicurezza e legalità

I

Sicurezza e legalità

l tema della sicurezza e della legalità è sempre più avvertito dai ci adini, tanto da essere ormai considerato uno dei principali fa ori influenzanti la qualità della vita di un territorio. L'assenza di legalità e sicurezza sono percepite come vere e proprie emergenze: infiltrazioni mafiose, aumento della criminalità, corruzione politica diffusa sono temi che ogni giorno riempono i giornali. Ladispoli non sfugge al trend nazionale: presenza di organizzazioni criminali, aumento della percezione di insicurezza in molte aree del territorio, abusi decennali (come quelli sul litorale) sono tra le maggiori preoccupazioni dei ci adini. Riteniamo che le tematiche di sicurezza e legalità siano questioni prioritarie da affrontare. A tale scopo sarà nominato un referente politico che instaurerà e manterrà gli opportuni conta i con le istituzioni preposte alla sicurezza.

I ci adini di Ladispoli non verranno più abbandonati a sé stessi!

10


Sicurezza e legalità

- Miglioramento dell'a uale sistema di sorveglianza del territorio, al fine di razionalizzarne i costi e incrementare le risorse di personale da destinare al controllo dire o del territorio, sopra u o nelle ore no urne. O imizzazione dell'apparato di video sorveglianza, miglioramento del sistema di illuminazione stradale, predisposizione di un pa ugliamento integrato e/o alternato, anche in ore no urne, in cooperazione tra tu e le forze di polizia, comprese quelle municipali e private. Predisposizione di forme di convenzione tra il privato ci adino e gli istituti privati accreditati per la vigilanza delle abitazioni; - Istituzione di un “Punto di ascolto, segnalazione e aiuto al ci adino”, che consenta una via “facilitata” di arrivo e conta o con il Sindaco, e/o altri sogge i responsabili dell'Amministrazione Comunale; - Lo a all'illegalità e alla corruzione. Adozione di politiche e principi di massima trasparenza a garanzia del corre o svolgimento delle pratiche amministrative della macchina comunale. Creazione di un “Osservatorio Permanente”, dotato di propria autonomia, in grado di predisporre e favorire tu e quelle azioni a e a migliorare la sicurezza urbana e la prevenzione all'illegalità; - Percorsi di educazione alla legalità nelle scuole, mediante il coinvolgimento ed ausilio delle forze dell'ordine, delle associazioni di volontariato e di opportune figure specialistiche; - Lo a all'abusivismo per la tutela degli esercizi commerciali. Istituzione di un protocollo d'intesa con gli organi di polizia amministrativa e tributaria per contrastare le forme di abusivismo commerciale, contrastare le rendite prive di qualunque tipo di autorizzazione collegate al turismo, incrementare le verifiche ed i controlli di regolarità delle autorizzazioni amministrative; - Adozione di sistemi di sicurezza informatica che avranno un

11


ruolo centrale nell'amministrazione per risolvere i problemi di sicurezza a uali e futuri della ci à. Collaborazione con imprese, ci adini, media e altre realtà no profit nello sviluppo di tecnologie innovative per avere un supporto concreto nella diffusione e promozione di standard qualitativi d'eccellenza; - Adozione di un sistema di “Sentinella Digitale”, che faciliti la comunicazione per le segnalazioni tra ci adini regolarmente registrati, tutelandone la privacy, e le forze dell'ordine; - Realizzazione di sedi per le forze dell’ordine sul territorio.

Sicurezza e legalità

Ogni sudde a iniziativa, politica ed amministrativa, sarà concertata e prevista in apposito protocollo d'intesa e pa o per la sicurezza, preparato con il contributo e la dire a collaborazione degli Uffici Prefe izi e delle Forze dell'Ordine, nel reciproco rispe o di ruoli e norme vigenti.

La sicurezza di un territorio è fondamentale per a rarre turismo, risorse economiche ed investitori: una ci à poco sicura è una ci à poco a ra iva. D’altra parte, un’economia basata su turismo ed industria culturale, ha sempre avuto come riflesso, oltre ad un miglioramento della qualità della vita sul territorio, un abbassamento degli indici di criminalità urbana.

12


Lavoro, a ività produ ive ed industria culturale

L

Lavoro, produttività e ICC

'Industria Culturale e Creativa è il se ore in maggiore espansione in Europa. Questo non comprende solo le aree culturali tradizionali (arte, cinema, musica) ma anche artigianato, intra enimento, turismo e agricoltura. Inoltre, le politiche di sviluppo dell'ICC hanno sempre portato benefici: aumento della qualità della vita, riduzione della criminalità, incremento del reddito pro capite. Ladispoli, non sostenendo le imprese del se ore, ha penalizzato turismo, agricoltura e capacità di a rarre investimenti. Il Movimento 5 Stelle di Ladispoli, considerando le vocazioni del nostro territorio, intende avviare un cambiamento di strategia. Turismo, cultura, innovazione e istruzione saranno alcuni dei pilastri a orno cui ruoterà il rilancio economico e produ ivo della nostra ci à!

13


Lavoro, produttività e ICC

Industria culturale e creativa - Sostegno alla nascita di “start-up”, all'imprenditoria giovanile, alle imprese a valore aggiunto, a raverso acceleratori di impresa e co-working; - Realizzazione di un Centro di Formazione Professionale accreditato per offrire una formazione continua per adulti e giovani in obbligo formativo, propedeutica ad un veloce inserimento lavorativo, finanziato con il fondo sociale europeo; - Individuazione di un'area dedicata allo sviluppo di capacità artigianali (FabLab); - Incentivazione e sostegno alla partecipazione a fiere di se ore di livello nazionale e internazionale (Salone del gusto, fiere dell'editoria, fiere del mobile e dell'artigianato, ecc.); - Predisposizione di un piano partecipato per la gestione degli spazi del Centro Arte e Cultura e del nuovo teatro; - Ria ivazione delle aree legate ai beni culturali e turistici della ci à (Castellaccio dei Monteroni, Gro accia, ecc.) a raverso l'organizzazione di a ività qui individuate; - Apertura di un ufficio dedito alla ricerca di fondi pubblici (europei e regionali) per il se ore dell'impresa culturale e creativa; - Valorizzazione e promozione dei beni artistici, paesaggistici e culturali della ci à e del comprensorio a raverso visite guidate, anche per le scuole, e campagne di comunicazione; - Istituzione e promozione di premi ed eventi legati al se ore dell'impresa culturale e creativa, sfru ando le cara eristiche produ ive del territorio; - Creazione di una rete di imprese ed enti a livello comprensoriale per promuovere il territorio e le sue iniziative produ ive e culturali; - Razionalizzazione del calendario degli eventi per promuovere l'immagine della ci à e le sue eccellenze, con un progressivo miglioramento dell'offerta culturale;

14


- Proge azione e realizzazione di campagne di crowdfunding civico, raccolte fondi mirate al restauro di beni culturali; - Predisposizione di iniziative volte a valorizzare l'aspe o multiculturale della ci à.

Lavoro, produttività e ICC

Rilancio del turismo - Creazione di un Sistema Turistico Territoriale con il coinvolgimento delle istituzioni, di operatori del se ore, commercianti, artigiani, agricoltori e associazioni, nell'o ica dello sviluppo turistico, economico e occupazionale della ci à; - Recupero, tutela e valorizzazione del patrimonio storicoarcheologico e ambientale di Ladispoli; - Promozione e integrazione di turismo culturale, balneare e agrituristico, anche tramite il potenziamento del sito internet del Comune, con notizie culturali ed itinerari (anche nelle principali lingue); - Riqualificazione del brand “Ladispoli”, tramite una campagna comunicativa ad hoc: sviluppo della comunicazione web e ampliamento dei punti informativi e di accoglienza del turista; - Ria ivazione del lungomare come area di a razione turistica; - Creazione di proge i a i a coinvolgere e stimolare gli imprenditori del se ore turistico, a incentivare nuove stru ure rice ive tramite sgravi fiscali e favorire l'a ività degli stabilimenti anche nelle ore serali; - Promozione di eventi sportivi, con sport acquatici e non solo, nell'o ica anche dello sviluppo del turismo sportivo (windsurf, vela sportiva, ecc.); - Valorizzazione delle reti delle aree naturali prote e (SIC di Palo Laziale, ZTS Palude di Torre Flavia, SIC Secche di Torre Flavia) al fine di rilanciare il turismo sostenibile della ci à.

15


Tutela del se ore agricolo - Promozione dello sviluppo di colture biologiche e/o tipiche; - Istituzione di un mercato periodico contadino a km0 per la commercializzazione di prodo i freschi e trasformati (vino, olio, formaggi, ecc.) e dell'artigianato locale; - Valorizzazione della Sagra del Carciofo, nell'o ica della promozione dei prodo i tipici del territorio, con il coinvolgimento delle realtà locali;

Lavoro, produttività e ICC

Servizi alla scuola - Ristru urazione e ammodernamento delle stru ure e degli arredi degli istituti comunali; - Realizzazione di aule multimediali negli istituti che ne sono sprovvisti; - Potenziamento di una mensa scolastica biologica e sostenibile: riorganizzazione del servizio per favorire economia locale, minimo impa o ambientale e corre a educazione alimentare. Nell'o ica dell'abba imento dei costi: abolizione prodo i usa e ge a nelle mense e adozione del "lunch box"; - Promozione di percorsi educativi finalizzati alla valorizzazione di comportamenti virtuosi per la gestione e condivisione dei beni comuni (educazione alla riduzione dei rifiuti alla fonte e alla differenziazione, educazione al risparmio di energia e risorse, educazione stradale, educazione a stili di vita e regimi di alimentazione sani, valorizzazione della multiculturalità nelle scuole); - Organizzazione di collaborazioni tra l'istituto alberghiero, il Comune e le realtà del territorio; - Ripristino dello scuolabus comunale per le gite scolastiche; - Cura degli spazi esterni delle scuole comunali per favorirne la fruizione da parte degli studenti; - Potenziamento delle a rezzature delle palestre scolastiche; - Promozione e sostegno alle collaborazioni e convenzioni tra gli istituti scolastici e le associazioni locali.

16


Lavoro, produttività e ICC

- Valorizzazione del marchio IGP, a ribuito al carciofo romanesco e richiesta dello spostamento della sede a Ladispoli; - Promozione dello sviluppo di imprese per la trasformazione del carciofo e per la produzione di prodo i di IV e V gamma basata sul carciofo e sulle altre produzioni locali.

La pianificazione ha un ruolo fondamentale nel rilancio turistico di un territorio, e questo non soltanto garantendo una migliore qualificazione urbana, ma anche stimolando la piccola e media imprenditoria. Ad esempio, è possibile riqualificare il lungomare della nostra ci à incentivando il cambio di destinazione ad uso commerciale dei locali al piano terreno, trasformando l’identità della strada e aumentandone così l’offerta. Anche il supporto agli operatori turistici sarà un’operazione urbanistica fondamentale per il rilancio del turismo di Ladispoli: infa i, stabilimenti balneari e piccole e medie stru ure rice ive sono uno dei carburanti dell’economia azzurra che la nostra ci à ha sempre so ovalutato.

17


Asse o del territorio e viabilità

I

Assetto del territorio

primi turisti di Ladispoli sono i suoi ci adini. Una ci à con un'alta qualità della vita, una ci à sicura, una ci à creativa, è in definitiva una ci à in cui si vive bene. Eppure le politiche speculative hanno trasformato Ladispoli in una ci à dormitorio, con tu i i problemi che ciò comporta: traffico, carenza di servizi e disagio sociale. Il Movimento 5 Stelle di Ladispoli crede che il se ore dell'edilizia possa avere uno sviluppo diverso, puntando sulla sostenibilità e sul recupero del patrimonio edilizio esistente. Siamo convinti che pianificazione territoriale, mobilità sostenibile e gestione efficiente dei rifiuti rivestano un ruolo di primaria importanza per il futuro della nostra ci à. Ladispoli tornerà la bella ci adina di mare che è sempre stata!

18


Assetto del territorio 19

Pianificazione territoriale e lavori pubblici - Stop al consumo del territorio e a ulteriori cementificazioni, favorendo invece il recupero e il restauro del patrimonio edilizio esistente (la ci à, già ora, sarebbe in grado di accogliere almeno 70.000 abitanti). Allestimento di un nuovo P.R.G. aperto alla partecipazione dei ci adini; - Adozione del processo decisionale basato sulla “pianificazione partecipata” che consente all'Amministrazione di assumere decisioni coinvolgendo dire amente i ci adini nei processi di gestione e trasformazione del territorio; - Rifacimento stru urato dei manti stradali e, ove possibile, delle infrastru ure so ostanti; - Riqualificazione dell'intero lungomare ci adino con il ripristino, di concerto con gli imprenditori balneari, della vista a mare, ora ostruita da cabine e recinzioni. Adozione di misure di contrasto all'erosione costiera; - Pianificazione e realizzazione di aree pedonali e ciclabili. Messa a norma e ampliamento della rete ciclo pedonale, unendo quelle già presenti; - Mappatura di ogni quartiere al fine di garantire in ogni zona un punto di aggregazione e individuare i luoghi da rivitalizzare o riqualificare, sulla base delle esigenze e dinamiche di quel determinato tra o di ci à. Predisposizione di un piano di gestione partecipato con i ci adini; - Riqualificazione, messa in sicurezza e potenziamento delle aree gioco dedicate ai bambini; - Realizzazione di un ufficio dedicato alla gestione dei bandi europei e regionali con personale specializzato deputato al reperimento di finanziamenti; - Risoluzione delle problematiche riguardati il Consorzio Marina di S. Nicola, l'ex consorzio Cerreto, il quartiere Olme o - Monteroni; - Sblocco dell'iter per la metanizzazione del Cerreto.


Assetto del territorio

Gestione efficiente dei rifiuti e dell'igiene urbana - Riduzione della tassa sui rifiuti a raverso l'introduzione della tariffa puntuale nella raccolta differenziata (pagamento variabile in relazione alla quantità dei rifiuti prodo i); - Incremento del numero dei cestini (compresi quelli per le deiezioni degli animali) e della frequenza della raccolta dei rifiuti stradali; - Rendere gratuita la raccolta a domicilio dei rifiuti ingombranti - Vigilanza sul rispe o del contra o di servizio da parte della società che ha in appalto il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti; - Istituzione di un centro di “prima lavorazione”, recupero e riuso dei materiali all'interno dell'isola ecologica; - Adozione di accordi con i comuni limitrofi per la raccolta e tra amento dei rifiuti urbani. Mobilità sostenibile e trasporti pubblici - Promozione di un tavolo di lavoro, presso gli Enti competenti, per l'adozione di misure a e a contrastare i frequenti disservizi del trasporto extraurbano (treni, autobus) e i disagi per i ci adini pendolari; - Riorganizzazione del sistema di trasporto pubblico urbano con l'obie ivo di garantire spostamenti costanti ed efficienti su tu o il territorio comunale; - Realizzazione di un vero ed efficiente proge o di bike sharing; - Predisposizione, assieme alla ci adinanza e ai commercianti, della chiusura (periodica o permanente) al traffico di determinate aree della ci à (es. lungomare); - Realizzazione di una carta-abbonamento individuale di mobilità ci adina valida per pagare qualsiasi mezzo di spostamento (bus, bike sharing).

20


Trasparenza e partecipazione

L

Trasparenza e partecipazione

a partecipazione all'amministrazione della ci à è oggi un tema importante; uno strumento con cui imprenditori, professionisti, associazioni e ci adini influenzano l'azione politica con la conoscenza dire a delle reali necessità della ci à. A raverso la partecipazione, i ci adini possono monitorare il lavoro della giunta, aiutando l'amministrazione a migliorarsi. La politica locale non ha però risposto al desiderio di partecipazione di molti ci adini, associazioni e imprese, preferendo un a eggiamento opaco. Il Movimento 5 Stelle si è sempre ba uto per diffondere la cultura della partecipazione a iva, garantendo la totale trasparenza ai ci adini. La tua partecipazione sarà fondamentale per la rinascita della ci à!

21


Trasparenza e partecipazione

Partecipazione a iva dei ci adini - Ricostituzione e/o valorizzazione dei comitati di quartiere e della consulta delle associazioni come referenti delle problematiche legate al territorio e proponenti delle relative soluzioni; - Potenziamento e valorizzazione di strumenti di partecipazione quali regolamenti, referendum consultivi, consigli comunali aperti periodici; - Predisposizione di bandi pubblici trasparenti e nell'o ica del bene comune; - Riunioni di giunta e commissioni rese pubbliche con tu i i mezzi a disposizione (streaming compreso); - Riorganizzazione del sito internet del Comune nell'o ica della trasparenza e della piena accessibilità di ogni contenuto a tu i i ci adini; - Pubblicazione tempestiva dei documenti (proposte di delibera, mozioni, interrogazioni) appena protocollati. Gestione trasparente di bilancio e patrimonio comunale - Istituzione del bilancio partecipato con i ci adini; - Taglio delle spese inutili, recupero del non riscosso e ridistribuzione delle risorse economiche ai vari comparti; - Pubblicazione sul sito istituzionale del Comune, in forma leggibile e semplificata, dei dati relativi al bilancio comunale e delle aziende partecipate; - Utilizzo di immobili di proprietà comunale evitando il pagamento di affi i inutili; - Difesa della gestione pubblica del servizio idrico; - Verifica e valorizzazione del patrimonio immobiliare comunale.

22


Trasparenza e partecipazione

Gestione eďŹƒciente del personale - Istituzione dell'assessore/delegato ai rapporti col personale; - Riorganizzazione e ricollocamento del personale comunale e delle societĂ municipalizzate nell'o ica dell'o imizzazione del lavoro e della riduzione della spesa pubblica; - Valorizzazione del personale comunale e potenziamento delle competenze.

23


L'11 giugno i cittadini di Ladispoli voteranno il nuovo Sindaco e i nuovi consiglieri comunali. Chi vorrà assegnare le propria preferenza al Movimento 5 Stelle, potrà esprimere il voto in tre modi diversi: 1. Tracciando un segno sul simbolo del Movimento 5 Stelle, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista e al candidato Sindaco, Antonio Pizzuti Piccoli; 2. Tracciando un segno sul simbolo del Movimento 5 Stelle, indicando anche la preferenza per i consiglieri comunali. È possibile indicare un solo candidato consigliere, oppure indicare due nomi, purché siano un uomo e una donna e

siano appartenenti alla stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza espressa. 3. Tracciando un segno solo sul nome del candidato Sindaco Antonio Pizzuti Piccoli. Per dare maggior forza al vostro voto a favore del Movimento 5 Stelle Ladispoli, consigliamo ovviamente una della prime due opzioni. Sarà eletto Sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti validi (almeno il 50% più uno). Qualora nessun candidato raggiunga la soglia del 50% più uno, si tornerà a votare il 25 giugno con il ballottaggio.


Davide Allocca

Calogero Brucato

Roberto Anselmucci Ramona Bartocci

Elena Bugliazzini

Valentina Di Sisto

Mario Cerulli

Francesco Forte


Maria Teresa Fusco

Daniele Gioga

Maurizio Larboni

Pierluigi Lilli

Alfonso Lustrino

Maria Antonia Lo Iacono

Massimo Manfroni

Maurizio Marino


Gennaro Martello

Alberto Massaro

Francesca Mattiacci

Andrei Popovici

Ida Rossi

Angelo Sarno

Alessia Seri

Matteo Toppeta

Programma elettorale 2017 m5s ladispoli pdf  

Siamo lieti di presentarvi il nostro programma, frutto di 2 anni di lavoro e tavoli tematici aperti alla partecipazione di tutti. Un proget...

Programma elettorale 2017 m5s ladispoli pdf  

Siamo lieti di presentarvi il nostro programma, frutto di 2 anni di lavoro e tavoli tematici aperti alla partecipazione di tutti. Un proget...

Advertisement