Issuu on Google+


7 L’opinione COPERTINA 8 Julian Assange 13 “Usa maccartisti” 14 Un inedito presepe FLASH - CRONACA 15 Ruby per sempre 17 Un voto per Casini Progetti per il papa 19 Save the children SCIENZA 20 Inquinamento scolastico 23 Le nanopolveri? FLASH - SCIENZA 25 Esplosioni solari CULTURA 26 Art stage 2011 27 Ronald Munallang 29 Musica 30 Auto, moto 31 Libri 32 Moda 34 35

Oroscopo Poesia

SPETTACOLI 36 Yoghi e bubu vanno al cinema 39 Zoom 40 Prendete nota 42 Smart card 45 Bruno Mars star dei grammi 47 Zingaretti torna a teatro 50 Gareth Pugh e la videomoda DOLCE VITA 51 Anna Molinari si racconta 53 La bottiglia 54 Mangia e bevi 56 A tavola 58 Domestica 60 Parla lady teletubbies 62 La camicia e i suoi gemelli GLI APPUNTI 63 Uomini e donne 65 Dettagli 67 Block notes 69 Il verde 71 La guida 73 Indirizzi 75 Il pesce fuor d’acqua BEATY CASE 76 L’acqua, il bene più prezioso 77 Quarantenni, salviamoci la faccia 80 Chirurgia

4

82 Make up 85 Cosmetici 87 Sport 90 Trucco TEMPO LIBERO 91 Ridateci la borghesia 93 Il potere che avanza 94 Arte 95 Il viaggio 97 Il collezionista 99 Fiabe metropolitane 102 Architettura 104 L’arredamento 105 Futuro 107 Fotografiamo 110 Serata al cinema 112 Che si fa stasera? TELEWIDE 113 I programmi della tv 115 Zona critica 117 Satellite

Illustrazione in copertina di: La Rosa Alessandro WIDE MAGAZINE


Direttore responsabile Ezio Mauro Editoriale s.r.l. Casa editrice di WIDE MAGAZINE Via Vittorio Emanuele II 115 - 22100 Como Telefono 031.33.77.88 - fax 031.33.77.823 Presidente: Maurizio Giunco Amministratore delegato: Cesare Baj Consiglieri: Nini Binda, Alberto Novarese, Sandro Tessuto WIDE MAGAZINE on line: www.widemag.it Direzione generale: Cesare Baj Le sezioni dI Wide Magazine on line aventi contenuto giornalistico sono gestite dalla testata WideMagazine on line Registrazione Tribunale di Como n. 16/01 dell’1 giugno 2001 Direttore responsabile: Mario Rapisarda Vicedirettore: Marco Guggiari Webmaster: Giovanni Menna Sezioni aventi contenuto giornalistico: Prima Pagina, Cronaca, Primo Piano, Economia, Cultura, Spettacoli, Sport, Archivio, Indice, Lettere al Corriere, I personaggi del Corriere, notizie presenti nella Home Page, notizie presenti nella sezione di Espansione TV, altre sezioni o pagine ove è riportata la dicitura: Sezione (o Pagina) gestita dalla testata giornalistica “Corriere di Como on line” o dicitura similare. Il primo numero di Wide Magazine è arrivato nelle edicole del territorio lariano il 19 ottobre 1997, abbinato al “Corriere della Sera”. Azionista di riferimento dell’Editoriale del Wide Magazine è Maurizio Giunco, presidente di Etv (nonché presidente dell’Associazione delle televisioni locali della Frt). Il primo direttore del quotidiano è stato Adolfo Caldarini, penna storica de “La Notte”, protagonista e grande animatore dell’emittenza locale con Etv e Antenna Tre di cui è stato, per dieci anni, responsabile del settore giornalistico. Nell’aprile del 2000 la direzione è stata affidata a Mario Rapisarda. Stampato dalla Sies di Paderno Dugnano, il quotidiano comasco nel 2007 ha rinnovato grafica e formato ed è passato al “full color”. Editoriale srl Sede Societaria: via Vittorio Emanuele 115, 22100 Como Registro delle imprese di Como n. 125106 Capitale Sociale Euro 65.330,oo Progetto grafico: La Rosa Alessandro

1 GENNAIO 2011

WIDEWIDEWIDE I GENNAIO 2011

5


6

WIDE MAGAZINE


L’ O PIN I O N E

SOLO MILLE GIORNI AL POTERE MA PER L’ AMERICA RESTA UN’ICONA di Luciano Clerico

I

l 20 gennaio di cinquant'anni fa John Kennedy giurava come 35/mo presidente degli Stati Uniti. In quel freddo martedi' di Washington, in una luce splendente anche per l'abbondante nevicata caduta durante la notte, entrava alla Casa Bianca il presidente che negli anni a venire avrebbe conquistato piu' di chiunque altro il cuore degli americani. A mezzo secolo di distanza la figura di John Fitzgerald Kennedy continua ad essere ricordata e celebrata come uno dei grandi simboli dell'America del Novecento. Come 35/mo presidente degli Stati Uniti, servi' il suo Paese per soli due anni e mezzo. Eppure la sua figura resta cruciale per definire l'America del dopoguerra. Gli storici sono concordi nel ritenere che in parte e' per la sua biografia, cosi' piena di successo e fascino; in parte per la sua morte, cosi' violenta e inattesa. Resta il fatto che a mezzo secolo da quel 20 gennaio 1961 John Kennedy rimane ancora oggi un punto di riferimento per la storia politica americana. Non c'e' candidato democratico, sia egli in corsa per un seggio locale o per il Congresso, che ad ogni elezione non lo citi come modello di pensiero e di linea politica. E non c'e' cittadino americano, giovane o vecchio che sia, che non provi un'emozione particolare di fronte all'immagine presidenziale di John e Jacqueline Kennedy. Tanto come protagonista della politica di allora, quanto come sua vittima sacrificale, Kennedy ha espresso piu' di ogni altro presidente I GENNAIO 2011

l'immagine della nuova America: una superpotenza talmente ''capace di sognare'' da puntare i suoi razzi verso la luna; ma anche capace di ergersi a baluardo della liberta' occidentale contro l'allora blocco sovietico. ''Consentite al mondo di andare avanti - disse Kennedy nel suo discorso inaugurale sulla scalinata del Campidoglio, davanti all'ex presidente Eisenhower e in mezzo a politici ancora in ghette e tuba, cosi' improvvisamente anacronistici con l'eleganza nuova del cappellino indossato per l'occasione dalla nuova first lady Jacqueline -. Consentite che la fiaccola sia passata nelle mani di una nuova generazione di americani...E chiedetevi non cio' che il vostro Paese puo' fare per voi, ma cio' che voi potete fare per il vostro Paese... E' tempo che le nazioni libere del mondo si uniscano contro i nemici comuni: la tirannia, la poverta', la malattia, la guerra stessa''.

__STORIA__

John

Fitzgerald Kennedy, 35mo Presidente degli Usa. Aveva 43 a– fino al 22 novembre 1963, quando fu ucciso a Dallas da Lee Harvey Oswald. Alla fine Kennedy si aggiudico’ il voto popolare per pochi decimi: 49,7% contro 49,5%. In un’America profondamente razzista e conservatrice, il sorriso, la freschezza e la gioventu’ della coppia democratica fecero la differenza.

7


8

WIDE MAGAZINE


WIKILEAKS E LO TSUNAMI ASSANGE

LE RIVELAZIONI CHE HANNO SCONVOLTO IL MONDO E LA VICENDA GIUDIZIARIA DELL’HACKER GURU JULIAN ASSANGE di Claudio Accogli

I GENNAIO 2011

9


CO P E R T I N A

Hacker sfida diplomazie

J

ulian Assange, l'uomo dell'anno per i lettori di Time, per Le Monde, e per Rolling Stone Italia addirittura "la rockstar" del 2010, ha inondato il pianeta con i suoi file, lanciando l' "Operation Truth", per "scrivere un nuovo mondo ridefinendo la storia globale". Gli scoop iniziano ad aprile: il 5 Wikileaks pubblica il video top secret di un elicottero Apache americano che nel luglio 2007 spara su un gruppo di persone a Baghdad, uccidendo una dozzina di loro, fra i quali un fotografo della Reuters. Il video desta scalpore, ma non crea grandi polemiche, tranne quelle sul soldato Bradley Manning, che viene formalmente accusato di aver ceduto il file a Wikileaks , e finisce in carcere a Quantico, in Virginia. A luglio scoppia la prima vera "bomba": New York Times, Guardian e Der Spiegel pubblicano in contemporanea con il sito fondato nel 2006 dall'australiano un devastante rapporto sul "fallimento della guerra in Afghanistan", oltre 70 mila documenti e rapporti segreti militari americani dal 2004 al 2009 (altri 15.000 rimarranno chiusi nei computer) che descrivono "stragi di civili, morti per 'fuoco amico' e il "doppiogioco" dei servizi segreti pachistani in aiuto all'insurrezione talebana. I file ''fanno emergere il vero squallore della guerra, e permettono alla gente di decidere se continuare a sostenerla oppure no'', spiega Assange. Il Pentagono apre un'inchiesta penale sulla fuga di notizie, e accusa il fondatore di Wikileaks di avere le mani "sporche di sangue" e di essere responsabile della morte dei soldati americani esposti a ''gravi rischi''. Dopo la 'release' Assange va in Svezia, dove stringe accordi con il partito dei pirati per la gestione dei server, e firma un contratto con un provider, che ha sede in un ex bunker sotterraneo a Stoccolma. Tra una

10

“ Un’icona come Che Guevara sulle magliette, come Mao per Andy Warhol”. Il “capo pop della fine della diplomazia e della sicurezza imperiale”. La “vera stella rock degli anni Tremila”.

W

conferenza e l'altra, il misterioso Julian, ossessionato dalla riservatezza e dalla sicurezza, sua personale e del suo staff, incontra due donne, con le quali fa sesso in diverse occasioni. In almeno due episodi, denunciano le due giorni dopo i fatti, l'australiano le ha pero' ''costrette'', o "prese nel sonno", a fare sesso senza preservativo. La Procura svedese spicca un mandato di cattura il 21 agosto. Poi lo ritira, per poi diramarlo di nuovo a novembre, perche' Assange avrebbe rifiutato di rendersi disponibile per essere interrogato, circostanza smentita dalla difesa.

L'australiano si consegnera' alla giustizia britannica il 7 dicembre, e dopo nove giorni di carcere gli verra' concessa la liberta' su cauzione, da "scontare" in una villa di campagna con tanto di braccialetto elettronico. "E' peggio della cintura di castita'", dice il fondatore di Wikileaks , in attesa della prossima udienza per l'estradizione, fissata a febbraio. Nel frattempo pero', la macchina di Wikileaks continua la sua corsa verso la "verita'": il 22 ottobre, uno dei nuovi partner di Assange - a Nyt, Le Monde e Der Spiegel si sono aggiunti Al Jazira e El Pais - rompe l'embargo. In rete finiscono quasi 400.000 documenti sulla guerra in Iraq. Il conflitto e' stato "un bagno di sangue con oltre 66.000 civili uccisi", e i militari americani "hanno chiuso gli occhi" di fronte a torture ed eccidi commessi dall'esercito iracheno, "sporcandosi le mani" direttamente con la morte di civili inermi mandati a verificare la presenza di mine sulle strade o sparando a insorti che si erano arresi. Poco dopo, l'australiano dice di "temere per la sua vita", e annuncia l'intenzione di chiedere asilo politico in Svizzera, unico Paese insieme a Cuba e Islanda dove lui e il suo staff si muovono "in tranquillita'". WIDE MAGAZINE


ACCANTO: Julian Assange fondatore del sito Wikileaks A SINISTRA: copertina della rivista Rolling Stones SOTTO: dimostranti mascherati pro Assange

Il 28 novembre arriva "l'11 settembre della diplomazia" per citare le parole del ministro degli Esteri Franco Frattini. Online finiscono oltre 251 mila file dalle sedi diplomatiche statunitensi del periodo 1966-2010. La pubblicazione avviene con il contagocce, coordinata con i media partner di Wikileaks , e travolge le cancellerie di tutto il mondo. I media pubblicano i giudizi senza peli sulla lingua della diplomazia americana sui principali leader mondiali: Ahmadinejad? ''Nuovo Hitler''. Sarkozy? ''l'imperatore nudo''. Gheddafi? ''Procaci biondine come infermiere''. Karzai? "E' spinto dalla paranoia''. Merkel? ''Evita i rischi e raramente e' creativa''. Infine Berlusconi: per lui ''feste selvagge''. Dai file emerge che Washington spia i vertici dell'Onu, centinaia di siti "strategici" in tutto il mondo, lavora per favorire le sue aziende e non risparmia critiche al vetriolo contro amici e avversari. E' un diluvio: Sarah Palin paragona Wikileaks ad Al Qaida. Il vicepresidente Usa, Joe Biden, lo paragona a un terrorista "hi-tech". Ma Assange va avanti. Esce dal carcere tra ali di folla, una schiera di vip lo sostiene. Ha ceduto un po' della sua riservatezza, ora si sa anche che e' nato il 3 luglio I GENNAIO 2011

Maschere e volatini ‘Free Assange’ sono sfilati davanti all’ambasciata svedese a Londra. I manifestanti, tutti fan del fondatore di WikiLeaks si oppongono all’estradizione in Svezia del loro idolo.

W

1971. Dovra' anche scrivere la sua autobiografia, dice, per pagarsi le spese legali, e per questo ha strappato un compenso record da oltre 1 milione di euro. Il libro uscira' in primavera. Prima e' attesa un'altra ''bomba": "Rivolteremo una grande banca americana come un calzino". E' c'e' da credere che manterra' la promessa. FILE ITALIA: "Ipotesi tangenti sul gas russo", "inclinazione ai festini", Valdimir Putin grande amico, "imperdibili" le sue feste in dacia, Dmitri Medvedv invece e' "solo un apprendista". I dispacci dall'ambasciata Usa sono quelli siglati da Ronald Spogli (2005-

2009) e il successore David Thorne o dai vari responsabili della sede diplomatica. "Esponenti della maggioranza di centrodestra e dell'opposizione del Pd credono che Berlusconi e i suoi amici stiano approfittando personalmente e in modo generoso dei tanti accordi intercorsi tra L'Italia e la Russia", scrive a inizio 2009 Spogli: "L'ambasciatore georgiano a Roma ci ha detto che il suo governo crede che Putin abbia promesso a Berlusconi una percentuale dei profitti che vengono da ogni gasdotto costruito da Gazprom, in collaborazione con l'Eni''. Il premier poi e' "stanco", il fatto che il Cavaliere 'faccia tanto tardi la notte, e l'inclinazione ai festini implicano che non si riposa abbastanza''. E' "fisicamente e politicamente debole'', afferma Thorne, convinto che il governo italiano prema per "aiutare Mediaset" contro Sky. "E' uno schema familiare: Berlusconi e Mediaset hanno usato il potere di governo in questo modo sin dai tempi di Bettino Craxi''. Palazzo Chigi smentisce tutto, si tratta di falsita', interpretazioni grossolane. I file di Wikileaks non risparmiano il centro-sinistra: "Sebbene la magistratura italiana sia tradizionalmente considerata orientata a sinistra, l'ex

11


CO P E R T I N A

Hacker sfida diplomazie

Julian Assange incontra giornalisti sulla neve durante la conferenza stampa a Elligham Hall, Suffolk. A DESTRA: Julian Assange

premier ed ex ministro degli Esteri Massimo D'Alema ha detto lo scorso hanno all'ambasciatore (Usa, ndr) che la magistratura e' la piu' grande minaccia allo Stato italiano", scrive Spogli nel 2008. L'esponente del Pd, presidente del Copasir, replica che si tratta di un giudizio "abnorme", "mai pronunciato". Spogli "ha frainteso". Il ciclone Wikileaks si abbatte sulla Santa Sede l’8 dicembre, quando ‘spunta’ la voce ‘’Vatican Embassy’’ nell’indice del sito di Julian Assange. Meno di 24 ore dopo spuntano i primi dispacci, la gran parte dei quali siglati dai diplomatici americani presso la Santa Sede, altri dalle capitali di mezzo mondo. In un dispaccio datato 19 aprile 2005, giorno in cui Joseph Ratzinger venne nominato papa, l’incaricato d’affari Usa stima che il nuovo pontefice, ‘’eletto a sorpresa’’, ‘’mettera’ grande enfasi sulla Chiesa in Europa. Crede che il vecchio continente sia la casa spirituale e storica della Chiesa, e non e’ pronto a cedere la sua casa alle forze del secolarismo o dell’Islam. Infatti, Ratzinger ha fatto notizia quando nel 2004 ha espresso le proprie riserve all’ingresso della Turchia in Europa’’. E ancora, ‘’scegliendo il nome di Benedetto XVI, Ratzinger sembra aver riconosciuto

12

che a 78 anni, e dopo un papato storico, egli sara’ una figura di transizione. Benedetto XV fu papa solo dal 1914 al 1922. Dai cable emerge anche che i dirigenti del Vaticano, ‘’tutti sulla settantina’’ sono ‘’ignoranti’’ sulle nuove tecnologie e non hanno una mail. E che in Irlanda la Santa Sede e’ stata poco collaborativa sullo scandalo pedofilia, oppure che gli americani erano molto preoccupati dopo il discorso di Ratisbona, vissuto come un ‘’insulto’’ dai musulmani, e imputato alla sottovalutazione, da parte del papa, del tema e degli effetti che avrebbe provocato. Inoltre, la Santa Sede ‘’cancello’’’ un accordo per aderire a una associazione nata per promuovere e rafforzare i programmi educativi sulla Shoah a causa delle ‘’tensioni’’ sul ruolo di Pio XII nel corso della Seconda guerra mondiale. Il Vaticano ha condannato la pubblicazione, bollandola come di ‘’’estrema gravita’ ‘’: ‘’I rapporti pubblicati in nessun modo possono essere considerati espressione della stessa Santa Sede ne’ citazioni precise delle parole dei suoi Officiali’’ e quindi la loro stessa attendibilita’ va valutata con ‘’riserva’’’ Fin dalla nascita, un alone di mistero circonda la figura di Julian Paul Assange, 39 anni - ma anche

la data di nascita è incerta - l’australiano fondatore del sito di diffusione di documenti Wikileaks, arrestato oggi a Londra su mandato emesso in Svezia per reati sessuali. L’hacker-giornalista più famoso al mondo - anche se lui rifiuta come offensiva la definizione di ‘giornalista’, criticando l’atteggiamento giudicato “complice” della stampa nelle guerre moderne - ritiene di essere vittima di persecuzione. Ritiene di essere oggetto di diffamazione per aver pestato troppi piedi, a partire da quelli del Pentagono, per aver pubblicato 400.000 documenti segreti, molti dei quali “scottanti”, sulla guerra in Iraq e 77.000 su quella in Afghanistan. E’ capace di forzare i sistemi più protetti con l’unico scopo di vedere se c’é nascosto qualcosa di interessante da pubblicare. “Chiamatemi mendax (bugiardo). Ma nel senso oraziano di ‘splendide mendax’ (bugiardo per WIDE MAGAZINE


CO P E R T I N A

Hacker sfida diplomazie

C

hi è Assange l’uomo che fa tremare il mondo

Nato nel 1971 a Townsville, nel Queensland australiano, Assange dovrebbe il suo nome a Ah Sang (“signor Sang” in cinese), un emigrato dalla Cina trasferitosi all’inizio dell’Ottocento in Australia. Il padre era titolare di una compagnia teatrale itinerante. La madre, invece, era figlia di emigranti irlandesi e scozzesi. Stando alla leggenda, il piccolo Assange nei primi suoi 20 anni di vita avrebbe cambiato casa ben 37 volte. Senza andare a scuola, ma studiando nelle biblioteche che di volta in volta trovava sul suo cammino. E’ stato lì che ha incontrato Orazio. Mentre è stato nel retrobottega di un negozio di elettrodomestici che ha incontrato il suo primo computer. Nel 1987, A 16 anni, era già in grado di scrivere programmi per il Commodore 64.

una giusta causa)”. Secondo la leggenda, il primo nome di battaglia scelto in Australia dall’allora 16enne futuro fondatore di Wikileaks fu preso di peso dal poeta latino Orazio. Nato nel 1971 a Townsville, nel Queensland australiano, Assange dovrebbe il suo nome a Ah Sang (“signor Sang” in cinese), un emigrato dalla Cina trasferitosi all’inizio dell’Ottocento in Australia. Il padre era titolare di una compagnia teatrale itinerante. La madre, invece, era figlia di emigranti irlandesi e scozzesi. Stando alla leggenda, il piccolo Assange nei primi suoi 20 anni di vita avrebbe cambiato casa ben 37 volte. Senza andare a scuola, ma studiando nelle biblioteche che di volta in volta trovava sul suo cammino. E’ stato lì che ha incontrato Orazio. Mentre è stato nel retrobottega di un negozio di elettrodomestici che ha incontrato il suo primo computer. I GENNAIO 2011

OOM Parla Julian Assange Z

‘’Usa maccartisti’’ Senza fondi Bank America difficile lottare contro estradizione

- Mr Assange, tra lei e gli Stati Uniti sembra ormai guerra aperta. E' triste vedere la giustizia americana cadere cosi' in basso nel suo tentativo di perseguire WikiLeaks nonche' questo giovane analista dell'esercito, Bradley Manning. Ci pare di capire che le sue condizioni di detenzione in cella d'isolamento siano molto dure, che non abbia nemmeno le lenzuola. Io lo vedo come un tentativo, che sfiora la tortura, per obbligarlo a confessare di aver preso parte, insieme a me, a operazioni di spionaggio. Non e' vero. - Nega dunque che Manning sia una sua fonte? E' stato detto. Ma i nostri sistemi sono disegnati per garantire l'anonimato agli informatori. Quindi la verita' e' che non ne ho idea. - Come giudica la decisione di Bank America di sospendere i pagamenti verso WikiLeaks? E' una nuova forma di maccartismo finanziario. Cosi' facendo si priva la nostra organizzazione di fondi essenziali per la sua sopravvivenza e si tolgono denari preziosi ai miei avvocati che si stanno battendo per evitare l'estradizione in Svezia o in America. Fortunatamente queste azioni hanno suscitato in America forti proteste. - Bank America e' la banca che verra' colpita dalle prossime rivelazioni di WikiLeaks? Alcuni lo hanno scritto. E le azioni del gruppo quel giorno sono crollate del 3%. Noi pero' non commentiamo su fatti specifici. - Ci sono novita' sul fronte delle accuse svedesi? Come giudica il ruolo delle donne che l'hanno denunciata? Ho visto la dichiarazione di un amico di una delle due donne che racconta come lei si dica confusa e che non desiderava che tutto questo accadesse. Da' speranza: e' meglio la corruzione delle autorita' piuttosto che delle persone. Forse quelle ragazze hanno agito per motivi personali e poi sono state sfruttate oppure si tratta di una cospirazione. Io sono innocente e credo che queste persone dovrebbero ritirare le accuse. - Lei ora e' in liberta' vigilate su cauzione. Ha qualcosa da dire alle autorita' britanniche? Ascoltino con molta attenzione il volere della gente. E proteggano certi aspetti della democrazia britannica. E proteggano certi aspetti della democrazia britannica. Dall’inviato Mattia Bernardo Bagno

13


CO P E R T I N A

Hacker sfida diplomazie

JULIAN ASSANGE NEL PRESEPE DI NAPOLI di Mario Gialloblu

E’

a Napoli in versione terracotta Julian Assange, il fondatore di Wikileaks, ricercato anche da Scotland Yard; sì è palesato, infatti, in formato statuina andando ad aggiungersi alla galleria dei ‘pastori illustri’ realizzati da uno dei tanti esperti di San San Gregorio Armeno, la ‘strada dei pastori’, Genny Di Virgilio. “E’ il personaggio più in vista del momento - spiega Di Virgilio - ed ha rubato quasi la scena agli altri vip”. Appena esposta la statuina di Assange ha catalizzato subito l’attenzione delle migliaia di turisti che anche in questo primo fine settimana di dicembre affollano la famosa stradina. Alta una ventina di centimetri, in abito scuro, camicia bianca senza cravatta, il ‘pastore’ Assange regge in mano un Pc portatile sul cui dorso c’é la scritta del suo sito interenet autore dello scoop informatico che ha messo in imbarazzo la diplomazia americana e resi pubblici i vizi e virtù dei leaders di tutto il mondo. Assange, fino a ieri noto solo al popolo della rete, ha l’onore di chiudere le new

entry sul presepe dei vip di quest’anno, su cui hanno trovato posto personaggi della politica, le tante versioni di Berlusconi ed i ministri come Brunetta e Tremonti, dello spettacolo, la coppia televisiva Fazio-Saviano ed il tributo a Sandra Mondaini per finire con lo sport con le statuine del Lippi ct ai mondiali ed una esultante Francesca Schiavone - e l’ultima emergenza rifiuti

con i re magi impegnati nella raccolta differenziata. “Credo di aver trovato una giusta sistemazione per Assange - ironizza Di Virgilio - mettendolo nella vetrina dei ‘pastori illustri’ accanto ad Hillary Clinton e Berlusconi in versione Bunga Bunga”.

wwNel 1986, A 16 anni, era già in grado di scrivere programmi per il Commodore 64. E, con lo pseudonimo di Mendax, entrare dall’Australia nelle prime reti informatiche che cominciavano ad affacciarsi nel mondo. Da allora Assange ha cambiato nome migliaia di volte, ha imparato centinaia di programmi, e ha violato centinaia di sistemi. “In nome di ciò che ritengo sia di pubblico interesse - ha dichiarato in un’intervista al New Yorker - perché credo nel giornalismo scientifico, e la rivelazione di documenti di intelligence è molto spesso

un atto di coscienza nell’interesse della gente”. Si definisce “editore” di Wikileaks, ma non direttore. Per lui possono lavorare centinaia di persone, ma la pianta organica fissa è di tre o quattro persone. E’ stato Wikileaks, a trovare e a pubblicare il video segreto ripreso nel 2007 da un elicottero Usa a Baghdad che documenta l’uccisione per errore di 18 persone, tra cui un fotografo della Reuters e il suo autista. I documenti sulla guerra irachena pubblicati il 22 ottobre scorso parlano di presunta complicità dell’esercito degli Stati Reuters e il suo autista. sa è di tre o tt.

sa è di tre o quattro persone. E’ stato Wikileaks, a trovare e a pubblicare il video segreto ripreso nel 2007 da un elicottero Usa a Baghdad che documenta l’uccisione per errore di 18 persone, tra cui un fotografo della Reuters e il suo autista. sa è di tre o quattro persone. E’ stato Wikileaks, a trovare e a pubblicare il video segreto ripreso nel 2007 da un elicottero Usa a Baghdad che documenta l’uccisione per errore di 18 persone, tra cui un fotografo della Reuters e il suo autista.

14

Julian Assange il fondatore di Wikileaks, compare a San Gregorio Armeno a Napoli tra le statuine in terracotta del presepe

di Claudio Accogli WIDE MAGAZINE


news

FLASH FLASH FLASH

W

Cuffaro a Rebibbia libri e vangelo Ha trascorso una notte serena, secondo alcuni amici, l’exsenatore Toto’ Cuffaro, recluso da ieri nel carcere di Rebibbia a Roma, dove dovra’ scontare una pena di sette anni per favoreggiamento aggravato a Cosa Nostra. L’ex-governatore della Sicilia si trova al piano terra del penitenziario romano, in una cella singola nel reparto ‘prima accoglienza’, in attesa di una sistemazione definitiva. ‘’Ha passato una notte tranquilla. Ieri ci aveva detto che avrebbe partecipato alla prima messa della mattina, quindi sara’ stato di sicuro anche nella cappella del carcere’’, hanno riferito gli amici. Cuffaro ha portato con se’ in carcere l’immagine della Madonna di Santa Rosalia, patrona della citta’ di Palermo, il vangelo secondo Matteo e qualche libro da leggere, come ‘La fattoria degli animali’ di Orwell. L’ex-governatore potra’ avere i primi colloqui con i familiari la prossima settimana. ‘’Gia’ ieri Cuffaro aveva lasciato ai parenti un elenco di libri, soprattutto romanzi, che intende leggere’’, hanno riferito gli stessi amici.

Il senatore Salvatore Cuffaro raccolto in preghiera in attesa della sentenza della Cassazione nella Chiesa della Minerva a Roma

16

RUBY PER SEMPRE Sempre di più verso uno scandalo politico e non solo privato.

di Marco Travaglio

Il

16 gennaio il presidente del Consiglio è apparso in televisione, sulla sua performance naturalmente ciascuno può dare il giudizio estetico e contenutistico che preferisce, l’abbiamo visto tutti e è disponibile comunque in rete, per comunicare, sostanzialmente 3 cose. 1) al telefono la gente, soprattutto ragazze giovani che l’hanno conosciuto può dire, millantare, raccontare, vantarsi, esagerare, favoleggiare, lavorare di fantasia quello che si dice al telefono non ha nessun valore; è una vergogna che chi va a casa sua poi venga intercettato, è una con-

cezione un po’ estensiva dell’immunità, lui pretenderebbe l’immunità telefonica non soltanto per sé, ma anche per tutti quelli che lo conoscono, una forma di immunità contagiosa che purtroppo è ancora sconosciuta ai nostri codici, naturalmente il governo provvederà presto; 2) Lele Mora è un grande, è un grande professionista, non si sa bene in quale ramo, ma in parecchi rami pare, dal traffico di ragazze ai rapporti con l’‘ndrangheta, è un grosso professionista, ha anche una vecchia condanna per droga, anche lì era molto professionale, quindi il nostro Presidente del Consiglio vedendolo in difficoltà, WIDE MAGAZINE


Casini, meglio voto che tirare a campare

La modella Ruby e il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (A DES) Il leader Pier Ferdinando Casini (SOTTO) Il pontefice Joseph Ratzingher

Mora ha un processo per i disastri delle sue società, fallimenti, bancarotta e cose del genere, gli ha prestato un sacco di soldi che Mora quando si sarà rifatto e rimesso in piedi, gli restituirà. 3) il Presidente del Consiglio è fidanzato, sul nome della fortunata ancora regna il mistero, ma penso che prima o poi qualcuno dei suoi giornali, dei suoi rotocalchi, trasmissioni amiche ci presenterà quella che già i giornali compiacenti chiamano la “dama bianca”, a questo punto qualcuno potrebbe dire: ma a noi che ci frega di quello che fa il Presidente del Consiglio nella sua vita privata, ancora una volta si vuole spiare questo benedetto uomo, già così provato per ironizzare o per sfrugugliare i suoi affetti familiari, effettivamente se fosse così sarebbe riprovevole, ciascuno come ha detto il Presidente del Consiglio, tra le mura domestiche può fare quello I GENNAIO 2011

che vuole , lui è un uomo libero, sappiamo benissimo che da anni il matrimonio con Veronica era finto, era tenuto in piedi così artificialmente per fare vetrina, in realtà i due erano già separati da diversi anni e quindi è libero di fare quello che gli pare, per quanto mi riguarda era libero di fare quello che gli pareva anche prima, le scappatelle di un Presidente del Consiglio anche sposato non dovrebbero costituire motivo né di scandalo, né tanto meno finire sui giornali. C’è naturalmente un paio di paletti rispetto a tutto questo, quindi il Presidente del Consiglio è libero di avere tutte le amanti che vuole, tutte le ragazze che vuole, può andare a letto con chi vuole, può fare quello che gli pare a due condizioni: 1) naturalmente che non commetta reati, ma quello non vale solo per il Presidente del Consiglio, i reati si possono commettere anche tra le mura di casa.

Pierferdinando Casini conferma la disponibilita’ dell’Udc alle elezioni anticipate, sia pure come seconda scelta rispetto a un governo di responsabilita’. ‘’Se bisogna tirare avanti cosi’ meglio le elezioni’’, ha detto Casini a Bologna per un’assemblea del suo partito. Ma se ci fosse la possibilita’ di fare ‘’cose serie’’ per il paese, l’Udc e’pronta ad assumersi le sue responsabilita’. Quanto al terzo polo, Casini avverte che non puo’ essere costruito in relazione alla leadership di qualcuno. Pierferdinando Casini conferma la disponibilita’ dell’Udc.

Papa, progetti di pace per Terra Santa Benedetto XVI invoca la pace per la Terra Santa e progetti concreti per arrivarci. Parlando all’Angelus, il papa ha ricordato la Giornata internazionale di intercessione per la pace in Terra Santa, associandosi al Patriarca Latino di Gerusalemme e al Custode di Terra Santa nell’invito a pregare per questo. Il papa era affiancato da un ragazzo e una ragazza dell’Azione cattolica di Roma, in rappresentanza dei molti convenuti in piazza San Pietro con la Carovana della pace. Benedetto XVI invoca la pace per la Terra Santa e progetti concreti per arrivarci. Parlando all’Angelus, il papa ha ricordato la Giornata internazionale di intercessione per la pace in Terra Santa.

17


W

cronaca - attualitàcronacacronaca - attualità - attualità Blocco carico radiottivo Torino e Milano, da Brescia domenica senz’auto Un carico radioattivo e’ stato bloccato ieri sera all’ingresso della fabbrica Portovesme, nel Sulcis Iglesiente. Tre tir container, che trasportavano 70 tonnellate di fumi d’acciaieria erano partiti la sera prima dalla Alfa Acciai di Brescia, e sono giunti in Sardegna in nave. Nonostante le bolle di accompagnamento attestassero valori nulli di radioattivita’, i dispositivi radiometrici della Portovemse hanno rilevato livelli superiori alla norma.

Confermato lo stop al traffico domani a Torino. Nonostante la neve annunciata e quindi una qualita’ dell’aria migliore, il blocco non e’ stato tolto e la citta’ sara’ off limits alle auto dalle dieci alle diciotto. Si profila dunque una domenica senz’auto, la prima del duemilaundici, nel capoluogo piemontese cosi’ come a Milano dove anche Letizia Moratti ha confermato lo stop. Critico con il ministro La Russa: doveva prevedere deroghe per Inter-Palermo.

Napoli, due giovani rapinatori uccisi Le forze dell’ordine cercano un terzo complice della rapina fatta ieri sera al supermercato di Qualiano (Napoli), nel corso della quale sono rimasti uccisi due giovani, uno dei quali di 16 anni. L’uomo sarebbe rimasto fuori dal supermercato su un motorino e, uditi i colpi di arma da fuoco esplosi da una guardia giurata e dal figlio carabiniere, e’ fuggito. L’assalto dei rapinatori e’ filmato dall’impianto.

IL CASO

Per Save the Children 2010 anno nero

Aumentano i giovani stranieri ma diminuisce l’accoglienza Cresce la presenza di bambini e adolescenti stranieri residenti nel nostro paese - 932.000 di cui 572.000 nati in Italia - ma si restringono le maglie dell’accoglienza e dell’inclusione. E’ la conclusione a cui giunge il secondo Rapporto annuale di Save the Children su “I minori stranieri in Italia”, reso noto oggi. La legge 94-2009, più nota come legge sulla sicurezza, secondo l’organizzazione si sta rivelando un ostacolo che interrompe o rende più difficile il percorso d’integrazione intrapreso - spesso con grande abnegazione e impegno - da tanti minori stranieri non accompagnati, i cui viaggi verso l’Italia peraltro sono diventati ancora più rischiosi a seguito della ratifica dell’accordo ItaliaLibia avvenuta nel febbraio 2009. La scuola italiana - tradizionale I GENNAIO 2011

fulcro dell’integrazione - è sempre più in affanno, e la previsione di un tetto del 30% di alunni stranieri per classe non ha certo contribuito a migliorare la situazione. Il 2010 ha segnato inoltre un periodo di grave difficoltà per centinaia di bambini rom, a causa di sgomberi realizzati senza predisporre misure alternative di accoglienza. Negli ultimi 7 anni il numero di minori stranieri residenti è passato da 412.432 (1 gennaio 2004) a 932.000 (1 gennaio 2010). Dipinto realizzato da Pier Paolo Cito per Save the children

19


CLASSI PIÙ INQUINATE DELLE STRADE, BOOM DI ALLERGIE

Formaldeide e acari, dal ministero linee guida per aria pulita a scuola di Claudio Accogli

L

'aria che si respira a scuola apre la mente, ma chiude naso e bronchi. Uno studio europeo condotto anche in Italia ha rilevato infatti che dentro le pareti delle scuole le concentrazioni di PM10 e anidride carbonica sono più elevate che all'esterno. Con evidenti conseguenze sulla salute dei bambini e dei ragazzi, come il boom di casi di asma e allergie fra i banchi. Ecco perché il ministero della Salute, in accordo con Governo, regioni, comuni e

20

province, ha pubblicato delle linee guida per la tutela e la promozione della salute degli ambienti chiusi. La popolazione che soffre di asma, riniti allergiche ed eczemi ammonta al 20% in Italia, ed è in continuo aumento, soprattutto nell'infanzia e adolescenza. Con pesanti effetti sulla spesa farmaceutica e la perdita di giorni di lavoro e scuola. A scatenare allergie o crisi di asma sono soprattutto fumo, formaldeide, amianto, radon, pesticidi, acari della polvere, muffe, funghi e spore, lattice e alimenti. L'asma, con l'obesità, è ormai la malattia croni-

ca più diffusa nell'infanzia (10-11% di bambini e adolescenti), mentre la rinite allergica colpisce fino al 35,2% dei soggetti pediatrici, tanto che, se il trend si mantiene, nel 2020 ne soffrirà il 50% dei bambini. Diffuse anche le allergie alimentari, che interessano il 6-8% dei bimbi sotto i 3 anni e il 3-4% di quelli in età scolare, e quelle al lattice (2%). Considerato che in Italia i ragazzi trascorrono a scuola da 4 a 8 ore al giorno, per almeno 10 anni, dove spesso ci sono problemi di qualità delle costruzioni, carenza di manutenzione e problemi di cattivo conWIDE MAGAZINE


Un acaro della polvere, probabilmente tra i primi animali ad aver colonizzato la terraferma

dizionamento dell'aria, ecco perché il ministero ha deciso di intervenire, venendo così incontro alle strategie predisposte dall'Unione europea. Per rendere più 'respirabili' aule, mense e cortili, le linee guida suggeriscono di favorire il ricambio dell'aria, eliminare quotidianamente la polvere da pavimenti, banchi e cattedre con panni umidi, fare una pulizia più accurata nella stagione dei pollini, ed evitare nelle aule la presenza di carta da parati, tappeti, e tende. E ancora non accumulare libri e giornali, limitare la presenza di armadietti, appendere i cappotti all'esterno I GENNAIO 2011

delle aule, plastificare i poster e fogli di lavoro da esporre alle pareti, non tenere in classe piante ornamentali, mantenere una temperatura ambiente intorno ai 18-20°C, assicurare una corretta e regolare manutenzione degli impianti di riscaldamento, ventilazione o condizionamento. Aria pulita nelle scuole per contrastare l’aumento di asma e allergie fra i piccoli italiani. E l’obiettivo delle “Linee di indirizzo per la prevenzione nelle scuole dei fattori di rischio indoor” per questi disturbi, messea punto dal ministero della Salute in accordo con le Regioni e pubblicate in Gazzetta ufficiale.

Nel nostro Paese circa il 20% della popolazione e’ allergico e i bambini sono i piu’ colpiti. L’asma bronchiale, assieme all’obesita’, e’ tra le malattie croniche piu’ frequenti nell’infanzia. In particolare, si registra un aumento di rinite allergica ed eczema nei bambini fra i 6 e 7 anni e negli adolescenti tra i 13 e 14 anni. E l’aria che si respira in classe spesso non aiuta, anzi. Secondo lo studio pilota Hese-Health Effect of School Environment, promosso e finanziato dalla Commissione Europea e condotto in 5 Paesi, fra cui l’Italia, su un campione di 21 scuole

21


Sc i e n z a

Inquinamento scolastico

L

INEE GUIDA DETTATE DAL MINISTERO DELLA SALUTE

Ricambio dell’aria, eliminare quotidianamente la polvere da pavimenti, banchi e cattedre con panni umidi, fare una pulizia più accurata nella stagione dei pollini, ed evitare nelle aule la presenza di carta da parati, tappeti, e tende, non accumulare libri e giornali, limitare la presenza di armadietti, appendere i cappotti all’esterno delle aule, plastificare i poster e fogli di lavoro da esporre alle pareti, non tenere in classe piante ornamentali, mantenere una temperatura ambiente intorno ai 18-20°C, assicurare una corretta e regolare manutenzione degli impianti di riscaldamento, ventilazione o condizionamento. degli impianti di riscaldamento, ventilazione o condizionamento.

L’attuale ministro della salute Ferruccio Fazio (A DES) illustrazione del writer americano Bansky

elementari, fra i banchi le concentrazioni di PM10 e CO2 sono piu’ elevate che all’esterno. In classe sono poi presenti muffe e altri allergeni, con conseguenze sulla salute dei bambini e dei ragazzi. Le linee di indirizzo richiamano l’attenzione delle Istituzioni, in primo luogo della scuola, e della popolazione in generale sull’importanza delle condizioni di igiene e di qualita’ dell’aria negli ambienti scolastici. Viene delineato un quadro integrato di interventi di prevenzione da realizzare negli istituti, compresi gli spazi esterni e le mense,

22

Gli acari della polvere si alimentano con i componenti organici presenti nella polvere casalinga. Le loro feci vanno ad aliwmentarla e possono provocare reazioni allergiche.

per limitare il piu’ possibile il contatto dei bambini allergici con i fattori di rischio indoor maggiormente implicati nell’induzione e nell’aggravamento delle allergie. In Italia - si ricorda nel documento - i ragazzi trascorrono negli edifici scolastici da 4 a 8 ore al giorno, per almeno 10 anni. Gli studi effettuati finora dimostrano che gli edifici scolastici italiani frequentemente presentano gravi problemi igienico-sanitari, per la cattiva qualita’ delle costruzioni, per carenza di manutenzione e per problemi correlati al cattivo condizionamento dell’aria. Sono probabilmente tra i primi animali ad aver colonizzato la terraferma, il primo reperto fossile risale infatti a 290 milioni di anni fa. Si tratta di animali di piccole dimensioni (da meno di un mm. fino a 3 cm di lunghezza), caratterizzati dalla fusione del cefalotorace con l’addome e dall’assenza di segmentazioni evidenti. Comprendono numerose specie parassite temporanee o permanenti di animali e vegetali, responsabili di infestazioni denominate acariasi. Gli Acari presentano una notevole varietà morfologica, potendo avere un apparato boccale adatto a scavare, succhiare o pungere grazie ai cheliceri chiusi in un rostro formato dalla base dei pedipalpi allungate e saldate a tubo; possono avere zampe adatte alla corsa, al nuoto, munite di uncini o ventose per aggrapparsi al substrato, in alcuni casi sono sprovvisti di zampe non avendo esigenze di loco-

W mozione come il genere Linguatula. L’apparato respiratorio è atrofico e la respirazione avviene attraverso la cute molle. La riproduzione avviene generalmente con la deposizione delle uova, da cui nascono larve esapode che nel corso della metamorfosi verso lo stadio adulto acquistano il quarto paio di zampe. Come esempio, la femmina dell’Adactylidyum (un genere dell’acaro), una volta fecondata, si attacca ad un uovo di tripide, da cui riceve nutrimento, l’unico visto che non potrà ottenerne altro. Le uova (da 6 a 9, di cui da 5 a 8 sono femmine) si WIDE MAGAZINE


Penetrazione delle polveri nell'apparato respiratorio. È evidente come le nanopolveri siano in grado di penetrare a fondo nell'organismo e, si sospetta, entrare addirittura nel circolo sanguigno penetrando poi nelle cellule (un µm è pari a mille nanometri).

schiudono dopo 48 ore dall’attaccamento della madre all’uovo di tripide. Una volta schiuse divorano la madre dall’interno e le bucano l’involucro esterno. A questo punto il maschio vive quel poco indispensabile per fecondare tutte le sorelle, che subito dopo vanno in cerca di un altro uovo di tripide, e poi muore. Non si vedono, non si sentono, non pungono, ma sono con noi a migliaia, a milioni. Sono gli Acari della polvere, una delle principali cause di allergia respiratoria (nella Provincia di Belluno sono responsabili del 47 % della patologia allergica respiratoria). Che la polvere di casa contenesse allergeni che causano l’asma fu suggerito per la prima volta nel 1921. Tuttavia, la relazione fra acari ed allergia alla polvere di casa venne stabilita in modo definitivo solo nel periodo dal 1962 al 1969 grazie agli studi di Voorhorst, SpieksmaBoezeman M.I.A. e Spieksman F.Th.M. Gli acari sono fra gli esseri viventi più antichi sulla terra; essi possono vivere e crescere in ambienti differenti come le piante, i fiori, gli animali, l’uomo, la terra, sui laghi e sull’acqua salata, nelle case e nei rifiuti organici, nei materassi, nei libri etc. Gli acari sono piccoli artropodi, appartenenti a diverse specie. Le specie che sono in modo particolare correlate all’asma sono collettivamente chiamate “acari della polvere di casa”, poichè hanno il loro habitat permanente nell’ambiente domestico ed hanno le appendici suddivise in articoli. I GENNAIO 2011

Nanopolvere, che cos’è? Le

nanopolveri sono una sottocategoria di particolato ultrafine di dimensioni medie nel campo dei nanometri (milionesimo di millimetro). Secondo lo SCENIHR (Scientific Committee on Emerging and Newly Identified Health Risks), comitato scientifico UE che si occupa dei nuovi/futuri rischi per la salute, la “nanoscala” è associabile a tutte le particelle di diametro medio compreso fra 0,2 e 100 nm [1]. Come noto il particolato è ad oggi classificato in 3 principali classi dimensionali: PM10, PM2.5 e PM0.1 (10000, 2500 e 100 nm rispettivamente) con un “salto” di circa un fattore 10 fra una classe e l’altra. Viceversa -secondo la definizione suddetta- per le nanopolveri il range spazia da 100 nm a scendere fino a dimensioni pressoché atomiche di 0.2 nm. Questo ampio

intervallo di misure è dovuto sia alla relativa novità delle ricerche su tali particelle, sia al fatto che, a seconda degli ambiti di indagine (medici, motoristici, scienza dei materiali, elettronica ecc.), ciascun settore di ricerca ha individuato dimensioni caratteristiche per le quali si determinano fenomeni di interesse per il campo di indagine specifico. Per quanto riguarda dunque il particolato aerodisperso e di interesse sanitario, non è ancora stata univocamente definita una dimensione di PM specifica per le nanopolveri. Il centro di ricerche Agip ad esempio considera “nanoparticelle” il particolato di dimensioni 40-50 nm ovvero si tratterebbe di PM0.04 - PM0.05 [2]

di Alberto Angela 23


mondo

FLASH FLASH FLASH

W

Spazio: le dune marziane si muovono

ESPLOSIONI SOLARI O NUVOLE?

Si increspano come le nuvole, i getti liberati dalle esplosioni che avvengono nel Sole

S

del fisico Claudio Accogli

i increspano come le nuvole, i getti liberati dalle esplosioni che avvengono nel Sole e studiarne il comportamento potrebbe aiutare i fisici nelle ‘’previsioni del tempo’’ solari, ad esempio a capire quando sono in arrivo tempeste magnetiche. Lo ha scoperto una ricerca condotta dall’universita’ britannica di Warwick e pubblicata sulla rivista Astrophysical Journal Letters. Riuscire a riconoscere il tipo di movimento che avviene nelle nubi prodotte dalle esplosioni solari e’ stato possibile studiando le nuove immagini fornite dal satellite della Nasa Solar Dynamics Observatory (Sdo), lanciato lo scorso anno. Gli strumenti dell’osservatorio solare sono riusciti a cogliere, nell’estremo ultravioletto, immagini dell’attivita’ del Sole che avvengono a temperature vicine a 11 milioni di gradi e che finora non era mai stato possibile osservare. Sono state queste immagini a rivelare che nelle nubi create dalle esplosioni solari i movimenti avvengono secondo gli stessi schemi seguiti, sulla Terra, dai movimenti delle nuvole e da quelli delle onde. Movimenti come questi sono descritti dai fisici come instabilita’ di KelvinHelmholtz e avvengono quando vengono a contatto due superfici di tipo diverso (come aria e acqua nel caso delle onde) e che si muovono a velocita’ diverse. I GENNAIO 2011

(A SIN) Inquadratura di una particolare scia solare a forma di nuvola (A DES) Dune di Marte (SOTTO) Uno speciale apparecchio per appuntare diagnosi e certificati

Anche nei deserti di Marte le dune si muovono e cambiano aspetto, proprio come succede sulla Terra. Finora si credeva, invece, che nei deserti marziani la sabbia delle dune fosse immobile e ghiacciata. A smentire questa teoria sono le immagini inviate a Terra dal satellite della Nasa in orbita attorno al pianeta rosso, il Mars Reconnaissance Orbiter, e pubblicate su Science. Le dune in movimento si trovano in prossimita’ del Polo Nord del pianeta e si estendono in un’area vasta come il Texas.

Certificati on line, per i medici: sara’ caos Medici di famiglia sul piede di guerra contro le sanzioni disciplinati per chi di loro non rilascera’ certificati di malattia per via telematica. Parla di caos la Cgil medici, che prevede problemi anche per i cittadini. E gli ospedalieri, che potranno invece continuare ad usare il certificato cartaceo, temono un intasamento dei Pronto soccorso, proprio nella fase del picco dell’influenza. La richiesta ai ministri Brunetta e Fazio e’ dunque quella di una moratoria per rodare meglio il sistema.

25


ART STAGE 2011 DA SINGAPORE UNA FIERA MULTISENSORIALE Intervista allo storico, critico dell’arte e curatore della mostra, Eugene Tan

dall’ inviato Claudio Accogli

C

NNGo: What exactly are you doing for Art Stage Singapore? Eugene Tan: I primarily curated the Singapore platform, an exhibition within Art Stage Singapore for Singapore artists. There are eight artists in the exhibition and the title is "Remaking Art in the Everyday." I am looking at how artists in Singapore use the everyday as a source of inspiration for their art and am also examining the role of art in the everyday. The eight artists are Jane Lee, Robert Zhao Renhui, Donna Ong, Ian

26

Woo, Tan Guo Liang, Ming Wong, Heman Chong and Ho Tzu Nyen. CNNGo: Why these eight Singapore artists? Tan: They are some of the more interesting and successful artists in Singapore and, more importantly, a lot of them have very established markets. Collectors are already collecting their work -- but sadly not in Singapore. Singapore galleries don’t know how to sell their works. Even Ming Wong, who won a special mention at the Venice Biennale last year, is represented by a Chinese gallery. So with Art Stage Singapore we

are taking up the challenge to educate galleries and collectors, rather than taking the easy way out. CNNGo: Where is their artwork being collected then, if not in Singapore? Tan: In Asia! At Osage in Hong Kong for instance, where I worked for a few years, we worked with prominent Singapore artists who were very well collected by Caucasian collectors, but who in Singapore were a tough sell. CNNGo: And Art Stage Singapore will help these Singapore artists commercially? Tan: The aim of the Singapore platform of Art Stage SingapoWIDE MAGAZINE


Cu l t u r a

Singapore Art Stage

OOM Arte e politica Z

a Singapore

I dipinti dell’artista indonesiano Ronald Manullang

Presentazione dell’Art Stage di Singapore - 12, 16 Gennaio (SOTTO) Serie di dipinti dell’artista indonesiano Ronald Manullang, intitolate “Final Judgement” e “CHE” che ritraggono Adolf Hitler dal concepimento di un bimbo fino alla nascita e un’inusuale rappresentazione di Che Guevara

re is to showcase Singapore artists in an international context and also in a commercial context. I think contemporary art gets shown in Singapore primarily through museums and biennales, which are nonprofit platforms. So people here get the impression that contemporary art is not collectible, a perception that Art Stage is helping to change. CNNGo: Were the works of the Singapore artists shown at Art Stage specially commissioned for this event? Tan: Yes. Most of the eight artists are making new works for the exhibition. Only two works are not new I GENNAIO 2011

This year marks a big year for the arts in Singapore. And this week (January 12-16), the world’s eyes turn to the Little Red Dot as top art galleries, collectors and enthusiasts from around the world gather at Marina Bay Sands for prominent Asia-Pacific art fair, Art Stage Singapore, the first art fair of this magnitude in Singapore. Art critic, art historian and curator of the Singapore platform Eugene Tan -- who is presently the  director of special projects at the Singapore Economic Development Board (EDB) -- tells us why Singapore art needs this push.Art critic, art historian and curator of the Singapore platform Eugene Tan -who is presently the  director of special projects at the Singapore Economic Development Board (EDB) -- (EDB) .

-– video works by Ming Wong and Tzu Nyen, but they fit very well in the whole theme of the exhibition. I was given two to three months to pull the Singapore platform together and for video artists this is very little time to make new works. Jane Lee is making three new paintings, Donna Ong is making a new body of work comprising installation and sculpture, Ian Woo is making some new paintings, and Zhao Renhui -– he won the Young Artist Award in 2010 –- is creating a new body of work as well. CNNGo: Tell us a bit about the works Tan: Zhao Renhui’s work is very

interesting. He is presenting photographs based on changing migratory patterns of birds. He found out that migratory birds have been getting all confused and are flying north instead of south for the winter. One theory is that global warming has altered the magnetic fields of the world, which is disorienting birds. Zhao then worked with a few scientists to attach pinhole cameras to some birds and the photographic images in his artwork are the result of this. And another artist who will be presenting something very interesting is Tan Guo Liang, who has never .

27


28

WIDE MAGAZINE


W

MUSICA

MUSIC box

“STROKES in free dowbload”

N “SOLO” VENTISETTE TRACCE PER WOW E così sono tornati i Verdena come se fossero

andati da qualche parte, poi rintanati in un esilio pressochè eremitico volontario genetico ai piedi delle montagne.

P

di Alberto Asquini

arlare dei Verdena è sempre un po’ difficile. Vuoi perché nel bene e nel male hanno segnato l’ultimo quindicennio, vuoi perché la loro proposta si è decisamente evoluta nel tempo, vuoi perché si rischia di cadere nell’errore di vivere la questione seguendo dicotomie da universo indipendente. Non vi assillerò quindi con discorsi su quanto siano puri e indipendenti pur avendo autografato i contratti della Universal. Anche se, a ben vedere, i Verdena hanno sempre avuto una peculiarità: mai si sono immischiati nella giro “indie” italico, mantenedo fede ai propri propositi e comunicando pochissimo con l’esterno. Fatto sta che “Requiem”, non-naturale evoluzione de “Il suicidio del samurai”, aveva fatto registrare un bel centro, con annesso successo di pubblico e critica. Accade dunque che, nonostante tutto e tutti, forse i Verdena abbiano voluto ancora una volta sporcarsi le mani. Primo perché a piazzare un doppio da ventisette brani ci vuole comunque coraggio, secondo perché le carte vengono mescolate. Pezzi brevi, schizzate veloci con chitarre mai davvero troppo ingombranti. Pensate a Verdena e magari vi figurate concerti tiratissimi, sudore a fiotti et similia. Invece la scrittura si addolcisce notevolmente, a favore di strutture melodiche marcatamente pop. Accade allora che la prima metà di “Wow” scivoli via senza quasi l’impeto d’un tempo. I GENNAIO 2011

e l l a giornata di oggi, 9 feb-

chia data. Niente di rivoluzionario quindi, ma per conoscere la vera faccia di “Angles”

braio, gli Strokes metteranno a disposizione, attraverso il loro sito ufficiale, il singolo tratto dal loro nuovo disco. Il brano sarà disponibile per 48 ore e, come già annunciato, si intitola “Under Cover Of Darkness”, mentre il titolo del disco è “Angles” e la data di uscita è il 22 marzo. Gli Strokes sono finalmente pronti a tornare... Manca poco più di un mese alla pubblicazione di “Angles” e la band newyorchese sbarca in radio con il nuovo singolo “Under Cover Of Darkness”. Il brano, che la band di Casablancas ha messo a disposizione dei fan online, ricalca i suoni dei primi album, non deludento i fan di vec-

dovremo aspettare fino al 22 marzo prossimo. Nel corso del 2010, la band è tornata on the road e ha suonato come headline nei maggiori festival musicali degli Stati Uniti e del Regno Unito: Isle of Wight Festival, Lollapalooza, Hurricane Festival, Splendour In The Grass, Rockness, Outside Lands, e Austin City Limits. Speriamo di vederli anche dalle nostre parti nel corso del 2011! Il brano, che la band di Casablan-

cas ha messo a disposizione dei fan online, ricalca i suoni dei primi album, non deludento i fan di vecchia data. Niente di rivoluzionario quindi, ma per conoscere la vera faccia di “Angles” dovremo aspettare fino al 22 marzo prossimo. Nel corso del 2010, la band è tornata on the road e ha suonato come headline nei maggiori festival musicali degli Stati Uniti e del Regno Unito: Isle of Wight Festival, Lollapalooza, Hurricane Festival, Splendour In The Grass, Rockness, Outside Lands, e Austin City Limits. Speriamo di vederli anche dalle nostre parti nel corso del 2011! Nel corso del 2010, la band è tornata on the road e ha suonato come headline nei maggiori festival musicali degli Stati Uniti e del Regno Unito:

- JAMIROQUAI

- FOO FIGHTERS

- PRIMUS

Annunciate quattro date italiane del nuovo Tour dei Jamiroquai! Assago 21 marzo, Firenze 30 marzo, Mantova 12 aprile, Torino 15 aprile

Il 15 giugno nella prestigiosa Arena Fiera di Rho (Mi). Protagonisti assoluti di questa edizione i Foo Fighters!

Concerto in programma il 26 Giugno ai Dieci Gioni Suonati al Castello di Vigevano, mentre il il giorno seguente Roma li accoglierà all’Atlantico Live!

e venti

29


W

AUTO/MOTO

di Valerio Berruti

Salone di Ginevra sono attese molte novità, tra le quali diverse dal Gruppo Fiat - Chrysler, come la Fiat Freemont, primo esperimento di rebranding con Chrysler e le nuova ypsilon. (A SIN)

INTERNET E AUTO PER BMW É REALTÀ Al Salone di Ginevra la casa tedesca svela un prototipo che concentra tutte le possibilità attuali e future per collegarsi alla rete dalla propria vettura e anticipa le linee della roadster Z2

N

on mancheranno di certo le novità al Salone dell’Auto di Ginevra (3- 13 marzo) sia per quanto riguarda le vettura che la loro tecnologia. Una delle case più importanti del mondo coglie l’occasione della principale manifestazione automobilistica del periodo per presentare una novità che mette insieme sia l’una che l’altra: si tratta della BMW Vision Connected Drive Concept, anteprima mondiale che dimostra ancora una volta il potere innovativo della casa di Monaco di Baviera. La BMW Vision Connected Drive Concept è una roadster dal design all’avanguardia in grado di concentra le molteplici possibilità per collegarsi alla rete, diventando un elemento in movimento sempre connesso. Il desing della Vision ConnectedDrive concept è caratterizzato da larghe superfici, un parabrezza senza

30

cornice e ampie prese d’aria per dare la sensazione di un veicolo leggero, mentre la trasparenza della capotta posteriore simboleggia il doppio collegamento che c’è tra pilota e strada e tra la vettura e la rete con il flusso di informazioni che viaggia nella direzione opposta, quasi scivolandoci sopra. Le portiere con ogni probabilità dovrebbero essere elettro retrattili, in memoria della Z1. L’interno di questa due posti secchi è diviso tra pilota e passeggero da una consolle centrale dove sono sistemati i principali comandi, mentre la plancia è contraddistinta da uno schermo 3D che mostra tutte le informazioni della VCD e di marcia al guidatore. Oltre alla connessione alla rete, questa roadster futuristica permette un collegamento immediato allo smartphone avendo a disposizione tutte le sue applicazioni, messaggi e contatti attraverso una interfaccia sullo schermo.

W

NUOVA HONDA HORNET

La best seller della Casa giapponese In vendita a 7.790 euro c.i.m

P

resentata nel 1998 e oggetto di vari aggiornamenti nel corso degli anni, aveva subito una radicale rivisitazione nel 2007, di fronte alla quale più di qualcuno aveva storto il naso a causa di un design parecchio ardito. Oggi, con il m.y. 2011, Honda sceglie di proporre un netto family feeling con la CB1000R: linee tese, dunque, un aspetto più dinamico, gruppo ottico anteriore fortemente caratterizzante e codone affilato, con fanale posteriore a LED incassato. Tre le colorazioni disponibili: alla classica livrea nera si aggiunge il bianco perlato e il giallo, lo stesso che venne presentato sulla prima versione della Hornet. La lista degli accessori va dal parafango posteriore in tinta agli adesivi per le ruote, dal telo coprimoto alla borsa da codone, passando per un piccolo parabrezza e le manopole riscaldate. Per chi cerca un look più sportivo Honda Italia mette a disposizione la bella cover asportabile che rende la sella. WIDE MAGAZINE


W

LIBRI

Top Top

Top p oT

p oT

p oT

a cura di Brunella Schisa

1

Il ladro del silenzio Hage rowl - Garzanti

Un linguaggio narrativo capace di spaziare dal poetico al cinematografico, zoomando da quella sorta di scarafaggio interpretato dal protagonista agli eleganti uomini d’affari che attraversano la trama, sempre gestendo il tutto con impareggiabile brio e grande competenza. PP 265, EURO 15,00

2

Il circolo degli eretici S.J. Parris - Mondadori Tutti requisiti che ci sembra possedere ampiamente questo romanzo della Parris, un libro intelligente, sofisticato, eccezionalmente divertente, scritto con una propulsione narrativa inarrestabile e un fascino stilistico notevole. PP 347, EURO 22,00

3

Lei e lui Andre de Carlo - Bompiani

In un giorno di pioggia torrenziale Daniel Deserti, autore del bestseller internazionale “Lo sguardo della lepre” e di altri romanzi di minor successo, ubriaco e in piena crisi creativa, provoca un incidente con la sua vecchia Jaguar. Ferito e semiincosciente, viene soccorso dall’occupante dell’altra automobile, Clare Moiette, un’americana che vive in Italia da anni. PP 199, EURO 13,00

I GENNAIO 2011

KEN FOLLETT “LA CADUTA DEI GIGANTI La mano del maestro ci guiderà attraverso il XX secolo in quel mondo che credevamo di conoscere bene

di Sara Picardo

P

rimo volume della nuova trilogia ‘The Century’, è fissata per il 28 settembre 2010 l’uscita in contemporanea mondiale del nuovo grande romanzo di Ken Follett, LA CADUTA DEI ‘La caduta dei giganti’ (Fall of giants), GIGANTI Ken Follet uno sguardo approfondito sui destiMondadori 2011 ni di cinque famiglie che, attravereuro 25,00 so i drammi che hanno sconvolto il mondo, abbraccia un lungo periodo di tempo della nostra storia a partire Il romanzo, che verrà pubblicato nell’edizione italiana dalla casa editrice Mondadori, è un’opera ambiziosa, enciclopedica, più di mille pagine che servono all’autore per ricostruire con la solita abilità un’avvincente saga storica, intrecciando la grande Storia con la storia più piccola dei protagonisti che danno vita al romanzo, facendoli vivere, amare, lottare e soffrire, sullo sfondo dei grandi avvenimenti che hanno segnato il corso del Novecento.

s e g n a l i b ro

BARBARA KINGSOLVER E IL GRANDE ROMANZO AMERICANO

UN MONDO ALTROVE Barbara kingsolver Mondadori 2011 euro 21,00

Dopo nove anni da ‘Prodigal Summer’ (2002), un romanzo ecologico con tre storie d’amore ambientate nelle zone rurali del Kentucky, l’acclamata scrittrice americana Barbara Kingsolver, autrice tra l’altro del capolavoro ‘The Poisonwood Bible’ (1998) e, più recentemente, della guida a una sana vita alimentare ‘Animal, Vegetable, Miracle’ (2007), nel 2009 è tornata al grande romanzo americano con il volume ‘Un mondo altrove’ (The Lacuna), pubblicato in questi giorni in Italia dalla casa editrice Mondadori. Un viaggio epico attraverso la Storia, raccontato, per mano dell’autrice, con il garbo e la straordinaria sensibilità del protagonista, un uomo incapace di rinunciare al vezzo di “menzionare .

31


W

MODA

TALENTI EMERGENTI 2011 LA NUOVA ARTE IN MOSTRA Dal 19 febbraio al 1 maggio 2011 AL Centro di Cultura Contemporanea Strozzina, ora Fondazione Palazzo Strozzi (Firenze) ORARI: Da martedì a domenica, dalle 10.00 alle 20.00 Giovedì gratuito dalle 18.00 alle 23.00 Ingresso 5 euro Ridotto 4 euro

di Chiara Basciano

D

Luigi Presicce, La benedizione dei pavoni, 2010 Courtesy Luigi (SOTTO) Meris Angioletti, I describe the way and meanwhile I am proceeding along It - Scena I Presicce Per ulteriori informazioni: www.strozzina.org/

opo il successo di Open Studio, il CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina, continua ad interessarsi all'arte giovane, tramite un concorso importante come Talenti Emergenti 2011. Giunto alla sua seconda edizione, attira l'interesse di artisti che non vedono l'ora di affermarsi nel mondo dell'arte, ma anche di critici e curatori, sempre a caccia di nuovi talenti. Non vi sono limiti di forma, qualsiasi tipo di arte è la benvenuta, basta che il modo di esprimersi sia personale tanto da far individuare la poetica che sta dietro la singola opera. Gli artisti selezionati sono sedici e provengono da tutta Italia, pur vivendo, molto di loro, all'estero, e utilizzano tecniche molto diverse, si va dai disegni minimalisti di Patrizio Di Massimo ai ricchi dipinti su tessuto di Rossana Buremi, dalle fumettistiche aerografie del gruppo Invernomuto, alle composizioni fatte con frammenti di vetro di Margherita Moscardini. Molte le installazioni, i video e anche le opere che è difficile catalogare, perché commistione tra le arti, a dimostrazione della grande creatività degli artisti selezionati. Ma il concorso è anche occasione di approfondimento, grazie ad una serie di incontri che affrontano le tematiche delle opere esposte, i giovedì dal 24 febbraio al 14 aprile. I sedici giovani artisti sono stati selezionati da curatori italiani molto importanti: Luca Massimo Barbero (MACRO, Roma), Chiara Bertola (Han-

32

gar Bicocca, Milano), Andrea Bruciati (GC.AC, Monfalcone) e Giacinto Di Pietrantonio (GAMeC, Bergamo), mentre il vincitore sarà scelto da una giuria internazionale - composta da Achim Borchardt-Hume (Whitechapel Gallery, Londra), Barbara Gordon (Hirshhorn Museum, Washington D.C.) e Adam Szymczyk (Kunsthalle Basel) - e verrà decretato il 19 febbraio, giorno d'inaugurazione della mostra. Il premio consiste nella prestigiosa pubblicazione di una monografia da parte di Silvana Editore, oltre a, naturalmente, molta visibilità nel mondo dell'arte. WIDE MAGAZINE


MODA

+ STILI

JEAN P. GAULTIER Tra le note di “My Way” cantata da Sid Vicious ha sfilato la collezione haute couture Primavera Estate 2011 di Jean Paul Gaultier. L’anima è punk, quello puro, con tanto di pelle e tulle nero, creste colorate, trucco pesante, ma il tutto condito da una grande sartorialità. Tuxedo maschili, cocktail dress (molto sexy), tailleur indossati con calze a rete, trasparenze ricamate, drappeggi, rouches. VALENTINO Pochi volant, pochissime ruches, piccoli decori d’argento, Pier Paolo Piccioli e Maria Grazia Chiuri per la collezione Valentino haute couture, abbandonano tutto ciò che c’è di scenografico a favore di una leggerezza impalpabile. Chemisier effetto nudo, cappotti di piume, abiti a sirena, ad A, pizzo cluny, organza e chiffo CHRISTIAN DIOR René Grau è la mente creativa che alla fine degli anni ‘40 disegnò la pubblicità per il profumo della maison, e a questo grande disegnatore, John Galliano ha voluto rendere omaggio con la collezione Christian Dior Primavera Estate 2011. In scena l’eleganza anni ‘40 dai volumi importanti, dagli abiti da gran ballo a corte, resi unici da un mare di tulle e gonne aderenti collezione

a cura di Francesca Vitali I GENNAIO 2011

KARL LAGERFIELD SBARCA A ROMA

La mostra, portata in città da Fendi, è patrocinata da Altaroma. Vita privata e talento da ritrattista di un vero “artigiano della lente”

di Ilaria Brulante

L

uce rarefatta, atmosfera estenuata, pose e pallori decadenti. Si definisce “un acrobata, un camaleonte, un raffinato voyeur” Karl Lagerfeld, e quello che dice di sé come stilista si adatta perfettamente anche al suo “secondo lavoro” di fotografo: “Sono un ninfomane della moda che non raggiunge mai l’orgasmo, sono un eterno insoddisfatto”. Non vive senza macchina fotografica: “La fotografia - spiega - rappresenta la quadratura del cerchio delle mie “ansie” artistiche e professionali”. Vernissage molto mondano, ieri sera, al Chiostro del Bramante della mostra fotografica “Karl Lagerfeld. Percorso di lavoro”, proveniente dalla Maison Européenne de la Photographie di Parigi. Portata a Roma da Fendi e patrocinata da Altaroma, racconta le rotte incrociate tra la vita privata non poi così segreta del signor Lagerfeld e il suo lavoro di ritrattista ma soprattutto di fotografo di importanti e costosissime campagne pubblicitarie, per esempio per Fendi e per Chanel. Per far conoscere al grande pubblico un altro lato dello stilista Karl Lagerfled arriva a Roma dopo il successo avuto presso la Maison Européenne de la Photographie di Parigi - presso il Chiostro del Bramante la mostra “Karl Lagerfeld. Percorso di lavoro” fino al 10 aprile 2011, con il sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale. Gli scatti realizzati dall’ar tista, dal 1987 fino ad oggi, mettono in evidenza una passione che ha accompagnato lo stilista lungo tutta la sua vita. Foto di moda, per la pubblicità, ma anche di viaggi e di vita familiare, per un panorama completo che mostra . la versatilità dell’autore. Karl Lagerfeld

33


OROSCOPO

di Rob Breszny - dal 11 / 17 febbraio 2011 -

ACQUARIO

ARIETE

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

BILANCIA 20 gennaio – 18 febbraio

Quando sentono parlare di tantra, alcuni occidentali pensano che sia una parola in codice new age per il sesso scatenato. Ma nel suo significato originario il tantra è una filosofia che invoca l’unione spirituale con tutto il creato, non solo l’unione erotica con un partner attraente. Chi pratica il tantra può anche metaforicamente fare l’amore con lucertole, betulle, nuvole, tostapane, fiumi e amici stravaganti. Ti consiglio di provare ad assumere questa prospettiva, Acquario.

“Prima di amarti, nulla era mio”, scrive Pablo Neruda all’amata in uno dei suoi sonetti. “Tutto apparteneva a qualcun altro, a nessuno”. Hai mai provato la sensazione di essere così diseredato, Ariete? E hai mai fantasticato di poter porre rimedio a questo vuoto con la presenza di un compagno speciale? La prossima settimana ti auguro di vivere questa consolante esperienza. Anzi, ti anticipo che succederà. Felice sballo di san Valentino!

Se sei troppo serio nel cercare i piaceri dell’amore, non avrai mai quello che vuoi. Per ispirarti, ti presento il vincitore del Bulwer-Lytton fiction contest dell’anno scorso. È stato giudicato il peggiore incipit per un romanzo, ma è perfetto per il compito che ti ho assegnato: “Nel primo mese della loro relazione, Ricardo e Felicity si salutarono a ogni appuntamento rubato con un bacio, un lungo bacio vorace.

GEMELLI

SCORPIONE

CANCRO

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

Felice sballo di san Valentino, Gemelli! Ecco la mia ricetta per sfruttare al meglio le correnti cosmiche del momento: cerca di essere sobriamente affascinante, astutamente carismatico, innocentemente provocante e serenamente scatenato. Dimostra quanto è sexy essere sublimemente rilassati. Fa un uso giudizioso dei piccoli atti di amichevole malizia.

In questa stagione di san Valentino hai buone probabilità di introdurre più lirismo nelle tue relazioni intime. Per stimolarti in questo nobile impegno, prenderò in prestito questo libero adattamento di una poesia di André Breton: “Il tuo collo è orzo perlato. I tuoi capelli sono un fuoco di legna.

Nella tua storia d’amore si mescolano elementi di farsa, di soap opera, di fiaba e di storia di fantasmi. Per una persona normale, potrebbe essere troppo intensa e complicata da affrontare. Per fortuna, in questi giorni non sei un essere umano normale, e non sei particolarmente sano di mente. Ecco perché ti dico: vivi questa storia tortuosa per quello che vale.

LEONE

PESCI

SAGITTARIO

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

“Penso, dunque sono”, diceva Cartesio. Ma avrebbe potuto anche dire: “Sento, dunque sono”. Durante questa stagione di san Valentino, ti consiglio di porre l’accento su questa seconda prova di esistenza. È più probabile che i tuoi rapporti intimi prosperino se li libererai dall’eccessiva razionalità e li lubrificherai con un’abbondante dose di contatti trans-razionali. Svuota la testa da ogni astrazione, opinione e teoria.

In molti dei matrimoni ai quali sono stato invitato, i due piccioncini hanno suggellato i loro voti con un casto bacio, un gesto formale privo di qualsiasi passione spontanea. Ma in un matrimonio a cui sono stato di recente, i novelli sposi sono stati molto più disinibiti. Si sono baciati sulla bocca in un lungo abbraccio accompagnato da vari palpeggiamenti.

“L’amore che balbetta spesso è quello che ama di più”, ha scritto la poetessa Gabriela Mistral. Questo è un tema importante da tenere presente durante la stagione degli amori. Come amante, non devi vantarti di sapere perfettamente come procedere, né essere troppo sicuro di te nell’affrontare ogni sfumatura del rapporto sentimentale , ma piuttosto avanzare umilmente, conducendo un esperimento dopo l’altro, cercando di far scoccare la scintilla, di scatenare il diluvio.

VERGINE

TORO

CAPRICORNO

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

20 gennaio – 18 febbraio

Felice sballo di san Valentino, Vergine! Qual è il modo migliore per celebrare la stagione degli amori? In conformità con i presagi astrali, ecco un buon suggerimento: scrivi poesie haiku su foglietti di carta rossa e lasciali in giro affinché li trovi una persona speciale. Puoi prendere in prestito questi esempil’aria che hai toccato”.

Conosci bene il desiderio inesauribile che hai dentro di te. Sei sempre consapevole della tua fame primordiale di amore e di rapporti. Ma la cosa triste è che spesso li consideri un problema, un punto debole che ti rende vulnerabile. Quest’anno per san Valentino ti prego di cambiare atteggiamento.

Prendendo in prestito le parole della poetessa Amy Lowell, ho creato il nucleo di un biglietto amoroso che potresti usare. Sentiti libero di regalare queste parole a una persona il cui destino vorresti fosse più intimamente intrecciato con il tuo. “La tua ombra è chiaro di luna su un piatto d’argento, i tuoi passi.

Compiti per tutti. Qual è l’unica cosa di te che potresti cambiare per migliorare la tua vita amorosa? 34

WIDE MAGAZINE


rivista