Page 1

pORTFOLIO Di Alessandro Carteni’


Alessandro Cartenì 9 febbraio 1987, Gallipoli Email: Arch.Carteni@hotmail.com 328/5494684

curriculum vitae

Formazione Universitaria Laurea Triennale in Scienze dell’Architettura e della Città, presso la facoltà di Architettura “Valle Giulia” dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, voto 93/110 a.a. 2014/2015

2017_Tesi di Laurea Magistrale “Il Turismo Lento come modello di sviluppo territoriale. Progetto di riuso dell’ “Ex Villaggio del Fanciullo” di Giorgino a Cagliari. relatrice Professoressa Barbara Cadeddu.

Laurea Magistrale in Architettura, indirizzo “Costruzioni”, presso la facoltà di “Ingegneria e Architettura”, dell’Università degli Studi di Cagliari, voto 105/110 a.a. 2016/2017

Esperienze

Software | Competenze

2013_Tirocinio formativo presso lo studio di architettura dell’architetto Giuseppe Capoti, con mansione di assistente nel rilievo metrico, restituzione e progettazione grafica, supporto cantiere.

Autodesk Autocad Autodesk Revit Autodesk 3d Studio Max

2014_Workshop in Pianificazione del paesaggio, studio Leaf Landscape, Roma.

Adobe Photoshop Adobe Illustrator Adobe InDesigne

2015_Tesi di laurea Triennale “Rigenerazione del Waterfront e della mobilità del comune di Gallipoli,”relatore Professor Carlo Valorani. 2017_Tirocinio Curriculare presso l’Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica, Servizio Demanio e Patrimonio, della Regione Autonoma Sardegna, con varie mansioni.

Rhinoceros +V-Ray Sketchup + V-Ray Pacchetto office + Microsoft Project


Architettonico


Progetto per un complesso residenziale a Monserrato, Cagliari. Il progetto è sviluppato nel comune di Monserrato, tra via Cesare Cabras e il parco che delimita l’area. L’idea è quella di creare tre isolati che mettano in comunicazione la città e il parco; l’obbiettivo è stato perseguito ricercando geometrie che possano creare diversi spazi sociali, alcuni verso la strada principale con uso prettamente pubblico, ed altri all’interno delle corti con orientamento verso il parco di carattere più riservato, mantenendo comunque le caratteristiche di uno spazio semipublico permeabile e fruibile.


Il progetto prevede varie tipologie di residenze per un uso misto del complesso. Al piano terra sono previste le attivitĂ commerciali e i servizi. Il complesso si suddivide in volumi a quattro piani dove si trovano le residenze, di varie tipologie, e gli uffici. Perpendicolare a questi troviamo dgli appartamenti di tipo “duplexâ€? a schiera con ballatoio coperto con una vetrata continua. Per sistema tecnologico per la schermatura e la privacy degli ambienti si è pensato ad un sistema a doppia pelle,con frangisole regolabili.


Progetto di riuso dell’ex “Villaggio del fanciullo”, Cagliari. Il progetto ha come tema principale il “Riuso”, nello specifico si è intervenuti su un edificio dismesso, che non presenta alcun interesse storico-culturale, in forte stato di degrado, situato in un contesto “fragile” come quello costiero e delle aree umide di Cagliari. Sfruttando la sua posizione in prossimità del Cammino religioso di Sant’Efisio, si è scelto di destinare la struttura all’accoglienza e al ristoro dei religiosi.


Il progetto propone la realizzazione di una struttura ricettiva capace di ospitare fino a cinquanta persone all’interno di camere di diverse tipologie. Annessa alla struttura, è prevista la realizzazione di un’area ristoro, una sala conferenze, una piccola area per la cura, il benessere e il riposo, una sala per eventi e mostre temporanee, la sistemazione a verde dell’area esterna. Gli interventi che riguardano l’assetto murario dell’edificio, sono minimi, concepiti per l’adeguamento funzionale degli ambienti del complesso, cercando quanto più possibile di organizzare i blocchi per destinazione d’uso. La proposta funzionale prevede una suddivisione degli spazi esterni al piano terra dell’edificio, per creare zone pubbliche e private. Nella zona pubblica è previsto l’inserimento di un frutteto e di un orto per l’autoproduzione a servizio delle aree ristoro, un’area per la meditazione e il relax, una di queste caratterizzata da una piazza d’acqua che possa essere utilizzata piena d’estate e vuota d’inverno, divenendo una piazza. La zona esterna privata è concepita per garantire la privacy degli uten delle camere che si trovano al piano terra, tramite l’utilizzo di patii che vengono inseriti sulla facciata dell’edificio in corrispondenza degli alloggi. Questi elementi sono caratterizza sul lato nord-ovest, da bucature sul fronte per garantire maggiore illuminazione degli ambienti , sul lato sud- est, da brisè soleil a tutti ’altezza, che oltre a garantire una buona illuminazione, fanno da schermo alla radiazione solare che risulta elevata nel periodo estivo. Per quanto riguarda gli interni, la proposta prevede 25 camere da letto, di cui 6 singole, 15 doppie e 4 triple, tutte dotate di servizi igenici, un’area ristoro e una zona bar, concepite per ospitare anche i clienti esterni (pellegrini o viaggiatori), una zona per il benessere e il relax dei pellegrini, una sala conferenze, una sala polifunzionale nei locali della vecchia chiesa per ospiare mostre ed eventi, una sala per il personale, magazzini e lavanderia.


Restauro


RILIEVO E RESTAURO

2.50

MODULO RILIEVO 1.80

2.20

Progetto di rilievo e restauro di un’unità abitativa del quartiere Castello a Cagliari. DOCENTE: Prof. Vincenzo Bagnolo

0.35 1.1

COLLABORATORI: Arch. Ferdinando Bifulco Ing. Cristina Vanini

1.8

1.1

1.8

1.1

1.0

2.12

Canna Aragonese

Allineamento finestre

Sezione aurea

8,32

Il progetto si è interessato del rilievo di un isolato urbano nel quartiere storico di Castello a Cagliari e del successivo restauro di un’unità abiativa. STUDENTI: Alessandro Carteni Giampaolo Mugheddu Eleonora Betteghella

CAGLIARI QUARTIERE CASTELLO ISOLATO N. 26 copertura inclinata con manto in coppi

copertura inclinata con altro tipo di manto

TAV. N. 06 RILIEVO UE

onduline

Eidotipo pianta con trilaterazione Pianta rilievo scala 1:100 Fotopiano Rilievo geom./ architettonico prospetto Analisi mensoria e geom. proporzionale

copertura piana

lucernario

aree cortilizie coperte

aree cortilizie

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ARCHITETTURA

02

aree libere, non pertinenti ad altre UMI

03

01

04 06 07

delimitazione delle UMI 12

08 09

13 14

15

10

19 25

24

05

A.A. 2015/16

11

16

17

delimitazione della UMI di studio 18

UNIVERSITÀ DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA E ARCHITETTURA

21 22

23

LABORATORIO INTEGRATO DI RILIEVO E RESTAURO

2.50

Schizzo prospettico MODULO RILIEVO

20

26

27 1.80

2.20

Scala 1:50

DOCENTE: Prof. Vincenzo Bagnolo 0.35 1.1

COLLABORATORI: Arch. Ferdinando Bifulco Ing. Cristina Vanini

CAGLIARI QUARTIERE CASTELLO ISOLATO N. 26

TAV. N. 06 RILIEVO UE Eidotipo pianta con trilaterazione Pianta rilievo scala 1:100 Fotopiano Rilievo geom./ architettonico prospetto Analisi mensoria e geom. proporzionale

02 03 04 06 07

12

08 09

13 14

15

18 19 25

24

N 0

5

10 m

10

05

11

16

17

21 22

23

Schizzo prospettico

20

26

1.1

8,32

STUDENTI: Alessandro Carteni Giampaolo Mugheddu Eleonora Betteghella

01

1.8

27

1.8

1.1

1.0

2.12

Allineamento finestre

Canna A


䐀䔀匀䌀刀䤀娀䤀伀一䔀 䤀一吀䔀刀嘀䔀一吀伀 

 䘀伀吀伀刀䄀䐀䐀刀䤀娀娀䄀䴀䔀一吀伀

 刀䤀䰀䤀䔀嘀伀 䄀刀䌀䠀䤀吀䔀吀吀伀一䤀䌀伀

 䄀一䄀䰀䤀匀䤀 匀吀刀䄀吀䤀䜀刀䄀䘀䤀䌀䄀 䔀 䐀䤀䄀䜀一伀匀吀䤀䌀䄀

 匀䤀一吀䔀匀䤀 䴀䄀吀䔀刀䤀䌀伀 ⴀ 䐀䔀䜀刀䄀䐀伀

 䤀一吀䔀刀嘀䔀一吀伀 䐀䤀 刀䔀匀吀䄀唀刀伀

 䘀伀吀伀匀䤀䴀唀䰀䄀娀䤀伀一䔀

 䐀䤀䄀䜀一伀匀吀䤀䌀䄀 䰀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 瀀爀攀猀攀渀琀愀 渀甀洀攀爀漀猀攀 洀愀挀挀栀椀攀 渀攀氀 洀愀琀攀爀椀愀氀攀  氀愀瀀椀搀攀漀 搀攀氀 瀀椀愀渀漀 琀攀爀爀愀 挀愀甀猀愀琀攀 瀀爀漀戀愀戀椀氀洀攀渀琀攀 搀愀氀氀ᤠ甀洀椀ⴀ 搀椀琀Ⰰ 愀椀 瀀椀愀渀椀 猀甀瀀攀爀椀漀爀椀 椀渀瘀攀挀攀 椀渀 愀氀挀甀渀攀 瀀漀爀稀椀漀渀椀 搀攀氀 瀀爀漀ⴀ 猀瀀攀琀琀漀 搀攀氀氀ᤠ攀搀椀挀椀漀 琀爀漀瘀椀愀洀漀 搀攀氀 搀椀猀琀愀挀挀漀 搀攀氀氀愀 琀椀渀琀攀渀最椀愀琀甀爀愀  搀愀氀氀漀 猀琀爀愀琀漀 搀椀  渀椀琀甀爀愀 搀攀氀氀ᤠ椀渀琀漀渀愀挀漀⸀ 䰀ᤠ椀渀琀攀爀漀 攀搀椀椀挀椀漀  瀀爀攀猀攀渀琀愀 渀甀洀攀爀漀猀攀 愀氀琀攀爀愀稀椀漀渀椀 挀爀漀洀愀琀椀挀栀攀 搀漀瘀甀琀攀 瀀爀漀戀愀ⴀ 戀椀氀洀攀渀琀攀 愀最氀椀 愀最攀渀琀椀 愀琀洀漀猀昀攀爀椀挀椀Ⰰ 椀渀 瀀愀爀琀椀挀漀氀愀爀攀 渀攀氀氀愀 昀愀猀挀椀愀  搀椀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 琀爀愀 椀氀 琀攀爀稀漀 攀 焀甀愀爀琀漀 瀀椀愀渀漀Ⰰ 椀渀 挀甀椀 爀椀琀爀漀瘀椀愀洀漀  愀渀挀栀攀 搀攀氀氀愀 瀀愀琀椀渀愀 戀椀漀氀漀最椀挀愀⸀ 䄀瀀瀀愀爀攀 椀渀漀氀琀爀攀 攀瘀椀搀攀渀琀攀 椀氀  搀攀最爀愀搀漀 搀椀 琀椀瀀漀 愀渀琀爀漀瀀椀挀漀 挀栀攀 猀椀 爀椀瀀攀爀焀甀漀琀攀 猀甀 漀最渀椀 氀椀瘀攀氀氀漀  搀攀氀氀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀Ⰰ 搀漀瘀甀琀椀 愀氀 瀀愀猀猀愀最最椀漀 搀椀 挀愀瘀椀 攀氀攀琀琀爀椀挀椀 漀 挀愀渀愀氀椀  搀ᤠ椀洀瀀椀愀渀琀椀Ⰰ 愀 挀愀甀猀愀 搀攀氀 瀀愀猀猀愀最最椀漀 搀椀 焀甀攀猀琀椀 愀戀戀椀愀洀漀 椀渀漀氀琀爀攀  甀渀愀 洀愀渀挀愀渀稀愀 渀攀氀氀愀 昀愀猀挀椀愀 搀椀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 琀爀愀 椀氀 瀀椀愀渀漀 琀攀爀爀愀 攀  椀氀 瀀爀椀洀漀 瀀椀愀渀漀⸀ 䤀渀渀渀攀 椀 瀀愀爀愀瀀攀琀琀椀 渀漀渀 栀愀渀渀漀 甀渀 搀椀猀攀最渀漀  甀渀椀琀愀爀椀漀 琀爀愀 氀漀爀漀

䴀䄀吀䔀刀䤀䄀䰀䤀

䤀一吀䔀刀嘀䔀一吀伀

䤀氀 瀀椀愀渀漀 琀攀爀爀愀 瀀爀攀猀攀渀琀愀 甀渀愀 稀漀挀挀漀氀愀琀甀爀愀 椀渀 挀漀渀挀椀 搀椀 瀀椀攀琀爀愀  猀焀甀愀搀爀愀琀椀 洀攀渀琀爀攀 椀 瀀椀愀渀椀 猀甀瀀攀爀椀漀爀椀 猀漀渀漀 椀渀琀攀爀愀洀攀渀琀攀 琀椀渀琀攀最ⴀ 最椀愀琀椀 搀椀 最椀愀氀氀漀 挀漀渀 搀攀氀氀攀 昀愀猀挀攀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 挀栀攀 栀愀渀渀漀 甀渀愀  挀漀氀漀爀愀稀椀漀渀攀 最爀椀最椀愀Ⰰ  氀攀 昀愀猀挀攀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 猀漀渀漀 椀渀漀氀琀爀攀 甀氀琀攀ⴀ 爀椀漀爀洀攀渀琀攀 搀攀挀漀爀愀琀攀 挀漀渀 搀攀氀氀攀 昀愀猀挀攀 椀渀 洀愀爀洀漀⸀ 䤀 瀀漀爀琀漀渀椀  搀ᤠ椀渀最爀攀猀猀漀 猀漀渀漀 爀攀愀氀椀稀稀愀琀椀 椀渀 氀攀最渀漀Ⰰ 椀渀 瀀愀爀琀椀挀漀氀愀爀攀 椀 搀甀攀  氀愀琀攀爀愀氀椀 栀愀渀渀漀 甀渀 愀渀琀愀 攀 洀攀稀稀愀 洀攀渀琀爀攀 焀甀攀氀氀愀 挀攀渀琀爀愀氀攀  愀  搀甀攀 愀渀琀攀⸀ 䜀氀椀 椀渀渀猀猀椀 愀椀 瀀椀愀渀椀 猀甀瀀攀爀椀漀爀椀 猀漀渀漀 猀攀洀瀀爀攀 愀 搀甀攀  愀渀琀攀 挀漀渀 甀渀 琀攀氀愀椀漀 椀渀 氀攀最渀漀Ⰰ 愀氀 瀀爀椀洀漀 攀 愀氀氀ᤠ甀氀琀椀洀漀 瀀椀愀渀漀  焀甀攀猀琀椀 猀漀渀漀 椀渀漀氀琀爀攀 洀甀渀椀琀椀 搀椀 瀀攀爀猀椀愀渀攀 愀渀挀栀ᤠ攀猀猀攀  椀渀 氀攀最渀漀⸀ 䤀  戀愀氀挀漀渀椀 猀漀渀漀 爀攀愀氀椀稀稀愀琀椀 挀漀渀 洀攀渀猀漀氀攀 椀渀 瀀椀攀琀爀愀  攀 洀愀爀洀漀 瀀爀攀ⴀ 猀攀渀琀愀渀漀 搀攀椀 瀀愀爀愀瀀攀琀琀椀 椀渀 昀攀爀爀漀 戀愀琀琀甀琀漀 搀攀挀漀爀愀琀漀Ⰰ 挀栀攀 猀椀  攀猀琀攀渀搀漀渀漀 瀀攀爀 氀ᤠ椀渀琀攀爀愀 氀愀爀最栀攀稀稀愀 搀攀氀氀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 猀漀氀愀洀攀渀琀攀  愀最氀椀 甀氀琀椀洀椀 搀甀攀 氀椀瘀攀氀氀椀⸀ 䰀愀 琀爀愀洀愀 搀攀氀氀愀 搀攀挀漀爀愀稀椀漀渀攀 搀攀椀 瀀愀爀愀 瀀攀琀琀椀 渀漀渀  洀愀椀 氀愀 猀琀攀猀猀愀⸀

匀椀 椀渀琀攀渀搀攀 漀瀀攀爀愀爀攀 甀渀愀 爀愀猀挀栀椀愀琀甀爀愀 琀漀琀愀氀攀 搀攀氀氀攀 琀椀渀琀攀 攀 氀愀  猀甀挀挀攀猀猀椀瘀愀 椀渀琀攀最爀愀稀椀漀渀攀 挀爀漀洀愀琀椀挀愀 瀀攀爀 爀椀猀漀氀瘀攀爀攀 椀氀 瀀爀漀戀氀攀洀愀  搀攀氀 搀椀猀琀愀挀挀漀 搀攀氀氀愀 琀椀渀琀攀最最椀愀琀甀爀愀⸀ 倀攀爀 焀甀愀渀琀漀 爀椀最甀愀爀搀愀 椀氀 洀愀琀攀爀椀愀氀攀 氀愀瀀椀搀攀漀 挀栀攀 爀椀瘀攀猀琀攀 椀氀 瀀椀愀渀漀  琀攀爀爀愀Ⰰ 猀椀  瀀攀渀猀愀琀漀 搀椀 愀猀瀀漀爀琀愀爀攀 琀愀氀攀 洀愀琀攀爀椀愀氀攀 攀 爀椀瀀甀氀椀爀氀漀 瀀攀爀  瀀漀椀 爀椀洀漀渀琀愀爀氀漀Ⰰ 瀀爀椀洀愀 搀椀 挀椀 瀀攀爀 猀愀爀 攀û攀琀琀甀愀琀愀 氀ᤠ愀猀瀀漀爀琀愀稀椀ⴀ 漀渀攀 搀攀氀氀ᤠ椀渀琀漀渀愀挀漀 猀漀琀琀漀猀琀愀渀琀攀Ⰰ 挀栀攀 瘀攀爀爀 猀漀猀琀椀琀甀椀琀漀 搀愀 甀渀  椀渀琀漀渀愀挀漀 洀愀挀爀漀瀀漀爀漀猀漀Ⰰ 椀氀 焀甀愀氀攀 爀椀猀漀氀瘀攀爀 椀氀 瀀爀漀戀氀攀洀愀  搀攀氀氀ᤠ甀洀椀搀椀琀 搀椀 爀椀猀愀氀椀琀愀⸀ 䄀瀀瀀爀漀漀琀琀愀渀搀漀 搀椀 焀甀攀猀琀ᤠ漀瀀攀爀愀稀椀漀渀攀Ⰰ 猀椀 椀渀琀攀渀搀攀 椀渀漀氀琀爀攀 爀愀稀椀漀ⴀ 䄀瀀瀀爀漀漀琀琀愀渀搀漀 搀椀 焀甀攀猀琀ᤠ漀瀀攀爀愀稀椀漀渀攀Ⰰ 猀椀 椀渀琀攀渀搀攀 椀渀漀氀琀爀攀 爀愀稀椀漀 渀愀氀椀稀稀愀爀攀 氀攀 琀甀戀愀稀椀漀渀椀 搀攀氀氀ᤠ椀洀瀀椀愀渀琀漀 搀攀氀 最愀猀Ⰰ 挀栀攀 愀氀  洀漀洀攀渀琀漀 猀椀 琀爀漀瘀愀渀漀 椀渀 洀攀稀稀漀 愀氀 瀀爀漀猀瀀攀琀琀漀 攀 挀栀攀 漀氀琀爀攀 愀  爀愀瀀瀀爀攀猀攀渀琀愀爀攀 甀渀 攀氀攀洀攀渀琀漀 搀椀 搀椀猀琀甀爀戀漀 瘀椀猀椀瘀漀Ⰰ 椀渀琀攀爀爀漀洀ⴀ 瀀漀渀漀 氀愀 昀愀猀挀椀愀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 椀渀 洀愀爀洀漀 瀀漀猀琀愀 昀爀愀 椀 搀甀攀 瀀椀愀渀椀⸀ 匀椀   椀渀昀愀琀琀椀 瀀攀渀猀愀琀漀 搀椀 猀椀猀琀攀洀愀爀攀 琀愀氀攀 琀甀戀愀稀椀漀渀攀 搀椀攀琀爀漀 椀氀 爀椀瘀攀猀琀椀ⴀ 洀攀渀琀漀 氀愀瀀椀搀攀漀⸀ 䌀漀猀 昀愀挀攀渀搀漀 猀愀爀 瀀漀猀猀椀戀椀氀攀 爀椀瀀爀椀猀琀椀渀愀爀攀  愀渀挀栀攀 氀愀 瀀愀爀琀攀 搀椀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 椀渀 洀愀爀洀漀 挀栀攀  猀琀愀琀愀 愀猀瀀漀爀ⴀ 琀愀琀愀 瀀攀爀 瀀攀爀洀攀琀琀攀爀攀 椀氀 瀀愀猀猀愀最最椀漀 搀攀氀氀愀 琀甀戀愀稀椀漀渀攀⸀ 䄀氀琀爀漀 椀渀琀攀爀瘀攀渀琀漀 挀栀攀 猀椀 椀渀琀攀渀搀攀 挀漀洀瀀椀攀爀攀  氀ᤠ甀渀椀昀漀爀洀愀稀椀漀渀攀  搀攀最氀椀 椀渀渀猀猀椀Ⰰ 挀椀漀 爀椀瀀漀爀琀愀爀攀 愀氀氀愀 琀椀瀀漀氀漀最椀愀 漀爀椀最椀渀愀氀攀Ⰰ 漀猀猀椀愀  焀甀攀氀氀攀 瀀爀攀猀攀渀琀攀 愀氀 猀攀挀漀渀搀漀 攀搀 愀氀 琀攀爀稀漀 瀀椀愀渀漀Ⰰ 琀甀琀琀椀 最氀椀 椀渀渀猀猀椀⸀  儀甀攀氀氀椀 搀攀氀 瀀爀椀洀漀 瀀椀愀渀漀Ⰰ 瀀甀爀 攀猀猀攀渀搀漀 椀渀 氀攀最渀漀Ⰰ 猀漀渀漀 搀椀瘀攀爀猀椀  瀀攀爀 洀漀爀昀漀氀漀最椀愀Ⰰ 椀渀 焀甀愀渀琀漀 猀漀渀漀 挀愀爀愀琀琀攀爀椀稀稀愀琀椀 搀愀 猀椀猀琀攀洀椀 搀椀  漀洀戀爀攀最最椀愀洀攀渀琀漀 愀 瀀攀爀猀椀愀渀攀 攀猀琀攀爀渀攀Ⰰ 洀攀渀琀爀攀 最氀椀 愀氀琀爀椀 搀愀  猀挀甀爀椀 椀渀琀攀爀渀椀⸀ 䄀渀挀栀攀 焀甀攀氀氀椀 搀攀氀氀ᤠ甀氀琀椀洀漀 瀀椀愀渀漀 瀀爀攀猀攀渀琀愀渀漀 氀愀  洀攀搀攀猀椀洀愀 洀漀爀昀漀氀漀最椀愀 洀愀 搀椀û攀爀椀猀挀漀渀漀 渀攀氀 洀愀琀攀爀椀愀氀攀Ⰰ 瀀漀椀挀栀  猀漀渀漀 椀渀 愀氀氀甀洀椀渀椀漀 愀渀挀栀攀 猀攀 渀攀氀氀愀 挀漀氀漀爀愀稀椀漀渀攀 洀椀洀愀 氀愀 琀爀愀洀愀  搀攀氀 氀攀最渀漀⸀ 匀愀爀 椀渀漀氀琀爀攀 攀û攀琀琀甀愀琀愀 氀愀 爀椀洀漀稀椀漀渀攀 搀攀氀氀愀 瀀愀琀椀渀愀 戀椀漀氀漀最椀挀愀  挀栀攀 挀愀爀愀琀琀攀爀椀稀稀愀 椀氀 挀漀爀渀椀挀椀漀渀攀 挀栀攀 昀愀 搀愀 洀愀爀挀愀瀀椀愀渀漀 昀爀愀 椀氀  琀攀爀稀漀 攀搀 椀氀 焀甀愀爀琀漀 瀀椀愀渀漀⸀ 䤀渀渀渀攀 猀椀 琀爀愀琀琀攀爀 椀氀 搀攀最爀愀搀漀 愀渀琀爀漀瀀椀挀漀Ⰰ 椀渀 瀀愀爀琀椀挀漀氀愀爀攀 猀愀爀  攀û攀琀琀甀愀琀愀 氀愀 爀愀稀椀漀渀愀氀椀稀稀愀稀椀漀渀攀 搀攀最氀椀 椀洀瀀椀愀渀琀椀 攀氀攀琀琀爀椀挀椀 攀 氀愀  爀椀洀漀稀椀漀渀攀 搀攀椀  氀椀 瀀攀爀 猀琀攀渀搀攀爀攀 椀 瀀愀渀渀椀Ⰰ 椀 焀甀愀氀椀 愀氀 洀漀洀攀渀琀漀Ⰰ  搀愀渀渀漀 甀渀 愀猀瀀攀琀琀漀 挀愀漀琀椀挀漀 愀氀 瀀爀漀猀瀀攀琀琀漀⸀

 䴀䄀吀䔀刀䤀䌀伀 ⴀ 䐀䔀䜀刀䄀䐀伀

嘀椀愀 䌀愀渀攀氀氀攀猀 ㄀㈀ⴀ㄀㐀ⴀ㄀㘀

 

㈀㔀

㔀  洀

 䤀一吀䔀刀嘀䔀一吀䤀

䴀伀刀䘀伀䰀伀䜀䤀䄀 䰀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 漀最最攀琀琀漀 搀椀 猀琀甀搀椀漀  甀渀愀 挀愀猀愀 愀 猀挀栀椀攀爀愀 搀椀 琀椀瀀漀氀漀ⴀ 最椀愀 䌀 ⠀搀愀氀氀ᤠ愀戀愀挀漀 搀攀氀 挀漀洀甀渀攀 搀椀 䌀愀最氀椀愀爀椀⤀ 瀀爀攀猀攀渀琀愀 琀爀攀  戀甀挀愀琀甀爀攀 挀栀攀 猀椀 爀椀瀀攀琀漀渀漀 椀渀 愀氀琀攀稀稀愀 猀甀 焀甀愀琀琀爀漀 氀椀瘀攀氀氀椀Ⰰ  洀攀渀琀爀攀 椀氀 瀀椀愀渀漀 愀琀琀椀挀漀  爀椀攀渀琀爀愀琀漀 攀搀 栀愀 猀漀氀愀洀攀渀琀攀 搀甀攀  戀甀挀愀琀甀爀攀⸀ 䐀愀氀氀ᤠ愀渀愀氀椀猀椀 搀攀氀 琀攀猀猀甀琀漀 甀爀戀愀渀漀 猀椀 瀀甀 渀漀琀愀爀攀 挀栀攀  氀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 椀渀 焀甀攀猀琀椀漀渀攀 猀椀 琀爀漀瘀愀 愀氀氀ᤠ椀渀琀攀爀渀漀 搀椀 搀甀攀 氀漀琀琀椀 搀椀 琀椀瀀漀  最漀琀椀挀漀 挀栀攀 瘀攀渀渀攀爀漀 甀渀椀琀椀 琀爀愀 氀漀爀漀 椀渀 洀愀渀椀攀爀愀 琀愀氀攀 搀愀  漀琀琀攀渀攀爀攀 甀渀 甀渀椀琀 攀搀椀氀椀稀椀愀 瀀椀豈 最爀愀渀搀攀⸀ 䰀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 猀椀 愀û愀挀挀椀愀  氀甀渀最漀 氀愀 瘀椀愀 䌀愀渀攀氀氀攀猀 攀 椀渀 瀀愀爀琀椀挀漀氀愀爀攀 氀ᤠ椀渀最爀攀猀猀漀 愀椀 瀀椀愀渀椀  猀甀瀀攀爀椀漀爀椀 猀椀 琀爀漀瘀愀 愀氀 挀椀瘀椀挀漀 ㄀㈀Ⰰ 洀攀渀琀爀攀 椀 挀椀瘀椀挀椀 ㄀㐀 攀 ㄀㘀 猀椀 猀瘀椀ⴀ 氀甀瀀瀀愀渀漀 愀氀 瀀椀愀渀漀 琀攀爀爀愀 攀 昀愀渀渀漀 瀀愀爀琀攀  搀椀 甀渀 甀渀椀挀愀 甀渀椀琀⸀ 䐀愀氀氀ᤠ愀渀愀氀椀猀椀 搀攀氀 瀀爀漀猀瀀攀琀琀漀 愀瀀瀀愀爀攀 攀瘀椀搀攀渀琀攀 挀栀攀 氀ᤠ甀氀琀椀洀漀  瀀椀愀渀漀 猀椀愀 猀琀愀琀漀 爀攀愀氀椀稀稀愀琀漀 猀甀挀挀攀猀猀椀瘀愀洀攀渀琀攀 椀渀 焀甀愀渀琀漀 渀漀渀  猀椀 栀愀 甀渀 愀氀椀渀攀愀洀攀渀琀漀 挀漀渀 氀攀 戀甀挀愀琀甀爀攀 搀攀椀 瀀椀愀渀椀 椀渀昀攀爀椀漀爀椀Ⰰ  椀渀漀氀琀爀攀 氀ᤠ攀搀椀椀挀椀漀 猀瀀椀挀挀愀 瀀攀爀 氀愀 猀甀愀 愀氀琀攀稀稀愀 爀椀猀瀀攀琀琀漀 愀氀氀攀  挀漀猀琀爀甀稀椀漀渀椀 挀椀爀挀漀猀琀愀渀琀椀⸀

 䤀一儀唀䄀䐀刀䄀䴀䔀一吀伀 吀䔀刀刀䤀吀伀刀䤀䄀䰀䔀

匀琀甀搀攀渀琀椀㨀 䄀氀攀猀猀愀渀搀爀漀 䌀愀爀琀攀渀椀Ⰰ 䔀氀攀漀渀漀爀愀䈀攀琀琀攀最栀攀氀氀愀Ⰰ䜀椀愀洀瀀愀漀氀漀 䴀甀最栀攀搀搀甀 䐀漀挀攀渀琀椀㨀 䌀愀琀攀爀椀渀愀 䜀䤀䄀一一䄀吀吀䄀匀䤀伀簀吀甀琀漀爀㨀 䄀渀搀爀攀愀 倀䤀一一䄀Ⰰ 嘀愀氀攀渀琀椀渀愀 倀䤀一吀唀匀Ⰰ 䴀愀爀琀椀渀愀 倀伀刀䌀唀 唀渀椀瘀攀爀猀椀琀 搀攀最氀椀 匀琀甀搀椀 搀椀 䌀愀最氀椀愀爀椀 簀 䘀愀挀漀氀琀 搀椀 䤀渀最攀最渀攀爀椀愀 攀 䄀爀挀栀椀琀攀琀琀甀爀愀 簀 䌀漀爀猀漀 搀椀 䰀愀甀爀攀愀 椀渀 䄀爀挀栀椀琀攀琀琀甀爀愀 䰀䴀㐀 簀 䰀愀戀漀爀愀琀漀爀椀漀 䤀渀琀攀最爀愀琀漀 搀椀 刀椀氀椀攀瘀漀 攀 刀攀猀琀愀甀爀漀 ⴀ 䴀漀搀⸀  刀攀猀琀愀甀爀漀 簀 愀⸀愀⸀ ㈀ ㄀㔀ⴀ㈀ ㄀㘀                      


Urban project


Progetto di riqualificazione e rigenerazione urbana, territoriale ed ambientale “Le nuove porte del Parco di Molentargius sul margine orientale del Comune di Quartu Sant’Elena” La proposta prevede un intervento integrato per la riqualificazione e rigenerazione dei margini del parco di Molentargius sul confine di Quartu Sant’Elena, comune facente parte della Citta Metropolitana di Cagliari, esposto a situazioni di degrado, pressione antropica, atti vandalici e carenza di servizi. L’asse ha rilevanza strategica perché costituisce la porta di accesso al parco dal lato di Quartu Sant’Elena, ed è il confine con maggiore pressione antropica. Obiettivo del progetto è migliorare la qualità della vita del quartiere, progettare le porte d’accesso al parco regolamentandone gli accessi e rendendole distinguibili e riconoscibili dagli assi di collegamento che dal centro città portano a via della musica, dotare il parco di un sistema ambientale più “dolce” che possa salvaguardarlo dall’inquinamento atmosferico, visivo e acustico, migliorare l’accessibilità a favore delle fasce deboli, sportivi e ciclisti, dotarlo di servizi di qualità per i cittadini, lo sport e la socialità.


La proposta si fonda sul concetto di tutela e protezione del parco, non con caratteri di chiusura ma viceversa con caratteristiche di apertura verso la comunità, un’apertura regolata che possa far apprezzare il parco come un bene collettivo e non come luogo di discarica o di degrado, un luogo d’incontro per tutti e per svolgere attività di vario genere, un posto che valga la pena visitare da turista ma anche da vivere per una passeggiata. Il dispositivo spaziale si articola: - Creazione di un filtro ambientale attraverso piazze urbane di media naturalità organizzate secondo un sistema di edifici con tetto sormontabile e verde, che permetta di avere una continuità della vegetazione, che possa controllare gli accessi al parco e difenderlo dall’inquinamento visivo e acustico e trasformando il limite della città in un parco urbano. - Creazione di servizi, sia a favore dell’ente parco come uffici e laboratori di ricerca, sia a favore della collettività, con aree mostra, aree di promozione dei prodotti del parco, aree commerciali e di ristoro.

- Ampliamento e potenziamento area sportiva, con la ristrutturazione degli edifici esistenti e la realizzazione di nuove strutture per lo sport al chiuso e all’aperto. - Riqualificazione dei percorsi esistenti, con annessione di una pista ciclabile e percorsi progettati per le utenze deboli, chiusura al traffico veicolare interno al parco con esclusione dei residenti, rifacimento pavimentazioni, messa in sicurezza, punti ristoro e servizi igienici localizzati.


Interior


Progetto per la ristrutturazione dell’area didattica e creativa all’interno del carcere minorile di Quartucciu. Il progetto punta a migliorare un’ala dedicata all’educazione e il tempo libero all’interno del carcere minorile di Quartucciu. Partendo da un’idea di “carcere attivo” dove la detenzione è educativa e non punitiva si è cercato il miglioramento della vita carceraria dei ragazzi all’interno della struttura, sfruttando il principio di sorveglianza dinamica e quindi dando la sensazione ai detenuti di poter leggere


e studiare senza essere controllati eccessivamente. Il progetto prevede la creazione di una nuova biblioteca “open space” sviluppata con setti murari posizionati per una massima visibilità degli agenti, con un area dedicata ai supporti multimediali. Per gli altri ambienti dedicati alle lezioni frontali, si è scelto di dividere le aule in base alla materia svolta e caratterizzare ognuna con un colore differente.Lo schema funzionale suddivide tutti gli ambienti per funzioni e colori, per favorire la percezione visiva di chi li occupa. Inoltre si è scelto di utilizzare una gamma di colori tenui per favorire la tranquillità dei ragazzi eliminando il verde ministeriale tipico delle carceri per adulti.


Luca’s Home. Progetto per una nuova zona living. Il committente desiderava una zona living adeguata alle nuove esigenze familiari, e ha richiesto uno spazio più ampio e moderno. Si è scelto di demolire un setto murario e di sfruttare una camera da letto poco utilizzata, inserendo qui la zona soggiorno con una parete attrezzata; nell’area del vecchio soggiorno si è inserita la sala da pranzo, pensata come un’ambiente ampio ottimo per ospitare amici e familiari. Inoltre si è provveduto al rinnovamento della cucina e di tutte le finiture.

0,60

0,00 Planimetria di progetto

scala 1:100


Alessandro Carteni’ 2018 arch.carteni@hotmail.com

Portfolio Alessandro Carteni  
Portfolio Alessandro Carteni  
Advertisement