Page 1

Istituto Comprensivo di Comunanza


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

SOMMARIO 1

Anagrafica………………………………………………………………………..………….5 1.1 Ente emittente………………………………………………………………..….................5 1.2 Sede legale………………………………………………………………………............... 5 1.3 Sedi dipendenti………………………………………...……………………….…..……….5 2 Premessa…………………………………………………………………………………… 6 2.1 Innovazione in prospettiva della riforma……………………………………..………….. 8 3 Il territorio…………………………………………...………….........................................10 3.1 La mappa del territorio…………………………………………………………………….11 3.2 Lettura del territorio…………………………………………………………….................12 4 Organigramma…………………………………….…………………………………….….14 5 Organi collegiali……………………………………….…….……………………………...15 5.1 Consiglio d’Istituto e Giunta Esecutiva…………………………………………………...15 5.1. 1 Competenze…………………………………………………….………………….....15 5.1.2 Convocazione……………………………………………………… …………….….15 5.1.3 Riunioni…………………………………………………………..…….….…………...15 5.1.4 Validità delle deliberazioni…………………………………………......………….....15 5.1.5 Il Consiglio di Istituto…………………………………………………..……………...15 5.1.6 La Giunta Esecutiva……………………………………………….…………………16 5.2 Collegio dei Docenti…………………………………………………………..…………. 16 5.3 RSU……………………………………………………………………………………….. .17 6 Commissioni, servizi e referenti……………………………............................................17 6.1 Servizio di sicurezza dei lavoratori…………..………………………………………… 17 6.2 Servizio di prevenzione e protezione………...…………………………………………17 6.3 Servizio antincendio ed evacuazione… …………………………………….................18 6.4 Servizio di primo soccorso ……………………………………………………………… 18 6.5 Centro territoriale per l’integrazione scolastica…………………………..….............. 19 6.6 Gruppo H………………………………………………………………………………..... 19 6.7 Comitato di valutazione……………………………………………………………….... 19 6.8 Responsabili e componenti di commissioni………………………………………….. 19 6.9 Commissione valutazione preventivi e acquisti…………………………………...…21 6.10 Competenze delle commissioni ………………………………………………………. 21 7 Risorse umane………………………………………………………………………….…. 24 7.1 Alunni…………………………………………………………………………….............. 24 7.2 Operatori scolastici………………………………………………...……………………. 28 8 Personale Scolastico……………………………………………………………………….30 8.1 Staff dirigenziale………………………………………………………………………… .30 8.1.1 Attribuzioni…………………………………………………………………………....30 8.1.2 Competenze ……………………………………………………………………….... 30 8.1.3 Staff di dirigenza e competenze …………………………………………………... 31 8.2 La segreteria…………………………………………..………………….......................35 8.3 Fiduciari……………………………………………..…………………………................35 8.4 Coordinatori di classe della scuola secondaria di 1° grado…..…………................35 8.5 Personale A.T.A………………………………………………………...........................36 9 Calendario scolastico……………..……………………………………………………….38 10 Docenti assegnati alle sezioni e alle classi……………………………….....................40 10.1 Plessi di scuola dell’Infanzia di Comunanza e San Martino al Faggio…………………………………………………………….…………………..40 2/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

10.2 10.3 10.4

Plesso di scuola primaria di Comunanza…………………………........................40 Plesso di scuola primaria di Montefalcone App.no…………….…………………42 Plessi di scuola secondaria di !° grado di Comunanza e Montefalcone Appennino…………………….……………………42 11 Le sedi………………………………………………………………………………....46 11.1 Scuola dell’infanzia…………………………………………..………………………46 11.1.1 Comunanza………………………………………………………..………………46 11.1.2 San Martino al Faggio…………………………………………………………… 46 11.1.3 . Tempo scuola………………………………………………………………….…..47 11.1.4 Criteri di formazione delle sezioni…………………………………………….…47 11.1.5 Criteri organizzativi………………………………………………………………..47 11.1.6 Sostituzione docente………………..………………………………………….....48 11.1.7 Assegnazione dei docenti alle sezioni……………………………………….….48 11.1.8 I progetti…………………………………………………………………………….48 11.2 Scuola primaria………………….…………………….…….……………………......48 11.2.1 Comunanza………………………………………………………………………..48 11.2.2 Montefalcone Appennino…………………………………………………………48 11.2.3 Tempo scuola……………………………………………………………………...49 11.2.4 Criteri di formazione delle classi di scuola primaria………………………….. 49 11.2.5 Criteri organizzativi………………………………………………………………. 50 11.2.6 Sostituzione docenti……………………………………………………………... 50 11.2.7 Assegnazione dei docenti alle classi…………………………………………... 51 11.2.8 I progetti…………………………………………………………………………....51 11.3 Scuola Secondaria di 1° grado……………………….……..………………………52 11.3.1 “G.Ghezzi” di Comunanza………….…………………………….…………….52 11.3.1.1 Tempo normale…………………………………………………………...…….53 11.3.2 Scuola Media di Montefalcone Appennino……………………………………53 11.3.3 Tempo scuola…………………………………………………………………….53 11.3.4 Criteri di formazione alle classi………………………………………………....53 11.3.5 Criteri organizzativi………………………………………………………...…….53 11.3.6 Sostituzione docenti…………………………………………………...………...53 11.3.7 Assistenza durante la ricreazione…………………………………......……….54 11.3.8 Assegnazione dei docenti alle classi…………………………………………..54 11.3.9 I progetti……………………………………………………………………..………..54 12 Gli incontri…………………………………………….…………………….................56 12.1 Piano delle attività funzionali all’insegnamento…………………………………..56 13 Il curricolo………………………………………………..….................................60 13.1 Dalle indicazioni nazionali ai piani di studio personalizzati delle attività………………………………………………………….………………..60 13.1 Scuola dell’infanzia………………………………………………………………..…60 13.2 Scuola Primaria……………………………………………………………………….60 13.3 Scuola secondaria di primo grado………………………………………………......60 13.4 Piano di studio personalizzato……………………………………………………....60 13.5 Unità di apprendimento……………………………………………………………....60 13.6 Profilo Educativo, Culturale e professionale……………………………………….60 13.7 Curricolo verticale ……………………………………………………………………61 14 Obiettivi generali del processo formativo………………….......................................62 14.1 Scuola dell’infanzia………………………………………………………………..….62 14.2 Scuola Primaria…………………………………………………..….………………..62 3/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

14.3 Scuola secondaria di 1° grado………………………………..………………………62 14.3.1 Attività alternative all’insegnamento della religione cattolica…………..… …..66 14.3.2 Verifica dei comportamenti e degli apprendimenti degli alunni…………... ….66 14.3.3 Comportamento sociale………………………………………………………...…66 14.3.4 Comportamento di lavoro…………………………………………………………66 14.3.5 Valutazione dei processi di apprendimento………………………………… ….67 14.3.5.1 Scuola dell’infanzia………………………………….…………………………… 67 14.3.5.2 Scuola primaria………………………………………………………………...… 67 14.3.5.3 Scuola secondaria di 1° grado…………………………………………………. 67 14.3.6 Criteri orientativi per le prove di esame di licenza di scuola Secondaria di 1° grado………………………………………………….………67 14.3.6.1 Prova scritta di italiano………………………………………………………….. 67 14.3.6.2 Prova scritta lingua straniera…………………………………………………….68 14.3.6.3 Prova scritta scienze matematiche……………………………………………. .68 14.3.6.4 Prova orale – colloquio pluridisciplinare………………………………………..68 14.3.6.5 Prova Invalsi ………………………………………………………………………69 14.4 Visite guidate e viaggi di istruzione………………………..….…...........................69 14.5 Modalità organizzative………………………………………………………………..69 15 Monitoraggio di autovalutazione del POF a.s.2010/2011…………………………...72 15.1 Esiti valutazione dei progetti a.s. 2010/2011 .……………...………………….....76 15.2 Grafici di valutazione: docenti…………….….……………………………………...78 16 Ampliamento dell’offerta formativa…………………………………………………….83 16.1 I progetti………………………………………………………………………………..83 16.2 Progetti senza alcun costo……………………………….…………………………. 84 17 Incontri scuola territorio ……………………………………………………………….. 87 18 Allegati al P.O.F………………………………………..………………………………. 87 19 Ringraziamenti………………………………………………………………………... .88

1 Anagrafica 4/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

1.1 Ente emittente Il presente Piano dell’offerta Formativa è stato redatto dall’Istituto Comprensivo di Comunanza. 1.2 Sede legale Indirizzo Località CAP Provincia Tel Fax E-mail Web

Via Ermanno Pascali, 9 Comunanza 63044 Ascoli Piceno 0736 844218 – 0736 844683 0736 844218 iscghezzicomunanza@tiscali.it www.comcomscuola.it

1.3 Sedi dipendenti Plesso Scuola dell’Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I° grado

Sede Comunanza Comunanza Comunanza Montefalcone Appennino Montefalcone Appennino Smerillo

Scuola Primaria Scuola Secondaria di I° grado Scuola dell’Infanzia

5/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

2 Premessa Il Piano dell'Offerta Formativa è il documento fondamentale della scuola che la identifica dal punto di vista culturale e progettuale e ne esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa. E’ IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO, PLURIENNALE CHE IDENTIFICANDO E DOCUMENTANDO LE SCELTE CULTURALI, FORMATIVE, ORGANIZZATIVE ED OPERATIVE DEL NOSTRO ISTITUTO, INTENDE RISPONDERE ALLE ESIGENZE DEL TERRITORIO, DELLE FAMIGLIE E A QUELLE DI CIASCUN ALUNNO; COMPRENDE I PIANI DI STUDIO PERSONALIZZATI E TUTTE LE ATTIVITA’ CHE COMPLETANO OBBLIGATORIAMENTE E FACOLTATIVAMENTE IL CURRICOLO SCOLASTICO. Il P.O.F. è il documento che:  Interpreta le esigenze di una società in trasformazione e adegua a questa esigenze le proposte formativo -culturali  Esplicita le scelte culturali, didattiche ed organizzative che la scuola intende perseguire educando e formando  Assume impegni nei confronti dell'utenza, delle famiglie, del contesto sociale  Si presenta alle istituzioni del territorio Il P.O.F. è, in sostanza, la carta d'identità dell'istituto, e comprende un piano di attività organizzate, intenzionali, possibili e verificabili perché sottoposto a continuo giudizio degli utenti. FINALITÀ D'ISTITUTO Le finalità e gli obiettivi educativo - didattici che la scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado si propongono di perseguire costituiscono le Programmazioni Educative e Didattiche depositate agli atti dell’ufficio e possono essere prese in visione. Per una piena attuazione del percorso educativo - didattico, il personale della scuola opera per garantire:  ACCOGLIENZA: conoscere la realtà socio - affettiva e culturale del bambino/ragazzo, perché possa stare bene con se stesso e con gli altri; creare un clima favorevole all'accoglienza e all'inserimento, nel rispetto delle pari opportunità.  UGUAGLIANZA: favorire l'inserimento idoneo alle esigenze di ogni alunno e promuovere il confronto interculturale: rispettare ogni etnia, lingua, religione, organizzazione di vita.  il PIACERE DEL CONOSCERE E DEL FARE, che nasce dal comprendere l'importanza dello studio e della cultura per una valida formazione personale e ha come obiettivo la maturazione dell'alunno sia in campo cognitivo che extracognitivo; 6/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

 PARI OPPORTUNITÀ: agevolare l'inserimento di ogni alunno nel gruppo classe e nell'ambito scolastico avendo cura di valorizzare le potenzialità di ciascuno e di ridurre gli elementi di svantaggio socioculturale. Per la realizzazione di tali finalità ed obiettivi i docenti utilizzano le seguenti modalità:  INTERAZIONE: collaborare con le famiglie e con le offerte socio - culturali del territorio per garantire un processo educativo completo.  la CONTINUITÀ tra i diversi ordini di scuola, che permette di educare alla scelta personale in vista del futuro scolastico e professionale  PROFESSIONALITÀ: progettare, organizzare e documentare l'offerta formativa, operando con professionalità, efficacia, responsabilità e trasparenza; garantire la continuità del percorso formativo; offrire una didattica criticamente vagliata dall'esperienza professionale, mediante aggiornamento e sperimentazione continui; monitorare, verificare, valutare i processi formativi, mediante un confronto positivo per migliorarne l'offerta OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO 

 

  

Garantire a tutti un adeguato successo formativo nella costruzione di un percorso personalizzato attraverso l’esercizio dell’autonomia personale, della responsabilità intellettuale, morale e sociale, della creatività e del gusto estetico. Trasformare le potenzialità di ciascun alunno in competenze Essere attenti alle diverse esigenze formative degli alunni, e alle attese espresse dalle famiglie, comunità locali,contesti sociali ed economici del territorio Guidare gli alunni a decodificare la realtà che li circonda in modo critico e consapevole per operare scelte responsabili Ampliare l’offerta formativa attraverso laboratori mirati alla formazione integrale della persona Conoscere e valorizzare il proprio territorio al fine di promuovere il radicamento in esso

Per conseguire gli obiettivi prefissati vengono proposte attività curricolari, extracurricolari e progetti che si svolgono parte nelle ore riguardanti il 15% del curricolo, parte in ore extracurricolari.

7/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Nella formulazione di proposte per il POF nell’anno scolastico 2011/2012, si ritiene opportuno operare scelte che possano: garantire l’attività didattica programmata dai docenti per migliorare la qualità dell’apprendimento degli alunni soddisfare le diverse esigenze didattiche e organizzative dell’istituto migliorare l’organizzazione complessiva dell’istituto con forme di flessibilità oraria e didattica favorire l’arricchimento e la personalizzazione dell’offerta formativa riconoscere i maggiori impegni individuali del personale responsabile di specifiche attività e iniziative di interesse generale Favorire l’attuazione del progetto che caratterizza l’ Istituto con tutti i diversi sottoprogetti ad esso collegati 2.1 Innovazione con la Riforma1 Per l’anno scolastico 2011/12, l’Istituto ha confermato gli elementi di innovazione prefigurati dalla Riforma e anche dal nuovo CCNL del 2007: 1. Insegnamento precoce della lingua inglese nella scuola dell’infanzia ; 2. Alfabetizzazione di informatica in tutti gli ordini di scuola dell’Istituto; 3. Ampliamento del curricolo: inglese, informatica, motoria, laboratori linguistico - espressivi; 4. Attuazione dell’anticipo nella scuola dell’infanzia e primaria. 5. ampliamento del funzionamento dell’attività scolastica alla scuola dell’infanzia

8/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Il territorio

9/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

3 Il territorio

Comunanza

Montefalcone Appennino

Smerillo

San Martino al Fag gio 10/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

3.1

La mappa del territorio

11/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

3.2 Lettura del territorio Il Comune di Comunanza è caratterizzato da un rilevante livello di occupazione nell'industria e, nel corso degli ultimi anni, da una maggiore presenza di agenzie culturali. Il centro urbano è in continua espansione per effetto di spostamenti di manodopera dalle campagne e da altri Comuni. In costante aumento il numero degli immigrati provenienti da paesi extra comunitari e extraeuropei. Nel Territorio sono presenti le seguenti risorse: Associazione pallavolo, U.S. Comunanza calcio, scuola di musica "La Fenice", il corpo bandistico, il centro di lettura, la Comunità Montana dei Sibillini, Pro Loco, l la parrocchia, LA Croce Rossa il Movimento Giovanile e Associazione giovanile “PARCA”. Le strutture disponibili sono: la Palestra dell’Istituto, il Palazzo dei Congressi, il Palazzetto dello Sport, Palazzo Pascali, il campo sportivo, i campi da tennis, la pista di pattinaggio e giardini attrezzati dislocati in varie zone del centro abitato. I comuni di Montefalcone Appennino e di Smerillo sono due ambienti montani caratterizzati da scarsa densità di popolazione (circa 1100 ab.) prevalentemente occupata nell'agricoltura e nel vicino centro industriale di Comunanza. I centri abitativi sono borghi antichi immersi in un paesaggio naturalistico ancora incontaminato. Nel Territorio sono presenti le seguenti risorse: Il Centro di Educazione ambientale di Montefalcone Appennino; il Centro Polivalente di educazione ambientale di Smerillo; le Pro Loco dei singoli comuni. Le strutture disponibili sono: campi da tennis e di calcetto, teatrino comunale. I Comuni di Montefalcone Appennino e Smerillo si sono consorziati e per i due centri sono attive: Scuola dell'Infanzia a San Martino al Faggio; Scuola Primaria e Secondaria di I° grado a Montefalcone Appennino.

12/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

L’organigramma

13/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

4 Organigramma

DIRIGENTE SCOLASTICO Viscione Gelsomina

Gesuè Cesarina Amici Antonella, Caferri Enrica Giustozzi Demetria Corazza Simona

Vicario Secondo collaboratore Funzioni strumentali

Docenti di Scuola dell’infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado

D.S.G.A. Fioravanti Anna Maria

Assistenti amministrativi

Collaboratori scolastici Ninonà Fiorella, Bartolozzi Massimo, Rinaldi Elsa

14/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

5 Organi collegiali 5.1 Consiglio d’Istituto e Giunta Esecutiva 5.1.1 Competenze Il Consiglio di Istituto elabora ed adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento della scuola; delibera il bilancio preventivo, il conto consuntivo e stabilisce come impiegare i mezzi finanziari per il funzionamento amministrativo e didattico. 5.1.2 Convocazione Il Consiglio di Istituto è convocato dal Presidente il quale è tenuto a disporre la convocazione su richiesta del Presidente della Giunta esecutiva ovvero della maggioranza dei componenti del Consiglio stesso. 5.1.3 Riunioni Le riunioni del Consiglio di Istituto hanno luogo in ore non coincidenti con l’orario delle lezioni 5.1.4 Validità delle deliberazioni Le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta dei voti validamente espressi. Di ogni seduta del Consiglio di Istituto e della Giunta Esecutiva viene redatto processo verbale e pubblicità degli atti. Gli atti del Consiglio di Istituto sono pubblicati in apposito albo della scuola. 5.1.5

Il Consiglio d’Istituto

Ruolo

Componenti

Presidente

Cerfolio Agrippino

Vice Presidente

Traini Antonio

Dirigente Scolastico

Gelsomina Viscione

Segretario

Amici Antonella Trivelli Fausto (genitore) Iezzi Carolina (genitore) Severini Tonino (genitore) Cerfolio Agrippino (genitore)

Consiglieri Scagnoli Silvia (genitore) Traini Antonio(genitore) Gesuè Oda (insegnante) Amici Antonella (insegnante) 15/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Ruolo

Componenti Gesuè Cesarina (insegnante) Franconi M.Adele (insegnante) Spinucci Stefania (insegnante) Annibali Marina (insegnante) Sacripanti Rossella(ATA)

5.1.6

La Giunta esecutiva

La Giunta predispone il bilancio preventivo e le eventuali variazioni, nonché il Conto consuntivo; prepara i lavori del Consiglio e cura l’esecuzione delle delibere dello stesso; designa nel suo seno la persona che, unitamente al Dirigente Scolastico e al D.S.G.A. , firma gli ordinativi di incasso (reversali) e di pagamento (mandati). Ruolo

Componente

Presidente

Il Dirigente Scolastico Gelsomina Viscione

Segretario

Fioravanti Anna Maria Antonella Amici (insegnante) Sacripanti Rossella (A.T.A.)

Componenti Scagnoli Silvia

Iezzi Carolina

5.2 Collegio dei Docenti2 Il Collegio dei Docenti, sulla base degli indirizzi generali per le attività della scuola e delle scelte organizzative deliberate dal Consiglio d’Istituto: predispone il Piano dell’Offerta Formativa (POF) ; elabora la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa; cura gli aspetti pedagogico – didattici e ne adatta l’articolazione alle diverse esigenze degli alunni; predispone le attività aggiuntive; verifica i processi di apprendimento. 2

Rif. legislativi: Art. 3 DPR n. 275 /99 (regolamento autonomia) - Artt. 24 e 25 CCNL 2003

16/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

5.3 RSU Nei confronti degli OO.CC. e delle loro competenze, il delegato: rappresenta gli interessi dei lavoratori nella Scuola dell’autonomia, svolge un ruolo di orientamento e di controllo sulle modalità operative del Dirigente Scolastico.

Componenti

Ordine scolastico

Chiurchioni Giulio

Scuola secondaria di 1 grado

Sacripanti Rossella

ATA

Cortellucci Roberto

ATA

6 Commissioni, servizi e referenti Tutte le commissioni operano sulla base delle normative di riferimento vigenti e delle indicazioni fornite in materia dal Collegio Docenti e dal Consiglio di Istituto. Si riuniscono, di norma, in orario non coincidente con l’orario di lezione o altra attività deliberata nel Piano Annuale delle Attività. Nell’ambito della propria autonomia, si avvalgono di strumenti per la documentazione dell’attività svolta.

6.1 Servizio di sicurezza dei lavoratori Rappresentante lavoratori per la sicurezza (RLS) Chiurchioni Giulio 6.2 Servizio di prevenzione e protezione  Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione(RS SPP) – D.L.vo 626  componenti del servizio prevenzione e protezione.  Referente:

Ins.

Docente responsabile

Ordine scolastico

Ins. Pierdominici M. Grazia

Scuola secondaria di I grado Comunanza

Ins. Annibali Marina

Scuola Primaria Comunanza

Ins. Tilli Elisabetta

Scuola dell’Infanzia Comunanza

Ins. Giannini M. Laura

Scuola secondaria di I grado Montefalcone App.no

Ins. Gismondi Valentina

Scuola Primaria di Montefalcone App.no

Ins. Farina Bruna

Scuola dell’Infanzia S.Martino al Faggio 17/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

6.3 Servizio antincendio ed evacuazione  componenti del gruppo antincendio ed evacuazione Docente responsabile

Ordine scolastico

Ins. D’Erasmo M. Giovanna, Franconi M. Adele. Col. Scol. Sacripanti Rossella

Scuola secondaria di I grado Comunanza

Ins. Pierdominici, Gesuè C. Collab. Scolastica

Scuola Primaria Comunanza

Ins. De Santis Marilena Collab. Scolastica

Scuola dell’Infanzia Comunanza

Collab. Scol. Cortellucci Roberto

Scuola secondaria di I grado M. App.no

Ins. Gasparroni Rossana

Scuola Primaria di Montefalcone App.no

Collab. Scol. Innamorati Maria

Scuola dell’Infanzia S.Martino al Faggio

6.4 Servizio primo soccorso  componenti del gruppo di primo soccorso Docente responsabile

Ordine scolastico

Ins. Franconi M. A., Sacripanti Scuola secondaria Rossella Comunanza Inss. Annibali, Amici, Giacomozzi, Ins. Spinucci, De Santis

di

I

Scuola Primaria Comunanza Scuola dell’Infanzia Comunanza

Ins. Gismondi Collab. Scol. Cortellucci Roberto Ins. Farina Bruna Collab. Scol. Innamorati Maria

Scuola Primaria e secondaria di Montefalcone App.no Scuola dell’Infanzia S.Martino al Faggio

18/94

grado


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

6.5 Centro territoriale per l’integrazione scolastica Il referente del Centro ha i seguenti compiti:  gestione dei prestiti agli Istituti della Rete che ne fanno richiesta.  elaborazione di Piani di aggiornamento e di formazione specifici (tenendo presente il CCNL).  elaborazione di programmi particolareggiati in base all’analisi di particolari casi di handicap per richiesta del personale di sostegno. Docente responsabile

Ordine scolastico

Giustozzi Demetria

Tutti gli ordini di scuola del territorio

6.6 Gruppo di lavoro Handicap Lavora in favore degli alunni diversamente abili. Il gruppo di lavoro si riunisce all'inizio dell'anno scolastico per prendere visione delle diagnosi funzionali e per redigere, nelle linee essenziali, il P.E.P. Successivamente le riunioni avranno una cadenza regolare per verificare la validità degli interventi e, a conclusione dell'anno scolastico, per valutarne l'efficacia. Docente

Ordine scolastico

Caferri Enrica, Funari Giancarla

Scuola infanzia

Pizzichini Maria Scuola primaria Barboni Antonella Spinelli Eva

Scuola secondaria di I° grado

Coordinatore: Giustozzi Demetria 6.7 Comitato di valutazione I compiti del comitato sono elencati in quanto segue: Valuta l’anno di prova dei docenti immessi in ruolo. Docente Arcangeli Rita

Ordine scolastico Scuola primaria

Franconi M. Adele Scuola secondaria I° frado Farina Bruna

Scuola dell’Infanzia

Membri supplenti: Amici Antonella, De Bronchetto Paola, Funari Giancarla 19/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

6.8 Responsabili e componenti di commissioni o servizi Commissione

Commissione autonomia

Commissione intercultura

Responsabile

Componenti

Funzione strumentale N.1 area POF Amici Antonella

Zeppilli, Farina, (Scuola dell’infanzia) Pizzichini, Arcangeli, Gismondi, Gasparroni (scuola primaria), Luciani (scuola secondaria I°grado) Tilli, Quintozzi (scuola dell’infanzia)

Funzione strumentale N. 3

Barboni, Pizzichini, , Giacomozzi (scuola primaria) D’Erasmo, Ianni (secondaria I grado)

Commissione continuità

De Santis, Funari G., Farina B., Gesuè C., Annibali, Pascucci I., Franconi, Pasquini

Commissione orientamento

Commissione CTI

Ciaffardoni

Funzione strumentale 4 Giustozzi Demetria

Pizzichini M., Barboni, A., Mannozzi G., Simonelli R., Spinucci, Spinelli

Commissione elettorale

Docenti: Funari Giancarla Sisti M.Paola

Comitato di garanzia

Dirigente: Gelsomina Viscione, Annibali Marina (docente), Severini Tonino (genitore)

20/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

6.9 Commissione valutazione preventivi acquisti e collaudo Componente Nominativi

6.10

Cerfolio Agrippino

Genitore

Gezzi Claudia

Esperto tecnico

Bartolozzi Massimo

AT A

Funari Giancarla

Docente

Franconi M.Adele

Docente

Competenze delle commissioni 

Autonomia     

   

Intercultura

 

 

21/94

Redige e/o aggiorna il Piano dell’Offerta Formativa d’Istituto nel rispetto dell’Indirizzo specifico, tenendo strettamente presente l’equa distribuzione della ricaduta tra i diversi ordini di scuola e tra i diversi Plessi. Individua i punti deboli e forti del Piano e relative strategie di compensazione e di capitalizzazione dei risultati ottenuti in base ad una griglia definita deliberata dal Collegio Docenti. Elabora l’autovalutazione d’Istituto. Tabula i dati relativi alla valutazione, validazione e verifica in itinere e finale del P.O.F. e relative compensazioni. Aggiorna il Regolamento d’Istituto, in coerenza con la progressiva evoluzione normativa . Definisce ed elabora una proposta relativa al Patto di Corresponsabilità. Elabora, ogni anno, la Carta d’Identità d’Istituto che viene presentata ai genitori all’atto dell’iscrizione. Esamina la documentazione raccolta in segreteria all’atto di iscrizione. Organizza e svolge il primo colloquio con l’alunno e la famiglia. Stabilisce la classe d’inserimento. Esplicita alla famiglia alcune regole e aspettative della scuola italiana. Cura i passaggi di comunicazione con il team dei docenti. Promuove la collaborazione tra docenti per la predisposizione di schede di rilevazione delle competenze linguistiche (L1 e L2) e non linguistiche e delle competenze cognitive. Elabora modelli di percorsi personalizzati. Promuove la condivisione di strumenti di


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

  -

C.T.I. -

Acquisti di materiali, sussidi e collaudo

  

Commissione elettorale Comitato di Valutazione dei docenti

    

 

Continuità verticale

   

Orientamento

 -

22/94

valutazione. Promuove la collaborazione con i docenti per individuare delle “buone pratiche” per l’accoglienza, l’inserimento in classe (per tutoring, metodologie e tecniche didattiche, modalità relazionali), la costruzione di percorsi individualizzati e la valutazione coerente con il percorso. Individua spazi idonei alle varie attività didattiche per la L2. Convoca periodicamente i referenti delle scuole afferenti all’Istituto Comprensivo di Comunanza per: discutere situazioni organizzative e didattiche riferite agli alunni presenti nei plessi degli istituti in rete; valutare l’acquisto di materiai per favorire l’attività didattica; gestire i prestiti agli Istituti della Rete che ne fanno richiesta; elaborare i Piani di aggiornamento e di formazione specifici; elaborare programmi particolareggiati in base all’analisi di specifici casi di handicap per richiesta del personale di sostegno. Effettua la ricognizione periodica di materiali e sussidi didattici da acquistare. Verifica la compatibilità didattica delle richieste di acquisto. Individua le priorità da rispettare per gli acquisti. Effettua la comparazione dei preventivi. Effettua il collaudo. Deliberata dal Consiglio d’Istituto, ed è conforme alla normativa vigente. Valuta l’anno di prova dei docenti immessi in ruolo. Monitora alunni che sono usciti per l’autovalutazione del P.O.F. Coordinamento per l’orientamento tra IC e la Secondaria di II grado (Modello Spadoni). Cura il Progetto accoglienza. Elabora il Progetto di interscambio classiponte. Elabora il Curricolo in verticale (Condivisione di una metodologia). Fissazione di traguardi e obiettivi in un unico percorso formativo e disciplinare diviso in dipartimenti disciplinari. Definizione di un progetto orientato a Favorire la conoscenza di sé da parte dell’alunno, al fine di consolidare le capacità decisionali


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012 -

-

23/94

Potenziare le valenze orientative delle discipline e le iniziative volte a consentire agli studenti scelte più confacenti alla propria personalità e al proprio progetto di vita Programmazione di moduli che presentino le caratteristiche essenziali delle scuole secondarie di 2° grado Promuovere condizioni favorevoli, anche attraverso una adeguata personalizzazione del curricolo, al pieno sviluppo delle potenzialità educative degli alunni la cui integrazione per ragioni culturali, sociali e linguistiche presenta particolari difficoltà.


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

7 Risorse umane 7.1 Alunni

Alunni 390 400 350 300

Primaria

133

200 150

Infanzia

177

250

Secondaria

80

TOTALE

100 50 0

Classi d'età

24/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Scuola dell'infanzia

70 60 50 40 30 20 10 0

Comunanza

Sezioni A 22

Sezione B 24

San Martino al Faggio

25/94

Sezione C 23

Sezione U

TOTALE 69

11

11


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Scuola primaria 100

90 80 70 60 50 40 30 20 10 0

Comunanza A

Ia 20

IIa 16

IIIa 18

Comunanza B

20

14

16

Montefalcone D

4

4

3

26/94

IVa 26 5

Va 13

Totale 93

14

64

4

20


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Scuola secondaria di I° grado 60

50

40

30

20

10

0

Comunanza A Comunanza B

27/94

I 23

II 19

III 16

Totale 58

22

20

16

58


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

7.2 Operatori scolastici

2

1

1

4

6

54 Dirigente scolastico

Personale Amministrativo

Docenti

Collaboratori scolastici

L.S.U.

Responsabile biblioteca

28/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Il personale scolastico

29/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

8 Personale scolastico 8.1 Staff dirigenziale 8.1.1 Attribuzioni Organizzazione generale dell’Istituto Comprensivo e consulenza per tutti i compiti attribuiti al Dirigente Scolastico 8.1.2 Competenze Adeguamento del P.O.F. Analisi e valutazione dei Progetti educativi delle singole scuole Proposte e interventi per aspetti educativi, organizzativi e finanziari Preparazione riunioni Collegio Docenti Verifiche periodiche dei nuclei organizzativi Organizzazione delle procedure relative agli scrutini, agli esami, alla scelta dei libri di testo e dei vari materiali Proposte per organizzazione orari delle scuole e adattamento calendario scolastico Realizzazione di attività organizzative in collaborazione con altre scuole e/o soggetti esterni per integrazione della scuola con il Territorio Organizzazione di iniziative di recupero e di sostegno

30/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Ruolo

Risorsa

Compiti

Dirigente Scolastico

Viscione Gelsomina Collaboratori e funzioni strumentali Competenze

Collaboratore del DS Ins. Gesuè Cesarina

31/94

1. Coordinare le attività relative al POF; 2. partecipare al Consiglio di Presidenza; 3. Segretario verbalizzante Collegi dei Docenti; 4. sostituire il Dirigente nei Consigli di Interclasse in caso di altri impegni istituzionali del Dirigente; 5. coordinare gli incontri scuola–famiglia della scuola primaria e infanzia e le attività connesse all’applicazione delle Indicazioni per il Curricolo; 6. vigilare sul regolare andamento dell’attività scolastica curriculare, opzionale e progettuale della scuola in particolare della scuola Primaria ; 7. coordinare le programmazioni settimanali e il ritiro delle documentazioni relative dell’équipe pedagogiche ; 8. gestione dell’orario della scuola primaria; 9. assicurare, in assenza del Dirigente Scolastico, gli interventi urgenti volti a garantire la sicurezza del personale e degli alunni; 10. rappresentare l’Istituto a conferenze, incontri organizzati da Enti, Istituti in caso di sovrapposizione d’impegni del Dirigente; 11. organizzazione,vigilanza e coordinamento dei plessi della scuola Primaria e dell’infanzia ( alunni, docenti, genitori e personale esterno) coordinamento con i Fiduciari dei relativi plessi; 12. verificare la puntualità del personale docente e l’inizio delle attività didattiche segnalando le anomalie agli interessati e al DSGA per il personale non docente; 13. verificare la puntualità e le assenze degli alunni (ritardi, uscite anticipate) in collaborazione con i docenti di classe, delle attività opzionali e progettuali; 14. controllare , avvalendosi anche del personale non docente, che nessun estraneo entri senza l’autorizzazione della presidenza;


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2010 – 2011

15. coordinamento degli atti relativi alla adozione e/o conferma dei libri di testo; 16. segnalare al Dirigente o/e al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’ISC qualsiasi anomalia sull’andamento delle attività e di problemi legati alla sicurezza nei luoghi di lavoro; 17. adottare gli interventi urgenti volti a garantire la sicurezza del personale e degli alunni in caso di incidenti o calamità mettendosi in contatto con il Dirigente, con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione dell’I.C. e con gli organi preposti alla protezione civile; 18. Coordinamento prove INVALSI Scuola Primaria. Controlla in particolare:  Il rispetto da parte di tutto il personale dell’orario di servizio;  Dell’uso del telefono, della fotocopiatrice e di tutto il materiale di proprietà della scuola;  Del buon funzionamento della mensa e dei trasporti.  Docenti.  Il Collaboratore è tenuto a presentare una relazione sintetica sull’attività svolta entro il 31 agosto 2011.  Il medesimo insegnante, sostituirà, a tutti gli effetti, il Dirigente Scolastico in caso di assenza e/o impedimento dello stesso. Gestione del Piano dell’Offerta Formativa: con conseguente autonoma e responsabile gestione dei seguenti incarichi: 

Area 1 Gestione P.O.F.

Ins. Amici Antonella

       

Elaborazione o aggiornamento del Piano dell’Offerta Formativa in sinergia con la Presidenza. Controllo e mantenimento del sistema di coerenza interna del P.O.F. Coordinamento della commissione autonomia. Diffusione, adeguamenti, monitoraggio, verifica e valutazione. Realizzazione Carta d’Identità dell’Istituto. Valutazione dei Progetti da inserire nel P.O.F. in base ai bisogni formativi e alle risorse finanziarie. Coordinamento delle attività extracurricolari Coordinamento dei rapporti con Enti pubblici ed aziende anche per la realizzazione di stage formativi. Referente comitato tecnico scientifico per la sperimentazione.

32/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2010 – 2011

Area 2 Sostegno lavoro docenti

Area 3 Centro Territoriale Handicap.

Ins. Caferri Enrica

Sostegno al lavoro dei docenti:  Analisi dei bisogni formativi e gestione del Piano di formazione e aggiornamento.  Cura e gestione di corsi di aggiornamento organizzati da Enti accreditati o dall’Istituto.  Documentazione didattica.  Realizzazione della Carta d’Identità dell’Istituto in collaborazione con la F.S. 1 Gestione e aggiornamento del sito web dell’Istituto in base alle coordinate del nuovo P.O.F.  Coordinamento di attività informatiche e dell’utilizzo di tecnologie multimediali.  Consulenza ai docenti per la realizzazione di materiali multimediali.  Realizzazione con programma specifico della Carta d’Identità dell’Istituto.  Gestione e archivio del materiale didattico prodotto.

Ins. Giustozzi Demetria

Interventi e servizi per studenti - rendere disponibile agli insegnanti interessati un catalogo aggiornato delle attrezzature e dei sussidi in dotazione del Centro; - concordare e consentire ai docenti interessati l’accesso alla consultazione e all’utilizzo dei sussidi; - Gestire e monitorare il prestito/restituzione e l’utilizzo dei beni del Centro; - Partecipare alle riunioni promosse dall’USP di Ascoli Piceno, o in altre sedi specifiche, e relazionare ai referenti per l’H delle scuole afferenti al Centro sulle attività degli altri Centri Territoriali; - partecipare e coordinare le attività dei Gruppi di Lavoro L. 104/92 e curare la documentazione; - promuovere gli incontri con i referenti per l’ H delle scuole afferenti al CTI di Comunanza per definire le situazioni di disabilità presenti negli ISC, le richieste dei docenti (esigenze formative e sussidi specifici e sussidi specifici per svolgere l’attività didattica) e le risorse oggettivamente disponibili; - Monitorare le esigenze didattico-organizzative presenti nell’ISC di

33/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2010 – 2011

Comunanza e negli ISC in rete; Gestire, a seguito alle richieste dei docenti coinvolti nell’attività di sostegno, l’acquisto di attrezzature e di sussidi per alunni diversamente abili; - Curare i rapporti con altri Centri Territoriali della provincia , Enti ed Associazioni (Ente Nazionale Ciechi di AP, Ente Nazionale Sordomuti di AP, AUR 13 - UMEE, Centro di Riabilitazione Santo Stefano di AP, ...) Relazionare annualmente sull’attività svolta dal Centro -

Interventi e servizi per studenti:

Area 3a Sostegno lavoro studenti

Ins.CorazzaSimona

      

Coordinamento dei rapporti tra la scuola, famiglie e Istituzioni: Ambito Sociale XXIV, Comuni, Scuola -Polo di Amandola. Accoglienza dei nuovi docenti. Organizzazione e aggiornamento del “Protocollo di accoglienza”. Coordinamento delle attività di compensazione integrazione e recupero. Coordinamento e gestione delle attività di prevenzione e disagio. Laboratorio L2 per alunni stranieri. Referente commissione intercultura. Referente Educazione Ambientale.

34/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

8 .2

8 .3

La segreteria Risorsa

Ruolo

Fioravanti A. Maria

Direttore dei amministrativi

Ninonà Fiorella

Assistente amministrativo

Bartolozzi Massimo

Assistente amministrativo

Rinaldi Elsa

Assistente amministrativo

servizi

Fiduciari Il DS, udita la disponibilità dei docenti a ricoprire l’incarico di fiduciario di plesso nomina: Plesso

Fiduciari di Plesso

Scuola dell’infanzia Comunanza

Ins. de Santis Marilena

Scuola dell’infanzia San Martino al Faggio Scuola primaria Comunanza

Ins. Gesuè Cesarina

Scuola primaria Montefalcone

Ins. Gismondi Valentina

Scuola secondaria di I grado Comunanza Scuola secondaria di I grado Montefalcone

Prof.ssa Pierdominici M.Grazia Prof.ssa Giannini M.Laura

8.4 Coordinatori di classe della scuola secondaria di 1 grado Conferimento degli incarichi Il Dirigente Scolastico conferisce, in forma scritta, gli incarichi relativi allo svolgimento delle attività aggiuntive retribuite con il salario accessorio Classe

Coordinatori

Segretari

1A

Franconi Maria Adele

2A

D’Erasmo Giovanna

3A

Pasquini Stefania

1B

Rocco Michela

2B

Luciani Virginia

3B

Gesuè Oda

1C/2C/3C

Matematica

I coordinatori avranno anche la funzione di segretari dei consigli di classe

35/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

8.5

Personale A.T.A Plesso

Collaboratore scolastico

Scuola dell'Infanzia di Comunanza

Gallinella Giuseppina Laurenzi Giuseppina

Scuola dell'Infanzia di San Martino al Faggio Scuola Primaria di Comunanza Secondaria 1 grado di Comunanza Scuola Primaria e Secondaria 1grado di Montefalcone App.no

Innamorati Maria Sciamanna Vera Cesari Imperia (LSU) Sacripanti Rosella Pallotti Giovanna (LSU) Cortellucci Roberto

36/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Calendario scolastico

37/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

9 Calendario scolastico VISTA la deliberazione della Giunta Regionale delle Marche N. 656 del 09/05/2011, con la quale viene approvato il calendario scolastico 2011/2012; VISTA la delibera del Consiglio di Istituto del 29/05/2011 VISTA la delibera del 22/09/2011, che modifica un giorno del calendario deciso precedentemente: anziché prendere come giorno aggiuntivo di chiusura il 30/04/2012, già concesso da calendario regionale, verrà preso il 21/02/2012 che corrisponde al martedì di carnevale; il calendario scolastico 2011/2012 nell’Istituto Comprensivo di Comunanza, è il seguente: Nella scuola primaria e secondaria di I° grado le lezioni avranno inizio il 12-09-2011 e termineranno il giorno 09-06-12. Nella scuola dell’infanzia le attività educative avranno inizio il giorno 12/09/2011 e termineranno il giorno 29/06/2012 (anche se dal 9 al 30 potrà essere previsto il funzionamento delle sezioni ritenute necessarie, in relazione ai bambini frequentanti). Le festività di rilevanza nazionale,come da calendario regionale sono: a) Tutte le domeniche; b) Il primo novembre 2011 festa di tutti i Santi; c) L’8 dicembre 2011 festa dell’ Immacolata Concezione; d) Il 25 dicembre 2011 S. Natale; e) Il 26 dicembre 2011 Santo Stefano; f) Il primo gennaio 2011 Capodanno; g) Il 6 gennaio 2012 Epifania; h) Il lunedì dopo Pasqua; i) Il 25 aprile 2012 anniversario della Liberazione; j) Il primo maggio 2012 festa del Lavoro, k) Il 2 giugno 2012 festa nazionale della Repubblica; l) La festa del S. Patrono (Comunanza 25-11-11; Smerillo e San Martino al Faggio 11-11-11; Montefalcone App.no 08-05-12). Le lezioni saranno sospese, obbligatoriamente, come da delibera regionale: m) dal 24 dicembre 2011 al 7 gennaio 2012; n) dal 5 aprile 2012 al 10 aprile 2012 (vacanze pasquali); o) altre festività: dal 31 ottobre 2011 al 2 novembre 2011; 10 dicembre 2011 (giornata dedicata alle Marche); 30 aprile 2012 Le lezioni saranno sospese come da delibera del Consiglio di istituto: p) 21 febbraio 2012 (martedì di carnevale)

38/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

‘Equipe docenti

39/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

10 Docenti assegnati alle sezioni e alle classi A.S. 2011-2012 10.1 Sez A

B

C

Docente Funari Giancarla Quintozzi Carolina Graziosi Luigina Spinucci Stefania Tilli Elisabetta Graziosi Luigina De Santis Marilena Zeppilli Gabriella Graziosi Luigina

Materie ed Educazioni Ins. di sezione Ins. di sezione Religione Cattolica Ins. di sezione Ins. di sezione Religione Cattolica Ins. di sezione Ins. di sezione Religione Cattolica

Insegnanti di sostegno: Caferri Enrica, Cifola Elena 10.2 Plesso di scuola dell’infanzia di San Martino al Faggio Sez D

Docente Farina Bruna Vespasiani Flavia

Materie ed Educazioni Ins. di sezione Religione Cattolica

10.3 Plessi di scuola primaria di Comunanza e Montefalcone Appennino CLASSI

1A (20 alunni)

1B (20 alunni)

Ore sett.

D0CENTI Simonelli

ore 9h (1h mensa)

AMBITO Linguist-espr. mus

Mannozzi

10h

Logi-matem ed. mot.

Giustozzi

5h

Barboni

1h 10h

Inglese sostegno

Graziosi

2h

RC

Simonelli

10h

Linguist-espr.

Mannozzi

9h

Logi-matem ed. mot. -mus

Giustozzi

5h

Gesuè

1h

Graziosi

2h

Antropologico 30h

30h

Antropo inglese RC

40/94

MENSA 1h

contemporaneità

2hSimonelli 3h Mannozzi


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

2A (16 alunni)

30h

Annibali

21h (1h mensa)

Ling.espr. Logi-matem ed. mot. -mus

Giustozzi

5h

Antropologico

Tacchetti

2h

inglese

Graziosi Arcangeli

2h 21h (1h mensa)

RC Ling.espr. Logi-matem ed. mot. -mus

Giustozzi

5h

Antropologico

Tacchetti

2h

inglese

Graziosi

2h

RC

Pascucci

20h (1h mensa)

Prevalente

Tacchetti

3h

inglese

Graziosi

2h

RC

Pierdominici

5h

Antro.

Pizzichini

20h (1h mensa)

Prevalente

Barboni

3h 8h

inglese sostegno

Graziosi

2h

RC

Giacomozzi

5h

Antropologico

Gesuè

14h 3h

Linguist-espr. Antrop inglese

Pierdomini

11h (1h mensa)

Logi-matem ed. mot. -mus

Graziosi

2h

RC

Giustozzi Sisti Amici

(1h mensa) 10h (1h mensa) 10h

Antr.mus.inglese

Giacomozzi

8h

Logico.matem

Graziosi

2h

RC

30h 2B (14 alunni)

3A (18 alunni)

3B (16 alunni)

4A (26 alunni + DSA)

30h

30h

2h

2h Pascucci 2h

1h Pizzichini

2h 30h

30h 5A (13 alunni)

1h Sisti 1h Amici

41/94

4h Gesuè 5h Pierdominici

Lingu-espr.Mot.

1h Amici 1h Sisti 2h


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

5B (14 alunni)

1-2-3 C (11 alunni)

4-5 C (9 alunni)

30h

Sisti

10h

Lingu-espr.Mot.

Amici

Antr.mus.inglese

Giacomozzi

10h (1h mensa) 8h

Graziosi Gismondi

2h 12h

Gasparroni

11h

Tacchetti Vespasiani

5h 2h

RC Linguist-espr. inglese Logi-matem ed. mot. -mus Antropologico RC

Gismondi

9h

Linguist-espr.

Gasparroni

11h (1h mensa)

Logi-matem ed. mot. -mus

Tacchetti

10h (1h mensa)

Antro. inglese

30h

30h

Logico.matem

Vespasiani

1h

1h Gasparroni

1h

1h Tacchetti

RC 2h

10.4 Docenti dei Plessi di scuola secondaria di 1˚ grado di Comunanza e Montefalcone Appennino NOME M.Luisa Guido M.Giovanna Alessandra Mariadele Virginia Antonietta Giulio Paola Malko

CLASSE 1^ sez. A COGNOME DISCIPLINA Funari Italiano – Geografia - Approfondimento Ianni Storia D’Erasmo Inglese Capparuccia IIa Lingua comunitaria Francese Franconi Matematica- Scienze Luciani Tecnologia – Informatica Ciaffardoni Musica Chiurchioni Arte e Immagine De Bronchetto Scienze Motorie Recchiuti Religione CLASSE 2^ sez. A

NOME Stefania Guido Giovanna Mariadele Virginia Antonietta Giulio Paola Malko

COGNOME Pasquini Ianni D’Erasmo Franconi Luciani Ciaffardoni Chiurchioni De Bronchetto Recchiuti

DISCIPLINA Italiano - Geografia- Approfondimento Storia Inglese potenziato Matematica- Scienze Tecnologia – Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

42/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012 CLASSE 3^ sez. A NOME Stefania Giovanna Alessandra Mariadele Virginia Antonietta Giulio Paola Malko

COGNOME Pasquini D’Erasmo Capparuccia Franconi Luciani Ciaffardoni Chiurchioni De Bronchetto Recchiuti

DISCIPLINA Italiano - Approfondimento -Storia – Geografia Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia – Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione CLASSE 1^ sez. B

NOME M.Luisa Giovanna Alessandra M.Grazia Virginia Antonietta Giulio Paola Malko

COGNOME Funari D’Erasmo Capparuccia Pierdominici Luciani Ciaffardoni Chiurchioni De Bronchetto Recchiuti

DISCIPLINA Italiano – Storia – Geografia- Approfondimento Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia – Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione CLASSE 2^ sez. B

NOME Oda Guido Giovanna Alessandra M.Grazia Virginia Antonietta Giulio Paola Malko

COGNOME Gesuè Ianni D’Erasmo Capparuccia Pierdominici Luciani Ciaffardoni Chiurchioni De Bronchetto Recchiuti

DISCIPLINA Italiano – Geografia Storia Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia – Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

CLASSE 3^ sez. B COGNOME DISCIPLINA Oda Gesuè Ital. – Storia – Geografia- Approfondimento Giovanna D’Erasmo Inglese Alessandra Capparuccia II° Ling. Comun. Francese M.Grazia Pierdominici Matematica- Scienze Virginia Luciani Tecnologia – Informatica Antonietta Ciaffardoni Musica Giulio Chiurchioni Arte e Immagine Paola De Bronchetto Scienze Motorie Malko Recchiuti Religione Sono stati assegnati due docenti di sostegno per 18h Spinelli Eva e 8h Galiffa Simona NOME

43/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012 CLASSE 1 / 2/ 3 ^ sez. C DOCENTI NOME M. Laura M.Laura Sanya Simona Nazario Irene Anna Maria Andrea Luigi Laura

COGNOME Giannini Giannini Staidhuar Corazza Tartaglione Laurenzi Benfatti Bartolozzi Chiurchioni Copponi

DISCIPLINA Italiano -Storia –Geografia Approfondimento Inglese II° Ling. Comun. Francese Matematica- Scienze Tecnologia - Informatica Musica Arte e Immagine Scienze Motorie Religione

44/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

Le sedi

45/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2010– 2011

11 Le sedi 11.1 Scuola dell’infanzia 11.1.1 Comunanza Il plesso ha due sezioni, un ampio salone, una stanza attrezzata per svolgervi attività motoria, un'aula con computer, un'aula per la lingua inglese, stanze per conservare materiale di uso scolastico, un ampio refettorio, servizi igienici e un giardino attrezzato con giochi.

Foto

Indirizzo Tel E-mail E-mail O r a ri o

Via Giordano Bruno – 63044 Comunanza (AP) 0736 844156 iscghezzicomunanza@tiscali.it smaternacomunanza@tiscali.it Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Dalle 07:20 alle 17:15 Alunni che hanno richiesto questo orario Dalle 08:00 alle 12:00 Alunni che non usufruiscono della mensa Dalle 8:00 alle 15:30 Alunni che usufruiscono del trasporto e della mensa Dalle 8:00 alle 16:00 Alunni che frequentano 40 ore

11.1.2 San Martino al Faggio Il plesso ha una sola sezione, una stanza adibita a spazio strutturato per attività motorie, linguistiche e ricreative, una postazione multimediale, un refettorio, servizi igienici e un ampio giardino attrezzato.

46/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Foto

Indirizzo Tel E-mail E-mail

O r a ri o

C.da San Martino al Faggio – 63020 Smerillo (AP) 0734 79405 iscghezzicomunanza@tiscali.it smaternaarcobaleno@tiscalinet.it

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Dalle 09:15 alle 15:15

11.1.3 Tempo scuola Le scuole dell’infanzia di Comunanza e San Martino al Faggio hanno un orario articolato su 40 ore settimanali, con un prolungamento dell’attività didattica su richiesta motivata da parte di genitori della scuola dell’infanzia di Comunanza. La Scuola è aperta dal lunedì al venerdì.

11.1.4 Criteri di formazione delle sezioni L’attribuzione dei bambini alle sezione, quando è possibile è effettuata in base all’età. L’inserimento dei bambini in anticipo e del primo anno dovrà essere fatto gradualmente con un orario ridotto nei primi giorni di scuola e con la collaborazione dei genitori. Successivamente l’inserimento avverrà anche con la partecipazione al momento educativo della mensa.

11.1.5 Criteri organizzativi L’ingresso a scuola deve avvenire entro le ore 9:30 per garantire il regolare svolgimento dell’attività didattica. Il servizio mensa è garantito tutti i giorni. Qualora non si usufruisca di refezione scolastica, l’alunno può uscire alle ore 12:00 e rientrare entro e non oltre le 13:30. L’uscita nel plesso di Comunanza, per i non trasportati avviene alle ore 16:00, salvo chi ha richiesto l’uscita per le ore 17:15. L’alunno che si assenti da scuola per un periodo superiore ai cinque giorni, al rientro deve esibire il certificato medico o autocertificazione del genitore. Ogni uscita, al di fuori dell’orario, va opportunamente indicata su apposito foglio e firmato da un genitore.

11.1.6 Sostituzione docenti La supplente viene nominata in base al numero dei presenti nelle scuole con più sezioni, anche per un giorno nelle mono sezioni.

47/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Le sostituzioni vengono effettuate modificando l’orario delle insegnanti in servizio; se non è sufficiente, con la divisione dei bambini nelle varie sezioni e/o utilizzando docenti che hanno dato la disponibilità ad effettuare ore aggiuntive al proprio orario.

11.1.7 Assegnazione dei docenti alle sezioni Il Dirigente Scolastico recepite le istanze del Territorio e dei Docenti, sentite le R.S.U., il Collegio dei Docenti ed il Consiglio d’Istituto, provvede con decreto, ad assegnare annualmente i Docenti alle singole sezioni , tenendo presenti : le esperienze d'insegnamento-apprendimento degli studenti nell’a.s. precedente; la continuità didattica, la graduatoria interna.

11.1.8 I progetti Una scuola a colori

11.2 Scuola primaria 11.2.1 Comunanza La scuola accoglie dieci classi, l'ufficio di direzione, la segreteria, un'aula insegnanti, un'aula per attività espressive, un’aula multimediale, un refettorio, un ampio atrio, servizi igienici, spazi per riporre il materiale didattico, un cortile esterno ed uno interno.

Foto

Indirizzo Tel E-mail E-mail O r a ri o

Via Ermanno Pascali, 81 – 63044 Comunanza (AP) 0736 844218 iscghezzicomunanza@tiscali.it selementarecomunanza@tiscali.it Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Dalle 08:20 alle 13:10 Dalle 08:20 alle 16:45 Tutte le classi Dalle 08:20 alle 16:45 Classi 2-3-4-5

11.2.2. Montefalcone Appennino La scuola accoglie tre classi di scuola primaria (pluriclassi) e due di scuola secondaria; la struttura dispone di un'aula multimediale, aule per attività pittoriche, una palestra, un refettorio, servizi igienici e uno spazio esterno.

48/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Foto

Indirizzo Tel E-mail E-mail

O ra ri o

C.da Luogo di Sasso – 63020 Montefalcone App.no (AP) 0734 79144 iscghezzicomunanza@tiscali.it scuolamontefalcone@tiscali.it

Lunedì

Martedì Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Dalle 08:10 alle 13:20 Dalle 8:10 alle 16:30

11.2.3. Tempo scuola Le Scuole primarie di Comunanza e Montefalcone Appennino hanno un tempo scuola di 30 ore settimanali, escluse le classi prime di Comunanza che hanno 27 ore settimanali. La scuola è aperta dal lunedì al venerdì. Le ore di contemporaneità, molto ridotte, sono utilizzate prioritariamente per le sostituzioni di assenze brevi dei colleghi assenti, in secondo luogo per casi problematici o per alunni stranieri nelle classi. 11.2.4 Criteri di formazione delle classi di scuola primaria La formazione delle classi prime prevede i seguenti momenti: Incontro del gruppo di raccordo scuola dell’infanzia- scuola primaria per un processo educativo-didattico basato sulla continuità; La formazione delle classi prime, a seguito dell’incontro del gruppo di raccordo, osserverà, il più possibile, i seguenti criteri: Equilibrato numero di alunni per classe; Equilibrata distribuzione dei bambini che provengono dalla scuola statale e da quella privata; Equilibrata distribuzione di femmine e di maschi; Equilibrata distribuzione di bambini nati nel primo e nel secondo semestre dell’anno; Livello di socializzazione e di apprendimento; 49/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Equilibrata presenza di eventuali immigrati; I bambini in situazione di handicap verranno iscritti alla classe che presenta migliori condizioni per un più proficuo inserimento.(es. minor numero di alunni, aula più ampia …). 11.2.5 Criteri organizzativi Gli alunni trasportati possono entrare dalle ore 7:45 nel plesso di Comunanza e dalle 8:10 nel plesso di Montefalcone App.no (con sorveglianza garantita dai collaboratori; nel plesso di Comunanza è previsto un progetto di accoglienza con la presenza di un insegnante). Gli alunni non trasportati possono entrare cinque minuti prima del suono della campanella. I genitori accompagnano i figli in orario fino all’atrio, non è consentito salire ai piani superiori. I bambini in ritardo devono essere accompagnati dai genitori che dovranno motivarne la ragione. All’uscita si raccomanda i genitori di attendere i figli all’ingresso per non creare confusione e disguidi. La ricreazione inizia alle 10:50 e termina alle 11:00 nel plesso di Comunanza, alle 10:25 e termina alle 10:35 nel plesso di Montefalcone. Gli alunni possono,, quando le condizioni atmosferiche lo permettono, uscire all’aperto, sotto la vigilanza dei docenti, negli spazi adiacenti l’edificio e non oltre la recinzione di protezione. Durante l’intervallo, è bene che gli alunni si abituino a far uso dei servizi igienici, rispettino gli spazi e gli arredi scolastici e non creino momenti di confusione. Il servizio mensa è garantito nei giorni lunghi (lunedì e mercoledì a Comunanza), (lunedì, mercoledì a Montefalcone App.no). Si raccomanda ai genitori degli alunni che non si avvalgono del servizio mensa di accompagnare i propri figli in orario per le lezioni pomeridiane. L’alunno che si assenti da scuola per un periodo superiore ai cinque giorni, al rientro, deve esibire il certificato medico o l’autocertificazione di uno dei genitori. Le entrate e le uscite in orario diverso, sono concesse eccezionalmente e per seri motivi, e devono essere annotate sul registro di classe, previa autorizzazione da parte degli uffici di segreteria. I colloqui con i docenti, programmati ad inizio anno, saranno comunicati con lettera alle famiglie. 11.2.6 Sostituzione docenti Le sostituzioni per assenze inferiori a cinque giorni effettivi di lezione vengono effettuate dai colleghi del plesso, utilizzando, in ordine prioritario: Cambio di turno fra i docenti del modulo; Docenti in ore aggiuntive di insegnamento (potranno essere recuperate) L’insegnante di sostegno nella classe di titolarità; Nomina supplente in casi di più di un docente assente; In casi eccezionali, suddivisione degli alunni in gruppi che verranno accolti nelle altre classi, come da approvazione verbale del Collegio dei docenti.

50/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

11.2.7 Assegnazione dei docenti alle classi Il Dirigente Scolastico recepite le istanze del Territorio e dei Docenti, sentite le R.S.U., il Collegio dei Docenti ed il Consiglio d’Istituto, provvede con decreto, ad assegnare annualmente i Docenti alle singole classi, tenendo presenti : le esperienze d'insegnamento-apprendimento degli studenti nell’a.s. precedente; la continuità didattica, la graduatoria interna. 11.2.7 I progetti 1 Implementazione del sistema di gestione della sicurezza nella Scuola 2 Progetto di accoglienza; 3 Progetto di interculturalità; 4 Progetto di recupero e potenziamento; 5 Progetto di solidarietà: Avis; 6 Laboratori espressivi per mercatini di Natale; 7 Progetto scacchi 8 Dimmi come mangi 9 Fa….volare, per darsi la mano e volare insieme 10 Il gioco nella tradizione 11 Alla ricerca delle tradizioni perdute 12 Interpretare il Coriandolo 13 Giocosport 14 Amico libro 15 Bambini creativi

51/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

11.3 Scuola Secondaria di 1 grado 11.3.1 “G. Ghezzi” di Comunanza La scuola secondaria di Comunanza dispone di sei aule, un laboratorio di artistica, uno di scienze, e uno di tecnica, un'aula multimediale e una postazione multimediale nel laboratorio di fotografia, un ufficio per il Dirigente scolastico, una stanza con fotocopiatrice, servizi igienici, una palestra, uno spazio esterno e un piccolo cortile interno.

Foto

Indirizzo Tel E-mail E-mail

Via Mazzini – 63044 Comunanza (AP) 0736 844314 iscghezzicomunanza@tiscali.it smediacomunanza@tiscali.it

11.3.1.1 Tempo normale (30 ore)

O ra ri o

Lunedì

Martedì

Mercoledì

Giovedì

Venerdì

Sabato

Dalle 08:20 alle 13:20

11.3.2 Scuola Media di Montefalcone Appennino

Foto

Indirizzo Tel E-mail

C.da Luogo di Sasso – 63020 Montefalcone App.no (AP)

E-mail

scuolamontefalcone@tiscali.it

O ra ri o

0734 79144 iscghezzicomunanza@tiscali.it

Lunedì

Martedì

Dalle 08:20 alle 13:20 Dalle 08:20 alle 16:30

52/94

Mercoledì

Giovedì

Venerdì


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

11.3.3.

Tempo scuola

La Scuola propone un corso a tempo normale di 30 ore a Comunanza e Montefalcone App.no. La scuola è aperta dal lunedì al sabato nel plesso di Comunanza e dal lunedì al venerdì nel plesso di Montefalcone App.no . E’garantito il servizio mensa ala scuola di M. Falcone App.no.

11.3.4.

Criteri di formazione delle classi

La formazione delle classi prime prevede i seguenti momenti: Incontro del gruppo di raccordo scuola primaria - scuola secondaria di 1° grado per un processo educativo-didattico basato sulla continuità; Scelta modello orario da parte delle famiglie degli alunni; Analisi collegiale del Portfolio di ogni alunno.

11.3.5.

Criteri organizzativi

Gli alunni trasportati possono entrare dalle ore 7:40 (con sorveglianza garantita dai collaboratori). Gli alunni non trasportati possono entrare cinque minuti prima del suono della campanella. I genitori accompagnano i figli in orario fino all’atrio, non è consentito salire ai piani superiori e accedere alle aule. Gli alunni in ritardo devono essere accompagnati dai genitori che dovranno motivarne la ragione. All’uscita si raccomanda i genitori di attendere i figli all’ingresso per non creare confusione e disguidi. La ricreazione inizia alle 10.15 e termina alle 10:25 nel plesso di Comunanza e alle 10:15 e termina alle 10:25 nel plesso di Montefalcone, gli alunni possono, quando le condizioni atmosferiche lo permettono, uscire all’aperto, sotto la vigilanza dei docenti, negli spazi adiacenti l’edificio e non oltre la recinzione di protezione. Durante l’intervallo, è bene che gli alunni si abituino a far uso dei servizi igienici, rispettino gli spazi e gli arredi scolastici e non creino momenti di confusione. Il servizio mensa è garantito nei giorni in cui sono previsti i rientri. Si raccomanda ai genitori degli alunni, che non si avvalgono del servizio mensa, di garantire il rientro dei propri figli in orario per le lezioni pomeridiane. L’alunno che si assenti da scuola per un periodo superiore ai cinque giorni, al rientro deve esibire il certificato medico. Le entrate e le uscite in orario diverso, sono concesse eccezionalmente e per seri motivi, e devono essere annotate sul registro di classe. I colloqui con i docenti, programmati ad inizio anno, saranno comunicati con lettera alle famiglie.

11.3.6.

Sostituzione docenti

Le sostituzioni per assenze inferiori a quindici giorni effettivi di lezione (compreso il giorno libero) vengono effettuate dai colleghi del plesso, utilizzando, in ordine prioritario: Docenti in ore aggiuntive d’insegnamento; L’insegnante di sostegno nella classe di titolarità; In casi eccezionali, suddivisione degli alunni in gruppi che verranno accolti nelle altre classi, come da disposizioni del Dirigente Scolastico.

53/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

11.3.7.

Assistenza durante la ricreazione

Da parte del docente della seconda ora.

11.3.8.

Assegnazione dei docenti alle classi

Il Dirigente Scolastico recepite le istanze del Territorio e dei Docenti, sentite le R.S.U., il Collegio dei Docenti ed il Consiglio d’Istituto, provvede con decreto, ad assegnare annualmente i Docenti alle singole sezioni e classi, tenendo presenti : le esperienze d'insegnamento-apprendimento degli studenti nell’a.s. precedente, la continuità didattica, la graduatoria interna.

11.3.9

I progetti

“Il volo”; Implementazione del sistema di gestione della sicurezza nella Scuola; Orientamento scolastico- professionale; Studenti in strada (Patentino ciclomotore); Giochi studenteschi; Progetti di recupero e potenziamento; Fondamenti lingua latina; Progetto di interculturalità;

54/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Gli incontri

55/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

12 Gli incontri 12.1 Piano delle attività funzionali all’insegnamento

PIANO DELLE ATTIVITÀ FUNZIONALI ALL’INSEGNAMENTO SCUOLA PRIMARIA A.S. 2011 - 2012 CCNL art. 29 (CCNL 2006-2009) comma a Collegio Docenti Programmazione educativo - didattica 2 settembre 5 settembre 9 settembre 6 settembre 17 novembre 7 settembre 23 febbraio 8 settembre 10 maggio 29 giugno

15 ore 29/30 novembre 18/19 aprile comma b INTERCLASSE TECNICA (solo docenti) 8 novembre (17-18) 6 dicembre 31 gennaio 26 febbraio 29 marzo 2 maggio

12 ore

12 ore

Assemblea Genitori ottobre 24 gennaio 13 marzo 29 maggio

4 ore

Colloqui Quadrimestrali 20 e 21 febbraio 21 e 22 giugno

9 ore

INTERCLASSE COMPLETA PROGETTUALITÀ/ (con i genitori) AGGIORNAMENTO 8 novembre (18-19) 26 febbraio 2 maggio

4 ore

24 ore

La programmazione settimanale viene effettuata dalle 17.00 alle 19.00, alternativamente il lunedì o mercoledì. In coincidenza delle riunioni collegiali coincidenti con uno dei due giorni, la programmazione viene automaticamente spostata all’altro giorno. L’inizio delle riunioni collegiali, se effettuate nei giorni di rientro, inizieranno alle 17.00; negli altri giorni alle 16.00 In caso di improvvise ed inderogabili esigenze di servizio le date indicate potranno subire variazioni

56/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

PIANO DELLE ATTIVITÀ FUNZIONALI ALL’INSEGNAMENTO SCUOLA DELL’INFANZIA A.S. 2011 - 2012 CCNL art. 29 (CCNL 2006-2009) Collegio Docenti 2 settembre 9 settembre 23 novembre 23 febbraio 10 maggio 29 giugno

15 ore

comma a Programmazione Assemblea genitori educativo-didattica 5 – 6 settembre ottobre 13 dicembre 28 febbraio 17 aprile 22 maggio

6 ore

Colloqui bimensili 22 30 26 28

e e e e

5 ore

23 31 28 29

novembre gennaio marzo maggio

14 ore

comma b Intersezione Tecnica (solo Intersezione docenti) Completa (con i genitori) 7 – 8 settembre 28 ottobre 13 ottobre 19 dicembre 15 novembre 14 febbraio 6 dicembre 24 aprile 24 gennaio 30 maggio 28 febbraio 27 marzo 2 maggio 20 ore

6 ore

Team/Equipe 7 novembre 16 dicembre 9 gennaio 7 febbraio 14 marzo 2 aprile 16 maggio

14 ore

L’inizio delle riunioni inerenti gli incontri propri dell’ordine di scuola è fissato per le 17.30 In caso di improvvise ed inderogabili esigenze di servizio le date indicate potranno subire variazioni.

57/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

PIANO DELLE ATTIVITÀ FUNZIONALI ALL’INSEGNAMENTO SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO A.S. 2011 - 2012 CCNL art. 29 (CCNL 2006-2009) comma a Collegio Docenti

Programmazione educativo -didattica 28 Ottobre

Assemblea Genitori

2 settembre Ottobre 9 settembre 31 gennaio (18-19) 17 novembre(17,15) 29 maggio (18-19) 23 febbraio (17,15) 10 maggio (17,15) 29 giugno (09,00) 15 ore 6 ore 3 ore 13/14 Dicembre (consegna pagellina a cura del consiglio di classe 19/20 Aprile (consegna pagellina a cura del consiglio di classe) comma b CONSIGLIO DI CLASSE (solo docenti) 07 novembre Montefalc.(16,30.17.30) 09 e 10 novembre - Comunanza 06 e 07 dicembre 24 e 26 gennaio – scrutini 06 e 08 marzo 12 e 13 aprile 22 e 24 maggio 11 giugno – scrutini 8,30-13,30 corso A e C 15,30-19,00 corso B

Colloqui Quadrimestrali 23 – 24 febbraio 28 giugno

16 ore

CONSIGLIO DI CLASSE (con i genitori) 15’ al termine del consiglio per solo docenti 15’ al termine del consiglio per solo docenti 15’ al termine del consiglio per solo docenti 15’ al termine del consiglio per solo docenti 15’ prima dell’inizio del consiglio per solo docenti

I consigli di Classe saranno effettuati con la seguente scansione oraria: 1° giorno: 2° giorno:

14,30 / 15,30: 1°-2°-3°C MONTEFALCONE (presso SEC.Comunanza) 15,30 / 18,30: 1°-2°-3° A COMUNANZA 15,00 / 18,00: 1°-2°-3° B COMUNANZA

In caso di improvvise ed inderogabili esigenze di servizio le date indicate potranno subire variazioni.

58/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Il curricolo

59/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

13 Il curricolo 13.1 Dalle indicazioni nazionali ai piani di studio personalizzati delle attività I docenti delle istituzioni scolastiche sono tenuti a trasformare gli "obiettivi generali del processo educativo" e gli "obiettivi specifici di apprendimento", presenti nelle Indicazioni Nazionali, in obiettivi formativi cioè, in obiettivi di apprendimento adeguati ai singoli allievi che si affidano al loro peculiare servizio educativo (art. 13 del D.P.R. 275/99). L’Istituto Comprensivo è il terreno più fertile per l’attuazione della continuità educativa. La matrice comune delle dinamiche socio-culturali del Territorio e il Collegio Unitario dei Docenti costituiscono un ambiente favorevole allo scambio delle informazioni e al raccordo educativo- didattico. La continuità consiste nel considerare il percorso formativo secondo una logica di sviluppo coerente che valorizza le competenze già acquisite dall’alunno e riconosca la specificità e la pari dignità educativa dell’azione di ciascuna Scuola.

13.2 Scuola dell’infanzia Prima scuola del bambino. Non obbligatoria.

13.3 Scuola Primaria E’ il termine con cui viene denominata la nuova scuola primaria; così suddivisa: 1 classe; 1 biennio (2a - 3a classe); 2 biennio (4a - 5a classe); L’ultimo anno di scuola primaria è di raccordo con la scuola secondaria di 1 grado.

13.4 Scuola secondaria di primo grado E’ il termine con cui viene denominata la nuova scuola secondaria di 1° grado; così suddivisa: 1 classe di raccordo con la scuola primaria; 1 biennio (2a - 3a classe); L’ultimo anno è di raccordo con la scuola secondaria di 2 grado.

13.5 Piano di Studio Personalizzato L’insieme delle unità di apprendimento sviluppate tenendo conto della realtà personale di ciascun allievo e delle scelte educative delle famiglie.

13.6 Unità di Apprendimento Progettazione trasversale e pluridisciplinare del percorso di apprendimento che si propone: al singolo alunno, a gruppi di livello, di compito, elettivi o di classe. La diversificazione degli apprendimenti può essere nei tempi, nelle attività, negli strumenti. La durata è determinata dall’U. A. stessa e dal processo di apprendimento degli allievi.

13.7 Profilo Educativo, Culturale e Professionale Esplicita ciò che gli studenti devono sapere e saper fare alla fine del primo ciclo di studi: crescita educativa personale sotto il profilo culturale e professionale.

60/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

13.8 Curricolo Verticale

CURRICOLO VERTICALE Dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di primo grado Lingua italiana Dalla comunicazione orale alla strutturazione dei vari tipi di testo

Lingua inglese Dalla competenza propedeutica all’avvio all’autonomia

Storia Dal proprio vissuto alla contestualizzazione di fatti ed eventi

Geografia Dalla scoperta dello spazio circostante all’individuazione della relazione uomo-ambiente

Competenze logico-matematiche Dai concetti topologici alla costruzione di percorsi logici autonomi

Scienze Dai primi esperimenti e scoperte all’acquisizione di un metodo scientifico

Educazione Musicale Dalla scoperta di suoni e rumori all’avvio della conoscenza di uno strumento musicale: flauto

Educazione Artistica Dalla scoperta del colore all’acquisizione di tecniche pittoriche e plastiche

Educazione Motoria Dallo sviluppo degli schemi motori di base all’avvio alla pratica sportiva

61/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

14 Obiettivi generali del processo formativo 14.1 Scuola dell’infanzia Avvio alla maturazione dell’identità personale attraverso l’acquisizione di atteggiamenti di stima di sé, rispetto degli altri e dell’ambiente; Graduale conquista dell’autonomia attraverso la scoperta, l’interiorizzazione e il rispetto di valori, norme e comportamenti; Sviluppo delle competenze sensoriali, percettive, motorie, sociali, linguistiche e intellettive. 14.2 Scuola Primaria Valorizzazione dell’esperienza del fanciullo e dell’espressione corporea quale conferma di affermazione di tutte le altre dimensioni della persona; Esplicitazione delle idee e dei valori presenti nell’esperienza del bambino; Passaggio dalle categorie presenti nel patrimonio culturale, valoriale e comportamentale al mondo e alla vita ordinati ed interpretati anche alla luce delle categorie critiche, semantiche e sintattiche presenti nelle discipline di studio; Confronto interpersonale: cura e miglioramento di sé, della realtà e adozione di “buone pratiche” in tutte le dimensioni della vita Presa di coscienza che la diversità delle persone e delle culture è risorsa educativa e didattica per tutti. 14.3 Scuola Secondaria di 1 grado Sviluppo della personalità etica, religiosa, sociale, intellettuale, affettiva, operativa e creativa. Acquisizione di un’immagine chiara e approfondita della realtà sociale; Orientamento: guida a scelte realistiche nell’immediato e nel futuro al fine di individuare il proprio ruolo nella realtà sociale, culturale e professionale; Acquisizione consapevole della propria identità tenendo conto delle proprie risorse, potenzialità e valori significativi di riferimento Motivazione allo studio attraverso un’offerta formativa che tenga conto delle attitudini e degli interessi ( culturali e professionali)di ciascun alunno; Prevenzione dei disagi e/o recupero degli svantaggi attivando modalità interattive di ascolto e di dialogo Attuazione della relazione educativa tra allievi e insegnanti che superi lo scambio di prestazioni e stabilisca un rapporto di accettazione incondizionata. A partire dagli obiettivi generali ogni consiglio di classe, équipe di docenti di scuola primaria e dell’infanzia progetterà delle Unità di Apprendimento nelle quali, stabilito un Obiettivo Formativo, articolare gli Obiettivi disciplinari, le attività, le soluzioni organizzative e le verifiche. Le Unità di Apprendimento potranno essere riferite alla intera classe o sezione, a gruppi di alunni o a singoli allievi. L’insieme delle Unità di Apprendimento dà origine al Piano di Studio Personalizzato.

62/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Profilo Educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del Primo Ciclo d’Istruzione INFANZIA

SECONDARIA 1 GRADO

PRIMARIA

IDENTITÀ Conoscenza di sé

Relazione con gli altri Orientamento

Essere coscienti dei problemi della fase prePrendere coscienza del Prendere coscienza di tutte le adolescenziale e saper controllare i propri stati sé corporeo e delle dimensioni della persona: sociale, d’animo rendendosi disponibili al dialogo e proprie possibilità affettiva… all’ascolto Acquisire le norme che Comprendere che il punto di vista Scoprire la necessità dell’ascolto, delle ragioni regolano la vita di dell’altro non è sempre uguale al altrui, del rispetto e della tolleranza relazione nostro Scoprire le proprie Esprimere le proprie attitudini ed Essere in grado di operare scelte scolastiche e attitudini ed interessi interessi in attività finalizzate professionali nell’immediato e nel futuro

STRUMENTI CULTURALI Ed. motoria/Ed. fisica

Lingua italiana

Lingua straniera

Coordinare i movimenti Padroneggiare abilità motorie del corpo nello spazio base in situazioni diverse Ascoltare, comprendere ed esprimere in modo organico i propri vissuti e le proprie esperienze Intuire che il codice verbale può essere tradotto in simboli e segni

di

Valutare criticamente le abilità motorie ed imparare ad utilizzarle in diverse discipline sportive di base

Comprendere globalmente un brano Adottare, secondo la situazione comunicativa ricavando informazioni, operando opportune strategie di attenzione e di collegamenti, individuando comprensione sequenze, messaggio e scopo Produrre testi significativi

chiari,

corretti

e Scrivere testi a dominanza argomentativi usando un linguaggio oggettivo e un registro adeguato

Decodificare immagini

Leggere in modo spedito espressivo vari tipi di testi

ed Potenziare l’abilità di lettura, decodificare i vari generi letterari

Acquisire competenza propedeutica

Acquisire una “sopravvivenza”

di Praticare funzionalmente una lingua comunitaria e da principianti una seconda lingua comunitaria

una

competenza

63/94

riconoscere

E


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Profilo Educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del Primo Ciclo d’Istruzione INFANZIA

Storia e geografia

Logica /matematica

Scienze

Ed tecnica e tecnologica

Ed. immagine/Ed. artistica

Ordinare nel tempo fatti ed eventi relativi alla propria storia personale. Acquisire concetti topologici per l’orientamento spaziale Seriare e classificare elementi in base a caratteristiche date. Intuire il concetto di quantità e numero. Comprendere che tutti gli oggetti hanno una forma Intuire, attraverso le percezioni del proprio corpo, i cambiamenti della natura e del tempo

Conoscere le più elementari nozioni sulle nuove tecnologie per utilizzare CD didattici.

SECONDARIA 1 GRADO

PRIMARIA

Ricostruire e comprendere eventi e trasformazioni storiche. Orientarsi nello spazio e nel tempo operando Conoscere e confrontare i diversi confronti costruttivi fra realtà geografiche e ambienti geografici e il loro sviluppo storiche diverse antropico Tradurre i propri pensieri operativoconcreti in prime formalizzazioni. Conoscere e padroneggiare i segni e dei simboli dei linguaggi matematici. Iniziare ad utilizzare il linguaggio proprio della disciplina

Sviluppare i processi di pensiero per costruire percorsi autonomi. Rappresentare e sviluppare la capacità di astrazione, sintesi e rielaborazione. Comprendere e utilizzare un linguaggio rigoroso ed essenziale

Acquisire un metodo scientifico per interpretare i fenomeni fondamentali del mondo fisico, biologico e tecnologico

Sviluppare la capacità di osservazione e porsi in maniera critica di fronte a situazioni problematiche per comprendere alcune delle leggi che regolano i fenomeni fisici, chimici e naturali Analizzare, descrivere e rappresentare graficamente forme semplici. Analizzare e descrivere materiali primari e loro utilizzo per creare oggetti. Conoscere semplici processi di progettazione e di lavorazione. Mettere in relazione la tecnologia con contesti socio-ambientali che hanno contribuito a determinarla. Conoscere ed usare i linguaggi iconici del passato e del presente per avere consapevolezza del patrimonio artistico e culturale .

Comprendere che il PC è un sussidio utile per particolari lavori di ricerca di e-learning e di progettazione. Conoscere i programmi di utilizzo più comune:word e paint. Iniziare ad utilizzare il web.

Leggere un’immagine e Conoscere, leggere ed riprodurla con diverse codici espressivi diversi forme espressive

64/94

utilizzare


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Profilo Educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del Primo Ciclo d’Istruzione INFANZIA Ed. al suono e alla musica

SECONDARIA 1 GRADO

PRIMARIA

Utilizzare il corpo e la Ascoltare e comprendere fenomeni voce per riprodurre Esprimersi attraverso il linguaggio musicale, sonori e messaggi musicali nelle loro melodie da soli e in anche con un strumento E il canto forme gruppo

CONVIVENZA CIVILE Ed. civica

Ed. alimentare

Ed. stradale

Ed. ambientale

Conoscere l’organizzazione costituzionale e Intuire che gli altri hanno Riflettere sui propri diritti-doveri di amministrativa del nostro Paese, nonché gli pensieri, sentimenti, stili Cittadino elementi essenziali degli ordinamenti comunitari di vita diversi dai propri. ed internazionali e le loro funzioni Intuire che il cibo è Sapersi alimentare secondo criteri elemento necessario alla rispettosi delle esigenze fisiologiche, Conoscere i rischi connessi a comportamenti crescita e acquisire in modo non stereotipato né disordinati (abuso di alcool, …) norme corrette di conformato nutrizione Intuire che l’ambiente stradale, come la scuola, Acquisire comportamenti corretti per è soggetto a regole e strada negli spazi pubblici, sui mezzi Fare proprie le ragioni dei diritti, dei doveri e delle norme che ci permettono di trasporto, comprendendo autorizzazioni che regolano la vita su strada di condividerne gli spazi l’importanza di riconoscere codici e in modo corretto regolamenti stabiliti Comprendere che l’ambiente è tutto ciò che Adottare comportamenti adeguati per Comprendere che l’ambiente va conservato e ci circonda e che la salvaguardia dell’ambiente migliorato perché è patrimonio di tutti condiziona la nostra vita.

65/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

14.3.1 Attività alternative all’insegnamento della religione cattolica All’inizio dell’anno scolastico, le insegnanti nelle cui classi sono iscritti alunni che non si avvalgono dell’insegnamento della Religione cattolica, raggiungeranno intese con i genitori degli stessi in ordine alle attività da svolgere. Rimangono comunque validi gli obiettivi seguenti: Rispettare e apprezzare i valori religiosi ed etici nell’esistenza delle persone e nella storia dell’umanità. Comprendere che ci sono religioni diverse dalla propria ed avviarsi a vivere nella tolleranza e nel rispetto dell’altro. 14.3.2 Verifica dei comportamenti e degli apprendimenti degli alunni

 Condotta : scuola primaria :giudizio secondo le modalità del Collegio docenti; scuola seconda ria di 1° grado: voto numerico (riportato anche in lettere e illustrato con specifica nota); assenze e delibera del collegio dei docenti: condizioni.  La valutazione del comportamento è inferiore ai 6/10 solo se è stata precedentemente irrogata una sanzione e si possa attribuire responsabilità di: dignità e rispetto delle persone, pericolo per l’incolumità, recidiva o atti di violenza grave, possibile allarme sociale, possibile violazione: delle regole di frequenza regolare, impegno di studio, rispetto verso tutti,corretto utilizzo delle strutture, macchinari, sussidi;danni al patrimonio della scuola.  La valutazione del comportamento per gli alunni delle scuole secondarie di primo grado si propone di favorire l’acquisizione di una coscienza civile basata sulla consapevolezza che la libertà personale si realizza nell’adempimento dei propri doveri, nella conoscenza e nell’esercizio dei propri diritti………

14.3.3 Comportamento sociale 1. Funzioni percettive: percezione di se stessi; percezione degli altri; autoregolazione rispetto a nuove esperienze. 2. Funzioni di controllo: coscienza dei propri stati emozionali; gestione delle reazioni emotive; autocontrollo nelle situazioni di successo e/o insuccesso - possesso di un sufficiente grado di autonomia. 3. Funzioni di integrazione: inserimento nel gruppo; disponibilità ad assumere atteggiamenti di reciprocità e solidarietà cooperazione nelle attività.

1. 2. 3. 4.

14.3.4 Comportamento di lavoro Responsabilità - mantenimento degli impegni assunti Attenzione capacità di mantenere nel tempo un buon livello di concentrazione Impegno esecuzione regolare del lavoro assegnato Organizzazione

66/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

strutturazione delle varie attività secondo un ordine preciso 5. Produttività attuazione pratica del lavoro organizzato 6. Tranquillità capacità di controllare le proprie emozioni durante lo svolgimento di una prova.

14.3.5 Valutazione dei processi di apprendimento (DPR 122/2009) Le prove per la valutazione periodica e finale e per gli esami di stato sono definite in modo da accertare le capacità dello studente di utilizzare i saperi e le competenze acquisiti nel corso degli studi. • La valutazione è espressione dell’autonomia professionale propria della funzione docente nella sua dimensione individuale e collegiale. • Le competenze nel primo ciclo della scuola dell’obbligo verranno certificate con una valutazione in decimi

14.3.5.1

Scuola dell’infanzia

La verifica degli apprendimenti avverrà attraverso osservazioni sistematiche annotate su griglie predisposte dalle insegnanti o all’interno del Portfolio. Al termine dell’anno scolastico, verrà redatta un scheda.

14.3.5.2 Scuola primaria Per la scuola primaria verranno proposte un numero minimo di prove scritte; n. 2 verifiche a quadrimestre per ambito disciplinare, ad eccezione delle classi con numero ridotto di alunni.

14.3.5.3 Scuola secondaria di 1 grado Al termine della scuola primaria, secondaria di 1° grado e dell’obbligo di istruzione, la scuola certifica i livelli di apprendimento raggiunti da ciascun alunno al fine di sostenere i processi di apprendimento, di favorire l’orientamento per la prosecuzione degli studi, di consentire gli eventuali passaggi tra i diversi percorsi e sistemi formativi e l’inserimento nel mondo del lavoro. Saranno proposte n. 3 verifiche quadrimestrali per disciplina. Le verifiche sono frequenti e variamente articolate: Interrogazioni tradizionali; Verifiche scritte; Questionari con risposte libere, a scelta multipla e prove oggettive; Conversazioni libere e guidate; Lavori di approfondimento e relazioni scritte sulle varie attività svolte.

14.3.6 Criteri orientativi per le prove di esame di licenza di scuola secondaria di 1 grado All’esito dell’esame di stato conclusivo del primo ciclo di istruzione concorrono l’esito delle prove scritte ed orali, l’esito della prova scritta nazionale (senza più la deliberazione da parte della scuola del peso nella prova) e il giudizio di ammissione( idoneità), (la media sarà arrotondata all’unità superiore per frazione pari o superiore a 0,5). La lode verrà espressa all’unanimità. 14.3.6.1 Prova scritta di italiano Le tracce per la prova scritta di italiano sono relative a tipologie espressive diverse: lettera, diario, racconto, cronaca; testo argomentativo, espositivo; relazione. Fonti legislative: D.Leg.vo 59/2004, L.169/2008, DPR 122/200967/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Gli elaborati saranno valutati complessivamente secondo i seguenti obiettivi: coerenza e organicità del pensiero; capacità di espressione personale; uso corretto e appropriato della lingua.

14.3.6.2 Prova scritta lingue straniere La prova si articolerà su due tracce: 1. stesura di una lettera su traccia assegnata per la quale saranno valutate: aderenza alla traccia; ricchezza dei contenuti; chiarezza del messaggio comunicativo; correttezza grammaticale e ortografica; 2. questionario di comprensione di un brano assegnato per il quale saranno valutate: comprensione delle informazioni esplicite e implicite correttezza grammaticale e ortografica ricchezza dei contenuti e chiarezza espositiva nelle risposte di tipo interpretativo

14.3.6.3 Prova scritta scienze matematiche La prova scritta di matematica deve tendere a verificare le capacità e abilità essenziali indicate nel curricolo, a tal fine si darà una prova che dovrà riferirsi a più aree tematiche e a diversi tipi di conoscenze. La prova sarà articolata su tre o quattro quesiti, che non comportino soluzioni dipendenti l’una dall’altra. In tal modo si eviterà che la loro progressione blocchi l’esecuzione della prova stessa. I quesiti potranno toccare sia aspetti numerici, sia aspetti geometrici, senza peraltro trascurare nozioni elementari nel campo della statistica e della probabilità, qualora inseriti nella programmazione. Uno dei quesiti riguarderà gli aspetti matematici di una situazione avente attinenza con attività svolte dagli allievi nel corso del triennio nel campo delle scienze sperimentali, dell'educazione tecnica o eventualmente di altri ambiti di esperienza. Ogni commissione deciderà se e quali strumenti di calcolo potranno essere consentiti dandone preventiva comunicazione ai candidati. I criteri di valutazione terranno in debito conto: comprensione del testo applicazione corretta di formule e tecniche di calcolo individuazione di strategie risolutive uso adeguato delle unità di misura e della terminologia specifica.

14.3.6.4 Prova orale-colloquio pluridisciplinare La commissione imposterà il colloquio in modo da consentire una valutazione globale del livello di conoscenze e competenze raggiunto dall’alunno, evitando una somma di colloqui distinti ed escludendo ogni artificiosa connessione. Particolare attenzione sarà rivolta a quanto prodotto in esercitazioni pratiche effettuate nel corso dell’anno scolastico nelle discipline operative Fonti legislative: D.Leg.vo 59/2004, L.169/2008, DPR 122/200968/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

(Educazione Artistica, Fisica, Musicale e Tecnica), evitando così che il colloquio si risolva in accertamenti di carattere esclusivamente teorico. Sarà proprio dal modo e dalla misura con cui l’alunno saprà orientarsi nei diversi campi del sapere che scaturirà il giudizio globale sul colloquio stesso. Obiettivi da verificare in sede di colloquio: capacità di attivare un ascolto competente, cogliendo il messaggio dell’interlocutore; possesso di adeguati contenuti culturali; capacità di esprimersi con chiarezza, usando un lessico specifico ; capacità di elaborare opinioni e valutazioni personali e motivate.

14.3.6.5 Prova Invalsi Gli alunni con disabilità certificata sostengono l’esame conclusivo del primo ciclo di istruzione con prove differenziate, comprensive della prova nazionale, che hanno valore equivalente a quelle ordinarie ai fini del superamento dell’esame e del conseguimento del diploma di licenza. Il Consiglio di classe può decidere la ripetenza dell’anno scolastico. • Gli alunni con difficoltà specifica di apprendimento (DSA), certificate, la valutazione e la verifica degli apprendimenti (incluso l’esame conclusivo dei cicli) devono tenere conto delle specifiche situazioni soggettive di tali alunni, anche in termini di strumenti compensativi e dispensativi ritenuti più idonei, anche se nel diploma finale non viene fatta menzione dell’eventuale differenziazione di prove. ALTRI PUNTI ESSENZIALI: • Collegialità e maggioranza • Voti in numeri ed in lettere • Docenti di sostegno, e insegnanti di religione cattolica • Carenze persistenti nota e comunicazione alla famiglia • Ammissione all’esame solo se c’è il sei in ciascuna disciplina, inclusa la condotta

14.4 Visite guidate e viaggi di istruzione I viaggi di istruzione e le visite guidate concorrono all’ampliamento dell’offerta formativa, sono strettamente legati alla programmazione didattica delle sezioni e delle classi ed integrano il percorso culturale di ciascun alunno. Si differenziano dalle attività svolte in classe perché favoriscono il contatto diretto con l’ambiente nei suoi aspetti fisici, umani e culturali. Si svolgono in luoghi gradualmente più lontani: ambito comunale, ambito provinciale, ambito regionale, ambito nazionale e/o estero.

14.5 Modalità organizzative Le visite guidate sono due/quattro per ogni classe e si attuano in orario scolastico, il mezzo di trasporto è lo scuolabus o pullman . La visita guidata trova svolgimento nell’arco di una giornata ed è finalizzata ad una conoscenza più allargata del Territorio. Ogni classe può effettuare un viaggio d’istruzione; la partecipazione deve essere pari ai 2/3 degli alunni e prevedono uno o più pernottamenti. Le eventuali spese sono a carico delle famiglie. I docenti accompagnatori devono: appartenere alla sezione o classe degli alunni partecipanti all’uscita; essere in numero di uno ogni quindici alunni più un insegnante per ogni bambino in situazione di handicap; per viaggi all’estero, conoscere la lingua del Paese da visitare. Le proposte delle visite guidate e dei viaggi di istruzione sono state approvate dai Consigli di sezione, di interclasse e di classe, dal Collegio dei Docenti e dal Consiglio d’Istituto.

Fonti legislative: D.Leg.vo 59/2004, L.169/2008, DPR 122/200969/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

VISITE GUIDATE E VIAGGI DI ISTRUZIONE - ISTITUTO COMPRENSIVO COMUNANZA ORDINE Primaria

PLESSO Comunanza

CLASSI 1^ A/B

USCITE Recanati –Fattoria

MEZZO TRASPORTO Pullman privato

Primaria

Comunanza

2^ A/B

Fermo - Biblioteca

scuolabus

Primaria

Comunanza

2^ A/B

M. F. Appennino

scuolabus

Primaria

Comunanza

2^ A/B

Montefortino

scuolabus

Primaria

Comunanza

3^ A/B

Pievetorina

Pullman privato

Primaria

Comunanza

3^ A/B

Montegallo

Scuolabus

Primaria

Comunanza

5^ A/B

Ancona

Scuolabus

Primaria

Comunanza

5^A/B

Ascoli Piceno

Scuolabus

Primaria

Comunanza

5^A/B

Volterra

Pullman privato

Primaria

Comunanza

5^A/B

Roma

Pullman privato

Primaria

Comunanza

5^A/B

Recanati

Scuolabus

Primaria

M.alcone

tutte

M.Falcone CEA

Scuolabus

Primaria

M.alcone

tutte

Caldarola castello

Scuolabus

Primaria

M.alcone

tutte

Offida Musei Piceni

Scuolabus

Primaria

M.alcone

tutte

Smerillo

Scuolabus

Secondaria

Comunanza/M. Falcone

1^

Museo del Bali e Gradara

Pullman privato

Secondaria

Comunanza

2^

Urbino – 1 giorno

Pullman privato

Milano – 2 giorni

Pullman o Treno

Recanati e Macerata 1 giorno

Pullman privato

Torino (Ginevra) – 3 giorni

Pullman privato

Uscite sul territorio

Pullman privato o scuolabus

M. Falcone Secondaria

Primaria e Secondaria

Comunanza/M. Falcone

Comunanza/M. Falcone

70/94

3^

tutte


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Verifica del pof a.s. 2010/2011

71/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

ANNO SCOLASTICO 2010/2011 MONITORAGGIO DI AUTOVALUTAZIONE DOCENTI

RELAZIONE Adesione al questionario Il primo dato degno di riflessione è la partecipazione dei docenti all’iniziativa: su 50 docenti solo 33 hanno compilato il questionario, pari al 66%, 17 non lo hanno restituito Le ipotesi per tale risultato possono essere: a) possibili errori nella distribuzione del questionario: complessivamente però, sono ritenuti poco influenti per il fatto che le modalità adottate, pur non essendo coercitive, hanno consentito comunque di contattare tutti i colleghi in servizio; b) possibile errore nella scelta dei tempi di somministrazione del questionario: è un elemento non trascurabile in quanto il periodo di compilazione è coinciso con l’ultimo mese dell’anno scolastico, notoriamente denso di adempimenti; c) possibile convinzione della sua inutilità. d) eventuali altre ipotesi emerse dalla discussione. 1) FUNZIONALITÀ DEI SERVIZI OFFERTI DALLA SCUOLA E DIDATTICA Risultano molto funzionali il servizio di segreteria (88%), i collaboratori di presidenza e le funzioni strumentali (82%); risulta altresì adeguata l’organizzazione di viaggi e visite d’istruzione (78%); il 76% dei docenti che hanno risposto al questionario ritengono adeguata l’organizzazione di attività opzionali, di laboratorio e progettuali, mentre scende al 69% la percentuale dei docenti che ritiene adeguata l’organizzazione di attività di sostegno e di integrazione per gli alunni stranieri. 2) RAPPORTI E VALORIZZAZIONI La qualità dei rapporti col Dirigente Scolastico risulta soddisfacente per l’82% dei docenti che hanno risposto al questionario. Solo il 60% degli intervistati ritiene che sia stata valorizzata in modo soddisfacente la professionalità dei docenti, mentre sale la percentuale all’82% dei docenti che ritiene siano state adeguate le modalità di assegnazione degli incarichi. La qualità dei rapporti con i colleghi del proprio ordine di scuola è positiva per il 76% degli intervistati, sale al 97% la percentuale dei docenti che ritiene soddisfacente i rapporti con i genitori e con gli alunni 3) ORGANIZZAZIONE E INCONTRI L’85% dei docenti si ritiene soddisfatto delle modalità e della frequenza di svolgimento dei consigli di classe, interclasse e intersezione; risulta adeguato il numero dei collegi dei docenti per il 91% degli intervistati; la totalità dei docenti è soddisfatta delle modalità e della frequenza degli incontri scuola- famiglia e del gruppo handicap. L’articolazione dei gruppi classe e l’organizzazione dell’orario risultano adeguate rispettivamente per l’82% e il 79% dei docenti che hanno risposto al questionario; scende al 54% il numero dei docenti che ritengono adeguati i mezzi a disposizione, mentre il 45% li ritengono inadeguati. Il 64% dei docenti ritiene adeguati gli spazi a disposizione, mentre per il 36% non lo sono.

72/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

4) VALUTAZIONE ALUNNI E SOLUZIONI PROBLEMI IN CLASSE Solo il 61% dei docenti che hanno partecipato al monitoraggio ritengono efficaci ed adeguate le procedure di valutazione degli alunni, mentre sale al 91% la percentuale dei docenti che ritiene efficaci ed adeguate le modalità di comunicazione alle famiglie. Quando i docenti hanno incontrato problemi nella classe, la maggiora parte ha consultato un collega (70%), il 57% dei docenti si è rivolto al preside. Comunque, per cercare di risolvere i problemi in classe, il 39% dei docenti ha consultato e coinvolto anche i genitori, mentre il 33% ha posto la questione al consiglio di classe, interclasse e/o intersezione. Il 24% dei docenti a provato a risolvere tutto da solo, mentre il 21% si è rivolto ad un esperto. 5) RAPPORTO SCUOLA-TERRITORIO Il 42% dei docenti ritiene che la scuola favorisca la crescita culturale del territorio in cui opera, ma per il 48% lo fa solo in parte, mentre il 9% ritiene che la scuola non favorisca tale crescita.

MONITORAGGIO DI AUTOVALUTAZIONE PERSONALE ATA ESITI Nell’Anno scolastico 2010/2011 sono stati distribuiti 13 questionari al personale ATA: sono stati restituiti compilati 3 questionari, pari al 23% del totale. Per questo motivo si ritiene che non sia un campione attendibile da dover monitorare e valutare. MONITORAGGIO DI VALUTAZIONE GENITORI ESITI Nell’Anno scolastico 2010/2011, alla fine di aprile, sono stati distribuiti 67 questionari alle famiglie degli alunni della scuola dell’Infanzia di Comunanza e S. Martino al Faggio, 156 alle famiglie degli allievi della scuola primaria di Comunanza, 103 alle famiglie degli studenti della scuola secondaria di Comunanza, 21 alle famiglie della scuola primaria di Montefalcone Appennino e 21 alle famiglie degli studenti della scuola secondaria di Montefalcone Appennino. Per le due scuole dell’infanzia dell’Istituto, sono stati restituiti compilati il 58% dei questionari cioè 39/67. Per la scuola primaria di Comunanza sono stati restituiti compilati il 69% dei questionari cioè 110/159. Per la scuola primaria di Montefalcone App.no sono stati restituiti compilati il 62% dei questionari cioè 13/21. Per la scuola secondaria di I° grado di Comunanza sono stati restituiti compilati l’80% dei questionari cioè 82/103. Per la scuola secondaria di I° grado di Montefalcone App.no, sono stati restituiti compilati il 9% dei questionari cioè 2/21. Per quest’ultimo ordine di scuola si ritiene di non poter effettuare nessun monitoraggio e valutazione dei dati in quanto il numero dei questionari non è assolutamente rappresentativo. Dall’analisi dei questionari emerge che: SCUOLA DELL’INFANZIA Progetto educativo  La quasi totalità dei genitori che ha risposto al questionario pensa che la scuola educhi a dei valori (97%);  Il 92% dei genitori pensa che la scuola tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi e valorizzi le capacità di tutti;  L’87% dei genitori della scuola dell’infanzia pensa che la scuola abbia procedure trasparenti, l’82% ritiene che sia aggiornata e innovativa;

Aspetti organizzativi  Tutti i genitori partecipanti al monitoraggio hanno espresso un buon giudizio in merito alla funzionalità dell’orario scolastico; il 77% dei genitori ritiene che siano buone le condizioni igieniche, mentre scende al 69% la percentuale dei genitori che ritengono adeguate le strutture della scuola.

73/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

Rapporti scuola-famiglia  Il 77% dei genitori ritiene che il Dirigente Scolastico sia stato disponibile ad ascoltarli e a collaborare con loro, mentre per il 18% non lo è stato;  Il 90% dei genitori degli alunni della scuola dell’infanzia ritiene che il servizio di segreteria sia stato efficiente; sale al 95% la percentuale dei genitori che ritiene siano stati sufficienti gli incontri con i docenti e sono soddisfatti del loro rapporto con gli stessi;  L’82% dei genitori ritiene che i rappresentanti di sezione abbiano svolto un’efficiente funzione all’interno del consiglio di intersezione. Aspetti educativi  Il livello di gradimento del servizio riferito alla programmazione didattico -educativa e all’articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori, è medio – alto (56% alto e 41% medio);  Il 74% dei genitori ha un livello di gradimento del sistema di valutazione degli alunni alto; a questa percentuale si aggiunge un 26% che ha un livello di gradimento medio.  Il 100% dei genitori che hanno partecipato al monitoraggio, ritiene importante l’attuazione di visite guidate;  Per il 79% dei genitori la scuola ha soddisfatto le loro aspettative, mentre un 21% si ritiene non soddisfatto;  Una percentuale molto alta di genitori ( il 92%) ritiene che questa scuola offra gli strumenti per un positivo passaggio ai successivi ordini di istruzione. SCUOLA PRIMARIA DI COMUNANZA Progetto educativo  Il 90% dei genitori che hanno risposto al questionario pensa che la scuola educhi a dei valori;  L’81% dei genitori pensa che la scuola tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi; scende al 77% la percentuale di genitori che pensa che la scuola abbia procedure trasparenti, mentre il l 76% dei genitori ritiene che la scuola valorizzi le capacità di tutti;  Scende ancora, al 65% la percentuale dei genitori che ritiene che la scuola sia aggiornata e innovativa. Aspetti organizzativi  Il 74% dei genitori partecipanti al monitoraggio hanno espresso un buon giudizio in merito alla funzionalità dell’orario scolastico mentre per il 21% è sufficiente; il 55% dei genitori ritiene che siano buone le condizioni igieniche mentre sono sufficienti per il 37%; scende al 40% la percentuale dei genitori che ritengono buone le strutture della scuola, mentre per il 39% sono sufficienti. Rapporti scuola-famiglia  Il 75% dei genitori ritiene che il Dirigente Scolastico sia stato disponibile ad ascoltarli e a collaborare con loro, mentre per il 20% non lo è stato;  L’89% dei genitori degli alunni della scuola primaria di Comunanza, ritiene che il servizio di segreteria sia stato efficiente; sale al 94% la percentuale dei genitori che ritiene siano stati sufficienti gli incontri con i docenti , mentre l’87% dei genitori si ritiene soddisfatto del loro rapporto con gli stessi;  Il 79% dei genitori ritiene che i rappresentanti di classe abbiano svolto un’efficiente funzione all’interno del consiglio di interclasse. Aspetti educativi  Il livello di gradimento del servizio riferito alla programmazione didattico -educativa è medio-alto (53% alto e 44% medio), riferito all’articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori, è medio per il 60% e alto per il 47%;

74/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

 Il 49% dei genitori ha un livello di gradimento medio del sistema di valutazione degli alunni, mentre per il 29% il livello di gradimento è alto; solo un 11% ha un livello di gradimento basso.  Il 97% dei genitori che ha partecipato al monitoraggio, ritiene importante l’attuazione di visite guidate e viaggi di istruzione;  Per il 59% dei genitori la scuola ha soddisfatto le loro aspettative, mentre un 36% si ritiene non soddisfatto e un 5% in parte;  Il 67% dei genitori ritiene che questa scuola offra gli strumenti per un positivo passaggio ai successivi ordini di istruzione, ma un 27% ritiene che non offra strumenti adeguati e un 6% solo in parte. SCUOLA PRIMARIA DI MONTEFALCONE APPENNINO Progetto educativo  Il 92% dei genitori che ha risposto al questionario pensa che la scuola educhi a dei valori;  L’85% dei genitori pensa che la scuola tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi, valorizzi le capacità di tutti e abbia procedure trasparenti, mentre il l 77% dei genitori ritiene che la scuola sia aggiornata e innovativa. Aspetti organizzativi  Il 92% dei genitori partecipanti al monitoraggio hanno espresso un buon giudizio in merito alla funzionalità dell’orario scolastico; il 46% dei genitori ritiene che siano sufficienti le condizioni igieniche mentre per il 38% dei genitori sono buone. Il 54% dei genitori ritiene sufficientemente adeguate le strutture, mentre sono buone per il 46%. Rapporti scuola-famiglia  Il 92% dei genitori ritiene che il Dirigente Scolastico sia stato disponibile ad ascoltarli e a collaborare con loro.  La totalità dei genitori degli alunni della scuola primaria di Montefalcone App.no, ritiene che il servizio di segreteria sia stato efficiente e siano stati sufficienti gli incontri con i docenti, mentre l’85% dei genitori si ritiene soddisfatto del loro rapporto con gli stessi, a fronte di un 15% dei genitori che si ritiene soddisfatto in parte.  L’85% dei genitori ritiene che i rappresentanti di classe abbiano svolto un’efficiente funzione all’interno del consiglio di interclasse. Aspetti educativi  Il livello di gradimento del servizio riferito alla programmazione didattico -educativa è medio-alto (54% alto e 46% medio), riferito all’articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori il livello di gradimento è medio per il 54% e alto per il 31%;  Il 62% dei genitori ha un livello di gradimento alto del sistema di valutazione degli alunni, mentre per il 38% il livello di gradimento è medio;  Il 100% dei genitori che ha partecipato al monitoraggio, ritiene importante l’attuazione di visite guidate e viaggi di istruzione;  Per l’85% dei genitori la scuola ha soddisfatto le loro aspettative, mentre un 15% si ritiene soddisfatto e solo in parte;  Il 92% dei genitori ritiene che questa scuola offra gli strumenti per un positivo passaggio ai successivi ordini di istruzione; un 8% ritiene che offra strumenti adeguati solo in parte.

75/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO DI COMUNANZA Progetto educativo  Il 66% dei genitori che ha risposto al questionario pensa che la scuola educhi a dei valori, ma il 34% pensa che non lo faccia;  Il 55% dei genitori pensa che la scuola sia aggiornata e innovativa mentre il 45% ritiene che non lo sia;  il 57% dei genitori ritiene che la scuola tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi, a fronte di un 33% che non lo pensa; aumenta al 61% la percentuale dei genitori che ritiene che la scuola valorizza le capacità di tutti, ma un 39% ritiene che non le valorizzi; il 65% dei genitori ritiene che la scuola abbia procedure trasparenti, ma un 35% pensa che non le abbia. Aspetti organizzativi  Il 63% dei genitori partecipanti al monitoraggio hanno espresso un buon giudizio in merito alla funzionalità dell’orario scolastico mentre per il 30% è sufficiente; il 51% dei genitori ritiene che siano sufficienti le condizioni igieniche mentre sono buone per il 29% e insufficienti per il 20%; il 62% dei genitori ritiene sufficienti le strutture della scuola, per il 23% sono buone e per il 15% sono insufficienti. e Rapporti scuola-famiglia  Il 71% dei genitori ritiene che il Dirigente Scolastico sia stato disponibile ad ascoltarli e a collaborare con loro, mentre per il 29% non lo è stato;  L’82% dei genitori degli studenti della scuola secondaria di I° grado di Comunanza, ritiene che il servizio di segreteria sia stato efficiente, mentre per un 18% non lo è stato; sale all’87% la percentuale dei genitori che ritiene siano stati sufficienti gli incontri con i docenti , ma solo il 67% dei genitori si ritiene soddisfatto del loro rapporto con gli stessi; un 27% si ritiene soddisfatto solo in parte.  Solo il 51% dei genitori ritiene che i rappresentanti di classe abbiano svolto un’efficiente funzione all’interno del consiglio di classe, per un 29% lo ha svolto solo in parte e un 20% non ha svolto la sua funzione con efficienza. Aspetti educativi  Il livello di gradimento del servizio riferito alla programmazione didattico -educativa è medio-alto (61% medio, 24% alto), ma per un 15% il livello di gradimento è basso. Il 43% dei genitori ha un livello di gradimento basso in merito all’articolazione delle attività disciplinari e dei laboratori, per il 35% il livello di gradimento è medio; solo un 17% manifesta un livello di gradimento alto.  Il 43% dei genitori ha un livello di gradimento basso del sistema di valutazione degli alunni, mentre per il 35% il livello di gradimento è medio e il 22% ha un livello di gradimento alto.  L’84% dei genitori che ha partecipato al monitoraggio, ritiene importante l’attuazione di visite guidate e viaggi di istruzione, ma per un 16% non lo è;

 Per il 60% dei genitori la scuola ha soddisfatto solo in parte le loro aspettative, mentre un 35% si ritiene soddisfatto e un 5% no;  Il 53% dei genitori ritiene che questa scuola offra solo in parte gli strumenti per un positivo passaggio ai successivi ordini di istruzione, solo un 34% ritiene che offra strumenti adeguati mentre per un 13% la scuola non offre strumenti adeguati. OSSERVAZIONI: - Ci vorrebbe un “supervisore” (preside) dello svolgimento dei programmi scolastici - Le numerose assenze del personale docente hanno pregiudicato l’andamento dell’anno scolastico

76/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

MONITORAGGIO DI VALUTAZIONE ALUN NI ESITI Nell’Anno scolastico 2010/2011, alla fine di aprile, sono stati distribuiti e riconsegnati 41 su 44 questionari agli alunni delle classi quinte della scuola primaria di Comunanza, in quanto tre alunni erano assenti, pari al 93% del totale. Sono stati distribuiti e riconsegnati 5 questionari su 5 agli alunni della classe quinta della scuola primaria di M.Falcone, pari al 100% del totale. Sono stati riconsegnati compilati il 57% dei questionari distribuiti agli studenti della scuola secondaria di I° grado di Comunanza, cioè 59/103. Per la scuola secondaria di Montefalcone App.no sono stati restituiti compilati il 74% dei questionari distribuiti agli studenti, cioè 14/19. Dall’analisi dei questionari emerge che: Scuola primaria di Comunanza classi 5A – 5B Progetto educativo  Il 92% dei genitori che ha risposto al questionario pensa che la scuola educhi a dei valori;  L’85% dei genitori pensa che la scuola tenga conto dei bisogni ed interessi dei ragazzi, valorizzi le capacità di tutti e abbia procedure trasparenti, mentre il l 77% dei genitori ritiene che la scuola sia aggiornata e innovativa. Aspetti organizzativi  Il 92% dei genitori partecipanti al monitoraggio hanno espresso un buon giudizio in merito alla funzionalità dell’orario scolastico; il 46% dei genitori ritiene che siano sufficienti le condizioni igieniche mentre per il 38% dei genitori sono buone. Il 54% dei genitori ritiene sufficientemente adeguate le strutture, mentre sono buone per il 46%. Rapporti scuola-famiglia  Il 92% dei genitori ritiene che il Dirigente Scolastico sia stato disponibile ad ascoltarli e a collaborare con loro.  La totalità dei genitori degli alunni della scuola primaria di Montefalcone App.no, ritiene che il servizio di segreteria sia stato efficiente e siano stati sufficienti gli incontri con i docenti, mentre l’85% dei genitori si ritiene soddisfatto del loro rapporto con gli stessi, a fronte di un 15% dei genitori che si ritiene soddisfatto in parte.  L’85% dei genitori ritiene che i rappresentanti di classe abbiano svolto un’efficiente funzione all’interno del consiglio di interclasse. Aspetti educativi  L’88% degli alunni delle classi quinte della scuola primaria di Comunanza si ritiene soddisfatto degli aspetti culturali e formativi che la scuola ha offerto.  Il 63% degli alunni non ha avuto alcuna difficoltà nei rapporti con i compagni, ma un 20% ha avuto dei problemi e un 17% ne ha avuti in parte. Fra gli alunni che ha avuto difficoltà con i compagni, un 40% ha risolto i suoi problemi, mentre un 46% li ha risolti solo in parte e un 7% non li ha risolti.  Il 78% degli alunni che ha partecipato al monitoraggio, non ha avuto alcuna difficoltà nei rapporti con gli insegnanti, ma un 15% ne ha avuti in parte e un 7% li ha avuti; fra i ragazzi che hanno avuto difficoltà con gli insegnanti, il 45% di loro ha risolto tali difficoltà, ma il 33% non le ha risolte e un 22% le ha risolte solo in parte.

77/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

GRAFICI DI VALUTAZIONE - A.S.2010/11 ha risposto il 66% dei DOCENTI 33 su 50  Per l’85% dei genitori la scuola ha soddisfatto le loro aspettative, mentre un 15% si ritiene soddisfatto e solo in parte;  Il 92% dei genitori ritiene che questa scuola offra gli strumenti per un positivo passaggio ai successivi ordini di istruzione; un 8% ritiene che offra strumenti adeguati solo in parte.

78/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

79/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

80/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

81/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

Ampliamento dell’offerta formativa

82/94


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011– 2012

16

Ampliamento dell’offerta formativa

16.1 I progetti I progetti sono inseriti nel POF in ordine di priorità, secondo criteri stabiliti dalla commissione autonomia e confermati dal collegio dei docenti del 29/11/2010 che sono: dare priorità ai progetti “Accoglienza” e “Recupero”; progetti per valorizzare il territorio che riguardano il “Progetto d’Istituto”; altri progetti che coinvolgono tutte le classi dei vari plessi. Suddividere poi il budget residuo di ogni plesso per altri progetti. Vengono altresì approvati dal Collegio dei Docenti del 23/11/2011 e dal Consiglio d’Istituto del 01/12/2011 tutti quei Progetti proposti da Enti e Associazioni che hanno finalità educative e didattiche, che sono coerenti col Piano dell’Offerta Formativa e che non hanno alcun costo per l’Istituto. PROGETTI CON E SENZA ESPERTI ESTERNI – A.S. 2011/12 Ordine di Plesso Classi Titolo del Progetto scuola Infanzia Comunanza Tutte Una Scuola a colori Primaria Comunanza 1^, 2^, 3^, 5^ Laboratori espressivi A/B mercatino Primaria Comunanza 2^ A/B Dimmi come mangi

Esperto esterno

per Esperto progetto Conad

Fa… volare, per darsi la mano e volare insieme Il gioco nella tradizione Laboratorio di scacchi - 2° Esperto esterno livello Alla ricerca delle tradizioni perdute Recupero e potenziamento

Primaria

Comunanza 3^ B

Primaria Primaria

Comunanza 4^ Comunanza 5^ A/B

Primaria

Comunanza 5^A/B

Primaria Primaria Primaria

Comunanza M. Falcone Comunanza M. Falcone

2^, 3^, 5^ A/B Tutte Tutte le classi Tutte

Primaria Primaria Primaria Primaria Sec.1°grado Sec.1°grado

M. Falcone M. Falcone M. Falcone M. Falcone Comunanza Comunanza

Sec.1°grado Sec.1°grado Sec.1°grado Sec.1°grado Sec.1°grado

Comunanza Comunanza Comunanza Comunanza Comunanza

tutte Amico Libro tutte Bambini creativi 2^ D Altern. Religione - 2 alunni 5^ D Altern. Religione - 2 alunni 2^/3^ B Recupero lingua Italiana Tutte le terze Fondamenti lingua latina ISC 1^/A e B Recupero lingua italiana 2^ A Recupero lingua Italiana 3^ A e B Recupero lingua inglese 3^ A Recupero matematica 3^ A e B Potenziamento lingua inglese 1^, 2^, 3^ B Recupero matematica Tutte IL VOLO Esperto esterno CNA

Sec.1°grado Comunanza Sec.1°grado Comunanza

Coriandolo d’oro Gioco sport

83/94

Esperto-genitore Esperto esterno


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

16.2

ISTITUTO COMPRENSIVO DI COMUNANZA Progetti senza nessun costo per l’Istituto

ORDINE DI SCUOLA

TEMATICA

PROGETTO

REFERENTE E/O ESPERTO Ref Monti Gabriella Esp. esterno Passaretti Corazza Simona

Secondaria I° grado

Orientamento

IL VOLO

Istituto Comprensivo di Comunanza Scuola primaria di M.Falcone e Comunanza Infanzia Primaria, Secondaria Primaria e secondaria

Integrazione scolastica Educazione motoria

INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Solidarietà

PROGETTO AVIS

Intercultura

LABORATORIO DI L2

Classi 4e e 5e scuola primaria Comunanza e M. Falcone Scuola infanzia e primaria

Logica

PROGETTO SCACCHI

Giacomozzi M.Rosaria

Comune di Comunanza e M.Falcone

Canto e musica

CORIANDOLO D’ORO

Amici Antonella

Pro Loco di Comunanza

GIOCO SPORT PROGETTO MOTORIA

84/

Ref. Giacomozzi Maria Rosaria Corazza Simona

IMPORTO ASSEGNATO O PROVENIENZA FONDI Ufficio Scol. Regionale per le Marche legge 440/97 Ambito Sociale XXIV Comune di M.Falcone Provincia di Fermo Comune di Comunanza BNL Fondo regionale


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Scuola primaria CLASSI 5A-5B

Lettura

BATTELLO A VAPORE

Sisti M.Paola

Pro Loco di Comunanza

Scuola Primaria di Comunanza CLASSI 2.-3A, 2-3B Scuola primaria di Comunanza Classi 5A -5B, 4 Scuola primaria di Comunanza Classi 5A -5B Scuola primaria di Comunanza Classi 5A -5B Scuola primaria di Comunanza Classi 5A -5B

Alimentazione

DIMMI COME MANGI…..

Annibali Marina

CONAD

Alimentazione

DALL’ORTO AL CARRELLO

Amici Gesuè C.

BIM TRONTO

Ambiente e Energia

PLAY ENERGY

Amici Antonella

Regole alimentari e nutrizionali

FANTAVENTURE A TAVOLA

Sisti M.Paola

Il gioco

CREA E INCOLLA

Sisti M.Paola

85/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

Incontri scuola territorio

86/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

17 Incontri scuola-territorio Data

Descrizione

27 novembre 2011 Da definire 17 dicembre Febbraio

Mercatino di Natale Consegna agli alunni delle patenti di educazione stradale Manifestazione teatrale scuola dell'infanzia Coriandolo d’oro

18 Allegati al P.O.F. Nell’elenco che segue, sono indicati gli allegati al presente Piano dell’O Offerta Formativa: 1. 2. 3. 4.

Regolamento per l’accesso ai documenti amministrativi Regolamento d’Istituto Curricolo 2011/2012 Monitoraggio 2010/2011: valutazione genitori e alunni

87/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

19 Ringraziamenti Si ringraziano gli Enti locali, le Aziende, le famiglie e gli operatori scolastici che collaborano alla realizzazione delle attività presenti nel P.O.F.

Amministrazione comunale di Comunanza

Amministrazione comunale di Montefalcone Appennino

Amministrazione comunale di Smerillo

Approvato dal Collegio dei Docenti del 23/11/2011 e dal Consiglio d’Istituto del 01/12/2011 Il presente Piano dell’O Offerta Formativa verrà pubblicato sul sito dell’Istituto: www.comcomscuola.it Realizzato e stampato in proprio in Comunanza

88/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

89/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

90/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

91/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

92/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

93/


Piano dell’Offerta Formativa Anno Scolastico 2011 – 2012

94/

POF 2011/2012  

POF ISC SCUOLA

Advertisement