Page 1

Voci libere d a l M u n a r i

numero unico giugno 2014

EUROFLOP LA FELICITÀ OGGI È POSSIBILE In Europa dilagano i movimenti antieuro

Alla conquista della libertà osannata da poeti e filosofi

I numerosi movimenti, che in questi mesi stanno creando tensioni nel vecchio continente, mettono a dura prova quella che è l’idea di “Europa unita”, facendo sorgere non poche perplessità e domande a riguardo. Ne sentiamo parlare in continuazione, ne leggiamo sui giornali, ne parlano i media, ma: “Cos’è l’UE? Com’è nata? Cosa non sta funzionando?” Nell’immediato secondo dopoguerra la volontà di creare un’unione di carattere economico diede vita alla CEE (a cui aderì anche l’Italia): un patto fra sei nazioni volto ad una maggiore e più libera circolazione di denaro e merci all’interno dell’area preeuro. Questi accordi commerciali posero le basi dell’Unione Monetaria Europea attuata solo nel 1999 con l’introduzione della moneta unica per tutti gli stati membri. Cosicché per la prima volta, nel 2000, gli Italiani hanno accolto l’euro nelle proprie case, illudendosi di essere diventati tutti, improvvisamente, Europei. Un entusiasmo effimero che ha lasciato presto il posto all’insofferenza quando ci si è resi conto che la strada per un’Europa unita era ancora lunga e incerta. Il fatto che si sia privilegiata l’unificazione economica a quella politica e sociale, ha fatto sì che il continente odierno risulti diviso non tanto dai confini nazionali quanto dalle profonde differenze linguistiche, sociali e culturali presenti fra i vari stati. Senza contare che nella scelta di aderire a un’Europa più partecipata, di davvero partecipato ci sia stato ben poco. Continua in seconda pagina 

Ritengo che pressoché di tutto ciò che conosciamo e con cui abbiamo a che fare al giorno d’oggi possiamo trovare il suo significato, le sue vere origini, nel passato, nella nostra storia più o meno antica; ciò non vuol dire esclusivamente la storia alla quale siamo subito spinti a pensare, ricca di imprese militari ed accordi politici, ma una più vicina a noi come singoli individui. Tornando indietro fino alle origini e alle prime fasi di evoluzione dell’uomo, possiamo vedere quanto la sua vita fosse simile a quella di un animale selvaggio, preda e predatore, gremita di responsabilità e pericoli, senza mai un momento di completa tregua o la possibilità di ritirarsi da quella frenetica corsa dove le sensazioni, le emozioni, erano autentiche, elementari ma potenti: la paura,

l’eccitazione data dall’avventura, la fuga da un leone nel cuore della notte. Potrebbe sembrarci strano ma noi, adesso, a quegli uomini, a quelli che erano costretti a fuggire come prede, tante volte quante noi scarichiamo musica da internet, siamo ancora molto legati. È scientificamente dimostrato che l’uomo vuole provare emozioni, ne necessita: il motivo per cui i film horror fanno successo, per cui lo hanno le droghe, la musica spinta, l’alcol ed altri innumerevoli vizi dell’uomo, compreso il consumismo, è questo. In fondo, il nostro cervello vorrebbe ancora provare quelle emozioni primordiali che ancora conserviamo nel nostro DNA, ma nella nostra civiltà moderna e tecnologica questo è molto difficile. Continua in seconda pagina 

UNA SCOMMESSA

VINCENTE Dopo tre anni La virgola, voci libere dal Munari è il giornale dell’Istituto

È stata una scommessa della professoressa Gazzarin e risale a 4 anni fa: impegnare i suoi allievi a scrivere degli articoli che potessero poi dare forma ad un giornale di classe. Molti, come potete ben immaginare, erano gli scettici. Chi per un’avversità congenita nei confronti dell’Italiano, chi per l’eccessiva mole di lavoro che si prospettava… insomma diversi erano poco entusiasti del progetto. All’inizio fu, dunque, quasi un’imposizione, ma poi Continua in ultima pagina 


2 | La Virgola

EUROFLOP

 Continua dalla prima pagina

Per quanto riguarda l’Italia e altri paesi dell’Unione, infatti, la scelta di aderire all’euro fu presa principalmente da tecnici, contro l’opinione di numerosi economisti, ma soprattutto non coinvolgendo la cittadinanza. Non bisogna forse creare il cittadino, prima di costruire la nazione? Siamo davvero certi che i cittadini Italiani, Tedeschi, Spagnoli avessero già maturato quella consapevolezza d’insieme, necessaria per diventare cittadini Europei? Basti pensare che nelle uniche due nazioni dove c’è stata questa possibilità di scelta, avendo indetto un referendum consultivo, il popolo si è espresso fortemente in contrasto con questa possibilità. Qualcuno potrebbe obbiettare che comunque, seppure vacillante, un passo avanti per consolidare un’identità Europea è stato fatto. Le recenti elezioni

SOCIETÀ per rinnovare il Parlamento europeo del 25 maggio sembrano averci avvicinati un po’di più a Bruxelles, rendendoci più partecipi di questa neo-politica sovranazionale. Seppure barcollando ci si avvicina all’obiettivo, si cerca di creare adesso questo sentimento collettivo di partecipazione che si dava perduto. Meglio tardi che mai! Non è così semplice. È sufficiente spostare l’attenzione sul Mediterraneo per subito ricordarsi che qualcosa è andato storto. Della Grecia non si parla più: scomparsa dai riflettori e dalle memorie. Invece la Grecia c’è ed è più in crisi che mai, con un debito pubblico esorbitante in continua ascesa e guidata da un governo frustrato e inerme, che cerca di far fronte a un sentimento nazionalista sempre più diffuso fra i giovani e la classe medio – bassa. In piazza abbondano ancora gli slogan: ‘‘No all’euro. No all’Europa’’e non c’è da stupirsene. Anche la Spagna non naviga in acque

tranquille e deve far fronte agli stessi problemi: disoccupazione giovanile, insoddisfazione generale, emigrazione, tracollo dell’economia interna, ma soprattutto un rancore anti-europeo sempre più diffuso. Un mal di pancia generale che trova il capo espiatorio in Bruxelles e favorisce l’ascesa di partiti radicali come l’Izquierda Unida, promotori di una campagna anti - euro. Nella fascia mediterranea ci troviamo anche noi italiani, invasi quotidianamente da migliaia di sbarchi clandestini e costretti a far fronte da soli ad un problema sostanzioso quanto oneroso, senza nessun aiuto; da un’Europa che dovrebbe aiutare si finisce per essere multati, per le gravi condizioni in cui versano i centri di accoglienza di Lampedusa e Mineo, ormai allo stremo delle forze e delle risorse. In Italia le volontà di uscire dall’euro sono portate avanti dalla Lega Nord e dalla dibattuta figura di Beppe Grillo con il M5S, volontà causate

Numero unico

e sostenute soprattutto da una situazione interna sempre più critica. Perché in tutta Europa, partiti, anche morfologicamente diversi per tendenza politica, si battono per uno scopo comune? Da cosa sono spinti? È inutile abbandonarsi a dietrologie quando la risposta è semplice: la paura. Il crollo della Grecia ha forse aperto gli occhi su quei nuovi scenari europei che pos-

LA FELICITÀ OGGI È POSSIBILE Continua dalla prima pagina

Ecco perché affolliamo i centri commerciali e le discoteche, perché cerchiamo di riempire un vuoto ma nel modo sbagliato. La grandissima maggioranza delle azioni che compiamo giornalmente sono dettate dal nostro subconscio, in particolare dalla zona del cervello chiamata cervelletto, questo vuol dire che per la maggior parte della nostra vita ripetiamo in modo quasi del tutto involontario le stesse medesime azioni dettate da esso, ovvero da ciò a cui siamo abituati, che abbiamo immagazzinato e tiriamo fuori ogni qualvolta è necessario. Questo perché è molto più facile non impegnarsi, non uscire dagli schemi, conservare la situazione attuale, al massimo lamentandosi se le cose non vanno come si vorrebbe. Per fortuna esiste la controparte: il nostro lobo frontale responsabile del desiderio di cambiamento, di emozioni, di uscita dai soliti canoni a cui siamo abitua-

ti e di media, purtroppo, nella nostra società, poco sviluppato; ma basterebbe forza di volontà per cominciare ad utilizzarlo almeno in buona parte, per non correre al centro commerciale a vedere le nuove collezioni, ma per uscire nella natura e godersi quella rimasta, per viaggiare, per scoprire. Solo così saremo in grado di allenare quella parte del cervello che a sua volta rilascerà endorfina ed altre sostanze responsabili nell’uomo della sensazione di piacere, altrimenti definito benessere, la risposta scientifica alla domanda su cosa siano le emozioni. Certamente più facile a dirsi che a farsi, soprattutto quando è molto più semplice e veloce lasciarsi trascinare fino a scavarsi un solco circolare nel terreno come nostro percorso di vita, con scelte sempre più complicate da prendere e monotonia sempre più opprimente, ma non di certo impossibile, non quando sappiamo che ne

vale della nostra felicità. Senza cadere nel solito discorso di un controllo generale della società, questo sarebbe il modo per fuggire da quello stato di catalessi concepito per l’uomo moderno e nel quale siamo dentro fino al collo; sarebbe quella libertà tanto osannata da poeti e filosofi, perché la felicità totale

non può derivare dalla politica, dalla comunità, non quella di tutti almeno, ma da noi stessi, noi come individui, abbiamo il sangue umano che scorre nelle vene, il sangue di un animale dotato di grandi talenti e potenzialità: approfittiamone. Guglielmo Turbian


Giugno 2014

SOCIETÀ

sono prospettarsi e ha messo in luce quelli che sono i limiti della moneta unica. Con l’adozione dell’euro ci si è trovati a dover delegare all’Europa il controllo dell’emissione di moneta che rappresenta da sempre lo strumento più efficace per controllare il debito pubblico e domare l’inflazione. Privi di questo privilegio, i paesi sovrani si sono trovati in balia del-

le borse internazionali e della fiducia degli investitori che si detti una politica in funzione delle esigenze di mercato e non viceversa. Certo, i rischi di una uscita dall’euro non sono pochi: le spese a cui dovrebbe far fronte il nostro Paese aumenterebbero conseguentemente all’aumento del costo delle materie prime, poiché non si riuscirebbe a sod-

disfare il fabbisogno interno. Inoltre i grandi interessi delle lobby, legati ad una politica di questo genere, causerebbero senz’altro una serie di sanzioni economiche; senza contare che non si potrebbe fruire delle molte comodità e servizi che l’UE offre ai Paesi membri. Sarebbe necessario dunque rilanciare le nostre imprese partendo dall’artigianato e dalla produzione dei beni di lusso. Sarebbe opportuno rinforzare il sistema per la lavorazione di materie prime in modo da ridurre il dislivello tra domanda e offerta per poi rilanciare la moneta con una svalutazione competitiva. Così si potrebbe far fronte alla fuga dei cervelli e manodopera italiana all’estero; infatti, si verrebbero a creare numerosi posti di lavoro, nei quali i giovani possano trovare una via sicura per il futuro, ribaltando quell’idea di Italia vecchia che ad oggi impera. Tale rivoluzione dal punto di vista economico

Uomo e Natura, un rapporto che dura da milioni di anni. Chi è una minaccia per chi? Da che parte schierarsi? È forse misantropia schierarsi a favore della Natura? “Se sei così convinto che l’uomo sia un nemico e una minaccia per la natura perché non ti uccidi?” “Perché uccidersi quando è possibile vivere in armonia con essa senza recarle danno?” Questo potrebbe essere un dialogo tra una persona comune ed una ambientalista. Da una parte un illuso sentimento di superiorità, dato dal fatto di essere la specie dominante sul pianeta, dall’altra un sentimento di adattamento e condivisione. La Natura ci ha sempre dato moltissimo: sin dall’alba della vita dell’Uomo avevamo a disposizione risorse vastissime ed inimmaginabili regalate senza nulla in cambio, forse solo con la condizione di dover imparare da soli, a nostre

spese, con l’esperienza, come utilizzare questi doni. Tutti questi ragionamenti li abbiamo realizzati ricorrendo al nostro cervello che, grazie alla Natura dell’evoluzione, ha raggiunto uno stadio superiore rispetto a quello di tutte le altre creature presenti sul pianeta. Non è questo un lampante fatto che l’Uomo stesso fa parte della Natura, allo stesso modo in cui ne fanno parte gli altri animali? Già miliardi di anni fa la futura e momentanea presenza dell’Uomo era stata scritta nella vita del nostro pianeta. La razza umana è stata graziata dell’evoluzione. La Natura stessa ha fatto in modo che questa specie di scimmia evoluta arrivasse, un giorno, in cima alla catena alimentare, non grazie a denti e zanne affilate o corazze impenetrabili ma ad un cervello che potesse inventare ed elaborare ciò che all’uomo

mancava ovvero ciò che la Natura stessa aveva negato a lui ma non agli altri animali meno evoluti. Siamo giunti, grazie al nostro cervello, ad essere la specie dominante, siamo giunti ad elaborare pensieri a cui, senza il dono dell’evoluzione che la Natura ci ha dato, non saremmo mai potuti, nemmeno lontanamente arrivare. È grazie a questo supercervello che l’Uomo ha stabilito di essere superiore alle altre creature e a tutto il resto del pianeta. Con

UOMO & NATURA Una riconciliazione ancora possibile?

La Virgola | 3

potrebbe coinvolgere tanti altri settori dando voce a molte idee che ora sono considerate utopiche. Capire se sia più giusto mantenere l’euro o “abolirlo” non è dunque cosa facile. Bisogna affidarsi al proprio senso di appartenenza ad una comunità e operare una scelta prima di tutto personale. Da paese democratico qual è l’Italia sulla carta, si dovrebbe ascoltare la voce del popolo, unica grande forza in grado di scegliere riguardo al suo futuro, proponendo inchieste , referendum consultivi e agire al più presto. Le tante incertezze e indecisioni che stanno stanno alla base della nascita di movimenti anti euro possono diventare la base per un’Europa più utile, equa e consapevole che si impegni a creare un sentimento, prima che una moneta. Solo così si potrà garantire fiducia e stabilità ad un futuro imminente, speriamo migliore.

questo ragionamento ha, metaforicamente, morso la mano che lo nutriva, iniziando a sfidare la Natura in una gara alla sopravvivenza. La razza umana è entrata in una fase di disillusione: ogni essere umano pensa: “Questa è la mia era, la mia epoca, il mio momento e faccio ciò che ritengo giusto per me.” L’Uomo ha deciso di annientare ecosistemi ed equilibri naturali per soddisfare i suoi frivoli bisogni. Continua a pagina 10 

Matteo Da Frè, Eros Basei


4 | La Virgola

SOCIETÀ

Numero unico

NELLA VITA È POSSIBILE CAMBIARE

Pena di morte o rieducazione del condannato? Un dibattito ancora in atto Ogni anno molti criminali vengono arrestati in tutto il mondo, ma solo in alcuni Stati rischiano la pena di morte. In Italia la Costituzione afferma che: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non è ammessa la pena di morte.”[art. 27]. Capiamo, dunque, che i detenuti hanno diritto ad una seconda possibilità, anche grazie al reinserimento, ma soprattutto che la morte e la tortura sono ritenute inutili e disumane, nonostante altri Paesi le pratichino ancora. Quando un detenuto esce di prigione dovrebbe avere già sperimentato dei lavori socialmente utili per rendersi conto che non sempre bisogna arrivare ad uccidere, rubare o infrangere le leggi per ottenere qualcosa e per essere considerati. Non sempre però chi viene liberato viene accettato dalla propria comunità; ne è un drammatico esempio il racconto di Eugen Wiesnet, che ricorda l’esperienza di un ragazzo di di-

ciannove anni, Hans K. che, ritornato dal carcere minorile dopo tre anni di detenzione, venne rinnegato dal suo villaggio di origine. Egli quindi si impiccò per disperazione dopo sei settimane. Dalla sua lettera di addio: «Perché gli uomini non perdonano mai…!»”, possiamo capire come sia doloroso il ritorno alla vita normale dopo una pena carceraria e quando i pregiudizi pesino su una persona. Molti arrivano al suicidio per i sensi di colpa per ciò che hanno compiuto o per non essere accettati nuovamente dalla propria gente, perché quest’ultima vede esclusivamente il delinquente che è appena uscito di prigione e non l’uomo. Possiamo dire quindi che non bisogna mai rinnegare una persona per i pregiudizi sul suo passato, ma bisogna valutare se la detenzione sia stata favorevole a un percorso di cambiamento e, se questo è avvenuto, è opportuno dare un’altra possibilità di riavere una vita normale. Serena De Biasi

PENA DI MORTE E TORTURA: LA VERA SOLUZIONE?

Ritengo che la pena di morte sia un metodo sbrigativo per risolvere i problemi causati da un individuo. I dati dimostrano che negli stati in cui essa è ancora presente i reati non sono diminuiti, e perciò non è neanche così utile a dissuadere le persone dal commetterne. Infatti, fa quasi più senso pensare di dover passare venti, trent’anni in una cella a non far nulla, che non il pensiero della morte stessa. Nemmeno la strada della tortura è una giusta via, perché non aiuta l’uomo a capire dove ha errato, ma solo a ricevere, in cambio di ciò che ha commesso, del dolore fisico. Non si può neanche essere certi che questo non peggiori la situazione, andando a creare nel condannato ulteriore rabbia e predisposizione alla vendetta

violenta. Per queste ragioni, credo che non si possa rispondere alla violenza con altra violenza, perché si crea un circolo vizioso basato sugli istinti più bassi dell’uomo, che non è più in grado di riportare pace e benessere, ma solo terrore e sgomento. Dal 1948 in Italia la pena di morte è stata resa illegale; la Costituzione all’articolo 27 dichiara: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso dell’umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato. Non è ammessa la pena di morte.”Il percorso di rieducazione del condannato è espressione di modernità e di senso civico, dentro e fuori la realtà carceraria. L’insegnamento di principi morali ed etici, l’istruzione, la tensione verso il bene collettivo e la predisposizione

a fare delle buone azioni sono solo alcuni esempi di ciò che andrebbe re-insegnato al detenuto. Fare in modo che egli impieghi le sue ore in modo costruttivo, che impari un mestiere, che venga istruito: sono passi importanti per la sua rinascita. Certo è un percorso impegnativo, che richiede soprattutto fiducia e disponibilità. Sarebbe molto più semplice eliminare subito il problema, strappandogli via la vita! Ognuno di noi merita una seconda possibilità e il riconoscimento dei propri diritti naturali; inoltre un individuo ha bisogno di essere integrato nella società da cui era stato allontanato. Il carcere, senza una fase di ri-educazione, non è utile. Talvolta capita che vadano riviste alcune pene, perché dopo un certo numero di

anni passati in una cella, se sono troppi, una persona finirà con l’essere distrutta, invece che ricostruita. Se una persona entra in galera a vent’anni ed esce a quaranta, senza uno straccio di lavoro, né una famiglia, probabilmente tornerà a fare una vita tesa all’illegalità. Se invece al condannato viene data una cultura, insegnato un mestiere, magari offerto un posto di lavoro una volta uscito dal carcere, ci sono molte più possibilità che decida di abbandonare la vita da delinquente per dedicarsi ad un’attività produttiva all’interno della società, con qualche speranza in più. Questo è il compito di uno stato moderno che tenda verso il progresso e la costituzionalità. Alice De Zorzi


Giugno 2014

SOCIETÀ

LA CITTÀ GABBIA Dal nostro “inviato” a Milano Immagino dolci e luminose come astri, le lacrime di Lucia Mondella quando nel brano “Addio ai monti” ne “I Promessi Sposi”, saluta con amorevole sconsolatezza il paese natale, mentre se ne sta allontanando per sfuggire al potente don Rodrigo. Il capolavoro manzoniano è sempre attuale e a dimostrarlo è anche la trattazione del binomio città-paese; per lo scrittore la prima è infatti motivo di tumulti, violenze e disordine, mentre il secondo gode di impagabile quiete e serenità. Ebbene, come avrete dedotto dal titolo, seppure sia palese che io non stia vivendo nella Milano neoclassica ove visse Manzoni e meno che meno in quella seicentesca vituperata dal potere spagnolo dove lo scrittore ambientò il suo romanzo, sento di poter ratificare con le dovute modifiche il suo verdetto: la città è una gabbia d’ansie! Con ciò non voglio assolutamente affermare che le persone residenti in campagna non siano soggette alle stesse ansietà, ma che il modus vivendi del cittadino è ancor più asfissiante. Viviamo una realtà in cui i tempi di attesa devono essere sempre più centellinati, proprio per il sentimento di repulsione che proviamo per la stessa parola attesa; “non abbiamo più dodici miseri minuti da dedicare a cuocere il riso nella pentola, e allora per farci risparmiare tempo è stata realizzata una versione di riso che si prepara nel forno a microonde in soli due minuti”. Siamo guidati dall’onda dell’immediatezza non senza essere completamente indifferenti a ciò che ci circonda.Ma come possiamo trovare la felicità fra tanto sgomento? Come possiamo riconoscere la felicità in una società che valuta un simile dato ricorrendo all’inscindibile legame per cui una maggiore ricchezza corrisponde ad una maggiore serenità? Lascio

a voi svelare simili arcani. Come disse Robert Kennedy alcune settimane prima del suo assassinio in un discorso in piena campagna presidenziale: “Il Pnl misura tutto, tranne quello che rende la vita degna di essere vissuta”. La sudditanza del cittadino a tempi di vita sempre più dettati dalla frenesia, fa ineluttabilmente scaturire delle conseguenze che rendono l’individuo sempre meno libero e, al contrario, sempre più impantanato nella sua inquieta e inarrestabile attività di produzione. Questo frena la possibilità del singolo di poter migliorare se stesso poiché egli non sa più come ritagliare, all’interno della sua giornata, dello spazio per il proprio arricchimento culturale. Sarà incredibile, ma gli antichi Romani, durante le loro attività private, contemplavano l’idea di otium (non inteso nella maniera negativa in cui lo pensiamo noi oggi), ovvero il piacere dell’accrescimento conoscitivo, che sarebbe stato utile, oltreché per loro stessi, per il bene della società e del mondo. L’uomo moderno vive sulla sua pelle un’ansia che sovente fatica a giustificare. Cerca di lenire il suo malessere attraverso una vita parallela online, capace invece di renderlo ancor più angosciato e vittima del suo stesso desiderio di accettazione, facendo valere sopra ogni cosa il primato dell’Ego poiché incapace di agire “per altro che per se stesso”. La civiltà, descritta dal filosofo Emil Cioran come una pazzia e un male che l’uomo inflisse a se stesso e che vorrebbe a sua volta far provare a quelli che fino ad ora vi sono fuggiti, ci addita, ci pungola con le sue velleità più subdole, pronta a gravare su ognuno di noi. Se non siete ancora pronti a tutto questo, non aspettate di restarne obnubilati! Enrico Nadai

La Virgola | 5


6 | La Virgola

SOCIETÀ

Numero unico

RICONQUISTARE PER DIFENDERE Al lavoro servono nuove regole Il termine “lavoro” racchiude in sé molteplici significati, più o meno oggettivi e ben conosciuti da tutti. L’idea che si associa più frequentemente a questa parola ricade nella sfera professionale intesa come la fase nella quale l’essere umano è chiamato a cercare un mezzo di sostentamento per la propria sopravvivenza cioè lavorare. Nel corso dei secoli la progressiva distinzione sociale, dovuta alla nascita della classe imprenditoriale e di quella operaia, composta da poveri lavoratori disposti a praticare faticose attività per una retribuzione, ha segnato una profonda spaccatura tra le due componenti del sistema produttivo. All’inizio l’unico rapporto tra il datore di lavoro e il dipendente era solo il lavoro stesso, l’attività svolta, non esisteva un contratto, nato e impostosi poi, nel corso dell’Ottocento e Novecento. Questa stipulazione voluta soprattutto dalla classe operaia, cominciò a fornire diritti, sicurezze e certezze. Al giorno d’oggi la società occi-

dentale si è evoluta molto dal punto di vista dei diritti lavorativi e di leggi che ne regolano il funzionamento economico, garantendo coperture assicurative in caso di infortunio, strutture adeguate alle pratiche lavorative, ma imponendo anche molta burocrazia; tante regole che, se da un lato forniscono diritti per la collaborazione tra datore e operaio, dall’altro limitano la pratica lavorativa in sé. Ciò significa che la spesa utile alla produzione, viene appesantita da fiumi di inchiostro e carta stampata. Per esempio è palese il fatto che oggi per un imprenditore è più costoso assumere e mantenere un dipendente rispetto all’entrate che grazie a lui riceve. In pratica si è passati dalla totale assenza di diritti e regole ad un’eccessiva burocrazia che impone, limita, costringe il sistema produttivo in una morsa mortale. Il lavoro va riconquistato, proprio partendo da questo aspetto: cambiando regole e garanzie, trovando un giusto equilibrio che

riporti l’uomo, imprenditore ed operaio, a concepire l’attività professionale come qualcosa di positivo. Difatti nel corso degli anni, l’ambiente lavorativo è apparso a molti come contropartita della schiavitù, e in tanti si sono arresi a percepire salari indecenti pur di lavorare. Il lavoro a poco a poco ha preso il sopravvento su tutto, ha subordinato la società, la quale, non potendone più fare a meno, ha finito per schiacciare quella forma di libertà necessaria per coltivare ogni sorta di svago ed evasione utili all’essere umano. Il periodo di crisi mondiale, che anche l’Italia vive, abbatte ancor di più l’intraprendenza del cittadino, sempre interessato ad una riforma consapevole delle regole lavorative. I dati forniti dal rapporto ISFOL, in base al quale sembra che il 20% degli occupati italiani ritenga di svolgere mansioni che utilizzano solo parzialmente le sue competenze, sono un segnale forte del fatto che il dipendente sia disposto a lavori in campi

ai quali non appartiene pur di non patire la fame. Un’alternativa, come fornisce il medesimo rapporto per contrastare la crescita del mercato lavorativo, consiste nel conciliare i meriti con le opportunità professionali. Un dato allarmante è anche il numero delle fabbriche italiane e occidentali che si spostano all’estero, verso oriente dove le condizioni di salute e sicurezza connesse al lavoro sono quasi inesistenti. Meno diritti e meno sicurezza garantiscono un basso costo di produzione! Ma non è possibile dunque, fornire diritti, sicurezza e salute ad un prezzo sostenibile che garantisca la pratica lavorativa? Bisogna riflettere sui pro e i contro, prima di schierarsi a favore delle sicurezze o dei profitti. Serve dare una speranza a cittadini e lavoratori, garantendo loro un futuro equamente bilanciato tra diritti e opportunità, valori e certezze … a questo punto da ritrovare e difendere. Eros Basei


Giugno 2014

SOCIETÀ

LAVORO: DIRITTI

SICUREZZA E CREATIVITÀ Puntare sul settore artistico per uscire dal circolo vizioso “Muratore di 48 anni perde il lavoro e si impicca”: questo è ciò che lessi tempo fa durante il tragitto mattutino casa - scuola. Non è la prima volta tuttavia che si leggono notizie del genere nelle locandine esposte fuori dalle edicole, anzi, la cosa è di cadenza quasi giornaliera, così la famosa domanda: “Perché si è suicidato?” trova risposta nell’altrettanto famigerata frase: “È colpa della disoccupazione”, ovvero la mancanza di lavoro. Ciò è paradossale se pensiamo all’articolo 1 della nostra Costituzione, il quale recita che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”; ed ecco la discrepanza: un Paese che si basa su ciò che in realtà non c’è: il lavoro non è più sicuro. Per porre rimedio a tale problema è innanzitutto necessario individuarne le cause. Analizzando la parola “sicurezza” si comprende il suo duplice significato: tutela della salute - da un lato - e garanzia dall’altro, garanzia del lavoro appunto. Ed è proprio quest’ultimo che viene a mancare oggi, specialmente per i giovani come sono io, che in diverse

occasioni ho avuto modo di sentire tanta sfiducia per quanto concerne il lavoro in discorsi i quali dicevano che non varrebbe la pena intraprendere una professione per la quale non c’è interesse, attitudine e preparazione scolastica. L’Italia è fortunatamente ricca di figure altamente qualificate come: medici, ingegneri, tecnici che, però, non trovano alcun impiego per il quale hanno dedicato anni di studio e denaro; anche questo è un altro paradosso, in quanto la Repubblica stessa riconosce il diritto ad ogni cittadino di svolgere la professione che preferisce, promuovendo le condizioni affinché ciò accada. Per riassumere il tutto useremo una uguaglianza: sfiducia dei giovani sulle possibilità di lavoro offerte dal paese, più bassa retribuzione, più alto livello di istruzione uguale a “fuga di cervelli” all’estero. Se la preoccupazione dei giovani è trovare una professione che sia appagante e che risponda alle proprie esigenze/possibilità, per quanto riguarda la fascia d’età che va dai 30 anni

in su, le preoccupazioni sono altre, come l’avere un lavoro in base ad un contratto a tempo indeterminato che permetta uno stipendio dignitoso e sicurezza. È proprio quest’ultima, intesa come tutela della salute sul luogo del mestiere, che risulta un fattore preoccupante in quanto è successo diverse volte che più operai siano deceduti a causa della mancanza di attrezzature adeguate; per far fronte a tale situazione lo Stato, mediante l’Ispettorato del lavoro, controlla che le attività siano a norma e quindi idonee allo svolgimento delle mansioni; così grazie a queste ispezioni il numero di infortuni è calato, ma lo stesso governo non finanzia né l’azienda - la quale deve pagare un’assicurazione - né lo sviluppo di nuovi mezzi tecnologici volti a limitare gli incidenti sul lavoro. Il sottoscritto, per esperienza personale è a conoscenza che un’azienda è stata sanzionata dallo Stato perché non a norma - il che è cosa giusta - ma il proprietario, non avendo la disponibilità economica, né per pagare tale multa, né per rende-

La Virgola | 7

re idoneo il luogo di lavoro, ha dichiarato il fallimento, licenziando gli operai. E quindi disoccupazione. Il circolo vizioso ricomincia. Vorremmo fare ancora una riflessione su quello che secondo noi è il migliore investimento sul quale puntare per quanto riguarda il lavoro in Italia: il settore artistico che, infatti, ha donato splendore e ricchezza culturale al Paese, a tal punto da essere primo nella classifica mondiale dell’UNESCO. Basti pensare alle brillanti menti di pittori, scultori, compositori, musicisti… tutte professioni che stanno scomparendo per fare spazio a quelle tecnicoinformatiche, perché queste ultime sono più richieste e considerate più utili alla società. Si ritiene tuttavia che la soluzione migliore sia unire l’utile al dilettevole , ossia unire le arti con la tecnica: Da Vinci, Palladio, Cristofori … tutte persone che coniugarono tali competenze e che contribuirono così al progresso mondiale. È forse un caso che la moda e il design italiano siano così rinomati nel mondo? Siamo consapevoli che il lavoro creativo richieda investimenti economici, che rendono tali professioni ardue da intraprendere.. ma, come si è visto accadere in passato, con l’ingegno tutto è possibile. Mattia Pizzaia


8 | La Virgola

SOCIETÀ

Numero unico

IL CARCERE RACCONTATO DA UN EX DETENUTO

Testimonianza raccolta da Federica Ricchiuti “Quella in carcere non è vita, sei lontano dagli affetti, sdraiato su una brandina a guardare il nulla. In carcere una persona si fa tanti pensieri, dai più radiosi ai più cupi, pensi a come fartela passare giorno per giorno, io mi sono dedicato alla palestra, fortunatamente il mio compagno di cella era un ragazzone tutto muscoli. Ogni giorno facevamo esercizi, per tenerci in forma e far passare le ore, in cella il tempo si ferma, e quando si ferma i pensieri ti assalgono e ti tolgono la lucidità, per sopravvivere bisogna essere positivi e con la testa sulle spalle. Molte volte mi sono detto: “ La mia vita è finita, ora cosa faccio, cosa farò?”. Mi sono fermato spesso a pensare al perché della mia reclusione, al perché mi sono comportato cosi. Mai e

ripeto mai, mi sarei aspettato di commettere una cosa così nella mia vita, sono passati un po’di anni ma il passato non si cancella. Il carcere mi ha aiutato a essere l’uomo che sono, si supera tutto nella vita, si sbaglia, si paga e si impara la lezione. Io sono migliorato, e mentre te ne parlo come vedi sorrido, perché io in carcere mi sono trovato bene. Ne ho passati due ma in tutti e due non ho avuto problemi, tra i carcerati c’è molta solidarietà, se ti comporti bene, vivi tranquillo, se sei iperattivo, sbruffone o attaccabrighe sia con i compagni che le guardie e arrivi alla mani, rischi di finire in isolamento ossia una prigione nella prigione. Ci puoi restare anche per settimane e da quello che ho visto e sentito non è una bella cosa. In

molti vedono i secondini come bestie, persone in divisa che sbattono il manganello contro le sbarre per incutere timore, la gente ha l’idea del carcere sbagliata, legata ai film e alle dicerie dei mass media. Nei carceri in cui sono stato io non c’era il sovraffollamento, non si faceva la doccia nudi tutti insieme, queste sono tutte fantasie di gente che non sa. Il messaggio che voglio far passare è quello di pensare prima di agire, la vita è una ragazzi, pensate bene alle conseguenze

delle vostre azioni, tirare anche solo un pugno ad una persona nel posto sbagliato comporta la morte. Avrete spezzato una vita, una cosa che non potreste mai cancellare dalla vostra testa. Scontare una pena per omicidio o qualsiasi altro reato compromette i rapporti interpersonali e dà un idea di voi sbagliata perché sarete etichettati a vita per il reato per cui siete stati incriminati. Nessuno ha mai detto che la vita è una cosa facile, non complicatevela però”.

Ars Disputandi

LA NORMALITÀ DEL MALE L’uomo comune: uno strumento in mano all’autorità È davvero impossibile pensare che l’intera umanità si possa sottomettere ad un potere autoritario e dispotico? Tale domanda iniziò ad essere motivo di discussione tra i sociologi durante la seconda metà del Novecento in seguito all’obbedienza di massa all’interno di quegli Stati in cui si svilupparono le idee nazi-fasciste. Non furono, infatti, solamente i gerarchi nazisti ad obbedire al comando di sterminio contro ebrei, zingari e omosessuali dato da Hitler (senza dimenticare, però, anche i gulag sovietici), ma gran parte della popolazione tedesca, che si caratterizzò per una forma omertosa di negazionismo. In particolare, il processo al gerarca Adolf Eichmann fece sorgere dei dubbi sulla sua effettiva crudeltà e consapevolezza. Come fa notare Hannah Arendt nel

saggio “La banalità del male. Eichmann a Gerusalemme”, durante questa discutibile udienza emerge la personalità mediocre dell’uomo in questione e ciò che più sorprende é la sua banale “normalità”. É proprio in questo quadro di normalità che l’esperimento Milgram viene effettuato. L’idea dell’esperimento nasce negli anni ‘60, dopo il processo Eichmann, per rispondere alla domanda iniziale sull’indole sottomissiva dell’uomo sociale. L’esperimento si basava sulla presenza del “ricercatore” rappresentativo della figura autorevole della scienza, dell’“insegnante”, il quale, reclutato tramite un annuncio, doveva punire mediante scosse elettriche simulate l’“allievo”, un attore complice, qualora non avesse fornito la risposta esatta. Il risultato scon-

volgente fu che una percentuale elevata di coloro che dovevano provocare le scosse, credute vere e dolorose, continuarono a infliggerle, sotto le incitazioni del “ricercatore”, nonostante le suppliche da parte degli attorivittime. Il risultato fu giustificato dal fatto che la presenza di una figura autoritaria portava i partecipanti a non sentirsi più dei SOGGETTI moralmente coinvolti, ma solamente degli STRUMENTI che eseguivano un ordine. L’obbedienza dimostrata dagli “insegnanti” fu collegata al sistema educativo che induceva al rispetto dell’autorità e degli accordi stipulati con la medesima. Si notò, inoltre, che il grado di obbedienza cambiava sensibilmente in base alla distanza dall’autorità e dalla vittima in questione. Ciò ci può far comprendere come sia possibile

una certa indifferenza al male altrui se si è adeguatamente lontani, da sentirsi non coinvolti. Questo può rispondere in parte alla questione di come i cittadini tedeschi e italiani, durante la seconda guerra mondiale, non si siano “accorti” di quello che stava succedendo. Arianna Rusalen


Giugno 2014

C U LT U R A & I N T E R C U LT U R A

ACCETTARE LA DURA REALTÀ PER COMINCIARE A CAMBIARLA Un segno di fortezza e coraggio Il suicidio per crisi economica è uno dei tanti avvenimenti che oggi fanno accapponare la pelle. L’hanno trovato nella sede della sua azienda impiccato il 13 febbraio 2014. L’editore padovano Giorgio Zanardi, 73 anni, titolare di un grosso stabilimento nella zona industriale di Padova, ha deciso di suicidarsi in seguito all’accumulazione di debiti contratti nella sua azienda, una delle più importanti nel campo dell’editoria. L’azienda, nata a Padova negli anni Sessanta, è cresciuta inglobando e collaborando con molte altre aziende del Nord Est fino a trasformarsi nel Gruppo editoriale Zanardi. Giorgio Zanardi lascia la moglie, due figlie e i

dipendenti dell’azienda, molti in cassa integrazione. Infatti, dei 300 dipendenti originari, sono rimasti a lavorare effettivamente circa 110. Secondo il report presentato da Link Lab, il Centro studi e ricerche socioeconomiche della Link Campus University, nel 2013 sono stati 149 i suicidi causati dalla crisi economica: uno ogni due giorni e mezzo. Nel 2012 i casi erano stati uno ogni quattro giorni. Quasi la metà delle vittime appartiene alla classe imprenditoriale, il 40 per cento erano disoccupati, i restanti lavoratori dipendenti ancora attivi, ma evidentemente in difficoltà. La mancanza di denaro o comunque una situazione debitoria

insanabile rappresentano senza dubbio la motivazione principale del tragico gesto. E forse non è un caso se quasi tutti i decessi di questo tipo si concentrano tra settembre e ottobre, a cavallo cioè della scadenza dell’ultima rata Iva. Quando sento al telegiornale la notizia di drammi simili, mi sorgono brividi improvvisi, come scariche elettriche. Mi sento invadere dalla tristezza, immaginando la disperazione che ha avuto il sopravvento su tante persone. Mi riesce difficile, però, comprendere pienamente un simile gesto che mi appare anche come una forma di egoismo. Dato il mio carattere altruista, cercherei di affrontare i pro-

La Virgola | 9

blemi, magari chiedendo aiuto, proprio per dovere verso chi mi sta attorno. Al solo pensiero di dover abbandonare gli amici e la famiglia, che mi sono stati accanto offrendomi tutto il loro affetto, non ce la farei mai a togliermi la vita. Sono dell’idea che si debba rimboccarsi le maniche e farsi forza anche nei momenti duri che la vita purtroppo ci riserva piuttosto che scegliere la via più facile ed abbandonare gli altri, per quanto questa idea possa sfiorarci a causa dello sconforto. In questi casi conta molto il sostegno che si riceve dagli altri che ci aiutano e credono in noi. È essenziale guardare gli aspetti positivi della vita, per quanti innumerevoli possano essere quelli negativi e non soffermarsi sul senso di solitudine e sull’assenza di soluzioni immediate ai problemi. Non mi sento, tuttavia, in grado di criticare qualcuno per quanto orrendo Continua in ultima pagina 

GLI AGGRESSORI DISTRUGGONO SEMPRE

SE STESSI La storia insegna molte cose e la prima tra queste è, senza dubbio, l’applicazione del teorema fisico per il quale ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. In svariate situazioni si è constatato che tale principio ha una validità che spazia dall’ambito fisicoscientifico all’ambito umano, quello dei rapporti interpersonali. È su questo concetto che l’idea espressa da Fritjof Capra, ne “La rete della vita” del 1997, si basa. Capra sostiene, riferendosi alle sue esperienze in campo fisico, che le pratiche distruttive a lungo termine falliscono, paragonandole alla creazione delle prime cellule nucleate, che non fu una lotta di competizione, ma un processo graduale fatto di cooperazione tra le varie parti della

Se i sentimenti minano le relazioni

molecola. Esempi lampanti di questa affermazione sono i ‘regimi totalitari’della prima parte del Novecento. Hitler, Lenin e poi Stalin, ma anche lo stesso Mussolini, furono i portatori di un messaggio d’odio, lo stesso che condannò a morte milioni e milioni di persone nei campi di sterminio. Tali regimi, proprio per la base di violenza su cui si fondavano, finiranno per essere annientati dall’intervento di forze interne ed esterne. È impossibile pensare che l’intera umanità si sottometta alle direttive di personaggi dispotici, stolti e senza riguardo per le classi meno agiate, i quali si concentrano a rafforzare lo stato per sottomettere le masse. Anche in altre situazioni, come nel caso delle relazioni affettive, atteggiamenti dispo-

tici e possessivi nei confronti dell’altro minano alle radici il rapporto, perché l’Amore, in particolare, si basa sul valore di uguaglianza tra i due partner che in collaborazione tentano, passo dopo passo, di costruire la loro vita insieme, superando le avversità nel loro cammino. Penso che questo principio, per quanto banale possa sembrare, abbia una valenza davvero ampia. Sostengo, infatti, che una delle caratteristiche più negative di questo mondo sia l’assenza di collaborazione per la risoluzione dei problemi e la tendenza ad anteporre a tutto i propri conflitti interiori, avventandosi e accanendosi su cose e persone, come un cacciatore fa con la propria preda. Diego Zanette


10

| La Virgola

UOMO NATURA

 Continua da pagina 3 La Natura, d’altro canto, è relativamente impotente perché non possiede zanne e artigli per potersi difendere immediatamente dagli attacchi umani. La sua autodifesa nasce quando l’Uomo intacca e distrugge equilibri primordiali che, attraverso reazioni a catena lunghe anche molti anni, finiranno per ritorcersi contro l’Uomo stesso, annientando il suo modo di vivere o la sua stessa vita. L’Uomo sta causando sempre più squilibri sul pianeta e molte

C U LT U R A & I N T E R C U LT U R A reazioni a catena si stanno innescando, così tante che forse finiranno per annientare l’Uomo definitivamente, un Uomo illuso che il suo dominio possa durare in eterno. Se riassumessimo la vita complessiva del pianeta in un anno, quella della specie umana coprirebbe solo qualche secondo. Siamo destinati a scomparire; come i dinosauri, anche noi faremo il nostro tempo e spariremo, forse, senza lasciare traccia; ne siamo consapevoli, ma l’egoismo ci sta portando ad accelerare questo nostro timer di autodistruzione. L’Uomo distrugge ed inquina

Numero unico

senza alcun rimorso, uccide e annienta per soddisfare l’ego nel cervello che la Natura stessa gli ha donato, ma quest’ultima saprà riscattarsi: ci spazzerà via e darà la possibilità che ha dato a noi a qualcun altro. Perché ciò non avvenga l’Uomo dovrebbe alleggerire la propria orma attraverso una “riscoperta felice” di uno stile di vita più sobrio, in armonia con la sua creatrice che, magari colpita dal tentativo di riconciliazione, potrà concedergli qualche secondo in più. Michele Augusto

UNA TRAGEDIA COSTRUITA A REGOLA D’ARTE A piedi sul Vajont: per non dimenticare La commemorazione del disastro del Vajont, lo studio dello sfruttamento idrico per la produzione dell’energia idroelettrica e l’analisi degli aspetti morfologici e geologici del nostro territorio sono stati i fattori che ci hanno portato quest’anno a percorrere il bacino del Piave fino a Longarone. E così, mercoledì 16 aprile 2014, noi alunni delle classi 1A e 1D del liceo artistico “B. Munari”, assieme ad alcuni nostri professori, ci siamo trovati alle ore7:50 in Piazza Medaglie d’Oro, pronti per salire sulla corriera, che ci avrebbe portati alla tristemente famosa diga del Vajont. Durante il tragitto ci siamo fermati a Nove, dove è salito con noi il geologo prof. Antonio Della Libera che, con grande pazienza, ci ha spiegato gli aspetti morfologici e geologici del Fadalto facendoci notare come una frana paleolitica abbia fatto deviare il corso del

fiume Piave, creando lo sbarramento che ha dato origine al lago di S. Croce. Giunti a Longarone, attraverso una strada tortuosa, siamo saliti alla diga dove l’aria era molto più forte e decisamente più fredda. Qui il prof. Della Libera ci ha spiegato la formazione, ma anche la causa, della frana che il 9 ottobre 1963 si staccò dal monte Toc, facendo fuoriuscire dalla diga milioni di metri cubi di acqua, che spazzarono via il paese e con esso la vita di moltissime persone. Qui una guida ci ha condotto proprio sopra la diga stessa. È stato molto emozionante percorrerne il tracciato; abbiamo potuto guardare dall’alto la valle di Longarone e il canyon scavato dal torrente Vajont, che era stato scelto dall’ingegnere Carlo Semenza, progettista della SADE, proprio per la costruzione della diga; abbiamo potuto rabbrividire e commuoverci ascoltando

M di Muller con attenzione le parole e il ricordo ancora vivo nei superstiti, di quella che è stata una delle più grandi catastrofi provocate dall’uomo. Camminando sopra la diga abbiamo potuto capire quanta acqua fosse fuoriuscita quella sera e con quale violenza la natura si sia ribellata all’uomo.Dopo l’emozionante visita al Vajont, ci siamo recarti nel piccolo Comune di Erto dove si trova il museo del Vajont. Nelle varie stanze, abbiamo potuto osservare: foto, documenti, resti della vita quotidiana del tempo e dei paesi vicini; appese alle pareti dei pannelli ripercorrevano la storia della costruzione della diga e le dinamiche del disastro. Dopo una pausa per il pranzo e un po’di relax, durante il quale abbiamo approfittato per discutere di ciò che avevamo visto, abbiamo visitato il piccolo paese di Erto: sembrava di essere tornati indietro nel tempo, case in pietra si affacciavano su strette stradine

lastricate anch’esse in pietra, e i pochi abitanti rimasti davano l’impressione di essere uniti tra di loro. Gironzolando per le viuzze bastava alzare lo sguardo per vedere Casso, l’unico paese salvato dall’onda omicida. Nella strada del ritorno non poteva mancare la sosta a Longarone dove si trova la chiesa di Santa Maria Immacolata costruita a seguito del disastro del Vajont dall’architetto Giovanni Michelucci. La sua struttura, ricca di significati, si inserisce in quello scenario di dolore come un urlo straziante di vita. Qui abbiamo anche approfittato per gustare un buonissimo gelato, poiché Longarone è la “patria” dei gelatai che con la loro professionalità si sono fatti conoscere in tutto il mondo. È stata certamente una giornata serena, ma ognuno di noi si è portato in fondo al cuore la tristezza di quel lontano 9 ottobre 1963. Filippo Arnaud


Giugno 2014

C U LT U R A & I N T E R C U LT U R A

La Virgola |

11

UN FINLANDESE IN ITALIA Il viaggio di un giovane con Intercultura Ciao a tutti! Mi chiamo Rafael Heikkila e sono il ragazzo finlandese che frequenta quest’anno il Liceo artistico “Bruno Munari”. Magari mi conoscete oppure mi avete almeno visto qualche volta a scuola. Io sono venuto in Italia con Intercultura per imparare la lingua italiana e per conoscere la cultura del Paese (come vivete, come parlate, come funziona lo Stato e che cosa è il vero cibo italiano) e visitare diversi luoghi dell’Italia. Abito con la famiglia Meneghel che mi ospita a Valmareno, una frazione di Follina. La famiglia è composta dalla madre Silvia e dal padre Mauro, dalla sorellina Letizia che ha otto anni e dal fratellino che ha dieci anni. Intercultura, conosciuta nel mondo con la sigla AFS, è un’organizzazione che organizza scambi culturali per un anno scolastico (10 mesi), per sei mesi, tre mesi e anche per qualche settimana. Alcune famiglie che sono volontarie ospitano un ragazzo oppure una ragazza stranieri per dieci mesi o meno. I ragazzi imparano la cultura del Paese, le tradizioni della famiglia con cui imparano ad abitare. Infine i ragazzi diventano figli adottivi delle famiglie ospitanti, hanno imparato

la nuova lingua, la cultura, il diverso modo di vivere, ad avere pazienza, a sopravvivere… insomma diventano dei ragazzi più sicuri di sé e tornano al paese d’origine molto più maturi. La settimana scorsa (23-30 marzo) sono andato con Intercultura in Sicilia, in provincia di Ragusa, per una settimana di scambio. Una settimana prima Sebastian, un ragazzo danese, era venuto qui vicino a Conegliano per la settimana di scambio. Noi potevamo scegliere una regione dell’Italia dove andare per vedere com’è la vita, e diversi posti nell’Italia. Io ho scelto la Sicilia perché è famosa per i bei posti. Abitando qua al nord, volevo vedere com’è la vita al sud, quindi sono andato in un luogo che è il punto più basso dell’Italia. Sono volato fino a Catania domenica 23 marzo insieme al danese. Da Catania ho percorso un tratto di strada per circa due ore in macchina con la famiglia ospitante di Sebastian. Lui abita a Scicli, che è una bellissima cittadina barocca. Scicli è a circa cinque minuti dal mare. Domenica sera i miei genitori ospitanti della Sicilia sono venuti a prendermi da casa di Sebastian e siamo andati a mangiare e a vedere la piccola città marina di Ragusa che è sul

mare. La settimana sono stato a Ragusa a casa dei genitori che mi hanno ospitato. A Ragusa c’è una bellissima vecchia parte della città che si chiama Ragusa Ibla. Durante la settimana con il nostro gruppo siamo andati a visitare quattro diverse scuole, per vedere come sono organizzate, quali attività svolgono e con quali metodi. In tutte le scuole abbiamo fatto qualcosa di bello e diverso, ma la più bella cosa è che abbiamo incontrato dei ragazzi siciliani e potevamo parlare con loro e fare delle belle amicizie. In una scuola abbiamo prodotto il cioccolato, in un’altra abbiamo parlato inglese con i ragazzi italiani perché era un liceo linguistico e in un istituto alberghiero dei ragazzi ci hanno fatto un buonissimo pranzo. Mercoledì siamo andati in una città che è nel posto più meridionale d’Italia e dicono anche d’Europa. Venerdì siamo

andati a Siracusa, che è una città sul mare, ha il parco archeologico della Neapolis dove sono conservati un vecchissimo e famoso Teatro greco, l’Orecchio di Dionigi e tante antiche tombe. Sabato mattina siamo partiti molto presto da Ragusa: la nostra meta era l’Etna. Abbiamo guidato circa due ore prima di raggiungere una cittadina ai piedi dell’Etna e da lì siamo saliti; abbiamo poi lasciato le macchine e continuato a piedi. Abbiamo camminato forse un’oretta e mezza fino ad un bel posto sull’Etna. Dopo il pranzo siamo scesi in una grotta che si è formata quando la lava è andata fuori dalla terra. Sabato sera, che era l’ultima sera, siamo andati a cenare e festeggiare con il nostro gruppo di ragazzi. Sono partito da Catania con l’aereo e sono tornato al terminal di Treviso domenica mattina. Rafael Heikkila


12

| La Virgola

FILA, FILA, FILANDERA Quest’anno la nostra classe 1D ha svolto un interessante approfondimento sul ruolo e l’importanza che i settori della bacologia e della filanda hanno ricoperto nel nostro territorio. Il percorso si è articolato in tre fasi. Inizialmente, con l’ausilio della lavagna LIM, la nostra insegnante di Lettere ci ha introdotto l’argomento della bachisericoltura nel nostro territorio, a partire dall’attività delle bacologie, all’allevamento dei bachi da seta nell’ambiente contadino del nostro territorio, fino alla lavorazione dei bozzoli, negli stabilimenti delle filande, per l’estrazione e la lavorazione del prezioso filo di seta. Abbiamo, inoltre, preso visione delle fasi della vita della falena del baco da seta, della sua metamorfosi, fino alla produzione del bozzolo. La spiegazione è stata accompagnata da immagini e foto interessanti e chiarificatrici, talvolta anche raccapriccianti. La seconda fase del percorso ha visto l’intervento a scuola del prof. Carlo De Poi, direttore della compagnia teatrale “Collettivo di ricerca teatrale” di Vittorio Veneto. Egli, insieme ad altri ricercatori, ha condotto degli studi storici sul ruolo eco-

C U LT U R A & I N T E R C U LT U R A

nomico e sociale che l’attività bachisericola ha ricoperto nel nostro territorio fino agli anni ‘70, quando anche gli ultimi impianti sono stati chiusi. Il suo intervento ci ha arricchiti con informazioni legate alla storia della bacologia in Italia e nel nostro territorio e illustrandoci le dure condizioni di vita delle donne, che lavoravano negli opifici, e delle famiglie che allevavano in casa i bachi da seta. Il suo intervento, inoltre, è stato propedeutico alla visione di una rappresentazione teatrale sul tema, ideata e messa in scena dal “Collettivo di ricerca teatrale”, a cui avremmo assistito la settimana successiva. E così, la mattina di giovedì 13 marzo, si è svolta la terza fase del nostro percorso. Insieme ad altre quattordici classi del nostro Istituto, ci siamo recati al teatro “Da Ponte” di Vittorio Veneto, per assistere alla rappresentazione teatrale. Lo spettacolo, intitolato “Fila, fila, filandera”, ruotava intorno al mondo della filanda. La vicenda è inventata, ma conteneva riferimenti storici reali desunti dalle ricerche storiche condotte in precedenza dal “Collettivo”. Il racconto è ambientato alla

fine degli anni ‘40 del secolo scorso. I protagonisti sono due filandere, Judita e Merita, il loro padrone, Angelino, e Fra’ Carlo, ovvero Angelino stesso nelle vesti di un frate. Le due donne avevano di compito di allestire il museo della filanda, dato che il padrone voleva rendere immortale la storia degli opifici, illustrando ai visitatori come si svolgeva il lavoro al loro interno. Nella vicenda interviene Fra’ Carlo, con il ruolo di spiegare la provenienza in Italia del baco da seta e l’origine del suo allevamento. I bachi sono stati introdotti in Europa da due monaci che li avevano importati di nascosto dopo un viaggio in Cina. Nacque così l’attività dell’allevamento del baco da seta. La raccolta dei bozzoli, in cui i bachi da seta si avvolgevano per trasformarsi in crisalidi, costituiva una parte importante del reddito di molte famiglie contadine che allevavano i bachi in casa propria, trattandoli come dei veri e propri “cavalier”, proteggendoli dalle malattie, per non mandare a monte il guadagno dell’intero anno. Una volta raccolti i bozzoli, il lavoro proseguiva poi nelle filande. Qui il lavoro era svolto quasi completamente dalle donne, e se da un lato questa attività rappresentò una opportunità di lavoro fondamentale nelle famiglie del tempo, dall’altro significò per le donne una vita passata nell’umidità, con le

Numero unico

mani sempre nell’acqua bollente, con la puzza insopportabile dei bozzoli, in condizioni di lavoro difficilissime e talvolta umilianti. Inoltre, lo stipendio era veramente misero, perché i primi padroni sfruttavano la diffusa disoccupazione del periodo per pagare la manodopera a basso costo. Quello della bachisericoltura e della lavorazione della seta, comunque, sono stati settori molto importanti nell’economia italiana. Anche qui, a Vittorio Veneto, sin dagli inizi dell’Ottocento sono sorte alcune delle più importanti bacologie e filande italiane, grazie anche al clima favorevole alla coltivazione del gelso delle cui foglie si nutrivano i bachi. La produzione vittoriese, inoltre, era la migliore per qualità tra quelle italiane e la produzione italiana era la più importante d’Europa. Questo approfondimento ci ha permesso di conoscere un mondo che per noi era completamente sconosciuto. E se il nostro sguardo, passeggiando per Vittorio Veneto, si dovesse posare su una delle tante ciminiere che ancora testimoniano la presenza delle ex-filande, o su uno dei gelsi che ancora sopravvivono nelle nostre campagne, il nostro ricordo non può che tornare a Giudita, a Merita e alle tante donne che, con i loro sacrifici, hanno contribuito a costruire la società in cui noi oggi viviamo. Ilaria Vettoretti, Sofia Piai


Giugno 2014

La Virgola | 13

M U S I C A & S P O RT

TORNEO “FAIR PLAY” VOCE NEGATA IL RECUPERO DELLA

Intervista ai protagonisti per “giocare leale” Quest’anno il nostro Istituto ha partecipato al torneo “FairPlay”, un’iniziativa promossa dal Comune di Vittorio Veneto che aderisce alla Carta di Toronto nella quale si promuovono le attività fisiche. Questo documento denuncia l’inattività fisica sul piano salutare in quanto contribuisce ad aumentare il livello di obesità infantile ed adulta. La mancanza di attività fisica è al quarto posto tra le principali cause di morte dovuta a malattie croniche, come disturbi cardiaci, ictus, diabete e cancro. I problemi causati dall’inattività incidono anche sul piano economico per via dei costi dell’assistenza sanitaria e la conseguente improduttività dei cittadini; la promozione di modalità di spostamento attivi, come camminare, l’utilizzo di biciclette e mezzi pubblici, possono inoltre ridurre l’inquinamento e l’emissione di gas serra. L’iniziativa “Fair-Play” si basa sul concetto ludico dello sport, il

quale riesce a far sviluppare un senso di competizione positiva che aiuta la persona a reagire alla vita e a credere di più nelle proprie doti. Anche quando una persona crede di non avere delle abilità, riesce, attraverso il senso di unità, a comprendere di fare parte di una squadra, di una società, sentendosi parte integrante di essa. Hanno aderito all’iniziativa vittoriese sia scuole private, come il “Dante” e il “S. Giovanna D’Arco”, sia scuole statali, come il nostro Liceo, quello scientifico, l’I.T.C., l’I.T.I.S., l’I.S.I.S. Beltrame e l’I.P.S.I.A.. L’attività sportiva ha avuto inizio l’11 febbraio con il torneo di pallavolo femminile ed è terminato il 9 maggio con la giornata di atletica leggera, conclusasi con la premiazione. Le discipline svolte sono: pallavolo maschile-femminile, basket maschilefemminile, calcio a 11 maschile e calcio a 5 femminile. La giornata di atletica, invece, è stata caratterizzata sempre da squa-

dre di ambo i sessi, impegnate nelle seguenti discipline: staffetta 3x800m, salto in lungo, 100m e lancio del Vortex. Gli alunni del Munari sono riusciti a vincere alcune partite contro le altre scuole, ma anche di fronte alle sconfitte la loro voglia di divertirsi non è diminuita. Questo traspare dai commenti dei ragazzi che hanno partecipato in modo attivo all’iniziativa e dal professor Bastanzetti che li ha allenati, con l’aiuto della professoressa Botteon, riuscendo a creare un senso di squadra che si vorrebbe passasse all’intero istituto per poter vivere in un ambiente attivo. Questo messaggio di cooperazione vuole rivolgersi a tutti i docenti perché l’intera scuola dovrebbe promuovere anche queste attività ludiche: lo spirito d’unione della squadra si amplierebbe così alla scuola stessa con una ricaduta positiva per tutti. Arianna Rusalen

Penso sia fondamentale per ognuno di noi porsi un obbiettivo, avere una passione alla quale dedicarsi e che diventi anche una forma di sostegno, una guida durante le difficoltà, soprattutto in questo periodo della nostra vita che è fondamentale per il nostro futuro e durante il quale si possono imboccare strade non sempre ascendenti. A proposito di questo, durante le prove di un concerto organizzato dalla scuola di musica che frequento, ho conosciuto due ragazzi ex tossicodipendenti che ora vivono in comunità a Conegliano, i quali sono stati coinvolti in un’esperienza, in cui hanno la possibilità di esprimersi, da un insegnante/musicista che da qualche anno lavora con loro. È stato impressionante trovarsi faccia a faccia con coetanei (dei due la ragazza ha ora 16 anni), che sono stati protagonisti di certe gravi situazioni, osservare i loro volti, sentirli suonare, cantare e vederli impegnati con entusiasmo, gratificati dall’avere la possibilità di sentire, evocare, condividere emozioni con altre persone. Questa ragazza,che ha tentato più volte di scappare dalla comunità, dopo aver cominciato a cantare e suonare vuole restare lì. Dice di aspettare ogni settimana con ansia la lezione di canto e pianoforte perché già semplicemente avere la possibilità di ricevere delle attenzioni ed essere seguita è per lei una boccata d’ossigeno. Penso che molti giovani oggi cadano nella tossicodipendenza perché non riescono a dare un senso alla loro esistenza e il coinvolgere a fare musica questi ragazzi è un’iniziativa bellissima. Suonare insieme è creare un’atmosfera, comunicare, trovare un’armonia anche tramite un compromesso mettendosi in discussione. Un fondamento fantastico che ci insegna la musica è proprio questo: che sia composta da suoni armoniosi o da rumori, l’insieme deve convivere. Andrea D’Arsiè


14 | La Virgola

L E T T E R AT U R A & A RT E

Numero unico

L’ALTRA FACCIA DELLA SCRITTURA “… Avessi avuto soldi, non sarei diventato un criminale. Ma probabilmente non sarei neppure diventato uno scrittore” . È così che Edward Bunker si presenta: scrittore, sceneggiatore e attore statunitense, nonché detentore del poco onorevole primato di più giovane recluso di tutti i tempi, nel carcere di S. Quintino all’età di 17 anni. Ragazzo orfano, problematico, ma dalla mente acuta, Bunker ha passato gran parte della vita ad entrare e uscire di prigione, luogo tra l’altro dove compie i primi passi per quella che sarà una fiorente carriera letteraria. In prigione per non impazzire inizierà a scrivere, scoprendo un talento inaspettato, e una capacità di trasmettere e comunicare quasi innata. Si ritrova così non più un criminale che scrive, ma uno scrittore dal passato criminale, senza il quale non lo sarebbe diventato. Così ci fa provare le insicurezze di Max Dembo, che dopo otto anni di reclusione viene preso letteralmente a schiaffi dal mondo reale, luogo che non ha posto per uomini come lui in “Come una bestia feroce”. Affrontiamo i primi passi nel carcere insieme a Ron Deker in “Animal Factory”, ragazzo di buona famiglia arrestato per possesso

di marjuana , che fa amicizia con un detenuto, il quale lo aiuta ad affrontare la sua nuova realtà. Cresciamo insieme ad Alex Hammond in “Little Boy Blue”, ragazzino sfortunato con la voglia di libertà, amicizia, avventura o semplicemente di essere capito, che scappa dalle case affidatarie,

Il giornale sta andando in stampa proprio nel giorno in cui nel nostro istituto si svolge la Giornata dell’Arte, fortemente voluta da un gruppo di studenti che hanno ideato e organizzato numerosi laboratori, invitando esperti ed ex allievi. Grande l’affluenza alla DANZA HIP HOP, diretta da Michele Pin, ballerino professionista (K&S) e al laboratorio TEATRO, strutturatosi addirittura in due locali sotto la magistrale regia di Edoardo Fainello e Katiuscia Bo-

nato, attori e insegnanti presso l’Accademia Teatrale Lorenzo Da Ponte di Vittorio Veneto. Questa festosa giornata, documentata e ripresa dalla Sezione Multimediale, sarà visibile nei prossimi giorni nei social network e nelle piattaforme online del nostro istituto. La partecipazione è, più di ogni altro anno, vivace e di qualità. Un grazie va a tutti coloro che hanno reso possibile questa bella esperienza! Eros Basei

Edward Bunker istituti e addirittura da ospedali psichiatrici dove viene ospitato e infine a causa di cattive amicizie e della malasorte diventa un vero e proprio criminale perennemente arrabbiato con la società. Niente romanticismo, niente eroe che, nonostante le vicende avverse, mantiene i suoi princìpi, niente redenzio-

ne ma solo una brutale analisi naturalistica dei meccanismi dell’underworld, che solo un uomo che c’è stato dentro fino al collo può riportare in tutte le sue orribili, agghiaccianti ma anche folli, passionali sfumature. Non stupisce che tutti i suoi libri siano stati iniziati in carcere, racconti ispirati alle sue vicende, nero messo su bianco solo ed esclusivamente durante i suoi periodi di reclusione. Non ha mai preso carta e penna da persona libera. Sconcertante dal punto di vista linguistico, ricercato ed articolato, con frasi complesse che costringono a rileggere più volte, se non si presta la dovuta attenzione. Ciò non toglie però fascino al tutto, anzi lo rende ancora più ipnotico, avvincente, capace di introdurti nel mondo di Bunker, l’altra faccia del mondo , lasciandoti con la sensazione di essere appena stato travolto da un uragano: intontito, confuso, a tratti entusiasta, altri disperato ma sempre e comunque con un retrogusto amaro dopo aver visto l’altra faccia del mondo, delle persone, di te… con gli occhi finalmente aperti sul fatto che c’è altro oltre il tuo piccolo e insignificante giardino sicuro. Klea Shahini


Giugno 2014

Orizzontali 2. Il romanzo con l’Innominato - 15. Parti di arto comprese tra gomito e polso-17. Levigare o migliorare - 19. Si ripete due volte al brindisi - 20. Grandi cervidi - 21. Contrario di NE - 22. Isole a largo dell’Irlanda - 23. Fine della storia - 24. La fine dell’eroe - 26. Introduce l’ipotesi - 27. Il verbo della calamita - 29. Insegnante, pedagogo - 32. Simbolo chimico dell’Hassio - 33. Suonano uno strumento simile all’oboe - 36. Imperia - 38. Regista di “La Grande Bellezza” - 39. Quoziente d’intelligenza - 40. Ventilato, arieggiato - 41. Articolo

RELAX

indeterminativo - 42. Motivo di un versamento - 45. Irrilevanti, trascurabili - 47. Tipo di cuoio a ridotto impatto ambientale -50. Grande lago salato asiatico - 51. Persone all’oscuro - 53. Gettarsi... in mezzo - 54. Alcaloide contenuto nella corteccia di piante della china - 56. Fallo nel tennis - 57. Tritolo 59. Antiche scrivanie - 61. Dea della discordia - 62. Affluente svizzero del Reno - 63. Contrario di supino. Verticali 1. Ne sono ghiotti i topi - 2. Il nome dello scrittore Fleming - 3. Pubblico Ministero - 4.

Iniziali di Benigni - 5. Non la vede l’impaziente - 6. Non salutare, dannoso - 7. Può essere sostituito dai punti di sospensione - 8. Ai piedi di Tomba - 9. Una nota affermazione - 10. Le machines... mangiasoldi - 11. In matematica è greco - 12. Comune nome maschile arabo - 13. Moglie di Abramo - 14. Andare su tutte le furie - 16. Strada cittadina - 18. Ernie... senza pari - 21. Rudolf, filosofo e pedagogista austriaco 24. Schiava vergine, all’epoca dell’Impero Ottomano - 25. La nostra moneta - 27. Esistono anche quelle stradali - 28. Popolo dell’Asia Minore del II

La Virgola | 15

millennio a.C. - 29. Efficace, convincente - 30. Una delle Repubbliche Sorelle - 31. Recipiente di pelle - 33. Davanti... casa - 34. Astronave... inglese - 35. Dan, artista marziale statunitense di origini filippine - 37. Capitale delle Filippine 38. Diminutivo come cucciola - 41. Elemento chimico radioattivo - 43. L’arteria principale - 44. Dittongo in maree - 46. Costellazione... con la cintura (in latino) - 48. Sigla di Latina - 49. Precede Vegas - 52. Ottenere, prendere in inglese - 54. Croce Rossa - 55. Al centro del litro - 58. Consonanti in otaria - 60. Duecento romani.


Giugno 2014

La Virgola | 16

PUBBLICAZIONI ISTITUTO

UNA SCOMMESSA VINCENTE ACCETTARE LA DURA REALTÀ PER Continua dalla prima pagina si rivelò un modo divertente e alternativo per imparare a scrivere meglio. I gruppi di lavoro favorirono le amicizie e la sempre crescente curiosità ci portava a conoscere cose nuove, alimentando la nostra voglia di informarci. Con la prima pubblicazione scoprimmo anche la soddisfazione e l’orgoglio di aver realizzato con le nostre mani un vero e proprio giornale. L’anno successivo nessuno ebbe dubbi nel voler continuare l’attività e uscimmo addirittura con due numeri. Lo scorso anno vennero coinvolte le classi terze con al loro interno la sezione di Grafica i cui membri si impegnarono nel lavoro di impaginazione, realizzando una nuova veste del giornale che si è arricchito anche di un DossierArte. Con questo numero, giugno 2014, “La Virgola” si rinnova

e diventa Giornale d’Istituto! Tutti, studenti e professori, hanno infatti contribuito inviando i loro articoli alla nuova Redazione (composta da allievi delle varie classi e sempre coordinata dalla professoressa Gazzarin in collaborazione con il professor Merlo) che ne ha curato la stesura definitiva. Si anticipa che all’inizio del prossimo anno scolastico verrà indetto un concorso per l’ideazione di una nuova configurazione grafica della testata. Invitiamo fin d’ora a partecipare all’iniziativa e a cimentarsi, sempre più numerosi, nella divertente professione di “giornalisti” e “redattori”. Stiamo anche costruendo una collaborazione con l’emittente televisiva Antenna Tre. La Redazione augura a tutti una buona lettura! Chiara Vecellio Del Monego

Quattro giornalisti durante la giornata dell’Arte

COMINCIARE A CAMBIARLA

Continua dalla pagina 9 sia l’atto da lui compiuto. Molto spesso basterebbe avere una figura accanto che dopo una giornata no, ti dica sì; che dopo una serie di avvenimenti negativi intrecciati gli uni con gli altri, ci guardi con un sorriso; che ci infonda sicurezza, facendoci capire che andare controcorrente, anche se è da pazzi, ci porta a

qualcosa; che gli sforzi attuati saranno sempre ricompensati in un modo o nell’altro; che andare avanti accettando la realtà e cominciare a cambiarla è segno di fortezza e coraggio. La malinconia, il dolore non potranno così mai superare la forza di vivere, di sorridere. Laura Meneghin

In allegato a questo numero de LA VIRGOLA trovate il

Giugno 2014

Anno 4 - Numero unico

EDITORE: Liceo Artistico Bruno Munari

SEDE: Vitttorio Veneto -

prov. TV - Via Gandhi - n.14

Voci libere dal Munari Periodico del Liceo Artistico Bruno Munari

RESPONSABILI:

Annamaria Gazzarin Aldo Merlo

Ringraziamenti: La Redazione ringrazia tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo numero del giornale, inviando articoli e materiale vario.

CONTATTI:

telefono 0438551422 fax 0438940130 TVSD1000a@pec.istruzione.it

PROGETTO GRAFICO ED IMPAGINAZIONE: Eros Basei - Matteo Da Frè - Andrea D’Arsié Guglielmo Turbian

REDAZIONE:

Eros Basei - Matteo Da Frè - Andrea D’Arsié - Guglielmo Turbian Federica Ricchiuti - Arianna Rusalen - Klea Shahini Chiara V. Del Monego

www.liceoartisticomunari.gov.it È online il nuovo sito del nostro Liceo!

Nuova grafica e nuovi contenuti per avere tutte le informazioni che cercate in un click!

LA VIRGOLA giugno 2014 - numero unico  

La Virgola - voci libere del munari Giornale del LICEO ARTISTICO Bruno Munari di Vittorio Veneto

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you