Issuu on Google+

re alberto

portfolio

event/exhibit

/07 LA PERSISTENZA DEL VUOTO VOID’S PERSISTENCE La cultura è di scena/Culture is on stage Lab. di sintesi finale/Final studio a.a./a.y. 2011/2012

prof. Agnese Rebaglio  Raffaella Trocchianesi  Davide Fassi Elena Enrica Giunta Francesco Lucchese -


re alberto

portfolio

LA PERSISTENZA DEL VUOTO VOID’S PERSISTENCE La cultura è di scena/Culture is on stage

Lab. di sintesi finale/Final studio a.a./a.y. 2011/2012

project description In occasione della celebrazione per i 150 anni del Politecnico di Milano si vuole trattare l’argomento del vuoto nella produzione artistica di Gabriele Basilico. L’evento, dal dichiarato carattere performativo, viene strutturato in nove scene rivolte ad un pubblico eterogeneo e distribuite in due differenti location: la Rotonda della Besana e la Piazza Duca d’Aosta. Sono previste diverse modalità fruitive che spaziano dalla mera contemplazione all’interazione di tipo ludico-­esperienziale; l’evento si articola attraverso performance artistiche, una mostra fotografica, installazioni. Il progetto è concepito come un percorso di approfondimento che, a partire da una conoscenza base, intende raggiungere contenuti inediti al pubblico proponendo nuove prospettive e letture del vuoto. Da semplici installazioni e da un approccio ludico, l’utente entra in contatto con la filosofia del fotografo milanese, apprende le singole tematiche che la compongono, fino ad essere calato in un ambiente suggestivo, dalla forte carica poetica, metafora del vuoto e della sua pienezza fisica. -

On the occasion of the celebration of the 150th anniversary of Politecnico di Milano I want to deal with the topic of the void in Gabriele Basilico’s artistic production. The event is structured into nine scenes aimed a diverse audience and distributed in two different locations: the Rotonda della Besana and Piazza Duca d’Aosta. There are several modes of fruition, ranging from the mere contemplation of such recreational or experiential interaction and the event is organized through artistic performances, a photo exhibition and installations. The project is designed as a path that from a basic knowledge wants to achieve unprecedented content to the public by offering new perspectives and readings of the void. Starting from simple installations and playful approach, the user comes into contact with the philosophy of the Milanese photographer, arriving to be immersed in picturesque environment, with a strong poetic charge, metaphor of the void and its physical fullness. -


In c co L ara nt mee fin tterrast tto est izza o co no ra to n in ture da il c co s qu on nt ul ie tes att pe te to o c rim e s ur on e ile ba la tro nzi no cit es o. fre tà te ne e l rno tic es d ol ’in ue ell ter ar ’ed ch ific no ite io de ttu lo ls re ito .

è

L’edificio è situato in un Evidenti son o i segni dela zona centrale del la città, imme la stratifica zione storic rso nel tessut a. o urbano. GRATTACIELO PIRELLI + P.ZZA DUCA D’AOSTA

Simbolo de antenna lla Milano anni ‘50 vissuta in Il grattaciel e richiamo grazie prima pe all Contrappo o come scenografia a posizione strate rsona da Basilico , gic sizione tra de il grande lla piazza che divena per la visibilità. vuoto della ta piazza e il palcoscenico. pieno verti cale.

og ni co sa pe rc og lie rn et ut t co i i p m art e s ic e l ola a c ri, itt ren à f d Il m os en io se do a un pr pp lab ota roc iri gon cio nt is è o e ta m lo lo edit sg sp at ua azi ivo fo rd o. , e r o v Ce co i c rc n er o i sg ca nc ua ss es rd e u sa o i n p nte per un me an to nt ali pr e n tic ec u o m iso ovi e di pu tto pe nti a f n d u G.B etr i vi oco as azi sta on , ilic o e.

liv as ell mo pet o cu da tati ltur lità ve al : in : ba e: a

ed se lto ita di ed rif esp int les er ell sio to ett ne ua pe le rs on ale

a em lt e de iem za ins en d’ sc ne no io co is a ev ag to - v en io im ed d m fon

G.Basilico

ROTONDA DEL LA BESANA

IN INT TERA ER ZIO NO NE &E ST ER NO

ta edia imm

“La fotografia ha sostituito la matita, diventando uno strumento per creare e progettare”

1

d so ta e bas iret

politecnic a ione az m

2

le: e d ura ion cult vis llo ive: ica livepettat à: lud as dalit mo

u

TU CU RIST LT A UR AL E

us er __

______________ ___ ____ __ ___ _ __ _ __ __ _ __ _ _ __ _ _ _

3

FORTE IDENTITÀ CULTURALE

NELL’OPERA DI GABRIELE BASILICO

L DE A L LL EN O TE SG ZZ UA A RD O

fig u

”U na nu ov a

“La nat ura ri o Il vuot

1 2

: le ro va ra pp tti ltu : a ra cu ive te lo at in el tt tà: liv spe dali a o m

sico to fi vuo

LA PERSISTENZA DEL VUOTO

ON ON O BLIC ZAT PUB CIALIZ SPE

un

in

PO

Ba

ca

er

oc

ic sil

to

or

pp

ra

ss

l’o

la

EM

ra

ot

tim

ee

pl

LLI

IVE

3L

OTI

or

at

LT

àe

t cit

ne

ce

ris

ge

g su

c na

locatio n#1 ___ __ __ __ __

VU

m

te

on

v er

I DE

I&

1

RO

L’ARCHITETT È DI SCENA URA

.

ettura

rchit

dell’a

L IL SILE VE N NT ZIO OL : EG GE

N PIE de, si ve non esiste. po nte lme in realtàasilico ano la a rm . G.B fo norm ente uita che costr osa naturalm ualc teria ile q , ma che e ma visib Vuoto ere visibile d n in . nel ree fosse ria iste s cons ome ita tica che è c ol artis es ione z a a t re lla c en iti de el omp dei c ion Uno az

base

GN

E’ la città, l’ar è lei che fa l’az chitettura, il soggetto e non ione, non è vuo lo ta ma piena di sfondo; se stessa.

di larità

I SE

on so mom no a ento in ncor a pre cui si a senti pre il : la s sipa cena rio e è pro gli att tago ori nista .

G.Basilico

_______ ___ ___ _ __ __ __ __

2

______________ ___ ____ __ ___ __ __ __ __ __

tto Il v sto d rid ento i un es on so a fa se an lle se do va d re Q pla va i si co uel sti la p len nc lo cit ol zio à a ver ch en ch gli e, e m I tr e n ed me i p l vu at o ific tte er ot o n i, r va me o p in si en ag tte er qu ve m de ita nd zio di in e n el de o p ne st on lo a iù ne aur sig ch vo pro lle ar ni e lt fon str e u fica si e de ad n di ma ve pu le e, p alo i v pro ul go era de ò sp iva co as . ett gli n l se ive sp a r nz de azi ealt a: l f à le er . G.B str mi as ilic ad , o e. n E’ il I

.

ranquillo e calmo su scala macroscop sembra t ica ma

piu

suto

se lo pote ssim o

tta

o vis

fug gua ge rda il v re d uo a vi to cin os ep em er bre ciò reb lo be rie un m ma pie re vuo co in to t st em arc a p hit es tet ta on . ico

tra

to pi c

si

______ location# ____ 2__ ___ __ __ _ __ __ __ __

ita

La

ra

v lla de ro nt e c al tto te hi rc a di

re n

vuoto filos ofico

event/exhibit

ilico G.Bas

pa Ap

This page: identification of project’s requirements and scenario. -

mo” nesi uma ovo n nu di u a t s oni tag pro le, cia so

l su , , da ittà enza le c te. sul vuo i pres sua oro te ogh lav men ei lu o. alla te d mio vera a d man scia nel mai nianz gio u ico ce la o ag sso no asil trac spe n sia testim pass G.B o: le o va l itro tà n o la i da ’uom si r cit ers at dell ut mie ttrav segn bra eir i B e le e a ure L’om o d ch ibil ett uot dea vis chit di v i l’i esa ar so ltiv è r elle sen co po e d e il te io tem ent stan del tem nono zione ica atif str

.” te en em nt

...

ele ot ist Ar


re alberto

definizione dei temi /themes definition The silence: that light breeze. The time mark. Fullness & Emptiness. Architecture is on stage. The slowness of the gaze. -

portfolio


event/exhibit

“Io non fotografo il vuoto nel senso di una mancanza di presenza, ma fotografo il vuoto come protagonista di se stesso, con tutto il suo lirismo, con tutta la sua forza, con tutta la sua umanizzante capacità di comunicazione.” -

“I do not photograph void in the sense of a presence’s lack, but I picture emptiness as the protagonist itself, in all its lyricism, in all its strength, all its humanizing communication capability.” Gabriele Basilico


re alberto

portfolio

Il silenzio: il vento leggero I segni del tempo L’architettura è di scena

- tracce della presenza umana - contrasto presente/passato

- prospettiva centrale - quinte laterali

La lentezza dello sguardo Pieni & vuoti

- orizzonte aperto - campo libero

- ricchezza di particolari - visione dall’alto

- contrasti luci/ombre - texture

la collezione fotografica /the photo collection


event/exhibit

Thematic clusters and selecting criteria. -


portfolio

9^ Scenes. -

LA LENTEZZA DELLO SGUARDO

L’ARCHITETTURA È DI SCENA

PIENI & VUOTI

I SEGNI DEL TEMPO

IL SILENZIO: IL VENTO LEGGERO

percorso espositivo /exhibition path

1^ Il silenzio: il vento leggero. 2^ I segni del tempo. 3^ Pieni & vuoti. 4^ L’architettura è di scena. 5^ La lentezza dello sguardo 6^ Architettura virtuale. 7^ Le ombre del silenzio. 8^ Il ribollire del vuoto. 9^ La percezione del vuoto. -

ARCHITETTURA VIRTUALE

re alberto


LA PERCEZIONE DEL VUOTO

IL RIBOLLIRE DEL VUOTO

LE OMBRE DEL SILENZIO

event/exhibit


portfolio

CONI VISIVI

mide

1^

6^

2^

variabili

scene 1^-5^ /scenes 1^-5^

7^

3^

Independent iconic elements develop in three dimensions the concept of framing the gaze in the direction of Pirelli 4^ Skyscraper. -

5^

8^

6^

9^

see

Lo spettatore, attraverso l’uso di una vetrina window, interviene mettendo in scena il gra Pirelli: può scegliere tra paesaggi predefinit proiettando le immagini su una lastra opaca

INTERAZIONE

a e r h

Elementi iconici indipendenti sviluppano nelle tre dimensioni il concetto di inquadratura dello sguardo.

_decontestualizzazione _creatività _utente-regista

IMMAGINE COORDINATA .titolo

L’applicazione integra la possibilità di creare nuo immagini tramite tablet.

time delay logo dell’evento.

TRASPARENZA 100 % 50 %

t

Un’applicazione funge IMMAGINE COORDINATA da supporto integrativo alle installazioni.

8^

7^

2^

CONI VISIVI

Mirador, Gabriele Basilico, 2004

9^

L’ARCHITETTURA E’ DI SCENA

re alberto

.foto di Basilico

.testo sull’argomento

.titolo


0

1

0 1

2

2

etrina touch il grattacielo definiti opaca.

h uc to

e nuove

5 mt

event/exhibit

scale 1:100 scale 1:2

5 cm disegni architettonici /architectural drawings Elevetions of the 5 artworks. -

move

Artwork 4^ 3D view. -

Artwork 4^ Section. -

Artwork 4^ Elevation North. -

Exploded view. -

Artwork 4^ Plan. -

Construction detail. -

Optical cone made of veneered chipboard and covered with PE film.

Z-profile. Plexiglass sheet.



LA PERSISTENZA DEL VUOTO nell'opera di Gabriele Basilico