Issuu on Google+

1


941,4

DEFORESTAZIONE| DEFORESTATION

AFRICAAFRICA E FORESTE E FORESTE

Pascolo

Pascolo

42%

42%

Foreste

Foreste

22%

22%

10%

10%

26%

26%

Agricoltura Agricoltura

A

DIVISIONE DELLE FORESTE

1 x 106 PERSONE

TIPI DI FORESTE AFRICA E FORESTE TIPI DI FORESTE FORESTE PRIMARIE

2,8

0,3

%

MERICA

6,2 +%

2,7

6

30

+ 70

10

70

FORESTE TERRA

FORESTE

1 x 106 PERSONE 1 x 106 PERSONE Pascolo

7,5

30

TERRA

LAVORO

ABITAZIONE

TOTALE

TOTALE

FORESTE PRIMARIE

FORESTE PRIMARIE

EUROPA Foreste

SFRUTTAMENTO

SUB

9

MISTE

19

SUB PLUVIALI

% 28 9

TROPICALI

MISTE

+19

Agricoltura

FORESTE

FORESTE

PLUVIALI BOREALI

28 33

TEMPE

ASIA

BOREALI

+11

TEMPE

33

TROPICALI ALTRO

11

ALTRO

AFRICA

A Altro NORD AMERICA

42%

EUROPA 2,8

1,2

0,3

ASIA AFRICA

NORD AMERICA 2,7

1 x 106 km2

10,1

10,1

9,1 6,3

6,3 10%

1,2

10

6

551,5

72,2

1600

43,6 % 240,7

Suddivisione delle foreste Division of forests

10

10 %

LAVORO ABITAZIONE

RAPPORTO TOTALE-FORESTE RAPPORTO TOTALE-FORESTE

31 % Pascolo

42%

Foreste

22%

Agricoltura

10%

2978 2978

Altro

26%

21,8 %21,8 %

RAPPORTO TOTALE-FORESTE

941,4

72,2

0 < 10 10 < 30 30 < 50 50 < 70

50

70 < 100

72,2

68,2 68,2 7,2 %

505,3 14,3% 72,2

551,5 551,5

A

68,2

2978

551,5

20,8 %20,8 %

21,8 %

43,6 %

411,1 85,6 85,6

650

240,7 240,7 240,7

20,8 %

183,1 1 x 106 ha1TOTALI x 106 ha TOTALI % DI TERRITORIO FORESTATO % DI TERRITORIO FORESTATO

10 %

411,1 411,1

43,6 %43,6 %

591,1

PERCENTUALE DI COPERTURA CHIOMA

7,2 % 7,2 %

% DI TERRITORIO FORESTATO

85,6

Percentuale di copertura Percentual green cover

AFRICA E FORESTE

14,3% 14,3%

20,8 %

ABITAZIONE SFRUTTAMENTOSFRUTTAMENTO

941,4 941,4

505,3 505,3

411,1

75 %

LAVORO Tipi di foreste Forest types

14,3% 75 %

300

300

9,1

6,2

6,2 62,7

1600

75 %

7,5

7,5

0,3 26%

1 x 106 km2

2,8

22%

SUD AMERICA

SUD AMERICA

%

10 % 10 % POPOLAZIONE PERCENTUALE DI COPERTURA CHIOMA POPOLAZIONE SOSTENUTASOSTENUTA

300

9,1

68,2

505,3

1600

SUPERFICIE TERRESTRE SUPERFICIE TERRESTRE

1,2

ASIA

AFRICA

10,1 6,3

MERICA

7,2 %

SUDDIVISIONE DELLE FORESTE SUDDIVISIONE DELLE FORESTE

1 x 106 km2

TOTALE

UROPA

A

POPOLAZIONE Altro SOSTENUTA Altro

PERCENTUALE DI COPERTURA CHIOMA PERCENTUALE DI COPERTURA CHIOMA

650

1 x 10 ha TOTALI 650 6

% DI TERRITORIO FORESTATO 1 x 106 ha FORESTATI

75 %

1 x 106 ha1FORESTATI x 106 ha FORESTATI

51


OF FORESTS AND AFRICA riforestazione per uno sviluppo sostenibile reforestation for a sustainable development di Alberto Cumerlato Il ruolo svolto dagli ecosistemi foresta all’interno del continente africano non deve, e non può, essere sottovalutato e circoscritto al singolo contesto geografico, poichè i benefici dovuti a questi biomi, sono ascrivibili a scala mondiale. Le foreste svolgono un ruolo importante nelle condizioni di vita e nel benessere di un vasto numero di persone sia nei paesi con un’economia sviluppata che in quelli in via di sviluppo. A dispetto di quanto si possa pensare, le foreste mondiali sostengono 1,6 miliardi di persone, grazie allo sfruttamento diretto e indiretto delle risorse. La protezione e le politiche di salvaguardia delle foreste africane, sono ormai pratiche consolidate da decenni nella lotta ai cambiamenti climatici globali. Le strategie di mitigazione, come la riforestazione, sono sempre più spesso inserite all’interno di protocolli, linee guida e convenzioni internazionali. In Africa, attualmente, il 21,8% del territorio è ricoperto da foreste, pari a 650 milioni di ettari.

The role of forest ecosystems inside the african continent should not, and can not be, underestimated and limited to a single geographic context, as the benefits connected to these biomes, can be considered at a global scale. Forests play an important role in the living conditions and well-being of a large number of people both in countries with a developed economy that in the developing world. The world’s forests support 1.6 billion people, thanks to the direct and indirect exploitation of resources. The protection and the safeguard policies of the african forests, are now established practices in the fight against global climate change. Mitigation strategies, such as reforestation, are increasingly promoted in protocols, guidelines and conventions. In Africa, currently, 21.8% of the territory is covered by forests, equivalent at 650 million hectares.

nella pagina a fianco Disegno assonometrico dell’insediamento in the next page Isometric drawing of the settlement

256

257


DEFORESTAZIONE Le foreste possono subire variazioni in vari modi: le aree forestali possono ridursi a causa di un utilizzo eccessivo delle risorse naturali, deforestazione, o a catastrofi naturali. Tutti questi processi portano all’impossibilità di una rigenerazione naturale degli ecosistemi forestali. Viceversa, le aree forestali possono aumentare attraverso pratiche di riforestazione e imboschimento, o grazie all’espansione naturale. Seconda la FAO, circa 13 milioni di ettari di foreste del mondo sono tagliati e convertiti ad altri usi ogni anno. Il continente africano vede nell’agricoltura di sussitenza e nell’agricoltura intensiva le principali cause della deforestazione, seguite da disboscamento illegale e dalle pratiche legate all’allevamento e al pascolo. Cambiamenti su larga scala possono anche accadere all’interno dellae foreste primarie. In alcuni casi foreste naturali sono convertite in piantagioni forestali, e foreste primarie vengono irrimediabilmente degradate e frammentate. Il cambiamento annuo della superficie forestata ha un trend negativo medio compreso tra il 2% e il 5%, con i paesi dell’ Africa meridionale ai primi posti in questa classifica. Dal 1990 ad oggi il tasso di deforestazione annuo medio è stato dello 0,8% , portando dai 702 milioni di ettari di inizio anni novanta agli attuali 650. Un’analisi di tipo tendenziale di questi dati porta alla formulazione di una serie di proiezioni al 2050, in cui si prevede una perdita del 18% delle foreste tropicali e sub tropicali, portando gli attuali 650 milioni di ha di territorio forestato a ridursi di 80 milioni di ha in meno di quarant’anni.

DEFORESTATION Forests can be changed in various ways: the forest areas can be reduced due to an excessive use of natural resources, deforestation, or natural disasters. All these processes lead to the impossibility of a natural regeneration of forest ecosystems.

nella pagina a fianco

PROIEZIONE DEFORESTAZIONE

proiezioni deforestazione al 2050

CONTATORE DELLE PERDITE

2012

2020

2050

mappa della perdita annua di superficie forestata

t

in the next page

-5%

deforestation projections to 2050

1 x 106 ha

650

- 13 %

- 32

618

- 80

24 h

538

60’

ha 30’’

7

835

20000

map of the annual loss of forest area

Conversely, forest areas may increase through reforestation and afforestation practices, or through natural expansion. According to FAO, about 13 million hectares of the world’s forests are cut and converted to other uses each year. In Africa, subsistence agriculture and PROIEZIONE DEFORESTAZIONE intensive agriculture are the main caus2012 followed by illegal 2020 es of deforestation, logging and practices related to farming and grazing.

CONTATORE DELLE PERDITE

2050 t

-5%

- 13 %

Large-scale changes 1 x 10 ha 650 can- 32also occur 618 within primary forests. In some cases, natural forests are converted to forest plantations and primary forests are irreparably degraded and fragmented. The annual change of forest area has a negative trend in average between 2% and 5%, with countries of the south Africa region ranking high in this classification. 6

- 80

538

24 h

60’

30’’

7

84,7 - 1,26 % 72,2

835

77,5 - 0,9 % 68,1

20000

PERDITA ANNUA

199,4

90,8 - 0,51 % 85,6

- 0,93 %

250,1

90,8

- 0,93 %

- 0,51 % 85,6

1 x 106 ha 2010

1 x 106 ha

400 250

100

240,7

CAMBIAMENTO ANNUO

- 0,8 % 650

1 x 106 ha 2010

183,1

1 x 106 ha 1990

702

CAMBIAMENTO ANNUO

90,8 - 0,51 % 85,6

- 1,62 %

77,5 - 0,9 % the 68,1

PERDITA ANNUA

1 x 106 ha 1990

84,7 250,1 - 1,26 % - 0,93 % 72,2 240,7

From 1990 to now, the average annual deforestation rate was 0.8%, bringing the 702 million hectares of the early nineties to the current 650. Trend analysis of these data leads to formulation of a series of projections at 2050, we are expecting to lose 18% of 84,7 tropical and sub-tropical forests, going - 1,26 % 72,2 hectares of current from the 650 million 250,1in forested land to 80 million hectares less than forty years.

77,5 - 0,9 % 68,1

ha

702 - 0,8 % 650

199,4

240,7 1 x 106 ha

400 199,4

250

- 1,62 % 183,1

258

- 1,62 % 183,1

100

259


EMISSIONI CO2 I biomi forestali svolgono un ruolo fondamentale per la vita su questa pianeta. Comportandosi come dei veri e propri accumulatori, le foreste, stoccano il carbonio presente in natura, e prevengono la formazione di anidride carbonica in atmosfera. Le foreste africane accumulando 102 Gt di carbonio nella biomassa, nel legno e nel suolo e sono uno dei più importanti carbon sink su scala mondiale. Il bilancio tra anidride carbonica emessa e ossigeno rilasciato può variare significativamente a seconda della destinazione d’uso del suolo, infatti le dinamiche, e la capacità nello stoccaggio del carbonio, variano a seconda dello stress a cui questi ecosistemi vengono sottoposti, passando dalla capacità di assorbimento massima in presenza di foresta indisturbata fino a ridursi al 50% nel caso di sfruttamento non sostenible. Le emissioni di anidride carbonica in atmosfera sono tra le principali cause del surriscaldamento globale, al quale è collegato il fenomeno dei cambiamenti climatici, che si mostra in Africa attraverso la presenza di criticità ambientali come: l’innalzamento del livello medio degli oceani, la desertificazione, la scarsità di acqua potabile, l’alterazione della piovosità e i mutamenti nelle pratiche agricole. Il cambio dell’uso del suolo, di cui la deforestazione è parte preponderante, è responsabile del 18% delle emissioni globali, secondo solo alle emissioni per la produzione di energia. La deforestazione delle foreste africane provoca l’emissione di 2,1 miliardi di tonnellate di CO2 all’anno, pari al 10,8% delle emissioni globali di GHG da foreste. A causa della sempre più eccessiva quantità di CO2 in atmosfera, si prevede che se il trend non cambierà, lo stoccaggio del carbonio in foreste si arresterà entro il 2080, e le foreste smetteranno di comportarsi come carbon sink, e invertendo i flussi di assorbimento, diverranno carbon source, ovvero emettitori di grandi quantità anidride carbonica.

CO2 EMISSIONS The forest biomes play an important role in the life on this planet. By acting as accumulators, forests store carbon, and prevent the formation of carbon dioxide into the atmosphere. African forests by accumulating 102 Gt of carbon in biomass, in wood and soil, are one of the most important carbon sink on a global scale. The balance between oxygen and carbon dioxide emissions released, can vary significantly depending on the intended use of the land. Infact, the dynamics, and the ability in carbon storage vary depending on the stress to which these ecosystems are subjected. the ability to absorb is maximum in an undisturbed forest and it’s reduced to 50% in case of a not-sustainable exploitation. Emissions of carbon dioxide in the atmosphere is the main cause of global warming, it is connected to the phenomenon of climate change, which shows itself in Africa through the presence of critical environmental issues such as: raising the average level of the oceans, desertification, lack of drinking water, alteration of rainfall and changes in agricultural practices.

nella pagina a fianco

1 x 109 t C

17

17

Suolo 358

in the next page

1 x 109 t C

Foreste Biomassa 304 744

Legno 82

Foreste 744

Mondo

+ Africa

60

+

+=

+

=

Africa

60

37

60

37 5

60 102

5

102

CAPACITA’ DI STOCCAGGIO 100 80

25

1 x 109 t C

1 x 109 t C

100

100

50

50

10

10

25

55

30 10

%

EMISSIONI DI CO2 PER CAPITA EMISSIONI DI CO2 PER CAPITA

2612

725

EUROPA

EUROPA 33938

33938

ASIA

ASIA 30370

30370

NORD AMERICA

NORD 20015 AMERICA

20015

OCEANIA

18163 OCEANIA

18163

SUD AMERICA

8589 SUD AMERICA

8589

2612

725

RIDUZIONE EMISSIONI - DEFORESTAZIONE AFRICA

50 %

6801

kg CO2/ PERSONA

kg CO2/ PERSONA

4000

4000

2000

2000

1000

1000

3464

85 %

55 %

29 %

6801

AFRICA

95 %

75 %

3464

The land use changes, of which deforestation is the predominant part, is responsible for 18% of global emissions, behind only to the emissions for the production of energy. The deforestation of african forests causes the emission of 2.1 billion tons of CO2 per year, equivalent to 10.8% of global GHG emissions. Because of the increasingly excessive amounts of CO2 into the atmosphere, it is expected that if the trend will not change, carbon storage in forests will stop by 2080, and the forests will cease to act as carbon sink, and reversing the flow of absorption, will become carbon source, or rather emitting large quantities of carbon dioxide.

Legno Biomassa Suolo 35882 304

Mondo

map of carbon storage in forests, CO2 emissions per capita and GHG emissions from forests.

EMISSIONI GHG DA FORESTE EMISSIONI GHG DA FORESTE

2,8%

2,8% 1,3%

DINAMICHE NELLO STOCCAGGIO +7 31

3,2%

17

1,9% 12

18 82

43

226 FORESTA

SUD AMERICA

42,3 %

42,3 %

OCEANIA

OCEANIA

27,1 %

27,1 %

ASIA

ASIA

9,1 %

9,1 %

NORD AMERICA

NORD AMERICA

4%

4%

EUROPA

EUROPA

1,6 %

1,6 %

AFRICA

AFRICA

10,8 %

10,8 %

3,2% 0,9%

t CO2 / anno / ha

12 7

1,3%

SUD AMERICA

0,9%

+5

- 13

24 180

64

260

STOCCAGGIO DEL CARBONIO STOCCAGGIO DEL CARBONIO

mappa dello stoccaggio del carbonio in foreste, delle emissioni di CO2 per capita e delle emissioni di GHG da foreste.

12

1000 x 106 t CO2

1,9% 0,7%

0,7%

1000 x 106 t CO2

2

2

1

1

18 150

DEFORESTAZIONE

63 AGROFORESTAZIONE

0 1855

1855 Africa tropicale

1995 Africa tropicale

0 1995

261


in questa pagina Vista a volo dâ&#x20AC;&#x2122;uccello in the next page A birdâ&#x20AC;&#x2122;s eye view

262

263


RIFORESTAZIONE

RIFORESTAZIONE Le strategie e le politiche di riforestazione che possono essere avviate in Africa sono viste, dalle organizzazioni internazionali, come una delle possibili soluzioni al problema della deforestazione e delle conseguenti emissioni di gas clima alternanti in atmosfera. La riforestazione, unita ai più comuni approcci di rimboschimento e restauro ecologico, permette un miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni indigene, e al tempo stesso il raggiungimento di obiettivi su larga scala. Il restauro ambientale può contribuire a ridurre la concentrazione di biossido di carbonio nell’atmosfera e allo stesso tempo aumentare la resilienza delle popolazioni locali alle conseguenze dei cambiamenti climatici, garantendo forniture di acqua potabile e riducendo gli impatti delle catastrofi ambientali. Le aree riforestate possono essere configurate per ospitare differenti usi del suolo, tra cui ad esempio, riserve protette, corridoi ecologici, piantagioni agroforestali e sistemi di rimboschimento lungo corsi d’acqua. Le opportunità di riforestazione vengono così suddivise in tre categorie: a vasta scala, a mosaico e protettiva. Nella prima categoria, la pressione antropica è inferiore a dieci persone per km2, ed è adatta ad ospitare foreste chiuse, ovvero foreste in cui la percentuale di copertura della chioma sia superiore al 45%. Nella opportunità di riforestazione a mosaico, la densità di popolazione è compresa tra dieci e cento persone per km2, mentre la terza categoria è adatta in aree con alta pressione antropica, superiori a cento persone per km2, dove sono potenzialmente sviluppabili sistemi agroforestali.

REFORESTATION The strategies and policies of reforestation that can be started in Africa are seen by international organizations, as one of the possible solutions for deforestation and the consequent emission of GHG in the atmosphere.

nella pagina a fianco diagrammi delle possibilità di riforestazione

POSSIBILITA’ DI RIFORESTAZIONE A VASTA SCALA 115 x 106 ha

mappa delle opportunità di riforestazione

In mosaic reforestation opportunities, the density of the population is between ten and one hundred people per km2, while the third category is suitable in areas with high human pressure, over one hundred people per km2, which are potentially developable as agroforestry systems.

< 10

/ km2

> 45 %

TROPICALI

1400

TEMPERATE BOREALI A MOSAICO 600 x 106 ha

in the next page

10

< 100

/ km2

700 Africa

80

715 430

Sud America

25 % < 45 %

Asia

diagrams of the possibility of reforestation

420

Europa

320

Nord America

map of reforestation opportunities

Reforestation, combined with the most common approaches to ecological restoration, allows an improvement of the living conditions of indigenous peoples, and at the same time achieves targets on a large scale. The environmental restoration can help to reduce the concentration of carbon dioxide in the atmosphere and, at the same time, increase the resilience of local communities to the impacts of climate change, by providing drinking water supplies and by reducing the impacts of environmental disasters. The reforested areas can be configured to accommodate different land uses, including for instance, protected reserves, ecological corridors, plantations and agroforestry systems and tree plantations along watercourses. Opportunities for reforestation are thus divided into three categories: largescale, mosaic and protective. In the first category, the human pressure is less than ten people per km2, and is suitable to closed forests, or forests where the percentage of coverage of the foliage is more than 45%.

DISTRIBUZIONE

PROTETTIVA 1000 x 106 ha

> 100

/ km2

10 % < 25 %

Oceania

240 90

1 x 106 ha

OPPORTUNITA’ DI RIFORESTAZIONE 1 x 106 ha

20

220

RIFORESTAZIONE

180

80

POSSIBILITA’ DI RIFORESTAZIONE 15

DISTRIBUZIONE

130 A VASTA SCALA 115 x 106 ha

< 10

/ km2

> 45 %

TROPICALI

1400

TEMPERATE 40

BOREALI

A MOSAICO 600 x 106 ha

10

< 100

/ km2

25 % < 45 %

700 80

Africa

715 430

Sud America Asia

30

420

Europa

320

Nord America PROTETTIVA 1000 x 106 ha

> 100

/ km2

10 % < 25 %

Oceania

240 90

1 x 106 ha

CATEGORIE DI RIFORESTAZIONE A VASTA SCALA A MOSAICO PROTETTIVA

OPPORTUNITA’ DI RIFORESTAZIONE 1 x 106 ha

20

220

180

80

15

130

40

30

CATEGORIE DI RIFORESTAZIONE A VASTA SCALA A MOSAICO

264

PROTETTIVA

265


UOMINI E FORESTE Attraverso lo sviluppo e la gestione delle aree riforestate, le popolazioni autoctone possono trarre profitto dalle nuove piantagioni, attraverso i NWFPs, ovvero i prodotti forestali non legnosi. Grazie all’utilizzo e alla vendita di questi prodotti, in primis, legna da ardere e carbone di legna, i singoli nuclei familiari riescono ad alleviare la precarietà della propria situzione economica, soprattutto in tempi di crisi agricola e alimentare. Allo stesso tempo l’utilizzo di biomassa solida per il riscaldamento e per la cottura del cibo, sopperisce alla mancanza di energia combustibile. DIPENDENZA DALL’USO DI BIOMASSA

MEN AND FORESTS Through the development and management of reforested areas, indigenous people can take advantage of new plantations, through the NWFPs, or non wood forest products. Thanks to the use and sale of these products at the first place, firewood and charcoal, individual households relieve the economic precariousness of his situational, especially in times of agricultural and food crisis.

in questa pagina mappe e diagrammi del consumo di NWFPs in the next page maps and diagrams of the consumption of NWFPs

At the same time the use of solid biomass for heating and for cooking, makes up for the lack of energy fuel. REDDITO NON MONETIZZABILE

REDDITO MONETIZZABILE

REDDITO DA PRODOTTI FORESTALI

CONSUMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA

1 x 106 PERSONE

820 DIPENDENZA DALL’USO DI BIOMASSA 1 x 106 PERSONE

REDDITO NON MONETIZZABILE

REDDITO MONETIZZABILE Agricoltura

710

580 2000

2015

2000

43%

Legno da ardere

40%

Legno da ardere

18% 43%

Materiali costruzione Legno da da ardere

26% 40%

Carbone di legno

Legno da ardere

800

Foreste Agricoltura

29% 52%

$

Salario agricoli Prodotti

A

Altro Foreste

13% 29%

$

Prodotti Salario forestali

15% 18%

Medicinalida costruzione Materiali

18% 26%

A

Altre fonti Altro

6% 13%

A

Altro forestali Prodotti

24% 15%

Cibo Medicinali

16% 18%

A

Altre fonti

6%

A

Altro

24%

Cibo

16%

600 800 500 700 400 600 300 500 200 400 100 300 0 200

2030

2015

Carbone di legno

CONSUMI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA

Prodotti agricoli

1700 x 106 m3

820

710

580

1 x 106 m3

REDDITO DA PRODOTTI FORESTALI

52%

1970

1980

1990

2000

2010

2020

2030

1970

1980

1990

2000

2010

2020

2030

100 0

2030

CONSUMO DI BIOMASSA SOLIDA

CONSUMO DI LEGNO DA ARDERE

Legno da ardere Carbone di legno CONSUMO DI BIOMASSA SOLIDA

1970

Legno da ardere 1 x 106 m3

2012

2030

1990

2012

125 2030

Carbone di legno

1970

100

1990

60 12

60 10 60 10

80

60

40

60 12

60

30

95

30

95

140

90

40

40

95

90

Eritrea % 20

Kenya Egitto Uganda Eritrea Sudan

Somalia

40 140

40

Kenya Somalia Uganda Tanzania DR Sudan Congo

40

70

%

40 60 DA80ARDERE 100 0 20 20 LEGNO CONSUMO DI

40

Egitto 100

70 125

1 x 106 m3

80

40

70

0

20

40

60

80

100

20 % Urbano 80 % Rurale

Tanzania

20 % Urbano

DR Congo

80 % Rurale

80 70

CONSUMO DI CARBONE DI LEGNO

95 80

70%

CONSUMO DI CARBONE DI LEGNO INCIDENZA

% SUL CONSUMO TOTALE DI ENERGIA

70% 30%

<1 % SUL 0CONSUMO TOTALE DI ENERGIA

30% %

CONTESTO URBANO

%

CONTESTO RURALE CONTESTO URBANO

INCIDENZA

2 < 10 0<1 10 < 40

266

2 < 10 > 40 10 < 40 > 40

CONTESTO RURALE

267


in questa pagina Vista dellâ&#x20AC;&#x2122;insediamento dal basso in the next page View from the bottom of the settlement

268

269


MADAGASCAR Sulla base delle evidenze emerse della assoluta e relativa importanza delle foreste e dei prodotti forestali come mezzi di sussistenza, alcuni governi hanno avviato delle riforme politiche al fine di creare delle condizioni favorevoli per l’utilizzo delle risorse provenienti dalle foreste, tra cui la proprietà sicura e il diritto di utilizzo. Iniziative di questo tipo sono state avviate in Madagascar; ai singoli nuclei familiari è consentito di utilizzare attivamente le foreste, consentendo in questo modo di rafforzare la proprie attività e migliorare le proprie condizioni di vita.

in questa pagina

Ramena

mappe e diagrammi dello sfruttamento delle risorse forestali in Madagascar

Antsiranana

in the next page maps and diagrams of the exploitation of forest resources in Madagascar

Ambanja

ANTSIRANANA Sambava Antalaha Mahajanga

MADAGASCAR Based on the emerging evidence of the absolute and relative importance of forests and forest products as a mean of livelihood, some governments have started political reforms in order to create favorable conditions for the use of resources from forests, including the property safe and the right of use. Such initiatives have been launched in Madagascar; individual households are allowed to actively use the forests, allowing in this way to strengthen their activities and improve their living conditions.

Mananara

MAHAJANGA

TOAMASINA Atsinanana

Fenoarivo

Ambatondrazaka

ANTANANARIVO

FOREST MANAGEMENT Nuove aree protette

3.796.609

40%

Altre foreste

3.025.023

32%

Aree protette classiche

1.787.961

19%

Foreste a produzione sostenibile

803.625

9%

Toamasina

ANTANANARIVO RAPPORTO FORESTE E POVERTA’

Ramena Antsiranana

Mahanoro

Antsirabe

PRESENZA DI FORESTE

Morondava

Mananjary

Fianarantsoa

Ambanja

INDICE DI POVERTA’

$

ANTSIRANANA Sambava

+

Antalaha

DEFORESTAZIONE / RIFORESTAZIONE

FIANARANTSOA

Mahajanga

Mananara

MAHAJANGA

TOAMASINA

TOLIARA

2000

1990 Fenoarivo

1 x 103 ha

Atsinanana

Ambalavao

Ambatondrazaka

-

$

ANTANANARIVO

+ Morondava

272

Mahanoro

Antsirabe

Toliara

Mananjary

231

Fianarantsoa

FIANARANTSOA

Ambalavao

TOLIARA

LEGENDA

Tolanaro 270

17 000

13 692

50%

Manakara

13 122

Toliara

FORESTA ABBONDANTE, BASSA POVERTA’

Amboasary

SCARSITA’ FORESTA, BASSA POVERTA’ SCARSITA’ FORESTA, ALTA POVERTA’ FORESTA ABBONDANTE, ALTA POVERTA’

2030

415

Toamasina RIFORESTAZIONE A N T A N A N A R I V O +184 ha +10,37 %

Manakara

2012

-1 139 ha

FORESTE

-8,3 %

12 553 22%

Amboasary Tolanaro

271


MODELLO INSEDIATIVO SETTLEMENT PATTERN Le dinamiche di sviluppo che intercor- The development dynamics that exist rono tra la città consolidata, e i nuovi between the consolidated city, and the progetti di riforestazione, possono es- new reforestation projects can be disere indirizzate e governate, al fine di ri- rected and governed, in order to solve solvere il problema della crescita urbana the problem of indiscriminate urban indiscriminata. growth. Il principio insediativo delinea un rap- The principle of settlement outlines porto molto stretto e inscindibile tra a very close and inseparable relationil costruito, e il forestato. Impostando ship between the built enviroment, and uno standard tra ettari di foresta e nu- forested land. By setting a standard mero di abitanti insediabili, viene indi- of hectares of forest for population, it viduato un limite massimo indicante la is possible to set a fundamental limit soglia di uno sviluppo sostenibile del indicating the threshold of sustainable progetto. Interpolando densità territori- development of the project. By interale e densità abitativa, sono state indi- polating spatial density and population viduate una gamma di strategie ognuna density we can identify a range of stratdelle quali corrispondenti ad un preciso egies, each of which corresponding to a modello insediativo. specific settlement pattern. La soluzione che permette un inseri- The solution that allows insertion of the mento capillare del costruito all’interno capillary built in the forest, provides della foresta, prevede una densità di a density of built very low, but at the costruito molto bassa, ma allo stesso same time shows a population density PRIMARIE tempo una densità abitativa non di mol- FORESTE of not much less than the settlement to inferiore ai modelli insediativi svi- patterns developable on several levels. luppabili su più livelli. The attention that is paid to the process RIFORESTAZIONE L’attenzione che viene posta al processo of growth, changes the design, developdi crescita, si trasforma nel disegno, in ing a settlement pattern that allows an uno sviluppo di un modello insediativo FORESTA evolutionABITATA in phases of the project by ad albero che permette l’evoluzione per providing the inclusion of residential fasi dell’intero progetto prevedendo areas and areas designated for reforestal’inserimento di nuclei abitativi e aree tion on the edge of existing urban condestinate alla riforestazione ai margini texts. dei contesti urbani esistenti. The scenario that emerges is a new urLo scenario che ne deriva è un nuovo ban system, the forested city or the insistema urbano, la foresta abitata o la habited forest, whose cornerstone is the città forestata, il cui cardine è lo stretto close relationship between population rapporto tra abitanti e risorse naturali. and natural resources. Costruito interamente in legno, il pro- Built entirely of wood, the project is degetto si sviluppa in cluster abitativi, veloped in cluster housing, formed by formati dalla combinazione di abitazio- the combination of single-family housni monofamiliari collegate tra loro da un es connected by a system of elevated sistema di passerelle sopraelevate. walkways. Riducendo l’attacco a terra ad una fitta By reducing ground floor using a netrete di pilastri, senza intaccare e occu- work of pillars, and without affectpare il suolo, è possibile raggiungere ing the ground, it has been possible to uno standard foresta/abitanti di 44 per- reach a standard forest / population of sone per ettaro. 44 people per hectare.

272

in questa pagina diagrammi delle densità abitanti-foresta

FAR 2.7

dinamiche dello sviluppo dell’insediamento

0.3

+

5.1 ha

D

=

3.8 livelli

360

6.1 ha

59 ab/ ha

3 livelli

280

4.9 ha

57 ab/ ha

1 livello

44

1 ha

44 ab/ ha

1.0 0.7

in the next page diagrams of population-density forest

1 ha

66 FAR 2.1

dynamics of development of the settlement 1 ha

133

0.3

+

3.9 ha

D

=

1.0 0.7

FAR 0.3 1.0

0.7

D

=

0.3

273


in questa pagina Vista dellâ&#x20AC;&#x2122;insediamento dal fiume in the next page View of the settlement by the river

nella prossima pagina Planimetria generale Sezione territoriale in the next page Site plan Local Section

274

275


276

277


in questa pagina Vista delle unitĂ  abitative in the next page View of the housing units

278

279


in questa pagina Planivolumetrico in the next page Site plan

280

281


in questa pagina Vista dallâ&#x20AC;&#x2122;interno di una passerella in the next page View inside the elevated walkways

282

283


294


OF FORESTS AND AFRICA