Page 1


Bilancio Sociale 2010

A.I.D.O.

Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule


INFORMAZIONI

Attivo da lunedì al sabato dalle ore 9,30 alle ore 18,30, con funzione di ufficio relazioni con il pubblico.

SEDE NAZIONALE Via Cola di Rienzo, 243 00192 Roma Tel: 06.97614975 Fax: 06.97614989 e-mail: aidonazionale@aido.it PER LE DONAZIONI Conto corrente postale intestato a: A.I.D.O. NAZIONALE IBAN IT66T0760103200000061589768 Conto corrente bancario intestato a: A.I.D.O. NAZIONALE IBAN IT04J020080329500004780281 5x1000 C.F. 80023510169

Il Bilancio Sociale 2010 di A.I.D.O. nazionale è stato realizzato dal Gruppo di Lavoro interno costituito da Vincenzo Passarelli, Rossella Pietrangeli, Nadia Pietrangeli e Aurelio Navarra con l’affiancamento metodologico di Silvia Mucci di Sinopsis Lab - Laboratorio di Innovazione e Reti Territoriali di Mantova.

4


Indice del Bilancio Sociale 2010

PRESENTAZIONE

Lettera del Presidente Nota metodologica Glossario

p. 9 p. 11 p. 13

Il contesto di riferimento: la Rete Nazionale Trapianti La storia di A.I.D.O. La presenza sul territorio La missione e i valori Gli stakeholders

p. 17 p. 23 p. 31 p. 34 p. 35

IDENTITA’

ORGANIZZAZIONE

La struttura associativa: persone, ruoli e funzioni La struttura operativa

p. 37 p. 39

ATTIVITĂ€ nel 2010

Gli obiettivi del programma 2010-2011 Le azioni e i risultati nel 2010 Il sistema SIA per la gestione delle informazioni: i risultati del 2010 Il confronto con le SEDI Provinciali e Regionali: risultati del questionario Gli obiettivi di miglioramento: prossimi passi

RISORSE FINANZIARIE

I prospetti di Bilancio 5 per mille

p. 41 p. 43 p. 59

p. 65

p. 66 p. 67

5


6


Presentazione

Lettera del Presidente Cari Amici, il Bilancio Sociale di A.I.D.O. Nazionale è arrivato alla sua quarta edizione e sta diventando lo strumento di riferimento per la rendicontazione delle attività svolte e dei risultati conseguiti. Il principale obiettivo che ci siamo proposti è stato quello della massima chiarezza, trasparenza e fruibilità, che sono le caratteristiche essenziali per dare un senso allo strumento del Bilancio Sociale. Nel corso dell’anno, la produzione di documenti, resoconti e relazioni che accompagnano e descrivono le nostre attività, è assai ricca e variegata; ma solo nel Bilancio Sociale tutta questa produzione trova una sintesi ragionata e comprensibile per i suoi destinatari, che sono i portatori d’interesse dell’Associazione. Ci auguriamo che l’aspirazione di A.I.D.O. Nazionale di risultare, attraverso questo Bilancio Sociale, immediatamente comprensibile e collocabile nel contesto sociale in cui essa opera, trovi riscontro nella Vostra piacevole lettura. Nel ringraziarVi per l’attenzione che vorrete dedicare a questo lavoro, mi auguro che possa offrire a chi lo consulta una corretta e completa visione del nostro agire e del nostro ruolo di servizio nella comunità nazionale. Vincenzo Passarelli Presidente A.I.D.O. Nazionale

7


8


Nota metodologica

Con la realizzazione del Bilancio Sociale, nella sua quarta edizione, A.I.D.O. si propone di rendicontare sull’attività svolta e sui risultati ottenuti rispetto al perseguimento della propria missione e tenendo conto delle esigenze informative dei principali portatori di interessi. Nella redazione del documento sono state seguite le “Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit” emanate dall’agenzia delle ONLUS oltre ai principi generali della rendicontazione sociale sanciti a livello nazionale e internazionale (GBS – Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale; GRI - Global Reporting Initiative). L’obiettivo principale dell’Associazione è quello di garantire trasparenza al proprio operato, riportando ai lettori anno dopo anno quello che A.I.D.O. ha realizzato e i processi di miglioramento in atto. Il Bilancio Sociale non vuole quindi essere solamente uno strumento di comunicazione ma è anche di analisi e gestione del proprio patrimonio informativo per “render conto” degli obiettivi, definiti in fase di programmazione, e dei risultati rilevati alla fine dell’esercizio. In questo senso, il Bilancio Sociale, non è un documento statico, ma in continua evoluzione anche sulla base del dialogo con i nostri portatori di interesse. Nel 2009 abbiamo chiesto ai lettori del Bilancio Sociale di darci un giudizio sul documento stesso circa i punti di forza e di debolezza al fine di condividerne il processo di miglioramento. Quest’anno, abbiamo chiesto ai presidenti delle sedi Provinciali e Regionali di compilare un questionario semi-strutturato volto alla rilevazione delle aspettative e i punti di vista rispetto alle scelte strategiche di A.I.D.O. e ai migliori strumenti di comunicazione e condivisione tra sede centrale e sedi locali. Nell’ultima parte del documento sono riportati, quindi, alcuni risultati sintetici che vogliono essere anche suggestioni per A.I.D.O. Nazionale nello sviluppo della propria attività nei prossimi anni. In continuità con l’edizione del 2009 - presentata nel corso dell’Assemblea Nazionale di Roma del 12 e 13 giugno 2010 - il progetto è stato coordinato dal Gruppo di Lavoro interno costituito da Vincenzo Passarelli, Rossella Pietrangeli, Nadia Pietrangeli e Aurelio Navarra con l’affiancamento metodologico di Silvia Mucci di Sinopsis Lab. Il documento stampato in 1.500 copie verrà distribuito a tutti i propri portatori di interesse e sarà reso disponibile sul sito internet (www.aido.it). 9


10


Glossario

ACCOUNTABILITY Il dar conto all’esterno e in particolare al complesso degli stakeholder, in modo esaustivo e comprensibile, del corretto utilizzo delle risorse e della produzione di risultati in linea con gli scopi istituzionali. AIRT Associazione InterRegionale Trapianti: rete che coordina le attività di prelievo e di trapianto nelle regioni: Piemonte, Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Toscana, Puglia, Provincia autonoma di Bolzano. BENCHMARKING Il benchmarking è “un processo continuo di misurazione di prodotti, servizi e prassi aziendali, mediante il confronto con i concorrenti più forti”. CENTRO DI TRAPIANTO È un’istituzione ospedaliera che collabora e persegue il programma nazionale di trapianti redatto dal CNT. CNT Centro Nazionale Trapianti. CRRT Centro Regionale di riferimento per i trapianti. DONATORE EFFETTIVO Donatore cadavere i cui organi vengono prelevati ma non trapiantati perché risultano non idonei dopo il prelievo. DONATORE PROCURATO Donatore nel quale sia stata accertata la morte encefalica, che abbia espresso in vita volontà di donare gli organi o i cui familiari non si siano opposti al prelievo, nel quale non siano state rilevate controindicazioni al prelievo durante il periodo di accertamento. DONATORE SEGNALATO Donatore cadavere non utilizzato a causa di non consenso, opposizione della procura, arresto cardiaco irreversibile o non idoneità generale. DONATORE UTILIZZATO Donatore cadavere i cui organi e tessuti, dopo il decesso, vengono prelevati e trapiantati.

11


follow-up Visita o test di controllo che si effettua periodicamente per valutare l’evoluzione di una malattia e la validità della terapia adottata. INTRANET L’intranet è una rete locale (LAN), o un raggruppamento di reti locali, usata all’interno di una organizzazione per facilitare la comunicazione e l’accesso all’informazione, che può essere ad accesso ristretto. NEWSLETTER Notiziario scritto o per immagini diffuso periodicamente per posta elettronica. NITp Nord Italia Transplant program: rete che coordina le attività di prelievo e di trapianto nelle regioni: Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Provincia autonoma di Trento. OCST Organizzazione Centro Sud Trapianti: rete che coordina le attività di prelievo e trapianto nelle regioni: Lazio, Abruzzo, Molise, Umbria, Campania, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna. ONLUS Organizzazione non lucrativa di utilità sociale. OPERATORI SERVIZIO CIVILE Ragazzi e ragazze dai 18 ai 28 anni, cittadini italiani, che scelgono di dedicare un anno della propria vita a favore di un impegno solidaristico presso Associazioni ed enti non profit. P.M.P. / P.M.A. Per milione di popolazione/abitanti. Si utilizza come indice di attività per confrontare aree geografiche con diversa popolazione. PROCUREMENT Attività di sensibilizzazione alla donazione e di prelievo di organi e di tessuti. SIA Sistema Informativo A.I.D.O. SISQT Società Italiana per la Sicurezza e la Qualità dei Trapianti. SIT Sistema Informativo Trapianti: centro raccolta e archivio dati del CNT.

12


SITO WEB È un insieme di pagine web, ovvero una struttura ipertestuale di documenti accessibili con un browser tramite World Wide Web (Rete mondiale del Web). SOCIAL NETWORK Una rete sociale consiste di un qualsiasi gruppo di persone connesse tra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. Le reti sociali sono spesso usate come base di studi interculturali in sociologia e antropologia. STAKEHOLDER I soggetti che sono “portatori di interessi” rispetto ad una organizzazione, in ragione della relazione, anche di natura non economica, che li collega all’operato dell’organizzazione stessa.

13


14


IDENTITà

Il contesto di riferimento: la Rete Nazionale Trapianti Il sistema trapianti in Italia prevede che il coordinamento dell’attività di donazione, prelievo e trapianto sia articolato su quattro livelli: nazionale (Centro Nazionale Trapianti), regionale e interregionale (Centri Regionali Trapianto e Centri interregionali Trapianto) e locale (Asl e Centri Trapianto). Tale organizzazione ha permesso al sistema trapianti italiano di raggiungere livelli record di eccellenza negli ultimi anni sia per qualità dei trapianti effettuati che per condizioni dei pazienti trapiantati, due variabili strettamente legate. Attività di donazione e trapianto Nel 2010 sono stati effettuati 2.874 trapianti contro i 3.163 del 2009. La diminuzione percentuale registrata nel corso dell’anno 2010 è pari al 9,1%.

15


Le cause principali della flessione del numero dei trapianti effettuali sono due: da un lato si è riscontrato negli ultimi cinque anni un aumento dell’età media dei donatori da 50 a 55 anni, che riduce in modo rilevante il numero degli organi idonei al trapianto, e dall’altro si è registrata la diminuzione del numero dei decessi di pazienti cerebrolesi. Le ragioni di questa riduzione sono da individuarsi nella diminuzione dei decessi per cause traumatiche (da 1.348 nel 2009 a 1.240 nel 2010, con una riduzione percentuale del 8,0% ) e in generale i decessi sotto i quaranta anni (da 650 nel 2009 a 553 nel 2010, con una riduzione percentuale del 14,9 %). Si è registrata anche una riduzione delle morti dei pazienti di età superiore ai 60 anni (da 3.801 nel 2009 a 3.512 nel 2010, con una riduzione percentuale del 7,6 %) che ha anch’essa avuto un impatto sulla disponibilità di organi e le cui ragioni sono in corso di verifica. In totale, dunque, i dati registrano un passaggio da 5.572 nel 2009 a 5085 nel 2010 del numero dei decessi di pazienti cerebrolesi, pari una riduzione del 8,7%. È necessario interpretare quest’ultimo elemento in un quadro più ampio che prenda in considerazione il rapporto esistente tra il numero complessivo dei soggetti deceduti con lesioni cerebrali e quelli nei quali sia stato possibile effettuare l’accertamento di morte cerebrale (2.326 nel 2009 a fronte di 2.289 nel 2010) e che rappresenta la condizione prevista dalla legge per poter effettuare il prelievo di organi. Nel corso del 2010 tale rapporto è aumentato di 3,2 punti percentuali (passando dal 40,5% nel 2009 al 43%).

16


Dunque, se è indubbio che sono diminuiti i decessi in seguito a lesioni cerebrali, è altrettanto vero che la Rete Nazionale Trapianti (RNT) è stata in grado di rispondere in modo incisivo, limitando la riduzione nel numero degli accertamenti cerebrali e riducendo gli effetti negativi sul sistema delle donazioni. In totale, i potenziali donatori segnalati dai rianimatori, cioè i soggetti sottoposti ad accertamento di morte cerebrale, nel 2010 sono stati 2.289 contro i 2.326 del 2009 con una riduzione percentuale assoluta pari all’1%. I donatori utilizzati nel 2010 sono 1.095 (contro i 1.167 del 2009) con una diminuzione percentuale assoluta del 6,2%. Un altro dato registrato nel 2010 è quello relativo alle opposizioni: nell’anno trascorso la percentuale di opposizioni si è attestata sul 31,5% contro il 30,4% del 2009. Un trend sostanzialmente stabile e in linea con gli standard europei. Per quanto riguarda, invece, i dati delle 3 aggregazioni Interregionali, l’area NIT (comprendente Lombardia, Veneto, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento e Marche ) nel 2010 ha registrato 441 donatori utilizzati rispetto ai 474 nel 2009. L’area AIRT (comprendente Piemonte,Valle D’Aosta, Toscana, Emilia Romagna, Provincia Autonoma di Bolzano e Puglia) ha avuto 410 donatori utilizzati nel 2010 contro gli 407 nel 2009. L’area OCST (comprendente Lazio, Basilicata, Campania, Abruzzo-Molise, Calabria, Umbria, Sicilia e Sardegna) ha registrato 244 donatori utilizzati nel 2010 rispetto ai 286 dell’anno precedente.

17


In Italia il totale dei pazienti in lista d’attesa nel 2010 è stato pari a 9.489, con un aumento di 158 pazienti rispetto al 2009; questi dati confermano un quadro sostanzialmente stabile, attestato dalla durata media dei tempi di attesa, sostanzialmente identica rispetto al 2010. Dei pazienti iscritti in lista: • 7.021 sono in attesa di un trapianto di rene con un tempo medio di attesa in lista pari a 3,01 anni; • 1.322 per un trapianto di fegato con un tempo medio di attesa in lista pari a 2,04 anni; • 728 per un trapianto di cuore con un tempo medio di attesa in lista pari a 2,36 anni; • 260 per un trapianto di pancreas con un tempo medio di attesa pari a 3,25 anni; • 345 per un trapianto di polmone con un tempo medio di attesa pari a 1,86 anni. Le percentuali di decessi per i pazienti in lista d’attesa è passata per il trapianto di Rene dal 1,5% del 2009 all’1,46% del 2010, per il trapianto di Fegato dal 5,4% del 2009 al 6,55% del 2010, per il trapianto di Cuore dal 10,1% del 2009 all’8,08% del 2010, per il trapianto di Polmone dal 14,7 % del 2009 all’11,5% del 2010, per il trapianto di Pancreas dal 1,2% del 2009 allo 0,3% del 2010. Va precisato che la mortalità si riferisce ai soli pazienti deceduti in lista d’attesa. Si deve sottolineare inoltre che dall’analisi dei primi dati disponibili a livello europeo la riduzione delle donazioni e dei trapianti non interessa solo l’Italia ma riguarda la maggior parte dei paesi europei. Qualità dei trapianti Il sito del Ministero Salute pubblica periodicamente una dettagliata analisi dei dati per i singoli Centri Trapianto correlati alla complessità della casistica. Il programma di valutazione degli esiti del trapianto è stato avviato a partire dal 2002 dall’Istituto Superiore di Sanità nell’ambito di un progetto di valutazione dell’assistenza sanitaria del nostro Paese. Ad oggi, l’Italia è l’unico Paese in Europa che raccoglie tutti i dati relativi alla sopravvivenza per organo e per paziente degli interventi eseguiti in ogni singolo Centro e li rende pubblici. Monitorare i risultati degli interventi eseguiti nei singoli Centri Trapianto del nostro Paese rappresenta uno dei mezzi principali per verificare la qualità delle prestazioni sanitarie erogate ma anche lo strumento attraverso il quale i cittadini e i pazienti possono avvicinarsi in modo trasparente e consapevole alle nostre strutture assistenziali, nei termini di attività trapiantologica svolta, sopravvivenza del paziente e dell’organo dopo l’intervento e, più in generale, della qualità di vita del trapiantato. Inoltre, l’adozione 18


del metodo “bench marking” ha permesso, e permette tutt’ora, all’intera rete trapiantologica un continuo miglioramento delle prestazioni, stimolando il raggiungimento di risultati sempre migliori. Grazie a questo lavoro, condiviso da tutta la rete trapiantologica, siamo in grado di dire non solo che tutti i nostri centri garantiscono ottime performance ma anche che la qualità degli interventi effettuati nel nostro Paese è pari o superiore a quella dei registri a cui partecipano i migliori centri internazionali. Un risultato che ci rende orgogliosi e che rappresenta un ulteriore stimolo a lavorare secondo i criteri di qualità e efficienza che contraddistinguono l’intera rete trapiantologica nel nostro Paese.

19


20


21


22


La storia di A.I.D.O. 1973 L’Associazione Italiana Donatori Organi nasce a Bergamo il 26 febbraio 1973. Il primo gruppo di donatori di organi a carattere prettamente provinciale (Donatori Organi di Bergamo - D.O.B.) si forma sempre a Bergamo il 14 novembre 1971 per iniziativa di Giorgio Brumat. Le prime fasi dell’Associazione si sovrappongono, con i primi trapianti italiani, al tempo possibili, esclusivamente per i reni. L’obiettivo dell’A.I.D.O. è quello di cercare di diffondere la prospettiva di tale trattamento risolutivo, come auspicabile alternativa alla dialisi per nefropatici. 1975 Nei giorni 19, 20 e 21 settembre si tiene la prima Assemblea nazionale a S. Pellegrino Terme (BG) unitamente al primo convegno di studio dei Consigli scientifici operanti in seno all’associazione. L’impegno e la serietà con la quale vengono affrontati i problemi di carattere associativo e quelli di carattere scientifico danno una svolta decisiva alla vita dell’associazione, contribuendo, attraverso il lavoro svolto dai Consigli scientifici, ad accreditarla ed a formulare una bozza di testo legislativo sulla materia. Il primo Consiglio direttivo eletto dai delegati nomina Presidente nazionale il dottor Aldo Boccioni che si distingue per alcune iniziative: l’accordo con il Ministero della Pubblica Istruzione per la promozione dell’A.I.D.O. nelle scuole e i contatti con il Ministero della Sanità e con varie personalità del mondo politico per la nuova legge sui trapianti. 1977 A Cervia, nel corso della prima assemblea straordinaria (3-5 giugno), i delegati nazionali approvano all’unanimità il nuovo Statuto associativo. A Bolzano si tiene la seconda assemblea nazionale (25-27 novembre), nel corso della quale si procede al rinnovo delle cariche associative per il triennio 1978-1980 e all’approvazione del regolamento dello statuto. Grande soddisfazione per il numero degli iscritti (71.365) e per i gruppi comunali presenti su tutto il territorio nazionale (620). 1980 San Pellegrino Terme ospita a maggio (23-25) il secondo convegno di studi sui prelievi e trapianti di organo. I lavori delle sei commissioni (Chirurghi trapiantatori, Medici legali, Immunologi, Neurochirurghi - Rianimatori, Cardiochirurghi, Oculisti) si concludono con una assemblea plenaria nella quale vengono approvati gli emendamenti al nuovo disegno di legge sui trapianti predisposto dalla Commissione Sanità della Camera. 1984 Il 7 febbraio il Presidente della Repubblica Sandro Pertini riceve al Quirinale i membri della Giunta di Presidenza. Al termine dell’incontro il Presidente Pertini sottoscrive l’adesione all’associazione e l’atto di donazione.

23


Il 10 e l’11 giugno Perugia ospita la prima Giornata Nazionale A.I.D.O. – LIONS per la donazione degli organi. 1986 Il 28 febbraio a Bergamo, nel corso di una cerimonia il Ministro della Sanità, Costante Degan, consegna all’A.I.D.O. la medaglia d’oro al merito della Sanità Pubblica, conferita dal Presidente della Repubblica, Francesco Cossiga. Nel mese di settembre (26-28) si tiene a Foggia la V Assemblea Nazionale nel corso della quale viene approvata l’istituzione di un fondo, nel quale fare affluire contributi delle strutture periferiche dell’A.I.D.O. per la realizzazione di iniziative dirette alla formazione di giovani medici e personale paramedico partecipanti ai programmi di trapianto in Italia. 1989 Nel mese di maggio il presidente nazionale Vittorio Mazzotto, attraverso il Fondo Boccioni, bandisce 10 borse di studio a favore di giovani medici Anestesisti – Rianimatori, partecipanti al programma dei trapianti di organo in Italia. 1990 Il 29 aprile 5.000 aderenti, provenienti da tutta Italia, sfilano per le vie di Roma, dietro uno striscione con su scritto: ”In silenzio, insieme per la vita”. Scopo della manifestazione la protesta silenziosa per il ritardo dell’approvazione della nuova legge per i trapianti. Il 21 luglio stipula della convenzione con la seconda Università degli Studi di Roma per l’istituzione di un Corso di perfezionamento in “Trapianti di organo” e bando di concorso per n. 5 premi di studio (di cui 1 destinato ai trapianti pediatrici) per laureati in medicina e chirurgia per attività di perfezionamento nel campo dei prelievi e dei trapianti di organo. 1991 Il 7 giugno nel corso di una conferenza stampa presso l’Hotel Nazionale di Roma il presidente nazionale Piergaetano Bellan denuncia che nel 1990 sono morte oltre 600 persone in attesa di trapianto e che sono stati effettuati 287 prelievi a fronte della disponibilità di 1.136 potenziali donatori. Viene lanciata una raccolta di firme per una proposta di legge di iniziativa popolare per superare le lacune della legge n. 644 del 1975. 1993 Il 30 aprile, l’1 e il 2 maggio si svolge a Brescia il convegno internazionale “Unità europea nei trapianti di organi: leggi ed esperienze a confronto”, organizzato dalla Sezione provinciale di Brescia e dal Consiglio Regionale della Lombardia su incarico dell’A.I.D.O. Nazionale. 1995 Il 15 giugno il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro riceve una delegazione di partecipanti all’VIII Assemblea Nazionale dell’A.I.D.O. (Fiuggi 15-17 giugno). Nel corso dell’incontro afferma: ”Grazie, grazie molto per avere iniziato, perché vuol dire aver 24


aperto una strada. Grazie, perché vi muovete su un piano di generosità, su un piano di solidarietà, su un piano di questo denominatore comune umano, che dovrebbe essere per ciascuno di noi, a cominciare dal sottoscritto, di assoluta chiarezza. L’augurio che io faccio per la vostra assemblea è un augurio che faccio a ciascuno di noi: di essere capaci di raccogliere questa vostra testimonianza, perché voi rappresentate molto, ma soprattutto, incarnate molto, che è molto di più che parlare. È molto di più”. 1996 Il 23 aprile una delegazione associativa deposita in Cassazione 102.386 firme raccolte in tutta Italia per una proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo “Modifica dell’art. 6 della legge 2 dicembre n. 644 del 1975 : disciplina dell’obiezione al prelievo di parte di cadavere a scopo di trapianto terapeutico. Norme a tutela del rispetto delle dichiarazioni di volontà del cittadino in materia. 1998 L’11 giugno a Roma, nella Sala del Cenacolo a Montecitorio, nel corso della cerimonia di apertura della IX Assemblea Nazionale (12-14 giugno), ospiti del Presidente della Camera e socio A.I.D.O., Luciano Violante, viene presentato il primo numero del giornale associativo “L’Arcobaleno – per una cultura della donazione –“. 1999 Il 29 aprile l’Esecutivo Nazionale viene ricevuto da una delegazione del Ministero della Sanità. Nel corso dell’incontro vengono affrontati i problemi che pone l’applicazione della nuova legge sui trapianti, varata il 1 aprile, e del ruolo, soprattutto per quanto riguarda l’informazione ai cittadini, che l’A.I.D.O. dovrà svolgere. Il 19 novembre l’A.I.D.O. entra a far parte della Consulta tecnica permanente per i trapianti, come previsto dall’art. 9 comma 2 della legge 91/99. 2000 Il 15 giugno viene stampata la nuova tessera associativa con la dichiarazione di volontà secondo gli articoli 4 e 23 della legge 91/99.

25


2001 L’11 maggio è on line il nuovo sito associativo, realizzato gratuitamente dalla Società Nethouse di Torino. Il 19 giugno muore a Bergamo Giorgio Brumat, al rientro dalla X Assemblea Nazionale A.I.D.O. svoltasi a Fiuggi nei giorni 15 – 17 giugno. 2002 Il 19 e il 20 ottobre si svolge la prima giornata nazionale A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento, che vede coinvolti i volontari in 646 piazze. Lo slogan della manifestazione: ”La donazione e il trapianto di organi riguardano tutti. Aiutaci a farlo capire” è rivolto a tutti i cittadini sensibili perché essi stessi divengano strumenti della corretta informazione. Il 30 novembre il Santo Padre Giovanni Paolo II riceve in udienza particolare, assieme alla Fondazione Don Gnocchi e agli Alpini, i componenti dell’Esecutivo e una folta rappresentanza dell’A.I.D.O.. Nel corso dell’udienza viene presentata la supplica con le firme dei responsabili nazionali e regionali per la beatificazione di Don Carlo Gnocchi. 2003 L’8 marzo a Bergamo, la presidente nazionale Enza Palermo firma l’accordo con il Centro Nazionale Trapianti e la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere finalizzato alla realizzazione di iniziative integrate tra i soggetti firmatari volte a promuovere tra i cittadini la più ampia informazione in materia di donazione e trapianto di organi e tessuti. Il 16 marzo a Roma, nel corso dell’incontro nazionale con i Presidenti provinciali e regionali, viene presentato da Gabriele Ravaioli il Sistema Informatico A.I.D.O. (SIA), che mette in linea tutte le strutture associative e permette il trasferimento dei nominativi dei soci A.I.D.O. al “sistema gemello” del Centro Nazionale Trapianti. L’8 maggio parte la prima campagna nazionale di comunicazione “Dai valore alla vita, dona gli organi”, realizzata da A.I.D.O., ACTI, ANTF, AITF, FORUM, VITE, in collaborazione con il Ministero della Salute e, il Centro Nazionale Trapianti. Il 27 e 28 settembre si svolge la seconda giornata nazionale di informazione e autofinanziamento nel corso della quale si festeggiano i trent’anni di fondazione dell’Associazione. Per l’occasione il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, attraverso la Segreteria Generale della Presidenza della Repubblica fa pervenire un messaggio nel quale rivolge agli aderenti di A.I.D.O. il Suo incoraggiamento a proseguire in questa generosa attività. 2004 Il 19 aprile parte la seconda campagna nazionale di comunicazione “Dai valore alla vita: dona gli organi”, realizzata da A.I.D.O., Associazione Marta Russo, ACTI, AITF, ANED, FORUM, LIVERPOL, in collaborazione con il Ministero della Salute e il Centro Nazionale Trapianti. Dal 28 aprile al 15 maggio, un pulman allestito da A.I.D.O. percorre 4000 chilometri, toccando in particolare le città del Sud. Ad Amantea (CS) la VI Assemblea Nazionale Straordinaria (18 giugno), nel corso della quale viene approvato a maggioranza il 26


nuovo Statuto associativo. Il 19 e 20 giugno sempre ad Amantea si svolge la XI Assemblea Ordinaria . Il 3 luglio il nuovo Consiglio Direttivo elegge per il quadriennio 2004 -2008 Vincenzo Passarelli, della Regione Toscana, Presidente Nazionale. Il 16 e 17 ottobre si svolge la terza giornata A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. 2005 Il 7 aprile viene firmato dai presidenti nazionali dell’A.I.D.O. (Vincenzo Passarelli) e del Segretariato Italiano Studenti di Medicina – SISM (Silvio Sarubbo), a Caltanissetta, il protocollo di collaborazione tra le due Associazioni. Il SISM è una associazione no-profit costituita da 28 sedi locali, operanti in altrettante Facoltà Mediche Italiane e conta più di 2.000 iscritti, rappresentando di fatto la più grande associazione studentesca di area medica. Sempre nella stessa giornata si svolge la prima giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 29 facoltà di medicina. Il 7 ottobre le Poste Italiane emettono un francobollo dedicato all’A.I.D.O.. La presentazione ufficiale avviene alla Fiera di Roma, nell’ambito della rassegna filatelica nazionale “Romafil 2005”, alla presenza del Ministro delle Telecomunicazioni, del presidente dell’Ente Poste, del mondo filatelico nazionale e di una folta rappresentanza associativa. L’8 ottobre a Roma, nella sala del Campidoglio, si svolge, per la prima volta, un incontro con gli ex presidenti ed ex consiglieri nazionali. È un ritrovarsi dopo tanti anni di appassionato lavoro di volontariato. Nel corso dell’incontro viene firmato l’accordo tra A.I.D.O. e Centro Nazionale Trapianti, per il trasferimento dei Soci A.I.D.O. nel sistema informatico dei trapianti. Alla cerimonia partecipa il sottosegretario alla salute Domenico di Virgilio. Il 15 e 16 ottobre si svolge la quarta giornata A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. 2006 Il 4 aprile si svolge la seconda giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 29 facoltà di medicina. Il 19 aprile a Roma, nella sala dell’Istituto Superiore di Sanità, viene presentato ai componenti la Consulta Nazionale dei Trapianti il sistema informativo A.I.D.O. (SIA) per il trasferimento dei Soci A.I.D.O. nel sistema informativo dei trapianti (SIT). Il 21 e il 22 ottobre si svolge la quinta giornata A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. 2007 Il 3 aprile si svolge la terza giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 30 facoltà di medicina. Il 9 e 10 giugno si svolge a Roma, nel corso dell’assemblea intermedia, il primo incontro con i presidenti provinciali A.I.D.O. Il 7 agosto viene firmato dai due Presidenti il protocollo d’intesa tra A.I.D.O. e l’Associazione Nazionale Comuni d’Italia – ANCI. Il 20 e il 21 ottobre si svolge la sesta giornata A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento.

27


2008 Il 2 aprile si svolge la quarta giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 23 facoltà di medicina. Il 6, 7 e 8 giugno si svolgono a Sesto Fiorentino (FI), presso la Sala delle Conferenze del Novotel, i lavori della VII Assemblea Nazionale Straordinaria e della XII Assemblea Nazionale Elettiva. Viene approvato il nuovo Statuto Associativo e, in un incontro pubblico a Firenze, in Palazzo Vecchio, nel salone dei Cinquecento, vengono consegnati al direttore del Centro Nazionale Trapianti i nominativi di un milione di iscritti all’A.I.D.O., presenti nel SIA. Il 21 giugno a Roma si insedia il nuovo Consiglio Nazionale e conferma Vincenzo Passarelli alla presidenza per i prossimi quattro anni. Il 1 luglio parte la nuova campagna informativa “ Donazione: parlane oggi”, realizzata dalla Società di Comunicazione Wells di Bologna e con testimonial Alessandro Gassman. L’11 e il 12 ottobre si svolge in più di mille piazze la settima giornata nazionale A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. 2009 Il 1 aprile si svolge la quinta giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 21 facoltà di medicina. Il 13 giugno a Roma, nel corso dell’Assemblea Nazionale Intermedia, si svolge il 2° incontro con i Presidenti Provinciali. Il 10 e l’11 ottobre si svolge in più di mille piazze l’ottava giornata nazionale A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. Il 25 ottobre i volontari dell’A.I.D.O partecipano in piazza Duomo a Milano alla cerimonia della beatificazione di Don Gnocchi, insieme agli Alpini, agli scout, ai chierichetti e ai gruppi provenienti dai Centri della Fondazione Don Gnocchi. Nel corso della cerimonia viene ricordato il dono delle cornee di Don Gnocchi, a due ragazzini ciechi all’atto della sua morte, come coerente ed estrema conseguenza della sua vita di educatore e di pubblico promotore della condivisione. Il 28 ottobre a Roma, su invito del Ministero della Salute e del C.N.T., il presidente nazionale Vincenzo Passarelli partecipa e svolge una relazione, nella sessione “I protagonisti della legge 91/99”. Il 30 ottobre è on line la nuova versione del sito associativo. Il 12, 13 e 14 novembre una delegazione partecipa a Firenze al 1° Congresso Nazionale della Società Italiana sulla Sicurezza e Qualità dei Trapianti (S.I.S.Q.T.), di cui A.I.D.O. è socio fondatore. 2010 Dal 10 febbraio sono attive le pagine Facebook dell’A.I.D.O. Nazionale. Il 20 febbraio A.I.D.O. firma l’accordo con il Comitato Nazionale Italiano Fair Play (Cnifp); l’accordo mira a sollecitare la coscienza del mondo dello sport sulla necessità della donazione, dopo la morte, per i trapianti. Il Cnifp si impegna a richiamare l’attenzione degli sportivi sulle problematiche legate al trapianto di organi e a favorire l’adesione della donazione tra gli atleti.

28


L’8 aprile si svolge la sesta giornata nazionale della donazione degli organi e dei tessuti in 19 facoltà di medicina. Il 7 settembre il Capo dello Stato conferisce ad A.I.D.O. la Medaglia della Repubblica quale premio di rappresentanza all’iniziativa nazionale di solidarietà “Un anthurium per l’informazione” che si svolgerà il 9 e 10 ottobre in oltre 1.000 piazze, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. Il 10 dicembre A.I.D.O. entra a far parte del comitato editoriale del settimanale Vita. Il 10 marzo si tiene nella Basilica di San Pietro l’incontro di Papa Benedetto XVI con una rappresentanza di A.I.D.O., guidata dal Vice Presidente Nazionale Vicario Gabriele Olivieri, e della Fondazione Don Gnocchi.

29


30


La presenza sul territorio L’Organizzazione di A.I.D.O. è formata da: • • •

21 Consigli Regionali 103 Sezioni Provinciali 996 Gruppi Comunali/Intercomunali/Rionali

Al 31.12.2010 i Soci raggiungevano 1.181.653 unità, di cui 1.178.804 distribuiti nelle diverse Regioni e 2.849 gestiti direttamente da A.I.D.O. Nazionale:

Regione Abruzzo

Iscritti 2010 16.127

Alto Adige

9.571

Basilicata

3.415

Calabria

14.544

Campania

17.667

Emilia Romagna

161.499

Friuli Venezia G.

12.751

Lazio

46.485

Liguria

34.033

Lombardia

332.051

Marche

29.620

Molise

5.632

Piemonte

74.292

Puglia

46.557

Sardegna

19.059

Sicilia

41.014

Toscana

81.245

Trentino

18.693

Umbria

9.968

Valle d'Aosta

5.294

Veneto A.I.D.O. Nazionale Totale

199.287 2.849 1.181.653

Come emerge dalla tabella e dal successivo grafico, la Valle d’Aosta, il Veneto, l’Emilia Romagna e la Lombardia sono le Regioni con la maggior presenza relativa di soci. 31


Nelle Regioni più meridionali il numero dei soci è ancora piuttosto basso, per questo motivo A.I.D.O. anche quest’anno si è prodigata per la sensibilizzazione dei cittadini e il supporto alle sedi regionali del sud. Regione Valle d'Aosta

N. Soci

Popolazione residente

% di soci sulla popolazione nel 2010

5.294

127.866

4,14%

Veneto

199.287

4.912.438

4,06%

Emilia Romagna

161.499

4.395.569

3,67%

Lombardia

332.051

9.826.141

3,38%

Toscana

81.245

3.730.130

2,18%

Liguria

34.033

1.615.986

2,11%

Marche

29.620

1.559.542

1,90%

Trentino Alto Adige

18.693

1.028.260

1,82%

5.632

320.229

1,76%

Piemonte

74.292

4.446.230

1,67%

Abruzzo

16.127

1.338.898

1,20%

Puglia

46.557

4.084.035

1,14%

Sardegna

19.059

1.672.404

1,14%

9.968

900.790

1,11%

Friuli V.G.

12.751

1.234.079

1,03%

Lazio

46.485

5.681.868

0,82%

Sicilia

41.014

5.042.992

0,81%

Calabria

14.544

2.009.330

0,72%

Basilicata

3.415

588.879

0,58%

Campania

17.667

5.824.662

0,30%

1.178.804

60.340.328

1,95%

Molise

Umbria

Totale

Fonte: Dati ISTAT 2010

32


33


34


La missione e i valori L’A.I.D.O., da trentotto anni, con la sua attività di informazione ha come missione quella di creare e mantenere una sensibilità sociale adeguata di modo che i cittadini sappiano che la sua collaborazione è essenziale per realizzare la terapia del trapianto. L’A.I.D.O. è costituita tra i Persone favorevoli alla donazione volontaria, anonima e gratuita di organi, tessuti e cellule. È apartitica, aconfessionale, interetnica, senza scopi di lucro, fondata sul lavoro volontario e informata ai principi etici ed a quelli dettati dall’ordinamento giuridico dello Stato. Sono finalità dell’Associazione:

• promuovere, in base al principio della solidarietà sociale, la cultura della donazione di organi, tessuti e cellule;

• promuovere la conoscenza di stili di vita atti a prevenire l’insorgenza di patologie che possano richiedere come terapia il trapianto di organi;

• provvedere per quanto di competenza, alla raccolta di dichiarazioni favorevoli alla donazione di organi, tessuti e cellule post mortem.

L’attività dell’A.I.D.O. non si limita alla raccolta delle adesioni, poiché questo ne è soltanto un aspetto. Essa è preceduta, accompagnata e seguita da un ventaglio di iniziative che comprendono interventi di informazione sanitaria e di educazione civica. Un posto di rilievo spetta, ad esempio, all’attività nelle scuole, poiché aiutando i ragazzi a riflettere serenamente sul problema dei trapianti e sul profondo significato umano e civile del consenso al prelievo di organi si contribuisce concretamente al superamento delle paure, quasi sempre irrazionali, con cui abitualmente ci si scontra. Non è mancato, soprattutto nei primi anni, un coinvolgimento diretto quale supporto organizzativo all’attività di prelievo. Ma ormai è diventato un ricordo del passato. In considerazione dell’opera svolta per la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul problema della donazione degli organi, il Ministero della Sanità ha conferito all’A.I.D.O. la medaglia d’oro al merito della Sanità pubblica, con decreto del Presidente della Repubblica in data 15 gennaio 1986. Poste Italiane l’8 ottobre 2005 ha emesso un francobollo per ricordare i trent’anni di attività dell’Associazione.

35


Gli stakeholders A.I.D.O., nel perseguimento della propria missione dialoga e collabora costantemente con tutti i portatori di interesse. Il Bilancio Sociale vuole essere anch’esso un segno tangibile di proseguimento di un “scambio” con i propri stakeholder, di cui lo schema sottostante ne sintetizza il vasto panorama. Ogni anno, in occasione della realizzazione del Bilancio Sociale, coinvolgiamo direttamente alcune categorie di stakeholder interni ed esterni. Nel 2009 abbiamo realizzato un questionario di valutazione del Bilancio Sociale edizione 2008, chiedendo sia un giudizio sintetico sul documento che opinioni e suggerimenti riguardo possibili modalità di miglioramento. Quest’anno abbiamo ritenuto importante dare voce alle sedi provinciali e regionali di A.I.D.O.. Nell’ottica di una sempre maggiore trasparenza riportiamo nell’ultima parte del documento, in forma aggregata e nel pieno rispetto della privacy, alcuni risultati dell’indagine a cui hanno aderito i Presidenti delle Sedi Provinciali e Regionali. Abbiamo inoltre ritenuto importante, nella sezione delle attività realizzate da A.I.D.O. nel 2010, riportare le brevi interviste realizzate con il dottor Nanni Costa – Direttore del Centro Nazio-

Sistema A.I.D.O. Rergionale Provinciali Comunali

Struttura Associativa

Donatori e Beneficiari della Donazione

A.I.D.O. Volontari Sistema Sanitario Struttura Organizzativa

Terzo Settore

Istituzioni Pubblica Amministrazione

36

Società civile


nale Trapianti e con il professor Franco Filipponi - Presidente della Società Italiana per la Sicurezza e la Qualità dei Trapianti; due delle maggiori realtà con cui collaboriamo costantemente e con le quali realizziamo di anno in anno progetti e iniziative. Se è vero infatti che il lavoro di rendicontazione sociale, coinvolge, nella stesura del documento, prevalentemente la struttura organizzativa interna, le riflessioni e gli approfondimenti che ne emergono nascono da un dialogo costante con l’esterno. E’ per questo motivo che sempre più puntiamo ad ascoltare i nostri “portatori di interesse” avvalendoci dei loro consigli e suggerimenti. Questa modalità di ascolto è, e sarà alla base della nostra attività di “accountability”.

37


38


Organizzazione La struttura associativa: persone, ruoli e funzioni A.I.D.O. è una associazione di volontariato disciplinata dalla legge 266/1991, e svolge la sua attività sia attraverso una struttura istituzionale formata da volontari, i cui compiti sono indicati dallo Statuto, sia da una struttura operativa formata da dipendenti e collaboratori retribuiti. A.I.D.O. è anche ONLUS, cioè organizzazione non lucrativa di utilità sociale. Iscritta al Registro Regionale del Volontariato della Regione Lombardia al n. 1153 con DPGR n. 54092 del 1 marzo 1994. Dal 21 ottobre 2009, con determinazione n. D 3415, è iscritta al Registro Regionale del Volontariato della Regione Lazio. Gli organi collegiali previsti dallo Statuto sono indicati nelle tabelle che seguono, e vengono rinnovati ogni quattro anni con elezioni democratiche. MEMBRI EFFETTIVI DELLA GIUNTA

INCARICHI DI LAVORO

VINCENZO PASSARELLI GABRIELE OLIVIERI MIRELLA MANCUSO FELICE RIVA FILIPPO CARBONI AMEDEO BENNATI

Presidente Vice Presidente Vicario Vice Presidente Vice Presidente Segretario Amministratore

INVITATO PERMANENTE CLAUDIO PALAGI

Presidente Sindaci Revisori

PRESIDENTE Vincenzo Passarelli Funzioni: Il Presidente presiede l’A.I.D.O. Nazionale e ne ha la rappresentanza legale; convoca e presiede l’Assemblea, il Consiglio Direttivo, la Giunta di Presidenza e la Conferenza dei Presidenti. Assume, solo in casi di urgenza, i provvedimenti straordinari nelle materie di competenza della Giunta di Presidenza, con l’obbligo di sottoporli alla ratifica della Giunta stessa in occasione di una riunione che dovrà essere convocata entro i dieci giorni lavorativi successivi. In caso di assenza o di impedimento, il Presidente è sostituito dal Vice Presidente Vicario o da uno dei Vice Presidenti secondo quanto previsto dal Regolamento. 39


GIUNTA DI PRESIDENZA È composta da 6 membri eletti dal Consiglio. I membri, oltre al Presidente (Vincenzo Passarelli) sono eletti su proposta dello stesso: Filippo Carboni, Amedeo Bennati, Mirella Mancuso, Gabriele Olivieri, Felice Riva. Nel corso del 2010 si è riunita 9 volte. Funzioni: Promozione e coordinamento delle attività associative, elaborazione di sistemi, criteri operativi e mezzi di comunicazione volti alla promozione ed allo sviluppo della cultura della donazione; acquisto di beni e servizi, la scelta del personale che dovrà prestare la propria opera in favore dell’Associazione, la decisione di agire e resistere in giudizio. CONSIGLIO NAZIONALE È composto da 23 membri: Nicola Alessandrini, Maria Domenica Batignani, Amedeo Bennati, Mario Blasi, Filippo Carboni, Mauro Cervo, Daniele Damele, Lucio D’Atri, Giampietro Della Cananea, Concetta Di Filippo, Michele Forte, Lino Lovo, Lucio Luciani, Alessandra Luppi, Mirella Mancuso, Lucia Marinangeli, Gabriele Olivieri, Vincenzo Passarelli, Salvatore Pinna, Roland Rienzner, Felice Riva, Daniele Scano, Guglielmo Venditti. Nel corso del 2010 il Consiglio Nazionale si è riunito 3 volte con un totale di 58 partecipanti. Funzioni: Mette in atto gli indirizzi di politica associativa indicati dall’Assemblea Nazionale, coordinandone e controllandone l’applicazione da parte dei Consigli Regionali; instaura e tiene rapporti con gli organismi pubblici e privati del livello nazionale, elegge il Presidente e la Giunta di presidenza. Il Consiglio Direttivo Nazionale si compone di almeno un rappresentante per ogni Consiglio Regionale a condizione che lo stesso abbia fornito non meno di due Candidati. Il Consiglio si riunisce almeno due volte l’anno e dura in carica quattro anni. CONFERENZA DEI PRESIDENTI La Conferenza dei Presidenti è organo di raccordo con la Giunta di Presidenza del Consiglio Nazionale. È costituita a livello Nazionale e Regionale. Il Presidente, in caso di indisponibilità, può essere sostituito da un Vice Presidente. Nel 2010 si è riunita 2 volte con un totale di 36 partecipanti. Funzioni: È la sede dove le linee unitarie di indirizzo politico, definite dall’A.I.D.O. Nazionale/Regionale, vengono declinate sulle singole realtà regionali/provinciali e dove si concordano le modalità per l’attuazione dei programmi delle attività di interesse sovraregionale/interprovinciale nonché dei protocolli di intesa e delle azioni di sostegno a favore delle realtà carenti. È convocata dal Presidente Nazionale almeno tre volte l’anno; è convocata, altresì, ogni qualvolta richiesto da almeno un terzo dei Presidenti che la costituiscono. COLLEGIO PROBIVIRI Presidente: Vittorio Mazzotto È composto da tre membri: Eva Di Rubba, Vittorio Mazzotto, Michele Tuttobene (dimissionario dal 10 giugno 2010). 40


Nel corso del 2010 si è riunito 1 volta. Funzioni: Giudica i comportamenti antistatutari o non il linea con i dettati associativi, si pronuncia sui ricorsi contro membri del Consiglio Direttivo e sulle controversie tra Soci su argomenti di carattere associativo, in grado di appello, decide sui ricorsi presentati avverso le pronunce dei Collegi dei Probiviri delle Strutture inferiori. La decisione del Collegio nazionale dei Probiviri è inoppugnabile ed esecutiva, salvo per i giudizi promossi nei confronti dei Consiglieri Nazionali, i quali hanno facoltà di ricorso in ultima istanza al Collegio di Appello Nazionale. La carica di membro del Collegio dei Probiviri è incompatibile con qualunque altra carica. COLLEGIO SINDACI REVISORI Presidente: Claudio Palagi È composto da tre membri: Barbara Dalla Tezza, Claudio Palagi, Silvana Trozzi. Nel corso del 2010 si è riunito 3 volte. Funzioni: Svolge le funzioni previste dagli articoli 2403 e 2406 del Codice Civile e quindi controlla l’amministrazione dell’Associazione, accerta la regolare tenuta della contabilità e vigila sul corretto utilizzo dei mezzi finanziari ai fini associativi. Redige apposita relazione da allegare al rendiconto annuale, con cui è espresso un parere di merito e di contenuto. ASSEMBLEA È formata dai delegati eletti nelle assemblee regionali. L’Assemblea nazionale elettiva è convocata dal Consiglio Nazionale ogni quattro anni. Negli anni intermedi il Consiglio Nazionale convoca l’Assemblea dei Presidenti dei Consigli Regionali o di un loro delegato. L’Assemblea intermedia del 2010 si è svolta a Roma il 12 e 13 giugno con 18 partecipanti. Funzioni: Approva la relazione sull’attività svolta, il bilancio consuntivo e preventivo, la relazione dell’Amministratore e del Collegio dei sindaci revisori, l’approvazione degli indirizzi di politica associativa, l’approvazione del Regolamento associativo e delle modifiche, la determinazione delle quote sociali a carico dei Consigli Regionali. Elegge i componenti il Consiglio Nazionale e la Commissione Verifica Poteri, i componenti il Collegio dei Sindaci Revisori, del Collegio dei Probiviri e del Collegio di appello nazionale dei Probiviri.

La struttura operativa La struttura operativa di A.I.D.O. è lo strumento per dare attuazione alle politiche associative deliberate dagli organi collegiali. È composta da 4 dipendenti. Rossella Pietrangeli supporta l’attività della Giunta di Presidenza e collabora allo studio e pianificazione delle attività di comunicazione interna ed esterna. Cura la contabilità, il rapporto con i fornitori, l’attività di gestione del numero verde. 41


Nadia Pietrangeli cura la gestione del magazzino, del materiale associativo promozionale, gli aggiornamenti del sito web, della mailing list, del protocollo e della gestione Soci. Fabiana Frasca cura, con Nadia Pietrangeli, la gestione magazzino e la gestione Soci. Aurelio Navarra gestisce i sistemi informativi e la comunicazione web (sito internet, posta elettronica, social network). L’attività delle persone di A.I.D.O. consiste in: Rapporti istituzionali con • Ministero della Salute • Centro Nazionale Trapianti • Centri di riferimento Regionali • Regione Lazio e Comune di Roma • Associazioni del settore Organizzazione riunioni • Giunta di presidenza nazionale • Consiglio nazionale • Conferenza dei presidenti regionali • Assemblee Organizzazione Eventi • Giornata Nazionale A.I.D.O. (organizzazione nazionale e piazze su Roma) • Presentazione eventi speciali Redazione Giornale L’ARCOBALENO • Gestione abbonamenti • Gestione contabile • Rapporti con i collaboratori • Spedizioni • Redazione articoli • Video impaginazione Gestione Sistemi Informativi e Comunicazione Web • Gestione sito web • Attivazione e gestione caselle posta elettronica (…@aido.it) • Monitoraggio e gestione pagine istituzionali su social network (Facebook, You Tube, Flickr, Twitter) Rapporti con i soci • Informazioni modalità iscrizioni • Tesseramento • Inserimento iscritti nel SIA Gestione magazzino • Spedizione materiali • Preparazione pacchi (etichette, lettere di vettura) • Preparazione bolle Gestione amministrativa e contabile • Rapporti fornitori • Inserimento dati nel programma contabilità • Controllo fatture e pagamenti Gestione numero verde 800736745 42


Attività nel 2010 Gli obiettivi del programma 2009-2010 Le linee enunciate dalla mozione finale dell’Assemblea Nazionale di Sesto Fiorentino (FI) del 6, 7, 8 giugno 2008, hanno consentito la definizione del programma quadriennale di attività dell’Associazione, articolato nei seguenti punti: 1 - Il potenziamento dell’informazione. 2 - La progettazione di una formazione permanente. 3 - Lo sviluppo del sistema informativo SIA con nuove dichiarazioni di volontà positive alla donazione. 4 - La riorganizzazione associativa: territorialità, organismi associativi, autonomia economica. 5 - Il potenziamento politico e gestionale della Struttura Nazionale. 6 - Il rilancio del Fondo Boccioni1 con l’adeguamento della denominazione e delle finalità. Sulla scorta di queste indicazioni il Consiglio Nazionale e la Consulta dei Presidenti Regionali, su proposta della Giunta di Presidenza Nazionale, hanno approvato il programma associativo 2009/2010, che verte sulle seguenti priorità: 1 - Comunicazione interna 2 - Comunicazione esterna 3 - Formazione Comunicazione interna Gli obiettivi • Aumentare la partecipazione dei vari Responsabili alle attività dell’A.I.D.O. Nazionale • Creare un buon clima tra le diverse componenti del Nazionale e i Dirigenti territoriali • Migliorare la comunicazione tra Nazionale e Periferia e viceversa • Potenziare la circolazione delle informazioni • Contribuire ad aumentale il senso di appartenenza all’associazione 1 Fondo istituito nel 1986, nel quale fare affluire contributi delle strutture periferiche dell’A.I.D.O. È destinato a favorire studi e ricerche nelle specializzazioni e discipline che attengono al prelievo e al trapianto di organi sia nel campo medico che nel campo legislativo, dell’etica, della psicologia, dell’organizzazione.

43


Gli strumenti • Unico formato caselle di posta elettronica (…………..@aido.it) • Sito internet: nuova grafica e contenuti (Intranet, news letter mensile, dicono di noi, L’Arcobaleno in pdf, materiale associativo in cartaceo e video da scaricare, siti regionali con grafica parallela e struttura standard) • L’Arcobaleno: nuova redazione, cadenza trimestrale, incremento abbonamenti.

Comunicazione esterna Gli obiettivi • Coinvolgere i cittadini attraverso campagne di informazione • Qualificare l’immagine dell’associazione a livello nazionale Gli strumenti • Campagna di comunicazione: “Donazione, parlane oggi”. Il rilancio della campagna è importante visto l’aumento delle opposizioni (32,7%) e la diminuzione del numero dei trapianti effettuati (-127).

Formazione Gli obiettivi • Acquisire competenze culturali • Creare la cultura della programmazione e della valutazione • Svolgere il ruolo di parte integrante nel Sistema Nazionale Trapianti e nelle realtà regionali Gli strumenti • Corsi di formazione a distanza on line (Legge 91/99, La morte encefalica) • Corsi di formazione residenziale per macro area

44


Gli obiettivi specifici del 2010 • Formazione online e residenziale La formazione in entrambe le modalità rappresenta condizione necessaria per una presenza qualificata e una crescita nel territorio delle strutture A.I.D.O., e per una corretta divulgazione del messaggio e della mission associativa. • Anthurium Prendere coscienza dell’importanza della Giornata Nazionale A.I.D.O. come grande opportunità di riaffermare il senso di appartenenza ad un’”unica” Associazione e nel contempo di presenza sul territorio nazionale. • Giornata Nazionale della Donazione e del Trapianto Rilancio della Giornata e stimolo alle Istituzioni affinchè finalizzino le proprie risorse ad una campagna pubblicitaria attraverso i mezzi di comunicazione nazionali lasciando alle Associazioni l’organizzazione degli eventi e l’utilizzo del proprio materiale. • Comunicazione Formulazione di nuovi metodi positivi di comunicazione interna ed esterna, soprattutto verso i giovani, supportati anche da corsi di formazione mirati, al fine di rendere univoco il messaggio. • S.I.A. Presa di coscienza dell’importanza del sistema e potenziamento dello stesso per consentirne una maggiore ed efficiente fruibilità anche con l’istituzione di appositi corsi di formazione per l’aggiornamento degli operatori. • Migranti Preso atto della nuova realtà relativa ai cosiddetti “nuovi cittadini”, si ritiene necessario affrontarla attraverso gli strumenti più idonei come ad esempio l’utilizzo della figura del mediatore culturale. • Ricambio generazionale Occorre favorire ogni sforzo per il ricambio generazionale dei componenti degli organi direttivi.

45


46


Le azioni e i risultati nel 2010 La comunicazione Campagna informativa:“Donazione: parlane oggi” E’ continuata la campagna “Donazione: parlane oggi”. Nel 2009 sono state pubblicate 300.000 copie di opuscoli contenenti schede informative su donazione e trapianto. I contenitori sono stati realizzati per i punti informativi con il patrocinio del Centro Nazionale Trapianti, sono stati riprodotti i pannelli informativi su donazione e trapianto. La campagna, nata nel 2008, è il risultato di numerose ricerche svolte sul tema della donazione degli organi in vari Paesi del mondo. L’argomento è in genere affrontato partendo da due concetti principali: - uno ‘classico’ e già utilizzato anche in Italia, che mostra la nuova vita del ‘ricevente’ giocando sull’emozione e sui buoni sentimenti (es. il trapianto è vita; è bello donare; dai valore alla vita ecc.); - l’altro, più diretto ed esplicito, mira ad affermare il principio che se vuoi donare i tuoi organi è bene informare i tuoi familiari e i tuoi cari.

47


L’idea della campagna “Donazione: parlane, oggi” nasce per sviluppare il tema della donazione degli organi, che dovrebbe diventare argomento di cui poter parlare senza remore o imbarazzi, sia con coloro che amiamo che nella società in cui operiamo e viviamo. Con un pizzico di ironia vengono presentati alcuni momenti di sicuro imbarazzanti: educazione sessuale, segreti e bugie, ecc… Campagna informativa “Donazione: Parlane oggi” Progetto realizzato nel 2009 con finanziamento 5X1000 Locandine Manifesti Opuscolo

Copie distribuite 9.904 125 32.020

Il materiale informativo inviato alle sedi locali Descrizione materiale

Quantità 2009

Quantità 2010

465

1.910

95

1.330

Locandina “Alberto Gilardino”

501

64

Locandina “Tante persone”

411

894

Metro “Storia di un corallo”

3.746

3.845

Locandina “Un valore da Condividere”

1.862

1.868

Opuscolo Scuola “Vichi e il Pellicano”

7.676

11.462

Portachiavi Pellicano “Trudi”

5.757

5.910

Penna il Pellicano

2.315

6.445

Statuto e Regolamento

7.708

1.198

194.441

89.684

Opuscolo “Interrogativi e Risposte”

9.272

8.061

Pieghevole “Condividiamo”

3.471

11.270

122

1.684

DVD + CD “Il cielo può attendere”

3.609

544

CD “Donazione e trapianto”

2.015

280

90

125

4.596

9.904

10.860

32.020

Cartelline A.I.D.O. Nazionale Blocchi A.I.D.O. Nazionale

Pieghevole “Un valore da Condividere”

DVD “Donare un organo significa salvare una vita”

Manifesti “Parlane” Locandina “Parlane” Opuscoli “Parlane”

Giornale “L’Arcobaleno” L’Arcobaleno è giunto al 13° anno di vita. La tiratura media è di 8.000 copie. Viene inviato ai soci abbonati, a istituzioni e categorie varie. Dai riscontri risulta un canale di informazione apprezzato sia all’interno che fuori dall’Associazione. Nel 2010 ha mantenuto la periodicità trimestrale con la pubblicazione di 4 numeri.

48


Il giornale è uno strumento particolarmente importante per diffondere la cultura della donazione. Pubblicazione del volume “Santi o schiavi? Prospettive e problemi della donazione di organi da vivente” Il libro, di Franco Filipponi, Paolo De Simone, Davide Ghinolfi - Dalai Editore -, rivela le prospettive e i problemi delle nuove frontiere della donazione di organi da vivente. All’interno del libro è presente la posizione di A.I.D.O. sulla donazione da vivente e samaritana. Il libro è stato presentato il 26 ottobre a Milano. Adesione al Comitato Editoriale Vita Dal 10 dicembre 2010 A.I.D.O. è entrata a far parte del comitato editoriale del settimanale Vita. La partecipazione dà il diritto a 100 abbonamenti gratuiti, a 1 pagina all’interno del sito Vita dove inserire i nostri comunicati e alla pubblicazione annuale del Bilancio A.I.D.O. La durata della partecipazione è fissata per un periodo di due anni rinnovabile alla scadenza. La quota di partecipazione annua è di € 7.500,00 (IVA compresa). La comunicazione via web Sito www.aido.it Dal 30 ottobre 2009 è on line la nuova versione del sito ufficiale dell’A.I.D.O.. Sul sito sono presenti ampi spazi dedicati a news, eventi, F.A.Q. e la possibilità di iscrizione alla newsletter A.I.D.O. Il sito contiene tra gli altri una Sezione Riservata che consente l’accesso, protetto da login e password, ai documenti riservati alle sedi periferiche, con la possibilità di scaricare documenti utili in formato pdf (statuto e regolamento, listino prezzi, verbale costituzione gruppo comunale, ecc.); visionare verbali/delibere degli organi e documenti delle Assemblee nazionali. Dal sito è possibile accedere alle pagine dedicate alle sedi regionali e provinciali di A.I.D.O. nell’ottica di uniformare graficamente l’intera struttura web dell’Associazione, migliorando l’organicità della comunicazione e il dialogo tra le Strutture. La popolarità del sito web associativo è in continuo aumento e nel corso del 2010 ha registrato un numero totale di contatti pari a 4.701.395 con circa 100 gigabyte di documenti scaricati (quasi 1.000.000 di pagine e 240.000 visite). La media mensile si è attestata su un valore di poco inferiore ai 400.000 contatti, con circa 20.000 visite. È utile ricordare che all’esordio del 2001 il sito A.I.D.O. registrava appena 2.600 contatti mensili, mentre il rest-

49


yling del 2009 debuttava con una media di 280.000 contatti negli ultimi mesi dell’anno. La sezione info&link, così come richiesto da alcune sedi, è stata implementata con la sezione dedicata alle legislazione regionale in materia di donazione e trapianto. Tra i paesi esteri, il sito è frequentato in particolare da utenti della Federazione Russa, Germania, Svizzera, Irlanda, Romania, Giappone, Brasile, Olanda, Belgio, San Marino e Australia. Le pagine più visitate sono quelle contenenti il modulo di adesione, le istruzioni per effettuare donazioni, la storia dell’associazione ed il bilancio sociale. Il 2010 ha visto anche l’avvio delle pagine associative regionali e provinciali: 6 regioni e 20 sedi provinciali (con i relativi gruppi comunali) hanno segnalato news ed eventi per un totale di 200 pubblicazioni online.

50


www.aido.it Progetto realizzato con finanziamento 5X1000 Canone utilizzo piattaforma NET.RING Aggiornamento e modifiche pagine statiche sito web

Euro spesi 2010 361,92 3.123,84

A.I.D.O. su Facebook Dal mese di febbraio è attiva la pagina ufficiale di A.I.D.O. Nazionale su Facebook, raggiungibile dalla homepage del sito www. aido.it. Con una crescita costante di circa 1.000 fan/mese ha superato a fine anno quota 11.000 fan. I “supporter” A.I.D.O. sono in maggior parte donne (62%, contro il 36% di uomini) e la fascia di età più rappresentata è quella 25÷34 anni (32%). Tra i Paesi esteri più presenti, gli Stati Uniti, la Germania, la Francia, Spagna e Svizzera. L’obiettivo principale delle pagine A.I.D.O. su Facebook è quello di informare correttamente sul tema della donazione di organi una larga fascia di utenti di internet che tradizionalmente, pur frequentando social network o altre realtà della rete sono, per vari motivi, poco propensi ad informarsi sui siti web tradizionali. La “Bacheca” A.I.D.O. è molto frequentata, oltre che dai responsabili delle sedi locali dell’associazione, anche da utenti/familiari di pazienti in attesa o che hanno subito un trapianto che vedono nel pubblicare un post un modo per condividere il dolore o la gioia vissuti in prima persona. Nella sezione video, sono presenti tutti gli spot e i filmati realizzati. Nella sezione “Riquadri” sono inserite pagine informative riguardanti le modalità di iscrizione, il Sistema Informativo A.I.D.O., la creazione e la gestione delle liste d’attesa, le istruzioni per devolvere il 5permille, il giornale associativo “L’Arcobaleno” ed i contatti delle sedi locali. Nella sezione “Eventi” trovano spazio informazioni utili relative riguardanti gli eventi A.I.D.O. Nel corso dell’anno la pagina è stata arricchita di nuove sezioni: Newsletter: con link diretto all’archivio ed alla pagina di registrazione presenti nel sito; L’Arcobaleno: con i c/c per l’abbonamento ed il collegamento all’archivio dei numeri già pubblicati; Files: contenente il modulo di adesione da scaricare in formato pdf. I post di maggior interesse superano le 8.000 visualizzazioni totali, dato questo che è coerente con il numero di 7.500 utenti attivi mensilmente e di oltre 3.500 utenti attivi giornalmente. Il numero di post visualizzati mensilmente è pari a 250.000. Progetto “tutti A.I.D.O. in rete” Nel corso del 2010 sono state attivate 120 caselle di posta elettronica …..@aido.it. Il progetto volto alla comunicazione sia interna che esterna con l’obiettivo di aumentare costantemente la coesione all’interno di A.I.D.O. ha consentito a 21 Consigli Regionali, 104 Sezioni Provin-

51


ciali e 255 Gruppi Comunali di attivare caselle di posta elettronica con dominio aido. Tutti A.I.D.O. in rete Progetto realizzato con finanziamento 5X1000 Attivazione caselle posta elettronica Canone servizio caselle già attivate

Euro spesi 2010 361,92 757,92

Risposte a e-mail Le e-mail vengono inviate ai due indirizzi: segreteria@aido.it e aidonazionale@aido.it Complessivamente sono state inviate 2.500 e-mail e ne sono state ricevute 3.000. L’oggetto delle e-mail consiste generalmente in quesiti riguardo le modalità di iscrizione, richieste di duplicazione tessere e informazioni su A.I.D.O. e sulle donazioni. Numero Verde 800 736 745 Dal mese di giugno 2008 è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 9,30 alle ore 18,30 il Numero Verde. Con funzione di ufficio relazioni con il pubblico, è lo strumento destinato a facilitare la comunicazione ed i rapporti tra la struttura organizzativa dell’Associazione da un lato e la cittadinanza dall’altro. Le chiamate vengono inoltrate su 3 linee telefoniche alle quali rispondono nell’ordine: la segreteria, il Presidente e il Segretario nazionale. I contatti registrati nel corso del 2010 sono stati 1.200. Giornata Nazionale della Donazione e Trapianto di Organi e Tessuti Sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, il Ministero della Salute, insieme alle Associazioni e il Centro Nazionale Trapianti, ha promosso la Giornata Nazionale Donazione e Trapianto il 30 maggio 2010. Come è ormai tradizione, molti sono stati gli eventi sportivi, culturali e di informazione che hanno visto la partecipazione sempre entusiasta della nostra Associazione con il sostegno e la collaborazione delle Regioni e Province Autonome, gli Enti Locali e le Istituzioni sanitarie. La settimana della donazione rientra nelle iniziative della campagna di sensibilizzazione caratterizzate dall’integrazione tra diversi strumenti e strategie di comunicazione (spot, sito internet, materiali info/formativi, ecc) che sono state pianificate ad un tavolo comune, promosso e coordinato dal Ministero della Salute, al

52


quale partecipano, oltre al Centro Nazionale Trapianti, le associazioni di settore più rappresentative a livello nazionale. Giornata Nazionale A.I.D.O. Sabato 9 e domenica 10 ottobre si è svolta la nona giornata A.I.D.O. di informazione e autofinanziamento. Le postazioni sono state n. 1.195 di cui 42 presenziate da volontari di altre associazioni. Le piante di Anthurium distribuite sono state n. 43.049. Gli incassi a favore di A.I.D.O. Nazionale, al netto delle spese, sono stati di € 83.748,02, ai quali vanno aggiunti € 10.339,00 ancora da incassare; gli incassi a favore delle sedi locali A.I.D.O., che hanno organizzato le postazioni, sono pari a € 77.869,25. L’informazione televisiva è stata diffusa nei programmi di maggiore ascolto della RAI, di Mediaset e La 7 con un notevole numero di ascolti. Notevole è stata la comunicazione data dalle altre emittenti televisive e radiofoniche private su tutto il territorio nazionale.

REGIONE

Postazioni 2010

% postazioni su totale

Abruzzo

13

1,09%

Basilicata

32

2,68%

Calabria

35

2,93%

Campania

18

1,51%

118

9,87%

Friuli Venezia Giulia

18

1,51%

Lazio

38

3,18%

Liguria

25

2,09%

300

25,10%

Marche

50

4,18%

Molise

13

1,09%

Piemonte

83

6,95%

Puglia

45

3,77%

Sardegna

26

2,18%

Sicilia

33

2,76%

Toscana

72

6,03%

Trentino Alto Adige

50

4,18%

Umbria

14

1,17%

9

0,75%

203

16,99%

1.195

100,00%

Emilia Romagna

Lombardia

Valle d'Aosta Veneto TOTALE

53


Nella settimana dal 3 al 10 ottobre le trasmissioni televisive che hanno invitato cittadini ad andare nelle piazze sono state: Programma

Rete

Amici Chi vuole essere milionario Matrix Mattino Cinque Pomeriggio Cinque Striscia la notizia Uomini e donne Verissimo Colorado Le Iene Zelig off Omnibus TG Primo stadio Tg Sport X Factor 90’ minuto Dribbling I fatti vostri La Domenica Sportiva Pomeriggio sul due Quelli che il calcio Che tempo che fa Cose dell’altro Geo Tg3 – Linea notte Agorà GT ragazzi Presa Diretta Bontà loro Domenica in Easy Driver L’Eredità La vita in diretta Mattina in famiglia Occhio alla spesa Se…a casa di Paola Uno mattina Forum

Canale 5 Canale 5 Canale 5 Canale 5 Canale 5 Canale 5 Canale 5 Canale 5 Italia 1 Italia 1 Italia 1 La 7 La 7 Rai Sport Uno Raidue Raidue Raidue Raidue Raidue Raidue Raidue Raidue Raitre Raitre Raitre Raitre Raitre Raitre Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Raiuno Rete 4

Nella settimana precedente alla giornata Nazionale, la RAI ha trasmesso lo spot, con protagonista Alessandro Gassman. Tale evento ha senza dubbio favorito il successo di pubblico nelle piazze italiane. Per quanto concerne la promozione radiofonica sono state inviate in mp3 alle emittenti, circa 300 mail dello spot appositamente realizzato per la manifestazione; le frequenze di Radio Rai (Radiou-

54


no, Radiodue, Radiotre e Isoradio) hanno programmato lo spot, oltre che interventi in voce nei programmi in palinsesto. INOLTRE

MOBY TV

VisibilitĂ su AUTOBUS di Milano, Bari, Siena e Roma

ATAC

8 passaggi al giorno su RomaRadio dello spot audio

LEGA CALCIO

Banner pubblicato sul sito internet

LEGA BASKET

Banner pubblicato sul sito internet

LEGA BASKET 2

Banner pubblicato sul sito internet

LEGA BASKET FEMM.

Banner pubblicato sul sito internet

LEGA VOLLEY

Banner pubblicato sul sito internet

LEGA VOLLEY FEMM.

Banner pubblicato sul sito internet

FED. CANOTTAGGIO

Banner pubblicato sul sito internet

SAT 2000

Spot Video/Audio

QUOTIDIANI

Leggo, Metro, DNews

VIDEO ITALIA SMI

Passaggi spot Audio/Video

RTL

Passaggi spot Audio/Video

55


56


Sostegno alle Sedi Periferiche del Centro-Sud Collaborazione con il gruppo “Vita per la Vita” Per sostenere le strutture associative, il Consiglio Nazionale ha chiesto la collaborazione del Gruppo Sportivo “Vita per la Vita” di Coccaglio (BS), che da molti anni organizza sia in Italia che all’estero le marce della solidarietà per la sensibilizzazione al dono del sangue, organi, tessuti e midollo. Si è pertanto deciso di svolgere la 36ma Marcia “Vita per la Vita” che ha interessato i territori della Valle d’Aosta e dell’alto Piemonte e si svolta dal 6 al 13 agosto 2010. La manifestazione ha ottenuto il patrocinio del Centro Nazionale Trapianti, dei Centri Servizi provinciali, del CNV, del CSV.net, Anpas, Avis, Fratres, Adisco, Fidas, Admo e dei Comuni interessati.

Collaborazione con le Istituzioni territoriali Consulta Tecnica Trapianti L’Associazione, anche nel 2010, è sempre stata presente alle riunioni di lavoro ordinarie: 8 sedute della Consulta Nazionale Trapianti. Tutta l’Associazione è stata informata puntualmente sulle tematiche discusse e sulle risoluzioni adottate.

Società Italiana per la Sicurezza e la Qualità nei Trapianti (SISQT) La SISQT si occupa prevalentemente del rischio, della revisione dei modelli gestionali e organizzativi e della formazione sui trapianti in un contesto multidisciplinare e interprofessionale, con l’obiettivo di implementare la cultura e la pratica del processo donazione-trapianto di organi, tessuti e cellule. A.I.D.O. è socio fondatore di SISQT dal 2008. A.I.D.O. ha partecipato al 2° Congresso Nazionale a Napoli dal 18 al 20 maggio 2010 con una relazione del Presidente Nazionale nella sessione Donazione. La partecipazione è avvenuta a titolo gratuito a tutti gli eventi formativi.

57


L’ascolto degli Stakeholders: CNT e SISQT Come anticipato, si riportano integralmente le interviste realizzate al professor Franco Filipponi - presidente della Società Italiana per la Sicurezza e la Qualità dei Trapianti e direttore Unità Operativa di Trapiantologia Epatica dell’Ospedale Cisanello di Pisa; e al dottor Nanni Costa – direttore del Centro Nazionale Trapianti sin dalla sua istituzione (1999). Tali Enti rappresentano per A.I.D.O. un punto di riferimento fondamentale anche per il legame con il territorio dove, da sempre, si realizzano le nostre principali azioni. Qual’è il rapporto tra l’Organizzazione che presiede e A.I.D.O.? Quali attività avete realizzato insieme negli ultimi anni? Dottor Nanni Costa Il CNT ha sempre condiviso (ove possibile) strategie e strumenti per ampliare, con il supporto delle Associazioni di settore, sia il numero di donatori che quello di trapianti eseguiti nel nostro Paese. Questa sinergia è stata, sin da subito, particolarmente intensa con l’A.I.D.O. e, nel 2008, ha portato anche alla consegna di un “assegno” da un milione di firme da registrare nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) da parte del presidente Vincenzo Passarelli. Le firme in questione sono quelle di tutti gli iscritti all’Associazione, un milione di donatori che negli anni hanno espresso la dichiarazione di volontà alla donazione degli organi presso l’A.I.D.O. Inoltre, l’A.I.D.O. è uno degli interlocutori fondamentali per progettare e programmare la Campagna Nazionale di Comunicazione su Donazione e Trapianto di Organi, Tessuti e Cellule del Ministero della Salute. Professor Filipponi Gli ottimi rapporti tra A.I.D.O. e l’U.O. Di Chirurgia Generale e Trapianto Fegato, hanno permesso lo sviluppo di intense collaborazioni tra i due enti culminate nel reciproco sostegno ad iniziative di diffusione e consenso alle campagne di sensibilizzazione pro-donazione d’organi di cui SISQT è espressione. L’impegno dei due enti si concretizza sia nelle campagne nelle varie piazze italiane, sia nelle varie conferenze stampa e presentazioni di libri a tema, che nella produzione di materiale divulgativo (CD, articoli, libri) sulla necessità e sulle criticità della donazione.

58


Quali sono i progetti realizzati insieme nel 2010? Quali sono i risultati raggiunti dal vostro punto di vista? Dottor Nanni Costa Molti dei progetti che hanno fatto parte della Campagna Nazionale di Comunicazione degli anni precedenti sono stati realizzati anche grazie al prezioso supporto dei volontari dell’A.I.D.O.. Ad esempio, il progetto formativo “Feed your Head” dedicato agli studenti delle università italiane ha visto la piena partecipazione dei volontari dell’A.I.D.O. nel condurre gli incontri presso le diverse facoltà coinvolte. Anche il progetto “TVD- Ti volglio donare”, dedicato ai giovani allievi di scuole medie inferiori e superiori, ha raccolto un successo notevole anche grazie al lavoro di coordinamento fatto dai volontari dell’A.I.D.O.. L’esperienza maturata dall’Associazione ha fatto sì che durante gli incontri nelle scuole, oltre ai docenti e ad un rappresentante della Rete Nazionale Trapianti, ci sia sempre un volontario dell’A.I.D.O.: una risorsa importante per dettare i tempi con i ragazzi, sensibilizzandoli sul valore sociale del “dono”. Professor Filipponi Grazie alla collaborazione con A.I.D.O. è stato perpetuato a tutto il 2010 quell’importante lavoro nel campo della sensibilizzazione dell’opinione pubblica al tema della donazione. Oltre al reciproco sostegno nelle varie campagne informative, si ricorda la conferenza stampa tenutasi a Milano in occasione della presentazione del libro “Santi e Schiavi, prospettive e problemi della donazione di organi da vivente”. L’A.I.D.O. ha poi fornito un contributo fondamentale nel progetto di sostegno alla formazione di un programma di trapianto epatico in Ecuador, sostenendo uno sforzo fondamentale nella logistica e nel trasporto dei medici coinvolti, contribuendo così alla diffusione della cultura della trasparenza, accessibilità e sicurezza nel campo del trapianto di organi anche al di fuori dei confini nazionali. Quali suggerimenti può dare ad A.I.D.O. per migliorare la propria attività e tener fede alla propria mission? Dottor Nanni Costa Continuare con tenacia e determinazione nel lungo percorso di volontariato, nella piena consapevolezza del ruolo di interlocutore principale nel settore della donazione e del trapianto di organi.

59


Professor Filipponi - Continuare ad operare “tra la gente” per diffondere la cultura del consenso alla donazione di organi - Operare nella trasparenza, pubblicando i risultati della propria attività, così come sottolineando criticità ed insuccessi - Lavorare per mantenere, e se possibile migliorare, i rapporti con le Istituzioni, sensibilizzando la classe politica a creare e perseguire le condizioni (legislative, economiche, socio-sanitarie) idonee alla donazione - Stimolare la donazione in quelle regioni italiane in cui più forte è l’esigenza della donazione e favorire la riduzione della disparità nei tassi di donazione - Contribuire a lavorare in un network costruttivo con gli altri enti al fine di creare quella massa critica che permetta di far “sentire” le istanze della donazione e del trapianto sino ai livelli politico-istituzionale-decisionale più alto. Ritiene che il Bilancio Sociale, sia un buon mezzo per comunicare l’attività di A.I.D.O.? Se sì, quali suggerimenti può darci per migliorare la prossima edizione del Bilancio Sociale? Dottor Nanni Costa La pubblicazione del Bilancio Sociale rappresenta senz’ombra di dubbio uno strumento aggiuntivo che testimonia in modo trasparente gli sforzi e il lavoro costante che l’A.I.D.O. ha sempre svolto negli anni. Un servizio per i cittadini che, in modo diretto, possono conoscerne le attività e la serietà. Professor Filipponi Si, la trasparenza e chiarezza sono le condizioni essenziali per la fiducia dei soci e del cittadino nell’A.I.D.O. E’ fondamentale coinvolgere personalità della società civile che si facciano portatori dei valori della donazione.

SITO (Società Italiana Trapianti d’Organo) Abbiamo partecipato al 34° Congresso della SITO svoltosi ad Ancona dal 7 al 9 novembre, a cui abbiamo concesso il Patrocinio gratuito.

60


Ministero della Salute Nel 2009, per la Campagna di comunicazione del Ministero della Salute, è stato diffuso il pacchetto didattico TVD (Ti voglio donare) mediante incontri con insegnanti e studenti delle scuole medie superiori e inferiori. Il kit TVD è uno strumento unico e condiviso da tutti gli operatori per la promozione della cultura sulla donazione nelle scuole. TVD è stato calibrato sulle esigenze dei ragazzi con il sostegno di consulenti specializzati, sulla base della decennale esperienza maturata nelle scuole da autorevoli associazioni di settore (A.I.D.O.). Il kit è raccolto in un box e si compone di tre fascicoli illustrati destinati, rispettivamente, ai ragazzi della scuola media, a quelli delle scuole superiori e ai loro insegnanti. Un filmato di circa 20 minuti accompagna e integra in modo suggestivo il contenuto dei fascicoli attraverso testimonianze dirette e informazioni sugli aspetti più delicati (etici, sociali e scientifici) del mondo della donazione e del trapianto di organi e tessuti. Completano il kit alcuni gadget studiati per incontrare il gradimento dei ragazzi e aiutare, in questo modo, la riconoscibilità e la diffusione del progetto. I docenti hanno distribuito ad ogni studente un questionario di valutazione dell’apprendimento delle tematiche affrontate che è stato inviato al CNT per la valutazione l’efficacia di questo strumento. I questionari raccolti sono in corso di rielaborazione. Progetto TVD – Materiale distribuito Buste verdi per Scuole medie superiori Buste gialle per Scuole medie inferiori Box per insegnanti

Numero 3.475 4.648 275

Nel 2010 per gli interventi nella scuola media inferiore e superiore (sulla base delle esigenze delle sedi provinciali) sono stati acquistati 1.000 box per gli insegnanti, 8.000 buste gialle per gli studenti delle scuole medie inferiori e 8.000 buste verdi per gli studenti delle scuole medie superiori. La spesa è stata sostenuta mediante l’utilizzo dei fondi del contributo del 5 per mille degli anni 2006/2007. Progetto TVD realizzato con finanziamento 5X1000 Fornitura 1.000 box, 8.000 buste gialle, 8.000 buste verdi Stampa questionari pre e post incontro Spedizione materiale c/o sede nazionale

Euro spesi 2010 59.182,01 1.200,00 1.171,08

61


Centri interregionali Abbiamo partecipato agli incontri annuali dell’ AIRT, del NITp, del OCST

Udienza in Vaticano Il 10 marzo si tenuto nella Basilica di San Pietro l’incontro di Papa Benedetto XVI con una rappresentanza di A.I.D.O., guidata dal Vice Presidente Nazionale Vicario Gabriele Olivieri, e della Fondazione Don Gnocchi. Nell’occasione, è stata consegnata al Santo Padre una reliquia del Sacerdote, beatificato il 25 ottobre 2009 a Milano. Oltre 1600 fedeli, accompagnati da una nutrita rappresentanza di ex-allievi di don Gnocchi, alpini ed esponenti di A.I.D.O. sono arrivati a Roma da tutta Italia in pellegrinaggio.

62


L’Informazione e la Formazione A.I.D.O. – SISM (Segretariato Italiano Studenti Medicina) La giornata si è tenuta il giorno 8 aprile in collaborazione con il SISM e ha avuto come tema la campagna Parlane. La giornata, gestita direttamente dal SISM, a cui è stato inviato tutto il materiale, ha visto la partecipazione di 19 Facoltà di Medicina. Nel corso della giornata sono stati realizzati incontri, tavole rotonde e punti informativi che hanno coinvolto Docenti, Coordinatori della donazione e Membri delle Direzioni Sanitarie.

Master di primo livello “Università di Pisa” A.I.D.O. collabora con OTT (Organizzazione Toscana Trapianti) e Centro Nazionale Trapianti al master in “Coordinamento infermieristico di donazione e trapianto di organi e tessuti” realizzato dalla Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Pisa e dal Dipartimento di Trapiantologia Epatica, Infettivologia e Epatologia - U.O. Chirurgia Generale e Trapianti di Fegato. Il Master, della durata di un anno accademico, ha come finalità far acquisire al personale infermieristico conoscenze, competenze ed abilità tecnico-relazionali necessarie per pianificare, gestire e valutare il processo assistenziale legato alla donazione e trapianto di organi e tessuti.

Colloquio di bioetica Giovedì 25 novembre si è tenuto presso la Chiesa Evangelica Battista di Roma il V° Colloquio di bioetica indetto dal Centro Studi di Etica e Bioetica dell’Istituto di Formazione Evangelica e Documentazione. Nel corso dell’incontro, al quale sono intervenuti Ignazio Marino, presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, Vincenzo Passarelli, presidente nazionale A.I.D.O. e Leonardo De Chirico del Centro Studi di Etica e Bioetica, si è parlato dei problemi relativi ai trapianti e della necessità di una vigilanza etica sostenuta. L’etica infatti ha la responsabilità di non dare per scontato alcun passaggio della medicina trapiantistica, ma di contribuire alla costruzione di norme condivise che siano in grado di fare i conti con la complessità delle situazioni e di formare persone che agiscano in modo responsabile.

Iniziativa scultore Bulgari Silvano Bulgari, scultore orafo di fama internazionale trapiantato di rene nel marzo dell’anno 1983, sta collaborando attivamen63


te con A.I.D.O. Dal 28 agosto al 17 ottobre 2010 ha realizzato a Bergamo una mostra dal titolo “Statue Titolate” che ha tra i suoi obiettivi quello di sensibilizzare i visitatori nei confronti della tematica della donazione degli organi e di raccogliere adesioni a favore di A.I.D.O., di cui il maestro Silvano Bulgari è da tempo sostenitore e oggi testimonial d’eccezione. La mostra è stata sostenuta dal Settore Cultura, Spettacolo, Identità e Tradizioni della Provincia di Bergamo e organizzata dall’associazione culturale ART-IS, con il supporto della Fondazione Creberg e della Fondazione Istituti Educativi di Bergamo.

Collaborazione con O.N.Da L’ Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna – O.N.Da – ha realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Salute del Comune di Milano un progetto sul tema “Donna e trapianti” presentato durante una conferenza stampa il 23 settembre 2010 a Milano. E’stata realizzata una brochure informativa all’interno della quale sono stati inseriti i riferimenti di A.I.D.O.. Vista l’interessante iniziativa abbiamo, d’accordo con O.N.Da, abbiamo distribuito copie dell’opuscolo in occasione delle nostre giornate di informazione e autofinanziamento. Gli opuscoli distribuiti sono stati 29.500.

Progetto CORIT Il CORIT (Consorzio per la Ricerca sul Trapianto di organi, tessuti, cellule e medicina rigenerativa) promuove la ricerca scientifica finalizzata ai trapianti d’organo attraverso la raccolta di fondi, in partnership con le associazioni di volontariato, da destinare al finanziamento di progetti di ricerca selezionati da un Comitato Tecnico di Coordinamento. A.I.D.O. ha partecipato al progetto aderendo alla campagna “Dai Tempo alla Vita”. La FITOT (Fondazione per l’incremento dei trapianti d’organo e di tessuti onlus) ha promosso, dal 7 al 21 novembre, la raccolta fondi per la realizzazione dei progetti CORIT. Dall’analisi dei risultati, si evidenziano: • Messaggi arrivati: 22.000 • Donazioni per un valore di: 44.000 Euro • In arrivo altre donazioni con carta di credito e bonifico bancario I risultati non sono particolarmente soddisfacenti, anche se si deve rilevare che la campagna è stata avviata in un periodo particolarmente difficile vista la sensibilità dei cittadini verso le popolazioni colpite dall’alluvione del Veneto.

64


Accordo Cnifp e A.I.D.O. «La donazione di un organo è il gesto più nobile di “lealtà” che una persona può fare»: con queste parole il presidente del Comitato nazionale italiano Fair play (Cnifp), Ruggero Alcanterini, ha consegnato nella sede nazionale di A.I.D.O. a Roma, il premio fair play 2009 al presidente, Vincenzo Passarelli. Nella motivazione del premio si riporta, tra l’altro, il riconoscimento all’A.I.D.O. «di aver contribuito a diffondere e promuovere la cultura dell’etica e del dono nella società civile italiana». L’occasione della consegna del premio è stata utile anche per presentare un accordo di collaborazione tra le due realtà che operano sull’intero territorio nazionale attraverso i comitati regionali, provinciali e locali. L’accordo mira a sollecitare la coscienza del mondo dello sport sulla necessità della donazione, dopo la morte, per i trapianti. Il Cnifp si impegna a richiamare l’attenzione degli sportivi sulle problematiche legate al trapianto di organi e a favorire l’adesione della donazione tra gli atleti.

Il film “Verso Ovest, un soffio nuovo” In occasione della Giornata Nazionale della Donazione degli Organi, la LIFC (Lega Italiana Fibrosi Cistica), in collaborazione con A.I.D.O., ha organizzato il 27 maggio la proiezione in anteprima dell’ultimo film di Frédéric Lebugle “Verso Ovest, un soffio nuovo”. L’evento, si è avvalso del patrocinio del Senato e dell’Associazione Parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione, e ha visto la partecipazione, tra gli altri, della Vice presidente del Senato, Emma Bonino, del Presidente della Commissione permanente Igiene e Sanità, Senatore Antonio Tomassini, del Senatore Claudio Micheloni, del Presidente della LIFC, Franco Berti, di Concetta Di Filippo, Consigliere Nazionale dell’A.I.D.O. e di Laurence Lemarchal, fondatrice dell’Associazione Gregory Lemarchal. Ad illustrare le motivazioni ed il “messaggio” del film, lo stesso regista Frédéric Lebugle, Costa-Gavras, co-produttore del film, Florence Masset, produttrice e protagonista del film, Michèle Ray-Gavras e Laurence Lafiteau, coproduttrici, ed uno dei protagonisti, Gino Vespa. Il film, secondo la volontà del regista, tra l’altro anche autore del soggetto, si pone l’obiettivo di far conoscere al grande pubblico la realtà della fibrosi cistica e sensibilizzare alla donazione degli organi. “Verso Ovest, un soffio nuovo” racconta la storia di sei giovani provenienti da paesi diversi (Francia, Belgio, Italia, Canada). Ad accomunare le loro esistenze, l’essere affetti da fibrosi cistica. Tutti loro sono vivi grazie a un trapianto di polmoni. I protagonisti si ritrovano per un trekking nell’ovest dell’Irlanda. Con struggente sensibilità, il regista ha saputo portare sullo schermo l’“impresa” di chi vive grazie ad un trapianto di polmoni.

65


In un percorso negli splendidi paesaggi dell’Irlanda, questi uomini e queste donne impareranno a conoscersi, a scambiarsi esperienze, tra dolore, forza e speranza.

Convegno: Fegato malato o malato di fegato? Convegno nazionale della Federazione Nazionale Liver-Pool ONLUS - Roma, 13 Gennaio 2010

Forze Armate Nell’ambito dei rapporti con il Ministero della Difesa, il Presidente nazionale ha tenuto due incontri informativi: l’11 novembre a Civitavecchia, 7° reggimento difesa NBC “Cremona” e il 3 dicembre a Pisa con il personale della 46 Aereo Brigata.

SANIT Forum Internazionale della Salute A.I.D.O. ha partecipato alla settima edizione del SANIT svoltasi a Roma presso il Palazzo dei Congressi. Il 25 giugno, nell’ambito del Forum, il Consigliere Nazionale Daniele Damele, è intervenuto con una relazione dal titolo “La donazione degli organi come esempio di Fair Play nello sport e nella vita”.

66


Il sistema SIA per la gestione delle informazioni: i risultati del 2010 Dal 7 maggio 2010 le dichiarazioni di volontà raccolte dall’A.I.D.O. sono pubblicate sul sito del Centro Nazionale Trapianti (http:// www.trapianti.salute.gov.it) rendendo possibile consultare, alla voce SIT, non solo il totale aggiornato delle dichiarazioni di volontà raccolte dall’A.I.D.O. ma anche la loro suddivisione per regione e provincia; un servizio che conferma ancora una volta un sistema improntato alla trasparenza nel rendere pubblici i dati relativi ai trapianti effettuati e alle dichiarazioni di volontà registrate. In un comunicato del Centro Nazionale Trapianti viene sottolineato che: “Con la pubblicazione delle dichiarazioni di volontà raccolte dall’A.I.D.O. sul sito del Centro Nazionale Trapianti si rafforza la sinergia tra il Centro e l’Associazione di volontariato anche nel campo informativo. Risale al 2008, di fatti, la consegna di un “assegno” da un milione di firme da registrare nel Sistema Informativo Trapianti (SIT) da parte del Presidente nazionale dell’A.I.D.O., Vincenzo Passarelli. Le firme in questione sono quelle di tutti gli iscritti all’Associazione, oltre un milione di donatori che negli anni hanno espresso la dichiarazione di volontà alla donazione degli organi presso l’A.I.D.O.. I volontari delle 102 sezioni provinciali dell’A.I.D.O. hanno informatizzato tutti gli atti olografi raccolti sul territorio in un sistema informativo (SIA) - realizzato dalla società Struttura Informatica srl di Bologna - e connesso a quello del CNT. Dal 2005, il SIA gestisce i dati anagrafici degli iscritti A.I.D.O. Il SIA è un’applicazione WEB (raggiungibile da qualunque computer connesso a internet) che consente di accedere in tempo reale all’intero patrimonio di tesserati dell’Associazione e identificare un potenziale donatore facendosi garante, per conto dei responsabili della relativa sezione, dell’esistenza di un’apposita volontà testamentaria. Il tesseramento A.I.D.O. implica l’inserimento dell’iscritto nel database SIA e, grazie all’integrazione SIA - SIT, il tesserato A.I.D.O. nonché potenziale donatore è direttamente identificabile anche per il Centro Nazionale Trapianti. Il SIA, in questo senso garantisce scurezza, tracciabilità e completezza delle informazioni. Il processo di identificazione del potenziale donatore diviene pressoché istantaneo, ed è nel contempo possibile verificarne i dati

67


anagrafici e avere garanzia sull’esistenza di un’esplicita volontà testamentaria, rilasciata ad A.I.D.O. e conservata in un atto olografo presso la sede di pertinenza, oppure presentata ad una ASL. Il risultato dell’integrazione è stata la riduzione delle liste di attesa afferenti al Centro di Riferimento Trapianti, attraverso l’ottimizzazione dei tempi e delle modalità di lavoro dei Coordinatori ai Trapianti.

Progetto realizzato con il 5X1000 - SIA Nuove postazioni di lavoro per due sezioni provinciali

68

Euro spesi 2010 1.105,20


L’ascolto delle sedi provinciali e regionali: risultati dell’indagine Come già anticipato, in questa edizione ci siamo concentrati sulle Sedi territoriali (Provinciali e Regionali). A loro è stato chiesto di rispondere ad un breve questionario per comprendere le loro opinioni circa il rapporto che lega la Sede Nazionale con le Sedi Periferiche, con particolare riferimento alla comunicazione. L’obiettivo è stato da un lato, quello di coinvolgere gli stakeholder nel processo di rendicontazione - non solo lettori ma anche valutatori del nostro lavoro - dall’altro quello di aumentare la trasparenza e tendere al miglioramento continuo, che deve essere realizzato sinergicamente con chi collabora, nelle diverse forme al nostro operato. Riportiamo i risultati in forma aggregata dei 74 questionari compilati, ringraziando chi ha voluto dare il proprio contributo e garantendo che le risposte fornite saranno anche quest’anno uno stimolo a migliorarci. Complessivamente quasi il 90% degli intervistati ritiene che l’attività di confronto e dialogo tra A.I.D.O. Nazionale e Sedi Periferiche sia adeguata (molto o abbastanza), l’11% degli intervistati la giudica invece insufficiente l’attività di confronto con A.I.D.O.: vorrebbero incontri più frequenti organizzati magari per area territoriale. Circa le stesse percentuali relativamente all’adeguatezza dei mezzi di comunicazione. Per comunicare, le sedi locali apprezzano particolarmente le nuove tecnologie: e-mail e sul sito internet, decisamente meno apprezzate le comunicazione via telefono e posta. Anche gli incontri collettivi sono graditi come momento di dialogo e confronto. Oltre il 90% degli intervistati dice di non avere avuto problemi. Il restante 8%, che dichiara di avere avuto problemi, li attribuisce alle linee telefoniche e alla percezione che la Sede Nazionale sia sotto-dimensionata rispetto al personale. Relativamente al Bilancio Sociale, gli intervistati ne riconoscono l’importanza (alta per il 42% e media per il 54%). Solo un 4% lo ritiene poco utile, giudicando i costi della stampa un po’ alti (preferirebbero una pubblicazione su supporto magnetico). Altri ritengono che sia utile soprattutto per comunicare alle Istituzioni e ai soci, e che andrebbe inviato alle ASL, agli Assessori alla Sanità Regionali e Provinciali. Un altro aspetto interessante, che stiamo già valutando positivamente, è quello di dare maggiore spazio alle testimonianze. L’80% degli intervistati conosce le scelte strategiche dell’Assemblea e di questi, il 28% le condivide completamente e il 72% abbastanza. Relativamente ai temi su cui AIDO deve puntare maggiormente, gli intervistati ritengono maggiormente importante la formazione.

69


70


71


72


Gli obiettivi di miglioramento C?????.

73


Determinazione e distribuzione del valore aggiunto Sulla base delle linee guida del GBS (Gruppo di studio per il Bilancio Sociale) e delle Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit, A.I.D.O., ha voluto rendere conto della ricchezza distribuita nella propria attività. Il prospetto di determinazione del Valore Aggiunto, è individuato dalla differenza fra i ricavi e i costi intermedi esterni necessari alla realizzazione dell’attività; per A.I.D.O. i ricavi non possono essere la sommatoria degli incassi derivanti dalla vendita di prodotti sul mercato, ma la somma dei proventi (tributari, raccolte da finanziatori, ecc.) ottenuti nell’esercizio.

DETERMINAZIONE DEL VALORE AGGIUNTO PROVENTI DELLA GESTIONE (A) * GESTIONE ORDINARIA * QUOTE CONSIGLI REGIONALI

120.821,67

QUOTE CONS.REGION.DA INCASSARE

61.197,16

CONTRIBUTI DA ENTI

50.000,00

OFFERTE DA PRIVATI

34.949,04

GIORNATA NAZIONALE PER L'INFORMAZIONE

90.310,42

GIORNATA NAZIONALE DA INCASSARE

10.339,00

ENTRATE VARIE + INTERESSI ATTIVI

487,80

* GESTIONE MATERIALE * MATERIALE DI INFORMAZIONE

3.434,72

CONTRIB.DUEEFFE DISTR.MATERIALE

1.620,14

RECUPERO SPESE DI TRASPORTO

3.637,32

* GESTIONE "L'ARCOBALENO" * ABBONAMENTI ENTRATE DA DIVERSI

15.910,59 8.328,49

* SUCCESSIONE IOZZO * ENTRATE SUCCESSIONE IOZZO TOTALE PROVENTI

57.762,05 458.798,40

COSTI DELLA GESTIONE (B) * SPESE ORGANISMI NAZIONALI * CONSIGLIO NAZIONALE

9.129,35

GIUNTA DI PRESIDENZA

4.206,59

COLLEGIO REVISORI DEI CONTI COLLEGIO PROBIVIRI ASSICURAZIONI ORGANISMI NAZIONALI GESTIONI COMMISSARIALI

74

139,4 468,02 1.422,90 406,11

VIAGGI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

5.542,53

ASSEMBLEA NAZIONALE INTERMEDIA

8.817,35

ASSEMBLEA PRESIDENTI REGIONALI/PROVINCIALI

8.293,01


* SPESE GENERALI * SEGRETERIA POSTALI - TELEGRAFICHE - CORRIERI

1.817,75 1.988,55

CANCELLERIA E STAMPATI

2.208,98

ENEL

1.046,43

TELEFONICHE

7.493,68

ASSICURAZIONE UFFICI E MACCHINE

843,00

ASSISTENZA MANUTENZIONE MACCHINE

6.292,61

MANUTENZIONE UFFICI

1.315,12

SPESE AUTOMEZZI - AUTOBUS - PARCHEGGIO

402,00

ABBONAMENTI RIVISTE, ECC.

313,00

ACQUISTI STAMPA

170,00

CANONE LOCAZIONE UFFICI E RISCALDAMENTO

568,80

SPESE CONDOMINIALI

938,17

SPESE LEGALI E CONSULENZE

716,16

SPESE IN MEMORIA G. BRUMAT

300,00

SPESE MINUTE

6,50

UFFICIO AMMINISTRATIVO

354,70

SPESE BANCARIE E POSTALI

417,22

ABBUONI E ARROTONDAMENTI

8,47

* MOBILI - ARREDI - ATTREZZATURE * ACQUISTI

1.518,16

* SUCCESSIONE IOZZO * SPESE SUCCESSIONE IOZZO

35.723,54

* AMMORTAMENTI * AMMORTAMENTO LAVORI NUOVA SEDE totale costi importo a pareggio

17.265,00 120.133,10 45.053,58

totale VALORE AGGIUNTO (A-B)

165.186,68 293.611,72

75


Le risorse finanziarie

STATO PATRIMONIALE - VOCI ATTIVE (cifre in euro) Conto

Parziali

Totali

DENARO CASSA PROVINCIALE ROMA

90,14

CASSA "L'ARCOBALENO"

284,50

CASSA

321,77

696,41

BANCHE E CCP UNICREDIT BANCA c/c 4780281 BANCA INTESA UNICREDIT BANCA c/c 328493 (IOZZO)

195.598,79 90.302,25 5.413,86

C/C/P n.61589768

35.597,91

C/C/P n.22.957.005

13.299,52

C/C/P n.27.387.000 PROV.ROMA

6.304,97

346.517,30

CONSIGLI REGIONALI - ARRETRATI C.R. QUOTE ARRETRATE 2005

4.816,38

C.R. QUOTE ARRETRATE 2006

8.100,30

C.R. QUOTE ARRETRATE 2007

2.724,90

C.R. QUOTE ARRETRATE 2008

2.724,90

C.R. QUOTE ARRETRATE 2009

2.768,14

C.R. QUOTE ARRETRATE 2010

61.197,16

82.331,78

46.259,13

46.259,13

37.850,40

37.850,40

103.583,41

103.583,41

MAGAZZINO MATERIALE INFORMAZIONE MAGAZZINO MATERIALE INFORMAZIONE MOBILI E ARREDI MOBILI E ARREDI IMMOBILIZZAZIONI SISTEMAZIONE NUOVA SEDE CREDITI DIVERSI SEZIONI PROVINCIALI X MATERIALE

8.231,81

REDAZ.ARCOBALENO X COPIE EXTRA (PADOVA)

3.795,00

12.026,81

28.736,73

28.736,73

50,00

50,00

ASSICURAZIONI GENERALI - TFR ASSICURAZIONI GENERALI - TFR DEPOSITI CAUZIONALI DEP. CAUZIONALE MACCHINA CAFFE' CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO PRECED. CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO 2006

2.329,55

CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO 2007

5.032,82

CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO 2008

6.128,41

CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO 2009

726,00

CREDITI GIORN.INFORMAZIONE ANNO 2010

10.339,00

TOTALE VOCI ATTIVE AVANZO ESERCIZIO 2010 TOTALE A PAREGGIO

76

24.558,78 682.610,75 45.053,58 637.557,17


STATO PATRIMONIALE - VOCI PASSIVE (cifre in euro) Conto

Parziali

Totali

15.300,29

15.300,29

37.850,40

37.850,40

50.790,62

50.790,62

FORNITORI FORNITORI FONDO AMMORTAMENTO MOBILI FONDO AMMORTAMENTO MOBILI FONDI AMMORTAMENTO FONDO AMM. LAVORI NUOVA SEDE DEBITI DIVERSI INPS RATEO DICEMBRE

6.938,00

IRPEF RATEO DICEMBRE

7.735,16

INAIL SALDO DELL'ANNO

531,12

ELABORAZIONE PAGHE RATEO

360,00

STIPENDI RATEO DICEMBRE DEBITI VERSO TERZI

5.252,00 67.526,21

DEBITI VERSO TERZI x GESTIONE IOZZO

4.359,27

CREDITI FIRC SUCCESSIONE IOZZO

3.391,24

CREDITI QUOTE CONSIGLI REGIONALI

823,67

96.516,67

43.062,63

43.062,63

32.650,20

32.650,20

234.210,38

234.210,38

1.739,93

1.739,93

125.436,05

125.436,05

TFR MATURATO DIPENDENTI TFR MATURATO DIPENDENTI FONDO ATTIVITÀ PROVINCIALE ROMA FONDO ATTIVITÀ PROVINCIALE ROMA FONDO ATTIVITÀ PROGRAMMATE FONDO ATTIVITÀ PROGRAMMATE FONDO 5 X 1000 ANNO 2007 FONDO 5 X 1000 ANNO 2007 FONDO LASCITO IOZZO FONDO LASCITO IOZZO TOTALE VOCI PASSIVE

637.557,17

5 per mille I dati definitivi relativi al 5 per mille del 2007 hanno attribuito all’A.I.D.O. n. 8.441 scelte per un importo di € 237.197,36. Tale somma è stata liquidata nel corso del 2009. I dati provvisori del 2008 segnano un attribuzione di n. 7.688 scelte. Nel dettaglio si evidenziano i progetti realizzati e i relativi costi sostenuti nel corso del 2010: Progetti realizzati grazie al 5XMILLE Progetto TVD - Ti Voglio Donare

Euro spesi 61.553,09

Attivazione e gestione caselle posta elettronica

1.401,84

Gestione sito web

3.485,76

Implementazione SIA

1.105,20

Totale

67.545,89

77


CONTO ECONOMICO - USCITE (cifre in euro) Conto

Parziali

Totali

SPESE ORGANISMI NAZIONALI CONSIGLIO NAZIONALE

9.129,35

GIUNTA DI PRESIDENZA

4.206,59

COLLEGIO REVISORI DEI CONTI

139,40

COLLEGIO PROBIVIRI

468,02

ASSICURAZIONI ORGANISMI NAZIONALI GESTIONI COMMISSARIALI

1.422,90 406,11

VIAGGI E SPESE DI RAPPRESENTANZA

5.542,53

ORGANIZZAZ.EVENTI - CONVEGNI

5.840,00

ASSEMBLEA NAZIONALE INTERMEDIA

8.817,35

ASSEMBLEA PRESIDENTI REGIONALI/PROVINCIALI

8.293,01

GIORNATA NAZIONALE PER L'INFORMAZIONE

6.562,40

50.827,66

SPESE GENERALI SEGRETERIA

1.817,75

POSTALI - TELEGRAFICHE - CORRIERI

1.988,55

CANCELLERIA E STAMPATI

2.208,98

ENEL

1.046,43

TELEFONICHE

7.493,68

ASSICURAZIONE UFFICI E MACCHINE

843,00

ASSISTENZA MANUTENZIONE MACCHINE

6.292,61

MANUTENZIONE UFFICI

1.315,12

SPESE AUTOMEZZI - AUTOBUS - PARCHEGGIO

402,00

ABBONAMENTI RIVISTE, ECC.

313,00

ACQUISTI STAMPA

170,00

CANONE LOCAZIONE UFFICI E RISCALDAMENTO

568,80

IMPOSTE E TASSE

2.466,13

SPESE CONDOMINIALI

938,17

SPESE LEGALI E CONSULENZE

716,16

SPESE IN MEMORIA G. BRUMAT

300,00

SPESE MINUTE UFFICIO AMMINISTRATIVO SPESE X PREPARAZIONE BILANCIO SOCIALE SPESE BANCARIE E POSTALI GESTIONE L'ARCOBALENO - REDAZIONE ROMA ABBUONI E ARROTONDAMENTI

6,50 354,70 7.628,77 417,22 17.453,54 8,47

54.749,58

COSTO DEL LAVORO CONTRIBUTI INPS

45.516,00

CONTRIBUTI INAIL

531,12

CONTRIBUTI IRPEF

34.812,55

TFR ANNO IN CORSO

10.917,10

ELABORAZIONE PAGHE RM-STIPENDI PERSONALE DIPENDENTE

1.962,00 98.592,61

192.331,38

GRUPPI DI LAVORO STAMPA INFORMAZIONE VOLONTARIATO - CENTRI DI SERVIZIO AREA COMUNICAZIONE

78

29,80 206,58 13.474,55

AREA FORMAZIONE E SCUOLA

99,14

AREA SEGRETERIA

598,50

14.408,57


CONTO ECONOMICO - USCITE (cifre in euro) Conto

Parziali

Totali

MATERIALE DI INFORMAZIONE ACQUISTI DA FORNITORI

29.706,75

CESSIONE MATERIALE GRATUITO

11.331,18

SPESE DI TRASPORTO

5.883,00

46.920,93

1.518,16

1.518,16

35.723,54

35.723,54

17.265,00

17.265,00

MOBILI - ARREDI - ATTREZZATURE ACQUISTI SUCCESSIONE IOZZO SPESE SUCCESSIONE IOZZO AMMORTAMENTI AMMORTAMENTO LAVORI NUOVA SEDE

413.744,82

TOTALE USCITE

CONTO ECONOMICO - ENTRATE (cifre in euro) Conto

Parziali

Totali

GESTIONE ORDINARIA QUOTE CONSIGLI REGIONALI

120.821,67

QUOTE CONS.REGION.DA INCASSARE

61.197,16

CONTRIBUTI DA ENTI

50.000,00

OFFERTE DA PRIVATI

34.949,04

GIORNATA NAZIONALE PER L'INFORMAZIONE

90.310,42

GIORNATA NAZIONALE DA INCASSARE

10.339,00

ENTRATE VARIE + INTERESSI ATTIVI

487,80

368.105,09

GESTIONE MATERIALE MATERIALE DI INFORMAZIONE

3.434,72

CONTRIB.DUEEFFE DISTR.MATERIALE

1.620,14

RECUPERO SPESE DI TRASPORTO

3.637,32

8.692,18

GESTIONE "L'ARCOBALENO" ABBONAMENTI ENTRATE DA DIVERSI

15.910,59 8.328,49

24.239,08

57.762,05

57.762,05

SUCCESSIONE IOZZO ENTRATE SUCCESSIONE IOZZO TOTALE ENTRATE AVANZO ESERCIZIO 2010 TOTALE A PAREGGIO

458.798,40 45.053,58 413.744,82

79


Affiancamento metodologico

Finito di Stampare nel mese di Giugno 2010 presso la Tipolitografia Trullo Via delle Idrovore della Magliana, 173 - 00148 Roma

Bilancio aido 2010 72  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you