Issuu on Google+

Dicembre 2010 - N° 4 - Mensile di Cultura e Sport a cura del Comitato Provinciale A.I.C.S.Genova www.aics.liguria.it aut. Trib. di Genova N° 13/95 del 22/03/95

BUON NATALE

Bogliasco in festa

Gli auguri del Direttore

Per le festività natalizie il circolo Gruppo Donna Bogliasco ha organizza un evento davvero unico nel suo genere. (segue a pagina 7)

Buon Natale! Credo sia il più bell’augurio che possiamo fare a tutti i nostri circoli, ai loro componenti e a noi stessi. Sarà un bel Natale per chi ha deciso di buttarsi in questa avventura e che dopo quattro numeri del giornale si rende (segue a pagina 8)

Giocanimando

Tempo di saggi per i bimbi della Giocanimando. Tante iniziative per il circolo della neo-mamma Federica Limardo. (segue a pagina 8)

Stelle AIL

AICS - USSI

Marco e il derby

Hwa rang do in tv

Per il secondo anno consecutivo l’AICS di Genova scende in piazza a fianco ad AIL nella raccolta fondi di Natalizia. (segue a pagina 4)

Al tradizionale incontro dell’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) di Genova presente anche i dirigenti di AICS. (segue a pagina 2)

Dopo “l’odore del calcio” ecco un altro articolo scritto da Marco Rinaldi dei Soggetti Smarriti. Questa volta si parla di derby! (segue a pagina 6)

Andrea Lazzara, giornalista di Primocanale in visita al circolo Hwa Rang Do per effettuare un servizio sull’attività dell’Asd. (segue a pagina 3)


2 Benefit, tenersi in forma nel centro di Genova Attrezzi all’avanguardia, centro benessere e corsi per tutti i gusti

In via Cesarea 99r la palestra adatta a ogni esigenza, da lunedì a venerdì dalle 8 alle 22

Nel centro di Genova, a due passi dalla stazione Brignole e da Via XX Settembre, centro nevralgico della “Superba”, si trova la palestra Benefit da anni associata ad Aics e vero punto di riferimento per molte persone che vogliono rimanere in forma. Da Benefit ci si può allenare e tonificare il corpo con le attrezzature più all’avanguardia, seguire i corsi che gli istruttori preparano per i clienti o addirittura ci si può far viziare nel centro benessere: musiche rilassanti e dolci fragranze avvolgeranno i vostri sensi, massaggi, sauna e bagno turco

aiuteranno a lasciarvi alle spalle lo stress quotidiano. La palestra è aperta dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 22.00 mentre il sabato l’orario si riduce dalle 10.00 alle 17.00.

Alcuni macchinari della palestra Benefit di via Cesarea Per conoscere meglio l’attività della palestra Benefit si può visitare il sito www. benefit-genova.it, lì troverete le risposte a tutte le vostre domande, dai corsi che potrete frequentare a tutte le

attività svolte, dai prezzi dei vari abbonamenti fino alle convenzioni attivate con alcuni enti. Insomma una volta entrati nella palestra Benefit non vorrete più uscirne. Nadia Burlando

AICS alla festa natalizia dell’USSI a Marassi

Quest’anno nel tradizionale dono natalizio per i giornalisti sportivi anche l’Annuario della Coppa dei Quartieri Non capita frequentemente di entrare in uno stadio vuoto, uno stadio in cui, sul campo di gioco, fervono i preparativi per la sfida delle sfide, il derby della Lanterna che, quando leggerete queste righe, avrà già emesso il suo verdetto ma, nel momento in cui viene scritto questo articolo, è ancora lungi dal vedere i “rossoblucerchiati” uscire dal tunnel degli spogliatoi. L’AICS arriva a Marassi per altri motivi, per un accordo che ci ha permesso di entrare nel mondo del giornalismo sportivo dalla porta principale, ovvero attraverso l’USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana) Liguria. Martedì 14 dicembre, infatti, nella “pancia” del Ferraris, in quelle stanze

ro Timossi, capo dei servizi sportivi del Secolo XIX il premio speciale “Giornalista ligure dell’anno” Il motivo della presenza di una delegazione AICS alla manifestazione è dovuto al fatto che l’ente di via Galata ha donato 100 annuari delFranco Ferrari durante la sua lezione “tattica” la Coppa dei Quartieri, che accessibili solo ai presidenti, Sessione sulla tattica calcisti- sono finiti nel tradizionale dirigenti e sponsor, si è svolta ca quella di Franco Ferrari, e dono che l’USSI fa ai propri la tradizionale cerimonia dello curiosità su quello che è il bre- iscritti e alle maggiori cariscambio degli auguri di Natale afing pre partita dei giudici di che istituzionali regionali, tra giornalisti, società e ospiti. gara e poi via un fuoco di do- provinciali e comunali, oltre A far gli onori di casa il mande su tanti di quegli argo- che agli ospiti d’onore; in prapresidente Michele Corti menti che spesso sono top se- tica possiamo dire che tutti i che ha introdotto dapprima cret anche agli addetti ai lavori. giornalisti sportivi avranno Franco Ferrari, ex calciato- Ad entrambi gli ospiti è stata tra le mani l’annuario della re rossoblù ed ora docente consegnata la tessera di Gior- Coppa dei Quartieri, questo di Coverciano, il mister dei nalistaSportivo“adhonorem”. si che si può definire un apermister, e Andrea De Marco, Al termine della giornata è tura verso nuovi “orizzonti”. fischietto internazionale. stato conferito a GiampieClaudio Mattia


3

Primocanale nella sede del Hwa Rang Do

L’emittente genovese interessata all’attivita AICS, una troupe in visita a Sestri Ponente Quando, nella sede di Via Galata, si è pensato di rilanciare le attività (extra calcio) del Comitato Provinciale ci si è riuniti per cercare di capire quali fossero quelle iniziative che avrebbero potuto portare una luce nuova su tutti quei circoli che, durante l’anno, svolgono attività, siano esse gare, esibizioni o, più semplicemente, corsi che prevedano l’aggregazione di persone nel pieno spirito associativo che l’AICS intende. Da subito abbiamo pensato di rilanciare Orizzonti Aics ma sapevamo che non poteva essere l’unico mezzo per portare “al grande pubblico” le vostre (e nostre) attività, si è deciso quindi di aprire un rapporto di “collaborazione” con l’emittente televisiva Primocanale e PrimocanaleSport in modo che sulle reti ligure ci fosse la possibilità di vedere (sotto forma di spot, di presenze televisive

Uno scatto rubato durante le riprese del servizio o di servizi particolari) quello che il Comitato e i suoi circoli fanno. I primi a “beneficiare” di questa collaborazione sono stati i ragazzi del “the Game” e del Klav Ma Ga ospiti nella trasmissione Off Limits, successivamente è stato il turno del Hwa Rang Do che non ha dovuto nemmeno scomodarsi ricevendo la visita di Andrea Lazzara e di una cameraman che hanno prodotto un servizio in “presa diretta”, proprio mentre quattro atleti (due maestri e due

Momenti di ripresa e di intervista

allievi) erano intenti a dimostrare quello che erano in grado di fare. Le foto qui accanto dimostrano come i nostri circoli possano diventare appetibili anche per le tv locali e, più in generale, lo siano tutte quelle realtà che fanno dell’attività in modo serio. Nel caso specifico del Hwa Rang Do parliamo di una ASD con poco meno di duecento tesserati, tra adulti e bambini, che prendono parte ai corsi nella scuola di Sestri Ponente e, davanti a nu-

meri come questi, non possiamo far altro che complimentarci e constatare che l’attività, se fatta bene, può dare grosse soddisfazioni. La collaborazione tra AICS e Primocanale andrà avanti, durante l’arco dell’anno ci sarà la possibilità di presenziare in diverse trasmissione o di ricevere la “visita” di una troupe dell’emittente: il nostro sogno è che tutti i circoli possano avere i loro “dodici minuti di celebrità”. Claudio Mattia

La “squadra” del Hwa Rang Do


4 STELLE DI NATALE AIL,

UNA GIORNATA DA RICORDARE IN VIA XX Dirigenti, arbitri allenatori e la Rappresentativa al completo per la raccolta benefica

La postazione AICS di via XX Settembre affollata da giocatori, arbitri, tecnici e dirigenti Per il secondo anno consecutivo AICS scende in piazza a fianco di AIL nella raccolta fondi attraverso le Stelle di Natale che la Onlus vende per finanziare la ricerca contro le terribili malattie quali la leucemia, i linfomi e il mieloma; ancora una volta il comitato Provinciale di Genova si ritrova per strada, in via XX Settembre, per una giornata in cui non esistono rivalità, non esistono polemiche calcistiche, non esistono antipatie ma ognuno è chiamato a donare un po’ di se per una giusta causa. Sabato 11 dicembre dirigenti AICS, lo staff della Rappresentativa di calcio a 11, giocatori, arbitri e commissari si sono ritrovati in via XX

Settembre con una “Stella” in mano pronti a fermare ogni passante. Come spesso accade in questi casi il lavoro è stato agevolato dalla moltitudine di gente che, spontaneamente, si fermava per acquistare le stelle o solo per fare una donazione, ma quello che ci piace sottolineare è con quale spirito ogni ragazzo che si è presentato al banchetto si sia messo a disposizione. Si sa, tra arbitri e giocatori non sempre corre buon sangue, spesso anche tra giocatori di opposte fazioni e invece, davanti alla solidarietà, tutto si è attutito: per un giorno tutti hanno formato una vera e propria squadra pronta a scendere in campo per provare a vincere la partita più

importante della vita, la partita contro queste terribili malattie. Buono il risultato ottenuto: dopo più di nove ore di vendite le piante vendute sono state più di centocinquanta. Una piccola goccia in un mare infinito, ma siamo certi che, una goccia qui e una goccia la, questo mare si possa colmare e permettere ai malati di avere una nuova speranza, quella di poter sconfiggere queste malattie e tornare, insieme a noi, a correre dietro ad un pallone. Di certo non staremo qui a fare la “classifica dei marcatori” ma vogliamo esprimere tutta la nostra gratitudine a chi, per dieci minuti o per tutto il giorno, ha affiancato i promotori di questa iniziativa e AIL nella vendita delle Stelle

di Natale, dimostrando – ancora una volta – che quella C di AICS (che sta per Cultura) è viva più che mai anche nel mondo “pallonaro”. Una delegazione di AICS si è recata poi mercoledì 15 al San Martino di Genova dove, come da tradizione, AIL ringrazia tutti i volontari che hanno aderito all’iniziativa. Per il Comitato Provinciale è stata l’occasione per ribadire la volontà di AICS di affiancare ancora di più AIL nella sua difficile campagna di sensibilizzazione e chissà che dopo il logo AIL sulle divise della rappresentativa e, successivamente, sulle maglie da arbitro, il futuro non riservi qualche altra novità? Claudio Mattia


5

Al via i corsi di arbitro di calcio Audacia, professionalità, passione per il calcio i requisiti fondamentali. Angelo Gattorna e la sua esperienza settennale sui campi Aics

“Nell’ormai lontano 2004 decisi di intraprendere il corso arbitri in AICS. Conoscevo l’associazione AICS solo come calciatore avendomilitatoperqualchestagione nell’Atletico Marittimo con alterne fortune calcistiche. Ricordo bene che le motivazioni che mi spinsero a frequentare il corso nacquero sostanzialmente per la passione per il calcio e la voglia di approfondire le regole del gioco più bello del mondo. A dire il vero non sapevo, allora, se avessi continuato o meno e per quanto avessi proseguito a fare l’arbitro AICS. Temevo che gli impegni lavorativi e la mia volontà avrebbero giocato un ruolo, presto o tardi, decisivo e mi avrebbero costretto a lasciare. Oggi, dopo quasi sette anni,

mazione metodica e flessibile che prende in considerazione le esigenze lavorative di tutti. Una cosa poi mi piace molto: la correttezza e la serietà della persona vengono considerate ed apprezzate molto di più di altre caratteristiche. Volete quindi un consiglio: La “formazione” degli Arbitri AICS di Genova fatevi il corso arbitri in AICS non solo non risento di alcuna cio; non è uno sceriffo. e poi vedete voi se è il caso crisi ma posso dire che la mia Un arbitro è un appassionato di continuare o meno..... è stata ed è un’esperienza stra- di calcio che ama vedere una Io l’ho fatto e ne ordinaria che consiglio a tutti. partita, garantire che le rego- sono orgoglioso!” Un’esperienza che ti arricchi- le del gioco vengano seguite Angelo Gattorna sce come persona, un’espe- da tutti e che da e pretende rienza che ti consente di ma- rispetto senza doversi semturare in un ambiente sereno e pre imporre. Il rispetto delle Tutti coloro che volesseprofessionale senza tensioni e, regole è fondamentale sia in ro provare questa avvensoprattutto, un’esperienza che un campetto di erba sintetica tura possono consultare tiunisceatanticolleghicheine- sia nella vita di ognuno di noi. il sito internet www.aics. vitabilmente diventano amici. Per quanto riguarda gli aspet- liguria.it andando sul “setUn arbitro non è colui che ti organizzativi va detto che tore calcio” oppure chiadetta le regole della giu- l’associazione viene incontro mare direttamente in sede stizia in un campo di cal- a ognuno con una program- al numero 0105533045

Playhouse Disney Live arriva a Genova Per la prima volta in Italia, dal 5 al 9 Gennaio al Vaillant Palace di Sampierdarena

Playhouse disney Live è

il nuovissimo ed inedito show targato Disney, ispirato all’omonimo canale tv. Per la prima volta nel nostro Paese, il tuor farà tappa a Genova, presso il Vaillant Palace, da Mercoledi 5 fino a Domenica 9 Gennaio 2011. Prima dell’inizio dello spettacolo, per i più piccoli e per le loro famiglie, sarà grande “festa” con tre storie avvincenti: “Agente Speciale Oso”, In giro per la giungla” e “Gli Immagination Movers”. A seguire il vero e proprio spet-

tacolo che porterà in scena quattro famose serie tv preferite dai bambini: “Winnie the Pooh”, “La casa di Topolino”, “Manny Tuttofare” e “Little Einteins”.

All’interno del Vaillant sarà allestita la “Baby Pit Stop zero6”, un’accoglienteareanurserypreparata per soddisfare le esigenze e le necessità delle mamme

che potranno usufruire gratuitamente di pannolini e salviette per il cambio dei più piccoli. Biglietti scontati del 15% per i possessori di abbonamenti AMT, PrimaCard Basko, Ikea Family e abbonati di Genoa e Sampdoria , sconto del 10% per i soci ACI, dipendenti Cambiaso Risso, soci Cineclub Nickelodeon, soci centri Palagym e Don Bosco, soci Piscine d’Albaro, e per gruppi di almeno dieci persone che acquistano il biglietto per lo stesso settore. Gaia Michelotti


6

Dicembre tempo di derby della Lanterna Marco Rinaldi dei Soggetti Smarriti scrive la sua sulla stracittadina genovese

Ancora qualche settimana e sarà derby, un derby malinconico sia per i genoani che per i sampdoriani: ad entrambi mancherà qualcuno… comunque questa sfida rimane qualcosa di più di una semplice partita di calcio, perché la stracittadina conserva inalterato il suo fascino e il suo carico di tensione, anche se, fortunatamente, non è più la partita che vale una stagione come accadeva quando il Genoa e la Sampdoria si giocavano la salvezza all’ultima giornata o la risalita in serie A. Tra i genovesi prende sempre più campo l’ ansia da derby, patologia con sintomi ben precisi che vanno dalla sudorazione copiosa alla secchezza delle fauci, fino a sfociare in incubi notturni e derivante stato d’ansia insopportabile. Qualcuno chiede che l ’ansia da derby venga inserita dal Ministero della Salute tra le patologie invalidanti, con conseguente anticipazione dell’età pensionabile! A chi ha vissuto da tifoso le sfide stracittadine non spetterebbe almeno un controllo gratuito delle coronarie? Pensate che io stia esagerando? Me lo saprete dire nei due o tre giorni che precederanno il tanto atteso evento. Allora si che il mio ragionamento sull’ ansia da derby vi sembrerà sensato! La stracittadina fa provare sentimenti contrastanti: non vedi l’ora che arrivi, ma nel contempo

vorresti non arrivasse mai. Molti di noi, ripensando alle sfide passate, ricordano con piacere i momenti più esaltanti, quegli istanti magici che hanno il potere di farti sorridere come un ebete mentre sei seduto sull’autobus o sei al buio in camera tua e stai per prendere sonno, ma tra i ricordi di una vittoria e di un gol della nostra squadra, improvvisamente, crudelmente, si materializzano, dal nostro io interiore, immagini inquietanti che prendono forma e hanno la fisionomia di questo o quel giocatore che, con una prodezza o con un colpo di fortuna, ha fatto pendere l’ago della bilancia dall’altra parte, quella a noi ostile! Provo a fare un esercizio

mentale e cerco di far affiorare dalla mente immagini di derby passati. Invito anche voi a fare altrettanto, scoprirete che non tutto ciò che vedrete sono immagini di vittoria… Chiudo gli occhi e cerco tra i meandri della mente. Voglio trovare l’immagine, un’unica immagine che possa racchiudere in se il significato del derby di Genova… mi concentro, strizzo le palpebre, corrugo la fronte e vedo… vedo… vedo Pruzzo sospeso in aria sotto la sud ad incornare il 2 a 1 vincente… vedo l’innaturale traiettoria del tiro vincente di Genzano… vedo Mancini segnare un gol e mezzo nel suo primo derby genovese… vedo la punizione di Branco insaccarsi alla destra

di Pagliuca, con la nord che impazzisce letteralmente… vedo Maggio con le braccia al cielo davanti alla sud che sembra esplodere… vedo Milito con lo sguardo incredulo sventolare in aria tre dita… Mamma mia quante cartoline, quante immagini! E come faccio a sceglierne una che racchiuda in se l’essenza della stracittadina? Eccola! L’ho trovata! E’ stranamente un’immagine post partita. Sto ritornando a casa dopo un derby di qualche anno fa . Sono in auto, fermo in coda sul ponte di Cornigliano e sono al telefono con un’emittente radiofonica locale che, tra una battuta e l’altra, mi chiede quale immagine rappresenti la stracittadina. La cosa mi riesce semplice perché la sto vedendo in quel momento: davanti a me c’è una vespa con due fidanzatini a bordo e stanno certamente tornando a casa dallo stadio. Lei sta abbracciando teneramente lui che, avvertendo il gesto d’affetto e per contraccambiarlo, reclina il capo all’indietro facendo si che i due caschi vengano a contatto. Entrambi hanno una sciarpa al collo, una rossoblù e l’altra blucerchiata! Questa è la vera immagine del Derby della Lanterna! Un esempio di civiltà che Genova intera continua orgogliosamente ad insegnare al mondo intero. Marco Rinaldi


7

A Bogliasco un Natale indimenticabile

Fiaba itinerante per le vie del borgo per augurare a tutti buona Natale Organizzatore e promotore della manifestazione il Gruppo donne Bogliasco

Natale, si sa, è un momento particolare: grandi e piccini si ritrovano a impacchettare e spacchettare regali, scambiarsi abbracci e sorrisi in un periodo in cui gli auguri non si negano a nessuno. Ma c’è chi – forse con un pizzico di ingordigia – il Natale l’ha voluto “passare” con un paese intero anzi, per meglio dire, ha voluto far gli auguri a tutti i suoi abitanti. Parliamo di Bogliasco, la nota località del levante genovese dove, da diversi anni oramai, è radicato un circolo AICS del tutto particolare: l’Asd Gruppo Donne Bogliasco. L’attività di questo circolo è nota oramai in tutto il paese, i corsi per i più piccini e gli anziani si moltiplicano di anno in anno e anche le istituzioni hanno deciso di affidargliimportanti manifestazioni, infatti ad ogni ricorrenza particolare Cecile Rogè (Presidentessa del Gruppo

Momenti della rappresentazione inscenata dai bambini Donne Bogliasco) si trova a organizzare eventi che non sempre raggiungono la ribalta che meriterebbero. Come dicevamo per il Natale oramai imminente il Gruppo Donne Bogliasco, insieme al Comune di Bogliasco, alla Consulta e allo Studio Associato Attori hanno deciso di esagerare per far vivere a grandi e piccini momenti unici. Martedì 7 dicembre è stato infatti acceso l’albero di Natale e tutte le luminarie del paese, ovviamente a farlo sono stati

i più piccini che – affiancati da adulti – hanno “acceso” Bogliasco facendola diventare un piccolo presepe. Lo spettacolo non è finito qui anzi, il meglio doveva ancora arrivare, infatti è stata inscenata una vera e propria fiaba itinerante che ha coinvolto tutto il paese. “Gli Angeli del Natale” questo il titolo dello spettacolo che ha fatto fermare Bogliasco domenica 12 dicembre. Nel pomeriggio tutto il paese si è ritrovato in piazza per seguire grandi e piccini in questa bellissi-

ma manifestazione che ha fatto rivivere una Bogliasco un freddo dicembre dei primi anni del Novecento. Non nasconde l’entusiasmo la presidentessa del circolo che commenta così la giornata: “siamo entusiasti, c’erano tanti bambini, ma anche tanti adulti. Siamo riusciti a produrre quattro scene che hanno riportato alla luce un Natale di tanti anni fa. Sono contenta perchè, oltre ai bimbi, il paese ha risposto bene e molti sono rimasti piacevolmente stupiti da questo nostro modo di augurare il buon Natale a tutti” Alla fine della giornata tutta Bogliasco si è ritrovata in piazza, tra merende e girotondi dei più piccini, si è creato quello spirito natalizio, magico, che – troppo spesso – al giorno d’oggi si perde, grandi e piccini si sono “persi” in una favola di inizio Novecento e per un giorno tutti i presenti sono tornati a credere in Babbo Natale. Nadia Burlando

Un “pescatore” si aggira per le vie del borgo con la sua inseparabile rete


8 Saggi e centro “invernale” alla Giocanimando

Giornata sulla neve, saggi di danza e karate e spettacolo al teatro Modena Dal 27 al 31 centro aperto con sport e laboraturi per tutti i bambini Nel primo numero di Orizzonti avevamo aperto il nostro tour tra i circoli AICS andando a trovare Federica Limardo della Giocanimando. A quel tempo Federica aveva il pancione ma, nonostante fosse alla fine della sua gravidanza, ci aveva aperto le porte del suo centro nel cuore di Albaro spiegandoci tutto quello che la Giocanimando era riuscita a costruire nel tempo. Ora – a pochi giorni dal Natale – vogliamo fare tanti auguri a Federica, al papà Andrea e al piccolo Giuseppe che si appresta a vivere questo primo Natale e che, soprattutto, aiuterà la mamma nelle tante attività che sono preOrizzonti AICS Liguria Mensile di sport e cultura Aut. Trib. di Genova n. 13/95

Dir. Responsabile Carlo Mattia

le stiamo aspettando. Dir. Editoriale Claudio Mattia

Redazione

Claudio Mattia, Gaia Michelotti, Claudio Giansoldati, Nadia Burlando Gino Della Casa

Editore

Comitato Provinciale AICS Genova - Via Galata 33/6

La sala della Giocanimando in Albaro viste in questo dicembre. Cominciamo con il dire che sono oramai imminenti i saggi delle varie discipline, ma non possiamo non citare l’organizzazione di giornate a tema davvero divertenti. Si è cominciato sabato 11 dicembre quando è andato in scena il torneo di Natale di calcio per le leve 1998-99 e 2003-04, nella stessa giornata era in programma la gita sulla neve di Prato Nevoso che ha visto grandi e piccini ritrovarsi tra la montagne del comprensorio piemontese. Queste le iniziative gia svolte, diverso il discorso per le esibizioni di danza e karate: nel primo caso gli appuntamenti sono tre, il più succoso è quello del 23 Dicembre quando ci sarà uno spettacolo presso il teatro Modena, mentre il 20 e il 22 verrà proposto il saggio di Natale. Per le arti marziali il saggio è previsto per 21 dicembre.

Entrambe le manifestazioni si svolgeranno durante le ore di lezioni in via Riboli 20 in Albaro. Nonostante le festività natalizie Giocanimando non chiude i battenti: nei giorni 23 e 24 e dal 27 a 31 gennaio ci sarà la possibilità di lasciare i bambini presso la sede dell’Associazione dalle 8 alle 16.30 per consentire anche ai lavoratori di far trascorrere ai propri figli delle vacanze serene, in compagnia di altri bimbi e imparare cose nuove. Per l’occasione previsti laboratori di diverse discipline insieme allo sport. Insomma ai piccoli ospiti del centro non mancherà proprio nulla. Gaia Michelotti

Federica Limardo in veste di arbitro

Gli auguri del Direttore Segue dalla prima pagina

conto che le sua aspettative e i suoi programmi si stanno realizzando. Quando mi hanno proposto la direzione devo essere sincero, conoscevo poco del mondo Aics, o meglio conoscevo solo quello che ruotava intorno al calcio. La prima richiesta che ho fatto all’editore è stata:”Per favore non parliamo solo di calcio”. Lui è stato chiaro: “Parleremo di tutte le attività dei nostri circoli, il calcio, se sarà, sarà un argomento marginale”. Siamo partiti, ed insieme ad una redazione giovane ed entusiasta, come solo i giovani sanno essere, abbiamo iniziato a contattare i circoli, a dare spazio a tutte le iniziative e le pagine sono aumentate e con loro la nostra soddisfazione. A questo punto, augurandomi che questo sia sempre più il vostro giornale, non mi resta che inviare insieme a tutti i redattori una grande augurio di Buon Natale e che il 2011 sia l’anno del boom di tutti i nostri circoli. Dimenticavo, festeggiate alla grande, ma ricordatevi di inviarci le vostre notizie, noi Carlo Mattia


Orizzonti Aics Liguria - Dicembre 2010