Page 1

Alessandro De Francesco Translated by Belle Cushing from

foreign body in ascending motion (corpo estraneo in moto ascensionale)


the train stops in the countryside at

just underneath the hedge

night it’s light in the compartment and

afternoon my child hand picks through

outside all that is visible is an infinite

the grass of the park in front of the

space without trees

condo and finds nettle

black sky

and bright green ground merge beyond

some daisies

the horizon line

nettle

we can’t tell the

grass

grass the hand

animal

through

newborn’s cry

this doesn’t really

dirt

pulls up

wet dirt

source of this sound so wounded it seems to resemble a

wet

late

dirt looks

some flowers pulls up and picks

looks nettle

wet

some flowers blades of grass

change from one population to another

that seem to have swallowed the metal

it’s practically a registered trademark

model airplane much later

then someone is heard knocking at the

on the tram holding my father’s arm i

window

but nothing is there beyond

interrogate him over and over

the glass

just a big dark mass in this

ever lose a toy when he was little

did he

empty countryside it’s impossible for

how many

someone to live and living to make it all

where

the way here

something else but the possession’s

attracted by the lights of

which ones

vienna

and

i am told to think about

the train around these tracks without

disappearance is unbearable

edges

unhealable fracture and my tactile me-

wanting to cross the dividing

an


line still impenetrable precisely because

mory goes back to the hand that picks

it’s imaginary

through the grass and finds

image of history i can

no longer say how in the deepening dark

wet

of the landscape

hand pulls up and picks through

maybe because this

child came close enough to almost

stop that

touch the side of the train

careful

in the

dirt

some daisies

nettle grass the now

you should have been more dinner is ready

the

deepening dark of the landscape and

sun yellow

despite the blinding glow of the

all the same beneath the casing of

passenger car

summer

a trace of tiny white

the suburban buildings all the same in the park

undershirt was visible beyond the glass

enclosed by lines of pavement by the

but without the body that inhabited it

road filled with cars in the distance

that made it oscillate obliquely foreign

some trees scattered opposite the garage

body melted into the black of the

and concrete

background

arcade

nor can i say how we

by

we start off under the race to the elevator

understood from that cry and from that

and the steps make this electric sound

slow

beneath the low ceiling

column

deepening dark of the landscape and

column

column

column

despite the blinding glow of the

column

headlights

column

passenger car that a whole family

column

column

oblique

undershirt

in

the

if

first metal


not a generous gathering of people

entryway

glass and doorbells

was observing us in silence though we

panting

switch

could not see them

landing

and here we stop

the white stairwell in the blinding glow of the passenger

key

car no one questioned

missing

they hoped

that from the sliding slit of the window

elevator in

the dividing

i think back to the object closes

occludes

enough now

a hand would throw not money because in that empty infinite countryside it

they enter the doctor’s office slowly and

would be nothing but paper already

silently

written on

waiting room

but food and maybe even

pencils pens new paper

if the eyes

watch the others in the with no transition

throw themselves on toys

of that man at the exit of the jama

stuff

masjid mosque were already shining in

gasping

stupor

the floor again and again

and

gratitude

for

a

black

try out colors

move keep quiet

fling pieces of plastic onto scolding

ballpoint while from the arches of the

does nothing

a seminal

arcade the agglomerate of stores and the

irreversible action is in motion

heap of people and vehicles see-med to

roofs from the windows the noises of

rise in all directions toward the white

faraway cars

the

a white radiator


membrane of heat and smog opaque sun covered the objects

and the

some scattered thoughts going shopping

before


il treno si arresta nella campagna di sera c'è molta luce nel compartimento e fuori si intravede solo uno spazio infinito senza alberi il suolo verde acceso e il cielo nero si mischiano dopo la linea dell'orizzonte non è chiaro da dove provenga quel suono ferito animale viene fatto notare che si tratta del vagito di un neonato non cambia poi cosí tanto tra una popolazione e l'altra è quasi un marchio registrato poi si sente bussare al finestrino ma non c'è nessuna forma al di là dal vetro solo una grande massa buia impossibile che in questa campagna vuota qualcuno viva e vivendo sia venuto fino a qui attratto dalle luci del treno verso questi binari senza margini cercando di varcare la linea divisoria che resta impenetrabile proprio perché immaginaria immagine della storia non so piú dire come nel buio crescente del

subito sotto la siepe a fine pomeriggio la mia mano di bambino fruga nell'erba del parco davanti al condominio e trova ortica terra umida qualche margherita erba strappa cerca ortica terra umida qualche fiore erba che la mano strappa e fruga cerca ortica terra bagnata qualche fiore fili d'erba che sembrano aver inghiottito il modellino dell'aereo di metallo tempo dopo a vienna in tram in braccio a mio padre lo interrogo a ripetizione se ha mai perso un giocattolo quando era bambino quanti quali dove mi viene chiesto di pensare ad altro ma la scomparsa del possesso è insostenibile una frattura non rimarginabile e la mia memoria tattile torna alla mano che fruga nell'erba e trova ortica terra umida qualche margherita erba che la mano strappa e fruga adesso lascia


paesaggio forse perché quel bambino si era avvicinato quasi fino a toccare il bordo del treno nel buio crescente del paesaggio e nonostante il chiarore accecante dell'abitacolo una canottierina bianca fosse d'un tratto visibile oltre il vetro ma senza il corpo che abitandola la faceva oscillare obliquamente corpo estraneo fuso con il nero dello sfondo né so piú dire come avessimo capito da quel vagito e da quella canottiera lenta obliqua nel buio crescente del paesaggio e nonostante il chiarore accecante dell'abitacolo che tutta una famiglia se non un ampio gruppo di persone ci stessero osservando in silenzio mentre noi non potevamo vederli nel chiarore accecante dell'abitacolo nessuno ha dubitato speravano che dalla fessura apribile del finestrino una mano gettasse non denaro perché in

stare dovevi fare piú attenzione la cena è pronta il sole giallo i palazzi di periferia tutti uguali dietro il rivestimento dell'estate tutti uguali sul parco racchiuso dalle linee del selciato dalla strada con le macchine in lontananza da qualche albero sparso di fronte al cemento e al garage ci avviamo sotto al porticato si fa la corsa verso l'ascensore e i passi fanno questo suono elettrico sotto al soffitto basso colonna colonna colonna colonna colonna fari di una macchina colonna colonna colonna primo portone di metallo vetro e campanelli ansimare interruttore ascensore pianerottolo e ci si arresta nel vano scale bianco la chiave divisoria ripenso all'oggetto mancante chiude occlude adesso basta


quella vuota campagna infinita sarebbe stato solo carta giĂ scritta ma cibo e forse anche matite penne carta vergine se giĂ  gli occhi di quell'uomo all'uscita della moschea jama masjid brillavano di stupore e gratitudine per una biro nera mentre dagli archi del porticato l'agglomerato dei negozi e il cumulo di gente e veicoli sembrava come salire in piĂş direzioni verso la membrana bianca di caldo e smog e il sole opaco ricopriva gli oggetti

entrano in silenzio e lentamente in un ambulatorio medico guardano gli altri nella sala d'attesa si gettano sui giochi senza transizione muovono cose provano colori tacciono affannosamente scagliano a ripetizione pezzi di plastica per terra a nulla valgono i rimproveri è in corso un'azione irreversibile seminale i tetti dalle finestre i rumori delle macchine lontane il radiatore bianco qualche pensiero sparso prima di fare la spesa

Alessandro De Francesco  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you