Page 1

5 /2011 January

5 /2011 January

ARABIAN HORSE JOURNAL

A R A B I A N

H O R S E S

P A S S I O N

€ 8,00 Spedizione in A.P.

A R A B I A N

H O R S E S

P A S S I O N


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Contents

Sommario

The Fifth Autumn Arabian Horse Show at Janów Stud

20

Interview - Dr. Marek Trela

41

El Jadida Horse Show

44

Spirit, strength, speed, intelligence… European Championship Title Show

60

The Friedmann Family Breeders of Fine Egyptian Arabian Horse

94

Verona - International B Show

108

Paris for the 30th time!

138

Interview - Willy Luder

156

Where the fog is born - Interview - Ivo Ludi

176

The United Arab Emirates National Championships

182

Egyptian Breeders Conference by the Pyramid Society & Pyramid Foundation Atlanta 2010

206

Frank Boetto Open Day

224

Open Day - A.T.C. Zaniboni

228

Aspetti Tecnico Pratici Dell’embryo Transfer - Veterinary

234

The Revival of Endurance Racing

246

Asociacion Española de Criadores de Caballos Arabes - Association News

260

Results

266


5 5


5 /2011 January - February

5 /2011 January - February

ARABIAN HORSE JOURNAL

A R A B I A N

H O R S E S

P A S S I O N

€ 8,00 Spedizione in A.P.

A R A B I A N

H O R S E S

P A S S I O N

LVA MAXIMUS (Espano Estopa x Challon Salana) O: Athbah Stud - KSA MIKA Editrice S.R.L. corso Garibaldi, 7 20030 Seveso (MB) - Italy tel. +39 (0) 362 541804 info@arabianhorsejournal.com n° 5/2011 January/February Pubb. bimestrale iscr. trib. Milano n° 306 del 03-06-2010 spedizione in A.P. 70% Milano www.arabianhorsejournal.com

Direttore Editoriale/Editors Direttore Responsabile/Publisher Francesca Messina francesca@arabianhorsejournal.com Ufficio contabilità/Accounting office Mrs Lara Spalvieri Grafica e Impaginazione/Digital Artwork Marco Redaelli Francesco Campagna

Foto/Photo by Monika Savier Erwin Escher Beatrice Bigotti Sylwia Ilenda Cecile Marleix Mateusz Jaworski Marco Capelli Cathrine Noel Lisa Abraham Testi/Staff Writers Mateusz Jaworski Francesca Messina Louise Lenoir Monika Savier Dr. Denis Necchi Iwona Monika Kwiatkowska Barry Shepherd Philippe Noel Krystyna Chmiel Pubblicità/Advertising MIKA Editrice - Francesca Messina francesca@arabianhorsejournal. com - Cell. +39 348 3350708

Stampa/Print Jona S.R.L. 20037 Paderno Dugnano (MI)

MIKA Editrice S.r.l. non risponde della veridicità e dei contenuti dei testi pubblicati.

Traduzioni/Traslations dr. Pompeo Lattanzi

MIKA Editrice S.r.l. is not responsible for truthfulness or the content of advertisement text.

Siamo al primo numero di questo nuovo anno, cogliamo l'occasione per rinnovarvi i nostri migliori auguri e ringraziarvi per la stima che ci avete dimostrato. Abbiamo voluto darvi, anche in questa occasione, quante più notizie possibili, speriamo che questo sia apprezzato sia da quanti operano nel settore che da chi sta muovendo i primi passi nel mondo del cavallo Arabo.

So we came to the first number of this new year, and we want to take this opportunity to renew to all of you our best wishes for the future and to thank you for the exceptionally high agreement that you have shown in our respect. We decided to try and give you, in this occasion too, as much news as possible, hoping this will be appreciated both by the experienced sector operators and by those who are moving their first steps in the world of the Arabian horse.


welcome La nostra professionalità ci porta a dare quante più notizie di varia natura per una informazione completa, libera e mai di parte, non finalizzata a far prevalere l'aspetto economico dato dalla pubblicità ma incentrata su quella che è la missione di un giornale che ha la presunzione di essere tale: dare notizie. La strada non è priva di difficoltà ma speriamo, con questo, che sia raggiunto lo scopo che ci siamo

prefissati all'inizio di questa scommessa, dare indicazioni in merito all'andamento del mercato e tutto quanto possa essere d'aiuto a chi vuol sapere, conoscere, capire. Nel nostro piccolo ce la mettiamo tutta per far questo, vi invitiamo, pertanto, a darci idee, spunti, pareri. La discussione fa crescere e crescere assieme direi che è una cosa meravigliosa. Buona lettura e ancora buon 2011.

Our professionalism compels us to give as much as possible news of various nature, for information must be complete, free and never partisan, not finalized to make the economic aspect prevail as evoqued by advertising, but centered on the real mission of a magazine that wants to be considered such: giving news. The road is not without difficulty, but we hope with this that the objective has been reached that we had set for ourselves at the beginning

of this venture, to give you the reader reliable indications regarding the course of the market and anything that could be of help to those who want to discover, to know, to understand. In our modest way we give it our all to do this, and we invite you therefore to give us ideas, opinions, food for thought. Discussion favours growth and I would say that growing together is a marvelous thing. Enjoy your reading and again Best Wishes for a Very Happy 2011.

Francesca Messina


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


11 11


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


17 17


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


19 19


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

The Fifth Autumn

Arabian Horse Show at Janów Stud

By Krystyna Chmiel - Photo by Sylwia Ilenda

Questo show particolare è stato organizzato presso le scuderie Janów Podlaski a partire dal 2006, cioè da quando è stata inaugurata la grande pista coperta. Fin dall’inizio si è voluto porre l’accento più sulle classi di Performance che su quelle di morfologia, anche per questo la Scuderia di Stato non ha iscritto i propri migliori cavalli da show, allo scopo di dare più possibilità agli allevatori privati. Ciò nonostante, delle 10 classi di morfologia soltanto due sono state appannaggio di PSA allevati e di proprietà di privati. La migliore di questi è stata la puledra di un anno *Paema (Ekstern – Pasyma da Piaff), una grigia allevata e di pro-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

That special show was organized at Janów Podlaski since 2006, i.e., when the indoor arena was put into use. From the very beginning a greater emphasis was laid upon perfor mance classes, than to halter ones. For the latter the State Studs didn`t enter the first choice of their horses, in order to give more chances to the private breeders. Nevertheless, from 10 halter classes only two were won by private-bred and owned horses. The best from them was the yearling filly Paema, grey (Ekster n – Pasyma by Piaff), bred and owned by Lech Błaszczyk – a typical get of her sire. She


prietà di Lech Błaszczyk – un tipico prodotto del suo progenitore. Essa presenta le caratteristiche migliori passatele da Ekstern – un dorso brevilineo ed una bella attaccatura dei lombi, che insieme creano un profilo perfettamente orizzontale del dorso, completato da magnifica attaccatura della coda ed impostazione degli arti posteriori, collegati ad una incredibilmente bella testa, profondamente camusa con grandi occhi e neri, una mandibola profonda ed un muso piccolissimo (la proverbiale “tazzina” degli Inglesi “a teacup muzzle”), oltre ad un movimento che la fa sembrare galleggiare a mezz’aria. Nella stessa classe si è classificata terza la sorella piena della multi-premiata *Pinga, differen-

represented the best traits passed on by Ekstern – a shor t back and a well-coupled loin, making together a completely horizontal topline, crowned with a magnificent tail-set and carriage, connected with beautifully dished head with large eyes and nostrils, a deep jowl and a teacup muzzle, as well as “flowing-in-the –air” movement. In the same class placed 3rd was the full sister to multi-awarded Pinga, differing from her by the grey color and not-sogood movement – Piba, slightly taller than the rest of her class. A similar “Ekster n-get” silhouette showed also

20 21


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

Paema - Class 1A 1° pl 2 Yearling Fillies - O: Lech Blaszczyk

te da lei per il bel manto grigio ed un movimento un po' meno rilevato della più nota sorella – *Piba, leggermente più alta rispetto al resto della sua classe. Un profilo simile di chiara “derivazione-Ekstern” è stato esibito anche dalla due anni *Lawinia, grigia figlia di Luanda da Emigrant, allevata a Michałów. É stata la prima a superare il magico limite dei 40 punti allo show, sicuramente grazie al suo eccezionale movimento. La classe dei Puledri di un anno è stata vinta (finalmente!) dal grigio scuro (quasi nero) *Amanito (Eden C – Altamira da Ekstern), allevato a Janów Podlaski e perlopiù sottovalutato nelle sue precedenti uscite (si è sempre piazzato terzo). Si è pienamente meritato questa vittoria a lungo attesa, grazie specialmente alla sua asciuttezza da animale del deserto ed alla magnifica coda, un dorso orizzontale ed una somiglianza spiccata a sua madre alla stessa età. Nessuna meraviglia quindi

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

the 2-year-old Lawinia, grey, out of Luanda by Emigrant, bred at Michałów. She was the first one, who exceeded the magic limit of 40 points at that show, surely because of her movement. The class of yearling colts was (at last!) won by the dark grey (nearly black) Amanito (Eden C – Altamira by Ekstern), bred at Janów Podlaski and mostly underestimated during all his previous star ts (being placed always III). He fully deser ved his long awaited win, especially for his deser t-like dryness and tail-carriage, a level topline and a general likeness to his dam at the same age. No wonder, that he was finally claimed the Junior Champion Stallion of the show. The winner of the class for 4-6-years-old mares was Cenoza, chestnut, 2005 (Ekster n – Celna by Alegro), bred by Janów Podlaski, who, as a year-


Berenika - Class 1B 1° pl 2 Yearling Fillies - O: Janów Podlaski Stud

che sia stato alla fine incoronato anche Junior Champion Stallion dello show. La vincitrice della classe delle Fattrici di 4-6-anni è stata *Cenoza, (Ekstern – Celna da Alegro), una saura del 2005 allevata da Janów Podlaski, che all'età di un anno, era stata Junior Champion Mare del I° Autumn Janów Show nel 2006. A parte la tipica riconoscibilissima “Ekstern silhouette”, Cenoza ha esi-

ling filly, was the Junior Champion Mare of the I Autumn Janów Show in 2006. Apar t from the typical “Ekster n silhouette”, she showed also miles of neck, what not always occurred in the get of that sire. Between her star ts in two Autumn shows she perfor med very well at the racecourse, defeating even an Austrian filly in a coarse, “racing” type. It

22 23


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d bito un collo lunghissimo, cosa che non sempre si verifica nella progenie di Ekstern. Tra le sue apparizioni nei due show d’Autunno, Cenoza ha dato ottima prova di sé in pista, sconfiggendo persino una puledra austriaca in una corsa. Un exploit tipico di un cavallo Arabo di allevamento tradizionale Polacco – audace e bellissimo, tutto in uno! Due classi – quella delle Fattrici di 7–anni ed oltre e quella delle Puledre di un anno, gruppo B – sono state vinte da madre e figlia: rispettivamente *Belgica, una baia del 2003 (Gazal Al Shaqab – Belladona da Europejczyk), allevata a Janów Podlaski e *Berenika, anch'essa baia, da Eden C. Entrambe sono asciutte, con dorso orizzontale, simili tra di loro per tipo, ed infatti entrambe si sono ben piazzate nei Campionati. Bereni-

Lawinia - Class 2A 1° pl 2 Years Old Fillies - O: Michalow Stud

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

was a typical career of a traditionally bred, Polish Arabian – bold and beautiful in one! Two classes – of mares 7 –y.o. and over, as well as of yearling fillies, group B – were won by the mother and daughter: Belgica, bay, 2003 (Gazal Al Shaqab – Belladona by Europejczyk), bred at Janów Podlaski and Berenika, bay, by Eden C, respectively. Both were dry, with level toplines, similar in type, and both were highly placed in Championships. Berenika became the Junior Reser ve Champion Mare, granted with the Silver Medal, whereas Belgica got not only the title of Senior Champion Mare and the Gold Medal, but was also claimed the Best In Show! Another Gazal`s son was the winner of 7-y.o.


Daisy FF - Class 2B 1° pl 2 Years Old Fillies - O:Tomasz Tarczynski

ka si è aggiudicata il titolo di Junior Reserve Champion Mare, con la relativa medaglia d’Argento, mentre Belgica ha vinto non solo il titolo di Senior Champion Mare e la Medaglia d’Oro, ma è stata anche proclamata Best In Show! Un altro figlio di Gazal è stato il vincitore della classe Stalloni di sette anni ed oltre, *Drabant, un magnifico baio, nato nel 2003 (Gazal Al Shaqab – Demona da Monogramm), allevato a Michałów, che ha ricevuto tre “10” per movimento – una caratteristica sicuramente ereditata da Monogramm! Nessuna meraviglia, quindi, che abbia, alla fine, vinto il titolo di Senior Champion Stallion. Su 10 vincitori di classe, 4 erano figli di Ekstern ed uno discendeva da una fattrice figlia di Ekstern. È stato sintomatico, avendo ereditato l’eterno carisma di quel progenitore che ha “marchiato” la maggioranza

and older stallions class, Drabant, bay, 2003 (Gazal Al Shaqab – Demona by Monogramm), bred at Michałów, who got three “10-s” for the movement – a trait surely inherited from Monogramm! So no wonder, that he was finally claimed the Senior Champion Stallion. From 10 class winners, 4 were sired by Ekstern and one descended out of a dam sired by Ekster n. It was symptomatic, proving an everlasting charisma of that sire, who “stamped” a majority of his progeny with a characteristical silhouette. Thanks to it, they are easily recognizable. His son – the 4-7y.o. stallions class winner and the Reser ve Champion Stallion – Celsjusz, grey, 2004 (out of Carina by Pesal), bred at Białka, successfully began his

24 25


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

Amanito - Class 3 1° pl Yearling Colts - O: Janów Podlaski Stud

della sua progenie con un profilo caratteristico, grazie al quale essi sono facilmente riconoscibili. Suo figlio – vincitore della classe degli Stalloni di 4-7-anni e Riserva Campione Stalloni – *Celsjusz, un bel grigio nato nel 2004 (figlio di Carina da Pesal), allevato a Białka, ha iniziato con successo la sua carriera di riproduttore. Il primo gruppo di puledri nati a Białka da Celsjusz sembra molto promettente – questo stallone, infatti, ha passato ai discendenti un’ottima linea del dorso che a sua volta ha ereditato dal padre. Alle classi halter hanno preso parte 67 cavalli, 32 dei quali (il 47,76%) erano di proprietà di privati, mentre 20 (il 29,85%) sono giunti da Janów, 10 (il 14,43%) da Michałów e 5 (il 7,46%)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

stud career. His first foal crop at Białka looks very promising – he passed on especially well-coupled topline, which he inherited after his sire. In halter classes took par t 67 horses, from whom 32 (47,76%) were private-owned, whereas 20 (29,85%) came from Janów, 10 (14,43%) from Michałów and 5 (7,46%) from Białka. To performance classes entered were 22 horses, including one – the stallion Ekier, chestnut, 2005 (Metropolis NA – Emika by Eldon), bred at Białka, owned by Piotr Jasiak – who was shown as well in halter, as under saddle, ridden by the experienced and talented rider Danuta Kono ń czuk. In all kin-


El Omari - Class 4 1° pl 2 -3 Years Old Colts - O: Michalow Stud

da Białka. 22 cavalli erano iscritti alle classi di performance, incluso uno – lo stallone *Ekier, un sauro nato nel 2005 (Metropolis NA – Emika da Eldon), allevato a Białka, di proprietà di Piotr Jasiak – che ha partecipato allo show sia per la morfologia che montato, cavalcato da Danuta Kono ńczuk, un cavaliere di grande esperienza e talento. In ogni tipo di competizione ha saputo provare la sua versatilità, piazzandosi 5° in halter, 3° in

ds of competitions he proved his versatility, being placed Vth in halter, IIIrd in the Classic Pleasure, IVth in the Mounted Native Costume and Vth in the Polish Historical Costume. It was possible, because in perfor mance classes for Arabian horses in Poland estimated is mainly their movement and that trait was surely his strong point – his sire, Metropolis NA, revealed it himself and passed it on.

26 27


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

Cenoza - Class 5 1° pl 4 -6 Years Old Mares - O: Janów Podlaski Stud

Classic Pleasure, 4° in Mounted Native Costume e 5° in Polish Historical Costume. Ciò è stato possibile perché in Polonia ciò che è maggiormente valutato nelle classi performance per i cavalli Arabi è il movimento e questa caratteristica era sicuramente il suo punto migliore – il padre, *Metropolis NA, si è manifestato in questo modo con il dono tramandato fra generazioni. *Metropolis NA, un sauro del 1996 (Concensus – NDL Martinique da Muscat), allevato da Nichols Arabians (USA), prima ceduto in leasing, poi donato a Janów Stud, è diventato famoso per il suo fantastico trotto allungato, che copre miglia di terreno. Ha iniziato in molti show e competizioni di montato per cavalli Arabi, sempre ben

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Metropolis NA, chestnut, 1996 (Concensus – NDL Mar tinique by Muscat), bred by Nichols Arabians (USA), first leased, later handed as a gift to Janów Stud, became famous for his fantastic, extended trot, covering miles of ground. He star ted in many shows and competitions under saddle for Arabian horses, always highly placed because of his movement potential. During this year`s Autumn Show he took par t in 5 classes – Dressage (L-3 and P-1), Classic Pleasure, Mounted Native Costume and Polish Historical Garb – winning three of them, once being placed second and once sixth (in P-1 Dressage class, because of its more advanced


Belgica - Class 6 1° pl 7 Years Old Mares - O: Janów Podlaski Stud

piazzato per via del suo potenziale nel movimento. Durante lo show d’autunno di quest’anno ha preso parte in 5 classi – Dressage (L-3 e P-1), Classic Pleasure, Mounted Native Costume ed in costume storico polacco Polish Historical Garb – vincendo tre di esse, piazzandosi secondo in una e sesto nell’ultima (nella classe P-1 di Dressage). In tutte le classi era cavalcato da Aleksandra Owerko – una ragazza minuta, studentessa nella locale Scuola Media Superiore, ma già cavallerizza di successo ed appassionata. Un gran potenziale in movimento è stato mostrato dallo stallone *Barbarossa, un grigio nato nel 2003 (Gazal Al Shaqab – Barka da Ararat), allevato a Janów Podlaski, di proprietà di Mirosław Lejszo. Esso ha preso parte in quat-

level). In all classes he was ridden by Aleksandra Owerko – a tiny girl, a pupil of the local Secondary School, but already a very successful and devoted horsewoman. A comparable movement potential was shown by the stallion Barbarossa, grey, 2003 (Gazal Al Shaqab – Barka by Ararat), bred at Janów Podlaski, owned by Mirosław Lejszo. He took par t in four competitions: Dressage (P-1), Classic Pleasure, Mounted Native Costume and Polish Historical Garb, being placed, as follows – I, I, II and III, respectively, showing plenty of dynamics and striving ahead in all gaits. His rider also was a tiny girl Kaja Dembi ń ska,

28 29


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d tro gare: Dressage (P-1), Classic Pleasure, Mounted Native Costume e Polish Historical Garb, piazzandosi come segue – 1°, 1°, 2° e 3° rispettivamente, mostrando molta dinamicità e lottando per il primo posto in tutti le occasioni. Anch’esso era cavalcato da una minuscola ragazza, Kaja Dembińska, cui è stato assegnato un premio speciale come partecipante più giovane dello show. In aggiunta, nelle classi in costume le protezioni ed i vestiti della cavallerizza erano stati preparati con estrema cura ed attenzione ai dettagli ed all’accuratezza storica. L’eccellente cavallo Arabo da corsa polacco, fratello pieno della stella delle piste Savvannahh, *Saracen, un sauro del 1999 (Monarch AH – Sarmacja da Gil), allevato a Janów Podlaski, oltre alla sua abilità nelle corse sta provando di essere estremamente versatile. Esso dà sem-

Celsjusz - Class 7 1° pl 4 -6 Years Old Stallions - O: Bialka Stud

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

granted a special prize for the youngest par ticipant of the show. Additionally, in costume classes his tack and the girl-rider`s dresses were very thoroughly prepared in details, with a par ticular attention to historical reality. The outstanding Polish Arabian racehorse, a full brother to the turf star Savvannahh, Saracen, chestnut, 1999 (Monarch AH – Sar macja by Gil), bred at Janów Podlaski, apar t from his racing abilities is proving much and much versatile. He goes very well in Dressage competitions (for the time being, placed III in L-3 and IV in P-1), as well as in Classic Pleasure and costume classes, because of his great movement possibilities, but he also tur ned out to be a good jumper. He won a Showjumping compe-


pre buona prova di sé nelle competizioni di Dressage (in questo caso si è piazzato 3° in L-3 e 4° in P-1), oltre che in Classic Pleasure e nelle classi in costume, per via delle sue grandi doti di movimento, ma si è anche dimostrato un buon saltatore. Ha vinto una gara di Show-jumping, cavalcato dalla stessa ragazza delle altre classi – Joanna Szymko, una studentessa del locale Horse Breeding Technical College. Con riferimento al genere dei cavalli in gara, erano presenti 14 stalloni (83,64%), 4 castroni e 4

tition, ridden by the same girl, as in other classes – Joanna Szymko, a trainee of the local Horse Breeding Technical College. Regarding the sex of the competing horses, there were 14 stallions (83,64%), 4 geldings and 4 mares (what made 18,18% each group). Purebred Arabian stallions are more often used under saddle because of their more dynamic movement and proud carriage. Moreover, it was scientifically pro-

Drabant - Class 8 1° pl 7 Years Old and Older Stallions - O: Michalow Stud

30 31


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d fattrici (cioè il 18,18% per ciascun gruppo). Gli stalloni Purosangue Arabi sono spesso usati a sella per via dei loro più dinamici movimenti e l’andamento orgoglioso. Per di più è stato scientificamente provato che gli stalloni Arabi sono molto più gestibili ed hanno miglior equilibrio nervoso degli stalloni di altre razze. È diventata una nuova tradizione a Janów che una squadra di studenti del Technical College partecipi a show e quadrilles, cavalcando stalloni eccellenti usati per la riproduzione. Ciò nonostante la più grande resistenza e versatilità è stata dimostrata da un castrone grigio *Wielki Orion, del 2002, (Milo – Wielka Tajga da Cykl), allevato da Stanisław Truchan, di proprietà di Elżbieta Sokół. Esso ha preso parte al più alto numero di competizioni, ben sei, inclusi entrambi i livelli di

Metropolis NA - Rider: Aleksandra Qwerko

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

ved, that purebred Arabian stallions are much more manageable and ner vously balanced than stallions of other breeds. It became a new Janów tradition, that a team of Technical College pupils makes shows and quadrilles, riding leading sires, currently used for reproduction. Never theless, the g reatest persistence and versatility was shown by the g rey gelding Wielki Or ion 2002 (Milo – Wielka Tajga by Cykl), bred by Stanisław Tr uchan, owned by El ż bieta Sokół. He took par t in the highest number of competitions – 6, including both levels of Dressage, the Showjumping, Classic Pleasure and Costume classes. In all classes he was r idden by the same girl –


Saracen - Rider: Joanna Szymko

Dressage, lo Show-jumping, Classic Pleasure e le classi in Costume. In tutte queste classi è stato cavalcato dalla stessa giovanissima cavallerizza – Patrycja Sokół, il che ha messo alla prova non solo la sua resistenza, ma anche quella di lei. L’età dei cavalli iscritti variava tra i 4 ed i 19 anni, con un valore medio di 8,05 anni. Anche i più giovani erano ben addestrati e preparati, come, ad esempio, la grigia fattrice di quattro anni *Germania (Galba – Gehenna da Monogramm) proveniente da Michałów e cavalcata da Małgorzata Błaszczyk, che ha vinto la classe Classic Pleasure. Il “signore” più anziano, invece, era la leggenda

Patrycja Sokół, what proved not only his stamina, but also hers. The age of star ting horses varied from 4 to 19 years, with the average value of 8,05 years. Even the youngest ones were well-trained and prepared, as, for example, the grey, 4-y.o. mare Ger mania (Galba – Gehenna by Monogramm) from Michałów, who, under Małgorzata Błaszczyk, won the Classic Pleasure class. The oldest gentleman, however, was the “living legend” of Polish endurance, the for mer Champion of Poland for the distance of 160 km –

32 33


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d vivente dell’endurance polacco, il già Campione di Polonia per la distanza di 160 km – il grigio castrone di 19anni *Nenufar (Palas – Nejtyczanka da Banat), allevato a Kurozwęki Stud (ora privatizzato), cavalcato e di proprietà della sottoscritta. Esso ha passato tutta la sua carriera agonistica all’aria aperta, entrando per la prima volta nella hall il giorno prima della competizione, ma questo non lo ha spaventato. Nella classe in costume storico polacco (Polish Historical Costumes) si è piazzato quinto. L’ennesima prova della versatilità e docilità del cavallo Arabo. La squadra della Janów Podlaski Stud ha dato inizio alla promozione dell’utilizzo del PSA sellato prendendo

Orsk - Rider: Marta Krezel

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

the grey, 19-y.o. gelding Nenufar (Palas – Nejtyczanka by Banat), bred at Kurozw ę ki Stud (now privatized), owned and ridden by the author of the present ar ticle. He spent all his life career outdoors and a day before his star t he for the first time entered the hall, but it didn`t scared him. In the class of Polish Historical Costumes he was placed fifth. It proved the versatility and docility of Arabian horses. It was the team of Janów Podlaski Stud, who initiated the action of promoting utilization of Arabian horse under saddle by the means of their own


Barbarossa - Rider: Kaja Dembinska

l’iniziativa nel farlo. Sono stati poi imitati dalla squadra di Michałów e da un crescente numero di proprietari e/o cavalieri privati di cavalli Arabi. La principale difficoltà da superare era tuttavia costituita dai persistenti pregiudizi sulla cavalcabilità dei PSA. E' una comune e diffusa opinione che i PSA siano irrequieti e difficili da comandare. Grazie al cielo la recente popolarità e la sua rapida crescita delle competizioni equestri montate per gli Arabi prova proprio il contrario.

example. Later they were joined by Michałów team and a growing number of private owners and/or riders of Arabian horses. The main difficulty to overcome were, however, still persisting prejudices against the rideability of purebreds. Widespread was a common opinion, that they are excitable and hard to handle. Thanks God, the recently growing popularity of equestrian competitions for Arabians proves just the opposite.

34 35


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

Championship Mares

GOLD MEDAL • Belgica - O: Janów Podlaski Stud

SILVER MEDAL • Cenoza O: Janów Podlaski Stud

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Olita O: Janów Podlaski Stud


Championship Stallions

GOLD MEDAL • Drabant - O: Michalow Stud

SILVER MEDAL • Celsjusz O: Bialka Stud

BRONZE MEDAL • Palatino O: Janów Podlaski Stud

36 37


AH J a n ó w P o d l a s k i - P o l a n d

Championship Fillies

GOLD MEDAL • Paema - O: Lech Blaszczyk

SILVER MEDAL • Berenika O: Janów Podlaski Stud

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Lawinia O: Michalow Stud


Championship Colts

GOLD MEDAL • Amanito - O: Janów Podlaski Stud

SILVER MEDAL • El Omari O: Michalow Stud

BRONZE MEDAL • Filus Shah O: Jolanta Ziaja-Kardyka & Karol Moleda

38 39


AH I n te r v i ew - D r. M a re k T re l a - P o l a n d

Dr. Marek Trela By Iwona Monika Kwiatkowska - photo by Sylwia Ilenda Il dr. Marek Trela, nato e laureatosi a Warszawa, da più di 30 anni, è un punto chiave dell'allevamento statale polacco del purosangue arabo Janow Podlaski. La sua lunga esperienza ebbe inizio come medico veterinario e, successivamente, come Direttore. Conosciutissimo in tutto mondo come ottimo allevatore, giudice internazionale, capace manager nonché ottimo specialista veterinario. Anche se la data è decisamente invernale, sembra sia primavera. La neve la trovi solo sulle cartoline. Sembra che la natura ci voglia ricordare che nella vita non c'è nulla di sicuro, nemmeno le stagioni. Per fortuna alcune cose vanno con lo stesso, sicuro ritmo, stesso come 30, 50, 100 anni fa, ad esempio le nascite dei puledri. Questo argomento, e altri legati all'allevamento del PSA, li affronteremo insieme al dr. Marek Trela – Direttore delle Scuderie Janow Podlaski. AHJ: Direttore, come vede lei i cambiamenti, rispetto al passato, nell'allevamento del PSA? MT: Ecco, dipende tutto da che tipo di cambiamento. E cambiato notevolmente il modo di intendere i cavalli e con questo agli allevatori si chiede un altro standard del cavallo. Guardando della vecchie foto e paragonando i soggetti fotografati a quelli presenti nelle scuderie ho l'impressione di guardare due diverse razze equine che non hanno nulla in comune. Anche la medicina veterinaria ha subìto tanti cambiamenti. Sempre più spesso si ricorre all'inseminazione con la sperma fresco o congelato. Entrano in uso alle masse le nuove biotecnologie come embriotrasfer anche se in Polonia la accettiamo mal volentieri. Ritengo che l'uso indiscriminato dell'embriotrasfer, in modo non regolato, possa farci più male che bene ma ritengo anche che questa tecnica può essere utilissima nei casi particolari e a tali dovrebbe essere limitata. Ad esempio per una cavalla in piena stagione agonistica una gravidanza significherebbe ritiro dall’attività sportiva, in quel caso, ritengo l'embriotrasfer utilissimo, basta limitarlo ad una stagione. Va benissimo il progresso, ma vale la

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Dr. Marek Trela was born and graduated in Warsaw, and for over 30 years now has been a key point of Polish government breeding of Arabian thoroughbreds “Janow Podlaski”. His long experience began as a veterinarian and subsequently a Manager. He is known all over the world as a good breeder, an international judge, a capable manager and an excellent veterinary expert. Even if the date is definitely in winter, it seems almost spring. Snow is found here only on the postcards. It seems that nature wants to remind us that in life there is nothing certain, not even seasons. Luckily some things go on with the same sure rhythm, the same as 30, 50 or 100 years ago, for instance the births of the foals. This and other matters connected to the Arabian Pure Bred breeding will be the subject of this chat with Dr. Marek Trela - Manager of the Stables Janow Podlaski. AHJ: Manager, as do you see here the changes, in comparison to the past, in Arabian PB breeding? MT: Well, it all depends on what type of change. the way of intending horses has changed considerably and this means the breeders are asked for a different standard of horse. Looking at the old photos and comparing the subjects photographed to those present in the stables today, I have the impression of looking at two different equine races that don't have anything in common. Also veterinary medicine has undergone so many changes. More and more often we resort to insemination with fresh or frozen sperm. new biotecnologies, such as embriotrasfer, enter widespread usage even if in Poland we don’t accept it gladly. I believe that the indiscriminate use of embriotrasfer, in an unregulated way, is more likely to harm us than do us good, but I also maintain that this technique can be very useful in particular cases and those it should be limited to. For instance for a mare in full competitive season a pregnancy would mean withdrawal from the sporting activity; in that case, I would consider embriotrasfer very useful, all it takes is limiting it to one


pena chiedersi perché il più grande e più potente allevamento del PSA non ammette facilmente le novità, e non’è vero che, per questo, si sviluppa meno velocemente. Ovvero “ Qarum est quod rarum est? Comunque, al di la delle novità, ci sono delle cose che non cambiano mai. L'allevamento dei cavalli, come nessun altro, necessita di pazienza. Nessuna moderna tecnica potrebbe sostituire la dedizione a questo impegno, ore e ore di lavoro passate alla preparazione delle cavalle per le monte, controlli veterinari, cura delle patologie ecc. Lavoro concentrato in pochi mesi. Saggi di questo mondo hanno detto che nelle nostre condizioni climatiche e con questo ridotta disponibilità di pascoli, il periodo dei parti dovrebbe cominciare a gennaio e finire a giugno. Questo permette, soprattutto negli allevamenti grandi, di fornire ai piccoli l'erba più nutriente e creare dei gruppi d’età più uniformi. Proprio adesso siamo entrati nel periodo delle nascite. Alcune cavalle partoriranno, altre sono in preparazione per essere fecondate. E un periodo di duro lavoro, notti senza dormire, stato di massima allerta. La situazione a Janow non è diversa vero? Certamente, senza alcun dubbio, e per di più e un periodo molto difficile per via della grande quantità

season. progress is all very good, very well, but it is worth to wonder why the largest and most powerful Arabian stud doesn't easily admit novelties, and it is not true that for this it develops any less quickly. Or “Quarum est quod rarum est”? However, besides novelties, there are some things that never change. breeding of horses, like no other, needs patience. No modern techniques could replace the devotion to this mission, hours and hours of work spent preparing the mares for the coverings, veterinarian controls, treatment of pathologies, etc. all work to be carried out within a few months. Wise people of this corner of the world have said that under our climatic conditions and with such reduced availability of pastures, the period of births should start in January and end in June. This allows, especially in the large stables, to supply the young ones with the most nourishing grass and to create some groups more uniform in age. Actually we have just now entered the period of births. Some mares will give birth, others are being prepared for fertilization. it’s a hard work, sleepless nights, maximum alert period.The situation in Janow is not any different, is it? Certainly, without any doubt, and moreover it is also a very difficult period because of the great num-

40 41


dei cavalli. Janow e considerato il più grande allevamento dei cavalli a livello europeo. Abbiamo da fecondare 150 cavalle all'anno di cui 50 Malopolski e 100 PSA. In totale abbiamo 450 cavalli. Oltre alle nascite, a febbraio ricomincia la stagione delle monte, per noi e veramente un periodo "caldo". 150 cavalle da coprire è un'impresa mica da ridere. In questo periodo abbiamo bisogno di ogni "paio di mani", ogni persona e la massima dedizione al lavoro. L'nseminazione artificiale e un beneficio per gli allevatori ma una palla al piede per chi è impegnato direttamente in quel tipo di fecondazione e poi se le cavalle sono tante diventa un lavoraccio. Menomale che a Janow lavora un'ottima squadra. AHJ: Nei primi mesi dell'anno state pensando già a come comporre l'offerta per la prossima Asta. Quali cavalli presentate quest'anno? MT:Volendo essere sincero, odio quel periodo, lo sposto il più possibile nel tempo anche se potenziali candidati per l'asta li avevamo già scelti durante l'anno scorso. I dubbi non mi fanno dormire, faccio continui verifiche dell'elenco, metto da parte per ritornarci in un secondo tempo. Un vero disastro. Da una parte, si sa, che dobbiamo vendere qualcosa, dall'altra... COSA?!!! Ci sono i cavalli che non dovrebbero mai lasciare la scuderia, anche se l'offerta deve prevedere una stella, buoni cavalli del centro e poi quello che non serve a noi. Da una parte dobbiamo proteggere la nostra base genetica ed il nostro allevamento e, per contro, salvaguardare il mercato che abbiamo creato da tantissimi anni, mercati difficili, "chimerici", non stabili. Non è un segreto che sia più facile vendere i cavalli famosi, ma “non è ogni giorno domenica”, questi cavalli sono solo una piccola percentuale del nostro allevamento e senza dubbio in primis devono svolgere il loro ruolo riproduttivo nelle scuderie materne. Da tre anni stiamo rinfrescando e migliorando il gruppo delle fattrici per questo e molto difficile decidere quale delle cavalle devono essere vendute e quale ancora serve al nostro programma. Pur avendo tutti i dubbi del mondo l'offerta va fatta e cosi, come ogni anno, anche per l'anno corrente sarà ricco di "stelle", sia per quanto riguarda le femmine che gli stalloni. Presenteremo un'offerta veramente molto bella e di sicuro interesse.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

ber of horses. Janow is considered the largest horse stable at European level.We have to fertilize 150 mares a year, 50 of which Malopolskis and 100 Arabian PBs. In total we have 450 horses. In addition to the births, in February the season of coverings starts again, this is for us a really “hot” period. 150 mares to be covered is not a laughable matter. In this period we need every "pair of hands", every person and maximum devotion to the job. artificial insemination is a benefit for breeders but a millstone round the neck for the one that is directly involved in that type of fertilization, and then if the mares are so many it becomes a chore. Fortunately in Janow there is good team work. In these first months of the year, you are already thinking about how to compose the offer for next Auction.What horses are you going to present this year? To be honest I hate that period, I move it forward as far as possible even if potential candidates for the auction have been already chosen during last year. The doubts don't make me sleep, I make continuous checks on the list, AND I put it aside to return to it later. A real disaster... On one hand, one knows that one has to sell something, on the other... What?!!! There are horses that should never leave the stable, even though the offer has to include a star, some good middle-of-the-way horses and then what we don't need here. On one side we have to protect our genetic base and our stable and, on the other, we also have to safeguard the market that we have been creating over so many years, difficult, sometimes "unreal", unstable markets. It is not a secret that it is easier to sell famous horses, but “not every day is Sunday”, these horses are just a small percentage of our breeding and without doubt their first and foremost mission is they have to develop their reproductive role in the maternal stables. For the last three years we have been renewing and improving the group of mares for this and it is very difficult to decide which of the mares must be sold and which still serves our program. Having all the doubts in the world, the offer must be done in any case and so, like every year, also for the current year it will be rich of "stars", both as it regards females and stallions.We will present an offer really very beautiful and of sure interest.


Nonostante tutti i nostri sforzi dobbiamo sempre mantenere la nostra serietà e umiltà nelle aspettative e calcoli, come ho già detto, non si sa mai come reagisce il mercato, come sarà la realtà d’agosto. AHJ: Quali sono i progetti più importanti nell'imminente futuro dell'allevamento? MT: Ovviamente i concorsi di morfologia, questi sono la nostra priorità. Abbiamo una modernissima area di lavoro per poter addestrare e preparare i nostri cavalli nel migliore dei modi, abbiamo nuovi trailer, moderni e comodi per trasportarli ma, soprattutto, abbiamo dell'ottimo "materiale" per batterci nei ring di tutto il Mondo. Per gli impegni che abbiamo preso non basterebbe il triplo del personale a nostra disposizione ma i nostri collaboratori sono bravissimi, uno ad uno. Grazie alla massima dedizione della squadra riusciamo, contemporaneamente, a svolgere al meglio, oltre ai soliti lavori di scuderia, a far nascere puledri, fecondare le fattrici, preparare i cavalli per le gare di morfologia e la preparazione dell'asta, la selezionare dei prossimi riproduttori e delle riproduttrici, l'addestramento e il lavoro dei cavalli per le corse e le altre discipline sportive e poi non solo per gli arabi, ma anche per le altre razze. Questo è un enorme lavoro quotidiano, lavoro che richiede sia dedizione che la massima professionalità. Solo cosi si può arrivare a buoni risultati.

Despite all our efforts we always have to maintain our seriousness and humility in expectations and calculations, as I have already said, one never knows how the market will react, how the reality of August will be. Which are the most important projects in the imminent future of the stud? Obviously the morphology contests, these are our priority. We have an ultramodern work area to be able to train and to prepare our horses in the best of ways, we have new trailers, modern and comfortable, to transport them, but above all we have some excellent "material" to compete in the rings of the whole World. For the appointments that we have taken, three times as much personnel would not be enough, but fortunately our collaborators are very good, one by one.Thanks to the maximum devotion by the team we succeed, at the same time, in doing everything to the best, besides the usual jobs of a stable, helping foals to be born, fertilizing mares, preparing the horses for morphology competitions and preparing the auction, selecting the next sires and dams, training and other tasks connected with the horses for the shows and the other sporting disciplines, and this not only for Arabians, but also for the other races. This is an enormous daily job, a job that requires both devotion and maximum professionalism. Only this way can one reach good results.

Dr. Marek Trela, Mrs. Anna Stojanowska, Jerzy Bialobok and Yanow Podlasky's staff

42 43


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

El Jadida Horse Show By Louise Lenoir - Photos by Cécile Marleix

El Jadida, l’antica città fondata dai Portoghesi, famosa per le sue mura fortificate e la sua cisterna Manueline dove Orson Welles girò parte del suo ‘Otello’ nel 1952, ha accolto cordialmente per la terza volta il suo Show Equestre. È un importante momento per tutti gli appassionati dei cavalli Marocchini, che possono ammirare i loro cavalli della zona grazie al Campionato dei Cavalli Berberi, dove i migliori campioni della razza sono presentati al pubblico. Bambini in età scolastica con i loro insegnanti hanno visitato in gran numero lo Show, il cui ingresso era gratis per i bimbi. Erano in ogni dove, raccogliendo fotografie e brochure, scoprendo eccitati la tradizione equestre del loro Paese. Effettivamente molto spazio era dedicato alla cultura del

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

El Jadida, the ancient Portuguese city famous for its fortified walls and its Manueline cistern where Orson Welles shot some part of his “Othello” in 1952, welcomed for the third time its Horse Show. It’s an important moment for all the Moroccan horse lovers who can admire their local horses thanks to the Barb Championships where the best specimens of the breed are presented. School children with their teachers visited massively the Show which access was free for children. They were all running for photographs and leaflets, discovering the equestrian tradition of their country. Indeed, a lot of space was dedicated to Moroccan culture thanks to an art gallery exhibiting contemporary pain-


Cavallo Arabo Marocchino, grazie ad una galleria d'arte che esibiva pittori contemporanei. C'era anche un'esposizione delle fotografie e delle gigantesche sculture di bronzo di Gabrielle Boiselle. Anche vari stands presentavano il lavoro fatto dalle Autorità Marocchine per sviluppare l’allevamento e le corse equestri nel Paese. L’Artigianato tradizionale è stato celebrato anch’esso, come ad esempio la fabbricazione di fucili per il ‘tbourida’, così come di selle e finimenti ed oggetti in argento. La Francia era l'ospite d’onore di quest’anno. Molti stands dedicati allo sviluppo delle gare ippiche in quel Paese, al turismo o al cavallo Arabo Francese hanno attirato numerosi visitatori. Un'esposizione delle fotografie di Cécile Marleix del

ters. There was also an exhibition of Gabrielle Boiselle’s photographs and giant bronze sculptures. Various stalls were also presenting the work made by the Moroccan authorities to develop horse breeding and races in the country. Traditional craftsmanship were also celebrated, like the making of rifles for the “tbourida”, as well as saddlery and silverware. France was this year’s honoured guest. Various stalls dedicated to the development of races in the country, tourism or to the French Arabian horse attracted many visitors. An exhibition of Cécile Marleix’s photographs of the “tbourida” as well as one of the works of Régis DebeneBartholdi, a French painter living in Morocco, reinforced

44 45


AH E l J a d i d a - M o ro c c o ‘tbourida’, ed un lavoro di Régis Debene-Bartholdi, un pittore francese che vive in Marocco, hanno certamente rafforzato i legami tra la Francia ed il Regno del Marocco. La prestigiosa unità di cavalleria, la ‘Guarde Républicaine’, aveva attraversato il Mediterraneo, lasciando il territorio francese per la prima volta nella sua storia. I cavalieri francesi si sono esibiti al cospetto di SAR il Re Maometto VI e di tutti i presenti allo show, presentando il loro famoso ‘carosello dei Lancieri’. Gli allevamenti nazionali francesi avevano anch’essi compiuto il viaggio fino al Marocco portando i loro cavalli da tiro. In un paese dove raramente sono usati in questo modo, hanno attirato Marocchini di ogni età che volevano essere fotografati con loro. Nel pomeriggio, la competizione di ‘tbourida’ ha richiamato come un magnete tutti gli spettatori locali presenti allo show.

the links between France and the Kingdom. The prestigious cavalry unit the “Guarde Républicaine” had crossed the Mediterranean, leaving the French territory for the first time. They performed in front of HRH King Mohammed VI as well as all those attending the show, presenting their famous “carousel des Lanciers”. The French National Studs had also travelled to Morocco with their draught horses. In a country where they are seldom used, they attracted Morrocans from all ages who wanted to be photographed next to them. In the afternoons, the “tbourida” competition gathered all the Moroccans who attended the show. Teams of twelve to fifteen riders riding Barb horses offered a magnificent entertainment. ”Tbourida”, which is now considered as a

D Deemah - 1° pl Yearling Fillies - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Lulua Al Bayt - 1° pl 2 Years Old Fillies - O: Cellini Giuseppe (IT)

Squadre di dodici / quindici cavalieri che cavalcano cavalli Berberi offrono uno spettacolo magnifico. Il ‘Tbourida’, che al giorno d’oggi è considerato come un sport nazionale, è l'evoluzione di antichi esercizi militari che preparavano alla guerra. Oggi, la squadra di cavalieri attende partenza, schierata su di una sola linea.Si lanciano alla carica tutti insieme, al galoppo sfrenato. Ad un preciso momento, il leader della squadra dà un segnale e tutti i cavalieri devono far fuoco con i loro fucili allo stesso tempo. È lì che si riconoscono i migliori. Essi devono poi fermarsi prima di arrivare ad una linea bianca verso la fine del campo. È stupendo notare che tutti cavalcano stalloni la cui calma è sorprendente. I cavalieri indossano tutti più o meno lo stesso abbigliamento, ma i colori dei costumi e quelli dei finimenti

national sport, is the expression of ancient military exercises preparing to warfare. Today, the team of riders waits on a line for departure. They all charge together, at a full gallop. At a precise moment, the leader of the team gives a signal and all the riders have to fire their rifles at the same time. That’s when you recognize the best of them. Then they must stop before reaching a white chalk line at the end of the field. It’s amazing to notice that they all ride stallions whose calm is surprising. The riders wear more or less the same outfits but the colours as well as those of the harnessing of their horses enable the viewer to distinguish one team from the other. However there’s an exception. The men

46 47


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

PSE Rasheekah - 1° pl 3 Years Old Fillies - O: Prestige BVBA - P. Groenen & M. Bongarts (BE)

dei loro cavalli permettono all'osservatore di distinguere una squadra dall'altra. C'è comunque un'eccezione. Gli uomini del Sahara portano barracani blu e copricapo neri, e sparano in giù mentre tutte le altre squadre sparano verso l'alto. Quello è il loro privilegio, collegato alla loro vita nel deserto, dove la sabbia li aiuta a mimetizzarsi. La seconda edizione dello Show Internazionale (C) per cavalli Arabi, organizzato dall'Associazione Reale di Allevatori di Cavalli Arabi, diretta dal suo presidente e direttore del Bouznika Royal Stud, il Dr Lahsen Fdail, ha avuto luogo giovedì 24 Ottobre. È stato una giornata molto intensa, poichè tutte le

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

from the Sahara wear blue robes and black capes and they fire downwards whereas all the other teams fire upwards. That’s their privilege linked to their life in the desert where the sand helps them to camouflage. The second edition of the International C Show for Arabian horses, organized by the Royal Association of Arabian_Horse Breeders directed by its president and director of Bouznika Royal Stud, Dr Lahsen Fdail, took place on Thursday October 24th. It was a very dense day as all the classes as well as the championships followed each other with almost no break. Horses from Dubai


Anthara - 1째 pl 4-6 Years Old Mares - O: Az. Agr. Morelli Mauro (IT)

Diva J - 1째 pl 7 Years Old Mares - O: Risco De Las Vegas Arabians (ES)

48 49


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

Oziera Tzehil - 1째 pl Yearling Colts - O: Oziera Arabians (FR)

D Maraksh - 1째 pl 2 Years Old Colts - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Habibi - 1° pl 3 Years Old Colts - O: Lönhult Arabstuteri Ann & William Norden (SWE)

classi ed i Campionati si susseguivano senza quasi interruzione. Cavalli provenienti da Dubai e dall'Europa avevano compiuto il viaggio fino al Marocco, dove l’Allevamento Reale di Bouznika ed altri allevatori locali hanno presentato i loro prodotti. Circa settanta cavalli erano stati iscritti alla competizione. I Campionati hanno premiato allevatori e proprietari molto diversi. L’Italia è stata ben rappresentata, con la Medaglia di Argento per le puledre che è andata a Lulua Al Bayt, allevata, e di proprietà di Giuseppe Cellini, la Medaglia di Bronzo per maschi più giovani a FC Cayenne, di proprietà della Az. Agr. Il Palazzotto di Capecci Angelo, la Medaglia d’Oro per le Fattrici ad Anthara, allevata da Giacomo Boscarino e di proprietà della Az. Agr. Morel-

and Europe had travelled to Morocco where the Royal stud of Bouznika as well as the local breeders presented their products. About seventy horses had entered the competition. The Championships rewarded very different breeders and owners. Italy was well represented with the Silver Medal for fillies going to Lulua Al Byat bred and owned by Giuseppe Cellini, the Bronze Medal for junior males to FC Cayenne owned by Az. Agr. Il Palazzotto Di Capecci Angelo, the Gold Medal for senior female to Anthara bred by Giacomo Boscarino and owned by Az. Agr. Morelli Mauro and the Silver Medal for senior male to AB Jamil La Piana bred

50 51


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

AB Jamil La Piana - 1째 pl 4-6 Years Old Stallions - O: Az. Agr. Morelli Mauro (IT)

Maghribi - 1째 pl 7-12 Years Old Stallions - O: Anas Jamai Ghizlani (MOR)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Sandhiran - 1° pl 13 Years Old and Older Stallions - O: Selman Arabians (MOR)

li Mauro, ed infine la Medaglia d’Argento per gli Stalloni ad AB Jamil La Piana, allevato da Az. Agr. AB La Piana Di Barbieri Amerigo e di proprietà della Az. Agr. Morelli Mauro. L'Oro e il bronzo per gli Stalloni senior sono andati a due cavalli del Marocco, Sandhiran, di proprietà di Selman Arabians, e Magrihbi, allevato da Bouznika Royal Stud e di proprietà di Anas Jamal Ghizlani medaglia d'oro e d'argento per i puledri maschi rispettivamente per "D Maraksh" della Dubay Arabian Horse Stud (UAE) e "Habibi" di Ann e William Norden (SWE). Medaglia d'oro e di bronzo per i puledri "D Deemah" della Dubai Arabian Horse Stud (UAE) e per "PSE Rasheekah" di P. Groenen e M. Bongarts (BE). Argento e bronzo fattrici rispettivamente per "Diva J" di proprietà di Risco De Las Vegas Arabians (ES) e "Menestyca Des Aubues" di Elevage De Mas De Lafon (FR). L’appuntamento è ora già fissato per il prossimo anno, ed è importante notare che si tratterà di un B-Show Internazionale.

by Az. Agr. AB La Piana Di Barbieri Amerigo and owned by Az. Agr. Morelli Mauro. The Gold and Bronze Medals for senior males went to two horses from Morocco, Sandhiran owned by Selman Arabians and Magrihbi bred by Bouznika Royal Stud and owned by Anas Jamal Ghizlani gold and silver medal colts respectively for "D Maraksh" owned Dubay Arabian Horse Stud (UAE) and "Habibi" owned by Ann e William Norden (SWE). Gold and bronze medal fillies respectively for "D Deemah" owned by Dubai Arabian Horse Stud (UAE) and "PSE Rasheekah" owned by P. Groenen & M. Bongarts (BE). Silver and bronze medal mares respectively for "Diva J" owned by Risco De Las Vegas Arabians (ES) and "Menestyca Des Aubues" owned by Elevage De Mas De Lafon (FR). Rendez-vous is already given for next year and it is important to notice that it will be then an International B Show.

52 53


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

Championship Fillies

GOLD MEDAL • D Deemah - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Lulua Al Bayt O: Cellini Giuseppe (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • PSE Rasheekah O: Prestige Bvba - P. Groenen & M. Bongarts (BE)


Championship Colts

GOLD MEDAL • D Maraksh - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Habibi - O: Lönhult Arabstuteri Ann & William Norden (SWE)

BRONZE MEDAL • FC Cayenne O: Az. Agr. Il Palazzotto di Capecci A. (IT)

54 55


AH E l J a d i d a - M o ro c c o

Championship Mares

GOLD MEDAL • Anthara - O: Az. Agr. Morelli Mauro (IT)

SILVER MEDAL • Diva J O: Risco De Las Vegas Arabians (ES)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Menestyca Des Aubues O: Elevage de Mas de Lafon (FR)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • Sandhiran - O: Selman Arabians (MOR)

SILVER MEDAL • AB Jamil La Piana O: Az. Agr. Morelli Mauro (IT)

BRONZE MEDAL • Maghribi O: Anas Jamai Ghizlani (MOR)

56 57


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


59 59


AH M o o rs e l e

B elgium

Spirit, 2 010 -

strength, speed, intelligence… European Championship Title Show By Mateusz Jaworski - photos by Erwin Escher

E così ci siamo ri-incontrati a Moorsele! I Campionati Europei hanno luogo alternativamente in Italia (Verona) ed in Belgio (Moorsele) e quindi nell’anno che si sta chiudendo, il 2010, era di nuovo il turno della piccola città belga nella zona est delle Fiandre, nel nord del Paese. Lo show è stato organizzato per il 30-31 Ottobre, nell’enorme Centro di Equitazione Zilveren Spoor, ed i suoi principali organizzatori sono persone già ultranote nel “mondo dell’Arabo” - Guy e Christine JamarDemeerssman insieme a Carl Van Roosbroeck. Allo show sono stati invitati a formare un pannello giudicante alcuni nomi della lista di giudici internazionali della ECAHO: Christiane Chazel (FR), Sylvie

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

And we met again in Moorsele! European Championships take place alter nately in Italy (Verona) or Belg ium (Moorsele) so in 2010 it was the tur n of the small Belg ian town in East Flander s in the nor th of the country. The show was organized on 30-31th of October, in the huge riding centre Zilveren Spoor, and its main organizers were perfectly well-known per sons in „Arabian world” - Guy and Christine Jamar-Demeerssman and Carl Van Roosbroeck. To the show invited was a panel of inter national judges from ECAHO List: Christiane Chazel (FR), Sylvie Eberhardt (DE), Deirdre Hyde (UAE), Re-


Riding centre Zilveren Spoor

Eberhardt (DE), Deirdre Hyde (UAE), Renata Schibler (CH), Holger Ismer (DE) ed Urs Aeschbacher (CH). Le classi montate sono state giudicate da: Joana Lowe (GB), C.J.W. Modderman (NL) e F. Atkinson (GB). I giudici hanno avuto il difficile compito di scegliere i migliori 20 cavalli (su di un totale di 18 classi, esclusa la liberty class) per poter assegnare i titoli di Migliori 5 in Europa e le medaglie di campione. La qualità dei cavalli era veramente alta, ed anche i più giovani apparivano molto promettenti, degni successori dei propri progenitori – anch’essi note fattrici e plurilaureati stalloni. Qui a Moorsele ho avuto la rara opportunità di vedere presentati, nello stesso show, giovani puledri nelle clas-

nata Sc hibler (CH), Holger Ismer (DE) and Urs Aeschbacher (CH). Ridden classes were judged by: Joana Lowe (GB), C.J.W. Modder man (NL), F. Atkinson (GB). Judges under took the difficult task of choosing the best 20 horses (with 18 classes excepting liber ty class) in order to g rant them titles of Top Five of Europe and medals of champions. The quality of hor ses was very high, and young hor ses looked very promising, as wor thy successor s of their own parents - also recognized mares and titled stallions. Here, in Moor sele, I appreciated having the oppor tunity to see, presented dur ing the one show, young hor ses in classes

60 61


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Mrs Irina Stigler and Mr Willy Luder

Dhombre family and Mrs Christine Jamar

Mrs Francesca Messina and Mrs Maria Ferraroni Annaratone

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

si junior e le loro madri nelle classi senior. Il miglior allevatore in questa categoria secondo me è la scuderia Michałow Stud della Polonia. Il suo manager, Jerzy Białobok, ha difatti organizzato le sue iscrizioni in modo tale che pubblico, giudici ed altri allevatori potessero ammirare sia dei meravigliosi puledri di 1 o 2 anni, sia le rispettive madri, fratelli e sorelle. Questo ha un significato speciale per me, in quanto per noi osservatori ed amanti del cavallo Arabo diventa possibile farsi un’idea, in un solo show, del progresso e della politica allevatoriale di una scuderia, ma anche di osservare spesso l’incoronazione di madri e figlie nello stesso evento. Molti allevatori più giovani non hanno ancora realizzato questo fattore extra e non si rendono a volte conto del fatto che nello stesso show possiamo ammirare Campioni della Polonia, d’Europa,degli U.S.A., del Mondo, la loro discendenza e fratelli e sorelle. Questo è tuttavia un elemento essenziale del progresso allevatoriale, riuscire ad ottenere figlie migliori delle loro madri, la qual cosa però, con delle fattrici così spettacolari come quelle del Michałow Stud, è sicuramente tutt’altro che

of juniors and their mothers in classes of senior s. The best breeder in this category seemed for me Michałow Stud from Poland. Its manager, Jerzy Białobok, arranged entries for a show in such a way, that the public, judges and other breeders could admire both beautiful yearlings and two-yearolds, as well as their dams and siblings - sisters and brothers. This just means something special for me, because we can in one place, almost at one time, as obser ver s and lovers of Arabian horses, to judge the breeding progress and breeding policy of the g iven stud, and also often to witness of the wins of both mother s and their daughter s at one event. Many young breeders do not realize this and aren`t conscious of the fact, that just in one show we can look at Champions of Poland, Europe, U.S.A., World, their progeny, their brothers and sisters. That is, however, an essential element of the breeding prog ress, to obtain better daughter s than their mother s, what ,with such spectacularly beautiful mares as at Mic hałow Stud, is for


Armonia Moniscione - Class 1A 1° pl Yearling Fillies - O: Az. Agr. Buzzi Giancarlo (IT)

facile. Sembrerebbe anche che i giovani allevatori, ed anche più spesso i proprietari di cavalli, manchino della necessaria umiltà nei riguardi delle scuderie di stato. Cavalli così egregi come questi Top Five o Top Ten, non nascono ogni anno in ogni scuderia. Il possesso di cavalli di qualità è certamente legato a grosse disponibilità finanziarie. Naturalmente oltre a dare enorme soddisfazione, allevare parecchi cavalli di tale qualità nelle proprie scuderie serve anche come certificazione della conoscenza e dell’esperienza dell’allevatore, ed a ciò noi dovremmo dare valore superiore ad ogni altra considerazione. Certamente possiamo estendere un bel "ben fatto!" agli organizzatori di questo evento, in particolare al "motore principale" della squadra organizzatrice, il ben noto giudice, e proprietaria dello Jadem Arabians Stud, Christine Jamar-Demeerssman. Una buona idea è stata anche quella di combinare classi di performance

sure not easy. It also seems, that sometimes young breeders, and – even more often – horse owner s, lac k humility in relation to state stud far ms. Such outstanding hor ses, as these from Top Five or Top Ten, are not bor n every year in every stable. Possessing of quality hor ses is cer tainly bound with big financial possibilities. Of cour se, it g ives g reat satisfaction, but breeding of several suc h hor ses in one`s stables ser ves as a kind of a cer tificate of the knowledge and the experience of the breeder, and this we should value above all. Cer tainly we …… huge "well done" to the organizers of the event, par ticularly to the "main motor" in organizing team, to the well-known judge and the owner of Jadem Arabians Stud Chr istine Jamar-Demeer ssman. It was also a good idea, that they combined perfor mance classes with halter classes, so the people could also

62 63


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

con classi halter, per mostrare al pubblico che il PSA è non solo la razza più bella dell’Universo, ma anche il miglior cavallo da cavalcare. Un’altra ben nota giudice internazionale ed allevatrice danese di Arabi - Marianne Tengstedt – così ha commentato lo show: “Presenziare al Campionato Europeo di quest’anno a Moorsele è stato un vero piacere. Il Campionato si è dimostrato, come sempre, un fantastico evento ottimamente organizzato per l’assegnazione dei titoli continentali. L’area dedicata allo show è francamente ideale ed il ring è stato decorato con il necessario discernimento per permettere ai cavalli di mostrare i propri movimenti con tutto lo spazio necessario a loro disposizione. Mi sono divertita moltissimo a seguire lo spettacolo dalla Tribuna. É

Zigi Zana - Class 1B 1° pl Yearling Fillies - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

see, that Arabians hor ses are not only the most beautiful breed in the univer se, but also the best r iding hor ses. Well-known inter national judge and Arabian horses breeder from Denmark - Mar ianne Tengstedt, asked for comments about the show, said: : “This year’s European Championships in Moorsele was a g reat pleasure to attend. It was, as always, a fantastic well organized Title-show. The show g round is ideal and the ring was carefully decorated, so there was plenty of room for the horses to show their movement. I enjoyed to obser ve the show from the g randstand. It is my sincere opinion, that the European breeders are continuing a very long tradition of an extremely


Mr Willy Luder and Mr Essam Abdalla

mia sincera opinione che gli allevatori Europei stiano proseguendo una lunghissima tradizione di eccellenza nella qualità della riproduzione. Molte linee di sangue differenti sono utilizzate con gran cura per arrivare a produrre cavalli di tale eccelsa qualità. Congratulazioni ai tanti entusiastici allevatori in Europa, che hanno fatto gli sforzi necessari per portare i loro preziosi animali allo show, perchè tutta la comunità dell’Arabo potesse trarne godimento. Per me personalmente uno dei momenti più belli è stato guardare la squadra danese – la Sig.na Lise Frandsen e lo stallone Essine – vincere l’Oro nel Trofeo della classe montata. Questa coppia ha dimostrato che un Campione Medaglia d’Oro di Morfologia è capace anche di essere Campione Medaglia d’Oro di Performance, diventando così un esempio unico da seguire ed imitare.” Mi piacerebbe fare un ulteriore commento personale – non conosco bene le specialità del Belgio, ma uno dei migliori show che abbia mai potuto ammirare nella mia breve vita si è tenuto proprio in Belgio. Così come in Belgio si organizzano le migliori (intendo per atmosfera, musica e divertimento in generale) - “serate degli allevatori”. E neanche stavolta sono stata deluso, perchè lo spettacolo della serata comprendeva stalloni come il baio MCA Magnum Gold (Magnum Psyche-Litique) ed il grigio BS Specific (Sandstorm JC-Basara Sayana), presentati in un piccolo recinto in tenda sotto i riflettori, con l’accompagnamento di buona musica e di commenti da parte di Robin Hopkinson. Si è creata un’atmosfera

Mr Mohammed Mahmoun

high breeding quality. Many different bloodlines are carefully used to produce hor ses of suc h a very high quality. Cong ratulations to many enthusiastic breeders in Europe, who took the effor t to bring their precious horses to the show, for the whole Arabian community to enjoy. Per sonally one of the highlights was to watch the Danish team - Miss. Lise Frandsen and the stallion Essine - winning the Gold trophy in the riding class. This pair proved, that a Gold show Champion stallion also can be capable of being Gold r idden Champion stallion and a unique example to follow.” I`d like to add something personal - I don't know well the Belg ian specialities, but one of the best shows I saw in my shor t life took place just in Belg ium. In Belg ium are also organized the best (I mean the atmosphere, music and good fun) “breeder s evenings”. And I was not disappointed at this time too, because the special evening`s show included suc h stallions, as the bay MCA Magnum Gold (Magnum Psyche-Litique) and g rey BS Specific (Sandstor m JC-Basara Sayana), presented on the small paddoc k under canvas, in the light of searc hlights, with good music and comments of Robin Hopkinson. It created an impression of “the high Arabian society" under this small tent, what was surely due to organizers. Also special shows - Belg ian Draft Hor ses and orchestras from Moorsele - previous Champion-

64 65


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

da “alta società Araba" sotto quella tenda, a sicuro merito degli organizzatori. Altri spettacoli particolari – Cavalli da Tiro Belgi ed orchestre ospitate già in precedenti campionati a Moorsele - hanno rallegrato gli animi ed alleggerito la tesa atmosfera prima delle finali di Coppa. Solo cavalli con i requisiti minimi possono essere iscritti al campionato Europeo. In più, tutti devono essere nati entro i confini delle Nazioni Europee, ma possono essere di proprietà di scuderie in qualsiasi parte del mondo, così da sembrare quasi un mondiale. Ma cominciamo, se volete, dal Campionato delle pu-

Empire - Class 2 1° pl Yearling Colts - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

ship - improved the moods and loosened the tense atmosphere before the Cup finals. To the star t in the European Championship allowed are horses with required qualifications. Moreover, all of them have to be born in European countries, but can be owned by studs from all around the world, so in practice it looks, as it does. Perhaps let us beg in from the Championship of young fillies. Fillies` classes in as impor tant shows, as this, as usually more numerous than of colts. This year in Moor sele judged were 5 classes of young females (among them 2 classes of year-


Mrs. Claudia Darius, Lara Spalvieri, Francesca Messina, Maria Ferraroni e Irina Stigler

ledre. Le classi delle femmine sono di solito, in show importanti come questo, più numerose di quelle dei puledri. Quest’anno a Moorsele sono state presentate 5 classi di Puledre (2 di queste erano per puledre di 1 anno, 2 per le 2-anni ed una per le 3-anni). Da queste classi, 14 cavalli sono passati alle finali. La Campionessa Europea Junior è stata una puledra di 3 anni, molto tipica, con testa e collo meravigliosi – la grigia FM Gloria (WH Justice - Psity of Angels) allevata e di proprietà di Swatam Arabians (BE), che aveva vinto la sua classe con un bel 92,30 punti. La medaglia d’Argento è stata assegnata dai giudici alla grigia scura di 1 anno Zigi Zana (QR Marc-Zagrobla), che ha praticamente fatto inginocchiare i presenti davanti ai suoi energici e magnifici movimenti, di cui è raro trovare un equivalente. Essa è stata allevata ed è di proprietà dei Michalow Stud (Polonia). Zigi Zana è stata anche la vincitrice di una delle due classi delle Puledre di 1 anno, con un eccellente risultato di 92,90 punti (il più alto

lings, 2 for two-year-old and one class of threeyear-olds). From them, four teen horses were classified to the finals. The European Junior Female Champion claimed was a very typical, 3-years old filly, with a beautiful head and neck - g rey FM Gloria (WH Justice - Psity of Angels) bred/owned by Swatam Arabians (BE), earlier winner of the class with the result 92, 30 points. Silver medal was g ranted by the judges to the dark g rey yearling Zig i Zana (QR Marc-Zag robla), who throws everybody on knees with her uncommonly beautiful and energetic movement. She is bred/owned by Michalow Stud from Poland. She won one from two classes of yearlings fillies, with an impressive total score of 92, 90 points (the best result among all young fillies). The Second Reser ve Champion title(and the Bronze Medal) was g ranted to a filly with surely the most beautiful head, the 2-years-old Alma

66 67


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Al Princess Aliha - Class 3A 1° pl 2 Years Old Fillies - O:Al Hambra Arabians (AT)

fra le Puledre). Il titolo di Seconda Riserva Campione (e la medaglia di Bronzo) è stato assegnato ad una puledra dotata sicuramente della testa più bella in concorso, la 2-anni Alma Al Tiglio (Ajman Moniscione-Amanda Al Tiglio), allevata da Azienda Agricola Il Tiglio (IT), di proprietà della Famiglia Buzzi (IT) e dell'Ajman Stud (UAE). Essa ha ricevuto 3x20 per testa-e-collo, per un notevole totale di 92, 30 punti. Nei Top Five c’erano altre puledre egualmente bellissime, certamente tali da poter competere per i più prestigiosi titoli: la 2-anni Psyche Kreuza (Ektern-Pallas Atena) allevata e di proprietà di Chrcynno-Palac Stud (PL) e la 1-anno Piacenza (QR Marc-Primawera) allevata e di proprietà di Michalow Stud (PL).

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Al Tiglio (Ajman Moniscione-Amanda Al Tiglio), bred by Azienda Ag r icola Il Tiglio (IT), owned by Family Buzzi (IT) and Ajman Stud (UAE). She get 3x20 for head-and-neck, and her total scores was very good - 92, 30 points. In Top Five were found equally beautiful ones, cer tainly liable to rival for highest tittles: 2-years-old Psyche Kreuza (Ekter nPallas Atena) bred/owned by Chrcynno-Palac Stud (PL) and yearling Piacenza (QR Marc-Pr imawera) bred/owned by Michalow Stud (PL). Championships of young hor ses are muc h more interesting for breeder s and lover s of Arabian horses, because they bring to the light some new star s. When they are receiving so valid titles as


I Campionati dei cavalli più giovani sono certamente i più interessanti per gli allevatori e gli amanti del PSA, perchè portano alla ribalta delle nuove stelle. Chiaramente, quando esse ricevono titoli così prestigiosi come quello di "Campione Europeo", sono costrette per il futuro a confermare e provare la loro eccellenza in ogni competizione futura e nell’attività riproduttiva. L’importante è che i risultati di queste gare sono molto più imprevedibili di quelli dei Campionati Senior. Infatti ogni anno essi portano "qualcosa di nuovo" – giovani cavalli, ancora in crescita ed in trasformazione. Succede a volte che Campioni Junior Europei o cavalli classificatisi fra i Top Five non vincano più importanti competizioni negli anni successivi, perchè cambiano così tanto che non sono più in grado di competere con giovani

„European Champion”, of cour se the are obliged in the future to confir m and prove their own high quality in the coming events and in breeding as well. Impor tant is, that the results of those competitions are much less predictable, than Senior Championships. Every year they bring „something new” - young, still g rowing and chang ing horses. Sometimes it happens, that Junior European Champions or horses from the Top Five never become c hampions of any impor tant show in years later, because they change so much, that are no more able to compete with young horses of quality improving all the time . From fifteen very good young colts, chosen was the European Champion. He was a really good-lo-

Alma Al Tiglio - Class 3B 1° pl 2 Years Old Fillies - O: Az. Agr. Buzzi (IT) & Ajman Stud (UAE)

68 69


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Revolution - Class 4 1° pl 2 Years Old Colts - O: Mohammed Al Subaie (KSA)

cavalli di gran qualità che continuano a migliorare nel tempo. Da quindici eccellenti Puledri è stato poi scelto il Campione Europeo. Questo era un esemplare veramente affascinante, con uno sguardo quasi carismatico, un profilo magnifico della testa e belle orecchie piccole – il bellissimo grigio Aja Justified (WH Justice - Aja Beneja), allevato da Aja Arabians (GB) e di pro-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

oking one, with an almost charismatic glance, a beautiful profile of head and nice, small ears - the grey Aja Justified (WH Justice - Aja Beneja), bred by Aja Arabians (GB) owned by Athbah Stud. He had a few impor tant successes before, as in 2010: Junior Male Champion All Nations Cup, Bronze Medal Elran Cup, Junior Male Champion - Towerlands. Two years ago in


FM Gloria - Class 5 1째 pl 3 Years Old Fillies - O: James & Christel Swaenepoel (BE)

Aja Justified - Class 6 1째 pl 3 Years Old Colts - O: Athbah Stud (KSA)

70 71


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

HRH Princess Alia Al Houssein and Mr. Ahmed Abdel el Razek

Mr Willy Luder and Mr Ahmed Hanza

Mrs Christine Jamar and Mr CarlVan Roosbroeck

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

prietà dell'Athbah Stud. Aja Justified ha già riscosso alcuni importanti successi in passato, per esempio nel 2010: Junior Male Champion - All Nations Cup, Medaglia di Bronzo alla Elran Cup, Junior Male Champion Towerlands. Due anni fa a Moorsele è entrato nei Top Five (come puledro di 1-anno). Con il miglior risultato (93,10 punti) fra tutti i giovani cavalli iscritti quest’anno ai Campionati Europei, ha vinto la sua classe dei Puledri di 3-anni (5x20 per testa-e-collo e 2x20 per tipo). Bisogna ammettere che ha fatto una magnifica impressione in posizione rampante! Non esistono però cavalli perfetti, e quindi secondo me esso difettava di pigmentazione intorno agli occhi e sparsamente sulla testa, il che potrebbe essere passato alla sua progenie. La medaglia d’Argento è stata vinta dal ben noto, e molto publicizzato, 2-anni, il grigio Shanghai E.A. (WH Justice-Salymah E.A.) allevato e di proprietà di Equus Arabians, Famiglia Sorroca (ES). Di ottimo tipo – con bella testa e collo. É anche piuttosto difficile vedere bei movimenti da parte di questo puledro. Forse non gli piace mettersi in mostra, e nei paddock di casa

Moorsele he got into the Top Five (as a yearling). With the best result (93, 10 points) among all young horses star ting this year in the European Championships, he won his class of threeyear-old colts (5x20 for head-and-neck and 2x20 type). It is necessary to admit, that colt made a terrific impression in the stand-up position! We can not find, however, ideal horses, so for me his fault were depigmentations around the eyes and spread on his beautiful head, which may be passed on to the foals. The Silver Medal was granted to the wellknown, widely adver tised two-years old, grey Shanghai E.A. (WH Justice-Salymah E.A.) bred/owned by Equus Arabians, Sorroca Fam. (ES). He was in a good type - with nice head and neck, although personally I didn't like white circles around his eyes. It was also very difficult to see nice movement of this colt. Maybe, he does not like to show himself, and at home he presents magnificently, but when we saw him at the show – he didn`t anchant at all. The next, Bronze Medal got to the promi-


si presenta magnificamente,ma quando lo abbiamo visto allo show – non è stato proprio incantevole. La medaglia seguente, quella di Bronzo, è andata al promettente grigio Empire (Enzo-Emira) allevato e di proprietà dei Michalow Stud. Questo Puledro, Campione Nazionale Junior (Colts) mi fa molto ben sperare per il suo futuro. Ha vinto la classe dei Puledri di 1-anno con un punteggio totale di 91,60. Nei Top Five sono entrati anche: lo yearling Makisa Adaggio (Vervaldee-Maradisha) allevato e di proprietà di Mark &Lisa Walsh (GB) ed il 3-anni Ali Moniscione (Psytadel-Alianna Moniscione), allevato dall'Azienda Agricola della famiglia Buzzi (IT) e ceduto in leasing alla Malorny Family (DE).

sing, g rey Empire (Enzo-Emira) bred/owned by Michalow Stud. That Polish National Junior Champion Colt from now on awoke g reater hopes in me. He won the class of yearlings with total scores 91, 60 points. To the Top Five got also: the yearling Makisa Adagg io (Ver valdee-Maradisha) bred/ owned by Mark &Lisa Walsh (GB) and the threeyears old Ali Moniscione (Psytadel-Alianna Moniscione), bred by Azienda Ag ricola Buzzi Family (IT) and leased to Malor ny Family (DE). As usual, this year too, during the European Championships huge excitations reached their peak, when the Senior Mares Championships came.

Abha Opalina - Class 7 1° pl 4-5 Years Old Mares - O: O: Marieta Salas (ES) - Leased by Al Mohamadia Stud (KSA)

72 73


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Mr.W. Luder, Mrs. I. Stigler, Mrs.T. Gagliani, Mrs. L. Spalvieri and F. Messina

The Judges

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Anche quest’anno, come ormai è consuetudine, durante i Campionati Europei l’eccitazione ha raggiunto il culmine con il Campionato Fattrici Senior. Nove splendide pluri-laureate Fattrici, ben conosciute, già vincitrici di titoli prestigiosi, madri di campioni affermati, si sono riunite in una sola arena, su diverse linee, immerse nella luce abbagliante dei riflettori, scintillanti del loro irripetibile fascino, con gli spettatori affascinati. Per me personalmente, la fi-

Nine of splendid and multi-awarded mares, well-known, with prestig ious titles, mother s of champions, were gathered together in one arena, in several lines, in a flood of lights, sparkling with their unique char m, throwing the spectators on knees. For me, per sonally, the finals of Senior Mares is always the most exciting par t of the event. To the Top Five got five splendid mares - four g reys and one chestnut.


nale delle Fattrici Senior è sempre la parte più eccitante dell’evento. Nei Top Five sono entrate cinque splendide fattrici - quattro grigie ed una saura. Ben tre di questo gruppo erano fattrici polacche. L’Oro non ha sorpreso nessuno – è stato assegnato ad una fattrice imbattuta dall’inizio del 2010 - Emandoria (Gazal Al Shaqab-Emanda), allevata e di proprietà del Michalow Stud, la quale ha anche vinto la classe delle Fattrici di 6-7-anni con il punteggio più alto dello show - 94,60 punti (di cui 4x20 per tipo, 4x20 per testa-e-collo, 1x20 per movimento). Ci ricordavamo perfettamente di Emandoria da poche

In this g roup were three Polish mares. The Gold sur pr ised nobody – it was g ranted to the unbeaten from the beg inning of 2010 - Emandor ia (Gazal Al Shaqab-Emanda), bred/owned Michalow Stud, who won the class of 6-7-year s old mares with the highest mark of the show - 94, 60 points (and 4x20 for type, 4x20 for head-and-nec k, 1x20 for movement). We remembered Emandoria perfectly well from just several weeks ago, from Aachen, and here she also delighted with her for m, making a g reat impression in the stand-up position, but

74 75


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Emandoria - Class 8 1° pl 6-7 Years Old Mares - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

settimane prima, ad Aachen, dove pure ci aveva deliziato per la sua forma, ed aveva fatto un’ottima impressione in posizione rampante, ma anche per il suo bel movimento. Il titolo di Riserva Campione Fattrici e Medaglia d’Argento è stata assegnata alla candida Bess Fa'izah (WH JusticeSharon el Kendal), allevata da Bessewacht Arabians (NL), di proprietà dell'Ajman Stud (UAE). Essa si era piazzata seconda nella stessa classe di Emandoria, con un pur eccellente 93,5 punti (20 dai 5 giudici per tipo, 1x20 per testa-e-collo, 1x20 per movimento). Era francamente così bella che sicuramente senza grandi sforzi sarà anche

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

as well with her movement. The title of Reser ve Champion Mare and Silver Medal the judges granted to the milky-white Bess Fa'izah (WH JusticeSharon el Kendal), bred by Bessewac ht Arabians (NL), owned by Ajman Stud (UAE). She was placed second in Emandoria`s class, with still impressive marks of 93, 5 points (20 from all 5 judges for type, 1x20 for head-and-nec k, 1x20 for movements). She was so beautiful, that without a g reater effor t she wins with her char m, feminity, dryness and the splendid type, what confir ms her


Ellissara - Class 9 1째 pl 8-10 Years Old Mares - O: Athbah Stud (KSA)

Emmona - Class 10 1째 pl 11Years and beyond Mares - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

76 77


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

in grado di vincere per via del suo fascino, femminilità, snellezza e l’eccellente tipologia, come confermano i suoi punteggi. Bess Fa'izah, con molti titoli internazionali già nel suo palmarès, darà certamente del filo da torcere ad Emandoria a Parigi. Questa gara sarà appassionante e la vincitrice può essere solo una – la Campionessa del Mondo! Emandoria a Moorsele ha catturato la seconda corona della stagione, diventerà quindi la Fattrice con tre titoli? Lo sapremo molto presto, durante i Campionati Mondiali, dove un gruppo molto forte di concorrenti/rivali la sta già aspettando! La medaglia di Bronzo è andata all’Arabia Saudita, guadagnata dalla grigia Abha Opalina (WH Justice-Omel

high g rades. Bess Fa'izah, with many inter national titles behind her self, will cer tainly compete in Par is with Emandor ia. The str uggle would be interesting and the winner might be only one – the World Champion! Emandoria captured in Moor sele the second crown in this season, so is she going to be a triple-crowned mare? We will become convinced of it quite soon, dur ing the World Championships, where a g roup of very strong r ivals is waiting for her! The bronze medal went to Saudi - Arabia , captured by the g rey Abha Opalina (WH Justice-Omel Amira Stopa), bred by Ses Planes Stud (ES), on

Al Fakhir - Class 11 1° pl 4-5 Years Old Stallions - O: Al Hambra Arabians (AT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Abha Midas - Class 12 1° pl 6-7 Years Old Stallions - O: Alonso Garrido Mario (ES)

Amira Stopa), allevata da Ses Planes Stud (ES), ed in leasing agli Al Mohamadia Stud (KSA). Il giorno precedente essa si è aggiudicata la classe delle fattrici di 4-5-anni, con il buon risultato di 92,2 punti (20 per tipo, 20 per testa-ecollo). Sono risultate elette all’empireo delle Top Five due splendide fattrici Polacche , Cenoza (Ekstern-Celna), allevata e di proprietà di Janow Podlaski Stud (PL) ed Emmona (Monog ramm-Emilda), allevata e di proprietà di Michalow Stud (PL).

lease to Al Mohamadia Stud (KSA). A day before she won the class of 4-5-year s old mares, with a good result of 92, 2 points (20 for the type, 20 for head-andnec k). To the Top Five elected were two splendid Polish mares , Cenoza (Ekster n-Celna), bred/owned by Janow Podlaski Stud (PL) and Emmona (Monog rammEmilda), bred/owned by Mic halow Stud (PL). Championships of Senior Stallions did not excite so muc h as

78 79


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

I Campionati Senior degli Stalloni non hanno generato altrettanta agitazione quanto altre categorie. Durante la scelta dei Campioni stavo già domandandomi come sarebbe stato il gruppo degli stalloni più adulti a Parigi – se sarebbe stata una semplice ripetizione dei risultati di Aachen oppure se avremmo visto qualcosa di nuovo, una sorpresa, anche se questa sarebbe piuttosto difficile da trovare fra gli stalloni. Fra dieci stalloni è stato scelto come Medaglia d’Oro MA Shadow El Sher, con un pedigree non altisonante – generato da El Sher-Mann e da una figlia di Ali Jamaal - Calyenna El Jamaal, allevata da Allevamento Mystic Arabians (IT), di proprietà di Dubai Arabian Horse Stud

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

other, remaining categor ies. Dur ing the c hoice of Champions I already thought how would look like the g roup of older stallions in Par is - whether the result from Aachen repeated again or we`d see something new, a sur pr ise, although there was rather difficult to find one among the stallions. From ten stallions, as the Gold Medal holder, chosen was MA Shadow El Sher, with a little less known pedig ree – he was sired by El Sher-Mann and out of Ali Jamaal daughter - Calyenna El Jamaal, bred by Allevamento Mystic Arabians (IT), owned by Dubai Arabian Hor se Stud (UAE). With the mark of 92, 8 points he won the 8-10-years


MA Shadow El Sher - Class 13 1째 pl 8-10 Years Old Stallions - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

Eternity Ibn Navarrone D - Class 14 1째 pl 11 Years and beyond Stallions - O: Dion Arabians (BE)

80 81


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Ambition - Class 15 1° pl 1-3 Years Old Geldings - O: Connor Buckley (GB)

(UAE). Con il punteggio di 92,8 punti si è aggiudicato la classe degli Stalloni di 8-10-anni. Secondo nella classe (con 92,6 punti) si è piazzato Girlan-Bey (Pesal-Gracja Bis), allevato da Michal Bogajewicz (PL), di proprietà degli Athbah Stud (KSA).Nel Campionato, quest’ultimo è stato poi classificato terzo dai giudici, l’equivalente del titolo di Seconda Riserva Campione ovvero medaglia di Bronzo. Al solito ci ha presentato il suo splendido trotto, guadagnandosi quattro „20” per movimento. Il titolo di Riserva Campione è stato assegnato ad un veterano dello scenario degli show per cavalli Arabi, padre di molti grandi cavalli – il 13-anni bianchissimo Eternity Ibn Navarrone-D (Ansata Sinan-Navarrone P) allevato e di

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

old stallions class. Second in his class (with 92, 6 points) placed was Girlan-Bey (Pesal-Gracja Bis), bred by Mic hal Bogajewicz (PL), owned by Athbah Stud (KSA). In the Championships he was placed third by the judges, what was the equivalent of the title of Second Reser ve Champion or the Bronze Medal. As usual he presented his splendid trot, gaining four „20-s” for movement. The Reser ve Champion title was g iven to a veteran of Arabian horses-shows scene , the father of many g reat horses - thir teen-year-old milky white Eter nity Ibn Navarrone-D (Ansata Sinan-Navarrone P) bred/ owned by Dion Arabians (BE). With his splendid,


Zanzibar - Class 16 1° pl 4-6 Years Old Geldings - O: Miss A. Bethell (GB)

proprietà dei Dion Arabians (BE). Con il suo splendido, come sempre, risultato di 93,3 punti (5x20 per tipo, 2x20 per testa-e-collo, 1x20 per movimento), ha vinto la classe degli stalloni più anziani – da 11-anni in su. Molte volte abbiamo sentito parlare dell’ultimo show di questo stallone, ma ogni volta non è stato l’ultimo. Lo sapremo presto, se lo vedremo a Parigi o meno. Gli altri cavalli classificati nella Top Five erano: Equifor (Gazal Al Shaqab-Eqviria), allevato e di proprietà di Janow Podlaski Stud (PL) e Pesal (Partner-Perforacja) allevato dai Bialka Stud (PL), e di proprietà di Klarenbeek Arabians (NL). Pesal, ormai 19-nne, ha esibito una perfetta condizione, discendente com’è da antiche stirpi polacche.

as always, result of 93, 3 points (5x20 for type, 2x20 for head-and-nec k, 1x20 for movement), he won the class of oldest stallions - 11-years and older. For many times we have already heard about „the last show” of this stallion, but every time it was not „the last one”. It will prove soon, whether we see him in Par is, or not. Titles of Top Five were g iven to: Equifor (Gazal Al Shaqab-Eqviria), bred/owned by Janow Podlaski Stud (PL) and Pesal (Par tner-Perforacja) bred by Bialka Stud (PL), owned by Klarenbeek Arabians (NL). Pesal, 19-years-old now, showed a perfect condition, because he descended from old, Polish bloodlines.

82 83


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

-

C hampionship

Championship Fillies

GOLD MEDAL • FM Gloriaa - O: James & Christel Swaenepoel (BE)

SILVER MEDAL • Zigi Zana O: Stadnina Koni Michalow (PL)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Alma Al Tiglio O: Az. Agr. Buzzi (IT) & Ajman Stud (UAE)


Championship Colts

GOLD MEDAL • Aja Justified - O: Athbah Stud (KSA)

SILVER MEDAL • Shanghai EA O: Equus Arabians (ES)

BRONZE MEDAL • Empire O: O: Stadnina Koni Michalow (PL)

84 85


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

-

C hampionship

Championship Mares

GOLD MEDAL • Emandoria - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

SILVER MEDAL • Bess Faìzah Ajman Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Abha Opalina - O: Marieta Salas (ES) Leased by Al Mohamadia Stud (KSA)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • MA Shadow El Sher - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Eternity Ibn Navarrone D O: Dion Arabians (BE)

BRONZE MEDAL • Girlan Bey O: Athbah Stud (KSA)

86 87


AH M o o rs e l e

2 010 - B e l g i u m -

C hampionship R idden C lass

Championship Stallions

CHAMPION • Krystl Gucci O: Fam. Lloyd-Birlouet (BE)

Championship Mares- Geldings

CHAMPION • Silvern Moonlight O: Mrs M O' Rourke (GB)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Best Belgian Participant

CHAMPION • Eternity Ibn Navarrone D O: Dion Arabians (BE)

Horse With The Highest Marks

CHAMPION • Emandoria O: Stadnina Koni Michalow (PL)

88 89


AH M o o rs e l e

2 010 -

B elgium

Liberty Mares

CHAMPION • Flaxman`s Carmen O: Flaxmans Arabians (NL)

Liberti Stallions

CHAMPION • JK Catalyst O: Murillo Verbruggen (BE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


93 93


AH E u ro p e a n S t u d s

with

T radition

The Friedmann Family – Breeders of Fine Egyptian Arabian Horse Il 22 Agosto era una giornata molto calda. Inge ed Hans Jürgen Friedmann stavano tenendo un open day nell’allevamento Lunzenhof nella Foresta Nera, per celebrare con i loro amici ben 15 anni di allevamento dedicati all’Arabo Puro Egiziano. Nei prati tutto intorno alla scuderia gli ospiti si aggiravano in una serena atmosfera di festa; c'erano musica dal vivo, da bere, dolci e una gran buona birra. Oltre ad alcuni ospiti speciali, la famiglia Friedmann é riuscita ad attirare l’incredibile numero di 5.000 persone, soprattutto dalle zone limitrofe, ad un evento che era dopo tutto incentrato su una razza di cavallo piuttosto atipica per la Foresta Nera. Se glielo si chiedeva, molti sapevano esattamente perché erano presenti: erano orgogliosi dei successi internazionali dei cavalli Arabi provenienti dal villaggio di Unterharmersbach nella Foresta Nera. Quello che a loro sarebbe realmente piaciuto sarebbe stato portarsi a casa l'autografo di *Al Lahab, se fosse stato possibile. Ad ogni modo il pubblico ha dovuto

Al Lahab with Mr. Friedmann and Mrs. Friedmann

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

The 22nd of August was a hot day. Inge and Hans Jürgen Friedmann were holding an open day at the Lunzenhof stud in the Black Forest in order to celebrate 15 years of breeding pure Egyptian Arabs with friends. In the meadows all around the stud a jolly party atmosphere prevailed; there was live music, coffee, cake or a large beer. In addition to some VIPs, the Friedmann family had actually succeeded in attracting an incredible 5000 people, mostly from the surrounding area, to an event that was after all about a breed of horse somewhat untypical for the Black Forest. When asked, many people knew exactly why they had come: they were proud of the international successes of the Arab horses from the Black Forest village in Unterharmersbach. What they really would have liked was to have taken away home Al Lahab’s autograph if that were possible. However the public had to be patient before this


By Monika Savier essere paziente prima che questo eccezionale stallone - campione del mondo, campione europeo, campione del Medio Oriente, campione supremo all'Evento del Puro Egiziano in Kentucky, negli Stati Uniti - un cavallo amico dei bambini della famiglia Friedmann, apparisse nello show ring. Prima di tutto, sono stati presentati i suoi meravigliosi figli e figlie, alcuni dei quali sono già suoi concorrenti in gara, cavalli come *F Jazim Ibn Al Lahab, poi i suoi nipoti e, finalmente, le belle cavalle dei Friedmann, con le quali Al Lahab è stato capace di raggiungere i suoi grandi successi come stallone da riproduzione: *U.P.Tamanny, *F Shakirah, *F Talidah, *F Tahimaa, *F Tahani, *Bint Shamaal, *F Marisi ed *F Samirah, quest’ultima insieme alla sua puledra *F Sana Bint Al Lahab. Lei, proprio come il suo famoso padre prima di lei, è già una campionessa come puledra. Gli spettatori hanno certamente avuto il corrispettivo del biglietto. Le cavalle circolavano in grandi gruppi con i loro puledri di fronte agli spettatori

exceptional stallion, world champion, European champion, Middle East champion, supreme champion at the Egyptian Event in Kentucky, USA ... the Friedmann family’s child-friendly family horse, appeared in the show ring. First of all, his beautiful sons and daughters appeared, some of which are already his rivals in competitions, horses such as F Jazim Ibn Al Lahab, then his grandchildren and, finally, the beautiful Friedmann mares, with which he was able to claim his great successes as a covering stallion: UP Tamanny, F Shakirah, F Talidah, F Tahimaa, F Tahani, Bint Shamaal, F Marisi and F Samirah with her filly F Sana Bint Al Lahab. She, just like her famous father before her, is already a show champion as a foal. The spectators had their money’s worth. The mares circled in large groups with their foals in front of the thrilled fans and showed just how an Arab horse can float. Everybody was thril-

The Family of U.P. Tamanny, the oldest foundation mare

94 95


AH E u ro p e a n S t u d s

with

T radition

emozionati ed hanno dimostrato come un cavallo Arabo sembri volare più che muoversi. Tutti erano entusiasti ed anche le persone importanti nella tenda dei VIP non potevano frenarsi dall'applaudire. Quando ho chiesto quale potrebbe essere l'alternativa ai sempre più stellari (e distanti) show della razza, il Dott. Nagel ha subito detto, “Gli allevamenti con tradizione ed esperienza nell'allevare almeno 2-3 generazioni di puledri, dovrebbero organizzare dimostrazioni private di allevamento, il che permetterebbe alle persone normali di conoscere il cavallo Arabo, donando loro anche la comprensione del suo carattere e tirandolo giù dal suo artificioso piedistallo. Questi eventi o “open days” rendono possibile al cavallo Arabo, anche quando è messo in mostra, di essere quello che a lui piacerebbe realmente essere e questo torna direttamente alla tradizione tribale Beduina: un cavallo di famiglia, pieno di fuoco e di gentilezza.” Questo evento calzava perfettamente la descrizione. La tensione ad un tratto si è fatta palpabile, Al La-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

led and even the prominent people in the VIP tent could not refrain from applauding. When I asked him what the alternative to the ever more aloof breed shows might be, Dr. Nagel at once said, “Studs with tradition and experience in breeding over at least 2-3 generations of foals should put on private stud demonstrations, which allow ordinary people to get to know the Arab horse, give them an understanding of its character and fetch it down from its artificial pedestal. These events or open days make it possible for the Arab horse, even when being put on show, to be able to be what he himself would really like to be and this goes right back to the Bedouin tribal tradition: a family horse of fire and gentleness.” This event fitted the bill perfectly. The tension rose. Al Lahab, as always with his handler Frank Spoenle, entered the show ring. It was obvious he felt he had a home


hab, stava entrando nel ring. Era ovvio che si sentisse a suo agio sul terreno di casa e, dopo che gli è stato permesso di correre liberamente e spendere un po’ della sua energia con alcuni giri, lui si è avvicinato al trotto al suo pubblico in maniera del tutto rilassata. È rimasto lì, circondato da bambini, crogiolandosi nell'adorazione della folla. Ognuno voleva essere fotografato con lui; ai bambini sarebbe piaciuto salirgli in groppa. Alla fine è arrivato il momento per lui di andar via, e poco dopo il cielo, molto teatralmente, è diventato buio e tuoni e fulmini l'hanno fatta da padrone. È stato impressionante come i Friedmann abbiano avuto fortuna anche col tempo. E questa, ora, è come la storia ebbe inizio... Circa 15 anni fa, Inge e Hans Jürgen Friedmann decisero di gestire la fattoria di famiglia, vecchia di secoli, coi suoi venti ettari di pascolo e grandi stalle, anche alcuni cavalli avrebbero avuto una parte da giocare in questo biotipo rurale. Inge Friedmann: “Noi volevamo avere dei bei cavalli, se possibile quattro belle fattrici, ed iniziammo a cercare questi cavalli. Mia figlia Esther, in particolare, era veramente entusiasta dell'idea e c'infastidì fino a costringerci a fare qualcosa. Abbiamo quindi visitato molti allevamenti per scovare un'idea. È stato un periodo divertente ed imparammo molto. Ovviamente i nostri sforzi molto rapidamente si rivolsero in una sola direzione, vale a dire quella dell’acquisto di Arabi Puri Egiziani. In principio ignoravamo tutto dei cavalli Arabi, ma a breve le

match and, once he had been allowed to run free and work off his energy with a few circuits, he trotted towards his public in a relaxed manner. He stood there surrounded by children and basked in the adulation of the crowd. Everybody wanted to be photographed with him; the children would have really liked to climb on board. Eventually the time came for him to leave and afterwards, very theatrically, the sky grew dark and the thunder and lightning erupted. It was impressive how the Friedmanns even had luck with the weather. And this is how the story began... Some 15 years ago, Inge and Hans Jürgen Friedmann decided to run the centuries old family farm with its twenty hectares of pasture and stabling in such a way that a few horses too would have a part to play in this rural biotope. Inge Friedmann: “We had to have beautiful horses, if possible four beautiful mares, and we started to look for these horses. My daughter Esther, in particular, was really enthusiastic about the idea and pestered us to do something. We then visited many stud farms in order to get an idea. It was an enjoyable time and we learned a lot. It was obvious that our efforts very quickly turned in the one direction, namely, that of buying purebred Egyptian Arabs. In principle, we did not have a clue about Arab horses but that soon changed. We were metho-

96 97


AH E u ro p e a n S t u d s

with

T radition

cose cambiarono. Eravamo metodici nella nostra ricerca dei cavalli che ci piacessero. Prima di tutto, cercavamo il tipico passo che "sembra galleggiare nell’aria", i grandi occhi neri ed un buon temperamento. Poi più tardi ci siamo raffinati ancora ed abbiamo alzato i nostri standard e ci siamo resi conto lentamente di quanto bisogna conoscere per essere capaci di riconoscere movimento, conformazione e tipo nell'insieme e valutarli”. Inge Friedmann ha dovuto interrompere la nostra chiacchierata, era stata chiamata alle scuderie: una cavalla aveva troppo poco latte per il suo puledro neonato e lei doveva aiutare ad alimentarlo. Da notare che aveva parlato dei puledri come “bambini”. Tutto qui gira intorno al benessere delle fattrici e dei loro puledri. I box sono grandi e luminosi e tutte le cavalle sono in contatto l’una con l’altra.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

dical in our search for horses we liked. First of all, we looked for the floating paces, the large black eyes and a good temperament. We then later refined and upped our requirements and slowly realised how much you have to know to be able to take movement, conformation and type as a whole and assess it.” Inge Friedmann interrupted our conversation; she had been summoned to the stables: a mare had too little milk for its newborn foal and she had to help with feeding it. It was noticeable that she spoke of the foals as “children”. Everything revolves around the wellbeing of the mares and their offspring. The boxes were large and light and the mares all had contact with each other. “Which one was your first brood mare? Which one did you choose?” I asked. “It was U.P. Tamanny, I


Dopo questa interruzione doverosa ho chiesto quale è stata la sua prima fattrice dell’allevamento? “È stata *U.P. Tamanny, io amo questa cavalla. Ci portò rapidamente molto successo negli show, lei era spesso la vincitrice della propria classe e campionessa dello show, per esempio a Towerlands (Inghilterra), a Kauber Platte lei vinse l'Egyptian Event e molto altro ancora. Ma non solo questo, lei ha generato puledri meravigliosi. Le sue figlie *F. Tahima, *F. Tayyeba e *Talida sono di valore eccezionale, non solo negli show ma anche, di nuovo, come fattrici notevoli. Le altre tre fattrici storiche sono *Faras Jamila, *Flabys Shamoniet e *Sarameena, la genitrice di *F. Samirah e di *Fa. Sahamaal. Con queste quattro fattrici siamo riusciti ad entrare in scena come allevatori di Arabi Egiziani ad un livello veramente alto. Le fattrici, intanto, sono state condotte fuori a pascolare dagli addetti. “È ben visibile che i cavalli presenti in allevamento sono grandi, potenti e hanno movimenti eccellenti...”. Inge Friedmann: “È proprio quello che mi piace particolarmente, dovrebbero essere cavalli completi che si possano anche cavalcare,

love this mare. She very quickly brought us a great deal of success at shows, she was often both winner of her class and show champion, for example, at Towerlands, England, at Kauber Platte, she won the Egyptian Event and a lot else besides. But not only that, she breeds wonderful foals. Her daughters F. Tahima, F. Tayyeba and Talida are exceptionally good, not only at shows but also, again, as outstanding brood mares. The other three foundation mares were Faras Jamila, Flabys Shamoniet and Sarameena, the dam of F. Samirah and Fa. Sahamaal. With these four mares we made it onto the scene as breeders of Egyptian Arabs at quite a high level. The mares were led out to pasture by the grooms. “It is noticeable that your horses are large, powerful and have very good paces...” Inge Friedmann: “That is what I particularly like, they should be proper horses that you can also ride, but in this the type should also not be neglected, on the contrary. By type I

98 99


AH E u ro p e a n S t u d s

with

T radition

ma in questo contesto il tipo non dovrebbe essere trascurato, anzi, al contrario. Per tipo non intendo soltanto un bel muso, che troviamo immediatamente nella prima generazione di puledri quando usiamo *Al Lahab, ma gradirei mantenere anche la “presenza” araba, dovrebbero essere rilassati, ma appena si schioccano le dita, alzare la coda, spalancare i loro grandi e rotondi occhi neri e le narici, e cominciare a galleggiare a trenta centimetri da terra...”. È “il Re” in persona, *Al Lahab, che occupa il box centrale nel recinto, con vista sui paddock delle fattrici da un lato e sulla verde valle della Foresta Nera dall'altro. “Come ha trovato questo nobile stallone?” “Dobbiamo ringraziare Uri Arieli da Israele per questo stallone. Era stato allevato da lui ed, ancora puledro, era in Germania. Già allora corrispondeva al nostro ideale di cavallo Arabo. Di gran tipo, amichevole con le persone, bel movimento e conformazione. Tutto ci andava alla perfezione.Allenato da Frank Spoenle, aveva già vinto il titolo di riserva campione ad Aachen alla All Nations Cup come puledro di un anno. Abbiamo mantenuto intatto questo sodalizio.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

don’t only mean the beautiful face, which we get straight away in the first generation of foals when we use Al Lahab, but I would also like to keep the Arab presence, they should be relaxed but you should just have to click your fingers and they lift their tails, open their round black eyes and nostrils wide, and float ... It is the “King” himself, Al Lahab, who occupies the central box in the yard with a view of the mares on one side and the green Black Forest valley on the other. “How did you find this noble stallion?” “We have to thank Uri Arieli from Israel for this stallion. He was bred by him and was standing as a youngster in Germany. He already equated to our ideal of an Arab horse then. Type, people-orientated, movement and conformation. It all fitted. Handled by Frank Spoenle, he had already won reserve champion in Aachen at the All Nations Cup as a yearling. We have kept this partnership intact. Frank has tuned into Al Lahaab and Al Lahaab has tuned into him, together they are


Frank si è sintonizzato su *Al Lahaab ed *Al Lahaab si è sintonizzato su di lui, insieme sono capaci di grandi cose. Questa associazione è stata fortunata per *Al Lahaab oltre che per noi. Sono seguiti molti altri show e grandi successi. E' diventato Campione Europeo Junior a due anni. “Nel 2006 è stato negli Stati Uniti ed è diventato Campione Supremo all'Egyptian Event in Kentucky. La cosa eccitante era che suo padre, *Laheeb, divenne Riserva Campione nello stesso momento”. “Che cosa accadde dopo?” Inge ci ha portato nel box, grande quanto una stanza, di *Al Lahaab e ha iniziato a grattare fra le spalle dello stallone, cosa visibilmente piacevole per lui. “Beh, tornò dagli USA e sarebbe dovuto rimanere fermo un po’ di tempo per recuperare dal faticoso viaggio, ma Frank lo portò in Belgio dopo tutto, dove voleva mettere la sua condizione alla prova. Così è diventato Campione

both capable of great achievements. This partnership has been lucky for Al Lahaab and also for us. There followed many more shows and great successes. As a two-year-old he became Junior European Champion. “In 2006 he was in the USA and became Supreme Champion at the Egyptian Event in Kentucky. The exciting thing was that his father, Laheeb, became Reserve Champion at the same time.” “What happened after that?” Inge Friedmann went to Al Lahaab’s room-sized box and scratched the stallion’s withers, something he visibly enjoyed. “Well, he came back and was due to spend time recovering from the tiring journey but Frank took him to Belgium after all where he wanted to put his condition to the test. There he became senior champion and won the Elran Cup, after that the A Show in

100 101


AH E u ro p e a n S t u d s

with

T radition

Senior ed ha vinto la Elran Cup, poi l'A-Show di Towerlands ed alcune settimane più tardi ha affrontato la concorrenza più forte che si potesse immaginare alla All Nations Cup di Aachen. Ha vinto il titolo di Campione Senior della All Nations Cup e sapete che vuol dire, vero? Avrebbe dovuto difendere il titolo a Parigi e lo ha fatto. Ha entusiasmato i giudici con punteggi da sogno ed una “presenza” unica; galleggiava in aria così bene che faceva venire le lacrime agli occhi. Sì, ha lottato ed ha vinto, ed è diventato Campione del Mondo 2006”. Intanto la figlia Esther ha chiamato Inge al telefono. “È riguardo ad una fattrice che sta quasi per partorire” ci dice Inge. “Esther vive in Baviera con Achim Dimhofer. Hanno il loro stallone, *Birkhof. Ama anche *Al Lahab, ma non sarebbe mia figlia se non volesse sviluppare il proprio concetto di allevamento”. Inge Friedmann ride.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Towerlands and a few weeks later he was up against the toughest competition you can imagine at the All Nations Cup in Aachen. He won the All Nations senior champion title and you know what that means, don’t you? He had to defend the title in Paris and he did it. He impressed the judges with dream marks and a unique presence; he floated so well it made tears come to your eyes. Yes, he fought and won and became 2006 World Champion.” Her mobile rang, it was her daughter Esther. “It’s about a mare that is about to foal,” says Inge Friedmann. “Esther lives in Bavaria with Achim Dimhofer. They have their own stud, Birkhof. She too loves Al Lahab but she wouldn’t be my daughter if she didn’t want to develop her own concept.” Inge Friedmann laughs.


“È ancora possibile oggi vincere così, solo uno show, senza essere coinvolti nel mondo degli show più in generale?” le chiedo. “Intende i campionati del mondo a Parigi nel 2009? Sì, in quella circostanza la tensione era abbastanza da doversi mangiare le unghie. Un giorno le racconterò anche la storia, ma ora ho cose più importanti da fare. La stagione della monta comincia fra 2 mesi, stanno accadendo molte cose nell'Araberverband tedesco [la Società del Cavallo Arabo] e molte altre cose alle quali sto lavorando mi tengono molto occupata. Ora come allora, i cavalli mi danno la forza e la passione e, fino ad ora, non mi sono pentita di aver portato qualche bella fattrice nella nostra famiglia 15 anni fa”.

“Is it still possible today to win a show just like that without being involved in the show world to some extent?” I ask her. “By this you mean the world championships in Paris in 2009? Yes, that was nail-biting. One day I’ll tell the story too but now I have more important things to do. The covering season starts in 2 months, there is also a lot happening in the German Araberverband [Arab Horse Society] and many other things I am working on keep me very busy. Now as before the horses give me the strength and passion and, so far, I have not regretted bringing a few beautiful mares into our family 15 years ago.”

102 103


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


105 105


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


107 107


AH V e ro n a - I t a ly

Verona Show The

By Louise Lenoir - Photos by Cécile Marleix

Nel primo, ancora caldo, fine-settimana di novembre, ci siamo incontrati a Verona, dove ogni anno si tiene una delle maggiori fiere equestri dell’intera Europa. Vi si possono trovare tutti gli articoli che possono concernere il campo equestre, inclusi rimorchi per il trasporto di cavalli, scuderie chiavi-in-mano, attrezzature veterinarie e da maniscalco. Ogni cavaliere ed appassionato di cavalli conosce il nome dell'evento - Fieracavalli! Il luogo è anche ben noto agli appassionati di PSArabi, perché i Campionati Europei di Cavalli Arabi si tengono qui ogni due anni. Ci siamo incontrati lì nel corso del 2010 per veder incoronare i migliori cavalli purosangue nati in Europa negli ultimi anni.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

In the first, still warm, week-end of November, we met in Verona, where every year took place one of the greatest Horse Fair in Europe. One could find there all hippological stuff, including horse-trailers, ready stables, vet and farrier`s equipment. Every horseman and horse lover knew the name of the event – Fieracavalli! The place is well-known also for Arabian horse lovers, because every second year the Arabian Horse Championships of Europe are held there. We`d meet there in the coming, 2011 year, to witness nominations for the best purebred horses born in Europe in recent years. The four-days long show at Verona is already over.


I quattro giorni di show a Verona sono già finiti. Era l'ultimo grande show internazionale prima del Campionato del Mondo, il quale ultimo è divenuto storia, a sua volta, pochi giorni fa. Dei cavalli che abbiamo visto a Verona, come la Campionessa Puledre od il Campione Puledri ed il Migliore in Show, alcune settimane più tardi hanno dato grande spettacolo, proprio durante il più importante show dell'anno - il Campionato Mondiale. L'organizzatore di “Coppa Italia”, che è anche un International B Show, era, come sempre, l'Associazione Italiana di Allevatori di Cavalli Arabi - ANICA (Associazione Nazionale Italiana Cavallo Arabo), sotto la guida del suo Presidente - il Sig. Marco Pittaluga. Vale la pena menzio-

It was the last great, international show before the World Championship, what also went down in history several days ago. Some horses, whom we saw at Verona, as the Junior Champion Mare or Junior Champion Stallion and Best in Show, made a great performance several weeks later, just during the most impor tant show of the year – the World Championship. The organizer of “Coppa Italia”, as well as Int. B Show, was, as always, the Italian Association of Arabian Horse Breeders – ANICA (Associazione Nazionale Italiana Cavallo Arabo), under the leadership of its President – Mr. Marco Pittaluga. It`s worth

108 109


AH V e ro n a - I t a ly

The Judges

Mr Cristian Da Pos

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

nare qui che l'associazione degli allevatori fu fondata già nel 1979 a Roma, e che tre anni più tardi fu accettata dal WAHO ed il Primo Volume dello Studbook Italiano apparve in stampa. E’ stato un lungo finesettimana, effettivamente, perché gli show organizzati erano due, non uno. Il primo - Coppa Italia, non affiliata ECAHO – ha avuto luogo al giovedì e venerdì. Secondo le sue regole, erano accettati solamente cavalli nati ed allevati in Italia. La somma dei premi in denaro ammontava a 15.000 Euro ed erano iscritti 67 caval-

mentioning, that the breeders` association was established already in 1979 in Rome, whereas three years later it was accepted by WAHO and the Ist Volume of the Italian Studbook appeared in print. It really was a long week-end, because organized were two shows instead of one. The first one – Coppa Italia, not affiliated by ECAHO took place on Thursday and Friday. According to its rules, accepted were only horses born and bred in Italy. The sum of prize money


li. L'altro show si è tenuto al sabato e domenica, come evento International Class “B”, affiliato ECAHO. Ben 73 cavalli vi erano iscritti. Era stato invitato un pannello di giudici esperti - Sue Woodhouse (GB), Maria Ferraroni Annaratone (IT), Jerzy Bialobok (POL), Ferdinando Huemer (AT) e Tom Husebye (NOR) che hanno giudicato solamente lo show internazionale. La Commissione Disciplinare, che comprendeva Jackye Vandyke (GB), Gianpaolo Teobaldelli DVM (IT), Eugenio Martini DVM (Esso) ed Amadio Sparapan (IT), ha lavorato intensamente per 4 giorni. Negli altoparlanti si sentiva la gentile e calda voce dell'annunciatrice dello show - la Segretaria dell’ANICA, Mirjam Boschini. Tutti i quattro giorni dei due show sono stati trasmessi su Internet dal Periodico Video di Purosangue Arabi “Stile arabo”, sul sito web equitando.com. Vale poi la pena menzionare in maniera speciale anche la persona responsabile per la musica durante ogni show a Verona - Luisa Bonomi. Mi sorprende sempre con una selezione insolitamente accurata di brani musicali, molto appropriata sia per show minori, locali, che per quelli maggiori come i Campionati Europei. Anche quando spettatori e giudici sono già stanchi verso la fine di uno show che duri più giorni, la sua musica, che accompagna i cavalli trottanti nell'arena, fa sorridere e battere il ritmo coi piedi ad ognuno. Grazie a tali persone, il lungo fine-settimana a Verona è stato veramente ricco di gradevoli sensazioni. Il Junior Mare Championship di Coppa Italia è stato vinto dalla Puledra di 3-anni, la grigia SA Miner-

amounted 15 000 EUR and entered were 67 horses. The other show was held on Saturday and Sunday, as an international, Class “B” event, affiliated by ECAHO. 73 horses were entered to it. Invited was an experienced judges` board – Sue Woodhouse (UK), Maria Ferraroni Annaratone (IT), Jerzy Białobok (POL), Ferdinand Huemer (AT) and Tom Husebye (NOR), who judged only the international show. The Disciplinary Committee, consisting of Jackye Vandyke (UK), Gianpaolo Teobaldelli DVM (IT), Eugenio Mar tini DVM (IT) and Amadio Sparapan (IT), worked intensively for 4 days. In the loudspeakers heard was a kind, warm voice of the show announcer – the Secretary of ANICA, Mirjam Boschini. All four days of the shows were transmitted in the Internet by the Purebred Arabian Video Magazine “Arabian Style”, on the website equitado.com. Wor th mentioning was also the person responsible for the music during every show in Verona – Luisa Bonomi. She always surprised me by an exceptionally accurate selection of music pieces, fitting as well minor, local shows, as the Championships of Europe. Even when both the spectators and judges are already tired with a several-days-lasting show – her music, accompanying horses trotting in the arena, makes everybody to smile and stamp the rhythm with their feet. Thanks to such people, the long weekend in Verona was really rich in sensations. The Junior Mare Championship of Coppa Italia was won by the th-

Sig. Giuseppe Palumbo,Titty Gagliani, Francesca Messina, Cristina Franchini and her daughter

Anica's Presindent - Ing. Marco Pittaluga and MP Francesca Martini

Mr Willy Luder

Mr Ivo Ludi (Vicepresident Anica)

110 111


AH V e ro n a - I t a ly

AV Dalia - Class A1 1° pl 1-3 Years Old Fillies - Italy Cup - O: Arabian Valley Stud S.S. Fratelli Sanchi (IT)

va (Royal Colours-Cicilla), allevata da e di proprietà di Angelo Scipioni. E’ una bella e tipica puledra, con un profilo camuso ben sagomato, occhi scuri ed orecchi piccoli. Si distingue certamente fra le sue pari. La Medaglia d’Argento è stata assegnata alla saura di 1-anno AV Dalia (Ajman Moniscione-AV Dolimba), allevata da e di proprietà di Arabia Valley Stud. La terza posizione e la Medaglia di Bronzo sono andate alla grigia di 1-anno Creola LC (Ajman Moniscione-Kleopatra LC), allevata da e di proprietà di Soc. Agr. La Campagnola Motta F.L.L.I. Campione Puledri è stato acclamato il 2-anni grigio TF Star Ibn Psequel (Psequel-TF Luna), allevato da e di proprietà di Tripodi Francesco AZ. AGR. La Medaglia d’Argento è stata poi assegnata al baio di 1-anno Antheros by Nashira (Psyrasic-Nashera by Chawy NA), allevato da e

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

ree-year-old, grey filly SA Miner va (Royal Colours – Cicilla), bred/owned by Angelo Scipioni. She was nice and correct, with a well-shaped, dished profile, dark eyes and tiny ears. She surely distinguished herself among her peers. The Silver Medal was granted to the chestnut yearling, AV Dalia (Ajman Moniscione – AV Dolimba), bred/owned by Arabia Valley Stud. The third position and the Bronze Medal was granted to the grey yearling, Creola LC (Ajman Moniscione – Kleopatra LC), bred/owned by Soc. Agr. La Campagnola Motta F.L.L.I. The Junior Champion Stallion claimed was the two-year-old, grey colt TF Star Ibn Psequel (Psequel – TF Luna), bred/owned by Tripodi Francesco AZ. AGR. The Silver Medal was handed to the bay, yearling colt Antheros By Nashi-


SA Minerva - Class A2 1° pl 1-3 Years Old Fillies - Italy Cup - O: Scipioni Angelo (IT)

di proprietà di RE Pietro. Terzo classificato era, la Seconda Riserva Campione, un altro puledro di 1-anno il sauro Frasera Dubai (Phaaros-Frasera Mashara), allevato da e di proprietà di Allevamento La Frasera. Dopo gli show speciali, preparati insieme da Jessica Panbianchi e da Cristian da Pos con Bartolomeo Messina, siamo arrivati alla Finale Senior di Coppa Italia. Il titolo di Campionessa Fattrici è stato accordato alla grigia di 7-anni Grisenda Chandra (WH Justice-Creta Moniscione), dotata di testa e collo magnifici, e di grandi occhi neri e narici spalancate, allevata da e di proprietà di Az. Agr. La Campagnola. La Medaglia d’Argento è andata alla bianca Fattrice di 11-anni AG Samsarah (Hadidi-VP Shockrah), allevata da Reina Giuseppe e di proprietà di Tomasoni Francesca. La Medaglia di Bronzo è stata infine guadagna-

ra (Psyrasic – Nashera By Chawy NA), bred/owned by RE Pietro. Third placed was, claimed the Second Reser ve Champion, another yearling colt, the chestnut Frasera Dubai (Phaaros – Frasera Mashara), bred/owned by Allevamento La Frasera. After the special shows, prepared by Jessica Panbianchi and Cristian da Pos together with Bar tolomeo Messina, we reached the Senior Finals of Coppa Italia. The title of its Senior Champion Mare was granted to the grey, seven years-old Grisenda Chandra (WH Justice – Creta Moniscione), endowed with nice head and neck, large, black eyes and flared nostrils, bred/owned by Az. Agr. La Compagnola. The Silver Medal got to the milky-white, 11-years-old mare AG Samsarah (Hadidi – VP Shockrah), bred by

112 113


AH V e ro n a - I t a ly ta da un’altra grigia, la 6-anni VF Sasha (Wahid-Majba Galaa), allevata da Bellanca Calogerino e di proprietà di Lupo Faro. Subito dopo le fattrici, sono apparsi nel Ring i migliori stalloni dello show ed i giudici gli hanno assegnato le meritate medaglie. L'Oro è andato al bel grigio di 8-anni Wares (Piruet-Wernera), allevato da e di proprietà di Scuderia Groane SRL. Questo è certamente uno dei migliori figli dello stallone polacco Piruet. La Medaglia d’Argento è andata al grigio di 4-anni Ab Jamil La Piana (WH Justice-Rosetta Di Azja), allevato da Az. Agr. A.B. La Piana Di Barbieri AL e di proprietà di Morelli Mauro. Col Bronzo è stato invece premiato il sauro scuro Alakazam B (Padrons Image-Ma Evita), allevato e di proprietà di Calderai Elisabetta. Così due giorni di show sono passati senza che ce ne accorgessimo e le più grandi emozioni dovevano ancora arrivare.

Reina Giuseppe and owned by Tomasoni Francesca. The Bronze Medal was gained by another grey, sixyears-old VF Sasha (Wahid – Majba Galaa), bred by Bellanca Calogerino and owned by Lupo Faro. Just after the senior mares, the best stallions of the show appeared and the judges granted them medals in all colors. The Gold went to the beautiful, grey, eight-years-old Wares (Piruet – Wernera), bred/ owned by Scuderia Groane SRL. He was surely one of the best sons of the Polish producer Piruet. The Silver Medal was given to the grey, four-years-old AB Jamil La Piana (WH Justice – Rosetta By Azja), bred by Az. Agr. A.B. La Piana Di Barbieri AL and owned by Morelli Mauro. With the Bronze awarded was the dark chestnut Alakazam B (Padrons Image – Ma Evita), bred/owned by Calderai Elisabetta. This way two days of the show passed unnoticeably and

Antheros By Nashira - Class B1 1° pl 1-3 Years Old Colts - Italy Cup - O: Re Pietro (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


TF Star Ibn Psequel - Class B2 1° pl 1-3 Years Old Colts - Italy Cup - O: Tripodi Francesco Az. Agr. (IT)

Infatti Sabato e Domenica si sarebbe tenuto lo Show Internazionale di Classe B! Si è cominciato dalle classi degli Stalloni Senior. In quella dei 4-6-anni ha vinto un esemplare assolutamente unico, con una conformazione esemplare, una bella testa e grandi occhi neri - FS Michelangelo (Shakaar Ibn Sanadiva-BB Mara), allevato da Frank Spoenle e Heike Gunther Scherle, di proprietà della Società Agricola Le Quercette. Quello stallone baio scuro di 6-anni ha ottenuto un risultato totale di 91 punti e nessuna meraviglia che finalmente sia diventato Campione. Secondo classificato è stata una famosa stella dello show-ring, il grigio Memphis 27 (El Amin-SA Misha Apal), allevato da James Swaenepoel e di proprietà degli Ajman Stud che ha ottenuto 90,5 punti. Il giorno seguente esso è stato incoronato Riserva Campione degli Stalloni. La classe successiva era per stalloni di 7-9-anni, cui

the greatest impressions were waiting for us. On Saturday nad Sunday held was the International B Show! It began from the Senior Stallions classes. In one for 4-6-y.o. stallions won the unique animal, with a correct conformation, beautiful head and large, black eyes – FS Michelangelo (Shakaar Ibn Sanadiva – BB Mara), bred by Frank Spoenle and Heike Gunther Scherle, owned by Societa Agricola Le Quercette. That 6-years-old, dark bay stallion got the total score of 91 points and no wonder, that finally he was claimed the Champion. Second placed was a renowned show-ring star, the grey Memphis 27 (El Amin – SA Misha Apal), bred by james Swaenepoel and owned by Ajman Stud, who got 90,5 points. Next day he was nominated for the Senior Reser ve Champion Stallion.

114 115


AH V e ro n a - I t a ly erano iscritti solamente 3 cavalli. Il migliore è stato il baio di 7-anni Psyrasic (Psytadel-Karoba), allevato da Gestuet Osterhof e di proprietà dello Sceicco Mohammed Bin Saud Al Qasimi, più tardi premiato con la Medaglia di Bronzo del Campionato. I giudici hanno valutato quel tipico stallone con un punteggio totale di 90 punti. Secondo classificato è stato un altro figlio di Psytadel – il grigio EK Dehor (generato da April Carola), allevato da Az. Agr. S. Pietro e di proprietà di Manfredi Massimo. EK Dehor era molto bene condotto ed evidentemente si divertiva molto a dare spettacolo. L'ultima classe degli stalloni era per i 10-anni ed oltre. E’ stata vinta dal bianco SDP Taylor (Travis MSC- SH Enchantress), allevato da Jay ed Elaine d. Johnson, di pro-

The next class was for 7-9-y.o. stallions, in which entered were only 3 horses. The best of them proved the bay, seven-years-old Psyrasic (Psytadel – Karoba), bred by Gestuet Osterhof and owned by Sh. Mohammed Bin Saud Al Qasimi, later awarded with the Bronze Medal. The judges evaluated that typey stallion for 90 points. Second placed was another Psytadel son – the grey EK Dehor (out of April Carola), bred by Az. Agr. S. Pietro and owned by Manfredi Massimo. EK Dehor was very well handled and obviously enjoyed his performance. The last stallions`class was that for 10-y.o. and older ones. It was won by the milky-white SDP Taylor (Travis MSC – SH Enchantress), bred by Jay and

Grisenda Chandra - Class C 1° pl 4 Years Old and Older Mares - Italy Cup - O: Az. Agr. Montecucco Di Gatti Gloria

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


prietà di Marco Franchini, con un risultato totale di 90,5 punti. Secondo classificato era Om El Bendigo (Sanadik El Shaklan-Om El Beneera), allevato da Om El Arab Int. e di proprietà di Massimilano Rocchino. Entrambi gli stalloni sono stati allevati negli Stati Uniti. E’ stata poi la volta delle puledre di 1-anno. La loro classe è stata vinta dalla saura Armonia Moniscione (Ajman Moniscione-Armonia), allevata e di proprietà di Giancarlo Buzzi, con un risultato impressionante di ben 91 punti, inclusi 2x20 per tipo e 20 per testa e collo. Nei Campionati Armonia ha poi ottenuto la Medaglia di Bronzo ed il titolo di Seconda Riserva Campione. Seconda della classe si è classificata la puledra baia Divina By Sajda (El Cayon-Sajida), allevata da Giacomo Boscarino

Elaine d. Johnson, owned by Marco Franchini, with a total score of 90,5 points. Second placed was Om El Bendigo (Sanadik El Shaklan – Om El Beneera), bred by Om El Arab Int. and owned by Massimilano Rocchino. Both stallions were bred in the USA. Subsequently shown were yearling fillies. Their class was won by the chestnut Armonia Moniscione (Ajman Moniscione – Ar monia), bred/owned by Giancarlo Buzzi, with an impressive result of 91 points, including 2x20 for type and 20 for head and neck. In the Championships she got the Bronze Medal and the title of Second Reser ve Champion. In the class second placed was the bay filly Divina By Sajda (El Cayon – Sajida), bred by Giacomo

Wares - Class D 1° pl 10 Years Old and Older Stallions - Italy Cup - O: Scuderia Groane S.r.l. (IT)

116 117


AH V e ro n a - I t a ly

Feuer Nejla - Class E 1° pl Futurity Female - Italy Cup - O: Vieider Ivan

Hasman Gyo - Class F 1° pl Futurity Male - Italy Cup - O: Allevamento Gyo Di Trovo’ Giorgia (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Armonia Moniscione - Class 1 1° pl Yearling Fillies - International B Show - O: Az. Agr. Buzzi Giancarlo (IT)

e di proprietà dell’Allevamento Gyo Di Trovo Giorgia. Essa ha ottenuto lo stesso risultato totale, ma con note più basse per tipo, mentre il suo movimento era piuttosto buono. La classe delle puledre di 2-anni presentava esemplari di un livello relativamente alto. Vincitrice è stata la puledra grigia Turchiya MPE (WH Justice-Thee Rahiba), allevata da Antonio Manzi, di proprietà di Queiroz de Matos Elayne. Questa puledra eccezionalmente bella ha ottenuto uno straordinario 93 punti (inclusi 3x20 per tipo, 4x20 per testa e collo) ed il giorno seguente è stata giustamente incoronata Campionessa delle Puledre. Seconda classificata la baia CS Amay (Royal Colours – CS Opportunity), allevata da Marco Sensi e di proprietà di Filippi Concetta Gianluca. Questa bellissima cavalla ha ottenuto 92 punti (2x20 per tipo, testa-collo e movimento), così come il titolo di Riserva Campione. Alle classi Junior delle Puledre appartenevano anche quelle per le 3-anni, di qualità inferiore, a mio parere. Erano iscritte 4 puledre e la vincitrice è stata la grigia Anthasia (Amir Ashiraf-CO Pashmira), allevata da

Boscarino and owned by Allevamento Gyo Di Trovo Giorgia. She got the same total score, but with lower notes for type, whereas her movement was quite good. The class for 2-y.o. fillies represented a relatively high level. Its winner was the grey filly Turchiya MPE (WH Justice – Thee Rahiba), bred by Antonio Manzi, owned by Queiroz de Matos Elayne. That exceptionally beautiful filly got as much, as 93 points (including 3x20 for type, 4x20 for head and neck) and next day was rightly claimed the Junior Champion Mare. In the class second placed was the bay CS Amay (Royal Colours – CS Oppor tunity), bred by Marco Sensi and owned by Filippi Concetta Gianluca. This lovely mare got 92 points (2x20 for type, head with neck and movement), as well as the title of Junior Reser ve Champion Mare. To the Junior Fillies` classes belonged also that for 3-year-olds, in my opinion – of the lowest quality. Entered were 4 fillies and the winner was the grey Anthasia (Amir Ashiraf – CO Pashmira), bred

118 119


AH V e ro n a - I t a ly

Aj Bintan - Class 2 1° pl Yearling Colts - International B Show - O: Ajman Stud (UAE)

Giacomo Boscarino e di proprietà di Francesco Aprile. La puledra ha ottenuto 91,25 punti, incluso 1x20 per tipo. Seconda classificata Etoile As By Royal (Royal Colours – Petit PS), allevata e di proprietà di Chiara Cancemi. Nella stessa giornata abbiamo potuto ammirare anche tre gruppi d’età dei Puledri Junior. Il primo di questi, per i 3-anni, è stato vinto da quello che sarebbe diventato poi il Campione degli Stalloni Junior – l’eccezionalmente bel baio RFI Farid (RFI Maktub-RFI Fayara El Shiraz), allevato da Foz Forte Rodrigo, di

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

by Giacomo Boscarino and owned by Francesco Aprile. The filly got 91,25 points, including 1x20 for type. Second placed was Etoile As By Royal (Royal Colours – Petit PS), bred/owned by Chiara Cancemi. This day we enjoyed also three age-groups of Junior Colts. The first of them, for 3-year-olds, was won by the later Junior Champion Stallion – the strikingly beautiful, bay RFI Farid (RFI Maktub – RFI Fayara El Shiraz), bred by Foz For te Rodrigo, owned by Aretusa Arabians Team. He got 92,5


Turchiya MPE - Class 3 1° pl 2 Years Old Fillies - International B Show - O: Queiroz De Matos Elayne (BRA)

proprietà di Aretusa Arabians Team. Esso ha ottenuto 92,5 punti, inclusi 2x20 per tipo, 20 per testa e collo, e 20 per movimento. Domenica, dopo i Campionati, dove ha vinto l'Oro, è stato eletto anche Best In Show. Nello stessa classe si è piazzato secondo il grigio scuro AG Shalom (WH Justice-Oh My Shai), allevato da AG Nobel Arabians, di proprietà di Sovreco SpA, con un risultato totale di 90,25 punti. Fra i puledri di 2-anni, il migliore si è dimostrato il grigio Marjan Albidayer (Marajj-Pustynna Droga), allevato da Al Qassimi Mohamed Bin

points, including 2x20 for type, 20 for head nad neck, and 20 for movement. On Sunday, after the Championships, when he got the Gold, he was also elected for the Best In Show. In the same class second placed was the dark grey AG Shalom (WH Justice – Oh My Shai), bred by AG Nobel Arabians, owned by Sovreco Spa, with a total score of 90,25 points. Among the 2-y.o. colts the best proved the grey Marjan Albidayer (Marajj – Pustynna Droga), bred by Al Qassimi Mohammed Bin Saoud, owned by Marjan Syndicate.

120 121


AH V e ro n a - I t a ly

Marjan Albidayer - Class 4 1째 pl 2 Years Old Colts - International B Show - O: Marjan Syndacate (DE)

Anthasia Ashiraf - Class 5 1째 pl 3 Years Old Fillies - International B Show - O: Aprile Francesco (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


RFI Farid - Class 6 1° pl 3 Years Old Colts - International B Show - O: Aretusa Arabians Team Di Palumbo L. (IT)

Saoud, di proprietà del Marjan Syndacate. Esso ha ricevuto una valutazione di 90 punti, ed il giorno seguente i giudici del Campionato gli hanno attribuito la Medaglia di Bronzo. Secondo nella classe si è classificato il baio TF Colours (Royal Colours-Nuk Serondella), allevato da e di proprietà di Francesco Tripodi. Il vincitore nella classe dei puledri di un anno era il mio favorito che già mi aveva incantato durante la Elran Cup ad Hasselt. Esso è AJ Bintan (WH Justice-RGA Kouress), allevato da Markelle Arabians e di proprietà degli Ajman Stud. Esso si è guadagnato 92,25 punti (inclusi 2x20 per tipo e 2x20 per testa e collo) e più tardi il titolo di Riserva Campione Stalloni Junior. Nonostante ciò, personalmente ho avuto l’impressione che fosse stanco oppure semplicemente ha avuto un “giorno nero”; anche se, per un puledro di un anno, prendere parte ad uno show è certamente sempre stressante, tanto più deve esserlo stato per lui, che ha preso parte a tutti

He was evaluated for 90 points, and next day the judges nominated him the Bronze Medal holder. Second in his class placed was the bay TF Colours (Royal Colorus – Nuk Serondella), bred/owned by Francesco Tripodi. The winner in the yearlings class was my favorite, who enchanted me already during the Elran Cup at Hasselt. He was AJ Bintan (WH Justice – RGA Kouress), bred by Markelle Arabians and owned by Ajman Stud. He gained 92,25 points (including 2x20 fr type and 2x20 for head and neck) and subsequently the Junior Reserve Champion Stallion title. Nevertheless, for me he looked tired or simply had his “black day”, although for a yearling taking part in shows is surely distressing all the time, the more, that he attended all major events of this season. In this class second placed was ST Tullio (Magnum Psyche – DA Roulette), bred/owned by Simonetti Tullio, with a rare, dark-

122 123


AH V e ro n a - I t a ly

Blue Rose - Class 7 1° pl 4-6 Years Old Mares - International B Show - O: Sheikh Ammar Bin Humaid Al Naimi (UAE)

i principali eventi di quest’anno. In questa classe si è classificato secondo ST Tullio (Magnum Psyche-DA Roulette), allevato e di proprietà di Simonetti Tullio, con una rara tonalità del manto grigio-scuro, con criniera e coda bianche. Domenica, prima dei Campionati, si sono tenute le classi rimanenti delle Fattrici senior. La classe per le 4-6-anni è stata vinta da un’altra mia favorita, la bellissima figlia di Padrons Immage (generata da Suite Rose), allevata da Augusto Sacco e di proprietà degli Ajman Stud. Peccato che non abbia mostrato un miglior trotto, ma in ogni modo si è guada-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

grey shade of coat, with a white mane and tail. On Sunday, before the Championships, held were the remaining classes of senior mares. The class for 4-6-year-olds was won by another my favorite, the beautiful daughter of Padrons Immage (out of Suite Rose), bred by Augusto Sacco and owned by Ajman Stud. It was a pity, that she didn`t show a better trot, but anyway she got a nice result – 91,75 points (2x20 for type, 2x20 for head and neck). Several hours later the judges elected her the Senior Champion Mare and granted her


Bajadera B - Class 8 1° pl 7 Years Old and Older Mares - International B Show - O: Societa’ Agricola diVago Roberto & C. Snc (IT)

FS Michelangelo - Class 9 1° pl 4-6 Years Old Stallions - International B Show - O: Societa’ Agricola Le Quercette S.l.r. (IT)

124 125


AH V e ro n a - I t a ly gnato un bel risultato - 91,75 punti (2x20 per tipo, 2x20 per testa e collo). Qualche ora più tardi i giudici l'hanno eletta Campionessa Fattrici Senior e le hanno concesso la Medaglia d’Oro. Secondo classificato, con 90,75 punti (1x20 per testa e collo) CF Shamila (Moroc-CAG Samsarah), una fattrice molto tipica e dall’eccellente movimento, allevata da Sergio Gubiotti e di proprietà di Francesco Tomasoni. Nel Campionato le è stato poi assegnato il titolo di Riserva Campione Fattrici Senior. L'ultima classe dello show era quella delle fattrici di 7-anni ed oltre. E’ stata vinta dalla bianca Bajadera B, di 11 anni (Teyszir B-243-Basme B), allevata da Babolna Stud e di proprietà di Roberto Vago&SNC Societa Agricola. Essa ha ottenuto alti punteggi, per un totale che ar-

Gold Medal. Second placed was, with 90,75 points (1x20 for head nad neck) CF Shamila (Moroc – CAG Samsarah), a typey and well-moving mare, bred by Sergio Gubiotti and owned by Francesco Tomasoni. During the Championship she was granted the title of Senior Reser ve Champion Mare. The last class of the show was one for 7-y.o. and older mares. It was won by the milky-white, 11 years old Bajadera B (Teyszir B-243 – Basme B), bred by Babolna Stud and owned by Rober to Vago&SNC Societa Agricola. She got high marks, in total reaching 92 points (20 for type and 4x20 for movement) and in the final comparison she got the Bronze Medal. In the same class second placed was, with

Psyrasic - Class 10 1° pl 7-9 Years Old Stallions - International B Show - O: Lease to Scuderia Groane (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


riva a 92 punti (20 per tipo e 4x20 per movimento) e nel confronto finale ha conquistato la Medaglia di Bronzo. Nella stessa classe si è classificata seconda, col risultato di 90,5 punti, Grea Nazera (Moroc-AK Khattaara), allevata da AZ. Agr. CASA GREA Gandolfo Giuseppina e di proprietà di VP Alice Arabians di Paolo Verolo. Lo show ci è sembrato molto ben riuscito, grazie alla alta qualità dei cavalli partecipanti, ma anche per la bravura degli addestratori-istruttori italiani, e quella dell'ospite dalla Germania - Frank Spoenle, i cui cavalli si sono aggiudicati 3 ori, 2 argenti ed 1 bronzo. Congratulazioni a lui ed Arrivederci ai primi show della ormai molto prossima stagione 2011, che presto avrà inizio in Europa.

the result of 90,5 points, Grea Nazera (Moroc – AK Khattaara), bred by AZ. Agr. CASA GREA Gandolfo Giuseppina and owned by VP Alice Arabians di Paolo Verolo. The show seemed successful, because of the high quality of entered horses, as well for Italian handlers-trainers, as for the guest from Germany – Frank Spoenle, whose horses got 3 golds, 2 silvers and 1 bronze. Congratulations to him and see you in the first shows in the coming, 2011 season, beginning in Europe soon.

SDP Taylor - Class 11 1° pl 10 Years Old and Older Stallions - International B Show - O: Franchini Marco (IT)

126 127


AH V e ro n a - I t a ly - I t a l i a n C u p

Championship Fillies

GOLD MEDAL • SA Minerva - O: Scipioni Angelo (IT)

SILVER MEDAL • Av Dalia O: Arabian Valley Stud S.S. Fratelli Sanchi (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Creola LC O: Soc. Agr. La Campagnola F.lli Motta (IT)


Championship Colts

GOLD MEDAL • TF Star Ibn Psequel - O: Az. Agr. Tripodi Francesco (IT)

SILVER MEDAL • Antheros By Nashira O: Pietro Re (IT)

BRONZE MEDAL • Frasera Dubai O: Allevamento La Frasera (IT)

128 129


AH V e ro n a - I t a ly - I t a l i a n C u p

Championship Mares

GOLD MEDAL • Grisenda Chandra - O: Az. Agr. Montecucco Di Gloria Gatti (IT)

SILVER MEDAL • AG Samsarah O: Tomasoni Francesca Az. Agr. Corte F. (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • VF Sasha O: Lupo Faro (IT)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • Wares - O: Scuderia Groane S.r.l. (IT)

SILVER MEDAL • Ab Jamil La Piana O: Az. Agr. Morelli Mauro (IT)

BRONZE MEDAL • Alakazam B O: Calderai Elisabetta (IT)

130 131


AH V e ro n a - I t a ly - I n te r n a t i o n a l B S h o w

Championship Fillies

GOLD MEDAL • Turchiya Mpe - O: Queiroz De Matos Elayne (BRA)

SILVER MEDAL • CS Amay O: Filippi Coccetta Gianluca (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Armonia Moniscione O: Az. Agr. Buzzi Giancarlo (IT)


Championship Colts

GOLD MEDAL • RFI Farid - O: Aretusa Arabians Team Di Palumbo L (IT)

SILVER MEDAL • AJ Bintan O: Ajman Stud (UAE)

BRONZE MEDAL • Marjan Albidayer O: Marjan Syndacate (UAE)

132 133


AH V e ro n a - I t a ly - I n te r n a t i o n a l B S h o w

Championship Mares

GOLD MEDAL • Blue Rose - O: Sheikh Ammar Bin Humaid Al Nuaimi (UAE)

SILVER MEDAL • CF Shamila O: Tomasoni Francesca Az. Agr. Corte F. (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Bajadera B O: Vago Roberto & C. Snc Soc. Agricola (IT)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • FS Michelangelo - O: Società Agricola Le Quercette Srl (IT)

SILVER MEDAL • Memphis 27 O: Sheikh Ammar Bin Humaid Al Nuaimi (UAE)

BRONZE MEDAL • Psyrasic O: Lease to Scuderia Groane (IT)

134 135


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


137 137


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Paris

for the 30 time! th

By Mateusz Jaworski - photo by Erwin Escher

Le emozioni risvegliate dalla ricorrenza per il 30mo Campionato del Mondo a Parigi, sono già finite. Specialmente i primi due giorni sono stati molto ricchi di emozioni, ma nonostante le avversità del tempo, tutti i partecipanti, sono riusciti ad arrivare. Uno dei migliori addestratori ed istruttori di cavalli da show in Europa, Johanna Ullstrom, ha rievocato quei giorni come segue: “La tempesta di neve peggiore di Parigi si è verificata proprio in quei primi giorni, mercoledì e giovedì, mentre i cavalli venivano trasportati in rimorchi da tutte le parti di Europa ed i loro proprietari, allevatori, fotografi, giornalisti e tifosi ammiratori

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

The emotions aroused by the anniver sary of 30th World Championships in Paris are already over. Especially the first two days were rich in emotions, but despite the weather adversities all participants, managed to come. One of the best handler s and trainer s of show horses in Europe, Johanna Ullstrom, recalled those days, as follows: “The worst snowstor m in Par is took place just in those fir st days, Wednesday and Thur sday, when the hor ses were transpor ted in trailers from all par ts of Europe and their owner s, breeder s, photog rapher s, jour nalists and


viaggiavano in aereo. Il mercoledì 8 Dicembre, il traffico nell’intera zona di Parigi è rimasto paralizzato, nessuno poteva viaggiare dentro o fuori la città. I camion con i cavalli sono rimasti intrappolati in code di traffico dalle 6 alle 9 ore ed il nostro viaggio, invece di 3 ore e mezza ne è durato 11 e mezza”. Proprio in quel mentre, viaggiavo in treno dall'aeroporto di Bruxelles a Parigi. Nella capitale francese tutte le stazioni ferroviarie e della metropolitana, gli autobus ed i posteggi dei taxi erano affollatissimi, la maggior parte dei voli erano stati annullati, ed il resto ritardato. Parigi era terrorizzata, ma né il gelo, né la neve avrebbero po-

fans flew by planes. On Wednesday, Dec. 8th, the whole traffic in Par is was immobilized, nobody could drive in or out. Horse trailers stood in traffic jams for 6 to 9 hour s and our tr ip, instead of 3,5h, lasted 11,5.” Just at that time I travelled by train from the airpor t in Br ussels to Paris. In the capital of France all railway stations, subway stations, bus and taxi stops were crowded, most flights were cancelled, whereas the rest – delayed. Paris became ter r ified, but neither frosts, nor snows could cool the g rowing, heated-up emotions. Everybody, who

138 139


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s tuto raffreddare la crescente, ribollente emozione. Chiunque fosse interessato in qualsiasi maniera al cavallo Arabo cercava solo di prevedere i risultati, il che era un compito tutt’altro che facile quest’anno! Nonostante il tempo inclemente, come concludeva Johanna,“Una volta allo show, ci siamo dimenticati tutti i guai ed abbiamo goduto un fine settimana meraviglioso. Il Ring era una meraviglia, tanti amici dall'estero tutti insieme, i più bei cavalli del mondo – cos’altro avremmo potuto desiderare?” I cavalli a Parigi sono stati suddivisi in gruppi di età, invece che in classi. Cinque cavalli di ogni gruppo di età si qualificavano per la finale, guadagnando allo stesso momento il titolo dei Top Ten del Mondo. Quest’anno comunque è accaduto molte volte che un cavallo classificatosi 6° in un dato gruppo -per esempio ‘A’- si è qualificato per la finale, mentre un altro cavallo piazzato 5° nel gruppo“B”ha ricevuto meno punti. Per quanto concerne Parigi, il pannello di giudici invitato alla manifestazione era composta dalle Sig.re Marianne Tengstedt (Danimarca) ed Ann Norden (Svezia), il Dott. Nasr Marei (l'Egitto), i Sigg. Marc Veray (Francia) e Scott

was involved in Arabian hor se business in any way, tr ied to foresee the results, what wasn`t an easy task this year! Despite the hard winter, Johanna concluded: “Once at the show, we forgot all troubles and had a wonderful weekend. The r ing was beautifully made, lots of fr iends from abroad were in one place, hor ses were the most beautiful in the world – what more could we wish?” In Par is hor ses are divided into age-g roups, instead of classes. Five hor ses from each age g roup qualifies to the finals, gaining at the same time the World Top Ten title. This year it happened, however, for several times, that a hor se placed 6th in a g iven g roup – for example “A” – qualified to the finals, when another hor se placed 5th in a “B” g roup got less points. As far, as Par is is concer ned, invited was the judges` board consisting of: Marianne Tengstedt (Denmark), Ann Norden (Sweden), Dr. Nasr Marei (Egypt), Marc Veray (France), Scott Benjamin (Canada), Dr. Gianmarco Aragno (Italy), Moham-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Benjamin (Canada), il Dott. Gianmarco Aragno (Italia), ed infine i Sigg. Mohammed Machmoum (Marocco) e Wili Poth (Francia). Venerdì abbiamo potuto ammirare tutte le femmine - due gruppi di Puledre e due gruppi di Fattrici. Le Top Six della Classe 1A (Junior Filllies): 1.Almasa (91,41) - HKJMedaglia di Bronzo 2.Piacenza (91,33)-PL 3.Zigi Zana (91,16)-PL 4.Al Principessa Aliha (91,08) - AT 5.Turchiya MPE (90,83)BRZ-la più bella testa nella classe 6.Ava (90,58)- GB Le Top Six della Classe 1B: 1.FT Shaella (93,25)-UAEMedaglia d’Oro 2.Alma Al Tiglio (92,08) -IT-Medaglia d’Argento, la più bella testa nella classe 3.Psyche Kreuza (91,5) -PL 4.Baila do Djoon OS (90,83)-UAE 5.Parmana (90,83)-PL/ KSA 6.Djoonam OS (90,5) -UAE Per me, il gruppo più incredibile e piacevole da guardare erano le Fattrici. Gli appassionati polacchi di cavalli Arabi aspettavano impazientemente l’esibizione di Emandoria. Tutti pensavano che avrebbe ri-

med Machmoum (Morocco) and Willi Poth (Ger many). On Friday we saw all females – two g roups of Junior Fillies and two g roups of Senior Mares. The Top Six of 1A Class (Junior Filllies): 1. Almasa (91,41) - HKJ - Bronze Medal 2. Piacenza (91,33) PL 3. Zig i Zana (91,16) PL 4. Al Pr incess Aliha (91,08) - AT 5. Turc hiya MPE (90,83) - BRZ - the best head in the class 6. Ava (90,58) - GB The Top Six of 1B Class: 1. FT Shaella (93,25) UAE - Gold Medal 2. Alma Al Tiglio (92,08) - IT - Silver Medal, the best head in the class 3. Psyc he Kreuza (91,5) - PL 4. Baila do Djoon OS (90,83) - UAE 5. Par mana (90,83) PL/KSA 6. Djoonam OS (90,5) - UAE For me, the most breathtaking and pleasant to look at, were the senior mares. The Polish Arabian horse fans waited

140 141


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Mr Ali Shaarawi

Ms Martine Despegel & Mr Sheikh Mohammed Bin Saud Al Qasimi

Mr Salem Bin Ladin

Mrs. Mila Kamis

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

cevuto l’Oro per la terza volta, dopo aver vinto la All Nations Cup ed il Campionato d'Europa, il che l’avrebbe resa ”Triplamente incoronata”. Invece il Campionato del Mondo è stato catturato dalla sua rivale, piazzatasi seconda nella classe - la magnifica bianca Bess Fa´izah. Chiaramente, la maggior parte dei nostri lettori, essendo appassionati di cavalli Arabi ed interessati agli show, conosce già bene il risultato, quindi non c'è ragione per presentarli ancora una volta. Mi piacerebbe tuttavia condividere con Voi un'impressione insolitamente toccante, un fatterello avvenuto durante la premiazione delle World Top Ten Senior Mares - le dieci grazie grigie molto femminili. Fra di loro c’erano due compagne di scuderia, Unic All JP e SF Shaklina. Mentre i loro allevatori e proprietari posavano per le fotografie assumendo un'appropriata espressione solenne - loro si mordicchiavano a vicenda, effettuando una“mutua cura della pelle”! Le Top Six della Classe 2A: 1.Emandoria (92,83) - PL -Medaglia d’Argento 2.Bess Fa`izah (92,66) - UAE - Medaglia d’Oro, la più bella testa nella classe 3.Jamilla Al Zobair (91,91) - KSA 4.Pistoria (91,5) - PL 5.Pinga (90,66) - PL 6.Sefora (90,5) - PL Le Top Six della Classe 2B: 1.LadiVeronika (93,16) - UAE - Medaglia di Bronzo - la più bella testa nella classe 2.Emmona (93,16) - PL 3.Athenaa (92,33) - KSA 4.Zagrobla (91,83) - PL 5.SF Shaklina (91,08) - BE 6.Unic All JP (90,66) - BE Sabato sono stati mostrati tutti “i gen-

impatiently for the perfor mance of Emandoria. Everybody expected her to get Gold for the third time, after winning the Nations` Cup and Championship of Europe, what would make her “Triple crowned”. The World Championship, however, was captured by her r ival, placed second in the class – the magnificent, milkywhite Bess Fa`Izah. Of cour se, most of our readers, being Arabian hor se fans, interested in their shows, know the result well, so there is no reason for introducing them once more. I`d only like to share with you an exceptionally touching impression, what was made during the decoration of the World Top Ten in Senior Mares – ten grey, feminine g races. Among them were two stablemates – Unic All JP and SF Shaklina. When their breeder s and owner s posed for the photos, putting on the solemn expression – they nibbled eac h other, making a “social skin care”! The Top Six of 2A Class: 1. Emandoria (92,83) - PL - Silver Medal 2. Bess Fa`Izah (92,66) - UAE - Gold Medal, the best head in the class 3. Jamilla Al Zobair (91,91) - KSA 4. Pistoria (91,5) - PL 5. Pinga (90,66) - PL 6. Sefora (90,5) - PL The Top Six of 2B Class: 1. Ladi Veronika (93,16) - UAE - Bronze Medal - the best head in the class 2. Emmona (93,16) - PL 3. Athenaa (92,33) - KSA


tiluomini”- quattro gruppi di puledri e stalloni, divisi allo stesso modo delle fattrici. I risultati dei gruppi degli stalloni senior in effetti non sorprendono nessuno, perché erano facilmente prevedibili. I Top Six della Classe 3A: 1.Fadi Al Shaqab (92,66) - QAT Medaglia d’Argento 2.Shamal Al Khalediah (92,16) - KSA -la più bella testa nella classe 3.Makisa Adaggio (91,16) - GB 4.Empire (91) - PL 5.Aja Adonis (90,66) - KSA 6.Magic Magnifique (90,58) - IT I Top Six della Classe 3B: 1.Aja Justified (92,66) - KSA -Campione Stalloni Junior (triple crowner) - la più bella testa nella classe 2.RFI Farid (92,58) - IT - Medaglia di Bronzo 3.El Chall WR (91,83) - USA 4.Revolution (91) - KSA 5.ROE Lateef (90,66) - GB 6.Designed (90,58) - GB A seguire ecco gli Stalloni Senior. I Top Six della Classe 4A: 1.Baanderos (94) - il punteggio più alto nello show- Senior Champion Stallion 2.QR Marc (92,91) - BE - Riserva Campione Stalloni Senior, il più bello della classe 3.Marquis (92,91) - KSA - Medaglia di Bronzo 4.Al Fakhir (91,41) - AT 5.Eqzotic (89,58) - GB 6.Sheik de Gargassan (89,25) - FR I Top Six della Classe 4B: 1.Poganin (92,5) - PL 2.Girlan-Bey (92,25) - PL 3.BS Specific (91,66) - FR 4.Dakharo (91,33) - KSA

4. Zag robla (91,83) - PL 5. SF Shaklina (91,08) - BE 6. Unic All JP (90,66) - BE On Saturday shown were all the “gentlemen” – four g roups for stallions, divided the same way as mares. The results of those g roups didn`t surprise anybody, because it could be easily foreseen.

HRH Prince Abulaziz Bin Ahmed Abdulaziz Al Saud & Mr Mutlaq Bin Mushrif

The Top Six of 3A Class: 1. Fadi Al Shaqab (92,66) - QAT Silver Medal 2. Shamal Al Khalediah (92,16) KSA - the best head in the class 3. Makisa Adaggio (91,16) - GB 4. Empire (91) - PL 5. Aja Adonis (90,66) - KSA 6. Magic Magnifique (90,58) - IT The Top Six of 3B Class: 1. Aja Justified (92,66) - KSA - Junior Champion Stallion (triple Crowned), the best head in the class) 2. RFI Farid (92,58) - IT - Bronze Medal 3. El Chall WR (91,83) - USA 4. Revolution (91) - KSA 5. ROE Lateef (90,66) - GB 6. Designed (90,58) - GB Following are the Senior Stallions.

Mr Mutlaq Bin Mushrif, Mr Jerzy Bialobok & Al Shaqab Team

The Top Six of 4A Class: 1. Baanderos (94) - the highest point score in the show - Senior Champion Stallion 2. QR Marc (92,91) - BE - Senior Reserve Champion Stallion, the best head in the class 3. Marquis (92,91) - KSA - Bronze Medal 4. Al Fakhir (91,41) - AT 5. Eqzotic (89,58) - GB 6. Sheik de Gargassan (89,25) - FR The Top Six of 4B Class:

Mr Abdelaziz - Dubai Arabian Horse Stud

Ms Pilar Cavero & Mr Ahmed El Telawy

142 143


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Almasa - Class 1A 1° pl 1-3 Years Old Fillies - O: HRH Prince Mirza Hussein (JOR)

5.MCA Magnum Gold (91) - KSA 6.Rohara Bacara (91) - SE - il miglior movimento nello show Domenica siamo stati testimoni della parte più elettrizzante dello show - l'elezione dei campioni, quest’anno accompagnata dalle tribune coperte stracolme e da uno scenario speciale. L'arena riccamente decorata era coperta con tappeti rossi sui quali erano sistemati pini spruzzati con neve artificiale. Tra questi, accanto a torce fiammeggianti, stavano otto giudici internazionali (uno in più degli anni scorsi). Quei giudici, diversamente da altri show, nominavano le loro raccomandazioni di medaglia fra tutti i cavalli qualificati, non solo delle prime

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

1.Poganin (92,5) - PL 2. Girlan-Bey (92,25) - PL 3. BS Specific (91,66) - FR 4. Dakharo (91,33) - KSA 5. MCA Magnum Gold (91) - KSA 6. Rohara Bacara (91) - SE - the best movement in the show On Sunday we witnessed the most thr illing par t of the show – the election of c hampions. This year it was accompanied by full g randstands and a special scenery. The richly decorated arena was covered with red car pets, on whic h ar ranged were conifers sprinkled with ar tificial snow. Between


FT Shaella - Class 1B 1° pl 1-3 Years Old Fillies - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

posizioni. E’ interessante notare che quest’anno nessun campione è stato eletto all’unanimità. In queste circostanze, se 11 cavalli polacchi hanno ottenuto posizioni fra i 39 migliori cavalli del mondo, è stato realmente un grande successo dell’allevamento polacco che non deve essere sottovalutato. Tutti i cavalli sembravano stanchi, e probabilmente lo erano realmente, a causa della lunga stagione di show, un viaggio anche più stancante del solito ed il riscaldamento eccessivo delle scuderie. Il premio per il miglior allevatore (per la seconda volta di fila) è stato assegnato a Michalòw Stud. Sono stati premiati anche gli allevatori che hanno ottenuto il maggior numero di titoli di Cam-

them, beside bur ning torches, stood eight inter national judges (one more than last year). Those judges, in other way than in other shows, appointed their medal recommendations from all qualified hor ses, not only from the fir st places. Interesting was, that no champion this year was elected unanimously. In those circumstances, if 11 Polish horses got among 39 best hor ses of the world, it was really a g reat success of Polish breeding, whic h shouldn`t be underestimated. All horses looked tired and probably they really were, because of the long show season, an exhausting tr ip and excessively heated stables. The award

144 145


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s pione nella ormai trentennale storia dei Campionati del Mondo. Va notato, però, che gli organizzatori non hanno pensato ad organizzare alcun genere di accoglienza per gli allevatori, scudieri o addestratori. Le squadre, che si prendevano cura dei cavalli 24 ore su 24, non hanno potuto vedere nessuno degli show speciali di ogni RFI Farid - Bronze Medal Colts - O: Lucia Palumbo (IT)

Emandoria - Class 2A 1° pl 4 Years Old and Older Fillies - O: Stadnina Koni Michalow (PL)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

for the best breeder (for the second time in a row) was g ranted to Mic hałów Stud. Prized were also the breeder s, who captured the most Champion titles in the 30-year s-long history of the World Championships. It has to be pointed out, however, that the organizer s didn`t think about ar ranging


LadiVeronika - Class 2B 1° pl 4 Years Old and Older Fillies - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

sera. Non hanno potuto incontrarsi ad una“serata degli allevatori”, come è oramai consuetudine, né esisteva la possibilità di acquistare qualcosa di buono da mangiare o bere all’interno degli show-grounds. In considerazione dell’alto profilo di questo show, questi aspetti dovrebbero essere migliorati per le prossime edizioni.

any kind of reception for the breeder s, g rooms or handler s. The teams taking care of hor ses for 24 hour s weren`t allowed to see any of special shows. They couldn`t meet at a “breeder s` dinner”, as always, neither was it possible to buy anything to eat or dr ink in the show g rounds. Consi-

HRH Prince Khaled Bin Sultan Bin Abdul Aziz Alsaud (KSA) and HRH Prince Ammar Bin Rashid Al Nuaimi (UAE)

146 147


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Fadi Al Shaqab - Class 3A 1° pl 1-3 Years Old Colts - O: AI Shaqab Stud (QAT)

Johanna Ullstroem alla fine ha commentato i risultati dei suoi cavalli in questo modo: “4 su 7 dei nostri cavalli in finale ci rende molto soddisfatti, perché abbiamo avuto cavalli soltanto da piccoli allevatori, non dalle Scuderie Statali polacche o di proprietà di Sceicchi. Sono estremamente orgogliosa dei miei meravigliosi clienti europei che riescono a competere contro dei cavalli scelti fra il meglio assoluto in ogni angolo del mondo. Auguro a tutti Voi un meraviglioso 2011”! I cavalli Arabi in Europa ora possono riposare, perché ci sarà un’interruzione di alcuni mesi degli show. Essi inizieranno di nuovo tra aprile e maggio. Solamente nel Medio Oriente la stagione degli show torna alla vita proprio ora, in modo che noi - gli appassionati dei PSA - possiamo lì tenere alto il nostro livello di adrenalina.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

dering the high rank of such shows, it should be improved in next years. Johanna Ullstroem finally commented the results of her horses, as follows: “4 of 7 our horses in the finals made us very satisfied, as we had only horses owned by small breeders, not from the Polish state studs or owned by Sheikhs. I`m very proud of my wonderful European clients that can compete with horses handpicked from every corner of the world. I wish you all a wonderful New Year 2011!” The Arabian horses in Europe can rest now, because there will be a several months break in shows. They`ll beg in again between April and May. Only in the Middle East the show season wakes to life just now, so we – the Arabian hor se fans – can keep up with emotions over there.


Aja Justified - Class 3B 1째 pl 1-3 Years Old Colts - O: HRH Prince Abdulaziz Bin Ahmed AI Saud - Athbah Stud (KSA)

Baanderos - Class 4A 1째 pl 4 Years Old and Older Stallions - O: Al Khalediah Stables (KSA)

148 149


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Championship Fillies

GOLD MEDAL • FT Shaella - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Alma Al Tiglio O: Giancarlo Buzzi (IT) - Ajman Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Almasa O: HRH Prince Mirza Hussein (JOR)


Championship Colts

GOLD MEDAL • Aja Justified - O: Athbah Stud (KSA)

SILVER MEDAL • Fadi Al Shaqab O: AI Shaqab Stud (QAT)

BRONZE MEDAL • RFI Farid O: Lucia Palumbo (IT)

150 151


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Championship Mares

GOLD MEDAL • Bess Fa’Izah - O: HRH Sheikh Ammar Bin Humaid AI Nuaimi (UAE)

SILVER MEDAL • Emandoria O: Stadnina Koni Michalow (PL)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Ladi Veronika O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • Baanderos - O: Al Khalediah Stables (KSA)

SILVER MEDAL • QR Marc O: Paul Gheysens (BE)

BRONZE MEDAL • Marquis Cahr O: Al Khalediah Stables (KSA)

152 153


AH W o r l d C h a m p i o n s h i p - P a r i s

Best Movement -

Lutetia Arabians (Fra)

CHAMPION • Rohara Baccara O: Naples Arabians (SWE)

Best Straight Egyptian Horse - Rabab Stud (Egy)

CHAMPION • CF Shamila O: Francesca Tomasoni (IT)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Most Beautiful Head Male B- Al Shaqab (Ksa)

CHAMPION • MCA Magnum Gold O: Sheikh Khaled Ahmed Bagedo (KSA)

Trophée Espoir

CHAMPION • El Chall WR O: Robert North (USA)

154 155


AH I n te r v i ew - W i l ly L u d e r

Willy Luder AHJ: Sig. Luder, molti dei nostri lettori conoscono l'ECAHO come un'istituzione che esiste” da sempre“. Potrebbe comunque per favore spiegare perché e come è stata fondata questa organizzazione? Willy Luder: l'ECAHO fu fondata nel 1983 - quando divenne necessario coordinare tutte le attività delle varie organizzazioni Equestri Arabe in Europa, per esempio per evitare molti diversi Campionati europei nello stesso anno! Quando nel 1983, l'Associazione Svizzera degli Allevatori del Cavallo Arabo invitò i suoi colleghi europei ad inviare rappresentanti ad una riunione nel “Karthause Ittingen”, 10 paesi risposero alla chiamata e questa data marca quindi il luogo di nascita ed il compleanno dell'ECAHO. Gli articoli all'Ordine del Giorno erano poi molto simili

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Magazine: Mr. Luder, many of our readers know ECAHO as an institution which was there „forever“. However, could you please explain why and how this organisation was founded? Willy Luder: ECAHO was founded in 1983 – when it became necessary to co-ordinate all the activities of the Arab Horse organisations in Europe. For example to avoid several different European Championships in one year! When in 1983, the Swiss Arab Horse Breeders Association invited its fellow European colleagues to send representatives to a meeting in the “Karthause Ittingen”, 10 countries have responded to the call and this date and place marks the birthday of ECAHO.The items on the Agenda back then read very similar to today: Constitution, co-ordination of shows, judging systems, show pyramid, unde-


ad oggi: Costituzione, coordinazione di show, sistemi di giudizio piramidali per gli show, discussione delle pratiche indesiderabili, ecc. Questo ultimo punto concerne il benessere degli animali ed era inteso come un contrasto alle pratiche allora in auge in America, che l'ECAHO tentò di prevenire che prendessero piede anche qui in Europa. AHJ: L'ECAHO è chiamato “Conferenza Europea delle Organizzazioni Cavalli Arabi”- come mai ha diffuso la sua sfera d'influenza anche nei Paesi Arabi? Willy Luder: La rinascita del cavallo arabo ha avuto inizio in Medio Oriente solamente negli anni 1990. L'ECAHO era a quel punto un‘organizzazione già ben definita e la Giordania ed il Qatar furono i primi paesi a mostrare interesse verso show in “Stile europeo”. Essi erano alla ricerca di consigli per organizzare e stabilire corretti e ben organizzati show nei loro paesi. Oggi noi abbiamo 14 Membri nel Medio Oriente e Nord Africa, sette dei quali sono Full Members. L'anno scorso i nostri Membri hanno organizzato 31 Shows ECAHO di tutte le categorie. AHJ: Come è cambiata negli ultimi 20 anni la scena degli show? Willy Luder: Bene, gli show ai vecchi tempi erano un finesettimana di divertimento per gli allevatori; erano generalmente effettuati in un'arena di equitazione o anche semplicemente su di un appezzamento di terreno recintato. Oggi i più importanti eventi sono organizzati come eventi sociali d'alta classe. Non c'è proprio nessuno show senza sedie riservate ai VIP e gli show di alto livello si sono sviluppati in eventi sociali con dei cavalli come motivo di divertimento, piuttosto che una competizione di razza equina. I partecipanti sono divenuti anche molto esigenti, il che aumenta notevolmente il costo di uno show. Gli eventi più importanti sono divenuti di gran lunga più competitivi, se non altro perché gli istruttori guadagnano in parte i loro soldi attraverso i bonus che ottengono per buoni piazzamenti. Più competitivo è uno show, meno viene rispettato il welfare dei cavalli. Il clima è divenuto più rovente! Ed è lì che l'ECAHO ha bisogno di regole severe che non rimangano parole al vento ma, al contrario, trovino risposte con la regolamentazione e l'intervento. Quello che la nostra Commissione Show ha fatto in questa direzione durante gli ultimi 4 anni, a metterla delicatamente, non si conviene alla natura seria della questione. La maggior parte delle difficoltà dell'ECAHO, oggigiorno, hanno origine dalla gestione non professionale e dalla struttura stessa di questa commissione: con le sue 20 / 30 persone, è troppo grande ed inoltre i suoi membri

sirable showing practices, etc. The latter point concerns animal welfare and was taken up as an opposition to the then showing practices in America, which ECAHO tried to prevent to get a foothold here in Europe. Magazine: ECAHO is called “European Conference of Arab Horse Organizations” – how come that it has spread its sphere of influence also to the Arab countries? Willy Luder: The renaissance of the Arab horse started in the Middle East only in the 1990ies. At this time, ECAHO was already a well-established organisation and Jordan and Qatar were the first countries to show interest in “European Style” shows. They were looking for advise to organise and establish fair and well organised shows in their countries.Today we have 14 Members in the Middle East und North Africa, of which seven are Full Members. Last year, our Members there were organising 31 ECAHO Shows of all levels. Magazine: How did the show scene change over the past 20 years? Willy Luder: Well, shows have been a fun-weekend for breeders in the old days; they were held in a riding arena or even on just a fenced piece of land. Today, the most important events are organised as high-class social happenings.There is hardly any show without VIP seating and the high-end shows have developed into a social affair with some horses as entertainment, rather than a breed competition. The participants have become very demanding too, which increases considerably the cost of a show. The top events have become far more competitive, last not least because the trainers are earning their money partly through the bonuses they get for good ranks.The more competitive a show is, the less the welfare of horses is being respected. The climate has become rougher! And that is where ECAHO needs strict rules which do not remain a lip service but need regulation and also enforcement. What our Show Commission has done in this respect over the last 4 years, to put it mildly, does not befit the serious nature of the matter. Most of ECAHO’s difficulties today originate from the unprofessional leadership and the structure of this commission: With 20 to 30 people, it is too big and additionally, its members are changing too frequently; therefore their work is not really effective. Magazine: What would you see as the biggest threats for today’s show scene? Willy Luder: There are quite a few tasks to be completed:

156 157


AH I n te r v i ew - W i l ly L u d e r stanno cambiando troppo frequentemente, per cui il loro lavoro non è veramente efficace. AHJ: Cosa considera come maggior minaccia per il mondo degli show di oggi? Willy Luder: Ci sono molte problematiche che devono essere affrontate: Sponsorizzazioni, Premi in Denaro, Giudici politicizzati.Vediamoli uno alla volta: Sponsorizzazione - Piuttosto spesso, la sponsorizzazione per uno show proviene dallo stesso ambiente dello show; francamente, quale organizzatore di un Title o un A-show può permettersi di rinunciare alla sponsorizzazione? In effetti esistono organizzatori che hanno buoni collegamenti con personalità influenti e/o agiate nel Medio Oriente e che procurano più o meno professionalmente la sponsorizzazione per gli show. Se il finanziatore è anche il concorrente principale di uno show, questo apre chiaramente la porta alle voci. Questo si è potuto vedere dopo l'ultimo show di Praga, quando ho ricevuto un gran numero di telefonate. Questo show, non proprio rinomato in passato, è diventato un grande e sgargiante show grazie ad una sponsorizzazione. Ma il finanziatore principale ha anche portato i suoi cavalli, vincendo tre campionati su quattro, il resto dei titoli è andato a concorrenti stranieri e gli allevatori cechi sono tornati a casa a mani vuote. Inutile dirlo, molti ritengono probabile che ci siano state delle “condizioni” legate alla concessione di tale sponsorizzazione. Specialmente quando c'è sempre un certo gruppo di giudici invitato a giudicare questo tipo di show. Mettere su un buon evento, richiede chiaramente soldi. Ma noi dobbiamo trovare un modo intelligente di creare un fondo comune per la sponsorizzazione che sarà poi usato in modo equo per tutti gli show di maggiore risonanza. Non mi dispiacerebbe usare i servizi di professionisti per acquisire questi finanziamenti; non ci sono condizioni collegate, è un affare equo. I dettagli di questa idea hanno però bisogno di essere elaborati ulteriormente. Premi in Denaro - Quando nel 2007 il principio dei premi in denaro fu rifiutato, il nostro compianto Pat Maxwell affermò all'AGM “che ci possono essere problemi seri legati a questo. Se i premi in denaro vengono permessi, ECAHO dovrebbe elaborare contestualmente le regole per come affrontare problemi di corruzione, ecc.”. Uno anno più tardi, l'UAE presentò più o meno di nuovo la stessa mozione, con la clausola che ECAHO avrebbe ricevuto il 3% di commissione sull'importo totale. La mozione fu accettata, ma solamente per show in paesi non-europei; questo per proteggere il resto degli show, che non hanno i collegamenti necessari o

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Sponsorship, Prize Money, political judges. Let us look at one after the other: Sponsorship - Quite often, sponsorship for a show is coming from within the scene; and frankly, which organiser of a title or an A-show can afford to waive the sponsorship? Actually, there are organisers, who have good connections to influential, wealthy personalities in the Middle East, and are procuring more or less professionally the sponsorship for shows. If the sponsor is also the main participant of a show, this is of course opening the doors for rumours. This could be seen after the last show in Prague, when I received a number of phone calls. This show, hardly noticed in the past, became a big and flashy show thanks to some sponsorship. But the main sponsor also brought his horses, won three out of four championships, the rest of the titles went to foreign competitors and the Czech breeders were going home empty-handed. Needless to say, that many believe that there might be certain “conditions” connected to granting such sponsorship. Especially when there is a certain group of judges always invited to judge this type of show. Of course, to put up a good event, you need money. But we have to find an intelligent way to create a pool for sponsorship which will be used in a fair way for all major shows. I wouldn’t mind to use the services of professional people to acquire this sponsor money; there are no conditions attached to it, it’s a fair deal. However, the details of this idea need to be worked out further. Prize Money – When in 2007 price money was rejected, our late Pat Maxwell stated at the said AGM “that there may be serious problems attached to it. If prize money is being allowed, ECAHO should work out the rules of how to handle the problems of bribery, corruption, etc. at the same time.” One year later, the UAE brought forward roughly the same motion again, with the addition that ECAHO would get 3% commission of the total amount. The motion was accepted, but only for shows in non-European countries; this to protect the rest of the shows, that do not have the necessary connections or would not want to succumb to certain conditions attached to price money. To levy and collect dues, fees, contributions or payments in connection with events is common practise in soccer, horse- and many other sports. FEI, FIFA, UEFA, to nominate a few important ones, are obtaining most of their revenue in this way. I assume that the clubs and the respective regional and national associations who pay these amounts would not expect special treatment as a consequence of their financial contributions. But different in ECAHO - soon, the person proposing this new rule, revealed the true intention of his motion: Essam Abdullah,


non vogliono soccombere a certe condizioni legate alla concessione di premi in denaro. Imporre e raccogliere quote, tasse, contributi o pagamenti in collegamento con eventi sono pratiche comuni nel calcio, corse di cavalli e molti altri sport. FEI, FIFA, UEFA per nominare solo alcune importanti organizzazioni, ottengono così la maggior parte del loro reddito. Presumo che i club e le rispettive associazioni regionali e nazionali che pagano questi importi non si aspettino un trattamento speciale come conseguenza dei loro contributi finanziari. Ma è ben diverso in ECAHO - presto, la persona che aveva proposto questa nuova regola, rivelò la vera intenzione della sua mozione: Essam Abdullah, Direttore Generale della Società del Cavallo Arabo degli Emirati e Vicepresidente di ECAHO, divenne sempre più esigente, alla fine asserendo chiaramente che lui aveva bisogno che la regola fosse cambiata e che la Show Commission avrebbe dovuto considerare attentamente tutti i soldi che “i suoi show” stavano generando per l'ECAHO. Rifiutò anche la proposta di prove casuali antidoping ai “suoi” show; vuole invece sapere prima dello show quali cavalli saranno esaminati - uno scherzo! l'ECAHO è divenuto suscettibile di ricatto. Questo deve cessare! Noi dobbiamo prendere precauzioni per non vivere al di là dei nostri mezzi. I nostri più importanti doveri devono essere finanziati dagli appartenenti e dalle tasse di iscrizione agli show. Eventuali fondi residui potranno essere usati per progetti speciali e l'ulteriore addestramento di giudici e di altri funzionari ECAHO. Ma le attività essenziali devono essere possibili senza questi soldi per rimanere indipendenti. A questo riguardo, il nostro Tesoriere ed io abbiamo elaborato un bilancio per il 2010/2011 che ci restituisca la nostra libertà; questo bilancio è stato approvato all'ultima Riunione della EC ed abbiamo buone speranze che sarà approvato anche dall'AGM. Giudici politicizzati – Sono finiti i giorni, quando i giudici erano sospettati di preferire cavalli del loro paese e di favorirli. Le cose sono divenute molto più complicate, perché oggi, non si tratta più di un semplice “collegamento alla terra natia” ma piuttosto di relazioni di affari internazionali. Mi farebbe piacere enfatizzare sin dall'inizio che il 90% dei nostri giudici sta esercitando il proprio dovere in una maniera assolutamente pulita, imparziale ed appassionata. Sto parlando perciò di una minoranza che però noi dobbiamo sorvegliare comunque. Chiaramente ho sentito anche discussioni senza fine sui giudici politicizzati e la loro influenza nei nostri show. So di pratiche ingiuste e di faccende poco pulite. Ma è quasi impossibile provare questi “collegamenti” - ma ci sono! Abbiamo bisogno di ottenere informazioni "interne“ per poter provare le possibili manipola-

General Director of the Emirates Arab Horse Society and Vice President of ECAHO, became more and more demanding, culminating in clear statements that he needs the rule to be changed and the Show Commission should carefully consider all the money “his shows” are generating for ECAHO. He even rejected the proposal of random dope tests at “his” shows; instead he wants to know before the show, which horses will be tested – a joke! ECAHO has become susceptible to blackmail.This must stop! We have to take precaution not to live beyond our means. Our most important duties must be financed by membership- and show affiliation fees. Any additional money may be used for special projects and further training of judges and other ECAHO officials. But the core activities must be possible without this money to remain independent. In this respect, our Treasurer and I have worked out a budget for 2010/2011 that gives us back our freedom; this budget was approved at the last EC Meeting and hopefully will be passed by the AGM. Political Judges – Gone are the days, when judges were suspected to prefer horses from their home country and favouring them.Things have become far more complicated, because today, it is not such a simple “homeland connection” but rather international business relations. I should like to emphasize right at the beginning that over 90% of our judges are exercising their duty in an absolutely clean, unbiased and passionate manner. I am talking therefore about a minority that we must however watch. Of course I have also heard endless discussion about political judges and their influence on our shows. I know of unfair practices and wheeling and dealing. But it is nearly impossible to prove any of these “connections” – but they are there! We need to get insider information to prove possible manipulations and I promise, once we have the proof, we will follow it up! Magazine: Why do you think it is always the same group of judges getting invited to the shows by the same organiser? We have sufficient well trained judges but we also have a “I-invite-you-and-you-invite-me” attitude within these circles – and this will only stop, if and when our Members will decide that ECAHO will be responsible for the allocation of the judges for our major shows. As long as our Members leave such fundamental decisions to the organisers and the Show Commission, where more than half of the members are judges or organisers of these important events, the situation will deteriorate. Our late Pat Maxwell brought it once to the point: “No turkey votes for Christmas!” It goes even further, because now this ”You scratch my back and I'll scratch yours“ group is now also trying to occupy

158 159


AH I n te r v i ew - W i l ly L u d e r zioni ed io prometto, una volta avutane prova, daremo seguito alla faccenda! AHJ: Perché pensa che sempre lo stesso gruppo di giudici sia stato invitato agli show dal medesimo organizzatore? Noi abbiamo giudici bene addestrati e sufficienti, ma abbiamo anche un atteggiamento “io-invito-te-e-tu-inviti-me” all'interno di questi circoli e questo si fermerà solamente se e quando i nostri Membri decideranno che l'ECAHO sarà responsabile per l'allocazione dei giudici per i nostri show maggiori. Finché i nostri Membri lasciano tali decisioni fondamentali agli organizzatori ed alla Show Commission, costituita per più della metà dei suoi membri da giudici od organizzatori di questi importanti eventi, la situazione deteriorerà. Il nostro caro Pat Maxwell ci ha portato ancora una volta al punto: “Nessun tacchino vota per il Natale!” e va anche oltre, perché questo gruppo ”Tu dai una mano a me ed io do una mano a te“ ora sta tentando anche di occupare ulteriori posizioni chiave all'interno dell'ECAHO. Se questo accadrà, ho paura che la situazione diverrà ancora peggiore, specialmente perché fare il giudice è diventata parte "degli affari” per alcuni di loro. AHJ: Lei ha appena menzionato che i giudici sono parte della Show Commission che fa anche le regole che li riguardano. Può spiegare per favore come funziona ECAHO? Willy Luder: Lei ha ragione; questo deve essere difficile da capire. Ma non viviamo in un mondo ideale. Le strutture legali ed operative della nostra associazione sono messe praticamente alla rovescia. Secondo la Legge Svizzera, l'EC deve prendere la piena responsabilità legale e finanziaria per le decisioni prese dalla Show Commission. Questo ha radici storiche ma un’organizzazione in questa forma non può più soddisfare le richieste sempre più pressanti dei nostri Membri e degli organizzatori di show. Nell’atmosfera tesa e competitiva di oggi, un gruppo di 20-30 persone, radunate per mezza giornata alcune volte all’anno, è indubbiamente il gruppo sbagliato per creare regole pratiche, ma anche e soprattutto di vasta giurisdizione, che siano applicabili, allo stesso tempo rispettando la costituzione e le leggi in vigore. AHJ: Può spiegare gli obiettivi conseguiti durante il Suo ultimo termine in carica e le difficoltà che Lei sta affrontando dopo quattro anni della Sua Presidenza? Willy Luder: Devo ammettere che i primi due anni della mia Presidenza sono stati piuttosto difficili. Lei deve capire, la maggior parte dei Membri della EC erano stati eletti da poco, incluso il Presidente, ed il Segretario si era dimesso! C'era quindi

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

further key positions within ECAHO. If this is going to happen, I am afraid, the situation will become worse, especially, because judging has become part of a “business” for some of them. Magazine:You just mentioned that the judges are part of the Show Commission making also the rules concerning themselves. Can you please explain how ECAHO functions? Willy Luder: You are right; this must be difficult to understand. But we are not living in an ideal world.The legal and operational structures of our association are kind of upside down. According to Swiss Law, the EC has to take the full legal and financial responsibility for decisions taken in the Show Commission. This has a historical background – but an organisation in this form can no longer meet the ever increasing requirements of our Members and the show organisers. In today’s tense and competitive atmosphere a group of 20-30 persons, gathering for half a day several times a year is undoubtedly the wrong body to create practice-oriented, but also and above all comprehensive rules which are enforceable while at the same time respecting the applicable constitution and laws. Magazine: After four years of your Presidency, can you explain the achievements during your last term and the difficulties you were facing? Willy Luder: I must admit that the first two years of my Presidency were rather difficult.You have to understand, that most of the EC Members were newly elected, including the President, and the Secretary had resigned! So there was few “experience”


poca “esperienza” e “conoscenza del passato”. Era poi ovvio che la Costituzione ed il Blue Book avevano bisogno di revisione. Mentre la Costituzione fu revisionata e portata in linea con la legge in vigore e presto fu accettata dall'AGM, il BlueBook è stato modificato fino a renderlo irriconoscibile da due persone con troppo interesse personale. I DC furono privati completamente del loro potere e stavano quasi per rivoltarsi. Quindi in un secondo passo, tutto questo ha dovuto essere rettificato di nuovo. Questa volta ne feci una questione da decidere ai massimi livelli, chiesi ad un gruppo di lavoro costituito da persone esperte, di gestire il tutto, e voilà, il Blue Book del 2009 ha rimesso le cose a posto ed il benessere del cavallo da show è stato reso di nuovo un punto focale della nostra attività. All'inizio del nostro mandato abbiamo anche chiarito alcuni casi giudiziari che avevamo ereditato. Abbiamo anche rimesso l'ECAHO su una base finanziaria più solida. Questo ora risulta essere un colpo di fortuna, in un momento in cui gli anni dell’abbondanza sembrano essere finiti. Ho dovuto sfortunatamente affrontare un forte vento contrario da parte di due Membri della EC. E’ superfluo menzionare che entrambi questi membri non sono disposti a fare alcun lavoro, o prendersi alcuna responsabilità, ma criticano tutto quello che viene fatto, senza apportare alla discussione alcuna idea positiva o fare alcunché essi stessi. Questo è poi culminato a Novembre/ Dicembre scorsi con la richiesta di tenere una Riunione Generale Straordinaria per “Rimuovere il Presidente”, il che aveva ben poco senso, essendo io candidato alle elezioni di marzo in ogni modo. Alla fine la richiesta fu ritirata, visto che la maggioranza dei nostri Membri aveva chiaramente visto il “trucco”! Spero che il buono spirito di squadra fra la maggioranza dei colleghi di EC possa continuare. Abbiamo alcuni Membri della EC molto preziosi, cui spero sarà permesso continuare coi loro mandati dopo le elezioni. In questo contesto, io desidero menzionare per esempio Sylvie Eberhardt che ha assunto su di se il lavoro di sviluppare uno schema per l’addestramento dei nostri giudici, che è in fase di attuazione da due o tre anni ed ha certamente bisogno di altro tempo per mostrare i suoi effetti su una base più larga. Tanto quanto desidero che Sylvie Eberhardt, Christine Jamar e Toto Modderman siano rieletti, posso facilmente fare a meno di Ann Nordén, dato che il suo approccio è troppo spesso offensivo, diffamatorio ed inutile nei contenuti. Mi piacerebbe enfatizzare che non ho alcun problema con una discussione seria e controversa sull’argomento, al contrario, ma "i colpi non dovrebbe mai scendere sotto la cintura…" Non posso enfatizzare a sufficienza che le persone giuste devo-

and “knowledge from the past”. It was then obvious that the Constitution and the Blue Book needed overhauling. Whereas the constitution was revised, brought in line with the applicable law and soon accepted by the AGM the BlueBook was disfigured beyond recognition by two persons with too much personal interest. The DCs were completely deprived of their power and were about to revolt. So in a second step, all this had to be rectified again. This time I made it a matter for decision of top level, asked a working group of experienced people to deal with it, and voilà, the 2009 Blue Book brought things back in order and the welfare of the show horse was made an issue again. At the beginning of our term we resolved also some legal cases which we had inherited. We also got ECAHO back on a more solid financial basis.This now turns out to be a stroke of luck in a moment when the wealthy years seem to come to an end. Unfortunately, I had to face hefty headwind from two EC Members. Needless to mention, that both these members are not prepared to do any work, or to take any responsibility, but they constantly criticize what is being done without bringing into the discussion any constructive ideas or work themselves. This then culminated last November/December in the request to hold an Extraordinary General Meeting to “Remove the President” that did make little sense, as I am standing for election in March anyway. Finally the request was withdrawn, as the majority of our Members saw through the plot! I hope for a continuous good team spirit among the majority of the EC colleagues. We do have some very valuable EC Members which I hope will be allowed to continue with their tasks after the elections. In this context, I wish to mention for example Sylvie Eberhardt, who has taken on the job of developing a scheme for our judges training that is now in place since two or three years and needs more time to show effect on a broader basis. As much as I wish that Sylvie Eberhardt, Christine Jamar and Toto Modderman will be re-elected I can easily do without Ann Nordén, as her approach is too often insulting, defamatory and useless in content. I would like emphasize that I have no problem with a serious and controversial discussion on the subject, to the contrary, but it should not be below the belt.. I cannot stress enough that the right people need to be elected, as the composition of the EC will be decisive for the future of ECAHO! Self-interest should not have a place in ECAHO. Also, any candidate should be aware, that a position in ECAHO requires many hours of (unpaid) labour. But we had to realize that some people have no time for even a small task, for example one member in the ECAHO Appeals Committee

160 161


AH I n te r v i ew - W i l ly L u d e r no essere elette, perché la composizione dell'EC sarà decisiva per il futuro di ECAHO! L’interesse personale non dovrebbe avere posto in ECAHO. Inoltre, ciascun candidato dovrebbe essere consapevole che una posizione in ECAHO richiede molte ore (non retribuite) di lavoro. Eppure abbiamo dovuto constatare che alcune persone non hanno tempo neanche per piccoli compiti, per esempio un membro nella Commissione di Appello della ECAHO non trova proprio il tempo per rispondere ad alcune e-mail, eppure vuole ancora diventare Presidente! Queste persone non hanno idea di quanto tempo questa posizione richieda! Fortunatamente sono in pensione, ma qualcuno al suo primo mandato con un lavoro a tempo pieno avrebbe - comprensibilmente!! - grandi difficoltà a stanziare tempo sufficiente per questo compito. AHJ: Ci saranno le elezioni alla prossima Riunione Generale Annuale di ECAHO a marzo 2011, fra queste l'elezione del Presidente. Se Lei sarà rieletto qual è il suo programma? Willy Luder: Durante il corso degli anni passati, abbiamo visto molti tentativi di cambiare ECAHO da una società idealistica verso un strumento con cui giungere a mète personali. Questo deve finire. Per fare questo, le persone giuste per le posizioni all'interno di ECAHO sono essenziali. Non solo ECAHO ha bisogno di mantenere il suo corso per quanto riguarda i suoi obiettivi costituzionali, specialmente il benessere degli animali, ma dobbiamo riempire le nostre commissioni e comitati con equipaggi che lavorino e capitani che non girino il timone ai primi segni di vento contrario, ma agiscano razionalmente ed in maniera decisa anche in mezzo alla tempesta. Ma queste persone hanno bisogno di una struttura con una gerarchia chiara, per la quale ECAHO ha bisogno di effettuare alcuni cambiamenti, affinché si possa fare il proprio lavoro nel modo più efficace. A mio parere, l'ECAHO ideale funzionerebbe in questo modo: I nostri Membri sono le Organizzazioni Nazionali del cavallo Arabo, cioè i nostri 24 Full Members sono l'autorità suprema di ECAHO. Essi inviano i loro “Delegati Votanti” alla nostra Riunione Generale Annuale (AGM). Questa riunione decide su tutte le questioni attinenti ECAHO che non sono state assegnate al Consiglio di Amministrazione (Commissione Esecutiva, EC) dagli articoli della nostra costituzione. L'AGM elegge e richiama i membri del CdA (EC). Questo organo esecutivo decide su una divisione chiara delle responsabilità tra i membri della EC. L’ordinaria amministrazione deve essere affidata all'EC. L'AGM rimane la corte d’appello superiore che può sempre intervenire in maniera equilibrata. Per redigere le regole degli show che trattano di questio-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

hardly finds the time to answer any e-mails, yet he wants to become President! These people have no idea how much time this position involves! Luckily, I am retired, but anybody in his prime time with a full-time job will have – understandably!! – great difficulties to allocate enough time to the task. Magazine: There will be elections at the next Annual General Meeting of ECAHO in March 2011, among them the election for the President. If you are getting re-elected – what are you standing for? Willy Luder: Over the past few years, we have seen several attempts, to change ECAHO from an idealistic society towards an instrument with which to reach personal goals. This has to end.To do so, the right persons for the positions within ECAHO are essential. Not only does ECAHO need to keep on course with its constitutional objectives, especially animal welfare, but we also have to fill our commissions and committees with hardworking crews and captains that do not turn the rudder at the first bit of headwind, but act rational and in a purposeful manner also in stormy weather. But to do their work in the most effective way, these people need a structure with a clear hierarchy for which ECAHO needs to undergo certain changes. In my opinion, the ideal ECAHO would work like this: Our Members are National Arab Horse Organisations, i.e. our 24 Full Members are the supreme authority of ECAHO. They send their “Voting Delegates” to our Annual General Meeting. This assembly is deciding on all relevant matters of ECAHO, which are not assigned to the board (EC) by the articles of our constitution. The AGM elects and recalls the board (EC) members.This governing body decides on a clear division of responsibilities between the EC members.The day-to-day business has to be dealt with by the EC. The AGM remains the higher instance that can always intervene in a balanced manner. For drawing up show rules that deal with veterinary or legal matters, or any other important task, the Board (EC) has the right to appoint a group of experts (Commission). The size and composition of such a team depends on the task at hand. Such a modern “pecking order” would finally avoid the unnecessary friction between EC and Show Commission. Decisions could be made in a timely manner and more important, such a modern, lean and adjusted structure would not only be far more efficient, but it would cost our Members only a fraction of today’s expenses for three or four yearly “school trips” of their delegates. During the year, both the EC and possible Commissions would


ni veterinarie o legali, o qualche altro importante compito, il Consiglio (EC) ha il diritto di nominare un gruppo di esperti (la Commissione). La grandezza e composizione di tale gruppo dipendono dal compito da espletare. Tale moderno “ordine gerarchico”, finalmente, eviterebbe gli attriti non necessari tra EC e Show Commission. Le decisioni potrebbero essere prese in maniera tempestiva e, ancora più importante, tale moderna, snella e ben accordata struttura non solo sarebbe di gran lunga più efficiente, ma costerebbe ai nostri Membri solamente una frazione delle spese odierne per tre o quattro “viaggi scolastici” annuali dei loro delegati. Durante l'anno, la EC ed eventuali Commissioni, manterrebbero i contatti coi nostri Membri attraverso questionari, sondaggi, ecc. escludendo così anche il problema che alcuni delegati a volte consegnano un'opinione che non è in linea con la decisione e la volontà dei nostri Membri. La storia dei “Panda Eyes” e la rotta a zigzag in molte altre questioni da parte della Show Commission, saranno una cosa del passato. E finalmente il CdA avrebbe la responsabilità delle proprie deliberazioni e non per le decisioni spesso discutibili della Show Commission. Riguardo alla struttura di ECAHO, dobbiamo perciò elaborare una proposta riguardo all'efficacia e ai costi per valutazione da parte dell'AGM 2012. Oggigiorno possiamo scambiarci così rapidamente le idee via e-mail o possiamo discutere per telefono o addirittura in video-conferenza, che dobbiamo certamente ripensare le nostre scelte operative! C'è attualmente grande discussione sulla discrepanza coi paesi arabi e la minaccia che essi possano staccarsi. Credo che questa situazione sia stata – per lo meno in gran parte - istigata da un solo paese, l'UAE. Anche in futuro tali sintomi saranno presi molto seriamente. Allo stesso tempo gradirei enfatizzare che ogni Membro che sia disposto ad accettare i nostri statuti e regole è più che benvenuto in ECAHO, sempre. La nostra associazione si basa sui principi di eguaglianza e solidarietà. Qualsiasi associazione o persona che non possa vivere con questi valori o con le nostre mete, statuti e regole sono liberi di dimettersi dalla nostra associazione. Sono convinto che l’AGM sarà d'accordo nell’intraprendere un corso moderato nel futuro, completamente in sintonia con una maggioranza enorme dei nostri allevatori. Chiaramente, spero che tutti i 24 Full Members ed i 13 Membri Associati saranno presenti, in modo da stabilire in modo convincente ed inequivocabile la direzione che ECAHO prenderà nel futuro. Solamente su tale base solida, quelle domande urgenti sulla credibilità degli show, i conflitti di interesse, e le strutture legali ed operative di ECAHO possono essere affrontate e risolte per il futuro.

maintain contact with our Members through questionnaires, polls, etc., thus excluding also the problem that some delegates occasionally deliver an opinion which is not in line with the decision and the will of our Members. The “Panda Eyes”-story and the zigzag-course in many other Show Commission matters will be a thing of past. And finally the board would have the responsibility for its own and not for the often questionable decisions of the Show Commission. Concerning the structure of ECAHO, we have therefore to elaborate a proposal regarding effectiveness and costs for evaluation by the AGM 2012. Today, we can exchange ideas so quickly by e-mail or discuss things by telephone or video conference that we really have to re-think our options! There is a lot of discussion at present about some discrepancy with the Arab countries and the threat that they may split off. I do believe that this situation has been - to a great deal - instigated from only one co untry, the UAE. Also in the future such symptoms will be taken very seriously. At the same time, I would like to emphasise that that every Member, who is willing to accept our statutes and rules, is at all times very welcome in ECAHO. Our association is basing on the principles on equality and solidarity. Any association or person who cannot live with these values or with our goals, statutes and rules is free to resign from our association. I am convinced that the General Meeting will agree to take a moderate course into the future, altogether in the spirit of a vast majority of our breeders. Of course, I hope that all of the 24 Full and 13 Associate Members will be present, in order to lay down in a convincing and unequivocal way the direction ECAHO shall take in the future. Only on such a solid basis those urgent questions about credibility at shows, conflicts of interest, and the legal and operative structure of ECAHO can be tackled and solved for the future.

162 163


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


165 165


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


167 167


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


169 169


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


171 171


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


173 173


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


175 175


AH I n te r v i ew - I vo L u d i

Where the fog is born In una giornata piovosa, in un posto dove si dice "nasca la nebbia", un giovane imprenditore mantovano incontra sulla sua strada “ Il cavallo arabo”. Ovviamente, non si rende conto subito che in un certo senso questo incontro gli sconvolgerà la vita. Anche se i cavalli erano la sua passione fin da bambino, la prima volte che vide un cavallo arabo capì che quello sarebbe stato il "suo" cavallo. Non poteva nemmeno immaginare che da li in poi sarebbe diventato una persona molto importante nella produzione di questa raz-

Ivo Ludi (Vicepresindente) - Cristian Moschini (Judge)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

In a rainy day, in a place where it is said "the fog is born", a young entrepreneur from Mantua meets on its way “The Arabian horse”. Obviously, he doesn't immediately realize that in a certain sense this meeting will change his life. Even if horses have been his passion since childhood, the first time he saw an Arabian horse he understood that that would have been the "his" horse. He could not even imagine that from then on he would have become a very important person in the re-production of this race in Italy. Ivo Ludi, because it is him we are talking


za in Italia. Ivo Ludi, perché è di lui che stiamo parlando, non solo ha saputo tenersi al passo coi tempi ma ha avuto un ruolo molto importante come allevatore italiano, prima, e come amministratore all'interno dell'ANICA poi, ruolo che con eccellenza svolge tutt’ora, in qualità di VicePresidente ANICA, grazie all'enorme fiducia, al riconoscimento per il proprio lavoro e la stima che gli allevatori hanno sempre avuto in lui. La gran parte di allevatori, soprattutto quelli giovani, riconoscono, a Ivo Ludi, il buon lavoro svolto negli anni, ma oggi vogliamo presentarvi il lato più privato di questo nostro illustre collega. Ivo, raccontaci di quel primo incontro e come abbia avuto inizio la tua grande “avventura “ Ecco, come hai già detto, in una giornata piovosa e nebbiosa ho visto uno stallone di razza Araba, baio, di origine russa, importato dall’Olanda. Ci ho lasciato su occhi, cuore e un po di soldi e, felice come una pasqua, mi sono messo nella testa di allevare arabi. Scherzi a parte mi ha veramente stregato questa razza - ovviamente in senso buono. All'inizio tenevo i miei cavalli accanto a casa ma, visto che vivo in una città, ben presto ho dovuto pensare di collocarli in un posto più idoneo. Così nel 1989 ho trasferito i cavalli in un nuovo posto, oggi conosciuto come allevamento L’Ippocastano che da li a poco ha cominciato ad arricchirsi di nuovi "residenti", come *Joseppana, potente e instancabile compagna nelle passeggiate, *Murika e *Ra Allorene, importate da USA e Canada, *Niobe Meraviglia, una splendida araba nera, *Citris, un bel figlio di *Bandos e tanti altri sia miei che di miei amici. L'idea di allevare veramente quando è nata nella tua testa? Direi in concomitanza con arrivo di *Murika e di *Allorene, erano troppo belle per non cercare di vedere come producessero. Trovare un maschio adatto non è stato affatto semplice. Eravamo al preludio dell'allevamento

about, has not only succeded in holding the pace of times, but he has had a very important role as an Italian breeder, first, and as administrator inside ANICA later, a role this last that he is still covering excellently, as Vice-President of ANICA, thanks to the enormous trust, to the recognition for his job and to the respect that the breeders have always had towards him. The majour part of the breeders, the young ones above all, recognize to Ivo Ludi the good job done over the years, but today we want to introduce to you the most private side of our illustrious colleague. Ivo, tell us of that first meeting and how has your great “adventure” begun. Here, as you have already said, on a rainy and misty day I saw a stallion of the Arabian race, a bay of Russian origin, imported from Holland. I left on him eyes, heart and quite a bit of money and, as happy as can be, I got it in my head to raise Arabians. Jokes apart, this race has got me really bewitched obviously in a good sense.At the beginning I kept my horses close to my house, but considering that I live in a city very soon I had to think about putting them in a fitter place. Thus in 1989 I moved the horses to a new place, today known as The “Horse-chestnut” (Ippocastano) Stud that shortly thereafter started to become richer with new "residents", such as *Joseppana, powerful and untiring companion in innumerable walks, *Murika and *Ra Allorene, imported from the USA and Canada, *Niobe Meraviglia, a splendid black Arabian, *Citris, a beautiful child of *Bandos and so many others, both my friends’ and my own. When was the idea to actually start breeding born in your head? I would say coincidentally with the arrival of *Murika and *Allorenes, they were much too beautiful not to try and see how they would reproduce. Finding an appropriate stallion has not been very simple. We were at the beginning of Arabians bre-

176 177


AH I n te r v i ew - I vo L u d i di PSA in Italia, avevamo poca conoscenza della cultura di questa razza. Acquistavamo all'estero quello che altri in casa non volevano, ed eravamo pochissimi, ma con tanta voglia di fare, tra noi la signora Titty Gagliani e suo Ex marito Loris, proprietari di *Pentari che rappresentava proprio quello che cercavo. Il 23.05.1990 nasce *MURISCH che diventò un cavallo importantissimo per l'allevamento del cavallo arabo in Italia. Come primo maschio in assoluto nato in Italia arrivò al secondo posto nei Campionati Europei e quinto ai Mondiali, inoltre vinto tutto quel che si poteva vincere in Italia. Come ricordi quei momenti? Non avevo una sfera di cristallo e tantomeno la minima idea di cosa ci poteva riservare il futuro, ma qualcosa di istintivo mi diceva che non era un cavallo qualsiasi. I puledri fanno cambiamenti enormi ma io lo vedevo dotato di una marcia in più. Nonostante le molte offerte "generose" ho deciso di non venderlo. Il futuro mi ha dato ragione. *Murich in Italia continuava vincere fino al suo ultimo Show (Rogoredo 2000): 1 class, Campione Stalloni, Best in Show. Inoltre *Murisch era molto versatile, imparava le cose in un batter occhio. Ha imparato le varie discipline quali monta inglese, americana, attacchi, insomma un ottimo stallone, immenso golosone di carote che con successo cercava in ogni tasca dei miei vestiti perquisendomi da cima a fondo. Mi ha lasciato un parco di buone fattrici che oggi, con soddisfazione, posso usare come patrimonio genetico. In poche parole sono stato proprietario di un cavallo che si è confermato, in tutti i sensi, l'ottimo elemento che ho intuito sin dalla sua nascita. Qual'è stata la tua più grande fortuna ed il tuo più grande sogno? Vedi, ritengo di aver avuto tante enormi fortune, in primis di avere *Murika, *Allorene, *Murisch, *Muzak , *Alinka, *Ametist ed oggi *Makiur, *Kasjusz, *Kassandra e tanti altri bei cavalli arabi, buoni di carattere, cavalli che mi hanno permesso di crescere e di farmi conoscere, non solo in Italia ma anche all’estero. Ho avuto la fortuna di avere la mia famiglia che mi ha sempre sostenuto in questa “avventura”. Ho avuto la fortuna di trovare collaboratori e amici esperti sia nel settore

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

eding in Italy, we had little knowledge of this race culture. We purchased from foreign countries what others in there didn't want, and we were few, but with so much desire to get things done, among us Mrs Titty Gagliani and her former husband Loris, owners of *Pentari, which represented what I was really looking for. 23.05.1990 *MURISCH was born, which later became an important horse for the breeding of the Arabian horse in Italy. As first male in absolute born in Italy, it reached second place in the European Championships and fifth in the World ones, besides winning everything that could be won in Italy. How do you remember those times? I didn't have a crystal ball or the faintest idea of what the future could hold for us, but something instinctively told me it was not a horse like any other. Colts undergo huge changes, but I always saw it as gifted with that little extraordinary something. Despite many "generous" offers I decided not to sell it. The future hence proved me right. In Italy *Murich continued to win up to his last Show (Rogoredo 2000): 1st class, Champion Stallions, Best in Show. Besides *Murisch was very versatile, it learned everything in the beat of an eye. It learned the various disciplines such as English and American mount, driving, in short a good stallion, and a real glutton for carrots, which he successfully looked for in every pocket of my suit, searching me from head to toe. It left me some good mares that today with satisfaction I can use as genetic patrimony. In few words, I have owned a horse that confirmed, in all senses, to be the good specimen I had thought since its birth. Which are your greatest fortune and your greatest dream? You see, I believe I had so many great good fortunes, in primis to have owned *Murika, *Allorene, *Murisch, *Muzak, *Alinka, *Ametist and today *Makiur, *Kasjusz, *Kassandra and so many other beautiful Arabian horses, all of nice character, horses that have allowed me to grow and to make myself known, not only in Italy but also in foreign countries. I have had the fortune to have my family, who have always supported me in this “adventure”. I have had the fortune to find collaborators and friends well experienced both in the sector of the Arabian


Ivo Ludi - Verona 2010

dell'arabo nonché nell'aspetto zootecnico, come la sig.ra Iwona Monika Kwiatkowska che da 20 anni condivide con me gioie e dolori allevatoriali ed il sig. Domenico Ciceroni che è stato complice delle mie più grandi soddisfazioni, presentando per quasi 15 anni tutti i miei cavalli. Ho avuto la fortuna di avere amici e clienti comprensivi e generosi e alla fine ho avuto la fortuna di essermi innamorato del PSA. Non aspiro ai primi posti nei Mondiali, sicuramente non è questo che mi toglie il sonno. Quello che mi rende felice davvero erano e sono tutt’ora le mie amicizie, la bontà dei miei cavalli e anche qualche successo – se vengono - perchè no! Non c'è cosa più bella che vedere le mamme che si prendono cura dei loro piccoli, non c'è cosa più bella che vedere i giovani che fanno i primi passi sotto sella (a tre anni tutti i nostri cavalli sono messi sotto sella), non c'è cosa più bella che osservare la bellezza, della quale hanno coscienza, degli stalloni arabi, almeno per me. Ivo ti ringrazio per averci dedicato tempo prezioso. A nome di AHJ che di tutti gli allevatori italiani, nonché amici, ti auguriamo uno splendido 2011 e che il tuo sorriso ed il buon umore non ti abbandonino mai. Che la tua saggezza e la tua esperienza ti permettano di svolgere tranquillamente il ruolo di Vice-Presidente dell'ANICA e, ovviamente, ti auguriamo tantissime soddisfazioni a livello allevatoriale.

Ivo Ludi - Porto Sant'Elpidio 2010

and in the zootechnical aspects, such as Mrs. Iwona Monika Kwiatkowska, who for 20 years has shared with me the breeder’s joys and pains, and Mr. Domenico Ciceroni, who has been “accomplice” of my greatest satisfactions, presenting all of my horses for almost 15 years. I have had the great fortune to have understanding and generous friends and Clients, and in the end I have had the fortune to be in love with the Arabian Pure Bred. I don’t aspire to the first places in the World Championships, surely I do not lose any sleep over this.What makes me happy indeed, were and still are now all my friends, the quality of my horses and also some successes - if they come - why not! There is nothing more beautiful than seeing mothers taking care of theirs youngsters, there is nothing more beautiful than seeing a young horse taking its first footsteps under-saddle (at about 3 years of age, all our horses are saddled), there is nothing more beautiful than observing the beauty, of which they are conscious, of Arabian stallions, at least for me. Ivo, we’d like to thank you for devoting to us your precious time. In the name of AHJ and of all Italian breeders, and friends, we wish you a splendid 2011 and that your smile and the good humor never abandon you.We are certain your wisdom and your experience will allow you to serenely develop the role of Vice-president of ANICA and obviously we wish you all satisfactions from your breeding programmes.

178 179


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


181 181


AH A B U D H A B I - UA E

The

United Arab E Nmirates ational Championships By Barry Shepherd - Photos by Erwin Escher

Mentre l’Europa si appresta a chiudere la stagione degli per un altro anno e dire arrivederci ai campioni passati, l'UAE Show apre i propri showground per dare il “calcio d’inizio” ad una nuova stagione. I Campionati Nazionali UAE, tenutisi ancora una volta nella bellezza tranquilla del parco equestre, hanno incollato gli spettatori ai loro posti ed ai loro televisori, mentre nomi famosi, vecchi e nuovi, si esibivano nell'arena. Il pannello di giudici quest’anno comprendeva alcuni nomi relativamente nuovi all'elenco dei giudici internazionali e ciò ha portato una

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

As Europe nears to close her showrings for another year and say good bye to the past champions, it’s the UAE that opens theirs to kick off a new season. The UAE National Championships held in the tranquil beauty of the equestrian park once again had people glued to their seats and telly vision sets alike as famous names both new and old sauntered into the arena. The judging panel this year was made up of some relative new comers to the panel list and it


gradita ventata di freschezza. Mr Raouf Abbas dall'Egitto, Mr James Constanti degli Stati Uniti, Mr Bruce Mac Crea (KSA), Mr Hassanain Al Nakeeb (Gran Bretagna), Mr Reinhard Sax dalla Germania, Mr Daniele Souppat (Francia) e Mr Carmelo Zaragoza Jimenez (Spagna) hanno giudicato piuttosto bene insieme, con qualche punteggio alto e generoso per i loro cavalli favoriti in modo da permetter loro di conquistare la classe. Lo show ĂŠ stato dominato, come molte arene di tutto il mondo, dall'Ajman Stud. Pare che loro intendessero vince-

made a greatful change. Mr Raouf Abbas from Egypt, Mr James Constanti of USA, Mr Bruce Mac Crea of KSA, Mr Hassanain Al Nakeeb of UK, Mr Reinhard Sax of Germany, Mr Daniel Souppat of France and Mr Carmelo Zaragoza Jimenez of Spain judged in most well together with a few extra high points for their favored horses so they could clinch a class. The show was dominated as are many show arenas around the world by the Ajman Stud. It was quoted

182 183


AH A B U D H A B I - UA E re “solamente” tre campionati e che il quarto sia arrivato a sorpresa. La prima classe dello show era per Puledre di 1-anno, i risultati di molti sogni di allevatori e nessuno si è potuto sentire deluso. Lo standard và via via sempre aumentando in questa parte del mondo, man mano che il meglio del meglio è stato messo a confronto, l'uno contro l'altro, e la partita è sempre più avvincente. Di proprietà di S.A. lo Sceicco Hamdan Bin Zayed Al Nahyan, *Al Aryam Salma è entrata nell'arena incendiando la folla, questo puledra estremamente raffinata trasuda qualità, bellezza senza tempo e carisma, mentre sbuffava tutto intorno all’arena, mostrando chiaramente a tutti la sua eredità

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

that they only ever intended to win 3 championships but the 4th came as a surprise. The first class of the show was for yearling fillies, the products of many dreams of the breeders and no one could feel disappointed. The standard is ever increasing in this part of the world as the very best of the best are now being paired with each other and the game planned is heightened once more. H.H Sheikh Hamdan Bin Zayed Al Nahyan’s, Al Aryam Salma came into the arena and lit up the crowd, this supremely refined filly oozes quality, timeless beauty and presents as she snorted her way around the


russa. Generata dall'unico stallone negli UAE che abbia il sangue del famoso Padron Psyche, *RS Boushra, questa puledra ha preso molto dalla madre, già a suo tempo Campionessa a Dubai, JJ Salina, una figlia di JJ Magnum Senior. Stupisce ancora che raddoppiare il sangue dell’immortale Padron continui a produrre risultati notevoli perfino ai nostri giorni. *AJ Sawahi è entrata nel Ring per ultima, ma era chiaro che la battaglia era tra queste puledre. Lei ha danzato nel ring quando mostrava il movimento ed è rimasta ferma come una roccia quando doveva fermarsi, proprio come faceva il padre, tre volte Campione del Mondo, Marwan al Shaqab. Una delicata puledra baia, dal muso straordinario che ha ricevuto mezzo punto in più di Al

arena clearly showing her Russian heritage for all to see. Sired by the only UAE bred Padron Psyche stallion, RS Boushra, this filly claims much from her dam, former Dubai title holder, JJ Salina, a JJ Senior Magnum daughter. It’s amazing that doubling up the blood of the immortal Padron still keeps on producing outstanding results even in today’s modern time. AJ Sawahi came into the ring last of all and it was clear that a battle was on between these fillies. She danced around and stood rock still much reminiscient of her 3 times world champion sire, Marwan al Shaqab. A delicate bay filly, she has the

184 185


AH A B U D H A B I - UA E

Judges

Aryam Salma aggiudicandosi il primo premio. Il terzo posto è andato anch’esso all'Ajman Stud con *Yusty F, un acquisto recente, superba figlia di WH Justice generata da Yzy F, una famiglia che ha lasciato un marchio nel mondo per conto dell’allevamento Kuijf Forlocks in Olanda e che certamente rivedremo spesso in futuro. Le Puledre di 2-anni costituivano un’altra classe estremamente competitiva, con solo 0,25 punti che separavano la vincitrice dalla seconda. *AJ Djamilja, una figlia di WH Justice, alta e vistosamente attraente, rappresenta un altro caso della tendenza a mettere il proprio prefisso davanti al nome di un cavallo acquistato; è una vergogna che il vero allevatore non riceva immediatamente il riconoscimento come "mente" dell'allevamento. Questa puledra è stata generata da una figlia di Psytadel,

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

most exquisite face and received 0.5 of a point higher than Al Aryam Salma and thus was awarded the first prize. Third place went also to Ajman stud with the newly purchased Yusty F, a superb WH Justice daughter out of Yzy F, a family that has made their mark over the world for the Kuijf ’s Forlocks stud in Holland and surely we will see her again in the future. The two year old fillies were another highly contested class with just 0.25 points separating the winner and second place. AJ Djamilja, a tall flashy WH Justice daughter, is another trend of putting your prefix in front of a bought horse; it seems a shame that these breeders do not instantly get the recognition as the brains behind the breeding. This filly is


raddoppiando di nuovo il prepotente lignaggio di Padron. Seconda dietro di lei si è classificata un'altra figlia di WH Justice, l'estremamente carismatica *Al Aryam Aleena. Questa è un'altra puledra alta e con le gambe lunghe, dal magnifico trotto, le narici aperte e la curva del collo che, come un vero e proprio marchio di fabbrica, rendono immediatamente riconoscibili questi discendenti di WH Justice anche in un Ring affollato. Sua madre, Gwyneth, le ha passato i suoi geni ereditati da Magic Dream e la miscela ha creato un esemplare notevole. Terza posizione ad una figlia del superstallone da finale degli ultimi tempi, Marajj. *Mishmisha Al Zobair è una puledra esotica proveniente dall’allevamento australiano Fairview Shakla Sugar and Spice (alcuni possono ricordarla portare anni fa il nastro rosso negli show ring europei), ma non possiede la personalità delle altre due. La classe delle 3-anni ha di nuovo visto alcuni esempi sorprendenti della razza ed è stata una vera festa vedere così tante grandi puledre insieme in un'arena. Il solito Dubai Stud ha fatto capolino in cima alla classifica con *D Crystal Moon, una puledra dall’aspetto molto americano che si immobilizzava in posa e forse ha ingannato alcuni dei giudici. Generata da SW Magnum Fame, se ne andava in giro per l’arena sbuffando con grande vivacità ed è riuscita a sottrarre il primo posto ad un’altra grande vincitrice, *Al Aryam Suhayla. Ancora una volta c’erano solamente 0,5 punti a separare le prime 4 posizioni e con tutta probabilità, un altro giorno avrebbe dato un diverso ordine alla classifica. Al Aryam Suhayla è tornata nel ring, dopo un anno di assenza, in forma scintillante, è diventata più bella con l’età e di nuovo era meraviglioso vedere cavalli così felici che vengono da questo allevamento. Una figlia di Mar-

out of a Psytadel daughter, again doubling up those Pre-potent Padron bloodlines. Second to her was another WH Justice daughter, the ultra charismatic, Al Aryam Aleena. Another tall leggy filly with a huge trot and that trade mark flared nostrils and cur ve of neck that stands these Justice descendants out in the crowded ring. Her dam, Gwyneth has stamped her Magic Dream genes and the mix has created an outstanding example. Third place went to a daughter of the final super sire of resent times, Marajj. Mishmisha Al Zobair is an exotic filly out of the Australian Fairview Shakla’s Sugar and Spice (some may remember her some years ago wearing the red ribbon in the European show rings) but does not possess the personality of the other two. The three year old class again saw some amazing examples of the breed and a treat to see so many great fillies in one arena. Dubai stud made an appearance at the top of the line with D Crystal Moon, a very American looking filly that froze in the pose and maybe tricked some of the judges. Sired by SW Magnum Fame, she snorted around the arena with much joi-du-vie and stole the first place from another big winner, Al Aryam Suhayla. Once again there was only 0.5 of a point separating the first 4 placing and on another day, another order. Al Aryam Suhayla came back to the ring after a year off in sparkling form, she has grown more beautiful with age and again it was wonderful to see such happy horses coming from this stud. A daughter

186 187


AH A B U D H A B I - UA E

AJ Sawahi - Class 1 1° pl Yearling Fillies - O: Ajman Stud (UAE)

wan al Shaqab, questa puledra deve al padre molti dei tratti del muso che hanno reso questo stallone famoso come riproduttore, mescolati col sangue egiziano della madre; sarà una Fattrice superbamente preziosa. Terzo era il Dr Ghanem Al Hajiri, un proprietario locale che ora si sta facendo un nome come allevatore con quella che è stata Campionessa delle Puledre di 1-anno a Las Vegas, *Valentyna F. Una grande e potente saura con abbastanza “sbuffo” da riempire una mongolfiera, questa figlia di Psytadel è figlia della russa Veronia. Le classi delle Fattrici sono sempre incantevoli da guardare e, seduta su una sedia che somigliava ad un trono, ingozzandomi di cioccolato, ero al settimo cielo. La vincitrice di questa classe è una mia personale favorita cresciuta fino a diventare una fattrice eccezionale, l'israeliana *Badawieh

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

of Marwan al Shaqab, this filly claims many of the traits that made this stallion famous as a sire, mixed with her Egyptian damline; she will make a superbly valuable breeding mare. Third was Dr Ghanem Al Hajiri, a local owner and now making his name as a breeder with the former Las Vegas yearling filly champion, Valentyna F. A big powerful chestnut with enough snort to lift a hot air ballon, this Psytadel daughter is out of the Russian Veronia. The mare classes are always enchanting to watch and sitting on a throne like chair being force fed chocolates, I was in seventh heaven. The winner of this class is a personal favorite of mine and she has grown into an exceptional mare, this is the Israeli


AJ Djamilja -Class 2 1째 pl 2 Years Old Fillies - O: Ajman Stud (UAE)

D Crystal Moon -Class 3 1째 pl 3 Years Old Fillies - O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

188 189


AH A B U D H A B I - UA E AA. Questa fattrice ha vinto davvero molto come puledra, vincendo titoli nella sua terra natia prima che lo Sceicco Ammar l'acquistasse per aggiungere altri titoli per il suo Ajman Stud. Una cavalla egiziana pura generata dal super sire internazionale Laheeb e da una delle più belle fattrici, Bahiha che è stata anche madre di Al Bilal, già Campione Israeliano che risiede nello stesso allevamento. Badawiaeh AA è una di quelle gemme rare che lasciano un'impressione durevole su tutti coloro che la vedono, lei certamente può dire la sua nella scuderia delle più belle nell'Ajman Stud. Invece il Dubai Stud è giunto secondo con una fattrice di sangue polacco figlia di Marwan, *Marabella KD. Una cavalla elegante e fluida, dall’aspetto americano molto raffinato che ha relegato al terzo posto un’altra Pura Egiziana di proprietà del Sultano di Sharjah, lo Sceicco Dr Al Qassimi,

Badawieh AA - Class 4 1° pl 4-7 Years Old Mares - O: Ajman Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

bred, Badawieh AA. This mare won so much as a filly, winning titles in her homeland before SHK Ammar purchased her to add more titles for his Ajman Stud. A straight Egyptian mare sired by the international super sire Laheeb and out of one of the most beautiful mares, Bahiha also dam of Al Bilal, a former Israeli Champion whom resides at the same stud. Badawiah AA is one of those rare gems that leaves a lasting impression on all who see her, she certainly holds her own in the stable of beauties in Ajman. Dubai Stud came second with their polish related Marwan daughter, Marabella KD. A smooth elegant mare, she again has that polished American look and beat another straight Egyptian mare into third place, Sharjah’s ruler, Dr SHK Sultan Al Qassimi with the


con la sempre-vincitrice figlia di Al Adeed Al Shaqab, *Khahielat Khalid. The Princess of Egypt, tornata dopo un po' di tempo lontana dai campi di gara, ha vinto la classe senior. Prolifera vincitrice da giovane puledra in tutta Europa, questa bianca figlia di Orayon, è apparsa come un bellissimo esemplare, ma non ultra-esotico come voleva la sua fama dell’epoca, giusto per indicare come e quanto cambi la moda nel ring. Lei è un’altra aggiunta alla scuderia Ajman. La magnifica *Mmecca per l'Al Zobair Stud si è classificata seconda e molti ritenevano che i giudici in generale erano stati un pò generosi nei confronti dell'Ajman Stud nei loro punteggi. Questa fattrice non è nuova alla ghirlanda coperta di rose del Vincitore e rappresenta un ulteriore esempio di fattrice Araba Pura Egiziana che diventa più bella con l’età. Generata da Al Baraki e da

ever successful Al Adeed Al Shaqab daughter, Khahielat Khalid. The Princess of Egypt now back on her feet after some time off won the senior class. A huge winner as a young filly in Europe, this now snow white daughter of Orayon looked a lovely type of mare but not ultra exotic as she was once famed, so is the changing face of the show ring fashions. She is another that has been added to the Ajman herd. The gorgeous Mmecca for the Al Zobair stud was second and many believed that the judges in general had been a little Ajman happy with their markings. This mare is no stranger to the rose covered garlands and another straight egyptain mare that seems to get even more beautiful with age. Sired by Al Baraki and out of the

The Princess Of Egypt - Class 5 1° pl 8 Years Old and Older Mares - O: Ajman Stud (UAE)

190 191


AH A B U D H A B I - UA E

Imperial Maysama, allevata dalla compianta Judy Grithiffs, lei ha un pedigree invidiabile. Il Terzo posto è andato all'Al Zobair Stud di nuovo con *Fairview Shaklas Sugar and Spice la quale, nonostante il suo “tipo” evidente sembrava un poco oltre il suo periodo migliore. Secondo giorno dello show, e di nuovo la gloriosa luce del sole brillava sui curatissimi giardini e rifletteva guizzi d’argento sui laghi. I giovani “prìncipi”, con così tanta speranza investita in loro come cavalli da show e grandi riproduttori del futuro, erano decisi a non essere da meno delle “ragazze” e si

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

late Judy Grithiffs bred Imperial Maysama, she has a pedigree to covet. Third went to Al Zobair stud again with Fair view Shaklas Sugar and Spice, who despite her obvious type looked a little past her best. The second day of the show and again glorious sunshine sparkled on the landscaped gardens and sent shards of silver across the lakes. The young princes with so much hope invested in them as show horses and great sires of the future, were determined not to be out done by the girls and pranced with tails over


impennavano con le code ben sollevate nell'arena. Il vincitore è stato l’estremamente appariscente *Wannas Al Zobair, un puledro dalla fronte scolpita generato da Marajj, ed a lui molto somigliante. Esso spianava il dorso quando si metteva in posa e chiaramente si divertiva molto ad esibirsi dinanzi al fratello, il puledro di Marajj secondo classificato, il meraviglioso *ShHab Al Hawajer del Dr Ghanem Al Hajri. Questo puledro è molto speciale e, sebbene non altrettanto audace del vincitore, ha altrettanto fascino. Sua madre è una bisnipote di Magnum Psyche, per via di una fattrice russa con lei imparentata. Sono

backs into the arena. The winner went to the extremely showy Wannas Al Zobair, a chiseled fronted colt sired by Marajj and much in the same mold. He leveled out his topline when posed and clearly had great fun showing off to his bother, the second placed Marajj colt, Dr Ghanem Al Hajri wonderful ShHab Al Hawajer. This colt is very special and though not as bold as the winner has so much charm to him. His dam is a Magnum Psyche granddaughter out of a Russian related mare. I am sure we will see more

192 193


AH A B U D H A B I - UA E

Wannas Al Zobair - Class 6 1° pl Yearling Colts - O: Sheikh Abdalla Khalid Abdulla M. Althani

sicuro che lo vedremo ancora in futuro. Terzo posto ad *AJ Ramsy, la prima progenie dal giovane stallone AJ Dinar, che da puledro magnetizzava gli spettatori dal ring, per la gioia del proprietario Khalifa Sulaiman. Una menzione particolare va spesa per il quarto classificato, un puledro molto giovane che ha colpito tutti gli astanti, il figlio di AMW Ruger, *Al Aryam Khalis. Un puledro che è una miscela suprema di stile e bellezza, il primo a fare il suo ingresso della classe, a giudizio di molti se fosse stato un po’ più giù nell'ordine di presentazione ai giudici, sarebbe stato certamente un serio contendente al titolo. Si tratta di *AJ Fenjan, il puledro da trasferimento di embrione ed uno dei due acquistati dall'Ajman Stud prodotti dalla Fattrice campionessa del mondo, RGA Kouress, madre di Marajj che ha vinto questa sezione. Un puledro dotato di un’estremamente bella fronte, generato dal miglior stallone figlio di WH Justice, Ajman Moniscione, orgogliosamente godeva dell’essere

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

of him in the future. Third place went to AJ Ramsy, the first progeny by the young stallion AJ Dinar that wowed the rings as a youngster for a joyful owner Khalifa Sulaiman. Just to mention that fourth was a very young colt that caught everyone’s eye, the Ruger AMW son, Al Aryam Khalis. A colt that is a supreme mix of both style and beauty, the first entry of the class, it was felt by many that had he been further down the judging order, he surely should have been a serious contender. It was AJ Fenjan, the embryo transfer foal and one of two purchased by the Ajman stud out of the world champion producing mare, RGA Kouress, dam of Marajj that won this section. An ultra beautiful fronted colt by the WH Justice leading siring son Ajman Moniscoine, he proudly enjoyed being in his home


AJ Fenjan - Class 7 1° pl 2 Years Old Colts - O: Ajman Stud (UAE)

finalmente a casa, dopo avere partecipato a molti show negli Stati Uniti ed in Europa, ed ha vinto qui per il sollievo del suo proprietario. L'Ajman Stud ha allevato anche il secondo ed il terzo classificato tra i puledri, *AJ Kafi, un sauro figlio di WH Justice molto “prestante”, con quattro balzane e crini biondi, che si è esibito alla grande battendo il più bello ma meno macho figlio di Vervaldee, *AJ Samir. Quarto posto ad *Al Aryam Azlam, molto diverso, il primo nato nell'UAE dal recentemente incoronato Campione Nazionale degli Stati Uniti, El Nabila B. Questo puledro aveva un aspetto da “bei vecchi tempi” e sarà interessante guardarlo maturare come suo padre. Pieno credito deve andare ad Al Aryam Arabians per la loro previdenza nelle decisioni allevatoriali di utilizzare stalloni diversi per allevare cavalli Arabi per il futuro. *AJ Darass, un altro puledro di Marajj, si è classificato 5° in questa classe enorme. L'ultima classe dei puledri ha visto un gruppo un po’ misto,

soil at last after showing in the states and Europe and won here for his relieved owner. Ajman stud bred the second and third places colts, AJ Kafi, a very curvy chestnut WH Justice Son with four socks and blonde trimmings gave a great show to beat the more beautiful but less macho Vervaldee son, AJ Samir. Fourth went to the very different Al Aryam Azlam, the first foaled in the UAE by the recent crowned US National Champion, El Nabila B. This colt had a look of days gone by and will be interesting to watch him mature like his sire. Credit must go to Al Aryam Arabians for their foresight in breeding decisions to different stallions to use as breeding horses for the future. AJ Darass , another Marajj colt was 5th in this huge class. The last of the colt classes saw a mixed bunch but Ajman again came up trumps with the Vervaldee son, AJ

194 195


AH A B U D H A B I - UA E

AJ Portofino - Class 8 1° pl 3 Years Old Colts - O: Ajman Stud (UAE)

ma Ajman ha di nuovo giocato la briscola col figlio di Vervaldee, *AJ Portafino. Allevato in Italia, questo puledro è un esibizionista di natura e ha sorprendenti testa e collo. Sembrava una statua nella sua posa con gli occhi spalancati e livellava il suo dorso, che pure non era così livellato al naturale, per cui ha ottenuto un risultato molto alto. E’ stata poi la volta di Dubai Stud con *D Marc, un molto simile figlio del suo sire, QR Marc. Questo cavallo imponente aveva grande qualità ed ha dato grande spettacolo, ma non abbastanza per vincere, e terzo si è classificato *AJ Darraj, un puledro molto tipico generato da AS Natsir Apal e da Bint Deladiva. Gli stalloni erano i prossimi in programma ed è stato un privilegio vedere così tanti esempi meravigliosi di questa antica e preziosa razza. *Memphis 27, di recente importato, ha fatto ritorno allo show ring come proprietà in leasing dell'Ajman Stud. Questo cavallo ha vinto costantemente da quando era

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Portafino. Bred in Italy, this colt is a natural show off and again has an amazing head and neck. Looking like a statue in his pose with eyes popping and leveling out his not so level topline, he was given a very high score. The Dubai stud came next with D Marc, a look-a-like son of his sire, QR Marc. This imposing horse had lots of quality and gave a great performance but not quite enough to win and tying third was AJ Darraj, a very typy colt by AS Natsir Apal out of Bint Deladiva. The stallions were up next and it was a privilege to see so many wonderful examples of this ancient and most treasured breed. The newly impor ted Memphis 27 made a retur n to the show ring in the leased ownership of the Ajman stud. This horse has won consistently since he was a colt, the last foal of the for mer world champion mare, AS Misha Apal


Memphis - Class 9 1° pl 4-8 Years Old Stallions - O: Ajman Stud (UAE)

un puledro, l'ultimo puledro della fattrice già campione del mondo AS Misha Apal prima della sua esportazione verso gli Stati Uniti, per poi anni più tardi sbarcare sul suolo degli UAE. Memphis è stato generato dal grande stallone Psytadel, ereditando la corta testa scolpita e la costituzione equilibrata che ci si aspetterebbe da un incrocio di questi due grandi del mondo dell’allevamento equestre Arabo. È molto triste che Memphis stesso rappresenti la fine della sua discendenza, visto che non è riuscito a produrre un'altra generazione. Il favorito delle folle ha fatto ritorno al Ring e la sua gioia deve essere sentita da Allah stesso mentre questo superlativo stallone nero volava nell'arena e, man mano che le grida aumentavano di volume, egli rispondeva con un trotto che sembrava neanche sfiorare il terreno. Il figlio di Enzo, *Antarr chiaramente ha un enorme seguito di fan ed il perché era chiaro a tutti. Al Aryam Arabians deve essere molto orgoglioso di aver allevato tutti i propri ca-

before her expor tation to the US before years later landing on UAE soil. Memphis is sired by the grand stallion Psytadel, he inherited a shor t sculptured head and a balanced frame that you would expect from a cross of these two greats of the Arabian horse breeding world. It’s very sad that Memphis himself is the end of the line as he has failed to produce another generation. The crowds favorite made a retur n to the ring and his cheers must have been heard by Allah himself as this superlative black stallions flew into the arena and as the cries grew louder, the more he answered with a ground defying trot. The enzo son, Antarr, clearly has a huge following and it was clear to all to see why. Al Aryam Arabians must be so proud to have bred all their horses and have made giant steps in the 6 years since the

196 197


AH A B U D H A B I - UA E

valli ed aver fatto passi da gigante nei 6 anni dalla nascita della scuderia, al punto da essere premiato come miglior allevamento dello show. Il plurivincitore *Ibn Batra si è classificato terzo per l'Al Qassimi Stud, uno dei più antichi allevatori dell'UAE. Anche questo cavallo ha avuto la sua parte di vittorie dei Campionati nella regione del Golfo. Un esemplare alto ed imponente, esso è figlio del recentemente deceduto stallone nero Puro Belbowri Obsidian e di Al Patra, da una delle famiglie di fattrici originali della fondazione dell’allevamento. L’ultima classe della serata, per stalloni senior, aveva un sentore internazionale, lo stallone Puro Egiziano *Ghabash Al Shaqab, generato in Qatar dal già campione del mondo Al Adeed. Questo estremamente tipico Arabo ha battuto un altro esemplare di recente importazione, il già Campione Nazionale degli Stati Uniti, *Major Jamal per il Dr. Ghanem Al Hajri. Questo stallone dal corpo super liscio e frutto di pesanti inincroci del leggendario Ali Jamaal con un tocco di El Shaklan, non è riuscito a mostrare la sua forma e forse ha necessità di uno show per entrare in uno stile diverso di esibizione. Il terzo posto è andato allo stallone russo Puro, *R S Bareed, un sauro figlio molto simile al famoso Pakistan da una figlia di Murmansk per il nuovo proprietario Ali Al Mazroui. I Campionati hanno quindi preso la ribalta ed i riflettori bru-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

bir th of the stud to be named leading breeding farm of show. The big winning Ibn Batra came third for the stud of Al Qassimi, one of the UAE’s oldest breeding stables. This horse has also done his fair share of winning with championships around the gulf region. This tall imposing horse is sired by the recently deceased black straight stallion Belbowri Obsidian and out of Al Patra, from one of the stud’s original foundation mare families. The final class of the night for senior stallions had an international feel to it, The Qatari bred straight Egyptian stallion Ghabash Al Shaqab, sired by the former world champion Al Adeed. This extremely typey horse beat another fresh import, the former US national champion, Major Jamal for Dr Ghanem Al Hajri. This super smooth bodied stallion heavily inbred to the legendry Ali Jamaal with a splash of El Shaklan failed to show his form and maybe needs a show to get into a different style of showing. Third place went to the straight Russian bred stallion, R S Bareed, a chestnut look alike son of the famed Pakistan out of a Murmansk daughter for new owner Ali Al Mazroui. The championships took centre stage and the flo-


Ghabash Al Shaqab - Class 10 1° pl 9 Years Old and Older Stallions - O: Ziad Abdulla Ibrahim Galadari

ciavano luminosi come le stelle che splendevano alte sopra la fresca notte araba. Il titolo di Campionessa delle Puledre è andato a *AJ Siwahi, Argento a *D Crystal Moon e Bronzo ad *AJ Djamilja Il titolo di Campione dei Puledri è andato ad *AJ Portofino, Argento a *Wannas Al Zobair e Bronzo a *Sh-Hab Al Hawajer Campionessa Fattrici è stata nominata *Bidawiaeh AA, Argento a *Marabella KD e Bronzo a *Mmecca Campione degli Stalloni è stato acclamato *Memphis 27, Argento ad *Antarr e Bronzo a *Ghabash Al Shaqab Distribuite le ghirlande, mentre i flash dei fotografi si allontanavano pian piano, con grandi ricordi pieni di grandi cavalli sono venuto via. Sarà interessante vedere quello che il prossimo show ha in serbo per noi, prego, lasciate iniziare lo Show Nazionale del Cavallo Arabo ad Ajman.

odlights burned as bright as the stars shining high above the cool Arabian night. Champion filly went to AJ Siwahi, silver to D Crystal Moon and bronze to AJ Djamilja Champion colt went to AJ Portofino, silver to Wannas Al Zobair and bronze to Sh-Hab Al Hawajer Champion mare went to Bidawiah AA, silver to Marabella KD and bronze to Mmecca Champion stallion went to Memphis 27, silver to Antarr and bronze to Ghabash Al Shaqab As the garlands were given out and the bulbs from the photographers’ flashes drifted away, it was with great memories full of great horses that I came away with. It will be interesting to see what the next show holds in store for us, roll on Ajman National Arabian horse show.

198 199


AH A B U D H A B I - UA E

Championship Fillies

GOLD MEDAL • AJ Sawahi - O: Ajman Stud (UAE)

SILVER MEDAL • D Crystal Moon O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • AJ Djamilja O: Ajman Stud (UAE)


Championship Colts

GOLD MEDAL • AJ Portofino - O: Ajman Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Wannas Al Zobair O: Sheikh Abdalla Khalid Abdulla M. Althani (UAE)

BRONZE MEDAL • SH Hab Al Hawajer O: Dr. Ghanem Mohamed Obaid Alhajri (UAE)

200 201


AH A B U D H A B I - UA E

Championship Mares

GOLD MEDAL • Badawieh AA - O: Ajman Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Marabella KD O: Dubai Arabian Horse Stud (UAE)

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

BRONZE MEDAL • Mmecca O: Sheikh Abdalla Khalid Abdulla M. Althani (UAE)


Championship Stallions

GOLD MEDAL • Memphis - O: Ajman Stud (UAE)

SILVER MEDAL • Antarr O: Al Aryam Arabians (UAE)

BRONZE MEDAL • Ghabash Al Shaqab O: Ziad Abdulla Ibrahim Galadari (UAE)

202 203


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


205 205


AH C o n fe re n c e Back to the Future

Egyptian Breeders Conference by the Pyramid Society & Pyramid Foundation Atlanta 2010 Abbiamo voluto raccogliere tre voci per questo reportage, perché ognuna di esse offre una prospettiva diversa sulla Conferenza degli Allevatori di Cavalli Arabi Egiziani. Monika Savier è stata presente, per l’Europa, ed ha riferito sui contenuti della Conferenza. Sia Joe Ferriss che Edouard Al Dahdah sono stati relatori.

We have used three voices in this report, as they each offer a different perspective on the Breeders Conference. Monika Savier attended from Europe, and reported on the Conference. Both Joe Ferriss and Edouard Al Dahdah participated.The three voices are distinguished here by different typefaces.

Introduzione Joe Ferriss: Nel 2007 la Pyramid Society ha creato una nuova nuova iniziativa educativa chiamata Conferenza degli Allevatori (Breeders Conference) che è parte dell’attuale progetto per il miglioramento delle attività educative della Società. Precedenti conferenze includevano tributi agli allevatori pionieri nel campo dell’Egiziano, quali Babson, Pritzlaff,Ansata, Gleannloch, Serenity, Imperial ed altri. Ci sono stati interventi sulla genetica, sull’alimentazione, sulle problematiche di natura veterinaria e sulla valutazione dei soggetti per la riproduzione, in aggiunta ad argomenti storici quali le stirpi ed altre presentazioni focalizzate sulle discendenze e linee di sangue. Ogni anno sono state date presentazioni di contenuto educativo e di utilizzo pratico, e di solito la Società ha poi reso disponibile un DVD della Conference per coloro che non avevano potuto essere presenti. La conferenza di quest’anno si è tenuto dal 17 al 19 settembre presso il Westin di Atlanta, Georgia. Prima degli eventi principali si sono svolte alcune eccellenti farm open-house. Il giovedì, il Paradise Arabians di Dalton, Georgia, ha tenuto una open house, completa di cena e presentazione di cavalli.Tenendo fede alla tradizionale ospitalità del Sud, si è trattato di una gradevole presentazione e di un barbeque tipico della zona francamente indimenticabile. Anche Highview Arabians nella vicina Trenton, South Carolina, ha tenuto un’open house con una splendida presentazione di cavalli ed ottimo cibo nell’incantevole scenario delle mille colline del South Carolina. Al venerdì mattino, prima dell’apertura della Conferenza, l’Associazione degli Allevatori Indipendenti del Puro Egiziano della Georgia (Georgia Independent Straight Egyptian Arabian Breeders) ha tenuto un evento presso il Jamieson Equicenter, dove gli spettatori potevano ammirare alcuni degli Arabi Egiziani di Al Sahra Arabians, Beaver Creek Farm, Equinox Arabians e Night Diamone Arabians.

The Pyramid Society Joe Ferriss: In 2007, the Pyramid Society established a new educational series called the Breeders Conference. This is part of an ongoing effort to improve the educational activities of the Society. Past conferences included tributes to founding Egyptian breeders such as Babson, Pritzlaff, Ansata, Gleannloch, Serenity, Imperial and others. There have been lectures on genetics, nutrition, veterinary issues and evaluating breeding stock, in addition to historical subjects such as strains and other bloodline oriented presentations. Each year useful, educational presentations have been given at these conferences, and usually afterward the Society offers a DVD of the conference for those who could not attend. This year’s conference was held from September 17– 19 at the Westin in Atlanta, Georgia. Prior to the main events, there were some excellent farm open houses. On Thursday, Paradise Arabians in Dalton, Georgia, held an open house, complete with dinner and presentation of horses. True to Southern hospitality, this was an enjoyable presentation and an unforgettable Southern Barbecue. Also, Highview Arabians in nearby Trenton, South Carolina, held an open house with a splendid presentation of horses and good food in the beautiful setting of the rolling hills of South Carolina. On Friday morning before the opening of the conference, the Georgia Independent Straight Egyptian Arabian Breeders held an event at the Jamieson Equicenter where attendees could see some of the Egyptian Arabians of Al Sahra Arabians, Beaver Creek Farm, Equinox Arabians and Night Diamond Arabians. While Friday afternoon was the opening of the conference, Friday night was the scene of a fantastic feast of Middle Eastern delicacies and horse presentations at Talaria

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


by Monika Savier, Joe Ferriss and Edouard Al Dahdah photo by Lisa Abraham Il venerdì pomeriggio ha visto l’apertura della Conferenza, la sera è stata lo scenario per una fantastica cornucopia di ghiottonerie medio-orientali e di presentazioni di cavalli presso la Talaria Farms, quest’ultima lussuosamente decorata in stile orientale con musica e balli a tema. Ritorno al Futuro: "Blocchi da costruzione per l’Allevamento Moderno dell’Arabo Egiziano". Monika Savier: venerdì 17 Settembre si è aperta la Quarta Conferenza Nazionale Degli Allevatori di Egiziani. Oltre 60 delegati, membri ed allevatori interessati, provenienti da tutti gli Stati Uniti, con la presenza di un manipolo di europei, hanno preso parte a questa conferenza che aveva come suo compito, coprire l’intera gamma dalle origini dell’allevamento di cavalli Arabi alle moderne strategie internazionali di allevamento per quanto riguarda il Puro Egiziano. “Come costruire basandosi sul passato - un passato che per molti di noi è intrecciato con leggende e folklore - e, contemporaneamente, costruire per il futuro - un futuro che ogni giorno ci presenta una nuova sfida, imprevedibile e spesso minacciosa,” ? Questa domanda ha aperto l'intervento di Kent Mayfield, moderatore della conferenza e membro del Consiglio d’Amministrazione della Pyramid Society. Molti erano venuti non solo per salutare gli amici e per scambiarsi esperienze comuni e strategie allevatoriali, ma anche perchè ci sono alcune nuvole nere che gettano le loro ombre nei cieli dell’allevamento internazionale di cavalli Arabi. La Pyramid Society ne ha intravisto i segnali e questa è la ragione per cui gli argomenti fondamentali di questa conferenza poggiavano su aree diverse, occupandosi sia dell’innovazione che della prevenzione delle minacce: “Blocchi da costruzione per l’allevamento moderno di cavalli Arabi Egiziani” era lo slogan. La scaletta prevedeva 3 temi centrali: 1) Princìpi, Pratiche e Strumenti nell’allevamento moderno di cavalli Arabi Egiziani; 2) Modelli illustrativi per l’allevamento di cavalli Arabi Egiziani, Moderno, Storico e Contemporaneo; 3) Problematiche Critiche per il Futuro dell’Allevamento; L’Eredità del Deserto

Farms, which was lavishly decorated in oriental style with music and dancing to match.

Back to the Future: Building Blocks for Contemporary Egyptian Arabian Breeding Monika Savier: On Friday, September 17, the Fourth National Egyptian Breeders Conference opened. More than 60 delegates, members, and interested breeders from across the US, complemented by a handful of Europeans, took part in this conference, which saw as its task to cover the whole range from the origin of Arabian Horse breeding to today’s international breeding strategies in Straight Egyptian breeding. “How at once to build on the past-a past that for many of us is woven of legend and lore-and yet build for the future-a future that introduces daily a level of novelty, unanticipated and often threatening,” is how Kent Mayfield, moderator of the conference and member of the Pyramid Society Board of Directors, put it in his opening remarks. Many had come not only to greet once more friends and to exchange common experiences and breeding strategies, but also because there are some dark clouds casting their shadows across the sky of International Arabian Horse breeding. The Pyramid Society saw the signs, which is why the cornerstones for this conference were from different areas, covering innovation as well as prevention of threats: “Building blocks for contemporary Egyptian Arabian breeding” was the motto. The agenda covered 3 core themes: 1) Principles, Practices and Tools in Egyptian Arabian Breeding 2) Illustrative Models for Egyptian Arabian Breeding, Historic and Contemporary 3) Critical Issues for Future Breeding. Desert Legacy JF: The conference opened on Friday afternoon with Edouard Al Dahdah covering the first phase of the Desert Legacy. Edouard opened with an introduction to the Be206 207


AH C o n fe re n c e JF: La conferenza si è aperta il venerdì pomeriggio con Edouard Al Dahdah che ha illustrato la prima fase dell’Eredità del Deserto. Edouard ha aperto il suo intervento con una introduzione sulle tribù Beduine, i padroni originali del cavallo Arabo inteso come razza. La sua immagine d’apertura era rappresentata da un camionista in piedi davanti ad un TIR. Ha fatto notare che il camionista potrebbe essere descritto come un nomade moderno. Un Moderno Nomade ed il suo cammello... Edouard Al Dahdah: La mia presentazione era basata su due assunti storicamente documentati: 1) Che i cavalli Arabi erano l’unico tipo allevato dai Beduini dell’Arabia Deserta, e che i Beduini erano gli allevatori originali del cavallo Arabo; 2) Che il valore economico dei cavalli Arabi derivava dal loro utilizzo come fonte di potenza militare o di prestigio sociale o di entrambi, da parte di Beduini e di non-Beduini allo stesso modo. Partendo da questi dati, la presentazione si focalizzava su tre specifiche implicazioni di tale relazione esclusiva, uno-a-uno, tra Beduini e Cavallo Arabo. Ciascuna implicazione è stata utilizzata per sfatare “miti”, comunemente presi per veri, riguardo al cavallo Arabo: primo: se i cavalli Arabi, in qualità di soli equini domestici dei Beduini, seguivano i loro proprietari nella loro sempiterna ricerca di acqua e pascolo, ne deriva che la patria del cavallo Arabo è la stessa area percorsa dalle tribù Beduine nelle loro migrazioni, ovvero l’Arabia Deserta. L’Egitto quindi, salvo che per la Penisola del Sinai, non ha mai fatto parte delle zone coperte da tali migrazioni; l’Egitto in quanto tale non è la zona d’origine del cavallo Arabo come comunemente si ritiene. Piuttosto, i reali e la nobiltà egizia, come i loro pari Britannici, Francesi oTedeschi, importarono questi cavalli dall’Arabia Deserta, principalmente come fonti di prestigio sociale. secondo: se le migrazioni Beduine coprivano l’area dell’Arabia Deserta, con i cavalli Arabi che seguivano i loro proprietari Beduini e se i cavalli, in quanto fonte di potenza militare, cambiavano di mano tra i Beduini in guerra o attraverso più pacifici meccanismi, ne deriva che individui o gruppi di cavalli Arabi avevano la possibilità di muoversi nell’interezza dell’Arabia Deserta. Tale mobilità all’interno dell’Arabia Deserta stride fortemente con l’esistenza, ingenuamente supposta da alcuni studiosi occidentali, di due diverse tipologie: un tipo del “nord” ed un tipo del “sud.” Fino all’avvento dei moderni Stati Nazionali Arabi negli anni 30 e 40 del Ventesimo Secolo, non esistevano confini all’interno dell’Arabia Deserta. Cavalli nati a Najd potevano concludere la loro vita nell’ovest della Siria e cavalli al-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

douin tribes, the original owners of the Arabian horse as a breed. His opening image was a truck driver standing in front of a semi-truck. He noted that the truck driver could be described as a modern nomad. A Modern Nomad and his Camel... Edouard Al Dahdah: My presentation was based on two historically documented propositions: 1) That Arabian horses were the only horses bred by the Bedouins of Arabia Deserta, and the Bedouins were the original breeders of the Arabian horse; and 2) That the economic value of Arabian horses stemmed from their use as a source of military power, or social prestige, or both, by Bedouins and non-Bedouins alike. Given this, the presentation focused on three specific implications of this exclusive, one-to-one relationship between Bedouins and Arabian horses. Each implication was used to dispel commonly-held “myths” about Arabian horses: First: if Arabian horses, as the Bedouins’ only domestic equines, followed their Bedouin owners in their quest for water and pasture, then the homeland of the Arabian horse is the same as the area spanned by Bedouin tribes’ migrations, and that is Arabia Deserta. Egypt, save for the Sinai Peninsula, was never part of the area covered by these migrations; as such, Egypt is not an original homeland of the Arabian horse, as is commonly believed. Rather, Egyptian royalty and nobility, like their British, French or German counterparts, imported these horses from Arabia Deserta, mainly as sources of social prestige. Second: if Bedouin migrations covered the area of Arabia Deserta, with Arabian horses following their Bedouin owners, and if horses, as sources of military power, exchanged hands among Bedouins in war or through peaceful means, then individual or groups of Arabian horses could potentially move across all of Arabia Deserta. Such mobility within Arabia Deserta argues against the existence, naively posited by some Westerners, of two distinct types: a type of the “north” and a type of the “south.” Until the advent of the modern Arab nation states in the 1930s and 1940s, there were no such things as borders in Arabia Deserta. Horses born in Najd could end their lives in western Syria, and horses bred in northern Mesopotomia could wind up, through war or otherwise, in the Hijaz. Third: if Arabian horses were only kept by Bedouins, and Bedouins only kept Arabian horses, then Bedouins, as original owners of the Arabian horse “brand” or “trademark,” are the only ones who could define what this brand is, and what


Ernest bailey, Ph.D Gluck Equine Research center, Lexington, talking about Basic Equine genetics and Mating systems

Joe Ferriss, Researcher and Journalist, Brownstone farm, Quincy. USA

levati nella Mesopotamia del nord potevano finire, per ragioni belliche o meno, nello Hijaz. terzo: se i cavalli Arabi appartenevano solo ai Beduini, ed i Beduini possedevano solo cavalli Arabi, ne deriva che i Beduini, in quanto proprietari originari del “brand” o del “marchio” del cavallo Arabo, sono gli unici che potrebbero definire cos’è tale brand e qual’è il suo aspetto esteriore. Questo significa che la sola definizione valida di cavallo Arabo è la loro definizione. Tale definizione è per forza di cose culturalmente specifica, ed è circoscritta dai concetti (specifici della cultura Beduina) di asalah (autenticità, purezza), rasan (stirpe), marbat (stallone individuale Beduino) e shubuw (da far riprodurre). Come tali, questi concetti servono a definire cos’é un cavallo Arabo dal punto di vista della cultura Beduina, non com’è l’aspetto esteriore di un cavallo dal punto di vista del fenotipo dell’animale, come si ritiene comunemente in Occidente. JF: Dopo la presentazione di Edouard, ho proseguito con la seconda fase dell’Eredità del Deserto, definendo le fonti che hanno fatto conoscere e diffondere i cavalli dalle terre dei Beduini all’Egitto. Ho cominciato col notare che in Egitto all’inizio del 1800, al picco dell’Impero Ottomano, la campagna di espansione di Mohammed Ali il Grande riportò indietro molti cavalli Arabi, catturati in battaglia alle tribù dei Beduini. Tuttavia, per avere un punto di partenza per i moderni pedigree Egiziani, si deve guardare ai cavalli singoli i cui nomi sono stati registrati nei documenti Egiziani o altri documenti storici. Questi primi cavalli conosciuti per nome sono chiamati “cavalli fondamentali” (foundation horses), anche detti Arabi Originali. Le persone che hanno portato questi cavalli fondamentali all’interno della attività equestre sugli Arabi in Egitto sono identificate come “le fonti”. In passato, queste “fonti” erano spesso potenti signori dell’Egitto o membri della famiglia al potere od altre persone più o meno nobili che possedevano la ricchezza, il potere e l’oppor-

M. Ken Mayfield, Ph D, Second Wind Farm, USA, Moderator of the Conference

it looks like. This means that the only valid definition of an Arabian horse is their definition. This definition is bound to be culturally specific, and is framed by the bedouinspecific concepts of asalah (authenticity, purity), rasan (strain), marbat (individual Bedouin stud) and shubuw (to be mated). As such, these concepts help define what an Arabian horse is from the viewpoint of the Bedouin culture, not what a horse looks like from the viewpoint of the animal’s phenotype, as is commonly held in the West. JF: After Edouard’s presentation, I covered the second phase of the Desert Legacy by defining the “sources” that introduced the horses from the Bedouin into the country of Egypt. I noted that in the country of Egypt at the beginning of the 1800s, at the peak of the Ottoman Empire, the expansionist campaign of Mohammed Ali The Great brought back numerous Arabian horses from Bedouin tribes, captured in battle. However, to have a starting point of modern Egyptian pedigrees, one looks to the first individual horses with actual names who were recorded in the Egyptian records or other related historical documents. These first named horses are called “foundation horses” (also called original Arabians). The people who brought these foundation horses into the scope of Arabian horse activity in Egypt are identified as the “sources.” These sources in the past were often powerful rulers in Egypt, or members of the ruling family or other titled people who had the wealth, power and opportunity to obtain Arabian horses either directly from the Bedouin horse breeding tribes or from trusted sources, or as gifts from others who got them from tribal sources. Like much of history, all the information we would like to know is not readily available and some sources we know little or nothing about at present. It is not possible to exactly connect each “foundation horse” with a Bedouin horse breeding tribe. However, there

208 209


AH C o n fe re n c e tunità di ottenere cavalli Arabi direttamente dalle tribù Beduine o da fonti degne di fiducia, oppure come doni da parte di terzi che a loro volta li avevano ottenuti dai Beduini. Come spesso accade nella Storia, le informazioni di cui avremmo bisogno non sono facilmente disponibili e sappiamo poco o nulla di alcune di queste fonti di approvvigionamento. Non è possibile collegare esattamente ciascun “cavallo fondamentale” con una tribù Beduina che allevasse cavalli. C’è tuttavia ragione sufficiente per avere fiducia che quelle fonti che fornirono a suo tempo i cavalli fondamentali ritenevano che essi fossero effettivamente cavalli Arabi originali di origine Beduina. Qualsiasi informazione essi potessero avere a quel tempo è stata in qualche modo registrata o tramandata oralmente, ma non tutte queste informazioni sono giunte fino a noi. Ho continuato quindi ad esaminare le fonti ed illustrare alcuni dei cavalli fondamentali associati ad esse. Ho anche discusso alcune

is sufficient reason to have faith that these sources who provided foundation horses believed that their horses were indeed original Arabian horses with Bedouin origin. Whatever information they might have known in their time was either recorded somewhere or kept as memory but not all of it has come forward today. I then proceeded to review the sources and illustrate some of the foundation horses associated with them. I also discussed some sources that used horses from sources that preceded them. I also included sources and foundation horses that are no longer found in Egyptian lines today. The categories for these sources I outlined as follows: 1. Early Sources: Egyptian Rulers and titled Individuals Abbas Pasha Ali Pasha Sherif

Above: Circle over Egypt; Oval over the Cradle of the Arabian Horse: Arabia Deserta. Below: blank mare belonging to the Al Dahdah family; photo by Gen. Salim Al Dahdah.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


David Gardener, Horseshoe Bay,Texas, Founder of “Gardener Bloodstock”, managing The Minstril,Thee Desperado and many other Champions.

Anita Enander, Institute for the Desert Arabian Horse, Ca. USA talking about Critical issues in contemporary breeding

fonti che hanno utilizzato cavalli che provenivano da fonti precedenti. Ho anche incluso fonti e cavalli fondatori che non sono più presenti al giorno d’oggi nelle linee di sangue del Puro Egiziano. Le categorie di queste fonti sono state definite come segue: 1. Fonti Primigenie: Regnanti Egizi ed Individui nobili/titolati Abbas Pasha Ali Pasha Sherif Khedive Abbas Hilmi II Ahmed Bey Sennari Principe Ahmed Kemal Pasha [e suo figlio] Principe Kemal El Dine Principe Mohammed Ali Tewfik Re Fouad e suo figlio Re Farouk 2. Altre fonti in Egitto che hanno fornito cavalli a membri di famiglie di potere oppure alla R.A.S. Abou Amin Halabi S.E. Lewa Ibrahim Pasha Sceicco Umar Abd al-Hafiz Muhammad Ibrahim al-Hajj Kafr Ibrash Farm Faroukia Farm Bisharat Bey 3.Scuderie del Governo Egiziano e Private R.A.S. Hamdan Stud 4.Fonti di Altri cavalli dalla Comunità delle Corse Mr. Kasdughli Ahmed Ibish Mohammed Ibn Marzuki Regina Nazli [madre del Re Farouk] Mahmoud Matlak 5. Europei Residenti in Egitto

Dr. Hans Nagel, Katharinenhof Stud in Germany, President of WAHO with Judith Forbis, Ansata Stud, talking about “Laying the Foundation of the Arabian Bloodstock”

Khedive Abbas Hilmi II Ahmed Bey Sennari Prince Ahmed Kemal Pasha [and his son] Prince Kemal El Dine Prince Mohammed Ali Tewfik King Fouad and his son King Farouk 2. Other Sources in Egypt who provided horses to either ruling family members or to the R.A.S. Abou Amin Halabi H.E. Lewa Ibrahim Pasha Shaykh Umar Abd al-Hafiz Muhammad Ibrahim al-Hajj Kafr Ibrash Farm Faroukia Farm Bisharat Bey 3. Egyptian Government Studs and Private Studs R.A.S. Hamdan Stud 4. Sources of Other Horses from the Racing Community Mr. Kasdughli Ahmed Ibish Mohammed Ibn Marzuki Queen Nazli [mother of King Farouk] Mahmoud Matlak 5. Europeans Residing in Egypt Lady Anne and Wilfrid Blunt T.G.B. Trouncer 6. European Sources England - Wilfrid Blunt, Lady Wentworth I concluded my presentation with a diagram that shows the distribution of Original Arabian horses found in to-

210 211


AH C o n fe re n c e Lady Anne e Wilfrid Blunt T.G.B.Trouncer 6. Fonti Europee Gran Bretagna - Wilfrid Blunt, Lady Wentworth Ho concluso la mia presentazione con un diagramma che mostra la distribuzione dei cavalli Arabi Originali le cui linee ereditarie si trovano negli Arabi Puro Egiziano odierni, con pedigree che vanno indietro di circa un secolo, più esattamente tra i 1840 ed i 1940. Comprendendo nel conto i cavalli fondamentali la cui progenie continua ai giorni nostri, il diagramma mostra la porzione approssimativa contribuita da ciascuno di questi cavalli fondamentali. Un totale di circa 67 cavalli fondamentali originali, pervenuti attraverso 19 fonti, sono presenti nell’allevamento odierno dell’Egiziano. Diventa così molto chiaro che una vasta maggioranza dei cavalli fondamentali deriva da Abbas Pasha,Ali Pasha Sherif e dai Blunts. È importante tuttavia nel mondo dell’allevamento del Puro Egiziano di oggi, considerare con cura anche le parti di dimensioni minori di questo diagramma, in modo da apprezzare che la diversità genetica non dovrebbe ridursi ulteriormente. La popolazione del Puro Egiziano non può permettersi nessun futuro in cui esistano meno scelte, ma può solo beneficiare da un ambiente dove esistano le scelte più numerose possibili. Fondamenti dell’Allevamento Occidentale JF: Ernest Bailey, Ph.D., MH. del Gluck Equine Research Center e Professore presso il Department of Veterinary Science dell’Università del Kentucky, sita in Lexington, ha ragguagliato i presenti sull’attuale situazione della ricerca genetica sul cavallo Arabo. Il Dr. Bailey è uno dei principali architetti del Progetto Genoma del Cavallo (HGP, Horse Genome Project) ed ha un particolare talento nell’illustrazione della Genetica ai profani. La sua presentazione è stata esemplare, con un’eccellente descrizione sugli aspetti della genetica in un allevamento chiuso di cavalli, com’è di fatto la popolazione del Puro Egiziano. I suoi commenti sembravano combaciare perfettamente con i precedenti commenti pronunciati da Edouard e da me stesso riguardo alla conservazione delle linee genetiche ancora esistenti, mantenendo la diversità e non perdendo nessuna linea di sangue rispetto alle risorse iniziali descritte nel diagramma. MS: Il rapporto del Dr. Bailey sui “sistemi di base della genetica e della riproduzione equina” è stato a tratti inquietante ed ha reso ovvio quanto sia importante una strategia trasparente e cooperativa di allevamento (che coinvolga cioè tutti gli allevatori del mondo), allo scopo di ottenere il controllo dei diversi problemi genetici nell’allevamento dei cavalli Arabi, come riscontrato dall’apparizione di disordini genetici.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

day’s straight Egyptian pedigrees that come forward over a period of about one century, from the 1840s to the 1940s. Taking into account the foundation horses that have bred on into the present, the diagram shows the approximate portions of each source that provided those foundation horses. There are a total of approximately 67 original foundation horses in today’s Egyptian breeding introduced by 19 sources. It is clear to see that a major portion of Egyptian foundation horses is derived from Abbas Pasha, Ali Pasha Sherif and the Blunts. However, it is important in today’s world of Straight Egyptian horse breeding to consider the smaller portions of this diagram as well so that the genetic diversity of this vast breeding group is not narrowed further. The straight Egyptian population can ill afford any future in which there are fewer choices but can only benefit in an environment where there are the most possible choices.

Foundations of Western Breeding JF: Ernest Bailey, Ph.D., MH. of Gluck Equine Research Center, and Professor at the Department of Veterinary Science at University of Kentucky, Lexington, informed the listeners on the present situation of genetic research with Arabian horses.. Dr. Bailey is a key architect of the Horse Genome Project and is a talented teacher of genetics for the layman. His presentation was impressive, as he laid out the aspects of genetics in a closed breeding herd such as the straight Egyptian population. His comments seemed to dovetail into the earlier comments of both Edouard and myself with respect to preservation of remaining strains and maintaining diversity as well as not losing any of the foundation stock as noted in the distribution chart above. MS: Dr. Bailey’s report on “basic equine genetics and mating systems” was quite unsettling in parts and made obvious how important a transparent and co-operative strategy of breeding (comprising all the breeders in the world) is, in order to gain control of different genetic problems in Arabian horse breeding, as represented by the appearance of genetic disorders. In his speech, he presented his assumption that it is the problem of inbreeding in “closed studbooks,” such as the one for Arabian Purebreds, that results in the well-known genetic problems within the breed. However, a lot of questions are still unanswered and scientific explanations still


Bisharat Bey riding

Nel suo discorso ha presentato il suo assunto che sia il problema dell’inbreeding (inincrocio, accoppiamento fra consanguinei) nei “registri chiusi di allevamento” (closed stud books), come quello del PSA, che dà poi come risultato i problemi genetici ormai noti nella razza. Ci sono tuttavia ancora molte domande senza risposta e ci si possono quindi aspettare nuove illuminazioni scientifiche. Sia i relatori che il pubblico concordavano che solo ampi scambi di informazioni, istruzione e conoscenza possano garantire lo sviluppo di strategie allevatoriali più sensibili ad altre problematiche che non il puro show. La cosa importante è riuscire a conservare per noi tutti e per il futuro una razza originale e salubre, con tutte le caratteristiche della razza che ci si aspettano da un cavallo Arabo. Molti interventi hanno chiesto un pacchetto comune di misure e strategie di allevamento che siano cooperative ed a largo raggio, che tengano cioè conto di ogni problematica. Preparare le Fondamenta Il Dr. Hans Nagel, Presidente WAHO, ha fatto un lungo viaggio dal Katharinenhof Stud di Brema, Germania, per essere in grado di parlare con tutti in occasione del simposio.Ad 80 anni, è uno dei più prestigiosi allevatori in vita oggi, che offre come spiegazione della sua (geneticamente ben strutturata) ricetta per il successo, il suo relativamente piccolo e chiuso serbatoio genetico. I suoi tipici “cavalli Nagel” hanno per lungo tempo influenzato gli allevatori di tutto il mondo. Egli ha illustrato un fatto interessante ad Atlanta: che perfino dopo 40 anni di allevamento, la sua scuderia non ha mai avuto esperienza di seri problemi di inbreeding e si sente quin-

to be expected. Speakers and audience alike agreed that only information, education, and transfer of knowledge can guarantee the development of sensible breeding strategies that consider more than just showing. The important thing is to preserve an original, healthy breed, with all the characteristics of the breed that are expected of an Arabian horse. Several speakers called for a common packet of measures and co-operative, comprehensive breeding strategies. Laying the Foundation Dr. Hans Nagel, WAHO president, made the long journey from Katharinenhof Stud in Bremen, Germany, to be able to discuss things with everybody on the occasion of the conference. At 80 years of age, he is one of the outstanding breeders living today, offering as the explanation for his genetically well-structured concept for success, his comparatively small and closed gene pool. His typical “Nagel horses” have been influencing breeding world-wide. An interesting point is a fact he laid out in Atlanta: that even after 40 years of breeding, his stud never experienced any serious inbreeding problems and he is still able, unaffected by the discussions around, to pursue his personal successful strategies built on his own personal visions and preferences. Judith Forbis from Arkansas, the breeder whose Ansata Stud is of international importance and has written its

212 213


AH C o n fe re n c e

di in grado, imperturbato dalle discussioni attorno a lui, di continuare a perseguire le sue strategie personali di successo, costruite sulle sue personali preferenze e sulla sua visione. Judith Forbis dell’Arkansas, l’allevatrice il cui Ansata Stud riveste importanza internazionale e che ha scritto il proprio capitolo nella storia dell’allevamento del cavallo Arabo nel mondo, ha posto questa domanda al suo pubblico: “Perché alleviamo? Ci interessa realmente la bellezza ed il tipo o ci interessa ciò che questi tratti risvegliano in noi e come noi li giudichiamo?” Per avere successo nell’allevamento, Judith ha suggerito di considerare tre fattori: “Il Tipo è la perfezione, ma il tipo è equilibrio, armonia, corpo e non solo la testa del cavallo,” ha annunciato alla platea. “C’è bisogno di un buon pedigree per l’allevamento, esso contiene utili informazioni, ma il pedigree è solo una cartina stradale! Ed il terzo fattore più importante nell’allevamento è… la fortuna, che però, fortunatamente, non si può comprare. Ecco cosa ci porta

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

own chapter in the history of Arabian breeding worldwide, asked her audience a question: “Why do we breed? Is it really all about beauty and type, or is it about what these traits trigger in us and about how we judge them?” In order to be successful in breeding, she suggested considering three items: “Type is the perfection but type is balance, harmony, body and not just the head of the horse,” she announced to the audience. We need a good pedigree for breeding, there is helpful information contained in it, but pedigrees are only roadmaps! And the third important factor in successful breeding is luck, but luckily, it cannot be bought. That’s what brings all of us together at one table in the end, no breeder is an island, look at the pedigrees, we are all working together to some extent.” She summed her inspirational speech up herself: “Realize your dream, perfect your dre-


…during the conference

Omar Sakr, Egypt, and Judith Forbis, USA

From left to right: Judith Forbis, Ansata stud, Anne C. Bishop, Executive Director of Pyramid Society, Mrs Sakr, Egypt, Omar Sakr, successful Egyptian breeder, “Winner of the Breeder of the Year Award” 2009 in Cairo, Lisa Zukowski, Highview-Ansata Egyptian Stud

a sedere tutti allo stesso tavolo alla fine, nessun allevatore è un’isola, guardate i pedigree, stiamo tutti lavorando insieme in qualche maniera.” Lei stessa ha fornito un sommario del suo discorso ispiratore: “Realizza il tuo sogno, perfezionalo, condividilo.” Questi due relatori hanno elargito al pubblico ottimi consigli e spunti di riflessione. Sogni e Speranze Hanno poi parlato tre rappresentativi allevatori di Puro Egiziano, tutti originari delTexas: la Sig.ra Marilyn Lang di Fantasia Arabians, il Sig. David Gardner, e la Sig.ra Judy Guess di Blackwind Arabians. Ognuno di loro ha rappresentato una pietra miliare nella storia dell’allevamento negli Stati Uniti e tutti e tre hanno relazionato, in maniera interessante ed umoristica, le loro varie esperienze ed i loro concetti relativi all’allevamento, basati su 20 anni di attività nell’industria del Cavallo Arabo. JF: Marilyn Lang ha aperto con un video che mostrava un sommario del suo programma di allevamento ed ha poi illustrato come abbia iniziato la sua carriera attraverso contatti con Bob Bowling, il quale divenne poi il suo grande Mentore, e come quei contatti l’abbiano aiutata ad iniziare il suo personale ed originale programma allevatoriale. Lavorando con Bob Cowling, studiando e pianificando, è giunta

Edouard Al-Dahdah,The Wordbank,Washington DC, son of Lebanese horse breeders, talking about “The Desert Legacy”

am, share your dream.” From these two presentations the attendees were given some sound advice and food for thought.

Dreams, Hopes Next were three representative breeders of Egyptian horses, all originally from Texas: Mrs Marilyn Lang of Fantasia Arabians, Mr David Gardner, and Mrs. Judy Guess of Blackwind Arabians. All three of them wrote their own breeding chapters for the US and they reported, in an interesting and humorous way, their various breeding concepts and experiences from 20 years in the Arabian Horse industry. JF: Marilyn Lang opened with a video summary about her breeding program and then explained how she began through her contacts with Bob Cowling who became a great mentor, the outcome of which helped her later establish her unique breeding program. Working with Bob Cowling, studying and planning she realized that with courage and hard work she could have her dream of becoming an Arabian breeder. The beauty of the horses was captivating but also their history. One the colts from Bob Cowling’s program, Fa Daalim became her foundation sire. She went 214 215


AH C o n fe re n c e alla realizzazione che, con coraggio e duro lavoro, avrebbe potuto concretizzare il suo sogno di diventare una allevatrice di cavalli Arabi. La bellezza di questi cavalli la affascinava, ma anche la loro storia. Uno dei puledri frutto del programma di Bob Cowling, *Fa Daalim, divenne il suo stallone capostipite. Marilyn ha continuato illustrando lo sviluppo nel tempo del suo programma di allevamento e come, con dedizione e sacrificio, sia ancora oggi una allevatrice, realizzando la propria visione. David Gardner ha pronunciato un discorso ispiratore ed anche toccante, forse un dono del cielo, visto che aveva lasciato la valigetta contenente il suo discorso sull’autobus navetta dall’aeroporto, ed ha dovuto quindi improvvisare la sua esposizione. Con passione ed eloquenza, David ha esposto come i suoi sogni e speranze si siano concretizzati mediante il suo coinvolgimento con l’Arabo. Ha dichiarato di essere uno dei meno probabili soggetti di cui immaginare una carriera come allevatore, dato che è stato cresciuto nel Massachusetts, in città, senza alcun coinvolgimento precedente con i cavalli. David aveva circa 14 anni quando suo padre gli chiese “cosa avrebbe fatto da grande” e lui rispose che voleva occuparsi di cavalli, avendo assistito ad una corsa sulla pista locale. Anche suo padre era un patito dei cavalli da corsa ed insieme passavano del tempo in pista. Il papà ha fornito anche qualche buon consiglio, per esempio dicendo a David di trovare la persona più di successo nel business dei cavalli e di imparare da lui/lei per decidere se voleva veramente lavorare nel campo dei cavalli. Fu così che David e suo padre visitarono Calumet Farm, famosa per i suoi vincenti Purosangue. Lì incontrò Ben Jones. Nessun allevamento aveva prodotto più vincitori del Kentucky Derby della Calumet. Ben Jones gli disse: “Se ti occuperai di cavalli, dovresti considerare due cose: qualità e specializzazione. Crea la migliore qualità possibile e fallo meglio di chiunque altro nel ramo”. David si scrisse queste due parole sul retro di una scheda che si è sempre portato dietro per tutto il tempo in cui si è occupato di cavalli. David e sua moglie erano una giovane coppia sposata da poco alla fine degli anni 60, con un figlio, e lui frequentava ancora la scuola, ma la moglie suggerì di mettere insieme la somma necessaria per andare allo U.S. National Arabian show. Durante la settimana c’era un tour in autobus che avrebbe toccato anche Chickasha, Oklahoma, la prima sede dell'Ansata Arabian Stud. La vista di quei cavalli toccò il suo cuore e quello divenne il momento determinante per la sua scelta di occuparsi di cavalli Arabi Puro Egiziano. Naturalmente il resto della storia di David è ben nota ai più, dal suo lavoro con Bentwood, poi la costituzione di Gardner Bloodstock e la successiva sfilza di successi con grandi

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

on to explain how her breeding program unfolded and how with dedication and sacrifice she has continued to be a breeder to this day, fulfilling her vision. David Gardner gave a very inspirational and touching talk, quite ironically considering that he had left his briefcase with his presentation on the shuttle bus from the Airport so had to give his talk extemporaneously. He eloquently laid out how his dreams and hopes materialized into involvement with the Arabian horse. He said he was one of the least likely to become involved with horses given his upbringing in urban Massachusetts without any involvement with horses. David was about 14 years old when his dad pressed him to decide what he wanted to be and David replied that he wanted to be involved with horses after attending a nearby racetrack. His dad was also an aficionado of racehorses and together they spent time at the track. His dad gave him some sound advice by telling David that he should find the single most successful person in the horse business and learn from them to decide if you want to be in the business or not. So David and his father visited Calumet Farm, famed for its winning Thoroughbreds. He met Ben Jones. No single farm had bred more Kentucky Derby winners than Calumet. Ben Jones said to him if you become involved with horses you should consider two things: quality and specialization. Create the best possible quality that you can, and do it better than anyone else in the business. David wrote those two words on the back of an index card that he carried with him throughout his involvement with horses. David and his wife were a young married couple in the late 1960s with a son and he was still attending school but his wife suggested that they scrape up enough money to go to the U.S. National Arabian show. During that week there was a bus tour and it turned out to include a stop in Chickasha, Oklahoma, the first site of Ansata Arabian Stud. When he saw those horses they were the ones that touched his heart and became a defining moment for becoming involved with Egyptian Arabian horses. Of course the rest of David’s history is well mapped out with his involvement with Bentwood, then forming Gardner Bloodstock, and the subsequent string of successes with great stallions that are now the imprint of today’s straight Egyptian Arabians. MS: During the next session, successful breeder Mr. Omar Sakr from Cairo, Egypt, steered the debate back


stalloni che sono oggi il modello per l’Arabo Puro Egiziano. MS: Durante la sessione successiva, l’allevatore di successo Mr. Omar Sakr del Cairo, Egitto, ha riportato il dibattito sull’argomento dell’origine dei cavalli Puro Egiziano. Avendo intitolato il suo discorso “Lungo il Nilo: Allevamento dell’Arabo Egiziano in Egitto”, ha descritto lo sviluppo successivo ai Pasha Egiziani e le linee di sangue di maggior successo nella razza, attraverso gli stalloni reali del secolo passato, fino alle Scuderie di Stato di El Zahraa al Cairo. Il relatore ha quindi esposto la storia e la funzione della scuderia di stato, con la sua popolazione chiusa di cavalli, che cerca di preservare il pool genetico e tutte le caratteristiche della razza nella maniera più rispettosa possibile dell’originale, mentre tutto intorno alla EAO ed a El Zahraa, c’è stata una giovane ed intraprendente generazione di allevatori che hanno sviluppato circa 400 stalloni negli ultimi 10 anni. Questi allevamenti fanno occasionalmente ricorso al pool genetico di El Zahraa, ma in maniera primaria si orientano sulle linee di sangue Egiziane in tutto il mondo, con l’obiettivo allevatoriale di creare un cavallo che abbia successo negli show. Ha anche annunciato che l’Egitto sta stabilendo un centro equestre e residenziale su 2.500 acri per l’Arabo Egiziano, dove sarà trasferita la scuderia AL Zahraa. Lo sviluppo edilizio, che includerà aziende agricole ed unità residenziali, metterà a disposizione attrezzature per ogni disciplina equestre, ma sarà destinato esclusivamente all’Arabo Puro Egiziano. JF: Ci sono state discussioni per stabilire un’organizzazione mondiale del Cavallo Egiziano, intesa come un modo per stabilire un metro comune per il futuro, ma si tratta ancora solo di discussioni. Mr. Sakr ha espresso l’opinione che oggigiorno il cavallo Egiziano si trovi di fronte ad un bivio, proprio mentre il cambiamento avviene ad una velocità sempre più pressante. Omar ha poi presentato un nuovo progetto in corso in Egitto per trasferire la EAO ad un nuovo sito di 2.500 acri che costituisce un grande sviluppo edilizio destinato a tutti gli aspetti del cavallo Arabo Egiziano. Tale nuova città equestre includerà vaste aree attrezzate, un ippodromo, campi da polo, attrezzature per altre discipline equestri, tutte circondate da un nuovo agglomerato urbano. Questo centro attrezzato sarà limitato al solo cavallo Arabo Egiziano. Il completamento del progetto è previsto in sei/sette anni. Oltre la Leggenda ed il Folklore Nel pomeriggio, la sesta sessione si è tenuta divisa in gruppi di lavoro, con argomento: Casi di Studio nell’Allevamento di Successo. MS: Detto in maniera semplice, il compito era di presentare modelli di buona prassi / di successo, cercando di trovare, per mezzo della discussione di gruppo, un modo di formulare la ricca esperienza ivi radunata in espressioni sintetiche, che siano general-

to the topic of the origin of straight Egyptian horses. Titling his speech Along the Nile: Egyptian Arabian Breeding in Egypt, he described the development from the Egyptian Pashas and the successful bloodstock of the breed, through the royal studs of the last century and up to today’s state stud of El Zahraa in Cairo. He gave an account of the history and function of the state stud with its closed population of horses that is endeavoring to preserve the gene pool and all the traits of the breed as originally as possible, while surrounding the EAO and El Zahraa, there has been a young and enterprising generation of breeders developing, more than 400 studs in all, during the last 10 years. These studs will fall back on El Zahraa bloodstock occasionally, but primarily, they orient themselves by the Egyptian bloodlines all over the world, and their main breeding goal is a successful show horse. He announced that Egypt is establishing an equine/residential development over 2500 acres for the Egyptian Arabian where AL Zahraa stud will be relocated . The development which will include farms and residential units and provide venues for every equine discipline will be exclusively for straight Egyptian Arabians. JF: Discussions have been entertained for establishing a worldwide organization for the Egyptian horse as a way of setting a blueprint for the future but it is still only discussion. He felt that the Egyptian horse of today is at a crossroads in the face of much rapid change. Omar then introduced a new plan in progress in Egypt to move the EAO to a new location of 2,500 acres as a huge development devoted to all aspects of the Egyptian Arabian horse. This new equestrian facility will include expansive facilities, a racetrack, polo fields, facilities for other horse disciplines, all surrounded by a new residential community. This facility will be limited to only Egyptian Arabian horses. It is projected to be completed in six to seven years.

Beyond Legend and Lore In the afternoon, the sixth session was held in working groups, with their topic being Case Studies in Successful Breeding. MS: Basically, the task was about presenting good practice models and about trying to find, by group discussion, a way of formulating out of the wealth of experience pooled there catchphrases that are generally applicable and can be used to introduce these experiences into the mainstream of breeders. 216 217


AH C o n fe re n c e mente applicabili e rendano quell’esperienza collettiva disponibile alla maggioranza degli allevatori. Erano presenti quattro allevatori di successo e di grande esperienza, cioè Mr. Brandon Bryan di DeShazer Arabians, nel Texas, il Dr. Joseph Cruz del Rancho Bulakenyo, California, la Sig.ra Jennifer Parsons di Etaya Egyptian Stud in Canada, e la Sig.ra. Becky Rogers del Kehilan Bloodstock,Texas. Ognuno di loro ha presentato le proprie strategie di allevamento ed il successo che ne sia derivato, il loro business plan e la strategia di estrarre esperienza positiva anche dalle sconfitte, le quali mantengono la loro utilità come spunti di apprendimento. I gruppi di lavoro hanno sostenuto vivaci discussioni, in cui venivano pienamente integrate le risorse presenti nel pubblico, col risultato di processare e riassumere enormi quantità di informazioni. Tutti i quattro relatori hanno presentato esempi ed analisi autocritiche di come ci si possa mantenere fedeli ai propri concetti ed idee, in particolare rispetto ai propri obiettivi di allevamento. Il Futuro è Adesso Per il terzo giorno della conferenza, il motto era “Problematiche Critiche nell’Allevamento Odierno”. Dopo il sommario di Mr. Kent Mayfield sui risultati dei gruppi di lavoro, Mr. Joe Ferriss ha utilizzato il contesto tematico per riferire il discorso alla Pyramid Society in sè, visto che, essendo stata fondata nel 1972, è un pezzo di storia essa stessa. Che tipo di influenza può la società avere sulle strategie di allevamento moderne, a parte le sue pubblicazioni sulle linee sire and dam? Due relatori alla fine hanno diviso in due temi centrali questo argomento: Diversità Genetica e Ritorno all’Est. Diversità Genetica Le sfide degli allevamenti chiusi, di Anita Enander dell’Institute for the Desert Arabian Horse, Los Altos, California. Il suo è stato il primo contributo e si è riferito direttamente agli aspetti genetici di una gestione di successo dell’allevamento, includendo anche l’attuale questione dell’impatto della genetica sulla riproduzione. Come introduzione alla discussione, Mrs. Enander ha distribuito un certo numero di datteri tra i partecipanti, commentando: “Se piantate questi datteri in frutteti diversi sparsi per il mondo, raccoglierete frutti differenti, anche se il materiale genetico era identico in origine.” Ha poi proseguito con una appassionante lezione sulla selezione naturale, intesa come opposto della selezione operata dall’uomo. Come si sviluppano le variazioni genetiche all’interno di popolazioni equine aperte o chiuse, e qual è il rischio dello sviluppo di un gene omozigotico dominante a seguito di inin-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

There were four experienced and successful breeders, namely M. Brandon Bryan of DeShazer Arabians, TX, Dr. Joseph Cruz of Rancho Bulakenyo, CA, Jennifer Parsons of Etaya Egyptian Stud in Canada, and. Becky Rogers of Kehilan Bloodstock, TX. All of them reported about their strategies for breeding and overall success, their business plans and their strategies of getting positive experiences, sometimes also out of defeats, which are still useful for learning from. The working groups held lively discussions, and the resources present in the audience were fully integrated, resulting in lots of information being processed and summed up. All four of the speakers presented examples and selfcritical analyses of how to keep true to one’s own concepts and ideas, particularly regarding one’s own breeding goal.

The Future is Now For the third day of the conference, the motto was Critical Issues in Contemporary Breeding. Following M. Kent Mayfield’s summary of meeting results, Joe Ferriss used the thematic context to refer to the Pyramid Society proper, which, having been founded in 1972, is a piece of history in itself. What kind of influence can the society have on modern breeding strategies, apart from its publications on sire and dam lines? There were eventually two key speakers to split the topic into two core themes: Genetic Diversity and Back to the East. Genetic Diversity Closed Herd Challenges, by Anita Enander of the Institute for the Desert Arabian Horse, Los Altos, CA. Hers was the first contribution and referred directly to the genetic aspects of successful breeding management, including the current discussion on the impact of genetics on reproduction. As an introduction into the discussion, Mrs. Enander distributed a number of date fruits among the participants, commenting: “If you plant these dates in different gardens all over the world, the resulting fruit will be different, even if the genetic material was the same originally.” She followed that up with a gripping lecture on natural selection as opposed to human selection. How do genetic variations develop within closed or open horse populations, respectively, and what about the risk to a dominant homozygous gene pool from inbreeding? Inbreeding may be convenient for quick successes in breeding,


crocio? L'inbreeding può essere comodo per ottenere veloci successi in allevamento, ma si assume sia responsabile per i rischi e gli effetti collaterali derivanti dal pool genetico eterozigotico sempre più ridotto. Non ci sono ormai più dubbi sul fatto che patologie sempre più frequenti come CA (Arresto Cardiaco), SCID (ImmunoDeficienza Combinata Grave), ed LFS ( Sindrome di Li-Fraumeni) abbiano origine da una specie di “scompiglio” genetico, ma anche l’infertilità e forse la mancanza di pigmento siano non solo l’esito di impatti ambientali negativi, ma possano anche avere una componente genetica. Fin dove si possono anticipare gli odierni problemi genetici, e possiamo noi influenzarli in senso favorevole? Stiamo già facendo le domande giuste alla genetica? Quali risposte ancora ci mancano per poter decifrare le varie patologie a base genetica, e possiamo noi controllarle con quella conoscenza? Cosa possono fare gli allevatori individuali per una profilassi? Mrs. Enander ha raccommandato un utilizzo più diffuso della varietà genetica nell’allevamento del cavallo Arabo - una proposta che molti allevatori non gradiranno impegnati, come sono, nel tentativo di consolidare il pool genetico dei loro cavalli da morfologia di maggior successo con un inbreeding intenzionale e mirato -. Cosa è possibile dichiarare in questo contesto? Che istruzione ed informazione sono gli elementi mancanti in particolare? Queste domande rendono la conferenza della Pyramid Society ed i suoi risultati un passo importante verso conoscenza e prevenzione - anche se alla fine Mrs Enander ha riassicurato il pubblico: “Dal punto di vista genetico la razza del cavallo Arabo del Deserto è la razza di cavalli che gode di miglior salute.” “Il problema della piscina genetica è che non ci sono bagnini “ ~ Dave Gerrold JF: Anita Enander ci ha dato una brillante presentazione sulla conservazione dei caratteri e sulla genetica. Ha aperto con una storia del cavallo Arabo dall’inizio dei tempi fino ad oggi, mostrando come gli ultimi duecento anni siano l’area critica di nostro interesse con riferimento alla comprensione di quale diversità possa essere preservata per il futuro. Essa ha fatto notare un punto importante riguardo alla razza Araba, il fatto che essa è stata sviluppata per adattarsi e sopravvivere in un ambiente molto specifico, mentre ora abbiamo portato questa razza fuori da quel contesto, chiedendole di esistere in un ambiente molto diverso da quello originario. Mentre la razza se l’è cavata piuttosto bene in questo trapianto, la domanda chiave è: riusciremo noi a mantenere il livello di adattabilità della razza nel futuro? La Sig.ra Enander ha poi continuato schematizzando le sfide dell’allevamento in un allevamento chiusa. Mentre un tale alle-

but it is assumed to be responsible for risks and side effects resulting from the ever-shrinking heterozygous gene pool of a horse. There is no longer doubt about the fact that increasingly frequent disorders such as CA, SCID, and LFS originate from a kind of genetic “disarray”, but even infertility and maybe pigment loss are not only the outcome of negative impacts from the environment, but might have a genetic component as well. To what extent can we anticipate today’s genetic problems, and can we influence them favorably? Do we already ask genetics the right questions? What are the answers we are still lacking in order to decipher various genetics-based disorders, and can we control them with that knowledge? What can individual breeders do as a prophylaxis? Mrs. Enander recommended a more wide-spread use of the genetic variety of the Arabian breed-a proposal that many breeders, attempting to consolidate the gene pools of their successful show horses with careful inbreeding, are not going to like. What is safe to declare in this context: education and information are what is missing in particular, what makes the Pyramid Society Conference and its result an important step towards enlightenment and prevention-even if Mrs Enander did reassure her audience in the end: “from the genetic point of view, the Arabian Desert-Bred is the most healthy horse breed of all.” “The problem with the gene pool is that there is no life guard“ ~ Dave Gerrold JF: Anita Enander gave a brilliant presentation on preservation and genetics. She opened with a timeline about the Arabian horse from the beginning of time to present, showing how the last two hundred years is the critical area of our interest with respect to understanding what diversity can be preserved for the future. She noted an important point about the Arabian breed, which was developed to adapt and survive in a very specific environment, and now we have taken that breed out of that context and have asked it to function in a very different environment. While the breed has done quite well in this transplantation, the key question is: are we going to be able to maintain this breed’s level of adaptability into the future? She then went on to outline the challenges of closed herd breeding. While closed-herd breeding allows one to focus on predictability by selecting for specific traits, it

218 219


AH C o n fe re n c e vamento permette di concentrarsi sulla predicibilità selezionando caratteri specifici, può anche eliminare l’emergenza di caratteristiche che potrebbero tornare utili nel lungo termine. Branchi chiusi possono rivelare mutazioni negative, non causarle, ma rivelarle, rafforzando i caratteri recessivi.Tutte le popolazioni hanno queste mutazioni ma di solito esse esistono solo ad un livello molto basso, trovando l’opportunità di esprimersi nel tempo, mediante la produzione di sempre più numerosi individui omozigotici. Aumentare queste mutazioni significa perdere in adattabilità. La sua presentazione ha evidenziato l’importanza di pensare al futuro ed a preservare ed utilizzare la diversità residua che ancora esiste nel branco chiuso della popolazione di Arabo Puro Egiziano.

can also eliminate expression of traits that may be useful in the long term. Closed herd breeding can expose deleterious mutations, not cause them, but reveal them by matching up recessives. All populations have these mutations but usually they exist at a very low level, which only finds the opportunity to show up over time in producing more and more homozygous individuals. Increasing these mutations means loss of adaptability. Her presentation pointed up the importance of thinking about the future and about preserving and utilizing the remaining diversity that still exists in the closed herd of the straight Egyptian population.

Ritorno all’Est MS: Il Ruolo degli allevatori medio-orientali nell’allevamento di cavalli Arabi Egiziani, Mr Omar Sakr dal Cairo. La maggior parte degli spettatori ha reagito con sorpresa quando il sig Omar Sakr ha descritto la situazione attuale dell’allevamento di Egiziani nel lontano Medio Oriente. Ha descritto gli effetti dell’economia globalizzata e dell'attuale recessione sui mercati del cavallo in Europa e nel Vicino Oriente. Malgrado tutto ciò, c’è ancora un enorme aumento d’interesse da parte degli allevatori del Medio Oriente che desiderano possedere Puri Egiziani. Il divario fra ricchi e poveri tuttavia si allarga sempre più, il che causa una divisione orizzontale del mercato in base alla qualità. Particolari linee di sangue sono preferite, ma ci sono solo pochi individui tra gli allevatori che sicuramente prendono come criterio la qualità, generalmente considerata invece come poco importante. Esiste un chiaro “vuoto di leadership”, perfino rispetto alla EAO. Molti allevatori sono disorientati, cercando soprattutto cavalli aventi un certo “tipo”, ma quel tipo di solito non corrisponde al pur essenziale livello di funzionalità. Omar Sakr ha chiesto l’introduzione di meccanismi di selezione – come utilizzati in certe parti in Europa – e, in aggiunta, domanda maggiore conoscenza da parte degli allevatori. Chiede una cooperazione esaustiva e la creazione di un pannello internazionale che assuma su di sé la guida globale dell’allevamento e la conservazione del Puro Egiziano. In associazione con tale pannello, ha insistito Sakr, un’accademia per l’addestramento avanzato dovrebbe fornire il tipo di informazione cruciale che spesso gli allevatori non sanno dove trovare, ma che sono invece così necessarie per una salubre continuazione della razza. JF: Discutendo le problematiche critiche per il futuro, Omar Sakr ha concluso la conferenza continuando la sua presentazione del giorno precedente, illustrando il ruolo degli allevatori Medio

Back to the East MS: The Role of Middle Eastern breeders in Egyptian Arabian Breeding, Mr Omar Sakr from Cairo. Most listeners reacted with surprise when Mr Sakr talked about the current situation of Egyptian horse breeding in the far Middle East. He described the effects of the globalized economy and the current recession on the horse markets of Europe and the Near East. Despite that, there is still an enormous increase in interest from breeders from the Middle East who wish to own Straight Egyptians. However, the gulf between rich and poor is getting ever more pronounced, which causes the market to split according to quality. Particular bloodlines are favored, but there are only a few individuals among the breeders who definitely take quality as a criterion, which is not generally considered important. There is a definite “leadership vacuum” even as far as EAO is concerned. A number of breeders are disoriented, looking primarily for horses with some “type”, but that type does not usually correspond to the much-needed amount of functionality. Mr Sakr demands the introduction of selective mechanisms – as are deployed in parts of Europe – and additionally pleads for more education for breeders. He demands comprehensive co-operation and the creation of an international board taking global leadership for breeding and preserving Straight Egyptian horses into its hands. Associated with that, Sakr urged, an academy for advanced training should provide the kind of crucial information that breeders often don’t know how to get and that is so very necessary for a healthy continuation of the breed. JF: In discussing critical issues facing the future, Omar Sakr concluded the conference by continuing his presentation from yesterday expanding on the role of the Middle

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Orientali nell’attuale scenario dell’allevamento del cavallo Egiziano. Ha poi descritto l’esplosione di febbrile interesse nell’Egiziano in Medio Oriente. Grandi quantità di denaro ed altre risorse si stanno riversando nello sviluppo di nuovi programmi medioorientali di allevamento ed i nuovi allevatori esigono gli esemplari più belli e competono intensamente l’uno con l’altro per raggiungere il successo nello show ring. Non esiste enfasi sulla funzione del cavallo, soltanto sulla bellezza. Questa tendenza può essere problematica perché alcuni pregiudizi senza basi concreti stanno eliminando alcune linee di sangue e questo condiziona la bio-diversità per il futuro. Esiste il bisogno di una forte organizzazione globale che fornisca buona istruzione, struttura e supporto per il crescente numero degli allevatori medio-orentali, allo scopo di contrastare la natura caotica della situazione attuale. Omar suggerisce perfino una sorta di “Accademia” per allevatori, dove i futuri allevatori possano studiare ed imparare prima di sviluppare il proprio programma di allevamento. Il Puro Egiziano si trova ora ad affrontare problematiche vitali, che richiederanno cooperazione globale ed istruzione a vantaggio di questa magnifica creatura. Sommario MS: La conferenza è stata salutata come un grande successo da tutti i partecipanti. Lo staff della Pyramid Society, guidato dal Direttore Esecutivo Anne Bishop, ha fatto un lavoro eccellente, non solo riguardo all’organizzazione ed alla qualità della comunicazione degli argomenti trattati, ma anche creando lo spazio intellettuale in cui vari argomenti potessero essere coraggiosamente presentati e discussi, argomenti che potrebbero essere stati trattati appena in tempo per far sì che gli allevatori possano verificare le proprie strategie ad oggi e correggerle, se necessario. La scelta dei relatori nazionali ed internazionali si è dimostrata fortunata e produttiva, e rimane quindi solo da sperare che questo sasso lanciato nell’acqua dalla Pyramid Society, tenendo a mente le parole di Omar Sakr: “noi parliamo molto, ma facciamo poco,” provocherà onde sufficientemente alte da raggiungere anche l’area di origine del cavallo Arabo. JF: Così si è conclusa la quarta conferenza annuale degli allevatori e molti l’hanno giudicata illuminante, divertente ed istruttiva. La Pyramid Society di solito rende disponibili su DVD le passate conferenze degli allevatori ed altro materiale, in modo da arrivare a stabilire un’iniziativa educativa, grazie a questi seminari annuali, degli allevatori. Aspettiamo tutti con ansia e piacere la prossima edizione.

Eastern breeders on contemporary Egyptian breeding. He went on to describe the feverish explosion of interest in Egyptian horses in the Middle East. A great deal of money and resources are pouring into the development of new Middle Eastern breeding programs, and the new breeders are uncompromising as to wanting the most beautiful horses and are intensely competing with each other to achieve success in the show ring. There is no emphasis on the function of the horse, only its beauty. This trend can be problematic because some uninformed prejudices are eliminating some bloodlines and this affects diversity in the future. There is need for a strong global organization to provide good education, structure and support for the growing number of Middle Eastern breeders to counter the chaotic nature of things as they are now. Omar even suggests a sort of “Academy” for breeders, where future breeders can study and learn in advance of developing their own breeding programs. The straight Egyptian horse is now facing critical issues that will require global cooperation and education to ensure a future for this magnificent creature.

Summary MS: The conference was celebrated as a great success by all participants.The Pyramid Society staff, headed by Executive Director Anne Bishop, did an excellent job—not only with respect to organization and the communicative quality of the venues discussed, but also with creating the space in which topics could bravely be presented and discussed, topics which might be just in time to provide the kind of knowledge to breeders that will enable them to check on their strategies so far – and to correct them, if necessary. The choice of national and international speakers proved to have been lucky as well as productive, and so it remains to be hoped that this stone that the Pyramid Society cast into the waters, taking to heart Omar Sakr’s words that “we talk a lot, but we do little,” will set off high waves reaching even the area of origin of the Arabian horse. JF: So the fourth annual breeders conference concluded and many found it enlightening, enjoyable and educational. The Pyramid Society usually makes DVDs available of past breeder’s conferences as well as some other materials so an ongoing educational effort is being established in the form of these annual breeders seminars. We all look forward to the next one. 220 221


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


223 223


AH C a ' D e l C o n te - O p e n H o u s e

Frank Boetto Open Day In una giornata caratterizzata dal freddo intenso in quel di Cortina Di Alseno, in provincia di Piacenza, si è svolto il consueto pranzo di natale nella struttura dell'Avio-Agriturismo Ca' Del Conte, dove gli amici del PSA si sono dati appuntamento, per nulla intimoriti dal meteo avverso, ospiti di Frank Boetto, noto handler e persona assolutamente piacevole. Presenti all'appuntamento anche il sig. Francesco Ilardo, Revisore ANICA ed il neo rappre-

Angelo Moretti, Pier Lecchi, Massimo Manfredi

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

In a day characterized by intense cold in Cortina di Alseno, in Piacenza province, the usual Christmas lunch took place in the facilities of the AvioAgriturismo Ca' Del Conte, where the Arabian Pure Bred friends had made an appointment, not at all intimidated by the adverse weather, guests of Frank Boetto, a well-known handler and absolutely a pleasant person. Present to the appointment were also Mr. Francis Ilardo, ANICA Auditor and the new ANICA re-


Gessica Pambianchi

sentante ANICA per la Lombardia e l'EmiliaRomagna, il sig. Angelo Moretti. Non molti i partecipanti, la neve e la vicinanza al natale non hanno aiutato, ma per quanti hanno partecipato è stata una bella giornata in compagnia del cavallo arabo. Dopo un aperitivo servito nell'ampia veranda prospiciente la piscina si è passati al pranzo nella cui sala potevano essere ammirate le sculture di Piersergio Allevi. Nel pomeriggio si è entrati nel vivo con la presentazione di alcuni stalloni in libertà nell'arena coperta alternati a cavalli montati in diverse discipline, dalla monta western, al reining con la performance di Marco Nardini su Mihal, unico figlio in Italia di Al Lahab, all'alta scuola. L'ottima Jessica Pambianchi ha dato dimostrazione della sua innata bravura. Speriamo, per il prossimo anno, che molti di più siamo i partecipanti a questa bella iniziativa, nella quale l'amore per il cavallo arabo si sposa alla voglia di passare una bella giornata tra amici.

Frank Boetto

presentative for Lombardy and Emilia-Romagna, Mr. Angelo Moretti. Not too many the participants, the snow and the proximity to Christmas did not help, but for those who participated it was a beautiful day all together in the company of Arabian horse. After an appetizer served in the ample porch overlooking the swimming pool the guests went on to lunch, held in a hall where the sculptures of Piersergio Allevi could be admired. In the afternoon the heart of the appointment was reached with the presentation of some stallions in liberty in the covered arena, alternating with mounted horses in different disciplines, from western mount to reining including Marco Nardini’s performance on Mihal, the only child of Al Lahab in Italy, attending perfecting school.The excellent Jessica Pambianchi has given a very enjoyable demonstration of her innate skills. We hope for next year that the attendance to this beautiful initiative will be more numerous, spending a day which marries love for the Arabian horse with the desire to spend a beautiful day among friends.

224 225


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


227 227


AH A . T. C. Z a n i b o n i - I t a ly

Open Day By Francesca Messina - photos by Beatrice Bigotti

Il freddo intenso che si è abbattuto in tutta Europa, e che non ha risparmiato l'Italia, non ha fermato le iniziative e gli incontri a tema tra gli appassionati del PSA. L'arrivo poi di uno stallone dalle ricercate linee di sangue è stato un motivo in più per incontrarsi il 5 dicembre scorso presso l'Arabian Training Center di Roberto Zaniboni e della sua splendida famiglia in quel di Brescia. Grande la risposta di appassionati e amici che hanno partecipato in gran numero all'arabian Day in una domenica grigia, tipicamente invernale, rischiarata solo dalla bellezza del cavallo arabo e dalla passione che "scalda" anche in condizioni climatiche avverse. Le stufe a gas pre-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

The intense cold that has descended on the whole of Europe, including Italy, has not halted initiatives and meetings “to a theme” among the aficionados of the Pure Bred Arabian. Thus the arrival of a stallion having much soughtafter bloodlines has been one more reason to meet on last December 5, near the Arabian Training Centre of Roberto Zaniboni and his splendid family nearby Brescia. Great was the answer of aficionados and friends that participated in large numbers to the Arabian Day on a grey winter-like Sunday, illuminated only by the beauty of the Arabian and by the passion that "heats" even under adverse weather conditions. The gas heaters placed


Rafahag (Authentic Khazim x Maresha Al Kidir) - Stallion 2006 - O: Angelo Guggino presented by Stefano Zaniboni

disposte in punti strategici della scuderia ed il buon vino hanno fatto poi il resto. La mattina si è svolta nel ring coperto dove si sono fatti ammirare sedici superbi stalloni dai più disparati pedigree oltre ad aver avuto la possibilità di ammirare una cinquantina di femmine davvero illustri. Sappiamo che il centro dispone di strutture, di persone dall'innato istinto e dall'immensa passione oltre che dalla grande professionalità. Tutto questo traspariva dalle condizione dei cavalli, tutti in ottima forma, tutti vogliosi di farsi ammirare. In ordine di "apparizione abbiamo potuto ammirare il grigio di tre anni *Jaffar by Ashiraf

in strategic points of the Stud and some good wine have done the rest. The morning developed in the covered ring, where sixteen superb stallions with the most various pedigrees let themselves be admired, in addition to the possibility to gape at about fifty females, illustrious indeed. We knew that the centre enjoys ample facilities and the assistance of people having inbred instinct and immense passion over and above their great professionalism. All this shone through from the conditions of the horses, all in excellent form, all desirous to be admired. In order of "appearance” we have been able to admire the three-year old grey * Jaffar

228 229


AH A . T. C. Z a n i b o n i - I t a ly

Wares (Piruet x Wernera) - Stallion 2002 - O: Scuderia Groane Srl

Mr. Roberto Zaniboni

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

della sig. Franca Portadibasso. il tipico *Baby F (Authentic Khazim x Bajadera B, splendida grigia presente anch'essa nel centro) del sig. Roberto Vago, l'ottimo *Khamsin Castolda (Ajman Moniscione x Shamilah Al Tiglio) dell'Az. Agr. Castolda, *Elisir by WH Justice, sauro figlio del grande stallone che si è oramai ritagliato un pezzo di storia (x Muscataria) della sig.ra Elisa Caruso, *Sahir PSZ, suo mezzo fratello di padre (x Lady Padrona), un grigio di proprietà della sig.ra Marina Pasquali, l'altro grigio sempre fratello per padre *ES Mah-

by Ashiraf, owned by Mrs. Franca Portadibasso, the very typey * Baby F (Authentic Khazim x Bajadera B, a splendid grey also in the centre) owned by Mr. Roberto Vago, the excellent * Khamsin Castolda (Ajman Moniscione x Shamilah Al Tiglio) owned by Az. Agr. Castolda, * Elixir by WH Justice, a chestnut son of the great stallion that has cut a piece of history for itself (x Muscataria) owned by Mrs. Elisa Caruso, * Sahir PSZ, its half brother by father (x Lady Owner), a grey owned by Mrs. Marina Pasquali, the other grey half brother by father * ES Mahdi (x Aja El Masara) ow-


Magic Mohammed (Windsprees Mirage x Denisa) - Stallion 2005 - O: Davide Costa

di (x Aja El Masara) del sig. Andrea Maffioletti, *Magic Pasha, figlio del noto Hadidi (x G Podus ZKA) della sig.ra Anna Scarpa, i bai mezzi fratelli *Morhag (Moroc x Maresha Al Khidir) e *Rafahag (Authentic Khazim x Maresha Al Khidir) del sig. Angelo Guggino, *Majid EQ (Shahir x Miss Maggie Mae) grigio stallone del 2003 di proprietĂ del sig. Vincenzo Pellegrini, il tipico baio *Antar FG (Royal Colours x Gasmira El Zaid) del sig. Gianluca Iervolino, *Mahic Mohammed (Windsprees Mirage x Denisa), un morello del 2005 di proprietĂ  del

ned by Mr. Andrea Maffioletti, * Magic Pasha, son of the well-known Hadidi (x G Podus ZKA) owned by Mrs. Anna Scarpa, the bay half brothers * Morhag (Moroc x Maresha Al Khidir) and * Rafahag (Authentic Khazim x Maresha Al Khidir) owned by Mr. Angelo Guggino, * Majid EQ (Shahir x Miss Maggie Mae) a grey stallion of 2003 owned by Mr. Vincenzo Pellegrini, the typical bay * Antar FG (Royal Colours x Gasmira El Zaid) owned by Mr. Gianluca Iervolino, * Mahic Mohammed (Windsprees Mirage x Denisa), a black of 2005 owned by Mr. Davide Costa, * AM Padron

230 231


AH A . T. C. Z a n i b o n i - I t a ly

Don Giovanni J (MPA Giovanni x Jer-Angel) - Stallion 2006 - O: Gamlin, Ratcliffe & Matthews - leasing A.T.C. Zaniboni

sig. Davide Costa, *AM Padron Shafa (Padrons Immage x Bint Shafa) del sig. Angelo Moretti, *Wares, recente Campione Stalloni nell'edizione della Coppa Italia a FieraCavalli Verona,unl bel grigio figlio del Campione del mondo *Piruet (x Wernera) di proprietà della Scuderia Groane del sig. Marco Franchini, il camuso grigio *Silver Stone L (IM Icare Cathare x Namarose) del sig. Leonardo Rainoldi, e per finire il nuovo arrivo di casa Zaniboni, l'ottimo sauro *Don Giovanni J (MPA Giovanni x Jer-Angel), top five puledri nell'edizione 2009 della Coppa Delle Nazioni di Aachen e top ten, nello stesso anno al Mondiale. Lo stallone è di proprietà della partnership formata dai sigg.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Shafa (Padrons Immage x Bint Shafa) owned by Mr. Angelo Moretti, * Wares, recently Champion of Stallions in the latest edition of the Italian Cup at FieraCavalli Verona, a beautiful grey son of the World Champion * Piruet (x Wernera) owned by Scuderia Groane of Mr. Marco Franchini, the welldished grey * Silver Stone L (IM Icare Cathare x Namarose) owned by Mr. Leonardo Rainoldi, and finally the new arrival in Zaniboni house, the excellent chestnut * Don Giovanni J (MPA Giovanni x Jer-Angel), top five Colts in the 2009 edition of the All Nations Cup in Aachen and top ten in the same year at the World Championships. The stallion belongs to the partnership formed by Messrs. Gamlin, a well known


Antar FG (Royal Colours x Gasmira El Zaid) - Stallion 2007 - O: Gianluca Iervolino

Gamlin, noto giudice internazionale, Ratcliffe e Matthews dall'Inghilterra e appena arrivato all'ATC di Roberto per rimanerci due anni. Il buon *Padrons Ghibli, unico figlio diretto di Padron in Europa, ha chiuso la presentazione con il solito innato carisma. Alla fine della presentazione un ottimo buffet ha ulteriormente allietato gli animi, giĂ rallegrati dalla bella giornata trascorsa e dai bei soggetti visti. Complimenti a Roberto, Milena, Stefano e Alessandro e la loro famiglia per l'ospitalitĂ  e per l'impegno che mettono ogni giorno per far si che la cultura del cavallo arabo, in Italia, sia nutrita di sempre nuova linfa e passione.

international judge, Ratcliffe and Matthews from Great Britain and has just arrived to Roberto’s ATC to remain for two years. The excellent *Padrons Ghibli, the only direct child of Padron in Europe, closed the presentation with the usual innate charisma. At the end of the presentation an exciting buffet has further cheered up the mood, already lifted by the beautiful day spent and by the beautiful subjects seen. Our compliments go to Roberto, Milena, Stefano and Alessandro and their whole family, for the hospitality and for the work they do every day to make the culture of the Arabian horse in Italy always fed with new strength and passion.

232 233


AH V e te r i n a r y

Aspetti tecnico pratici dell’Embryo Transfer Practical Features of the Embryo Trasfer

Dr. Denis Necchi MedicoVeterinario, Dipl. ECAR Select Breeders Services Italia, Cremona - denis@sbsitaliasrl.com

L’Embryo Transfer o Trasferimento Embrionale nella nostra lingua è una tecnica di riproduzione assistita che riscuote un grande interesse sia nell’ambito scientifico che in quello allevatoriale. L’impiego della tecnica ha avuto sicuramente una crescita ed uno sviluppo molto importante nell’ultimo decennio, sia perché, tutto sommato, di semplice attuazione e sia perché col tempo gli allevatori ne hanno appreso i vantaggi. La prima gravidanza ottenuta da Trasferimento Embrionale nella cavalla risale al 1974. I progressi legati alla gestione delle cavalle prima, durante e dopo il trapianto embrionale hanno consentito nel tempo un affinamento della tecnica, tale da consentirle di avere un importante valore commerciale aggiunto. Facciamo un piccolo esempio. E’ sempre più comune il fatto di avere cavalle impegnate agonisticamente per tutta la stagione di monta ed il più delle volte questi eventi non coincidono con i normali programmi di accoppiamento, ostacolando le probabilità di procreare. Con l’utilizzo dell’Embryo Transfer la fattrice può essere inseminata e quindi sottoposta a lavaggio uterino per la ricerca dell’embrione solo con una breve interruzione del programma di lavoro. Tecnicamente, l’attuazione del trapianto embrionale prevede l’utilizzo di una cavalla propriamente definita “ donatrice”, dalla quale saranno prelevati uno o più embrioni e di una o più cavalle, definite “riceventi”, che riceveranno appunto gli embrioni da trasferire. In pratica e’ possibile inseminare una fattrice, avere una gravidanza ma ottenere un puledro utilizzando come “incubatore” l’utero della cavalla ricevente che, se tutto procede nel migliore dei modi, porterà a termine la gravidanza. La “neo-gestante” o “la madre nonbiologica” partorirà quindi un puledro con un patrimonio genetico totalmente differente dal suo. Il Trasferimento Embrionale è una tecnica di riproduzione assistita che prevede la manipolazione di embrioni, zigoti ottenuti dalla fecondazione del-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Embryo transfer is probably the most used assisted reproductive tec hnology in the equine species. The development of this reproductive tec hnique has been r ising in the last 10-15 year s. Embryo transfer is a relatively simply tec hnique to apply, g iving breeders an easy understanding for the applied advantages. The Fir st Embryo Transfer successfully prefor med was accomplished in 1974. As of date the procedure has become evolved, do to the management of the mares before, during and after the embryo transfer. In a range set where higher use of this procedure is now being prefor med, science and tec hnology have allowed for a higher achievement to perfect the embryo transfer technique, giving it a higher use and credit in the breeding industry. For example, it is very common to have mares in full competition for the major ity of the year and this fact do not allow the mare to produce offspring while they are eventing. By applying E.T. technique a performing mare can be inseminated and flushed having little or no interr uption during competition. Applying the embryo transfer has two par ts. The Donor Mare is applying the embryos for har vest and the recipient mare is applying itself to receive the embryos for pregnancy. Which concludes, receiving a viable embryo from donor mare, allowing for transfer to recipient mare for incubation in uter us during all gestations of pregnancy till foaling. The non-biolog ical mother will not share the same DNA for mat as the foal.


la cellula uovo da parte dello spermatozoo. Questa specificazione è abbastanza importante poiché molte persone pensano che si lavori con ovuli e cioè con i singoli gameti femminili. Le tecniche che prevedono la manipolazione delle cellule uovo femminili sono infatti ben distinguibili dall’Embryo Transfer, sia per definizione (es. Oocyte Transfer, Ovum Pick Up) che per le tecniche impiegate. Passiamo ora ad analizzare in modo abbastanza semplice ma dettagliato come si esegue l’Embryo Transfer. Dopo un attento monitoraggio del calore della donatrice e della ricevente, la prima viene “coperta” naturalmente od inseminata artificialmente con seme congelato, fresco o refrigerato. E’ importante conoscere a priori la fertilità dello stallone ed utilizzare preferibilmente il seme di stalloni di comprovata fertilità. Per sperare di ottenere buoni risultati e’ inoltre essenziale che la cavalla donatrice e la sua ricevente abbiano gli stadi del ciclo sincronizzati. La cavalla ricevente dovrà ovulare in un periodo compreso fra un giorno prima e tre giorni dopo l’ovulazione della donatrice. Nonostante esista la possibilità di sincronizzare od indurre farmacologicamente le ovulazioni, e’ abbastanza frequente trovarsi di fronte a cavalle che ovulano al di fuori degli schemi. Per questo motivo sarebbe opportuno avere a disposizione almeno due o tre riceventi per donatrice; in questo modo si semplifica il lavoro veterinario, si evitano al proprietario della donatrice perdite economiche dovute alla perdita di cicli per mancata sincronizzazione ed in alcuni casi per la mancata presenza alla competizione. Torniamo ora all’esecuzione tecnica dell’Embryo Transfer. Una volta che la donatrice e’ stata inseminata e che l’ovulazione è stata accertata, si procede al recupero dell’embrione tramite lavaggio uterino o “flushing” per gli autori anglofoni. Il lavaggio uterino

Embryo transfer is a reproductive assisted technique based on the manipulation of embryos obtained by the fer tilization of the oocyte from the sper m cell. This explanation is very impor tant because very often breeders believe that embryo transfer is perfor med by transfer r ing oocytes and not embryos. The tec hnique involving oocyte manipulation is completely distinct from the embryo transfer itself (Oocyte transfer, Ovum Pick-Up). When estr us cycle management assessment of the donor and recipient mare has been established, the donor mare will be inseminated with frozen, cooled or fresh semen. Prior to insemination it is very important to choose a stallion known for good fer tility. To obtain good results donor and recipient mare must have their cycles sync hronized. Recipient mare should ovulate one day pr ior to three days after ovulation of donor mare. However there is a possibility that when trying to synchronize or induce the ovulation of any mare, nature will prevail with no results rendering. This is why the concept of using two or three recipient mare to one donor mare is applied, g iving better c hances to matc h a cycle faster to your donor mare, resulting in less money and time spent on embryo transfer procedure for veterinarian and owner. Once the donor mare has been inseminated and ovulation detected, the donor mare uter us will be flushed for embryo recovery. Uter ine flushing usually is

234 235


AH V e te r i n a r y viene effettuato circa 7-8 giorni dopo l’ovulazione, eseguendo ripetuti lavaggi dell’utero (solitamente in numero di 3 o 4) con soluzioni appositamente preparate. (Fig. 1) Per l’esecuzione si introduce all’interno dell’utero della cavalla, in modo totalmente a-traumatico, un catetere la cui estremità termina con un palloncino che viene insufflato con circa 80 ml di aria. Lo scopo del palloncino e quello di chiudere l’apertura cervicale ed impedire l’eventuale reflusso di liquido in vagina.(Fig 2.) La soluzione di lavaggio viene introdotta nell’utero attraverso il catetere, fino ad ottenere un discreto riempimento della cavità uterina. Il passaggio suc-

perfor med 7-8 days following ovulation. The flushing procedure is perfor med usually with 2-3 uterine lavages with appropr iate solutions (Fig. 1) Dur ing the flushing of the donor mare’s uter us, a catheter combined with an air inflation tip consisting of a balloon ending is inser ted through the cer vix penetrating into the uter us. The purpose of the balloon is to close the cer vical opening to avoid solution fluid reflux into the vagina (Fig 2.). The flushing solution is placed into the uter us through the catheter till the ute-

Fig. 1: rappresentazione schematica del posizionamento del catetere e della modalià di esecuzione del lavaggio uterino. Picture showing the catether inside the uterus and uterine flushing.

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


Fig 2. Nella figura sono rappresentati 4 diversi tipi di catetere. Il palloncino all’estremità è insufflato per una migliore identificazione. Picture showing for different catheter.The ballon on the tip are inflated for a better rappresentation.

cessivo consiste nel recuperare, utilizzando sempre la stessa sonda, la soluzione precedentemente introdotta nell’utero. Un’altra sacca di soluzione viene a questo punto introdotta e recuperata, si procede con questi lavaggi per circa tre o quattro volte. Ogni volta la soluzione recuperata viene fatta passare attraverso un piccolo filtro che trattiene una minima parte di liquido e tutte le particelle che hanno dimensioni simili a quelle di un embrione. Una volta terminati i lavaggi uterini si passa alla fase successiva, che consiste nella ricerca dell’embrione. Il filtro utilizzato precedentemente viene aperto e quindi posto sotto ad un microscopio. A questo punto ha inizio la ricerca vera e propria dell’embrione che se avrà un esito positivo, permetterà di visualizzare l’embrione come una sfera del diametro variabile di circa 1 millimetro (Fig.3). A questo punto se la ricerca ha dato gli esiti sperati si prospettano due opzioni: la prima consiste nel trasferire non-chirurgicamente l’embrione nell’utero della ricevente utilizzando uno strumento molto simile a quello usata per l’inseminazione artificiale dei bovini; la seconda opzione e’ quella

rine cavity is totally filled to maximum capacity. After few seconds the fluid is then recovered by means of the same catheter. Continuing, an extra bag of solution is used to flush the uter us and than recovered. This procedure must to be repeated for 3 or 4 times. Eac h time the solution recovered from the uter us is filtered through a filter that keeps some fluid, the embryo and all the par ticles similar in size. When uterine flushing is over the embryo search is taking place. The same filter as above is opened and the bottom of the filter is analyzed under a stereomicroscope. The embryo, if present, will be visualized as a sphere with a diameter of about one millimeter (Fig.3) If the embryo is recovered from the donor mare there are two options. The first is to immediately transfer the embryo into the recipient by means of an instrument quite similar to the one used to ar tificially inseminate cows. The second option is

236 237


AH V e te r i n a r y di spedire ad un centro che dispone di più riceventi l’embrione opportunamente confezionato in un contenitore apposito. Ovviamente, anche in questo caso, la donatrice e la ricevente sono state opportunamente sincronizzate anche se a distanza. La necessità di spedire l’embrione deriva dal fatto che donatrice e ricevente devono avere, come detto in precedenza, le ovulazioni sincronizzate e più i giorni di a-sincronia aumentano minori saranno le percentuali di successo. Inoltre, visto il numero di riceventi necessarie, molti proprietari di donatrici preferiscono affittare la ricevente da centri di riproduzione equina che,

to ship the properly packaged embryo in a reproduction centre where a recipient herd is kept. Also in this case the recipient must to be synchronized with the donor mare. This option is impor tant because donor and recipient mares must to be perfectly synchronized and the more they are asynchronous the less are the chances to obtain a pregnancy. Another good reason for shipping embryos to a recipient herd facility is because most of donor mare owner s prefer to rent a recipient from reproduction

Fig 3. Immagine al microscopio di un embrione equino di circa 7 giorni (blastocisti precoce) - Picture showing 7 days equine embryo (early blastocist)

Stereomicroscopio con filtro durante la fase di ricerca dell’embrione. Steromicroscope and filter during the embryo search

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Catetere propriamente posizionato durante la fase di lavaggio dell’utero. Nel dettaglio la via di ingresso della soluzione di lavaggio e la via di uscita che costringerà la soluzione a passare attraverso il filtro. Flushing catheter inside the mare during the flushing. In the picture the way in and the way out are rapresented.The way out is going to the filter.


come il nostro, offrono un parco riceventi dal quale è possibile usufruire della ricevente più propriamente sincronizzata. Una volta che l’embrione spedito raggiunge il centro, viene lavorato e trasferito con le stesse modalità di un embrione fresco. In ogni caso, una volta che l’embrione è stato trasferito all’interno dell’utero della cavalla ricevente, bisogna attendere 7-8 giorni per verificare se ha attecchito dando origine alla gravidanza; il trasferimento e’ stato infatti eseguito trapiantando un embrione di circa 7-8 giorni, sarà quindi possibile sapere l’esito del trapianto 14-15 giorni dopo l’ovulazione della donatrice. Negli ultimi anni è stato introdotta un’alternativa al trapianto dell’embrione fresco. I ricercatori hanno sviluppato un modo per migliorare le percentuali di gravidanza ottenute dopo il trapianto di embrioni congelati. Questa tecnica denominata “vitrificazione” apporta tutti i vantaggi del congelamento provocando meno danni durante le fasi di congelamento, che in questo caso sono fasi di vitrificazione. L’applicazione prevede però l’utilizzo di embrioni di dimensioni molto ridotte; in termini pratici il lavaggio per la ricerca dell’embrione viene anticipato a circa 6-6,5 giorni post-ovulazione (embrione più giovane corrisponde a dimensioni ridotte). Dopo questa breve parentesi torniamo ora a parlare del trasferimento dell’embrione di 7-8 giorni. Per quanto riguarda i risultati ottenibili, in linea di massima, possiamo affermare che le probabilità di recupero dell’embrione variano da un 50% ad un 80% a seconda della fertilità della donatrice e dello stallone. E’ molto importante ricordare che nella donatrice dovrà comunque instaurarsi una gravidanza, la quale verrà temporaneamente interrotta con il lavaggio dell’utero e successivamente ripristinata con il trasferimento nell’utero della ricevente. Dopo il trasferimento dell’embrione, le probabilità che si instauri una gravidanza sono intorno al 70%. Esistono purtroppo dei fattori fisiologici che limitano in parte l’EmbryoTransfer equino, cosa che invece si osserva in modo molto più ridotto nel bovino. Il primo è dovuto al fatto che tutt’oggi è molto difficile e molto costoso indurre una superovulazione nella cavalla; cosa che si tradurrebbe in un maggior

centre than, like our s, can select the best recipient for each individual donor mare. Once the shipped embryo is received, the tec hnician can transfer the embryo into the recipient mare by carrying out the same tec hnique used for the fresh embryos. The ultrasound scanning scan for pregnancy diagnosis can be perfor med 7-8 days after transfer: the embryo age at time of its transfer is 7-8 days and therefore after 14-15 days of the donor ovulation it is possible to know if a pregnancy was established into the recipient mare. In the last few year s a new procedure has been able to improve the pregnancy rate after transfer of the frozen embryos. This technique, known as “vitrification”, keeps all the advantages of the freezing embryos but the cellular damages produced are much less. Embryos for vitrification are usually collected earlier: 6 - 6,5 days after the donor ovulation. At this time the embryo is smaller and therefore beter undergoes through the vitrification process. The recovery rate for E.T. perfor med at 7-8 days post-ovulation ranges from 50% to 80% depending on the fer tility of the donor mare and of the stallion used for insemination. The overall pregnancy rate after the transfer is considered to be around 70%. There are two physiolog ical peculiarities in the mare that place a limitation on equine Embryo Transfer. The fir st is that, contrary to what happens in cattle, it is almost impossible besides than extremely expensive to induce superovulation in the mare. Super-ovulation is the production of a high number of follicles and therefore of a high number of oocytes, meaning an increase of the number of fer tilizations than can occur during the same cycle. The second is the var iation in length

238 239


AH V e te r i n a r y numero di ovuli prodotti, un maggior numero di ovuli fecondati e di conseguenza più embrioni trasferibili all’interno dello stesso ciclo della donatrice. Il secondo limite fisiologico è dovuto alla differenza nella durata del ciclo estrale della cavalla. La variabilità che esiste tra due cicli della stessa fattrice o tra le diverse fattrici complica notevolmente i processi di sincronizzazione tra donatrice e ricevente. Dopo questa chiacchierata introduttiva vediamo di capire quali sono i principali vantaggi e svantaggi derivanti dall’applicazione dell’Embryo Transfer. Visto che nell’attuazione classica dell’ E.T. l’embrione viene prelevato dalla madre vera (genetica) 7-8 gg dopo l’ovulazione per essere trasferito in una ricevente, la fattrice dalla quale l’allevatore desidera ottenere un prodotto viene praticamente alleviata del peso della gravidanza. Viene da pensare che a trarne vantaggio sono ad esempio le cavalle da show che, se gravide, non potrebbero partecipare alle competizioni per buona parte della gestazione, per tutto il periodo dell’allattamento fino allo svezzamento del puledro. Inoltre le donatrici, che nella maggior parte dei casi sono fattrici di notevole importanza, vengono esonerate dai rischi legati al parto. Vantaggio sicuramente non trascurabile. Recenti studi hanno dimostrato inoltre la possibilità di ottenere con l’E.T. (Embryo Transfer) puledri anche da cavalle di due anni di età, addirittura prima che entrino a far parte del circuito competitivo. Anche se in questa categoria di cavalle le percentuali di recupero dell’embrione sono piuttosto basse, l’alternativa sarebbe un 20% di probabilità di portare a termine la gravidanza. Candidate ottimali per l’Embryo Transfer sono anche le fattrici con una scarsa fertilità o le cavalle problematiche come quelle anziane. Anche le fattrici con lesioni del tratto genitale dovute a traumi durante il parto, oppure quelle che per più di una volta hanno perso la gravidanza sono delle ottime candidate al trasferimento embrionale. In generale, possono rientrare in un programma di trasferimento embrionale, tutte le fattrici che per motivi o di natura agonistica o di natura fisiologica e anatomica, non possono o non riescono a mantenere e portare a termine una gravidanza. L’Embryo Transfer riscontra un discreto successo

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

of the mare’s estr us cycle that is inconsistent between cycles displayed by the same mare as well as between individuals and makes difficult the sync hronization of donor and recipient mare. After having described the E.T. procedures it is now time to list advantages and disadvantages of this tec hnique. The embryo is collected from the donor mare 7-8 days after ovulation allowing her not to carry an eventual pregnancy. This can be a big advantage can be impor tant for a perfor ming mares, in fact if she was pregnant could obviously not par ticipate to spor t events for a long per iod. Donors are usually highly valuable mares and by using this tec hnique owner s avoid the r isks due to par tur ition. Moreover, it has been recently shown that there is an oppor tunity to obtain embryos from 2-3 year old mares. The recovery rate in these mares are lower than in older mares, but are 20% higher than the foaling rate expected at this age. Embryo transfer can g ive extra c hances to produce offspring from problem subfer tile or aged mares. Good candidates for Embryo Transfer are also mares with problems to the reproductive tract, mares that for more than one time has lost the pregnancy and late foaling mares. If these mares are bred too late in the season, their next offspr ing will be foaled again very late. The better thing to do in these cases is to inseminate the mare, flush the uter us and transfer the embryo into a recipient mare. The recipient will foal late anyway, but the following year the donor mare will be ready to be early inseminated in the season, hoping for a bir th at the beg inning of the subsequent breeding season. Another advantage is that the number of the offspr ing obtained by a single mare can be increased within the same breeding season.


anche nel caso di fattrici che partoriscono tardi nella stagione. Visto che inseminarle e farle partorire porterebbe alla nascita di un altro puledro alla fine della stagione successiva, è preferibile inseminarle e trasferire l’embrione. In questo modo si avrà comunque un puledro “tardivo” partorito dalla ricevente, ma la donatrice sarà disponibile subito all’inizio della stagione. Il puledro che nascerà l’anno dopo verrà alla luce nei primi mesi dell’anno. Altro vantaggio, più di natura commerciale, e’ quello di poter ottenere più puledri nella stessa stagione. Il numero di puledri registrabili è molto variabile, esistono certi libri genealogici di razza che non pongono un limite (es. Quarter Horses) ed altri che ad esempio consentono due puledri per donatrice, una gravidanza della ricevente ed una della madre. Prima di decidere di utilizzare le fattrici come donatrici è sempre meglio informarsi presso i registri di appartenenza, sia perché ci possono essere dei moduli da compilare prima e sia perché i regolamenti possono cambiare. Prima di passare ad eventuali svantaggi è bene ricordare che tutte le fasi dell’Embryo Transfer sono assolutamente a-traumatiche per le cavalle e vengono eseguite perlopiù senza somministrare sedativi. Ora, più che di svantaggi dovremmo parlare di limitazioni. La prima, come già accennato in precedenza, potrebbe essere sicuramente data dalla mancata possibilità di avere in Europa farmaci che possano far superovulare le cavalle in modo da poter ottenere più embrioni per ciclo. In natura le cavalle ovulano solitamente uno, due o in casi eccezionali tre oociti per calore. Di conseguenza, anche la percentuale di embrioni recuperati e trasferiti per ciclo sarà inferiore a quella che si osserva nei bovini dove con la superovulazione si arrivano a produrre anche 10-15 embrioni per ciclo. Altro fattore limitante è la necessità di sincronizzare almeno due o tre riceventi per donatrice. Questo significa che se un proprietario di due cavalle decide di fare L’Embryo Transfer dovrà disporre di almeno 2 o 3 cavalle riceventi. Il rapporto uno a uno e cioè una donatrice ed una ricevente non è che non possa funzionare, è che

The number of foals than can be produced yearly is different between studbooks, some do not pose any limitation on the number of offspr ing produced per season (i.e. Quar ter Hor ses and Paint Horses); on the contrary other horse reg istries allow to obtain two pregnancies from the donor, but only the fir st must to be carried by a recipient mare. Before go through the disadvantages of this tec hnique it is impor tant to recall that all the Embryo Transfer procedures are extremely safe for the mares and most of the times sedation is not required. Instead of disadvantages we prefer to consider them only limitations. The fir st of which is considered, as described above, the impossibility to have in Europe the dr ug to induce the super ovulation in the mare. Physiolog ically mares usually ovulate one, two or in very few cases tree embryos per cycle. The number of recovered and transfer red embryo is very low compared to super ovulated cows where the number can be 10-15 embryos collected and transfer red eac h cycle. Each donor requires two or tree recipient synchronized. The owner should provide this number of recipient, with an increase in costs. The ratio 1:1 or one donor one recipient could work; the problem is that for the donor mare owner there is a r isk to waste time and money due to the fact that the mares are not well sync hronized. Several factor s are involved in the success of the Embryo Transfer procedure: technician skills, donor age and fer tility, quality of semen used and of the recipient mare are the main factor s involved. Very impor tant for the success of this tec hnique is also the embryo quality and in fact not all the embryos collected are perfect. Aged or problem mares can produce embryos of

240 241


AH V e te r i n a r y aumentano molto i rischi di perdere dei calori perché le cavalle non sono propriamente sincronizzate. Dato che i costo da sostenere per l’E.T. da parte del proprietario sono piuttosto consistenti, perdere dei calori si traduce in perdite di denaro. In conclusione possiamo dire che i risultati ottenibili con il Trasferimento Embrionale dipendono ovviamente da molti fattori. L’età’ della donatrice, la sua fertilità, la qualità del materiale seminale e quella della ricevente come pure l’esperienza del veterinario, sono i principali fattori che entrano in gioco. Non ci si deve dimenticare della qualità dell’embrione trapiantato visto che purtroppo non tutti gli embrioni sono perfetti. Cavalle anziane o con problemi di fertilità possono infatti produrre embrioni di scarsa qualità tali da diminuire le percentuali di attecchimento. Se tutte queste variabili sono favorevoli e’ indicativo aspettarsi una gravidanza ogni due tentativi effettuati. Se invece, ad esempio, il seme utilizzato e’ di qualità scadente, la donatrice e’ anziana oppure le riceventi non sono adeguatamente selezionate e’ ovvio che i risultati possono calare drasticamente. Il Trasferimento Embrionale rimane una tecnica di riproduzione assistita in grado di offrire innumerevoli vantaggi ma se applicata in modo errato le aspettative saranno disattese.

low quality that can decrease the c hances of obtaining a pregnancy. Usually having a recipient in foal every two attempts is a good compromise for Embryo Transfer. If semen used is of bad quality, donor mare is sub-fer tile and recipient mares are not properly sync hronized the outcome of this tec hnique can be very disappointing. Embryo Transfer when used in the mare can offer considerable advantages for the hor se breeding industry; never theless, if not properly perfor med can lead to disappointing results

Ricevente avelignese con puledro Quarter Horse - Haflinger recipient with a Quarter Horse foal on her side

I Arabian Horse JOURNAL I January / February


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


245 245


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s

The

Revival of Endurance Racing By Philippe Noël photos by Catherine Noël

Se fosse necessario identificare l'evento equestre più degno di nota della stagione 2010, lo "Alltech FEI World Equestrian Games", più generalmente noto come «WEG», sarebbe avanti a tutto il resto. Semplicemente perché tutto il Mondo del Cavallo era là, a Lexington (Kentucky-USA), dal 25 settembre al 10 ottobre dell'anno scorso… E se la suspence non è durata molto a lungo, per molto tempo almeno, il momento di massimo interesse dell'evento di Endurance (160Km) è stato il suo podio, che concretizza la trasformazione che sta già succedendo da qualche anno all'interno di una disciplina sempre più «globalizzata». Una donna europea Campione del Mondo, la spagnola Maria Alvarez Ponton, grazie al suo (d'ora innanzi) leggendario Nobby . Ma

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

If it was necessary to determine the major equestrian event of the 2010 season, the « Alltech FEI World Equestrian Games », more popularly known as « WEG », would well ahead. Simply because the whole Horse Planet was there, in Lexington (Kentucky – USA), September 25 to October 10 of last year… And if the suspense was not very long, for a long time at least, the highlight of the Endurance event (160Km) has been its podium, which concretizes the transformation that already takes place for some years within a more and more « globalized » discipline. A European woman champion of the World, the Spanish Maria Alvarez Ponton, thanks to her henceforth legendary Nobby.


Rambouillet, France

specialmente una squadra di Dubai (UAE) alla testa della classifica mondiale, i cui quattro cavalieri hanno preso posto fra i migliori sette - lo Sceicco Al Maktoum, con il suo Oriental Sky, e lo Sceicco Hamdan, con SAS Alexis, che finiscono rispettivamente secondo e terzo della gara. Dietro, una squadra francese che perde la sua corona (vincendo ciononostante il premio per «migliore condizione» con Hannaba du Bois, cavalcato da Jean-Philippe Frances, quarto alla fine), seguita da una squadra tedesca in crescita. Tutti elementi che potrebbero plasmare la stagione del 2011… Una stagione del 2011 che logicamente sorge da Est, dove si correrà la maggior parte dei primi CEI-di cui il primo CEI

But especially a Dubai team (UAE) to the head of world ranking, whose four riders take place among the top seven – Sheikh Al Maktoum, with Oriental Sky, and Sheikh Hamdan, with SAS Alexis, finishing respectively second and third of the race. Behind, a French team who loses her crown (nevertheless winning the « best condition » with Hannaba du Bois, ridden by Jean-Philippe Frances, fourth at the finish), followed by a German team on the rise. All elements which may to shape the 2011 season… A 2011 season that logically rises in the East, where will run most of the firsts CEI – of which the first CEI*** (160Km) of the year, in Dubai, January 15. All in all, the

246 247


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s

Piancogno, Italy

* * * (160Km) dell'anno, in Dubai al 15 gennaio. Tutto sommato, il Medio Oriente organizzerà circa trenta eventi internazionali entro il mese di aprile. In Dubai, ma anche in Bahrain, in Arabia Saudita in Abu Dhabi ed in Qatar. Una presenza forte grazie naturalmente alle condizioni metereologiche, ma anche, indubbiamente, ad una motivazione speciale fin da Lexington e dalla vittoria dell'UAE condotto dallo Sceicco Al Maktoum, un cavaliere che rappresenta già da molto tempo la cultura equestre di una intera regione. Quindi non è una coincidenza se nel 2011 gli Emirati Arabi Uniti organizzano undici eventi internazionali, inclusi i tre CEI * * * nella regione - dopo Dubai, Abu Dhabi il 12 febbraio ed il 3 marzo. Molte opportunità quindi, anche di esserci a livello internazionale durante quest’anno segnata dal Campionato Europeo. … Un'altra osservazione che la dice

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Middle East will organize around thirty international events by the month of April. In Dubai, but also in Bahrain, in Saudi Arabia, in Abu Dhabi and in Qatar. A strong presence naturally related to weather conditions, but also, doubtless, to a special motivation since Lexington and the victory of the UAE led by Sheikh Al Maktoum, rider representing already for a long time the equestrian culture of a whole region. So it is no coincidence if in 2011 the United Arab Emirates organizes eleven international events, including the three CEI*** in the region – after Dubai, Abu Dhabi on February 12 and March 3. So many opportunities, also, to exist on the international level in this year’s European Championship… Another observation which tells length about regional motivation to appear on the world map of


Parma, Italy

lunga sulla motivazione della regione per apparire sulla mappa mondiale della disciplina: la moltiplicazione di eventi dedicati a «giovani» cavalieri. Non meno di dieci CEIYJ vi stati sono organizzati. Quattro in Bahrain, il quale apre la stagione all'8 gennaio con un CEIYJ * * (120Km), quattro nell'UAE, e due CEIYJ * in Doha (Qatar), 28 gennaio e 1 aprile. Un'ambizione veramente sportiva verso il Campionato del Mondo dei Giovani Cavalieri (CH-M-YJ-E 120Km- Brasile, 30 luglio), ma anche, nel lungo termine, l'ovvio desiderio di preparare la generazione futura offrendo sempre più modi di prendere il sopravvento. Perché la concorrenza potrebbe diventare feroce: 96 CEIYJ saranno tenuti nel 2011-un'opportunità di disegnare la mappa delle nazioni che investono nel futuro… I «grandi investitori» per primi: Sud Africa con 13 CEIYJ, l'Uruguay (9 eventi, tutti da CEIYJ * a CEIYJ * * *), l'Argentina (7 eventi), l'Australia (7 eventi inclusi 4 CEIYJ * * *) e Gran Bretagna (7 eventi fra cui 3 in Euston Park, organizzati dallo Sceicco Al Maktoum). Poi gli «investitori seri»: la Nuova Zelanda (6 eventi di cui il primo

the discipline : the multiplication of events dedicated to « young » riders. Not less than ten CEIYJ are organized there. Four in Bahrain, which opens the season on January 8 with a CEIYJ** (120Km), four in the UAE, and two CEIYJ* in Doha (Qatar), on January 28 and April 1. A really sporting ambition towards the Young Riders World Championship (CH-M-YJ-E 120Km – Brazil, July 30), but also, in a longer term, the obvious desire to prepare the future generation by providing rising ways to take over. Because the competition could turn out rough: 96 CEIYJ will be held in 2011 – an opportunity to draw the map of nations which invest in the future… The « big investors » at first : South Africa with 13 CEIYJ, Uruguay (9 events, all from CEIYJ* to CEIYJ***), Argentina (7 events), Australia (7 events including 4 CEIYJ***) and Great Britain (7 events among which 3 in Euston Park, organized by Sheikh Al Maktoum). The « serious investors » then : New Zealand (6 events, of which the first one of the season, Janua-

248 249


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s

Malaysia

della stagione, 21 gennaio, ed un CEIYJ * * *), gli Stati Uniti (6 eventi inclusi 4 CEIYJ * * *), la Germania e la Malesia (4 eventi per ognuno, incluso un CEIYJ * * *). Gli «investitori medi»: la Namibia e la Spagna (3 eventi ciascuno), Repubblica Ceca, Francia e Italia (2 eventi ognuno). Alla fine, i «piccoli investitori» che organizzano un solo evento dedicato ai giovani cavalieri: Austria, Belgio, Botswana (un paese emergente della disciplina), Estonia, Olanda (CEIYJ * * *), Ungheria e Svizzera. Una mappa che può sorprendere rispetto alle attuali classifiche mondiali, dove i paesi europei, nonostante la loro posizione dominante in termini di risultati attuali, si concentrano ben poco sul futuro dei loro più giovani cavalieri. Quindi una domanda "sorge spontanea": per quanto tempo ancora l'Europa manterrà il suo dominio nella Endurance mondiale? Perchè sembra chiaro che i paesi dell'emisfero meridionale (con circa trenta CEIYJ), come ad esempio il Medio Oriente, abbiano optato per una strategia a medio termine, scommettendo alla grande su cavalieri in divenire. Per il momento, l'Europa rimane la fonte principale di eventi internazionali - approssimativamente quaranta nel 2011 (16 in Francia, 7 in Gran Bretagna, 5 in Italia, 4 in Germania, 3 in Spa-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

ry 21, and a CEIYJ***), United States (6 events including 4 CEIYJ***), Germany and Malaysia (4 events for each, including a CEIYJ***). The « average investors »: Namibia and Spain (3 events each), Czech Republic, France and Italy (2 events each). Finally, the « small investors », who organize only a single event dedicated to the young riders: Austria, Belgium, Botswana (an emerging country of the discipline), Estonia, Holland (CEIYJ***), Hungary and Switzerland. A map which can surprise towards the world current ranking, where European countries, in spite of their dominant position in terms of results, little focus on their youngest riders’ future. So a question arises: how long will Europe take up its leadership of worldwide Endurance ? For it seems clearly that the countries of the southern hemisphere (with around thirty CEIYJ), such as the Middle East, opted for a medium-term strategy, betting big on riders in the making. As for the present, Europe remains the main source of international events – about forty in 2011 (16 in France, 7 in Great Britain, 5 in Italy, 4 in Germany, 3 in Spain). Yet again


gna). Eppure di nuovo le cifre potrebbero dare delle indicazioni. Anche in questo caso, i paesi dei Medio Oriente si distinguono, proponendo quest'anno 35 CEI. Il Sud America, che organizza con gli Stati Uniti il Campionato Panamericano (CH-Pan-Am-E 120 e CH-Pan-Am-YJ-E 120- 22/23 ottobre), arriva ad un totale di 23. E se consideriamo l'intero emisfero meridionale, esso sopravanza l'Europa di approssimativamente cinquanta eventi internazionali (13, così, solo per il Sud Africa)… Un rilevamento della situazione mondiale che disegna una specie di triangolo che si appoggia su pilastri geografici (ovest/est/sud), ma soprattutto sul confronto di specifici collegamenti ad una storia. Una situazione che lascia così molte domande sospese sul futuro della disciplina, della quale l'Europa vuole essere la custode ed i paesi del Medio Oriente tentano di divenire il revival. Imponendo un Endurance «tecnica» dove il percorso interagisce con la qualità del cavallo, l'Europa viene di fatto ad opporsi ad un Endurance «sportiva» dove l'unico valore è il cavallo, che corre veloce ed in una linea diritta. Problema di storia e di geografia… Ma in ogni modo, le due visioni si intersecano, e tentano di coesistere intorno ad una fortunatamente inviolabile costante: il piacere di correre. Ed il piacere non mancherà di certo in questo nuovo anno 2011. Con 264 CEI nel programma mondiale, i cavalieri - ed

figures could give some indications. Even there, the Middle East countries distinguish themselves, by proposing this year 35 CEI. South America, which organizes with the United States the Pan-American Championship (CH-Pan-Am-E 120 and CH-Pan-Am-YJ-E 120 – on October 22/23), adds up 23. And if we consider the whole southern hemisphere it is about fifty international events ahead (13, thus, for South Africa only)… A mapping of the worldwide situation that draws a kind of triangle resting on geographical pillars (west/east/ south), but mostly on the confrontation of specific links to a history. A situation which leaves so many questions hovering about the future of the discipline of which Europe wants to be the custodian and Middle East countries try to become the revival. Imposing a « technical » Endurance where the road route acts on the horse quality, Europe indeed comes to oppose to a « sport » Endurance where the horse is the only value, running fast and in a straight line. Problem of history and geography… But anyway, the two visions intersect, and try to coexist around a fortunately inviolable constant: the pleasure of running. And pleasure will not fail in this year 2011. With 264 CEI to worldwide program, the riders – and the public – are

Dubai, UAE

250 251


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s il pubblico - stanno andando incontro ad un bel pò di divertimento… Dopo le prime gare della stagione nei paesi del Medio Oriente, gli eventi si sposteranno al Sud. A marzo, Fauresmith (Sud Africa-CEI * * *), Collie (Australia), Williston (FloridaUSA), Ezeiza (Argentina-CEI * * *),Terengganu (Malesia),Waikato (Nuova Zelanda), Brasilia (la capitale "architettonica" del Brasile), Punta del Este (Uruguay). Proprio un bel viaggio, in prospettiva. Ad aprile, si torna in Europa con Comporta (Portogallo) ed il CEIO * * * di Babolna (Ungheria) , poi una serie di CEI * * *: Vesilahti (Finlandia), Gartow (Germania), Haywood Oaks (Gran Bretagna), Vittorito (Italia), Mont le Soie (Belgio). In maggio arrivano le principali gare francese, CEI * * * a Sommant, a Rambouillet (il Raid Yvelines), a Castelsagrat, ed il CEIO * * * di Compiègne. Nei Paesi vicini si correranno altri CEI * * *-Lluçanes (Spagna), Montechiarugolo (Italia), Paaren

Compiègne, France

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

going to have something fun… After the early season races of Middle East countries, events in the South. In March, Fauresmith (South Africa – CEI***), Collie (Australia), Williston (Florida – USA), Ezeiza (Argentina – CEI***), Terengganu (Malaysia), Waikato ( New Zealand), Brasilia (the architectural capital of Brazil), Punta del Este (Uruguay). Beautiful trip in perspective. In April, return to Europe with Comporta (Portugal) and of Babolna (Hungary) CEIO***, then a series of CEI*** : Vesilahti (Finland), Gartow (Germany), Haywood Oaks (Great Britain), Vittorito (Italy), Mont le Soie (Belgium). In May arrive the main French races, CEI*** in Sommant, in Rambouillet (the Raid Yvelines), in Castelsagrat, and the Compiègne CEIO***. In neighboring countries run others CEI*** – Lluçanes (Spain), Montechiarugolo (Italy), Paaren (Germany), Dukeries (Great Bri-


Compiègne, Crew Point, France

(Germania), Dukeries (Gran Bretagna). La stessa intensità nel resto del Mondo con CEI * * * in Bragança Paulista (Brasile), Pinamar (Argentina), Gobadis (Namibia), Durazno (Uruguay), Jarvie (Canada). E giugno non è certamente da meno… Un CEI * * * in Christiana (Sud Africa), un altro in Cazon (Argentina), in Shining Moon Lake (Giappone), in Ashland (USA), in Fernvale (Australia), in Sao Paulo (Brasile), in Flores (Uruguay). Per quanto riguarda l'Europa, sarà in agitazione: CEI * * * in Glimàkra (Svezia), Corlay ed Alpe d’Huez (Francia), Valeggio sul Mincio (Italia), Molsridtet (Danimarca), Nôrten-Hardenberg (Germania), Pezinok (Slovacchia), Sankt-Valentin (Austria), e due altre gare in Euston Park (Gran Bretagna). Le vacanze do-

tain). Same intensity in the rest of the World with CEI*** in Bragança Paulista (Brazil), Pinamar (Argentina), Gobadis (Namibia), Durazno (Uruguay), Jarvie (Canada). And June is not either surely… A CEI*** in Christiana (South Africa), an other one in Cazon (Argentina), in Shining Moon Lake (Japan), in Ashland (USA), in Fernvale (Australia), in Sao Paulo (Brazil), in Flores (Uruguay). As for Europe, it will be in excitement : CEI*** in Glimàkra (Sweden), Corlay and Alpe d’Huez (France), Valeggio sul Mincio (Italy), Molsridtet (Denmark), Nôrten-Hardenberg (Germany), Pezinok (Slovéquie), Sankt-Valentin (Austria), and two more races in Euston Park (Great Britain). Holidays will wait. July.

252 253


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s

Abu Dhabi, UAE

vranno aspettare. Luglio, adesso. La Polonia apre la strada con il CEI * * * in Nowa Wies, seguito da Tarbes, Argentan e Landivisiau in Francia, da Simlangsdalens in Svezia, da Cirencester e due nuove edizioni in Gran Bretagna, sempre ad Euston Park. Ma i Giovani Cavalieri rimarranno focalizzati sul loro campionato del Mondo, in Bragança Paulista in Brasile. Ad agosto, una deviazione a Kreuth (Germania) per il suo CEI * * *, e fermata in Francia per il "Mondiale" dei 7 anni (CEI * *) e gli 8 anni (CEI * * *), in Compiègne (Francia). Settembre. Il "momento topico" di questa stagione del 2011: il campionato europeo in Florac, Francia. Per quelli che non potranno parteciparvi, rimane un CEI * * * in Monpazier (Francia), Vrensted (Danimarca), Parrano (Italia), Most (Repubblica Ceca), Casarrubio (Spagna) o Mosca, l’ex-capitale degli zar… Ad ottobre l'ansia si muove

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

Poland leads the way the CEI*** in Nowa Wies, followed by Tarbes, Argentan and Landivisiau in France, by Simlangsdalens in Sweden, by Cirencester and two new editions in Great Britain, always in Euston Park. But Young Riders will remain focused on their World championship, in Bragança Paulista, Brazil. In August, bend to Kreuth (Germany) for its CEI***, and stop in France for the 7 years (CEI**) and 8 years (CEI***) « Mondial », in Compiègne (France). September. THE strong time of this 2011 season : the European championship in Florac, France. For those who could not attend it, remain a CEI*** in Monpazier (France), Vrensted (Denmark), Parrano (Italy), Most (Czech Republic), Casarrubio (Spain) or Moscow, ex-capital of the czars… In October the suspense moves towards Chile, in Santo Domingo,


verso il Cile, in Santo Domingo dove ha luogo il Campionato Panamericano - ma nel frattempo, in Saint-Agnant o Montcuq in Francia, ed in Anghiari in Italia si corrono altri CEI * * *. Novembre, Pontchâteau in Francia o Pinamar in Argentina - dovrete scegliere… Dicembre finalmente. E l'ultimo CEI * * * della stagione, in Barbaste (Francia), Santa Susanna (Spagna), e Costa Azul (Uruguay). Solo per terminare questo giro del Mondo… Naturalmente, per i migliori cavalieri in Europa, Florac, con il suo campionato europeo, rimane la meta N°1 della stagione 2011. E non solo per lo scenario del Parco Nazionale di Cevennes che appare tuttavia il più bello-e selvaggio-panorama francese. Perché dopo il WEG che ha in qualche modo disgregato l'ordine prestabilito, l'Endurance europea cerca di stabilire un'identità nuova. Questo spiega perché gli organizzatori dell'evento, in ac-

where takes place the Pan-American Championship – during that time, in Saint-Agnant or Montcuq in France, and in Anghiari in Italy run others CEI***. November, Pontchâteau in France or Pinamar in Argentina – you will have to choose… December finally. And the last CEI*** of the season, in Barbaste (France), Santa Susanna (Spain), and Costa Azul (Uruguay). Just to end this round of the World… Naturally, for the best riders in Europe, Florac and its European championship remains the goal N°1 of the 2011 season. And not only for the scenery of the National park of Cevennes, which appears nevertheless among the finest – and wildest – French landscapes. Because after the WEG, which somewhat disrupted the established order, European Endurance seeks to establish a new identity. This explains why the

254 255


AH E n d u r a n c e - W o r l d E q u e s t r i a n G a m e s

Abu Dhabi, UAE

cordo con i dirigenti della Federazione Equestre Internazionale (FEI), hanno rimaneggiato una parte del percorso tradizionale (Florac è la più vecchia 160Km in Francia), disegnando una gara sia «tecnica» che «sportiva» - una gara «in linea» con un terreno pronunziatamente diseguale. E portarsi a casa questo campionato europeo vorrà dire stabilire l'inizio di un'Endurance sincretica… Così questo è un doppio evento che avrà luogo. Quello del migliore binomio evidentemente (e sono pochi a qualificarsi), ma anche quello di un approccio pluriculturale alla disciplina. Un approccio europeo perché fedele alla storia della disciplina - ed alla sua geografia. Questo evento europeo ha proprio un nome adatto. Ma anche un approccio mondiale più globale, attento alle restrizioni di uno sport rivitalizzato da attori nuovi. Il campionato del Mondo è anch'esso chiamato in maniera appropriata… Una sfida finale rimane immutata, la fama dell'evento. Perché quale che sia l'ubicazione o la natura dell'evento, l'Endurance ha bisogno del riconoscimento del pubblico. E nulla dice in anticipo

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

organizers of the event, in agreement with officials of the Fédération Equestre Internationale (FEI), reshaped a part of the traditional road route (Florac is the oldest 160Km in France), to draw a both « technical » and « sport » race – a « on line » race with a pronounced uneven ground. And to take away this European championship will mean setting the head of a syncretic Endurance… So this is a double event is going to play there. That of the best couple obviously (and they are few to qualify), but also that of a multicultural approach of the discipline. A European approach because faithful to history of the discipline – and to its geography. This European event is aptly named. But also a worldwide approach, attentive to the constraints of a sport revamped by new actors. The World championship is aptly named too… One final challenge stays, the fame of the event. Because whatever the location or the nature of the event, Endurance needs public recognition. And nothing says in advance if


Barroca d'Alva, Portugal

se questo campionato europeo sarà meglio in questo riguardo dell'ultima riunione mondiale. In Lexington, il pubblico ha seguìto l'evento relativamente numeroso, nonostante una copertura molto leggera dei media e grazie ad un particolare contesto (i WEG stavano coprendo tutti gli sport equestri). La corsa di Florac avrà bisogno di fare parlare di sè, e dovrà specialmente tentare cavalieri nuovi per venire a correre - ancora in discussione, la trasmissione della gara da parte di un canale di televisione francese specializzato, Equidia. Perché, europeo o mondiale, un podio internazionale di tale livello fa sempre sognare un cavaliere. Ed è lì che giace il vero futuro della Endurance. Da questo punto di vista, la stagione del 2011 apre la strada alle Olimpiadi Londinesi del 2012, dove una gara di Endurance (disciplina nonolimpica) potrebbe essere organizzata, in parallelo, ad Euston Park. Senza dimenticare i WEG imminenti, quelli di Normandia (Francia) nel 2014, dove la gara di Endurance sarà finalmente «on-line». Il futuro comincia questo anno…

this European championship will know better in this regard than the last worldwide meeting. In Lexington, the public relatively followed the event, in spite of a very light media coverage and thanks to a particular context (WEG were covering all equestrian sports). Florac’s race will need to make speak about it, and especially will have to tempt new riders to come to run there – still in discussion, the broadcast of the race by a specialized French television channel, Equidia. Because, European or worldwide, an international such level podium always makes riders dream. And that is where the real future of Endurance lies. From this point of view, the 2011 season opens the way of the London Olympics Games in 2012, where an Endurance race (non-Olympic discipline) could get organized, in parallel, in Euston Park. Without forgetting the upcoming WEG, those of Normandy (France) in 2014, where the Endurance race will make « on-line ». The future begins this year…

256 257


I Arabian Horse JOURNAL I January / February


259 259


AH A s s o c i a t i o n N ew s - S p a i n

Associazione Spagnola Del Cavallo Arabo

Mrs. Cristina Sánchez Muñoz

Con più di trent'anni di esperienza, l'Associazione rappresenta l'allevamento del PSA in Spagna e di conseguenza. rappresenta il Paese negli Organismi internazionali WAHO e ECAHO. L'Associazione è stata fondata nel 1970 lo stesso anno in cui iniziò ad operare anche la WAHO di cui la AECCA è, appunto, membro sin dall'inizio. Molteplici sono le sue attività che possono essere così riassunte: - La gestione dello Stud Book del PSA nazionale, dal primo gennaio 2008, con delibera della direzione generale dell'allevamento;

Mr. Santiago Fernández Bermejo

- Il tenere informati il più tempestivamente possibile, i propri associati e gli appassionati di ogni evento rilevante a livello nazionale ed internazionale; - L'organizzazione di eventi sportivi offrendo ai propri associati dei contributi per la registrazione, l'assistenza tecnica nell'organizzazione del campionato nazionale, nonché le pratiche per l'iscrizione dell'evento presso l'ECAHO a cui viene fornita la classifica finale degli eventi stessi; - Promuovere il cavallo arabo e la sua grande versatilità. E' stata la prima associazione, in Europa, ad organizzare un corso per giudici, adottato in seguito dall'ECAHO. Periodicamente vengono organizzati corsi per nuovi giudici, seminari di informazione e corsi per giovani handlers. - In collaborazione col Ministero dell'Ambiente, della Marina e dell'Agricoltura, l'Associazione, in rappresentanza del mondo del cavallo arabo, sta' organizzando delle gare per "ca-

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

valli giovani", aperto a tutti gli esemplari di tutte le razze iscritti nei propri stud book; - L'Associazione incoraggia la presenza dei PSA nella maggior parte delle discipline, sportive, come il salto, il dressage, gli attacchi, la doma, dando premi ai primi classificati di ogni disciplina; - Dare quante più informazioni possibili alla stampa di settore e tenere quotidianamente aggiornato il sito messo a disposizione per appassionati ed operatori del settore - HIPERLINK "http://www. aecca.com". L'AECCA, in sostanza, sviluppa e sostiene ogni iniziativa volta a far conoscere quanto più possibile, la qualità dei propri cavalli arabi. C'è da sottolineare che la custodia del Libro Genealogico è gestita da una sezione a se stante all'interno dell'Associazione, e le persone che se ne occupano sono: D. Santiago Fernández Bermejo Direttore del Libro Genealogico-Registro Telefono: 91.564.34.76 Fax: 91.564.85.13 librogenealogico@aecca.com Segretaria del Libro Genealogico Dña. Cristina Sánchez Muñoz Teléfono: 91.563.36.05 aeccaconcursos@aecca.com I membri che formano il Comitato Direttivo dell'A.E.C.C.A sono: D. Pedro Afán de RiberaYbarra Presidente dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA


by A.E.C.C.A

Dña. Marieta Salas Zaforteza VicePresidente dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA D. Enrique Mariscal Gragera Tesoriere dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. Dña. Ana Luisa Delclaux Bravo Segretaria Generale dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA

D. Carmelo Zaragoza Jimenez Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. Dña. Marta Arana Aguinaga Direttore dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. Non ci resta che augurare, a tutti loro, un buon lavoro e rinnovare gli auguri di un nuovo, proficuo 2011.

D. Mario Arranz de Andres Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Jose María del Cid Fernández-Mensaque Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Emilio Illanes Mondelo Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Jose Ramón Irigoyen Zamalloa Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Luis Rangel Prats Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Salvador Roca Enrich Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA. D. Otto Velez Castrillon Membro dell'Associazione Spagnola degli allevatori del PSA.

260 261


AH A s s o c i a t i o n N ew s - S p a i n

Spanish Association Of PSA Breeders

Mrs. Cristina Sánchez Muñoz

Mr. Santiago Fernández Bermejo

With over thirty years of experience, the Association represents the breeding of PSA in Spain and in consequence it represents the Country in the International Organization WAHO and ECAHO. The Association was founded in 1970 when WAHO has began to work and A.E.C.C.A. has always been a member since the beginning. There are many activities which can be summarized as follows: - From 1st January 2008 the management of the Stud Book of National PSA by resolution of Directorate- General of breeding. - Keeping informed promptly its members and lovers of any important National and International Event. -Holding sporting events by offering financial contribution for the enrollment to the members, technical service for the organization of National Championship as well as support for the enrollment to ECHAO who will have the results of the events. - Promoting the Arabian horse and its versality. It was the first Association in Europe to organize a course for judges,information seminars and course for “young handlers”. - In cooperation with the Ministry of Environment, Marine and Agriculture the Association, on behalf of the the world of Arabian horse, is organizing competitions for “

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

young horses” open to all breeds enrolled in its Stud Book; - The Association encourages the presence of PSA in the most of the disciplines such as jumping, dressage, attacks, breaking in, giving prizes to the winner of each discipline; - Giving as much information as possible to the press and keep the website updated daily available for lovers and professionals – HYPERLINK http://www.aecca.com. - The A.E.C.C.A, in essence, develops and supports any initiative to raise awareness as much as possible the quality of their Arabian horse. It must be say that the custody of the Stud Book is managed by a separate section within the Association and the people who deal with are: D. Santiago Fernández Bermejo Director of the Stud Book Telefono: 91.564.34.76 Fax: 91.564.85.13 librogenealogico@aecca.com

Secretary of the Stud Book Dña. Cristina Sánchez Muñoz Teléfono: 91.563.36.05 aeccaconcursos@aecca.com The members who form the Management Committee of A.E.C.C.A. are: D. Pedro Afán de Ribera Ybarra President of Spanish Association of PSA breeders


Dña. Marieta Salas Zaforteza Vice-President of Spanish Association of PSA breeders.

D. Carmelo Zaragoza Jimenez Member of Spanish Associaiton of PSA breeders.

D. Enrique Mariscal Gragera Treasurer of Spanish Association of PSA breeders.

Dña. Marta Arana Aguinaga Director of Spanish Association of breeders.

Dña. Ana Luisa Delclaux Bravo Genaral Secretary of Spanish Association of PSA breeders.

Now we have just to wish a good job to everyone and again Best Wishes for a very happy and profitable 2011.

PSA

D. Mario Arranz de Andres Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Jose María del Cid Fernández-Mensaque Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Emilio Illanes Mondelo Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Jose Ramón Irigoyen Zamalloa Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Luis Rangel Prats Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Salvador Roca Enrich Member of Spanish Association of PSA breeders. D. Otto Velez Castrillon Member of Spanish Association of PSA breeders.

262 263


AH A s s o c i a t i o n N ew s - S p a i n

Asociacion Española de Criadores de Caballos Arabes

Mrs. Cristina Sánchez Muñoz

Con más de treinta años de experiencia es la única Asociación de esta raza a nivel nacional y como tal es la representante de la misma ante los organismos internacionales: WAHO (World Arabian Horse Organization) y ECAHO (European Conference of Arab Horse Organizations). La Asociación se fundó en el año 1970, año en que comenzó oficialmente la WAHO (World Arabian Horse Organization), organización de la que es miembro AECCA desde su fundacion. Su actividad se resume en:

Mr. Santiago Fernández Bermejo

La llevanza del Libro Genealógico del caballo de raza árabe, desde l 1 de Enero de 2008 por resolución de la Direccion General de Ganadería. Mantener informados puntualmente a todos sus socios y aficionados del PRá sobre cualquier evento relevante a nivel nacional e internacional. Organizar concursos morfológicos y de depor te, ofreciendo a sus asociados la posibilidad de ayudas en las cuotas de inscripción así como ayuda técnica en la organización de campeonatos y la tramitación de la inscripción de los mismos en ECAHO, para ser puntuables para la par ticipación de caballos en concursos de rango superior. En su afan divulgador del caballo árabe y su gran versatilidad, ha sido la primera Asociación de Europa en organizar curso de

I Arabian Horse JOURNAL I January / February

jueces, sistema luego adoptado por ECAHO. Periódicamente se ofrecen cursos de jueces, seminarios de formación y cursos de presentadores. En colaboración con el Ministerio de Medio Ambiente, Medio Rural y Marino la Asociación como responsable de la Raza Árabe, está llevando a cabo el Ciclo de Raid de Caballos Jóvenes, abierto a ejemplares de todas las razas inscritas en el stud book de la raza correspondiente. Fomenta la presencia de nuestros caballos en cualquier disciplina deportiva, desde el raid hasta el salto pasando por la doma y el enganche, entregando premios a los mejores participantes en las diferentes pruebas de deporte que los organizadores lo soliciten. Se ocupa de dar a la prensa especializada las noticias más importantes e intenta mantener al día toda la información que obtiene sobre el caballo árabe. Para lo cual tiene una página web: www.aecca.com que se renueva constantemente. Y en definitiva desarrolla y apoya cualquier iniciativa encaminada a dar a conocer las cualidades de nuestros caballos árabes. Hay que añadir un matiz en cuanto al Libro Genealógico, su llevanza se hace en una sección diferenciada de la Asociación, digamos que es otro segmento diferente a la Asociación. Las personas responsables del Libro Genealógico son:


D. Santiago Fernández Bermejo Director del Libro Genealógico-Registrar Teléfono: 91.564.34.76 Fax: 91.564.85.13 librogenealogico@aecca.com Secretaria del Libro Genealógico Dña. Cristina Sánchez Muñoz Teléfono: 91.563.36.05 aeccaconcursos@aecca.com

D. Emilio Illanes Mondelo Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes. D. Jose Ramón Irigoyen Zamalloa Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes. D. Luis Rangel Prats Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

Los miembros que forman la Junta Directiva de A.E.C.C.A son los siguientes:

D. Salvador Roca Enrich Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

D. Pedro Afán de Ribera Ybarra Presidente de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes

D. Otto Velez Castrillon Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

Dña. Marieta Salas Zaforteza Vicepresidenta de la Asociación Española de Criadores de Caballos Arabes

D. Carmelo Zaragoza Jimenez Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

D. Enrique Mariscal Gragera Tesorero de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

Dña. Marta Arana Aguinaga Gerente de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

Dña. Ana Luisa Delclaux Bravo Secretaria General de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes. D. Mario Arranz de Andres Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes. D. Jose María del Cid Fernández-Mensaque Vocal de la Asociación Española de Criadores de Caballos Árabes.

264 265


subscribe

NOW!

SPECIAL OFFER for Italy yearly subscription (8 issue) and a personalized pen â‚Ź 100,00 for Europe and other Countries â‚Ź 130,00 delivery expenses included Name ................................................................................................................................. Address ......................................................................City ................... Zip code .............. Country ........................... Tel ............................... Email ................................................... Payment: by cheque to MIKA Editrice s.r.l. C.so Garibaldi, 7 - 20030 Seveso (MB) - Italy or: VISA .............................. number .................................... expiration .............. date ........... security code (the last 3 number on the back of the card) .................................................

signature ...................................................

Send by mail: info@arabianhorsejournal.com or by fax +39 (0) 362 541804


5/2011 January - February - Passion Arabian Horses  
5/2011 January - February - Passion Arabian Horses  

Al Khalediah Arabian Festival - Marco Pittaluga - Abu Dhabi - Massimo Meldo - The Spanish Arabians - Open Day Calabria - Ajman 2011 - BM Ara...

Advertisement