Page 1

pubblicazione in formato pdf frealizzata con i link condivisi sulla pagina facebook agropolicity magazine

PERIODICO d’INFORMAZIONE ON-LINE di AGROPOLI e del CILENTO  NUMERO 12  NOVEMBRE 2019

Il NATALE delle MERAVIGLIE è ad AGROPOLI PAGINA 2

AL VIA L’AGGREGAZIONE TERRITORIALE E STUDI APERTI FINO ALLE 20

Medici di famiglia, svolta in Campania

Una vera rivoluzione per gli studi dei medici di famiglia in Campania. Il 2020 vedrà partire il nuovo modello organizzativo che permetterà ai cittadini di avere un’assistenza fino alle ore 20. Il modello è frutto dell’accordo tra la Regione Campania e la Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale. Una delle novità dell’accordo è la possibilità per i medici di assumere un collaboratore di studio per ciascun

professionista e tre infermieri per ogni gruppo di venti medici riuniti nelle Aggregazioni con studi aperti nell’arco delle 12 ore, dalle 8 alle 20. Un collaboratore di studio per ciascun medico, quindi, risolverà i principali adempimenti burocratici e amministrativi mentre gli infermieri potranno svolgere il lavoro relativo alle somministrazioni dei vaccini, ai prelievi e alle attività legate agli screening. Sarà, inoltre, riformato il capitolo dell’assistenza assicurata di notte e nei festivi dai medici cosiddetti di Guardia Medica che, in alcuni casi, potranno da un lato condividere l’accesso ai dati clinici dei pazienti assistiti lasciando a loro

volta traccia del loro intervento e dall’altro essere reclutati fisicamente nei Pronto Soccorso. Ma cosa cambia davvero per il paziente? «Lo scopo delle aggregazioni – risponde il Responsabile della FIMMG (Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale) di Napoli, Luigi Sparano - è prendere in carico il malato cronico con patologie cardiovascolari, metaboliche e, per la prima volta, respiratorie. Infatti - aggiunge Sparano - ai medici sarà fornito uno spirometro. L’assistito avrà la sicurezza che, attraverso questa organizzazione, oltre al proprio medico di fiducia potrà contare su una rete e quindi su altri studi».

VALORIZZAZIONE DEL TURISMO NEL CILENTO

I sindaci di Capaccio Paestum e Piaggine firmano un Protocollo d’Intesa L’offerta turistica si presenterà sul mercato in maniera integrata con un’immagine completa da un punto di vista delle proposte come di un solo territorio, quello del Cilento costiero e montano, grazie alla lungimiranza strategica dei due Sindaci.

Il Comune di Capaccio e il Comune di Piaggine hanno formalizzato un accordo in base al quale intendono arricchire la propria offerta turistica valorizzando le rispettive risorse territoriali, ciascuna delle quali occupa uno spazio di rilievo per caratteristiche geografiche e storiche all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. È stato sottoscritto, infatti, un Protocollo d’Intesa tra il Sindaco di Capaccio, Francesco Alfieri, e il Sindaco di Piaggine, Guglielmo Vairo, per la valorizzazione delle risorse turistiche di Paestum e del Monte Cervati attraverso un rapporto di collaborazione finalizzato alla valorizzazione dei settori turistico, zootecnico ed enogastronomico di ciascuno dei territori coinvolti. È l’integrazione delle offerte turistiche tra due realtà diverse e complemen-

tari l’aspetto innovativo di questa iniziativa: proprio il Protocollo rappresenta il valore aggiunto determinato dalla sinergia delle azioni amministrative in materia di turismo. L’offerta turistica si presenterà sul mercato in maniera integrata con un’immagine completa da un punto di vista delle proposte come di un solo territorio, quello del Cilento costiero e montano, grazie alla lungimiranza strategica dei due Sindaci. Il turismo ricopre, ormai, una fondamentale importanza all’interno delle politiche di sviluppo economico e assume una valenza strategica nella costruzione di un sistema integrato capace di rafforzare la competitività e la capacità attrattiva dell’economia locale, in zone in cui la bellezza del paesaggio e le risorse agricole, costiere e montane rappresentano l’identità territoriale del Cilento. Claudia Monaco ondanews.it

REGIONE CAMPANIA

Mezzo milione di euro per l’assistenza a disabili gravi senza sostegno familiare Importanti decisioni da parte della Giunta Regionale della Campania che ha approvato alcune misure a favore delle fasce più deboli della popolazione. In particolare, per il progetto Dopo di noi è stato stanziato mezzo milione di euro per gli Ambiti Territoriali che al 31 ottobre 2019 hanno esaurito le risorse già assegnate per interventi a favore delle persone con disabilità grave e prive del sostegno familiare. Con ulteriori centocinquantamila euro è stato inoltre raddoppiato il fondo destinato al funzionamento degli organi e delle strutture delle associazioni che sostengono la tutela e la promozione sociale dei cittadini mutilati, invalidi e disabili. Infine sono stati finanziati ulteriori interventi mirati per la prevenzione e il contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo in Campania. Chiara Di Miele ondanews.it

LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI: «AGROPOLI ECCELLENZA CAMPANA» PAGINA 4

PARCO ARCH. DI PAESTUM È ONLINE LA NUOVA APP GRATUITA PAGINA 9

ADDIO AL NOTO STUDIOSO IL CILENTO E IL VALLO DI DIANO PIANGONO IL PROF. FRANCO ORTOLANI

PAGINA 17


2 Il NATALE delle MERAVIGLIE è ad AGROPOLI

agropoli

NUMERO 12novembre 2019

Un ricco percorso di arte e tradizione per rendere il Natale un momento di grande suggestione, di aggregazione e di piacevole svago. Il Natale agropolese sarà contraddistinto da diversi momenti che mirano a far diventare la cittadina del Cilento, punto di richiamo per chi vuole vivere e farsi coccolare nell’atmosfera natalizia.

Agropoli

Natale delle

Città di Agropoli

meraviglie

Svelato nel corso di una conferenza stampa il Cartellone del Natale delle Meraviglie di Agropoli. Tanti gli eventi in programma, tra novità e tradizione. E l’arrivo del 2020 si festeggia in Piazza Vittorio Veneto con Anna Tatangelo. Dal primo dicembre fino al 6 gennaio 2020 Agropoli si trasforma nella Città del Natale. L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Adamo Coppola, ha messo in campo una serie di iniziative per vestire dei colori e della magia in concerto natalizia la Città, Porta del Cilento. Il progetto, denominato Natale “Concerto di Capodanno” delle Meraviglie, mira alla promozione delle Mercoledì tradizioni locali legate 1 Gennaio al periodo natalizio. 2020 Vede il coinvolgimenil tunnel incantato con l’alPiazza V. Veneto to diretto delle assobero dei desideri, scrivere Ore 20:00 ciazioni e delle attività la letterina nella stanza dei produttive che operano racconti, ammirare una sul territorio. Un ricco suggestiva Mostra dei Prepercorso di arte e trasepi, immergersi nella Casa dizione per rendere il di Babbo Natale (una delle Natale un momento di più grandi d’Italia) e vivere il grande suggestione, di Polo Nord, la Fabbrica Dei aggregazione e di piaGiocattoli, l’Ufficio Postale e cevole svago. Il Natale agropolese sarà contraddistinto da diversi momenti che mirano a far diventare la cittadina del Cilento, punto di richiamo per chi vuole vivere e farsi coccolare nell’atmosfera natalizia. Il percorso prende il via da Piazza Vittorio Veneto, addobbata a festa con le caratteristiche luminarie, che verranno posizionate anche nei diversi punti della città. Quindi da Corso Garibaldi coinvolgendo, da un lato via Mazzini e Piazza della Mercanzia e dall’altro via Filippo Patella, gli Scaloni fino al borgo antico, ci saranno i tradizionali mercatini di Natale ed un percorso enogastronomico e musicale, che coinvolgeranno gli ospiti in un’atmosfera magica, tra profumi, piatti della tradizione, artigianato e musica. Le iniziative si propongono di enfatizzare il clima natalizio e nel contempo di valorizzare il terri- la magica Stanza di Babbo Natale.​ La Casa di Babbo torio attraverso la degustazione delle specialità cilentane Natale, situata nel Castello Angioino Aragonese, sarà e la vendita dei prodotti dell’artigianato locale. Presso il un’esperienza unica che cambierà per sempre la perceCentro Storico torna, dopo qualche anno di pausa, il caratte- zione del Natale. I più piccoli rimarranno incantati e i ristico Presepe vivente, che da sempre attira migliaia di per- più grandi potranno vivere un momento di completo sone da tutto il comprensorio. Ma le sorprese non finiscono relax insieme ai propri figli. All’interno delle Sale Espoqui: il caratteristico borgo di Agropoli, con il suo fascino, sitive del Castello Angioino Aragonese prenderà posto riproporrà ma in forma più ampia, il Castello incantato. anche una Mostra Artistica di Presepi. Altra novità Un luogo magico e indimenticabile per vivere con gioia è la Luce di Francesco, un’installazione luminosa e serenità il Natale. Elfi ballerini e spettacoli danzanti rievocativa del Presepe di San Francesco a Greccio accoglieranno gli ospiti all’ingresso per fare da guida nel del 1223. Le statue del Santo di Assisi, dell’altezza di sentiero del Natale. I visitatori, sulle note dei più noti brani tre metri, del bue e dell’asinello, con la mangiatoia, natalizi, saranno accompagnati nello spettacolare mondo prenderanno posto nei pressi del Promontorio di San di Babbo Natale, dove Santa Claus in persona, giunto di- Francesco. L’iniziativa è svolta in collaborazione con rettamente dalla Lapponia, ascolterà le richieste di tutti i il Comitato delle Celebrazioni degli 800 anni dalla bambini.​ All’interno del Castello sarà possibile visitare presenza di Frate Francesco ad Agropoli.​Quindi la

2019 prima edizione di Babbo Running (a cura di ABC Bene Comune e il patrocinio del Comune di Agropoli): una corsa/camminata di 2 km, in programma domenica 8 dicembre, che vedrà tutti i partecipanti vestiti da Babbo Natale. Il percorso prevede la partenza alle ore 9.00 dal Lungomare San Marco ed arrivo in Piazza Vittorio Veneto. A fare da contorno, ci saranno le luminarie artistiche che coloreranno le strade cittadine, le Piazze, il Centro Storico ed il Castello. Saranno addobbate a festa anche le rotatorie, le chiese, la Casa Comunale, gli svincoli, i Giardini Caduti di Nassiriya, le aree prossime al Porto Turistico (via Mazzini e Piazza della Mercanzia), il Lungomare San Marco, come le località Mattine, Madonna del Carmine e Fuonti. Insieme al grande Albero di Natale, prenderà posto in prossimità del centro, la Natività, in cartapesta. Tante le iniziative collaterali che si svolgeranno nel corso delle settimane del mese di dicembre fino all’Epifania, per un Natale agropolese tutto da vivere. Il primo gennaio 2020 non può mancare il tradizionale Gran Concerto di Capodanno, che si svolgerà in Piazza Vittorio Veneto. Ad esibirsi la cantante Anna Tatangelo. «Sarà un Natale tutto da vivere - speiga il Sindaco Adamo Coppola - quello che ci apprestiamo ad offrire. Un programma ricco, realizzato anche grazie al contributo regionale, tra tradizioni e novità, che sono certo saprà emozionare e divertire. Riconfermiamo il Concerto di Capodanno, in Piazza Vittorio Veneto, divenuto ormai un immancabile appuntamento. Da tempo abbiamo avviato una collaborazione proficua con associazioni e commercianti, che già lo scorso anno ha portato buoni risultati. Quest’anno puntiamo a migliorare e a regalare un Natale davvero indimenticabile, per residenti e turisti». Il progetto è cofinanziato a valere sulle risorse POC Campania 2014-2020, Linea strategica Rigenerazione urbana, Politiche per il Turismo e Cultura. comunicato stampa


agropoli

3

NUMERO 12novembre 2019

SECONDO LA SOPRINTENDENZA IL PROGETTO PER IL PARCO URBANO RISCHIA DI FAR SCOMPARIRE I VALORI PAESAGGISTICI DELL'AREA

Bocciato il progetto per il Parco Urbano a Trentova Il progetto per il Parco Urbano avrebbe creato uno spazio verde molto utile a tutta la Città, un’area dove portare i propri bambini, ma anche un luogo di incontro per chiunque volesse fare sport, passeggiare o fare un picnic, ma anche per eventi e mercatini. La Soprintendenza, però, ha detto No perché non garantirebbe la tutela dei valori paesaggistici dell’area.

Il progetto per il Parco Urbano a Trentova, «realizzato e pagato» è stato bocciato dalla Soprintendenza in quanto rischia di «far scomparire i valori paesaggistici dell’area». A denunciarlo sono i Cittadini 5 Stelle di Agropoli. Per il Parco Urbano, e in particolare per la sua progettazione, il Comune aveva avuto fondi per circa centocinquantamila euro dalla Regione Campania. L’obiettivo era quello di creare una zona cuscinetto per la zona della Baia di Trentova per far in modo che soprattutto nel periodo estivo la maggior parte delle persone non si affollassero solo sulla spiaggia, ma potessero trovare un posto di relax e ristoro poco prima, in questo Parco Pubblico (nei pressi dell’attuale Centro Visite); inoltre la realizzazione del Parco avrebbe in qualche modo permesso di raggiungere i requisiti minimi di «verde pubblico attrezzato» che vengono richiesti dalla normativa nazionale (standard urbanistici) in cui Agropoli risulta deficitaria (con 4 mq/abitante rispetto ai 9 mq/abitanti richiesti). Insomma il progetto per il Parco Urbano avrebbe creato uno spazio verde molto utile a tutta la Città, VIABILITÀ E LAVORI PUBBLICI

un’area dove portare i propri bambini, ma anche un luogo di incontro per chiunque volesse fare sport, passeggiare o fare un picnic, ma anche per eventi e mercatini. La Soprintendenza, però, ha detto NO perché non garantirebbe la tutela dei valori paesaggistici dell’area. «A guardare il progetto in effetti, al di là delle numerose zone verdi, è stato pensato con troppe opere architettoniche (fontane, passeggiate pavimentate, pergolati, etc.)…», accusano i 5 Stelle. Il rischio, a questo punto, è che l’Ente abbia buttato lavoro e soldi per il Parco Urbano. Ma i 5 Stelle chiedono di non lasciare che il tutto cada nel vuoto. «Noi crediamo che si doveva ipotizzare la possibilità di richiedere una variazione allo studio di ar-

L'INTERVENTO ERA STATO PROGRAMMATO CINQUE ANNI FA

Via libera alla rotonda in località Mattine La rotatoria di località Mattine rappresenta una priorità per la sicurezza stradale considerati i molti incidenti che si verificano in zona. La progettazione dell’intervento risale al 2015 quando l’Amministrazione Comunale, all’epoca guidata da Franco Alfieri, avviò i lavori per la nuova area Pip (Piano per gli Insediamenti Produttivi) di località Mattine che avrebbe dovuto prevedere anche la modifica della circolazione in zona.

La rotatoria in località Mattine si farà. Presto prenderanno il via i lavori che garantiranno maggior sicurezza in una zona dove sovente si verificano incidenti, ovvero all’incrocio tra via Mattine e la Strada Statale 18. Ad annunciarlo era stato nelle scorse settimane il Sindaco Adamo Coppola, ora a confermarlo è anche il Consigliere Delegato ai Lavori Pubblici, Franco Di Biasi. «Giunge finalmente a compimento la raccolta dei pareri che necessitavano per dare il via ai lavori riguardanti la realizzazione della rotatoria in località Mattine», ha sottolineato. Poi ha aggiunto: «Un’infrastruttura davvero utile per la tutela dei nostri cittadini e soprattut-

to molto richiesta dai residenti di quella zona, in seguito ai numerosi incidenti avvenuti proprio su quel tragitto. Quella della sicurezza delle strade è una tematica che nessun amministratore dovrebbe sottovalutare e ci tengo a ringraziare gli uffici e le personalità che si sono mobilitate per la riuscita di ciò e in particolar modo, il nostro sindaco Adamo Coppola, che si è battuto in prima linea per questa causa». La rotatoria di località Mattine rappresenta una priorità per la sicurezza stradale considerati i molti incidenti che si verificano in zona. L’ultimo pochi giorni fa quando si sono

F ranco D i B iasi

scontrati un’auto e uno scooter; una persona è finita in ospedale. La progettazione dell’intervento risale al 2015 quando l’Amministrazione Comunale, all’epoca guidata da Franco Alfieri, avviò i lavori per la nuova area PIP (Piano per gli Insediamenti Produttivi) di località Mattine che avrebbe dovuto prevedere anche la modifica della circolazione in zona. Gennaro Maiorano infocilento.it

chitettura (pagato 150 mila euro) per fare le modifiche necessarie e rendere il tutto più verde, sostenibile e in linea con le caratteristiche paesaggistiche, quindi meno artificioso andando incontro alle richieste della Sovraintendenza. Si sarebbe così potuta portare a termine l’opera (già finanziata) che risulterebbe di grande importanza per tutta la Città. Da Palazzo di Città sarebbero di diverso avviso. Purtroppo anche in questo caso l’Amministrazione Coppola non si smentisce concludono i 5 Stelle - Zero interesse per il verde pubbli-

co; Migliaia (anzi milioni) di euro di finanziamenti buttanti; Poca attenzione sull’area di TrentovaTresino che meriterebbe il massimo dell’attenzione e della cura». infocilento.it

Il Comune di Agropoli pronto ad investire 685mila euro per la viabilità Via libera ad interventi sulle strade del territorio. La Giunta Comunale di Agropoli, guidata dal Sindaco Adamo Coppola, ha approvato i progetti definitivi relativi a due opere che intende eseguire per la viabilità. Uno di questi interesserà la contrada Marrota, nello specifico l’area dove insiste l’ospedale. Qui sarà realizzata una rotatoria tra la ex Strada Statale 267 e la via Del Mare. Questa garantirà maggiore sicurezza in una zona dove spesso si registrano incidenti stradali. Costo dei lavori centottantaquattromila euro. Le risorse arriveranno grazie ad un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. Questa non è l’unica iniziativa in programma per migliorare la viabilità. Il Comune di Agropoli, sempre mediante un mutuo, intende effettuare interventi per circa cinquecentomila euro per la messa in sicurezza delle strade. Gennaro Maiorano infocilento.it


4

NUMERO 12novembre 2019

agropoli

«AGROPOLI ECCELLENZA CAMPANA»: Trasporto gratuito per i bimbi lo dice la Cassa Depositi e Prestiti di famiglie a basso reddito Il Comune di Agropoli ha contratto circa POLITICHE SOCIALI

centocinquanta mutui in cinquant'anni con Cassa Depositi e Prestiti. Il Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola: ««Cinquant’anni di collaborazione che ci ha consentito, un mutuo alla volta, di cominciare un percorso virtuoso senza caricare i nostri bilanci»

La Città di Agropoli scelta da Cassa Depositi e Prestiti come esempio di eccellenza della Campania. Ciò perché grazie ai mutui contratti è riuscita a valorizzare diverse aree del territorio e in particolare, quella presa ad esempio, è la zona di via Taverne dove proprio grazie a dei mutui è stato possibile realizzare il Cineteatro Eduardo De Filippo e recuperare l’antica fabbrica di laterizi, oggi spazio espositivo. Con i mutui contratti con Cassa Depositi e Prestiti cambia il volto della Città. «Questa era un’area in passato degradata per la quale abbiamo immaginato una nuova centralità urbana e per questo abbiamo chiesto aiuto a Cassa Depositi e Prestiti. Abbiamo realizzato un cineteatro e recuperato l’antica fabbrica del mattone, diventato il nostro luogo di incontro. Questi due luoghi vicini ci permettono di approcciare a degli eventi con grande funzionalità e successo», ha sottolineato il Sindaco di Agropoli, Adamo Coppola. La partnership con Cassa Depositi e Prestiti è iniziata

L’INIZIATIVA È DELL’ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI RETTO DA MARIA GIOVANNA D’ARIENZO

nel 1968, quasi centocinquanta i mutui contratti dall’Ente. «Cinquant’anni di collaborazione che ci ha consentito, un mutuo alla volta, di cominciare un percorso virtuoso senza caricare i nostri bilanci», ha aggiunto Coppola. Cassa Depositi e Prestiti è un’istituzione finanziaria italiana. È una società per azioni, controllata per circa l’83% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e per circa il 16% da diverse fondazioni bancarie.

Il Comune a sostegno delle persone con difficoltà economica. Il servizio di trasporto per i bimbi sarà gratuito. «L’Amministrazione Comunale, al fine di soddisfare le frequenti richieste delle famiglie in precarie condizioni economiche - fanno sapere da Palazzo di Città - ha istituito un servizio di trasporto gratuito a domanda in favore di minori appartenenti a famiglie economicamente disagiate, dalle proprie abitazioni a strutture sportive, scolastiche, culturali e di varia natura ricadenti nel territorio comunale». Il servizio verrà garantito attraverso un pulmino da sedici posti di proprietà dell’Azienda Speciale Agropoli Cilento Servizi. Il servizio è indirizzato ai minori di età compresa tra 6 e 11 anni che abbiano un ISEE del nucleo familiare non superiore a 2500 euro; che abbiano distanza dell’abitazione alla struttura interessata superiore a 1 km; un impedimento motivato di genitori o altri componenti del nucleo familiare; vi sia l’assenza un di servizio pubblico o lo stesso risulti inidoneo. La domanda dovrà essere presentata entro il 13 dicembre alle ore 14. Il modulo è disponibile presso l’Ufficio Servizi Sociali. Andranno allegati l’ISEE, la dichiarazione sostitutiva unica dei redditi e la copia di un documento di identità. L’iniziativa è dell’Assessorato alle Politiche Sociali retto da Maria Giovanna D’Arienzo. Carmela Di Marco infocilento.it

Carmela Di Marco infocilento.it

DA TEMPO SI PENSA AD UN CANILE SUL TERRITORIO

APPROVATO UN PROGETTO DA 320MILA EURO

Centoquarantacinquemila euro Ok ad interventi per il Palazzetto dello Sport per la custodia dei randagi La cifra non è modica ecco perché da tempo si chiede agli enti locali di avviare l’iter per l’apertura in zona di un canile. Una struttura del genere consentirebbe di ridurre le spese ma soprattutto di dare ai cani randagi maggior cura grazie anche ai tanti volontari presenti sul territorio e che si occuperebbero di assisterli.

Centoquarantacinquemila euro. Questa la cifra che il Comune di Agropoli dovrà versare per il servizio di ricovero, mantenimento e custodia dei cani randagi accalappiati sul territorio comunale. Ancora una volta sarà una ditta di Acerra ad occuparsi del compito di accalappiare i randagi e quindi di trasportarli nel canile del napoletano. L’accordo ha durata biennale. La cifra non è modica ecco perché da tempo si chiede agli enti locali di avviare l’iter per l’apertura in zona di un canile. Una struttura del genere consentirebbe di ridurre le spese ma soprattutto di dare ai cani randagi maggior cura grazie anche ai tanti volontari presenti sul territorio e che si occuperebbero di assisterli. A tal proposito il Comune di Agropoli aveva negli anni scorsi previsto un progetto per la realizzazione di un canile, poi si è pensato di

LE OPERE GARANTIRANNO L’ADEGUAMENTO DI UNA STRUTTURA CHE DA TEMPO RICHIEDE URGENTI LAVORI DI MANUTENZIONE. PERIODICO d’INFORMAZIONE ON-LINE di AGROPOLI e del CILENTO NUMERO 12  OTTOBRE 2019

pubblicazione realizzata in formato pdf con i link condivisi sulla pagina

realizzarne uno comprensoriale per i Comuni dell’Alto Cilento da realizzare a Cicerale. Anche Capaccio Paestum, però, ha di recente previsto di realizzare un canile sul territorio comunale. Al momento si tratta di idee allo stato embrionale ma la realizzazione di un canile permetterebbe certamente agli enti locali di risparmiare sui costi. Carmela Di Marco infocilento.it

Via libera ad interventi sul Palazzetto dello Sport. L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Adamo Coppola, ha approvato il progetto definitivo dei lavori che dovranno essere realizzati sull’impianto di via Taverne. Le opere garantiranno l’adeguamento di una struttura che da tempo richiede lavori di manutenzione. Basti pensare che già poco dopo la sua inaugurazione si segnalarono criticità all’interno sia dell’impianto che dei locali adibiti a spogliatoi, su tutte delle infiltrazioni d’acqua. La situazione è oggi peggiorata tanto da arrecare disagi sia agli atleti che al pubblico. Ora l’Ente è pronto ad eseguire una serie di opere all’interno. Approvato un progetto da trecentoventimila euro, di cui duecentocinquantacinquemila serviranno per i lavori mentre la parte restante è a disposizione dell’Amministrazione. I fondi arriveranno grazie ad un mutuo che verrà contratto con la Cassa Depositi e Prestiti. Gennaro Maiorano infocilento.it

agropolicity magazine fonti web infocilento.it  cilentonotizie.it castellabate.gov.it  ondanews.it provincia.salerno.it  unotvweb.it comune.salerno.it  italia2tv.it regione.campania.itt   vocedistrada.it quasimezzogiorno.org

Costantino Gallo Editore 340 33 40 741 galloeditore@gmail.com grafica&impaginazione Vaniagraphic vani@rt design


agropoli

5

NUMERO 12novembre 2019

LA PICCOLA AVEVA UNA FERITA ALLA TESTA MA AL PRONTO SOCCORSO DI AGROPOLI NON POTEVA ESSERE ASSISTITA

Bimba ferita, ma al Pronto Soccorso non possono assisterla Racconta un familiare: «Abbiamo chiesto di chiamare un’ambulanza ma neanche questo è stato possibile. L’unica cosa che è stata fatta è stata quella di applicare un cerotto che è caduto poco dopo».La bimba, quindi, è stata trasportata in auto al Pronto Soccorso del San Luca di Vallo della Lucania dove è stata sottoposta alle cure del caso.

Potrebbe sfociare in una denuncia l’episodio accaduto nei giorni scorsi presso l’Ospedale di Agropoli. Una bimba di due anni è stata trasportata al Pronto Soccorso dai familiari con una ferita alla testa dalla quale perdeva molto sangue. Tuttavia, giunta presso il nosocomio agropolese, i medici non hanno potuto far altro che consigliare ai parenti di trasferirla a Vallo della Lucania, vista l’assenza di un chirurgo e forse di una sala operatoria dove poter praticare le cure del caso. «Abbiamo chiesto di chiamare un’ambulanza ma neanche questo è stato possibile. L’unica cosa che è stata fatta è stata quella di applicare un cerotto che è caduto poco dopo», racconta

un familiare. La bimba, quindi, è stata trasportata in auto al Pronto Soccorso del San Luca di Vallo della Lucania dove è stata sottoposta alle cure del caso. «Se non è possibile offrire tutte le prestazioni - accusa un familiare della bimba - non dovrebbe chiamarsi pronto soccorso. Cosa sarebbe successo se avesse avuto una patologia più grave?». In effetti più utenti, credendo che la struttura sia in grado di svolgere tutte le prestazioni, vi si recano anche per situazioni gravi. Di fatto il personale non può offrire tutte le prestazioni necessarie tipiche di un pronto soccorso. Nel caso particolare la bimba, accompagnata dai nonni in ospedale con una ferita alla testa, non ha potuto

Controlli della Polizia Municipale agli autobus adibiti al trasporto degli studenti Nei giorni scorsi, nel corso di mirati controlli orientati alla sicurezza e all’incolumità degli utenti della strada e in particolare degli studenti che effettuano spostamenti tramite autobus per raggiungere le scuole del territorio, la Polizia Municipale di Agropoli (Cap. Antonio Cantarella, Cap. Ermanno Napoliello, Apm Jessica Carpinelli, Mar. Immacolata Immerso) hanno operato controlli su cinque autobus di tre diverse ditte che trasportavano studenti. Nel corso degli stessi, sono state riscontrate una serie di irregolarità che hanno portato a elevare ben diciassette verbali. Per ogni autobus sottoposto a verifiche, sono state riscontrate più irregolarità. Queste quelle emerse: in quattro casi gli pneumatici, misurati con apposito spessimetro, erano irregolari perché inferiori

essere medicata per l’assenza di un chirurgo, né trasferita altrove considerato che le ambulanze, presumibilmente, erano impegnate in altro intervento. Il caso sta facendo discutere. Al centro delle polemiche lo status dell’Ospedale Civile di Agropoli che, benché sia abbia teoricamente un Pronto Soccorso, resta fuori dalla Rete dell’Emergenza e non è in grado di offrire assistenza per ciascuna prestazione richiesta dall’utenza. Sotto accusa le scelte della Regione e dell’ASL di Salerno, quest’ultima pure aveva promesso un potenziamento che di fatto non garantirà comunque il pieno reintegro del nosocomio agropolese nella Rete dell’Emergenza. «Per l’Ospedale, serio e attrezzato, abbiamo sbattuto a tutti i livelli. Avevamo avuto mille rassicurazioni dalla politica locale e nazionale. In ultimo, doveva venire il dott. Sileri allora Presidente della Commissione Sanità parlamentare. Da quando è però diventato Viceministro è scomparso anche lui», dice il Consigliere del Movimento 5 Stelle, Consolato Caccamo. «Intanto viene in zona il Presidente Conte in visita all’Ospedale di Vallo

Al centro delle polemiche lo "status" dell’Ospedale Civile di Agropoli che, benché sia abbia teoricamente un Pronto Soccorso, resta fuori dalla Rete dell’Emergenza e non è in grado di offrire assistenza per ciascuna prestazione richiesta dall’utenza. Sotto accusa le scelte della Regione e dell’Asl di Salerno, quest’ultima pure aveva promesso un potenziamento che di fatto non garantirà comunque il pieno reintegro del nosocomio agropolese nella Rete dell’Emergenza.

della Lucania passando dritto per Agropoli», aggiunge, mostrandosi polemico col suo stesso Movimento. Critica anche la rappresentante della Lega, Gisella Botticchio: «Non capisco perché ancora compaiono queste targhe "Pronto Soccorso". - commenta - I nonni della bimba immaginavano di trovare ciò che rappresenta questa scritta invece questo posto rappresenta il nulla». Il Consigliere Comunale si mostra critico anche con il potenziamento annunciato dall’ASL: «Invece di creare un vero pronto soccorso creano una sala operatoria per piccoli interventi e degenza breve». Quanto avvenuto ad Agropoli ripropone con forza la necessità che si lavori per riattivare un ospedale che rientri a pieno titolo nella Rete dell’Emergenza che abbia i servizi ed i reparti che caratterizzano un Pronto Soccorso. infocilento.it

LA PROPOSTA DEI 5 STELLE

Il Comandante della Polizia Locale, Maggiore Carmine di Biasi: «I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni. Abbiamo a cuore l’incolumità di tutti gli utenti della strada e per questo motivo gli interventi saranno incentrati proprio sulla salvaguardia della sicurezza, a 360 gradi»

a 1,6 millimetri di spessore; in due mancavano le cassette di pronto soccorso; in altri due vi erano uscite di sicurezza irregolari o non funzionanti; in un caso luci esterne non operative; in due casi estintori scaduti e non revisionati; in due la non presenza del triangolo rosso di sicurezza; uno non aveva con sé il contrassegno dell’assicurazione; tre non avevano al seguito i cunei ferma ruote; in un caso assenza di indicatore della velocità esterna posteriore. In precedenza si era proceduto invece al sequestro di un veicolo e di tre ciclomotori privi di copertura assicurativa e in due casi sono stati fermati soggetti la cui vettura non era stata sottoposta a revisione periodica. «I controlli - ha precisato il Comandante della Polizia Locale, Maggiore Carmine di Biasi - proseguiranno anche

nei prossimi giorni. Abbiamo a cuore l’incolumità di tutti gli utenti della strada e per questo motivo gli interventi saranno incentrati proprio sulla salvaguardia della sicurezza, a 360 gradi». Le operazioni di controllo, in generale, vengono compiuti su indicazione del Sindaco Adamo Coppola; quelli relativi agli autobus che trasportano studenti, anche su richiesta dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, Rosa Lampasona. comunicato stampa

Creare una rete dei Piccoli Parchi Agropolesi Una Rete dei Piccoli Parchi Agropolesi. Questa la proposta del Movimento 5 Stelle di Agropoli. L’obiettivo, fanno sapere, «è stimolare l’Amministrazione Comunale per la realizzazione di un’ecosistema diffuso di aree verdi attrezzate su tutto il Comune di Agropoli». Il progetto prevederebbe la realizzazione di una serie di «piccole aree verdi» con spazi dedicati ai giochi per bambini e adulti (dalle altalene ai campi bocce), panchine per leggere e chiacchierare tra amici, prati per il picnic, ma anche piccoli spazi recintati per lo sgambamento dei cani. Luoghi che possono offrire importanti servizi per la collettività in ogni zona di Agropoli, ma anche semplicemente garantire occasioni di socialità. Una rete diffusa, raggiungibile facilmente da ogni agropolese, con tanti piccoli parchi «vicino casa». «Un progetto di rete così fatto avrebbe un costo economico molto basso ma un fortissimo impatto sociale

sulla cittadinanza che soffre notevolmente la mancanza di aree verdi (Agropoli infatti è ben al di sotto degli standard urbanistici che dovrebbero essere garantiti in ogni città, infatti invece dei 9 mq/abitante, qui ce ne sono scarsi 4 mq/abitante). - spiegano i Cittadini 5 Stelle - La ricaduta di tale investimento sarebbe principalmente in termini di vivibilità dei cittadini, ma anche dal punto di vista turistico». In base alla proposta del gruppo dei pentastellati agropolesi, la Rete dei Piccoli Parchi Agropolesi dovrebbe essere affiancata alla riqualificazione del Parco Bonifacio in via Taverne e alla realizzazione di altre due più importanti zone verdi attrezzate come quella sulle sponde del fiume Testene o alle spalle del Centro Visite Trentova. «Queste - spiegano - garantirebbero un salto di qualità in termini di vivibilità e verde pubblico importantissimo per la Città di Agropoli». Carlo Marrazza infocilento.it


6

attualità

NUMERO 12novembre 2019

IL FRATELLO DEL SINDACO PESCATORE HA CONSEGNATO UN DOSSIER DI 430 PAGINE

Dario Vassallo ascoltato in Commissione Parlamentare Antimafia Vassallo è sicuro che sia stata la droga il principale movente dell’assassinio del fratello. Nell’audizione c’è stato spazio anche per Franco Alfieri, attuale Sindaco di Capaccio Paestum, e spesso citato da Dario Vassallo in questi mesi.

Non mi fermo. Ho bisogno di dare alla mia vita un senso dopo la morte di mio fratello. Denuncerò lo Stato italiano alla Corte Europea dei diritti dell’uomo per come sono stato trattato

A ngelo V assallo

del delitto e «per l’affronto fatto a mio fratello». Nell’audizione c’è stato spazio anche per Franco Alfieri, attuale Sindaco di Capaccio Paestum, e spesso citato da Dario Vassallo in questi mesi. Quest’ultimo, però, ha chiesto di secretare la diretta web dell’audizione. E ha concluso: «Non mi fermo. Ho bisogno di dare alla mia vita un senso dopo la morte di mio fratello. Denuncerò lo Stato italiano alla Corte Europea dei diritti dell’uomo per come sono stato trattato». Chiara Di Miele ondanews.it

Per Ingroia delitto maturato tra «amici» con qualche uniforme

una fase dell ' audizione in commissione parlamentare

Dario Vassallo, fratello di Angelo, Sindaco di Pollica assassinato il 5 settembre 2010, è stato ascoltato, lo scorso 15 ottobre, dalla Commissione Parlamentare Antimafia, presso l’Aula del V piano di Palazzo San Macuto, sul tema delle infiltrazioni mafiose nel Salernitano. Per l’occasione il fratello del “indaco Pescatore ha anche consegnato in Commissione un dossier di 430 pagine. Vassallo è sicuro che sia stata la droga il principale movente dell’assassinio del fratello. Ha raccontato del drammatico giorno dell’omicidio di Angelo e di quando, arrivato sul posto, «intorno alla macchina di mio fratello ho contato diciassette persone e una macchina con la stessa persona, la strada non era transennata e chiunque poteva accedere. Dalla perizia balistica e dall’autopsia scopriamo che Angelo era stato attinto da nove colpi di pistola, sparati da quaranta centimetri, e che il killer poteva essere in piedi o sul sellino di un motorino. Per nove anni ci avevano raccontato che era stato ucciso da sette colpi di pistola, è gravissimo. Chiedo che si scopra la verità e di non essere preso per fesso, perché fesso non sono». Diversi gli sfoghi di Vassallo durante l’audizione che è durata oltre un’ora. Tra le persone citate anche Alfredo Greco, ex Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Vallo della Lucania, che Dario accusa di non essersi adoperato per transennare adeguatamente il luogo DONNE VITTIME DI VIOLENZA

Dalla Regione Campania seicentomila euro per nuovi percorsi formativi

D ario V assallo

e

A ntonio I ngroia

I sospetti e le deduzioni di Dario Vassallo coincidono con quelle dell’avvocato di Parte Civile Antonio Ingroia che con quest’ultimo condivide l’ipotesi della «pista del delitto tra ‘amici’ con qualche uniforme». In un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano Ingroia ha affermato che i capisaldi di questa pista «sono quattro». «Il movente che da 360 gradi diventa più concreto. Il movente del depistaggio istituzionale, parallelo a quello del delitto. L’anomalia del comportamento di alcuni investigatori e in particolare del colonnello Cagnazzo. Gli elementi nuovi che si incastrano in maniera coerente con gli altri tre. - ha poi aggiunto il legale - La presenza di Casillo nelle indagini. La chiave di lettura delle dichiarazioni depistanti del pentito De Simone. Le parole di Giusy Vassallo e di Cagnazzo registrate dalle Iene». «Un movente - ha continuato Ingroia - coerente con tutte le risultanze è questo: Vassallo, che aveva lanciato una crociata antidroga ad Acciaroli

anche perché preoccupato dalle frequentazioni della figlia, incrocia qualcosa di enorme, di simile alle collusioni tra il boss Casillo e i carabinieri torresi, chiede un appuntamento al pm Alfredo Greco perché vuole denunciare, il pm angelo vassallo assassinato il 5 glielo fissa al 6 settem- fu settembre 2010 bre, nel frattempo, in buona fede, ne parla con qualcuno, e quella è la condanna a morte: Vassallo viene ucciso la sera prima». L’avvocato di Parte Civile ha poi parlato di un possibile depistaggio sul caso del sindaco. «L’indizio più evidente è nel verbale del pentito Ciro De Simone che indica l’assassino nel brasiliano spacciatore Damiani, attribuendogli una relazione con la figlia di Vassallo, dopo che il padre li avrebbe sorpresi mentre consumavano cocaina. Che sia una falsa pista lo dicono i pm che archiviano Damiani, e Giusy che nega davanti alle telecamere, con la stessa sincerità con cui invece rivela la relazione con Cagnazzo, anche lui indagato e poi archiviato. Mi chiedo chi gestiva quel pentito. E se il pentito sia stato imbeccato». «Gli addetti ai lavori - ha aggiunto Ingroia - sanno che un depistaggio riesce mischiando notizie vere e notizie fasulle, come quando fu imbeccato Scarantino. Se fosse stato fatto anche col pentito De Simone - ha concluso - chissà che il movente non sia, come sospetta persino Giusy, la sua relazione con Cagnazzo, collegata alle scoperte che il padre non fece in tempo a denunciare».

Chiara Marciani: «Vogliamo continuare ad essere sempre più vicini alle donne vittime di violenza e ai loro figli. Mai più sole contro chi minaccia, mai più sole nel ripartire, mai più sole nell’affrontare i problemi del quotidiano»

La Giunta della Regione Campania, su proposta dell’Assessore alla Formazione e alle Pari OpporSi tratta di una formazione che tunità, Chiara Marciani, ha apconsentirà di raggiungere un duplice provato un’importante programobiettivo. Da un lato sensibilizzare mazione finanziaria (stanziati tutti coloro che si trovano nelle seicentomilaeuro)voltaagaranticondizioni di dover accogliere le re percorsi formativi utili a raffordonne vittime di violenza e in taluni zare la rete a supporto delle donne casi anche i loro figli. Dall’altro lato vittime di violenza. «Si tratta di tre verrà formato in maniera più puntuale percorsi formativi. - spiega l’AsC hiara M arciani il personale sanitario dei Pronto sessore Marciani - Il primo è destiSoccorso della Campania al fine di nato alle Forze dell’Ordine grazie alla collaborazione con la Scuola rafforzare i percorsi del Codice Rosa. regionale di Polizia locale, il secondo è destinato agli operatori e alle operatrici sociali tramite i centri antiviolenza e gli ambiti territoriali

antimafiaduemila.com

ed il terzo è rivolto al personale sanitario ospedaliero, ai pediatri e ai medici di base». Si tratta di una formazione che consentirà di raggiungere un duplice obiettivo. Da un lato sensibilizzare tutti coloro che si trovano nelle condizioni di dover accogliere le donnevittimediviolenzaeintalunicasiancheiloro figli.«Inquestomodo-spiegalaMarciani-nonsolo avranno più chiavi di lettura per riconoscere possibili casi di violenza, ma sapranno anche dare giuste indicazioni alle donne prima di indirizzarle alle operatrici esperte dei centri antiviolenza». Dall’altro latoverràformatoinmanierapiùpuntualeilpersonale sanitario dei Pronto Soccorso della Campania al fine di rafforzare i percorsi del Codice Rosa. «Vogliamo continuare ad essere sempre più vicini alledonnevittimediviolenzaeailorofigli.-conclude l’Assessore alla Formazione e alle Pari Opportunità della Regione Campania - Mai più sole contro chi minaccia, mai più sole nel ripartire, mai più sole nell’affrontareiproblemidelquotidiano». Chiara Di Miele ondanews.it


attualità SANITÀ

FINANZIAMENTO PER STRUTTURE, SALE OPERATORIE E PALAZZINA DELLE EMERGENZE

Il Direttore Generale dell'Asl di Salerno, Mario Iervolino e il Consigliere Regionale Franco Picarone hanno visitato reparti e strutture, verificando il complesso lavoro quotidiano degli operatori del nosocomio di Eboli.

stro Ospedale ed il rinnovato impegno di ASL e Regione indicano che i programmi sono certi ed immediati, in modo da dare sempre più risposte a cittadini e territorio. L’azione di integrare la rete oncologica della cervice uterina, del seno e del colon retto aziendale con gli Ospedali del Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione di Eboli Battipaglia trova apprezzamento, così da colmare una lacuna in un territorio ad elevato rischio e con enorme bacino di utenza. La sinergia tra gli Ospedali di Eboli e Battipaglia sarà uno stimolo ad attivare una rete oncologica in grado di dare risposte concrete alla popolazione. Anche l’impegno del Direttore Generale ad appaltare in urgenza i lavori per la nuova risonanza

magnetica ad alto campo magnetico, "Big Bore" della ditta Siemens, già prenotata ed acquistata in gara Consip, va nella direzione di ampliare un’offerta sanitaria di elevata qualità». Iervolino e Picarone hanno visitato reparti e strutture, verificando il complesso lavoro quotidiano degli operatori del nosocomio di Eboli. «I programmi per questo ospedale sono precisi, come le risorse già disponibili. - ha sottolineato Iervolino - Partiremo nel rendere più efficienti gli ascensori, quindi interverremo sui reparti. Per quanto riguarda gli organici, la mobilità è resa difficile dalla mancanza di nulla osta in singoli casi, ma con l’Ospedale di Salerno stiamo pianificando una sinergia per recuperare risorse infermieristiche e mediche». L’impegno della Regione per l’Ospedale di Eboli arriva dalla presenza del Consigliere Franco Picarone: «Il presidente De Luca ha fatto un grande lavoro per la sanità ed i frutti si vedranno a breve anche qui. I bilanci sono in avanzo da anni ed oggi si può uscire dal commissariamento. Abbiamo liberato risorse per oltre settemila unità di personale tra avvisi e stabilizzazioni, una risposta concreta alle esigenze di organico degli ospedali». Paola Federico ondanews.it

IL PROGETTO FORMATIVO CHE UNISCE ASL, CEMEC E PROVINCIA DI SALERNO

Scuola di Formazione in Maxiemergenze Protocollo di intenti tra Provincia di Salerno, ASL Salerno e Centro Europeo per la Medicina delle Catastrofi (CEMEC) al fine di avviare la collaborazione e il necessario sostegno al percorso di costituzione della Scuola di Formazione in Maxiemergenze, che vede l’ASL di Salerno come capofila del progetto.

È stato siglato lo scorso 18 ottobre il protocollo di intenti fra Provincia di Salerno, ASL Salerno e Centro Europeo per la Medicina delle Catastrofi (CEMEC) al fine di avviare la collaborazione e il necessario sostegno al percorso di costituzione della Scuola di Formazione in Maxiemergenze, che vede l’ASL di Salerno come capofila del progetto. Erano presenti il Presidente del CEMEC, Enrico Bernini Carri, il Direttore Generale dell’ASL di Salerno, Mario Iervolino, il Presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese. Con

INCIDENTI SUL LAVORO

La denuncia di Federcepi: «La Campania è tra le peggiori regioni in materia di sicurezza»

ASL e Regione confermano fondi per l'Ospedale di Eboli

Finanziamento per strutture, sale operatorie e palazzina delle emergenze. Lo ha confermato il Direttore Generale dell'ASL di Salerno, Mario Iervolino, che lo scorso 17 ottobre ha fatto visita all’Ospedale di Eboli con il Consigliere Regionale Franco Picarone. La visita è stata sollecitata dal Sindaco di Eboli, Massimo Cariello, che, così, ha ottenuto la conferma dei finanziamenti per l’ospedale cittadino ed incassato per Eboli il rinnovato impegno di ASL e Regione Campania. «Ci sono criticità che vanno affrontate - ha detto il Primo Cittadino - in modo da valorizzare le tante eccellenze che il nostro Ospedale registra. Ho voluto questa visita per sottolineare l’esigenza di massima attenzione per il no-

7

NUMERO 12novembre 2019

loro anche il Vicepresidente della Provincia e Sindaco di Centola, Carmelo Stanziola, il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri, il medico referente del progetto per l’ASL di Salerno, Domenico Della Porta, ed i rappresentanti di molte associazioni di volontariato del territorio salernitano. «Ai fini della Protezione Civile, il nostro territorio - ha sottolineato Michele Strianese - convive con moltissimi rischi: idrogeologico, sismico, vulcanico, oltre al rischio di incendi boschivi. È importante quindi rafforzare la cooperazione unificando tutte le esperienze e le competenze dei vari soggetti in campo. Oltre alla sinergia istituzionale infatti è fondamentale il coinvolgimento di tutte le associazioni di volontariato nel campo della Protezione Civile presenti nella provincia. La Scuola di Formazione ha come obiettivo - ha puntualizzato Strianese - proprio il miglioramento delle attività di medici, veterinari, personale tecnico e volontari coinvolti in caso di emergenze. Per questo abbiamo aderito come Provincia alla proposta dell'ASL di Salerno che è capofila del progetto lanciato da CEMEC, organismo esperto di Formazione in "Disaster Medicine". Inoltre - ha concluso il Presidente della Provincia di Salerno - la Regione Campania ha fatto propria la proposta del CEMEC di ospitare per il 2020 un Convegno internazionale in materia di formazione nella gestione delle maxi emergenze, approvando anche percorsi formativi ed esercitativi del proprio personale regionale oltre che dei volontari di Protezione Civile». Chiara Di Miele ondanews.it

La relazione annuale INAIL relativa all’anno 2018, pubblicata nel giugno scorso, evidenzia in Italia una lieve diminuzione rispetto al 2017 degli incidenti sul lavoro. In Campania, tuttavia, la medesima indagine rileva un incremento delle denunce dell’1% rispetto al 2017, peraltro a conferma di un trend di crescita praticamente costante, senza interruzioni, dal 2015.

«La Campania è una delle regioni italiane con la maggiore incidenza di sinistri mortali sul lavoro: i dati sono assolutamente allarmanti e collocano la nostra regione tra le peggiori aree del Paese. Occorrono misure urgenti e investimenti per potenziare le politiche di prevenzione e garanzia della sicurezza sui luoghi di lavoro». A lanciare l’allarme ed invocare azioni specifiche ed incisive è il Presidente di "FederCepi Costruzioni", Antonio Lombardi. «Già nel giugno scorso - puntualizza Lombardi denunciammo l’allarmante controtendenza del dato regionale con la Campania tra le peggiori regioni italiane non solo per numero di sinistri ma soprattutto per incidenza di eventi mortali. I primi dati del 2019 relativi al primo semestre confermano purtroppo questo allarmante trend». La relazione annuale INAIL relativa all’anno 2018, pubblicata nel giugno scorso, evidenzia in Italia una lieve diminuzione rispetto al 2017 degli incidenti sul lavoro. In Campania, tuttavia, la medesima indagine rileva un incremento delle denunce dell’1% rispetto al 2017, peraltro a conferma di un trend di crescita praticamente costante, senza interruzioni, dal 2015. Dati ancora peggiori emergono relativamente alle denunce di infortunio con esito morale: 93 nel 2018, il 33% in più rispetto all’anno precedente, con un +9% in più nel quinquennio 2014-2018 (il medesimo dato su scala nazionale, era del +6% su base annua e del 3% rispetto al 2014). «Non possiamo quindi che ribadire ancora una volta - prosegue il Presidente di "FederCepi Costruzioni" - l’assoluta necessità di investimenti e politiche di prevenzione e sicurezza vere, incisive ed efficaci. Occorre incrementare gli investimenti ma soprattutto canalizzarli verso strategie di formazione e prevenzione vera, non di orpelli e di adempimenti burocratici. La sicurezza, soprattutto nei cantieri edili, non deve rappresentare un complesso di adempimenti evidentemente infruttuosi, ma un’azione organica, strutturata e concreta che abbracci dispositivi di sicurezza sul posto di lavoro, ma anche sensibilizzazione, formazione e prevenzione. Bisogna promuovere e favorire la cultura della sicurezza, che le crescenti condizioni di precarietà minano dalle radici. Lo Sblocca cantieri - conclude Lombardi - non si muove nella giusta direzione, favorendo appalti liberi e massimo ribasso, vale a dire incentivando lavoro precario, insicuro, irregolare, instabile proprio in un settore, quello dell’edilizia, in cui i pericoli sono sicuramente più elevati». Claudia Monaco ondanews.it


8

NUMERO 12novembre 2019

IL COMUNE POTREBBE INVESTIRE OTTO MILIONI PER IL TABACCHIFICIO

SVERSAMENTI IN MARE

capaccio paestum

ROGHI TOSSICI A CAPACCIO PAESTUM

Un'ordinanza sindacale fa divieto di Il Comune di Il Comune di Capaccio roghi dei rifiuti speciali provenienti Capaccio Paestum si punta ad acquisire dalle attività agricole locali costituisce in giudizio e riqualificare il Nell’Ordinanza Sindacale viene imposto di smaltire gli Sversamenti in mare del 13 agosto, il Co- scarti di lavorazione delle attività agricole locali come tabacchificio di Cafasso mune di Capaccio Paestum si costituisce in previsto dalla legge, senza pericolo per la salute dell’uomo.

Il Comune di Capaccio Paestum è pronto ad acquisire e recuperare il tabacchificio sito in Località Cafasso. L’immobile rientra in un più ampio progetto per la riqualificazione della contrada e prevede la riqualificazione degli spazi interni della struttura e l’adeguamento dei sottoservizi. L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Franco Alfieri, ha approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica. Ingente la cifra: otto milioni di euro. Di questi 1,8 per l’acquisizione di aree e immobili, 4,5 milioni per i lavori, centotrentasettemila euro per oneri della sicurezza. Un’operazione, quella avviata dal Sindaco Alfieri, simile a quella attuata ad Agropoli con il recupero dell’antica fornace; nel caso del tabacchificio di Cafasso, però, la spesa è più ingente. L’Amministrazione Comunale, però, intende «recuperare e salvaguardare la struttura» un modo per riqualificare l’intera area urbana. Emilio Malandrino infocilento.it

giudizio. La Giunta Comunale, infatti, ha autorizzato il Sindaco a farsi rappresentare e difendere nel procedimento giudiziale proposto dinanzi al TAR da parte di un imprenditore del posto il quale chiedeva l’annullamento dell’Ordinanza che prevedeva «l’eliminazione degli inconvenienti igienico sanitari» che hanno portato agli sversamenti. Nei giorni scorsi il TAR aveva accolto la richiesta di sospensione del provvedimento purché «nel sito dell’azienda agricola in questione, nel termine di 3 giorni dalla comunicazione e/o notificazione del presente decreto, da parte della competente ARPAC Campania non solo la concreta chiusura del presunto scarico abusivo, ma anche l’insussistenza di qualsiasi altra opera o scarico che possa costituire ipotesi concreta di fattore inquinante l’area fluviale esaminata dall’autorità comunale». I Giudici Amministrativi, inoltre, avevano fissato la Camera di Consiglio per il 19 novembre. Fin ora l’Amministrazione Comunale non si era costituita in giudizio determinando non poche polemiche. Ora la Giunta ha dato mandato all’avvocatura comunale di difendere ragioni e interessi dell’Ente. Luisa Monaco infocilento.it

Il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri, ha firmato un’Ordinanza con la quale si vietano i roghi dei rifiuti speciali provenienti dalle attività agricole locali. L’Ordinanza arriva dopo l’aumento negli ultimi giorni delle segnalazioni, soprattutto sui social, di roghi tossici dovuti proprio allo smaltimento illecito mediante combustione di rifiuti provenienti dalle attività agricole sul territorio comunale, come rifiuti in polietilene, teli e imballaggi in plastica. Nell’Ordinanza Sindacale viene imposto di smaltire gli scarti di lavorazione delle attività agricole locali come previsto dalla legge, senza pericolo per la salute dell’uomo. Inoltre, non solo viene fatto divieto di accendere fuochi in generale, in assenza di luce solare, ma si stabilisce il divieto di smaltire mediante combustione i rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi provenienti dalle attività del sistema produttivo agricolo operanti sul territorio comunale. I trasgressori

saranno puniti con una sanzione di cinquecento euro. Nell’Ordinanza infine si stabilisce che le aziende agricole, entro il 30 gennaio di ogni anno, dovranno esibire all’Ufficio Ambiente del Comune una copia del Registro di Carico e Scarico dei rifiuti speciali pericolosi integrato con i formulari relativi al trasporto dei rifiuti, nonché una copia dei formulari di identificazione dei rifiuti speciali non pericolosi. Anche in questo caso è prevista una sanzione di cinquecento euro per i trasgressori. Antonella D'Alto ondanews.it

A Capaccio Paestum Risorse per il polo scolastico In arrivo ventidue pensiline uno sportello immigrati con i fondi risparmiati alle fermate degli autobus Presto a Capaccio Paestum potrebbe aprire uno Sportello Immigrazione. È quanto ha deciso l’Amministrazione guidata dal Sindaco Franco Alfieri. «A Capaccio - fanno sapere da Palazzo di Città - esiste una numerosa presenza di cittadini stranieri quantizzata oggi in circa 2900 tra cittadini comunitari ed extracomunitari su una popolazione totale di ventitremile abitanti». «Gli immigrati non sono solo braccia da lavoro - evidenziano dal Comune - ma persone a cui vanno riconosciuti pari dignità e diritti. Questa Amministrazione intende avviare un confronto pacifico, civile e democratico sugli aspetti legati alla vita quotidiana di donne e uomini che, sempre più numerosi, arrivano nel nostro comune da paesi lontani e rispondere in modo concreto alle numerose richieste di cittadini stranieri». Di qui la proposta di uno Sportello Immigrati in Città. La Giunta ha approvato l’atto di indirizzo per i funzionari dell’Ente che ora dovranno provvedere agli adempimenti necessari. Emilio Malandrino infocilento.it

Nuove opere pubbliche con i fondi risparmiati da precedenti mutui per lavori sul territorio contratti con la Cassa Depositi e Prestiti. L’Amministrazione Comunale di Capaccio Paestum, guidata dal Sindaco Franco Alfieri, ha deciso di sfruttare una Legge Regionale che permette l’utilizzo delle economie sui mutui con onere finanziario a carico dell’Ente di Palazzo Santa Lucia. Nello specifico la Giunta Comunale capaccese ha scelto di investire risorse sfruttando questa opportunità per i lavori di adeguamento e realizzazione del Polo Scolastico del Capoluogo. In particolare l’Ente avrà la possibilità di utilizzare quasi 411.000 euro, 184.000 circa con onere finanziario a carico della Regione e 227.000 a carico del Comune. Verranno utilizzate risorse residue derivanti da interventi su strade, scuole, impianti sportivi, illuminazione, caserma e rete fognaria. Emilio Malandrino infocilento.it

Nuove pensiline per chi aspetta un autobus sul territorio di Capaccio Paestum. L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Franco Alfieri, ha infatti deciso di accogliere la proposta fatta da una società napoletana che si impegnerà a fornire gratuitamente ventidue nuove pensiline da posizionare presso le fermate degli autobus. In cambio la società otterrà la concessione per un periodo di sette anni della pubblicità sulle strutture. Reciproca utilità per pubblico e privato. Il Comune avrà l’opportunità di avere nuove pensiline sul territorio comunale, sostituendone anche alcune che risultano ad oggi fatiscenti, al contempo, invece, la società potrà gestire la pubblicità mediante la formula del-marketing, versando al comune le imposte pubblicitarie. Oltre alle pensiline il privato fornirà anche un palo di segnalazione e si occuperà della loro manutenzione. Filippo Tizzi infocilento.it


capaccio paestum In cantiere la realizzazione di un itinerario culturale europeo

Il Comune di Capaccio Paestum guarda verso il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni e programma una Rete di Sentieri e Percorsi per le escursioni da realizzare secondo le linee guida dell’Ente. L’iniziativa nasce da una proposta dell’Associazione GeoTrek Paestum che punta a riqualificare i sentieri presenti sul territorio attraverso la catalogazione degli stessi, la predisposizione della segnaletica, opere di piccola manutenzione e nel complesso interventi di valorizzazione degli aspetti naturalistici, storici e culturali. Il Parco, insieme all’Ente Riserva Naturale Foce Sele - Tanagro, la Comunità Montana e il Consorzio Sinistra Sele, sarà coinvolto nel proget-

Capaccio Paestum guarda al Parco e progetta una rete di sentieri

UN NUOVO MODO DI CONOSCERE LA STORIA E IL PATRIMONIO DEL SITO

Online la nuova APP gratuita del Parco Archeologico di Paestum to. Spetterà ora agli Uffici Comunali procedere agli interventi conseguenziali. Questa non è l’unica iniziativa che il Comune di Capaccio Paestum, guidato dal Sindaco Franco Alfieri, punta a realizzare per la valorizzazione del territorio. L’Ente, infatti, ha deciso di avviare l’iter per la creazione di Itinerari Culturali, ovvero itinerari che attraversano più paesi europei valorizzandone i caratteri comuni. Gli Itinerari Culturali sono stati istituiti nel 1987, il primo di essi è stato il Cammino di Santiago. Capaccio prevede un progetto che in una prima fase coinvolgerà anche Grecia, Croazia e Albania. Emilio Malandrino infocilento.it

Il Comune programma interventi sulla fascia costiera per 1,5 milioni di euro 1,5 milioni per la riqualificazione della fascia litoranea (Primo stralcio). L’amministrazione comunale di Capaccio Paestum è pronta ad eseguire interventi lungo la costa per valorizzareisuoi12chilometri.L’Entehaapprovatoilprogettodefinitivoaifinidellapresentazione della domanda di prestito alla Cassa Depositi e Prestiti. La giunta, quindi, contrarrà un mutuo allo scopo. Non è questa l’unica opera pubblica programmata dall’amministrazione Alfieri. L’esecutivo ha approvato il progetto esecutivo per l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico degli edifici di proprietà comunale di Capaccio Scalo (Primo Stralcio). Anche in questo caso il costo è di 1,5 milioni di euro e pure in questo caso si farà richiesta di un mutuo. Intanto l’Ente ha espresso la volontà di procedere all’acquisizione dei beni sottoposti a tutela archeologica mediante l’esercizio del diritto di prelazione. Il Mibact, infatti, ha informato il Comune della possibilità di trasferimento di immobili sottoposti a tutela, invitandolo ad esprimersi riguardo la facoltà di procedere all’acquisizione esprimendo il diritto di prelazione. Il prezzo di vendita è di 30.000 euro. L’immobile oggetto dell’avviso è ubicato in via Tavernelle ai civici 50,52 e 54 a Paestum, nell’areaarcheologica. Emilio Malandrino infocilento.it LAVORI PUBBLICI

9

NUMERO 12novembre 2019

NUOVI PARCHEGGI A PAESTUM E INTERVENTI SULLA PISTA CICLABILE DI VIA DELLA REPUBBLICA

Programmati interventi sulla pista ciclabile e servizi per l’area archeologica Parcheggi nell’Area Archeologica di Paestum e percorsi cicilabili in viale della Repubblica. Questi i progetti dell’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Franco Alfieri. Per il primo lavoro il costo previsto dal progetto di fattibilità tecnica ed economica è di sei milioni di euro. L’obiettivo è di potenziare l’offerta del servizio

turistico. I fondi arriveranno grazie a dei finanziamenti che l’esecutivo Alfieri spera di ottenere dagli Enti Sovracomunali. Per quanto concerne i percorsi ciclabili e pedonali, invece, il Comune ha sottoscritto una Convenzione con la Regione Campania per interventi di messa in sicurezza della pista esistente in viale della Repubblica, un progetto cofinanziato con fondi per la sicurezza della circolazione ciclistica cittadina. Il costo del progetto è di cinquantunomila euro e il Comune investirà fondi per coprire il 51% della spesa. La parte restante arriverà da Palazzo Santa Lucia. Gennaro Maiorano infocilento.it

La nuova app mobile per Paestum, con itinerari personalizzati per temi, durata e interessi, è stata presentata al Museo lo scorso 15 novembre nell’ambito della XXII^ edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

Il Parco Archeologico di Paestum offre ai propri visitatori un nuovo modo di conoscere la storia e il patrimonio del sito: una app ideata con l’obiettivo di migliorare la fruizione del Parco seguendo i principi dell'accessibilità universale. La nuova app mobile per Paestum, con itinerari personalizzati per temi, durata e interessi, è stata presentata al Museo lo scorso 15 novembre nell’ambito della XXII^ edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. «Con questo progetto, abbiamo mantenuto una delle promesse della riforma dei beni culturali: riportare all'interno dell'amministrazione la progettualità e la gestione dell'offerta didattica. - ha commentato il Direttore del Parco, Gabriel Zuchtriegel - E abbiamo deciso di scrivere i testi noi archeologi, architetti e assistenti alla fruizione insieme a professionisti esterni, investendo in tal modo anche nelle nostre risorse umane. Per quanto riguarda la gestione, abbiamo optato per offrire l'app gratuitamente a tutti i nostri visitatori, essendo la proprietà intellettuale esclusivamente nostra e non di un concessionario esterno come spesso avveniva in passato». L’app, disponibile in sei lingue (italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo e cinese) e in lingua LIS, è scaricabile gratuitamente su Apple Store e Android ed è stata realizzata

da ECCOM in collaborazione con VISIVALAB e con l’Istituto Statale per Sordi. Questo nuovo strumento di fruizione consente di personalizzare il percorso per durata, con due opzioni da sessanta e novanta minuti. Una volta stabilito il tempo da dedicare alla visita, è possibile selezionare vari argomenti: miti e riti, vita quotidiana, Paestum greca e lucana, Paestum romana. Dopo queste semplici operazioni viene visualizzata una mappa geolocalizzata sulla quale l’utente può scegliere i vari punti di interesse, ognuno dei quali con una scheda dedicata. Il visitatore può, dunque, dare vita ad un viaggio unico e personale in un passato lontano nel tempo ma vivo e vicino al nostro presente. App Paestum è sostenuta anche dal Comune di Capaccio - Paestum che ha concesso il patrocinio all’iniziativa per l’installazione di banner promozionali nei punti di accesso alla Città, compresa la Stazione di Paestum. «Questa nuova app offre - come speiga Francesco Uliano Scelza, Archeologo del Parco - la possibilità di scoprire non solo gli elementi monumentali di Paestum, ma anche gli aspetti della vita quotidiana della Città e delle persone che la abitavano, attraverso una narrazione fatta di storie, suoni, profumi che permettono di entrare in contatto con i diversi momenti storici di cui è stata protagonista». comunicato stampa

Capaccio Paestum s’illumina con i LED Hanno preso il via nei giorni scorsi i lavori per la sostituzione dei corpi illuminanti di Capaccio Paestum: si passa da quelli al sodio a quelli della nuova tecnologia a led. L’intervento interesserà tutto il tratto stradale che va dai confini con il Comune di Roccadaspide (SS166, contrada Vuccolo Maiorano), fino ad arrivare alla rotonda del Lido Nettuno (contrada Laura), passando per le contrade di Rettifilo, il centro urbano di Capaccio Scalo e Piazza Santini. I lampioni dismessi resteranno a disposizione del Comune, per intervenire con celerità sulle future manutenzioni e soprattutto a costo zero per la comunità. Questa intervento è stato possibile grazie ad uno stanziamento del Ministero dello Sviluppo Economico di ben centotrentamila euro dedicato all’efficientemento degli impianti pubblici comunali. infocilento.it


10

MISURA 3.A.3 FORMAZIONE PER LA GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE E AMBIENTALE E IL TURISMO INTEGRATO

Opportunità di formazione per operatori del settore della pesca Verranno attivati due progetti formativi sui temi della gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale e sulle nuove forme di turismo. Le attività sono rivolte ai giovani dai 18 ai 36 anni (il limite di età per le donne si alza a 39 anni) che vogliono incrementare le competenze e le capacità di auto-impresa, nella selezione degli allievi verrà data precedenza ai pescatori e ai loro familiari.

Il Comune di Castellabate, inserito nella Rete di Comuni del FLAG Cilento Mare Blu presieduto dall’ing. Mauro Inverso, rientra nell’esecuzione della Misura 3.A.3 - Formazione per la gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale e il turismo integrato. Verranno attivati due progetti formativi sui temi della gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale e sulle nuove forme di turismo della durata di centoventi ore ciascuno, con lezioni di diritto e mercato del lavoro, inglese, informatica, turismo, aspetti fiscali e normativi dell’impresa con mappature del territorio, visite aziendali e stage. Si tratta di un’opportunità per i giovani del posto che potranno così qualificarsi per lo svolgimento di nuove attività basate sui valori reali del territorio. Tutte queste attività sono rivolte ai giovani dai 18 ai 36 anni (il limite di età per le donne si alza a 39 anni) che vogliono incrementare le competenze e le capacità di auto-impresa, nella selezione degli allievi verrà data precedenza ai pescatori e ai loro familiari. L’azione sarà attuata dall’Ente di Formazione Tecnoquality accreditato presso la Regione Campania e darà diritto all’Attestato di Partecipazio-

A ssunta N iglio

ne e ad un rimborso di cinquecento euro per allievo. Per informazioni e per l’iscrizione ai corsi, che si terranno ad Agropoli, per un massimo di trenta allievi, è possibile consultare il sito www.cilentoregeneratio.com​ oppure telefonare al 327 7522339 o inviare una e-mail a a.tecnoquality@gmail. com. Il Consigliere Delegato all’Area Marina Protetta, Assunta Niglio, in merito all’opportunità formativa ha sottolineato che: «La nostra costa è a naturale vocazione nei settori legati alla pesca e al turismo, per questo bisogna incentivare tali progetti formativi affinché i nostri giovani possano restare sul territorio a costruire il loro futuro creando, nel contempo, valore culturale ed economico per l’intera comunità». comunicato stampa

Quindici nuove telecamere vigileranno sulla sicurezza Verranno attivate quindici nuove telecamere all’ingresso dei centri abitati, nelle piazze e nei pressi delle rotatorie nel Comune di Castellabate. Si tratta di apparecchi di ultima generazione che permettono di ottenere il massimo della qualità di immagine in qualsiasi condizione di illuminazione. I sistemi rappresentano uno strumento essenziale per garantire la sicurezza e per contrastare i reati, anche di tipo ambientale. Un’integrazione, che rientra nel progetto di installazione del nuovo sistema di illuminazione pubblica, utile a monitorare vari punti del territorio. Il Sindaco di Castellabate, Costabile

castellabate

NUMERO 12novembre 2019

Spinelli, in merito al potenziamento della rete di controllo che rappresenta, sempre più, un valido strumento in appoggio alle attività delle Forze dell’Ordine, ha precisato che «insieme al Comando della Polizia Municipale abbiamo individuato i punti strategici nei quali posizionare le apparecchiature che completeranno la rete di monitoraggio già presente nel territorio comunale. Lo scopo è principalmente quello di contrastare fenomeni di microcriminalità, come ad esempio gli episodi segnalati recentemente in piazza Passaro, dove verranno appunto posizionate nuove videocamere». comunicato stampa

L’IMPIANTO CONTRIBUIRÀ A RIDURRE L’ATTUALE SPESA ENERGETICA

Finanziato l’impianto per trattare le biomasse agricole Il progetto che prevede la realizzazione di un impianto di piccola taglia a biomassa vegetale per la produzione di energia elettrica e termica nel Comune di Castellabate è stato ammesso a finanziamento tramite i fondi del Programma Sviluppo Rurale della Regione Campania 2014/2020. L’impianto, che sarà installato in Località Maroccia, riuscirà a contribuire alla riduzione dell’attuale spesa energetica del Comune con il ricorso a tecnologie moderne e sostenibili grazie all’utilizzo di scarti di origine forestale, agricola e agroindustriale. Il progetto, il cui costo è di circa cinquecentomila euro, si pone come obiettivo l’ottenimento dei massimi rendimenti possibili per la produzione di energia elettrica, uniti all’assoluta garanzia della tutela ambientale. Per l’approvvigionamento dell’impianto POLITICHE SOCIALI

C ostabile S pinelli

sono stati, già all'atto della presentazione del progetto, sottoscritti accordi per la fornitura di biomassa legnosa con aziende forestali e agricole locali o situate entro un raggio di settanta km da Castellabate. Il Sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli, esprime la sua soddisfazione per l’ottenimento del finanziamento che permetterà l’avvio dei lavori: «Attraverso la realizzazione dell’impianto sarà possibile attuare concretamente il

Il Comune di Castellabate ha ottenuto un finanziamento di cinquecentomila euro per la realizzazione di un piccolo impianto a biomassa vegetale per la produzione di energia elettrica e termica in Località Maroccia. L’impianto contribuirà a ridurre l’attuale spesa energetica, grazie all’utilizzo di tecnologie moderne e sostenibili mediante l’utilizzo di scarti di origine forestale, agricola e agroindustriale. Il progetto ha lo scopo di produrre energia elettrica, tutelando l’ambiente. Per l’approvvigionamento dell’impianto sono stati sottoscritti accordi per la fornitura di biomassa legnosa con aziende forestali e agricole locali.

principio dell’economia circolare trasformando la biomassa vegetale da ‘rifiuto’ a ‘risorsa’ in grado di produrre energia proveniente da un processo altamente sostenibile dal punto di vista ambientale. Questo ci permette di continuare la realizzazione delle nostre buone pratiche dettate dall’attenzione, sempre crescente, per la salvaguardia dell’ambiente e l’utilizzo delle energie rinnovabili». Paola Federico ondanews.it

AGEVOLAZIONE PER LE FAMIGLIE CON BASSO REDDITO

Agevolazioni per il servizio mensa La Giunta Comunale, al fine di agevolare le famiglie con basso reddito, ha deciso con Delibera di Giunta n. 157 del 25 ottobre scorso, di garantire un supporto economico per l’acquisto dei ticket per i pranzi in mensa.

Novità per la mensa dell’anno scolastico 2019/2020, gestita attraverso la società pubblica Castellabate Servizi che prepara e distribuisce i pasti agli studenti dell’Istituto Comprensivo di Castellabate. La Giunta Comunale, al fine di agevolare le famiglie con basso reddito, ha deciso con Delibera di Giunta n. 157 del 25 ottobre scorso, di garantire un supporto economico per l’acquisto dei ticket per i pranzi in mensa. Per accedere all’esenzione totale o parziale dal pagamento è possibile presentare la domanda, corredata dalla documentazione richiesta, al Protocollo del Comune. I requisiti per accedere al bonus sono: residenza nel Comune di Castellabate della famiglie e dei figli, frequenza della scuola nel territorio comunale, reddito familiare ISEE fino a tre-

mila euro, per l’esenzione totale, e fino ai cinquemila euro per l’esenzione del 50% del costo del blocchetto, fissato anche quest’anno a 45 euro per venti pasti. Per informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Politiche Sociali, in via Roma, a Santa Maria (tel. 0974960147). L’Assessore alla Pubblica Istruzione e alle Politiche Sociali, Elisabetta Martuscelli: «Abbiamo sempre messo al centro le esigenze dei bambini con una mensa di qualità eccellente che stiamo perfezionando sempre più e, per questo quest’anno, abbiamo deciso di aggiungere a tale servizio un concreto supporto alle famiglie economicamente disagiate che da dicembre, in base alla graduatoria di merito, potranno beneficiare gratuitamente del blocchetto pasti». comunicato stampa


castellabate

11

NUMERO 12novembre 2019

PRESENTATA UNA INTERROGAZIONE

IL PATTO INTERESSA CINQUE COMUNITÀ UNITE DALLA FEDE PER IL SANTO EVANGELISTA MARCO

Luigi Maurano in vista dell'estate 2020: «Urge risolvere il problema Un Patto d’Amicizia nel nome di San Marco Si concretizza il percorso dell’accessibilità delle spiagge» di amicizia iniziato «È impensabile che in un paese turistico l’organizzazione del Demanio sia così confusa» «Oltre al problema degli accessi al mare per i cittadini e i turisti del Comune di Castellabate in questi anni è emerso in maniera sempre più crescente e preoccupante anche un’altra criticità legata all’accessibilità delle nostre spiagge: i soccorsi in caso di incidenti e/o malori». Lo segnala Luigi Maurano, Consigliere di Minoranza. «Alla frazione Lago è stato segnalata molte volte l’impossibilità di un facile e immediato accesso delle ambulanze alla spiaggia. - ha aggiunto - Molti sono stati i casi in cui gli operatori sanitari hanno dovuto lasciare l’ambulanza e raggiungere a piedi la spiaggia per portare soccorso. Altre volte, addirittura, le ambulanze, nel tentativo di avvicinarsi alla spiaggia, sono rimaste letteralmente bloccate tra le stradine attualmente esistenti. E tutto ciò è testimoniato da articoli di giornale ed esperienze dirette dei malcapitati cittadini e turisti. Disservizi non accettabili e non giustificabili». Una soluzione era stata trovata ma un intoppo ha bloccato l’iter e Maurano spiega il perché: «Per far fronte a questa situazione un’Associazione Nazionale ha presentato all’Amministrazione un progetto redatto a proprie spese. Successivamente il tecnico comunale ha provveduto ad effettuare i sopralluoghi necessari per certificare o meno il pericolo . In seguito ai rilievi fatti, con propria nota, dichiara che l’intera viabilità della zona presenta delle criticità tali da non garantire, nelle attuali condizioni, l’agevole accesso dei mezzi

L uigi M aurano

di soccorso sull’arenile esistente. La Giunta allora ha dato l’indirizzo per la realizzazione dell’intervento al fine di garantire un facile e veloce accesso per i mezzi di soccorso alla spiaggia nel tratto medio di Corso Beato Simeone. A questo punto bisognava avviare l’iter per la realizzazione dell’intervento. Sono passate due estati e ancora niente è stato fatto. Neanche le operazioni di base. Ci sono stati solleciti e diffide per questo immobilismo dell’Amministrazione. Ma ad oggi ancora niente. Come sempre un’Amministrazione che si ferma alla forma senza far seguire la sostanza». Di qui la decisione di presentare un’interrogazione con la quale si chiedono i motivi di tale ritardo e si sollecita l’Amministrazione ad intervenire in vista dell’estate 2020. «È impensabile che in un paese turistico l’organizzazione del Demanio sia così confusa», ha concluso Maurano. infocilento.it

GLI INTERVENTI RIGUARDERANNO TUTTE LE FRAZIONI

Avviata la pulizia dei valloni per prevenire problemi alla viabilità Con l’arrivo della stagione autunnale e il probabile intensificarsi delle precipitazioni atmosferiche, il Comune di Castellabate ha predisposto la pulizia dei valloni in tutte le frazioni. Gli interventi, già in corso, sono funzionali a prevenire eventuali problemi di viabilità causati dalla pioggia. Si tratta di azioni messe in campo ogni anno al fine di evitare l’insorgere di problemi di sicurezza. Le operazioni di pulizia con mezzi meccanici copriranno l’intero territorio comunale. «Al fine di garantire il regolare deflusso della pioggia e di liberare da ogni tipo di detrito che avrebbe potuto otturare i sistemi di raccolta delle acque meteoriche e i canali - spiega il Sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli - abbiamo predisposto sin da subito interventi per prevenire gli eventuali pericoli derivanti da possibili occlusioni dei corsi d’acqua in previsione della stagione autunnale ed invernale». Paola Federico ondanews.it

durante il periodo legato ai festeggiamenti in onore di San Marco lo scorso aprile, con la cerimonia che culminerà con la firma del Patto d'Amicizia

Castellabate, Cellino San Marco, San Marco Argentano, San Marco Evangelista e Torricella hanno sottoscritto un Patto d’Amicizia tra Comunità, unite dalla fede per il Santo Evangelista Marco, allo scopo di tracciare la collaborazione per la promozione culturale e turistica tra le cinque municipalità. Si concretizza il percorso di amicizia iniziato durante il periodo legato ai festeggiamenti in onore di San Marco lo scorso aprile, con la cerimonia che è culminata con la firma del Patto sabato 12 ottobre. Dopo l’accoglienza delle delegazioni, sul Belvedere San Costabile, al Centro Storico, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa presso il Castello dell’Abate e quindi una visita guidata per le viuzze di uno dei borghi più belli d’Italia. Nel pomeriggio è stata celebrata una

Santa Messa nella Chiesa di San Marco Evangelista, dopo la processione dalla Cappella al Porto, nel settimo anniversario dell’apertura dell’antica cappella. È seguita la firma del Protocollo d’intesa tra le Città Marciane alla presenza di autorità civili, militari e religiose nonchè delle delegazioni ufficiali delle comunità marciane guidate dai Sindaci Costabile Spinelli (Castellabate). Virginia Mariotti (San Marco Argentano), Gabriele Cicala (San Marco Evangelista), Salvatore De Luca (Cellino San Marco) e Michele Schifone (Torricella). «Abbiamo unito qui a Castellabate ben cinque Comuni nel nome di San Marco. - ha commentato il Sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli - Tale Protocollo stringe non solo un’amicizia ma intende avviare una forte sinergia culturale, economica e religiosa. Abbiamo inoltre coinvolto in tale percorso le Parrocchie e i Comitati Festa per creare uno scambio interregionale per promuovere i territori e le loro eccellenze». Chiara Di Miele ondanews.it

EFFICIENTAMENTO ENERGETICO NEGLI EDIFICI SCOLASTICI

A Castellabate interventi per cinquantamila euro L’Amministrazione Comunale di Castellabate ha approvato il progetto esecutivo relativo ai lavori di riduzione dei consumi energetici delle centrali termiche degli Istituti Scolastici. I lavori prevedono l’installazione di caldaie a condensazione di ultima generazione che miglioreranno notevolmente le prestazioni energetiche e termiche dei plessi, evitando inutili dispersioni. L’Amministrazione infatti si pone l’obiettivo di modernizzare gli edifici riducendo i consumi energetici e le relative emissioni. Il costo dell’intervento è di cinquantamila euro, finanziato tramite fondi del Ministero dell’Interno destinati alla realizzazione di investimenti per la messa in sicurezza degli edifici pubblici, di cui il Comune di Castellabate è risultato beneficiario. «Un progetto - ha affermato il Sindaco Costabile Spinelli - che rientra in un programma di riqualificazione più ampio per l’adeguamento di tutti gli edifici comunali alle attuali norme di sicurezza. Un primo finanziamento è stato investito per lavori, già conclusi, di manutenzione alle scuole e per la ristrutturazione della sede comunale del centro storico. Adesso abbiamo deciso di destinare ancora per gli edifici scolastici anche questo secondo finanziamento ministeriale puntando a rendere le nostre scuole più efficienti dal punto di vista energetico». Antonella D'Alto ondanews.it


12

NUMERO 12novembre 2019

NEL PROGRAMMA DELLE OPERE PUBBLICHE INFRASTUTTURE E SERVIZI

La GIUNTA SCARPITTA programma opere pubbliche per oltre cinquanta milioni di euro L’Amministrazione Comunale di Camerota, guidata dal Sindaco Mario Scarpitta, ha approvato il programma triennale dei lavori pubblici per gli anni 2020-2022 e l’elenco annuale. Tra le priorità per il primo anno la realizzazione del collettore fognario da Camerota Capoluogo all’impianto di depurazione di Licusati, il potenziamento di quest’ultimo impianto e il completamento della rete fognaria di Marina di Camerota, Lentiscosa e Licusati. Il costo è di 5,4 milioni di euro.

camerota

INCHIESTA KAMARATON

Il Gruppo Misto: «Il Comune si costituisca parte civile»

La proposta dei Consiglieri Comunali Francesco Calicchio e Josè Rafael Saturno per il rifacimento del Campo Papa Giovanni XXIII), componenti del Gruppo Misto Consiliare per il Cimitero (234mila euro per l’ampliamento

del Campo Santo del Capoluogo) e per le strade (la Camerota-Lentiscosa e la Strada Provinciale 166). Un progetto da 258mila euro riguarda la valorizzazione della Grotta della Serratura e degli Infreschi. In programma anche la realizzazione dell’impianto del gas metano (5,7 milioni di euro). Diverse opere in programma anche nel 2021: c’è il secondo stralcio dei lavori al porto (6 milioni), la riqualificazione del Lungomare (quasi 2 milioni di euro), i lavori di sistemazione della rete idrica di distribuzione (3,5 milioni). E ancora il Comune programma la Opere pubbliche per cinquantasetrealizzazione di un parcheggio in te milioni di euro. L’Amministrazione zona Mingardo, la messa in sicuComunale di Camerota, guidata dal rezza della Strada Regionale 562; Sindaco Mario Scarpitta, ha approe poi i servizi: il completamento vato il programma triennale dei ladell’Ambulatorio del Capoluogo e vori pubblici per gli anni 2020-2022 e del Centro Polifunzionale di Lenl’elenco annuale. Tra le priorità per il tiscosa. Infine programmati interprimo anno la realizzazione del colletventi sulla rete idrica e il restauro tore fognario da Camerota Capoluogo del Castello di Licusati. Per il 2022 all’impianto di depurazione di Licul’Amministrazione Scarpitta ha in sati, il potenziamento di quest’ultimo cantiere nuove opere come un Camimpianto e il completamento della po di Calcio a Cinque con pista di rete fognaria di Marina di Camerota, atletica leggera (882mila euro), la Lentiscosa e Licusati. Il costo è di 5,4 realizzazione di un Museo Virtuale milioni di euro. Ammonta a 6,4 milioM ario S carpitta presso le grotte, ma anche interventi ni, invece, l’impegno per la messa in sicurezza delle banchine del porto (primo stralcio). di miglioramento della sentieristica, di riqualificazioProgrammati interventi anche per le scuole e in parti- ne della Piazzetta Capano. Infine un milione di euro colare l’adeguamento antisismico e la riqualificazione è la cifra preventivata per l’adeguamento sismico del energetica dell’Istituto di Lentiscosa (1,3 milioni), di Municipio. Complessivamente il primo anno sono in Licusati (1,4 milioni), il completamento dell’edificio di programma opere per circa 31,8 milioni; 19,4 per il Marina e la costruzione della palestra (1,6). Attenzione secondo, 5,7 per il terzo. della Giunta Scarpitta anche sullo sport (554mila euro Filippo Tizzi infocilento.it

Tutto pronto per la quarta edizione di LUCIAMMARE L’Amministrazione di Camerota patrocinerà l’evento e contribuirà facendo installare le luminarie in tutte le frazioni. Il Comitato Luciammare si impegnerà a completare il Parco Luci a Marina che, essendo la frazione più grande e la più frequentata, necessita di maggiori attrazioni luminose. La novità di questa quarta edizione sarà in via Diaz, nei locali dell’ex Alcatraz, dove sarà allestita la Casa di Babbo Natale.

Al via la quarta edizione di Luciammare. L’evento che riempie di colori, luci, gioia ed eventi il Natale di Marina di Camerota è già entrato nel vivo dell’organizzazione. L’Associazione Tuttinsieme e il Comitato Luciammare hanno riscontrato una forte collaborazione da parte di tanti cittadini volontari ed imprenditori a cui quest’anno si è unito un rilevante gruppo di concittadini rientrati dal Venezuela e con proprie idee e sostegno. Si sta procedendo alla raccolta di fondi per allestire le tipiche luminarie natalizie che anche quest’anno, andranno ad adornare il lungomare e le strade principali del paese. L’Amministrazione di Camerota patrocinerà l’evento e contribuirà facendo installare le luminarie in tutte le frazioni. Il Comitato Luciammare si impegnerà a completare il Parco Luci a Marina che, essendo la frazione più grande

e la più frequentata, necessita di maggiori attrazioni luminose. La novità di questa quarta edizione sarà in via Diaz, nei locali dell’ex Alcatraz, dove sarà allestita la Casa di Babbo Natale. Per tutto il periodo di festività i bambini potranno trascorrere momenti divertenti con le tante sorprese di un ricco programma preparato dalle mamme. Le associazioni che affiancano Luciammare sono diverse. Alcune di esse sono impegnate a stilare il calendario degli eventi in paese. L’appello del Comitato Luciammare rivolto a coloro che sono interessati ad inserire il proprio evento nel calendario, è di mettersi in contatto con il Comune di Camerota oppure con il Comitato al sol fine di evitare inutili accavallamenti di date dei vari appuntamenti in programma. Un’altra novità riguarda il contest del quartiere più bello che quest’anno, si vedrà riconosciuto di un premio dal comitato. Le modalità e il regolamento per partecipare saranno resi noti nei prossimi giorni. L’impegno dei cittadini dunque, sarà quello di impegnarsi ad adornare le abitazioni in modo da rendere il quartiere più colorato, natalizio e più bello. La data di inaugurazione non è stata ancora resa nota ma già fervono i preparativi per la prima serata. comunicato stampa

Inchiesta Kamaraton: i Consiglieri Comunali Francesco Calicchio e Josè Rafael Saturno, componenti del Gruppo Misto Consiliare, con Nota assunta al Protocollo del Comune, propongono alla Giunta Comunale, di autorizzare e dare mandato al Sindaco, quale Rappresentante Legale dell’Ente, a costituirsi Parte Civile nel procedimento penale Kamaraton a carico degli ex amministratori comunali. Inoltre si chiede l’affidamento dell’incarico per la tutela delle ragioni dell’Ente a professionista qualificato, esperto e dotato di specifiche competenze nel campo del diritto penale. «È dovere di questa Amministrazione - si legge nella Nota - fermi restando, in ogni caso, l’accertamento dei fatti e la presunzione di non colpevolezza sino alla condanna definitiva vigente dal nostro ordinamento giudiziario, affermare e ribadire la cultura e lo spirito della legalità e della lotta alla corruzione, valori cui deve essere inspirata ogni azione pubblica, anche in considerazione dell’incidenza negativa dei fenomeni criminali sul tessuto socio-economico della realtà locale». comunicato stampa ORDINATA LA DEMOLIZIONE

Parcheggio abusivo in un’area del Parco Nazionale Il Raggruppamento Carabinieri Parchi, Comando di Stazione di San Giovanni a Piro, ha accertato la realizzazione di abusi edilizi a Camerota, in località Scenasa, su terreni di proprietà del Comune. Si tratta di cinque strutture costituite da pali in legno infissi nel terreno e coperti da un telo ombreggiante, poste a servizio di un parcheggio realizzato illegittimamente con l’occupazione di un suolo demaniale, con cambio dell’originaria destinazione ad uso agricolo. L’opera è stata realizzata in un’area inserita nella perimetrazione del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, in assenza del necessario nulla osta. Il Parco Nazionale ha così ordinato la demolizione delle opere abusive e il ripristino dello stato dei luoghi entro novanta giorni dalla data di notifica. Paola Federico ondanews.it


camerota

13

NUMERO 12novembre 2019

TESTIMONIANZE E COMMOZIONE PER LA SESTA EDIZIONE DEL PREMIO NASSIRIYA PER LA PACE Parole di speranza, occhi lucidi, commozione e ricordi: così il Cilento ha commemorato, sedici anni dopo, i Caduti di Nassiriya nel Santuario dell'Annunziata di Licusati. In prima fila il Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, il Sindaco di Camerota, Mario Scarpitta, ed il Presidente del Premio “Nassiriya per la Pace”, Vincenzo Rubano. La manifestazione, organizzata dall’Associazione Culturale Elaia e patrocinata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero della Difesa, dalla Regione Campania, dalla Città Metropolitana di Roma, dalla Provincia di Salerno, dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, e dai Comuni di Camerota, Centola, Celle di Bulgheria, Santa Marina e Caselle in Pittari, ha preso il via con l’inaugurazione di un monumento realizzato nel giardino del Santuario dell’Annunziata in ricordo dei Caduti di Nassiriya. Alla cerimonia hanno partecipato i genitori del Caporal Maggiore Pietro

Il Cilento ha ricordato i Caduti di Nassiriya Tra i premiati anche il Ministro Boccia, il Magistrato Maresca ed il giornalista Ruotolo

Petrucci, la più giovane vittima della strage di Nassiriya. Al loro fianco il Ministro Francesco Boccia, il Presidente del Premio, Vincenzo Rubano, il Sindaco Scarpitta, il Presidente del Parco del Cilento, Tommaso Pellegrino, i Generali di Corpo d’Armata dell’Esercito Francesco Paolo Figliuolo e Rosario Castellano, il Generale di Divisione dei Carabinieri Maurizio Stefanizzi, il Contrammiraglio Fabio Agostini e il Procuratore Capo di Vallo della Lucania Antonio Ricci. Al termine della cerimonia è stato conferito il Premio Nassiriya per la Pace al Ministro Boccia e a seguire, nell’Anfiteatro dell’Annunziata, sono stati conferiti altri riconoscimenti «a persone - ha spiegato il Presidente del Premio “Nassiriya per la Pace”, Vincenzo Rubano - che hanno dato dimostrazione di impegno, di coraggio e di amore per la propria nazione». Ecco la lista dei premiati: il Consigliere Regionale

TRAGEDIA DELLE STRAMBAIE

Il Comune di Camerota depone una scultura commemorativa Domenica 20 ottobre scorso presso il Porto turistico di Marina di Camerota si è vissuto un momento di particolare emozione nel ricordo del sacrificio delle Strambaie, le dodici lavoratrici che il primo giugno del 1867 persero la vita nelle acque di Cala del Marcellino mentre si trovavano a bordo di un piccolo gozzo carico di spartea, l’erba che veniva utilizzata per realizzare le corde, che naufragò all’improvviso. L’Assessorato alla Cultura del Comune di Camerota ha così organizzato la cerimonia di posa della scultura commemorativa dedicata alle Strambaie realizzata dall’Artista Antonio Lucio Correale. Chiara Di Miele ondanews.it

Francesco Emilio Borrelli, i Magistrati Catello Maresca e Katia Cardillo, i giornalisti sottoscorta Sandro Ruotolo e Michele Albanese, il sacerdote don Giacomo Panizza, l’imprenditore sottoscorta Antonino De Masi, il Gen. C.A. Francesco Paolo Figliuolo (EI), il Gen. C.A. Rosario Castellano (EI), il Contrammiraglio Fabio Agostini (MM), il Col. Daniele Cesaro, il ten. col. Daniele Campa (CC), il cap. Davide Acquaviva (CC), il cap. (Am) Salvatore Matrecano, il ten. Vincenzo Caputo (CC), il ten. Ivana Fava (CC), i luogotenenti (CC) Domenico Nucera e Giuseppe Losciuto, i Caporal Magg. Capo S. Marco Valentino (EI) e Paolo Esposito (EI), l’Assistente Capo della Polizia Stradale Pasquale Vassallo e l’Assistente Nicola Finamore, l’agente Riccardo Muci, il soldato Vincenzo Fiorillo (EI), il giornalista Riccardo Pareggiani, il medico Michele Ferraiuoli, gli avvocati Silvana Paratore e Loreto D’Aiuto, gli imprenditori Antonio Ferrieri e Valerio Iovinella, il conduttore televisivo Gabriele Blair, la Fanfara dei Carabinieri della Legione Campania, il ten. col. Nicola Mirante, il magg. Andrea Cinus, il maggiore Marilena Scudieri, il luogotenente Giulio Napoli, il Mar. Ca. Alessandro Rossi, il Mar. Clemente Iodice, l’app. Attilio Bassi e l’equipaggio della motovedetta Sar 851 di Cetraro formata dal Primo Maresciallo Marcello Petrillo e dai Sottocapi di Prima Classe Vincenzo Cosentino e Cristian Lianza. Ai genitori del Caporal Maggiore Pietro Petrucci è stato invece consegnato un Premio alla Memoria. La cerimonia è stata condotta da Gabriele Blair, con il coordinamento del Tenente Colonnello Antonio Grilletto. Nell’area della manifestazione sono stati allestiti stand, infopoint e mostre statiche dell’Esercito, dei Carabinieri e dell’Aeronautica Militare visitati da oltre trecento

studenti provenienti da diversi istituti scolastici della zona. L’intera mattinata è stata allietata dalle note della Fanfara dell’Ottavo Reggimento Bersaglieri di Caserta e dalla Fanfara del Decimo Reggimento Carabinieri Campania. Nei giorni scorsi, presso Palazzo Valentini, a Roma, erano stati consegnati i Premi Speciali 2019 alla giornalista sottoscorta Federica Angeli, al cantante Simone Cristicchi, a mons. Giovanni D’Ercole, ai Ministri Lorenzo Guerini e Teresa Bellanova, al Comando Generale delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera e un Premio alla Memoria al giornalista Giancarlo Siani. comunicato stampa

Camerota gli addobbi natalizi saranno Aiutiamo Stasy a trovare il suo A realizzati dai bambini con prodotti riciclati Angelo di Marina di Camerota Al via Laboratori Creativi L’appello toccante lanciato da Anastasia che desidera conoscere l’uomo che trentadue anni fa le salvò la vita spopola su tutti i social. Il grande cuore del Cilento lascia sempre un segno, ecco le parole di Stasy: «Cerco un uomo che nell’estate del 1987 nel Villaggio "Villamarina" di Marina di Camerota mi salvò la vita. Io avevo quasi dodici anni e non sapevo nuotare, mi allontanai di poco ma all’improvviso non toccavo più. Stavo annegando e mentre sprofondavo, pensando che fosse ormai finita per me, mi sentii sollevare da lui e mi riportò a riva… dopo qualche giorno lo rividi e mi disse che mi vide entrare in acqua e non vedendomi uscire entrò anche lui per venirmi a cercare...chiese il mio nome e quando gli dissi Anastasia mi disse: "allora Stasy perché è un diminutivo". Da quel giorno porto ancora il nome che mi ha dato tra amici e parenti. I miei genitori non hanno pensato che avrei potuto avere il desiderio di sapere chi fosse il mio salvatore e mi è rimasto per anni il desiderio di conoscerlo». Purtroppo di questi episodi ne capitano tanti nel periodo estivo, il risvolto che ci auguriamo è sempre questo ma talvolta non “esiste” un Angelo. Letizia Baeumlin infocilento.it

per i bambini di Lentiscosa

Il Comune di Camerota in collaborazione con il Gruppo Decorazioni di Natale propone, ai bambini di Lentiscosa, Laboratori Creativi al fine di produrre decorazioni natalizie con materiale di riciclo, dando seguito a quello era stato fatto lo scorso anno ossia addobbi natalizi per tutto il paese ricavati da plastica riutilizzata e altro. I Laboratori saranno divisi in due gruppi: uno per i più piccoli, l’altro per ragazzini un pò più grandi. Il primo appuntamento è per sabato 16 novembre alle 10.00 presso la Casa Canonica di Lentiscosa dove sarà anche concordato un calendario insieme a bambini e genitori per il prosieguo delle attività. I lavori poi saranno utilizzati per addobbare la scuola o quartieri del paese. A fine corso sarà rilasciato un Attestato di Partecipazione e un regalino per ogni partecipante. infocilento.it


14 SANT’ARSENIO

NUMERO 12novembre 2019

NOVITÀ IN ARRIVO PER L’OSPEDALE SANTISSIMA ANNUNZIATA

Nasce un tavolo tecnico permanente di confronto tra ASL Salerno e Comune Nell’ultimo incontro tra Comune ed Asl, è stato fatto un ulteriore passo in avanti, perché sull’esercizio finanziario 2020 dell’ASL di Salerno saranno inserite ulteriori somme (da aggiungersi a quelle già stanziate dalla Strategia Aree Interne, superiori al milione di euro) per l’attivazione dell’Ospedale di Comunità ed Unità Complessa per le Cure Primarie.

In arrivo altri cinquantamila euro per l'innovativo reparto di cura delle forme gravi di Ludopatia ed Alcolismo

Novità importanti in arrivo per l’Ospedale Santissima Annunziata di Sant’Arsenio. L’ASL di Salerno e il Comune, guidato dal Sindaco Donato Pica, hanno costituito un tavolo tecnico permanente di confronto per monitorare i programmi di intervento presso la struttura sanitaria di Sant’Arsenio e l’evolversi di tutti i passaggi tecnico amministrativi delle attività che sono previste nel Piano Ospedaliero e Sanitario

BUONABITACOLO

Regionale nonchè nell’Atto Aziendale dell’ASL di Salerno. A questo tavolo partecipano la Direzione Sanitaria, l’Ufficio Tecnico, i Dipartimenti di Prevenzione, di Psichiatria e delle Dipendenze dell’ASL, il Distretto Sanitario di Sala Consilina, i Servizi Psichiatrici territoriali e il Comune di Sant’Arsenio. Secondo le aspettative dei soggetti coinvolti si potrà così avere un’accelerazione di tutte le procedure di intervento e rilancio avviate. «L’ASL ha destinato un’ulteriore cifra di cinquantamila euro per il completamento dei lavori e degli interventi - commenta il Primo Cittadino di Sant'Arsenio, Donato Pica - necessari per la struttura destinata alla cura delle devianze gravi da Alcolismo ed Azzardo, i cui lavori sono ancora in corso. Siamo alla stretta finale anche per l’assegnazione dell’appalto per gli

DA LUOGO ABBANDONATO A SPAZIO DEDICATO ALLE ARTI

Inaugurata Piazzetta MELCHIORRE FERRARA È stata inaugurata il 12 ottobre scorso, in località Camarchio a Buonabitacolo, la nuova Piazzetta delle Arti Melchiorre Ferrara. Un momento importante caratterizzato non solo dalla riqualificazione di uno spazio degradato grazie alla solerzia degli operai della Comunità Montana - Vallo di Diano ma anche dal ricordo del compianto Melchiorre Ferrara, musicista e compositore di Buonabitacolo. Materiale di risulta, rifiuti nonché amianto: quella che era una discarica in uno spazio del tutto abbandonato oggi è tornato ad essere un piccolo fiore all’occhiello della comunità. «Grazie alla collaborazione - le parole del Sindaco Giancarlo Guercio - i luoghi abbandonati possono diventare belli e significativi. Si tratta del luogo più alto di Buonabitacolo che offre una veduta spettacolare sul Vallo di Diano. Per la riqualificazione il Comune non ha investito denaro fatta eccezione per qualche piccolo intervento. Si tratta di uno spazio grazioso dove rilassarsi e stare bene». Presenti, oltre gli operai della Comunità Montana, i familiari di Melchiorre Ferrara, il Vicesindaco Enza Basile, gli alunni delle Scuole Medie accompagnati dal Vicario Michele Marchesano, il Presidente della Comunità Montana-Vallo di Diano, Raffaele Accetta, accompagnato dall’Assessore Gaetano Spano, il Presidente del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano-Tanagro e Direttore dell’Area Agrario-Forestale della Comunità Montana-Vallo di Diano, Beniamino Curcio, i Carabinieri della Stazione di Buonabitacolo accompagnati dal Comandante Gianni Mirabello, la Polizia Municipale e il parroco don Antonio Garone. «Questo spazio viene restituito soprattutto a voi giovani - ha sottolineato Guercio rivolgendosi agli studenti - che crescendo avrete a cura Buonabitacolo. Uno spazio in alto che simboleggia, inoltre, un indirizzo ben specifico: le arti sono qualcosa che elevano l’animo umano e Buonabitacolo ha tantissime eccellenze che lo dimo-

strano come ad esempio Pasquale Citera, docente al Conservatorio ‘Santa Cecilia’ di Roma o il soprano Cristina Bisogni. Il talento non arriva dal cielo ma necessita di qualcuno che infuochi l’animo. Il nostro paese ha avuto la fortuna di avere Melchiorre Ferrara che ha dato vita al coro parrocchiale diretto oggi dal maestro Domenico Vassallo oltre a costituire la banda musicale. È stata una persona che ha acceso gli animi con impegno e serietà, dura e austera, ma con un grande amore per la musica». Soddisfazione anche da parte di Beniamino Curcio: «La mia debolezza è Buonabitacolo. - ha puntualizzato - Ho fatto e continuo a fare tante cose perché amo questo paese. Abbiamo studiato ogni particolare di questo spazio, anche le piante da posizionare che provengono dal Monte Carmelo». In seguito sono stati consegnati degli attestati di gratitudine per la collaborazione agli operai che, tra l’altro, hanno collaborato a riqualificare altre zone del paese. La Comunità Montana ha inoltre regalato un’auto che sarà di aiuto nel raggiungere le località più impervie. Parole

interventi strutturali previsti all’Ospedale della SS. Annunziata di Sant’Arsenio poiché siamo nella fase di affidamento dei lavori dell’appalto da oltre cinquecentomila euro». Infine, nell’ultimo incontro tra Comune ed ASL, è stato fatto un ulteriore passo in avanti, perché sull’esercizio finanziario 2020 dell’ASL di Salerno saranno inserite ulteriori somme (da aggiungersi a quelle già stanziate dalla Strategia Aree Interne, superiori al milione di euro) per l’attivazione dell’Ospedale di Comunità ed Unità Complessa per le Cure Primarie. I tempi saranno, dunque, brevi perché il Ministro dello Sviluppo Economico ha posto come limite temporale per la spesa delle risorse del Progetto Sviluppo Aree Interne il mese di settembre 2020 e questo vuol dire che tutto il progetto di rilancio del plesso di Sant’Arsenio è in via di realizzazione. Paola Federico ondanews.it

Un momento importante caratterizzato non solo dalla riqualificazione di uno spazio degradato grazie alla solerzia degli operai della Comunità Montana - Vallo di Diano ma anche dal ricordo del compianto Melchiorre Ferrara, musicista e compositore di Buonabitacolo. Materiale di risulta, rifiuti nonché amianto: quella che era una discarica in uno spazio del tutto abbandonato oggi è tornato ad essere un piccolo fiore all’occhiello della comunità.

di gratitudine dalla famiglia Ferrara che ha ringraziato i presenti attraverso la figlia Itala. È stata letta inoltre una lettera del figlio Donato: «Finalmente qualcuno si è ricordato di papà, persona che ha dato tantissimo per Buonabitacolo. È bello farlo attraverso questo gesto». Claudia Monaco ondanews.it

diano

MONTESANO S. MARCELLANA

Dalla Regione 498mila euro di finanziamenti per i lavori dell’edificio scolastico di Tardiano Il Primo Cittadino, Giuseppe Rinaldi annuncia, inoltre, che sempre sulla scuola di Tardiano si sta concludendo la progettazione esecutiva per l’avvio dei lavori, per un importo di novantottomila euro, per l’adeguamento normativo del sistema antincendio.

Con Decreto Dirigenziale della Regione Campania, numero 169 dell'8 ottobre scorso, sono stati finanziati i lavori, per un importo di quattrocentonovantottomila euro, per l’edificio scolastico della frazione di Tardiano di Montesano Sulla Marcellana. Ad annunciarlo è il Sindaco Giuseppe Rinaldi, soddisfatto del finanziamento che definisce «una notizia ottima, attesa, voluta e sostenuta fortemente che si aggiunge ai già ottenuti finanziamenti per le scuole di Scalo e Capoluogo (ex Scuola Media), in fase di aggiudicazione per l’avvio dei lavori. Siamo fiduciosi che a breve potremo annunciare anche il finanziamento delle scuole di Arenabianca e dell’attuale sede Capoluogo inserite entrambe e con un buon punteggio nel Piano Triennale Regionale dell’Edilizia Scolastica». Rinaldi annuncia, inoltre, che sempre sulla scuola di Tardiano si sta concludendo la progettazione esecutiva per l’avvio dei lavori, per un importo di novantottomila euro, per l’adeguamento normativo del sistema antincendio. Per le altre scuole di Montesano sulla Marcellana, con Delibera di Giunta Comunale n. 111 del 4 ottobre scorso, è stata stanziata una somma per tutti gli interventi progettuali e materiali di aggiornamento alle normative antincendio. «Continua il grande lavoro di progettazione e di lavori pubblici sull’edilizia scolastica, - conclude il Primo Cittadino - punto prioritario di questa Amministrazione insieme alla difesa del territorio contro le invasioni barbariche. Il lavoro assiduo premia sempre e premia soprattutto la parte migliore della comunità: i nostri ragazzi». Chiara Di Miele ondanews.it


diano

15

NUMERO 12novembre 2019

POLLA AGGREGAZIONE E CONDIVISIONE L’Associazione JOE PETROSINO negli STATI UNITI per l'ANNIVERSARIO Il Vescovo Antonio dell’ASSASSINIO del poliziotto

SCHIAMAZZI E VANDALISMI

Il Primo Cittadino di Sant’Arsenio intensifica l’attività di vigilanza sul territorio comunale

De Luca incontra le associazioni sportive locali

L’Assessore con Delega allo Sport Federica Mignoli: «Sono molto contenta di questo e della Nel centodecimo anniversario dell’assassinio di Joe incontro tanta partecipazione. Petrosino, il primo poliziotto vittima della mafia, l’As- Ringrazio tutti coloro sociazione Internazionale Joe Petrosino è presente che sono stati presenti»

negli Stati Uniti, per partecipare ufficialmente alle celebrazioni. La delegazione di Padula è rappresentata dal Presidente dell’Associazione, Vincenzo La Manna, dal VicepresidenteVincenzoPetrizzo,daiconsiglieriPasquale Chirichella, Aurora Gallo e da alcuni soci e simpatizzanti, tra cui l’imprenditore Giuseppe Pinto (titolare della Pinto srl di Polla), unitamente al pronipote Nino Melito Petrosino. Il 12 ottobre scorso la delegazione ha preso parte allaparatanelQueens,ilgiornosuccessivohapartecipato a quella di Huntington e infine ha sfilato alla parata del Columbus Day sulla 5th Avenue. Dopo la parata la delegazionediPadulael’AssociazioneJoePetrosinoSicilia,con la presidente Annamaria Corradini, sono state ricevute dal Console Italiano a New York. Il Presidente Vincenzo La Manna ha ricevuto due importanti riconoscimenti per le attività che l’Associazione porta avanti nell’ambito della legalità. Inoltre, l’Associazione è stata ospitata dal ClubSanConodeiTeggianesiunitamenteallaFederazione dei Campani negli USA, rappresentata dal Presidente Rocco Manzolillo. L’Associazione Joe Petrosino d’America,conilPresidenteBobFonti,nell’ambitodelmesedella cultura Italiana negli USA ha ospitato a Washington le dueAssociazioniItalianeperlavisitaalNationalLowEnterforcement Museum and Memorial e per un ricevimentoalCongresso,accoltidalCongressmanThomasSuozzi. Antonella D'Alto ondanews.it

MONTESANO SULLA MARCELLANA

Momento di forte aggregazione e condivisione quello dello scorso 15 ottobre a Polla dove ha avuto luogo l’evento dal titolo Sulla tua parola gettiamo le reti, organizzato dall’Amministrazione Comunale. La manifestazione è iniziata con la Santa Messa dello sportivo, presso la Chiesa dei Santi Pietro Apostolo e Benedetto. In seguito, in occasione della visita Pastorale del Vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, mons. Antonio De Luca, presso il Centro Sociale Don Bosco, si è tenuto anche un incontro con tutte le associazioni sportive del paese. È stato organizzato anche uno spettacolo di danza diviso in tre momenti e sono state presentate le società e le associazioni che hanno avuto modo di illustrare al Vescovo e a tutti i presenti le varie attività che vengono svolte durante l’anno. «Sono molto contenta di questo incontro e della tanta partecipazione. - ha commentato l’Assessore con Delega allo Sport Federica Mignoli - Ringrazio tutti coloro che sono stati presenti». Emozionante anche il momento dell’intervento del Vescovo che ha concluso la serata. Annamaria Lotierzo ondanews.it

OBESITY DAY. UNA MERENDA A CHILOMETRI ZERO

L’Amministrazione Comunale dona una sana merenda ai bambini delle Elementari In Italia è sovrappeso oltre una persona su tre, obesa una persona su dieci, diabetica più di una su venti. L’Obesity Day, campagna nazionale di sensibilizzazione per la prevenzione dell’obesità e del sovrappeso, promossa dall’ADI (Associazione Italiana di Diatetica e Nutrizione Clinica) punta tutti gli anni a far conoscere la prevalenza, la gravità e lo stigma correlato all’obesità. Quest’ultima è una condizione complessa che deriva dall’interazione tra fattori genetici, psicologici e ambientali, alcuni dei quali modificabili grazie alle buone abitudini e al cambiamento dello stile di vita, piccole azioni che hanno il compito di innescare dei cambiamenti in grado di attuare concrete azioni di prevenzione. Alla luce di tutte queste informazioni, in occasione di questa importante giornata, l’Amministrazione Comunale di Montesano sulla Marcellana, guidata dal Sindaco Giuseppe Rinaldi, ha deciso di aderire con l’iniziativa Tutti insieme per una merenda sana tra i banchi. Ai bambini frequentanti la Scuola Pri-

L’iniziativa, in collaborazione con l’Istituto Omnicomprensivo di Montesano sulla MArcellana, è stata patrocinata dall’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.

maria di tutto il territorio, è stato donato un panierino, compostabile al 100%, all’interno del quale i bambini hanno trovato una ricottina omogeneizzata colorata e addolcita da una marmellata, una mela e due frollini con farina di farro. Una merenda a chilometri zero. «Tanti gli obiettivi di questa iniziativa. - ha spiegato la dott.

ssa Marzia Manilia, Delegata all’Istruzione - Si è cercato di garantire innanzitutto la territorialità nel rispetto della sicurezza del prodotto e della sua tracciabilità: l’educazione alimentare ad una sana merenda che va solo resa bella e divertente, consumata in compagnia, come un gioco appunto tra i banchi. Ma tante anche le speranze, come quella di potere, anche se con un piccolo gesto, contribuire allo stato di benessere dei nostri bambini». Insieme al panierino è stato consegnato un piccolo manuale che riporta le dieci regole di una sana alimentazione italiana, al fine di portare a casa un messaggio in ricordo di questa giornata. L’iniziativa, in collaborazione con l’Istituto Omnicomprensivo di Montesano sulla MArcellana, è stata patrocinata dall’ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) e dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Paola Federico ondanews.it

Le continue segnalazioni di disturbi della quiete pubblica, schiamazzi e vandalismi notturni che si verificano in vari punti del territorio comunale di Sant’Arsenio, oltre che una serie di episodi di violenza e minacce verificatisi sempre in ore notturne, hanno spinto il Sindaco Donato Pica ad emettere un’Ordinanza che dispone l’intensificazione dell’attività di vigilanza del territorio. Sono state individuate una serie di zone sensibili, tra cui le Ville Comunali, Area Fiordelisi e Piazza Padri Domenicani, spazi esterni alla scuola, alla mensa scolastica, alla palestra in via Florenzano e all’I.T.C. Sacco, i complessi delle Case Popolari IACP, via Fosso del Mulino e via Foce, Zona San Rocco di fronte all’Ospedale, Vico Quercia, Zona ex prefabbricati, Varra, Zona San Vito, Zona Impianti Sportivi e Piazzetta via Palco. Il Comando della Polizia Municipale dovrà adottare tutti i provvedimenti necessari intensificando le attività di vigilanza e di controllo e verificando il rispetto delle norme vigenti da parte dei pubblici esercizi in materia di orari di chiusura e di somministrazione di alcolici e superalcolici. Inoltre andranno acquisiti idonei preventivi di spesa per rafforzare la videosorveglianza ed il convenzionamento annuale con l’istituto di vigilanzaprivata. Chiara Di Miele ondanews.it

IL COMUNE DI POLLA HA ISTITUITO IL SERVIZIO DI VIGILANZA NEI PRESSI DELLE SCUOLE

Cercasi Nonno Vigile Il Comune di Polla ha istituito il Servizio di Vigilanza dinanzi alle scuole, denominato Nonno Vigile. Una bella occasione per i pensionati di essere utili alla società e di dare e un aiuto concreto alle famiglie dei piccoli studenti. Gli anziani che vorranno continuare a contribuire alla crescita economica, sociale e culturale della collettività, possono dunque fare la richiesta per svolgere il servizio volontario di vigilanza nei pressi degli istituti scolastici di Polla per tutelare l'incolumità dei piccoli alunni all’uscita e all’entrata da scuola. La documentazione relativa all’avviso può essere acquisita direttamente dal sito del Comune di Polla all’indirizzo www. comune.polla.sa.it oppure presso il Comando di Polizia Locale, in Piazza Ritorto. Le richieste dovranno essere inviate via mail all’indirizzo protocollo.polla@ asmepec.it oppure direttamente all’Ufficio Protocollo del Comune di Polla, in via delleMonache. Antonella D'Alto ondanews.it


16 LAVORI PUBBLICI

territorio

NUMERO 12novembre 2019

CONSEGNATI A CAMPORA I LAVORI DI COMPLETAMENTO E ADEGUAMENTO FUNZIONALE DELLA STRADA PROVINCIALE 142

Michele Strianese: «La tutela del diritto alla mobilità sicura è un obiettivo prioritario dell’Amministrazione Provinciale»

Si è tenuta a Campora la cerimonia di consegna dei lavori di completamento ed adeguamento funzionale per il miglioramento del collegamento Vallo della Lucania - Atena Lucana (Primo Lotto, Adeguamento e Messa in Sicurezza della Strada Provinciale 142). Erano presenti il Presidente della Provincia di Salerno, SANT’ARSENIO

Michele Strianese, il Sindaco di Campora, Antonio Morrone, il Consigliere Provinciale Delegato alla Viabilità, Antonio Rescigno, il Dirigente del Settore Viabilità e Trasporti, Domenico Ranesi, i Sindaci di Piaggine, Magliano Vetere, Monteforte Cilento, Castel San Lorenzo, Montano Antilia e Giungano nonchè As-

sessori e Consiglieri Comunali di Gioi Cilento, Stio e Ascea. «Il progetto, - ha spiegato il Presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese - aggiudicato e consegnato nel 2010, prevedeva l’adeguamento e la messa in sicurezza della viabilità esistente della Strada Provinciale 142, mediante la realizzazione di nuovi segmenti di tracciato stradale e l’adeguamento con interventi puntuali di allargamento di tratti in curva, ricadenti nei territori comunali di Campora, di Moio della Civitella e Gioi Cilento, per un importo complessivo di cinque milioni e duecentomila euro euro». I lavori arrivarono a uno stato di esecuzione pari a circa il 93,6% dell’importo contrattuale, ma a seguito di vicende di carattere amministrativo si arrivò alla risoluzione anticipata consensuale del contratto di appalto, per poi procedere successivamente alla redazione di un nuovo progetto, al fine di consentire il completamento delle opere parzialmente realizzate con la messa in sicurezza della Strada Provinciale 142. «Quindi - ha proseguito Strianese - il nuovo progetto esecutivo denominato viene posto

ADOTTA UN’AIUOLA

L’Amministrazione Comunale di Sant’Arsenio, guidata dal Sindaco Donato Pica, ha approvato l’iniziativa Adotta un’aiuola attraverso una Delibera di Giunta. Tutto nasce dall’idea di incrementare il decoro urbano del paese con la qualificazione, l’abbellimento e la cura del verde pubblico e dei giardini esistenti nelle diverse aree del territorio comunale. L’intenzione degli amministratori è quella di affidare a persone fisiche o giuridiche, aziende, titolari di pubblici esercizi, con procedura di evidenza pubblica, l’arredo e la manutenzione di queste aree tramite contratti di sponsorizzazione.Gli spazi verdi disponibili vengono stabiliti direttamente dall’Amministrazione Comunale che ne aggiorna e modifica l’elenco a seconda delle esigenze. Le aiuole e le aree verdi comunali censite vengono assegnate poi a società, imprese, banche, negozi, chioschi, studi professionali, enti, associazioni, artigiani, condomini e anche singoli cittadini che ne fanno richiesta, seguendo l’ordine di presentazione delle domande al Protocollo Comunale. La richiesta dovrà essere

in essere mediante l’ultimazione di tre opere parzialmente realizzate, denominate ‘Intervento 1’, ‘Intervento 2’ ed ‘Intervento 3’, e la realizzazione di nuovi tratti di adeguamento funzionale denominati ‘Intervento A’ e ‘Intervento B’ necessari al fine di dare una continuità logica alle opere già parzialmente realizzate, integrando gli interventi puntuali e localizzati con un unico intervento organico. L’importo complessivo è di ottocentomila euro». Il Presidente Strianese ha infine ringraziato la Regione Campania per l’attenzione dedicata al territorio provinciale, puntualizzando che la tutela del diritto alla mobilità sicura è un obiettivo prioritario dell’Amministrazione Provinciale. Antonella D'Alto ondanews.it

PROSEGUE L'OPERA DI PULIZIA DELLE SUPERSTRADE DEL CILENTO

Il Comune affida le aree verdi ai volontari interessati L’intenzione degli amministratori è quella di affidare a persone fisiche o giuridiche, aziende, titolari di pubblici esercizi, con procedura di evidenza pubblica, l’arredo e la manutenzione di queste aree tramite contratti di sponsorizzazione. Gli spazi verdi disponibili vengono stabiliti direttamente dall’Amministrazione Comunale che ne aggiorna e modifica l’elenco a seconda delle esigenze.

Si è tenuta a Campora la cerimonia di consegna dei lavori di completamento ed adeguamento funzionale per il miglioramento del collegamento Vallo della Lucania - Atena Lucana (Primo Lotto, Adeguamento e Messa in Sicurezza della Strada Provinciale 142).

Soddisfazione dell'Ente Parco: «Serve più rispetto dalle comunità»

corredata, inoltre, da una breve relazione tecnica descrittiva e di sistemazione dell’area indicando la tipologia delle piante che s’intende mettere a dimora. L’aiuola dovrà essere mantenuta con il taglio del tappeto erboso, l’eliminazione di erbe infestanti, la pulizia da cartacce, sigarette, bottiglie, fazzoletti, l’abituale irrigazione, la messa a dimora e sostituzione delle fioriture. È vietato l’uso di pesticidi e diserbanti dannosi per l’ambiente. L’assegnatario ha la facoltà di posizionare nell’area verde assegnata un cartello con il logo del Comune, il suo eventuale logo ed indirizzo e la dicitura «Spazio a verde curato da….». L’adozione delle aree verdi avrà la durata di due anni. L’Amministrazione eseguirà periodici controlli per verificare lo stato di manutenzione dell’area assegnata potendo applicare anche una penale tra i cinquanta e i centocinquanta euro. Chiara Di Miele ondanews.it

L’Anas ha affidato ad un’impresa i lavori per liberare le strade dalla vegetazione e dai rifiuti. Ad oggi la strada Bussentina è stata completamente ripulita e si sta completando anche la Cilentana.

Proseguono i lavori di pulitura e decoro delle due superstrade di accesso al Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. A marzo il Vicepresidente dell’Ente, Cono D’Elia, ha chiesto ai vertici dell’ANAS una collaborazione attraverso una serie di interventi nell’area a Sud della provincia di Salerno per risolvere l’annoso problema delle micro discariche di rifiuti presenti tutto l’anno lungo le principali arterie stradali del Cilento, la Bussentina e la Cilentana. L’ANAS ha così affidato ad un’impresa i lavori per liberare le strade dalla vegetazione e dai rifiuti. Ad oggi la strada Bussentina è stata completamente ripulita e si sta completando anche la Cilentana. «Ringraziamo l’Anas per il lavoro fatto - ha commentato Cono D’Elia - e per essersi fatta carico di questa

funzione e dei costi di pulitura. Le piazzole di sosta e le strade non possono essere distrutte dall’inciviltà. Come Parco ci siamo impegnati per una soluzione definitiva che non si limiti ad una stagione. Stiamo già lavorando nel prosieguo attraverso un’intesa con Anas e il coinvolgimento dei Comuni per continuare a tenere pulite le due superstrade. Ma l’auspicio è che ci sia un maggiore rispetto dalle comunità e senso di responsabilità verso l’ambiente e il nostro territorio. Inoltre, i Carabinieri Forestali, d’intesa con il Parco e Anas, installeranno fototrappole che serviranno per scoraggiare l’abbandono dei rifiuti ai bordi delle due strade e quindi per combattere il diffuso fenomeno».

Paola Federico ondanews.it


territorio AMBIENTE

A Buonabitacolo una giornata ecologica con Legambiente Campania e il Forum dei Giovani

Si è tenuta lo scorso 12 ottobre, a Buonabitacolo, in occasione della XXVI^ edizione di Puliamo il Mondo, una giornata ecologica. L’evento è stato possibile grazie all’impegno del Forum dei Giovani di Buonabitacolo in collaborazione con i volontari di Legambiente Campania e dell’AzioneCattolica. Dopo il ritrovo presso gli impianti sportivi di Buonabitacolo,ilgruppo,chehavantatoanche l’importante e preziosa presenza di diversi bambini, si è spostato verso località Costarelle, Tempa Petrini e le zone centrali del paese. Bottiglie di plastica, materiale di risulta, sacchetti e infine due materassi: è questo il bottino della Giornata Ecologica che ha contribuito a sensibilizzare sull’importante tema della tutelaambientale. Presente, tra gli altri, Adriano Guida, Responsabile di Legambiente Campania, il Consigliere delegato all’Ambiente, Nicola Galatro, il Sindaco di Buonabitacolo, Giancarlo Guercio, e il Vicesindaco Enza Basile. «Tutti possiamo dare una mano prima che sia troppo tardi», è stato lo slogan che ha accompagnato la giornata. La campagna di Legambiente, occorre ricordare, coinvolge ogni anno migliaia di volontari per ripulire dai rifiuti spazi urbani e aree verdi, spiaggeesentieri. Claudia Monaco ondanews.it

17

NUMERO 12novembre 2019

EMERGENZA CINGHIALI LA RABBIA DEGLI AGRICOLTORI

NOTE LE SUE BATTAGLIE AMBIENTALISTE

Il Cilento e il Vallo di Diano piangono Colture di mais distrutte tra il prof. FRANCO ORTOLANI MONTESANO e BUONABITACOLO A Caggiano i cittadini si sono riuniti in un Comitato Civico spontaneo e hanno dato il via ad una petizione popolare con raccolta firme per sollecitare gli organi preposti a trovare una soluzione. Segnalazioni, inoltre, da altri paesi del Vallo di Diano. Nel Potentino i cinghiali sono addirittura arrivati nei centri abitati.

Nel Vallo di Diano continuano a registrarsi senza sosta colture distrutte dai cinghiali. Gli ultimi danni, in ordine di tempo, si sono verificati in alcuni campi tra Montesano sulla Marcellana e Buonabitacolo. Si tratta di colture di mais distrutte che contribuiscono, ancora una volta, a mettere in ginocchio i numerosi agricoltori che vedono così sfumare nel nulla enormi sacrifici. «È una situazione - l’amaro commento di alcuni agricoltori del posto - che ormai è diventata insostenibile da luglio. I cinghiali dimorano nelle colture e hanno mangiato tutte le spighe di mais. Non è possibile continuare così». Il problema continua a tenere banco nel Vallo

di Diano, così come nel Potentino, con episodi quotidiani. A Caggiano i cittadini si sono riuniti in un Comitato Civico spontaneo e hanno dato il via ad una petizione popolare con raccolta firme per sollecitare gli organi preposti a trovare una soluzione. Segnalazioni, inoltre, da altri paesi del Vallo di Diano. Nel Potentino i cinghiali sono addirittura arrivati nei centri abitati. Nei giorni scorsi si è svolto un incontro in Prefettura, a Salerno, richiesto dal Direttivo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni dopo una riunione con i Sindaci per trovare delle soluzioni in un’ottica di sinergia e collaborazione. Claudia Monaco ondanews.it

SCUOLA

Il noto studioso, nato in provincia di Bologna ma vissuto a Napoli, aveva 76 anni e stava lottando contro il cancro.

F ranco O rtolani

È venuto a mancare nei giorni scorsi il professor Franco Ortolani, ordinario di Geologia presso l’Università "Federico II" di Napoli e Senatore della Repubblica con il Movimento 5 Stelle. Il noto studioso, nato inprovinciadiBolognamavissutoa Napoli, aveva 76 anni e stava lottando contro il cancro. La scorsa estate aveva scritto sul suo profilo Facebook:«Ho due tumori,uno alla prostata eoraunoalrenedestroelidevoeliminare entro settembre. Vuol dire che pago la mia militanza pluridecennale contro l’inquinamento in difesa della salute, dell’ambiente e delle risorse naturali?». Ortolani, infatti, aveva portato avanti numerose battaglie ambientali e a tutela di diversi ter-

ritori della Campania. Tra questi anche il Vallo di Diano, dato che più volte negli ultimi anni aveva supportato i comitati contro le estrazioni petrolifere e lo spauracchio della concessione Monte Cavallo. Lo scorso anno, invece, il senatore del Movimento 5 Stelle aveva anche effettuato un sopralluogo nell’area del cantiere della stazione elettrica Terna di Montesano Scalo per dare un concreto segnale di vicinanza alla popolazione da sempre contraria alla realizzazione dell’opera. Inoltre in diverse occasioni il professore era stato ospite di incontri e dibattiti valdianesi incentrati su tematiche ambientali e No Triv. Ortolani era stato particolarmente attivo anche per la comunità cilentana. Ad Agropoli, nello specifico, si era occupato delle battaglie per l’erosione della Baia del Lido Azzurro. Numerosi i messaggi di cordoglio giunti dal mondo della politica e non solo per la perdita dello stimato studioso. Il rito funebre è stato celebrato lo scorso 23 novembre presso la Basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio a Capodimonte diNapoli. Chiara Di Miele ondanews.it

Il Preside Mimì Minella chiamato La FIDAPA Castellabate ha a sostituire Franca Principe alla inaugurato la seconda panchina rossa contro la violenza sulle donne guida del “Pisacane” di Sapri Mimì Minella, Dirigente Scolastico dell’Istituto Superiore Parmenide di Roccadaspide, nominato Reggente al Pisacane di Sapri, in sostituzione della Dirigente, Franca Principe, dopo la sospensione inflitta a quest’ultima in seguito alla Sentenza emessa dalla Corte di Cassazione. Come si ricorderà, la Dirigente Franca Principe, condannata assieme al Responsabile per la Sicurezza della scuola, Nicola Iannuzzi, ad un mese di reclusione con pena sospesa e con il beneficio della non menzione nel certificato penale, oltre che ad una provvisionale di quindicimila euro, è stata successivamente sospesa per cinque mesi dallo stipendio e dal servizio, per il ferimento di uno studente dopo una caduta nel cortile internodellascuolainseguitoalcedimentodiunlastricocheavrebbe dovuto essere inaccessibile. L’Ufficio Scolastico Regionale, diretto da Luisa Franzese, ha nominato, il 18 ottobre scorso, il Dirigente Mimì Minella quale Reggente per i successivi cinque mesi dellaScuolaSuperiorediSapri.OltreallareggenzadelPisacane,a Mimì Minella è stata affidata dall’inizio dell’anno scolastico anche lareggenzaall’IstitutoOmnicomprensivodiPiaggine.ondanews.it

Anche Castellabate ha aderito alla Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne con un'iniziativa della locale sezione della FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) presieduta da Antonia Passaro. La manifestazione, patrocinata del Comune di Castellabate e organizzata in sinergia con il Centro Antiviolenza Il volo delle farfalle, si è tenuta venerdì22novembrepressoilCastello dell'Abate. Una panchina di colore rosso, che simboleggia l'adesione alla campagna di sensibilizzazione contro i femminicidi e in favore delle pari opportunità, è stata posta sul suggestivo Belvedere San Costabile nel centro storico di Castellabate. Oltre all’inaugurazione della nuova panchina rossa, seconda dopo quella posizionata lo scorso anno a Santa Maria, in Piazzetta Caduti del Mare, si è svolto un dibattito sul tema, con focus sull'approvazione del ddl sul codice rosso. Sono inter-

venuti il Presidente della FIDAPA di Castellabate, Antonia Passaro; il Sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli; il Vicesindaco, Luisa Maiuri; l’Assessore alle Politiche Sociali, Elisabetta Martuscelli; il Responsabile del Centro Antiviolenza Ambito S/8 “Il volo delle farfalle”, Monia Monzo; l'avv. Antonella Palladino; l'assistente sociale Marianna Carbutti. L'evento si è conclusoiconilBallocontrolaViolenza, a cura di Progetto Danza, e l'inaugurazione della panchina rossa dipinta dall'artistaMariaRosariaVerrone.


18 LAVORI PUBBLICI

territorio

NUMERO 12novembre 2019

HA PRESENZIATO ALLA CONSEGNA DEI LAVORI IL CONSIGLIERE REGIONALE LUCA CASCONE

Consegnati i lavori della Strada Statale 19 tra Pertosa e Caggiano Si è tenuta nello scorso mese di ottobre la cerimonia ufficiale di consegna dei lavori di consolidamento, messa in sicurezza e rifacimento della Strada Statale 19 che attraversa Pertosa e si congiunge con la Strada Statale 19ter a Caggiano. I lavori saranno realizzati grazie a un finanziamento stanziato dalla Regione Campania. «Questa strada rappresenta un importante collegamento tra Pertosa e Caggiano e i lavori di messa in sicurezza sono di fondamentale importanza per la viabilità urbana e per favorire

il turismo interno. - commenta Michele Caggiano, Sindaco di Pertosa - Durante il rifacimento della strada saranno eseguiti anticipatamente anche i lavori per la posa della rete della fibra ottica come stanno facendo i comuni limitrofi». Presenti alla cerimonia Luca Cascone, Presidente della Commissione Lavori Pubblici e Trasporti della Regione Campania, e il parroco di Pertosa, don Pasquale Lisa, che ha benedetto l’inizio dei lavori. «La Regione Campania sta realizzando un programma importante per mettere

I LAVORI SARANNO REALIZZATI GRAZIE A UN FINANZIAMENTO STANZIATO DALLA REGIONE CAMPANIA presenti alla cerimonia luca cascone , presidente della commissione lavori pubblici e trasporti della regione campania , e il parroco di pertosa , don pasquale lisa

in sicurezza tutte le strade comunali e provinciali del territorio campano, con un investimento di circa seicento milioni di euro. - spiega il Consigliere Regionale Luca Cascone - Interventi come questi

servono a rendere più sicura la mobilità degli studenti, lavoratori e soprattutto facilitano il turismo commerciale». Cascone ha anche annunciato che entro il prossimo anno inizieranno i lavori per rispristinare la viabilità sul tratto della Strada Statale 19 delle Calabrie nel Comune di Auletta colpito dalla frana il 23 gennaio del 2014. Rosanna Raimondo ondanews.it

Roccadaspide nella graduatoria Pubblicati i Bandi dei comuni destinatari di FLAG Cilento Mare BLU finanziamenti per gli asili nido SUL SITO DEL GAL CILENTO REGENERATIO

Al via i bandi FLAG Cilento Mare Blu (Gruppo di Azione Locale per la Pesca): sono stati pubblicati sul sito del GAL Cilento Regeneratio (www.cilentoregeneratio.com, Sezione Bandi e Avvisi) i primi Bandi - dedicati ad armatori e proprietari di imbarcazioni da pesca - del FLAG Cilento Mare Blu, il Gruppo di Azione Locale di cui il GAL Cilento Regeneratio è soggetto capofila, dedicato alla pesca ed alle zone costiere. Si tratta nello specifico del Bando Misura 1.41 (Efficienza energetica e mitigazione dei cambiamenti climatici) con una dotazione finanziaria complessiva di cinquantamila euro (salvo ulteriori disponibilità) che ha come finalità quella di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e migliorare l’efficienza energetica dei pescherecci, e la Misura 1.42 (Valore aggiunto, qualità dei prodotti e utilizzo delle catture indesiderate), con una dotazione finanziaria pari ad centomila euro (salvo ulteriori disponibilità) che ha quale finalità quella di migliorare il valore aggiunto o la qualità del pesce catturato. Il FLAG Cilento Mare Blu ha avuto con DRD n. 161 del 26 ottobre 2016 l’approvazione della strategia da parte della Regione Campania. Il FLAG è un partenariato misto, con capofila il Gruppo di Azione Locale Cilento Regeneratio, con il coinvolgimento della parte pubblica (i Comuni di Agropoli, Casalvelino, Castellabate, Montecorice, San Mauro, Pollica) e della parte privata (l'Associazione Ambientalista Fare Ambiente e le Associazioni del settore pesca Federpesca Campania, Coldiretti Salerno Impresa Pesca, Assoittica, Confcooperative Campania Federcoopesca, Associazione Pescatori Castellabate, Associazione Pesca Sportiva Dilettantistica Castellabate, Associazione U.N.C.I. Agroalimentare). La strategia di sviluppo del FLAG ha un valore complessivo di un milione e settecentomila euro ed ha l’obiettivo di accrescere il valore aggiunto del prodotto/territorio derivante dalle attività di pesca e di implementare processi di diversificazione economica attraverso la promozione e il consolidamento di attività legate alla fruizione delle risorse marine, ambientali e storicoantropologiche locali, generando, in tal modo, opportunità di lavoro. comunicato stampa

Il Sindaco di Roccadaspide, Gabriele Iuliano: «Gli interventi assicureranno maggiori e più qualificati servizi socio-educativi contribuendo al benessere dei Anche Roccadaspide è pre- piccoli ospitiche potranno vivere sente nella graduatoria relativa in un ambiente sicuro e moderno»

all’Avviso Pubblico per il finanziamento degli interventi dei Comuni finalizzati alla creazione o alla ristrutturazione di asili nido: a Roccadaspide andranno trecentomila euro che saranno impiegati per gli interventi di ammodernamento e riqualificazione della struttura adibita ad asilo nido. Con i G abriele I uliano fondi in arrivo saranno adeguati gli spazi della struttura che un tempo ospitava l'Asilo Nido, poi trasferito nel Piazzale della Civiltà: l’intervento consentirà di riqualificare ulteriormente gli spazi interni ed esterni, che già si prestano alle esigenze dei piccoli ospiti ma che diventeranno anSANTA MARINA

cora più adatti ai loro bisogni. Soddisfazione viene espressa dal Sindaco Gabriele Iuliano per il quale «gli interventi che saranno realizzati con i fondi regionali consentiranno di offrire maggiori e più qualificati servizi socio-educativi, e a contribuire al benessere dei piccoli ospiti, che potranno vivere in un ambiente sicuro e moderno». «Si tratta - conclude Gabriele Iuliano - di un servizio a cui l’Amministrazione Comunale tiene particolarmente in quanto ci consente di garantire un servizio utile anche alle famiglie, che così vengono affiancate dalle Istituzioni nel proprio ruolo educativo». comunicato stampa

IL PROGETTO RIENTRA NEI FONDI POR CAMPANIA FESR 2014-2020

Finanziato dalla Regione Campania il progetto per nidi e micronidi

Sindaco di Santa Marina, Giovanni Fortunato: «Un altro progetto approvato, per il nostro Comune è una Con Decreto n. 375 del 25 set- Obiettivi di Servizio ex Delibera grande soddisfazione»

tembre 2019 è stato approvato dalla Regione Campania il progetto redatto dal Comune di Santa Marina e denominato “Nidi e Micronidi: interventi di realizzazione, ristrutturazione, adeguamento, ammodernamento e qualificazione di strutture-servizi educativi nell'ambito del sistema integrato regionale di educazione e di istruzione”, per un valore complessivo di settecentomila euro. Il progetto rientra nei fondi POR (Programmi Operativi Regionali) Campania FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale) 2014-2020 Asse 8 - Obiettivo specifico 9.3- Azione 9.3.1, Piano degli

CIPE (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica) n. 79-2012 FSC e Fondo di cui alla L.R. n. 3 del 20 gennaio 2017. «Per il nostro Comune è una grande soddisfazione avere un altro progetto approvato - spiega il Sindaco di Santa Marina, Giovanni Fortunato - e soprattutto un disegno come questo, che porterà lavoro ai giovani e fornirà un servizio utile alle famiglie con bambini piccoli. Veder crescere il nostro Comune con un servizio di questa importanza ci rende orgogliosi ed è indice di sviluppo. L’obbiettivo dell’Amministrazione Fortunato è proprio quello di pensare alle esigenze dei nostri

G iovanni F ortunato

cittadini, amministrare con lungimiranza per offrire servizi utili e soprattutto guardare al benessere del territorio e a quello dei suoi abitanti». comunicato stampa


territorio PISCIOTTA

LA DECISIONE ASSUNTA CON ORDINANZA N. 464/2019

Il TAR di Salerno rigetta l'istanza di sospensione del Piano Urbanistico Comunale Con Ordinanza n. 464/2019, il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania - Sezione di Salerno ha respinto l’istanza di sospensione del Piano Urbanistico Comunale di Pisciotta adottato lo scorso 11 marzo, avanzata dall’Associazione Ambientalista Osservatorio per la Tutela dell’Ambiente e per lo Sviluppo Umano. Il contenzioso ha tratto origine dal ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, poi trasposto dinanzi al T.A.R., con il quale il sodalizio ha contestato l’impostazione del nuovo strumento pianificatorio del centro costiero cilentano, avversando, inizialmente, la Delibera di Giunta Comunale n. 101/2017, diretta a revocare una prima versione del Piano e, di qui, a ribadire i contenuti del Preliminare già approvato con Delibera n. 63/2016, di poi, censurando, con due ulteriori ricorsi per motivi aggiunti, le Delibere di Giunta Comunale n. 18/2019 di adozione del P.U.C. e n. 62/2019 di valutazione delle osservazioni presentate dai cittadini. Nel proporre l’impugnativa, l’organismo associativo ha contestato l’impianto pianificatorio del P.U.C., ritenendo che il Comune avesse impedito la partecipazione della comunità locale alla determinazione delle scelte di pianificazione, prevedendo un eccessivo incremento del carico urbanistico e disattendendo il procedimento di integrazione del vincolo paesaggistico, già presente sull’area d’interesse, avviato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali lo scorso 21 febbraio e tuttora non concluso. Tali rilievi erano già stati contrastati dal Sindaco di Pisciotta, Ettore Liguori, e dall’Assessore all’Urbanistica, Antonio Greco, i quali hanno rimarcato più volte la correttezza dell’iter seguito, precisando gli obiettivi di tutela e di sviluppo del territorio, da conseguire anche attraverso la ISPANI

19

NUMERO 12novembre 2019

il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania - Sezione di Salerno ha respinto l’istanza di sospensione del Piano Urbanistico Comunale di Pisciotta adottato lo scorso 11 marzo, avanzata dall’Associazione Ambientalista Osservatorio per la Tutela dell’Ambiente e per lo Sviluppo Umano. Il contenzioso ha tratto origine dal ricorso straordinario al Presidente della Repubblica, poi trasposto dinanzi al T.A.R., con il quale il sodalizio ha contestato l’impostazione del nuovo strumento pianificatorio del centro costiero cilentano, avversando, inizialmente, la Delibera di Giunta Comunale n. 101/2017, diretta a revocare una prima versione del Piano e, di qui, a ribadire i contenuti del Preliminare già approvato con Delibera n. 63/2016, di poi, censurando, con due ulteriori ricorsi per motivi aggiunti, le Delibere di Giunta Comunale n. 18/2019 di adozione del p.u.c. e n. 62/2019 di valutazione delle osservazioni presentate dai cittadini.

valorizzazione del contesto paesaggistico e dell’identità locale e mediante la qualificazione dell’offerta ricettiva e di servizi. Con la pronuncia assunta, il Tribunale Amministrativo Regionale, condividendo le tesi degli avvocati Antonio Brancaccio e Pasquale D’Angiolillo, difensori del Comune, ha posto in risalto il difetto di legittimazione della compagine ricorrente ad impugnare gli atti del Piano, ritenendo le censure «non meritevoli di favorevole apprezzamento», oltre che «inammissibili per carenza di interesse», in quanto rivolte avverso provvedimenti assorbiti e sostituiti da atti sopravvenuti o, comunque, non lesivi. Scendendo nel merito, il Collegio ha ritenuto legittimo l’operato dell’Amministrazione Comunale, sconfessando le argomentazioni dell’Osservatorio e fondando la propria decisione su un’articolata motivazione, avendo «precipuo riguardo: all’insufficiente argomentazione e dimostrazione dei denunciati deficit partecipativi

CIMITERO INVASO DALLE ERBACCE

SANTA MARINA

e delle rappresentate esigenze di riavvio dell’iter programmatorio sin dalla fase preliminare (delle cui risultanze non era da reputarsi in via di principio precluso il ponderato recepimento in sede di riadozione del PUC); alla situazione di mera pendenza dell’avviato procedimento di integrazione del vincolo paesaggistico ex art. 138, comma 3, del d.lgs. n. 42/2004 (cfr. nota del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio prot. n. 19763-P del 17 luglio 2019); alla natura complessivamente apodittica ed opinabile dell’impianto censorio allestito avverso i contenuti sostanziali dello strumento urbanistico adottato». Il T.A.R. ha condannato l’Associazione al pagamento delle spese, in favore dell’Ente Locale, per complessivi millecinquecento euro, precisando di aver «anche tenuto conto della violazione dei canoni ex artt. 3, comma 2, e 26, comma 1, cod. proc. amm.», avendo valutato l’inosservanza del «dovere di motivazione e sinteticità degli atti», incombente sulla ricorrente (art. 3, comma 2) e la presenza di «motivi manifestamente infondati».

SI TRATTA DI UNA PANCA TOTALMENTE MADE IN ITALY

L’opposizione consiliare chiede Il Comune adotta le ELIOS la pulizia del luogo di culto SMART BENCH, panchine Un nuovo scontro è in atto nel nistrazione un intervento risolu- tecnologiche ad energia solare Comune di Ispani tra il Gruppo tivo e definitivo del problema. di minoranza Le Ali per Ispani e l’Amministrazione capeggiata dal Sindaco Marilinda Martino. Oggetto del contendere questa volta è lo stato di degrado in cui verserebbero entrambi i cimiteri comunali. A tal proposito i consiglieri di opposizione Consolato Caccamo, Rocco Avagliano e Piernicola Lovisi hanno presentato, nei giorni scorsi, al Primo Cittadino e all’Ufficio Tecnico la richiesta di pulizia di entrambi i luoghi di culto, invasi da numerose erbacce che, tra le tombe, potrebbero causare non pochi disagi ai cittadini che quotidianamente si recano al cimitero. Una disattenzione da parte dell’Amministrazione Comunale sottolineata dal gruppo di minoranza soprattutto a difesa della pubblica incolumità. «È necessario da parte dell’Ammi-

- ha sottolineato il Consigliere Comunale Piernicola Lovisi Più volte abbiamo sottoposto la problematica al Sindaco, anche solo verbalmente, ma puntualmente le nostre richieste sono state sempre disattese». Una situazione che però secondo la Martino non è mai stata palesata ufficialmente dall’opposizione. «Questa è la prima volta che vengo informata del problema. - ha replicato il Sindaco di Ispani, Marilinda Martino - Il buon mantenimento dei luoghi sacri e di culto è importante e necessario e nel giro di pochi giorni risolveremo la questione. Voglio però fare un encomio all’unico operatore ecologico del nostro Comune che spesso lavora più del dovuto per mantenere l’intero territorio comunale sempre pulito». Maria Emilia Cobucci ondanews.it

comunicato stampa

Il Comune di Santa Marina si dimostra sempre di più al passo con i tempi. L‘Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Giovanni Fortunato, ha deciso di installare sull’area portuale un nuovo prototipo di panchina, la Elios Smart Bench. Si tratta di una panca totalmente Made in Italy, dal design moderno e accattivante, ideata per vivere lo spazio pubblico in maniera completa ma anche innovativa. È dotata infatti di un‘alimentazione proveniente da energie rinnovabili, di quattro porte USB necessarie per ricaricare i dispositivi informatici, di un’illuminazione intelligente e infine di una rete internet wi-fi completamente gratuita. Tutte le componenti elettroniche sono racchiuse in involucri specifici che risultano sicuri e resistenti

agli agenti atmosferici. Infine per garantire una costante efficienza delle prestazioni, le panchine saranno sempre monitorate telematicamente e tutte le funzioni saranno controllabili direttamente dai fruitori tramite un intuitivo portale web. «Il Comune di Santa Marina, grazie alle numerose altre innovazioni tecnologiche che verranno a breve installate e utilizzate, - ha commentato il Primo Cittafino, Giovanni For-

Si tratta di una panca totalmente dal design moderno e accattivante, ideata per vivere lo spazio pubblico in maniera completa ma anche innovativa. È dotata infatti di un‘alimentazione proveniente da energie rinnovabili, di quattro porte USB necessarie per ricaricare i dispositivi informatici, di un’illuminazione intelligente e infine di una rete internet wifi completamente gratuita.

tunato - potrà considerarsi sempre di più una Città del Futuro. Tutte le scelte che verranno effettuate saranno sempre compiute nel rispetto della natura e dell’ambiente che ci circonda».

Maria Emilia Cobucci ondanews.it


20 EDILIZIA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI SALERNO

Il grido d'allarme di Fratelli d’Italia: «Le scuole cadono a pezzi»

salerno

NUMERO 12novembre 2019

A puntare il dito contro l’inerzia dell’Amministrazione Provinciale a guida PD nel settore dell’edilizia scolastica anche Eugenio La Sala, Responsabile di Azione Studentesca

«Cedimenti al Liceo "Genovesi-Da Vinci di Salerno", topi e infiltrazioni al "Sensale" di Nocera Inferiore. A quanto pare la sicurezza delle nostre Scuole e dei nostri studenti non rappresenta una priorità per l’Amministrazione Provinciale a guida PD, come invece sbandierato». È quanto dichiara il Portavoce Provinciale di Fratelli d’Italia, Imma Vietri, alla luce di una serie di episodi incresciosi che hanno riguardato alcuni Istituti Superiori della provincia di Salerno. In particolare si è verificato un grave cedimento del soffitto in un bagno del Liceo Genovesi-Da Vinci di Salerno, già I mma V ietri compromesso per alcuni allagamenti presenti al terzo piano. A Nocera Inferiore, presso il Liceo Scientifico Statale Nicola Sensale si è invece registrata la presenza di topi nelle classi, con scarsa sicurezza dell’edificio scolastico. «Nel frattempo - sottolinea Imma Vietri - il Presidente della Provincia, Michele Strianese,insiemeall’on.PieroDeLuca,facevalapasserellaalNautico ‘Giovanni XXIII’ e all’Istituto di Istruzione Superiore Statale ‘Santa Caterina da Siena-Amendola’. Non sarebbe stato più semplice e proficuo provvedere affinché una squadra di tecnici effettuasse i dovuti sopralluoghi per accertare la sicurezza dei plessi prima dell’inizio dell’anno scolastico? Eppure appena lo scorso dicembre lo stessoStrianeseannunciavafondi,mutuieinvestimentipereffettuare interventi di messa in sicurezza in tutti gli istituti del territorio provinciale. Solo promesse e intanto a pagarne le spese sono le nuove generazioni, la loro incolumità, il loro diritto allo studio e all’istruzione». A puntare il dito contro l’inerzia dell’Amministrazione Provinciale a guida PD nel settore dell’edilizia scolastica è stato anche Eugenio La Sala, Responsabile di Azione Studentesca, movimento studentesco di Gioventù Nazionale - Fratelli d’Italia, sottolineando che «Azione Studentesca Salerno si schiera dalla parte degli studenti del ‘Genovesi-Da Vinci’ e dell’Istituto ‘Sensale’ e pretende ancora una voltadall’Istituzioneprepostamaggioresicurezzanellescuole». Antonella D'Alto ondanews.it

Inaugurato il Parco della Solidarietà in memoria di Guido Scocozza Il 21 novembre, in via Pio XI, a Salerno, si sono aperti i cancelli del Parco della Solidarietà Guido Scocozza. Uno spazio verde nel centro urbano restituito alla città grazie all’impegno della UILDM (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) a cui l’ASL ha affidato il ripristino dell’area verde e la gestione. Il parco, da tempo abbandonato, ritorna a splendere grazie all’impegno di ReteSolidale. Nei mesi scorsi, infatti, è stato completamente ripulito, ristrutturatoearricchitoconfioriepiante,lacuicurasaràaffidata ai ragazzi ospiti dei centri d’accoglienza della rete, che svolgerannoquiattivitàditerapiaorticolturale,unostrumentoriabilitativo cheprevedeilsuperamentodeldisagioattraversolacuraelagestione del verde, la coltivazione di fiori, ortaggi ed altre piante. Inoltre, è stato realizzato anche un angolo dedicato a bambini e famiglie, attrezzato con giostrine, panchine e gazebo, nelle ore della giornata in cui il parco sarà aperto ai cittadini. Presenti al taglio del nastro Angelo Caramanno, Assessore al Comune di Salerno; Mario Forlenza, Responsabile Patrimonio Azienda Ospedaliera; Vincenzo Napoli, Sindaco di Salerno; Vincenzo D’Amato Commissario “San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona”; Mario Iervolino, Direttore Generale dell'ASL di Salerno; nonchè Antonio e Paola Scocozza, fratelli di Guido, il giovane collaboratore della UILDM morto tragicamenteinunattentatoterroristico,acuiilparcoèdedicato.

LA SODDISFAZIONE DI PIERO DE LUCA

Scongiurata la soppressione del Frecciarossa Salerno-Roma «Esprimo grande soddisfazione per aver contribuito a scongiurare la soppressione dell’attuale corsa del treno Frecciarossa Salerno-Roma delle ore 5.20». Lo dichiara il Deputato DEM Piero De Luca che, nei giorni scorsi, aveva sollevato l’attenzione sulla delicata questione che interessa centinaia di pendolari che quotidianamente raggiungono la Capitale per motivi di lavoro. Il Deputato spiega che si tratta di un risultato conseguito grazie ad un confronto serio, concreto e costruttivo avuto, insieme al Consigliere Regionale Luca Cascone, con i vertici di Trenitalia, per affrontare in anticipo ed evitare i possibili disagi causati a tantissimi pendo-

P iero D e L uca

lari del territorio salernitano da ipotetiche rimodulazioni orarie. «Sorprende - prosegue Piero De Luca - che qualche Rappresentante Regionale del M5S, evidentemente in forte crisi d’identità oltreché di visibilità e consensi, pretenda addirittura di intestarsi il merito esclusi-

Il Deputato dem Piero De Luca nei giorni scorsi aveva sollevato l’attenzione sulla delicata questione che interessa centinaia di pendolari che quotidianamente raggiungono la Capitale per motivi di lavoro. Il Deputato spiega che si tratta di un risultato conseguito grazie ad un confronto serio, concreto e costruttivo avuto, insieme al Consigliere Regionale Luca Cascone, con i vertici di Trenitalia, per affrontare in anticipo ed evitare i possibili disagi causati a tantissimi pendolari del territorio salernitano da ipotetiche rimodulazioni orarie.

vo di tale risultato, pur non avendo contribuito a nulla. Ma è una tecnica ormai consumata, già riscontrata nella vicenda Aeroporto Salerno-Costa d’Amalfi». Piero De Luca conclude sottolineando che a Roma si è aperta una nuova fase politica: «Non ci fermeremo certo nel lavoro di sostegno e supporto ai nostri territori». Antonella D'Alto ondanews.it

è il nuovo Riprendono i lavori di coordinatore regionale SALERNO collegamento dell’Aeroporto SUD della PROTEZIONE CIVILE di Pontecagnano con il nuovo svincolo dell’A2 Andrea Grippo è da

ANDREA GRIPPO

A ndrea G rippo

anni volontario e responsabile della GOPI (Gruppo Operativo Protezione Civile Onlus) ANPAS (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) di Caggiano

La Regione Campania con un Decreto ha nominato i componenti del Comitato Regionale del Volontariato di Protezione Civile. Tra i volontari della provincia di Salerno che rappresentano le Associazioni locali e regionali e i Gruppi Comunali, per il Coordinamento Salerno Sud è stato designato Andrea Grippo, da anni volontario e responsabile della GOPI (Gruppo Operativo Protezione Civile Onlus)ANPAS (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) di Caggiano. Andrea Grippo negli anni ha portato avanti diverse iniziative come il Campo Scuola per i ragazzi di Caggiano e si è sempre adoperato nelle situazioni di emergenza. La nomina è avvenuta dopo le elezioni dello scorso maggio in cui sono stati chiamati a votare i volontari delle province campane. «Sono orgoglioso e onorato di aver ricevuto questo incarico. - ha commentato Andrea Grippo - In questi anni abbiamo svolto tante attività per la comunità locale e siamo intervenuti a livello nazionale come supporto alle azioni di Protezione civile adottate dalle istituzioni, sia nelle attività di previsione e prevenzione del rischio e soprattutto nelle attività di soccorso in caso di calamità». Grippo svolgerà la funzione di Coordinatore per tre anni e insieme agli altri volontari che compongono il Comitato Regionale si occuperà di favorire la partecipazione delle organizzazioni di volontariato alle attività di Protezione Civile predisposte dalla Regione Campania. Rosanna Raimondo ondanews.it

Sono ripresi, il 15 ottobre scorso, i lavori di completamento del collegamento dell’area dell’Aeroporto di Pontecagnano Faiano con il nuovo svincolo dell’Autostrada SalernoReggio Calabria (A2 del Mediterraneo). «I lavori - spiega il Presidente della Provincia di Salerno, Michele Strianese - si protrarranno per circa settantacinque giorni. Restano da realizzare la rotatoria Magellano nel Comune di Pontecagnano Faiano, la sistemazione e il rinforzo del piano viario ammalorato con inserimento di rete di rinforzo e l’installazione di giunti di dilatazione in corrispondenza dell’ampliamento sul torrente Diavolone». L’importo dei lavori residui da realizzare è di circa centomila euro rispetto all’importo complessivo di aggiudica pari a 989.681,06 euro. L’impresa esecutrice dei lavori è la Nuova Logica Gestione & Progetti di Castel San Giorgio. Chiara Di Miele ondanews.it


salerno

21

NUMERO 12novembre 2019

LITORALE SALERNO SUD

SANITÀ

LA TECNICA HA SUBITO DEI NOTEVOLI PROGRESSI

Firmata l’intesa tra Regione Campania e i Al “Ruggi” di Salerno trattamenti Comuni della costa a Sud del capoluogo mininvasivi per rimuovere noduli Le linee programmatiche lungo le quale dovrà dirigersi il lavoro di redazione tiroidei senza intervento chirurgico del Masterplan sono la rigenerazione ambientale e paesaggistica del litorale, la riqualificazione e potenziamento della rete della mobilità dell’area, il rafforzamento dell’offerta turistica puntando sulla completa fruizione e valorizzazione del patrimonio ambientale, storico e archeologico, il rafforzamento e riqualificazione del sistema della filiera agricola e zootecnica, il potenziamento delle politiche e delle strutture per la riduzione del disagio sociale e per favorire azioni di sicurezza e legalità.

Nella Sala De Sanctis di Palazzo Santa Lucia, a Napoli, è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra la Regione Campania e i Comuni della Costa Campana per la rigenerazione e valorizzazione del Litorale Salerno Sud, alla presenza del Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, dell’Assessore all’Urbanistica, Bruno Discepolo, del Consigliere al Masterplan, Franco Alfieri, e dei Sindaci e Delegati dei Comuni interessati. «Con questo Masterplan - ha sottolineato De Luca - definiamo la seconda linea di intervento del Masterplan della Costa Campana riferito al Litorale della Costa di Salerno, individuando quale area target i territori dei Comuni di Agropoli, Battipaglia, Bellizzi, Capaccio- Paestum, Castellabate, Eboli, Pontecagnano-Faiano. Il Masterplan andrà a definire la programmazione integrata degli interventi individuando i soggetti interessati, gli strumenti, le procedure e le azioni necessarie alla loro attuazione». Le linee programmatiche lungo le quale dovrà dirigersi il lavoro di

redazione del Masterplan sono la rigenerazione ambientale e paesaggistica del litorale, la riqualificazione e potenziamento della rete della mobilità dell’area, il rafforzamento dell’offerta turistica puntando sulla completa fruizione e valorizzazione del patrimonio ambientale, storico e archeologico, il rafforzamento e riqualificazione del sistema della filiera agricola e zootecnica, il potenziamento delle politiche e delle strutture per la riduzione del disagio sociale e per favorire azioni di sicurezza e legalità. Antonella D'Alto ondanews.it

L'EVENTO ORGANIZZATO DA CIRO CARAVANO DEI NERI PER CASO E DA TAISA FONSECA DEMARCHI

Prima edizione della Rassegna dei Cori Polifonici Ha riscosso un lusinghiero successo di pubblico (i Cori si sono esibiti anche all' esterno, nei luoghi di Luci d'Artista) e di critica la Rassegna dei Cori Polifonici, organizzata dal mitico maestro Ciro Caravano dei Neri per Caso e dalla vulcanica e valente Taisa Fonseca Demarchi. I sei Cori partecipanti (CoroPop e CoroPop Junior di Salerno, Joyfull Singers di Sapri, Voci di Pace di Spezzano Albanese (CS), Entropie Armoniche e Notevolmente di Roma) hanno entusiasmato il numeroso pubblico, sia all'interno del Salone dei Marmi che all'esterno, on the road, nei magici luoghi, tra le installazioni di Luci d'Artista. La musica corale a cappella, in collaborazione con il Comune di Salerno (era presente l'Assessore Mariarita Giordano), i Centri Verrengia ed il patrocinio morale dell'Associazione Regionale dei Cori Campani, ha coinvolto tutti, incassando applausi e standing ovation, considerate la bravura e la professionalità dei Cori. Una prima

C iro C aravano

edizione, dunque, da incorniciare, grazie all'impegno e alla passione di Ciro Caravano, noto al pubblico come uno dei membri e arrangiatore del rinomato gruppo dei Neri per Caso, di Taisa Fonseca Demarchi, Presidente dell'Associazione Culturale Astronomia Corale, e di Juliana Pereira, Coordinatrice del CoroPop di Salerno. Da evidenziare, l'esibizione finale di tutte le Corali partecipanti nella "all together song" Give peace a chance di Jonh Lennon. Tonino Luppino blog

L’èquipe chirurgica composta dal prof. Alessandro Puzziello, Direttore dell’UOC di Chirurgia Generale, e dal dott. Maurilio D’Andrea dell’Ospedale Mauriziano di Torino, ha trattato i tre pazienti mediante la termo ablazione, una tecnica che si è sviluppata in questi ultimi anni e che ha raggiunto ottimi livelli di efficienza e sicurezza.

Ora anche all’Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi D’Aragona di Salerno sarà possibile rimuovere noduli tiroidei senza bisogno di anestesia, interventi chirurgici e ricovero. Presso l’UOC di Endocrinologia e Diabetologia diretta dal prof. Mario Vitale, infatti, sono stati eseguiti i primi tre trattamenti in day surgery. L’èquipe chirurgica composta dal prof. Alessandro Puzziello, Direttore dell’UOC di Chirurgia Generale, e dal dott. Maurilio D’Andrea dell’Ospedale Mauriziano di Torino, ha trattato i tre pazienti mediante la termo ablazione, una tecnica che si è sviluppata in questi ultimi anni e che ha raggiunto ottimi livelli di efficienza e sicurezza. Senza necessità di anestesia, un ago che emette radioonde viene introdotto nel nodulo riscaldandolo fino a carbonizzarlo. Il trattamento dura circa mezz’ora, è indolore e non richiede anestesia. Non lascia cicatrici, il paziente non deve rimanere ricoverato e soprattutto non si rende necessaria una terapia sostitutiva con ormoni tiroidei per tutta la vita. I noduli benigni della tiroide sono estremamente frequenti, non necessitano di trattamenti chirurgici a meno che le loro notevoli dimensioni non producano un fastidio alla deglutizione o alla respirazione o provochino inestetismi. In questi casi, prima dell’introduzione di questa metodica, l’unica opzione disponibile era la chirurgia convenzionale con anestesia, ricovero, rischi operatori e con la necessità poi di eseguire una terapia con ormoni tiroidei per il resto della vita. In molti casi la

chirurgia appare eccessiva e i pazienti rinviano il trattamento o convivono con il loro problema. Una volta stabilito con l’agoaspirato che il nodulo è benigno, il paziente e il medico valutano l’opportunità e la possibilità di eseguire la termo ablazione. Questa tecnica non è nuova ma ha recentemente subito dei notevoli progressi legati soprattutto alle nuove tecnologie. Originariamente ideata per rimuovere tumori epatici in pazienti non operabili, utilizzava una sonda che emetteva un raggio laser. Con l’introduzione delle sonde a radiofrequenza la tecnica è diventata più sicura e affidabile perché consentono di monitorare con precisione la quantità di energia erogata e possono essere trattati con una sola seduta noduli fino a 5 cm di diametro. Finito il trattamento il paziente viene dimesso senza bisogno di ricovero e nel giro di pochi mesi il nodulo si rimpicciolisce fino a raggiungere il 15% del volume originario. La tecnica è applicabile anche ai tumori tiroidei o alle metastasi linfonodali del collo in quei soggetti che per motivi clinici o anestesiologici non possono essere operati. Paola Federico ondanews.it


22

NUMERO 12novembre 2019

parco di paestum

L’UNICO APPUNTAMENTO AL MONDO CHE PROMUOVE SITI E DESTINAZIONI ARCHEOLOGICHE CREANDO INTEGRAZIONE TRA DIVERSE CULTURE.

Tutti i numeri e i protagonisti della ventiduesima edizione della BORSA MEDITERRANEA del TURISMO ARCHEOLOGICO Chiude i battenti la 22esima edizione della “Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico”, il piu’ grande Salone espositivo del mondo dedicato all’archeologia. Anche l’edizione di quest’anno, inaugurata giovedi’ scorso a Paestum, ha ospitato centinaia tra espositori, Paesi esteri e relatori. Migliaia i visitatori che hanno affollato la “borsa” in quattro giorni. In un mese, fino al 17 novembre, si sono registrati quasi 40.000 mila accessi al sito della “borsa” e sono state piu’ di 115mila, le pagine piu’ visitate. E ancora, dodici le dirette streaming disponibili sia su Facebook che sul sito, tuttora disponibili in una playlist dedicata, per un totale di 20 ore di trasmissione live: piu’ di 5.000 visualizzazioni totali su Facebook. Tra i piu’ seguiti, gli incontri “Il Giornalismo dei Beni Culturali” e “Il Colosseo incontra Cartagine”. “Forte delle autorevoli e prestigiose relazioni intessute in ventidue anni – commenta Ugo Picarelli, fondatore e direttore della manifestazione – la ‘Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico’ si conferma il luogo privilegiato sul piano internazionale di dialogo e scambio tra le maggiori organizzazioni e istituzioni e le massime autorita’ in materia di promozione del turismo culturale e valorizzazione del patrimonio archeologico. Qui nascono e si consolidano

Nell’ultima giornata dell’intensa ventiduesima edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, l’evento centrale è stato l’assegnazione postuma del Premio Paestum all’archeologo Sebastiano Tusa, politico e accademico, primo Soprintendente del Mare, Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana, morto all'età di 66 anni il 10 marzo scorso a Bishoftu, in Etiopia, nell’incidente aereo del volo Ethiopian Airlines 302, partito da Addis Abeba e diretto a Nairobi per una conferenza internazionale organizzata dall'UNESCO a Malindi. Tusa è stato definito da Picarelli «un grande amico della Borsa e del Patrimonio culturale». Commossi, gli archeologi delle associazioni italiane del volontariato e i rappresentanti dei Rotary di Salerno e di Palermo, durante la cerimonia di conferimento postumo del Premio Paestum Mario Napoli all’archeologo, che aveva frequentato la BMTA dal 2008, quando presentò il documentario di Folco Quilici sulle sue scoperte subacquee a Pantelleria e sul relativo rinvenimento di tre ritratti imperiali romani. Il Premio è stato ritirato dalla moglie, Valeria Patrizia Li Vigni, che ha preso il suo posto nella conduzione della Soprintendenza del Mare della Regione Sicilia. L’incontro dedicato a Tusa è stato moderato da Paolo Conti, giornalista de

collaborazioni e sinergie interculturali che difficilmente altrove troverebbero terreno cosi’ fertile, consacrando l’evento quale unico, qualificato e accreditato appuntamento al mondo dove la parola sinergia trova infine concretezza. Un fiore all’occhiello anche per il Comune di Capaccio Paestum e per la Regione Campania che con spirito lungimirante accompagnano la Borsa nella sua mission anche quale volano di promozione per la citta’ antica di Paestum, sito UNESCO dal 1998, gestita dal Parco Archeologico diretto da Gabriel Zuchtriegel”. Nella giornata conclusiva, l’evento centrale e’ stato l’assegnazione postuma del “Premio Paestum” all’archeologo Sebastiano Tusa, politico e accademico, primo Soprintendente del Mare, assessore ai Beni culturali della Regione Siciliana, morto all’eta’ di 66 anni il 10 marzo scorso a Bishoftu, in Etiopia, nell’incidente aereo del volo Ethiopian Airlines 302, partito da Addis Abeba e diretto a Nairobi per una conferenza internazionale organizzata dall’UNESCO a Malindi. Riflettori puntati anche sul ruolo della rete delle Pro Loco in ambito Unesco con un Convegno conclusosi con l’assegnazione del Premio Paestum “Mario Napoli” all’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, ritirato dal Presidente Antonino La Spina.

"Il Corriere della Sera", che ha sottolineato i momenti più significativi dei vari interventi, l’idea forte di un lascito culturale, testimoniato da un afflato internazionale sempre avvertito nel lavoro di Sebastiano Tusa, uno studioso che prestava attenzione al Mediterraneo come alle radici dei suoi popoli. E poi il messaggio, un suo stesso insegnamento: andare avanti nella ricerca, con l’entusiasmo di sempre, e ascoltare con attenzione le istanze e le idee degli altri. La Società Salernitana di Storia Patria, rappresentata dal Presidente, il prof. Giuseppe Cacciatore, Accademico dei Lincei, ha presentato il problema degli archivi e delle biblioteche, veri e propri giacimenti culturali, trattati da cenerentole. La Società Salernitana di Storia Patria ha circa centodieci soci ben distribuiti in tutta la provincia e sono loro a rappresentare delle attive antenne di sor-

Il Fondatore e Direttore della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, Ugo Picarelli: «Forte delle autorevoli e prestigiose relazioni intessute in ventidue anni, la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si conferma il luogo privilegiato sul piano internazionale di dialogo e scambio tra le maggiori organizzazioni e istituzioni e le massime autorità in materia di promozione del turismo culturale e valorizzazione del patrimonio archeologico. Qui nascono e si consolidano collaborazioni e sinergie interculturali che difficilmente altrove troverebbero terreno così fertile, consacrando l’evento quale unico, qualificato e accreditato appuntamento al mondo dove la parola sinergia trova infine concretezza. Un fiore all’occhiello anche per il Comune di Capaccio Paestum e per la Regione Campania che con spirito lungimirante accompagnano la Borsa nella sua mission anche quale volano di promozione per la città antica di Paestum, sito UNESCO dal 1998, gestita dal Parco Archeologico diretto da Gabriel Zuchtriegel»

la consegna del premio " paestum mario napoli " a unpli

veglianza sulle situazioni locali nel settore culturale: proprio dai soci nell’ultimo biennio si sono levati segnali di allarme sulla preoccupante situazione di istituzioni archivistiche e bibliotecarie - che pur faticosamente negli anni hanno intessuto la provincia salernitana - che sembrano avviarsi al dissolvimento per mancanza di risorse umane e finanziarie. Al Convegno, moderato dal giornalista Massimiliano Amato, hanno partecipato, oltre al Presidente Cacciatore, il Direttore della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica per la Campania, Gabriele Capone, e la Presidente Nazionale dell'Associazione Nazionale Archivistica Italiana, Micaela Procaccia. Nella giornata di chiusura dell’evento, i riflettori sono stati puntati anche sul ruolo della rete delle Pro Loco in ambito UNESCO con un Convegno conclusosi con l’assegnazione del Premio Paestum Mario Napoli all’Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia, ritirato dal Presidente, Antonino La Spina, che ha fornito un’anticipazione in merito al Rapporto sull’impatto socio-economico delle Pro Loco, commissionato dall'Associazione Artigiani e Piccole Imprese di Mestre e che l’UNPLI presenterà ufficialmente il 29 novembre in Senato. «Il Rapporto fotografa il lavoro straordinario, sia di contatto che di sviluppo per tutto l’indotto locale, che le

Pro Loco fanno, riuscendo a creare, un circolo economico e sociale elevatissimo ed un impatto per le collettività che è veramente inimmaginabile. Un processo virtuoso con uno speciale effetto sociale: movimentiamo i rapporti generazionali, facendo sì che nonni e nipoti lavorino insieme nella costruzione degli eventi e vivano quell’esperienza immateriale per cui anche l’UNESCO ci ha premiati. Ringraziamo la Borsa e il Direttore Picarelli per il Premio che ci è stato conferito qui oggi: un ulteriore riconoscimento del grande ruolo delle Pro Loco nell’ambito della valorizzazione e promozione dei Siti culturali in tutta Italia, per noi è un grande orgoglio e soddisfazione per i nostri associati in tutta Italia che impegnano cuore e anima per far sì che tutti questi luoghi siano fruibili e visitati oltre a uno sprone a fare di più, specie per i siti più piccoli ancora chiusi». In un mese, fino al 17 novembre, si sono registrati quasi quarantamila accessi e sono state più di centoquindicimila le pagine visitate. Tra le più visionate, oltre al programma, si annoverano quelle relative agli espositori presenti e quella in cui si forniscono le informazioni sulle offerte da Trenitalia per raggiungere Paestum e dedicate ai visitatori della Borsa. Dodici le dirette streaming disponibili sia su Facebook che sul sito, tuttora disponibili in


parco di paestum

NUMERO 12novembre 2019

23

Presidente dell'Osservatorio Parlamentare per il Turismo; Franco Iseppi, Presidente del Touring Club Italiano; Mara Manente, Direttore del CISET (Centro Internazionale di Studi sull'Economia Turistica). Da sottolineare l’autorevole presenza del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con uno stand di grande impatto nel quale si è svolto un ricco programma di incontri in cui hanno relazionato, tra gli altri, Antonio Lampis, Direttore Generale dei Musei MiBACT, Eva Degl’Innocenti, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, Paolo Giulierini, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, Carmelo Malacrino, Direttore del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, Massimo Osanna, Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, Fabio Pagano, Direttore del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Francesco Sirano, Direttore del Parco Archeologico di Ercolano, Gabriel Zuchtriegel, Direttore del Parco Archeologico di Paestum, Alfonsina Russo, Direttore del Parco Archeologico del Colosseo. Dodici eventi unici al mondo tutti in una Borsa, un format di successo testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo), settanta tra conferenze e incontri, con ben trecento relatori, hanno il fondatore e direttore della borsa ugo picarelli consegna a valeria patrizia li vigni , soprintendente del mare della regione sicilia , offerto una ricchissima e ampia panoramica su più fronti, dagli ArcheoIncontri (la il premio " paestum mario napoli " postumo a sebastiano tusa . sezione dedicata alle conferenze stampa e alla presentazione di progetti, iniziative culturali, editoriali e multimediali), ad ArcheoLavoro una playlist dedicata, per un totale di venti (l’orientamento post diploma e post laurea con ore di trasmissione live: più di cinquepresentazione dell’offerta formativa a cura delle mila visualizzazioni totali su Facebook. Università presenti nel Salone, la presentazioTra i più seguiti, gli incontri Il Giornalismo ne delle figure professionali e gli Incontri con dei Beni Culturali e Il Colosseo incontra i Protagonisti dedicati a Scuole e Università), Cartagine. La pagina Facebook della passando per ArcheoStartUp (in collaborazione Borsa ha registrato numeri importanti: con l’Associazione "Startup Turismo") con la solo nella settimana dell’evento hanno presentazione delle nuove imprese culturali interagito ben ventiduemila persone. e progetti innovativi nelle attività archeoloStraordinaria l’attenzione riservata al giche. Grazie agli Incontri con i Protagonisti racconto dell’evento dai più importanti il grande pubblico ha potuto ascoltare le Parchi e Musei presenti che, anche at- workshop con i buyer esteri selezionati dall'agenzia del turismo e i buyer nazionali dell ’ offerta straordinarie relazioni di importanti addetti traverso i propri canali ufficiali di comu- nazionale ai lavori: Giuseppe Giannotti, Vicedirettore nicazione, hanno rilanciato le iniziative del turismo culturale ed archeologico proposte a Paestum, dando ulteriore eco tura della Commissione Europea, Moncef di Rai Cultura; Darius Arya, Archeologo e conduttore di Rai 5; Cristoforo Gorno, e lustro alla divulgazione dell’edizione. Ben Moussa, Direttore per lo Sviluppo dei autore e conduttore di Rai Storia; LoEspositori, relatori, visitatori sono stati Musei dell'INP (Istituto Nazionale del Pa- renzo Nigro, archeologo e Associato i testimonial più entusiasti a diffondere trimonio della Tunisia). Di grande rilievo di Archeologia e Storia dell’Arte del le iniziative della Borsa, generando un l’incontro tra esperti cinesi e italiani, un Vicino Oriente Antico presso l'Univerforte coinvolgimento non solo attraver- momento che ha rappresentato una sorta sità "La Sapienza" di Roma; Roberto so Facebook ma anche con una costante di anteprima degli eventi del 2020, Anno Riccardi, Comandante dei Carabinieri pubblicazione di Instagram Stories: la della Cultura Italia-Cina, con la parteci- per la Tutela del Patrimonio Culturale; Borsa Mediterranea del Turismo Ar- pazione della delegazione culturale cine- Eylem Özdoan, Professore Associato cheologico 2019 è stata raccontata, grazie se più numerosa mai avuta in Italia: ven- del Dipartimento di Preistoria dell’Ua questo strumento, da molteplici punti di titré componenti, tra manager culturali, niversità di Istanbul. La Borsa contivista. Novità della ventiduesima edizione Direttori di Parchi Archeologici e Musei, nua a mantenere altissima l’attenziogli ArcheoIncontri dei Paesi Esteri Espo- di Istituti di Archeologia, di Conserva- ne sulla Siria con le toccanti testimonianze dell’archeologo Paolo Matthiae, di sitori in cui hanno presentato le proprie zione e prestigiosi accademici di Archi- Mohamad Saleh, ultimo Direttore per il Turismo di Palmira, e di Fayrouz Asaad, destinazioni archeologiche l’Estonia (a tettura e Pianificazione del Paesaggio, figlia di Khaled al-Asaad - l’archeologo di Palmira che ha pagato con la vita la cura dell’Ambasciata Estone a Roma e tra i quali Yang Si, Direttore del Diparti- difesa del patrimonio culturale - cui è intitolato il Premio alle scoperte archeologiche dell’Associazione Italia Estonia), la Co- mento Tsinghua Heritage Institute for Di- più significative dell’anno, l’International Archaeological Discovery Award, andato lombia (a cura dell’ICANH, l'Instituto gitization, Liu Bin, Direttore del Zhejiang quest’anno a Jonathan Adams, Responsabile del "Black Sea Maritime Archaeology Colombiano de Antropología e Histo- Cultural Relics Archaeology Institute, Liu Project". Cento espositori di cui venti Paesi esteri nel primo e più grande Salone ria), la Slovacchia (a cura della Società Kecheng, Direttore del Shannxi Provincial espositivo al mondo dedicato al patrimonio archeologico. Presenti per la prima Archeologica Slovacca), la Polonia (a Conservation Engineering Institute of Mo- volta anche i tour operator specialisti delle destinazioni turistico-archeologiche del Sud Italia, nell’ambito della nuova sezione ArcheoIncoming, e buyer nel Workshop cura dell’Ufficio Turistico Polacco) e nument & Sites. la Turchia (a cura dell’Ufficio Cultu- Tra le autorità e gli esperti italiani per l’opportunità di business tra la domanda estera e gli operatori dell’offerta del ra e Informazioni dell’Ambasciata di intervenuti: Luigi Gallo, Presidente della turismo culturale che hanno incontrato i venticinque buyer selezionati dall’ENIT Turchia). Proprio l’Ambasciatore della Settima Commissione Cultura, Scienza (Agenzia Nazionale del Turismo) provenienti da otto Paesi Europei (Austria, BelRepubblica di Turchia in Italia, Sua e Istruzione della Camera dei Deputati; gio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito, Spagna, Svizzera) e il principale Eccellenza Murat Salim Esenli, è sta- Claudio Bocci, Direttore di "Federcultu- tour operator australiano specialista di viaggi culturali in Europa per College ta una delle tante personalità di spicco re"; Mattia Fantinati, Componente della e High School. A catturare il pubblico della Borsa Mediterranea del Turismo internazionale intervenute a Paestum Decima Commissione Attività Produttive, Archeologico anche ArcheoVirtual l’innovativa mostra internazionale, di cui è insieme a Mounir Bouchenaki, Con- Commercio e Turismo della Camera dei Direttore Scientifico Augusto Palombini, che ha presentato tecnologie multimediali, sigliere Speciale del Direttore Generale Deputati; Renzo Iorio, Presidente del interattive e virtuali realizzate in collaborazione con l’Istituto di Scienze del PatriUNESCO, Luca Jahier, Presidente del Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo di monio Culturale del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Con ArcheoExperience, Comitato Economico e Sociale Europeo "Confindustria" e Past President di "Fe- attraverso i Laboratori di archeologia sperimentale, nel Museo Archeologico, i (CESE), Antonello Pezzini, Componente derturismo"; Alfonso Andria, Presidente visitatori hanno potuto rivivere le antiche tecniche utilizzate per creare gli oggetti CESE, Julie Ward, Vicepresidente della del Centro Universitario Europeo per i Beni adoperati dai nostri lontani antenati e ora conservati nelle vetrine dei musei arCommissione Cultura e Istruzione del Par- Culturali di Ravello; Vittorio Messina, cheologici, testimoni della cultura materiale che ha accompagnato l’evoluzione lamento Europeo, Alessandra Priante, Presidente di "Assoturismo Confesercen- dell’uomo: la lavorazione dell’ambra nella Preistoria, la vita delle Legioni romane, Direttore Regione Europa UNWTO, Anne ti"; Andrea Prete, Vicepresidente Vicario l’arte del vasaio dalla Magna Grecia ad oggi, la produzione di calzature in pelle, Grady, Policy Officer presso l’Unità Cul- di "Unioncamere"; Ignazio Abrignani, lucerne in terracotta e gioielli nell’antichità. comunicato stampa


24 PADULA

NUMERO 12novembre 2019

L'EVENTO SI È SVOLTO NELLA CERTOSA DI SAN LORENZO

cultura

ALLESTITO UN PUNTO INFORMATIVO A PADULA

Un Convegno sui Patti Prematrimoniali Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica nel ricordo di Giuseppe Rotondano Il Presidente del "Circolo Carlo Alberto", Felice Tierno: «Abbiamo voluto organizzare questo convegno per ricordare la memoria di Giuseppe Rotondano, Notaio e Socio Onorario del Circolo Carlo Alberto, ma soprattutto nostro amico. Voglio ricordarlo con l’affettuosità di sempre e la compostezza che lo distingueva»

Si è tenuto il 12 ottobre scorso, nella Certosa di San Lorenzo, a Padula, un Convegno incentrato sui Patti Prematrimoniali. L’evento è stato organizzato dal Circolo Carlo Alberto 1886 insieme alla Banca Monte Pruno e con il sostegno dell’Ordine degli Avvocati di Lagonegro e dalla Sezione di Napoli dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani. Alla serata hanno preso parte, tra gli altri, Maria Giuseppina Chef, avvocato matrimonialista del Foro di Napoli, Valentina De Giovanni, Presidente dell’Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani, e Dino Falconio, Notaio dei Distretti Riuniti di Napoli, Torre Annunziata e Nola. In Italia il matrimonio non è un contratto ma una dichiarazione fatta dagli sposi davanti a un Ufficiale di Stato Civile oppure a un Ministro del Culto Religioso con la quale viene manifestata la volontà di costituire una famiglia. Questo genere di rapporto si presenta diverso da quello che nasce da un contratto perché ha regole diverse. «Il tema di oggi è molto enfatizzato da film e giornali. Sentiamo parlare di questi patti prematrimoniali tra persone che riescono ad avere interi patrimoni che ovviamente suggestionano molto nella gestione del conflitto familiare. - ha spiegato l’avvocato Maria Giuseppina Chef - La fine di un patto prematrimoniale, non essendo presente nel nostro ordinamento, è quindi nulla e sicuramente potrebbe influenzare il giudice». «I patti prematrimoniali sono stati oggetto di studio anche da parte dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani) - aggiunge Valentina De Giovanni - che si occupa di diritto di famiglia e ha tra i suoi scopi quello di promuovere una nuova

cultura della separazione proponendo un approccio multidisciplinare di tutti i professionisti che dovrebbero cooperare per sostenere la famiglia nel momento della crisi». Durante il Convegno è stato ricordato da Felice Tierno, Presidente del "Circolo Carlo Alberto", e da Gherardo Cappelli, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Lagonegro, Giuseppe Rotondano, Notaio e Socio Onorario del "Circolo Carlo Alberto", scomparso due anni fa. «Abbiamo voluto organizzare questo convegno per ricordare la memoria di Giuseppe Rotondano, - sottolinea Felice Tierno - Notaio e Socio Onorario del Circolo Carlo Alberto, ma soprattutto nostro amico. Voglio ricordarlo con l’affettuosità di sempre e la compostezza che lo distingueva». Durante l’incontro hanno rivolto un saluto ai presenti anche Filomena Chiappardo, Assessore alla Cultura del Comune di Padula, e Antonio Mastrandrea, Affari Generali Banca Monte Pruno. Elena Francesca Comuniello ondanews.it

IN CAMPANIA LA DECIMA EDIZIONE DELL'EVENTO

Settimana del Benessere Psicologico Si è rinnovato l'appuntamento con la Settimana del Benessere Psicologico in Campania, l’evento organizzato dall’Ordine degli Psicologi in collaborazione con ANCI Campania e Ufficio Scolastico Regionale. Il tema scelto per la decima edizione edizione, e cioè Inclusione Sociale e Benessere Psicologico Percepito, è stato declinato nel corso dei 230 eventi in programma nei 180 Comuni e nei 206 Istituti Scolastici che hanno scelto di diventare Città e Scuole amiche del benessere psicologico. L’Istituto di Istruzione Superiore Pomponio Leto di Teggiano è tra le scuole che aderiscono all’iniziativa, con un Convegno che si è tenuto sabato 19 ottobre scorso. L’evento è aperto con i saluti del Dirigente Scolastico, Maria D’Alessio, e del Presidente dell’Ordine degli Psicologi, Antonella Bozzaotra. Gli interventi, moderati dalla prof.ssa Paola Testaferrata, sono stati affidati agli psicologi Fosca Pinto, Debora Volpe e Giovanni Petrucci. Paola Federico ondanews.it

Architetti e ingegneri esperti in materia saranno a disposizione dei cittadini per spiegare in modo chiaro il rischio sismico, le variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio (modalità costruttive, area di costruzione, normativa esistente al momento della costruzione) e le agevolazioni finanziarie (SismaBonus e EcoBonus) oggi a disposizione per migliorare la sicurezza della propria abitazione a spese quasi zero.

Il 20 ottobre scorso si è tenuta la seconda Giornata Nazionale per la Prevenzione Sismica, promossa da Fondazione Inarcassa, Consiglio Nazionale degli Ingegneri e Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, con il supporto scientifico del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, del Dipartimento di Protezione Civile, della Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, della Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica e di ENEA. L’iniziativa è finalizzata a promuovere una cultura della sicurezza sismica ed un concreto miglioramento delle condizioni di sicurezza del patrimonio immobiliare del nostro Paese. Lo scorso anno la Giornata ha visto l’organizzazione di oltre cinquecento Piazze della Prevenzione Sismica su tutto il territorio italiano, oltre settemila professionisti coinvolti nelle attività di sensibilizzazione, circa novantamila abitazioni raggiunteconlevisitetecniche,masoprattutto circa cinquecentomila cittadini informati attraverso il materiale di comunicazione. Anche quest’anno la Giornata parte dalle Piazze e arriva direttamente nelle case dei cittadini. Domenica 20 ottobre sono stati organizzati nelle principali città italiane, a cura degli Ordini territoriali degli Architetti e degli Ingegneri, centinaia di punti informativi denominati Le Piazze della Prevenzione

Sismica con l’obiettivo di far conoscere alla collettività l’importanza della sicurezza sismica delle abitazioni. Architetti e ingegneri esperti in materia sono stati a disposizione dei cittadini per spiegare in modo chiaro il rischio sismico, le variabili che possono incidere sulla sicurezza di un edificio (modalità costruttive, area di costruzione, normativa esistente al momento della costruzione) e le agevolazioni finanziarie (SismaBonus e EcoBonus) oggi a disposizione per migliorare la sicurezza della propria abitazione a spese quasi zero. Le Piazze della Prevenzione Sismica sono state inoltre l’occasione per promuovere e far conoscere a cittadini e amministratori di condominio il programma di prevenzione attiva denominato Diamoci una Scossa! che ha previsto per tutto il mese di novembre visite tecniche informative, del tutto gratuite, da parte di architetti e ingegneri esperti in materia che forniranno una prima valutazione sommaria dello stato di sicurezza delle abitazioni. L’Ordine degli Ingegneri di Salerno ha organizzato un Punto Informativo presso la Certosa di Padula in collaborazione con il Comune di Padula e la Comunità Montana Vallo di Diano, al cui ingresso sarà allestita una strutturatemporaneacapacediospitare gli ingegneri che forniranno ai cittadini ogni informazione utile in tema di prevenzionesismica.Chiara Di Miele ondanews.it


cultura ALBANELLA

Presentazione del Corso di Operatore dei Servizi di promozione ed accoglienza Si è tenuta ad Albanella, il 3 ottobre scorso, a Palazzo Spinelli, la presentazione del Corso di Operatore dei Servizi di Promozione ed Accoglienza presso le Strutture Ricettive rivolto a giovani dai 14 ai 18 anni. Imparare lavorando, in Campania si può è il titolo dell'iniziativa itenutasi ad Albanella giovedì 3 ottobre, appunto presso Palazzo Spinelli. Nel corso di un incontro è stato presentato il Corso gratuito di Formazione-Lavoro dal titolo Operatore dei Servizi di Promozione ed Accoglienza Indirizzo Strutture Ricettive per giovani dai 14 ai 18 anni, della durata di tre anni. Alla presentazione sono intervenuti Sindaci, Dirigenti Scolastici e Assistenti Sociali del territorio. Il soggetto attuatore è l'Agenzia Formativa Blue Zone di Albanella. Lo scopo del progetto è quello di contrastare la dispersione scolastica, creando un collegamento tra istruzione e formazione professionale e quindi con il mondo del lavoro. Il progetto è realizzato in collaborazione con le Istituzioni Scolastiche del territorio, Enti Pubblici, Parrocchie e Associazioni. comunicato stampa

25

NUMERO 12novembre 2019

Un progetto per la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio archeologico della Città di Parmenide Vota il progetto di restauro delle monete di Elea-Velia sulla piattaforma del concorso Art Bonus (www.concorsoartbonus.it). Sarà possibile votare fino alle ore 12.00 del 7 gennaio 2020 (per votare non occorre registrarsi).

L’iniziativa, nata da una stretta collaborazione tra la Soprintendenza all’Archeologia, alle Belle Arti e al Paesaggio di Salerno-Avellino e il Dipartimento di Scienze del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Salerno, costituisce un’assoluta novità, in quanto per la prima volta il mecenatismo privato (la Fondazione Nazionale delle Comunicazioni di Roma) è intervenuto per restaurare, e in tal modo valorizzare migliaia di monete in preoccupante stato di conservazione, la cui perdita avrebbe cancellato pagine di storia sociale ed economica di una delle più importanti città della Magna Grecia. Il Concorso si pone alcuni obiettivi ben precisi e, in particolare, di gratificare mecenati e

beneficiari che insieme hanno reso possibile il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale del Paese; di promuovere l’Art Bonus non solo verso la comunità degli addetti ai lavori, ma anche verso il grande pubblico; di divulgare in maniera sempre più forte l’Art Bonus come opportunità per cittadini, imprese ed enti non commerciali di dare valore alla cultura identitaria dei loro territori. Il contest si svilupperà on line con novità sulle modalità di voto rispetto alle edizioni precedenti. Si potrà infatti votare sia sulla piattaforma www.concorsoartbonus.it che sui canali social di Art Bonus (Facebook e Instagram). Relativamente al voto sulla piattaforma sarà possibile esprimere una sola preferenza per ciascun progetto,

all’interno di ogni singola scheda caricata su www.concorsoartbonus.it e ogni utente potrà votare più progetti. Quanto al voto sui social sarà possibile votare i progetti in concorso sulla pagina Facebook raggiungibile al link www.facebook.com/artbonus14, sull’account Instagram @ArtBonus (www.instagram.com/art_bonus/). I voti accumulati sui social da ogni singolo progetto fino al giorno della chiusura delle votazioni faranno cumulo con i voti registrati sul sito del Concorso. In totale, quindi, ogni persona avrà a disposizione per ciascun progetto tre voti, uno su ciascuno dei tre canali di votazione. comunicato stampa

Nasce CILENTO ADVENTURE SCHOOL Vivere la natura all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni Dopo un lungo percorso, nasce Cilento Adventure School, un progetto di rete finalizzato alla valorizzazione e sostenibilità del territorio, un modo nuovo ed emozionante di vivere la natura all’interno del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, che per le sue caratteristiche è uno scrigno didattico ed esperienziale e ben si presta allo studio e agli approfondimenti circa l’importanza della tutela dell’ambiente e il valore delle aree protette. Cilento Adventure School è una piattaforma didattica rivolta alle Istituzioni Scolastiche di Primaria e Secondaria di Primo e Secondo Grado, che crea sinergie con gli attori del territorio e si propone come una scuola nel parco, uno spazio per lo svolgimento di attività educative grazie al quale iniziare percorsi di conoscenza e di innamoramento dell'ambiente naturale. Un grande laboratorio naturalistico, dove sviluppare capacità di osservazione del territorio e imparare gradualmente a conoscere se stessi e l’ecosistema che ci circonda, apprendere i comportamenti più corretti per salvaguardarlo e difenderlo dall’inquinamento e dal degrado. Cilento Adventure School rappresenta un’occasione concreta per affrontare alcune delle urgenze contemporanee cambiamenti climatici, perdita di biodi-

versità, consumo di suolo, fragilità dei sistemi economici locali - che inquietano le giovani generazioni e ci sollecitano a promuovere uno sviluppo sostenibile e la salvaguardia delle risorse naturali. Al momento sono tre i soggetti coinvolti, i Parchi Avventura Feudo del Monaco di Casalbuono e Piano delle Croce di Rofrano, gestiti rispettivamente dall’Associazione Alta Quota Trekking e dalla Cooperativa Ruffium, e Jepis Bottega di Caselle in Pittari. Grazie al lavoro degli ultimi mesi, questo progetto di rete è stato portato a conoscenza delle Istituzioni Scolastiche presenti in più di cento Comuni tra quelli del Parco Nazionale, delle aree contigue e della provincia di Potenza. Un elemento fondamentale è il messaggio pedagogico di un’educazione naturale al rischio e all’avventura che permette di misurarsi con se stessi e con gli altri, aiuta a sviluppare le proprie doti e a conoscere ed accettare i propri limiti, esercita le capacità motorie, cognitive, creative e percettive, insegna la collaborazione, la lealtà, educa all'impegno e costruisce e consolida rapporti di amicizia. La proposta didattica si articola in attività modu-

labili e prevede la partecipazione ad un percorso avventura, calibrato sulle varie fasce d’età, fatto di passaggi aerei, passerelle, reti, carrucole, ponti, travi e funi a vari livelli fra gli alberi in totale sicurezza, e a laboratori-workshop che offrono esperienze di orienteering e team building, trekking all’interno dei boschi del Monte Centaurino, del Massiccio del Cervati e del Monte Gelbison, percorsi di erborizzazione, di sopravvivenza, di riciclo creativo, di coscienzialità corporea con la musicoterapia e di creative thinking: didattiche attive, circondati dalla più vasta biodiversità d’Europa, che coniugano le esigenze pedagogiche, formative e civiche odierne con il bisogno di dinamicità e di emotività dei bambini e dei ragazzi attraverso attività divertenti all’aria aperta, a contatto diretto con la natura e a basso impatto ambientale, fatte di osservazioni sul campo, riflessioni ed esperienze dirette. Le attività si svolgeranno dal 16 marzo al 10 giugno 2020. Per info e contatti cilentoadventureschool@gmail.com. comunicato stampa


26

NUMERO 12novembre 2019

“Un sorriso sotto l’albero - VIII Edizione In memoria dell’amico Tanino Taddeo

Raccolta giocattoli per i bambini disagiati presso il Forum dei Giovani A cura del Forum dei Giovani Dal Lunedì al Venerdì dalle 17:00 alle 19:00 Punto di raccolta Forum dei Giovani Via Pio X

eventi


eventi MORIGERATI

L'INIZIATIVA DEL TOURING CLUB ITALIANO

Caccia ai Tesori Arancioni Domenica 6 ottobre scorso il Comune di Morigerati ha partecipato alla Caccia ai Tesori Arancioni, l'iniziativa a livello nazionale del Touring Club Italiano. L'evento ha avuto luogo in cento borghi italiani che si fregiano della Bandiera Arancione, il marchio di qualità turistica del Touring Club Italiano. La manifestazione si è articolata in una grande Caccia al Tesoro in contempora-

TORCHIARA

L'evento ha avuto luogo in cento borghi italiani che si fregiano della Bandiera Arancione, il marchio di qualità turistica del Touring Club Italiano. La manifestazione si è articolata in una grande Caccia al Tesoro in contemporanea per scoprire le bellezze e le tradizioni dei borghi. Morigerati ha partecipato all'evento con i suoi tesori, non solo storici e naturalistici, ma anche gastronomici,

nea per scoprire le bellezze e le tradizioni dei borghi. Morigerati ha partecipato all'evento con i suoi tesori, non solo storici e naturalistici, ma anche gastronomici, grazie all'impegno dei ragazzi del Servizio Civile. Ogni partecipante ha ricevuto un piccolo dono del territorio consegnato al termine del percorso. «Siamo felici di aver aderito a questa iniziativa di Bandiere Arancioni. - ha commentato il Sindaco di Morigerati, Vincenzina Prota - La giornata, che ha visto coinvolti i ragazzi del Servizio Civile, ha fatto conoscere ulteriormente le bellezze del nostro Comune, da quelle naturalistiche a quelle artistiche». Punto di partenza e di conclusione della manifestazione è stata Piazza Piano la Porta. All'arrivo ad ogni partecipante è stata consegnata una scheda indizi con sei quesiti legati al Centro Storico di Mo-

CONCLUSA LA QUINTA EDIZIONE

STORYRIDERS 2019

Il turismo lento, tema UNESCO dell’anno, è stato al centro dell’ultimo appuntamento della quinta edizione di Storyriders tenutosi domenica 6 ottobre. Al via con Il salotto delle storie, ne I luoghi della memoria è stato ricordato Michele Prisco nei i suoi viaggi dalla figlia Annella, che si è soffermata, portando anche una nota nostalgica, sul ricordo del viaggiare lento di una volta in compagnia del padre. Sono tornati, come ogni anno, Raffaele Aragona con Cinzia Dato che questa volta hanno raccontato del viaggio di un inglese del '700 da Londra a Parigi per giungere a Napoli all’ombra del Vesuvio. Il giornalista Marcello Napoli con il critico Francesco d’Episcopo hanno narrato degli anni del poeta Alfonso Gatto esiliato in Sardegna in una sorta di turismo coatto. Ha chiuso la manifestazione l’attrice Eliana Miglio che ha psentato e premiato, con il Presidente della BCC di Buccino e dei Comuni Cilentani, Lucio Alfieri, e la giornalista Rosaria Sica, le aziende eccellenti del territorio e i vincitori del Concorso Common People, riservato a scrittori e fotografi. Racconti letterari inviati da tutti Italia al Concorso Common People, organizzato nell’ambito della manifestazione, unitamente ad un Laboratorio di Scrittura Ri-Creativa. Common People, il concorso letterario di StoryRiders, ha riscontrato un notevole successo attestandosi come una competizione che va ben oltre il borgo medievale di

27

NUMERO 12novembre 2019

Torchiara. Si chiude anche l'apprezzata Mostra Salernitani con la valigia a cura di Antonio Corbisiero, allestita presso il Palazzo Baronale di Torchiara. «Sono molto soddisfatta. - ha commentato Angela Riccio, ideatrice dell’evento e proprietaria della Dimora Storica "Borgo Riccio", che offre ospitalità a tutti i partecipanti - Il tema del turismo lento, scelto dall’Unesco come argomento dell’anno e da noi ripreso nel bando di concorso come fil rouge per i racconti, è stato premiante. I tanti racconti pervenuti da tutta Italia ci rafforzano nella convinzione di come questo tipo di eventi sia fondamentale per promuovere un territorio ricco di storia e di cultura come il Cilento». Tra i tanti racconti, più che raddoppiati rispetto allo scorso anno, quelli selezionati per la pubblicazione sono stati quindici, cui si aggiungono i tre premiati e i Premi Speciali della Giuria. Cinque i racconti provenienti dalla Campania tra cui il vincitore, Gianluca Papadia, con La crociera. Il secondo premio è andato ad un milanese, Cristiano Fabris, con Una faccia una razza, mentre il terzo premio ex equo se lo sono aggiudicati due romani, Fabrizio Sani, con Cappotto Rosso, e Anna Pasquini, con La fine del mondo. Il premio assoluto per la migliore fotografia è andato ad un artista di Como, Agostino Scarabelli, per l’immagine Verde oro:essenza del Cilento. Premi Speciali della Giuria al torinese Enrico Danna,

rigerati ed una mappa per muoversi meglio, pretesto per scoprire i tesori del borgo. Ad illustrare gli edifici storici, il Museo, la Chiesa e i Monumenti interessati dalla caccia ai tesori, sono stati i ragazzi del Servizio Civile di Morigerati, veri e propri Ciceroni per un giorno, che si sono preparati per far conoscere a tutti i concorrenti le tante bellezze paesaggistiche ed architettoniche che Morigerati offre, dal Palazzo Baronale, alla Chiesa di San Demetrio, al Museo Etnografico, all'antico frantoio fino all'Oasi WWF del Bussento. Il tutto si è svolto sotto l’occhio vigile del Console del Touring Club Italiano, Pierfrancesco Mastrosimone, e della sua famiglia, soci storici del TCI, che ha aiutato i ragazzi nell'accoglienza e preparazione. Nella giornata è stato anche possibile fare la visita completa all'Oasi con le Guide Ufficiali. La Caccia si è conclusa all'Azienda Agricola Terra Madre, dove i partecipanti hanno degustato dei dolci e conosciuto le altre realtà produttive e aziende del Comune di Morigerati. Al termine della Caccia al Tesoro ad ogni partecipante è stato consegnato un omaggio e la Guida del Touring. comunicato stampa

La manifestazione giunta alla sua quinta edizione, con il patrocinio del Comune di Torchiara, della Provincia di Salerno, della Regione Campania e del Parco Nazionale del Cilento, trasforma Torchiara nel paese della storie. Incontri letterari, il laboratorio di scrittura, la premiazione dei racconti inviati al Concorso "Common People", proiezioni cinematografiche rendono il borgo un luogo di stimolo e di confronto culturale.

Lucio Alfieri, Presidente della BCC di Buccino e dei Comuni Cilentani: «"Storyriders", con le sue storie, rappresenta un viaggio affascinante tra le tradizioni e la cultura. Un viaggio che noi della BCC di Buccino e dei Comuni Cilentani abbiamo sempre intrapreso e ne siamo tornati arricchiti e affascinati. È per noi un grande orgoglio poter sostenere la costruzione di un evento culturale come questo, che spazia dalle esposizioni di arte contemporanea agli incontri che raccontano la storia di una comunità perché tali iniziative riescono a generare ricadute significative, anche di tipo economico, sui territori. Torchiara si trasforma grazie a "Storyriders" in un prestigioso centro culturale, in grado di racchiudere in sé un progetto di ampio respiro e con ospiti d’eccezione. Anche questa volta però, il più bel girovagare è stato tra le aziende del nostro territorio che hanno resistito con tenacia alla crisi, che si sono ingegnate, che hanno saputo guardare oltre dando peso a un modello intelligente e sostenibile di imprenditoria. Un viaggio tra botteghe e laboratori che aiuta a comprendere quanto sia cambiato il mondo e quanto questa area geografica, che ha come centro il Cilento, può ancora dare in termini di ricchezza e di piccole, grandi meraviglie. Grazie alla manifestazione promossa e ideata da Angela Riccio, trovano spazio i racconti e le immagini delle aziende locali che rappresentano una ricchezza che trova i suoi valori nella famiglia nei mestieri e nella tradizione»

A ngela R iccio

con Nonno John, e il napoletano Giancarlo Marino, con Parigi. Una Giuria che non ha concesso sconti presieduta da Raffaele Aragona, tra i fondatori di Oplepo (Opificio di Letteratura Potenziale) e Autore dei famosi Dizionari Zanichelli, Gennaro Guida, scrittore di libri per ragazzi, di cui l’ultimo, "Cento parole", in gara al Premio "Rodari", e Nunziante Mastrolia, anima e titolare della Casa Editrice "Licosia". Il libro StoryRiders 2019 è pubblicato da Licosia Edizioni ed è disponibile sui più importanti store on line. comunicato stampa


28

eventi

NUMERO 12novembre 2019

Lo show del 15 novembre sarà l’occasione per ascoltare dal vivo il nuovo album di Francesco Renga per la prima volta live nella prestigiosa e confortevole Venue, pronta a ritagliarsi un ruolo speciale tra i luoghi dello spettacolo in Campania, con un allestimento teatrale e tutti posti numerati a sedere.

FRANCESCO RENGA in concerto al PALADIANFLEX di ATENA LUCANA Arriva venerdì 15 novembre al Gran Teatro Paladianflex di Atena Lucana “L’Altra Metà Tour”, il tour che vede Francesco Renga protagonista sui palchi dei principali teatri della penisola per presentare al pubblico il suo ultimo disco di inediti, L’altra metà, e i suoi più grandi successi. Accompagnato sul palco dai musicisti Fulvio Arnoldi (chitarra acustica e tastiere), Vincenzo Messina (pianoforte e tastiere), Stefano Brandoni (chitarre), Heggy Vezzano (chitarre), Phil Mer (batteria) e Gabriele Cannarozzo (basso), Renga durante il tour sorprenderà il suo pubblico con uno spettacolo coinvolgente ed emozionante e una nuova scaletta in cui troveranno spazio le indimenticabili hit del suo repertorio nonchè i brani estratti dal suo ultimo e ottavo disco di inediti. L’Altra Metà, prodotto da Michele Canova Iorfida, è un album composto da dodici brani dal sound e dal linguaggio contemporaneo e rappresenta l’altra metà della vita, della storia, della musica di Francesco Renga: un altro capitolo, caratterizzato da nuove consapevolezze

e forme, sonore e linguistiche. Attualmente è in radio il nuovo singolo dal titolo Prima o poi, scritto da Gazzelle, Luca Serpenti e dallo stesso Renga. «"L’Altra Metà" è anche - come precisa l’Artista - il frutto di oltre trentacinque anni di lavoro, di ricerca, di passione, d’amore, di vita spesa a cercare di raccontare e raccontarmi attraverso la musica e le parole…attraverso la mia voce. Ho scritto insieme a moltissimi giovani autori, musicisti e artisti perché avevo bisogno di trovare il linguaggio giusto per riuscire a parlare attraverso queste canzoni anche ai miei figli. È questo, credo, il miglior pregio del disco: canzoni, parole e musica che riescono a raccontare la vita che mi attraversa e che, a sua volta, è attraversata dallo sguardo di un uomo di cinquant'anni». L’Altra Metà Tour è prodotto e organizzato da Friends & Partner, la tappa ad Atena Lucana è a cura di Anni 60 Produzioni. I biglietti per lo show sono già disponibili sul sito di TicketOne e nei punti vendita abituali. Per l’appuntamento al Gran Teatro Paladian-

flex, tre i settori di platea numerata disponibili (con prezzi da 40 a 55 euro comprensivi di diritti di prevendita). Per informazioni sulle prevendite ufficiali autorizzate, sul costo dei tagliandi, sulle prenotazioni per i disabili: 0894688156; ww.anni60produzioni.com. Il Gran Teatro PalaDianflex è una struttura polivalente di 2.100 metri quadrati coperti, su uno spazio di circa 6.000 metri quadrati, ha una capienza di 2.000 persone in piedi e di circa 1.500 in allestimento teatrale con tutti i posti numerati; è dotata di tutti i comfort per gli spettatori, perfettamente condizionata d’estate e ben riscaldata d’inverno, dotata di un accogliente foyer d’ingresso con bar e guardaroba. È inoltre dotata di un parcheggio privato e custodito di circa 15.000 metri quadrati ed è posizionata a soli 600 metri dall’uscita di Atena Lucana dell’Autostrada Salerno - Reggio Calabria.

POLLA L’INIZIATIVA ORGANIZZATA DALLA FEVIAN SOCCER ACADEMY

Sport e Turismo

Grande successo ha riscontrato l’iniziativa organizzata a Polla dalla Fevian Soccer Academy che il 13 ottobre scorso ha ospitato due società calcistiche del settore giovanile. Si tratta della Polisportiva Wembley di Bellizzi e dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Calciomania di Castellana Grotte. In mattinata, le squadre hanno

disputato un triangolare di calcio presso l’impianto sportivo “A.Medici” e nel pomeriggio hanno visitato i luoghi storici di Polla. «È stata una bella manifestazione - le parole del Referente Responsabile della Società, Jose’ Paladino - e sono contento per la buona riuscita dell’evento». «Sono favorevole a queste iniziative – ha invece

Il Gran Teatro PalaDianflex è una struttura polivalente di 2.100 mq coperti, su uno spazio di circa 6.000 mq, ha una capienza di 2.000 persone in piedi e di circa 1.500 in allestimento teatrale con tutti posti numerati; è dotata di tutti i comfort per gli spettatori, perfettamente condizionata d’estate e ben riscaldata d’inverno, dotata di un accogliente foyer d’ingresso con bar e guardaroba. È inoltre dotata di un parcheggio privato e custodito di circa 15.000 mq, ed è posizionato a soli 600 metri dall’uscita di Atena Lucana dell’Autostrada Salerno – Reggio Calabria

Chiara Di Miele ondanews.it

IRENE GRANDI E I NEGRITA PER LA NOTTE DI SAN SILVESTRO.

Capodanno rock a Salerno

spiegato l’Assessore allo Sport e Turismo, Federica Mignoli - che oltre a creare momenti sportivi e di amicizia tra i vari territori portano tante persone in visita nei nostri luoghi. Infine voglio ringraziare le due associazioni ‘Elogium’ e ‘Lilium’ che con la loro professionalità e disponibilità hanno contributo all’ottima riuscita dell’evento». Claudia Monaco ondanews.it

Un Capodanno tutto rock quello in programma per l’ultima notte del 2019 a Salerno. A far scatenare i presenti in piazza Amendola nella notte di San Silvestro saranno Irene Grandi e i Negrita, conosciuti e apprezzati in Italia ma anche all’estero. Sarà l’ultimo anno in piazza Amendola. Dall’anno prossimo i festeggiamenti di Capodanno si sposteranno in piazza della Libertà, a due passi dal mare, come il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha annunciato nel corso dell’inaugurazione della XIV^ edizione di Luci d’Artista. Pare che gli artisti non fossero la primissima scelta del Comune di Salerno ma sono comunque riusciti a convincere tutti, compreso l’ex sindaco De Luca al quale l’attuale Amministrazione si rivolge sempre per un’opinione. Il “sì” è stato dunque unanime, manca solo l’ufficializzazione. L’appuntamento è fissato alle 21 per l’inizio del concerto che culminerà con lo spettacolo pirotecnico. Paola Federico ondanews.it


eventi

29

NUMERO 12novembre 2019

CONCLUSA A CAMEROTA LA DUE GIORNI ORGANIZZATA DAL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO, VALLO DI DIANO E ALBURNI

Il Pescato della Dieta Mediterranea

Si è conclusa il 22 novembre scorso mattinaaMarinadiCamerotaladuegiorni,organizzata dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, dedicata alla Dieta Mediterranea e al pescato delle due Aree Marine protette di Santa Maria di Castellabate e Costa degli infreschi e della Masseta. Ad attendere sul porto della nota località turistica le barche dei pescatori cariche di splendidi pesci c’erano, in compagnia del TEGGIANO

Presidente del Parco, Tommaso Pellegrino, gli studenti degli Istituti Alberghieri Antonio Sacco di Sant’Arsenio, Carlo Pisacane di Sapri e gli alunni delle suole Medie di Camerota. Alla vista del pescato tante sono state le domande fatte ai pescatori dagli studenti, incuriositi molto dal nome dei pesci che stavano ammirando, dalla tempistica necessaria per pescarli fino ad arrivare ai tipi di pesca utilizzati. «La Dieta Mediterranea nonèqualcosadiastrattomaunvalorereale e concreto. - ha sottolineato Pellegrino - Il nostro è un pescato tra i mari più puliti d’Italia e ne dobbiamo essere fieri. Con questa iniziativa, che ha coinvolto gli studenti del Parco, i pescatori che sono le sentinelle più importanti per noi e gli Chef del territorio, abbiamo reso protagoniste le due Aree Marine Protette del Parco di un momento non solo di promozione ma soprattutto d’informazione e formazione». Subito dopo l’intero pescato è stato trasportato all’Hotel

America dove a cucinarlo c’erano gli Chef Domenico Caiazzo, Elio Compitiello e Fabio Del Gaudio che hanno realizzato uno splendido show cooking alla presenza dei giornalisti e del Presidente Pellegrino. Ma prima di gustare le prelibatezze preparate per l’occasione sono arrivati i ringraziamenti del Direttore del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Gregorio Romano, dei Sindaci di Camerota, Mario Salvatore Scarpitta, e di San Giovanni a Piro, Ferdinando Palazzo, molto attenti sempre alla tutela e alla salvaguardia dell’intero territorio che «rappresenta una ricchezza inestimabile». A concludere l’incontro è stato il giornalista Vincenzo Rubano che, dopo essersi rivolto ai tanti studenti presenti ricordandogli l’importanza di tali manifestazioni, ha passato la parola ai pescatori che sono stati i veri protagonisti di tuttal’iniziativa.

Tommaso Pellegrino: «La Dieta Mediterranea non è qualcosa di astratto ma un valore reale e concreto. Il nostro è un pescato tra i mari più puliti d’Italia e ne dobbiamo essere fieri. Con questa iniziativa, che ha coinvolto gli studenti del Parco, i pescatori che sono le sentinelle più importanti per noi e gli Chef del territorio, abbiamo reso protagoniste le due Aree Marine Protette del Parco di un momento non solo di promozione ma soprattutto d’informazione e formazione»

Maria Emilia Cobucci ondanews.it

PARROCCHIA DI SAN MARCO EVANGELISTA

CASTELLABATE

Salone d’Onore del Premio San Giovanni Paolo II IlCastello dell’Abate L’iniziativa, giunta alla sua quarta edizione, è promossa dalla Diocesi di Teggiano Policastro e dal Circolo Acli Camminare Insieme con il contributo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, ed è stata anche quest’anno l’occasione per fare memoria del Santo Pontefice e per premiare illustri personaggi del mondo della comunicazione in Vaticano.

Giunge alla sua quarta edizione il Premio San Giovanni Paolo II - Giovani, Lavoro e Famiglia tenutosi il 19 ottobre scorso, presso la Parrocchia di San Marco Evangelista a Teggiano, guidata da don Angelo Pellegrino, dove è custodita la reliquia del Santo. L’iniziativa, promossa dalla Diocesi di Teggiano Policastro e dal Circolo ACLI Camminare Insieme con il contributo del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, sarà anche quest’anno l’occasione per fare memoria del Santo Pontefice e per premiare illustri personaggi del mondo della comunicazione in Vaticano. La scelta della commissione presieduta da Francesco Antonio Grana, vaticanista de ilfattoquotidiano.it, è ricaduta su mons. Giuseppe Liberto, Maestro

e Compositore, che il 29 maggio 1997 proprio Papa Giovanni Paolo II volle alla direzione della Cappella Musicale Pontificia Sistina. A mons. Liberto, autore di celebri opere liturgiche, si uniscono altre due figure connesse al ministero petrino del Papa polacco: il salernitano Giuseppe Blasi, storico giornalista RAI e Presidente dell’Unione Cattolica Stampa Italiana della Campania, e il vaticanista Salvatore Cernuzio di Vatican Insider, il quotidiano online de La Stampa dedicato all’informazione sul Vaticano, sulle attività del Papa e della Santa Sede. A moderarel’incontro Francesco Antonio Grana, vaticanista de ilfattoquotidiano. it. Le ACLI salernitane, grazie alle risorse del 5xmille, anche quest’anno, legano il prestigioso riconoscimento

intitolato a SERGIO VECCHIO

Sergio Vecchio, nella sua intensa carriera, ha dedicato alla sua terra natia la realizzazione di mostre di alta rilevanza come "Paesaggi della Memoria - Castellabate in inchiostro" e la pubblicazione del volume "Castellabate e le sue Sirene".

a gesti concreti a favore dei bisogni educativi delle famiglie per sostenere ed accompagnare i percorsi formativi dei giovani. Nel corso della serata, infatti, grazie al Protocollo d’Intesa sottoscritto tra le ACLI e l’Istituto Comprensivo di Teggiano, sono stati premiati con una borsa di studio, i cinque alunni più meritevoli delle classi terze che hanno concluso nel 2019 il ciclo di studi con il massimo dei voti. «In questo tempo, di grande fragilità sociale, economica e politica che ricade sulle giovani generazioni e le tante famiglie del Paese, occasioni come questa - sottolinea Gianluca Mastrovito - ci stimolano a ravvivare il nostro servizio alla comunità, la nostra vocazione popolare di movimento di pedagogia sociale». Come avvenuto nella scorsa edizione, infine, è stata consegnata una menzione speciale ad un personaggio di riferimento del territorio, che nel corso della propria vita umana, associativa e professionale, ha saputo distinguersi per fedeltà ai valori cristiani, etici e sociali, attraverso opere concrete di prossimità e vicinanza. Antonella D'Alto ondanews.it

L’Amministrazione Comunale di Castellabate ha deciso di intitolare il Salone d’Onore del Castello dell’Abate al compianto Sergio Vecchio, grande Artista e pittore stimato e conosciuto in tutto il mondo. Le sue opere sono state ospitate infatti in grandi mostre in Italia e all’estero e della sua attività hanno scritto i maggiori critici del settore. La scelta, ufficializzata con DeliberadiGiunta,è dettata dal ruolo svolto dal pittore, nato a Castellabate, nell’ambito delle attività culturali del territorio. Alla sua memoria sarà intitolato il nuovo Salone d’Onore del Castello dell’Abate, spostato al primo piano e completamente rinnovato. Sergio Vecchio, nella sua intensa carriera, ha dedicato alla sua terra natia la realizzazione di mostre di alta rilevanza come Pa-

esaggi della memoria - Castellabate in inchiostro e la pubblicazione del volume Castellabate e le sue Sirene. «Il noto artista, già insignito dal nostro Comune del Giglio d’Oro, - ha commentato il Vicesindaco con Deleghe al Turismo e alla Cultura, Luisa Maiuri - ha donato importanti opere d’arte che verranno esposte in maniera permanente nel nuovo ‘Salone d’Onore Sergio Vecchio’, un omaggio sentito in uno dei luoghi simbolo del suo amato paese natio». Antonella D'Alto ondanews.it


30

NUMERO 12novembre 2019

PRESTIGIOSO RICONOSCIMENTO PER LA RICERCATRICE DI TEGGIANO

SALUTE E PREVENZIONE

salute

A MADDALENA CASALE il

Il dottore Tommaso Pellegrino: «Dal GLOBAL RESEARCH AWARD della tumore al seno oggi si può guarire» Società Americana di Ematologia Un importante messaggio ricco di speranza giunge dal

M addalena C asale

Maddalena Casale è uno dei nove talentuosi ricercatori selezionati a ricevere questo importante riconoscimento, concepito per supportare i futuri leader scientifici a livello internazionale e per incrementare le competenze in campo ematologico, promuovendo collaborazioni internazionali. Con il "Global Research Award" i ricercatori più meritevoli nel campo dell’ematologia vengono supportati al raggiungimento dell’indipendenza e dell’autonomia nelle proprie attività scientifiche.

La Società Americana di Ematologia ha conferito a Maddalena Casale di Teggiano, Ricercatrice presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, il Global Research Award 2019. Maddalena Casale è uno dei nove talentuosi ricercatori selezionati a ricevere questo importante riconoscimento, concepito per supportare i futuri leader scientifici a livello internazionale e per incrementare le competenze in campo ematologico, promuovendo collabo-

razioni internazionali. Con il Global Research Award i ricercatori più meritevoli nel campo dell’ematologia vengono supportati al raggiungimento dell’indipendenza e dell’autonomia nelle proprie attività scientifiche. I nove ricercatori selezionati rappresentano otto Paesi nel mondo: Brasile, Cina, Croazia, Repubblica Ceca, Ghana, Italia, Giappone e Uganda. Maddalena Casale è una pediatra che lavora come ricercatrice, dal 2016, presso la Divisione di Ematologia e Oncologia Pediatrica, diretta dal prof. Silverio Perrotta, nell’ambito del Dipartimento della Donna e del Bambino, di Chirurgia Generale e Specialistica dell’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Presso questa stessa Università nel 2014 ha concluso il suo Dottorato di Ricerca focalizzato sulla costituzione del primo network di ricerca sull’asplenia in Italia. Maddalena Casale riceverà un finanziamento per portare a termine il suo progetto che ha l’obiettivo di analizzare la mortalità, le complicanze, la copertura vaccinale e la risposta ai vaccini in una coorte nazionale di pazienti affetti da asplenia attraverso uno studio prospettico multicentrico del Network Italiano Asplenia. «La Società Americana di Ematologia è la tra le maggiori società scientifiche e punto di riferimento fondamentale per ogni ricercatore che lavora in questo campo. Per me è un grande onore ricevere questo premio, - commenta Maddalena Casale - ma sento anche forte il peso della responsabilità che questo riconoscimento implica. Il supporto degli organi universitari e scientifici insieme alla disponibilità di risorse indipendenti sono elementi vitali per un ricercatore. Ringrazio la Società Americana di Ematologia e l’Università "Vanvitelli" per la grande opportunità di crescita che mi stanno offrendo». Si è detto fiero dei ricercatori talentuosi selezionati per il Global Research Award 2019, il Presidente della Società Americana di Ematologia, Roy Silverstein, del Medical College di Milwaukee nel Wisconsin, secondo cui supportare la carriera dei futuri leader scientifici nel mondo è una chiara priorità della Società Americana di Ematologia. Antonella D'Alto ondanews.it

dottor Tommaso Pellegrino, oncologo chirurgo. Il nastro rosa della "Breast Cancer Campaign" ci ricorda l'importanza della prevenzione nella lotta al cancro al seno. Il mese di ottobre è stato dedicato proprion all’importanza della sensibilizzazione, della prevenzione e del sostegno alla ricerca.

«Dal tumore al seno oggi si può guarire». È questo l’importante messaggio ricco di speranza che giunge dal dottor Tommaso Pellegrino, oncologo chirurgo. Il nastro rosa della Breast Cancer Campaign ci ricorda che ottobre è stato dedicato alla prevenzione del cancro al seno. Un mese dedicato all’importanza della sensibilizzazione, della prevenzione e del sostegno alla ricerca. «Per guarire è fondamentale la diagnosi precoce. - spiega Pellegrino Oggi riusciamo ad avere la guarigione nel 90% dei casi grazie a questo fondamentale elemento. Gli screening di prevenzione e una serie di attività hanno contribuito a far nascere nelle donne una maggiore consapevolezza. Nella prevenzione non ci sono regole standard: dipende dalle caratteristiche di ogni donna come la familiarità, le cure ormonali (fattore di rischio), l’allattamento al seno (fattore di prevenzione). Importante anche lo stile di vita, il tipo di seno e l’obesità. Sono tante le componenti che vanno valutate per definire un piano di prevenzione. Quando bisogna iniziare a fare prevenzione? Subito, dai vent'anni in poi con un’ecografia e visita senologica perchè se è vero che la fascia d’età non è a rischio è giusto incominciare a prendere familiarità con questa tematica e a conoscere il proprio seno. Dai quarantacinque anni in poi, invece, fondamentale è la mammografia». La mortalità, come sottolinea lo stesso Pellegrino, «è diminuita anche se rimane il tumore più frequente nelle donne. In media abbiamo circa 50mila casi nel solo 2018, purtroppo è in aumento». «Importanti i progressi della chirurgia sottolinea ancora Tommaso Pellegrino - che non prevede interventi demolitivi ma conservativi e ricostruttivi nella stessa seduta operatoria. Anche le tera-

pie successive sono di gran lunga personalizzate e adeguate con una minore aggressività ma maggiore specificità». Uno stile di vita sano è fondamentale nella prevenzione di numerose patologie e si rivela prezioso alleato anche per la vita delle donne che combattono contro il tumore al seno o vogliono prevenirlo. «L‘attività fisica, dopo l’alimentazione, è importante - precisa Pellegrino - perchè così si liberano endorfine e si stimola il sistema immunitario che riesce a rispondere meglio. L’obesità è un rischio importante. Ecco perchè voglio sottolineare che il mangiare sano e l’attività fisica sono colonne portanti della prevenzione. Un appello voglio farlo alle mamme: l’obesità infantile è il dramma peggiore e condanniamo i nostri figli ad avere uno stile di vita futuro a rischio. Dobbiamo iniziare a far mangiare bene i nostri bimbi. Sono aspetti importanti: abbiamo la fortuna di vivere nella culla della dieta mediterranea ma spesso non siamo bravi a coglierne le potenzialità e gli aspetti». Claudia Monaco ondanews.it


salute

NUMERO 12novembre 2019

XXXIII° ANNUAL MEETING DELL’EUROPEAN ASSOCIATION FOR CARDIO - THORACIC SURGERY

La dottoressa Francesca D’Auria protagonista all'Annual Meeting dell’EACTS La giovane professionista di Teggiano, cardiochirurgo presso l’UOC di Cardiochirurgia dell’AOR "San Carlo" di Potenza, è stata chiamata a relazionare al Congresso Scientifico più importante della cardiochirurgia europea, durante il quale vengono discusse e aggiornate le linee guida che orientano la pratica clinica mondiale e in cui vengono presentati i dati dei più importanti studi scientifici effettuati nel mondo al fine di favorire il continuo miglioramento e l’innovazione per il progresso delle cure chirurgiche.

CINQUANTESIMO CONGRESSO DELLA SIDO

Il dott. MICHELE TEPEDINO relatore al Congresso Internazionale di Odontoiatria

F rancesca D’A uria

i Key Opinion Leader mondiali, dott. Sabine Bleiziffer del German Heart Center di Monaco, dott. Axel Unbehaun dell’Herzzentrum di Berlino, dott. Carlos Velasco García De Sierra dell’Hospitalario Universitario A. Coruña e prof. Tom Nguyen del Division of Cardiology, University of Texas Medical School di Houston, Texas. Il cardiochirurgo di Teggiano ha confermato anche in questa occasione il rigore scientifico dei suoi studi che sono stati apprezzati e selezionati nei più importanti e La cardiologa di Teggiano, Francesca D’Auria, prestigiosi Consessi Scientifici internazionali. Durante protagonista al XXXIII° Annual Meeting dell’E- il meeting portoghese la dottoressa D’Auria, inoltre, ha ACTS (European Association For Cardio - Thora- proposto la costituzione di un Comitato Internazionale cic Surgery) svoltosi a Lisbona. La giovane profes- di cardiochirurghi neo specialisti che abbia in agenda la sionista di Teggiano, cardiochirurgo presso l’UOC promozione e la tutela dei medici europei in formazione, di Cardiochirurgia dell’AOR San Carlo di Potenza, garantendo loro una standardizzazione delle competenze infatti, è stata chiamata a relazionare al Congresso di base realmente equiparabili in ogni Paese dell’Unione Scientifico più importante della cardiochirurgia eu- Europea e la promozione della parità di genere nelle ropea, durante il quale vengono discusse e aggiornate discipline chirurgiche con la garanzia di concrete, quotidiane ed effettive pari le linee guida che orientano la pratica opportunità di accesso e clinica mondiale e in cui vengono pre- La dottoressa di affermazione professentati i dati dei più importanti studi D’Auria ha analizzato sionale. Infine la dottoresscientifici effettuati nel mondo al fine e presentato i dati di sa D’Auria ha proposto di favorire il continuo miglioramento circa tremila pazienti la candidatura dell’Italia e l’innovazione per il progresso delle arruolati in dieci come sede ospitante della cure chirurgiche. Per l’occasione, la anni nel registro prima riunione di tale Codottoressa D’Auria ha relazionato su nazionale britannico mitato a Roma nel 2020. una sua ricerca che prende in esame Il prof. Josè Luis Pomàr, i dati del più grande Registro NazioPresidente della Commisnale di TAVI chirurgiche (Transcasione EACTS per la Cootheter Aortic Valve Implantation) perazione Internazionale, finora disponibile a livello mondiale. ha vivamente apprezzato La dottoressa D’Auria ha analizzato la proposta e ha dichiarato e presentato i dati di circa tremila di impegnarsi a sostenerla pazienti arruolati in dieci anni nel portando il progetto come registro nazionale britannico durante la sessione TAVI - New approaches and data from primo punto all’ordine del giorno nella prossima riuthe real Word e la sua disamina è stata discussa con nione del Consiglio Generale dell’EACTS. ondanews.it

TANTE DONNE AD ATENA LUCANA PER LA CAMMINATA IN ROSA Si è conclusa con la torre illuminata di rosa la lunga giornata dedicata alla sensibilizzazione sul tumore al seno svoltasi ad Atena Lucana. Tante le donne che hanno partecipato alla giornata, organizzata dall’Associazione Le case di Igea e caratterizzata da una camminata non competitiva in rosa che si è snodata nelle vie del paese. Il momento più emozionante anche quest’anno è stato il lancio dei palloncini, tradizionale saluto a chi purtroppo ha perso la battaglia contro il cancro al seno, ma non solo. Tanti gli occhi lucidi rivolti al cielo. La manifestazione,

31

finanziata dal CSV Sodalis di Salerno, rientra nelle numerose iniziative che si sono tenute ad ottobre per ricordare alle donne che di cancro al seno si può guarire e che la diagnosi precoce è un alleato importante. L’invito a tutte le donne è di sottoporsi agli screening. Antonella D'Alto ondanews.it

L’ortodontista Michele Tepedino ha rappresentato il Vallo di Diano al Cinquantesimo Congresso Internazionale della SIDO (Società Italiana di OrtodonM ichele T epedino zia) che si è tenuto a Roma. Il giovane medico di Padula ha preso parte al prestigioso Congresso dove si confrontano le eccellenzemondialidelcampo. La SIDO è la più grande società scientifica accreditata presso il Ministero della Salute, che si occupa di Ortodonzia in Italia e conta oltre quattromila iscritti italiani e stranieri. Ogni anno organizza un Congresso Scientifico Internazionale per aggiornare i suoi soci sui più importanti progressi scientifici e clinici. «Quest’anno uno dei temi più importanti è l’uso degli allineatori ortodontici. - ha spiegato il dottore Tepedino - Si tratta di un’innovazione tecnologica che consente di risolvere alcuni tipi di problemi di occlusione dei denti con apparecchi invisibili. Questo tipo di dispositivi ha avuto grande diffusione recentemente, soprattutto nei pazienti adulti che spesso sono frenati dal risolvere i loro problemi dentali per l’imbarazzo di portare un apparecchio visibile, ma anche negli adolescenti perché rispetto agli apparecchi di metallo non rendono più difficili le manovre di igiene orale. Anche la ricerca scientifica si è dedicata a questo argomento, ed io e il mio mentore, il Prof. Claudio Chimenti, abbiamo contribuito attivamente a ciò, coordinando una serie di progetti di ricerca sfociati in importanti pubblicazioni scientifiche». Per questo motivo, la SIDO ha convocato il giovane medico padulese e il suo mentore come relatori in una Consensus Conference. Qui Tepedino ha presentato una relazione dal titolo Allienatori ortodontici: indicazioni e limiti, nella quale ha illustrato il punto di vista basato sulla sua esperienza clinica presso l’Università dell’Aquila e sui risultati scientifici. «Abbiamo contribuito insieme ad altri quindici esperti - spiega ancora Tepedino - alla stesura di un ‘White Paper’ sull’argomento che fornirà utili indicazioni a tutti i colleghi per utilizzare al meglio questo tipo di apparecchiature nell’interesse dei pazienti». Tanti i successi prestigiosi per Michele Tepedino che, in ultimo, ha ricevuto l’incarico presso l’Università di Aarhus, in Danimarca, da Assistant Professor presso la Section of Orthodontics. «Sono stato prima lì durante il mio Dottorato di Ricerca per fare un visiting. - precisa - Successivamente abbiamo continuato a collaborare, portando a termine progetti di ricerca pubblicati su riviste scientifiche e presentati a congressi internazionali. Adesso sono tornato lì con un incarico di insegnamento e ricerca part time, sto lì quindici giorni al mese e gli altri quindici in Italia dove continuo a lavorare all’Università dell’Aquila, al Policlinico Gemelli di Roma e a Padula nel mio studio. È per me un grande onore, oltre ad una grande occasione professionale perché l’Ateneo di Aarhus è uno dei punti di riferimento in Europa e nel mondo per l’ortodonzia e non solo». Claudia Monaco ondanews.it


32 SCUOLA CARDIOPROTETTA A MARSICOVETERE DI POTENZA

La Fondazione Monte Pruno dona due defibrillatori

l ’ iniziativa rientra nell ’ ambito del programma di cardioprotezione nelle scuole promosso dall ’ amministrazione comunale

Si è svolta nella mattinata del 18 ottobre scorso all’Istituto Omnicomprensivo di Marsicovetere la cerimonia di consegna dei due defibrillatori che la Fondazione Monte Pruno, in collaborazione con la Banca Monte Pruno, ha donato alla scuola. L’iniziativa rientra nell’ambito del programma di cardioprotezione nelle scuole promosso dall’Amministrazione Comunale retta da Marco Zipparri. I due defibrillatori sono stati posizionati uno nell’atrio della Scuola Media e l’altro presso la palestra dell’Istituto. Alla cerimonia sono intervenuti il Sindaco di Marsicovetere, Marco Zipparri, l’Assessore alla Cultura e all’Istruzione, Gina Ielpo, e il Presidente della Fondazione Monte Pruno, Michele Albanese. Le conclusioni sono state affidate alla Dirigente Scolastica Maria Giano. Si tratta del primo intervento in Basilicata della Fondazione che opera a supporto del territorio ed al fianco della Banca Monte Pruno. Un grande ringraziamento è giunto dall’Amministrazione Comunale di Marsicovetere. Soddisfatto ed emozionato, davanti a tanti giovani alunni, il Presidente della Fondazione Monte Pruno, Michele Albanese, il quale ha confermato la forte attenzione verso le giovani generazioni e verso la prevenzione, attraverso interventi di mutualità. Presenti alla cerimonia anche il Vicepresidente della Banca Monte Pruno, Antonio Ciniello, il Vicedirettore dell'Area Mercato, Antonio Pandolfo, il Preposto, Michele Landolfi, ed il Direttore della Fondazione, Antonio Mastrandrea. Antonella D'Alto ondanews.it

NUMERO 12novembre 2019

Cittadinanza onoraria di Salento al prof Vincenzo Pepe Il Primo Cittadino di Salento: «La Cittadinanza Onoraria è il minimo che si possa fare per una personalità di tale spessore. Il professor Pepe è un faro in questo nostro Cilento, un esempio da seguire per il futuro del territorio. Sono onorato dell'avergli confeirto il titolo di salentino onorario, un qualcosa che darà lustro alla comunità che ho l’onore di amministrare»

Cittadinanza Onoraria di Salento a Vincenzo Pepe. Il comune cilentano, guidato da Gabriele De Marco, ha infatti deciso di conferire tale riconoscimento per l’impegno profuso negli anni in favore del territorio. La cerimonia, durante un Consiglio Comunale straordinario, si è svolta sabato 5 ottobre scorso presso la Casa Comunale. Vincenzo Pepe è Presidente Onorario della Fondazione Giambattista Vico di Vatolla, Presidente Nazionale del Movimento Ambientalista Fareambiente, Docente di Diritto Pubblico Comparato presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Originario di Torchiara, vive ad Agropoli ed è Cittadino Onorario anche di Perdifumo, ove sorge Palazzo Vargas, sede della Fondazione vatollese. Ha ricevuto encomi speciali dal Comune di Gioi Cilento, dal Comune di Torchiara e dal Comune di Sacco, equivalenti a cittadinanze onorarie. Un curriculum di tutto rispetto, dunque, che si può riassumere con aggettivo tanto semplice quanto efficace che sabato avrà ancor più forza: cilentano. Autore di diversi libri tradotti anche in numerose lingue, su un ambientalismo diverso e orizzonti più ampi, è il punto di riferimento della cultura in provincia di Salerno.

Il CODACONS lancia il Premio PICCOLO COMUNE AMICO Il progetto Piccolo Comune Amico di CODACONS è nato per favorire la valorizzazione dei piccoli Comuni italiani con meno di cinquemila abitanti, per diffondere la cultura e promuovere la valorizzazione delle piccole realtà locali che sono la pietra miliare delle nostre tradizioni, la culla del cibo di alta qualità e il cuore del nostro patrimonio artistico. Nei 5.567 Comuni italiani on meno di cinquemila abitantisi produce il 92% dei prodotti di origine protetta e di indicazione di origine protetta ed il 79% dei vini italiani più pregiati. Le eccellenze eno-gastronomiche che tutto il mondo ci riconosce nascono, infatti, nei piccoli borghi. Le piccole realtà produttive locali rappresentano una straordinaria risorsa a presidio del territorio e dei centri storici ed un importante strumento di promozione del patrimonio artistico, culturale ed agroalimentare dei luoghi ed esprimono, attraverso la vitalità delle attività agricole e la bellezza di luoghi e paesaggi, un forte valore identitario. Nell’obiettivo condiviso di sostenere le azioni di contrasto allo spopolamento e all’abbandono dei piccoli Comuni e con

Il Presidente Pepe da anni si batte contro lo spopolamento, piaga del nostro tempo, contro l’emorragia di giovani che giorno dopo giorno depaupera il territorio, condannandolo a morte certa. «La cittadinanza onoraria è il minimo che si possa fare per una personalità di tale spessore. - puntualizza il Primo Cittadino di Salento - Il professor Pepe è un faro in questo nostro Cilento, un esempio da seguire per il futuro del territorio. Sono onorato dell'avergli confeirot il titolo di salentino onorario, un qualcosa che darà lustro alla comunità che ho l’onore di amministrare». Felice e soddisfatto del riconoscimento è il prof. Pepe: «Onorato a mia volta. commenta - La cittadinanza onoraria è quanto di più importante si possa ricevere da una comunità. Sabato non sarò premiato io ma il mio amore per il Cilento, l’impegno nella difesa di un territorio stupendo ma allo stesso tempo fragile che deve essere tutelato ogni giorno. Salento è un tipico centro cilentano che rappresenta l’essenza

la finalità di contribuire alla valorizzazione di produzioni agroalimentari che trovano, nella storia e nelle pratiche tradizionali locali, la loro forza innovativa e distintiva, appare necessario avviare un percorso di conoscenza e tutela delle filiere agroalimentari presenti nei piccoli comuni e che operano nel rispetto dei principi di sostenibilità economica con il riconoscimento di un particolare valore per quelle attività che integrano un modello produttivo capace di valorizzare l’unicità della biodiversità locale e la creatività dei giovani agricoltori. Il Premio Piccolo Comune Amico nasce con l’idea di individuare e premiare venticinque Comuni che ospitano le eccellenze del territorio italiano ed è suddiviso in cinque categorie: Agroalimentare (eccellenze agroalimentari, sia prodotti locali che elaborazioni di prodotti alimentari e ricette tipiche); Artigianato (eccellenze creative della mano umana e tradizioni artigianali particolari); Innovazione sociale (dedicata alle aziende che valorizzano le proprie risorse interne con benefit ed incentivi che sviluppino la produttività e facilitino il ritorno delle risorse umane dai grandi centri ai piccoli Comuni); Cultura, arte, storia;

società Vincenzo Pepe è Presidente Onorario della Fondazione Giambattista Vico di Vatolla, Presidente Nazionale del Movimento Ambientalista Fareambiente, Docente di Diritto Pubblico Comparato presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli. Originario di Torchiara, vive ad Agropoli ed è Cittadino Onorario anche di Perdifumo, ove sorge Palazzo Vargas, sede della Fondazione vatollese. Ha ricevuto encomi speciali dal Comune di Gioi Cilento, dal Comune di Torchiara e dal Comune di Sacco, equivalenti a cittadinanze onorarie.

V incenzo P epe

di un popolo abituato alle difficoltà e temprato dalle sfide, uno scrigno che conserva dentro di sé pregevoli tesori unici e straordinari. Essere un salentino - conclude Vincenzo Pepe - sarà per me un grandissimo orgoglio, un titolo di cui andrò fiero». Alla cerimonia sono intervenuti Rappresentanti della Fondazione Vico, di Fareambiente, Istituzioni locali e Gabriel Zuchtriegel, Direttore del Parco Archeologico e del Museo di Paestum. comunicato stampa

Il Premio Piccolo Comune Amico nasce con l’idea di individuare e premiare venticinque Comuni che ospitano le eccellenze del territorio italiano ed è suddiviso in cinque categorie: Agroalimentare; Artigianato ; Innovazione sociale; Cultura, arte, storia; Economia Circolare

Economia Circolare (un premio speciale per promuovere una forma di economia eco-sostenibile, che riduca al minimo gli sprechi e utilizzi risorse ed energie rinnovabili e circolari). È prevista, inoltre, l’elaborazione di una mappa interattiva di queste realtà culturali con gli eventi e le eccellenze delle varie categorie enogastronomiche selezionate. Il Premio consisterà anche nella proposta di campagne promozionali gratuite, sia nelle aree di servizio della rete autostradale sia sui social e sulla stampa. Tutte le imprese agricole, i commercianti del settore agro-alimentare, i produttori e gli organizzatori di eventi sul tema possono segnalare al proprio Sindaco la propria attività per poter partecipare al Premio ed essere conosciuti su tutto il territorio italiano. Il termine per iscriversi è fissato al 31 dicembre scrivendo all’indirizzo premiociboamico@codacons.org. Chiara Di Miele ondanews.it

Profile for Agropoli City Magazine (Archivio 1)

Agropoli City Magazine - Novembre 2019  

AgropoliCity Magazine. Anno 2 Numero 12. Novembre 2019. Pubblicazione realizzata in formato pdf con i link condivisi sulla pagina Facebook “...

Agropoli City Magazine - Novembre 2019  

AgropoliCity Magazine. Anno 2 Numero 12. Novembre 2019. Pubblicazione realizzata in formato pdf con i link condivisi sulla pagina Facebook “...

Advertisement