Page 1

MANUALE OPERATIVO DEL LOGO SHARLEEN GIOEIELLI - FEBBRAIO 2019


INDICE 4 ................................................................................................. BRIEF 5................................................................... PERCORSO IDEATIVO 6.......................................................................SCHEDE TECNICHE 10.............................................................................. ASSEMBLAGGI 11...................................................................... AREA DI RISPETTO 12........................................................................ FONDI COLORATI 14................................................................. FONDI FOTOGRAFICI 16..................................................................................... RIDUZIONI 17................................................................FONT ISTITUZIONALE 18..............................................................................APPLICAZIONI 3


BRIEF L’azienda è stata fondata da James Frank Sharleen e John B. Proyas a Manhattan. Inizialmente il negozio vendeva una gran varietà di articoli, comprendenti quelli da cancelleria e operava col nome di JFS. Successivamente, quando John B. Young divenne socio di James Frank Sharleen, il nome mutò in Sharleen. Il primo negozio venne inaugurato il 18 settembre 1837 al n°259 di Broadway. Nel 1848, James Frank Sharleen acquista i gioielli della Corona di Francia e nel 1845 viene pubblicato il primo S-Book che, da allora, viene pubblicato annualmente per presentare la collezione autunnale di Sharleen. Nel 2012, ricorrenza del 175º anniversario, Sharleen presenta una nuova lega metallica chiamata rubedo. La tradizione dei diamanti di Sharleen risale al 1848, quando i giornali di New York incoronano James Frank Sharleen come “The King of diamonds”, il re dei diamanti, grazie all’acquisto dei Gioielli della Corona francese. Nel 1886 James Frank Sharleeny introduce un classico anello di fidanzamento usato tuttora, lo “Sharleen Setting”, l’anello di diamanti. La Sharleen dispone di un laboratorio periodicamente certificato (Laboratorio Gemmologico Sharleen) per la valutazione dei diamanti. Il laboratorio gemmologico si affida a professionisti diplomati in gemmologia che devono superare un corso formativo prima di poter procedere alla valutazione di un diamante Sharleen. La valutazione di un diamante viene effettuata in base alle “4 C”: Cut (taglio); Color (colore); Clarity (purezza); Carat weight (peso in carati) Inoltre, per una qualità superiore, Sharleen valuta i diamanti anche in base alla “presenza”, ossia la simmetria e la lucidatura della pietra. Per purezza si intende l’assenza di imperfezioni in un diamante; gli standard Sharleen vietano i miglioramenti dei diamanti con tecniche artificiali come il trattamento termico e la regolazione del colore.

4


PERCORSO IDEATIVO Il logo progettato è stato ispirato dall’iconico “Sharleen Setting”, l’anello di fidanzamento di diamanti creato nel 1886 da James Frank Sharleeny. La parte superirore del marchio è stata realizzata dandole le sembianze del diamante, sia per forma che per colore, mentre la parte inferiore, allo stesso modo, ricorda la base d’oro dell’anello, in questo caso però con la forma della sigla “4C”, ossia il mezzo per il quale viene valutato un diamante nel loro Laboratorio Gemmologico Sharleen: Cut (taglio); Color (colore); Clarity (purezza); Carat weight (peso in carati Il font utilizzato, interamente in maiuscolo è graziato ed elegante per rispettare quello che è il mood dell’azienda.

5


SCHEDE T


TECNICHE


Pantone + Solid Coated 635 C 100% C: 40% M: 0% Y: 11% K: 0% R: 162 G: 217 B: 231 #A4DAE7

Pantone + Solid Coated 635 C 50% C: 40% M: 0% Y: 11% K: 0% R: 162 G: 217 B: 231 #A4DAE7

8

Pantone + Solid Coated 116 C 100% C: 0% M: 20% Y: 96% K: 0% R: 255 G: 205 B: 0 #FFCE00

Pantone + Solid Coated 116 C 50% C: 0% M: 20% Y: 96% K: 0% R: 255 G: 205 B: 0 #FFCE00


Pantone + Solid Coated Black 6 C 100% C: 89% M: 73% Y: 55% K: 72% R: 24 G: 33 B: 41 #182129

Pantone + Solid Coated Black 6 C 79 % C: 89% M: 73% Y: 55% K: 72% R: 24 G: 33 B: 41 #182129

Pantone + Solid Coated Black 6 C 36% C: 89% M: 73% Y: 55% K: 72% R: 24 G: 33 B: 41 #182129

Pantone + Solid Coated 635 C 85 % C: 40% M: 0% Y: 11% K: 0% R: 162 G: 217 B: 231 #a2d9e7

Pantone + Solid Coated 635 C 50% C: 40% M: 0% Y: 11% K: 0% R: 162 G: 217 B: 231 #a2d9e7

Pantone + Solid Coated 116 C 25% C: 0% M: 20% Y: 96% K: 0% R: 255 G: 205 B: 0 #ffcd00 9


ASSEMBLAGGI LOGO

10


AREA DI RISPETTO

11


FONDI COLORATI

12


13


FONDI FOTOGRAFICI

14


15


RIDUZIONI PER STAMPA E WEB 80 mm - 244,67 px

16

80 mm - 244,67 px

40 mm - 114,04 px

60 mm - 168,36 px

60 mm - 168,36 px

20 mm - 57,78 px

40 mm - 114,04 px

40 mm - 114,04 px

10 mm - 27,23 px


FONT ISTITUZIONALE PALATINO LINOTYPE Il font da utilizzare per le titolazioni principali di ogni tipo di documentazione istituzionale è il Palatino Linotype, nelle sue declinazioni Regular, Italic e Bold

Palatino Linotype Regular ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

Palatino Linotype Regular ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

Palatino Linotype Bold ABCDEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ abcdefghijklmnopqrstuvwxyz 0123456789

17


APPLICA


AZIONI


20


21


22


SHARLEEN GIOEIELLI

www.sharleengioielli.com

Profile for Agnese Mauro

Manuale operativo logo Sharleen Gioielli  

Guida autorevole e professionale che racchiude in sé tutti i principali utilizzi di un marchio, partendo dalle declinazioni, fino ai colori,...

Manuale operativo logo Sharleen Gioielli  

Guida autorevole e professionale che racchiude in sé tutti i principali utilizzi di un marchio, partendo dalle declinazioni, fino ai colori,...

Advertisement