Page 1

Notizie

AGEOP RICERCA

A CURA DI A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS ENTE MORALE D.M. 15-02-93 C/C Postale: N. 14704407 A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS Pubblicazione trimestrale. Poste italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n째46) art. 1, comma 2, DCB Filiale di Bologna. Autorizzazione del Tribunale di Bologna N. 5321 del 17-12-1985. In caso di mancato recapito inviare a Ufficio BO CMP per la restituzione al mittente che si impegna a versare la dovuta tassa.

Numero 1 > 2014 - Gennaio Febbraio Marzo

Riabilitazione

TORNARE ABILI Il campo estivo

AMORE E SPERANZA


SOMMARIO

AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

3 EDITORIALE Ri-cominciare

FRANCESCA TESTONI

5 RIABILITAZIONE Tornare abili

FRANCESCA TESTONI

6 TERAPIE RICREATIVE

Dynamo Camp e Punto a Campo - I campi estivi, l’amore e la speranza VUKAŠIN ČOBELJIĆ

10 EVENTI

Feste di Natale e della Befana in reparto A CURA DELLA REDAZIONE

15 DONA ALLA RENNA LA TUA STRENNA Resoconto della raccolta giochi 2013 A CURA DI PAOLA MINGHETTI

17 GEMELLAGGIO

Nurdor ha compiuto 10 anni - Progetti di gemellaggio MEMBRI DELL’ASSOCIAZIONE - BRANISLAVA PENOV

20 RINGRAZIAMENTI - EVENTI

Le donazioni, le ricorrenze e gli eventi solidali conclusi A CURA DI PAOLA MINGHETTI

Abbiamo deciso di stampare questo notiziario su carta economica: scelta che rientra nel programma di “razionalizzazione risorse” intrapreso per affrontare un momento così impegnativo, in cui a Casa Siepelunga si unisce l’aumento di bambini ricoverati a Bologna per le cure. Vi chiediamo di mandarci il vostro indirizzo mail* per restare in contatto con voi in modo più ecologico ed economico. Ci aiuterete a tagliare i costi superflui senza diminuire i fondi destinati ai nostri progetti. *scriveteci a ageoped@aosp.bo.it (oggetto: INDIRIZZO MAIL) o telefonateci allo 051 399621

A.G.E.O.P. RICERCA NOTIZIE Proprietà: A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS

Progetto Grafico e Impaginazione Argento e China

Direzione Redazione Ematologia ed Oncologia Pediatrica “Lalla Seràgnoli” - Ospedale S.Orsola Malpighi via Massarenti, 11 - 40138 Bologna Tel. 051/399621 - Fax 051/309650

Stampa Tipografia Negri - Bologna

Direttore Responsabile Tino Ferrari

E-mail ageoped@aosp.bo.it

Segreteria di Redazione Paola Minghetti

Informativa Privacy sul sito

Sito internet www.ageop.org


Ri-cominciare “Al di là della prognosi e del trattamento e nonostante i grandi progressi medici realizzati negli ultimi anni, il cancro in un bambino rimane una prova che sconvolge tutti i suoi punti di riferimento: il rapporto con il suo corpo, con la sua famiglia, con la società e con il posto che il bambino occupa in essa, il modo in cui percepisce la sua identità, il suo valore e la fiducia in se stesso. Questa esperienza lo rende, inevitabilmente, consapevole della possibilità di morire, lo pone innanzi alla riflessione sul senso e sul valore della sua vita e, più in generale, sul posto che la malattia occupa nella sua esistenza (Perché proprio a me, alla mia famiglia? Di chi è la responsabilità?). La sfida del trattamento consiste nel guarire il bambino nelle migliori condizioni possibili, nell’aiutarlo ad attraversare questo periodo della sua vita preservando la sua dinamica esistenziale, cioè rimanendo se stesso….Inoltre, è fondamentale che il bambino mantenga viva la fiducia in se stesso e negli altri”. Da “Crescere con il Cancro” di Daniel Oppenheim.

EDITORIALE

Francesca Testoni, responsabile Area Assistenza

Questa è la sfida, la grande difficoltà di riprendere un cammino interrotto. Perché non si può ritornare “come prima”, l’esperienza è troppo importante, traumatica; non si è più quelli di prima. Si ha voglia di tornare ad essere “normale”, di ritrovare gli amici. Ma si è diversi, c’è imbarazzo reciproco, quel tuo non poter spiegare fino in fondo e il loro non poter comprendere fino in fondo. L’esperienza della malattia, non porta solo dolore fisico. I bambini oltre ai legami con la vita quotidiana, con gli amici, gli insegnanti, vivono anche la perdita di se stessi, della propria integrità fisica. Il percorso li costringe a vivere tante perdite e separazioni; compresa quella di altri bambini con cui hanno condiviso l’esperienza di malattia. Acquistano consapevolezze e maturità diverse da quelle dei loro coetanei, cambiano i loro parametri di valori e di relazioni. Al momento del fine terapia i bambini reagiscono in modalità diverse, che possono assumere diverse sfumature fino ad arrivare a due estremi opposti. Ci può essere chi vive il sollievo per aver finito le cure e al pensiero di essere definitivamente guarito, chi, al contrario, sente di essere segnato a vita e con la possibilità che la malattia resti in agguato e possa tornare. Tutte le varie reazioni comportano ansie e problemi nel riaffrontare la quotidianità. I bambini dovrebbero avere sempre l’opportunità di elaborare le ansie collegate alla malattia anche se non esplicitate. Altrimenti rimangono lì sepolte ma pronte a riaffiorare, anche dopo tanto tempo, in momenti di 3


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

EDITORIALE

crisi come l’inizio di un nuovo ciclo scolastico, nella relazione di coppia, nel desiderio o nella paura di avere figli. Alcuni si sentono sopravvissuti, con sentimenti di colpa nei confronti degli altri “eroi” persi durante la battaglia, “gli altri non furono meno vincitori” dice in un suo scritto un ragazzo resistente. E tutte queste ansie, queste difficoltà vengono, spesso, vissute anche dai fratelli. Non è così facile il ri-adattamento, la ri-abilitazione di questi bambini. Non credo sia questa la sede per analizzare le cause per cui nel nostro paese venga dato così poco peso alla riabilitazione psicosociale dei pazienti oncologici pediatrici e trascurata l’importanza di équipe multidisciplinari che lavorino sinergicamente su questi percorsi. Desidero bensì dare importanza e valore agli strumenti e alle armi che possiamo mettere in campo, alle opportunità che possiamo offrire a bambini e famiglie e progettarne nuove. Il nostro viaggio annuale ad Eurodisney, non è solo una gita meravigliosa, è a tutti gli effetti una terapia ricreativa, riabilitativa per i bambini in post terapia, per i loro fratelli che tanto hanno sofferto, per i genitori provati e spaventati. Ma anche per gli operatori rappresenta l’opportunità di alleggerire il loro ruolo relazionale con i bambini, di non essere per loro, almeno in quei giorni, chi somministra terapie, chi prescrive ricoveri, medicine e divieti. E poi la grande opportunità offerta da Dynamo e dalla Fondazione Rangoni di far partecipare i bambini ai Camp. Un’occasione unica, qualificata, bellissima per i nostri bambini e ragazzi, in alcuni casi anche per i fratelli e/o la famiglia intera. Un’occasione per ri-trovare la propria identità, ri-scoprire le possibilità del proprio corpo, re-instaurare relazioni paritarie con i propri coetanei, ri-pensare al percorso di malattia con leggerezza, ri-abilitare le proprie capacità, ri-costruire le proprie sicurezze, ri-conquistare l’autostima, ri-assaporare il rapporto con la natura, recuperare le occasioni di divertimento perdute. Il termine sindrome di Damocle viene usato per descrivere la situazione psicologica di chi cerca di raggiungere la piena integrazione come membro attivo della società mentre convive con la paura che possibili complicanze dovute alle cure possano interferire con le sue aspirazioni.

4


RIABILITAZIONE

Tornare abili Francesca Testoni, responsabile Area Assistenza

Per riflettere sul significato profondo della riabilitazione è possibile partire dal suo significato: ”restituire le abilità”. Per essere tale la riabilitazione deve interessarsi all’individuo nella sua globalità fisica, mentale, affettiva, comunicativa e relazionale fino a coinvolgere il contesto familiare, sociale, ed ambientale. Guardando al sistema sanitario italiano, la prima constatazione emersa dalla riflessione di coloro, famigliari e operatori, che stanno quotidianamente accanto ai malati è la grave mancanza di misure di riabilitazione oncologica. E’ quindi emerso il bisogno di elaborare un concetto specifico di riabilitazione capace di assicurare ai malati di cancro non solo la sopravvivenza, ma anche una accettabile qualità della vita e un sostegno reale alle necessità sanitarie ed esistenziali che si sviluppano dopo la malattia e la terapia. Sotto queste premesse già nel 2006 é così stato attivato il programma “HO CURA”, di Health Organisation of Cancer Units for Rehabilitation, attraverso il quale la cultura socioassistenziale del volontariato rappresentato dalla F.A.V.O. e quella tecnico-scientifica dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano si sono unite per trovare una soluzione al diritto negato alla riabilitazione oncologica per gli ex-malati di cancro, ponendo la persona al centro del binomio ricerca-cura. Da questo lavoro è nato il “Libro Bianco sulla riabilitazione oncologica”. “Il progresso scientifico – recita il testo - ha aperto nuove

frontiere per le affezioni oncologiche in età pediatrica, che attualmente sono curabili. Ne risulta la necessità di lavorare per il miglior recupero possibile del bambino/ ragazzo malato e per la qualità di vita della famiglia. Con queste finalità, da anni si cerca di realizzare nei centri di cura un’apertura all’attuazione di interventi di carattere globale in collaborazione - oltre che con psicologi e neuropsichiatri infantili - con assistenti sociali, insegnanti, educatori e/o animatori e volontari. Occorre proseguire e approfondire, a volte addirittura avviare, il dialogo a livello interdisciplinare, condotto con la prospettiva psicologica di “cercare insieme”, per ogni caso, la modalità migliore, in quanto possibile, per realizzare la sua qualità di vita. L’obiettivo a lungo termine della cura in oncologia pediatrica è di sostenere l’ingresso nell’età adulta con la maggiore autonomia possibile. Una diagnosi di cancro corrisponde a una diagnosi di tradimento del corpo: ieri era tuo, oggi è ‘abitato’ da qualche cosa di non controllabile che richiede la collaborazione di esperti che non necessariamente si chiedono quali siano i tuoi bisogni e quale la tua identità. Ma proprio perché il corpo ti tradisce, la tua psicologia ha bisogno di un alleato, di qualcuno che ti aiuti a fare un progetto, a costruire un futuro che tenga conto della modificazione del tuo corpo, delle tue attese di vita, delle tue speranze e paure”. 5


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Dynamo Camp e Punto a campo TERAPIE RICREATIVE 6

I bambini e gli adolescenti oncologici in terapia presso i centri oncoematologici pediatrici italiani hanno la possibilità di accedere alle terapie ricreative realizzate da due grandi associazioni, Dynamo Camp e Punto a Campo. Speculari nella finalità e affini nelle modalità di intervento, le due associazioni differiscono prevalentemente per il luogo su cui operano: se Dynamo infatti organizza campi ricreativi in Italia, Punto a campo li realizza all’estero. Entrambe si fondano sulla consapevolezza che attraverso il gioco è possibile che le cure trovino un campo più recettivo e che la malattia possa quindi essere sconfitta con più facilità. A livello fisiologico, infatti, la terapia ricreativa libera beta-endorfine, che hanno effetto antidolore e stimolano le difese immunitarie. In Italia ogni anno si ammalano di cancro 1500 bambini e di questi guarisce il 75-80%. “Almeno il 40% dei bambini in terapia ottiene risultati migliori dal trattamento, quando si creano condizioni sociali e ludiche che ne favoriscono una ripresa a 360 gradi”, ha dichiarato Momcilo Jankovic, responsabile del Day Hospital di Ematologia Pediatrica dell’Ospedale S. Gerardo di Monza e direttore medico di Dynamo Camp. AGEOP collabora con Dynamo Camp e con Punto a Campo per offrire ai bambini, sia durante le terapie che al termine delle stesse, questa grande opportunità. Per questo propone i campi ricreativi ai bimbi di cui si prende Cura e che sono nelle condizioni cliniche idonee e si adopera perché possano partecipare. DYNAMO CAMP – Campi ricreativi in Italia È un luogo dove i bambini con gravi patologie tornano ad essere bambini. Un luogo di vacanza dove la vera cura è ridere e la medicina è l’allegria, dove un bambino malato è un eroe capace di grandi imprese. Dynamo Camp è rivolto gratuitamente a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni affetti da patologie gravi o croniche sia in terapia attiva che in post ospedalizzazione. Il programma di Dynamo Camp è costituito da tante attività creative, espressive, divertenti strutturate in base al modello della Terapia Ricreativa, con la costante supervisione di personale qualificato e medici ed infermieri sempre disponibili. Vengono organizzati spettacoli teatrali, laboratori d’arte – Dynamo Art Factory – musica, registrazioni radio – Radio Dynamo - fotografia e video – Dynamo Studios – scuola di circo, passeggiate a cavallo, campeggio, attività in piscina, arrampicate. Ogni attività può essere interpretata come una sfida personale, costruttiva e senza elementi di competizione. I ragazzi scelgono il ritmo a cui procedere ed il limite fino a cui spingersi. Ogni obiettivo viene raggiunto con l’impegno individuale e con la collaborazione del gruppo. L’attività è seguita da una discussione di gruppo per riflettere sugli obiettivi raggiunti, sul modo in cui ci sono riusciti e sul significato del loro successo. Questo processo porta alla scoperta di poter riuscire anche laddove non ritenevano di essere capaci e a concentrarsi sulle loro abilità piuttosto che sulle disabilità, riscoprendo l’autostima e la fiducia in loro stessi. Naturalmente l’esperienza a Dynamo Camp è soprattutto divertimento!!!

immagini tratte da www.silviacalzolari.com www.fattorefamiglia.com


TERAPIE RICREATIVE

PUNTO A CAMPO – Campi internazionali all’estero Punto a Campo è un progetto della Fondazione Alberto Rangoni rivolto a ragazzi dai 10 ai 16 anni con patologie oncologiche ed ematologiche, che consente loro di partecipare a campi estivi gratuiti appositamente strutturati. È la possibilità di mettere un PUNTO alla condizione ed ai limiti imposti dalla malattia ed iniziare una nuova grande avventura con coetanei da tutto il mondo che condividono esperienze simili. E’ la realizzazione di un programma di terapia ricreativa, attraverso il quale i ragazzi riscoprono la gioia e la spensieratezza, acquistando anche un nuovo punto di vista sulla malattia che ne mette in luce tutte le potenzialità e non più solo i limiti. I campi sono stati creati per volontà di Paul Newman e sono sia in Europa sia negli Stati Uniti: Barretstown in Irlanda, The Hole in the Wall Gang Camp in Connecticut, The Double H Ranch in Svizzera sul Lago di Lucerna, Bátor Tábor in Ungheria, Waldpiraten-Camp in Germania, L’ENVOL in Francia ed infine The Imus Ranch nel New Mexico. Ogni attività è strutturata per offrire la magnifica opportunità di sviluppare l’autostima, la fiducia in sé stessi, lo spirito di gruppo e l’amicizia tra i ragazzi. La terapia ricreativa include gli elementi di scelta, sfida, collaborazione successo, riflessione, scoperta e soprattutto divertimento!

immagini tratte da www.fondar.org

L’obiettivo principale, oltre a trascorrere alcuni giorni indimenticabili, è incoraggiare i ragazzi a vedere la loro malattia da un altro punto di vista, imparando a sfruttare tutte le proprie capacità e a convivere con la malattia in un modo positivo. A tutto questo si aggiunge l’opportunità di conoscere persone e culture da tutto il mondo! I ragazzi sono seguiti dagli accompagnatori italiani e da educatori qualificati. Le attività comprendono percorsi avventura, attività creative ed espressive, come equitazione, canoa, tiro con l’arco, campeggio, attività manuali, teatro, fotografia, laboratori di scrittura. Ogni attività è supervisionata da personale qualificato ed è garantita costantemente assistenza medica di assoluta eccellenza.

7


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Il campo estivo l’amore e la speranza Esperienze dello psicologo sul campo per bambini adolescenti malati di cancro Vukašin Čobeljić, psicologo

TERAPIE RICREATIVE 8

NURDOR, in Serbia, ha organizzato quattro campi estivi ed un campo invernale per i bambini e gli adolescenti guariti da malattie maligne. Nei primi tre campi estivi (2010, 2011 e 2012), i genitori hanno accompagnato i figli, mentre nei campi estivo ed invernale del 2013, gli adolescenti (da 12 a 20 anni) hanno partecipato al campo da soli Il termine campo, può far comprendere qual é la priorità di tutti i volontari. L’amore e la speranza si possono raggiungere con la socializzazione e la comunicazione, che includono intrattenimento, rilassamento e l’acquisizione di nuove competenze e conoscenze. Al campo, spesso, i giovani si separano dai loro genitori e dal loro contesto abituale per la prima volta. Vale a dire, dall’ambiente dove passano il loro tempo ogni giorno e dove si sentono sicuri e protetti. Questa nuova situazione prevede nuove opportunità, sfide e rischi. Per i partecipanti del campo, per tutta la durata del soggiorno si svolge il processo di socializzazione. Tramite la socializzazione e l’intrattenimento i partecipanti si incontrano e valutano tra di loro. Quando si parla al campo, la priorità non è parlare della malattia e del periodo di cura. Siamo più concentrati sul qui e ora, sul godere ogni momento e sulle situazioni future. Naturalmente, ci sono momenti in cui spontaneamente si comincia a parlare di certi sentimenti (della paura della morte, del dolore, del rifiuto da parte dei compagni, della tristezza e dell’impotenza a causa della perdita di un amico durante le terapie). Di solito questo succede durante i laboratori di psicologia, quando questi sentimenti possono venire elaborati e quando, noi psicologi, cerchiamo di dare il supporto massimo ai bambini e ai giovani. Per tutto il tempo inviamo loro il messaggio che sono eroi e che devono osservare le difficili esperienze precedenti come una situazione da cui è possibile emergere più maturi e più forti. Per loro è importante che al campo esistano regole e confini chiari (cosa è consentito e cosa è proibito). Il tempo è chiaramente strutturato e, durante il tempo libero, si organizzano da soli in un modo più conveniente per loro. Durante le varie attività tendono a mostrare il coraggio e l’audacia (quando si tratta di acquisire nuove competenze sciare, nuotare, orientamento, arrampicata, immersione...). Mostrano anche un alto grado di empatia, di comprensione reciproca e di comprensione verso gli altri che non hanno vissuto un’esperienza simile. Tendono ad aiutarsi tra loro, i partecipanti più esperti aiutano i nuovi e i più giovani e spiegano loro le regole. La partecipazione al campo permette loro di sperimentare, di mettersi alla prova in un’ambiente sicuro ma nuovo. In questo modo, imparano qualcosa di nuovo su se stessi, sugli altri e sul mondo che li circonda. L’obiettivo è aumentare l’autostima e il senso di sicurezza.


TERAPIE RICREATIVE

Da loro otteniamo tantissime informazioni importanti, possiamo comprendere chiaramente ciò che hanno vissuto e provato durante l’esperienza di malattia. D’altra parte, nel corso degli anni abbiamo seguito il loro processo di maturazione e sviluppo. Adattiamo il nostro comportamento ad ogni bambino avendo in mente la sua età e le caratteristiche personali. Per i volontari ogni bambino dovrebbe sempre essere un pianeta particolare, un mondo speciale, da trattare senza mai commiserazione. Ogni posizione di autorità e di potere dovrebbe essere evitata. Ci mettiamo sempre in ascolto di questi ragazzi, per sentire le loro opinioni e osservare i loro atteggiamenti; la loro comunicazione è chiara e concreta. Cerchiamo sempre di sostenerli e spronarli (“Vieni, puoi farlo!“), però senza mai costringerli. Li trattiamo come persone pari con una propria personalità. Al campo noi psicologi non interveniamo per valutarli, per fare diagnosi, osservare le loro debolezze, ma per riconoscere i loro punti di forza, le capacità e le risorse (ricordando sempre il nome del campo!). Certo, gli indichiamo i comportamenti inadeguati, però in modo garbato, senza esprimere una valutazione sulla loro personalità, e con un focus sempre sui comportamenti concreti, non dando mai giudizi sul bambino ma solo sull’azione non bella che ha compiuto. Stiamo attenti a non fare mai queste osservazioni davanti a tutti, ma a parte, quando ci possono capire in modo giusto. Non cerchiamo mai conclusioni premature, e non li mettiamo di fronte a se stessi. Cerchiamo di capirli, di metterci al posto loro, di sostenerli e incoraggiarli. Siamo affettuosi quando hanno bisogno di tenerezza, li abbracciamo e usiamo l’amore quando le circostanze lo permettono. In qualsiasi momento, devono sapere che questo campo è per loro e che noi (operatori, volontari, medici, psicologi) siamo tutti qui per loro!

9


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

12 DICEMBRE 2013 APERITIVO STAFF AGEOP IL PIÙ BEL REGALO DI NATALE PER NOI SONO I RISULTATI RAGGIUNTI INSIEME. AUGURI & SOGNI CONDIVISI

EVENTI 10


PERCHE’ LA VERA GIOIA LA PUO’ COMPRENDERE APPIENO CHI CONOSCE IL SALE DEL DOLORE.

EVENTI

VI RACCONTIAMO UNA FESTA DI NATALE MERAVIGLIOSA, LA PIU’ BELLA... IN UN POSTO SOSPESO CHE IN QUEL MOMENTO ERA IL PAESE DELLA GIOIA.

11


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

EVENTI Grazie alla solidarietà di Margherita Cennamo che ha riempito “l’attesa” con la sua professionalità; grazie a Gino Fabbri, ineguagliabile Babbo Natale dal cuore immenso; un abbraccio con sconfinato affetto agli storici amici Malandrino e Veronica, inattendibili alberi di natale: grazie per trasformare tutto in allegria e la leggerezza . Grazie a Claudia Alvisi per l’incantevole decorazione del carrello pieno di giochi che Babbo Natale e Alberi hanno distribuito ai bimbi presenti in day hospital, reparto e trapianto. Momenti di gioia indimenticabili! Quanti sorrisi ci hanno regalato! Ringraziamo gli ospiti: agenti della Polizia di Stato reparto Prevenzione Crimine Emilia Romagna Orientale, accompagnati dal dirigente dott. Di Lembo, Croce Verde di Predappio, dott. Annarumma della Banca Popolare, Rimini Happy Basket, i nostri impagabili volontari …. Ringraziamo ancora Gino Fabbri per aver offerto, come da secoli, lo squisito buffet. Aspettiamo la prossima festa ! 12


EVENTI Anche quest’anno la gara di solidarietà ha portato buoni risultati, per ringraziare i tantissimi sostenitori non bastano queste pagine… se qualcuno manca…ci perdoni, nel nostro cuore ci siete tutti. GRAZIE!

Alle Aziende e ai privati per le donazioni GENEROSISSIME:

Anaao Assomed, Anderlini–Malaguti, Antress Industy Spa, Bagni Alta Marea di Cattolica, BCC Gradara, Bologna Congressi Spa, Bietifin, Anna Maria Borione, Cefla, Coop Adriatica,Consorzio Imprese Funebri, Fondazione di Religione Maria Immacolata, G.D., Hair Fashion di Cattolica, Marco Giovinazzi, Longhi-Berzieri, Manutenzione Installazione Ascensori Modena, Malossi srl, Moda in Italy, Nike Italy srl, Prometeia.

Per aver scelto i nostri biglietti natalizi e le lettere aziendali:

Arti Grafiche Reggiani, Avv. Luigi Bagnulo, Loretta Ballati, famiglia Brozzi-Gozzi, Baschieri & Pellagri, Stefano Beltrami, CMI Cerniere Meccaniche, Consorzio Nazionale Servizi, Day Ristoservice Spa, Marco Del Monte, Diamond Dent, E.QU.A Srl, Euroscambi Spa, Galileo Ingegneria, GVM di Pietro Rossi, Industrial Tecnica, L’Estetica di Giorgio Tonolini, Leonardo Srl, Ferdinando Lettieri, Mercatone Uno, Milano Assicurazioni di Voghera, F.lli Morozzi, Nettuno Ascensori, Pietro Galliani Spa, Roberta Pizzirani, Promotec, Saverio Selmi, Studio dott. Albertini, Studio Avv. Cardelli Nanni, Barbara Salvadori, Studio Maccolini, Studio Monti, Studio Vittori Rigosi, Tecnorulli, Therascience, Giuseppe Zanolini.

… e per aver aggiunto alle strenne una generosa donazione per i nostri progetti

CMI Cerniere Meccaniche, CNS Consorzio Nazionale Servizi, Day Ristoservice Spa, Diamond Dent (per il Progetto Siepelunga), Euroscambi Spa, Galileo Ingegneria (per il Progetto Arteterapia), Navalia (per il Progetto Siepelunga), Outlet Manila Grace, Promotec, Tecnorulli (per la Ricerca Scientifica).

13


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

23 dicembre 2013 pizzata in reparto.

è stato molto di più; lo scorrere del tempo, degli affetti, della vita, della lotta comune contro un male incomprensibile e la sofferenza che procura. Amici di ieri, di oggi e di sempre perché quando si condividono momenti ed esperienze così estreme, dove la vita e la morte si incontrano, il legame che ne scaturisce è per sempre.

EVENTI 14


Dona alla renna la tua strenna GIOCHI RACCOLTI: 4.097

GRAZIE Ai privati, alle tantissime Scuole, ai gruppi di Colleghi di uffici privati e pubblici, e…senza dimenticare tutti gli altri: a Coordinamento Donne Boschi di Baricella, Bologna Chapter, Disney Store, Mirco Stefanelli e Bar Moretto, Grazia Lombardi, Associazione Fontechiara di Tolè, Ludicom. Grazie al Circolo Dipendenti Farnè del Comune di Casalecchio e Fishing Club Barricata di Porto Tolle per aver raccolto contributi da destinare all’acquisto giochi.

EVENTI

Ringraziamo per i tanti doni che diventeranno premi di coraggio dopo le manovre dolorose, allieteranno i compleanni e le giornate in ospedale dei nostri piccoli.

Grazie a chi ci ha ospitato: Aeroporto di Bologna, Mercatone Uno, Centro Commerciale Via Larga, Emporio Sterlino, Farmacia Contavalli, Giannino Stoppani, Hoffmann, Ludovico Giochi, Naturgiocando, Pesaro Giochi, Toys Center, Atlantide Libreria di Castel San Pietro, Edicola Sampaoli di Forlì, La Cicogna di Imola, Patarù di San Lazzaro. Sempre grazie a IKEA per la Campagna Soft Toys dedicata ai nostri bimbi. GRAZIE A TUTTI PER AVER RESO PIU’ SERENO IL NATALE DEI NOSTRI BIMBI.

Per aver organizzato mercatini e banchetti e distribuito i nostri prodotti in grandissime quantità GRAZIE A:

Catia Trerè, numero uno!; Giovanna Casarini a ruota!, Gabriella Ciani e Marina, attivissime da anni con i loro mercatini estivi e invernali; la grandiosa Tania Gozzi che si prodiga per noi in ogni modo; i nuovi straordinari “venditori” di Ravenna: Franca Zaganelli (& Casadei) e Sara Marini, che ci hanno stupito con risultati straordinari, grazie anche ai loro collaboratori; Stefania Baraldi promotrice Ageop DOC; Deborah Montanari, new entry; la cara Marisa Gavioli. Grazie a Ines Landini per l’organizzazione del mercatino con le borse “Sabina” che si è dimostrato un grande successo, hanno venduto tutto! Cogliamo l’occasione per ringraziare anche Giuseppe Vella e l’Università della Terza Età di Follonica. Grazie ai cari ragazzi di Mordano per l’iniziativa “La Slitta di Natale” edizione 2013, sempre per noi. Grazie a chi ha regalato dolci, cioccolata, panettoni, calorie e squisitezze varie, grazie all’Autogrill dell’aeroporto.

15


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

EVENTI 16

La Befana di AGEOP non é bellissimA. d’altronde é una Befana, però é buona e brava. Arriva ogni anno, puntuale, il 6 gennaio in reparto. Non spaventa i bambini perché é brava e gentile, li conosce e li capisce. Sa giocare e parlare con loro e insieme alle calze porta bellissimi regali! Grazie Befana!


Cari amici,

La felicità è quando sei sano, sei bravo a scuola e quando hai tanti amici che ti vogliono aiutare.

Quando ad un bambino viene diagnosticata una malattia maligna, nella famiglia si insidia paura, ira, rabbia, tristezza, senso di colpa, stress, panico. Genitori e bambini entrano in un labirinto, cercando di risolvere una serie di questioni sanitarie, legali e psicosociali. E mentre gli uni corrono disorientati per i corridoi bui cercando una via d’uscita, gli altri sono seduti immobili in un angolo remoto, rifiutando di affrontare la nuova situazione. Il tempo passa, le domande si moltiplicano: “Come faccio a spiegare al mio bambino di cosa soffre?”, “Cosa dico ai parenti?”, “Quanto durerà la cura?”, “Il mio capo mi permetterà di assentarmi dal lavoro?” Una risposta giusta nel momento giusto puo’ rassicurare, incoraggiare ed aiutare la famiglia ad uscire dal labirinto. Alcuni di noi hanno esperienze personali e sono disponibili a condividerle con i genitori. Tra i membri della nostra associazione ci sono anche medici ed infermieri dei reparti emato-oncologici di tutta la Serbia, così come un gran numero di volontari. Tutti noi insieme, da dieci anni, combattiamo contro questa malattia spietata. Non tutti i giorni sono un “buon giorno”, però noi non ci arrendiamo. Costantemente cerchiamo di migliorare la qualità della cura e della vita dei bambini malati di tumore e introduciamo gli standard europei nell’oncologia pediatrica serba.

GEMELLAGGIO

23 DICEMBRE 2013: una bellissima giornata per festeggiare i 10 anni di NURDOR: un lungo cammino in parte fatto insieme, giorno dopo giorno, notte dopo notte con tante battaglie e tante vittorie!!!

Grazie perché siete con noi e perché ci sostenete. Solo con voi diventiamo un insieme forte. Sappiate che ogni vostro sforzo sta illuminando la strada che porta fuori dal labirinto. Cordiali saluti Membri dell’associazione NURDOR Dicembre 2013 17


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Progetto di gemellaggio di Branislava Penov

GEMELLAGGIO

Che la solidarietà non conosce confini, lo conferma il “Progetto di gemellaggio tra AGEOP RICERCA e NURDOR. Da cinque anni, insieme, otteniamo importanti risultati che per noi non sono solo d’incoraggiamento, ma anche di stimolo ad espandere e approfondire la collaborazione tra le nostre due associazioni. AGEOP ha 30 anni di esperienza, è per noi un amico eccezionale, al nostro fianco in molte attività. Ci unisce costantemente lo stesso obiettivo – offrire le migliori condizioni possibili di cura e vita ai bambini malati di tumore in Serbia e Italia. I nostri amici di Bologna ci guidano con la loro esperienza, e ci accompagnano concretamente in battaglie socio culturali per diffondere coscienza sulla protezione dell’infanzia dei diritti di ogni bambino, ancor più se malati di cancro. Il duro lavoro quotidiano di entrambe le associazioni ha come risultato un continuo investimento in attrezzature e modernizzazione di tutti i reparti emato-oncologici in Serbia, apertura delle case-famiglia, attività educative, pubblicazioni, programmi psico-sociali e programmi di riabilitazione e riadattamento sociale. Grazie al Progetto di gemellaggio, si è costruito un ponte di collaborazione professionale, di scambio delle esperienze, di formazione del nostro personale medico a Bologna e di cura di quei bambini per i quali non era possibile trovare un adeguato protocollo terapeutico in Serbia. Con il continuo sostegno e il patrocinio dell’associazione bolognese, AGEOP RICERCA, la nostra associazione cresce quotidianamente aumentando il numero dei membri, amici e donatori. Come dice la nostra amica Francesca Testoni di AGEOP RICERCA: “Ogni progetto di gemellaggio è un reciproco flusso di ricchezze che derivano dall’incontro e dall’influenza di culture ed esperienze diverse”. GRAZIE!

Nurdor Srbija ha festeggiato i suoi primi dieci anni di vita con 5 case di accoglienza, 3 a Belgrado, 1 a Novi Sad e 1 a Nis; oltre 300 volontari; 80 bambini con le loro famiglie accolti nel 2013. Progetti di psiconcologia, formazione volontari, formazione personale medico infermieristico. Ogni anno in Serbia 350 nuove diagnosi di cancro in età pediatica. 18


VIENI AL PUNTO!

AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Il Punto Ageop Bologna ha riaperto con tante occasioni per la primavera!

Potrai curiosare tra proposte diverse: creazioni artigianali, oggetti per la casa, vestiti e articoli per bambini, reparto vintage, bomboniere fatte a mano e un angolo di occasioni solidali.

E…ricorda: il nostro è anche un PUNTO DI RACCOLTA!

Puoi portare bijoux, piccoli mobili, vestiti, libri…Tutti gli oggetti nuovi o ancora belli che a te non servono più, torneranno utili per soddisfare i bisogni dei bambini e i genitori dell’Oncologia pediatrica o per sostenere i progetti che Ageop realizza per loro.

Vieni al PUNTO anche tu! Il Futuro dei bambini malati di tumore comincia anche da qui.

TI ASPETTIAMO A BOLOGNA IN VIA BENTIVOGLI 9

Orari: lunedì 15-18; da martedì a venerdì: 10-13/ 15-18. Sabato: 10-13. Tel 051 6494734 email: punto@ageop.org

A CATTOLICA in via Milazzo 2. Tutti i giorni, h.10 - 12 / 16 -18 (tranne martedì pomeriggio e domenica mattina). Tel. e fax 0541 961346 - ageop@cattolica.info

A FABBRICO

Fax.0522650931

in via Piave, 20 - Orari: giovedì e sabato h. 10-12 - Tel. 3338484301

DAL PRIMO FEBBRAIO HA RIAPERTO IL PUNTO AGEOP, LA NOSTRA BOTTEGA SOLIDALE DOVE PUOI TROVARE TANTISSIME IDEE E OFFERTE! TI ASPETTIAMO!


In questo numero ringraziamo

AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Le donazioni finalizzate all’acquisto di Casa Siepelunga Il sorriso dei bambini, la speranza dei genitori, un aiuto concreto, questo è il regalo che avete donato. Ringraziamo, fra i tanti che hanno contribuito a garantire per sempre una casa ai bambini ammalati: Difficile trovare ancora parole per esprimere la nostra gratitudine al CIRCOLO DIPENDENTI REGIONE EMILIA ROMAGNA per la solidarietà che li contraddistingue e per “averci adottato” da anni, contribuendo con generosità ed entusiasmo alla concretezza di tanti nostri progetti. Il sogno di Casa Siepelunga si è avverato anche grazie ai tanti mattoni che…abbiamo tolto dal mutuo grazie alla loro spettacolare donazione di 7.500 €. Lo spettacolo “Talenti in Regione” organizzato dal CRAL

RINGRAZIAMENTI

Grazie alla sensibilità del piccolo Francesco Preiti che in occasione del suo 9° compleanno ha scelto di non ricevere regali dai suoi amici, che ringraziamo, ma contributi per Casa Siepelunga. • First Cut Parrucchieri di Novellara (Re) per il contributo di 350 € e poi…grazie a • T.G.T., Massimo Minarini, Francesca Belletti e Maurizio Dolorati,

Le donazioni RINGRAZIAMO • Alfredo Liverani, grazie di cuore per averci sostenuto con 2.000 € e con il suo affetto di sempre • Paolo Zanarini, la Parrocchia San Giorgio di Corporeno e tutti coloro che hanno contribuito alla splendida riuscita dell’evento Vini in Villa…2000 €! Sinceramente grazie. • gli indimenticabili Prof. Rosito e Dott.ssa Mancini per l’ultimo contributo di 1000 €, per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi, per la vicinanza e per il profondo sostegno. • i Dipendenti La Patria per averci pensato ed aver donato 700 € • il nido Crescere Insieme di Ravenna: grazie per la solidarietà e per il contributo di 440 € • Edgarda Battaglia e amiche per averci consentito di acquistare la lavatrice per la Casa di Via Barbiano con il ricavato di un torneo di burraco

Le donazioni materiali GRAZIE A

20

• Fabrizio Oliani che ha donato 2000 € ricordando Antonella • Amel Informatica per il contributo di 1000 € • Avis Castelmaggiore, Cosmi Holding, Nuova T.M.R. di Novellara, Avis Gruppo Cicloturistico, Baule Volante per il prezioso supporto di 500 € • Valeria Malferrari per aver acquistato 8 mattoncini • E poi…Annalisa Nardini; una nostra volontaria che ha organizzato un torneo di burraco, Daniela Alberghini e Cacciari • Gli amici di Stefano Scognamillo per l’asta benefica che ha prodotto un ricavo di 360 €

• Silvia e amiche per aver rinunciato ai loro regali per donare ai nostri bimbi 3 bellissimi lettori Dvd e 3 utilissimi apparecchi per aerosol • Paola Mazzali che ci ha inviato….la telecamera !!! • Lalla Antonioli Perrotta per le bellissime ceramiche pesaresi che ha prodotto e donato a noi • Michela Castagnini per la donazione, generosa e preziosa, di nuovi capi d’abbigliamento 0-16 anni causa cessata attività, utilissimi per i nostri bimbi • Bonfiglioli Efrem che ha accolto i nostri appelli e ci ha donato il frullatore e 2 apparecchi aerosol • la Farmacia Due Madonne, dott.Paolo Donelli e a Giusy Lo Re per i frullatori, utilissimi nelle nostre case d’accoglienza • Andrea Capecchi per il frullatore

Progetti per noi GRAZIE A • Banca Popolare di Milano per aver finanziato con 5.000 € il Progetto di Ricerca Scientifica sull’evoluzione clonale nella recidiva precoce della leucemia mieloide acuta dell’età pediatrica a cariotipo normale. • Enrico e Onorina da Treviso, in ricordo di Elia, per la Ricerca • Antonio Fittipaldi per Eurodisney, in ricordo di Salvatore • Ex Libris S.r.l. di Verona, Laura Beggio, Stefano Beuri, Carla Ronchi, la famiglia Asioli a favore dei Progetti di Ricerca • Luca Vitelli e Magnani Benedetta per la donazione di 500 € per il Progetto Accoglienza • Federica Fiori per il Progetto Accoglienza in particolare per la “cameretta Michelangelo” • Roberta Beccari per i meravigliosi ed utilissimi oggetti natalizi • il maestro Luigi Girati per la nuova donazione di libri dall’eredità Carla Maria Badini • Lorena Simoncelli per aver realizzato anche quest’anno dei graditi manufatti per il nostro Punto • Globe International per le calde, morbide e belle pantofole da bimbi • Rizzo Andrea per le delizie cioccolatose Lind che ci ha spedito anche quest’anno, graditissime e terminate in pochi giorni!! • Paola Panzini che ha donato 10 copie del suo libro “Dall’Africa a Mirabilandia” • Rewe Italia S.r.l per i giochi e le figurine • Gloria Neri per aver dipinto gratuitamente il tavolo del negozio


Le ricorrenze

IL SORRISO DI UN BAMBINO È UNA GIOIA PER IL MONDO. UN MONDO DI SORRISI È LA NOSTRA SPERANZA… Per questo tanti amici, in occasioni liete, pensano che un sorriso di gratitudine possa essere il più bel dono e scelgono di devolvere ad A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS il corrispettivo di regali e bomboniere. GRAZIE

Assortimento vario Le Scuole, i

Aurora Bencivenni; Nicolò Bilotti; Pietro Bovinelli; Viola Calzolari; Sara Cavaliere; Rachele Damiano; Valeria De Magistris; Cecilia Galasso; Sofia Iusco; Luciano Mucciardone; Giovanni Elia Nicoletti; Rachele e Letizia Piazzi; Diego Reale. Grazie alla famiglia Grandi per il generoso contributo in occasione della nascita di Valentina.

I compleanni MOLTI AUGURI

La bellissima Emma figlia della nostra volontaria Laura Proietti

a Marta Borgognoni che ha compiuto 80 anni il giorno di Natale e grazie di cuore a Carla per il regalo solidale che ha voluto farle; a Beatrice e Angelica Toschi per aver raccolto 295,73 € nel giorno del loro compleanno e dimostrato una non comune sensibilità, grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato alla festa e donato un contributo. 505 € è il ricavato dalla raccolta effettuata in occasione della festa di compleanno delle piccole Lucrezia Guerzoni, Elena e Gaia Guidoboni, Caterina Pedretti!! Grazie, siete davvero speciali.

Le Cresime e le Comunioni AUGURI GRANDI A

Gruppi Sportivi, le Associazioni, i Centri Sociali, Culturali, i Circoli Aziendali, i Mercatini... RINGRAZIAMO SINCERAMENTE Rinnoviamo la nostra gratitudine al dott. Emilio Ledonne per averci scelto come destinatari dei contributi offerti da numerose persone in occasione del suo pensionamento. Grazie ai tantissimi che hanno raccolto il suo appello.

Susanna Caliceti per aver organizzato un burraco A.G.E.O.P. insieme alle amiche ed aver donato 1.100 € Milli Barcelloni per il pranzo benefico che ha permesso un incasso di 645 € Lorella Boselli e tutti coloro che hanno permesso di ricavare 400 € per noi tramite il gioco “Indovina il peso 2013”, annuale tradizione della Tabaccheria Boselli. L’Associazione Valle del Sole di Monzuno per il contributo di 200 € Pietro e Giuliana Puglioli e al Gruppo “I Guelfi” per il concerto al Piccolo Teatro del Baraccano e per essersi prodigati a sostenere le nostre attività. Gli amici del Sacro Cuore per averci nel cuore.

Paola Ceruolo; Lorenzo Cretti; Filippo Cristiani; Isabetta Finelli; Giulia Fossati; Margherita Gucciolo; Francesca Lelli; Ilaria Menini festeggiata dalla famiglia Vanelli Coralli; Federico Noviello; Beatrice Pedretti; Beatrice Rondelli; Anna Vernarelli;

Il Centro Sociale Funo e CREATIVAMENTE per la costante amicizia.

I matrimoni

ASD Fermignano Roller per essere al nostro fianco.

Arrigo e Graziella Cotti; Daniele e Delia Degli Angeli

Gli amici di Luca Bartoli per …. “la tombola del ciarpame”!

EVVIVA EVVIVA GLI SPOSI D’ORO

I nuovi sostenitori della Gestione Parcheggi Aeroporto di Bologna per il pensiero concreto.

EVVIVA GLI SPOSI A.G.E.O.P RICERCA

Erna Urbinati e Piero Bertocchi; Giovanni e Ernestina Bonvicini festeggiati da amici e parenti pensando a noi; Natalino e Angela Ferroni; Edgardo e Annamaria Montanari Auguroni a Giuseppe e Maria Cristina Aprea che hanno festeggiato il 25° anniversario di matrimonio.

Le lauree

Complimenti alla dott.ssa Rossella Carbone laureata in psicologia! Ci complimentiamo con la dott.ssa Elena Rostagno per aver conseguito il titolo di Dottore Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche con il voto 110/110 e lode!!

RINGRAZIAMENTI

Le nascite BENVENUTI!

Il Centro Sociale La Villa di Baricella per l’ultima donazione e per l’affettuosissima vicinanza.

La classe 2 D della Scuola Elementare Minghetti di Ozzano per aver manifestato tanta solidarietà. Donatella Pagliarini per aver prodotto e venduto per noi dei bei manufatti. Il Gruppo Giovani della Parrocchia San Giacomo Fuori le Mura per il gradito pensiero.

Eccoli...eccoli...i soliti ignoti

Neri Giulia Zannini Vieri per la donazione di 200 €; Cini Gianluca che ha donato 300 €; Matteo Migliori, Francesco Pratesi, Gagliardi Gabriele, Enzo, Stefano, Giuseppe, Vincenza; a Zucchini Andrea per i 500 € da parte della piccola Greta con un sorriso…nei bonifici manca l’indirizzo, ringraziamo qui. Grazie a Mario Rossi...più anonimo di così! 21


AGEOP RICERCA NOTIZIE / 1 > 2014

Tutti gli eventi solidali conclusi ROUND TABLE E CLUB 41 RAVENNA Anche nel 2014 si parte per Eurodisney!!!!!

Grazie a Round Table 11 e Club 41 di Ravenna che ci hanno consegnato 30.000 € (TRENTAMILA!!!) ricavato dell’evento “I bambini in festa 2013” che si è svolto presso i Giardini Pubblici di Ravenna. Noi siamo estremamente e stupendamente soddisfatti del risultato raggiunto… e anche loro !.. come hanno riferito il Presidente Round Table Emanuele Lupetti e il Presidente Club 41 Massimo Natali . Il motto Round Table è “Adotta, adatta e migliora”: obiettivo raggiunto!. Le parole per ringraziarli ancora sono finite. Grazie Enrico !!!

EVENTI CONCLUSI

CUMPAGNI DI ESEN

15° Memorial Gil Quintale per noi, 15° grande risultato raggiunto. Tra balli, canti e lotteria i nostri amici hanno raccolto 3047 €. Grazie ai numerosissimi sponsor che hanno permesso do contenere le spese, grazie a tutta la “Cumpagnì’” per la fatica organizzativa e per il bene che ci vogliono, grazie al pubblico e un grazie molto speciale a Romano e Gregory.

POLISPORTIVA LAME 600

“Last Christmas Gala 2013”. Grazie per il bellissimo evento, siamo stati molto emozionati dallo spettacolo e felici di aver partecipato perché abbiamo percepito un grande calore. Complimenti! Grazie per la donazione di 600 €.

FESTA PARROCCHIALE A MARZABOTTO

Una serata dedicata ad A.G.E.O.P. dal Parroco della Chiesa di San Lorenzo di Panico (Marzabotto) e coordinata dalla instancabile volontaria e mamma Elisabetta Pugliese e da Caterina. Ringraziamo Don Adelmo Mercuri per la gentilezza e la disponibilità che ha avuto nei nostri confronti per la buona riuscita della serata mettendo a disposizione locali, materiale e tempo. Grazie ai volontari che collaborano con Elisabetta da lungo tempo e grazie al cuore delle persone che con il loro contributo aiutano i nostri piccoli. Il ricavato è stato di 685 €

I QUADERNI DI TIZIANO

Un progetto nato da Tina e Sara, in Abruzzo, per ricordare Tiziano, bambino speciale: la creazione di quaderni personalizzati con i suoi disegni in copertina, da distribuire durante le manifestazioni scolastiche. Ringraziamo l’Istituto Comprensivo 1 di Chieti, la dirigente scolastica Prof. Serafina D’Angelo per aver creduto al progetto fin dall’inizio. Ringraziamo inoltre Imprinting per la donazione delle copertine, il Supermercato COAL per gadget da abbinare ai quaderni, ANFA Foto e soprattutto la cara famiglia Di Gregorio e la famiglia Cocomazzi. 22

LA LINFA DEGLI ALTRI

Ancora una volta un grazie grandissimo alla Compagnia Leggeri per forza. Ci complimentiamo per lo spettacolo “La linfa degli altri” che mettono in scena per noi e che ogni volta rinnova il gradimento e il successo del pubblico. Grazie ancora Rita!!

A.S.C.O.

Da Zola Predosa sempre e spesso con amore ! Ogni occasione è buona per l’Associazione Sportiva Dilettantistica per sostenere A.G.E.O.P! Ringraziamo gli amici Filippo Follari (GRANDE!) e Matteo Follari (presidente ASCO), tutti i componenti ASCO, un pensiero alla Compagnia degli Asco..ppiati, Raffaella Scabbia della Casa di Jac (Centro per bambini al servizio delle famiglie) per l’ultimo evento a nostro favore “A tutto colori: un’idea per tutta la famiglia”, il ricavato della giornata 1000 € è stato donato a noi. Un grazie particolare a EMY ROSSI, in arte Emy, giovane, bella e bravissima cantante di Zola Predosa che ha donato il ricavato dalla vendita dei sui CD, 400 €, auguri per la tua carriera Emy! A presto preziosi sostenitori!

MONDO CREATIVO

La nostra allegra partecipazione al Mondo Creativo ci ha fatto incassare 1530,45 €

CLUB AGORA

Ringraziamo Nicoletta Lanzotti e tutto il Club Agora Bologna per il Torneo di Burraco che hanno scelto di dedicarci ed in cui sono stati raccolti ben 2.000 euro; soprattutto grazie per la preziosa amicizia e solidarietà che ogni membro del Club ci sta dimostrando.

DATECI CIELI DA COLTIVARE

Ringraziamo tutti i ragazzi dell’Associazione Culturale “La classe creativa” che, al Teatro Minerva di Minerbio, ci hanno donato l’emozionante spettacolo teatrale “Dateci cieli da coltivare”, coordinato dalle insegnanti M. Gironi, M. Marchegiani, F. Martinelli e L. Pinardi e condotto dalla regista Mara Vapori.


Serata da brivido alla ricerca dell’assassino, un intrigante e coinvolgente spettacolo offerto dalla Compagnia degli Sdozzi del Lions Club Bologna Irnerio. Esprimiamo a loro la nostra più sincera gratitudine, anche per averci donato un service e soprattutto per il prezioso e costante affetto. Ci complimentiamo con gli attori e ringraziamo il Teatro delle Celebrazioni per averci messo a disposizione gratuitamente il foyer, Neri Catering per aver accordato un prezzo speciale sul catering e tutto il pubblico presente per aver reso magica la serata.

YURI UNA VITA CHE CONTINUA

Un grazie speciale agli amici dell’Associazone “Yuri una Vita che continua” per la splendida serata organizzata il 31 gennaio a Cà la Ghironda durante la quale sono stati raccolti tanti fondi per mandare i nostri bambini a Eurodisney nel settembre 2014! Grazie anche a Guido Mandreoli e agli artisti della Scuola Flamenco Notturno Sud e del Conservatorio G. B. Martini di Bologna, a tutti gli sponsor e a tutti partecipanti che hanno reso magnifica questa serata.

LA BENZINA E’ SOLIDALE

Anche quest’anno la signora Paola Tentoni, titolare dell’omonima Stazione di Servizio a Domagnano (Repubblica di San Marino) ha organizzato l’iniziativa “L’altra promozione”: accantonamento di 0,003 € su ogni litro di carburante venduto, da devolvere ad associazioni benefiche. Sono arrivati 2.000 € !!!! Grazie Signora Paola, lei è speciale.

MERCATINO DELLE FATE

L’amico dr. Arcangelo Prete, la “capa” infermieri Barbara Martelli, la nostra ex infermiera Giovanna, il biologo Salvatore Serravalle accompagnato dalla sua principessina, ci hanno fatto veramente piacere a fare un salto al mercatino; é il riconoscimento della nostra fatica di raccogliere come instancabili formichine per l’obiettivo comune: la cura dei nostri bambini. Ecco, se anche non fosse venuto nessuno avremmo già vinto! Per quell’essere uniti con grazia e umanità, per quel credere e lottare per i nostri bimbi. Ma le persone sono venute, eccome, e le ringraziamo tutte, una ad una perché credono in noi e ci sostengono. Non e’ poco, è tantissimo. Non potremmo sentirci più ricchi. Grazie a Paola perché é Paola e non se ne potrebbe fare assolutamente a meno. A ogni singolo volontario: Pino Stefano, Marina, Silvia, Cristina e tutte, tutte quante fantastiche, brave, motivate. A Giulia e Giada, a Nicola con tutta la famiglia, cane compreso, a Elisabetta. Ad Angela e Piero sempre presenti. A tutti i montatori, smontatori e trasportatori e ... a tutti i clienti!!

EVENTI CONCLUSI

CENA CON DELITTO

Risultato 4.884,20 €!!! Grazie a Don Pietro della Parrocchia Sacra Famiglia per la concessione degli spazi e immensamente grazie ai volontari Picchi e Gabriele.

…. E ANCHE IL SALE E’ SOLIDALE

La Pro Loco di Lugo (Ra) ha realizzato per noi una iniziativa bella e particolare: la realizzazione di sacchetti di sale solidale. Grazie di cuore, grazie a chi li ha acquistati donando così un contributo ai nostri progetti. Grazie a tutti i carissimi ambulanti della piazza di Lugo che hanno scelto di “pagare” comunque gli spazi che la Pro Loco aveva messo a disposizione gratuitamente.

DIVENTA SOCIO! Diventa socio AGEOP o rinnova la quota associativa. Parteciperai con continuità al raggiungimento dei nostri obiettivi. Con la tessera socio sosterrai le attività della tua associazione e ne diventerai parte attiva, ribadendo il tuo impegno a favore dei bambini malati di tumore. Sarai tu a stabilire tempi e modi della tua partecipazione. In AGEOP i soci sono: ordinari, vitalizi, sostenitori e onorari. Si riuniscono almeno una volta all’anno nell’Assemblea dei Soci, organo di indirizzo dell’Associazione convocato dal Consiglio Direttivo per approvare la relazione morale e finanziaria ed il bilancio.Diventare soci è semplice: compila la domanda d’iscrizione nella pagina seguente, ed inoltrala via mail a: paola.minghetti@aosp.bo.it / per fax allo 051-309650 o spediscila per posta a AGEOP RICERCA ONLUS, via Massarenti 11, 40138 Bologna. Darai un contributo fondamentale al lavoro di tutti noi! 23


Come diventare Soci A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS Cari amici, i requisiti per diventare Soci A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS, sono definiti nello Statuto dell’Associazione. L’art.10, in particolare, richiede la presentazione scritta della domanda d’ammissione. Di seguito trovate il modulo da riempire e spedire a: Consiglio Direttivo A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS – via Massarenti 11- 40138 Bologna, unitamente alla ricevuta di versamento della quota scelta. In alternativa è possibile associarsi anche presso il nostro ufficio. Come soci, potrete partecipare all’Assemblea Annuale dei Soci, esercitare il diritto di voto e partecipare alle iniziative a voi dedicate.

Domanda di Iscrizione

Il Sottoscritto NOME

COGNOME

LUOGO e DATA di NASCITA

CODICE FISCALE

PROFESSIONE RESIDENTE TELEFONO

C.A.P. E-MAIL

Chiedo di essere iscritto come socio nella seguente categoria: Socio Ordinario € 20 Socio Sostenitore € 200 DATA

Socio Vitalizio € 2.000 FIRMA

Legge sulla Privacy. In conformità al Decreto Legislativo 196/2003 e successive modifiche, autorizzo A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS ad utilizzare i miei dati personali solo ed esclusivamente per gli scopi istituzionali dell’Associazione. Essi non potranno essere forniti né utilizzati da alcun altro soggetto per altri scopi.

CONVOCAZIONE ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI Ai sensi dell’Art.11 dello Statuto viene convocata, presso l’Aula Magna Pediatria, PADIGLIONE 10, Policlinico Sant’Orsola Malpighi, Via Massarenti 11, Bologna - l’Assemblea Ordinaria dei Soci, in prima convocazione il giorno mercoledì 28 MAGGIO ore 12 ed in SECONDA CONVOCAZIONE il giorno GIOVEDI’ 29 MAGGIO ORE 19,00 per discutere e deliberare sul seguente ORDINE DEL GIORNO: 1 > approvazione della relazione morale e finanziaria del bilancio consuntivo al 31/12/2013 2 > approvazione del bilancio preventivo 2014 3 > rinnovo cariche sociali: Consiglio Direttivo e Collegio Sindacale 4 > varie ed eventuali Il Presidente A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS Roberta Zampa

DELEGA Io sottoscritto....................................................................................delego il/la Sig/Sig.ra..................................................................................................... a rappresentarmi all’Assemblea Ordinaria dei Soci A.G.E.O.P. RICERCA ONLUS che avrà luogo presso l’Aula Magna Pediatria del Policlinico Sant’Orsola Malpighi PADIGLIONE 10, Via Massarenti 11, Bologna - in prima convocazione il giorno 28 maggio 2014 alle ore 12 ed in seconda convocazione il giorno 29 maggio 2014 alle ore 19,00, accettandone sin d’ora tutte le decisioni del mio rappresentante e dandone per valido l’operato per i punti indicati nell’ordine del giorno. Data ................................................... Firma leggibile ....................................................................

ageop-notizie-1-2014-web  
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you