Page 1

BREM'ART

l'arte E IL calorifero

Brem, sempre alla ricerca di forme ed espressioni nuove, sorprendenti ma anche pratiche nel vestire il calore, ha chiesto all’Arte risposte sul tema. è nata “Brem’Art” dove Brem propone una serie di caloriferi disegnati da Artisti ai quali è stata data piena libertà di esprimere la propria creatività nell’ambito di una logica legata alla funzione calore. Ogni opera è fatta a mano: le minime imperfezioni, le sfumature diverse, i toni e le gradazioni di colore mai uguali da pezzo a pezzo, nobilitano il risultato rendendo l'opera davvero unica.

.28


Giampaolo ATZENI

Mademoiselle l'ora del tĂŠ Giampaolo Atzeni nei suoi quadri sintetizza spesso la figura femminile con simboli. Ritroviamo questi simboli in forme da applicare sul calorifero Form per costruire libere composizioni.

.29


RINO CARRARA

SPAZIO CHIUSO Rino Carrara propone un modello che esce dai rigidi schemi delle forme usuali, riprendendo e inserendo in un tratto avvolgente, i contenuti/forma che ama far vivere nelle sue opere.

.30


RINO CARRARA

MOSSO Anche in questa interpretazione Rino Carrara ripropone i temi grafici che lo caratterizzano, inserendoli e fondendoli con le forme e i materiali tipici del corpo scaldante.

.31


Steven CAVAGNA

ORME

Steven Cavagna opera qui con materiali diversi. Quadrotti in foglia d’argento intervallati da riga nera sulla superficie in ferro a vernice trasparente della piastra S-Platt. Un quadro scultura di grande effetto.

.32


Steven CAVAGNA

ERUZIONE Steven Cavagna in questa creazione ha scelto di far vivere la preziosità della foglia d’oro sulla superficie dalla finitura ossidata dell’acciaio. Una immaginaria colata d’oro che trasmette una forte emozione.

.33


Steven CAVAGNA

ATTIMI DI NATURA Steven Cavagna ha rivisitato la forma pura e essenziale dello scaldasalviette Drop proponendo inserimenti in ottone e pietre fossili. Un modo insolito per unire la fantasia ad un design estremamente rigoroso.

.34


Steven CAVAGNA

terra lunare L’immaginario di una passeggiata sulla irregolare superficie della luna, la sensazione di spazio violato per la prima volta: ecco il messaggio da una forma scaldante che Steven Cavagna sa trasmettere con morbidezza.

.35


Raffaele Cioffi

continuum Raffaele Cioffi ha interpretato il calore inserendo sul calorifero formelle dall’effetto tridimensionale, stampate con inchiostri speciali resistenti alle alte temperature. Le opere della serie “Continuum”, di grande intensità emotiva, costituiscono una alternanza di richiami cromatici tra zone d’ombra e zone di luce. Versione in giallo e versione in rosso.

.36


NICOLA EVANGELISTI

lightInghot Nicola Evangelisti associa il calore con una sua opera fatta di luce, vetro di Murano e specchio in cristallo bronzato. Ne scaturisce un risultato di grande effetto scenico che trascende la funzionalitĂ dell'oggetto.

.37


mario de leo

DOLMEN/ricami stellari Sembra una cornice, applicata su Form, supporto di un'opera. E' invece una parte vitale del calorifero, integrata con collettori laterali, che racchiude un circuito stampato dove Mario De Leo dipinge geometrie invocate. La magia di un trapuntato di stelle arricchisce la superficie di questa opera su metallo proposta da Mario De Leo. I ricami stellari, immersi nel loro infinito, irradiano la nostra civiltĂ in una filosofia neopositivista tendente a rivalutare la scienza e il progresso come attitudine piĂš nobile della natura umana.

.38


mario de leo

circuito celeste Mario De Leo interpreta il calorifero come cornice per valorizzare un passaggio. L’opera si completa con formelle che rappresentano circuiti e figure in tema che sono il cuore della sua ricerca artistica.

.39


max marra

MANTA COSMICA Max Marra propone un calorifero che è un divisorio e insieme un sostegno di sculture che galleggiano nello spazio, sostenute da fili quasi invisibili. La forma scultura si fonde con la forma sostegno, diventando protagonista e innovando completamente il concetto di divisorio.

.40


max marra

struttura al(a)ta Max Marra in quest’opera riveste un calorifero Form con finitura in metallo brunito trasparente. Protagonista dell’effetto scenico è il metallo brunito con i suoi lucidi riflessi e le sue pieghe sinuose.

.41


ETTORE moschetti

ciminiere/sahara Ciminiere: fornaci, fumo, scintille e bagliori metallici. Archeologia industriale. Ciminiere silenziose. Sahara: vento caldo, alito del deserto, lingue di fuoco, i capelli e gli occhi che guardano il sole. Ettore Moschetti attinge da queste sensazioni per far nascere opere in acciaio brunito e acidato che si applicano su Form.

.42


ETTORE moschetti

vesuvio

Di Ettore Moschetti questo calorifero da terra dalla superficie brunita da cui scaturiscono i tubi dorati, vere arterie di fuoco. è il calore che esce dal profondo, è la terra che genera calore, è il fuoco che viene da lontano, è il Vesuvio. H 200 cm - L 110 cm

.43


ANTONIO PIZZOLANTE

IL DONO DI RA La personificazione del Sole, nella mitologia dell’antico Egitto, è rappresentata dal Dio Ra, fonte di calore di energia, di vita. Pensando a Ra, Antonio Pizzolante, dà vita a un’opera in rame da applicare sul calorifero Form.

.44


ANTONIO PIZZOLANTE

dimora di HATSHEPSUT NEFERTITI Ispirandosi ancora al tema dell’antico Egitto Antonio Pizzolante propone magie strappate al deserto. Dal rame, protagonista in lastre da applicare su Form, unito alla pietra carparo, ecco un tempio nel blu della notte trapuntata da raggi d’oro; ed ecco l’eleganza raffinata e la calda regalità di Nefertiti, l’antica famosa regina.

.45


STEFANO SODDU

AMPIO Raggio Un disco di 65 cm di diametro in ferro naturale da applicare sul calorifero Form. La dimensione del disco quasi nasconde la fonte di calore. Il raggio che rompe l’assieme evoca il tempo indeterminato, come un’unica lancetta di un orologio senza termini di confronto e misura.

.46


STEFANO SODDU

confini è in ferro naturale l’opera che Stefano Soddu propone come applicazione a S-Platt. I confini del corpo scaldante perdono definizione, e si dilatano in margini imprecisi.

.47


STEFANO SODDU

PERCORSO Opera di Stefano Soddu: il percorso va oltre la superficie, dall’interno esplode magma di ferro. Una frattura creativa che richiama la forza che emerge, il calore che vuole apparire.

.48


STEFANO SODDU

RAGGIO DELL'ANIMA Opera di Stefano Soddu in ferro naturale. Un disco di 40 centimetri di diametro, con retro giallo fosforescente (o altri colori), è applicato su una piastra bianca S-Platt. Il disco ha una frattura dalla quale prorompe il colore, come se l’energia, l’anima interna, puntassero ad emergere dalla materia e a manifestarsi.

.49


EUGENIO ZANON

kywx

Eugenio Zanon inserisce un’emozione su una piastra bianca S-Platt. Sintesi di un volo, immaginario celeste, rottura dell’equilibrio. è aprirsi al sogno.

.50


EUGENIO ZANON

FENDENTE / CUNEO Con la forza di un fendente che penetra, con la prepotenza di un cuneo che rompe, ecco l’inatteso da Eugenio Zanon. Inserti in colore rosso e rosso/grigio da applicare alla piastra S-Platt in acciaio inox o con la finitura in alluminio metallizzato.

.51


PIERANTONIO VERGA

ILLICO

Pierantonio Verga propone un’opera in grès beige, da applicare sui caloriferi S-Platt. Nel grès l’artista sente la terra come humus da cui sorge e di cui si alimenta la vita, la materia come energia del mondo. Una riga azzurra, che attraversa la superficie, caratterizza l'opera.

.52


CINIER L'arte, LA PIETRA OLYCALE E IL CALORIFERO

Nel mondo del riscaldamento il designer Michel Cinier ha segnato una vera rivoluzione: ha inventato la pietra Olycale, una pietra dei Pirenei frantumata e poi ricostruita per contenere tubi di rame, conduttori di acqua calda o sonde elettriche, in modo da irradiare, attraverso la pietra, un calore uniforme. Gli elementi scaldanti sono fusi completamente nella pietra. Ogni pezzo è elaborato, inciso, modellato, e infine patinato con dei pigmenti naturali. Realizzato a mano, ciascun esemplare non assomiglia a un altro. I modelli sono numerati e firmati dall'artista. Ogni radiatore è costruito e vagliato manualmente nei laboratori Cinier, è unico ed è una vera opera d’arte.

.53


michel cinier

COSMOS Michel Cinier in linee che si scompongono e precipitano, rivive l’esplosione cosmica primordiale. Sensazioni di spazi infiniti, percorsi in ogni direzione.

Colori consigliati: Bianco Olycale - Avorio - Giallo Ocra. H 210 / L 60 cm - Rese 1112w / 1579w .54


michel cinier

FUSION Su una superficie liscia con finitura sabbiata ecco una colata di materia che si schiude in varianti tono su tono.

Colori consigliati: Bianco Olycale. H 220 / L 50 cm - Rese 982w / 1379w .55


michel cinier

jeux d'ombres Michel Cinier. Più chiaro, più scuro, in un senso, nell’altro, un giocare con il colore per tessere un trama/ordito plastico e vivo.

Colori consigliati: Giallo Ocra - Ocra Provenza - Ocra antico - Avorio - Bianco Olycale H 200 - 120 - 80 / L 80 - 60 - 50 cm - Rese da 571 a 2006w .56


michel cinier

oriental Michel Cinier firma questo richiamo alla natura, un serie di graffi che richiamano il papiro egizio quasi un ventaglio orientale, un fiore dalla sabbia del deserto.

Colori consigliati: -- Avorio - Ocra bruno - Grigio quarzo. H 220 / L 50 cm - Rese 982w / 1379w .57


michel cinier

ORIGINE Quasi un proseguimento dell’ambiente esterno fatto da rami e foglie, terra e cielo, quest’opera firmata da Michel Cinier riporta la natura entro le mura di casa.

Colori consigliati: Ocra bruno - Blu di Prussia - Grigio quarzo - Bianco Olycale H 220/ L 50 cm - Rese 982w/1379w .58


michel cinier

VOILE / BARON Qui Michel Cinier fonde la pietra Olycale naturale con l’acciaio cromato. Uno scaldasalviette d'arte che esprime la spinta della vela, la leggerezza del vento, la propulsione pura e perfetta. BARON è l'espressione della purezza. E' uno scaldasalviette in pietra Olycale patinata nelle nuove finiture "mare di nubi", lamine d'oro e lamine d'argento Colori consigliati : Avorio - Grigio quarzo - Bianco Olycale. H 200/L 50 cm - Rese 892/1256w - H 185-130 / L 50 cm - Rese da 579 a 1190w .59


Patrice Palacio

73 km/h Patrice Palacio, come è nelle sue caratteristiche artistiche, ha voluto esprimere il tempo e il suo divenire anche nelle opere Cinier da lui firmate. L’espressione grafica rappresenta il concetto spazio/tempo visto da prospettive diverse, lo attraversa usando il colore e il segno come veicolo dinamico.

Colori consigliati: Grigio quarzo. H 220/L 50 cm - Rese 982w/1379w. .60


JOHANNE cinier

cotton / DOCK34 Da Johanne Cinier modelli ispirati all’universo dei magazzini navali dove gli scambi si mischiano ai colori tipici, patinati dai viaggi.

.61


JOHANNE cinier

CRISTAL YELLOW black diamond Johanne Cinier firma queste due opere molto particolari. Protagonisti i Cristalli Swarovsky. In una trionfa la luce; il colore richiama la forza , la vitalità , l’amore per il nuovo, la positività, l’estroversione. Nell’altra i cristalli Swarovski, inseriti nella pietra Olycale nera notte fonda, aprono alla magia di un cielo stellato.

.62


JOHANNE cinier

arena TRIBAL Johanne Cinier trasmette emozione attingendo ispirazione dalla tauromachia. Nel grigio e nel rosso lontano si sentono movimenti e lotta ma anche silenzi e attese. Nel rosso pieno, che richiama passione e slancio verso la conquista, si sente la battaglia, la sicurezza di sÊ, la mobilitazione di tutte le energie tese alla vittoria. L’arte è anche questo.

.63

Profile for AG_GRZEJNIKI_DESIGN

BREM ART RADIATORS  

BREM ART RADIATORS

BREM ART RADIATORS  

BREM ART RADIATORS

Profile for ag_fhu
Advertisement