Issuu on Google+


3

Indice Parte I

I moduli di Piano 2011

4

Parte II

Piano ET - Engineering Tools

6

Parte III ANALISI DEI CARICHI

8

1 Carichi ................................................................................................................................... solai 8 2 Carichi ................................................................................................................................... vento 9 3 Carichi ................................................................................................................................... neve 11

Parte IV VERIFICHE C.A.

12

1 Resistenza ................................................................................................................................... prove cls in opera 12 2 SLU ................................................................................................................................... flessione pressoflessione travi pilastri 13 3 SLU ................................................................................................................................... taglio travi pilastri 17 4 TA................................................................................................................................... fessurazioni travi 20

Parte V RINFORZI STRUTTURE C.A.

21

1 Rinforzo ................................................................................................................................... trave flessione FRP 21 2 Cerchiature ................................................................................................................................... colonne FRP acciaio 23

Parte VI 3MURI

25

1 Diagramma ................................................................................................................................... sintesi push-over 25 2 Carichi ................................................................................................................................... in fondazione 26

Š <S.T.A. DATA srl>


4

1

Piano ET

I moduli di Piano 2011 Piano 2011 è la versione aggiornata del software Piano per il calcolo delle scritture secondo le "Norme Tecniche per le Costruzioni" - DM 14-1-2008 e relative Istruzioni applicative. Con Piano 2011 è possibile calcolare agevolmente ogni tipo di struttura: in c.a., acciaio, alluminio, legno e con qualsiasi altro tipo di materiale. Per le strutture in muratura e miste è disponibile il software 3Muri, dedicato in modo specifico per queste strutture.

© <S.T.A. DATA srl>


I moduli di Piano 2011 Il primo modulo è costituito da Navigator, una guida che indica il percorso da seguire per la progettazione sismica secondo NTC 08. Introducendo i parametri fondamentali della struttura Navigator presenta la sequenza delle fasi necessarie per la realizzazione del progetto indicando tutte le analisi da eseguire. Il modulo ET consente di realizzare l'analisi dei carichi (carichi di solaio, neve e vento) e il predimensionamento degli elementi (travi, pilastri) in c.a. Axis VM è il solutore di calcolo agli Elementi Finiti, direttamente integrato in Navigator che calcola le sollecitazioni e spostamenti degli elementi. Axis VM è un solutore nato in modo specifico per l'ingegneria civile ed offre velocità e flessibilità per il calcolo di qualsiasi struttura. Terminata l'analisi globale della struttura, con il modulo CA si ottiene il progetto ed il disegno delle armature necessarie per i diversi elementi come travi, pilastri, solai. Il modulo Legno verifica le membrature per le strutture in legno. Il modulo Fondazioni calcola plinti, trave rovesce e piastre proponendo l'armatura necessaria. Report consente la gestione della relazione di calcolo, integrando i documenti prodotti dai moduli STA DATA, come 3Muri, ed anche da altri programmi. Il documento può essere modificato da un potente gestore di testi ottenendo così la stampa diretta o l'esportazione in diversi formati di file. Attraverso il modulo report è possibile realizzare il piano di manutenzione e la relazione dei materiali secondo il capitolo 11 NTC 08.

© <S.T.A. DATA srl>

5


6

2

Piano ET

Piano ET - Engineering Tools ET è un modulo di Piano 2011 dedicato alle analisi complementari per il calcolo delle strutture in zona sismica.

La finestra principale è suddivisa in tre colonne: la prima a sinistra riporta l'elenco dei moduli. La colonna centrale riporta le analisi svolte per ogni modulo. La colonna di destra riporta l'anteprima dei risultati di ogni analisi.

Š <S.T.A. DATA srl>


Piano ET - Engineering Tools

7

In questo modo tutti i calcoli sono sotto controllo. Le diverse opzioni di Piano ET sono raggruppate in moduli. Ad oggi sono disponibili i moduli Azioni per il calcolo dei carichi e il modulo Verifiche CA per le verifiche di travi e pilastri in calcestruzzo armato. Dopo aver eseguito le diverse analisi è possibile ottenere le le stampe dei risultati attraverso il modulo Piano Report che inserisce i risultati direttamente nella relazione di calcolo generale. Si riporta di seguito la descrizione dei moduli principali.

Š <S.T.A. DATA srl>


8

Piano ET

3

ANALISI DEI CARICHI

3.1

Carichi solai L'analisi dei carichi per i solai avviene scegliendo un carico presente nelle banche dati dei carichi riportate a sinistra e trascinandolo nella tabella a destra che si compila in modo automatico.

Il totale sarĂ  riportato nella tabella riassuntiva generale.

Š <S.T.A. DATA srl>


ANALISI DEI CARICHI

3.2

Carichi vento Per il calcolo del carico da vento è necessario introdurre i dati generali del caso in esame, riportati nella figura seguente:

In seguito, per ogni tipologia di struttura, sono riportate i valori ricavati. La figura che segue riporta l'analisi dei carichi per un edificio chiuso.

Questo caso esamina invece il carico per una pensilina a doppia falda.

Š <S.T.A. DATA srl>

9


10

Piano ET

© <S.T.A. DATA srl>


ANALISI DEI CARICHI

3.3

11

Carichi neve Per determinare il carico della neve è necessario definire le opzioni come riportato nella figura seguente:

E' possibile determinare i valori dei carichi per gli effetti locali

Š <S.T.A. DATA srl>


12

Piano ET

4

VERIFICHE C.A.

4.1

Resistenza prove cls in opera I risultati delle prove sperimentali effettuate in cantiere richiedono successive rielaborazioni per ottenere i dati necessari per le verifiche statiche e sismiche. Questo modulo consente di applicare le diverse teorie riguardanti le correzioni dei valori di rottura ottenuti da prove con carote e non distruttive (metodo SONREB).

La relazione di calcolo illustra i metodi utilizzati ed i risultati ottenuti.

Š <S.T.A. DATA srl>


VERIFICHE C.A.

4.2

13

SLU flessione pressoflessione travi pilastri Il modulo SLU Flessione PressoflessioneTravi Pilastri consente la verifica dei seguenti elementi agli stati limite:

Sono previste le sollecitazioni di flessione, presso-flessione, presso-flessione deviata. Sono previste inoltre le seguenti tipologie di sezione:

Š <S.T.A. DATA srl>


14

Piano ET

Il risultato delle analisi è presentato in forma grafica e numerica:

E' possibile definire materiali sia per la verifica di nuovi elementi, che per strutture esistenti.

Š <S.T.A. DATA srl>


VERIFICHE C.A.

15

Il programma produce infine la Relazione di quanto analizzato, integrando i dati iniziali ed i risultati.

Š <S.T.A. DATA srl>


16

Piano ET

Il documento può essere direttamente modificato attraverso l'editor di testo e sarà inserito nella Relazione di Calcolo Generale attraverso il modulo Report.

Š <S.T.A. DATA srl>


VERIFICHE C.A.

4.3

17

SLU taglio travi pilastri Il modulo SLU Taglio Travi Pilastri calcola il valore del taglio massimo a stato limite ultimo per travi, pilastri o travetti, noti i dati geometrici e dei materiali, sia nel caso di edifici di nuova costruzione, che esistenti.

Il calcolo è eseguito secondo le NTC08. Per gli edifici di nuova costruzione è possibile valutare anche la verifica dei dettagli costruttivi (minimi/massimi armatura, passi staffe, ecc), sia sismici, che non sismici.

Š <S.T.A. DATA srl>


18

Piano ET

Per travi e pilastri di nuova costruzione si esegue il calcolo del taglio massimo in presenza di staffe con il calcolo automatico dell'angolo di inclinazione delle bielle compresse. Per travi e pilastri di un edificio esistente, la resistenza di taglio si valuta considerando comunque un contributo del conglomerato al massimo pari a quello relativo agli elementi senza armature trasversali resistenti a taglio. Per i travetti, il taglio resistente è valutato in assenza di armature trasversali. E' possibile definire materiali sia per la verifica di nuovi elementi, che per strutture esistenti.

Š <S.T.A. DATA srl>


VERIFICHE C.A.

19

Il programma produce infine la Relazione di quanto analizzato, integrando i dati iniziali ed i risultati.

Il documento può essere direttamente modificato attraverso l'editor di testo e sarà inserito nella Relazione di Calcolo Generale attraverso il modulo Report.

Š <S.T.A. DATA srl>


20

4.4

Piano ET

TA fessurazioni travi Il modulo TA fessurazioni travi calcola il momento di prima fessurazione della trave, sollecitazioni per cui il calcestruzzo non ha piĂš un comportamento elastico in quanto comincia a fessurarsi. E' necessario definire la forma geometrica della sezione, il quantitativo di armatura e la sua disposizione. Il modulo, oltre a calcolare il momento di prima fessurazione per le fibre sia inferiori che superiori, determina anche lo stato tensionale all'interno della sezione, visualizzabile sia graficamente, che numericamente nella griglia.

Š <S.T.A. DATA srl>


VERIFICHE C.A.

5

RINFORZI STRUTTURE C.A.

5.1

Rinforzo trave flessione FRP

21

Il modulo Rinforzo trave flessione FRP consente il calcolo del momento resistente di una particolare sezione, sia in assenza, che in presenza di rinforzi, costituiti da uno o piĂš strati di materiale fibro rinforzante:

Nella maschera materiali è possibile definire il livello di conoscenza dei materiali dell'elemento, le resistenze dei materiali misurate attraverso prove specifiche e le caratteristiche del materiale fibro rinforzante.

Š <S.T.A. DATA srl>


22

Piano ET

© <S.T.A. DATA srl>


RINFORZI STRUTTURE C.A.

5.2

23

Cerchiature colonne FRP acciaio Il programma consente di verificare un pilastro soggetto a pressoflessione retta o deviata, dando la possibilitĂ  di inserire dei rinforzi attraverso bande discontinue o camicia continua in acciaio o FRP. Nel caso di pressoflessione retta, viene visualizzato anche il diagramma di interazione N-M.

Nella maschera materiali è possibile definire il livello di conoscenza dei materiali dell'elemento, le resistenze dei materiali misurate attraverso prove specifiche e le caratteristiche dei materiali di rinforzo (Acciaio, FRP).

Š <S.T.A. DATA srl>


24

Piano ET

Il programma produce infine la Relazione di quanto analizzato, integrando i dati iniziali ed i risultati. Il documento può essere direttamente modificato attraverso l'editor di testo e sarà inserito nella Relazione di Calcolo Generale attraverso il modulo Report.

Š <S.T.A. DATA srl>


RINFORZI STRUTTURE C.A.

6

3MURI

6.1

Diagramma sintesi push-over

25

Il modulo "Diagramma sintesi push-over" dialoga con 3Muri e fornisce una visualizzazione grafica del risultato delle 24 analisi dell'Analisi Push-over eseguite da 3Muri, che permette un facile rilevamento delle condizioni di verifica piĂš critiche.

Š <S.T.A. DATA srl>


26

6.2

Piano ET

Carichi in fondazione Attraverso questo modulo è possibile trasferire i risultati dei carichi in fondazione dal programma 3Muri ad Axis VM.Il modulo Carichi in fondazione crea un nuovo modello in cui vengono tracciate in automatico le linee corrispondenti alla pianta delle muratura per permettere il tracciamento della pianta delle fondazioni direttamente dall’interfaccia del programma Axis VM.

Oltre alla pianta vengono ovviamente importate anche le sollecitazioni provenienti dal modello 3muri. Nel programma Axis VM, viene generata una combinazione per ciascuna delle 24 analisi eseguite da 3Muri e una per i soli carichi verticali (permanenti e accidentali). I carichi in fondazione, forniti per le combinazioni sismiche, provengono direttamente dal calcolo pushover in corrispondenza del passo associato alla massima domanda di spostamento spettrale richiesta.

Sfruttando il motore grafico del programma Axis VM è possibile inputare la fondazione di forma più generica possibile. Esempio di platea di fondazione con mappa delle tensioni.

© <S.T.A. DATA srl>


3MURI

Esempio di travi di fondazione con allargamento per assorbire i picchi tensionali.

Š <S.T.A. DATA srl>

27


S.T.A. DATA SRL - C.so Raffaello, 12 - 10126 Torino


Piano ET