Page 154

F

. ·'··wjIJI

-~. ...-....

.

che mi ha suggerito interagire Theme Hospital. Dal punto di vista strutturale, Theme Hospital usa ancora l'impostazione isometrica, tra l'altro inventata da Bullfrog in Populous, e poi copiata da migliaia di rpg e strategy game tra cui lo stesso SimCity 2000 Usando una interfaccia semplice ed efficace, gli interattori devono creare un ospedale che sia in grado di resistere ad ondate di pazienti ricoverati a causa di bizzarri problemi alimentari. Un ospedale ben costruito più o meno avrà: strumenti di diagnosi: raggi X, scanner e cardiogrammi; sale operatorie e tutti i farmaci necessari; area ortopedica e trattamenti per le fratture, etc. etc. E naturalmente tutto il personale relativo. I cattivi ospedali (la descrizione somiglia in modo stupefacente ad alcuni ospedali nostrani, tanto che da noi, in certi siti, quasi non ci sarebbe nulla da ridere ... ) non saranno in grado per deficienza di strutture e di personale di ottenere i risultati dia154

gnostici e terapeutici sperati e, dopo aver ammazzato un riguardevole numero di persone/pazienti, saranno chiusi (in questo differiscono da quei nostri ospedali di cui sopra che nonostante ciò non vengono mai chiusi . .). Se invece sarete bravi a sufficienza, la struttura sanitaria nazionale vi chiederà di dirigere un ospedale più grande, un nosocomio con sfide maggiori da vincere. Meccanismo semplice ed interattivo assai. I miei dubbi su Theme Hospital però cominciano con il day by day che deve portarvi a vincere le sfide e a raggiungere i vostri obiettivi di arguti e bravi direttori sanitari: tenere il vostro staff motivato, i pazienti tranquilli, l'ospedale in ordine e gestire le emergenze è più o meno quello che dovete fare. E spesso è semplicissimo e si tratta solo di rispondere alle richieste in modo affermativo. Quando invece la cosa si fa complicata le routine di AI, di intelligenza artificiale, non sempre rispondono in modo convincente, tanto che sembra a volte impossibile riuscire a mettere le cose nel giusto modo per avanzare nel gioco. E questo nonostante che mi sia dato da fare non poco per setta re parametri e aggiustare le apposite bar in modo da tarare al meglio i meccanismi strategici. Quello che invece è senz'altro straordinario è tutto il visual e l'audio di Theme Hospital: la grafica è nitida, scorrevole, precisa, dettagliata, divertente e

molto altro ancora. A riprova che la prospettiva isometrica e la grafica 20 spesso, di certo in casi come questi, sono ancora il miglior modo per visualizzare una simulazione. Insomma, se pensate che gestire un ospedale (un ospedale pazzo e divertente e pieno di umorismo anglosassone un po' freddo e cerebrale come piace a me .. ) sia il vostro segreto sogno, allora non vedo come possiate fare a meno di Theme Hospital. Al punto che forse riuscirete perfino a trovare il modo di capire come convincere i vostri chirurghi ad occuparsi dei pazienti. lo non ci sono riuscito quasi mai.

,,

Titolo: Need far Speed 2 Casa: Electronic Arts (Usa) Format: Pc Cdrom Giud: Need for Speed è stato un grande successo dell'Electronic Arts nelle ultime stagioni. Questo game ha radici molto lontane, e deriva dal mitico Test Drive 2 di D i sti nctive Softwa rei Accolade, pubblicato per l'Amiga verso la fine degli anni Ottanta. La Distinctive software (canadese) diventò poi, negli anni Novanta, la Ea Sports, e a quel momento segue tutte le produzioni

sportive dell'EA, comprese le leggendarie simulazioni di Hockey (il loro prodotto migliore, un vero capolavoro!), Basket e Calcio. L'idea di un game di corse che vi permetta di avere, al volante simulato, repliche di qualità delle dream car più famose e inarrivabili del panorama automob-;tilistico mondiale, è un'idea comprensibilmente molto buona. La gente ha voglia di simulare soprattutto due cose: 1 Quello che non esiste, ma è interessante; 2 - Quello che esiste, ma non tutti possono avere (a questa seconda categoria appartiene Need for Speed 2 con le sue Ferraril. A parte questa considerazione, poter correre senza pericoli e senza costi, in giro per straordinarie strade, forse poco credibili, ma assai eccitanti, crea un'atmosfera di eccitazione e divertimento, che deve essere assolutamente provata, specialmente nella buonissima versione a due giocatori umani, dove l'eccessiva bravura dell'avversario computerizzato non incide e non demoralizza. Need for Speed 2 migliora di parecchio le performance del suo predecessore: 50% di dettaglio grafico in più (anche se a prezzo, ovviamente, di una configurazione più pretenziosa, Pentium 166 e Windows 95) e texture più definite e realistiche. E toglie alcuni degli elementi di Need for Speed di derivazione Test Drive 2 e molto divertenti e in grado di aggiungere giocabilità: niente più poliziotto e uso del radar detector (dev' essere successo per via di una qualche campagna moralizzatrice ...) e fine delle strade lineari con i checkpoint: adesso si corre solo su circuiti (anche questo, immagino, per evitare che i ragazzi credano che le strade siano piste, ma dubito che anche prima lo credessero ...) Ci sono due modi di gioco: arcade e simulation: preferisco la versione arcade anche perché mi pare che la simulation non aggiunga molto e privi di una certa guidabilità le auto, nonostante che sia

MCmicrocomputer n. 175 - luglio/agosto 1997

175 MCmicrocomputer  

Luglio/Agosto 1997

175 MCmicrocomputer  

Luglio/Agosto 1997

Advertisement