Page 1


ATIRAVERSO I SUOI OROLOGI E, SOPRATIUTIO, LE STORIE LEGATE AD ESSI. NELLE 352 PAGINE, AMPIAMENTE ILLUSTRATE, SI ALTERNANO I MONUMENTI PIÙ FAMOSIEGU ANFRATII PIÙ MINUTI, NOTI SOLO A QUEI POCHI APPASSIONATI E STUDIOSI DI ROMA CHE HANNO SAPUTO DEDICARE TANTO MINUZIOSO IMPEGNO ALLO SCOVARNE ISEGRETI.

Per ordinare "Roma Misura del Tempo" servirsi del tagliando pubblicato in fondo alla rivista, indicando il codice Roma Il prezzo è di 160.000 lire. Il volume è in vendita anche presso le migliori librerie di Roma.

tcchnj~t Via C. Perrier, 9 - Te!' 06/418921 Fax 06/41732169 - 00157 ROMA


Windows 95. Il nuovo sistemo ape· rotivo. Guido o Win 95. Per utilizzorlo 01 meglio.

calcolo, doti, comunic~ione. Agent 95. Ottimizzo lo RAM, oumento le prestazioni del Pc.

WZf2.1. (ompresso· re doti con risparmio medio 65%. En~lish in ouch. (orso di inglese interol· tivomuhimediole.

." .iQ.

ec.

'E

E

~ 'ii o c:

o Ol c:

~ ~ c. IO

El

:E

Blue Chip Doy. Un terminole di borsa nel tuo Pc. , Dizionorio itoliono Devoto-Oli. Versione anni '90.

PC-Cillin Lite. Antivirus, l'antibiotico del Pc.

Works 4

i:estiWI195f. • di

Phod. Gestione aziendale sem~ilicato.

I 1::-;--

r~ 'e

Erroto Corrige 2 Home (orrettore ~rommaticoe italiano.

-_-::!I Pfriy96 Bilancio forniIiore, agendo, rubrica per Win 95. è..= /

/

;fr.~~

Re~olo 1. (o colo lo redd~iv~à dei BOT, CCT,investimenti. Medioliber. Antologia let· terot. ~oliono. 40 autori, 60 opere,musico.

Totocalcio Hor"?_t 96/91. Sistemi schedino integrali _ ;:;; e/o ridotti.

Totogool 96/91. Per occaniti sislemisti. Enorme. archivio stonco.

FontogooL IIcoicio manageriale più giocato in Italia.

Coppo del Mondo di calcio. Enciclopedia multimediole.

Lollo Ma· gic Plus. Estrazioni e ruote sul PC

CoreI Draw 5.OEM Grafico e impoginozione.

/ CAD 3x. Progettozione e dise· gno in 2 dimensioni.

tOLucal lo

~;:;;

l::!

IO

E

E

~

Kit INTERNET. 15 gg. obbon. grotis su Viaeo On line, con po· sia elettronico.

LE VERSIONI AGGIORNAti DEI SORWARE PIU' RICHIESTI

COMPUTER UNION PREMIUM 120 PCI Case minitower + alim. CE • Mainb. trilon il 430 Vx ~. 512 kb con coche Pioeline BursT· hd1.3 gb PIO mode -4. SVGA 1280x 1024 PCI esp. 4 Mb con dee. MPEG SOFlWARE integrATO· Drive 3" 1/2 1.44 Mb • Tost. per Windows 95 • monitor opzionole • 24 software inclusi nel prezzo

COMPUTER UNION PREMIUM 166 PCI

~.698.000 ~.898.000

~2.249.000 ~2.449.000

COMPUTER UNION PREMIUM 200 PCI

~2.498.000 ~2.698.000

FINANZIAMENTO

10 e lode

DiVIdi per IO il co,lo d.l PC. Lo paghi in la rafe mensili.

~• TAN23 56\

TAEG

26 28

KIT MULTIMEDIALE ià instolloto • (DROM8x. SdBb l68i • Cosse muhinedio~

E. 298.000 + tva 19"OPZIONAU

SU TUTTI II CONFIGURAZIONI


SORGENTI AMPUFICATORI ALTOPARlANTI REGISTRATORI MIXER MICROFONI CAVI E CONNmORI ~~~:~~ZAONATORI DI Rm TORI ELABORATORI DI CAMPO SONORO CROSSOVER AmVl KIT路VALVOU ACCESSORI VlDEOREGIS VlDEOLm TRATORI HI-FI VIDEOPRO:':ERDISC TELEVISORIA GRANDE SCHERMO


l\C/(LOPEJ)I \

ZANICHFllI

•..•...... mB ::=:=::- .• OFFICE 7.0 PRO FLlGHT IPSE DIXIT ENCICLOPEDIA WORKS 4.0 SIMULATOR 6.0 Un solo pocchello per Oltre 14.000 citozioni, ZANICHELLI 97 WIN 95 videoscrilluro, coicolo, lifomoso simulofore di olorismi e bollute per Lo più lamosa enciclo- Testil calcoli, data-bavolo disponibile per lulle le occasioni. pedi, ora rnultimediale. se, aisegno e modulo dolo-bose. W1n 95. di comunicazione

da t 662.000

-I!} ALCUNE OFFERTE HARDWARE SCELTE FRA LE OLTRE 4.000 VOCI IN CATALOGO

t 109.000

da t 99.000

TEXAS

IN STRU

M ENTS

Tu"a la gamma dei notebook Texas, (serie Extensa, TM Sxxx e TM 60xx) ti aspe"a presso i nostri punti vendita in pronta consegna ••• ed a prezzi imba"ibili.

t 149.000

da t 98.000

LICENZE STUDENTI MICROSOFT Disponibili rer: Visual Basic, Visua (++, 01lice Win95 Win Nf, Works e Publisher 3.0.

da t 59.000

Goldstar Acquistando un qualunque monitor Goldstar presso i nostri punti vendita avrai 3 ANNI DI GARANZIAA DOMICILIO. Un servizio in esclusiva che solo i negozi Computer Union sono in grado di oHrirti.


MICR

COMPUTER CENTER:

. . ran l SO nl a ,Hcco i pjfSi. ~

/j

"I

01

J

vrrii?'rr

POIIV-r Roma· Circonvall.orientale 4721/b IG.R.A.carr.est. tratto Appia. Tuscolanal tel. 06/7232408 La. Fax.06/7233634 Milano· prossima apertura MICR S P~T

Connettività night time 12 mesi

mmD

r+~~t~~ in '95

Cinisel10 Balsamo (MI) . Via Massimo Gorky, 79 . tel. 02/66014994-5 Fax.02/66011815

2131,",~

~

orks per Win '95 Corso di autoapprendimento Win Zip

Modem esterno 33.600 Micros On line (abbonamentointernet un anno) NetScape Navigator Eudora WinSock MicroFono Casse 30 watt

per Win '95

onitor Micros 15"" digitale 0.28 dpi 1280xl024 LR NI

Sound Blaster 16 bit Casse 30 watt MicroFono Game pack (10 CD Multimediali) lettore CD Rom lOx EPSON

illS'O

-@ mb ram - Hoo

0000

.6 b - VGA 53 plus 2mb - Virge MPEG 3D

COMPILA IL COUPON E SPEOISCILO VIA FAX A:

MICRO SYSTEM - Fax. 06/72.33.634 (ragione

sociale)

e

_

mieRO

interessata

.

.

.Fax. .. ~

LACASlliA

MICROS·

C.C.I.A .A. ..

.

O desidero ricevere il listino rivenditori O desidero ricevere informazioni su come diventare un DEALER MICROS

È' un marchio

rtgistrato

di proprietà

Trento·0461/913385 Casalmaggiore·0375/42441 Pistoia - 0573/976050 Cesena·0547/610758

M IeRO SYSTEM persona

ind iri zz o

te l. ..

~ a.

Roma· Appio Tuscolano Via delle Cave, 131 tel. 06/78347334· Fax. 06/78347335

Fiuggi - S.S. 155 Km 25.200 Via Padoni, 51 te1.!Fax. 0775/520015

PER RICEVERE INFORMAZIONI

.... ....

Roma· TORREANGELA Via O. Borgianni, 27/29 tel. 06/2000401

Vibo Valentia· (CO) ·Via Dante, 27/29 tel. 091/325050 . Fax. 091/324960

l

Pentium 133mhz

Ditta:

Roma· CASILINO Via Casilina, 1064/1066 tel. 06/2678787 . Fax.06/2678806

Roma Tiburtina prossimaapPrtura

Softwal? in bundl~ (Havoc. Activ~Socc~r. T~rminalV~loclty)

« >:

Pozzonovo (RO) Via Tmon,l tel. 0492/773814· Fax. 0492/773552

Roma· Prenestina prOSSima apPrtura

stylus 500 color Corel Draw 5 Scanner QTnONix Colore 800 dpi Pro Image proFession Ocron OCR ;n1el'Je

Gallarate (MI) - Via Manzoni. 9 tel. 03311772006 - 03311791602

MIGRO

SYSTEM· Tutti gli altri marchi

citati

sono di proprietà

df"IIf" rispettive

case

00178 Roma Circonv. Orientale 472l/b (G.R.A.carr.est. tratto Appia-T uscolana) tel.06/7232408 La. Fax. 06/7233634 BBS 06/7233635 internet address: WWW.MICROS.IT.


Le schede EtherLink XL lOMbitis e Fast EtherLink XL lO/lOOMbitis.

Stiamo per presentarvi un nuovo prodotto che cambierà la vostra opinione su cosa vi potete aspettare da una connessione di rete. Le schede di rete EtherLink XL e Fast EtherLink XL sono più avanzate di qualsiasi altra scheda disponibile sul mercato, nel vero senso della parola. Throughput più veloce· Minore utilizzo della CPU. Grazie alle tecnologie di nostra concezione Parallel Tasking e PACE, abbiamo creato le schede di rete che vantano in assoluto il throughput più veloce e il minore utilizzo della CPU. Naturalmente questo si traduce in prestazioni migliori e in tempi di risposta sorprendente mente più veloci sia sulle reti condivise che su quelle commutate, e lavorando con qualsiasi applicazione.

Funzionalità DynamicAccess. E se non vi sembra abbastanza, le schede XL introducono anche un nuovo set di funzionalità che farà epoca: DynamicAccess. DynamicAccess vi garantisce prestazioni ancora migliori per le applicazioni multimediali, un supporto del network management RMON distribuito ineguagliabile, e la capacità di definire automaticamente LAN virtuali per un generale miglioramento delle prestazioni della rete. Per saperne di più mandateci

3Com. via M. Buonarroti PACE. Parallel

1,20093

Tasking.

EtherLink

e Nctworks

GRATUITO,

che

potete richiedere anche via Internet a carla_chiari@3mail.3Com.COM (specificando nome e indirizzo, e nome della rivista). E se volete essere sempre aggiornati su 3Com e i suoi prodotti, date un'occhiata al nostro web italiano (htlp://www.3com.southeur.com).

Cologno Monzese (MI). tel. 02/253011

OynamicAccess.

al più presto una copia di questa pagina

(allo 02127304244): riceverete un completo kit informativo

•• NETWORKS

001996, 3Com Corpo 3Com.

That Go the Distance

- viale Città d'Europa sono marchi

THAT

GO THE

Me 11/96

DISTANCE

681. 00144 Roma, tel. 06/52799421

di 3Com Corpo Tutti gli altri marchi

possono

essere

propriclà

delle rispcltive

az.iende.


La

natura ci ha insegnato a dominare le correnti, a sfruttarne la forza, a trasformarla

in energia.

L'esperienza ci insegna che è necessario controllare l'energia che alimenta i Computer per evitare i frequen-

l <

ti danni causati da Black-Out, Sbalzi di Tensione o Fulmini.

per ovviare

a questi problemi, Tecnoware ha messo a punto una completa gamma di soluzioni: UPS ed

Accessori per ogni tipo di necessità, dal PC al LAN Network, dalla Workstation Grafica al CED della grande azienda. Le soluzioni Tecnoware includono il più completo Software per lo Shut-Down automatico compatibile con i principali Sistemi Operativi fra cui Windows 95, Windows

T, Novell, Unix, Garanzia 36 mesi.

Lan Manager, OS/2, AS/400, una completa gamma di adattatori per il protocollo SNMP e

Assistenza On-Site gratuita per il primo anno. Consegna

in 24 ore.

Hot Llne gratuita.

Sistemi di protezione per multiserver. Non lasciatevi trascinare dalla corrente, affidatevi a Tecnoware.

UPSda 500 a 30.000 VA a partire da.f 269.000 (IVA esclusa).

TEGNO WARE In vendita presso i migliori Rivenditori d'Informatica ed i Concessionari e System Partners Olivetti. www.tecnoware.com

CE


bene la musica, prima di qualsiasi acquisto ascolta da sempre una voce autorevole: quella di AUDIOREvIEW. Dalle sue pagine ogni mese uno staff di veri esperti

dĂ ai lettori, esi-

genti o anche alle prime armi, ogni informazione

e suggeri-

mento per un ascolto migliore: chi la legge apprende ogni volta qualcosa di nuovo e importante.

Prestando

â&#x20AC;˘

... poi

ho comprato AUDIOREVIEW.

ascolto

alle migliaia di prove, recensioni e notizie pubblicate in d0dici anni, centinaia di migliaia di lettori

hanno

orientarsi

imparato

a

nel vasto mercato

dell'alta fedeltĂ e della musica, scegliendo

bene fra impianti

hi-fi, home theater, eD. E consultando

dischi e gli aggior-

namenti costanti dei prezzi di tutti i componenti hi-fi ed home theater

hanno potuto acqui-

stare il meglio,

in linea con i

consigli di AUDIOREVlEW, senza sbagliare mai.

technimedia Pagina dopo pagina. le nostre passioni.

Il'3': 11!~'" I 11'$'" S

HOME

NE IER


Ma quello che vedete corrisponde

sempre alla realtà?

Per togliervi ogni dubbio fidatevi solo delle nuove laser T9108 e T9208. Le abbiamo progettate per riprodurre fedelmente ciò che compare a video (wysiwyp). Le abbiamo realizzate per garantire un'elevata velocità e un'ottima risoluzione. Le abbiamo inserite nella Linea Verde per sottolineame l'economicità, ma senza perdere di vista la qualità di stampa. T9108: laser - 8pag/min. - 600x600 dpi - Windows '95 Plug & Play - Multimediale - lil. 1.157.000*. T9208: stesse caratteristiche e in più emulazione PCL5e - maggiore autonomia nella gestione della carta - 2 MB di memoria - lil. 1.459.000*. Avete altre esigenze? La Linea Verde della Mannesmann Tally é sempre in grado di proporvi più modelli di stampanti ad aghi, ink-jet e laser, con il miglior rapporto tra qualità e prezzo. Per saperne di più sui prodotti e dove trovarli telefonate al ...

MANNESMANN

Oltre 250 rivenditori.

Tally;~~


'""'rl '"> B '"

.~

!!!

a; "O

""a; .~

ec. u o c

g

~ 'o E

e

'"E

INTERVALLO: Roma: CATENA Montuosa intel· Microsoft Canon EPSON SONV

lA

TUA

CASILINA/SAN GIOVANNI

Via Casilina, 283 cme/f 00118 Roma lei. 21.41.280 I8 linee r.a.1 fax 21.41.801 Orario 9,30-13,00 /15,30-19,30 C~iusi illune~i mattina e il sabato ~omeriggio

CATENA

00

BORGHESIANA

Via~i Vermicino, 139c 00133 80rg~esiana IRMI lel./fax 20.14.48.31 Orario 9,00-13,00/18,00-20,00 Chiusi solo la ~omenica

;!TTf~~NTS ~:lonmCI

DI

"

Apple Computer

NEGOZI

OSTIENSE/COLOMBO

Viale ~elle Provincie, 81/89 00182 Roma lel./fax 44.23.13.82 Orario 9,30-13,30 /15,30-19,30 C~iusi i1luoe~i mattina e sabato ~omeriggio

' •

Yia~ella Villa ~i lucina, 18/18 00145 Roma lei. 54.33.451- fax 54.33.442 Orario 9,30-13,00 /18,00-20,00 Chiusi illune~i mattina

Assistenza Tecnica Tel. (06) 21.48.208

PONTE MARCONI PORTUENSE

lungotevere ~egli Inventori,28 00148 Roma lei. 55.95.183 14 linee r.a.1 fax ~5.80.951 Orario 9,00-13,DO /15,30-19,30 C~iusi il sabato ~omeriggio


Chi cerca trova. /

Se state pensando all'acquisto di una stampante a getto d'inchiostro cercatela nella Linea Verde Mannesmann Tally: T7018la monocromatica più economica, T7010 Plus la superportatile piccola come un libro, T7118 monocromatica evoluta, T7118 C per stampe a colori, T7040 monocromatica con kit colore intercambiabile in pochi secondi.

!

TIOI8: 3 pag./min. - 300 dpi - lil. 399.000*. TIOIO Plus: 3 pag./min. - 300 dpi - portatile -lil. 526.000*. T7118: 3 pag./min. - 300 dpi - kit colore opzionale -lit.468.ooo*. TI118 C: 3 pag./min. - colore - 300 dpi - lil. 523.000*. TI040: 5 pag./min. - 600x3OÒ dpi - kit colore opzionale - gestione carta versatile - !il. 585.000*. Se invece volete una stampante ad aghi e laser cercatela sempre nella Linea Verde Mannesmann Tally, per non rinunciare mai al miglior rapporto tra qualità e prezzo. Per saperne di più sui prodotti e dove trovarli telefonate al...

Oltre 250 rivenditori.

MANNESMANN

Tally;~~


"Dammi la mia Ink-jet!" "Voglio la mia Laser!"

.c u

..;;

il:

c

~

'"

~

:5

4:

a

.... Cl' IO

n %

'r"-

o

~

Succede, quando la stampante e V,'ncl' GTiatta a ltou Solo OKIPAGE4w offre i vantaggi di una Laser al prez-

1fD(tI\~

zo di una Inkiet. Pensata per Windows (anche '95),

veloce (4 pagine al minuto) e professionale (qualità

~

e semplice da usare. In più, è leggera ed ingombra pochissimo: meno di un foglio A4. Ecco perché tutti la vogliono.

IVA inclusa.

se acquistiOKIPAGE entro il 31 Gennaio

VUOI SAPERl\'E DI PIÙ SU OKIPAGE 4W E SUL CONCORSO OKI & ORI?

C167 822191 I Numero Verde

- oK I •

TELEFONA

600 dpi), OKIPAGE4w è silenziosa, facile da installare

L. 599.000,

è OKIPAGE 4w.

4w 97

People to People Tedmology


Suite per ufficio a 32 bit, potenza grafica ed Internet per Windows® 95 Le funzioni parlano da sé:

Corel® WordPerfect® Suite 7 su eD-ROM! ridefinisce la suite per ufficio ed è ideale per il modo di lavorare di oggi. Potenti applicazioni di base, raffinati strumenti di gestione file ed un'avanzata tecnologia Internet rendono altamente funzionali le vostre comunicazioni aziendali ottimizzando nel con tempo la vostra produttività. Scoprirete come ottenere la massima produttività, sfruttare al meglio Windows® 95 e utilizzare Internet nel migliore dei modi. Con tutto questo e con molto di più, Corel WordPerfect Suite 7 è semplicemente una delle suite più intelligenti, potenti e versatili che potete comprare.

WordPerfect '1 NUOVA connettività Internet - collega qualunque testo direttamente ad un file Internet o segnalibro di file; convertite file Web direttamente in formato Corel WordPerfect, pronto per l'uso NUOVE linee guida- consentono di cambiare margini e colonne direttamente sulla pagina NUOVE QuickSpots- dà accesso con un singolo elic del mouse ad opzioni di formattazione ed attributi per paragrafi, celle di tabella e grafica NUOVO Spell-As-You-Go '" - sottolinea parole che possono essere scritte erroneamente in modo tale da correggerle mentre vengono digitate NUOVI QuickFonts- mostra gli ultimi lO caratteri usati, così come appaiono nei vostri documenti, pronti per essere riutilizzati

Quattro Pro1 NUOVA connettività Internet - collegate qualsiasi cella ad un file Internet-Web, FTp' HTTP o Gopher e riceverete aggiornamenti automatici ogni volta che volete memorizzare quotazioni di titoli, tassi di cambio e molto di più NUOVA editoria Internet - pubblicate qualunque Corel* Quattro* Pro 7 'otebook come file HTML NUOVE@funzioni - più di 100 funzioni nuove di zecca, 500 in totale-vi garantiscono una maggiore potenza analitica NUOVO QuickFiII. consente di inserire dati sequenziali o ripetitivi all'istante, ed è in grado di gestire anche gamme bidirezionali e discontinue

Presentations 1

Utilizzate Internet al meglio Sfruttate al massimo Internet con un potente Internet Publisher integrato che vi consente di creare e visualizzare documenti Web all'istante. In più, convertite file in e dal formato HTML e collegateli a determinate informazioni sul World Wide Web rapidamente, facilmente ed efficacemente.

NUOVE ActionLinks· spostatevi da una diapositiva ad un sito Internet o ad altre diapositive con un singolo elic del mouse per accedere agevolmente alle informazioni NUOVA animazione a oggetti e simboli di elencazione- dà alle vostre diapositive un maggiore impatto NUOVI effetti di transizione - applicate la vostra scelta di oltre 100 effetti tra i quali Dissolvenza, Scorrimento e Spirale su testo, grafica e diapositive NUOVA importazione di file • da file Microsoft* PowerPoin ,Lotus* Freelance Graphics* e Harvard Graphics*

Ottenete la massima produttività Le applicazioni di base condividono un'interfaccia utente standard e strumenti comuni quali Speller, Thesaurus, Grammatik® e Open Dialogue che vi permettono di restare ultraproduttivi.

Più funzioni

• CoreIFLOWT>1 3 per una grafica aziendale ad alto impatto

Sfruttate al massimo Windows' 95 Rendete altamente funzionali le vostre comunicazioni aziendali con applicazioni complete a 32 bit-compreso supporto per nomi di file lunghi, multithreading, multitasking e la modifica in posizione di OLE 2.0 per ottenere prestazioni ottimali.

ed applicazioni a valore aggiunto!

Grafica aziendale

il

t Disponibile anche in versione su dischello e su eD-ROM. Necessità di un'unità eD-ROM per accedere al sei completo di applicazioni, caratteri e dipano I dischetti contengono il modulo Care IWordPerfecl- 7.

• 150 caratteri di qualità superiore • 10.000 immagini clipart Utility di desktop • Sidekick ™ 95 - un innovativo organizzatore personale • Dashboard ™ 95 - un ottimizzatore di produttività personale • Envoy ™ 7 - un versatile editore elettronico di documenti

KUR-0220-1


I

Compresonel prmo di ogni PC 3 mesi di ABBONAMENTO

__ r~ 1-;-;;

_~

l

-J

,

.

s~s. ""'"@éIlSSi.S-te •• ~

SO:FneVARE

L-tf;.,==fl

~--

~-tau.do

•••• PC


Simply Trans 2. j Inglese-italiano e vicecersa. Traduce an-

Zani,helli 97 enddopedia in italiano.

~ che le PAGINEWEB! i

la famosa enciclopedia, ora multimediale.

24 SOFTWARE, CON REGOLARE LICENZA, PER OGNI TUA ESIGENZA -

Windows 95. Il nuovo sistemo operativo.

P(-(illin lile. ~:~;~r~:r I~onti-

~

. .'I

__

stimenti.

Errata (orrige2 Home

I ..~l';:

~_..

P-Fomily 96 Bilancio familiare, agendo, rubrica per Win95_

"'.,..,

-

TOlogool 96/91. Per O((oniti sistenisti. Enormellrdiviostori'

__:,;;

/ Medioliber. Antologialeneral. - i1oliano.40 outoci, 60 opere,mulico. Fonlogool. Il colcio manogeriole più gia<oto in 1I01io.

}r;!,

:ti:~~ft~e~~:'

,. --~ ::!l

IO.

r:'~~~h.

(orel Drow 5. ·OEM Graficoe impogi· nozione.

Corso di inglese inlerotlivomultime-

(AD 3x. Progenozione e disegno in 2 dimeno sioni.

~ Dizionario italiano Deyolo-Oli. Versione • onni '90. (oppodel - ;lo . Mondo di (01!~ _,io. 1:;"'- Enci<~pediomuhi- --mediole. ..."':-" ,_,~ ~

-.

f .-

Kit INTERNET. 15 gg. abban. gratis su Video00 Une,conpastaeielIronica.

diole.

-:.:-

Works 4 per W1195. Testi,f. di colcolo, doli, comunicozione.

/ Regolo 1. (olc~DIDredditivilò d,i80r,m,inve·

ct/ Phod. Gestione aziendale semplificolO.

"t

~

Guido o Win 95. Per uliliIlorlo 01 meglio.

,-"

W lip 2.1. (ompressoredoti

Agenl95. Ommizzolo RAM,

d~~6i5~~rmiome·

:I~~:~il~e:epre.

_ --flW1

Tutti i prezzi sono da considerarsi

IVA 19% esclusa.

Lotto Mogi, Plus. Estrazioni e ruote sul Pc.

Toloalldo 96/97. Sislemi schedino inlegral % ridotti

ai legittimi proprietari.

"

"

PREMIUM 133 16 Mb 1.798.000 32 Mb 1.998.000 PREMIUM 200 16 Mb 2.498.000 32 Mb 2.698.000 Designed

for

t'~I\ ~~/

011/ 4031266

~.

Cl

-67-01~9331 •

FAX on mand

(HI!~ Al NU,\\IiO VIROlll PUNTO VINOIIA PIU (0,11000 P!R lE.

Sito Internet:

~~I.uconiol

b974/4947 SASSARIIOlbio) 0769/2B263

5t~~mJ~~lf'go)

CASE MINITOWER+ALlM. CE • CPU PENTIUM<Il>INTEL • MAINBOARD TRITON Il 430 V ESP. 512 KB CON CACHE PIPELINE BURST • HD 1.3 GB PIO MODE 4 • SVGA 1280X1 024 PC! ESP. 4 MB CON DECODER MPEG SOFTWARE INTEGRATO • DRIVE 3" 1/2 1.44 MB • TASTIERA PER WIN 95. 24 SOFTWARE INCLUSI NEL PREZZO. MONITOR ESCLUSO.

... .... .,

MIlANO ICinisello B.I 02/2403490 MilANO ILissonel 039/4655049 MILANO ISest<>S. Giovonnil 02/2403490 MODENA IFormigionel 059/556860 NAPOU 081/5455245 PERUGIA IFOIignol 0742/24461 PERUGIA IGvbbiol PROSSIMA APERTURA PESARO 0721/410551 PESCARA 085/4211037 PIACENZA 0523/334455 PORDENONE IAzzono D.I 0434/633 35 RIMINI PROSSIMA APERTURA ROMA 06/4066789 ROMA 06/7029328 ROMA PROSSIMA APERTURA ROMA PROSSIMA APERTURA S~~RNO g828154374

- Tutti i marchi ® appartengono

OFFERTE PC MASTER

PREMIUM 120 16 Mb 1.698.000 32 Mb 1.898.000 PREMIUM 166 16 Mb 2.249.000 32 Mb 2.449.000

AGRIGENTOIBr.oooI PROSSIMAAPEImJRA AGRiGENTO IConicollì1 0922/B5B989 AlESSANDRIAI~i Il 0144/356115 AlESSANDRIA IN. Ligure) 0143/321542

PREMIUM 150 12 Mb 1.998.000 32 Mb 2.189.000

CE

TORINO 011/4310957 TORINO ~OfbOssonol 011/903 567 TORINO livrea) 0125/64)048 TRAPANlICoSìdVeifOOOI 0924/906626 TRENTO IArcoI 0464/532122 TRENTO lRovereto) 0464/438021 UOINEjS. Daniele dOIFriUliI 0432/941276 VARESI;IFernol 0331/728084 VARESE jLuinol 0332/5 0900 VERCEW PROSSIMA APERTURA VERCELli ISonìhià) 0161/930500 VIBO VALENTIA IPreitoni di Nocoterol PROSSIMA APERTURA

~~~~J~~iol DIVENTA ~ ANCHE TU UN

•.

Telefona allo: 011/4034828 Per nuove affiliazioni: foresti@Videocomputer.it

http://www.videocomputer.it/moster/ E-mail:

moster@videocomputer.it

LE TUE ESIGENZE ••• LA NOSTRA ESPERIENZA


- Tecnica, installazioni, • concor~I, preZZI. Per il vostro

impianto

ACS-AudioCarStereo,

auto non c'è che la rivista full optional

che ogni mese vi offre tutto il mondo dell'Hi-Fi Car chiavi in mano. I professionisti appassionati tutto

del settore troveranno

e i semplici

nelle sue pagine

ciò che serve a soddisfare

curiosità

sulle tecnologie

Perché

le recensioni

Stereo, sempre contenuti

lazioni affrontano

per l'auto. di ACS-AudioCar-

puntuali e sempre dagli alti

tecnici, oltre a trattare

recchiature,

le loro

le problematiche

le appadelle instal-

e l'informazione

sui concorsi,

i settori della telefonia

dei sistemi di navigazione E tutto è completato e dall'AUDIOGUIDAcAR,

cellulare.

e degli antifurto.

da rubriche

musicali

l'aggiornatissima

guida all'acquisto. technimedia Pagina dopo pagina, le nostre passioni.

OGNI MESE .. L'ALTA FEDELTA IN AUTO.

Chiavi in mano.


s••~~

..A.SS.S~~

L-:t~,=E

Acquistando presso iltuo

poI

per 2 U1.esiVi darà aeeesso all'assistenza telefomea gratuita. Dalle 9 alle 18 dallunedi

al venerdi.

~TEXAS INSTRUMENTS Solo ~sso i Master Point P1us tr0vi tufle le ultime novità e le offerte Master del mese. AGRIGENTO(Conicottìl Aurelio Sciobborrosi 0922/858989 AlESSANDRIA(Acquil) Inboorl<et 01«/356115 AlESSA!'VRIA(N. [jgJre1

LUCCA(Vioreggiol Il Lab Versilio 0584/943780 MACERATA (CNòn>o ììlìJIOì Campu1erFirrnShap 0733/816959 MESSINA

E.D.~

Progetto Informatico

0143/321542 ANCONA A1batr", Sistemi 071/57358 ANCONA (JesiI

0575/903429 ASTI

090/343876 MESSINA (Milozzol ProgettaInfannatico PROSSIMAAPERTURA MIlANO (CinisellOB.) P.C Superslafe 02/2403490 MWI? (SesloS.GiawlMI P.c.SupersIare 02/2403490 MODENA (Formigine)

Moxwore

System Exdusive

0141/594949 BRESCIA

059/556860

Micromonio

Computer> & Gomes 081/5455245 PESARO Personal Computer 0721/410551 PESCARA

Albatros

Sistemi

0731 /209229 AREZZO Moster Informatico

030/3760009 CAGUARI Micra & Olive 070/653227 CATANIA CD.M.P. 095/7159147 CATANZARO M & D Elettranica 0961/741313 CHIETI(Vostal Creso Div. Informatico

0873/60092 ill'lEO (Castagnito) Escope 0173/211941 CUNEO (SCNi9Iiona) rElettrooca 0172/712773 FOGGIA (Apricena) Ditta Pipino 0882/641276 FORU (Ce"",o) Compulermonia

0547/610712 GENOVA Videa Hi-Fi 010/6457680 IMPERIA(Vallecrosial N.l.S

O184/25200 l LASPEZIA I.l. Elettronico

0187/511739 LASPEZIAIf<llldl ~ VmmoI 1.1.Elettronica 0187/520634 LASPEZIA I.l. Elettronico

0187/511103 L'AQUILA Digigrophio

0862/411096

NAPOU

SERIE EXTINSA Ilportatil. alla portata di tutti" EXTEN~A510 OS 10,4" • Pl00 MHz PCI • 8 Mb Ram. removibile· sound

Acquistando un qualunque monitor Goldstar presso i nostri punti vendita avrai 3 ANNI DI GARANZIA Un servizio in esclusiva 0ijj~ che solo i negozi Master e GI sono in grado di o:flìirti. "V 0ijj

.. C

ALCUNE

OFFERTE-:

Dimensione Informatica

085/4211037 I\:JROENONE (AmroDmo)

OFFICE 7.0 PROF Un solo pacchetto per videoscrittura, calcolo, data-base.

Biosin Denis

0434/633135 ROMA Grophocort 06/7029328 ROMA Centro Giotto 06/4066789 ROMA CentroGiotio

PROSSIMAAPERTURA ROMA Centro Giotto

PROSSIMAAPERTURA TORINO Squid 011/4310957 TORINO(OìlXìssanal Campu1erwa<k 011/9031567 TORINO(Ivrea) B. & B.Elettronica 0125/641048

da L. 662.000 f

\ìi~~1 h'ifi~

•.~.,..

llJI

ENCICLOPEDIA ZANICHELLI 97 la famosa enciclopedia ora multimediale.

da L. 149.000

c ~ 'H

i! Q,.

L. 2.689.000 EXTENSA570CD 810 Mb

L. 3.495.000

e

'E

'=

TravelMate 6020

°in

TFT SVGA 11,3"· P120 MHz • BUS PC! • 8 Mb EDO Ram. 1,08 Gb HD • 1 batteria li-Ion

.!! '0

L.6.990.000 16 Mb EDO

L. 9.490.000 TravelMate Serie 5000 "L'uHicio senza confini" TravelMate 5230 TFT SVGA 10,4'. P120 MHz • BUS PCI • 8 Mb Ram. 1,2 Gb HO • 2 banerie li-Ion

L. 5.290.000 TravelMate 5370 TFT SVGA 11,3'· P133 MHz· 1,2 Gb HO • 2 banerie li-Ion

BUS PCI • 8 Mb Ram·

L. 6.990.000

°

CHII~ Al NU,IIIRO VIROlll PUNTO VINOITA PIU COMODO PII n,

E-moir: moster@videocomputer.it

U TUI ISIGINZI ••• LA NOSTRAISPIRIINZA

gO

CJ) C

TravelMate 6030 TFT SVGA 12,1'· P133 MHz. BUS PCI. Ram· 1,35 Gb HO • 1 batteria li-Ion

Sito Internet: http://www.videocomputer.it/moster/ PLUS

I

·c

Q,.

TravelMate Serie 6000 "Collegati col mondo"

TRAPANI{~)

Certra Campu1en 0924/906626 UDINE(S.DanieledelFriuli L.G. Computers 0432/941276 VARESE(Luinol Cl Service 0332/510900 VERCEW(Sanìfìiàl CD.S. 0161/930500

'C

OS 11,3' SVGA· P100 MHz PCI· 8 Mb Ram· HO • eO-ROM 6Xspeed • Multimedio

Cl-67-01i9331]9331

DMNTAANCHE1U UN ~ TeWona al« 011/4034128

o•.. o

810 Mb HO

~

&.

Q,.

O @

:i

~ ~

'§ •••


tutto

il

mondo

Greenwich è il riferimento unico per misurare il tempo. Ma da noi c'è qualcos'altro. Un riferimento

per conoscere

e

scegliere gli strumenti che lo misurano: Orologi. Una rivista pensata con passione; nelle sue pagine il mondo del tempo, in tutte le sue forme: tecnica, storia, curiosità e futuro. Splendide immagini di orolo-

Il riferimento più autorevole dopo il meridiano di Greenwich.

gi moderni e antichi accompagnano informazioni precise e articoli attenti e puntuali sulla tecnica,

la cultura del

tempo e sulle rarità. Insomma una guida sicura che non ha paralleli: proprio come il meridiano di Greenwich.

technimedia

LE MISURE DEL TEMPO

Pagina dopo pagina, le nostre passioni.

Ulysse Nardin: la tecnica del Tellurium


Per tutta la linea GEO, il servizio

Nella linea dei notebook CEO, i/ modello ProCD è al vertice tecnologico per ;: .", potenza elaborativa,

p.~n'iHIJ1'"

'6

.~ completezza funzionale ed eleganza ..•..•..•..•..•. 1ii ~ Le prestazioni più evolute sono ·iii .~ integrate in una soluzione di alta qualità, U

~ espandibile, ergonomica e multimediale ·iii ::;:ad un prezzo fortemente competitivo.

assicura la riparazione/sostituzione entro 5 giorni lavorativi

GEO ProCD è fornito con il software preinstallato

OS/2 ""ARI'

Q; .~

• Con supporto per applicazioni DOS e Windows llx

e

Q.

o

g Il CPU [ntel Pentium® fino a 133MHz 1§ Il Architettura modulare 1ii .",Il Display di grandi dimensioni ~ :.c Il Scheda audio, lettore CD-ROM ~ e altoparlanti incorporati .~ -= Il Plug'n'Play bus PCI e PCMCIA ~ Il Docking station opzionale

Quick Assistance

Modello ProCD della linea GEO

• Word Pro ')·2·3 • Organizer

• IBM AntiVirus • Bonus Pack con Internet Access

• Freelance Graphics • Approach


n -Vendite Tutti i documenti di vendita: Bolle, Fatture, Ricevute Fiscali, Note di Credito. Note di Debito ...• 3 sconti su articolo e 3 sconti finali· Fatturazione articoli non a magazzino (interventi, prestazioni, riparazioni ...) • Campo di note per descrizioni aggiunti ve • Stampa su modulistica Buffetti o in formato personalizzabile dall'utente· Ricevute Bancarie standard ABI o personalizzabili dall'utente· Gestione Incassi e molto altro ..

--~ E:::: ~~~ ~=;:R: ~: .••_ .••m,...----:;J~~~

_4

==:;R~~F===

._

_ _ ln

;F===

..

-- ~----~.-

"._

;:;::..- =----"'--'~---'---'

CARATTERISTICHE

TECNICHE

Compatibile con Windowse: 3.1, 3.11. 95. NT Elevate prestazioni Autoinstallante, archivi di base precaricati Ridotti requisiti hardware Vero applicativo MOI (Multiple Documents Interf.) Archivi standard dBasee Modulistica personalizzabile dall'utente Movimenti con lettori ottici di codici a barre Fornito con un set di moduli aggiuntivi: SGA·Browse, SGA·Query, SGA·Anteprime ... Collegamento dinamico con applicativi Windowse Stampe su carta, anteprima, disco e appunti Disponibile in versione MS-DOS~ e Windowse Compatibile con la versione Azienda

• Potente • Veloce • Sicuro • Facile

da usare

Stampa docur1!enti personatizzabtle

r

§:f ;':-S:~=:.

if....:::::' f..:;' §;~ :.?'~~ ,_ ,_ .. ...•. ,__." _ •.... •..., ,_ ....

•... •... •... •... •... •... •... •... •... •... •... •... •... •...

•••

<

,_

.

••

.u

Il pacchetto completo comprende tutti i moduli: Contabilità, Vendite, Magazzino, Ordini Clienti, Codici a Barre. Sono disponibili anche i quattro moduli singoli: Contabilità, Vendite, Magazzino e Ordini Clienti a L.190.0001'1 cado (Il modulo Codicia Barreè gratuito e fornito con qualsiasimodulo acquistatoperchécompresonellefunzionidi base).

~

r sol~ione

Light per gestire l'azienda seriamente

Potenza gestionale! Disponibile per gli ambienti: • MS-DOS" Tuui gli utenli della \'ersione MS·DOS· possono aggiornarsi • Windows" 3.1 con Azienda Light per Windows·: chiedete informazioni. • Windows" 95

Garantito da migliaia di installazioni. Richiedi oggi stesso il tuo paccheHo chiamando il numero: (02) 57.51.00.01La spedizione è immediata.

SGA Informatica s.r.l. Strada 4 • Palazzo Q8 • Milanofiori • 20089 Rozzano (MI) Tel. (02) 57.51.00.01 (ra) Fax (02) 57.51.03.55 BBS (02) 57.51.10.95

••• smau

Padiglione 13 Stand D18


E 'O

."

... SPEEDCOM TAGLIA I PREZZI

:~ 1ii

~ Quando navighi sul Web e scarichi dati, immagini e ~ suoni, quando accedi a servizi on-line, trasferisci file o ~ spedisci E-mail e fax in tutto il mondo, allora il tempo ~ è davvero denaro. Con i ModemFax SPEEDCOM u ~ ad alta velocità tutto è più facile e più conveniente.

Veloci e affidabili i ModemFax SPEEDCOM realizzano subito grandi risparmi di tempo e di denaro. Disponibili nelle versioni interna, esterna e PCMClA, sono dotati di software d'uso e manuale in italiano, kit Internet, garanzia di 2 anni e di un rapido servizio di assistenza .

.5..

ea. c

.~.

,~

":il

I

ModemFax e Adattatori ISDN interni di facile installazione, Plug'n'Play, consentono le massime prestazioni per qualsiasi Pc.

.

ModemFax esterni dal design innovativo sono disponibili in un'ampia gamma con prestazioni fino a 33.600 bps con funzionalità "voice".

PCMCIA Plug'n'Play per tutte le esigenze: ModemFax, Adattatori Ethernet, Lettori CD-ROM, Adattatori ISDN.


.

:.~~

L. I:,9- E R T A.

nei

[agilmente]

di muoversi PERCORSI q U O t i d come nel cyberspazio

grazie a dimensioni

GRAN DE

D I

n i

i a

RIDOTTE,

potenza e a u

o

no

di

m

guardare

ve r s o

d i

a

e

MONDO

i l

ascoltare i suoi M E S S A G G I

e s p r i m e r s i O CONSULTARE

STRAORDINARIO

grazie a quello

l i n 9 u a 9 9 i o

che è la MUL.Tlmedialità

di

elaborare.digitare.

p i a n i f i c a re.

CREARE interagire

,v i sua

l i z zar

FI N'AL. ME NTE--------

P E N S I E R I

e senza [BELLA

FORZA,

e un

con

F li..5 T

2 ANNI s

e

r

v

GARANZIA

di i

c

e ] da RECORD

FINALMENTEsicuri di possedere un

N O T E B O O Ka n

sotto

ogni

v a n z a t o profilo·TRANNE UNO.

d

v

n

o

a

o

?

[Sì. il prezzo]

OYSTER POWERFRIENDS

OYSTER è distribuito da: T.V.C.Italia srl ( Strada del Mobile16/C 33080Visinaledi Pasiano(PN) tel. 0434/61.08.57 r.a.. fax 0434/61.09.00 Internet: http://www.oyster-it.com Numero Verde

C

167-250309 ____

~

Per conoscere il nome del rivenditore

I

Oyster più vicino basta una telefonata gratuita al nostro numero verde

e.


La stazione

1uu!tilllediale

può dil'entare

Uuibil

nello stesso tempo:

televisore. teleuideo. silltullizzatore leflore multimediale

radio .

di encidopedie.

sala di re[!,istraziolle l'ideo e audio. te/e/a.\". modem e

UIlO

strumellto

potente e l'ersatile per lltll'igare llella rete mondiale

di internet.

·1I1t1

, insid' p~.'1,i.l!~ LA CERTIFICAZIONE

TUTII I SISTEMI UNISIT SONO CERTIFICATI CE. É CONFORME A TUnE LE NORMATIVE VIGENTI RICHIESTE DALLA COMUNITÀ EUROPEA

Quadricromia Risolllziolle.· 720 x 360 dpi Velocità: 300 caratteri al secolldo Rllmore: 45 db Porta Parallela Alimelltalore 100/ogli illcO/parato JHalluale i1l ltaliano Quaflro cartucce separate

Canon IL PiACERE DI LAVORARE

INSIEME

CARATIERISTICHE

Un ingresso/uscita Un Ingresso video CVl3s'

SCHEDA

VIDEO

AV MASTER:

audio stereo - P/Hp, & Play S-fIlileo - due uscite l'ideo

tiel'Clla qllalilà di digilalizzaziolle

,l/:/PEG

PC! bus master Qualità stue/io - Frame grahhin!!, Sqjiu'are di edltln/!, uideo U/md MediaStlldio 2.5\ 'E Software per tito/aziolle 3D Cr)'sta/ Graphics F/YlIg FOllt 3.0/

~ Lit.

990.000

+ [VA

Registrare eD-ROM non è mai stato così semplice.

.JVC PROFESSIONAL

~

... ~

~ ~

.

.

~

~ lO o

a

i ~ ... <:;


z o

~ :z:

UINTELLIGENZA NON STA MAI FERMA.

Q o

:; v

z

~ c z

i

Abbiamo inventato Ethernet.

Abbiamo inventato la stampa laser.

~x·...· ."1

r

.

.•

~

---- ------- ------ --------

RANKXfROX

DOCUMENT N E T W

o

R K

~

I I

I

I I

, ,, I

I

, I

, I

Abbiamo creato una gamma completa per ogni esigenza.

La stampante b/n più veloce nella sua categoria. Xerox 4508. na stampante che oltre a permettere un'alta risoluzione e nitidezza della stampa in bianco e nero grazie alla tecnologia laser da 600x600 dpi, è in grado di stampare fino a 8 pagine al minuto elevando così, in modo significativo, la produttività del voslro ufficio. Un insuperabile rapporto qualità prezzo ne fa un capolavoro eli " tecn ol ogia alla portala eli ogni esigenza.

-

Xerox OocuPrint 4510 600,600 dpi

IO ppm b/n Sino a 16 MB RAM

Xerox OocuPrint 4508

Xerox DocuPnnt 4517

600,600 dpi Bppm bln

1200,600 dp' l) ppm b/n

S,no a 34 MB RAM

S,no a 64 MB RAM

Xerox DocuPnnt 4520 600 ,600 dp' 20 ppm b/n Sino a 52 MB RAM Xerox XPrint 4925 Plus ~6OOdp,

Xerox XPrint 4915 Plus 1200,~

:3ppm

3 ppm colore/I 2 ppm b/n

colore/I 2 ppm bln

24 MB RAM· 340 MB HO

16 MB RAM base

I

~llJ1ana1rCO

Xerox XPnnt 4920 P1us 600,600 dp' 3 ppm colore/12

ppm b/n

16 MB RAM base

THE DOCUMENT

COMPANY

RANKXEROX Sì, desidero ~

l'icp\ l'l'l' maggiori

'\Pl'O\ 4915

Cognoll1e

~

e nOllle

'\ero~

4920

informazioni

sui seguenti

'--- Xel'ox 4925

pI'ociOlli I\ank Xel'ox:

C Xel'ox

[J Xe,'ox

4508

4510

OXel'ox

4517

Oualilica

Soeiel1t

Tel.

\ ia

CAP

Per ulteriori chiarimenti, chiamare il nostro numero verde

_ /

Cilli, \le \Ie

D Xel'ox

4520

_ _

INVIARE A RANK XEROX - FAX N. 02-2824944

H.ank Xel'ox su internet: hu p:/ h",,,,v.xerox .iVdesktop


<J)

a.

Lemon progetta e produce computer da più di vent'anni. Ventisei, per la precisione. 11tempo che ci vuole per far crescere e maturare tecnologie di grande qualità e prestazioni. 11tempo che occorre per guadagnarsi la fiducia dei punti vendita e assistenza più qualificati in Italia. Potete operare in qualsiasi ramo: tecnico, amministrativo, gestionale, creativo, multi media le. È sempre il ramo giusto per raccogliere i frutti dell'esperienza Lemon.

Mod. P8-1800:

Chip Pentium", Pro 180 256Kb, 16 Mb, 1,2 Gb HDD, CD-ROM 8" 83 Tri064+

PENTIUM"PRO PROCE8S0R

Richled

ulteriore

agione-Social.~e'

materiale

informativo!

-------------------------O _

o'

Compila e spedisci a: t ELE-RO ICA Zona Industriale E, Fermi - 62010 MONTELUPONE(MC) - Tel. 0733 224012 - Fax 0733 224035 E. MAIL Iemon wnt.lt

lEMON®

computers


100-200 MHZ I inteJ I

PC PENTIUM ~

CONFIGURAZIONE BASE: CASE DESKTOP O MINITOWER CE MAIN BOARD PENTIUM 75- 200 MHZ - CHIPSET INTEL TRITON Il pentlum 256KB CACHE SYNC ON BOARD EXP 512KB - RAM 8MB EXP 128MB SCHEDA VIDEO PCI S3 TRIO 64 V+ 1MB EDO ESP 2MB MPEG SW DRIVE 1,44MB -TASTIERA PER WINDOWS 95 - MOUSE + TAPPETINO

HO

CPUINTEL PENTIUM PENTIUM PENTIUM PENTIUM PENTIUM

100 120 133 150 166

PENTIUM 200 PENTIUM PRO 180 PENTIUM PRO 200

I <~~

PENTIUM

133

'.

HD420MB

CARATTERISTICHE: RAM ESPANDIBllEA 16/24/32/40MB HARDDISK REMOVIBllE DA 420MB A l,7GB DRIVE1.44MB REMOVIBllE PERCD ROM 6X DISPLAYTFTDA 10,4" O DA 12.1" 2 SLOTPCMCIATIPO Il O 1SlOT TIPO 11I

"BRAHMA Idvlnced"- LCD COLOR 11,4" SVGA 800x600x65KC 8MB - AUDIO 16 BIT - 2MB VRAM - ZV PORT (USCITA TV) CD-ROM6X INTEGRATO- TOUCHPAD- MICROSOFTWINDOWS9S CD CPU INTEl PENTIUM PENTIUM

100 133

GARANZIA ASSISTENZA

HD1,108 3.990 4.390 2 ANNI IN 72 ORE

-

-HARD DISK l,3GB + 200 -HARD DISK l,7GB + 400 -ESP.MEMORIA+ 8MB 12 X 4MB) + 200 -ESP.MEMORIA + 16MB 12 X 8MB) + 400 -ESP.MEMORIA +32MB 12 X 16MB) + 800 -lCD TFT11,4" 1800x600x16,7MIl Cl + 600 -lCD TFT12,1" 1800x600x16,7Mll C) +1.400 -SCHEDADECODIFICAMPEGHW + 400 -MINI DOCKINGSTATIONPCI + 690

SCHEDE VIDEO PCI S3-TRI064V+ 1MB/2MB EDO PnP W9S MPEG SW S3-TRI064V+ 1MB/4MB EDO PnP W9S MPEG HW S3-VIRGE 3D 2MB/4MB EDO PnP W9S MpEG SW ESPANSIONE 1MB EDO RAM VGA (2 CHIP SI2KB)

[AIuosoft

Iridd·)iU I~~~:~~~~:

ISONyl

70 170 170 SO 190 :~4~0~~:~~~~0 340 ESPANSIONE 2MB VRAM PER DIAMOND STEALTH 270 440 STEALTH EDGE 3D 2120 1MB EDO RAM STEALTH EDGE 3D 3240 2MB VRAM 690 MATROX MILLENNIUM 2MB 350 ---_ ••• MATROX MILLENNIUM 4MB 450 ESPANSIONE 2MB WRAM PER MILLENNIUM 170 ESPANSIONE 4MB WRAM PER MILLENNIUM 320 4S0 ESPANSIONE 6MB WRAM PER MILLENNIUM 290 MATROX MEDIA XL + MPEG MATROX MISTIQUE 2MB+4 GAMES CD* 290 MATROX MISTIQUE 4MB+4 GAMES CD* 420 *SCORCHED PLANET, MECH WARRIOR 2, MONSTER TRUCKS, DESTRUCTION DERBY 2 ESPANSIONE 2MB PER MISTIQUE 130

I~AI

MODEM/FAX SPEEDCOM (GARANZIA 2 ANNI) 90 14.4 VOICE ESTERNO 140 28.8 INTERNO 33.6 INTERNO/ESTERNO 180/210 190/220 33.6 VOICEINT/EST 100/260 14.4/28.8 PCMCIA

-

WESTmN 0IGITAl

I

1&9 seagalP) I.

--

,EPSO~ 'i];:w

HEWlETT

~CK~

I~I.~

lID..'Ilobotics kifMt I

l'!!H,i.l.Jii.i ........ , ..

IlJl,'IIobotics I MODEM/FAX SPORTSTER 33.6 INT VOICE SPORTSTER 33.6 EST VOICE COURIER 28.8 ESTERNO WORLDPORT 28.8 PCMCIA

HARD DISK 2.1GB HARD DISK 2.5GB

R HARD DISK 3.2GB

A ESPANSIONE RAM A 16MB D ESPANSIONE RAM A 32MB E S3 TRI064V+ 1MB>4MB MPEG ESP. CACHE MB A 512KB p MB PRIDE FREEWAY Il PLUS C DRIVE CD ROM 8X '--- SOUND BLASTER 16 PnP

HW

ESCLUSA IVA 19%

390 440 690 440

-

I ~90 420 590 990 1.240 640 1.140 1.690 690 790 1.690 1.890 2.990 ~.890

mc

40 80 ISO 290 90 160 320 50 100

00 PE'"UMlOO

P PENTIUM 120 U PENTIUM 133 PENTIUM ISO PENTIUM 166 PENTIUM 200 PENTIUM PRO 180 PENTIUM PRO 200 CYRIX 6X86

210 250 370 S10 730 9S0 870 ;0

CD ROM IDE ! SCSI! PCMCIA GOLDSTAR GCD-RS80B 8X lISO mm -2S6KB CACHE) SONY CDU 311 8X (160 mse. -128KB CACHE) WEARNES CDD 102M 10X liSO m. - 2S6KB CACHE) PIONEER DR-Al0X 10X 1110 m.-128KB CACHE) PIONEER DR-UIOX 10X SCSI (C/S) NEC CD-ROM SCSI ESTERNO 8X LETTORE CD-ROM PCMCIA 4X LETTORE CD-ROM PCMCIA 6X

180 180 240 270 340 490 490 S90

M 16MB 32MB M 8MB EDO 16MB EDO 32MB EDO 2S6KB CACHE SYNC S12KB CACHE SYNC

. age

+ 50 100 200 250 300 + 80 + 240 + 100 + 50 + 100 + 180 + 120

+ + + +

MAIN BOARDS PENTIUM / PENTIUM PRO PENTIUM 7S-200MHz CHIPSET INTEL TRITON Il (430 VX)- 2S6KB CACHESYNCESPS12KB PENTIUM 7S-200MHz CHIPSET INTEL TRITON Il (430 HX)- 2S6KB CACHE ESPS12KB PRIDE FREEWAY Il PLUS CHIPSET INTEL TRITON Il (430 HX) - S12KBCACHEON BOARD ASUSTEK XPs5T2P4 CHIPSET INTEL TRITON Il 1430 HX)- 2S6KB CACHESYNCESPS12KB INTEl TUCSONTC430HX - SCHEDAAUDIOON BOARD- ATX FORM(ORIGINALEINTEl BOXED) INTEl VENUSVS440FX - PENTIUMPRO- ATX FORM(ORIGINALEINTEl BOXED)

~4M' 18MB

·CORa.

oo'@Wnii,,1

G

I PREZZI SONO X 1.000

TUTTI

I 1

I !lE

2.190 2.340

U HARD DISK 1,2GB p HARD DISK 1,7GB

M - 14" 1024x 768 NI 0,28 - MPRII O - 14" 1024x 768 NI 0,28 DOT PITCH - MPRII - DIGITALE 15" 1280xl024 NI 0,28 DOT PITCH - MPRII - DIGITALE N -- 17" 1280xl024 NI 0,28 DOT PITCH - MPRII - DIGITALE I - 17" 1280xl024 NI 0,26 DOT PITCH - MPRII - DIGITALE T * MONITOR WISE ~ NNI DI G R NZI O - 1S" WISE 1280xl024 NI 0,28 DOT PITC - MPRII - DIGITALE OSD R - 17" WISE 1600x1280 NI 0,28 DOT PITCH - MPRII - DIGITALE OSD - 17" WISE 1600x1280 NI 0,25 DOT PITCH - MPRII/ DIGITALE OSD -1S" CPD-15SX 1280xl024xO,25 (60Hz) DIGITALE -1S" CPD-15SF2 1280xl024xO,25 (60Hz) DIGIT- OSD O _17" CPD-17SF2 1280xl024xO,25 DIGITALE - OSD N -17" CPD-17SE2 1600x1280xO,25 DIGITALE - OSD Y -20"CPD-20SF21600xI280xO,~0 DIGITALE - OSD ~_:-,r 1600x1280xO,25 DIGITALE - OSD ~ -20"CPD-20SE2

METHA - LCD COLOR 11,4" 800x600x256C - 8MB - AUDIO 16 TOUCH PAD - DRIVE 1.44 REMOVIBILE PER CD-ROM 6X - WIN95

CPU INTEL PENTIUM 100 PENTIUM 120

850MB

1.090 1.140 1.240 1.370 1.590 1.790

MASTERIZZATORI SONY 924-S 4X read/2X write PHILlPS CDD2000 4X read/2X write MITSUMI CR-2201 4X read/2x write YAMAHA CDR-100 4X read/4X write TEAC CD-R-SOS 4X read/4X write

(WIN3.I/WIN9S/WIN

NT/OS2/MACj

850MB SEAGATE 850MB QUANTUM l,2GB QUANTUM l,2GB SEAGATE l,6GB WD l,7GB QUANTUM 2,IGB QUANTUM 2,IGB SEAGATE 2,SGB QUANTUM -' 3,2GB QUANTUM

270 270 320 320 390 370 470 490 S20 S70

liìJi@eliiiui HAROoISK SCSI 2,IGB QUANTUM SCSI3 2,IGB QUANTUM WIDE 4,3GB QUANTUM WIDE 9GB SEAGATE

640 990 1.490 2.790 3590

&9 Seagate 9GB MICROPOLIS AV

HARO OISK 2,S· IOE

740 740 740 1.240 1.290

ICOMPRENDE SW TOAST PRO 3.0 WIN/MAC)

CD REGISTRABILI74m (TDK/JVC/KODAK/PIONEERETC) GEAR 4.0 SOFTWARE x MASTERIZZATORE

H A R O O I S K

190 220 320 290 340 S40

14 90

S40MB WESTERN DIGITAL ~~~ S40MB IBM 290 S40MB HITACHI 540 1GBTOSHIBA 640 1,3SGB TOSHIBA 840 l,7GB TOSHIBA 990 2,16GB TOSHIBA

r? WESTERN

DIGITAL


CONTROlLERS APAPTEC AVA ISOS TOTAL CD ISA /SCSI2 AVA ISIS TOTAL CONNECT ISAlSCSI2 AHA IS22 ISAlBULK AHA IS42CP ISAlFSCSI2 AHA 2920 PCI/FSCSI2 BULK AHA 2920 PCIIFSCSI2 KIT (EZ-SCSI 4.0) AHA 2940 PCIIFSCSI BULK AHA 2940 PCIIULTRA WIDE SCSI2 KIT MINI SCSI PLUS (PARALLEL TO SCSI) MINI SCSI PLUS EPP (PARALLEL TO SCSI) SLIM SCSI PCMCIAlSCSI2 SW ADAPTEC EZ-SCSI 4.0 SU CD

140 190 240 220 270 290 390 S40 670 340 940 370 S40

MOVIE MACHINE PRO MJPEG PER MOVIE MACHINE PRO MOVIE MACHINE Il FPS 60 MPEG X MOVIE MACHINE Il E FPS 60 MJPEG X MOVIE MACHINE Il E FPS 60 AVIATOR SPEED AV MASTER MOVIE MACHINE POWER PACK

S90 790 1.090 870 440 890 470 1.440 2.070

(MOVIE MACHINE Il + MPEG + MJPEG)

- FPS 60 POWER PACK (FPS 60+

1.040

MPEG)

2.470

- AV MASTER DE LUXE (AV MASTER + FPS 60 + MPEG)

UNITA' DI BACKUP IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA IOMEGA

SCHEPE AUDIO 7S 120 ISO 270 370 290 6S 100 7S

16-BIT SOUND SYSTEM (SB COMPATIBILE) SOUND BLASTER 16 VIBRA PnP OEM SOUND BLASTER 16 VALUE PnP SOUND BLASTER 32 PnP SOUND BLASTER AWE 32 PnP MIDI BLASTER TRUST FM RADIO CARD TRUST SOUND EXPERT WAVE 32 3D TRUST3DSOUNDCOMMANDER TRUST MICROPHONE

200 S20 340 60 240 270 S90

L -

SCANNER MUSTEK TWAIN SCAN COLOR 800 DPI16,7 MIL COL PRINSCAN 400 DPI 2S6B/W (PORTA PARALLELA) PRINSCAN COLOR 400 DP116,7 MIL COL PLUG-N-SCAN 2S6 (PCMCIA) PLUG-N-SCAN COLOR (PCMCIA) PARAGON PAGE 630 B/W PARAGON PAGE 630 COLOR PARAGON 600 Il SP (600/4800 DPI) PARAGON 800 Il SP 1800/6400 DPI) SLIDE KIT PER PARAGON Il PARAGON 1200 SP (1200/9600 DPI) SLIDE KIT PER PARAGON 1200 SP AUTO DOC FEEDER PARAGON 1200 SP (60)

STAMPANTI

PUKTOP VIDEO AVER KEY ESTERNO(VGA TO PALlSVHS) AVER KEY 3 ESTERNO(TELECOMANDO) TRUST PCTV HOME VIDEO CARD TRUST TELETEXTMODUlE TRUST HOME CINEMA MODUlE TRUST VIDEO MASTER MPEG PLAYER TRUST VIDEO MOVIE EDITOR

100 ISO 140 340 190 260 290 S20 190 240 290 120

DITTO 800 INTERNO DITTO 800 ESTERNO DITTO 3,2GB ESTERNO (PARALLELA) ZIP 100 ESTERNO ZIP 100 INTERNO SCSI ZIP 100 ESTERNO SCSI ZIP DISK 100MB (I DSK) ZIP DISK 100MB (6 DSK) JAZ 1GB SCSI INTERNO JAZ 1GB SCSI ESTERNO JAZ PACK S DISK 1GB

220 270 440 290 270 290 30 ISO 720 890 800

DYNAMIC SOUNDWAVE DYNAMIC SOUNDWAVE DYNAMIC SOUNDWAVE 3D SOUND DIMENSION SOUNDWAVE 1000 3D

路Interne ' ,;,;t ('

GENERALE

SHOP

PRODOTTI ON L1NE)

http://www..webcom.com/p.cware E-mali: pcware@cdc.lt

OFFERTE SPECIALI

- 360dpi

STYLUS ISOO / A3 A2 - 400.p. - 720dpi STYLUS COLOR 11$/ A4 - 2,5ppm - 720dpi STYLUS COLOR SOO / A4 - 4ppm - 720dpi STYLUS COLOR PRO / A4 - 3ppm - 720dpi STYLUS COLOR PRO XL / A3 - 3ppm - 720dpi EPL SSOO - LASER A4 - 6ppm - 600dpi 1MB RAM ESPANDI BILE CON SIMM I [hP.] HEWlETT I~P DESKJET 400/ 3ppm 300dpi PACKARD HP DESKJET 600 / 4ppm 300dpi HP DESKJET 690C / 5ppm 600x300dpi HP DESKJET 694C / 5ppm 600x300dpi HP DESKJET 820CXi / 4ppm 600dpi 6,5ppm B/W 4ppm HP DESKJET 870CXi / 8ppm 600dpi 8ppm B/W 4ppm C HP LASERJET SL / 4ppm 600dpi 1MB HP LASERJET SP / 6ppm 600dpi 2MB HP LASERJET S / 12ppm 600dpi 4MB

C

360 440 SSO S90 640 820 790 1520 2.270

GRUPPI PI CONTINUITA' PER PC TRUST ENERGY PROTECTOR 400 ( 400VA) TRUST ENERGY PROTECTOR 6S0 ( 6S0VA) TRUST ENERGY PROTECTOR 1200 (1200VA) MONITOR CARD PER TRUST UPS

290 390 690 80

SCHEPE DI RETE - TRUST ETHERNET COMBIISA

(COAX E UTP)

(PnP PER WINDOWS 95 - TERMINATORE E T INCLUSI)

- TRUST ETHERNET COMBI PCI (COAX E UTP)

90 110

(DRIVERS PER OS/2, DOS, NOVELL, W3.11, WINDOWS 95)

- TRUST NE2000 PCMCIA (BNC) - 3COM ETHERNET PCI COMBO - 10Mbit

240 290

(RJ 45 + AUI + BNC)

TAVOLETTE GRAfiCHE

-GRAND PRIX 2 (MICROPROSE) - ITALIANO -QUAKE (GT Interactive) - ITALIANO -Z (Virgin-Warner) - ITALIANO -PHANTASMAGORIA (SIERRA) - ITALIANO (6 CD) -RIPPER (Gametek) - ITALIANO -DUKE NUKEM 3D (US Gold) - ITALIANO -PRAY FOR DEATH (Virgin) - ITALIANO ETC. ETC.

VISITATE IL NOSTRQ COMPUTER (CATALOGO

310 940 1.470 360 SSO 820 1.970 970

720dpi

260 S20

CD fAMES 'ULTIME NOVITA'}

30 SO 60 110 170

40 (ISW) 30 (2SW) 20 (2SW) (300W)

STYLUS 820 / A4 - 2,5ppmSTYLUS 1000 / A3 - 2S0.p.

TRUST 12 x 12 (STILO + CURSORE) ACECAD 18 x 12 (STILO + CURSORE)

CASSE AMPLIfiCATE TRUST TRUST TRUST TRUST TRUST

EPSON

E PROMOZIONI

IN TEMPO REALE.

FINANZIAMENTI

n n 94

112 103

n

SO

DA 12 A 48 MESI (CREDITCON)

PAOi~M~NIO RATEALE CON BOLLETTINI DI C/C SVOLGIMENTO PRATICHE FINANZIARIE IN SEDE O PER CORRISPONDENZA TRAMITE POSTA O

I SUPER NOTEBOOK GEO CHALLENOE I CPU: INTEL PENTIUM 200M Hz RAM: 32MB SU MODULO DIMM 144PIN (64BIT) ESPANDIBILE A 64 MB CACHE DI 2 LIVELLO: 256KB LCD: TFT 12,1" SVGA 800x600x16,7 MILIONI DI COLORI VGA: TRIDENT CYBER 9385 2MB VRAM (EDO) RISOLUZIONE

800 1280

x 600 x 16,7 MILIONI

DI COLORI

x 1024 x 256 COLORI SU MONITOR MPEG HARDWARE: CHIPSET ALI (DI SERIE) PORTA RCA TV OUT: NTSC E PAL (DI SERIE) AUDIO: 16.BIT CON ALTOPARLANTI STEREO COMPATIBILE

SOUND

BLASTER

- WAVETABLE

SU LCD ESTERNO

HW 1MB

ROM

LETTORE CD-ROM: 8x TEAC CD-48 HARD DISK: 1,4GB (HITACHI DK224-A) PCMCIA: 3 SLOTS DI TIPO Il PESO: 3,4 Kg GARANZIA 2 ANNI - ASSISTENZA IN 5 GG LAVORATIVI

PREZZO L. 7.900.000 + IVA

CORRIERE

CONSEGNA GRATUITA A DOMICILIO COMPUTERS, MONITORS E ACCESSORI PER ROMA E PROVINCIA. CONSEGNA GRATUITA COMPUTERS E ACCESSORI IN TUTTA ITALIA TRAMITE ESPRESSO PER PAGAMENTO ANTICIPATO.


Con Set & Serve®il vostro server è .operativo in 19 minuti!

Tulip Ware Server Edition con set & Serve' Set and Serve' significa una facile,

veloce e affidabile Installazione che riduce il tempo di attivazione da ore a minuti.

-

-

Con i Server Tulip Vision Une', dotati di processare Pentium~ Pro, e il CD Tulip Ware Server Edition che contiene Set & Serve', avete a disposi:ione il modo più fàcile, veloce e affidabile per installare Novell Netll'are 4.1. Set & Servé consente di installare Novell Net\\'are 4.1, in modalità Plug and Play, in soli 19 minuti. Selezionate semplicemente la licenza** (lingua e utenti da collegare) e ordinate con una telefonata a Tulip il codice di attivazione. Per ulteriori informazioni contatta Tulip Computers al numero verde 1678-29195 o via Internet 'infoitaly@tuJip.nl'

• Processori Pentium" Pro • Symmetric

• Novell Netlvare 4.1 (in varie lingue

Pro (. Dual Processing opzionale)

• Facile, veloce e a./fidabile • Soluzioni RA1D Hot SIVap (fino a 44 GB) • Server Management

PENTIUM"PRO PROCESSOR

su lacal Bus PCI, interfaccia

llogotipi

e Pentium'"'

Intellnsidel>

sono

Ethernet

m,u(hi registutl. ~tJum.

a 2ooMhz. e Fast Ethernet-.

Pro Processor ~ un

m,uchio

r~istratodi

Suite

Ultra e Ultra Wide SCS/*

Memoria RAM fino a 5'2 MB ECC(Errar Checking and Correclion). Controllervideo

**)

• 1nstalla:ione Plug and Play

Server Tulip Vision Line'" DS 6/200 e TR 6/200 Processori Pentiumill

Multi Processing* (SM P)

Intel

Corpor.tion.

• Su alcuni modelli •• le licenze Novell Nelware sono disponibili in Italiano, Inglese. Francese.Tedesco e Spagnolo

Tu18~ computers


Vendita per corrispondenza in tutta Italia

. <.

o z

OLTRE m TITOLI DISPONIBILI SU INTERNET NOVITA' Bonicelli (Giunti) Gli Ingegneri del Rinascimento Imparare il Francese divertendosi L'Europa delle Regge Le Signore del Mare Mantova, La Reg,one sul Lago Mululanguage DlCuonary Van Gogn (Glunul V'agg nel mito Rodollo Valenuno Vfuggo nel corpo umano

3I 74 47 116 61 77 l4 3I 85 7J

Da Monet , Picasso Giudizio Universale I Grandi Musei d'Europa VoI. I I Greci in Occidente Il Bonicelli (E.M.M.E.)

5

:: t~~v~~ Louvre Iltesoro dei Dogi . La pala d'Oro 10,Paul Cèzanne La basilica di San Francesco inAssisi La Grande Pittura ltalfuna La Pinacoteca Vaticana Mario Botta . Architetto

: 5l 129" 85 87 112 115

P~s:;~A~~umenti oltalfu Museo Fortuny Restauro The ltalian MelamorpnoSis 1943·1968 Uffizj. TneVirtual Museum

I

u:~niaWWim li !!IE_(S'~Wii_

!::

MultiMedia ToolBook 4,0 Full Upgrade Education CBT CBT Upgrade CBTEducation

1.490 489 999 2.199 1.599 1.425

CorelDraw 6.0 819 CorelDraw 6.0 Upgrade da 5.0 289 CorelDraw 5.0 CD 399 CorelDraw 4.0 CD 89 V;sual CADD 564 Visual CADD Trade Up 249 Corcl CAD 1.069 Corel CAD Trade Up 4J7 C1ick & Crene 819 Click & Create Upgrade 409 Corel CD Creator 315 Corel CD Creator 2 315 Corel Aow lO 219 Corel G,lIery 2 79 Corel Grapnics Pack 2J9 Corcl Princ House 68 CorelXara 359 Corel Office Companion CD 189 Corel Office Pro lO 529 Corel Office Pro lO Upgr. 399 Corel Quattro Pro 174 CorelVencura 4.2 CD 123 CorelWordPerfeet6.1 447 CorelWordPerfect 6.1 Upgrade 199 ",;;:, ~ CorelWordPerfecc 7.0 447 , CorclWordPerfect7.0Upgrade 199

~

.

STATISTICA 5PSS7.0 Statistica

I

., .-=A

1.~9 1.950

Cabn Géomè.. CDCalculusforl'.1n. DeriYell4ill~ese MathCAD5tandard 6.0 MathCADPIus 6.0 Matherrotic:aEnhanced

m

E il software in Italiano per il riconoscimento ottico dei caraneri (OCR), estremamente fucile da usare, incredibilmente preciso .. il tutto ad un preuo eccezionale.

+ CorelVisual CADDTrade up

175 260 199 l50 799 2.lOO

WZel"lutel:U .,' (,) ]

0

.",t4:!jiB

MATEMATICA La potenza di un computer, l'indipendenza di una calcolatrice. Calcolatrice con DERIVE e Cabri Géomère. L. 490.000

76 51 68 115

125 155 115 179'* 155 116

il: 1['$11Iii.

9 53 77 74 299 51 95 257 5l 68 119 51 54

~l

C:Eg~fn~C:~':,";Ji' Inferno La Resistenza Italiana 1943·1945 69 Le grandi battaglie 112 Leonardo da Vinci 10l LeonardoTne Invenror 50 L'Eti dei Castelli 115 Logos EnciclOj1edi,Universale 199 Medialiber . Ancologia Leneratura 137 Pompei. Virtual Tour 87 5ton, delle civllti· Dagli Egiziall'anno 1000 73 5torfuUniversaie 149q Voggio in E2itto 103 Vrvavoce . Garzanti 99 V""ger ltalfu 103

595,000

i ij .' li!loIC'I

Un catalogo con oltre 1.800 prodotti con sconti reali fino all'8O%daiprezzi di listino. 1.760 1420 1420 540

~i

Educativi Adas . Grande Ad,me Multimediale Colfuna ,fuggi interattivi . Marocco Deffini DIR Dinonario ltalfuno Ra~onaro Encyclomedi, . Il Seicento Energia e MuSica Galileo Multimedia Genias 96 Universale I Fenici I Normanni I Promessi Sposi Insetti...ovungue' INTERNET,di Umberto Eco

Autosketcn

C5 ChemDraw Pro 15 C5 Cilem3D + MOPACPro CS Chem Dffl<eSundard 15 InteractivePhysia

li

Corsi di lin ue DeutICn am Computer En~ishDiscove,,,, ver.lami~. Cad,uno (Il • EnglisninToucn VoI. I Interactive Englisn Salutmesamis Talktome2

COREL

CHIMICA/FISICA

85 10l 129 103

1:tIll[fm",mmn Ad,m nel mondo dei numeri (6 vol.) cadauno 46

Ilnuovo e corn~eto software di gestione ,ziendale per Windows li e VVndows 95 (licenza annuale). Prova gratuita per 90 giorni!

Il Re Leone Leonardo e il segreto della Gioconda

115 83

Intrattenimento

li/,"',lItMMVlliCj;ij"\I""ljijllrll

Cinenciclopedia 5peciale Cemenario 123 75 Le origini del cinema Le ricene della cucina italiana l7 LuigiVeronelii i vini D.O.C. e D.O.C.G. 65 Roma nel cinema 85 OGNI 3 CO ACQUISTATI UN CD ITALlAtlO IN OMAGGIO

otr,ce 7.0 5tandard Upgrade + ABC Graphics 5uite Upgrade

699,000

**

Prezzi NA inclusa D'DOS . W'WINDOWS . M'MACINTOSH . fD'flOPPY DISK . CD'CD ROM CONDIZIONI DI VENDITA: Si accetUno ordini per telefono, fax e posta. Tutte le offerte annullano e sostituiscono le precedenti. Offerte valide fino il esaurimento delle scorte, con riserva di variazioni di prezzo senza preavviso. Pagamento contnssegno. Spedizione il mezzo cOrriere espresso (L 20.000+IVA) oppure il mezzo POStil (LI 3.(00). Tutti i prezzi sono espressi in migliaia i Gre, IVA esclusa. noco nostro ma.pnino e salvo il venduto. Tutti i pacchetti sono in ve~ione originale con garanzia ufficiale, nelle ve~joni più recenti disponibili. Pag4menti e preZZi persotUlimti per clienti Carpente. Università, Scuole, Enti pubblici; richiedete preventivo. Offerte Competitive, aggiornamenti. boundle e versioni edocation possono avere la confezione esterna diversa dal prodotto swdard. Alcune offerte a preuo eduation sono nservate unicamente a stUdenti e insegnanti. altre solo a Scuole e Università. T e1efooare per conferma. $.E.&O.

PER ORDINAZIONI TEL. 0424/504650 • FAX 0424/50465 I

INTERN ET: http://www.nsoft.it/mediadirect

11I\ I"

MEDIA DIRECT

r~~t~~~?e~~~~~i;RAPPA(V

edlé .. l


Modem & ISDN ISDN Integrated Services Digital Netwark lo nuovo rete telefonica totalmente digitale che mette o disposizione su un accesso base due canali di comunicazione o 64Kbps utilizzobili per comunicazioni doti e/o voce contemporaneamente

I modem Zyxel sono famosi nel mondo per lo loro capacità di mantenere una connessione affidabile anche su linee telefoniche disturbate. Coprono tutti gli standard ITU dal V.34 28.800 bps al V.21 300 bps. Integrano FAXa 14.400 bps e con le loro funzioni voce possono essere utilizzati per servizi di Information & FAXOn Demand. ! La nuova generazione ZyXELint~.ma in un \. _~.~i_c_q _çp_~9!9_t_q.l~ .f_~~?.i9.~9J~~q~J.~p'~)per poter arrivare a velocità sbalorditive fino a 500.000 bps (con compressione) anche mentre stai parlando al telefono.

Elite 2864 Modem Fax Voice V.34 28.800 bps Upgrodabile ISDN

OMNI288s Modem Fax Voice V.3428.800

Elite 2864i Modem Fax Vaice ISDN V.34 28.800 bps X.75, V.120, PPP128Kbps

OMNI lA 128 Terminai Adaptor ISDN Doppio porto DTE Due uscite analogiche X.7 5, V.120, PPP128Kbps

ROUTER Dispositivo che consente l'unione di due reti distinte in maniera trasparente, analizzo il flusso di informazioni e scambio attraverso ISDNsolo i pacchetti destinati 0110 rete remoto.

ZyX~LrRESTIGE

, Il primo :.ROUTER)multiprotocollo --lSOWci-éosfo-contenuto: si connette alla tua rete locale e permette lo condivisione intelligente di reti IP (TCPIIP) e IPX (NoveIlTM) nello stesso istante, ZyXEL inoltre con il bridging trasparente unisci qualunque rete anche Windows™. Ideale per integrare lo tua rete con Internet, attiva lo connessione ISDN solo quando serve utilizzando un canale B o entrambi in maniera dinamica se il traffico aumenta. Paghi solamente il tempo che consumi e non avrai mai più bisogno di una linea dedicata.

~ S ID IN ""7""'J ~

Via Canova 25 - 10126 Torino Tel. 011-66338~3.- ~ax. 011-3100493 Internet: www.sldm.lt


,--'O.

Non è solo un modem, non è solo un FAX, non è solo una segreteria: È SPIDERMAN,la soluzione integrata. Spiderman è un modem V.34, può inviare FAX, riceve e stampa i FAXanche con PCe stampante spenti, grazie al suo avanzato:'power -rTiciilcigeriierìf~risponde al : telefono in nostrò-assenzo-regìstrando T messaggi;- ..' ci invia i FAXe i messaggi ricevuti dove vogliamo noi se non siamo in sede. Spiderman gestisce tutte le nostre telecomunicazioni personali, ottimizza i consumi energetici entrando in funzione solo quando serve.

POWER

MANAGEMENT Grazie all'alimentatore che integra due prese di rete attivo bili od orario o nel momento in cui arrivo un FAX,Spiderman può accendere o suo piacimento lo stampante, stampare il documento e :spegnerla o lavoro terminato.: , ~_ .• _---_._._----_ .._._-~ '

~SIDIN SIDIN 1428vqe

SIDIN 1433vqe

Il Modem FAXentry level V.34 28.800 bps per le esigenze di base della telematica. Il prodotto giusto per collegarsi a INTERNETo alle BBS.

Il nuovo standard 33.6 è prossimo e SIDIN è pronta con il suo modem V.34+ Velocità e affidabilità al giusto prezzo!

__

Il modem PCMCIAV.34 28.800 affidabile e facile da installare ~ dotato diiM-NfiOj supporta anche i telefoni cellulari ETACS. : Totalmente- Plu-g-&- Plciy-Wlnaows- 95":" Nò\iciMoDEM- è-lf -moo'em - p-er il tuo computer portatile!

MNPl O

-_'O

• Via:

CAP:__

• Telefono:

Fax:

O

Azienda

u.

::2. •

Citlà:

O Rivenditore

Prov.:

O Privato

------------------------------------~

,

~

Protocollo inizialmente : sviluppato per lo correzione . di particolari problemi sulle reti analogiche, modificato e ampliato permette oggi uno performante e sicura connessione attraverso lo rete di telefonia cellulare ETACS

• Per maggiori informazioni compilare ed inviare via fax allo 011/3100493 o per posta a SIDIN srl-10126 Torino - via Canova 25: Socielà:

••

~-----------------------------------~ : NomeeCognome:

'O

, ,

PCMCIA NOVAMoDEM 288 _____________________________

••


Esploriamoil SislemaS<>are

n__

79

~~~~:I~~~a~ol-_--:"--_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-_-:: Flighl Simulalor6 il __ Fury3 il __ ~ il

: 96 69 83

~

n

Goll2Win Hellbender Monsler Truck Madness Aelum 01 ArcadeIl SpaceSimulalor

ro

in _93 in _83 in _65 in _65 n__ 79

Vieni a trovare i nei nostri punti vendita di: BENEVENTO - Via V. Veneto, 21 Tel. 0824-28863 - Fax 0824-28863 BOLOGNA - Via Irnerio, lO/E Tel. 051- 246454 - Fax 051- 246454 CAGLIARIV.le S. Avendrace, 36 Tel. 070-279054 - Fax 070-275153 CAMUCIA DI CORTONA (AR) - Via Laurelana, 69171 Tel. 0575-630406 - Fax 0575-630406

r.--------------------~

MleROSO"

CIVITA CASTELLANA (VT) - Via Giovanni XXIII, 10 Te!. 0761-518133 - Fax 0761-518133 FIRENZE. Gall. Comm.le Staz. S. Maria Novella, 19 Tel. 055-2349529 - Fax 055-2349529

KII PER L'UFFICIO

-

FIRENZE - Via F. Corridoni, 151A Tel. 055-470744 - Fax 055-470751 MILANO - Via Archimede, 41 Te!. 02-741933 - Fax 02-70106288 MILANO - C.so Vercelli, 37 - Ang. P. Giovlo Te!. 02- 4813292 - Fax 02- 4812344

I

OATABASE MANAGEMENT ANO PROGRAMMING

MicrosottAccess7.0 MicrosottAccess7.0 Upgr. MicrosottAccess7.0 Comp.Upgr. MicrosottAccess2.0 oev. Kn MicrosottAccess7.0 Deve~rs Toolkn __ M~osott Access7.0 Dev.TooI.Upgr. M~rosottVisual FoxPro3.0 Pro. M~osott Visua!FoxPro3.0 Sid. MicrosottVisualFoxPro3.0 Pro Upgr. MicrosottVisualFoxPro3.0 Sid. Upgr. MicrosottAccess2.0 MicrosottAccess2.0 Comp.Upgr. MicrosottAccess2.0 Upgr. BenanddBase5.0 Dos BenanddBase5.0 DosUpgr. BenandParadoxWinlDos BenandParadoxWinlDosUpgr. BenandParadox7.0Win 95 BenandParadox7.0Win 95 Upgr. BenandVisualdBase5.5 BenandVisualdBase5.5 Upgr. BenandVisualdBaseCompiler BenandVisua!dBaseClienVServer BenandVisua!dBaseClienVServerC.U.__ BenandAeponsmilhPC 2.0 CA Clipper5.3 CA Clipper5.3 Upgr. CA Visua!Object CA Clipper5.2 + manona Lolus Approach3.0 Lolus Approach6.0 File MakerPro 3.0

I

619 il_254 il_339 in _669 in _909 in _699 il 999 il 399 il_625 il_199 il_615 il_239 il_259 il 699 il_296 il _273 n_225 in _2B9 in _219 il_699 il_299 in _610 il_989 il_859 il_179 in _789 in _269 in _890 in _810 il_235 il_235 il_299

~.1.4".000 PRENOTALO!

INTtRNET AdobePagemill1.0Mac BorlandInlrabuilder BorlandlntrabuilderProfessional CorellnternetMania CorelWeb oala CorelWeb oesigner CorelWeb Gallery Cyberjack7.0Win 95 EudoraProWindowsIMac Inlemelcon AccenlCO Inlemel Phone JavaCOAom

in _210 in _139 in _752 in _32 in 183 in 183 in 109 in _99 in _169 n__ 72 il_149 in _39

~:~~~~~i~~~~~~e~~lopmenl

:~ -~:~

NelscapeNavigalor2.0 Win 3.1 NelscapeNavigalor2.0 Win 3.1 + book __ NelscapeNavigalor2.0 Win 95INT NelscapeNavigalor2.0Win 951NT+ book__ OuanerdeckInlennelSune OuanerdeckWeb Author OuarterdeckWeb Aulhor2.5 OuanerdeckWeb Server OuanerdeckWeb Talk SymanlecCalè 1.5Win 95 SymanlecVisualCalè 1.5Win 95 Nel Time Kil Family Nel Time Kil Fui Nel TinneKnBusiness

in _125 in _169 in _139 in _179 in _99 in _83 in _83 in _229 in _86 in _235 in _312 n_13O n_200 n_399

----

~

Arcade CloseCombal oeadly Tide

MONTEROTONDO (RM) - Via XX Seltembre, 8IAIB Tel. 06·9061751 - Fax 06-9061751 NOVARA - Via Canobio ang. Via Ricolll Tel. 0321- 620669· Fax 0321· 611215 PRATO - Via Santa Trinità, 49 Te!. 0574- 24169· Fax 0574- 22732

~--------------------~ ~

HAROW ARE MICROSOFT

NaluralKeyboard MouseBall MouseHome MouseSerial·PS/2 Sidewinder3D Pro Sidewinder3D PrOtHelibender SidewinderGamePad Sidewinder

----

~ _ n 131 _ ,I __ 67 _ n 42 _ n =89 _ in _99 _ in 110 _ in - 64 _ in 42

-

IPERTESTI

~

MediaBlitz!3.0 perWindows MuffimeciaTooIbook4.0Win MuffimediaToolbook4.0Win Upgr.

~ in _170 in_l.490 in _579

ROMA - Via degli Ammiragli, 73 Te!' 06- 636689 - Fa. 06- 39740636 ROMA - Via della Bulalolta, 2441246 Te!' 06- 87136696 - Fax 06- 87136632 ROMA· Via Merulana, 97 Te!. 06· 70495516 - Fax 06- 77207269 SALERNO - C.so Garibaldl, 185 Te!' 089-232199 - Fax 089-232199 TORINO· Via Sacchi, 52/B Te!. 011- 503911 - Fax 011- 503911 TRENTO - Vicolo del Vb, 28 Te!. 0461-231316 - Fax 0461-234564 VERONA - Stradone S. Lucia, 77/A Te!' 045- 8622122 - Fax 045- 8621408 VICENZA - Viale Trieste, 379/381 Tel. 0444- 511933 - Fax 0444- 319042

ATIENZIONE! Per informazioni commerciali, per ordinare i prodotti, per seguire i vostri ordini, contattate:

I

GIOCHI MICROSOFT

ROMA - Via Del Fiume Giallo, 397 Te!. 06-5200211 • Fax 06·5200211

MagiQ32 s.r.l. Via Portogallo, 2 - 47037 Rimini (RN) Te!. 0541-749503 - Fax 0541-742058

. . .

SOPTWA1lIl

ORIGINALE CHIAMATA GRATUITA

C1'67:844059 I r.-----------.-.-------------~

: INDIRIZZO INTERNET: :

: magiq32@mbox.icom.it :

..

~_------..;-;.---.;.----.-.-.-.-.-.-.-.-----------------_

...- ~

QuothQ32~ 1Jisc()(Jnt SfJ!twtlre

-


Comex ha rivoluzionato il personal computer SOTTO LA SCRIVANIA Finora il solito desktop ti ha ingombrato il tavolo. Ora puoi mettere il PC sotto. Con MidiTop Leonardo é facile, perché é alto appena 46 cm: trova posto sotto qualsiasi scrivania.

GUADAGNI SPAZIO SOPRA La scrivania diventa cosi più spaziosae intelligente. Lavorare alla tastiera é più comodo. Il monitor é più in basso, ad un'altezza ottimale per gli occhi. Ecco il suo valore ergonomico.

A PORTATA DI MANO MidiTop Leonardo ha floppy drive, lettore Cd·Rom e accensione ad altezza di ginocchio. Il movimento che devi compiere per raggiungere i comandi è quanto di più semplice e naturale.

Il

I

NEL FUTURO Nei prossimi anni i prodotti europei dovranno essere conformi alla direttiva CEE[Legge 626J per la sicurezza e la salute di chi lavora al videoterminale. MidiTop Leonardo è già perfetto.

I

5 ANNI DI GARANZIA MidiTop Leonar.do ha un bel design, tanta potenza, espandibilità Ineguagliata e soddisfa ogni tua esigenza. La perfezione tecnica e la qualità sono firmate e garantite 5 anni da Comex.

1 I~

La forma perfetta ~~IUI'~ ~",r,~~ i computer intelligenti

Comex 5,pA • via G, Bondi, 12· 48100 Ravenna' Tel. 0544/459711 • Fax0544/455566 GE010/885929' BA 080/5575490-510. RO 051/729212' ROMA 06/37353354' NA 081/5223069' 55 079/214215

http://www.comex.it

INVENZIONE E BREVETTO MidiTopLeonardo è stato brevettato da Comex [Brevetto n. RA95AOOOO15] perché le rivoluzionivannosempre "firmate". Il PC del futuro è già qui. Comex l'ha inventato per te.


STORIA 'LEORIAERATICA degli OROLOGISOLARI Il trattato completo che rappresenta un punto di riferimento sicuro per tutti gli appassionati. Quanti hanno appena iniziato ad interessarsi di meridiane potranno orientarsi in questa materia affascinante grazie ai numerosi esempi. I più esperti troveranno tutte le formule matematiche grazie alle quali costruire anche gli orologi solari più complicati. Volume di 552 pagine formato 250x275 mm, con più di 400 disegni, 100 formule, 20 soluzioni geometriche, 50 esempi di costruzione e 100 fotografie. technirncciié

l

Via C. Perrier, 9 - 00157 Roma Tel. 06/418921 (24 linee ric. aut.)


Cinescopio Ris. max. Dimensione Dot pitch 0,25 mm Approvazione TCO ..95

Lire 665.000* * Offerta valida fino al 31/10/96 - IVA esclusa

DISCOM

•••••

Per informazioni e vendite rivolgetevi a: ~ Milano: 02/282.82.52 Roma: 06/662.48.62 Napoli: 081 /239.56.63

Milano: 02 / 339.109.0 I Torino: 011/38.51.403 Pordenone: 0434/349.80 Roma: 06/82.00.04.17 Napoli: 081 /76.61.504 Messina: 090/62.14.25 Palermo: 09//754.67.91 Cagliari: 070/88.40.40

NCKIA~ CONNECTING

PEOPLE


NO/(IA

Monitor Nokia 417TV: in sintonia con il tuo PC Che ne direste di fare ogni tanto una pausa per sintonizzarvi sulla vostra musica preferita, sulle ultime quotazioni di borsa, sul telegiornale o su un classico del cinema? Oggi è possibile farlo con il vostro Pc. Basta, infatti, disporre del nuovo monitor Nokia 417TV, dotato di funzioni TV e audio, di un proprio ingresso per antenna televisiva e di un ingresso RCA.Con 2 altoparlanti da 2 Watt, o con la cuffia, la ricezione è perfetta. Che ne pensate di questa idea? Informazioni tecniche per gli esperti: monitor piatto da 17", Full screen'M, Power Saver™,massima risoluzione: 1024 x 768 - 80 Hz, pixel: 0,28 mm. Certificazioni: TUV,MPR-90, TCO-92 MONITOR NOKIA 417TV. Unire l'utile al dilettevole. Per ulteriori informazioni DISCOM s.r.i./GRUPPO ELETEC,Via Cilea 106, 20151 Milano. Tel.: (02) 33910901, Fax: (02) 33910910. Torino: (011) 38 51403, Pordenone: (04 34) 349 80, Roma: (06) 82 00 0417, Napoli: (081) 76 61 504, Messina (090) 62 1425, Palermo: (091) 54 67 91, Cagliari: (070) 88 40 40 SBF Elettronica, Via Cumana 19/a, 80126 Napoli: (081) 239 56 63, Milano (02) 282 82 52, Roma: (06) 662 48 62

A'

NCKIA

G PEOPLE


Il prodotto AOC Spectrum

7DlrA è sicuramente

tra le scelte

migliori per rappporto prezzo I prestazione. Le caraltcri\tichc salicl1Ii sono: schermo 17" con un area visiva di ben 40 cm in

diagonale. tra le più ampie sul mercato. dot pitch 0.28 mm. compatibile con gli standard VESA. SVGA. XGA e VGA. Frequenza verticale da 47 a 120 Hz c orizzontale da 30 a 68 KHz con una larghezza di banda di ben 85 MHz. La massima risoluzione è 1280 x 1024 (64KHz / 60Hz). Tutte le rcgolazion i sono digiwli pcr un setup più immediato. Il prodotto consente multimedialc

un uso in quanto

dispone di due casse audio da 1.5 Watt (mlS) collocate ai bordi dello schermo. Questo monitor è compatibile con lo standard VESA DDC 1/2B che gli consente un completo 'plug 'n' play' con i sistemi Windows. SOltOil profilo estetico ben si adalta a qualunque collocazione sia per uso domestico che professionale in quanto è conforme <li più alti stalldard di sicurezza (UL. FCC. DHHS, CSA. TUV/GS. MPRII. CE). Val la pcna ricordare che i monitor AOe sono garantiti per ben 3 anni.

PagePARTNER & Flatbet 4800 Direct Da Primax. nota azienda produlrice di scanner. mouse e prodotti di comunicazione. vi presentiamo l'ultimo scanner a colori nato per

ASUS è garanzia di performancc e qualità. l'azienda è certificata

soddisfare le esigenze di piccolo ingombro e facilità d'uso PagePARTNER. Nonostante le dimensioni

gestire

ridotte,

riesce

ISO-9OO2. ASUS è tra le prime costrullrici nel sellare specifico e garantisce alla sua clientela un servizio poM vendita unico, tramite l'aggiornamento dei propri

a

fino a IO fogli A4 pcr da 100 per

volta con una risoluzione

a 2400 dpi. È predisposto

BIOS e driver software. Il prodollo di punta è il Nuovo l'II-1'65U1'5 composto

il collegamento alla porla parallela in piena compatibilità con qualunque sistema, anche

principalmente di due parti. la scheda base. dove sono

portatile. Il Pagel'ARTNER

iO

~

.

~ PnP con le applicazioni Windows. L'altro prodotto veramente

Ci

innovativo per tecnologia è il nuovo Flalbed 4800

ea.

Direct

. scanner a colori

~ ;; a.

A4 a piano fisso. idcale pcr lavorare ovunque.date le

.~

sue dimensioni

'iii o c: o O> c:

senZ,1 scheda aggiuntiva. Windows. Le caratteristiche

~ iO

a. a.

'"

.~

'u

j)~1• • ,.

ridotte. Lo scanner 4800

Direct si collega direttamente

jJ

~

~ \

®

alla porta parallela ed è completamente PnP con tecniche salienti sono: risoluzione

ad altissime da

a 4800 dpi software, 300 x 600 dpi ollica. gestisce fino a True-Color Milioni TWAIN.

alloggiati tUlli i collegamenti di l/O, l'alimentazione c gli slot pcr la mcmoria RAM del sistema. c la "CPU Card" disponibile in duc modelli per Pentium (C-P55T2D con chipset lntel 430HX) c per Pentium Pro (C·P6ND con chipset Intel 440FX). Il targct market a cui è dedicato il prodollo è quello dei sistemi

100 24 bit (16.8

..

di colori), conneliore EPP passante per ulilizzare la porta stampante. compatibile Entrambi i prodolli vengono fornili con soflware bundle tra cui ricordiamo

ReadiRIS per OCR e Corel PhotoPaint 5+ per fotoritocco. Direct è di sole L. 539.000 IVA compresa.

E

<'

Il prezzo del Flatbet 4800

prestazioni.

quali

server

di

rete

o super

wark ...tion

orafiche/multimcdiali con sistemi operativi SMP come Windows NT. SCO Unix, Solaris e OS/2. La gamma ASUS è la più completa. i principali prodolli sono: P/I-P55T2P4 fomlato Baby AT e P/I-XP55T2P4 fonmato ATX con chipsct 430HX per Pentium. P/I-P6 1'5 fonnato Baby AT e P/I-XP6NP5 fonllillo ATX con chipset 440FX

per Pentium

Pro. A confenna

dell"ampia

gamma di mother

board è disponibile il prodollo P/I-P55TVP4 con chipset 430VX pcr Pentium destinato al mercato home. ASUS: Innovative Solutions for a Limitless Tomorrow,

'"E

FRAEL Internet Service & Networking Provider -'-. ~

r==Rh\TE.LF=~e.L. un santo dalla tua

90 punti di presenza (POP) sul territorio

nazionale

e uno siaff tecnico preparato nel sellare specifico sono la realtà e le credenziali su cui si basa la nostra rete. Le nostre connessioni sono tra le più veloci attualmente disponibili in Italia per garantire al nostro cliente minori tempi di attesa per il collegamento.

Sliamo selezionando aziende con cui instaurare un rapporto di franchising per l'apertura eli nuovi punti di presenza nelle zonc ancora non coperte. Vieni a visitare il nostro sito all'indirizzo

http://www.frael.it troverai

tutte

le

informazioni

che

cercavi.


Può succedere che, per completare o integrare il tuo sistema informatico, manchi un singolo componente, Succede che, per farlo nel modo migliore, Fratel Frael mette a tua disposizione i marchi più affidabili del mercato, Se il tuo sistema ha bisogno di risposte single chiama pure Fratel Frael.

Ma se la tua vocazione è un bel gruppo di famiglia completo e collaudato, con un rapporto armonico e funzionale fra i diversi componenti, la risposta più efficace è ancora Fratel Frael. Fratel Frael ti offrirà, in un'ampia gamma di gruppi, la scelta dawero su misura per le tue esigenze di famiglia.

F=~EL. ELABORATORI

ELETTRONICI

ITALIANI

Via del Roseto, 50 Vallina • 50010 Bagno a Ripoli (FI) Tel. 055 - 696476 (8 linee La.) • Fax 055 - 696289 Ho! Une Divisione Tecnica: 055 - 696314 - Internet: hnp:l/www.frael.it

F~TE.LF=~e.L. un santo dalla tua


QUELLO IL

CHE

IL

E

NON

LAVORO,

SUPERLAVORO. Oggi ci si aspetta

l!IllI!lI

.

Word

Pro

il lavoro

e correggere

pre

più

velocemente.

gruppo

di lavoro.

Per

aiutarti tempo, il

processor

processor

che ti

Internet

editare

offre

e salvare

i file

Pro 96 per Windows

che trovi

sei

Range

e raccogliere

il tuo

il Servizio

Lotus

come

Lotus Document

maggiori

Word

Lotus

ti

Clienti

Lotus

96 può

chiama

è disponibile

anche

per

Review,

informazioni

su

SmartSuite,

1-2-3, Word Corporation.

fun-

esplorate Pro,

Freelance Tutti i nomi

tutti

con

richiedere gli

esperti

Migliora

con altre

ed

persone

del

il risultato

su Internet.

96. Il premiatissimo

base che, con il suo rivoluzionario ti rende

le tue

di correggere

di visualizzare

Lotus Approach

operativo

dopo

data-

modo di opesolo

due ore

di

utilizzo.

Lotus

ScreenCam.

di registrare

sul tuo personal

da,

riunioni

Lotus Graphics, di società

su

che ti audio

per-

e video

computer.

di gestire

annotare

Il software

e riprodurre

Organizer.

ti consente

e Team Consolidate,

Together, SmartSuite, della Lotus Development

e persino

direttamente

Lotus

Team

di

Graphics.

permettendoti

tuo gruppo

3.1.

Pro. Incorpora

e del tuo

elettronico,

da

in collaborazione

mette

comprende:

Versioning

editare

oggi

(02/89591217).

tuoi

permette

contributi

presentazioni

rare,

SmartSuite

di lavoro

e per Windows

desktop

96.

carico

SmartSuite

Lotus SmartSuite

che

foglio

di creare,

del tuo gruppo.

95 è solo

applicazioni

in Lotus SmartSuite

alleggerire

i documenti

'·2·3. L'unico

Routing,

finale

innovative

Per scoprire

di

direttamente

Word

delle

com-

permettendoti

Lotus

Working registrati

per

il più

Web.

OS/2

ha

Lotus

studiato

Wide

stesso

Lotus

nuovo

sul World

una

Lotus

a guada-

il tuo modo

Lotus Freelance

supporto

importare,

che modificheranno

editare

di gruppo.

Il word pleto

zioni

di più, e sem-

creato

96, il word

che

tu faccia

gnare

SmartSui~

Per

..

RENDE

L'agenda

elettronica

e condividere

le cose

da fare

che

la tua agen-

e programmare

in azienda.

Internet

all'indirizzo

Approach, Organizer sono marchi registrati

www.

Lotus.

com

e ScreenCam sono marchi delle rispettive Aziende.


la

I::: J •••••-J•••• ~liJ·!·I·J.J·I·j.liJ&[iia c:J

M

l;iW;

---_.

-----. ;o- !!!!!!! l M·PC Video Audio III . L.429.000 *. trasforma il computer nel più evoluto sistema di acquisizione di immagini e suoni per applicazioni di tipo professionale e, per impieghi domestici, in un sistema di intrattenimento globale; corredato dei moduli opzionali M·PEC, Soulld 16 e Teletext, permette di vedere filrns in Cd Video, manipolare imma~ni tratte da TV o VCR e realizzare qualsiasi applicazione musicale, karaoke compreso, mentre con la semplice aggiunta di una comune telecamera e del modulo M·PC Total COlitrollll, il computer si trasforma in un impianto di videosorveglianza od un videocifono.

M·PC Total COlllrollll· L.265.000 *. è il sistema hardware e software per gestire e controllare qualsiasi utenza elettrica ed elettronica presente in casa, in ufficio o in azienda· fino a 4.096 contemporaneamente· senza apportare alcuna modifica all'impianto elettrico preesistente, programmando le funzioni con l'apposito timer temporizzato, mediante trasmissione via etere e sino ad un raggio d'azione di 300 metri. Il collegamento delle varie apparecchiature avviene senza cavi tramite gli appositi ricevitori per il controllo remoto M· PC Total COlltrol RX , disponibili nella versione standard per collegamenti esterni o da incasso.

------------------------

EI1tra tu nel

Jeps

Con M·PC VideoTelepholle . L.359.000*· il computer effettua una vera e propria comunicazione globale: in abbinamento con la scheda M·PC Soulld Pro 16 (o M·PC Soulld 3D), al software a corredo e ai programmi shareware per Internet permette la videoconferenza e la videotelefonia multi funzioni, mentre, con l'aggiunta delle schede liJlI Card Iso, Pci o PCMCJA, realizza un sistema di videocitofonia disponilbile in ogni PC, permettendo ad esempio, agli operatori di un'azienda, di semplificare l'interscambio di immagini e suoni all'interno della propria rete.

------------------------

SENSOR FAMIL Y " •..•• ,,"

10.51

.....-

-- ---

-JEPSSEN, ~

Per avere un quadro sempre aggiornato della propria salute emotiva e fisica c'è M·PC Sellsor, in grado di far rilevare al computer valori come la temperatura corporea, la pressiolle sallguigllil, il bnllito cardiaco, l'umidità, la tellsiolle corporea, ecc., e di realizzare test psicologici e psicoattitudillali, grazie agli stessi princìpi di funzionamento della "macchina della verità". Il software in dotazione permette la visualizzazione, stampa, elaborazione od archiviazione dei dati, creando delle statistiche giornaliere, settimanali, mensili, annuali, ecc., da aggiornare in qualsiasi momento.

Disponibile nelle versioni Famil)' . L.599.000*·, Pro . L.729.000*· e Lie Detector, si rivolge rispettivamente all'uso privato, professionale· studi medici, centri estetici, palestre, ecc. " o specialistico· società di ondaggio di mercato e d'opinione, software houses che operano nella creazione di giochi realmente interattivi ., ecc; in più. essendo multiutente. può essere utilizzato da un numero illimitato di persone. Delle speciali funzioni, come L'ECC . elettrocardiografo a 12 derivazioni· o ilmisuratore automatico di peso ed alte;;za a raggi laser, ne estendono l'impiego ad ulteriori usi.


I sO

JEPSSEN ._-------------------------------~ JEPSSEN ITALIA Srl Headquaner>: Via Raddusa sn . 9-1011 AGIRA (Enna) - Tel. f1J3519t1J777 pbx - Fa, f1J35J%0780 Indirizzo Interne!: hupJ/www.\.oI.iiljepssen·Po~aElellron;ca:jepssen@mbox.\.ol.it

c

~ge35-9607i/7 C

I

i

e

n

t

D

ne,]\.kro

rnal~riale

nce\crc

Dc'ldcro ...•'pere qual'è ,I concc .•.sionano JI~PSSEN a me plU \ Icmo

r-:O~lI COGNOME l'KOFESSIONl:. VIA TEL. ('AI'

N FAX CIl·rA'

L -~------

i

I computers Jepssen Super Fast PC! Srslem . configurazioni a partire da L. 759JXXl* - impongono un nuovo standard di riferimento in termini di incremento delle prestazioni globali. raggiungendo livelli mai ottenuti prima e confermando l'assoluta incom· parabilità della Iecnologia Super FaSI PC!: Plug&Play, Tolal Upgrade, AlIlommiou, Vi· deo/Audio/Multimedia, CD Rom Plal'e!; internet Conneclion, Fax e wcal Nel sono solo al· cune delle loro caratteristiche: integrando poi i moduli mul· timediali M·PC Total Projeci. I materializzano finalmente I l'idea del computer realizzanI do l'automajone totale.

------------

I I I I I I I I

.-

I

I

-----------

I I

I I I

~----J

I I

CLEANWORLD M·PC CleanlVorld provvede al monitoraggio dell'inquinamento ambientale: analizza in tempo reale l'atmosfera con particolare attenzione alla presenza di gas nocivi ed inquinanti; il software in dotazione gestisce i dati rilevati automaticamente nella zona in cui è collocato. Collegando via modem più CleanWorid si attiva una rete illimitata per un intmcambio di dati ed un monitoraggio sempre costante; il servizio può essere gestito da privati. organizzazioni per la tutela dell'ambiente od enti preposti al rispetto delle leggi in materia d'inquinamento ambientale.

*Prezzi Iva esclusa

lllu ••lrall\'o

del V{'-;Iro pnxiollo


,;,

NOTEBOOK

INSTRUMENTS EXTENSA 560 PENTIUM 75 8 Ram HD 810 CD4x Colori DS..3.070 8 Ram HD 1,2 CD4x Colori Tft.4.390 EXTENSA 510 PENTIUM 100 8 Ram HD 525 Sb Colori DS.2.450 8 Ram HD 810 Sb Colori DS.2.630 EXTENSA 570 PENTIUM 100 8 Ram HD 810 CD4x Colori DS.3.950 8 Ram HD 1,2 CD6x Colori TfL4.830 EXTENSA 660 PENTIUM 120 8 Ram HD 810 Colori DS.3.490 8 Ram HD 810 CD8x Colori Tft.4.390 TravelMate SERIE 5000M P/120 8 Ram HO 1200 Col.TFT.5.090 PI120 8 Ram HD 1200 Col.TFT.5.690 P/1338 Ram HD 1200 CoI.TFT.6.590 P/133 16 Ram HD 2100 CoITFr.7.890 TravelMate SERIE 6000M P/120 8 Ram HD 1080 Co1.TFT6.590 P/133 16 Ram HD 1350 Col.TFT.8.790

XV14 XV15 M500 M700 XV17 XP17 XE21

,;,

Monitor TARGA

14" 15" 17"

( 1024 x 768 n.i. CE LR.) ....410 (1280 x 1024 n.i. CE LR.)..580 (1280 x 1024 n.i. CE LR.) ...999

,;,

AST

ASCENTIA

AST ·.-)M •..• "lLH

P/100 8 Ram PIlOO 8 Ram PI133 8 Ram P/1338 Ram

ASCENTIA P HD 800 CoI.TFT.6.160 HD 1200 CoI.TFT.6.480 HD 800 CoI.TFT.6.870 HD 1200 CoI.TFT.7.190

Tutti gli Ascentia P sono dotati di schermo

SVGA 800x600 da Il.4'' e di lenore CD 4x. Sound Blaster e godono di tre anni di garanzia.

Novembre 1996

,;,

,;,

CAlMA N PC

Caratteristiche

(14" 1024 x 768 n.i.) .... 549 (15" 1024 x 768 n.i.) .. 690 (15" 1280 X 1024 n.i.) ..950 (17" 1280 X 1024 n.i.)..1.320 (17" 1152 X 870 n.i.),,1.350 (17" 1600 X 1200 n.i.),,2.230 (21" 1152 X 870 n.i) ..3.290

Monitor Samsung

SM3 (14" 1024 x 768 n.i.) .. 430 15GLE(15" 1024 X 768 n.i.).590 15GLI (15" 1280 X 1024 n.i.).710 17GLI (17" 1280 X 1024 n.i.).1.090 17GLSi(17" 1280 X 1024 n.i.).1.610 20GLS(20" 1280 X 1024 n.i.).2.320 21GLS(21" 1280 X 1024 n.i.).2.980

,;,

I MULTIMEDIALI

NEC

li} TEXAS

.N

,;,

Monitor SONY

15SX (15" 1024 x 768 n.i.) .. 699 15SF2(15" 1280 x 1024 n.i.).786 17SF2 (17" 1280 X 1024 n.i.).1.660 17SE2 (17" 1600 X 1280 n.i.) 2.440 20SF2 (20" 1280 X 1024n.i.) 2.990 20SEI (20" 1600 X 1280 n.i.)...4.340

~ PRESARIO CDS 5220M PII 00 8 Ram Hd 850 5226M PII 00 8 Ram Hd 1000 7210 P175 8 Ram Hd 840 7220M PII 00 8 Ram Hd 1000 7230M P/120 8 Ram Hd Mpeg, Monitor 15"

,;,

2.200 2.300 1.990 2.340 1000 2.590

MODEM

Trust

33.600

Interno

.. 230

Trust

33.600

Esterno

..250

USR

Sportster

33.600

1..370

USR

Sportster

33.600

E •.430

VUOI IN CREMENTARE IL TUO FATTURATO!! Contatta la nostra direzione e chiedi informazioni sul nostro programma Affiliazione .....

di

AFFILIATI s.

Benedetto del T. (AP) 63039 P.za S. Filippo Neri IO Te1.0735/593831 Fax.0735/59383

comuni

a

tutti i modelli: Cabinel Dcsktop o Minitower Mother Board Penlium Zif. 75/200 Mhz. 256K mem. Cachc Clrl IntegralO EIDE Bus PCI 64 Bil. 16 Mbyte RAM esp.128. Hdd I GByte. Fdd 1,-14Mbyte. Scheda SVGA PCI I Mbytc esp. 2 Mbytc. Tastiera e mousc.

CAIMAN CAIMAN CAIMAN

,;,

P/133 P/166 P/200

••.• 1.100.000 •.•. 1.430.000 •.•. 1.680.000

ALLIGATOR

PC

Caratteristiche comuni a tutti i modelli: Cabinel DesklOp o Minitower MOlhcr Board Penlium Zif. 75/200 Mhz. 512K mem. Cache Ctrl Imegrato EIDE Bus PCI 64 Bit, 16 Mbyte RAM csp.128, Hdd 1.2 GByte. Fdd 1.44 Mbyte. Scheda SVGA Matrox PCI 2 Mbyte esp. 4 Mbyte,Cd 8x Sblasler, Casse Tastiera e mouse. CAIMAN P/166 •.•. 2.190.000 CAIMAN P1200 ••.• 2.470.000

,;,

SCANNER

IMAGERY IMAGERY IMAGERY

2400 dpi.. 4800 dpi. 9600 dpi.

595 575 795

Tutli i marchi sono di propricta'dellc rispeuive case madri I Prezzi sono esclusi dilVA 19% e ~ono soggetti a variazioni senza alcun preavviso.

00123 ROMA CASSIA - VIA GIULIO GALLI 66C TEL: Commerciale 06/30311642/3 Si effettuano spedizioni Ass. Tecnica 06/30311644 in contrassegno in tutta FAX 06/30311641 EMAIL INFIT@getnet.it Italia con DHL HTTP://WWW.getnet.itlINFIT

UNIVERSO STAMPANTI - UNIVERSO STAMPANTI - UNIVERSO STAMPANTI

••••••••••• ••••••••••• ••••••••••• rh;' r,p. a:~ HEWLETT PACKARD

Deskjet Deskjet Deskjet Deskjet Deskjet Deskjet

340 400 690 694 820 870

+ Color +Color NEW NEW

CXI.. Cxl

Kit ..385 Kit ...299 485 .562 . 655 793

a:~

HEWLETT PACKARD

4V 600 dpi, 16 PPIll,4Mb

3.540

4MV

5.190

,;,

600 dpi.16 Plll,12 MbPS

Texas Instruments

OFFERTISSIMA

Laser 600 dpi 4 ppm

WIN/4 Win

Hivendilore Autori •• .1.alo Personal Periferiche

(hP.]

~;~KL:;6 LASER

,;, A4

5L 600 dpi.4 ppm.1 Mb 762 6P 600 dpi, 6 pplll. 2 mb.. . .1.290 6MP600 dpi.6 PPIll.4mb PS2....1.590 5+ 600 dpi.12 ppm.2 Mb 2.310 5 6OOdpi.12pm.2 MbPS 2.687 5M 600dpi.12 plll.6 MbPS 3.070

LASER A3

95

New

EPSON

PLOTTER

rh;;tl

a:~

Sty 1500 A2 720 dpi Opz.Col

1.490

Sty PRO XL A3 720 dpi Col

2.090

PACKARD

--

~Autodesk,

••

DeslgnJet

330

600 dpi, A 14Mb Mono

3.650

600 dpi. AO4 Mb Mono

5.040

Authorized Dealer Autocad

13

~""'5.760

350c

600 dpi, A 14Mb Color.

4.470

350c

600 dpi. AO4 Mb Color.

.5.950

Autocad

J,...&01J •..•.

830

.z.Bmf ...•.

2.050

750+

600 dpi. AO4 Mb Color

9.990

Autovision

755c

600 dpi. AO4 Mb Color 17.590

ADDCAD

_"fl

i' •

STYLUS 965

HEWLETT

330

375

Sty 1000 A2 360 dpi Autocad

,--------•••••••••••

INKjET

E~

,;, rh;' a:~

-=

Disponibili Mat. Consumo HP-Epson-Nec Apple-Canon

L T2 J,.rl1J1) -..

• Disponibili

tutti gli aggionamenti

alla vero 13 di Autocad

x

applicati tare

e tutti

vi CAD-CAM-CAE.

informazioni

HP SCANNER A4

950

tecniche

la nostra

gli Per

puoi consul·

HOT -LI

E al nO

0348 / 3310934 HEWLETT PACKARD

Sty 820+ A4 720 dpi

310

4S (400 dpi mono. OCR)

Sty Color 500 A4 720 dpi

570

4P (600 dpi col. OCR +Photo)

810

Sty PRO A4 720 dpi Col.

831

4C (800 dpi col. OCR +Photo)

1.425

335

,;,

Scanner UMAX

Personal Scanner II 600dpi 890 Super Speedy 1200 dpi... .....1.710

.


"Lamia azienda su Internet? Troppo complicato ... troppo costoso!"

E invece no! La realtà è migliore di quello che sembra. Ora la tua Azienda può finalmente presenza

su Internet

avere una propria

in modo semplice,

economico

e

immediatamente produttivo. Tecnoware.Net

è il primo Internet

Presence

Provider

dedicato alle Aziende italiane che desiderano una presenza su Internet di alto livello a costi contenuti. Per una consulenza gratuita e senza impegno, chiedi subito il nome del Consulente

Selezionato

C

NumeroVenle

1678-62296

Tecnoware.Net della tua zona.

www.tecnoware.net

·f, -Ilt~.J/"e . .;-,_,) , ~r

,

(

Net

La Tua Azienda su Internet

)


CO'E" e Co,el GAllE:RYwno mOf<.h,d 10bbn(Q o morc:hi registraI, di Corel Corporot,on ,n Canada. negl. Slol, Un,I, e/o altri paesI C1ick t Creote e un morc:h,o di fobbric:o d. Europ,ess Softwo,e l,d M nosolt, W "dows e ,llegal,pc Windows sono mo,ch, d, fobbflca o march, registrol, di Micfosoh (orporotiOI1 negli SIOI,Un,ti e/o altri paes,


olivettl

c&te~

.Junior 1[][]VO Hdd 1,3 5B • MlBoard Pentlum·VX Pcl con CTRLEIOE+ MULTIIID E[PJEPP2S6K[ Pipe Une • Ram 8Mb E!!ip.128Mb • Fdd 1.44Mb • 5k Vga PcI 1Mb • Hdd 1.368 • Monitor 14· 0.28 L.R. • Tastiera x WlN 9S • Mouse • 005

~TEXAS

INSTRUMENTS

ASl:

COMPUTER

con Processo re K5-PR 100Mhz AMO

EPSON"

Lit. 1.690.000 IVA compresa

OKI P-5133HD Hdd i2!,[] 5B

• YUIDAI

• MlBoard Pentlum·HX PcI con [TRL EIOE + MULTI IID ECPJEPP 256K[ Pipe Une • Ram 16Mb esp. 128Mb • Fdd 1.44Mb • 5k Vga PcI 2Mb 64blt ATI • Hdd 2.068 • Monitor HY 14" D.28 L.R. • Tastiera x WlN 9S • Mou!ie • OD5

rh"pwHEWLETI ~~PACKARD

HP-690 Inclusa nel prezzo

NEC cf)

FUJITSU r~HEWLETT ~~PACKARO

LEXM.\RK

Canon MictosaIIOdigicorn

con Processore

Lit.

compresa

Pentium 133Mhz

2.990.000

IVA e stampante

HP-690

AZTECH •

~~~::'Mi!:~ Lit. 599.000

Windows

Kit-Edu

;tll~'JI\X

IVA compresa

95

Lotus !imart-!iuite Explorer 3.0 Abbonamento 1 Anno ad internet

"'"

l "T]jt L I A

'-Jr\Ut\

.JVC

e.

Verbatim

l(j&ji31:'I'!P3.ijil'llljMlPP'W>J!'!:'M'jfì&i'3111.!(i'!"i,gH

eD-ROM Bx inclusi: !ik·!iound. Microfono. Diffu!iori. 10 TIbJIi Multimed. e Ucenza !itudente

Windows '95

Office 7.0

oppure

per

ver.4.0

Windows NT Workstation

Windows '95

Vlsual C++

Offerta riservata agli studenti delle medie inf/sup ed universitari. In vendita anche separatamente.

Visual

Basic E

ver.4.0

Lit.

599.000 IVA compresa

--- FINEMIRO"

---

[Losto

S.p.A.

finanziamento

Tutte le offerte §ono di§ponibili finanziamenti 10110.

10% al momento

dell'acquIsto

Il Franchising

con

più IO rate mensili]

Vincente

~


CLOSE COMBAT

3D MOI/IE MAI(ER

Lit.9B.000

Lit.9B.000

IVA co"'pre§a

IVA co"'pre§a

CINEMANIA

AUTOROUTE EXPRESS EUROPA

"97 inglese

Lit.5B.000

Lit.9B.000

IVA co"'pre§a

IVA co"'pre§a

EASYBALL

1i0L!

Lit.9B.000

Lit.9B.000

IVA co",pre§a

IVA co"'pre§a

ENCARTA~97 encyc/opedia

MUSIC CENTRAL~97

inglese

inglese

Lit.5B.000

Lit. 'OB.OOO IVA co"'pre§a

MONSTER TRUCI( MADNESS

IVA co"'pre§a

Allacciate

le Cinture!

SISTEMA .; SOLARE

inglese

Lit. 77.000 IVA co"'pre§a

SIDEWINDER

Lit.9B.000 IVA co",pre§a

OFFICE7.0 upgrade Win'g5 Floppy 3,5"

Lit.9B.000 IVA co"'pre§a

STRUMENTI MUSICALI

Lit.9B.000

-

~~ ,

~

I

..• •

IVA co"'pre§a

Il Franehising Vineente

Lit. 5i!9.000 IVA co"'pre§a

PLUS! ~9S

Lit. "9.000 IVA co",pre§a

~


LineaXANA XANA 53-'i!0 'i!0.

RalTl

'.44Mb.

PENTIUM BMb.

f'dd

HO '.06b.

Win

95. Plus. MPE6 Play. !ih sound

'6bit

Creatille.

3D Audio

CO-RolTI Bx.

'4" O.i!B. 4 CD

Monitor inclusi

i!.B90.000

Lit.

IVA compresa

Linea Mi!!4 new Mi!4nelN PENTIUM '00. Ram 8Mb. t'dd '.44Mb. HO B50Mb. Win 95. Wor"s 4.0. Monitor '4" O.i!B Lit. i!.'99.000 IVA compresa

Mi!4nelN PENTIUM '33. Ram 8Mb. t'dd '.44Mb. HO '.i!lib. Win 95. Wor"s 4.0.

Monitor

'4"

Di'i: i!.499.000

IVA compresa

Linea ECHO§ ECHO§46C - LCO '0,4" O§TN, 4B60X4-75, Ram 4Mb, HO 340Mb, Fdd l,44Mb, OO§ 6.i!, WIN 3.1, LOTU§ ORli.

Lit. 1.990.000

IVA compresa

ECHO§PIOOO - LCO 10,4" O§TN, Pentium BMb, HO BIOMb, Fdd 1.44Mb, §h sound Altoparlanti, WIN 95. (CO opz.]

100, Ram blaster,

Lit.3.i!!90.000

IVA compresa

ECHO§ PIODE - LCO 10,4" TFT. Pentium 100, Ram BMb, HO llib, Fdd 1.44Mb, §h sound blaster, Altoparlanti, WIN 95. (CO opz.]

Lit.4.3B9.000

IVA compresa

ECHO§ Pli!OE - LCO ",3" TFT, Pentium Ii!O, Ram BMb, HO I.i!lib, Fdd 1.44Mb, CO ROM 6x, §h sound blaster, Altoparlanti, WIN 95.

Lit. 6.179.000

IVA compresa

ECHO§ PI33§ - LCO ",B" TFT, Pentium 133, Ram 16Mb, HO I.i!lib, Fdd 1.44Mb, CO ROM 6x, §h sound blaster, Altoparlanti, WIN 95.

Lit.7.790.000

IVA compresa

Pentacromia

600x600dpi

6ppm

Olivetti JP79D.

La prima stampante a 5 colori.

"

,

STAMPANTI INK-JET Jp .70 Velocità i!OOcps, Risoluzione grat'ica 300x300dpi, Intert'accia parallela (opz. seria/e], Formato carta A4, A§F 40 t'ogli, Emu/az. PCU + IBM P.P.

Lit. i!!B9.000 IVA compresa

Jp i!70 Velocità IBOcps, Risoluzione grat'ica 300x300dpi, Interlaccia parallela, A§F 70 t'ogli •

.000

NACOmpresa

Lit. i!!37.000

I:

J I -

I-

IVA compresa

JP450 Velocità 400cps, Risoluzione grafica 300x300dpi, Interlaccia parallela, A§F 150 t'ogli.

-

.• =

Lit. 419.000

IVA compresa

----

. .

~~

.

Il Franchising Vincente

~


z

o cn o.. w

ENDEAilOR IIPI33 Pentium 133.Ram BMb. 256Kb.Fdd I. 44Mb. HO B50Mb. 2 rs232c. I centronics. CD ROM 4x. WIN 95. Monitor 14".

Lit.

r!.539.000 'VA compresa

§TYLU§ Bii!O Velocità

~.5ppm

in

B/N.BD colonne. 100

grafica 7~Ox360dpi.ESClP2.ASF parallela.

Riso/uz. IUgli. IIF

opz. colore.

Lit.

359.000 'VA compresa

BJC-ii!IO Velocità 24Bcps. BO colonne. Riso/uz. grafica 7~Dx360dpi. IIF parallela. IBM PP. e EPSDN LIJ. ASF 100 fugli.

Lit.

399.000 'VA compresa

BJC-4100 Velocità 345cps a IDcpi. Risoluzione grafica 72Dx36Ddpi. EnJu/azione EPSDN LIJ-~55D.IBM P.P. JG!4Ee CANONBJ. Interfuccia parallela. ASF

Lit.

54B.000 'VA compresa

BJC-70 Stampante

portatile.

Velocità

346cps.

Riso/uz.

grafica 72Dx36Ddpi. IIF parallela.ASF 3Dfugli.

Lit.

5'9.000 'VA compresa

ML 33ii!I Velocità 435cps. 9 aghi. 136 colonne. IIF parallela. trattore a spinta.

Lit.

959.000 'VA compresa

Okipage4W Velocità 4 ppm. Fonnato A4. Riso/. 600x600 dpi. A§F 100 togli. Parall •• Emul. HP U "'" Compatibile Win 3.1. Wm 95

Lit.

593.000 'VA compresa

-

..• &1J ~~

,

.

.

Il Franehising Vineente

~


•••• [J

DeshJet 34UCBi !italDpante

portatilep

Velocità 3PPID in BlN Ri§oluz. grafica fiDDx3DDdpi + Ret in H/N e 3DDdpi a colorip I/F a p

•....a:

infraro§§i

p

~~

S44.000

Lit.

IVA cOlDpresa

SU W<t

J:a.

DeshJet4UU Velocità grafica

3ppID in BIN e 3pPnJ a colori. Risoluz.

+ Ret

fiDDx3DDdpi

colori con CDloBnJart.

in

BIN e 3DDdpi a PCL 3. Idt

IIF parallela.

Lit.

3S9.000 IVA cOlDpresa

DeshJet 4UUC !!itesse caratteristiche. completa di Idt colore

della

DeskJet

4DD

379.000

Lit.

IVA cOlDpresa

DeshJet Ii!lUC Velocità 5ppID in BIN e J.7pplD a colorip Risoluz. gra'ica EiDDxEiDDdpi in B/N e 3DDx3DDdpi a colori. plDelDoria 5Ji!!Kb. A!iF Ji!!D l'agli. IIF parallela

6'S.000 IVA cOlDpresa

Lit. DeshJet 1i!l4C

!itesse caratteristiche. della Ei9DCcOlDpleta di k.it PhatDret

Desk.Jet

7'0.000 IVA cOlDpresa

Lit.

DE§IUETB~UCxi Ei.5PPID in BIN e 4pPID a colori.

Velocità

Risoluzione 3DDx3DDdpi

gra'ica a colori.

EiDDxEiDD in Interl'accia

Lit.

B/N e

parallela

Bi!9.000 IVA cOlDpresa

DE§IUETB7DCxi in BIN e 4ppID a colori. grafica EiDDxEiDD+ Ret in SIN e 3DDx3DDdpi a colori con CO/orlilDart. IIF paraI. e seria/e. PCL lillello 3 Velocità

BpplD

Risoluzione

Lit.

-

.•.•

. .

= ~

.

999.000

IVA cOlDpresa

Il Franchising Vincente

~


Ri§o/uzione

ottica

4BOOdpi

interpo/ata.

di grigio.

Compatibile

reale

300x600dpi

I/F parallela.

i!S6

max lil/elli

1WAIN.

Lit.5i!9.ooo 'VA compre§a

._.

~

6AME!!iTICK

CASSE

••••••••••

ACUSTICHE

lioW Lit.59.ooo

Lit. '9.000 'VA compre§a

'VA compre§a

TASTIERA

MoUSE VENUS

MUSIC MIOI-

3T.

SToRM

I/ari colori

Lit. '59.000

Lit.39.ooo

'VA compre.a

'VA comp~§a

FLoPPY ORIVE 3 5" rnrmattati p

Conf'ez. i!0 + , §creen §al/er By MI§§ION IMPO§§IBLE

Lit. i!0.ll9o 'VA compre.a

EPS 95-A TONER PER HP IID E IIID - 6000

PAlilNE

Lit. 'i!9.ooo

'VA compre.a

EPE 9B-A TONER PER HP 4+

Lit. '79.000

'VA compresa

EPL 74-A TONER PER HP 4L

Lit. '39.000

'VA compre§a

SCHERMO 14" IN CRISTALLO CHIARO

Lit.79.50o 'VA compre.a

CARTUCCIA per M.O. i!30Mb

Lit.37.90o 'VA compre.a

NASTRO per STREAMER 400Mb TR-I

Lit.67.900 'VA compresa

.•

- ..; . .

= ~

.

Il Franehising Vineente

~


EXTEN§A S'D CPU Pentium '00, Lcd '0.4" O!!iTN, V6A 640x480 i!56 cuI. 'Mb, Ram 8Mb IEOO]e§p.

a 40Mb,

Hdd 8'OMb rimul/., Fdd '.44Mb, PCMCIATipu 111,Tuuchpad, !!ilf.§uund '6bit, Micruf'.+Altupar., WIN95.

Lit.3.'99.000

'VA cumpre.a

EXTEN§A S7DCD LeO Il,3'' O!iTN, PentiUlTl '00, RanJ 8Mb, HO 810Mb, Fdd 1.44Mb, IIF §eriale e parallela, TouchPad, !ilf. §ound 16bit, Micrut'ono, Altoparlanti,

COROM 6x, W1N95.

Lit.4.759.000 'VA cumpre§a

TRAlIELMATE 6D~D Pentium Ii!O"LCO Il,3'' TFT, Ram 8Mb e§p. 7i!Mb, Fdd l,44Mb, HO I,08Gb, !ilf. I/ideo i!Mb EOO, Bu§ 64bit, !ih §ound 16bit, Microfuno, Altoparlanti,

WIN 95.

Lit.B.3'B.000 'VA cumpre§a

TRAlIELMATE 6D3D Pentium 133, LCO Ii!,1 TFT, Ram 16Mb e§p. 7i!Mb, Fdd I,44,HO 1,35 Gb,!ih llideo PCI i!Mb EOO,Bu§ 64bit, !ih §ound 16bit,

Microfuno, Altoparlanti,

Win 95.

Lit.".~93.000 'VA cumpre.a

C167~36gg63] AGRIGENTO RIBERA ALTAMURA BARI BARLETTA BENEVENTO BRINDISI CAGLIARI VAIRANO SCALO LANCIANO CALTANISETTA CATANZARO SAN MARCO IN LAMIS FIRENZE CASSINO GENOVA CROTONE ROSIGNANO SOLVAY PONTINIA MESSINA ROZZANO MASSA

AG AG BA BA BA BN BR CA CE CH CL CZ FG FI FR GE KR LI LT ME MI MS

0922 0925 080 080 0883 0824 0831 070 0823 0872 0934 0961 0882 055 0776 010 0962 0586 0773 090 02 0585

22379 544040 862666 5213332 533030 317061 516851 292214 644892 711176 583344 741436 834087 588673 312313 564510 23772 760231 86179 2925323 89200919 489389

BACOLI CASOLA DI NAPOLI NAPOLI POMIGLIANO D'ARCO PARTINICO FIDENZA QUARRATA RIVELLO TAURIANOVA RAGUSA ALBANO LAZIALE FRASCATI ROMA V.le Ionio, 333 Via Nemorense, 14 Via Tiberio Imp. Via Allumiere Via Aureliana OLBIA SASSARI TARANTO TRAPANI

Il Franchising Vincente

NA NA NA NA PA PR PT

pz RC RG RM RM RM RM RM RM RM RM SS SS TA TP

081 081 081 081 091 051 0573 0973 0966 0932 06 06 06 06 06 06 Prossima Prossima 0789 079 099 0923

~

5235729 8013147 2392211 8231100 8904815 767720 775313 46657 643878 245922 9305171 9424702 79845851 87193578 8549832 59601340 Apertura Apertura 26755 262463 7327952 549517

~ a:

o ..J o o

J:

o !;( ::E

o

g !!1

'" o

'O ::>

ù5


Per. ragglunge{e

agili tragvat}

dovrestI

d

o

essere dappertutto. , Video On Line ti dà Internet al costo di una telefonata urbana da più di 100 città italiane. Video On Une continua a crescere.

Caratteristiche tecniche dell'abbonamento.

Ogni giorno, migliaia di famiglie scelgono Video On Une per utilizzarei milleservizidi Internet e comunicare con milioni di persone e aziende in tutto il mondo. Lo shopping, l'informazione, l'educazione, i videogiochi, la musica, le vacanze, glispettacoli:tutto è facileda trovaree da scoprire,su VideoOn Une e Internet. Abbonarsi è facilissimo: basta chiamare il nostro numero verde o rivolgersiai punti vendita che trattano informatica. Chi volesse presentare le proprie pagine su Video On Une e Internet, può farlo autonomamente collegandosi con il servizio Spazio Web (www.vol.it/spaziowebl)o chiedendo ai partner di Video On Line. Chiama subito il nostro numero verde: scoprirai com'è facile collegare il PC di casa a Video On Une e Internet.

Video On Une ti collega a Internet da più di 100 città italiane al costo di una telefonata urbana. La connessione è così più conveniente e sicura. Tutti i nodi sono stati portati a 28.8 Kbps. La qualità del servizio è garantita da un rapporto modem/abbonati inferiore a 1 su 20 e da una connettività internazionale dedicata di grande capacità. Video On Line offre a privati e aziende formule di abbonamento chiare e convenienti, che comprendono il software di collegamento e navigazione, ® una o più caselle di posta elettronica, l'accesso alla rete senza alcun limite di orario o di tempo. Chiama per saperne di più: il nostro numero verde è sempre a tua disposizione. Video On Une è un servizio Telecom Italia.

f1deoeIDLit'\e WWW.vol.it

informa@vol.it


-,

rSIEMENS NIXDORF

I I I I rpO\Ner

I

Grandi novità in casa Siemens Nixdorf! Nuovi eccezionali modelli per darvi il meglio della tecnologia tedesca per un utilizzo ottimale, professionale e privato, individuale o in rete.

I I I I I I I I ~

SCENIC 6H EDiTION, un desktop dall'elevata espandibilità basato sul processore Intel Pentium<B>Pro 180 Mhz, 16 Mb di Ram, disco fisso da 1,2 GB, scheda grafica Matrox Millenium e Windows NT Workstation ad un prezzo strabiliante. Desktop e Minitower SCENIC PRO, che grazie alla modularità e alla ricca dotazione standard rappresentano la nuova generazione di Personal Computer basata su processori Pentium<B>Pro fino a 200 Mhz. La ricca offerta Siemens Nixdorf è completata dalle Personal Workstation SCENIC CELSIUS, dai nuovi Server PRIMERGY.

SiemensNixdorf Informatica S.p.A. Divisione PersonalComputer via Roma, 108 20060 Cassinade' Pecchi(MI) tel. 02/95121.333 - fax. 02195121.580 www.sni.it

I

u

SiemensNixdorf Informatica S.p.A. Società fra Siemens Nixdorf Informationssysteme

PENTIUMoPRO AG e Stet S.p.A.

PROCESSOR

INFO-FAX: 02-95121.580 Desidero maggiori informazioni Nome e cognome Azienda Mansione Via Città Tel.

CAP Fax

::E ::E c.>


(1

======) V I S IO N E

Sul ~umero di ottobr.e ho riassunto i passi salienti della nascita, crescita e vendita di Video On llne a Telecom Italia. Ho anche espresso le mie perplessità sull'operazione ed il timore che la lentezza (rapportata ai tempi Internet) con la quale Telecom si appresta ad ottemperare agli obblighi assunti in tema di interconnessione (Peering e NAP) con le altre reti operanti in Italia, vanifichi, nei fatti, l'unico aspetto positivo della risoluzione dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. lo sviluppo di Internet si fonda, prima di tutto, sui risparmi dei costi di interconnessione che discendono dal concetto di scambio del traffico su basi paritarie (i.e. senza le compensazioni d'uso tra compagnie telefoniche) e la risoluzione dell'Autorità Garante impegna Telecom Italia in tal senso. Un refuso, come si diceva una volta, o un involontario "controlx", come sarebbe logico dire adesso, ha però reso incomprensibili le conclusioni del pezzo. le riporto di seguito evidenziando in nero la riga omessa. "Il problema non è però solo quello dei costi: se, dopo aver acconsentito allo stravolgimento del mercato conseguente all'acquisizione di Val, si consentisse a Telecom di ignorare anche gli impegni presi, di fatto si porrebbero le condizioni per imporre a tutti i fornitori di accesso ad Internet la necessità di operare sulle dorsali Telecom o su quelle di pochi oligopolisti eventualmente accordatisi con Telecom, stravolgendo la logica di sviluppo di Internet e ponendo una pesante ipoteca sui successivi sviluppi della rete." Mi si obietta che questa è una "visione di parte". Non vi è dubbio che, come azionista di una azienda che pubblica, tra l'altro, due riviste telematiche e da qualche tempo fornisce anche servizi Internet per le aziende, io sia coinvolto in questi awenimenti. E questo può influire nella loro interpretazione. Nel male, ma anche nel bene: ad esempio oggi è fin troppo facile lanciare un "l'avevo detto, io" (dieci anni fa) a proposito di Videotel e dei ritardi nell'alfabetizzazione informatica del Paese. Ma quando si parla di fatti oggettivi e non di interpretazioni, l'espressione "visione di parte" è impropria. E qui i fatti sono che: 1 - Per conquistare in meno di un anno 30-35.000 abbonati, owerosia circa il 50% del mercato italiano degli accessi Internet via rete commutata, Val ha investito diverse diecine di miliardi; cioè, grosso modo, un milione di lire per ciascun abbonato. 2 - Si è ritenuto di procedere alla vendita di Val. 3 - Si è permesso alla concessionaria pubblica di acquistare, con Val, un pacchetto di abbonati pari a circa il 50% del mercato italiano degli accessi Internet messo insieme grazie all'azione di cui al punto 1. 4 - Fino all'acquisizione di Video On Line, i clienti Interbusiness "vedevano" ed erano visti dal resto del mondo Internet italiano solo attraverso un lento "giro" via Alternet o E-Bone. 5 - l'acquisizione di Video On Line, ancorché molto onerosa, ha finalmente dato ampia visibilità Italiana ai clienti Interbusiness. Se dai fatti passiamo finalmente alle interpretazioni soggettive, posso aggiungere che l'aver acquisito Val ha dato a Telecom Italia la possibilità di colmare un gap che non avrebbe potuto superare se non con un'azione diretta altrettanto dispendiosa, ma che difficilmente gli sarebbe stata permessa in prima persona. In più Telecom ha incassato il non indifferente vantaggio (è sempre una lettura di parte) di essere costretta a fare ciò che non voleva fare, ma che gli fa bene fare. Ossia partecipare ad accordi di NAP e Peering. l'attuazione di questi accordi ANNO XVI .1996. L. 9.000 procede peraltro con tale esaspe~ Paolo Nuti Condjrrttorr' Marco Marinacci 8iucg • ~ Bo Arnklit, Andrea de Prisco, rante lentezza da ricordare il muro Collaborrtorj' Paolo Ciardelli, Corrado Giustozzi, Massimo Truscelli, Giuliano Boschi, Marco Calvo, Manlio Cammarata, Francesco di gomma. Quanto meno nel caso Carlà, Giuseppe Casarano, Francesco Fulvio Castellana, Fabio Della Vecchia, Raffaello De Masi, Valter D, Dio, Gaetano Di Stasio, Dani Ferrari, Enrico M. Ferrarì, Mauro Gandini, Gerardo Greco. Dine Joris. Arnaldo Marino. Massimiliano Marras. Paolo Martegani. Riccardo del Peering. Sotto l'egida dell'AsMontenegro. Rino Nicotra, Massimo Novelli. Claudio Petroni, Francesco Patroni, Sergio PllIon, Francesco Romani, Bruno Rosati, sociazione Italiana Internet ProviOscar Santill;, Andrea Suatoni, Luigi Sandulli, Leo Sorge ~ di ~ Paola Pujia (responsabile), Massimo Albarello, der si è ora costituito a Milano un Francesca Bigi, Alessandro Lisandri, Paola Nesbitt, lucilla Secchlaroli, Stefania Sparacciari ftRJB1tJl ~ Paola Filoni NAP cui, secondo la risoluzione GrJJfiJdlIl impagjn,zions" Adriano Saltarelli GrJJfiJdl ~ Paola Filoni FqtomO,' Dario Tassa Ammioi,tru/on,' MauriZIO Neri Ramaglia (responsabile) Anna Rita Fratini, Pina Salvatore AbbOO4mfllltim lIIU1IJI1t. linea diretta: (06) 41892477 - Stefano dell'Autorità Garante, Telecom ItaCatucci, Antonella la frate, Giuseppina Manganiello, Matteo Piemontese l2icmRu RfSPongbj"· Marco Marinacci lia è tenuta a partecipare. Ci auguMCmjcrocomoutrrè una pubblicazione Technimedia, Via Carlo Perrier 9,00157 Roma. Tel. 06/418921, 24 linee (ric. automatica) riamo che al di là di una adesione FAX (06)41732169 MC0100 su MC·link: Internet: mc0100@mclink.itMCmicrocomputerRegistrazionedel Tribunale di Roma n. 219/81 del 3 giugno 1981 o Copyright Technimed,a s.r.l. Tutti i diritti riservati. Manoscritti e foto originali, anche se non pubblicati, formale di Telecom, l'attivazione non SI restituiscono ed è vietata la riproduzione. seppure parziale. di testi e fotografie M:C=Jink;. Informazioni e nuovi abbonamenti pratica degli accordi proceda que(06) 41892434 (voce) Segreteria abbonati (061 41892452 (vocel Modalità di collegamento a pagina 103 ~ Achille Barbera, sta volta con velocità tale da Flavia Di Gregorio, Maria Mariotti - Extrasettore: Eisa Resmini Via Corno di Cavento n. 12 - 20148 Milano Tel. 02/40072817 - Fax smentire decisamente ogni nostra 02/40072886 ~ l114DcilIJi; Maria Teresa Coppetta, Loredana Palomba, Marina Principi, Roberta Rotili Abbon.mflllto • 11 IlJ.IIll«i; Italia L. 72.000; Europa e Paesi del Bacino Mediterraneo (via aerea) L. 170.000 Americhe, Asia e Africa L. 235.000 (via sgradevole sensazione. E saremo aerea); Oceania L. 290.000 (via aerea). C/c postale n. 14414007 intestato a: Technimedia s.r.l. Via Carlo Perrier, 9 - 00157 Roma lieti di darne notizia. Composizjone. fR1JlJi1R; Velox s.r.l., Via Tiburtina 196 - 00185 Roma SDI1Js; Grafiche P.F.G., Via Cancelleria 62 00040 Ariccia Paolo Nuti (Roma) Zona Industriale Nettunense AllutilDflllto· latergrafica Via Elnsteln 12/14, 00016 Monterotondo Scalo (RM)

DI PARTE?

Distribuzione per l'It.lia: SO.DI.P. "Angelo - telefax

90

Patuzzi"

spa - Via Bettola

18, 20092 CINISEllO

BALSAMO

(MI) telefono

02/660301

02/66030320

Assocl.to

USPI •


FuII Optional Monitor Cosa

chiedete

magine?

Elevata

compatibilità elegante

al monitor

ideale?

Crande

fedeltà di riprodu-

con l'attrezzatura

e compauo

qualità

di im-

zione sonora? Massima

già in

vostro possesso? Design

che vi permetta

di sistemarlo

senza problemi nell'an-

golo della vostra scrivania, tanto in uf-

fieio ehe a casa?

parole. che sia multimedialc

senso della parola?

nel vero

non c'era. Per questo noi della NEC

lo abbiamo

mo inventati

NEC MultiSync

due:

i nuovi monitor

Insomma,

in altre

n monitor

cosÌ

inventato. Anzi, ne abbiaserie M, disponibili

nelle versioni M 500 a 15 polliei e M 700 a 17 Pollici. Troppo bello per essere vero? Non pensate che possa esistere un monitor cosÌ? Continuate

a leggere questa

pagina

Slot-Mask

del monitor

sione dei filmati. trattamento

risultano fortemente

- permette

fornendo

antiriflesso

voi stessi. Crazie all'innovativa

tecnologia

con fosfori rossi, verdi e blu di forma eli ittica, la saturazione

dell'immagine per l'industria

e giudicate

d'immagine

migliorati. E il sistema Video Boost - una caratteristica

garantisce

paragonabile

in ogni condizione

a quella di un di illuminazione

che utilizza

del colore, la focalizzazione

di creare una finestra speciale nello schermo

una qualità

OptiClear

CromaClear,

e il contrasto

completamente

nuova

per ottimizzare

la vi-

televisore.

una visione sempre ottimale.

Inoltre

naturalmente.

multimediali:

la possibilità

due speaker

di utilizzare

incorporati

da 2 watt di potenza

con

disinvoltura

venga dalle piLIcomuni audio card o dall'impianto

Designed

for

nel modo più semplice e naturale MultiSync

non manca

voice-navigation. Se siete arrivati venire a constatare

stereofonico

con

nemmeno

videoconferenze.

garantiscono

un comune

la parola:

con il microfono

posta audio e telefonia

integrato

diventano

di persona dal rivenditore

NEC più vicino le prestazioni

http://www.euronec.com

segnale

per essere

ascolto stereo e, audio,

di casa, poiché la connessione mini-jack. ad ampio

naturali

fino a qui e non riuscite a credere a quello che avete letto, non sappiamo

un eccellente

qualunque

Ai monitor range,

estensioni

il

Bastava pensarei.

E NEC lo ha fatto. Ma questo è ben lungi dall"essere tutto. Infatti, i monitor MultiSync sono stati concepiti espressamente dei perfetti strumenti

la nuova

che proavviene

della

serie

voice-annotation,

del vostro computer.

darvi torto. Possiamo

solo invitarvi a

dei monitor MultiSync. Vedere (e sentire) per credere.

/


~'? Back

Sta rt

r

~

Forward

Stop

Address hUp:llwww.microsoft

e)(t S earch

I Internet Information Server

::;

Desidero ricevere la "Guida Valutazione di Windows NT Server 4.0~ ~ Nome

cognome

Rag. Sociale Indirizzo

CittĂ

Tel.

Fax

Indirizzo Internet


Server 4.0 Da Intranet a Internet, un unico server per tutti che unisce reti, computer e persone. Intr anet F ro nt Page imagesl Log o. 9 if mailto: zlastname@company hUp: Ilwww.company.com/ Intranet FrontPage

Intr anet F ro nt Page

~NT

imagesl Pr od uct. gif mailto: zlastname@company

Il nuovo Microso~

Windows NT<8Server 4.0 è l'unica

scelta che consente di implementare tutte le funzionalità di networking su un singolo sistema. Da oggi, in pratica, potete disporre di un server che oltre a file, stampa, applicazioni e comunicazione interna, gestisce e integra ogni tipo di rete e di client (DOS, Windows<8,OS/2, Novell, UNIX, Windows NT Workstation).

Ma soprattutto

Windows NT Server 4.0 contiene, "chiavi in mano", tutte le componenti per utilizzare le tecnologie Internet e Intranet:

di un server Internet/Intranet

completamente

integrato

con le componenti di Microsoft BackOffice e le applicazioni già esistenti. aggiornati

In un mercato così dinamico, essere

è essenziale per potere scegliere al meglio.

Per avere maggiori informazioni, oltre a consultare la nostra pagina Web, partecipate

ai seminari telefonando

per informazioni e iscrizioni al numero 02/70.398.300. I seminari si terranno in tutta Italia e sono organizzati dai Microsoft' Solution Provider, che presenteranno

le novità di

Internet Information Server, Front Page, Index Server.

Windows NT Server 4.0 e le soluzioni Intranet per le aziende.

Una soluzione è valida solo se cresce con il crescere

Per ricevere la Guida Valutazione di Windows NT Server 4.0,

dell'azienda.

Quindi, scegliere un sistema di rete significa

andare oltre la condivisione dei file verso l'implementazione

inviate via fax il coupon allegato al Servizio Marketing BSD al numero 02/70.392.020.

Aficl'OSott~ Dove vuoi andare

oggi?<8

www.microsoft.com/italy/


~~~","'-c.r......

~

':-_W'r'W

.•

T~,~:":'7'Z""'''-

~.~"'.".

.'....

.

~

~.

~

=

•.•. ~,

"~~~.~'f~~"~~"'-.-'"'-~-~----~--""'~-~~~

..•

--l!!l!!!!L-. ~

Sound Blaster 3 2 PnP: un suono così vero che può salvarvi la vita nella Sound Blaster 32 PnP, la resa assolutamente fedele degli strumenti e la tecnologia 3D Stereo Enhancement

di Creative Labs trasformano

qualsiasi videogame in un'esperienza così reale da mettere i brividi. Sound Blaster 32 PnP è predisposta per supportare le tecnologie SoundFont e 3D Positional Audio, e si può espandere semplicemente aggiungendo dei moduli SIMM sta

: potete aggiungere fino a

le vostre librerie sonore personalizzate.

E naturalmente la scheda

è Plug and Play, dispone di interfaccia CD-ROM

IDE e funziona

perfettamente con Windows 95, Windows 3.1 e MS-DOS. Inoltre Sound Blaster 32 PnP dispone anche di una ricca dotazione software, che omprende tra l'altro gli speciali programmi per Internet, Microsoft La scheda sonora giusta può salvarvi la vita.

Internet Explorer, RealAudio Player e WebPhone, che consente

Con la nuova Sound Blaster 32 PnP i suoni vi circondano da ogni lato,

di telefonare in tutto il mondo attraverso la rete. E se volete completare

e sono così reali che potete sentire i vostri awersari quando si awicinano

il vostro ~istema multimediale, non dimenticate il Blaster CD 8x e gli

alle spalle, e ricaricano il fucile. Ma poi a farli fuori dovete pensarci voi.

speaker Sound Blaster: il modo più semplice e conveniente per

La nuova scheda Sound Blaster 32 PnP è la soluzione ideale per i giochi

rivoluzionare il modo di

più sofisticati e le applicazioni che richiedono la massima fedeltà sonora.

giocare con il vostro Pc.

Finalmente la sintesi Wave-Table professionale diventa disponibile a un prezzo decisamente abbordabile: gli effetti sonori memorizzati

Sentite Sound Olaster 3~ PnP.e scoprite cosa vi stavate perdendo

CR:::: http.!/www.creativelabs.com

© 1996 Creative Technology Ltd. Sound B1astere Crearive Labs sono marchi registrati, illogo Sound Blaster compatibility, 3D Positional Audio, 3D Stereo Enhacemem sono marchi di Creatlve Technology. SoundFonr e 3D Positional Audio sono marchi registrati di E·mu Systems, lnc. Tutti i diritti riservati. Tutti gli altri marchi citati appartengono ai rispettivi proprietari.


Accesso

4 9

da

9 OO

94

cl

lì.

. ,. "

l'':

,,',,".,'

1'1

Due l'

.

mesi


Explorer.

Istruzioni

per


C.ERANO UNA VOLTA GLI HOME COMPUTER

uanto tempo è passato da allora; molti giovani utenti, che oggi sono impegnati a "navigare" con Internet sui sempre più evoluti MPC compatibili, gli home computer non li hanno mai visti. Eppure, noi che abbiamo avuto la fortuna di vivere in prima persona quegli anni come veri pionieri dell'era informatica, abbiamo potuto saggiarne le peculiarità fino in fondo. Perché dico questo, mah. .. forse per un momentaneo rigurgito di gioventù o semplicemente perché erano tempi diversi ed allora avevo una visione del futuro un po' troppo romantica. Oggi però i tempi sono radicalmente cambiati, è cambiato il costume e quei tempi ormai svaniscono giorno dopo giorno dalle nostre menti come un ancestrale ricordo. Non è rimasto molto in fondo, forse solo una certa nostalgia di come venivano affrontati alcuni problemi. Già, ma una volta c'erano anche "personal" computer videogiocosi da centocinquantamila lire, certo allora le centocinquantamila avevano un altro peso, ma tan 'tè. POI; di lì a poco vennero anche i personal computer veri: quelli con la "pi" e la "ci" maiuscole, ma costavano un occhio della testa. In mezzo invece c'era sempre lui, il re dei personal per antonomasia e, giustamente, anche per diritto: si chiamava (in italiano) Melal A buon intenditor.. In quel tempo nel nascente mercato dell'informatica personale c'era anche molta confusione, ogni costruttore proponeva un suo sistema e questo atteggiamento aveva il merito di fare girare molte idee nuove inoltre aguzzava le menti a ricercare la migliore soluzione per un determinato problema. Del resto i sistemi proposti erano parecchi e incompatibili ~

ERRATA

CORRIGE

------,

Contrariamente a quanto pubblicato su MCmicrocomputer 166 di ottobre a pago 259 nella prova dell'Essedi Selecta 200, il prezzo dello stesso è di Lit. 2.714.000 non di Lit. 2.174.000. Ce ne scusiamo con la Essedi Shop e con i lettori.

98

Gli indirizzi di e-mail della redazione di MCmicrocomputer Nominativo

su MC-link

su Internet

MCmicrocomputer Paolo Ciardelli Andrea de Prisco Corrado Giustozzi Marco Marinacci Paolo Nuti Massimo Truscelli

MC0100 MC6015 MC0258 MC0006 MC0009 MC0002 MC0094

me. microcomputer@mclink.it p.ciardelli@mclink. adp@mclink.it C. gi ustozzi@mclink.it m.marinacci@mclink.it p.nuti@mclink.it m.truscelli@mclink.it

Giuliano Boschi MC9706 Marco Calvo MC3363 Manlio Cammarata MC2918 Francesco Carlà MC1754 Giuseppe Casarano Cesare Cittadini (Team OS/2) MC2934 MC1468 Raffaello De Masi MC0008 Valter Di Dio MC7400 Gaetano Di Stasio MC0012 Enrico Ferrari MC0452 Mauro Gandini MC4720 Gerardo Greco MC9745 Dino Joris MC1606 Massimiliano Marras MC9781 Rino Nicotra MC4397 Massimo Novelli MC8689 Francesco Petroni MC2434 Sergio Pillon Francesco Romani MC4200 Bruno Rosati MC6750 Leo Sorge MC2741 Andrea Suatoni MD1652 Team OS/2 Italia

tra loro, ma tutti molto semplici ed accessibili. Allora ci sentivamo un po' tutti programmatori, infatti il linguaggio che andava per la maggiore era il 8asic, implementato nei suoi mille dialetti. I più coraggiosi o semplicemente i più intraprendenti potevano però sempre usufruire dell'astruso linguaggio macchina o in alternativa all'assembler. In effetti pareva un sogno avere tutto questo a portata di mano, ed allora ci si rammentava di altri tempi appena trascorsi, in cui ci sentivamo anche un po' provetti ingegneri elettronici solo perché trafficavamo con microprocessori e kit di montaggio, ed imparavamo a concepire come i bit venivano mossi nei registri delle CPU tutte rigorosamente a otto bit, sotto il rigido controllo di generiche e volubili istruzioni in linguaggio macchina. Sono passati solo sedici anni ed a parlare in questo modo di queste cose mi sembra

boschi@mclink.it marco .calvo@mciink.it m. cammarata@mclink.it f.carla@simul.it casarano@mclink.it c.cittadini@mclink.it r.de.masi@mclink.it v.di.dio@mclink.it g.di .stasio@mclink.it e.ferrari@mclink.it m.gandini@mclink.it greco@mclink.it d.joris@mclink.it m.marras@mclink.it r.nicotra@mclink.it m.novelli@mclink.it f.petroni@mclink.it pillon@mclink.it romani@di.unipi.it b.rosati@mclink.it leo.sorge@mclink.it and@mclink.it teamos2it@mclink.it

già di essere Matusalemme; ma, bando ai ricordi; ora mi chiedo: quanto di buono abbiamo imparato è sopravvissuto fino ai nostri giorni, e quanto, invece, non sia dovuto solo ad una alquanto redditizia, nonché vincente, strategia di marketing? Giorno per giorno mi domando sempre più se è questa la stada giusta o se invece strada facendo non stiamo perdendo i pezzi mano a mano che si procede con l'avanzamento tecnologico attuato a colpi di megahertz, megabvte e micron. Analizzando un po' più a fondo la questione, ho la netta impressione che un po' di cocci strada facendo si siano perduti. C'è infatti un detto ricorrente riguardo ai personal computer che recita pressappoco così: "I PC prima di ogni altra cosa dovrebbero almeno funzionare e già questo sarebbe un bel passo in continua a pago 100

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


l'IIZZI Chllll L'aquila PI'CI'I TI'I.' , •••••••••• 1 '1IIIZ1 Avellino B.nevento C'"'t. NIII.IIIIII, •• _.IIiì••••••• f fIaIlBEIA •••• Gorizia Pord ••••• TPlnt ••••••.• Fro. Savona l'.Oell Bergamo B'"CII C, ••• nl ce•• MIII'" MIII'o ,P Mac.rata Pellro .8UIE Cimpollillo 11I,.la "'IITE .I •••• nd'~ Foggia L.cce T.r.nto 111••• CIIIII,I Nao'l Orl.tl.' lalHPI Pal.rmo R.la'l Siracuia TaCIII A'IZZI FI'I.zl Gro,"" ••• Bolzano Trento __ Perugia Terni

Me • l'i n D ov e

• R••• I. C""PlI CIIIPIII. PIIC'IZI 111101 ••••• E.llia ••• UIRII G'IIVI _PII LI .p.zla ••• 1. MAICIE Aac.nl AlcllI Piceno '1 Torino Vercelli "IUA Bari Brindisi • Clltlnlll.Ua CltlDla Mlrlala Melslna .1 Clrrlra Pila Piltola Siena TIENTINOALTO I Padova Rovigo Tr.vllo Venezia Verona Vicenza.

eroel

.1

K i

u is t a r I

l'lml H.D. tel. 411317 L'AquilaCUIPIIII FARINVtel. 303875 Battipaglia (Sa), DELTAOFFICEtel. 5784807 Napoli, 421897 Napoli, S.P.I.T. tel. 7441238 Cllerta, TAPESERVICEtel. 23238 Potenza EMIUAIIMAIINA COMPAGNIA tel. 383851 Bologna, NERIPUNTOGAMEStel. 401115 Forlì, COMPAGNIAITALIANACOMPUTERtel. 30 IUUII.D.A. tel. 41418 Colugna (Ud) I.AZl8INFOLANDlA tel. 9701481 Colleferro (Rm), ELI.SA. tel. 411'1 5913595 Roma, DlGITRDNtel. 71510040 Roma, EMIINFORMATICA tel. 38308393 Roma, FLAUTOMII1 MULTlMEDlA tel. 8881484 Roma, MA.NA.ELABORATORI ELETTRONICI tel. 44244714 Roma, MACPROt CHERUBINItel. 438971 Roma, PCC COMPUTERHoUSEtel. 2147280 Roma, RoBYMAXtel. 20427234 tel. 7840118 Roma, STRATEGIA E TATTICAtel. 4824884 Roma, VILLAGGIO MULTlMEDlALE tel. 397261 581935 Genova, DlGITALLABSEoUCATloNtel. 8388400 Savona LIMBIIDIA oR.ME. SYSTEMt.L 1 Cinisello B. (MI), GRAPHoS tel. 4478270 Corsico (MI), MACPOINTtel. 38002943 Milano, NEWELtel. 39280744 Milano, SELECTEo A COMPoNENTStel. 55187073 Milano, WAREHoUSEte I. 48017840 • 29408050 Milano MARCRECOMPIGNIAITALIANACOMPUJ 2801081 Ancona PUIlLII S.G. SISTEMIGLOBALItel. 814814 Foggia IAIDEGNAMICROa DRIVEtel. 853227 Cagliari Il If MARCEDoNEtel. 502322 Catania, GaG tel. 821584 Gela (CI), DATAMAX tel. 8815389 Palermo TOICIN. AUDIOMA Firenze, COMPAGNIAITALIANACOMPUTERtel. 575822 Firenze, HARDa 80FT te I. 4378515 Firenze UM.II COMPUTER tel. 5004080 Perugia, WIZ PolNT tel. 302439 Terni VENETI DELTASYSTE 1ft.


segue da pago 98

avanti". Prendiamo ad esempio quello che dovrebbe essere un tipico esempio di personal computer domestico, cioè un MPC Pentium a 150 MHz accessoriato di tutto punto. Dal punto di vista tecnologico una macchina del genere è semplicemente fantascientifica, ma siamo sicuri che tutte le sue parti sono strutturate per dare il massimo in termini di efficienza e di possibilità operative? Insomma l'industria informatica è stata capace di selezionare negli anni le migliori soluzioni possibili in ogni frangente e di convogliarle, con i dovuti accorgimenti, all'interno dei nostri odierni MPC, oppure molte caratteristiche sono cosi solo perché è proficuo ai fini del marketing? Mi chiedo pure se con la stessa tecnologia attuale, ma utilizzata in modo diverso, non si sarebbero potute ottenere prestazioni di molto superiori a quelle attuali: dico questo perché alcune soluzioni nel recente passato stavano offrendo questi risultati, ma chissà perché sono state scartate dal mercato. Mi domando anche se gli sbalorditivi progressi tecnologici realizzati ultimamente si sarebbero potuti attuare lo stesso anche se si fosse presa una direzione diversa. Con un computer dalla capacità di elaborazione infinitamente più piccola venti anni fa ci si gestiva una intera azienda. Certo oggi ci si fanno molte più cose, però in fondo anche se di per se l'uso del software per certi versi è più semplice per quanto riguarda le funzioni fondamentali, non lo è in linea generale poiché nel frattempo si sono implementate moltissime altre funzionalità che nella stragrande maggioranza dei casi hanno una valenza inferiore o sono di dubbia utilità. Ci sono sempre molti modi per risolvere un problema e tra essi ce n'è sempre uno migliore, più semplice ed efficiente: la cosa peggiore che si possa fare però è di scegliereil peggiore solo perché comporta vantaggi (economici) immediati. Tra il semplice OOS e Windows 95 c'è un abisso, però quest'ultimo assorbe una quantità impressionante di risorse alla macchina che lo esegue, in cambio però si ha un sistema gestito a 32 bit, il multitasking preimpositivo ed una interfaccia grafica accuratissima dal punto di vista estetico ed estremamente dispersiva dal punto di vista funzionale. L'attenzione posta su elementi puramente estetici, che comunque in qualche modo ha dei riscontri funzionali, è a mio parere ai limiti della tolleranza e del buon gusto, inoltre finisce per confondere ancora di più l'utente abituandolo a una visione distorta cir100

Psion 3c & Video Computer A seguito dell'articolo apparso sullo scorso numero di MCmicrocomputer dedicato ad alcune novità tratte dal mondo Web, la Video Computer S.p.A. di Torino ha ritenuto opportuno rilasciare il seguente comunicato che prontamente riportiamo. "Psion PLC, nota azienda inglese produttrice dei palmari Serie 3a, dopo il lancio sul mercato italiano del modello Siena (presentato ufficialmente durante il recente SMAU), pensa già al futuro. Rispetto al 3a, la nuova Serie 3c aggiunge alcune caratteristiche significative al prodotto (interfaccia ad infrarossi, software di sistema con due nuovi applicativi, trasmissione ottimizzata dei dati, probabile disponibilità del display retroilluminato), ma al contempo manterrà invariato il design e la totale compatibilità software con le versioni precedenti. 3c sarà disponibile sul mercato italiano a partire dal secondo semestre 1997 e si affiancherà al 3a come "modello top" della gamma. La politica commerciale di Video Computer S.p.A., distributore esclusivo nazionale, non prevederà diminuzioni di prezzo dell'attuale 3a; lo Psion Serie 3c sarà venduto ad un costo superiore. Gli interessi e gli investimenti di Psion, in ogni caso, sono di ben più ampio respiro. Ancora in fase di progettazione e test, la futura Serie 4 sarà lanciata non prima del secondo semestre 1998: sarà importante essere commercialmente presenti sul mercato in quel momento dato che i player che disputeranno in questo mercato - in continua e costante crescita - saranno certamente palmtop equipaggiati con processore RISC e con capacità di memorizzazione ben superiori. Tali progetti, sicuramente ambiziosi, dimostrano quanto Psion sia leader di mercato e la solida partnership con Video Computer non fa altro che avvalorare questa tesi".

Per ulteriori informazioni: Video Computer SpA Via Antonel"~ 36 l 0092 Collegno (TG) Tel. 011/4034828 r.a. e-mail: patelli@videocomputer.it

ca il modo di intendere l'informatica. L'utente viene catturato e coinvolto dalla complessità scenografica dell'interfaccia grafica e dai problemi che prima o poi escono allo scoperto in un uso intensivo della stessa, o meglio da un uso dispersivo delle sue stesse risorse, dimenticando il vero scopo per cui queste ultime sono state create. lo penso che sarebbe stato più onesto, se invece di questa folle corsa tra hardware e software, che si inseguono a vicenda in uno scenario di inefficienze reciproche e complessità fuori dalla ragione di essere, si fosse perseguita una strada un po' più mirata alla efficienza struttando maggiormente le risorse disponibili per raggiungere una VERA semplificazione operativa e più in linea con le disponibilità sensoriali dell'essere umano. Com 'è andata lo sappiamo tutti, durante il travagliato percorso che ha portato a questa situazione vi sono stati nobili ed illustri esempi di realizzazioni e modalità opera-

tive che nulla avevano da invidiare allo standard attuale. Purtroppo per una lunga, complessa ed intricata sequenza di eventi di cui tutti siamo un po' responsabili mi sembra che molte idee sono andate irrimediabilmente perdute o siano oggi ridotte al lumicino da un mercato sempre più vorace di facili profitti che prima o poi finirà con l'autodistruggersi. Non so quanti MPCisti di oggi siano anche amanti (verI) dell'Alta Fedeltà musicale e quanti tra loro abbiano vissuto in quest'ottica la fine tra il decennio Settanta ed i primi anni Ottanta. In quel periodo infatti è stato fonte di turbinevoli e repentini mutamenti nel settore dell'elettronica digitale e del nascente mercato dell'informatica personale, si ebbe contemporaneamente una progressiva degenerazione dei prodotti ed un ridimensionamento del mercato dell'Alta Fedeltà. Perché è avvenuto continua a pago 102

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


segue da pago 100

questo? Per un motivo molto semplice: negli anni Settanta il mercato dell'Alta Fedeltà si è via via massificato, e se questo ha permesso un po' a tutti di comprarsi un impianto Hi-FI~ è anche vero che la guerra dei prezzi combattuta a più livelli tra produttori prima e rivenditori poi ha finito per svuotare completamente di ogni significato quei magnifici scatoloni di latta ed alluminio anodizzato, un po' tutti similari sia nell'estetica che nel contenuto tecnologico (?) se cosi si poteva ancora dire. Insomma si vendeva di tutto tranne che veri prodotti Hi-Fi. Ma tant'è che la gente allora li considerava tali e guai a dare loro torto. Il fatto è che in questi ultimi anni stiamo assistendo ad una replica nel settore dei personal computer di pari portata a quanto era successo allora per il mercato dell'Hi-Fi. I presupposti ci sono tutti, miriadi di MPC sempre più anonimi sempre, più appiattiti nella (bassissima) qualità, sempre più uguali nelle prestazionl~ venduti oramai anche dal fruttivendolo di paese a prezzi sempre più stracciati o addirittura sottocosto senza nes-

~EVEXI

suna forma di garanzia o possibilità di riparazione. Macchine di per sé potentissime, malamente assemblate o rese terribilmente inefficienti da grossolani errori di scelta dei vari componenti o del software chiamato a gestirne le molteplici parti. Ma nonostante se ne dica, sono ancora pesantemente complesse e bisognose di continua manutenzione ed assistenza soprattutto dal lato del software. Se poi inseriamo anche una diffusa (forse voluta) ignoranza da parte di poco raccomandabili operatori di mercato che propinano ai sempre più ignari o superficiali utenti ogni sorta di brodaglia tecnologica spacciandola per le sette meraviglie, allora il quadro è veramente completo. È un dato di fatto che negli ultimi due anni l'intero mercato dei PC (MPC) compatibili si è irrimediabilmente degradato in virtù del fatto che sono aumentate di parecchio le vendite di prodotti di largo consumo. Quello che conta oggi è vendere il più possibile senza stare troppo a guardare sia la qualità dei prodotti o del software, senza preoccuparsi troppo delle possibili disavventure

EVEXIITAUA

COMPUTERS

MULTIMEDIA

MONITORS

PENTIUW Intel 200MHz ChipSet Intel Triton Il 430HX 512KB Cache sincrona Pipeline 16MB RAM 1600MB Hard Disk Scheda video S3 Virge 3D, 2MB RAM Tastiera italiana e mousc IBM OS/2 WARP + Bonus Pak 6 programmi Computer Associates Lire 1.999 486DX4-120MHz 3 Slots PCI + 4 Slots ISA 256KB Cache -1MB RAM 850MB Hard Disk Scheda video PCI SVga, I MB RAM Tastiera italiana e mousc LBM OS/2 WARP + Bonus Pak 6 programmi Computer Associates Lire 699

14", 1024x768 NI. MPRJI 15", 1280xl024 NI, MPRII 17", 1280xl024 Nl. MPRII

374 519 889

SCHEDE MADRI 486-586DX4 PCI + multi VO PENTIUM Triton Il 430VX PENTIUM Triton Il 430HX

AMD 486DX4-120MHz Intel PENTIUM 133MHz Intel PENTIUM 200M Hz Intel PENTIUM·PRO 150MHz Intel PENTIUM·PRO 200MHz

MEMORIE

sono liberamente

configurabili

79 349 899 799 979

RAM

4MB Simm. 72 pin 8MB Simm. 72 pin 16MB Simm, 72 pin

36 72 149

Occhiali per 3D (realtà virtuale) Scheda MPEG-I CD-ROM Drive 6x CD-ROM Drive 8x Sound Card 16 bit, P&P Sound Card 16 bit, Wawe P&P

secondo le

309 169 139 169 69 109

MODEMS 14400 Baud + Fax, Interno 33600 Baud + Fax, Interno 33600 Baud + Fax, Esterno

89 189 219

CD-ROM Cica96 (2 CD Shareware e PD') Loom Mario is Missing! Harem 1'./11.18 Sex Agent 69 1'./11.18 Moana Story v./II.18

'00

Questi sono solo alcuni esempi dei nostri Prezzi

Tulti i personal computers

139 199 239

PROCESSORI

1,------------------------, ATTENZIONE: Bomba!!!

RIVENDITORE STAKAR

Via A. Scialoia, 69 - 50136 FIRENZE Te\.: 055/2346086 Fax: 055/2343283

27 19 23 41 41 41

e solo EVEXI è anche ...

• Automatismi e dispositivi elettronici per esigenze specifiche.

precise esigenze del cliente: il sistema operativo (a scelta OS/2 oppure Windows 95) è già preinstallato e completo di manuali. Richiedete il nostro catalogo generale: vi troverete centinaia di articoli

• Software su misura per voi e la vostra azienda. • Programmazione di pagine WEB ...

per la vostra professione

.... e tante altre cose!

e il vostro svago, nonché l'utilissima

alla scelta del Personal Computer". Prezli in migliaia di lire. IVA 19% e trasporto esclusi.

102

"Guida

di quei (fortunatamente pochi) utenti sfortunati che nonostante la loro buona volontà purtroppo si trovano di fronte a problemi quotidiani insormontabili. Purtroppo chi non si adegua a questo stato di cose sembra destinato, almeno nel breve o medio periodo, a soccombere miseramente. Chiunque ha avuto il coraggio di proporre altre soluzioni facendo propri i prindpi di eleganza, efficienza e rispetto per l'utente proponendogli delle macchine differenziate o costruite ad hoc per un certo scopo si trova oggi a navigare in pessime acque oppure ha subito tanti scossoni da farlo irrimediabilmente desistere (parlo tanto di costruttori hardware come Apple, ecc .. sia di produttori di software con idee geniali polverizzati dallo strapotere Microsoft). Tutti sembrano adeguarsi (o inchinarsi al volere) allo standard imposto dal duopolio mondiale Intel-Microsoft senza più neanche metterci un pizzico in più del proprio. Come se non bastasse ciò, da un po' di tempo ci si mettono anche i mass-media a rincarare la dose attribuendo a quel semidio (o Dio in persona, chi lo sa?) di Bill Gates meriti o invenzioni di ogni tipo. Lo sapevate che il nostro caro BillV tra le tante cose ha inventato il PC, il linguaggio BASIC, i sistemi operativi per PC, il sistema operativo con menu gadget ed icone, Internet, (forse) e chissà cos'altro? Sono passati poco più di quindici anni dall'inizio dell'era informatica di massa, io ho avuto l'onore di vivere per intero e appassionatamente questo periodo, forse rimpiango i tempi andati ed altri tipi di macchine, ma non avrei mai immaginato che si sarebbe arrivati a questo punto. Adesso però sembra che sia di nuovo tutto in discussione, infatti di qua a pochi anni il motore primario dell'informatica di massa si sposterà sempre più verso soluzioni integrate per le telecomunicazioni multimediali in ambito planetario (TV interattiva, Internet, telefonia ce/lulare, telecomunicazioni satellitari di massa), in quest'ambito il corso preso dall'attuale mercato dei PC sembra andare un po' stretto. Ecco allora che si inizia a parlare di NC (network computer) di Set Top Box per TV, di nuovi standard audio video digitali, ecc. /I prossimo futuro sembrerebbe di nuovo eccitante, ma non vorrei che tutti questi bei propositi finiscano come sempre in una bolla di sapone, come è già successo per il recente passato a proposito dei pen computer e prodotti affini, di architetture

e-mail: hormor;a@matson.rr continua a pago 104

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


The

Gli abbonati possono accedere ad MC-link sia attraverso i nostri nodi urbani sia attraverso le reti Internet, Concert e Itapac

1. accesso attraverso i nostri nodi urbani ELENCO DEINODIURBANILOCALITÀ E NUMERIDITELEFONO Agrigento Alessandria Ancona Aosta Areuo AscoliPiceno Asti Avellino Bari Belluno Benevento Bergamo Bologna Bolzano Brescia Brindisi Cagliari Caltanissetta Campobasso Caserta Catania Catanzaro Chieti Como Cosenza Cremona Cuneo Ferrara 'Firenze Foggia Forli Frosinone Genova Gorizia Grosseto Imperia Isernia LaSpezia L'Aquila Latina Lecce Livorno Lucca Macerata Mantova Marsala MassaCarrara Matera

in attivazione in attivazione (071) 53726 (0165) 32027 in attivazione in attivazione (0141) 352584 inattivazione (080)5210843 (0437)930113 (0824)523182 (035) 210351 (051)220035 (0471)971250 (030)2400000 (0831)222215 (070)658501 (0934) 21288 (0874) 90658 (0823) 322514 (095) 310330 (0961) 701160 inattivazione (031) 300113 (0984)21123 (0372)30657 (0171)65796 (0532)760183 (055)5001111 (0881) 708157 in attivazione (0775) 212237 (010)585044 (0481)81189 (0584) 410725 (0183) 296566 in attivazione (0187)22818 (0862)25410 (0773)605382 (0832)240019 (0586)880422 (0583)419569 inattivazione (0376)229263 (0923)711056 (0585) 717460 (0835) 261290

Messina 'Milano Modena 'Napoli Novara Nuoro Oristano Padova Palermo Parma Pavia Perugia Pesaro Pescara Piacenza Pisa Pistoia Pordenone Potenza Ragusa Ravenna ReggioCalabria ReggioEmilia Rieti 'Roma 'Roma Rovigo Salerno Sassari Savona Siena Siracusa Sondrio Taranto Teramo Terni Torino Trento Treviso Trieste Udine Varese Venezia Vercelli Verona Vicenza Viterbo

• fino a 33600 bps V34+, Vfast, Vterbo

(090) 2936180 (02) 416548 (059) 343239 (081) 419315 (0321) 32695 (0784) 30245 (0783) 70417 (049) 655333 (091) 321446 (0521) 200097 (0382) 20024 (075) S057536 (0721) 30157 (085) 27255 inattivazione (OSO)21183 (0573) 934995 (0434) 20340 (0971) 53113 in attivazione (0544) 30202 (0965) 21102 (0522) 454903 inattivazione (06) 4513900 (06) 451515 (0425) 31200 (089) 223140 (079) 200026 (019) 848108 (0577) 41808 (0931) 21004 (0342) 210805 (099) 4530352 in attivazione (0744) 400463 (011) 83S010 (0461) 983381 (0422) 545355 (040) 280265 (0432) 21088 (0332) 240037 (041) 971004 in attivazione (045) 8010284 (0444) 320448 (0761) 228128

world

on line

gli altri nodi sono 28.800 V34 o 14.400 V32bis. L'elenco aggiornato dei nodi è disponibile alla pagina http://www.mclink.itlinfo/nodi.htm

Web:

Procedura di accessso Dopo la connessione dei modem premere tre volte il tasto "invio" (Enter) quando appare il simbolo @, digitare: mcnet e premere il tasto "invio" a questo punto apparirà nuovamente la @: digitando: mclink e poi premendo "invio" si entra in MC-link in modalità terminale mentre digitando il proprio codice e poi premendo "invio" si entra in modalità PPP e ci viene richiesta la nostra password.

2. accesso attraverso la rete Internet Chi ha un accesso telnet alla rete Internet può collegarsi ad MCIink stabilendo (secondo le procedure in vigore sul proprio nodo) un collegamento TELNET a: mclink.mclink.it L'accesso a mezzo telnet non comporta alcun addebito supplementare.

3. accesso attraverso i circa 1400 concentratori Mondiali della rete CONCERT L'elenco completo dei 220 concentratori europei della rete CONCERT, il loro numero di telefono, la velocità e le modalità di login sono indicate nelle pagine INFO sul Web di MC-link e nei messaggi 167 - 168 dell'area MC-news; i rimanenti 900 concentratori mondiali sono indicati nelle pagine INFO sul Web di MC-link. Il costo per l'accesso attraverso i 1200 concentratori europei è di L. 145 + IVA al minuto mentre il costo per l'accesso attraverso i rimanenti concentratori è di L. 590 + IVA al minuto, indipendentemente dalla loro velocità, e viene addebitato all'abbonato direttamente da MC-link.

4. accesso attraverso la rete Itapac Il numero di telefono per tutto il territorio nazionale è: 1421 alla risposta premere due volte invio quindi comporre 26410420Pccccccpppppp dove P deve essere obbligatoriamente maiuscola cccccc = codice abbonato di 6 caratteri pppppp = password di 6 caratteri La velocità massima dei nodi che fanno capo al numero 1421 è 2.400 bps. L'accesso attraverso Easy Way Itapac comporta l'addebito di UN SOLO scatto telefonico (indipendentemente dalla località e dalla durata del collegamento) e di una «tariffa a tempo e volume» che, in media, non supera complessivamente le 6.000 lire/ora per i collegamenti che hanno inizio tra le 7 e le 22 dei giorni feriali e le 4.000 lire/ora per quelli che hanno inizio le 22 e le 7 dei giorni feriali o nei giorni festivi. I consumi vengono addebitati mensilmente su carta di credito.

Informazioni nuovi abbonati

Segreteria abbonati

telefono (06) 41892434

telefono (06) 41892452

dalle 9:00 alle 19:00

dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00

Fax - (06) 45.15.592

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996

103


segue

da pago 102

multimediali alternative, di processori RiSe e quant'altro. Di vero e di certo per ora c'è solo un'inarrestabile corsa tecnologica solitaria condotta da Intel per i processori x86 e Microsoft per Windows 95. , . Gianpiero 8assanetti

certamente vero che Gianpiero Bassanetti, come afferma, ha vissuto per intero e appassionatamente questi quindici anni dall'inizio dell'era dell'informatica di massa. Si vede troppo bene da quello che scrive. E, in sostanza, scrive qualcosa che somiglia molto a "si stava meglio quando si stava peggio". Il problema è che, visto almeno dal punto di vista di "noi appassionati", è assolutamente vero. Purtroppo, però, non possiamo ragionare con il cuore di appassionati, ma dobbiamo ragionare con il cervello di utenti. Anche andare in giro con la Topolino è tutta un'altra cosa, ma

provate a pensare a un traffico basato sulle Topolino nella realtà di oggi. Sono cambiati i tempi, e sono cambiati gli oggetti che sono segno dei tempi. Eravamo pochi, ricordiamocelo. E non bastavamo alle aziende che, giustamente, volevano crescere. Non era un'informatica di massa, non sarebbe potuta diventarlo se non a patto che le masse fossero diventate come noi: e allora sono cambiate le aziende e i loro prodotti. Ci divertivamo, eravamo bravi: riuscivamo a far fare alle macchine quello che volevamo noi, per quel poco (che sembrava tanto) che le macchine potevano fare. "Ma ti ricordi", esclamava poco tempo fa Bo Arnklit alle prese con non so quali bizze delle macchine di MC-link, "quando cambiavi un bit e sapevi esattamente cosa succedeva?". Cercavamo di smitizzare l'informatica dei "camici bianchi", volevamo che i computer non fo'ssero usati solo dai tecnici, chi ci segue da tempo lo ricorderà. Chi mi conosce però sa anche che da un po' di tempo dico, scherzando ma non troppo, che sia-

mo passati all'informatica dei "camici neri". Ieri per far funzionare un computer ci voleva un tecnico, oggi ci vuole uno stregone. Un ingegnere elettronico, un ingegnere meccanico ed un informatico sono in un'automobile che, improvvisamente, si ferma. L'ingegnere meccanico tira fuori un'officina portatile, smonta e rimonta il motore fin nei pezzettini più piccoli, ma non ottiene nulla. Allora l'ingegnere elettronico entra in azione con il suo oscilloscopio da polso, collega fili dappertutto. Niente. L'informatico dice: "ci provo io. Intanto ricominciamo da capo, scendiamo tutti dalla macchina e risaliamo". È una barzelletta o ... un esempio? Ma cerchiamo di non essere pessimisti o nostalgici, e godiamoci in un modo o nell'altro queste macchine che hanno una potenza alla quale, se vogliamo essere onesti, nessuno di noi poteva pensare neanche lontamente. Ci scriva ancora, signor Bassanetti. Marco Marinacci

a sole

240.000*

Lire

lva esclusa. E per gli studenti: 145.000* lva inclusa. Solo chi ha inventato java™ poteva offrirti java™ WorkShopTM. E' potente, facile da utilizzare e trasforma subito le tue idee in applicazioni per Internet. Ed è scritto in java, per permetterti di sviluppare su Solaris™ (SPARC e Intel), Windows 95 e Windows T e . tra breve· Mac 05. Con 240.000 lire (Iva esclusa) . o 145.000 lire (Iva inclusa) se sei uno studente· puoi avere tutti gli strumenti grafici per sviluppare, modificare, compilare e testare applicazioni multi piattaforma per la rete mondiale e le Intranet aziendali. Ma c'è di più. SunSoft ti offre anche un anno di aggiornamento incluso nel prezzo. Approfitta della promozione: telefona subito a SunSoft al numero 1678·26108. Per ulteriori informazioni visita il nostro sito all'indirizzo hllp:/ /www.sun.com/sunsoft o invia un messaggio di posta elettronica a sUl1softinfo@italy.sun.com

+Sun mlcrosystems

104

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


SE. NON F"..

SI ETE ""'''ANdATi A SMAU • • • VI SI ETE pERSI

L'uNicA.VERA , NOVITA A SMAU '96 Paeka rd Bell, il primo costrutto re al mondo di PC Multimediali, ha presentato la nuova gamma dei suoi PC. Percorrendo la strada che l'azienda americana ha intrapreso fin dalle origini, quella di rendere il PC uno strumento amico, semplice quanto entusiasmante per gli utilizzi di una intera famiglia, Paekard Beli anche questa volta ha centrato l'obbiettivo ed è riuscita a sorprendere per la sua "fantasia". I Personal Computer ~~~~~~~ Multimediali Paeka rd Bell, sono sempre più veri e propri sistemi di comunicazione integrati: CD, RADIO, STEREO, TV, TELEFONO, FAX, INTERNET .... .la ricchezza delle funzioni va di pari passo con la semplicità di utilizzo : basta schiacciare un tasto per passare da una possibilità di utilizzo del PC all'altra ....

I nuovi modelli Paekard Beli presentano infatti l'esclusivo MEDIASELECT, un pannello compatto ed ergonomico situato alla base del monitor che consente un accesso intuitivo alle differenti funzioni attraverso l'utilizzo di un pulsante. Basta premere un solo tasto sul pannello per inviare un fax, scansionare un documento, accendere la radio, regolare il volume oppure navigare nell' INTERo':; NET EXPLORER di Paekard BeIL . Ed ancora : la nuova versione di Navigator, Pianeta Oasis, una dotazione software ancora più completa e sorprendente . SEMPLICEMENTE INCREDIBILI, I CREDIBILMENTE SEMPLICI, questa la nuova generazione dei PC Multimediali Paekard Bell, questa l'unica vera novità di SMAU '96.

~:E'~~

~

'C.)F Paekard Beli


segue

da pago 104

QUANDO , IL NERO E A COLORI!

ono un vostro affezionato lettore che in questo ultimo periodo è particolarmente interessato all'acquisto di una stampante a getto d'inchiostro e, come è ovvio, sta facendo tutte le opportune indagini a riguardo. Nell'ambito delle mie ricerche sono rimasto particolarmente colpito dalla Canon BJC 4100 per il suo buon rapporto qualità-prezzo. Purtroppo però non sono riuscito a trovare risposta ad alcune delle domande che mi sono posto, e questo perché, con mia grande sorpresa, è risultato praticamente impossibile trovare materiale pubblicitario (depliants, ecc.) su questo modello di stampante, e insoddisfacenti sono anche le informazioni trovate sul sito Internet della Canon; ho pensato quindi di rivolgermi a voi: 1)Perché si parla in modo differenziato delle caratteristiche delle due taniche colore bc20 e bc21 ? 2)5e il tipo di stampa usato è quadricromatico perché il nero è nella bc21 (tanica tricolore)? 3)5e possibile gradirei ricevere una scheda informativa in italiano (quella del sito è in inglese). In attesa di una vostra risposta tramite e-mail o nell'apposita rubrica di MCmi- . crocomputer vi ringrazio vivamente. ~ f····················································· Riccardo Luciani <Saxman@hotmail.com>

razie per la fiducia, ma sono costretto a disilluderti per ciò che riguarda la pubblicazione in queste pagine di una scheda informativa in italiano; le caratteristiche da elencare sarebbero troppe per il poco spazio a disposizione. Canon gode certamente di una sicura tradizione in fatto di stampanti a getto d'inchiostro e la BJC 4100 è un'ulteriore conferma, se mai ce ne fosse bisogno, della qualità dei suoi prodotti. Capace di una risoluzione standard di 360 dpi e di 720 x 360 dpi in modalità enhanced, la BJC 4100 offre una velocità di stampa di 255 cps (high speed) in mo106

.

dalità colore e ben 510 cps nella stampa B/N ad alta velocità. La stampa è unidirezionale in grafica e bidirezionale nella stampa dei testi. Le emulazioni consentite sono IBM Proprinter X24E (BJ-10 mode), Epson LQ-2550 (LQ mode) e Canon Enhanced Mode. Il motivo per il quale si parla di due taniche colore differenziate è perché la BJC 4100 può utilizzare indifferentemente due diverse soluzioni che permettono la stampa monocromatica o a colori. La tanica BC20 è dotata di 128 ugelli e contiene esclusivamente inchiostro nero; la tanica BC21 è invece realizzata con tre distinti serbatoi per i colori primari (CYM), ognuno con 24 ugelli, ed un ulteriore serbatoio per il colore nero (K) dotato di 64 ugelli. In funzione dell'uso principale della stampante (stampa B/N o colore) si ha così la possibilità di adottare la tanica più adatta, rispettivamente la BC20 o la BC21; inoltre, la presenza di un serbatoio del nero anche sulla tanica BC21 assicura neri pieni e densi anche nella stampa a colori. ................................................................ Massimo

Truscelli (m.truscelli@mclink.it)

ABC: QUESTIONI D'INDIRIZZO

alve, sono un affezionatissimo lettore di MCmicrocomputer. Ho letto il suo articolo su ABC ed ho pensato che forse può rispondere ad alcune mie curiosità a proposito dell'indirizzamento su di un Internet TCPIIP. Da alcuni giorni mi sto ponendo una domanda abbastanza curiosa: che differenza c'è tra il mio indirizzo di posta elettronica e l'indirizzo dinamico (ad esempio 124.99.71.200) che mi viene assegnato ogni volta che mi collego col mio provider? In fondo, anche I.e-mail address è un indirizzo numerico formato da 4 numeri compresi tra O e 255, o no? È sempre un indirizzo conforme allo standard di indirizzamento nell'Internet. È possibile che abbia 2 indirizzi? Mi sembra assurdo! Forse l'IP address serve per ricevere i datagrammi relativi ad applicazioni quali WWW, IRC, TELNET, etc. etc.; mentre I.e-mail address serve solo per la ricezione di messaggi di posta elettronica ... è

possibile una spiegazione del genere? Forse ho un po' le idee confuse sui concetti fondamentali dell'internetworking e magari lei ne sa qualcosa più di me. Potrebbe illuminarmi (o farmi illuminare) in proposito? La ringrazio in anticipo e aspetto una risposta il più esauriente possibile. Bye bye!! Luca De Berardinis

• (Teramo)

evo dire che non mi aspettavo un interesse così immediato alla nostra nuova rubrica dedicata alle informazioni basilari utili all'utilizzo del computer. Diversi sono stati i quesiti posti dai lettori a proposito di "ABC". Questo ci sta aiutando a mettere un certo ordine alla sequenza degli argomenti di cui ci occuperemo di volta in volta, dando precedenza a quelli più gettonati dai lettori, in particolare da chi ha appena iniziato la sua "avventura" informatica. Tra i quesiti giunti via posta e e-mail ci è sembrata interessante la domanda del sig. Luca De Berardinis di Teramo. Nella prima parte della lettera lei dà già una definizione corretta dell'indirizzo IP, esprimendo il concetto di "numero dinamico" assegnato dal server. Ma a proposito di IP, per accontentare anche lettori meno ferrati, la rimandiamo all'ABC pubblicato sul numero scorso, dove l'argomento è stato affrontato in modo semplice ma efficace. A proposito, invece, di indirizzo email, la risposta alla domanda è no. L'email non è (non solo) una sequenza di quattro numeri come l'IP provvisorio che le viene assegnato ad ogni collegamento, ma il nome di riconoscimento dell'abbonato seguito dall'identificativo del server dove risiede la sua "casella postale". Mentre un IP serve a far riconoscere i computer collegati alla rete, I.e-mail rappresenta il luogo dove la rete trasferirà i messaggi indirizzati ad un determinato abbonato. L'IP contenuto nell'indirizzo di posta elettronica non riguarda direttamente l'utente ma "l'ufficio postale" dove egli riceve la corrispondenza, ed è rappresentato da tutto ciò che segue al segno @ (nel mio caso "mclink.it") ci penseranno poi i DNS (Domain Name Server, vedi anche in questo caso l'ABC sul numero scorso) a tradurlo nell'IP del server dove riceverò . . I messaggI. Rino Nicotra (r.nicotra@mclink.it)

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


U.n'assortimento sempre STRAricco di prodotti informatici freschi.


• .. . ....

,,".

......•

USCITA PER MONITOR,STAMPANTE, TASTIERA, MOUS~ 2 ALTOPARLANTI STEREO, ALLOGGIAMENTO S • PCI, lJ1'SCSI·1I

.•..•..•

......................•...

-I!iTEXAS

INSTRUMENTS CALCOLATRICI TI-80 51181un2ili,7IJ34possi~~~ !IfIDIiM·TabeIIe~vakIIi,cal:o~iXIlI!laziori·Ratligurnedesa· minafiooa trecoppiediequa· zOOpararretm ·Ifilagn sia· Iis!icti!nroooebiilroonsillal· 71unziai~llXllllierntlM!

-I!iTEXAS

INSTRUMENTS ORGANIZER PS-b700/b800 TmradaPCiXIlIlasliverie~ per~lIIlacie~ deidati.Lasua oonIigurazilneIogi· cacoosente~rnassirrl1tacilnà ~uso.AitIWia~OOIizzi,_ rur.E!i1elefri:i,appunlìedm· maroiriservate.

------

-I!iTEXAS

INSTRUMENTS

_

CALCOLATRICE DA TAVOLO TI-Sb30

-

Possredetutte~funzxmfità neceS&1riepersodd5fare~ qooliilaneesigenzedel~YOIo

_ _

~ub.

•••••••


TUTTI I NOSTRI PREZZI SONO IVA INCLUSA.

2400Dii Par~lela/SCSI A4 30 bit/1024tOlli di gngio Omnipage L~e OC rnagePals Go

RISOLUZIONE INTERFACCIA FORMATO COLORI SOFTWARE

400 llJi Parallela/SCSI 100 mm 16,8 milionV256 toni di grigio ScanKil U1lily, PerceNe PerSOllaIOCR, iPooto Plus

Joystick adatto ai giochi più impegnativi con base in metallo per un'ottima stabilità e quattro pulsanti. Interruttore HAT (viewfinderl per giochi avanzati di simulazione di volo. Istruzioni in Italiano .

n.iomega® JAZ VERSIONE INTERFACCIA CAPACITÀ

Esterna SCSI 1 GB


SCOPRI

MICROSOFF

C~

bE POTENZIFLITÀ DEI. TOO CCMPLrrER!

ECCEZIONALE OFFERTA OFFICE É la famiglia di applicazioni che consente la creazione di tutti i documenti richiesti dal lavoro d'ufficio come testi fogli di calcolo data base presentazioni, agenda personale e di gruppo in superofferta,

Il programma di elaborazione testi,

I

I

I

EXCEL,

I

Dà un senso ai numeri, più rapidamente I più facilmente,

INCLUSO NEL PREZZO DATA BANK TEXAS PS-2400 [sull'acquisto di Microsoft Office Standard o Professional in versione FULL o CUP)

, POWERPOINT, Il programma di grafica per presentazioni,

SIDEWINDER "GRME PRD"!

[ontrollo tot~e e precisione assoluta per qualsiasigioco,

CorelDRAWTMb: LA PIO COMPLETA APPLICAZIONE GRAFICA A 32 8IT PER WINDOWS 'qS AGGIORNAMENTO CoreIORAW'" b ITALIANO DA CoreIORAW'" 5 La più nota applicazione di grafica a 32 bit per Windows '95 comprendente applicazioni complete per illustrazioni, fotoritocco e creazioni bitmap, presentazioni aziendali e multimediali, rendering 30 e animazione,

CorelPRINT HOUSE"" Con una ricca selezione di immagini e clip art, fon!, foto, testi e con strumenti da disegno flessibili, CorelPRINT HOU5E'" é uno strumento semplce e veloce per creare fantastici biglietti d'auguri, carta da lettere, intestazioni ed altro ancora,

535.~I~

117.

~~ur;R


TUTTI I NOSTRI PREZZI SONO IVA INCLUSA. TUTTI I PC CONCORD MULTIMEDIALI COMPRENDONO:

Windows '95 CorelDRAWlM 5 DEM con: CorelPHDTDPAINTlM 5 CorelCHARTlM 5 Corel5HDWlM 5

CONFORME ALLE NORMATIVE

(

E


NEI PUNTI VENDITA

STRABILIA TROVI SEMPRE:

..

l

INFORMAZIONI

EO ANTEPRIMA 01 MERCATO CONSULENZA TECNIC(}-COMMERCIALE SUI PRODOTTI

POSSIBILITÀ DI DIMOSTRAZIONI DEL FUNZIONAMENTO DEI PRODOTTI

POSSIBILITÀ DI PERSONALIZZAZIONE DEL SOFTWARE ALLESTIMENTO

,

Q

ç;

.

Q.

DI WORI'iSTATION GRAFICHE

SOLUZIONI PER PROGETTO ED INSTALLAZIONI RETI LOCALI

PLUG !. PLAY

MONITOR AHILIPS:

SUPEIUOImA

NELLA NITIDEZZA DELL'IMMAGINE

presa cuffia

Casse e mie.

@

Panasonic GARANZIA SUI PRODOTTI

ISTRUZIONE ALL' USO DEL PC E DEI SUDI ACCESSORI

~

ASSISTENZA TECNICA DIRETTAMENTE PRESSO IL PUNTO VENDITA

~~M/,S.S-6

! -

CONSEGNA ED INSTALLAZIONE PRODOTTI ACOUISTATI

~ • .-...-

DEI

r=

S

'l.

PLUG !. PLAY

ASSISTENZA TECNICA DA PARTE DI PERSONALE OUALIFICATO

CARTUCCE TONER VERBATIM COMPATIBILI PER STAMPANTI CANON, HP, APPLE

•• • • • (H'1678-22054 .'" v"de!1054] ••• • •

Ogni 3 cartucce esauste restituite, riceverete un CO omaggio. Maggiori informazioni presso il punto vendita Strabilia più vicino o telefonando al numero verde Verbatim.

:• Ycrba1im DISCHETTl3.5"

Ycrba1im CARTA SPECIALE


IL MASSIMO DELLA OUALITA' DI STAMPA fl COLORI E DELLA VERSATILITA' NELLA ---STAMPANTE ------_PER LA _FAM_IGL_IA E _PER _L'UF_FI_CIO (\.estaS1<l1lpanteèiiiJtredotatadell'ecrezillllie p.n!Etto Imagirg !'dutill &nIle, d'e amlf1llle ~ ca1u:Iia If%Jfo Ca1rid9:, 111(lJItllitll'1 ja" ca1Irre, 111C<J1Ipmdi 9.Wl1i di S1<l1lpaed il SIitwa"e ja" la creazill'1 di immagi~ fII:tf ftlJtiiliuxe 91 rn

FORMATO RISOLUZIONE VELOCITA' OPZIONI DRIVERS

A3 (L) 720 x 360 dpi reali 4,8 ppm (bln) Prolo Kit OOS . Windows· MaCIIIlosh

BJC 4200 M 720 x 360dpi colore 4,5 ppm (tVn) Pholo K~ NoonaIe, speciale e lologiaOCa

~ STRAORDINARIA VERSATILITA' La st<l1lpantelf'[fsiIjt b~[S1<l1lpa 91 m tipi di 9JPfXJ1Ìdi S1;rnpad~la ] carta amtre e ricidata ~Ie cart~ill!, !We, etid'ette, adesivi,l4!a sptriaIe, Wl ja" 1J1Ì1ZiJÌ,strmri (lJItiU Ifm a m, 3,~ ed Iffrl! lHsiD la fi.nzir [ mlità deI~ S1<l1lpa~il1! ja" il tra1ffinento a ca/oo,

FORMATO RISOLUZIONE

A4 720 x 720 d~ Prolograph~ Mode

STAMPANTI A GrnO D'INCHIOSTRO PORTATILI

Canon HP DESIlIJET 340 CBi

BJC-70 STAMPANTE VELOCITÀ FORMATO RISOLUZIONE ALIMENTATORE VERSIONE

Bubble Jet 146 cps A4 720 x 360 Opi 30lagli Portatile

RISOLUZIONE VELOCITÀ INTERFACCIA EMULAZIONE ALTRO

lino a 600 x 300 dpi fino a 3 ppm in b/nero Parallela Centronics HP PCL 3 con estensioni Batterie e adattatore a inlrarossi inclusi


~

'

{1;' Paekard Beli

I

NUOVISSIMI IN P~OVA IN TUTTI I PUNTI VENDITA STRABILIA!

INCLUSO NEl:.-PREZZol

c >-

............ -

Microsoft Encarta '9b / oictionnaire Hachette Impariamo il francese, l'inglese e lo spagnolo con Asterix Easy Tutor Windows '95 Microsoft Money '95 + Duicken Elle, 2000 recipes • Le Louvre Music Maker • 50ft Karaoke

L'angolo dei bambini My First Encyclopedia • Batman [artoon-maker [asper Interactive Book • Thinking Things 2 Trudy's Time ~ Piace House Sammy 5cience House • Microsoft oceans

MEDIA SELECT ouke Nukem 30 • Sim City [Iassic de Luxe [ivNet • Ecco the oolphin • [omix Zone Bridge, [heckers • Microsoft Entertainment Pack

:"C.

DISPONIBILI SU RICHIESTA {1~ TELECAMERA·

FORMATO RISOLUZIONE ALIMENTATORE SOFTWARE

o Punti Vendita mo-

Beli

SCANNER TOP DRAWER PORTATILE : _ .--.::::;.."

AVELLINO - ITRLSISTEMI - C.so Italia, "'"9 , , , , , , , , , , ,0825-78027b BERGAMO (Costa Volpino] - TUTTOCOMPUTER - Via S,Antonio, 4 - Fraz.corli "'" m5-9880b3 BOLOGNA - 8IMAC - Via Sabotino, 8/C """"""""""""" ,OSI -bI 40lbb * BRESCIA - MA5TER INFORMATICA - Via Ugoni, 20/0 """"""""" 3752137 BRESCIA (Oarfo Boario Terme] - TUTTOCOMPUTER - Centro Comm, Adamello ' , ,03b4-53b5Ib CASERTA (Aversa] - OFFICINE INFORMATICHE - V,le Olimpico, 42 """"" ,081 -50445b5 CHIETI (Vasto] - 5.H.5, - C.so Mazzini, 252 , . , . , , . , . , , , , . , . , , . , . , .. 0873- 3b5000 COMO - 8UTTI COMPUTER SERVICE - Via Gallio, 4 .,""""" .. ' ,.,' ,031 -2b2208 CREMONA (Casalmaggiore] - COMPUTER TIME - Via Beduschi, 18 ' . ,0375-42441 CATANIA (Cerza] - COMPUTER. CO - Via Adige, b/A """", .. , , , ,095-7179022 ENNA - MAXTEL - Via Messina, 71 , , . ,0935-500500 FIRENZE - TELE INFORMATICA TOSCANA - Via 8ronzino, 3b , . , , . , . , .. 055-714884 FIRENZE (Castelfiorentino] - LOGO - Via Profeti, 4 .,",.,",.. ,.,. ,0571-b3IbI2 FIRENZE (Sovigliana Vinci] - GALLI - Via L, Oa Vinci, 200 '" , , , , , , , ,0571 -50lIII GENOVA - MULTlMEOlA 5HOP by ALET - Piazza Brignole 20m R , , , .0l0-5b71I8/9 GROSSETO (Orbetello] - TECMAR ELECTRONIC5 - Via Trento, 8 . , , , , . , ,05b4-8b4I43 L'AOUILA (Avezzano] - OlGITAL SI5TEMI- Via Garibaldi,I43 ' . , ,08b3-413b41 * LA SPEZIA (Sarzana] - A.cOMPUTER - Via Emiliana 31/8 , , , . , , . , , .0l87-b27799/b LIVORNO ETA 8ETA COMPUTER - Via 5.Francesco, 30 ""',.,",.,"'" ,058b-88b7b7 LIVORNO - FUTURA 2 - Via L,Cambini, 17/19 """"""""""" ,058b-21031I LIVORNO (Piombino] - ETA 8ETA COMPUTER - P.za della Costituzione, b8 ' . , ,05b5-220739 LUCCA - COMPUTER SHOP CENTER - P.za Curtatone, 143 , .. ,., .... ,' _ , .. ,0583-9532b9 LUCCA (Lido di Camaiore] - IL COMPUTER - V.le Colombo, 21b ' .. ,0584-bI8200 MESSINA - OHS INFORMATICA - Via Oogali, 20 . , . , .. , . , , • ' . , , . , .. ,090-292bbOi * MILANO - O'ARCO SISTEMI CUGGIONO - Viale Kennedy ",.,.,.... , . ,02-9728843b * MILANO - PC POINT - Viale Monza, 4B """',.,.. ' . , ,02-2b14315B * MILANO - TEL • PHONE - Via Aleuino, lb .".,.".,... , ... 02-33101455 * MILANO (Nerviano] - PICK OATA POINT - Via Roma, 47 . ,0331-415214 * MOOENA - NOVIMPRE5A - P,zza Cittadella, 30 , , . , , , , , , . , .• ' , . , ,059-222428 MOOENA - SPAZIO MULTlMEOlALE - Via Giardini, 4 . ,059-223902 MASSA - EURO COMPUTER - P,za [,Bertagnini, 4 . ,0585-4BBbb3 NAPOLI - A.T.M, INFORMATICA - Via Consalvo, Ib9 - Lotto IO , , , ,OBl-b2770B NAPOLI (Cercola] - COMPUTER TOWN - Via Europa, 3b .,.,."., .. ,.',. ,OBI-555I877 NAPOLI (Giugliano] - OXA - C.so Campano, 443 ".,., .. ,.,.,.. . .OBI- 3300444 NAPOLI (Ischia Porto] - RB. COMPUTING - Via A. Oe Luca, 91. , . ,081-9838b3 NAPOLI (Palma Campania] - TECNO UFFICIO - Via Nuova Nola, 275 , , ,081-8241745

,

Paekard

A4 300 o 600 Opi 10logli Top Orawer + OCR

in tutta Italia

-----------

L'esclusivo MediaSelect di Packard Bell, consente un rapido accesso al lettore [O, telefono, messaggi registrati, internet, altoparlanti, regolazione volume e sintonia, Tutto questo con la semplice pressione di un pulsante, Pratico e compatto permette inoltre l'accesso a internet, la gestione del fax e dello scanner,

C~

PAOOVA - SARTO COMPUTER - Piazza Ermllani, 17 . , .. , .049-b54221 PISA - EFFEGI - Via U, Foscolo 2/A , . , . , , , , . ' , . , , . , ,050-5750b8 PISA (Cascina] - TECNO C - Via T,Romagnola, 141 , .050-70331I PISA (Fornacettel - 8ASE - Via T,Romagnola, 33b .,"",.,",.,"" ,0587-422242 PISA (Santa Croce] - TECNO C-Via Provinciale Francesca Nord .,."., .. ,., .. 0571 - 30027 PRATO - PC POlNT GROUP - Via Fabio Filzi, 51/E ., .. ,., .... ,.,.. ' .. 0574-bIII38 PARMA - OOMOTRONICA - Via 80rgo Zaccagni, 3/A '""""""."", ,0521-289Ib2 PARMA (Fidenza] - POLARI5 - Via Martiri della Liberta, 32 , , , , , , , , . , , , , ,0524-81I89 REGGIO CALA8RIA (Locri] - ELECTRONIC 8AZAR - C.so V,Emanuele, 4 """" .09b4-20497 REGGIO EMILIA - 5ECOM - Via Caravaggio, l/C .,"",.".,., .. ,.,' .0522- 332013 RAGUSA (Modica] - VE5AV - Via 5.Giuliano, lIllA .,., .. ,. .0932-7b109b RIETI - CENTRO VENOITA COMPUTER - Via Sacchetti Sassettl, 21 """"'" .074b-270915 ROMA - OlGITRON - Via Lucio Elio Seiano, 13 ".,.".,.".,.,.. ".Ob-71543139 ROMA (Appio] SIRES - Via Appia Nuova, 130 , ,Ob-70453589 ROMA (Flaminio] - O,T.S. ELECTRONICS - Via Antonazzo Romano, 3 .Ob-3232892 ROMA (Prenestino] - O.T.S. ELECTRONICS - Via dei Gelsi, 130/8 . , , ,Ob-2597209 ROMA (Talenti) - TWINS LINE - Via LOe Marchi, 17 , .Ob-8275431 ROMA (Albano Laziale] - T.O.P, - Via Vero Varroni 8/1b . , ,Ob-93","074 ROMA (Pomezia] - SPAZIO IN - Via Roma, 39 . , , ,Ob-91I2953 ROMA (Tivoli] - NEW OFFICE 2 - Via F.8ulgarini, 4b , , , , , , , , , , • ' , , , ,0774-330342 ROMA (Velletri] - INFOTEC - Via degli Atlantici, 2 , , , , , , . , • . , , , , ,Ob-9b142453 * SALERNO (Angri] - TELE INFORMATICA MERIOlONALE - Viale ASlronaull, 38 ,.,' .081-5135799 SIENA (Montepulciano] - TRUST - Via delle Lettere, 4b ".,",.,",.,' .0578-757b50 SONORI O (Berbenno Valtellina] - FOTONOVA INFORMATICA - Via Valeriana, I , .0342-492319 TERAMO - (Roseto Oegli Abruzzi] - MEDIA POINT - Via Canale Ooria, II , . , ,08S-8930l80 TRENTO (Gardolo] - MU5IC CENTER - Via 80lzano, 39 , , , , , , . , , , , . , ,04bl-9b00l I TRENTO (Riva del Garda] - TECNOSERVICE snc - Viale dei Tigli, Ib/A ."., .. ,04b4-55b080 * TORINO - ALEX COMPUTER - Via Tripoli, 179/8 ,OlI - 3522b2 * TORINO - ALEX COMPUTER - C.so Francia, 333/4 , , , , , , . , .. , . , , .. , , ,OlI -403III4 *TORINO (Grugliasco]ALEX COMPUTER - 5hopville Le Gru - Via Crea, IO 01I-7708951 TREVISO (Conegliano] - COC COMPUTERS - V,le Italia, IbO . , .. , . ,0438-24b40 UOINE (Pasian di Prato] - ASC di O, Giorgis • C. - Via 8asaldella, bl/b3 , ,0432-b9095b * VENEZIA (Gardigiano di Scorzè] - 4 SISTEM - Via Campocroce 14/b . , , ,041-5830l27/b VICENZA - STUOlO GAMMA - V.le Trieste, 3831385 """',., , , ,0444-51I933 VERONA (Bussolengo] - COMPUTER POINT - Via de Gasperl, 98/A , . ,045-b700b77

* Punto

vendita di nuova apertura.

ì

-1 i

,

",

.-


Microsoft Windows NT 4.0 Server L

a nuova versione di Windows NT si propone per le sue "varianti" classiche: NT 4.0 Workstation, per il cosiddetto "power user", e NT 4.0 Server, per la gestione di LAN e WAN di piccole, medie e grandi dimensioni. di Francesco

Petron;

ed Intranet. Le novità sono numerose ed interessanti. La prima, e più evidente, è l'adozione dell'interfaccia di Windows 95, con il Desktop, le cartelle, l'uso massiccio del Quick Menu, l'Explorer, ecc. Ma di Windows 95 mancano ancora alcune cose

R...-~c.llAPtlL...-

R--.,.....c..IfHl~

...•. ....•

.....

•.....

TCPM'tMl8CS

uPS

;

...............................................................................................

Nei mesi precedenti ben 200.000 beta tester hanno contribuito alla messa a punto di un prodotto che, come diremo e vedremo nei prossimi mesi, costituisce, tra le altre cose, l'ufficializzazione della strategia Microsoft nei confronti di Internet

-.-...... _-,_

••••

•.•..

,-come la tecnologia Plug and Play, così come mancano alcune novità che invece erano state annunciate, come la tecnologia object oriented applicata al File System (NT Object File System). Ereditata da Windows 95 è anche la "mania"

dei Wizard, gli strumenti operativi che non servono più solo a facilitare le operazioni eseguite da utenti alle prime armi ma agevolano anche le operazioni di Amministrazione e Gestione del sistema e della rete da parte dei tecnici responsabili. Citiamo

Seymour Cray, fondatore dell'omonima azienda e inventore del supercomputer, è morto in un incidente stradale.

Addio al padre del supercomputer Le sue visioni tecnologiche hanno modellato l'industria del supercalcolo per quasi quarant'anni. di Corrado Giustozzi

Una notizia laconica battuta dalle agenzie, una morte stupida in un incidente d'auto come purtroppo accade a mille altre persone ogni giorno. Ma questa volta in quella Jeep Cherokee urtata da un altro veicolo sulla Interstate 25 a Colorado Springs c'era Seymour Cray. Settantuno anni portati con l'aggressività di un ventenne, Cray era un mito vivente, uno dei pochi che quest'era disincantata riesce più a consegnarci. Era la sera del 22 settembre; Cray morirà in ospedale dopo due settimane, il 5 ottoçre scorso, per le gravi lesioni riportate nello scontro. E difficile spiegare a chi non ha vissuto l'informatica degli anni '70 cosa ha significato la figura di Seymour Cray. Oggigiorno siamo abituati ad avere centinaia di MIPS sulla scrivania, in uno scatolotto di pochi decimetri cubi d'ingombro, e sappiamo anche che mettendo assieme qualche dozzina o centinaio di comuni microprocessori riusciamo facilmente (o quasi) a sviluppare mostruose potenze di calcolo parallelo a un costo almeno teoricamente basso. Chi può ancora ricordare i mainframe degli anni '70, grossi come una stanza, alimentati a corrente trifase, pesanti diverse tonnellate, accuditi da sacerdoti in camice bianco, eppure migliaia di volte meno potenti del più umile home computer di oggigiorno? Il floppy disk non era ancora stato inventato, i terminali video erano un lusso che solo i ricercatori potevano permettersi, e 100 KByte di memo116

ria centrale bastavano a una CPU per servire centinaia di utenti in time-sharing. E proprio in quell'epoca Seymour Cray, brillante ingegnere elettrico col pallino delle grandi potenze di calcolo, lascia il posto di vicepresidente della Control Data Corporation e, a cinquant'anni quasi suonati, si mette in proprio e fonda un'azienda che porta il suo nome. L'obiettivo? Realizzare i computer più potenti del mondo, senza compromessi o mezzi termini. Era il 1972 e il mondo stava per cambiare in seguito a questa deci- Thanks for everything. sione. Da notare che in Control Data, all'epoca quotatissima per i suoi computer di grande potenza, Cray era praticamente cresciuto; anzi, aveva contribuito a fondarla nel 1957 ed aveva personalmente progettato la maggior parte di quelle macchine che diedero all'azienda la sua meritatissima fama: dal CDC1604 fino al MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


-

-

-

-

N·, l'Add User Accounts Wizard, il Group Management Wizard, il Managing File and Folder Access Wizard, e tanti altri. Il nuovo S.O. garantisce un miglioramento delle prestazioni nell'esecuzione di parecchi seNizi (test eseguiti dalla NTSL) Ad esempio si raggiunge un miglioramento del 100% nell'accesso al Server dei File con reti Fast Ethernet. Riguarda il miglioramento delle prestazioni anche la possibilità di operare su sistemi multiprocessore, ora anche con 8 o più. In particolare è stato curato il rapporto tra NT e i nuovi processori Pentium Pro. Sono state migliorate le API per gli sviluppatori di applicazioni Server, per garantire una velocizzazione nelle risposte in rete per le applicazioni 'mission criticai' di

tipo C1ient SeNer, ad esempio quelle realizzate con SOL Server. L'aspetto Internet merita un discorso a sé. È noto a tutti che la casa di Redmond ha sposato in pieno la filosofia Internet e Intranet. Dopo una vera e propria valanga di prodotti, accessori, navigatori, assistenti, convertitori, ecc. in Windows NT 4.0 SeNer troviamo prodotti, accessori e servizi, che chiariscono in maniera definitiva detta filosofia. NT 4.0 Server offre servizi Web nativi in grado di gestire applicazioni Intranet Aziendali complete ed integrate. Il nuovo MS Information SeNer, il 2.0, e la nuova versione dell' MS Front Page, per l'authoring e la gestione delle pagine Web, fanno parte di Windows NT 4.0 Server (vengono addirittura

potentissimo e mitico CDC7600. La leggenda anzi narra che Seymour Cray abbia inserito manualmente, usando gli interruttori del pannello frontale (all'epoca i computer avevano pannelli frontali!) l'intero sistema operativo del CDC 7600 alla sua prima accensione, andando completamente a memoria. Cray era owiamente un Vero Programmatore nel senso più profondo del termine. Ed infatti nella sua Cray Research non si limita a fare il presidente o l'amministratore, ma vive in laboratorio coi tecnici e si sporca le mani quotidianamente con esperimenti e prototipi. Dopo quattro anni di duro lavoro, nel 1976, il frutto di tante fatiche vede la luce; si chiama Cray-1 e rivoluziona per sempre il mondo dell'informatica, tanto per la forma (è azzurro e cilindrico!) quanto per la sostanza. Va letteralmente a ruba, pur costando cifre assolutamente astronomiche, presso clienti affamati di supercalcolo quali la NASA, il Lawrence Livermore Lab, il Jet Propulsion Lab, i centri di previsioni meteorologiche, i militari. Il Cray-2 esce solo nel 1985 ma è un altro successo. Nel frattempo Seymour Cray aveva lasciato tutte le cariche societarie per potersi dedicare completamente, come consulente esterno della sua stessa azienda, ai problemi tecnici dello sviluppo del nuovo modello. Il nome Cray è oramai sinonimo di supercalcolo e di assoluta eccellenza tecnologica. Sempre insoddisfatto e alla costante ricerca di nuovi miglioramenti delle tecnologie tradizionali, Cray non crede molto all'architettura parallela e per realizzare il successore del Cray-2 si orienta ancora una volta su un sistema vettoriale, dedicando A sinistra, il commosso addio dei dipendenti della Cray Research alloro fondatore. Sopra il Cray-l e a destra il Cray-2, iprimi supercomputer Cray.

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996

installati contestualmente). C'è anche il nuovissimo MS Index Server, motore per la indicizzazione e la ricerca dei contenuti nelle pagine. Il supporto del nuovo protocollo PPTP (Point to Point Tunneling Protocol) consente di creare Intranet private e protette su rete di dati pubbliche. Viene consolidata la tecnologia COM che ora si amplia con quella DCOM (in pratica Network OLE). Come noto Component Object Model (COM) consente ai programmatori l'utilizzo, per le proprie applicazioni, di componenti. NT 4.0 propone quindi DCOM (Distribuited COM) per consentire la comunicazione in rete tra i componenti, uno dei quali svolge la funzione di Server a beneficio degli altri in rete. Mentre è ben chiara la destinazione di NT 4.0 SeNer sarà

------

""c.' ---

interessante verificare quale sarà la destinazione di NT Workstation, apparentemente chiuso tra NT Server e Windows 95, che ora è totalmente a 32 bit. Un 'power user" potrà sfruttare la maggiore potenza di NT Workstation, che, come detto, può operare su macchine pluriprocessore e su macchine con altri processori (Alpha, RISC, ecc.) sulle quali potrà comunque utilizzare tutte le attuali applicazioni 32 bit. Ma NT dispone di nuovi motori per la gestione della grafica (tecnologia DirectX) che lo rende idoneo ad ospitare applicazioni grafiche "spinte". Si vedrà quanto i produttori di software grafico, ad esempio i produttori di CAD 3D, vorranno produrre versioni specializzate per NT dei propri applicativi.

inoltre molte energie allo studio della tecnologia dell'arseniuro di gallio. Il mondo tuttavia nel frattempo non sta a guardare, e si orienta rapidamente verso soluzioni alternative a parallelismo massiccio. L'azienda di Cray, complice anche la fine della guerra fredda e le conseguenti minori richieste da parte dei suoi migliori clienti, i militari, perde così competitività. Allora Seymour Cray la lascia (pur conseNando le sue partecipazioni) e caparbia mente ne fonda un'altra, la Cray Computer Corporation, che tuttavia non avrà vita lunga. Nel 1993 dichiara: "Non mi importa di essere due anni in ritardo sui progetti. Non c'è nulla di strano. Nella mia carriera sono inciampato e caduto molte volte'. La Cray Computer Corporation fallirà di lì a poco mentre la Cray Research, ed è storia recente, dopo essere lentamente riemersa dalla crisi grazie a nuovi innovativi modelli finalmente ad architettura parallela, viene acquistata da Silicon Graphics. Siamo nel 1995, e le superpotenze di calcolo oramai fanno più gola ai ricchi produttori di Hollywood affamati di effetti speciali computerizzati che non al Pentagono o alla NASA affetti da cronici deficit di bilancio. Si chiude così, tutto sommato gloriosamente, la storia di Seymour Cray e della sua azienda; alla quale, giustamente, Silicon Graphics non ha voluto togliere il blasonato nome all'atto della sua acquisizione. Dal 1957, anno in cui fondò la Contro I Data, per quasi quarant'anni Seymour Cray ha inventato nuove tecnologie e realizzato il sogno di tutti i ricercatori, cui ha dato lo strumento di indagine più potente di tutti: il supercomputer. E se oggi il mondo è come è, e non solo nel settore dell'informatica ma in tutti i campi, lo dobbiamo anche un po' a lui ed alle sue macchine, sulle quali sono stati progettati aerei e centrali nucl~ari, medicinali e nuovi materiali, e perfino altri computer come il glorioso Macintosh. Se c'è un paradiso dei programmatori, Seymour Cray lo sta sicuramente testando di persona ...


(TItl" Presentato anche un notebook dotato di processare Pentium a 133 MHz

Da HP le nuove workstation Vectra XW segnano un punto di svolta nella strategia Unix oriented

C on i nuovi Vectra XW Hewlett-Packard

si colloca in una posizione di leadership nel mercato delle workstation UNIX per applicazioni tecniche, unita ad una forte presenza in quello dei PC ad alte prestazioni. Il nuovo notebook OmniBook 800 in soli 1,7 kg di peso racchiude tutta la potenza di un PC tradizionale. ...............................................................................................

Con il nuovo prodotto Vectra XW, Hewlett-Packard si rivolge ad utenti che richiedono alte prestazioni e sistemi standard industriali uniti al basso costo di esercizio tipico di Windows NT. "Siamo particolarmente lieti di avere Unigraphics che gira sulla personal workstation HP Vectra XW," afferma John Mazzola, presidente di EDS/Unigraphics. "Insieme, la piattaforma HP Vectra XW e Unigraphics, permettono l'accesso alla piena funzionalità CAD/CAM anche agli utenti che in precedenza non potevano permetterselo". La gamma di servizi di consulenza HP va dall'assistenza nella definizione delle strategie IT all'integrazione di rete, dalla gestione dei sistemi alle soluzioni software e hardware multivendor, dalla migra-

118

zione di sistema alla pianificazione dell'interoperabilità dei sistemi UNIX e Windows NT. Come leader del mercato delle workstation per sistemi UNIX, HP dispone di infrastrutture per i servizi di assistenza, supporto e consulenza in grado di fornire l'expertise, gli strumenti e le risorse necessarie per assicurare il più alto livello di soddisfazione sia agli utenti finali, sia ai VAR. La personal workstation HP Vectra XW sarà fornita attraverso la rete consolidata di VAR HP. In soli 1,7 kg di peso il nuovo HP OmniBook 800 racchiude tutta la potenza di un PC tradizionale e raggiunge le prestazioni certificate di Winstone 96 e 58. HP OmniBook 800 è dotato di processore Intel Pentium a 133 M Hz, un disco rigido da 1,44 Gbyte e un display da 10,4" a matrice attiva, di un chip PCI VSLI a 32 bit e al velocissimo controllore grafico PCI NeoMagic da 128 bit: le dimensioni esterne dell'unità sono 3,8x28,2x18,3 cm, e viene fornita completa di batteria ionica al litio, unità floppy disk esterna e adattatore AC. La configurazione standard di HP OmniBook 800 comprende una porta SCSI-2, una

porta a raggi infrarossi a 4Mbps, 256 Kbyte di cache di secondo livello, 16 Mbyte di RAM EDO (Extended Data Out), fino a 1024x768 di fisoluzione SVGA in uscita; per gli alloggiamenti PCMCIA (Cardbus-ready PC card), è possibile scegliere tra un alloggiamento Type-III o due Type-II. Il PC notebook serie HP OmniBook 800 è già disponibile ed è offerto a un prezzo che parte da lire 6125.000 per il modello 810 per arrivare a lire 8760000 per il modello 1440 Informazioni specifiche sui prodotti Hewlett-Packard OmniBook possono essere reperite anche sul WEB all'indirizzo http://www.hp.com/ g%mnibook.

Il negozio virtuale secondo Microsoft Si chiama Microsoft Merchant System, il nuovo sistema per il commercio elettronico su Internet che consentirà alle aziende di realizzare sistemi di televendita rivolta ai consumatori che a loro volta potranno fare acquisti senza muoversi da casa. Con Merchant System, è possibile sviluppare veri e propri centri commerciali on line attraverso la realizzazione di uno o più punti vendita virtuali, senza costi eccessivi mediante l'utilizzo delle più avanzate tecnologie Web, come i Controlli ActiveX e il linguaggio Java. Gli utenti potranno infatti continuare ad utilizzare i loro database, senza bisogno di costose conversioni, senza richiedere tecniche di programmazione avanzate sarà possibile una veloce pubblicazione on line dei dati, con la possibilità di diffondere, per ciascun prodotto, numerose caratteristiche. Microsoft Merchant System garantisce, grazie al sistema operativo di rete Windows NT, un alto livello di scalabilità per elevati volumi commerciali, alte prestazioni e funzionalità di sicurezza basate sugli standard e sulla piattaforma Microsoft Internet Security Framework. Viene supportato lo standard Secure Sockets Layer (SSL) e Secure Electronic Transactions (SET) per il pagamento sicuro con carta di credito, per garantire la sicurezza delle operazioni commerciali.

.&[[] Hewlett-Packard Italiana Via G. di Vittorio 9, Cernusco SIN (MI), Tel. 02/92.121

MCmicrocomputer

.&[[] Microsoft Spa Centro Dir. S. Felice Pal. A Via Rivoltana 13, 20090 Segrate (MI), Tel. 02/70.39.2059

n. 167 - novembre

1996


Migliorato nell'utilizzodella memoria e nella velocità di reperimento dei dati

Micasoft

Microsoft Visual FoxPro 5.0 Professional

amplia la sua sede

C on questa edizione assicura al sistema di sviluppo per data-

Dallo scorso 26 agosto Micasoft Srl si è trasferita in una nuova sede, di Via A. De Viti De Marco 46/d a Roma, in grado di soddisfare maggiormente le accresciute esigenze. La nuova sede, di 1470 mq dispone di una struttura altamente specializzata con magazzini di elevata capacità: anche il servizio di assistenza tecnica è stato migliorato, grazie all'assegnazione di questo alla Micaservice Srl. Micaservice Srl sarà totalmente a disposizione del cliente per risolvere ogni problema hardware e software che dovesse presentarsi. Il personale Micasoft è addestrato per rispondere a tutte le richieste di consulenza del cliente, sia tecnica che commerciale: la consegna della merce ordinata avviene in tempi reali senza ritardi .

base relazionali progettato per i sistemi Microsoft Windows, il supporto alle tecnologie ActiveX. ...............................................................................................

Gli sviluppatori sono ora in grado di richiamare efficacemente le applicazioni Visual FoxPro dall'interno di Microsoft Office, Internet o da qualsiasi altro ambiente. Con una programmazione minima è possibile aggiungere alle applicazioni esistenti i controlli ActiveX (precedentemente noti come OLE Controls), le proprietà di un controllo possono essere manipolate, aggiungendo ad esempio un collegamento a dati specifici e quindi salvan•••

60 •••••••••••••••..••••

~L1~.!.l

do e riutilizzando il tutto in una libreria di classi Visual FoxPro. Gli sviluppatori possono ora trasformare in tutto o in parte le loro applicazioni basate su FoxPro 2.x e su Visual FoxPro in Visual FoxPro Automation Server grazie a Visual FoxPro 5.0, i Visual FoxPro Automation Server possono girare sia su un PC locale sia su un server di rete per applicazioni multi utente distribuite. La versione 5.0 presenta, in particolare, sensibili miglioramenti nell'utilizzo della memoria e nella velocità di reperimento dei dati, Visual FoxPro 5.0 ottiene i risultati migliori sulle macchine di fascia bassa (8 MB di RAM), con incrementi di velocità che vanno dallO al 300%. Il caricamento e l'aggiornamento dei form sono significativamente più rapidi, permettendo lo sviluppo di applicazioni maggiormente

adattabili alle esigenze dell'utente. Visual FoxPro 5.0 consente agli sviluppatori di accelerare i tempi e di ridurre le spese delle attività di programmazione di routine, grazie a funzionalità quali il sistema di controllo di versione Visual SourceSafe, un "data base container" multi utente, un nuovo debugger, miglioramenti all'editor di programma, e molte altre funzioni Rapid Application Development. Altre informazioni possono essere reperite al sito Microsoft http://www.micro soft.com/italy

·&00

Microsoft Spa Centro Dir. S. Felice Pal A Via Rivoltana 13, 20090 Segrate (MI), Tel.02nO.39.2059

Micasoft Srl Via ADe Viti De Marco 46/d, 00191 Roma, Tel. 06/3629041

STRATEGIE Il network computing sembra davvero procedere a grandi passi

Accordo Apple e Sun Microsystems per Intranet Apple e Sun Microsystems hanno annunciato un accordo che prevede un collegamento tra i computer Macintosh ed i server basati su Solaris di Sun, rendendo così possibile l'interoperabilità tra più sistemi e la creazione di tecnologie di networking di più facile utilizzo. Le due aziende opereranno anche per permettere il contatto tra Java Beans e tecnologia OpenDoc di Apple, nonché tra JavaMedia e OuickTime. Sun Microsystems migliorerà le API e le librerie JavaMedia per supportare tutte le funzionalità di OuickTime, fornendo così agli sviluppatori Java la possibi120

lità di utilizzare i tool di OuickTime. Per il futuro Apple e Sun Microsystems vogliono anche fornire Apple File Protocol con ogni server Solaris, per poter utilizzare completamente i Macintosh con prodotti Solstice e sviluppare un'archiettura di sicurezza per trasmissioni di rete di alte prestazioni basate su TCP/IP. MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


Il 64% di prestazioni Il rivoluzionario Pentium.

in più!

AST BRAVO MS- T PRO con Processore

Intel

Pro 180 e 200 MHz e MS Windows NT, è nato per esal-

tare le potenzialità Powerpoint.

dei nuovi software a 32-bit, come MS Excel e

Basta dare un'occhiata

alle sue principali

caratteri-

stiche tecniche per capire cosa può fare, e cioé il massimo. la grafica 3D, per esempio, e l'elaborazione diventano mtegrato,

di video full motion,

veramente

spettacolari. E con il eD ROM a 8 speed è pressoche illimitata. la capacI 'là multlmediale

PENTIUM.PRO PROCESSOR

• • • • • • • • • •

Processore Intel Pentiume Pro 180 e 200 MHz MS Windows NT preinstallato PClset 440FX di Intel Cache integrata 256 KB EDORAM 16 o 32 MB Dischi fissi 1.6 GB e 2.5 GB Scheda grafica Matrox MGA Millenium da 2 MB a 8 MB di WRAM Scheda audio compatibile Soundblaster 16-bit CD ROM 8 speed 3 anni di garanzia

~~ DC"1:J"

~.

-,

PER INfORMAZIONI

1 6 7

-

COMPUTER

CHIAMA IL NUMERO VERDE AST

8 2 8 1 O 6

AST

INTERNET-http: /I www. ast. it

~

">.


Da Tektronix nuove stampanti Phaser 350 e 300x I giochi GenSoft sempre più versatili, veloci ed economiche L a nuova stampante Phaser 350 oltre ad introdurre innovative caratteristiche tecniche, riduce in modo sensibile i costi della stampa a colori: il costo di stampa di una pagina a colori si avvicina alla metà di quello di una stampante laser a colori. :

La nuova Phaser 350 va a sostituire la Phaser 340, è ancora più veloce, funziona in ambiente di rete, e offre un bassissimo costo per copia, a colori e in bianco e nero. Tektronix regalerà gli stick di inchiostro nero a tutti gli utenti sia della Phaser 350 che della Phaser 340 per stimolare l'uso delle stampanti a colori per ogni tipo di documento. La stampa di una pagina a colori viene così a costare 127 lire, cioè un costo di poco superiore a quello di una pagina in bianco e nero. La Phaser 350 utilizza PhaserLink, l'innovativo software per la gestione e il supporto delle stampanti a colori per workgroup che sfrutta gli standard aperti di Internet e del World Wide Web, i software standard per navigare, come Netscape e

RICERCA

PERSONALE

;

Internet Explorer. Fra le nuove soluzioni va citato Checkprint. l'arresto automatico dopo la prima di una serie di pagine, che permette all'utente di controllare il risultato prima di procedere con il lavoro. Quando la stampante è collegata a un disco rigido esterno, gli utenti possono ottenere la fascicolazione automatica dei documenti multipagina senza tenere occupato il proprio personal computer per tutto il tempo, la Phaser 350 è in grado di iniziare l'elaborazione del documento successivo mentre il precedente è ancora in fase di stampa, con un evidente miglioramento del throughput. La stampante a colori Tektronix Phaser 350 è in grado di stampare anche 6 pagine al minuto in bianco e nero ed è disponibile immediatamente al prezzo di lire 7150.000 IVA esclusa. La Phaser 300X è invece un'evoluzione delle Phaser IIIPXi/300i a getto d'inchiostro solido ed offre un migliore controllo del colore e una elaborazione più veloce delle immagini. Grazie al software Tektronix PhaserMatch, è possibile creare profili personalizzati del colore per ogni macchina da stampa, inoltre la Phaser 300X integra una striscia di controllo del colore che offre le stesse funziona-----------,

L'avventura di Centro HL continua con l'apertura di altri negozi di proprietà... Collégati al sito Internet e leggi l'annuncio www.cen trohl.it

122

lità delle macchine dedicate. La stampante a getto di inchiostro solido Phaser 300X è compatibile con i colori pantone, con i profili dei colori ICM e ColorSync 2.0, e con la correzione dinamica TekColor per il controllo del colore su qualsiasi piattaforma: supporta inoltre Adobe PostScript Level 2 e offre le emulazioni HP-GL e, come opzione, PCL5. La stampante individua e alterna automaticamente i linguaggi di stampa. La scheda Ethernet opzionaie aggiunge il supporto per i protocolli Novell NetWare, EtherTalk e TCP/IP, oltre alla dotazione di serie di interfaccia seria le, parallela e LocalTalk. Tutti attivi simultaneamente, le interfacce e i protocolli si alternano in modo intelligente a seconda dei dati in arrivo. La Phaser 300X è disponibile immediatamente a un prezzo di lire 17.950000 IVA esclusa.

Presentato anche un programma educational per i più piccoli

Fantacalcio serie A 1996/97 è il software che permette di gestire in maniera completa e semplice il campionato di Fantacalcio direttamente su computer. Si può gestire un fanta-tomeo a 4, 6, 8 squadre e mettere a disposizione degli allenatori virtuali la lista completa dei giocatori di serie A già suddivisa per ruolo e per squadra di appartenenza. Il programma, l'unico approvato dalla Federazione Italiana Fantacalcio, costa lire 69900 oppure lire 89.900 con allegato il libro del Fantacalcio. Giochi di Pensiero 3, un nuovo prodotto educational su CD-ROM della società irlandese laNA Software, è stato pensato per i giovani utenti di età compresa tra gli 8 e i 16 anni. Si tratta di una raccolta di giochi educativi che stimolano il ragionamento deduttivo e induttivo e sviluppano la capacità di sintesi e di analisi essenziale per la soluzione dei problemi. Giochi di Pensiero 3 è già disponibile nei negozi al prezzo di lire 99900 IVA inclusa.

-~81

-~81

Tektronix Italia

Gensoft Srl

Via XI Febbraio99, 20090 Vimodrone (MI), TeI02/25.0864.99

Viadell'Appeso 7, 44038 Pontelagoscuro(FE), TeI0532/79.62.55

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


Certo che questo Brad Pitt è mica male. ·

·

E secondo me sa anche recitare

Bella forza! È biondo, occhi azzurri, americano...

Ma se sembra un tonno con le gambe ...

· •

·

MICROCOMPUTER


Le proposte Microsoft per giocare e imparare o Itre a numerosi titoli multimediali educational, Microsoft propone anche due nuovi sistemi di puntamento :'.0.0

••••••••••••••••••

0.0

Decine di migliaia di risposte, che percorrono tutto il mondo, in lungo e in largo, due milioni di parole, oltre un milione di località geografiche sulle mappe, 3000 immagini, 4000 audioclip (tra i quali anche 350 selezioni musicali): questo è Microsoft Encarta 97 Atlante Mondiale, l'atlante geografico multimediale su CD-ROM di Microsoft, una fonte infinita di notizie, mappe geografiche, fotografie, suoni e parole. Si può partire dal globo terracqueo, ruotarlo con il mouse, scegliere la zona che interessa e utilizzando la funzione zoom fino a 14 livelli visualizzare e consultare le mappe con una innovativa modalità facile ed immediata. Realizzato da un comitato scientifico composto da 12 celebri geografi, Encarta 97 Atlante Mondiale è oggi una delle opere geografjche più affermate al mondo E in vendita a lire 143.000 IVA inclusa. Il magico Scuolabus di Allacciate le Cinture! è il nuovo titolo della Microsoft rivolto ai più piccoli, per esplorare il mare come fosse un gioco. Il titolo, tratto dalla famosa serie americana "Magic School Bus' già vista l'anno scorso con i cartoni

124

•••••••••••••••••••••••

0.0

0.0

0.0

0.0

0.0

•••••••••••

0.0

••••

0.0

••••

o.o.~

animati trasmessi da Canale 5 e con il primo CD-ROM della serie, Allacciate Le Cinture! - Esploriamo il Sistema Solare, consente di viaggiare nel mare, in tutti i suoi aspetti, climatici, ambientali, faunistici, scandagliati senza tregua dalla classe di Miss Frizzle. Guidando lo scuolabus la classe di piccoli esploratori imparerà a conoscere i fondali, i pesci, le onde e tutto il resto grazie a ricerche interattive multimediali, esperimenti scientifici e domande a sorpresa: il tutto condito da giochi che stimolano la voglia di conoscenza dei ragazzI. Il CD-ROM viene venduto a lire 69.000 IVA inclusa. Microsoft Music Centrai 97 è l'enciclopedia multimediale su CD-ROM sulla musica contemporanea, il titolo di Microsoft per gli appassionati di rock, pop e soul giunto alla seconda edizione. Oltre ai numerosi audio e videoclip è possibile navigare tra 80.000 titoli di album, 5.000 recensioni, 8.000 artisti, quasi 6.000 fotografie tra copertine di LP e persone oppure è possibile iniziare la consultazione partendo dai generi musicali: blues, country, dance, gospel, jazz, newage. Per ogni singolo artista è presente la biografia, la foto se disponibile, eventuali video ed audioclip, per ogni LP è presente una completa scheda con anno di produzione, artista, casa di produzione e singoli brani che lo compongono. Disponibile in lingua inglese, Microsoft Music Centrai 97 viene venduto a lire 75.000 circa. Grazie a Microsoft National Gallery, è ora possibile compiere una visita guidata alla National Gallery of Art di

Londra da casa propria: il CO consente di visitare oltre 2000 capolavori d'arte per conoscere e apprezzare le opere pittoriche. Sono naturalmente presenti le biografie degli artisti fino ad un breve viaggio alla scoperta del contesto storico, l'atmosfera, gli usi e costumi del periodo in cui gli autori vivevano. IL CO costa Lit. 99.000 IVA inclusa. Il nuovo IntelliMouse è l'evoluzione di un prodotto ergonomico di grande successo, Microsoft Mouse 2 con numerose innovazioni che facilitano la navigazione all'interno di Internet Explorer 3.0, nella Gestione Risorse di Windows 95 e, soprattutto, all'interno delle applicazioni della futura versione di Office, dove con il nuovo mouse saranno automatizzati molti automatismi che adesso costringono l'utente a passare da menu. Una mtellina centrale, posizionata tra il pulsante destro e il pulsante sinistro del mouse, è la novità più evidente del nuovo IntelliMouse: questa rotellina, che a seconda dei casi può

essere premuta come un pulsante oppure ruotata, aggiunge al mouse tre funzioni di base: Scrolling, cioè scorrimento testi; Zooming, cioè ingrandimento e rimpicciolimento; Data Zooming, cioè la possibilità di "espandere" o "comprimere" dei dati. Queste funzionalità saranno disponibili anche in un'ampia serie di prodotti della linea Microsoft Consumer, come Publisher 97, Encarta 97, Atlante Mondiale, Autoroute Express Europa e nei programmi di altre società. lntellimouse viene venduto a lire 139.000 IVA compresa. Ed infine Microsoft propone Microsoft Side Winder Game Pad, un sistema di puntamento con sei pulsanti, un selettore a 8 direzioni e due "trigger buttons" aggiuntivi, tutti utilizzabili contemporaneamente. SideWinder game pad porta finalmente sul PC tutte le funzionalità tipiche dei pad per console giochi, lasciando il giocatore concentrato solo sul gioco. Ad esempio, gli 8 pulsanti consentono di avere direttamente sul pad tutte le funzionalità principali di gioco, senza dover ricorrere alla tastiera per integrare il numero dei pulsanti mancanti. Il prezzo indicativo è di lire 89-99.000 IVA inclusa.

Microsoft Spa

Centro Dir. S. Felice Pal A Via Rivoltana 13, 20090 Segrate (MI). Tel. 02/70.39.2059

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


I

I I I

t •

INlfl PfNIIUM®200

-----I I I

l.2.714.000

+

Alimentatore 250W

.- - - - -

••••

--- --f·

Floppy disk drive 3,5' 1.44Mb

-

Hard Disk 3,2Gb EIDE Quantum Fireball 3200AT

- ........

--- ---

Case MidiTower/DeskTop Gold Mouse seriale + Tastiera Win95

---- ,.

-----------

-----------

2 moduli SIMM 16Mb 72 pin 60ns (32 Mb RAM)

---

• Scheda video Matrox Millenium 2Mb WRAM DAC 220MHz

M/board TYANTomcat I

I I I I

Microprocessore Intel Pentium ~OO con ventola ad alta efficienza

• • 512k cache pipelined

I

~~----------~

1"'--

I I I I

~_________

I 1

I

I I

•...

ISMILE14" 1024ni .28

_-

...

:.

I

L. -

-

-

-

-

-.

~

:SMILE15" 1280ni .28 micro .1 I -. Il ,ti I

:SMILE l?" 1600ni .26 micro I

'Monitor

[OPPURE]

-.

.1

,ti

The Intellnside Logo and Pentium' are Registered Trademarks of Intel Corporation

non compreso. Tuffi i prezzi sono IVA escluso. Offerto valido fino od esaurimento scorte. Tuffi i marchi appartengono

www.essedi.it

FIRENZE Via Maragliano 42 te!. 055 333093 fax 055 330965 BOLOGNAVia delle Tofane 2/g te!. 051 6144100 fax 051 6145525 MILANOVia Padre Martini 7 te!. 02 26820095 fax 02 26820235 FERRARA P. XXIVMaggio 25 tel. 0532 240567 fax 0532248313 PISTOIAVia del Villone 67/69 te!. 0573 25101 fax 0573 25323 EMPOLIVia Verdi 82/84 te!. 0571 710093 fax 0571 710093

ai legiffimi proprietari.


Nel Toshiba Tecra 730CDT batte un cuore a 150 MHz "

E il prodotto di punta di questa serie al top della gamma, utilizza il nuovissimo processore Pentium da 150 Mtiz della Intel

Il Tecra 730COT utilizza il nuovissimo processore Pentium da 150 MHz della Intel, supportato da una EOO ORAM da 16 MB, un HO rimovibile da 2.0 GB e da una batteria ad alta capacità agli ioni di litio, fino a tre ore di autonomia d'impiego a pieno regime. Questa RAM a 64 bit è perfettamente compatibile con il bus esterno a 64 bit del processore Pentium, assicurando così uno scambio di dati scorrevole, rapido e senza strozzature, la cache di secondo livello da 256 KB offre ulteriore supporto utilizzando chip ORAM sincronici. Proprio perché è rimovibile, il disco rigido è facile da aggiornare ed è perfetto per la sicu-

rezza dei dati o per condividere un unico sistema fra più utenti. Il bus PCI interno, le capacità di espansione PCI, uno schermo 1024x768 a colori e le dotazioni multi mediali completano le dotazioni del Tecra 730COT. La frequenza di trasferimento di 1026 KB al secondo del drive per CD-ROM garantisce che i file in full motion scorrano perfettamente ed in modo omogeneo sullo schermo ad alta risoluzione del Tecra 730COT. Il Tecra 730COT offre due speaker stereofonici alloggiati fra la tastiera e lo schermo. La scheda sonora Sound Blaster Pro compatibile da 16 bit supporta sia lo standard MIOI che quello WAVE, oltre

ad una gamma completa di porte esterne. A complemento delle capacità multimediali del Tecra 730COT, la Oesk Station V Plus ha una gamma completa di porte multi mediali, tra cui una presa MIDI. Lo slot Selectbay Toshiba consente agli utenti di intercambiare il drive modulare per dischetti da 3,5 pollici/1 ,44MB con il drive per CD-ROM a sei velocità Toshiba o con un disco rigido addizionale da 2 GB. Il Tecra 730COT viene fornito con il sistema operativo Windows 95 della Microsoft, pesa 3,7 kg con il drive per floppy disk e la batteria e le sue misure sono 297x229x60 mm: ha una tastiera da 84 tasti con tutte le funzioni, incluso il

sistema integrato di puntamento MousePoint Toshiba e uno spazio per il palmo della mano per un minor affaticamento.

Celo Via Saronnese 16, 20025 Legnano (MI), Tel. 0331/54.06.50 Computer 2000 Via Gaggia 4, 20139 Milano, Tel. 02/52.57.81 Ingram Micro Italia Via Roma 74, 20070 Cassina de' Pecchi, Tel. 02/95.79.61

SOFTWARE Grazie ad una collaborazione con Citrix Systems

Le applicazioni Windows a 32 bit funzioneranno sotto Merlin Sembra che la nuova creatura di 18M, OS/2 Warp 4 "Merlin" stia suscitando l'interesse di un po' tutti. Fra le varie caratteristiche innovative è stato anche annunciato il supporto delle applicazioni a 32 bit per Windows ottenuto sfruttando l'architettura network computing. Questo grazie a WinFrame/Enterprise v.l.6, un software server applicativo multi utente per l'ambiente OS/2, che fornirà la possibilità di utilizzo, per i c1ient OS/2, delle applicazioni Windows 95 e Windows NT. L'annuncio è stato dato da IBM e Citrix Systems, contemporaneamente al rilascio della versione 4 di OS/2 Warp. Insieme alla capacità di OS/2 Warp 4 di utilizzare direttamente gli applet Java dal desktop, gli utenti OS/2 di non si dovranno preoccupare di che tipo di applicazione utilizzare per il loro lavoro, infatti il supporto delle applicazioni OOS e Windows 3.1 già presente in OS/2 e adesso anche le applicazioni a 32 bit saranno utilizzabili da Merlin. WinFrame/Enterprise è un server software multiutente aiuta le aziende a utilizzare applicazioni Windows a 16 e 32 bit, applicazioni client/server e vecchie versioni di programmi in modo rapido, semplice e con costi contenuti Si basa su un'architettura di network computing e utilizza la

126

tecnologia ICA Intelligent Console Architecture) di Citrix, che si basa su un software c1ient universale che lavora insieme al server software applicativo multiutente. Tutta l'azienda può utilizzare le applicazioni Windows a 32 bit da qualunque luogo ci si trovi, con vari tipi di c1ient hardware, di sistema operativo e di larghezza di banda della rete. L'application server, esegue le applicazioni utilizzate dall'azienda, mentre sullo schermo del client appare soltanto, dopo aver effettuato la connessione (dial-up, LAN, WAN, Intranet o Internet), l'interfaccia grafica IBM del programma utilizzato. Circonvallazione Idroscalo, Ulteriori informazioni possono 20090 Segrate (MI), Tel. 02/59621 essere reperite sul Web IBM (http://wwwibm.it).

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


www.essedi.if • TYAN Titan VX i430VX 256k sync. esp.512k

275.000

• SMILE 14" .28 1024 NI

• TYAN Tomcat 1 i430HX

512k sync. 8 SIMM

339.000

• SMILE 15" .28 1280 NI microproc.

665.000

• TYAN Tomcat 2 i430HX

512k sync. 2 CPU

424.000

• SMILE 17" .26 1600 NI microproc.

1.295.000 2.790.000

559.000

• SMILE 21"

PRO AT

799.000

• SONY 15" .25 1024 NI CPD- 15SX

• TYAN Titan PRO Single Pentium • TYAN Titan PRO Dual Pentium·

376.000

PRO AT

.28 1600 NI microproc.

690.000

• California

Graphics

Sunray 2VX i430VX

226.000

• SONY 15" .25 1280 NI CPD- 15SF2

• California

Graphics

Sunray Evolution

242.000

• SONY 17" .25 1280 NI CPD-17SF2

• New Video Wizard • Video Wizard • Espansione

S3 Tri064

i430HX

PCI 1Mb

Plus S3 ViRGE PCI 2Mb

mem schede video

1MB EDO

1.890.000

• SONY 20"

2.990.000

.30 1600 NI CPD-20SF2

72.000 29.000

2Mb WRAM

324.000

• MATROX Millenium

4Mb WRAM

448.000 269.000

2Mb OEM

• SONY 17" .25 1600 NI GDM- 17SE2

168.000

• MATROX Millenium

• MATROX Mystique

925.000 1.570.000

• Lettore CD-ROM

8X 1200Kb/s

• Lettore CD-ROM

10X 1500Kb/s

• Altoparlanti

amplificati

da 169.000

EIDE

228.000

EIDE

80W 53.000

• CREATIVE Sound Blaster 16 Vibra

~~~:~~~ 1~(§'~If/

• CREATIVE Sound Blaster 16 Value

209.000 59000

• CREATIVE Sound Blaster 32 PnP • Schedo Sintonizzatore • Intel Pentium

133

348.000

• Masteriz.

• Kit Upgrade

• Intel Pentium"

166

709.000

• Intel Pentium"

200

932.000

• Intel Pentium

PRO 200

HP SureStore

radio FM 4020i

6x86 P120+

169.000

• Cirix/IBM

6x86 P150+

239.000

• Cirix/IBM

6x86 P166+

384.000

• Cirix/IBM

6x86 P200+

(richiede

M/B spec.)

595.000

• AMD 5k86 75

108.000

• AMD 5k86

169.000

100

• Hd 1275 Mb EIDE, Quantum

Digital

• Hd 1600 Mb EIDE, Western

Digital

• Hd 2100 Mb EIDE, Quantum • Hd 2500 Mb EIDE, Western • Kit removibile

Tempest

• Case MidiTower/Desktop

GOLD c/alim.250W

• Case Midi GOLD ATX c/alim.250W

354.000

Fireball

Tempest

Fireball

Tempest

45.000 685.000

100 MB est.

per lomega

(FDD)

400 dpi

• Scanner 4800 dpi, A4 compact • Tavoletta

grafica

• Hd 2100 Mb Fast UltraWide

220.000

• Hd 4300 Mb Fast SCSI-2

285.000 28.000

ZIP

• Drive IOMEGA Ditto 800 porta paraI. a colori

120.000

1.550.000

24 bit

A6 Wacom ArtPad

• EPSON Stylus 820 ink jet 360x360

col. opZ.

• EPSON Stylus Col or 500 ink jet 720x720

248.000

• EPSON Stylus PRO inkjet 720x720

265.000

• CANON

BJC 210 bubble

159.000

• CANON

BJC 4100 bubble

494.000

• CANON

BJC 610 bubble

299.000

• CANON

LBP 460 GDI laser 4ppm

jet quadricromia

comp. bus ISA

44.000

• HP DeskJet 690 inkjet 300x600

comp. bus PCI

97.000

• HP DeskJet 694 inkget 600x600

col.opz

337.000 484.000 755.000 528.000

quadric.

589.000

b/n

685.000

33k6 bps interno

189.000

• HP DeskJet 820 600x600

6,5ppm

• Modem

33k6 bps esterno

209.000

• HP DeskJet 870 600x600

8ppm b/n

• Modem

USRobotics Sportster

396.000

• HP LaserJet 5L laser 4ppm

Prezzi IVA esclusa. Offerta valida fino ad esaurimento

528.000

486.000

• Modem

33600

colore

jet 720x720

• Scheda rete NE-2000

285.000 779.000

jet 720x360

• Scheda rete NE-2000

www.essedi.if

685.000

SCSI-2

127.000

230W

• Drive IOMEGA Ditto 800 interno

• Scanner manuale

589.000

per Hard disk Eide

68.000

• Case Mini DeskTop c/alim.200W ZIP su paraI.,

436.000 509.000

Digital

68.000

• Case Mini Tower c/alim.200W

100Mb

323.000 321.000

• Hd 2100 Mb Fast SCSI-2

• Cartuccia

96.000

x 4020i

Fireball

• Hd 1275 Mb EIDE, Western

• Hd 3200 Mb EIDE, Quantum

• Drive lomega

'!II_

1.095.000

c/sw+ctrl

EasyCD Pro it.+Backup

O

1.039.000

• Cirix/IBM

• Case Big Tower c/alim.

~

829.000 790.000

scorte. Tutti i marchi appartengono

FIRENZE Via Maragliano 42 te!. 055 333093 fax 055 330965 BOLOGNAVia delle Tofane 2/g te!. 051 6144100 fax 051 6145525 MILANOVia Padre Martini 7 te!. 02 26820095 fax 02 26820235 FERRARAP. XXIVMaggio 25 te!. 0532 240567 fax 0532 248313 PISTOIAVia del Villone 67/69 te!. 0573 25101 fax 057325323 EMPOLIVia Verdi 82/84 te!. 0571 710093 fax 0571 710093

ai legittimi proprietari.


IBM presenta la nuova linea Aptiva

Datamatic

quando il multimediale è ai massimi livelli salva i dati C on la nuova serie Aptiva IBM è riuscita a coniugare egregiamente la formula qualità/prezzo, applicata ad un prodotto dalle caratteristiche davvero interessanti. ...............................................................................................

Quando si pensa ad un PC Multimediale di qualità si pensa ad un prodotto destinato ai professionisti, di costo elevato. La nuova gamma Aptiva è stata progettata per risultare interessante sia per i novizi che per gli utenti esperti e comprende una vasta selezione di giochi, software didattico e di produttività insieme a strumenti intuitivi che aiutano gli utenti a diventare rapidamente operativi. Aptiva offre il meglio in termini di grafica 3-D, video full-motion, suono surround e ricche funzionalità di comunicazione. Video e suono in tempo reale alla massima qualità: Total Image 3-D combina infatti potente grafica 3-D di qualità arcade, riproduzione video MPEG full-screen e fullmotion con suono dinamico di qualità CD (TheatreSound) IBM ha collaborato con ATI Technologies per aggiungere l'acceleratore grafico 3-0 RAGE alla propria gamma di modelli 3-D Aptiva (è disponibile sui modelli 382 e 392). Gli Aptiva supportano pienamente Microsoft Direct 3D, in modo che gli appassionati di giochi elettronici abbiano la

128

compatibilità garantita con i futuri titoli multimediali 3D. Grandi novità anche per le connessioni ad Internet: con i nuovi modelli, infatti, gli utenti hanno già oggi a disposizione tutto quanto serve per la navigazione su siti Web 3D non appena questi saranno disponibili. Tutta la famiglia degli Aptiva è basata sul nuovissimo Pentium 200 MHz ed è dotato di drive CDROM 8X ed HD di alta capacità. Il Communication Centre trasforma l'Aptiva in un fax, un telefono e una segreteria telefonica con fino a 9 mailbox vocali, una rubrica e un pulsante per la connessione ad altre applicazioni di comunicazione. L'interfaccia grafica intuitiva del software ha l'aspetto di un normale telefono, il che la rende facile da usare. La sofisticata tecnologia MWave permette al software di distinguere tra dati, fax e chiamate telefoniche, l'Aptiva è in grado di intercettare una chiamata in arrivo, attivarsi per rispondere, registrare il messaggio oppure ricevere un fax e quindi spegnersi. Sviluppata dai laboratori di ricerca IBM, MWave è una soluzione multimediale che supporta diverse funzionalità audio e di comunicazione. Lo Scheduler

permette di programmare l'Aptiva per eseguire determinate operazioni, come inviare fax o leggere la posta elettronica, in un momento predeterminato, lavora con Communication Centre e Rapid Resume Manager. Per quanto riguarda il desktop IBM ha fatto un passo oltre Windows 95 aggiungendo icone animate, effetti speciali nel lancio delle applicazioni e help a fumetto. L'Aptiva Guide, basata su menu, utilizza animazioni e suoni per guidare attraverso tutte le funzionalità disponibili sugli Aptiva, offrendo inoltre consigli utili sull'home computing. Vengono infine forniti gli Aptiva Recovers, due CDROM bootable che sostituiscono i dischetti tradizionali, per il ripristino delle configurazioni software originali in modo semplice e veloce.

È uscito, distribuito da Oatamatic, NovaBackper tutti i sistemi operativi, Windows, Win95, OS/2, Mac e OOS, il sistema che combina l'uso di backup sicuri con le utility di restore e Oisaster Recovery per singola stazione o network. Il kit Disaster Recovery si combina con il drive ADIC DAT 80080 da 4/8 giga byte, il software "Novastor Works' garantisce un facile e sicuro backup, restare e 'disaster recovery' per unità di backup collegate a PC o workstation. Il software è disponibile anche per Windows NT e Novell. Il TD DAT 80000 è una unità DAT da 4/8 GB, dotato di display a cristalli liquidi per le informazioni di stato dell'unità. L'unità con nastro da 90 metri ha capacitàdi 4.0 GB, mentre quella da 120 m arriva fino ad 8.0 GB, il transfer rate assicurato varia da 500 KB ad 1.5 MB massimo. Il tempo medio di ricerca è di 40 secondi, il formato di registrazioneDDS 2. Il pacchetto Novastor Works copre gli ambienti DOS, Windows 3.xx, Windows 95, OS/2, Mac e viene fornito su CDROM. Il controller fornito è uno SCSI2 Adaptec 1542, il prezzodi listino del kit è di lire 3.291.000, con sconti per quantità superiori di acquisto. Viene anche presentato l'SR4100, l'ultimo di una serie di duplicatori per Compact Disc "uno-a-uno'già prodotti. SR-4100 lavora come un drive esterno da attaccare al PC, include due drive 4X in lettura/scrittura ed un harddisk da 1 GB. È possibile fare la copia da hard disk a 2 CD contemporaneamente, così come la copia discodisco può essere effettuata senzabisogno di harddisk. L'utilizzo del sistema è estremamente semplice, tutto quello che l'utilizzatore deve fare è rispondere alle domande poste direttamente sul display LCD ed agire solo su due bottoni.

·~81

IBM

CirconvallazioneIdroscalo, 20090 Segrate (MI), Tel. 02/59.621 Http://www.ibm.com

MCmicrocomputer

Datamatie Via Agordat 34, 20100 Milano, Te1.02/285061

n. 167 - novembre 1996


Nei nostri computer c'è qualcosa che gli altri non hanno. Per molti fare computer significa

Tulip Vi sia n Une- OT 5/'33

limitarsi ad assemblare componenti

Processare Pentium-'33 Mhz, EDO-RAM. Plug and P1ay. USB(Universal SeriaI Bus) PCI Local Bus, acceleratore video e interfacda Ethemet. Oesktop Manager Interface (OMI). Vari slot Busmaster PCI e audio 16 bit a seconda del modello.

hardware diversi, rinchiuderli in una scatola di plastica e venderli a clienti che poi, in caso di problemi, non sanno a chi rivolgersi. Se pensate che questo sia il sistema migliore non leggete questo annuncio, perché Tulip ha scelto una strada completamente

diversa.

Prima seminiamo le migliori idee progettuali nel terreno fertile della tecnologia più avanzata, poi le facciamo crescere con cura nelle nostre linee produttive assicurando ci che i nostri computer offrano le migliori prestazioni, ma che siano anche attenti al risparmio di energia e all'ambiente. E poi, dopo averli venduti, garantiamo un supporto e un'assistenza che non lasciano mai soli i nostri clienti. Chi sceglie un computer Tulip acquista il meglio della qualità europea, garantita dalla certificazione ISO 9000. Ma anche quel certo profumo di eccellenza che gli altri computer non hanno.

Per ulteriori informazioni contatta Tulip Computers al numero verde 1678-29195 o via Internet 'infoitaly@tulip.nl'

Illogo

Intellnsidee

Il lago Pentium-

e PentiumProcessar

sono marchi registrati

di lntel Corporation.

è un marchio registrato di Intel Corporation.

Tullil~ computès


Si tratta della versione beta di Net.Action e di cc:Mail 7 per Windows

Videoproiettore

Da Lotus nuovi strumenti per Internet

Sharp XG-3900E

N et.Action è una potente piattaforma

È il videoproiettore a LCD più luminoso sul mercato, così viene presentato Sharp XG3900E che grazie ad una lampada di 330 watt in alogenuro metallico, che permette una luminosità di 600 ANSI Lumen, fa dimenticare i videoproiettori da usare in ambienti bui: è l'ideale per presentazioni e dimostrazioni. Direttamente collegabile con i personal computer IBM compatibili e Mac, Sharp XG3900E non necessita di interfacce particolari, è pratico, facile da usare, estremamente duttile. È dotato di tre pannelli TFT LCD da 309.130 pixel ciascuno, di un corpo lenti con zoom e messa a fuoco motorizzati e di una capacità di trasmettere immagini su uno schermo di 8.5 metri di diagonale (200") L'ultima novità riguarda il nuovo Sharp XG 3790E, videoproiettore portatile ad alta risoluzione, l'ideale per presentazioni multimediali. Con una luminosità di 250 ANSI Lumen ed un pannello TFT LCD di 16.3 cm in diagonale con 480.000 pixel, il videoproiettore è uno strumento agile che garantisce ottime prestazioni. Compatibile con gli standard VGA, SVGA e Mac, lo Sharp XG 3790E può trasmettere immagini da PC o da qualunque altra sorgente video fino a 150" (381 cm in diagonale).

dotata di strumenti di semplice uso per lo sviluppo, la creazione e la gestione di un sito Web: si tratta della versione Beta. L'altro strumento è cc:Maii 7 per Windows, un nuovo client a 32-bit del sistema di posta elettronica più diffuso nel mondo che offre funzionalità di messaggistica avanzate e maggiore flessibilità nelle comunicazioni back-end.

Net.Action è il primo di una famiglia di applicazioni dotate di funzionalità complete, denominate Lotus I n t e r n e t Applications, volta ad automatizzare i processi aziendali strategici attraverso Internet. Grazie alla semplicità d'uso e le funzionalità della nuova tecnologia server per Web Lotus Domino, Net.Action fornisce una piattaforma destinata allo sviluppo di siti Web innovativi e ricchi di funzionalità. Net.Action utilizza le potenzialità di Domino, il server per applicazioni Web, per consentire comunicazioni interattive, collaborazione strutturata e coordinazione workflow con il sito Web. Dato che Net.Action è costruita per essere operativa con Domino, vengono forniti un kit di connessione ai sistemi legacy, una API aperta e strumenti che supportano una vasta gamma di opzioni per lo sviluppo applicativo. La connessione con Domino assicura anche potenti tool di ricerca all'interno del sito, per permettere una più agevole navigazione. Vengono integrati strumenti multimediali e di editoria come utility per la conversione dei testi, un editor HTML, un editor per grafici, simboli e utility per immagini e suoni. Le funzionalità work130

flow e di approvazione automatizzate semplificano la creazione e l'approvazione delle informazioni e dei documenti contenuti nel sito anche tra dipartimenti geograficamente distanti tra loro. L'accesso Ciient a un navigatore Web o a un c1ient Notes permette di inserire e di modificare le informazioni nel sito Web consentendo una gestione dinamica e comune dei documenti. L'altro strumento è cc:Mail 7 per Windows, un nuovo client a 32-bit del sistema di posta elettronica più diffuso nel mondo che offre funzionalità di messaggistica avanzate e maggiore flessibilità nelle comunicazioni backend. cc:Mail 7 migliora notevolmente le prestazioni e consente l'accesso ai messaggi non originari cc:Mail archiviati attraverso MAPI e il supporto futuro per l'accesso ai protocolli di messaggistica Internet. cc:Mail 7 diventa così un client universale che gli amministratori possono utilizzare sulla LAN o sui sistemi di messaggistica basati su Internet. Anche l'interfaccia utente è stata rinnovata ed è dotata di nuove funzionalità che migliorano anche l'aspetto e le caratteristiche dei mes-

saggi attraverso il Rich text, per includere in un messaggio font di diverse dimensioni, selezionare i font in grassetto, corsivo o sottolineato, e variare il colore dei font e di centrarli. Gli utenti mobili vengono facilitati nel collegamento alla LAN e viceversa dalle nuove funzioni di cc:Mail, la transizione avviene in modo trasparente grazie ad una completa sincronizzazione automatica di tutte le attività legate alle caselle postali, compresi i messaggi in arrivo, i messaggi archiviati nelle cartelle e i record delle directory. Come per l'attuale client cc:Mail, la versione 7 offre otto metodologie di comunicazione ovvero: asincrona, cellula re, NetWare, TCP/I P, X.25, ISDN, PBX e connessione diretta. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito WEB http://www.lotus.com

·~EI

Lotus Develop. Italia

Sharp Electronics

Via Lampedusa 11/A, 20141 Milano, Tel.02/89.59.11

Via Lampedusa13, 20141 Milano, Tel. 02/89.59.51

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


::: Dal leader

mondiale

del mercato,

i Notebook

su cui potrete

~ ~

sempre fare affidamento

m

Z

Pronti all'uso iR qualsiasi condi

it from

Take

Toshlba.

Oppressi dal caldo, sotto tuoni e fulmini, nella neve; quando si è in

viaggio

non

sempre

scegliere le condizioni

si possono

del tempo.

Si

può scegliere, però, un compagno

di

strada che non

ci pianti

in asso in

nessun caso: un notebook Toshiba. Ogni modello viene maltrattato, sbattuto, ribaltato,

esposto a temperature

desertiche e persino schiaffato in frigo prima che venga preso in considerazione per la produzione. Ciò malgrado, quelli

solo

che superano

i

nostri severi test di qualità passano dalla linea di produzione come dotato

ad esempio di

al mercato. Cosi, il Satellite

110CT

processore Pentium~ lntel,

ogni nuovo notebook Toshiba è garantito per funzionare persino in condizioni ambientali

è

estreme: Probabilmente

questa la ragione per cui Toshiba è stata il leader mondiale nei PC portatili negli ultimi IO anni, e continua ad esserlo. Per maggiori il

nostro

Customer

02/93975-552 Intel

Inside

informazioni

chiamate

Service:

Tel.

- Fax 02/93975-291.

e Processare Pentium

registrati della Intel Corporation.

sono

marchi


/I primo sistema operativo che "ascolta"

OS/2Warp 4 IBM ha rilasciato a fine settembre la nuova versione di OS/2, ricca di significative novità sia funzionali sia di facilità d'uso. Per ora è disponibile solo la versione in lingua inglese, ma entro questo mese di novembre dovremmo avere la possibilità di "parlare" anche in italiano ad OS/2 Warp 4. di Giuseppe Casarano

A meno di due anni dall'uscita I€I""'" navigare per Internet saltando da dell'ultima major release ecco un link all'altro con il solo uso di che IBM ci propone un nuovo rilacomandi vocali, senza toccare il mouse o la tastiera. scio del suo sistema operativo per personal computer: OS/2 Un'altra importante novità riguarda il nuovo look dell'interfacWarp 4. Viste le sue caratteristiche questo prodotto può essere cia grafica, da sempre un fiore all'occhiello di OS/2 per quanto considerato non tanto come l'eriguarda funzionalità e coerenza, voluzione di OS/2 Warp quanto di ma spesso giudicata troppo austeOS/2 Warp Connect. la versione ra per un uso "personal" del comdel sistema operativo con tutto il necessario per essere impiegata puter. OS/2 Warp 4 introduce molcome client di rete. Di OS/2 Warp tissime novità in questo senso: un aspetto tridimensionale a tutti gli mantiene tutte le caratteristiche oggetti, nuovi notebook setting di base: è un sistema operativo a colorati, l'icona sulla barra del titolo 32 bit con multitasking pre-emptive che consente quindi l'esecudelle finestre per una chiusura zione contemporanea di più applirapida, svariati sfondi persona lizzacazioni, ed inoltre ha quella robu- L'integrazione della tecnologia IBM VoiceType è la novità che più col- bili e via dicendo. L'aspetto più stezza ed affidabilità che solo un pisce: avete mai parlato al vostro computer? Ora lo potete fare. importante però dal punto di vista dell'interfaccia utente è l'aver intesistema che esegue tutti i suoi processi in modalità protetta, una grato nel sistema il Lotus SmartCenter, chiamato Warp modalità di funzionamento tipica laC3dei processori della famiglia Intel, t) •••Center in OS/2, il quale consiste in può garantire. una barra a icone che si posiziona t:l "'.-.- •••• sulla Scrivania ed implementa molNon è facile parlare in breve di ~C3 •••• W« •••• questa versione di OS/2, dato che teplici funzionalità. Una volta usato il WarpCenter e personalizzato le novità sono molte e tutte degne di nota; proprio per questo secondo le proprie esigenze non partiamo subito con la prima, la se ne può più fare a meno, e ci si più appariscente e "rumorosa': •• chiede come si sia potuto lavorare l'integrazione a livello di sistema fino ad adesso senza. operativo della tecnologia IB M Come già detto OS/2 Warp 4 è VoiceType. Questa tecnologia, da ritenersi il successore di OS/2 che si basa su anni di studio e di Warp Connect e lo slogan usato sperimentazione presso i laboraper il suo lancio "Anywhere and tori IBM, ha la caratteristica di Anytime" riassume benissimo non avere bisogno di un periodo tutte le capacità di connettività di di "addestramento" da parte.delquesto sistema operativo: direttal'utilizzatore: chiunque può subito Il Lotus SmartCenter in versione OS/2. Molti aspetti del nuovo look mente in LAN o tramite un collesono di provenienza Lotus. dettare un testo o far eseguire gamento remoto, con un portatile comandi al sistema operativo con scheda PCMCIA o tramite una tano la stessa pronuncia, in base ad una mediante l'uso di un microfono e di una stazione di lavoro fissa, sono sempre analisi logica del contesto della frase; scheda audio qualsiasi tra quelle supporpossibili collegamenti a reti aziendali o a questo rende ancora più semplice ed tate da OS/2, come potrebbe essere una provider Internet. In particolare per quanaffidabile il "colloquio" con il nostro percomunissima Sound Blaster. L'IBM to riguarda Internet c'è una grossa sonal computer che ci permette di aprire VoiceType permette tra l'altro di distinContinua a pagina 134 cartelle, eseguire programmi ed anche guere parole differenti, anche se presen_al

-~--~-~

.-

132

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


®

oran

RAD, laDi e

V Codice sorgente VCL e manuale delle VCL. V Driver nativi SQL Links a 32 Bit con licenza di distribuzione illimitata per Orac1e, Sybase, Informix, MS SQL Server e InterBase.

non parole. In versione ClientlSelVer Se volete fatti e non parole, Delphi 2 Client/Server Suite è il modo più efficiente per realizzare applicazioni rapide. Delphi 2 Client/Server Suite risponde alle esigenze di sviluppo di applicazioni scalabili ad alte prestazioni in grado di accedere ai dati archiviati in database Oracle, Sybase, Informix, InterBase e Microsoft SQL Server. Delphi 2 Client/Server Suite è l'unico prodotto del suo genere ad offri-

V Nuovo driver nativo SQL Link per DB2 in ambiente MVD, AlX, OS/400, NT, OS/2 e VM. V Interbase 4.1 Server (2 Licenze) per Windows NT per lo sviluppo di applicazioni SQL multiutente scalabili. V SQL database Explorer per gestire visualmente metadati specifici del server.

re sia tool client ad alte prestazioni che un ampio ventaglio di tool per la gestione del server. Per ulteriori informazioni chiedi al tuo rivenditore oppura telefona a ISS Borland: tel.02/93.58.22.60. Per informazioni:

hUp:lJwww.borland.com Agenzia Esclusiva per l'Italia: Intemational Software Services • ISS SrI 20020 Arese (MI)· Via Valera, 31/16· Tel. 02193582260 r,a,· Fax 02193582280

Borland AssisI: www.imolinfo.queen.itlborland.hlm Tel.0542/34058

CompuServe:

GO 80RLAND

Borland®

V Data Dictionary scalabile per inlplementare e conservare l'integrità dei dati. V SQL monitor per effettuare test, debug e affinamento di applicazioni SQL. V Visual Query Builder per generazione di codice SQL esente da errori. V

uovo Case Expert pcr l'integrazione dei più diffusi CASE tools, quali RoboCase, Sybase S-Designer, LogicWorks e molti altri.

V Intersolv PVCS Version Manager integrato per lo sviluppo di gruppo.


Segue da pagina

132

novità dell'ultima ora: inclusa con OS/2 Warp 4 è presente la licenza d'uso di Netscape Navigator, il browser più diffuso sul mercato, prelevabile nella sua versione finale per OS/2 direttamente in rete dal sito IBM o da quello Netscape. Un'altra primizia di questa versione di OS/2 consiste nel supporto nativo del linguaggio Java: lo stesso Netscape Navigator per OS/2 non ha bisogno di emulare al suo interno una Virtual Java Machine per eseguire applet scritti in questo linguaggio, ma sfrutta direttamente questa funzionalità offerta da OS/2 Anche OS/2 Warp 4, come la precedente versione, viene distribuito con un Bonus Pak contenente: IBM Works, un pacchetto integrato con word processor, foglio elettronico, database, ecc; Hyper Access Lite, un emulatore di terminale asincrono per accedere a BBS o banche dati; Compuserve Information Manager per accedere in modalità grafica a

Compuserve; FaxWorks per ricevere e spedire FAX ed infine AskPSP, un sistema esperto per risolvere eventuali problemi o incompatibilità che possono sorgere nell'uso del sistema operativo. Completamente nuovo è invece il Sampler CD, un CD-ROM che contiene una settantina tra applicazioni e programmi, sia applicativi sia di utilità per il sistema, in versione demo o ridotta. Si ha così la possibilità di provare numerose applicazioni scritte appositamente per OS/2 e poter valutare il prodotto per un eventuale acquisto della versione commerciale; l'idea è sicuramente intelligente anche per sfatare il mito della mancanza di applicazioni native per questo sistema operativo. Le novità importanti sono ancora molte ma le analizzeremo meglio nella prova del sistema, che pubblicheremo quando esso sarà disponibile in versione italiana. Elenchiamo ora le principali solo per inquadrare meglio questo nuovo prodotto: supporto a OpenDoc, tecnologia che prevede l'interoperabilità con OLE;

le nuove librerie DAPIE per facilitare il porting di applicazioni Windows sotto OS/2 Warp; supporto a OpenGL a sua volta per il supporto al porting di applicazioni grafiche ed ingegneristiche dal mondo Unix; Object Rexx, il linguaggio Rexx Object-Oriented che può utilizzare oggetti di tipo SOM ed OpenDoc. Un'ultima nota riguarda i requisiti di base ed il prezzo: per usare il sistema operativo senza funzionalità vocali viene richiesto un 486 a 33 MHz con 16 MByte di RAM; per navigare sulla Scrivania e dettare testi con la voce è richiesto un Pentium 100 M Hz con 24 MByte, un personal computer certamente non molto diffuso nei piccoli uffici o in ambiente familiare. Se aggiungiamo il fatto che il prezzo di OS/2 Warp 4 sarà di lire 388.000 e di lire 257.000 per l'upgrade da una versione precedente, ci si rende subito conto di come la politica ed il marketing IBM stiano indirizzando questo prodotto sempre più per un uso aziendale piuttosto che casalingo


Da Digital nuove Personal Workstation per Windows NT S ono disponibili

sia nella versione monoprocessore sia nella versione multiprocessore, dotate di processore Pentium Pro e basate su Windows NT offrono prestazioni paragonabili ai tradizionali sistemi UNIX, ma a prezzi più conten~ti. ...............................................................................................

Fornite con Windows NT preinstallato (versione 3.51 oppure 4.0), le Personal Workstation di Digital sono dotate del processore Intel Pentium Pro 440 FX e supportano da 32 a 256 Mb di memoria EDO. Per offrire piena compatibilità con lo standard ECC, sono disponibili anche configurazioni con memoria Fast Page da 64 a 512. Progettate per un facile

upgrade ai 64 bit del processore Alpha, le Personal Workstation possono beneficiare di PowerGrade, il programma di upgrade del processore che consente all'utente di effettuare autonomamente l'upgrade ai nuovi processori Alpha o Intel a mano a mano che questi sono introdotti sul mercato. Digital è l'unico produttore di workstation personal a offrire a garanzia degli investimenti

una flessibilità di sistema tale da consentire il passaggio da un RISC con l'adozione di un Alpha a 64 bit. Il modello 200i della Personal Workstation Digital, dotato di processore Pentium Pro a 200 MHz, viene offerto a lire 8.818.000 in configurazione completa. Il modello 180i, dotato di processore Pentium 180 MHz, è disponibile al prezzo di lire 4.241.000, il modello 200i al

prezzo di lire 4.368.000. Tutte le Personal Workstation sono coperte da garanzia di tre anni, on site per il primo anno.

&181 Digital Equipment S.pa Viale Fulvio Testi, 280/6 20126 Milano, Tel. 02/66.181

reclame@mboll.vol.it

Chi opero nel compo dell'informotica, e desidero forsi conoscere meglio do un vosto pubblico interessoto, ho uno gronde occasione dol 16 01 20 novembre. Per il secondo onno si svolge 0110 Fiero del Mediterroneo «l'lnformotica in Fiero», lo più importonte mostro in Sicilio del settore, otteso do olmeno 20 milo visitotori per conoscere tutte le novità in questo campo. Per cinque giorni, l'informotica informo.


.

l

~

:.1

i

:g~

1 ;?

Lavorare in angoli remoti del mondo rimanendo, comunque, collegati col mondo. Questo è TRAVELMATE6000. Una famiglia di notebook multimediali modulari con caratteristiche altamente innovative. L'alloggiamento "Modular Bay" permette l'impiego di differenti opzioni per garantire libertà e flessibilità. Uno schermo di grandi dimensioni a ridotto consumo energetico. Una serie di docking station op- Microsoft<!ll zionali per garantire la connet- Windows'95

tività. I notebook della serie TRAVELMATE 6000 sono espandibili, collegabili e flessibili. Grazie anche alla nuova linea di accessori "Livegear". • Modular Bay: floppy disk (standard). Drive per dischetti a alta densità, CD ROM 6X, batteria agli ioni di litio e HDD 2GB aggiuntivi (opzionali). • Display TFf fino a 12, l'' SV GA a basso consumo energetico. • Porta zoomed video con funzionalità MPEG. • Processore Pentium a 150, 133, 120 MHz con PCI Bus interno/esterno. ·2,7 Kg con floppy e batteria inclusi.

A partire da Lit. 7.490.000 Tex.ulmtru

s

livegear"

.TEXAS

INSTRUMENTS

Acct'Sson Originali

IVA esclusa


PROCESSORI Microsoft e Intel hanno annunciato un accordo per supportare i nuovi processori lA 64

Windows NT supporterà i nuovi processori a 64 bit di Intel La collaborazione tra sistema operativo Windows NT e processori IntellA 64 garantirà un efficiente supporto alle attuali applicazioni nelle quali viene utilizzato il processore Pentium Pro (lA 32) e alle nuove applicazioni ottimizzate per i processori lA 64. Merced è il nome della prima implementazione della famiglia lA 64. La famiglia lA 64 permetterà di raggiungere livelli di scalabilità e prestazioni nei server e nelle workstation, pur mantenendo la totale compatibilità con la base esistente del software lA 32. La nuova tecnologia è rivolta a clienti con particolari esigenze di accesso a data base di grandi dimensioni: la nuova famiglia di processori è in grado' di soddisfare qualsiasi esigenza di questo tipo grazie alla possibilità di indirizzare database di dimensioni praticamente illimitate. "Microsoft Windows NT Server e Windows NT Workstation sono ormai il sistema operativo principale per applicazioni in ambito aziendale" ha affermato Paul Maritz, Group Vice President of Platforms Group di Microsoft Corp" /I nostro sistema operativo Windows NT e l'ambiente di sviluppo

software, ottimizzato per la serie lA 64, permetteranno alle aziende di sfruttare a fondo i vantaggi della famiglia di processori di Intel a 64 bit ". L'introduzione delle versione di Windows NT che supporta la serie lA 64 sarà sincronizzata con le prime consegne dei sistemi basati sul processore Merced, Microsoft rilascerà una copia preliminare delle specifiche della Very Large Memory 64-bit lnterface (interfaccia a 64 bit per memorie di Intel Corporation Italia grandi dimensioni) per Milanofiori Palazzo E/4, Windows NT durante la prossi20094 Assago ma Professional Developers Tel. 02/57.54.41 Conference.

. " fare musI ca e un •

MusicColiage 2.000 frasi musicali

per creare immediatamente arrangiamenti da professionista. E' un gioco da ragazzi: prendi un colore dalla tavolozza (Pattern Palette) e stendilo sulla tela (80ng Map). L:arrangiamento è pronto, e puoi anche aggiungere la melodia!

DoReMIX

Il primo "foglio elettronico" per fare musica senza saper suonare! Con poche. semplici operazioni (seleziona lo stile. scegli gli strumenti. "incolla" le frasi musicali sulle tracce) il tuo brano è pronto. Il divertimento è assicurato.

giOCO

a sole

'Oesid-ero--rlcev-ere-magglori----------------' informazioni e materiale illustrativo su:

Cognome

.

Nome

.

nO

Via

1..

-

D D D

Music Collage DoReMix Altri

.

Città

CAP

.

Tel

Età

.

4

.J

L·"P


3DJCPRESS'ON

*. Compatibilita garantita con la stragrande maggioranza dei giochi e delle applicazioni tridimensionali su tutti i sistemi operativi ~r• Supporto completo a tutte le librerie grafiche tridimensionali piu diffuse

<C

~ Cl

g

o

~ c ~ '" ~.

(Direct3D, OpenGL, Intel 3DR, Reality lob, Quick Draw3D ecc.) Superiore riproduzione di filmati AVI, Mpeg Risoluzioni fino a 1600x1280 con 2Mb di EDO/SRAM

3D XPRESSION

l

V.DEO JCPRESS'ON

o

i

• Impressionante accelerazione dei giochi sotto Windows95 con animazioni ad oltre 75 frames/sec in alta risoluzione. • Riproduzione di filmati AVI, Mpeg con una qualitò televisiva ed una velocitò superiore alle altre schede disponibili sul mercato. • Risoluzioni fino a 1600x 1280 con 2Mb di EDO/Sinc. RAM • Modulo TV tuner opzionale, Plug & Play con Windows95

:1,

2MB 1. 285.000 ;va ;nc.

~..

I.a differenza sI vedel

~ c o

v>

g

~ Optiol"lOl

GRAPHI(S

PRO TURBO

• Supporta i più diffusi sistemi operativi • Correzione cromatica professionale

• Con 4 Mb Vram consente di visuolizzore fino a 16.8 mil. di colori a 128Ox1024 e raggiunge i 1600x1200 con 65000 colori • Accellerazione dei filmati AVI,Mpeg.

GRAPHI(S

XPRESSION

• Supporta i più diffusi sistemi operativi • Eccezionale rapporto qualità prezzo . Con 2 Mb consente di visualizzare fino o 16.8 mi!. di colori a 800x600 e raggiunge i 1600x1280 • Accelleraziane dei filmati AVI,Mpeg.

OPZIONE

TV-TUNER

• Decompressore Mpeg l Hardware • Completa dotazione di software per Windows 3.1 e Windows95 • Video capture in Poi ed NTSC SVHS • Televideo incorporato • Possibilità di Video conferenza • Input/Output audio • Possibilità di visualizzare il video in una finestra

1. 230.000 ;va ;nc.

SBF MILANO 20125, Viale Monza 175 Tel. 02/2828252, Fax. 02/26140415 orori 9·13/14-18

Upgrodes

SBF ROMA

SBF NAPOLI

00167, Via Silvestro Il 4b/4c Tel. 06/6624862, Fax. 06/6622166 orari 9.30-13/16.30-19.30

80126, Via Cumana 19/0 Tel.081/2395663, Fax. 081/5930297 orari 9-13,30/16,30-19,30

Designed for

;:::~ .",,,,, ::~~ -"".",. -""'''_

1!1

Microsoft® Perleeting

the PC

WindowS"95


Macromedia Freehand Graphics Studio 7 potenti tool per il publishing online L a nuova suite Macromedia comprende avanzate applicazioni grafiche per la progettazione online e strumenti integrati bi e tridimensionali per lo sviluppo di creazioni multimediali con il supporto dei più diffusi standard grafici utilizzati in Internet, Shockwave, VRML e URL, GIF trasparente, ~PEG progressivo. ............................................................................................... "'~"''''''''-''''''''llfooIOoo

La nuova suite Macromedia include Freehand 7 xRes 3, Extreme 3D 2 e Fontographer 4.1 e dispone di potenti funzionalità e avanzati strumenti che semplificano e ottimizzano il lavoro di sviluppatori di siti Web, disegnatori e grafici professionisti. Shockwave offre totale interattività e funzionalità di zoom fino al 25.600%, il suo supporto di permette agli utenti Freehand di arricchire le pagine Web con immagini vettoriali dall'elevato contenuto grafico. Shockwave porta Macromedia xRes 3 su Internet, offrendo ai navigatori di siti Web la possibilità di visualizzare con facilità immagini fotografiche ad alta risoluzione. Le nuove funzionalità di rendering di Shockwave permettono di intervenire su sezioni di immagini particolarmente grosse e ricche di dettagli artistici, senza dover scaricare l'intero file o compro-

••.

mettere la qualità :1:~::.!l.....l!l!l.!.!J dell'immagine stessa. Per lo sviluppo di immagini tridimenFreeHand _....... .o.r.rv'" « P:.y r•• sionali la soluzione :::.= Sy.t_ Iteq,ar~u multipiattaforma è ~.y •...,.'K,,<"u c,;:;p;t,t~ly.- .•Extreme grazie al ~,~ ux quale le immagini ~.!1pcW.t..s'~ ..., ••.•"c. possono essere gestite in maniera interattiva anche aWinterno di Internet .1. _ ,Get

Shocll.-.d

••••• '

t •••.• "

·Sllocll ••• ",.

·lHl 11

L.bIl"U'X

Muli L'l't ~ •.d.""'9Ir>I(o P•.od"c:t R_i,.tr.t1on ·Q••• l.I)' ~O •.•• SII_c •••

grazie a Shockwave. Il set di strumenti integrati nella suite offre una comune interfaccia utente intuitiva e personalizzabile, condivisione dei dati, fless,ibilità e facilità d'impiego. E possibile passare da un'applicazione all'altra con rapidità utilizzando le numerose funzionalità della suite in qualsiasi momento. L'elevata estensibilità delle creazioni multimediali è inoltre garantita dalla gamma completa di Xtras di terze parti, contenuta nella suite. Gli utenti registrati della versione precedente

M3 INFORMATICA

CD-II:OH

della suite possono acquistare gli upgrade a lire 499.000, altrimenti il prezzo sarà di lire 1.699.000 IVA esclusa. Gli utenti di CorelDraw e Adobe Illustrator possono acquistare l'upgrade alla suite Macromedia a lire 499.000.

Modo Via Masaccio 17, 42100 Reggio Emilia, Tel 0522/50.41.11

presenta

PENTIUM/133,

16Mb ram, SVGA PCI, Orive 1.44, HO l,2GB

L. 1.300.000 + IVA

PENTIUM/150,

16Mb ram, SVGA PCI, Orive 1.44, HO l,2GB

L. 1.450.000 + IVA

PENTIUM/166,

16Mb ram, SVGA PCI, Orive 1.44, HO l,2GB

L. 1.700.000 + IVA

NOTE BOOK 586/100, 8Mb ram, HO 800, Modulare, a colori

L. 2.200.000 + IVA

NOTE BOOK P133, 8Mb ram, HO 810, C06X, colori

L. 3.300.000 + IVA

Da Roland non solo musica Il VSC-550-W è un Software Synthesizer che emula un modulo Sound Canvas con compatibilità GM/GS senza aggiunta di nessun modulo esterno, Virtual Sound permette di aumentare le potenzialità sonore di un PC dotato di una normalissima scheda audio. Il pacchetto software, compatibile con Windows 95, include un CD-ROM di installazione che comprende: -Software Synthesizer GS "Virtual Sound Canvas"; -Cakewaik Express (by Twelwe Tone System); -Sequencer Software DoReMix2; -Juke-box Stile SMF Player - oltre 100 brani SMF Il Package Software DoReMix 2 nasce dall'esigenza di ampliare il precedente prodotto, che ha riscosso grande successo, fornendo nuovi strumenti agli utilizzatori come DoReMiX 2, versione aggiornata dell'attuale DoReMix e Easy Juke 2 contenuto nei package SCP-55. Con Easy Juke 2 possono essere impostati fino a 256 standard MIDI file, e le animazioni create dall'utente possono essere utilizzare mentre i brani vengono suonati. AI campionatore Roland MS-1 è stato dedicato MS-1 Contro I. Roland sbarca anche su Internet, e più precisamente Roland Italy mette a disposizione di tutti i navigatori Internet un sito che risponde alla ULR httpJ/www.roland.it dove sarà possibile trovare annunci delle ultime novità, curiosità ed avvenimenti del settore.

Roland Italy Spa Via delle Industrie 8, 20020 Arese (MI) Tel. 02/93.58.13.11

Importazione diretta - Assistenza e riparazione su tutti i compatibili

M31NFORMATICA - Nuova Sede: Via Monte Asolone, 710 - Torino - Tel. 011n397035 140

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


S8F Presenta la nuova gamma di prodotti SIDE •.;; z

.. ••

SIDE P55TU L. 770.000 iva inc. • Supporta Pentium dal 75 al 200 Mhz e Cyrix 6X86 CPU 120 Plus, 150 Plus, 166 Plus • Intel 4JOHx Chipset with BGA • Adaptec PCI Ultra Wide SCSI (2940UW) • 512 Kb Pipeline Burst Cache • Doppio canale EIDE, FDC, 2x16550 FIFO, ECP/EPP • 5 slot ISA e J slot PCI 2.1 • Supporta Bus seria le universale

SIDEP55V2 L. 295.000 iva inc. • • • •

SIDE P55TV L. 545.000 iva inc. • Supporta Pentium dal 75 01 200 Mhz e Cyrix 6X86 CPU 120 Plus, 150 Plus, 166 Plus • Intel 4JOVx • Adaptec PCI Ultra (AJC-7860) SCSI • 512 Kb Pipeline Burst Cache • Doppio canale EIDE, FDC, 2x16550 FIFO, ECP/EPP • 5 slot ISA e J slot PCI 2.1 • Supporta DIMM l 68 Pin

Supporta Pentium dal 75 al 200 Mhz Intel 4JOVx 256 Kb Pipeline Burst Cache Doppio canale EIDE, FDC, 2x16550 FIFO, ECP/EPP • 5 slot ISAe J slot PCI 2.1 • Supporta DIMM l 68 Pin

SIDE P55TV Lite L. 365.000 iva inc. • Come P55TV ma senza Ultra SCSI

SIDE P6NS • • • • • • • • • • • •

L. 985.000 iva inc.

Supporta Pentium Pro da 180 al 233 Mhz Chipset Intel 440FX (Natoma) di nuova generazione 256/512 K PBSRAM interne alla CPU Adaptec PCI Ultra e Ultra Wide SCSI (AHA 2940 UW) Supporto opzionale per Adaptec RAID port Supporta 4x ECC/Parity SIMM, fino a 512 Mb di RAM Boot Block Flash Rom per un facile upgrade Doppio canale EIDE, FDC, 2x16550 FIFO, ECP/EPP Interfaccia Universal Serial Bus Plug and Play Super I/O, Spegnimento/Accensione a distanza 3 slot ISA e 4 slot PCI Totalmente in standard ATX 245 x 305 mm

SIDE P6AN

L. 620.000 iva inc.

Come P6NS ma senza estensioni UWSCSI on board • Supporta 6x ECC/Parity SIMM, fino a 768 Mb di RAM

RAID BUS1000

L. 660.000 iva inc.

• Supporta le schede P55TU e P6NS, chipset Adaptec 781 OP • Completa dotazione di driver per Windows NT, Unix, Novell

SIDE P55TVS L. 645.000 iva inc.

SIDE2930

• Supporto Pentium dal 75 01 200 Mhz e Cyrix 6X86 CPU 120 Plus, 150 Plus, 166 Plus • Intel 4JOVx • 256 Kb Pipeline Burst Coche • Doppio canale EIDE, FDC, 2x16550 FIFO, ECP/EPP • 5 slot ISA e J slot PCI 2.1 • Supporta DIMM 168 Pin

L. 165.000 iva inc.

• BUS Master SCSI • Supporto completo per tutti i sistemi operativi • Vero MultiTasking/MultiThreaded SCSI BUS Master

SIDE P55TVS Lite L. 465.000 iva inc. • Come P55TVS ma senza Ultra SCSI

SIDE2605 L. 40.000 iva inc.

• 2 Seriali buffe rizzate Uart 16550 ECp'EPP ed l Parallela bid.veloce. • Stampa veloce grazie agli oltre 2MB/sec di transfer • Stampa con cavi lunghi oltre l O metri

~. SB' MILANO 20125, Viale Monza 175 Tel. 02/2828252, Fax. 02/26140415 orari 9- 13/14- 18

SB' ROMA 001 67, Via Silvestro Il 4b/4c Tel. 06/6624862, Fax. 06/6622166 orori 9.30-13/16.30-19.30

SB' NAPOLI 80126, Via Cumana 19/a Tel.081/2395663, Fax. 081/5930297 orari 9-13,30/16,30-19,30

Make things 8etter!


Riconosce oltre 20 milioni di istruzioni al secondo richiamabili a voce

Parrot: un'agenda vocale potente e velocissima Cosa fa un pappagallo? Ripete, appunto "a pappagallo", tutto quanto gli si insegna. Parliamo di Parrot un'agenda elettronica che ascolta le richieste e risponde fulminea parlando con l'interlocutore. : ••••••••••••••••

0.0

0.0

••••••••••••••••••••••••••••••

Parrot è il primo PDA dotato di un microprocessore DSP Digital Signal Processor che integra un software esclusivo ed avanzato per il riconoscimento vocale, 20 MIPS e 512 Kbyte assicurano un'altissima velocità di elaborazione. Parrot è in grado di riconoscere fino a 20 milioni di istruzioni al secondo, può contenere nominativi e indirizzi (350), numeri di telefono

INFOWARE Srl

0.0

0'0

0.0

•••••••••••••••••••••••••

0.0

•••••

(700), appuntamenti e appunti (500 messaggi fino a 14 minuti di registrazione), tutti "richiama bili" semplicemente con la voce. Parrot elabora il riconoscimento vocale mentre si parla, e risponde immediatamente alle richieste in italiano, inglese, francese, spagnolo o tedesco. I comandi per attivare le sofisticate funzioni di Parrot sono tra l'altro facili e intuiti-

~

vi potendo contare anche su un programma di addestramento vocale che "guida" l'utente visualizzando i messaggi sul display e parlandogli direttamente. Dal 1 ottobre 1996 al 31 dicembre 1996 i Rivenditori Autorizzati Parrot, per chi desidera approfittare dell'opportunità di passare da un vecchio data bank al nuovissimo Parrot, offrono uno sconto di lire 80.000 sul

di lire

·~EI

I.H.R. Srl Viale B. Quagliotti 21, 28066 Galliate (NO), Tel.0321/86.43.37

Via M. Boldetti 29 - Roma (Via Lanciani - Metrò Bologna) - Tel. 06/863.21.576 • •

PENTIUM PRO 200 PENTIUM PRO 180 PENTIUM 200 PENTIUM 166 PENTIUM 150 PENTIUM 133 PENTIUM 120

prezzo di acquisto 579.000.

- 596 Fax

• t

2.500 2.350 1.925 1.725 1.525 1.375 1.275

PENTIUM PRO 200 14" SVGA 1024 NI 350 14400 INTERNO 1.000 90 PENTIUM PRO 180 14" MAG DIGITALE 400 14400 ESTERNO 850 130 PENTIUM 200 15" MAG D1GIT.1280 500 28800lNTER O V.34 875 175 PENTIUM 166 675 15" MAG TRINITRON 600 28800 ESTERNO V.34 195 PENTIUM 150 475 17" DIGITALE 1024x768 800 33600 INTERNO 215 PENTIUM 133 17" MAG TRINITRON 1.000 33600 ESTERNO 350 235 PENTIUM 120 17" MAG 1600xl280 1000 250 lJS ROBOTICS L1T. MIB PENTIUM 75/200 Mhz AMO 5X86 133 SONY CPD 100SX 025 690 90 14.4 EXT SPORTSTER ISO SIMM 4 Mb 72 pin TEL CHIPSET INTEL TRITON Il SONY 15 SF2 025 790 33.6 INT SPORT.VOICE 275 Plug & Play - PIPELINED BURST SONY 17 SF2 025 1.550 SIMM 8 Mb 72 pin TEL 33.6 EXT SPORT.VOICE 325 SIMM 16 Mb 72 pin 256 Kb CACHE SINCRONA EX? SONY 17 SE2 1600025 1.850 TEL 14.4 PCMCIA WORDP 225 3 SLOT PCI 4 ISA - 8 MB RAM SIMM 32 Mb 72 pin NOKIA I 5 "TRlNIT.025 665 TEL 28.8 PCMCIA WORDP 425 SIMM4 Mb EDO NOKIA 17"TRINIT.025 1.600 TEL SVGA I Mb PCI ESPAND. 2 Mb TEL HARD DISK 1.275 Gb E-IDE SIMM 8 Mb EDO NEC M500 900 16 VALUE lDE PNP 125 SIMM 16 Mb EDO NEC M700 1.400 TEL SB 32 P P PIO MODE 4 - DRlVE 1.44 Mb 200 CTRL PCI E-IDE INTEGRATO i\I01'HERBOARD I.IT. SONY 20 SF2 2.700 SB AWE32 PNP 320 , MAG 21" 1600x 1280 2.300 486 DX4/120-5X86/133 150 2 SERlALI 16550 - PARAL. EPP MB TRlTON Il VX 256 eD ROM 1.11'. TASTIERA WIN95 - MOUSE 3 T 190 EPSON STYLUS 820 295 MONITOR COLORE 14" SVGA MB TRlTON Il HX 256 215 SONY 8x E-IDE 220 EPSON STYLUS 200 350 170 STYLUS COLOR 500 550 1024x768 LOW RADIAT. MPRlI SOYO TRlTON Il HX 230 CREA TIVE/SAMSUNG 8 950 PRlDE 'FREEW A Y 11+' MITSUMI/HIT ACHI 8x 170 EPSON STYLUS 1000 NON INTERLACCIA TO 028 CE 330 330 PHILlPS/GOLDST AR 8x 180 EPSON STYLUS 1500 1.450 CABINET DESK/M.TOWER CE ASUSTEK 512 TRIT Il HX INTEL 430HX TUCSON 330 PIONEER 10x E-IDE 225 EPSON STYLUS PRO 790 1':01'EBOOK LEO 1.1 I. INTEL 440Fx VENUS 1.990 PENTIUM 120 INTEL 3.600 525 MITSUMI 12x E-IDE 290 EPSO STYLUS PRO XL 490 HP DJ 690C 8 Mb RAM-HD 810 Mb-CD6X HARD DISK E-IDE 1.11'. SCHEDE VIDEO L1T. 570 SVGA PCI I Mb - FD 1.44 Mb SVGA 5440 PCI MPEG 850 Mb 220 60 HP DJ 694C 1.2 Gb Pio Mode 4 HP DJ 820 CXI 660 SB 16 - COLORE DSTN IU" SVGA 5446 PCI MPEG 270 80 100 HP DJ 870 CXI 800 PENTIUM 133INTEL 3.700 SVGA S3 7652Mb PCI 1.7 Gb Pio Mode 4 340 150 HP LJ 5L 755 SVGA S3 VIRGE 2Mb 2.1 Gb Pio Mode 4 375 HARD D1SK I Gb +250 l'CL CANON BJC 240 D1SPLAYTFT 10.4 +200 MATROX MILLENIUM 2/1 2.5 Gb Pio Mode 4 425 TEL CA ON BJC 4200 2Mb WRAM exp 8Mb 3.2 Gb Pio Mode 4 525 325 D1SPLA Y TFT 11.3 +900 TEL MATROX MILLENIUM 4/1 CANON BJC 620 3.8 Gb Pio Mode 4 625 • 425 TELEFONARE x LISTINO HDDSCSI TEL 4Mb WRAM exp 8Mb MYSTIQUE 2Mb 300 ADD-ON 1.11'. SONY/PHILlPS/MITSUMI TEL CTRL SCSI ADAPTEC da 120 MYSTIQUE 4Mb 400 infowarefa),publibyte.it SOFTWARE E 3 CD OMAGGIO ZIP IOMEGA 100 Mb 285 ESP.RAM X MATROX TEL l'OSTAZIONYI}.J SEDE OFFERTE VALIDE FINO AD ESAURIMENTO SCORTE E $ MAX 1530 - PREZZI X 1000 -IVA ESCLUSA - PARCHEGGIO CLIENTI GARANZIA 12 MESI - FINANZIAMENTI CARTA AURA BANCOMAT - ORARIO LUNNEN 9,30/13 - 15/19,30 - SABATO 10/IR

.


I I I I I I I Il I

••••

Sì, IJ?i piacerebbe proprio sapere come adottare i monitor Eizo può migliorare la qualità della vita su1lavoro a me e ai miei collaboratori, e per di più mettermi in regola con la legge 626: mandatemi la brochure completa. Intanto inviatemi il dischetlo omaggio, completo di istruzioni e prove per valutare il mio monitor. Nome e cognome funzione Società via CAP Città _ tel. fax MCM

I I

I

•••••••••••••••••••••••••• I monitor Eiw, riconosciuti ed apprezzati in tutto il mondo per l'altissima qualità visiva, ergonornica ed ecologica, sono ,-distribuiti da Epson Italia S.pA . Y.1eCasiraghi 427 20099 Sesto S. Gim-anni (Ml) Fax 02/2440750 ~__

161-8011011

+EIZ[]'


Da CyberNet connettività ad alta tecnologia per Windows 95 e NT

M ultiporte ad altissima velocità, Terminai Server, una nuovissima serie di Router, e le note Multiporte intelligenti della serie Cyclom V, disponibili per PC in versione ISAoPCl,

Tutti i prodotti Cyclades sono distribuiti dalla CyberNet, sono tutti prodotti di grandi contenuti tecnologici per la connettività di sistemi Dos, UNIX, Windows NT e Windows 95. Fra i nuovi router va citato il modello base CyclomRouter/l che integra una porta Ethernet, una porta digitale sincrona ad alta velocità per il collegamento WAN ed una digitale asincrona ad alta velocità da utiliz-

zarsi sempre per il collegamento WAN o per backup su linee analogiche. Il modello Cyclom-Router/2, invece, si differenzia dal primo per l'aggiunta di una seconda porta digitale sincrona per link veloci fino a 64 Kbps. La Cyclom-8Zo si affianca, invece, alla serie delle multiporte: integra 8 porte seriali asincrone per collegamenti di dispositivi seriali ad altissima velocità (fino a 460Kbps)

riducendo drasticamente 1'0verhead della CPU. Il prezzo per l'utente finale, è di poco superiore al milione IVA esclusa.

Vilcor Multimedia presenta il CD-ROM 'Roma in photoCD', una raccolta fotografica sulla Città Eterna. Novanta fotografie in formato BMP a 256 colori ed in formato PCD vengono presentate ciascuna con una didascalia che descrive l'inquadramento storico ed artistico del monumento selezionato, è anche possibile scorrere le fotografie con una funzione di slide-show automatico. Le fotografie possono essere trasferite sul proprio hard disk semplicemente cliccando sull'apposito pulsante, il CD-ROM gira sotto Windows 3.1 e Windows 95: i testi presenti sono in italiano ed inglese.

·~81

CyberNet Srl

Via Celle 25/8, 80078 Pozzuoli (NA), Tel. 081/52.68.989

Nuove HASP:s'è già sparsa la notizia...

lA "NUMERO l" MOllA Il GRUPPO.

Tutta Roma su CD·ROM

• Design innovativo • Dimensioni ridotte • Nuova tecnologia • Più linguaggi supportati • Nuovo Sw su eD-ROM • Documentazione in italiano

A sottolineare l'importanza di questo nuovo annuncio, la Partner Data, Importatore e Distributore Esclusivo dei Prodotti HASp' lancia sul mercato italiano un'offerta di eccezionale convenienza:

·~81

Vilcor Multimedia

Sr'

Via N. Pellati 49, 00149 Roma, Tel. 06/55.99.870

Nuove HASP: di più in minor spazio Basata su un nuovo, esclusivo microcircuito proprietario ASIC (Applications Specific Integrated Circuit), che utilizza 2500 accessi a tecnologia 1.5 micron E2, Aladdin annuncia la nuova linea HASp' oggi la Chiave di Protezione Sw più avanzata e a più spinta miniaturizzazione a livello mondiale. Una supremazia di prodotto l:ià confermata da test di laboratorio I.a superierità di HASPè testimoniata oai test condotti dalla NSTL (Associazione USA di Test Comparativi), che ha classificato MemoHasp

la Numero 1 tra le elilavi di prOIezione III••e•• e .11 mercalo dal plà IRlPona111 co.trlnorl a livello mondiale. Del resto, sin dal 1984, 20 mila sviluppatori hanno utilizzato oltre 4 milioni di chiavi Aladdin per proteggere i loro programmi.

partner data Servizi e Prodotti Informatici

s.r.l

Kit di Valutazione MemoHASP a sole L. 39.000* (rimborsabili) Comprendente:

* Importo

rimborsabile

una chiave, Sw di sviluppo, documentazione.

al primo ordine; IVA e trasporto

esclusi. Offerta valida sino al 31/12/96.

Via Marocco 11 - 20127 Milano Te/. 02 - 26.147.380 (r.a.) Fax 26.821.589 E-mail: partner@idea.it - www.idea.itlpartner


ç~ni I

ostri prodotte per ,, Informatica ••• A casa vost a c e re alcosa· nuovo ~BIS

MlCROCOMPUTER

uchan

lpeormllf~b

I P

E A

M

E

R

C

A

T

callnllEII"E

TRUST VIDEO MOVIE -

o

EDITOR

Cattura immagini video in movimento a tutto schermo Riproduzione di video in movimento a tutto schermo Media Studio 2.5 VE della UlEAD per Windows 3.1x /95 Compressione (20:1) di video M-JPEG tramite hardware integrato Ingresso ed uscita segnale video composito (PAl, NTSC) e S-video (S-VHS, Hi-8) Ingresso ed uscita video collegabili direttamente ad un videoregistratore

- Possibilità di registrazione e di montaggio del suono completamente a 16 bit con la scheda sonora opzionale - Fornito con tutti i cavi ed il software - Facile installazione software, scheda senza piedini

L 699 000 •

TRUST ADVANCED GAME VIEWER - Convertitore video da VGA a video (PAL) -

Ideale per visualizzare i lliochi per PC sul grande schermo della TV Le immagini appaiono simultaneamente sul monitor e sul televisore Presa per video composito S-VHS e video RG8 Funziona in modalità testo, 640 x 480 e 800 x 600 (35,5 KHz) Posizione e dimensioni dell'immagine regolabili tramite software e con i pulsanti situati sulla superiore - Pulsante per l'attivazione di un filtro che consente di rimuovere la distorsione dei colori sullo schermo - Cavo Scart, S-VHS e AV - Trasformatore esterno CAlce incluso

DATA

SHOP

parte

L.289.000----------------~-~-------,S'

•••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

,\

TRUST SOUNDWAVE • -

1000

Sistema con due altoparlanti satelliti ed un potente altoparlante Capacità (di picco) di 260 W Funzione 3D per godere di un suono con effetto tridimensionale Casse in legno per garantire un'alta qualità sonora Controlli per volume, bassi e suono 3D Connessione per cuffia ed aJtoparlanti extra

: ~c~:r~a:u~aO ':gRn~t~ca che permette di

_~~~~~~a~~g~~:~~~~~ti vicino al monitor

3D destinato

ai bassi

\

er ncevere I ult,ma , ,nemp,te il ~u:~~n~ormativo Trust. c edizione del pac e

lll'------------------

\ "

tlaD'e

M/F

~ I Persona

da

contattare

L.199.000\,'~nd~in~.I~Io~-----------

••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••

Trust. Designed to

I

MCM."

~:Cap/LocaIità. _ -- ---L7:.-.-----:;,-bustaaperta.a: ·174-Blocco37, Inviare ,I co~~~ SRl, Via dei p,gnattan,

please~you.


Presentata una soluzione per la distribuzione digitale e la stampa di documenti via Internet

La stampa digitale a colori secondo Electronics for Imaging Lanciato Fiery XJ-W che segna l'esordio della compagnia sul mercato della stampa a colori di grandi formati: ..............................................................................................•

Electronics for Imaging, Inc., azienda leader nel settore delle tecnologie per la stampa a colori digitale, lancia Fiery XJ-W per stampanti a getto d'inchiostro a colori per grandi formati. Fiery XJ-W fa parte della famiglia dei Fiery XJ Color Server. Dotato di Adobe PostScript Level 2 incorporato e funzioni quali le tecnologie Continuous Print e Rip-While-Print. Fiery XJ-W offre la migliore qualità delle immagini ed i tempi di elaborazione documenti più rapidi dell'intero mercato della

stampa su grandi formati. Fiery XJ+ 500 Color Server per sistemi a colori per la produzione è invece un server che fornisce un'eccezionale ,potenza di elaborazione dei documenti. Il cuore di XJ+ 500 è costituito da una CPU MIPS R4700 della classe workstation dedicata all'ela· borazione di Adobe Post Script Level 2. La produttività globale del sistema viene migliorata grazie al bus dati a 66 MHz di Fiery XJ+ 500. Electronics for Imaging, Inc., annuncia inoltre il suo sup-

porto per la tecnologia PDF (Portable Document Format) Adobe. EFI offrirà ai suoi clienti i benefici del formato PDF quale standard per la distribuzione digitale e la stampa di documenti via Internet. A Seybold, San Francisco, EFI ha utilizzatoun Fiery XJ+ Color Server ed una fotocopiatrice a colori digitale per stampare direttamente documenti PDF distribuiti tramite una pagina Web. Lo scopo è quello di ridurre i tempi di tramissione delle notizie oggi, in virtù di tecno-

La gestione di un condominio non è solo una semplice somma di eventi contabili ma un intreccio di dettagli. DOMUS è il programma ideale per {'amministratore di condominio che consente un notevole deHaglio sulla immissione e sull'estrapolazione dei dati. DO" gestisce fino a 999 condomini per ognuno dei quali prevede 999 scale con 999 piani e 999 interni. Anagrafica condomini, appartamenti, voci di spesa, tabelle millesimali con relative stampe. Gestione uscite, entrate, stampa ricevute mensili ed a consuntivo. Stampa convocazione assemblea, ele,nco spese mensili sostenute, biloncio preventivo e consuntivo,

RIVEN

D

ITORI

AUTOR

logie come Fiery Color Server, PDF ed Internet, la formula è ..creare, distribuire e stampare su richiesta".

·~~I

Electronics for Imaging 5 Piace des Marseillas, 94227 Charenton-Ie Pont Cedex-France, Tel. 33-'-4'.79.00.00

-'cpmputll, Club Tel. 080/557.53.99

- Fax 080/556.46.13

HaI-Une 080/556.67.64

E-Mali: COMPUTER.CLUB@MAILCLlO.1T

~~

IZZATI

(AG) 0922-25360· L'Aquila (AQ) 0862-413261 • Atripalda (AV) 0825-782691 • Benevento (8N) 0824-42721 • Laives (Bl) 0471-955230 Quartu S.E. (CA) 070-827154 • Lanciano (CH) 0872-715462· Praia A Mare (CS) 0985-777437· Catania (CT) 095-338135 San Severo (FG) 0882-375841 • Tricase (LE)0833-545048· Casorezzo (MI) 02-90296122· Viadana (MN) 0375-780217· Napoli (NA) 081-2395663 Nola (NA) 081·5124265· Pianella (PE)085-973215· Vigevano (PV)0381-40928· Lagonegro (Pl) 0973-22843· Roma (RM) 06-5915417 Roma (RM) 06-39731500· Cassibile (SR) 0931-718852· Olbia (SS) 078-950115· Martina Franca (TA)080-902582 Udine (UD) 0432-509658· Verona (VR)045-8100875 Agrigento

ieQ.Q.·

.,

l


Cosa potete chiedere a una stampante, scanner,

PC fax, fax e copi atrice?

,.-,' .,

, .•....

.

"'"

,; .l', ••.

.l'

..

:; ~ ..

::- •••..••.•..

Canon presenta MultiPASS C30 con stampante a colori. Canon vi propone un partner d'eccezione: MultiPASS C30. E' un sistema multi funzione che vi offre tutte le capacità di una stampante a colori, di uno scanner, di un PC fax, di un fax e di una copiatrice. La STAMPANTE A COLORI, collegata al vostro PC, vi permette di stampare con il sistema Bubble Jet su carta comune formato A4, con una risoluzione di 720x360 dpi. Lo SCANNER vi mette a disposizione un alimentatore automatico da 20 pagine e la lettura sullo schermo del PC di testi, foto e immagini per la loro elaborazione. Il PC FAX consente un'automazione di tutte le procedure di gestione fax

tramite Pc. Il FAXvi assicura una stampa di qualità su carta comune alla velocità di 4 pagine al minuto e la trasmissione di una pagina in 6 secondi Cmodem 14.400 bps), una memoria base di 42 pagine e una batteria di back-up per protezione dati di un'ora. Infine la COPIATRICE vi offre una risoluzione di 360x360 dpi ed un utilizzo fino a 99 copie in b/n. Con MultiPASS C30 avete sul tavolo tutto quello che occorre al vostro ufficio. Di più: a un prezzo straordinariamente conveniente, avete un vero gioiello realizzato dal leader mondiale nella tecnologia del trattamento di immagini.

Canon

Il PIACERE DI LAVORARE INSIEME Canon Italia S.p.A. Via Mecenate, 90 - 20138 Milano Tel. .02/5092368 - Fax 02/26121962. Assistenza telefonica Pronto Canon 02/66984383


Da Unicars i nuovi diffusori per la multimedialità Q

uattro nuovi diffusori per computer sono stati posti sul mercato dalla divisione UniSwitch della Sistemi Unicars, offrono qualità elevata dal design elegante e compatto ad un prezzo TOlto vantaggioso . ...........................................

.

,

Chi è abituato a sentir "suonare" molto il suo computer si sarà sicuramente accorto della cattiva qualità di riproduzione: non solo l'altoparlantino di sistema è assolutamente insufficiente, ma spesso vengono collegati alle uscite audio esterne altoparlanti piccoli e di cattiva qualità che non rendono appieno le potenzialità sonore del computer. Sistemi Unicars, attraverso la sua divisione UniSwitch, ha posto in distribuzione alcuni diffusori dedicati ai computer, si tratta di quattro modelli di medio prezzo ma di qualità paragonabile all'alta fedeltà da casa. I quattro diffusori "Holiday", omologati secondo le direttive CE, hanno in comune dimensioni compatte compatibilmente con le prestazioni, un design elegante e sobrio, sistema di caricamento acustico bass-reflex, amplificatore incorporato, altoparlanti schermati, alimentatore di alta potenza a basso ripple e presa cuffia. Le potenze variano da 70 a 150 watt musicali complessivi con risposte in frequenza assai estese. Anche i cavi di

collegamento sono inclusi nella confezione. I modelli superiori consentono, le regolazioni oltre che del volume, sul pannello frontale, del bilancia mento e dei controllo di tono. I prezzi variano da lire 120.000 IVA esclusa del modello W94.600 con potenza da 70 W, a lire 258.000 IVA esclusa del modello di punta W94.615 da 150 W.

Sistemi Unicars Spa

ViaComo 8, 20063 CernuscoS/Naviglio Tel. 02/91.10.18.49

Ad Hobbytronica il virtuale è protagonista

S

i terrà al Lingotto di Torino, dal 20 al 24 novembre, la grande kermesse italiana dedicata alle ultima novità del virtuale, della multimedialità e dell.e telecomunicazioni. ........................................................................

Dedicata ad esperti e non del settore, la manifestazioni offrirà anticipazioni su tutte le più moderne tecnologie informatiche che saranno presto di dominio comune. Ad Hobbytronica il pubblico potrà non solo vedere, ma toccare e sperimentare in prima persona tutte le nuove possibilità offerte dalle tecnologie multimediali. In una grande sala di proiezione si presenta per la prima volta il Cinema Olografico, delle .bellissi me diapositive tridimensionali, 010-

grammi appunto, che garantiscono una assoluta fedeltà di riproduzione dell'oggetto reale tanto da spingere molti visitatori a cercare di afferrare l'oggetto o a cercare dietro la parete un inesistente spazio. Per quanto riguarda il multi media per famiglia verranno proposti nuovi hardware, set-box e tecnologie del settore entertainment. Ulteriori notizie sono disponibili sul sito del Lingotto, http://www.lingottofiere.it. MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


\1Jeo carJ Kernel con Tuner TV La soslentbtle leggerezza Jelfelere. Chissà perché certe riunioni fuori sede finiscono sempre poco prima del fischio d'inizio della finaledi campionato. O quante volte avete perso primo tempo e pazienza incolonnati in un simpatico ingorgo cittadino. Fortunatamente Kernel oggi vi mette a disposizione una soluzione a dir poco rivoluzionaria La Video card Kernel prodotta dalla Nogatech è, tanto per cominciare, una scheda PCMCIA;il che significa che è facilissima da usare, ingombra pochissimo, pesa anche meno e non richiede alimentazione esterna. Ha funzioni di acquisizione video: così, utilizzando una qualsiasi telecamera, la

prossima teleconferenza su Internet magari potrete faria in luoghi paesaggisticamente più interessanti e rilassanti del vostro ufficio. Ma la cosa più interessante è che la Video card di Kernel è dotata di un tuner 1V miniaturizzato, con uscita audio e antenna telescopica estraibile, che vi consente di trasformare il vostro portatile in un 1V color a 99 canali dalle dimensioni di un quaderno ed ilpeso di una piuma Ilprezzo? In sintonia: leggero come l'aria

Gliindirirlidei PlIdi VIIIIIb Aftiati KemeIsi In,. neIa PlOIa see-te.

KERNEL Consulting 00l841_ ria S. Cio,ami in latenno, 262 lei. 06177207000 Fu 06177205480

~-----------------o Vomi

altre informazioni sulla Video cani Nogatech.

O Inviatemi il catalogo completo dei prodotti Kemel.

Nome

_

Cognome---------Azienda

_

Indirizzo

_

Città

_

Tel______

k e~n

Fax

, 20139... ria C. B.Cassiis, 5/ lei. 02I5141016H8 Fu 0215/410174

".

http:// ••• .ll~i1 HRaiI:kemen@ne!wor1dil BIS 06mOO52


È un nuovo prodotto della taiwanese AverMedia

COM-P.A.

Con AVer Fun TV-Lite il PC diventa un televisore

i! salone per il cittadino

"

E

in grado di ricevere fino a 181 canali ed è dotata dello scanning automatico delle frequenze ...............................................................................................

AVer Fun TV-Lite è una scheda che permette di trasformare un qualsiasi personal computer in un televisore consentendo di visualizzare le immagini televisive direttamente sul monitor del personal computer; è in grado di ricevere fino a 181 canali ed è dotata dello scanning automatico delle frequenze. Il software in dotazione comprende un timer per l'accen-

"""""".&:RJII P_O:D:BV~eo& Via

cl.evùopus._* o"bercI.aD. •• Wo1ICJIII"A

~<OD~>a

•• ~ao

televideo ha un prezzo al pubblico di lire 297.000 IVA inclusa.

sione e lo spegnimento automatici e il TV scheduler che consente di programmare la visualizzazione di determinati programmi impostando il canale e l'orario corrispondenti, tutte le funzioni sono accessibili tramite un'apposita interfaccia OSD (On Screen Display). AVer Fun TV-Lite è disponibile a lire 237.000 (IVA inclusa) per la versione base, mentre la scheda con la funzione

Lindy Italia Srl Via dei Mulini 3, 22100 Como, Tel. 031/27.21.40

~

'doa

•••• .1. VIa cel·_·nd •.••~/h S8100a-TeL (CNrJ'II)__ '700

Si è conclusa a Bologna la terza edizione di COM-PA, il Salone della comunicazione pubblica e dei servizi al cittadino. Con un afflusso di oltre 10.000 visitatori e 150 stand tra aziende pubbliche e di settore, la manifestazione è stata animata dalla presenza di amministratori, giornalisti, esperti del settore e degli enti locali per cercare di migliorare tutti gli aspetti dei servizi offerti ai cittadini.

-~EI

Conference Service Via Tagliapietre 18/b. 40123 Bologna. Tel. 051/33.14.66

.z:ozx VIa.&.e::-a-

_

~O:uleTonTeL <O~

8411 •••••••


GROUI'

Facal~'

Numero 2/ Ottobre 1996 Distribuzione Gratuita

La catena italiana dell'informatica di qualità

••• srnau •••

96

Esposizione internazionale dell'information & communications

AAAAAA Faear Faear Faeal Faear Faeal

technology 18-22 ottobre

R

I fiERA

R

Faear

1996

MILANO

PAD. 11 51and A02


Facal point News: Personal Computers & accessori - pagina 2

Personal Computers Proxima (R) Proxima Multimedia: la qualità al miglior prezzo. E ti regaliamo Internet!

Proxima Mullimedia Family

Proxima Mullimedia Work

Per iniziare alla grande! Scheda Madre: Pentium con 256 Kb pipeli"ed cache, Plug and Play. CPU: AMO 5K86· 100. Memoria: 8MB Standard. espandibile a 64 MB, Hard D;sk da 850 MB EIDER, F!oppy Drive 1,44 MB 3.5". Scheda Video: PCI1 MB 64 bit MPEG. Interfaccia: Parallela EPP/ECP, Doppia Seriale 16550. Tastiera: Italiana 105 tasti per Windows '95. Mouse: Microsoft Compatibile. Software: Windows '95 + Plus per Windows '95. eD Player: Ottupla velocitàà AIAP!. Audio: Schede a 16 bit, Plug and Play. Monitor: 14" Colore non interlacciato a 1024x768 0.28 dat pitch. Casse: Coppia di altoparlanti da tavolo. Internet: 1 barattolo di puro pomodoro telematico (1 mese gratuito) .

Mon\tor \nc\~SO~

'lefl

.

\.0'11

Per la produttività personale.

,

pf\ce.

Scheda Madre: PCI Pentium Triton 2 con 256 Kb cache Pipelined. Plug and Play. CPU: Intel Pentium 133 MHz, Memoria: 16MB Standard. espandibile a 128 MB, Hard Disk da 1.200 MB EIDE, Aoppy Drive 1,44 MB 3.5", Scheda Video, PCI l MB 64 b;! MPEG Player. Interfaccia: Parallela EPP/ECP, Doppia Seriale 16550, Tastiera. Tastiera: Italiana 105 tasti per Windows '95. MOlIse: Microsoft Compatibile. Software: Windows '95 + Plus per Windows '95. Audio: Scheda Sound Card 32CE. CD Ptayer: Ottupla velocità. Monitor 14" 0.28 non interlacciato. Casse: Coppia di altoparlanti da tavolo. Internet: 1 barattolo di puro pomodoro telematica Cl mese gratuito).

Mon\tor \nc\USO~

·Proxima Mullimedia Pro

lnc~us~

Proxima Nel Server

Decolla con la potenza! Monitor \nc\USO~

2.489.000

Altissime prestazioni. Scheda Madre: PCI Pentium Triton 2 con 512 Kb cache Pipelined Burst, Plug and Play. CPU: Cyrix 166+ (133MHZ>, Memoria: 32MB Standard. espandibile a 128 MB, Hard Disk da 2.100 MB EIDE, Floppy Ddve 1,44 MB 3.5". Scheda Video: Matrox Millenium 21. Interfaccia: Parallela EPP/ECP, Doppia Seriale 16550, Tastiera. Tastiera: Italiana 105 tasti per Windows '95. Mouse: logitech seriale. Software: Windows '95 + Plus per Windows '95. Audio: Scheda Sound Card 32, CD Player: Ottupla velocità. Monitor: ADI 4V 15" 0.28 dot picth. Casse: Coppia di altopar· lanti da tavolo. Internet: 1 barattolo di puro pomodoro telematico (1 mese gratuito),

Scheda Madre: PCI Pentium Triton 2 con 512 Kb cache Pipelined Burst, Plug and Play. CPU: Intel Pentium 200MHz). Memoria: 32MB Standard, espandibile a 128 MB. Hard Disk da 2.100 MB Wido SCSI sU controller Adaptec 2940 Ultra Wide Master Kit, Aoppy Ome 1,44 MB 3.5". Scheda Video, PC! l MB Dram 64 Bit MPEG Player. Interfaccia: Parallela EPP/ECP, Doppia Seriale 16550, Tastiera. Tastiera: Italiana 105 tasti per Windows '95. Mouse: Microsoft compatibile. Software: Windows '95 + Plus per Windows '95. CD Player: Ottupla velocità. Monitor: 14" non interlacciato a 1024x768. Internet: 1 barattolo di puro pomodoro telematico (1 mese gratuito).

CD81

Mon\tor \nc\uSO~

Quanrurrr

Hard Disk

,

, I;

1

Removibili

Hard Disk

HO EIOE 850MB

HO EIOE 850MB

HO EIOE 1200MB

HO EIOE 1200MB

lomega ZIP su porta parallela lomega ZIP SCSI interno

HO EIOE 2000MB HO EIOE 2500MB HO SCSI 2100 WIOE SCSI

HO EIOE 2000MB HO EIOE 2500MB

lomega ZIP SCSI esterno lomega JAZ SCSI interno

HO SCSI 4300 WIOE SCSI

'lefl

\.0'11

Pr\Ce~

HO SCSI 2100 WIOE SCSI HO SCSI 4300 WIOE SCSI

~

da 259.000

'lefl

:nc~u~

Microprocessori Intel Pentium 1ntel Intel Intel Inlel Intel

100

\.0'11

ft'

,

rf\ce.

lomega JAZ SCSI esterno lomega Oitto interno lomega Oitto esterno

~

da 259.000

:nc~u~

RAL RAL RAL RAL RAL

AMO 5K86·75 AMO 5K86-1 00

\.0'11

Pr\Ce~

Memorie Simm 8MB 72 pin 8MB 72 pin EOO 16MB 72 pin 16MB 72 pin EDO 32MB 72 pin

, 'Je'~loWp"ce. .

RAL 32MB 72 pin EOO ,

le nuovissime Mystique offrono il massimo delle performance a costi contenuti, Compatibili Windows '95 e ottimali sia per grafica che per giochi 3D,

'lefl

'lery \.0'11 rf\Ce. ATTENZIONE:

I PREZZI

NEI" SETTORE

INFORMATICO

VARIANO GIORNALMENTE:

:nc~us~

Tutta la gamma della Matrox disponibile a stock, Le Millenium da 2MB e 4MB espandibili a 8MB,

.

Cyrix 6x86·166 ft'

da 319.000

Matrox

RAL 4MB 72 pin RAL 4MB 72 pin EOO

Pentium 120 Pentium 133 Pentium 166 Pentium 200 Pentium Pro 200

'lefl

VI CHIEDIAMO

\.0'11

DI CHIEDERE

,

Pf\Ce. LA QUOTAZIONE

AGGIORNATA.


Monitors

- pagina 3 - Facal point News

Nlonitor Parade! CPD-100SX

SONV

Caratteristiche: Alta risoluzione a 0.25 dot picth, Tubo Triniton 15", tecnologia Multiscan controllata digital· mente per supportare multi· pie risoluzioni PC e Macintosh fino a 128Oxl024 non interlacciato, Windows '95 PnP competibile, frequen· za orizzontale 31-85 KHz, fre· quenza verticale 50-120 Hz, temperatura colore 9300 Kelvin, supporta gli standard EPA, MPRII, Nutek, Nuovo: regolazione Rams

PHILlPS

SONV

-=_.~

839.000

959.000

Inclusa

879.000

Inc~us~

PHILlPS

1.999.000 Inc~us~

PHILlPS

...gl i occh i gradiscono! ~ •.. ~

.•..•....-.•. ,-.,. ~. [] _.~~-

.

l

..

171

Caratteristiche: Alta risolu· zione a 0.28 dot picht, Tubo a maschera Invar per una altissima definizione tecno· logia Autoscan, risoluzioni fino a 1280.1024 non interlacciato, Windows '95 PnP DDC1 (VESA standardl e DDC2B (12CI compatibile, frequenza orizzontale 30· 66KHz, frequenza verticale 50·160 Hz, On Screen Display, conforme alle specifiche TCO 1992/Energy Star, TCO 1991/MPRII.

r---------------------------------, r.;;] (

~ . i;;j -•

lnc~us~

Irilliance 17A

Caratteristiche: Alta risolu· zione a 0.26 dot picht, Tubo AGRAS Flat Square 17" a fosfori EBU per una altissima definizione, tecnologia Autoscan. risoluzioni fino a 1600.1200 non interlaccia· to, Windows '95 PnP DDC1 lVESA standardl e DDC2B (12CI compatibile, frequen. za orizzontale 30-82KHz, frequenza verticale 50-120 Hz, On Screen Display, conforme alle specifiche TCO 1992/Energy Star, TCO 1991/MPRII.

CPD-17SFII

SONV

Caratteristiche: Alta risoluzione a 0.25 dot picth, Tubo Triniton 15", tecnologia Multiscan controllata digitalmente per supportare multiple risoluzioni PC e Macintosh fino a 1280xl 024 non interlacciato, Windows '95 PnP compatibile (DDC· 2ABI, frequenza orizzontale 30-85 KHz, frequenza verticale 40-150 Hz, supporta gli standard EPA,MPRII, Nutek.

I V A

Irilliance 15A

Caratteristiche: Alta risoluzione a 0.28 dot picht, Tubo Flat Square 15", tecnologia Autoscan, risoluzioni fino a 1280.1024 non interlaccia· to, Windows '95 PnP DDC1 lVeESA standardl e DDC2B (12CI compatibile, frequen. za orizzontale 30-66KHz, frequenza verticale 50-100 Hz, On Sereen Display per la regolazione semplificata, conforme alle specifiche TCO 1992/EnergyStar,TCO 1991/MPRII, comprende anche casse e amplificatore.

CPD-15SFII

Caratteristiche: Alta risolu· zione a 0.25 dot picth, Tubo Triniton 15", tecnologia Multiscan controllata digital. mente per supportare multiple risoluzioni PC e Macintosh fino a 128Oxl024 non interlacciato, Windows '95 PnP compatibile (DDC· 2ABI, frequenza orizzontale 30-65 KHz, frequenza verti· cale 50-120 Hz, supporta gli standard EPA,MPRII, Nutek.

.•

1.469.000 lnc~us~ Monitor 14" Colore n. i• Caratteristiche:

Alta riso-

luzione a 0.28 dot picht, Tubo 14", risoluzioni fino a 1024x768 non interlacciato, frequenza orizzonta-

I. 31-35-48KHz, comandi frontali per la regolazione semplificata, conforme alle specifiche Energy

Star, MPRII. Ba•• basculante

per una maggiore

\

~429.000

I V A

Inclusa

Abbiamo scelto per Voi

~ Caratteristiche monitor

001"""

FItQUef\l~(lfl.lLCll"Ilale FreQl.lef\Za

••ertoe.ale

640•.Jeo 800 •.600 t60-7Z

Hzl

lQ24 .••768(l)

102·h768 (60 Hz) In t I 102•• 768 (70 Hz) 12Blbl02.& 160 HzI OtsplayMolde t Fui

".-. ··• ·

ProVista 14 028"""

~$d'leflTI'-

Jl3S.&8KH~ 5O--100H~

~la7.5nY11

SCfeen

LowRadlatlOn

I.tPR2

MicroSCan4V

".-. ··· ··

".-. ·· ···

MlcroScan SV

Mlcroscan SV.

OZ8nY11

0.281'M"l

026'"'" 17 polo

J().6o: Kti: SO-I00H~

»6-1 Kti; SO-l00Hl

3<>6'''''-' 5Q-tOOHl

:JOC>.Z25mm 316.237 trm I.IPR2

:JOC>.Z25mm 31fi)237nwn

·

2 19~rrm 280-.210""" J.lPA2

·· ·

·

A Very low Price!

I SONY

MPR2

~---------------------------------~

PHILIPS

AITENZIONE: I PREZZI NEL SETTORE INFORMATICO VARIANO GIORNALMENTE: VI CHIEDIAMO DI CHIEDERE LA QUOTAZIONE AGGIORNATA.


Facal point News: Notebooks

& stampanti

- pagina 4

Potenza & qualità

Texas Instruments: co legati con il Mondo.

Accessori Notebook

... .....8MB

Caratteristiche:

Modello. Extensa 4xx

Part Numben

Ram da 4MB

&teMe ••••

9803932·0001

1103I5O-OOO1

Ram da 16MB

Extensa 4xx

&teMe1Jlll Extensa 5xx

9803933·0001

1801810·00«»1

E...-Iu

Ram da 16MB

9804841·0001

••••• da 32MB

1801811-0001

Tm5000

Ram da 8MB

9798816·0001

TIdOOO

••••••

8718111-0002

1••••

~

Extensa 510

Extensa 560 CD

Extensa 570 CDT

Processore: Inlel Penlium/l00 Mhz Schermo: 10.4" Dual Scan, 256 Colori 1 Mb Video Ram. Memoria: 8 MB Slandard, espandi bile a 32 Mb, Hard Disk 810Mb Removibile, Drive 1.44 Removibile. Inlerfacce: Seriale 16550, Ecp/Epp parallela, seriale a infrarossi, inlerfaccia Suono

Processore: lnlel Penlium/75 Mhz Schermo: 10.4" Dual Scan, 256 Colori 1 Mb Video Ram. Memoria: 8 MB Slandard, espandibile a 32 mb, Hard Disk 810Mb Removibile. Cd4xSpee Inlerfacce: Seriale 16550, Ecp/Epp parallela, seriale a infrarossi, Interfaccia Suono

Processore: Intel Penlium/l00 Mhz Schermo: 10.4" Dual Scan, 800x6oo 256 Colori 1 Mb Video Ram. Memoria: 8 MB Slandard, espandibile a 32 Mb, Hard Disk 1.2 Gb Removibile, Drive 1.44 ·Removibile. Cd4xSpeed Inlerfacce: Seriale 16550, Ecp/Epp parallela, seriale a infrarossi, Inlerfaccia Suono

3.796.000 Texas Microlaser

--~-

• ....:-----:""

Epson

IInclusa V A

Tecnologia: Laser Velocilà: 6 pagine al minulo Linguaggio: Windows Prinling Syslem Risoluzione: 600x6oo dpi Alimentazione fogli: cassetto fino a 100 fogli. inserilore manuale Inlerfaccia: Parallela Bidirezionale alla velocità

Linguaggio Hp Pel 600 dpi

80 col, 24 aghi

136 col, 24 aghi -

225epsdlt

225epsdlt

Linguaggio

linguaggio

Ese/P2

Ese/P2

360 dpi Parallela

360 dpi Parallela

EPSON

EPSON

~ery l.oW Price~

969.000

6OOX600Ret Parallela

aghi ed InkJet EPSON Epson

Stylus

1500

Epson

1.999.000 :nc~~

Inclusa

Stylus

:nc~~

Pro

l.oW Price~ Parallelae Rs422 ~eryEPSON 949•000 IInclusa V A

Compatta upgradabile a colori

6OOx300Ret

HP Deskjet 820 Cxi

369.000 :~~

r!."'" HEWLETT lL.~PACKARO

Colore bln doppia cartuccia

Parallela

600x600Ret Parallela

bln

HP Deskjet 870 Cxi

HP Deskjet 690

Colore solo per Windows

Colore b/n doppia cartuccia

6oox6ooRet Parallela 8 pago min. in

bln

649.000 inJu~ NEL SETIORE

679.000

A4 Colore Quadricomia Inkjet 720x720 dpi su carta comune tecnologia mach

6OOx300Ret Parallela

4 pa. min. in

I PREZZI

Parallelae Rs422

EPSON

Portatile upgradabile a colori

4 pago min in B/n

ATIENZIONE:

500

Colori Quadricomia inkjet - 4 ppmm tecnologia Mach 720x720 dpi su carta 1'1' speciale e normale

3 pago min. in bln

I V A

4 pago min. in

Stylus

~ery l.oW rnc.e'

Epson

HP Deskjet 600 a colori

8.31 8.000 lnc~u~

lnc~us~

A3+, A2, Inkjet b/n . 400epsdlt upgradabile colore 720x720 su carta comune

•••••••••••••

B/N Upgradabile

Processore: Intel Pentium/120 Mhz. Schermo: 11.3" Tft 800x600 65 K colori Momo"a: 8Mb Edo Standard, •• pandibila a 72 Mb Hard Disk d. 1.08 Gb. Interfacce: Parallela Epp/Ecp, Serial. 16550, Tastiera/Mouse Ps/2, Audio In/OutlMicrofono, Pcmcia di TIpo 11Icon due slot a 68 pin (supporta schede 3v, 5v, e 12v), Seriale ad infraro•• i per connessioni senza fili. espansione Pci esterna. Audio: Scheda audio 16-Bit E•• (compatibile Sb pro. ThunderBoard>,microfono interno Duale Mode, altoparlante interno, line in e line Out con Mixer. Software: Windows 95 e Windows for Workgroups/Ms 008.

Lq • 1070+

Epson

600 dpi Parallela

Parallela

L~~C~RD

Lq·570+

Laser 6 pagine al minuto Linguaggio Hp pc!

Economode

r~;:'I HEW\.UT

Stampanti

Win/4

'. 439000 •

5.349.000

lnc~us~

TravelMate 6020

INFORMATICO

VARIANO GIORNALMENTE:

VI CHIEDIAMO

b/n

999000 •

1

r!."'" He:W\.I!TT L~PACKARD

DI CHIEDERE

LA QUOTAZIONE

VA

Inclusa

AGGIORNATA,


Modems, Scanner, eD-Rom - pagina 5 - Facal point News

Add-on e Peri'feriche

Worlport

Leonardo 33.600 est.

PCMCIA V.34

Tiziano 33.600 est.

=---../. ••....

Velocità:

33.600

Funzione

Voice: disponibile

Correzione

modem,

Velocità:

e errori: V.42, Mnnp 2-4

Compressione: Inlerfaccia: Velocità

14.400 fax 28.800

Correzione

modem,

14.400 fax

errori: V.42, Mnnp

seriale Rs-232C

Ec, Enhanced

Inlerfaccia:

25 pin

115.200

33.600

Funzioni:

Compressione:

2-4

V.42 bis, mnnp5

max seriale:

Velocità:

Velocità

bps

modem,

fino al 400%

max seriale:

Segreleria 25 pin

115.200

bps

549•000 IInclusa V A

incluso

33.600

modem,

14.400 fax

Dati e voce contemporanei lelefonica,

Fax on Demand,

per Fax e Datacomm

O digicom

Sidin 28E 28.800 est.

Velocità: . Funzioni:

seriale Rs-232C

Software: Inlemet

14.400 fax CelI. Prolocol

Cellular

Prolocol

Internet:

incluso

VoiceMail

MNP10/EC

Box,

Enhanced

Odigicom

ModemiFaXNolce -S-picierman - - - ,

ZyXEL 28641 V.34 ISDN f'" - - -

,J,·b·'l e... '" 'nefeul Velocità:

28.800

Correzioni

modem,

Compressione: Inlerfaccia: Velocità

14.400 fax

e errori: V.42, Mnnp

max seriale:

Velocità:

28.800

complelo

25 pin

V.34. Comprende

bps

Compressione:

57.600

modem,

di modulo

Inlerfaccia:

voice: disponibile

Sidin

e

V.42 bis, Mnnp

seriale Rs-232C

Solo

leria

ricevere in

anche il modulo

funzionare

voice.

dendo

5

anche a compuler

la slampanle

registrare

25 pin e parallela

1.259.000

ZyXEL

È un modem V.34, è un fax G3, è una segre· lelefonica digilale, è progettalo per

14.400 fax

Isdn Digitale.

per linee Isdn, può chiamare

V.42 bis, Mnnp5

seria le Rs-232C

Funzione

2-4

fino

33.600

Correzione

Compressione: Inlerfaccia: Velocità

modem,

2·4

V.42 bis, Mnnp

seria le Rs-232C

max seriale:

Complelo

14.400 fax

errori: V.42, Mnnp

57.600

5

Velocità:

33.600

Correzione

può

a 69 messaggi

vocali

e 30

pagine fax nella sua Ram,

Inlerfaccia:

bps

Velocità

di cavo & Software

Completo

:nc~u~ L

Mo'l( a W\ond\a\e\ '"

1 VA • Inclusa~ 699000

'\'

Pomodoro Telematico

CIRIO

57.600

inlemel,

bps

alle persone

più inesperte.

te innovativa,

da regalare

Itftft

~;};}.

Finalmente un barattolo di puro pomodoro telematico concentrato. Un mese di abbonamento a

5

25 pin

di cavo & Software

11'I

11'I

Rs-232C

max seriale:

con

2·4

V.42 bis, Mnnp

seriale

è espandibile

memoria SIMM slandard, è omologalo PPTT e CE. È incredibile, è Spiderman....

14.400 fax

errori: V.42, Mnnp

Compressione:

25 pin

modem,

accen·

serve,

Trust 33.600 est.

Velocità:

spento

quando

000 IInclusa V A

manuali

per l'apprendimenlo L'ideale

dell'uso, per iniziare

agli amici! Attenzione:

una nuova inlerfaccia a navigare

grafca

nella ragnatela!

è necessario

pe facilitare

Confezione

l'uso anche assolutamen-

un apriscatole!

Il mondo dei eD·Rom

Masterizzatore Transfer lreadl,

rale: quadrupla

Tempo di accesso: Inlerfaccia: Cassetto: Formali CD-ROM

(wrilel

390 ms

Scsi/2 molorizzalo,

supportati:

senza caddy

eD-DA,

OlAl, CD·Bridge

Mulli-Session, Cache:

a 705 Kb/sec

doppia 352 Kb/sec

CD.I, Video·CD

1 mb

PHILIPS

SONY

CD CDD-2000

CDU-88

SONY

CDU-111

\

~--__~ -t.\

..

r~ ~.. o,.:J ' ,0 - 'le,~low ,,,ce. 959.000

lnc~u~

Velocità:

Velocità:

Ottupla

Transler

Buffer: 256 Kb Tempo di accesso: Inlerfaccia: Cassetto:

160 ms

Atapi molorizzalo,

senza caddy

sestupla

a 900 Kb/sec

rale: 11.1 MByte/s

Tempo di accesso:

max bursl

160 ms

Inlerfaccia: Atapi Cassetto: molorizzalo,

senza caddy

179.000 :nc~us~

ATTENZIONE: I PREZZI NEL SETTORE INFORMATICO VARIANO GIORNALMENTE: VI CHIEDIAMO DI CHIEDERE LA QUOTAZIONE AGGIORNATA.


Facal point News: Salvataggio Dati - Gruppi di continuità - pagina 6

Salvataggio & Protezione

, IN\V _ .. •.•.•..... -~

..

, --

LITE 400 IN\V

LITE 600 " IMV

--

•_ ••." .Tn •.•.•

~

baLANce

'li ••••

~

,.

1000

•.••••••

,

-".11'." ''''',.,

~

···

Autonomia:

5 minuti

Onda: PseudoSinuosidale Dotazione: Spia di sovraccarico, spia di allarme, spia di batterie scariche, lnlerfaccia, Nelworl< per collegamento al computer, Kit Powerflag <Software e cavo) per il moniloraggio del Gruppo con spegnimenlo e salvataggio dei dati in ambienle Windows.

Polenza: VAi400 Aulonomia: 10 minuti Onda: PseudoSinusoidale Dotazione: -

1

VA

Dotazione:

Spia di sovraccarico,

--------

Gnappi Victron

Polenza: VAi 1500 Aulonomia: 5 minuti Onda: PseudoSinusoidale

Polenza: VAi600

...:- 1509081

CE

IMV

spia di sostihIzio-

ne batteria. spia per test batteria, spia di allanne. spia di batterie scariche, interfaccia Network per collegamento al compulef', Kit Powerflag lSoItware e cavo> per il monitoraggio, spegnimento, salvataggio e riaccensione del computer in ambiente Windows. Programmazione per test. accensione e spe.

--_... ... t_ Uta 800

800VAi

7m;n. PMUdo olnuoold.

Uta 1500

1500VAI

4min.

•••••••••••••••

PMUdo olnusolcl.

a.III. ••••••.

INetPro 2000 2000VA

7m;n.

olnusoid.

•••••• J-. ••••••.

gnimento del gruppo di continuità.

1.399.000 lnc~u~

299000 • Inclusa

Joystick • Scanner ad altissima risoluzione

Quickshot

Scanner Mustek

800·6400 Il Singola Passata Il'

,

'Jer loW rrlCe.

429.000 859.000

Risoluzione: 6400 dpi Sw Profondità: 30 bil Ottica:Ccd Velocità: 3 volle superiore di un "oonale

In ogni Facal Poinl è possibile trovare tutta la gamma Quickshol. Casse, Joyslick, mouse, schede

audio. tastiere

musicali.

599.000 859.000

scanner

triplice passata Compalibilità: Twain Inlerfaccia: Scsi unclusal Software: per Windows 3.x195 incluso compreso OCR

Sido KilSP

I vostri dati riposti in mani sicure.

~TDK. Dischetti 3.5HD formattati

-

Senza errori, ad alle prestazioni per durata ed alfidabililà. Se avele un portali le ed usale spesso il drive floppy, il basso attrilo inlerno del dischetto vi permetterà di allungare la durata della batteria.

Cartucce streamer DDS

La superiore qualilà Tdk per inconlrare le esigenze dei professionisli: riscrivibile 10 milioni di volle! 30 anni di durala! Conformi alle specifiche Iso e Ecma. 100% errar Free. da 128 Mb a 1,3 Gb.

Ideali per backup a lungo lermine. Compalibili virtualmenle con ogni slreamer QIC, hanno una affidabilità superiore pe ril loro alto grado di molecole magneliche. Disponibili preformattale.

Per il vostro streamer 4mm, DDS e DDS2, il grado di purezza e la grana ullra-fine delle particelle melalliche di quesle carlucce, vi permetteranno di effettuare dei backup sicuri e duraturi.

------

VAInclusa • 99OO'

Mouse High Quality

CD·Rom Vergini minuti

Oltre ad avere una meccanica di allo livello, queslo mouse è slalo disegnalo

Progettali per l'alta velocità di registrazione. questi ed supportano la quadrupla velocità in scrittura. Disponibili da 18 min. a 74 min. N.B.: dala l'allissima richiesla si consiglia di prenotarli presso un Facal Poin!.

Cartucce streamer Helical

tutti

gli

streamer

8mm

che

usano

la

permetteranno

di

performance elevale.

eseguire

backup

con

~TDK.

Cartucce streamer Q.C

~, .. Per

489.000

Dischetti Magneto Ottici

\~269OO' .... t..\~. • VAInclusa

lecnologia Helical Head. il grado di purezza e la grana ultra-fine delle particelle metalliche vi

dia, negot., lucidi

ergonomicamente.

Inoltre

disegni

rendono

piacevole

integrano

bene con il vostro

le colorazioni l'aspetto Pc.

39.900 lnc~u~

ed i e si

-------

------TDK··

....t..\~\~. 19.900 :nc~u~ ~, ..

NOW RNO FOREVER

....t..\~\~. 19.900 :nc~us~ ~, ..

ATTENZIONE: I PREZZI NEL SETTORE INFORMATICO VARIANO GIORNALMENTE: VI CHIEDIAMO DI CHIEDERE LA QUOTAZIONE AGGIORNATA,


Software - pagina 7 - Facal point News

I lTIigliori pacchetti

soft~are

"'0.

"~"""o.-•••• ~J}> ..,. •

""''>,~lQ;"

3D BODYAdventure "corpo ~ 1ntJ(JQ! 3D 80dy Ltv"nhKI • l'unlço pn>gramma di an.tomi. che riproduc. il corpo UlNlnoch. ruota c;:on un semplicI movimentod.1 mou••• dà l. P'O •• ibillUi all'ut.ntti di.Ji)Iorame tutte le parti. Progettlto pw vtenti ct.glì otto Wlnlin MIil prog~1I'III eonNnt. di ~end.ra tutto d6 cM~g1jorpti,I~i."~dello ~.ntutto'~wtocUigtodli ~t1 dMlm.ttono .1•• P"O"" le ~ione Kquiaite. U tec· noIog~ in 3D con ".ulUlo degli Ippoeiti occh'-U permetti'" ~ .spIOt'lUioned,I corpo •.• unleli ".1 .uo ".nlre, In quanto l'utentI potr'vl.""ilre.U'lntlmodl tutt,l,caviUi d,I

_0

""'PO.

VA • 999OO ' IIICIusa

@~@)PRIX2

Il gioco piil atteso dell'Inno: .perlm.ntat. l'.modone di UNI,,"ra In Formule 1 mettendOYl.l vollnt. d.l vo*o bolld. pr.,.rito. Non .~.ttI più confinI tT. realtà. ~~ion. quando KhIKcillte il .-1-1. dell'aceelllr'Morel Guwdaota il r.p.yd.ogni an(tOIo• godetevi pim dei ~~ntaidefltici.quelllrNli ~,..I nomi degli ~Mrl Fermet.vi • ~""omlNpet""piogg~~ .ncheo IIllmpo cambi,1 COMPLETAMENTE

99.900 ~

Deadly Tide

Cinemania '97

Gol!

Finelmenleln italianollfamolll enclclopedl. del cin.m •. che tornI Incor. plil riCCI di mlteri.le econ colleglmenti diretti Il mondo on·Uneper non Iv.re p1illimiti nell'e.plorazio· ne. Troverel•• uI ed Rom pili di 20.000 film citati e 4000 profili dilrti,ti .

:':Iu~

Il gioco di .imulazione del calcio. Polr.l. pr.nd.re in m.no I. .ituulon. c.mbilndo Il foro INIzion•. I. tattich. d.1 gioco. lanci.ndovl alla conqul.ta del vo.tro campion.tol Con un modem • Window. 95 potr.t. sfidar. a dittanzl quaItiNi vostro amicoin un ctmpiontto Qn.linel

:~u~

li nuova v.rsion. itllilnl dlt· foplf"l di .spIorazione che gutct.allalCOpIftIdei suoni ditullo il mondo. Sched•. ill'lll'llgini• audio·clip raccontino gli .tru· mentimu.lcaliel.lorooriglni. E po•• ibll. a,coltar. il auono di oltr. 200 .trum.nli da lOti o in dÌlle~ contllti mu,~li.

VA • 99ooo ' IlIClusa

Close Combat

VA • 99ooo ' IlIClusa

Monster Truck

tibII•.••••••••

piV_

modtnt,•••••

o

79.000 i.J.~ '-Y

Contiene

Nuova edizione

Sistemi operativi WIndow.

Corel Draw 6 è la dotazione di software grafico più robusta disponibile sul mercato. Comprende software per creazione illustrazioni, foto ritocco, presentazioni gestionali multi me· diali, rendering e animazioni 3D. Sono incluse otto grandi utility e straordinarie librerie.

tempo e

migliaia di c1ipart da Corel Web Gallery in formato Gif e Jpeg pronte per Internet. È possibile anche vedere come la propria home paga apparirà nei più popolari browsers. Disponibili anche filtri di conversione.

,

:1IC~u~

OfficeStand ••.dMac

169.000

:~u~

.

Works

Publisher

Viwaf &.ic Professionll MicrolOflWorb

MicroIOfIPublither

VilUaIC.+ Profe"ional

169.000

:~u~

offre la possibilità di pubblicare informazioni direttamente su Internet in un formato attraente

accattivanti home pages

. "0'11,\$

..•.....

SllUllel1tidi sviluppo

Corel Web Data

Corsi Web Designar è una potente applicazione che permette di creare senza alcuna esperienza di Html. Troverete al suo interno dei modelli predefiniti che permettono di 'risparmiare prezioso

Applicazioni Office ProfeuioNlI alW95

Nt Woril .botion

109.000

'VA • IlIClusa 999OO

Con stupefacente velocità, potenza e accuratezza e centinaia di miglioramenti,

VA • B09000 I Inclusa

-.,

Window. 95 Agg.

Il meglio della grafica a 32 bil.

99.000 ~

Questo prodotto, dedicato agli studenti, permette loro di accedere facilmente e a bassi costi alle nuove tecnologie Microsoft, di avere a disposizione i prodotti in versione originale senza incorrere nei rischi derivanti dalla violazione delle leggi che proteggono il Software e di entrare a far parte di quella categoria particolare di utenti privilegiati che prende il nome di Utenti Registrati Microsoft, con tutti i vantaggi che ne derivano.

La mia prima enciclopedia

IN ITALIANO

69.000 ~

Microsoft Licenza Studente

Il

COMPLETAMENTE

Sistema Solare li f.ntlllica lIIIIentuf'l di MI•• Friule e della _ IimpoWc.ICOtar•• ca alt••• ploruion. d.1 Si.tema Solare. Sperimtnlar. in primI p.r.on. con giochi .d etperimenti. 111*01I d'ordine.• .i po"ono per.ino v.d'r. de; belliuimi filmatilr8tIidtgIi trdWi Nasa.U.5.JetPropulsionLtbs.

Una nuova straordinaria offerta promozionale ad un prezzo particolarmente conveniente. Microsoft Kit per l'ufficio offre gli strumenti essenziali per l'automazione di un ufficio moderno e funzionale. Tutti i programmi sono in lingua italiana e corredati di manuale d'uso

ft'

MANUALE IN ITAUAHO

Clnqua b.mbinl ti .lut ••.••.• no.cl errampk:.rti .uJl'.lbero della conoac.nu per ICOpI'ir.il mondol CllOno ban IOIree dI'J9lora •.•: Io.pazlo.Il geogr.fi •. Il corpo urntnO. opIf"elrChitlttonicha e ~1'tlimenllZione.llra.portl.1rtI • cultura. Il ten'Io,la nawr., Iolpcwt e i parsonaggì '-moti, gli ••.•imali. NtitoIoof'fre 18Slnimarioniorigin-'i. duaora dì 1ftU". pili di ISOgiochi: • corredato da ctnqve librida dlping••.• .dto.tlmpar'.

VA • 99000 I IlIClusa

Offerta

ILGIOCO CHE HAFATTOSTORIANELMONOO: tutti la forze .1 mondo sotterraneo .i sono rI't1l•.••II.ull.T.rra.per.alvarl.d.vl dl.c.ndere n.ll •• u. vilC.r •. Sconfiggi i demoni el mo.tri più 9r••.•di, Clttivl • mort.llln 'Cen.rI di .mbianllZiona virtu.l. hontJ"tiea. CerCI sopratlutlo di 1OfI'II....,;.,.,..I Potral •.•ti.tel'"'lllaforti.mozioni1

'VA • Inclusa 499OO

'VA • hldusa 99ooo

Microsoft Kit per l'Ufficio

1.599.000 l~u~ 'Jel1low rf\ce.I

119.900 ~~

109.000

L'.nciclop.di. d.1I1 Mu.lca Moderni per trovare 1'Cllmenl. lnlormuioni dett'gti.ti •• ime. materllia multimedialeIUIIImuliCI ch•• i 1m•. BlulI, country. danoe,euy btelWlg. foIk.gospeI. meIIiI.;.z:z. mtMnIshows, new tg •• popIrock. R&RI501.11. Rlip.~.WorkIllWAÌC.tItro!

1 CupOffic.W95 2Iic.nz'Word 1 copi. di Publither 95 Internet ExpIorer3.0 nu~modallil~ per crNr.documanti.

IN ITALIANO

Chi orrn.ainon conoM:' que.tt f.ntutict encidopedit? Migll.il di notizi •• filmlti. Iroomanti di int••.•••• ch•• p.· zi.no in lutti l Clmpi. Compie· tJ,m.nl.multimediale!

Music Central'97

IprWnogjococltimlUziol'llperPl: perglilmllltidel •.••••• deIfuo. riw.dl, .pedlhnl<'ltedIgIi tp«:~i 'tIIicoIi.qutIlror\lOtItmotriddlenegii StlitiUnititltfìdlnoinctmpionlto. Cr.zit.WIlldowt95'~pot-

Strumenti Musicali

Encarta '97

Un IOIi.ticlto Wlr G.me che .imull uno dei mom.nti piil drammttid d.lla secondt llU••.· f'I mondi.l.: il conflitto In Nor· m.ndia. Si può gioc.r. con Imici in rele, vi. Int8m.t o vi. mod.m.

z ~-

69.000

....,

,>o.;

Incredibile Aclion TrUler embientlto nel 2500. Eleui .onori ludio .t.r.o di liti •• .iml qUllit ••• cenogrefle eccezionI li. Vi Iroverele .1 coln.ndo di un. idronlve de combattimento in un mondo 'ottom.rino .naccato d.gli • Iieni.

-=_1aIOun

Il PIÙ FAMOSOGIOCO Ot STRATEGIA OOPO COMMANOO& CONQUER: id•• todllfnl()IIBitmllpBrnthlra, "r , un gioco di .trategil 't1lloci•• lmo IncuI. lottando per conquiltarl tarritorl I rillOrM, dovata aconfigg••.• il nemico prima cM vi distrugga. AIcomando del G.narala Zod, cIovatading. •.• et.Ila aquaclradì combattanti robot llla conquim di d'-'si ~ti canottariuati da IrnIMnti profondamenta dw.~i trl loro (da .Nrto li ghiacci pef'lnrW. 20 IWlm,5 pianeti, 5 dWlr.i tipi di Robot con 40 dive~e po•• ibHiazioni. COMPLETAMENTE

IN ITALIANO

,..•

"l".;'b~'"~.''''' ••••.., "'",":;;:-0.

Microsoft HOME

e funzionale. Il programma ~"';.'.!:'i.~~. è semplice da usare, offre la gestione dei principali 'ormati di dati e l'utilizzo mediante la semplice pressione dei pulsanti. per una divulgazione chiara ed imme· diata. La sua migliore caratteristica: non è necessaria alcuna precedente esperienza di programmazione Html

69,000

:nc~u~

69.000 :~~

Immaginate un programma che combini la potenza e la flessibilità di un software per illustrazioni vettoriali con uno per immagini bitmap in un modo ultra semplice e veloce. CorelXara offre un numero incredibile di possibilità creati· ve per hobbisti e professionisti grafici. Create immagini 'otorealistiche utilizzando potenti strumenti come anti·alias, trasparenze graduate e riempimenti continui.

185 000 IInclusa V A •

ATIENZIONE: I PREZZI NEL SETIORE INFORMATICO VARIANO GIORNALMENTE: VI CHIEDIAMO DI CHIEDERE LA QUOTAZIONE AGGIORNATA.


Facal point News: Multimedia - Network - varie - pagina 8

Nlulti •.•.• edia & Net""ork SoundWave 1000 3D

Video Movie Editor

. ,,

IL NOSTRO GRUPPO

D\'4enta un feg\S,a.

Sistema di casse con 2 altoparlanti

satelliti ed un poten·

Cattura immagini video in movimento a tutto schermo. riproduzione di video in movimento a tutto schermo,

te altoparlante destinato ai bassi. Potenza di Picco di

Media

260W, funzione 3D per godere di un suono con effetto tridimensionale. casse in legno per garantire un'alta qualità sonora, controlli per volume. bassi e suoni 3D. connessione cuffia e altoparlanti extra. schermatura magnetica che permette di posizionare le casse vicino al monitor.

Compressione 20: 1 di video M.Jpeg tramite hardware integrato, ingresso e uscita segnale video composito Palo Ntsc e S·Video S·Vhs Hi·8, ingresso e uscita video collega bili direttamente al video registratore, possibilità di registrazione e montaggio del suono completamente a 16 bit con la scheda sonora opzionale. completo di cavi e software, senza jumpers.

199.000 ir1~

Office ISA Ethernet

Studio

2.5 Ve della U-Leed

per Windows,

IYA • Inclusa 699000

Office PCI Ethernet

~ef1l.o Scheda di rete per collegamenti COAX e UTP, P1ug&P1ay, predisposta

per Windows 95. Installabile in un qualunque

slot PCI a 16 bi!, compatibile al 100% con NE2000. Di facile installazione per tutti i sistemi, non è infatti necessario modificare la configurazione

con i jumper. Fornita di driver

per 05/2, DOS, Novell, Windows 3.11 e Windows 95.

IVA • Inclusa 99000

Scheda di rete per collegamenti COAX e UTP, Plug&P1ay, predisposta per Windows 95. Installabile in un qualunque

slot PCI a 32 bit, compatibile al 100% con NE2000. Di facile installazione per tutti i sistemi, non è infatti necessario modificare la configurazione

con i jumper. Fornita di driver

per 05/2, DOS, Novell, Windows 3.11 e Windows 95.

133.000

:.Ju~

Strada Roma su CD·Rom

Strada Lazio su CD·Rom

Sono incluse le 108 tavole cartogrefiche a colori del Comune di Roma su CD·Rom. La ricerca delle strade può svilupparsi ~navigan. do" sulle tavole attive o chiedendo il nome dalla strada intere •• ata. Alla ricerce delle potrà seguire la stampa dell tavole in bianco e nero o a colori. Il contenuto delle tavole è compatibile a livello cartografico con il software RASTRAC tramite il database di mappe qualificate (georeferenziabili e calibrate in scala e in posizione), Il softwere RASTRACrapprelenta un programma di visualizzazione In tempo reale di meppe digitali in fonnato raster (moving mapping> con pOlizionamento in latitudine/longitudine riferite d. un ricevitor. GPS (Global Positioning Systam>.

In un unico CD-Rom sono concentrate le località del Lazio (con oltre 3.000 abitanti> con le relative 126 tavole a colori nelle quali è stata suddivisa tutta la regione. Per tutte le 422 località del Lazio sono indicate: provincia di appartenenza, abitanti, CAP, prefi880 telefonico. distanza da Aoma, altitudine. le strade consigliate per raggiungerle, etc. Alla ricerca potr' seguire la stampa delle tavole In bianco e nero o a colori. Il contenuto delle Tavole è compatibile 8 livello cartografico con il software Restrec.

IYA • Inclw 39900

IYA • Inclusa 39900

Punta il tuo browser internet su:

• ROMA - CASILINO Via Silicella, 84 - 00169 Tel. 06-2389887 Fax 06-2389899 Aperto Sabato mallina • ROMA - NOMENTANO Via Michele Oi Lando, 81 - 00162 Tel. 06-44242135 Fax 06-44244447 Aperto Sabato mallina & pomeriggio • ROMA - LAURENTINO Via F. Acri, 54/56 - 00143 Tel. 06-5403600 Fax 06-5403600 Aperto Sabato mallina • ROMA - TRASTEVERE Viale Trastevere, 148 - 00153 Tel. 06-5814146 Fax 06-5809973 Aperto sabato mattina & pomeriggio • ROMA - CINECITIÀ EST Viale Antonio Ciamarra, 269 - 00173 Tel. 06-72901171 Fax 06{72901172 Aperto Sabato mattina & pomeriggio • ROMA - TORRE ANGELA Via di Torre Nova, 91 E/F - 00133 Tel. 06-20630726 Fax 06-20686140 Aperto Sabato mallina & pomeriggio • ROMA - APPIO LATINO Via Carlo Oenina, 60 - 00179 Tel. 06-7820171 Fax 06- 7820166 Aperto Sabato mallina & pomeriggio • ROMA - PRATI Via G. Aveuana, 39/41 - 00195 Tel. 06-3215284 Fax 06-3207131 Aperto Sabato mattina • SAN CESAREO- CENTRO Via Casilina, 176 - 00030 Prossima apertura (TeI.06-9587020) Aperto Sabato mallina • VITERBO - SAN LORENZO NUOVO Corso Umberto l, 6 - 01020 Tel. 0763-77693 Fax 0763-77693 Aperto Sabato mallina & pomeriggio • FALERMO - LIBERTÀ Via Giuseppe Pipitone Federico, 72{74 Tel. 091-6254559 Fax 091-6254495 Aperto Sabato mallina • NAPOLI - FERROVIA Via S. Anna Alle Paludi, 126 - 80142 Tel. 081-266325 Fax 081-269400 Aperto Sabato mattina • NAPOLI - TORRE OEL GRECO Corso Viliorio Emanuele, 16 - 80059 Tel. 081-8813918 Fax 081-8813918 Aperto Sabato mattina

http://www.facaUt

••• srnau •••

96

dell,~r;:~iti~~ ~~:~i~:~tions le<hnology

18-22 ottobre 1996 I fiERA

MILANO

;a...

Trove•.•i il nostro sito WWW, World Wide Weh, pronto a darti tutte ie informazioni di cui hai bisogno. Potrai trovare ie news, i prodotti in offerta, TUTTOiL LISTINO.Puoi fare ordini e ricevere Il materiale senza muoverti dalla tua scrivania!!!! Per informazioni sull'affiliazione: DIREZIONE FACAL POINT· TeI. # 06·2389887 - 00169 Roma Via Silicella, 84 Facal BBS on Line # 06-2675952 (Multimedia r.a.) N 81 V.34V.Fast 28.800 bps Internet: info:@facal.it ATTENZIONE: I PREZZI

EL SETTORE INFORMATICO VARIANO GIORNALMENTE: VI CHIEDIAMO DI CHIEDERE LA QUOTAZIONE AGGIORNATA_

Thttll marchi citati sono registrati e di proprietè del legittimi deposltari.1 prezzi sono, In Lire ltallane,lvalnclusa

e trasporto (e opzlonale assicurazione) escluso, I PREZZI POSSONO VARIARE SENZA PRf;AVVISO.


Si tratta di una nuova tecnologia che permette la stampa ad alto livello di immagini fotografiche

Fotorealismo Canon: ovvero la Bubble Jet in qualità fotografica L e novità introdotte

sui nuovi modelli BJC-240, BJC-4200

e BJC-4550 ...............................................................................................

L'uso di scanner e di dispositivi per la digitalizzazione delle immagini è in costante aumento, sia nell'ambiente di lavoro che in quello domestico l'uso più comune di questo apparecchio è quello della scansione di grafici e fotografie. Stampare un'immagine fotografica è sempre una impresa estrema per una getto d'inchiostro: vengono richiesti migliaia di colori e sfumature per ottenere un risultato di qualità fotografica: non sempre alta risoluzione significa alta qualità. Canon ha lavorato su ben tre elementi per ottenere stampe di qualità fotorealistica: una nuova gamma di inchiostri speciali a densità differenziata chiamata Photo Ink; un software esclusivo per la gestione dei nuovi inchiostri speciali e l'elaborazione delle immagini denominato Canon Colour Image Processing System e una speciale carta ad alta risoluzione chiamata High Resolution Papero Grazie agli inchiostri a densità differenziata (con una compo-

sizione e densità fino a quattro volte inferiore rispetto a quella degli inchiostri tradizionali), la tecnologia Photo Realism permette di ottenere, per ogni singolo pixel, un mix dei colori di base. Permettendo un numero maggiore di colori rispetto a quello offerto dalla tecnologia tradizionale. Anche la gamma di tonalità e sfumature a disposizione cresce quindi proporzionalmente. Per offrire una resa simile a quella del tono continuo, la tecnologia Photo Realism elimina inoltre i singoli punti di colore visibili ad occhio nudo tipici delle convenzionali stampanti a getto d'inchiostro. Il nuovo software Canon Colour Image Processing System, inserito nei driver dei più recenti modelli di stampanti Canon, controlla accuratamente la densità dei colori utilizzati per le immagini, definendo l'esatta collocazione e combinazione dei punti di colore sulla pagina. Per ottenere i migliori risultati sulle stampe di tipo fotografico,

Canon consiglia l'utilizzo della carta ad alta risoluzione H R101 (High Resolution Paper). che garantisce risultati luminosi e brillanti. Il kit per la stampa con qualità fotografica è disponibile per tre modelli di stampanti Canon: BJC-240, BJC-4200 e BJC-4550. La BJC-240 stampa a colori e in monocromatico su un'ampia gamma di supporti con una definizione fino a 720x 360 dpi, il tutto a costi contenuti. La BJC-4200 offre una risoluzione più elevata e maggiore velocità di stampa, in aggiunta alla convenienza derivante dalla presenza di una testina separata per il nero che assicura un basso costo copia in monocromatico. La BJC-4550 stampa in formato A3 per la creazione di piccoli poster o di altro materiale grafico ed è dotato di interfaccia per PC e Mac. Le tre stampanti sono compatibili con Windows 95/3.1 e

sono di tipo plug-and-play. Tutti gli utenti che nei prossimi mesi acquisteranno le nuove Canon BJC-240, BJC4200 e BJC-4550 troveranno nella confezione un esempio di stampa realizzato con le nuove cartucce Photo Ink e un CD-ROM con un programma di fotoritocco e una ricca libreria di immagini fotografiche. Le stampanti sono, inoltre, certificate EPA Energy Star per quanto riguarda il basso consumo di energia.

.&[[] Canon Italia

Via Mecenate 90, 20138 Milano, Tel. 02/50.921

Arriva Power Clip il software di video ritocco dedicato alla famiglia Video Machine Power Clip è il nuovo software Fast per la manipolazione delle immagini dedicato alla famiglia Video Machine e Digital Player Recorder (singolo o doppio). Funzionalità come correzione colore e gamma, bilanciamento del bianco e del nero, e uno slow-motion interpolato che garantisce la massima fluidità delle immagini anche in questa modalità sono solo una parte delle opzioni offerte dal programMCmicrocomputer

ma. È possibile correggere le riprese effettuate senza le necessarie regolazioni iniziali ed eseguire correzioni di colore e effetti di painting su sequenze in bianco e nero. Il programma permette di manipolare le clip singolarmente o in moda-

n. 167 - novembre 1996

lità batch, impostando preventivamente i parametri delle diverse elaborazioni, che vengono eseguite in un'unica operazione al momento desiderato. Il software, distribuito su CD e con documentazione in italiano, è disponibile dalla

seconda metà di settembre al prezzo di lire 1450.000 IVA esclusa. Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito Web all'indirizzo http://www.fastmultimedia.com ..

Fast Multimedia

Italia

Via Monte Sabotino 69, 41100 Modena, Tel. 059/41.56.11

159


La loro capacità di archiviazione va dagli 875 MB ai 3.5 GB

Maxtor presenta i nuovi hard disk CrystalMax L a nuova famiglia segue il successo ottenuto dalla serie 7000

........................................................................

Maxtor ha annunciato recentemente una nuova famiglia di hard disk, chiamata CrystalMax, con capacità di archiviazione che vanno dagli 875 MB ai 3.5 GB su quattro dischi: la nuova famiglia segue il successo ottenuto dalla serie 7000. Come la precedente famiglia, i CrystalMax sono conformi allo standard EIDE con PIO Mode-4/DMA Mode 2, la velocità di trasferimento dati è di 16.7 MB al secondo, sono inoltre disponibili interfacce ATA-3 con seek ti me di 12 ms e velocità di rotazione di 4500 rpm. Infine, per aumentare ulteriormente le capacità degli hard disk, i drive vengono forniti con una cache di 128 K. La tecnologia Error Correction Code è in grado di convertire "al volo" gli errori, eliminando perdite di performance, inoltre i driver sono compatibili con le specifiche per il basso consumo ATA che supportano gli standard EPA Energy Star per i PC "verdi" Green Pc. "Siamo estremamente soddisfatti delle

performance raggiunte dai nuovi drive CrystalMax" ha detto Mark Pollard, vice presidente del marketing, "noi crediamo che questa famiglia non solo risponderà alle esigenze di archiviazione degli utenti attuali, ma terrà testa ai continui bisogni e aggiornamenti richiesti dalle nuove applicazioni". CrystalMax è stata già scelta da numerosi produttori OEM dallo scorso ottobre come marca di hard disk per i propri Pc. Ulteriori informazioni si possono trovare sul sito http://www.maxtor.com.

·&rnJ

Questar Srl Via Ghislandi 61/b, 24125 Bergamo,

Tel. 035/249946

Microlink Display apre sette nuovi punti vendita Sono 48 il numero totale dei Microlink Display, la catena di negozi nata lo scorso gennaio dall'accordo tra Microlink, Delta e Task! _ Microlink Display ha aperto sette nuovi punti vendita su tutto il territorio nazionale. Asti, Genova, Castelfranco Veneto, Verona Villafranca di Verona e Santhià sono le sedi dei nuovi negozi, che vendono i PC di Task! Commercializzati con il marchio Microlink che ha espanso anche la sede di produzione a Firenze per aumentare l'offerta dei propri prodotti.

.

Microlink , nata nel 1989 ha venduto oltre 300,000 prodotti (85.000 solo nel 1995).

Microlink Srl Via Sestese 61, 50141 Firenze,

Tel. 0554274300

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


ABBIAMO I NUMERI WEB HOSTING

LE ORE CHE OCCORRONO PERCHÈ IL VOSTRO SITO SIA OPERATIVO

880.000 COSTO DEL VOSTRO DOMINIO INTERNET*

44.24.30.33

IL NUMERO TELEFONICO CHE DOVETE FORMARE PER RICEVEREULTERIORI INFORMAZIONI

~

ITALIA

00161 Roma - Via Antonio Musa 13 - Tel. 06/44243033 - Fax 06/44242836 - email: info@mfilalia.com· Http: //www.mfitalia.com Ufficio di Milano: Tel. 02/22473137 - Fax 02/26226742


O/tre a/ Catalogo ora anche i/ nuovo servizio Fax-on-Demand

Grand Prix 2:

Black Box Italia, il catalogo della connettività

la Formula 1 in pole position

F ondata nel 1976, Black Box è stata la prima azienda al mondo a proporre la vendita per catalogo di prodotti per la trasmissione dati.

In Italia è presente con una sede ufficiale dal 1993 ed è divenuta un punto di riferimento nel panorama della connettività grazie al proprio catalogo stampato in ben 110.000 copie solo nell'anno in corso. Il punto di forza di Black Box, come spiegato in una conferenza stampa di presentazione della società, svoltasi nella splendida cornice dell'Ambasciata Americana a Roma, da Giancarlo Mauri, dirigente di Black Box Italia, consiste nella ricchezza del proprio catalogo (oltre 6000 prodotti) e soprattutto nella filosofia alla base dei servizi di pre e post vendita: "risolvere problemi invece di crearne". I prodotti offerti da Black Box sono selezionati da uno staff di esperti della società con sede a Pittsburgh (Pennsylvania) tra 200 produttori qualificati e devono soddisfare rigorosi standard qualitativi; la consegna di ogni prodotto avviene di norma entro 24 ore (10 giorni al massimo nel caso di prodotti molto particolari non disponibili immediatamente) ed ogni confezione comprende tutti gli accessori necessari al funzionamento oltre alla manualistica basilare tradotta in lingua italia·na. Un servizio di assistenza tecnica post-vendita prowede a fornire soluzioni complete ad ogni tipo di problema grazie all'analisi dei dati significativi corrispondenti alle richieste di assistenza contenuti in uno specifico archivio dati. 162

Il catalogo Black Box

è inviato annualmente ad una mailing list di 21.000 nominativi, ma a scadenze periodiche sono distribuiti aggiornamenti riguardanti prodotti specialistici, novità e selezioni delle categorie di prodotti più richieste dagli utenti. Per dare un'idea dell'importanza dell'azienda, Black Box ha concluso, per il solo mercato statunitense, un accordo con IBM per quanto concerne la distribuzione di prodotti per la trasmissione dati nel settore mainframe; Sun, per quanto concerne le caratteristiche di connettività dei propri prodotti, suggerisce nei manuali tecnici il codice identificativo dei prodotti Black Box; in Italia, importanti accordi sono stati conclusi con Olivetti, Ericsson, Sun Integration; in particolare, grazie alle caratteristiche di affidabilità e puntualità assicurate da Black Box, un accordo quadro riguardante le attività all'estero è stato concluso con Italtel. In coincidenza con la conferenza stampa di presentazione della società e dei suoi prodotti è stata annunciata anche l'attivazione di un servizio Fax-on-Demand che permette di ricevere direttamente via fax dettagliate informazioni tecniche relative ai prodotti presenti in catalogo 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Tutti i testi sono redatti in lingua inglese e corredati da

pratici schemi di installazione. Il procedimento per ottenere le informazioni è basato sull'impiego di un telefono collegato ad un fax; il sistema indica all'utente le operazioni da svolgere ed al termine della comunicazione, una volta riagganciato il telefono, il fax stampa i data sheet richiesti. La linea telefonica corrispondente al servizio risponde al numero 02/27400865 e per facilitare l'utente nella richiesta delle informazioni, un inserto di 24 pagine allegato al catalogo riporta i codici dei prodotti più richiesti; l'indice completo è invece fornito su richiesta dell'utente direttamente dal servizio di Fax-onDemand.

Lo stesso Jaques r;J Villeneuve si è detto impressionato dallo straordinario realismo di Grand Prix 2, il nuovo gioco della Formula 1 di Microprose e che ha già venduto 35.233 copie nel primo mese di distribuzione. Tutto è stato fatto per simulare nei minimi particolari un Gran Premio: dalle prove libere a quelle di qualificacon tanto di assetto diversificato e treni di gomme da provarea secondadelle condizioni del tempo e del tracciato. I dati della telemetria rilevati durante i giri aiuterannoa scegliere l'assetto finale migliore per la giornata di domenica. Tutto è nelle mani del giocatore: dalla gestione della monoposto alla definizione della strategia di gara, il pilota (VOI) viene costantemente tenuto informato sull'andamento della corsa dai messaggi inviati via radio dai box con segnalazione dei giri veloci e dei distacchi dai diretti inseguitori. Sono previsti pit-stop con cambio gomme e rifornimento di benzina, è anche possibile cambiare eventuali parti della vettura rimaste danneggiate. Anche la parte "esterna" del gioco è assolutamente reale: le inquadrature che caratterizzanoi replay sono virtualmente identiche a quelle televisive con tanto di grafica in sovrimpressione. La possibilità di variare il livello del dettaglio grafico lo rende adattabile a qualsiasi PC, anche ai meno veloci, mentre è possibile giocare sia in VGA che SVGA per aumentare al massimo il realismo, ottenuto anche grazie a grafica vettoriale in texture mapping. Il gioco è interamente in italiano con manualistica completa su come pilotare un'auto di F1. Il CD è in vendita a lire 99.000.

·~BI

Black Box Italia

Viale delle Industrie 11, 20090 Vimodrone (MI). Tel. 02/27400280 Fax-on-Demand: 02/2740.08.65

leader Distribuzione

ViaAdua22, 21045 GazzadaSchian.(VA), Tel. 0332/87.41.11

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


~uoviscanner ScanAce: qualità e prezzo finalmente insieme E stata annunciata da Comex la nuova serie di scanner ScanAce, prodotti dalla Pacific Image Electronics, caratterizzati da un ottimo rapporto prestazioni/prezzo" ...............................................................................................

..~~

~ ~

~.-

ScanAce 111 è il modello di punta, si tratta di uno scanner da tavolo con risoluzione 600 x1200 dpi a 36-bit a colori, ciò significa 12 bit per colore che vuoi dire 4,096 livelli di grigio per canale e oltre 68.7 miliardi di colori. Questa maggiore precisione con cui viene rappresentata la gamma di colori offre una superiore fedeltà cromatica e riduce la quantità di informazioni perse durante il processo di scansione. Tramite interpolazione via software si può incrementare la risoluzione fino a 4800x4800dpi. Mentre altri scanner a 36-bit presenti sul mercato hanno un progetto basato su una tradizionale struttura CCD "dual channel" che può causare vari problemi, la Pacific Image Electronics utilizza il suo rivoluzionario progetto hardware, provvisto di un CCD "single channel" che determina una scansione che elimina i fastidiosi problemi

denominati "pari e dispari" senza danneggiare la qualità dell'immagine (i CCD dual channel suddividono la lettura in due sequenze, pari e dispari, con la conseguenza che nelle ombre potrebbero essere visibili le linee pari e dispari). ScanAce III è dotato di 1 M B di buffer di lettura che soddisfa le esigenze di editing dell'immagine accelerando la velocità di lettura e risparmiando tempo prezioso. Il motore a micro passi raddoppia e quadruplica la velocità di lettura a 300 dpi e 150 dpi, mentre una lampada fluorescente a catodo freddo fornisce 10.000 ore di durata attesa e una risorsa luminosa molto più affidabile rispetto alle lampade fluorescenti tradizionali. Tutti gli ScanAce eseguono la lettura con singola passata ad alta velocità: 33 secondi a 600dpi. Grazie ad una potente utility di lettura dell'immagine, il CyberView, lo ScanAce forni-

.....

~-~

sce agli utenti un'eccellente gamma di strumenti per perfezionare la lettura in modo semplice. In aggiunta all' efficiente regolazione al volo del colore, dei settaggi dei vari livelli, colore, contrasto e saturazione, CyberView incorpora inoltre la regolazione delle luci e delle ombre per una precisa messa a punto di originali scuri o sovraesposti. L'area di lettura viene definita con più precisione grazie ad una funzione di zoom per ingrandire parti della finestra di anteprima, inoltre CyberView fornisce un intero assortimento di controlli di soglia e di curva Gamma, utile se si ha l'intenzione di editare immagini ad alta definizione o migliorare l'esecuzione OCR di una lettura. CyberView dispone della funzione lettura "batch ", che permette agli utenti di selezionare contemporaneamente fino ad un massimo di cinque di verse are e all'interno della

'~~.

.. ~.

finestra di anteprima e leggere ciascuna parte di area individualmente ottenendo file immagine separati per essere utilizzati successivamente col proprio software di modifica dell'immagine, tutto questo si traduce in risparmio di tempo e quindi di costi. ScanAce e ScanAce Il, sono altri due scanner che completano l'offerta. Sono caratterizzati da una rappresentazione dei colori a 30 bit (1 miliardo di colori) e una risoluzione rispettivamente di 600x300 dpi e 1200x600dpi. I prezzi al pubblico vanno da lire 930.000 a lire 2.090.000.

Comex Spa

Via G.S. Bandi 12, 48100 Ravenna, Tel. 0544/45.97.11

Le soluzioni Citef per la manutenzione informatica remota Ariane Il è un programma di telecomunicazioni che permette di effettuare interventi di manutenzione informatica con controllo a distanza e trasferimento di file attraverso la rete telefonica commutata o linee ISDN. Sviluppato dalla francese Argos Systèmes, il programma ha la capacità di comunicare in modo interattivo con PC che funzionano con sistemi operativi diversi: UNIX, UNIX Interactive, UNIX AIX (IBM Risc 6000), UNIX HPUX (HP 9000), Ms-Dos, Prologue e Twin Server. Ariane Il possiede funzioni di ripristino automatico in caso MCmicrocomputer

di errori, resoconto statistico di trasmissione ed editing di rapporti che assicurano la totale affidabilità degli interventi. Il suo uso è estremamente facile grazie ad un'interfaccia a colori con finestre e menu a tendina. Sono diverse le funzioni che consentono all' utilizzatore di risparmiare denaro: il ripristino automatico dei trasferi-

n. 167 - novembre 1996

menti di dati, l'automatizzazione di determinate procedure. Ariane Il ha la possibilità di mantenere diverse configurazioni utente anche a seconda di diversi modem utilizzati, il programma può essere utilizzato per effettuare downloading di programmi o dati eventualmente anche in modalità multisito.

Citef

Via Camperio 14. 20123 Milano, Tel. 02/86.46.11.16

163


MULT:IMED:IA Alla Galleria degli Uffizi l'informatica incontra l'arte

La Firenze del 1515 ricostruita con tecnologie da "effetti speciali" Il rigore della ricostruzione storico-artistica sposa la potenza delle tecnologie informatiche e multimediali di Massimo Truscelli

In occasione della Mostra "L'officina della maniera - varietà e fierezza nell'arte fiorentina del Cinquecento fra le due Repubbliche" (in svolgimento presso la Galleria degli Uffizi fino al gennaio p.v.), con l'aiuto degli storici d'arte incaricati dagli Uffizi e con il supporto tecnico di Digital Equipment, Microsoft Softimage e Bentley Systems, la Cover Studio di Firenze ha realizzato la ricostruzione ideale dell'ingresso trionfale di Leone X nella Firenze rinascimentale del 1515 producendo un filmato della durata di circa 15 minuti nel quale, grazie alle tecnologie abitualmente impiegate in settori distanti dalla ricerca storica ed artistica, è stato possibile restituire verosimilmente le ambientazioni scenografiche predisposte per festeggiare uno degli awenimenti politici più significativi per la città di Firenze: l'ingresso trionfale (il 30 novembre 1515) del pontefice Leone X in visita ufficiale, occasione per la quale la città venne ornata da una serie di impianti scenografici, veli, dipinti, che abbellirono in una cornice magnifica quanto effimera le vie percorse dal corteo papale. Un progetto ambizioso nel quale il vincolo primario era il rispetto fedele delle fonti iconografiche disponibili e la realizzazione in tempi brevi. Per la prima esigenza un aiuto indispensabile è stato quello fornito dagli esperti storici incaricati dagli Uffizi, coordinati da lIaria Ciseri 164

e da Vincenzo Capalbo, che hanno fornito la documentazione storica, iconografica e architettonica della Firenze di allora, esistita nella forma visibile nel filmato solo per il tempo dell'evento e che come per una scenografia allestita in teatro ha visto sparire subito dopo tutte le installazioni create appositamente. Il materiale costituito da disegni, illustrazioni, descrizioni, cronache e commenti è stato ordinato e selezionato dai

curatori della mostra (nata da un'idea di Antonio Natali, direttore del dipartimento del Rinascimento e Manierismo della Galleria degli Uffizi) e sottoposto ad un processo di digitalizzazione che ha permesso la ricostruzione dell'evento storico. Il problema della scarsità di tempo a disposizione per la produzione dell'opera è stato invece risolto coinvolgendo nella realizzazione una serie di marchi prestigiosi: Digital Equipment, che ha fornito una Digital Personal Workstation e due Alpha Station che grazie alle loro elevate prestazioni hanno permesso la completa creazione dei modelli, delle scene e delle animazioni per un totale di undicimila frame in soli venti giorni; Bentley Systems, che ha fornito il proprio software MicroStation95 in versione Digital/Alpha per la realizzazione della modellazione tridimensionale degli elementi architettonici visibili nel filmato; Softimage, divisione della Microsoft, che ha fornito la tecnologia Softimage 3D nella nuova versione 3.51 per l'animazione, la mappatura dei materiali ed il rendering di tutti gli elementi presenti nelle scene. Il risultato è un filmato nel quale è possibile aggirarsi nella Firenze di allora, arricchita dagli impianti scenici allestiti per l'occasione, come se si stesse cavalcando al fianco di Leone X mentre una voce fuori campo narra, affidandosi alle citazioni di alcuni cronisti dell'epoca, il significato delle diverse scenografie. Un prodotto godibile che mostra al vasto pubblico una rappresentazione MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


Milano, dall' 8 al 9 novembre 1996 - Hotel Palazzo delle Stelline

Formazione, Nuove Tecnologie e Multimedialità Nel quadro del "IV Festival Européen de la Jeune Création en Infografie", manifestazione itinerante che quest'anno approderà a Milano, si svolgeranno una serie di eventi sul tema della manifestazione "Formazione, Nuove Tecnologie e Multimedialità". : :

verosimile dell'atmosfera creata per l'occasione, sebbene, a causa del poco tempo a disposizione e del rigore storico-artistico, si siano voluta mente tralasciati alcuni particolari come le fiaccole accese all'imbrunire o la presenza della folla che acclamava il pontefice al suo passaggio. Il filmato, una delle attrazioni della mostra nella quale è inserito, grazie al rigore della ricostruzione che poco spazio lascia all'impiego smodato degli "effetti speciali" (sebbene esso sia realizzato con tecnologie nate proprio per un mercato con esigenze "hollywoodiane") diviene una sorta di documento storico, una specie di prologo al successivo percorso che presenta ben 200 capolavori di artisti come Pontormo, Rosso, Bartolo, Perugino, Andrea del Sarto, Bronzino, Michelangelo, Leonardo, Raffaello, Botticelli ed altri artisti dell'epoca. Lo spettatore viene portato tra le vie, i palazzi ed i monumenti dell'epoca, può vedere lo straordinario spettacolo degli ornamenti, delle statue ed i colori originali della città prima di visitare la mostra vera e propria che annovera opere provenienti da collezioni di città italiane come Milano, Roma e Lucca, da collezioni private (ad esempio "1'Alabardiere" del Pontormo dal Paul Getty Museum di Malibù, visibile in questa pagina) ed opere provenienti da istituzioni museali estere: il Museo delle Belle Arti di Budapest. il British Museum di Londra, il Louvre di Parigi, l'Ermitage di Leningrado, il National Gallery of Art di Washington. MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996

Il "Festival Européen de la Jeune Création en Infografie" è una manifestazione itinerante promossa dall'lnstitut National de l'Audiovisuel (INA) di Parigi, dalla Camera di Commercio di Milano, Telecom Italia, Regione Lombardia, Provincia di Milano e Comune di Milano che vedrà lo svolgersi di una serie di convegni, proiezioni e dibattiti concernenti il tema principale della manifestazione oltre a sessioni di approfondimento su temi specifici. Il momento principale della manifestazione è rappresentato dal Convegno organizzato dalla Camera di Commercio di Milano in svolgimento 1'8 novembre a Palazzo dei Giureconsulti, che vede la partecipazione di esperti europei di formazione e affronta il tema della manifestazione nell' ottica del potenzia mento delle sinergie tra mondo produttivo e istituzioni scolastiche. Uno spazio dedicato ad un pubblico selezionato vede il confronto di esperti internazionali su vari temi dedicati a due distinte sezioni: "Come nasce un titolo multimediale", "Quale modello per una équipe di lavoro", "La creazione in rete" per l'area dedicata al multimediale; "Realtà Virtuale", "Industriai e Production Design", "Effetti Speciali nel Cinema", "Le Applicazioni in Architettura", "Il Lavoro dell'Artista e le Nuove Tecnologie", "Specificità e Competenze della produzione audiovisiva" per la sezione dedicata alle nuove forme di immagine. Sette aree attrezzate costituiscono l'Area Informativa nella quale aziende e istituzioni europee (rappresentate da università, scuole, istituti) propongono quanto esiste di più aggiornato per ciò che riguarda il settore della formazione e dei prodotti hardware e software. Proiezioni, presentazione di libri, proiezioni da CD-ROM, collegamenti Internet liberi e guidati animano l'area

;

T'P"

~

.

............

unitamente ad una zona nella quale, in collaborazione con Canon, è allestito lo spazio"Doc-on-Demand" nel quale è possibile sperimentare tecnologie per la realizzazione di prodotti editoriali a colori stampati "in tempo reale". Il forum telematico "Arti e mestieri del III Millennio", realizzato in collaborazione con Telecom Italia, offre a gruppi di studenti di tre città italiane, guidati da noti professionisti, di confrontarsi per via telematica sul tema in questione. Il forum è stato preceduto dall'attivazione di un'area specifica su Internet, i risultati della quale sono stati proposti durante la manifestazione. I siti Internet sui quali è possibile trovare informazioni relative al Festival sono: http://sia.telecomitalia.interbusi ness. it/ cultura/welcome.htm http://www.ina.fr/I NAlFEJCI http://www.mi.camcom.it/dimmi

-~EI

MGM Digital Commun. Via Vivaio 23, 20122 Milano Tel. 02n9.87.60

165


HARDWARE Ridefinito il proprio ruolo in seno al Gruppo Bull, ha presentato una nuova gamma di prodotti

Zenith Data Systems all'attacco del mercato PC Dopo un relativamente lungo silenzio (quasi cinque mesi) ecco che torna prepotentemente alla ribalta Zenith Data Systems (ZDS) con una serie di importanti annunci. Si tratta di prodotti che abbiamo visto in anteprima a Smau '96 e presentati alla stampa al Centro Navigli di Milano. di Francesco

Presente l'Amministratore Delegato Bruno Pavesi, che ha ridefinito il ruolo di ZDS nell'ambito del Gruppo Bull, i nuovi annunci comprendono ogni fascia di prodotto, un vasto rinnovamento della gamma dei PC, dai portatili ai desktop fino ai server. Si tratta di versioni che privilegiano economicità e quindi rivolte al mercato SOHO o aziendale a volumi, e versioni che propongono prestazioni alte con il più avanzato stato delle tecnologie. Rientrano in queste ultime nuove generazioni di PC notebook con altissima risoluzione XGA, e modelli desktop con i più veloci processori Pentium e Pentium Pro, ottimizzati quindi per l'impiego con i sistemi operativi a 32 bit come Windows NT 4.0 di prossima introduzione commerciale. L'annuncio di ZDS è il più rilevante compiuto a partire dallo scorso maggio, da quando cioè è stato annunciato il conferimento delle attività di Zenith Data Systems, in prececedenza interamente di proprietà del Gruppo Bull, alla statunitense Packard Beli (ora Packard Bell/NEC), nella quale la stessa Bull detiene una quota di circa il 20 per cento delle azioni ordinarie. Nell'ambito di questa partnership strategica, che abbiamo visto comprende anche la giapponese NEC, la linea di prodotti per la microinformatica di ZDS è fondamentalmente rivolta alle esigenze del mercato professionale e aziendale e i nuovi annunci si inseriscono in questo indirizzo. In Europa, le attività sono condotte da ZDS S.A.S., società con sede a Puteaux, Francia, e controllata da Bull. Indubbiamente oggi ZDS si presenta più competitiva, grazie alle economie di scala conseguite, come ha sottolineato Giancarlo Castagna, direttore della divisione Personal Computer, Stampanti e Canali Indiretti di Bull Italia e responsabile delle attività ZDS nel nostro Paese. Per i soliti problemi di spazio, limitere166

Fuivlo Castellano

mo al massimo le descrizioni dei nuovi prodotti, riservandoci di ritornare in modo più approfondito con eventuali test di prodotto. Iniziamo con i desktop e minitower. In quest'area vengono introdotte due famiglie con i più potenti processori Intel oggi sul mercato. La prima è la serie ZStation LX2, con scelta tra CPU Pentium da 133 fino a 200 MHz e disponibile in versione desktop o minitower, scheda madre Triton Il con memoria con controllo di parità e correzione errore ECC. La seconda è la serie Z-Station LX Pro, orientata in particolare al mondo a 32 bit di Windows NT, con processore Pentium Pro a 180 o 200 MHz. Anche in questo caso è presente una memoria RAM con controllo di parità. Queste due linee di prodotti sostituiscono rispettivamente la famiglie Z-Station GT e GT Pro nella parte più alta del listino ZDS. La serie d'ingresso è invece rapporesentata

dalla linea Z-Station ES/P, presentata all'inizio dell'estate e disponibile con scelta di processori da 100 a 133 M Hz nonché con configurazione desktop o minitower. Vediamo ora la linea dei notebook. Grande rinnovamento nella linea dei PC portatili con l'ingresso di due linee, rispettivamente per l'utenza business/ professionale e per quella che richiede il massimo delle applicazioni grafiche e multimediali. La prima è la serie Z-Star 700, con CPU Pentium a 100 o 120 M Hz, display da 11,3" con risoluzione 800x600 dual scan o a matrice attiva, disco da 810MB o 1,3 GB, audio a 16 bit e CD-ROM opzionale o standard, e della serie Z-Star 700 CD, con display a matrice attiva TFT. La seconda è la serie Z-Note 6000, al vertice delle prestazioni oggi disponibili sul mercato, con display da 12,1" a matrice attiva TFT e scelta tra risoluzione SVGA (800x600) o XGA (1024x768). In tutti i modelli il lettore CD-ROM è standard e intercambiabile con il lettore floppy oppure una seconda batteria o un secondo hard disk. Windows 3.11 o Windows 95. Prezzi a partire da 3.900.000 fino a 11.900.000. Infine ecco i server. Fa la sua apparizione tra i server un nuovo modello orientato ai piccoli gruppi di lavoro e alle piccole aziende. E lo Z- Server WL, tra i primi server della sua classe ad adottare il chipset Intel 430HX PCI (Triton Il), con memoria a correzione errore ECC da 16 MB espandibile a 256 MB nonché memoria cache fino a 512 KB e unità a disco del tipo SCSI-3. Il sistema supporta un'architettura a doppio processo re del tipo SMP, e versioni più veloci, fino a 200 MHz, saranno disponibili non appena Intel introdurrà versioni Pentium dual processor. Valutato come leader nel rapporto prezzo/prestazioni nei sistemi multiuser e distribuiti nella classifica dei sistemi al di sotto dei 25 mila dollari (indagine condotta da AIM Technology), lo Z-Server WL propone le caratteristiMCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


che di un potente server aziendale in un package economico e pronto a crescere. Le possibilità di crescita comprendono espansione di memoria cache di secondo livello da 256 a 512 KB, mantenendo i primi 256 KB, e di cambiare la CPU installata con una più veloce, fino a 200 MHz .. Z-Server WL si presenta con una configurazione base comprendente una CPU a 120 M Hz, memoria cache da

QY

256 KB, 16 MB di memoria ECC RAM, un disco fisso da 1 GB, lettore di CDROM 4x e floppy disk. Il prezzo per una configurazione di questo tipo è di lire 6.350.000 più IVA. Il nuovo server per gruppi di lavoro di ZDS è assistito da una garanzia tiennale, con intervento onsite presso il cliente. Due parole velocissime sull'appendice alla conferenza stampa: per solo 6 milioni di lire ecco una workstation Pentium con Intel ProShare per la Videoconferenza su LAN e ISDN di ZDS, una soluzione professionale ed economica per comunicare "faccia a faccia" anche a migliaia di chilometri di distanza e scambiare documenti, dati così come condividere applicazioni comuni su Pc. Zenith Data Systems ha infatti annunciato una soluzione "chiavi in mano", comprensiva di un personal computer utilizzabile anche per i normali compiti d'ufficio. La soluzione di personal videoconference è disponibile su tutti i nuovi sistemi desktop e minitower

di ZDS. Una configurazione basata sul sistema Z-Station ES/P con processare Pentium P133 con 24 MB di memoria, disco da 850 MB, CD-ROM drive, monitor da 15 pollici, telecamera colori e una cuffia con microfono integrato è commercializzata a un prezzo di listino di lire 6 milioni nella configurazione ProShare 150 per la rete locale (scheda di LAN esclusa) e di 6 milioni e 500 mila lire nella configurazione ProShare 200 con kit di configurazione per rete ISDN (interfaccia ISDN inclusa).

Bullitalia Via Pirelli 32, 20131 Milano, Tel. 02/6779.22.84

Scoprite un mondo nuovo.ç~I.L,~ Gestione disegni ibridi

Applicazione OAD a 51iJb1t


•••Ia 'ranqullll,à

dell'esclusIva

Pc S8F Power 'nside Configurazione • •

Desktop o M.Tower

CPU Intel Pentium da 100 a 200 Mhz Piastra madre Genoa o Side confomi a norme CE Green, Chipset Intel 430HX/VX , . new s10tPCI reI. 2.1 P1ugand P1ay,supporta i processori Pentium da 75 a 200 Mhz • 256 Kb di cache sincrona pipeline burst esp. a 512 Kb • Ram 16 Mb 72 contatti esp. a 128 Mb di Ram/Edo Ram • Controller. PCI integrato Enh. IDE, ATA 2, Mode 3-4, 4 HDD, fino a 17Mb/sec • HDD da 2.1 Gb 8ms Enh.IDE M4 fino a 17 Mb/s ±5400gpm .2 seriali UART 16550, una parallela ECP/EPPbid. veloce, una PS/2 port • FDD da 3.5" 1,44 Mb Sony • Mouse anatomico originale Microsoft • Tastiera Cherry italiana 105 tasti per Windows 95 • Windows 95 it + PlUS con CD, manuali e licenza d'uso • Garanzia a copertura totale di 2 anni .

• Monitor Nokia 15"449M+ Trinitron dp 0.25

Scegli lo tua scheda All, "3D" o ...:..:.:.:..~ "MPEG" • ATI Tech. Video Xpression 2 Mb Edo/Sram MPEG Hardware di qualità televisiva • ATI Tech. 3D Xpression 2 Mb Edo/Sram Acceleratore HW 3D e 2D per filmati Avi/Mpeg Giochi e Windows95

Le variazioni sulle configurazioni, rispetto alle offerte presenti vengono fornite con montaggio gratuito

.:. .. -.-."

...•

".:-:

Ready

~

§

Windows

g ..J

~IJII'I'

";;ZIE!'

";;ZIE:

'!H"1']

_W-l'I'] !!Il" IoI']

MJIEj.

!!Il!ff1'] M;;ZICJ. "!f}1']

"J"{'I'

,.!tf1']

Esp. a 5 r 2 Kb di cache

L .39

Esp. a 32 Mb di RAM

L


.

garanzia S8': per 2 lungltl PRODOTT' S'DE 15" 17" 17" 17" 17" l 7" 21" 21"

449M+ dp.25 1280ni MPR2 417TV dp.28 1280ni TV int. 447W dp.26 1280ni TC095 447KI dp.25 1600ni TC095 447Xav dp.25 1600ni TC095 NVC400 dp.25 1600ni Vcamera 445XI dp.28 1600ni TC095 445XAV dp.28 1600ni TC095

MON'TORS 15" 15" 15" 15" 17" 17" 17" 17" 17" 17" 20" 20" 20" 20"

L. L. L. L. L. L. L. L.

791 1.799 1.667 1.956 2.127 2.92 6 4.067 4.245

X 1000

Philips 15C dp.28 l 024ni MPR2 Philips 15A dp.28 1280ni MPR2 15Hx dp.28 l 024ni MPR2 Sony sf2 dp.25 1280ni MPR2 Philips 178 dp.28 1280ni MPR2 Philips 17A dp.28 1280ni MPR2

L. L. L. L. L. L. 17Hx dp.28 128Ch MPR2 L. Mitsubishi llT x dp.25 1600ni MPR2 L. Sony ,J2 dp.25 1280ni MPR2 P&P L. Sony se2 dp .25 1600ni MPR2 P&P L. Mitsubishi 20x dp.28 1280ni MPR2 L. Sony sf2 dp.30 1600ni MPR2 L. Sony se2 dp.30 1600ni MPR2 L. Sony sht dp.30 1600ni MPR2 L.

"""'-bshi

"""'-bshi

CRUT'VE

697 869 856 953 1.291 1.920 1.469 2.480 1.788 2.183 2.978 3.426 4.655 5.618

X 1000

Sound 81aster 16 Value IDE it. P&P Sound 81aster 32 it. P&P Sound 81aster AWE 32 it. P&P

L. L. L.

169 265 420

X 1000

M8 P55 V2 200 MHz 256 Pipe VX430 dimm EIDE M8 P55 TV Lite 200 MHz 512 Pipe VX430 EIDE MB P551YS Lite 200 MHz 512 Pipe VX430 E. SB 16 MB P551Y 200 MHz 512 Pipe VX430 EIDE+USCSI MB P55 TVS200 MHz512 Pipe VX430 EIDE+USCSI+SB 16 MB P55 TU 200 MHz 512 Pipe HX430 UWSCSI MB Ppro P6NS 233 MHz FX440 UWSCSI RAID opz. MB Ppro P6AN 233 MHz FX440 EIDE esp. 768 Mb Adaptec RAID BUS 1000 PC! Side jr. L En. IDE multi I/O fast, 11 Mb/s, VLB Side jr. pro En. IDE multi I/O fasi, mode 3-4-5 17Mb/s,VLB Side 2605 2 ser. vel. l par. bid. ISA

PRODOTT' GENOA MB T Espress MB T Espress Phantom 64 Phantom 3D Phantom 3D

Pentium Pentium (S3765) (S3Virge) (S3Virge)

200, 200, 2Mb 2Mb 4Mb

295 365 465 545 645 770 985 620 660 48 99 40

X 1000 256 Cache Sin. HX430 256 Cache Sin. VX430 Mpeg PCI Edo Mpeg PCI Edo Mpeg PCI

PRODOTT' AT' ATI ATI ATI ATI ATI ATI ATI ATI ATI

L. L. L. L. L. L. L. L. L. L. L. L.

L. L. L. L. L.

350 295 140 230 290

X 1000

Wincherger l Mb dram PCI 1280 16.8 M. Wincherger 2Mb dram PCI 1280 16.8 M. Xpression 2Mb dram PCI 1600 16.8 M. retail 3D Xpression 2Mb Edo PCI 1600 no Games 3D Xpression 2Mb Edo PCI 1600 3 Games Video Xpression 2Mb Edo PCI 1600 Video Xpression 2Mb Sram PCI 1600 Pro-Turba 2Mb vram PCI 1600 16.8 M. Pro-Turbo 4Mb vram PCI 1600 16.8 M.

L. L. L. L. L. L. L. L. L.

95 120 235 285 385 245 285 485 880

X 1000

HDD WD/SEAGATf/IBM/OUANrUM l .3 3.2 3.8 1.3 l .6 2.5 2.1 2.0 9.0

Z A L

Gb Eide M4 Quantum Tempest Gb Eide M4 Quantum Tempest Gb Eide M4 Quantum Giga Eide Mode 4 WD Giga Eide Mode 4 WD Giga Eide Mode 4 WD Giga Eide M4 Medialist Giga IBM Ultra Wide SCSI Giga Seagate Fast SCSI2 AV

L. L. L. L. L. L. L. L. L.

, .~ o

I

Aviator Speed MM-50150 ISA Movie Machine Il MM-50120 ISA Nv:Me Machine Il PW PackMM-50220 FPS 60 M-jpeg MM-50400 ISA FPS 60 PW. Pack MM-50415 Mpeg per MMII/FPS MM-50315 M-jpeg per MMII/FPS MM-5031 O MMII/FPS-API MM-5061 O AV Master MM-501 00 PCI

L. L. L. L. L. L. L. L. L.

489 1.279 2.364 983 1.179 489 885 984 1.654

33.6 33.6 33.6 33.6

L. L. L. L.

312 286 482 386

~ìljP..z.'lfti~

esterno P&P interno P&P USR Sposter voice esterno it USR Sposter voice interno it

CD-ROM

X 1000

CD-ROM 8X Philips Pca 82cr IDE CD-ROM 4X Sony 76S SCSI int. CD-ROM 8X Sany 88E EIDE CD-ROM 8X Plextor interno SCSI CD-ROM 12X Plextor interno SCSI CDR Yamaha 4X int.CDR 200

L. 198 L. 310 L. 266 L. 608 L. 787 L. 1.505

t ,mi'3' j.' {H. J. UI4 ·'3i·'m'amO·' il

',j tiii.t.

La S8F Elettronica aperando da circa 10 anni nell'ambito nazionale del settore ormai una posizione di rilievo. Oggi infatti dispone di un vasto assortimento prodotti, selezionati tra le primarie aziende leader del settore, dei quali offre regolare disponibilità. Con questi presupposti l'azienda si presenta a coloro che cercano un partner di riferimento, con soluzioni personalizzate alle esigenze della propria attività (sia essa di vendita diretta o di distribuzione). solo i punti vendita autorizzati hanno esposto Il nostro marchio

informatico, di

ha assunto

Conta"ateci ai numeri 081-2395663 o Fax 081/5930297, per approfondire i termini della nostra proposta commerciale, saremo a Vs. disposizione per comprendere le Vostre esigenze e chiarirvi ogni ulteriore dubbio.

PUNT' VEND'TA QUALIFICATIS8' Piemonte

ed Aosta

(LE)Leccetel. 0832-349891

Veneto

Marche

(AP) Porto Sant'Elpio tel. 0734-902191

(GE) Genova tel. 010-6982872

(VR)Sallizzole tel. 045-7121064 (PO)Campodarsego tel. 041-5412304 (VI)Bassanodel Groppo tel. 0424-5002161 (VI) Rasòtel. 0424-582091 (TV)Treviso tel. 0422-434456 (TV)Cordignano tel. 0438-995359

Lombardia

Emilia Romagna

(TO) Roletto tel. 0121-542796 (TO) Rivarolo Canavese tel. 0124-424424 (81)8iello tel. 015-28027 Liguria

Calabria

(CS)Rendetel. 0984-466800 (Cl) Roccodi Neto tel. 0962-84870

Abruzzo

(PE)Pescaratel. 085-4710484 (TE)Giulianova tel. 085-8008236 Campania

(MI) Milano tel. 02-4813292 (MI) 8rugherio tel. 039-883319 (MI) PessanoCon Bamaga tel. 02-95740751 (MI) Seregno tel. 0362-222117 (8G) 8ergamo tel. 035-615937 {COI Como leI. 031-308322 Trentino

Alto Adige

(NA) Torre del Greco tel. 081-8491892 (NA) Volla tel. 081-7766476 (CE)S.MoriaCapua Veteretel. 0823-794048

(RN) Rimini 0541-772190

Sicilia

Toscana

(PR)Prato tel. 0734-574718

Basilicata

Lazio

(PI) 8ella tel. 0976-3731 (PI) 8rienza tel. 0975-384074

(RM) Pomezia tel. 06-9122652 ILl) Morino di Minturno tel. 0771-269431

5B' MILANO

(CT) Catania tel. 095-387221 (ME) Messina tel. 090-712243 (ME) Roccafiorita tel. 0942-750373 (Cl) Caltanissetta tel. 0934-583344 (AG) Agrigento tel. 0922-21954 (TP)Castelvetrano tel. 0924-903001

Puglia (8A) 8ari tel. 080-5575399 (TA)Grottaglie tel. 099-5638813

(811 80lzano tel. 0471-203422 (TN) Gardola di Trento tel. 0461-960213

20125, Viole Monza 175 Tel. 02/2828252, Fax. 02/26140415 orari 9- 13/14- 18

Sardegna (CA) Cagliari tel. 070-401919 (CA) Cagliari tel. 070-341444 (CA) Quartu Sant' Elena tel. 070-305714

5B' ROMA

5B' NAPOLI

00167, Via Silvestro 114b/4c Tel. 06/6624862, Fax. 06/6622166 orari 9.30-13/16.30-19.30

80126, Via Cumana 19/0 Tel. 081/2395663, Fax. 081/5930297 orari 9-13 30/16 30-19 30

r-----------------------------------~---~---~-----~--'VALE Sul!' acquisto di un :

':,1

~.

L

PC SB' PI ed MPC

5 O OOO •

Da consegnare ~~~;~;t~~eN~bre Non cumula bile

ad un 1996


Il HARDWARE Le mele d'autunno

Arrivano i PowerBook multimediali I nuovi portatili proposti da Apple si chiamano PowerBook 1400cs/11 7 e 1400c/117. /I primo dispone di un display a colori dual scan, il secondo utilizza un ottimo TFT a matrice attiva (in tutt'e due i casi con risoluzione BOOx600 e possibilità di visualizzare trentaduemila colori). Incorporano un'unità eD-ROM a velocità 6x e sono basati sul PowerPC 603e a ben 117 MHz. di Andrea de Prisco

Finalmente anche Apple ha in catalogo una propria linea di computer portatili multimediali. Non che i precedenti PowerBook non meritassero tale appellativo (l'aspetto "multimedialità" è da sempre presente in tutte le macchine prodotte dalla casa di Cupertino), ma semplicemente accade che le nuove macchine hanno la possibilità di incorporare il lettore di CD-ROM al posto della meccanica floppy disk. E, come solo da Apple potevamo attenderei, è possibile effettuare lo scambio di unità senza riavviare la macchina: è sufficiente porre il PowerBook in standby con un risparmio di tempo non indifferente (ad esempio non è necessario chiudere e riaprire file e applicazioni a seguito della "metamorfosi"). Il medesimo alloggia mento, nelle intenzioni di Apple, può essere utilizzato anche dai costruttori "terze parti" per installare un secondo disco rigido, un'unità magneto ottica o addirittura un drive lomega Zip (chissà se dietro questa "porta lasciata aperta" non vi siano già accordi in tal senso con le principali aziende). Chi non è interessato, anche solo momentaneamente, alle memorie di massa al di fuori del proprio hard disk incorporato, può sfruttare l'alloggiamento per raddoppiare l'autonomia di utilizzo senza aumentare gli ingombri, parcheggiando lì dentro una seconda batteria da sostituire alla prima non appena quest'ultima dia segni di "cedimento energetico". Come in ogni notebook che si rispetti, troviamo l'alloggiamento per le schede PCMCIA di tipo Il e di tipo III e

170

/I Macintosh PowerBook

1400c.

l'ormai consueta porta di comunicazione a raggi infrarossi con la quale è possibile effettuare scambio file wireless (senza fili). Tra le caratteristiche "esclusive" troviamo la possibilità di integrare all'interno delle macchine (senza ricorrere agli alloggia menti PCMCIA) una scheda Ethernet per l'integrazione in ambienti di rete ad alta velocità, mentre una nota di colore è data dalla personalizzazione estetica della propria macchina attraverso l'utilizzo di pannelli intercambiabili inseribili sul retro

dello schermo (Iato esterno). Molto ricca, infine, la dotazione di software. Troviamo ClarisWorks e Claris Organizer per la produttività personale, il software per l'accesso remoto e per una sana e robusta compatibilità multi piattaforma e il ricco Apple Internet Connection Kit comprendente, tra l'altro, Netscape Navigator, Claris Emailer Lite, Fetch, NCSA Telnet e NewsWatcher. Tre i modelli in listino (non si conoscono ancora i prezzi orientativi al pubblico). Il più economico è dotato di 12 megabyte di RAM, è fornito privo del lettore di CD-ROM (disponibile opzionalmentel. utilizza un display dual scan da 11.3 pollici e un disco rigido da 750 megabyte. Lo stesso schermo e lo stesso "taglio" di hard disk li troviamo sul modello intermedio che è dotato di 16 megabyte di RAM ed è fornito con lettore di CD-ROM installabile al posto dell'unità floppy disk. AI vertice della gamma troviamo il modello 1400c/117 che si differenzia per la presenza di un display a colori (di pari dimensioni) in tecnologia TFT a matrice attiva dalla visibilità ancora superiore. Peso e dimensioni sono allineati alla media: 3.1 o 3.0 kg (a seconda dell'unità CD-ROM/floppy disk installata) e misure di 22.5x29.2x5.2 cm.

~~I Apple Computer Spa Via Milano 150, 20093 Cologno Monz (MI), Tel. 02/27.32.61

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


c

S

a SCELTA! .•.

• •••

..

l o

SBF MPC Pentium

F MPC Pentium

• Processore Intel Pentium da 100 a 166 Mhz Mainboard Genoa o Side Triton 430 YX/HX a 66 Mhz, supporto dei processori Pentium da 75 a 200+ Mhz 256 Kb di cache sincrona pipeline burst espandibili a 512 Kb • 8 Mb di RAM espandibili a 128 MB di RAM/EDO RAM • Controller EIDE mode 4, 4 periferiche EIDE, fino a 17 Mb/sec • HDD Eide ±5400 giri, da 1.3 Gb 8ms mode 4 • CD-Rom 8X EIDE 1200 Kb/sec, FDD da 3.5 1.44 Mb • Scheda video Ati Mach 64 con 1 Mb esp. a 2, riso fino a 1280x1024, accelerazione Mpeg ed AVI integrata • 2 seriali UART 16550, una parallela bidirezionale veloce • Scheda audio SB16 bit C. stereo 3D sound, 48 KHz Plug & Play • Casse Acustiche stereo • Modem/Fax 28.8 interno certificato per INTERNET • Joystick anatomico • Mouse Microsoft, tastiera Cherry 105 tasti ital. per Windows 95 • Case certificato CE a scelta tra mini tower e desktop • Windows 95 + Plus CD italiano con manuali e licenza d'uso • Garanzia 1 anno a copertura totale • Manitar Nokia 15"449M+ Trinitron dp 0.25

*

• Processore Intel Pentium da 133 a 200 Mhz MB Side P55 TU con Triton 430 HX a 66 Mhz, Adaptec Raid crl opZ. 512 Kb di cache sincrona pipeline burst 32 Mb di RAM espandibili a 256 MB di RAM/EDO RAM Controller Ultra Wide SCSI PCI Adaptec integrato 40 Mb/sec • Controller EIDE mode 3/4, fino a 17 Mb/sec • HDD Ultra Wide SCSI, da 2.0 Gb 40 Mb/sec CD-Rom Plextor 8X SCSI 1200 Kb/sec, FDD da 3.5 1.44 Mb Scheda video ATI 3D Xpression 2 Mb Edo, accelerazione hardware 3D e 2D per rendering e videogames, supporto diretto a Windows 95 Direct Draw per la veloci=zione dei filmati AVI ed Mpeg • 2 seriali UART 16550, una parallela bidirezionale veloce • Audio Creative SB AWE 32 16 Bit wave table syntetizer • Casse Acustiche amplificate stereo da 25 W, microfono stereo Modem/Fax Supra 28.8 interno certificato per INTERNET P&P Joystick interamente Digitale Microsoft SideWinder 3D Pro • Mouse Microsoft, tastiera Cherry 105 tasti ital. per Windows 95 • Case certificato CE a scelta tra mini tower e desktop • Windows 95 + Plus CD italiano con manuali e licenza d'uso • Garanzia 1 anno a copertura totale • Monitor Nokia 15"449M+ Trinltron dp 0.25

***

*

Dotazione

software (Titoli multlmedlali

.• Microsoft Works & Money CD Microsoft Encarta96 CD • Microsoft World of Fligth CD .• Microsoft Scenes Undersea CD Ubi Soft RayMan CD Gremlin EUR096 CD • Flight Unlimited SE CD • Atari Prima I Rage CD • Pinball Fantasies Deluxe CD

*

• • • • • • • • •

*

** **

e Videogiochl)

Microsoft Sampler 55 titoli CD Microsoft World of Nature CD Microsoft Dangerous Creature CD 3D Terminai Velocity CD Pool Champion CD GTE FX-Fighter CD Warlords Il Deluxe CD Great Naval Battle IV CD EntomorphCD & JoggedA1lionceCD

*

* **

software (Titoli multi media Il e Vldeoglochl)

Works & Money CD Encarta96 CD World of Fligth CD Cinemania96CD

• • • •

Microsoft Fury 3 CD Microsoft Encarta96 World Atlas CD Microsoft Dangerous Creature CD Microsoft World of Nature CD

Microsoft Oceani CD • Microsoft Musical Center96 CD • Microsoft Scenes Undersea CD • Microsoft Sampler 55 titoli CD Gremlin EUR096 CD • Assault Rigs CD Ubi Soft RayMan CD • Mech Warrior Il CD • Acrua Soccer CD

",

j

".

~~~~

~~~~

~1;JffJ'!f~

Dotazione • Microsoft Microsoft • Microsoft • Microsoft

~

Esp. a 512 kb cache L 39.000

~W .i·1Bmx ti:,·, C.I,~11il. i! l'

~

P200Platinum

L. 7.750.000

~

Incremento per Nokia 17" 417TV dig. 0.28

Side. Per contattarci ehiai su Internet www.sbf.it 58. MILANO 20125, Viale Manzo 175 Tel. 02/2828252, Fax. 02/26140415 orari 9·13/14-18

58. ROMA 00167, Via Silvestra Il 4b/4c Tel. 06/6624862, Fax. 06/6622166 orari 9.30-13/16.30-19.30

58. NAPOLI 80126, Via Cumana 19/0 Tel. 081/2395663, Fax. 081/5930297 orari 9- 13,30/16,30- 19,30

L. 660.000

.

"

.= (;RXrIS

anlno "Il

Il1lc1"nt'l


MULTJ:MEDIA Mattel Media rende multimediale la bambola più famosa del mondo

Barbie anche su CD-ROM Saranno in vendita da dicembre tre divertenti (ed ottimi) prodotti per creare stampe personalizzate, storie e abiti. Abbiamo provato in anteprima le versioni in inglese, chiedendo la collaborazione di qualcuno che conoscesse il mondo di Barbie meglio di noi... Ciao a tutti, mi chiamo Alessandra Marinacci e ho dieci anni. Un giorno Papà ha portato a casa tre CD-ROM di Barbie chiedendomi di prova rIi per dargli un parere. lo, curiosa, li ho installati la sera stessa nel computer di mio fratello (che uso anch'io, ma Francesco non vuole perché quando non fa i compiti

Abbiamo realizzato una mise sportiva e le abbiamo dato dei colori vivaci. Forse cambieremo la fantasia della gonna ...

172

deve sempre giocare a Gran Prix 2 ...). Ho protestato perché i CD sono in inglese, ma Papà dice che questi sono un'anteprima e che quelli in vendita saranno in italiano. Con Print 'n' Play ci si può divertire a fare poster, striscioni, sticker, biglietti di auguri, lettere e fax. Con Storymaker si possono inventare delle storie nelle quali Barbie, Ken e i loro amici compiono, in vari ambienti, varie azioni come quella di ballare o di applaudire; le scene si possono colorare e ci si può poi divertire a vederle e modificarle finché si vuole. Usarlo non è molto difficile, ci sono riuscita abbastanza anche capendo poco dalle istruzioni (l'inglese che studio a scuola non mi basta per capire tutto, specialmente quando il computer parla). L'ultimo CD è Fashion Designer e serve per vestire Barbie per varie occasioni, come un matrimonio o una gita o una festa o il lavoro in ufficio. Per ogni occasione ci sono vari tipi di gonne, pantaloni, giacche eccetera, e accessori come i foulard, i guanti, le ginocchiere o il bouquet. Per le stoffe si può scegliere la fantasia e poi decidere i colori e cambiarli mille volte, vedendo l'anteprima in cui Barbie è in camerino davanti allo specchio. Quando ci piace possiamo farle fare la sfilata, ma il nostro computer (che è un 486 80 MHz) ha bisogno di parecchio tempo per costruirla, così sono andata da una mia amica, Pamela, che ha un Pentium molto più veloce, ed insieme abbiamo costruito tre abiti da sposa ed uno da mare. Si può stampare sia la foto di Barbie vestita da noi, sia i pezzi dei vestiti su una carta-stoffa che poi si taglia e con dei pezzetti di adesivo che sono nella scatola si può confezionare il vestito! Questo non mi sembra facilissimo, ci vuole o un grande che ti aiuta o come minimo le istruzioni in italiano ... Con Barbie non ci gioco più da circa un anno, questi CD mi hanno fatto rivenire voglia, anche se non so se riprenderò la

bambola in mano ... beh, se riuscirò a farle i vestiti forse sì. Forse si è capito che il CD che mi è piaciuto di più è Fashion Designer, ma ... li ho visti poco e in inglese. Sono curiosa di provarli quando arriveranno in italiano, chissà se scriverò di nuovo qualcosa ...

Per la sfilata in passerella, sulla quale si muove con incedere sinuoso, Barbie ha scelto un capo più impegnativo.

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


••. ;

•••

&

NOKIA Multigraph NCV400: telecamera, casse audio stereo, subwoofer e microfono integrati ed inclusi nel prezzo, per PC e Mac. Finalmente il primo monitor veramente multimediale, disponibile anche senza telecamera con la sigla 447XAV

• Specifiche

tecniche

Provate a confrontare i vostri monitor con i Monitor NOKIA. Come? A casa vostra, prelevando via Internet un diagnostico che metterà in risalto i limiti del vostro attuale sistema. Sui monitor NOKIA, questo test dà risultati eccellenti! E sul vostro? Ecco perché possiamo permetterei di dire: Soddisfatti o Rimborsati. visitateci monitor

Cinescopio: Dimensioni:

Distanza interpixel (Do' pitch): Schermo: Giogo di deflessione: Amplificatore VF Ingresso analogico banda video: Collegamenti video

su [www.nokia.com/monitors/monitor_test.html]

NOKIA (tra parentesi

quelle

oppure

Trinitron (CRT),con schermo piatto triangolare 43.2 cm/17 pollici 0.25 mm (0.28 mm) antiriflesso, rivestimento antistatico saddle/soddle.

~1·lI!m~·!lJrmmi~·jlll,i~ .•••

140Mhz (90Mhz)

: .

di riga

Gamma di frequenza: 31-91 kHz (31-64 kHz) Qutosincronizzante Durato max sincronizzazione quadro intero: meno di 1 sec Frequenza di quadro Gamma di frequenza: 50-150Hz 148-100 kHz) autosincronizzante Funzione TV: (50Hz) Plug and Play DDC Connection level 2 AB Sincronizzazione separata e mista Campi elettromagnetici soddisfa le norme MPR-90 e TCO FuliScreen Immagine a schermo interno in tutti i modi di funzionamento Comandi tramite menu impostazione Correzione dell'inclinazione, compndo inclinazione, luminosità, contrasto, dimensioni immagine (verticale/orizzontale). modo contrasto, correzione distorsione a cuscino o trapezoide, impostazione temperatura di

~ EPA POLLUTION OUldplmps

PREVENTER of EPA EI'IFU

colore, regolazione RGB,ortogonalità, lingua menu, demagnetizzazione, regolazione sui valori preimpostati, seleziane sincronizzaziane Temperatura del colore regolabile

;

640.480 800.600 832.624 1024.768 1152.870 1.2.~~~.~~~.4

Ij(IJ·@:!z··:Ilttf~·~1i:l:m!llmiE:,m;·ri:'fEl4[;:: •• fino o 150Hz fino o 140Hz fino o 135Hz fino o 11 OHz fino o 100Hz f.i.~~ .?

.~~t-!~

~tm~·lJ:ii!lii§:r;.:CtZ!J~.rn·ililit:rJ·llIf:'~i:it~. fino a 100Hz : fino o 100Hz

SBF MILANO

Star

SBF ROMA 00167, Vio 5i1vestro Il 4b/4c Tel. 06/6624862, Fo•. 06/6622166 orari 9.30-13/16.30-19.30

., s

ls s

fino o 80Hz

;

..

.~

Audio Due casse acustiche integrate da 2 W ciascuna Video Camera Telecamera a colori CCO da 500x582 pixel con angolo di tilt di 5 gradi Ergonomia Colloudoto in Germonio da TV Ergonomie Geprft, ZH 1/618/10,80, corrispondente ad ISO 9241/3 Angolo di inclinazione -5 +20 gradi Angolo di rotazione -90 +90 gradi Interferenze ed omologazioni Disturbi via cavo ed interferenze RFIconformi a EN 55022 classe B, VFG 243/91 classe 8 ed FCC 15-J c10sse B Emissione roggi X conforme o IEC 65/6, DHHS 21 CFR/J Conforme alle norme di sicurezza elettrico CE, SETI, S, N, D, TOV-GS, UL,CSA

Per sapere dove trovare i monitor Nokia, rivolgiti allo sede SBF o te più vicino o tramite il tuo rivenditore di fiducia

20125, Viole Manzo 175 Tel. 02/2828252, Fox. 02/26140415 orori 9-13/14-18

o

..,r:' ::--

Follol'.

[www.sbf.it]

l

del 417TV)

VGA,BNC per R,G, 8, HS, VS,odottotore Moc (VGA) (PAlISECAM stondord, 75 Ohm) (Decodificatore Televideo integrato)

Connettori:

TV input: Frequenza

NOKIA Valuegraph 417TV: Il primo ed unico monitor PC con sintonizzatore TV, scheda Televideo, casse audio stereo e naturalmente il telecomando. La migliore scelta nel settore SOHO (Small Office Home Office), anche nel prezzo.

SBF NAPOLI 80126, Via Cumona 19/0 Tel. 081/2395663, Fax. 081/5930297 orori 9-13,30/16,30-19,30

NOKIA~ CONNECTING PEOPLE

"[


IL CENTROHL THE

IL COMPUTER CHE SI ADATTA

ER'

ALLE TUE ESIGENZE

1/ PC ideale è quello meglio proporzionato alle mansioni che deve svolgere. Per questo da noi non troverai computer preconfigurati. Le configurazioni illustrate in queste pagine sono solo alcune proposte; noi diamo a te la possibilità di configurare la macchina permettendoti di scegliere attentamente un computer con un buon rapporto tra qualità e prezzo e consigliando ti i prodotti che più si adattano alle tue esigenze. Ogni preventivo che ti forniamo contiene i prezzi unitari dei vari componenti del computer e una "guida" contenente le foto e le caratteristiche tecniche dei prodotti che hai scelto. Se deciderai di acquistare ti basterà fornirci il numero di preventivo, e questo puoi comunicarcelo con il mezzo che vuoi: di persona, per telefono, via fax oppure via internet. In sole 72 ore il computer arriverà a casa tua.

WE·

.•........ e •......

•••........ .••.........

••............ ...•••••............ .•••............ •..............

....•••.............. ................... .................... ................... ................... .................... .................. ..................... ....................

....•..••......... ..................

CE TRO Via di Novoli 9/17 50127 Firenze Via Faustino Malaguti 1/7/f 40126 Bologna Via Alfonso Corti, 34 (Zona Città Studi) 20133 Milano

umero Verde 167-013.037 (15 Ilee ra Per richiedere

preventivi

ed ordini.

Li ea Commerciale Centralizzata 055-33.79.00 15 ra Per richiedere informazioni commerciali, preventivi ed ordini.

Fax 055-33.70.700 ra Per richiedere preventivi

Internet

ed ordini.

.centrohl.it

Per consultare listino prezzi, caratteristiche e foto prodotti, schede di supporto tecnico, preventivi ed ordini interattivi, drivers di aggiornamento.

E-mail nfo@centrohl.it Per richiedere informazioni commerciali, preventivi ed ordini.

Fax On Demand 055-33.70.730 ra Per ricevere 24 ore su 24 un listino prezzi aggiornato.

BS 055-36.11.48 (ra Per consultare listino prezzi, caratteristiche tecniche e foto prodotti, schede di supporto tecnico, drivers di aggiornamento. COME ACQUISTARE Sedesideri rivolgerti direttamente alla fonte, basta farci pervenire l'ordine! Consegnamo in tutta Italia con corriere espresso UPS. La legge (D.lgs. 15/01/92 n.50) ti concede 7 giorni di tempo per valutare la merce arrivata. Centro HL estende questo periodo a 15 giorni complessivi. In caso contrario provvederemo alla sostituzione o ali'accredito, a tua scelta. OPPURE rivolgiti al tuo rivenditore, ogni negozio di adeguata professionalità può rivendere i nostri prodotti.

• POWERGEN'1; 200 Espansione Ram a 64 Mb CD ROM 12X Con Hard Disk UW SCSI 3 capacità 4.36Gb Modem/fax 28.800 bps interno Monitor 15" miro con 2 casse amplificate integrate, colore, 0.27 dp, 1280x1 024 N.I., risparmio energ. EPA e TCO '92, MPRII controllo Microprocessore • Monitor 17" miro Trinitron, colore, 0.25 dp, 1280x1024 N.I., risparmio energ. EPA e TCO '92, MPRII controllo Microprocessore

• • • • •

LIRE 4.480.000 +lIRE 440.000 + LIRE 390.000 +lIRE 660.000 + LIRE 295.000

LIRE

690.000

LIRE 1.290.000

I PREZZI NON SONO COMPRENSIVI OliVA Il settore informatico è caratterizzato da frequenti variaZioni di prezzo: chiama numero Verde o collegati al nostro Sito Internet per avere la quotazione PIU aggiornata


POWERGEN

~ LA NUOVA LINEA DI COMPUTER DI CENTRO HL. EQUIPAGGIATA DI PROCESSO RE PENTIUM- PRO DI INTEL E CARATTERIZZATA DA..COMPONENTI DI ALTO LIVELLO QUALITATIVO, LA LINEA POWERGEN ~ DESTINATA AD UNA FASCIA PROFESSIONALE DI UTENTI.

-.Personal Computer con processore PentiumG'JProdi Intel a 200 MHz, cache 256Kb di secondo livello integrata nel processore, piastra madre Pride Security, chipset Intel 440 FX, 32 Mb di RAM, Hard Disk 2.18 Gb UW SCSI3, scheda video Purple Vision LightSpeed 128 2.25 Mb DRAM multibank. Tastiera Italiana 105 tasti per WindowsNTG'J,mouse Microsoft PS/2, Microsoft WindowsNTG'J4.0 preinstallato. Monitor Escluso.

• Case Tower ATX a struttura rigida con protezione da campi elettromagnetici, conforme alle normative CE. • Processore Intel Pentium·Pro a 200 MHz con cache di secondo livello 256Kbytes integrata .• 32 Mb di RAM .• Piastra madre Pride Security, ATX, con Chipset Intel 440 FX, ZIF Socket 8. 1M-bit Flash EPROM, innesto VRM come regolatore di tensione, Plug & Play. Supporta RAM, FPM RAM, EDO RAM, BEDO RAM fino a 512Mbyte in moduli SIMM simmetriche e asimmetriche, moduli SIMM con parità/ECC e senza parità. Controller HDD E-IDE integrato PCI a 32 bit (MODE 3, 4). Bus Master DMA Mode 2. Due porte seriali bufferizzate UART 16550, una parallela bidirezionale Std.lECP/EPP per un veloce trasferimento dati dalle periferiche. Supporto per una porta IrDA compatibile a infrarossi. Supporto per due porte USB (Universal Serial Bus). Interfacce per tastiera PS/2 e mouse PS/2. Manuale in italiano. 5 anni di garanzia .• Scheda Video Purple Vision LightSpeed 128, chip di controllo grafico Tseng ET6000, 2.25Mb DRAM Multibank, bus PCI. Risoluzione video a 640x480 con 16 milioni di colori e refresh video fino a 160 Hz. Risoluzione video a 1280xl 024 con 256 colori e refresh video fino a 75 Hz. Feature connector integrato. Accelerazione Hardware per i trasferimenti BIT-BLOCK (BitBLTs), disegni di linee, operazione di cursore, bus a doppio indirizzo, bursting di lettura e scrittura e cursore Hardware. Software che permette di accelerare la riproduzione di filmati in formato MPEG-l. Drivers GUI su CD nativi per gli ambienti Windows, Windows·95, Windows NT e OS/2 Warp. Porta di opzione Video per inserimento di un modulo decoder/playback MPEG-2. Supporto dello standard VESA DDC-2B, Plug & Play, manuale in italiano, 5 anni di garanzia .• Hard disk Quantum modo Viking con capacità di 2.18 Gb, Ultra Wide SCSI 3 (tempo medio di accesso 8.5 ms, transfer-rate fino a 40 Mb/s). Cache 512Kb. 2 anni di garanzia .• Controller Adaptec AHA 2940 Ultra Wide SCSI con interfaccia PCI. Supporto periferiche SCSI-l, SCSI-2, SCSt-3, UltraSCSI. Velocita' di trasferimento 40Mbytes/sec. 1 connettore interno SCSI e 1 interno + 1 esterno SCSI Wide. Gestione Hard Disk fino a 8 Gb. t posPENTIUM.PRO sibile installare fino a 15 periferiche UltraSCSI. 1 anno di garanzia. • Supporta le funzioni Green P" o C E S SO" (Idle, Stand-By, Sleep) per un risparmio energetico fino all'80%. • Manuale d'uso in italiano.

PIUIPLE VlSlON

SouNDIIA. JZ 3D

IJGHrSI'IID ,.

PowerGen 200 è distribuito da CENTROHL. Se vuoi saperne di più chiama il numero verde o collegati con il nostro Sito Internet.

Internet

www.centrohl.it

numero Verde

167-013037

Centro Hl è un marchio registrato da Centro Hl Distribuzione sn.ll iogo Intellnside e I\!ntium Pro sono mar· chi registrati da Intel Corporation. Microsoft. Windows, Windows NT,sono marchi registrati da Microsoft CO!JXlfation. Tutti gli altri marchi citati appanengooo ai rispettivi proprietari. Tutti i prezzi e i prodotti specificati sono soggetti a variazioni senza p<eawiso. La foto è indicativa dei p<odotti proposti


PC Professionale

----~--------...,

Ottobre 1996 10 classificato

V/P •

SINERGY200 CON 32 MB DI RAM, HARD DISK 4.3 GB UW SCSI, SCHEDA VIDEO PURPLEVISION LIGHTSPEED128, SCHEDAAUDIO SOUNDRAGE32 3D, CD ROM 8x, MODEM 33.6 BPS Il ... ottima competitività, viste le prestazioni, la configurazione e il prezzo contenuto».

PC World ------------:------, • Luglio/Agosto 1996 • Settembre 1996 10 classificato Desktop Power SINERGY 166 CON 32 MB DI RAM,

HARD DISK 1.6 GB, SCHEDAVIDEO

DIAMOND STEALTH64 VIDEO 3240,

CD ROM 6x, SCHEDAAUDIO 16 BIT,

MODEM 33.6 BPS Il •.. Top Performer anche con i nuovi test per Windows 95, grazie alla configurazione di alto livello ... vantaggi: prestazioni molto elevate ... ».

• Maggio 1996 • Giugno 1996 10 classificato Desktop Budget SINERGY 100 CON 8 MB DI RAM,

HARD DISK 1.2 GB, SCHEDAVIDEO

MIROVIDEO 22SD CD ROM 4x, SCHEDAAUDIO 16 BIT Il ... buone prestazioni, prezzo competitivo e ottimo monitor ... l'utilizzo di cache sincrona di serie lo pone al vertice della classifica ... ».

• Aprile 1996 1o classificato Desktop Power SINERGY 166 CON 16 MB DI RAM,

HARD DISK 1 GB, SCHEDA VIDEO

DIAMOND STEALTH64 VIDEO 3240

Due mesi fa abbiamo testato l'HL-TOP 133 di Centro HL, ottimamente posizionatosi nella classifica power. Sinergy 166 è l'erede naturale di quel modello ... il nuovo processore installato riesce a incrementare le già ottime prestazioni della macchina ... ». Il ...

• Marzo 1996 1o classificato Desktop Power SINERGY 133

CON 16 MB DI RAM

SINERGY"200. Personal Computer con processore Pentium" di Intel a 200 MHz, scheda madre Pride Freeway Il Plus!, chipset Intel 430 HX, 512 Kb cache sincrona pipeline in un unico banco, 16 Mb di RAM, Hard Disk 2,1 Gb Quantum modo Fireball TM, scheda video Purple Vision LightSpeed 128 2,25Mb DRAM multibank. Tastiera Italiana 105 tasti per Windows" 95, mouse Microsoft ••PS/2, Microsoft Windows" 95 preinstallato, Microsoft •• Plus!, Microsoft Windows" 95 Game Sampler 1.0. Monitor Escluso. l.JRE 2.650.000

HARD DISK 1 GB, SCHEDA VIDEO

DIAMOND STEALTH64 VIDEO 3240, SCHEDASONORA16 BIT, CD ROM 4x

Grazie alle sue caratteristiche e prestazioni balza in testa alla nostra classifica scalzando i suoi accreditati rivali... ».

SINERGY·166 SINERGY·150 SINERGY·133

PC Magazine ----------------.,

• Espansione Ram a 32 Mb .CD ROM'4X .CD ROM 8X • Monitor 15", colore Flat Square, 0.28 dp, 1280x1024 N,I. 62 Hz, Green, MPRII • Monitor 17", colore Flat Square, 0.27 dp, 1280x1024 N.1. 65 Hz, Green, MPRII • Monitor 20", colore Flat Square, 0.31 dp, 1280x1024 N.I. 60 Hz, Green, MPRII

Il ...

RECOMMENDED •

Marzo 1996

SINERGY 75 CON 8 MB DI RAM,

HARD DISK 1.2 GB, SCHEDA VIDEO

DIAMOND STEALTH64 VIDEO 3240

/'impressione generale che abbiamo ricevuto, osservando /'interno del materiale inviatoci da Centro HL, è stata quella di una buona organizzazione ... / diversi componenti del sistema proposto provengono da case leader nei settori di competenza... ». Il ...

LIRE LIRE LIRE

2.450.000 2.260.000 2.090.000

+ LIRE + LIRE + LIRE

250.000 90.000 180.000

LIRE

590.000

LIRE

1.070.000

LIRE

1.990.000

(Processare Intel Pentium'" 166 MHz) (Processare Intel Pentium" 150 MHz) (Processare Intel Pentium'" 133 MHz)

I PREZZI NON SONO COMPRENSIVI OliVA Il settore informatico è caratterizzato da frequenti variazioni di prezzo. chiama numero Verde o collegati al nostro Sito Internet per avere la quotazione più aggiornata

I


• • • •

Case a struttura rigida con protezione da campi elettromagnetici, conforme alle normative CE. Processo re Intel Pentium" a 200 MHz . 16 Mb di RAM. Scheda madre Pride Freeway Il plus!, con Chipset Intel430 HX, ZIF Socket 7. 512Kbyte di cache sincrona SRAM Pipeline in un unico banco, Flash Bios aggiornabile per integrazione della compatibilità per prodotti di successiva produzione, innesto VRM come regolatore di tensione, Plug & Play Windows" 95. Supporta RAM, EDO RAM, parity/ECC RAM fino a 512Mbyte. Controller HDD E-IDE integrato (MODE 4, transfer rate 17Mb/s) a due canali in modo da non rallentare gli accessi in presenza di più periferiche. Bus Master IDE DMA mode 2 per un trasfer rate fino a 22 MB/secondo. Due porte seriali bufferizzate UART 16550, una parallela bidirezionale SPP/ECP/EPP per un veloce trasferimento dati dalle periferiche. Supporto per una porta IrDA compatibile a infrarossi. Supporto per due porte USB (Universal Serial Bus). Manuale in italiano. 5 anni di garanzia. • Scheda Video Purple Vision LightSpeed 128, chip di controllo grafico Tseng ET6000, 2.25Mb DRAM Multibank, bus PCi. Risoluzione video a 640x480 con 16 milioni di colori e refresh video fino a 160 Hz. Risoluzione video a 1280x1 024 con 256 colori e refresh video fino a 75 Hz. Feature connector integrato. Accelerazione Hardware per i trasferimenti BIT-BlOCK (BitBlTs). disegni di linee, operazione di cursore, bus a doppio indirizzo, bursting di lettura e scrittura e cursore Hardware. Software che permette di accelerare la riproduzione di filmati in formato MPEG-1. Drivers GUI su CD nativi per gli ambienti Windows, Windows" 95, Windows NT e OS/2 Warp. Porta di opzione Video per inserimento di un modulo decoder/playback MPEG-2. Supporto dello standard VESA DDC-2B, Plug & Play, manuale in italiano, 5 anni di garanzia. • Hard Disk Quantum modo Fireball TM con capacità di 2,1 Gb, E-IDE (tempo medio di accesso 8,5ms, transfer-rate fino a 16.6Mb/s in modalità PIO mode 4). Dotato di un buffer di 128Kb in modo da velocizzare gli accessi al disco. 2 anni di garanzia. • Supporta le funzioni Green (Idle, Stand-By, Sleep) per un risparmio energetico fino aIl'80%. 1':'" o c ••• o " • Manuale d'uso in italiano.

nentium'"

• • • • • • • • • • • • • • • • • •

••

Sinergy è distribuito da CENTROHl. Se vuoi saperne di più chiama il numero verde o collegati con il nostro Sito Internet.

Internet

www.centrohl.it

numero Verde

167-013037

Centro Hl è un marchio registrato da Centro Hl Distribuzione srl. IIlogo Intel Inside e Pentium sono marchi registrati da Inlel Corporation. Windows 95 è un marchio registralo da Microsoft Corporation. Tutti gli altri marchi atati appartengono ai rispettivi proprietari. Tutti i preui e i prodotti specificati sooo soggetti a variazioni senza preawiso. La foto è indicativa dei prodotti proposti


IL DILEMMA DEGLI UTENTI ITALIANI Una cosa è certa: l'utilizzo di PageOffice Color. PageOffice Color è il nuovo scanner di Umax a colori, piccolo, pratico, potente e facile da usare. Scansiona a colori, in scalature di ~rigio o in bianco e nero; grazie alle sue ridotte dimensioni, trova posto ovunque, anche fra tastiera e monitor. Le caratteristiche del PageOffice Color permettono il suo utilizzo sia a casa che In ufficio: grazie al software PageManager con un 5010 c1ick del mouse potrete aggiungere testi direttamente sui documenti scansionati e spedirli via E-mail al destinatario, inviare fax, archiviare pratiche, articoli di riviste, fotografie, editare il testo scansionato con un qualsiasi programma di scrittura (OCR)...

• Scans;onate • gente, scans;onate! • (o scanner;zzate?)

• • • • • • • • • • ••

490.000

lire UJI.rtJ

IVA esclusa

• Risoluzione ottica fino a 300x600 dpi • Modalità di scansione Bianco e Nero I scalature di grigio I colori • Massima Risoluzione 2400 dpi • Velocità di scansione 6 ppm a 300 dpi in modalità b/n • Caricamento automatico dei fogli fino a 10 pagine • Formato dei documenti: lettera, legale, M,BS, AS, affari • Interfaccia Porta Parallela (modalità EPP) • Supporto TWAIN per effettuare scansioni dal tuo programma di grafica preferito. Dimensioni 290 mm x 107 mm x 97 mm • Peso1,6 kg • Software in dotazione PageManager (integra E-mail, Fax. Print, OCR, Scan) Pagelmage, PageType (compatibili Windows 3.1/Windows -95)

O

UMAX Pageoffice Colar è distribuito in Italia da CENTRO HL Se vuoi sapeme di più chiama il numero verde o collegati con il nostro Sito Internet.

www.centrohl.it numero Verde 167-013037 Internet

5

Distributore Esclusivo dei prodotti Umax Multimedia & l'eripheral per l'Italia

Centro Hl è un marchio regi· stralo da Centro Hl DIStribuzione srl. Intel Inside è un marchio regislrato da Intel Corporation. Windows 9S è un marchio regi sI rata da Microsoft corporalion. Tuili gli altri mar-

chi citati appartengono ai rispettivi proprietari. Tutti i prezzi e i prodotti specificali sono soggetti a variazioni senza preavviso. le foto sono indicalive dei prodotti proposti.

Il settore Informatico è caratterizzato da frequenti var'dzicn di prezzo: chiama il numero Verde o COllegati al nostro Sito Internet per avere la quotazione PIU aggiornata


SOUNDRAGE 32 3D: OPERAZIONE SUON

SOUND RAGE 32 3D: la scheda audio stereo a 16 bit di Purple Vision. La prima che usa la tecnologia PCM wavetable synthesis su un singolo integrato per darvi un'eccezionale qualità sonora a un prezzo incredibile! Progettata per Windows~ 95 SOUND RAGE 32 3D è compatibile Sound Blaster e MT-32 MIDI, con un'ottima qualità sonora. Awertirete qualcosa di magico con i 128 strumenti musicali e i 53 timbri di percussioni in 32 voci a vostra disposizione, tutto alla portata delle vostre dita! SOUND RAGE 32 3D include tutto ciò di cui avete bisogno per trasformare il vostro computer in un vero e proprio studio di registrazione! I settore informatico e caratterizzato . da frequenti variazioni di prezzo: chiama il numero Verde o collegati al nostro Sito Internet per avere la quotazione più

• Sintesi Wavetable per una resa realistica degli strumenti con 1Mb ROM. • Sintesi sonora FM per i giochi. • 512Kb di RAM per una ricca gamma di effetti sonori. • Più di 300 suoni composti da strumenti, percussioni ed effetti speciali. • Qualità CD e suono stereo, con possibilità di riproduzione e registrazione a 8 e 16 bit. • Frequenza di campionamento da 4 a 48 Khz .• Chip integrato Spatializer" per suoni 3D.• Compatibile con le maggiori schede sonore: Sound Blaster, Adlib e Gravis UltraSound. • Compatibile con il sistema sonoro di Microsotte Windows 3.11 e Windows~ 95 (include supporto DMA). • Interfaccia compatibile Roland MPU-401 con pieno supporto dello standard lire 190.000 Generai MIDI. • Supporto audio Full-duplex in registrazione e in riproduzione .• Sistema Karaoke: IVA esclusa possibilità di mixare audio e microfono. • Dotata di Connettori: Une Out (uscita) per casse amplificate o cuffie, Speaker 2W (uscita)per casse non amplificate, Une In (entrata),Midi/porta seriale, porta joystick, connessione Modem .• Microsoft Plug & Play versione 1.0a: per una semplice installazione senza jumpers hardware .• Driver per piattaforme Dos, Windows 3.11 e Windows· 95 .• Include: Voyetra's Multimedia Essential Pack.• Manuale in italiano .• 5 anni di garanzia.

aggiornata

NUOVA VERSIONE:

• Acceleratore grafico a 128 bit. • DRAM Multibank 2.25Mb. • Supporto VESA DDC-2B per monitor Plug & Play. • Risoluzioni non interiacciate a 640x480 con 16 Milioni di colori e refresh video fino a 160 Hz.• Risoluzioni non interiacciate a 1280x1 024 con 256 colori e refresh video fino a 75 Hz. • Certificato FCC Class B per basse emissioni. • Chip di controllo grafico Tseng ET6000 .• Feature connector integrato .• Bus PCI. • Accelerazione Hardware per i trasferimenti BIT-BLOCK (BitBLTs). disegni di linee, operazione di cursore, bus a doppio indirizzo, bursting di lettura e scrittura e cursore Hardware. • Software in dotazione che permette di accelerare la riproduzione dei filmati in formato MPEG-1. • Drivers GUI ad alte prestazioni per Windows, Windows 95, Windows NT, e OS/2 Warp su CD. • Microsoft Plug & Play versione 1.0a: per una semplice installazione senza jumpers hardware .• Manuale in italiano .• 5 anni di garanzia.

2,25

MB DRAM MULTIBANK

,

<:::> I

,

• • • • • •

Le caratteristiche sono soggette a variazioni senza preavviso. Purple Vision è un marchio registrato. Centro HL è un marchio registrato da Centro HL Distribuzione srl. Tutti gli altri mar· chi citati apparten· gono ai rispettivi proprietari. Le foto sono indicative dei prodotti proposti.

PURPLE PRODU<TWI S I O N MULTIMEDIA

Purple Vision è distribuito da CENTROHL. Se vuoi saperne di più chiama il numero verde o collegati con il nostro Sito Internet.

Internet

www.centrohl.it

numero Verde

167·013037 6


Con gli acceleratori Multimediali Diamond Stealth64 Video, le possibilità sono infinite. La Serie Diamond Stealth64 Video è interamente ottimizzata per Windows® 95. Questa nuova generazione di acceleratori video VRAM e DRAM garantirà le massime prestazioni del tuo Pc. Ora la Serie Stealth64 Video rende il multi media più facile di prima, con drivers Windows® 95 e un programma utility InControl Tools rinnovati. Diamond ti offre tutti i vantaggi delle ultime applicazioni multimediali e gestionali di Windows® 95 e ti propone delle Designed for prestazioni ineguaglia-

'.I );i

:::~~I

bili quali sei ormai abituato trovare nei prodotti Diamond. La -",,,tI Microsoft Serie Stealth64 Video aumenta la Windows 95 produttività e rende il sistema più

potente con una immagine super rapida e una velocità di risposta altissima. Inoltre la possibilità di riproduzione di video digitali MPEG, con visualizzazione a tutto schermo e immagini di qualità ineguagliabile. Sarà possibile inoltre installare sulla serie 200 I il modulo hardware MPEG per la lettura di video dischi e un sintonizzatore TV DTV 1I 00 che ti offrirà tantissime possibilità. Diamond ti da una garanzia di ben 5 anni, c'è poco da temere. Per ottenere altrè informazioni e gli ultimi drivers, chiama oggi Diamond a: http:/www.diamondmm.com. Ti porteremo al di là dei tuoi desideri.

Distributori Diamond per l'Italia: AZ Informatica: Tel. 0583-37.03.67 - Fax 0583-370358 Centro HL: Numero Verde 167-013037 - Linea Commerciale centralizzata 055-337900 Internet www.centrohl.it Fax 055-3370700 - 24h Fax On Demand 055-3370730 BBS 055-361148 - E-Mail info@centrohl.it Modo: Tel. 0522-512828 - Fax 0522-516822 - Succursale: Tel. 02-27303280 - Fax 02-27303290 T.D.P. Trading Data Products: Napoli 081-5709071 - Fax 081-7624358 - Roma: 06-7232412 - Fax 06-7232430

Oiiil Juty,'995

Slealth64

Vdeo

VRAM

July, 1995 Steatth64 Video VRAM

,.,

Stealth64

Video VRAM

December5,1995

Slealth64 Video 2201Xl

July, 1995 Slealth64 Video VRAM

JlJne27,1995

Slealth64 Video VRAM

MULTIMIDIA

La passione dell'efficacia Cl! 995 Diamond Multlmedla Systems. Ine.. 2880 Junctlon Avenue. san Jose. CA 95134-1922. Windows· e un marchio di fabbrica brevettato dalla Microsoft Corporation Gli altri marchi di fabbrica e marchi brevettati sono propnetà del rispettIvI detentorl


HARDWARE Intervista esclusiva di MCmicrocomputer

a Guy Tweedale e Philip Guard

TDK: dai nastri alle carte PCMCIA Quando si parla di TOK generalmente si pensa a prodotti di qualità per il mercato audio e video, come nastri, apparati e sistemi di registrazione di Enrico Maria Ferrari

Presso la Kernel, distributore TDK, abbiamo incontrato in esclusiva Guy Tweedale e Philip Guard rispettivamente manager del marketing e responsabile Europa della divisione TDK "PC Card", che si occupa della realizzazione di schede PCMCIA per computer. Se infatti i nastri rappresentano il 30% del giro d'affari TDK, le PC Card sono il segmento che registrerà la più alta crescita nel prossimo futuro: dall'attuale milione di modem "carta di credito" venduti quest'anno in Europa, si dovrebbe passare entro il 2000 ad 1.700.000 prodotti venduti annualmente solo nel nostro continente, per quella data TDK vuole che il suo nome sia associato alle PC Card esattamente come oggi lo si associa solo ai nastri audio e video. Le schede PCMCIA attuali sono quasi sempre dedicate ad una sola funzione, modem o adattatore LAN, ad esempio, TDK aggiunge sin da novembre novità sostanziali in questo mercato, aggiornando le sue schede ed introducendo, anche per tutto il 1997, prodotti di nuova concezione. Partiamo dalla classica scheda PCMCIA dedicata al modem: il modello DF2814 V.34 sembra il 'solito" modem/fax a 28.800 già visto. Invece si tratta di un prodotto a copertura globale, infatti è il primo modem adattabile in qualsiasi paese venga usato grazie ad un software particolare, basta selezionare la bandierina o il nome del paese nel quale ci si trova per non avere nessun problema di collegamento, nello stesso package è presente l'adattatore di spina per il paese nel quale viene venduto. TDK pone l'accento anche sul fatto che i suoi prodotti sono sempre perfettamente in regola con le amministrazioni PT, l'omologazione è infatti valida per qualsiasi paese europeo. MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996

Il DF2814 necessita di Windows 3.1 o Windows 95 per poter selezionare il paese d'uso, e viene venduto anche nella versione per Apple PowerBook. Inoltre a differenza di molti modem PCMCIA non ha

moduli esterni aggiuntivi, il cavo si inserisce direttamente nella scheda da una parte e nella presa telefonica dall'altra. Altre interessanti novità sono le Flash Memory da 4-12-20 e 40 M B (in uscita a marzo 1997) e le Compact Flash, di dimensioni inferiori. Ma come detto prima il mercato delle schede PCMCIA attualmente propone

or'lJi!!i!!J!l~':;! . I'r 9OO)lllO llOOJ]OO 7OlI)lllO 6OO)lllO

J

r'

un prodotto per un'esigenza, TDK è in procinto di lanciare numerose schede combinate, come le Combo, destinate ad un utilizzo multiplo e viste anche allo scorso SMAU. Sempre nel prossimo marzo arriveranno delle schede PCMCIA per la rete ISDN con modem/fax a 33.6 K integrati, sono previsti adattatori per telefoni GSM in grado di funzionare anche come modem normali; in questa maniera sarà possibile non solo collegarsi al telefonino, ma una volta arrivati a destinazione attaccare lo stesso prodotto ad una spina telefonica della rete fissa. Ma non ci sono solo i modem: il Global Networker 3410 e 3412 è un prodotto davvero completo: modem/fax V.34 con in più le funzionalità di un adattatore Ethernet LAN. Il modello 3420 supporta lo standard 10base-T mentre il Global Networker 3412 gestisce connessioni 10base-2. Driver ODI, NDIS, Windows NT, Windows 95, OS/2 vengono forniti per entrambe le schede, i sistemi supportati includono Novell, Netware, Windows for Workgroups, LAN Manager e Windows 95. Anche queste carte sono localizzabili via software a seconda del paese dove ci si trova, in modo da rendere compatibile la circuiteria telefonica, inoltre una feature del modem chiamata "Voice Capable" permette di utilizzare la scheda con funzioni di segreteria telefonica. Il firmware è facilmente aggiorna bile e non sono richiesti particolari driver per l'alta velocità: il throughput dichiarato raggiunge i 230.000 bit.

9OO)lllO MJl)lllO 3OOJ]OO

""'

...

•••••

.&[ID Kernel Consulting

Srl

Via di S. Giovanni in Laterano 262, 00184 Roma, Tel. 06/77.20.7000

181


{m€tl Una realtà commerciale che si prefigge degli obiettivi ambiziosi

Centro HL: una società fuori degli schemi? Nella storia dell'informatica sono tante le aziende nate dentro a dei garage piuttosto che nei seminterrati della periferia. Spesso i sogni nel cassetto di tanti giovani diventano delle realtà come, solo per fare un esempio "storico",è accaduto per Apple Computer o, molto più recentemente e su scala diversa, con il Centro HL. di Paolo Clardelll

e Massimo

Truscelll

foto di Paolo Clardelll

Visitando la sede fiorentina di Via di Novoli, due dei responsabili ci hanno mostrato il locale nel quale hanno iniziato la loro attività. Ora la sede centrale occupa un punto storico della Firenze commerciale ed entrando in questo spazio, organizzato con una soluzione insolita, si sente ancora l'odore della vernice arancione che copre il bianco della calce delle pareti. Centro H L è una realtà commerciale un po' fuori dagli schemi che si prefigge degli obiettivi ambiziosi basandosi principalmente sulla velocità della vendita e sul movimento rapidissimo delle merci. I risultati di questa politica di gestione sono evidenti se si pensa che nel breve volgere di pochi anni la società ha percorso delle significative tappe giungendo oggi ad essere parte di quella ristretta schiera di clienti che Intel definisce 'VI p'; un risultato certamente importante se si pensa ai primi anni di attività. La sede Iniziamo con la sede centrale. Qui e solo qui risiede il magazzino merci, la produzione e le interfacce telefoniche. In questo modo si riducono notevolmente i costi di gestione, con un tempo medio di giacenza delle merci di 15 giorni e si evita inoltre il rischio di obsolescenza dei prodotti assicurando prezzi competitivi e prodotti sempre nuovi. Di seguito la produzione centralizzata permette una maggiore specializzazione, con effetti positivi sulla qualità del prodotto. Ma quanta informatica c'è all'interno dell'organizzazione del Centro HL? 182

Tanta! Ad iniziare dalla gestione delle linee telefoniche, al web che è uno dei punti di maggiore interesse. Tutti i telefoni sono gestiti da un computer centrale e da applicazioni specifiche che permettono di portarsi appresso il proprio numero di telefono, quando si passa da un computer all'altro. La stessa interfaccia telefonica permette di assegnare anche mille interni e fare in modo che ogni nostro corrispondente conosca uno solo di questi. Così, in modo semplice si può sapere a priori chi sta chiamando e meglio gestire le telefonate che si hanno in coda. Dal punto di vista del cliente, oltre a poter parlare con un operatore, c'è la possibilità di sfruttare il servizio di fax on demand, con il quale ottenere delle informazioni scritte magari relative al miglior modo per rimandare indietro un prodotto per una riparazione o per conoscere un prezzo. Un'intera parete di computer gestisce oltre a quanto detto il server web

attraverso il quale il cliente può fare a distanza di tutto grazie all'interfacciamento in tempo reale con il data base aziendale: può consultare i data sheet relativi a tutti i prodotti distribuiti al momento, può ordinare un computer su misura, può verificare quando è stato spedito o la situazione corrente se il prodotto è in riparazione. Un sito web appositamente ideato per soddisfare le esigenze di chi deve acquistare scegliendo il computer in base alle mansioni che deve svolgere. Proprio per questa ragione Centro HL non propone computer preconfigurati, ma fornisce la possibilità di configura re la macchina (built to customerl. scegliendo attentamente ogni elemento del computer ed offrendo il miglior rapporto tra qualità e prezzo per ogni singolo componente. Ogni preventivo disponibile sul web contiene i prezzi unitari dei vari componenti del computer e una 'guida' contenente le foto e le caratteristiche tecniche. Potrebbe sembrare un po' difficile da capire per un utente informatico non smaliziato, ma in realtà ogni prodotto è accompagnato da una scheda più che esauriente scritta in due diverse maniere: una per gli esperti ed una per i profani. AI momento di acquistare basta fornire il numero di preventivo, qualunque sia il mezzo di acquisto scelto: di persona, per telefono, via fax oppure via Internet. MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1996


1/segreto? La rapidità

Il marketing opera a stretto contatto con la gestione amministrativa che acquista o cerca per il mondo il prodotto giusto al giusto prezzo. In questo modo non c'è pericolo che un cliente chiami e richieda un componente che non è subito disponibile senza che il venditore non lo sappia; inoltre, in tal modo la gestione degli approvvigionamenti è molto più flessibile e risponde meglio alle esigenze del reparto commerciale. Un'organizzazione quasi "alla giapponese" dove il magazzino non ha merci in giacenza se non per il periodo strettamente necessario.

Uno dei segreti per il successo di questa realtà commerciale forse risiede nella rapidità. I computer ordinati, infatti, vengono testati, assemblati e collaudati in 48 ore. Pronti per essere ritirati dal cliente presso la sede di Firenze, oppure, dopo 24 ore aggiuntive, direttamente a casa propria o presso un qualsiasi punto vendita Centro HL in Italia. Ma il segreto non è solo la rapidità. Con la procedura di informatizzazione del magazzino e della gestione degli approvvigionamenti, che in gergo i responsabili del Centro HL chiamano il "miocardio", si eliminano una montagna di tempi morti, e non solo amministrativi. Dentro alla gestione informatica di questa sezione di vitale importanza per l'attività dell'azienda c'è tutto: da come si vende un prodotto, a come si acquista.

I negozi periferici Quanto detto vale per la sede centrale, ma anche i negozi veri e propri, presenti a Bologna, Milano ed in via di apertura in altre città, presentano altre

varie particolarità. Ad esempio, ogni negozio Centro HL non ha un suo telefono. Come non ha il telefono? Proprio così, non ha un magazzino con la merce pronta e non gli si può nemmeno telefonare! La scelta molto coraggiosa ovvia a due inconvenienti: il primo è che se un cliente entra in un negozio e magari aspetta una ventina di minuti, merita certamente che una volta giunto il suo turno il telefono non squilli costringendolo ad un'ulteriore attesa; il secondo motivo è che grazie alla completa informatizzazione dell'azienda il telefono presso il rivenditore non ha alcuna necessità di esistere. Cosa fa il venditore quando riceve una telefonata? Guarda il terminale e comunica un prezzo. Grazie alla completa gestione informatizzata di tutta l'azienda, il cliente,

::I

::I

--~

•...~~......., _.._....-

_

••• va:o

DOlI

Pwp1t

NT

_

ee••• ••~

ahortcuta

••••••• ODI

••••o.

Lhttn0 Prty;I

~ ~.

!li

ML.· •••.•••

_AWJIUALAONr6IA 1lUTA&. __ ~t"(lK

~

~-=:::u--=--

frtymtb1 00 Lblt

BW:m.

--

........:iWA1UI1

Slmu10ut Atti

I

vlIlQP U"""R"cl

0rcUnl

Rlvmdltod

----_

•... .•••.•..... -.,._ ....

RODOTTI t.•••••• ~~INlà.

__ i~~

•.•••••••

p"Nc..roHLl'*'-t~.,,(~~"" COllnI.Mlih_.NDOIlÌ.~tpnatlpOlt._"''''

~4aI •• ~.C-*<lHL..".c._~ ••••••••• (W\~ Lo •••• ~,. ••.~ ~A.n"..prMoCta._~ •••. "'1I'lìi:eM,,,p6AlWt~lt«r"~ua.ct.1IfIP'll--"

•.•---' ••••••

*'-

~lt"""'''~'''' r~

k

s-....,.....

•••

~Dor.

•••.•• lçy--.-JIiì- ...,... ..51- ••.• ·-1J MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1995

___

'J~

183


per conoscere un prezzo, non deve far altro che comporre il numero verde della sede centrale per sapere tutto quello che c'è da sapere. Poi se già dispone di un collegamento Internet è sufficiente che si rechi sul sito web del Centro HL (http://www.centrohl.it) dove

addirittura può comporre anche il suo ordine e ritirare la merce direttamente presso il punto vendita, se è presente nella sua città o riceverla

Cloni Mac ... ed è baruffa Sullo scorso numero, facendo seguito alle comunicazioni pervenuteci dal Centro HL, abbiamo pubblicato la notizia riguardante la prossima commercializzazione, da parte di detta società, di c10ni MacOS compatibili grazie ad un accordo concluso con Umax. Non è passato molto tempo dalla pubblicazione di questa notizia che abbiamo ricevuto un fax dall'Ufficio legale dell'lmage di Piacenza, distributore esclusivo Umax per gli scanner piani, nel quale ci si chiede la smentita di tale notizia poiché non esisterebbe alcun accordo con alcuna società italiana (oltre Image stessa) in proposito dei c10ni Mac. A supporto di queste affermazioni è allegata la copia di un fax, con data 11 ottobre 1996, inviato da Umax ad lmage dal quale si evince che l'OEM Business Department di Umax ha inviato al Centro HL solo due unità 'sample', ma non ha concluso alcun accordo con Centro HL. Le cose sembrerebbero essere finite qui, se non fosse che sempre il giorno 11 ottobre, Centro HL ci ha fatto pervenire un fax nel quale annunciava la conclusione di un accordo di distribuzione esclusiva, firmato da Umax Data Systems Inc e Centro HL, riguardante i prodotti della divisione Multimedia & Peripheral Devices di Umax comprendenti convertitori video VGA-Mac a TV ed uno scanner di ridotte dimensioni (Page Office ColorI dal prezzo particolarmente conveniente. In allegato è presente una copia di un ulteriore fa x, inviato in data 24 settembre 1996, dalla Multimedia & Peripheral Devices di Umax, nel quale si autorizza Centro HL ad utilizzare il marchio 'Exclusive Distributor" nelle pubblicità dei prodotti distribuiti e lo si autorizza a localizzare la versione di PageOffice Color (completo del software bundle denominato Presto!PageManager) concedendo i diritti di traduzione e riproduzione del software e dei manuali. A questo punto la situazione è evidentemente più complessa di quanto non appare e certamente non fuga le notevoli perplessità riguardanti tutta la vicenda. Poco prima di chiudere questo numero, un paio di giorni prima di partire per SMAU, abbiamo chiesto ulteriori informazioni ai responsabili del Centro HL, più precisamente nella persona di Stefano Bargagni, uno dei soci fondatori del marchio fiorentino, il quale ci ha meglio spiegato la reale situazione a proposito della distribuzione dei prodotti Umax; gli lasciamo la parola in attesa di incontrare anche i responsabili di Image ed ascoltare anche loro. "Centro HL ha un contratto, sebbene sia di una pagina soltanto, con la divisione Multimedia & Peripheral Devices come esclusivista 'di prova' fino a fine anno, da Gennaio verrà stipulato un contratto annuale sempre su impegno per le quantità. Centro HL ha anche accordi scritti di OEM, e cioè può rimarchiare il "barebone" (composto da Case e MB), tradurre imanuali in italiano, aggiungere tutti gli altri componenti e assemblare il prodotto finale marchiato Centro HL e, sempre sullo stesso accordo, Centro HL non può "sublicenziare" tale diritto a nessun altro. È chiaro che Centro HL è anche distributore di questo clone! Noi ci sentiamo nella giusta e corretta posizione. La difenderemo con i fatti ancor più che con le polemiche, diffondendo il prodotto Mac clone a livello nazionale in quantità adatte al merito del prodotto, che vale dawero in qualità e prestazioni, ed a prezzi che tengono conto del costo di produzione e dei materiali ... Noi abbiamo una politica e un programma di sviluppo che comprende principi come lo sviluppo delle quantità, del prezzo "adatto" al prodotto venduto e, più che altro, conforme ai costi di produzione del prodotto venduto. Tali politiche, oltre che incontrare il favore owio dell'utente finale, sono anche molto conformi a quelle delle case madri tipo Umax. Solo cosi si ottiene una larga diffusione del prodotto che a sua volta registra un abbassamento dei costi produttivi e di distribuzione proprio grazie alla larga diffusione. Sulla quantità, quindi, si basa il profitto della nostra società, non sulla protezione. I nostri contratti in esclusiva non ci invogliano infatti a effettuare protezioni di nessun genere nei confronti di chicchessia".

a

casa propria. La centralizzazione telefonica si basa su di un avanzato sistema informativo e sul collegamento in rete CLAN 24 ore su 24 con la sede centrale di ogni negozio Centro HL; ogni operatore Centro HL è completamente interscambiabile, perciò una trattativa iniziata in un qualunque negozio Centro HL può essere portata avanti da un qualunque altro negozio Centro HL. In questo modo la risposta è unica anche se la trattativa viene iniziata da un venditore e condotta successivamente da un altro; non c'è pericolo di fornire informazioni contrastanti o sovrapposte con il risultato in alcuni casi della perdita della commessa. Anche per ciò che riguarda i marchi distribuiti la scelta è piuttosto ampia e comprende i prodotti più in voga: motherboard Pride Corporation; processori IBM, Intel e Motorola; schede video, audio e prodotti multimediali di Matrox, Diamond Multimedia, miro Computer GmbH, Purple Vision, Media Vision, Turtle Beach, Creative; unità di memoria di massa Seagate, Western Digital e Quantum; lettori CD-ROM Plextor, Hitachi, Mitsumi, Philips, Sanyo, Sony; monitor Sony, Acer, miro; adattatori di rete 3Com; controller SCSI Adaptec, Mylex; controller EIDE Atronics; modem USRobotics, Diamond Multimedia (Supra); stampanti Epson, Hewlett Packard, NEC; portatili notebook Acer. Una scelta che unita al particolare sistema di vendita contribuisce a distinguere la società almeno per l'originalità di molte soluzioni adottate.

Centro HL Via di Novoli 97/17, 50127 Firenze Tel. 167-013.037

mt 184

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre 1997


Dal lotto alla contabilità:

tutto il ftware elle t vi C" ndo

, programmi Flnson sono disponibili In oltre 2.500

punti vendltal

.

.....::::::;'..;:, . Gioc Home • Educatlonal • GtaliOO • Ges\iOna\i • , ·t

'

NOME E COGNOME

INDIRIUO

CITIÀ ETÀ

C.A.P.

TEl.

PROFESSIONE

Si, inviatemi gratuitamente il nuovissimo catalogo software Finson 1997! In generepreferisco ed uso software:

FINSON srl Via Montepulciano, 15 - 20124 Milano (IThLY) 1èI. (02) 66987036 ca. - Fax (02) 66987027 ca. E-mail: finson@finson.it Internet: http://www.finson.com

Gestionale

~

Ouandoacquisto software: ~

So della sua esistenza e lo cerco

Home (per la famiglia)

Mi viene proposto dal negoziante

Giochi

Lo vedo sullo scaffale ed intuisco un suo utilizzo

di fiducia

Grafica

AJtro

_

15 • 20124 Milano

Me 11/96

Educa/iona!

Da inviarsi a: Finson srl - Via Montepulciano,


Un grande viaggio multimediale per imparare la chimica, la fisica, la matematica e la geometria ESPLORANDO è una collana rivolta agli studenti delle Scuole Medie Inferiori e Medie Superiori. L'obiettivo principale del programma è quello difacilitare l'apprendimento delle più importanti nozioni di una disciplina tradizionalmente "ostica ", attraverso una spiegazione che privilegia l'elemento visivo rispetto a quello testuale, sfruttando appieno le capacità interattive messe a disposizione dai nuovi strumenti informatici e che, soprattutto, cerca di catturare l'attenzione dello studente, coinvolgendolo direttamente nell'esplorazione dei contenuti didattici che il programma offre. Vi saranno quindi animazioni o esercitazioni "visive" che aiuteranno lo studente a familiarizzare con la disciplina scelta, ed un vasto archivio di dati.

E PLORANDO LA BIOLOGIA Il programma è suddiviso in diversi capitoli che trattano i principali temi affrontati nello studio della biologia: l'indagine sperimentale, il metodo scientifico, gli strumenti per l'indagine scientifica: i microscopi; le molecole, la cellula, gli organi cellulari, l'osmosi, l'energia e la cellula, DNA e RNA, le leggi di Mendel, la genetica e l'evoluzione, le teorie evolutive di Darwin e Lamarck, l'origine della vita, le ere geologiche, la storia dell'uomo, la nomenclatura binomiale, monere, protisti, funghi, vegetali, animali, gli ecosistemi, le piramidi alimentari, il ciclo dell'acqua, del carboni o e dell'azoto, la crescita delle popolazioni, l'inquinamento. (LPC0372)

-

ESPLORANDO LA FISICA Il programma è suddiviso in unità didattiche riferite ai principali argomenti svolti nei corsi di fisica per il biennio delle Medie Superiori: misura delle grandezze fisiche; unità di misura; analisi dei dati sperimentali; dall'analisi dei dati alla legge fisica; velocità, accelerazione e forza; equilibrio nei corpi rigidi e nei fh/idi; energia, temperatura e calore; cenni sull'elettricità ed i fenomeni ad essa collegati; ecc. (LPCO 189)

~U·"···

ESPLORANDO LA MATEMATICA Per le Scuole Medie Superiori. Tra i numerosi argomenti vi sono: gli insiemi e le loro relazioni, le classi di equivalenza, numeri reali e non reali, operazioni e proprietà, espressioni algebriche, monomi e polinomi, operazioni logiche, equazioni e disequazioni, sistemi di equazioni e disequazioni e loro risoluzione, disequazioni di I° e 2° grado, radicali, equazioni parametriche, equazioni biquadratiche. (LPCO 193)

ESPLORANDO LA GEOMETRIA

ClIroIteristlclte

dei trif!hgoll

...•..

Per le Scuole Medie Superiori. Tra i numerosi argomenti vi sono: la geometria euclidea sia metrica che simile, i poligoni, i criteri di congruenza e di similitudine, i teoremi di E~lclide, Pitagora e Talete, le trasformazioni, le traslazioni, le simmetrie assiali e centrali, le rotazioni, la geometria analitica nel piano partendo dalla retta e le sue caratteristiche fino alla risoluzione grafica di equazioni e disequazioni, i luoghi geometrici di 2°, la parabola, la circonferenza, l'ellisse e l'iperbole con le relative equazioni e le intersezioni di queste con le rette. (LPCOI91)

Configurazione minima (valida per tutta la linea): PC IBM compatibile, CPU modello 80486 33Mhz, MS-DOS 5.0 (o superiore), Windows 3.1 (o superiore), Hard Disk con almeno 4Mb disponibili, 4Mb di RAM, mouse Microsoft compatibile, scheda grafica VGA. Consigliata: scheda audio compatibile Windows.

~

~~~

.~L. 69.000 [ · ogni titolo ~

® !F'D!NJ~@fM

---_.-


per

Window

95

Dopo il successo di Aquila 1lI per Dos ecco la nuova versione a 32 bit per Windows 95. Oltre alle molteplici funzioni già presenti nella versione Dos, Aquila III per Windows ,95 sfrutta tutte le caratteristiche del nuovo sistema operativo in modo da risultare di facile ed immediato utilizzo. E integrato con un foglio elettronico, Excel compatibile, un generatore avanzato di grafici ed un word processor. Multidocumento, con possibilità di aprire più finestre contemporaneamente e passare da un'operazione all'altra. Multiaziendale (100 aziende), con archivi separati per ogni azienda ed anno contabile e con possibilità di copiare gli archivi da un'azienda all'altra. Multimagazzino (99 magazzini più il l" • Configurazione minima: ~ magazzino generale). Anteprime di stampa. Pc IBM compatibile. CPU l" 486, Windows 95, Hard Articolo di magazzino con immagine associata e Disk con almeno 100Mb l''' ' con possibilità di ricerca per immagine. Foglio ;<' disponibili, 16Mb di RAM, elettronico con inserimento dati automatico. Moduli mouse Microsoft compati,t ! ! • bile, scheda grafica SVGA, di stampa documenti completamente personastampante compatibile a.....""'o.,.. l'.tr •••o,",,, lizzabili. Help contestuale in linea. Backup degli Windows. Consigliati: risoluzione video 800x600. archivi interno al programma.

.

3

-

p Contabilità: • Piano dei conti a tre livelli (mastro, conti, SOHoconti) senza indicazione del codice, ma direuamente gestibile tramite descrizione • Inserimento della prima nOIa guidalo • Registrazione causali aUlomatizzale • Revisione di tutti i movimenti di primanOla • Stampe e ristampe dei registri bollali • Emani conto a partite aperte e storico • Riclassificazione bilancio secondo direttiva CEE • Gestione di fine ed inizio anno automatica

• • • • •

h'a: Multiregistro (9 registri) (va \'endite. acquiSii. corrispenivi, sospensione. ventilazione Liquidazione mensile. trimestrali. riepilogo annuale Stampe e ristampe registri bollati Ricalcolo liquidazione IVA Registrazione anche manuale nei registri IVA Riepilogo dati modo Intra Riepilogo dali clienti e forni tori per modello Intra Allegato clienti e forni tori Visualizzazione immediata della situazione IVA

lagazzino: • 99 magazzini più il magazzino generale Codice anicolo 13 caratteri Codici a barre • Codice riferimento del fomitore • Articolo richiamabile tramite codice, codice a barre. codice riferimento fomitore Descrizione principale e due aggiuntive

• • • • • • • • • •

Immagine associata per ogni articolo Suddivisione degli anicoli per categoria 50 prezzi di listino Categoria e due campi liberi Ordinato, impegnato e scorta minima Trasferimento articoli da un magazzino all'altro Stampe parametricbe Valori contabili per ogni magazzino e per situazione generale Gestione listini Statistiche: analisi venduto mensile; venduto per anicolo, per cliente, per zona, provincia, agente, a quantità e valore; acquistato per articolo, per fornitore, a quantità e valore Gestione Lifo (fino a IO anni)

Distinta bast monolil'ello: Gestione componenti/materiali Realizzazione prodolli finiti associando fino a 500 componenti per anicolo • Carichi e scarichi di materiali (manuali e automatici) • Stampe di inventario, movimentazioni, sottoscorta e componenti di magazzino • Stampe di verifica commessa di produzione dei prodotti finiti Gestione documenti: • Offena • Conferma ordine • Bolla profonna. bolla vendita (ancbe riepilogativa). bolla di reso. bolla non di vendita • Fattura proforma, fattura immediata, fattura differita, fattura riepilogativa, nOIa credito • Ricevuta fiscale/corrispettivo • Ordine a fomitore, bolla di carico

1

I TICHE • • • •

Ricevule bancarie RIBA elettroniche Emissione documenti in valuta estera Revisione, visualizzazione e ristampa di tutti i documenti • Registrazione articoli. clienti e fomitori direttamente in fase di emissione documenti • Numero massimo di tigbe di dettaglio per ogni documento: 400

• • • •

• Clienti e fornitori: Accesso immediato anagrafiche senza codice Ricerche facilitate Ragione sociale su due righe 30 destinazioni merce diverse Ampia pagina di note Gestione anagrafica contabile Campi statistici e campi liberi Stampe parametriche selellive Estratti conti a partite aperte e storico Scadenzari automatici e manuali con gestione di diverse modalità di pagamento già predisposte • Gestione ordini • Analisi del fatturato • Invio lellere di sollecilo pagamenti Statistiche (anche con grafico) • • • • • • • • • •

• • • • •

Agenti: Due agenti associabili ad ogni cliente Gestione ordini Gestione provvigioni a buon fine Visualiuazione. revisione e stampe provvigioni Statistiche

• •

Video scrittura: Include AquilaWrite, programma di scrillura con carallerisliche di base analoghe ad altri programmi (fonts, formallazione, taglia/copia/incolla, colori, inserimento immagini) e con salvataggio file con fonnato RTF supponato da quasi tuni i word processor Inserimento automatico dati dagli archivi Invio circolari a clienti. fomitori. agenti (funzione di mailing: invio selettivo di testi) Foglio eletlronleo: Caraneristiche di base analoghe ad altri fogli elettronici Inserimento dati anche automatico Compatibilità con Excel Salvataggio file in fonnalO Excet compatibile

• Moduli: • Infiniti moduli di stampa personalizzabili • Moduli fino a 132 colonnee 99 righe • Moduli d'esempio già registrati

Gestione fine/inizio anno: Chiusura dei conti economici/patrimoniali Bilancio di apertura Riporto scadenze. panite apene e documenti in sospeso nel nuovo esercizio Apertura e trasferimento archivi da un'azienda all'altra

Grafici: Grafici bi- e tn-dimensionali Istogrammi. a linee. a torta. ad area. combinati Inserimento di immagini di sfondo Esponazione ancbe in formato WMF Agenda: Scelta font. colori e formattazione Ricerca testi

+ +


=

••

CONTINTASCA III PER ""INDO""S CONTINTASCA III PER WINDOWS è un programma per la gestione della contabilità familiare che permette di risolvere ogni problema di bilancio domestico. Il programma consente di: registrare tutte le entrate e le uscite relative alla famiglia o a ciascun componente dichiarato "responsabile"; ottenere il confronto immediato della situazione contabile con quella preventivata all'inizio dell'anno; decidere al momento della registrazione di ciascun movimento contabile se deve essere automaticamente aggiornato anche il conto corrente bancario. Tutti i dati sono visualizzati sullo schermo sotto forma di tabella seguendo i criteri di selezione impostati che consentono di evidenziare i movimenti effettuati in un determinato periodo dell'anno dai responsabili e nell'ambito dei conti indicati. Così facendo, oltre a evitare la visualizzazione dei dettagli c~e al momento non interessano, si possono ottenere totali parziali di spese e ricavi a seconda delle proprie esigenze. E inoltre possibile avere una visione globale di tutto l'esercizio contabile per soli totali raggruppando le spese per responsabile, per conto e sottoconto di appartenenza. Altrettanto utili sono l'andamento dei flussi di bilancio mese per mese e la pagina di statistiche che mostra l'incidenza sul bilancio della famiglia di ciascun responsabile e/o tipo di spesa. Molto importante è la possibilità, per questi tipi di visualizzazione, di poter scegliere quali elementi si desiderano raggruppare: per esempio, a seconda del tipo di indagine da svolgere, si possono estrapolare i movimenti di un solo responsabile, o selezionare i conti e i sottoconti in cui sono stati registrati i movimenti. Ovviamente tutti i dati possono anche essere visualizzati sotto forma grafica tramite istogrammi, linee spezzate o torte bi/tri-dimensionali, ottenendo così una visione semplice ed immediata di eventuali squilibri e/o incO,ngruenze. I grafici ottenuti potranno poi essere salvati in file in formato bitmap o essere copiati e successivamente incollati in altri applicati vi per Windows quali ad esempio Word o Excel. Anche i dati degli archivi possono essere esportati per l'utilizzo con altri programmi; i formati di esportazione disponibili sono Excel 4 e 5, e Access I, 2. Un'altra interessantissima caratteristica di CO TINTASCA III PER WINDOWS è la gestione dei conti correnti bancari: registrando regolarmente tutti i movimenti relativi ad ogni conto corrente, si ha sempre sotto controllo la situazione degli estratti conto bancari e la possibilità di conoscere l'importo del saldo in qualunque momento con precisione. Sono inoltre fornite, a corredo del programma, una comoda rubrica telefonica ed un'agendaHlUIIlIl 'IIIJGl1MlOJJ0 o scadenziario che consente di avere sempre ;n~ AMo< _4NfA'l1 511__ fIiNl sott'occhio gli appuntamenti e le scadenze OIl6'N >WJOIl6'N 2211..•• AIU imminenti. >WJOfioI UlIIO ••••••• L'avvio del programma è personalizzabile ••• U~ """f_ 5PE5E_ in modo tale che l'archivio usato più 5PE5E_ NWe frequentemente venga automaticamente y•••• 5PE5E_ :li." lIaIi NWe 5f'fSE_ aperto, consentendo così di iniziare senza '5 ..•• E'" DiiIlaAIC 5 2.S2lI." inutili perdite di tempo con le operazioni DiiIlauSwl 5 . "lb~ contabili. Questo software, che permette 1•• 113.- H HO"- _ anche una gestione multiutente, è di semplicissimo utilizzo e di immediata comprensione grazie alla barra di stato che in ogni momento fornisce istruzioni su quanto si sta per fare, alla guida in linea, e alla barra degli strumenti, che contribuisce a rendere Configurazione minima: Pc IBM compatibile, CPU 486 più veloce l'accesso alle 33MHz, MS-DOS 5.0 (o funzioni di uso più comusuperiore), Windows 3.1 (o ne. Gli utenti della versiosuperiore), Hard Disk, 8Mb di ne precedente del proRAM, mouse Microsoft gramma (CONTINT Acompatibile, scheda grafica SCA Il PER WINDOWS) YGA, stampante compatibile troveranno anche una Windows. procedura per la conversione dei vecchi archivi. (LPC0312)

•••••

n-..... ...-m...

•••••••••

,~u.

.-

'-',25._

_ -.•.- -._ _ .._ ..

..

...

•.....

+ +


=

R

E

Ac(Jl

-

•••••••••••

---

••

EXTRAWORD Il PER WINDOWS è un completo e potente elaboratore di testi. La sua caratteristica fondamentale è quella di essere multi documento, quindi in grado di gestire più documenti contemporaneamente, ognuno associato ad una propria finestra, con la possibilità di trasferire porzioni di testo da un documento ad un altro. Oltre alle normali funzioni tipiche di un elaboratore di testi, quali inserimento di frasi o porzione di testo e ricerca di singole parole o parti di essa, è possibile effettuare molteplici operazioni sui blocchi: giustificazione del testo con sillabazione automatica e allineamento del testo. Grazie ad un'efficace interfaccia e all'utilizzo del mouse, lavorare su EXTRAWORD II PER WINDOWS risulta semplice ed immediato; sono presenti menù a tendina dai quali è possibile attivare i comandi fondamentali, oppure richiamare gli stessi tramite alcune combinazioni di tasti. Inoltre sono presenti alcune funzionalità tipiche dei word processor di fascia alta quali l'importazione di immagini all'interno del testo, la correzione ortografica in lingua italiana tramite un dizionario interno completamente personalizzabile, la possibilità di avere un'anteprima di stampa, al fine di poter visualizzare la pagina prima di stamparla effettivamente, effettuare l'inserimento di tabelle all'interno dei documenti. Con EXTRAWORD II PER WINDOWS si ha la possibilità di importare ed esportare testo in formato RTF, garantendo la compatibilità con la maggior parte dei più comuni applicativi in ambiente Windows. La facilità d'uso e l'immediatezza d'utilizzo rendono questo programma indispensabile per chiunque abbia necessità di videoscrittura. (LPC0316)

-~- -~-

•••••

Oggetto

o s

I PERW

-~

__

~-

•••

.J

Configurazione minima: Pc IBM compatibile, CPU 386 40MHz, MS-DOS 5.0 (o superiore), Windows 3.1 (o superiore), 4Mb di RAM, mouse Microsoft compatibile, scheda grafica VGA, stampante compatibile Windows. Consigliati: CPU 486 33M Hz, 8Mb di RAM, scheda grafica SVGA.

o

_~-

+

=

OPERAZIONE ETICHETTE Il PER WINDOWS La necessità di progettare, disegnare e stampare etichette sono esigenze presenti in diversi tipi d'attività, dal negozio che vuole etichettare i propri prodotti, al professionista che desidera mantenere in ordine il proprio archivio. L'impostazione dell'etichetta risulta particolarmente facile grazie alle funzioni inserite nel programma. Si può decidere la dimensione, l'aspetto, potendo distinguere tra diversi tipi di schemi predefiniti, la posizione all'interno della pagina, il numero delle etichette da inserire, i margini, il numero di colonne e tutti gli altri aspetti che possono influire sulla disposizione e l'aspetto del progetto. La creazione della singola etichetta viene realizzata da un apposito modulo che permette di inserire all'interno di questa, testo, dati, immagini e codici a barre. Il testo viene gestito secondo lo standard imposto da Windows, quindi è possibile modificare l'aspetto del testo, il colore e lo stile; inoltre è prevista la possibilità di importare il testo da un file esterno. I dati da inserire all'interno dell'archivio possono essere automaticamente importati da un database esterno: i formati accettati sono Dbase III+, Dbase IV, Paradox e Access; in questo modo è garantita la possibilità di utilizzare dati dalla maggior parte delle applicazioni esistenti in ambiente Dos e Windows. Inoltre esiste un'apposita funzione per filtrare i dati da inserire all'interno delle etichette, risulta quindi semplice poter decidere quali informazioni andranno stampate all'interno dell'etichetta. L'inserimento delle immagini all'interno delle etichette è reso possibile grazie ad appositi filtri grafici che possono utilizzare i più diffusi formati grafici. Il programma sfrutta appieno le funzionalità dell'ambiente operativo su cui è stato sviluppato rendendone più facile e semplice l'utilizzo. Inoltre, grazie al modulo di autocomposizione è possibile creare le proprie etichette in maniera rapida selezionando il modello che si desidera ed il numero di etichette presenti all'interno della pagina. (LPC0337)

+

•••••

"t

••

.

,

Configurazione minima: Pc IBM compatibile, CPU 486 33MHz, MS·DOS 5.0 (o superiore), Windows 3.1 (o superiore), 4Mb di RAM, mouse Microsoft compa· tibile, scheda grafica VGA, stampante compatibile Windows. Consigliati:

8Mb di RAM.

••


Nessuna chance per i virus con

Individua tutti i virus conosciuti e sconosciuti grazie ad un potente algoritmo di ricerca euristica .

Conserva tutte le informazioni vitali del pc e dei file e ne effettua un continuo monitoraggio per preservarne l'integrità.

Estremamente potente ma allo stesso tempo facile da usare .

Assistenza telefonica gratuita con tecnici esperti .

Funziona in ambiente Oos, Windows 3.1. e, grazie ad un'interfaccia grafica studiata e realizzata appositamente, anche in Windows 95.

È garantita la continua evoluzione del prodotto grazie agli aggiornamenti.

Non rischiare il contagio! Usa

VDSP O cJ)FINSON

cJ)FINSON

cJ)FINSON

cJ)FINSON

cJ)FINSON


(f)FINSON

(J)FINSON

FINStJN

FINStJN

(J)FINSON

cJ)FINSON

(J)FINSON

FINSON

FINSDN

(J)FINSON


Richiedi il nostro catalogo gratuito! Consulta il nostro FAX-ON-DEMAND

02-66980631 per avere maggiori informazioni sui programmi o per avere l'elenco dei rivenditori della tua zona.

QUI TROVI TUTTI,

MA PROPRIO TUTTI,

BOLOG A - GALL. FALCONE-BORSELLINO 21A-3 - TEL. 051/261554 BRESCIA - VIA XXV APRILE 14/A -TEL. 030/3770200 CROTONE - II TRAY. M. NICOLETTA 7 - TEL. 0962/901514 CUNEO - CORSO NIZZA 42 - TEL. 0171/603143 FIRENZE - VIA BRONZI NO 34/8 - TEL. 055/714884 MESSINA - VIALE FARINA 203 ANG. VIA EUROPA - TEL. 090/2928269 MILANO - VIA MAESTRI CAMPIONESI25 - TEL. 02/59901475 MILANO - VIA S. GALDI 05 - TEL. 02/33105690 MILA O (VIMODRO E) - STRADA PADANA SUPERIORE 292 C/O "CITTÀ MERCATO" - TEL. 02/26510022-23 MODENA - VIALE GRAMSCI 263/265 - TEL. 059/450474 PADOVA - VIALE VENEZIA 61 C/O "GIOTTO" - TEL. 049/8074575 PADOVA (GALLIERA VENETA) - VIA EUROPA 2 - TEL. 049/9470800

ANCONA - VIA DE GAS PERI 22 ANCONA (TORRElTE DI ANCONA) - VIA FLAMINIA 258 ASCOLI PICENO (S. BENEDElTO DEL TRONTO) VIA TRENTO 92 BARI- VIA CAPRUZZI 128 BERGAMO - VIA BO OMELLI 17 BERGAMO - VIA SCURI 4 BOLOGNA - VIA M. MONROE 2 C/O "SHOP VILLE GRAN RENO" BRESCIA - CORSO CAVOUR 62 BRESCIA - VIALE PIAVE 203 BRESCIA - VIA v. EMANUELEANG. VIA BULLONI BRESCIA - VIA F.LLI UGONI 20 BRESCIA (MOLlNElTO DI MAZZANO)VIA DE GASPERI6 C/O 'TRIA GOLO" BRESCIA (RONCADELLE) - VIA E. MAlTEI 37/39 C/O "LE RONDINELLE" CAGLIARIVIALE MONASTIR 114 CATANIA - PIAZZA GALATEA 2 CATANIA - VIA CANFORA 140 CATANZARO (CATANZARO LIDO) - VIA DEI CROCIATI 7 COSENZA - VIA ALIMENA 27 COSENZA (CORIGLIANO CAL. SCALO)VIA NAZIONALE 212/214/216 CROTONE - VIA VE EZIA In CUNEO - PIAZZA EUROPA 9 FERRARA - VIA MORTARA 601B FIRE ZE - VIA MASO DI BANCO 26 FIRENZE - VIA PRATESE 24 FIRENZE - VIA SBRILLI 4 FIRENZE - VIALE VOLTA 127 GENOVA - VIA B. LIGURIA 35/R GENOVA - VIA MOLTENI 50/R GORIZIA (MONFALCO E) - VIA VALENTINIS 3/C GROSSETO - VIA DELL'UNIONE 7 LA SPEZIA (SARZANA) - VIA EMILIANA 31/B

I PROGRAMMI FINSON

PALERMO - VIA G. CAMPOLO 39 - TEL. 091/6815369 PARMA - VIA TRENTO l/D - TEL. 0521/272017 ROMA - C.NE ORIENTALE 4721 G.R.A. - TEL. 06n232408 ROMA - VIA SESTIO CALVINO 123/125 - TEL. 06/71589483 SAVONA - CORSO RICCI C/O "IL GABBIANO" - TEL. 019/819068 TORI O - CORSO FRANCIA 333/4 - TEL. 011/4031 114 TORI O - VIA TRlPOLI I 79/B - TEL. 011/352262 TORINO (GRUGLIASCO) - VIA CREA IO C/O "LE GRU" - TEL. O I Im0895 I UDINE - VIA LEOPARDI 24/A - TEL. 0432/507644 VERONA - VIA SETTEMBRE 18 - TEL. 045/8010782 VICENZA - S.S. II PADOVA SUP. 60 C/O "PALLADlO" - TEL. 0444/239279 REP. SAN MARINO - SERRAVALLE - VIA 5 FEBBRAIO - TEL. 0549/900416

xx

LATINA - VIA CHIESUOLA I LATINA - VIA DELL'AGORA C/O "L'OROLOGIO" LECCE - VIA S. GRANDE I LIVORNO - VIA CAMBINI 17/19 LIVORNO - VIALE ITALIA 5 MANTOVA-VIAFRAlT~ 19 MANTOVA - VIA VERO A 347 MILANO - CORSO DI PORTA VllTORIA 51 MODENA - VIA G.M. BARBIERI 30 NAPOLI - VIA C. COLOMBO 55/60 NAPOLI - VIA MEDINA 67 NUORO - VIA BISCOLLAI C/O "CENTRO CllTA'" PADOVA - VIALE VENEZIA 51 PALERMO - VIA DELLE ALPI 501E PALERMO - VIA G. MARCONI 6/8 PALERMO - VIA L1BERTA' 56 PALERMO - VIA L1BERTA' 95 PESCARA - VIA MARCONI 130/132 PESCARA - VIA TRIESTE 79/81 PISA - VIALE GRAMSCI 21/23 PORDENONE - VIALE GRIGOLETTI 921A PORDENONE (ZOPPOLA) - VIA N. BIXIO 3 REGGIO EMlLlA - VIA CECATI 3/1 ROMA - PIAZZA DI PONTE LUNGO 31 ROMA - PIAZZA MANCINI 3/A ROMA - PIAZZA VILLA CARPEG A 50/51 ROMA - VIA CASILINA 283/D ROMA - VIA CASORIA 20 ROMA - VIA DELLA BUFALOlTA 244/246 ROMA - VIA DELLA GRANDE MURAGLIA 62/64 ROMA - VIA GALLIA 37/A ROMA - VIA GIULlElTl 13 ROMA - VIA NOMENTANA NUOVA 93/95 ROMA - VIA SILICELLA 84 ROMA - VIA T. UVOLARI C/O "I GRANAI" ROMA - VIA TIBURTINA 614/D

ROMA - VIALE DEGLI AMMIRAGLI 73 ROMA (CIAMPINO) - VIALE ROMA 81/83 ROMA (CIVITAVECCHIA) - VIA C. CALISSE SIENA - VIA MASSETANA ROMANA 54 SIENA (MONTEPULCIANO) - VIA DELLE LElTERE 46 SONDRIO (S. PIETRO BERBENNO) - VIA NAZIONALE IO TARANTO - VIALE MAGNA GRECIA 108 TARANTO - VIA SABATO 12 TORINO - CORSO VERCELLI 429 TORINO - PIAZZA DERNA 231/INT.12 TORINO - VIA LANZO 15 TORINO - VIA OULX 14/L TORINO - VIA VALPERGA CALUSO 18 TREVISO - PIAZZA S. TRENTI 6 TREVISO (CASTELFRANCO VENETO) GALLERIA EUROPA 2 C/O "I GIARDINI DEL SOLE" TREVISO (SUSEGANA) - VIA CONEGLIANO 33 TREVISO (SUSEGANA) - VIA CONEGLIANO 59 TREVISO (VILLORBA) - VIALE DELLA REPUBBLICA 40 UDINE (TORREANO DI MARTIGNACCO) VIA COTONIFICIO 22 C/O "CllTA' FIERA" VENEZIA (CASELLE DI S. MARIA DI SALA)VIACALTANA 175 VENEZIA (CEGGIA) - VIA DUCA D'AOSTA 4 VENEZIA (MARCON) - VIA E. MAlTEI IIB C/O "VALLECENTER" VENEZIA (MARGHERA) - VIA ORSATO 5 VENEZIA (MESTRE) - VIA BISSUOLA 20/A VENEZIA (MESTRE) - VIA MARTIRI DELLA L1BERTA' 280 VENEZIA (PORTOGRUARO) - VIA VENEZIA 8 VERONA - VIALE VENEZIA 5 VERONA (BUSSOLENGO) - VIA DEL LAVORO 44 VERONA (CASTEL D'AZZANO) - VIA MASCAGNI 31 VICENZA - VIA DIV. FOLGORE 24 VICENZA (TORRI DI QUARTESOLO) - VIA PALA 20 C/O "LE PIRAMIDI"


cso

@@ Corner 0j)

AL.ESSA 'ORIA (ACQUI TERME) - VIA CRISPI19 AL.ESSANDRIA (CASALE MONFERRATO) - VIA SOBRERO 13 AL.ESSANDRIA (NOVI LIGURE) - VIA CAPURRO 20 ANCO A - VIA TORRESI 37 ANCO A (SENIGAL.L1A) - VIA C. BATTISTI 27 ANCONA (SENIGAL.L1A) - VIA PORTICI ERCDL.ANI 14 AREZZO - L.ARGO I MAGGIO 24 AREZZO - VIA MICHEL.ANGELO 104 AREZZO (MONTE S. SAVINO) - VIA DEL.L.A STAZIONE 191B ASCOLI PICENO - PIAZZA CECCD D'ASCOLI 32 ASTI - VIA SECONDO PIA 8 AVELLINO - VIA CARDUCCI 45 AVEL.L1NO - VIA PIRONTI 73 BARI- VIAL.E UNITÀ D'ITAL.IA 74n6 BARI (AL.TAMURA) - VIA GRAVINA 59161 BARI (BARLETTA) - VIA G. DE NITTIS 63 BARI (BARLETTA) - VIA TORINO Il BARI (GRAVINA) - VIA GARIBAL.Dl4 BARI (MONOPOLI) - VIA CIALDINI42 BEL.L.UNO (AGORDO) - VIA IV NOVEMBRE 6 BEL.L.UNO (FEL.TRE) - VIAL.E MAZZINI 10lC BEL.LUNO (FEL.TRE) - VIAL.E MONTE GRAPPA 32/8 BENEVENTO - VIA VITTORIO VENETO 21 BERGAMO (SERIATE) - VIA GARIBAL.DI 35 BERGAMO (STEZZANO) - VIA BDiTO 8 "CITTÀ CONVENIENZA" BIEL.L.A - VIA BERTODAMO I BIEL.L.A (VERRONE) - STRADA TROSSI IO BOL.OG A - VIA CASARINI 5 BOL.OGNA - VIA DI CORTlCEL.L.A 201/2 BOL.OGNA - VIA EMILIA PONENTE 56 BOLOGNA - VIA MARONCEL.L1 2JC BOL.OGNA - VIA PIETRAMEL.LARA 33 BOL.OG A - VIA T1MAVO 7/8 BOL.OGNA (IMOLA) - VIA A. COSTA 81A BOL.OGNA (OZZANO EMILIA) - PIAZZA S. AL.L.ENDE Il BOL.OGNA (PORRETTA TERME) - VIA MAZZINI 36 GAL.L. KURSAL. BOL.OGNA (TOSCANEL.L.A DI DOZZA) - VIA I MAGGIO 14/16 BOLZANO (L.AIVES) - VIA ROVIGO 22 BRESCIA - CORSO MAGENTA 43 BRESCIA - VIA BASSI 26 BRESCIA - VIAL.E PIAVE 203 BRESCIA - VIA MONTESUEL.LO I2IA BRESCIA (ANGO E DARFO BOARIO TERME) - VIA TRENTO 1418 BRESCIA (BESSIMO DI DARFO BOARIO TERME) VIA NAZIONAL.E 43 aD" ADAMEL.LO" BRESCIA (SAL.Ò) - VIA VAL.L.E 8 BRINDISI - VIA INDIPENDENZA 32 BRINDISI (OSTUNI) - VIA ANCONA 23 CAGLIARI- VIA CAMPANIA 81A CAGLIARI - VIA L.OGUDORO 12 CAGLIARI - VIA PERGOL.ESI 281A CAGLIARI - VIA TOMMASEO 6 CAGLIARI - VIA TRENTINO 26 CAGLIARI (CARBONIA) - VIA GRAMSCI 35 CAGLIARI (IL. PORTICO - IGL.ESIAS) - VIA MONTE AL.TARI CAGLIARI (lGL.ESIAS) - VIA TORINO 33 CAGLIARI (QUARTU S. EL.ENA) - VIA B. CROCE 721A CAGLIARI (QUARTU S. EL.ENA)- VIA MARCONI 319 CAMPOBASSO - VIA ALBINO 11113 CAMPOBASSO - VIA GARIBAL.DI 1151A CAMPOBASSO - VIA MAZZINI 11110 CASERTA - VIA CECCANO 4 CASERTA - VIA G.M. BOSCO 24 CASERTA (CASAGIOVE) - VIA NAZIONAL.E APPIA 73/75 CASERTA (TEVEROL.A) - VIA NAZIONAL.E APPIA "APPIA CENTER" CATANIA - VIA ETNEA 736 CATANIA (S. GIOVANNI L.A PUNTA) - VIA DEL.LA REGIONE 132 CATANIA (S. GREGORIO DI CATA lA) - VIA ADIGE 8 L.OC. CERZA CATA ZARO - VIA ACRI 26 CATA ZARO (L.AMEZIA TERME) - CORSO G. NICOTRA 9 CHIETI (LANCIANO) - VIA PER FOSSACESIA 3M2 COMO (OL.GIATE COMASCO) - VIAL.E TRIESTE ANG. VIA GABEL.L1 COSENZA - VIAL.E TRIESTE 531A COSENZA (ACRI) - VIA G. AMENDOL.A 78 CREMONA - VIA ASEL.L151153 CREMONA - VIA MASSAROTTI 13 CUNEO - VIA S. ARNAUD 3/8 CUNEO (BEINETTE) - VIA MARTIRI 26 CUNEO (SALUZZO) - VIA MAZZINI 30132 CUNEO (SAVIGLIANO); CORSO ROMA 24 FERRARA - PIAZZA S. GIORGIO IO FERRARA - VIA A. NEGRI 7 "IL. CASTEL.LO" FERRARA - VIA BOL.OG A 1081110 FOGGIA - VIA MONTEGRAPPA 47149 FOGGIA (SA SEVERO) - VIA DO MINZO I 32JC FORL.I- CORSO DELLA REPUBBLICA 1711E FORL.I- VIA CAMPO DI MARTE 122 FORL.I- VIA GRAMSCI 146 FROSI ONE (SORA) - VIA ABRUZZO 4 GENOVA - VIA DEL.L.A LIBERTÀ 53155 R

ao

ao

ao

GENOVA (LAVAGNA) - CORSO GENOVA IIOIA GENOVA (RAPAL.LO) - CORSO MAMELI 32713291331 GENOVA (RIVAROLO) - VIA T. M. CANEPARI183/R-185/R GROSSETO (FOL.LONICA) - VIA C COLOMBO I4IC IMPERIA (VAL.L.ECROSIA) - VIA COL.ONNEL.L.O APROSIO 564 ISERNIA - VIA 10RI0 28 L.'AQUIL.A - PIAZZA S. PIETRO IN COPPITO 20 L.'AQUIL.A - VIA XX SETTEMBRE 101/1 t I L.'AQUIL.A (AVEZZANO) - VIA AMENDOL.A 25 L.ECCE - VIA B. MARTEL.L.O 26 L.ECCE (CAVAL.LlNO) - VIA L.EUCA 49 LUCCA (LIDO DI CAMAIORE) - VIAL.E COL.OMBO 216 LUCCA (VIAREGGIO) - VIA COPPINO 113 MACERATA - PIAZZA GARIBALDI 12 MACERATA (CIVITANOVA MARCHE) - VIA D'ANNUNZIO 72 MACERATA (TOLENTINO) - VIA PARISANI22 MANTOVA - VIAL.E DEL.L.A FAVORITA "LA FAVORITA" MANTOVA (BOZZOLO) - VIA BONOLDI4 MATERA (FERRANDINA) - VIA MAZZINI 44 MATERA (POLICORO) - VIA KENNEDY 38 MIL.ANO - PIAZZA DE ANGELI 3 MIL.ANO - VIA F.L.LI BRONZETTI 37 MIL.ANO - VIA IMBONATI 4 MIL.ANO - VIA MINCIO lO MIL.ANO (CASSANO D'ADDA) - P.L.E GOBETTI CIO "AGORA" MlL.ANO (CORBETTA) - VIA S. DA CORBETTA 4910 MILANO (CORSICO) - VIAL.E ITALIA 23/25 MILANO (LACCHIAREL.LA) - VIA S. M. DEL. CARSO Il/A MIL.ANO (LEGNANO) - VIA SARONNESE 16 MILANO (MEL.EGNANO) - VIA v. MONTI 5 MILANO (SEREG O) - VIA CADORE 253 MILA O (TREZZO SUL.L.'ADDA) - VIA QUARTO IO MODENA - PIAZZA CITTADEL.L.A 30 MODENA - VIA DEI GIARDINI 463 MODENA - VIA DEL.LO SPORT 50 aD "I PORTALI" MODENA (CARPI) - VIAL.E CARDUCCI 34136/38 MODENA (CITTANOVA DI MODENA) - VIA EMILIA EST 1480 CIO "GRAND'EMILIA" MODENA (VIGNOL.A) - CORSO ITALIA 28 NAPOLI- PIAZZA VANVITEL.LI 910 APOLI- VIA BOSCO DI CAPODIMONTE 721A APOLI- VIA CIL.EA 112 APOLI- VIA G. CESARE 21123 NAPOLI- VIA MIROBAL.LO AL. PE DINO 14 NAPOLI- VIA NAZIONAL.E DEL.L.E PUGLIE NAPOLI - V.L.E KENNEDY 357 NAPOLI (CASORIA) - VIA CIRCONVALL.AZIONE ESTERNA NAPOLI (PORTICI) - VIA LlBERTA' 185/191 NAPOLI (PORTICI) - VIA LlBERTA' 2581B NAPOLI (S. SEBASTIANO AL. VESUVIO) - VIA ROMA 5n NAPOLI (TORRE ANNUNZIATA) - CORSO UMBERTO I 311 NAPOLI (TORRE DEL. GRECO) - VIA NAZIONAL.E 787 NAPOLI (VICO EQUENSE) - VIA NICOTERA 58 NAPOLI (VOMERO) - VIA C. CARELLI 35 NOVARA (CRUSINAL.LO DI OMEGNA) - VIA IV NOVEMBRE 197 NOVARA (SUNO) - S.S. 229 KM. 22 NUORO (TORTOLI) - VIA V. EMANUEL.E 59 ORISTA O - VIA LOMBARDIA 16118 PADOVA - VIA ARIOSTO 49 PADOVA - VIA MORGAGNI 6 PADOVA (ABANO TERME) - VIA l° MAGGIO I2IA PADOVA (AL.BIGNASEGO) - STRADA BATTAGLIA 73 PADOVA (lESTE) - VIA TITO L1VIO 9 PAL.ERMO - VIA F. L.AURANA 79 PAL.ERMO - VIA M. STABIL.E 242 PARMA - VIAL.E FRATTI 50lC PARMA - VIA M. D'AZEGLIO 54 PARMA - VIA SAFFI 78/8 PAVIA - VIA TRIESTE 97AIB PERUGIA (CITTÀ DI CASTEL.LO) - VIA CAIROLI I PERUGIA (NOCERA UMBRA) - VIA DEI PINI 14 PESARO - VIA PONCHlEL.L12 PESCARA - VIA NAZIONAL.E ADRIATICA 76 PESCARA - VIA TIBURTINA 63 PISTOIA - VIA E. FERMI84IB PORDENONE (CORDENONS) - VIA SCL.AVONS 217 PORDENONE (CORDENONS) - VIA SCL.AVONS 2311A PORDENONE (SACIL.E) - VIA GRAMSCI 6 PRATO - VIA F. STROZZI 891B REGGIO CAL.ABRIA (L.OCRI) - VIA G. MATTEOTTI 253BIS REGGIO EMILIA - VIA MORANDI 2 "ARIOSTO" REGGIO EMILIA - VIA VENETO 71C RIMINI - VIA COL.ETTI 11810 RIMINI - VIAL.E RIMEMBRANZE 55 RIMINI - VIA MECOZZO DA FORLI 38 RIMINI (VISERBA) - VIA G. DATI 99/8 ROMA - C E GIANICOL.E SE 47147A ROMA - VIA BAL.DO DEGLI UBAL.DI 21 ROMA - VIA D. CIMA ROSA Il ROMA - VIA DEL.L.A BUFAL.OTTA 244/246 ROMA - VIA E. D'ARBOREA 13

ao

ao

ROMA - VIA E. FERRI 8 aD "LA ROMANINA" ROMA - VIA E. FlLlBERTO 35 ROMA - VIAL.E DEI 4 VENTI 124 ROMA - VIAL.E T1RRE 0207 ROMA - VIA M. COLONNA 68170 ROMA - VIA MERUL.ANA 97 ROMA - VIA ROMA 39 ROMA (ARICCIA) - VIA NETTUNENSE KM.6.500 10lA ROMA (MONTEROTONDO) - VIA XX SETTEMBRE 8-8IA-8IB ROMA (OSTIA LIDO) - VIA DEI VELIERI 27129 ROMA (POMEZIA) - VIA F. RE 17/8 ROMA (VIL.L.AL.BA DI GUIDONIA) - VIA TIBURTINA 126/127 SALERNO - VIA CAlO TREBAZIO TESTA SAL.ERNO - VIA DEI PRINCIPATI 55 SAL.ERNO (BATTIPAGLIA) - VIA DEL. CE E ARIO 1131117 SAL.ERNO (BATTIPAGLIA) - VIA ROSA lEMMA 147/149 SAL.ER O (CAVA DE'TIRRE 1)- VIA ERNESTO DI MARINO 5 SAL.ERNO (SARNO) - CORSO VITTORIO EMANUEL.E 18 SAL.ERNO (SARNO) - VIA BUONAVITO 47/49/51 SASSARI - VIA DUCA DEGLI ABRUZZI 48 SASSARI - VIA GENOVA 57/A SASSARI (ARZACHENA) - VIA P. DETTORI 5 SAVONA - VIA CARISSIMO E CROTTI I6/R SIENA - VIA DEL.L.A STUFASECCA 214/6 SIENA - VIA S. BANDINI 17121 SIENA (CHIUSI SCALO) - VIA F. FIL.ZI19 SIENA (POGGIBONSI) - VIA MONTESANTO 19121 SONDRIO - VIA CESURA 25 TARA TO - VIAL.E VIRGILIO 57/C TARANTO (GROTTAGLIE) - VIA COLOMBO 23/F TARANTO (MANDURIA) - CDA TORRE BIANCA TARANTO (MARTINA F.RANCA) - CORSO DEI MIL.L.E 184IG TERAMO - VIA BADIA 15 TERNI - GAL.L.ERIA NUOVA I TORINO - CORSO EINAUDI 8 TORINO-CORSO DUCA DEGLI ABRUZZI 106 TORINO - CORSO FRANCIA II BISIC TORINO - CORSO UNIONE SOVIETICA 379 TORINO - VIA FIDIA 21/8 TORINO - VIA N. PORPORA I TORINO - VIA PIAZZI 54/G TORINO - VIA RATTAZZl2 TORINO - VIA UGO FOSCOL.O 7 TORINO (AL.PIGNA O) - VIAL.E VITTORIA 34 TORINO (BUSSOL.E O) - VIA TORINO 818 TORINO (CARMAGNOLA) - PIAZZA IV MARTIRI 52 TORINO (COL.L.EGNO) - CORSO FRANCIA 125 TORINO (MONCALIERI) - VIAL.E STAZIONE 12 TORINO (MONTAL.DO DORA) - VIA POLISEN 30 TORINO (ORBASSANO) - VIA RIVOLI 381A TORINO (RIVAROLO) - VIA REJNERI 121A TORINO (VOL.PIANO) - VIA ROMA 211A TRAPANI - VIA P. ABATE 2 TRENTO - L.ARGO N. SAURO 6 TRENTO - VIA BRENNERO 318 TRENTO - VIA DEL. COMMERCIO 6112 TRENTO - VIA GOCCIA D'ORO 13 TRENTO (ROVERETO) - VIA TARTAROTTI48 TREVISO - PIAZZAL.E PISTOIA lO TREVISO (CASTEL.FRANCO VENETO) - BORGO TREVISO 31 TREVISO (CASTEL.FRANCO VENETO) - VIA VITTORIO VE ETO II TREVISO (ODERZO) - VIA VERDI 48 UDINE - VIAL.E TRICESIMO 103 UDINE (CASSACCO) - s.s. PONTEBBANA 13 C/O "AL.PE ADRIA" UDINE (CODROIPO) - VIA CIRCONVAL.L.AZIONE SUD 76 VARESE - VIA MORAZZONE 2 VARESE (BUGUGGIATE) - VIA VERDI 24 C/O "C C DEL. L.AGO" VARESE (BUSTO ARSIZIO) - VIA GAVINANA 17 VARESE (GAL.L.ARATE) - VIA LARIO 37 C/O "MAL.PENSA UNO" VARESE (GAL.LARATE) - VIAL.E MILANO 30 ANG. VIA CL.ERICI VARESE (UBOL.DO) - VIA IV NOVEMBRE 20 VARESE (VERGIATE) - VIA DON L.OCATEL.L1 26 VENEZIA (BAL.L.Ò DI MIRANO) - VIA STAZIONE 7818 VE EZIA (MESTRE) - VIA DANTE 414A VENEZIA (MESTRE) - VIA EINAUDI 35 VENEZIA (MIRA) - VIA NAZIONAL.E 182 VENEZIA (PORTOGRUARO) - VIAL.E PORDENONE 9/A VERBANIA (CANNOBIO) - VIA A. GIOVANOL.A 47 VERONA (AFFI) - VIA PASCOLI VERONA (CAL.DIERO) - VIA STRA' 19 VERONA (VIL.L.AFRANCA) - CORSO GARIBALDI 79 VERONA (VIL.L.AFRANCA) - VIA NINO BIXIO 108 VERONA (VIL.LAFRANCA) - VIA QUADRATO 92 VIBO VAL.ENTIA - CADUTI SUL. L.AVORO 4 VIBO VAL.ENTIA - VIA C PARISI 26 VICENZA - CONTRA' MURE PORTA NUOVA 26128 VICENZA - VIA QUADRI 85 VICENZA (BASSANO DEL. GRAPPA) - VIA GARIBALDI16 REP. DI SAN MARINO - BORGO MAGGIORE - VIA XX Vili LUGLIO 197 REP. DI SAN MARINO - DOGANA - VIA C CANTÙ 16

FINSON srl - Via Montepulciano, 15 . 20124 Milano (ITALY) • Tel. (02) 66987036 r"a. E-mail: finson@finson.it· Internet: http://www.finson.com

-

Fax (02) 66987027

r.a.

® fPUfM~@fM

_


Da Panasonic nuovi portatili multimediali Il CF-62 è stato concepito per offrire all'utente un'avanzata piattaforma multimediale. La novità di maggior rilievo è l'integrazione nel notebook dell'innovativo sistema di archiviazione dati "PD System" che trova spazio sotto la tastiera.: ..............................................................................................•

Il CF-62 è un sofisticato notebook dalle caratteristiche multimediali con l'innovativo sistema di archiviazione dati PD System che si basa sulla esclusiva tecnologia a 'variazione di fase" sviluppata nei laboratori Panasonic che consente sia di leggere i CDROM 4x, sia di utilizzare in lettura e scrittura i dischi ottici riscrivibili da 5"1/4. Si ha così a disposizione una memoria di massa aggiuntiva che, di volta in volta, può essere utilizzata come unità di back up, hard disk rimovibile, archivio di file multimediali ecc. È possibile installare una cartuccia MPEG a 65.000 colori grazie alla quale è possibile riprodurre filmati full motion a pieno schermo, gli slot PCMCIA (1 tipo III o 2 tipo Il) possono ospitare la scheda ZV port per l'acquisizione digitale di immagini provenienti da

194

telecamere e videoregistratori. Tutti questi dati, filmati, immagini, animazioni, suoni, possono naturalmente essere archiviati su PD senza limitare lo spazio dell'Hard Disk. Il display è un 12,1" con una tecnologia a matrice attiva abbinata alla elevata definizione (1,024 x 768) che fornisce 65.000 colori disponibili mentre la scheda audio è stereo a 16 bit ed il suono è riprodotto da due altoparlanti posti sotto il display. Altre importanti feature sono la porta infrarossi, la batteria a tecnologia Ioni di Litio a lunga durata, il comodo dispositivo di punta mento "touch pad", il microfono incorporato e le uscite per cuffia e microfono esterno. Il processore utilizzato è il Pentium 133-150 MHz, la Ram standard è di 16 MB espandibile ad 80, l'Hard disk varia da 1,35 a 2,0 Gbyte Il prezzo di listino sarà a partire da 11 milioni di lire (IVA esclusa). Il CF-25 è invece un notebook pensato e costruito per condizioni ambientali estreme: incorpora dispositivi che lo rendono inattaccabile dagli agenti atmosferici (acqua, polvere, ecc.) e da shock dovuti a vibrazioni e cadute, il tutto racchiuso in un guscio di magnesio, che conferisce al prodotto notevoli doti di robustezza. Il notebook è stato costruito con criteri così rigorosi da aver superato le severe certificazioni basate sugli stan-

dard militari americani. La tastiera è resa completamente impermeabile da un film di silicone, gli organi meccanici (hard disk e floppy disk driver) sono stati protetti da un particolare GEL che è in grado di assorbire urti di notevole entità e tutte le possibili vie di penetrazione di materiali esterni, quali polvere, acqua, sono state protette da sportellini a chiusura ermetica. Il processo re utilizzato è il Pentium a 100/133 MHz, la memoria di base RAM è di 8 Mbyte (espandibile fino a 72) e l'HD è da 840 MB/1,35 Gbyte. Il display LCD è da 10,4" a tecnologia TFT con definizione di 800 x 600 a 65.000 colori. Il prezzo di listino sarà a partire da lire 5900.000 (IVA esclusa).

Infostrada, nuove soluzioni

per Internet e Intranet Infostrada si sta dedicando con tutte le energie a diventare l'altro operatore nazionale per servizi di telefonia e telecomunicazioni, in questa ottica si inquadrano le nuove iniziative volte a penetrare il mercato professionale di Internet e delle Intranet aziendali. In occasione di SMAU è stato presentato "Sfera", il nuovo servizio dedicato alle aziende per la realizzazione delle loro Intranet. Infostrada si rivolge ai provider che intendono entrare da professionisti sul mercato Internet senza eccessivi investimenti, fornendo pacchetti composti da un mix di servizi (di base ed avanzati) componibili modularmente a seconda delle differenti esigenze. La rete Infostrada, società nata nel 1995 e partecipata dal Gruppo Olivetti e da Beli Atlantic, è altamente competitiva sia dal punto di vista tecnologico (ATM/Frame Relay) che dal punto di vista della capi Ilarità con 132 punti di presenza a fine 1996. Infostrada usa un gateway internazionale sia verso l'Europa che verso gli USA. Per le Intranet aziendali il nuovo servizio 'Sfera' si rivolge a strutture aziendali con sede centrale, dove risiede il sistema informativo centrale, ed una serie di sedi remote distribuite sul territorio. Sfera collega il centro alla periferia, grazie ad un semplice PC con mode m, per trasferire messaggi, scambiare dati, ricercare informazioni, dando alla rete aziendale la facilità ed i vantaggi operativi di Internet applicato alle aziende. Le nuove proposte sono frutto della collaborazione tra Infostrada, e lunet, l'Internet Service Provider operativo già da anni nato nel 1995 da un accordo tra Gruppo Olivetti e i2u, l'Associazione italiana utenti Unix.

Panasonic Italia Spa

Via Lucini 19, 20125 Milano, Tel. 02/67.88.1

MCmicrocomputer

Infostrada

Via Lorenteggio 257, 20152 Milano, Tel. 02/48.36

n. 167 - novembre 1996


coordinamento di Andrea de Prisco

MCMICROCOMPUTER E LODE! (di

Raffaello De Masi)

Rieccoci, dopo un breve periodo di sano riposo, con questa rubrica delle ragnatele e della fuliggine. Ricordi di bei tempi andati, dove ci si sfidava a suon di kappa, e ognuno, per saper masticare un poco di BASIC, si definiva «programmatore». Erano «altri tempi» davvero, l'informatica era un lontano West, dove l'inventiva e l'iniziativa personale doveva supplire alle deficienze e, talvolta, agli errori che le macchine sparavano meglio della notte di Capodanno. Il ventaglio delle macchine era enorme; ma ce ne fosse stata una che avesse adottato lo standard di un'altra! Così ogni tipo di calcolatore era un'isola più o meno felice e, quando, tra utenti ci si trovava, era d'obbligo presentarsi anche con il patronimico della macchina usata. Non esisteva uno straccio di standard che permettesse di scambiarsi programmi o solo di utilizzare lo stesso dischetto su due macchine diverse; così era quasi impensabile, a meno di non avere due macchine gemelle, scambiarsi dischetti con documenti o, cosa ancora più assurda, pensare a convertitori. E allora? Lo stato dell'utenza era questo; una grossa fascia che utilizzava l'Apple Il e che, bene o male, riusciva a sopravvivere bene, e una messe di outsider che vivacchiavano sull'onda e con la fortuna di pubblicità che la sparavano grossa o che erano state «piazzate» da un venditore particolarmente abile. Tanto per intenderci, diamo una occhiata alla pubblicità del neonato TI-99/4A della Texas, presente a pago 13 del numero 10; i designer pubblicitari evidenziano in maniera roboante che il computerino parla BASIC, Pascal, Logo, Assembler e Inglese (sic!); neppure una parola di applicazioni bell'e pronte. Oggi una pubblicità del genere sarebbe suicida, allora stimolava i geniacci della domenica e ci fu un sacco di gente (me compreso!) che si affrettarono a comprare questa macchina, che fu un vero fuoco di paglia e passò come una meteora in 196

N. 10 ...

un cielo in cui stelle di prima grandezza già si stavano spegnendo. «Vittima» di questa puntata è il numero 10, appunto, saltato (volutamente) da una analisi approfondita fino a oggi; vediamo cosa avevamo, nel lontano 1982, nel piatto di portata.

Guarda guarda, un plotter! Del numero 10 parlammo, se vi ricordate, in maniera fuggevole alcuni mesi fa. Oggi merita una occhiata più attenta per la presenza, sulle sue pagine, di una prova di un plotter della Hewlett-Packard di grandissima qualità, l'HP 7470. Si trattava di un piccolo plotter, formato A4, bipenna, dai requisiti straordinari per l'epoca e cui ha poi fatto riferimento l'innumerevole serie di piccoli plotter che negli anni successivi comparvero sul mercato. 7470 inaugurava un nuovo tipo di meccanica (cosa evidenziata anche nella prova) fino ad allora almeno inconsueta. I plotter professionali erano, fino a quel momento, dotati di carousel delle penne con due gradi di libertà. In altri termini il foglio stava fermo, fissato al piano da sistemi diversi, e la penna correva secondo i due assi cartesiani, mossa da due motori che lo spostavano lungo due guide ortogonali. Era ovvio che la precisione della meccanica del sistema doveva essere superlativa, visto che queste macchine dovevano almeno garantire la ripetitività fino a un decimo di millimetro. 7470 risolveva del 50% i problemi connessi con l'inerzia legata al movimento del carousel; tre o quattrocento grammi non sono pochi, se vengono lanciati a quasi un metro al secondo e si desidera la ripetitività del tratto così come descritta. HP ridusse drasticamente il peso del portapenne limitando il trasporto a un solo pennino; l'uno o l'altro venivano depositati o prelevati a seconda delle esigenze in due «fondine» sistemate ai lati opposti MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


(ALTRI lr[EM][P~) della guida del plotter; e la guida, infatti, era solo una, visto che il moto della penna avveniva solo lungo l'asse delle X; il traccia mento del disegno avveniva spostando, lungo l'asse delle Y, il foglio, che era supportato da un tamburo ruvido su cui il foglio aderiva pressato da una guida scorrevole. Oggi tutti i plotter a tamburo funzionano in questo modo, ma allora la cosa destò interesse e curiosità; HP, da par suo, lanciò anche pennini di feltro del tipo «usa e getta», molto più funzionali delle penne a sfera o dei rapidograph da plotter che fino ad allora avevano dettato legge; lo standard ebbe immediatamente successo e ancora lo è ai giorni nostri. Ma 7470 era interessante in quanto, pur trattandosi di una macchina lillipuziana, e per forza di cose destinata a uso limitato, godeva praticamente di tutto il set del linguaggio HPGL (Hewlett Packard Graphic Language), un idioma grafico estremamente potente e funzionale (tant'è che oggi sopravvive tal quale, come linguaggio standard o opzionale per ogni plotter) che negli anni non ha subito praticamente alcuna modifica. Ma HP, fedele al suo standard di fornire sempre qualcosa in più, forniva, agli utenti delle sue macchine, una Plotter ROM, scatolina di un paio di centimetri cubici che, montata sulla macchina «traduceva» le istruzioni grafiche del suo potentissimo (e ineguagliato) BASIC in linguaggio HPGL, senza richiedere interventi da parte dell'operatore; in altre parole quello che si «dumpava» fino ad allora sulla stampante veniva, elegantemente, trasformato in output su plotter senza perdere neppure le proporzioni del disegno. Meraviglie di altri tempi. E, come se non bastasse, il plotterino poteva essere efficacemente usato, senza alcuna aggiunta, come digitizer.

Due meteore nel firmamento Il numero 10 presenta la prova di due macchine che sono state una un gigantesco fuoco di paglia, l'altra una delle innumerevoli cenerentole vissute per breve vita nell'ambiente di quei tempi. La prima, chi non la ricorda, è stata il 99/4A, un home computer della Texas, avanzatissimo per i tempi (e forse questo fu la sua rovina). Dotata di un microprocessore custom a 16 bit, costava poco, era dotata di una vera tastiera MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

QWERTY e, manco a dirlo, andava colChissà perché! L'altra macchina è la legata col televisore e con il solito regiRockwell AIM 65/40. stratore a cassette. Stiamo, ovviamenLa sigla nasconde più che un calcolate, parlando di una macchina home di tore, una scatola di assemblaggio. quattordici anni fa, e, come tale, sogl'AI M veniva infatti fornita in due configetta a limitazioni oggi impensabili; gurazioni; la prima, «nuda» offriva una mancanza di veri e propri caratteri minuscoli, sostituiti da un illeggibile maiuscoletto (irriconoscibile nei linguaggi di programmazione), alimentazione fissa (vale a dire che Dopo m'er dedica/D 4 mtsi al/o ricerca di maestri volemerori ~d t!nlUSUlSII (/isporll a sacrificau un po' di tempo libero per imfOt/ufre i loro glot'Olli allievi occorreva proprio staccare la ntll'affuscimmtl! mondo dell'informatica. CI Siamo clliesli' .,E 1'11011I0 della sIrOi/n. presa) esterna, una mancialo casalinga, l'ignaro utente di lavastoviglie e vide(}r~giSlralor; più compticll1; di IIn compllter? Non sarà il caso di fare qualche COStipe,. spingere anche lui a compiere ta (appena sedici) kappa di quel salto "erso la elilillà del compuler f' del pieno impiego dell'illlc/ligen:a umalw RAM, BASIC residente, in resa pos.çibtle dtlll" ri"o/uz;ont della mirroill/Qrmarica a b(Jsso custo?" comune col sistema operatiIl SIM-HI·FI·IVES, la pit; gronde mostra europea di strumentI musicali, alta feritoltà ttlt:visionc, .'itli!ogioc},i, l'l·lleoregi.ftra:ione, t'tc: etc. che ad ogni settemhre vo. Interessante la possibilità si svolge a Milano litI recinto delln Fiera, ci è sembrata lo migliore pla/ea per 1m di espandere le funzioni ateJperimemo piutloSIO ardito: mellal! compul r in mano a/l'uomo dt!/la ~·tradae l'edere come se lo COI'O. Chiamar/a scuola di complI/er f assolutamente traverso moduli solid state presuntuoso' In reo/to sono solo 8 breVEcorsi di 1 ort ruuruno (dal 1(Il j inseribili (uno alla volta) in seuembre 1981. uno lo mattina alle IO. utrO Il pomeriggio alle J) gratu;tr e aperti a tutti: SOprOtlUtlOa chi no" ho mal messo le mani di lino lOsnua una slitta frontale (con conl corsi si Sl'O/gerollno ;11 aula alfre::a/o con alcune decml! di compUier ed tattiera troppo esposta alle avrll1mo C(lrattere esscll:io/mente pratIco: dopo ulla brel'C illlrodu:ione. gli "allie"i" sarannO invitati a mettere le mani sulla tostiera per ,vcrÌ\:ere i loro primi mani di un curioso). programmi. Siamo curia!; di ve,lere eO.ta sUl'cede. I moduli erano numerosi, SCIiOft, (I parte. ,mra gra<lilissima una VI.filO al nostro ."and (MCmicrQcomp"ter, AUDIOnF.I'IEW, Tec/mimedia) ,lo\'e saranno esposti anclte i vari ku realiz:(", dal e andavano dall'Extended nostro 80 Arnkltt. Arri\rrderl'i al SIM·HI·FI-IVES e buoni! \'OClm:e. 1/ pronimo Basic (praticamente necesnllm~,.o di MCmicrOC'omputcr uscirà il primo Jt!l/embrl!. sario) al TI-Logo (linguaggio p.s. !t1icrocompUler a IO Clm,i. Nel momento In cui sern'o (lO giugno) stiamo compleUllldo l'fsame delle Ittlert! im'iarui dagli insegnanti. Allafine d~1mete che all'epoca aveva una cer.tpedm!lIIo le lel/ert' dI assegna:ione delle macchine. ta fortuna), a un Pascal che Paolo uti tra i vari moduli costava più della macchina stessa, a qualche gioco, a moduli straL'editoriale di Paolo Nuti su Me n. 10 ni come un buon sintetizzatore vocale o a un maestro di ginnastica. macchina disassemblata nelle sue parti Potenza (e miseria) dei tempi, la principali (tastiera, piastra, display, macchina poteva essere espansa, si fa stampantinal. tutte prive di guscio, che per dire, nella memoria; ma il bello è incredibilmente, andava usata tal quale; che altri sedici kappa costano 670.000 e costava circa un milione e mezzo con lirette di allora, ben più del computer l'IVA. Raddoppiando il prezzo, l'AIM asstesso. sumeva un aspetto più «cristiano», asTexas pare avesse riposto, all'inizio, somigliando a una più tradizionale macmolta fiducia nel suo home; già alla prechina. sentazione fece sapere che presto saPer darvi una idea di cosa passava il rebbe arrivato un sistema nuovo, convento, riferisco le parole di Pierluigi espanso nelle prestazioni e nella mePanunzi, che ne eseguì la prova: «L'alimoria, dotato di porta RS-232 (che nel mentatore deve possedere caratteristinostro doveva essere acquistata a parche ben precise, con due tensioni in te); promise un rapido aggiornamento, uscita diverse (5 e 24 volt); chi decides(in discesa) anche dei prezzi. La macse di costruirselo da solo dovrà utilizzachina ebbe subito una certa fortuna e re lo schema presente sulle pagine delmolte furono le persone (me comprela rivista (e ricavato dal manuale; n.dJ.). so, come dicevo prima) che si precipitaInoltre la macchina è arricchita da un dirono ad acquistarla, fidando nel buon splay di caratteristiche notevoli (una rinome della marca della Lone Star. MC ga fluorescente di quaranta caratteri, dedicò addirittura ad essa una rubrica, che costava la bellezza di mezzo miliocon listatoni in BASIC come allora era ne; n.d.r.)). Per carità di patria mi fermo costume. Invece le cose, ancora oggi qui. inesplicabilmente, non andarono così; Basato sul 6502, allora padrone del nel giro di pochi mesi Texas svendette, campo con lo Z80, l'AIM era dotato di abbassando considerevolmente il prezserie degli immancabili 16K di memoria zo, le scorte della macchina, e la lasciò RAM espandi bili, ne ignoriamo il costo, morire di morte naturale. fino a 48K. La stampante è una stam-

a scuola di computer

UII

,fU

lilla

197


(ALTRI lr[EM][P~) pantina termica a 40 colonne della Olivetti, dotata di un set ASCII molto ben leggibile, ed è pilotata da un processore addizionale, il 6504 (fratello minore del 6502); stessa operazione per il monitor a nga. Il computer possedeva su firmware un text editor (di riga) che permetteva di usare, attraverso una arzigogolata sequenza a tastiera, una parte della memoria per area di stoccaggio del testo digitato. Non vi dico cosa era poi la correzione, affidata a sistemi di gestione di tasti funzione che rendono l'EDLlN un DTP della ennesima generazione. Il text editor, comunque, è inteso soprattutto per redigere codice in Assembler (linguaggio unico disponibile), che, residente su ROM, va montato non senza pericolo sulla piastra madre.

NOt./I1A,' bolLo!.

::..s>o ''-

1~

-r~~

QQ~~'-l~~

O;:>~ll' ••.• ""éll.~&.e.

l.-N.~iIQ,U1'\{oI\)'s.·

c.~

1'<V<l..A,

••• "T'eot.4

.. _

Corrado Giustozzi, nel suo articolo dedicato 99/4A, ci regala una divertente vignetta.

al TI-

L'AI M 65/40 si proponeva soprattutto come tool dedicato ad applicazioni di controllo di processi industriali; ma per la verità esistevano sul mercato già mezzi ben più idonei allo scopo, e sparì presto nell'oblio.

Un po' di considerazioni Non possiamo chiudere questo numero senza fare riferimento a un curioso articolo di Giovanni Lariccia che si estende per ben cinque pagine; intitolato «Mente e Macchine; alcuni appunti

198

di robotica cognitiva», propone una serie di riflessioni sull'importanza della mente nell'organizzazione del lavoro basato sulle macchine elettroniche (sicl); dove vanno le ricerche sulla burotica. L'autore, mescolando sapientemente sacro e profano, immagina l'ufficio del futuro, dove «la differenza sostanziale sta nell'uso di diversi supporti dell'informazione; cartacei ieri e, in prevalenza, ancora oggi, magnetici e elettronici domani». Leggendo l'articolo, che, più che altro, è un saggio, si nota come, solo pochi anni or sono, fosse ancora potente il pregiudizio per cui ci si chiede se «in un ufficio così pieno di macchine come si prevede sarà l'ufficio del futuro, ci sarà ancora posto per gli uomini e le attività più tipicamente umane». Ascoltate, sorridendo benevolmente, come Gerald Baker, ricercatore del MIT descrive un sistema destinato, nell'ufficio, a interagire intelligentemente con l'uomo: «Tra le tecnologie utilizza bili in questo progetto sottolineiamo: - l'uso di una macchina che possiede come linguaggio di base il L1SP, vale a dire il più importante linguaggio creato per le applicazioni di intelligenza artificiale; - un video ad alta risoluzione, per rendere possibile la visualizzazione di diversi caratteri tipografici, una gestione sofisticata dello schermo e l'uso sistematico dei menu per scegliere rapidamente le cose da fare; - l'uso del «toPO» come strumento per indicare la posizione sullo schermo; il topo, precisa il ricercatore, è una scatoletta delle dimensioni di un pacchetto di sigarette (ricordate che il LISA, il prototipo del Macintosh, è ancora in mente dei; n.d.r) che viene fatto scorrere su una tavoletta che si trova accanto alla tastiera; un cursore sullo schermo mantiene traccia dei movimenti del topo. I bottoni presenti sul topo servono a iniziare le operazioni rappresentate sullo schermo. Secondo le previsioni tecnologiche più accreditate, nell'ufficio del futuro le persone arriveranno al proprio posto di lavoro, accenderanno il terminale, trovandovi messaggi lasciati in tempi precedenti da persone situate in luoghi differenti (della stessa o di altre aziende), sfoglieranno la loro posta e risponderanno, sempre attraverso il loro terminale. Per i manager le attività elettroniche potranno comprendere funzioni come: - gestione di appuntamenti, appunti, memorandum;

Clive Sinclair presenta il suo Spectrum, computer destinato a fare storia.

un home

- posta elettronica; - produzione e distribuzione automatica di documenti; - spoglio e annotazione a margine di documenti ricevuti; - gestione di archivi personali (indirizzi, articoli, oggetti interessanti, convegni); - accessi a servizi informativi esterni (banche dati, ecc.); - esecuzione di calcoli e programmi di valutazione del budget; - partecipazioni a teleconferenze». Vi ricorda nulla tutto questo? Inutile continuare. E non poteva mancare, alla fine, la chiusura nostalgica tipo: «Il cervello elettronico non potrà mai sostituire il cervello umano» - Maledetto Von Neumann! L'autore cita aulicamente: « Nell'interazione con il mondo esterno e con il suo lavoro l'uomo usa l'occhio e la mano molto più del cervello (sic!); il foglio di carta stampato, il fascicolo, lo schedario nascondono importantissimi processi cognitivi e capacità raffinatissime che non sarà facile sostituire nei prossimi anni». Raccontatela a una segretaria d'azienda o a un redattore di giornale! È ora di smettere; ma due righe me le permetterete, visto che a fine fascicolo si cita una tecnica modernissima per stampanti seriali; quella a getto d'inchiostro; lo sapevate che la stampante Siemens PT sparava 4000 goccioline al secondo, che l'inchiostro doveva essere «bygroscopico», e che la stessa Siemens produceva un fax, l'HF2050, basato sulla stessa tecnologia? A risentirci!

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


IL NERO IN PIU' CHE MIGLIORA LA STAMPA DI TESTI E COLORI.

OLIVETTI JP790. Che cos'è il nero coprente?

dal nuovo driver di stampa Olichrome.

E' il quinto colore che la stam-

"~

Risultato? Più qualità di stampa e nessun compromes-

t

";

pante

ink-jet

aggiunge

Olivetti

JP790

per la prima volta

so: l'abbinamento

testo immagine

scegliere se privilegiare

non vi costringerà

più a

l

uno o l'altra. Ma la Olivetti JP790 èc ~

~

alla quadricromia.

una stampante

straordinaria

anche perchè vi dà risoluzione di "~

E' il nero in più di cui avete

600x600 dpi (nero e colore), velocità massima di 6 pagine al§

sentito la mancanza tutte le

minuto (nero), alimentazione

"O

volte che avreste perfettamente brillanti;

incisi insieme a immagini a colori veramente

intenso

campiture

voluto testi

e profondo

quanto

nere delle vostre stampe siano veramente

E' così importante nero coprente,

nere.

per la vostra qualità di stampa,

che Olivetti JP790 gli ha destinato

il

una delle

due testine di cui è dotata. Valtra è naturalmente

no a 120 fogli, 25 buste o 50 lucidi. Massima

basta perché le grandi

professionalità

al rosso magenta e al nero di quadricromia:

un nero "grafico"

,

dunque,

ma anche

Ink-Jet

all'uso dell'esclusivo

System che vi consente

di sostituire

intervento:

in misura variabile a seconda

che volete stampare senza richiedere

la gestione

automatica

delle

"~ il

;:, 'i5

~'"

testi ne, anche per il colore.

'g

che tutte le ink-jet Olivetti hanno ~ 8

un anno di garanzia* che dà diritto all'uso di una help line e alla ~ sostituzione gratuita della stampante direttamente

a casa vostra. ~

1996 avrete

anche Visual Map, un esclusivo software su CD-ROM

insieme, combinandosi

dell'immagine

Refilling

solo il serbatoio

E incluso nel prezzo, fino al 31 dicembre

Due testi ne, quelle della JP790, che ragionano perfet-

~

JP790 è predisposta

da, asciuga velocemente

tamente

minime

Olivetti, anche la ~

Il prezzo? 629.000 lireu.

re e alle sfumature.

E

~

studiato per essere accostato agli altri colori, che non debore serve a dare più precisione al colo-

i

spese di gestione: come tutte le stampanti

Senza dimenticare dedicata al blu ciano, al giallo,

flessibile in grado di gestire fi-

che vi

guida attraverso 100.000 località europee. Per saperne

di più chiamate

il

il vostro

delle stampe è assicurata

LA PRIMA STAMPANTE A 5 COLORI:

GIAllO, ROSSO, BLU, NERO E NERO COPRENTE.


«La peste della libertà»

LA CENSURA SU INTERNET UN PERICOLO MORTALE Abbiamo sempre considerato Internet come il simbolo e lo strumento della libertà di comunicare. Abbiamo detto che è tecnicamente impossibile limitare il flusso delle informazioni, imporre censure, vietare l'accesso. Ma forse non è vero, come si può capire scorrendo alcune pagine del Web.

ensorship», censura: questa parola ricorre sempre più spesso nei discorsi sul futuro di Internet. Un acceso dibattito si è aperto nel '95, quando negli USA è stato presentato il «Computer Decency Act» (CDA), poi recepito nel «Telecommunication Act of 1996», e qualcuno ha tirato un sospiro di sollievo il 12 luglio, quando una corte federale della Pennsylvania ha bloccato, provvisoriamente, le disposizioni censorie. La complessa motivazione della decisione è fondata su due punti essenziali: censurare i contenuti di Internet è impossibile, qualsiasi censura viola la libertà di espressione sancita dal Primo emendamento della Costituzione americana. Censurare Internet è impossibile: ma è vero? Qualcuno ha iniziato seriamente a farlo: la Repubblica popolare cinese ha bloccato l'accesso a un centinaio di siti «pericolosi», il governo di Singapore ha classificato le informazioni e ha stabilito una serie di categorie vietate. Un giudice tedesco ha imposto a Compuserve di bloccare l'accesso a siti che propongono contenuti pornografici, e sono solo alcuni tra gli episodi più noti. Ma c'è un fatto ancora più grave, che è sfuggito a molti: la conferenza del G7 sul terrorismo, che si è tenuta a Parigi il 30 luglio '96, ha invitato tutti gli stati a vigilare sul fatto che i terroristi si servono delle reti telematiche e a prevedere limitazioni all'uso della crittografia, per prevenire atti terroristici o investigare «proteggendo la riservatezza delle comunicazioni legittime». Censura e divieto della crittografia sono cose diverse, ma presentano un denominatore comune: il rischio di chiudere la stagione di Internet co-

200

me strumento di libera espressione del pensiero, di conoscenza, di diffusione della cultura, di legittime attività economiche. Per quanto riguarda i «filtri», cioè la censura, si è sempre sostenuto che la natura stessa della Rete rende impossibile forme efficaci di controllo, ma questo è vero solo in parte. Perché, come spiega Alberto Berretti nell'intervista pubblicata più avanti, è sempre possibile aggirare gli ostacoli tecnici. Ma queste possibilità non sono alla portata di tutti, occorrono competenze tecniche e collegamenti particolari con soggetti che operino all'esterno delle aree «chiuse», e questo significa che i divieti possono essere efficaci nei riguardi della massa degli utenti. Il problema del divieto della crittografia è diverso e richiede un approfondimento che rimandiamo ai prossimi paragrafi. Ora è bene mettere a fuoco i termini del problema, naturalmente avendo sott'occhio l'oggetto del contendere, e cioè Internet. A chi voglia farsi un'idea più precisa delle diverse questioni consiglio una navigazione fino al sito http:// www.eff.org/-declan/global. C'è un elenco impressionante di casi di censura su Internet, o di semplici proposte o tentativi per imporla: a parte gli esempi ben noti della Cina e di Singapore, ci sono informazioni da ogni parte del mondo, dagli Stati Uniti all'Australia, alla Corea. allo Zambia, al Sud America e al Medio Oriente. C'è da riflettere sulle notizie dall'Europa, in particolare da Gran Bretagna, Francia, Germania, Olanda, Svezia, Svizzera. Per fortuna l'Italia ... nei, c'è anche l'Italia, con un link a un documento che si intitola: «ltalian netcensorship necessary, says Simon Wiesenthal MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


o IJ[J'{]® [J'1JjJ[]m 'Q: Ei cs:m eSocietà Ctr». Ma il documento è inaccessibile (se qualcuno ne sa di più, o riesce ad acquisire il testo, farà cosa utile a tutti inviandolo alla mia casella e-mail: m.cammarata@mciink.it). Dall'elenco e dalla lettura più o meno casuale di qualche pagina si ricava l'impressione che siano in atto in tutto il mondo tentativi più o meno convinti di mettere il bavaglio a Internet. È una situazione molto preoccupante, perché se la comunità internazionale riesce a mettersi d'accordo su una serie di misure minime di censura sui contenuti della Rete, la libertà di espressione finisce, e con essa la libertà di tutti gli individui.

••••1 loeIlIan:

'-I

••••• '

jHìV.I"'-."

I-I •.•• I ,,,,1.2!!J

onrOtJ,d.,;~

I contenuti pericolosi Il pretesto per mettere sotto controllo la grande rete è la necessità di limitare la circolazione dei contenuti «pericolosi». Pericolosi per chi e perché? Questo è il primo punto. Non c'è dubbio che su Internet passano informazioni che possono essere considerate «pericolose» sotto diversi e condivisibili punti di vista. È nota la presenza di siti e gruppi di discussione che è poco definire «indecenti», per non parlare del reale problema dei «pedofili telematici». Altrove sulla Rete si possono trovare informazioni utili per compiere atti di terrorismo, o addirittura incitazioni a metterli in atto; soprattutto è noto (anche se non evidente!) che la malavita organizzata si serve ampiamente della posta elettronica per combinare loschi affari. Si aggiunga che su Internet circolano messaggi di forte contenuto razzista che, fatta salva la libertà di espressione, è bene non mettere alla portata dei giovani. Le menti dei ragazzi, facilmente influenzabili perché non hanno ancora sviluppato un sufficiente spirito critico, devono essere protette da suggestioni di violenza e di odio. Forse è il caso di ricordare che gli stessi contenuti si possono trovare nelle librerie e nelle edicole, ma che nessuno pensa di impedire l'attività di librai e giornalai ... Bisogna però sottolineare che questi aspetti costituiscono una parte molto limitata dei contenuti della Rete. La notizia che «Internet è intasata dal sesso» (vedi il riquadro sulla Rai) è falsa e tendenziosa. Falsa perché, come si può dimostrare con facili ricerche, il sesso in generale non è molto presente sulla Rete, tendenziosa perché crea un facile, ingenuo consenso sulle proposte di censura. Internet è veramente il luogo di perdizione che da più parti si descrive? Cerchiamo la risposta in una fonte al di sopra di ogni sospetto, il quotidiano cattolico L'Avvenire. Sul quale Marco Cobianchi ha scritto 1'8 febbraio scorso: Se siete abbonati a Internet o se avete intenzione di farlo, sappiate che avete molte più probabilità di imbattervi in un sito religioso di quante non ne avete di transitare su uno sessuale. Eppure è casi. Esattamente il 21,7% in più, che poi è la differenza tra la quantità di risorse che rispondono alla parola chiave church rispetto a quelle che hanno alloro interno la parola sex. La scoperta è tanto più interessante MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Plague of Freedom Go~ sood

.omdlheglobe.erwhqlob.mr;~ rUJ:ort

:JJ:IIJ

.,

lMlCeDJored

'~d."1DM

Q. ••••••••••••

_

•• _

•••••.•••.••••••.••

Nct

COODeCGOa

-.

••.•••

caa be u

......t_ .• , •.• _

l:babordeN, d.vnlheftowoffomancbta, ~cnak ItlitWwodddDrmabOIl de~ 10il 20th Ce:ooJry go~ •••tbe pUgue WiU tb-ee tenlUlle5 ago

••...•••.•..•.••.

•.• ""'--l_ .• ' ...olo--

•• ,,

el.CIIll

quanto facile da compiere: basta usare uno di quegli strumenti che, dopo aver inserito una parola chiave, vengono sguinzagliati per la rete. Cinque secondi ed ecco elencate in video tutte le risorse che corrispondono alla parola data .. ... in entrambe le sedute dell'esperimento, il31 gennaio e il 4 febbraio, church batte ampiamente sex. L'ultimo giorno del mese scorso risultavano presenti in Internet ben 4.782 pagine Web rispondenti a church rispetto alle 4. 191 di sex.. Ho personalmente ripetuto l'indagine il 15 agosto scorso, usando il motore di ricerca «AltaVista». Che, quel giorno, annunciava la possibilità di accesso a 30 milioni di pagine su 275.600 server. Ecco il risultato: la parola «church» era presente 1.210.055 volte in circa 300.000 documenti; la parola «sex» 1.964.316 volte, ma solo in circa 200.000 documenti. «Il sesso su Internet» è presente dunque in percentuale modesta, in confronto alla quantità di informazioni reperibili sulla Rete, e non è facile trovarlo. Lo ha confermato tempo fa Umberto Eco in una celebre «Bustina di minerva» su l'Espresso (non trovo più la divertente pagina: qualcuno può inviarmene una fotocopia in redazione, o almeno indicarmi il numero della rivista nel quale fu pubblicata?). Certo, il fatto che il sesso sia presente su Internet in misura modesta non basta a dire che il problema non esiste. Ci sono pagine e newsgroup il cui contenuto è palesemente inadatto ai bambini e bisogna fare qualcosa per evitare che essi ne vengano influenzati. Ma da qui alla censura dei siti che contengono «sesso» di distanza ne corre' Prima di tutto perché le rappresentazioni erotiche in un modo o nell'altro fanno parte della cultura di quasi tutte le società, poi perché anche l'erotismo audiovisivo può essere considerato un diritto, almeno per gli adulti e fino al punto in cui non offende altri individui. Ma soprattutto perché il concetto stesso di «censura» deve essere bandito dalle nazioni che si definiscono libere e democratiche. Molti potrebbero essere d'accordo nel met-

«del' For

w_~_ __..

,J

-

.:J !il1

La pagina della Electronic Frontier Foundation dedicata alla censura su Internet.

201


U lìilD®l?niJO([)'O:D~~

eSocietà

Dalla rivista "Hotwired" le informazioni sulle proposte di censura in Francia.

te re un lucchetto ad alto livello, valido per tutti, che chiuda l'accesso alla pornografia più turpe. Ma chi stabilisce il confine tra il lecito e l'illecito? Gli stessi contenuti possono essere considerati intollerabili da qualcuno, innocui o addirittura divertenti da qualcun altro. Come si può delegare a un organismo qualsivoglia il diritto di vietare questo o quel contenuto? La trappola è proprio qui: se si accetta che il principio che qualcuno decida che cosa può essere visto e che cosa no, è facile passare dal sesso alla politica, alla cultura, alla religione. Ci sono modi diversi dalla censura per limitare l'accesso ai contenuti pericolosi. Essi sono fondati su meccanismi di autoregolamentazione e perfettamente applicabili su vasta scala, senza il ricorso a provvedimenti autoritari. Alcuni sono già disponibili: negli USA è possibile stipulare abbonamenti a Internet «per le famiglie» con fornitori che inibiscono l'accesso a i contenuti «i ndecenti»; nel browser «Internet Explorer» di Microsoft è prevista la possibilità di subordinare all'inserimento di una password l'accesso a determinate URL, che è quanto basta al «genitore medio» per proteggere l'innocenza di un «bambino medio». Presto dovrebbe diffondersi la «piattaforma per la selezione dei contenuti di Internet» della quale si parla nel riquadro in queste pagine. Ma la censura sui contenuti pericolosi fornisce ai governi uno strumento potentissimo per controllare l'uso della Rete, come dimostra il caso di Singapore.

I benefici «imbrigliati» La Cina ha bloccato l'accesso a un centinaio di siti Internet «sospetti di portare inquinamento spirituale», come riferisce il Wall Street Journal del 5 settembre scorso (tutte le informazioni riportate in queste pagine sono ricavate da Internet). Il punto è che tra questi fornitori di informazioni, inquinanti secondo le autorità cinesi, c'è lo stesso Wall Street Journal, c'è la CNN, ci sono altre organizzazioni che a noi sembrano tutt'altro che pericolose. Ma è chiaro che il vero inquinamento, per i paesi retti da regimi autoritari, è dato dall'informazione libera, da quella che la Electronic Frontier Foundation definisce Plague of Freedom, la «peste della libertà». Ma la censura cinese appare rozza e ingenua di fronte alla regolamentazione introdotta a Singapore: articolata, logica e ipocrita ai limiti dell'immaginabile. La legge di Singapore ricorda sotto alcuni aspetti il nostro decreto legislativo 103/95 e i disegni di legge sulle telecomunicazioni all'esame delle Camere, perché stabilisce un regime di autorizzazioni (license) per i fornitori di Internet. Ma è molto più informata e precisa, perché distingue tra fornitori di accessi e fornitori di informazioni. I primi (Internet Access Service Providers) sono distinti per categorie, come i rivenditori di accessi (i nostri POP?) localizzati e non localizzati, mentre si considera fornitore di informazioni (Internet Content Provider) ogni persona che fornisce informa202

I

H••••

1

R_I'

/o"",IPmlIF"nd/2.J

::111 N E T~Z

E N 31 JlI1yl996

Cryptophobia SI,.dal Report See also. hnpolitic

W

Pols prolit by whibhng welfare

Media

.....

by Kenneth N eil Cukier Paris, 30 July hen govcmment

ministcrs

from

tbc Group of Seven industriolized nations me! today in Paris to unify tbeir strategies for combatting terrorismo tbc Internet emerged as an unlikcly boogeyman on tbc world's dark landscape of continuing attacks.

Rant

Buried in tbc obfuscating diplomatese of tbc meeting's concluding 25·point

~"

point 24 • tbc international community

~,.J.. :J:J:IIA1

0""""""

communiqué

-

DailyPoU

- in a rocce subscntcncc

.-•...•... Daily Quote

to

o"""

zioni sul World Wide Web, compresi gli editori e gli amministratori (intesi in senso commerciale) di server Web. Tutti i fornitori di accessi devono registrarsi (il nostro regime dichiatorio) presso l'autorità competente, che si chiama SBA. Singapore Broadcasting Authority; chi vuole cercare affinità con la «Autorità per le garanzie delle comunicazioni», che sta per essere varata dal nostro Parlamento, è libero di farlo, ma con le dovute distinzioni A Singapore la registrazione non è richiesta per i fornitori di contenuti, a meno che non siano partiti politici, o persone o gruppi impegnati in discussioni politiche o religiose che riguardano la nazione, oppure giornali telematici che intendano trovare abbonati tra i cittadini di Singapore. Naturalmente è necessario pagare qualche tassa, in funzione del numero degli abbonati. Ci sono poi altri servizi che possono essere autorizzati: audiotex, videotex e altri, compresi i BBS. Seguono una serie di prescrizioni sui termini per la registrazione, e in molti punti sembra di leggere le norme nostrane, con ovvie differenze per quanto riguarda i contenuti, ma con fondamenti tecnici precisi, che dimostrano come il legislatore asiatico sia molto più competente del nostro. Il rapporto della Electronic Frontier Foundation riferisce che la SBA «riconosce che è impossibile regolare completamente Internet» e che «il successo della regolamentazione di Internet dipende moltissimo dall'autoregolamentazione dell'industria e dall'azione della comunità». Ma, ad ogni buon conto, emana una serie di norme precise. L'allegato alla regolamentazione, annunciata 1'11 luglio 1996, afferma che Internet è un prezioso MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


D OLr{]®

[['ODO '1rCd'J <1:~

eSocietà strumento di comunicazione e di ricerca. L'Autorità continuerà a promuovere il suo uso nella diffusione dell'informazione e nello scambio delle idee. Prosegue il testo: È dovere dell'Autorità salvaguardare l'interesse nazionale di Singapore e assicurare che i benefici di Internet siano imbrigliati per il bene generale della nostra società

(<<imbrigliato» è il significato letterale di «harnessed»; la traduzione dal testo inglese è mia e chiedo scusa se c'è qualche imprecisione). L'Autorità crede che regolare Internet possa aiutare lo sviluppo di una sana cultura di Internet dove l'uso responsabile degli aspetti positivi di Internet sia la norma. A tutti i fornitori autorizzati di servizi e di

Sergio Zavoli contro Internet: la Rai fa la sua parte

[p

iù volte in queste pagine abbiamo criticato il modo in cui i mass media parlano dei temi della società dell'informazione e di Internet in particolare, con la continua pubblicazione di articoli che mettono in risalto gli aspetti negativi della Rete. Mentre manca quasi del tutto la divulgazione dei tanti argomenti che potrebbero aiutare a superare il diffuso analfabetismo tecnologico che contraddistingue ancora il nostro paese. Questo atteggiamento è particolarmente grave per un mezzo come la televisione, capace di un fortissimo potere di persuasione, e che più di ogni altro potrebbe svolgere una corretta azione informativa ed educativa. Ma sembra che a Viale Mazzini non abbiano ancora le idee molto chiare sulle implicazioni che lo sviluppo delle tecnologie avrà sulla stessa struttura radiotelevisiva di Stato e sulla opportunità di "preparare» gli utenti ai nuovi schemi dell'informazione. C'è una sola trasmissione della Rai che si occupa in qualche modo dei nuovi media: si chiama Media/Mente e va in onda il mercoledì a notte fonda su Raiuno, con una breve ,,finestra» mattutina ogni giorno su Raitre. Media/Mente è un programma interessante dal punto di vista formale: costruito su un abile e veloce gioco di montaggi digitali, con un linguaggio visivo raffinato e molto moderno, affida alla indiscutibile bravura di Carlo Massarini una serie di suggestioni assolutamente superficiali, tese più a stupire che a informare. A volte Massarini snocciola a velocità supersonica raffazzonate e imprecise spiegazioni tecniche, assolutamente incomprensibili, in altri momenti va in estasi di fronte a situazioni che appaiono scontate a chiunque abbia una minima esperienza della Rete. In molti casi è evidente che parla di cose delle quali non ha una conoscenza diretta, e gli stessi testi sembrano preparati da qualcuno che i nuovi media li conosce vagamente, per sentito dire. Sfuggono del tutto agli autori del programma tanti fenomeni di attualità che potrebbero aiutare il pubblico a capire che cosa succede nel mondo delle tecnologie dell'informazione, fenomeni che non riguardano solo Internet e i compact disc, ma anche (chi l'avrebbe mai detto?) la stessa televisione. Si aggiunga che Media/Mente, col suo linguaggio spigliato, si presenta come un programma per i ragazzi: ma allora perché lo mandano in onda alle ore piccole? Insomma, un'occasione perduta per quella

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

diffusione culturale che dovrebbe essere uno dei compiti principali del servizio pubblico televisivo. Un'altra opportunità sprecata è la serie di episodi ,dnterset - cronache reali dal mondo virtuale», in onda su Raitre nella seconda serata del sabato. Filmati di un'ora, una sciatta ufiction» che simula improbabili "news», fondata sui luoghi comuni di Internet: l'amore in rete, i pirati telematici e altre banalità. Tutto cucito da una sceneggiatura che ruota intorno alla figura di un cronista intronato che gira e fa domande, senza capire un'acca di quello che gli raccontano personaggi stralunati, tanto più incredibili quanto più vengono presentati come reali. Tra fanta-cronaca e finta cronaca, ,dnterset» si può ben inserire nel filone "anti-Internet» di molta stampa, quella che cerca di esorcizzare il progresso attraverso la diffamazione, per mantenere un assetto destinato prima o poi a crollare. È una strategia premeditata o solo il frutto di incompetenza e improwisazione? Il dubbio sorge di fronte a uscite come quella del TG2 del 21 agosto: sono i giorni in cui i giornali danno grande risalto ai fatti di Marcinelle, in Belgio, dove è stata scoperta una coppia di maniaci sessuali assassini. Fra le altre informazioni viene data quella dell'uso di Internet per i turpi traffici delle organizzazioni dei pedofili. Notizia vecchia, che meriterebbe una frase o poco più, per completezza di informazione. Ma la cosa viene "pompata» in un apposito servizio, nel quale si afferma testualmente che" Internet è intasata dai siti dedicati al sesso». Informazione falsa e tendenziosa. Falsa perché il sesso rappresenta una piccolissima parte dei contenuti della Rete (che non è affatto intasata). tendenziosa perché, ancora una volta, contribuisce a diffondere una visione negativa dei nuovi mezzi di informazione. Ma c'è di più: alla notizia segue un commento, affidato nientedimeno che a Sergio Zavoli. Il celebre giornalista spara un moralistico pistolotto che, partendo dal principio che "Internet è intasata dal sesso» arriva a concludere che il "villaggio globale» è in realtà un "villaggio tribale». Naturalmente il maestro del giornalismo televisivo, autore di programmi straordinari come "La notte della Repubblica», è libero di pensare quello che vuole di Internet e di tutto il resto. Ma, prima di apparire a pieno schermo per commentare una notizia, dovrebbe avvertire il dovere professionale di verificarla.

203


D[JìJ {l®

[j'llih.k,! l'l ç D (5èi)

eSocietà contenuti Internet è richiesto di uniformarsi a queste linee-guida sui contenuti e di soddisfare l'Autorità per aver assunto misure adeguate a soddisfare queste richieste. Gentile, no? Le linee-guida elencano quindi i contenuti non permessi (The following Internet contents should not be allowedJ. Sono previste tre categorie, che riguardano la pubblica sicurezza e la difesa nazionale, l'armonia razziale e religiosa e la morale pubblica. Nella prima rientrano i contenuti che minano la fiducia nell'amministrazione della giustizia, o possono gettare allarme nella popolazione, o che possono suscitare odio o disaffezione verso il governo. Nella seconda categoria sono compresi i contenuti che denigrano o prendono in giro gruppi razziali o religiosi, che suscitano odio o risentimento razziale e religioso e che promuovono deviazioni religiose o pratiche occulte, come il satanismo. Per quanto riguarda la morale pubblica, sono ovviamente vietate le rappresentazioni pornografiche o in altro modo oscene, la diffusione di permessivismo e promiscuità, oltre al grossolano sfruttamento di violenza, nudità, sesso e orrore; infine sono vietati i contenuti che descrivono o propagandano perversioni sessuali come l'omosessualità e la pedofilia. Ma come si fa ad assicurare il rispetto di questi divieti? È semplice: ogni fornitore di Internet non

deve fare altro che programmare i propri router per filtrare i collegamenti agli IP Address che possono presentare contenuti che «should not be allowed». I testi che ho letto non parlano delle pene previste per chi non si adegua alle «richieste» della SBA, ma da quel che si dice della giustizia di Singapore dovrebbero essere molto dissuasive.

Il pasticcio della crittografia Ma Singapore non è una nazione democratica. Noi, per fortuna, siamo in Italia, un paese in cui Internet è così libera che il legislatore non la prende nemmeno in considerazione. Un paese in cui vige una norma che dice: Nella prestazione dei servizi di telecomunicazioni non sono ammesse restrizioni relative al trattamento dei segnali prima della loro trasmissione sulla rete pubblica o dopo la loro ricezione, diverse da quelle occorrenti per la salvaguardia delle esigenze connesse all'ordine pubblico, alla sicurezza pubblica ed alla difesa nazionale. Norma presa tale e quale dalle disposizioni dell'Unione Europea (direttiva 90/388) che significa semplicemente che non si può vietare la crittografia. E qui affrontiamo un argomento sul quale i governi si esercitano in diatribe inutili quanto pericolose.

PICS, il controllo senza censura I problema è semplice da descrivere, ma sembra complicato da risolvere: su Internet si trovano contenuti il cui accesso, per un motivo o per l'altro, alcuni soggetti vorrebbero precludere ad altri soggetti. È il caso di alcuni governi che ritengono di dover proteggere i cittadini dai contenuti «inquinanti», dei genitori che cercano di proteggere i figli dalla pornografia, delle aziende che vogliono evitare che i dipendenti perdano tempo girovagando per la rete. La soluzione è più semplice di quanto possa apparire a prima vista: bastano un'etichetta che indichi il contenuto delle pagine e un software che blocchi il collegamento in presenza di determinate etichette. Questo meccanismo è già stato adottato in forme diverse, ma dall'inizio di quest'anno c'è anche uno standard di fatto, adottato sia dai più grandi fornitori di informazioni (CompuServe, America On Line, Prodigy ecc.l. sia dalle case che producono i browser, come Microsoft e Netscape. Il sistema si chiama PICS (Platform for Internet Content Selectionl. Le etichette possono essere introdotte da diverse organizzazioni,a seconda dei contenuti che si vogliono filtrare, e il superamento del blocco può essere subordinato all'inserimento di una password (in questo modo solo chi conosce la password può accedere a certe pagine o a certi siti). Ma il filtro di PICS può essere adottato anche dagli Internet Provider, che in questo modo sono in grado

204

di offrire alle famiglie abbonamenti garantiti contro i . contenuti «indecenti», con buona pace di tutti quelli che vorrebbero togliere da Internet (cioè dal mondo) ogni informazione sul sesso. Il sistema PICSdovrebbe diffondersi in tempi brevi su tutta la Rete, anche perché i fornitori di informazioni che non lo adottassero si troverebbero ben presto ai margini del mercato. Così non si potrà più dire che «Internet è un rischio per i bambini» o altre cose del genere, e quindi nessuno potrà invocare in buona fede le forbici della censura «alla fonte». Naturalmente sarà necessario che qualcuno attivi i filtri, e molti genitori potrebbero trovarsi in difficoltà. Ma anche per questo c'è la soluzione pronta: diverse organizzazioni,a partire daIl'UNICEF, distribuiranno pacchetti «preconfezionati» per la censura familiare. C'è un solo «ma»: il sistema potrebbe essere usato «dall'alto» e rendere più facili le censure governative. Basterebbe imporre a tutti i fornitori di accessi di una nazione l'uso del PICS per determinati contenuti, e addio libertà dell'informazione. C'è solo da sperare che qualcuno inventi un software contro le dittature. le informazioni su PICS, il sistema di «controllo senza censura», sono alla URl http://www.w3.org/pub/WWW/PICS.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


"';;;':1'--:':)";'; I --;;..;..r·' "I D;,;;T'';'' j" ••• ~ ~1'-/'-· ••..

i.:::J

qOlOo'lW'

Tutti sono d'accordo sul fatto che la crittografia è l'unico sistema possibile per la riservatezza delle informazioni trasmesse via Internet. Quando si parla di riservatezza delle informazioni non ci si riferisce solo alla corrispondenza privata, ma anche e soprattutto a quella commerciale, per la quale la violazione di un segreto può comportare conseguenze catastrofiche. La crittografia è anche alla base di tutti i sistemi di pagamento telematici: vietarla significherebbe uccidere il commercio in rete, un settore sempre più importante per l'economia mondiale. Ma, dicono alcuni, la crittografia protegge i traffici della malavita, del terrorismo, dei pedofili e di quanti altri hanno la coscienza sporca: quindi vietiamo la crittografia. Soluzione inutile e dannosa, prima di tutto perché i mascalzoni smetterebbero di usare la posta elettronica e troverebbero altri sistemi per lo scambio di informazioni, poi perché si metterebbe in pericolo la riservatezza della corrispondenza privata e commerciale. Ecco che alcuni suggeriscono di adottare una via di mezzo: consentiamo l'uso della crittografia, ma a patto che le «chiavi» siano consegnate a un'apposita autorità, che le metta a disposizione della giustizia in determinati casi. Apparentemente è una soluzione equilibrata, e in Francia è stata recentemente inserita nella legge di riforma delle telecomunicazioni. Ma è subito finita davanti alla Corte Costituzionale, insieme a una serie di vincoli posti agli Internet Provider per i contenuti «pericolosi». Non va dimenticato, in questo quadro, il tentativo del governo statunitense per imporre l'inserimento in tutti i sistemi on-line di un microcircuito, il «C1ipper chip», che consenta alle autorità di decrittare qualsiasi messaggio. La proposta è stata seppellita da un coro di proteste, ma è discutibile il principio stesso di un Grande Fratello decifratore, sotto le spoglie di un organismo pubblico che detiene tutti i codici crittografici A ben guardare, sostenitori di questa soluzione o sono nati ieri, o sono in malafede. Chi garantisce che, in un paese come l'Italia, l'archivio delle chiavi di decrittazione resti realmente segreto? Il nostro Ministero dell'Interno, che dispone di una banca di informazioni personali che nessuno riesce a controllare né in entrata né in uscita? I Palazzi di Giustizia, in cui basta «segretare» un verbale per vederlo il giorno dopo su tutti i giornali? Gli americani della CIA o gli inglesi dell'MI5, i cui rapporti riservatissimi vengono frequentemente diffusi come se fossero agenzie di stampa? Il rischio del «key escrow», cioè delle chiavi affidate a terzi, è troppo alto. Se gli investigatori non riescono a leggere la corrispondenza illegale, possono ricorrere ad altri sistemi, come dimostrano le cronache più recenti (tu usi i telefonini GSM svizzeri, che io non posso ascoltare? E io ti faccio l'intercettazione ambientale). Tra l'informazione tradizionale e i nuovi mezzi di comunicazione ci sono differenze notevoli. Ma i diritti dei cittadini sono sempre gli stessi, e se non si può incriminare un edicolante per i contenuti dei giornali, così non si deve limitare la libertà di un fornitore di accessi a Internet per i contenuti MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

PRIVACY INTERNA TIONAL Privacy lntemationa! was fonncd in 1990 as a \\~tc:bdol on SUl'VciDancc by lovcmments and c:orpontions. Wrth membcrs io more than 40 countties, it has creatcd aD intemationa! movcmcnt tbat bas htlpcd to countcr .buscs or privacy by way of infomlation tcchnology. Princ:y Intemational has e:onducted campaipu in Europe, Asi. _.nd North Amenca to mse: awarmcss .bout thc dangcrs of In card systCRlS,

military

survc.illIllCC.

data matching,

poocc: infonnatiotl

systenu.

allei credit rcporting.

lt is basc:d in Londoo,

UK.

admini.stc:redby tbc EJ«trooic: Pri\~\' buonnatWn CalIg CEPIC) in Wuhingtoo. D.C. Privacy Intunational pubJishes • (tbc: lntcma.tional Privacy BuUctin) and orpnins confucnccs nclt ye ••. on privacy and tc:chnoloJY.

and Ùi quartcrfy

newslctter

New File. • m

CvdFAQN_A.aiJable! Tht UK aoverrmenrtwproposeda "vobllary' nabouIKit.d. Pllw 'Fre:quent!y AskedQue$!lQCIS·~ortonIDc •. ch IIldrimnuttoa onthe: UK proposal Wldotbe:n .-

1995 Rnww .111(.111..00 ~'I~oCthtrep«t-

•• 1 Princ'Y High",

Exte:rptsfrom Ihe US Swe:

DepartlJKnl'S

"C~

'~up

anew ~

Wlàl" tOll1Pffhtnme

Rt)X'ft$ on Hunurl R.abts fOf" 1995 PnvK1

delle pagine Web. E vietare la crittografia nella corrispondenza elettronica è come vietare le buste nella posta tradizionale: La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili, dice l'articolo 15 della nostra Costituzione.

((Privacy International" è un 'altra organizzazione per la protezione dei diritti dei cittadini in rete (http.!/ www.privacy.org).

La soluzione tecnologica Ci sono altri sistemi per prevenire e reprimere i reati che possono essere commessi sffUttando i mezzi telematici, sistemi che devono essere adottati e imposti da tutti i paesi. Il primo è l'identificazione degli utenti: ci deve essere la certezza dell'identità di chi stipula un abbonamento a un servizio telematico ed è quindi responsabile dell'uso delle chiavi di accesso. Questo non significa vietare l'anonimato telematico: chiunque deve avere il diritto di usare uno pseudonimo (purché non generi equivoci) e di assumere un'identità virtuale. Ma il gestore del servizio deve essere obbligato a mantenere segreta l'identità e altri dati di un abbonato che voglia mantenere un anonimato più o meno stretto, tranne che in seguito a un provvedimento motivato dell'autorità giudiziaria. Il secondo accorgimento, strettamente legato al primo, è la tenuta di registri digitali automatici (Iog) di tutti gli accessi, che consentano di risalire all'autore di collegamenti o di messaggi illegittimi. A mio avviso queste due precauzioni, identificazione degli abbonati e registrazione dei collegamenti, dovrebbero essere rese obbligatorie da precise disposizioni di legge, Ci sono però diffuse e motivate resistenze all'introduzione di norme di questo tipo, che di fatto limitano in una certa misura la libertà di comunicare. Si dice che la documentazione dell'identità e dei collegamenti non offre la sicurezza che l'autore di un certo atto illecito sia proprio il soggetto indicato dalle registrazioni, e questo è vero. Ma è lo stesso discorso della targa dell'automobile essa fornisce una «certezza legale», che può essere smentita dalla prova contraria, Se viene rilevata la targa di un'auto che commette una certa infrazione, il proprietario può dimostrare che in quel momento non la guidava lui, 205


D In lH®L.?LìlJjJ&Y[?,O

cçCg)

eSocietà E nessuna persona di buon senso ha mai proposto di abolire le targhe delle automobili, per il fatto chE! limitano la «privacy» del proprietario I E una limitazione universalmente accettata, perché assicura alla collettività la protezione contro i «pirati della strada» e la repressione dei reati che possono essere commessi con l'uso di un'automobile. Nello stesso modo si deve accettare l'anonimato ,<limitato» sulle reti telematiche, perché esso protegge in qualche misura dalla criminalità comune e tecnologica. E, soprattutto, perché spunta le armi di coloro che vorrebbero imporre norme ancora più limitative, come il divieto della crittografia o le «escrow key», che sono praticamente la stessa cosa. Ora riassumiano i fatti Primo: sulle reti passano informazioni illecite e pericolose, protette dall'anonimato e dalla crittografia; secondo: vietare la crittografia è inutile e dannoso, perché i malfattori possono trovare altre strade per comunicare e si colpisce la riservatezza delle comunicazioni legittime. Tra i due mali si deve scegliere una soluzione intermedia, che consiste nel favorire la prevenzione e la repressione del crimine con strumenti che limitano solo in parte la libertà di comunicare, come il divieto di quello che possiamo chiamare «anonimato assoluto» e l'obbligo della documentazione dei collegamenti. Sono misure che rendono più complicata e onerosa l'attività dei gestori dei sistemi telematici, che in qualche caso sono contrari all'introduzione di norme di questo tipo. Esse però potrebbero rivelarsi estremamente vantaggiose se fossero accompagnate da una previsione legislativa di questo tipo: quando un sistema telematico è coinvolto in fatti di rilevanza penale attribuibile a terzi, esso non può essere sottoposto a sequestro se il responsabile consegna all'autorità giudiziaria tutta

L'ho letto su Internet ...

p\

qualcuno potrà sembrare strano, ma il sistema migliore per avere informazioni su Internet è proprio andarle a cercare su Internet! Così si può anche verificare quanto sia falsa la storia del «caos informativo» della Rete e come sia relativamente semplice trovare quello che di volta in volta ci interessa. Per realizzarequesto servizio sul controllo di Internet da parte dei vari governi sono partito con un'indagine su AltaVista, il grande "motore di ricerca» realizzato dalla Digital, con le parole chiave "Singapore», "Internet» e "censorship» (censura). È bastato scorrere le prime pagine di link per identificare due fonti sicure: l'Internet Society e l'Electronic Frontier Foundation (potevo pensarci prima l). Sul primo sito c'è una storia dettagliata di come sia nata la censura di Internet a Singapore (http://info.isoc.org/HMP/PAPER/132/absthtml è il documento di partenza), da un altro link sono risalito a una pagina della EFFintitolata" Plague of Freedom» (http://www.eff.org/-declan/global) che potrebbe avere lo slogan "tutto quello che vorreste sapere sul controllo di Internet a livello mondiale». Da qui si può partire con ricerche che coprono, purtroppo, tutto il globo terrestre. Mi è bastato seguire una piccola parte delle centinaia di link sull'argomento per trovare tutte le informazioni riportate in questo articolo e tante altre che lo spazio impedisce di riportare.

206

la documentazione utile a identificare l'autore degli illeciti. Documentazione che, è ovvio, deve presentare certi requisiti di attendibilità, che la possano far ritenere «certa» fino a prova contraria (per chi è all'oscuro dei meccanismi giuridici: un documento può costituire una prova a favore o contro chi lo ha redatto, a seconda dei casi; ma se un documento è in qualche modo «certificato» il suo contenuto si assume che sia «vero», a meno che qualcuno non riesca a provare che è falso). Insomma, l'onere della documentazione potrebbe proteggere i sistemi telematici dal rischio di interruzioni del servizio, che potrebbero essere disposte dalla magistratura nel corso di indagini su fatti illeciti. Tutto questo porta a un'altra serie di considerazioni: è necessario che l'autorità giudiziaria e le forze di polizia siano messe in grado di perseguire i reati tecnologici con la massima efficacia possibile. La recente istituzione della Polizia delle telecomunicazioni, composta da specialisti molto preparati e dotata di attrezzature adeguate, è un passo avanti, ma non basta. È necessario non solo estendere la preparazione specifica a settori sempre più ampi delle forze dell'ordine, ma soprattutto stabilire che ogni segnalazione di fatti illeciti che coinvolgano sistemi tecnologici debba essere immediatamente girata ai reparti specializzati, e che le indagini vengano sistematicamente coordinate da sostituti procuratori dotati di una preparazione specifica. Anche le norme di procedura devono essere adeguate alla realtà tecnologica e consentire agli inquirenti di mettere tempestivamente in atto misure efficaci per l'indentificazione dei responsabili di azioni cirminali. «Colpire nel mucchio», come purtroppo è stato fatto qualche volta in passato, non serve a perseguire il crimine in modo efficace, ma solo a limitare la libertà degli utenti onesti. Quella libertà che può essere messa in pericolo da una legislazione repressiva, dovuta nei fatti all'incapacità di perseguire efficacemente la criminalità tecnologica

Gli anticorpi di Internet Lo stesso discorso si ripropone, in termini solo apparentemente diversi, per quanto riguarda i contenuti «pericolosi» di Internet. Se la protezione dal crimine tecnologico non deve limitare il diritto alla riservatezza di ogni utente, la difesa della «morale» non deve colpire la libertà di manifestazione del pensiero. In ambedue i campi è però indispensabile accettare qualche limitazione, purché sia realmente utile a combattere gli aspetti negativi o degenerativi della libertà di comunicare. Qui può essere opportuno accennare a un discorso di ordine generale sulla natura delle tecnologie. Ci sono persone che nutrono una sconfinata fiducia negli aspetti positivi del progresso tecnologico, mentre altri sottolineano soprattutto gli aspetti negativi e pericolosi per un «sano» sviluppo della società. Tra queste due posizioni si colloca una terza, e forse più pericolosa, visione, che si riassume MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


or

O=T ,;,. (' •.• 11U

~toc.lao;l",,,,,,,,,,, ••)~1PtCS1

nella formula della "neutralità delle tecnologie»: secondo questa teoria, l'innovazione in sé non è né "buona» né "cattiva», dipende dall'uso che se ne fa. Questa affermazione non può essere accettata. L'innovazione tecnologica, frutto del progresso della scienza, è sempre positiva, perché estende le conoscenze dell'uomo e allarga le possibilità di migliorare la qualità della vita di tutti gli individui. Ma può essere usata male, questo è il punto. Anche il governo di Singapore riconosce i vantaggi sociali della diffusione di Internet, ma si preoccupa degli effetti negativi che possono essere determinati da certi contenuti. È una questione di punti di vista: nelle società democratiche si ritiene, almeno in linea di principio, che la libertà di espressione sia un bene meritevole di una tutela più ampia di quella che deve essere accordata a particolari visioni morali o etiche; altrove la tutela di determinati valori è considerata più importante di una generale libertà di diffusione delle idee e di accesso alle informazioni. La differenza sostanziale è nel fatto che nei paesi democratici la linea di confine viene stabilita attraverso un processo che coinvolge tutti i cittadini, mentre negli altri è stabilita con meccanismi di tipo autoritario. I paesi dell'Occidente si riconoscono nella prima categoria, quindi in queste nazioni non possono essere accettate regole "dall'alto» che stabiliscano limiti alla libertà di comunicazione, fino al punto in cui l'abuso di questa libertà non produca un danno sociale. Attenzione: il confine tra l'uso e l'abuso della libertà non può essere determinato a priori, ma si rileva proprio nel momento il cui si produce o si rischia di produrre un danno. Se si accetta il principio che determinati contenuti possono creare un danno sociale, è necessario intervenire ponendo qualche limite. Dunque, se le rappresentazioni di deviazioni sessuali, l'incitamento all'odio razziale o la diffusione indiscriminata e continua di contenuti violenti possono causare seri problemi nello sviluppo dei minori, o produrre turbamenti psicologici o comportamentali in un numero rilevante di individui, è bene introdurre regole sulla diffusione e sull'accesso a queste informazioni. Quali regole? Ritorniamo al discorso sull'uso delle tecnologie: se esse sono impiegate "bene», possono servire anche a risolvere questi problemi. Questo assunto può essere dimostrato prima di tutto nel caso delle trasmissioni televisive, perché la possibilità di trasmissioni in codice "ad accesso condizionato» permette ai genitori di inibire ai figli la visione di trasmissioni pornografiche. Anche nel caso di Internet è già disponibile la soluzione "educativa»: si possono inserire contrassegni digitali che facciano scattare una censura volontaria, sia al livello del distributore, sia a quello dell'utente. È una tecnologia già disponibile e in fase di introduzione generalizzata. Basta inserire nei programmi di ricerca delle informazioni poche righe di codice che riconoscano questi contrassegni e richiedano l'inserimento di una "password» prima di rendere accessibili i contenuti pericolosi. Questi meccanismi MCmicrocomputer n, 167 - novembre 1996

ld1

Platform for Internet Content Seleetion

PICS P1CS IS In in&a.ltructln Cor ilUOew:ila labels WIlh lnIemel COIlttnt. h WIU on.amny det\&fled lo help Pill"I:ntl iIlld teat.hen cODlro.l wtw cbildren atee •• oa the Internet. butlt abo ~I otbn-usu for labeb. meludloa code hItlin&. pnvacy. IIIld II'ltelle«uAI pfoptrty n&bts ~ The ben ~etVltW ofPICS IS lbe pllptr. "PICS Inmntt Accm Corltrob Wrhoul Cmsonhp' sborter lII1Ide appea-ed n W"nd Wapzmr. Auaun 1996. p 109

lo be pubUhed m Conw.bclOOCS oflhe ACM, OcIobu

1996 A

• ltlformaoon (o.(> Web Slte Authors o~ (> Scbools iIIld E:rJ>lovm o~ o~ • Fftgurndy Nk.td Qu,;:d!oru; PICS maallaN

two e1ectrOC'lltmadlna lirtl (or publtc. lUI:'

• PlCs.ìntD@W3.8l'1ilwbere Wl: dI.tributl: pubic IMO\II\Ctl'llmt$ rtllted to lhe PICS proJCcl .Anyone may Nbscnbe PICS-W.n ••• n@W3.Df1W1thtbe'llr«d·Sublcnbt°llllbe Sub,Jett 6eId. • PICS-U~.CII'III for lhe public lo letld queSbOCll abooI tbe PICS projKt.

b, .tndi:n& tmaiI lo

========~rlIi_•..• possono anche essere utilizzati dai fornitori di accessi, che possono offrire abbonamenti "puliti» a chi ne faccia richiesta. E possono essere utilizzati anche nel caso di accessi collettivi, nelle aziende come nelle scuole, dove è opportuno limitare l'uso di risorse collettive destinate ad usi particolari, come l'educazione o le attività lavorative. Dunque è possibile governare l'uso dei nuovi mezzi di comunicazione, in funzione di esigenze particolari e per particolari categorie di utenti, senza porre limiti generalizzati alla libertà di diffondere e di conoscere le informazioni. Insomma, non ci sono giustificazioni per introdurre alcuna forma di censura o di controllo diretto sui contenuti. Il compito dei governi e delle autorità preposte alla disciplina dei mezzi di comunicazione deve essere solo quello di prescrivere l'adozione delle misure limitative da parte dei soggetti interessati: in pratica, basta imporre l'apposizione dei "contrassegni» ai fornitori di informazioni e dei filtri ai produttori dei software di accesso alle informazioni stesse. Tutto qui. È necessario che tutti gli operatori dei nuovi media si rendano conto della necessità di adottare questi accorgimenti e che svolgano un'azione chiara e determinata nei confronti delle autorità e dei governi affinché i meccanismi di autoregolamentazione siano riconosciuti come validi e, se necessario, resi obbligatori. La difesa a oltranza di una generica e indiscriminata "libertà di comunicazione» può avere come risposta l'introduzione di divieti altrettanto generici e indiscriminati. Internet possiede gli anticorpi per le sue stesse malattie. Essi devono essere attivati, perché se il male si diffonde possono rivelarsi necessarie medicine che presentano devastanti effetti collaterali. E se molti governi si mettono d'accordo per somministrare dosi massicce di queste medicine, il male della censura può uccidere l'organismo vitale della società dell'informazione. È vero che in Internet c'è una sorta di anticorpo anche contro la censura, che la stessa natura tecnologica della Rete permette di conservare un minimo vitale di circolazione delle informazioni. Ma se dovremo arrivare a collegarci a Internet come i nostri padri e i nostri nonni ascoltavano Radio Londra nei tempi bui della guerra, vorrà dire che avremo perso il bene fondamentale della libertà.

.:.J

PICS (Platform far Internet Content Selectionl è il sistema per un controllo dei contenuti senza censura,

207


n

[]i]

{f ® [rwLl m 11,lì~([)

eSocietà I rischi della «regolamentazione» di Internet

BERRETTI: IL TUNNEL VERSO LA LIBERTÀ Alberto Berretti, ricercatore presso il dipartimento di matematica della seconda università di Roma, è considerato uno dei più qualificati esperti italiani di Internet. Utente «storico» della Rete, ne conosce a fondo gli aspetti strettamente tecnici, ma non perde di vista le implicazioni culturali e politiche. E le spiega alla maniera degli scienziati, con l'aiuto di rapidi schemi tracciati sulla lavagna.

Alberto, ci sono notizie preoccupanti sulla libertà di Internet. In Germania i giudici limitano gli accessi ai siti «pornografici», in Francia si propongono norme che limitano l'uso della crittografia, negli Stati Uniti si discute ancora del Communication Oecency Act. E non parliamo delle proposte del G7 in materia della difesa contro il terrorismo, della censura di Singapore o della chiusura degli accessi «pericolosi» decretata in Cina. La libertà di Internet è in pericolo, o è sempre valido il principio che Internet è incontrollabile? Come si fa a inibire a un 'intera nazione l'accesso a determinati siti? Non ho informazioni dirette, ma immagino che in Cina abbiano fatto una lista di siti, cioè di IP address, e che poi abbiano messo su tutti i router che collegano la Cina all'esterno dei filtri che bloccano tutti i pacchetti provenienti o destinati a quelle macchine (i router sono le apparecchiature che smistano le connessioni, ndrJ. Questo impedisce al cinese medio-colto, con le competenze tecniche che bastano per «smanettare» sul computer, di accedere a quei siti, ma non lo impedisce a un'organizzazione che abbia dei tecnici preparati, basta che sia d'accordo con qualcuno «fuori». E come si fa? (Berretti va alla lavagna e traccia un planisferoJ. Qui c'è la parte censurata e questo è un router attestato alla linea che va nel resto di Internet. Qui, all'esterno dell'area censurata, c'è una macchina a cui noi vogliamo accedere, il cui indirizzo è, poniamo, A.B.C.D. Ma sul router c'è un filtro che blocca tutti i pacchetti destinati o provenienti da

208

A.B.C.D. Ora abbiamo un collegamento PPP, che è quello che si usa, per esempio, per collegarsi al World Wide Web da casa, il PPP prende una linea seria le e ci fa passare i «pacchetti». Ora, semplificando molto, questa linea seria le può essere messa su un altro collegamento IP: quindi i pacchetti PPP viaggiano incapsulati in pacchetti IP. Ora tu ti metti d'accordo con un signore che è fuori dall'area chiusa, che chiamiamo E.F.G.H, che è un computer in cui gira un software opportuno. Questo crea un'altra interfaccia di rete, cioè un altro IP address, X.Y.W.Z, che è il tunnel attraverso il quale passa qualsiasi collegamento alla rete. Ed è impossibile controllare tutti i flussi IP per scoprire il trucco e bloccare il collegamento. Troppo facile! Il modo per fare davvero la censura su Internet non è questo, è l'analisi dei contenuti. La gente si spaventa dice: i contenuti sono labili, e in effetti è vero. Però è possibile macinare tutto quello che passa, anche sulla e-mail e sulle news, con appropriati algoritmi che ricerchino determinate relazioni tra parole chiave. È relativamente facile. Il punto cruciale è che la censura su Internet non può essere che una censura di contenuti. Chi vuole fare seriamente un controllo di Internet non può ricorrere a trucchetti del tipo dei filtri sui router, perché si aggirano facilmente: se sei determinato, se ti metti d'accordo con qualcun altro, li aggiri con i tunnel. Però il controllo dei contenuti può avere effetti devastanti nelle democrazie occidentali. E ci porta diretti diretti al problema della crittografia, che è tutto un altro discorso, molto ampio e molto complesso. Il controllo dei contenuti

e

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


D [n:r(]® [(1JiJj)@j'iJ:Dcç@j

eSocietà diventa estremamente critico se è fatto automaticamente. Facciamo un esempio: tu vuoi scoprire se c'è qualche organizzazione criminale che sta progettando attentati a Clinton, allora devi fare delle correlazioni tra la presenza di Clinton in certi luoghi e la parola «attentato» in testi di lunghezza inferiore a un certo numero di caratteri. Questo è facile, ma è difficile trovare criteri per fare censure ad altri scopi. Se poi parliamo di immagini, devi entrare nel merito e fare una censura a posteriori, cioè devi andare a guardare negli hard disk degli utenti. L'unico modo valido per mettere il guinzaglio a Internet è lo stato di polizia. Non ci sono mezzi termini, secondo me. Si può vietare la crittografia, ma questo avrebbe effetti devastanti sul commercio elettronico e anche sulle applicazioni di Intranet delle aziende.

Si può concludere che il solo risultato dei tentativi di mettere il bavaglio a Internet sarà un'interminabile serie di rotture di scatole ai suoi utenti? Questo mi ricorda un fatto: nell'URSS l'accesso alle fotocopiatrici era consentito solo agli alti papaveri del partito comunista, anche per evitare che i documenti scientifici fossero diffusi all'estero. E allora uscivano dalla Russia sulla carta-carbone! Detto questo, si deve aggiungere che secondo me ci possono essere forme di controllo assolutamente legittime sui contenuti. Trovo perfettamente normale che un genitore voglia impedire al figlio di accedere a certi siti. È un controllo che spetta a te, genitore, perché tuo figlio è un minore ed è sotto la tua patria potestà, sei tu che devi decidere quello che tuo figlio può vedere. Negli USA, si incominciano a vendere abbonamenti a Internet «filtrati)), attraverso i quali non si possono raggiungere determinati siti. È una buona soluzione per le famiglie. In realtà, grazie ai soliti trucchi, questi siti si raggiungono, ma di norma il bambino non ci riesce, c'è un gap tecnico tale per cui il bambino non ci arriva e il genitore sta tranquillo. Anche un'azienda che apre una sua rete collegata a Internet ha il diritto di limitare l'accesso dei dipendenti. Che se vogliono navigare in Internet (ma la parola «navigare» mi disgusta ... ), si abbonano e fanno quello che gli pare. Ma dai computer dell'azienda è accettabile che l'accesso sia limitato. Per questo la Spyglass, che produce una versione di client per server WWW aziendali, ha acquistato una piccola software house che ha messo a punto un programma, il Surf-Watch, studiato per i genitori che vogliono evitare che i figli accedano a certi siti e che si è rivelato utile anche per limitare l'ingresso o l'uscita di contenuti non consoni alle politiche aziendali. Soluzioni di questo tipo sono interessanti, anche perché non è giusto che un'azienda o un'università dissipino le loro risorse per dei contenuti che sono, nella migliore delle ipotesi, ludici. Se spendo le mie risorse per dare accesso a Internet ai miei dipendenti, decido che MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

cosa possono vedere. È ragionevole, no? Se poi anche un fornitore commerciale di connettività Internet vuole adottare questo sistema, è libero di farlo. C'è un altro sistema di controllare e limitare gli accessi a determinate informazioni che si possono trovare su Internet, quello dei «tag)) che identificano i contenuti. Certo, tecnicamente sono possibili molte forme di controllo e ci sono molti modi di aggirare i controlli. La stessa tecnica può essere usata nei due sensi. Per esempio, il sistema del tunnel che serve ad aggirare i filtri sui router può essere utile per le aziende che vogliono servirsi di Internet, ma senza «uscire» su Internet. Prendiamo il caso di due sedi della stessa società, poste in punti lontanissimi del globo, che hanno la necessità di continui scambi di informazioni riservate: l'affitto di una linea dedicata potrebbe essere costosissimo, è meglio servirsi di Internet, ma con un tunnel che assicuri una sorta di isolamento dal resto della rete. Insomma, Internet come strumento imbattibile della libertà di comunicazione, anche per quanto riguarda la riservatezza delle informazioni. Possiamo dormire sonni tranquilli? Non tanto. Secondo me c'è un rischio molto grave di quello che si potrebbe chiamare «inquinamento ideologico», ma non nel senso dei cinesi. Ho paura dell'inquinamento dei valori culturali dell'Occidente da parte dell'ideologia asiatica, per quanto riguarda le libertà di scelta dei cittadini. È una cosa di cui molti, ben più qualificati di me, hanno parlato: vedi Dahrendorf, tanto per fare un esempio. È preoccupante che si ipotizzi che lo Stato possa decidere quello che è giusto leggere o vedere. I tentativi di regolamentazione di Internet possono avere risvolti disastrosi. In Occidente la stampa scritta gode di una serie di tutele, la libertà dell'informazione scritta è protetta da molte norme. Se qualcuno tocca la libertà di stampa si può arrivare alle manifestazioni di piazza. Invece non c'è nessuna legge che protegga la libertà di Internet. Non vorrei che proprio per i nuovi media si aprisse una crepa nei valori occidentali della libertà e poi, con un percorso all'indietro, si colpissero anche i media tradizionali. Con la differenza

che sequestrare

un giornale

è facile, sequestrare Internet è impossibile. Sì, ma si possono porre tanti e tali ostacoli che l'uso della rete resterebbe alla portata di pochi eletti, tecnicamente molto preparati. Sarebbe come la stampa clandestina, e dove c'è la stampa clandestina non c'è la libertà. Nota: il testo al quale si riferisce Berretti nell'intervista è «Quadrare il cerchio» di Ralf Dahrendorf, Laterza, 1995.

209


LJ IjiJ{f(o)I?[.ìUllè4J~OCS@)

eSocietà Un'associazione di esperti di diritto e tecnologie

NASCE «AGENTI» GIURISTI PER L'INFORMAZIONE Dal Forum multimediale nasce l'Agenzia di Giuristi Esperti nelle Nuove Tecnologie dell'Informazione

(AGENTI). Magistrati, avvocati, docenti

universitari e consulenti formano un gruppo di esperti che lavora in rete con studi, proposte e azioni dirette nel campo del diritto delle tecnologie ( di Manlio Cammarata)

lJ

utto incomincia il 28 giugno del '95, quando il grande convegno del Forum multimediale «La società dell'informazione» si conclude nell'aula magna della Luiss di Roma con alcune indicazioni precise: l'impostazione giuridica tradizionale non riesce a cogliere la complessità dei rapporti determinati dallo sviluppo delle tecnologie, occorre stabilire uno stretto collegamento tra tecnologi e operatori del diritto, è necessario soprattutto che il giurista abbia una conoscenza diretta e non superficiale degli strumenti tecnologici. Il Forum continua in rete e si evolve. L'area degli interventi è meno frequentata, ma aumenta lo spazio dedicato ai problemi concreti, con le pagine dell'attualità e delle tesi di laurea. La discussione in rete mette ancor più in evidenza come l'informatica giuridica e l'impostazione accademica tradizionali non siano in grado di fornire risposte soddisfacenti ai problemi sempre più urgenti che il giurista è chiamato a risolvere. Lo dimostra una serie di eventi che si svolgono dopo il convegno del Forum multimediale. Il primo è a Pescara alla fine di luglio '95: davanti a un pubblico sbigottito viene compiuta una pericolosa dimostrazione «in diretta» di penetrazione abusiva in un sistema telematico, che sottolinea l'inadeguatezza delle norme sulla protezione dei sistemi e la mancanza di una reale «cultura della sicurezza»; solo in seguito si saprà che il sysop della struttura violata era consenziente e pronto a evitare danni concreti. Scoppia poi «[' affaire» del decreto legislativo 103/95 e dei suoi derivati: per applicare una direttiva europea del '90 sulla liberalizzazione dei servizi di telecomunicazioni viene emanata una serie di norme così confuse che nemmeno il Ministero 210

delle poste riesce a chiarire. Il nodo viene sciolto da una serie di interventi nel Forum multimediale, che dimostrano come solo la conoscenza approfondita degli aspetti tecnici possa portare alla soluzione di quelli giuridici (ma nonostante il Ministero abbia di fatto accolto la nostra interpretazione, ci sono ancora alcuni Internet provider che dichiarano di fornire «trasmissione dati»; le conseguenze saranno disastrose quando ci sarà una regolamentazione dei servizi di accesso a Internet con tariffe agevolate, che non potranno essere applicate a chi fa «trasmissione dati»). Maggio 1996: docenti ed esperti di informatica giuridica si riuniscono a Bologna in un convegno del Cirfid ed è uno scontro tra l'impostazione tradizionale e quella di chi insiste sulla necessità di studiare «il diritto delle tecnologie dell'informazione» come materia a sé stante. Si sottolinea l'urgenza di modificare a livello ministeriale l'impostazione degli studi universitari, staccando anche l'informatica giuridica dalle materie teoriche come la filosofia del diritto e la teoria dell'interpretazione. Di nuovo, in luglio, la manifestazione pescarese. La seconda edizione mette direttamente a confronto un tecnico e un magistrato, il problema della sicurezza dei sistemi viene analizzato in tutta la sua gravità. La discussione affronta poi temi più vasti, fino a toccare gli aspetti costituzionali del diritto di accesso all'informazione (maggiori dettagli su http://www.nexus.it/aleei e http://www.info media.it) Saltiamo al mese di ottobre. In un grande convegno organizzato dall'università di Pavia sugli aspetti giuridici di Internet emerge con chiarezza l'incapacità del giurista tradizionale di cogliere la MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


D LilrCkQ) l?1JìJO Gl:rQ: Elcè,m

eSocietà natura, e quindi gli effetti, delle applicazioni tecnologiche. Si arriva a dire che Internet è una «associazione senza scopo di lucro» e che I.e-mail è un «servizio di telecomunicazioni» (invece è una funzione di un servizio complesso), con conseguenze che potrebbero essere catastrofiche sul piano civile, penale e amministrativo. La musica cambia pochi giorni dopo: un ennesimo convegno, organizzato dall'università di Camerino e dall'Istituto per la documentazione giuridica del CNR di Firenze, fa definitivamente luce sul problema dei rapporti tra diritto e tecnologie e pone le basi per uno sviluppo costruttivo del diritto' delle tecnologie dell'informazione. (Gli abstract degli interventi, alcuni di grandissimo interesse, sono alla URL http://www.uni cam.it). L'll ottobre, alla chiusura della discussione, viene annunciata la costituzione di AGENTI, Agenzia di Giuristi Esperti nelle Nuove Tecnologie del I'I nformazione.

MC-J1Jdi .•••

WC•••

Un'Agenzia per il diritto L'Agenzia di Giuristi Esperti nelle Nuove Tecnologie dell'Informazione (AGENTI) è un'associazione singolare: è nata da una lunga discussione in rete, quella del Forum multimediale, e in rete lavorerà e si svilupperà. Niente carta: tutte le comunicazioni avverranno via e-mail, le assemblee dei soci si svolgeranno come aree di discussione o come «chat», le votazioni avranno valore legale perché i messaggi saranno autenticati con il sistema PGP. Semplice? Niente affatto! Tanto per fare un esempio, l'Agenzia, che per ora è costituita in via informale, dovrebbe costituirsi formalmente proprio su Internet, e questo pone i primi problemi legali: come può un notaio, secondo la legge italiana, affermare che " ... davanti a me notaio sono comparsi i signori Tizio, Caio e Sempronio, della cui identità personale io notaio sono certo ... » se Tizio, Caio e Sempronio sono "presenti» sotto forma di bit nel suo computer? Dunque AGENTI è anche un laboratorio di sperimentazione giuridica. Lo vedremo molto presto. (Per chi volesse saperne di più: http://www.mclink.it/inforum/agenti).

• ~

?

fORUM

MUlTIMfOIAlf

(~ O'), LA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE

/'" ,,;t'

Scuola [1,QD1J~~ di Màna'gement

I SEMINARI

LE LEGGI DI INTERNET Luiss Guido Carli - Scuola di Management Roma, 28 e 29 novembre 1996 Due giornate di lavoro con i migliori esperti italiani per creare un collegamento tra tecnologie dell'informazione e diritto. Due incontri che realizzano un discorso unico, ma sono articolati in modo che sia possibile anche seguire solo la prima o solo la seconda, sulla base degli interessi di ogni partecipante. La prima giornata è dedicata in particolare agli avvocati, ai responsabili degli uffici legali, agli amministratori e a chi gesti ce i contratti con l'utenza. La seconda si rivolge soprattutto agli operatori telematici, perché offre una panoramica esauriente dei diritti e dei doveri di chi fornisce connettività e/o servizi, con riferimento alle responsabilità civili e penali e agli obblighi amministrativi. AI termine dei seminari la Scuola di Management Luiss Guido Carli consegna un attestato di partecipazione. Ecco i programmi delle due giornate.

• • • • •

28 novembre 1996, ore 9 - 18.45: Illegale e il provider si incontrano sulla rete Diritto ed economia delle idee - Roberto Pardolesi, Luiss Guido Carli L'avvocato e la rete: navigare, per bussola un codice - Daniele Coliva, awocato L'avvocato e la rete: alla ricerca della legge - Daniele Coliva e Manlio Cammarata Le nuove disposizioni legislative in materia di telematica - Vittorio Frosini, Luiss Guido Carli Impostazione dei contratti per la fornitura di accessi, informazioni e altri servizi - Andrea Monti, procuratore legale

• Autori, editori, reti: quali diritti? - Luciano Russi, SIAE • Pubblicazioni telematiche e obblighi di legge - Manlio Cammarata, giornalista 29 novembre 1966, ore 9 - 18.45: Profili di responsabilità civile, penale e amministrativa; sicurezza, dei sistemi, protezione dei dati, Olgs 103/95 • Apertura dei lavori - Palo Nuti, MC-link • Responsabilità civili e penali del provider - Andrea Monti • Reti e sicurezza, obblighi del provider - Giovanni 8uonomo, magistrato • Computer crime: Poteri dell'Autorità giudiziaria e obblighi del provider - Giuseppe Corasaniti, magistrato • Lotta alla criminalità informatica: gli strumenti e le indagini della Polizia di Stato - Maria Cristina Ascenzi, commissario capo della Polizia di Stato • Dati personali e reti telematiche - Giovanni 8uttarelli, magistrato • Telematica e burocrazia: concessioni, autorizzazioni, omologazioni (il Dlgs 103/95) - Manlio Cammarata e Andrea Monti Segreteria: Luiss Guido Carli, Scuola di Management, 4510337 - 4182135 - 4182143 - Fax. (06) 4512863 E-mail: melograno@mclink.it Programmi

definitivi,

modalità e quote di partecipazione sul Web di MC-link, alla pagina http://www.mclink.it/inforum/seminari.htm

tel. (06)

sono


[] [nlHCO)I ('[ iiìOm'O:D~è[)

eSocietà ,

LA CITTA DIGITALE La Conferenza organizzata da Affari & Finanza, La Repubblica, a Roma

è stata l'occasione per riflettere sullo stato dell'arte della tecnologia digitale vista con la prospettiva della persona comune, dei contenuti e dei servizi possibili. Le presentazioni proposte dai diversi relatori ci hanno dato uno scenario completo delle possibilità esistenti, pur lasciando al mondo della politica la prerogativa di abbracciare la Convergenza Digitale a vantaggio dell'uomo comune

(

di Gerardo Greco)

[1

a città digitale, un aggregato urbano che si avvale del meglio delle teorie evangelizzate da Negroponte per migliorare la vita della gente. Strano, eppure mi sembra di ricordare che uno dei vantaggi del digitale, ed allo stesso tempo il suo stesso tallone d'Achille, fosse la possibilità estrema di trasportare gli "oggetti" digitali con particolare semplicità, tanto da permettere alle persone di spostarsi meno, di lavorare a distanza, di scegliere liberamente la propria sede. In poche parole poter rinunciare a quell'aggregato urbano intorno al quale la rivoluzione industriale ha raccolto così tante persone. Quindi digitale come possibilità di rinuncia alla città? Sicuramente il discorso è più complesso. Le economie di scala ci insegnano che gli aggregati come quelli cittadini permettono di contenere molti costi. Pensate ai trasporti, alla distribuzione, ai servizi. E portano naturalmente molti vantaggi in termini di ricchezza culturale. Non è facile quindi prescindere dai vantaggi di una città e la telepresenza ottenibile sulla rete non regge il confronto con il contatto umano tradizionale. Quindi, esaurita la fase dell'ubriacatura digitale dei primi tempi, si passa finalmente a costruire il domani partendo dal presente, dalla realtà. Il digitale cittadino è un'idea che si avvale della dinamica culturale di una città e affianca a questa i nuovi strumenti digitali che di volta in volta sono disponibili. Questa era in parte anche l'idea delle reti civiche che, nonostante alcuni ottimi esempi, non sembra abbiano creato una tendenza che continui a crescere ancora oggi. Apparentemente è venuto a mancare parte di quell'entusiasmo che aveva 212

accompagnato l'ubriacatura digitale, quell'entusiasmo che aveva in buona parte ignorato le attitudini delle persone, i danni sulla coscienza popolare di un'informatica" complicata", i gap generazionali e, più ancora, l'organizzazione dei processi. Un municipio che voglia abbracciare le tesi di Negroponte deve risolvere innanzitutto un problema di organizzazione interna, di competenze. La tecnologia è forse l'ultimo dei problemi.

Il sindaco digitale E' chiaro che il primo risultato raggiungibile con le tecnologie digitali in una comunità cittadina è quello di migliorare la comunicazione interna e quindi anche quella tra cittadini e istituzioni. Fino a ieri una porta chiusa o una lunga coda costituivano sicuramente un ostacolo per il cittadino nel raggiungere il rappresentante di turno delle istituzioni locali, pur potendo ricorrere ad una lettera inviata per posta ordinaria o raccomandata. L'informazione di pubblica utilità è tradizionalmente prigioniera di preziosissime bacheche, poche, e spesso ciò che serve non è comunque disponibile. Per il secondo problema l'idea di rete civica aveva proposto delle soluzioni sicuramente utili che si sono affiancate ad un uso più intelligente del telefono, dei giornali e della televisione. Ma il rapporto con le istituzioni è rimasto quello di sempre. Il timore principale che si può incontrare nelle istituzioni è che il sistema esistente funziona, così così, ma funziona. Se dovessero aumentare le MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Doo'G®

lJ'1JOi)®'O;U cs®

eSocietà informazioni e i contatti con il pubblico l'organizzazione rischierebbe di saltare. In altri termini sarebbe dannoso introdurre sistemi tecnologicamente avanzati per migliorare la comunicazione interno/esterno se all'interno dell'organizzazione questi stessi sistemi non vengono utilizzati efficacemente. E' per questo che il problema principale rimane quello dell'organizzazione interna. Un sindaco o un assessore che ricevono tanta posta elettronica ma non possono comunicare tra loro con lo stesso sistema sono solo due persone che rischiano di appesantire il proprio lavoro. A questo proposito l'Ancitel ha condotto a fine '95 una ricerca per conto dell'Unione Europea tra i sindaci dei 450 comuni d'Italia con più di 20.000 abitanti dedicata alla percezione della telematica nell'organizzazione dei Municipi. I 128 sindaci che hanno risposto hanno fornito un'idea ottimista circa il futuro della telematica comunale. In particolare il 69,5% delle risposte vede il Comune come facilitatore attraverso condizioni favorevoli e incentivi per lo sviluppo della telematica locale. La speranza che quasi tutti (il 78,9%) hanno a proposito dei vantaggi della telematica è quello di una maggiore efficienza-efficacia nell'amministrazione del Comune, oltre ad una migliore partecipazione dei cittadini. A questo proposito è curioso il confronto con altre realtà, come la Svezia, nella quale la maggiore efficienza segue il miglioramento della qualità della vita e la promozione del commercio. Oltre 1'80% delle risposte prevede fra 10 anni un ruolo attivo per il comune nello scenario telematica locale, con metà protagonisti assoluti dello sviluppo dei teleservizi locali e metà attivi entro precise competente. Anche in questo caso il confronto con altre realtà ci aiuta a capire meglio queste convinzioni radicate. Nella realtà statunitense, per esempio, i privati sono di gran lunga l'elemento dominante nello sviluppo di servizi digitali per il cittadino. A cominciare dai servizi informativi che, attraverso sponsorizzazioni private, diffondono le informazioni più utili senza ulteriori costi per la collettività.

Digitalizziamo la città Oggi l'Italia si trova in una fase di passaggio da un regime di monopolio delle telecomunicazioni ad un regime di libero mercato governato dalle regole comunitarie. Le soluzioni adatte ai comuni italiani non sono le stesse che vengono adottate oggi in altri comuni europei e comunque non sono le stesse che saranno possibili quando la realtà normativa sarà mutata anche nel nostro paese. E' percezione diffusa che quello delle infrastrutture digitali sia un investimento teso ad occupare degli spazi vuoti piuttosto che a rendere disponibile in tempi brevi servizi innovativi per la collettività. La Telecom Italia e le altre società che si sono offerte per la realizzazione delle dorsali digitali nazionali e delle soluzioni territorialmente più circoscritte sono pronte a cogliere l'opportunità esistente nella conversione al digitaMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

le di molte delle infrastrutture per le comunicazioni esistenti. Ma l'infrastruttura non è tutto, specialmente dal punto di vista del cittadino che, anzi, deve subire non pochi disagi a causa dei cantieri che si sono aperti in molte delle grandi città del nostro paese. Il contenuto e i servizi innovatiLa rete civica romana vi saranno i veri protagonisti della città digitale. è stata una delle iniziaE' mia opinione che è necessario estendere il tive presentate dal concetto di convergenza digitale anche ai conteSindaco di Roma Frannuti e ai servizi. Da questo punto di vista non cesco Rutelli. possiamo fare a fjl., meno di con siderare che alcu"1""'1i:l1~@1"I;lòlslllOl~ ni prodotti della comunicazione moderna, innanzitutto il cinema e la televisione, ROMA ON UNE sono espressIoSF;R\;111 ne chiara del !Y!!m!Q mercato statuniJ':i'EV.'SCROl'f tense. Nonostante questo ci è difficile opporre una resistenza commerciale, nel problematico tentativo di proteggere e maga'i'X1 ri promuovere la ';!l..: .::. nostra cultura, o "I ••li:ll~ @I-I;lòlsllal~ meglio, le nostre differenti culture europee, Noi EuWWw.stockholm.se ropei abbiamo necessità di pro''''''-I~n.... muovere una di.:JA.~~~ versità culturale che per molti storicamente non esiste negli USA. Una possibilità potrebbe essere l'interattività, intesa come modello alMats Hulth, Sindaco ternativo al consumo dei media digitali. Un magdi Stoccolma, ha pregiore impegno comunitario nella promozione sentato il progetto indell'interattività e di tutte le infrastrutture che la novativo di cablaggio municipalizzato per la favoriscono, innanzitutto le reti a larga banda, sua città. possono sicuramente produrre vantaggi più profondi per la nostra cultura, oltre che per l'organizzazione del lavoro a distanza e di altri servizi per il cittadino. Se fosse vero il concetto: satellite = consumo multimediale, rete a larga banda = comunicazione multimediale, potremmo arrivare alla conclusione che oggi da un lato è necessario dare la precedenza alle reti digitali a larga banda, dall'altro è necessario favorire lo sviluppo di nuovi contenuti e servizi che estendono il concetto di comunicazione piuttosto che quello di consumo. Per far questo la città digitale è sicuramente il punto di partenza e costituisce il laboratorio migliore perché vicino allo stesso tempo ai cittadini e a un terreno culturalmente fertile. W5

.,!*,'JR!''t' ....:t'' •••••__

•.•

CULTURA

PROGETTl

.::rtt.:,t

SPERDIENTAU

c:.;;..... •.•

·:Jk.,.......~

213


a cura di Paolo Martegani e Riccardo Montenegro

PROGElTO E DINTORNI Una delle rotte più interessanti che un navigatore possa percorrere nell'oceano delle informazioni in tempo reale di Internet è quella che conduce ai musei virtuali; ne esistono di tutti i tipi, e, sicuramente, i più affascinanti sono quelli dedicati all'arte. Arnaldo Marino ha visitato per noi alcuni siti dedicati all'architettura cercando di capire quali sono i caratteri di questi musei e la loro effettiva utilità. Mentre qualcuno ancora discute, per fortuna in modo sempre più realistico e costruttivo, dell'effettiva validità del mezzo elettronico nell'ambito della progettazione e dei suoi dintorni, nuove specializzazioni, un tempo quasi ignorate, si sono affermate o hanno assunto, grazie alla straordinaria amplificazione dei mezzi disponibili (primo fra tutti la virtualità), un rilievo che in precedenza non avevano. Tra queste ci sembra stia assumendo sempre più importanza l'illuminazione esterna degli edifici e in particolare dei monumenti storici; dopo aver parlato nel numero 165 di questa rivista delle interessanti iniziative dell'Enel denominate "Luce per l'arte" e "Luce come arte", in queste pagine presentiamo un suggestivo progetto di illuminazione della torre del Campidoglio a Roma, realizzato per l'Acea da Oscar Santilli e che il progettista stesso ci illustra sinteticamente.

Vista dall'alto di una stazione fluviale sul Tevere, localizzata sotto ponte Sublicio, e realizzata da Paolo Zilli di Roma nell'ambito di un concorso per studenti dell'Università di Roma. /I progetto è stato presentato al Computer Arch 7996.

Le e-mai! deicuratoridellarubricasono:martegan@uniroma3.itricmont@mix.it

Un "osservatorio"

sullo spazio

pubblico multimediale

[j\I]

2° Convegno del CNAD a Reggio Calabria

C

ell'intento di raccogliere documentazione su queste nuove e promettenti applicazioni, invitiamo i colleghi che sono stati coinvolti come promotori, progettisti, registi od operatori, ad inviare informazioni e materiale. Lo scopo è quello di costituire una Banca Dati sullo sviluppo del fenomeno e delle relative linee di tendenza emergenti; argomenti dei quali si intende dar conto, anche sulle pagine di questa rubrica. Per permettere la presentazione dei testi e/o delle immagini è necessario che essi siano accompagnati dalla autorizzazione alla pubblicazione, che quando avverrà porterà la citazione degli autori.

on il tema Designer, Industria, Committenza per uno sviluppo sostenibile si aprirà il 16 novembre, nell'Aula Magna della facoltà di Architettura di Reggio un convegno organizzato dal CNAD che si propone di porre in dialogo l'industria e la committenza, dove industria significa la produzione degli oggetti progettati e committenza la domanda di progetto. In un contesto antico ma inedito si incontreranno designer, intellettuali, amministratori ed imprenditori per dibattere le linee guida del progettare verso il prossimo millennio.

Inviare il materiale a MCmicrocomputer, rubrica "Informatica e Architettura ", Via Carlo Perrier 9, 00157 Roma.

Il CNAD dispone di convenzioni per trasporti e alloggi, chi è interessato può telefonare al numero 06/51.90.962

214

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


D 1J01J® [J'[]iJ[)~'(SD cç~

eAreh itettu ra

IL MUSEO, CHE NON C'E lo slogan "Un museo diffuso per un utente remoto",

se per un verso può

apparire come la inevitabile e necessaria risposta al vero e proprio assalto cui sono sottoposte le risorse artistiche e culturali esistenti,

rappresenta

invece, complice l'informatica,

l'occa-

sione per un più intelligente e produttivo criterio di accesso alla cultura in generale e di fruizione dell'architettura in particolare. ( di Arnaldo Marino)

o sviluppo della civiltà di massa ha determinato, tra le altre cose, la crescita esponenziale dell'interesse per la cultura e l'arte in genere e per l'architettura in particolare, con il conseguente incremento del numero dei destinatari del messaggio artistico e dunque degli utenti dell'oggetto d'arte, sia esso una tela cinquecentesca custodita nella Pinacoteca di Brera o il tempio Malatestiano a Rimini. D'altra parte questo fenomeno, dirompente per l'esiguità del tempo in cui si è manifestato, ha influenzato l'arte stessa, la sua produzione e fruizione, il suo modo di essere vissuta; spingendola sia a cercare nella riproducibilità nuove strade per comunicare sia a fare proprio della riproducibilità e ripetitività il suo messag-

L'immagine proviene dal sito del MITMuseum Collections che si occupa dell'architettura a Chicago da L Sullivan a SOM, e si riferisce ad un progetto di G Bunshaft (19091990) che ha collaborato a partire dal 1937 con lo studioSOM

giO.

Il fenomeno ha raggiunto ormai dimensioni e forme preoccupanti che coinvolgono la responsabilità di chi è preposto sia alla tutela ed alla conservazione di questo patrimonio sia alla sua, altrettanto importante, trasmissione a chi verrà dopo di noi. In luoghi unici coMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

me Venezia o Firenze, con alti indici d'affollamento, da tempo si parla, e con sempre maggiore insistenza, di istituire il numero chiuso dei visitatori, pena il deperimento se non la distruzione dell'oggetto stesso del nostro interesse.

Il museo diffuso Diviene dunque credibile, e prende forma, la possibilità di creare le condizioni per un futuro in cui non sia più l'utente a raggiungere l'oggetto del suo desi215


derio, ma invece quest'ultimo o per meglio dire la sua proiezione virtuale a viaggiare sulla rete telematica ed a proporsi ed esporsi all'attenzione del visitatore remoto. Tale ipotesi risulta tanto più suggestiva se si riflette solo un attimo sugli innegabili vantaggi di tale procedura, che nulla toglie all'originale, anzi. Risultando infatti in tal modo azzerata la distanza che fisicamente separa elementi diversi, l'accostamento in tempo reale di oggetti, edifici, dipinti ma anche riferimenti testuali e dati archivistici, in ultima istanza informazioni, consentirà di far viaggiare ed associare tra loro dati ed immagini con la velocità del nostro pensiero. In questa prospettiva il museo non sarà più un luogo definito in cui collezionare secondo un criterio ordinatore, ma piuttosto l'insieme delle informazioni cui poter accedere indipendentemente dalla loro collocazione. La nostra possibilità di conoscenza ne risulta straordinariamente potenziata. D'altra parte basta viaggiare su Internet lasciandosi guidare dalle giuste keyword per rendersi conto che il settore Dall'alto in basso alcuni fotogrammi del volo attraverso il modello virtuale della città di Atlanta.

che, pur fornendo una circostanziata informazione sul proprio funzionamento e sulla propria dotazione, risulta poco utile o stimolante per il navigato re cibernetico. Il ruolo di questo genere di sito è assimilabile a quello dell'ufficio informazioni, che qualunque museo che si rispetti dovrebbe avere. Da questo punto di vista una politica diversa e più aperta alla comunicazione dei contenuti oltreché delle informazioni meramente organizzative, è rintracciabile nel sito allestito dalla fiorentina Galleria Nazionale degli Uffizi (http://musa.uffizi.firenze.it./). Il sito fornisce tutte le necessarie informazioni - anche la possibilità di prenotare le proprie visite o la disponibilità di una guida - ed in più viene proposta una illustrazione e descrizione della galleria stessa e del suo contenuto che, pur non potendosi definire come un tour virtuale, ricostruisce per il visitatore la struttura dell'esposizione, sala per sala, collezione per collezione consentendo di accedere ad immagini di grande qualità di dettaglio, a tutto schermo, dei singoli quadri. Nelne

1••.•1 LAcIltilol:1Mi

e: Museo de Il Ufflzi

I-I~I"""I-I-I( 1I_ •.vtt'ct

tr_. M.

•• I[=:J

,

l~t', ••••,II~·.e..,?II~NtJOftfllHt1"II'd'lI~lllofty

•• 1

(jafferia tieg'a 'llfJizi

La home page del sito della Galleria degli Uffizi. Oltre alle varie opzioni di carattere generale, è possibile accedere alla planimetria della Galleria e dunque alle singole sale ed alloro contenuto.

!J.[.otizie ~

• i1_

dell'informazione culturale risulta quanto mai sviluppato ed in crescita, legato com'è all'industria del turismo e del tempo libero ed all'attività promozionale di enti ed istituzioni.

L'architettura in rete In particolare la diffusione della conoscenza dell'architettura, realizzata e non, più di altri settori trae grande vantaggio dalle opportunità offerte dalla virtual reality. Il panorama si presenta ampio ed affollato, e conviene operare una prima significativa distinzione tra quei siti che fanno prevalentemente opera di promozione ed informazione, e gli altri che, sondando le ancora poco conosciute risorse dell'informatica in questo settore, propongono oltre a ciò anche un modo diverso e virtuale di approfondire la conoscenza. Alla prima categoria appartiene l'Alvar Aalto Museum http://www.jkl.fi/aalto. 216

I

V.bdalla~

blU Ul'Tizi di

pj•••••••

llICIiIUIcu

..,•

Lo spazio virtuale Ma la prospettiva più congeniale al mezzo sembra essere quella praticata dalla Scuola di Architettura dell'Università di Auckland in Nuova Zelanda (http://archproppla n .auckland. ac. nz/People/Mat/) che, pur non essendo un museo in senso tradizionale, nel suo sito web propone i risultati della sua sperimentazione informatica attraverso un viaggio virtuale all'interno del Padiglione progettato da Mies van der Rohe per la partecipazione della Germania all'Esposizione del 1929. La possibilità di percepire ed apprezzare la spazialità di qualcosa che sia lontana da noi o mai realizzata o scomparsa (si pensi all'architettura del passato) apre prospettive vastissime per la comunicazione dell'architettura e dell'arte in genere. Un ulteriore passo avanti è poi offerto da chi compie esclusivamente opera di divulgazione e comunicazione. In questo MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


U uo'lf@[]'IJili)@yiJ:OCS01..J

eArehitettura 1/ tour virtuale nel Padiglione di Mies van der Rohe realizzato a Barcellona per l'Esposizione del 1929, e solo recentemente ricostruito, cosliluisce un buon esempio sull'importanza della disponibilità sulla rete di tale documentazione.

caso ~ museo coincide con la rete e l'informazione che viaggia non è il surrogato di altro. Il sito web della città di Atlanta (http://www.webscape.com/) trasmette in modalità Hp un filmato del 3D city model della città quanto mai suggestivo ed affascinante. Quello che appare davanti ai nostri occhi è una ripresa a volo d'uccello della città, dal suo inquadramento territoriale sino al dettaglio sulla sua architettura. Ora, se è vero che difficilmente si potrà sostenere di aver conosciuto la città dopo aver visionato questo breve filmato virtuale, il numero di informazioni trasmesse comunica in maniera immediata e sintetica sulla struttura urbana e sulla sua organizzazione spaziale.

giusta. In futuro sarà dunque possibile interagire con la fonte remota anche in termini di esplorazione spaziale del modello virtuale. L'interattività del rapporto dell'utente sarà molto più avanzata, e ciascuno potrà programmarsi il proprio, autonomo percorso conoscitivo.

Il VRM Language

Un capitolo a parte, su cui bisognerà tornare con maggiore attenzione, è costituito poi dalla vasta area d'interesse rappresentato dal VRML (Virtual Reality Modeling Languagel. Lo sviluppo di tale linguaggio per la mo• r" Vie.., ~ t..a: .•••.• , ."t•••, dellazione tridimensio~ ~I~' a~l~al~1 nale sta trovando nel •....,,_w _ campo della divulgazione dell'architettura alle diverse scale un naturale referente. È una realtà in fase di sviluppo che ha bisogno ancora di tempo, ma la prospettiva è quella IClII

-'"'!..... __

t

~l

Netu

I _

:

QtiIaftw : l(1NIlMrS

,.

~

C1'M ••.•

I

iew point: paesaggi e città in tempo reale ~ •

Tra le infinite possibilità offerte da internet una delle più curiose è senza dubbio quella che deriva dalle numerose telecamere sistemate in ogni parte del mondo, Italia compresa, perennemente aperte a fissare paesaggi, città e monumenti. Il view point è ancora agli inizi e, all'interno dei vari paesi, in genere trova impiego nell'ambito della meteorologia e nella valutazione della quantità di traffico nelle arterie di maggior scorrimento, mentre in Internet è forse soltanto oggetto di curiosità e propaganda turistica. Tuttavia non è difficile pensare a una futura utilizzazione da parte di progettisti specializzati, quali paesaggisti e urbanisti che potrebbero ottenere determinate informazioni visive sul territorio sistemando ad hoc una serie di telecamere collocate in punti strategici. Per il momento è possibile fare il giro del mondo collegandosi con Leonard's "Cam world", un sito che offre decine e decine di indirizzi di telecamere fisse in tutti i continenti: http://www.leonardsworlds.com/camera.html Nelle immagini, la schermata di Leonard's e il view point di Genova.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

rde

Utt

'loe.

li4

•••

_rtll

•• tilMll IlIreltCWlJ "'0-

NeIH ••• :"......'

- •••••••

, : l. (.~

•• Cml.tMW c•••••••

:: l'''ril~ I ~~I.!.I ~ I~ I ~ I d ~,[,,", Il......-...-0 <M"--;

_",_"

_'.C..lft

••• .-

_

, ••••••••• I~

••.•••.•.•. I

...._~~.'.I .'-..e- .•.• ~,.•.•.~_....-, D..-- .....__

••••• f _ • __ ~.Iea.-ClIIbMo _ •••••••.. _ ••• .--,. ••• ftI...--. •••••• fts-. ••••••• tol~.,_.JOdII

~dlII

:::.-===-_II_ ...

001I •••••• ••••• f'iIat.

~i_1

L·~

•••••••_.--

__ poot •• •••• __ r' ••••opI12 __

•.....

_

•••I"I._

,.I.••_

••••••••

••••

__

.....-tM._

•.••..•..•.••. -.è.~ •.• ••••••••••

•••~ •• ·-1'fton.'--"~._Cl~}._ t1 •••• --._ •••••••• ,-~Il--..e-._ •• _r

"':s~......__~tl~

•• t1 __

.~1Io

CllDw. _

•••••••••••••• ••••••••••• _

217


U w{]®u'LiiJjJGù'Cdkc;Gù

eArchitettura

IllUMINARE lA STORIA: lA TORRE CAMPANARIA DELCAMPIDOGLIO Le possibilità offerte dal computer per il progetto di illuminazione di un edificio storico sono risultate essenziali: dalla verifica dei contrasti cromatici alla qualità della luce, dall'uso di un modello tridimensionale per il controllo dei flussi luminosi alla definizione di una nuova immagine urbana

(

l

di Oscar Santilli

)

a luce è in grado di rivelare le forme dell'architettura. Le potenzialità dello strumento luce e dei suoi effetti non sono state, ancora, adeguatamente indagate tranne che nei suoi aspetti specificamente quantitativi. Il computer offre finalmente la possibilità di progettare e verificare la qualità della luce, evidenziando i contrasti cromatici e luminosi, mediante simulazioni con modelli tridimensionali, opportunamente "rivestiti" con i parametri di risposta alla luce e collocati nelle complessità delle scene architettoniche, esposti ai flussi luminosi delle sorgenti artificiali. Sta emergendo, in modo sempre più chiaro, l'esigenza di una nuova fruizione urbana con richieste di qualità ambientale e standard sempre più elevati. Una di queste richieste, fortemente promossa dalle iniziative delle amministrazioni più "illuminate" delle nostre città e dalle esperienze di altri paesi, è senza dubbio quella di una nuova immagine degli scenari che le città sono in grado di offrire durante le ore serali e notturne. Strumento principale della rappresentazione: la luce. Si sta parlando, logicamente, della luce artificiale, quella generata dalle lampade industriali, sempre migliori sotto il profilo della qualità cromatica, della durata e dell'efficienza luminosa. La luce naturale (sole, luna) ci obbliga alla lettura delle architetture se218

I modelli elettronici creati in 30 in wireframe vengono "rivestiti" dalla luce.

condo la loro esposizione ed è logicamente scarsamente programmabile, anche se non mancano, in questo senso, prestigiosi esempi architettonici. La luce artificiale, invece, per sua natura, deve essere progettata: diventando, perciò, lo strumento che guida la lettura delle architetture e, più in dettaglio, degli oggetti, contribuendo in modo assolutamente essenziale alla scoperta degli stessi e alla creazione della complessiva immagine urbana. Si può sostenere che il controllo della luce, sia sotto l'aspetto spaziale che sotto l'aspetto temporale, conferisce alla illuminazione un vero potere creativo, "animando" gli oggetti e gli spazi. L'azienda municipalizzata di Roma dell'energia e ambiente, A.C.EA, nell'ambito di un più ampio piano di ridefinizione degli aspetti funzionali e qualitativi dell'illuminazione pubblica della città, ha rea-

lizzato alcuni impianti su edifici storicomonumentali; fra questi la torre campanaria del palazzo Senatorio della piazza del Campidoglio

Criteri progettuali Si sono voluti garantire i livelli d'i1luminamento e luminanza media generale con alcune necessarie e puntuali valorizzazlonl su: • le balaustre di coronamento della torre e la statua della Minerva; • le due celle campanarie; • i marcapiani e i capitelli delle paraste MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


dei due ordini; • l'orologio; • le statue e le balaustre superiori del palazzo Senatorio. I contrasti più evidenti che si sono voluti creare sono stati nelle due celle campanarie, con luce gialla molto calda, 1800 gradi Kelvin, per dichiarare la struttura come interna e sulle balaustre e la statua della Minerva con luce più bianca (3000 gradi Kelvinl con un effetto di "galleggiamento" nel cielo della stessa statua.

La simulazione La progettazione illuminotecnica ha esaminato gli aspetti quantitativi, candele/mq = watt visibili sulle superfici, secondo le procedure di calcolo tradizionale, per un ottimale dimensionamento dell'impianto dal punto di vista energetico, ma per una valutazione degli esiti visivi, dei criteri progettuali e d'impatto architettonico sono state usate le tecniche di simulazione offerte dal computer. La simulazione si è inserita in modo organico nel processo di progettazione con verifiche e aggiusta menti retroattivi sulle ipotesi originali. E stata dapprima creata la geometria tridimensionale del plastico elettronico, ultimata, in tutte le sue parti (paraste, colonnine, capitelli, modanature, statue, etc.) , con gradi di finitura ovviamente correlati significativamente alla rilevanza visiva delle stesse parti, dai punti di osservazione più consueti e più vicini per un osservatore normale, ovvero dalla piazza del Campidoglio. Sono stati, poi, attribuiti i valori cromatici alle superfici, secondo le codificazioni RGB alle superfici e i fattori di rinvio e diffusione della luce. La scena è stata completata con la collocazione dei corpi illuminanti, secondo le ipotesi progettuali, regolando i puntamenti, le aperture dei fasci luminosi, la loro intensità, in relazione anche ai coefficienti di rendimento, e la temperatura colore delle sorgenti, anch'essa codificata. Sono stati scattati alcuni fotogrammi elettronici veri-

Imodelli della torre ficando il giusto cone del coronamento trasto delle luminandel palazzo Senatoze fra le diverse parti rio con indicazione della collocazione per ottenere una redei proiettori e dei ciproca valorizzazioloro puntamenti. ne. I suggerimenti più importanti, emersi dalle verifiche, sono stati soprattutto relativi ai puntamenti dei proiettori e alla necessità di ridurre i flussi luminosi per evitare un "appiattimento" dei rilievi e un eccessivo contrasto con la bassa luminanza della facciata del palazzo Senatorio. Il "rendering" ha consentito anche di verificare la bontà della scelta di retroilluminare le colonnine della balaustra e delle statue di coronamento realizzando un efficace scontornamento delle figure.

Oscar Santilli è raggiungibile osantilli@iol.it

all'indirizzo:

Cenni storici La torre campanaria del palazzo Senatorio del Campidoglio. Realizzata da Martino Longhi fra il 1579 e il 1582, è collocata all'estremità dell'asse longitudinale costituito dalla rampa cordonata, dalla statua del Marco Aurelio, dal balcone del palazzo Senatorio e dalla stessa torre. Non era prevista dall'originario progetto michelangiolesco della sistemazione del colle capitolino ma fra i numerosi interventi dovuti ad altri artisti" ... il solo elemento aggiunto al Campidoglio che sia stato felicemente inserito nell'insieme è la torre campanaria. in cui si trova un ricordo delle slanciate torri dei palazzi toscani, e che, salvo il carattere assunto dai dettagli architettonici, col suo profilo ben proporzionato al resto e con lo schema a due celle sovrapposte, corona armonicamente il palazzo Senatorio". (Renato Bonelli). Lo scenario trasversale è do-

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

minato dal palazzo Senatorio, come voluto da Michelangelo; pur mortificato nello slancio verticale, nei successivi interventi, dalla riduzione dell'alteZza e dalla mancata valorizzazione dell'ordine delle paraste, in alto è coronato da una balaustra costituita da una serie di colonnine ed elementi statuari che mediano sapientemente il rapporto dell'architettura con il cielo.

219


A ... COME ADOBE (CREARE, COMPORRE, DISTRIBUIRE)

Del nuovo Photoshop, giunto ormai alla versione 4. O, vi abbiamo già anticipato qualcosa il mese scorso, all'interno della nuova rubrica World Wide News, «pescando)) le informazioni lì riportate nell'immenso oceano di Internet. Di Photoshop 4. O abbiamo ricevuto già da alcune settimane una «beta» perfettamente funzionante: in attesa di recensire in dettaglio la versione definitiva localizzata per !'Italia, già in questo numero siamo in grado di anticiparvi ulteriori informazioni. Ma Adobe, in questo stesso periodo, ha annunciato numerosi nuovi prodotti praticamente in tutti i campi applicativi dove è particolarmente «di casa)). Nasce casi il nuovo PageMaker 6.5 (software evoluto di videoimpaginazione), PageMil1 2. O (per la creazione di sofisticate pagine Web senza scrivere una sola linea di ostico HTML), Acrobat 3.0 (per la condivisione on-Iine di qualsiasi tipo di documento), Adobe Type Manager 4.0 (più noto col suo acronimo A TM, per la gestione dei font all'interno delle applicazioni).

pa o alla pubblicazione in Internet, l'incredibile riformattazione automatica di documenti già esistenti (ad esempio per passare dal formato verticale a quello orizzontale e/o cambiando il numero di colonne dell'impaginato) mantenendo inalterato lo stile e la leggibilità complessiva. Utilizzando documenti multilivello è possibile collocare diversi elementi su laver differenti all'interno di un unico file. È così possibile, molto facilmente, creare versioni multiple di uno stesso documento, predisponendo ad esempio, sin dalla creazione, testi multilingua facilmente richiamabili o disattivabili con un semplice click del mouse. Lo stesso vale per immagini ed incorniciati che possono essere posizionati su livelli differenti e attivati o disattivati immediatamente. Con la riformattazione automatica l'utente, anche ad impaginazione terminata, può modificare le dimensioni originarie del documento, il suo sviluppo (orizzontale/verticale), il numero di colonne, i margini e perfino le pagine mastro lasciando al software - basato per quest'aspetto su algoritmi di intelligenza artificiale - il compito di riposizionare testi ed immagini rispettando lo stile e la leggibilità originarie È inoltre possibile creare pubblicazioni on-line, pronte per essere inserite all'interno di siti Web. Le pagine HTML così create conservano i collegamenti ipertestuali del documento originario e le immagini vengono automaticamente convertite nei formati GIF e JPEG utiliz-

PageMaker 6.5 In vendita entro fine anno nella versione inglese (per le versioni localizzate basterà attendere i primi mesi del 1997), il nuovo PageMaker 6.5 offre numerose funzioni molto innovative, come la possibilità di trattare documenti multilaver (lo stesso accade in Photoshop già dalla release 3.0), di creare collegamenti ipertestuali per documenti destinati alla stam220

Adobe PageMaker 6.5

zate nel mondo Internet. Per garantire la coerenza cromatica tra pagine Web richiamate utilizzando browser diversi su piattaforme differenti, troviamo una particolare palette contenente i 216 colori ottimizzati per la visualizzazione on-line. Per la distribuzione di documenti particolarmente ricchi di grafica è possibile salvare in formato Acrobat 3.0, ottimizzato per la visualizzazione, ricerca e download di file POF in ambiente VNVW. Guardando, poi, ad un futuro quanto mai prossimo, PageMaker 6.5 è l'unico programma di videoimpaginazione che incorpora il supporto per l'esacromia (sei colori in luogo dei consueti quattro) con la quale è possibile estendere lo spazio cromatico CMYK fino ai limiti del ben più ampio spazio RGB. Inoltre, grazie al KCMS (Kodak Color Management Svstem) integrato in PageMaker viene supportato lo standard ICC (international Color Consortium) che permette a diversi sistemi di trasporto del colore di utilizzare i medesimi profili cromatici. Molte modifiche sono state fatte anche nell'interfaccia utente - comprende tra l'altro le palette interattive «a schede» mobili - adesso più simile a quella utilizzata per i due «colossi» Photoshop e Iliustrator, programmi principe per il trattamento di immagini raster e vettoriali. Grazie alla sua compatibilità con gli altri prodotti Adobe è possibile, ad esempio, effettuare facilmente operazioni «drag and drop» tra documenti di applicazioni diverse, così come utilizzare nei documenti PageMaker file nativi di Illustrator verificandone l'anteprima a video. Riguardo la compatibilità con altri prodotti, PageMaker 6.5 incorpora numerosi filtri di importazione per utilizzare file creati con altri software (compreso il noto Xpress di Ouark) ma anche di leggere filmati OuickTime per estrapolare da questi singoli fotogrammi da utilizzare come illustrazioni, o per includere interi filmati all'interno di documenti POF o HTML. Tra i plug-in più interessanti è senza dubbio da segnalare «Safe for Service Provider» con il quale è possibile consolidare e organizzare tutti i file e gli elementi presenti in un documento (immagini e font, ad esempio) necessari alla sua pubblicazione, agevolando così il compito dei service fotolito. Infine, il nuovo software di videoimpaginazione comprende una licenza gratuita di Acrobat Oistiller (per creare i file POFI, un Photoshop Limited Edition (solo per la versione Windows), Adobe Table 3.0 e, solo per la versione della licenza compleMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


come word processor, fogli elettronici, impaginati, ecc. ecc.

Acrobat

3.0 ta per la vendita, troviamo Adobe Type on Cali, un CD-ROM con 220 font gratuiti sbloccabili dopo aver effettuato la registrazione del prodotto.

PageMiII 2.0 Anche per PageMill, il software per la creazione di pagine Web, è stata rilasciata una nuova versione molto più completa e potente di quella precedente. Disponibile già dallo scorso mese sia in versione Macintosh che Windows al prezzo orientativo di 216.000 lire (+IVA). PageMill 2.0 offre adesso funzionalità di editing di livello professionale proposte, come sempre, attraverso un'interfaccia utente semplice e intuitiva con la quale è possibile produrre documenti HTML anche molto sofisticati. Tra le nuove funzionalità offerte troviamo la creazione e l'editing di tabelle, il supporto on-line per i dati multimediali (filmati QuickTime e documenti PDF), la visualizzazione e l'editing del codice HTML ... proprio per chi non ne può assolutamente fare a meno. Un elemento di una tabella può, a sua volta, essere un'altra tabella e sono offerte numerose opzioni di layout e di disegno. La maggior parte delle operazioni di creazione si effettua tramite funzionalità drag and drop. Ad esempio, per posizionare un'immagine o un testo all'interno di una tabella è sufficiente trascinare col mouse nel punto desiderato il file corrispondente e rilasciare il pulsante. Nel corso della conferenza stampa di presentazione dei nuovi prodotti Adobe, PageMil1 è stato definito come ((l'apoteosi del drag and drop)), proprio ad evidenziare che la creazione e l'editing di pagine Web anche molto sofisticate si riduce ad eseguire semplici e intuitivi movimenti del mouse. Ad esempio, trascinando un elemento dalla pagina Web nel box di dialogo Search and Replace è possibile sostituirlo immediatamente con un altro elemento anche di tipo differente (un'immagine, un line, un testo, ecc.). Infine, PageMil1 2.0, offre un'ampia gamma di filtri di importazione con i quali è possibile utilizzare agevolmente documenti provenienti da altre applicazioni, MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Giunto alla release 3.0, il nuovo Adobe Acrobat (il software più semplice e veloce per la condivisione on-line di qualsiasi tipo di documento) offre funzioni che ottimizzano i file PDF (Portable Document Format) per il browsing e la ricerca su Internet. Gli utenti possono ora visualizzare i file PDF direttamente all'interno dei browser Web che supportano l'architettura di Netscape Navigator, visualizzando prima il testo mentre gli oggetti più pesanti (come le immagini) sono scaricati in background e mostrati successivamente. Con la possibilità di effettuare il downloading pagina dopo pagina ((pageon-demand))) è possibile un accesso veloce ai file PDF presenti su Web. Inoltre, grazie al rendering progressivo, il testo viene visualizzato dapprima utilizzando un font sostitutivo e solo dopo aver attivato tutti i link e completato la visualizzazione delle immagini sono scaricati i font originari per completare globalmente il layout iniziale. Acrobat 3.0 offre la possibilità di incorporare nei documenti controlli multi media li, bottoni o aree attive su una pagina, linkabili con la riproduzione di spezzoni audio/video, l'esecuzione di controlli di navigazione o l'attivazione delle voci dei menu. Grazie ad Acrobat Capture (prima fornito separata mente, ora incorporato nella «3.0)) assieme ad Exchance, PDFwriter, Distiller, Catalog e Reader) è possibile, tramite scanner, convertire facilmente documenti cartacei stampati in file PDF, combinando operazioni di imaging, riconoscimento ottico dei caratteri, scomposizione della pagina, mantenendo il layout grafico e l'esatta formattazione della pagina originaria. Già disponibile dal mese di ottobre, l'intero pacchetto Acrobat 3.0 sarà offerto al pubblico ad un prezzo particolarmente «aggressivo)): 499.000 lire (+IVA).

Photoshop 4.0 Come già evidenziato la novità più evidente di la possibilità di eseguire te operazioni coerenti qualsiasi di immagini.

lo scorso mese, Photoshop 4.0 è automaticamensu un numero Semplicemente

lanciando la «registrazione on line)) è possibile preimpostare operazioni di ritocco, il ridimensionamento, la conversione di formato, l'applicazione di filtri digitali, per poi lanciare l'intero procedimento su tutti i file presenti in una determinata cartella o directory. Alcune «Azioni)) predefinite riguardano il ridimensionamento automatico delle immagini a 72 punti per pollice per l'utilizzo in ambiente WWW, così come il loro salvataggio in formato GIF e JPEG con impostazioni ottimizzate per lo specifico utilizzo. Riscontriamo, inoltre, un aumento di velocità per quel che riguarda lo scrolling, lo zoom e lo spostamento dell'immagine, nonostante adesso sia necessaria una minore quantità di RAM rispetto alla versione precedente. Utilizzando macchine con più processori, sia in ambiente Macintosh che Windows NT, sarà possibile apprezzare incredibili aumenti di performance grazie alle complete funzionalità di multiprocessing simmetrico di cui è dotato Photoshop 4.0. Gli utenti Windows 3.1 potranno beneficiare di una velocità esecutiva fino a sei volte maggiore utilizzando il nuovo chip MMX

Adobe Photoshop 4.0 di Intel disponibile a partire dal primo trimestre del prossimo anno. Il nuovo software gira in modalità 32 bit nativa su piattaforme Windows NT e Windows 95, sfruttando al massimo livello le nuove caratteristiche di tali sistemi operativi (comprese quelle di Windows NT 4.0). Photoshop 4.0 incorpora ora una nuova tecnologia per salvaguardare la proprietà intellettuale delle immagini aggiungendo ad esse una invisibile «filigrana digitale)) contenente informazioni sull'autore e sui diritti di riproduzione. Aprendo un'immagine contenente tale protezione (indipendente dal formato file utilizzato). Photoshop 4.0 indica automaticamente la presenza della «firma)) avvertendo in questo modo l'utente che non può utilizzarla liberamente per scopi commerciali. t:!S 221


di Francesco Petroni

CORELDRAW 7 E CORELVENTURA 7 CorelDRAW è uno dei prodotti softwaper l'illustrazione, per l'impaginazione, re più conosciuti ed apprezzati in assoluto per il painting, per il fotoritocco, per la e, tra i prodotti di grafica vettoriale, è il modellazione 3D e per il rendering. Dileader di mercato. La Corel, che lo produspone inoltre di una serie di funzionalità ce, è una delle poche case software che di supporto, in pratica si tratta di altre riesce ad aumentare il numero dei propri applicazioni, come lo scanning, il traprodotti e ad aumentare le proprie vendicing, l'OCR, la creazione di oggetti 3D, te contrastando, in qualche misura, lo il Visual File Management, la utility di strapotere della Microsoft. cattura schermo, l'OLE scripting ed alIn questi ultimi anni il catalogo dei tro. Inoltre porta in dote 30.000 clipart, prodotti Corel si è notevolmente arric1.000 true type, un centinaio di foto, ed chito grazie ad importanti acquisizioni, altro ancora. come quella della WordPerfect, che si La nuova versione è la seconda per concretizza in una «suite» di prodotti di Windows 95, e rappresenta un consolitipo Office (con il word processor damento del prodotto precedente, riWord-Perfect, il foglio elettronico Quatspetto al quale ci sono numerose notro Pro, il Corel Presentation, e un'altra vità, tra le quali citiamo: dozzina di prodotti), e quella della Ven- ottimizzazione delle prestazioni, tura Software, che si concretizza nel - nuovi tipi di visualizzazione, che vanno prodotto Ventura ed in una serie d i prodotti di contorno. ~'' I~Ili!II!l·!llI, llli"lIllffl•• llll mm'Il!lI.iiCll§ •••••••••••• Altre linee su cui Corel [do ~dl !l- lio fJVOfl•• 11~ {;.. Fl\. ç, [;J Home ~ S••• ~ ch Fa""".. l!J. ~PIi< lA), 'U spinge molto sono quella coBock Slop R./I"" Foni M" stituita dai prodotti Home e _ •••l'''''.I''-c,,,el.~ ••m Small Business (ad esempio Lrok. ~B •••oIlhe"'eb ~Tod'l".L"". ~"'ebG_ Print House, presentato qualche mese fa) e quella dei prodotti CAD Si è partiti con Corel Visual CAD e si è proseguito con Corel CAD, il primo per la progettazione bidimensionale e il secondo per la modellazione tridimensionaie. Uno zoccolo duro è costituito dall'enorme quantità di materiale ClipArt che viene fornito, in varia misura, assieme ai vari prodotti. CorelDRAW è diventato anche un prodotto interpiattaforma in seguito alla recente uscita Le pagine WEB della Care! Se volete saperne di più sui prodotti Corel consultadel CorelDRAW per Macintosh. Viene te le sue pagine Internet. che vengono aggiornate garantita, evidentemente, la compatibiquotidianamente con le novità tecniche e commerlità dei file tra le due piattaforme. ciali della dinamica casa canadese. La home-page

.€la.m'cIM.,

CorelDRAW 7 CorelDRAW 7 è costituito, sin dalla versione 3, da una serie di strumenti

222

'a

dispone di un menu pulsantiera che viene riproposto su ogni pagina. Interessantissimo è il servizio di distribuzione delle immagini BitMap. In pratica le voluminose Gallervdella Corel sono state messe in linea e le varie immagini sono ricercabili da chiunque per mezzo delle parole chiave che le identificano. Una volta trovata la foto desiderata può essere scaricata al costo di qualche dollaro.

da quella «wireframe semplificata», veloce ma approssimata, a quella Enhanced, che emula anche il filtro anti-aliasing, - miglioramento dell'interfaccia utente, le ToolBar, le ToolBox, le Box, e innanzitutto le Propriety Bar, comodi pannellini che riassumono tutte le caratteristiche dell'elemento selezionato, - nuova interattività per alcuni strumenti operativi, come il Fili, che riempie, il Blend, che miscela, il Transparency, che riempie lasciando vedere l'immagine sottostante, - nuovo strumento Natural Pen, che, utilizzato sulle tavolette grafiche, riesce a riconoscere la pressione del puntatore nel tracciamento delle linee, - un nuovo strumento per scrivere testi artistici (Single Text Tool), ,;Jlil"'rEIx' - l'O bj e ct M a nag e r, pe r v isualizzare i vari oggetti e la loro gerarchia, - numerosi nuovi effetti speciali vettoriali, come il Blend accelerato, le estrusioni tridimensionali, ecc. - eccellenti funzionalità per la manipolazione degli oggetti BitMap, come quella che permette di attivare alcuni dei filtri di Photo-Paint e quella che permette di utilizzare i filtri Plug-In, - possibilità di creare degli Script per memorizzare sequenze di operazioni. Tra le altre funzionalità citiamo alcune di quelle condivise con gli altri prodotti della Suite Corel, cioè con PhotoPaint e Dream 3D: - supporto dei formati Internet, ad esempio con possibilità di esportare in HTML, in VRML, ed altro, f . . d· I·· . unzlonl I persona IzzaZlone spinta dell'ambiente, - potenziate funzionalità per il trattamento del Colore, ad esempio con possibilita' di adottare il Professional Color Management

della Kodak,

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


- Tutorial ed Help in linea in grande quantità. Delle altre novità, specie di quelle in Photo-Paint e in Dream 3D, parleremo in sede di prova.

Ventura 7 Dieci anni fa, quando nascevano le prime, costosissime, stampanti Laser, il Ventura Publisher della Xerox era il prodotto di riferimento per quella attività emergente, che era il Desktop Publishing, l'Editoria Elettronica. Dopo una serie di vicissitudini societarie e tecniche, ci riferiamo principalmente al passaggio del Ventura dall'ambiente grafico GEM a quello Windows, il prodotto è entrato nella scuderia Corel, ed ha subito, ovviamente, un energico trattamento tendente a farlo diventare un prodotto inconfondibilmente Corel, e quindi dotato di una interfaccia analoga a quella dei suoi nuovi compagni e degli stessi strumenti di supporto. Una novità sostanziale inserita nella versione 7 è l'utilizzazione di un formato singolo del file (* .vPl. in alternativa al vecchio progetto multifile, che causava non pochi problemi organizzativi in caso di pubblicazioni complesse. Il nuovo formato tra le altre cose ottimizza alcune operazioni di lettura, formattazione e conversione delle immagini.

CorelVENTURA 7 Sempre più Corel. Il Ventura non fa parte della suite Draw, ma fa, in un certo senso, «suite a sé". Il CD, almeno quello con la versione beta che abbiamo utilizzato per questa anteprima, contiene molti accessori interessanti, che vanno dal Database Publisher agli strumenti per Internet, dal CD Creator, per chi dispone di un Masterizzatore, all'EnvoV 7 II'Acrobat della Corel).

~

alla ricerca della inquadratura più significativa, di più potenti ce il riflesso delle BitMap di sfondo sugli oggetti lucidi. CoreIPHOTO-PAINT 7 - Il partner ideale del Draw. Frutto, molte versioni fa, di una acquisizione, il Photo-Paint è diventato nel tempo il partner ideale del Draw. Pur occupandosi Draw di grafica vettoriale e Photo-Paint di grafica bitmap, i due condiVidono molte funzionalità, ad esempio la gestione degli oggetti, la possibilità di giocare con le trasparenze, ecc. ed hanno raggiunto un perfetto allineamento in termini di organizzazione dell'ambiente operativo, con finestre RoIIUp, pannelli delle proprietà, funzionalità di personalizzazione del/'ambiente. Vediamo, in tre figure, tre delle possibili utilizzazioni di Photo-Paint: i/ fotoritocco di una foto un po' malandata, l'attività pittorica con colon~ tele e pennelli, la grafica di fantasia.

,

x

cycling efe - _~-f.i:t~~-t.~-~ ~

I ~}~: ... .•.__ •..... •• ..,

_ ...•_ ..-

•.. _

.•••

_ •.•... -

0.,.-

••.•

_!.s

__

------_ _._ ...._ ....•...._--.--_ - .•.-. . .... _--.....~ -..' ._ .. ........... _--- ~ -

....... -. - .•._ .•..•. ._--•.. --

_u__ - _..-

._--_ _-_ _-_

••. ~~::;~i =E:-: ..... _ - ....J

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

CorelDRAW 7 - Il capostipite. Questa è la seconda versione per Windows 95 del piÙ ddfuso tra I prodotti di grafica vettoriale: una versione di consolidamento con qualche significativa novità. Si tratta ovviamente ancora di una sU/te di prodotti, il qui presente Draw, il Photo-Paint e " 3D Dream, più un contorno di una dOZZina di strumenti di aiuto e la solita collezione di CllpArI. Dei tre prodotti prinCipali quello che contiene più novità è il 3D Dream, che dispone ora di numerosi Wizard di aiuto nella creazione dei soggetti e della scena, rrrM di nuove funzioni di «navigazione" nella scena funZionalità di rendenng, come quella che produ-

-...

...J

Tra i formati in uscita per la pubblicazione, citiamo quelli per Internet e quelli per Acrobat e per Envoy. Sono state potenziate le funzionalità di rete, in modo da rendere più efficiente la composizione di una pubblicazione complessa da parte di un gruppo di persone. Sono state potenziate le funzionalità che si basano su processi automatici, come quella che crea gli indici del documento e quella per gli indici analitici. Altro aspetto tecnico di estremo interesse è il fatto che Ventura 7 offre 300 comandi OLE Automation, il che rende praticabile varie forme di programmazione, dal di dentro, grazie al suo Scripting interno, ma anche dal di fuori .

223


a cura di Corrado Giustozzi

INTERNET PERTUlTl Per navigare in mare è necessario servirsi di imbarcazioni sicure, affidabili ed equipaggiate dell'attrezzatura necessaria a una corretta navigazione in piena sicurezza. Anche per navigare in Internet è necessario utilizzare una imbarcazione, il "browser", che deve essere messa correttamente

a punto per poter navigare al meglio.

Terza parte

(

di Rino Nicotra

Sullo scorso numero abbiamo parlato dell'installazione e configurazione di alcuni dispositivi di Windows 95 necessari per la connessione a Internet; in questa terza e ultima parte dedicata a questo argomento ci occupiamo, come anticipato, del programma di navigazione. L'offerta di programmi è vasta e la scelta va fatta in funzione delle nostre esigenze. Se la nostra navigazione non è particolarmente impegnativa e non ci interessano alcune soluzioni di tipo grafico o sonoro ma solo le informazioni che cerchiamo, allora possiamo servirei dei programmi più semplici o meno evoluti che, se non altro, hanno la prerogativa di essere veloci (perché realizzati solo con l'essenziale). Invece se il nostro obiettivo è quello di navigare alla ricerca di informazioni ma senza rinunciare alla possibilità di vedere animazioni o ascoltare suoni, dobbiamo allora utilizzare programmi dell'ultima generazione, ricchi di tutte le utilità necessarie a farei apprezzare le novità "scenografiche" e "coreografiche" di alcuni siti Web.

224

)

Come abbiamo già fatto per Windows 95 (il sistema operativo che ormai equipaggia la quasi totalità dei nuovi PC venduti) anche per il programma di navigazione la nostra scelta si è orientata su i due più diffusi: Netscape (abbiamo scelto la versione 2.02 in italiano) e Internet Explorer (la recente versione 3.0 in italiano) entrambi per Windows 95. Il primo è certamente il più diffuso al mondo, e quello che fino ad oggi ha proposto le soluzioni più interessanti sia sotto il profilo grafico che delle utilità contenute (gestione della posta elettronica, compatibilità con programmi di animazione, ecc.). Il secondo, anche se arrivato da poco nella versione più evoIuta, è sicuramente il programma destinato a rappresentare il maggior concorrente di Netscape: non solo perché anch'esso offre soluzioni grafiche e utilità di alto livello, ma soprattutto perché, essendo prodotto da Microsoft, si "sposa" perfettamente con il sistema operativo con cui è destinato a convivere, divenendone parte integrante. Sarà interessante vedere, nei prossimi mesi, in

quale modo Netscape e Explorer si "combatteranno" (alla stregua di TIM e Omnitel) per la leadership tra i programmi di navigazione.

Configurare: cosa e perché Se abbiamo una certa dimestichezza con il personal computer e i suoi programmi sappiamo già che essi vanno con figura ti. Configurare un programma significa comunicargli le nostre preferenze riguardo a determinate opzioni operative che esso ci offre, o comunicargli alcuni parametri necessari per il suo corretto (od ottimale) funzionamento che esso, da solo, non è in grado di determinare o di scegliere nella maniera ottimale. Nel caso dei browser, i programmi di navigazione su Internet, lo spazio lasciato alle opzioni di configurazione è generalmente moltissimo: sia perché sono parecchie le opzioni tecniche che possoMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


ABC

A,Ipaoenza

I Font l

I

Colori

l ~

I H.,]

IlTflIOllini

l.ilgua

l

~

B•••• 1ln.menli Mostrebarre stJumenlicome:

r

ItJdrezior,j

I_o

S..-

poste in partenze (SMTPt •••

S..-

poste in anivo(fOpt

Home _

Avviacon:

l s•••• I

l ~

I

lderdà

O'germezione

I

Poole

P Hevigetor. N~

r foste Nelscepe r Nctizit Neùcepe

r

(ò ~~

Peginevyote

Jmei.mcirl..-

POP:

Jmc97Bl

Uiedolyposta:

I-C:-\Pr-og-em-Fiet-\N-~--\N-~-' -Of-\M-eiI--

M•••••• <imenoionern=eggio:

I~

Ihltp:II_.rrcIirl<.itlpersonellMC97Bl

NfSSU"O

r

O;nens;one: lO

Cor(rcle le poste:

r

Ql1t

~

r

minAi

Sli dei Iii<.-------------,..,.---....,---.,.." Ilii<. .ono:

P Soltolineeli

Ilii<. __ acedono:

r

M.

Notizie S••~ notizie(NNTPt.

M.

KS

oonocopiaIidal •••_ nel <ioco1oceIe,poi VOflllO"'X (ò E~daI_ L.asçjeli.u_

Dopg:

OK

Fig. 7 - Nella finestra Apparenza delle preferenze di Netscape dobbiamo decidere da quale pagina iniziare la nostra navigazione. Essa può essere quella che desideriamo, basta scriverne l'indirizzo nel campo "Avvia con" e selezionare il comando "Pagina iniziale ".

no essere attivate (modalità di visualizzazione dei caratteri, dei colori, delle immagini; caratteristiche della connessione; opzioni di sicurezza; e così via), sia perché con la stragrande varietà di funzioni accessorie svolte dai browser (lettura ed invio della posta elettronica; lettura ed invio delle News; possibilità di attivare estensioni quali Java, o moduli esterni caricabili plug-in; e così via) all'utente viene lasciata tutta una serie di decisioni riguardanti le modalità con cui egli vuole che questi servizi vengano espletati. Da qui sorge, spesso, un problema pratico: le opzioni di configurazione sono così tante, e spesso di natura piuttosto tecnica, che l'utente inesperto tende ad ignorarle lasciandole al loro valore predefinito impostato automaticamente dal browser al suo primo avvio. E fin qui nulla di male: generalmente, infatti, i valori di default funzionano bene, anche se magari non predispongono il browser al funzionamento più ottimale. Però alcuni parametri sono obbligatori ed il browser non è in grado di stabilirli da solo (ad esempio il vostro indirizzo di posta elettronica, necessario per consentirvi di ricevere la e-mail), quindi dovete dirglieli voi. Inoltre si può cercare di ottimizzare il funzionamento del proprio browser in funzione delle caratteristiche tecniche del PC e della connessione di cui si dispone, agendo su altri parametri; ma ovviamente non si possono "dare i numeri", perché il risultato finale sarebMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

',,"w •.melinl"-

OireclOll'notizieBC:

IC:\P,ogem Re.\Nelscepe\NevigelOf\N ••••

Ricevi:

J3IXXl M=eg9 per vole (rnemno 3500)

1

be inevitabilmente un funzionamento peggiore o addirittura un malfunzionamento. Insomma, la fase di configurazione è importante e delicata. In questo articolo ci soffermeremo solamente sulla configurazione "di base", quella indispensabile al corretto funzionamento del browser. Più in là torneremo sull'argomento per vedere le opzioni più sofisticate e suggerire per ciascuna i valori più opportuni a seconda del caso.

Installazione di Netscape L'installazione di Netscape si esegue in modo estremamente semplice: dobbiamo limitarci ad eseguire il programma di installazione dal comando" Esegui" del menu di avvio di Windows 95; dopo una fase iniziale di preparazione ci sarà chiesto se siamo d'accordo sulla directory scelta di default o se preferiamo installarlo in un'altra, dopodiché l'installazione proseguirà automaticamente creando, alla fine, anche la cartella Netscape nel menu di avvio e l'icona sulla scrivania.

Configurazione di Netscape Netscape essenzialmente svolge tre funzioni: "navigare" da un sito all'altro, gestire i messaggi di posta elettronica, collegarci ai newsgroup. E' basilare per-

OK

ArYde

I

éWlca

1 __

1 __

Fig. 2 - Nelle opzioni tanto indicargli il noda configurare per la stro nome, il nostro posta elettronica (fineindirizzo di posta eletstra "Server"), dobbiamo indicare il notronica e informarlo me del server a cui fasu quali sono i server re riferimento per la ri(per continuare con cezione e l'invio della esempi marittimi poposta elettronica. tremmo definirli "i fari") a cui dovrà fare riferimento per le varie funzioni. Le indicazioni che leggerete qui di seguito si riferiscono al provider MC-link e vanno utilizzate solo se siete abbonati ad esso, in caso di provider diverso sarà egli stesso a fornirvi i parametri corretti da inserire. Per eseguire dunque questa configurazione di base avviate il programma (potete farlo anche se non siete collegati telefonicamente alla rete), cliccate sul pulsante posto in alto, contrassegnato da un punto rosso, in modo da interrompere la ricerca della pagina iniziale (pagina che il programma non può trovare perché non siete collegati) e cliccate su Opzioni; selezionate nel menu la riga "Preferenze generali" e nella finestra che vi appare (fig.1) selezionate la linguetta" Apparenza" Digitate nel campo "Avvia con" l'indirizzo della home page con cui volete iniziare la navigazione. Di solito viene utilizzata la pagina del provider a cui siamo abbonati, nel nostro caso l'indirizzo sarà: http://www.mclink.it. in questo modo ad ogni avvio di Netscape esso si collegherà automaticamente alla home page di MC-link. Cliccate su OK. C1iccate ancora su Opzioni e selezionate la riga "Preferenze posta e notizie", selezionate la linguetta" Server" e nella finestra che si apre (fig. 2) scrivete

225


ABC

Manual PlOxy Conflguration

Pt..., I Proxy~~~-------~---""""----'

x Appalenz.

I ~

I

SOI\'ef

Identità

I

Porta: 113080

I

OrgWZaMne

Porta: 113080

PIlflacidi te

Porta: 113080

Queste rlormaziori sono lMle per idenlf.:ati netmessaggidi post. e1ettronic.,e negIi~

Porta:ro---

llluooorne:

I~

Pto><y~A1S:

Port.: ro---

Illuo~zo.E.mai:

1mc9781@mclinld

HOSISOC~S:

Porta:llCl80

RispondiaI'jndiizzo:

Imc9781@lmcrI<.~

L.tuo ll'ganizzazione:

I~T-ecl-nirnedia"""'·--:·"------=-'::';';::'::;""::;C=:.~~.

~~=~

PuoiItmre una Ii$l.di do<m • ".; Net$ClllOl Navigai", deve accedere direttamente pòJt\o$toche altt•••.••so li' PfOlly. www--.mc-:'Iink..,....,-j---------unali$l.di:

H••••••.•PfO><Y per:

llluo filelima •••• urio ala f"", dei messagg di Posta e Notizie

I

~~~~~-

host:port••...

fio lima:

OK

OK

Fig. 3 - Nella finestra preferenze (menu "Preferenze posta e news ") dobbiamo indicare il nostro nome e il nostro indirizzo di posta elettronica.

Anrda

all'interno del campo "Server posta in arrivo" e in quello "Server posta i n partenza" la riga "mail.mclink.it", in questo modo abbiamo segnalato al programma il nome del server a cui fare riferimento per ri-

-éPll'1CB

1

cevere e inViare la nostra posta. Nel campo "Nome utente

POP" digitate il vostro codice (es. mc9781) e in quello "Server notizie (NNTP)" scrivete "news.mclink.it", segnalando al programma il nome del server a cui fare riferimento per il collegamento ai newsgroup Selezionate infine la linguetta "Identità" (fig.3) e scrivete il vostro nome nella apposita casella. Nei campi "Il tuo indirizzo E-Mail" e "Rispondi all'indirizzo" ripetete il vostro in-

1

Fig. 4 - Nelle imposta-

dirizzo di posta zioni del proxy dobbiamo indicare al proelettronica ad es. gramma il nome del mc9781@mclink.it, server proxy a cui dedove al posto di ve fare riferimento dumc9781 scriverete rante la navigaZione. il vostro codice. Cliccate su OK. In questo modo Netscape saprà tutto ciò che gli serve per consentirvi di scambiare messaggi di posta elettronica e collegarvi ai Newsgroup di Usenet (ci ritorneremo sopra in futuro). In ultimo, ma non per questo meno importante, dobbiamo indicare al navigatore qual è il nome del "Proxv Server" che intendiamo usare,

Il proxy Ormai credo sia chiaro che un provider che offre connettività a Internet, per poterlo fare correttamente, deve essere provvisto di una serie di 'macchine", che rispondono al nome di server, le quali svolgono una serie di funzioni essenziali consentendo una corretta navigazione sulla rete delle reti. Sul numero scorso abbiamo visto che cosa è un server DNS, in questo articolo abbiamo capito che a esplicare il lavoro di ricezione e invio della posta ci pensa un server (il mail server) che svolge la funzione di 'ufficio postale'. L'unico server di cui non è ancora ben chiara la funzione è il proxy (Proximity Server). La funzione principale del server proxy è quella di memoria tampone, assimila bile in parte alla cache del nostro programma di navigazione, con la differenza che la cache del nostro programma tiene conto solo del lavoro svolto dalla nostra macchina mentre il proxy tiene conto di tutto il traffico generato sui server del provider di appartenenza. Infatti esso mantiene in memoria per un certo tempo copia di tutte le pagine dei siti visitati. In questo modo ogni abbonato che richiederà l'accesso ad una pagina già visitata recentemente da un altro abbonato si troverà avvantaggiato in velocità, perché il proxy gli trasmetterà, eseguito un veloce controllo sull'aggiornamento, la pagina che ha in memoria. Solo se al proxy la data e l'ora dell'ultimo aggiornamento della pagina richiesta (controllo che si esegue velocemente per la scarsa quantità di informazioni che devono viaggiare) risulta successiva a quella che tiene in memoria ci farà pervenire l'ultima versione aggiornata creandone una nuova copia per sé.

226

Quindi il lavoro del proxy assume un'importanza rilevante per la velocità con cui riceviamo le pagine, in particolare per quelle dei si ti maggiormente visitati. Solo in un caso potrebbe essere utile disattivare temporaneamente l'utilizzo del proxy da parte del nostro programma di navigazione, precisamente quando dobbiamo ricevere file molto lunghi (immagini, programmi e software in genere) scaricati dai siti dove sono a disposizione. Questo perché il proxy tiene in memoria temporanea anche la copia dei file ricevuti provenienti da altri siti. Se per caso, in un precedente download, fosse arrivata una copia incompleta a causa di disturbi di ricezione, sul proxy ne resterebbe comunque una copia corrotta e noi rischieremmo di ricevere proprio quella. Un esempio reale: recentemente ho "scaricato" dal sito Microsoft l'ultima versione (la più completa) di Explorer 3.0 in italiano (9.707 Mbyte!). Dopo circa 50 minuti la ricezione risultava ultimata e chiudevo il collegamento per eseguire l'installazione del nuovo programma. Sorpresa! L'installazione non partiva. Dopo alcuni tentativi eseguivo una verifica sulla grandezza del file ricevuto, risultava di circa 8 Mb, quindi era incompleta, mi ero dimenticato di disattivare il proxy, 50 minuti di telefonata buttati. Infatti, sul proxy era presente una copia incompleta dello stesso file rimasta così forse perché chi aveva tentato di riceverlo prima di me ha deciso di interrompere, chissà per quale motivo a 8 Mb, la ricezione, o forse la causa è stata un disturbo sulla linea. Pazienza! Sbagliando o dimenticando s'impara. Siete avvertiti.

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


l) Ei

Opzioni Genelaie

ABC

I Cooole$$ÌOne Esplorazione IProgrammiI Protezione IAvanzate I

Pe/sonaUza ~ possilile modiflCalela pagina irùiaIe, la pagina di ricerca e i coIegamenti da balra degli strunenti Scegiefe relemem da modiflCaledal'elenco. "IementO:

lo

Indirizzo:

L'installazione di Explorer

Fig. 5 - Anche in Internet Explorer dobbiamo indicare con quale pagina vogliamo che il programma inizi il collegamento.

l'Pagina iniziale

Come abbiamo già segnalato sullo scorso numero di MCmicrocomputer, affinché un programma di navigazione funzioni dobbiamo prima configurare quello di connessione con cui abbiamo intenzione di effettuare il collegamento (altrimenti non riusciremmo neanche a connetterei) e altrettanto dobbiamo fare con il protocollo di rete TCP/IP (vedi Mcmicrocomputer n. 166 pago 244). Se questo è vero per tutti i programmi di navigazione (Netscape compreso) lo è un po' meno per Explorer, infatti sarà l'installazione stessa del programma a chiederei (nel caso non lo avessimo già fatto prima) l'inserimento dei parametri necessari alla connessione. Quindi se non avete già installato i dispositivi di cui abbiamo parlato sullo scorso numero (Accesso Remoto e il protocollo TCP/IPl. tenete a portata di mano MCmicrocomputer n. 166 e il CD-ROM o i dischetti di Windows 95 perché durante l'installazione di Explorer saranno richiesti per l'installazione in automatico dei programmi mancanti. Come per Netscape alla fine dell'installazione troverete nel menu di avvio e sulla scrivania l'icona di Explorer necessaria all'avvio del programma.

lhup:•• www.mclink.it J.lsa pagina COIrente

I

U§a pagina Pledefna

l

si apre (figura 4), ripetete nei campi "Proxy FTP" , "Proxy Gopher" e "Proxy HTIP" la riga "proxy.mclink.it" , ~sualizza Cronologia... 1 _.c_anceIa __ O_onoIogia ·_ mentre nelle tre porte corrispondenti scrivete il numero "8080". Nel campo" NesOK sun proxy per" scrivete la riga: www.mclink.it.cliccate su OK e ancora se intendiamo usarne uno. Tipicamente su OK nella finestra precedente. conviene usarlo, se il provider cui siete Ora Netscape è configurato e siete abbonati ve ne mette a disposizione pronti per navigare sulla rete e consultauno. (Per le funzioni da esso svolte vedi re la vostra posta elettronica. il riquadro "Il proxy"). Procedete dunque come segue: c1iccate ancora su Opzioni e selezionate la riga "Preferenze rete"; Figg. 6 e 7 - La configurazione di Explorer è sonella finestra che vi appare selezionate stanzialmente simile a quella di Netscape. an"Configurazione manuale del proxy" e che qui dobbiamo indicare il nome del server che ha funzione di proxv durante la navigazione. cliccate su Visualizza. Nella finestra che Oonologia ~ la C41te8aOonologia contiene colegamenti a pagine già \lis~ate.

l) Ei

Opzioni Genelaie

I

I

I

I

Conne$$ÌOne Espiofazione Programmi Protezione Avanzate

Impostazioni

il Ei

prollY

I

~inCOlSO

r

r

.connetti a Internet quando necessario

,~L ~

Il ~

J

dI>.

.~

:3 Agp

I

Er1lPfrl:'W

l"""jJ

l

:JIJ

r Usa

r

Se/VelPlOll}' ~ f;;' ~tti

lo stesso se,ver proxy per tutti iprotocolli

Eccezioni tion utiizzale

a Internet altrave/so un selVe/PIOli}' !mpostaziori...

2

a server

prOIlYper gli indirizzi che iniziano per:

3

Iwww.mciinu

..:l Utili<za a punto e virgola ( ; ) per separale le voci.

r Non usare

il selver plOliYper indiizzi ~

OK

(Intranet)

Annulla

OK

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

227


ABC lJ Ei

Opzioni

I

Invio Lettua dei ~ Corholo Oftog:aIia

I

Server

FIlM ~.

Specf1cate ilÌlO di conneuione utizzato per la posta eiellIonica.

\ ~

Comessione r~lAN

lJ Ei

Opzioni

I

Controlo OItog:afla Firma~. Invio lettura dei messaggi Nome:

SetVef

IRino Nicolra

~ocietà;

IR=Cino""~N:::icot--fa----=;';;;=~:-~=====:::::

Indirizzoposta

1""mc9-::-::7""81'""@mc:---:-1ink."""'~--------1

eiellIonica:

r.

~le$sioole

r

Acc~

~

ala posta eleIlIonica via modem

l

SerYel-----;:::;::::;::;::.======-Posta in !!scita (SMTP~ ImaìI.mclir*..~ Posta ~

Ìl'l

an~

(POP3~ '-maìl.-=-mcink-::-""."". ------'---.1

POP3:

fassword:

ti

lcrrrro d~ Il'lVIP del

--::-:::::---====~I

Imc9781

--

I~""

..

n=ClTle

1~/liÌCri

OK

La configurazione di Explorer Le operazioni da eseguire per configurare Internet Explorer sono sostanzialmente simili a quelle già descritte per Netscape: nomi e numeri sono naturalmente gli stessi, e vanno collocati nei campi equivalenti anche se qualche volta varia leggermente il modo con cui alcuni di essi vengono definiti. Ma vediamoli nel dettaglio. Avviamo Explorer c1iccando sull'icona presente sulla scrivania, blocchiamo la ricerca della pagina iniziale cliccando sul pulsante "Termina" contrassegnato da un pallino rosso recante una X. A questo punto andiamo ad indicare il nome della pagina con cui vogliamo che inizi la nostra navigazione. Dal menu "Visualizza" selezioniamo la riga" Opzioni". Apparirà una finestra con, in alto, sei linguette di scelta. Selezioniamo la linguetta "Esplorazione" (fig. 5), nel campo "Elemento" inseriamo la riga" Pagina iniziale" mentre in quello" Indirizzo" scriviamo il nostro indirizzo di preferenza. Come abbiamo già detto, di solito viene inserito l'indirizzo della home page del provider con cui siamo abbonati. Passiamo ora alla linguetta "Connessione" (fig. 6), nel riquadro Server Proxy selezioniamo" Connetti a Internet attraverso un server proxy" e c1icchiamo su impostazioni. Si aprirà la finestra in figu228

dl

__

avanzate...

I

OK

Figg. 8 e 9 - Anche in questa fase si ripete quanto già fatto per fa configurazione di Netscape: dobbiamo inserire il nostro nome, il nostro indirizzo di posta elettronica e il nome del server che gestisce la posta in arrivo e in partenza.

ra 7, scriviamo nel primo campo la riga "proxy.mclink.it" e in quello della porta corrispondente inseriamo il numero "8080". Selezioniamo il comando" Usa lo stesso server proxy per tutti i protocolli". Nel riquadro eccezioni digitiamo l'indirizzo "www.mclink.it". In questo modo abbiamo segnalato al programma il nome del server proxy di riferimento, e per quale indirizzo, invece, non vogliamo venga utilizzato. Per configurare le opzioni di posta elettronica (la versione 3.0 di Explorer, a differenza delle precedenti, è completa di programma per la gestione della posta elettronica) dobbiamo passare al menù "Posta" e selezionare la riga "Leggi posta". Si aprirà la schermata del programma di gestione della posta elettronica. Selezioniamo il menu" Posta elettronica" ed andiamo a inserire il nostro nome, indirizzo e ad indicare al programma il nome del mail server. Selezioniamo la riga "Opzioni", apparirà una finestra con sette linguette di scelta, selezioniamo la linguetta" Connessione" e si aprirà la finestra in figura 8, nel riquadro "Connessione" selezionate "Connessione Manuale". Selezionate ora la linguetta" Server"

(fig. 9), nel campo "Nome" inserite il vostro nome e in quello" Azienda" il nome della vostra Azienda (potete anche riscrivere il vostro nome o lasciarlo vuoto), nel campo" Indirizzo di posta elettronica" digitate il vostro indirizzo (es. mc9781@mclink.it). Nel riquadro "Server" dobbiamo segnalare quali sono i mail server di riferimento quindi scriveremo "mail.mclink.it". Nel campo "Account POP 3" inserite il vostro codice (es. mc9781) ed in quello password la vostra password. C1iccate su "Applica" e chiudete la finestra. Explorer ora è configurato ed è pronto per iniziare la navigazione. Ricapitoliamo in breve la procedura da seguire per il collegamento: avviamo la connessione di "Accesso Remoto" che abbiamo creato e chiamato MC-link (" ABC" MCmicrocomputer n. 166), appena ci appare il messaggio di benvenuto seguito dal segno @ scriviamo il nostro codice e, successivamente, la nostra password. Appena appare la dicitura "Attivare il proprio software PPP" cliccate sul pulsante F7 presente sulla stessa finestra di dialogo e avviate il vostro programma di navigazione. Dopo qualche secondo, tempo necessario affinché si concluda la procedura di riconoscimento e accesso alla rete, vi apparirà la pagina dalla quale inizierete la navigazione. Buon divertimento!

MCmicrocomputer n. 167.- novembre 1996


ANNO 6 NUMERO 45 OTTOBRE 1996• MENSILE LlRE3S.000


le me e camolano eo ore • • •

Lazio FormiailT' FrOSinoneIFRI Lollno[LTI Lollno[LTI PomeZia[RMI Roma:RMI RomaiRMI Roma,RMI RomaIRMI Ramo[RMI Ramo[RMI RomaIRM) Roma;RMI amo ) RamoIRMI RomaIRMI Ramo(RMI Roma(RMI RomoRMI Romo-FlUmclnoIRMI Liguria Genova (GEI Savona(SAI Lombardia ConiÙ ICOI COItelonzo IVAI Cinlello BollOmoIMI) Camo [COI Cremona (CRI Eremodi Curlolone (MNI Mliono [MiI MlonolMIl MlanolMl1 Mlono (MiI

Syllemo Guodrmlorm Campugame Lollna !MC lolmo Grvo Inlormollco Allo Cod Se", ce AutomazioneU'fcio Compugome CompulerConlullmg Enler !MC MocPro ~oService Mu"IIO" PIa,nlorm RMS SinergieRamo Sahlink Torvon 100erido

Via Vitruvio, 183 Via MoriNimo,480/482 Via Panlinio,70 Via PierluiglNervi, 204/ A Via Melaslolio, 19/21 Viole Europa,62 Via Andrea Me.dolo 446/452 Via P:Jc~ioAmeno. 20 Via Ri olmo Venuli, IO Via Mentebionco, 39 Via Centuripe, 23/25 Via Manie delle Gioie, 22 Via G Mioni 13 Via GioliNi, 345 Via Ugo de Coralil, 97/C Via Cornelio Mogni, 41 /B Via AUllrolio. 2 Vio'e dei Calli Porluenl;,383 Viole ReginaMorgherilo 277/ A Via FoceM,c no 58

0771 ·772160 0775·202333 0773 . 666745 0773 . 60478 I 06 91601046 06·5914315 06 - 51957482 065941881 06 - 862024 06-8172493 06 -7802345 06 - 86211092 06 5745945 06 - 4457556 06 - 6629989 06 - 5180698 06 - 5920804 06 - 58206046 44249287 - 6507345

Myrddin Communicollon Briona& C

Via F De!p,no 2 A COllO Tordye Benech,20/R

010 2725455 019 - 802479

Compuler Houle Az,muin PC SuperSrore Doylog Arch,mede Co'edonio A1corI Alcor I Alcor l A1corl

CorIO Europa 23 Via F 'I ROIel 18,8 Via S Morl,no, IO Via Italia libera 13 Via Breleio, 36 Via Michelon~elo, 40/B Viale Bligny, 2 Viale Gran Sasso,50 Via SanV,Nore,6 Via PaoloSar I 7

031 - 720552 0331 - 480802 02 6601 50 031 - 242370 0372 - 431131 0376 - 380828 02 - 58300442 02 - 2360015 02 - 86453175 02 33101493

Milano IMiI Milano IMiI Milano [MiI Mdana[MII Milano [MII Pavia [PVI SarannoIVAI Selto SanG,ovonnrIMiI Sovico [MiI VeronaBflonzo [MII Marche S B. del Tronlo[API Piemonte essondrioIAli BorgomaneroINOI Torino!TOI Torina(TOI Torina[TOI TorinaITOI ~lia "O IBAI Bo" [8AI COItrignonod G. (LEI Foggia (FGI Sardegna Nuoro (NUI Toscana F"enze IFII Grollelo [GRI livorno (111 Molla (MSI Pilloio [PTI SesiaF,orentino[Flj SienaISII Vior io [lUI

AIcor I Edimolico Hmm SIcrel WorkShop PockSYllem OIlice Morkel PC SuperStore Compuleam MocWork

Via ~ofl 5 Via Sacchml 20 Via PanfiloCOIloldi, 23 Via Cormo~nola, 8 Via lorgo, Via Marconi, I Via Volanlerio.31 Viae Gromlel 42 Via Fiume48/ A Via della CooperaZione, I1

02 . 89401349 02 29514937 02 29517654 02·66801980 02 86454176 0382·575795 029 3253 02 - 2403490 039 - 2012372 0362 - 992271

GenelYI

Via Curzi, 54

0735 - 590028

Sillemr Bil Ali Compuler DoloDevlce InloSu Rekordolo Silene

Via Ghilinl 27- GoII UnlverlO 0131·251121 0322 - 846696 CorIO Go"baldi, 106 Via Sirodello, 172/1 011 ·250535 Via Tabacchi,45 011 8995357 Via S Poalo, long CIO Ferruccl OIl - 3856656 Via Volvera 6 OIl - 3833083

Slllempro AD S'llemi Elleb,t Moc Service

Via VitOflO, I1 CIO BenedeNoCroce. 50 Via G. Goribaldi, 14 CIO Gionnone, 94

0883 . 564919 080 - 5423784 0836· 573993 0881721745

Gronoro

Via Mughmo 41

0784 - 36211

Moc & Idea Rigel A. S S O Inlormotico FulureNel ElcOl Music Romasnc InlormollcoUniverl,lofio Dolo Pori

Via GiUIII, 15 A/B Via Pepe, 18 PiozzoMozzini, 62 Via MollO-Avenzo, 20/B Via MereNI,89 Viole Arioslo, 492/F Via S Pietro, 15 Via S Andrea, 35

055 - 2346766 0564 - 29031 0586 - 898506 0585 . 792925 0573 - 532272 055 - 4218730 0577 - 287071 0584 - 944007


, •

®

Punto Vendita Autorizzato Apple Computer

Specialisti Apple al tuo servizio

marroni A novembre le castagne migliori le trovi nei negozi MacStore e se hai un modem collegati al nostro sito Internet www.macstore.it per essere sempre aggiornato sulle ultimissime offerte.

Performa 5260

PowerBook 1400c8

LaserWriter 12/640 PS !

Processare Po\\'erPC 603e a 100 MHz. 12 ~1Bdi RA:\'1 espandibile a 64, disco rigido interno da 800 ~IB e lerrore di CD-RO:'I a quadrupla relocità. ~Ionilor a . colori incorporato da 14", suono stereo a 16 bit con altoparlanti incorporati, pone ingresso e uscita audio. microfono incorporato. pone seriali. poi1a S I e poi1a ADB, slot intemi per alloggia mento di schede opzionali, quali scheda fax/modem, schede ~lpEG o ETHER:'\ET.

L'offerta MacStore include la scheda Apple TVVideoSystem in omaggio. La dotazione sa/m'are include il Sistema operatil'o, At Ease. Guida Apple e Clari Works (sa/m'are integrato per trattamento testi. disegno tecnico e pittorico, foglio di calcolo. database e comunicazione).

Processore Po\\'erPC 603e a 117 ~1Hz. 12 I\IB di RA~I espandibile a 64. lettore floppy Apple uperdrire. disco rigido da -50 ~IB e CD-RO.\16x (opzionale). Schermo DualScan a colori SVGA a matrice passira da 11.3". pona seria le, 2 slot per PC Cardo uscita suono stereo a 16 bit. microfono e altoparlanti integrati, porta SCSI e pona ADB. La dotazione softll'are include il Sistema operatiro. At Ease. Guida Apple e Claris\\'orks (software integrato per trattamento testi, disegno tecnico e pittorico. foglio di calcolo. data base e comunicazione).

Processore RIse A"\ID 29040 a 30 ,\IHz. risoluzione di 600 DI'I con tecnologie finePrint e PhotoGrade per il miglioramento della risoluzione e delle immagini. 4 ~IB di RA.\I espandibili a 64 MB. Pone LocalTalk. parallela bidirezionale e porta Ethernet (supporto dei protocolli EtherTalk. TCp Il' e \'ol'ell \'et\\'are IpX). suppono dei linguaggi Adobe PostScript Level 2 e l'CL 5. relocità di stampa di 12 pagine al minuto. Dispositil'o opzionale di stampa fronte retro.

L'incredibile offerta "TRADEIN LaserWriter 12/640 PS" vi permette di permutare la vostra vecchia laser, di qualsiasi marca o modello, con una valutazione di 5., 1.000.000 (+IVA).

Prezzi a partire da:

<t. 2.490.000

<t. 4.390.000

<t. 2.390.000*

(2.963.000 IVA inclusa)

(1.224,000 IVA inclusa)

(2.844.000 IVA inclusa)

l') Il pre"o indicoto i iiferito all'afferro 'Trode In': ,. 3.390.000

IloserW,iter 12/640 15) . '- 1.000.000 (valore di po,muro di uno slomponle loser) . le offerte sono valide fino od esou,imenlo scorte·

.

Tuili i marchi (ilon opportengono ai ,ispelli,; prop,ieron.


o o Liscio, gassato o... Vabbè, potete rispondere quello che volete, tanto sempre di Pentium si tratta. Se non nei fatti almeno nel nome, dato che in effetti il Pentium Pro non è poi che abbia molto da spartire col suo predecessore oltre, appunto, ad un nome impostogli essenzialmente per motivi di marketing. Eppure entrambi sono accomunati in una sorta di famiglianza che in qualche modo prende le distanze da tutto ciò che è venuto prima, dal vecchierello 486 indietro fino al preistorico 8086. Possiamo quasi chiamarla la terza vera generazione di processori Intel, anche se a rigar di numeri il Pentium ed il Pentium Pro sembrerebbero essere rispettivamente la quinta e la sesta. E invece no, tutt'al più la sesta e la settima, considerando 1'8086 come zeresima generazione (da leggersi 80-zero-86). Ma vediamola invece così: la prima generazio232

ne, quella dei sedici bit, comprendeva 8086, 80186 e 80286; roba del giurassico, con la memoria segmentata, il limite dei 640 KByte, il solo modo reale (a parte il 286, ma tant'è ...), frequenze di c10ck prossime alla continua. Oddio, sul 286 ci girava il sacrosanto Unix in perfetta multiutenza, ma a patto di tali e tante contorsioni programmatorie che a pensarci viene ancora oggi la pelle d'oca. Giunse poi Sua Maestà 1'80386 e con esso l'oscuro oggetto del desiderio, ovvero i trentadue bit. Che poi all'epoca nessuno vide mai, perché i primi software davvero a trentadue bit arrivarono solo ai tempi degli ultimi 486, ma così va il mondo. Il 386 comunque introdusse un modo protetto decente e raddoppiò il clock rispetto ai 286. Suo fratello maggiore il 486 iniziò finalmente a fare le cose per bene, migliorando la sua archiMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


(

di Corrado Giustozzi

tettura e adottando un sacco di trucchi per velocizzare davvero il software: ecco quindi una cache interna per dati e istruzioni, il coprocessore matematico finalmente integrato e asincrono, la velocità di clock interna differente (multipla) rispetto a quella esterna. All'epoca del 486 nascono anche, finalmente, i primi software 386-only, che poi sono di fatto dei 486-only perché il 386 è oramai morto e sepolto. Ed eccoci alla terza grande generazione, quella dei microprocessori con i nomi e non più con i numeri: sarebbero infatti 80586 e 80686 ma motivi di copyright impongono la svolta stilistica. Con il Pentium l'architettura diventa superscalare, le cache si ampliano e si specializzano, la pipe/ine si evolve, il clock supera per la prima volta il muro dei 100 MHz. Di fatto il Pentium sarà sempre sottoutilizzato per via della fortissima diMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

)

pendenza delle sue prestazioni dalla qualità del codice eseguito, data la sua incapacità di riorganizzare dinamicamente il flusso di istruzioni al fine di mantenere sempre piena la pipeline. Ma tanto alla fine anche il Pentium si rivelerà un microprocessore di transizione, quello che ha aperto la strada ai nuovi applicativi realmente a 32 bit consegnandoli al vero destinatario, il Pentium Pro: che poi è «tutto quello che avevate voluto nel Pentium ma non avete mai osato chiedere». Ecco finalmente una logica intelligente che fa la riorganizzazione dinamica del codice, ecco l'esecuzione speculativa delle istruzioni, ecco una superscalarità spinta a cinque istruzioni di picco (tre in media); c'è perfino una gigantesca cache di secondo livello integrata nel chip, che forse è l'unico vero errore di progetto (e infatti nel P7 non ci sarà più) ... 233


Process Thrust

l'C1

A""

....... Preshwe

Siamo dunque alla terza generazione, quella di oggi e di domani, che ci consegna la multimedialità fatta in software e permette di far girare applicativi pesanti e onerosi sotto sistemi operativi realmente multitasking e a 32 bit. Il mondo è ormai dei Pentium, e Intel fa di tutto per soddisfare questa aspettativa; da qui la continua proliferazione di versioni sempre nuove e specializzate di questo chip: a basso consumo per i portatili, ad elevato clock per i desktop, con istruzioni multimediali per le workstation, e tutti a varie frequenze di c1ock. E già si vedono paradossi insensati quali i notebook coi Pentium Pro, nati per soddisfare soprattutto il mercato degli status symbol tecnologici. D'altronde la tecnologia del silicio si evolve, il mercato preme e la risposta da parte di Intel non può farsi attendere. Dato quindi che col Pentium e il Pentium Pro dovremo convivere a lungo, e si spera felicemente, è il caso di capire bene che tipo di bestie siano, e soprattutto quale serve in quali occasioni. Ec-

•.

suo range di potenza MMl("' 'nt.rea.t •. O.lljJ O.3~ O.iI' O~ Ttchnology varia, a seconda del TUI E.t. oavo c1ock, di un fattore 2 USlI consentendo all'OEM di modulare 1S,90.1l) tlll.13:l.tOO. con risoluzione assai 166.2DUtt:r tOO M":r fine la sua offerta. Di fatto l'entry-Ievel è L'evoluzione del processo di fabbricazione del silicio che ha consentito la oramai il chip a 100 produzione di chip ultradensi come il Pentium Pro. MHz, mentre il 200 MHz «tiene» ancora il prezzo. mes hanno annunciato che utilizzeranno le estensioni MMX nelle prossime verLe prestazioni globali della famiglia sioni dei loro prodotti; e diversi produtsono eccellenti, pur considerando che i chip non sono specificamente ottimiztori di hardware multimediale fra i quali Analog Devices, ATI, Cirrus Logic, Creazati per l'esecuzione di codice puro a 32 bit ed inoltre che l'effettivo utilizzo della tive Labs, Crystal Semiconductor, S3 e superscalarità dipende in maniera dramYamaha hanno espresso il loro pieno matica dalla qualità del codice eseguito; supporto alla nuova architettura. Insomma, i Pentium di domani saranin pratica solo un codice espressamente ottimizzato (dal compilatore) per il no molto più indaffarati di quelli di adesso, ma permetteranno di realizzare siPentium viene eseguito alla massima velocità, mentre il normale codice 486 stemi più complessi ad un costo più contenuto. può non essere eseguito in modo ottimale. A livello di sistema ricordiamo che col Pentium è nato anche il bus PCI, oramai diffuso come standard, il La tecnologia dei processori «Mobiquale riesce finalle» (da leggersi all'inglese, mobàil) è namente a superare iCCMP" Index Z Ocompares tre relative perfonnance of differentlntel rrncroprocesrors turalmente alla rincorsa di quella dei le limitazioni dei processori tradizionali che non devono vecchi bus ISA/EIPROCI.$$ORG o '00 sottostare agli stessi vincoli dei loro cu'20 '00 170 "'" 22 SAIVESA consengini «da viaggio». Innanzitutto occorre tendo alla CPU ed Pemum"Pro 2llJ MIIz limitare drasticamente il consumo di alle periferiche di Pemum Pro l rn MHz corrente del chip, sia per aumentare la comunicare in moPemum Pro I j] MHz sempre limitata autonomia delle battedo rapido, efficienPerbum" ZOOMIIz rie di bordo, sia per minimizzare i prote e soprattutto PerAium166 MIIz blemi di dissipazione del calore generasenza impegno del Pemum l j] MIIz to dal processore (una ventola in un microprocessore. I Pemum 133 MIIz portatile aumenta l'ingombro e consuLe versioni del I PerAiumIll)Mllz ma corrente a sua volta, quindi è meglio Pentium di prossiPemum lOOMllz evitarla se possibile). Anche il packama uscita incorpoPerAium 75MHz ging deve essere differente, per minireranno una nuova mizzare l'ingombro del chip e consentitecnologia chiamaDilrrc. n~iIf"d 'l)~ca1fgntO"l""'ahct aculp.rbTnarcCl. OOWP"'~2.0~ts 32~il:çbti:n ard~.ltce:rnbi"ll!i!55~ CPU'nir1C32'. ,krt:nSl-32'.$PE)hQS".SR:~.~ •.•• McjQ 8rlcI"TMrk. re un più efficace smaltimento del calota M MX che consi&eh pocasO"s r'ltrg cltlutl-.d _ 're trre 1"ep"ocMSO" 15i'Wai..I;:ed. Ratrgs fa' pocti$CJ'$ r"'ikd..I:ed tlMcnt 00t.IP h:Se>t2D.~clt;uII-=tt.pOn •••• nI7l20"sre-'. Fo'mnhfc,nnbnlxu: iOOt.tP~2D. hcldrga descrpc.bnd re generato. Peraltro l'utilizzatore di un ste in una nuova r.synms ~ 10Qbota"r'lthgs. CcnQctyo.r bcal hteln1es o,r:.. notebook a differenza dell'utilizzatore di serie di istruzioni leun desktop probabilmente non tenderà gate ad elaborazioLa famiglia Pentium a confronto. Vediamo gli indici di potenza relativa, espresa voler sostituire il processore nel corso ni di natura multisi mediante il valore convenzionale iCOMP (fonte In te/). della vita del proprio computer, quindi si media le. Con può rinunciare tranquillamente ad un l'MMX diminuirà la montaggio mediante zoccolo e pensare necessità di hardware esterno addiziocovi dunque una breve carrellata sulla a qualcosa di più adatto. «famiglia Pentium», utile come bignanale per la gestione di applicazioni mulEcco quindi le tre tecnologie essentimediali, che potranno quindi girare mino prima di un acquisto o per chiarirsi ziali implementate in un processore moesclusivamente in software. Varie le idee che il mercato tende a confonbile: SL per la gestione attiva dei consusoftware house tra cui IBM, Microsoft, derei ben bene. mi, VRT (Voltage Reduction TechnoAdobe, Macromedia e Epic Megaga-

iCOMP~Index 2.0

6O,615UHz

••

Mobile

I

Ìi

Normale Beh, sul Pentium «liscio» oramai è stato detto praticamente tutto. Si tratta di un processo re maturo, che di fatto è diventato una sorta di factotum: infatti il

234

11

La struttura schematica deff'archite ttura del Pentium.


Prova 2.0 •

Penllum~Pro Processor-200MHz

~1.8

Penllum Pro Processor-180MHz

<O

Penllum<!l Processor-200MHz

Penlium Processor -166MHz

N

2~

1.6

"00

o'" ~~ 1Il0 E

1.4

o 1.2

oQ:

ZE

1.0

:J

.~ o 0.8 Il.

Il Pentium Pro: i due ((quadrati» di silicio sono rispettivamente la CPU e la cache di secondo livello.

logy) per la diminuzione dell'assorbimento, TCP (Tape Carrier Package) per il packaging. Brevemente: la tecnologia SL consente al microprocessore di abbassare dinamicamente la propria velocità di clock in determinate situazioni, ed anche di passare in modo «sleep» e/o di disattivare alcune componenti del sistema, al fine di non consumare energia quando non è necessario; la VRT consente al processore di operare internamente ad una tensione di 2,9 V pur interfacciandosi all'esterno con la motherboard alla tensione tradizionale di 3,3 V, e ciò permette al chip di consumare di meno e soprattutto di raggiungere frequenze di clock più elevate; la tecnologia TCP consente il montaggio del chip sulla superficie della motherboard in modo da ridurre drasticamente l'ingombro complessivo dell'assemblaggio e migliorare lo smaltimento del calore generato, La frontiera attuale dei Pentium Mobile è di 150 MHz, un valore assolutamente eccezionale se si considera quanto poco questa prestazione incida sull'autonomia delle batterie; tuttavia il throughput complessivo è in qualche misura inferiore a quello di un Pentium «liscio» per l'effetto dei meccanismi di riduzione dei consumi.

0.8 16-b~ Apps/Windows'

Pentlum

16-b~ 95

Apps/Windows

NT'

Pro Processor-200MHz

• Pentlum Pro Processor·180MHz 2.0 zione più raffinato di quello • Pentlum Processor·200MHz del Pentium è stato possibi• PenllumProcessor-166MHz .1.8 le realizzare un chip con un r<O "! numero maggiore di transio~ 1.6 stor e dunque con più fun~~ zionalità integrate. Così è o'" 1.4 ~~ stato possibile lavorare so<:lo E o 1.2 prattutto sulle ottimizzazioon: ni, ad esempio aumentando z'E 1.0 il parallelismo interno, inse.2 rendo dei meccanismi spe0.8 Q. cifici per l'esecuzione ottimale del codice a prescinde0.6 SYSmark" 32/ SYSmark" 32/ re dall'ordine delle istruzioni Windows' 95 Windows NT" in arrivo, incorporando nel chip la cache di secondo livello (da 256 o 512 Kbyte a Ecco come variano, secondo Intel, le prestazioni del Pentium Pro in funzione del tipO di codice eseguito, seconda dei modelli) e ottia parità di clock il Pro è assai più efficiente su codice mizzando il tutto per i 32 bit. Il risultato è un chip potentissimo, che però dà il meglio di sé solo quando esegue codice «puro» a 32 bit; nel caso di codice misto o solo a 16 bit i suoi meccanismi interni di ottimizzazione non vengono messi in condizione di lavorare al meglio, e dunque le prestazioni non sono troppo differenti da quelle di un Pentium «normale» funzionante alla medesima frequenza di clock.

E N

g

Pro

SYSmark'/NT

Pentium e del Come si vede puro a 32 bit.

Col Pentium Pro siamo in pieno futuro, Sfruttando un processo di fabbricaSecondo uno studio del Gartner Group (fonte Inte/) i nuovi processori ed i nuovi sistemi operativi a 32 bit, offrendo piattaforme più robuste, sono destinati a far ridurre il costo operativo dei PC presso le utenze affari.

05 Comparlson

Under 3-yr Gartner Group TCO Model

$30,000 $25,000

• Capltal Cosl

$20,000

• Admlnlslratlon

$15,000

T.chnlcal Support

$10,000

.End Us.r Operatlons

$5,000

so

Windows3.1

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Windowst5

WlndowsNT

Uno dei futuri sviluppi architetturali zione delle connessioni periferiche: delle nuove motherboard Intel.

per i'armonizzalo standard A TX

235


IProval

Agli inizi i costruttori che potevano sfruttare per primi il massimo della tecnologia erano solo quelli «importanti» e perciò blasonati. I soliti nomi si prendevano l'onore delle prime pagine e/o della copertina appena usciva un nuovo processore o un tipo diverso di displav. Erano dunque un club ristretto a cui accedevano solo industrie come Compaq, Hewlett Packard, IBM e Toshiba, tutti in ordine rigorosamente alfabetico. Di più: a guadagnarsi l'onore della cronaca, quando arrivava il nuovo processore «più veloce» dell'lntel, erano sempre i desktop perché i portatili erano più lenti ad assorbire la novità. Mai dire mai. Ecco che stavolta almeno anche un notebook si piazza «quasi» alla pari con un desktop. Solo il mese scorso avevamo testato una serie di computer da tavolo basati sul Pentium a 200 MHz ed ora ci apprestiamo a provare un notebook con questo microprocessore. 236

(

«La sfida» In effetti il nome è appropriato. Con un cuore che batte a 200 MHz ci si può ben chiamare così. Challenge infatti vuoi dire sfida, sfida al mondo dei computer da tavolo ingombranti e polverosi. Non parliamo così perché siamo vessati da consorti «iperordinate», ma bensì perché lo spazio vitale è sempre più ridotto nelle case moderne. Per cui si deve fare una scelta obbligata verso un computer portatile per salvare spazio. La prima cosa che si nota in questo notebook è il colore. Un bel grigio scuro per non dire nero: infatti ha dato non pochi problemi di illuminazione al fotografo. Liscio al tatto, si presenta di forma abbastanza squadrata con gli angoli smussati. Tutte la parti laterali sono piene zeppe di periferiche, porte e via dicendo (a parte il frontale sgombro di ogni orpel-

di Paolo Ciardelli

)

lo). Nella parte destra troviamo il lettore di CD-ROM con interfaccia Atapi Teac CD-48 a 8x, non estraibile per cui fisso, sormontato da due delle tre slot per l'inserimento delle schede PCMCIA. Segue una bella grata di aerazione e le tre prese per l'I/O sonoro che fanno riferimento ad una scheda SoundBlaster Pro 3.1 compatibile a 16 bit, Wavetable hardware con 1 Mbyte di ROM basata su chipset ESS. Chiude l'elenco delle parti una porta seriale a raggi infrarossi compatibile IrDA a 4 Mbit di trasferimento di dati. La parte posteriore è chiusa da uno sportello che corre su quasi tutta la lunghezza, ma che è provvisto di un piccolo scorrevole per poter collegare la porta di espansione a 168 pin alla futura Docking Station o Port Replicator. Comunque aperto il sipario le connessioni con il mondo esterno ci sono proprio tutte. Oltre alla parallela intelligente MCmicrocomputE;r n. 167 - novembre 1996


MONOLlTH

GEO CHALLENGE

Prova

Monolith Geo Challenge Produttore: Kapok Computer

Co.

Distributore: Monolith Italia Viale Romagna, 10 - 20123 Milano Tel.: 02{70122837 Fax.: 02/70123825

Prezzo (IVA esclusa): Geo Challenge, Pentium 200 MHz, 32 Mbyte RAM, Hard Disk da 1.4 Gbyte, TFT 12.1", MPEG Hardware, CD-ROM 8x Lit. 7.900.000

EPP/ECP, la seriale RS232 Uart 16550, l'uscita SVGA e porta PS/2 per mouse o tastiera, ci sono sia una presa per il joystick che un'uscita per la TV a standard sia PAL che NTSC. Come asserisce la stessa casa, per ora l'uscita TV non è ancora all'altezza dei tempi, ma per ora la presa c'è e, se ci si accontenta, all'evenienza può tornare utile. Da notare la presenza della presa di alimentazione per la rete elettrica a quattro poli e due provvidenziali piedini che sollevano il computer dal piano d'appoggio. Provvidenziali perché inclinalo la tastiera e naturalmente aumentano il riciclo dell'aria (la CPU si serve anche di una grata sul fondo per raffreddare il tutto). La parte sinistra offre altre sorprese. Occupiamoci rapidamente del vano della batteria ricaricabile compatibile Duraceli (in opzione o come seconda batteria è disponibile la Duracell DR-36 Smart con controllo dello stato di carica da 3000 mA/H), del lettore di floppy disk estraibile (per alloggiare il secondo accumulatore) e dell'hard disk da 1.4 Gbyte Hitachi DK224-A di «soli» 12 mm di spessore, e passiamo a parlare un attimo della terza slot PCMCIA. Si tratta di una porta compatibile con lo standard messo a punto da varie industrie del settore per l'implementazione del full screen ed il full motion video sui futuri computer portatili: lo Zoom Video Port. Tale standard consente di evitare l'invio di grandi quantità di dati multimediali (audio e video compressi) tramite la CPU o il canale di sistema, permettendo delle performance più elevate. In attesa comunque che per tale standard si comincino a trovare le relative schede PCMCIA, il distributore italiano ha pensato bene di dotare questo portatile di una scheda hardware interna di decompressione MPEG.

Le due batterie a confronto.

Particolare della batteria, dell'hard della slot PCMCIA ZV PorI.

disk, del floppv e

Usiamolo un po' Come il resto dei notebook il display occupa l'intero coperchio che chiude la tastiera. Questa è di ottima qualità e presenta anche i tasti funzione per Windows 95. La parte anteriore è libera per lasciare ampio spazio ai palmi delle mani ed al centro è presente un TrackPad con due pulsanti belli grandi. La digitazione è bella e sincera con un bel tocco anche se un po' rumorosa: il ticchettio delle macchine da scrivere di una volta. In alto c'è il display a cristalli liquidi che monitorizza tutte le funzioni del computer e dall'altro lato due spie led a due colori si occupano dell'plimentazione da rete e degli accumulatori. Chiara-

Il lettore di eD-ROM. prese jack per l'audio.

le due slot PCMCIA e le tre

mente ai due lati ci sono gli speaker che danno una resa sonora veramente eccellente come spazialità e chiarezza. Sono assenti i controlli di luminosità

La tastiera.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

237


~-

.

~~-

...•...••

=~:;

-

'-

-'

Nelle tre viste laterali si noti il particolare

L'ampio radiatore di alluminio

della connessione

e relativa ventola.

.

alla docking station.

e del contrasto che sono rimpiazzati insieme a quelli del volume ed altri, con dei tasti attiva bili in seconda funzione con Fn. L'elettronica interna è ben differente da tutto ciò che abbiamo visto finora. Il processore è posto sul fondo del computer e si avvale di una piastra di raffreddamento di alluminio con ventola di dimensioni notevoli. La tensione di alimentazione del Pentium 200 per ora è di 33 volt, ma la piastra accetta tutti i settaggi anche i 3.1 ed i 2.9 volt: quando saranno disponibili i microprocessori .. Comunque la memoria RAM è di 32 Mbyte (espandibile fino a 64 Mbyte con moduli DIMM da 144 Pin direttamente alzando la tastiera) con 256 Kbyte di cache pipelined burst sync. Volendo si può montare anche RAM di tipo EDO. Sempre in merito alla memoria la scheda che pilota il display TFT da 12.1" è una SVGA Trident (Cyber 9385) con 2 Mbyte di Video RAM di tipo EDO. La massima risoluzione è di 800x600 punti con 16 milioni di colori.

Ma come va? All'inizio della prova le prestazioni eccellenti ce le aspettavamo sia dalla potenza del microprocessore, dalla quantità di memoria RAM, che dal display a matrice attiva ben supportato anche dalla scheda di deParticolare processore

238

del micro-

compressione per filmati MPEG. Non era da aspettarsi, invece, un sonoro così potente e chiaro come quello espresso dai due speaker e dalla durata delle batterie. Per fare una prova di quanto durasse l'autonomia del notebook, è stato fatto girare «Quake» in modalità demo. Bene con due accumulatori montati, uno Duracell DR-36 Smart e quello fornito di serie, la durata ha sfiorato le due ore, mentre con un solo accumulatore (quello Duracell che permette di visualizzare lo stato di carica), più di un'ora. Parliamo di un lavoro continuo, sia di hard disk che di video, accompagnato dal sonoro a pieno volume. E per fortuna monta un Pentium che non è stato pensato per i portatili ...

Conclusioni Molte delle considerazioni da fare su questo notebook sono positive: la bella durata delle batterie, la potenza del microprocessore pari allo stato dell'arte e la bellezza del display a cristalli liquidi. Il prezzo poi è più che competitivo: poco meno di ottomilioni più le tasse. Una bella macchina che, se non avesse dovuto montare una ventola per dissipare il calore del microprocessore con relativo aumento del rumore durante il funzionamento, sarebbe stata perfetta. Chiaramente per avere queste prestazioni bisogna arrivare a dei compromessi ed il volume espresso dagli altoparlanti nasconde immediatamente il «ronfare» del circuito di ventilazione. Alla fine dei conti bisogna anche prendere nota del peso (poco più di tre kilogrammi), delle dimensioni contenute (302x234x54 mm) e della dotazione software: Windows 95 e Lotus SmartSuite 96 entrambi su CD-ROM. Inoltre i prodotti Monolith sfruttano il servizio «Quick Assistance Service» per le riparazioni. Il servizio garantisce la riparaziol1e entro i cinque giorni lavorativi successivi all'invio del prodotto presso il laboratorio Monolith. r;:;rs MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Certo, andrebbe bene anche in bianco e nero. Ma un pizzico di

I colore I nel

posto giusto potrebbe essere il tocco in più capace di trasformare il tuo progetto in un lavoro ancora più brillante. Ora, il nuovo CalCompTechJETDesigner 720c può farlo, perché è due plotter inkjet in uno: monocromatico, ma con capacità

colore,

sempre

risoluzione. Il TechJET 720c da collegare

ad alta

èlfacile I

e da usare, e molto

I veloce,1 perché

esegue un disegno

monocromatico Al in meno di 3 minuti e un AO in 5. Inoltre, puoi lasciarlo

Ilavorare

da solo

I perché

usa

anche carta in rotolo e taglia automat~ camente i disegni finiti. E ti dà un output di alta

I qualità I senza fartene

pagare il prezzo.

Per altre informazioni, chiama CalComp (811) allo:

TechJET 720c


~Proval

( di Andrea de Prisco)

ITOShiba Tecra 500CS Produttore: Toshiba Europa Centro dir. Col leoni - Palazzo Perseo Via Paracelso 12 - Agrate B. (MII Tel. 02/93975552

Distributori: Computer 2000 Via Gaggia, 4 - Milano Tel. 02/525781 Gruppo Celo Compre I Via 5aronnese, 16 - Legnano (MI) Tel. 0331/572888 Ingram Micro Italia Via Roma, 74 - Cassina de' Pecchi (MI) Tel. 02/957961 Prezzi suggeriti al pubblico (IVA esclusa): Toshiba Tecra 500C5 - 16 MB RAM - HD 1.3 GB Display D5TN Lit 5690.000 Unità CD-ROM 6x (per Tecra 500C5) Lit 531.000 Toshiba Tecra 500CTD - 16 MB RAM HD 1.3 GB - Display TFT - CD-ROM 6x Lit 5.690.000

Come tutti i lettori di vecchia data ricorderanno, Toshiba è stato uno dei principali protagonisti del «mobile computing» sin dagli albori di questa sacrosanta informatica «autoalimentata». Tra i primi portatili apparsi sul mercato non possiamo non citare il famoso (all'epoca!) Toshiba T1100 che, nonostante il suo display non retroilluminato dalla visibilità a dir poco discutibile e la presenza di un semplice drive floppy disk da 720 Kbyte come unica memoria di massa (gli hard disk nelle macchine portatili appartenevano ancora al capitolo fantascienza), rese comunque felici centinaia di migliaia di utenti in tutto il mondo. Non esistevano ancora i notebook (mancava ancora qualche anno al nuovo corso storico tuttora cavalcato) e le macchine autoalimentate di quel tempo - stiamo parlando di una decina abbondante di anni fa - si chiamavano LapTop, presumendo forse il loro utilizzo in equilibrio instabile sulle proprie gambe, al pari di una ... segretaria modello (quest'ultima parola, sgrammaticamente trasformata al femminile potrebbe rendere ancora meglio l'idea). Torniamo al presente, lasciando il nostro notebook sulla scrivania (o sul tavolinetto a ribalta del nostro aerojet personale), e passiamo a descrivere il portatile in prova in queste pagine. Appartiene

240

alla famiglia Tecra e il modello in prova è disponibile in due versioni: 500CS e 500CTD, il primo con display passivo DSTN (Dualscan Super Twist Nematic), il secondo - per gli esigenti - a matrice attiva TFT (Thin Film Transistor) per immagini perfettamente nitide e prive di «effetti eco» verticali e/o orizzontali. Per entrambi gli schermi, la visualizzazione è comunque eccellente (ricordiamo che Toshiba è uno dei pochi costruttori mondiali in grado di produrre display a colori LCD di generose dimensioni), la risoluzione è di BOOx600 pixel, la scheda video integrata, dotata di 2 MB di VideoRAM, è di tipo «accelerato» e utilizza il bus PCI per un interfacciamento senza compromessi - col microprocessore. Quest'ultimo è l'ormai onnipresente Pentium, con c10ck interno a 120 MHz - piastra madre a 60 MHz - dotato di tecnologia VRT di riduzione della tensione (è alimentato a 2,9 V). Non manca, inoltre, una cache di secondo livello da 256 K (altri 16 K, come noto, sono interni al processore), mentre la memoria RAM - per l'esattezza EDORAM da 60 nanosecondi con bus dati a 64 bit - è di ben 16 megabyte in configurazione minima e può essere facilmente espansa alla strabiliante quantità di 144 (diconsi centoquarantaquattro!!!).

L 'hard disk interno - siamo disposti a giurarlo! - è da 1,3 «gigabyte»: potrebbe sembrare una battuta di pessimo gusto, ma a fine settembre su un noto settimanale abbinato ad un altrettanto noto quotidiano - non lo citiamo per ovvie ragioni! - si poteva apprendere che il portatile Toshiba lì descritto aveva un disco rigido misurato in «figabyte». Refuso tipografico, attentato redazionale in sede di videocomposizione o, ricordando l'equilibrio instabile di cui sopra, si è trattato di un LAPsus freudiano? Torniamo a noi. L'unità floppy è da 1,4 MB e può all'occorrenza essere facilmente sostituita da un più «multimediale» lettore di CD-ROM a velocità 6x. In tal caso la meccanica testé sfrattata può essere inserita in un alloggiamento esterno che si collega al computer tramite un 'apposita presa disponibile sul lato sinistro del portatile. L'audio fa capo ad una sezione compatibile Sound Blaster Pro e Windows Sound System, è naturalmente stereofonica e tra tastiera e display troviamo anche una coppia di microaltoparlanti che .. fanno quel che possono. Del resto non averll~ o averne uno solo monofonico, sarebbe stato comunque peggio. Dal punto di vista software una gradita sorpresa: preinstallati all'interno troviamo sia Windows 95 che l'MS-DOS 6.22 abbinato a Windows per Workgroup 3.11. L'utente, alla prima accensione della macchina, deve fare un profondo esame di coscienza (eventualmente chiedendo aiuto all'esperto di turno che può essere il rivenditore, l'amico fidato «non invidioso», ma anche lo psicoanalista e/o il cartomante se è il caso!) e selezionare una volta e per tutte il sistema operativo da utilizzare. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


TOSHIBA

TECRA 500CS

Prova

./ L'unità floPPV disk, all'occorrenza,

può essere sostituita

Questo ovviamente non significa che successivamente non possiamo più cambiare idea, ma non potremo più contare sulla doppia dotazione iniziale (mutuamente esclusiva) offertaci dal costruttore, dovendo acquistare a parte il secondo sofware. L'installazione, infatti, è conclusa dall'utente stesso al primo utilizzo e il software escluso (ad uno dei due, inesorabilmente, tocca!) viene rimosso dall'hard disk per liberare prezioso spazio. Solo successivamente è possibile ({creare» i dischi del sistema operativo scelto, utilizzando n.ormalissimi <dloppetti» ai quali attaccheremo le etichette originali gentilmente fornite dalla stessa Toshiba. Il servizio, supporti a parte, è veramente completo.

da un lettore eD-ROM.

Hard disk removibile

e batteria ricaricabile accessibili

Descrizione esterna Iniziamo subito col dire che il notebook in prova, nonostante abbia il lettore CD-ROM opzionale da installare al posto dell'unità floppy disk, non è un prodotto eccessivamente compatto e/o leggero. Col suo spessore di quasi sei centimetri (29,9 x 23,5 cm la sua impronta) e il suo peso rispettivamente di 3,57 o 3,72 kg a seconda dell'unità floppy/CD-ROM installata, si posiziona tra i «pezzi grossi» dell'informatica portatile. Nonostante ciò è molto più comodo da trasportare e da utilizzare rispetto ad altri suoi concorrenti, dal momento che incorpora l'alimentatore (come un PC da tavolo) connettendosi direttamente alla tensione di rete, «via filo» e senza scomodi/ingombranti scato-

dal fondo

lotti intermedi, per caricare le sue battene. L'unità floppy disk (o il lettore CDROM) si affaccia ergonomicamente sul lato frontale della macchina. Accanto a questo troviamo cinque spie relative ad altrettante funzionalità (alimentazione, accensione, hard disk, card PCMCIA, stato di carica della batteria) e una delle due porte a raggi infrarossi compatibili IrDA (Infrared Data Association) e FIR (Fast InfraRed) con le quali è possibile lo scambio file wireless ad una velocità (dichiarata) di quattro megabit al secondo. Sul lato sinistro troviamo l'alloggiamento per due card di tipo Il o una di tipo 111,il connettore per il floppy disk esterno, il comando di sgancio dell'unità removibile interna, il pulsante di

TOSHIBA

'JECRA

500C5

C.' 1/ dispositivo

di puntamento

è l'ormai noto MousePoint

inventato

da 18M. A destra la tastiera, completa

e ben funzionante.

241


TOSHIBA

!'Ur-[ -~-_-_----,-.

TECRA 500CS

t----

-~-=---I--_. i

r-

dY

C

il>"

~l_

r----;

Vista frontale, laterale e posteriore del Tecra 500. Il grosso connettore utilizzato per il collegamento alla Card Station opzionale (vedi testo).

accensione, il comando di reset (per i momenti critici .. ), la ventola di aerazione (termoattiva) e il potenziometro del volume audio degli altoparlanti. Il pulsante di accensione, in luogo dell'interruttore, fu introdotto proprio da Toshiba col suo portatile T1200 (successore del T1100) circa otto o nove anni fa. Permette sia lo spegnimento servoassistito (Windows 95, ad esempio, lo «intercetta» abilmente provvedendo di conseguenza ad effettuare il corretto arresto del sistema) sia il passaggio in stato di standby. La scelta tra le due possibilità si effettua rapidamente con la sequenza di tasti Fn+F3 che mostra una finestra di selezione al centro dello schermo. Tutti gli altri parametri di risparmio energia, grazie ai quali è possibile utilizzare il Tecra 500 per quasi tre ore e mezza in assenza di collegamento con la rete elettrica, si regolano attraverso un'utility denominata MaxTime già installata nel sistema operativo Il retro del notebook è, come di consueto, la parte più ricca di connessioni verso il mondo esterno. Troviamo innanzitutto la presa per il cavo di rete, una porta seria le, l'uscita video SVGA, una porta per mouse/tastiera esterna di tipo PS/2, ingressi e uscite audio (microfono esterno, cuffie, Line In e Line Out), la consueta porta parallela bidirezionale compatibile ECP più un grosso connettore per la Card Station opzionale. Quest'ultima, oltre a replicare tutte le porte citate (consentendo così di scollegare e ricollegare in un sol colpo tutti i dispositivi esterni), offre in più un'interfaccia MIDI/joystick, connessioni separate per mouse e tastiera esterni e due ulteriori alloggia menti per le cardo Sul lato destro, infine, troviamo l'alloggiamento per il fax/modem opzionale a 28.800 bps (qualora non si voglia utilizzare uno dei tanti dispositivi disponibili in standard PCMCIA) e il comando di 242

in alto è

sblocco per l'hard disk removibile cessibile dal fondo.

===:=:.J)- CJ. ,IW

ac-

Tastiera e display Che il Toshiba Tecra 500 sia un notebook di qualità è sicuramente fuori ogni dubbio. La tastiera ha un funzionamento ineccepibile nonostante l'eccessiva morbidezza dei tasti e ,un layout non proprio «al massimo». E scomoda, ad esempio (ma si tratta di un «problema» contagiato ormai alla maggioranza dei notebook) , la fila di tasti di scrolling pagina posizionati all'estrema destra, dove possono interferire con l'accesso ai più utilizzati Enter e BackSpace. La barra spaziatrice è, in realtà, un po' piccola ma questo è dovuto al fatto che là sono stati inseriti tutti i tasti di un'unità standard di tipo esteso (a parte il tastierino numerico che nei notebook è notoriamente «immerso» tra i caratteri), compresi i 12 tasti funzione e quelli di controllo cursore disposti a «T» rovesciata. La tastiera è sapientemente posizionata (Apple docet ... ) a ridosso del display a cristalli liquidi, lasciando così libera un'ampia zona anteriore di appoggio per le mani durante la digitazione. Come dispositivo di punta mento integrato è stata scelta la soluzione proposta qualche anno fa da IBM: Toshiba lo chiama «MousePoint», è posizionato in mezzo ai tasti tra le lettere B, G e H, ed è in grado di riconoscere la direzione e la pressione esercitata con la punta di un dito per spostare conseguentemente la freccina sullo schermo. All'inizio può lasciare un po' perplessi (i nostri primi movimenti del cursore grafico potrebbero far concorrenza al più sbronzo degli ubriachi) ma è sufficiente un breve periodo di apprendistato per ottenere il corretto controllo del dispositivo. Peccato, come già evidenziato in precedenti

occasioni, che non sia sensibile alla pressione verticale in modo da poter «sentire» anche il click o il doppio «c1ick» come avviene, grazie ad un prezioso artificio software, sulle trackpad più recenti. Nel caso del Tecra, i tasti destro/sinistro del mouse sono posizionati poco sotto la barra spaziatrice e sono facilmente raggiungi bili senza allontanare le dita dal «luogo di digitazione»_ Il display ha una visibilità molto soddisfacente nonostante si tratti di un'unità a matrice passiva: basta regolare opportunamente il contrasto attraverso il piccolo potenziometro accessibile frontalmente per ottenere una visualizzazione pressoché perfetta in ogni situazione. Se a questo aggiungiamo la possibilità di orientare il pannello LCD per ben 180 gradi, è facile rendersi conto che è possibile ottenere una visione ottima le anche nelle condizioni d'uso più disparate.

Concludendo Sottoposto ai nostri consueti test di velocità, il Toshiba Tecra 500CS in prova in queste pagine ha mostrato performance di tutto rispetto. E, a testimonianza del fatto che questo notebook è un «Signor Notebook», aggiungiamo che sono risultate leggermente superiori a quelle di un computer fisso precedentemente provato, basato sullo stesso microprocessore (Pentium), alla medesima velocità di clock (120 MHz) e con pari quantità di memoria cache di secondo livello (256 K). Anche nel «vil-denaro-test» le macchine Tecra risultano vincenti, soprattutto se teniamo ben presente che si tratta di «prodotti di marca», tecnologicamente avanzati sotto ogni aspetto, prodotti da chi si occupa di computer portatili (ininterrottamente) da oltre dieci anni. E non è pocO.. lfJS MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Figlio di buona madre. Una scheda madre che si rispetti compie un lavoro oscuro eppure preziosissimo. Accudisce amorevolmente tutte le periferiche, sorveglia infaticabile sistemi operativi sempre più esigenti, coccola CPU irruenti: non per niente è l'angelo e il cuore del vostro PC. Solo alcune di esse, però, quelle che sopportano i carichi più gravosi senza cedimenti, possono orgogliosamente ostentare figli illustri come il

Certificato di Qualità ISO 9002. Le mother board Colorado hanno superato tutti i test più severi previsti per la certificazione ISO, per questo possiamo garantire per 7 anni tutte le versioni, da quelle basate su processo re Intel 486 a quelle dotate dei Dual Pentium Pro, normali o ATX, e sostituirle nel giro di quarantott'ore tramite corriere espresso DHL. Mother board Colorado. DEVIC S Di scheda madre ce n'è una sola.

00

DO

------------------------------------------------------------------------------------------------------------~----distributore

per l'Italia

00] 47 Roma - via Cristoforo Colombo. 193 a/b teI. +39 6 5133.151 fax +39 6 5133354 www.quadrainformatica.it e-mail: quadra@networld.it www.colorado.quadrainformatica.it

Nome

Cognome

Azienda

Indirizzo

Città

Tel

&f ' •• tl!flngsr

_ _ Fax

Si ricercano distributori pcr Ic aree Iibcre. .. . .. Invtare le ncllleste tramIte .1 coupon.

_


jProval

Con la famiglia TravelMate 6000 si ristabilisce il contatto con la tradizione. Un filo conduttore iniziato tempo fa con il modello 2000, ininterrotto ed evoluto con i vari rappresentanti delle famiglie 3000, 4000 e 5000. Rimirandolo un po' di sottecchi, però si riprova il senso della novità che emanava il modello 2000: la leggerezza dell'essere il primo computer portatile sotto i due chili e la voglia di protagonismo. Un po' questa forza la si era persa con il 5000, che non aveva saputo cogliere in pieno le aspettative del mercato. La Texas pertanto aveva momentaneamente sfruttato la possibilità di offrire un prodotto appetibile facendo suo quanto prodotto già in Estremo Oriente con la linea Extensa. 244

(

Il design Per la forma esteriore si sono abbandonate un po' le linee curve per adottare un design innovativo. Le sue dimensioni sono di 305x220x50 mm. Il coperchio display sporge leggermente sui tre lati in quanto la parte inferiore risulta più contenuta. Questa asimmetria non dispiace all'occhio ormai abituato a forme più o meno tutte uguali. In ogni caso questa piccola rientranza è necessaria a due pulsanti, della cui funzione parleremo più avanti. Nella parte frontale trovano posto sia la batteria ricaricabile agli Ioni di Litio che il vano con il lettore CD-ROM 6x. AI posto di questo si possono inserire sia un secondo hard disk da 2 Gbyte,

di Paolo Ciardelli

)

un floppy disk drive, che una seconda batteria. Va precisato che solo il floppy disk drive è di serie: il CD-ROM, la seconda batteria ed il secondo hard disk sono opzionali. La batteria è del tipo intelligente e sul frontale è possibile vedere lo stato di carica tramite una piccola scala a led che indica anche con la batteria estratta la quantità di carica. Entrambi i dispositivi si sganciano dal corpo del computer agendo sui pulsanti citati prima. Sulla fiancatina destra è presente la finestra in perspex che nasconde l'interfaccia a raggi infrarossi per poter comunicare con un altro computer della stessa classe, ed i tre minijack per la gestione dell'I/O sonoro. Il sonoro fa riferimento ad una scheMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


TEXAS INSTRUMENTS

da compatibile SoundBlaster Pro a 16 bit. Sul retro troviamo i soliti connettori di interfaccia e di espansione: una porta parallela Centronics, una seriale RS232, l'uscita video VGA e il connettore del bus di sistema verso il box di espansione opzionale (a standard PCI). Nella parte sinistra, invece di uno sportello, i due slot per le schede PCMCIA di tipo III sono occupati, quando non utilizzati, da due finte card di plastica. Accanto ai due slot c'è la presa per l'alimentazione da rete ed il minidin PS/2 per la tastiera o mouse opzionale. Per alzare il display basta agire su di un pulsante al centro del frontale, poco sotto lo stesso display. Lo stesso è incernierato in modo tale da potersi inclinare fino ad oltre 1800. Nessun controllo su di esso, come nella maggior parte dei portatili, per cui per cambiare la luminosità bisogna agire su due tasti rimappati con il tasto

Fn. /I display è TFT di 121" a colori a matrice attiva SVGA capace di visualizzare 800 x 600 punti con 65.000 colori. È retroilluminato ed è pilotato da una scheda video Cirrus Multimedia PCI con 2 Mbyte di Video RAM. La tastiera pur essendo di quelle predisposte con i tasti funzione per Windows 95, è tipica in casa Texas. Nella parte bassa a destra, infatti, sono presenti i tasti di movimento di forma e grandezza inferiore agli altri. AI tocco i tasti sono un po' meccanici e si sente il ticchettio del contatto. Come dispositivo di puntamento c'è al centro della tastiera il trackpoint brevettato dall'IBM, che spicca con quel suo colore rosso in mezzo ai tasti grigio scuro. I due tasti mouse invece sono nella parte bassa della tastiera: il «sinistro» più grande e a forma di grossa ellisse, ed il «destro» più piccolo e quadrato. Fare un confronto tra questo tipo di periferica di input e l'altra a sfioramento è difficile perché dopo un po' ci si abitua ad usarne uno e quando si passa all'altro ci si trova scomodi. Una partita pari per me. Dicevamo della parte bassa della tastiera. In questa zona è stato lasciato un po' di spazio libero per poggiare i palmi delle mani, ma ai due lati si trovano le griglie degli altoparlanti. Ora sono due le cose: o quando si sfrutta il sonoro non si digita o la resa degli altoparlanti è penalizzata. C'è da dire che un computer non è né un juke-box né un mangianastri e se lo si sfrutta per giocare o per vedere un CD-ROM interagendo con esso il sonoro è importante. Per MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Texas Instruments TravelMate 6030

TRAVELMATE

6030

-

Produttore: Texas Instrumenls Italia S.p.A. , Centro Direzionale Colleoni System Division Palazzo Perseo, Via Paracelso, 12 - 20041 Agrate Brianza (MI). Te!': 039/63221, Fax.: 039/652206 Prezzi (IVA esclusa): Texas Instruments TravelMate 6030 Li!. 9.990.000 CD-ROM 6x Li!. 500.000

monitorare le funzioni del portatile non ci sono display di sorta ma dei classici led verdi di non facile interpretazione in condizioni di luce non favorevoli: i simboli sopra ai led sono solo stampati sulla plastica in rilievo.

L'elettronica interna Il modello in prova monta il penultimo rappresentante della famiglia dei Pentium pensati per le macchine portatili: l'lntel a 2.9 V a 133 MHz. Penultimo perché è già disponibile il TravelMate 6050 con un Pentium a 150 MHz. In alto l'alloggiamento per le schede PCMClA di tipo 111e le porte I/O per l'audio. A lato le connessioni posterion e, in basso, la tastiera con dispositivo di puntamento integrato.

245


rova

TEXAS INSTRUMENTS

TRAVELMATE

6030

Particolare della parte frontale e dell'hard disk rimovibile.

Monta una memoria interna di 16 Mbyte di RAM tipo EDO, espandibili a 72 Mbyte, con 256 Kbyte di cache di secondo livello. Come accennato prima mentre si parlava della scheda video, l'architettura interna è basata su bus PCI. Le memorie di massa oltre al CDROM estraibile opzionale ed al lettore di floppy disk drive ad 1.4 Mbyte, sono rappresentate da un hard disk da 1.35 Gbyte La novità di questo portatile è «naturalmente» quello della porta PCMCIA Zoomed Video. Uno standard che or-

mai si sta definendo almeno come dotazione di base vista la poca disponibilità al momento di schede del genere. Con questo tipo di connessione è possibile ottenere la visualizzazione di filmati MPEG in full-motion video e full-screen senza sovraccaricare la CPU (ne abbiamo parlato diffusamente sul numero scorso).

/I lettore di eD-ROM può essere inserito al posto del floppv disk driver.

Particolare dell'interno: visibile l'espansione, di memoria.

246

Alla fin della fiera Se vogliamo, la versione a 133 M Hz comincia ad essere la piattaforma ideale per applicazioni un po' spinte nel campo della multimedialità, più che nell'elaborazione pura dei dati. Una branca questa a cui il mercato dei portatili non è destinata per il prezzo elevato. Il sogno di ogni industria di portatile è quella del desktop replacement. ma è ancora solo un sogno proprio per l'alto costo dei prodotti di questo tipo. Certo è che il top manager continuerà a comprarlo per sé, come acquista la stilografica Omas piuttosto che la Mont Blanc. Ma passiamo ad altre considerazioni. Ormai l'adozione del sistema operativo è standard con Windows 95, ma già si parla di adottare in opzione Windows NT. Con questo tipo di sistema operativo il salto generazionale da una elaborazione di dati stand alone verso una più completa gestione di risorse tramite una rete, più che il collegamento nudo e crudo ad Internet, è ben definito. Il TravelMate 6030 è tra questi e con ciò vi rimando al prezzo finale che è da considerare proprio «alla fin della fiera». {;:;rs MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Prova

( di Massimo Truscelli )

Icentro HL Powergen 200 Produttore

e distributore:

Centro HL Distribuzione - Via di Novoli, 9/17 50127 Firenze - Tel.: Numero Verde: 167-013037 Fax: 055/3370700 - Fax-on-demand: 055/3370730 Internet: http://www.centrohl.it - E-mail: In!o@cen trohl.it Prezzi (IVA esclusal: Powergen 200 Lit. 6.200.000 miro monitor 1785 Lit. 1.870.000 miro monitor 1764 Lit. 1.290.000

unità logiche da 2 gigabyte ciascuna; per finire era presente anche un SupraFAX modem 188i PnP ed un adattatore di rete Ethernet 3Com EtherLink XL. La dotazione di Windows NT versione 4.0 Workstation ed una ricca manualistica riguardante ogni singolo componente completava il kit di accessori.

Interno

Con lo stile che gli è proprio, il distributore fiorentino propone l'ultimo prodotto in ordine di tempo inserito nella propria gamma, il sistema al top per prestazioni e prezzo basato sull'ultimo grido in fatto di processori Intel: il Pentium Pro a 200 MHz. /I Powergen 200 è offerto, com'era logico che fosse, in una configurazione molto ricca che comprende dispositivi e periferiche di qualità elevata, utilizza come sistema operativo il neonato Windows NT 4.0 in versione Workstation, ma può impiegare anche sistemi operativi diversi (Windows 95, OS/2). Vediamo più da vicino le sue caratteristiche.

to per «uso personale». Il sistema in prova in queste pagine monta una scheda video Diamond Stealth 64 serie 3000, un lettore CD-ROM 8X della Plextor, 32 Mbyte di RAM, un controller SCSI Adaptec AHA2940 UltraWide connesso ad un hard disk Seagate Barracuda da 4 gigabyte complessivi partizionato in due

Descrizione La caratteristica che salta subito all'occhio è la presenza di un doppio interruttore di alimentazione costituito da un interruttore posizionato sul retro, in prossimità della vaschetta del connettore IEC, ed un ulteriore interruttore sul frontale, certamente più comodo del precedente quando il sistema viene utilizza-

248

Una grossa ventola ricopre il processare, sulla sinistra è visibile il modulo di regolazione della tensione richiesta dalla CPU.

La motherboard impiegata è la Pride «Security» monoprocessore concepita nel rispetto delle norme ATX per ciò che concerne alimentazione e disposizione dell'elettronica. Troviamo il chipset Intel 82440FX (Natomal che integra un controller della memoria RAM con un acceleratore di dati (tra CPU e RAM, PCI e RAM, PCI e CPU) ed un ulteriore acceleratore per l'interfacciamento tra bus PCI, IDE e ISA. La motherboard è stata sviluppata per l'utilizzazione dei processori Pentium Pro (150, 166, 180 e 200) e nella circuiteria sono presenti: uno slot per un modulo di regolazione del voltaggio richiesto dal processore (VRM - Voltage Regulator Module), un doppio controller EIDE PCI a doppio canale, due porte seriali RS232 (UART 16550), una porta parallela bidirezionale (EPP/ECP), connettori PS/2 per tastiera e mouse. La scheda dispone di quattro slot PCI e quattro slot ISA a 16 bit; può supporta re una porta seria le a standard IrDA per la trasmissione e ricezione a infrarossi e due porte Universal Serial Bus, lo standard creato per estendere le caratteristiche «Plug & Play» anche ai dispositivi esterni; entrambe le ultime soluzioni sono disponibili solo in opzione. Tra le caratteristiche che vale la pena citare c'è il sistema di protezione ECC (Error Checking and Correction) implementato sul bus dati in modo da limitare i danni derivanti da possibili errori di memoria nell'esecuzione delle applicazioni; in proposito, la memoria RAM supportata può raggiungere il valore massimo di 512 Mbyte (con SIMM da 128 Mbytel grazie alla presenza di due banMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


.. . ..............

Le generose dimensioni sposirivi "fu" sizen.

del Powergen

sono evidenti, ma tale soluzione

chi da due slot ciascuno per moduli a 72 pino La configurazione dei moduli è automatica e possono essere utilizzate SIMM di vario tipo purché entrambi i moduli installati in ogni banco siano dello stesso tipo: Fast Page RAM, EDO RAM, BEDO (Burst Extended Data Out) RAM, SIMM con gestione simmetrica e asimmetrica, con parità ECC e senza parità.

Uso Quanto va veloce il Powergen 2007 Tanto, oppure poco! ... Dipende da che software si impiega: se si utilizza software a 16 bit possiamo ragionevolmente paragonare le prestazioni ottenute a quelle offerte da un Pentium «liscio» con la medesima frequenza di clock (200 MHz) del Powergen, anche se in qualche caso, per assurdo, le prestazioni ottenute possono essere addirittura inferiori; viceversa, se si impiegano applicazioni scritte a 32 bit la differenza rispetto al Pentium normale, anche alla massima velocità di quest'ultimo, è certamente più evidente. Per avere una valutazione di massima sufficientemente corretta è bene evitare di affidarsi esclusivamente ai benchmark poiché questi, se realizzati non tenendo conto delle caratteristiche del processore, possono trarre in inganAnche l'interno mostra l'ampio spazio a disposizione per eventuali aggiornamenti o per il montaggio di disposirivi aggiuntivi.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

consente

• •

/'impiego

di numerosi

di-

no fornendo risultati che possono far intendere un incremento delle prestazioni inferiore alle aspettative. Il sistema è stato utilizzato con software di vario genere tra i quali GP2, il videogame dedicato alla Formula 1 che più di altri software analoghi è capace di impegnare a fondo le risorse del sistema. Abbiamo avuto una brutta sorpresa quando al termine dell'installazione, svoltasi regolarmente, abbiamo constatato che una volta lanciata l'applicazione essa bloccava irrimediabilmente il sistema subito dopo la visualizzazione della finestra DOS. Utilizzando software «professionali» specialmente grafici come programmi di rendering si può constatare quanto le cose cambino per il meglio anche se non tutti i software a 32 bit scritti per Windows 3x con estensioni a 32 bit o per Windows 95 girano correttamente con Windows NT: alcuni si rifiutano addirittura di eseguire

l'installazione segnalando subito la non utilizzabilità sulla piattaforma Pentium Pro/Windows NT. Tra i programmi testati i risultati più evidenti sono stati ottenuti con Visual Reality 2.0, un software recensito su questo stesso numero della rivista: il rendering con salvataggio su disco di un'immagine di una certa complessità con risoluzione di 1800 per 1350 pixel a 24 bit colore realizzata utilizzando l'algaritmo di rendering Gouraud e con molte opzioni attive è svolto in una manciata di minuti. Per finire, una certa curiosità la desta una nota diramata dallo stesso Centro HL che avverte di una incompatibilità tra schede audio, video e motherboard: sembra che il Powergen 200, indipendentemente dalla scheda video adottata (Diamond, Matrox o Purple Vision) soffra di una strana incompatibilità con alcune schede audio, tra le quali la Sound Blaster 16 Value «PnP», che provoca il blocco del sistema nella riproduzione di file campionati in formato WAV; viceversa, il problema non si pone se si eseguono file in formato MIDI. Se si setta la scheda video come VGA standard, il problema non si manifesta. Lo stesso Centro HL ha ritenuto opportuno rendere nota questa incompatibilità nell'attesa che sia resa disponibile una patch in grado di eliminare il conflitto generato dai driver della scheda sonora e della scheda video; non è escluso che per quando leggerete queste note il problema non sia già stato risolto.

Conclusioni È evidente che il Powergen 200 e più in generale i sistemi basati sul Pentium Pro sono destinati ad applicazioni che impegnano notevolmente il sistema e che fino a poco tempo addietro erano riservate esclusivamente all'impiego su workstation dedicate. Sebbene afflitto da qualche problema di gioventù che non sappiamo se imputare al processare, al sistema operativo o a quant'altro compone il sistema, il Powergen 200 è un sistema pensato per impieghi «seri», gravosi e diciamo pure per uso professionale e non certo solo per godere di un maggiore realismo quando si gioca con l'ultimo grido in fatto di videogame. L'ultima considerazione riguarda come al solito il prezzo. Quello dell'esemplare fin qui descritto è di seimilioniduecentomila lire IVA esclusa, una cifra giustamente rapportata alla ricca dotazione che conferma il trend riguardante il calo dei prezzi in relazione alla potenza offerta dai sistemi. tr::(S

249


( di Corrado Giustozzi )

Micro & Mega Nikkey Grips Pro 200 Produttore

c

--= I

.-'

,

-.

e distributore:

Micro & Mega S.r.l. Via dei Savorelli, 20/22 . 00165 Roma

:. ~

I =

Prezzo (lVA esclusa): Nikkey Grips Pro 200: Pentium Pro 200 MHz, 64 MByte RAM, Adaptec AHA 2940, HO SCSI 2,1 Gbyte, Matrox Millennium 4 MByte, Nec SCSI ex, masterizzatore Philips SCSI 2X

CD-ROM Lit. 5.499.000

mostra che non tutte le interfacce sono effettivamente presenti nei fori predisposti: ovviamente ciò dipende dal tipo di motherboard utilizzata, la quale deve disporre della relativa elettronica di controllo. Mancano in particolare l'interfaccia audio/gioco, supportata solo in certe versioni della motherboard Venus, e l'interfaccia seriale USB, anch' essa standard emergente, non ancora implementata in questa versione della motherboard. Il resto del pannello posteriore è piuttosto tradizionale; da notare l'alloggiamento predisposto per una ventola supplementare di raffreddamento, e l'assenza della comoda presa di alimentazione asservita all'interruttore generale.

L'interno Dalla romana Micro & Mega ecco un sistema tutto Intel, ossia basato su motherboard, chipset e ovviamente processore della casa di Santa Clara. La scelta monovendor è in questo caso sinonimo di qualità, perché è l'unica che almeno in teoria assicura il miglior accordo fra i sottosistemi fondamentali di cui è composto il computer. In particolare la scheda madre è la Intel «Venus», una delle nuove motherboard con fattore di forma A TX, utilizzante il chipset Intel «Triton» 440FX,' e il microprocessore ovviamente un Pentium Pro a 200 MHz. Corredano il «mostro» in prova un controller SCSI Adaptec Ultra Wide con disco da 2,1 GByte, una scheda grafica Matrox Millennium con 4 MByte di VRAM, un lettore di CD Nec 8X SCSI e addirittura un masterizzatore di CD Philips.

Descrizione Il cabinet utilizzato per questo Nikkey e un tower né grande né piccolo, idoneo al fattore di forma delle nuove schede ATX. Sul frontale, dal design un po' anonimo ma gradevole, si trovano tre allog250

giamenti per memorie di massa estraibili da 5,25", un drive per microfloppy da 3,5", il grosso pulsante di alimentazione, le due spie di alimentazione e di attività del disco fisso ed un minuscolo tasto di reset. Nell'esemplare che abbiamo ricevuto, due dei tre alloggiamenti sono occupati da CD-ROM: quello superiore da uno «scrittore» (o masterizzatore) di produzione Philips, con interfaccia SCSI e funzionante a velocità quadrupla in lettura e doppia in scrittura; e quello inferiore da un «semplice» lettore 8X, in particolare un Nec anch'esso con interfaccia SCSI. Posteriormente si nota subito la particolare disposizione delle connessioni di interfaccia imposta dal nuovo emergente standard ATX proposto da Intel. Tutti i connettori relativi alle interfacce più usuali sono infatti raccolti in un apposito pannellino rientrato, posto sulla sinistra del pannello posteriore del PC, e sono direttamente saldati sulla motherboard; in questo modo si raziona lizza il loro posizionamento, diminuisce lo spazio da essi occupato e si annulla completamente il relativo cablaggio fonte di problemi e disturbi nell'assemblaggio tradizionale. Uno sguardo ravvicinato al pannellino ci

Una sola vite,' grande e godronata per poter essere stretta a mano, blocca il «coperchio» del Pc. All'interno di quest'ultimo notiamo la schermatura contro le emissioni elettromagnetiche. La motherboard, come previsto dallo standard ATX, occupa esattamente tutta una fiancata del contenitore. L'alimentatore è anch'esso a norme ATX: pertanto è situato in alto e le sue bocchette di aerazione, come da specifiche, puntano proprio sul processore per contribuire al suo raffreddamento e a quello della motherboard. Il Pentium Pro, montato su uno zoccolo ZI F di tipo 8, è tuttavia dotato di una propria ventolina di aerazione montata sul suo gigantesco dissipatore blu elettrico. La RAM installata è di 64 MByte, ma la motherboard può arrivare fino a 256 MByte come capacità massima mediante moduli SIMM da 72 piedini. L'elettronica integrata a bordo comprende due controller IDE, un controller per floppy, due porte seriali veloci bufferizzate, una porta parallela veloce EPP/ECP e il supporto per un'interfaccia ad infrarossi di ti· po IrDA. Il BIOS è il collaudatissimo AMI con estensioni «verdi» per il controllo dei consumi energetici. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


MIGRO & MEGA

NIKKEY GRIPS PRO 200

P rov

Il controller SCSI installato è l'ottimo Adaptec AHA2940 Ultra Wide, che pilota un disco IBM OEM da 2,1 Gbyte e i due CD-ROM. La scheda video è l'arciclassica Matrox Millennium espansa a 4 MByte, in grado di raggiungere la risoluzione di 1024x760 in truecolor.

Utilizzazione Era inevitabile che un oggetto come questo Nikkey giungesse corredato di un sistema operativo più «serio» rispetto a Windows 95, ed infatti ci abbiamo trovato sopra NT anche se nella «vecchia» versione 3.51 (considerando che scriviamo a metà ottobre, la 4.0 è uscita da pochissimo tempo). In effetti solo con un sistema operativo potente e robusto, dal disegno professionale, si può ottenere il meglio da una macchina basata sul Pentium Pro. In particolare, ad onta delle sue dimensioni, un computer come questo può svolgere tranquillamente le funzioni di server per reti locali o per Internet dotandolo delle opportune schede di connessione. Altrimenti, ma questo è ovvio, si può usare un sistema operativo monoutente ma sempre a 32 bit come Windows 95 o OS/2 Warp e disporre localmente di una Una vista generale dell'interno una motherboard A TX.

del computer.

A sinistra il pannello frontale. notare i due drive per eD-ROM pannello posteriore; è ben visibile il pannellino ATX.

Si nota la maggiore pulizia del montaggio

conseguente

all'uso di

(quello in alto è un masterizzatore).

A destra il

workstation dalla potenza di calcolo micidiale, sulla quale far girare un pesante multitasking e/o applicazioni particolarmente onerose quali rendering e cose del genere. In ogni caso, come è già stato fatto notare altrove, bisogna assicurarsi comunque di far girare software completamente a 32 bit. espressamente scritto cioè per i nuovi processori ed i nuovi sistemi operativi; il vecchio software a 16 bit penalizza infatti eccessivamente il Pentium Pro, di fatto vanificandone i vantaggi. Per il resto questo Nikkey si è comportato alle prove esattamente come era prevedibile, evidenziando un throughput del tutto allineato alle macchine della sua classe.

Conclusioni Per finire il consueto sguardo al listino prezzi. Il computer configurato come questo in prova, e dunque con 64 MByte di RAM, i due drive CD-ROM, l'adattatore SCSI col disco da 2,1 Gbyte, la Matrox Millennium con 4 MByte, senza monitor, costa praticamente cinque milioni e mezzo IVA esclusa. Per i monitor il distributore è in grado di fornire varie soluzioni a prezzi differenziati. ~ 251


roval

(

di Paolo Ciardelli

)

PC Master Premium Elite 200 Produttore

e distributore:

Video Computer spa, Via Antonelli, 36 - 10093 Collegno (TO), Tel.: 011/4034828, Fax.: 011/4033325

Prezzo (lVA esclusa): PC Master Premium Elite 200, 32 Mbyte RAM, hard disk Fast SCSI 2 Gbyte, scheda video PCI 2 Mbyte RAM, floppy disk, eD-ROM Li!. 2.499,000

Ecco arrivata anche l'era del Pentium Pro, Di conseguenza inizia la disponibilità sul mercato di desktop disegnati per usi seriosi e gravosi, come gestire delle reti o comunque applicazioni dove la potenza serve tutta e a 32 bit. La dimensione di questo computer tutto può far pensare meno che a contenere un Pentium Intel a 200 MHz, La forma è delle più classiche senza fronzoli o abbellimenti estetici di sorta, Nel frontale si aprono solo due fessure per l'inserimento del floPPV disk o del eD-ROM Il lettore di eD è un bel 8x della Goldstar con cassettino meccanico senza bisogno di essere coadiuvato dal caddV Seguono due bav ciechi da 3,5" ed i pulsanti di reset, turbo e di accensione, Il displav a cristalli liquidi ormai dovrebbe essere obsoleto, ma all'occhio qualcosa che indichi la potenza bisogna anche darglielo, La parte posteriore non dà maggiori particolari di nota, Prese classiche di rete, due seriali, una parallela, la porta della tastiera, quella video e quella SCSI. Ultimo particolare esterno, se voglia-

252

mo, la tastiera che è diversa dalle solite viste in dotazione ai vari desktop presenti sul mercato italiano,

Descrizione della mother board Le cose cambiano in fretta, Non molto tempo fa su una scheda madre del genere poteva trovare posto al massimo un 486 vista l'esiguità dei componenti, Ora invece ospita un Pentium Pro 200 MHz con tutte le peculiarità del caso, Dunque la scheda madre è basata principalmente su di una CPU Intel Pentium Pro, P6 per chi ricorda ancora i tempi quando i numeri comandavano, con un c10ck a 200 MHz e può montare da 256 a 512 Kbyte di cache di secondo livello, Il modello in prova ne monta solo 256 Kbyte, Il chipset è sempre Intel, un 82440 FX, e i moduli di memoria sono 4 a 72 pin, La memoria quindi può essere espansa fino ad un massimo di 512 Mbyte e supporta sia la EDO RAM che la FP DRAM, Le espansioni di memoria si possono inserire in quattro slot

da 72 pin, Comunque il Video Computer Master Premium Elite arriva con 32 Mbyte di RAM, una dotazione quasi standard ormai se si vuole installare Windows 95 o meglio Windows NT 4,0, Sempre on board sono presenti le due interfacce per le memorie di massa a standard Enhenced IDE (due per il supporto di quattro device) ed una per il controllo di due lettori di floppy disk drive da 2,88 Mbyte (il lettore di floppy invece è standard a 1,44 Mbyte). Per quanto riguarda le porte di comunicazione con il mondo esterno ce ne è una parallela Centronics intelligente, EPP/ECP, e due seria li ultraveloci UART 16550A, Da aggiungere la possibilità di gestire la trasmissione a raggi infrarossi a standard sia IrDA (HPSIR) che Amplitude Shift Keyed IR (ASKIR), La prima sigla è conosciuta perché porta il blasone Hewlett Packard, la seconda un po' meno, Differenze a livello tecnico nessuna, a livello royalty sì. La prima costa più della seconda e perciò è stata messa a punto dai taiwanesi per risparmiare qualcosa, La veloce gestione dell'I/O infine conta anche sul Bus Master PCI IDE per ridurre il carico di lavoro della CPU e su due interfacce Universal Serial Bus (USB), In chiusura quattro slot a 32 bit PCI e tre ISA a 16 bit. Sul Bios le cose di maggior spicco sono la gestione avanzata degli hard disk IDE e la conformità alle norme per la riduzione dei consumi Green Pc. Per quanto riguarda gli hard disk l'Award Bios gestisce il modo normale, l'LBA ed il Large, Con il primo la grandezza massima dell'hard disk è di 528 Mbyte, mentre con il Logical Block Addressing ed il Large si supera tale limitazione, Sempre con hard disk IDE tramite l'LBA si arriva a 8,4 Gbyte trasformando gli indirizzi logici definiti dai cilindri, dalle testi ne e dal numero di settori in indirizzi fisici all'interno dell'hard disk stesso, Con il Large mode invece si inganna il sistema operativo facendogli vedere un numero di cilindri minore di 1024 dividendo per due, Si ottiene così un hard MCmicrocomputer n, 167 - novembre 1996


PC MASTER PREMIUMHITE

200

P ,.ova

disk da 1 Gbyte. Il setup della gestione dei consumi è veramente completo e va dallo spegnimento del video alla interrogazione degli indirizzi di IRQ. Naturalmente fa bella figura il grosso processore ben ventolato un po' discosto da tutta la parte elettronica.

Le schede installate Prima di prendere in considerazione le schede sia video che Fast SCSI, soffermiamoci un attimo sulla «piastrina» VRM (Voltage Regulator Module). Si tratta di un convertitore switching DC:DC a basso costo che consente di ottenere tensioni di uscita variabili tra i 2.1 volt ed i 3.5 volt. Questo modulino rende questa piastra madre compatibile con le future versioni sia di Pentium Pro che di OverDrive, perché al momento la tensione di alimentazione dei processori viene identificata automaticamente. Le schede di interfaccia montate quindi sono due: una per la sezione video ed una Fast SCSI per la gestione dell'hard disk. Il monitor, un bel Goldstar da 17" che permette anche la riproduzione sonora, è pilotato da una scheda video acceleratrice ExpertColor DSV 3325 con una RAMDAC di 135 MHz e 2 Mbyte di Video RAM. È possibile gestire i filmati Panoramica interna.

La vista anteriore.

La parte posteriore.

Mpeg via software tramite il programma Xing. L'interfaccia SCSI è una Adaptec AHA-2940 in grado di gestire fino a sette dispositivi con tale standard: leggi hard disk, scanner, unità a nastro, CDROM ecc. L'hard disk in questione è un

Seagate da 2 Gbyte formattato. Dunque l'hard disk è pilotato dall'interfaccia Fast SCSI mentre il lettore di CD-ROM 8x Goldstar dalla porta Enhenced IDE.

Considerazioni finali Cosa dire di più di un desktop di questa portata e potenza elaborativa? Rientra nell'offerta di questa azienda italiana. Rispetta un po' la sua linea di prodotti di una certa classe che guarda da una parte sia il prezzo che la qualità offerta. Non è la prima voltil che monta in anteprima dei processori dt punta né quindi sarà l'ultima. In più il computer è arrivato in redazione con Windows NT 4.0 pre installato sull'hard disk e lavorarci è stato un piacere. Per testarlo sono stati installati sia software pesanti scritti appositamente per Windows NT che programmi invece pensati per tutt'altro ambiente e processo re inferiore. Tra l'altro buoni risultati li ha dati il programma di rendering Visual Reality, ed i due programmi prodotti dalla redazione di AUDIOREVIEW:WinBass e WinCross. Con questi due soprattutto si sono potuti effettuare dei test di compatibilità sia a livello processore che a livello operativo non possibili prima. All'inizio si è detto: «cosa dire di più»? Una cosa forse dopo aver guardato il prezzo: potenza per tutti.

253


~Proval

Sono passati quasi due anni da quando presentammo su queste pagine il primo sistema di dettatura automatica della IBM, chiamato dapprima Personal oictation System e poi VoiceType (Me 747, gennaio 7995); ed eccoci adesso a parlare della sua evoluzione, il VoiceType 3.0 di recente introduzione. Dal ((primo)) VoiceType ad ora molte cose sono cambiate nel mondo dell'informatica, a cominciare dalla disponibilità comune di potenze di calcolo assai più sostanziose a finire ad un generale minor costo della tecnologia, passando per una sostanziale evoluzione della qualità dell'utenza. Tutto ciò ha quasi imposto a Big Blue una sostanziale revisione del suo prodotto per la comprensione del parlato, nella direzione di un migliore sfruttamento delle ri254

sorse esterne oggi disponibili al fine di migliorare l'utilizzo del sistema. Le novità di questa versione di VoiceType sono dunque parecchie ma tutte in un certo modo ((tecnologiche)), ossia sfuggenti all'utente comune. Eppure sono profonde e sostanziali, tanto da giustificare il brusco salto di versione dal modello precedente. In breve ecco vi dunque le differenze più eclatanti, che analizzeremo meglio nel corso dell'articolo. Innanzi tutto il VoiceType è ora un prodotto per Windows 95 e non più solo per OS/2; esso si integra perfettamente nel sistema operativo sfruttandone i meccanismi per interagire al meglio anche con applicativi esterni, quali ad esempio Word 7 e tutta la suite di Office. Non è più necessaria la scheda hardware addizionale, dato che tutta

( di Corrado Giustozzi

)

l'elaborazione viene fatta in software (serve però un Pentium ad almeno 700 MHz); inoltre il microfono/cuffia fornito col sistema è ora più leggero e confortevole del precedente. Non è più richiesta la fase iniziale di addestramento alla voce dell'utente: il prodotto può funzionare anche senza training e inoltre impara dai propri errori, adattandosi gradualmente alla voce del parlatore. Il sistema può ora essere usato anche per impartire comandi al sistema operativo o alle applicazioni, di qualsiasi tipo esse siano. Il vocabolario base è stato ampliato, portandolo da 28.000 a 32.000 parole; ed è stato portato da 4.000 a 32.000 parole anche il vocabolario utente. Infine le procedure di installazione sono state semplificate e migliorate, grazie anche al fatto che il prodotto ora MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


IBM VOICETYPE

eD e non più su f1oppy; ed anche le procedure operative sono state rese più snelle e semplici mediante l'introduzione di tool specifici. Ma vediamo ora in maggior dettaglio le differenze più significative della nuova versione. Per maggiori informazioni tecniche sul funzionamento del VoiceType vi rimandiamo alla citata prova della precedente versione, che era accompagnata da un approfondito articolo teorico in cui si esaminava in dettaglio la parte matematica dei sistemi di riconoscimento vocale, scritto proprio da uno dei ricercatori IBM responsabili dello sviluppo del sistema VoiceType. è disponibile su

Migliorare: cosa e come Il «vecchio» VoiceType, a fronte di un costo tutt'altro che popolare e di determinate idiosincrasie d'uso (specifi-

118M VoiceType Produttore

tdodilica

~sualiue

\Mento

Qetatur4

Fgnncto

DI,,!IIIJI a1_~I!!J 19I>1~lel,!L 1~11J come ft.nzJona questo

OOOVO

Bl/I!llpl

Sistema dir dettah.n

Lit. 1.342.000

che richieste di hardware e softweare su cui girare) aveva un indiscutibile ed innegabile vantaggio: funzionava benissimo! Nulla a che vedere con tutti i sistemi concorrenti, generalmente afflitti da riconoscimenti incerti o limitati ad un ristrettissimo insieme di termini: il Voice Type, con i suoi quasi trentamila vocaboli, è sempre stato adatto alla dettatura in termini del tutto ampi e generali; ed il suo elevatissimo tasso di riconoscimento ne fa uno strumento professionale utile ed affidabile, non un gadget per giocare col microfono. Resta ineguagliata, a questo proposito, la ca_101xl

r-.I~'-~.~L

. , ·4·

Iiiiiiii

e distributore:

eiWJ

~fT'ome-.----------::J~.~

I

16M Semea Circonvallazione Idroscalo Segrate (Milano) Prezzo (IVA esclusa): 16M VoiceType 3.0:

Qdlt§!!biiiilii;'ii'".:e.!§!ih@5§"ijl.,+""Mi8iiiiiiil"ii,"*M.'''ii!II..lii.I!N E'H:

3.0

per non ha biSOgno

11II JIUI

formato ~cella Annulla 1 il

Z

in

J Bie ~

bio

~

VinO

6

vita dire grinta

7 ~ IiiLlltl~IIIIIWlllll'lIl"lII"'llli!l!iIlI!§lII.1ii••• fie

Yodi6co

~.ucliua

lnsensd

DI~IIIJI~!!J_

F~

~

~,,F2

Isognodl~

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

3.0

Prova

pacità di disambiguare termini omofoni a seconda del contesto (ad esempio «hanno» ed «anno») e di interpretare i meta-termini inseriti nel discorso con cui si descrive il testo stesso (ad esempio distinguendo quando il termine «punto» va inserito testualmente e quando invece impone l'inserimento nel testo del segno di interpunzione). Difficilmente, dunque, si poteva migliorare l'essenza stessa del prodotto. Lo sforzo di IBM si è pertanto concentrato su tutti quegli aspetti di contorno che risultavano carenti nella prima versione, dalla versatilità operativa alla semplicità d'installazione ed uso, che sono poi quelli che condizionano maggiormente l'accettazione del prodotto da parte del mercato. In realtà si è intervenuti anche sul cuore del sistema, il motore di riconoscimento del parlato, ma non più di tanto perché già perfettamente a punto sin dalla versione precedente; e non c'è da meravigliarsi, se ripensiamo al fatto che quel motore è in realtà frutto di oltre quindici anni di lavoro e sperimentazione: un grande progetto di ricerca iniziato quando i personal computer neppure esistevano, e la parte matematica veniva svolta da un grande mainframe . Cosa è dunque cambiato dal «vecchio» VoiceType (che peraltro rimane in catalogo ed è ancora ufficialmente supportato da 18M) alla nuova versione 37 Moltissime cose. La prima e più evidente è che ora non è più necessaria la speciale scheda hardware che accompagnava la prima versione. Ricordiamo che il funzionamento del VoiceType si

A sinistra due schermate del VoicePad, la versione "acustica" del WordPad, durante la dettatura. In questa fase il sistema non aveva ancora effettuato alcun training preliminare. Qui sopra, la finestrina con cui si insegna al VoiceTvpe la nostra pronuncia di una parola che non ha capito. A destra, dettaglio sul bellissimo microfonolcuffia a cancellazione di rumore ambiente.

255


IBM VOICETYPE

3.0

~

~

Cosa posso

Corrente

I

? X

dire?

Passa a

Sempre

~

~

I

Corrente

VoieeCenter IBM Il VoiceCenter é un'applicazione che coordina l'uso del microfono per interagire vocalmente col sistema operativo. Pronunciando frasi come "cosa posso dire?1I o "dove posso andare?1I si aprono opportuni menu che forniscono aiuto o lanciano applicaZIOni.

basa su due modelli matematici del parlato; uno acustico, relativo alle modalità di riconoscimento dei singoli fonemi, ed uno linguistico, relativo alle modalità di combinazione dei fonemi in parole identificabili. Nel vecchio sistema tutta la parte matematica relativa all'elaborazione del modello acustico (conversione analogico/digitale, trasformazione di Fourier, best-matching dei fonemi e così via) veniva svolta in hardware da un processo re dedicato, contenuto su una apposita scheda di espansione. Il nuovo VoiceType invece ha portato in software anche questa parte, che avviene concorrentemente all'elaborazione del modello linguistico. Il sistema dunque effettua in hardware solo la conversione A/D, delegando tutte le altre parti matematiche al microprocessore del computer; e pertanto «si appoggia» a qualunque scheda audio standard (ad esempio compatibile SoundBlaster) installata nel sistema, passando attraverso le normali routine di campiona mento previste dal sistema operativo. Ciò significa meno problemi di installazione, nessun conflitto con altre periferiche, e in definitiva un minor costo del prodotto, a fronte di un maggior impegno sulla CPU; questa dev'essere dunque almeno un Pentium 100, con almeno 24 MByte di RAM complessiva. Seconda «rivoluzione»: il nuovo Voi-

Dove posso

? X

andare?

Passa a

I

Sempre

I

•• Awio I Passa a I Chiudi <p • 8 ••Riduci a icona l'ngrandisc @ Blocco Note fiiI Calcolatrice

•• Pulsanti ed etichette •• Sospendi temporaneamente •• Riprendi •• Disattiva microfono •• Cosa posso dire •• Dove posso andare •• Dettatura in VoieePad •• Proprietà di VoieeCenter •• Aiuto VoieeCenter •• Menu di sistema

@ffiIiiiii.it1.h!iI@

Editor per macro di detl ~ Gestione risorse \ ~ Lettore CD Lettore multimediale L:I MS-DOS ~ Paint L:I Pannello di controllo Registrazione

':ffi

g

'io SnlitArì

~

~ 8Pprendi

Macro

Bieerca

I

8Pprendì

ceType è un prodotto per Windows 95! Ricordiamo che la prima versione esisteva solo per OS/2, che all'epoca era il solo sistema operativo multitasking a 32 bit sul mercato; ora che queste caratteristiche esistono anche nella nuova versione di Windows il VoiceType è stato portato su questa piattaforma, di gran lunga più diffusa, per il beneficio di una larghissima fascia di potenziali utenti. E d'altronde il nuovo OS/2 Warp 4, di recente uscita, incorpora direttamente al suo interno le funzionalità di VoiceType, anche se con alcune limitazioni per quanto riguarda le dimensioni del vocabolario riconosciuto. Assieme a VoiceType 3 viene dunque fornito un «VoicePad» perfettamente analogo al WordPad con cui effettuare la maggior parte della dettatura; ed anche vari tool A sinistra:

il corretto modo di indossare il microfono. Volendo questo può essere "ribaltatoll per essere portato sul lato opposto della testa. A destra, l'inizio della fase lopzionale ma consigliata) di apprendimento della voce del parlatore, differenziata per i modi "comandill e "dettatura)).

ReglstrozlOni

Regj••

di

Bicerca

I

per poter dettare direttamente «dentro» alle applicazioni standard, anche se con minori possibilità di intervento (ad esempio non può essere fatta la correzione «con apprendimento» che vedremo tra un attimo). Terzo grande passo avanti: mentre la precedente versione era «dipendente dal parlatore», e dunque aveva necessariamente bisogno di una fase di apprendimento nella quale il sistema imparava a riconoscere la voce dell'utente, ora il prodotto è stato reso sostanzialmente «speaker independent» e dunque è in grado di funzionare al primo colpo appena installato, senza alcun training preliminare. Naturalmente in questa condizione il tasso di successo nel riconoscimento non è del cento per cento, ma per la maggior parte delle ap-

EJ

CORRADO GIUSTOZZI

llZion&

Appt•• e I Ragis••••

r

Macra

l-l

Oou<mt<>ne

_

;"n6;;§·il1'if';·i,J. #

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


~

'Appunto' - Propne"" All'avvio

6E1

dI VooceCenter

IBM VOICETYPE

Prova

3.0

lVoiceCenter I Audio I Utente IVoce

A11'awioimpostare su:

~

r Microfono dismtive.to

~ r ~ospendi temporaneamente plicazioni il numero di errori compiuto è sufficientemente ~ basso da essere trascurabile. Ma c'è di più: il sistema è Per attivare il microfono: stato reso «adattativo», ossia r Premere: è in grado di migliorare il suo riconoscimento; ogni parola r Eosizionare il mouse sul punto di attivazione dubbia o errata può essere r. r infatti corretta manualmente dall'utente, e siccome il sir stema «ricorda» come è star ta pronunciata può istantaneamente tarare i suoi parametri per non commettere più lo stesso errore in futuro. Annulla OK 6Pphca In ogni caso, laddove sia assolutamente necessaria da subito la massima qualità del lJ:.il Propnet'" doVooceCenter 6E1 riconoscimento, è sempre Utente Voce I All'avvio I VoiceCenter I Audio possibile effettuare la fase di addestramento. Ma anche qui c'è un notevole miglioraL' ulente è: mento: mentre prima essa CORP.AOO GIUSTOZZI doveva essere svolta in un colpo solo, leggendo al sistema una lista di 250 frasi, ora L'utente è r~gistrato per utihzzare: essa può essere svolta in IPrim" registrazione [ltt>liano] modo incrementale. Ossia l'utente può decidere di efY:oce.bolario: fettuare un addestramento minimo e poi verificare se le IVOC"bOi""O Gener"le per Itt>li"no performance che ottiene sono sufficienti alle sue necessità; in caso contrario può efAggiungi utente... fettuare un ulteriore «blocco» di addestramento e procedere ad una nuova verifica. Naturalmente durante la OK AnnuII" 6ppllce dettatura normale occorre pronunciare le parole con una brevissima pausa tra l'una e 32 bit, multitasking e con estensioni l'altra, una cosa cui ci si abitua subito; invece usando il VoiceType come intermultimediali, ad ampia diffusione. Tuttaprete di comandi per l'interazione col sivia, proprio in considerazione del fatto stema operativo, dato il più stretto amche non tutti gli utenti sono già in possesso dell'hardware adeguato a far girabito di termini ammissibili, il sistema è in grado di comprendere anche il parlare il nuovo VoiceType 3, e per salvaguardare gli investimenti degli utilizzatoto continuo. ri della versione precedente, il nuovo Accenniamo infine solo alla semplicissima fase di installazione (a patto di prodotto non sostituisce a listino il vecchio ma gli si affianca. La versione preleggere a fondo le istruzioni, soprattutto cedente continua pertanto ad essere per quanto riguarda la corretta messa a supportata ed assistita, a beneficio di punto del microfono!) e concludiamo dicoloro che dispongono ad esempio di cendo che nei nostri test il sistema ha computer 486 e non Pentium. Quando funzionato perfettamente ed al primo costoro decideranno di migrare potrancolpo, tanto che non è ancora stato disinstallato ... no passare al nuovo VoiceType 3 in modo quasi del tutto trasparente, considerando ad esempio che i vocabolari esterni specialistici (forniti da IBM per applicazioni particolari, contenenti termini medici, legali, tecnici e così via) soTutte le innovazioni viste sono state no del tutto compatibili tra le due verrese possibili in ultima analisi dalla diSionI. sponibilità sul mercato di processori ad Ultima ma non per questo meno imalta potenza e di un sistema operativo a

~

Propnet'" All'avvio

IVoiceCenter

Audio

~S~~~ofo_~~ne

r

6E1

di VooceCenter

IUtente l Voce l

~_.

_

JI-----Alto

B"sso ~d1ed" "udio utilizz"',, come ingresso:

'CS4232 Audio Device Driver

l

r.

Spinotto di ingresso:

Microfono

r \.ineln

!Jscit" (per ""scolto registr"zione o dettt>tur"J

-----J-----Alto

B"sso Sg,ed" "udio utili""t"

come uscit",

ICS4232Audio Device Driver

I

Conclusioni

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

OK

60phca

AnnuII"

Nelle tre scherma te, alcune delle proprietà che consentono di configurare al meglio il VoiceCenter. Oui sotto i molti accessori in dotazione al microfono, che risolvono ogni problema di collegamento e adattamento di impedenza nelle varie situazioni operative.

portante novità: il nuovo VoiceType 3, assai più potente e più facile da usare del precedente, costa parecchio meno del vecchio, ossia un milione e trecentomila lire (più IVA). A fronte della sua utilità in molteplici situazioni operative non è davvero un costo alto. Ma quando leggerete queste righe ne sarà già stata annunciata una versione ridotta, adatta ad applicazioni casalinghe, ad un prezzo assolutamente appetibile a tutti. E dunque, che aspettate a parlare al vostro computer? t:\!?,

257


Ove rvi e""

(

di Francesco Petroni

)

Produttore: Visual Software, Inc. Woodland Hills, CA-91364

Distributore: Micrografx Inc. Italia Via Ettore Sacchi, 8 - 26100 Cremona Tel: 0372/461390 Prezzi (IVA insc!usa): Simply 3D Visual Reality 2.0

La Micrografx, la casa americana nota per la sua collana di prodotti per grafica, ha acquisito recentemente la Visual Software, piccola casa specializzata in prodotti di animazione grafica tridimensionale nata nel 1991. I due prodotti che vi presentiamo, si tratta ancora dei prodotti originari, provengono direttamente da questa acquisizione: sono il Simply 30, più semplice da usare grazie ai numerosi strumenti di aiuto, e il Visual Reality 2.0, più complesso e conseguentemente in grado di raggiungere dei risultati più impegnativi e spettacolari. Nei prossimi mesi subiranno una revisione necessaria per allinearli agli standard vigenti in casa Micrografx. In particolare dovrebbe essere migliorata la manualistica, abbastanza spartana in questa prima versione.

L'evoluzione nella grafica 3D Prima di vedere il prodotto sarà bene fare un breve discorsetto sulla Grafica 258

3D. Come noto, la Computer Grafica comprende numerosissimi filoni, almeno una dozzina. Molti di questi, nel corso degli anni, hanno subito un'evoluzione pressoché completa. Ad esempio quale tipo di diagramma si può desiderare di più da un prodotto di Business Graphics, quale funzionalità di tracciamento si può desiderare ancora in un prodotto di Drawing bidimensionale. L'ultimo arrivato, per così dire, è il filone costituito dai prodotti di grafica di animazione, sia bidimensionale che tridimensionale, ed è ancora in fase ascendente, nel senso che continuano ad uscire prodotti nuovi e che i vari prodotti contengono funzioni innovative, anche nel tentativo di renderli quanto più possibile facili da usare.

Come funziona un prodotto 3D Innanzitutto occorre costruire, in un apposito ambiente editore, gli oggetti tridimensionali. Quelli più semplici possono essere ottenuti con semplici manipolazioni di

Li!. 189.000 Lit. 429.000

profili lineari, mediante rotazioni, estrusioni, trascinamenti, senza o con deformazione nello spazio. In genere però i prodotti dispongono di vaste librerie precostruite di oggetti, semplici (ad esempio vasi, bicchieri e stoviglie varie) o complessi (ad esempio tutti i tipi di aerei). Altra possibilità, sempre praticabile, è l'importazione di oggetti complessi costruiti con prodotti di CAD. Assemblati i vari elementi solidi che costituiscono il soggetto, va scelto un punto di osservazione (in realtà anche il lavoro iniziale nell'Editor prevede l'utilizzo di una o più modalità di visualizzazione del soggetto, necessarie per controllarne tutte le parti). Il soggetto è ancora visto in modalità Wireframe, fil di ferro, e se ne vedono solo gli spigoli. Il terzo momento operativo è quello che consiste nella scelta dei materiali con cui sono fatti i vari oggetti. Anche qui si fa ricorso alle librerie. I materiali e le loro caratteristiche possono influenzare il modo di vederli, ad esempio importantissimo è il loro grado di opacità, di riflessione o di trasparenza. Occorre poi posizionare nella scena le luci. Una o più fonti luminose, per ognuna delle quali vanno scelte una serie di caratteristiche (colore, intensità, ampiezza del fascio luminoso, ecc.). Tutto è pronto per realizzare la prima Immagine. Se ne occupa il programma di Rendering, al quale vanno indicate una serie di impostazioni (metodo di calcolo, risoluzione e numero di· colori dell'immagine finale, ecc.). Ogni fase permette una serie di varianti, in termini di impostazioni, tanto più numerose quanto più il prodotto è professionale. Quelli più economici prevedono numerose semplificazioni, che facilitano il lavoro, velocizzano il processo finale, ma costano qualcosa in termini di qualità finale dell'immagine. Il passo successivo è l'eventuale realizzazione di un'animazione. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


MICROGRAFX

Questa operazione può seguire due strade: la realizzazione di una sequenza di immagini BitMap separate, asse mblabili in un secondo momento via software o mediante riversamento su altro supporto, oppure la realizzazione diretta di un file di animazione, in uno dei formati standard (FLC, AVio QuickTime). Per realizzare l'animazione occorre impostare i movimenti degli oggetti in scena (soggetto dell'immagine, punto di vista (camera), luci) o le variazione delle loro caratteristiche. Altro elemento fondamentale è la durata, in fotogrammi o in secondi, del ,dilmetto» da realizzare.

Grafica 3D: a cosa serve oggi La Grafica 3D è nata come naturale evoluzione dei prodotti CAD. Non per nulla il prodotto standard di mercato è tuttora il 3D Studio dell'AutoDesk. I primi CAD erano bidimensionali, poi sono diventati tridimensionali, poi si sono trasformati in prodotti di modellazione solida (non si disegna, ma si costruiscono e assemblano oggetti solidi). Poi sono state introdotte le luci e i materiali e sono state implementate le varie routine di rendering (esistono numerosi e specifici algoritmi di calcolo). Con la diffusione, a tutti i livelli, della grafica, sono nati prodotti di Grafica 3D di tipo elementare, che non seguono il rigoroso e obbligato processo costruttivo imposto dai prodotti CAD, ma semplificano drasticamente le operazioni. Sono ormai alla portata dell'utente « medio» che dispone di strumenti di aiuto in tutte le varie fasi del lavoro e di librerie di oggetti già costruiti dalle quali pescare per la propria composizione. L'elementarietà di tali prodotti consiste anche nel fatto che il risultato finale del processo è un file con un'animazione in uno dei formati standard: AVI, MPG, FLC, FU. Tali formati si stanno diffondendo per vari motivi. Il primo è la diffusione dei CD, che, con la loro capacità, possono contenere un bel po' di «materiale video». Ad esempio si sta diffondendo la tendenza di distribuire con i vari prodotti dei file Tutorial in formato animazione, che spiegano e commentano le varie fasi nell'esecuzione di un certo comando. Altro motivo della diffusione dei file di animazione è Internet i cui browser più noti ed utilizzati permettono di scaMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

SIMPL Y 3D E VISUAL REALlTY

2.0

mM'+'I.I';';

Figura l - Micrografx Simply 3D .lqlxl Cataloghi Visuali di Sfondi e di Og[lo t-d Ba<UCO. Il''' getti. ...",ews~ ~ Un "lavoro" eseguito con Simply "-'-' • 11_vleW2 . ~..r.!... 3D è composto generalmente da 13 viewl tre elementi: una scritta artistica, che si confeziona con il modulo Vi·Iglxl sual Font (che è disponibile anche ::::~: fit tortrol B~ ti'" in Virtual Reality 2. O), uno, nessuno ~-~: ± ObJeete o più oggetti prelevabili da un catate-"""e\ 3cllog tS::::vie'ol. 3dwall_' logo e uno sfondo, anche questo t9 v1h, 147.ged H_lul1 prelevabile da un catalogo. L'amIl_text2 biente operativo del Visual Font permette di scrivere il testo, che deve 13.bolloon3·lle t3_bar,ged essere corto, e permette poi di spe• I~Uexl 14_cylln.gea cificare una serie di caratteristiche Posta Wl ~:~~~~~~ed 3D del testo stesso. Una volta a po15_goblel2 sto lo si può salvare in un formato t5_top t6_2ball OXF o GEO per passarlo al modulo t6_3b.U ---, te 4b&1I Render. Qui vediamo il catalogo illuGiochiF t6-Sball strato degli sfondi BitMap e quello t6:6boU te_bockdrp2 degli oggetti in dotazione a Simply te cube 3D (anche questo modulo è in comune con Virtual Reality 2. O). Gli oggetti a disposizione sono molti e vanno dai solidi semplici (cubi, sfel'introduzione, poi Creazione del Prore, ecc.) a quelli complessi (oggetti di arredamento, parti meccaniche, ecc.). Simply 3D, al contraro di getto, Esplorazione dei Materiali, TecniVisual Reality 2.0, non ha proprie funzionalità di diche di Mappatura delle Texture, Lavoro segno spaziale, ma in compenso accetta di lavorare con le Immagini, con le Luci, il Render con file OXF.

~~~~l-If_F2 __

--

rzJ

:~:~:::~~~.~:

ricare e visualizzare i filmati che accompagnano moltissime pagine.

Il Materiale Passiamo a vedere i due pacchetti. Simply 3D, contiene un CD e un Manuale di circa 250 pagine, come detto, stampato un po' spartanamente in termini di impaginazione e di illustrazioni. La prima metà del manuale è occupata da un Tutorial in nove lezioni che si basa sull'utilizzo di materiale su file reso disponibile dall'installazione. I titoli delle lezioni indicano chiaramente il processo di apprendimento suggerito dalla casa: Quickstart, per

Finale. La lezione Using Alpha Channel spiega come inserire figure bidimensionali nella scena 3D creata. Alla fine c'è la Lezione sulla Camera Animation. Il Visual Reality 2.0 ha ben sette CD, un Manuale di circa 550 pagine e una serie di opuscoletti a colori con le riproduzioni delle varie Texture disponibili su file. Il primo CD contiene i programmi e gli altri il materiale di supporto, costituito da oggetti preconfezionati, cataloghi di materiali, collezioni di sfondi, suoni, filmati AVI e scene già sviluppate, organizzate per argomento. C'è ad esempio un CD, si chiama Jurassic Adventure, con dinosauri ... vettoriali, sfondi con foreste, vulcani, ecc. oppure il CD Orbit City con materiale di genere

1-,.,

Figura 2 - Micrografx Simply 3D Renderize Live EZ Questo è il modulo nel quale si confezionano le immagini. L'ambiente operativo è molto ricco: sulla sinistra l'elenco visuale delle varie risorse in gioco, suddivise in oggetti, sfondi, luci, materiall~ ecc. In alto la pulsantiera relativa al momento operativo in cui ci si trova (Editing. Move, Render, ecc.!. AI centro la finestra che mostra, a seconda delle situazioni, sia la scena in fase di lavorazione sia la vista finale, che è una vista anche operativa in quanto vi si può agire ad esempio quando si riposizionano gli oggetti nella scena. Il modulo Renderize Live EZ pretende una risoluzione di 800 per 600.

259


bOvervielM I

fantascienza. Il manuale contiene la parte Tutorial identica a quella del Simply 3D con alcune lezioni in più sui moduli in più.

Figura 3 - Mlcrografx Vlsual Reality 20 - Un esempio in campo architettonico. Visual Reality 2.0 è il fratello maggiore di Simply 3D, con il quale condiVide alcuni moduli operativi. Ha in più il modulo che serve per maneggiare le immagini BitMap e quello per modellare i solidi. Nei suoi sette CD (da Guinness del primati Il) oltre ai programmi si trovano enormi librerie di oggetti, di texture, di sfondi. Ci sono poi molte immagini realizzate con il prodotto, Utili, al solito, per valutare i risultati raggiungibili da chi usa bene lo strumento. Alcuni dei CD sono ((tematiei», contengono quindi materiale omogeneo riguardante un certo argomento. Il CD Jurassic Adventures contiene dinosaun (in formato vettonale), sfondi ((tipici» dell'era giurassica, animazioni in cui si vedono combattimenti tra tirannosauri, ecc.

Simply 3D Supponendo

di

voler

costruite

Figura 4 - Micrografx Visual Reality 2.0 - Ambiente operativo. Il Visual Reality è il fratello maggiore di Simply 3D. Sono accomunati da una serie di strumenti e dal disegno dell'ambiente operativo su cui si aprono una serie di ricche finestre di dialogo, che servono per organizzare o per configurare le risorse su CUI si sta lavorando. Ad esempio la Camera, che è in pratica il punto da cui guarda la scena un ipotetico osservatore, può essere posizionata indicando i valori delle coordinate oppure spostandola ((a mano» in una delle viste operative. La box nella figura è quella che mostra tutte le caratteristiche geometriche ed estetiche del singolo oggetto selezionato. Importante è il mapping della texture, ovvero la modalità con cui il disegno del materiale viene riportato sull'oggetto. In queste configurazioni Visual Reality 2.0, per quanto sia un prodotto di classe intermedia (ei riferiamo al prezzo), si dimostra molto sofisticato.

un'animazione consistente in una scritta che si muove nella scena occorre sfruttare il modulo Visual Text che serve per scrivere la parola o la breve frase, scegliere il carattere, si usano i normali Font True Type di Windows, che, essendo vettoriali, possono subire tutte le manipolazioni che si vuole. Poi si sceglie la profondità da dare al testo, si traccia la traiettoria lungo le quale farlo apparire. Alla fine si salva il desegno della scritta in un formato letto dal modulo successivo. Il formato interno del Simply 3D è il GED. A questo punto si passa nel prodotto di Rendering (si chiama Renderize Live EZ) che presenta un ambiente operativo molto ricco. In mezzo c'è la finestra che mostra gli elementi su cui si sta lavorando (ProJect Designer) e che al momento opportuno serve anche per visualizzare il risultato dei nostri sforzi. Si lavora con «risorse», che sono View, Objects, Lights, Materials e Images. Questi elementi sono organizzati e manipola bili usando la Resource Palette, a sinistra, che mostra la lista degli elementi divisi per categoria. In alto la ToolBox che contiene i pulsanti con i

260

vari comandi relativi al momento operativo in cui ci si trova. La Resource Palette dispone di tre finestrelle nelle quali si spostano le singole risorse che si volessero muovere, editare o semplicemente visualizzare. In questi casi si apre una finestra operativa relativa solo all'elemento che si è selezionato. Simply 3D non ha un suo ambiente per la creazione degli oggetti. Si usano testi, che, manipolati nell'ambiente Visual Text, diventano oggetti, oppure oggetti di libreria. L'altra possibilità è quella di lavorare con un prodotto esterno con il quale si tracciano profili che poi vanno salvati nel formato AI (quello di Adobe Illustrator). Il manuale di Simply 3D cita il CorelDraw come prodotto ideale con il quale creare il file AI. Sicuramente la Micrografx cambierà tale suggerimento che favorisce una casa rivale.

Visual Reality 2.0 Condivide molti moduli con il suo fratello minore Simply 3D, in particolare il Visual Font e la Visual Gallery di oggetti e materiali. Anche il modulo Renderize è organizzato allo stesso modo. In più ha il modulo Visual Image che

serve per la manipolazione delle immagini BitMap, da utilizzare per gli sfondi o per i materiali. C'è poi il Visual Model che è uno strumento per la modellazione solida molto sofisticato. Si lavora su profili lineari che poi vanno «tridimensionalizzati» mediante deformazioni «organiche» come piegature, rotazioni, torsioni, estrusioni, colate, ecc. L'oggetto o gli oggetti creati in tale ambiente possono essere salvati come file oppure, in maniera più spericolata, trascinati nell'ambiente 3D. Interessante è il concetto di UniSphere. In pratica è possibile definire uno sfondo che non presenta discontinuità anche se, ad esempio, il punto di osservazione compisse un giro di 360 gradi

Conclusioni La grafica tridimensionale cerca di rappresentare, in tutti i suoi aspetti, la realtà. Compito del prodotto di grafica 3D è quello di simulare quanto più possibile gli elementi in gioco in modo che le immagini realizzate siano più realistiche possibile. Pur adottando, quando possibile, semplificazioni il processo costruttivo risulta comunque complesso. Questo in altre parole significa che l'utilizzatore medio entra a regime, nel senso che padroneggia lo strumento, solo dopo un bel po' di pratica. Il discorso vale anche per i nostri due prodotti, il Simply 3D e il Virtual Reality 2.0. Presentano però il vantaggio di essere complementari. Si può cominciare, a costi bassissimi, con il Simply 3D, poi, fatta la pratica necessaria, passare al livello superiore. lA!S MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Scoprite come altre società hanno

realizzato con successo sistemi

distribuiti per l'intera azienda grazie a

soluzioni integrate di Software 18M.

Per maggiori informazioni,

chiamate IBM Direct al Numero

Verde 167-017001*, compilate e

spedite il coupon sottostante oppure

consultate la pagina Internet

http://www.software.ibm.com/is/enterpri

sei

Compilate e spedite il coupon a IBM Software - Casella Postale 41 - 20090 Trezzano sul Naviglio (MI)

D Sì, vorrei ricevere maggiori informazioni Nome

Cognome

_

Azienda

Funzione

_

Via

N"

Città

Provo

Tel.

Fax

'Se preferite potete lasciare un messaggio e-mail aIBMDirectall·indirizzoibm_direct@it.ibm.com. L'indirizzo IBM Direct in Internet è http://direct.ibm.it/L'indirizzo IBM in Internet è http://www.ibm.com. MC.M. - 6CISS276

CAP

_ _

_

--------- --~----_.- --- -------.-

Soluzioni per un piccolo pianeta


Ove rvi e""

La caratteristica principale del Fractal Painter è quella di essere un prodotto per il disegno pittorico che simula il più fedelmente possibile gli strumenti ed i materiali usati dai pittori. Quindi pennelli di ogni forma e dimensione, matite, pastelli, pennarelli, carboncini, e poi colori di ogni tipo, acquarelli, olio, colori a cera, ecc. e supporti come tele, cartonicini lucidi; ruvidi, e cosi via. Il Painter è il prodotto di punta della Fractal Design, che però vanta un catalogo ricco di altri prodotti specifici e specializzati nella grafica. Ne citiamo alcuni. Il Ray Dream Studio per le illustrazioni 3D e le animazioni 3D, affiancato dal Ray Dream Designer più orientato al disegno del soggetto 3D e dal Design Detailer che permette di eseguire il ritocco finale sulle superfici degli oggetti 3D. C'è poi il Fractal Design AddDepht lo strumento per realizzare in maniera totalmente guidata loghi e piccole animazioni 3D. Nel campo della grafica vettoriale troviamo il Fractal Design Expression, che unisce alla flessibilità del prodotto di grafica vettoriale, in termini di editazione degli oggetti, gli strumenti di disegno dei prodotti pittorici. C'è poi il Poser, specializzato nel disegno del corpo umano, nei suoi vari componenti e nelle infinite pose che può assumere. Si usano modellini del tutto analoghi al classico pupazzetto di legno con le articolazioni snodabili che usano da sempre i pittori. Poi c'è il Dabbler, per i pittori ... dilettanti. Il prodotto, specializzato anche questo nel disegno pittorico, dispone di una serie di Tutorials che introducono e dimostrano le principali tecniche di disegno e di animazione. Sono disponibili anche tool di vario genere, come il JAG (Jaggies Are Gone: le dentellature non ci sono più) che è in pratica un filtro che addolcisce i bordi e le linee nette di un disegno BitMap, oppure il sistema per la gestione degli Add On ai vari prodotti. Nel CD del prodotto Painter ci sono alcune «gallery)), ovvero delle presenta262

zioni che mostrano in sequenza significativi esempi di utilizzo di alcuni di questi prodotti. Molti provengono dalle mostre di Computer Art. In definitiva la Fractal Design è presente in molti settori della grafica con prodotti di alta qualità, destinati prevalentemente ad un pubblico di specialisti (pittori, creativi, art director, grafici, ecc.). Informazioni più dettagliate su tali prodotti le potete trovare, come al solito, sulle pagine Internet della casa (http://www.fractal.comJ. Fractal Design Painter 4 - Gallery di immagini. Abbiamo parlato abbastanza recentemente del Painter della Fractal Design (era la versione 3.0). Si tratta di un prodotto di provenienza Mac e quindi il look del suo ambiente operativo non rispetta le rigorose direttive Windows. È un prodotto destinato ai professionisti dell'immagine pittorica. La Fractal ogni anno organizza dei concorsi dedicati agli autori di immagini creative. Le composizioni più belle vengono pubblicate su CD. Invece di composizione avremmo potuto dire « file", vedendo il problema dal punto di vista del CD, oppure «opera", dal punto di vista dell'artista.

(

di Francesco

Petroni

)

Le caratteristiche Lo abbiamo presentato abbastanza recentemente, si trattava della versione 3.0. La nuova versione presenta un bel po' di novità, che riguardano sia l'ambiente operativo, ad esempio l'organizzazione dei menu, sia la strumentazione, arricchita di nuovi strumenti, come lo Shapes che permette di tracciare un vero e proprio disegno vettoriale all'interno dell'immagine pittorica. Questa vettorializzazione dell'ambiente permette nuove funzionalità di gestione e manipolazione degli oggetti, come lo snap, gli allineamenti ed altro.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


FRACTAL

Produttore: Fractal Designer Corporatìon 335 Spreckels Drive Aptos, CA 95003

Distributore: Modo S.r.l. Via Masaccìo, 17 42100 Reggio Emilia Tel.: 0522/504111 Prezzo (IVA esclusa): Fractal Design Painter 4.0

Lit. 850.000

Il contenuto del barattolo è ottimo ed abbondante. Troviamo il CD, che contiene, oltre al prodotto, una serie di immagini artistiche realizzate con Painter o con altri prodotti della casa, una serie di librerie di oggetti, retini, pennelli, ecc. I manuali sono ... flessibili per poter entrare nel barattolo. Sono la QuickStart Guide, utile anche a chi proviene dalle versioni precedenti in quanto riassume le novità. Poi c'è l'illustratissimo manuale Tutorial (90 pagine) indispensabile per cominciare ad utilizzare correttamente il prodotto. Le lezioni sono divise in sezioni opportunamente dedicate a ciascuna specialità pittorica o attività grafica: Painter per i Pittori, che affronta la basi del disegno; Painter per i Fotografi, in cui vengono trattati gli strumenti di correzione; Painter per i Mosaici, in cui viene affrontato il più speciale degli effetti speciali; Painter per i Disegnatori, che parla principalmente di texture e di pattern; Painter per i Collage, in cui si utilizzano a fondo gli strumenti per la selezione di porzioni di immagini e per la loro manipolazione; Painter per gli lliustratori, in cui si parla sostanzialmente dello strumento Shapes; Painter per gli Autori di Pagine WEB. Non potevano mancare lezioni dedicate a chi lavora per Internet. Come si vede un programma molto ricco che conviene seguire completamente e attentamente per raggiungere una conoscenza completa del prodotto. Il manuale più voluminoso, circa 400 pagine molto illustrate, è l'User Guide. È organizzato in capitoli ciascuno dei quali dedicati ad un argomento. Painter Overview, panoramica iniziale descrittiva dell'ambiente, che è molto ricco, soprattutto in termini di Pannelli con i vari strumenti (sono oltre una dozzina e svolazzano sul foglio). Painter Basic, per cominciare usando gli strumenti fondamentali: scelta del MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

PAINTER

Fractal Design Painter 4 - Effetto Rendering. In questa figura possiamo vedere la ricchezza, in termini di strumenti operativi, e l'accuratezza, in termini estetici, dell'ambiente di lavoro di Painter, poi la finestra con l'immagine, le varie toolbox zeppe di pulsanti e le box che si aprono quando occorra impostare qualche comando complesso. Vediamo il filtro che serve per applicare le luci all'immagine in modo che assuma un aspetto più realistico. In questo modo un'immagine piatta, per quanto bella, diventa, in un certo senso, viva.

x

Fractal Design Painter 4 - Calibratura dei pennelli. Lo strumento di lavoro specifico del pittore è il pennello. Varia la sua forma, varia la sua dimensione, varia l'angolo con cui viene impugnato rispetto alla superficie del quadro, varia il suo orientamento, varia la pressione con la quale viene trascinato sulla tela, varia la quantità e la densità del colore che raccoglie quando viene immerso nella vaschetta o intinto sulla tavolozza, ecc. Tutte queste caratteristiche possono essere impostate anche con Painter e l'effetto lo si vede analizzando la figura di sfondo.

supporto, dei pennelli, dei colori. Painting, tratta in maniera più approfondita le varie tipologie di strumenti di tracciamento. Advanced Painting, sulle tecniche di tracciamento. Art Materials, soprattutto la scelta del supporto e delle sue caratteristiche. Ad esempio la carta con tutte le sue varianti. Shapes per il disegno di elementi vettoriali. Selections and Masks, per la selezione intelligente di parti di disegno su cui intervenire salvaguardando il resto. Floaters che sono oggetti del disegno manipolabili separatamente. Con i capitoli Cloning and Tracing e ·1mage editing and Effects si entra nel mondo della editazione, manuale o tramite l'applicazione di effetti speciali, I capitoli successivi trattano argomenti più specifici come il Digital Video and Animation (per realizzare file AVI foto-

gramma per fotogramma), Mosaics e Scripting, ovvero la possibilità di memorizzare le operazioni eseguite allo scopo di rieseguirle allo stesso identico modo su altre immagini.

Conclusioni Non possiamo che confermare l'ottima impressione già avuta con la precedente versione. Si tratta di un prodotto di notevole qualità che però deve essere utilizzato da chi da una parte ne padroneggi le numerose ed evolute funzionalità, e dall'altra sia effettivamente un professionista della grafica, che quindi conosca, a prescindere dal prodotto, gli strumenti e le tecniche proprie della sua professione, e che, nel caso di utilizzi di tipo pittorico, disponga anche della necessaria vena artistica. ~

263


(

di Francesco Petroni

)

MetaTools Kai's PowerGOO Produttore: Metatools 6303 Carpinteria Av. California 93013 U.s.A.

Distributore: Modo S.r.l. Via Masaccio, 17 42100 Reggio Emilia Tel.: 0522/504111 Prezzo (IVA esclusa): Kai's Power GOO

Lit. 100.000

le immagini di partenza sono delle facce che vengono deformate e spesso diventano buffe. I termini usati dalla MetaTools per il suo prodotto sono «Iiquid», per indicare il fatto che gli effetti trasformano la figura senza creare discontinuità, in un modo fluido. Il risultato che si ottiene assomiglia a quello che si otterrebbe se la superficie dell'immagine fosse liquida. L'altro termine usato è «interactive» nel senso che gli effetti si attivano agendo direttamente sull'immagine con il vistoso cursore del mouse senza dover aspettare l'applicazione dell'effetto. Ed è questo «motorino» grafico velocissimo l'aspetto più interessante del prodotto.

Anche la MetaTools è una casa software specializzata in prodotti di Computer Grafica che vanta un catalogo ricco di una dozzina di prodotti e che ha vinto una numerosa serie di premi.

Nasce per il mondo Mac, alcuni dei prodotti sono ancora solo per Mac, mentre nel mondo Windows ha raggiunto una certa notorietà come casa specializzata nella realizzazione di filtri «add-on» per Adobe PhotoShop, sviluppati dal team di Kai Krause, personaggio noto nel mondo della grafica BitMap. Tra i filtri, che si chiamano Kai's Power Tools (KPTJ, citiamo le numerosi «lenti» per produrre effetti speciali, citiamo il gradiente multi-color, lo Spheroid Oesigner, e tanti altri dai nomi altrettanto stimolanti. Il Kai's Power GOO (lo chiameremo semplicemente GOO) è un prodotto dichiaramente di categoria Home che serve per manipolare immagini BitMap. La manipolazione consiste nell'applicazione all'immagine di effetti speciali di vario genere, per mezzo di una serie di strumenti operativi semplicissimi, come

264

pulsantoni illuminati e slideroni alle cui posizioni finali sono associate a due iconcine, ad esempio una tartaruga e una lepre per indicare un intervallo di velocità. Gli effetti applicabili alle immagini producono delle deformazioni che risultano particolarmente divertenti quando

1!I!II=E.::Jl!IlElIlll!lIll:llrm ••••••••••••• ~

~

(!].

MetaTools Kai's Power GOO - Le novità cercatele su Internet. Chi volesse saperne di più su una casa software, su un prodotto o su una linea di prodotti, volesse conoscere le ultime novità, e, In molti caSI, scancare versiOni demo oppure file esemplificativi del nsultatl raggiungibili con il prodotto, deve usare Internet. Tutte le case software, senza eccezione, hanno proprie pagine WEB che vengono aggiornate quotidianamente. In particolare le pagine delle case specializzate in prodotti di Computer Grafica sono le piÙ curate dal punto di vista estetico. La schermata iniZiale del sito dedicato al Kai's Power GOO fa capire finalità e metodi opera-

[-JI~510xl ~

Home Seareh Favede:s Pmt

tivi del prodotto. S, tratta di un prodotto per il mercato Home e quindi divertente da usare. La sua interfaccia assomiglia piÙ a quella di un VIdeo gioco per bimbi che non ad un prodotto grafico per Windows. Gli ambienti operativI in cui si divide il prodotto si chiamano Rooms. I principali sono la Goo Room, nella quale SI manipola una sola Immagine, e la Fusion Room, nella quale si mlscelano due immagini.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


METATOOLS

Oltre alle funzioni di trasformazione ci sono quelle di fusione, in questo caso si parte da due immagini che vengono, utilizzando sempre strumenti super intuitivi, miscelate in una sorta di morphing.

Il prodotto

KAI'S POWER GOO

MetaTools Kai's Power GOO - Funzionalità sofisticate a portata di bambino. Sulla scatola campeggia la scritta Realtime Liquid Image Funware. Funware, ovvero software per il divertimento, in cui anche l' operatività deve essere semplificaia al massimo. I vari comandi, ad esempio quelli per attivare gli effetti speciali. sono azionabili da pulsanti che si illuminano, potenziometri graduati, enormi slider tipo Activity Centre della Fisher Price (chi ha o ha avuto bambini piccoli mi capisce!. Liquid Image in quanto le deformazioni alle quali si può sottoporre l'immagine di partenza hanno la stessa fluidità, continuità e dolcezza di una superficie liquida. Realtime perché le deformazioni vengono applicate interattivamente.

Il software è su CD, sul qtJa le sono presenti anche una serie di immagini adatte ai primi esperimenti, il manuale non c'è (sul CD è presente un file in formato Acrobat) ed è sostituito da un poster 70 per 50 che illustra le varie funzionalità del prodotto. Eccone comunque un sintetico elenco: GOO Brush Palette - È la serie di effetti applica bili su una porzione del disegno puntata con il mouse. Gli effetti sono distorsione (e l'effetto contrario), ingrandimento e riduzione, spostamento, macchia, spandere, ritocco, specchio, levigatura, ecc. Global Effects Palette - Sono gli effetti applicabili su tutta l'immagine, come rotazione, gonfia mento, arricciamento, stiramento, puntinamento, strizzata, ecc. che non richiedono quindi un puntatore. Tweening/Effects Control - È uno slider il cui significato varia a seconda dell'effetto scelto nella palette. In caso di effetto globale determina il grado di applicazione dell'effetto stesso. In caso di effetto locale serve per passare in modo graduale dall'immagine originaria a quella distorta.

Fusion Room - È l'ambiente in cui si miscelano due immagini. Si usa una strumentazione che serve a definire la modalità di sovrapposizione della prima immagine sulla seconda. Keyframe Palette - Serve per gestire una serie di fotogrammi, al massimo 64, per creare un effetto Morphing. In basso nella videata appare una specie di pellicola dalla quale prelevare e nella quale posizionare i vari fotogrammi. Text Engine - Per generare e sovrapporre del testo su un'immagine GOO. IN/OUT Rooms - Sono le funzionalità File Apri e File Salva, di immagini e animazioni, da cataloghi visuali. L'immagine può provenire dai principali formati Bitmap, anche da quelli prodotti con strumenti di ripresa (esempio camera digitale). Il problema è che l'immagine deve essere adatta alla manipolazione.

Le facce presenti sul CD sono tutte ben definite, non hanno sfondi, e sono inquadrate tutte alla stessa maniera. Chi dovesse usare proprio materiale sarebbe bene che usasse immagini di pari qualità specie se il lavoro che vuole fare è una fusione. In altre parole se si vuole costruire una faccia miscelando elementi da due facce è bene che occhi, naso, bocca, ecc. siano posizionanti allo stesso posto e siano di uguali dimensioni. Preferences - Serve per la personalizzazione dell'ambiente di lavoro e quindi per il miglioramento delle performance. In pratica si possono settare una serie di parametri che influiscono sulla qualità del risultato finale e sulla velocità di esecuzione. Playback Control - Per il controllo dinamico, tramite uno Slider, delle animazioni.

MetaTools Kai's Power GOO Effetto Fusion. Partendo da due fotografie ((buffe" è possibile realizzarne una specie di miscela. Basta puntare su una delle foto per scegliere la parte che viene, sempre tramite puntamento, riversata sulla foto di destinazione. È possibile, ovviamente, anche eseguire degli spostamenti in modo che il naso della prima foto vada a finire esattamente al posto del naso della seconda. L'effetto è sempre molto fluido perché il potente motore grafico risolve tutte le discontinuità tra le porzioni di immagine che vengono miscela te.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Animazioni Durante la manipolazione della singola immagine è possibile memorizzare le varie fasi intermedie per ottenere una serie di fotogrammi da visualizzare in sequenza. In pratica si sposta l'immagine nella «pellicola» posta sul suo bordo inferiore. Per salvare tali animazioni il Kai's Power GOO utilizza il formato AVI standard, per Windows, o il formato QuickTime, per MAC, o il suo formato Goovie (Goo+Movie=Goovie). Quest'ultimo permette di memorizzare e di visualizzare sequenze di 64 fotogrammi.

265


(

-

Introdotto sul mercato quest'estate, il CD-ROM della Pioneer ORA10X è uno dei primi esemplari a standard 10x. Le caratteristiche di alta velocità di lettura permettono di arrivare ad un transfer rate di 1.5 Mbyte/sec. Questo tipo di lettore incorpora la tecnologia CAV (Constant Angular Velocity), direttamente derivata dai LaserDisc o Video-CD. Stiamo parlando di una tecnologia messa a punto dopo una decina di anni dalla disponibilità sul mercato del primo lettore di videodischi (tra parentesi proprio Pioneer). I dispositivi preposti alla lettura del LaserDisc ed i dischi stessi si sono evoluti in una direzione che è andata oltre il semplice impiego per la visione di film o concerti, entrando nel campo dell'interattività. Sempre rimanendo in questo campo i dischi realizzati con lo standard CAVe relativi lettori è possibile intervenire sul programma in vari modi, manovrando la visione nei due sensi a più velocità, avanzare fotogramma per fotogramma o attivare la pausa su uno di essi senza i disturbi tipici dei sistemi a nastro. Ora nel campo dei lettori di CD-ROM esistono due tecnologie tipiche di funzionamento: la CLV (Constant Linear Velocity) e CAV (Constant Angular Velocity). Entrambe le tecnologie presentano punti di forza e di debolezza. A parità di dimensione della quantità dei dati memorizzati sul supporto la modalità CL V massimizza la capacità di archiviazione del dato a fronte di alti tempi di accesso mentre la modalità CAV ottimizza i tempi di accesso a fronte però di una minore capacità di archiviazione dei dati. Con il CLV per mantenere una velocità di lettura del dato costante lungo tutto il raggio del disco, viene costantemente diminuita la velocità angolare di rotazione del CD-ROM man mano che l'ottica di lettura si sposta verso il bordo esterno del disco. Dalla continua variazione della velocità di rotazione del disco a seconda della posizione derivano dei tempi di accesso molto alti, causati dal sommarsi dello spostamento della testina e della variazione (accelerazione o fre266

-~

nata) del motore di rotazione. Con CAV la velocità di rotazione angolare del disco rimane costante mentre aumenta, in modo proporzionale al raggio del disco, la velocità periferica. Di conseguenza si possono ottenere tempi di accesso migliori che nel CLV (ciò che incide sui tempi è solo lo spostamento della testina). A fronte di queste caratteristiche si ha una densità del dato alta nella parte interna del disco e via via più bassa verso l'esterno. La velocità di accesso dei lettori di CD-ROM, rispetto ad altre memorie di massa (hard disk, dischi ottici, ecc.), tende ad essere più alta a causa della tradizionale tecnologia CLV utilizzata sia nella creazione del formato CD sia nella costanza della velocità periferica del media.

Produttore

e distributore

Pioneer Electronics Italia S.p.a. Via G. Fantoli, 1720138 Milano Prezzo (IVA esclusa): Pioneer DR-A10x Pioneer DR-UlOx

Lit. 280.000 Lit. 330.000

di Paolo Ciardelli

)

-~------~~-----

Oltre a ciò, la costante ricerca di transfer rate sempre più elevati ha portato ad avere velocità periferiche, in valore assoluto, sempre più alte che hanno imposto, come contraltare, tempi di accesso molto alti. Pioneer ha sorpassato tali problemi grazie allo sviluppo di una nuova tecnologia. Si tratta della nuova circuiteria LSI in grado di gestire la modalità CAV/CLV, una nuova generazione di pick up ottici, ottenuta grazie all'esperienza sullo standard 4x, in grado di garantire una precisione ineguagliata e nuovi servo meccanismi con motori brushless. Tutta questa nuova tecnologia ha permesso a Pioneer di realizzare, prima fra tutti, dei lettori di CD-ROM ad alte prestazioni, sia in transfer rate che in tempo di accesso, usando per la prima volta la tecnologia CAV/CLV. Con la tecnologia CAV/CLV l'alta velocità di trasferimento dati ed il bassissimo tempo di accesso rendono l'uso dei CD-ROM ancora più conveniente e produttivo. Per dare dei termini di paragone si passa da un tempo di accesso di 150 ms nei lettori convenzionali agli 80 ms. Va detto infine che di questo CD-ROM è disponibile sia la versione Atapi (quello di cui si parla) e perciò a connessione IDE che SCSI. r;:ss MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


t i po s s ono navigare su I n t e r n e t·· · MA

Tll t

iGrandi •

Navigatori

sanno scegl i.ere

1

compagni di viaggio! Il

'\,. l"l

\1'1

Netscape

NaVlgator EUDORA PRO Per la gestione della posta elettronica

NETSCAPE NAVIGATOR Il browser più completo oggi anche in italiano

INTERNET Una guida multimediale alla rete con un contributo di Umberto ti, alle modalità

Eco.Guida di accesso

ai Fondamene ai servizi di

Internet; una sintesi della storia della rete; scelta dei percorsi e dei siti più interessanti; interviste; glossario; tutorial interattivo.90 mazioni, 60

minuti di audio, simulazioni di

ambiente di rete. Distribulore ufficiale:

Italsel Srl lei. 051-320409 e-mail ilalsel@ilalsel.nettuno.it

fax 051-320449 http://www.nettuno.it/ilalsel

minuti di ani-


eD-ROM

coordinamento di Massimo Truscelli

ENCICLOPEDI E EMUSICA Continuiamo la panoramica sul mondo delle enciclopedie multimediali, che si è recentemente arricchito con la pubblicazione di Omnia '97 della Ce Agostini. Ancora una conferma che le nostre case editrici più importanti hanno da qualche tempo capito che il futuro è nel mercato multi media le. Ma intanto, la Microsoft ha ben pensato di tradurre Musicallnstruments,

per

presentarci un'opera molto interessante tutta in italiano, Strumenti Musicali.

(

di Dino Joris

)

Lo sviluppo del mercato multimediale è ovviamente legato alla diffusione dell'hardware specializzato. Se teniamo presente che oggi non si acquista più un semplice PC ma piuttosto una stazione multimediale (PC + lettore di CDROM + scheda audio) e se si considera che l'hardware non sembra, all'atto pratico, avere una vita media più lunga di tre o al massimo quattro anni (anche se continua a funzionare benissimo, diventa obsoleto), mi sembra corretto affermare che, a partire da oggi, in tre o quattro anni il mercato avrà moltiplicato la sua capacità di assorbimento di prodotti multimediali. In tale situazione è facile prevedere che solo pochi «originali» continueran-

268

no a spendere qualche milione per comperare delle enciclopedie su carta e che la massa sceglierà il CD-ROM. Ci sarà solo l'imbarazzo della scelta, probabilmente tra una dozzina di alternative: quale enciclopedia multimediale scegliere? È facile prevedere che la qualità intrinseca delle opere sarà l'elemento vincente, mentre il prezzo giocherà un ruolo marginale. Infatti, mentre è abbastanza logico «accontentarsi» di una modesta enciclopedia su CDROM allo scopo di risparmiare due o tre milioni di lire (evitando di comprare l'edizione su carta), chi mai potrà accontentarsi di una cattiva enciclopedia da 1OOmila lire quando ne può avere una di

qualità a meno di 200mila? Da queste pagine stiamo cercando di darvi qualche indicazione utile. Se volete avere un panorama più completo, tirate giù dallo scaffale i numeri di MC di luglio (164) e ottobre (166). Ma visto che «non si vive di sole enciclopedie», ci occupiamo anche di Strumenti Musicali, che è uno dei migliori esempi di come sia possibile utilizzare la multimedialità per creare degli strumenti di apprendimento totalmente nuovi, che mettono a disposizione (ed alla portata) di tutti delle conoscenze generalmente riservate a pochi specialisti. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


OMNIA'97 Caratteristiche: 52000 voci 40000 lemmi 5500 immagini, animazioni e filmati 3 ore di audio 50 tavole oltre 300 mappe attive 1800 eventi storici un gioco con oltre 1600 quesiti. Nel riquadro sono elencate le caratteristiche salienti di Omnia '97, che potranno dare al lettore un'idea piuttosto precisa di quanto può sostanzialmente aspettarsi da quest'opera, oggi e in proiezione futura (aggiornamenti, eccetera). In questa sede vedremo di fare gli opportuni approfondimenti. L'installazione dell'opera è ben organizzata e sia su Windows 3.1 che su Windows 95 viene effettuata in modo automatico. Richiede qualche minuto, per il fatto che deve copiare un buon numero di file su disco rigido, occupando oltre 20 MB di spazio. La graficamente fantasiosa schermata di apertura che vi propongo ha il pregio della chiarezza, perché ci dice subito cosa abbiamo a disposizione: dizionario,

jQmnia '97

Produttore

e distributore:

De Agostini Multimedia - Via Montefeltro, 6/a 20156 Milano - tel: 02/380861 Fax: 02/38086278 Prezzo (IVA inclusal: Omnia 97 Lit. 199.900

ricerche, grandi argomenti, atlanti. Il collaudo del dizionario dà ottimi risultati: appena il tempo di digitare la voce e questa appare nell'elenco a sinistra; con un doppio c1ick o Invio si attiva la descrizione, sulla destra (che richiede decimi di secondo per essere attivata). Scopro quasi subito che la differenza tra voci del dizionario (52000) e lemmi (40000) è dovuta anche al fatto che certe parole (polena, ad esempio) trovano posto (necessariamente!) nel dizionario, ma non necessariamente (per scelta) tra i lemmi. Buffo il fatto che se cerco la stessa parola con la funzione di Ricerca ... non la trovo affatto, ma basta un

poIciMl. pI>lde< ~e po.ition poUd<o polem6Jrco poI11mica polòmteo poiembla

click sull'icona dizionario, dalla finestra delle ricerche avanzate, per rimediare. Le ricerche possono essere anche effettuate delimitando le aree del sapere, scegliendone una o più d'una. Ai fini dell'individuazione di un lemma la suddivisione in aree ha poca importanza: se cerco Vanvitelli, lo trovo in una frazione di secondo sia facendo una ricerca su tutto che sull'argomento architettura. A proposito: nella scarna scheda dedicata al Vanvitelli non c'è accenno all'origine olandese del nostro (Van Wittel). Curioso. Chi ha già letto le note sulle enciclopedie può ricordare che ho fatto parago-

polèna ornamento spesso in figura wnana o d'animale, che era posto sull'estremità prodiera di Wla nave.

G.j.,

~tJiJzz~,.

_.n. poIAnt. poIentlna polont6ne poIe"no poWlsine pòti

poti~cido

poIiatllbulatmio

Indkolru

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

299


Poles. Polesine P_sineP

Poi; Polia

poiandria

PoliNo poicatbor.ato

Policarpodi SlDitne Policastro o di

eD-ROM «Omnia '97»: il sapere a portata di mouse La nuova enciclopedia multimediale De Agostini si chiama Omnia '97. Interamente in italiano e aggiornabile, è in grado di fornire le informazioni contenute nel CD-ROM sotto forma di testo, immagini, animazioni, videofilmati, audio. L'ottima presentazione del nuovo prodotto è awenuta al Circolo della Stampa di Milano nel corso di un incontro con la stampa specializzata. Omnia '97 propone una forma innovativa di organizzazione del sapere. Consultando Omnia '97 si hanno a disposizione in un unico CD-ROM ben 40.000 lemmi, il "Dizionario della lingua italiana» con 52.000 voci, 6.000 fotografie, 300 disegni, 320 tabelle, 220 carte geografiche, 200 brani musicali e 200 brani sonori per 3 ore di audio, 49 animazioni, 19 videofilmati, 230 mappe. La raccolta e la spiegazione, a livello enciclopedico, dei lemmi offrono testi sintetici ed estremamente rigorosi, in grado di soddisfare ogni dubbio che possa sorgere a scuola, in famiglia, sul lavoro. Grazie alla sezione "Ricerche» è possibile effettuare, appunto, ricerche semplici o avanzate. La ricerca semplice consente l'individuazione di un particolare lemma, mentre la ricerca avanzata è in grado di individuare una parola nei lemmi o nell'intero testo enciclopedico, utilizzando contemporaneamente numerosi filtri e strumenti di ricerca quali l'area tematica, la presenza di contributi multimediali, gli operatori booleani e altri ancora. Quattro macro aree: "Uomo e Cultura», "Scienza e Tecnica», "Ambiente e Natura», "Arte e Comunicazione», divise a loro volta in aree tematiche principali, consentono di effettuare una ricerca guidata nell'ambito del sapere enciclopedico. "Mediateca», ad esempio, consente di svolgere ricerche tra i circa 6.500 oggetti multimediali di Omnià70. Tre atlanti, "Atlante storico», "Atlante geografico», "Atlante del corpo umano», arricchiscono Omnia '97 con ulteriori approfondimenti. L' "Atlante storico» propone una divisione della storia in 260 periodi storici suddivisi in 7 tematiche "Eventi principali», "Italia», "Religione e filosofia», "Letteratura», "Arte e Architettura», "Musica», "Scienza e Tecnologia,lcon 1.800 eventi e relative schede di approfondimento. L' "Atlante geografico» è interattivo e permette, con un semplice c1ick del mouse sugli stati e sulle città più importanti

raffigurate sulle cinquanta mappe, di passare al lemma enciclopedico relativo alla località selezionata. L' "Atlante del corpo umano» si compone di 50 tavole anatomiche interattive e con zoom, accompagnate da ipertesti che spiegano in modo esaustivo le singole parti del corpo. C'è poi "Omnia Lab» che è assolutamente l'innovazione più originale offerta da Omnia '97. Si tratta di un software di raccolta e acquisizione di dati - e cioè testi, fotografie, disegni, mappe, suoni, videofilmati - per aggiornare l'enciclopedia e per preparare percorsi di ricerca personalizzati attingendoli da qualsiasi fonte di informazione. (Non appena sarà disponibile il sito Internet De Agostini, Omnia sarà aggiornabile on line). Tutti coloro che vorranno invece creare da soli i lemmi multimediali degli eventi di secondaria importanza che non verranno registrati in Omnia '98, potranno comunque inserirli in Omnia '97 attingendo le notizie da una moltitudine di media, elaborandoli e personalizzandoli con i tool - dal word-processor all'elaboratore di immagini - messi a disposizione da "Omnia Lab», come abbiamo visto sopra. Così, Omnia offre all'utente la possibilità di diventare un vero e proprio autore multimediale. Allo stesso modo è possibile costruire da soli documenti multimediali per ricerche e presentazioni attingendo dati da tutti i testi, le immagini, i filmati, le animazioni e i suoni di Omnia o di qualsiasi altra fonte, mettendoli nella sequenza che meglio si crede, nella impaginazione di proprio gusto, adottando una colonna sonora e registrando la propria voce per commentarli. Indubbiamente Omnia '97 inaugura con "Omnia Lab» una nuova generazione di enciclopedie elettroniche e, sempre grazie a Omnia '97, chiunque potrà creare file multimediali. Infine, si fa per dire, completa l'opera un coinvolgente gioco del sapere in un ambiente grafico tridimensionale. Si tratta di "Omnia Explorer», questo il nome del gioco, che "assaggia» il grado di preparazione del giocatore in virtù di ben 1.600 quesiti e problemi, con diversi gradi di difficoltà, da risolvere interattivamente. "Omnia Explorer» offre ben sei differenti modalità di gioco da affrontare da soli o in più squadre. Ogni quesito è legato al testo dell'enciclopedia ed è possibile passare dal gioco all'enciclopedia per approfondire il tema del quesito in questione. De Agostini Multimedia pubblicherà ogni anno una nuova edizione aggiornata di Omnia.


<t

MARE

l

MEDITERRANEO

u.·

I A~I

lviglia

C,b,Jt

~!o1844'4 ..Ann~ '~(J""O?: E:h~çh,,!_r~ ""1:ICio"IOld" 'O I

(8n"".J

ran

Tangor

~ Sidj·

Rabal

~

CA AB AN A' (DAft.tL.8

A)

OMo••• k \

,e

J'

J

....\,," ;"

d €J9

( 09

-

'oTlfid

Ach ••

j',

O

J'

~gi&

~ ,

TIOO

"

'r,

çO del Camo \

.• .••,

il

.•••A 'p

,\,

"ag gol",

••..

r, nhal' .- ._,';" 2918' ,

-ti

pJgena

carMa ·1ell,'·stat"

"'4!

4Zor,,'uno

r

» 9'''- .

l''..••• =

MARITTIMI anno d'aool1l1ra

larghezza

profondità

mmimarnm

minimainm

USA)

Alberto

(Belgio)

(Ponami)

Beaumonl, Texas) Houslon

Port Arthur

293

1959

68.6

161

1869

70

129

1939

16.2 102

6,2 10.7 5

98.7

1895

11.3

81.3

1914

91.5

72

1916

61

9.6

91

1940

91

lO 1

125

(USA.

(VSA. Texas)

571

1694

36.6

(Canada)

444

1687·

61

Mar del Nord (Paesi BaSSI)

24.8

1876

37

Chesapeak.

23

1927

76,2

8.3

13

1907

70

8.5

1893

21

8

Manch.SI.r Welland

(Gran Brelagno)

(USA. Oelaware)

8,5 8,2 11

••••

. ,.DJoR.OI..Q,

~1j(1. 1

••MrCoru"r"'!!;~-' I.ì ,(B,den5) ••• O'

m

\

l' ,

(Canada.

(Eg~lo)

P.n.mi

I

o

.•..

_.y

I

'

EdJOlof:/ I

inkm

Kiel (GermanIa)

Jt'.

~n.1

J

/1.. f·...

:

}

i

Suel

,

T" r-

\

I A

\

«- I-.... S ,~

•• (\\.-\

O.d m••

;

_

-;,.~.

''lo

I

I

Allop. di Tadtlm.,l

o ( "

«

R ,.

"f"~,

Uft

O(ie

IlIrl(JllOtta

canali San Lorenzo

o !Jl

o \·.·.Igla

-.

CANALI

,

,-::;,'--, o'Toug

GO'

A L G E

~y).""'"

••••

EI Agrebo

G ..

.~

I

o

C.

lr\)A'Ir',h{IZ

;lo

CCP

, BOchar

Z

~,.q...Chofl

'Ò'

.~

PRINCIPALI

OIla'na l

'\\'bo~ IAghollA' ~ Ch.lr"dlisa

~

~

l"'1'uniSi

Oaconlln.a-l

~.O /-IJCh " ~h· B•• T'Jl o ~ - C1"·"'·'".•.t\ll.no I msen •• " lO

LO

- -

o-

J

. SiC;11

~

..,

~,.;'

"

•• •••

•••• ;'

Bruges

(Belgio)

Connlo

(Grecia)

• Ricostruito

6,3

nel 1929·30.

,

I

}'1U1C1l

ah Catlctb. mantturu del n)l,nr1(,

A:Alex

ni sull'ampiezza delle schede tra Encarta e Enciclopedia '97 di Rizzoli, notando che la scheda su Dante Alighieri era quasi di doppia lunghezza in Encarta. Bene, sembra che il sommo poeta sia stimato più dagli americani, perché anche in Omnia '97 al nostro vengono dedicate meno di 5000 battute! La suddivisione in aree del sapere ha una sua valenza pratica quando si visita la mediateca, perché può essere utile, ad esempio, individuare rapidamente di quali immagini si disponga per un certo argomento (altrimenti ci si perde nel mare di ben 14253 immagini fisse a disposizione, oltre alle immagini videol). A proposito di immagini video, la regola generale non viene violata: in un'enciclopedia multimediale i filmati sono pochi e poco significativi (e non potrebbe essere diversamente e probabilmente non sarebbe neanche utile averne in quantità). Va meglio con le animazioni. che soMCmicrocomputer n. 167 . novembre 1996

no quasi cento. In questo settore invece potrebbe essere logico e utile ampliare il materiale per utilizzarlo ai fini esplicativi (in qualche caso un'immagine animata può valere più di mille parole). Sono certo che in futuro vi saranno dei miglioramenti, in questa enciclopedia come nelle altre, tutte suscettibili di miglioramenti da questo punto di vista. Le oltre 400 tabelle di dati che si trovano nella mediateca hanno un difetto: sono immagini e quindi non sono copiabili (sarebbe utile poter trasferire i dati nel wordprocessor, ad esempio). Le 248 mappe di continenti e nazioni non sono proprio uno splendore di colori. di risoluzione o di dettagli; la cosa sembra strana, visto che poi nell'atlante troviamo invece della carte a colori e abbastanza curate. Per finire, troviamo una bella raccolta di suoni, dalla cavatina del Barbiere di Siviglia ... alla voce dell'Equus Asinus (per la maggioranza di noi: il raglio

dell'asinol). Per chi ha voglia di misurare la propria cultura c'è un gioco a quiz chiamato Omnia Explorer, che è basato sia sul testo che sulle immagini. Nel caso del testo si trovano domande con tre possibili risposte: anche se non si conosce la risposta esatta si ha il 33% di possibilità di indovinare. Molto peggio possono andare le cose quando ci sono dei quiz sugli animali, ad esempio: in una folla di felini di tutte le taglie, ci può essere chiesto di indovinare quale è il gatto pescatore. Ad ogni click errato si perdono dei punti (ne ho persi a centinaia nel corso della prova .. forse perché non amo i gatti - misera scusa). Il gioco si basa su varie aree di conoscenza ed include tra "altro un gioco di abilità matematica ed uno di collocazione storica. L'area ludico-culturale sembra proprio ben attrezzata. Omnia '97 presenta anche, come si vede chiaramente dalla schermata di apertura, degli approcci per aree di co271


noscenza: Uomo e Cultura, Scienza e Tecnica, Ambiente e Natura, Arte e Comunicazione, oltre agli Atlanti: Storico, del Corpo Umano, Geografico. Questo può essere l'approccio più adatto per chi, piuttosto che effettuare una ricerca precisa, basata su uno o più lemmi, vuole esaminare un argomento nella sue generalità, per farsi un'idea più o meno approfondita dell'argomento. Un esempio: ci si interessa di geologia ed in particolare di mineralogia? Sarà facile individuare i 252 lemmi e attivare tutte le schede che ci interessano, cominciando dalla scheda con foto dell'acquamarina. Una notazione generale: in Omnia '97 sono attivate tutte le funzioni di copia, stampa, segna libro e percorso che rendono la fruizione dell'opera più agevole ed utile. Fa capitolo a sé Omnia Lab, un programma che «consente di realizzare Ricerche Multimediali, assemblando testi, immagini, animazioni, video ed ogni altro oggetto presente nell'enciclopedia o in altri archivi disponibili sul computer. Il CD-ROM Omnia '97 diviene così non un semplice oggetto di consultazione, ma uno strumento attivo di lavoro e studio». Certamente questo è un «plus» interessante, in pratica un vero e proprio software di gestione di data base multimediali che consente all'utente di organizzare il proprio angolo visuale sulle informazioni contenute in Omnia 97, arricchendolo eventualmente di elementi raccolti da media diversi.

Conclusioni Creare un'enciclopedia multimediale non è cosa da poco neanche per chi ha già accumulato esperienze nel settore (voglio ricordare la Gedea della stessa De Agostini, su carta e CDROM): il lavoro rimane comunque complesso e richiede competenze assai diversificate. Il tempo per fare grandi esperienze non c'è ancora stato (solo da pochi anni si è creato il concetto di multimedialità). Nell'ambito dei limiti che questa situazione impone, possiamo dire che la De Agostini ha fatto complessivamente un buon lavoro: l'acquirente medio rimarrà soddisfatto, mentre l'acquirente più esigente potrà tranquillamente mettere mano a carta e penna (o molto più probabilmente e modernamente, al programma di posta elettronica) e suggerire i necessari miglioramenti, siano essi riferiti alla grafica che al software di gestione o agli stessi contenuti. 272

STRUMENTI MUSICALI Nell'introduzione ho lasciato trasparire il mio entusiasmo per quest'opera, che trovo veramente unica: è capace di fare imparare anche alle persone musicalmente poco dotate le differenze, ad esempio, di suono tra un fagotto e un flicorno baritono. Mi potreste dire che avete vissuto molto bene per molto tempo senza conoscere la differenze tra i due suoni (è capitato anche a me, sino al mio incontro con Strumenti Musicali) e che potreste continuare a vivere benissimo senza imparare a fare queste distinzioni. Capisco. Non c'è dubbio tuttavia che l'ascolto più consapevole della musica possa contribuire ad elevare la capacità di apprezzarla in modo più compiuto. Se avete un minimo interesse per la musica (pop o classica che sia). Strumenti Musicali può rivelarsi uno strumento prezioso. Vi spiego il perché, con un esempio. La «Primavera» di Vivaldi è un'opera musicale cui tutti, ma proprio tutti, siamo stati in qualche misura e più o me-

Strumenti

Musicali Produttore: Microsoft Corporation - One Microsoft mond WA - 98052-6399

Way - Red-

Distribuzione: Microsoft Spa - Centro Direzionale Milano Oltre Pal. Tiepolo - Via Cassanese, 224 - 20090 Segrate (MI) - Tel.: 02/703921 Prezzo (IVA inclusa): Strumenti Musicali Lit. 91.700

no volontariamente esposti almeno una volta nella vita. «Ah, Vivaldi!» ci lasciamo sfuggire quando ne ascoltiamo le note e vogliamo far sapere a chi ci è vicino che non apprezziamo solo Jovanotti. Quando poi si tratta di sapere quale tipo di orchestra esegue la «Primavera» (Orchesta Barocca) e quali sono gli strumenti che la compongono (violini, viole, violoncelli, contrabbasso, timpani, fagotto, oboi, clavicembalo, trombe naturali: ora lo SOl) possiamo trovarci in imbarazzo. Ma se poi dobbiamo distinguere, durante l'esecuzione, uno strumento dall'altro, l'imbarazzo in molti casi può aumentare anche notevolmente. Qualche tempo passato a giocare con Strumenti Musicali può però metterci in condizione di distinguere gli strumenti e probabilmente apprezzare la musica ad altro, più elevato, livello. Se odiate la musica classica (non sarete mai soli in questo). non vi crucciate, perché Strumenti Musicali prende in esame tutti i tipi di orchestre e strumenti, di tutto il mondo: dai complessi di tamburi di latta (veramente affascinante sentire quello che sono capaci di tirare fuori dai fusti di petrolio opportunamente tagliati e sagomati) all' orchestra sinfonica; dal nay mediorientale per la musica araba al sitar per la musica ambientale indiana; dall'ukulele nordamericano al kalangu africano, e così via. Esaminare la distribuzione geografica degli strumenti costituisce un'esperienza affascinante: diventa facile rendersi conto di quanto si possano diversificare MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


,.

-I

Ufcroeofl

H

C1rutT:~n1f rr:ur;ICDII

-I

,

jr.r(l

,. t

me

H

l

x

MicIosoft·

SOMMARIO

Strumenti

musicali •.~..

1']"12·19':,-) ~hu<AOft

I

Trm~d

~.~~

v..IJlO'~''''

I

~ Oorhng

.ko;

I•.•J

-rum I

I

F.\.\IIGLIE DI TRl'\IE:\TI

-I

H

ral

STRl'\IE:\Tl

S_TR_l_'I_E:\_T_1 EEICI ~ _

• X.rr'l'i'f2.19'l(,,\1

dlllIllILllCn'~

J\van6

FOR.\l\ZIO:\I 'Il IL\L1

Sommd.rio

I

Trova

••••••••..uCO:.,}l"' ••• .lOn •. O""1Ing

I

Indi~lro

lok)l..urut •.•.1

A\.mli

"IUt1lldUllliIU'-U"1

I

I

Op,inoi

-I

H

FOR.NIAZIONI 1 SleALI G

LI SntlJMF..NTI ~pcsso WOII;lIlO d ••

OroOIiSli, ma POS~OIlO auchc lar pane di rornpl~\i o gruppi 1I111~c-.lh. Alcuni eli quc",i. come il gamc.'lal\ indollcsiano o la moderna nrciu:"'1 il sinfonif".l. sono qUol,q !oCIlIS"'C rompo,,', dallo Ma(,() org:ull{"o Milimenl,tlc; ahri invece POSSOl10Illutare notevolmente la loro fonn;lJ'ionc a S(."C'Ond", del lipa di IlUls.iCoi «~quit.l.

C<HlI'LE\..'I DI T\.\IBl"R1 DI L\rl.\

" I I I I\.'ìTIERE Sc-Hnrnario

Trova

Pml. >I0~1

CmIPI..E.'>.\1 ROCK St,mmarifl

Indit'lIU

1::1

-I _11ft•

Indietro

I

A\'al\li

Op;tioni

-I

H

-

..• ABCDEF - ~ GH}J~L C(KTlI(>~[

.••. -

Snmmario

TTO\'a

1

Indietro

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

"

MNOPQ

I

~.

•...•

~~

RSTUV

WXYZ

~ Sommario

Trova

Inclit'lro

Avanti

Op/inni

273


le culture ed i modi di fare musica non solo da continente a continente, ma anche nell'ambito di una stessa nazione. Oppure si scopre che lo scacciapensieri, associato nella nostra cultura alla Sicilia, è uno dei pochi strumenti che usano gli aborigeni australiani! Un altro aspetto affascinante è quello dell'approccio agli strumenti per famiglie: Ottoni, Corde, Legni, Tastiere e Percussioni. Questo angolo «visual-auditivo» ci consente di capire meglio le differenze di suono tra strumenti delle stesse famiglie, perché siamo in grado di paragonare in sequenza il suono di una tromba e di una tromba naturale, di un corno e di una tuba wagneriana, di un flauto dolce e di un flauto traverso. La panoramica è davvero esauriente e ci offre anche informazioni sui gruppi moderni di tipo heavy metal, rock 'n roll, eccetera.

Conclusioni Non sono assolutamente in grado di dire se Strumenti Musicali sia o meno un'opera completa, confesso di non avere idea se gli strumenti elencati siano tutti quelli esistenti nel mondo. Certo che l'elenco è vasto e sicuramente in

-I

'''lcro~cf1

'Iruml'nll

tu

rr.us.fcnfl

~

a ABCOEFGHIJKLMNOPQRSTUVWXYZ Sommario

I

TrUV'd

I

Indie1l1)

I

Avami

grado di soddisfare le esigenze della stragrande maggioranza delle persone (probabilmente anche qualche musicologo troverà in quest'opera delle notizie - o suoni inediti). I brani di esempio inseriti nel CD sono tutti brevissimi (si tratta solo di esempi) ma tutti di qualità, così come sono di qualità le campionature dei suoni dei singoli strumenti. Il tutto risponde con buona immediatezza al click dell'utente, che può passa-

IIJ I

O,nioni

I

re con buona fluidità da un suono di flauto dolce all'esempio di un'orchestra barocca. Esaminare quest'opera è divertente e istruttivo: non fatevela mancare, per voi e per i vostri figli, anche in considerazione del fatto che è un'opera che rimarrà attuale per molti anni (gli strumenti musicali, per nostra buona fortuna, non vengono reinventati ogni giorno).

Nel numero 163 di MCmicrocomputer ho avuto il piacere di esaminare per voi il primo CD di questa serie, quello dedicato a Van Gogh. In sintesi, indicavo al lettore il fatto che il prodotto, pur non privo di qualche piccolo difetto marginale, era decisamente interessante e che il prezzo inferiore alle 30.000 lire rendeva l'acquisto ... quasi un obbligo. In questo intervallo di tempo ho visto

ICD' Art - Gauguin

I

Produttore: Giunti Multimedia s.r.i.- La Repubblica Porta Ticinese, 91 - 20143 Milano 8393374 Fax:02 58103485 giuntimm@pn.itnet.it

- Ripa di - Tel:02 E-mail:

Distribuzione: Edicola e canali tradizionali Prezzo (IVA inclusa): eD Art - Gauguin

274

Lit. 29.900

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


anche l'opera dedicata al Botticelli ed ora vedo brevemente con voi anche quella dedicata a Gauguin. L'impianto dell'opera sembra essere esattamente lo stesso delle precedenti, con le sezioni: Capolavori da scoprire, L'artista dalla A alla Z, Biografia, Biblioteca, Dossier, Personaggi, Bibliografia, Indirizzi Internet, Glossario ed infine Esercizi di Stile. La sostanza è ovviamente tutta diverMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

sa, ma il risultato è altrettanto piacevole, sempre che si apprezzi la pittura di Gauguin. Non posso neanche troppo biasimare chi non è d'accordo con l'artista quando questi rappresenta un fiume con il colore arancione (un giornalista dell'epoca) o quando esagera con i colori scuri rendendo l'effetto di un ritratto quasi lugubre (autoritratto «I Miserabili»: il giudizio è di Van Gogh, che ricevette il quadro in omaggio).

Ma se l'artista piace o se comunque si ha necessità di documentarsi sulle sue opere, questo CD-ROM è certamente adatto a dare adeguate soddisfazioni. E poi, anche non amando troppo Gauguin, io credo che valga la pena di avere in casa la serie completa (beninteso: sempre che le annunciate tasse per l'Europa ci lascino abbastanza denaro in tasca ...).

275


di Andrea de Prisco

PROVE & PRODOTTI

COLORTRON COLOR SYSTEM

I~

".'

COlORTR@N' ( o

L

o

I

\ T \

f:,J1U.i1D11iOl

I.!.~~"." .........• ••••• ,

Così com'è possibile misurare le lunghezze col metro, i pesi con la bilancia, le velocità coi tachimetri, esistono vari strumenti più o meno sofisticati per ((misurare» i colori, utilizzando metodi diversi e in grado di fornire risultati più o meno accurati. Partendo dal basso troviamo gli ((analizzatori colore» (o semplici colorimetri): chi si occupa di fotografia o, meglio, di camera oscura ha già capito di cosa si tratta e - più o meno - come funzionano. Si tratta di apparecchi fondamentalmente basati su un elemento sensibile alla luminosità (a larga banda, sulla sua linearità - purché nota - può intervenire il software di gestione per (l'equilibrare la ((risposta»), utilizzano una triade di filtri RGB montati su un supporto rotante e una fonte di illuminazione bianca ((stabile nel tempo» per la lettura riflessiva di superfici colorate. Per analizzare un colore si eseguono tre letture con i tre filtri monocromatici per stabilire quanto Rosso, quanto Verde e quanto Blu - scritti in maiuscolo 276

per dovuto rispetto - sono ((contenuti» in quella determinata tinta. Se volete, pensate pure ad uno scanner in grado di leggere accuratamente un singolo pixel (bello grosso) per dirvi di che colore è. All'estremo opposto (massima accuratezza e prezzi riservati al target ((industriale») troviamo i cosiddetti ((radiospettrofotometri», ovviamente anch 'essi ((colorimetri» in quanto capaci di ((misurare» il colore. Dietro questo nome tanto affascinante quanto difficile da

Colortron Color System Distribuito da: Modo Srl Via Masaccio, 11 Reggio Emilia tel 0522/504111 Prezzo (IVA esclusa): Colortron Colar System

Lire 2.150000

pronunciare senza averne riempito a mano e riletto velocemente almeno due o tre paginette di quaderno, si nascondono sofisticate apparecchiature che trattano, dall'alto della loro assolutezza, la luce effettivamente per quello che è' una radiazione elettromagnetica, con le sue belle frequenze, al pari delle onde radio, delle microonde, dei raggi X o dei raggi gamma (tutta roba elettromagnetica). È simpatico notare che un ipotetico radiotrasmettitore a banda ((extra-extralarge» collegato, come si conviene, alla sua antenna installata sul tetto, emette tramite questa onde radio fintantoché la frequenza delle stesse rimane entro certi limiti. Man mano che ruotiamo la manopolona verso le frequenze maggiori (sempre ipoteticamente. a parte i non trascurabili problemi connessi con l'impedenza dell'antenna, non è tecnologicamente possibile costruire un trasmettitore con tali caratteristichelj osserveremo ad un certo punto un 'emissione di luce rossa da parte dell'antenna, in grado di illuminare - potenza permettendo - tutto il circondario. Senza accorgercene, poco era toccato ai raggi infrarossi: modulandoli opportunamente avremmo anche potuto cambiare canale a tutti i televisori ((visibili» dal luogo di emissione. Continuando ad aumentare lentamente la frequenza, la nostra instancabile antenna emetterà luce arancione, poi gialla, blu ... per passare subito dopo gli ultravioletti (in questo caso sterilizzando le palazzine circostantilj, invisibili anch 'essi, come noto, al pari degli infrarossi. Ancora una ((ruotata» e potremmo emettere anche i pericolosi raggi X, ((radiografando!! gratuitamente tutto il vicinato che, casualmente, stia maneggiando materiale fotosensibile. Tornando a bomba - il riferimento ai successivi raggi gamma è puramente casuale - e senza voler a tutti i costi complicare le cose (almeno il sottoscritto non è certo solito andare in quella direzione, ndr). possiamo dire che un radiospettrofotometro tratta la luce così come un analizzatore audio (avete presente quegli ((arnesi» pieni di lucette che salgono e scendono, normalmente abbinati agli equalizzatori per impianti domestici?) tratta un segnale sonoro. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


La luce è una radiazione di natura elettromagnetica al pari delle onde radio, delle microonde, dei raggi X e dei raggi gamma. Ouel che cambia è «solo" l'energia e il modo di interagire con la materia. Ad esempio la luce attraversa un oggetto trasparente e viene riflessa (parzialmente, il resto si trasforma in calore) da quelli opachi, i raggi X si fermano davanti al piombo mentre le onde radio passano facilmente attraverso i muri.

Quello che otteniamo è, in un certo senso, la «radiografia» (sarebbe meglio dire la TAC) del colore, la sua «ricetta cromatica». Tinte calde (tendenti al rosso) saranno caratterizzate da abbondanza di frequenze basse, le tinte più fredde (tendenti al blu-violetto) avranno quelle alte. Proprio come accade in un assolo di contrabbasso, dove ab-

bondano le frequenze minori (lunghezza d'onda maggiore), e nel tintinnio di un triangolo, dove troviamo solo frequenze molto elevate (lunghezza d'onda minore). E con la luce bianca, cosa succede? Colpo di scena: sullo schermo del nostro radiospettrofotometro potremmo constatare un 'uguale quantità di fre-

DIGITAL

•..'::.

D~@D[K]@ quenze lungo tutto lo spettro, proprio come accade col «rumore bianco» in campo audio. Corsi e ricorsi.. fisici!

Piccolo & nero Il Colortron in prova in queste pagine (prodotto dalla californiana Light Source) non è, ovviamente, un radiospettrofotometro.. ma gli assomiglia un bel po'. Utilizzando tecniche di rifrazione ottica, suddivide « meccanicamente» lo spettro visibile in trentadue sottobande e per ognuna di esse esegue una lettura quantitativa. In questo modo ricostruisce (con un'approssimazione più che sufficiente per le applicazioni « umane») la distribuzione spettrale del campione misurato, fornendo una lettura intrinsecamente più accurata di quanto possibile con un semplice analizzatore colore.

«ADP homepage» Avviso a tutti i (w.w.w.)naviganti: Siete tutti invitati a visitare la mia «personal pagell, interamente dedicata alla fotografia digitale, all'indirizzo: http://www.mclink.it/personal/MC0258 Ancora in fase di ultimazione nel momento in cui andiamo in stampa, ce la metterò tutta affinché sia completa (ma non per questo definitiva) quando leggerete, a novembre, queste righe. All'interno della «ADP homepage» troverete alcune fotoelaborazioni digitali, tutti i testi dei precedenti articoli della rubrica Digital Imaging, in on'o

• Netscllp.:WWW.ldp.lt,

I-I

l-I ~

L••• l_ 1M',

(f"""

.••

_"'* .' .....

I~.-I""•••. I".~l,-.tI

Il

c=J

I

_l"'COm1

[

-- ---

~

da su MCmicrocomputer da ormai due anni, i link con le pagine Web delle principali aziende interessate alla fotografia digitale, una sezione dedicata alle novità in campo fotodigitale più alcune anticipazioni ... sul futuro della rubrica. Mi raccomando, firmate il Registro Ospiti: oltre a lasciare una graditissima traccia della vostra visita, potrete inviarmi altrettanti preziosi consigli e/o suggerimenti sui futuri sviluppi di questo 'sito'. Se, infine, siete anche un po' curiosi, potrete divertirvi (spero!) a leggere la pagina «ADPstory ... ware(!»>. Provate ad indovinarne il terribile contenuto! adp@mclink.it Cl

1__ 1 I_I l_l_ !M't"

"".lle.ap.; flPP Pnoto Gell.r

~

Ib_!~.!". •...!

_1••"',...._.1~/ •....•.•"....1

(1M

I

c::J

- Il) Andrea

Cl'

Prtuo

-":'...,..----

(&.lIll@.m<:linLil)

iolel1lmeo~dedicllla •.Il. fotografia di,itaJe e alla

rubrica

DIGITAL lMAGING

D.l. Photo GoMefy

ArtkoIi

otgitollmoging

link

con te aztende DJ.

ADPstor; ... WOre{!l <"li_OspIti

visitatore

n.

illl

L'AOP homepage. AI momento dello «scatto" era ancora in fase di ultimazione e già si contavano più di 400 accessi in poche settimane di ... prove tecniche di trasmissione. Cliccando sul box Registro Ospiti è possibile lasciare traccia della vostra visita e inviare consigli e/o suggerimenti al riguardo. Intervenite numerosi!

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996

La pagina, non ancora definitiva, delle fotoelaborazioni digitali. Cliccando sulle icone è possibile richiamare scherma te grafiche in cui è presente l'immagine prima e dopo la «cura". Non manca, ovviamente, un breve commento circa il procedimento utilizzato. In futuro, se riceverò le relative «liberatorie", verranno pubblicati sul sito anche i contributi dei lettori.

277


DIGITAL D~GJD[R]@

Il Colortron può essere utilizzato sia per misurare sorgenti emissive (fotocolor retroilluminati, ma anche monitor da tarare), sia superfici riflessive, Per queste ultime, addirittura, distingue tra riflessione assoluta (oggetti colorati, superfici smaltate, tinte piatte) e relativa (colori stampati su carta), Nel primo caso il «bianco» è rappresentato da una quantità nota e ben precisa (fornita a corredo con l'apparecchio sotto forma di colore campione rilasciato appositamente, con tanto di numero di serie riportato, per l'esemplare in nostro possesso), nel secondo caso il bianco è il colore della carta sulla quale sono stampate le tinte da misurare ed è su questo che lo strumento si tara prima della lettura, Vi sembra esagerata tanta sofisticazione? Continuate a leggere, se avete coraggio ..,

Colore ... dolore? Se c'è un argomento che, normalmente, fa disperare chi si occupa di fotografia digitale, questo riguarda senza ombra di dubbio la «fedeltà cromatica», intesa in questo caso come corrispondenza colore tra originale ripreso, visualizzazione a monitor e .. , - mani nei capelli, pleasel - risultato «tangibile» dopo fotorestituzione su pellicola o più semplice stampa su carta con tutte le tecnologie attualmente disponibili, Il problema, come già anticipato altre volte, riguarda essenzialmente il capitolo «Calibrazione» non riferito però al singolo dispositivo, ma a tutti gli anelli dell'intera catena di acquisizione-trattamento-fruizione dell'immagine digitale, Con i colori, infatti, è possibile fare molti giochetti Ma si può giocare a vincere o giocare a perdere, dipende dai casi, Partiamo, ad esempio, da una stampa a colori o una diapositiva e inseriamola nel nostro scanner. Un apposito programma di acquisizione piloterà il dispositivo e scaricherà sul nostro hard disk l'immagine digitale (presumibilmente) in formato RGB (Red, Green, Blue) Ovviamente, per il noto ritornello «tutto è soggettivo», il file conterrà i valori che lo scanner ha interpretato con i «suoi» occhi (sensore CCD opportunamente filtrato RGB), eventualmente utilizzando anche la sua «mente» (tutta la rimanente elettronica prima dell'interfaccia verso il computer), Digitalizzando la stessa immagine con un differente dispositivo è praticamente certo che otterremo una lettura diversa, Ma di questo, al momento, non preoccupiamoci più di tanto: ci sono ancora problemi più

278

THIS TARGET IS CALIBRATED FOR USE ONLY WITH

/I Colortron Colar System durante la fase di test. A destra la scheda, con i colori campione, fornita a corredo e personalizzata per ogni apparecchio.

gravi, L'immagine è su hard disk e decidiamo di visualizzarla sul nostro monitor: con la più semplice delle operazioni, l'affare già si complica a dismisura, In assenza di un sistema di calibrazione cromatica, innanzitutto il computer non sa che monitor stiamo utilizzando, né come questo sia in grado di riprodurre i colori, né tantomeno come questo sia regolato dall'utente per quel che riguarda i controlli manuali di luminosità e contrasto, Inutile dirvi che ogni monitor «non calibrato» visualizza a modo suo, anche se prendiamo in considerazione due modelli identici appena usciti di fabbrica, Bel casino vero? No, il tragico deve ancora arrivare: forse non ve ne siete mai accorti, ma il «vostro» monitor appena acceso .rende i colori in un modo e nel corso della giornata, a seconda finanche delle variazioni di temperatura e umidità ambientale, non fa altro che «navigare» nell'immenso oceano del suo spazio cromatico, Ora tende al rosso, poi al verde, diventa più scuro, più chiaro: va proprio dove gli pare! Ma .., non abbiamo per nulla terminato! Un ulteriore problema nella visualizzazione a video lo riscontriamo perfino nell'illuminazione ambientale che, a meno di non avere il computer in cantina o in cella d'isolamento, varia nell'arco della giornata (quelli che lavorano solo di notte, tanto non è vero!, sono pregati di non fare gli spiritosi I) e incide sulla resa complessiva,

Colore ... senza stupore! Lo sappiamo, già non ne potete più e vi sta passando la voglia: calma e gesso I Anche perché prima o poi la vostra foto la vorrete pure stampare su carta, vero? Magari dopo aver combattuto per intere ore a correggere quella brutta dominante, a riequilibrare a vostro piacere l'andamento tonale, o ricercando lungamente quell'effetto cromatico che final-

[8os",&j

THE COLORTRON HAVING THIS SERIAL NUMIER

mente vi soddisfa fino in fondo (al vostro video ..,), Tralasciando di ripetere la medesima pappardella (è ovvio che anche le stampanti a colori soffrono di problemi ambientali: temperatura, umidità e perfino illuminazione per quel che riguarda l'osservazione dei risultati) l'utente, ottenuto il suo risultato fotodigitale, prende e manda in stampa, Una prima stampata a colori, una prima bestemmia, Modifica l'immagine in base all'effettiva resa su carta ed effettua una seconda uscita: seconda bestemmia (sembra la barzelletta del ginecologo e delle foglie di alloro: non posso raccontarla in questa sede, mandatemi una e-mail al mio indirizzo «adp@mclink,it» e, giuro!, ve la rigiro via Internet, ndr), Rimodifica i colori e .., terza stampata, terza bestemmia (fino ad esaurimento calendario!), Chi ha già utilizzato quest'approccio (la maggior parte di noi .. ,) riconoscerà bene i problemi, chi non si è ancora cimentato nelle esperienze fotodigitali (ma leggendo questa rubrica è sicuramente interessato) non deve però scoraggiarsi: non è certo questo il nostro intento, Innanzitutto «Calibrare si PuÒ» (si deve .. ,), Almeno con i sistemi più evoluti, come i Macintosh/Power Macintosh, e (finanche!) «sotto» Windows 95, Già, non è solo una questione di hardware e software aggiuntivo: per poter lavorare «senza sorprese» è assolutamente indispensabile l'apporto (per nulla marginale) del sistema operativo, In altre parole, per poter dire la sua al riguardo, il sistema operativo della nostra macchina deve avere una propria «coscienza cromatica», Deve sapere, ad esempio, che quel monitor e/o quella scheda video ha (o almeno dovrebbe avere) un certo tipo di comportamento e questo non può essere assolutamente ignorato, Discorso analogo per l'acquisizione e la stampa anche se, in questo caso, è possibile demandare la reinterpretazioMCmicrocomputer n, 167 - novembre 1996


Questa striscia campione, inserita nel manuale dell'apparecchio, mostra bande visibili quando non è illuminata correttamente con una luce da 5 000 gradi Kelvin. La luce dei flash utilizzati, come visibile, non corrisponde alla temperatura indicata.

DICiITAL Rosso+Verde+Blu

Perché «quasi»? Ancora una volta non possiamo e non vogliamo scendere troppo in dettagli tecnici (ma non è escluso che potremmo "partire» con una nuova sezione, interna alla rubrica Digital Imaging, dedicata alla colorimetria) ma qualcosa la dobbiamo pur scrivere per poter andare avanti. Dicevamo prima che gli scanner digitalizzano in RGB tramite filtri colorati Rosso, Verde, Blu anteposti al sensore CCD utilizzato durante la lettura. Anche il monitor è della stessa razza, visualizzando le immagini ancora una volta tramite sintesi additiva: il nero è rappresentato dall'assenza di componenti monocromatiche, il bianco dalla conte m-

poraneità delle stesse alla massima luminosità, tutte le altre tinte visualizzabili sono combinazioni dei tre colori primari regolando indipendentemente le intensità per ognuna di esse (per inciso anche nei grigi, come nel bianco, troviamo pari intensità, ma si utilizzano livelli inferiori). La stampa no. Non utilizza la consueta codifica RGB ma, sfruttando la carta (previa corretta illuminazionel) per "emettere» il bianco, restituisce le tinte intermedie attraverso la sintesi sottrattiva (complementare alla precedente) I colori si ottengono sottraendo al bianco (che li "contiene» tutti) quelli che "non servono» attraverso filtri (sotto forma di inchiostri di stampa) complementari ai colori primari: il giallo non fa passare il blu, il magenta aggredisce il verde, il ciano sbarra la strada al rosso. Per regolare le quantità da filtrare non si utilizzano ovviamente infiniti inchiostri per le infinite possibilità ma si applica il procedimento della retinatura con la quale tanti puntini piccoli colorati, equamente o diffusa mente distanziati, filtrano tanto colore quanto è il rapporto tra superficie coperta e superficie non stampata. Ricapitolando, se vogliamo stampare in blu, non dobbiamo usare inchiostro giallo (che lo ammazzerebbe senza tanti scrupoli) ma dobbiamo togliere dal bianco il rosso (con l'inchiostro ciano) e il verde (utilizzando il magenta) Per meglio comprendere il ragionamento, tenete a mente queste semplici formulette:

= Bianco

da cui: Rosso = Bianco-Verde-Blu equivalente

ne cromatica ai driver dèi dispositivi forniti dai rispettivi costruttori. Attraverso, ad esempio, ColorSync 2 di Apple (ma il discorso vale anche per gli altri sistemi di "trasporto colore»), utilizzando periferiche e programmi compatibili con questo sistema possiamo dormire sonni tranquilli. Purché non chiediamo ai vari dispositivi più di quello che "fisicamente» sono in grado di darei, le immagini a video saranno identiche (considerando sempre una minima tolleranza ... tollerabile!) ai nostri originali prima della scansione e mandandole in stampa otterremo nuovamente i colori di partenza. O quasi.

Rosso

a:

= Bianco+Magenta+Giallo

inoltre: Verde = Bianco-Rossa-Blu equivalente

a:

Verde = Blanco+Ciano+Giallo e ancora: Blu = Bianco-Rossa-Verde equivalente

a:

Blu = Bianco+Ciano+Magenta Infine: Bianco+Ciano+Magenta+Giallo

Bianco I "pallogrammi>l

rappresentativi

della sintesi additiva la sinistra) e della sintesi sottrattiva

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

la destra).

= Nero

lo

quasi!)

Di nuovo «quasi»? Sì, non vi arrabbiate! Le formulette di cui sopra sono esatte nella teoria colorimetrica, ma per motivi di natura strettamente tecnologica c'è ancora qualche problema. Questo perché non esiste una carta su cui stampare perfettamente bianca, i colori utilizzati fanno bene il loro lavoro - filtrare - ma non sono, come tutte le cose del mondo, assolutamente infallibili (ad esempio il giallo che dovrebbe sbarrare il passaggio al blu non ci riesce al cento per cento e lo stesso discorso vale per gli altri inchiostri). Due, le fregature. La prima riguarda il nero: osservato che l'ultima formuletta va riscritta (per cause tecnologiche, lo ripetiamo!) nel seguente modo: Blanco+Oano+Magenta+Giallo

Giallo

.,.'::,

D~@D[K]@

= Marrone scuro

è indispensabile utilizzare un quarto inchiostro, il nero, se almeno questo lo vogliamo rendere al cento per cento. Pensate che schifo se MC avesse tutti i testi degli articoli stampati in "marronacchio» per di più col rischio di vedere dappertutto sbavature di colore attorno ai singoli caratteri. Così la sintesi sottrattiva, in ambito stampa, diventa quadricromia e gli inchiostri utilizzati sono quattro: Ciano, Magenta, Giallo e Nero (in codice CMYK) Economicamente parlando, per quanto a prima vista pos279


... ::,

DIGITAL Q~@O[j[J@

sa sembrare strano, questo è un vantaggio: dipende solo dal fatto che l'inchiostro nero costa un decimo degli inchiostri a colori Per questo motivo, i programmi che si occupano di convertire le immagini da RGB a CMYK hanno la possibilità di utilizzare anche il nero e in quantità «regolabile» - per generare le tinte, in modo da minimizzare l'uso degli inchiostri a colori. La seconda fregatura riguarda il fatto che l'infallibilità filtrante dei pigmenti disponibili si ripercuote anche sull'impossibilità di riprodurre in stampa tutti, proprio tutti, i colori riproducibili a monitor e/o correttamente riconosciuti dallo scanner (o dalla fotocamera digitale, è uguale) Tecnicamente parlando si usa dire che lo spazio cromatico RGB è più ampio di quello CMYK o, capovolgendo il concetto e semplificando la terminologia, i colori riproducibili in CMYK sono in

Per calibrare un monitor si utilizza l'apposito adattatore dotato di speciali ventose. /I software di gestione genera automaticamente il profilo ColorSync 2.

numero inferiore rispetto a quelli permessi dalla codifica Rosso-Verde-Blu. Se avessimo, a questo punto, voluto distruggervi psicocromaticamente una volta e per tutte avremmo aggiunto che anche lo spazio RGB non è «completo» in quanto esistono in natura colori non riproducibili nemmeno con questo sistema. Ma facciamo finta di non averlo detto, promettendovi di svelare l'arcano quando (eventualmente) approfondiremo l'argomento colorimetria in questa rubrica.

E il Colortron? Qua, scrivendo, scrivendo, abbiamo già superato le sedicimila battute (per l'esattezza, accenti compresi, 16.823) senza ancora entrare - più di tanto - nel

280

La taratura del nero avviene attraverso la aBlack Trap Box li fornita a corredo. È necessario effettuare la taratura ad intervalli di tempo definibili dall'utente.

merito dell'apparecchio provato. Il COlortron, dicevamo (tanto, tanto tempo fa.), è un dispositivo in grado di analizzare i colori fornendo per essi la corrispondente «ricetta cromatica». Già con il software fornito a corredo, oltre a svelare i segreti di qualsiasi colore (e a compiere con esso molti «giochetti» divertenti, come vedremo) permette di calibrare il proprio monitor generando il corrispondente profilo ColorSync da posizionare nella cartella sistema. Abbinato ad alcuni programmi di acquisizione e/o stampa, permette (sempre molto agevolmente) di calibrare anche i dispositivi di ingresso e uscita (generando altrettanti profili colore) per ottenere una completa catena di acquisizione-visualizzazione-fruizione perfettamente allineata ... con le nostre aspettative. L'apparecchio, di ridotte dimensioni. si collega alla porta ADB tra tastiera e computer ed è fornito con due adattatori. Il primo serve per analizzare colori stampati o tinte piatte, il secondo (dotato di ventose) si utilizza per la calibrazione del monitor. AI primo utilizzo dello strumento (e dopo determinate scaoenze fissabili dall'utente) è necessario effettuare «la sua» calibrazione. Per effettuarla si ricorre al già citato «colore campione» per il bianco e ad una stupenda «black trap box» (per brevità BTB) per la calibrazione del nero. La BTB non è altro che un cubo, interamente realizzato in cartoncino opaco nero, al cui interno è inserita una piramide (anch'essa nera). AI centro del lato superiore è presente un'apertura rettangolare attraverso la quale - almeno nelle intenzioni del costrutto re - la luce viene completamente «intrappolata» e assorbita (praticamente ... un buco nero!). Sul manuale è ben evidenziato di non tentare la calibrazione del nero utilizzando una comune superficie di questo (non)colore, in quanto comunque sarebbe dotata di un minimo potere riflettente. A dirla tutta, non si capisce bene perché all'interno della

BTB il nero, magicamente, diventa .. così nero che più nero non si può. Fidiamoci (ciecamente .. ). Comunque, effettuate le due calibrazioni (quella del bianco è facoltativa se non dobbiamo leggere superfici colorate, smaltate, verniciate, ecc.) possiamo eseguire il test diagnostico per verificare il corretto funzionamento dell'apparecchio. Sempre sulla tavola dei colori campione, accanto al bianco di cui sopra, possiamo trovare anche un magenta, un ciano, un giallo, un nero, un grigio e un generico «bianco carta» (da non utilizzare come bianco assoluto: si vede anche ad occhio nudo che è ben diverso). Dopo questi rapidi preparativi, il nostro Colortron è pronto per funzionare. Lanciato il software di gestione (è lo stesso che permette la calibrazione dell'apparecchio e il test diagnostico) possiamo divertirci a «giocare» con i colori. Le funzioni implementate sono davvero molte e vi rimandiamo alle schermate e alle didascalie presenti in queste pagine per conoscerle in dettaglio. Qui anticiperemo soltanto che ogni tinta analizzata può essere inserita in apposite palette, singolarmente salva bili su hard disk e altrettanto facilmente richiamabili. Oltre a conoscere «tutto» sulle letture cromatiche eseguite (dalle componenti di colore primario, alla sua distribuzione spettrale) possiamo generare automaticamente altri colori. Ad esempio tinte intermedie partendo da colori noti (specificando il «ratio» desiderato), ma anche abbina menti cromatici gradevoli. Partendo da un colore (letto con lo strumento o impostato manualmente) possiamo chiedere al software di generare abbinamenti cromatici di due-tre o anche sei tinte che stanno tutte bene insieme tra loro (ben armonizzati). Sembra strano, ma con i colori è possibile anche fare ragionamenti matematici che non offendono affatto il gusto di noi (poveri) umani. Nella «ruota dei colori», le tinte sono gradevolmente abbina bili quando sono equidistanti tra loro o comunque disposte secondo simmetrie ben precise (esiste in letteratura un approfondito studio al riguardo). Banalmente 'LA' tinta meglio abbinabile con il campione di partenza è quella diametralmente opposta. Con tre tinte si prende di base un triangolo equilatero (120 gradi di rotazione tra un colore e il successivo), ma è possibile allargare o stringere la base, spaziando nell'infinito campo dei triangoli isosceli, per ottenere sempre terzetti - attenzione: nel loro insieme, non se consideriamo singole coppie - armonicamente equilibrati. MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


~~~ Colar Hannon

DIGITAL

•... :tl

D~@]D[x]@] Giallo ~Col.r •

Harmony-2

a

H•. mont,j-3

a

H•. mont,j-4

Har

Giallo •

Harmooy-1

Harmolll:l-2

Type ofharmofllj: 5-waIj

Colar Harmony si utilizza per generare automaticamente tinte "gradevolmente abbinabili" ad un determinato colore di partenza (vedi testo).

S l!ctrum ,.:. 125 .•.•..100

!le •.....•75 3' 'Vi c: 50 .2i

.=

25

o If)

If)

<Xl r<l

N ..,.

l

l

I

If)

l

..,.

I

If)

If)

If)

If)

If)

If)

o

'"..,.

"'av~l~ngth Wav~l~ngth :

I

If) N \D

<Xl

(nm)

I

I

If)

If)

\D

"-

'"

o

Int~nsit\l :

~l~ l'l'I

'

, II

I

'I

l

Spectrum mostra la distribuzione spettrale del colore misurato; Colar Tweener genera tinte intermedie; Lighting ci mostra l'apparenza di un colore a seconda dell'illuminazione utilizzata (in basso la distanza "delta E" tra originale e colore apparente).

r:;

Li Min light Sourc~ C - Simulat~d Daylight

App~ar anc~ •

Color diff~r~nc~:

0.132

E così via per il caso delle quadruple, delle quintuple o delle sestuple. L'algoritmo di «armonizzazione», molto semplice se ci pensate un attimo, propone tinte la cui «somma cromatica» è un grigio pari al valore di luminanza della tinta di partenza. A che seNe tutto questo? Anche a produrre tessuti (united colar aL), oggetti d'arredamento variopinti, abbinamenti di display differentemente retroilluminati (avete presente le «autoradio a colori») o carte da parato di sicuro successo. La moda passa, la matematica resta ..

Colortron Calibrator

Tw~~n ratio:

I

"'1

llghtlOg

AE CIE lab

Per chi si occupa di fotografia digitale, l'aspetto più appetibile del Colortron è quasi certamente la calibrazione del proprio monitor. Se non disponete, come è facile che sia, di un'unità video stabilizzata (come lo splendido Barca Reference Calibrator o il più accessibile Personal Calibrator in prova presto su MC) non fatevi però troppe illusioni. Il problema della navigazione cromatica del vostro schermo nel corso della giornata rimane, ma almeno potete «buttare l'ancora» nel punto giusto. Per calibrare il monitor è necessario installare la «protesi appiccicosa» al Colortron. AI posto del piedino «normale» si inserisce l'adattatore dotato di ventose col quale è possibile far aderire lo strumento allo schermo. Prima è necessario regolare opportunamente i controlli di luminosità e contrasto (fissandoli subito dopo con pezzi di nastro adesivo affinché né noi né nessun altro si azzardi a spostarli: i monitor Barca di cui sopra hanno, sapientemente, i controlli

Type of hanoolltj : 3-waIj

"'1

protetti da password!). Per questa prima regolazione «ad occhio», è lo stesso software di calibrazione a venirci in aiuto mostrandoci alcuni grigi campione che, a taratura manuale effettuata, devono essere tutti ben visibili e ben distinguibili tra loro. Nient'altro. Subito parte la calibrazione automatica che consiste nel sottoporre al Colortron le capacità di visualizzazione colore del monitor. Vedremo scorrere i tre colori primari in varie intensità, ma anche il bianco e il nero per i consueti riferimenti di massima e minima luminosità. L'operazione complessivamente non dura più di qualche decina di secondi e al termine il software genera il «prezioso» profilo di calibrazione del NOSTRO monitor. Inutile ripetere che se avete più computer con più monitor è NECESSARIO ripetere la calibrazione per ognuno di essi.

Concludendo Per concludere, qualora ne esista la necessità (non crediamo .. ) è ancora una volta il caso di ricordare che la calibrazione monitor è solo uno dei passaggi chiave per non avere brutte sorprese sui risultati finali. Anche in questo il Colortron, abbinato ad altri software di taratura delle periferiche, può darci una preziosa mano per calibrare il nostro scanner o la nostra stampante a colori, ma anche a «sintonizzarci» con un fornitore esterno (laboratorio digitalmente attrezzato ma anche la nostra tipografia abituale, per chi lavora in questo campo) purché quest'ultimo non cambi le carte in tavola senza avvisarci. Torneremo presto, sempre più dettagliatamente, sull'argomento: «stiamo lavorando per voi! ». Come sempre I ~ 281


~~@

testi e foto di Andrea

de Prisco

ATTUALITÀ

PHOTOKINA 96 SALONE MONDIALE DELL'IMMAGINE

photokina '96 WELT

ESSE

È probabile che alla maggior parte dei lettori di MC la parola «Photokina» dica ben poco. Ma chi si occupa di fotografia, sia a livello professionale che «amatoriale evoluto», sa bene che la Photokina è la più importante fiera mondiale di attrezzature fotografiche. Si tiene ogni due anni in quel di Colonia (Germania), raccogliendo espositori e ospitando visitatori provenienti da tutto il mondo. 270.000 metri quadri la sua superficie espositiva, 7636 aziende partecipanti e 766.000 visitatori sono iprincipali «numeri» dell'edizione '96 svoltasi tra il 78 e il 23 settembre scorsi. La Photokina tratta diffusa mente tutti i campi della materia fotografica: dalla ripresa al trattamento, daIl' elaborazione alla successiva fruizione dell'immagine, sia in ambito consumer che professionale. Fotografia, naturalmente, anche «allo stato puro», mettendo in evidenza in questo modo anche l'aspetto culturale del più importante Salone Mondiale dell'Immagine. Alla Photokina è cosi legato un ampio programma di mostre 282

DES

BILDES

fotografiche (circa 730 tra quelle presenti nei padiglioni fieristici e quelle allestite in città), proiezioni di diapositive, video e presentazioni multimediali. Fotografie premiate scattate da autori dilettanti e opere di altissimo livello create da fotografi professionisti e fotoreporter di fama mondiale. Fotografie «convenzionali» tecnicamente ineccepibili, ma anche lavori sperimentali con ampio utilizzo di sofisticate tecniche di elaborazione digitale. MCmicrocomputer è la seconda volta che si occupa di questa immensa manifestazione: sul fascicolo di novembre 94 (esattamente due anni fa) troverete il reportage della precedente edizione. All'epoca rimanemmo così colpiti dal nuovo fenomeno «fotografia digitale» che già dal mese successivo (dicembre 94) partì sulle pagine di MC la nuova rubrica «oigital Imaging». L'intento era ben noto e apertamente dichiarato: seguire da vicino questo nuovo mondo in rapida evoluzione, offrendo al lettore sia articoli teorico/pratici sia

analisi approfondite con vere e proprie «prove sul campo» dei prodotti hardware e software di fotografia digitale via via disponibili sul mercato.

Dov'eravamo rimasti? Due anni fa dicevamo fondamentalmente tre cose. La prima riguardava il fatto che, passeggiando tra gli immensi saloni della KòlnMesse, dappertutto si sentiva profumo di bit. Quest'anno l'odore era ancora più forte, ma non si trattava certo di fumo senza arrosto: la sostanza, come vedremo più in dettaglio in seguito, c'è stata ed era anche abbondante. Secondo: nel '94 scrivemmo che la maggior parte dei costruttori si stavano - simpaticamente - rimbecillendo nella affannosa corsa al digitale. Un po' tutti i principali marchi offrivano qualcosa in questo campo, ma qualcuno più per poter dichiarare «Presente!» all'appello che per mirata scelta strategica. Nell'edizione '96 è ben visibile una profonda maturazione anche in questo senso. Abbiamo visto molte novità nel campo degli apparecchi digitali, in ogni possibile fascia di prezzo (sotto il milione, sotto i dieci, sotto i cinquanta ...), e importanti evoluzioni di apparecchi già presenti alla precedente edizione e/o di tecnologie, allora emergenti (o quasi ...) e ora ben più mature. Citiamo a titolo d'esempio i notevoli progressi tecnologici nella stampa a getto di inchiostro, grazie ai nuovi materiali di consumo disponibili piuttosto che all'innovazione dei procedimenti veri e propri di stampa, o alla disponibilità di nuovi - interessanti! - sensori CCD per riprese digitali cromaticamente sempre più fedeli e maggiormente ricche di dettaglio. Terzo: citiamo testualmente dal reportage del 1994: «Siamo sicuri che nella prossima edizione il digitale occuperà un posto meno spettacolare ma più concreto e culturalmente maturo, come certamente merita di essere considerato». E così è stato. In questa edizione del Salone Mondiale dell'Immagine si respirava un'aria del tutto nuova. Qualcuno, MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


DIGITAL D~@D[KJ@ prima dell'apertura della fiera, già la indicava come la vera e propria Photokina Digitale. Beh, non esageriamo (anche se allegato al catalogo della mostra c'era finalmente la versione elettronica dello stesso sotto forma di disco CDROM): quest'anno, come già abbiamo evidenziato, è da segnalare soprattutto un'evidente maturazione della fotografia digitale. Non rumore, non spettacolo, ben poco fumo negli occhi, ma tanta voglia di andare avanti su questa strada. Tutti insieme ... appassionatamente!

Adobe Prima apparizione pubblica in Europa del mitico Photoshop 4.0. Allo stand Adobe era possibile provare il nuovo prodotto e apprezzarne le straordinarie funzioni che aumentano ulteriormente la potenza del software di foto ritocco più venduto al mondo. Vi abbiamo anticipato le caratteristiche principali lo scorso mese, nella nuova rubrica World Wide News, e ulteriori informazioni le troverete in questo stesso numero

.'"

nell'anteprima dedicata ai nuovi prodotti Adobe. Ricordiamo brevemente che il nuovo Photoshop ora offre la possibilità di automatizzare i lavori in modalità batch, compresa l'acquisizione automatica da fotocamera digitale, preimpostando le eventuali correzioni cromatiche e salvando le immagini direttamente su hard disk. Grazie, poi agli Adjustment Layer è possibile compiere modifiche sull'immagine in maniera non permanente.

ellicole a colori (di Andrea de Prisco)

Cronaca di una morte (pre}annunciata?

cità di ripresa per gli apparecchi portatili tipo refi ex 35mm (dimenticate, però, gli otto fotogrammi al secondo di cui è capace l'incredibile Nikon F5, ricca di elettronica digitale al servizio della fotografia tradizionale). Durante la Photokina, nel corso della conferenza stampa Dicomed - noto produttore di apparecchiature per la ripresa digitale - è staInoltre non possiamo ignorare il fatto che questo tipo di attrezzature, come noi utenti informati ci - sulla nostra pelle - ben sappiato organizzato nientepopodimeno che ... il funerale della pellicola mo, sono destinate a diventare obsolete in rapido tempo. Tradotto fotografica! in soldoni, ciò equivale a dire che difficilmente potranno essere È stata un'iniziativa, per quanto ottimamente curata sotto il profilo ammortizzate nell'arco massimo di uno o due anni, a meno di non coreografico, non proprio di ottimo gusto, almeno per noi italiani .. notoriamente superstiziosi. Una bara (ebbene sì. ..) piena di comuprodurre grosse quantità di immagini digitali, tutte profumatamente pagate. nissimi rullini fotografici e un requiem alla loro memoria! Certo, Nel campo consumer, a fronte di costi hardware ben più umani quando si vuole esagerare si esagera, ma credo che per assistere (una fotocamera digitale di «sufficiente» qualità costa grossomoa questa funzione pseudoreligiosa dovremo aspettare ancora molti do quanto un camcorder di fascia media, un paio di milioni) troviaanni. Sempre ammettendo, come al solito, che le previsioni degli mo ancora una risoluzione e una gamma cromatica - destinata attuali futurologhi del partito Alleanza Digitale non abbiano «toppacertamente a migliorare nel prossimo futuro - nemmeno lontanato» alla grande, così com'è accaduto all'avvento della televisione mente paragonabile a quella della pellicola fotografica. nei confronti della radio, o addirittura più di un secolo e mezzo fa, Quest'ultima, per chi non lo sapesse o non si è mai posto il proriguardo la nascente fotografia nei confronti della pittura. blema, è in grado di registrare svariati milioni di informazioni anaSu, non scherziamo! La pellicola fotografica potrà sparire complelogiche su un singolo fotogramma 24x36 (figuriamoci sui formati tamente dalla nostra vita di fotoamatori o di fotoprofessionisti, somaggiori). Certo, con gli apparecchi lo quando il «digitale» sarà in grado digitali abbiamo tanti gadget eletdi offrire tutte le possibilità del tronici e molte possibilità in più (dal«tradizionale» senza imporre alcula successiva fotoelaborazione alla na limitazione. E questo sia in camstampa a colori fatta in casa tramite po tecnologico che commerciale: periferiche a getto di inchiostro o a oggi attrezzare uno studio di ripresublimazione ... economica). ma per sa elettronica - considerando uno favore non confondiamo la qualità o più computer, dorsi digitali e atfotografica con quella televisiva. È trezzature varie per l'elaborazione announcing facile, infatti, trovare in queste e la successiva fruizione delle immacchinette, per quanto interesmagini - può anche costare un santi sotto il profilo digitale, sensori centinaio abbondante di milioni CCD - per loro natura ancora analo(contro costi ben più contenuti delgici - del tutto simili a quelli presenla fotografia tradizionale). A fronte at Photokina ti nei camcorder, ovvero in grado di di una qualità immagine, nel camrestituire sì e no duecentomila pixel po professionale, del tutto paragoPIease pay your respect5 to the a colori. Quantità successivamente nabile a quella fotografica (qualcudearly departed at raddoppiata o triplicata dal software no azzarda addirittura la tanto attedi gestione della fotocamerina, sensa superiorità del nuovo mezzo) i liza tanti scrupoli né particolari accormiti di utilizzo sono ancora piuttop.m. gimenti tecnici. In questo modo sto pesanti: in studio solo riprese prendendo (o tentando di prendere) di oggetti immobili (a meno di non letteralmente in giro l'utente fotodiricorrere ai sensori CCD superficiali gitale. a colori ancora non eccellenti sotto State molto attenti. TUTII QUANTI! il profilo qualitativo) e bassa velo-

Press Conference

Dicomed will be

the

Death of Film

5.00 Thursday 19th September

Dicomed Stand. Hall 13.2. NlO 11 R.LP


DICiITAL

D~@D[?fI@

Con un semplice click del mouse possiamo attivare o disattivare tali modifiche per confrontare rapidamente differenti interventi. È stata leggermente modificata anche l'interfaccia utente per renderla simile a quella degli altri prodotti grafici Adobe, compresa la possibilità di passa-

re da un'applicazione all'altra utilizzando comandi e palette «coerenti». Sono stati altresì aggiunti 48 nuovi filtri digitali (portando così il totale a quota 90) migliorando ulteriormente le possibilità di composizione fotocreativa. Tutti i filtri sono ora a 32 bit, per sfruttare completamente le potenze di

calcolo dei nuovi processori e dei nuovi sistemi operativi. Migliorata, infine, anche la velocità operativa (nello scrolling, zooming, il movimento di selezioni, e la composizione multilayer), particolarmente apprezzabile per le immagini di grosse dimensioni che adesso necessitano di meno RAM.

Nikon Superstar! (di Andrea de Prisco)

-.1

o stand Nikon era, senza ombra di dubbio, il più «assaltato» dagli instancabili visitatori della Photokina. Donne nude? Regali e/o panini a volontà? Nulla di tutto ciò: «semplicemente» veniva mostrata per la prima volta al pubblico la Nikon F5, l'incredibile apparecchio fotografico (tradizionale, benché zeppo di elettronica digitale) capace di riprendere su pellicola 35mm otto fotogrammi al secondo, mantenendo costantemente a fuoco il soggetto inquadrato anche se questo si avvicina, si allontana (finanche a 300 Km/h!) o sparisce momentaneamente dal campo visivo. In ambito digitale Nikon presentava al pubblico la E2N, versione aggiornata della fotocamera E2 (sul numero di settembre di MC abbiamo provato la E2s, gentilmente messaci a disposizione dalla Nital di Torino, distributore ufficiale per l'Italia dei prodotti Nikon, digitali e non). La nuova «release» offre una sensibilità equivalente di 3200 ISO, contro gli 800-1600 del modello precedente, ed è possibile visualizzare su monitor TV l'immagine inquadrata prima dello scatto. Ma la vera novità Nikon della Photokina Digitale è la CoolPix 100, praticamente una scheda di memoria PCMCIA in grado di riprendere immagini fotografiche. Destinata a diventare un'inseparabile appendice ottica del nostro computer portatile, la CoolPix 100 in funzione di fotocamera digitale è alimentata da quattro pile «stilo». AI momento di trasferire le immagini sul computer, si toglie il comparto batterie ed emerge il suo lato PCMCIA: a questo punto è sufficiente inserire l'apparecchio nel nostro portatile per trasferire le nostre immagini come se stessimo utilizzando un comune dischetto. Il sensore CCD è da 330.000 pixel e la memoria incorporata è pari ad un megabyte, sufficiente per registrare da 21 a 42 immagini a seconda del fattore di compressione JPEG utilizzato. Nonostante le microscopiche dimensioni dell'apparecchio, incorpora anche un piccolo flash elettronico sufficiente ad illuminare soggetti posti fin oltre i due metri dal punto di ripresa. Grazie alle sue dimensioni particolarmente compatte (6x15.5x3.5 cm) e al suo peso «simbolico» (160 grammi senza batterie) rappresenta la più piccola fotocamera digitale mai realizzata. Mostrata solo in vetrina, era presente anche la CoolPix 300 (non si sa quando sarà commercializzata) con display a colori integrato sensibile alla pressione, sul quale è possibile «scrivere» messaggi sovraimprimendoli alle immagini riprese. Tanti auguri, giustappunto!

284

La Nikon CoolPix 100 si inserisce nei portatili

come una normale scheda PCMCIA.

MCmicrocomputer

n. 167 - novembre

1996


DIGITAL D~@DGZJ@ Agfa

1.750.000 pixel pur utilizzando CCD ben più piccoli. Molto interessante!

L'offerta digitale dell'azienda tedesca spazia ormai in tutti i campi professionali, dalla ripresa in studio (StudioCam) agli apparecchi portatili (ActionCam), dalla stampa a colori (DuoProof) al software di calibrazione cromatica (FotoTunel, dalla digitalizzazione di originali opachi e trasparenti (SnapScan, StudioScan, StudioStar, Arcus, DuoScan, Horizon per arrivare al modello SelectScan da 4000 punti per pollice di risoluzione ottica!) fino alla serie completa di film recorder, per ogni esigenza e per qualsiasi formato. Una novità, però, la troviamo anche per il mercato consumer. Nasce la «ePhoto 307» (nome in codice?) una piccola fotocamera digitale mostrata per la prima volta al pubblico durante la

Canon In ambito digitale, due importanti annunci dalla giapponese Canon, da decenni schierata in prima linea soprattutto nel mondo dell'ottica e della fotografia tradizionale. La novità più interessante è senza ombra di dubbio la fotocamera PowerShot 600, una digitale dotata di sensore CCD da 570.000 pixel e molto curata anche sotto il profilo strettamente fotografico. Utilizza un obiettivo

.'.,

tempi compresi tra 1/30 e 1/500 di secondo. Anche il flash è incorporato ed è in grado di illuminare soggetti posti fino a 3.5 metri dal punto di ripresa. Tornando agli aspetti digitali, la PowerShot 600 si fa apprezzare soprattutto per la presenza di un alloggiamento per schede PCMCIA di tipo III e quindi in grado di ospitare anche hard disk rimovibili in questo formato. Memorizza le immagini in formato JPEG e, utilizzando un disco rigido da 170 megabyte,

La Canon PowerShot 600 è un apparecchio digitale molto interessante, che presto troverete in prova sulle pagine di MCmicrocomputer.

Photokina. Con le sue risoluzioni d'uscita, 640x480 e 320x 240, è in grado di memorizzare rispettivamente 36 o immagini all'interno della sua memoria integrata da 2 megabyte. Oltre al software di gestione Agfa PhotoWise, la piccola digitale offrirà a corredo anche il noto Adobe PhotoDeLuxe, figlio consumer del ben più professionale Photoshop. Il prezzo previsto sarà di 599 dollari USA ActionCam è, invece, un apparecchio digitale professionale portatile già presente sul mercato da tempo. Basato su un corpo macchina Minolta, utilizza tre sensori CCD per catturare le immagini. Ma non si tratta, come facilmente intuibile, di una normale decodifica RGB (un CCD e un filtro per colore primario) ma di un sistema più complesso in grado di aumentare realmente la risoluzione fisica del sistema. Un sensore CCD è «bicromatico» e legge sia il Rosso che il Blu. Gli altri due sensori, entrambi filtrati per il Verde, sono tra loro sfasati diagonalmente di «mezzo» pixel in modo da catturare, quantomeno nella componente luminanza, una quantità doppia di informazioni. Il firmware fa il resto, col risultato di poter disporre di ben

n

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

mediograndangolare corrispondente alla focale 35 mm in grado di riprendere da 10 cm ad infinito. L'esposizione è automatica (così come lo è il bilanciamento del bianco) e l'otturatore scatta con

è in grado di salvare ben 1500 immagini con compressione media. Funziona anche senza schede PCMCIA, grazie all'incorporato megabyte di Flash RAM, nel quale è possibile memorizzare fino a 15 immagini digitali. Interessante, inoltre, la possibilità di registrare un commento sonoro abbinato ai nostri scatti, grazie al piccolo microfono incorporato nell'apparecchio. È alimentata da sei pile «stilo» o da un pacco batterie ricaricabile, pesa (al netto della sorgente energetica e della scheda PCMCIA opzionale) appena 400 grammi e costa al pubblico poco più di due milioni: presto leggerete di questa fotocamera un'approfondita recensione. Altro prodotto fotodigitale di sicuro interesse è la nuova stampante Canon BJC-4200, in grado di stampare a 120x360 punti per pollice ma con la caratteristica di poter modulare l'intensità dei singoli punti tracciati per un'accurata riproduzione delle immagini fotografiche. Con la nuova stampante arrivano anche nuovi materiali, carte e inchiostri, specificamente realizzati per ottenere il massimo fotorealismo. Da segnalare, Tra i materiali di stampa a getto di inchiostro più innovativi era mostrata addirittura una versione "impermeabile» costantemente a bagnomaria.

285


DIGITAL •' " [l!A~@n[KJ@ infine, la cartuccia di inchiostro fluorescente, da utilizzare per ottenere colori ad alto impatto visivo (per grafici, presentazioni, ecc.).

Casio aV-100 è il nome della nuova proposta Casio nel campo delle fotocamere digitali, e rappresenta l'attesa evoluzione del modello aV-10, provato qualche mese fa su MCmicrocomputer. Il se nsore CCD passa da 250000 a 360000 pixel con un aumento di quasi il 45 per cento. La memoria ora è da 4 megabyte e, variando il fattore di compressione delle immagini, è possibile registrarne da 64 a 192. Come nel modello precedente, il mirino è costituito da un piccolo display LCD a colori, è presente un'uscita video per il collegamento al TV e una porta seriale bidirezionale per scaricare o caricare immagini. Assieme alla nuova aV-100 arriva anche una stampantina a sublimazione collegabile direttamente alla fotocamera e in grado di stampare a colori in tre differenti formati su carta autoadesiva: il nastro può avere larghezza di 46, 36 o 18mm.

Dicomed Presso lo stand Dicomed era possibile vedere e provare, oltre ai famosi dorsi a scansione, anche l'incredibile BigShot: un eccezionale dorso digitale basato su un sensore CCD 6x6 cm da ben 16 milioni di pixel, per file immagine da 48 megabyte, attualmente disponibile sia in versione bianco/nero che a colori (ottenuti tramite consueta microfiltratura RGB dei pixel). Il Dicomed BigShot offrirà risultati davvero entusiasmanti L'incredibile CCO Oicomed da 16 milioni di pixel.· qualità fotografica assicurata ... senza compromessi'

Allo stand Pentax era presente anche una fotocamera digitale tuttora in veste di prototipo. Sullo sfondo il piccolo displav a cristalli liquidi per visionare le immagini. BigShot è il dorso Oicomed da 16 milioni di pixel.

dotato di sensore

CCO

non appena verrà «rilasciato» l'apposito filtro a cristalli liquidi in grado di cambiare rapidamente colore tra Rosso, Verde e Blu. Posto davanti all'obiettivo di ripresa, permetterà di effettuare tre singole esposizioni monocromatiche in una frazione di secondo, permettendo anche la fotografia digitale di soggetti in movimento (come già avviene per l'attuale BigShot b/n o per il modello a colori microfiltrato). Grazie all'innovativo filtro tricromatico e all'utilizzo di un BigShot in bianco e nero sarà possibile effettuare qualsiasi tipo di ripresa senza perdite di risoluzione (con la microfiltratura si «sprecano» tre pixel RGB per ottenere un unico punto a colori dell'immagine digitale) né aberrazioni cromatiche dovute a particolari infinitesimali dell'immagine ripresa che vanno a stimolare singoli pixel, invece che triadi, sul sensore CCD.

Fuji Fuji è un altro colosso giapponese della microelettronica, noto in tutto il mondo anche per le sue stupende pellicole a colori con le quali riesce a fare addirittura concorrenza a Kodak. L'offerta fotodigitale di questa azienda spazia praticamente in tutti i campi, dalla ripresa (amatoriale e professionale) alla digitalizzazione di pellicole, alla stampa a colori di qualità fotografica. Tra l'altro Fuji è partner di Nikon per lo sviluppo della E2 (si veda oltre), sulla quale è ben visibile anche il suo marchio. Numerose le novità presentate in Photokina, tra cui spicca la DS-7, una fotocamera digitale destinata al mercato consumer. Come memoria di massa utilizza schede SmartMedia da due megabyte nelle quali riesce a salvare trenta

immagini 640x480 o sessanta 320x240 (c'è da chiedersi come mai ad un numero quattro volte inferiore di pixel non corrisponda un'autonomia di ripresa quattro volte maggiore: fosse sbagliato il dépliant?l. Il sensore CCD è da 350000 pixel, abbondanti per la risoluzione minima, insufficienti per la massima: troviamo anche in questo caso la consueta (e illusoria) interpolazione software dei pixel. Il mirino è rappresentato da un display LCD a colori da 1.8 pollici, è alimentata da quattro pile «stilo» e pesa, senza quest'ultime, 240 grammi.

Kodak Per il settore consumer era possibile trovare in Photokina numerosi «articoli» Kodak particolarmente interessanti. Partendo dal basso troviamo la piccola DC20, una fotocamerina digitale poco più grande di un pacchetto di sigarette

Il dorso digitale Hasselblad.

Kodak OCS 465 per fotocamere

MCmicrocomputer n, 167 - novembre 1996


DIGITAL

D~@]D[f[]@] dotata di un megabyte di memoria RAM per memorizzare fino a 16 immagini. Due le risoluzioni di uscita: 493x373 e 320x240. Non conoscendo il numero di pixel del sensore CCD utilizzato non è possibile verificare quale sia la risoluzione effettiva dell'apparecchio. Probabilmente basata sul medesimo sensore (e mostrata per la prima volta in Photokina) la DC25 è una versione più raffinata del modello precedente. Incorpora un display LCD a colori e due megabyte di memoria per 14 o 29 immagini (a seconda della qualità impostata). L'autonomia di ripresa può essere ulteriormente espansa utilizzando le «Kodak Picture Card» (basate sul nuovo standard CompactFlash), minuscole schede di memoria da due megabyte di Flash RAM, quattro volte più piccole delle comuni PCMCIA e compatibili con quest'ultime attraverso un semplice adattatore offerto da Kodak. La Casa Gialla ha inoltre in catalogo un apposito lettore per PC, in grado di utilizzare sia le CompactFlash che le PCMCIA, che si collega alla porta parallela «lungo» il cavo della stampante. Tornando alla DC25, la messa a fuoco ... non c'è: l'apparecchio, grazie alla profondità di campo dell'ottica, riprende alla massima nitidezza tutto quello che è compreso tra 50 cm e infinito. L'otturatore, controllato elettronicamente (sarà lo stesso CCD ad «otturare»?), ha tempi d'esposizione compresi tra 1/30 e 1/4000 di secondo; il diaframma ha apertura massima f/4 e minima f/11. Il flash è incorporato e si attiva automaticamente, con un buon amico, in caso di bisogno. Infine, la DC25, pesa appena 270 grammi in ordine di marcia. Lo Snapshot Photo Scanner è un dispositivo molto compatto in grado di digitalizzare immagini fotografiche su carta, larghe al massimo 10 cm, in soli 30 secondi. La risoluzione ottica è di 600

punti per pollice, si collega anche questo alla porta parallela del PC ed è fornito con una ricca dotazione software che comprende, tra l'altro, il programma EasyPhoto di Kodak, PowerGoo di Metatools e una versione speciale di Photo Enhancer di PictureWorks Technology. A corredo anche una guaina protettiva per «scannare» foto preziose: forse lo Snapshop ogni tanto fa brutti scherzi? Nel settore professionale, Kodak lancia una nuova stampante a colori a getto d'inchiostro per i grandi formati: si chiama 1000 PS ed è basata sulla meccanica dell'HP 755 CM. Assieme alla «stampantona», Kodak ha introdotto tre tipi di supporto per il grande formato: Ektajet LF, Ektajet Coated e Heavy Weight Coated. Las!, but not least, la Casa Gialla offre ora una soluzione economica anche nel mondo delle fotocamere digitali professionali. Si chiama DCS 410, è basata su un corpo macchina Nikon F90, e incorpora un sensore CCD da 1.5 milioni di pixel con conversione ND del colore a 12 bit/canale (36 bit/pixel RGB). Direttamente derivata dalle fotocamere professionali Kodak DC 460 (da ben sei milioni di pixel!) e DC 420, la nuova nata è offerta ad un prezzo di vendita particolarmente interessante. Espresso in dollari si parla di circa 7000 bigliettoni (la moltiplicazione, fatela voi .. ) quanto costerà in Italia ancora non si sa, speriamo in una giusta quotazione del cambio dollaro/lira anche in questo caso. Rispetto al modello più costoso, la 410 ha una sensibilità equivalente di 100 ISO (non modificabile) e scatta un'immagine ogni due secondi e mezzo contro i cinque «fotogrammi digitali» in 2.25 secondi della 420. Tutte le rimanenti caratteristiche sono pressoché identiche, compresa la possibilità di registrare messaggi audio abbinati alle immagini e la presenza di uno slot PCMCIA di tipo 111, in grado di ospitare sia schede di memoria RAM che hard disk removibili in questo standard.

Konica Allo stand Konica era esposta una nuova fotocamera digitale (della quale non veniva rilasciata documentazione in merito e nulla possiamo dirvi al riguardo ...) e lo scanner per pellicole Oscan, predisposto sia per il formato 35m m che per il nuovo APS (Advanced Photo System). La risoluzione massima è di 1200 punti per pollice che corrisponde, sul formato 35mm, alla possibilità di generare file a 24 bit/pixel (il convertitore MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

.".

Allo stand Konica una fotocamera digitale scanner bi-formato per pellicole 135 e APS.

e uno

utilizzato è a 30 bit) da quasi sei megabyte. Niente di eccezionale, dunque, ma bisogna vedere anche quanto costerà al pubblico: con un prezzo particolarmente invitante potrebbe anche diventare un prodotto eccezionalmente valido. La velocità di scansione è di 70 secondi (ottima) alla massima risoluzione ed è in grado di effettuare il prescan di sei fotogrammi presenti sul medesimo spezzone di pellicola 35mm (25 per il formato APS che si inserisce nella scanner con tutto il caricatore).

Leica Leica, per chi non lo sapesse, è l'azienda tedesca che nel primo dopoguerra «inventò» quello che poi divenne l'attuale formato fotografico 24x36 mm,

287


DICiITAL

D~@D[R]@

utilizzando spezzoni di pellicola cinematografica 35m m all'interno di un apparecchio fotografico tascabile, a telemetro e con l'obiettivo retrattile. Nacque così la mitica Leica I e ancor oggi si usa dire «formato Leica» per intendere i comuni rulli da 24 o 36 pose formato 135. Con così tanta tradizione sulle spalle, è ipotizzabile una Leica digitale? Per quanto sia difficile da credere, perfino la casa di Wetzlar si è tuffata nel mondo dei bit, e lo ha fatto mostrando un prototipo di fotocamera da studio basata su un CCD lineare a scansione che restituisce un'immagine da ben 25 milioni di pixel (75 megabyte di file in RGB). Il formato è quadrato, 36x36 mm (la citazione al <,formato Leica» era d'obbligo), utilizza le stesse ottiche serie R e serie M delle sorelle tradizionali, funziona sia in collegamento al Mac che al PC e trasferisce le sue megaimmagini attraverso un cavo a fibre ottiche. Se anche Leica ha fatto questo, è proprio un segno che qualcosa sta veramente cambiando ..

Minolta Oltre alla fotocamera digitale RD175, identica all'Agfa ActionCam prima descritta, allo stand Minolta c'era anche

Leica presentava un prototipo di fotocamera digitale formato 36x36 mm. Qui in alto un modello realizzato con tecniche di prototlpazione rapida: ne abbiamo parlato mesi fa nella rubrica Mfcrocampus.

Sul dorso digitale Sinar è possibile spiava colori LeO.

lo scanner per pellicole OuickScan 35 e l'apparecchio di ripresa per il mercato consumer denominato Dimage V. Con una risoluzione massima di 2820 punti per pollice, il OuickScan 35 rappresenta una validissima alternativa agli altri apparecchi di questo tipo da più tempo presenti sul mercato. La digitalizzazione avviene in un unico passaggio utilizzando un sensore CCD trilineare, con tempi d'attesa compresi tra 8 e 60 secondi; la conversione ND ha una risoluzione di 10 bit (30 bit/pixel RGB, 24 in uscita) mentre la gamma dinamica raggiunge il valore 3 (come la maggior parte dei suoi concorrenti). Dotato di interfaccia SCSI-2, si collega sia a Macintosh che a PC: a corredo sia il modulo Twain che il Plug-in di Photoshop. Offre la messa a fuoco automatica e manuale dell'originale, la calibrazione del nero, il bilanciamento cromatico e l'esposizione automatica. La fotocamera digitale per il mercato consumer, Dimage V, utilizza un obiettivo zoom (equivalente ad un 34-92 nel formato 35mm) con rapporto di ingrandimento pari a 2.7x e possibilità di riprese macro. Incorpora un flash elettronico e un monitor LCD che si utilizza anche per l'inquadratura, non eS5endo presente un vero e proprio mirino ottico. Per memorizzare le immagini utilizza SmartMedia Card rimovibili da quattro megabyte, nelle quali è possibile salvare da 32 a 80rimmagini a seconda del livello di compressione utilizzato.

ta una famiglia completa di fotocamere dedicate al mercato consumer. Tre i modelli in catalogo, differenti per il CCD utilizzato, la presenza o meno del display a colori integrato, e la quantità di memoria presente all'interno. Accanto ai tre apparecchi, arriva una stampantina a colori a sublimazione (collegabile sia al computer che direttamente alle fotocamere) e uno scanner doppio formato: 35mm e APS. C-800L è il nome della fotocamera digitale di maggior pregio Il CCD utilizzato all'interno è da ben 810.000 pixel e la memoria incorporata è da sei megabyte. Può memorizzare da 30 a 120 immagini (a seconda della qualità selezionata), ma non è prevista - purtroppo - la possibilità di espandere l'autonomia tramite schede di memoria aggiuntive. L'obiettivo è un mediograndangolare equivalente alla focale 35 mm, con apertura massima f/2.8 e diaframmi f/5.6 e f/11. Mette a fuoco da 20 cm all'infinito con due posizioni distinte: macro e norma I. L'otturatore è in «carne ed ossa» (scatta e fa click per davvero) con controllo elettronico e tempi di esposiZione compresi tra 1/8 e 1/500 di secondo. Sul retro è presente un piccolo display a colori LCD da 1.8 pollici che può essere utilizzato sia come mirino, sia per visualizzare le immagini prima riprese. Il flash incorporato «copre» fino ad una distanza di 2.4 metri, l'alimentazione è fornita da quattro pile «stilo» e,

Olympus Entrata alla grande nel settore digitale, la giapponese Olympus presen-

installare

un di-


falpx

Stampa da plotter anche su alluminio.

L'effetto

è davvero incredibile ...

senza queste, il peso è di soli 310 grammi. Per il collegamento al computer (Mac o PC) si utilizza la porta seriale integrata, in grado sia di scaricare che dì caricare immagini digitali nell'apparecchio. I due modelli inferiori, C-400L e C200L, si differenziano dal capo banda soprattutto per il sensore CCD utilizzato, in questo caso composto da 350000 pixel, e tra essi per la memoria incorporata (due o un megabyte) e per la presenza o meno del display a colori integrato. Il flash, per questi modelli, raggiunge i 3.5 metri di copertura grazie al fatto che il sensore CCD con meno pixel ha una sensibilità equivalente di 130 ISO contro i 50 del dispositivo da 810000

Sembra un g(gantesco scanner a tamburo e invece è una innovativa a getto di inchiostro su ... tamburo.

stampante

elementi. Il film-scanner Olympus ES-10 (è stato visto anche marchiato Kodak presso lo stand della Casa Gialla) è un doppio formato 35mm/APS in grado di digitalizzare con risoluzione fino a 1770 punti per pollice (file da 11.5 megabyte per il fotogramma 24x36 ripreso in RGB). La digitalizzazione avviene a 24 bit, mentre la velocità di ripresa non è per nulla entusiasmante (cinque minuti alla massima risoluzione, in compenso il prescan dura solo otto secondi) ed è dotato di sola interfaccia parallela per il collegamento a PC (i Mac sono esclusi, bah!). Speriamo che la qualità sia interessante e il prezzo di vendita allineato alle effettive caratteristiche offerte.

Phase One Del PhotoPhase, il dorso digitale proposto da Phase One, ne abbiamo parlato diffusa mente poco prima dell'estate in un articolo tecnico a seguito di una nostra «visita guidata» presso la Fowa di Torino, che distribuisce in esclusiva la versione per fotocamere Hasselblad. Alla Photokina è stato presentato il nuovo dorso, denominato PowerPhase, col quale è possibile catturare immagini RGB da quasi 150 megabyte, grazie alla sua incredibile risoluzione di 1000xlOOO pixel. Si tratta, come per il modello precedente, di un dorso a scansione per la ripresa di oggetti immobili in luce continua. Soluzione che, almeno attualmente, non ha eguali nel campo della fotografia digitale in quanto a definizione e a resa cromatica. Con la sua sensibilità equivalente di 1600 ISO permette di lavorare facilmente con piccole aperture di diaframma (a tutto vantaggio della profondità di campo) o, alternativamente, con fonti di illuminazione non molto MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

potenti. A proposito di quest'ultime, grazie alla tecnologia Flicker Suppression sviluppata da Phase One, è possibile utilizzare anche normalissime lampade al tungsteno, al quarzo o comuni tubi fluorescenti, senza il rischio di registrare, durante la scansione, variazioni di intensità luminosa sotto forma di terribili striature. Very good!

289


DICiITAL

D~@D~@

Polaroid A parte la fotocamera digitale PDC2000, provata e apprezzata sullo scorso numero di MC, allo stand Polaroid era possibile vedere e provare i nuovi scanner. Il «sempreverde» SprintScan 35 è ora affiancato da altri due modelli, 35 Plus e 35 LE, uno più sofisticato, uno più economico. Partiamo dal basso: per contenere i costi, la risoluzione massima è stata abbassata a 1950 punti per

Colpiti in pieno' Guardate attentamente questa foto: è la POC-2000 provata il mese scorso. Siamo allo stand Polaroid e il ((cappuccetto nero» posto davanti al flash serve per pilotare i lampeggiatori da studio. Non facevano prima a prevedere, come evidenziato sulla recensione apparsa su MC, un normalissimo contatto sincro flash come in tutte le fotocamere di un certo livello?

Infine Polaroid lancia sul mercato uno scanner piano per originali opachi o trasparenti, fino al formato 21 x34 cm. Denominato CS 600, anche per questo modello la conversione A/D è a 12 bit (36 bit/pixel RGB, anche in uscita) e la risoluzione ottica è di 600x1200 punti per pollice.

dere le immagini riprese sia come mirino esterno. È anche presente un'uscita video (attualmente NTSC, ma non dubitiamo che verrà PAL-lizzata per il mercato italiano) e naturalmente non manca una

Ricoh

pollice (contro i 2700 del capostipite) ed è stata operata anche una semplificazione dell'elettronica che demanda al software il controllo del colore e la regolazione del microcontrasto. Per il resto, le rimanenti caratteristiche (stando alla documentazione fornita) sembrano essere esattamente identiche. Il fratello maggiore, lo SprintScan 35 Plus, offre la conversione ND dell'uscita del sensore CCD a 12 bit per canale in luogo di 10. L'uscita, la «profondità» cromatica dell'immagine trasferita al computer, può essere indifferentemente a 24 o a 36 bit/pixel (ottimo!) Migliorata altresì la gamma dinamica, che passa da 3 a 3.4, consentendo una migliore lettura delle ombre anche in originali ricchi di «alte luci». Per i formati maggiori, dal 35m m fino alle «lastre» 10x12, c'è il nuovo SprintScan 45 Plus, con risoluzione ottica di 2000 punti per pollice, risoluzione cromatica di 36 bit/pixel (12 bit/canale) e gamma dinamica pari a 3.4. Per digitalizzare una pellicola piana 1Ox12 alla massima risoluzione impiega meno di cinque minuti. Considerando che viene generato un file di ben 240 megabyte non possiamo proprio lamentarci.

290

Ricoh-mincio da due. La nuova fotocamera digitale proposta dalla casa giapponese si chiama RDC-2 e offre caratteristiche davvero molto interessanti. Il sensore CCD è da 410.000 pixel, incorpora un alloggiamento per schede PCMCIA di tipo I e Il (niente hard disk, per il momento ... ), può memorizzare anche messaggi audio abbinati alle immagini e ha un obiettivo autofocus bifocale (35/55 mm equivalente) in grado di riprendere oggetti da 1 cm (!!!) all'infinito. Opzionalmente può installare un piccolo display LCD a colori apribile a compasso (con altoparlante incorporato) che può essere utilizzato sia per ve-

porta seriale per il collegamento al Pc. Anche in quest'apparecchio il flash è integrato, è automatico (come l'esposizione e il bilancia mento del bianco) e illumina correttamente soggetti posti fino a cinque metri di distanza. AI suo interno, ferma restando la possibilità di utilizzare schede di memoria PCMCIA, troviamo due megabyte di Flash RAM con i quali è possibile riprendere da 9 a 38 immagini - a seconda della compressione utilizzata - o quasi otto minuti di sonoro (o una combinazione di entrambe le quantità). Con la scheda da 20 megabyte l'autonomia passa nell'intervallo 105-423 immagini e dal punto di vista audio si eguaglia, o quasi, la durata di una cassetta C-90. Ottimo, dunque, anche per fare interviste. rr:!S MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


---------+--------~.

:

Intel Triton Il chipset » Pentium/Pentium PRO » Ram 8Mb fino a 128Mb » Hard Disk EIDESCSIIl 1111 » Pipeline Burst Mode cache » FuI! Windows 95 Plug and Play » Garanzia 12 mesi »

IEDOI RAM

- - - - -+ - - - - -

Leo

~

:

P75/133 - TFT- Audio 16Bit - ed-Rom

-------

-.:.

..,

-

- -

1.._-----+----~.

:

matrox

DIAMOND

Quantum

iomega

I

• DIGICOMP" ~

o

o

o

o

o

o

v.le L. da vinci 305 - 00145 Roma lei. 06 - 54.78.10 r.a.

o

o

o"


coordinamento di Massimo Truscelli

MULTIMEDIA PERSONAL PAGE Il mondo può diventare molto piccolo e può accadere che le cose da dire siano già state tutte dette, così come quelle viste. Allora si cercano idee e cose nuove da dire, vedere e far vedere. E' così che può nascere l'idea di espandere una rubrica "chiusa" nel tradizionale mondo della carta stampata per renderla accessibile sul Webl

( di Bruno Rosati)

L'accredito di una personal page sul sito di MC-link e il subitaneo inizio dei lavori di preparazione del file .htm (che ancora continua e che porto avanti in parallelo alla stesura delle pagine che state leggendo) sono il frutto di un'idea che mi ero ripromesso di portare avanti proprio in concomitanza al periodo estivo. Quando cioè (com'è stato) c'è più tempo per pensare e riflettere su come potrebbe essere organizzato un bel sito personale. Una pagina ben marcata, immagini della giusta dimensione e titoli colorati, tanti bottoni "multimediali" per lanciare un messaggio sonoro, far vedere (o tentare di far vedere ... ) qualche filmato e quindi (se possibile) per fare anche download. Dell'intero progetto però, quello che sinceramente più mi entusiasma è il Iato multimediale della faccenda che non posso non anticiparvi, balenandomi com'è balenata, l'idea di creare non una semplice Personal Page, bensì una Multimedia Personal Page. Il fine è quello di arrivare a creare una vera e 292

propria "appendice telematica" a Computer & Video. Una rubrica "on the Web" che a differenza di quella in versione cartacea potrebbe appunto parlare, suonare, far vedere film e contemplare il download di eventuali file di sperimentazione che, su carta, possono essere solo descritti. L'evoluzione di tale idea potrebbe essere rappresentata dal fatto che, (ri)scritte in parallelo con quelle del relativo articolo di MCmicrocomputer, le pagine di "C&V on the web" oltre agli approfondimenti all'articolo del mese, potrebbero permettere anche il download degli applicativi shareware eventualmente presentati nella parti di "multi media pratico" di cui C&V spesso ospita la sperimentazione. Poter fare il download direttamente sarebbe una comodità in più per chi legge C&V e di tanto in tanto ama anche nAVigare. Nell'attesa che la fattibilità sia verificata, al posto del download dei pezzi di shareware ed eventuali demo, proveremo a segnalare i siti dove possono essere rintracciati e prelevati i software shareware dei quali si parla.

Un passo per volta cominciamo a vedere come è (se lo è ...) possibile creare la "nostra" Multimedia Personal Page. La mia scaletta di appunti parla genericamente di: - componenti audio; da codificare e provare in trasmissione con il formato TrueSpeech e da comprimere sia in ambiente Win95 (dove il formato TrueSpeech è di serie) che da Win3.1 dove però serve la disponibilità del codificatore e del player, da scaricare dal sito del produttore. - componenti video; tentativo di andare "on-line", ma è pura utopia con i nostri modem "veloci" non oltre i 28,8 Kbps, ovvero fino a soli 3,6 KByte per secondo. AI riguardo proveremo anche con la novità rappresentata da C1earFusion e ClearVideo due encoder/player della Iterated Systems che promettono la riproduzione contemporaneamente al download in ambiente Win95. Se neanche con questa soluzione prospettata dai due encoder/player sarà possibile il video on-line, non potremo far altro che ripiegare in direzione del download preMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~ wo[Q)rn@

.. S Nc1,capc

V5

brOWl1f'I" ~

mln'Ot

uf6c&akdeb

001.

coltn~

di.,oflw.e

popol.,

pu

ora su NC·1mk

S Vteni con noi al Clneporto IVhaJ's New.

COR c'è dUlIIo"f'O sul W~

IS;::

I

,---

_-.•.. •• ~

di MC-1Iflk.

AIIt•.1Jns

1<-..

~·Ptrctea:tlepropntp.l&lfttWtb

~

.

dlrettImente

S TU.CO_W~n Wl'KIows

Internet Exo!orcr Le l1I.lOYe VrntOlV dei pau' dia DOstrO awror \i!ià*

.

~

~_9FOND_do.HASOCIETÀ DEIL'INFORMAZIONE

H''''

C..."m_ liMi«

l::!

HTK.UiI-s

••

lJlt-e'fs

À(t'lsMtS

M1'

e

"1~=!nJ<m<tddpol-'."""''''''''''

I,~D&M.R0I;.,,:,,.:~

r.• l.,s

doW••••••••• Ec..-.

.,_.

.8

Ji3

'MMoM).x 'IIlId•• AfJlkatltAs~atiH.s

9S

~

•......

(-.lPMdf

liilltiu

~

~ --

J•••

~

..,...

95

Lltilltiti

._lUCO'IIS

..

MC-link SU Web: tra poco avremo anche la multimedia personal page di Computer & Video?

liminare. - componenti animate da verificare nel formato proprietario di FutureWAVe FutureSplash (vedremo di cosa si tratta in un articolo successivo a questo) e da riproporre sia in visione che in "kit creativo" agli utenti in visita - componenti M PEG, trattazioni relative ai criteri della codifica ed a quelli della decodifica hardware e/o software (argomento che amplificheremo in un articolo dedicato) - prove tecniche di videoconferenza. Per quanto concerne quest'altra, affascinante evoluzione del Web, mi sto già attrezzando con il FreeVue che ho appena scaricato dal sito del produttore e che passerò al più presto ad analizzare. Ci serviranno un modem "veloce", una scheda di cattura e compressione in tempo reale, una telecamera, un microfono e l'ovvio accredito al provider. In alternativa cercheremo anche di avere fisicamente disponibile il kit ShareVision di Intel e vedremo quello che può darei (e direi). Cominciando ad analizzare i primi veicoli mediali appena segnalati, vediamo come tutto ciò possa trasformarsi in una realissima Multimedia Personal Page. Prima di cominciare una nota di riferimento: per avere il multimedia su Internet e sulla nostre personal page ci ritroveremo inevitabilmente a scegliere/usare due differenti soluzioni. La prima concerne l'uso (più o meno intenso e prolungato) del download e l'ascolto e/o visione dei contributi mediali "in differita"; la seconda, riguarda i tentativi, a dire il vero ancora pioneristici, dell'audio e del video "on-line". Nel primo caMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Dove beccare tutti i plug-in per Netscape e le utilitv per multimedializzare le pagine personali? Tucows, tramite il mirror presente su MC-link on the Web, è un preziosissimo aiuto .

... .. •• _. .-- ..

- __ ~"-::_K__ ~ D 5 P .A TorÙl. T~

ç. o

U P,

I N C.

~,.-u

w.,u /.MMIw i. Ib w..,u- T<tlq~,

()J Di,ÌJII/ s,-cII ,lul.lBffft, MJI p~

,nH6u:ts

c.•••dW~

• 1

so, il click su di un bottone mediale farà scattare la procedura del download e solo dopo che il file sarà stato scaricato sull'hard disk dell'utente verrà finalmente riprodotto. Nel secono caso, audio e video "in diretta", si dovrà fare i conti con il rate massimo supportato dai modem in ricezione. Si calcoli al riguardo che un modem da 28800 baud, cioè 28,8 Kbit al secondo, può al massimo supportate richieste di rate pari a 3,6 Kbyte al secondo. Sarà un'impresa. Visto che i tradizionali codec audiovisivi di Windows (.WAV ed .AVI) viaggiano da 10 a 100 volte tanto, dovremo fare ricorso a differenti protocolli di compressione. Protocolli che, come il già citato TrueSpeech, vanno scaricati dai siti dei rispettivi produttori sia nella versione "encoder" che ·player". Quest'ultimo sarà un generico 'helper" o un apposito plug-in da installare nelle preference del browser. In generale tali nuovi protocolli di

Componenti audio: una visita al sito del DSP Group per prelevare Plaver e Converter del codec Truespeech per Windows 3. 1x. Come molti già sapranno TrueSpeech è invece di serie su Windows

95.

compressione funzionano in maniera sufficiente e sono liberamente scaricabili. L'unica spesa da affrontare è quella della bolletta telefonica per via del prolungato collegamento che il download impone. Ma attenzione: questo discorso degli encoder e dei player/plug-in vaIe in maniera pressoché esclusiva per il controllo delle componenti sonore. Per quanto riguarda il video, dove siamo ancora ai primordi, player ed encoder costano, e molto e tutto dipende non più dal solo singolo utente, ma anche e soprattutto dal server che ne deve supportare in numero e qualità i flussi. Per fortuna ci sono delle alternative. Più avanti nell'articolo citeremo la disponibilità di alcune soluzioni intermedie. Come ad esempio quella proposta da ClearFusion e ClearVideo per Win95 (dei quali ho già provveduto ad effettuarne il download) con i quali viene promessa la riproduzione dei file audiovisivi Video for Windows compatibili

293


CONlPUTER ~

WD[Q)[]@ (dit

Media Player - L1NCPRO,AVI(fermo) Qevice Scale tlelp !

5.50

Video Pfaybaclc Options

l

Video Mode @Window 0

0_

FOlIfIIlo-.do:

PCW22.050iob,8bl,W(I'tO

O fu" Sc,een

tonv.Jiorled-..o

'I

01(

~ ~

O~oomb}l2

~~ ~:~=:=c=-

O ~kip video frame. il behind !nfoflution-----------, Type:AVI[rlterleaved] Length: 63 Frames, 6,300 sec Oat4 Rate: 54k1sec Video: iv32120x88x24 (1V32) 10,000 fps Audio: Mano 11,00000z 8bit

La codifica in formato. WAV effettuata per mezzo del codec TrueSpeech del OSP Group è "di serie" su Windows 95. Ecco il registratore di suoni proprio durante la fase del settaggio del compressore TrueSpeech. L'efficienza del codec è impressionante: si calcoli che un file della misura di 232 KByte per 15 secondi di durata e data-rate pari a 16,2 KBps acquisito in . WAV-PCM ha generato un file equivalente di soli 15,6 KByte e con un data-rate di poco superire ad un solo KBps'

Le misure dei videoclip che si potrebbero inserire su C&V on the web a titolo di approfondimento 'visivo' degli articoli apparsi su MCmicrocomputer.

in. SCri.vi il pit1;ocp:a.aa1

L'Antico Egitto

contemporaneamente al download I Vedremo di cosa si tratta, come funziona e quanto rende tale soluzione.

La componente audio Come potremo gestire l'audio della multimedia personal page? Anzitutto poniamoci subito a livello dei limiti massimi oltre i quali l'attuale struttura telematica non può andare, AIdilà dell'edificanda rete a fibre ottiche, il nostro limite supremo (e in qualche caso ancora teorico!) è quello rappresentato dal massimo data-rate supportato dai modem, Il discorso l'abbiamo già impostato nell'introduzione, ma ripeterlo non è male: la qualità massima che dovremo tirar fuori sarà quella imposta da un encoder come il citato TrueSpeech il quale converte un file .WAV di qualsiasi risoluzione e frequenza di campionamento in un file corrispondente a soli 8 kHz monofonici e con risoluzione compresa tra 1 e 2 bit, Solo con tali livelli qualitativi il codec può sfornare file audio riproducibili "on-line". La qua-

294

~.

ABU SDmEL Le Dote aag.icbe I

lità all'ascolto dei primi campioni personalmente convertiti con il TrueSpeech è sorprendentemente buona, Il codec funziona in maniera egregia e converte anche abbastanza velocemente, Ad essere raffinato lo è di sicuro, soprattutto se la sua resa la si paragona a quello che ho ottenuto andando ad una serie di tentativi di resampling con il mio audio-editing preferito, CoolEdit, con il quale ho cercato di crearmi subito un'alternativa produttiva. I risultati non potevano che essere scoraggianti. Benché CoolEdit lavori in maniera rapida e pulita, le sintesi che avevo preventivamente acquisito a 16 bit/22.05 kHz sono state ridotte a livelli ancora intelligibili solo fermandomi ad 8 bit/8 kHz e con un data-rate richiesto sempre superiore ai 7 KByte per secondo. Scendendo ancora di sampling (ad esempio tra i 4 e i 2 kHz) il .WAV non regge più e si ottengo-

AI contrario, filmati e più impegnativi runtime interattivi (del peso di alcuni Mbytel) potrebbero essere scaricati a pezzi tramite Neuron di Asymetrix. Neuron è un nuovo plug-in per Netscape Navigator con il quale è possibile interagire sui runtime . tbk prodotti da ToolBook e resi di· sponibili su Internet. E chis· sà, al limite anche giocati a distanza di chilometri e chilometri!

no sintesi che, se acquisite exnovo risultano poi lente in lettura, mentre se riconvertite accelerano in maniera grottescal Non ci rimane che puntare (come gli altri comuni mortali!) al sito del DSP Group e vedere un po' come e quanto può aiutarci il tanto lodato TrueSpeech. TrueSpeech Converter, Per scaricare il prezioso Converter per Win3, 1x ci vuole appena un minuto di tempo visti i pochissimi KByte tra l'altro autoestraenti che lo compongono, L'indirizzo assegnato dal DSP Group per il preleva mento del file è il seguente: http://.dspg.com/dwncv311.htm, Una volta che il Tscnvrt.exe è installato, unita mente alla libreria proprietaria tsddll, siamo pronti per vedere, anzi sentire quello di cui è capace l'algoritmo sul quale è (spartanamente) costruito. AI riguardo alcune brevi raccomanMCmicrocomputer n, 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~ dazioni: sia in sede di acquisizione che di editing preparate i parametri da assegnare alle sintesi in modo che siano prefissati a 8 kHz di sampling rate e a 16 bit di risoluzione. L'algoritmo di compressione TrueSpeech è stato difatti pretarato, o per meglio dire ottimizzato per tali valori. Se proviamo a caricare un file da convertire con parametri diversi, il Converter ci segnalerà l'impossibilità di eseguire l'operazione sul file specifico che, per lui, risulta di formato sconosciuto. Adeguatomi a tale esigenza preparo o acquisisco i miei primi file di prova a 16 bit/8kHz e li importo nel TS-converter. Con buona velocità l'indicatore di conversione sale dallo zero al 100% e sforna file (sempre .WAV, ma con estensione interna TS) incredibilmente compatti. Il primo file di esempio, della misura di 232 KByte, per 15 secondi di durata e data-rate pari a 16,2 KBps, viene convertito in "tempo reale" in un file equivalente di soli 15,6 KByte e con un data-rate di poco superiore ad un KBps! A questo punto non si può che credere a quello che il DSP Group afferma. E cioè che, un minuto di parlato può essere digitalmente immagazzinato in soli 64 KByte dopo essere stato compresso con il TrueSpeech 8.5. Se la matematica non è un'opinione, su di un floppy disk possiamo tranquillamente immagazzinare più di venti minuti di parlato di ottima qualità! La qualità CD? Beh, per questa forse serve proprio un CD .. Dal convertitore al player sempre per Windows 3.1 x il passo è breve, malgrado l'operazione di download risulti decisamente più lunga. Dovendo provvedere a tirar giù quasi un Mbyte di materiale è innegabile che ci voglia un po' di tempo prima di poter riagganciare il telefono. Per installare sul proprio sistema il TrueSpeech Player per Windows 3.1 x è necessario creare una directory denominata TSPL Y nella quale far effettuare il download dell'eseguibile che verrà automaticamente scompattato. In seguito, richiamandolo direttamente dal File Manager, potrà essere lanciato il SETUP.EXE. Fatto ciò potremo anche eliminare la directory TSPL Y e la prima volta che tramite Netscape transiteremo su di icona rappresentante un suono TrueSpeech verremo invitati a settare il programma con cui controllarne la riproduzione. Basterà cercare la path dov'è localizzato il player in questione e questo diverrà un nuovo e funzionale plug-in del nostro browser. Il suono .WAV che può incontrarsi in un sito e che il plug-in TrueSpeech Player riconosce immediatamente, vieMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

WD[Q)[]@

Backstage 1. O. Il potente quanto facile Web-editor della Macromedia al lavoro durante una fase di 'personaI training' alla quale mi sono dedicato. Per la precisione si tratta del momento in cui, inserito il testo, è stato subito reso in veste grafica con la colorazione differenziata per titolo ed eventuali hyperlink (Animazioni, Video, Audio). SODOflcikneote sdtabiii senza il ba1cbè minimo ricorso da prognnvnazione io HTML. Boeksta8t 1.0 ~ l'ideale per realizzare stupende p••.•onal page senza probl<mi di eompatibllilà eOD i browser che le leggenoo o con il serva' che le trasmetterà. Boeks1agel.O si compone di quattrD mDduIi di lo.oro: Desigoer, Desigoer PIus, Desktop Studio ed Eoterpri.e Studio.

Animazioni,

Video e Audio

Backstage 1. O. L'awenuto inserimento di un'immagine .GIF di riferimento (poteva essere ovviamente più piccola!) nella pagina in lavorazione all'interno del modulo Designer.

\l'f.lQ,lElX~

BAcKSfAGE-l0 r ••..•••j ••.•••

.•..1_.""

I.l •

•.

Yi_WI

NTe

r.ll ••..••• ,...o.e.r.o.. "'•••"'••...•

•••t ••••• ",_ •••• •U••*'-,Mw_._,Hlhljr •••"''''~.' •••• I•••• _., .MI. T~.lod<",,",ode.cM.l,.m otb •••.• Mlr ••••• lllwi'rIo•• l..ft,II:I ••••'rut •••

0....••

e."'_"""""".I •.•.•.l'r' ••..'.No__ .•••••.."..".lO'lOll ••• __ .' •••••.••.,h' •..••'._ -...nt.,••lr~.f __ • •.•...••...••.•.•••

SODOf.cBmtnte

sdttbili

salZI il btnC~ mioimo riceno

ID.

progrIIDIIl&ZÌODe

ne suonato a partire dal momento che comincia il download. L'operazione è quindi contemporanea. Ovvero, il file viene effettivamente immagazzinato sull'hard disk, ma al contempo eseguito. Un'esecuzione che procede con un lieve ritardo sui tempi di salvataggio. Appena un certo quantitativo di byte viene salvato verrà immediatamente eseguito; nel mentre gli altri flussi continueranno ad essere immagazzinati sull'hard disk e così via. Tale tecnica sembra quella giusta e, in una sua forma apparentemente ancora più evoluta, viene adoperata anche dall'accoppiata di plugin della Iterated System, ClearFusion e ClearVideo per Win95. Tali applicativi, che vedremo all'opera nel corso dei prossimi articoli, invece di agire sui file .WAV operano però sugli .AVI prodotti da Video for Windows e per di più senza (almeno sembra, datemi il tempo di verificarlo compiutamente) senza procedere ad alcuna conversione preliminare.

il HTML.

Tornando alla multimedia personal page è molto probabile che la gestione dell'audio la faremo procedere in due sensi. Il primo, quello sperimentale, sarà chiaramente assegnato alle capacità del TrueSpeech. Personalmente preparerò dei bottoni di medialink di colore (o aspetto) differente rispetto a quelli degli altri media e con il fedele aiuto del Converter li metterò a vostra disposizione. Per i primi tempi mi aspetto soprattutto consigli e giudizi più al riguardo della qualità del sonoro che di quella dei contenuti! Il secondo, al contrario, rispetterà i canoni del download preventivo e quindi potrà basarsi sull'uso del MediaPlayer di Windows o, se vorrete, del NAPlayer che è di serie in Netscape 2.0x. A seconda delle vostre preferenze (che dovrete quindi in qualche modo segnalare) se l'uso del MediaPlayer non comporta problemi preparerò i file in formato .WAV, se al contrario gradirete 295


CONlPUTER ~

WD[Q)[]@

..

e dinamiche ridottissime. Tutti questi superlativi ci portano a concludere che perdurando l'attuale binomio dell'accoppiata lenta doppino/modem non ci sono Backs tage l. O. 1/ settagsperanze di vedere un bel video fluire gio di un evento mediale da Internet sul nostro monitor. Le fibre (la riproduzione/downFlLM dirnoJIn!ÌVo" 24Oxl80 OOtper 10fPr I PlAYIllDEO I load di un file AVI). ottiche potranno aiutare l'avverarsi di Please fili in Form prtlperties raIizzazione sii di sili W<I>clIe di personll questo sogno che per il momento però rimane più che mai un vezzo da élite um._ W<I>-editor. è la copocili di crare oppure da "videoconferenze interazien~ • corneptrr_d<I do_o I ___ _ ·1ieme<liai). dali" dove sia possibile utilizzare i primi •••••• tmIl ••• -I e costosi canali ISDN (64 KByte per se.-... C&I-S,*",URlI-...,"'I _-_'"" _ condo a canale). w::~~ Ir;;""'"'=~-' ---,-;] 4;~'-"i E noi comuni mortali? Noi comuni -------~~ ~D ""'wU'. ~_,.; mortali, nonché desiderosi possessori ====1 di una multi media personal page, i consono flcibneote settabiJi Seli tributi video potremo vederli solo dopo Backsta8e 1.0 è )'idtale per realii ~(;:'-':-'-",-" ---~l!J~' averi i scaricati su hard disk. Benedetto browser che il download quindi che comunque andrà curato dal punto di vista dei tempi di caricamento che mi sforBackstage 1.0. La resa di insieme posta al giudizio di Netzerò di rendere i più brevi possibiscape Navigator 2.02 lanciato li. Ma come fare? Semplicemente in rete locale e sul quale, grarinunciando alla qualità. Per ottel!J zie al MediaPlayer (ripeto: utinere un download snello non c'è lizzato sul/'immediato in luogo di un vero plug-in per il video) altro da fare che creare file di pic.'" si è visto girare il file .AVI incole dimensioni, ridotta palette vocato dal modulo preparato ••••• dipenonll dei colori e data-rate contenuto. con il Backstage. In tal modo si aspetta poco, non ci si dimentica che siamo collegati interattivamente ad un sito che si definisce "dinamico" e, particolare zione dei file .AVI, tutt'altro che trascurabile, non ci si sveche ci hanno cona quando arriva la bolletta telefonica. stretto per non poco tempo a ridiE' ovvio che quelli che predisporremensionarne il mo sulla pagina non saranno dei file video puramente simbolici, bensì si tratquadro (il mitico terà di file strettamente legati all'argofrancobollo da mento in trattazione nello specifico ca160x 120 dot) e ripitolo. Più in generale difatti quelli che durne drammaticaandrò a preparare (almeno per i primi mente il frame-ral'uso del NAPlayer provvederò ad una tempi) saranno "videos" strettamente te (dal full motion dei 25 frame per seconversione dei .WAV in formato .AIF condo allo "scat-motion" prodotto a non rapportati ad argomentazioni come i oppure .AU. Laddove non ci servirà la più di 10-12 fps). Ebbene, traslando project di Premiere oppure alcuni trucmassima qualità (necessaria solo se questi limiti nell'ambito di Internet e chi per VidEdit e qualche audio-editor. I dobbiamo sentire degli specifici camconfrontandoli con l'accoppiata lenta primi, "i samples", saranno realizzati in pioni) i contributi audio cercherò di readoppino/modem, arriviamo a rimpiangeformato .AVI d'acquisizione (No-Recomlizzarli al più basso livello qualitativo pression); i secondi, "i training", saranno re quella straordinaria velocità. possibile in modo che i tempi del downrealizzati attraverso l'utility ScreenCapSapete di quanto dobbiamo acconload siano sempre ridotti al massimo. tentarci? Di appena un paio di Kbyte per ture (sempre di VfW) oppure con l'apsecondo: e quale video si riesce a far porto della ScreenCam di Lotus. passare dentro ad una banda così riI "samples alla Premiere", buoni per esemplificare effetti e funzion i di mostretta? Nessun video, appunto. AI momento, a dire il vero, c'è una tion, non saranno più grandi di 120x90 E qui, dopo tanta enfasi, arriviamo a tecnologia che tenta disperatamente di dot, avranno audio compresso a 8 quelle che sono le dolenti note. Se non fare entrare il video nei nostri modem, bit/11 kHz e traccia video a 10 fps al seci teniamo stretti stretti il download prema con scarsissimi risultati, trasformancondo. Il peso di una quindicina di seventivo c'è veramente poco da fare con do un filmato in una specie di slidecondi di tale video (tanto basta per diil video in linea. show con commento audio. Per la cromostrare la resa di un effetto) non sarà Chi legge da tempo Computer & Vinaca la citazione riguarda la tecnologia mai superiore ai 700-750 KByte nei quadeo, sa quanto abbiamo dibattuto sulle streaming che vede fronteggiarsi sul li saranno compresi gli eventuali project scarse prestazioni dei CD-ROM drive da campo le due scuole di pensiero della e i percorsi presettati della funzione 150 KByte al secondo. Capaci com'eraMotion! Il data-rate (nell'ipotesi di un Xing, con il protocollo StreamWorks, e no di reggere al top solo la riproduzione della VDOnet con il suo VDOLive. Tec"on-line") a sua volta non supererà i 50audio, risultavano così inadatti all'esecu60 Kbyte al secondo. nologie raffinatissime, prezzi salatissimi CGI-Saìpl:

J

D[IIter~

UAl klthe C&1-SaIpI.'"

..

t

~ .•I.-.::..:--.•.•

---------

.-

. ~~-

Ei~~:rç· :=.=: .

l'::

..

La componente video

296

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~

WD[])~@

La pagina che Iterated SyIl bello, mentre chiudo queste stems Inc. ha dedicato alla note, è che, nAVigando nAViganpresentazione di ClearFusion do, rintraccio il sito della già citata per /'Instant Video on the Web. Iterated Systems Inc. (http://web$•••• ber.iterated.com) e leggo dell'lnstant Video on the Web. Così com'è possibile leggere osservando la IDstaDt Video ODthe Web figura pubblicata in queste pagine, ClearFusion, quale Plug-in di Netscape, PmeltM ou,m •• è in grado di svolgere la riproduzione do apparirà l'articoMJnd-blowutg mublJMdJa W.b &JU lfitA .rimne vrd60 dips. dei file di Video for Windows senza lo di verifica, la OearFunoc NetsClpe Pkla-In thal playt Video for WlIl.dows aspettare i tempi del download. Suoni, multimedia perso&t. u they we reciClved ..• otI your Web page No walbng WM' animazioni e video codificati da VfW nal page di "C&V /or da>o.Joads! possono essere cioè riprodotti come se on the web" sarà • Put video and .ound your Web p-aes .. uk tu -02.0' adding a stiJJ imt:Jg •... il Web fosse un CD-ROM. già dotata delle • Make your own Web lite al Il'Itenctwe u •. eD-ROM. Piccola nota estiva: la navigazione nel funzioni di C1earFuDoni rpend <lime for ad<hbona1.oitwarel sito dell'lterated Sistems e il download sion, chissà! di ClearFusion e ClearVideo per Win95, avvengono sotto un freschissimo pino di montagna. Sto ormai per chiudere l'articolo e mandarlo su MC-link alla casella della redazione. Sul mio portatile relativo alla disponibilità del web-editor che vive sotto Win3.1 x (e dove WinBackstage 1.0. dows 95 sembra proprio non voler funNon ci sono solo le scelte degli argoBackstage 1.0 di MacroMedia è un zionare!) non posso passare alle verifimenti, dei compressori e dei player, ma set di sviluppo per la realizzazione di siti c'è anche da trovare l'editor per che di rito. Di conseguenza non posso Web e personal page fortemente orienfar altro che mettere in lista l'esperil'HTML. Saltellando sui siti piombo su tati al multimedia. Punto forte del promento del "video on-line" per uno dei quello di macromedia (www.macromegramma, che distacca in tal senso qualdia.com) ed ecco che mi imbatto nella prossimi articoli. Dato che verificherò la siasi Web-editor, è la capacità di creare cosa al mio ritorno in città, magari quanmagnifica coincidenza dell'annuncio complessi "siti dinamici" (hyperlink ver-

•..D....,

Nn

Cl«vFIJSU)II

U yaur

tu:bl

lo cf'fatUIg

a

lS •.

MeR',

T•• CuDt

arumUlOtl.

OD.

tU

I

l

Quale Web-editor?

"C&V O" the Web"

[p

vedere, o meglio sentire, come il TrueSpeech è intervenuto su erché e come mai questa versione telematica di C&V? ciascuno di essi (abbassandone qualità, kHz e rate) per renderlo Il perché è presto detto: poniamo che in un articolo su MCmiudibile con lo streaming per i nostri, lentissimi modem. E lo crocomputer vengano tessute le lodi di un metodo di lavoro prostesso dica si del video (anche se questo è ancora poco più che vato ed ottimizzato. Esempio calzante è l'argomento pratico apun sogno ...). parso sul n.165 di MCmicrocomputer al riguardo della funzione Altri esempi? OK, sul n.163 di MCmicrocomputer abbiamo pro"Motion" di Premiere. vato lo shareware Morpher. L'articolo presenta l'applicativo e Ebbene, mentre Computer & Video in versione cartacea si diluntraccia lo step-by-step del metodo di lavoro. Sintetizzando quega giustamente sulle particolarità tecniche ed i risvolti pratici st'ultimo, almeno i file .AVI (se della funzione, "C&V on the non tutto il resto: progetto ed Web", riassumendone i contenuti applicativol) potrebbero essere di base con uno spot-text dedicascaricati da 'C&V on the webl' Benvenuti on the Web! to, potrebbe essere benissimo Madre di tutti gli esempi infine dotata dei bottoni per fare il l'altra "avventura pratica" che, download dei progetti e delle Il lago di Computer & Video on the Web potrebbe essere questo. messa a punto tra il n. 163 e il path-motion utilizzate negli espeChe ne dite? n. 164, ammorba oppure (spero rimenti. Su MCmicrocomputer tanto!) interessa i lettori. Sto potremmo leggere dell'argomenparlando del mio tentativo di fare un CD-R di prova ed imbottirlo tazione e sul web vedere e sentire di cosa realmente si tratta. di tutti i demo che posso realizzare nel formato .tbk di MM-ToolAvremo cioè la nostra "C&V on the Web" quale complemento alBook 4.0. Per far ciò, arrivando a disporre del plug-in Neuron per le pagine di Computer & Video. MM-TB 4.0, i demo potrebbero esser visti direttamente dai doAltri esempi? Un bel file .AVI oppure uno screen motion della cumenti presenti nel web. Insomma di esempi e di riscontri utili ScreenCam di Lotus potrebbe riuscire a dimostrare come sia se ne possono fare a dozzine e tutti naturalmente comprovanti possibile creare un mixer a due canali per l'unica audio-track a l'effettiva utilità del "mirror multimediale" di Computer & Video. disposizione di VidEdit di Video for Windows. Ad esempio utilizRisposto al "perché?" per quanto riguarda il "come?" l'articolo è zando gli sdoppiamenti stereo di un modulo per audio-editing tutto un pullulare di idee, applicativi, plug-in e protocolli di comanche semplice come il Creative Wave Studio. Quanto esemplipressione da leggersi tutto di un fiato. Comunque sia, se la cosa ficato si ricollega in particolare al metodo di lavoro che ho propointeressa e se avete consigli da dare, il mio recapito telematico sto sul n.160 di MCmicrocomputer (pag. 316). Su questo stesso su MC-link è sempre lo stesso: MC4200 e, tramite Internet, articolo c'è anche una "mini-statistica' che riguarda la richiesta di b.rosati@mclink.it. data-rate fatta da vari campioni audio. Ebbene, potremmo anche

a ...

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

297


CONlPUTER ~

Mossasi per prima la Macromedia, non poteva mancare la risposta di Asvmetrix che con Neuron, ennesimo plug-in per Netscape Navigator, rende possibile il caricamento partizionato di un complesso file .tbk ad ogni sollecitazione di bottone interattivo, da qualsiasi documento web.

WO[])[]® in veste grafica con la colorazione differenziata per titolo ed eventuali hyperlink (Animazioni, Video, Audio), all'inserimento di un'immagine .GIF di riferimento (poteva essere ovviamente più piccola!), al settaggio di un evento mediale NeUTon: The ToolBook Plug-In (la riproduzione/download di un file Tool~ODJc III"liC41wIU QJI:J"I'ltov n. .AVI) per giungere, infine, alla resa di insieme posta al giudizio di Netscape NaWe are excJtedto bnagyoulhefinalrelease or Asymetnx Neuron. the ToolBook Pkls-In for Netsc«Pt' Navigatorl Wlth Neuroo. users Vt .b1e lo Il1teuct W1th vigator 2.02 lanciato in rete locale e sul muIn-media nch ToolBook appkallOnS anywbere on me Internet quale, grazie al MediaPlayer (ripeto: utiBy dutnbunI:l& Neul"Ofl lUe-of-charae. AsymetnJ: hopts to enab1e complete!y (leW lizzato sull'immediato in luogo di un veclaut. of mterac!ive Internet applicabOnS 1nC!udIn& IMtributcd LeW1'11D8 and EducatlOll.) Appllcab.ons. ltiormallVe KIOW. and Entertannent Tdie. ro plug-in per il video) si è visto girare il file .AVI invocato dal modulo preparato precedentemente con il Web-editor. Tutto incredibilmente facile e veloce. Senza manuale (disponibile solo al moISYIIIITIIX mento dell'acquisto e relativa registra01996 ASYMETRJX CORPORATlON zione) e senza alcuna conoscenza di 131 programmazione in HTML, il mio primo file .htm è entrato in NetH. scape 2.02 con facilità e pulizia di Interessa il prodotto? Premiet1elp re 4.2 per Windows 95 le NT) programmazione. sembra proprio qualcosa di Quando mi dedico a tali espenotevole. Veloce, arricchito di rienze è sul finire di agosto, ma è effetti e con la possibilità di I probabile che quando leggerete gestire i flussi VOOLive per il video "on line" su Internet! Se l'articolo il Backstage di Macrouna personal page non può teMedia già sarà installato in full nerne la demo vale comunque version nel mio sistema e l'abilità la pena di tirare via dal sito http://www.adobe.com/pro ad usarlo ulteriormente accresciudindex/premiere/la workingta. Vedremo perciò nei mesi a demo! seguire, con la multimedia personal page già bella e pronta, le ulteriori particolarità di questo eccellente Web-editor. NetDitectCMJ'

l, [-j

ASYMElRIX .• i\

• I.

~

~

... j

l

••

'H' M

&<

Soludons ~.td!.r"

••

ACC«JS"

Off

{lftemel!

(TrIlOlfl&

Lirf'ns" Agrel'm,.nt ' ••Installano" Instr1lction.

~

I.•.eonfillUring a W ••b Serv"r I) Qu"dionf & Atl.fWt'U ApplìutiOR ~DWtaU I.) S.md UJ ~'e('dbark I) AnnOlUu:empn!s t>Syftl!nl

l~

R"yuirenlf'nl.

Ih"P:J/www .• dobe.urn/prodlndexJpremlere/

l w*- IWhIIr.N•••• IWMt. CooI I

a...... I

N" SNldt

I••• o--,

D

New: Adobe Premiere 4.2 for Windows 95 and Windows NT

so altre parti del testo, come per l'attivazione del download e del playing "online" di vari file mediali) senza il benché minimo ricorso alla programmazione in HTML. L'ideale per realizzare stupende personal page senza problemi di compatibilità con i browser che le leggerano o con il server che le trasmetterà. Backstage 1.0 si compone di quattro moduli di lavoro: Designer, Designer Plus, Desktop Studio ed Enterprise Studio. Nell'evaluation copy, scaricabile dal sito di MacroMedia e liberamente utilizzabile per 30 giorni, sono resi disponibili solo i moduli Designer e Manager. Se il programma piace ed interessa acquistarlo (solo 79 dollari) è possibile fare l'ordine già direttamente nel sito e vedersi recapitare la versione completa. Arrivando a 100 dollari tondi tondi, si potrebbe ottenere la versione su CDROM comprensiva di esempi, suoni,

298

immagini ed altre utility di raccordo. Ma è davvero così potente e facile da usare il Backstage? AI riguardo la mia esperienza personale ha dimostrato che nel giro di pochissimi minuti (e scarsa conoscenza di tutto quello che è e riguarda l'HTMl) mi è stato possibile importare ed impaginare un testo, dare una forma all'impaginato, inserire .GIF di riferimento (e in visione on-line come clip), eseguire collegamenti per il download, posizionare hyperlink di navigazione e bottoni per l'esecuzione di file mediali (di primo acchitto sotto MediaPlayer e senza plug-in dedicati, ma il Backstage è già pronto per il supporto a Shockwave ed il Microsoft Active-X). Ad ulteriore conferma di facilità e potenza si osservino le figure pubblicate in queste pagine che evidenziano gli step di crescita a partire dall'interno di Backstage 1.0 dal momento nel quale, inserito il testo, questo è stato subito reso

Conclusioni Quando leggerete questo articolo saranno già passati più di due mesi dall'idea di lanciare C&V su Web. Se tutto sarà andato per il verso giusto C&V on the Web avrà già belle ed inserite le "appendici multimediali" relative agli articoli più recenti. AI momento però tutto questo ribollire in pentola sono solo personali elucubrazioni che attendono verifica. Anzi, più di una verifica, giacché nell'edificanda personal page non sono poche le cose che il sottoscritto vorrebbe infilarci. Bisognerà vedere come e quanto audio e video sarà possibile in realtà vedere o scaricare. Delle cose che muteranno, ma anche di quelle che verranno confermate, ne riparleremo nei prossimi articoli. La personal page nascerà e sarà multimediale, ma quanto multimediale? Non ci resta che aspettare tutte le conferme del caso e riparlarne nei prossimi articoli. Gli orizzonti nuovi, come le idee e le cose nuove da dire, vedere e far vedere, li abbiamo aperti: cerchiamo di non farli richiudere! lAfS MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Dal produttore di Unlnstaller™ e PowerDesk™, le utility bestseller per MS Windows, vi presentiamo MicroHelp ZipTM: il modo più facile per gestire file compressi di tutti i tipi. La velocità e la completezza dell'interfaccia vi permette di sfruttare immediatamente le sue caratteristiche avanzate: archivi autoscompattanti e multidisco, estrazione selettiva, supporto formati Zip, PKZip, LHZ, TARe UUENCODEper Internet, visualizzazione dei contenuti senza decompressione. Oggi finalmente puoi comprimere e decomprimere i file, semplicemente trascinandone l'icona! -----------------------------------------~----------------------------r------------------------------------J

Assistenza tecnica gratuita ed .' illimitata Garanzia "Soddisfatti o Rimborsati" valevole 30 giorni

.

: :, I

• .

,,

--~.i~~ifI~I~--------------r, Zip, Uninstaller e PowerDesk sono marchi di fabbrica della MicroHeip, Ine. Windows e Windows 95 sono marchi registrati della MicrosoftCorp. Copyright © 1995MicroHelp,lne. Copyright©MijenixCorporation.Tuttiidirittiriservati:

,

Visitateci: www.questar.it

: :, ,

,,

Per il nome del rive,nd,itore a te PIU VICino

C167 -276630 I Numero Verde

_

----------------------------r, -----------Q-----u----e----s-----a----r---: ,

:

'tel: :

Via Ghislandi 61 B - 24125 Bergamo 035/249946 - fax: 035/241l945 email: info@questar.it- bbs: 035/246131


coordinamento di Massimo Truscelli

SPECIALE VGA Immancabilmente,

eccoci alla seconda puntata della serie

«... dove va la VGA?». Come lo scorso mese, parleremo ancora dell'oggetto «VGA», delle tendenze e della produzione corrente, a dir la verità, costretta dalle esigenze, specialmente per ciò che riguarda i sistemi «home», di una situazione contingente nella quale corredi software molto «Iudici» (GP2 docet) fanno da padrone. Seconda parte

(

di Massimo

Novelli

)

In attesa della vera, nuova generazione di chip grafici, dalle caratteristiche veramente multimediali e di processori 3D di alto livello (magari anche di applicativi adeguati, che immancabilmente tardano a venire), vi sono ancora diverse nicchie, soprattutto in ambito «home-business», dove non vi è necessità di estrema potenza e velocità di intervento e dove una scelta ragionata fa spesso la differenza. Sempre aspettando, comunque, il solido divenire di tematiche come «ActiveMovie», «DirectX», «DirectDraw», «DirectVideo» che, senza dubbio, daranno uno scossone ai nostri comuni canoni di intendere la multimedialità.

Le contendenti Come ben si sa, le caratteristiche principali della nuova generazione di VGA debbono permettere, per quanto più possibile, un uso della grafica molto

300

esteso e con risorse multimediali ben definite contemporaneamente alla estrema velocità di intervento, soprattutto in sistemi operativi molto «GUI» che richiedono risorse a iosa, uno per tutti Windows 95. Ecco quindi tutta una serie di evoluzioni delle prerogative principali di una VGA accelerata, come l'impiego di nuove architetture per l'uso della RAM di buffer (e ve ne sono almeno di cinque tipologieL una nuova schiera di chip grafici 2D e 3D (dai «normali» 64 bit agli ultimi arrivati a 128 bit), integrazioni di RAMDAC ad alto livello sullo stesso chip, estreme ottimizzazioni dei driver per tutti gli usi correnti (sia per S.O grafici che per il semplice DOS). Crediamo che scegliere oggi una VGA aggiornata e collaudata sia al con-

tempo molto facile ma anche molto difficile: vuoi perché l'offerta è molto articolata e ben definita nelle sue promesse di offrire il meglio per ogni classe di prezzo; vuoi perché l'uso (o per meglio dire l'abuso) delle tematiche multimediali ci ha costretto a fare i conti con necessità di risorse grafiche non comuni (che sembra non basti no mai) ragion per cui si finisce per scegliere hardware anche troppo esuberanti che, per fortuna, spesso ci mettono al riparo da abusi futuri. Ma lo scegliere un oggetto così importante come la scheda grafica sembra passi anche per una certa disinvoltura nel leggere (e quindi nell'antecedente pubblicare) tutta una serie di benchmark delle prestazioni a volte (e vorMCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~ Prezzo errato R.G.R.

La società

tian ci ha informata re di trascrizione,

sulla scarsa

nel precedente

schede

VGA, lo

STB

articola

Il prezza

della

relativo

alle

per ciò che con-

Powergraph

6412MB

non aderente della

di un erra-

numera

in particolare

RAM), ci è stata erroneamente un prezza

Cammunica-

che a causa

rivista, cerne

&

Cansulting

scheda

263.000

e non

pubblicato

sulla rivista.

WD[Q)[]@

L'ottima fattura della STB Lightspeed 128 è in evidenza in questo primo piano: al centro il chip ET6000 Tseng Lab a 128 bit, mentre a destra sono presenti le memorie MORAM MaSys, responsabili delle ottime performance.

EDQ

comunicato

alla realtà. in questione

236000

come

è

di lit.

invece

remmo sperare in perfetta buona fede) celebranti produzioni di hardware simile, se non identico in componenti, con performance diverse, anche significativamente. Tutto ciò, ripetiamo, senza tener conto che lo scegliere un componente così fondamentale non si può ridurre al solo leggere numeri e istogrammi, ma a considerare parametri come periodici aggiornamenti del software (driver, librerie e utility), siti Internet specifici (per uno scambio costante di ogni tipo di informazione), economicità e praticità di upgrade «add-on» (come l'integrare funzioni diverse, anche di una certa complessità, sulla stessa). Sono queste solo alcune delle voci più significative e determinanti al di là del consueto rapporto prezzo/prestazioni. Questo mese vedremo contendersi una sorta di virtuale premio per la VGA più evoluta e ben equilibrata tra quattro produzioni correnti, tutte molto aggiornate, che spaziano dall'impiego di soluzioni grafiche ben sperimentate a nuove proposte tecnologiche. AI filo di lana, quindi, la STB Lightspeed 128 e la Purpie Vision Lightspeed 128, la Hercules Terminator 64/3D, la Matrox Mystique. Come al solito, buona lettura I

STa Lightspeed 128 e Purple Vision Lightspeed 128 L'arcano della scelta di parlare contemporaneamente di due prodotti apparentemente di due produttori diversi è presto svelato: la nota casa americana, la STB System, appunto, ha un florido mercato OEM, che non manca di metterne in evidenza i suoi prodotti, e la Purple Vision, divisione multimediale della Pride Corporation, ne beneficia MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

L'identica produzione STB, in versione giungere, se non il diverso BIOS.

OEM, nell'incarnazione

con un accordo ad ampio respiro che consente la commercializzazione dei medesimi prodotti con il proprio marchio, ma con la stessa denominazione, seppure in versione OEM. Si tratta

STB Lightspeed 128 Produttore: STB System Inc. - 1651 North Glenville - Richardson, Texas, USA - Internet: http://www.stb.com Distributore: RGR. Consulting & Communication - Via dei Ciliegi, 15 - Pontedera Loc La Borra (PI) - Tel. 0587/290315 - e-mail: rgr2@cdc.it Prezzo (IVA esclusa): STB Lightspeed 128 Lit: 370.000

Purple Vision Llghtspeed

128. Nulla da ag-

quindi del medesimo articolo, anche se in confezioni, e dotazioni, ben diverse. Scheda grafica dotata di processore a 128 bit Tseng Lab ET6000, ultima generazione della nota casa orientale, con ottime performance in ambito multi mediale e non, la confezione originale STB consta dell'hardware (mid size in sta n-

Purple Vision Lightspeed 128 Importata e distribuita da: Centro HL distribuzione s.r.l. - Via di Novoli, 9/17 50127 Firenze - Internet: http://www.centrohl.it Prezzo (IVA esclusa): Purple Vision Lightspeed 128 Lit: 320.000

301


CONlPUTER ~ \!lO [])[]®

future. alconI.Glba,

.111 ~

S

.Q.uktop

"uMJpIe

Z••••

W1ndow

6.kd'.

Eye Window

.iiik@ttj!jNfflM!rt!tiI.' DirectDra •. tnforaatlon

~

MonNor OptioRe

DlreetDro&;w

Di#puy

DrlYer DU'ectOr ••. Cll.pabilitulS

DinctOra •. Support; 91 t91 t Tran8'poU'ent BltBlt; Celor Fili. Video Overlay' StretchiD9 Y'ldeo Ovetl.y: Video Overl.y Colar Key:

EIulbled Supported Supported Supported Supported

J

S\lpported

S\lpported

VE$.6Infor_tion VBE

Suppen-ll!Jà'

VES1 Ver&iCXl: ODI: StriDq: Capsbi li tift:

lm8ie

.J:1!J

~ Preta 'esc' .r .eled 'Reaet' lo ca~~~~

ImpoSlllzlone

302

128 Video (Eri ~

Informazioni "Status Display", sempre in STB Vision 95; come si può notare c'è il pieno supporto DirectOraw, nelle specifiche Win95, più altre informazioni a corredo.

Il Contrai Panel dell'STB Vision 95, completa utility per la gestione della STB Lightspeed 128; in primo plano le princl'pali feature e le opzioni sulla selezione del monitor in uso.

TlIYOIozu

dard PCI, di buona realizzaz i o n e), floppy di installazione ed utility (comprensive di MPEG Player software Mediamatics), quattro CD-ROM molto giocosi (nella fattispecie Rama, Silent Thunder Il, Terranova e Earthsiege 2), nonché ampia manualistica. Dotata di 2,25 MB di MDRAM (equivalenti a 4 MB di DRAM), la sua caratteristica principale è proprio quella di impiegare una nuova architettura RAM denominata Synchronous Multibank RAM, che offre migliori prestazioni nei cicli di lettura/scrittura video-buffer, non paragonabili alle consuete architetture RAM, e che consen-

2 O. STB Li9ht~ 00000000

Centertnlil~~-

~~~

L'ottimo player MPEG-1 della Mediamatics, a corredo della STB Lightspeed 128; le sue performance, unite alla esuberante potenza dell'hardware, sono di livello adeguato.

Y••

dello

I.cftenno

del CftIoe1

IUK

Are. del dnlttop

J1024x168

AI elullone

110Ux768

Nella versione OEM Purple Vision della Lightspeed 128, il software è in italiano, ed è in evidenza il Pannello di Controllo, unito alla Barra degli utensili.

1mp•• tIIZlone de"o •.che,,",. -

T~I.u. del colori Afu del dU1clop1 Risoluzione

Oknen,htn' c.r.neri tmpostaz:lonl

IUK

r,-."",-.-.---' laDMDo

ISm.n

uf!tete

-Oe,crlzlolle

~

IMllnager di duktop

multipli

Ancora nel Pannello di Controllo della Purple Vision Lightspeed 128, la possibilità di variare le icone presenti delle diverse feature presenti.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~ C.r."stldtc

ai

ImpoNzl.ne TwololZ'

Il'''' •••".IIII(On.

del cotorl

Atea del dulctep .oc'lclopmultlptl

& ~

A.c ••••

M~,""",

A ••• ".

dI •••••.••••

.Q,'Z •••••

Una delle altre possibilità, nell'STB Vision 95, è nella presenza di complete opzioni di manager di desktop multipli per avere più piani di lavoro diversi e come si vuole.

lido Idte""o

m.obIzlone Dmtuskntl arderi

-16.4-.--::J-.

ISOOx600

::::J

JSOOX600

:<:1

Ism'lI

::::J

Q

.oCmM

••

de••• , c ••••• c:

Ouktop Prlm.rio <CuRenO (S>GutioAe rtsarse <51'1:11> Im.oeP". C.pture - W.rbp.ce Plinnello di contloll. STB Vlelon 95

WD[ID[]@

in italiano e la versione di STB Vision in italiano (e a detta dell'importatore presto sarà corredata di un suo software specifico). Dotata di un taglio di memoria di «soli» 2 MB, gode di una garanzia di cinque anni. In conclusione, nelle due incarnazioni, sia nell'originale che nella versione OEM, la Lightspeed 128 è un prodotto di ottimo livello, magari tradizionale nelle sue scelte (non è una 3D, di certo), ma abbastanza aggiornata per notarne la differenza nei confronti della produzione corrente. La sua specifica architettura MDRAM merita una netta distinzione.

Flne.tr •• ttem'lcguknl

G••ltI.

te picchi di flusso di almeno 700 MB/sec. La specificità di detta tecnica offre, a parità di prestazioni, un più efficiente uso della RAM (ecco quindi spiegato perché l'inconsueto taglio della quantità di RAM a bordo). In sintesi, quindi, tutto quello che si può ottenere, in termini di risoluzione e colori, impiegando 4 MB della consueta RAM, si potrà ottenerlo, con architetture MDRAM, con soli 2,25 MB. La sua installazione hardware non presenta problemi, essendo PnP, e la dotazione di driver software (che gode di un'installazione multilingua - anche in italiano) comprende i classici Windows 3.xx, Windows 95 ed NT. Le utility, oltre a quelle prettamente DOS, sono tutte racchiuse nel ben conosciuto «STB Vision», nelle due versioni 95 e Win3.xx, che offre tutto il necessario nella gestione delle funzioni principali della scheda, nonché altro ancora. Si potrà quindi agire sulle configurazioni a diverse risoluzioni, sulla natura del monitor, delle frequenze di refresh, così come avere a portata di mano potenti opzioni di zoom e capacità di panoramica sulle finestre, la possibilità di creare desktop multipli, una barra utensili ad icone che ci consente di selezionare facilmente una grande quantità di opzioni,

Il

o andare al volo su una moltitudine di combinazioni al tocco del mouse. Prendendo poi in considerazione le caratteristiche multimediali, le sue prestazioni sono di prim'ordine grazie alla spiccata capacità dell'ET6000 di gestire flussi video anche consistenti con disinvoltura (a fronte della velocità dell'architettura MDRAM e dell'integrato «on chip» Digital Video Engine) e rendere video clip full screen a 25 fps senza ritardi o dannose scattosità; merito certamente anche della dotazione software di livello, in quel Mediamatics Arcade MPEG Player in dotazione di ottima fattura. In sintesi, quindi, una scelta di buon livello, nella combinazione di equilibrio prezzo/prestazioni, sia nella originalità della sua filosofia di costruzione, sia nella pronta risposta alle sempre più gravose richieste multimediali che spesso siamo costretti ad affrontare. Stesso discorso per la versione OEM della STB Lightspeed 128 a cura della Purple Vision, seppure in una confezione, per ragioni di costo, nettamente meno appariscente della precedente. Dotata di un CD-ROM con driver ed utility, manca della presenza «Iudica», in primo luogo, e di una confezione lussuosa. Non mancano però un manuale

Hercules Terminator 64/30 Se un produttore di VGA debba fregiarsi del titolo di capostipite a buon diritto, è senz'altro la Hercules americana, sempre in lizza per evoluzione e prestazioni dei suoi prodotti. Una delle sue ultime fatiche, nelle ampie famiglie Terminator, Stingray e Dynamite del suo catalogo, sia a 64 che 128 bit, è la versione 3D della Terminator 64, hardware grafico dotato dell'immancabile S3 ViRGE, molto aggiornata ed evoluta. La sua confezione, giunta a noi in versione preliminare, non offre di certo i lussi ed i fasti di altre ben più costose, ma consta del necessario per iniziare subito a lavorare: la scheda, un manuale di servizio in diverse lingue, un CD-ROM con un'ampia gamma di driver, utility e demo di giochi allo stato dell'arte (tra l'altro, comprensivo del Player MPEG software della Xing!). Dotata di acceleratore 2D/3D a 64 bit (con 2 MB di RAM), la Terminator ha delle caratteristiche di base che, oltre alla compatibilità verso il basso, offrono un capace e solido supporto alle nuove tematiche software che si identificano negli ultimi standard 3D appena annunciati, sia l'ormai famoso Direct3D Microsoft che il 3DR Intel, ma anche BRender Argo-

Terminator 64/30 TABELLA RIASSUNTIVA Risoluzione 640x480 800x600 1024x768 1152x864 1280x1024

Colori 16/256/651</16,7 Mi!. 16/256/651</16,7 Mi!. 16/256/65K 256/65K 16/256

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

Refresh Hz (min-max/ 60-160 58-140 88i-120 60-75 88i-75

Produttore: Hercules Computer Technology - 3839 Spinnaker Court, Fremont, CA, - USA - Internet: http://www.hercules.com Distributore: Executive s.p.a. - Via Elettrochimica, 40 - 22053 Lecco - Tel. 0341/2211 Prezzo (IVA inclusa): Terminator 64/3D Lit. 247.900

303


CONlPUTER ~

"'*-'R.........

-"-''''''

W[][Q)[]@

I

Aedllh

I Z-",

-_ l

l

••.••. -

l_

s.-.

~r:-:w-

•...

8lJ.)llrlm~

~pl_ -:-

r:-: ..•.

fO)lw600~

!ti9lCcU(llibll

r r

[•••s.o

•••• t.-

I~

I•••• '...

:::J -.

I

~~~~

A corredo della Hercules Terminator 64/30, questo Touch 95, potente manager di gestione della scheda e dei suoi parametri. È in primo piano la selezione delle hot key, ma sono presenti molte altre possibilità.

La Hercules Terminator 64/30; da notare l'ottimo chip 53 ViRGE, responsabile delle prestazioni 3D della scheda, più i 4 MB di ORAM a bordo. Un ottimo prodotto, molto aggiorna-

to.

naut, RenderWare Criterion e così via, fino ai nuovi standard delle API grafiche come OirectOraw, OirectVideo ed altri. La sua installazione non presenta problemi di sorta, essendo pienamente PnP, e la sua dotazione software è quantomeno esuberante, nella scelta dei driver (Win3.xx, Win95, Win NT 3.5x, OS/2 Warp ed altri) e nella scelta delle utility a disposizione, compren'denti il sofisticato Touch 95, potente ambito di gestione parametri desktop, che ci offre un ambiente custom nella messa a punto delle voci fondamentali quali refresh di schermo, risoluzioni, Il completissimo «Enterdimensionatainment CeMer)} della mento e deskTerminator 64/30, sofistitop virtuali più cato «racb di applicativi altro ancora, e multimediali; in primo piano il player video. Molnell' « Entertainto facile usare.

ed intuitivo

da

TABELLA RIASSUNTIVA Risoluzione

Colori

Refresh Hz (min-max)

640x480 800x600 1024x768 1280x1024 1600x1200

16/256/651</16,7 Mil. 16/256/65K/16,7 M il. 16/256/65K 256 256

60-120 56-120 60-90 86i-75 86i

ment Center», altrettanto sofisticato ambiente di gestione multimediale, molto adatto ad integrarne le spiccate capacità in ambito audio/video. Mediante esso, infatti, avremo in video un vero rack di apparecchi, ognuno con le sue funzioni, con cui, per esempio, andare in playback video di materiale AVI (ed è

senza dubbio molto buono il suo frame rate), controllarne l'audio con un mixer (gestendone altresì le varie sorgenti colLe opzioni di confilegate, in presenza gurazione dell'Herdi una scheda aucules Entertainment dio), catalogare e Center per ogni voce e parametro; in suonare file MIOI o questo caso, le opzioni di gestione CO.

,Ix!

l"""

1"'-1"-1

101~~Cb.~ rs1OP~CtI_ rM~~"'OI'l\q:l

v __

blAtonI eot*d

to.nfilotll

So.ndc.d.t;OecrredoI (' SOl.ft:lc.f.~ •• ..,ttdr. (O'

304

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


CONlPUTER

~ WAV, CD Audio, programmare il playback di qualsivoglia materiale multimediale, al solo tocco del mouse. Si tratta di una vera soluzione multimediale integrata come poche volte abbiamo visto, oltretutto molto facile da usare ed alla quale contribuisce di molto l'esuberanza dell'hardware. In estrema sintesi, la Terminator 64/3D ha dalla sua parte un progresso tecnologico evidente, a fronte anche e soprattutto dell'aggiornamento rappresentato dalla versione 3D, e vorremmo vederla all'opera con applicativi ben più produttivi, diversi dai soliti giochi in circolazione, più adatti alle prerogative della scheda in questione.

Matrox Mystique E veniamo all'ultima fatica della notissima Matrox canadese, che a detta degli addetti ai lavori dovrebbe soppiantare nelle grazie dell'utenza l'altrettanto famosa serie Millenium, una delle produzioni più apprezzate da pubblico e critica. Ma se la seconda è senza dubbio una scelta estremamente «spregiudicata» e rappresenta, forse non a pieno titolo, lo «standard de facto» per la grafica professionale che si dedica ad applicazioni esigenti di CAD 2D/3D e DTP evoluto; per le sue caratteristiche, la Mystique dovrebbe porsi nella fascia appena sotto la precedente, ovvero destinata ad altri ambiti, soprattutto nell'home- business, dove non sono richieste le ingenti risorse che può offrire la

Matrox Mystique

La splendida realizzazione della Matrox Mystique in primo piano. In evidenza l'MGA1064SG, chip a 64 bit molto performante ed i vari connettori presenti per i futuri add-on.

~

WO[Q)[]®

I

Millenium in confi. . gurazlone massima ad una utenza affamata di velocità, potenza, ecc. Essa invece sembra essere un'ottima scelta per l'ufficio, l'azienda ed infine per la casa, caratterizzata com'è da capacità multimediali avanzate, 3D texture mapping per videogame in Direct3D e DOS, nonché ideale per tutti gli applicativi Windows nei contesti video, 3D di fascia medioalta e così via. La sua confezione, molto lussuosa, consta di svariati articoli, dalla scheda half size PCI di ottima fattura alla dotazione driver ed utility, ad una manualistica di egregio carattere (con una buona versione in italiano), a diversi giochi su CD-ROM, per prendere subito possesso delle sue capacità (sono infatti presenti Monster Trucks, MechWarrior 2, Scorched Planet ed a richiesta Destruction Derby, nonché l'immancabile software MPEG Player, questa volta il SoftPEG della CompCore). Tra le caratteristiche di fondo, dotata

del chip MGA 1064SG, quinta generazione della tecnologia MGA che integra accelerazione Windows, mappature 3D di texture, hardware di ridimensionamento spazio-colore con interpolazione sui due assi, si può menzionare la dotazione RAM (da 2MB ai classici 4) di tipo SGRAM, un RAMDAC a 170 MHz di clock, capacità di riproduzione video a pieno schermo, completa accelerazione 3D (con compressione colore di tipo CLUT4 e CLUT8 per incrementare al massimo la velocità di esecuzione delle nuove applicazioni 3D ludiche), pieno supporto in Win3.xx, Win 95, Win NT, DirectX con Direct3D. La sua installazione non presenta problemi di sorta Le proprietà di schermo (essendo ovviadella Mystique mostramente PnP), semno una notevole serie mai dovrà essere di parametri.' le impostazioni avanzate in ambito hardware. software 3D e DirectOraw.

Produttore: Matrox Graphics Inc - 1025 boulSt-Régis Québec H9P 2T4 - Canada http://www.matrox.com

- Dorval, Internet:

Distributore: 3G Electronics srl - Via Boncompagni. 3B 20139 Milano - Tel 02/55212483 Prezzo (IVA esclusa): Matrox Mystique (2 MB) Lit. 399.000

L'ambiente di installazione programmi e driver della Matrox Mystique; diverse e notevoli le sue possibilità, sia in Win3.xx che in Win95. fl.nrIIfl.:oCOfl.

nH, lAfe.tdel~---

Maho)(

x

Myshque

,I,

c--: ""...""

Al:deIo~~

rt=~_""'":600_11IH:=""'J

Products listo . -.

l'

MGA PowerDesk for Windows 3.1 (v.1.30 Intll) • MGA PowerDesk and Mystique Installation Guide Adobe Acrobat Reader 2.1 CompCore Softpeg MPEG player 2.0 Microsoft DirectX 2 Microsoft DirectVideo MGA CAD Users Guide Microsoft Video For Windows 1.1e fEnolishl

r,I

sv-deIotdlel/110 -

r

L

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

I I EXIt [:&~.

I~~I~

"lfoiiiilii:ìiiiòil

A'-" I

H~~deleolclli

--

"I

QineNionee.«tM

3 1,., ••"..... 1

3U 3

P UtizzecadlelfOMellìmap PUtizz4r~a:ior'lII6elfell.p P' Utim'eccMcMOl'llldel~ Fl Ulizzareccal!llm-dllI~.dIII" Putit:z.raccelef~"S) p lJtiu.f«eelelW'lePowedìOl O"••••••

~~-

I

Q"""'M

1-, -.-) Mnnt

-

M"1irMo

----'

305


CONlPUTER ~

WO[])[]®

StteamlO: leyer: Bltrtte:

CO 2 tU kbp. V1lI ••

~

fatta una scelta sugli applicativi che andremo ad installare. A corredo, infatti, c'è il famoso «MGA Power Oesk Utilities», summa di oltre dieci applicativi per la gestione di qualsivoglia parametro riguardante la scheda, il monitor e le caratteristiche principali della sua integrazione in Windows. Solo menzionare tutte le sue capacità ci impegnerebbe troppo, basti dire che si va dalla calibrazione colore del monitor al suo aspetto, varianti nei desktop virtuali, funzioni hot key per customizzare operazioni e settaggi, supporto hardware «Pixel Touch» per panoramicare e zoomare sull'area presa in considerazione, centraggi automatici di menu e quant'altro, switching di risoluzione «on the fly». Le sue spiccate performance, comunque, ne fanno un serio prodotto destinato principalmente al godersi playback di materiale video, fino al pieno schermo, senza dubbi o incertezze, alla fin troppo facile gestione di operazioni di refresh di schermo, all'accuratezza dei suo «mantenimento» tramite le di-

Il sofisticato sistema di calibra tura del monitor presente nella Matrox fV1vstique; tutte le voci sono ben evidenziate e facili da usare.

TABELLA RIASSUNTIVA

306

Colori

640x480 800x600 1024x768 1152x864 1280x1024 1600x1200

16/256/65K/16,7 16/256/65K/16,7 16/256/65K 16/256/65K 256 256

f\ol ••••••

.Qpen Sin:

l1xOrlglna'

W-ptey:

lunt

r~,aoIte

p

S}tftc:h«lftlzed

r

r

Ols.atted

OIsqte4

Frame Rate PI ••

:::J :::J

d

so», cioè il tornare a parlare del sempre più spesso disinvolto uso dei benchmark (soprattutto in ambito videoVGA) e quanto i benchmark facciano la differenza. Le ragioni per le quali c'è un grande «successo» dei benchmark sono tutte legittime: da una parte, c'è un'utenza molto curiosa di vedere all'opera i propri «beniamini», compiacendosi di aver scelto bene quando i numeri la sostengono; dall'altra c'è un mercato estremamente articolato (sia nelle attività pubblicitarie che a livello di struttura commerciale), che ben suggerisce alla potenziale utenza scelte e soluzioni, spesso comparate con altri prodotti analoghi della concorrenza, in qualche caso ammansiti con criteri, vorremmo sperare, di assoluta buona fede. Nel mezzo, come una «terra di nessuno», esiste un'esigua rappresentanza di produttori, ben consci dell'importanza dell'argomento che ha addirittura introdotto nella propria ROM BIOS VGA codici macchina specifici, e già interpretati, corrispondenti alla maggior parte dei test, ottenendone un chiaro vantaggio iniziale. La risposta dei produttori di benchmark non si è fatta attendere, ma senz'altro alcuni «buoi» nel frattempo erano già scappati. E come dicevamo prima, il significato di una scelta, per un articolo essenziale come la VGA non è fatta di soli numeri. Per tornare alle nostre vere conclusioni, invece, le quattro contendenti si sono distinte in varie categorie, non necessariamente sovrapponibili. Per un uso VGA «tradizionale», ma con spiccate capacità velocistiche, una scelta ragionata sarà quella della Lightspeed 128 nelle sue svariate versioni, se vogliamo entrare nel «futuro 30» una buona proposta è senz'altro quella della Terminator 64/30, se ci occorre «molto e subito», in quasi tutti gli ambiti di produzione, la scelta cadrà indubbiamente sulla nuovissima Mystique.

In primo piano l'ottimo MPEG Plaver a corredo della Matrox Mvstique, quel SoftPEG della CompCore molto conosciuto ed in diretta concorrenza con l'altrettanto conosciuto Mediamatics.

verse opzioni a corredo. Ancora, è in grado di essere integrata (quando ne inizierà la produzione) dalla nuova famiglia Matrox di add-on audio/video, nella fatti specie con le piggy-board della serie Rainbow Runner, e che vanno da specifico hardware MPEG decoder, a device video out per mostrare applicativi su comuni TV, da capacità di cattura video da sorgenti televisive tradizionali a moduli di ricezione TV, con decoder televideo e gestione canali via cavo. Per concludere, ci ha favorevolmente impressionato questa nuova fatica Matrox, che, a fronte della sua natura certamente molto innovativa, è anche relativamente economica, pur disdegnando assolutamente i difetti di produzioni altrettanto economiche.

Conclusioni Ovvero, ma i vero opinione? Le conclusioni re i conti sono, classica «goccia

benchmark

fanno dav-

con cui vorremmo fain un certo senso, la che fa traboccare il va-

(2 MB)

Risoluzione

(""

Refresh Hz lmin-max) Mil. Mil.

60-200 60-160 60-130 60-115 60-90 60-65

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


Per raggiungere tutti i mercati a livello mondiale


di Francesco Carlà

Note da pw Da quindici anni vi parlo del simulmondo. Molti di voi sanno già che cosa intendo con questa parola: voglio dire che le tecnologie digitali di espressione e comunicazione stanno creando, anche inconsapevolmente, un altro mondo rispetto a quello reale, un mondo simulato.

Vivere simulati Come ti spedisco il pensiero (e come mi spedisci il tuo ...) Ecco, questa è una delle cose più belle che si possono fare: spedire in giro il pensiero e ricevere quello degli altri. Con un effetto quasi telepatico e comunque con un flusso continuo che diventerà tanto più veloce quanto più veloci saranno le linee e i modem. Ma la Rete ha già ottenuto un grande effetto. Il pensiero collettivo orbita e s'ingrossa. E risiede in un luogo simulato, una megabiblioteca che assomiglia sempre più ad una grande testa digitale del mondo, una testa che contiene pensiero e che lo cambia ogni giorno, senza grandi certezze e stabilità, con un'attitudine mutante che inquieta e stimola. 308

In questo nuovo mondo si procede in gran parte per simulazione del mondo reale. Ogni cosa che esista nella realtà, nella natura o nella cultura, viene sottoposta a due trattamenti: prima viene digitalizzata e poi viene rilavorata. Ma la fase più interessante è la terza: l'uomo aggiunge le sue capacità, la sua intelligenza, e trasforma. Questa trasformazione è la simula-

12 Le nostre teste che confluiscono in un'unica testa. Le nostre memorie che diventano un'unica, mobile memoria. I nostri pensieri che scivolano in mezzo ai pensieri degli altri, ci si sommano, divergono, si aiutano e collidono. L'effetto più traumatizzante è la velocità crescente con la quale pensiamo per colpa e per merito della Rete. I computer hanno velocizzato enormemente la nostra rapidità d'azione sul luogo. La Rete sta travolgendo il ritmo con il quale comunichiamo il nostro pensiero. E tutti hanno paura di rallentare per non essere messi fuori standardo Con il risultato dubbio che forse facciamo meno cose invece che di più. Pensiamo di meno invece che di più. Ma questo solo se non capiamo che "il fine giustifica i mezzi". E che il "fine" della Rete possiamo sceglierlo noi.

zio ne. Internet, la Rete, ha aggiunto a questi tre passaggi un quarto passaggio fondamentale: la comunicazione. Il "manufatto" simulato, il risultato della simulazione, può essere comunicato ad altre persone, inserito in altri contesti, scambiato come le figurine Panini. E questo con il linguaggio tipico della simulazione che ormai si sta

strutturando e che ruota su alcuni punti fissi di cui abbiamo parlato moltissime volte su Playworld negli ultimi quindici anni. I punti fissi sono: illinguaggio dei videogame e il linguaggio dei programmi "utilities" e dei sistemi operativi. I browser e i siti della Rete derivano da questi linguaggi. Internet è un gigantesco videogame che comunica.

Così se stabiliamo che quello che c'interessa davvero non è la velocità del pensiero, ma la sua qualità, scopriamo che la Rete può aiutarci molto. Il vero problema del mondo è il rapporto tra la quantità di opportunità e la nostra capacità di coglierle. Nel senso che non c'è proporzione tra quello che posso pensare e quello che potrei pensare. Così la nostra mente sceglie ed

esegue queste decisioni usando parametri di riferimento: il tempo, lo spazio, il piacere ... Vivendo simulati possiamo ampliare e velocizzare i nostri parametri di scelta. Possiamo capire più in fretta e prima cosa abbiamo il tempo di pensare e cosa no. E con chi comunicare. E questo è il nostro nuovo confine: usare il tempo e il pensiero tecnologico per aumentare il nostro piacere di essere uomini.

~ _

d eccoci qui riuniti per un nuovo numero della vs. rubrica preferita. Prima di passare al sommario di questo mese volevo ringraziare i numerosissimi che mi hanno SCritto per alimentare il dibattito sulla" crisi dei videogames". Più o meno tutti, benché in genere giovanissimi, hanno un'idea assolutamente precisa della storia del videogiochi e dell'importanza che questo mezzo ha avuto e ancora ha nell'evolUZione dei personal media. Aspetto altremail al mio indirizzo: f.carla@simul.it Questo mese ho 3 Avvenimenti 3: Ffly, la prima comunità Simulata dove mi diverto sul serio (più che all'Hotel Chatl. Time Commando, un nuovo game dell'Adeline, la gente di Alone in the Dark, un report rapido su due fiere reali: CESIT Home di Hannover e ECTS di Londra. A seguire un numero velocissimo di PANORAMA sulle news dai CD-ROM e da INTERNET. Fra poco dovreste trovare in tutte le librerie la seconda edizione, aggiornata al 1996, di "SPACE INVADERS: la vera storia dei videogames" , Il mio libro su questi 25 anni interattivi e SimulatI. Smlle Ed ecco la puntata numero 12 di Vivere Simulati.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


,,

Casa: Firef/y Network (Usa) Format: WEB Giudizio.'

/nc

Presto capirete che sono assolutamente entusiasta di questo posto. E credo che ciò accadrà soprattutto quando vi ci recherete di persona. In ogni caso quello che state per leggere è il diario del mio collegamento con Firefly: il simulmondo on line che vi piacerà tanto. Specialmente se sapete l'inglese. Avevo sentito parlare di questi 'agents'. Ma credevo, chissà perché, si trattasse di software plug-in da attaccare a Netscape (o Explorer) per esplorare la rete, anzi per farla esplorare ad un programma e starvene in panciolle. Invece, almeno nel caso di Ffly, il più famoso e citato di questi 'agents', la realtà è molto diversa. Ffly è un sito che si presenta come uno qualunque dei siti comunitari alla Webchat o Geocities, un posto dove entrare, registrarsi e mettersi a ciarlare con chi trovate in linea. Infatti anche qui trovate, alla porta, un sistema di registrazione che vi chiede le generalità e altre cose. lo odio questi form di registrazione tanto che stavo quasi pensando di andarmene, ma poi la curiosità di vedere come fosse mi ha fatto resistere al tedio dello scribacchiamento di alias, password etc etc. E ho fatto proprio bene, visto che Ffly

è diventata l'esperienza più interessante che abbia mai fatto nella rete. Dopo la registrazione potete frequentare un velocissimo e semplicissimo tutor che vi spiega quali siano i fondamenti filosofici ed ergonomici di Ffly. Il vostro tutor in realtà sono io e così vi evito questa fase: Ffly si basa in gran parte su 4 o 5 c1ic fondamentali: people, buzz, explore e venues. People è la lista della gente che c'è on line (mai meno di 300 persone e a volte anche 1000 .. ) da tutto il mondo, con la solita prevalenza Usa, ma con rappresentanze di Italia, Europa, Sud America e Asia. PEOPLE Ogni membro di Ffly ha una sua home page, spesso completa di fotografia (forse sua, ma chi può dirlo ... ) e, qui comincia il bello, di ipergusti. Cosa sono gli ipergusti? Beh non è che in Ffly li chiamino così, è una mia

anche gusti in generale) in comune con il proprietario/a della page. E mica è poco. Poi ci sono dei motorini di ricerca che vi permettono di sapere anche cose più raffinate sui member on line and off line, tanto che andrete abbastanza a colpo sicuro

quando deciderete di comunicare con qualcuno/a. Un sacco di tempo risparmiato non trovate? lo sono andato subito pazzo per questa possibilità.

BUZZ Buzz è la sezione chatting on line. Qui non ci sono

novità assolu',II"I"'r)~r)~r te a parte la -11.1,,.. l", { possibilità del whisper. Potete bisbigliare qualcosa all'orecchio di chiunque sia on line e questo è il sistema più vicino al vero tempo reale di comunicare in Ffly. Per il resto potete chattare nelle chat create da qualcuno, oppure in una fatta da voi, o anche in una segreta e privata. EXPLORE Explore è il sistema

idea. Diciamo che tutto quello che dite a Ffly, con un sistema di parsing che si basa su quello degli adventure game, lui lo ricorda e può dirlo a qualunque altro member lo chieda. Così andando in una home page potete sapere istantaneamente se avete gusti musicali e cinematografici (ma +(dlsastro), ++ (non Simulare), ++ (Interaglre con cautela), ++++ (da Simulare) +++++ (interagisci o muori)

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

le" di Hitchcock si chiamava in realtà" Rear window" non potrete votarlo ... ) e la musica. Qui potete dare un giudizio su un numero sterminato di film e dischi e musicisti, dal che sarà facile per gli altri dedurre i vostri gusti. VENUES Questa è un'opzione introdotta da pochissimo e vi consente di creare le vostre sezioni di Ffly oppure di frequentare quelle create da altri. Con il risultato di restringere, in club simulati, la popolazione di Ffly e aiutarvi a capire meglio chi vi interessa tra i member e perché. In Ffly ci sono anche servizi come Flypaper, il giornale di Ffly, e altre riviste on line. In più ogni giorno ci sono animazioni e personaggi famosi in diretta che devono essere intervistati direttamente dai member. Ma il vero spettacolo, il vero divertimento, la vera

novità di Ffly siamo Andateci, vi prego.

noi.

,,

con

Time Commando cui Ffly impara cose su di voi. In realtà si tratta di grossi data base che riguardano il cinema (questo dà problemi per via del fatto che in Italia si usa spesso tradurre i titoli dei film e così se non sapete che" La finestra sul corti-

Casa: Adeline (FR) Format: COROM PC Giudizio: Per questa casa di software ho proprio un debole. Se 309


,,

Time Commando

, ~

il nome di Adeline non vi dice nulla ciò è male, molto male. Dietro questa sigla si nasconde una delle più importanti presenze francesi nella storia dei videogame: Frederic Raynal e soci, gli autori di Alpha Waves e Little Big Adventure, ma sopratutto di Alone in the Dark. Qui si ripresentano con Time Commando, un'operina senza dubbio minore e più arcade like, un sistema un po' furbetto per riutilizzare il motore sensazionale che abbiamo visto in azione nel bellissimo Little Big Adventure, ma nello stesso tempo anche la dimostrazione che quando ci si mettono autori di questo calibro, qualunque genere e linguaggio del videogioco viene esplorato, ristrutturato e restituito con un mucchio di possibilitàaggiuntive mai prima previste. E' il caso di quello che è accaduto al genere 'picchiaduro con questo Time Commando. Per il resto la trama è semplice: Stanley, il nostro protagonista, si aggira nel tempo (in otto epoche: 310

Preistoria, Impero romano, Giappone, Medioevo, Impero spagnolo, West, Guerre mondiali e guerre future ...) e deve sopravvivere ad un numero enorme di attacchi e minacce. Unica difesa la nostra abilità, le armi sottratte ai nemici abbattuti, i bonus che raccogliamo lungo la strada. Molto semplice e in linea con lo stile dei vecchi arcade, ma con in più uno straordinario motore grafico e una qualità visiva cui questi francesi ci stanno ormai abituando. E con un'idea innovativa in più: lo scenario è presalvato su CD e si srotola mentre il nostro character si sposta. L'effetto è sbalorditivo e ricorda un po' quello dei game laser degli anni '80 tipo Astron Belt della Sega. Con qualche problemino di precisione dello scrolling. Time Commando non è all'altezza né di Alone in the Dark né di Little Big Adventure. Né forse intendeva esserlo visto il tipo di game. Però contiene virtuosismi tecnici ed intuizioni registiche interattive che ne fanno uno dei migliori arcade per PC dell'ultima generazione. Un must per gli amanti del genere.

~

SPECIALE CEBIT HANNOVER& ECTS LONDRA Nel mese di settembre sono stato a due fiere molto importanti per il mondo dell'home entertainment: il CEBIT Home di Hannover e l'ECTS di Londra. A Londra ero anche stato invitato all'inaugurazione del Sega World, un nuovo impianto Sega, molto bello, situato esattamente al centro di Londra, e cioè a Piccadilly, nel Trocadero. CEBIT HOME (Hannover) Questa fiera era alla sua prima edizione e si presentava come un appuntamento semi-irrinunciabile per l'intuibile motivo che era organizzata dalla fiera numero uno al mondo nell'informatica. Posso dirvi subito che facevo meglio a stare a casa. Il Cebit ha una grande tradizione come fiera tecnica (un po' come il nostro Smau) e quindi a quanto pare ha avuto una terribile difficoltà nel presentare una nuova creatura con una differente identità. La maggior parte dei possibili espositori (moltissimi in teoria ... ) non si è

trovata di fronte ad un progetto ed una strategia chiari e quindi ha preso la nuova rassegna come una versione meno importante e più piccola del CEBIT Morale: chi è venuto non è venuto con la giusta identità e quasi tutti non sapendo come presentarsi hanno preferito andare a vedere, come visitatori, di che si trattasse. E si è trattato in sostanza di un Futurshow in tono ridotto e con le idee poco chiare, un mix tra Futurshow e Cebit, con un mucchio di televisioni a pagamento e digitali presenti, qualche spettacolo in ambienti poco adatti (per esempio una specie di cinema 3d messo in un locale immenso dall'atmosfera irrespirabile per via della frittura di materiali assai poco adatti alla commestibilità ...) e alcuni stand di Internet provider e software house non particolarmente conosciute. Per il resto ben poco da segnalare se non la prima visione del nuovo PC della Sony, bello esteticamente e con una serie di idee interessanti, e una specie di casa del futuro abbastanza realistica e possibile. Poi un simulatore di tennis efficacissimo e funzionale, ma assai poco adatto a chi non sia dotato di un salone di almeno 100 mq oppure di un parco di dimensioni analoghe. Dei problemi organizzativi e della scarsa chiarezza di idee devono essersi accorti gli stessi organizzatori che hanno prontamente annunciato che la prossima edizione del Cebit Home si terrà nel 1998, tra due anni: della serie prendiamo tempo e vediamo cosa succede. ECTS (Londra) Questa fiera storica e tradizionalmente importantissima per il mercato europeo dei videogiochi, è diventata, dal 1996, annuale. Segnale di qualche difficoltà soprattutto legata alla sovrapposizione, nell'edizione estiva, con l'E3 di Los Angeles (1997 ad Atlanta.), che ha sbaragliato il campo almeno nella parte estiva e primaverile dell'anno In più il mer-

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


cato sta diventando molto difficile per le case europee, anche quelle molto grandi e importanti. La crisi, la ristrutturazione, non è tanto legata ad un problema di pubblico, quanto ai riflessi di quelle difficoltà sul prodotto di cui vi sto parlando da qualche mese. Così tutta la fiera era concentrata sulle uscite natalizie e della prima metà dell'anno, soprattutto delle major, le grandi case e gli autori che potrebbero segnare il cruciale mercato natalizio. Tutti gli altri, che comunque cominciano a diminuire, gli outsider, i newcomer, quegli autori e'

eD-ROM Come sapete bene, quest'anno, nel periodo autunno-inverno iperprolifico per queste creature interattive, è attesa una vera tracimazione di titoli. Alle due fiere anticipatorie dell'E3 di Los Angeles ed ECTS di Londra, si sono visti più di 1000 game pronti per cercare un bagno di folla nei negozi di tutto il mondo. Attesa giustificata? Nella grande maggioranza dei casi no. Comunque su questo punto vi ho già espresso le mie idee qualche mese fa Più in generale sono sempre più convinto che il mercato e la produzione stiano attraversando un momento fondamentale della loro ventennale evoluzione. Alla fine di questa

quei titoli improvvisi e inaspettati che erano anche un po' il c10u di questi incontri, o non ci sono per nulla oppure sono confusi all'interno dei grandi cataloghi delle major. Insomma il mondo dei videogiochi sta diventando esattamente come il mondo della musica e del cinema: fortemente influenzato dai budget, dal marketing e piuttosto chiuso alla creatività e al genio. Di questa sensazione si aveva un chiaro riflesso anche in questa edizione dell'ECTS. In questa situazione si può dire che ormai la fiera (e quindi il mercato) sono

transizione solo pochi grandissimi resisteranno e avranno attirato tutti gli autori validi. Un'altra cosa da tenere d'occhio sarà sicuramente quella dei ritardi di uscita. Il mercato ci ha abituati a mesi e a volte anni di attesa e credo che il 1996 non potrà fare eccezione. Vedremo. Voglio provare a fare una mia personale classifica delle case che si sono distinte per la loro qualità negli ultimi cinque anni. E immaginare una classifica simulata per i prossimi cinque. Prima: Electronic Arts Il gigante americano non ha mai sbagliato nulla (a parte l'idea del 300.). E' riuscita a produrre sia internamente che attirando nella sua orbita i migliori autori del mondo, titoli sempre migliori e in tutti i settori. Cito cinque esempi fra tutti: Fifa

MOmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

fatti da pochissimi nomi. Giusto per riassumere potrei dire: Lucas Arts, Electronic Arts, Virgin, Sierra, Microprose ... più una serie di titoli isolati e importantissimi che di solito fanno quasi storia a sé; giusto per farmi capire, prodotti del tipo di: Ouake, F1 GP2, Civilization 2 ... A parte il mondo delle console, ovviamente, che quest'anno vivrà un momento di prima verifica nella lotta tra Sega, Sonye Nintendo. Insomma tutto questo per dire che ormai il mercato e il mondo dei videogame, vive su eventi singoli. Un po' come quello del cinema.

Difficile che, con i budget ormai necessari, ci siano sorprese particolari. E credo che la storia di Natale 1996, per esempio, sia già più o meno scritta. Anche all'ECTS si aveva questa distinta e netta sensazione. Credo per esempio che a Natale continueranno a trionfare titoli già un po' datati come F1 GP2 o Ouake, ma anche Civilization 2, Warcraft 2 e Z. E forse, anzi quasi sicuramente, il titolo più venduto in Europa sarà Fifa soccer 97 dell'Electronic Arts (un titolo al quale hanno lavorato 140 persone per un anno ...).

Soccer, Bullfrog (Populous e Magic Carpet), Origin (Ultima e Wing Com ma nderl, Novalogic (Comanche) e Delphine (Flashback);

saga di Monkey Island. E insieme a questo l'aver saputo riproporre i suoi film in versione autenticamente i nterattiva come in Tie Fighter e X-Wing per le Guerre Stellari e in Fate of the ~tlantis per Indiana Jones.

Seconda: Lucas Arts La casa di San Rafael ha almeno due meriti sopra tutti gli altri: aver creduto in questo linguaggio fin dal 1984 (Labyrinth, Maniac Mansion, Ballblazer, The Eidolon ... ) e aver creato insieme alla Sierra (ma con una qualità assai migliore ...) lo stile delle graphic adventure e il culto di alcuni personaggi. Primo tra tutti il giovanissimo protagonista della

Darkseed

311


Cronache marztane

Terza: IO Software Inventare uno stile non è una cosa facile. Avere un successo mondiale nemmeno. Fare le due cose insieme significa dominare il mondo del videogame. E' quello che è successo alla ID con Wolfenstein, Doom e Quake. Quarta: Maxis Per questa casa basta un nome: Sim City. Un gioco che è quasi un mondo. Quinta: Microprose Per le emozioni che ci hanno dato con Geoff Crammond (F1 Gp) e Sid Meier (Civilization)

E adesso vediamo cosa c'è di interessante questo mese. La prima cosa che ho scelto è Darkseed 2 di Cyberdreams Darkseed uscì anni fa e fu oggetto di un mio Avvenimento Di quell'avventura mi piacquero il clima autenticamente ambiguo e pieno di suspense e sopratutto la grafica, ricalcata dalle immagini di Giger, l'artista svizzero che ha lasciato il suo segno sulle scene di "Alien" di Ridley Scotto Darkseed 2 (3 o 4 anni dopo) recupera la stessa atmosfera e sembra più che mai (anche per la somiglianza con Dylan Dog) l'uni-

Shellshock

312

di Domark

ca horror adventure saga degna di questo nome a parte 7th Guest e 11th Hour. "Cronache marziane" è un bellissimo libro di fantascienza degli anni Sessanta, scritto da uno dei migliori autori del genere e cioè Ray Bradbury, autore anche di Fahrenheit 451", portato sullo schermo con successo da Truffaut. Di "Cronache marziane" è appena uscita una versione interattiva che mi è sembrata abbastanza meritevole. Perlomeno gli autori (Cic) non hanno immaginato di rendere interattivo quello che non può diventarlo (la famosa fesseria del cinema interagibile),

ma piuttosto di concentrarsi nel rendere l'idea di Bradbury della vita delle nostre colonie su Marte. Credo però che il linguaggio più giusto per un'operazione del genere resti quello dell'RPG e UFO sia ancora la migliore versione su Cdrom del nostro difficoltoso rapporto con le razze aliene. Shellshock di Domark, Cyberjudas di Merit e Deadlock di Accolade sono un esempio di crisi del videogame. O forse di tentativo di immaginare una qualità media e di pensare ad un suo pubblico. Nel senso che nei tre casi si tratta chiaramente di titoli non destinati a lasciare un segno particolare, sebbene non siano opere disprezzabili. Il vero problema è che, a differenza del cinema e dell'home video, nel mondo del Cdrom ci vuole comunque molto tempo anche per interagire prodotti non indispensabili. E così va a finire che il pubblico si concentra su pochi buonissimi titoli in un anno, dedicando a questi il suo tempo. Il vero problema del Cdrom e del videogame, secondo me, rimane quello del suo format: bisogna ripensare questo per ritrovare il pubblico. L'industria e la produzione devono trovare un formato, una quantità, un modo di esprimersi interattivo, che permetta al pubblico un consumo più veloce e più orizzontale. Altrimenti, se per ogni Cdrom e per ogni titolo sarà ancora necessario impegnare così tanto tempo come adesso (e così tanti soldi) il pubblico continuerà a concentrarsi su pochi, sicurissimi, e buonis-

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


;-l

simi titoli. Per esempio, se vi piacciono i simulatori di volo, un prodotto di qualità è certamente EF 2000 della DIO. Fluido, veloce, con un audio limitato ma di qualità, e soprattutto con una precisione di simulazione dell'aereo da caccia europeo, che è in grado di far tacere i più tecnici tra voi. A patto però di sobbarcarsi lo studio di un manuale monster e il test, certosino, di una quantità industriale di opzioni e possibilità. Una questione di tempo. Intanto è uscito un altro titolo della tedesca Blue Byte, la più continua e internazionalmente famosa delle software house tedesche. Il nome del gioco è Albion, un altro rpg (lo stile che sta facendo diventare davvero famosa la Bluebyte grazie al successo dei suoi Battle Isle e The Settlers ...) che stavolta ha davvero una grafica straordinaria e minuziosa. Non che Settlers non l'avesse, ma questa inquadratura mi ricorda moltissimo i vecchi game dell'Amiga (The Immortal per esempio) che hanno lasciato un segno nell'evoluzione del linguaggio interattivo. Il tema non è dei più innovativi, ma queste saghe nordiche e un po' fantasy, stanno continuando ad avere un grande seguito di pubblico e allora come biasimare gli autori di Albion? Prevedo che questo game scalerà rapidamente la nostra classifica top 100. E adesso diamo un'occhiata insieme alle novità che ho scovato nella WEB.

INTERNET I grandi editori e le grandi case di software, Microsoft in testa, stanno cercando di ritagliarsi porzioni della Net per piegarle alla propria strategia. Il successo non sembra arridere più di tanto ai primi tentativi in questo senso. Microsoft ha lanciato

in tre mesi molti servizi Internet. Ha usato professionisti molto ben pagati e apprezzati nel loro mestiere. lo ho visto tre site interessanti per ragioni diverse: Siate, una specie di New Yorker, lo snobissimo settimanale niuiorchese di carta, on line; Msnbc, un mix tra tv e Internet; e Ms Carpoint, un sito online per l'acquisto e l'informazione sul mercato dell'auto. Di questi tre tentativi Carpoint (carpoint. msn.com) mi pare il più riuscito. Quasi un videogame, molto interattivo e abbastanza utile. Poi veloce. Siate lo trovo impossibile da leggersi e Msnbc velleitario come non mai. Come Carpoint ci sono molti altri servizi legati al mondo dell'auto, alcuni fatti bene altri meno. Tutti purtroppo molto americani e quindi poco interessanti per noi. Se non per la rabbia che ci fa vedere i prezzi delle dream car in America: mediamente il 40% meno che da noi. Senza parlare delle tasse. Bah. A proposito di grandi editori, il sito migliore per l'informazione mondiale su Internet è sicuramente CNN interactive (cnn.com). Velocissimo e chiarissimo nell'interfaccia, è quello che ci vuole per essere informati sul mondo in pochi secondi. Evitando i noiosissimi commenti e il provincialismo dei media di casa nostra. Con una bellissima e istruttiva sezione scienza e tecnologia. Se volete fare un salto nell'area proibita e tecnologicamente avanzata della rete ecco un sito per adulti che sembra un videogame adventure in diretta: Peep Shows ("adultplayground. com", questi locali americani sono citati perfino da Wim Wenders in "Paris, Texas" ...): potete chattare in diretta con le ragazze di turno (vedi foto) e farlo in 4 stanze diverse: doccia, camera da letto, dun-

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

geon e palestra .. Mi piacciono moltissimo le comunità on line (tipo Firefly per intenderci ...). Qui potete condurre un'autentica vita

bene frequentare i motori di ricerca. La lotta in questo settore è incandescente (ma anche la collaborazione). Di recente anche Hotwired

( }CLUB Love

simulata e farvi degli amici che magari potreste incontrare sul serio un giorno o l'altro. Le mie preferite sono Tap On line (taponline.com) che ha anche un archivio fotografico dei frequentatori, Geocities (geocities.com), 27 comunità on line (quelle che su Ffly si chiamano Venues ...), molto lento, ma comunque il posto più noto dove mettere una vostra home page ... e in Italia Icom Chat (icom.it), quest'ultima un po' obsoleta in quanto a software però abbastanza veloce perfino con le immagini. Quasi tutti hanno il pow wow (cercate lo su Altavista ...) un programma molto veloce (solo windows) per chattare in real ti me con i vostri amici. Per sapere cosa succede sulla rete, come è noto, è

I

~

(hotwired.com) la versione on line della rivista più famosa del mondo digitale, ha lanciato il suo motore: Hotbot (hotbot.com), veloce e assai selettivo. Ma stanno lavorando sempre meglio anche Excite, Lycos, Web Crawler, Altavista e Infoseek. Il più ordinato al momento resta sempre Yahoo che contende il primato in fatto di velocità a Altavista. Se invece volete sapere, in fretta, che cosa c'è di buono in giro, vi consiglio Hot100.com, la miglior classifica della rete See you soon, Vs. Francesco (fcarla@simul.it)

Carlà

313


di novembre ==============================================================================

QM

MS TS Titolo

Autore/Editore

1 1 30 civilization 2 {W} MicroProse ST 2 2 43 Warcraft 2/add-on: Tides of Darkness Blizzard WG 3 3 53 Command & Conquer/Covert Ops. Westwood/Virgin WG 4 4 21 Duke Nukem 3D {reg} 3D Realms/FormGen SH 5 5 9 Quake {reg} Id SH 6 6 10 World Circuit Racing/F1: Grand Prix 2 MicroProse RA 7 7 52 Heroes of Might and Magic New World ST 8 8 29 Descent 2 Parallax/Interplay SH 9 9 40 Galactic Civilizations 2 {O} Stardock ST 10 10 32 Wing Commander 4 Origin/Electronic Arts AC/SI 11 11 44 Stars! 2.0/2.5 {W} {reg} Star Crossed ST 12 15 103 Doom 2: Hell on Earth Id/GT/Virgin SH 13 17 43 Fifa Soccer 96 EA Sports/Electronic Arts SP 14 13 103 Master of Magic SimTex/MicroProse ST 15 12 61 MechWarrior 2/NetMech: The Clans Activision AC 16 14 39 Gabriel Knight 2: The Beast Within Sierra AD 17 16 19 Chaos Overlords New World ST 18 20 5 Z Bitmap Brothers/Renegade/Virgin AC 19 18 52 Need for Speed Distinctive/Electronic Arts RA 20 21 92 Descent {reg} Parallax/Interplay SH 21 19 15 The Settlers 2/Die Siedler 2 Blue Byte ST 22 22 78 X-COM 2: Terror f.t. Deep Mythos/MicroProse ST 23 24 96 Panzer General SSI/Mindscape WG 24 23 156 Master of Orion SimTex/MicroProse ST 25 30 51 Crusader: No Remorse Origin/Electronic Arts AC 26 25 84 Dark Forces LucasArts/Virgin SH 27 31 39 Avarice/Preview: The Final Saga {O} CSS/Stardock AD 28 37 97 Warcraft: Orcs and Humans Blizzard/Interplay WG 29 26 50 Steel Panthers SSI/Mindscape WG 30 34 9 Links LS Access SP 31 39 33 Anvil of Dawn DreamForge/New World RP 32 33 43 Capitalism Enlight/Interactive Magic ST 33 27 8 Masterpieces of Infocom Infocom/Activision IF 34 28 43 The Dig LucasArts AD 35 29 11 Close Combat Atomic/Microsoft WG 36 35 128 U.F.O./X-Com: Enemy Unknown Mythos/MicroProse ST 37 47 3 Deadlock Accolade ST 38 32 142 SimCity 2000 Maxis/Mindscape ST 39 38 50 Championship Manager 2 Domark SP 40 36 42 EF2000/TFX 2 DID/Ocean SI 41 40 27 Fantasy General SSI/Mindscape WG 42 42 43 11th Hour: Be Afraid of the Dark Trilobyte/Virgin AD 43 45 94 Wing Commander 3: Heart of the Tiger Origin AC/SI 44 44 115 Tie Fighter/add-on LucasArts/Virgin AC/SI 45 46 104 Colonization MicroProse ST 46 43 44 Worms/Reinforcements Team 17/0cean AC/PU 47 51 15 AH-64D Longbow Origin/Electronic Arts SI 48 57 30 NBA Live 96 EA Sports/Electronic Arts SP 49 41 25 Zork Nemesis Infocom/Activision AD 50 52 12 Mission Force: Cyber Storm Sierra ST 51 100* 2 Crusader: No Regret Origin/Electronic Arts AC 52 50 46 Stonekeep Interplay RP 53 49 7 The Pandora Directive Access AD 54 48 76 Jagged Alliance Sir-Tech/Mindscape ST 55 56 196 Civilization/CivNet MicroProse ST 56 58 102 Galactic Civilizations/Shipyards {O} Stardock ST 57 53 21 Conquest of the New World Quicksilver/Interplay ST 58 59 74 Full Throttle LucasArts AD 59 70 38 Monopoly Westwood/Virgin ST 60 55 46 Hexen: Beyond Heretic Raven/Id/GT SH 61 64 48 Caesar 2 Impressions/Sierra ST 62 63 49 Ascendancy Logic Factory/Virgin ST 63 71 11 Swords of Xeen New World RP 64 60 98 Transport Tycoon/deluxe MicroProse ST 65 54 57 Phantasmagoria Sierra AD A A

A

A

A

A

A

A

A A

A

A

A

A

A A

A

A

A

A

A

A A

A

314

Cat 1 2 1 2 5 6 6 5 3 4 11 1 13 3 6 12 16 18 12 1 15 8 11 2 14 2 14 4 15 30 31 25 24 21 28 1 37 2 35 36 29 15 6 3 5 17 41 34 29 33 51 21 48 9 1 1 39 10 29 8 34 22 59 14 19

ID Punti [1879]1001 [1817] 810 [1729] 769 [1923] 670 [1999] 647 [1857] 306 [1737] 278 [1891] 247 [1828] 234 [1867] 197 [1786] 184 [1502] 200 [1787] 154 [1501] 190 [1697] 146 [1832] 142 [1937] 143 [2017] 149 [1738] 134 [1565] 168 [1953] 124 [1600] 133 [1522] 146 [1344] 222 [1741] 100 [1585] 109 [1837] 93 [1528] 138 [1757] 79 [1997] 88 [1819] 92 [1806] 85 [2002] 73 [1798] 70 [1990] 72 [1437] 130 [2023] 91 [1399] 137 [1746] 76 [1797] 76 [1900] 71 [1809] 63 [1562] 82 [1473] 93 [1496] 86 [1784] 58 [1965] 61 [1871] 63 [1906] 54 [1986] 60 [2030] 66 [1779] 61 [2003] 58 [1605] 64 [1002] 202 [1508] 73 [1853] 51 [1612] 57 [1841] 49 [1775] 45 [1742] 44 [1753] 46 [1940] 44 [1521] 57 [1712] 41

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100

65 132 62 55 68 2 69 123 61 50 -* 1 93* 2 79A 12 73 85 76 87 66 105 67 28 75 146 80A 14 72 48 90A195 77 42 78 19 74 31 82 37 8r 6 84 193 83 6 86 3 -A130 89 169 95A 92 81 153 91 195 92 6 94 2 97 43 85 34 96 143 98 13 A

Myst {W} Cyan/Broderbund/Electronic Arts AD Star Emperor {O} Stardock ST CFS Poker {O} CFS ST Ultima Underworld Blue Sky/Origin/Mindscape RP NHL Hockey '96 Electronic Arts SP The Elder Scrolls: Daggerfall Bethesda RP Jagged Alliance: Deadly Games Sir-Tech ST Afterlife LucasArts ST Rise of the Triad: Dark War {reg} Apogee SH Under a Killing Moon Access/US Gold AD System Shock LookingGlass/Origin/Electronic Arts AC Terra Nova: Strike Force C. LookingGlass/Virgin AC Doom/Ultimate Doom {reg} Id SH Marathon 2: Durandal {W} Bungie SH Microlearn Game Pack 2 {O} Microlearn Nordic AC Dune 2: Building of a Dynasty Westwood/Virgin ST Advanced civilization Avalon Hill ST Big Red Racing Big Red/Domark RA Indycar Racing 2 Papyrus/Sierra RA Shivers {W} Sierra AD Virtua Fighter Sega FI VGA Planets {reg} Tim Wisseman ST Final Doom Id/GT SH Chessmaster 5000 Mindscape ST Gabriel Knight: Sins of the Fathers Sierra AD Betrayal at Krondor Dynamix/Sierra RP Heretic/Shadow of the Serpent Rider {reg}Raven/Id AC Day of the Tentacle LucasArts/US Gold AD Star Contro l 2 : Ur-Quan Masters Accolade AC/ST Fire Fight {W} Chaos Works/Epic/Electronic Arts SH Time Commando Adeline/Electronic Arts AC/AD 3D Ultra Pinball {W} Sierra AC MortaI Kombat 3 Midway/GT AC Sam & Max Hit the Road LucasArts/US Gold AD You Don't Know Jack {W} Berkeley PU

11 4 68 62 23 71 72 54 18 22 11 46 1 39 38 4 65 72 35 39 86 3 79 84 25 6 4 6 3 92 94 61 36 11 56

[1426] 69 [1716] 40 [2022] 41 [1009] 64 [1748] 38 [2032] 40 [2031] 40 [1980] 38 [1564] 45 [1517] 39 [1438] 47 [1883] 33 [1386] 63 [1960] 33 [1764] 30 [1110] 116 [1803] 31 [1917] 30 [1862] 26 [1791] 26 [2010] 28 [1131] 97 [2004] 27 [2021] 28 [1377] 32 [1275] 64 [1566] 33 [1268] 51 [1116] 85 [1992] 23 [2029] 21 [1754] 20 [1755] 18 [1379] 33 [1790] 15

Legenda QM=

MS= TS= Cat= Id= Punti=

posizione di questo mese posizione del mese precedente. totale settimane di presenza all'interno della Top 100. tipologia del gioco (Azione (AC), Strategia (ST), Role Playing (RP). Adventure numero identificativo. punteggio ottenuto.

La classifica di questo mese potrebbe essere usata per visualizzare il concetto di stabilità. Addirittura i primi undici posti sono occupati dagli stessi titoli che già li occupavano. E questo a conferma ulteriore, se mai ce ne fosse bisogno, che il mercato va nella direzione da me più volte descritta: pochi grandissimi titoli dominano

(AD). Sportivo (SP). Simulazione (SI). Puzzle Game (PU)).

le posizioni

di testa. E questo per molti mesi e a volte per anni. Senza che il pubblico senta assolutamente il bisogno di un qualche ricambio. Se non quello offerto dagli stessi dominatori nella release successiva. Vedremo comunque, nei prossimi mesi, con l'uscita dei titoli natalizi, se ci saranno spostamenti.

Commento alla Top 100 di novembre 1996

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

315


coordinamento di Corrado Giustozzi

FRA I PORTALI StoryWare, ovvero pagine dedicate a racconti di fantascienza e fantasy. Questo mese: il racconto di Giuseppe De Rosa "Fra i portali" e, nelle news, più corpose del solito per recuperare lo spazio perso il mese scorso, la possibilità di votare i racconti presenti su MC-link (spediti anche dai lettori di questa rubrica), i nuovi libri elettronici realizzati da Liber Liber e prelevabili gratuitamente via Internet e i "mirror" della biblioteca telematica.

(

A volte ritornano ... per fortuna. Il racconto di questo mese è di Giuseppe De Rosa, che come ipiù attenti ricorderanno è apparso più volte in questa rubrica. Obbligatoriamente, visto che Giuseppe, insieme a Francesco Grasso, Roberto Sturm, Mirko Tavosanis e appena un 'altra decina di persone è autore della migliore produzione italiana di sf amatoriale e no. E a conferma di ciò Giuseppe, con questo racconto, si è classificato secondo (con una manciata di punti di scarto) all'edizione del Galaxian Prix che si è appena conclusa. Prima di lasciarvi leggere "Fra iportali", una risposta generale a tutti coloro che, bontà loro, mi chiedono 316

a cura di Marco Calvo

giudizi su ciò che mi spediscono. Due parole che mi trovo periodicamente a ribadire, ma è evidentemente necessario considerato il ricambio generazionale di chi segue questa rivista. Purtroppo proprio non ce la faccio a rispondere a tutti, e poi, piuttosto che un giudizio (nb .. i miei giudizi valgono quanto quelli di un qualsiasi vostro amico cui piace la fantascienza) mi permetterei di darvi un consiglio. Pur non avendo nessuna speciale competenza nel campo della letteratura fantastica, leggendo centinaia di racconti in questi anni una cosa l'ho imparata. Per scrivere bene, bisogna scrivere molto. Scrivere e far leggere, quindi ancora

)

sCrivere. Scrittori, a mio modesto parere, un po' si nasce le capita spesso di intravedere un talento anche in mezzo a errori di sintassi e di grammatica che rendono il racconto non pubblicabile), molto lo si diventa. Giuseppe De Rosa ad esempio, come altri, scrive molto. Magari fa pubblicare poco, ma scrive di continuo, e poi sperimenta. Il racconto di questo mese, sempre per rimanere in tema, l'ha scritto appositamente usando uno stile quanto più lontano possibile dal suo. Un po' per gioco, un po' per imparare. Insomma, se vi diverte scrivere, semplicemente continuate a farlo! E nel frattempo, buona lettura.

FRA I PORTALI racconto di Giuseppe De Rosa

La prima volta, non se ne accorse. Lei se ne stava seduta sul prato, gli occhi fissi sulla cabina di vetro azzurrato del portale distante solo qualche passo, le ginocchia strette al petto, lo sguardo assorto. Lui non se ne accorse, andava di fretta. Entrò nella cabina, scelse la destinazione sulla colonnina nera, salì sulla piattaforma e sparì.

** * Il giorno seguente, lei era di nuovo lì e lui non poté fare a meno di notarla. Una pioggia primaverile fine e leggera caduta durante la notte aveva inzuppato i

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


giardini che circondavano il portale e così questa volta la ragazza era in piedi, col viso quasi schiacciato contro il vetro della cabina, e guardava all'interno. Lui se la trovò davanti, che gli impediva il passaggio. Prima che potesse dir qualcosa, lei si fece da parte e lo lasciò passare, continuando a guardare all'interno del portale, come se nulla fosse accaduto. Lui non badò alla cosa ma, giusto un attimo prima che il sistema Farcaster della piattaforma scomponesse il suo corpo atomo per atomo per proiettarlo al portale prescelto di destinazione, provò un inspiegabile senso di disagio ed uno strano fremito gli corse lungo la spina dorsale. Girò la testa per vedere se la ragazza lo stesse guardando ma quando terminò il movimento il portale era già cambiato e non c'era nessuno a spiarlo da dietro i vetri verdi della cabina. Uscì dal Farcaster e si incamminò verso il suo ufficio, distante appena un paio di isolati dal portale verde, ma lontano qualcosa meno di tremila chilometri da quello azzurro da cui era partito. AlIa ragazza non pensò nemmeno una volta, durante la giornata.

* * * Il mattino successivo però, lei era nuovamente lì, seduta sul prato ormai asciutto, con le ginocchia fra le braccia e lo sguardo perso nell'azzurro cobalto del cristallo della cabina poco distante. «Perché se ne starà seduta lì in quel modo?}) si domandò lui per la prima volta, incuriosito, e si fermò ad osservarla. Sotto un lungo spolverino nero tutto sgualcito la ragazza indossava un paio di jeans scoloriti ed una felpa grigia. Ai piedi portava scarponcini di cUç>io nero sporchi di fango. «E brutta}) pensò quasi immediatamente, osservandone i lineamenti. La carnagione, notò, era straordinariamente pallida,

lunare; il naso era piccolo e anonimo, la bocca solo una fessura stretta, con le labbra sottili quasi prive dì colore. Gli occhi chiari e piccoli apparivano vuoti, slavati. I capelli, corti e dall'aria spettinata, erano invece di un vivido color rame ma sembravano ispidi, stopposi, come quelli di una vecchia bambola abbandonata in soffitta. Mostrava diciotto, forse vent'anni. La ragazza sembrò non accorgersi affatto del rapido ma minuzioso esame cui era stata appena oggetto, continuò a fissare il portale, come se fosse in attesa paziente di qualcosa, o qualcuno. E poi, all'improvviso, accadde. Vide gli occhi della ragazza dai capelli rossi ingrandirsi per la sorpresa, la bocca muoversi lentamente a formare uno strano sorriso, truce e soddisfatto, quasi una smorfia. Sulle prime non comprese, pOI SI voltò a guardare verso il portale. Non c'era nessuno In vista, dietro i vetri azzurri. Nessuno nemmeno fuori dalla cabina, o nelle immediate vicinanze. In

quel momento l'unico essere umano nei paraggi era lui stesso. Tornò allora a girarsi verso la ragazza, che nel frattempo si era alzata in piedi e si stava avvicinando alla parete di vetro del Farcaster. Aveva una strana espressione dipinta sul volto e non lo degnò di uno sguardo. Tutta la sua attenzione era rivolta al portale, o almeno così gli parve. Vincendo la curiosità e cercando di far finta di nulla le passò davanti ed entrò nella cabina. Quella ragazza era strana, svitata, forse perfino drogata e per di più era brutta e decisamente troppo giovane per lui. Meglio ignorarla. Una volta dentro però,

digitò in fretta il codice di destinazione sulla colonnina nera e poi si voltò, per vedere se lei lo stesse osservando. Lei era lì, immobile. L'espressione sul suo volto scialbo adesso era di curiosità, più che altro. Stava guardando lui, non c'era dubbio. Lui abbozzò involontariamente un sorriso di circostanza, sentendosi improvvisamente a disagio, e poi salì sulla piattaforma. Quel giorno, pur non riuscendo a spiegarsene la ragione, quella strana ragazza dai capelli di bambola fece capolino più volte, nei suoi penSieri.

* * *

L'illustrazione per il racconto . "Fra i portali)) è di Paola Fortunati

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996

317


Il giorno dopo se la ritrovò seduta sul prato, sempre nella stessa posizione rannicchiata, sempre con lo sguardo perduto attraverso il portale. «Buongiorno» le disse lui prima di entrare nella cabina, accennando anche un saluto con la testa. La ragazza non rispose, sembrava non avesse neppure sentito. Lui allora fece spallucce, entrò nel portale, digitò la sua destinazione e scomparve. Continuò così per un po'. Lui al mattino la trovava seduta sul prato, oppure in piedi davanti al portale, le diceva «Buongiorno» e poi entrava nel Farcaster, per sparire e riapparire a migliaia di chilometri di distanza. Lei, dal canto suo, non gli prestò mai la minima attenzione, assorta com'era in quel suo continuo stato d'attesa.

* * * E poi, in un grigio e pungente mattino piovoso ai primi di aprile, le cose cambiarono. Lei era in piedi davanti al portale e lui, passandole davanti come tutte le mattine, la salutò con il suo solito cordiale e impersonale «Buongiorno». Ormai sapeva che era inutile aspettarsi una risposta e, del resto, non era affatto sicuro che gli avrebbe fatto piacere ricevflrne una. Continuava a salutare la ragazza soprattutto nella folle speranza di riuscire in qualche modo ad alleviare il disagio che provava ogni volta che saliva sulla piattaforma e sentiva di avere i suoi occhi puntati addosso. Rimase perciò impietrito quando lei finalmente gli rivolse la parola. La ragazza si voltò verso di lui e gli domandò: «Non hai mai paura?» Lui si fermò. La voce della ragazza era un po' roca, ma ben modulata. Gli piacque immediatamente. «Paura?» chiese a sua volta, non riuscendo a capire 318

a cosa lei volesse riferirsi. «Paura ... » disse lei indicando la struttura in cristallo azzurro e acciaio nero del portale «sì, insomma, di questo ... del teletrasporto». «Oh? Del Farcaster? No ... certo che no», rispose lui, sinceramente meravigliato. «Perché mai dovrei» cominciò, poi osservò l'espressione disegnata sul volto della ragazza e improvvisamente capì. Questa volta toccò a lui strabuzzare gli occhi per la sorpresa, mentre realizzava l'assurdità della situazione. «Lei non ... non ha mai usato i portali», disse nel tono più comprensivo che gli fu possibile trovare. «È così, non è vero?». Improvvisamente, si rese conto che era importante che la ragazza non pensasse che la stesse deridendo o prendendo in giro. «Ma che mi sta succedendo?» pensò, in preda ad uno strano intorpidimento. Aveva la punta delle dita che gli formicolavano ... e la cosa era quasi piacevole. La ragazza non rispose, ma ~ostenne il suo sguardo. «E per questo che se ne sta qui tutte le mattine a fissare quelli che partono?» la incalzò lui, dolcemente. «Non hai mai paura di ... non ricomparire dall'altro Iato?» insistette invece la ragazza, continuando a dargli del «tU» e ignorando la sua domanda. Involontariamente, lui si lasciò scappare un sorriso. Poi scosse la testa, cominciando a spiegare. «Se sapesse come funziona il sistema Farcaster, scoprirebbe che non c'è alcun motivo per avere paura di ... ». «So come funziona» lo interruppe lei, sorridendo a sua volta. Il suo sorriso a lui non piacque; le labbra già fin troppo sottili della ragazza sparivano quasi del tutto quando sorrideva, inoltre aveva denti grandi e storti che non erano piacevoli, da guardare. «Ma, allora ... se lo sa,

perché ... perché?». Lei rivolse lo sguardo verso il prato del giardino che circondava la cabina, indicando il punto in cui lui l'aveva sempre vista seduta. «Vuoi sederti?» gli chiese infine. «Uh? Ma ... il prato è bagnato, e io ... no, io non ... mi scusi ma devo proprio andare, adesso» rispose lui, arrossendo. Si sentiva spiazzato, cominciava a non capirci più nulla, in quella conversazione. Lei non disse altro, annuì, si scostò per lasciarlo entrare nella cabina e rimase a guardarlo, in silenzio. Lui sbagliò due volte il codice di destinazione sulla colonnina nera, poi finalmente digitò la sequenza corretta, si voltò, alzò una mano in segno di saluto e salì sulla piattaforma. La vide scomparire istantaneamente, mentre i vetri diventavano verdi. Uscì dal portale. Il cielo era azzurro e pulito. Il sole primaverile tiepido, luminoso. Per un istante rimase a contemplare l'idea di ritornare indietro, a casa, al grigio e alla pioggia. Si chiese se sarebbe riuscito a convincere la ragazza dai capelli rossi a venire lì insieme a lui, a godersi quello splendido mattino di primavera. «Lascia stare, quella ragazzina è matta», mormorò alla fine fra sé e sé e con passo spedito si diresse verso l'ufficio.

* * * Il mattino seguente lei lo aspettava seduta sul prato. Quando lui la salutò, lei gli fece un cenno con la mano, invitandolo a sedersi. Lui rimase per qualche secondo indeciso, guardando alternativamente la ragazza e il portale. Una donna robusta con un bambino in braccio stava entrando nella cabina, diretta chissà dove. Senza volerlo, si domandò se quella donna avesse mai avuto paura di usare il Farcaster. «Farò la figura dello stupido seduto in giacca e cravatta sul quel prato» pensò

mentre scavalcava la piccola siepe che cingeva il giardino. «Salve», disse sedendosi sull'erba soffice e profumata a circa un metro di distanza dalla ragazza. «Salve», rispose lei imitando il suo tono impersonale, fissando il portale. Lui cercò disperatamente qualcosa da dire, poi, con un'intuizione improvvisa, si rese conto che qualsiasi cosa avesse detto non avrebbe avuto importanza, per lei. Quella ragazza non cercava nulla da lui, ora lo sapeva. La cosa lo fece sentire improvvisamente più sereno. Non aveva nulla da temere. Rimase seduto sul prato, assaporando l'aria fresca e profumata di erba, godendosi il silenzio, osservando la gente che compariva e scompariva nella cabina del Farcaster, che andava e veniva. Dopo qualche minuto fece per alzarsi, doveva andare in ufficio. «Beh» disse «io vado. Arrivederci» . «Aspetta ancora un po', arriverà, viene quasi sempre», disse lei, sempre senza distogliere lo sguardo dal portale. «Chi ... chi verrà? Aspetta qualcuno?». «Voglio che lo conosca, così capirai». «Capirò ... cosa? lo ... accidenti, io proprio non riesco a ... » cominciò lui, indeciso se sentirsi imbarazzato o infuriato. Quella ragazza pareva non essere in grado di seguire una conversazione normalmente, procedeva secondo degli schemi tutti suoi. Sembrava quasi volesse divertirsi a vederlo confuso, spiazzato, anche se era evidente che le cose non stavano realmente così. Lei gli prestava così poca attenzione ... «Oh beh ... », continuò «ha ragione, non riesco a capirla ... cioè, insomma ... è meglio che vada». «Eccolo. Guarda!» esclamò lei, sempre senza voltarsi a guardarlo, mantenendo lo sguardo fisso sul portale.

MCmicrocomputer n. 167 - novembre 1996


L'espressione del suo volto era sorpresa e soddisfatta nello stesso tempo, quasi spiritata, e lui d'un tratto ricordò di avergliela già vista sul viso diversi giorni prima. Questa voltà però, al contrario della precedente, quando sollevò gli occhi sul portale, anche lui rimase a bocca aperta per lo stupore. Anche attraverso i vetri colorati della cabina potè vedere chiaramente la sagoma di un uomo materializzarsi sulla piattaforma. «È Jack» disse la ragazza, voltando finalmente la testa verso di lui «cioè, io lo chiamo Jack. Sai, come Jack lo squartatore». «Tornò poi a voltarsi verso la cabina e mormorò sottovoce: « Fai ciao al signore, Jack, non essere scortese». Lui vide la figura acquisire sostanza, i lineamenti del volto farsi sempre più nitidi. e poi sbiadire velocemente, mentre il corpo si smaterializzava di nuovo, svanendo. «Sai, immagino che anche lui non avesse paura dei portali. E adesso ... è diventato un fantasma. È intrappolato lì dentro». «È.. impossibile», fu tutto quello che riuscì a dire lui, boccheggiando. Quello che aveva appena visto era semplicemente impossibile. La smaterializzazione, il procedimento di scansione atomica del Sistema Farcaster era istantaneo, lo era sempre stato. Era talmente perfetto da sembrare magia: un attimo prima non c'è nessuno sulla piattaforma e l'istante successivo il viaggiatore è lì intero, solido, completo. Senza fasi intermedie, senza attese. Anche volendo, non era assolutamente possibile accorgersi del momento della trasmissione, della smaterializzazione, né da parte del viaggiatore né tantomeno dei possibili spettatori.

*** «Vengo quasi tutti i giorni, a controllare che sia sempre dentro, che non