Page 1

LIRE 7WB -.OTTOBRE 1990

, f ~ ~ . ~

- N-100

100 numeri di MCmicrocomputer: l'indice analitico generale Il piissato, il presente, il futuro'dell'MS-DOS: ne parliamo con Bill Gates I transputer e la programmazione parallela I virus e il computer Un decennio di grafica Momenti evolutivi neglispreadsheet Il computer in aiuto di chi non può vedere I risultati di AMIGAllery '90 Le anteprime sullo SMAU h

NUMERO-

'


A

ai P

Nome via Cod. P

C

.

.

-


. "1,

I,

- ,

i; h 1 ;

,

m

..

:,,"

- -

'

' .

.

,h!

.

.,>&-

.

'

.

*"q

.. .,

<

-

8-=-

q,,,-,

F

=l

y

::?,,LUI I !l -

.-

L~PC,~'

<L

.,A

,L-

11 giro del mondo in 6,4 Kg. Per chi amo viqgiire, ilpersona1 computer portatileVeridata lappower 286 (miaaprotessore 80E286/12 MHz)

è un bagqlio indispensabile: può c o r i i o ~ lino e a 40 Mb

B archivi, lettere, statistiche e doti ottimamente visuolizzaii grazie 01 suo ampio display d alto risoluzione (VGA

640x480 o 1Q tivelh di grigio), e sempre disponibili in sdi 6,4 Kg. Y o o n b rhi si obborrdonri solo a vioggi iminiigin m i l o l r m 8 eccezidpr-

che è tosi potente do i d o r -

sh di erpcinsione e di una memoria di W aggiuntiva. h gamma dei mwlelli Veridain wm

prende il Loppower 386 Irnuroprotnsoiie 80C386 a 20

MHzl e lo l i i o notebwk, tomposto dadue modelli uhroportotili del peso di soli 3 l(!: ilTurbolite 1 10 e

ilkrbdite 1 Il, entrumbì badsv mWroprotess~e80C88 a 10 MHz. Un ohro vantaggio dei paitaiiii Veridaiu? In

qualsiasipmto vediate porhrli non d m t e mai fare ilbiglietto. Yioqgiano tranquillamente nel vostro zaino.

Where creativity thrives w i h Ingenuity

.

7

,

Tf!?

1


OTTOB

Int&igeiiza dttifieiala di f l a f k h h Masi l Sstèmi Esperti

d i ~ f o I h i Q&hiwdelle emmhi in Turba R W 6.x

Wtwamkbsn a 8 u r a d 1 V i n ~ F ~ r d i i

Shaps E d i i amiaBWDiDo

M w i W - Termodi-

O m k d ' m : BUI

--

n

BBP

'm

m

Sa


che, in occasioni particolari, ci si volti indietro a guardare il cammino percom. E il numero cento B di sicuro una di queste occasioni. Ă&#x2C6; una specie di pietra miliare. Cento fascicoli di MCmicrocomputer, cento copertine. Potete vederle tutte qui a fiarrco. Osservatele, e cercate di ricostruire la storia di questi nove anni. Volevamo farlo per voi, in un lungo articolo che n'pemrresse almeno le tappe fondamentali dell'evoluzione dei mondo informatiai. Poi, di fronte alle cento wperiine in formato ridotto inmIIate sul pannello da fotografare, abbiamo preferito proporvi di essere voi a cimentarvi in una specie di gioco.

Se vi va, cercate di ripensare a nave anni fa. I piĂš giovani sorrideranno nel1'immaginare macchine quasi primordiaii che non hanno mai visto, i meno giovani ricorderanno quanti salti mortali per far funzionare macchine troppo poco potenfi ma troppo costose. Buon divertimento. Non posso non dedimre un grosso ringrazjamento a tutti coloro che hanno reso possibili i risultati ottenuti: lettori, collaburatori, operatori. Sei milioni di copie stampate in nove anni: una pila alfa quasi sessanta chilometri. Stiamo crescendo di oltre un chilometro al mese; di questo passo, fra meno di una quarantina di numeri saremo a

cento. Grazie. Marco Marinami


MCmicrocmputer

n. 4 00 - ottobre 1990


Indice deg

--

APC ex A M -Via Magenta, i 3115r - 50123 Firenze AR. Comwuter srl ex Info-Sist- Via Malta. 8 00198 ~ o & a Akmeofr- C.so Manini, 80 - 500W Figline Val D'Arm Acw sd -ViMichelangelo Cianciulli, 41 . - - . .- ..AEG Mp@aItaliane spa -Via Stephenswi, 94 M1 57 Milano %8HD san - Via Ogliaro, 4 - 10137 Torino Apice *as - Vm Manzoni, I - 28100 Novara

Armonia Computem ari- V.le Csrducci. 16 31015 ~oneglbno Artek - Via Gom e &?Mole. 15Wz - 51 100 Rstoia Atarl ltalli spa - Via Bellini. 21 - 20095 Cusano Milanino h o n spa -Via Roma, t08 - Centro Dir. Lornb. 20080 Cassina de' Pecchi Baxd s> - Vis Ippolito Nievo. 61 - 00153 Roma -Via G. Cavalcanti. 5 - 20127 Milano M a n dM i a Brother tMca Equ$nwrM sps - C. Dir Lomb.. &l. CD3. Via Rma. 108 - 20060 Cassina de' Pecchi - P.le V. Bottego, 51 - W154 Roma BuHetti Data CD-C. s p -\[H Tosco Romagnala, 61 - W 12 F o m w t t e C h C . spalCompubsr Dis~ount Via Tosm Romagnola. 61 - W31 2 Fomacette Cakomp spa - Str& 1 pal. F1 20090 Milanofiori Asssgo CDMP - Via Arnatea. 51/53 - 95129 Catanta CWmm Europe LTD - Welling. House 4-10. C m k y Rmd Uxbridge Middles-- UB8 ZXV Co.LS.6.Eari -V.le Reaina Mam herrta. 8ia 95123 Catania Commodoraltaliina i p a -Viale ~ u hTesti. i 280 20126 Milarm Center - Via Forze Armate, 26013 20152 -. -- Milano Computer Point - Via Leoncavallo. 19 - 20131 Milano D-Mail srl - V.le Corsica. 92 - 50127 Firenze Daker orl - Via Verom. 28 - 33100 Udine Data Ammatlon si-Milano Fiori Strada 4 pal. AZ

3 inserto

-

-

M094 -ago

-

Royal Acteam

-

Salient - Acteam $.C. Computers - Via Enrico Fermi. 4 400.24 Csstel San Pietro T. 8.H.R Italia srl - Ma Faentina. 175/A 48010 Fornace Zarattini S.N.I. - Via Bari. 12 - 71 100 Foggia S.T.E. sd - Via Casanaari. 29 - W142 Roma Siemins Deta s p - V.le Monza. 347 - 20128 Milano Simuimm& srl - V i Beni PicZaat, 26 - 40127 Bdcgna S l n m srl- Via Cassia. 701 - W189 Roma S0.GESE. srl Laser -Via dei Mille, 1 - 25122 Brescia Soffcom m i - P.aa del Monastero, 17 - 10748 Torino Soim spa -Via Eridano. 15 - 26100 Cremona m r n European Computer - Via Molino, 2 22WO Montorfano

Data Pod srl -Via M a f h Psntaleoni, 25 00044Frascoti Datsstsr sri Via Guicciardint. 29 50047 Prato Dlgitek srl- Via VJli. 28 4201 7 Bagno10 in Piano Dlgitron srl Via Lucio Elio Seiano. 15 - O0174 Roma EG1.8. Via Castro de' Volsci. 42 - 00179 Roma Easy Dnta V i Adolio Omodeo, 21B9 007 79 Roma EC8 Via Casanni. 31c 40131 Bolcgna

-

-

-

-

-

-

-

-

-

mite Group Aeteam Epson Italia s p -ViF.lli Casiraghi, 427 20099 . s t o San Giovanni t r e u m v e d i M & C s n - M a B u o n i , 23 22053 L m Executivc W i sai -Via Saigno, 7 - 40141 Bologna Onia Autwnatfon sd - V i Cevallotti, 22 40200 Reggi0 Emilia mSWI - V i L. Kossuth, 2W30 - 57128 Livorno

Soyo - Actearn Cparta Informatica srl -Via delle Sette Chiese. 142 M11 45 Roma Spam - Via Ponchielli. 281c 10154 Tonno Sirhold opa -Via Cipiani, 2 42100 Reggio Emlia Technlrnedia -Via Cado Ferrier, 9 00157 Roma

W-~cttearn

Glannl Veeehieta G W - V i della Selva Pescamla. 12/8 40131 Bobgna Via Poh. 9 Gruppo -ah J-n 20124 Milano H-HC. Itallana $14 -Va 5. Maria Goretti, 16 - 00199 Rma Heuvlett Packatd hlim -Vm G. di Vittorio. 9 20063 Cernusco sul Naviglio H i i i Sdes bruana spa -Via Ludoviw di Breme. 9 20156 Milano W InDwnat. Computer Pmducts sri - Via dei Berio, 97 00155 Roma AtformatiFa 90 d - Via G e m n i c o , 24 - 00192 Roma h h r m a t b italla srl - Via Piani, 18 19129 Torino Jen Ekttmnicm sil - Ma Ravenna, 98 - 85122 Pescara J w n - Actmrn Kyber Calmhtori orl - V i L Anosto. 18 - 51 100 Pistoia Kun Ying - &=m Lifeboat Assaaatesbia &-Via Frua. 14 20146 Milano LogiPeEh

Luigi spa -Via Banco di Santo Spirito, 55 00786 Roma MA.STE.R. E d i i e e - Via De' Filippis. 6 - 87100 Comnza Maff srl -Via Pamcelm, 18 C. Colleoni 20041 Agrate Bnanm Manager srl -Via Poggio Ameno. 100 - W1 47 Roma Mannesmann T e & - VV Borsinr. 6 - 20094 Corsim Mar Computer - Via Roma. 54 - 30172 Mestre W' Team - Via Pironti, 27 - 83100 Avellino Msdm D i i - Via Ciociaria, 12 - 00162 Roma Mega Byts - Via Castello, 1 - 25015 Demnzano del Garda MlcSysmn wl - VH Matteatti. 50 - 19032 Lerci MicmForum- 944. St Clair Ave. West W 0 MBCI CB Toronto Ont Canada M i c m h k 4-Via Monteam~~a. . . - 177 - 50047 Pram Miaosoft spa - Vis kassanese. 244 Pal. Tiepdo 20090 Segrate M i Italla srl - Via A Bertoloni. 26 - W1 97 Roma M i b b Computer S u p p l i i srl - Il Girasole U.D.V. 2-01 - 20084 Lacchiarella Modern Acteam hltkvstem sas - Via Angelo Carrara, 226 int. 9 t' 8147 Genova Nan Tan - Acteam %C W n S m m s Italiana srt l s t h z b a l e V.le Milanofiori Str. 6.Pal. H1 - 20089 Rozzano Nsc &sinSysPams italiana si W D r Y io n Disk V.le Milanofiori Str. 6.Pal. N1 - 20389 Rozzano &l- C.so cacai; I20 - 10132 Torino Newol sd - Via Mac Mahon. 75 - 201 55 Milano Ovefine hrnputsrs srl -Via Manzoni. 17 20055 Renate P.G.C. Computer Homa s m -Via Casilina, 2Wa 00178 Roma Peripherak srl - P.zzle della Vittoria. 4 - 80078 Pozzuoli . Philips spa Monitor - P.zza IV novembre. 3 20124 Milano Progetto Softwam - Via Rodi. 39 - 10095 Gnignasco (l& 32 sr1 -Via Giano della Bella. 31 - 50125 Firenze

-

,

-

-

Tekom sii Argus - Via M. Civitah 75 - 20148 Milano Tulip Comptem tlalla spa - Via M e n a t e . 7613 20138 Milano U n b - Via Giuseppe Rorani. 18 - 00137 Roma Unibit spa - Via di Torre Rigata. 6 - 00137 A m a

Uniwam wl - Vn Maiera, 3 - 00182 Roma Vegas Computer Communimt. Itella spa Monitor Via Casigrwlo. 50 - M092 Cinisello Balsamo Wam &t - V.le Pasteur. 70 - 00144 Roma Word Pwfect ItaL - Corso Sempions, 2 - 20154 Milano ZM1icheiE E d i i r e spa Ma Irnerm. 34 - 40126 Bolwna M iD a t ~ S ~ m Italla s sd - Str. 7, Pal. T 3,

-

Mihnofmri - 20089 Roaano

MCmicrommputer n. 100 - ottobre 199Q


Se ti abboni o rinnovi i'abbonamento a MCmicrocomputer, puoi ricevere due minifloppy, oppure due rnicrofloppy Dysan doppia faccia doppia densitĂ , con un supplemento di sole 3.500 lire. Non perdere quest'occasione! Ritaglia e spedisci oggi stesso il tagliando per sottoscrivere l'abbonamento pubblicato nell'ultima pagina deila rivista. I dischetti ti saranno spediti in una robusta confezione a prova di danneggiamenti postali.

-

DUE MINIFLOPPY DA 5.25" OPPURE DUE MICROFLQPPY DA 3.5" DOPPIA FACCIA DOPPIA DENSITA

i

'i \

.-a


SOFTCOM: i

ITÀ

~m L

.

-,.

C

.

,

h,

NOTEBOOK 286

!#:o,.-

. ' T+;:: , ,:L - ,-.T". '

.-

8

,

1

- > -

3" , i

,/::

,

.

BCANNER DESK TOP A4

dh;

Q1300 DPI .DI RISOLUZIONE

TONALITA DI GRIGtO SELEZIOMAB[LI DA PANNELLO PATIBILE CON T U T I I PRlNCIPAU PACCHEITI GRAFICI: E MAKER: VENTURA*, GEM: WINDOWS PAINT OLLEGABILE A SCHEDA FAX OMPATIBI&E CON S Q W A R E OCR. OSCIBILITA DI SALVARE NEI FORMATI; TtFF, IMG, CUT, , OCFI.

L. 1.38Q.000+IVA L. 190.000+ IVA

A ,_

HANDY SCANNER HANDY SCANNER OAIIC, 32 SCALE DI GRIGIO 128 rnm DI SCANSIONE, 4M DPI D1 RISOLUZIONE. COMPATIBILE CGAMGA-VGA E CON I MAGGIORI PACCHElTI GRAFICI

-

SCHEDE VGA 1024x768 -

Mt*r0rr 8tikEQOhOMa768 'WMFATfBILE CGMbiPa E VGA4GClTA A W G I G A E PldITAiE DISPQNIEtlLE MtlOVD MOBELLO IWk?t&A 256 mLORI 1MB .1& BIT (i3IKMDJ

L. 13iBBQOiIVA L- a~$.i~oo-clVk

DlSPQNIBtLE NUOVO SCANNER

COLORI DFI

F,m.

( F T ~ O ~ O IMB)

i 3

&

8

L. 359.000+IVA 58

790.00O+IVA PER ULTERIORI ARTICOLI CONSULTARE AL FONDQ RIVISTA "GUIDA COMPUTER'"

52


HARD~DISKREMOVIBILI

MONITOR VGA 14'Y19N MONITOR VGARJIULTISYNC14"n9" - MONOCROMATICI CULORi COMPATIBILI CGAIMGAIVGA CON UNA RISOLUZIONE D1 8M1x60W1024~768.

250.000+ WA 590.000+IVA L. 740.000+IVA L. 1.990.000+1VA

L.

WGA MONOI

(VGA COLORI 14") L. (MULTISYNC M") (VGA COLORE 19")

.

m-

SEMPLICE DA INSTALLARE, COMPATIBILE CON QUALSIASI HARD DISK 3" 1R. MOLTEPLICI LE SUE APPLICAZIONI: TRASFERIBILITA D1 UM UARD DISK SU PIU PERWNAL, UTILIZZO COME BACK UP, RISERVATEZZA DEI DATI AL PRQ.20 DI UN NORMALE HARD DISK NELLO SPAZIO DI UN DRWE 5" 114. COMPOCTO DA FRAME EEE!4NO+FRAME INTERNO+BORSA PER TRASPORTO.

KIT SENZA HARD DISK

i49.ObO+lVA

KIT 20 MB

489.000+ IVA

KIT 40 MB

648.000+ IVA F 4

=zr

'I

I SChdDE DI RETE DFI

8/16 BIT - COMPATIBILE NOVELL* (NE10001NE2000) STANDARD ETHERNET - 10 MBITKEC CON T CONNECTOF

(8 BIT)

L. 290.000+IVA

(1s BIT)

L. 390.000+IVA

COPROCESSORI MATEMATICI INTEL 8087-5

L. 169.000

INTEL 80287-10

L. 369.000

INTEL 80389-16

L. 559.000

INTEL 80387-SX

L. 559.000

INTEL 80387-20

L. 599.000

INTEL 80387-25.

L. 798.000 L. 998.000

INTEL 80387-33

I PREZZI SONO IVA ESCLUSA

'

m

I

MOUSE PAD &WLE:

L"39.000+ IvA OFFERTA

SMAU '90

STAMPANTE LASER C-HITQ SCHEDA FAX XT/AT TAVOLETLA GRAFICA 1212" MODEM SMARTLIPIK 1200

L

OFFERTA

L. L.

I

490.000 490.000

I PREZZI SONO IVA ESCLUSA

PAD: 17 STAND: M28

,,

ha2

NUOVA FILIALE I N LIGURIA: V. MAGENTA, 1 - 17020 BORGHEITO S.S.SAVOMA - TEL. 01821950100- FAX 01821950104 *


Hitachi 14MVX. Come proteggere due delle vostre pi첫 preziose risorse


N S ~ ~ ~ d i ~ i ~ s t m a s e m p m ~ ~ d i f f u naynetaoo s i . ed dletmstatioo, risponde aik pih severe di Eso~wiserrrpledipiii&lee&impi& skurezzagiàinvigoreinaitripaesieumpej. ~ ~ a d @ ~ ~ d I ~ a l Ma i'ergwlmnia t anche -iu p-kzirmata vkko. dah trat-o mtiflesso dclki sdiemio E Y @ m m h a U & a i b ~ & H h & b IS**, tlalla base oscillante e hudante & m a m a n a n ~ Mw'&kta;iìgiii a swM -te di orientarlo mlla posizii più rip0m-d.e e ~ d a b w i r r s s ~ dai ~lrmancii posti hmhhmk e cpkb ho$,& +-m,r?

e

V

n

~

E

i

r

e

g

m

z

i

e

~

,

~

~

tk&suebm@gbi,~priw=di~, -unge aiiche I'obbiettniio. & sdw@mch l

h ~

~

~

k

Infatti@*~~a~q$kmn-a ~ 1 4 M i ! X ~

~ w

e

~ &

h

~ i

~

C

niudi. L ' h t i s s i m a ri~duzb-eIniax i024 x m)C ~ r b b - p i t d i d i S c d i Q , ~ m . ~ ~~ m m u ~

-delk-*. Ql@&t&fitacRil~,&d~~h~~uimpa

HIT ON HITACHI

b

o n i , T o R

a~xssib*. Hitachì 14MVX C mmpatibi m i più -ti standard 6 1 in a m b i t e IBM WGA, Super VGA, ~ bed in 6~ Appie.(MacIntosh). ii che lo 85l4A, ecc.) rende uno dei giù &cienti, affdabii e fkss~bili-t= in c h h i o w , a cui mìmnte la pena dare un'wdiiata.

sul sorprmdmte IWachi UMVX p k t e t d e h a r e a: Hitachi Saks Italiana SpA - Divisimie kw W a Vi L W i di 8- 20156 M i El. 02-30231


I

T

A

L

I

A


.

.

I

Ili, è


"Il nuovo Atari ABC

MS DOS resiste ai peggiori

carichi

Ing. Marco Guerra, Amministrtibre Oelegdo ATARI Itulio.

"

W

I"<+,

< O'.

' P.


II

I( II

. "Per la vostra ozienda o studio professionale, è molto peggio avere un PC fermo che non averlo aifatto. Percib, fidatevi dello Nuova linea Atari ABC. I suoi modelli sono nati per il lavoro, ma anche per il supertavoro: il doppio controllo delle componenti, olio fonte e dopo I'assemblaggio, è una doppia garanzia di aff idabilità. L'ABC 286.30 lavora con I'evoluta architettura AT e con processore Intel 80286; con hard disk da 30 M0 e memoria Ram da 640 KB espandibils su scheda fino a 4 MB; e con un Roppy disk drive da 3.5" e 1.44 MB. Sono compresi nel prezzo il sistemo operativo MS D05 3.3 e il GW Basic. E ricordate anche le versioni 16.286.60 e 386 SX.40, ancora più

.

potenti e veloci, Se ancoro non siete convinti, telefonate alla hot line Atari, W6196462, o venite o trovarci allo SMAU, padiglione 17, Salone 1 Stand H20 M21P

POWER WITHOUT ME PRICL


c per Windwrs 3 Miirocoft EXEeI 2 . 1 can ~ @E Mk& Ewcal8.1 per 092 PM LobiP l-Mial.S;1 h& 1-24 Bl. 2 2 m$1.2% M a n d Quatmr Prafe8sW ~nlomilxwlw 3 Rekr 5.0 (mmpliaiemper Loha 1-1 ikl[crtisof~ Ewcef 2.1

Ilsoftware, tutto

)

grande utsnza e della pubblica amrninisirazioneper tufte(e pmbiemaiiche riguardanti il cohlvare pacchettluafo. I suor &i dedicati sono a drSposizions per m u l e m e , prevenilvi (volume dismunt), presentazioni, fornihrre prodotti, aggiumemenìo pacchetti soiiware e custorner ssrvice a particolari c o n d ~ o nmi

730-000

it

W.WXI

In

685.m @O.MD

f50.000 81aWO 710.wO 835.000

n

~ i i m s o fword t s ~ ~ r o s Word d t DEX Windows M i i p o Wcd ~ Wndows Wo&tar Pmkrrimai 6,O WnstlStar 2000 Plus 3.0

mPerché la dioamica shnura di Quoiha 32

r

685.W

it R it it in

in

e95.000 840.000

it

MuliiMate 4.0 HWordPsrfatH WordPeifsct 5.1 Samna Aml P r o i ~ i w r a l ChlWriter Easy Math (WP maternatim] EXP Ths Ccieniifrc Word Procassor

forie anche di una sede mgli Stati Uniti, B da sempre h siretti r a w ' con iutts /e sofhvare house del mondo: fale eperienaale consentedi iomirviquaisiasi prwbtio ~ f f w a rpresente e sul rnemto. Perché ordinando b-amrta telefono,numero -verde, linea BBS, via lax o per m,Quoiha 32 vi r m ' t a il sohare a domiailio in veniiquafho ore. Nessun aiim in Italia è in grado di offrimiun servizio coma questo: i nosbri aiiuali 7000 clienil (fra i quali CNR, INFN, ENEA,end users, grandi e@& aziendsJ k sanno bene.

li

890.000 850.000

i[

it In in Ln it in

580.0CQ

B0.WO

390.W 440.000

6W.000

W-wuiiriaieriar i ) d6ASE W 1.1

It itrin 1 it in in In in

dBASE IV Dev. ~i;iwi Wand P a r d x 3.0 W a n d Fa& 3.0'Scsrt OfP krland ReilexZ.0 aiPW 5.a dBFasmus Chmpier dBFastiWlndwvs 15 ~ a t a ~ a4s 2e DBXL D m r d FoxB888 PIus FoxPm Single Ussr Gupta 9MWindows Omnis 5 p r Windwvs Opus 1 2.1 per W i r h w a C u i i h r s r Diamand Raima db VISTA li1 &pid ~ i l e Superbase 2 per Wlndows Superbase 4 pet Windmm -

n

in

975.600 1.830.W

1.035.OW 399.000

390.000 950.000 580.000

750.000

i.tso.m

390.000

In

W.WO

in in

gg0.000 1.990.MX)

in

1.28O.OW

in

in

75ù.OW 750.000 1.490.000 Ex1.0o0 440.000

In

M.WO

In

in

n

rnem'ali.

m a p - . . - ~ ' l a s m f a pfoiessbnaie che auottI3 aa ha mcreafoper venire imntro al clientipi0 esigsnti: scuole, università. ceniri di ricerca, docsnti e siudenii, che possono

Lois Free ance Plus 3.01 AsMon-T& Appause Il

usufruire di prsw' scontati dei 40% sui listini rrfficiali Mlcmsoi?, di un listino m i t o per gli altri Wiiie di partimiari condizioni di pagamento.

a

E. i/ primo sohare shop in Itdia:a Milano, in via Archimede 41, è a immediata disposizione iuita il noctro catalogo sohare. I1 contatta cpn Qiiotha 32d semplice e I'investimsnto sicuro.

r

Adok Illuskdw per W i n b Arts & Letters G r a p h i Compossr WArts & W r s G r a p h i ~ Editor p w m AutoAnimator

m Anlnaator

FCorel Corel Draw Drawlf.2perWindwus 2 per Widows 3 3 De luxe Paint Il C M r k VGA Paini GEM Artlinn ~krogiahc besgner 3.0 per Windows 3 Pa nbasn P I s wr W i n d ~ ~ s PC Painibrush]V Plus Paul MGrssp 3.5 Pixie per Windowc Kimz Plus Fublishei's Palntbnish Shwv ParInw FX Autosketch 2.0 AutoCAD per Saiole Drafix Wndwvs CAD ~r Windowc 3 l

-

t.iktrl

In in h in I1 it In in

In in

n In

in in in

in in In

d

it in

l

OBO OW m M X )

290.000 295.W W.OW 190.000 390.000 550.000 240.000 95o.oM1 1.130.000


CiearVtew Checktt Diikqidimner FastbadrPlus hDCwlmManager LoiucMagillanZ MaceMdlm d NwbnWnmardw&O Nòrinn Witor NononGuides d t h b n Utllltfas5.D PCToolsDeLuxe8.O Prompt per Windwrs

--

A@ PmlrigStaR'n'tyProWCrirnBierandInterpreter RcUCOBCRI85 T@+&C Ewtended

in

e05.000

h!

l.iS10.mO telehate 970.Wd

In

in

Mic&Maise+PaintB&h minomggioilMow PadWficials M

POTeeE ORDINARE:

i

con nomaggiollMoLsePadUHiiialeIklicrosoii LosltechMo~lseSerPS29anPahxàhcw

=,W

175.W 170.00C)


l a nuova --___---------


Un eccezionale rapporto tra livelli di potenza, autonomia e affidabilit8 e valori di peso e dimensioni l'obiettivo perseguito dalla ricerca Daker. Da questo impegno B nata una gamma di gruppi di continuitĂ dalle caratteristiche rivoluzionarie, perfettamente rispondenti alle nuove esigenze del mercato.

e

1 - DS 50

(600VA short-break)

2 - SL 600 (600VA

on-line)

3 - D K 5 0 (600VA no-break) DS 130 (1300 VA short-break)

Li*

-.

,

4 - DK 95 (950VA DK 130 (1300 VA

no-break) no-break)

5 - D K 1 8 0 (1800VA DK 250 (2500VA

no-break) no-break)

6 - DK 500 (5000VA

no-break)

.. ,

G R U P P I DI C O N T I N U I T A Via Verona, 28 - m D9 Udim Tel. a4821522?&Fsr,522%3

-


SIEMENS NIXDORF


at work "Synergy ai work" e la formula del programma internazionale della Siemens Nixdotf InforrnationssystemeAGI nata dali'unione di Siemens e Nixdorf, per vincere tutte le sfide su tutti i mercati edp. La crescita congiunta delle due societĂ sviluppa una sinergia che fin d'ora significa maggiore capacita di competizione per i clienti. Siemens e Nixdorf fondono il meglio di entrambe in un'unim realtĂ  per ottenere prestazioni inedite nel campo dell'edp: dal notebook PC al supemmputer, dalla singola applicazione personalinata alla soluzione globale, dalliintegrazione ufficiolfabbrica al collegamento in rete di grandi aziende attive su scala mondiale.

Le condizioni per sviluppare efficaci sinergie di mllaborazione con iclienti ci sono: una presenza internazionale e un'organinazione commerciale in grado di adeguarsi alle esigenze dei mercati in modo rapido e flessibile. Esistono un capitale di idee e un capitate per le idee. Come le strutture per lo sviluppo e la produzione. Siemens Nixdorf punta sulla sinergia fra tecnologie d'avanguardia e profonda conoscenza dei singoli settori merceologici. Siemens e Nixdorf diventano, insieme, il primo costruttore di elaboratori in Europa. E insieme ai suoi clienti, Siemens Nixdorf cresce per vincere le sfide degli Anni '90.


LIPS i I - m

m-

pot

DC Philip Ai' 286 -- m . 2 , l

&or è compreso nel prlPhilips vi offre una

gamma completa di

, . .'

Persona1 Computer, Monitor e Stampanti. E ben oltre 100 programmi per ogni vostra particolare necessitir. Phili s affianca all'alta qua ità dei prdotti un

P

MODEUO

PEME%ORE

E

FOD

P 2120 P 2230 P 3120- ODS P 3230- Il54 P3345-1W TWIER #US 386

WTOP PU 101

OW 80286 @M8

800286

111 loM.5" 12 3.5" 10 9 S / S 9 F 12 3.5" 16 3.F

'386

MZW

8MBO m286

LTP3230

806286

%/-O'

-/20 -/90

40/70 100

3 . 5 " / 1 ~ 10s 10

12 12

3.5" 3.5 3.5"

[6R

CM VM VM YFR

1024d~

51 51 51

SI

-

-

m

VM

-

1

W

-

CM

-

1,

Servizio Assistenza rapido e capillare. Rivolgetevi ai rivenditori 4.01 d oOOOi .kM!ll 4.01 dn E. 2.iilJ.W Philips: troverete la 4.01 do La. 1.800.CtM1 4.01 do k 3.500AWI giusta risposta ad o ni l lk 5.404000 vosiro problema,perc Philips significa alta daUi.ll.20(MIW tecnolo ia e grande La. 3.050.W 3.2 affidabi ità. 4-03 ut. ~000.m

HD (MBI KHBIAVIMI MDUIE 1 0 O S

DESKiOP

--

REEO*

1

4.01

U. 7.2W.W

B

'WA K W S A


i

- q,,.,

ABRUìZO COMPUTER SHOP VIA MARIO BIANCO, 6 LANCIANO LOGICA S.AS. VIA MUIAZZINI, 9 - ORTONA ANi#NACCI ANGELO P.24 DUOMO, 30 L'AQUILR C O M P U T E M E BNG. VIA AMENW3-A. 47 AVEZU\NO 'CHIP' SEFIN 8.M.C. VIA MIIANU. 77 PESCARA COMPUTER HOUSES A L . VIA TIBURTINA. 3rl- PESCARA LOGICA SA.% v!A IWNZO, 49 PESCARA SELCODATA S.R.L C.SD 8 GIORGIO, 2 t TERAMO W M 0AUTOMAilON VIA MATiEOTiI, 29 - GIULIANOVA

CESENA WOWMPRESA S.R.L. P.Zh CilTADELLA,33 -

-

-

-

OPERA RhC ELGRA VIA M.TE W T I N O , 1 PAMZZOLO M. COWVTER SYSEM G . W MARCONI. 5 SEVESO LOGICA IWORMATICAC.SO .CAVOLIR. eB

MODENA BiiZINl GIUSEPPE VIA MENTAW A, PARW DELTA COIIRPUTEA VIA MARTIRIDELLA AESBTENZA iSIG PIACENZA GF COMPUTER VIA tV NOVEMBRE 581A PIACENZA HIGH PAESTIQEGciA CARDUCCI. 4 PIACEN2A CMIWTER CWUSE VUTRIESTE, 134 RRLrENNA COMPUTER & HSi. VIA RUBICONE, 85 RAVENNA

-

ViGEVWO

-

ARCUIO

-

LAZW VIA FONTE MERRVGLMSA. 62 -ROMA ASSlSTANCE VIA MACCHIAVELU. 58 ROMA COMPLWHOP VIA NOMEKTANA 285 - ROMA COMP&L 9.R.L VIA ET~OAE'ROLLI,27 -

CAMRIA

ROMA

-

-

PAONE E FIGLI VIA F. ACRI, B3197/B0 CATANZARO ROBOWfi TTALIA VIA V. VALENTIA, M CATANZARO L. COMPUTER HOLISE VIA BOLOGNA CROTONE MAISON DE L1NFORMATIPUE VIA P. ROSSI, ME - OOSENZA ALFA COMPUTER VIA NAZIONALE CORIGUANO COMPUTER CENiER VIA CALABRIA. 3 MONTALM DATASEi VIA FURNARI, 70 REGGI0 CALABRIA QUATiROQCHl VINC. VIA P PELLICANO. l9 REGGi0 CALABMA amS.LC. VIA NAZIONALE SUD, 3 s ROSARNO

-

ODMPUEALINE VIA M. COLONNA. 12 RQMA 2 Y ELEIIR VIA RFIITANNIA, 17 - ROMA EPSY DATA VIA A. OMODEO, 31 ROMA EUROCALCOLO VIA SALARIA, 468 - -A FUSA P.TA ANGELICA, 66 ROMA S A V M C 90 MARCQNI, 35 - CIViiAVECCHlA S i . GEOA S.RL. VIASESTO CALVtNO, 17 ROMA

-

-

UGUWA ORICE AUTOMATIOH C.SO GENOVA.10 CHfAVARI EUOG-HA 88 VIA LATIRO, 21 SESTRI LEVANTE CATTDMI %N-C. ViA VENETO, 75 - LA SPEZiA NEW SOFT S.R.L. VIA CARBONE, 8 LA SPEZIA A COMPUTER S.RL. VIA EMILIANAV A R AURELIA 31M SARZRNA SICON INPORMATICA P Z A DEL POPOLO, 3 ALBENGA

-

-

-

-

-

OPC S.RL VIA G.M. BOSCO,24 - GASERTA PHOENUCCLIMP. COUITK)#CSUL. VIA GAGLIONL 1M MARCLANISE

LOMBARDIA

-

[XlMPUTER~HDìAS.ASV U C. DUILIO, 38 HAWFI DIGiiAL DATA SYSTEY VIA MANZONi, 120 -

NwmI U.CA S.N.C. VIA G. PORZIO, 33% - NAPOLI E & S INFORMATICA VIA BELVEDERE, 111

-

NAPOU

m

TRE A S.N.C. VIA MARCONI, i 1 - AMANO I W M O (AV) SPEEDWAY B R . t VIA G. JANNEUI. 390

-

NAPOLI R a A R W4.CVIA N AMWTA. 9 - NAPOLI TE-A %WC. VIA JANNELLI, NAPOU NAPOiiTANO WWiWZO WR M UE SENA.121

-

NTy A

TECN0SYES.A.S. VlA CIMITELLE, 58PARCO CAAWCCI - NOLR PAlDAY SYSTEM S A S VIA JERVOLINO, 83POGGIOMARINOV A ) BASIC WMPUTEA @.SO GARIBALDI. 34 POZNOLI T E C N O M P SA% S.WA, 5S. SEWTLANO Ai VESUVIO [NAj VERO. S.N.C. VIA PONTE DI SIRICU, l

SAWO CPR INFORM. VIAM. MARRONE, 1W 8 TORRE AMNUNZIATA ELEITMOWGA MARPES S A L . VIA CIRGUMVALLAZIONE, 11i TORR€ DEL G R W ILP INGEMTOP.ZR CAPO SOMMA MERCATO SAN SEiVERIA10 G E m S A L . VIA MCALES1,24 W E R A INFERWRE

-

-

U B I W ROYIIGNA TEKNOS VIA ZANAWH, 23 - BOCOGNA RIPROSBTanI VIA DELLA LUNA FEARARA B.M. DI BQNFIENI VIA CORRECCHK), 27 -

-

FORU G.S.1 SAL.VIA ZUCCHERIF1CI0, t 24 -

TIMORI E. VIA BROSETiA. 1 - BERUFFEIO ITbllA VIA CARDUCCI. 8 BERGAMO B U L O l l i VIA PROVINCIALE, 29 - CACEPIO A.B. INFORMATICA S. STATALE GREMASCA, 88 - URGNANO MASTER INMAMAIICA VIA F.LLI UGONI 1010 BRESCIA BYTE P Z A DUOMO, 17 - OESENZANQ INFOCAMVIA PROVINCWE,38 - PIWGHE DATA FWND VIA VOLTA. 4 ERBA CIME ELElTR. P.ZA LEONCAVALLO, 7 LEOCO EXECWIVE VIA BUOZZI. 23 LECCO FUMAGALUVIA CAIROLI, 48 LECCO HS PROOUCT VIA MON?EBEiLO>83 MARIAWY C SIA DATA SERWCE VIA DAKTE,lT2 CREWNA COMPUTER P O I M VIA LEONCAVALLO. 19 MILANO E.D.S. C.SO P.TA TICINESE, 4 - MILANO NIKI SHDWROOY VIA TAVMZANO. 74 MILANO SCED ELECTRONICS VIA MEDA.15 MILANO T E W C A L SERVICE VIA O.PAPA. 4/L MIUNO TOP PROGRAMSBR.L VIA RIPAMONT1.1W MILANO VEAS M ROTONOI C.SO SAN GOTTARW. 40 MILANO BIOLCATI S.P. SUPERIORE, 60 BEUINZAGO L. MM I VIA C BAnISTI, 28 - CARUGAJE SAN. S A - L VIA VOLONTARI D. CPWWE, 3 COLMjNO MOPJZESE M.T. INFORMATICA VIA CASSk40.81 - DESIO SU DI GIRI VIA RIMCMBRANZE, 11 ARIATE CENTRO COMPUTER PANDOLFI V A CORRIDONI. 18 - LEGNANO IL CURSORE VIA CAMPO DEI FIORI, 35 NOVATE MIL IC.0. D1ODORIW VIA G. DELEODA, 1WD

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

-

PIEMrnTE GHIBO FOR =E VIA Y D'MEGLIO, W A GASALE MONFERRATO IL WWT6 VIA F. CAVALLOTI. B - CUNEO AMF VIA NEGRI. 6 - FOSSANO GARELU COMPUTERS C.SO KALIA. a6 MQNOOVI MG ELETIROHEA V G. NEGRI21F- PERNATE 2V VERBùHlA P W GIOVANN1XXIII, 21 VERBANIA ABA ElEllUOHICA VIA C FOS3AT1, SIC TORINO ALEX COMPUTER C.SO FRANCIA, W A . TORINO AYERICANS G U E S ViA SACCHI. 2a1c TOFUNO COMPUTER HOYE VIA S.LONATO, 4618 TORINO C.V.A. UACCHIHE PER UFFWIO S.N.C. G.% P ODDONE, 88 -TORINO OATA N IVIA CARENA. 2 TORINO DE BUG C SO VtTiOR10 E. 11.22 -TORINO EQUIPEINWRMAiICA S.R.L. C.50 SAVONA, 100 -ASTI SOLLUIONI INFORMAiiCHE S.RL VIA ROMA, 10 ALBA (CN) MAC SERWCE VIA C. PAVESE, 1 4 - TORIMO CERIMA S.R.L, C.SO SIRACUSA. 1 5 W TORINQ ARPA STUDJOC SO TRAIAAO. 159 - TORIMQ OATA R-DY C.SQ ITALIA, 27 - STRAMBINO

-

-

-

-

-

-

-

PUGU COYWTERS ARTS S M . C VIA MEUCCI, 1218 BARI MGlT S.R.L. VlA MAGLIANO, 28 - CAPURCO L'ARREDO UFFICIO VIA BARI, 141 - GRAVIMA TECNOUFFWOVIAMAGEMA, 69 -MONOPOLI CENTRO UFFIMO S.RL. VIA NUMA POMPILO, 97WO BRINDJSI COMPUTER CONSULTING VIA F V CORRADO, 6 - ORIA EC.1. VIA ISONZO, 28 FCGGIA C.REO. SAL C.SO ROMA, 131A GALLIWLI SCARPINO C VIA IWARCONI. 66 MARTANO C 0WUTERL AND VIA LEONTINA DE HITIS. 34

-

-

-

-

i

-

-

-

TOSCANA E S P.ZA LIERTP, 12 SAN GIOVANNI V EWE COWVIEH VIA DEUE PANCHE, BIR FIRENZE

-

MASTER -CA

-

VIA VALEMINI, W% PRATO VOLTA cimaul VIA SANTINI,7W FOLiONICA CPE W4 PROLI, 32 - LIMRNO RB. COMPUTER IIIA C A W C R E I , 120 AREZZO MS2 R A P P R V m P.ZA GARIBALOI,7n3 - LIVORNO VOLTA HSTEMI VIA A. VOLTA. t 7fl g PIOMBINO A.Z MFORMATEA VIA G. LUWRINI, 307 LUCCA LOGOS VIA C CONCORDIO, 537 LUCGA OWON C O W U i E R ViA N. SAURO, 1 PIETRACANTA ELETTRONICS SERVICE VIA DELLA VECCHIA TRANVIA PISA E M O R IWORM. VIA GRAMSCI, m PERIGMANO READY T= %.L VIA F. Flm,15 CHIUSI SCALO' PARENTINIVIA PISANA, 102 - WGMBOHSI

-

-

-

-

wmnm

-

-

UIYIBAìù LA FDNfANA ViA SICIUk 53 - PERUGN UMBRASERVICEVIA MADONNA AiTA.87IA PERUGtA R W nME m~ VIA PETRARCA. 12 BASTIA U. LATECNICAVIADEGUORTI, B- MARSCIANO

-

VENETO DE PRPr 9.R.L VIA T. VEGELUO, 80 BELLUNO A.S.H.O. P.M.L D'ITACIA, 3 - GORIZIA D E W 518TEMI EST VIA A.ROlTA, 4 WRIZIA COWUMAUIA VIA C.LEONI. 32 PADOVA NEWlXWUC VIA PEROSI. 142 - PADOVA VERZA S.R.L. B.GO ENIANO. 40 IUDNTAGWA CCMIPUIBI PWNT VIA BERTOSSI. 17 WRDENaUE 2 A COPY VIA PETRARCA. 24 ROVIGO H P E S.R.L ViA MACCANI. 177 - TRENTO WMPUTlQl VIA XX SE'ITEMBRE. 5 TRIESTE DUAL COFT VIA VALDIRIVO. dWE -TRIESTE MFT IHFOFIMA'IICA VIA L DA VINCI, 87 UDINE GUERRA CWWTERS VIA HWUOLA m A MESTRE ZOTTIND VIA C. BATTISTI. 28 S. DI PIAVE COMPUTER GEMER VIA W T O R E , 26. VILIAFRANCA DUPUCA VIA COLONNELLO GALIANO, 61 VERONA EFFE COMPUTER P Z A CARLI, 101A MOMECCHW M.

-

-

-

-

-

-

-

-

WW

-

@

Y,

, -

CATANIA KARMA VIA V. VENETO, 343 CATANIA CIME VIA LAFARINA MESSINA ELSAG VIA B. LATINI, 13 - PALERMO WME COMPUTER V.LE DEUE ALPI, 50 PALERMO INFOAM. SEAV. VIA DI MARTINO, 42 PALERMO TECNUFFICIO VIA DEI CAMTIERI, M PALEBMO C O W U E H SOFT CENEM VIA SAN SIMEONE, 15 SIRACUSA YRRA -VIA M BORIANWO,nSIR=USA

-

MARCHE SEOAP M.MGR€ITIM E C. V.LE W N MINZONI, 1 - JESI (AN) SEDAP UFFICIO St4.C. C.50 MAlTEOTlI. 38 JESI (ANI c.I.D.~.~ N . c .VIA WDESTL 14-SENIGALLIA GEMERAL UFFCIO ViA E ORLAMDO, 14 ASCOLI PICENO Y.8P. C W W T E R !%N.C. VIA DEL COMMERCIO, 27 ASCOLI PICEND MIPS L R . L V LE TRENTO. 2W - FERMO IMFORMAIICA ADRIATICA V U ESINO S. BENEDETTO DEL TROWO GIANNDBI Sw.C.SO GAVOUR, 93 MACERATA M E E W SR.L 3.130W R Z A -A. 18WO MACERATA %W. S.RL VIA ROMA, g MACERATA m o u m a o S.KC. V LE G LEOPARDI, 50152 - CAMERINO BEI. S.RL. ViA FOMTANEU, 2 CIVITANDVA HLRRCHE R.G INFORMATICA C SO GARIBALDI, 121 PASSO DI IREIA L'AZIENDA S.H.C. C.SO M I B A D I . 23 TOLENTlN(3 C.D.E S.RL. VIA GAGARIN, 2 1 2 - P€PER!XHAt.COYPUTER VIA PONCHIELLI. 2

-

' 0

.

-

-

DE ROSA & FlGU SN.C. V.LE MICHELAMGELO. 3 SIRIGNANO

'

-

-

AD1 SERVICE

BASILICATA OFFICE AUMUATIO# 3M.c. VIA S. REMO, 4014.5 - POTENZA

'+ v3 :

' :-

BARLETTA (W AAFF. VIA k ADIGE, 81 T A R M O T.EA VIA R. ELENA. t O1 TARANTO W E U O FERMAWW VIA 8. FRANCESCO, f 20 CASTELIAHETA INVIA VALLE D'ISTFIIA. t 8 MARTINA FFIAMCA (T4

FOTOMOVA VIA VALERIAPIA, 1 S.PIETR0 BERBENNO EUE EFFE VIA W L W N I , S - VARESE SISTEMI 2000 VIA MIRIGONI, 2 - VARESE BUSTO BR VIA QAVlNANh, t7 BUSTO

-

-

PHILIPS


cabinet tower 5 posizioni moiherboard di altissima d - t a con

cabinet mini11~3th-

4 poshhni 1

16 MHz EMScomp.

2MbRAMespandibjlea8Mb

dkkdrive5~033"altad estesa a micraswitch mporkserialeeparalleIa assembhggio, wcasml e manuali m04.UiMicrosoff in ibhna coperto da garanzia momyback Itas-

+ tastiera estesa a micmswitch

cmharddiskSeagak40Mb scheda MDA L. 2 . 1 2 0 . 0 ~ scheda VGA 16 bit L. 2.290.000

m coperto da garanzia monqback

con hard disk ATbus 90Mb MDA scheda VGA 16bit

ga MFM o comunque ~25ms,4 0 0 Kb/=

L. 2.350.000

L. 2.520.000

dispribiie anche in configurazione tower, desktop e baby conharddiskWMbATbus L. 4.400.000 i n pronta consegna anche 386/20 e25 MHz conharddlskl35MbAT'bua L. 4.m.000 conharddlsk212hAbATbus L. 5.WO.000

L

tutti gii hard &&v-il

1:l con cache RAM

& ACCESSORI

I

I

P

P

-

L. 990.000 Handywamer128mm L-290.000 Scheda FAX Gruppo IiI L. 490.W Mouse MasM i M e a L- 39.000 VGA 16 Mt lMb 1M4x76&in 256 colori TsengLab (60% piii velmx!)L. 359.000 Tavoletta grafia Genius 1212 L. 490.000

-

I ATTENZIONE! VGA 8/16bit 256K 80RdOTrident da L. 139.000 VGA 16 bit 512K 1024x768 TsmgLab L. 259.000 Scheda modern SmartLinIc 2400 baud L,280.000 Scheda memoria2Mb l6 bit HMC AT/386 L. 490.000 Scheda rete Ethmnet 8/16bit da L. 290.000 Intd 80287/10 L. 369.000 Intel80387/sx L. 559.000 Inld 80387/20 L.698.000 L. 798.000 Intel#387/33 L. 998.000

un nuovo servizio FGH

SYmM S O F T W A R E

'

MONITOR mnacmmatLco 14" per MDA/CGA L. 189.000 monmmatiw 14!' per VGA L. 250.000 colori 14" per VGA L. 590.000 coiori 14" multlsync L. 740.000 colori 19" per VGA nuovoprezmaL. 1.990.000

e personalirxato Consulenza Reti tocali


LAPTOP cabinet da tavolo 4 -ioni I O mothmboad Suntac EMS mmp. 1 Mb RAM espandib* a 4 Mb a disk drive 5m o 33" alta densit4 tastiera estesa a mimwitch porte seriale e paralida assemblaggio, accessarie manuali D0604.01 Microsoft in ilahno

+

+ coperto da garanzta moneyback

mothehard NBAT 26 MHz lMbRAMespand.4MbEMS 80386: m o t k h d 20 M H z 32bit 2MbRAMesPand.4Mb d"pfa~VGÀ baddlght 640x480 a di& drive 35" alta demita 8-

*harddisk~Tbus42Mb25ms specfale controIler con 32K csiche &t per schede standard 8 bit + dopplapoata~epamliela

fi

, ., . s

con hard &k Seagate 20 M b MDA scheda VGA 8 bit &&a

L. 1.490.000 L. 1.590.000

completo dì tastierino nume8[ con hard di& Seagate 40 Mb rico esterno, frame per &ve scheda MDA L. 1.690.000 esterno 5,25", a h e n t a e e borsa Deskfop 286 L. 1.790.OaO scheda VGA 8 bit Destop 386 manuali, uaiIity sw ed accessori

+

L.2.990.000 L. 3.990.000

dispwribiie anche in confipmzione tower, minitower e baby

c a b h t tower 5 posizioni

+ mathehard -/a5 + 4 Mb RAM espmdibiiea 16 Mb + di& drive Sm o 3 3 ' alta densltA

assembhggio,a m r i e manudi DOS04.01 Microsoft in italiano coperto da garanzia monqback

tastkmest@saamicmwitch Hard 90Mb ATbus porte seriale e p a r W . Hard 135 Mb ATbus scheda VGA 512K 1024x768 16 bit Hard 212 Mb Amus

L.7.260.000

L. 7.59,OQO L. 7.900.000

DISTR1BUZIONE PERSONAL COMPUTER E PERIFERICHE OLTRE 5 ANNI DI ECPE COMPUTEF! HOUSE)

+

+

GARANZIA DI QUALITA' PREZZI DA INGROSSO, CON ULTERIORI SCONTI PER RIVENDITORI ~NSEGNEIN3/4C;rORNIDAU'L)RDIMBCOMCO~ ESPRESSO ASSISTENZA BSER~OPOST-VBNDITAUEJIQ ESUUCZVA GARAMZA MOhEYBACKSU TUTl'I I PC ASGEMBUTI

a e p e r ~ v ~ ~ a l e m o t i w U P C r i e e v u t o n o n d o v ~ ~ d i ~ ~ s e ~ z a M ~ t l , p o t r e t e r i ~ e n t r o 8 @ a m i d a l ~ t o - m m n ~dshporto~-pervenireimmedia~rimhtidd ~ w e q a i & t e ~ ~ o p . r i ~ o p e r P C n m a d d a n a i )

-

-

FCH srl Via L.Kossuth 20130 57100 LIVORNO Vendita all'ingroswe per corrispondenza - Prezzi franco sede IVA esclusa

--

TeMonare p quotazioni aggiornate, ataloghi, configuraziwii personeilizmte e noIvit6 Tutti i marchi citati sono r&sfrati e appai legitumi proprietari


-.

FOGLIO VALE 650.000 LIRE PER PASSARE A QUATTRO PRO.

1

(piii IVA 9%) invece di 949.000 (più iVA 9%). Un'occasione folle per passare al software dell'anno, che ha già ricevuto undici riconoscimenti internazionali in cinque mesi. Ma occhio ai tempi: è un bonbon da scartare solo fino all'8 o t t o b r e ! Informatevi al volo ailo (02) 2610102. Borland Italia, via cavalcanti 5, 20127 Milano.

BIOTRALLAINA


Certo, potreste a n c 2 ..

.pensate che, nessuno dei nostri 3.000 clienti ha ricevuto da noi né copie pirata, né tantomeno un mattone od una scatola vuota. Addirittura, 8 ciienti su 10 acquistano di nuovo il software da no& ..,Allorabasta rompere il ghiaccio,darci fiduciae telefonare per concludere un acquisto nel modo più sempiice, o anche solo per avere un valido consigiio. Tutto ciò è sufficiente per meritare anche la vostra fiducia? DATA BASB

ti.

I

L-_--

m---, 'lub

SPRMDSHEET

m

a h nuoi 980.0000

)Base IV kw4upt.r Ed. .anpnck )Rase Il1 Plus 101 utii~tics

C

I*"-" -.a vcsione 1.1

?hFlihDP~v30fEre: Lisrini aggiumdd auturnaticarnme 'Microlink News*

-

C'rm up#

Windows 3.0.

Evasione unlini facilint'a

Vetrina con prodottia premi particu-

rari

- -

m zzo.c~io

C

hlS E x c ~ 2l . 1 ~ c

W0.000

M S Pxcrl+Moi~sci M. F ~ i & d Q+E i M.. EXCYI OS/L c

tLIO.OW 720.000

1iXL~i)

C

850.000

e i i

W0.000 7.W.OU0 710.000 320.000

7.1 e

585.000

Un1t.r 5.0 (crimpilatorc pcr ir

* Sconto 9%s u a c q u i ! oltre 2 milioni Sp~ciiYoncq u i r a tramlre coniere Servizio di Ilritlinc proIungarci Le nuuw 'WI M m u x ' , sono ntfcnil3iIl fin da subito: Iaftaeffcauam un ordine s t i p i o r e 3 lit. 7i0.000 (1VA esclusa) peronenerr la Y;OFKRBI>".O rdgqi~ingwm.nel tempo un ordiiato progres%i>-o di iit. 10.000.(K10 pzr o t t c n m la *WpCwi*.Telefonateci r ulteriori id<irmazioni. vi illucurremo c m r miiftuire f i u m i i vant-agqi del n m i nuow semizio T w n MI(:RC~UKK'.

Per ogni ordine +ore a Z.MKi..UOO (IVA &usa) om6ggb un produtto a Vm&a sceita tra; LAPUMK III

li Fast Oiinpiler e 5P0.000 Su~.rbaie4 1.2 r 87O.R(iO Ask Svm e W.(MO 1:ox ro Singic Ilscr e 593.000 Brirtntl Paradox Engine C 63ti.WO Eicirland P;vadox 3.0 i l.M.(MD Ibrlnnd Paradox Fdi7~oneKrre i 1.W5.IMO Hurland Reflcx 2.0 C 3W.WO WORD PBOCEWNG t Word per W m h 11 piU &&W Word P r o c e u ! ~ in arnhicntc Windows in vrrdune italiana 1 890.000

in

Wcid Winrlriws

QRI

Loghuuse Piiw i MhmDEt Mouso i

hlc

Mimm 111 Murar i i I 6 Iiawl ikc. (per VicieoTek)

PC Any"1iére Dmkklk Zb

m

I C o m m Pliis

pd

più m c ~ u w r etiro dan m PersoRaIGmpub. e ZZB.000

=*=-a

305.WO 385.030

72(.000 710.000

570.000 WinWord+Mousr i 1.050.000

-.-

1

e

Wrinl 5.0 i Word 5.0/Nurlci i

86

780.000

ch

dbreriecTooLsperCiipper5.0

MS -InCK BASfC 4 6

SE

UEICRDSOFTI

e 9-W-WO

Xpper 5.0

Tutri i della " ~ F K M I T Cconro 3% su tutti gli ;ic;quisti

-

i 690.000

980.000

e l.%O.(K10 r 1.490.0W i X70.(MO

hitus l S / G Iams l 2 3 2.2 Rorland (lumn) Prrifessiod Brirland Quamri

i

*

LINGIIAGGI

* M$ B&

Quick kFic 4.5

i

220 000

'Qui& Bmic in i r d i m i 4.5 pii: Quick C 2.5 c 3.W.MD Qiiick MASM/C c 390.000

+ Microsoh C Gimpilcr 6.0 PI)S

* Micruooft Qui& C 1.5

ir Micmsoh Qliick WiM/<:2.5l Miuusrift P r m Ctmniler 5.0 Micnistift Quick ~~asr:ai1.0 (h. in) Micrusufi Qui& Paicd 1.0 Mtcwsoft tfihriI Ciinipiler 3.0 Micrrisrift Parcal C~impilcr4.0 Mic~isofrMxm kiaemblzr 5.1

C

C r

c

;

c

585.WIO

1W.000 2Ca.DOO 585 000 195.~ii 1M).n00

e 1.100.MK1

e

4W.000

C

240.000

itBotkndTurboC++ 1 320.000 Boriand Tiubo C++ Professiunal i 490.000 ibrhd Turbo Debug & T & 1 260.000

*+

1 1

IIorland 7'urliw C 2.0 i 240.00 Rirland Turho Pnscal 5 5 i 240000 Ibrland Turlio Prrilril: 2.0 c I W (H)O Iqirland Tudm Pwlw 1.l i IM Wo Borland Turho Basic 1.I i 1~~.000 Borland Tu& A%.n ~ l i u g g t r I 240MO IWrland Turbo C Prrif. 20 I JW.DL)O kirland Turbo Pasca1 Pnif. 5.5 i 3W.WO .l7I h n k 1'111s e 9W.oOO I1 nuovissimo boftwart: integra- C T w h Plhs e 2u0000 to die vi uinsmurà la maisima Turbi (: Ttxilu e 230.000 pmduttiviri i 310.000 Zortcch C ++ 2 O e 540 (M0 QUICIESOVLT 1)~dmind1.3 r 7(Xi.000 -h€hdhk MicmoftWorks 2.0 più MicroVenaira Ri2.0 sofi Muuse i 470.006 Lu siandard di rifenincmo nei progarnmi IrTP, nelh vcrsicine 2.0 in inlinno 1.420.000 tcitus Synphony 2.2 e 84t7.000 Uitus Syrnphony 2.0 i W.WD Ventiilri Prcifcsi. i h70.OUO PhiMe 2.15 i 1.OM.WO Framtwurk UI 1.1 i H50.UOO STATlSnCAfMATEMAnCA p:, S'lM: S t w p h i c s 4.0 e 1.210.000 MS Serid Mo11.w i 1.550.000 Madic~d2.5 i 650.000 Fmnlmse Wind.c 2.100.(KIO Ilerivc e 390.0(10 SPSS/l'C PItis C 1.610.000 Aldus PngeMnker 3.0 i 1.350.000 SPSS/PC Moduli e diimare I~git~itcch Finexw 3.0 i 390.000 Madnniaricr -336 e 1.250.000 QMS Ulirascripr plus c 650.000

*

*

+

-"C,

+

*

PERSONAL MANAG-

** QWS Ilitwscnp!

** Gu Fwt:dorn of Pwsi Script plus

Fonts Ilit~ht*mi Fonts I3its~cwnFlindamtntals

C

45~i.000 (i50.000

c

850.000

c

fi2O.OlH)

e

e

670.000

e 990.000


UTMW

GRARCA +

Nonon Commpndrr 3.0

*

r,b-l

n-=-

l

,*

---

II p m g m m a di @ca I'iLr O ~ K I I I ~ I L tL'.J+~ ~ \ t l ~ l ~C ~ ~ r i r ~ ~

triiiitic~rcrt. r rlsii ricl nirido piu e 210.000

duirlale~imhndpfzlavm &-rjTPi

l;loQoop

Corel Draw 1.2 l

I ~ l l t C

e

850.W

~Btaw1Zanidianu~~it

l i11 Ol10

nmwdc M W $ ~I 12M.OoU I 1.$0~3W

W i R h M

e 2 ~ o . o ~mais FWW

PIUS3.01

ma%+-

* Mus AhgeIlan 2 0 Aiitomenii

.

Iantam T* EM5 F ~ I h c kIYus L1 Abov* Visk Mac-ecrdd 1w Disk Tm,hnianAdu. 6.0 rapy Il PC 5.01 FaEmax Ram Tcs

e

Prnmpi per W &

Opdon imard d&me 5.4 H-Test H-Rmnat 2.0

%W Dlsk Opiimizec 4.82

140W

e e

320.MXI

e e

220.000

250.000

240.00

MicmgafxDraw H W W I A&be ulustrator Wm1.0 h w Appbsz SIMNERMAWMUSQFIW~~

X-Te l W G6ld Noveil KTriwe

*

NEC a - 3 5 UIrtuireottico~che kizge&idatiinfMrnamst;indarci per cnmguter, sia la miisicaSU CD 990.004 P

3zo.(X10

* m a i p ~ r 3n t NEC Imagc oh NEC Nuxu Gdety NEL Typ? G a l l e r y h PnstScript ..,C

e

1&3tn/sr 16

ActMsion M&te Ardtrburrd whole rmii mmlog Appie W o p Publ'ishLug

Mi~mmindCD h W G d e USA MlarifioTt BwksMF M i c d CnROPui Pra ~

O

F

w

s

49Q.WKI

r

420.WO

e

7m.m

e 1

L % C *BIS-wltallami

p>ba&-wm~yode]fu~&&erenrfep~lbileilmdt1

1&387/33

390.000

w5m

dS Ilaouse

560.006

m

1.WO.WO

DPE + W&ru& I 210.(100 + PaPmShosA 1 99.000

~ N ~ W M O - + ~ S M W i 17~.000

i ~ 5 0 ~ 0 : 170.0.001

-Mo--e9-

I

a

4ldlia P w a k e r 3,Ol ASplerrix Toobok 1.0 Corei Draw 1.2 Cwel Drsw 1.2 OB Fasi Wtndows 1.6 hlrina Perforni Pro I.O Dmfix CAD Windows 1.l Fnrm PubEsher GUpM S M Windows

HDC F i t

e f .mm -.W e B0.000 1 1.100.00U e &O.OOO e 750,000 e 650,000 e 1.1&000 e ,Z@O.OOn e 1.g650.008 s m.mu

8

Image-In (package crirnpleto) Micragrsix Designer 3.0 MlcmoR Word

Micrasoft Word Mlcrocoft Excel 2.lc Microsofi Powemnt Microcoft Powemnt Microsofi Windows 3.0 Toolki M i c r d Pmjsd Superbase 4 1.2 Wingz for Windows

2-W7SoftTvoe

MICROLINK Srl V.le Mor I


e r e lml

L. 7.000 Dinttom: Paok Nuti

La volontà politica

Cwidirettom:

Marco Marinacci R Boi Amkfit e wiluppo Androa & Prim

Difficile sfuggire al rito dell'autocelebrazione. 100 numeri rappresentano non solo una tappa importante nella vira di un mensile. ma anche una bella fetta della vita di chi; nel lontano 1987, lo ha fondato. La memoria corre ai tempi neroiciil dei primi Apple /I e dell'HP185, quando improvvisavamo abbozzi di programmi di scrittura per macchine che ne erano sprowiste o interfacce software di lentezza ed ingenuit3 bucoliche. A costo di apparire retorico, non posso non ricordare che se MC ha raggiunfo pochi mesi dopo la sua nascita e mantenuto per tutti questi anni la leadership del senore con un distacco, rispetto ai più immediati inseguitori, che ha sempre avuto dello stupefacente, il merito B prima di tutto di Marco Marinacci e della straordinaria équipe di redattori e collaboratori cui ha saputo comunicare la sua carica di entus~asmo. Credo che il modo migliore per ringraziare i nostri lettori per la simpatia dimosrrataci in tutfi questi anni e concretamente manifestatasi nella stampa di 6 milioni di copie, sia quello di continuare con rinnovata energia sulla nostra strada. Poiché da diversi anni mi occupo principalmente dei problemi della telematica italiana, colgo l'occasione per un punto della situazione. Nonostante ripetute, ufficiose, aperture, I'anacronistica ntassa sul macinato telematicoii, ovverosia I'imposfa di concessione ministeriale per sede di utente telegraficoir di 200.000 lirdanno che lo stato ci richiede per fischiare col modem (compreso quello del fax) nei fili del telefono, è ancora saldamente al suo posto. Peraltro B una della imposte piu evase della repubblica: ben pochi privati sanno di doverla pagare ed ancor meno la pagano. Nonostante una discreta riduzione operata lo scorso anno, i costi di trasmissione sulla rete dati italiana (ltapac), sono talmente elevati da renderne improponibile I'impiego per la distribuzione di servizi telematici ai privati. Naturalmente, approfittando della disatfenzione di molti ((grandiutentiu, i più furbi viaggiano a sbafo su Itapac e reti estere. Il massimo lo si raggiunge quando l'utente abusivo utilizza una pass word di servjzio SIP: se qualcosa non e cambiato negli ultimi tempi, le ufenze di servizio sono crskippateii in fase di faitumzione e quindi, a meno che non si apra la caccia all'haker, nessuno si accorgerà di questi consumi indebiti. Gmzie alle tcmessaggerie rosai), B finalmente decollato il Videote/. Personalmente non provo alcun interesse per il fatto che niiastatosta e in agguato, pronto a digitare messaggi a luci rosse)) (la Repubblica, edizione romana, 25 settembre '1990, pagina V), ma non posso che ral/egrarmi nel constatare che anche la stampa di i'nformazione si è accorta che uchattare costa dawero caro e alcuni pionieri del chattismo hanno pagato cifre astronomiche. Adesso però molti si sono fatri furbi e utilizzano /a password di enti, aziende e privati. E l'i/lega/ità si diffonde)). Il giovane romano che sempre secondo la stessa fonfe ha stabilito il record nazionale di chatting con 40 ore e cinquanta minuti avrd effettivamente pagato le 4 16,500lire che avrebbe dovuto per questo solo collegamento? Oggi come oggi non è remofa I'ipofesi di sbarcare il lunario diventando fornirori di informazione Videotel e chiamando a raffica i propri dissenfizi con password rubacchiate. Anche perché come i chaf tisti Videote1 incalliti ben sanno, ((recuperare))la password di un utente distratto piuttosto facile. La mancanza di una legislazione adeguata (cioè non punitiva nei confronti della telematica popolare, ma solo di coloro che ne ostacolano la diffusione offrendo al ferrorismo culturale il destro per crirninalizzarla)e certamente uno dei problemi maggiori. Ma non il solo. Occorre c h i i provvedimenti legislativi siano affiancati dal/'abolizionedella imposta di concessione rninisteriale, da una illuminata politica tariffaria e dalla volont~,da parte di chi gestisce i servizi, di non truccare la partita. Quanto manca perché i consumi Videotel e Itapac su rete commutata siano tariffati su base borchia e quindi i costi siano pagati da chi ha realmente effettuato i consumi e non da un altro utente? C'è la volon t8 politica di moralizzare la telematica? Lo sapremo nei prossimi mesi. Paolo Nuti

Cdlaboratwl: Massimo Truscelli. Paolo Ciadelli. Francesco Carlà, Francesco F. Castellano. Giuwppe Cardinale Ciccotti. Raffaello De Masi. Dario de Judicibus. Valter Di Dio. Gaetano Di Stasio. Enrico Forrari. V i n c e ~ o folcaralli. Corra& Giustorzi. Luciano Macara. Maurizio Mauri. Massimo Miccwili. Tommaso Pantuso, Francesco Petmni, EIvezto Potmni. Sorgia Polini. Bruna Rosati. Stefano Toria. PietTOTasso Segreacria di redazione: Paola Pujia (responsabile). Giovanna Mdinari Massimo Albarallo. F r m m c a Bigi. Ria Fidani. Paola Mesbnt Grafica e irnpaginaziom: Roberto e Adriano Saltaretli

GrahEa wpertlne: Paola Filoni Fotogda: Dario Tasa Ammlnlstrazione: Maurizio Ramaglia

(responsabile) A ~ MRita Fratini

Pina Saivatore Abbnarnenti ed arretrati: Ivano Bnino. Antonella lofrate

kqmnsablie: Marco Marinacci H u n i i p i i m e una phblimione Tochnirndis. Via Cado Penier 9 001W Uarna. T ~ IOW41BWW. . 16 ~in'oe(ric. aumrnatica) FU [aa46tz524 MGLink:

(06)4510711,451318~. 4 1 8 W (15Imw ric. aut.1 mM1 m 4 0 0 baud. NUA Itapec. m 1 4 0 (32 circuiti vimail W11 24h24 R m i s t r a k w del Tribunale di h m a n. 219F81 del 3 giugno 1981 Q Copymght Technimedia S.r.l. Tuttii diritti riscrvati. Manoscrim e foto originali, anche m non pubblicati, rmn si r e s t i t u i s m ed 8 W t a b +rodlaione, sawure d a k . di testi e fotograh.

Pubblka: Maurizio Zinetli. Robana Grande. Achilie Barbsra. Rosaria Melis

Samateridi: Alessandro Lisandri. Marina Principi Roberta Rotili Abkmammia8 12 nurnwk

Italia L. 70.WD: E u w a o paesr del bacmo m e d i i m n w (un aerea) L i 6 5 OM USA e && L 230.000(via wreal: -ma I. 2l.m(via awea). Uc-en. IUIQMJ? intestavia: T&imoda s.r.1. Via Csm P m r , 9 - 00157 Roma

C o ~ s f o t n l l i o : Velox 6.r.l.. Vw liimriina 188 -00185 Roma

Stampa: Grafiche P.F.G., Vm ~ I w 62 - MX)40Ariccta (Romal Z m Indu3tiiaie Nettuneme bnrssslonaria pa l4 d i n e : Parrini & C. - h a P.na Colmna 361 Tei. O&W40731.

-

MCn

gcornputer n. 100 - ottobre 1990

I


Chffriarno la nuova HP DeskJet 500 ritirando il vecchio usato: chi ha una stampante ad aghi si ritenga punto sul viv* speciale rolo presso: Tcmmmu TeL- 0 WNWNB

TeL U&574801

MI - ' r l . 8 ~ 0

m

ARml Tel. IW44%W

MI. * V DAT-RESA Te1 D3918aBsB88

MI - -v

ARG DIVISIONE SlmEEUUP

Te1 W J 8 s W m W-Pauia SRGM Tel M2i67RW VA Gallarsts

-

slslmu

TeL (Bam2140

WbmxE

LAzK!

-

LT Formia TEWi-lds TeL 077M67877

w.mma

ABI'HlMEnE Te1 M ù ù 4 6 1 2 Emfml Te1 w m n 1 3 1

MEmw OOMPUTE&5

n 1 WMI%?W

4

m

n 1 W42wl

BG

-

Oorie (YiRTIS L E r n I Te1

-

C 0 clmIum LOnlbardoOe FR4Ko INFrWTIIa Te1 II.-L

-

P i mQtmn BAssIWCHL

INFwRM4~('~ Tel. 06554B81

MFllMhx

Tel. 11471W71516

TN-Tramo DIiTA STRAGA'

Tel. MIMI i01

PD-Psdotra

V ! GRwnlrS: Tel. 04WXi148a

IEWLETT 'ACKARD

HP DeskJet 500 è in SMAU pad. 18/1 stand C6-D15.


È un "grande cosmo" la Daewoo con cui è bene fare un po' di conoscenza. La sua storia, la presenza internazionale, i risultati di chi investe una fetta considerevole d'i utili nella ricerca, il notevole svilu~isoche ha acauisito nel campo delle alte tecnologie, fan'no della Daewoo uno dei piu grandi gru pi industriali del mondo. La rivista "Fortune" I' a posta alla 47"posizione nella classifica mondiale de1'90. Dalle automobili ai grandi impianti industriali, dai vestiti all'acciaio, dalle navi da trasporto ai fazzoletti di carta, dai libri alla robotica, l

l

r

ha conquistato una posizione chiave nei seitori piu diversi: dalla meccanica pesante ai trasporti e al commercio internafionale, dall'alta finanza alle' telecomunicazioni. Ci sarà un sate1lite targato Daewoo nel cielo del 1995, un altro buon se gno dello spirito di intraprendenzacheanit ma i responsabili del gruppo, Daewoo vuole rappresentare un ponte di scambio Qmichevolee proficuo per il "mercato gl'obale" degli anni prossimi. A proposito, il sig& che vedete qui seduto fra le righe, è Kim Woo Choong, il fondatore e chair-

v

[m]

IMPORTATORE ESCLUSIVO DAEWOO TELECOM - Ii


TU CON man della Daewoo, parla spesso di "creativity, challenge and sacrifice" e di fatto queste parole, trasposte nelle esperienze pratiche delle molteplici attivitu del gruppo, costituiscono dei valori che si trovano ben urnalgamati anche nella produzione Daewoo Telecom, quella dei computer. Ciò ri uarda più da vicino noi della Soico che ne a bbiomo l'esclusivo, e voi c e li utilizzate. Per questo ci sembra corretto dare al mercato italiano una visione informativa esauriente, seppur essenziale, del macrocosmo tecnologico che dà origine o dei computer speciali come questi. Naturalmente, un tale livello necessita di un'assistenza e di un servizio altrettanto validi, dati da un partner che conosce bene le esigenze e le differenzedel mercato del proprio paese, un partner sperto e af idabile che nel proprio settore si pone chiaramente aIIravanguardia nelle moderne strategie edwcational, organizzando corsi e stages di aggiornamento per la conoscenza ed un uso corretto dell'hardware: chi se non Soico in Italia?Se la saggezza del "grande cosmo" ha scelto Soico, potete farlo anche voi, sarà una bella esperienza, quella di unire l'utile.. . all'utile, (i Soico - Daewoo, oltretutto, hanno un prezzo molto competitivo e ciò non guasta). Per chiudere con una battuta di Zen coreano: "anche I, zio Kim una volta era piccolo piccolo, poi con l'esperienza... ,

1

n

,

NO, 15 - TEL. 0372/411821 (R.A.) - FAX 0372/23705 - 26100 CREMONA


Indice analitico generale dal n. I al n. 100 L'indice analitiw generale dei numeri da l a l00 di MCmicrmmputer disponibile anche su supporto magnetico MS-DOS (3.5 o 5.25"); su ogni disco 6 memorizzato sia in formato ASC11 sia in formato dBIII. Per l'ordinazione inviare l'importo di L.15.000 tramite assegno, c/c o vaglia postale intestato a Technimedia srl, Via Carlo Perrier 9, 00157 Roma.

Argomento

No

g

.

Autore

128dazsm 4WB[)d o n n e

swap

8563: Ultimo ano Banking da Linguaggio Yamhina Cornrnodore $28:problemi di monitor Graiica 6W200 (1) GraRca 640'200 (2): DRAWTO 8 Hardcopy Mernory managment MMU: -ti riwihzbni Orolo$. Pinel. Kemel Video Dispiay Cwitmller 8563 (i) Video Dicpiay Contmller 8563 (2)

51 62 57 50 BO 61 58 W 64

58 W

78 169 173 72 150 188 143

tW 105

la 14U

MP MP MP TP MP &P MP WP AdP MP WP

Algoritmi Ancora sui prestiti e gli interesi

8I)

Checksum e simboli di comrolk Facciamo i m t i... m n le date Il c a l d o dei meiiiienti binomiali I n t e m i e banche (3) Numeri di Fibwracci e bi Lucas Rlcerca In una mila Un po' di statisticae di c a l d o finanziario

19 17 16 @O 63 t5

138 56

ROM

gS

52 15'

RUM

t88

CT

E2

W

128

RDM

3-Demon A pmpoaito di Amiga ADPmttb 2.0 (4) ADPmlB 2.0: Mult&sMng Toolbx per Amlga ADPneiwark: una rele per Amige AOPneiwork una rete pur Arniga (2) ADPnehmirk. Net-Handler & NatSewer ADPnelwo*: c o n d u m ADPneiwork: Low-leve1autoconfig ADPneiwork: Net-Handler & Nei-Server ADPnelwoW: Net-Handler & Net-Sewer (2) ADPneiwork: Net-Mndler B Net-Sewer (3) ADPnetwrirk: NH-Handler & Net-Server (5) &gis Draw 2MX) h g ì s Draw Plus

80

2C4

AmQa HIH?

80

Amga Music: Deluxe Mvck Conctmction Set hbJaS W h i e a *V AmiiBasc:l comandi gwici AmiiBacic:Menu e intempt A m i a W c : Subrnutine e parametri Am&Easic: Trattamento file AMIGAllery arte e computer Amiga AMIGAlleiy ane e computer Amiga AMIGAllely arte e compuir Amiga AMIGAllery arte e computer Amiga AMIGAlleiy ine e computer Amlga MlGAIley. ane e wnyubr Amlga AmùpNews AmiiaNews ArnlgaNews Anteprima Ktcstan i-3 Anteprima Wm-kbench 1.3 Ascehler 6 8 ~(I~j 1 Assembler 68000 12) Acsernbkr gSMHi (3) Attenti ai vini6 Auto C.L.I. B... oome Blitter ( l ) E... wme Bliiter (2) B... come Blitter (3) Caliiaris Consumea & h. CAO 30 Cloanto CI-Text. WP d'ltaha

65 58 M 65 67

MN MP MP MP MP MP MC,AS MP MP MC,AS MC.AS YC.AS MC,AS MN DI MDC. LG,GP DI DI DI AdP AdP MP AdP

Amiga 58

96

92

158

BB 89

202

W 96 W

182 214

m

98

t94 216

91

t98

92 93

162

97

1%

P1

202 118 208 109 114 1W 114

71

66

68 82

t96

143 188 162 62

MM

85

65 77

MM,CG MM.ALD

86

89

MM,AdP

87 84

53 71 144 133 1s 164 130 208 245 280 15B I31 131 160 188

MM, CM MM,MT DI DI DI MN

272

MN RSa

83

74 76

77 75 76 98 99 100 89

57 71

72 73 10[1 86 87

i76 178

MN MP

MP MP AdP M P PR

PR PR

BR

Argomento

No

pg.

Autore

Cloanka HTX Comrnand flk & Agum%mtsmplate Cornmand Lina I n t s h Comunicare ed archiviare: tutto facile wn il snii. PD. Gonvedone di File Graia mro.da .. 2 0 a 30 De Luxe Arniga ianstniction Set DBIuxe PaiW Il ~ ~ ~hotoiab w e DeLuxe Pmduetinns DeLuxe W e a III k k Top V'& DwkTop PuUishing a 24 aghi W i s and b i c a l d w b e s Digivkw. il d'gitalizzatore uideo DPaim 111: Il nuova standarddi ANIMazione DTV s DTP idee e punii di contatta DTV: h g i s Animaor Easyl Graphic Tabiet Exwllenoel Future sound. dlgitalirratore audio Graph'kdlvs Deluxs Paint Qraphlcs Parade G r a h Interlm: HAM o 32 colori? Guru d i b n GVP A3001 Hard Amiga scheda input 24 linee Hard Amiga schda Out Had-Amiga- Pilotiamotrenlnl e scambi Hard-Amiga. Amiga 5(10...HiFi? Hard-Amiga: Cmplex Intedace Adapter Hard-Amiga: dlgltaiiniamo l'&m30 Had-Amiga: drive esterrai Hurricane:un accelerators psr Arniga I Fmt: brn uso e a h s o Ilpinto sul k k Top Publlshliig IlSofhuare Public Dornain pw Amlga IntroCAD L'AmigaBasic L'Ed- ED La macchina del tempo LaAease 12 Le ewnsione del 2000 Lo scrigno del s o h a r e LoRes & HIRes. 1 campl appilcathil Musidmk Nec Plnmltir CP6 PageSeiter - k k T o p Pubiishing per Amiga Paula 8 11 Marchingegno Polamid Palette per AmigaNew9 Preterence 1.3 (%6 altri segreti) Preferenoe 1.3 e dlmornl Prcgrammare in C su Amiga Pwammare in C su ML Pmgrammare in C su Amiga (1) Pmgrammare in C w M i a (2) Programmare In C su Amlga (3) Pmgrarnmare in C su A m i (4) Pmgrammare in C W Amiia ( 5 ) P w a m m a r e in C w A m i (6) Prwgarnrnare in C su Amlga (7) Pmgrammare in C su Amga (8) Pmparnmare in C W Arnia (9) Prcgammare in C w M i a 110) Pmgmmare In C su M i a (11) Pmgrammwe in C su Amiga (12) Programmare in C su M i a (13) Pwrammare In C su Amlga (14) Pmgramrnare in C W Arniga (15) Programmare in C w Amiga (16) Programmare in C su Amiga (18) Programmare in C w Amiga (19) Pwrarnmare in C su Arnlga (20) Programmare in C su Amiga (21) w r a m m a r e in C su Amiga (22)

gl 60

206

MN MP AdP EF MN MN D1 MN MRI, BR BR D1 BR AdP DI BR

56

91 98 7t 62 89 81 95

72 77

59 60

99 88 73

109 117 208 198 124 108 190 176 212 148 171 99 107 230 210 182

97 83 63 57 72

200

82

150 192 236 188 218 192 155

88

99 87 88 83 82 78 81 83 78

166 137

125 154

180

180 172 120

BR

D1 BR MN D1 D1 BR BR MP,GP RM Man AMan AMan MGI. FPu MDC, LG, GP AdP MP BR, MN

MN. BR

96 74 W

220

79

188

BR

64 58

130 IfB 107 lt5 134

WP WP FMC AdP WP D1 BR YN OI D1 MDC. LG, GP DI MN MN MC.AS Ddl

$6

62

M 88 80 73 64 70 79 67 87

146 227

152

220

158 126

138

192 t96 184

77

182

88 89

EQ

74

75 76 i7 78 79 &3 81 82 83 & 85 88 87 90

194 153 158 124 176 187 146 214

l&

Man

IXU Ddl

Ddl E d Ddl DdJ MJ DEU Ddl

93

160 177 179 176 1BB 192 231 212 174 203

94

200

MJ

95

225

96

224

WJ W

91

92

Dai

WJ E d Ddl DdJ Dbl Ddl

WJ DdJ

MCrnicrowmputar n.lOO - ottobre 1990


Guardiamolo da vicino, il nuovo DLT/386S contiene in uno spazio minimo tutta la sofisticata tecnologia del 386.11 processore 80386sx a 1 6MHz, la memoria da 1 MB, il disco da 40MB, un floppy . . . drive da 1,44MB, lo porta seriae e lo parallela, la connessione rnouse, la schedo grafica VGA ad alta risoluzione; c'è a presa per i monitor esterno, lo schermo retroiliuminato, I'MS-DOS4.0 1 ed il GW Basic. Non è impossibile: e solo questione di integrazione intelligente, frutto dell'esperienza Daewoo nel campo del'informatica: Daewoo è uno dei più grandi gruppi industria-i del mondo [va ricordato ..t che ricopre a 47"osizioli di Fortune). Ma le qualità ne nelle classifiche rnondiadel Laptop DLT/386S, oltre r a possedere uno paternità te, non finiscono qui: i "pictecnologica così i rnpoiiandi 6 kg, ha una potenza di colo" Doewoo pesa meno può ~upportareun modem elaborazione eccezionale e interno rnuitistandard per boraiori, banche dati e servizi come Videotel e simili. Ed il prezzo poi è straordinariamente compeiitivo: L. 4.590.000 + VA, specie se lo si confronta con altri portatili in commercio (il DCT/ 3 86s costa perfino meno di certi Laptop 2861.Tutto ciò è provaio e garantito da Soico, il pa riner iia l ia no esclusivista del la Doewoo, che seleziona attenta mente ogni computer, prepara il personale di assistenza e lo aggiorna con continui stoges di apprendimento per fornire il servizio più adeguato alle vostre più svariate esigente. Soico è unica in Italia in grado di assistervi e di darvi computer di tale livello, come questo piccolo grande DLT 386, i Laptop che parlerà volentieri con voi; provate ad usarlo se non ci credete, non aspetta altro. Questo è tutto, non vi pare sufficiente?

,T!rn: .

... .

I

.-

m

SOICO S,P.A.- 26 1 00 CREMONA - VIA ERIDANO, 15 - TEL. 03721411821 (4linee] - TELEFAX 0372/23705 PRESENTI ALLO SMAU: #D. 17 - POST. GI 11 80286,80386 sono marchi registrati della Intel Corporation; M$-DO5e GW-BASIC sono marchi registrati della MicromflCorpomtion


Argomento

No

pag.

Autore

Programmare in C su Ariaiga (231 Programmare in C su Amiga (24) Programmare in C su Amiga (25) Pqrammare in C su Arniga (26) Programmiaro v i w i m i [ I ) Programmiamovldmgioci (2) Programmiamov i w i o c i (3) Programmi per ia creazione di M d d i d a t I k i Riepiko dei comandi Sohare: Blorltml Sohare: f 1 5 Software: Gestlone lista programmi Sohare: Life

97 98

212

WJ

210

44

248

100 97

284 204

W

240 276

EdJ DdJ DdJ MP MP MP

100 84 61

62 63 64

174

BR

126 118 t45 134

WP AdP WP

MP

W

167

WP

Sottware: Math Pack

88

SuperBace-Nem Tagaere d'Italia T M e r e d'Italia: am s e m w The 64 Emulaim Tre schede per il 2000 Turbo Stlv%r8 Co. Tutta la grahca di A m g W Text e TV' Chwu Un DataBase per Amiga Un Spreadshem per M i a Un Word Processar per AmCa V i - l i b r i : tscniche e rnetmli di realizmione Videon: trrtti i c o b i del moda V i e a p e 30 Word Prncessor: I'wohrione detla specie ( l ) Word PIDCB~SOT: I'evoWmne detla spscie (2)

66 65

167 182 118 148 153 194 172 141 174

AdP 01

67

75 91 85

63 78 70 69

66 86 93 69 92 94

144 162 158

182 184 152 170 196

AdP. BR. MN WP

BR MP MN WP

BR BR MN

BR BR BR DI

BR BR

htqirna

AWus FreeHand 2.0 e Persuasion Aldus PageMaker 4.0 Amiga 3000: presentato u t t k i a l m e al Scob Amiga importanti nwita' Apple Macimosh PonaMe kshton Tate dBase IV AN~oCAD10 in italiano Autodesk AutoCAD brland Quattro Borland Quattro Professianal Cpreadsheet PuMicher Calmlatore scient+co HP 48SX Compaq LTE e LT-86 Disitaco Starter XT Fora LP-286L Hewlell PackardLaserJet IIP HP-150 HP-75C HP-E7 Loius 1 - 2 3re1 3. non solo h terza dimensione

Yicrosofl Windows 3 Microsoft Word per WtndOws Motorda 68040 Multl-LlngualM o l a r Olivetti MZO PagMakW 3 per Osi2 m n Precentaiion Manager PCbir V20 WarkXPress 2.12 h%W worl<Slate Sindair PTeermWare Micro Power 700 Toshiba T1000XE e Tt-E Unlblt P C h e Unibit PCtit 386 WordPsrtect 5 O in itabarm ZX-SpecD'um

96 84

66 56 77 60

89

58

74 &S

80

BB

78

70 &3

70

44

47 116

86 94

90 88 96 89

27 13 8 88

MT

MT

80

MM.AdP FP

18

MY

42 30 88 66 1W

MM

93 88

52

MP

88

MT

8 86 81 92 91 81

30

MM

64

MG

48

FiTT

54

MT

98

IKT

46

MT

85

56

84 86 83 $1

50

MT PC

97 91

14

68 52 102 40

PN

m

CG MT

MT MT FP LS

W u n t l d l iniormatica Alpriimi e M i n e di Turinp A d . Or?Not Architeitumdelie reti sequenzidi Archilatura e programmaz. rnultipm=sore ( l ) Architettura e prwrammaz. multiptcessrire (21 A r c h i m e programma+. rnultiprocessore (3) Architeitura e programrnaz. rnuitipmsnre (4) Brauo!l! C o n c o m a . m a l o r i e monitor Cooperazione, Bus, Arbieragglo Data HOW Computurs Due lettori...Ewival E giochiamo... Faun Tollwance: Sasviarno lo Stato Fik. liste e chiavi primarie

nn

Forrnalismi e funzioni totali Gli Array Pmcescw Gli Array Pmcessor ( l ) Grammatiche ed aumrnl I moduli interwrnunicanti l sutemi di elabora+lone Ilmnirollo delh conconenza (1) Ilcoimollo della concorrenza (2) Ilwntrollo della mncorrenza (3) Ilpasso successivo :i sistemi multipmcsscor Istmziotii, rqictri, operandi La tolleranza ai guasti Le architetiurepipeline Le memorie di massa Le ~ t n i t t eu h ~ Ilsta Le stnithire informative L% s t m r e informative (3): sta& e queue Le stnimire infwmathie (4): gli alberi Le stnithire infmrnative (5): gli alberl (il) UnguaQgi.islruzio. paramiri M.I.P.S. M.I.P.S.: diamo alla faniasla M.I.P.S.: miglioriamo un processare M.I.P.S.: Prefect e dintorni M.I.P.S.: Transputer o RISC Mernmia Mwale. wlnazbne. se~memaZione M i c ~ i ~ t n i Z i ~microregigjstti, ni, mkroprogrammi W u l l mrnunicazioni e pr-lli Parallel prooesslng, inlrndurione diatiittica Processi. multiprogrammazionee Tlme-sharing Retl logiche wmbinatwie Reti logiche sequenziali R i m a In W l I a Ricerca in W l l a bnzione ed incrementi h a h Teoria della computaali T i p di daio. operazione. rimrsione

m

pag.

Autore

W

132

95

WP GCC

78

240 214 154 227 252 204 211

79

211

74

182 116 190 212 84 180 198 200 200 197 137 202 191

94

62 80 90

n

54 75

93

48 82 81 83 84 85 56 88

71 69 70 72 53

222 193

202

GCC WP WP AP

AdP WP AdP MP

MP WP GCC AdP AP

AP

AP AP

AP MP WP WP MP

MP MP M P

55

115 161

49

98

MP

92

192 116 245 148 210 215 1W 1183

GCC

152 l89 186 174 184

BR

51

88 65 86 87

53 57

M P

M P

AP M P AP AP AdP Ad?

M P

78 86

84

No

M P

FP FP FP FP GR AdP MT MT MT

62

Argomento

Arcitimeder

Amrn Dwktop Publlsher Acorn R140: anteprima Unix Amrn RISC-OS Anteprime, M z j e e... b w l riflessioni Archi Mail...& News Archle Mail Archie-IiAsjl Archirnedes: arriva Il somare Artisan: il Paintdel RfSC Autodesk Autod<etch Graficadi preseniazione GammaPlot Il NeWmrk seconda Acom Ilprimo Word Promscor di Archie

92 91

88 93 97 91

88 79

87 81

82 94

84

L'Ami Hardwars 98 La musica e Archie 40 Hatrix 3 83 Panorama SoIware 94 PipeDreamper Acom Archirnds 80 RISC - O$ Approfondmentc 100 RISC 0 s h q r a m m e t s Referene Manual P5 Rix-0s:Ovenriew sul Kerml ( l ) 96 Risc-0s: Cverview sail Kernet (2) Q7 Speciale linguaggi dal TWIN dl'ARM Assembler 85 Speciale I h n g u ~i'And i C 88 Speciale linguaggi: dal Lisp af Probg 89 87 Speciale linguaggi: Fonran 77 w t e m Extensbn Modules 99 User PorVMIDI Ewnsion Gard 95 VDU Driver: un ponte fra Kernel e System Extencion 98

-

l%? 174 I78 175 166 146 187 170 206

BR

BR BR

BR BR BR MT BR

MT BR BR

BR BR

210

BR

161 184 194 250 203 203 181 168 172 176 172

BR BR

200

201 170

FiTT

MMi BR

BR BR

BR BR BR

BR BR BR

BR

as%emblk-r M266 120 182 210

MP WP

89

96

238

97 gB

224 218 25A 212 117 179 290 146 176 158 116

GCC GCC GCC GCC MP AdP

$9

63

99 66

52 67 100 61

64 78

50

AP

Ad P GCC AdP

MP Ad P MP

Caratteristiche gewralf I I'ielli di pmiilegb e le pmtezlonl I modi di indicizzamento i task e I'ambknls multitasking (1) Itask e I'ambiente multlWking (2) Il Protecied Mode Indirlui vIrIuall e indirini f'isbi La geeiorie degli intermpt (l) La g~~tlm degli intenupt (2) La W o n e degli interrupt (3) La w1one degli intemipt (4) La +ione degli intenupt (5) La gestione della memoria Una nuova struttura: Il"gate"

70

75 72 77 78 73 74 79 80 81 82 83 71 76

188 208 194 222 230 200 186

PP PP

PP PP PP

PP PP

230

PP

244

PP

217 197 216 186 176

PP

PP PP

PP PP

MCrnicmcomputer n.lOO - ottobre 1990


A

HEDA VIDEO VGA

'

800wBOOpinti Bus: 16bit Memoria: 256 Kb

A

I

' PERWNAL COMPUTER E S M DmW-lQDZ MHx

DÈx 3 8 8 s x - f B ~ -uwlffgumm~ome~ra,m09 main board Elite mSX 16 M# EMS 4. ( h a ~ c f x ) ~ ~ R nW o am0W dHardW40MbIDEBUS.

m O R PHIUPS M?& VGA S c h e m14' Ricoluzh: mxmpwrtl Cdm:fosforn thm Totalmente cunpatiile

L i t 1.88RBW

misistemiIBMps12

C.T.L CPF-

@lFQhi, 80 d., gru$.-

EPsa WEG 4-8 Ottobre 9 9 0 Padiglione42

PER ULTERIORI INFORMAUON! E PREVENTIVITELEFO1YATECI, O MEEUO VISllATECi.

....

OPPURE: VGA 800x600 + MON. COLORE PHILIPS VGA 3CM96Q9 VGA80Ox6UU+ " "Cf MULTISCAN 1024 x i68

CD ~

m

m

L% m soiw valide fino ed -M 8COTtB.

Li. 646,000

Lit. 790.000'

I NEGOUCOMPUTER M8COUHT:

C.D. MILANO -Ceniio, t2 -Td. -31M1204

CD.8OLOGISA V i Zanardi, 1Tel. (1513556371 C.D. R W W V.le -t& 9 Td. 05515000101 *CD.apKwA V i R i i 174 Tel. 010p64UM

CD.MODENA

m

-

-

-

V.le G m , W 5 -Td. 05W-74

C.D. PALERMO V I E. Ds Amldi, i 6 -T& OglE3M)224 CRMSA V.b A. Gmsci, 13 Td. W 1 5 8 0

-

m

-

PREZZI IVA ESCLUSA m

a

.un amico

cui a2@g ..m

-

l?


Argomento

No

psg.

Autore

Assmblw Alcune nwita'

U W & ksiniawii ( l ) It set di dnizioni (2)

Istruzionid m i o (8) L'evduziane della spem Un'aitra wrk dl lstruzionl(5)

87 89

90

231 Z#I 246

93

234

BB

~4 212

92

PP PP

PP ?P PP PP

&-r8a8618088

BaBGIEWBB- la siruii. interna dal punto di vista &are CosianR e variabili I rnod di indirlnamento Ilsei pli i m b n i Ismzioni di conimlk (l) l s ~ b ndil a n t m l b (2) Iciruzioni di mntmlb (3) lsmizioni di wntmlb (41 l5truzwnl dl Wwie intemipl e mprocessori ismr@nidi sirrngs {l) lstnizimi di p) IstnBioni di tradmmento dati Istnizlonl logiche (1) I ~ z n i nloglchs i (2) La gesPlorr%della memoria (1) La g d o n e delh rnemona (2) Le dlre~w(l) Le direttlve dell'ksembier (l) Le dir%oive deH'hembler 12) Ledirettivedsil'Assernbler 13) te tiitove: (2) icEruaiani R&stri. Fiag. l n d i b m m t o

48 53 52 59

92

PP

1M

PP

r n 131

PP PP PP PP PP PP PP PP

65

154

66

218

67 88 69

199

270

63

194

64

PP

Bt

102 142 180

62

160

49

103 I21 120

PP PP

60

50

54 56 57 50

55

51

228

160 168 158 166 120

PP PP

PP

PP PP

PP PP

PP PP

Assamblw HEC Y20 Anche I p-messod ham... (l) Anche i pmesson h a m . (2)

& 85

214 212

PP

PP

AWSr

P e r 8 0 ~ i a m il0OeskTop dell'ST

90

Aadn 3.0. a new opsratlng system Arabesque: grafim in dual-mode

85 95 88 70

Atm News

Atari News A h NewS Atari News Afan News &ari k s Akan Press R % h e ATW: le -re del mlwlo paralklo Bedrmeyer Multi-u~rliaskingC Welll 6onSfèd: I'ST meiii le ali Cahmus ST: Taltemativa m1DTP DBMAN dBM4N V D-se Relazlwiale Denim I'ST: una sguardo al G i m DTP-Pro: Stazione DTP pmfecsionab hsata su ST Oue appilcazbni veriicati per Atai ST Ehdomaka & ST: m p u t i r gwlca su Atari ST GDOS, il magnfim scximiscuto (I j G D W . Ilmagnifico pocinosciuto (2) GFA & Omlcron Baslc GFA W c d i m e releasw l m p . 3.07 e compilatore... GFA WC: chiamate alla Lrne-A GFA Basic: le chiamate al GEM-W3C GFA Raytraos V 2.1 GFA T%T Cdica ail'italana: Cai Paint GST N P . gentock per Atari ST 1 file OeskTop.lNF I nuwi acc%smridi si6isma dell'ST i segreti delPST - I rnes-l d'errore Il nuovo hard disk SH 205 Impariamo ad usare r'bm Seleaor K-Word 2, KSpread 2,K-Graph 2 L'anno del tranwter L'opzime Instell wlcatlon La banca dati telsmdica Lawara con Spectra 128: imprescionid'usa Ilacmcoft Wnte Ilbusica e...noìizie Naksha mouga e Qtec Wve: accessori necessari News

131 182

DCi

TS4

VF

180

DG

128

VF

72

142

74

140

75

151 117 It6

DG DG DG PV DG DG

186

VF

144

DG VF VF DI VF DG VF VF

76 71

84 75 90 88 60 96

67 90 90 B6

68 69

239 227 174 232 134

222 242 198 148 178

91

200 216

85

186

82

119

97 84

218

81

170 195 111 132 114 146 145 129 180 l# 180

59

86 71

70 71

72

n 67 89

n

69 93 T7

83 98 88

I90

VF

DG W VF M M VF VF VF VF

Ne

pag.

Autore

News: 1MO STE News: Aladin 4 O (I?)e S p e m 128 2.65 Newc: Arabwque News. CAG News: Calamus Si h CoN m : Caliirapher2.0 e Tempis Word thus:Cobr P6m Workstatinn News: b l r n e x h s : D~scovery fdews: Exchanger W s : Mite&c h w e per ST b s : Mairix Maws. Nuwe schedegdbhe HR eTC News: Nuwl programmi di g d c a piiimica News PC Speed, Superchargere PC Rm Il N-: Cchede acceterairici 68030 News: T,TE, ATW ed Atari.Net N-: T T M News: UMiX E m i l r n n ~

92

1W 191

VF

%

92

184

VF

92

184

VF

W

t81 181

VF VF

184 184

VF

Notizie Notwe Atari Offiw A u t o d o n - Geshone Videoteche Ornlkmn B m c 3.0e 0rnikrnn.Compiler 2.4 Pc Board Designer Pc-Dilto, un emulatore Pc per ST ProgrammareIn GFA Basic Atari News Programmarein GFA easic S.A.M. Realtlm D1gitizer Mhvare ST. quanto, quale *aie CeBIT ST Basic w a verslwie ST e MIDI ST Mail Sox ST Mail Bax ST Mail BOX ST Mall 60% ST MailBox ST Mall Box ST News ST News SMS:the wrne crealor Cupbase Professianiil( W C ) TimeWorks DTP Tos & Do8 by PC Speed T~B sohare da.. lettore Una vscctna ~ximmessa Un virus SUII'ST: pesti o ratheddon? VIDIST: Realome Frame Grabber

-

9 92

92 92 92

98 92 98 98 98

98 98 92 67 82

184 184

191 184 190 191 190

VF

VF VF VF

Vf VF VF VF VF

180

VF

190 183

VF VF

202

VF

172

VF VF

66

174 196 18d 177

68

144

VF MT D1 DI

8U 81

199

M

172

VF

92

181

65 73

102 153 130 188

VF DI, DG DG

81

87 79

70

84 83 87

63 93

140 205 210

192

Mj

VF VF M

VF VF VF

95

233

84 85

192 189

100

268

83

184 188

VF

114

DG VF MT

W

194 E4 t38 226

AMlpac

87

244

FM

Byfe ndl'll'8tere (1)

43

99

FM

me nsii'etere (2)

44 45 47

132

FM

103

FM

131 1 i0

146

FM FM FM

55

172

FM

70

202

65

163 184 172 164

FM FM FM

82 76

44 78 100 74

m

VF

VF, RM VF VF

VF DG VF

Byl% neiF%ters

Byle nell'etere (3) Byfe nell'etere (4) Contest L q per C& nmbit '&a

P6 700, Harn Tool Kft nppie 11

Hardniare e Software per radlotrasmlsslonedaii Il rrdello di riferimento O.S.I. 11 P x b t Assembler-disassemMer IfTCPIIP, uno standard dl rete p r il liwllo 3 Le onde corte nel computer Le onde corte nel computer, d i o nsposh NETIROM. un soflware dr rete Packet Rets narionak packet ad uso radioamwriale R T i Y UNO Tracmkcione In P e e f Radlo Tester RS232 TRXAEM (C64) Um e teorla del m& NETmOM

-

49 60

72

58 62 75

54 61 48 73

59 75

166 131

FM

FM FM FM

164 105 192 136 154

FM

Fhl FM FM FM

VF DG OG

C

DG DG

Alhi ekte Allocazwne dinamica e sruiture m r s w e Analisi di un programma Anay, sbinghe e punWori C k y i di r n e r n o r l z ~ ~ dwli ~~lm +i Compressione dei lile Compressiormdi HMrnan (t) Compressione di HuIfman (2) C o m p w ~ o n edi Hulfman (3) Compres~onedi Huiirnan (4) Compressione di tfuffman (5) Dati e Operetori

Mj

DI

DG DCi M:

206

VF

185 187 180

IXi VF, RM VF VF

m

Argomento

79

202 217

67

174

CG CG CG

74 B3

196

CG

204

85

202

86 87 &8 89

214 218 2.W

CG CG CG CG

90

260

64

1BB

81

218

CG CG CG CG


Il nuovo Tulip AT Compact 3 sposta l'accento da personale a professionale. Aprite al nuovo Tulip AT Compact 3 , e scoprirete un microcomputer dalle prestazioni ben pih elevate di un PC classico. I1 cuore di Tdip AT Compact 3 è un microprocessore Inte1 80286 a 12.5 MHz. La memoria interna di base è di 1 Mb, espandibile a 4 MB direttamente sulla scheda madre. Fornito di un disco fisso di partenza da 40 Mb, Tulip AT Compact 3 è dotato anche di un sistema di protezione d'accesso alla macchina che previene ogni intrusione indesiderata. Tulip AT Compact 3: un persona1 computer, una scelta professionale.

I

. 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 I I I I I

1 Sono

interessato n ricevere documnrnaione sui prodotti Tulip

I I Nume: - I Socicta:

Cognome:

~ t i m p l i mE s p d i n:

I

I

I

I

I TuEp Cornputers Italia cpa - Via Mecenate 7613 - 20138 MiIana I 1 Td.: W/580iQSSl - Fnx 02/58010631

1111111111111111111111111

Ii marchio-~uro~eo della qualità


A r g o m n t w f l i

No

pag.

Autore

CG CG

Argomento

No

pag.

Autore

Wordctar: InsiallTerminate Wordsiar: locazionisegrete

27 26

120

CR

84

CR

88

1M 142

.

%! l! (3)

1

200

93

220

Filtri

94

95

222 244 246

GG

FlnfrWI

195 140

CG

W

98

G i rugwnentidilla linea di comando ai Operatori W 0 psr bit ed uso del make Ilpreprwecmre e lamrnpilaiwie mndzlori~ib Isiruzioni e iumbni l T w l dl svlluppodt Unix L'abem (binario...) d i NLa prlma conoscenza mn il C LFIpqyamrnaione crin l'l10 standard La timrsiviia' Le tunzionl dek Ilbrsdastandaml 1-9funzlonl dl IM Le f u ~ o nei la libreria standard La SauU~re Lo standard ANSI Sulvere prograrnd portabli(1): twdwam Scrivere pmgramni portabiii (2): mmpilatore Scrivere programmi portabis (3): ambieme stnmure dI rnnirdlo avanzate Struiture, unioni e typedefs Un po' di sforia Visibihta' mlm e n i

75 65 gl

66 66 100 50 62 73

76 71

n 70 78 82

97

35 99 89

77 63

84

234

& .

CG CG CG

198 208

Mj

297

CG CG CG CG

230 136

205 113 182 19.3 184 215 185 224

E6 W 218 209 175 204

CG

Data Bas%

d b 1V e Paradox 3.0: ganer. di maschere e report dB&Be lV e Paradox 3.0: mmlpol8Zimeavamaia d a i d h lV s Pamdox 3.0: pratica m n il linguaggio QbE dBlll wnirotutii (t) d0iil wntro tutti (2) 48111 e dBIV Tecniche avanzate: r n m e iunzia-d Realtuazions di una applicarione mn Da-e 4.2 Verso l'a - Sintassi rebionaie

02 CG CCi CG CG CG CG

CG CG CG

AppendiArchlvl dal e archlvl Irdiie Creaione e m o n e del fUedl &Il Funziani avanrate Tecniche di programmbne Uso &l DB m e Ungua&o dl mrammaàone

CG

~m

K ; ;1 Prlnt Uslrq mcdiiam g:,""w STAT

Un Data Base per a r c h ~ a mi pmsrammi User USR e CALL Wordstar: Mspatoher W h r a Wordstmr: fratal Stampante

72 763 86

CR PP

21

84

CR

84 85

CR CR CR CR CR PP PP PP PP PP PP PP

19

100

06

22

94

44 33

165 167 1Ed 138 159 164 164 166 1%

43 43

37 51 52 53 50 37

163

40

la

47 45

1M

39

161 160 1M 191 160 160 1BO 145 148 138 163 t80 141 i44 t60 fEt 162

42 39 44

45 46 47 48 49 3[)

38

34 48

49 50

59 54 35 36 51 52 32 41

46 24

25 14 13 40

26 38 17 43 31 29

CR

PP

PP PP PP

PP PP

160 192 180

PP PP PP PP PP PP PP

PP PP

CR PP PP PP PP PP PP

PP PP PP

186 158 112 112 92 75 160

PP PP CR PP PP CR CR CR CR PP

E4

CR

180 128

49

81

FP FP

4.9 52

1W

FP FP

51

BB

FP

50

lW

m

87

122 201 171

MG MG MG MG

€a

CG

16 42 15

20 23

138 140 158 138

BASE III

D& Top Publlshlng Adobe 11btfatw Wlndows

18

130

T5 81 Q5 94

144

CG

WM Anwra sul $S$.SUB Aneora sul BD06 Autdmd nutoioad Il tipo Basi E h e h k l parte Baslc&Assembles:Il parte Basi 8 k e m b i e r : Il1pane Basi cu~Jom BuWr d W s r a Elepck: un pacchetb psr i'elsmonlca Estsndamo il comndo RENAME Fattorial8 mn n d r e IRIe Ifile randorn I messaggi d'emxe (1): CCP, BDOS, STAT l rnessaggl d'errore (2): PIP l messaggl Gemre (3): DDT, SUBYIT, ASM IlCCP ( C m k Cornmnd Pmcassw) Ilmodulo B W 6 L'IOBYE LTsmizbne di assegnazione Let L'islmzione PDKE L T S ~ W Z ~~~rM im Le gssDl0ne del m e r i Le funzioni del B W S (1) Le funzlonldel BDOS (2) Le f u & m i del B W S (3) L% funzbnl del 0W.S (4) Le iunzioni &l BDOS (5) Le iumioni dal B W S (6) Le fumlonl M BOOS (7) LPRIW cema LPRtM MBRSiC MBask e Assembler I V I W caldo di espressbnl (l) M W c : caldo di espressbni (2) MBaslc: calcolo di espressioni (3) MBasic: gestione d a b r i blnar! (1) MBasic: gectimie di aberi binarl (2) MBasic: t'istniziorae DSK MBaslc: k isinujwii RDA e STO M8aaie: te quatlm opsrazbnl MBapic: ubriari rmte sulla r n c d f hdelrMBaslc MPIM w m n a su file MS-00s: rnodllkhe al Wordstar Out e Wait

74

FP FP FP FP FP FP FP, L% FP,CP

85 87

159

PP

E4

CR

132 160 128

PP CR CR

Altre soluzioni AMqxlrna mondiale: FageMaker 9.0 Atai, il superetximimiw W D R A W ! Potenza e f a n ~ a Datmmpy 730 + OCR Plus DesignSRidio:I'mico del g d i m D& Top Publlshlng DesMop illuctraiion:il mondo de8'immaglnazlwie(1) Oesktop IIM&tlon: il mondo de8'immaginaime (2) DTP quul Fom-fobia GEM-Artllns: le Ilnee artistiche Gb accssswi... rii~essarl Qrafica: poche regde, tanta pazienza

Hardware e Cofhnare l due bass per PC

ISM B Co. vs &pie - Le novffa' delb M A U IlSuperventura Immagini e caloolatori,gioie e ddwi Intervista a Mr. % y h H L'awentura dt Verdura La m i a agli esperti k e r : il raggio indlspxsablb Le mani sul DTP: corsi, seminari e mnierenze LO -: TextFamasy ia scanner US Word 5.0 e WordPerfect5: dal WP al DTP MS-WS + Atari: auivi tu 1mgagL-a Io Me *ma delle bslle Non si vive di sob DTP Page Maker Page Maker 4 e XPress 3: la nascita di wwi ctandard PageMaker 3: il Re e' morin. Viua Il Re. Prrifassime DTPgrato CuarkStyie: Ilfaciledtp Ready, Gol4 Aeady. %t-Go! 4 5 SMAU: una vmlna per il DTP Stampanti laser (2) Tre sistemi: Appb, H d e i i Packarcl, Xemr Word per Windows: pmva su &da delle funzlonl D W X-Pms: l'sspresso del DTP

74

71 ~k3 73

83 82 83 94 86

90 E7

89 64 99 68 81 97 74

70 72 77 76 BR

73 91 66 98 95 69 98

84 72 92

142

?n 784 170 -t57

M3 IWG MG

lo0 116

M MG MG

132

MG

127

M(:

164 157

MG MCi MG MG MG MG MG MG MG

132

151 160 188 122 148 174 158 171 199 141 132 178 147 165

IN 153 196 132 126 172 110 174

75 88 79 78 65 W

2M

4

44

7

46

140 1%

129 164 148

YG

MG MG

MG MG MG FP,GCa MG MG MG MG MG MG YG

MG MG YG MG MG MG FP, GP MG

DoltywirSen

me-Minus in A p p l h nppieMlnus per macchine d ' w A@-Minus: le minuscole per i'nppie Il Commocoffe 64: collaghiamo h caffmiera al 84 Cornrndre MPSBOI:Eprom per m a r e carne W P r l m Per C-64 Interiaecdam a r e HP-WDlgipbi Joystick per Apple Il MinusPascai (ApplMlnus mI Pascal) Swnd box per C-64 e VICZO TavolettagraRca per Appfe Il ( l ) Tawletla g r r d i ~ psr Apple 11 (2) Tavnlettagrafica per Appb Il (3)

BA BA BA M P

3

44

42

95

41 33 1 29

88 91 5

BA, RG

B

VDD

LS PN

5

45

BA

33 8

110 42

9

48

10

52

TP BA BA BA

MCmicrocomputer n.1 00 - ottobre 1990

I


RICOH RS-9200 Ell Nuovo sistema magneto-ota- ad

alte prestazioni. Riscrivibile.

L

.,

-9 ",

,

-

I L '

CAPACITA 594 MB (297 PER FACCIA) TEMPO MEDIO DI ACCESSO (66,7 ms.) CON COiimiOLLER SCSI HS-l W 1 8 16 (0.4 ms.)

DISPONIBILEANCHE 1N VERSIONE COMPLETO DI CONTROLLER PER DOS

RICOH RH5500

Hard Disk Rimovibile 50 MB (25 rns.) completo di interfaccia SCSI


Argomento

No

Tavoletta grafica per Appk 11 (4) Tarokiia grafica per Apple Il (5) V1C Trislat

11

13 16

pag.

54 63 41

Autore

BA 6A MP

Argomento

No

pag.

Autore

3D mn Autoshade

81

134

FP, AA

IIcontratto mediante telefax Posta elmmnica: problematiche e bisogni (1) Posta elenronica: probiematiche e biscgni (2) Posta elettronica: problematiche e bisogni (3) Guerra ai pirati inlomatici (l) Guerra ai pirati iniomatici (2) Applicazione delle I-i: I'uso dei Row chart Cornrnercialiuazjonedei sistemi apenl Diritto ambientale e inforrnsiica I timidi contro la piratef~difiusa H computer vime nel settore hncario li lavora ai videoteminati I n f o n n a Ue~ contro110 del lavoratore Infomiatica ed ambiente e alue note sul tema L'inadempimenionei contratti s o h a r e (1) L'inadempmemonel contranl soflware (2) L'irt&rnpirnento nei contratti coiiware (3) Le basi datl della CEE Riessi dell'ihrmatica sul mondo &l lavora Sistent espeni e diimo

95 97 98 99 92

92

EP

74 58 102 W

€P EP €P EP

64

EP

89

1M1

81

58

84 82 91

66

EP €P EP

54

EP

P6

Viste realkiche di =&ti Informatica &diritto

Grafica Analisi 6i alcuni wmandi CAD jn AutoCAD 10 Anwra sullo standard IBM Animazioni mn il miumomputsr Archlvl di dati per graRca (1) Archjvi di dati per gmfica (2) AutdAD 10: lavoro in 30. le coordinate utenle Automalismi nella produzione Eusimss Graphia Autwkecth vwsione 2.0 ed i formati file di AUWCAO C o m m i o di tecniche di g d i c a ùidimemionale Cento numeri d MC mn la grafica hrnpuler grafica bidimencionals Compuier Graflca w l PC-IBM (1) Computer Grafica eol PC-IBM (2) Computer grafica con un pwtatilu hnciderazkne sulla funzione zoom Corso propsb%wlimal CAD ain Autosketch (1) h r s n propedeuiim d CAD mn Autoskeich (2) Casiniiarno un ardivi0 di dati grafici Dlgltlzer + MlcrowmpuIer + plotter Disegnare entm i margini Disegno su due w i n e Esercizi dl Computer G r a f h Trldimsnslonale Finestre sul video col PC-IBM Format gratici: ~giornamento Freelance, un prodotlo tuttofare Gli strumenti di un diqnatore (I) Gli stnrmmti di un disegnatore (2) Graficaa wbrl. la nuova generazione Grafia ad alta risolwione nelio sfandard IBM G r a f i i appl'bcata (1): curve di regwciane G r a t i applciaa (2): vipxarnetria Grafica apglkata (3): gratlca tddimensionale Grafia applicata (4): geometria analitica Graficacon il ploner ( l ) Graficacon Il plmer (2) Grafii con il tabellone eleitmim G r a f h In tre dlmensionl Grafiba senza Input Grafka su due monitor wl PC-1BM Grafia sul V i o r Gratka 3D: assonomeaia e proiezionio r i q m l i Grafka tridimensionale: i solidi gewnetrkl Grafica VGA a 256 wbri Il d i s v archilenwiiw Input di dati grafici e alfanumerici Interazione con AutoCAD Intrcduzioneal pmblema delle linee nascoste Cltalia dallo Cpace Shuitie... L'organluazlwie del lavoro praflw La composizione del d i w n o La grafica di presemazione (21 Lagrafica di prewniaione: (1) ambiente IBY La gmRa In amblente FrarneWork Lawiamo m il digitizer Lo Siandard Oliveiii Matedale d M t c o per A u W Mierosoflftuick %sb e scheda grafka EGA Pmirionamenio e riconoscimentodl m n u Pratica m il ailore Fwisione In computergraflca Problemi di grafi~abidimencioraale PqeUare con ti CAD su personal computer (l) Prqeitare con il CAD su prsonal computer (2) Progwthmo un clmilto automobitisiiw Rwminciamo da capo Rkomlnciamo da capo.Elementi fondamentali Ricomimiamo da c a p . La wnlpobione delle fipure Rotazione attorno ad un asse S o h a r e integrato e Computer Graph'ics (1) Software integrato e Computer Graphies (2) Stampante a cobrl o pbiter? Strumenti di grafica3D in AutoCAD rel. 10 Strumemi praiici evoluti soito Windows Tscniche di animazione Un t e n t a h di classificazione Un'occhiata a StoryBoard USOavanzato caraterl grafici in screm 2 su PC IBM... Uiiliui p d t t i v o d tml graflci (l) Uiil'izaW t t i v o di tm grafici (2) Vahetecnthe di animazione in ambiente PC V e m i nuou standard di grafica per il m o d a IW

46

90 53 20

20 21 B9

93

186

FP. A4

93 63 52

FP FP FP

52

FP

154 140

FP FP

164

FP. M FP

95 45 100

208

3

49

31

108 81

32 29 44

B5 86 16

95

73

FP

148

FP FP, A4

152

FP FP

Q

48 50

51

23 54

34

66 104 78

83 57

136 122

65 64 O 7 8

FP

58 122 153 49

FP

5E 49

FP FP FP FP FP

67

66

4

53 46

5

FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP

13 41

FP

123

18

24 25

FP FP FP

92 63

FP

37 35 26

83 52

FP FP FP FP

10 14

W

P

83

FP

BB

174

FP

42 22 &

100

FP FP FP, AA FP

1

Il

2 97 43 $0

49 60 28 63

81

BO 146 59 58 152 73 107 88

m

FP FP FP

m

92

in

67

142 58

FP FP FP W ,AA FP FP

184

FP

27

75

15 68

53

FP FP

172

FP

69

206

FP

30

76

FP

36

P8

FP

38

78

FP

40 47

81 115 103

d8

75

FP FP FP FP

94

144

FP,AA

87 98

150

62

125

38 52

75 92 137 136

FP, AA FP. AA FP FP FP

17 88

59

58

55 56 82

57

128 74 164

142

112 120 143

FP FP FP

FP, AA FP

78

62 80

€P EP EP EP EP EP EP €P EP

T7

88

EP

70

58 52

EP €P EP EP EP EP EP EP EP EP EP

"W 85 88 87 88 83

t72 ' 86

42

100

Inforrnstlea & Parlamento Aspenl legail della tecnologia ED1 (1) A m i legali della tecnologia ED1 (2) Anivita' di formazione e ricerca iniarrnatica Organtsmi parlameniari di valutazione tecnolog. Elezlonl: slstsml di votazione e scruiinio (1) Elezioni: sistemi di v w b n e e scrutinio (2) IlRusso di dati irans-lroniiera Ilproblema delta sorveglianza tramite Banca Daii Ilprobiemadslia tutela della privacy (1) Ilproblemadelta tutela della privacy (2) Il sist. informativo autornatiz. della Camera dei Dep. Infomatka e ddno Informatica e diritto penale (l) Informatica e diriito penale (2) La guerra dei chlg La tutela giukica del sohare Le banche datl personali Nwve proposte di legge di argomenti rnfwrnatlco Problemi ancora inisolti per laiuteh dej dati Proposte di legge perla tutela glurldca del sofiware Prospetfive e problemi del telelavoro Trasierimento elettronico dl Bndi (1) TraCf%rimentosletbonim di tondi (2)

71 55 57 53

54 56 42

54 63 69

36 60 80

58 60 67 76

50

46 76 42 60

€P

56

EP

85 44 42

€P EP

70 86 42 W 56 32

EP

Q6 93 94 67 Q1

243 216

RDM

218

RDM RDM

71

196 214

RDM

256

RDM

112

RDM RDM

61 12 66

56 52

72 88

59 73 64 65

EP

EP

EP

EP EP

EP EP

Inielligena aroficials A cosa serve un Sistema Esperto A cosa serve un sistema ecperia? (1) A cosa serve un sistema esperto? (2) Ancora sullavkione e sulla percezione illuswia... Com'e' organizzato un sistema espem? Computer Vision e Astrazioni squenziali Cm'%'un sistema e s p m (1) Cw'e' un sistema espsno (2): e' davvero... Cos'e' una lecnica di intellenza anifiiiaie Cosa e'un Sistema Esprto Da SEE a ObBCene Dream g a d n . ovvero... I linguaggi di elezione A.I. IlLtSP (l) l linguaggi di elezione A I . li LISP (2) I linguaggi di elezione A.I. Il LISP (3) I linguaggi di elezione A.I. t1 LISP (4) I linguaggi di elezione Al. Il LISP (5) I linguaggi di elezione A.I. t1 LISP (61 I sistemi esperil (i) I sistsmi espeh (2) Identificazionedegli oggetii Il rimnwcimnlo del mondo reale Il rimncaimento delle ombre Intelligenzaanlfklale e 3 n s e of decision" L'IntelligenzaArtliciaIe La permzbne del movimento Imparare a mrnprendere il linguaggio parlaio (l Imparare a comprendere il linguaggio parlato (2) La specializrazionedella mnoscenza Un S.E. e le dlffsrenze con un pr9r. convenzionale Lastruttura E la Rlosofla dl Rosie La visione (1) La visione (2)

-

89 90 51 97 88 M 55 56 57

186 230

230 206

RDM RDM RDM

RDM

RDM

59

114 156 134 158 146 124

58

RDY

RDM RDM RDM RDM

99

262

RDM

l00

332

RDM

53 74 72

190 202

RDM RDM

50 45 75 76

77

73

206 112 8U 212 180 226 211

RDM RDM

RDM RDM RDM RDM RDM

92

196

9B

222

60 61

136

RDM RDM RDM

154

RDY

MCmicrooomputern.100 - ottobre 1990


- I - - - - - -

-4

L

'

1

1

ul;~%m f d-

)ER RICEVERE GRATUITAMENTE IL CATALOGO UUSTRATO DEI NOSTRI PRODOTTI COMPILARE 3UESTO COUPON IN TUTTE LE SUE PARTI, IITAGLIARLO E SPEMRLO IN BUSTA CHIUSA A: E.D.C. S.pA. W f a Tosto-Roma nola, 61/63 ~ 0t FORNAC&E,PISA 1 D587/422,022

h W12 FIrmirinr)llsa

Wo T. Iloma~n* 611M

T& W1422.022 Far ObBfl422.034 PTMi dl MIUNO

h L 021331k4Ul T ( u 4 2 1 S J i ~ FlkkdtROM* T& W1m7.1W 'mOW807il&t? p a M N W. -.W

'

'

rn1rlaMa Id. m?i*u! tri; Pso/ui,rw


Argomento

N"

pag.

La visbne (3) La visione reale del mondo reale La visione cecondo Hirai Modelli e tecnkhe di interpretazione Proviamo un po' a dlscorren Rlconosclarnola lingua parlata ( I ) Rbonoccbmo la lingua parlata (2) SEE. per vedere (1) SEE, per vedere (2)

62 69 70 W

158 226 198 180 94

49

52 53 85

66

113 110 152 216

Autore

RDM RDM RDM RDY RDM RDY RDM RDM RDM

InWliQWCHI 1st Computer Ohmiad: segnali da Londra 20 ACM NACCC A Lm&a si e' spemo il fuom di Oilmpia Ariagrammatica Anagrammi e dizionari Ancora test ai cablatore Anno Domini Iparte Anna Domini Il pari9 Attratlwi e mappe di Hemn B'bmwfi Catene nurnerrche Cenm dl qupiwti giochi Cifrai, cihe, e computer Compker e salmwii (1) Campiler e salmord (2) Computer e vecchi merletti Gom Wars

Criptmalwli al wmputer CrObotS

85 99 89 W 48 47

141

174 144 171

36 52

56

95

57

116 154 146 170 228 108 48 92 138 118 136

66 93 95 100 72

49 50

89 67 84 97

Crjptofeedbd C W il secondo Torneo italiano

80

Dinamiche elettorali Due misteri svelati Dungeons, Cwnputer8 Fantasy Eliza conira Turing Enlgmistka e computer Erodus, la guerra di Proia Exodus: divampa la banaglta Exodus: rwttinsonni Fiai Lux Franali e mmpiessl Fraitaii FLIB asteroidi Gtigliata mista Haima, una irnpegnatnia rnigr8zione di pedine Hard & Soft: Il g k o del mmputsr senza mrnputer I cifrari monoalfabetici I clfrad pollaifab%tlci l labirinti I lettori wl lurbo I Pentamini I quadrati magci I ribelli d e l l a d ~ s i b i i i i 111 Program Cup: Casino' III P w r a m Cup: Rim ne va pbsi Ilbackgarnmcin, questo cconoeciuto Il B b r n ~ o p i o Il Domlno: qualcosa di nuovo, anzi d'anticri IlSouiitaire Iltorneo di Boston Iltorneo iialiana In Ilnea mn i lettorf Indamabile domino lo e... le r%gine Kasrash, Playiair e male L'arte della Wuzione (1 ) L'arte della 6edwione (2) L'arte della ckiuzione (3) La tdbu' dl Clive Sinclalr Lanri*, un giwo d seacohiere Le passsggiate dei Iemri Lettori e lablrintl LIFE ( l ) LIFE (2) LIFE (3) LIFE (4): aumml celluiarl Lotto & Computer Mal di test Mandelbmt Folties Mandelbrot si6W h k ! Microbi, tumiti ed alfri anirraaletti del piano Monete e bitance Nel swo InfomaNm dl Babbo Natale Numeri & Fantasia Numeri siravwmi (1) Numeri stravaganti (2)

51 83

92

159 152 128 82

87

122 128

52

86

n

113

81

130

M

t24 156

8[)

79 62 91 88 59

94

73 74

82 58 53 55 67

85 87

73 94 69

61 76

77 55

142

94 166 149 94 154 105 105 106 106 80 124 114 138 134 111 150 148 124

88 128 120

59

154 48 111 90

80

94

61

120 93 124 W

88

44 75

76 64

45 85 37

38 39 40 92 T7

64 71

t34

28 34 36 36 132 135 t19 94

91 88

181

90

176 147 76 90

79 53 M

148

EP CG EP CG CG CG CG CG CG

CG CG

CG CG

GG GQ

CG

CG €P CG CG

CG CG CG CG CG €P EP €P EP CG CG EP CG EP EP

CG CG

CCi CG EP EP EP €P EP

EP

CG €P EP

CG CG CG EP CG CG CG

CG CG €P

€P CG CG CG CG CG CG EP EP CG CG CG CG EP

EP CG CG

Argomento

No

pag.

Olimpiade per computer: Londra 19891Atene 1896 Fargrammi Passeggiando nel piano (l) Passeggiando nel plano (2) Passeggiando sulle griglie Poliarnanti, d i e c a p n i e p o l i h l i PrimaOlimpiadu psr aimputer: uliirnissime da Londra Probabillta', paradossi e m p u t e r Problemi al dmlatore Progmm CUP Iltorneo per i programmi che giocano ProgrammaCup Programma Cup (2): Exodus ProgrammaCup: i vincitori Cuancb il computer da' m R&o~B e M a n Regine ed Amazwni Rithmomachla Scacchi e computer Scacchi %tsmbssi V1 Camp. Mandiate di Scacchi p r Micmcomputer Sinfonia per Tangram e Computer Soma: perdsrsi in un inflnlto c u b b dtvbo In 7 pezzi Strategia e tattica Supsrsfida Exodus Tautopanprammi itaicl Terza P w r a m Cup: Casino' Top Semet T W t c i o e Computer: Quando il PC =zecca 11 l3 Turbo GameWorks Turbo Mandelòrot Un rinvio dopo I'& verso un divertwite patibolo

78 81 41

138

EP

126 46 40 138 117 142 1m 40 94

CG CG

-

42

86 75 86 96

43 54 60

Autore

CG CG €P EP

CG CG EP

99

EP EP

66

132 102 158

CG

68

138

CG

70

120 100

CG

58

65 83

$2 126

63 62

68

134

74 58

110 1l 0 142 110

68

82 84

EP

EP EP EP

EP EP €P

CQ €P

CG

71

132 98

7%

134

$3

151

CG EP

65 63 57

t27 120

CG CG EP

64

140

FP, LSa

97

190 161 194 186

RDM RDM RDY RDM RDM RDY RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM RDM ROM RDM RDM RDM

88

EP

Ldus Agenda

C m m o un'appemzione hintosh Aldw Freeknd Anara w Word: la struttura delle formule Anmra sul WP per Yac: MultlWrlte, Just Text Appunti di mramrnazione del Macintoch Appunti di programmarime del Matintosh (2) Borland Relex b r the Mac - &une noie SUII'RTF Cakndar Maker

74 66 98 100

262

88

179

78

203 254

ClarsCad 100 Cricket Draw 79 Crkket Graph 78 Da MacWtite a Word-Buffer e ImageWriteiIl 64 Dala Taylor Trapeze 95 85 Ediir ... Ewpressionist 2.0 e MacEqn File Maker 4 91 FONTastic 75 Fontographer 75 Glue 80 Grafica: lo stato dell'artu 87 GraphicWorks 86 Hard Dick bkciranbs rncd. GMSESIIO 73 Hard Disk Rodime 20 plus, calculamr cwwtruaion sst 63 I w n CoHector m IDD Dreams 89 Il nuovo F o m i c 62 Il nuovo sistema o p a r a h 6.M 82 11 Tuho Pascal 72 il Turbo P m t DatabaceTmlùox 74 La pmgrammazioneObject-Oriented 99 Mae Author - tenrarno in ordine ii nastro Hard O i d 65 Mac Cninch 95 Mac Motlzle 100 Mac e i Virus 86 Mac Paint e dihrni. NutriCalc 61 MacWrlte 4.6 71 Match: Draw IUGanvaslDD Dreams 88 Mimphcme Il 60 Micmscfi Basic 3.0 70 Mlcrosoff Exml 94 Micmmft W d : il wnvertitore DCA 71 Mirnsoii Works 60 News di graficadal mondo Mac 98 Objet Logo versione 2.0 81 Omnk 3 Ptm T7 Ove~uue2.0 screen saver install 58 Power Draw versioni 1.1 90 Pyrol n 70 Qualche utility dl mrammazlone in Basic (l) Quabhe utility di prqrammazione in Basic (2) 71

-

203

198 139 206 190 224

173 168 224

208 204 172

148 l18 204 122

RDM

174

RDM

164 1M 218 97 211 250

RUM

209

130 138 237 220 150 188 135 114 184 192 188 102 248 191 155 139

.

RDM RUM

RDM RDM RDM RDM RDM RDM

RDM RDM RDM RDM RDM MG RDM RDM RDM ROM RDM

RDM RDM

RDM

MCmicrocomputer n.lOO - ottobre 1990


W

2

tj l .. I

-Questa è la tela.

;

l

,,,, ,

--8 -9

Noi vi diamo i color i. Colori un po' particolari forse, dalh strana forma di dischetti; colori che portano fantasia nel vostro computer, regalando una ventata di allegria aile vostre presentazioni e un pizzico di creativitli ai vostri progetti. Sono i d o r i Lifeboat: software grafici e CAD di progettazione, applicazioni deskrop-video e programmi a colori per disegno artistico. Cosi, se volete dare corpo e movimento alla vostra immaginazione, ecco Autdesk Animator, i'applicazione desktop-video per PC, con cui potrete creare incredibili video-animazioni;se invece siete alle prime armi nella progettazione al computer, eccovi AutoSdcerh. GenericCADD, CAD professionale a 2D e a SD,

sarĂ il vostro miglior compagno di pmgertazione, mentre Dr. Halo, il software ideale per il disegno "a mano libera",vi permetterĂ  di sbizzarrirvi con

mi~kforme e colori. Non accontentatevi deiia tela: scopritevi artisti con i nostri colori.

IL GUSTO DELLA DISTRIBUaONE Via G. Fnia, 14 - 20146 Milarm - E L 02/48193U - Fax 02/4812370 Via h l o F&i 14 - 00197 Roma - %1.06/87%%

,

i

4

'9


Argomento

No

pag.

Autore

Quarado il floppy rallenta Qua& costa un Macjntosh Cuark X W S 2.12 SmartForm Designer Ctspping out SurtcEwe l[ Sulruso di Cmtch mmbinato con Word Sy8tem 4.3 System 6.0, il nuova skiema operaiivo per Macinmsh l e Il True BEISIc Deskmne TrueFwm Un WP Mac: WrlB Now, Haba Word, fime Link wirg l.O [ l ) W W 1.0 (2) W& Now

66 79 98 99 73

194 208

ROM RDM RDM ROM

84

71

n

180

211 176 194 1%

RDM

RDM RDM

iss

RM

134

RDM

69

l&

RDY

Q6

208 150 186 178 194

ADM

76

67 92 93 83

RDM RDM RDM RDM

MC rnicmfaeils

Algwltnt! di ordlnammto Famiglie logicha (1) Famiglie WcRe (2) GeneralW dei cimiiti lwia l M in cassain%: le memorie . IEEEL'intertaocia La decadilica degli indirW sul Bus La negailogica La s e l W del dlsposlI[vlsul bus l~ standard Centrwiics, , Memria ed altri disposrhi sul tnrs Pmprleta' logi* fondarrenidi Spsdiamo i bit Un po' dl bglca

38 41

106.

Q%'

TP TP

107

TP

128. Q3 104

TP TP TP

37

104 94

4U 38

115

44

94

23 31

87,

TP TP

TP

Argomento

-

Un v l d m o c o tuno W r o (12) Scuola d videogame Un vlde@oco tutto m t m (13) Un wdeogiocci tuita n c d m (14) Un vidmgllioco iuno m (15) Un videogiwo tutto M o (16) Un v i a i o c o tutto nostro (17) Un vichgioco tuitc &m {la) U n vi&@tuiia mptm (19) Un vo tuno nostro (20)

No

pag.

Aurore

80

lE2 15E 138 152 162 1M 16.3 205

MP MP

81

62 83

84 85 56 90 91

183

MP

MP MP MP MP MP MP

NIBmorlsottlEhe Apple CD SC Appllcazloni del CDROM C 0 File Syctem CD-ROM Mulolingue Zanàchelli CD-ROM: StPBt%gl%-M.Cos'e' un CDROM D& preparatiwi per CD-ROM Diabolico. Virtuoso, Incredibile, DVI Electronlc DocurnenlManagement System I sistemi di arch~azioneo h Info t Dsk, Banche Dini e Memorie Oitiche MS-DOSUaenslons: lachlaue dl wrnpatlblita' %tori applicativi e &M Third Intemational Conlerenc%on CD-ROM Wum Disk Drivec Maxior RXT-BOOS e Opiciech 5984 Worming inside...

79

132

70

68

W 71

95 64 152

78 78

44

84

t21 74

72 80 70 74 87 81 73 75

ALD AlD

ALD ACD ACD ALD ALD

ALD

142

ALD

66 68

ALD

118 118 75 74

AL0

n

l#

24

28

18

26

20

30

17

26

AW ALD AL0

ALD ALD

TP

45

1m

96

1M'

F

43

78

X2 39

77

TP TP

84

TP

TP

~ ~ P i a v

-

A b jacia %n prngerto numeri Azzardo - ordinamento numeri k i k i computer Domanda a bruciapelo m 1odissa nellbspizio Un queslw - chi m? - pareua butto

-

MCmlcrn CAMPUS Breve intmduziooealb banche di dai ... Uab: Elaboratorenumerlm di segnali INT m: inierpreie d un Ilnguag@ofumlonale MathematrcaiT m m m ir m Mdod: elahoram di s e m a m p o c i n w * melodiche MultipleVersion Mmitisiramr: un tool di @osi8 per

95 W W 94 91

pmgstosw M - W : mMne dl miwb in precisiwie m u l h Met-Soh Syaern: prngettarionedi reti bgiihe Preciimp:prempllatore Fonran !Miwre e Unim-sita' Tirlamo le s m m e Un teniativa di stima del mnsurno di energh... Yankee: shell per i n g e ~ t i M a a Conoscenza

97 98 8.9

2

59

147 124

122 150 142 143

178 1% 122

87

46

100

224 154 102

90

92

FD'A.GDS FD'A,GDS FO'A,G06 FD'A,GDS FD'A, GDC FD'A, GDS FD'A, QDS FD'A, GDS FD'A,GDS FO'A,GDS GDS D A , GDS FD'A.GDS

m g s m e 64 Scuola di videogame Scuola di Videogame Scwla di Videogame Scuola di Wdeagame Scuob di bidsogame Scwla di Vdeogame "C64 vs Amiia" S C W 6i ~ Videogame..-Moloplican* Sprits Scwh d Videcgame: i'edrtor rnwimle ( l ) Scuola d brideogame: I ' e d i i musicale (2) Scuola di Wdeogame: I ' 6 d m m u p i ~ l e(M) S c w l a d W d v e : I'edltor muslcale (rnutlns IHO) Scuola d V i d w m e : I'editw musimie (ultima parte) Scuola di Vidsogame: Moliiplicarions MiSprite (1) Scuoladi Videqame: Molapl~;a~kne degii Sprite (2) Saioladl v i w m e : MoiDipiicazbne deg8 Sprite (3) Scuola di V i d w r n e : Saolling 3 0 Scuda di Videcigame: suoni dgitaliuaii Un Wegagame" ( p r Il64) Rmo n* Un digitalinaiore audio (il &Mare) Un vlb%ogloco t u nostro ~ Un WoMto riciptm Un v-io tutto nostro (2) - Saiola dl v-ame Un v i & q k a iutto nostra (3) Un V-I unto nostra (4) Un v i d e q m lutb nostro (5) Un u i à t q i i iutto nostra (6) Un w m l o c o tutto nostro (7) U n videogim Urto n o c b (0) Un v i d e o g i tuma ncsm (9) Un v B d e p g b airto n w m i (lO) audlodlgltlzer Unvideq~iuitonostro(11)

m

-

MP

94

161 139 153 164 148 170

76

149

MP

85 86 88 87

165

MP MP MP

81 82

E! 84 92

89 M 74 75 71

tW $90 188 170 18B

MP MP MP MP MP

MP MP

li9

MP MP

l#

MP

MP MP

77

174 la4 191 171 166 190 191 l73 179 188 176 181 148 192

78

171

MP

79

172

MP

n

78 93 95

1 71 72 73

74 75 76

MP

MP MP

MP MP

MP MP MP MP MP

MP MP

M6DW Aggiunte alle funzimi di gestione dal video (1) 75 Aggiunte alle i u n ~ o ndi i gestione det uideo (2) 76 Comandi grafici e di utillta' 59 l "d&vlc% drlver" (I) n i "devi= driveT (2) 78 I"deuioe driv%r" (3) 79 I'deuice driver" (4) 80 l "devi= driveT (5) 81 I 'devica driver" (6) 82 l "device ddver" (7) 83 Icomandi esterni (1) 63 l m a n d i sstsml (2) 64 Im a n d i &i (3) 65 l comandi esterni (4) '88 l mmandi e s t m i (5) 67 l m a n d i interni: U(ET0BIN 68 Il Mwse (2) 88 il Mouce (3) 87 il Mouse (4) 8B il Mnuse (5) 89 li Mome (6) 91 il Program w m e m Prefbc (PSP) 69 li SiSkme ope& MS-DO6 ( l ) 54 Ilcisterna c p r a i i v a MS-WS (2) anoora sulle dire55 Ilsistema qeraiiva MS-DDS (3) 56 Ilslstema wraolva MS-DOS (4) 57 IlsistemaoperativaMS-DOS (5) l comandi di gesti. fib 58 La prcgarnrnazione in batch (1) 60 La mamrnazione in batch (2) 61 La m m m a z l o n e In Mch (3) 62 Le mutine relelive all'lKTl OH (1) 71 Le mutine mhtiue dl'lNT1OH (2): La gest. del vidm 72 Le mutine relative all'lNT1 OH (3): La gest del VM 73 Multktasl<ingin Tirne-SMng m n il Turbo Pascal (1) 92 Muit~tasking in Time-Sharing con il Turbo P a w l ( 2 ) 93 Nuovi h t di curatiere per Turbo Pasca1 Parliamo un p'di rnouse Un p'di hardwareqni ianb ncm guasta..

214 182 150

PP PP

228 232

PP PP PP PP PP PP

234 248 220

200 220

206 188 166

PP

PP PP PP

PP

226

PP

200

PP PP PP PP

220

m 294 264 234

m

238 166 196 196 212 196 160

176 178 198 208 214 216

m

PP

PP PP PP

PP

PP PP PP

PP PP PP 'P?

PP PP PP

PP PP

84

219

PP

85 74

216 204

PP

57

1M 200 158 144 258

SDN MMa

PP

MSX

Generalite' sul sistema WX Gli Sloi ( l ) Gli Sto1 (2) Imrnponsntioi IO l tasti funzione

64 65 59 Q6

MMa

SON M a

MCmicrocomputer n.lOO - ottobre 1990


UFFYCI DI TUTCO L'UFFICIO, UNITEVI.

l'uniwie fa lo fono, si so. Ma la tona sto onthe in quello ck unirce. Con il PC bU IIImete la tona di un persona1computer, wrnpathile MS -MS, ~ h pew colgorn a quulsioG PC di un ohra ufficio, di un altro edfiao, di un'altm citià e aeare ma rete sempre aperto al dilogo con ilr n m h esterno. Il K 60 III pud infath essere rollegoia in rete e integmre PC di ogni d i a 0 gmntendwi uno autentica cmpohblità wn l e v m e esigerne. In W, ilK 60 111 e il K 50 11sona wt8mti Novell e somi setver ideoliper fomiwisoluzioniglobuli con lo più svanzoia temologiri. IlPC 60 111 B lo pmpmia più mfisiicato di una gcrmmo di Peaonol CommDdore noh per mere, primo di Mto, comptiiile con l'uomo. E quMo signifim che la vetsotihti e la semplirifh delle 4uzioni Cornmodore sono [ornpaiibih con I'mluz9ne. P.S. Esigete sempre g o m m Cornmodore @M. :.

PC COMMODORE. FACILE IL MFFICILE.

-=-

e


Argomento

Il Bootctrap Ilcomando Sound Ilwrnpilatore C (11 Ilmmpllatore C (2) Ilcompilatore C (3) t1 compilatore C (4) Ilcompilaiore C (5) Il disk Drivo Il Music Macm Languape Il PSG AY-3-8910 Il PSG e la musica Il PSG e la muslca Il registratore a cassette Il Turbo Pascal il V9938 (1) Il V993E (2) H V993B (3) Il V(4) Il V S 9 3 (5) Il V9934 (8) li V S S U (7) Ilvideo (1) Il video (2)

M"

86

Autore

238 126

MMa MI3 MMa MMa MMa MMa MMa

42 85

220

86

m2

87 88 89

239 268

70

206 103

238

MMa

41 53 94 95

166

SDN

255

MMa

6B

214

MMa

69 78 79 80 81

233 237

204

MMa MMa MMa MMa MMa MMa MMa MMa SDN MMa MYa SDN MMa MMa MMa MMa MMa

82

83 84 61 62

Il video (3) L'imerfacclastampante L'MSX Basic (3) L'MSX Baslc (P) L'YSX-Basic (1) L'MSX-Basic (2) L'MSX-WS La grafica ( l ) La grafjca (2) La gralica (3) La graficacon il T u h (1j La grafm con il Turbo (2) La grafia con il Turbo (3) La RS2.32 (l) La RC2.32 (2) La R S n 2 (3) La RS2?.2 (4) Le cartridge (1) Le cariridge (2) Le funzioni doll'MSX- WS (1) Le funzioni dsll'MSX-aOS (2) Le Iunrioni dell'MSX-DOS (3)

pag.

63 E0

92 93 80

91 71 38

m

238

253 224 204 224 222 173 174 203 156 220 242 272 254

MB

MM

95

MB

39

95

MB

40 75

M0

9B W 100

93 221 186 232 247 236 272 316

68 67

ZZ? 1%

M M

72 214 i?. 220

MMa

76

77

97

74

212

YMa MMa MMa MMa MMa MMa M k MMa

MMa MMa

PD Sottware

6 CD Rom di PD per MSWS B00, Arcery, Italink Alde, QEdit, Fracint Altre 4 (o 15) utili.utility Amiga PD. frenstica passion... Archie PD Archie PD atto m o n d o Archle PD Software Due linguaggi AWK di PD mn sorgenti Fratelli(d'klia e) d'Amiga Fritto misto pcr M i a Gestiamo meglio il PC m n il soffuvan di P.D. Ilsoftware di Pubbiico Domitio Librerie PD per iingumio C Liherie per il Clipper PDAmiga di tutto, di piu' PD per il CPiM: Linwaggi & Utility PD perii GPiM: comunicazione e (de)wrnpaiìatori PD per il GPIY: un &$tema Cp3ratlwi ShreWare Programmidi comunicazione Public Domain tra il s%rb e il faceto Shell per la gestionedl file e programmi VirusiDe Vims & programmi dl compmazione

$2 88

87 89 $5 99 98 97 95

$7 93 99 84 90

94 Q2 94

93 97

86 98 9B 85

106 164 112 127 218 206 178 186 195 208 188 198

83 158 178 1%

l81 170 252 126

202

197 120

MGe

MGe MGe MGe EF

MMi MMi MMi ME+ EF

EF EF MGe MGe GR EF CC CC CC MGe EF GR MGe

Pi-ave c a l d a ù i c i Hedett Packard 11C Hewlen-Pachardl 5 C Howlen Packard 75C HP 8216 t A Mirocacseitadigitale in HP-IL HP 82192A - W u i a tlmer p s r HP41 RetrospetavaCompucorp 326 Scientisi Texas Inshumems 1-55 Il Texas Inctrurnents M W l o SCS PN slmulator Texas Insaumsnts TI-55 11 Texas Imurnents TI-66

-

52

3

32

PG

15 16 6 14

46 34

PG AM

44

FMe

84

PG

2 6

52

PP

40

1 6

54 40 58

PP FMe

25

PP PP

Argomento

No

pag.

Autore

92

86 104 74

CG DI BR CG

Pmvswmpuier Acer l ?M133 Awrn Arohimedes Awrn Archlrnedes A3000 Amrn Ahimedes R140 Amrn Atom Amrn Ekwon Amrn Master 512 ACT Aptimt ACT Aprimt F l Amiga 3000 Amstrad CPC 46d Amsirad PC 1512 Amsirad PCZOS6 D Amswad PPC 512 Appk Computer Yacintosh Apple Ilc Apple Ilgs Appk III Appte Macintash Il Apple Macintwh II a Apple Macintosh Ilcx Apple Macintosh SE130 Apricot F-10 Aprlcot XEN Aprimt Xewi XD Asem DESK 5030 Asem Thor m AST Premium 286 AST Premium 386 AST Premium W 3 Atan 1040 ST Atari 130 XE Mari &Q Atari 800 XL Atari Mega ST 4 Atari PC fol'io Ba Computsrs PC bit 3% Ba Compulers PC bit AT Bondwell B BondwsllR300 Bondwdl PRO 8 TH BrainstonnST 386 Cambridge Computer 288 Canon V2U Canon X-07 Casio W - l 100 Casio F P - m Casi0 FP-GOW Casi0 PB-l00 Commotbre i28 Commc&re 64 C o m m h r e Amiga Commodore Amiga 500 Commodore C16 Commodore PC 10-lll Commodore PC 40-111 Commodore PC E 0 40 Commodwe PC 1 Comrnodore Plus 4 (Hardware) Cornmodore VIC 20 Compaq DeskPro 386 Compaq DeskPro 3 4 / 3 3 Compaq DeskPro 386s Compaq D e s W 486125 Compaq LTE e LTE1286 Compaq P o d l e 111 386120 Compaq StT1286 Datavuo Spark & Digital R a i n W 100 Dragon 32 Epson PC AX3s Deskiop e portatile Epson PX-8 E p m XH-20 General Proccssor GPS-4 Grundy Newkain Hewm P W r d 28C Howtett Packard HP-l lO H w t e t i Packard HP-07 A H e w M Packard Integra1 Hmeywell QusstarIM: hardware Honeywell Questarhl: sotfwhrare IBM 24 om

-

IBM AT

IBM Persod System2 m&. 50 ICL Perconal Computer ICS-SOrd M23 Iiihrk III

68 94

98 11 29 55

68

29 38 97

44 52 84 70 66 Q4 100 44 88 78

36 65

79 75 28 42

58 4

65

30 60 88

24 60

56

108 94

8$

82

48

44

52

52

95

MDL LS

CG CG MI3

MP LS CG CG AdP CG VDD VDD

BA Ad? RUM

RDM RDM CG CG CG

57

84

85

M

90 IO0

74

86

77

CG MP

44

90 108 56 82

1

36

MM

42

82 90

M8

89

59

67

91 63 59 57 87 76

106

63

104 66 80 70 70 108

67

96

43

58 62 M

37 30

CG CG CG

CG M8 MP WP CG CG

M6 AL AdP

CG DI

ME

FM CG FM CG FM

24 34 22

M

47 18 53

64

TP

42

W 38 76 83 78 69

80

MDL 01, MB AdP

39

14 62 89

n

96 91

69 80 68 19 27 99 33 15 11 17 64 33 11 43

2 3 60 50 71 18

6

52 52 50 48

TP

74 70 90 112 48

CG CG CG CG LS MDL CG CG

44

74 110 90 126 112 100 102 112 38 46

108 78 40

36 38 $4 70 44 52 36

36 70 48 68 36 34

CG CG CG CG MP AdP AM LS GG M0 AM MM

CG MP CG AM AM

AM AM ME

CG CG CG Ah4

MCrnicrocomputer n . i O O - ottobre f 990


I1 portatile univc;--% .'-a Desktoo P: L -'-"g, i"+. a sera W---rt, ;T::,++

,.l

-L

-

."


Argomento

11 386 di^ 33 Imerwmp Clacs XAT Iniwcnmp Master X386 C-33 IntercornpTargel XAT-16 Imerdata !D-366 Macinlosh Pluc Macinwh Portable Maitel Eledronics W m i s Mernwex Telex m0 M r n ~ t i ~MD( h 512 Mb&k Pemndiiy AT Mitac 286VE Mulfitech M b p m t e s s m MPF-Il NEC MultiSped HD O l i v d MI O + TRS SU rnd 1W Oliveiti MI Q Ollvetli M38WXP1 Oliveto M38WXP9 OLivetti P500 OLivetri Pmdest PG1 Orkl Ocbome 3 Enmre Osbome 1 PcBHd Pc: cdmpaiibili e compatibili PC: IBM O wmp~iiIM!8? Pc: le prve e i risultati Pc: PCIBM Pc: sch& Pc compatibili(Adlin IO) Pc: &&e Pc campatibili(Rduanm86} Pc: schede Pc m w t i b i h (AlphaMlwo A M I O-FWì.4) Pc: Mede Pc compatibili (5elton Lemon intelligent) Pc: schede Pc compatibili (Cmnrmbre PC lO) Pc: schsde Pc mmpatibib (Data Gensral 01-19) Pc: schede Pc mmpatibiti (Ericswin PC portatile) Pc: cchede Pc rnrnpailbll (Ertcsson PC) Pc: schede Pc mrnpaìbi8 (Ewpress) Pci schede Pc m m w b i l i (Haneywell !Xsupefiearn) Pc: schede Pc mpa!lbili (Imercomp XPC) Pc: schede Pc mmpatuli (ITT XTRA) , Pc: schede P c m p t a i i l i (Joytech Litlw PC 2) Pc schede Pcmpatibili (MultitschMPF- PC) Pc: schBde PCcompaWli ( O l i m i M24) Pc. shede Po axnpailbiU (Osbome 3 Enmre) R:schede Pc mmpatibili (PC Wt) Pc: schede Pc m p a i i b i l i (Philipc P31Ml PG) Pc: schede Pc wmpaiibili (Pulsar) Pc. schede Pc cwnpatlatll (Stata Susy 5) Pc: s c M e Pc compatibili(Siprel Kid 83 PC) Pc: sci-de Pc wmpaiibili (Speny PC) Pc; s & d u Pc cmpaiitili vmhh T 1100) PC: schede Pc compatibili(Tosh'iba T 1Xm) PCbif 286 PCWr286-e Philips NMS €255 MSX2 Philips NMS 8280 MSX2 Philips N N 9100 Philis NMS AT25

Phlllps P-= P h i l i VG 8110 Philips VG 8235 (MSX2) P h l l b W e o p a G7400 + C74Zo Prima Cyctem 30 PpiOn Organim Il W w e B AIU 65140 ~agB a1P

N"

pag.

Autore

89

104

CG

~perrypuri

53

5B

6a

10B

56 80

108

CCi

80 100

M2

BI)

CG

56 M 36

MB RDM

89 73 60 64 10 23

114 88 78 94 34

03 CG

?&

S p e q PUrnicro IT Tancbrn PAC 286 Plus Tandan L T m T ~ T 3 6 S m T a n q t dO3 LT T e x a Instmrnents TI-74 B a s l a c T e x a Instniments1 - 9 5 Pmealc Te= lnsmirnenm TI-99/44 Texac Inctuwnts C C 4 Toshlba HX I O Toshib HX 23 Toshiba T-i O0 Toshlba T-300 Toshiba TI000 Toshiba TlMXISE Toshiba T1100 pdus Toshlba T1200 Toshita T 1 m Triumph Adkr Aiphatronic PC TRS Micm Color Computer MC-IO UnlMt PCli112& SP Unibit PGbit V30 Unibit PCdue 55 e 65 ~ n l b iPC~OR t SXNGA Unibi TSX 300133 Unidata AX 9000 Unidate PX-BO e P X a unidata P X - ~ 4e7~ ~ 4 0 8 7 Unidata X3360133 Vsctor Graphic Yamaha YIS 503 F Zenith minisport Zenith supersPORT Zenlth Z-t81

CG CG

112

AL CG CG CG

MI

89 81 70 12 51 94 21 97 36 61 81 21 79 27 54

42

53

MT AdP CG FM MB

45

72

MB

P

44 46

AM MP

93

laB 82

E3

90

72

78

86 84

AdP AdP AdP

25 28

42

LS

52

LS

78

%

CG

n W 84 66

92

MDL CG

78

MB

92

CG CG

74 44

100 54

LS MP BA

58

CG

40 t18 88 120

CG CG CG CG LS CG

90 41

60

8

34 64 62 60 92

MM

88

FP

68

CG

69

CG

51 44 44 44 44 44 44

58

CG CG MM

FP

44

m

44 44

71 72 73 75

CG CG CG CG

44 44 44

CG

74

CG

44

76

44 44

77 78

44 44

79 80 81 82

CG CG CG CG CG CG CG

83

CG

84 86 86

CG CG CG

87

CG

44

88 89 90 91

72

98

70 62 64

88

CG CG GG CG CG WP

82

FR

86 94

MT

CG

75 30

94

GG

52

MB

40

82

LS

54 30 72 65

64 80 92 70 44

44 44 44

44 44 44 44

44 44

44

m

10 14

CS

Chzen 1200 CiMSP m45 e 501%

PP

Cornmpdore A2620-68020 Corem Oailus 10 \ M e 0 DqiLizer in fomiato VGA COME. syctern 5 MB + Apipb Il + Pascal QIUUS System d i m rigidoda 5 Mbym h x Vdoa Mapter Currah Micraspeechpsr Speanim Data 20 hrparation XL BO per C64 Datai* Diko Card Dlmnlx 150 tnkjm printer Di% Ottim W r W s Triple I OR650 Disitam CX 160 Drsk D* + CXilcir disk Phil'ips MSX b g fh d o n R W i c s T M c k Ekttronh Emihana SCRIBA 20 E p o n GTglKKI Epson LQ 508 k Pimniter P2200 - Star LC 2410 Epson W# Essernrnsci: inter. parall. per Tf-9914A Fbppy Mlmperipheml per Sindair QL Fujitcu DL 11W Fujiku DL 33FUjltsu DL5600 Genlus Mcuse GM-6000

MT

60

CCi

132

CP MP

81 32 42

76

41

74

Wrp PC-3201 %p PC-5ooo Cirrclair QL SincYr Spectrum Plus Sinelair ZX 81 Sinctair ZX Cpedrum Siprel Pwsonal K i 6400 Sirius l SMiy MSX HB-75P Cpsctravdeo SV-325 ~ a v f d s SVI o 728

7

-

MP LS

49

74 82

FM FM FM FM

49

%i

CG

40 28

M

37 5

98 52 52 a0

AM M6 M5 MDL

20

48

MDL

37

68

12 35 29 37

44 52

VDD AM Mi3 M6 M6

41 9

26 32

52 56

FM

35 69

44 86 $1

W 97 73

W 89 4

42 91 77

57

pag.

44

Autore

MP

CG CG

88

CG

102 120 l16 W 92

CG

66

lt8 38

CG

CG GG CG

m CG

AM

M6 CG

58 128 100 76

MP MB

m perlterlch%ed ac-n'

4 T m l in ROM per M 5 schede grafichs IBM (Act, Paradise, Qusdram. Bii) 10 m s e per I PC AC Power M k u p PWM 500 A v i a t o r e a w W Novathn Cat Alwm LanFaxil O - S X Amlga 2088 BridgeBaard Amiga 2286 AT-Emulatm AMT A m l 5 0 0 Apple LaserWrh Il Archive Ft600 ATI Profscsiond lmage Board AVR 30OWGS BitwriterlMannesrnann MT 86 e MT 290 BMC Cordless Mouse W e r e Data Swkh Delin per stampanti

CC4 MS

Sanyo lGLT Cchneidsr PC7640 Sharp MZ-700 Sharp MZ-WQ PC 1251 S W p P C 12W Sfiarp PC 2500 Sham PC 7000 Sharg PC-l500 e CE-150

P

Ho

-

&il1 HN hrnpuprini 4188 CalComp M83 Cambridge h r n p u t i g Imlllgent Joysibck C& Centmnics per VIE20 e C-W C m e S l m ' Basi per Commodore 84 25 Camidge Super Expander per VlC-20 Cheetah Sweei Talker Chimn

CAM mupe

M 6.9 53

Argomento

-

90

TP

132 53 74 50 128 116 120 86 1m

MT MT BA PC AdP AdP MT

RDM

112

MT MT MT

87

114 116 76 53

45 84 83

78

TP

110 76

MT

27

84

34

68

B

62

W

72

29

68 M

47 66 87 55 13 99 6ù 78 81

78 63 84

99

M

92

FP

FP MT

MT ME

LS LC

T= ! M6 MT

57 73 83 90

82 130

MT AdP MT

7

40

CG

1 83 39

50 68 60 80 96 102 104 128

41

55 64 97 6Q 47

96 98

&5

32

70

M 9B 78 58

64

82 1W

BB

31

92

44

102 76 10B 78 M

98 79

71 87

hiTT

EA

MT M0

TP MB

MT GR MT M0 M6 TP MT MT MT ME

MB MT MT MT MT

MCmicrocomputer n.1 MI - ottobre 1990


ALR

Salva il Vostro investimento 3.5"ExpansionBayfir40-or206-MB Hard Disk (Models 40 ami 1101 150 Watt Power Supyly Supn VGA Czrd (64U X 480/801)X 600) Six 110 Expisioiz Slots: three 32-bit EISA, fwo 16-bit lSA and \ one 8-bit ISA

/

\

BiisinessVEISA 3861i486 Feature Connector s u p p r f s CPU Mud~le 2.2-MB Floppy Disk Optional 150-MB

Tape backup Floppy Disk

-

Serial, Parnllel Ports Moidse Port

ALR Business VEISA Perché A L 8 P sempre alt 'avanguardia: L'architettura VEISA-ALX oggi un punto di riferimento per le più uccreditate riviste di persona1 computers negli Srari Uniti. I sistemi Business VEISA e Power VEISA sono espadibili (286,386, 486) basta solo cambiare la CPU. Sono superveloci grazie ad un 'architermra Flexcache di cui è proprielarisr ìu Ai3 e per questo è stata premiata da pitl riviste. Suno computibili con MSDOS, XENIX, UNIX ed espandibili $no a 64 terminali. BusinessVEKSA i486125 CPU Module with support for 25-MHz Wcitek 411 5 7 ~ ~ BusiiressVElSA i486/33 CPU Madrde w'tk supporf for 33-MHz Weifek 4167

BusinessVEISA 386133 CPU ModuIe wifh cupport for both 387rMaiid 33-MHz Weitek 3267

Chiedeteci la documentazione su tutti i modelli ALR

Br~sinessVEISAS y s t m Baard with F l e x a c b Memy Archifecture

Espandibilità totale

yber

A

Si cercano distributori

@

distnbuiore per ['Italia: ViaL. Ariosto. Ig-511UOPistoia T~1.0573,3a113~4,i~~-F~D573,36


Argomento

No

Gwiius Muse GM-500Plus H d c REL scheda 110 per YlG20 e C-64

a7 36 58

Hemles Graphicc Card Plus W l e U Packa~dD e s W Profèscinal Printer Hltachl VY-25E Colour W& Prim Hl4/66 Horaeywell Bull4441 HP D ~ k J ePlus t WSH - Mahtxpet - Hom rnairld perCammcdore6092 Ideriuea Tape saWuip System Intercomp MPl008 Megavicion I W e g a B%rrioulli Box Il I min 245 EZ Tape, P W B a c h ~ p Irwin Magnetics 420 lwln Mrcrotape Juki 9200 Kyber Laonard 1 Plus Graphics Board Kycicara KSBMI L'Immagine 9MOnica: scamiw per graficae CCR Lexìkon HD 870, HO 874, Ho 352, HD 362. HDC 372 Unea d Modem Diiita! DeviLogitech Junmr Mwse PHot Logiiech Mari Logitech W a n + Irnage-In Lqitech CcanMan per Apple Mac[ntwrh Logltsch Serial Mouse C i' LogitechSenalMause PSP;i Logitech: TrackMan mdm h e M a n n i m n Tally MT m Manmmann Tally Mi81 Master &t Mowe e M&er %ai Mocise Hbres Ma*mr HardDisk !+lDB53 XT-1140, KT-2190 MwntechbZCKSO M i InPon Mouge Mister Shinwa VP 81m Modem agiial Dwices Enigma Wem l2WM+ e 12MiP Mountain D r i v e w Mouw & Chmewi per Cornmodore B4 [e MSX) M u M Mali Il mstiera esma per m e Il NEC P2 pluc Nec PlnwriterP 2200 NEC PimvnterPW7 Plus NEC Pinwriter P0Xt NPS P8 pbiier Nurnonics Manager Mouce 3S Nunun~;sManager Marse Intrared W CB44301 FwW D Q h m per PC IBM Plottw 152Ue 6-r Comrnodore P l w Calmmp M 4 Plottsr W r Cunputer S w - P Plotter HP 7470A P l o m Rolana DW-t000 Plotter W & m k MP- 1000 P h r WataMbe W 8 3 8 Ploner Watambs WX4731.Pl otwritw PbUer YEW PL-1000 P o b r d CI* Pobmkl Fresze Frame potarod Palette

-

PotmKWWW Pm-Grapkr CPX-BO PSI HS-7600 Quadram JT-Fax Qukk Data Drive per C 84 e VIG 20 S.C.U.D.O.' L ' a m m a i m in casa Scheda grafica RernaiGMZ-708 8(rp M i - M 0 Scheda RElmgy 128 ~ A 9 p l Ile S e i k h a M P - 5 3 sN Seikmha S P 1600A1 Suikosha P-XMM SeUe schede Super-VGA a confronta Siebck Plua SIEL Sound Buggy: cint rnusicaie per C 64 SIEL In&rI&&a M i C64 e Spwtmrn S i d a i r M interface 2 Bindair M Micmdrive + Inteface i Sound Blaster ctampante B i t Wnter CPB36 Stampante Ciken KP-25 Stai-npanie Comrnodore MPS so2 Stampante Epswi U-80 Stampante EQMI W 2 0 3 0 Stampar& Hmiaywell t29 SLampante Juky 6100 Stampante Oki DP-l25 Stampante RiternanClplw per C 64

77

90 71 74 87

7 89

g

.

80

90 92 108 124 81

Autore

MT TP FP MT

98

MT MT MT

76

MT

36

PP

MT MT

6s

120 110 118

76 57

84 W

48

52

93

M MT MT TP

m

80

LS

lci~

MT

82 %?

76 88

69

83

47

617

72 110

81

$B

MT MT CG CG MT FP

W 85

82

PC

100 &3

MT MT

84

MT

114 84

CB MT

92

MT

07

65

T(I

116 92 65 106 122 104 98 68 76 1W 122 112

MT ALD MT MT MT

37

87 67

95 71 61

57 87

61 80 72 55

49 40 94 89 77 71

CG CG MB TP VDD

MT MT W

AnT

5B 87

87 82 67

87

M

MT MT MT

92

73

MT

43

46

CG

97 25

74

TP

48

FP

23

52

CG

10 27

4U W 52

AM

24

t t3 28 95 99

42

44

44 44 i26 130 52 116 IO5 .W

FP FP AM

CG CG MT MT

Mi

l18

MT MT PC MT

laB

TP

98

60

pc

44

110

F?d

7 64

98 80 44

14

52

8A

86

96

82 94

72 t04

MT MT MT

116

6A,GR

93

44 38 32 28

36 47

88 60

28 68 58 134 78

47 36

78

42 44

62 98

2 25

44

4 43

I

84

M6 M5

PC MB M6 M P

MB MB MM

54 46

CG

68

TP

CG

Argomento

No

Star@&nte Ssikasha BP-5420

35

W

S f a ~ mW e b h a GP-250 X Ctampants Seikosha GP-7OOA Stampante S e i h h a SP-HiO Stampiinte Shlnwa CF44 Stampa- Siemens PTMT Ink jet Stampante Star SR-15 StampaM Honeywell L1l C37 Sfarnp.nb M FrlnterlAlphawm 32iSeikha GP-50s SlarLG10 Star NL t O S~estS0555 Tandorn M-PAC Tastiera mucicale Siel CMK 49 per C 84 Tavolena gr&iiraKoalaPad Telexarrdo PX 1OOOF NO ~aard Audibic l'he Final Cartrldge per Qrnmodore 64 Translmage 1000 Optmi Deta Entry System Turbo 5050 per C o m o d m 64 Xemx WZU ZanlcheUi. la Diviri9 Cwnmedla su Fbppy Dtsk Zoltnx M1896

12

52

20

54

43 31 19

62 88

47 9

78 34 80

-

me

pag.

Autore

CG CG LS M5

M0 CG M5 CG M0

44

34

75 54 88

108

MT

70 I16

M8 MT

79

112

m

40

48

TP

26 !35 80 50

$0 120 114

LC PC MT

58

TP

82 50 76 96

76 80

FP TP DI

154

CG

98

122

PC

33

M

BQ

102 102

MB MT

58

Prove soPhvsrr

AbeForth per Spectnirn Adobe IIiusEratw88 Arts & bthm Ashon Tate Framework Ashion Tate ByLlne Avtodesk Anirnator B o M ParadoQ Borland Quanro Quallm in itaiano k b n d QuamO PRO B o r M Quatbo !h in italmrm Wland Reilex 2.0 Borland Sprtrd Bwland Turbo Assernbler 1.O Borland Turbo C Borland Turbo C 1.5 Bodand Turbo C 2 O Borland Turbo C++ & Took Borland T u h Dsbugger 1.O Borland Turbo M w e r 2 O & Assembter 2.0 Borland Turbo Pacca1 Borland Turbo Pascaf 4.0 krland TUrbO Pawal5.0 Borland Turbo Pascal5.5 e MicrocoR Qirick Pasca11 O Borland Turbo P a s d Toobx Borland T u r h Pmlog CAD Roba 1500 per A@e Il CPROM Zanichelll - Scaffak EietIeamnkue 12 Lingue Comrmdore Plw 4 { S o b w e su ROM) Cwnpsofi Delta Cwnputer Assoclatss SuperCalc 5 Cy4xrbgo Turile psr Appk Il Data Ease Developer Daia Ease G d d k DataEas8 4 2 In daliano DataEacy dBASE tV e Paradax 90: b interfacceutente DQLtal Research GEM Colleciion W l e per MS-WS Draw Perfecf i.O Eacy Scnpf per C M Enabie 1.i EnaMe 2.0 Fileuisian: D6 grafico per Wmash FrameIl Frwiance 2.01 versime Wlana Handic Calc Rssult: uno cpceadsheet psr Il CBM 64 H i d Pas- per Spschum Logit%ch CatchWord Logltech Finesse e Samna Ame' Logo per T I - 9 ~ 4 ~ Lotus 1 -2-3 Release 3.0 L a t 123 ~ Rdease 2.2 Lotuc 123 v. 2.01 +-In Deja & InWord Lotus Agenda Lntus Impress L d w Magellan Lntus Symphony per PGIBM Illlathernoiica Melbourne Baw p r Spedmrn Microcdi f t c 7 O

LaOmi-ulrilii-i

M

MT

CG

83

66 102

96 M

146 72

FP

75 85

8[)

41

FP FP

m

104

FP FP

91 97

132 114

FP

90

148

8[)

-t% 100

RDM CG

81 66

SP

114

CG

76

48

81 98 82 99

110 1C% 82 154

CG CG

62

68

76 81 88 85 69

54

CG,SP CF

108 i20 54

SP SP FP

BB 46 108 88 54 122 63 126 120 94 98

RDM

37 94 40

40 97 28 79

e6 93 61 84 54

94 48

CG SP SP

MM

CG LS

CG FP NC FP

m

FP, LS FP FP FP BA

45

82

99

142

57

64 88 62

fP

50 56

RDM

124 88

FP

31

72

M8

99

148 130

PC

76 48 54 78

3a 88 32 80 D4 68

LS

64

FP M8 FP

36 92

85 87 37 90

110 1IX1 56 142

37 96

W 138

rnn

l

LC FP

134 116

83

.a-,

m

FP

RDM FP,& FP (%,GR CG RDY M6 RDM

---L--

4ri-n


superare un m

NEC annuncia i nuovi MultiSync 3D e 2A. Una nuova dimensione della informazione visiva. Visite U rivenditore NEC più viclno: scopkte NEC MultiSync, un punto di riferimento assoluto neiia tecnologia come sia dacile dire di no ah km010@ NEL video per computer. Oggi questo mito supera se stesso con la nuova linea di monitors in grado di estendere ancora di più le possibilità, del vostro computer e quello che comprerete nei prossimi ami. ,

NEC, facile dire di Sì.

LE RmD' DISTRIBUX1ONE

NEiTRONlEh Corm Milana. 84

37138 V E R Q ~ A fil. 0451577988 Faa 5M183

Filiale di Milano Via Montwiswi~,1 20134 MILANO Tel. 0212&3800


Argomento

No

Micmsoft C 5.0 + QukkC

73

Miwmdi G 5.t 79 MIcrosOft Excel rebe2.1 in ilalano e @E 92 M i c d M-WS4.01 88 Microsolt Multplan 2.0 55 Mlcrosott Q u W k .Bodmd Turbo Basic 70 M i o h QuiiJbC 2.0 86 Miiosnfi WWindowc 58 Mlwospft W-I 2.0 72 Microsbt Wlndows 3.0 g8 Y i a R wndows b e l 59 Miiocoft Word 3.0 54 Miiasofl Word 4.0 74 M m o R Word 4.0 Apple MaclnmsR 87 Y i P f t Word 5.0 MS-O06 87 W i m n f ì Word per Windwus 95 M i i o f tW o h 80 M i d iWoriu 2.0 99 Mlwasuit PowsrPaint 83 MS T& e iviS Base (Wwd Pm e DB per MK) 48 Woricm Cmrraander 2.0 87 Mrton UtlMtres Advanmd E d i t h 4 5 94 Mivetti Pmded Easy Working: Filer, Planner, Wnter 67 Omnis Qmm 77 Paintstar per Appk il 37 m,m h o n y 37 Panoramica US-WG: Delta. PC T d s Deime 5.5 93 PDB padrage per data base 2 Phllp &e €6 Philipc MSX-LOGO 50 Pi.Master per Apple Il N Plnk SDfwareTurboCAD 74 RoboCABPC 59 % m a Word Ilt 51 Show Parmer 3 e FX 75 SHR SupmlZ 58 Sincbir QL Abaum Archive Easiel QUIH 39 Soitek FP+IS mrnpilatore Bacic per Spectrurn 31 Mimm W r n a t i c Muoi per 12-64 31 Sp~nirn machine w d e for bsginners 36 SA Operi h e s Il 60 SPl Open Aocass p r PC-IBM 39 ThECI: Word Pro. & lnformtion rmieval wPC IM 5[1 Turbo C* 1.O W W s Q r p VisiDex pa&we per data-base 12 Viza Star M:Sp-heet + Data Baw t Grafica 42 WzaStar 128 55 WordPerfed Q7 WordPerlea 4 2 82 WordStar 2000 52 h o x Gray FIX $8

g .

Autore

80 120

CQ

92

FP

110 BO 80 114 58 50

CG

94 92 72

CG FP

FP FP RDM

CG CG RDM

80

CG

136 134

FP

136

FP FP

110

RDM

64

M0 W, GR M,GR

CG FP VDD

40

CG

104

GA,GR

48 126

PP

68 70 92 74 70

MT M0 RA

RnT M7

CG

8E

m

72

CG M0 MB

60 94

-

FP RDM

72 86

94 122 84 118 72

-

OG

LS

102 94

MB

64 54

CG CG

M

CG

111 58 W

SP CG TP MT

100 13[1 88 80

EdJ CG CG

118

CG

RecsnsIone libri 102 pqwarnrni perAppie Il pius, Ib, Ilc 41)b e i m i n e wde m u t i m for ZX !3pecbum @XJl301m w n b i y lhrguags pmgramming ADA Manuale di riierimentc Algoritmi elementari A s t m l a 001 cakolatore tascabik B u E m s Worksheet for toais 123 Cakulator tipc ard mubnes especialiy far ... CardiiRqram.un sistema ecperto in cardiibgia Clfwlti d'$Miintegmti e nncropmcescori C o b l per mkrocornpumr *i74 Programming Come usare dBaw III Plus Come usare il dBASE Il W u i r e un m m a e s m o CPIM con MPiM Crittograiia tecnidie di protezione dei dati d s w a t i dBase IV lnr the firs-Wme usar D i z m ~ kdi informatica tedescmtaliam Dynamic games forme Spectnim Englih fpr m p u t e r EssenUal Usp Exploring Spectrum @&C Fondamenti di prwramrnazbne Gechone archlvl e banche d a i G i i Rapiono Opera Grafica avanzata per b ZX Cpscinim Grafica per Persona1Computer Guida al Basi IBM Guida al G o m r m b r e 128 Guida al PC IBM Guida al persona VIC-20 Guida atl'astidea

-

52 25 2 22 62

38 38 24 .

36 52

VDD M8 FMe AM CG PP

4

W

48

22

FP

6 80

20

FMe

44 28 40 55

LS

11 59

13

AM YS GC VDD

54

52 34

57

52

CG

10

18

AM

59

40 94 25

CG

36

M0

13 83 25

56 50

AM

36

MB

15 51 53 51 52

32

AM

82

88

18 25

pag.

Argomento

No

Guda alle stampanti Epson I lfrgtm@$dl prngramwbne W persordwmputer I pistem e q w i i in banca U Basic eglr Appk Il in praipraika Il b i c e il personal mrnputer Il Basic e I'lntelligmza Arliftciak Ildebug nel perwnal mmputer Il Fo-th In pratica. Il I i hdei prngmrnaian Il knguaggb C Il mawale MSX Ilslsiema operatko Unu Impanarnoil P a w l Intelbgemaartlrciale e irgepena &l smlwre I n t m d u m ai rniaoqmcsscori Intmduzfone a[ sistemi opemw Intrndunm al CAO a r c t i l t m n b Introduriane alla pogmmrnazime lnmdudone alla mrarnmaaone stnithiraia L ' O f h Autwnatirn La BibY du Commadare 128 La m a infomiatlca La dli' del sofiware LD mrarnm&one dei W La teoria rnaternatkadelle mmunicazld L a topograli mn la calmlatke Le radici ddl'ìnformat~m Linguaggi3C Metodl dl lmerfacciamenw. imerlame siandard.. Miaocorrlputer e sport Mii06oft Basic MSX In famlglla Musica dgitale Humen, casn e sequenze Wice Autmnaiion, IlManager e le nuove tecnologie OfRm AuWmaDlwi. Ilmanager e le nuoue tecnologie Orer ìhe Spximrn Pasca1 Pascal dal micmpmcescoreal grande elabwalore Pascal prcgrams for&entist and engimrs Pacca1USCD per ~ p p Ilk voi. I P w l : manuale e siandarci dd m i o PC IBM: guida del mrarnmatore Progeftezsonedi plmhl d'awennira wn lo Specburn Programmarem n i giochi P w a m m r e In C Prcgrammazionein Turbo Pacca1 Programmarione struiiumia in Forban T7 ProgrammerHP-41 RBaw 50130 Usar's Guide S i m a e s p d MC Graw Htll S W m i i n f o d v i intsllirdi Speurum hardware manual Spedmm machine for the absolute W n n e r M n g Fcfth Synthetlc Programminoon the HP-41C Temiche di i&rfmlamemo del r n l w o p r n ~ o r i Tecnologie delTelaboratoreeletlmnim The C m r a m m i n g laThe compleie Spectnim ROM disassembly The HP-IL syctern m e Macinmsh BiMe The woiwng Sp~cbnn Tkk&Tps Unix System V wmpbmsntl dl pmgigmmmbne Unix, the compiate reierereference WC m a M Word

54

34

52

38 56

4Q

26 55

m 13 57 67 69

38 32 52 74 T8

5I} 13

m

58

I8

28 82 14

53 24

86 5 81

W 52 5

50

58 61

38 14 28

61 57

58

53

38

64

Autore

M6 FB RDIW

VDD

CG CG VDD RDM

CG CG MS AM LC

RDM AM RDY

RDM FB cìs

FB MP MS FB

10

14

VDD

22

36

10

18 22

VDO PP

7 55 l

59 10

51 28 30

14

GG W AM WM AM YS E0 AL MS RMD

87 82

28 56 53

58

46

93 25

62 38

15 1 6

32 29 20

VOD

49

a

MB

CG CG

22

VDD

3

20

M3

60 46 82 51

44 22

MS

65 55 15 62 61 87

52 40 34 50 33

52 5E 36 38

MS

AL

CG SP

CCM RDM VDO

25 91 81

33

RDM M0 MB VDD FMe PP LS AM MB F k ADY M6

94

AL

56

E0

87

36

Ai

25 25 24 2

5 11 22

25 15

. 91

38 32 24 15

28 33 38 32 80

15

33

91

92

MDL RDM

100 84 33 100

76 38

MM AdP CG

32

24

CG

36 33 61 W

43

MM CG

54 75

AdP

27

17 64

FP

GA LS

AL FM

39 40 40

FB MB Am

51 62

4Q 41 54

AdP

53

44

CG

24

32

91

W

VDD Am

CG

Reportage &re

e attuaIW

100 nurnen di storia 80860'11 RISC ddla Iniel h u r r a : vento di campiiter Cornpm non vedunb Doris Narton: la musica e Ilcomputer Un'intmhmsa per vivere Rtmdite: il tempo al computer A m i m00 Arnsterdam: hAac Wwld E x p 1963 Apple W i m h Apple Macrntosh SE npiuarius: un (bel po') di notizie Bulgana e vlws G h i i o : bnsurner Ekclronlcs Show (2) C h i a m : Concumer Emroniai C t i i :hnsumer Electmnics S-ow (1)

62 31 99

a

la BO

28 32

29

27

37

MM MM DI MM ST LS PFI PN


MONITOR 20"MULTISYNC HITACHI il nuovo protagonista della vostra stazione grafica

p

La scelta di un m o n b cosiiiuisce un momento fondamentale nell'impostazime d una W-statron grafica. Dal monitor ci si attende intatti che sia luminoso, affidabile, riposante e che posta sempre esprimere al meglio le capack della scheda grafica e del mihare applicativa adottati. Per ricpwidere alk crescerti esigenze di un mercato in costante evolmione tecnologica, HlfACHI leader di &re- ha progettato un monitor da 20" ad alta r'isduz'ionestraordinariamente versatile, Inuovo Multlsync HI.Scan 20. La notevole escursione delle frequenze accettate consente infattj a HI.&an 20 di &iW automaticamente alle più svariate cchde grafiche installate nel personai computer, sia c h si batti delb VGA, sempre più diw nel mondo del lavoro, che delle @1iavanzate CADCAM utilhte dagli speciali in grafia computerinala. Una versatili $ottolineah dal doppio inganalogico che ne msente il collqamento simultaneo a due computer oppure a due dirse schede della stessa u n u centrale, rendendo supedluo, ad esempio, il c o s i i o "monitor di servizio" di una work-siation grafica.

-

iO (,t.M2085).

.

. ..

, I

-

.

'

Schermo da 20" (1SV) con htlamento antiriflm 'Siiiia Coaiing" e base orlieniabilelbasculante. Dot pjtcR 0,31 mm. Fosfori a bassa percistmza (P29 Alta risoluzione e resa cmmaiica di grande qu9t.à (grme anche all'eleirilta luminositi), per l'impiego con le schede grafiche ed il soffware applicatiuo della più recente generazione. Cwnpdjbile con Mie le presenti risoluzioni da VGA a 1MW x 1024 praiti, con Me le frequenze di scansione orlinontali da aI a 64 khz e verijcali da 50 a 100 h.Banda passante oltre 100 Mhz. Due ingressi analogmci (5x MC e D-sub 9 pin). Regdazione delle dimensioni del dipby in modo automatim (autosizing) oppure, a scelia, in modo manuale tramite i m d i , kitu disponibili sul pannello frwible. Hltachl HI.Scan 20, afiiibile e d l e , il nwwo protagonista della vostra stazione grafica.

"?

~HITACHI Hitachi Sales Italiana S.p.A. V i a Ludovico di Breme, 9 - 20156 M I L A N O - Tet: 02/30231

Le immagini qui riprodotte, direttamente fotografata dallo schermo, provengonoda: Anirnator di Autodesk in VGA, da una tabella 132 colonne realizzata con Lotus 123 e da una stenografia originale della Micrograph SpA.

P a

+.


Argomento

No

Comdex Winter 88: IBM PC Conveidlblle 53 Come vime f e k 8 m ~ con b la vcistra stampante W Cornrodore: PRis 4 e 16 33 Cwnpter Servlces [nU.S.A. 40 Cmfmnto a 3: Amiga 1000, Appk IlGS, Atari 1040 ST 81 Cwwsgno 12U '90 97 ~ m m i o UNIX n 'W i3 Dopo ESPRIT IhESPRii Il 97 Eniutprise 36 -i. dna' dei futuro W Epcon PX-8 32 Expo Edlt '88 75 ExpoEdit W 88 Futum Wmcrrri: Un viaggio Ira 8cknza S.F. e fratlati 93 F l a n m r : CeBK '87 62 Hanmer: C%BK8 8 73 84 Hanmver: '89 1 mmputer delb cpinia pnerazione 47 Iwl Arniga 60 Iservizi telematici SEAT BB IBM 24 we 59 laaui presenta1 nuovl prsonal M IlCwnputer fsrrovisre 41 IlV~NSdei virus... 87 InlerbisKi ad H a s m W Hazan 11 73 IO Graphics La mmputer grafica e b ctandard PC-IBM 44 Las V6gas: tkmd%x 1986 58 Cas Vegas: Comdex Fa11'87 69 Cas Vegas: &m& Fall 'sa 8[) bs Vegas: Comdex Spring '83 75 m vegas: comw spring '69 85 33 h v e g a ~bcc : Lac Vegas: NCC 35 54 las Vegas: Wimer Consumer Elecwnic Shcw 50 Laurem in iniormatiea 45 L E M : L'inizio rli un nuwo gcchl 83 k e x l c w i , wme nasce un winbiastsr 63 Lo standard VGA 93 Londra: tst Your Compuner X - m Fair 27 Comnwdom hmputer Shcw 32 ~ondra:~ a r ~~osu I n984 32 Londra:The 5th P.C. mirld shcw 13 The 6th P.C. world s h w 23 The 7th P.C. WorM S h w 34 LafidrxThe 8th P.C. World Show 45 Lonma: The IBM corr@uterusef s h 32 Londra: M rnlcroiair 31 Lo6 Angelsc: Appk Word '87 82 Macinmh SE s Macintosh Il 61 MacWorid Expo '88 75 h W m l d Expositicin'90 96 Mezz'ora con Pdam Ocbome 14 Mie& presenta rruwi sistemi operativi M MSX: Ilpunto M l a siaiazbne 34 Nuwa farniglia di c o w t i r F S 1 IBM 99 Nuwi prmewri Intel(80W) 85 NYCE 8 t New York Cwnpuier E x p 1 Q81 2 OlhtU: W, W1 29 Oric A m 33 Panorama Unix 81 Pari#: S i 01 3 Pariai: Siwb 82 13 Parigi: Simb 83 23 Pariai: Spscial Ci& 31 Paris. la VilleUe 81 Pass. pres. e fuium dell'MC-WC (interv. a 6. G&) 1M) Pechino: Telcwnp '87 68 P-d 47 PrograrnmazloneObjeci Oriemed in Turbo. 87 Quale sohare per h 7 45 Rottsrdam: Yac W d d Expo M San Franclsm: Mac World E m 82 San Franckm MacWorld Expo 8 Apple Il WorH Exgo 50 Schedine e Cmputer W Slnckir C5 45 SinciEiir M 28 Sinclair W le ultime novita' 31 Cintepi sonora: h voce e il compiter 85 W AU 67 S n yH e T n Spsrc e' la mposta: metro Sun una marea dl offerte... 98 +ci& Giappone 1 -le Taiwan 66 Starlite: L u i e mmputer dWen@mspertawlo $6 Slrper SMAU 25 79 Taipei: lnternationaiEimmnk Show '87 68 Thank y w Mr. Kahn 45

-

pag.

Autore

188 24

FC FP LS

30

DC

30

i 0 MM, MP, W D , DI 6[)

E0

52

Mi

77

FFC

34

54

MB DI LS MT, MLi MT GDS MM, DI DG

62

VF

30 3B

FC

52 14 61 71 57 44

1M

48 a3 41

47 14 50 115

52

62 78 64

61 42 24

MM CG MM MM,X

FM AL,MP MM VDD

FP MM MM MT,M8 MT, M6 MM MM

MP

69

M(3

79

CCi

114

GA, GR LS LS LS

35 18 34 40

30 46 16

36

WS,CR

MM MB M0 LS MB

M

MM

M

VDD MM, DI MM,VDD

54 81 12 68

n

91 58 14

20 28 114

22 38

36 44

63

BA

M6 MB GA PdP M MM LS E0 ILPM M MY MM OO'A

CG 78 47 106

87 80 57 40 91 42 16

32

VDD FMC SP R첫M MG MM IWM EP W MB MB

114 MR 48 MM, MT, MP, DI 16 MM

46 22

88 W 52 68 98

No

Toldo: Mlwo Computer 8Row '85 Tolrlo: Tsulruh Expo Show '85 Tokyo: Data Show'81 Tokyo: Data Show '82 Tokyo: Data S h '84 Tmduzbne Muliilingue: Atamiti e... diniomi Tre 386: &m. Blt Coniputers, Brainstorm TV Scart e PC IBM: come mllegarli Unisys aMMita il nwvo corso dell'intomiatica anni W Vtrus, gloWsrno efakl saidd Vobre senza volare

42 43 4 14

35 60

pag.

26 28 24

N 33 48

Autore

MM MM PN MM

MM LS

CG

63

99

52 99

139

MT

51

82 50

65

36

FFC CG MM, CG

PmMematicher di rete Programwlone &l dEase Ille del Ceppsr in rete

82 83

114

133

FP, FLV FP. FLV

Androbot TOPO Ilmmplesso d Franitenstein Intemaiwial Persona1Rdmi Congress & Esmtion Io mbot lil sacondo Iim dei m h i ROBOT: cosa m perche' ROBOT: i rc4oi ed il Inm Impiego nelrinduslrla

31 31 31 31 31 31

60

MM

Retl

-

53

CG

58

MM

59

CG

W 59

TP TP

m

61

EP

71

52

EP

141

141 141

FP FP FP FP FP, LSa FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP FP, LSa FP FP

138

W .LS

141

FP

B Computer Ipdniii toiius i8ariaiistia huitlms r ~ w r t a '

MM MM

32 53

31

Argomto

E0 AM

MM O ,G #,Ai IWT, PC MT

MM

CG

Spreebshset

Ancwa su Encsl 62 A@ signfiratM wK=voluzlwie &@l Spreadshsst l 0 0 Ctsaiians d i un Archiio con Symphony 82 Dell'informatkaper spedaltstl alrInfoim%fica per wtti 55 Esercizi di programmazione m n 1-2-3 e Quatuo 89 Funzboni auanrate (t) 57 Funzmi avanzate (2) 58 Gesiione di archivi con lo spreadcheet 85 Gsstsone d archtvl In Loai8 l23 61 Ilsottodati in htus 1-2-3 release 3 91 133 Immissione econtmlb dati in Loius 7-24 e -m L'an@o delb weadshsei 54 L'wabune & H aspecie 66 la pmmizkne di tabuiaii ( l ) 67 La prcduzbm di tabulaii (2) 6B La spreadsheei In Framwoh Il 60 btus 1-23 e Bwland Quattro: 1 menu mente 87 Lows 1-23, Borland Quattro, M i c d Ex& 62 96 iokus 123 r e l m e 3... ma non sdo Nominare le zone 62 Mvwe prospettjue a l i ' o ~ ~ E4 83 Organizzaziwiee rnodalita' di lavora Parliimo di RaRex I ' A n a l i 69 Praticam n k macm dl Excel 92 Prnbiemtiche di wnimio dei daii 59 P m d M s a f h m : prwe dl urliao ragbnate 90 Produttmia' indimduale 82 Pmgramwlone In un labellone ei9iironim 62 Tutto in una mila 9R Un po' df prath con lo Spreadsheet 62 Uso di m e d i tabelbne per d n e 6i utilita' 56 Versa I'SQL S i W i demenlam Q3

-

216 141 128

148 148

1m 131 138

154 168

98 171 164 192 122

138 141 158 141

1M 170 212

111 110

180

104

FP

134

FP, CP

80 38 54 56 50

YS

MS MS MP

74

AL

39 80 56

AL AL MS DG MS

Stampa estsra Al Expert: PmgeUare iin'interiaccia pratica 86 Buslnnes Weelt: IBM al mnlrattacco 59 Byte 8 MSystemes: IlW 0 portatile Compilq 64 Byte & Pe-l Computer Wwld: Arniga 2000 63 첫yia Exim All- IBM Edtion 57 Byie. MacWorld. M i g a World: WL...chi era oostei? 23 Byte, PC Wodd: Ilrntcmprocesmn in evolurione... 76 Byie, PC World: Ilritorno dei vinis 80 Irrfomaiica educativa: il potenzbtedella.. 61 me:L'elaborazimedel linguaggiormiurale 71 Byte: Prime irnpreasbrir: f computer IN PS12 65 Byte: The Hitch-hikersguids to benchmek TI Byie: The MeXT machine 80 Chi ha paura del -V? 100 Dklm i ' a w b ed a h 89

me:

4a

30 80 78

MT

AL

166

MP PC

54

AL

MCmicrmmputer n.t O0 - ottobre l@Q

.. I


.

-

9 PIU' PENSI PIU' EPSONb

LIEE!il

'PREZZO DI LLCTINO IVA ESCLUSA'

COME RISPARMIARE GUADAGNANDO IN QUALITA',

-

EiZ

msa,

aocK~OocUoiA~

m

YOH)

hmcao

m Y G n I I ~ I W LLW

4,Ou-aaym

'W'W

XW,pARnUEurnW, 3SLOIMWA16M 5MEWnmimwAWin

irmiw

MYO A-

EL3s

m

L-

~ ~ W Z M B M B A ~ aocKWOtwxioiAm

IFWUUJB L-

m

L-

6,OIBmWrn-

l""

SIw,Pwm,miUOLAE. L-

1tWW Ogri d g r r m k i&

1KQIM

W0 MCNOCRO

nmi AORORI

m W j A

HWI LL-

L=

ltW'M

3 ~ E 4 E ~ A 1 6 ~ ,

S(HBWYXiKIMKAAMK4

w m@& dPtmiPne 6 mnmiali in Yiw, MSdKIS' 3.30, Iodieip & 102 M.

EPSON Epson Italia s.pa.- 20099 Sesto San Giovanni - Vi0 Flii Casiwhi. 427 - Td. 021262331 (30linee AA) Uffici Commerciali:40121 Bologna- V. Boldrini, 18cmla B, Tel. 0511423511 35P8Padova- Via L. Anosto, %/l3 -Tei. 04918070870 1W1 Tmino - V i Mercantini,5 - Tel. Uiii5612Bn OM57 Roma - Via Sante Bargellini, 4 - Tel. 061438224-2-34-5


Argomento

EIBCttoni~ Today: Iltransputer Ilcornptiter molecolare Iltest pachklermico L'altro 0rI220me L'ordinaleiir indiuiduel: molto bolb. Roppo caro La fine dnlla "Privacy" La guerra &l chip La scala &l valori o I'Heat-psnsiem Le Ieppi della pcgramme+lone ed il N c Leonardo e le e t a t i o n Micro systemes: Il cervello e Ilcomputer Miero systemes: Il sohare in reto: motti pararnetn Micro systemes: L'elemlca molemiare Mlcro systemes: Cintetlidence Woilee... Moby Dick 2.1 NeXT, amora NeXTI NeXT: la nuova sfida NeXT: la @ma "prova" PC Magazine: 36 High-TechInput Devies PC Magazine: h gustra &i ponatatlll... PC Magmlne: La meravigliaa 32 bit della Intet PG W&: L'utenzasi rivolge ai piu' velcci dischi RAM PC Week: Le maodine Facsimile si uniscono ai PC PC Week. Un programma pcr progeltare basi di dati PC World: P W O=: il fuuro dej persona1 IBM ... Persanal Computer W o r k Amctrad PC 1512 Perconal Computer W o r k Atari abbatte... Persona1Computer World: Cambridge Computer 28B Persona1Computer WorM: iBiw entra... Perscinal Cornputirag: WordPeriect, 05/2 e gl alhi... Pownal e workstaiion: lagrande uniticazione Sinclair User: Amstrad sistema Sinclair... Un PC in tasca Vincitori e Vinti Yout Computer: Computer in azione, segni dei tempi Your Computer: Mazwlando il baroneno AIDS lnformatim Dynatiwk v.01 Ecco i miei gioietli Fare frcnte alle diersita' Ho fatto un sogno Ilcolore e' la prossima Nuova Frontiera T0 DOS w Mot t0 DOS? WordSfar 6

N"

63

87 91

86 53 89 86 82 82

85 52

60 74 53 88 81

pag.

58 40

66 96 36 94

78 50 51 66 32 42

Autore

MS AL AL AL MT

AL AL AL AL AL FB MS

55 34

DG

98 52

AL

Mi

86 W 6B 51

78

AL AL

82

MS

32

fi(]

40 38 38 38

ME MS

59 59 59

74 58 70 62 72

75 85 57 91

AL

57

AL

40 48

MS

50

MS E AL AL MS WP AL MS

59 68 68 48 84

82

50

60 51 93 93

42 36 61

98

52 88 98 M 88 86

96 99

97 96 96

MS MS MS

60

D3

MS

AL AL PC PC

PC PC PC PC

Storyware L'angolo letterario di MC L'inwntenlbiie bellezzadel copiare Dalle tastiere d~mezza Italia Inizia la rassegna

95 100

175

€P

235 152

EP

98

97

164

EP

€P

Telemanfea 55 Aniva MC-Llnk Come collegarci al Videdel con un MSX 49 Chmrnodors, SIP, SEAT-Satin: operazione telematia 85

75 34

50

MT

Ecm MC-Link

52

45

I protocolli binari p%ril trasierimento dei file t proWcoIR dl tmsferimem dei iile Il proiawtlo Ksrrnil: h sintassi IlpmlowfloKermit: strunura generale Ilprotcmtlo Xrnodem (1): lasintassi Ilprotowilo Xmodem ( 2 )la lhgica Ilpragramma di comunicazione Irnpa~amoa comunicare Introduzione al Videotel La sicurezza delle password Mc-link 2.0 Mc-link 3.0 MC-Link: i'area M)essaggi MC -Link l'area P)cwrammi MC-Link: l'area R)iista e l'area U)tenii MIBA. NCC C FIDO: tre BB italiani Modem Bit mrnputerc: 203,1200. 1200 Card Modem Datatecf Smarteam f 200Bh, 1200CT. 2400 M o d m Digital Deviis Eclipse fflodem Dipltal Dwices Mlcrosmin per PC IBM e C64 fflodem Digital Devices. Integrale Full Lnk Yodem Interdata 12WH e 1200C Mcdem Mar Ccmputcrs Sman 2r-22 Y&m Perconal WD230 Mcdem Philips MSX Daia wmmunicatbn NMS 8961 hi&m Spider 2000 Tekmatka per cominciare

60

60

CG CG

54

43

CG

6d

67 73

CG

62

CG

59

GG

45

CG CG CMa CG CG CG CG CG CG CG CG CG

,.-

63 61 62 53

51 49 65

59 87 56 57 58 50

51 29

46 44 171 53 63 66

43

62

62

67 58 68

102 70 122

63 60 64 59

76 62 70

66 67

48

46 140 66 25

CG MB

CG

CG CG CG CG CG CG tm CG CG

Argomento

T

N"

pag.

Autore

51

108

FM

52 73 31

110 69 09 i10 154 87 100

e e cultura Inforrnauca

ADA: L'euoluzione del linguaggio A D A Saitoprngrammi AmQa. il marchingegnodella MI Analiu e sintesi del q n a l e m a l e Appunti d informafica (ii sistema operativo Batch) ArhmBfica a precisionemuitipla: calcolo d E e Piigreco Arie e m m p t e r Assembler 8086/8088 ( ij ksembler (2) Bambini e ~Awlatori:occasioni per un inwntro 12 Caicotare l'area del nasa di p i d i o Corso dBASE III Dleci anni di MS-DOS. E poi? HP 154: Power on test failed 1000. aime ripararlo Idischi otticl I linguaggi (l): un po' di storia i linguaggi (2): programmazione strutturata I linguaggi (3): le stnmure di wntrollo I linguaggi (4): progettazione di prwrammi I Hnguaggi (5): sirnulazime delle sirumire di ainirolk Il Basic un po' per volta: uno sguardo in generai% Ilcalmiaiore elemonko ed il calcolo scieniifico Il CPIM: gli standard - i 16 bit Il daia: tipo e rapp=sentazbne li Pasca1( i ) Il Pasca1 (2) Il Pascal (3) H Pasca1 (4) il Pasca1 (5) Il Ring Laser Gyrn: navigarado su un raggio di luca Il sistema GPS Navastar alla ricercadelta rotta... 11 vldeodI~00Interaltlvo Impariamo a programmare in acsembler (l) Impahamo a pmgrammare In assembler (2) Impariamoa programmare in acsembler (3) Impiuiamo a m r a m m a r e in assembler (4) Impariamoa pmgrammare in accernbler (5) Impariamo a pwrammare in assembler (6) Impariamo a m r a m m a r e In sssembler ( 7 ) Impariamoa pwrammare in assernbler (81 t CalcolatoPi in un elicottero amisommergiblk Inforrnation Erqineering Workbench Caccembler 280 (1) C'assembler 280 (10) l'asse&ler 280 (2) L'assembler 280 (3) Cassembkr 280 (4) L'assembler 280 (5) L'assembkr 280 (6) L'accernbler 280 (7) L'assembbr 280 (8) t'assembler 280 (0) L'eta' del LOGO La fomiaeione nell'universita':la hurea in fisica La presa Scan del N color La programrmaziorie matematica nel CAD La risoluione numerica di un'equazione a p b r k a La simulazione La Sirnulaziono La Simulazione La Simulazione La Simulazione Laser e computer Laurearsi in ininrmatica: akuni dati Le basi &l Data Base (1) Le basi &l Dala Base (2) Le basi del Dala 83% (3) Le basi d e Data Base (4) Le basi &l Data Base (5) Ce basi del Data Bass (6) Le basi del Data Baw (7) Le ba9 del Data Base (8) Le basi del Data Base (9) Le istruzioni di ingrem e uscita L8 quantiia' logiche Le stringhe Le stniiiure di mntrolln L% stnimre di dati Memorla estesa ed espansa Mente e macchine aicuni appunti di bumtkacognitiva Othelb wn il computer Panoramicasui virus del mmputer Paperino Pippo Pluio Parla piu' Fonh ( l ) Parla piu' Forth (2)

-

-

-

47 56

78 45

FM AdP LS

MP CT MM PP

PP GL MCo

47 12 9 47

118

100 50

le4

31

49

2 3

30 28

4

66

CG

5

CG CG

2

66 66 58 51 84 70 31 26

3

73

4 5 80 74 i1 20

71 71 45 64

6 15

17 12 6 t

21

n

23 24 25 26

27 $5

57

30 27 95

77

FP

CG PN PN M

CG

CG

Rc?

GC PH PH

PH PH PW

FM FM 38 FBD. GRob. MV 59 VDD 56 VDD s4 VDD i2 VDD 72 VDD 91 VDD E& VDD 81 VDD 85 EC 59 LS 84 PP

34 43 35 36 37 38

90

PP

110 141 99 104

39 40

114

41

116

PP PP PP PP PP PP PP

42

132

17 40 36

38

31 38 54 61 88 104 BO

40

1M}

A2

117

44 58

137

55

56 101

23

48 36

33 34

35 36

37 38 39 40 41 20 18

17 19 8 95 10

104

63

W 101 121

89 100

89 106

111 69 56

PP GL GPa VDD R% Cf, TP VDD VDD

VDD VDD VDD MY,CdM Ad? M P AdP M P

AdP Ad P M P WP

AdP MP

CG

CG

100 23

50 199 34

GG CG GC GA, GR GL WP ST MCo

32

73

FIDM

33

$6

RDM

7

62

53 67 103 76

MCmicrommputer n.lOO - ottobre 1990


Pwmwl daper d s u r . dai ~ ~sua ~

~uF?.& 80389 B

p d M j aqr mwcafi Mofrmtu-

di lhen &g@,nt~a .-m&

hsw

SX h p tap

[f6:kam&tica1*iie n & p ~ ~ ~ s f ~ ~ t k i nda11a4MB,+iappydlsk i I t ~ -

-da l .44 MB* h#& di3k d a

--

daU'mM d'W&" l

DCM M. viri Monte N-o

l , 20131 Milano, tcl. 02.70602841, fm 02.2666624


Argomenta

N"

m.

Autore

parla piu' Foroi (3)

34 35 96

88

RDM RDM

Paria piu' Forth (4) Paria piu' Foroi (5) Paria piu' Fwih (6) Paria piu' Forih (7) Parla piu' Forth (8) Psda piu' Forih (Q) Paria ForKi (10) Paria plu' Feltri ( l l) Paura elettronica Progettazione di p r o d u r e Schsde Penel; un laboramdo con I'Appe Il Se faccio, capisco Corrida m l Stampa e matrice a geiia f i n d t h i m Storie al cAmlamre Telemalica In prath Telematicasommersa T m n s p m e OCCAM: un binomlo... Un wmputer per vedere Un 14 per... mnim!lar* il mndo Variabil. isfiizbnl. Iunzbnt Vldeodix: EMmring Vivere con i m h : cosa cambia?

37 38

39

40 41

42 15 2

52 18

IfO 102 91 100 1W 107 111 30

74 74 30

21 10

30

20

95 34

15 14 1CQ

100 71 16 56 9

-

RDM

RDM RDM

RDM RDM RW

RDM NFF GC MD GL GL

84

38 191 168 164 49 46 6B

GL GL. RB GL LMIMP

AMan CG FBD, GRob, MV GL

Teurla e pratica G64 16 K dl ROM: Il Baslc e flS.O. Caratteri utente e sprite W t i w i e delle interruzioni(i) ktione delle interruzioni(2) Isegreti del discc L'ADP Basic: (1) 51 nuovi wmand L'ADP Basic: (2) L'AOP &ic: (3) P ~ c o m sPioiter L'ADP Basic: (4) P come printer L'ADP Basic: (5) go uitirni 6 Scrolliw fine g r a h ad alta risoluzione Sinfeci musicale e SI0

34

30 40 41 33 35 96

37 38 39 3i

32

115 99 120 122 113

119 t34 132 114 t12

112 W

MP M P , LS M!= MP AdP,LS

AdP WP RdP WP AdP M P . LS

A m r a sulle M e : mme e &ve si utlllzzarm Anwra sulle Ilste: l'uso dei predicati Che m a e' un Data Basu Elsrnentidi Pmlw (i) Elemenildl Pro@ (12) Fineaire e @we delb schermo con Pmlog Imrnponenii diwn programma Ilwnoetto di ugu&g#ama Ilcontrolb dell'editing sulb schermo Il Debug LIM deUe regale La wstniziona di m m a m m a ( l ) La wsmizlone dl un m a m m a (2) La rnanifiazim delle i n f o m b n i Le mnessioni logiche Le l'W Le l!&. la dwnlone Le operarboni di V0 (1) Le operazioni di UO (2) Le opwiillonl di VO (3) Le s i ~ m i r edidaii . Lo s v i w dl un m r a m m a (l) Lo sviluppo d un pqramma (2) Lo svilmppo di un programma (3) Prolog e Turbo P m l q aringhe e amersione di tipi

Converione madecimale Foglio di pmgrammazione assensbler Foglb di pmgramrnmioneBasic Schede per archiio cassette

TKISolver

62

184

RMA

l72

RDM

178 144 147

RDBUI

RDM RDM

Turbo -l sta^?-up" di un m r a m m a residsnte Analisi bsicale deli'input Anmra sugli wmri critici Come il W S wmunka con i programmi resldentl Come usare... le isi~wioniche mancario Exec senza limiti

Gesttone &Ile -bnl (exDeptlon hndllrg) &&ione delle eccezioni in Turba P w d 3.0 Gestione &le emezioni in Turbo Pasca15.0 Goia globali. Emri critici ITSR e gB lnternipt del RiOS !i contesto dt un programma La p r d u r a Exec La unit TSR al lavom

95 79

248 226

75 96

204 250

71

778

W M 48 100 74

m

94 91

226 240 253

&E 97

L% "s6quenze' Le insidie &l nodo zero Liste a-rdinate Uste Maiuscole e m[nwmle Lists sequerukl e concatenale - sernpiii e d m e... Problemi di metodo Procedure e proeessr itemiivie rimrsivi Prooedure ricorsive per m u r e di dati rimtsive Pqremml resadenb

81 82

cAialche considsrazione per cominciare mando In input ci sono mml dl flle &ardo si NO' aitivare un TSR RHlrezIonedell'VO Parametri M i a riga wmando Sintaci e sernantimdell'input Stnitturedl dati ricorsive Ussnm la memoriawpansa Valori ed indrizzi

70 85 93 76

-

230 266

306 191

T3B

T7

200 188 196 208 218

73 W 78

225

88

218

87 92

222 204 181 206

84 90

225 172 24U 208 285

72

184

80

244

R5M

90 98

270

75

200

86 W

222 256 214 210 242

RDM RDM RDM RDM

77

8o 97

100 82 83

84

98

234

312 192

213 212 270

RDIW

RDM RDM RDM

RDM RDM RUM

RUM

212 262 227

FIDM RDM RDM RDM

93 94 95 87

2.33

RDM

230

78

220 222 238 i68

RDM RDM RDhi RDM RDM RDM RDM ROM

81 88

$Q

i9 80

76 92

253 228

209

19 24

211 21

87 114 1W 86

GM GM GM GM

YICdazem+W

MP (l) ~ashtapsp%r m4 12) Gener&ue di caratteri e modifica regi^

85

91

utiiit d s

Flarhtapeper

O i w n i . li* e iabslle il vari&ble Subsheet La m d r u b n e dei modelli Sviluppo delk equazioni e b m r b l m i o n e TKlCoRier

Auiore

Turbo Ptnlog

C64:m&perlalethimdel~ratOTedicarart%tt

67 64 &3

pag.

No

Argomento

$P

CP SP SP SP SP

SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP SP CF SP SP SP

SP SP SP SP SP SP SP SP SP

45 50

51 43

i caratteri del computer 11 1541 11 1541: i rnrnandi Ilb m r di tastiera SaMamo lo scherm The disk edilor Un Rle pa il VM (l) Un file per il v* (2) Un maxicaransresullo s&mo Un po' di grafica m n il 64 (1) Un p'di g d c a wn il 64 (2) Uno qua- al uidm

42 54

Carnbndge Computer 288 Come wasferln Il mondo Rlcambl ed espansimi ts8 Tekrnatbn

56 38

99 57 40 41

112 124 124

86 123

124 150 111 t07 178

TP TP TP TP TP TP TP

TP TP TP

TP

44

I17 119 141

47

122

TP TP

48 37

9S

TP

106

TP

80

189

82 83 84

142 156 156

MT MT MT MT

TP

Le~mcla auto~i MA. Areari, M P A. da Prism, AL A. Lanari. ALD A. La Duca. AM A. Moranda AMan A. e M.Manoiil. AP A. PuZ)uew. A 5 A Suatoni, BA R. hniclit, BR B. Fimaii, CB C. Becamni, CC G. Caniorti, CdY C. de Michele, CGe C. Genovese, CG C. Giusto~i. CM C. M a l k ~CYa , C. Masini, CP C. Peimni. CR C. Rosaua. CT C. f sodora DC D. C a l a j a m , W D. de Judtcbus, DG D. Greco, DI D. iaschi, EC E. Carnbke, EF E. Ferrari, E 0 E. m,EP E. Peimzzi, FBo F. Bollorh, FB F. Basiktta. FC F. Colangeli. FD'A F. D'angelo. FFC F. F. C w l l a m . FLV F. La Volpe. W F Merein, FU F. Wnow;a,FP F. Petmni, F h i Pucitta, FR F. Raguca, FS F. Schiattarelb, <LA G. Arnone, GCa G. Catani. QCC Giussppe Cardinale CkmUi. GC G. Camara. GDS G. DI Stado. GL G. krlcda, GY G. Medlna, GP G. Peritore, GPa G. Pallotiino, GR G. Rmanzi, GRob G . Rchrt, LG L. Galeari. LM L. m a . LS L. Sorge. LSa L Sandulll, Man M. Manottl. MB M. Bergml, WC M. Giuchini, Mi20 M. Goreto, MDC M. Damiani Cher.oni, YDL M. Di b a r o , MGe M. Gentilini, YGi M. Giansanti, IWa M. Gandini. M a M. Mauti. YMi M. Micwli. MM M. Marinacci. MN M. Movelll. MP M. P e w , MR M. Rubazzer, nIS M. Seueri, YT M. Truswili, W M. Vladsknwc, MC N. Carandini. WFF N. Fmggio Francica, W A O. D'Alessio, PC P. Ciardeli, W P. Galasseto, PH P. Hasenrnajer. Pti P. Nuii, PP P. Panunzi, PR P. Russo. W P. Vemairidda Uh R. Angelenl, RB R. Barrese. RDM R. De Masi, RM R. Marras, RSa R. Sassi, RSp R. Spagnmlo, SDN S. e D. Nedi, SP S. Polini, ST S. ToM, TP T. Pantusa, VDD V. Di Dio, VF V. Fokareili, WS W. Sanzim.

MCmicrocornputer n.lOO - ottobre 1990


*rpw!601

.Joi[pu*~p OU!SlA

+d

H331!001

3r "'I r;. * I

,'

1p0l16q mnw t!

eiermouos iy

-s!pp-md

Y

H snbunuioe wnrlno 'OUOUI

DWSOA DI

apln6

eqr suo!slmd m n ~ o n oo, ~ ouo(p9od DI p q

[D

!AR~OBI~ OP aininf w i s o ~ lsp iinoui I !

*uolwoa OUI!PSPYI IA

' ~ o ! u o ~ Eoqr ~ J!AwiPa*r D I S # A 4 pupadi !rwouoBlo p o u w u m

~iuuio6 oun womr mq -6g

'msn ot !qa

~ppitlauosred al e~euoltp m ~ m rrnoui p un


Per saperne di pio

Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

Bontadi

Magnetic Media

P.zzaVerdi n015- BZ Tel. 8471.971619/971631

Via Baioni n053 BC

Bontadi Rivenditore Autorizmto

-

Tel. 035.270243

M a p e t i c Media Rivenditore Autorizato


Digital Media C.so Buenos Aires, 23 - (MI) Tel. 02.29406377/29401 1 16

Per saperne di pio sui nuovi computer Uniblt

P . y a Tripoli nQ22- (MI) Tel. 02.4049129

GP. Rivenditore Autoriuato

I

Per saperne di pi첫 sui nuovi computer Unibit

Master Bit Via Mengato, 65 - Lainate (MI) Tel. 02.937153 1

Master Bit tuvenditore Autorimto

'W 9


Per saperne di pi첫 sui nuovi computer Unibit

Per saperne di piu sui nuovi computer Unibit

Master Bit Line

Overline Computers

Via Roma n 0 U - Cerro Maggiore (MI) Tel. 0331-421340

Via Manzoni nol 7 &nate (M) Tel. 0362.9245B4/92491 8

-

Overllne Computem Rivenditore Autorizzato

Mirster Bit Line Rivenditore Autoxiuato

W

4

'W

Sysdata -

Viale Matteotti noZO ( W ) Tei. 0832.477002/303405

Computer Service Rivenditore Autorizzato

sysdnta Wvenditore Autorizzato

E-

**--

:h-

1,b

a


Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

Per saperne di pia sui nuovi computer Unibit

Cooperativa Insiemi

L'Azienda

Via G.Caboto n03,angolo Via Magellano S.Martino B.A. (VR) Tel. 045.9953 1 1

C.w Caribaldi n023 - Tolentino (M) Tei. 0733.972221

Cooperadva Insiemi Rivenditore Autorizzato

L'Azienda Rivenditore Autorizzato

W

Per sapeme di pio sui nuovi computer Unibit

Via Lorenzo 11 Magnifico n065 - R M

Tel. 06.429841 4-

Rivenditore Autoriuato

I

Per sapeme di pi첫 sui nuovi computer Unibit

W-

-

Via Benedetto Croce n 9 7 RM Tel .04.!30#49/5413 1 52/3

Dado S m m ~ivenditoreAutoriuato


Per sapeme di pio sui nuovi computer Unibit

-

Via E. Mnaci, 21 R M Tel. 06.4241102/428179 Iria Tuxolana. 350/A RMTeI. 04.79439&0/79439 1'

-

Microland Mia Rivenditore Autodazato

Per saperne di pi첫 sui nuovi computer Unibit

Via del Cenacoio n059 - R M Tel. 06.3793787

u d t e c h ~ Rivenditore Autorizzato

Per saperne di pi첫 sui nuovi computer Unibit

Via Tina Pica n06 - RM Td.04.8818280/8193 137

Toliwam Rivenditore Autorizzato

Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

-

Via Flavia nD11 Anzio (RM) Tel . W 9 8 3 1 333

Compirang Service Rivenditore Autorizzato


Per saperne di più sui nuovi computer Unibit

Lungomare Caboto Vico 10 noZ - Gaeta (LT)

Te1.077 1.46592 1/ a 5 9 2 2

In. S.E.A. Rivenditore Autorizzato

Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

Per saperne di più sui nuovi computer Unibit

Via dei Vezil n02/4 - CH TeI. 087 1 -64389

Diessepi Rivenditore Autorizzato

saperne di più sui nuovi computer Unibit iger

ATM Via Scatolune no1 3 - CB Tel .0874.97141 Via Albino nol 1/ 13 - CB TeI.0874.41 1 330

ECOM SYSiEM & SOFWARE HOUSE Rivenditore Autorizzato

-

Via Consalvo no169, lotto 9 NA Tel. 081.621058

ATM Ìnfom?atica Rivenditore Autorizzato


Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

-

Via Filangeri n036 NA TeI. 081.404521/404606

I."/ I II

I

Teminai

-

Piazza CaribaIdi 1-1'48 Modugno (BA)

Tel. 080.564531

ttal%na Sistemi Rivenditore Autorizzaio

RCE Elettronica Via Sarnbuca n054 Volla (NA) Tel. 081.7741432

RCE Eiettronica Rivenditore Autorizzato

Rivenditore Autorizzato

Per saperne di pio sui nuovi corn~uterUnibit

Per saperne di pi첫 sui nuovi computer Unibit

I

I

I


Per saperne di pio sui nuovi computer Unibit

'

Totobit Informatica Via S. Pietro 1-1'32- RC Tel. 0965.594443

Totoblt InfonndGa Rivenditore Autorizzato

Per saperne di piu sui nuovi computer Unibit

Vide Regina Margherita noS/A - CT TeĂŹ.095.552419

C0.LS.S.E. Rivenditore Autorizzato

I

I

Per saperne di pia sui nuovi com~uterUnibit

-

Via S. ~ u g l i &n09 PA Tel. O9 1.229798

Microciata Rivenditore Autorizzato

I


I I

L software MS-DOS di Pubblico Dominio selezionato da Microforum tdb

'

l .

=lil:/ edistribuifoda a

.

%

.. . '

-l1$

l

V! !!a-., J1

. . - -'lI'

I

- > -

M h f o m mha sele~~~r4atoperMCmi~r0wmpuferunaserie di programmidi Pubblica -Damln@t z c q i i ' e ~ ldirettamente i dalle bnti oppum dai canali di disMbuzione pMe&firapp-i daì 8BS statunitensi. Il dtwaredi P u W &mini0 non p& &ere venduto a m p o di lucro ma solo ai&itiWfa~ dkFa pagmenb delb spese v b disupportu, confezionamento,spedi2.iore e sstione delservho.

IWAKE MY DAY .

-

..

hogemo per far armicare 2 cmputer. a>ali 6aivwe me& durank ia t m s s i o n e e QL.IiLIP

veocFdo %n -).

wale d i w . a q m a m ~la3b%wn $1 rppumamenk Il la nIlaspew,e mmcl &e ~ o s e utiti.

a m u . mmolte IhMmsf&r.

HELP.

GKXW

P m " a ~ u m r n m s u n o ~ ~ ~ ~ ~ m i t4 c w n u ~ i eDi. grande Wm, In&& m l l i CR SBsG' TnSK MkSTER twemnto OcomiiiUodi eme.que8 xkmm.4, Jn CIEfSdm del Pmleci Plannmg:aiuta a prpgramrnawin YMCDEM, ASGIS ed m'.B prgpm-rtmn iant@aw-wpegsrx erickiedaItmoM d w r & k b .

CAESAA

, p r S h W i W due p

wcmw

m ,con madel g i a B~~~ o d t il m& ~ ~ m c i a lqichs s e e dqmmiendp a domanda gsografih... Kuhede W I C A o GWBASlC

MmprefiFa

dIPg~ammdu~tunri~wN+itn,$anamaciG

d @W.

-

BIOMI ALDO'S ADVEMTURE Del 6p6 rfi 00Kong, In wi A h deve fare CMSUO r n E o . AlchWgEheUa$raRM MMQ4

m

CHESS

,cams

g i w dl & a ~ c J ~w i . n p w s i b i b di grafica 30. Pub gs$eripa vari liveiie mmmte di maminatu 50 pariiie f a m e .

GGMW

GIQ107 C W E INVADERS Un c W m +copia (fl pubMr~oeminb W k m i s s i r n ~ SFACE WADERS. O t h g - , vari UveM ài WmItà e 4am ~ v e ~ ~ t o .

Un &l-

m m LIMU ,-W piyramma di cwnun&mi, cringwrte di W > M h m h i7 k c a n b h a mmwilern modem. stmWaniil.dmémbni dei bufler, hatre 6i mi- .. BACKCOMM

&ACw~M1140K&$immtes p~ortasm ew& &t D a 3 3 e s u p h . Cwtswi* di Ir#-&re l mrd 61 M o ai nceaim di i n i o m i ai %-in b-muod: cost sontiwwe ii m ad id nqramw- Un d grande MiU 'WpPBIiame chi nrin ama aspetlam.

-

e

1

W8tb ai bamblhi 6i-m ai eei ami: insegna le lettere W& .&e@. É un ommo stnimènto~insegnamento deJ'irgW

0101[)8 EGAINT Fumbna corr U j A o EGA:simile a T E T R e m wn Mattonr" di varia foaaia mn MÙ m n ì e WR nezi dieqnati con rnmareiieganA '

maios

PWGSAW Un pwe Che vi invita B l l ' m M a g g l p d@p B nei ~ mado pbj popsibile, di dei tanti q n n i a d l q n i

-,im1

*

1-

massi adfsposlzrm. W

1

ERSY LRBELS

mq,

*in&mEà e*: W p i o lampilcct8 d ' U m " $ " " & 2 ~ Z L 12piei&nx&. r% 8ui

~

o

o

DBSdQa,

d

m

m

e

~

n

n

b

~

WWE WMER

ED-

PC-FASTUPE

lwegnaaUbnE*trels.taEaem$irrodop&&onalss vi CMvdu& Ill funzlwiascb con M d d a ECiA wtmanaatesc akfi i kmti o m eslpd a nudt ed d&lt). Il programmii ki iq@ita W Uvora& *n mlore:seavete urta Crmantlamoio altWana super-FUPPER mnme 5 g)ocm ~ a ~ ~ b ~ n t a z l o n e a n ~ oiaRipper t aIn un sdo ckhem. vi divenirete per we e ore. GWRl'f2 Clane di Arkanold. hwra ai grafica EGWGB.

~d&aAtiurn logiea di $&l8 appndhefiì& sk l' prinnpramf dia gli uterttiavam&b avrarao -n pm

interessanti. Consta d due cRyh&i@w esse ~ ~ ~ d b m n a ' i d o ~ ~ d l D B 1 8 i ~ ~ ~ ~ a

ARK

con mmrse e scheda

G I ~ I ~ BWQN WARS Gioco di stmtqia. dove I'oMwtbw B quelb di cmqU1~@1re iImondo. Rlc?d& schda *rg EGWGA. GiOmrii Umo dei

mgiodll &l mnto di

CAPTAIN EOSblIC grafica. b h e

EQARiGA.

Gionil 5 CYRuS G h u degli m X d i a 3 D per rn-r EWAGR. Tra le caratMeMw la s%amhkacheniota di W gradi, il cmnonW0 e m o b a h .


Un dass)eo In ve-

per personal mnyuler.Mchiede

Wm 7 W o {o qudlo aYr$StB YPIUfo -@m suiie dimk non dwt~ Mfacirm q& suno i & cheipieb aesumaread hrquati qua~IE&

.

meda grefi- -E

ELEMEf-JrARYC Una serie q putKiag&iprogrammainC, W a i m q m! Il-$. Gflm rum&vs$lb ruimt&a d i ~ m @ a . t r au dn n 6 i i e p e r l a g s s o w r e b m ~ 5rnwModem. VAM6

mHELP

UTW

~lawnwMdt~&sirttassi&aRaI~ DBSa &ortatafl m m .

Gam6 1piU famoso TeMs m Cageiunia di bomba suner-bombe ed a ltri modi al ierm.me ta naa. Richiede Uno shumento per la Mr-a che uvsenta, anche il ~o~aficaRequisitl:2fioppyar)vs.

-%;MITE

WPm3

WF,didertk, con un HELP swnpm&ppnibhc+rq

~ ! d r n a r d a ~ s i r l ~ . ~ w B ~ f g ~ daSlri4-oZda3 1 / 2 " , n e b ~ l ' i n s i ~ , m s u CiiEm .&@'t Cacmnie, due aia m p w i w w a d e q u z i a m 1-, la loro m i W a in @ r m g r a & & S i i Aoopèra stamp8nd GQT-MATRK

p"

GRFIO1 FIMER PAIWT Un pmpanmadi disegno Iscui CapEtdtalnckrdorwirgun8 I n d u e mWDRifpnU M, mangori, umk,ah, d k a n b e rsolti con vari W.Fub 'Alipwtaa 783th

W P W

~ R U S P t t a s

P W p a una sede di sWnTrnI &!a mmla t$gKaFk R&Wr&in mepub u t i m mme m- ~~i W m e n i i cxinllw r d prwesscnfavorb. m gmde u m per& wm4mparaXB

~kgamghorn$maqnsm~

I

Compilare e spedire a MCmicrocompufer Via Carlo Perrier 9,00157 Roma

-

p

.

Desidero acquistare il sohare di seguito elencato al prezzo di L. 8.000 a titolo (ordine minimo: tre titoti). Per c z d w h b a n n w b ~ g ~ S i ~ ~ l'ordinazione inviare l'importo (a mezzo assegno, c/c o vaglia postale) &~s@alle9tamparaAMtoanW~& alla Technimedia srl, Via Carlo Perrier 9,00157 Roma. GRFrn HBP GALEMiAR Per oreare un cal@aria mencmenckam g& oppre un

s

m

a-

~ m ~ m t e ~ m Mzd ch aM m . f s P O B w m e i ~ d ~c w h d0sdO~.rlEPAkL

Nome e Cognome

~~ EZ-SPR-HEET iqiaBieitmFRB.d&iodi~iw~wr&f]

Indirizzo

d Y ~ ~ g u & ~ i ' ~ . c ~ ~ a a k m i e e 5 1 2 ~ , I . u é s e n t a ~ ~ p a r ~C ~A m*. spw(i4

INSTACM

Un W o iletlmnim &m h m m d amffto a w e m

1

P I C i t t L --

Telefono:

-

--

-.

-.

.-.

..

-

.

-

Ilr


Posi

Saiiando gli elogi preliminari, per i quali non riesco a trovare parole adatte (siete fantastici, magnifici, m a h t e in delirio la fdla!), vorrei invece porre la vostra attenzip sul numero di MC di luglio/agosto 19rW. e particolarmente al racconta intitolato nLs creazione finale* di Giuseppe Cacciamani. Vorrei awertimTW che il suddetto racconto presenta una #marcata analogia# {chmrniamola cosi!) con il racconto di Isaac Asimov dal titolo ~L'uItrmadomanda* compreso nel1s raccolta dogni di Robot~(della quale non conosco la cas editrice). Sperando di aver fatto cosa gradita a voi, al sig. Asimov 8 agli scrittori in generale, VI porgo i miei più cordiali saluti. Marco De Angelis, Roma

Pl8P-m

p0-O

~

8 RI*

1 4

r

e c h e ~ n B , ~ i n Ritto eccazionall. forpire riepoeta private per tale motivo, pmghimm i Lettori di noi accludere i r m c o W o buste niìhncate Letutta la mmi9ponbsnwr e %L11 lettere di intalmase pm g€memh aiamo rl 8pmt.a suua flvwA Teniamo, mmnpu* nella-ma-m tiemiWbe,permiiu-inognia Lettori a smiverU segmbdmi la loro opi ntod

non ne pptevano più. Storyware dunque cow tinuerA, anche perché dalle lettere risulta Pubblico la iettwa del signor De Angelis solo perche B la più breve fra quelle ricevute invece un generale apprezzamento per la sutl'argomento. Delle altre mi limito, owiarubrica. mente ringraziandoli. a citare in ordine sparso Che dire sull'episodio? Alcuni lettori hanno gli autori: Luigi Bussola, Roberto Melis. Fainviato commenti molto appropriati, molti si bio Coatti, Rimardo Poltronieri, Matteo Cam- sono profusi in documentazioni m n una cura rnillo, Carlo Scibilia, Massimo Biasotto, Piero veramente lodevole. Da chi ha evidenziato in Giorgi. Stefano Moroni, Dario Orbecchi, Fegiallo i passi copiati su una fotocopia del derico Hoffmann, Andrea Lupi, Luca FaEoni. racconto originale o della copiatura o addiritBruno Pellegrini, Luigi Beiverato, Dario Beltura di tutti e due, a chi ci ha analizzato trami, Luca Comunelfo, Marco Camhn, Gaparagrafo per paragrafo il plagio. a chi ha briele Falcioni, Amerigo Bonanni, Vanni D'Ecercato di analizzare il perch8 di certe scelte ste, Andrea Parti. Maurizio Dagradi. nell3mbito della oopiatura. Tutti segnali di Devo dire che. poichb credo si debba come i nostri lettori abbiano preso a cuore la sempre cercare il Iato positivo delle*cose, mi cosa. Mi dispiace che qualcuno (il signor fa molto piacere avere ricevuto msl tante Piero Giawi. ad esempio) ce sia adirato per lettere di segnalazione o protesta. Vuol dire non aver visto sqqnaiazioni del misfatto sul che ho fatto bene a dare a Petrozzi lo spazio numero di settembre: semplioemente, non si faceva in tempo. Il numero di settembre 6 per Storyware, perché la rubrica B segu'ha e. soprattutto. da un pubblico competente. Se l'unica numero dell'anno che. a causa dell'ecosl tante persone si sono prese la briga di sjstenza di agosto, viene realinato in antk scriwere e spedire la lettera, vuol dire che ce ctpo. ne sono molte. rnotte altre che si sono Sull'argomento torna lo stesso Petrozzi in accorte del fatto ma non hanno ritenuto di questo stesso numero nell'intduzione alla dover reagire; aggiungo che non ho il mnto sua rubrica. N6 io n6 lui siamo contenti di delle telefonate che abbiamo ricevuto ma C'& essere stati presi per fessi (mi si passi il stato un periodo in cui le nostre centraliniste. termine disinvolto): la brutta figura, ornai, la

p;;',', ... ,,

,:;<:<:<%

::<-:,..... . ...>-,

.. ..>L>,-;.:.:.:.:.-.-., .. ..... .<.....> . . ..>).m.., . -... -. . . .......

abbiamo fatta. Non è una grossa consolazie ne pensare che il signor Cacciarnani la ha fatta h n peggiore. Grazie a tutti, con tante scuse. Grazie anche al signor Cacciamani. che ci ha offerto l'opportunità di una conferma del fatto che abbiamo lettori attenti e compe~ d e tenti. Marco Mannacci

Corrado, Cry e religione Niente lodi e nessun preamboio, questa B una lettera (civilmente) Critica, qui si attacm no i più profondi sentimenti ([quasi] religiosi?) di uno dei migliori redattw' di #C! ~Venghino,siorri, venghim a vedere il più grande combattimento del mondo: Nell'angdo alla mia deste, assistito da due tecnici In camice bianco, in un rack che occupa una parete intera della sua stanza climatilzata, madiuvato dal suo arrray processo~attomiato da va# metri cubi di periferiche, con in questo momento collegati sette utenti (di cui due segretane che fanno WP e quindi non valide per il calcolo del carico di CPUI, 20 MByte di core memory e 2.4 GByte di s ~ z i disco o alla misurazione ufficiale, per un #sto totale di un centinaio abbondante di milioni 8 di una decina di milioni i'anno di manutenzione (eh si, cari spettatori, queste veloci macchine si guastano spesso): il CAMPIOIVE IN CARICA delk categoria oitre i 20 MIP e 8 MFLOP di sustained throughput, il SUPERMINI SCIENTIFICD!w [Dal pubblico: applausil ~Nell'angolu alla mia sinistra, solo sopra una semplice scrivania, con il suo processare 8086 4.77 MHz e coprocessore 8087. W K di DRAM da 120 Msec, 1 Winchester da 20 MByte e 80 msec, scheda Hercules e manitor rnonocromatiw, per un costo totale al di sotto del milione ecco a voi lo sfidante: il CLONE IBMw.

[Dar pubblico: fischi]

.:.:.:

. .,.... .- ',.-,.-.:y

1

jjjjjj

: : -

VioArnantea. 51/53-~ei.(095)7i59147-7159159 95 129 CATANIA (al 29 di Via Urnberio) aperto il sa-bato- chiuso il lunedì mattina. VENDITA HARDWARE E SOFIWARE PER AMIGA E -COMPUTER COMPATIBILI Consulenza sull'ucquisto - preventivi gratuiti configurazionie rateizzazionipersonalizzate Consulenza desktop video e publishing - CAD - reti Novell -Disponibilità Amiga 3000, Disponibi1i:fax-supetvga-modem-mouse PC 286 1M - SK DUAL FD 5.25 - HD 20M hard disk (rnfm.ksdi) - scanner - espansioni SERIALE - PARALLELA-TAST. 101 L. 1.400.000 stampantilaseroadaghi(panasonic,star) PC 386sx - 1M - SK DUAL - FD 5.25 - HD 40M monitor - tavolette grafiche - digituliszatori SERIALE - PARALLELA- TAST. 101 L. 2.150.000 PC38'633MHz.cache-4M-SKVGA-FD5.25 videoeaudio-genlock-schedevarie ASSISTENZA TECNICA IN SEDE - GARANZIA HDdOM-SER.-PAR..TAST.101 L.4.200.0.00 12 MESC VENDITA PER CORRiSPONDENZApisnit.6u~o~~ UFFiCIALE PREZZI IVA ESCLUSA - SCONTI RIVENDITORI PER,LAs'C'LiA ...:.

.<

-. >-.-.:.:.:.>:....q

-

-

ottobre 1990


Non sempre i N. 1lo dicono in giro Da qualche m 1 1 Calcomp B il più importante produttore di schede grakhe e nessuno lo sa Perché mai? Semplice: le sue schede grai5che non sono mai state commercialmente disponibili sul mercato e sono state destinate fino ad ora ai suoi clienti OEM, &etb di computer tra le piìi importanti del mondo che le hanno incluse nei computer con i quali lavoriamo quotidianamente. Calcomp però ora viene allo scoperto e lancia con il proprio marchio un'ampia gamma di schede grakhe, sia per PCmS2, sia per MacIntosh Tutte ad alta o altissima risoluzione, compatibili con i piii diffusi programmi di CAD e con prestazioni mozzafiato. E tutte progettate e realizzate con lo stesso sofisticato know-how che ha fatto di Calcomp il N. I in questo mercato. Anche se non si sapeva in giro. C&mp Drawix@d 12 modelli per PG ATlP52 con riduzione fino a 1280x1024, palette h o a 16.7 milioni di colori, 16 o 256 colori oontemporanei, Displw List, D@al o Analog VGA Pass-Thugh Monitor mulhynch 20", da 30 a 64 kHz. Caloonapi C h m m V i : 3 sistemi per MacIntosh costituiti da scheda e monitor 21: visione deiia doppia pagina compIeta, ho a 16.7 milioni di colori (o 256 toni di grigio), re&esh a 76 Hz,compatibile QuicMraw 32 bit.

Per ulteriori informazioni: Calcomp Spa, Shada 1, Palazzo Fl, :20090 Milanofiori -o, telefono (02)8242001, Fax (02)8261692 jAitre sedi: Bologna (Tel. 061552540), Roma (Tel. 08-6914402) I


#Arbitra il signor DlFFUF77, pragrarnma FORTRAN per I'integrazione num8rim in . t ~ e dimensioni delI'equarionedella diffusionedel calore. Giudici i P&. Ing. del comitato cat

Distributoriprodotti

odo*.

Schneider

COflPUTER DtVISIDN

EIU'OXT: MkM. c W o 10MHz768Kb M,1 Dr.3112da 720 K. 1HD -21 1 Paralleia, 1 P& M-,

Mb,1Serlaie. TdWa 102 Tasti ITA, Ccheda Video Hw-CGA o VGA, MSDOS3.3

EWOAT: 80286,clockali5MHzW, 1 tvibRAM.1 Dr.r'l~d01.44Mb,lHDda4Mb.1 alale, 7 Peiralleia, 1 P.ta M~use,Tast. I02Tasti ITA, Scheda Vdeo Her-CGA oYGA MSDOS 33

V a - 7 0 : W,clock a 16 Mi-k LM, 1 Rilb M,1 R.3112 da 1.44 Mb, 1 HD da 68 Mb, 1 Seriale, 1 Parallela, 1 P . b Mwse, Tcict. 1M TasH ITA, Scheda Wdeo VGA 1024. MMOS 3.3

SX-70:

8(U86SX,clock o 21 MHz LM, 1 Mb RAMMM, 1Dr, 3"1/2 da 1.44 Mb, 1 HD da 68 Mb, 1 Certale, 1 Parallela, 1 P.ta Mouss, T&. 102 Tasti TTA. Scheda Video VEA 1024. MSDOS 3.3

Sx-hZ'hbI~ so386SX,cì~ka21MHzLM,l MbRAMMM, 1 Dr.5'112de1.44Mb.l HD da 42 Mb,Pseriall, 1 Paralleb, 1 P.ta M a w ,Tast. con Tast. Num. Separato,Scheda Wdeo VGA.

............................................. Fchemxi al Plasma VGA ,&Ex600 su monitor eterno, m D O S 3.3

~ r & le ns. Show-Roorn potete trovare, oltre alla Gomma CCHNEIDER, , l'intera gamma PANASONIC, I'lntercrgamma $C COMPUTERS ed una

Ctaztone compietu di DTP, con Stampante Laser 1000 punii e Monitor A3

................. L .

SC21J40P ..................m...1

wSuoma i! gong della prima n ' p e s , gii awemn avanzano verso il centro dei ring, si studiano per quakhe secondo e... un grido di stupore si leva dalla platea, lo sfi&nte mette a segno ii p r h o mlpa deli'imntm, terminando la prima iterazime in dodici secondi! TuHi aspettano /a reazr'me &l campione ed eccu che infine ai quindiceslino secondo anch'sgli termina la sua priina itemione. Il campione cerca di resistere ma è s~praffafto, non riesce a terminare le iterazioni in anticiw... d uno spettamio orrendo, un vero massacro!ii

flrascorrono diversi minutd ((tfinita, signori, B finita. LO sfidante ha ottenuto una media di 13.8 secondi peir iter+ ziane mentre il campione si B attestato sul 16.9. E non soltanto la sua media P più bassa, ma non ha terminato U M sda itemicne in un tempo inferiore alla sfidante. L'arbitro si awicina al done, ne a h i/cavo di alimentazione in segno d vitto&, il pubblico B in delttio. l temici in carnimicebranca si ritirano piangendo nella stanza climatiata per andizram sui mport dslla comole principale i motivi della barosta mentre i Dott. Prof. Ing. si accusano a vicenda di avere impo-o b politica dell'lstituta sul cadcolo centralizzato invece che distriburto... da vw' di corridaio pare che ormai abbiano deciso di abbandonare /'excampione al suo destino e di investire in macchine monoutente veioci~v. Caro Cotrado (spero che ;l "tu" non t; offenda)*

412010.0Q0 Portatile con LCD Backiit, YGA 640x480 16 grigi, microproc. 80286, clock 21 MHz (LM), 1 Mb RAM esp. a 5 , l Drive da 1.44 Mb, 1 seriale,

quella che p& B la descrizione. fantssiosa nel racconto ma veritiem nella sostanza d& fatti {dati' sulla v d m i ~casto, , memorie, etc.) di una prova effettuata in un istituto del CNR di Firenze (per o w i motivi non mi

1 parallela, tastiera, tastierino numerico, drive esterno da 1.2 Mb, Alimentatore, Borsa per trasporto, Batterie. (tutto in dotazione)

sembra opportuno specifimre meglio marche e modelli come pure il nome delristituto, ma, se proprio ti interessa, fammelo sapere e te li invierlrJ. Vedi Comdo, vorrei ricordarti che, quando usw' l'lBM AT, nella tua recensione (MC n. 5Q mano 19861 tu dicesti (p. 55) che era ~spmto per applicazioni single fask single userM (ad essere sinceri stavi parlando deil'80286 ma la sostanza del discorso non cambia), e cantasti le lodi dellsllora s m n e sciuto Xenix 286. Col passare degli anni I'AT B diventato da macchina *per I'utenza seriai (sono sempre parole tue, riprese dalla recensione) a home computer, e, nelle sue versioni con clock maggiorato, dischi più grandi, etc., costa la mei% di quanto allora costasse il PC. Anch'io, m e te, credo che il povero AT sia stato abbrutito dall'uso come PC veloce. che un sistema operativa migliore sarebbe stato necessario. Anch'io, w m e te, credo che le macchine 386 abbiana bisogna di un sistema operativo ali'dtem del processare. un sistema mdtitasking, grafim, a memoria virtwle... Ma non mi pare proprio che da questo ragionamento si possa dedurre che ogni macchina 386 sia nevidenternenteiu sfruttata appieno sob come wsistema dipartimenta leii. l1 mondo DOS stesso, gur utilizzando solo frazioni di alcune delle capacita d! CPU,

SC26/8OP ........~.......................................Cm

6.400.000

ma con micro 80386 26,5 MHz (LM) e 2 Mb RPtM Monitor MS14 L. 860.000 multisync 14% colori, 1024x768, compatibile con tutie le schede. come I'SC 21/40P,

,

r

........................................

-

Desk Top Publishing CAD

\

Vantiamo anni dt esperienza nel sethore dell'E- via Savigno 7, ditoria Elettronica,insfreitacollaborazionecon Aziende di Forniture Grafiche. VENTURA PROFESSIQNAL CENTER Scanners MICROTEK Starnpanli LACERMASTER -1 OQO p.ti!I! Monitors Postxript, VIKING A3, GENIUS A4 PloHers da Disegno e da Intuallo Corsi x VENTURA, PAGEMAKER, COREL-DW, Instollaziani perconalinatee corsi AUTOCAD

L

P.S. Questa paglna pubbikifada6 stata realizaia in proprio su m stampante a p.ti, riprodotta dlrettamenin lastra. con estremo rlsparmb dl tempo e dI danaro.

Bologna

te]. O514232030 fax 05 1-6232005

via E. Fermi 4, Castel. S.Pietro Terme tel. 051-9~ U X 051-943794

,

Convenzioni particolari per Università, Pubblici e L~~~~ ~ ~

~

~

~

~


e ricco di programmi che collacsano sotto il semplice peso dei MIP o dei MFLOP. Insom ma, c'e sempre posto, e sempre ci sard. per macchine single user npil) velociu. L 'approccio multiuser ha fatto il suo tempo già adesso in certi ambienti, e rapidamente. grazie all'aumentata diffusione delle ittterfame grafiche IGUI) wpower hungryn arriverà al pensionamento anche negli ambienti uteminal basedu dove la richiesta di CPU power B ancora limitata. L'obiettivo finale e la rete (lorx~leo nwideii). Ed eccoci alla causa scatenante di questa lettera. Sull'ultimo (al momento in cui scrivo) MC C'& la prova di un ccsistema dipartimentache la casa ti ha mandato corredato dr l e ~ U n k 11 Sistema operativo che, c m n d o te. finalmente, sfrutta appieno #il pio multiuser dei pmessorid (multiuser7 Nei 38W486 non c'è un solo transistor dedicato ai multiuser, mentre ce ne sono centinaia di migliaia che lavorano per un buon mulh'tssking, non facciamo mnfusione.. .). E m1 sistema viene dato anche I'X Windows. Ci fai vedere le schemate di tutte le demo grafkhe che hai e poi ti rdimentich;~di informarci che la macchina, di terminali X Windows non intelligenti; ne pud gestire forse un altra (oltre alla console) prima che le prestazioni divengano bradipea (per chi hon lo spesse il bradipo B un mammifero che. quando ha fretta. si muove ad una velocit3 d circa 7 cm& pari a 1 krn ogni 4 ore). OK ihbbiamo capito che a te piacciono i sistemi con 999 terminali, ma neanche un Cray pud fornire CPU power a 999 utenti! Tra l'altro 1s tua definizione di sistema #evidentemente dipartimentalew cambia nel tempo. Nel maggio '86 era ('Apricot Xen, un 80286 a 7.5 MHr. memoria in parte O wait non AT compatibile IMC 52, p 53). circa una decina di ME: #Con il sistema operativo Xen~xsi potranno portai-e avanti seriamente i discorsi di multiutenze per i quali lo Xen 6 Stato pensatoa. Noce fuori campo: nMa il costo. d costa! Lo sappiamo tutt; che sarebbe bello avere un mostro ms! sulla scrivania, ma non costerà mai abbastanza p m... Con il multiuser invece si collegano vari utenti, diminuiscono i tempi morti di CPU e, se tuni gli utenti fanno WP, sembra che il sistema sia veloce come una macchina single-ucerii]. Riguardo al costo, I'AT mtava 14.105 Mf, alla sua uscita. li nsistema dtpartimentaleu, in una confhurazione molto più potente della (assai) ipotetica rrnacchina media» attuale di quanto I'AT fosse gici potente della (aitrettanto ipotetica) #macchina media* deli'inizio 1986, costa 12.5 M£. Non ti è venuto il dubbio che il asistsma dipartimentale# fra tre anni costerd meno di ZME? Prezzo da macchina monoutente, E, se è innegabile che ci sia bisogna di un sistema operativo multkasking. non ci sono motivi per sovraccaricarlo con qualcosa previsto per essere multiuser e che, per di pii), dovendo essere portatile, non può rgioche rellareu con le capacità specifiche di una certa macchina? Che Unix ti stesse particolamente simpatica b si era capiio fin da& prova del Deskpro 386, (MC B2, aprile 87, p 78) dove giungesti a dire che rlo Xenix 286 ha a w t o un incoraggiante sumesso di mercatoii (!I e io difendesti contro i'aliora MS-DOS 5 (ora 0%). In questa prova pronunci, per la prima d a &, non mi sono riletto tutti gli MC

/

Caratteristiche comuni a TUTTE le macchine: 2 Mbytes di RAM 1 Drive da 1,44 Mbytes 1 da 1,2 Mbytes 1 Hard Disk da 42 Mbytes 2 Seriali RS232 e 1 ParaIlela Centronics Tastiera Italiana Avanzata 102 Tasti VGA 1024x768 16 bit, 512 Kbytes installati comp.le con Hercules, CGA, ECA, VGA MSDos 4.01 e GW-Basic originali e licenziati, in italiano.

SC i6/4O:

.............m..................................L.

1.900.000

microproc. 80286, clock 16 MHz (LM}

2-1/40:

...............................................

t.

2.500.000

Li

3.600.000

L.

4.600.0QO

microproc. 8 0 3 8 6 s ~clock ~ 2 1 MHz (LM)

SC 34/40:

. m m m . ~ 1 m m ~ m ~ ~ m m ~ ~ w m m . w m m ~ ~ ~ m ~ m m m ~ m . ~ m ~ m ~ m m m m

microproc. 80286, clock 34 MHz (LM)

SC 53/40:............................................ microproc. 80386,clock 5 3 MHz (LM)

.......................................

SC114/40: microproc. 80486,clock 114 MHz (LM)

....L. 1.200.000

Stessi modefli, ma con HD 80Mbytes +L.

600.000

Confcrtfate11 nsr DMbuhre: UECUTWE SERVICE &Q.s. v. Savlgno 7, Bologna - te1.05 1-6232030 - fax 051-6232006 v. Fermi 4, Cast.S.PietroT.(BO) - te1.e fax 05 '1-943500 Hot-Line per i Sigg. Rivenditori: 05 1-943794

Cercasi Distributori per zone libere


n

gestore di librerie h

OVERCAD:l'innovativo programma per tutti i pmgettisti, chc comemc di gestirequaldirsi elemento grafico da inseriremei disegni c k realinate al computer. In suo funzionamento avvienc unimcntc ad AuniCad, che è lo strumento di lavom prefcriw da tutti i progettisti, non richiede carjcmenti & programmi Aum1,isp e neanche I'imrnissione di comandi da iasucra: al colitrario, tutre le funzioni sono accessibili dn icone a video. Offre una m p l c t a gestionc di archivio, ricercarapidadegli oggetti e faaliià di inserimento nel disegno, operazimi Wasversali sull'archivio con possibilig di stampare catabghi, preventivi... Oltre alle funzioni di archiviaione, OVERCAD vi oonscntirhdi veloci/xnre le normali opemiom di pan, zoom e cambio calore. La grande potcnm di OVERCAD sia nell'interfacciarsi dirertamentecon Aut-. Inoltre csrendo scritto

interamenfe in linguaggio C, $1 a\,vale delle più sperimentate tecnichc di gcstione per archivi, trattati senza l'auiilio di

Data Base e s m i a v a n w i o della vclacith nell'uso. OVERCAD h panicolarmente adatto alla pmgewione d'interni, in quanro potrete i&re i n archivio tum i modelli di mobili a vostra disposizione e semplificarne così la successiva ricerca OVERCAD sari uno r r t m n w basilare anche sc lavorerete nel campo deIla elemtecinica perch* prrete creare una lista comple~adella componentistica inucdottasul progetto e stimarne i costi. Sofhvare richiesto:

MSWS 2,0 supuiori, AumCad 9 (ADE-3} o AutoCad 10, Driver AD1 per la propria =h& flce. H o r d w e richiesto: Conforme ad AutcCmd.

arretrafi; la tua professione di fede: #Tra queste due alternative [MSDOS 5 o Xenix] noi optiamo per la secwidai. Ora, benché i tmis disponibili siano ottimi, il Kernel di Unix fa ormai un p' pena te probabilmente visto giusto Osf a puntare sul Mach). Ed i tool di Unix, dovendo essere portati su macchine diwrsiss~me,in genere sono anche prtabili verso S.O.diversi

Noce fuori campo: n$ chiaro a d 8 ~ ~ 0E . ,pazzo, ed io lo stavo anche a sentirelul P.S. Come al sotito questa lettera. una v o h scritta. B rimasta per un po' di tempo nel cassetto {in termihi metafoiei, owiamente, avendo io un MS-DOS e non un Mac) e, frattanto, è uscito il numero di luglidagosto di MC: aOh, la prova dellArchimedes con lo U n k . (è adatto anche ad un uso anche wrne piccolo host o s e w r di rete)! Ma chi l'ha scritta questa prova. .. il Giustozzi. Bastaaa, ora la lettera 1s mando d a m l i i .

RiIeggendo mi sono reso conto di esserci andato ncon la mano un po' pesanteli e wrrei aggiungere che, tutto sommato. Corrado è sicuramente al di copm della media della stampa specializzata come competenza ed obiettività (e lo stesso vab generalmente anche per MC, quando non pubblica COS8 tipo lhrticoletto rSpsrc P Is risposta#, sem pre sul numero di luglidagosto. Fmncamente ho guardato il bordo delia pagina p e r vedere se ci fosse la dicitura uNewsw o la pio appropriata ulnserto pubblicitatio della SUN Italiai. Cera scritto rhiewsu) e che questa lettera vuob essere di critica #struttiva e non cencoria (= imposizione delle proprie idee) Q sarcasticamente demolitiva. P 9 2 [un orrendo gioco di parale, lo sol Chi non avesse ben compreso il passaggio sul npili potente ... di quanto fosse più potente...~,non si preoccupi. la colpa non B sua, ma mia, non avendo saputo trovare una forma pii) chiara, e delle lingue umane. che non permettono di esprimere con scidteua certi mstrutti, perfettamente chiari invece in simboli: se PM è la upotenza totaler del sistema C, ammesso che sia possibile misurare una cosa del genere, e si indica con cm, e c m , la npotenza totale~della Nmau china media* del 1986 e del f990, allora

P (IBM AT;a/PcmJ

<e P

(Sistema Diparti-

rnentale)/P(cd

Oggi ho spostato 3 armadi, l lavabice, 2 divani, ho trasformato il bagno, ho rinnovato i colori della casa e ....stasera mi scatenerò ancora !!

P. P.S.S. Conto di scriverti presto un sitra lettera in cui sostenere che Unix B uevidentementeli superato (e finita commercial-

mente).

Ma forse stavolta sto solo sdenando. Un affezionato fan di MC e di Corrado. Michele Bini

Richiedete h versione demo gratuita telefonando allo 03621924584/924918. OVERLINE COMPUTEW srl

sarà a vostra disposizioneper ogni informazione.

Via Manzoni, 17 - 20055 Renate (MI) OVERCAD 2 strato Interamente sviluppato su computers

A

-

Pistoia

La tua lettera, caro Michele, tocca tutta una serie di punti delicati. Tu estrapoiando frasi dalle mie prove. giungi alla conclusione che mi piacciano colo sistemi tipo Cray con almeno qualche centinaio di teminali. e che di tutto io vwlia fare un *sistema dipartimentale~.Le case non stanno esattamente cosl, ma mi rendo conto che le considerazioni che faccio durante le prove. nel poco spazio che ho a disposizione per i commenti di carattere generale, sono troppo sinteliche che wrrortq

MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


'i::.. , .-.

~@~&l@i& SE, SE/30 0 Um .

C

.I :<

V r * : CdwhlhX. LV'w ind S j l r e r Y i ~ari i e p s d d m u h . md CoIorhIAX 1LW "od h(ulti-&dc mn-d hrcrpuvc o m n i

I

src iu*mwkr

TELCOM - Milano Tel. 02148704100 Fax 02148705355

-

p

.dkì ~cI&I~&

e d a m*

od Skmi Dsigor, IM

D.D.P. orino Tel. 01113180766 Fax 01113180715

DATATIC Roma Tel. 0613291351 Napoli - Tel. 08117703026

-

I

*:y

-

>

' n

' ! . i P


rischio di essere fraintese. Non è la wtema di un sistema che ne fa un sistema dipartimentale. I tempi, come dici gustamente, si evolvono e la tecnica procede a passi da gigante. L'IBM 360, colosso degli anni '60,aveva al massimo 128 KByte . di memoria centrale e s v i l u p p a una potenza di calcolo lungamente inferme a quella di un PC originale. Eppure all'epoca era un mainframe cui le aziende attaccavano decine di terminali. Il sistema dipartimentale degli anni 7 0 era il PDP-8, quelb stesso su cui Thompson e colleghi scrissero Unix; e qualsiasi AT. di oggi il PDP-8 manco lo vede. Dov'è allora il punto? Non nella tecnologia fine a se stessa ma nel rapporto fra potenza erogata e potenza necessaria agli utenti, il tutto owiamente alla luce di considerazioni di costo. Come non ha senso ha dare un prcceccore da 15 MIPS in mano ad una segrew ria che fa word processing, altrettanto non ha senso voler autornatinare una piccola azienda con un PC. Quello che di volw in volta negli anni ho definito ccsistema dipartimentale~era proprio questo: una rnamhina la cui potenza erogata fosse esubemnte rispetto alle esigenze medie degli utenti e del software dell'epoca, ed il cui costo fosse alf'epoca fuori della portata di un privato. Ma nelle mie cidichiarazioni quasi religi* ceu io in realt8 me la prendo soprattutto con l'industria del sofnuare, che sta troppi e troppi anni indietro rispetto a quella dell'hardware. Comincid tutto con I'AT, come tu ricordi bene. Quando lo vidi pensai: se dieci anni fa con sistemi potenti un decimo di questo si potevano fare tante cose. chissà quali meravigliose opportunita avremo da oggi in poi. M invece niente. MSDOS. colo MS-DOS. Che usava 1'80286 come 1'8088. Eppre 1'AT poteva essere un ottimo usistema dipartimentaleii. ossia era potenzialmente in grado di risolvere i problemi di pn piccolo gruppo di persone costrette a lavorare insieme. Che poi fosse un negozio di autoricambi piuttosto che un istituto universitario è solo un dettaglio. E anzi, sicuramente ci sono molti più autoricambi che non istituti universitari, dunque il problema B pih grave (la quantità batte la qualità, almeno nelle leggi di mercato). t chiaro che all'epoca l'unico sistema degno di essere chiamato udipartimentaler era YAT. Oggi questo non e più vero, ma il problema di fondo rimane. La potenza non è mai troppa. dici giustamente. Ma anche qui avtei da ridire. Non & mai troppa per quei pochi che fanno cose strane. ma per l'utente normale? lo credo sinceramente che i 386 di oggi bastino e avamino per i compiti standard. e che i 486 costino ancora troppo. E comunque mi sembra in ogni caso un grave peccato il degradare. per colpa del sistema operativo. un hardware uallo stato delt'arten. Anche un buon sistema operativo rnultitask, che sfruttasse il modo protetto del 28W386 sarebbe stato il benvenuto quattro anni fa. Windows 3 B il primo serio passo in questa direzione, ma forse e un po' in ritardo. Comunque il discorso B lungo e complesso. e non pub essere trattato in questepagine ne tantomeno nelle prove. Ti prometto che ci ritornerò sopra in una sede pio opportuna. E comunque ti ringrazio sia delta garbata contestazione sia dei complimenti; la critica fatta in questo modo B sempre c e struttiva e utile. Corrado Giustozzi il

-

VIA VALU, 28 4201 1 BAGNOLO IN PIANO (RE) - TeI. 05221951523 r.a. - Fax 05221951526 G3 - Telex 5a0lsB I

I

MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


l i a Ordlnl Telefonici

IC<

055-352.1 41 (ra)

Firenze

6.1

Compra il meglio. Non solo ti proponiamo un AT al. prezzo di m XT ma bensÏ un prodotto garantito dal marchio Zenith Data System al prezzo di un Taiwanese. Se b tue e s i g e m sono quelle di un m p w r VELOCE, AFFIDABILE, con una GRANDE CAPACITA di MEMORIA RAM, una GRANDE CAPACI-, TA dl MRD-DISK COMPATiO, con una scheda video ad ALTA RISOLUZIONE, non ti puoi sbagliare questo è il tuo computer. Costruito negli USA secondo la linea dei piir recenti desk-top (vedi Ps2) questo Eomputer abbina un' aila teenologla con un p r e w imbattlblte.

'

>

m

, .. ,

.,,

Microprocessore 80286 1 Mbyte di rarn crin SiM Espandibileon-board fino a 6 MegaByte 1 Tasiiem internazionale da 101 tasti Tastierino purnerieo separato Zoccolo per wprocessore matematico 80287 Diagnodm e Setup direttamente su rom Scheda video VGA con 256 Kbyte di rarn Emulazione C M MCGA. EGA, MDA, Hercules, VGA, Risoluzione 64*480In 16 colori mn palette di 256.m H 3 slot AT compatibile Uscita stampante paralleIa Centronlcs t 2 Uscite sedali -232 I Misure: 35*38*109 . Ms-Dos originale V 3.30 Plus .2i.-:

Configurazione

+nxa Monitor ,

,. . + .

.. .*

AT con 2drive 3,5" 1.44 Mb

AT crin 1 drive AT con 1 drive 35" 1.44 Mb 3,5" 1.44 Mb + H;trd.disk 20Mb Hard disk 40Mb

890.000

1.249.000 1-475.000

H058

H063

1.090.000 1.475.000 1.675.QOO

Con Monitor colore V a 13"

1.260.000 1-635.000 1.835.000

H063 +H073

-

H029

Con bnitor uonmmatiw Vga 14"

H056+H073

MONITOR-Zenith.ZCM-1390A VGA COLORE 13'

+

H029+H073

I

Attenzione: Questa offertab valida fimo ad esaurimentodelle scarte


b m p n t e daUe caratteristiche wcezionali, sia come qualita' chc veimita'. La Printstation mggruppa una serie di camtcerisiiche che la rendono adatta a l u a i s i i tipo di applimzimi. I ALTISSIMA VELOCITA' 400 Caraiierl per secondo I STAMPA A COLORI su l32 colonne IMeccanica di grande robustezza con fratfore a splnta I Possiblllta' di foglio singolo per trascinamento a ffizione ICornpatibilita' IBM GRAPHICS , EPSON JX 80 IProgrammarione di tutte le funzionl tramite display frontale alfanumerìco

I Possibilita' di letier quality con matrice 48*18 a 160 caratteri per seondo rterlaocia parallela eentronics e seriale Rs-232 hricamento automatico della carta mtoparcheggio deI modulo continuo Possibitita' di stampa di carta fino a 5 copie Possibiiita' di selezione dei caratieri a 5, 6, 6.6,7.5, 8.4. 10, 12, 13.3, 15, 16,s caratteri per pollice (normalmente le stampanti hanno come possibilita' di m t t e r i 10 e 15 cpi) W o a in B/N compreso nella confezione da 15 milioni di caratteri Disponibile nastro colori da 2.5 milimi di caratteri per colore

H W

SEIKOSHA SP-l GQOAI

STAMPANTE CBM 6400 P

Stampante di ottima q u a l i t a b hinrfaccia parakh c e n h n k Gompàtibile IBM. Può essere collegata dire che a un PC ibm o compatibile, amhe a AMIGA ed a qualsiasi alm m p u t e r con uscita pamllela

Sc utilizzi il computer con un Word T m e w o comunque hai necessita' dì una staropa di qualita' questa e' la soluzione ai tuoi problemi. Questa stampante, costruiti con prestadoni professionali puo' essere uti-

I b t a programmando la spmiatura verticale anche per i moduIi 'USO BOLLO' .Consente infatti di inserire il foglio protocollo aperto, per cui

l

!

potrai con a p i t i programmi riempi= direttamente le due colonne dei fogli. Questi stampante puo' essere collegata diretiamante a Pc-Ibm e comptlbili e a tutti i m p u t e r con uscita PAR4LmL.ACENTRONICS , oppure tramite una intedamia ai Commodorc t,ipC+;;G12g

Alcunc caratteristiche:

inc caratteristiche t e c n i c k Stampante a margherita Numero di ccipie: 1ariginale + 3 cbpie Nastro a cartuccia in tessuto o multistrike 4 0 caratteri al secondo Margherita fornita : Courier 10 mlonne 183 colonns H Interfaceia Parallela Camonics Alimentazione : 22W Spaziatura orizron. minima 11120 tll pollice Spaziafura verkicale minima Il48 di pollice La confeziona non mmprende I' interfamia per Commodore 8. Data il peso e il volume verra' spedita solo per corriere.

-

H006,

L 2T-o.QoQ

I

Stampante a matrice di aghi ad impatto Stampa in biderezionale in modo testo e monodirezionale per una migliore precisione e quatita' Testina a 9 aghi Velocita' 160 caratteri per secondo in Draff pica e 26 in NLQ elite Spaziatura verticale program. in 116, 118, 7/72, 0 2 ,n1144, n1216 Tipo di caratteri : doppia larghezza, bold, doppia passata, com. ~ r e s mitafim, , mviuc<w. roottorritm. mmlineato e pmporsio-

nate. Set di caratteri internazionali e nazionali Trascinamento carta a trattore e a frizione Buffer 2300 caratteri espandibile a 80M3 Alimentazione 220 V

- Garanzia Seikosha Italia


1

Stampante Laser p d o t t a Con una velocita' di stampa di 8 pagine al minuto ed una risoluzione di 300 punti per pollice, consente di ottenere dci risuItaii pdessionali sia nel campo dclla stampa di normali testi chc in qucllo dell' editoria personale (Desk Top Publishing). Grazie alla cinulazione IIp h s c r Jet Mus potrcte utilimare questa stampante con tutti i tipi di programmi t i p Ventura, Pagc Makcr, Windows, Gem che gestiscono la mca.ei testi secondo questo standard. Fornita con 512 WCdi ram sulla piastra madrc, piu' 15 Mbylc di espansione gia' installata, consente di ottcncre la stampa di una intcm pagina formato 21*29.7in grafica bit rnapping a 300 dpì. Il'possibìlc seiczionarc dal pannello di contmlto sia il numero di copie pzr ogni pagim da stampare, che i1 tipo e la grande= dci caratteri, la nazionalita', gli wentuaIi foni mi cartuccia che si possono aggiungere, i'brientemento della stampa vortrait-Landscape)*il Formato della carta C tutte le altre funzioni della stampante. Altra caratteristica importante C' la dimensione massima dclh rada che puo' mivare Fino al formato a4 e cioe' 25,7*31,4. E l'unica stampante della categoria che consente di u t i l k questo ~ formato

I

t-

%%\?i*

\

Caratteristiche tecniche: Dimensioni carta

Velocita' 8 pagine per minuta

A4,P5,B4,B5 Minimo 105*148rnm Massimo 257*364mm Pesa da 54glm2 a 128g/m2

Ernulazione

Hewlett-Packafd Laser Jet Plus Interfaccia Centronics o Rs-232

Metodo di stampa

Risoluzione 300 punti per pollice Memoria rarn 2Mbyte Font residente Courrier 10 Set di caratteri internazionali

Materiali di consumo

a laser su cinghia fotoconduttrice

Caratteristiche

Funzioni da pannello

Toner 50M3 copie Developr 30000 copie Cinghia fotomnduttrice 15000 mpie Misure e peso

ktgombro 292*442*450 mm

Selezione font Selezione caratteri Dimensione carta Numero di copie --'Orientamento di 8tan;iRa

Stampante a matrice di punti da ulilimare come stampante di testi. &sata su di una meccanica di alta affidabilild pub mere utilimta sia con carta a modulo mniinuo chc con rogii singoli.

Ncune caraitcristichc:

Stampante a matrice di punti di 9*9 Stampa bidirezionale a I20 caratteri al secondo Trascinamento a frizione e trattore (a tirare) Stampa su 136 colonne con possibilith di scrittura in espanso. Compatibilità grafica CENTRONICS G W H f C S

M71 Seriate As-232

t-

Peso 32Kg

commoaore: per i' utiiizzo con tutti i gli ilorne m,,putcr tipo m,C128, a 2 8 d , Ci6,Plus4,Vic 20 AI,, ,,tter&iche: t Stamnante a matrice di aahi ad immtto Stampa in bidirerionale f k t i n a a 6 aghi VeIocita' 1W caratteri per secondo in Draft p i a e 19 in NLQ elite I Spaziatura verticale program. in 116,118, 7n2,nP2, nlt44, a 1 6 Tipo di caratteri : doppia larghezza, bold, doppia passata, compresso, italico, sovrascritìo e swtloscritto e sottolineato. Trascinamento carta a trattore 8.a ftizione btarnpante scnaie

Buffer 1500 caratteri Alimentazione 220 V Garanzia Seikosha Italia

'


I

1 SOLO 'GQMPUTER

normalmente usato per il collega-, mento di due Eomouter ad ma stampante o due &mpanti ad un' xirnputer. ! IVengono commutate tutte le linee 8 Monta tre connettori 36 poli fernrni-

questo semplice commutatofi p"trete collegare 2 o 4 tastiere e altrettanti monitor allo stesso computer.

Con

'

Selezionando semplicemente con il mmmutatorc la tasiiera da attivan potrete con un cato trascumbile lavoraee in piu' pemne sullo s t w aomputcr.

na

I

-

1

.

- -4L--,>

I~ u e s t o zpo di commutatore viene$

3uesto commutatore si differenzi dal precedente per il tipo di ri, ma puo' essere utilizzato per gli stessi usi. Monta 3 connettori 25 poli femmina Vengono commutate tutte le linee Puo' essere utilizzato anche per stam santi o periferiche Fts-232

Iconnctiori disponibili sono : 9 poli S U ~ per D i monitor 5 poli DIN per le tastiere Tutte le linee sano commutate

DATA

- X - SWITCH

DATA TRANSFER SWiTCH

-

Se avefc il problemi di collepre piu' di tre periZcriche insicme trovcr sicuramente la mh;isolueionc in quati DATA TRANSFER SWITCI Potrete utilizzarli secondo uno qualsiasi degli schemi riportati

a verslme can 1 ingresso e 3 uscite (o viceversa) e' disponibile

I1 DATA - X S W C I I consente di commutare fra di lo& le stampanti di 2 mmpu& Se normalmente lavorate con due computer e due s t a m p i i con caratte ristiche di-, ad empio una stampante ad aghi ed una Iaser, questo e' I'accessorio idcale per irasferire i1 controllo dellc stampanti da un com. puter ad un altm senza dover disconneltere icavi. Monta 2 connettori 25 poli femmina come ingreasi E 2 connettori 25 poli femmina per le uscite. La camrnuiazione e' 1:l ho' essete utilizzato anche per periferiche seriali

con i mnnetiori 25 poli femmina. Vengono commutate tutte le linea %o' essere utilizzato sia su linee paralIele che su linee seriali.

m

ABC

L*DW

Jersione con 1 ingresso e 4 uscite (o viceversa) con iconnettori 25 poli femmina

467

A8ED

L

b i o n e mrne la precedente 1 ingresso e 4 uscite (o viceve=) on connettori 36 poli femmina U)8e

ABW

L S1,Ul

L 4500(3

l070

CAVI PER COMMUTATORI Codice E017

Cavo con 2 connetiori DB25 WM dritto

LO11

Cavo c m 2 mnnrttai D825 H/M Invehta

69470

Cava per stampanti l WB25 M 1 Vaschetta =poli Maschio Cavo m n 2 conn. Vaschetta 36 p. maschio

L012

Descrizione

+

gm


GENDER CHANGER

:C

Igcnder changcr servono per poter rimivcrc i problcmi di intercoiinesslone dei cavi. Collegando ai computer periferiche diverse, capita di f ~ q u m t cdi trovarsi di fronte al problema, per -pio, del cavo con connettore maschio e della stampante con connettore maschio. COME XUSOLVIJmILPROBLEMA ? Sempliae con un GENDER CI KANGER femmina/femmina prete effettuare ilwllepmcnto sema dover rifare un nuovo c m Tutti i prodotti hanno una configurazionedcĂŹ piedini 1:2 ,'

1ingresso 25M 25M 25 F

uscita

CODICE

25M 25F 25 F

l471

LW2 l473

PREZZO] 7.m 7.m 7.000

n

TESTER Rsm232/V24

I1 collegamento di perileriche RS-232 ai contrario deUe m e l e , comporta sempre una serie di problemi davuti ai diversi segnali di contrdlo presenti in questo mandarti. Grazie a questi tester potrete tener mtto controlla tutte le principali linee utlizzate neIle sedali. Tutti e due i tipi sono forniti con connetw Mawhio/Femina per cui poswno e9sm: inseriti in q u d i i punto del collegamenta

MINI:TESTER I: Grazie a 7 led vengono tenuti sotto '

controllo i seguenti segnali: TD(2), RD(3), RTS(4), CTD(5), DSR(6), CD(8) e DTR(20)

CHECK TESTER Con i 8 led di cui 9 rossi e 9 verdi I led rossi indicano Io stato " a b n1 e quelli verdi lo stato "bassa"O , il transito dei dati e' segnalato dall' a e mnsione di entrambi Le linee sotto wntrollo sono la 2,3,4, 5,6,8, 1 l , 19 e 20

. -,-. .

A r n r n O N I ? ! !! Le abbreviazioni usate corrispondono a: 8 M = connettore tipo Canon W poli maschlo - 25 15 F = mnnettore tipo Canon 25 uoli femmina E M = coniiettore tipo vaschetta'(centronics) maschio 36 F onnettore tipo vaschetta (centroni~)femmina

ADATTATORI D' INTERFACCIA

ADATTATORI RS-232 Adattatori oer mrte seriali da tirm AT Ibm a XT &C&

I Ingresso 9F 9F

Uscita 25 M 25 F

CODICE

LO78 LO79

prezzo 7.m

l

7.500

-bREVERSER i

Grazie a questo sistema semplice ed cmnomim, potrete modirmre in un istante un collegamento M-232.

M e 24 linee d s p o n d o n o su entrambi i .BBZi 24 prese, nelle quali si insedxono a presiione a p i t i pontioelii ad attacco rapido. Indispensabile per il progetto o la Vcnfim di un collegamento W-232

U reverser incrocia il pin 2 (Tmnsnut Data) con il pin 3 (Receive Data,evitandovi di preparare un cavo incrociato. Mqnta due mnnettori 25 poli maschio e

. Eemmina

JUMPER BOX

VM SURGE PROTECTOR $

P

Per un trasferimento dati garantito da errari. Sulle prinripli lince sono inseriti degli spcciali circuito MOS a Tisposta istantanea che neutratiinano ogni tipo di dishirbo. E' utilizzabile in qualsiasi punto della rete dati.

vnlu stabilia la giusta configurazione [mii WRING 8 0 X ) potete renderla pcrmaaente mn quesia Jumper BOL Basta fare sul circuito delle semplici saIdature e farete a menu di un c m spxiale.


mrlanu e' sicuramente uno del nomi piu' con-iuU nel settore software h!$-Dos. Con una politica a Ilvello mmdkle di prezzi Bassi e alte presearime, e' riuscita a superare In gran parte Ilproblema delle copie Illegali. Alcuni pacchetti sono ormai diventati per migliala di utenti di riso quotidiano. Fondamentali sta a livello di utillno per fa programmazione professional che a livello dldaltico sono 1 nnguaggl e compilatori. Turbo Pascal e' sicuramente il piu' diffuso cornplla~oredi questo linguaqqlo d i n i b l l e In Ms-Doa Grazie pol ai ToolBox disponibiii in abbinamento crrn questo iinguagglo pdrete siruttare a pleno le potenrlal2taSsii dl grafica che di archiviazlone dati del vostro computer. Tuttl i programmi sono forniti con manuali avtoespllcliui e cortseniono d a una sempllce kolalWme che un ap prendimento graduale delle prme;dure. Alcune procedure sano dispanibili solo con manuale in inglese, ma grazle ai nurnwasisshi esempi tiporiatl m comporfano aIcuna difficolta' di utilizzo.

bo Pascal per la creazione di archivi e delle finestre

SfO6

3 1 47

Sf07

SIM

1

Sll9

Si10

5130

"FiabaPWttl Giime-

P -

Librerla di utilities e funzioni per la realizzazione di glochi in Pascal Database relazionale

Slaekick

Utility di gestione archivi, calcolatrice,

SI21

T - h -

---

Quima

agenda, da utilizzare in sovmpposizione con altri programmi Witor +Assernblatore per la realirzazione di programmi in LM. Foglio elettronico professionale

5131

--h

ITA

39.000

2.0

ITA

1.5

ING

2m.m 59.000

1.O

TTA

89.000

1.O

ING

1.O

KA

59.000 290.000

3.0

Foglio elettronico multifinestra con grafica interatuva e possibilità di emulazione di altri tabelloni come Lotus 1-2-3 ecc. I

Windows 3.0 Il tabellone elettronica 6 sicuranienic uno dei programmi p$ u t i i b t i su Persona1 Computer. Quanda si parla di spreadshect si fa normalmente riferimento a programmi tipo Iatus 123 o a Multiplan ma ne esistono altrì sviluppati sulIa stcsa filosofia che pur costando molto meno offrono Ie stesse possibilità dci più famosi e, quaIche volta anche possibilitl supe-

riori. Imgstix e sicuramenic uiio dì qucsti. Completamente ITN1ANI72A1'0, sia per quanto riguarda i comnrrdi c gli Hclp da video, sia per i1 manuolc mdto completo (oltre 200 pagine).

Principali funzioni: Tabellone elettronico Database per la gestione di Time Pianning - per la pianifi Grafica per la presentazione dei dati sia su video che su sfamjM

-

H W

5

3.0. L' ultima vetsione deI potente ambicnte di lavoro della Micmsoft completamente riscritto e miglioraQuesta versione unica, sia per 286 chc 386 sì differenzia dallc precedcnti per una interfaccia gmEica niolto più curata ed una gcstione dclla macchina compIctamente rivista per poter gestire al meglio sia l a memoria che 1s CPU.

1 Verslone originale con manua-


.

- 1

Se avete la necessita' di utilizzare il

per leversioni 286 sono in formato 5,25 %WE;b, per le versioni 386 soni in formilo 5.2YIZhiò. e dai manuali di instailsmac ed uiiliaa

computer con piu' m t i di lavoro ~ e n d n i e'x sicuramente ii sistema piu' sicuro e piu' adatto. Creato al contraria di Ms-Dos a p p i t a mente per una gestione Multiuten~ te consente di sfmttare a pieno le potenzialita' della macchina dando la p a i b i l t a i di creare un sistema modulare e di altissima amdabilh

XENIX Development System-

il Ikvelopment -tem contiene tutte le Utilities per h creazione e I gestione di programmi in "C" e in "-blef ,compresoi1 m p i l a t m 'C' e Il Masm M a m i-mbler. %no 7nel pacchetto tutta una serie di took che mnsentoni anche la creazione di pmgmmmi da far girare in ambiente DOS

tal.

FOtrete utilizzare ii m v u t e r oltre che m e multiutente akhc cbmt 1 MULmASKiNCI far cioe' "girare" piu' p m p r n m i contqcmncamente sulla s t w macchina senza necessita' di aitm Hardware aggiuntR.0. Xenix e' staro sviluppato come prima versione dalla Microsoft e successivamente implementato semndo gii standard UNIX dalla SCO 5anta Cniz Operation). Oggi Xenix e' il sistema operativo Enstaiiato in oltre 1' 85% dei sistemi che operano in ambicnte UNiX. Potrete installare Xenix in unaprtinone deI Vastro Wrddisk utiiiiando10 in alternativa con Ms-Dos. Grazic alle utilities fornite con il sistema operativo potrete trasferire dati direttarnentc da Dos a Xenix.

XENIX Text Processing Lo

W e m V Text Processing Systen contiene tutta un h preparazione e la formattazioae di testi. Potrct che' prcpamre le stampe di testi o manuli in forma s e m p l i h t a rispem ad un normale Teib editor. E' compreso anche uno Spelling chetk per I controllo de@ errori. SCO XE&X

serie di utiliriès per

me

- XENIX

'

Operating System

operativo che normalmente vitm instalIata per I ' u i i l b di procedure Xenix-Unk E' compsta dai dischbti che, Questa è la parte di sistema

GeniSean Gs-4500

1

Scanner manuale con risoluzione fino a 4iM dpi. Viene fornito completo di m h a r e per acquisizione immagini e riconoscimento OCR

Mouse Genius F303 Mouse di alta qualità da collcgaxe su Rs-232o come P@ Mouse. Viene forniio completo di adattatori, tappetino, portamouse, software.

I

Espansione di memoria per At delh Micm Tefhnolqica Gi completa di 1 m e di mi pdesseie~~finoa2Miytccoaduchi 41256. Viene fornita wmpkta di m i e di gi stfwit ptr urui mmpkh comptiidid EMS.

&!W

UNITA' di BACKUP 40 Mbyte [AlLoy] --

Per chi utili- il mrnputer pcr archiviazione di @alatio per fini contabili, la iicurenadci dati e' un pmblcma fondamsntale. Oggi e' molto diffusa la tecnica dei FAST backup che consentono di cffeituare mpie in tempi abbastam brevi, LaRg-hBFasW ma con risultati che spesso mettono in crisi quando, dopo magari aver p dei file si tenta di recuperare dei dati dg- , .. disxhetli. Questa unita' di backup che puo' essere installato su qualsiasi computer Ai MS-Dm. Utilizza come mnfroller quello dei floppy e vicnc instalkto in mado molto semplice come se fosse un normale drive da. 3'. Il software fornito gestisce tutte le funzioni del dnve, dalla fonnattazione della cassetta al backup vero e aUa verifica e naturalmente all'ewntuale restm. ' Dive da 3 pollici da collegarsi come drive 3 i'#" "" M Capacita' fino a 40 Mbyte wn Cassetta tipo N 2 0 0 0 Software di gestione ResQ e manuale di istruzioni Qn Inglese)

1

HaSia .

.

. .-

<prezzo di listino 1 . 2 5 0 . 0 ~ )

3m.00Q ,

. - -- .

--

-A

..

-

.-E ' 4 .

1

?-

=L

..-"m


II

'

-:' I Data Ba,nk D-Mai1

Q u s t i due data bank che abbiamo scelto di proporvi s i diffeercnziam dai normali per le funzioni &e m o state implementata Oltre c i d aUe normali fumiani di archivkzionc di nomi e numeri telefonici pmntano tutta uua wrie di posn'bilità che ne consentono l'utilizza comt 3elle agende calmiatnci. M contrario di altri, fiori hanno limitazione nc1Ia Iunghma &I nome o numera telcfmim e permettono di poter arrhiviare anche mesaggi C annotazioni. Potrete programmare ivostri appuntamenti, e sll' ora e girmo in cui volete il data bank v i segnala c m un bip che avete un appuntamento,v i s u a b n da sul dispiay il maisaggio che avrcte i m p t a t o .

DATA BANK YOUNG La tua agenda, calcolatrice, compuicr nel palmo della mano. Grazie ad un altissima integrazione, scW state racchiuse in quarto data bank tuttc una se& di funzioni incredibili:

Orologio mn'ore, minuti; secondi

n I

Calendario con giorno, mese, giorno della mttimana

I Sveglia Calcolatrice a 12 cifre

I Cambiavalute, si possono impostare 3 diversi cambi ed effettuare immediatamente il calcolo in una delle valute impostate Prqramma degli appuntamenti w n messaggi abbinabili IRubrica telefonica I Schedario personale con codice di accesso segreto 1 1000 caratteri di memoria Display alfanumerico con possibilità di scmll orizzontale 1 tastiera alfanumerica a 48 tasfi I dimensioni in cm 5,5*8,5*0,5

CALCOLAT81CE DA TAVOLO Calcolatrìm proftasionale da tamlo a 10 cìEre. Perfetta per l'uso sulta xrivania, grazic alla sua forma ergonomica e al grandc display. Alimentata ad energia solam e batttrie, ìunrima in qualsiasi condizione di l a . Quattro operazioni, percentuali, radice quadrata, memoria.

CALCOLATRICE MAXi-CIFRE

..

I

1

DATA BANK PROFESSIONAL iimassimo &W tfliciem Omfogio, calendario, c a h i a i r k a l2 cifre, cambiavalute, programma ap~ u n t m e ti. n rubrica telefonica. khedario krsonale, gemicoriti corrente e caite di credito, mmetro e tanto altm in soli 10 cm. Oltre alle caratteristiche dcl modeiIo Young, permctte la tenuta contabile di 3 conti correnti e di 3 arte di crcdito. Potrete avere h qualsiasi momento il galdo del vostro conto corrente o 1' utilizzo ddIa carta di d i t a

l

Tutte le caratteristiche del modello Young

1 Tastiera a 50 tad In gomma a rllievo con serigrafia delle doppie funzioni Gestione di 3 dm n t i bancari Gestione di 3 carte di mdifo Crcinornetro eon possibilità di wnteggio avanti o Indietro I Calcolatrice con memafia IGioco del testa o croce Dimensioni in cm 10,5*6,5*0,7

P~.e~nZW3O~diriiemeria

3 8 . w 49.000

HEXAGLOT-TI 50 Il traduttore simultanea

Pu4i

CaIcolatice con grandi numeri !!! Real'mta con tasti di grosse dimensioni e disptay gigante. Alimentata ad tnergia soIam, viene fornita in una custodia trasparente sul display e apribile sulla tastiera. Non pih problemi di lettura grazie al super display.

I

Con Hcxaglot hai in tasca un vero e proprio interprete multilingue. Grazie ad un wicabolario di &n 16100 t m h i in 6 lingue (Inglese, Spagnolo, Prance se, Tedesco, Italiano, Portoghese) vi consente l'utilizzo anche a IiHo d i studio delie lingue, Grazie alle 1%) frasi prchpstate pomte risolvere qualsiasi situazione, in viaggio, in caso di emergenza, al ristorante, in banca o per problemi finanziari. E' sumcicnte ricercare per mirpnento nella lingua che conmete, c autmaticamente avretc la traduzione in una delle 6 lingue. Se poi non.ricordate esattamente m e t scritta una qua-i parola, sono sufficienti 3 lettere per effettuare la ricerm all'interno del mboIario. Come se non bastasse, potrete wrcitawi nelle lingue gicmndo con uno dei 6 giuochi che metteranno alIa prwa le W r e conoactaze.

t rsaoo p-

LI~mo


CUBO DISK

BOX:FLOPJPY

'oda dischi di forma nuova, puo' nntenere 15 dischetti da 3 polIici

Box razionali e potici, indkpensabili per lmhiviazime dei di-

fornito completo li coperchio anteriore in plastica traspente che oltre a chiude : mezzo. Vicnc

Questi mntenitori sono tutti ml i u ~ t iin materiaIe antistarica e C

Cripricomputer in materiale Costruito interamente m materiaIi antistatici ed antiurto, puo' contene re, netta vcisione 330 30 rnimfloppy

chiusura (pulsante ichiave), e' un

JoysiĂŹck con 6 m i c d t c h , due p di piIotaggio e 2 pulsanti autofire con regolazione di. veimita' di fuIndicato per i simuhtori di volo.

inlaf ii cssere comodamente alloggia-

!o lin+uy

24 9,

I iubi catodici dei monitor, pur essendo creati per una bassa emissione di radiazioni danncse alla vista, causano cornunque dci problemi sia di affaticamento che di disturbo vem e proprio del nostro sistema visivo. Questi schermi realizzati

Di semplice instaIlazione su tutti i tipi di monitor, lo schermo mtiriflew t realmente una neoessilĂ per tutti colora che tr;tscorrono molto tempo davanti al rideo.Eta infatti affaticamento visivo, emicrania, stress ed il conse-

,

-

,

, ,

'

Fissano con del velm e possono

I . . , .

-e!..-.


NASTRI PER STAMPANTI Cod.

TIPO GTAWANTE

1Pz

W27 W27

6.500

D031

AmsttadDPM3160 Arnstrad DMP 2000 Amstrad DPM 4000 Amtrad LQ 5000 AmstradPCW8512 Amstrad PCW 9512

W24

Apple Ccribe

NO08

Brother m 1009,8009

W32

C.ITOH 8510

N008

W28

W29

W30

N008 NOI l DO43 W 4 NM16

No07 N007

M008 N002

m16 W17 0021 N1200 M01 l

MI21

N005 Do22 Do23 N011 N001 Noie

N003

N1200 N003 N#4

W33 W34 W33 m 5

6.500

SPz

1OPz

Cad.

n P O STAMPANm

6.200 6.200 . 7.m

5.900 5.6.900 11.m 8.200 5.-

M)35

Epson LQ

N8100

Genera1 ElectrĂ&#x152;c 3-81W

7.500 12.800 12.100 9.W 8.m 6.m -. 6.200

8.100

7 . a

10.700

10.a00

3.000

2.m

2.800

'

8.400

8.000

8.W

7.m

a-

5.200

N001

Honeywell sehe lina msy

4.900

4.MO

4.500

0.200

5.m

N008

NCR6434

5.m

5.4.00 5.400

5.m 5.200

W 2

Nec 8 0 w - 8 5 1 0

D032

Nec APC 8023- APC H18 Nec Astra 2080 Nec 3 Nec PCm248025-80T

8.6.500 0.500 6.500 8.500

OlivettiDW-DM100 Olivetti DM 105 B W K Oliveta DM m 2 9 2

11.12.000 9.000

7.m 5 . a

B.MO 5.200 19.-

11.m

5.600

5.400

0.500

Centmnlcs GLP3lOt ,GLP 11 Centronies MD301 Centranics 120122-150-152 Centronics 262 WN Cenironics 262 colore

5.800 5.m 4.000 29.000 45.000

Cornmodore MPS 8 0 1Commodore MPS 802M m o d o r e V C 1520,4023 Cornmodore MP$803 Cornrnodore Mps IWXI Commodore MCS801-bln Cornmodore MCSBOI -col. Gmrnodare 1230 Commodore 1MO C0mmod0t8 1381 Comrnadore 1500 Commodore 1525 Cornmodwe 5400 nylon Commadore 6400 multistrike Comrnodore 8023, Carnrnodare m 4 Commodore Dps 1101

5.600

-

10Pz

Legend 808,880,1u60, m e n d 1380,VplM

12.m

Citizen AL 10 aazen IAM ~ m d Citizen Msp1w0-40-50 Citizen Msp1525-4555 ,Citizen Hqp 40 CEtizen HqP 45 Cizen Tribute 124 C i z e n Tribute 224

11Xa

SPz

NOW

12.800

--

8.-

~ 0 1 2 Ibm WC I

1-

3.800 2i.m 42.500

m 7

3.700 26.100

Mi32

#.W0

DO32

D032 DO22 D037

8.400 8.400 5.600 5.200

D038 m

21.m 33.000 11.000 8.000 4.000 11.m

N003

Panasonic JB3021

NM35

Seikosha Gp 1W,Gp 250 Selkosha G P - m Seikosha Gm00 &'N Seikosha GP700 colori Seikoshi SP 180 Seikosha SP m

N006 W16 W17

7.700

7.S00 8.100 4.000 4.m 3.000

W45

m

6.500

7.m 5.800 21.m

20.000 39.000 31.400

29.900

18.000 g.m

17.000

am

a m

Carta termica per Fax (21Ommxrnt)

i1.m

10.500

9.m

Carta terrnlca per Fax GE 3-8100 - (2l6mmx3(lmt)

l1.000

10U

9.-

16.M10

Star LC 10 Star LC 24110 HD Star Delta SD1Q Print 160 Star Radi 10 SR10 Star Radii t5 SR15 Star NLlGNDlQNPIO Star NR-10-NXtO

6.500 8.m 6.m 8.000

-

7.m

8.500 7.m

Tally 1000 Tally MTBO - Splfit. Tally MT 130-140145180 Tally tdl280281-290

8.590

Diablo HWYPE Il nyfon Diabb HYTYPE multistrike

m

Epson Lx 80Epsgn MX 80-8285-90

NOW

Epson FX SORP W R X 7080 Epson Fx fM@EO Epsan Mx 1 m 1 0 5 Epson Fx 10@105 Epson Fx 185-288-1000 ~psanFbc100t X 1 m

8.000

7.m

7.300

W33 MI34

Epson La 5NMUc-850 Epson LQ 1000-1050

7.000 8.500

6.m

6.7.m

W 18

Prodotti per Laser PP8 8.100

W 9

Toner

W50 W61

ke1oper Cinghia fotoconduttlva

per 5000 copie 119.000 per 300MJ copie' 4 W . m per 150W copie 189.000

I

I


COPY HOLDER

COPRISTAMPANTI

BRACCIO

PORTAMONITOR

Leggio cfgonomico da applicare con un semplice morsetto al -t

Copristampanti in tessuto PVC e-

-

g n d ecc.

I Puo'

essere orientata in qualsiasi pmizione per ottenere il m i o namento piu' adeguato al p i o di lavoro. Completo di riga segnalince e ciip per h tenuta del foglio.

EP20

P!!!

t-

CLIP COPY HOU)ER

-

u

..

-8

, l

--m,

,a

I

Se vuoi o1timizrat.e Io spazio sulla tua mrivania qucsio braccio snodaliilc e' qucllo che ti occorrc. Cmtruito per ewre utilizzato sia per sorreggen: il monitor che la tarticra @e alla robusta struitora po' reggere anche dci icrrnineli veri e propri. I dassimo carica 25 Kg I lase della piattaforma 33'31 cm I kientabole con un angolo di 180 gradi I bstruzione in metallo e plastica I 'iene fissato al tavolo con un rnorsetto;

Semplice ed nomim p r t a documenti da applicare sul monitor.

Viene montato con dcl biadcsivo e grazie allo snodo del braccio puo' essere orientato nella p i o n e piu' Bvorevale.

=*P

SUPPORTO VERTICALE

Supporti per stampanti adattabili a qualsiasi tipo di macchina si a 80 che 132 colonne. Consentono una regolare alimentazione dclla carta aIla stampante in un minimo spazio.

t(WM0

I

I

' CUPPOrn PER

PiR ,NI.OMIT~R Supporto elegante e pratica d i a M i a plexiglas, trasparente fume'. Permette il controllo dei moduli durante la stampa e consente I'utilimo della stampante e dei moduli suiio stesw piano di lavoro recupernado inieptmente lo spazio occupato dai moduli.

sekP1i-

Con questo accessoriapomc montare verticalmente il vactm PC in m d o da m d e r c più otiimale la sistemazione della w t r a srrivania. Si adatta a tnMi i tipi di PC XT e AT.

Con ii nostro su-o gircvolc, con un re mwimcnto p t m i psizionare il monitor nel modo D ~ Ùfavorevole mr la tua VI% e Ia tua schicna.1 due modelli che prcsen3iamo si adattano a tutti i tipi di monitor.

m

Llt2 IW@F&& 1.2") EITO t p w m m l 4 u )

+

PORTAMOUSE PENNE Come il precedente ma in un vano

EW

F'oaa Penne

a

I

I

.',m,m m m , ,L - E l

- - __-.

1'

ORTA STAMPANTI

k pi.W

L 2f .W

Da applica= al computer o al monitor con del biadesivq evita di lasciare sul tavolo il mose quando non viene utì-

I


SIMOWS BASIC luesta

guida,

dia rlII edizione & siuramente uno dei esti piil diffusi e ompleti r e a l i t i ier il CM.Questa nuova edizione di masi 400 pagine, ompietamente ncritta e aggiornaa, partendo da iunta ormai

na

descrizione

ansenie anche a

I

Simon's B d c C' sicuramente la cartuccia di utili-

GUIDA

ties piu' cono&-

-

dello

A:..

:i

L3 s . m

&mente di creare e di memorizare brani musiali sul C64, agenO sulla forma I'onda di ciascua delle tre 'e1 SID per otte,eredei brani p

iiT

=lw

ta il C64. R e a l i i t a da Simon un in@- di 14 anni e poi' ampSita e perfeziorrta dimb mente dalia Commodore, ti mctte a dkpsizione ben 114 nuovi comandi e istruzioni per ampliare il W del tuo computer. Sono stati implementati tutti i comandi di gemione delta g r a h , per gii sprites, per il suono, per P utiliin b d c di jqstick e pddle, insomma tutto qucllo che mancava al basic del (3%. La cartuccia occupa sola 8 kbybc di memoria e tutti i c o m d i pa&soao essere -re utilizzati f l'interno di programmi basic.

*Ex%-

~ n ~ i i o n c

chi non t esprto di computer di 'realimare p grammi o sfmttare le possibilità dcl computer.

soor

schermo: i

-

vere questo problema. Potrai disegnare delle 'videate' direttametrte su110 schwmo con i simboli gralicì e i cumri, senza preoccuparti di m r e linee di prht C, ailo stesso tempo delinire i campi dove effettuare I'inriut dei dati in m d o oo~trollato.Ci& potrai difinire dave immettere dati numerici, alfanumerici, di Iunghezza predefinita. Grazie a 8 nuovi comandi basic potrai realizzare i tuoi programmi in modo molto più veloce. C professionale. Fornita su disco completo di manuale in inglese.

i

~

'rogmma originale su camccia Manuale a r n ~ l i s i m ocon tutti !comandi spiegati e &mentati mesempi, in inglese

CHARTPACK (Abacus)

ifoniri. Con h w i i l i t à di agie wfi'iwilupp, ui fiitri, sul voluae e sulle moduazioni dei segna-

programma ti permette di

WORD PRO 3

Questo

permette dl sinulare qualsiasi strumento. E' in oltre p i b i i c ariare l i velocitd di esecuzione dei brani men h t i . i,

avere rappresentazioni grafiche dei tuoi dati sotto forma di diagrammi, istc grammi o di;

+

L

I Campleio di manuale in italiano. con le tabelle

-

DARK ROOM luesto programma e' tato creato per la getione della camem acura. G d e ad una erie di tabelle m e n u e all' interno del pro~arnmae' possiiile staiiIire @I e t t i tempi di viluppo per qualsiasi tiio di pellicola in bianca : nero con qualriasi tipo li mniuppo e mn evenuale calcolo delle dieenze di temperature o d "ioni.. I1 programma e' disponibile SU camtta e vicn -mito in formato sorgente B M C , e' percio m i i l e effettuare variazioni o personalizzazioi

a0a

sibile c i d uiili: zam Ic tabelle già e l a b t e per potere avere dclie rappresentazioni grafiche. P o h i collegare, oltre alle normali stampanti Comrnodore, quaIsiasi stampante con interfaccia parallela Centronics, tramite un cavo tipo

Potrai anche ottenere dei grafici oltre che s u W Easy script, il piu' famosa word processar d a lineare anche i n scala logaritrnica. E' p- per b m d o r e . Ma sicuramente non tutti sansibilc inoltre gestire la loro dispizione sul vi- no che per la realizzazione di questo programma i suoi autori si m o ispirati ad un altro word-processar e Qoe' a WORD-PRO = h a Completo di manuale in italiano ta nelle prime versioni p r la serie PET. DIspanibile solo su disco Word-Pro 3+ e' sifummente il programma di trattamento testi piu' pdasionale esistente per il C64. Oltre alle normali funzioni presenti su lhy suipt offre una serie di poasibiha' utilissime per chi deve utilizzare il computer come d i n a da saivwe. 1 Fornito w di- completo di manuale di istruzioni Inglese + manuale in italiano fornito su d i d w t b da stampare.


Un'opprtunita' unica, dato il prnzo eccezionale, per imparare a conoscere a d utilizarc le tante pcmibilita' dclla mbotia. Cwi questo piccolo robot di addestrsmento e' pomiìilc imparare i1 pilotaggia tramite compuicr di

intcrfaccia ti offre l'opportunith di pilotare il tuo ROBOThRM !M XKMJ tramite il C64 mi1 Ci28 p). Basta semplicemente programmare i1 ccnnputer e vedrai come ti 4hdle cmtrollare il robot senza bicogno del Jqwick. L'interfamia consiste di una cartuccia testata pronta per l'inserimento nelIa USER-PDRT dcl CS4 o C128 @),e di un mvu di odlepento di circa 1,4mt. Questa

apparecchiature esterne. Braccio robot sernipm~essionaiccostruito rcalistiramente per $.copi didattici e pratici. Mobilc su 5 assi, zona d'azione 180 gradi in verticale e 270 in orkontale.

Montaggio intereambiabile di pinza, paletta o

ma-

anete.

I

~rwnrictòdi Lampadina incorporata. Piattafoma stabile con 4 ventose. Pilotaggio tramite due joysticks fl piu' comuni) con mese a 9 DOI. 'Pilotabile da! computer se si dispone di un intericia adeguata. Dati tecnici: Funzionamento a batterie (torcia il vano batterie si trova nella piattaforma) II Robot di colore giallo, con piattaforma nera Misure: 380x280x195 rnrn. Peso Kg. 1,75 1 Nella fornitura NON sono incluse batterie e joysticks.

I un programma dimostrativo in basic una lista di comandi un manude di istruzioni in Italiano una de&ione tecnica dell'interfaccia.

-

I Adattatore Telerna'tico

Espansione di Memoria 256Kb per C-64 (I 764)

F--

Periferim facilissima da mnneticrc, e' utile per chi voglia ampliare la mcmoria del proprio C64. Infatti, moltiplica per 5 la memoria del C64, aggiungendo 256k di memoria Oltre all' utilizzo carne estensione della memoria per i p p m m i che la prewdono (come il gas) e' possiiibne memorizzare dati o vmmmnii nelfespansionc stessa e richiamarli, utilizzandola mme drive virtuale. LA CONFEZIOhE COMPRENDE:

La wrtuccia di espansione 1764 RAM H RCUril DISK DOS, un Sistema Operativo che permette di usare l'espansione wme un drive 1541, con LOAD e CAVE quasi immediati. Programmi dimostrativi delle funzioni del 1764 e test diagnostici Driver per GEOS 1.3

L' unico modem omologato da utilizza= diret-

I

tamente con il Cbmmodore 64. E' possibile il collegamento sia con Videotel che con altre banchc dati,che con altri utenti. Fornito mmpleto di software residente sullo stesso adattatore richiede solo il colleeamcnto con Ia linea telefonica m c un nomaic app-

L M&tl

'

Alignment Chiunque p i e da un drive per Commodore 64 o 128 prima o poi si troverà di fronte il probkma dell' allineamento

.

dct drive. I problemi iniziano normalmente con difficolth di caricamento &i programmi, fino ad - arrivare aiil a impsibiiità di! u t i l i m ~il Orivc, sia in lettura che in sxittura. Quwto w a e ~ a m ma che t fornito insieme m uno sGci& d scheito pmgistmto con segnali anilogiEi, pei mette a chiunque di poter cffettuarc controlli tarature di drive, sii originali che comptibil &si& seguire le istruzioni che appaiono a r deo e m U -10 ausilio di m i a v i t e potrete r sistemare la vostrst unita a dischi. Oiire alP allineamento potrete verificare e tara re tutte le altre funzioni compresa h velocità.

L-

Espansione di memoria per AMCGA 5Q0 L' ullima novità in faiio di espansioni pcr Amiga. Una espansione interna per Amiga 500 da 4 Mbyte che potrete conEigurare a seconda deIle w t r esigcnze o m m c una SlSKùyte, lMòyte, 2 o 4 Mbyte. Viene fornita senza Ram e monta dell memorie t i p 44256 p 6 K 4). L' espansione si compone di due parti: la prima, 1' espansione vera e propria che monta le ram ( la seconda un circuito da montare sotto il Gary. Cornplcta di clocke istruzioni.


II massimo delle premszioni in uoa segre

Segreteria telefonica

completa di telefona con combinatore a m i e ra. Di semplice instailazione permette la regishazione del messaggio di riq m t a da soli e effettua h registraz h e su normaIe cassetta audio. -te anche di ascoltare le telefonate in arrivo senza -re sen-

teria telefonica !!I! Segreteria telefo*

a micmp

dalle mtteristiae p r o f e s s i 4 Doppio rnessagglo di risposta. 1 primo su naslro e il sacondo su mi-

I Al' inizio di ogni messaggio arrivato viene registrata, grazie ad un sintetiazatore vocale, I' ora e Il giorno di arrivo dd messaggio W Grazie al telecomando, forniin con

titi

,

Messaggio di risposta sintetizzato elettronicamente 8 Batterie tampone per l'utilizzo anche in mancanza di energia

la segreteria, potrete richhmare dall' esterno per sentire se mete ticevuto dei messaggi Possibilità sempre dall' esterno dl impostare nuovi messaggi dl risposta o rlawolgere il nastro del messaggi

elettrica

Alimentazione 2nlV

H Telefono -n

comb~natorea tastiera Rsgistrazione delle chiamate su normali cassette audii Manuale di ismizioni in italiano IPemla registrazione di mnversazioni teleioniche

t-

P026

W Contatore dei mssaggl arrivati I Possibilith di uttllzzo come registratore di mfmmazloni telefoni11BWO che M Utillaabile anche per la registrazione di messaggi o testi molte dtre f u m h ì sono di6pomiiIi in questa vera e propi "Segretariapersonaleu Queste e

SEGREERIA TELEFONICA

L I

P046

inserire le prese, elettri= e telelonica per non perdere la tekfonata che attendevate. Registrate da mii le m t r c risposte su una memoria a mimpro-re e la segreteria e' pronta a ricevere e memwizzare i messaggi in amw> su di una comune rassetta audio. &sta

W

BABY SITTER ELETTRONICA

I Messaggio di risposta sintetizzato eletlmnicarnente Batterie tampone in casa di mancanza di energia W Alimentazione 2ZOV W Possibilita' di collegamento in parallelo con un telefono I Manwle di istruzioni in italiano

L

P025

'^'

"^

INTERFONJCO A 3 C A W Interfoniw a 3 canali se- necessita' di indiazione di fili. E' sufficiente i1 mllegamento alla rete elettrica per effeituare il cdtepmento. Viene dae' sfmfuttata, con il sistema deiie "Onde mmiogIiate" la linea di corrente 2% per h irasmissione &i dati. G&e ai tre canali potrete comunicare con diversi punti dell'edifdo s p stando solo il commutatore. Possibilita' di funzionamento in modo A W m a t i c o cioe' senza nccessiia' di premere nessun pulsante. Potrete uiiliuarlo anche per acroltarc quello che awiene in un'altm stanza Interfonh a onde conuogliate Funzionamento in modo manuale e automatico IAlimentazione 2 M V W Manuale di istruzioni in italiano W Wene fornito a coppie

(la =PPw'

L8 5 . m

Coppia di apparecchi da inserire nella p m a di corrente che vi consente no di sentire queIlo che awiene in un'altm stana. Potrete xntire se i bambini in camem da letto stanno dormendo o s qualcuno ha bisogno di Mi. ,n richiedono nessun tipa di Installazione. razie ad un sistema di onde convogkte permettono la mmunl cazione da qualsiasi punW della casa.

Posi (h eonpim)

La ò o

AMPLIFICATORE TELEFONICO Utilissimo ampliikatore telefonico. ho' essere u t i l h t o con qualsiasi iip di apparecchio e non necessita di nessuna hsiailaziane. E ' suficknte appoggiare un xnrom sul vcwtro apprecchio e potrete sentire la mmunìca~ioneattraverso l'altoparlante. i?' alirncntaio con una batteria a 9V e si spegne automaticamente & trenta secondi dal termine della comunicazi~ ne.

L 2?aa

~


30 DISCHI 5 114 df dd 360 Kb

totale

Offerta D-MAIL cod. OMC1 L

PER W T A indlrlzzando a:

D-Mail Sri

i'mTELEFONO : tutti igiorni dai i+n-dl' I g cPriarrianal Venerdl dgle ore Oalh do lo 0%%352.141 fraj 1 P a t FAX :.tutt~l glmf &Ua &m24h ~ i m m d lo o 056353.w

R DI PEHWM : dal Lunedi' al Vene&'

presso il nostro punto windlta In Ha Luca Lrtndueci 26 a ,Fwrtze -h il segwsnt& omdo: 9 1 3 , 1 5 t 9 dTTW2KWE lf! In mm di s p k i o w p t a k i t

e

q

m

~

o

d

i

~

e

'

d

.

8

........., , ..... ..

-

.. . ......... , ..........

.

.. ..

........

>

, ,

....... , . ....

I RRW

m

m

l

3

,kbi(pm rispedftoai mittente. la hltm d w e i d i m l o d-dw Chl menta ai mimento &f' d n e cgn Mi dati n-I. NON*RANNO. EME& FJIlTUPE W C G E S W ~ E N T E ALLA S F E ~ ~ ; ~DEL ' E MATAR~AE tl m fernib e' della miglrm que pdrnadicrsaerespdito e'-&iato. ~e eomurtque del m e r n i di fundoneirnento~eh&&m M' uso e dalla spedizione, 1 prodotii esgand~ in gwhwL, possano erestiarEi3i 9 8 gim'ni dal rbwlmenb-nel IMBALLO ORIGINALE e noi pv@de@rnrralh loro smt'iturione n& iitin&lempo pa&Mle. si 8o08ttBi10 comunque W di mesw nar au-i prrYgnhnwnte d a k 5 Wll Sd. A tale p % PN W I RICHlEDERE L NUMERO.Dl-

I

ZiDNEaino&ufflei.


News Hanno coiiaborato: Francesco F. Castellano

Paolo Ciardelli Corrado Giustozzi

Nelle News di questo numero si parla di:

V.le D8 Gasperi, 20151 Milano - Te(. 02/30743i 7 AEgol Spa Vi6 Feltre 28/6.M732 Milano - Td. 02CW11411 Congpiiter Spe Via Riwhsna 8. 25#0 Segrate (Mll - Tel. 02'757441 Blogodr Va Sottoripa 7H, Genova - Te(. 01W.790747 8 o h d Italia srl Va Cavalcanti 5, 20127 Milano - Tel. 02L?610102 MI HN infoS IaiIia V7 Vida 11, m127 Milano - Tel. OiY677937867 CH. Osffdd asa Via F. Wittgsns 3, 20123 Milano - Te/. 02W78341 1 M I c s sps Via Ugo BmSi 3, 20 159 M i k m - Td. CMtmn s p Vm G a l h t e 21 1, 207 51 Milano - Tel. 02B3404W0 Comtnodam italiana Va F.lli Gracchi $8. 2DLW2 Cinisekb 8. (MI)- Tel. 002/661231 Compq .-puter Spa Milamfio~Srrads 7 &l. R. 2008$ R m n o (M - Tel. 02Y&@DaZ21 Date P 8 n p h c r a l wl ~ ~Via L. da Vinci Zl#, 200m Segrate (MI) - Tel. 02f2137352 Spa V7 della VetrSra 11, 55iW ViarsggEa (LUI - Tel. 05WLB5226 D&ĂŹMa# srl Va Coronelli 10, M146 Milano - Tel. 02,426559 nis d C.so Statum 24, 120&1 Mondow' ICNI - Tel. 07 74,487227 Epson Itnlia V i F.lli Casiraghi 427,ZM799 Sesto S. Giovanni (MI) - Tel. 13226233-1 EkoByb3 srl Kle W111 Dicembre 44 041 00 Latina - Te/. 0773/4&3W 3M Itadia Miiano San Felice M090 Segmte (Mi)- Te/. 0275452595 Heuvleff h c k d MBRB spa Via G. Di Wmrio 9. 2M6.3 Cernusco $/N (MI)- Tel. 02/92Y991 tSM M i a VT Rrvciltana 13. Sen F e l k , 20090 Ssgmte (MI)- Tel. OZn5$84550 Uleboat A ~ ~ ~ M M iE a V@ s G. Frua 74. 20146 Milano - Tei. # # 1 W Lo- -t E u v Corp. Via Lampeduss 11fR 20147 M i h o - Tel. &?W32567 Macttaniea Data SyHmns d V.le Jwiner 4M4. 20159 Milano - Tei. h n e s m a n n Tally si4 Via Borsini 6,2OOM Comico IM - Tel. 0 2 r ~ 1 2 W McmAma sri P . u a G.Alessi l&, 16128 Genova - Tal. 01015533770 Mcmwft Spa Centro Direzionaie Milano Oltre - Paleno T i l o , 220090 Segrate (MI) - Tel. 002/2707201 Ilbodo sd Via Masaccio I l . 421W Reggi0 Ernilia - Te(. 0522/512828 M A sri Centro D i w . Chileoni Pal. Andromeda Ingr. 3, 20747 Agrate 8rianza (MI) - Tel. #3%53572 h a d y --ce Via Pmnciaie 67, ZM68 Mmticel(0 Bfienza (MI) - 181. 0333202108 mgfl C-SOSempione 8. 20154 Milano - Tel. 1i2/331#3E2 SMi-Goqd 3 5 Rua des Archives, 94000 Creteil - Tei. (1)A7996000 Strhdd Spa Va Cipriani 2, 427 W Reggm ErniIie - Tel. 0522/792#7 Sun Italia V@P a d s o 16. 2 W 1 Agrate Brianza (MI - Tel. 039MO%Y Tandon Compvtcar Spe Via Enriao Fermi 20,20#4 Assago (MI)- T d , 034883352 Texas inmmcnts I t n h Centro Direz. Colieoni, 2 W 1 Agrate BRanza (MI1 - Tel. 03$/$3221 Unibit Spa Irm di Torre Rigata 6, 00131 R m - Tal. W4WO650 Ikiidafs sd Via San Darnaso 20, 00765 Roma V ĂŹ R V i T-gy Researcn sri V i Cado M13, 20129 Milano - Tsl. 03782251 Wng bh Spa M a Stat. Psdana Sup. 2 m Vimodrone (MI) - Td. 022504027 -m hh &E0 s 8 m p i 0 ~2, 20154 hdikn0 - Te/. 02331062W Wyse Teehnologir sri Centro Dtrez. Milanofiori strada 7 Pal. T2. 20&'9 Rozzano (MI) - Tel. 03W2015W

Agfe

m

m

m

Le anteprime sullo Sono ventiset te le edizioni dello SMAU e ben cento i numeri di - MCmicrocompuferpubblimti finora. Anche in questa occasione cercheremo di 27" Saione Internazionale per l'Ufficio fornirvi una panoramica, seppure patziale, dei prodotti presentati dalle aziende del mondo dell'in formati# in modo da facilitarvi in parte il girovagare tra la messe di stand e padiglioni della manifestazione fieristim milanese. Appuntamento al prossimo numero per raccontarvi delle novitd viste d o toccate con mano, ma appuntamento anche al nostro stand (posteggio 827, padiglione 42) allo SMAU per conoscerci in occasione del centesimo numero di MCmicmmputer. -

-

MCrnicrocomputer n. 100 ottobre 1990 - .

.

L

&A 9

Ii I I

- -

,

-

."


IBM Italia Su un'area espositiva di 1.200 metri quadrati, la presenza IBM si articola su una gamma completa di soluzioni applicative. In mllabrazione con le reti commerciali esterne della IBM Italia, agenti e concessionari, sono presenti tutte le principali linee di prodotti con la proposta di applicazioni dedicate alle specifiche esigenze dei diversi se?tori di mercato. Alla famiglia P92, ampliata dai recenti annunci, si affiancano i nuovi PSI1, i personal computer che portano I'infomtica tra le mura domestiche. A poco più di sei mesi dall'annuncio, il sistema RISW6000 fa da protagonista in un settore in forte espansim ne. Particolamente ricca, sia per numero di modelli sia per disponibilitd di programmi. anche la linea delI'ASl400. La IBM Italia espone inohre soluzioni che rappresntano comunque quanto di più avanzato pub offrire l'informatica wmmerciale. Ai persona! computer utilinati per la gestione aziendale, con una nuova versione delle gid affermate prcxedure AGM, si affiancano le stazioni multimediali, dotate delle nuove schede IBM per l'elaborazione delle immagini e della voce. L'automazione d'ufficio trova. sulle diverse piattaforme hardware, la sua più efficace realizzazione con OfficeVicion. mentre, per l'ambiente bancario, è presente lo sportello automatica IBM 4737. Tra le altre applicazioni presentate. le soluzioni integrate per rautomazionfi industriale e i nuovi sistemi per i punti di vendita sono quelle destinate a raccogliere il maggior interesse da parte del pubblico professionale.

Unidata

1

'

, -

Alla nota linea di prodotti già conosciuti della Unidata di Roma, si aggiungono nuovi modelli: tra i personal computer. oltre ai sistemi AX9000 tower. basati sul processare 486 e dotati di bus EISA. viene proposto anche il nuovo modello della lin& PX. il PXaO00/33. Si tratta di un perconal computer basato sul prcicessore 80386 operante a 33 MHz con cache mernory da 64 Kbyte; hard disk con mpacità da 40 a 170 Mbyte con tempo di accesso di 25 mc; la RAM in configurazia ne base è di 1 Mbyte. ma può essere espansa fino a 16 Mbyte. Urta delle caratteristicheche rendono partk colarmente interessante questo prodotto consiste nel prezzo particolarmentecompetitivo. fissato a partire da 4.200.000lire per il modello base con 1 floppy disk dive (5.25o 3.5pollici).2RS232,harddiskda4CiMbytse RAM da 1 Mbyte. Quest'anno. in occasione dello SMAU, la Unidata B presente con raggiunta di un secondo stand nel padiglione Multirete nel q u a te viene presentata ia nuova linea di schede EISA e MCA. Si tratta Ethemet per bus 1% di sei nuovi modelli compatibili con NETMO, NE2000. WD8003EllSA18116, WD8003EI MC4. NE12. I prezzi partono da 380.000lire t disponibilità dei proper nodo ~ t h i m e e'la dotti è immediata.

Bull Bull Italia B presente in tone a)lo SMAU di quest'anno. Spazi espositivi per ottocento metri quadri accolgono novità hardware, s e luzioni applicative specializzate, software avanzati di comunicazione, sistemi multimediali, pacchetti di data base relazionali e di office automation. Ricorrenti sono i temi deL l'integrazione e dell'ap~rtura dei sistemi, punti di forza della Bull e significativa è la sinergia con la presenza Zenith, dal gennaio di quest'anno parte del Gruppo Bull e punta di diamante del gruppo stesso nel settore dei personal computer. Folto il gruppo dei distributori e delle soitware house che, sia in ambiente standard che proprietary. propongono applicazioni s p e cialinate. Riflettori puntati dunque sull'offerta a base Unix. Non proprio al debutto, ma per la prima volta presentati al grande pubblico, sono i sistemi annunciati a Budapest qualche %mpo fa; fra questi i modelli pio sofisticati della gamma DPW2: DPW2 360,sviluppati in Italia e basati su sistemi multiprocessore che utk linano i processori Motorola 68040; i supermini DPW;! 500.a tecnologia RISC rnonopm cessore con prestazioni da 68 Mips. Tutti i sistemi citati funzionano anche in ambiente Bull Open S o h a r e 100s) a base Unut, pienamente coerente con le specifiche degli organismi internazionali di standardizzazione e certificato XPG3-PIus. Significative evoluzioni sono attese anche per i sistemi a base proprietaria GCOS e per i prodotti deli'integrazione. Altre novità sano previste nell'integrarione relazionale-lp per i sistemi a base pmprietaria delle più alte gamme di potenza. Novità anche nell'ambito dei persona1 e delle stampanti. Compuprìnt, la Divisione Stampanti di Bull Italia, presenta quattro n u e vi modelli di stampanti ad aghi: Le uvery entry leveli 4112 e 4114. rispettivamente a 9

e 24 aghi p e r collegamento a personal c m puter; la a l,heavy duty a 9 aghi di fascia medio atta, anch'essa indirizzata all'impiego con persona1 e micro; la 970. che si indirizza al collegamento con supermicro e minicomputer. Dotata di una testa di stampa a 18 aghi con sistema a rubino mobile. m e r o un dispositivo in grado di indirizzare gli aghi su due file sfalsate di 9 ciascuna oppure su di un'unica fila di 18 aghi, la stampante 970 offre un pannello operativo di nuova concezione caratterizzato dalla presenza di 6 tasti {privi di scritte) e di un display LCD capace di 40 caratteri per 2 linee che fornixe le i n d i m rioni relative ai tasti contestualmente all'ambiente di programmazione della stampante selezionato. Il pannello è in grado di aparlarer in 5 lingue diverse ed elimina totalmente i tradizionali levewgi normalmente presenti sulle stampanti di tipo tradizionale. L'adozione di motori in corrente continua in l u w o dei tradizionali motori passo-passo rende le operazie ni riguardanti il trascinamento e l'alimentari* ne del supporto cartaceo veloci e sufficientemente smorzati. Il trattamento della cana & realizzato con una gestione molto sofisticata al punto che la 970 B in grado, mediante un sensore interna, di regolare automaticamente la distanza della testa di stampa dal platen in funzione dello spessore della carta utilinata (moduii multicopia. etichette. fogli singoli, ecc.), ma lascia, comunque, la possibilità di agire manualmente entro ampi limiti sulla regolazione. La velocità nominale di stampa raggiunta dalla 970 P di 600 cps a 10 cpi, valore che si traduce in 540 pagine per ora secondo i test dello standard ECMA 132, sviluppato dai maggiori costruttori e u m p i di periferiche di stampa. Più articolata e la presenza nel segmento del pemnal computer: si punta su nuovi modelli di ingresso che vengono presentati in connessione di rete locale e in oollegamento a minicomputer.

I;

MCmicrocomputer n.

100 - ottobre 1990

d


.+ ;-r Cento di questi numeri!

'-4

E cid ha fafto di MC Ui qttesti mni un riferimento per noi di Unibit, ' 4-.. i l , J ~ Q I % I .,

per i nostri Rivertditon e i nostri clienti. P1 punto che ha cento numeri.... dimostra molti di pi첫!

--

Ai!! I-


200 Watt ed una ventola aggiuntiva di mffreddamento. Per terminare le informazioni sul 486 TFTColor Portable, esso 6 dotato di un monitor a standard VGA a matrice attiva che visualizza colori brillanti con un rapporto di contrasto pari a lW1:l.

Tandon Computer

Alla manifestazione milanese la cocietà Mactronicc Data Systems srl espone oltre al Dolch 4m25. il primo portatile basato su i486, il suo fratello maggiore, Dolch 4E8 TFT-Color Portable. Presentato al Corndex il Ddch 486-25 Èr stato i[ primo portatile 486 ad apparire sul mercato seguito dal modello a colori. La sua velocith di clock è di 25 MHz con una potenza di elaborazione di l 1 Mips. Può montare sia floppy disk drive da 3.5" che 5.25" oltre ad hard disk da 100 Mbyte fino a 200 Mbyte. Il monitor al plasma msco è a standard VGA m n 16 livelli di grigio, inoltre il sistema pub pilotare un monitor esterno. Sono previste naturalmente due interiacce seriali ed una paraltela per I'interfacciamento con le varie periferiche. La memoria RAM & di 2 Mbyb e pub essere espansa a 16 Mbyte com memorie SIMM. È disponibile uno chassis esterno che aggiunge tre clot a 16 bit alle tre standard interne. Inoltre il box esterno (Dolch Back-Pac) ha una alimentazione autonoma di

Tandon Computer presenta due nuovi persona1 computer: il PCAsW4.86, basato su microprocessore Intel M, ed il PCAsV386sx basato su Irttel 80836s~.m n frequenza di clock '~elezionabile da tastiem di 8 o 16 . MHz. Il Tan&n P C A s V a offre una memoria base di 1 Mbyie RAM espandibile a 5 direttamente sulla scheda madre. unità a disco fisso opzionale da 110 Mbyie, una o due unità a floppy disk da 3.5" e tre connettori di espansione AT ed uno XT. Le coluzioni tecniche adottate nelle realizzazione del Tandon PCAsV486 comprendono una scheda spaciale, connessa ali'unia cek tmle con clock a 16 MHz e bus a 8 MHz, su cui risiede il microprocessore 4-86, e una serie di soluzioni tecniche (tra i quali i circuiti Power Poster esclusivi Tandon) che permettono di sincronimre le differenti frequenze di c h k della scheda madre (16 MHz), del pmcessore 4% (25 MHz) e assicurare l'a* senza di stati di attese per la maggior parte degli accessi alla RAM. Altre particolarità tecniche sofisticate riguardano la gestione della memoria. strutturata in modo da consentire I'onimiuazione del caching, lo sfruttamento ottirnale delle opzioni di shsdow rnemory implementate nei BtOS Tandon e l'insieme di chip denominato MIAT, estremamente compatto. La shadow memory permette di trasferire in RAM e usare in modo cache non solo il contenuto del BIOS. ma anche la ROM delle schede di espansione aggiunte al sistema.

con un sostanziale migltoramento delle prestazioni. Il cuore invece del PCAsU388cx è un m& croprocescore Intel 80836s~.con frequenza di clock selezionabile da tastiera di 8 o 16 MHz. Una gestione della memoria di tipo shadow RAM, un sistema di protezione del sistema tramite password, oltre al soflware di sistema opzionaie Windows 386 per operare in rnultitasking, cono le principati inne vazioni presentate da Tandon. ora disponibili anche al livello più accessibile della fascia

386. L'unità compatta e poco ingombrante del PCAs1/386sx ospita un Mbyte di R A M , espandibile a 5 Mbyte. un'unità a disco fisso interna sui modelli 20 e 40 rispettivamente da 20 o 40 Mbyte, tre connetton di espansione a 16 bit e uno a 8 bit. due porte seriali, una porta prallela e spazio per un massimo di tre unitA di memoria di massa su floppy disk. Progettato per poter alloggiare un copre cessare matematico opzionale 80387sx, il PCAsV386sx si awale delle funzionaliti particolari implementate sui computer Tandon: il System BIOS, comprendente un'utility di setup capace di configurare autornaticamente le espnsioni di memoria, le porte di comunicazione e le opzioni relative alla sicurezza dei dati. H prezzo base del PCAsV 386sx. in configurazione minima comprende tastiera e monitor monocromatico.

Digicom Nel settore interamente dedicato atla telematita troviamo lo stand D'iicom ricca di novità e di soluzioni. L'ultimo nato nella famiglia Digicom è il modem SNM32. un multistandard (V21, V22, V22bis e V321 capace di lavorare sia con linee dedicate che commutate con v e b cit8 di esercizio fino a %o00 baud in modal'k tà full duplex.

MCmicrowmputer n. 100 - ottobre 1990


h potente interfacciagraficaWindows, gih fornita di serie con i computer Unibit dotati di hard disk, non

invecchia mai. Perche Unibit, in collaborazione con Microsoft Italia, ofie ai propri clienti già possessori 4;

H

!

un computer Unibit la possibilità di acquistare, in ag: giornamento delie versioni precedenti, il nuovissimo

Se poi avete un persona1computersenzaWindows

,

+

9

" ,

ora che corriate a comprare un computer Unibit.

: '4

l'

L ' h modo dì vendere wrnpwter.

.,., '.

1

Windows 2%

.

Windows386

Desidero acquistare.

I I

Wlndows 3 completo di discheiti e manuali ai prezm di L 150.000+IVA 1%. L.IT8.500 Desidero dmurnenfaione .u Computer UNIBIT

Desidero che quanto ordinalo:

Dittaicirtà..........,...,.. ... .......................,...,.,.,.,., ,,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,.,...,...,... .

che mi contatterà relefonicarnentie presso il quale pmwederà al paga-

-

Unlbli S.p.A. Dirniooegenwale: Hom.wad5 Torre Hlgna6,wl, 06B4mt1h50 11 i1.1, fuDB.4BPì27: I-Y11aIel Rorna:Lw h ' m m GlanRh. W[, Ub 4U911MO 11 A->,f a r K 4 W : flliale di Milano: &hr~ttt. Mila"" S. td1w [:mm[:omrnex~aI~. te]. 02.7532003I75:~i07l1 far M.753204t i - Y e l Napo1L:PafcuSan Paolo,\.taI'1n1ha:{BBt ~ l 081.7675117I7678273, . iaa I#1l176U45o:FilIaledl Padeva:~aSil~~o PeI11wl , t?]. MY.8074~4,1a~049~807428B , ,:,il,.

2

L

2>

3'4


P

R

Q

G

R

A

M

h ~ m d odi riqoyscere Io sstndard di mOdda2idne dei .oorrispodercte p r d 0 'ed 8&t@Ei di s 0 ~ 6 r n iar ~ wtmEQc il rnllw~ b. Il madem d i n e dei pih sed~pmtucoili comz20m e mmgtessione ,M: @al diffuso MNP5 all'uhiim0 in ordine tfi rmpa Krrt \/m&. Grazie al p10RfficlentF:pm& c o h EiIT V42bis R pssibjie ottenere MW3 di mcamp~siarzesupriwi al 4W% ri-P U noininake di deibcitk GCò i si tmlrw I'utbW irr &filcparmip i draf Costi & mxq&one iinaa ali oltre il 7B% Gom ta

~

shwezza a56oluta i^ m tmsfw. In questa rnoda71'SNW .8 in g W dì

daWi%rfkcia %fiale m-2 dati asinwani hna alla velacit3 di %+i00 baud. DÌsmne ME @e@c h b m +mrnaiea f'èali*'sia a Hay& t& V25bis; qMYItirha& &m pmhdli asinm mi che sMtoni. Idatti rnentraper i progrernmi $c lbmWm da ~ P S W B I computer I, tipicà I'hppliipne ~ r ra s i w r r a &t cm handi Hayec n& m di cdi@mmti si+ d n i B Hwt si sa diffondendo ITrttpìqo della V2Wk 1n f~rwto HDLWl3LC. Basti mai &temi I B b l *tIa ee i A3 KKl CI& ktificpongarrp & iin m d o nativo d d drivkr '&mare prr iihimate w t o m ~ M i s i r a m cm ctandard W5bÌs. L? di pst?owLAi si* per piii dei 90% a monlaggiq supeuperftlé. basti pensare che. 4s vemione. da W u owupa una 'Spazio di sdi 210 x 56 x 270 m m mrnpreso I$tirw~&tareda rete entroxxinte

:m

Per tutti gli utenti di persona1 m p u t e r s con sistemi M#-DQS e XENIX una soluzione in più: QUiCKLY PR-M *AppIicaWo gestionala tnte$ralo N, il nastrd promito ficavato da quelll di fascia pul alta predispasti per il sistema operativo WIX, dei quali conserva le carattetis$che principali. QUICKLY PROGRAM mm richiede alcuna preparazione spedka e consente df operar$ con iaciliw neHe segueriti aree di lavoro:

m.

Le applimzioni tipiche p a s m ~casi s p Uare dall'inpiiiago su linee cwnrnutak ai m& legamenti su &u@i diretti anakgtu. dove viene ofierta h prestazìqna di back-up aut* matico su m u t a t a . E pas$ibile cioè C& il modem verificando la @ta d 2 &giada di qualità ddla linea dedicata attivi in modo auamatim la riserva su lmea c~rnrnywa.h r n t a k~da mn far ettere il sdie~rnerito t ~ d & i ~ Ifl & n. @ & . ~ ~ ~ @ n t abea , a dedita vieaie salMtap tori emissioni in muitifre quem ai f T i di qerbre ii rinnstIno della stessa casi da riWrhaE ad.supporp pthcipale.

a d soli t37 x 8 i54 mrn il mette a t i i k i o n e una sece<di preWpni :aftasnmte qwW i e . In parì@@k B c~~~~ 1avqwe in U21, W e Y&$is @r er&Su'o iir'Qfl W 8 x su lim phmutat;I, U b $e arattwiBtictmdi base u *io#: &sppneld corremore cwnptpp

rnc%%'=27E

MASTERS' TEAM 831 00 AVELLINO via M. Pirontl n. 39 Tel. (0825) 37881 PBX Telefax (0825) 780307

MCmimcornputer n. 1DO - ottobre 199'0


Anche Telemontecarlo sceglie* computer Unibit.

Non sewe dire di pio

* Unibit è s p m r temica di Galagod: tutte k domeniche dalla 20.30 Alba Parietti commenta Il dcio di serie A e B can grandi campioni e con I'ausilio dei dati elaborati dai computer Unibit.


VIA A. CARRARA 226/9- 16147 GENOVA 01 W3771737 3771665

-

1N

IMPORTAZIONEDIREmA O GARANZIA - ASS. TECNICA

286/12- 1 MbRom-2SER.- 1 PAR. 1 FLOPPY (1.2/1.44- HD 20 Mb TAST. 102 t - HERICGA - DUALE 14" 1.m.m VGA B/N 800 x 600 14" - 1.700.000 VGA COL. 80Q x 600 14" - 2.050.000

386SX- 1 MbRAM-2SER.- 1 PAR. l FLOPPY (1.2/1.44) - HD 20 Mb TAST 10%- HER/CGA - DLJALE 14" 1.850.000 VGA B/N 800 x 600 14" - 2.050.000 VGA COL. 800 x 600 14" - 2.400.000

386/25- 2 Mb RAM - 2 SER. - 1 PAR. 7 FLOPPY (1.2/1.44) - HD 45 Mb TAST 102t - HER/CGA - DUALE 1 4 2.850.000 VGA B/N 800 x MX) 1 4 " - 3.050.000 VGA COL. 800 x 600 14" - 3.400.000

sore dati MMPS, chiamata automatica Hayes e circuiti diagiaostici. Si alloggia alyinterno di persona1 Toshiba T1 000SE. T1 OOOXE, T120QFB. T1200HB. T1200XE. T I M O . T3100CX, T3200SX da cui preleva le tensioni di alimentazione e i segnali di bus di emulazione di porta seriale. I componenti utilizzati a montaggio superficiale danno alla scheda modem un aspetto compatto e dimensioni ridotte. Per evitate inutili sprechi di energia, soprattutto quando si lavora con i portatili alimentati da batteria, il modem B provvisto di un interruttore elettronico che togiie l'alimentazione alla scheda se la porta di comunicazione non è attiva. Chiudono le novit8 esposte i dispositivi di multiplex capaci di trattare dati in formato sia d'iitale che fonia in modo analogico. La novit8 6 rappresentata dal mux KMX8000 equipaggiabile con scheda fonia che consente di instradare una terminazione di centrale pubblica o privata (PABW verso un canale digitale seriafe congiuntamente al traffico dati. Il canale fonia è trattato in modo intellL gente con l'impiego di algoritmi di compre* sione cosl da restringere al massimo lo spa zio di banda per questo servizio che in tal m d o occupa solo 7200 baud. Un esempio per meglio inquadrare questa caratteristica è un wllegamento a 19.200 baud numerico o analogico. Il KMX8000 & in grado di concentrare un canale fonia (7.200 baud) e due canali dati a 4.800 baud o uno a 9.600baud sia sincroni che asincroni. Inoltre il KMX8000 e equipaggiabile con schede di canale adatte a fonia. dati sincroni o asincre ni con tecnica di multiplazione statistica o TDM.

Borland Italia STAMPANTI SEMOSHA SP2MXM9 - 80 COL. - 190 CPS

350.000

La Borland alr'interno di uno spazio e s p sitivo di oltre 200 metri quadri, presenta le ultime novità tecnolcgiche e commerciali. Tra tutte di particolare rilievo C'& la versione 3.5 di Paradox completa della connessione SOL. Un gadget in piii per i visitatori dello stand

B rappresentato dall'opportunia di partecipare al concorso che mette in palio un perso nal portatile Tochiba 1600, dieci prodotti Borland e altri 190 premi sorpresa. Paradox, ormai stabilmente attestato alla seconda posizione sul mercato italiano dei DBMS B arrivato alla versione 3.5. Particolarmente signtficativa B l'inclusione del mema nismo di gestione della memoria denorninato Turbo Drive, che individua automaticamente il tipo di hardware sul quale il databb se sta per essere installato, attivando a seconda dei casi sia la rndalità VROOMM che Protected Mode. Paradox 3.5 pub quindi sfruttare fino a 16 MbyIe di memoria estesa su macchine 286 o superiori coca prima possibile solo alfa versione 388 det prodotto. Anche in assenza di estensioni, Turbo Drive B in grado. grazie alla gestione object oriented di VROOMM, di infrangere la barriera dei 640 Kbyte del DOC. Questo meccanismo di gestione ottimiuata è anche utilizzabile nelle applicazioni realizzate con il runtime del prdotto. PAL (Paradox Application Language) è suto oompletato da un set di funzioni per i campi calcolati da utilizzare in rapporti e schede tabeltari. inoltre il numero di tabelle utilinabili contemporaneamente in foms e rapporti è stato portato a nove. Paradox SOL Link B invece l'asso nella manica che permetterà un accesso traspa rente a dati residenti su mini e mainframe. Il modulo SQL di Paradox si dimostra un'eccellente strumento di ucwperative processingii che conferma il pieno impegno nel supporto delle architetture Client-Server emergenti. Paradox SUL Link è caratterizzato dalla massima semplicitii di utiliuo e da un'incredibile accessibilitii. Le interrogazioni (genere te secondo il sistema QBE, vengono aut* maticamente tradotte in statement SCIL, senza che I'utente debba conoscere questo linguaggio. Allo stesso modo B possibile generare report basati su dati SOL. Paradox SUL Link pud essere utilizzato okre che interattivarnente tramite operazioni da rnenu, anche tramite il linguaggio PAL. La versatilia di Paradox SOL Link permette un accesso ai pio diffusi server SOL, tra i quali IBM Extended Edition 1.2. Microsofi SQL Server e Oracle (tutte le piattaforme). Come recentemente annunciato B prevista a breve una connessione ali'ambiente Rdbl VMS di Digital Equipment Corporation.

SL 92/24 - 80 COL. - 251) CPS

550.000 SL 230124 - 136 COL. - 300 CPS 1.100.000 OP105-LASERHP 6 PPM 1.900.000

PREZZI IVA ESCLUSA

PER ORDWARE LUNEDI - VENEFDI dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle I8

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Anche Windows 3 è di serie*nei computer Unibit.

Non serve dire di piĂš

MicrosoR e Unibit rafbrzano la loro collaborazione: WIndows 3,11 potente ambiente operativo a l a n e M i m f t , e di serie sui computer Uniblt coci come I1 D O S e, per i Desktop System 486 ( UNIBii D5 425 ), anche 1'M/2Microsoft.


SPECIALISTI IN ADD - ON OLTVETTI - BULL COMPAQ

hl

La Microcofi presenta la sua p d u z i o n a al

gran mmpleto in tim stand di o h 400 mq,

suddiviso in tre differenti isole. Sono qu&tro, invece, i uteatrin per le dimostrazioni c~Ilettiv8 si svoigom ogni meu'ora e si incenftana B ~ che su diversi temi: applicativi. ambienti operativi e strategie. ~n'aieapartimlare dello stand è dedicata alle società pmher, dove presentano le loro applicazioni in ambimte Windows, OSI 2 e ahre soluzioni. Sono state inoltre atfrenate I dieci stazioni mr le dimostrazioni nerconaìizte, sei dedidte alie applicazioni quattro alle soluzioni di sistema. mentre allo ctand Multihetvengono dimostratit ~ ~ itprodotti ti per rete. In dettaglio ampio spazio viene dato a Wiw dwvs 3.l'ambiente grafico che trasforma ipersanal computer ad interfaccia a camere in potenti macchine a g d c h e ~ . 1 Insieme al wtente ambiente nrafico. è presente tutta-la famiglia di applicazioni per Windowc 3: Word per Windawc in italiano. il oacchetto B r il trattamento dei testi. E c e l 2.1. il potente foglio elettronico. Poweffoint, appiiixzime progettata in maniera specifica per l'ambiente grsficci Windows, e Project b strumento grMlco per la gestione di progetti. Se l'ambiente grafica fa la parte del leone, non bisosw certo dimenticare le novità per il mondo MS DOS. Works 2 #i versione itaiiana, reso disponibile quest'anno, Word 5 in italiano, Chan. il potente programma di business grafica, Proiect e Muitiplan. con interfaccis carattere. ~ n c h ein ambiente OS/2 Presentation Manager non manano le novità: il più volte citato Word. la seconda applicazione M i c m soft Exdel che condivide tutte le camiterìstiche della versione corrente per Windows. Seguono la gamma di applicazioni per Manntosh: Mail 2 per retj Applealk, Word 4, E x e l T . 2 . PowerPoint 2 in itaiiano e l'integrato W& 2. Infine, chiude la rassegna dei prodotti perhiacintosh QuickSasic. il primo compila tore che rappresenta un compromessa tra in~erattivitàe vebcith di mrnpibzione. Rimanendo nell'ambiente dei linguaggi prcfessianali è presente il MicrocoR C Professinal Development Systwn (W$) versione 6. sistema integrato di strumenti di programma zione in ambienti MC DO& W i n d o w e 092, Microsoft Basic Prgfessional Development S y s t m (PDS) versione 7, progettato per offrire gli strumsntinecessari alla programmazione. Chiudono la parata di linguaggi i m p p nenti della classe Quick: QuickC. QuickBasic, QuickPascal e QuickAssembler. '

'DRIVE ESTERNI 36UW1.2 M

I

I

-

1 '

'

-

-

e

PmIphi P"'

' -

v

m,

n

,v=,<

SCONTI PARTICOLARI PER RIVENDITORI P& ordini a STE S.r.L Via Casamari, 29 - -142 Roma TeL 06/541%5 - 54120.34

Fax:06/5602794

1

Proario in occasione dello S M U la Delphi ha p&entat~ una nuava gamma di waikststion Unix. la serie R200bacata suli'impiego del procescore ARM3 appartenente alla nuwa generazione di processori RISC delia Acorn. capace di 13 M I E grazie alla presenza di una fnernoria mche di 4 m e . Il n u m p m e s s e re. CViJu~uatonei cen€ri di ricerca Awrn di ~ambridgeequipaggia i due modelli R255. diskless e R26U con hardd s k interno da 100 Mbyte. Entrambi i mdeiii offrono il supporto di VGA e su per-VGA con uw risaluzione fino ad un massimo di 1152 x e-l sia in modo mamimmatico che a colori; la presenza di

una interfaocia SCSI per il collegamento di periferiche estemeedi un'interiaccia Ethemet completa la datazione di serie dei numi rndelli. Il sistema operativa Unix adottato B il RISC IX vers. 1.2, cdrnpatibile con Unix System V e gli ambienti BSD in conformità alle direttive WOpen e dotato dell'interiaccia grafica X Window System (XII rel. 4). X.Dmktog (2.0)e OSF Motif (1.0). Il supporto software standard comprende package di networking quati TCPHP e MFS verc. 4, oRre ai linguaggi C. Fortran 77 e Pascal. In opzione B disponibile anche il DCL (Delphi Common Lisp). un ambiente di sviluom coftware che offre furt zionalith avanzate'br la prwrammarione simbolica e l'elaborazione distnCbuita.

Unibit

'

Al padiglione 17 stand D30,la Unibit espone tutta la gamma di sistemi deskbp. portatili e tower che caratterizza la sua produzione. Le linee di prodotto sono rieonoscibili per le loro sigle che hanno il significato di Desklop Sysem @SI; Lapm System ( L 3 e Tower

Cvstem USI.

Tra le novità quella pih importantee rappresentata dal TS 4000, il modello top della

gamma. Si tratta di una linea di minicomputer destinata ad appiiizìoni professionali in multiutenza o carne cerver di rete. Basato sul miuopmcessore Inte180486 con frequenza di cbcka 25 MHz e memoria cache do256 Kbyte in aggiunta a qual9 già integrata nel prmessw re, il TS 4000 B configurato come unit8 tower m n possibilità di alluggiamentodi f ino a 8 uniti di memoria di massa, mentre la muther board offre fino a 8 Mbyte di memorla Me fino a 16 Mbyte con l'adozione di una scheda di espansiom a 52 bìt. L'interfaccia ESDI per la gestione degli hard disk garantisce alte prestazioni con tempi di accesso da 18 e 25 rnillisecondi nel @so di interfacciapriva di cache. mentre con l'&zione di speciali mntroller ESD1 rintelligentii equipaggiati con il processore Motorola MCg8000 e memoria cache fino a f 6 M W . i tempi di accesso diminuiscono significatb mente fina a raggiungere in qwlchs caso arandezze dell'ordine di wchi millisecondi. - In tal proposito, eseguendo un test che i re vede la simulazime di 32 processicontemporanei. ognuno che scriv'e un file da un Mbyre. il tempa impiegato da un normale contraller ESDI per esquire la pmcedum è di 694 m n d i . mentre adottarda lo speciale MCrnicrootimputer n. 100 - ottobre 1990


Non serve dire


,.

li gran bazar del1'informatici al servizio degli utenti dal ~eroonalcomnuter /

b

\

* ANIVUIW:I G Y I A W m '

MENSILE D1 PICCOLA PUBBLICCTA' ANNUNCI ECONOMICI E SERVIZI

LE BBS IiALiANE:

WMPRAVEAIDRA E

8EiTAGGI E

NUMERI TELEFONICI I MESSAGGI DAI

-

FREE PUBLlC DOMAtN SOFCWARE

EVWEiwMn E EON PER

D1 TUTTA I I U \

I mI

ASSI~NZAMOCHI E PASSATEMPI INWRMAiiCi

...

-

j aL9

A

MA.STEmRm

8322806

segreteria telef.

24 Ore SU 24

m s . P

Ident. destin. 350300411

in funzione 24 Ore SU 24

V.LE XXI APRILE, 21

+

001 62 ROMA mu,DI

L'affidabilità e le prestazioni sono IL NOSTRO SUCCESSO! DATASTAR s.r.1. STABILIMENTO di Prato Via Guicciardini, 29 - Tel. (0574) 38065/7 - Fax (0574138068 I nostri velwissimi e affidabilissimi computers di QUAUTA' SUPERIORE 100% compatibili,costruiti sobcon COMPONENTIORIGINALIfCOSTANOMENO di un quaisiasi CMNE e hanno d d e PRESTAZIONI ALTAMENTE SUPERIORI. I nostri computers sono A DOMICLIO. h

I I

-1

Ir

3

d W A 19%adusa.

Richiedete catalogo delle PERIFERICHE. RetiLocali N O V E L I. Sistemi operativi Muitiutema. UMX - XENM. Pacchetti CAD CAM e Corsi di softwar-

Prezzi indusivi di scheda madre, tastiera IO1 tasti, cabinet desk top, floppy disk drive 1,2 Mb, Conbller MFM interleave 1:l e mmoria RAM.

CPU

80386X 80386DX 80386SX 802% 80286

MHz 33 25 20 20 12

Landmark 5 8 M H z (Cache) 34MHz 27MH.z 2TMHz

W 4Mb 2Mb

16MHz

512K

Lire 3.020.000 1.920.000

1.268.000 1Mti lMb

1.004.0W 745.000

Per completare il sistema pmponiamo: Monitor 1024x768 24" colore con vera sfansime automatica dellefrequenze e scheda video TSENG 1024x765512K,Lire 875.000.Disco rigido SEAGATE 40Mb 28rns,T i r e 440.000. RLCHiEDERE AMPIO CATALOGO.

controller ESDI con una dotazione di 2.5 Mbyte di memoria cache, il tempo necessario all'esecuzione della procedura, si riduce a 203 secondi. Il TS 4000 viene fornito comoleto di Scheda V G A ~16 bit con 512 Kbyte d: RAMper una .soluzione massima di 1024 x 768 oixel e tastiera italiane estesa. La dotazione di clot mmprende uno siot s 32 bit. 6 siota 16biie 1 a 8 bit. Le versioni commercialiuate prevedono la dotazione di hard disk con crapacità di 140. 320 e 620 Mbyte. La gamma di p d o t t i comprende anche modelli in grado di soddisfare le esigenze piu svariate con una altrettanto ampia varietà di prezzi: si parte dal DS 212. il modello entry point della gamma equipaggiato con il processore 80286 a 12 MHz (offerto ad un prezzo di 1.400.000lire completo di scheda VGA, oppure 2.100.000 lire nella versione con VGA e hard disk da 45 Mbyte).per giungere fino ai DS 320, il modello base della gamma 386. equipaggia to con il processore 80386 con frequenza di clcck a 20 MHz (offerto al prezzo di 3.400.000 lire nella configurazione w n hard disk da 45 Mbyte, oppure 3.950.000 Iire con hard disk da 90 Mòyte). Al modello DS 320 si affiancano verso l'alto i modelli DS 325 (un386 a 25 MHz, offerto a 4.800.000 lire con hard disk da 90 Mbyte e 5.400.000 lire w n hard disk da 135 Mbyte). DS 325C e DS 333 (con procescore 80386 a 25 e 33 MHz, disponibili, rispettivamente, al preuodi 6.400.000 lire con hard disk da 135 Mbyte e 7.200.000 lire sempre con hard disk da 135 Mbyte) dotati di cache rnemory, il DS 425 equipaggiatocon processm re 486 a 25 MHz e dotato di 0 9 2 con Presentation Manager. DOS e Windows 3 compresi nel prezzo (11.600.000lire con hard disk da 135 Mbyte e 12.00.000 di lire con hard disk da 180 Mbyte). Nella linea dei portatili sono presenti i modelli trasportabili LS 216 e LS 316 dotati rispettivamente dr processore 286 e 388CX a 16 MHz con scherno VGA (5.400.000 lire e 5.300.000 lire compieti di accumulatore ricaricabile); il notebook LS V30 da 3 kg, basato sul processore NEC V30 compatibile 8086 e dC sponibile in due configurazioni (1.650.000 lire oppure 2.650.000 lire con hard disk da 40 Mbyte).La lineadei minicomputer. infine. oltre al TS 4000,del quale si B giB parlato (offerto al prezzo di 15.500.000Iire nella versione con hard disk da 320 Mbyte. oppure 19.500.000 MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


MEWS

r

lire con hard disk della medesimacapacità, ma controller ESDI intelliriente)comrirende anche ilTS 3000 equipaggiato con prockssore80386 a 33 MHz e disponibile a 10.500.000 lire cori hard disk da 320 Mbyte.

-

- -

l

Per saperne di più chiedi al tuo Rivenditore Autorizzato Unibit c L k31Pii Deiio (MI): Lripid lmmimcnrs. tcL ABRUZZO: A - m IAQI: SC;LaLIlOB76; Ca.sdl (AQF Infr*nr minas C-um. Wnmurlcbwl.%%%C%&(~ik Dali64388;F.rmewlllad K11711; Garba ((XJI: Il.&,. td.6WA4.2; laionre(k4ll: Mami WC.WL h(~ll:Eumzan.rcL@lfPS2:L'4&So~rau~.el.62Z81; 9371531;Lodi(MI) A L P S , w I . 4 Z P l ~ : ~ k ( V N E l f m i D ~ Cacehism m c . tcL 28275: P-ra (PEP P m w m M. teL 41917h Mamm : ED rx-k. hmcbo tcl. 3 2 1 W M l h :A u h d MmmIim. ~1.61721: T (TE): Chmp~runu.rc13Wù.i 24111W0, I r n b ?wl. W W W ; O q d d x c t o di Cmm- (MI):M i w o W S U K A T A i P o h IMn:J m c a Uffrq mt972535; : (immltw 0 ~116196650; Wuls :(limpaer P w m S i g m td. Ticl~aInfamadca, rel 21835 1134i. %&mie1 477W1:Bsaats[MI~:ch.ulmQmo~am~~el~9~4584: MLABRlAi mkmk C a d (W&mnan Pui. r e L W , G %Sii& (W):I.DM. I&-lc4 rel. 47amr; S& valtcUu. W:MMbgvsre% teL74319, Cmt U l loforaysam, tclRllO2Q idwmxka .I. U4il&P; (CC7):%cc ~1.4X1364 h m i n T m ( C Z ) : S p ~ ell90gl;WIitoiRI:)Nuckv . MARCHE:Amdl Fkem Gmeral Wo,a l W16; (AH): hce Telelmhmhca 4.771109; %i (RCI: Infwama, reLt%PJ; C h p u m k m!. -2; Tolcoh IW.L'h*& nl 972211: U r h o O W M&=, I ~ L 327454 WCahbrJa :T d i t 1 W d.SP44b3, Scalts (CS)(ìmcrsl CHoe. d-9x69 W L W r -hh k m . al.97141 W A N i k APLm W):Idm S~TC, teL 8817159: Ak r t s : i e h t i c a . tc~~ . ~ 7 6~itlla 7; (CB) l-M- (i-rs. tcl. 5032861: h w o m : <-'re<. (W) T m 2 . d . B1745;WblmfarramIAt):IhRyw.d74245: r.l.2f465;~asew : h l a PeRunsl-?..putsr. d 4 4 4 5 0 7 ; W i Fossum ((W): kM.F,rel 6395% Novaxa :%h ou.147M:Tmùm. , (CE) I,(i.C,1.4.828aaC: MmmaaicMo { W )Wumieika 3 S-L. r m i h e l , 3 l m C T S c r v k t r l . 27M353;Lafn.<hr.d 53M18; Punm wIAI5WN R d i Ami h h m t i c a PsL621M8;LI.AR. D i v m In. reL5R5971; T(AL): Rmi'A~fmnk rct 866921: TEI.7525766: Madlcenrer ù h m t i c a . d.619303; (PIA1 & {PIO> S m l , d i241652 ' T m i n s l . ocUD4521; (NA)Tumnaof, reL7661742: % C w o ~ C I P puC.~&:l)a;rd.42D941;Brindiai:Ps~(àmp-~1.2M118. INA): Jnmp I n f o a r v k tcL 48%7673; 8nlamo : Ssin Slswmt C u m h n o (LE): @ h UYJR a tcl. 61M24:W:R.T.P. tcL 15109; rel.)37281: V& (MA): R C E Bcmtmisa. rct. i741432. ISI Infomrnr*;4 S l m l RI.7281.1; F m v i l l a F m r . (M): 1M EM[LIA: : U:.S., reL5ii3PI; Cmro (E): Madi eI.WU43; Hasc.rcl.3 # 5 1 2 : ~ ( M >b % ; l s . drol.. FbbS?l;Pu@~C& (W): M i m m m eLSl75l; Fe: Maneroditk mtRAk L m u m Oommim, d. 731913; S.& {H:): IhiLkig iel i i 1 . 4 9 3 W ; C k i L i n c ~ , n l , ~ ~ : V ~ ~ , t c l 2 3 31ZP3t; P 2 6 T-m: 6 Inhpimi. mi. 177WI; 3 Fuc I n h a n c a . td. 2W. P s ~ : M s c c s m g r a k t ~ L 9 F W 7 ; h ~ : ~ u s , t c L 3 1 aT 4-m 7:~~ (K;)-Cspm I m h m t i u . tcI.28H51 IKM: h r c r h Sifr , ~1.771209 SARDEGNA: &&& : +m Crnmc r e l . W l 2 ; S INf. rel PKIULIi Trisrti :M- Infmmarica. *l.44111; T.ILE 90.WL #514% Numc : R i tcl. M34& W b h (5s):Mi= S m d , WL 82B74 27W . H ;: ? p w m d 2m70. P W m (('A): SAP U r n a Aniio (RM) Cumprring Semloe, WLR911333; (LT) SiitemiEictvonw. al. 24177: S c e (CAI: S.I'AJ.Ihl., r e i &tlJRB M i . t e ! 9ZP547b *C i (W):Mh Scrvicq SICUW Al{TP) a B L M A. 501?K1; (FAI: Pspcr k1.20267; F r d m e : L R I S . 1eL81836, &em ILTL IN.%EA. .%m tcl. 901H7; CamimtE (A(;):V-mranra, WL &m; C, C.O.ES.SE.,rcL tc1%5921; Mr.: P m b h Solvine. *l. 497151; (M): a d w r a m tii'): PuntuSkumi. kl.-1; Mimlau, tel.5272lP: {RM):Atm B t h m k s . tcL7145194; 553914; E k m m k ( > n w i , d 4 4 7 1 0 5 i ~ b d436955;S'~I h h : 4 Rprs. tr1.429841; ASA LRfmmaricq re16B75274, M. Inlunaa6ia. ICL 533418; F h h : I I d Cumprcc kl. Wl% b k d 64178% Ibrrhvaae *re -, d. 67WlZ; m L # 3 4 1 B Z ; D a i o ~ a l . ~ . ~ Q w p u ~ a 1 . 6 4 9 3 6 a Cr-cm, 6; F m b m tdMlM67; &un. tcL I t U l W : G t m S m Y eSomva- M d i %da(KC;kVm.rr* 7 6 1 0 9 6 i h k m m : h a x , AbB2415369; re. mldlZ%7, GrraiC4k 15W1: Mrs l , tcI.M72261; ItalWarc. Mkmlars, rel. 2tP19R M (a)A M r al. 954485: tcl.4402745 Mkmhrd, =l 424241102; . M b d n d . WL 7W39W; Oary, V~t~m.eI.623767;~:~GnirrsISofr,tcL2k155 TOW2ANA: clatei del h (GR!: BF. C ì ì Y%7W Pi9 1 -1; Talw Rima. d 3BW575: Tcki, tcl. 384144; ToLmrc. kl. 8o182W; Uoiosb Mia.w1.17P17Sl; Suu k b r l f l : S t m %kukmi Ei>P 145110: LiT=.- mi. rcL431050: P h : I T Lab c u m m n i c Cuiaiiarica, m~ 5525Ai; -m, ~ 1 8 7 7r i ~v ol ;i (LU):=.D1 MECE- ieL76934.3 t3MZ; V R M. t e L 5 W F ; Vi& :T Mmmtira. kl. u629i T M N i W I 3 W m m : Bairadl, d '47lbIP; W):SLmsl UGUMk-S. -(W): La<ecrel.94154l;Earc~1~ (SVI: I n h t i c a . tel. 439774 S.D.N.I&rcL517237; Gatoi.a : A.%S., reLERlP35; ARM UMBRIAt (E)r . u w w o * AL m1.mc b ' di Gimpima d.25'4636;F S Inkmniitics. d>191&, h K d l m l k chdh(M;):U m h , tcl. M 5 W l : ~ ~ ! l - " i e < ~ ~ 1 c l rrl.15885: ~ : C m p m r I h " pel.l7F448;h3peia: i riov 74441;ToiitW):FuUScmcr. d. 881873241 n m . tcl ZW566 VALLE WAETb (AOi.IAwmtiqu* al. 32011 Meem (VE): Omprmer h. i c l 511145% Rongr : Bi WMB.4~ : ~ i c M c d i a , d Z 7 O M ; B u M oVENFM: ~ VA) MaaneikWkiel 684)1n;C*scgn*lo(8S):Imm1eL214037?: Sysmn. tcL a%%: S X m i w B X (W): r-mtis Lnsicmi, rel. B i t m , trl. Ctm {MI): hR1i Lino. pel.4113M1; Cdqgio W $95311, T l & m ( V i ) : ~ , + m m rd. 38W3J; T-: 55m7 [MI):N.Pfl, (NcwP d u c r a M i m ) al.Zi38621;Ciema: E h &r-

-

.

-

.

Prima apparizione ufficiale, dopo l'annuncio della sua costituzione, da parte della WordPerfect Italia presente allo SMAU nel padiglione 2A stand A01. Inutile dire che B stata esposta tutta la aamma dei orodotti WordPerfect Comoration &n in tesia, logicamente, ~ o r d ~ i r f e c ilt , word processor piii venduto nel mondo d i s p nibile ora anche in alcune nuove versioni. Le nuove versioni del noto pacchetto consistono in WordPerfect 5.1 per PC IBM in versione italiana; WordPerfect 2.0 per Apple -Macintosh. Il primo incorpora un editor di equazioni ed una funzione di anteprima grafica. consente di stabilire collegamenti con spreadsheet e file di grafica e supporla pio di 700 stampanti; la nuova versione per Macintosh B stata notevolmente potenziata per sfruttare pienamente le qualità proprie del Macintosh. dispone ora di nuovi strumenti grafici, tra i quali le curve di Bezier. ' Altri interessantiprdotti cono rappresentati da WordPerfect Office 3.0, LetterPeriect, DrawPerfect 1 . l . PlanPeriect 5.1, DataPerfect e dal nuova Rhymer. I[ WordPerfect Offroe 3.0 e una mcwlta di programmi per l'automazione d'ufficio, espressamente concepita per l'impiego in un ambiente di rete locale; LetterPeriect deriva dal WordPeriect 5.1 &altro non B che un word processor a basso costo particolarmente indicsto per i possessori di computer portatili; gli altri softwsre esposti somi i ben conocciuti generatori di grafica bucinecs edi presentazione (DrawPerfed. la nuwa versione del foglio elettronico PlanPerfect e dei database DataPerfect, mentre il Rhymer è un programma creato specificamente per insegnanti, scritte ri. traduttori. autori di canzoni e per tutte le persone interessate al suono, oltre che al significato delle parole. Raccoglie oltre 93000 termini della lingua inglese e consente di creare con essi delle rime di vario tipo. MCrnicrommputer n. 100 - ottobre 19W

Unibit k p A r Direzione Gmmak via di Tome Rigaer,6, t d 06.4090650 h W W 2 7 Piiialc di Ruma: l m Nazareno C i .teL 06.409i3650fax 06.4090MZ

.

,

.

...

.

h 081.766>456 RMe di h à w z via Sihio PeUim, I,d.W9.M74274h W.8074288 Whrn'bumre Unibit per ta GRECIA:M i h p f i k i -T. lknncm& 41, Vrilos 38221

i

tcL~OD30.421.38362~2Zil iDhrn'butore Unibit per il PORTOEALUI: Ihenm - Rua Luis Miuiriael de Nureha, 6D,M u A m , &s. 1495 I . h a - te1.00351.1.4108917

'O

Non serve dire

più


chi dà i numeri I Indovintite i numeti

del ''vostro'' computer Unibit: la si& esatta vdt il 15% di sconto. Incredibile! Con Unibir chi dh i numeri risparmia il 15%! Perché i computer Unibit hanno numeri che valgono doppio: vincono in qualità e vi fanno vincere uno sconto del 15% sul prezzo di listino, se indovinate il significato della loro sigla.

UHesempio.;

Vi occowe ufl D s k f o p Bsde~gg con ttsicmpmessore 286 SX e COPHPeqamza di 28 Mhz? Chiedete un DS 320, e vincete Eo sconto! È faciie sceghere il computer Unibit che fa per voi, n d e versioni Desktop System, hptop System e Tower System con microprocessore V 30, 284, 386 SX,386 o 486 e frequenza n 10, 12, 16, 20, 25 o 33 Mhz Recawi dai Rivendito>s' Ufiibit con erm fotocopia di questa pagim e.. date i namm. Con an piccalo ragiommqto, #n grande sconta: e gli enormi wontaggi di m computer Unibit.

Unibit. L'altro modo di vendere computer

:

(;,

. l,

.

,., ,.

m ,

.tr

-I

.


Ready La Ready Informatica si presenta con le novit.4 della case che tradizionalmente rap presenta: Wyce. Aitos e Microtec. Accanto ai tradizionali prodotti della Wyse fa spicco il nuovo videoteminate W-I 60 che rappresenta il top della gamma dei videoterminali monocromatici attualmente composta dai W30, WY-50, WY-6O, W - I 20, WY99GT. La caratteristica tecnica ?a Iiente è di avere tutte te performanoe dei precedenti terminali (ASCII, Ansi, P€ terrnl nal e Tektronix) e in più la doppia sessione, grazie a due porte seriali tramite le quali pud comunicare cm il computer alla velocità di 115.2 Kbaud. Oltre ai videoterminali Wyse B presente la nuova gamma Microcolour deìfa Microvitsc maggior fabbricante europeo di videoterminali a colori. Il top della gamma è costituito dal MCG 3320,un videoterminale multicecsione (fino a 4) in grado di gestire fino a 14 finestre col sistema MS W i n d ~ II. medesimo moderno decign 6 stato utilizzato anche per i madelli entw level, MCG 3100 e MCG 3101. Quest'uhimi sono dei terminali W220 compatibili. sempre a colori ma a wsti molto contenuti. I prezzi partono da Lit 1.500.000. Al centro dell'attenzione c'e da porre I'AMS 5000 il nuovo computer Uni# della Altos Computer Sysrems. Infatti al di sopra della serie 1000, I'AMS 5000 rappresenta il massimo ottenibile per un Mini che ha la mano tesa verso il mondo dei PC grazie al bus standard EISA. Grazie ad una serie di bus gerarchici ad alta velocità e ad una serie di processori agenti in gerarchia anch'essi, questo computer ci awicina per prestazioni e capacih a quelle dei mainframe. Nei Mini della Altos la Ready sta utilizzando anche L'apporto dalla SAP. una casa di mftware specializzata nelia multiutenza e UnixBtenix che programma in BBx. Il prodotto principale 14 Unispa, un softw* re applicativo sofisticata e facile da usare, segue Sapware l'insieme dei tool e dei programmi dì utililà scritti per facilitare il compitn dei programmatori e degli installatori di coimare.

Per saperne di più chiedi al tuo Rivenditore Autorizzato Unibit ABBLFZW, A (Ao:%I.s141ri87fc (AU): Infocar ~ r m i c aCampircr, -1. 83393, Ikilo H): togral Imammenm, rd lrrformadm.ieLWF5tQChidiCH&LU-pl.rel M3b.P-&i 301721r I3.ih.tcl -a; h h t e (MI) M-m. t d -[M) ~ r m i . t m 1 . 4 9 1 3 9 5 2 , L ' ~ S i l u i m i E D P , e e L 6 2 t B 1 : W 7 I I I l ; i d ( W ) A Z P Q r r l 42D17k-WA)~@&l)isamuie h h n o (W Co&m 0ni. a L 2RZ79. (P@):%mi nq rel.429291M L U o h : E D u aL )ESO& :Audim al. r d . 6 3 7 l l . T m ( W : ~ aL2407U , 26111861 1mkxqq.d 2 6 6 F m - d d ( M I F M i m BAgrWCATh M- IMT) li& V n a d.WZ35, M . 1 -C'-.td.6i%6W, m a L BITBldrmadca. d 12B35 3iH1.Sysrlats.d4TMW.,~(ML1:Mdampu~MMW5&f; Chhninlle (C?)Boonari.W u4rnlPIM6; C+ SS1(m)I DM IiiTormam~,t d +mi Valtsllina sma R i b t d i n *l 74329,C1000m(W.lnhxwtrm,m l R l l W .-I al 8451M; (CfiLFdm, t d W

m

.

~ T ~ ( C ; r > ~ E k m u q J I P D B l . a i l J i m ~w ~ ~ ~ ~ ~ ~ r A s r n l i R o r n w ~ d ~ ~ l o . w ~ ~ ' l $ T&nlopmams. rcL1711W (RCk tc145W C o m w h.ml. T (MCP -L' del-1; W C a h b r t a T u i u h i i I b t c L 5 9 4 4 6 1 . S c s b (C3)Ucricrsl U & FS) ma^. tel. 327454 ' mor.td.PW69 M O L I S k ~ R o a i ~ t d . 9 7 i 4 1 CAMPhNiAr h- N i .41: I&r. M-=.d &557159;ANcsapodrls : -W Inhinwaa. al 54367, Blelli Ia)1 M Cbmpurcri.d 5032861: %m Ruslnoar <M, ( W : ) . T ~ . ~ ~ I I ~ ~ ~ : - ~ ( A ?W L > ~ ~ T C ~ oLlr~5;-.0mrua~-~lCompitccpc].em0l;~ P~tCN):&F,db3~91~.~osi4:~rclm,tc~i7404&~0~ (alIO C, ril. m b l c ! & Jrhmtm 3 Siar.rn4 MI.t d . l l W ? ~ f l S m r c e .mI 27T434fF>I r h C k L h L 51OBl3,Rinm MB3574k W:Ami Mmama. t d h 2 l W LLAB MIn- Cumpim,re] 5R5071,Tmfmn(ALI. d &917> Te1 75257& I ssiIInlormtrics. t.4619103; (NA) cra (NO) Sm,4 d.71652 h a

-

T c r m l r t . l , m t . 4 a t i l i , ~ ~ i ~ , a t 7 6 b 1 7 4 2 . S . ~PUCI-hri sb Doc.tc1.42C991:~:~cmip-~,26818, iNA1 lump *l& U 483672; : %m %remi. LinoisnaCLE) Ekmmh'IWW, d 6 7 W X P+ :DT S., rnt 251m, ttL3lNBI,V&~A).RCE Ektmdfa.aL 774149 1 9 M m n a i b CBkm , el. 7BU: PIRRL I i d BMlLIk IWwm: E.=. d5W391, -0 (W) Msdi,reLP02743. h . t d 3 Q 4 5 3 L ~ ~ ( W \ ) , l i a s m ~ r n 1M31;,t~l -o U V k Miaosyawm, ieFb1751, M d a w no (MIW M q rcl 731971, W (H;): L w , tcl O R L ~ ~ n e , i e L ~ ~ : V i d1129 ~W.T ,- w l :Ir$uay.inm ~ al 377H1; 3 Ulr -1 n l 2% ~ : M ~ ~ = . ~ 8 4 7 ~ ~ . ~ - m ~ ~ f cT-mhCqm I . 3 1 0 1 7 W ~ n h -1 M =L 1Mi952 ( W ) . t m & S d i , d77IZD1 MlWFGNk Wld Compursr Cmrrr, aL664712; SlNT. d. PRRrlli T-W :m Idwnmticr4 td. 44111; THE R1, re1 elSI45. b :-, tEt W340; Wa. I S 1 . Nise Ststcmi. t d 824974 172i4. Snsana &rrau Y m , *l a806n Portrrscuan (CAF SAP h . td. m1333 W l L n Ao.io (M) ~i*r;mi-ci. t c 24177, ~ (CA): %C ;CM N ,td.84111 MItcL 920M71: CMmwmhh (Mihh Bb3ì.W: Aimm m):W =DA. =l. WL334 {PA). Papm te1 20267. Fmsimos : I BIS. rc181k36; GM {LT) LNSEA S m , t d 901647. M3h O m p m r &i, rpL BfW& trl.46iWZi; h ~ mR c h h M ~ K trl. 45'153, . Mnnlelr (RML d v m r m o (TP)h ~ o % m n ld . M i ;Ga& W E S S E . rel. -v. d.52721% Maaa M A l w U c m a . td7245iP9: I M L Y ; ~ C c n ~ , r ~ 1 . 9 1 7 1 O a . , W c a n m l r a 1 k I t4?6955;5irt a~l aoio* 4 *t429zsui: ASA m 5 2 7 4 -b. =E5in18; ~ m:IM r b, d SWIW a L M 4 1 8 L IhhSysiim.tdr*fDHIW Wdmmd 639(i636: Cuml*aprrem. WL M1788. &h-Softsraic h h .re1 67F91f h &m, tcl.X110467. C k h d.3MlSOB: Gicrnm &W e% . W*. %diffi) Vm,d 76W~I>srsmax.~LML1~69, m * i azm~ r-2 5 ~ 1 ~dcs , i. td m7a261; I ~W-I d 1 2 m a(m):~ - h p r m . A mLWL7461 Mumlsnl. tcl424110t; -W. d 79439W; C+, ~ ~ L ' ~ ~ n , k I I 6 U 7 6 1 ; ~ , ~ ~ I ~ ~ I U 4 5 tcLBi90Hl. Tdia Rima. al. 3668575: T c h ret 38414% T d m a -A: dd Phm (GR) &E c a m 1156783. ~ FLrrme WL Unitcdi I&. e1 5793787. 9niì S d o (LT): S t m Subwni E i F l4522D; E Tema d. e1W1P i a s 1T Lab (Impiws, &77C8Pp Twdi 4F.M): C h r o a n l o i <:-m tcl. 55ZW tLW SIDL-, &7683+3 24822, V R W nlF340365. V :T u w Lafnrmarha, WL -Z9> ZblP5ENmxi: PI 57161% m):S m d LUWRJAilhdmmS. W r h ( S M I a m . t t L 9 4 l H l ; ~ $ S V k- 1 iet 439774 SJlM hhmnma, el.517237: Ga:kSA S. tel F81935; ABM . -U Baia. (W) C h p h r Sadab. tct m364 W dl Cumpitcm tdlI:S l&mh t i 1 119246, Rcm Kaidlmlla. W l c ~ ? P l j h U o i S c r v ~od 4 %555401,r ~~mpiamtd d B i P F B f i , ~ . r q a r H n i a e , m 1 2 7 5 4 4 R L r S p R i a : ~ - 74441;TalIIW) hiiSIrirr.tcl, W 6 7 3 1 nra.wl W V A U B D'AOBTA: IACiI: Loformirlqu~ tsl- iZDTl U)MBRRDIAi B e r w w - mWicl 21(1143;&LaoAmiA VENETCk Mrs.re {W CÀimpiar &m. rcL 5311455; & N A ) MagrrocMedla,ml A 9 6 3 Z t , W ( E S ) lmca.xl2140373. %#m.*l. 296% -S Bk (W) -riva I~acmi.d.

.

m

m

W.

.

m

O c r m b m l M 1 ) M k x m B l r L t n + d 4 2 1 3 f & ~ h 1195311;~(VAhT~~~mAn~~.tdWU;'RwlayBliZmO.d IMIP N.PD (Neri tctZ5386L1, C-. E b m Elu- 59107

LMif S.FA- Direzione W vla di T m R i 6,reL M4&%50h & . m 7 FU&le&Roma:hguNmnoOi-reL WW&~%.~WOW Fdde di+t, Wlimv S kIii h u o rhtwdalc,d. 02.7532003p531071 fax 02.753232040 di Napoli: hSm Pmly vm C i n a 35, tFLi 081.7675117fl678i73

Anche quest'anno Sthold, società che opera da diversi anni nel settore della multiutenza Uni, ~ r t e c i p acome consuetudine alla SMAU. per presentare tutte le novità lanciate nel corso dell'anno e, in anteprima. alcune nuove soluzioni. Presenta i p m d m CC0 (Santa Cruz Operation), tra cui l'ormai noto CC0 Open DeskTop. Altro prodotto CC0 di cui si annuncia la disponibilità è SCO MPX, l'estensione m u l t ~ procewre del cisterna ciperafm CC0 Unix Sgstern V1386, che sprigiona tutta la potew za dei computer 386'4-96 basati su architetEISA e MCA. SCO MPX pud esseture 1% re installato su qualsiasi computer multipm ceccore che utilizza CC0 Unix System Vi386 versione 3.2. SCO ODT e supporta Compaq SistemPro, Apricot. Mitac e Zenith. C C 0

MCmicrooomputer n. l00 - ottobre 1990

bx 06081.76624% FiMe di Psdws:vkSJriuPellh, 1, tcL 049.8074274f;m 0 9 RW4288

I h m h t c m hihpx+le GRECIA: Mihawgm6h *T. Iktmnrnakl,41, Volo5 38221 teL W30.42138362122231

-

m &uhf(~e UmML per il PORTG4XHilk m e c Rua L w M m a c l dc Nurehri. hD, M i& 1495 L s h a d.M351.1.4108977

m

-

A T 'I:

Non sekc dire di pio --


Iva esclusa

I

COPROCESSORI

387 SX

L. 550.000 L. 620.000 L. 850.000 L. 950.000

387-20 387.25 387-33

Fax Philips 360

L. 880.000

Modem 1200 est.

L. 120.000

Modem 2400 est MNP5 L. 430.000 Scheda ernulaz. 5250

PC286-PCW6-PC486 1 M ram, HD 40, FD 1.2, VGA tast 101 k, monitor monocrom.

PC 286112 PC 386120 PC 486133

L. 851.O00

HARD DISK Western dtgital AT bus con controller HDIFD e cavo

L. 1.665.000 L. 2.550.000 telefonare

-

FLOPPY PROTECH Preformattati, 100% garantiti canfeztoni sigillate t 0 pz. 360-5 114" L. 7.700 1.%-B 114" L. 14.500 720.3 112" L. 17.700 1,444 112" L. 28.500

VGA 1024x768,16 bit L. 260.000 Multisync 14" colore L. 720.000 VGA 20" colore L. 2.700.000 Ptinter ADVANCE 80 CI 120 cps L. 290.000 TOSHIBA tutti i modelli

SCANPRO Conversione PCX e TIF in DXF Trasporto da scanner in AUTOCAD"

EASYFLOW Flowchart, diagrammi a blocchi organigrammi - Nuova release

Telefonate Per saperne API CE .,

di P/UW

Tel. 0321 132218 - 399457 Fax 399457 V.le Manzoni l2b - 28100 NOVARA per Firenze: SINTEK 055 1298236 per Torino: AIRON 0 11 1397 1026 Cercasa' distributori per zone libere 114

SMAU Pad. 19 1 Stand E 18lb

MPX può supportare una cpu in più per pacchetto e in una sola di queste macchine, si possono utilizzare fino a 15 pacchetti C C 0 MPX per un totale di 16 cpu. Oltre a SCO, Strhold presenta diverse saluzioni~pdottiper il mondo Unix. Tra queste le schede Specialix, una gamma di controller intelligenti che nel corso dell'anno si è arricchita di due prodotti: il primo e la scheda intelligente SI EISA4host.in grado di fomire un collegamento tra il bus EISA (a 32 bit) e gli adattatori di terminali Specialix preesistenti. il secondo B i'adattatore seiiale a 8 porte di tipo RSr122, TP.8422, che consente la trasmissione di dati fino a una distanza di oltre 1.000 metri dei terminali dall'host. Dalla Specialix arriva RIO, un controller distribuito intelligente ad alte prestazioni. rivolto al mercato della rnuhiutenza. La tecncIcgia Transputer integrata in questo prodotto aumenta la potenra delle oprazioni di controllo di 110. Non solo offreprestazioni superiori ai 20 MIPS, ma, grazie al mapping di dati provenienti da periferiche remote nella memoria del bus, assicura un trasferimento senza ritardi al prmessore host. Quatiro canali di trasferimento dati da 10 Mbitlcec sono connessi alla scheda RIO e ognuna di essi, grazie d una coppia di doppini telefonici, permette di connettere un adattatore remoto di terminale alla distanza di 25 metri dall'host. Utilizzando i convertitori opzionafi per fibre ottiche questa distanza pub essere estesa a 2.000 metri. La scheda RIO B disponibile in tre versioni: per architetture bus AT IISA), PS12 (Microchannel) o EISA. Chiude la rassegna Untemiinal, il sistema in grado di creare più posti di lavoro dotati delle stesse caratteristiche tecniche ed ergonomiche della console presente nell'unifà centrale.

MicroArea MicroArea presenta ailo SMAU un sistema gestionale per microoomputer: Mago III. In tale sede vengono offerte ail'attenzione del pubblica le nuove versioni per 0S12 e 0St2 Lan Manager, che si affiancano alle tradizionali per MS-DOS e PC-DOS. rete le cale Novell, rete locale 3Com 3+Share, CC0 Xenix System V1286, Unix System VI 386. SunOS, XIOS. mantenendo inalterate te caratteristiche proprie del programma. Le caratteristiche di Mago tll non cambiano da un sistema all'altro; il codice sorgente, infatti, è lo stesso in ogni sistema operativo supportato, grazie alb strumento scelto per il suo sviluppo: Professional Pasml MetaWare, un linguaggio potente e moderno. I moduli integrati coprono funzionalità gestionali varie ed articolate, quali la contabilità generale e analitica, gestione delle vendite, del magazzino, degli ordini, delte distinte base, della riclassificazione di bilancio e dei cespiti a m m d i a b i l i . Le versioni per OSl2, gis a listino, possono essere utilinate con i seguenti sistemi operativi di supporto: 3Com 3+0pen rel. 1 . l e successive; IBM 092 rel. 1.1 e successive; HP 0512 rel. 1.l e successive; Microsoit 092 rel. 1. l e successive.


Fax, Telefono. Modem ? Niente problemi con una sola linea: ci pensa TELESHARE! v

q

IN USA-

'-

TELJ%HARE, un nuovo concetto nefie comunicazioni, in ufficio e in casa TELESHARE, un potente strumento per un iù economico utilizzo degli attuali dispositivi 'telefania e telematia. TE- H& è un apparedio assolutamente fidabile per lo smistamento automatico dr* treAdiversi amara%telefono, fax, MOdem s J t r q u-and~ una soh linea telefonia. Tutte le chiamate sono invitate dalla gentile-wce(inglese) del chip vocale di TELESHARE,a sele5onare il dispositivi richiesto, fax o aitro, compnerrdo un numero sul telefono chiamante. TEfunziona sia con tekfoni."toneW che "pulsen(wme uelli italiani>. Le chiamate fax automatiche sono direttamente &viate f a z Dimemiuni mm 38x180~132.

3

P& acquistare TELESHARE agii IndÙiqi indimti,o per -ari

infamadoni rivolgiti a

1 Woodborough Avenue, Toronto, Canada M6M 5A1 Tel. 001 416 656 6406 Fax 001 416 656 6368 Telex (06)23303 Media Disk Antonelli 12, Via Ciociaria - 00162 Roma Telefono 0614240379

FIoppy's Market 5, P.za del Popolo 56029 S.Cme sull'Arno (PI) Tel. 0571B5124 Fax 32768

Non Stop spa SW Cash & Carry 11,Via B.Buozzi Piazza Arenella 61A 40057 Cadriano di Granarolo (BO) 80055 Portici (MA) Tel. 05 11765299 765252 Tel. 08115785623 Fax 5785 167


E c c o il n u o v o p o r t a t i l e MinisPORT HD. L ' u n i c o f i l o che n o n p e r d e è q u e l l o delle informa.ziani. Un semplice filo telefonico, ed ecco che il portatile MinisPORTHD diventa anche un vero strumento

di comunicazione.

Oltre ad avere tutti i vantaggi di un portatile, con il MinisPORT HD potrete anche:

- inviare e ricevere informazioni collegandovi a banche dati pubbliche o private - connettervi agli applicativi sui quali lavorate abitualmente e intervenire sui dati in modo interattivo

- dialogare direttamente e in tempo reale con la vostra azienda attraverso la posta elettronica. Anche se vi trovate lontqno dalla vostra azienda, quindi, con il MinisPORT HD potrete accedere

alle informazioni che vi servono, continuando ad avere il vostro ufficio I

a portata di portatile.

ZEIYIri

data systems

ia,,

,

M i n i s P O R T H D . Il n o t e b o o k che comunica l e g g e r e z z a .


ZE'Y/'nQ

RETE DI VENDITA

data systemc

Cmupo B u l l ZUIIYIOYZ v.iriem, 12. RRYI.MZ~IIIPM. W < O ~ ~ R .VI Y~~*mbre. . L O M B A R D I A 5a"'Furtwu-Mm394M iAUXIHKIRBATKhrYY k6hardl'1rD"D'o U W U I I I R R I h M A , V. hmmlrp, 14. ht.FimmI<.O.I. - AGIATE B I U W {#I).OJ~I~MPI.~: m w c t v,&j6b~&.m~V, %. ~ & ~ ~ ( ~ I J . f l , j 1 ~E'~Uh BURo URKIO' V' L'k1 sm'~48-MsUP10 M*mm iDISPUY I E R M . IKf, Wmda b - h l . Mi4 - hSW3 MlUypWOIt [MI) MIBW~B-omm LIUAICI A, si& I- RLwl - ~ G IUMO~CW O {MI) R O M A B N A 0 2 R 2 ~ 7 4 7 *Y W ~ C A A W I ~ C ~ T ~ . Y .t.h d u i t l . 9-t I P G h w - 0 3 M K J ~ r iCQMVUIBUD, Li. Gr[diiil, 615 - IWMh -WIlMlRi MMOIL lCONSUUIORD. V.li rovm 6iiunmi XXUI. 1M I W W D - M l t i l 7 d 4 6 M A Alla sua seconda presenza allo SMAU la r m v. bli.lv - RUIIYI [F$ .11561ti4812 DEhLtR. 1. Ulvblms Acqul MI& - BPSICY. MOil'iiPP4 I R O W S IMORllhModo si presenta con un cataroga p r d o a i T O S C A N A ii~, V. (nmmi, i4a. m i a- o i o t l t m n i i i.& i.amM s i r r u i i , V.le im. bmbi.2V13I. U5~iihYUPh)-PPSIISML~*C.t.D, L l ~ i s l i 191b , - USN6tlDll iSto, V. t b a i i & a d 91 - AIfUD - 017S13m1 i WmD, V L. hhl,n rinnovato settori desktop puhlishing, CAQ Slnilftf [M).W b A I P 5 M iI W M A L IORT. V. M h i m h Vmlpado, I- [IWIILLO hllfn0 I L l l 5 f l W ALPHh COWUIELV. L m i . 441NS - UIIRAAA (*I) e applicazioni multimediali sono: PageIh111110 [MI) IVbIWlb7* IECNPIOHI IIIIPRIhTICHE, r t m l b n i . H5. O. Dlllrl$kZl* M I I I W H I II, V.Pe<aim. IIW-fIEI1ZE - l W 4 B l l i6I$KO, U 1 G Y O I 1 ~ Z E S t ( l ~ - 1 ) 2 f l 5 8 ~ m ~ t r i l r ~ R r s i V l U , V . 6 i ~ i o . 4 - t 0v.ddRin~ruh,n-flw~zi-MIi7I4?II+~~~11oRY11Iu,V~ ~0 GG6~hf4i1m, Maker 4.0 in italiano, PrePrint, PS 410 (QM- OSlJlbllDB i L'UBICIO MDPIIIYO, V. 1~riliil11COslllRfDO (W) 9361iH i W - A t t l l E BS5lUIWI. il l h R I U B IISRYI, V. V i ~ l t h i m i .2 - FIABE S), Corel Draw 1.2 in italiami, Designer 3.01. D& V. dl VInwb.lD.COIIBm [MI] - M/I47S9DB* I i m Y 1 , F-zm I i r m q h n ~ n5, 051143401l * ? h O t i ì i i RRREtO, V, Pml~,# V I A m - M l l l M l 7 4 W119 WWIIh~flh).0331IW4I1~~W,Y.hnmai,Ib-ttffllMO(MI]-O33Tl5WR IM,Y. Charisma 2.0, Viedrame VersaCAD Wilid,&! - i M Z E - I l l l r l 3 Y P B i R l l l . t Boa hnbpsi, 3 . I l a t n l t . * I W i ~ h l . V . V n i l h 4 1 - L E S D R E ( l f j.03PI~lflB*SEb1,YYilliri.?. LODI MS14317761 RiS€L<OYPPliR$, V. b, B-WSWiP- D I I P l i W l i n$lu 2.2 in italiano, Architrion 5.5 in italiano. (MI) - 037l/6425b* IOWZIOYi I Y H H U I U L V. Manbi. JO - WUTL M E 0 1 0 lUC(h. 1. h r ~ l l i l l l ,M - 1iCU- W 3 / 1 M 5 b iS Y S I W PlSh, V. 6 h h k . W . ( V A ) - ~ % ~ ~ / M ~ ~ M * * ~ ~ ~ Y I ~ ~ ~ Y & I W , ~ I - Y ~ Y T I ~Y -I ~O ~W~ 1~ 5~ 4~ 1I W ~ iPI ~Y L~ ~, ~Y ~.~II ~~. ~~ BT & OBR--F I I ~ O I ~ - M ~ ~ S ~ ~ W I P3D. ~ P AArchirnovie R~in italiano. Wngz 1 in italiaU~A,V.flhh1P-MIUBO-Mf49W1i**IIURICIO,V.Yi~mlli,W-IIUYO nliinmamac,v.rr ~ i t i s n b r i , 6 1 ~ - ~ ~ 6 1 1(I)(-~~UI 1 1W1PI~W~LI~ na. Access Pc. Radiuc GX e Radius TV. - Mf487dI775 i IIIUPIOBRhY, Y Y a M i M . n Mluiwri - M1404SWZ BlTh MMllliitk, V. hidrtii, 2u - W I I D I f t B R I (U] W5mPllF81 SVSItll Uso, v. 41 : u u i o - innwoozai in . o ~ ,v . ~ #rihi~ ra.- riiuno vwwo, v. i # # h ~ i w i i i. ~- rs~lswoMI.IKB~IWIZSE La novità principale B sicuramente la otibmmi c i n r SNM SOC. coot., v. i a i p ~ a ,s i u i u u o - o t r i ~ 6 n ~ b M A R C H E sione 4.0 per Macintosh in italiano di Aldus CùWUIWY M l U B , 0.. Cmmismlm, I- MIUIIO W A I B W S I CfflDOR #F O U I T I L ~ ~ ~ A . V . G ~ ~ I Y I ~ ~ , S - M I W I O - O W ~ ~ ~ ~ ~ D I ~ V . *L ~r ~ ~ ~ . ~~- ~~L o A I I~O ~ ~ r m ~ . ~ . n m i l ~ ~ . m - ~ tPageMaker m ~ ~ ~ ~ che n ~ rappresenta ~ ~ . u n ~ un w ~salto ~ ~ di mqualiL061Cbi SIS1Eh V I w o J n M h m , 13. I t Y UNI-OI9IIAJMh*%L Wllll.V. -Mmmil m fl#h, v. YonmMio, 915 - m J W I D - m 1 W 9 n i l l o R IW, V.L. paragonabile a quello ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ . ! / ~ - # I U Y O ~ P ~ R D B ~ ~ P S ~ I I I : - B R U I S O S *h~ i, lVi l, ,~M ~ ~- K ~ IY~ O ~ ,[~MI ~~--Yl n I -i ~ B 8 9 1 6 i ~ . ~ 1 ~ ~ ~ 1 . ~ g a i ~ , m tà - I ~ tper . c ~ I .I'utilizzatore ~. OIZI~W PIRSOH~L * C O * P U T ~ , V.PO~IM~IIL 1. - on1141m o 9. NO. M W ~ M A.I.T.O., W V. ~ W D I Ym. , 1 1 ~ 1 ~- 0r n ~ r ~ wKEYWORD, ~ p i v compiuto passaggio versione 2.0 mI V. Uoll~n,n- P t W O - 0 7 2 l n r m s iiHiiiEinnu.v. h n o n ~ alwir,AI I - IIUMO-RJDBMI:I YUOS , I E v.b M-, 270. MIMO un word processar interno nelB l ~ 5 W I * I I L T I D n Y I , V . ~ ~ d . l . Y I U I O - O P I ~ 2 I i I R f l V C ~ h l , Y . ( ~ ~ ~ - S . ~ ~ ~ ~ ~ ~ - I ~ S ~I i ~I ' mBp , I~ -~m n*a mS~ I ~alla W *3.0. , Y Ha . C YtnOh 15. Y O m (uv-I e l 7 3 3 & SDAT, 1,I Mmdiio, 4 - RWh #.SE (#I). ( M )- ~ ? ~ l ~ ~ l'ambiente Brano, microspaziatura globale, ~ i ? l i m ~ l l r W.A.SJI. BUSIW ( o m m ~ s , V. hrism.IW PATIA U M B R I A controllo tipografico versatile e accurato m n *O*& Y m n i u r ~ ~ ' ~ R I v ~ A ~ M B P 1 3 5'l5SOm - *'~~TIt *##V f01. V. Lonmdhp, 4 - R I 1 6 u . 07s1m:nl iM B R I I UAIa0, opzioni di kerning incrementi di 0.01 spazi c t m s , smih4. pikan. armnao [MI] - m m 2 n i iAD,I v. Sipha.8- IUW ~ L T ~ I M O [ M l ) - D ? l l B P I I Z 4 l i ~ l l FW~O~ D ~ ~ S ~ ~ ~ P - ~ . M I I ~ ~ O I H S R I P I ( -Y 'iRB6[A I] ' corpi da 4 a 650 punti, rotazione del IHMP~IPSP iV16AlllI IU &m, VY.I i h l a m 7 mmwo pq L A Z I O ~~~~1 i m B * l l . v. indi d i nwi - R m M O SlIAfIGUO (qtesto a incrementi di 90 gradi e rìdimenm A RAULY. ~ ~L [ P ~ ~ ~ . o ~ M ~ 1~1 B~Q I~D I, i h~R I.y n~( &~ $lslw, . IKMn. Im-, V' Irit " 03mubm V, I.krlnl, 19. MMA. I l l d t O l l (-t *IID(lAIE& I f barii.,1. sianarnento orizzontale dal 5 al 250%, gen.D . m u ~ 1 s s r u 4 r r o u p m n , v. w. c d ~ m pm11 , - ~oiu P I E M O N T E stione dinamica dei collegamenti i file M I I O ~ I I ~ C O Y .RCH, Yio Rm& U IIW IKllWIR *CUOI5 BEtiROiCOYPLnIll I ~ v . G m i u L31 -AitiYUIMU-IIIR4NI*Y~D1T1SIesterni, controlla ortografico in dieci linguagMA,V.(mrddILiu~lW. I a Y h - Y I I ~ % ~ i L I 1 . C i w l t O , Y Y T ~ ~ i l o , f l S W Ydrup* Una. 5 h f M h !O] - W2lI45105* TOUUBIX, 1. ~ ~ c n r d6i -. . # M A . O l a i W iu S t ~ A t t V .. amdm Ywm, !I iaiki - M r n i 7 8 4 m BI differenti, aggancio degli elementi grafici a IVRFA PO) - Ol!5145B?** B.S.C., V.dm$iAgodinImL 1 UIOR111, DElL'DWO{W]MODOm, V. R i n b b 8lB - WW. - W f U W M i lHO& V. Lb6i.BP - M Y BlWhMP6 II1110, V. XUII Yirii, M i - YOvRRR. Di11611145l CDBPUfER parti definite del testo sono solo alcune delle M W l B B O i l l F O n l , V. Ivdd~im.I5 - IOMA. Yl5lZIOW m I m l R S t n l Y , V. SH0P.V b i m , f i - T O I l Y O . ~ l b ~ I ~ b ~ f L~ ~~h~Y I I ~ I I E R S , L ~ P ~Ridi U ~ Irirl, ~ ~ 14~ RI WI 1 . DblIWP2nmI5CO.Y. & t C m , 4 . MMA- Osiltissi6* messe a dispociaone de-IOIIIYO-Oiirl4BM4*6.Ci8*Wp h h l l w h r m i l i i l - M O - M l ~ H I I i O ! R C I D A ~ ~ V . ( ~ ~ ~ ~ P I I P ~ ~ ~ , J I - R O Y - O ~ O W ~ ~ ~ ~ I I N I R ~ O Rnuove Y I T U : ~ potenzialith ,V.I~l WYA, (.m tt ~mb.ilo,'91-T M- O I~ ~ / S D ~ ~ ~l iD6 0 1 S Y ~ U ~ [ hri. gli utenti Mac. ami& 146. tD#h. WISPIP698a UI1BI1BITiROIA(h,V. 6. Vdimrmm.21- ROM i l f i . J L I -XMIIIU RUL~[IO)- m i n r m 2 4 n i R m t C U W , km Mi Bmbm P - W I ~ M ~ Wi LUCC*IIM, V. h M a 11, W IRY~ - D W ~ W *m11 ~ I (ORSempre da Aldus arriva PrePrint, un'appli- WBAHin I R i U AIPOI - (19L9i41WO PUIB. V. L h l i l ~ Y i i r a C . l O- ROMA. I ~ l W I K 6 i M W S l n L IYb r b w . 4 l cazione di supporto a PageMaker in grado di - R O U I . L S I , ~ ~ ~ S ~ * F R Ot DH ~R~V r r r n A U V . 6 i i 1 ~IW1-Ob113125t4 L I G U R I A m tROU16UEIIORMhiiU, V.Ubrmknml.lPi. IOHI.MIIDI143ia W H A I L creare separazioni di colore direttamente IYFOIIUIIKA, V. hibrrkn, a Wl2l119i IUES? P.I~Mehglia d'&o, 6 * 1 n ~IOR ~MAIC~ v. hmi ~ b . ~ ~ n1911l q WIWA- s w f i 1 5 ~ UNIpersona1 computer, partendo da documenti In- ROY 1~#1!315 iSETA, t himg iuc. a w r ~ 4 ~ ~ 4iiisirmi 4 6 . <h[<. v. @Iglirnm. 2 - GIWOYA -W~MIPI i S ~ Y S U W Ev. ,MI, a L FD. CWIINUI, V. k n i i m h m , m ~- v m l t n l (1181 1 ~ m 5 ~ 1um 1 WOPIn i n k 6MW1SUM I [LP - mPl6513iw PageMaker 3.5 o successivi o da file stanIl& V. dd h w i i r , rat kl.t - V W t l t I ( t u ] - 01MWP131

-

i

Mudo

W]

-

-

.

-

nei

.

-

che

-

.

nView,

CAD

.l

-

-

-

ver-

nel

m.

-

dalla

-

a

em,

-

.

suo

-

-

-

-

.

-

con

gi

-

-

-

.

V E H E T O

su

-

darci TIFF, pilotando l'uscita delle pellicole

A B R U Z Z O

i0DPRNlh.V. ~ ~ ~ ~ ~ ~ . ¶ ~ . ~ ~ M O P ~ G U P P I ~ I ) - W P ~ I ~ I * S K I ~ , V fotounità compronte per la stampa da L v ~ h ' ~ m m ~ s ~ P f ~ ~ ~ B I I P 6 W ~ * ~ R ~ F ~ T ~ K A ~ V y ~ e ~ m ~Ha ,-BIIYPIMWU~( ~ q - M t ~ s n s m i i i ~ ~ i ~ ~ ~ i ~ ~ a* ." vR o. u~r ~ h r p n- ,W14Bw'5 'ldnh patibile PostScripT. i m m o i t w t o ( ~ p-)MStll555lU* IECYOWIIC*. V. IMaggio. ~ I / B . BUOI. Con la Cartuccia PostScript di Adobe Sy~HW(VI)~OI3~H5~7*INUYLWIFOU).~,1.Iioi~imio.lrR-WtlC A M P A N I A U I S h [M].Ml5rà4Dì55 mTOYPWIR ~ W l i l B . pw Mmo. ~ - ~ I i ~ U ( P D*Jlm'tltmOlll'l'V. ) I' "lmU['" oBPJ1mPwm diventa possibile per i possessofl di W11971151 i B W H A WC, V1i Ihlo, Il5 COHtWMO [W) - P I S l l M W Uf mRYhnVI'~LR'ii Mmi**o-rmbbrjr~n~~~mPqPBzP14w5i'L una stampante LaserJet Il Hewfett-Packard C W U I E U , L $ i d i lP i p i l ~ ,l47 - Y t l l E p)Mf153l92niDA1A SEtYICU, V hslaml. Om,, TRmm - Mrrnieis i coiMhRih ~ ~ ~ ~ ~ - H W ~ ' . S J Z . ~ ~ ~ ~ ~ ~ D I ~ ~ ~ U F ~ ) - O B I ~ ~ ~ * ~ ~ ~ . ~ I ~ L ~ documenti in PostScript. con comDwIII. L C, tdD 3P. rADDYI.M,AIwP. <OOImR vain, v, 4 1 k r - t ~ P i " - ~ ' ~ O P t l . ~ u 4 n ~ a P A T A U m L~ Y ~Y . ~ ~ W w i ] stampare . C + W q ~ ' ~ m I ~ U W O Y, a l l ~ k . H ~ - M ~ m W M ~ ( * J - ~ 2 s 1 i ~ I q 1 * c I ~ patibiiiti assoluta garantita, una velocità di h, bS- WWI-M9rP710np+ sIDEU -o DH O ,I hI1 1 D. F m MW. d'ho. 11- WJOU ~ ~ f m lY * ~ I u P Wl I U l K A . V. 5. rmolh IBDmb.amOtY-lWrllara,li T8iosI h,Pb7~PIt6HIi esecuzione notevolmente superiore a quella - W1P13mI wM1mL [lv, - 112d11u i bninW$r.a - l I W L I - @ M * m 5 i D - I . M v VI* ~ I D I I L ~ B - I . R I W I ~ ICt' - DBISi42m1 afierta dai cloni PostScript presenti sul <D-A .*I Far\\.. - SMID[Q. W I Z R m I rU I ORDI ZMLIUTB, 1. P U G L I A ( m i r r g # l i , m4-VtYtilh -P4li5tl9RO iPIURRIRI, hh m o , 5JlP - VfHfzM cato e la disponibilità di Adobe Type Mana- M W ~ ~W Z I POIW, IP V.U S. h l l I i tI eI T o i ~ i o ~W? , - MEUU m IYMIWIPE, V. h w b ~ i m75. YM - 081115~~26*#.$.L,(.i# I ~ G W ~ U I , degli screen font per la visione su ger MH13llmi l.L5J.B.. V Roni. 4 - NLOIIY W2MP7% SiYk - 1111 - OlOi3531PP iOID Rni, V I l r i d i OD Gmpwi, 3 W I 7 BAW m / O I B H i IMPHhILHIWIIMAlEU, 1.C I o r l n , 4DR- MM. D B l l I W L T 3 l i monitor. T R E N T I N O LIYU C W U m VJe M M i d i w b , I Y I 7 - FOWA - (WBIRMUli 110. liROltre alla Cartuccia PoctScript, contenente *allllllA.Y. h , k i l A - BOluiiO - M I I i P M I Y * J M h B & Y . hiiod'lorlo WE d i l i Z 0 FARRIL. V. I m d i - àig ldmsbide - *ARIAI F M I U (IhJ - ~OUWO - M ~ ~ B P I I ~ mmw2 35 font. sono disponibili due espansioni per

una

v

-

-

stems

-

-

-

-

I.

.

mer-

-

(M-

-

-

-

e

-

F R I U L I

.

V E N E Z I A

G I U L I A

m tA.U., Y. Ilioua Il[Pm, IUt . MIOHORE. M A l 5 m m C O Y P w ~ ~y, aobh araBl. 6 T R I ~ .ml~m c.6.5.. v, fdb I ~ . ,11.TIIEE .

M& a2BV

.

E M I L I A wm II~~U. v. ~ o r p.Ii rimo, sr - s o i o c w ~- ori~wim l P.S.&

S 1 C I l I A

l m l t o n , V.M. 211 - ihlhwh. 0 1 ~ 4 P l l ~ SISCO, l Y 1113,il- [IMY.

-

R ~ I ~ I P ~ I Ps ~* S U D , ~ . l s d d Pmilse. li 1b 6UIE [q- m W 7 W I 7 I l USI, V. ~ i i k k a61 ~ .- YUSI - w m 7 4 a m mi Lr ~ r i b d d iI,I - MESSIIIA. WDr43l45 i IIWIVA COUUDAIA, V. H k i d l EiRo, 9 P U I I - BII%2VIP17 AIFIWEL V. llpl Mimimi. l- IùZUIUI {I PpJlIIRllS ) m COlPUiStWORlR, (.$D 1 m h 3W ~ EllQSTU(Ci) - PPIIPSP~W OUF* R W H E IMFORUh1ICiit. v.10 L ~ C ~ I IPII . IWY - M J I I I ~ ~i m t 6 , 1. WqHIh 11 - mrMl OIi3,mW

v. { h a Modao- IMOGMA-MIA51Psb*Ia~, V. W.W2 - IOt061A-iin/43WI*1Y SIYIP,Y.PirithII~A&rpdnio WUEIhU1810 (10) - 1516'27i2101.U. L S. Cmni b w r I b r a 1lA hl.l IUUO OIhRGiLhI (10)- P W W W 3 * I L P , V.1d ~WIDI,~. r w .w1128ttfl m ~ l m s . ~IIIM,~II . - ~ h ~ u - ( a n m m v i ~ . i~BRIWAIA,

-

-

-

-

.

.

S A R D E G N A v

K io hh hml. U~UMIPIRRI [u) -wotir~52

r------------------------- 1 ENTRATE NEL PRiVILEGIO, RICHIEDECE LA VOSTRA PERSONA1 CARD.

IComdiiioni speciali d'acquista l Agsiamammnto e infornioziora c o h n i i . direttamente01 vnstroindirizzo e in antepfim. Inviatesubitoil mupon c m - l plsto ditutfi i doti o SIMAD-CP N. 10418 - 20110Milmo. Riceverete Io Personol Cord dirottomente01 vodro indirizzo. En- I [trerete eosl nel numero dei clienti privilegidi Zenih Data Systarns. Per un anno intero. I [ Nome s Cogncme I I Rudo in Azienda

I I I

Aziende

!

Settore di ottivivitii Indirizzo Persondo

I Indirizzo Azienda I Hardwore

utihatto

IpmTiLq

Stondard Utiliao hardware Zaniih Dota System: L-------------

m

un totale di ulteriori 34 famiglie di caraiteri. La QMS PS 410. stampante PostScript da

i

(%i%mmq

1 I I

@E ----------- 3

quattro pagine minuto basata su micropm cessore Motorola 68020 a 16.67 MHz e meccanica Canon UE. è la risposta alle esigenze del mercato del DTP e della elabore zione di testi avanzata. Caratteristiche peculiari sono la dotazione base di 45 font (comprese famiglie di caratte ri come Garamond ed Helvetica Condensed). l'inclusione nel software di base di Adobe Type Manager e la gestione indipendente delle intsrfacce di collegamento: AppleTalk, RS-232C e Porta Centronics. Possibiliti di espansione di memoria (da 2 ' Mbyte di base a 6 Mbyte RAM) e I'attivazione automatica dell'emulazione Lasedel Il, con interpretazione autonoma dei dati in arrivo e utilizzo del linguaggio appropriato tra PostScript PCL o HPGL. Due importanti pacchetti per la realizzazie ne di grafica vettoriale presentati per I'arnbiente MSDOS sono Corel Draw 1.2 e Designsr 3.01. Corel Draw, giunto alla versione 1.2 in italiano si accompagna a Corel Tram.


I C ~ A R~BI ~ I Q ~ril U AEG,OLYMPIA

m

e

UHEA COMPUTER hrl - V i E. Fili8 - Tel. [Ol7l) 67.674 - C U W Z4Drr COMWTER SiìC V i a h R-6-Ted @ 4 2 9 ) ~ 3 (W) - ~

unbtiiity capace di aprire fite PCX o TtFF e ridisegnarne i contorni per ottenerne un file EPS. %no compresi nei programma nuovi filtri di imgortlexport (WordPerfect 5.0; Videorjhw, DXF, GEM, EPS. PICT e HPGL) e una libreria di 6 Mbyke di disegni giA pronti (WTW 2.200 file). La nuova versione di Designer si distingue per ii Supporto delie font odine e per la modaiiià di lavoro multilayer, prima assente; in più è possibile creare maschere su uno sfondo grafico, assegnare parametri matematici agti oggetti. effettuare il p w i z i o m mento w n grande precisione ed il fitracci* mento automatico di un file grafico bitmap in formato ettoriaie. Designer 3.01 comprende una libreria di 1.700 d i i g n ì già pronti. il trattamento delle curve di Bezier e un opzione di slide show per effettuare proiezioni di scherrnata grazche in skquenza. Una primizia assoluta è infine Chansma 2.0.pacchetto per la business graphiw. Coh Chrisma divenb realtà la produiorpe di 44 tipi differenti di grafici professionali ad ala qualia, a colori, tridimensionali e con retini colorati graduali. Nemmeno qui mancano l'opzione di slide show e una libreria di 2.200 &menti grafici pronti all'uso; il progamma contempla inoltre la possibiliM di eiabomre i dsti internamente o importarli da apfimzioni di grande diffusione nel mondo M 3 S e W n dows come 1-23, Exel e Hanrsrd Graphics. U R i a n o M M& #er b g r a f i i e ildtp è Mdrame, un display d i proei zoi ne a teme togia LCD prodrrtto dalta wlifomiana nWew e offerto sia per il mondo Macintosh che per mrnpatibili IBM. Dotato di un ingresso RGB, Vìewframe puQvisualizzare il contenuta di uno xhermo o6n un rapporta dì ingrandimento di 20:l e mn un massimo di 16 oolori. con una nsoluzione di 640 x 4-90 punti. Nell'ambito CAD aceti VersaCAD. versione

2.2 in ibiimo per Macintosh (a breve la versione 5.4.7 per MS DOS). VersaCAD si rinnova attraversa opzioni aggiuntive quali la gestione diretta delle tavolette grafiche con ingresso AD8 (Apple Desktop Bud, la dinibilits di due moduli aggiuntivi dedicati alta meccanica e all'architettura. e soprattutto i[ supparto di Radius O u i c k W {una scheda video acceleratrice can una potenza di 6 MIPS) che migliora la velomtà di etahrazione del programma di un fattore 38 e okre. Per lo specifim settore CAD evoluto per la prqethzione architettanica, c'è Architrion W:BWNI u m - Roma - m - 2 F.U.AR. -ROma-W)Wn41?*MWW-AoRia-(08)6-* 5.5 per Mac, compatibile con lo standard dì HHCITW-Roma-W)-niTK;NOME(;-Rommernoirmzione DXF. Sempre da Gimeor tOB)-i UAIC102Mn - F r o s l m - (m) =M viene proposto ArchVtmovie, un'applicazione SRDEGN4: ~s - -M - @m)'mass FRONGIA M~-~lartO~*6.S.-Carbrnh(OR)-(msil per la creazibne, di animazioni a prtire da W m G Z E ~ - W ~ S . H & ( C A J - ~ 8 B l l W . U qualunque appiicazione grafica Macintosh. MTrlLOMECCAMCA- O ~ - (0785) a 70124 iMfLONI - C% g i a r r - ~ ~ ~ M W i I N I 0 1 0 . ~ ~ ~ - ~ g c o m e Lauomndo in parallelo con le altre applica wmfim zitrni sotto MultiFinder. Archimovie è in gwda di catturare le immagini create. comprimerle e proiettale in sequenza, regolando la velaci@, le eventuaf dissokrense ed iI senso della proiezione. Wirrgz. il foglio elettronico Infomix. già all'avanguardia per le sue mezìonati capacità grafiche e per il linguaggio di programma zione oaloquiab HyperCcript. è giwnto alla mPmlk mL!LEpiw INFORMATICA GESliOHR versione 1. l in italiano, alla quale sono state LE-Quiano ~ - ( D W ) ~ - O E L T A O F F ! C € - Q u ~ aggiunte la gestione oztimiuata delte bare di W - 0 8788211 - MWiICUSI FRPiNCESCO - Noma M. scorrimento, un'apziane di salvataggio a u t o m-wbm matico dei dati. funzioni di bordatura delle celle e di intervento sui contenuti delle celle stesse. Wingz 1.7 presenta una serie di rnigtiom menti nella struttura del linguaggio HyperScript, ndta gestione d e k stampa e nella velocia di esecuzione, a cui va aggiunta anphe la ~prnpatibilitdcompleta con lo standard Sylk, attraverso cui B possibile smrnbr* re dati m tutti i fogli elettronici. VI aspitfarno allo SWU, Pad. 17, Stami L32-W3 e LWW3 Ail'hsegna dell'integrazione vime pmpodal 4 al 8 oltobre sto Access Pc. pmdotto della tnsignia %i?waw, produttice dell'amulator& MS-DOS per Macintoch.


Per essere buoni, bisogna essere migliori.

Olystar Olyport I marchi AEG e Olympia sono sempre stati conosciuti per iloro buoni, anzi, ottimi prodotti, progettati per essere migliori, sotto ogni punto di vi-

la piii completa gamma dl Personal Ai PC Olysiar si sposano perfettaComputer Professionali, per esempio: mente le stampanti AEG Olyrnpix una Oiystar 20, dal costo motto contenuto, gamma che ua dai modelli ad aghi alle ideale come workdation di rete e per nuouissime Quietstar 4 e ColmmW (4 sta. applicaàoni di WP; la gamma *High colori nelletestine) a getto di inchiastro, Unatradiziwieche la mwasocktk Tech"286, o w o O l p W 60, e il 386sx alla stampante Laserctar 6 da 6 pagine AEG Oiympia marrtiene ed esatta. Per Olystar 70, dedicati a manager, giorn* I al mii-iuto. esempio, si parla molto, oggi, di A u b listi, consulenti finanziari; i potent~ AEG Olympia, via Stephenson 94, rnazime dell'UMcio ma per una vera Oiystar 80 con 'cuore" 386 a 20,25e 20157 Milano. Punti dì vendita in tutta automazione ci vogliano certamente 33 MHz con memoria fino a 340 MB, Italia, consultare le Pagine Gialle alta macchine ad altiscime prestazioni ma per calcoli ingegneristiaod a r c h i k voce =Macchineper ufficio - Vendita=. sopWMto prodatti "solidi" ed mabili. ci mapplicazioniCAD,per nmrcatorl Garantiti da una rete di assistenza im e gestioniMianziarie,oppure comefilepeccabile. senrer di refe. L'affidabii e la precisione delle Nepotevanomncareilaptop: nostre macchinesono pmerbiali. Così Olyport 20, Olypoil40 ed Olyport 70, della n o m rele di m , con capacità di 20,40 M6 e processon come I'efRca~ia sistema t nostri professionisti m Auto- ' 80C88,8=286 e 80C386s rispettiva-, rnaziane deli'Mcio vi assisteranno i mente: siwrarnenteira i piùp h l i , iegndl'iWlazime e manutenzione! del- i geri, 'belli" e potentioggi disponibili. m

I

AEG OLYMPIA


I

ADVMCE PERSONAL COMPUTER

-

1 M W l d d v e 1.2Mb/1,44,lWdisk4QMb a h w k W , tasiiem CHERlW 1M @ti. VGA 16 bft, nmnitar colore mdmym VGA 1024x 768 alta rh~1uzkme[ O 2 8 d.p.1. L P.SQ8.000 ATCPU80?a8tlBMk -T)

[28 rrui

ATePIJ8038flamYhz ~ D l M ~ l . 2 M b / 1 , 4 4 . 1 ~ d i d t 4 Q M # I*wloci~* CHE= 102 tasti. L 1.780.000

Coiore 14"m u l ~ VGA c 1024 x 788 (0.28 d.p.1

' M-tbo

14"rnultisync VGA 1024x768 Mon-tPoo 14"VGA VGA16bit800~6OO(wsKRam) VGA 16bit IO24 x 768 (512KRam) TSENEIABS TGA 16 Mt 1024x 768 (IM TSENEW

Altre caratteristiche interessanti di h s s Pc sana il prezzo. la mmpatibilk con tutti i modelli di Mac, la c@acie dr assegnare a file MSDOS icone proprie di documenti Mac (per esempio, un file 1-23 ha i'icona di un dacumento Wngz) e l'assenza di file rli cewizio su disco: lavorando intemmente in me[ 2 8moria ~ Access Pc funziona anche con dischi pieni o protetti in scrittura. Radius conclude la panoramica delle novità presentate Radus GX e Radius TV. Radius GX è una scheda videa a 24 bit, studiata per i monitor Apple RGB da 13", mmpleta di acceleratore grafico e di un'uscita video a standard PAL. Compatibile con Radius PrwisionColor Mibratar, Radius GX richiede la nuova versione 6.0.5 del s o h a r e di sistema. pud lavorare indifferentemente >conpiani di colore a 1. 2, 4. 8,16 o 24 bit ed B camparjbiie con Radius TV; il prodotto pio avanzato oggi disponibile per consentire al Mac di ricevere ed elaborare segnali televisk vi. in bianco e nero o a colori a 8 o 16 bit. Il pacchetto si compone di una scheda NuBus, un dispositivo esterno p il collega mento di apparecchiatumvideu ed il softwa re di gestione comprendente accessori di scrivania ed il programma MacTheatrics, per la realizzazione di effetti speciali sulle irnma gini catturate dal dispositivo. Radius TV è in grado di visualizzare in tempo reale (25 frame al secondo) immagini video a 16 bit in una finestra di dimensioni variabili fino e 7#x576 pixel. Radius TV PAL sarà disponibile dalla fine del mese di ottobre ai preno dì 4.503.000lire IVA esclusa.

ADWaHCED TECH11010GY

v

APP~~

Lo stand della Apple Computer SpA si divide. dal punto di vista logistico, in tre grandi aree: immagine e nuovi prodotti, saluMMONIl1Nl% 487.0 2MBAI[IW MWO VIDEO W E GRABERm Film 514Kt m K A X m 3 zioni e servizi. INiEFWOAMW+KIT m m ~ ~ o mI ~ M ~ + C C O C K A ~ Rispetto allo scorso anno l'area espositiva VDMKiR Il 1210.000 MMBA20mFaW ESTERNO35 TS5.m si 6 ampliata di ohre il 25% e la superficie V ù AMtCa9 SCHEDA+ FRAME BUFFER iAS002MbOKW dqipphwB5Mw mio00 totale raggiunge i 750 metri quadri anche per dar modo di presentare convenientemente i WC iMILTEW214 MWO SCHEDRMI prodotti annunciati negli ultimi mesi: il M* N E M u ~ n w t 4 c2 A E N " F ~ , Y 150.m cintosh Ilf, la linea di stampanti laser PerscWmDVaFia) M.W3 9D '=Oa0 EMuLA,mMAC l50 m nal LaserWriter da 4 pagine per minuto. il PRO WUND DESIGNEFi STEREO 40 2am mmW 1mw 100A00 $0 sistema operativo AIUX 2.0 4 i prodotti di M R P C X ' f p r A S O O N E W %.@M YIDI %m MXE€~I00RhlEAMn" 15MIO integrazione fra il mondo Apple e quello Digital. Gli Apple Centre. i rivenditori indipendenti che comrnercializzanosolo prodotti A p SCAN L E % YE 1 G .W m W R A WORDSYNC iNEBFACCL4 m 0 G E K R n r n WRgRIWI11WIYIC 2 m 2 8 0 0 0 SJPRAWORmZWO pie e le terze parti legate alle soluzimi M* MMllWC 1BiOmxi +HDNMB$E4G4TE gggm D l E F F m V D E O cintosh, raggruppati per tipoiogia di soluzione MRH 1187 8 2750.000 + i i D 4 0 M B W M 1 1 m 3 1W000 Mm9 &erta, gestismno tutte le postazioni dimoN E W 1187YIC 3iWX)MXI + H0 80 ME SEAGATEZB ms 1.43R000 DEtTALm4ToRISCwE OOSWmPC strative. WEWla 1187YICFASE3BONMr + W80 MB WANTUY ilms i 58atm 425Q080 GW~A50048MB+4MBDPAM All'interno della mostra ~Tetecomunicazio1mm ni: voce nello Spanor alcune postazioni Ma-*,"~eEST&~~Mb~&~NNM .~0lllper~~h~l2k#iiz...~.h cinlosh sono a disposizione dei visitatori con GVP oi!W ASCRIVIHLE FI[S. 1024XW1600LORI la guida multimediale ull pianeta e la parolan s4ox4ao2Bmom mm per consentire di ripercorrere l'intera storia WLMA PG 98awo mmP5r 1 1 5 0 m delle telecomunicazioni secondo un cammiI SRWAREBTELIPORERL V ~ R G B T B ~ P O A V I L E ~ ~ ~ E R no di ricerca scelto di volta in volta secondo i particolari interessi del visitatore. WPRA S E I 252Wl A20WON092 16MHzRAM41. 1950XKX) 12M) 150.000 mm CEC[WNKRTITORE C\rBC W R68 L'integrazione di Maeintosh in ambiente -1 Zm.OW 28 MHz W 4MB 3.i~m1 M X IW Ma 22kW 33MHzM4Mb 4200m V Y R I ~ ~ F E I S E G N W V G A ~ C V B $ multivendor attraverso sewizi di file twnsfer FTP ed emulazione di terminale Tellnet B 48Mi 4101000 50 MHz M d 4 Mb NEW WD2Q 1&90M1 dimostrata in collaborazione con Digital Equipment, all'interno dell'area Multirete '90 P-ALNm-m~LfA v L* dove la rete multivendor è basata su dorsale AdtmÈD"1~#INOLOGY srl Vide Alessandrinp, 251 W172 ROMA TEL. Ethernet con protocollo TCPItP

I

-

. I l

-

-

-

p.

n-

<".

-

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


CORSI COMPLETI IN AUTOISTRUZIONE

TURBO VERSIONI DALLA 4.0 ALLA 5.5 PROGRAMMAZIONE OBJECT ORIENTED INTRODUZIONE ALLA 6.0 PC Master Turbo Pascal è il metodo piU semplice e diretto per appropriarsi di tutti i segreti della programmazione in uno dei linguaggi più evoluti e più diffusi. Fin dalla prima lezione, attraverso semptici programmi esempio presenti sul dischetto, il lettore viene introdotto agli argomenti fondamentali, verifica immediatamente le possibilità di questo linguaggio, accumula esperienza e vede crescere, di lezione in lezione, le proprie capacità di programmazione. L'organizzazione in blocchi didattici autonomi, la presenza di un corso per principiantie uno per esperti, I'interattivitafra testo e sohare, permettono di organizzare liberamente il percorso di apprendimento e adattarlo alle proprie esigenze.

PC Master Turbo Pascal nasce dalla collaborazione fra la Borland, società produttrice di Turbo Pascal e il Gruppo Editoriale Jackson.

Si articola in otto lezioni quindicinali composte interattivo ed è disponibile nelle versioni da 5114" e 3'12".

Turbn P-I 8 lezioni: 8 testi + 8 disM in W i c o l t quindicinati

+?.<L% i.

l


Sono inohre in funzione DEC LanWORKS for Macintosh e SOL Senricec (che conssntano ai Macintosh ed alle reti Apple Talk di operare con i sistemi VAX e le reti DECnetl OSI Digital), nonché ALL IN 1 for Macintosh. un software che offre servizi di posta elettronica con utenti di atti sistemi. Tutto ci6 sottolinea ulteriormente la c a p cità di Macintosh di operare in reti rnultiprctocollo.

Nantucket: Clipper 5.0 e progetto NFT La cocietd Algol distributrice ufficiale dei prodotti della casa americana Nantucket. ha annunciato la disponibiliM della nuova versione del compilatore Clipper e l'avvio alla fine dell'anno del progetto Mantucket Futura Technology (NFT).

Gioca con Arniga a Totocalcio, Totip, Enalotto! ~ f t ? s ~dirnml ~ ~ ~ d

T@wanlcla,Tàtip e Etnsilma per Ami*. mmlizi~inrnmta, 2 tipi di PidlliziUw,,mYalf2l vel~it& di Jdmmxiwe, $tzmllpS U thhll&o e*u ~ h de b il~ p l i

Sisuit ~

awmal4cu adle cwtome, vhcetiti & P pgmm clte riWi3s:Mil VO8trO

Il compilatore Clipper 5.0 B dotato di un'ampia gamma di comandi e funzioni, di un nuovo tipo di linker e di un preprocesscre flessibile. Consente agli sviluppatori saFtware la massima flessibilità nel lavoro di programmazione delle applicazioni. Il compilatore genera file eseguibili (.EXE) ascicurarr do un'alta velocita di esecuzione, la segretezza del codice sorgente, una trasportabilita del programma sia in applicazioni single-eiser che di rete. Clipper 5.0 si presenta con una documentazione piU ricca, e migliorata rispetto alle precedenti versioni ed inoltre i n c o p r a la possibilftà di scrivere istruzioni in altri Iiw guaggi, come il C o I'Asssmbler, avendo come unico limite la creativia del programmatore. Sempre rimanendo nell'ambito delle reti, il programma compilato non ha bisogno di software aggiuntivo per poter operare. Per finire. tra le altre caratteristiche di spicco c'B il superamento della barriera dei o40 Kbyte di memoria e grazie al modulo RTLink non si deve ricorrere ai file di overlay. li progetto NFT awiato dalla casa americana nlasced una serie di nuovi pmtotti destinati ad affiancare il Clipper. I piani di sviiup po NFT faciliteranno l'adozione della tecnologia emergente, pur mantenendo la validità idelle esperienze maturate e delle applicazioni generate. In uftimo la Algol anticipa al mondo dei pwrammatori che nel febbraio del p~ossimo anno avrà luogo in Italia un grande convegno europeo. interamente imperniato sul CPpper 5.0.

a p~W&i;

d i g i o c m a l T ~

Con il 30% del mercato italiano dei database, quadagnato w n la vendita di 5200 copie di DataEase. la Sisoft presenta al padiglione 2614 alcune interessanti novità. Meritano la pena di essere segnalate quelle riguardanti DaiaEase 4.2 Developer e DataEase SUL. Il primo consente di sviluppare applicazioni da poter poi trasformare in prodotti completi e chiusi ed B quindi rivolto al mercato VAR ed ai centri di sviluppo interni alle aziende. Developer genera sulla base det l'applicazione sviluppata, documentazione di sistema, documentazione per I'utente, dL schetti dimostrativi, dischi di applicauone crittografati con numero di serie, DataEase SQL e la versione frontend SOL del pacchetto che permette di lavorare in ambienti LAN. mini e mainframe con a p plicazioni sviluppate in DataEase utilizzanti basi di dati centralinate e consentendone I'estrapolazione dei dati con la massima f l e s sibilità anche da persona1 computer remoti. DataEase SQL è pienamente compatibile con i linguaggi DBE. SQUDS. IBM Database Manager, Micrasoft SQL Server, Sybase SQL Server e Oracle Server. Nello s h n d sono stati inoltre esposti i prodotti della famiglia WordPerfect comprendenti anche il nuovo Dffice 3.0 e la versione italiana, appena rilasciata, di WordPerfect 5.1.

, I

SISTHEMA ~a~

L. 79.000

di dstnni Totocalcw, T*

eEmhmwnstampaavidmesu hbulam d e k trihrrrw. SISTEiEMA PLUS S h m p diretramente su sdibdina

ST~LAMPA &siema compicm hadwue + d t w a r e

011.700358 L. 159.W ~ekfooare

I -a l

Via Rodi, 39 <O095 Grugliasco (TO)

S O F T W A R E

I prerri si intendono IVA 95%esclusa

-

$2

cercano rivenditori

MCmicrocomplrter n. 100 - ottobre 1990


DOPO LO STRAORDINARIO SUCCESSO DEL CORSO MS-DOS UN'ALTRA GRANDE, ESCLUSIVA NOVITÀ, DEL GRUPPO EDITORIALE JACKSON IN COLLABORAZIONE CON MICROSOFT.

E FUNZIONI BIOS Il nuovo corso PC MASTER che,.iKi sole 4 lezioni in autoistruzione, illustra: le potenziali$&della programaaione BATCH il fenomeno del VIRUS i segreti della programmazione ADVANCED la tecnica dei comandi MS-DOS con un richiamo alle funzioni BIOS. In più un prezioso DIZIONARIO ON LI


Big Blue pu~s,taal dominio degli anni W IBM, in coniemporqnm mondiale. opo

una afioiiatissima mnfesenza al'hotel Gallia di Milano. ha presentato una nuova

famiglia di supercomputer. Con questo annuncio. 8ig Blue punta al dominio del prossimo decennio, inquadra nel proprio mirino gli utenti medio-grandi e presenta il Sicternal390: un insieme hardware e software che raggruppa nuovi elaboratori (ESm000). nuovi sistemi operativi (MVCIESA Sp. VSUESA Sp. VMIESA) ed un'architettura (ESA 390) in grado di i n t e

grare gli uni e gli altti. Con i'occasione si B accennato alla situ* rione economica delfa sodietà e sono stati ufficialinati gli annunci del PU1. un perso nal computer a basso costo (non tanta, e poi vedremo perché). ed i nuovi modelli della famiglia di sistemi intemedi AS1400.

m

L'IBM, dungue, non teme l'effetto Golfo prepara lo sbarco a Piazza Affari. L'attuale sfavorevole momento delle principali Borse mondiali non frenerii la quotaziok dell'lBM Corporation sulla piana di Milano. Malgrado Saddam Hussein e la crisi nel Golfo. quindi, h IBM di Armonk cohtenderà alla Bayer e all'Electrolux la palma della prima graride multinaztonale estera a fare il suo ingressoa Piazza Affari. Dalla societA USA viene quindi un segnale di fiducia verso il mercato mobiliare italiano nei cui listini dovrebbe apprdare entro quattro o cinque mesi. In questi giorni il titolo IBM oscilla a New York attorno at centmah di dollari per azìe ne. Grazie anche ai buoni risultati del primo semestre con un fatturato superiore ai 30 miliardi di dollari (+g.&% sull'anno '89) e irtili in crescih del 6.8%. la sacietà samba wer superato bene gli scossoni degli Mimi tempi awenuti sui mercatifinanziari internazionali. La quotazione della corporation a Milano è un'operazione di valore strategico e non pud wmunque essere legata <un momento specifico. Questa strategia B anche raffotzata dal fatto che all'ltalia sono recentemente stati affidati nuovi incarichi, come la respnnsabiliW mondiale dei sistemi medi A S / m (prodotti per l'Europa neiki stabilimento Iaiale di Santa Palornba e che contribuiscono largamente a un'espartazie ne della IBM Italia di 3.500miliad l'anno). la parte scientificae la pubblica amministra zipne. k questo si aggiunga &e i'ltalia è diventato il paese responsabile del Sud Europa, dell'intera area mditeiranea e della zona mediorientaie. A metà giugno e stata wiCtituita una smieta a responsabilità limita$, la IBM SEMEA (South Europe, Middle East, Africa). che diventerà responsabile delle operazioni IBM in Italia, Grecia, Porte gallo, Turchia. dei Paesidel Medio Oriente e dell'Africa. E, se non B poca. il tutto presieduto da un italiano: Ennio Presurfi. 3

I

I

I I

I numi ES9000 coprono una gamma di l!3 modelli e vanno dal computer medio al p a d e elaboratore can una potenza da due a 230 Mips (milioni di istruzioni per s e m -

da), il doppio del massimo finora disponibile su macchine IBM: dì questi. 10 sono raffreddati ad aria rnentre gli o t b pio potenti. da una a sei unità di elaborazione, ad acqua. Le capacltii di comunicazione con le periferiche cono state migliorate sostituendo i cavi di rame con fibre ottiche: in questo moda oltre a raddoppiare la veiocità dello scambio di dati (cheraggiunge cm1 i dieci milioni di byte al secondo), è possibile decentrare il centro di calcolo m sedi di stanti tra loro fino a nove chilametri. Per ottenere questo risultata f BM ha eiabowto una nuova architettura di canale. la N € nterprise Systems a n n e c t i o n Archi&ctureii, che offre un'elevata sicurezza: ihtti non è possibile intercettare i segnali trasmessi su fibra ottica senza intervenire direttamente sulla linea stwsa. Gli elaboratori più potenti utilizzano nuovi TCM {rnduli a candutbne termica) in ce& mica vetrosa, che consentono una migliore dissipazione dei calore rispetto ai preceanche per denti in altumina. Grosse n& quanto riguarda i chip: la nuova generazicne di rbipolann A l T (Advameci Transistor Tedinology) ha una densità di circuito dop pia rispetto alla precedente e garantisce una Lrelocltii supenare di circa il 30%. Tutti gli Est9000 si basano suli'architettura ESPJ390 o offrono un induizzarnento a 31 bit. per sfruttare al meglio le capacità di memoria. Irtokre. i rndelli più potenti, m me gli I820 e 1900. hanno capacità di calcolo simili a quelle dei supercomputer con una memoria di elaborazione che raggiunge i 9 gigabyte. Una caratteristica importante per gli utenti è data dalla possibilità di trasferire le applicazioni suli'intera gamma degli elaboratori: inoltre gii attuali modelli ESB090 J possono essere tradorrnati neali €39000 con raffreddamento ad acqua àttrave~somodifiche eseguibili in loco, cosi come gli €SI9370 possono wcre scereii n e h serie 9UOO raffreddata ad aria. Novità anche per quanto riguarda la sicurena dei dati: Big Blue ha infatti intrdatto un copracesore crittografico, costituito da un modulo TCM e da m a tastiera per I'input dei codici di accesso: il sistema, integrato con la ~CammonCryptqraphic Architecturei, w n s e p e agli utenti di r e lizzare applicazioni crittografiche negli ambienti MVS e DOS. 1 n u w i sistemi operativi mtituismna un'emluzione-innwazime dei grandi siste mi operativi tradizionali di 1BM (MVS. VM e VSE). L'MVSIESA Sp versione 4 è orientato a soluzioni rndiwrandi. ilVSVESA versi@ ne 1 a auelle mediwicmle. mmtre il V M I ESA punta alle appti&zioni di elaborazi0ne interattiva. Inoltre I " M V X 5 A consente di far agire tra loro, in un unim complesso chiamato Sysplex, pio sistemi MVS i n t w r a tj da elementi hardware e s e ~ zsofhuare. i anche se risiedono su unità di elaboraione differenti. It nuova comwnente ~Cysplex Timern sincronizm le operazioni e gestisoe fino ad otto sistemi MVSIESA come se fosse uno solo. L'integrazione dei tre sistemi operativi nell'uniw architettura E S W 0 permette di distribuire su diverse uni@ di

elaborazione dati e programmi ges itit da wfhivare differenti: I'utiliwtore non dovd più chiedersi ctdave* risiede l'informazione. ma sarà il sistema stesso a Eseguim la ricerca. tosi pure risorse di cisterni diversi potranno essere mndivise c m una strutlura dient-sewer: l'utente, con un persanal mmputer collegato in rete. ptrA accedere ai dati deli'inrero sistema opera-

I

-

# u w svorta d 0 1 y ~ ~ i p secondo Gartrim Gmup uÈ un annuncio, questo del sistema 3W IBM. che sta alla pari soltanto oon l'avvio della sene 380 del 7 aprile 1 9 6 4 ~Il. Gartner Group. autoritA indiscussa in fatto di vicew de IBM, di solito non è molto tenero con le grandi uhrdaten o .uscite# di Big Blue. Ma questa volta, pur avendo sezionato le notizie al millimetro (rileva infatti umolti p e n l mancanti, date di mmgna deludenti e aitri probtemiii) i1 Gartner Gmup rileva comuw que che, con i1 51390 al'tBM ha tracciato la sua tabella di marcia per tutti gli anni '90. Inoltre BiaBlue sta davvero tentando di risolvere specifiche esigenze degli utenti come le architetture clientlserver a livello di intero gruppo aziendalen. Se lo dice il prestigioso Gartner Group, c'è da stare tranquilli.

Wf: un PC di massa... ma caro E in questa mcasione IBM lancia la sua sfida ai persona1 computer a *basso costar mettendo sul mercato italiano ii PS/1, dopo che indiscrezioni preannunciavano da tempo questa scelta ctmtegica di Big Blue. Si tratta di un PC basato su pracessore Intel 80286 a 10 MHz. con 512 Kbyte o 1 Mbyte di memoria RAM. e con b passibilit8 di adottare un hard disk da 30 Mbyte. Il p i w I o rgmndew PC IBM vanta, carne caratteristiche andarci, un adattatore grafico VGA e un rnodem integmto a 2400 htc IBM DOS 4.01. 1 P 9 1 saranno comrnercialiuatì con il programma Micracoft Works, pwramma integrato che offre un word pmcessing, un fcglio elettronico, un data base e un p m gramma di mmunicazione. Secondo IBM s'impara ad usarlo in 5 minuti: i numi P 9 1 interesseranno un mercato di massa: liberi professionisti. famiglie. hobbysti. ecc., e istituiranno i PCjr...ma con i prezzi che variano tra il milione e meno e i 2 milioni e meno e ottrel Secondo il nostro modesto awiso, non sad facile per IBM fare colpo su tale mercato anche in considerazione del rita~docon cui la sacietà si è mossa. Dunque. questi PC, pur do@ di prosore 280. Cono stati configurati per impdire le dassiche espansioni, con grande delusione dei hendtori che si ritrovano oon nessun valore aggiunto: i cornputershop non trarranno a k n utile dalb vend'rta dei PS/I. e l'utente non ci metterà molto a scoprire, soorrendo i listini, che questo PC con un monitor mm~cromaticoe senza hacd disk costa quanto un clone con un d i m fisso. Ma il cwtruttare ha un sam nella mania: 1 marchio. L'IBM esercita sempre un fascino che pochi altri possono vantare. Criticata odiata e copiata, IBM è s m p i a IBM. Comunque, per il W 1 il successo potrebbe venire proprio da quei p e s i (vedi SpaQna e Italia) non ancora troppo maturi dal punto di vista inforrnatico. Francesco F. Castelia

1

I

(

MCrnicrocomputer n. J ~ -Oombre 1990


,ENDiTAALMINLETO E PER ,. ,.--UNIRE PRODOlTI DI ALTA Q U W A *A VIA 4

TROQElVQLSC~40/42-8Qi~RQNIA-7E1,i06i ATTATECI G A R A W I M Q OUALITA' CORT-A I

CI

ORARtO 9.30 - 13.00 J 16.30 - 19.30 GIOVEDI C H W - SABATO APERTO POSBfBILlTA'APECHE DI VENDffA R A T E W T A (SOLO PER ROMA)

MS aw COMPUTER

f

r

l

r

~

n

r

i

n

z

~

~ ~ Z ~ ~ ~ ~ I ~ ~ ~ ~ W ~ ~ ~ ~ , ~ , ~ ~ , ~ ~ 2 i a # I w z , i ~ i , ~ ~ ~ t ~ , F L O P P Y 1 , ~ W A W a f A

z

r

r

,

~

w

~

~

~

~

~

m

~

~

7

0

p

~ Y ~ P~A W ATE U , ~ A H D aSQ ~ , X E 3 Y SRT E Km A I T A S ~ I E R A . I ~ ~ ~ D E S K ~ Q P-1 , P A R R L L ~ W l , Y U I B I V ~ ~ T ~ ~ 0 1 , ~ T O P . S T I E R A 1 0 I , ~ T O P , P A R f i r l l a L A , ~ ) I2 D ~

e

3 8 s ~ M ~ ~ ~ ~ l ~ * ~ ~ ~ i C W , T ~ 1 0 1 i P A b l A L L E t A W W D . 4 g 4 8 8 1 1 ~ 4 ~ F L ~ l , 4 4 U I B , W 1 0 2 4 i ~ i ( . t O P , T ~ 1 M . P ~ ~ , ~ 4 0 1 u s SSWm 3 ~ A T f L E ~ l ~ l U B , ~ R O e P Y 1 A Q M B , P f D 4 0 1 s B , ~ T I ~ , ~ P ~ ~ ~ t J - - ~ - ~ ~ !

I P ~ B O R S A PHILIPS~II O PHIUPS A 15 PHIUPS AT

. .. ..- .aia-~

ATAM K ~ H ATARI K 4 286 A M I K 5 386

2.521 .m

-- - -- .

dwit 7 um

-Yhw1*1*Ln

ssams l~0.nOQ

IW

.. - - -.- -

-

a m . m

i. i

E U U M V U 1 0 4 0 w p r M - ~ 5mma WmD C W M- INT. +. A-.

A--

.

554-f3ao

- - --

I min

I

i.-uriii,,

i Lniiv L , , , "

~ E T E R w l Z r n ~~~ -.- -. --.

Ilak -I

-"h-

I

504

AMlEA 500

SW.000

AMlGA2000+2DRIVE 1.430.Wi0 A 3000 16MHf S.Z(JO.OOO COMMODDRE 64 NEW 220,000 DRIVE PER CBM 64 205.900 DRIVE EX. AMIGA 139.000 DRIVE I N . A2DDO 134,000 BPANSDPJE AMIGA500 110 . ~ ~ 5ci.r.OOD IANUS XT KANPIER AMICA 336.000 MOUSEMl6A 50,OOiI GENLOCK A 2301 340.m GENLQCK AMICA 470.000 DIGIWDEQ AMICA 1 10.000 DIGIAUDIOAMIGA liO.WQ ANnFfl~ERING -QOQ VI DEON 2.0 378.000

S t/4HDMi?U 31BDBDD 3 1B SSDD WNY 3 1/2 E D D MfiJU8KHl 3 1/2 HD MI70 0

1.3-848

: '4 84.0 -1.176 : i .,.jl367 2321 X&.OQO

ATARI 1MO STE ATARI MEGA 1 ATARIMEGAZ ATSJ MEGA 4 DRIWE EST. ATARI HD ATARI 3 M B MONTTORATARIMOPK) MONmQR COL # ATM1

231.OuQ 420.000

CITEEFI 1SE CmZEN SWlFT24 C171ZEN M E R l O6

' W-nM

I

W N M N M81

j 277.000

STARLC~O

1 319.000 '1 MS.DO0 605.000 7 .qDO.WO '1.200,000 403.000 SlXLOW1 l .l 7 5 . m

HD WMB 1 l + t T R i 1.430.W ESPANSIONE 2000 8MB 00.800 ACCELERAT. 1 6MHZ 'IM . W m ) ACCELER 28MHZ B U O I 3.9d0.000 CONTR. HD PLU50 528000 H D 4 D M B I l W + C R L 1.?50.ODfì HD 4OMB + CiRL + 2MB M 1.4BaMJO HD 500 1 5 M 1.l 50-OW]

STAR L C l Q ~ L O R

NEC PLUS NEC P6 FLUS NEC P7 PLUS

HD CBM t090

$40.000

EPSON H 4 0 0

HD AMI500 MIDl M t G A

t340.000 67,W

EHON LQ50D EPmN ~Q'105U-k


I La Biosofr di Genova è una software house specializzata ndla creazione di programmi e interfacciamenti per l'ambiente medico: in questa ottica rientra Dataccreen, un database rivolto a medici professionisti per la completa gestione di un archivio pazienti. Il programma B stato interamente realizzatoin Italia ed è fruttodi una collabora zione con I'lstituto di Microbiologia di Genm va per poter meglio capire le esigenze di un medico utilizzatore. Dataccreeenvienelotalmente gestito dal rnouce e tutte le sue attività vengono eseguite nell'unica finestra principale: vero punto di forza del p r q r a m ma B la possibilità di ~agganciaw*e richiamare dal suo intemo altri pwramrni di grafia a di elabrazione testi in modo da poter avere un completo pacchetto per I'aquisizione dei dati relativi ad una cartella clinica. 2 infatti possibile associare ad ogni pazrente oltre al testo relativo alla cartella anche immagini digitslizzate: a titolo di esempio ad un paziente vengono associate le digitalizzazioni di due radiografie, non ci sembra infatti fantascentifica l'ipotesi di un medica dotato di computer e telecamera O scanner. Una volta completato l'archivio B anche possibile inviare lei schede, p sola

iiE\VEL

ho-

mente le immagini relative, via modem con una procedura totalmente automatica ussndo un modulo separato del programma: le immagini possono essere ricevute anche su sistemi Ataii e MSDOS grazie a due p r e grammi appositamente realizmti. L'uso del programma è immediato. tramite una serie di gadget è possibilerichiarnareoaggiamare la scheda desiderata, mncubre la terapia o la diagnosi relativa. consultare le immagini associate ed infine spedire o stampare il tutto. Molto ben fatta Blafrnectratestodove possiamoscorrere la scheda del paziente, lo ccrtill passa da lento a veloce automaticamenjedopoqualchesecondodiconsultazie ne. E forse invece un po' povera la sezione di ricerca affidata ad una unica chiave, sono comunque presenti una serie di gadgst che permettono di scorrere facilmente I'archivio. Da notare che la Biosoft pub realizzare, a richiesta. delle personalimzioni del pro grarnma in modo da poter interfacciare il programma direttamente ad apparecchiature mediche pmfessionali. Per ogni ulteriore informazione sui prezzi e le disponibilità del programma contattare direttamente la casa distributrtce. Biosoft Via Sottoripa 7R Genava Te1.01&290747.

All'intemo dello sfand Cornmodore, la Digimail propone le proprie sofuzioni nel settcre dai Desktop Video e Dedtop Publishing. Nel primo caso la postazione comprende tutte le attrezzature adatte afla risoluzione di pmblematiche legate alle attività "'lte agenzie di pubblicità. sfudi di produzione e pOstpmduzione video* emittenti

a la

z$

T~ ~ ~~ di

~ ~ $ ~~ ~ ~ ~ pubblicitari. br* e comunicati azienda'iI' 'Oftware permette I'impainala creazione di il trattamento di immagini a squisite da con manipolazione delle che di quadricromia. Una iniziativa annunciata già precedente mente allo ma 'lbadita "l della manifestazione, riguarda la creazione divisione Infomatiw e Formazione al'a qua'e afferisce una serie di corsiorganizzati Digimail. Si t'atta di 'Orsi dispmibi'i in due sOIuziOni: wllettìvi O persona'izzati ( q " * ~ ~ ' ~ l -

~~~~~~~

~ ~ ' ? $2;: ~ ~ :~ ~

1

~ ~ ' di argomenti pi

do"0 la

~

meno

~ ! p a ' " ~ p

~ i i ~ di 'Ideografica frequenza bisettimanale e lezioni dela durata di tre ore nei aiomi lunedi e mercoledi. ODDUre martedi e

e personat computer

Via Moc Mohon, 75 - 20155 MILANO - Tel. (02133000036/323492 tutto i[ giorno - (02)3270226 al mattino - Fax 1021 33000035 Chiuso 11 lunedi - Amrto i/sabato

USTWO PREZZI TOWER 286 - 386

286 - 1Mb Ram on board, espandibile a 4Mb, O wait state, 16Mhz,1 dtive da 5,25 - 1.2Mb (o 3,5- 1,44Mb) con controller per Fl3D e Hard disk. Sch& grafica CGq/Dual Hercuies, V 0 Plus m 2 3 2 + paraUela + do&). Tastieraestesa 102 tasti. Manuali e Dos originale! Lire 1.450.000 386 sx - (come copra) 16Mhz 386 - ( m e sopm) 20Mhz 386 - (come & 25Mhz 316 - (come sopra) 33Mhz

Lire 1.900.000 iire 2.350.000

Lire 2.400.000 Lire 3.500.000

Scheda EGA

PARTI A G G I U M E in piU o h ii p*ezzo base) Lire

VGA

Lire

(~~

Sch&

!?che& Super VGA (256K) Scheda Super VGA (512K) Hard disk da 20Mb Hard disk da 40Mù (NECo simili) Hard disk da 40Mb (Quantum) Hard disk da 65Mb (NELo simfiij Hard disk da 80Mb (SCSI/ECDQ Hard disk da 100Mb (mI/ESDI) M disk da 180Mb (AT-BOS) Driw aggiunth da 3.5- 7213 lib &ve aggiuntiiw da 3.5- 1,44Mb

lire

Lire tire Lire Lire

Lire Lire Lire Lire

Lire Lire

MOWITORS Dual VGA bin 640 x 4.80 EGA VGA (Nomal)480 x &IO VGA ( M u i m800 x 600 VGA 1024 x 768 Multisync NEC-2A 800 x 600 Muhync NEC-3D 1024 x 768

lire 950.000 iire 1.100.000 Lire 1.200.000

Lire 1.500.000

cono in Case piccolo. Case grande + Lire 100.000

690.000

\

I PRUZI SOPRA ELENCATi SI rNTENDON0 WA COMPRESA INOtTIIETUIII1CO~SOND~~D1CdRAEIZULFiAUANAD11ZMESI

VEMDmA PER CORRISPONDENZA W RETE NAZIONALE - 20020 -E I

Lire

199.000 350.000 700.000 850.000

N.B, Tutti i Tower

160.000 250.000 300.000 399.000 390.000 990.000 1.190.000 1.360.000 1.900.000 1.990.000 170.000 230.000

Lire Lire Ure

- VIA MATTEOITI, 21 - Cdo uer Tel.02/93580086 - wsta . MCmicrocomputer

n. 100 - ottobre 1990

I


Novtidc h e p e n n e t t % d l w ~ e o I o porta 1 (m~~pe) dal' Amiga confemporaneamsnteil rnouseod il joygtick e I 8elezbncire a p b r e senza si-re orni volta I cwl. ~U$$lMOlll

Nuovo Pal Genbck serri p r M i n o l e w n r e g e n l & m e perrIsUtatl a k w m rnbiorl.dkponlbli varle versbni. L 3PP.000

Via Mac Mation, 75 - 201 55 MILANO Tel. 102133000036/323492 lutto il giorno (0213270226al mattino-FaxI02) 330000 Chiuso illunedi- Aperto ilsabato

-

M L O C K GENLOCK

I

NCIWA'! Eccovimodei mQ8lorlgenlockpertutti iJIIAml~,fUr&ncisuA500/1000/2m/ 2%. Il Supwdock è Il prlmo Genlockcon qualrtà3roadcasted w l t a In Super-UHS, M2 Betacam. LUMAICRCF MA o V/C. b n d a pwunte fino a 5.5 ~ h zRegotaijme . di fase, +-bile i ad~loccimbbreda PAL. WHSo RGB postare necsun covo ow che vi fase di editing. InoWre KEY OUI per Cromci Key. Key -ae. Nomiai Key.questo e moltodi più w o i otten6re con Il nuovo SUPER - S W L O C K .

W

A520 EXPANDER Nwab d u i a cwclu-

F i l m e n t e uria sdmone m b mmodklmo moduhforeTV W.c m questo cmo spechle puoi t e m il moduhtore m 3 0 mdcdI'Amlgm ciza plù Intrulche. L~USSMOIII

MSC PROECTOR L 29.W S v per unci plccolci me dschlate di donnegghe mimediakilmente ivosMdlscheitida VIRUS. oSEM FUCEMENTE Fomiuttandoli ecc. Con questo dispositivo hardware W e Impedk che si posso scriveresuld i

VIDEON III" PER A M k A W/2Q00

mdiwndentemente&lIcifln&&

Pdl MAI VISE, DK$ffMEZ&TQRE PROEWUNALF ~ ~ ; i € l l ~ k i l kANCQLQM E

AMICA SBLECTOR ( F l c d à m s d l l t a ~ ~

OrochelnMoI'obbo&mde8eperW~ r i c k ed occeasorl perAmlm. ncisce tl problemci che rnm SIco$egwo alla p d a porolelo. che B q u d sempre gi5 imwpnoto con 10 stcimwnte, per questo moMio rci Newe ho credo YUACKDISPLAY PER A M W n1W que5to nuwc dlsposmvo ctm p d t. 169AMI te di collegarefmo a quatiro -a Utle novmi segncilatore dl tracce per rifirhfacce come ad m p l o : D e l due drlw e due Mrd. &o per m i g o talkutorl M e o Easy V&, DfgMew. 2000,sempltce installonone. Vldeon) D b b l M o r i CESoun.ProCoud .) ed alcuni acmpwricome Aml~ W ~ t a r ~ ~ d l ~ n c o r n EmS PmW ~ N E~DI MEMORIA PER AMIGA tore chesekzbnciilntducda d e d * - 512K Intemo per amigo 5M) roto ArrigaCeLectwBmoltoutIlecorne L 1mmu prolunw dl arca 40 cm delb pmto - $l2K Intemo per amiga W +clock porcilido. molte utde ad &empio per L. 149.W i N b n Ilche B corredato da m c o w -16MB I n t e m o p e r c m i ~ ~ + c l o c k m& corto.Appena entrerete in pL 390.000 swm di quesio irKI'Mmo ac-rlo VI 2 MB Interno per am$o 500 + dock renderete conto che B Ind@em&ilel L 190.000 Lw.000 4 M 0 Interna per arnkgo 5W + cbck Tdefon. PEMNA OììiCA AMIGA 2 MB Esterna %spcndMku 8-r A1OW t. 5 9 9 . m Perno oiika arnubide por tutti @i -2MBIntwnopwAmigaMM3~o8 Anaiga.completaa7 soflware dlgestl* M6 L 699ne.fundonaLnemui-ne rnouseed è -8MBlnt~naperAmiio2MX)rxin8M3 com@bile con ia maggior poit% del RAMI L 1mmo soiiware in commercio. corredata dl manuale dl IstniplwilIntemc Ln Itollcno.

EMUIATOIII RNALMENIE DEPONIBILE CULTIMA VERSIONE HARDWARE DELLATARI ST EMULATOR PER AMIGA 5 0 0 W per una qumd totale cornputblittà al 998 L. 2 m.m A-MAX I! dlpponlblle nuwo &me, ed Upgade p e r chl possiede gi6 la primo ALiMENTATORf PROFESCIONALE PER

-

LdPm

AMIGA S00 (dtsponlblle)

- UN NUOVO DIGIIAUZZATORE A C

-

&l

mito utbelll

I PROUINGA DnIM AMl6A L NAOO Proluogo s c h e r d a per dnve oggiunti.

1 ~EI~I/MERNIPER~GUAMl6 A ALTA QlJAUiA' Drive interno ~ e AMIGA r 5W

I

Drhre Interno per AMIGA 2WO

(com-

I

pleto) L. 1wm D m i e e s t e r n o w r ~ ~ ~ l ~ t ~

0

LOR] PROFECSDNALEPER AMIGA! - UN NUOVO GENLOCK SEMIPROFES-

CIONALE CON EFFETil VIDEO AD UN

PREZZO ECCEAONALE'! - E DECINEM NUOVI ARTICOU MCHIEDI IL NUOVO CATALOGO NEWEL MSNIBILEDAMEIA'OTIOBRE,VI ATENDONO FAMWCHE NOVITA' E NON 90L0.,..71?1

DlgKalinotore oudii-STEREO Pr*Somd OeAgner Gald V.2, L 175.m Mrn%P2 IN THRUE 3 OUT L 79-W

., ,.-.-- ,.-. , .,- ....-.,---.- -...,- ., -

L l25AW

&O.

CONL'ARWODWAUTUNNOALLANEW R A M A N O FAMASTICHE NOV1TA' PER AMIGAI1

'MW

DWOMBILE ANCHE NUWAMRSIOM PROFESONALEIII

t 29.000 NeweD

-

22W PROT€CIK)M L #MIO CpesomMdannldelvosfrocmputer & perlhrlche (Stornponti. mònitor, m.), sowdovuti o di corrente. diiturbi ed &m, c m questci nuovo preso multlph apgosttamente studiata ~ ecmpute~ r potete collegare fino

I r i m o (fum~onacon tumimrnponew 1 I tn. I

dl dcevere Ilsegmk TEWDEO (dalle pinc[paliTVcdle@ecme: W-TELELOMBARDIA ecc.) dl semplice Irstolbdone permene oltre io vliuobdone a video b popsiblitb disalwre su àisco edi btampare dlrenomente. UtSIWmo. Colo per Amigc 5M)W.L IW.000

l -A' PER Ci4 64A ' UNA SCHEDA XI PER AMlGA 2WO

mB0-xr

I

L 1P9.m Raddoppia la vekocitb del dmk.Indt wensobib Xl-RAM 7 W L. 2 7 9 m Porta deila vostra xheda .. lo.mmoilo , ,

Incredlbleconmenodiiit.B M 1 m . p~oi avere nel h o Amlga due computer. puoi r e n m corn@ibile IBM in tutto oer tutto. comoaiibile con il mow. iwtsck. m e Interno ed m(onche Ylld). poraiblo e wide in linea. 1~ ~ d i m tmoiwiovistocaiche80ita m

- --

xi a tm su p m i rnoare.

I I-

SB~-sxPomR CARO

m

e swrpiicissimo da instaliore. si infila nelloslotdelleqmrrsionedi msmorla!!!

I

-

-

I

(

E ULTIME NOVITA' SOMARE, ORIGINAU IMPORTAZIONE DIRETIAIIIi SYNCRO EXPERT V%rslone 81 -A' Serve sdo per &e di h r e m d uwi pemmde E~mMWEIII D,SPONI.IB IN MAOml.0 C INERA GAMMA PkOFI!.1*.*LE AMG* 3000 Se hai I'Amioa od un secondo DrWe.auasto & ~ n ~ ~ ~ l ~ s s o i ~ m e n t e ~ e r d ~ b . Quaklasl p&grammo. orlanole e n& @rbi finalmenteduplicarlo per b tue ccple dl sicureno.~ o w quolsiasiformoto. a anche ~~~SIDOS 3 5 .MAC.ATARI. ecc.,su d5chl35' Rno a 8Oimcce 2 faccide, Sernp4cissknodo -re. non necesito di a l c m ccnoscenm.Cosuo f o m B un chip custorn LSIcRe st povroipponeal m l c w r e wplondo quolsldsid h . L 8 5 . m isolo copidore.L 2 a V m Il wpiotors pdù un -rido Drive con cromtwe slim meccanica Citimn.

-

J

L

I

~.1.29om

~mforrnob &ra w ~ & aKT In una AT- 385% 0 16 M k con IbK dl CACHE-Memory.curnenta lo velmitb do #I Rno a 12 voiie. prdkisWd0 W wpaocessore 3876)(. (STRAORDINARLAIII)

TUTTI I NOSTRI PRODOTTI SONO COPERTI DA GARANZIA DI 12 MESI TUTTI I PREU1 SONO IVA 19% COMPRESA

I


chiostro, indirizzata verso aree applicative specialistiche come DTP e CAD. Dotata di 64 ugdli, B in grado di stampare col1 ricoluzione di 300x300 dpi su più formati di carta W. A3 e modulo continuo). Alle stampanti t! affiancata la sene di computer EL ed ELLE. Al tradizionale appuntamento milanese la i'Epson EL2 basato su processore Epson Italia presenta oltre a prodotti innovati- 80286. a due velocità di elaborazione, 6.7 e vi basati culla tecriohgia dei cristalli liquidi 10 MHz. La scheda grafica interna B VGA (LCD), come ad esempio i1 vide~proiettore 640x180 a 16 colort, la memoria standard è VP-100 FS, una corposa quantità di starnpan- di 640 Kbyte espandibile a 4.6 Mbyte e le ti e di computer. Sette sono I nuovi modelli configurazioni possibili m o con floppy disk presenti rappresentanti tutto le tecnolwie: da 95". hard disk da 20 e da 40 Mbyte. 9. 18. 24 aghi, laser e getto d'inchiostro. L'Epson €133 B dotato di processore Iniziamo dalla Epson LX-400, una stampante 80386s~a due velmif$ di elaborazione: 8 e a 9 aghi professionale a cui segue la Epson 16 MHz. UI-1050 a 136 colonne naturale completa L'ampia gamma dei nuovi prodotti presenmento deila W-850. Sempre a 136 colonne, tati si completa con la serie di computer ma a 24 aghi, c'e la DL02000 che monta ELLE di cui fanno parle il modello L2 e L3 una tectina ruotata di 9Q gradi con I'introdu- costruiti rispsttivamente attorno allWHC286e zione frontale di mdulistica multicopie e a 803860X e dotati di schermo a colori LCD. foglio singolo. Per elevati volumi di stampa troviamo la DFXB000 dotata di testine a 18 aghi ad alta velocità: 1.066 caratteri al secondo. Arriviamo alle stampanti di pagina: EPLQuest'anno nello stand Commodore si pub 7180 e EPJ-200. La prima è a tecnologia notare il largo impiego dell'ultimo nato Amiga laser con una velc-zità di 6 pagine al minuto 3000 per tutte le applicazioni professipnali con una risoluzione di 300x300 dpi. Possiede tendenti alla creazione di un'utenza qualificadue canali di ricezione dati che ne consente ta dei pmdotti Commodore Amiga. no il collegamento in rete e soddisfa le Oltre alle prestazioni allestite dalla Digimail esigenze di grafica grazie all'emulazione [delle quali gi8 si parla in queste stesse HPGL. pagine) una serie di interessanti applicazioni La Epson EPJ-200, a tecnologia getto d'insono proposte dalla Abis di Catania, dalle

ditte C.T.O. Digiteam. Cloanto Italia. Promind e dalh Soundware di Caccia0 (VA). La Abis propone la msueta WindoVid, una vetrina video interattiva che applicata diaro ad un vetro permette a chi opera dal lato esterno di attivare i tasti e comunicare con il computer. Sulia base di tale accessorio t5 state proposto anche InfoSJf, owero un punto di informazione in grado, grazie all'ad* rione del sofcware Amiqa Vision ed ahro software di supporto, di Fornire informazioni multimediali sui d o t t i presenti all'interno dello stand ~ommodore.' L'applicazione è diretta ad aziende che abbiano la necessit8 di realizzare videocatale ghi inkrattivi dei propri prodatti, a scuoie, a negozi oppure. mediante un'apposita blindatura, a punti di inforniazione posizionabili anche in luoghi non controllati come strade, piazze. Sempre a proposito di sistemi informativi grafici, una particolare applicazione realizzata m Arniga consiste in una raccolta di 400 immagini. rxin didascalie hadoite anche in inglese e francese commissionato dall'Azimda Provinciale per l'incremento turistico di Catania per fornire informazioni a cittadini e turisti. Parte dello stand B stato dedicato anche aile applicazioni MS-DOS basate sui sistemi Commodore PC 64 III ed ai nuovi prodotti in ambito MS-DOS come il nuovo riortatile n e tebook Commudore C286-LT dalle dirnensim ni molto contenute (312~254x52mm) e dotato di grafica VGA

Un Vasto Assortimento di prodotu: Monitor WECIIardDisk QUANTUM Mb, tastiera 102 taqti, schoja video bifroquenza Hcrcules/CGA, uxita seride e parallda, ingresso joystick. Contenitore di tipo Desk Top corredato di manuali.

Lire 1.650.000

Stampanti LASER Mouse per PSt2 Drive Floppy Disk, Joystick, Nastri per Stampante, Schcde Video, Hard Disk

Coprocessori Matematici

8087-2

Lire 299.000

unHanlDisk40Mb 18msditmnpodixcesso. undrive5,25 1.2 Mbedundnve3.5" 1.44 Mb,taqtiera 102 tasti, scheda video VGA 800 x uscita senate e parallela, ingresso

80287 - 10 Lire 459.000

Lire 3.450.000

m I PREZZI SONO rvn ESCLUSA EPSON LQ 500 Svampantc a DIaghi 150 cps. EPSON LX 800 stampmte a V aghi I 80 c p . TALLY MT 8 1 Stampante a 9 aghi 130 cps.

Lire 690.000 Lire 280.000

Telefonate o richiedete il catalogo per i prodotti non presenti in questa offerta. Effettuiamo spedixioni in tutta ITALLA

i pmdutti mcorredati di M$-DOS 4.01 in Italianu originale od un nnnu di g&

Cercasi Rivenditori

-

MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


0088 l Q Mhz. 512 Kb RAM

FD 360,H.ta20 M 4 TASTIERA, SCHEDA M0WM;ROM.

STAMPANTI AD AGHI CITIZEPI 120 D PLUS L400.000 SWIFT 9 L.450.000 15 E 1.530.000 SWIFT 24 TELEFONARE PROWT9 TELEFONARE PROWT 9x TELEFONARE

Hmt une telefonica, Servizio Assistenza e 18 mesi dl aaranria Totale

su ogni nostro prodotto.

STAMPAWi1 IASER

MEMORIE DI MASSA

SEAGATE 20 Mb, 38 ms QUANTUM 40 Mb, ? 9 ms QUANTUM 80 Mb, 19 ms TEAC 720 Kb TEAC 12 Mb TEAC 1144 Mb CONTROLLER HD XT CONTROLLER HD-FD AT

L.310.000 L.700.000 L.l .l 50.000 L.156.000 L.120.000 L.156.000 L89.000 L.150.000

MODEM 1200 BAUD INTERNO 1200 BAUD ESTERNO HEDAKA 2400 BAUD INT HYUNDAI 24UO BAUD IMT.

Difficile copiare il nostro Hardware. L.150.000 L165.000 L170.000 L170.000

TELEFAX CANON 80 L.1.100.000 CANON 120 L.l.490.000 GUIS CON SEGRETERIA L.1.200.000

MONITOR MONOCROMATICI CGNHERCULES 34'' EIZO 6500 MULTIFR. 21"

L.190.000 L1.450.000

1M b W FD 1,2Mb, HD4OMb. TASTIERA, SCHEDA VGA

MONITOR A COLORI

MICROViTEC 14" VGA MULTISYNG 14"

L.690.000 L.800.000

SCHEW VIDEO HERCULES

CGA

DUAL (HERCULESICGAI EGA VGA 256 Kb SUPER VGA 16 BIT 512 Kb

L.70.000 L.70.000 L.75.000 L.145.000 L.250.000 L.300.000

Chiamate i nostri numeri


'i

Compaq Computer SpA 8 presente dh 27' edizione deUo SMAU con due sta&, per una superficie totale di oltre 500 metri quadrati. nei quali espone la gamma completa, dei cuoi perconal computer da tavolo, portati-fa li e iaptop. Oltre alla linea completa dei proprì nal computer basati su processore Intel 80388. ci sono i nuovi astemi PC rivoltiespressamente ail'arnbiente di rete (Compag SystemPro, Cornpaq DeckPro 386N. Com paq DeskPro 286N) e la nuova linea di personal computer laprop e unotebookn size,xil (Compaq LTE. Compq LTE4286, Compaq

'

l I

SLT 386c120). Al vertice della gamma di persanal computer da tavolo Compaq, si DeskPro 486/33L, basato sul processore Intel486 con bus Extended Indu-;, stw Standard Architetture IEISA) a 32 bit. ~ t i d i a t oper applicazioni chs'richi~donog r a ~ -? Nella fascia di perconal computer con midi capcit8 di calcolo, carne il CAD, l'ingegne-croprocessore Intel 80386,troviamo il Cornria del software. la gestione dei database di paq DeskPro 38W33L a 33 MHz caratterizzagrandi dimensioni o l'analisi finanziaria. il to da una serie di funzionalità che rispondono Compaq DeskPro 480/33L ha una potenza di alle esigenze di quanti utilizzano applicazioni elaborazione tre volte pitì potente rispetto ai avanzate di produttività individuale, di anafisi sistemi basati sul 386 a 33 MHz e del 50% statistica e finanziaria. più veloce di sistemi basati su 486 a 25 MHz.

Segue il Cornpaq DeskPro 386s/20.basato su 386SX a 20 MHz, prodotto ideale per applicazioni rnultitasking in ambienti operativi come MS Windowc 3.0e DESQview. e che offre un valido supporto ad applicazioni sotto MS 092 e Unix. Per queste sue caratteristiche di affidabili-

Rivenditore V e n d i e assistenza Persona1 Computer Via Leoncavallo, 19 - 20131 Milano - fel. (02) 261 11673 Orario: 9,OO-12,30/15,30-19,30 sabato compreso

SUPERcW PERSONAL COMPUTER SC88L-020

CPU8088110Mhz- 640Kb RAM - HD 20Mb- M360Kb - 1Par. - ISer. - Video Herc. Mono - Des 4.01 Ll.SM).MKI

SC286-O40

CPU 80286ilZMhz - 1Mb RAM - HD 40Mb - Fd 1.44Mb - Mouce - 1 Par. 1 Ser- Video VGA Colori - Dos 4.01 L2.8m.Om

-

SC386SX-040

CPU 80386SXH6Mhz- 1Mb RAM - HD 40Mb - Fd 1.44Mb - Mouse - 1 Par. - lSer. - Video VGA Colori - Doc 4.01 L. 3.4MI.m

CC386110

CPU#86/25Mhz-IMbRAM-HDiiOMb-M1.44Mb-Mouse1 Par. - 1 Ser. - Video VGA Colori - Dos 4.01

PHILIPS PERSOMAL. COMPUTER P2120-024

CPU 8086/1Mhz - 768Kb RAM - HD 20Mb - Fd 720Kb - Mou* - 1 Par. - 2 Ser. - Video VGA Colori - Dos 4.01 L. 22oomo

P2230-O24

CPU 80286112MhZ - 1Mb RAM - HD 20Mb - Fd 1.44Mb- Mouse - 1 Par. - 2 Ser. - Videa VGA Colori - Doc 4.01 LZBDOXKHI

SUPERCOM - PHILIPS - TOSHIBA - EPSON FUJITSU - STAR - OLIVETTI

Si EFFETTUANO CORSI DI FORMAZIONE rlmoxÉ

PORTAìTLl TQSHIBA

L 3.150.m L. 4.700.000

T12WXE T1 T16M1,40

m

L. S6.000m UAQO STAMPA^ EPSON

FX45Q

EiE LQ-1050

L 860.000 L. 1.100.OQO L. 650.000 L. 1A5[M100

-r

STRIWPANTJ STAR L

LC-1 O LC-15 LC-Z4.10 LC-24.15

=.ma

L 800.000 65aawa L 990mlJ

K i i MONiiOR VIDEO VGA MONO + SCHEDA VIDEO VGA COLORE + SCHEDA VIDEO VGA COL. 1024x788 + SCHEDA VIDEO VGA COL. 19" 1024x788 + SCHEDA

L. 450.000 L 800.000 L 1.000.000 L 2.950.000

DTP L. 380.000 L. 570.000 L 80.000

LOGITECHSCAMNER GENIUS TABLE MOUSE

CONDIUONI M VEHDITA: Tutti i prezzi sono IVA esclusi. Il pagamento dovrà esgere effettuato in contanti alla consegna, per pagamenti anticipati sarh effettuato uno sconto ulteriore del 3%. Pagamenti personalizzati per clienti qualificati. Ulteriori sconti per quantità CONDIBONI Di TRASPORTO: li trasprto sarà effettuatotramite corriere a Vastro carico. Condizioni particolari per grossi quantitativi.

130

MCrnicrricomputer n.

t OO - ottobre i990


4

1

Nella tradizione dellaL perfezione * h a

Mentre la produzione tecnologica cambia in modo radicale dopo l'incoronazione deli'insigne impera&, le hdizionaii vlrtii dgiane, ancora predgma O alrnenr, ciò è vero per i 400 operai della T=, che fabbrica 60 mlla monitor mono crematici e 40 mila a colori ai mese. Ricerca attenta, scelta di materiali di prim'ordine, e sapiente lavorazione, hanno reso la TRL l'azienda Taiwanese leader nella produzione di monitor da 12 e 19 poilici. Ma non ci siamo ripmti sugii dori: ingegneri scelti della sezione R8rD recentemente hanno sviluppato due monitor ad alta risoluzione di formato A4. ii successo internazionale della TRL è inolbe basato su di un'efikiente rete di validi distributori e venture partner, con i quali stretta wllahnione e promozioni wngiunte sono ali'ordhe . . del giorno. Qmta rete si espanderd presto. Se volete farne parte, contattateci. Monitor TRL A4: T-1718 T-1728 l7 pollici rnonocromatico Muitlsync 17 pollici monocmmatico Frequenza orizzontale: 3M4 KHz Frequenza orizzontale: 64 KHz Frequenza vdcale: 60 KHz Frequenza veriicale: 60 KHz Risoluzione: 768 x 1.O24 RisoIudone: 768 x 1.O24 ,,

Contuck ROYAL INFORMATIOR ELECTROPItCS CO.. LTD. 15P-1.

P10.'85. S C L l. CHUM-HSIAOE. RD., T A m l . TMWM.

R.O.C.

TEL: W - 2 - 3 2 1 I369 FA%: 886-2-39EIU1 113465767

,

AIRO. J. LANE 1t. TZU-CIIAM~ST., TU cnem iriri. DI=.. fm:I02)2654100 FA%:-2 TAIF'Ei. TAIWAn R.0.C-

s/m. 77-15,Si\a.cni ROAD.. wucnien VIWC. TEt: (0SS)soBBOo FAX: 547405

:

,

,-

DYrft)utOr: GRUPPO SISTEMI TORINO S.P.A. VIA R ~ S ROMOU. S Iaajo i o i a mutno tU:Oll-2202651

FA% 011-5-

I-LAN. TAIWI


Cornpaq DeckPro 386N è. basato su 386SX a 16 MHz mentre Compaq DeskPro 286N utilizza il 286 a 12 MHz. Entrambi i prodotti incorporano alcune funzioni che ne ottimizzano le prestazioni in ambiente di rete: un'utility di Setup. residente in ROM permette di configurare il sistema e di attivare i dispositivi di sicurezza senza l'utilizzo dell'unità a

no 2,s chilogrammi), ed hanno dimensioni molto contenute ( 2 2 ~ 2 8 ~ 4centimetri). .8 Compaq LTE1286 utilizza un 80C286 a 12 MHz, mentre I'LTE sftutta I'MC86. Entrambi sono dotati di unità a dischetti da 3.5" da 1.44 MByte e di un video CGA a cristalli liquidi supertwist retroilluminato dello spescore di 0.75 centimetri.

MICROSYS s-1-1.

INFORMATICA 90 ...ED INOLTRE

COFTWARE

- COETWARE GECTIONALE: Contabilità (SPIGA W, Gestione paghe e mntributi, Gestione studi notariii, ecc.

foglio singolo awiene con caricamento semiautomatico dall'alto. Grazie ai trattori di spinta le MT13W24 e MT131124 possono sia parcheggiare 11 modulo continuo, consentendo nel frattempo l'uso del fogliosingolo, sia faravanzare la carta per facilitarne lo strappo. Le innumerevoli opzioni. quali il caricatore

Le soluzioni Software sono integrate dalla presema delle migiiori proposte Ilardware.

- SOETWARE TECNICO GFSTiONALE:Contabilità imprese edili e studi.tecnici, Cantieristica, Iisictini voci e prezzi per preventivaziw ni ed analisi, Gestione gare d'appalto e lavori pubblici, Topografia

catastale.

-

E

OfferteSMAU 90

* PC - AT 1024Kb, IFDD, 1HDD 20Mb, Monitor Monwomatico + SPIGA 11 CompIeto L. 4.850.030

Mkmci~ meccanid...............................................................................................

elethicì ed elettronici, Terrnotecnica, Calcolo stnitturale anticismi-

ecc.

SOFTWARE MEDICO: Gestione amòulatmi medici di base, Medicina generale, Gheco1.0gia, ecc.

"PC - 386 1024Kb,lPDD 1.2Mb, 1HDD#Mb, Tastiera, Scheda grafica VGA ................................................................................... L. 3.350.000 IN OMAGGIO TAVOLETTA GRAFICA 1Fx18"

- SOITWARE GESTIONALEAPPLICA'ITVO:Gestione autosaluni

*m

EO, -

bterf. w

n SPIGA n), Agenti *i comm&o1 Agenzie *mmobili&,

Ottica, Abbigliamento, ecc.

hC

O

~

G

~ +~

T~ & SL N E E~ it,R

...............................................................................................

L. 4.m.m

PC - AT 1024Mb,IFDD, 1 HDD 20Mb,Monitor Monoarnnatico i - ~m~O p m m A : wefi di -da2jone, %aone WordPerfect it. 5.0 traffico ferroviario, portuale, amoporhale, Studi di fattibilità, ............................................................................................... L. 3.000.000 Consulenza c ricerca. IN OMAGGIO STAMPANTE EPSON - SOFTWAFS GRAFICO * SCHEDA GRAFiCA VGA + MONiTOR COLORI VGA 1 4 - SOFTWARE ORIZZONTALE:M i m o f t , Lotw, BorIand, ............................................................................................... L.

WordPerfect Co., J. M,Autdesk, Rank Xerrix, ecc.

ASSISTENZA E CORSI SU TUTTO IL SOFTWARE DI^^

E PRODOTTO.

990.00U

CONSULENZA, l'RoGE1[TAZIONE E iRsALEZAZIONE DI SISTEMI LAN IUNYC XENDO

PREZZJ IVA ESCLUSA - SFEDmONI CONTRASSEGNO PER TUTTA ITALIA Via Gennanico, 24 - 00192 Roma - Fax (06) 3251761 - Tel. (06)3251763/4/5 MCmicrocomputern. 100 - ottobre 1990


- ,

,

,

-J 1-

\

,>

-l-.

:n

n

-<.

"--: - .

! ,-4

-

,'1p;"I 4.

!'

.L

.

. ..

..

-I C

QUANTO PENSATE CHE COSTI LA QUALIT. DEI COMPUTERS JEPSSEN?

PRCJABILMENTE MENO DI QUANTO PENSIATE, CERTAMENTE MENO DEGCI ALTHU

VERSIOWI DESKPRO & h. 7 , DESKTOWER _ I 286 12MHz 286T 16MHz 2868 2OMHz 386SX 16120 MHz

-

VERSIONI TOWERPRO 386 25MHz 386 33MHz CACHE 486 25MHz CACHE

'!

IMPORTATORE E DISTRIBUTORE ESCLUSCVO PER L'ITAUA


L

.. -

-I

-

'

'Q.-

..

LaserJet I! anche per Epson 630 ECC, IEM Proprinter Il e Una-tecnica di gestione della mente avanzata consente tram di due cassetti di alimentazio gestire stampe su vari formati e carta intestata pio seguito lettera. La Xerox 4030 B in grado di stampare fino a 10.000 pagine al mese con una velmita pari a 'l1 pagine al minuto. La memoria RAM standard B di 512 Kbyte. espandibile fino a

autOmatim a una mq (che pu6 8aCSere W t o di uria seprida v w i e~ di un V~S@O $r fa uscita della Eans a taccÌa in i trattori di tirei p e r gestire )eerichene s mse ritore orizonaale di fogC sfngoli conmtona alle dueumpanb di a&face mdte esigefim 'delVutenta l't nianbggm di questi P cm & ~ e m p t k i ~ i r peonon necessita di akun attrezzo' particalare. kiterfauce ha*& pamliela in &&&ne stwidsrd, e $eriale! in opzione. @ntk@r~o il cpllegamdhta &idue nuuvi modelli m Ia maggior p>& diei s'klemi esisimti. La qualiu dek m p g B micmta ,dai font-residyd Qmft G P I M Mufmanrre h& dém,e dà emKucc& di f~nt-~pilonali comprere denti: Rorrian e MiniModern: F&ur e

$9.

4,5M w e .

Le risoluzione della stampante è di

3Wx300 dpi (sia in versione testo che in versione grafica). Sono implementaresia I'iw terfaccia parallela Centronics che la classica interfaccia seriale RS232 C. A breve sarà dispanihie un kit P d c r i p t per l'uso della Xerox 4Q30 con programmi DTP.

Ontor.

Le A.1TIW4e MT131h4 dispongano di emulationi che n'e gamnti%wola cornpatjbi-

m

b Xemx 403U, una DeckTap P i i n ~ e ~ La manifest@btlesi s w l p contempora1 BM Proprintw ,m v&me e di quati@. neamente 4 un perfodo estremmerite im 24, N& Rnwrlter, Epsan LQ q. OuBs# tipo di s m t e B sfata pprgett+ m a n t e per le Lotuc, che per questa ha ta sia p$r -p di peraanat computer Misa di essere prmmte dhtbn-mte p e r nlorwtenti c k per -re cu&isa da più ia prima voh. utenti di una U N . Gli m t i possow assistere a Bmostrazb L'mulazime HP LaswJet y i e Il e b ni di tutt;i la ,Q& di fogfi ehzttmnici dispw wsta garrima d?fant a'$i,emula&ni residew nibl per la maggior m e di pia-rme Allo 6MAU '9Q & C k m Isi presenta cp ti, fanw'della X e m 403d una stampante hrdware e sdbwre: I-2EM per mamfr* m,p,distsia!m i! mercato italiano dlale laser tetnimrnenta a a ' a v ~Grazie ~ . d- me IBM, 1-24 for Sun p t r mini e w m p stampanti b&r delta Rank Xem. le emulazinni M m t i s&'o.;cibile stampa- ticin Gun, 1-2per mini e workstzmon In wdamla Claihn presenta il m* re ap@&oni sviluppate CrlfFe che per HP Digftal, 1-23 fw ALL-IN-!. 1-24 for Llnix

r t m IRM mpiintw,

cm#

=i =!

m

u

L

m m

vj

< Z

+ -

ei

L)

$2

4

E

$

5P W

V)

g g Z

I

2

E

o .-

g,O

m3 4::

IL^

5 a-.<

ooa

2T T3 $2 U O 88

F

F Q p k F

E L "oo zt o. :mgmg m

m

s o

$ 1 LT3 +d L 3 E P 53

C; a n

A

oo

(o

mcn

a T

6 Z

I

I

T T

% I

I

D-

J J

L,,

w U k 1

~ j

4

I

O 3Oa

F , , , i

O I Z ~ $ Wk + = = 51 0

z P::

-

*.O02

cl"p-w

.ti Z I

e&

o :p O ZULa m

m a P % W a + 1 1 4 p O E r a E W a w l - 4 .: z izz ~ x a l

0 8~

-5:: UI

g$ (r

sk , , 02 0 ,

=-v>$

m

a I or-

;.q O

2 z

r LIJ

mrm

l o m I

P SSLO^^^ " t z yi L wKg 0 J .y- m q O^V)

tggs p a69-x

6~ $="

o E ~ ~3

1-64 zao Z FE 0 2 2

5 m

O

J z

9 I

a W

I I )

Z O K

SE? MCmicrommputer n. f 00 - ottobre 1990


LA VOSTRA %CLEATIVITA'

.>

'

3

GK-T320 stabilisce per i Tradrbdl. L'opzbne ' : ~ . D n " mn " r nm q&n&i d& mano gemette

.ki

maggiore effleewa,

- -- - - .-. - - - -

.

50YTBPPone,~~i"-gj&

a

, :i

i?-.. .>i

,

* mrmre 1Wm.

W oItri~mti"!s<%.:;;,, " , ..,Z*I sim muse) ' h * GfxdwMom wfxware Mowe Driver 8 Menu dmwe, in formato TfF e ., W w MPW Pad . . PCX. +,'.'Q" ' Mahr >.

I h'

I


ti di rintracciare, visualinare e utilizzare irt

-"M

-* Y

System V e 1-2316 per 0%' Presentation Manager. Inoltre c'è da registmre la presenza del 'I23 2.2 e dell'ultimo nato 1-2-3 la Versione 3.1 per ambienti Ms-Wiridows 3.0. Oltre alla vasta gamma di fogli ebttronici Lotus pre senta: Freelance Presentation Kit. H p a e chetto comprende Lotus Fredance Plus Versione 3.01 in italiano o inglese, il mouse Junior Pilot di Logitech e il pacchetto sohware Presentation Taskfarce, una libreria di 1.700 immagini che aggiunta ai 700 simboli di Freelance Plus costituisce un archivio di simboli e immagini grafiche gi8 pronti. Free l a n e Presentation kit è wmmerciatizzato ad un costo cornplescivo di Lit. 1.240.000 (versione italiana) e Lit. 1.200.000 {versione inglese). con una maggiorazione di Lit. 250.000 rispetto al pacchetto tradizionale. Symphony 2.2, nuova versione del noto pacchetto intwrato, comprende file Iinking m Syrnphony e Lotus 1-2-3, la tecnologia di visualiuarione Lotus Mageltan, nonch6 un notevole ampliamento delle funzionalità del modulo database, ottenuta attraverso i'inte graziona dell'add-in @BASE. Il prodotto offre inoltre funzionalità di editoria del foglio ekttmnico, semplifica le funzioni di debugging delle macro e offre nuovi driver per stampanti e video. Magellan 2.0. aggiunge alle elevate capack

formazioni residenti su disco, una vasta gamma di nuovi vitrumenti per trovare più velocemente le 'informazioni. comprimere i file, recuperare fde cancellati, visionarne un numero maggiore, compresi quelli grafici e rintracciare i danni causati dalla presenza di virus. Chiude la rassegna Agenda 2.0, pacchetto per la gestione delle informazioni non strmurate.

La società milanese distributrice esclusiva del pacchetto di rete 10Net &lb DCA, presenta oltre alle vane novità uno spazio interamente dedicato alle nuove cobzioni offerte dalla 10Net: crMultirete 9 0 ~ . Da segnalare la presenza della nuova versione del programma di comunicazione Cmsstalk (I'Mk.4) che funziona sia in ambiente monoutente che in rete; Remote2. pacchetto s u h a r e per operare in remoto su perscnal computer wllegati in rete o via modern; IRMATrac la nuova soluzione per IAhi di tipo TokewRing sfruttante il doppina telefonico con velocità da 4 a 16 Mbit secondo. 1 ~rodottiCrosstalk sono mrfettamente integrabifi fra loro e in grado di rispondere a esigenze di comunicazione e rnnnettniit8 dk veGe. Crosstalk Mk.4 offre potenti soluzioni per una serie di problematiche di connessione sia in ambiente monoutente che di rete.

Include un completo linguaggio di programmazione. CASL, che permette all'utente di creare interfacce a menu completamente perconalizzate, o dì scfwere script che automatizzano le operazioni ripetitive. Pud operare in background con la sua struttura modul* re comunicare con una vasta gamma di device e numerosi sistemi grazie alla emulazione dì terminali, che includono i mdelli DEC VT100, T-220, Vi-320. Televideo 920, 925 e 950. IBM 3101 e Tyrnnet 78. Della stessa casa Remote2, un pacchetto che consente di effettuare operazioni remote su PC. Può essere utilizzato per artivare accessi esterni ad altri PC, a reti, o a rnainframe che utilizzino b scheda IRMA. Tra le principali funzioni C'& il trasferimento di file, protezione con password, finestre di colloquio interattivo, supporto della maggior parte dei modem intelligenti e chiamata automatica, sistema di halp. possibilita di trasmettere voce elo dati su una stessa linea telefonica. Esiste anche in versione rete con il nome di R2L4N. utilizzabile su qualsiasi rete locale NetBIOS compatibile. Di spicco inohre i paocheffi X T r e Pro Gold e GenericCADD in lingua italiana Il primo è il noto pacchetto di utility che consente la visualiuazione. in un'unica videata, directory. subdirectory e file tramite una semplice rappresentazione grafica uad albe row. f tempi di gestione del file system si riducono perché il pacchetto software rende immediatamente visibili tutte le informazioni riguardanti i file quali nome, estensione, dimensione e data di creazione.

Offerta speciale EPSON

STAMPANTI

scrittura a 24 aghi nero

scrittura a 9 aghl nero LX-800 ( ao WL. iso cps) L. m.m FX-1050 (1% 001. ZM cps) L. 1.400.000

scrlttura a 24 aghl LQ-500 ( 80 COI. 150 CW) L. 780.000 LQ-1050 (136 coi. 220 cps) L. 1.800.000

L. L.

390.000 910.000

nero L. 494.000 L.1.170.000

scrittura a 24 aghi in 7 colorl LQ-1060 (t36 col. 220 W)L. 2.3~1.m

L. 1.527.500

BULL

P-2 plus ( SU COI. 175 cps) P-6 pliss ( 80 mi. 285 cps) P-7 ~ I U(1% S coi. 265 cps)

L. 594.000 L. 1.014.000 L. 1.374.009

L. 990.000 L. 1.890.000 L 2.290.000

scrittura a 24 aghi in 7 colorl

P - ~ ~ ~ U S ( S O ~ ~L1.980.006 I . ~ S S ~ L.1.188.000 ~S) P-7plus(136cd.265cps) L.2.58I).rn L.1.548.000 P-Q plus (tacoi. MO C~S) L. 3.990.000 L. 2.394.000

BuLL

STAMPANTI scrittura a 9 aghi nero

4-22 ( m coi. 200 cps) 3-Q (i36 mi. 300 ops)

L. 1.~3o.poo L. 3.000.000

L. 734.500 L. 1.950.000

L i.~~O.ODO L 3.190.000

STAMPANTI LASER

L. 1.l63.500 L. 2.070.000

MONITOR

CANON LBP-4 (4 pag. min.) L. 2.010.00[) L. 1.990.000 EPSON GQ-5000 (8 psg. min.} L. s.W.W L. 2.550.000 NEUC890 POSTSCRIPT L 9.M-m L- IeW).oOO

1

scrlttum a 24 aghl nero 4-24 (I 38 od. 240 cps) 4-54 (i= mi. 3BO CF) micm

MULTISYNC 2A

900-000

L. i-m-OOO

(l4" w b m i q i e o

,

+,

MULTISYNC 5 0

NEC

,

(m"aiiwganaildiglt 1280x1024)L. 5.980.MKl

L. 1= P ~ - o O ~

L. 3.887.000

in MILANO -Garanzla 12 mesi franca nastro iakratario -

PREZZI I.V.A. ESCLUSA PAGAMENTO IN CONTRASSEGPIO SPEDIZtONE GRATUITA IN TUTTA ITAUA

C

Data Automation srl

d

CENTRO DIREZIONALE MILANOFIORI = Strada 4-Pal. AScalo 2 - 20094 ASSAGO (MI) Tel. 02182551 88-8245356

Fax 0389200220

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Perchè

Quando si può avere il 16-MHz 2 8 6 k Perchè 12-MHz? Una bella

286A incorpora aitre caratteristiche

m

domanda. Per una somma di poco superiore a quelIa n e c d a per comprare un 12-MHz, si può entrare in possesso deila potenza di un sistema i di elaborazione a 16-MHz del 286A. . E oggi con la concorrenza in tutti i settori iavorativi, si ha bisogno di tutti i v a n t a ~ ipossibili. l

Di più di un processore a 16-MHz, il 286A incorpora altre caratteristiche carne tre sIot di espansione IndustryStandard, esparidibilità fino a 5 Mbyte di memoria e architettura single-chip ASIC. Quando la competizione diventa dura, si ha bisogno di tutto I'aiuto possibile. Cosi'non scegliete ii 12.Avvantaggiatevi con il 16MHz il vantaggioso 286A.


Numerose le nwità che la Divisione Siste mi Ufficio e Graphic Systerns dell'Agfa presenta allo SMAU. Dai sistemi di copiatura da ufficio al microfim, da quelli di riproduzione elettronica. alta computer grafica ed all'editoria aziendale. Nel campo delle copiatrici I'Agfa ha sviluppato un nuovo modello, I'X 38, studiato per medi volumi s p e r un utiliuo decentrato. La sernplicitd di utilizzo, la flesslbilita, il pannello di comando di nuova concezione. l'alimentazione automatica dei documenti, la separazione della doppia pagina, le funzioni di editing, cinque memorie incorporate sono alcuni degli elementi che contribuiscono a rendere la nmva copiatrice la coluione per le esigenze di un moderno ufficio. Per quanto riguarda il microfilm B presente Copydesk. un nuovo lettoreistampante di micmfiche, di dimensioni ridotte e forma compatta: segue il sistema ADMIS. costituito da una telecamera intelligente di piccole dimensioni e da una sviluppatrice ecologica. in quanto non necessita di allacciamento idrico e di manipolazione di agenti chimici. Da segnalare infine il lettore microfiche Copex LD 75 D-EX, dove la sigla uEXn indica delle precise caratteristiche di sicurezza richieste dali'ultimo normativa CEE. Nel settore dell'e-

ditoria efettranica, I'Agfa punta in modo particolare su due prodatti: ia stampante P 5400 PS s Io scanner Focus Color. La prima, basata su PostScript, produce stampe fronte/ retro fino al formato A3 offrendo una gamma di funzioni estremamente affidabili mentre con il nuovo Focus Color I'Agfa mette a disposizione del mercato del Desktop Publishing uno scanner a colori che presenta l'elevata risoluziane di 808 dpi. Nel campo delle arti grafiche una novit6 C? rappresentata dalla Agfa Elecarn, un sistema dl riproduzione elettronica delle immagini, studiata per giornali, riviste. centri di fotocomposizione, fotolito, tipagrafie e per tutti coloro che giorno dopo giorno devono tmztare centinaia di immagini opache o trasparenti. originali al tratto e testo. Smaliarno infine Secucard, il sistema Agfa wmpietamente automatinato per la produzione di cam di identificazione, mmpasto da una telecamqra. un video, un persanal oarnpvter ed una stampante a colori che sTrutta il principio della termosublimazione. Dopo la swrnpa, la carta di identificazione viene sagomata e plastificara con una semplicità sorprendente. rendendo al tempo stesso praticamente irnpsssibile qualunque tipo di falsificazione. Il sistema viene proposto in due versioni, di cui una economica.

SUN Anche quest'anno la partecipaziane della SUN Microsysterns Italia, sara all'inssgna delle novità. Non solo per il numero di nuovi prodotti ma anche con l'annuncio dell'apertura di una rete di quattro filiali dislocata a Milano, Roma, Torino e Padova. A SMAU '90, SUN Italia si presenta con una carrellata di novità, tra cui la nuova SPARCstation SLC, la workstation RISC di Sun che. migliorando ulteriormente le potenzialità della precedente SPARCstation 1, ha un costo più contenuto. 11 design del sistema incorpora la scheda della CPU ail'interno di uno scherno di dirnenstoni ridotte. in modo da attirnizzare lo spazio del desk-top. La sua potenza di elabw razione e di 12.5 MIPS (milioni di istruzioni al secondo), ed e dorata di un display monmrcF matico ad atta risduzions di 17". Cornpletamente mmpatibib con tutti i computer della serie SPARC, la SPARCstation SLC B in grado di supportare le oltre 2.000applicazioni SPARCware e W E N L00K già esistenti. Ai padiglioni SUN 8 presente anche lo SPARCsarver 470, ultimo nato della gamma dei server Sun. Nuovo e versatile, di fascia media, il nuovo sswr in grado di funzionare sia come


database o file server pEr ambienti cornrnercialì, sia come macchina di calcolo per sofisik cati ambienti tecnici. Disponibile anche in mnfigurazione workctation per applicazioni wrnplesse di grafica 2-D, completamente compatibile con la SPARCstation SLC, lo SPARCsewer 470 offre le stesse elevate prestazioni del modello 490, ma possiede dimensioni Molte, minare rurnorosità ed è rivolto a società particolarmente attente ai wntenimento dei costi. Infine sono presenti tre novia: Sun Prectogerve, disk drive IPI e piastra di memoria di 128 Mbyte. Sun Prestogerve B il primo acceleratore dedicato al Network Fiie Svstern (NFSI che accresce il numero di works'tation supportate dagli SPARCserver 470 e 490 migliorandone fino al 75% i tempi di risposm Il diak drive IPI raddoppia la capaci^ di trasferimento 110 a 6 Mbit al secondo. Esco utilim una tecnologia di V 0 particolarmente sofisticata. e precedentemente disponibile solo su mainbrne e supercomputer. Ultima novità la piastra di memoria di 128 Mbyte che fornisce agli SPARCsenrer 470 e 490 una capacitA massima di memoria cem trale (ECC) pari a 672 Mbyte, cioè 4 volte la precedente capacit.4 massima di entrambi i sistemi.

lo più piccolo, PFX 3000 ha un display ed una memoria pih potente, in grado di contenere 72 numeri telefonici. Lo scanner Metrologic MS 700 B un mcdeUo versatile e adattabile sia da banm che manuale, grazie alle dirnensimi decisamente pih piccote rispetto ai modelli precedenti (16.5centimetri). I due portatili Arche 288 e 386 sono alimentati con M e r i e interne, hanno un disco fisso da 40 Mbyte e sono forniti di tastierino numerico &temo. Fra i nuovi persona1 wmputer troviamo Arche Profile 4#25 costruito con una struttura verticale, opera a 25 MHz 6d B dotato di mtropracessore Intel 80486, ha una memona ucacheii di 32 Kbyte, e può essere espanso fino a 64 Mbyte di RAM. Sono a struttura verticale mche Arche Profile 38626 CACHE ed il 38633 CACHE. Con una memoria RAM da due Mbyte espendbile fino a 16 e a 32 Mbyb w n schede di espansione. Termina b rassegna il modello pib recente di W S {Point of Sale) della Mitsubishi. T2100. Progettato per risolvere i problemi del negozio nell'ambito delta grande e media distribuzione può lavorare sia autonomamente che in wllegamento con un persona1 computer (fino a 24 terminali). Può essere dotato di memorie RAM Card estraibili capaci di contenere informazioni relative a 14.000 articoli consentendo inoltre di gestire fino a 24 cassieri e fino a 1.000 reparti. Il terminale è collegabile agli scanner da banca gi8 esistenti sul mercato.

I primi fax da tavolo pmdotti dalla Citizen, il

nuovo scanner della Metrologic. i due nuovi portatili della Arche Technologies, gli ultimi perconal computer della serie Arche Profile e POS della Mitsubishi sono le novitd in rnostra presentate dalfa Citronics. I fax Citizen FX 2000 e FX 3000 sono entrambi da tavolo, pesam poco pib di tre chilogrammi e offrono tre tivelli di risoluzione astandardi (3,85linee per millimetro), ufinsn (i,7)e wsuperfiner (15,4). Rispetto al m d e l -

Introducing t w o of the most powerful notebook PCs in the world-The Walkom NP-903 and NP-902

i

NP-903-80c386SX CPU P1P-902-80~286CPU One 1.44MB FDD One 2 0 or 4ONB HDD VaA CCFT 640 x M 0 display 32 grey-scale color emulation 3 10 x 242 x 44-54 (mm) 7Lbs. (with both battery pach) Two interna1 expansion slots/battery connectors Interna1 expansion pack Modem pack Fax pack IBM 3 2 7 0 / 5 2 5 0 ernulatlon pack LAM ~ a , c c.,ce: '4 o ~ t i o n aexpansion i packs

MODERAI CoMPUTER

CORR 14C

For funher informaticm please mntect: W. G e m Rm. 618. Chia k i n 2 Bldg., 6F MIOERN COMPUTER EMBH 98, Chur~gShm N. Rd.. Sec. 2. l a FRor. Linmrfei s t m e l 0 Taipei, Tsiwen. R.O.C. TEL: 881-2-551 1677 1Rep.I FAX' 886-2-54151 12 TELEX: 12998 DATA . . -,?.> -- - - -

.'.

4030 M n g e n Diimldort West Gerrnsny Tel: 49 W ) 2102-23021 49 (0) 2 102-23022 Fax: 49 M]! 21 02-m536 i

? L

-.

--.A-

,>;..

MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1-


W

e at kya believe the key m pmision and quahty is the integratimi of design and pruduction. Ow mghms are present during every stage of produaian, ensuring that work is done propwly and to

m& s~Craionc.0urasspmbb technique is s p i a 1 in the worM of computer h

d produeers.

We dea1 directly mth chip manufadurers and tbai m b l e thm into our custom deigns uskg a fdky automated production Line. This p m s enables us to provide our customers with top qwahty bowds at economica1 prices. standards, including random sample tests overlookd by many obher manufrieturers. In fact, it d w ' t end unti1 uur customers are satisfied with theif order.

Our quality conmi is of ttie @est

Soyo is a major producer specidizhg m mainbaards, barebones systen~,md peripherals.

SOYO TECHNOLOGY CO.,LTD.

SOYO USA WC.

3rd FI.. 69 Patch Rd Sec. 4. Taipei 10562 Taiwan. R O C Td. 886-2-7672115 Tlic M509 SOYO F a : 886-2-7663318

#H Cky oi ind* CA 91746 USA. VARESEWEG 5, 3047 AT, WnERDAM, 148 8ih Tei: (818)33@1712 F a : (81Bm-4161 NETHERLANDG TEL (31-010)4460376 FAX. (31-010)4625345

.

SOYO EUROPE B.V.


La T e x a Instniments B presente con una grande area espositiva nella quale è ospitata tutta la piu recente produzione della società statunitense per quanto riguarda il settore dell'informatica. Presenti perciò la famiglia completa di mini e supermini Unix della linea System 1500, tra cui il modello S 1505, una gamma completa di sollizioni pef la stamoa laser e a i m t t o nonché i modelli di stazione basati su 'microprocessori indw stn/ ctandard. che possono operare in mono mme in multi-utem. La linea System 1500 6 cornpsta da 3 modelli in 8 versioni da 8 a 512 posti di lavoro. tutti basati su rnicropmcessori 68030 (anche in versione multìprocessor) e operanti all'interno del medesimo ambiente operatMo che I$ il TI-System V, una versione estesa dello Unix AT&T. Tra le novia per la manifestazione I'S1506, adatto per realizzare configurazioni da 8 a 32 posti di lavoro, che si basa su una singola scheda sulla quale vengono alloggiati, oltre al processare principale e a quello aritmetico, due ulteriori prccessori specializzati per la gestione delle attività di 110 e di cornunicazfone. Due sono i rndelli esposti quest'anno basati invece su Intel 80386: il 3 8 W 3 e il

1

3861SX. Per il p r h o si parla di un persona1 operante alla vetocitA di 33 MHz e per il secondo di 16 MHz con potenze nrispettive di 8 e di oltre 2.5 MIPS. Il primo modello opera con sistema operativo MS-!30S, il s e condo (apwto alla multiutenza) può utilizzare ~ndifferentementesia lo Xenix che Io Unix. Caratterizzati da un elevatissimo livello di integrazione. che ha consentito la produzie ne di apparecchiature molto sofisticate ma allo stesso tempo composte da pochi elementi funzionali. dispongono di una rnolteplicità di soluzioni di configurazione che li rendono adatti virtualmente a cgni esigenza.

Sono presenti soluzioni per la stampa laser sia di tipo dipartimentale che personale, come la microlaser, che puo passare dal PCL al PostScript tramite il semplice inserimento di una sola scheda, nonché avanratksime proposte per la stampa a impatto ~inteuigenten.I modelli laser esposti sono oltre alla microlacer, {migliorata grazie alla disponibitita di una nuova scheda PoctScript più semplice con 17 font), ia 2108 e la 21 15. Per quanto riguarda la stampa a impatto !e novia riguardano i modelli 8930, 830 e 835. Il primo, craratteriuato da una gestione uintelligentew dell'avanzarnento della carta, che SI traduce in notevoli economie di tabulati stampa sino a 9 copie contemporanee in sette colori alla velocita di 600 caratteri al secondo;, la 830 da 80 colonne e la 835 da 136 sono modelli molto compatti ed economici specificamente studiati per l'impiego in connessione con PC o terminali di minisisterni.

La 3M Italia presenterà il prossimo autunno allo SMAU, il Salone Internazionale per l'ufficio, la nuova stampante laser 3M 689 Demand Printer, un srstema innovativo nel settore engineeiing per la gestione e riprcduzione della documentazione tecnica. Si tratta della prima stampante laser in grado di mnvertiw disegni e dati efaborati

Tasti dfidabili per Ogni lingua NTC t q e d a h a t a nelia fabbriazionedi meccaniche di tastiere. O E d m o un servizio selettivo dl prodnzlone in&suiale, alta qdItA delle meccaniche e delle membrane, tutto al giusto prezzo.

1 1

1

Le caratwdstiche principali delta tastiera mamata: 100% LOR4PAnBI.U IBM PCIXTIAT PSB. * COMPATIBiLE NOVELL NETWARE MECCANICHE CON WERRUTTQRI SWITCH i TASTI DELLA WS,OMRON, CHERRY Br MITSUMI DLSPONIBILITA CON TUTTE LE LINGUE FUNZIONI DI ROUOVER E MULTIKEY i PERFORMANCE EBGONOMICHE CERTIFICAWONE FCC

1

rnOWIOM!!

'

COiWA2TATECI SCTBITO PER UL2ERIUR.I

NAN TAN COMPUTER CO. HEAD OFFICE:

NTC I

NO. 17, YUN-CHI ROAD, TAIPEI, TAIWAN, REPUBLIC OF CHINA TEL: 8862-7851222 (20 LINES) FAX: 81-2-7851228 TELEX 21659 NTCCO

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


NON CERCARE ALTRO

CORPORATION k i i e i it TECHNOLOGY W A d d m s : P.0. 3OX 112-497, TaipeI, TaIwan. R0.C. Head Office :3F-4.No. 201, Fu Hsing North Rmd. (Empire Bullding), Taipei. Taiwan, R.O.C. Tdephone No.: W 2 - 719-751 1 IRep.) Facsimile No. : 886-2-715-1029.886-2-509-4366

distributori


tando pi$ formati grafici all'intemo ddb stesso ambiente. I n a h 4 stampante 3M 689 B In $m& di pfdurwpi2 &pie d e h &tesso file grafico in tempi n&2volrn&f8 contenuti rispettn a h tilTzzo del tdkionale phtter. dimostrandosi wsl uno strurnenm wtwe e flecsibh. La s%arnpqm 684 8 hf& in grado di p d ~ dae 6 -(e. ai minuto nel formato A2 a 15 copie al minuto nei formati pih

piccoli,

via &%D,in stampe di elev a qualità. ~ dirertamente da fife wster o dai &ttranh&e

pjii Wrsi sistemi -attvi,

amw sMmpe gia Ma Me ra$&r ebrnpresi edleganda $la stampante ,edl"host comipirtfrr I'm-&d È andte, v i b i l e

&ttOli~li s

Processo G f a i i m "3M mod. 6790 che permette 4 diampegnare I'hm da p r a w rih"e&no I'mpegno d& CPU, a--

Tra i vamg@ offerti &l$ stampante 889, vi à poi quek di s-rnpe qualitatC vamente perfett~su &M comune. molto piQ r&ictente allhvec&ianento della trattata. usata pet i nqmali plottar elettre sW,ci. L'Airnbniazfonk del siipparro di starhpa è pmwista di un doppia rullo su cui vanno installati due 10tPIi & carta cwnune di tiierse dimqnsiwii, in W d & poter ottenere in cgngnua stampe di f ~ h t differenti i fino ali'.&? rxin corrsegirente diminuzione dei c e sii per copia. Granie alla tandogia laser, il fumimento dola $tatnpame 3hi 689 ,è fade e sihnzimb @spondenda perfettamente alle nam di sicurezza dell'ambiente di lavoro. Il suo dasign ed essenziale pemette di installarla miche irt spazi p a r t i m i a m te limitati.

-

m

L

-

*

3

-M ~ W

cessia dei professimisti della cornunicaziw

tre visiva e rnuitimediafe. Spiccano i prwdutti: Wasatch Fortfolio mr MS DOS, Lumna 3.4 sia p e r MS DOC che WC,Vip Video Image Pmcessing e Prin-

tabit . Wasatch Portfolio B un sistema grafico

che gestisce e crea immagini dadicate aiia comunicazione. E basato su &&a AT VF cta. che unisce in sé tutte 18 funzioni pittoriche e vetton'ali necessarie per ~ l i n a r iem magini anche complesse e combinate con d i s ~ i testi, . grafici e fotografie pronte per essere impagina~ee riprodotte. Tra i suoi punti di biza sono da menzionare i 16 rnilicr ni di alori wnternporanei, antialiasing per scritte ed oggetti. effetti, trasparenze, ampia s d t a di font a ~olariper ogni singolo qp$ di t w t ~pow-biiii , di-s&lr;itum delle imm i n i di background. tendering velace a video, libreria di 486 simboli e libreria opzio-

no.^. - T& WAJE OATSEE a e l ~ ~ fitinnmas h iiii m s ~ n1 -m F>&MTmBBTi5 Wapnil- TeL H ù f m Wemn Tei wlgEil5

mmmm la

"I ~9i

La Vtr Video Techndogy Research & Computer Graphics di Milana pre-nta una serie di Sistemi rrchiavi in manaii per la computer grafi~adedicati ai settori della edik toria aziendale ed industale, cgmunic8ziane ariendate e pt-produzione video e una: brga gamma di software, schede, periferiche di V 0 e mescari che mpmno tutte le ne-

-

m-

MCmiaocomputer n. 1 00 - ottobre 1W0


Buffetti c'è, le idee vengono... B.uffettiis Business. Q

uando la voglia c'è, le idee vengono. E' quasi una regola, 6 la regola imprenditoriale del Terziario Avanzato. Quando la voglia di fare c'è, quando svolgi il tuo lavoro, la tua professione con spirito

imprenditoriale.. . Buffetti c'è. nascono idee, a volte professioni. E se sai usare il tuo Centro Buffetti, Buffetti is bu-;---scopri ogni giorno che in ogni prodotto (moduli o software, l schedari o PC) c'è più contenuto consulenziale aI servizio delle tue idee. Quando la voglia c'è, da Buffetti Il Supermarkt del Erziario A w m .

LA

\B


nale di tutti gli oggetti creati. generazione immediata di grafici cotto forma di torte, barre, muri. cilindri e linee in 2D s 3D combinabili con testo, diswni e fotografie anche con effetti di trasparenza. Segue Lumena 3.4 il famoso sistema pittorimgrsfico per la generazione di immagini ad alta risoluzione che si anicchisoe di nuovi strumenti per la creazione e la manipolazie ne di immagini. di grafica e testi. con raffinata tecnica di trasparenza mascheratura, texture mapping. Lumena nella versione attuale pub generare immagini in alta risoluzione -(fino a 4000x3000 punti) con 16 milioni di .'colori contemporanei, è collegabile a scanner a colori e tramite il sistema Printabit si interfaccia con il mondo dell'eckitoria professionale. L'output del sistema B multimediale ,e si possono generare diapositive, stampe a coloti. immagini video PAL e animazioni 2DI 30. 11 cisterna Lumena pub essere facilmente installato su workstation MS DOS 38W 486 e su Apple Mac. La funzione più inte ressante rimane il #pennello artisticon che sfruttando a fondo le capacita delle penne per tavola grafica sensibili alla pressione, consente di imitare facilmente e vebcemecte molte tecniche pittoriche {acquarelli, pastelli, gessetti, olii). Questa funzione consente di scegliere oC

tre al tipo e forma di pennello. il suo grado di umidità e varie caratteristiche delle superficie su cui pitturare. Schede grafiche utilizzate: AT Vista 4 Mbyte. Targa Plus 181241 32, Vision 16, Illuminator e compatibili Targa. Arriiiamo al Vip Video Image Pmessing. un programma applicativo che lavora su sistemi grafici dotati di schede Vista. o sche-

de Targa. per la generazione di effetti pittori ci e speciali. Le immagini a colori generate sul computer grafico o digitalizzate da scart ner/telecamera, sono convertite velocemente in nuove immagini che sembrano realiuate con tecnica di pittura a gessetto, acquarello, tempera, olio, matita. In applicazioni televisive VIP converte uno ad uno i f o w grammi di un filmato in nuovi fotogrammi

PERSONAL SELF SERVICE

Concessionari HYUNDAI

Rivenditori

SOPERMARKET DE4LSNFORMATICA

-

VENDITA - PERMUTE - NOLEGGIO PC ASSEMBIATI NUOVI E USATI DJIIaOsTRAZDME DI GRAFICA IN SEDE - ASSISTENZA TECNICA IN SEDE

uaaoui a Hwddsk2(1MU

Ecomqou~ 2go.m

Harddsk4OMb mppyW w 3E4 KB 1525') ~ l o driw p ~r n (5.25") m720

m 1.44

wg,q ~b 1557

4Ez 135.MXi

k a iW ~ seriale o w sR esrm ~ e2P~ ~ a 2 1 ~ Md W SK SEWPAWbptbk

-1m.m

S

I35.W

C#Wdler h d k k per X i + cavl CanlroBleF MD. F.0. per AT + cavi C m i d e r AT EUS

IMTEW~OCE Maiaime gMw MGn/CM AdAdsmsdom per stampante padkla

=.C# Iarn

c

h

e

r

i a W ~ ~ Sch& u h V G 4 1024 XIW512Kb Meda u h VGA 1OMX 763 mrn

MODW E MOUSE SK MODEY 90Qii2UOhrl,

M a l W m 6 MHz (OKRAMj 125.(300 mrobwa tso2are la16~k(O#RAMJ w.000 M D M * ~ ~ Inpus&wler 1120 dpi kinboard @O288 1W2 MHz NEAT Mww A@& 81W dpi Ilba~l8a388SX 666.POb b r l y m n e r HS m+ m86 25 Mi+z

,Sw,MH) &are

VARiE c1( ~ ~ g l m ~~ofe9sinale ~ a t h -ner M Bmdwell Tasti1 W W RAM dina-

m

GOP~O~=WI

m.aa0

".m

W M V21N22 1m.m

M w h r NEC BD Mmltor AEC 2~

~1 W . WF 6n.W

84.W

3m.w 105.000

'uiOi$Twi Monitor 1 4 " m~~ u~ flisync~cs~ M"tm YY rnmmr. ,SM1apO Mmlmr 14" MAL basc. m-Mio W t o r WUr n o m r .

Tw,

r r l

PIF..MX)

~

0.C.R

,,,,

,~~ NEc

95.000

~ 13o.cm ImOMi

SK MOPEMBDQrliOQi75k&V2lN2W23

YCUHBOARD

LINEA PROFESSIONALE

55.m

w . 0 0 ~ 19[E.OM

175.aOU ifl0.W

1.02om siw.Oo0

o

w

-

~CITIZEN-

-mos ~

Dsc C O m m u n I a ì t i o n r s ~ ~ Progettazionedi sistemi infamativi LAN Dimostrazioni in sede A h professionalità - Consulenza Assistema Hardware e Sohare

JMPORTANTEIII

tu% i pmdotti non contrassegnati da* wrio d i w n i b i in -no UMWARE s.rd. Vi4 M A E R A , 3 - 80152 ROMA TEL W5.73.&2 1 - FAX QWO25BW FERMATA RE DI ROMA

m

SI PWG&W

MCHIAMARE PER 1 PMDDTTI: AMIQA

- AMSTMD - ATARI - CDMMO-

-

MCrnlmrnrnpuer n. lm ottobre


La nuova stampante Citizen 1240 24 aghi

cc

Quanto hai detto?"

TEUV INTERNAI'IQNAL

ViaL.daVinci432~ Trrzzano SIN M i h o

Ti (02) 44.5574

viaSdarhU19 Mi38 Roma 'Cel: (06) 69J7.058


che sembrano tosi frutto della mano di un aitista che ha impiqato giorni di lavoro per tale ritom. In altre applicazioni pubblicitarie una fotografia digitalizzata da scanner in alta risoluzione pu6 essere convertita in un q u a dro. Ulteriori applicazioni di Vip sono la generazione di sfondi per animazioni 2DBD. per immagini con grafiche e testr, e per la cirnuhazione di effetti speciali su qualsiasi tipo di swgetto. Printabit e un sistema computerizzato basato su workstation 386'486, per la separazione quadricromica delle immagini generate. Della famiglia Printabit fanno pane sistemi per irnpaginazione di testo e di immagini in formato PostScript, interfacce per il collegamento con Drum scannsr professionali, quali Hel, Crossfield, Dai Nippon. per I'acquisizione di immagini e loro elaborazione sui sistemi gmfici Vtr ohre ad interfaoce per collegamento verso sistemi in'tqrati Scitex, Crossfield, Dai Nippon per impaginazione professionale.

Citlzen introduce I'emnornica l240 Il lancio della nuova Citizen 124D è dcv r e b b spostare i parametri di prezzo nel mercato europeo delle stampanti a matrice

di 24 aghi. Si tratta di un modello entry level che si inserisce netla fascia di prezzo più economica e si rivolge all'utente privato o al piccolo professionista offrendo un apprezzabile rapporta qualitàlpreno. Fabbricata in Gran Bretqna, questa nuova stampante a 80 colonne verrA venduta a 790.000 lire + IVA. Con il modello 124D. basato sulla rnecm nica della Swift 24. la Citizen Intende arnpliare la gamma delle proprie stampanti ctandard (la S w f i 9, la Swift 24, la 120D+). Delle quattro stampanti, la 124d e la 1200+ sono modelli entry level mentre la Swift 9 e la Swift 24 si rivolgono ad utenti più esigenti. Con una velmia di stampa di 120 cps (10 cgi) in rndalità draft e 40 cps in fetter quality. la 1240 è rivolta agli utenti che desiderano la qualità dei 24 aghi ad un prezzo mmpetitivo e a quelli che intendano passare dai 9 ai 24 aghi senm essere penalinati dal prezzo oltre a coloro che gia al primo acquisto desiderano una stampa di qualità. Dotata dell'interfaccia parajlela di serie. la macchina è in grado di ernuiare gli standard Epson LQ e IBM Proprimer e lo standard grafico Nec 360x360 dpi. La stampante dispone inoltre di 3 font residenti e di numerosi stili in grado di coddisfare le più svariate esigenze.

Come per tutte le stampanti Citizen. anche nella 1240 la gestione della carta è particolarmente flessibile. Oltre al trattore di spinta per moduli continui che permette lo strappo del foglio senza avanzamento dela carta. B presente anche una funzione di parking che permette l'uso contemporaneo dei fogli singoli. Un pannello di controllo semplice da uca re, permene la selezione del maneggiamgw t o delfa carta, della veiociti e dei comandi dei font. L'utente grazie al buffer di 8 Kbyte espandibile sino a 32 Kbyte. ha la possibiliG di caricare un sei di 239 caratteri personalinati. Infine la 124D viene fornita con una garanzia di due anni.

La coeieti numera uno nel settore della microinformatica prnfessianale francese. presenta la gamma -il G6 costituita da sette nuovi modelli di persanal computer dedicati all'ambiente ufficio. 1 modelli vanno dal GB288 al G6486 e coprono l'insieme dei fabbisogni dell'utmza professionale: percib dalla workstation per finire al server per piccole configurazioni di

La f p p ,di Torino gia: ben-mtaa t-ti i possessori di SINCLAIR QL Vi invita a conoscere A rchjmedes il PC piu' veloce del mondo OFFERTA SPECIALE S P E ~ R140 UNIX system V 4M RAM HDisc 5OMega A310 1 Mega RAM 1 Drive 3.5 Tastiera Mouse Monitor EIZO Multisync Con Risc-Os, Manuali, 5 Dischi di programmi Vesione base senza Monitor L& 2'000'000 L& 9'400'00 + IVA Con Monitor colori Phili~s8833 Lire 2'550'000 ARM3 20-24Mfiz 1 2 M i ~ s Lire 3'550'000 da montare ~310-410-44 Con Monitor multisync EIZO 20Mhz Lire 1'000'000 A3000 4 Mips con 1 Mega RAM 1 Floppy 3.5 . Clwk Clock 24Mhz Lire ,200'M)0 tastiera e mouse senza Monitor Lirk 1'700'000 Espansionea Mega per A41011 con 1 Mega RAM c m HDisc 20 Mega Acfie 305-310 L& 750~000 Tastiera Monitor PHILIPS 8833 a colori Mouse Richiedete il listino ed Emulatore MS-DOS +5 dischi Lire 4'400'000 Fezzi dei programmi A440con4MegaRAMHadDisc50MM0u~e edein-erosiaccesson Tastiera Monitor EIZO 9060s Multisync VGA oppure venite a provarlo ed Emulatore MS-DOS +5 dischi Lire 6700'000 dimostrazioni gratuite Prezzi comprensivi di IVA e di spese di spedizione Vasta disponibilita' di programmi e periferiche per Sinclair QL e Archimedes Acom.

Vendita diretta e per comspondenza con spedizioni rapide in controassegno

SPW

Via Aosta 86 10154 TORINO Te1 O 1 l 857924 MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


m.

Par~.hBil nwvo (PER 486 m solo'& anf iw~enteentemn un +o"a.~&m rmmW8e i (wnfBguwma w r n da I2 hiilanl), ma b ~fbAwiptsislcy@,La%u& -adura h!& 6 anni e g a m o 5 ami di tr&yuiUI& La sua pm-, m s ~ t bdaih i ~ Wunitense - l B k sfenis arp.,u t i m% p t e * i " m ieaWssa&~Hzmcommun'esp%%

di BMb.l n d FlPER4&&'&~~dlm ~

%

E chi esigenze di eIabwzLWĂ&#x152;edierse, ~quai&ekstessaaffiLbWdelY4fW~ al &wanonaJaPriwmpwiwitideHlW?bb p r taia sono fomltl mn Mb DQS s W B b 4 n hano): desWop awi rnicroprmmsoreW C VZO a 1 0 M h z , ~ a 1 2 M k o 8 0 a S 6 6 x a 1 6 M H z , mj-

nitonrermnS02B6a12M!-lzo80i386sxa16~ ad atta integrazime su pb&a rndre. pdfiMtoW@ con80386,a25033MM.TuttlIprodot-t-

1-PE-R g

capien@chascictowrche~r~mw 9-1 mepani.mwu che da persomi.

e dejia-famlgliaIpsomiadqmhme

, ~ ~ ~ g ; ~ ) o ~ g

Peripherals 8.a.s. - Pazzuoli (Na),piazzaie della Viitwiia 4 - tel. 081.8675442/867620g;fax 081.5263914


genera1 purpoce indifvzata indifferenttym te al mercato ASCII, Ansi a PC.per I'ntercarnbiabili della Tastiera e por il diSplw ad a K i s c h risoluzione. W-120 offre una frequenza di refresh di 78 Hz per una v i s u a l b zione priva di sfgrfaltbio. Uisplay pogitivo piatto, tecnnlw'a di scherma mrscon e scelta della tastiera h s i , ASCII e PC, il W 3 7 0 terminale a colori che emula ASCII e Ansi mndard. Comprese le motlalit& We DEC W320 ukr5 -alla grafim Tektronix 401014014. 1 64 d o r i dello

mue

s c h e m e le ~aramristichedi multisessione wdi mpdiv@iiqnedel teminpie da Wrte di pio sistemi, sono state: miiit-8mn m d @ a ASIC @ppficatbn SpsciFrc Integrateci Circuit) e mntarrdo un rniwciprocessore MC6G0M3. Cantirwi~mo.corr ir W-185. terminale DEC W-320mpat'rbik,Ha una vdocia di &ES h n i i hsterlaCsiah di 85 Hz, capacith di 5-tLe ~ttwisficheprincimi sona Virigomi scqnning e un dkpby antmflesso da 14", per bra mola ridotto pe5 I'iitst~llaziomi= " d I k i t h [ ~nap in casa: il W-lW. È Wyse Te.echn~wgy ne in poakhe sia *~Tkxle che dzzontale; di prudo& mtesyqtiche mprmgìe: temir&- un 3ehieiale g r d i genera1 purpace, c b I'adpzime della gamma di CPU IM 8Q=, i dii grafici Tektmnix i101W14 li. riianitar,parwhal GiompuWr p sistemi rnul- ~ p w $ a ' W tiptoc&$oire. InC'rama dai mtzi y t r y le. e& li~anciardgraficìprFC VEA, EGA.C W e 8 E W D X s S > I e ~ ; u t i b ~ d e l lW& a va wehe InZeI i3W DX; s & d a p a f i ~ 8 vet, geheml # u r p o ~ e e full function che si H ; ~ K u ~Graphia ~S cmf come 1s emulaioni Cuper VGA; s m e n t o &t limite dei 16 rlvolgpno ai mr&i WII,Ansi. PC e gFafim &Il, b s i e P@ temiinal. Esauriti ì teminali Mbyte su computer ad a ~ h ' d m r a[SA; in- entw level. firppdarrq MsiQhg &i tre elahratori della tegraziane su moth,erbmrd M contmilar di Per il miqrmg WcII B presente il W-30. iim2813W-2Wn,W21i 2 e W - 2 1 t 6. .l10 psr disk drive',di'wio fgmato. gli W66 e W-720. t1 W40 B un teminale W-201Il, p-khnato nella fasci3 enlry leve1

m

'i

-

-

Via G. Rovani, 18 Roma Tel. (06) 825701 PER I l TUO PERSONAL MIKRO-BBS @,N,i) TEL. 2156735 E2 linee r.a.) f

I

PC UNI XT; PC UNI AT; PC UNI 386 SX; PC UNI 386/20; PC UNI 386/25; PC UNI 386/33; PC UNI 486125;

640 Kb RAM; 1 Mb RAM; 1 Mb RAM; 1 Mb RAM; 1 Mb RAM; 1 Mb RAM; 1 Mb RAM;

1 x 720 Kb 1 x1.2M-b 1 x 1.2 Mb 1 x 1.2 Mb 1 x 1.2 Mb 1 x 1.2 Mb 1 x 1.2 Mb

£ £

600.000 759.000 f 1 -060.000 f 1.650.000 £ 2.580.000 £ 3.380.000 £ 6.870.000

N.B. LE APPARECCHIATURESI INTENDONO COCI' CONFIGURATE. SK DUALE, CTRL FDtHD, TAST 1T AVANZATA, SERIA LE: PARALLELA.

PLOTTER ENCAD A4 r A0 da L. 1.450.QO0 MONITOR NEC

iAP TOP AT/1 Q 1Mb RAM; I xS .MMb Hdu 2OMb; VIDEO LCD

NEC C0 ROM

L 2.620.000

II lavoro e [o svago portatili!! L. 910.000

TELE FAX OMOLOGATO

XTIAT L. 31(3.000

INTERFACCE:

PUS

L 330,000

MAC L. 1 7 o . a ~ ~

MCmtcrocomputer n. 100 - ottobre 1


Se te ne servissero 10.000 in uiora

T . 4

5.

...

1

I'

n

a

..... Prova a contattarcb Da diversi ann distribuiamo s data eartridge, produzioni mo esistenti: Floppy da 2.8'; 3': 3,5", Data cartridqe da 10 R

Tl-; a!

&$&i, $..:

15n

...

I

--

di L. Ant

SONY.

Specializzato in forniture m enti pubblici scuole un. -, software house computer s

-

-

-

'3

ORARIO: 9-19 sabato 9-13

1

SPEDIZIONI ESPRESSE IN TUTTA ITALIA


ha quattro alfoggiamenqi per disco rigido. otto ce cambio di schede apluginii. Chiude la dot di espansiorre e fornisce la possibilità di gamma dei perconal computer il WYespandere la memoria on-hard fino a 4 31 16%. Questo rnMello 4 basato su i386SX Mbyte. Viene fornito con un Mbyte di RAIW con 1 o 2 Mbyte di memoria RAM ed intercon possibilirà di espansione fina a 16 Mbyte. facce varie. W-2112. basato su 802% a 12.5 MHz, ha Non potevano mancare i monitor a partire memoria centrale di un Mbyta tastiera italia dall'entiy-leve1 a 1 4 WYS30. compatibile na. una porta seriale a una parallela. 7 slot di IBM. MDA e Hercules. disponibile nelle verespansione. sioni rnonocromatiche verde o ambra con Conclude la gamma dei 286 il W - 2 1 18 pagina video a W 1 3 2 colonne. che sfrutta un prccessore a 16 MHz, una Proseguiamo con il W-550, monitor VGA memoria a pagina da un Mbit 4 alloggiamen- monocromatico sempre a 14". fosfori ambra ti per schede su bus a 16 bit e un alloggia- o bianchi con risoluzione video fino a mento per schede su bus a 8 bit. 640x480 pixei e WY-Gm.monitor VGA a 14" La famiglia dei 386 comprende: W4225. che supporta le risoluzioni standani di display un potente sistema a 25 MHz progettato per quali, VGA (640x480). VGA potenziato essere utilinato come stazione di lavoro per (800x600) e anche Super VGA18514 applicazioni tecnico scientifiche. in configum- (1024x788 interlaociato) per finire con il Wzioni multiutente e come sewer di rete. 7190,monitor grafico monocromatico paperUtilizza un bus di memoria dedicata a. 32 . -hit - - inmite ad alta risoluzione a 19". Progettato di memoria statica cache di tipo p o s w w r i t e per applicarioni CAD e desktop publishing è a 25ns. Il r i d o t t o viene mmmerciatizzato dotalo di una risoluzione video di 1280x1024 con memoria da 4 Mbyte di tipo SIMM. pixd possibilità di gestione duabpage e r e , espandibile fino a 16 Mbyte e sei alloggia fresh video a 70 Hz non interlacciato. menti standard per schede di espansione. Per quanto riguarda i sistemi delb Serie Segue il WY-3216, persona1 computer d e 9000i e 5000i, si tratta di sistemi mukiutenti tato di memoria centrale da un Mbyte, una basati su i386 e i486. sui quali è installabile unita floppy da 1.2 MByte unità disco ESDI e Unix System V/386. Quest'uRima serie pud basato su architettura mdulare MSA per gestire da 1 a 128 utenti con ben 288 l'aggiornamento del sistema twmite semptiapparwchiature collegate.

La Eos presenta una gamma di soluzioni globali, e nel contempo personalinate. per l'analisi dei rnerati finanziari. Gli operatoridel settore possono apprezzare le importanti innovazioniche hanno canitteruzato i'ewiluzione di UpDown Forecast: sistema esperto decisionale per l'analisi rirevisionale di Borsa. Alla ricerca'di modelli Sempre più rappresentativi del mercato bnrsistica sono state applicate le più recenti metodologie derivanti dall'intelligenza artificiale che hanno wrtato a risultati cosl sintetizzabili: ectensione del nucleo originario a pid m d e i l i materna tici o~erantiin totale aarallelismo: crintrollo e supe'hsione dei molteplici rndeili attraverso una rete neurale; intmduzionedi un tenostato (Attesa). in aggiunta a quelli già operativi (Rialzo e Ribasso), utile nell'individuare le situazioni statiche di mercato. Nell'ambiro delle ricerche svolte si collwa no anche l'estensione ed il potenziamento deli'ambiente Case proprietariodi cui usufruiccono tutti gli applicativi della Eos. In questo senco anche U p D y n Chart, software per l'analisi tecnica di Borsa. si presenta con una nuova interfaccia-utente e con un'accresciuta versatilità. In particolare è stato curato i f sistema di automatismi che.

.

2-

HSP PERSONAL STATION-LOW BOWER SERIES I->4MIPS

HSP PC SUPER STATION-HIGH POWER SEIUES 5 ->12MIPS

da L. 2.399.000

da L. 2,990.000

da L. 4,990,000 ACCESSORI MOD~3W/12@3/24CQ TAVOLnITAlT xlZ" W/STILO

DW3ElT144"35

S0FFWkREORIT;INALE

169.W 550 WO

3.W

81i.m

65 W0

WWO

Wambm3onA" -?&&i lTA l

QumeaiMG.

TmmcLt!rTA

S U X E D E GWICI.XB

STAMPANTI

ml?@PA&AL55rn

CITEEN 1MD PLUS CrrmiM 124D14SrpS

W%mO m<

W W ~ O R a M E ~ E " R ? vcx7mmm K A I6MT SIX259W

14"VGA 1024x768

CITUXDJSWlFrBQ4AGHn mW 15E 132COL

690WO 1 4 ' V G A M U L m 7WMW NEC 3D 1.059alKi NEC 4D 16"

NFK P2PLW 24AGHI WJESF~US~~AGH~

NEC

~K'FI-US~wL.

50

M"

VIA MALTA, 8 - 00198 ROMA - TEL. 06188423784411987

C I T I Z E N ~ S X

290.m ASALW ASALW 450 WO TEL.

%W 8BaW

m

mmcgp-,

MCmicrocornputer n. 100 - ottobre 1990


TANTI

UTTI MODULI CONTINUI PER LA GESTIONE DEL PERSONALE PER M GESTIONE ML PERSOHALE, ma anche per la iizzati con elevate qualità gdche, in una, due, tre o contabilità, il word processing, per gli adempimenti fi- quamo copie in carta autoricalcante. Le varieth dei tracscah e Ja corrispondenza.Nei negozi Buffetti trovate su- ciati e dei colori daranno alla vostra attivid una perm bito ponti, per contribuire alla vostra efficienRale ed elegante immagine. In tutta Italia, nei NEI 7 4 più di 100 m d u l i con tracciati diversi: stu973 negozi Buffetti, richiedete gratuitamente i diati per poter essere utilizzati con i diversi moduli fac-simile per L prove di stampa e il ioft- warc in commercia o conformi ai modelU catslogo Compurer-fom. dove è. iiiusmta Mli ficiali, i nostri moduli continui sono reaia la nosmi produzione di moduli continui.

IB -f-(ff$

B<-


video, su stampnte o su file, Si tratta di uno strumento con duplice vaienza: informativa e previsionale. Informativa perché fornisce un prospetto in cui i titoli si presentano ordinati in k s e alle variaztoni percentuali deiie loro quotazioni, nel periodo stabilito dall'utente, Pfevisiomle perché, attraverso la combinazione e la definizione dei parametri dei vari ~ndicatoritecnici disponibili, consente di individuare i titoli su cui orientare gli acquisti e le vendite. Per una completa integrazione telematica di tutti i prodotti e dei seruizi offerti, la EOS dispone inoltre di una propria banca dati che mette a disposizione le simulazioni effettuate dal sistema esperto, i risuttati delle elaborazioni di Uflown List ed i dati relativi ai Iistrni di Borsa. Tutti gli applicativi sono sviluppati interamente dalla Eos. in linguaggio C e operano in ambiente MS-DOS e reti locali.

atrraverso la creazione di un numero illimitato di ustilin paragonabilia quelli di DTP. consente la stampa e la visualizzazione ciclica dei grafici cema alcun intewento dell'operatore. A dimostrazionedel continuo impegno nella realiuazionedisistemi di supporto decisionale per gli operatori dei mercati finanziari, è stato

infine realizzato Up-Down List. Nato per soddisfare le esigenze della clientela più sofisticata consente di effettuare elaborazioni su più titoli contemporaneamem te (selezionabili in base al gruppo di proprietà, al settore economico, alla grandezma e al tipo) ottenendo un resoconto riepilogativo su

PM La società PBA SpA, sviluppa e cornrnercialiua sofnivare per applicazioni gestionali e scientifiche prevalentemente su minielabora tori Unix. t la seconda volta che si presenta allo SMAU e presenta i pacchetti software

+ i n u +NEC =

NELCOM

I MIGLIORI

-

CENTRO ASSISTENZA TECNICA AUTORIZZATO PARTI DI RICAMBIO E ACCESSORI ORIGINALI p

p

l-

+ 4 NASTRI QRIG.

L. 1.230.000 ORIG. L. 1.420.000 NEC P2PLUS+4MASTRIORIG. L 620.000

KIT COLORE PER P601P70 TUìTI 1 MODELLI DI LASER NEC ANCHE A COLORI

--

INTEL PC 386 SXlf6144 DA TAVOLO CON 2 M8 + 1 FD 5"114, 1.2 + FD 3'712, 1.44 + HO 42 MBS CON CACHE MEMORY + VGA + 2 RS232 + 1 P.P + 1 P.M + MONITOR NEC 2A + STAMPANTE NEC P7 PLUS + 00s 4.01 MICROSOFT L. 6.800.000

-----

MULTISYlilC NEC 2A 14" 800x600 031 L 820.000 MULTISYNC NEC 30 14" 1024x788 028 L 1.080080000 MULTfSYNCI4EC5D201280~1024031L3m.000

L. L.

...

(telefonare)

... (telefonare)

p -

p

INTEL PC 386 25MHZ CON 64 K CACHE MEMORY DA TAVOLD CON 4 M0 + 1 FO 5114, 1.2 + 1 FD 3"112, 1.44 + HD SCASI 105 MB + VGA 1024x768 + 512 KB + 2 RS232 + 1 P.P + MONITOR NEC 3D + STAMPANTE MEC P7 PtUS + 00s 4.01 MICROSOFT L. 10.900.000 i

RICHfDETECI LA VOSTRA CONFIGURAZIONE VI FAREMO IL PERSONA1 SU MISURA, ECOPIOMIZZANDO

----

--

P

ESPERIENZA 01 12+1 AMMI . GARANZIA 12 MESI FRANCO NOSTRO LABORATORIO - PREZZI IVA ESCLUSA SPEDIZIONI GRATUITE IN TUTTA ITALIA . PAGAMENTO IN CONTRASSEGNO

Corso Casale, 120 - 10132 TORINO - Tel. (O t l ) 88.58.22183.73.30 - Fax (011) 81.23.813 Aperti anche al Sabato INTEL NEC e MICROSOFT sono marehl registrati

MCrnicrocomputer n . 100 - ottobre l990


-

-i

Parliamo

United Languages of Lifeboat Ebbene si, noi parliamo tutti i linguaggi, proprio perchĂŠ... li distribuiamo tutti ! Abbiamo cosl maturato una lunga esperienul che a vede vicino ai programmatori di tutte k "razze*': da gueiii che amano il C a queili che preferiscono iI Coboi, da quelli che sono vicini al P d a suelli che lkteggiam per il BASIC, senza dimdticare gli ''appassBonati"dell'hsembler, i "patit?' di RPGII e gh "scienziati" del Forma Quindi, a qualsiasi latitudine abbiate dWco di scrivere ia vostra applicazione, rimdatevi che noi delia Lifeboat parliamo il vostro linguaggia E se per caso siete in difficolth, chiamate& vi rice& fuori dai guai. Noi siamo disuibuton specializzati nei linguaggi Acucobo~,BOrlad,

Iattie, Mrcrocoft, Ryan McFarland - LPI, WordTedi e Zortedi. Percib, se volete un "pezzo"di questa ricca mIlezione "United Languages of Lifebat", non vi resta che posizionarvi sulle nostre coordinate1

IL GUSTO DELLA DISTRZBmONE v,t,~nin,14- 20148 ~h - m 02,4814~- FPX 02/4812370 Via Paolo Frisi 14 - 00197 Roma - TeL 06/87%!M


-NEWS

Olimpix. Sir-x. Unify. Accell. Cruscotto Aziendale e Parys. Olimpix 4 un package gestionale disponibile in versione sorgente ai rivenditori, interamente scritto in linguaggio di quarta generazione Accell e basato sul database relazionale Unify. E dotato di una interfaccia utente a finestre, menu popup e help in linea. Inoltre consente tramite uno iizoomii una costante navigazione nel database garantendo I'accesso alle informazioni da qualunque transazione. Il prodotto si rivolge alle aziende manifatturiere e commerciali con sofisticate funzioni nelle aree di contabilità. acquisti. vendite. magazzino s produzione. Sono previste. oltre alle procedure base necessarie per gli adempimenti civilistici e fiscali, budget vendite. acquisti, produzione e personale, analisi flussi di cassa, pagamenti fornitori, statistiche di vendita. CRP (Capacity Requirement Planning). PBA presenta inoltre Sir-x, la prima verticalizzazione di Olimpix studiata per il settore degli autoricambi. realizzata dalla società Nuova Informatica Shop di Napoli. Unify è un RDBMS in grado di offrire quattro diverci metodi di accesso ai dati con interfaccia SOL. L'offena PBA comprende l'ambiente di sviluppo integrato Accell composto da Application Generator, 4GL, Window Manager e un Cooperative Processing per gestire in modo intelligente un personal come terminale.

Cruscotto Aziendate è dedicato al management che desidera ricevere sul proprio perconal computer con tempestivia, le informazioni presenti nel mainframe necessarie per supportare decisioni chiave. Grazie atl'interfaccia utente di facile e gradevole utilizzo il dirigente pub visualizzare e manipolare i dati sia in mcdalità numerica sia grafica. Infine Parys è un sistema esperto sviluppato per ta gestione delle risorse umane di medie c grandi aziende. Il pacchetto si differenzia da altri sistemi tradizionali per il suo approccio avanzato. che permette di affrontare qualsiasi problema nell'area delle risorse umane in modo intelligente e strategico. Fasi di Job Analysis e definizione dei Job Requirements di tutte le posizioni di lavoro sono gli aspetti principali gestibili con Parys ottenendo di conseguenza una efficace consulenza per la valutazione di candidati e dipendenti. per accurati piani di sviluppo s rimpiazzo.

sistemi appartenenti alla famiglia OPEWerver. nati dalla vo1ontB di applicare la tradizionale capacità innovativa della Wang agli sandard industriali. Questi nuwi sistemi adottano i chip Intel 386 e 486. il sistema operativo Unix System V1386 release 3.2 della C C 0 e la tecnologia multibus I (IEEE Standard P 1296), mentre rispondono allo standard ABI. che permette l'esecuzione di migliaia di applicazioni sviluppate da tarze parti per il sistema operativo Unix. Alcune novits anche nella gamma di Personal Computer: il PC 486/25C,il PC 350133C ed il PC 380133C.tre prodoai che per le loro prestazioni contribuiranno a rafforzare la posizione della Wang. Per quanto riguarda la gestione delle immagini viene esposto OpenllrnageWindows. un sistema integrato rivolto ad utenti di reti e personal computer stand-alone in ambiente MS Windowc.

Wang

D.P.I.

La Wang SpA è presente anche quest'anno esponendo un'ampia gamma di prodotti hardware e software in linea con le nuove strategie aziendaii. Un'importante novità B rappresentata dai

La Data Peripheral Italiana presenta i due nuovi modem interni per laptop Tosh~badella gamma WorldPort {prodotti dalla Touchbase System) il 24%-TD e il 2405i-TD. Il primo il 2496i-TD fornisce contemporaneamente le

FINALMENTE ANCHE IN PUGLIA PREZZI INGROSSO

AMIGA 500 APPETIZER COMMOWRE 64 NEW REGISTRATOREPER C64

L. 30.000

DIGITAUDIONIDEO

*ACCESSORI PER HOME

n10 MHq 512K, DRiVE 3WKb O 720Kb, CGAI HERCULES, SERIALE, PARALLELA, JOY, TAST. 101 TASTI, DESKTOP. XT 10 MH& 5t2K, DRIVE 36OKb O ROKL, CGARIERCULES,SERIALE, PARALI JOY, TAST. 101 TASTI, DESKTOP, HD 20Mb. L. 1.040.000 AT16 Mz,IMb, DRWE 1,2 Mb O 1.44 Mb, CGARIERCULES,SERIALE, PARAL, WSE, HD 20 Mb, TAST. 101 TASTI, MINIT. L. 1.450.000 386 SX, 16-21MHz, 1Mb 0 1.44 Mb,CGAlHERCULES, SERIALE, PARAL., MOUSE, HD 40Mb, TAST. 101 TASTI, MONFTOWER L. 2.390.000

156

MCrnicrocom~utern. 1 0 0 - ottobre 1990


in dirnmtrgbne presso i nastri punti vendita di; BRESCIA. Cor~oMagenia 33B RESENZANQ {Bs). Piazza Mahezri 14 G'FIUMELLO (Bg). Y ia Roma 61 IERQNA, Piazza S. %maso 10;11


le funzionalità offerte dal terminale VT340. Per il collegamento con I'host, altre alla mnessione seriale RS-232, SmarTerm 340 può awalersi dei più diffusi software di rete c e funzioni di facsimile gruppo 111 a 9800 bps e di modem ufulty featuredr a 2400 bps. WorHPort 2405i-TD consente di trasmettere &ti privi di errore su finae telefoniche a 2400 bps, con una resa effettiva pari a 4800 bps. Questo rndello fornisce infatti la correzione di errore Secondo b standard MNW. I due nuovi m d e m sono progettati per gii slot di espansione Toshiba tipo UDMe sono utilinabiii sui modelli TIOOOSE e XE T1200 e T1ZOOXE, T1600. T9100SX e 53200SX. Tra le caratteristiche ulteriori è da segnalare un sofisticato sistema di power management c h preserva ~ la carica della batteria quando il modem non B attivo. Oltre ai modem B presente il sofhuare di comunicazrone e di rete nato dalla colbborazione tra la DCA e la Microcoft: Selm.

C.H. Ostfeld C.H. Ostieid sas presenta una serie di pacchetti software per ambienti MS-DOS e DEC: SmarJerm 340, SrnarTerm LAT, Securemax. Genifer. R&R Code Generator 1.1, DBL con wergy. Recital. Blast, Editf e Vcl. SmarTerm 340 è il nuovo emulatore di terminale DEC W340 per PC IBM o campatibile MSDOS che supporla virtualmente tutte

zione automatica di procedure DCL peì rimediare ad anomalie o punti deboli. la produzione di dati statistici compreso il mantenimento di un uarchivio storicor riferito aila sicurezza di sistema, di volume e di acmunt per individuare rapidamente possibili scostamenti dai valori scelti quali propri standard. Il pamhetto funziona su elaboratori VAX con VMS versione 4.2 o successive. Genifer è il prodotto di CASE stan&alone per l'ambiente MSDOS capace di generare applicazioni dBase (111, 111-t e IV). dBxl. Clip per. FoxBace e FEIxPro. Con il nuovo tempb te per Clipper possibile scegliere i cdori dei vari sfondi. dei primi piani dei vari menu, il colore dei titoli e dei bordi delle varie finestre. Poich13 I$ possibile modificare i colori nell'eseguibile finale generato, il p m m m a tore non deve pio curarsi dell'aspetto estetim del proprio prodotto, ma lascia all'utente finale la possibilitddi personalizzare la propria interfaccia. Evoluzione analwa è prevista aw che per i template per gli ambienti dBase IV. FoxPro. FoxBacs e QuickSilver. R&R Code Generator 1. l B un'utility twl per PC IBM o compatibili MS-DOS che produce automaticamente il codice dei report dBase generati con il prodotto R&R Relational Report Writer senza che l'utente li debba programmare. Il c d i c e pmdotto da R&R C d e Generator è conforme al linguaggio di sviluppo dBase. FoxBase, Clipper. Quicksilver e dBx1. R&R Code Genemtar produm il d i c e di un report specificato nel linguaggio richiesto, pronto per essere o compilato o interpretata. Il codice prodotto pub essere portato da MS-DOS ad altri ambienti quali

me PCSA della DEC, 3Com e altri. La novità B la possibilità di inreragire direttamente con il pratowllo LAT del VAX tramite il modulo SmarTerm LAT. SmarTenn 24.0 V.3 rimane disponibile per gli utenti Persond Computer con scheda grafica CCA. SmarTem LAT è un nuovo modulo di SmarTenn 340 irnplementaro su licenza della Digital Equipment. Consente lintemzione diretta con il protocollo LAT del VAX senza l'obbligo di appoggiarsi ad un strfcware di rete aggiuntiwi, utilizza satarnente 33 Kbyte di memoria del PC ed & totalmente mrnpatibile con la rete NetWare Novell. Securemax è un tooj di sistema per i'embiente VMS che eitende te funzionalità di Securepak per gestire, a livello centralizzato, la sicurena dei nodi VAX collegati in rete tramite DECnet. Tra i benefici apportati c'e un migliore livello di difesa ottenuto in breve tempo e con il minimo s f o m , una riduzione delle possibili intrusioni nel sistema o sulla rete con una scarsa possibilità di perdita di dati, I'individuazione e l'eliminazione di privilegi superflui e di acmunt inutili. la diminuzione del tempo richiesto per I'EDP auditing. la risoosta immediata alle difficoltà incontrate p& l'accesso a file e a directory. Tutto cid è reso noscibile tramite l'identificazione di are blemi' di sicurezza p8r gli aocount, il 'file protection e I'ownership, l'esecuzione periw dica di procedure che verificano il livello di sicurezza del sistema o dalla rete. la genem

ITT ABBATTE IL MURO DEL MONOPOLIO SUI COPROCESSORI MATEMATICI I11

m

Finahente anni di mwiopolio una giovane aziendacalifmianaha inizrato a produrre deichipcheper la loro partidare reaitzmioner w n o esserepd veloci e w d i da lom Masomipdececsori. I nuwichips I i iX87 e IiT 3C8i sono perfettsmentecompatibili sia msei di hzionl che mpiedinaturaai wprocessoriINTEL. Le carettedstichem stantiali mo:real&oneCMOS quindi bassatempratura sulle giu~on! a risparrmo del E.%di q i a , a prità 9 clock r!ch-Monomeno cicti per eseguirela mLstnizbne, gchitettura interna ad 80 bit,32 registri da 80 bit 24 dei qualisi -no M i e mstack da8 regi&i, pmenti isiwhl -amo dl matrlcI4~4.Oltreslleclas6iche *I&, sam d y b i i chip I g 8 7 da 20 Mh i (a conanems A ferm a 125 Mhz). ConMWa.. sar per noi un piacere invidi una documentazione più dethg!ata sui coprocesoti mabrmci IIT. R i a m o una W l l a mparativa tra i inrrstri 1IT e gli IN'I'EL.

4

r

n

-

m' O ~

-

i

IL

i

i

I '

i

4

SEIKOSHA OP 105A laser 5 pag. mln., 30 fpnt ~ M e n i i ernulwne , HP W Il, Epson, iBM, Diablo 830,saride e parallela

1 L. 2 ~ 9 9 4 ~

LASER XEROX 4030

H pag. min., ernul. Diabio 834 E p n , IBM, HP W Il. P M e r Hp, 2 caaaetll da 250 fogli, 2 Mb Rarn, -l@

OFFERTA J , ' m i l w PROMOZIONALE & U ~ d l p p s s l m m d i m 3V& m Ew W r s dCS e L . ~2616 !

~ r n ~ ~Cancesslonarlo ~ L l a 8 t p n r b n a uPASSEPARTOUT mhodOSIZ~a128@hUNIX.

Pmemre bale a Sdieda S u p WBBOxBBq ~aiiiw~peper~~%~badal$vskclt8~niiIrnavglw~d~.l~~&

C p m h l s r H D t F l p p ~ 8 i W d L1 M b R m 1 Diiuedmr 1MMC 1 PortaSad& I MnParallda,

lPrw$M~lTaslleralE?$st[itaiia?a,11 ~ n a i e L q W h , IIBS DWI o h a d e w i in sa lemesi

Iw Indura L. 5-80-00 ~ ~ R O I U ~ P R # I E M L S I ~ ~ ~ $ O ~ ~ B

,. 158

-~~caMaI,pdms~dopo~m.~~wiissgis

L. 4 ' 1 9 0 m

Tel. 106)74.53.25 7m.ag ~605.19 (Fax SU tutte le tlnee} Computer Shop Via h c i o E h Seiano, 13/15 - 00174 ROMA A L . ~ Centro A@. lìxnia Via dei Quinzi, 7 - 00175 ROMA

-

-

-

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Se ami il car stereo, non alzare il volume.

Sfoglialo. AUDIOGUIDA CAR è un volume di qLidttrwento pagine con foto, caratteristichee prezzi dì oltre seimila prodotti car sterem il più completo e aggiornatorepertorici del settore.

AUDIOGUIDA CAR. Un vohune ad alto indice di ascolto. AIIDIwlmlA I'AR P un. ~

~

hn : ( ;lI m DkI A - ~ R t r m~ v h c ~ l i rI!&m i 9-

9.41803Ki


Xenix. Unix e VMS ed è compatibile con Recitai Recital e un innovativo sistema di databasc relazionale sd un linguaggio di quarta generazione 4GL che, nell'ambiente IBM AIX. rende rnultiuten.ti le applicazioni dBase 111, 111+. IV, FoxBase e Clipper sviluppate su PC IBM o compatibile MS-DOC. I comandi e le procedure originali nate su PC IBM vengono portate sotto AIX con l'aggiunta di nuave funzionaliti operative non disponibili cotto MSDOS Recital è anche un potente tml per quew e reporting utilizzabile dali'utente finale e un'interfaccia per dati giA presenti ed utilizzati da applicativi scritti con linguagg tradizionali. Recital è uno strumento dr sviluppo con cui si puo realizzare l'integrazione di applicativi preesistenti con sistemi di n u w a concezie ne scnra I traumi che talvolta si verificano in simili casi. E disponibife anche per altri ambienti multiutente quali C C 0 Unix, SCO Xenix. diverci sistemi mini Unix ed elaboratori DEC VAX con VMS o Ultrix DBL con Synergy e un compilatore che offre la trasportabilità dei propri sorgenti sur più diffusi elaboratori e sistemi operatrvi. DBL trae origine dal linguaggio Dibol-l l della DEC, aggiungendo la programmazione strutturata, nuove funzionalità operative e rncduli opzionali per la gestione delle finestre oltre all'integmzione con altn arnbientr dr svilupp

(Oracle. dBase, Lotus 1 2 3, ecc.). Un'appline di tabelle, categorie, alrquote e criteri di cazione in DBL pu6 essere trasportata in ammortamento pamrnetrtuabili e legate alla ambiente IBMIAIX su elaboratori RS6000. data di entrata in viqore, archivio cespiti, con la medesima facilità con cui Uitts le càlcolo ammortamento con qualsiasi applicazioni realizzate neli'ambiente AIX p o ~ cita, stampa del registro e statistiche varie. sono migrare verso l'ambiente MS DOS. più un sofisticato modulo di simulazione. Xenix, Unix e VMS p e r i quali DBL è disponiEuroCUT permette I'ottimirrazione del W glio lineare, con elahratori MS-DOC. &mbile Blast B Un prodotto software che consente prende un archivio delle barre utilizzate, gea due computer di trasmettere e ricevere file stisce il carico e scarico di magazzino e le binary, di testo e comandi di console attracommesse di lavorazione. Consente inoltre verso le uscite seriali asincrme RC-232 diret- l'invio alla produzione di piii commesse contamente connesse o collegate via modem. temporaneamente ed utilizza un atgoritmo di Blast-funzioneanche su linee disturbate e su attimiuazjone particolarmente veloce ed efficircuiti soggetti a ritardi di pr~pagazione{col- ciente. EumMAN è un pacchetto rnukiaziendale legamenti via satellite. U N e PBX). Su IBMI AIX comunica con oltre 100 elaboratori midestinato alla gsstione della manutenzione cro, mini e mainframe con sistemi operativi preventiva e straordinaria, delle commesse come MS-DDS, SCQ Xenix. C C 0 Unix. Ma- di lavoro interne ed sstcme. e della disponicrntosh. Unix 5, ULTRIX. BTOS, AOSIVS. bilità di ore tavorative dei dipendenti addetri. VMS, RSX-11, VOS, MPE, PRIMOS, VS, Infine B interfacciabile'con EuroCESP. MVWSO VM/CMS e motti altri. Chiude la panoramica il pacchetto di geEdit+ 6 un tool di compatibilità che emula stione telex hardware e software EuroTELEX su elaboratori IBM/AIX I'sditor standard dei che opera su persona1 computer operanti in sistemi VAX dela Digitaf Equipment. rete sotto MS-DOS o OS/2- Le caratteristiche annoverano la Composizione o importazione di testi, indirizzamento automatico, agenda corrispondenti, trasmissione a piu destinatan in data e orari prestabititi. Si possono definire utenti e rnailbox telex. smistare Euro Byte in automatico o in manuale con awiso telex La saciea Euro Bytadi Latina presenta alla in arrivo, usare in m d o conversazionaIe e mostra milanese alcuni prodotti software getariffario. stimali.: EuroCESP. EuroCUT. EuroMAN ed La smietà Eum Byte di Latina che è stata EuroTELDC. fondata nel 1983. mnta su un organico di EumCESP e un sacchetto smcialinato aer venti persone e prevede un fatturato per il la gestione dei cekpiti arnrno~nabili.~ i s ' ~ o -1990 di circa 5 miliardi di lire.

MIDI per PC IBM: con noi diventa realtà

Computer PC Master

MIDI ards:smo compatibili con lo standard MPU-401 SP2 -come SP1 ma ha 19funzioni di trasformazioneora cui Rdand e dispongono di vn'uscita audio metrwwm; le traspmizime armonica su 84 tipi di scale), rqjictmzione schede dotate di FSK sync permettono di sinmizzareun multi-traccia con filtraggb selettivo bli eventi rnidi, rimregistratoremuititracciaed un sequencer. nosce i Wici MID1 Song Positbn Poirter, up/downlaad D A 4 1 1 MIDI In, 1 MIDI Out Lm .000 delle voci dei diwositivimidi per automatime ilsetvp relativo all'esecuziwie di ogni smg, ternpbtrack variare ioV4001 Voyetra 1 MIDI In, 1 MIDI Out, FSK Inl0vt Lm .000 calmente la velocità di wcuzione. L. 41kOMI MW-LPC Rdand 1 MIDI In, 2 MI01Out, SP3 - com SP2 ma p ~ gestire 4 oltre 3000 tracce, ha FSK IdOut L 265,000 31 funziwii di trsfwmazione (tra cui altemione in modo MW-IMC Rdand come MPU-IPC per P52 casuale di frequema, inizio, durata e velocità delle note e Micro Chand L 440,000 cmpmsione-~cpancionedella dinamica delb note e della tempiicazione degli eventi), MIDI Data Analyzer per MIDI tutti i programmi supporlano le schede "iditare tmcBMm dati midi, hdp m-lim. dea CGA, H e ~ u hEGA, , VW-done al massimo L, 829,000 capacitk tutti i wuencer suppwtano i MIDI FILES. Musiicator V2.0 cequenw 16 tratte integratoa un tra~chp a s c pv1~ squmcer 64 tracce,notazione rollin notaiwne standard,latrawidwieawiene bar, utilizza interfaccia grafca Windwis, richiede l'uso del dumm h ~ 0 ' ~ ~ i@ oappare n @~ ~ e a m e naltfermie mowe, boluzjone di 240 ppq, 15 funzioni di trasformali* M, gestione di tenine. L 1a.0~)m, mr~sentta djgruppi di note su cui operare trasformazioni dezbnandde singolarmente, quantWione da SP1 Vo~etmV3.0 sewmcer 500 &cc@, ndazbne roll- 114 4/64 non dismiva, rqi&xiom multi-baaia,dprobar, possibilità utilinandoil rnouse,di un prath e veboe du, ,l partiturti su EwnnBM 9R4aghi o stam&ting di nota,gli eventi midi di qni t m i a posml~~ eccere ph,i p o s t ~ i pnon t , supportala CG*, L 755.000 m m p b ~ t editati e (Key affertouch, Pitch bmder, P b 'IDt PLUSVOyeh cwnwb gram change, Cmmllerc),la marcaturadi tempo può e%?,+ re spaciiicata per ogni bartuta risoluzime di 192 ppq, 10 da + SP1 L. 449.000 funzioni di trasfomiazione. L 240.000 TRAX PACK cwnpjto da TRAX t DA-401 L 339.000

Umih base: comprendono tasf&a estesa 102 tasti, FDD 1.2/1.44Mb, 2 porte senali, 1p t a pwallela, portajoystick 28612Miiz(lM16)1Mbmek& L. 7 W 386SX 16MHz(LM21)1Mb m a s e baby L 1.14R000 386 20MHz (LM27) 1Mb case Tower 3 L. 1 . 7 W 386 25Mk(Lk131)4Mb, 32Kb cachewce Tower 6 L -2 366 33MHz (LM58)4Mb, 32Kb &che wce Tower 6 L 486 25MHr (LM114)4Mb. 8Kb &e mT w 6 L G70.W Hard Disk:comprendono contrdlw per 2HD e ZFDD. H M M b Seagak 28mS L 4 M

ANTEAWD

L Mmm L Wml L 1.750.W

HD40Mb Swgate 28mS HDSOMb F u j i h 25-115 HDlBOMb NEC 16mSESDI

unkividep: C G A - H m k t Mwiiw momicrom dual-freq 14" L P5.W EGA W480 256Kb 8 bii + Monrtw wl m 14" L. ~ . W O WBOh800256Kb8 bii t hnitorwlanslog l 4 L T80.000

VGAIW4~768512Klo16 M

+

MMlitwd analog 14" L mmI3 W ; A I W 4 ~ 7 6 B l ~ 1 6 M + ~ ~ c d m lL~ 1990.1333 4"

Per creare la wnfigumzioneche desiderate, soegliete tra le Unita base, Hard DiskeUnitàvideo i componenti necessari. BORLAHD software: siamo in grado di offrire mi i pac chetti Borland wn urm swnto sui prezzi di listino del 10% per gli apglicativie ds118 ' 96 per i linguaggi.

ANTEA SHD sa.s.

Prezzi IVA 19% e spese di sp@zione ecckise.

WB miaro,4 - 10137TORINO T~I.(011) 39.98.29 - Fait loil) 36.6926

o cwriere pagamentocwitrascqno.

Spediziwii tiamit8 p t a Tuth i misrsioie@tksiiail dat dspattiui pmpietari.

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


non a un sempliceslogan pubblicitario, è una verità;una verità Unidata che si è affacciata sui mercato informatico nel 1983 e che, con il passare degh ami, si è attedata ai primi posti con una produzione al massimo deile prestazioni e deila qualità, coprendo, con una serie di pdottl appositamenk pxogeftati e sviluppati, una Questo

vasta area applicativa

Alcuni esempi? * SISTEMI-LAN ' * SISTEMI MLJLTWSER MULTITASKING UNIX SISTEMI DOS STANI3 ALONE *CAD-GRAFICA &iMAGEPRUCESSNG * DESK TOP PUBLSSHING * COMUNI~OM Per coprire le rea& esigenze di questi campi di a p g W m e l' UNIDATA fornisce le configurazioni con sistema operativo più appropriato e già inctallato, otthkmdo così al massimo le prestazioni da voi richieste. LINEAPXr Computer da tawio in due versi* ni:&rnofuU sìze"

lamA&Computer v@rowIeda 'pvimerito.

;;i;;pyk

&;\;:.:T:;

#u bEM%W'm 3,5"/5,2S-1.W.2743

2 d - l +

hwk43

-

38S"&2T 1.Wl%l3

2d-1-

hW5 ~-~

J,S'/fh25"- 1.W2MB

80MB25GBm 2 d - l @

m--

p

4

- Via San Damaso, 2 0 - 00165 Roma Tel, 06/6847318 Ir.a.1 - Fax 06/6384824 Filiale di Siracusa - Via Brenta. 65 - 96100 Siracusa Tel. (Fax) 093ij24491

UNIDATA s.r.1,

-

I


I

Del ubrland OOP World Touri. il minario itinerante sulla programmazione orienta=& agli oggetti portata in giro p r il mondo dalla Borland, vi ho gih parlata bre vemente un paio di volte in passato: su MC 96 (maggio '90) nella presentazionedel Turbo C+ + e su MC 98 (IugfiQi~osPo'90) neila intraduzione aHa r e M i a prova. L'annuncio ufficiale di questa iniziafiva unica nel suo genere era stata infatti data lo soor20 aprite da David Intersirnone. rambasciatore &i linguaggi# di casa Bodand. durante la conferenm stampa di presentazim del iuovo Turbo C++. Cos'B questo OOP WoM Tour? Fondamentalmente un seminario ufull-immersionii. della durata di un giom. tenuto ih varie città di tutto il mondo da noti esperti americani di OOP: lo stesso Intersimone, k k Urlocker e Bruce Eclcel. Rivolto agli sviluppatori professionisti. tale seminario mira a fornire loro b conoscenze teoriche e le principali tecniche connesse alla programmazione orientata agli oggetti. al fine di disseminare quanto più pocsimle nel terremi adatto il germe di questa relativamente nuova ma certamente importante $tecnica di programmmione che si prevedo cwatterizzerà il prossimo decennio. Le tappe de11'00P World Tour sono ben quattordici, di cui sette in territorio statunitense e sette sparse fra Europa, Asia e Oceania. Le sedl americane sono state Bosron, New York. Washington. Chicago. Dallaa, Los Angdes e San Franciscq dove i seminari sono stati tenuti nei mesi di luglib ed agosto. L'edizione milanese, svokasi il 21 settembre. ha inaugurato la sehs di tappe estere che prasegue poi cm Londra. Copenhagen. Parigi, Monaco, Sydney e T e kio e si concluderà entro m& ottobre. Come si vede è un vem tour de force che ha comportato enormi s f o i organitrativi alla soci& e... tanta fatica per i poveri relaton costretti a fare letteralmente il giro Jel mondo in meno di quaranta giorni! A propocito dqi relatofi. credo sia apportumi presentarveli brevemente. David Intersimone d oramai una mia (e voctral vecchia i a s o e a z a . Rioopre alla Borland la m i c a di uDirector oT Devaloper Relationsi, d a di responcabile per i rapporti,c m ,gli sviluppatori e la stampa tecnica in tutto il mondo. In passato è stato anche ,a capo &l team di sviluppo del campilatore T u b Pascal. Zack Urlocker è entrato in Boriarsd da pochi giorni, praticamente dal'inizio delI'OOP World Tour; vi proviene dal Whife water Gmup, che è una societh che pipduce t o d di s v i l w object orien'ted e fa ainsuienm e formazione. Urlocker è uno degli autori di Actor, il noto linguaggio OOP di quarta generszione per lo sviluppo di applimioni sotto Windciwc commercializ-

'

I

Borland OOP World Touc la tappa italiana

zato appunb da Whitewdter, e tiene una rubrica ficca sul Jwrrral of Objwt Oriented Prog~mming.Bruce B k e l B membro =n diriifo di voto del Cornrtata AN51 C++. Ha pubblicato un libro sul C++ (Using C++, O ~ r n e I M c G r a wYiJI 1989) e ne sta preparando altri due. E editor delta C++ Gazette e collabora con nurnmwe riviste americane; ha inottre fondato una ditta (Rewlution2) che fa formazione e cunsuI e n q su C++. Le giornate deM'00P Wwld Tow sono articolate in t i i r s e fasi: una sessione di apertura che cerve per inquadrare aspetti e problematiche generali della OOP, tre se& siani diversficah swilte m parallelo e dedF cate ad altrettmtì Wtti particolari della pmgmmazione orientata di oggetti, d infine una cessione conclusiva wrnune dedicm alla discussione di cib che si 8 visto durante la giornata. La uppa milanese. svoltasi al f i l a n o delle Stetline, ha avuto un elevato numero di iscritti Ad essa abbiamo avuto l'onore di partecipare in veste Mciale, dietro ivvitp detla Borland Italia, Sergio Potini ed io. Il nostro compito era quello di supportare. in qualia di esperti italiani. i relatori americani nelle sessioni parallele che, al conlrario di quelle generali e per mi motivi legali alla natura assi b x n h dei temi tra€tati, non potevano awalersi di un S ~ M Z ~ Odi traduzione simultanea. I lavori sono cominciati verso le 9:30 con la sescione introdlmiva tenuta da David Intersimgne. che ha inquadrato soprattutto lo sviluppo storico della metdalagia di programmazione OOP vista; come evoluzie ne naturale e superamento concettuale della pmgramm&~ne strutturata. Subito dopo. il seminano si è suddiviso nelle tre sessioni parallele dedicate rispettivamente a: ugestione di progetti di sviluppo w n OOP* sintroduzione al C++* , uintrcrduzione al Pascal con oggettirt. La prima, tenuta M I O stessa I n t e r s i m ne. capriva aspetti pih che altro merodole gici e di gesti~ne&h fase di pianifi~riane e sviluppo di un progetfo complessa con tecniche DOP. Uno dei pregi della 004& propria ìa possibilità che essa offre di gestire progetti assai mmplessi, a l t i menWingestibili con tecniche tradizionali. E dunque importante avere nozioni precise su come organie pianificare il lavoro su simili pmgetti, per saper applicare wrrettamente b tecniche OOP e pter w l u W re preventivamente i tienefci ricavabiliLa seconda sessione. sicuramente la più seguita ciai partecipanti, era tenuta da Bnice Eckel. Dedicata a programmatori C già esperti, essa aveva ia scopa di introdurre alla conoscenm del C++ sotto il sua duplice aspetto di aC migliore# e di MC con

.

I

oggetti*. per illustrare poi le singole caratteristiche specifiche che ne fanno un lim guaggio ideale pEr lo sviluppo di progetti complessi mediante OOP. La tema sessione, tenuta da Zack Ullocker, era invece. dedicata ai programmato! Pacca!. In essa si intducevano i concetti della ptogramrnazione per oggeiti in Pascal mostrando come utilizzare le recenti esfensioni object oriented di tale linguaggio. La sessione concbsiva. tenuta wngiuntamente da Intersimone e Eckel (Urlncker aveva dovuto infatti correre all'aereoporh per recarsi a Londra), ha fatto il punto su quanto detto durante la giornata ma ha perniesso anche di parlare delle prospetti& future de11'00P. in panimlare per quanto riguarda gli intendimenti del comitato X3J16 dell'ANSI che sta lavorando alla standardizzazione del linguaggio C+ Deva dire che il successo della manife M a n e 6 stato ottimo. Tutto infatti si e svolto nel modo migliore. grazie sopramitto ad un uditorio assai attento e preparato e ad un'accurata orgsniuazione generale. Alla fine della giornata, che per la veriti B stata piuttosto dura, la sddisfazione di partecipanti. relatori ed organizzatori era pertanto generale. Certo in poche ore, benche intensive, non e possibile sviscerare completamente un argomento avanzato e wmplessa come quello della pmgrammazione per oggetti; ma questa non era affatto lo scopo del Tour: esso inGece vuole salo a e n s i b i l i ~ r el'opinione degli uaddeni ai lavorin su queste nuove tecniche e &irnohrii ad approfondire le nozioni di base h v u t e . ed in questo ritengo abbia avuto un su&esso pieno, Prima deli'uscita i partecipanti hanno tra l'altro ricevuto una l u s suosissima maglietta col logo deH'OOP Worid Tour e soprattutto una confezione con un Ilnguaggio Borland OOP, Turbo C++ o TurboPasd a seconda delle sessioni cui si erano iscritti. Un commento conclusivo. La buona riuscita ed il generale acaoglimento di questa iniziativa sembrami aver convinto Borland a riwtere in futuro manifestazioni del genere, organinate anche dalle singole filiali ~ z i u nali. Mi sembra un ottimo sistema per favorire lo scambb di esperienza e la disse minazione di nuwe idee fra tecnici e prcgrammatori. Una giornata come ques'a deC 1'00P World Tour pub significare molto per l'esperienza pmfessìonale di ciascuno di noi. ed avere più occasioni del genere per smmbiare le proprie opinioni w n w l l ~ i od esperti è cenz'altro vantaggioso per tutta ta comunitA informatica. Resto naturalmente in attesa dl ricevere notizie più precise in merito ala concretinazio~di tali orienta menti, sulle quali non mancherd di riferire '--npestivamente cu queste pagine

+.

-

MCmiwocomputer n. 100 - ottobre 1YYO


i

...ma anche

U'NISTATIONm

I terminali LAN d d a nuova generazione

L' Unidata Unistation modello 286 e 386 sono dek LAN workstation a bassa casto con la fun-

w n MSDOC su Ram. Con questa rarathkdica si p o n t i o r g g configurazionidkkkssin zi~itàdiunostandardPCbasatosupmceso qualsiasi arnbIente di rete e di comunicazioni, ri 80286 o 80386%. E una soluzione attimu- anche se non a n o prefunzioni d lmioot W zata per reti locd con intdaccia Ehernet già moto. Nella Rom di& passano risiedere i pro compresa uti1iz;abile per applicazioni Dos, 0C/ gmmmi di shell e di connessione mla refe o di 2 o W i o w s in ambiente Noveii Ndwam 286 e munkazione che Iltenie dedaa. 386,Micraxik Lan Manager,Unidata Network- Le configurazionidisk-Ieshanno il livello di costa OS,e u g h ambientidi rete Netbios. In arnti'en- di un terminale non intelligente ed il vantaggio di teeTND(si@connettere hTCP/P, NFC e PC- non wnsentire aIi'0paabi-ecopie di software o Interface a host Unk bacati su W, Mini Compw didati.IndbewmdellamasimaaMabiitànon ter, Workstam anche in rndahta XWindm. escendmi supporli magrdjue parii eietbmecLI Unisbbm kdidimensioniestremammtecon- miche. tenute, & nomiamiente conEguata disk-h, w li monitor può eswe da 14"m o m m a t k o o vero senza nessuna Irnità di- locale, o p z i d - colore VGA, VGA, oppure a 9 per esk, mente si pub configmam con floppy d ie M geme di minimo ingombro, cosi come la -era disk Vi sono due vwsioni di cpy 80286 a 12 O può exme di dimensioni ctandard o compatta. 16 MHz, e 386SX a 16 o 20 MHz. Le dimen$ionidella Unistation sono ecceziond La Unistatisn è e q u i w b i b opzionhnte mente contende, è larga cm. 30 ed &a cm.7.

CW: 80286 1 6 h l H a W:

-

IMB ghW Wdem

-ah inla&cts: %aWa

2 E232 ophmi:

Fkiw W 3.s Hard di& 40MB monaxwnstlco VGA 14"

V& colori VGA

-!-a--

UNIDATA s.r.1. - Via San Damaso, 20 - 00165 Roma Tel. O6/6847318 (r-a.) Fax 06/6384824


I1 386 - N per esempio, sfoggia tutta una serie di performance di alta classe: C I O C ~25 MHZ O-Wait, cache memory di 32 KB con controller, co-processare matematico Intel 80387 e WTL 3167-25, cinque spazi per installare Drive e Streaming-Tape, una struttura solida ed espandibile, idonea ad applicazioni industriali e a funzioni quale Server di Rete.

AHYU NDAI Practical Compatibles.

'Iiitte le interfacce implementate On-Board,

compreso il Controller per Hard-Disk AT-Bus con tempi d'accesso incredibilmente bassi, mo slot libero in piu, minore manutenzione e quindi maggiore sicurezza nel tempo. Adattatore video VGA e monitor a colori sistema operativo MS-DOS 4.01

7

.

.

-.

3, 311

t

CI

1

l

r Em~ortatoin Italia da: 1

Data POOL Via M. PanhIeoni, 25 Frascati (ROMA) Tel. (06) 9417017 1 9424844

Gruppo Sisterni Torino Via Reiss Romali, 12219 Torino Tel. (011) 2202651

- . ,:

A

.

-.


0 mSISTEM ~

R meE

A

-

Via V. Ernm-iuel~.131 1M73 CikàTO Tel. O1 1FWi677

C.D.S. ms C.w R @n&?- 44 - 13048 S&iÙ

- VC

Tei. 0161/93WO93awb

CENTRO UFFICIO Via M. Ausllptrlee. 43- 10152 -Torino Td. Ml/d.Sl l08

BACOD s m 10128 -Torino Td. 011IW9712 MONiiOR srl C.so Fruncia. 92/C 10093 CoUegrio - T 0 rei n1i/41102% V k VW. 4 5 -

Cerca la convenienza dai Rivenditori Autorizzati Hyundai.

..

HARD & SOFi P . m Enricg Fermi, 5 Twni Jel. 07ddla01058

-

Per tutto il mese di Ottobre, in occasione dello SMAU-90, sconto del 10%dal listino Ufficiale per i Persond Computer Super 16-X e Super 286-X. Compilate il coakpon allegato e recatevi &l Rivenditore più vicino, entro e nun oltre il 31 -10-1990. Oppure vieni a trovarci allo SMAU Padiglione 4241 AS,&ve troverai tuése le mvitd del catalogo HYUNDAI-..

CBM Vale Regina Margherita. 28 - Pexora TeI. 085f4213010

6 M COMPUTER VnVenio. 56-Aveucim - AQ Te1 DM3/25566

Ti aspetliamo.

-

NEW X)A Vlci S. R-. 2DlC t WbO - S. Cecondo dl Pherdo T 0 Td. 0121/741m

S.8.R.

DELTA COMPUTER VioU. F o s c Q l 0 . 2 - C ~ - W Te1 08117582043

-

W a &umoshm.29 10134 -Tomo Td 011132&384 324507 S.G. ASSISTENZA TECNICA CLIENn srl Ma S. Cotenna ,2 28021 Borgomcinero

-

NO

TEWA SISTEMIsnc

-

BYlECsrn

Vlde V e n d a . 126M - Udfnet

V i I . H m . 1OB-MiWFenCm Tel. 0 5 3 2 f W

Tel. @d321W7W

FIEWIRONK: gnC Vlcr Perosl. 142-351WPOdOvO

Tel. DWEd526$ - 846255 M Foa. 69 - 13100 Verdli Tei. 0?6?/930500

R D m

MMEL'U MARIA

Tel M9/41#88 QUARK sil Via Mne. 113 - W170 Luclnlcw G& Tel. M1/391693

-

Vrolrgkda. 17/21-30100 Mestre M T€i.odt/9ia05q

SIA DATA ComMrclOle sris Male tlbecttr, 2 - Pordenone

AFL di lulgl La siva

Tel 0434121243

Vla T m n i n i . 5

SIGMASYSTEMSsil Vla Marchetti,52 - Udhe Te1.0a32/60lW . STUDIO INFORMATICA di Contesso

20380 Trezmm wl Navigli MI FQX 0 2 1 6 ~ T 124 - TeL 02/4840[38W

CEROM EEììRONICA srl Vm Ada Negri. 15-20038 Seregno

Fw 0362/325313- Tel. 0362/mP;E7 OOMPUKR S W sil

via# del WII, 9

- m-

VICMZO

TeI. M24t8580W

GI CI 81 Vu M o r g a ~ l8. - Bomna Tet. [)51/234769

Vm M o r w . 13 ,34100 Trieste Td. WW%

EDP FOMiiURE MC di BertoechliSC. WO GoCioidl. 26 - 24C43 -Oggi0 Fax Wb3/52810 - Tel.a9a3t544M EXPERT SYSiEMS ITAUA sd

Td. W71147U4M

HSH

ARTUFFICiO

VENEiA COMPVTERS sii

-

Via 8. Marcelb. 16 Vkemcr Tsl. W 5 7 0199

bio M i h o . 48 - 20WO Cexino Boscorre Tsl. 0 2 1 ~ W 1 1 5 4b ~ 4 8 M i i 6 9 8

VIO M. C e r v i m , 75 - Roma

Tei 06/8189824

BONCALDO VimC&a,901 -Roma T&. W13762192

C M

Vn Corot. 7 - R D t m Tel. C6/61517a3

ELSY KEY m

ITALWARE

A. COMPIIIERS Via Emdiio. 31 /E - 19W8 Sarzaria SP Tel. 018716279

BARDWI W U O Ma Emiii. 12/R 16138 Ge-

-

TeI. a376/533972

CREMONESI INFORMATICA cso ~uropa.m 1 3 - 16132 nova va Tel, D10/%92br12

CS. TECWICA V.k Rmmbanzo. 612 - 1M1 1 A m m GE

\r,&lFTdF!XciB.257-ROhW Tal. 8862 139

UNMIARE

DATA UNE

BASIC SYslEIPI

Vla Pantn.1-%aridicci-R

Vw Cavour koscuii - Roma Td. 942-

055Ii'm iNIELC0

Tel.

Vn h p & 1 1. - FlTel. 055/538673

SCONTO 10% INIZIATIVA PER SMAU - '90

Miuscitew.3 -Roma Td. M / r n W d

VI-MA UFFICIO

RTVENDITORI AUTORIZZATI HYUNDAI MC

................................................ ............................. .......

Nome

-

Ditra/soc

.........................................................

ECNOSWEU

-

M Lavagrm - Fomb Latino Tel. 07711267B77

T-S TECNOSERVICE V i &io Sielo. 131 - PdestrlnEi- A o M

TeL 0434/2BWb

DATANORD SISTEMI

TEKNOSERVICE

Vio Veslwcci. 3 33W Flume Vensto PN Td. W 3 4 / 9 W

Vi0 Pbetra Confkq. 151- P k u Tei. 050/554W1

H&S BY WRìi REF. Via Belluno.45 - V h b o

Via ................................................ C+ .............. ....m .-,. .... .-.. ...,.,. Tel....................................................

Tel. 9555088

T d . 07411236849

*

I

Tel. abI860Yb78

RAFW UNEA UFFiCD ¢m Genova. lW - 16033 Lovogno GE Td. U 1 8 5 / 3 0 ~

-

-

Vla m Settarnbre,M Algkro T d . 079D74732

PUNTO GRAFICA vWe delle Rwlncs. 87 - Roma

Male A. Clomorra.P1 - Romcr Td. D517212970

CEDA COMPUYEK LAND srl WC. ~ o ~ , ~ - 3 0 1 0 0 ~ V a n e t o

CED DI SECHI M.T.

MICRO-CYCTEM via caflha. 1Do4 - Roma Tel. MI2678787

DATALKWRE SISEMI sil A

Tsi. M1/63a233

-

Via M a m a . 4/F 16043 Chiovai GE Tel 01851323507

-

COMPUTER POIM $ 0 ~ W t7 - Padenone

DilTA M. TEREASI mie ddia Vlttcda.319 - Agrigenfo Tel. W22/2W72

PERWNAL OFFICE

Tel. 0101w95a

Tel DlQt91252M

VE

-

M--nME

REO ELEmK)NIGA

~ e l w m m53

3 L SLSTfMl Uoio A. Moro. 64 Casteilona Grotte -BA TeI. 08018%7171

-

Via Belmsorio.25 - Roma T e i 661-7

-

-

Vio M.C. %a. d0 Bod Td. 08DM119

Via Lago Tana. 10 - Roma Tel. W8321 192

dl Bcicmrlnt & C. mc Vo Td@e>%/h1 -231W SoMidrlo b x 0.?42/5133l0 -3el. W 2 1 9 5 a 4

SP. u m e Giuseppe Vro &ne Mwle. 8 - 20141 Mllono

-

SIMhR

-

VIci T ~ c d a n a595 . ROMA Td. m1766563P

via tuca Valerio. m Roma Tei. Cb15575258

dr hiaciriarm sacchi VaBriosco. 7 -27100 Pwla Fa%03821473973 Tel W 1 7 3 9 7 3

-

Via G. Passwalll. 14 Fammi Brindisi Tel. &OfW23sO

DMS INFORMATICA

61.811 dl611adI Antonlo VLo Vkonii. 78 - 22055 k w Fm 034 1/582079-rei. a3a11532949 L & B. SOFTWARE AND SERVICE

m Cubi Q/C- 4W29 Curmom - W w o

W & C .

VI0 Toclto. 58 - Romci Tel 0616818356

Vla G. Fittalugo, 19 Roma Tel. a14387944

-

-

bio M l a Croce, 1 Motero Tel. 08351211308

ECS INFORMATICA

T.H.E. 90 sdf

1 AWl-raiso

~~

LINEA d

-

-

S.AS.P. INFORMATICA

GoHerl~E W O W - m

P m Municipio. 30 san Giorgio a Cramono NA

F a . . ................................................ %

I


-

Stampa Estera

Chi ha paura del TGV?' di Paolo Ciarde111

L

a tecnologia è solo informa-

tica. Quello che produce la tecnologia moderna B spesso r'iwnducibile alla velocità, quantificabile come l'aumento deiia precisione ndla costruzione deC le apparecchiature ed una ma* giore velocità di esmziune dei compiti affidati alle macchine. Nei computer la vetocit8 si traduce in Mips (Million lnstructions Per Second), nelle rnacchine utensili in una quantità superiore di pezzi prodotti e nel carnpo dei trasporti, m e n i di comk Mcaztme sempre più rapidi. La velocità in Francia 15 rappresentata dal uTrain Grande Vi-

tesseii VGV). Fiore all'occhiello delle ferrovie di stato Sncfquesto tipo di treno detiene il record mondiale di velocith per questa categoria (515 kmth). di fronte ai due concorrenti. il progetto tedesco della Aag e quello nipponim. Attualmente il TGV collega la costa atlantica attraversando le regioni della Beauce e deila Perche. ed il Parigi-Lione che passa per la Bourgqne e la Morvant ad una velocità di 300 krn. In Italia l'unico esempio è la linea Roma-Firenze che potrebbe essere percorsa a 280 krnlh se ci fossero le motrici adatte e

pendolino che collega la c a . dal pitale a Milano, costretto pio volte dai lavori a ritardi seccanti. In cantiere prima di stravotgmenti politici tutti italiani c'era anche un treno super veloce che avrebbe dovuto collegare Roma con Napoli, ma in pratica l'ufficio che avrebbe dovuto trattare ii progetto è stato sciolto con tutte le inevitabili conseguenze. Come tutte le opere stradali o ferroviare di nuovo tipo in Francia il TGV, che collega la parte Nord e poi in un prossimo futuro attraverso il tunnel sotto la Manica I'lnghiherra. ha dovuto su-

perare degli ostacoli ma non ci si B tmvati a dover placare le ire di un nfronte del rifiutoii quando si è trattato di scegliere il percorsa per il TGV MBditermn6e. Il MBditermnBe dovrebbe collega re entro il 1997 la capitale alla cidi Marsiglia, permettendo cmi di essere in Costa Azzurra in tre ore. Le proteste sono state vivaci, dai toni molto accesi tanto da parlare di collera nei confronti &i nburocratiii di Parigi e lo dogan mniato p e r I'oemsione 6: nNon vogliamo sacrificare il nostro m4d6 di vivere (arnbiente) per guadagnare qualche mi-

DIVISIONE SOFTWARE I

STUDIO E PROGRAMMAZIONE SOFTWARE PER RETI GECTIONALI,

MEDIO-INDUSTRIALIED EDITORIA ELETTRONICA DEDICATA

- GRAFICAINDLISTRLALE -

INSTALLATORE NOVELLm COSTRUZIONE E ASSEMBRAGGIO DI HARDWARE DEDICATO

Co.E. S.S.E. - V.le Regina Margherita, 8/a - 95 123 Cafania - Tel. 095/552419 - Fax NOVELLmbun marchio regi-to

dalla Plovell Corporatiwi


nutm. Sano $ G ~ S Jin i Mbiiqi, ;a difesa dei quali scesa il presidente fmnoese Mittermnd, gli qrimM, MiambMtalW che w,testma.~fra. il m o r e d d rtm@ d0;tc@ che viaggiaa più &W W h e perfim @i 8WWi. La prote- per@ abbasmonda pmcti8 il fame di* aiWnterno da vatb mntraddisie ni e minato alla base da k a i i m i . In prima aricilisi saRa agii w$hi presa di paSmQrPe. In prima fila dej vari smdad s wmponenti delle giunta, molti dei quali ipasibmentei carcarie di far dimgtidre gii e m p i aw& nu8 con il h a comerso sulla G mh m , I;ti +cdbfi SPIW di&i &i v t l i i o r i ~perche .Forni3 C@ pingaf il $&nte Mi% WmrM apmgia i xcondi, i PC mì sl CPadrebtier~&&&n* di fryta alla amrryB.ipne al pas-

F1d g.BtM.uita b pmjesta B sfociata

Yd sakwb i8 agosto, @riq &&e t r a

E d t i aUtW105i.

Iipti in a@ per i&%k d W f b r i è k hanno cimuta 'subire. Sembra che gli amrnd$Iisii nan se 1a sbn~pte$a por l$ mp W* shhe P@&qpm t e il r a I W M t 0 *no,m

dhrikiK ddd, f-@ e cet tiiìnn. Pmtper66 c h hanm farn,m@ptù m o r e &H'eMo mWlU&. FWPTIDTP pemm coperto un fatro bw p 0

g

v cdlegm all'kera

da: B suicidio ~$ettakpJmf d$

*me m g e g m &e insieme ad un gruppo di aWi undici dleghì doveva w l i e w il tr9oMatQ

del TGV Mdiewmnée.

TGV.$WO natgrrrl-è Ggrris Writtn prima di uqa *rka@?: uni@. A A&W& lo sigfuq oakieJo"éra&ho h nXhi&a di ma certa sobtudine ressa ciaj minigm f i ~ m s p o f i % i c ~ Def-rs. 11 *ne n$.Bgn~sdei W tearim dìwt-bna Dupuyi che hsck una m i e e quaaro hq $G@~oil pbblka a ~ P F O V V I I &a ,pucki m.@ii

wm

dal sqo ufficio WiiW la vita., <qwenimentb wme tutti i suicidi B dgghiamiante ma p u r ~ troom sono narecchi i amti

h RBn pfWlTk &C la atrana s i b i o m p delle mggigrragenie, Fmce Pness, Roitlrw e&, che hanno taciut~

i( fatta per tTe giorni, WE&Cha sii<& W&&stato rekgaZo a f a & pagina grecwhto dal piii afikaao: suila m i &

srkzMbi Rim 'di. tW, uri &e .oi famQk. dhmo del i%kcxnico e ckfiifo da d t ì *un enfant, p n m ci per protesta. E fa p @ m 13 la

Aima .qkg&ne si plsa d m visto h i'incanb sta &I aweny9a due @Nprima &Ua

NOVITA' NELL'OFFICE AUTOMATION

#naM&aiime. Il ~ e c O n d ~ tu simdia~~m p r e ia data a pai I $W:il giorno di m g o sta ed il parca pbblm. mpysil wrnplice iiiu$a& C fa* m e la msqwm di D sCnv&da

ofia -9

AUTOFIW

per gestita d meglio k vwm $m

&e la

r n e m w & l t ' i ~ e r esi B me+ sa a qowe pia M fimd &rnm'tata dak'f~~$es€e. M mi smMa il sa dr aMrrnie le &se della p m w e di hon-

durls poi da-pura &L avanaer. $rebbe im X@Ie riw&i@ M,$!otehte &e s&~itaronò i prrmi treni che~illmrurnwee~nmg, travafsew. la pace agM$$di un

w o m ~ e m Mi . a

hb

~ISTEMiESTs.r.V.-iAa~4 fel: m i-

pensisre che un sukidt(E,rè una

-GORkM

cosa Omw. #le se ma PeRma di iingepm 0,m f i a q ~ tmrq di Nlio pwxuer,E da um situaione* $trPtrrqnte e h m i d w i . forse q h rivede-

re m ~ k ep@ioni

6 &Qm di questi mi $ catena di d u i ~ d i-di peeone smril.t.e d *er i%h nbn 3 q p m ?khe rati ~ I i &Wo re, bmmente scarto &ha che J m n W i e Dupuy si sia *o ta vita W w w pum*

di f ~

f

~

(m@ ipdzm ~ m

~ abbia decisa~ che wa ywiniodo. P 9 w i p 9 wil i ~ tenuiine fmnceae dr Maiia per

cui non lo scrivo.

ICERCASI DISTRIBUTORI I ~ r

~

~ h


Nell'omai lontano numero di aprila di quest'anno abbiamo pubblicato una lettera che ci chiedeva di occuparci di computer come ausilio agli handicap. Nella risposta abbiamo lanciato una specie di appello, invitando alla collaborazione chi ha esperienze concrete in proposito. Abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere vari contributi (con I'masione rinnoviamo l'invito), ai quali intendiamo owiamente dare spazio sulla rivista. Ci piacerebbe poter avviare una rubrica fissa, tale da costituire un vero e proprio punto di incontro per persone con problematiche simili, che possano trarre giovamento da uno scambio di informazioni e conoscenze. A questo scopo attendiamo contributi, richieste e suggerimenti. Questo mese cominciamo con un articolo particolarmente significativo, perché si occupa del computer come ausilio per chi non vede e proviene proprio da un non vedente. m.m.

Un cornpu;,r per vedere di Giulio #ardone Radia Club Ciechi d'ltalia

La sintesi vocale apre ai non vedenti nuove ed insperate prospet rive per la scuola e per il lavoro

C-Vox in caricamento*... ((PCVox installaton... <(A rnaggic C< ren: con timbro robotico, ma perfettamente comprensibile, il computer mi awerte che è pronto ad iniziare il lavoro quotidiano insieme a me; la sua voce, anche se tradisce le sue origini elettroniche, è per me una dolce musica, perché rappresenta un incredibile salto di qualità nella mia autonomia I* vorativa. Una sera di quattro anni fa dopo tre decenni di cecith totale durante i quali ho dovuto sempre ricorrere ad aiuti esterni per svolgere le mie attivit8 professionali, per la prima volta sono stato in grado di scrivere una lettera con i normali caratteri e non in Bmille, di rileggerla, di correggerla e di chiuderla in una busta. dalla cui finestra trasparente era visibile, perfettamente inquadrato, l'indirizzo del destinatario, che un semplicissimo programma di stampa aveva collocato al posto giusto, a destra dell'intestazione della mia carta da lettere. Chi pud svolgere tali operazioni tutti i giorni con estrema facilith forse non pud rendersi pienamente conto dell'e mozione profonda che ho provato nel riconquistare la mia completa autone mia. nel ritrovare. nitidamente e ordinatamente fissati sulla carta e lqgibili da chiunque. quei pensieri e quelle frasi che da tanto tempo ero costretto ad affidare all'intermediazione di un registratore magnetico o di una dattilografa. In un'epoca di così turnukuoso prts gresso tecnologico, udire la voce dì un computer non sembra certo un fatto

P

nuovo e rivoluzionario; dai giochi elettronici agli elettrodomestici programmabili e agli awisi vocali nelle stazioni ferroviarie, negli aeroporti e sulle automobilì, siamo ormai abituali ad ascoltare voci artificialì,.pih o meno simili all'originale umano. E tuttavia importante capire quanto sia diverso ordinare ad un computer di mettere insieme alcune frequenze sonore per produrre qualche parola o frase. magari già precostituita, o invece creare un apposito programma-filtro che trasformi autornaticamen-, te o su comando tutte le informazioni visive che appaiono suRo schermo in informazioni vocali. Quest'ultima è appunto la reaiirzazione che il Radio Club Ciechi d'ltalia, associazione per la promozione sociale e l'istruzione dei non vedenti nel campo dell'elettronica, ha promosso e' seguito nei suoi sviluppi e nel suo progressivo affinamento. In realth vi sarebbe-anche un altro modo di far conoscere ad un cieco il contenuto dello schermo: un monitor tattile, e ci08 un apparecchio collegato al computer. che riproduce con punti mobili in rilievo, leggibili dal polpastrelto del non vedente, i caratteri contenuti nelle varie righe del video. Tuttavia in questo momento I'output vocale appare preferibile rispetto a quello tattile per vari motivi. In primo luogo il costo di un computer con riga di lettura in Braille elettronico B dalle tre alle sette voite superiore a quello dì un computer parlante. Inoltre quest'ultimo consente di avere le mani costantemente libere

per operare sulla tastiera ed aumenta quindi notevolmente la velmità di impiego. Va infine considerata la circostanza che solo il 3090 dei non vedenti ha una sufficiente conoscenza del sistema Braille. Comunque, la possibilità di usare un perconal computer, strumento che sta ormai diventando un vero e proprio elettrodomestico, kcostituisceuna svoita decisiva - una rivoluzione copernicana. amo definirla - per i non vedenti nel toro cammino verso una sempre maggiore autonomia ed apre anche nuove prospettive nel campo del lavoro. vero infatti che i1 cieco poteva giA apprendere con una certa facilità l'uso di una tastiera dattilografica. ma finora non era assolutamente in gmdo di controllare ciò che scriveva, di correggere, di sostituire, di aggiungere o di spostare frasi o parole. Adesso tutto ciò e possibile. in totale autonomia grazie alla voce sintetica che a richiesta legge l'intera pagina scritta sullo schermo, una qualunque riga o parola ed anche le singole lettere. La versione finale del testo può essare poi avviata ad una stampante in Braille owero ad una che usi i normali caratteri, consentendo casi di stabilire una comunicazione diretta con i vedenfr, cosa prima non realizzabile in condizioni di pieno controllo. Ci6 si rivela estremamente utile non solo per scrivere lettere o stendere relazioni, docu menti di lavoro o articoli, ma anche per lo studente cieca che in questo modo si MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


a

5

Dotatevi di un computer in prima linea per progettazione, standard tecnologici, prestazioni. Dotatevi di un computer affidabile, "da provan:dove le prove si fanno misurando i risultati. Non fermatevi ai box, non ne avete bisogno. Anche se è bello sapere che, ai box, c'è una équipe di prim'ordine, in tutto degna del supporto tecnico ineguagliabile del mezzo: buona scuderia non mente! ACER-SHR, il team vincente dell'informatica.

m Pad. 17 - Post. M22

Gruppo Ferruzzi

-

-

-

-

SHR CCAUA s.r.1. Via Faentlna 1751A 48MO Fornace Zaraliini (RA) Tel. 0544/463200 (16 linee r.a.) Fax 05441460375 SHR ROMA s.r.1. Via ALerico LI n. 10 OM93 Roma Tel. 0616875162 Fax 0616873934

-

-

-


trova grandemenje agevolato nella redazione e nell'efaborazione dei lavori scolastici che possono poi essere presentati all'insegnante in una forma perfettamente corretta ed a questi diretta mente accessibile. Anche i normali programmi di archivio e di contabilità diventano così pienamente utilizzabili dal non vedente, il quale se ne puo avvalere sia a fini hobbystici che professionalj; poich8 inoltre lo speciale programma-filtro consente altresl dì dialogare con l'unità centrale del computer, diventa praticabile anche la vera e propria attività di programmazione. Un semplice programma applicativo. denominato Rubrivox, B stato studiato per essere utilizzato con estrema facilità dai circa 8.000 centralinisti telefonici ciechi e wnsiste in una rubrica telefoaica a consultazione istantanea che pt)d contenere malte migliaia di numeri ed essere compilata, modificata ed aggiornata dall'operatore non vedente senza l'aiuto di nessuno. Ad essa 6 collegata un'agenda elettronica che pub consentire al centralinista di svolgere quelle funzioni di segreteria che nelle moderne aziende tendono sempre più ad essergli affidate. Collegando poi i1 persona1computer alla centrale telefonica B possibile I'instradamento automatico del traffico in entrata o in uscita con la semplice digitazione del nome della persona k chiesta. t da sottolineare che, trattandosi non di una macchina costruita appositamente per i non vedenti. ma di un normale PC cui viene aggiunto un modulo di sintesi vocale ed uno speciale program ma dì gestione, esso può essere utiliszato sia dai vedenti che dai non vedenti, diventando così anche un importante strumento di parificazione produttiva e di integrazione sociale. Fin qui, tuttavia. abbiamo esaminato soltanto le possibilità offerte dal computer come strumento di lavoro e di studio. come la macchina da scrivere idea-. le per un cieco,In realtà esso B molto di più: è una vera e propria finestra che si apre verso il mondo esterno. consentendo al non vedente di utilizzare tutte quelle fanti informative e culturali daile quali era finora esdwo, Basti pensare alle enormi prospettive aperte dalla telematica, con ta possibilità di accedere a banchedati di ogni tipo: gi8 adesso passiamo collegarci con i Mdeotel della SiP e consultare. ad esempio, l'elenca abbonati di tutta Italia o la locandina degli spettacali. Tutti quei ciechi che, come me, insegnano diritto o svolgono la professione forense possono collegarsi direttamente con il cccervelloneii

della Corte di Cassazions ed attingervi tutte le informazioni giuiisprudersziali che sono indispensabili e che finora dovevano essere cercate da collaboratori o familiari sui polverosi volumi dei Massimari e delle raccolte di leggi, con enorme spreco di tempo. Anche l'informazione quotidiana diventa accessibile ai non vedenti: il giornale K L Stampan, ~ già distribuito su dischetti, come anche il settimanale ttAwenimenti)i, è attualmente trasmesso, in via sperimentale, attraverso il Televideo della Rai e i suoi articoli possono essere memorizzati sul disco fisso del computer parlante e letti dal non vedente ancor prima che il giornale sia in edicola. Ma che dire poi dall'editaria etettronica il cui rapida sviluppo mette a nostra disposizione delle opere prima inaccessibili, in quanto la loro mole non consentiva una [oro trascrizione in caratteri tattili Braille? Uno studente cieca - e sono ormai molte decine che hanno sul banco di scuola il c o ~ ~ u i parlante er pub leggere e compiere piccole ricerche filaIoaiche sulla Divina Commedia, interamente contenuta in un floppy disk della Zanichelli, come può consultare in tempo reale i vocabolari di italiano, di inglese, di francese e dei sinonimi nelle rispettive lingue, con la semplice pressione di un paio dì tasti che attivano la ricerca sul compact disc chiamato rScaffale Elettronicon e che riunisce in 12 centimetri di diametro e in tre gramrnì di peso tutte quelle informazioni che, se fosse possibile stamparle in Braills, occuperebbero più di mille grossi vclumi. Ma le meraviglie non sono ancora finite: l'ultima in ordine di tempo parliamo di questi uttimi mesi - è la più rivoluzionaria e consiste nell'aggiunta ai sistemi computerizzati parlanti per non vedenti di uno scanner con un programma di riconoscimento dei caratteri, ap parecchiatum finora utilizzata solo in s e de editoriale o nei grossi uffici per traspomre nelle memorie elettroniche dei computer i dati contenuti su stampati o dattiloscritti. Con questo apparecchio, diminuito attualmente di ingombro e di prezzo, io posso leggere un normale libro acquistato in libreria o una lettera o altro documento dattiloscritto che mi sia stato spedito. I notevoli progressi nel campo della gmdevolezza e della prosodia della sintesi vocale mnsentono un ascolto efficace e, dopo un breve periodo di acclimatamento, persino p i a cevole. Un nostro socio, che da un mese è in possesso dell'apparecchiahra completa, ha riversato su dixhetti trentorto libri di narrativa che ha messo

a disposizione dei colleghi non vedenti. Va poi chiarito che l'uso del computer parlante è estremamente facile e non

richiede assolutamente la conoscenza dell'informatica. a meno che non si vi, glia fare della programmazione; degli specifici corsi organizzati dal Radio Club Ciechi d'Italia consentono al non vedente l'apprendimento delle funzioni principali nei giro di una settimana. Superati gli ostacoli tecnici, resta ancora il problema economico. non tanto per il computer parlante. che costa solo un milione di più rispetto ed un normale PC, quanto per lo scannsr ed il prcgramma di riconoscimento dei caratteri, il cui prezzo, tendenzialmente destinato a diminuire. è ancora superiore aì sette milioni di lire. In sede legislativa abbiamo finora ottenuto l'applicazione delI'IVA ridotta al 4% per tutte queste .ipparecchiature e in sede interpretativa la deducibilità dal reddito ai fini dell'lRPEF della spesa relativa; tuttavia da anni ci stiamo bartendo affinché questi strumenti che suppliscono alla rnancanza o alllirnperFetto funzionamento del senso della vista. almeno nel campo della lettura e della scrittura, siano considerati, come in effetti sono. delle vere e proprie protesi funzionali e rientrino quindi nel novero degli ausili forniti gratuitamente o dietro pagamento di un ticket dal servizio sanitario nazionale. Per il momento siamo riusciti ad ottenere la fornitura gratuita a favore di tutti gli studenti ciechi che ne hanno fatto richiesta e di numerosi iavoratori non vedenti. A tale scopo la nostra associarione predispone su richiesta degli interessati dei progetti riabilitativi personalizzati, nei quali viene messa in piena luce l'estrema importanza di questi strumenti per dare al non vedente, studente o lavoratore, una completa autonomia nel campo deHia cultura e dell'inforrnetzione. Ma non va trascurata la rilevanza di tali apparecchi anche per i non occupati e gli anziani, in ossequio al diritto all'educazione permanenle che una società civile non può rifiutare proprio ai suoi membri più deboli e maggiormente bisognosi di riscatto morale e sociale attraverso l'eliminazione delle difficoltà e delle preclusioni che fino ad oggi hanno ostacolato la loro integrazione sotto i vari profili. I costi necessari, veramente esigui rìspetto agli stanziamenti del bilancio statale per interventi sociali, possono essere ampiamente compensati non solo in termini di avanzamento morale e sociale, ma anche in termini di recupero di capacith produttive altrimenti non utiIizzabili. Yie MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


m

Nella iungladei35temioperativi, de. gli applicativi,dellamuItiutenza o albo,.. Una d& miglimi soluzioni è queh di provare a collegare in rete un paio di p e ~ w iche , sicuramente posiedi,già ,ed osservare a che C@ aci va hcontro, Ma pale scheda di

Te la laschno lavorare con il nw

un

\

m

ti la EW i m p e a e &ventata verquente @mde e decidi & invatire in un super computer Unixh.. e... &ra a d w s i butta tutto! Ma no! Ancora una volta JEN e D - L M ti cdlegan~LANsmart, Movell, Unix, e... la storia diventa infinita, E con l'awento di OsZ?. C b d e te h t m t i n m o alle-

per mdam in rete facilmente:


I Persona1 Computer Vegas "made in Europe" espandono il principio di disponibilitĂ . Assistenza, affidabilitĂ , servizi: qui e subito. A portata di mano. A misura d'Europa.

Disponibili a crescere: i computer Vegas crescono assieme alle esigenze dell'utente con l a semplice sostituzione di un modulo a microprocessore intercam-

biabile.

Disponibili a cambiare: i computer Vegas possono essere forniti in configurazioni "su misura" per applicazioni particolarmente complesse ed insolite. Disponibili a comunicare: i computer Vegas parlano europeo: i taliano, francese, tedesco, spagnolo, greco, msso.

VEG GAS a

-a

M e t t e l e ali al pensiero

Sade: Via Wdanzese, 149 - $0041 Cdeozano (FI)- TcI.OSSIS8.78.151- Fax 05Y88.78.159

VEGAS COMPUTER COMM11NICATIC)NSCROIIP

C

I


ELENCO PUNTI VFZVDITA VEGAS AREA NORD

AREA CENTRO

Fiale: VWAS COMPUTER COMMUNICATIONS S. .A Via Casi do 50 - 20092 CflrrisrelloBalsamo (MI) Tel. &l0306

Agenaia~RICCI CLAUDIO -Via F. I n g h i i i , 10 - 00164 Roma Tel. W6237040 Fax W6237040

-

-

OU&I~I & GESTIONE - Via M Buanarroti, 16 % %%&8.G. SOFiWARE Ebscme (Mi1 - T+ q 9 3 4 5 5 BI$AM=IiI.CLIZIA S.n.u. - Via Divlsiwie Aqui, 68 -Corpo C-SUB5925100 Bre- TeL 03W21897 BRESCIA ARIA SISTEMI E.V -Via IXivisione Acqui, 70 - Tcl. 0301321897 BOIrnNA N.~.~:-TmNazarioSaum, m - Te]. 0.511223202 S1M.M.A. - Via della Ghiiriliera, 1#a-b - Tel. 051152USZ THESY - Via Sralingrady 19h - Tel. 0511368$08 FBRRARA SYNCIiROWARE - Via Pavone, 74 - Tel. OS3WZOI925 SYS CXIMPlJTER - Corso Giovecca, 120 - Tcl. O%!/48364 FORLI' ASSOCART - i% Orcsrc Reg~inii,71 - Tel. 0543135716 N.D.1. - Corso Garibaldi, 63-Tel. QC13nlMX MODENA OOMPUSEUV - Viale V. Vencm, 59 - Tel. 059/Z38151

ROMA

BIG EYTE -Via C. d t V. P i s l i ~ 35 e -Te]. 06/hJlf& . -- --

-~

-

-- - - -

LATXNA KEY BIT ELETTRONICA - Vm Cialdini, 8 - Tet. 07731489551

CECCANO (m)

RAMTRON COMPIJTING - Vm dcl Boxhecto,39 - Td. 0775/&3386

-

T R R N.-i

-

-p-p

-

Agertzim GRIMEL - Via Tortmia, 69ii1 r 16139 Genova Tel. 0101810633. . Fm 01m/810633

GENOVA

AVUEFFE - Pza N. Barabino, 5/r - Tcl. 01016457235 B.I:.DJI>A - Via Moritevideo,4/3 - 'Tel. 010J303017 CAT di Mano Serao - Vm MamgLi'mct,5 - 'RL. 0101590041 E.E.S. - Via Breqsanone, 1711 - Scsui P. - Tèl. 01O/f&492 GASFOK - Via al Santuario M/S Gurùii ZZf6 Tel. 01W4M.420 MULTIh'YSTEM - Via Chrrara, 2W - Tel. 01W3771665 REM KARD LTALIA - Ma Gmpallo, 4 - W.0101685885 SICEL - V5 C.Bambino, 19jl- Tcl. 0101542958 SINDEL -Via Divisione ui. 'RL 010/335524 VERIEL-KaAr ntina~r:Tel.Of(M688107

C.S.E. -C.so Garìbddi, 126 Ttl. W4414W741 BASTIA UMBRA (PG) D.ES. INFORMATICA - Wa Roma. 71 -Te).0751o001241 S. MARCO m) ELETiUODATA - Wa Van M d e , 44 - Tci. 075143427 SENIGALLIA C.I.D.I. - Via Prodesu - Tcl. 071163343 O B I A (SS) INTERSYS'I'EM -Via G. D'Annunzio - Ccntrci Marrini - Tcl. 0784127490

(v)

*

-

ARFA SUI)

a COMPUTER TRADING AGENC'Y S.n.a. - Vis L i i B& 14 Uirglima (NA) - Tei. 08U5W16M Fax WY5061640

m-

-

NAPOLI

l:.M.C - Via L. Giprdano, 44 - '1é1.08115781242 E.D.P. SERVICE - VISCaravx&q 144 -%l. M116465Yl FWM MATERIALE LA MARCA - Via Mczzmmmone, 89 - TcL 081fi527940

SBSTRI LEVA%E (GE) S.I.G.A.- Via Eàscie. 4812 - 'Tel. 01851480448 SAVONA DATA CONSlJI,T C.so V. Venetq 921 - 'ltl.0191800826 VARASZB (SV)

ME-LITO (NA)

-

H.SS. MICRORLETTRONICA - Vm G.M a m e t i , 32 - Tel. OSli7111107 PiANO DI SORRBNTO INA) S.H.C. - Via Cavonicllu, 2 - Tel. 08115321I75 S. ANASTASIA F A ) S W E R Via Sociani, 17 - Tcl. M1/897U01

QCIICK DATA - Via Nazioni Unire, $611- Tcl. 019,933220 IMPIZRIA C. &C. SISTEMI - Via Naeionale, 73 - Tel. 01831290823

-

BENEVENTO I T A i - W i N G - Vi Milano, 4 - TcI. W16431I3

AREA NORD-EST

ELFA=TRONIC CQMPANY S a c . - Vie Ca' Rami, 16 %IO vieodartere (PD) - TeI. W91706677 Pax 04918872566 PADOVA C.D.S.CEN'IRO DISTRIBIlZIONI S I m M I - Ma G. Nani, 33 -%lcl.049/850741 STER1,IZIA - C m Milano, 28 - Tel. 049)8713893

CA3ERTA

STUDIO INFOMAN SUD - P m Ccrasole -Via Mac.mi del Lawmi - Tei. 0823/4 MONDRAGONE (CB)

-

ITALSOFT - V5 A IIle Gasperi, 19 - Tel. 08117284483SALERNO COMPUTER CLIJB - Vii degli Oni, 2 - Tel. 089R41139 ELETIUONICA NOBILF: - Via I,. Camiamrc, 56 - Tel. W/7WW1 PERTOSA (SA) E.C. COMPUTKR - Vm S. Maia deiie Grazie, 4 -'Tcl. (34751397147 FORMIA (Ln LiNRA UFFICIO P a m Alba - Via Maiasino Tcl. 07711267720 ISEBNIA COMPAGNIA INFORMATICA- Via Umbrk Ccnuo i3rnm.c a r i -

VICXIDARZERE (PD) B ì T E MASTFZRS DI LISSANDRON W. &C. - Vm R ~ o 2m11 - Tel. W9/8872$M1 FOSSO'(VE)

n40~iI&lf%d ANGI - Via Provinciale Nord, 1121125 - Tel. 0

- ... .

-

i F.II~ s caresi, 13 - Tcl. 05451Z2533

AREA NORD-OVEST

-

-

FBRMRI & C. - Via Jcnner, 48 - Tcl. W533257 GENERAL COMPlTTER- Via ?hailandia, 4 - 'Tel. 06/592?425 NEW (XFICE - Via Ca&a, 1669- Tel. W3791837 PANTA TEC. AVANZATE -Via Tom 'o 58 - Tel. 0616280285 PC SPEED - Via Fanrxlli, W -m.& h 1 8 3 SFA - Via Rayniei 32 - Tel. W 3 - 7 VIDEI) DATA - Via G. h m l i , 7 - Tel. MPO57293

SASSUOLO CM01 MICROINE'ORMATICA- Via Ad&, 49 - '1k1.05W882654

~?E%~!WFORMATICA

.- - - --

---

COMPUTER FF~?~END -Via A. Romano, 3 - Tcl. W 9 3 3 2 1 COMPUTER OFHCE DI BARBONI - KaC. Mirahellu, 11 - Tcl. W382281 CRS. - Via deiia Migliana ZIKi - Tcl. 0615274688 DIGITRON -Via L.E. ~ c ! i a n a15 - TcI. .. W ..,6 0 .5 6 9 DLL TECHNOLOGY :Via I? di Ccntocellg 54 -%l. W5915348 DS & C. PLANNING - Via Alam, 14 - Tel. W3250675 FC COMPUTER DI CELEBiUNI Via C;. da Empli, 2 - TcL 0615740840

4 1 ~ S O

-

VERONA -. - . ..-

MEGABYTE 3 - i?za S. Tornmaso, 10111 - Tel. 045/8010782 ARZIGNANO (VI) M A W A MARIANO ELETTRODOMBSìlCI - T w C Bamsci 28 l e l . 0444Ih70305

-

Tcl. 0885/235385

VENAFRO (1s) S. Nicandro, 151~ - TT. W M 3 1 3 4 l%RLIZZI(BA) TC.S.

4

.TORIA ELETTR GRAFK" - Via Girmdini, 9 - Tc1.042214901M

:EK~OTOCOI)) .OMPTIIONIC DEI F.LLI BOSCO L. & k - Via Tornadini,1 - TeL M3W70008

AREA CEPITRO-NORD

Filiaie VEGAS COMPUTER COMMUNICATIONS S. k Via B & m , 149 - 5 0 0 ~~elewsno 1 W i i w l - ~ e i&M . Pax 055M78159 FIWNZE ATEMA - Via B.Martello, 1- TeI. 055/352661 GIOVANNB'ITI -Via M. Rosselli Ceuxini 39/41 - Tel. 0551412021 INTELCO - Vw Dup* 11113r - Tel. 0551588673 PAOLETTI FERRERO - Via il Pram. 40 - Tcl. 055/294974 FUCIECHI0 (PII ALEA - V m Roma, M( - Td.0571-22275 SESTO F L O r n r n O (FI) I3.S.T - Via S.Morese, MI - 'Tel. 055WZWO

ARaZZC) R.B. Via Calammdrei, 120 Tel. 05751302I24

-

-

MONTEVARCHI (AR) U.B.M. - P ! h n n c - Tel. 055,931W4 GROSSEl-0 C.LS.1.D. -ViAurelia N d ,31133 - Tel. 05641414233 PISA LA LANTEMANA - h. I,a Fortuna Ghczzmo VI) - TcL 05@%7W91

-

ALFA EENGIEERiNG - Contrada Spincto, 5 - Tel. MIOISBI3325

CBRIGNOLA tFG),

OLISISTEMI - Via dei Tigli, 11 SAN SEVERO (FG) SOFIWAiW SISTEMIS. SEVERO -ViS. Giuseppe, l B - Tcl. W-6 %%TRAF%!.":ndusmale

- Itl.

LAVELLX) (PZ)

0LISI;ISTEMI-Via Romq 113 ->l.

W11D07842

0972f85368

RKONaRO IN VOI-TURe (PZ)

'I'UTTIJFFICIO - Via Nazionale SS., 93 -W. 09721722997

CROTONB (CZ) TRESAN SUD - V L ~ M Nicoletta. . 49- a l . (1462122115 CQSENZA HARD & S F T - C.so M d n i , 92 - Te%.W84174350 PALERMO DKTAMAX - Via Campolo, 39 - Tel. 09116813369

MESSINA

COMPUTER HOUSE MESSINESE - \rm del Vespro, 58 - Tcl. 09W719Z54 G.P.ELETTRONICA - Vm -li, 49 - Tcl. OW718181

!EY-"PLN%i,

29 - TeL oeW4.221755

TORRE FARO (W)

MEDI.BL -Via Maciaffari 57 - 'EcL 09WBL6741. VALVRRDE ((3) EURUSTAR - Via del Sanrurio, 86 - Tcl.093432251


limitata alle immagini statiche. Ă&#x2C6; una fortunata coincidenza il fatto che questo articolo sia proprio sul numero 100, quasi a simboleggiare l'evoluzione che si è verificata in questi nove anni netl'ambito della grafica su personal computer. Portare una di queste macchine indietro nel tempo di un decennio non desterebbe probabilmente piĂš stupore del presentarsi da Nerone in automobile. Con buona pace di chi in questi anni ha cercato, per ignoranza o malafede, di frenare la diffusione del personal computer, i lavori pervenuti dimostrano ancora una volta che questo mezzo non sostituisce l'uomo ma lo aiuta. Non basta avere un computer per essere capaci di ottenere un buon risultato, in qualsiasi campo.

Antonio De Lorenzo, Roma MandeĂŹ

Davide Longo, Rqms Sunset


Aiiiedo Pustetto, Venezia Canabmnde

Sergio M o l l ~ l b i i , Udine IllusiW

lessandm Pepe, mwa La vita


Arrivano anche i video La caratteristica più signifk cativa dell'edizione 1990 di AM1GAllery B stata senza dubbio il miglioramento del livelto medio degli elaborati pervenuti in redazione gi& in assoluto notevole lo scorso anno. La quantità (anchea causa det minor tempo a disposizione degli autori) è leggermente diminuita a beneficio della qualità, ma il grosso numero di immagini e di videoanirnazioni su cassetta VHS ha messo a dura prova la pazienza e l'abilità di tutti coloro che oltre al sottoscritto hanno partecipato alla selezione e che vale la pena ricordare sono stati: Marco Marinacci; Andrea de Prisco; Pmb Ciardslli; Carmelo Genovese. direttore del CRAUS di Bologna; Corrado Maltese. dmente di Stona dell'Arte all'Universitii la Sapienza di Roma; Alfredo Di Laura, giornalista e critica d'arte della RAI di Roma; Eliot Lanido. della Hitachi Sales Italiana Divisione New Media; Nicoletta Toniutti, della Commodore Italiana. Tutte le immagini inviate sono state memodzmte sul-

A Luca Malinconico, Roma Arma letale

David Bucciamlli. Areno Swliore

I'hard disk di un Amiga, per poter essere visualizzate direttamente sul monitor c e me realizzate dagli autori. AL la fine di una rovenie ceduta. durata quasi un'intem giornata (c'erano anche i videa!), le preferenze sono andate all'immagine u Mandelr dì Mtmio De Lorenzo che r i m e r$ il Videoprinter Hitachi. mentre uSunsetii di Davide. Longo ha meritato il Comrnodore Amiga 2000. Dello stesso De Lorenzo merita la segnalazione anche M P T ~ ~ Csebbene ~ ~ P . l'imrna gine premiata presenti caratteristiche pio originali. La rioorsività del tema prescelto, espresso in due diverse maniere, quella grafica (varie immagini dell'insieme di Mandelbrot stampate come fotografie) e quella pib strettamente matematica (la fomula di Mandelbrot) m p presentata dall'espressione annotata con grafia quasi fanciullesca sulla piccola lavagna, si contrappone Bli'impatto visivo della più piflorica immagine di Davide Longo. neHa quale l'unione crornatica derivante dalfe sfumature del tramonto nel cielo si inte-


Lorenzo Colloreta.

Pontelungo Pistoia Fomis

gra armonicamente ai toni di grigio impiegati per ia restituzione delle forme degli alberi e del prato in primo piano. Mdto heIk anche tutte le immagini pubblicate in que ste pagine nella speranza che la qualità tipografica di stampa renda giustizia alla qualità degli originali, oltre malte altre che avremmo ospitato volentieri. Una novità di AMIGAlIery '90 B stala rappresentata onche dalle videoanimazioni. In particolare ci hanno colpito quelle realizzate da Giusep Randazzo di Totino, che ricever& il Videogrinter Hitochi, per la loro ineccepibile realizzazione. Una in partice bre. a Conversionew, offre, oltre a h qualità della imma gini, anche una attenta cura della sceneggiatura e dela regia del breve racconta faritascientifim che non sfugge a notevoli rifiniture dei parli&ari come la colonna sonp ra e la minuzioca cura descrittiva di alcune apparecchiature di controllo radar e dell'astronave presente ab Pinterno del filmato. Moko interessante anche la raccolta di speuoni anima-

ti proposta da Gianluca Righi di Bdl~gna,al quale è stato assegnato I'Amiga. , rappre sentante soluzioni di anima; zions tridimensionale di scritte o sfondi perFettamente integrati con UM colonna sonora sapientemente adattata alle sigeme visive. Le immagini sono state esposte in occasione della rnastra organinata dal 16 al 23 settembre nella c i M di Messina, presso il Centm Regionale O.F.S. dei Frati Minori di Sicilia, in Via Parto Salw 4. e saranno esposte direttamente sul suppone video (praticamente in concw rnitanza oan la distribuzione di questo mimefa di MC in edicola) nello stand di MGmicrocomputer al padiglione42 della ventisettesima edizione

detlo CMAU.

Per il prossimo anno non abbiamo ancora deciso m me e se omaninare la nuova edizione dglla rassegna ma considerato il successo della edizioni fin qui condotte il consiglio che po~hiarnodarvi quello di cominciare a pensare di prdurre nuove ape* per ia #nostra* galleria di videdcomputar art. Daniele Russo, Catania La vita


Maurizio Marotta. Salerno KNig Lmr

Luigi Campalsni, Casttrlfranm Vermto Pianoforte


+ MT 130/24 e MT 131/24 4

I

- 80 e 136 colonne - 250 e 300 C I 3 in alta velociià - 125 e 150 CF5 in alta definizione - 83 e 100 CF5 in qualità lellera - Emulazione IRM - Rumorosita 53 dBa - Opzioni: cartucce fonti, caricatore automatico di fogli singoli a 1 vasca, seconda vasca per caritalore automatico di fogli singoli, vassoio raccolta fogli a faccia in giù, inserimento orizzontale di fogli singoli.

Le stampanti MTl130 e MT 131 si awicchis1 cono di un nuovo v ' modello a 24 aghi. Alla ti~icaversatilità nel la carta, MAMNESMANN i nuovi modelli garan- %LY tiscono una supe- S t a ~ p ~ &2&Ow riore qualità di

-h Borsini, 6 - Tel. (M)4WS.1-Telex 311371Tally I - Fax (02) 48601141 00144 W - V i M.Petogko, 15 - TeL (N5294723 5294406/5294614 - Fax (06) 5ZW14 W 10099 hMaum - h Casale. 308 - TeL (011)8225171 W 40121 Boiogna - Via Amendola, 8 - Tel (051) 523380 W 35010 Vigodarme (PD)- Gakria C i E d , 7 - Tel. (049) 8870038 50127 Fmnze -V@Muti di Cefalonia. 52 - Tel. (0%) 433994

MAMMESMANN W Corsico

m)


Dieci anni di MS-DOS, Agosto 1981. Praticamente negli stessi giorni in cui, in un sottoscala romano, eravamo in cinque a costruire il futuro della neonata MCmicrocomputer, negli USA il più grosso nome dell'infformatica professionale annunciava il suo ingresso ufficiale nel giovanissimo e confuso mondo dei personal computer. Allora non lo si sapeva ma stava nascendo una nuova era : il personal, da fenomeno esoferico ed élitario, stava diventando oggetto commerciale e strumento di lavoro per le masse.

U

n giorno di agosto def 1981, lo ricordo come se fosse oggi, eravamo seduti in cinque attorno a qual vecchio tavolo dal piano verde, in un locale seminterrato dove si trovava allora la sede della Technirnedia, e decidevarno del nostro futura. ciNostron in quanto futuro personale di ciascuno di noi ed anche come futuro collettivo della cinostraa rivista, la neonata MCmicrocornputer il cui primo numero era stato appena preparato ed era in attesa di uscire entra pochi giorni. Il gruppo dei cinque era composto da Marco Marinacci, Francesco e Maurizio Petroni.

queste pagine che oggi vedono la luce per la centesima volta, altri invece hanno s u e cessivamente intrapreso strade diverse; ma sicuramente all'epoca non pensavamo ancora al traguardo del numero cento, essendo tutti molto più presi dai problemi contingenti connessi al lancio di una nuova testata in un momento, ed in un settore. assai delicati. Il mondo era molto diverso

prim? da alcuni techno-fre americani, ed in poco tem grazie ad alcune fortunate cu

ventare un qualcosa di st Nessuno sapeva bene, in re cosa servisse di preciso m sentivano che era qualc grande ed importante. I utenti dei microcomputer 180

erano quasi esclusivamente degli h o b bysti molto appassionatì, che costituiv+ no una vera e propria elite di rnonomaniaci ultratecnofili in grado di coslruire da s4 i propri computer e di usarli per il solo gusto di farlo. Ma sono proprio questi tipi che, promuovendo dal basso un movimento a valanga, riescono a provocare quelle inarrestabili rivoluzioni tecnologiche che si concludono con la popolarizzazione di strumenti e tecniche inizialmente considerate assai sofisticate. Era successo cento anni prima con la fotografia, cinquanta anni prima con

la radio. ed era adesso inevitabile che succedesse nuovamente col computer.

L, i primi cinque anni di evoluzione a v e vano portato il rnicrowmputer da queila mostruosità tecnologica che era inizialmente (un oggetto spesso assemblato a mano con cablaggi volanti in un conte nitore di legno, dotato tipicamente di 1 O 2 Kbyte di RAM e nastro di carta come memoria di massa} a quel capol* V O ~ O che era I'Apple Il, un computer «veroii, affidabile ed espandibile, che fu subito assai apprezzato specialmente dagli scienziati e dai tecnici. L'Apple Il, geniale risultato degli sforzi congiunti e deì sogni delle menti brillanti di Steve Jobs e Steve Wozniak, costituiva praticamente uno standard a se; basato sul microprocessore 6502, esso non aveva tuttavia un vero e proprio sistema operativo ma solo un interprete Basic in ROM. In antagonismo con I'Appte c'erano invece i computer basati sul CPIM, che sembravano costituire uno standard commercialmente più valido. Il CPIM, scritto da Gary Kildall che successim mente fondb la Digital Research per oornrnercializzarlo, fu il primo vero srstema operativo userioii per i rnicrocornputer; il suo maggiore pregio era quello di assicurare la compatibilità a livello di software fra computer differenti a p r e scindere da quella a livello di hardware, consentendo una maggiore e più sernplice circolazione dei programmi. Era inoltre in grado di lanciare programmi applicativi in versione oggetto (ossia compilati) e dunque permetteva la p r e grammazione in qualsiasi linguaggio per ii quale fosse disponibile un compilatore (oltre all'onnipresente Basic) e [a circola MCrnicrocomputer n. I00 - ottobre 1930


P-'---

eiana di -@twm In ve&w &&&L

W-

'Wqf9m.

Miiwftdi BIII fu una ptmagrn~staIdì q&

>hulalt^ sin

m&relati~amente -1k e cmsludam :& W M C ni grafiche in quattro duri. I J i s t e p meW W 4 un grande scqn-piglio. La oprat:ivo dT elezione era il n u p o MSwnxhina ,&fi&a, pur m ea$endw DDB bibàEtPC-DBS n* -V giair~ey8in un

-

~ i i P " m Ili ~ ~ W $M ew t a & q l w k m i i em tuttavia parti-rno 6& per iprimi &i% era &&u.ta -& alla media Ja lingua hnca dei campukr MI"* del rnwwu. Mwtm tutti infatti usava mi1 parofa da atta 'ca.&r&a$bW a b k ~gnifimvamere fio i;nr&~&d&ì b sesso ahPS-e, i$ k s k kQtcrD5aft.ESSO bit, n'amte e? 6502 sugli Apple e: &a dis&eiibàte! su qtutti i mim- r$Q8ars k 1# sulle mechi* GPM, dei wrawter plEr in W? l'Appk i'lW p w +m tentava la i! ddmrnenae It, da% $&$piiva egreamente anche N i c i bir sftUb&& alla m di un &ma mtath pna;e%w;er 8@3 della I W . Le

~ c u B t m i z IEMI r ~ appositarnehk M a Ikilimos&,,~ncl@.sed ì'& &m rogamwto IN annun& a*, Is dispmibi8'i &l CPM4E (mis@naci

seM bi dei WM}e Wt'UCSD P8{un atmbinta W e SO ma rnm3-i~ \FjrtuabPamal dak l'LhT#elSiZB deile CdiforRia' .a: Eaii

mw1.

i&ti a &te is wro-@evedBStPanm a dirsi, l'a stesa IBM m vano pff ~plQ-tq@zimls^ rnZizmprmsq~ credeva M, mnirm,ala m . d ~ [ , m d m b k m stmes&Mimte rl K. L'annuncio fu infatti data in RI& -e dello >sio'lupfmdel quasi sommessa e ta m a % , r n r n m m m seqptw: hi mesta @a!wr@ma ~ ~prmm ~ non ihizib che giunse, neilagost**l T%\ P a m W FC (in seguita & a& f a d i di f i z m &l F n t a m a &l@i mi $0 Wd &ap@ima &imrte WIa IBM deltsmnuo~mIcr&: Bll mes .&e era *o ~ I B M ~m~ i W t e &im-M.% trattava infatti di wt pmdatb arnwter* b tmxmtiw 8% ti#&casT lmmo dalla W t M e f 4 , b ' h . b Mente 'Cqtrad6'Wngw N F 1 i m, t i ~decisa ~] per l&M @t,-Si& tuhawia c m e c m q x r n & a taCì'w Big Btue da sconcertare i su8 stessi ddia casa dj d i a & il' nm m m di usa@il mimpfqc@su di-nti: $e infarti I pti,yg 3i chlam$va sempliwmfitq ?C, :,W ,mm 4 m a b m n realizzato mn ,p$ &~td in&'& mi Computer: era [o &ve& divmtared! re wibakb~l3OW intema @ e i E i $it ma mpdfiarni ~smdard.ir' phrma ,@ W* insmrna il pmml $ntwm&. tfn'&&iWw Ad m- h W di re cm@&arnente &ape- .e dmmt'aniluwiu d d P W m &e mfidi urr bws C&?# e nm e& tmwes@da un minimo di t6 w r p m ; WQI* r$W aspztWarno & sistmw impiegare un skWm Zempo Rtqe%osati Big Blue nei mori& N l 3 p ad sd masJrn di 256 K W , Ae. il prima &i persami, apmi era Wnuw msta m t w o m Srri,xtu &lh IPM. ed 4 ueka ilquamtiWivo maturo e pratnemm- Cem m a & rnsm&X&&WinditimmAad otf Wrno per il quate rlBM izmmtmmingasse s&tq ilfswria -chi@ s~fcwae std vie pre * iWc@ to W; il G ~ H Yprhgli-a rnind, &e =a l competiinne @ imtqralis-ti. i &% C& #& t i p riai =ritta da time W&. Era stai% ì in i w l m hgbimgm di imta M?Dth W e 64 m e W Can un mh'karrenu msì-gru%& e d &t p* ,di teme; ma a d s qui ci Fu quakrm myk aF hastaha e ei a u m E r n M , 4 brevi [un anno e m pmqxìel wM3 di massa qowiglikita i Wro rkqettissha 'segnam@nteb &@le&e ,&e t $ r i ~ ~inw@na,aursriamTa &eF: lcr. faccia da 1&l-&f c i u m mossa come salutare per t'inte rninifbpjy (a s-i mwra#ims,nei essere, in i-iwner~di U F ~mcrdq rrr&q m mercato, giungentb, ad impostare t4 W una stocampagna f3aibMdwjq &e &a, mrò iwmporaw m b Wim eonbonti W resb d e l l ' o ~ & ~ n o , @@va wGr&je IBMr @erkI-ie ci %iu@rai tedamie?pes' eg&tawre a m.s&neche &ppntie:ndds dlrWamq?t& a;i e l t W ~ mWha a. il mipparta s h a - vertici des"azWdai a &m dei p q w a vendere, pilli Appie3. m* p& & W a . Lo Wsrmri videa wiip -1€ ~kepl?+Sm d6k -.N ila i'i0M; e to &esso pwderi&, ~ r a * e58 d ottanta e h m ci a La ',&I Pc IBMW^qmii9&to rlqggh P c > M I ' .mdve B ~ cw* mrqw P+',~DIP? di imn -mice*&ess), l&ia usc&xow); vano d a mderano rnmWii;iatid) @e ,dimime i w p rnmrti. Bi camtre& vefa B prapfia. II nmùa era Pppapme+m assai variH$@. n% in u i t i m a - ~ l ipiutl~

sp!&tiÉPid

,cm

v-

m

m,m

e


burocratico o amministrativo che rischiavano di rallentare lo sviluppo del ~{Chessii. Fatto sta che il PC I5M fu all'inizio visto quasi con sospetto dalie stesse forze di vendita di Big Blue che lo mnsideravano, giustamente. un prodotto troppo atipico rispetto a quelli trarlizionalmente di loro competenza. Sinte rnatioo a questo proposito è il trafiletto apparso nelle News del numero 2 di MC (ottobre 19811, il primo nel quale parlassimo del.nuovo PC IBM. Era intitolato ({Un IBM da 1500 dollari. Ma allo SMAU non c'era ... i) ed iniziava cosi: N E stato presentato in agosto negli Stati Uniti, ma nello stand IBM, allo SMAU. se ne ignorava l'esistenza.».

I retroscena: nascita dell'nirSDOS La storia del PC IBM è ricca di interessanti retroscena; molti di essi sono stati rivelati e commentati, a distanza di anni, dai diretti interessati, ma sicuramente qualcuno B rimasto sepolto nel segreto. Non è ben chiaro, ad esempio. perchb la IBM scelse la Microsoit quate fornitore del sistema operativo per il suo PC anzichk la Digital Research. Quest'ultima era infarti la produttrice del CPIM, che era sicuramente il sistema operafivo per micro più evoluto dell'epoca, mentre la Microsofi fondamentalmente aveva al suo attivo solo gli ottimi Basic scritti per di pih per il 6502 (ad esempio I'Applesoft Basic delI'Apple Il). La Digital Research di Gary Kildall era dunque potenzialmente fave rita in quanto poteva facilmente offrire

un adattamento al nuovo microprocessore a sedici bit del suo valido CPIM; mentre la Microsoit, pur avendo cominciato a sviluppare del software per processori diversi dal 6502 nell'ambito di un pragetto per la Apple (si trattava di una scheda per Apple Il dotata di Z4O che avrebbe dovuto far girare software scritto per il CPIM) si trovava fond* mentalmente nella posizione di dover cominciare i1 lavoro da zero. Tuttavia, dopo colloqui sia con la Microsoft che con la Digital Research, I'IBM sceise la prima e le affidò lo sviluppo del nuovo sistema operativo per il PC. I tempi imposti per la consegna del nuovo sistema operativo erano tuttavia assai stretti e la Microsoft, che era ancora una ditta piccola anche se già famosa. non poteva pensare di svilup parlo con le sole proprie forze. Paul Allen si rivolse allora ad una ditta di Seattle, la Seartle Computer Products, che costruiva computer con bus S-100 basati su11'8086 e per proprie necessità aveva sviluppato internamente un sistema operativo per questo microprocessore denominato SCP-DOS. L'autore era quel Tim Patterson che aveva lavorato con Alen e Gates al progetto della scheda CPIM per Apple Il. L'SCP-DOS era un sistema operativo a sedici bit ispirato molto da vicino al CP/M ed anzi con esso largamente compatibile; era stato progettato cosi proprio per consenfire alla Seattle Computer Products una facile riconversione alllSCP-DOS, utilizzando anche strumenti automatici. di tutto il proprio software scritto per CP/M. La Microsoft cotpprò dunque I'SCP-DOS dalla Seattle Computer Pro-

ducts ed assunse %m E e r s o n perché prowedesse a modificarlo secondo le specifiche. e collaborasse inoltre con gli altri programmatori che dovevano re+ Iizzame nuove parti; fra queste I'interprete Basic, che lo stesso Gates si occupb di adattare partendo da quello che aveva scritto anni prima per I'Altair, il primo microcomputer commerciale. Frutto di questo lavoro, svolto a ritmi serratissimi, fu la versione 1.O di quello che divenne universalmente noto come MS-DOS ovvero MicroSoft DO5 (solo IBM insistette sempre nel chiamarlo PC-DOSI. Non si tmttava affatto di un sistema operativo rivoluzionario, ed anzi era tanto simile al CPIM anche come interfaccia utente che Gary Kitdall si risentì; evidentemente la stessa IBM ebbe quatehe ripensamento su questa scelta, perch8 quasi all'ultimo momento fece parzialmente marcia indietro e prowedette precipitosamente ad assicurarsi anche la disponibilità del CPIM86 e dell'UCSD P-System prima citati. La commercializrarione del PC IBM iniziò comunque abbastanza a rilento e cominciò a prendere ritmo solo dopo alcuni mesi. Qui in Italia. naturalmente, del PC si sentiva solo parlare in modo vago e impreciso. Ad esempio la seconda notizia che MC pubblicò su di esso comparve solo sul numero 7 (marzo 1982). ed era oltretutto di seconda mano: si trattava infatti di un trafiletto, pubblicato netl'ambito della rubrica dedicata alla stampa estera, ripreso da quel poco che ne aveva potuto scrivere Byìe del mese precedente. Nel frattempo la IBM aveva già aggiornato leggermente I'hardware del PC, ad esempio montando i più moderni dnve per floppy a doppia faccia. In conseguenza di ciò nel maggio 1982 fu rilasciata una revisione correttiva dell'MSDOS, la prima ed ultima che riguardasse ta versione 1; e benché apparentemente fosse stata presentata ben nove mesi dopo I'ak nuncio ufficiale del PC, in effetti essa uscì quasi contemporaneamente alla sua reale comrnercializzazione, tanto che furono ben pochi gli utenti ad aver mai lavorato col DOS 1.O originale. Si trattava naturalmente della versione 1. l 0 che, oltre a correggere alcuni bug della 1.O, consentiva appunto la gesti& ne dei nuovi drive che raddoppiavano la capacità dei dischetti portandola a 320 KByte per unità.

Ma il lavoro sul PC non si fermava qui. Dopo circa un anno dall'uscita del PC la IBM decise di metterne in cantie re una versione professionale dotata di disco rigido. Si trattava di un'innovasie MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


il15ifiportante che 'richiedeva un sisf& ma operativo ben .più potente. In preparazione al lancio dell'KT dunque la Microsoft intraprese una operazione di profonda revisione deltlMS-DOS. Si decise di riscrivere da capo, e con maggior calma, il sistema operativo per renderlo piil consono al nuovo hardware che avrebbe dovuto controllare. La responsabilità dello sviluppo della nuova versione dell'MS-DOS fu assegnata a Mark Zbikowsky, it quale decise di allontanarsi decisamente dalla forzata compatibilit4 col CP/M, che comportava per forza di cose inutili limitazioni ed inefficienre, per introdurre invece nel DOS alcuni importanti concetti ripresi da Unix. Purtroppo una rottura drastica con la versione precedente era oramai impossibile; già molto soflware standard era disponibile per il PC IBM, e la maggior parte di esso era costituito da p w r a m mi scritti originariamente per il CPIM e convertiti rapidamente all'MS-DOS grazie alla panide compatibilità dei due sistemi operativi. Una modifica totale del DOS avrebbe comportato la necessit8 di riscrivere tutti i programmi già in commercio, un'ipotesi semplicemente inaccettabile. Fu questo il primo passo del lungo cicalvarioii dell'MS-DOS. che per non perdere la compatibilith all'indietro con le sue versioni precedenti finirA per portarsi appresso fino ai giorni nostri delle caratteristiche pesanti ed obsolete, frutti fastidiosi ed indesiderati di scelte iniziali di progetto frettolose e poco Iungirnirantì. Nel frattempo il PC IBM era finalmente arrivato anche in Italia, almeno in m d o ufficiale (alcuni importatori paralleli avevano infatti gi8 cominciato a vendeme qualche esemplare). MC ne parla nelle News del numero 16, febbraio 1983, riferendo della conferenza stampa in grande stile con la quale l'@M Italia aveva presentato il ccnuovoi P6 at nostro mercato. Tanto per la cronaca esso costava all'epoca circa sette m i l k ni (IVA esclusa) nella versione con 64 KByte di RAM, due rninifloppy da 160 KByte, video monmromatico e stampante. Da notare che. ironicamente, la conferenza IBM si era incrociata con un'analoga conferenza con cui la Apple, reduce dallo'scottante fiasco delllApple 111. presentava alcuni modelli rimodernati di Apple Il ed i[ nuovo Lisa, che sarebbe stato anche lui un' fiasco ma avrebbe aperto la strada al rivoluzionerio Macintosh. Ma torniamo all'MSDOS. Il lavoro sulla nuova versione 2.0 fu lungo e delicato. Si trattava di modificare infatti moltissimi aspetti del troppo semplice SCP-DOC. La necessità di gestire dischi fissi di elevate dimensioni (quali erano MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

,

1 -

,

. all'epoca i 10 MByte dell'm impose ad esempio l'introduzione di un file systern gerarchico, ossia dotato di una ramificarione di directory e sottodirectory. Si trattava di un concetto relativamente nuovo, ripreso da Unix e del tutto assente sia dal CPIM che dal DOS prima versione. Anche il formato dei floppy fu leggermente rivisto: la precedente struttura ad otto settori per traccia fu sostituita con una a nove settori per traccia che, pur comportando qualche equilibrismo in più a livello di s o h a r e di gestione, aumentava del 12.5% la capacità dei dischetti portandoli'da 320 a 360 KByte. Come seconda grande novità furono introdotti i programmi eseguibili di tipo EX€ (rilocabili) oltre ai COM (immagini di memoria). Grazie ed essi si poteva sfruttare convenientemente la grande quantit8 di RAM potenzialmente dispe nibile nei nuovi sistemi: i programmi COM sono infatti limitati ad uno spazio di 64 KByte fra programma. dati e stack. mentre gli EXE possono andare da un minimo dì 64 K per il programma piU 64 K per i dati ad un massimo di 1 MByte per il programma più 1 MByte per i dati, escluso lo stack. Per la cronaca lo spirito di Mark Zbikowsky aleggia ancora nell'MS-DOS proprio grazie ai programmi di tipo EXE, come pochissimi sanno. E ora vi spiego perch6. Ouesti programmi, al contrario di quelli tipo COM. contengono un header che riporta informazioni di servizio per il sistema operativo; tale header B a sua volta contraddistinto da una particolare usignatureii. una word di sedici bit che identifica appunto il file come modulo

,

,

eseguibile. Bene, tale signature deve necessariamente essere formata dai due byte AD 5A; e se cib non vi dice nulla pensate che la rappresentazione ASCII di questi byte B esattamente MZ, ossia le iniziali del buon Zbikowskil I primi due byte di qualsiasi programma EXE sono dunque sempre MZ. come è facile verificare di persona; e mstituiscono cosi un piccolo, ma onnipresente monumento posto a ricordo di se stesso dal creatore dell'MSDOS come oggi lo conosciamo. Molte altre furono poi le modifiche apportate ai DOS a livello interno, ossia fuori della vista dell'utente n o r e l e , ma rivolte a beneficio dei programmatori. Al vecchio concetto di File Control Block. il primitivo e macchinoso strumento p r e visto dal CP/M per la gestione dei file. fu affiancato il nuovo concetto di uhandlen, anch'esso mutuato da Unix. che oltre ad essere di uso più semplice e potente consentiva di gestire i nomi di file ulunghi* comprendenti il percorso di directory (npathii). Furono aggiunte numerose nuove chiamate di sistema, furono introdotti i device driver installabili, fu predisposto il meccanismo per la realizzazione di programmi TSR, fu fatto un passo verso I'internarionalizzazione del sistema creando le tabelle di defint zioni nazionali per le date e le valute. A livello di interprete dei comandi, infine, furono inseriti un primitivo meccanismo di redirezione dell'l/O e (ma quest'ultimo non documentato) il concetto di ccenvironmentii e relative variabili. L'MSDOS 2.0 venne rilasciato a rnarzo del 1983 contemporaneamente aC l'annuncio dell'lBM XT. Finalmente, do-


DIECI ANNI D1 MS-DOS. E POI?

po diciannove mesi dall'uscita del DOS 1.0, il PC IBM aveva un sistema operativo degno delle aspettative. PuntuaC mente nel numero 18 di MC (aprile 7983) viene riportata la notizia. questa volta rilasciata tempestivamente anche dalle IBM Italia, dei nuovi annunci; solo poche righe in cui si parla laconicamente del nuovo XT dal prezzo indicativo di dodici milioni, e si annuncia genericamente una nuova versione del DOS. La notizia ufficiale del rilascio dell'MSDOS 2.0, disponibile anche in versione OEM internazionale, viene pubblicata due rnesi dopo, su MC numero 20 del giugno

1983. La prima. e anche in questo caso unica. revisione della versione 2 del DOS apparve sette mesi dopo (ottobre 1983), motivata ufficialmente con I'ag giunta del supporto per i nuovi dischetti a mezza altezza del PCjunior. Con I'oc casione venne anche aggiustata quaiche carenza rilevata nel frattempo nella versione precedente. Purtroppo la n u e va versione. denominata 2.10, risultò essere affetta da qualche bug, così la Microsoft fece frettolosamente uscire la versione correttiva 2.11 che invece risulto estremamente robusta e stabile. Probabilmente essa fu quella più a p prezzata e piP diffusa in assoluto, tanto che quando uscì la successiva versione 3 molti utenti decisero di non aggiomarsi e di rimanere col vecchio ma usicuror DOS 2.1 1 che non aveva mai dato problemi .dì sorta. Da notare a titolo di cronaca che I'IBM non rilasci& mai una versione denominata 2.1 1 del PGDOS. Del PCjunior (che poi si rivelerà un fiasco) e del DOS 2.10 MC dà notizia sul numero 25 del dicembre success i ~ .

Circa un anno e meno dopo la presentazione dell'XT era tempo ormai di un nuovo aggiornamento dell'hardware. L'IEM stava lavorando a quello che si sarebbe chiamato AT, ed intanto i concorrenti di tuttoil. mondo stavano progressivamente allineandosi, pur se con qualche variazione locale, sullrarchitettura PC; oramai avviata a diventare lo standard di mercato. Da lì a poco i taiwanesi avrebbero cominciato a sfornare le prime copie conformi del PC. tanto biecamente uguali da essere schenosamente definite nclonir, creando così il fenomeno del compatibile a basso costo ed assestando definitivamente il PC sul suo trono di sistema di riferimento. Nelt'agosto 1984. esattamente tre aw ni dopo l'annuncio del PC originale, I'IBM presenta ufficialmente I'AT. La

sigla sta per uAdvanced Technologyn e sottolinea come la nuova macchina utilizzi un microprocessore allo stato defl'arte: que11'80286 della fntel che indirizza fino a 16 MByte di RAM e puògirare in nmodo protettor. Caratteristiche salienti dUI'AT sono una maggiore velocità (I'AT B circa tre volte più veloce del PC, per effetto combinato di una maggiore efficienza interna del processare e di una velocità di clock quasi doppia), una maggiore memoria di massa (winchester da 20 MByte ed i nuovi minifloppy ad alta capacitA da 1.2 MByte). una nuova scheda video denominata EGA, unAarchitetturainteramente a s e dici bit. Assieme all'AT viene presentata una nuova versione del DOS, la 3.0, in grado di gestire tutto cid. nonché la prima versione di Windows. La principale novitA introdotta nel DOS 3 aveva a che fare con le nuove memorie di massa disponibili sull'AT. Il file system del DOS 2 andava bene coi floppy da 360 KByte ed in parte anche con I'hard disk da 10 MByte delI'XT ma cominciava a scricchiolare sul winchester da 20 MByte. Il problema stava nella struttura della FAT, la tabella di allocazione dei cluster. Nel 00s 1 e 2 ciascuna vme della FAT era lunga dodii ci bit (una word e mezzo). potendo cosl identificare fino ad un massimo di 4096 cluster; cib andava piil che bene per rnappaw un floppy o un hard disk di dimensioni ridotte ma costringeva a n* tevoli inefficienze su hard disk più cap* ci per via del limitato numero di cluster gestibili. Ad esempio il disco da 20 MByte dell'AT avrebbe dovuto essere f m a t t a t o con duster da 8 KByte, il che costituiva uno spreco inaccettabile. Il DOS 3 introdusse cosl un nuovo tipo di FAT con voci da sedici bit con la quale era possibile mappare fino a 65536 cluster. In questo modo il wim chester del18AT poteva avere normali cluster da 2 KByte. Owiamente tale d i f i c a era del tutto interna al DOS e trasparente all'utente finale. Il nuovo formato della FAT risultava incompatibile con quello precedente, t~rttaviasolo i supporti di grandi dimensioni venivano formattati dal DOS 3 con FAT a sedici

bit mentre i floppy continuavano ad utilizzare le FAT a dodici bit e dunque non vi era rischio di inc~mpatibi~th all'indietro; inoltre non vi era alcun problema ad utitinare sotto DOS 3 supporti formattati col DOS 2 1 i che era cid che realmente importava. Un'altra nuova caratteristica del DOS 3.0 era la possibilità di indicare esplicitamente un pathname prima del nome di un programma sulla linea di comando; fino al DOS 2 un programma, per poter essere invocato, doveva trovarsi nella directoiy corrente o in una directory specificata nel comando P A M . Nacquero anche alcuni comandi nuovi. ad esempio A T R I 6 per modificare alcuni attributi dei file e LABEL per impostare un'etichetta di volume; infine il CONFIGSYS si grricchl di opzioni utili e col sistema cornincib ad essere fornito un device driver uufficialer per utilizzare parte della memoria RAM come disco virtuale. Da un certo punto di vista tuttavia il DOS 3.0 fu una delusione per gli utenti. Esso non portava nessuna reale innova zione, e soprattutto era evidentemente rimasto un passo indietro rispetto all' hardware che acoompagnava. L'AT col suo 80286 era virtualmente in grado di effettuare un robusto muhitask lavorando in modo protetto, mentre il DOS 3.0 continuava ad usarlo come un 8086. Era il prodromo di quella smllatura fra hardware e sofnuare che si sarebbe amek tuata negli anni successivi in seguito al netto progredire dell'hardware sul relativo software di controllo. Inoltre il nuovo DOS non manteneva fino in fondo queC la che era una delk promesse preliminari, ossia quella di offrire un supporto nativo al collegamento di rete; si dovrà aspettare il DOS 3.1 per averlo. E così forse per questi motivi. forse per il costo particolarmente elevato. forse per la presenm di qualche bug insidioso, il DOC 3.0 non riscosse il favore degli utenti i quali continuarono per la m a g gior parte ad usare il buon vecchio DOS 2.1 1 anche sugli AT. ignorandone di buon animo le (poche) limitazioni. C'& comunque da notare che la reale comrnercializzazione degli AT. e dunque del


-m&

DOS 3, avveririr: wri molti mesi di ritaido rispetto M'annuncio di presentazb

ne, per via dibroblemi tecnici rismntrai alt'utimo momento nel computer (precisamente ndla seziane alimentatrice) che costrinsero I'IBM ad una paniale reingegmriuazione del pmdntto. Cosl praticamam&il oos 3.0non ebbe mai una reale cammercializzazione essendo quasi subito sostituito dal 3.1 uscito paco dopo. Giungiamo coci a gennaio 1985 qua+ do anche in Italia il fenomeno PC IBM. rimasto stranamente indietro rispetto al resto del mondo, sembra infine decolB re definitivamente. Il numero 37 di MC: uscito appunto in quel mese. inaugura ufficialmente le prove di m a r e standard per MC-DOS presentando tra I'aC tro il nuovissimo Syn-iphoiony della Lotus. Per curiosa coincidenza quel mese se gnava il deoennate dell'era del micrucomputer, che si fa tradizionalmente risalire alla pubbkeazfone da parte della rivista americana Popdar Electronics del progetto defl'Altair nel gennaio 1875.

--V"--

..

--

-

-

W--

cio poi a provare a tappeto i doni mine sin dell'AT. prontamente irnmessi sul mercato dai soliti taiwanesi, ma anche da costruttori assai più blasoflati. Giunge nel frattempo 18nnuncio del Conwrtible. il primo (e a tulfogsi unico) portabile IBM, dalla vita purtroppo miseramente breve. Contemporaneamente ad esso viene rilasciata la versione 3.2 delr'MSDOS in grado di gestim i unue via drive da 35" per 720 KByte usati sul Corwertibk. Di entrambi MC dh notizia fra le News del numm 52 (maggio 19861, approfondendo poi il d k m o con un'ampia preview del nuovo p r e dom pukiiwta sul suwessivdl numera 53. Per la cronaca il DOS 3.2 non intm d u c w nessuna navM a livello di interfamia di programmazione ma solo i nuovi comandi REPLACE e XCOPY, aitm all'adattamento di GRAPHICS al di sphy LCP del nuovo computer.

A mano viene annunciato il DOS 3.1 che finalmente incorpora il promesso suppom di rete. Fra le poche altre novità di questa versione, m e a livello di interfaccia utente e quasi nessuna a Ii~ell0interno. traviamo l'introduzione dei comandi J01N e SUBST dal funzionament0 peraltro ancora lievemente incerto. Fu corretto infine un grave bug nel comando BACKUP che rendeva talvoiolta.inaffidabili i dischetti di salvataggio impedendone 1 sumessivo RESTORE. 11 1985 B comunque l'anno del wmpatibile, anche in Italia o l m che nel re- del mando. Nel numero di settemhre MCvubblicauna Q m d eprova a confronto fra ventiquattro PF mmpatibili, praticamente tutti quelli dtspmibili SUI W-O italiano. Deli'AT e del DOS 3 si comincia appena appena a parlare ma non se ne riesce a sapere gran che, e nel frattempo Microsoft sbarca Qi da due nel nostro paese aprendo a Milano la sua filiale iialiana. Passano alcuni mesi durante i qudi LAT. accompagnato dall'MS-DOS non succede nulla di rilievo, tranne I'an3.10 giunge infine sul n w r o mercato ai nuncio da parte &ll'lBM di un AT p primi del 19%: M C lo pmW sul numero tenziato con &ck a 8 MHz e win&e50 in &?la a marzo. Il commento ster da 30 MByTe, in evidente risposta finale sottolinea ggB i la drammatica sot- alle analoghe versioni taiwanesi che da toutilinazbne del computer da m e tempo avevano surdasato la macchina del D03 e dei p-mi applicativi, di Big Blue. MC ne segnala I'uscita a augurandosi la rapida uscita di sXrumew lugiia 1986 re ci san do un costo di cim ti pfi evoluti, quali gli appena annunciati dodici milioni per una configurazione XeMx e TopVim. che ptessero rende- base. re maggiore giustizia ad un tak WwaMa B chiaro che qualcosa bolle in re. Per la cronaca 1 i prezm di un AT in pentola. La IBM sembra restia a portare configurazione media era all'egoca di avanti più dì tanta I'architattura AT, e oltre undici milioni Con video monmro- addirittura si lascia scavakare dagli anmatico e quasi quattordici eon video numi dei mmrrenti. M esempio negli EGA. Dal mese successiva MC oomin- USA Compaq annuncia il Deslqm 386,

primo computer a sfnrttare il nuovicsim0 m ~ r o p r ~ e c a trentadue ~m bit &lla Intel. MC ne parla nel nmero 56 di ombre 1986, mentre continua a provare i numerosi compatibili AT che ommai aff~llanajl mercato. Anche t'MSDDS rimane per mesi fermo alla versione 3.2 che t m i a guadagna lentamente b s e installata soppimtando anche gli ultimi strenui affezionati &l DOS 2.1 1 di buena memoria. Senza alcun annuncio &i&leT 4 anzi in mo& swwmmante sommesso. giunge in IWa il Convertible sorto il nome di PC Ventiquattr'ore; MC gli dedica unsanteprima (MC E& gennaio 87) ed una prova lMC 60,feb braio 1987), ma il prodotto B inesrarabilmenta condannato dalle ferree leggi dal mercato ad una fine precoce e forse immeritata. frattempa cominciano insidente mente a cimiare VDCi di corridoio in merito a presunte difficoltà incontrate dalla Microsoft nello sviluppo di un fantamatiw DOS 4. Si dice che il progetto 00s 4, che avrebbe dovuta essere un sistema opemtivo multitasking m n s u p porto dì reti locali. sia'abartito e che-la Micmsoft sa passata direttaaa lavorare ad un fantomatico D 0 S 5 scntto p r 1'80386 e basato Win&ws come interfaccia utente. Il prolungato silenzio proveniente da Redrnand sembra &re corpo d e più strane iiiariwii alimentando ipotesi e dicerie sul futuro delt'MSDOS. Certo B che Wsti gli amli sti sono concordi nel ciitjcaw ia msw canza di un sistema o m t i v o che sf tutti degnamente 1'80236 e 1'80386, e tutt0 if un i r i g ~ t t ~ da s parte di Mimrasoft. Oltretutto il DOS 3.2 comincia aramai


DIEC! ANNI DI MSDOS. E POI?

essere incompatibili sia l'uno con l'altro che nei confronti di versioni del DOS non appositamente customizzate. La si: tuazione si sQva facendo insostenibile; I'lBM ufficialmente ignorava il problema a risentire di un problema analogo a in quanto forniva sull'AT dischi da 30 quello che aveva il vecchio 2.1 nei con- MByte al massimo; ma era chiaro che si fronti delle memorie di massa: è troppo trattava di un trucco commerciale che limitato per gestire efficacemente i di- non poteva andare avanti per molto. schi sempre più capaci che stanno viaFra una incertezza e l'altra si giunge via raggiungendo il mercato. Il nocciolo w s i al fatidioo mese di aprile '87 quam della questione sta questa volta nella do, con una conferenza stampa in gmrr scelta iniziale di usare internamente una de stile tenuta simultaneamente in tutto word (16 bit) per numerare consecutiva- il mondo, I'IBM annuncia i PS/2 e con mente i settori di un disco. che cosl .essi i1 DOS 3.3, Windows 2 e I'OS12. possono essere 65.536 al massimo. Es- Per ironia della sorte, proprio sul numesendo la dimensione di un settore fissa- ro di aprile M C provava il primo esemta a 512 byte. questa scelta limita la plare di Compaq Deskpro 386 giunto in massima dimensione gestibile per un Italia; miracolosamente riuscimmo ad d i c o a 32 MByte, un valore sicuramem inserire sullo stesso numero di aprile un te assai elevato nei giorni in cui il DOS riquadro sul clamoroso annuncio IBM fu scritto ma oramai troppo limitato. Per approntato all'ultimissirno minuto, ripoter utilizzare dischi da 40 o più MByte mandando per qualsiasi ulteriore notizia i vari OEM cominciavano ciascuno per al mese successivo. proprio conto ad applicare cctrucchiii che L'MS-DOS 3.3,ottava versione dell'oaggirassero &le timitazione, spesso ri- ramai anziano sistema operativo. non correndo ella suddivisione di un medesi- aveva in.s& nulla di veramente rivoluzic mo disco in più partirioni fatte vedere al nario; fondamentalmente essa si limitaDOS come volumi differenti. Questi va ad aggiungere il supporto per le espedienti funzionavano pih o meno b e nuove memorie di massa dei PS12, s e ne ma avevano il grossa svantaggio di gnatamente i microfloppy ad alta capanon essere standardizzati e dunque di cità da f .44 MByte ed i dischi maggiori

m eo -

d'eaxzbne in -&ne

dei

:tbnoctanm l'atmosfera r h a a . wlr& fewe Pa.tUva:,i wpunsabli di tutta b f%onciiaii d e i i M i i r t , sssiemp ai massimi d i r i p t i del quartier -le di Redmmd, .si m dati W T Squi~per d i e r e ndl'atm di ffe&mate.i &ti M e sere 6-8 le ctrate~b

di 32 MByte. Quest'ultima caratteristica, certamente la pih attesa, si riveld tuttavia deludente: infatti essa non era altro che una istituzimalizzazione del concetto di icpartizione estesa» già applicato per conto proprio da molti OEM in precedenza; in pratica ora con FDISK si poteva suddividere un disco fisso di grande capacita in varie unità logiche ciascuna da 32 MByte o meno. Sicura mente non era una soluzione radicale; il suo solo vantaggio consisteva nella standardizzazione del sistema adottato, che annullava almeno i problemi di incompatibilit&fra ì diversi sistemi di ripartizione adottati dai vari OEM. Fra le poche altre novità vi erano il comando FASTOPEN, il comando CALL per la chiamata con ritorno di un file batch, un nuovo formato per i dischetti prodotti dal BACKUP, un migliorato supporto internazionale ed il supporto per una terza e quarta porta seriale. La novitA vera era costituita dall'OY2, del quale tuttavia già sì diceva che non sarebbe uscito prima dell'anno successivo. Da notare comunque che il DOS 3.30 soffriva di alcuni bug tra i quali uno, gmvissimo, per cui FDISK cancellava una partizione differente da quella richiesta dalCib costrinse la Micmsoft l'utente I!). ad inviare sollecitamente una revisione

aeni grazie alle m -i e m l b h M v@via sue?@coni nomi pih -:@del Bli! G e , W <dei resp4nsabHi 1ii w"m &fa W e . per-'1 det gl* perswra della fi"V0udme rnicmnTomtisa. rimo Apple Il, .alla IB?vi pw qilfdl'MSDbS Da sBmm al c+mndo &h Mbwmft, Gache oggi e q u i m a mn m , d i quaranta @S ha dimostrata dipo-re spiccatissiinè milioni di pewonal computer nd mOndb. =@fa nWnag&i d & SnrSaVemO fEi3 m CiaII*Hiltwiproprio per iucmtmw i kinqua m e r f m i pio ricchi Lo abhamp edrnme~aiiper m'turo, Quasi Bili Wes ed W* cm lui gn c o t m ~ SUL o inW&dta p r q&& hWvi$ta in as&siw XrocsMo aetsom m n d t P a m i s a h i M* siuria del prswral computer, che poi in in occ~cionedi urta sua mente visita a Hilton s&nik&si &i d ophionì, p&fa& è m d w h tlm u m t ' a r StOtia. il Roma, paia& del passata e dei da' Mda istagmrni $ tabils, hhmm.tan& giomu p n m G a i a atemifo un inWn'tro rftondc~deì PC . ipotesi di lavara e meriml di mercato. p&btioo d'H& Exoefisiar prlando di rpwOspite d'onore il fudatore e C.E.O. &Ha rnml mputer a qua@&l Icrvomw, in,=* Micrasaft. W l k m Wes ttl, &e -e tutu' i done il& p r e s e m e W e di Wim Iawn con hteresse e prtecipzione. ~ Q W S3 in v e t s h itahm. Qggi ci d d m m BiI1 Ga&& ha 34 anni. È stab un W m f prr' del suo tempu Wr un irruintra a q&Roma, wwdI semmbrer. Sotto un pr&Qedel!a inbm@hed a ~ d u rmi a'mhi, iìnfmaie e escbtsi: c h a anma p r e p o r e n t m t e estivo la -i@r di smesso. Da quasi quindici anni & al WaRi una simile owmmmh mn 8 sata tale W W B dei tutto ripresa dalte ferie, che ~ n y dellq h ditia che pe~.g"m mn Merta ad a@na &a rivista ' W I , Ijsr molti finiranno soia h domenb suunamicoeded$l~$prfmamo&ond re o no, sll'infuwi di un politica' siva, Ci stiamo recando, Marm ed i ~ad , un srrftiFsarepwPIC,A 16af1tnd&vma isrtoi q m r n k o . Questa W, a~sibilmimportante Wppun-ento. Il aWtq è meno primi pmgmrrd wl PDR8 del d d g e . A 17 te, Q mora .e ci fa piacer& tatani~ Chesi è &W della madia abituale e ci qnsenie di viene d t a m e Wer da una ditta di stata pmposta dalb stessa M i c m d t . arrivare all'Hotel Cwderì Hibn Con un incre- Caattie per -re i nel ~ Q W W di i'in@gw'f WC,& C@ qua'anrw cele dibile $umo d'ora di antic@Q. N & < W e i! sisema. A ls'scnie un i n t e r p m W i c per Rra il Suo quinquennoa capo della M k r o M sole ndteknte del prima pomeriggio alcuni 1 i primo microcornputer commerciale, I ' W r . ttdiana, d accoglie m d a m e n t e e dd'atbergrr s m gÌmndo a tennis. A s s b m a Paul WIen, Suo ae<con?pafiiassa@. La mnvention, deminata MbnLa sfermim hall. r&a vivibile da uii e W gha di i~~tetesii. fonda n&t amni d'am mri3en. sta &nW&~ . ~eM e som i c h t e y m t o discreto W i a ~ e n t do' a defi'era del trii-uter una $W &&mamolto saddiiatti. Gates B mmpto m i h, e quasi deserta. Mbel tenrirw p~b~peta WI&QS& al fine di m r & I m w qu& lavori, ma c3 faggiua m W ; il &m le vesi dowriM tutta Roma. stoB&c.QggìvierwgiikdFcatP-daFmbs po- di scambiare W t a ed e& c b vista chli'ah d Monte M ' o semlxa m e uno dei cinque umihj pid fi@i d'A- inkld anime-,ANO e &ca&m nel m p ~ m m ved a s m a merica. Il &m isi b msolfdab mali q&i'tmO, mmWm 'Mm?&@wnnWe


DIECI WNI'DI MS-DOS. E Wf7

correttiva (denominata 3.3DAJ ai propri OEM pregandoli di sostituirla presso i rispettivi clienti.

A partire da quel fatidico aprile di tre anni fa Microsoft camincib a giocafe una ddicata battaglia su tre fronti in parte sovrapposti. Da una parte ssmbrava evidente che avesse intenzione di continuate a sostenere il DOS. dall'altra presentava una nuova versione di Windows parzialmente muItirask. dall'altra ancora annunciava un futuribile quanto sofisticato sistema operativo interamente multitask scritto per il p t e c t e d m e de dei microprocessori 80286 ed

80385. Diversi mesi dopo fu chiaro che gti annunci riguardanti l'O92 erano stati particolarmente ottimistici. Lo prima versione del prodotto, ancora incompleta in quanto priva della caratteristica interfaccia denominata Presentation Manager, usd con molta ritardo rispetto al previsto. La nuova versione 2.0 di Windows, sostanzialmente migliore della precedsnte. fu anch'essa ben presto aggiornata fino a giungere alla 2.11 rimasta poi relativamente stabile per moC to tempo. Tutto lasciava supgorre che

neglioadii I'&pressibne d d i ' h d k . d d u Mganino terribibi cheama le siida inwllettuali poste dai computer. E dall'ah finam. La sua stretta di mano e robusta. il sorriso codiale, Prendiamo posto tuni e quattro sulle paltmncine di cuoio delta hall e c m i i t ciamo a chiacchierare del più- e del meno. La prima domanda è di rito: ME b prirna volta cfie viwie a Roma?*. Ci dice di si e che SQ cercando di dedicare parte delle swgiomate alla visita ddla cittfi, che gfi p k k molto. Marco gli mostra il numera di MC e scambiamg msl qcrathe W u t e 4 l a rivista ed in generale sulla stampa mi@ itaiiatm hssando al vivo del m i l w i o gli esecponga i! motivo delL nastra venuta: c t i a m pmdo il numero mto dslh rivista e d aveva mo p e m t o dì pubbliwm una breve storia &l perconal m p ter m particolare fierimento si PUBM allrM~,~. , & dunque piaciuta sentir cornmenta~daflaviva voce di uno deì principati protagonisti di questa i suoi aspetti pio calienti. Non mi sano preparato una scaletta di domande peci= perché, spiego, non wlevo fare un'intarvista mmsenrionaIe, ma piun~stoim pastare una ch&%hierata a ruota hbem sul passato ed il futuro della microinfomiatica; ci saremma soffennati sui punti d e n t i man mano che fmcaro emersi dal dscorso. Invito msl Gates a ricordare per g d i linee i momenti e le persone che dieci anni fa f u m o mciali per la nascita di questo aff* scinartte mondo M quei8 facciamo parte. u Lamirii per noi camhcid in affetti quindi~i anni &D, ci dice, u a h m in un certo. senso. Qua& aro al 1usavano premhm i

d

MSDOS e Wndows fossero stati definitivamente abbandonati in favore del1'0Y2. che pur faticosamente e fra grandi ritardi veniva un po' alla volta rilasciato. Quand'ecca che, dopo ormai. quindici mesi dall'uscita del DOS 3.3 (in precedenza il massimo intmallo fra due release successive era stato di IO mesi) e praticamente senza preavviso, la Microsoft ritomd ad occuparsi del suo prodotto di rnaggior~successopresem tandone una nuova versione. Si trattava dell'MS-DOS 4.0 annunciato a luglio 1988. Cosa stava succedendo? Semplice mente questa: il progetto dell'OSl2 aveva incontrato problemi e difficoltà imprevisti ed aveva finito col ritardare in modo oramai inaccettabile rispetto ai tempi già lunghetti originariamente annunciati. Inoltre il prodotto si era rivelato più lento e pesante del previsto. n e c e sitando di una macchina particolarmente potente, e dunque costosa, per gira re a velmità ragionevole. Parte dei p m blerni furono provocati dalla carenza di chip di memoria che attanaglid il m e r e ta mondiale per un paio d'anni e fece lievitare sostanziosamente i prezzi delte RAM (ne servono almeno 4 MByte per I'OSl2, ma ne sono consigliati 8); un'altra parte di mlpa la ebbe la scelta

pene ad Hamrd e Pad andb a Boston a lavorare p r b hneywell &W poteva affrontare Ia questione. A w m un sacco di idee @lli h pmposi~o:ad e~%W'o &Mare quaicha migliaio di questi hfp psr ottenere un computer &h poWm w z e z i ~ naie. e scrivere m ~ i a w r PU1 e per

mnt&re

.

computer in tim#-Sharing ed &uni r n i n i w

pufer. Scrissi dei giuchi ed un campilatore

MCmicrotcmputer n. 100 - ottobre 1990

iniziale di progetto secondo cui 1'092 avrebbe dovuto girare in modo protetto anche ~~11'80286, la quale portà a tLFlta una serie di complimioni a livello di programmazione per via del perverso sistema di gestione segmentata della memoria tipica di questo d i p . Fatto sta che ad un certo punto la Microsofi decise di rirnaneggiare sostanziosamente il pcogetto dell'OS42, congelando la verso ine .l .X attualmente in sviluppo e riprogettando tutto da capo sotto nuove assunzioni iniziali. Cio naturalmente allontanava anmr di più la data di dascio del nuova sistema operativo. La prima conseguenza diretta di questo drammatico ripensamento fu dunque la necessità di continuare a fornire un ragionevole supporto agli utenti, in attesa che fosse messo a punto il nuova 092:e ciò a sua volta significava dover aggiornare DOS e Windows. Il nuovo 0 9 2 , per la cronaca, B quello ommai noto corte 2.0; la sua caratteristica saliente B quella di poter girare sola su 80386 (O 80486, ommai disponibile) in quanto sfrutta il piu praticg,j~@~i&!amento Iinea-

per

il Papa M&

pmb&~Imte la piew

miIlare fu nei 1977, quando Paul W& il p W chip &008 e ne ottenne h dacumenfsgione. tmtta di Paul Men, più anziaiana di lui di due anni.] Mi chiese se potevo un Bask per quei chìp, ma ma wmmeAte im possrbrle! Il set di i s t m n i w m trappo limi& h Poi mi 7974 L Inte1 pmsmtd 1-' e quando Paul m e lo maàtd mi m'dia ki à#er&a em enwna~: 1'808D era addirititua rn&IiIimdel PDPg che a iqueiiépca era rit# niinidomputer. FU subita evidente che a v r e m m @W@ m'wre un w-maBacié per questo chip e d&mmo &e I'awm m fa* Ma oan era chiaro chi awebbs roshuito I'hardware,. m' ra finii p r tornar-

questa pomm*.

Ma i1 vera inizk di tutto fu nel gennaio t 975,quando ia rivista Popular E k t m n d puhblwò il prodea'Alta'rr. Gates e Alen ne furono subito mlprti e m p i m .che si tramva di che awecambiato il monda. *Ci dibnmd- non v@g&rn~ che tutto cid succecki semi- di mi, no? &$i c h i a r n a m q u w ' ragazzi e due mesi dqpb aveva gid s m ~ mil Basic, Pwl si tmsferl @gR1 ad apRL ad io a giugm del 197Sn. Com'ema le rnacwe di alima? ull perr4do dal 1~75al1980sipliddefinkIWe~rn&gdi atto bit. CrnpatibiIiEà signifieaw avere la stBasic su rnamhk &fferenti. N m mewm lo steso set rli istmzhi m wm far giram gli stessi prqgremmi Bask.

Apple, Cm&=, m %& si^^ CPM, per ci9sCluno avevamo pwmtcs un &sic l n ~ ~ m ggente g ~a ~ ~ ~ ~ b i 9 m programmi& i n i c e le M e a i htad W emno. però due g m i p w m i M primo era che b compatiHtM del Bask -t ad alto livello 6d i/Bssic ,nwi m troppo potente. hbn era possib$e W , che so, un d W B s s a r prnda e@ hwcabile farla in W. L'altra wabiem em lo supmie guesta limi-, case ban @Wg b i d; quelle che si famia mi aqli h memoria LIMb.


DIECI ANNI DI MWOS.

E POI?

re offerto da questo processare al p e sto dì quello a segmenti del 286; si awantaggia inoltre del particolare r n d o a8086 virtuales inserita in hardware nel 386 per creare delle ~mmpatibilitybmii realmente funzionanti. Il DOS 4.0, che per la prima volta non sostituiva la versione precedente la quale rimaneva in commercio. fu evidentemente tirato fuari in fretta ed in furia; immediatamente dopo il suo rilascio ci si rese infatti conto che soffriva di alcuni gravi bug, localizzati soprattutto nella gestione delle memoria; fu così pronta .mente emessa la versione 4.01 che in USA venne distribuita come upgrade gratuito. in tale versione che esso venne provato da MC a settembre 1989 (numero 88). in quella che per noi era la prima i(prova* di un sistema operativo. La sua caratteristica salienrs era il supe rarnento, una volta tanto ottenuto in modo corretto e definitivo, delta limi* zione a 32 MByte per la dimensione dei dischi. Questo risultato fu ottenuto a costa di una cornpteta riscrittura di tutte le routine di gestione dei dischi. adope-

rando per i settori una numerazione a essere della famiglia Intel sfruttandolo trentadw bit anzich6 sedici; ciò com- al m 4 0 (modo protetto sul 2%. modo partava necessariamente una variazione protetto avanzato sul 3861, ed alle nua livello di interfacciamento per quei merosissime funzioni di seivizio svolte programmi (fortunatamente pochi e di internamente dal suo Kernel (ad esemtipo speciaiizato) che non sfruttano il pio le comunicazioni, il colloquio con la DOS per 1'1/0 su disco ma gestiscono rete, la gestione deUa palette grafica e direttamente l'accesso ai settori me- aell'help ad ipertesto) Windows 3 m p diante gli interrupt 25H e 26H (Absolute presenta un sostanziale passo in avanti Disk Read e Absolute Disk Write). Altri rispetto a Windows 2 proponendosi cm miglioramenti erano stati apportati in me un'akernativa efficace all'OSJ2 ad termini di efficienza negli accessi al un prezzo assai più conveniente. Certo disco: un più efficace algoritmo di c a non permette un reale rnult-Wsking ma cheing unito ad un FASTOPEN esbso non ha bisogno neppure di un hardware nelle capacità aumentavano sensibil- troppo evoluto per girare ai meglio delle mente le prestazioni del sistema duran- sue possibilitd. Di Windoilivs 3 MC si è te l'uso del disco. Era inoltre stato ag- occupato cun una tempestiva preview giunte il supporto interno per la m e m e sul numero 97 (maggio 19891 ed una ria espansa tipo LtM. Assieme al nuovo sostanziosa prova sul numero 90 (giuDOS veniva fornita, per la prima volta, gno 1989). una shetl intemttiva dall'aspetto simile a quello di Windows. il cui scopo era Il futuro quello di semplificare I'interazione col Il futura dell'architettura PC sembra a sistema agli utenti meno esperti. Il passo successivo, l'ultima in ordine questo punto abbastanza delineato, per di tempo di questa lunga storia. si è quanto passano essere delineabili delle compiuto poca prima della scorsa esta- linee evalutive sempre soggette a flutt e con l'annuncio di Windows 3. Mai tuarimi POGO controllabii. Tuttavia alcucome ora questa particolare s M l si B ni punti sano certi in quanto affermati tanto avvicinata alle funzionalità di un dai diretti interessati. Microsoft ad vero sistema operativo. Grazie alla pos- esempio ha ufficialmente confermato sibilità unica di girare su qualsiasi pro- che continuerà a supportare il uvec-


DIECI ANNI DI MS-DOC. E

chio* DOS attraverso una serie conti-

cia di programmazione) sia stata modificata in più punti. e talvolta anche in maniera drastica, rispetto a quella della versione 9 .O; con quale gioia delle soRware house possiamo tranquillamente immaginare. La tendenza dell'hardware a procede re verso micropmessori sempre piQ potenti e memorie: sempre più capaci non potrà che favorire. alla lunga, I'accettazione di sistemi operativi cornplessi quali 1'0C1'2. ProbabiFmente la prmsima vera rivoluzione dell'hardware, e di conseguenza del software, sarà quella delle perifetiche rintelligenti, in grado di sgravare molta parte di eiabomziani di servizio al processare del computer. Mi riferisco soprattutto alle schede video con processare a bordo ma anche ai controller per i dischi rigidi, alle porte setiali o via dicendo. Un passo preliminare per la standardinazione di questi dispositivi, a sua volta necessaria per la loro larga diffusione, e a mio il raggiungimento di un buon consenso su di un bus nevolutoil; l'architettura EISA mi sambra un'ottima candidata al ruob di bus degli anni '90, sicuramente molto più del MicroChannel che oltre ad essere proprietario ha dimostrato con gli anni di possedere delle limitazioni inac certabili.

nua di aggiornamenti. La prima dirnostrazione di fatto di tale proponimento è stata l'inchiesta, svolta recentemente in USA presso gli utenti dal responsabile dello sviluppa dell'MSD13S 5, per con* scere quali fossero le caratteristiche pih desiderate nelta nuova versione del DOS di imminente annuncio. Anche Io sforzo posto nel lancio di Windows 3 se m b ra C o nf erm a re le i nte nzi o ni espresse dalla casa di Redmond di fare di questo ambiente i'O92 udei poverir. L'O92 1.X B stato ufficiosamente definito un nerrore di percorsow e come tale abbandonato in favore dei nuwo 092 2.0 che dovrebbe vedere la luce entro qualche mese. Oltre a tutte le belle caratteristiche sopra citate esso godrà anche di una struttura a file system installabili che gli permetted di adoperare indifferentemente i vecchi file system a FAT del DOS ed il nuovo file system ad alte prestazioni denominato HPFS. Agli sviluppatori ed agli OEM B giA stato consegnato lo SDK (Software Development Kit) che cort sente di cominciare a sviluppare soHware anche in assenza di una versione reale del sistema operativo. Peccato che in seguito alle nuove necescie di progetto la API de11'092 2.0 Il'interfac -1

l .

WI?

I chip RISC infine sono oggetti affascinanti ma forse ancora non maturi per un mercato consumer di livello relativ* mente basso come quello degli utenti dì PC. Essi sono forse più adatti ad applicazioni specializzate (workstation gmfiche) in ambienti particolari, diciamo Wtt0 Unix che sembra essere piuttosto congeniale a questo tipo di sistema. La mia impressione 6 tuttavia che non vedremo presto PC RlSC sulle nostre sciivanie, ne MSDOS per RISC (forse 092 si, però, magari in versione server). In definitiva posso dire che mi sembra assai verosimile che il sistema operativo che la maggior parte di noi used nei prossimi anni sarà. incredibilmente. quello stesso MSDOS che abbiamo utilizzato negli ultimi otto circa. Magari sotto Windows 3. che è un prodoao realmente interessante ed assai promettente Salvo poi passare atl'OSi2 (2.0o superiori) quando te contingenze lo renderanno realmente possibile e consigliabile. Il che comunque sembra essere solo questione di tempo.

-

-r

m Win@mn. u Erl in pio bile mn qNIo cf8n&rd, =H pQpOWQdì but ia-tibilità r m r i t e rimosdinaia. Fqiwtr, s qiimto punto il discorso sulla Ia mete findmente fare frfiitd m la g M b - CPb, CoS ne pfPn% mto,& parte dell'Micio Brewatti srniirim simiQrie attuale s sulte ~ I u t d o n p i er il ne a sewn@%ì@i rnMmk,,,i. #Est& ment&. rc.L;a r-~.ag i n t w m e nuove nrrdglla wttlmia del bmvepto &l mlcrop* fknuro. La prima &manda owiamente rigtiar: da I'MS-aOS: riDopo quasi dieci anni d PC architetture hrdwam w n i N m e n % com mmre da WITG di un prima?. &In a stiame ancora usando il DOS. Abbiama ora la patibti e di nprn&$ori,a mi riwm ai tm-bwemno tutto. Mi ~ b r un'assur&Wversione 4 mentre la 5 è in aMvo. Verranno R I X , fa ciimm a Quel~uneche dcspQd-i Amafa q u a m Wrmnda rpiccialb sugli poi la 6,!a 7 eccetera oppure il 130s si anni di assoiuta convargem su di un mica fm&?s. U chiaie del &xuiri. mi d i mndard di mw&td si pmedemb annunci a breve termine e mi trovo ad aver &t-. sta orami wpélttutto in Windowc. verso una tm&m oppsta, c ì d mr$o una m i tami $vevQ i n W z l a a di M-S st hiindows restemma sulh serra f r a m w i o n e degh standard. Lei che ne disouw. t paS=W nel fwmpgmun'* Semphkemnte m, p ~cui r ntewo d u m il mllqub. AEicoa m r a per mito tempo. Gff IIhieda allora: pr~ga?ip.WLOimw WU&, i-'. 11 quabhe scambia di battute sui suoi p* UHO a quwto -o I'irnpmcicme che non &a posm p r tanti s m d d d c-re di c i w e v o h gmmmi di visita della chtd (*prossima taw O32 $hm r a lontano &d'-re i!ms?&uQuanto &- L3 Sfiha I i krisì e per pr pmMI&&id -R to dei DOS, e ci& i(&terria webkro esser% gwndi le sahaf8e M ~ O I Q il rwstw dSpite+-6aripo di t M d r nini. Non fosse altro Che per il anwra versimi wn mktha &suu ci ancomw, gli diciamo. E lui: w a pd e v a 8 cte& wcs:hi necessarie gw M o pw fm m-cì E Se ne -, TOmFindo Bd dei m E i p-*? wcee $.minrn@@&&!i. gira re^. a&np perfaiiarne~tedr$~rdoai. mi nimt8zio~$ r i s p n d , wOS/2 AP) W ) mercato mdro derebh ad ~ a m p a g m ~ YBIWW spo- irnrri@rgemi nei lavori Wa cmdntiwr. -daoalsrpr m'titadai seme &gli mduppatod stare un fife-& una m h i w ad u"aiW? 12 mm a 4n rltma imredile8. ci e l i Pewlh, e & chi wlim eppIimzhni in ambiti &zie& rpigiwie piin&ele per cii d scino m;pacTri itb una Fibrsi m ~ k * . n n% uno sob, e un m w m che si t i i e r k un mondg in qrswlla a@ in M. Cem t? fom& i/ @ied p r m m dei m-d. p a t hri&mmmtebtrowrw # il & d i m t o totah, ma & un dieci pew m n ~c h e c j 3 i i ~ ~ ~ a @ u t e' n ~ . + ~ ~chefe. mdto wliitmre i propti m@. E non d o ì p*. m&vh p a M t & ! n . K Min~ambienti ' c a p forma B pqaohm & a me' non la conmtmma di Xwindowa softwam I p m anche qwlii di dkersi milioni rli -ti di m a U r i x ? ~i . & neces#Men@. un Mti (b sata?rn se* @ ;i m ; i paia p e ~ M m p u r e r che pmmndami -m mi -8 pio srsofkthti E m&i più B per chi nun ore& d'anni s m m cìnqmitta M J B && m'v* rntrdello &ewo: mt -cm sta-&&. rllltimamente avete n i ~ .O@ qspiagàttspii cj K I smmci di uwrt Is p w i s m a c c h i S i c u r a ~ n t ea Rerimrrrtd sona mchs un a b k d m a t o I-' l.X a sedici bit per avi- @m & dm'fidre dq& tanfBa pewntwi, ed in qhanha siluppwe 1'032 2.0 a t r e n w e bit; nel p+ altro a& settmta MP52 E a.& o tuttavia & indubbi che h n a~ msdifimta alcuni punti ddla AR Non di &W S per p ~ a &ll'lBM; na crea& un mdo, e Giin~uehanm un [Gates s questo p u m mi interrompe dicen- i/wod o gli -I ' o, -1cke rSf t m p di m i u n e , mn mudifkhe~f; ciad &-i, em n t a non ririadw+ empio diriti0 di opzione s ~ b W O ~ U ~ O W B aerta i pmssimi d i i anni f utum. Una come gìudia q m scelb7w. iuQum& .ab reb8eim msm b&m ptubhnk h @&p bhm mim&to a fm la nuova versione ioni dewm esereparfabili 8 qimmdMie- fi miiYrainSrrmiatic;ta wwnm inbx~esarrticda tmtadue 8it ami- d# ~ r r r ~ i @ I & &E~ f p f a m e g i u w la me s pul d~ primi diai. Mamma mia, chi& di miamo ah8 a sedici W h 4 a& pd u p p ~ r i W O - W confema C h W w r o due ri marini dowebb8 C06a i r t & , f i u l numero dwMtrr! (E fw3B mdh'b ...1. mal& imptmtt3 peir mi. uscire un 0512 &t0 a4 W=. che dalle sano upi po' pwunEQ & una L'ilso&3tB6aipem&emH1mM@, tta @n&& si s u p e d a d w e r e COmmtim

$me

&la mhtivaztme a cnt

iawTp3

.

-

-

m

m-

m


LE MISURE DEL TEMW

Gli orologi

piu preziosi si trovano in edicola. Ogni mese, in edicola, c'e Oroiogi-Le misure del tempo, la rivicta italiana per chi ama gli m e n t i del tempo. Athdità, collezionismo,tecnica, storia, arte, mostre, rarità e un po' di vanità. I1 &resentee il fuhiro: k1Ia cultura deii'orologio. Oru,lo@--Lemisure del tempo è molto pih di un mensile. E'il vostra viaggio nel tempo. Allacciate i cultunni.


Transputer e OCCAM un binomio wr-la ~roqrammazioneparallela di Andrea de Prism e Luciano Macera

ai voglia a mettere olia, un computer non aumented certo le sue caratteristiche di velocitd in questo moda! E fintanto si rimane rigidamente ancorati ad architetture unipm cessor (come il più sofisticato Mac, un supemmpatibile MS-DOS, un Arnga o un Archimedesl le performance di caC colo non subiranno mai aumenti considerevoli. E se da un lato ormai tutti si dirigono, finalmente, verso il rnulfitasking a tutto spiano, il passo successiva è sicuramente quello dei (personaIlJcomputer ad architeitui-aparallela. In mado da non simulare più questo benedetto pamllelismo, ma esplicitado il più possibile per raggiungere risultati sempre più sor-

H

prendenii Che ne

direste, ad esempio di un

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

super spread sheet all'opera su un micolatore rnultip~~~~ssore in cui una CPU assiste I'input da tastiem, una (o anche più d'una) ric~1colacontinuamente il t+ bellone, altre CPU aggiornano in tempo reale i grafici visualimti in altre finestre, rnqarì 30 e con effetti tipo ray-tracing? E a proposito di grafica di aitissimo livello, che ne diresre di programmi in grado di effettuareil rendering di oggetti anche complecsissimi in tempo reale. diciamo in un venticinquesimo di secondo? Cosl agendo sui tasti curcore p tremmo spostarci nel nostro simulatore di ambienti decisendo con qualche d e cennio di anticipo se la villetta in costrtk sions debba essere ombreggiafa da faggi o tassi. Oppure se la stanza per il nascituro sia sufficientementecomoda per i g b

chi di tutra la sua infanzia, dai cubi

elettrica a quattro macchinine. Gid immagino il b a m h i o sintetico che gioca nella sua stanzetta: dal corridoio sentiamo attraverso l ' a b parlantino del monitor i suoi vagiti e appena entriamo, coi tasti cursore, nella sua stanza, ci fa un bel sorriso di #mpiacimento. Fantascienza? No scienza! multicolorea alla pista

C

Computer ed architetture per 11 paraIIelismo

5 ,

,

Fondamentalmente esistono due categorie di computer ad archilettura parallela: i sistemi multiprocessore a memoria condivisa e a memoria distribuita. I sistemi multiprocessore a memoria condivisa sono costituiti essemialmen-

,


TRANSPUTER E QCCAM

I2 bits

&ira

l

- Come si vede m i'aumnto del n

con rnsmoria distribuita risultano piri

u m di &soti

i

IWiG&qr

mpvter

sffhti. n

1

Egura 2 - Strumra intema di un T800: sono evidm&ti tutti i blocdir fum~onali.b

te da un insieme di CPU connesse, da un bus comune, ad un certo numero di

banchi di memoria. In pratica l'intera memoria del sistema B condivisa da tutte le CPU presenti. Un sistema multitask puh eseguire calooli in pamllefo in diverse maniere. Innanzitutto ogni applicazione non è più realizzata scrivendo un unico programma sequenziale, ma una coliezione di processi attivi tra loro interagenti, che si occupano in toto di elaborare i dati in ingresso per fornire risultati in uscita. Nel caso di sistemi uniprmessor il m d o più semplice è quello di allmare sul processore i processi attivi: in questo modo ogni processo può essere elaborato in divisione: di tempo (time sharing) e non sussistono problemi di condivisione della memoria da parte di altri processi in quanto eseguiti sul medesimo precessore. I pmblemi sorgono quando, disponendo di un sistema multiprocessore, si vogliono partizionare i processi su più processori per elaborarli (in parallelismo reale e non simulato grazie al time sharing) in tempi minori. Con più CPU collegate d bus della memoria condivisa. quando una di queste deve effettuare un accesso per caricare un'istruzione o un dato. deve prima effettuare una richiesta di accesso alla logica che si occupa dell'arbitraggio del bus. Se non

vi sano altre richieste di accesso contemporanee, i tempi di accesso sono oenalizzati in maniera trascurabile. b a n d o te richieste di accesso in m e moria diventano contemporanee la logica di arbitraggio abilita una CPU, mentre le akre devono attendere il loro turno. Questo comporta dei tempi di attesa non trascurabili in quanto con poche CPU (2-8) sì raggiunge ben presto la saturazione del bus di interconnessione, che è la principale limitazione dei computer multiprocessore a memoria condivisa. Cib significa che aumentando il numero di CPU la velocità di elaborazie ne, oltre un certo numero, rimane c e stante (o addirittura degrada, ndadp]. come chiaramente mostrato dal grafico dì figura 1. Certo esistono un po' di trucchi per ridurre il problema. come ad esempio suddividere la memoria in banchi differenti, diciamo n, e consentire così fino ad n accessi simultanei se riferiti a banchi diversi. Ma il problema certo resta. Per far fronte a questa limitazione si usano memorie e bgiche di controllo pih veloci e si aggiunge ad ogni CPU una memoria cache. Cid comporta, a fronte di un aumento lineare delle prestazioni, una crescita dei costi esponenziale (dovuta alla realizzazione di chip

m

custorn con tecnologie avanzate), nonchi5 la naturale limitazione di velocità imposta dalle memorie, dovuta ai limiti tecnologici di realizzazione e ai limiti fisici della materia (questa volta B colpa del padretemo, o nostra se non l'abbiamo ancora capita rtquestaii rnate-

ria ...l.

I sistemi multiprocessore a memoria distribuita differiscono da quelli a memoria condivisa in diversi punti: i procecsorì non sono connessi ad un bus comune ed ogni processore B dotato di una memoria ~privataii relativamente piccola (64 b y t e - 4 Mbyte) raggiunta attraverso un bus locale. Un processore e la sua memoria viene detto i~nodon ed il sistema di interconnessione tra i vari nodi può essere usato come parametro di classificazione dei sistemi a memoria distribuita I ~ f a r m i i , matrice. ipercuk. ecc.). Nei sistemi a transputer, in particolare, I'interconnessione avviene spesso tramite linee seriali ad alta velocit8 e ciò facilita I'interconnessione tra i vari nodi in quanto basta connettere due fili per collegarne tra loro due. L'elaborazione in parallelo dei procecsi awiene partisionando il codice e i dati nella memoria locale dei processori e comunicando i dati tra i processi a t t m verso la rete di iiiterconnessione. Qus sto evita la limitazione dovuta alla satuMCmicrooamputer n. 100 - ottobre 1990


l-7 Adc Ldc 1st Sti

F&um 4 - P~WXSSIconcorrenti in UCCAM pohono ekem albcati su pii3 trgnsputer e su questi comunicano a t i r w r s o I link f E s E c ~

razione della memoria in quanto ogni processare accede alla propria ponione di codice ed ai propri dati su una m e m e ria privata. Altri vantaggi sono di ordine economico in quanto per aumentare la potenza di calcalo basta aumentare il numero di nodi (costruiti con dispositivi commerciali e quindi poco costosi), in quanto l'incremento di velocità. a seconda d e l l'algoritrno utilizzata. b quasi lineare con un numero di procsssari che va da diverse decine a qualche centinaio (vi sono in commercio computer paralleli con 1024 processori). Certo l'architettura è ben piii rigida di un sistema a memoria condivisa (occorre aiiocare staticamente i processi sui proce&), ma di fronte all'economicia del sistema e all'espandiùilit8 pressachb infinita C'& ben poco da discutere.

Nel 1984 le Irrmos introdusse il primo modello di transputer. tuttora l'unica processare prodotto su scala industriale, pragettato per la realizzazione di computer ad architettura parallela. Costituito essenzialmente de una CPU di tipo convenzionale (MSC). una piccola RAM statica mdto vebce e 4 interfacce senali ad alta velocità, pur non otteneb MCmicrocomriuter n. 100 - ottobre 1990

do un successo immediato, la fitosofia L'INTERNO DEL CHIP, inoltre sia la del transputer ha lentamente conquista CPU che il coprocessore, nonch6 i 4 to la maggior parte dei costruttori di link possono operare in parallelo. Contemporaneamente allo sviluppo elaboratori paralleli e di schede acceleratrici. Essenziaimente clb è dovuto alla del transputer. la Lnms ha sviluppato facilità ed aU'economieitA necessarie nOccamn, un linguaggio per la program marione parallela. In OCCAM un proper realizzare un singola nodo. Ino!re come beneficio secondario. ma non gramma B descritto come un insieme di meno importante, la grande diffusione processi che possono aperare concordi questo chip ha portato allo sviluppo di rentemente e comunicare attraverso una gran quantith di software per la acanaliii. Nel caso minimale. in OCCAM programmazione parallela (sistemi ope un processo pub essere anche un semrativi. compilatori. librerie, ecc.) facil- plice assegnamento di una variabile o la chiamatadi una procedura. Più processi a mante portabile da m macchina a!loro volta possono essere eseguiti in I'altm. Essenzialmente vi sono 3 famiglie di parallelo formando nel loro insieme un tmnsputer: T2. T4, TS. Mentre la prima processo parallelo che termina solo famiglia è a 18 bit le Jtre sona a 32 bit e quando sono terminati i processi di cui è tra lom si distinguono per l'unita FPU di formato. 11 progetto del tmnsputer B stato im- cui B dotata la famiglia T8.Su un singolo chip VLSI, il modello T80030 (clock a 30 postato su ll'obiettivo di ottenere un pMHz} B dotato di una CPU da 15 Mip, un cessore che realizzasse in maniera c o p m s s o r e matematico in virgola mo- semplice ed efficiente la concorrenza e bile a 64 bit che segue lo standard IEEE la comunicazione tra processi. Invece di 75 e d B capace di 2.25 Mflop. 4 Kbyte utilnare un gran numero di registri e un di emoria statica veloce da 33 ns ed complesso insieme di istruzioni come infine un hsrdware per le comunicazioni, nei pmessori convenzionali, il tmnspucostituito da 4 Iink seriali (bidirezionali) ter per ogni processo utilizza soio 6 da 20 Mbitls che operano in DMA senza registri e l'insieme di istruzioni è molto semplice. I registri utilizzati da un pmI'ausilio della CPLI. Camtteristica peculiare dei transpvter cesso sono i seguenti: B la presenza di uno scheduler hardwa- - Workspace pointer che punta ali'* re per la gestiorre del multitasking AL- rea di memaria dove sono contenute le

b


:

I

C

I

L

F

f

I

h

:. i, II

6

Gr

r" 4

4:

i!

t 5 &

il

P+

.

.

,

'm

variabil locali (in genere 18 memoria presente sul chip). - Instniction pointer che punta alla prossima istruzione che deve essere eseguita. - Operand register che viene utilizzato nella formazione di istruzioni con o p e rando. - Tre registri di stack utilizzati nelle operazioni aritmetiche, logiche e nelle operazioni di «rnover in memoria. La scelta di utilizzare uno stack di solì tre registri è maturata dopo l'analisi statistica di una gran quantit8 di pr* grammi, con l'obiettivo di ottenere il miglior compromesso tra la compattezza del codice e la complessità di implementazione. I dati utilizzati frequentemente possono venire allocati nei 4 Kbyte di memoria interna. Tale memoria consente accessi in un ciclo di clock quindi ha una efficienza pari a quella di un registro di un processore oonvenzionaie. L'insieme delle istruzioni è poi stato pensato per ottenere una facile compilazione e contiene poche istrurioni, tutte con lo stesso formato. scelte in modo da ottenere una rappresentazione più compatta per le istruzioni più frequerttemente utilizzate nei programmi. Ogni istruzione consiste in un singolo byte diviso in due parti da 4 bit. 1 4 bit piii significativi hanno funzione di codice ed i rimanenti 4 bit hanno funzione di dati. Questa rappresentazione permette di avere 16 istruzioni ognuna con un campo dati con valore da O a 15. Queste sano utilizzate per codificare le più frequenti istruzioni eseguite da un cornputer (load, add, move. jump, ecc.). Misure eseguite su programmi dì comune indirizzo hanno mostrato che circa il 70%80% delle istruzioni eseguite sono codificate con un singolo byte. Molte di queste istruzioni sono eseguite in uno o due soli cicli di dock del processore (50, 40, 33 ns a seconda della versione). Unitamente al fatto che con un solo ciclo di fetch il transputer .pub effettuare il caricamenta di 4 istruzioni. cib comporta una velocità di esecuzione dei programmi assai elevata (15 Mips nel modello a 30 MHz). 11 tmnsputer fornisce inoitre un efficiente supporto del modello OCCAM della concorrenza e dei canali di comunicazione. Lo scheduler hardware permette ad un qualsiasi numero di processi di essere eseguiti insieme in divisione di tempo. Per rendere minimo I'overhead , introdotto dallo scheduling dei processi tutte le allocazioni di memoria, in OCCAM, vengono calcolate a tempo di .compilazione, inoltre sola 3 dei 6 registri vengono salvati in quanto non vi è bis* -gnodi salvare lo stack. Lo stack non viene salvato dato che ogni istruzione eseguita

:

1194 ..I-

una scheda di rete e tant'altro... Quest'articolo nasce soprattutto dsll'esperienza maturata durante tutta l'estate appena terminata. attorno al rttransputerinon T222 utilinato per realizzare I'appendice HW della rete ADPnetworl: per Amiga prodotta da MCrnicrocomputer: nelle foto potete vedere i prototipi attualmente realizzati (e felicemente funzionanti). Contiamo di essere presenti allo SMAU, nello stand di MCmicrocomputer. per mostrarvi la rete ad alta vetocità funzionante e ormai pronta per una eventuale successiva commercializzazione. Come più volte indicato negli articoli riguardanti AOPnetwork, la scheda di rete in corso di realizzazione ha il compito sia di effettuare trasferimenti ad alta velocith tra un nodo e il successivo (tra due nodi contigui uvoliamon a ben 20 rnegabitlsec), sia di effettua~eil riconoscimento dei pacchetti smistando verso I'Amiga quelli diretti al nodo in questione dirottando sul nodo successivo quelli diretti altrove. L'architettura di rete di ADPnetwork è infatti rigidamente circolare: ogni macchina ha un collegamento dedicato con la macchina precedente e con quella successiva e quindi pub iniziare a trasferire dati in qualsiasi momento (salvo temporanee situazioni di buffer pieni) indipendentemente, cioh, dall'attività delle altre macchine sulla rete. Il collegamento tra un nodo e il sucties$NO B effettuato proprio utilinsndo i link fisici di cui i1 transputer dispone: con un link ci colleghiamo con la macchina sue cessiva, con un altro link m n la macchina precedente. Sd primo inviamo i pacchetti in partenza o in transita, sui secondo Il prototipo M a scheda di rete per ADPnetwork d stato provata collegandolo ad una scheda a quattro tmnsputer delk Micrnwy.

i

riceviamo i pacchetti per noi o da reinoltrare. Su ogni scheda, come detto, il transputer utilizzato è it T222. Architettw m quindi a 16 bit e relativa memoria indirizzabile limitata a 64 Kbyte. Nella memora è presente il programma di gestione scritto originariamente in O G CAM 2 che occupa appena 5 K mentre la rimanente memoria è utilizzata per buffer di ingresso, oli uscita e di transito per i pacchetti. Per la comunicazione Transputer-Amiga è utilizzato un link adapter (sempre di produzione INMOS) che converte i fatidici 10 o 20 megabitlsec di un terzo link fisico bidirezionate seriale del transputer in una porta pamliela ad 8 bit leggibili attraverso il bus Amiga come una nomale cella di memoria. Sulla scheda praticamente non C'& nient'altro, tranne naturalmente i1 clockgenerator a 5 MHz [moltiplicato per quattro all'intemo del transputer stesso), un po' di logica per la decodifica degli indirini sul bus Amiga e i driver di linea differenziali per wllegamenti anche molto lunghi tra una macchina e la successiva. Il clock esterno a coli 5 MHz B un altro punto forza del transptrter: infatti B possibile passare ad un chip più veloce semplicemente sostituendo quest'ultimo, dato che i'effettiva frequenza di clock B ottenuta internamente moltiplicando il cbck esterno un certo numero di volte. Non C'& neanche una EPROM sulla scheda, dato che il transputer (collegando opportunamente un suo piedino a massa o a Vcc) ha [a possibilità di effettuare il suo boot atternativamente da


non vi lascia operandi significativi. Tutto cib permette di ottenere un tempo di scheduling inferiore al microsecondo. Quanto riportato sopra per il modello T800 rimane valido anche per le altre famiglie di transputer T4 e T2, con I'owia differenza dovuta alla mancanza del coprocessore matematico e l'architettura a 16 bit per la famiglia T2.

OCCAM e parallelismo

Il primo esperimento per reslimre la nostra scheda di rete B srato effettuatoper una millsfon. La sewnda versione aveva giB il pettine e poteva essere inserita nel!'Am& 2000. 11 clodrgenerator era ancora su una schedina a parte. Qui a laio, infine. la versione rquasiii definitiva.

ROM o da uno dei quattro link fisici di cui è dotato. In pratica, dopo il reset della scheda, il transputer attende (pazientemente) che qualcuno gli mandi su un link il prqmrnma da eseguire, nella fattispecie i processi di rete da lanciare in parallelo. Ed è dunque I'Amiga stesso che, per prima cosa, invia alla scheda la parte del Software di Rete di ADPnetwork che dovrd girare su questa. Cib permette, tra l'altro, anche facili upgrade del software senza necessità di sostituire EPROM sulla scheda. E poi considerate che la stessa scheda di rete pud essere utilizzata anche come coprocessore per lo stesco 68000.date +esue capacità elaborative tutt'altro che indifferenti. Basta mandare come boot del transputer un file invece che un altro e trasformare la nostra scheda di rete in scheda coproces sore per svariate attività, dai calcoli mate-

matici a quelli grafici, o addirittura sonori se cwnsideriarno che in Arniga anche il suono è assolutamente digitale. Se poi non utilizziamo tutta la memoria della scheda per i buffer ma ne riserviamo un p e r n o per un altro po' di d i c e , sulla medesima scheda possono addirittura coesistere i due mondi: mentre la scheda manda, riceve e smista pacchetti, utilizzando il quarto linkfisico del transputer (tutt'ora da noi non utilizzato) ed un altro link adapter, possiamo far girare anche un po' del software uda caprocessoreii e rivolgerci alla scheda per ambedue i servizi. Fantastico, vero?

1

MCrnicroqmputer n. l 0 0 - ottobre 1990

\ il

vag& 2 i ~ ~ h e t w o r k Fase 2.Da sinistra: LuMaM.mr8, Giuseppe Cardinale Cimtti e... mmtruosemsnte vostro, ADP.

,

Per sfruttare, tutta la potenza di calcolo erogabile da un computer dotato di piU transputer occorre un linguaggio che sia abbastanza potente e versatile, da permettere una facile ed efficente implementazione di programmi concorrenti. Molti linguaggi tradizionali dal Fortran, al Pascal. al C sono stati implementati (con le dovute aggiunte per la parallelizzazione dei processi) sul tmnsputer, ma il linguaggio principe per questo processore rimane Occam. Occam è un linguaggio particolare che pur con i costrutti per la programmazione strutturata B considerato da molti poco più che un Assembler, mentre altri (tra cui noi) lo giudicano un buon linguaggio, se pur con alcune grosse lacune. Un programma in OCCAM come già detto, può essere visto come una collezione di processi sequenziali comunicanti. 1 processi pur essendo intinsecamente sequenziali possono essere eseguiti in parallela e la comunicazione avviene tramite canali punto-punto. In OCCAM oltre ai tipi di dati standard (bool. byte, integer, ecc.) ve ne sono due particoiari, rttimern e uchanii, nspettivamente delle variabili che fanno riferimento ai timer interni ed ai canali di comunicazione Ira processi. Per quanto riguarda le strutture dati, sojtanto gli array mono e multidimensi* nali sono supportati e ciò è dovuto alla necessità di allocare tutta la memoria utilizzata dai processi a tempo di compilazione. In OCCAM vi sono tre primitive: V: = e assegna l'espressione (te. alla variabile <rv,i C ! e spedisce in uscita l'espressi* ne sen SUIcanale nc)) C ? v nceve un valore per la variabile civi) del canale iccii. Inoltre non esistono costrutti tipo begin ... end del Pasca! o i ( { ~ ... {t})) del C ma per individuare l'inizio di un blocco vengono utilizzate le regole di indentazione, utilizzando per questa un offset di due spazi. !n Occam è il programmatore a decidere quali processi debbano essere eseguiti in parallelo e questo costringe il programmatore a dover


estrarre il parallelismo, senza I'ausilb del compilatore. I costrutti per esplicitare la forma di esecuzione sono: SEQ sequenzializza l'esecuzione dei costrutti seguenti.

Oltre al costrutto convenzionale IF OCCAM fornisce il costrutto ALT. Tale costrutto permette dì eseguire una sceb ta sui canali di ricezione.

ALT canale1 7 Varl Processol canale2 ? Vat2 Processo2 canale3 ? Var3 Processo3

In questo caso i1 Processo2 viene eseguito solo dopo che B terminata l'esecuzione del Processol e termina prima dell'inizio dell'esecuzione del P w cesso3. Cosl ogni processo può utilizzare i dati eventualmente modificati dai processi precedenti e pud modificarli a beneficio dei processi successivi. Diversamente, per far eseguire ì tre

Pracecsol

In questo caso sorge un problema dovuto al non deteminismo dell'elabm razione parallela. A priori non B possibije sapere quale dei processi terrnined per primo, quindi il terzo processo per el+ bomre i dati generati dai primi due d e vr5 in qualche modo eseguire una sincronizzazione sui dati. In pratica ogni processo pud partire. ma per operare su dati modificati da altri deve aspenarne copia su di un canale di ingresso e per mettere a disposizione i propri dati deve utilizzare canali di uscita. In OCCAM questo viene fatto tramite le primitive di comunicazione sui canali. Ad esempio, Processol potrebbe al

Canale1 ! t"34

ere nella variabile

V

appunto il

Se vi è un solo canale pronto a ricevere ad esempio il primo. v e d eseguito il Processol. Se non vi sono canali pronti, nessun processo sarh eseguito e il transputer rimarrà in attesa di un canale pronto. Se invece i canali pronti sono almena due, un solo processo per volta serd eseguito. senza la possibilità di sapere a priori quale sarà I'ordine di esecuzione. In questo caso si ewdenzia nuovamente il non determinismo dell'elaborasione parallela. Questo gud essere controllato aggiungendo ad ogni uReceiveu del comando alternativo una apposita guardia avvero una espressione booleana che abilita o m e no i anali sui quali effettivamente e s e guire l'ALT. In generale non ha molto senso lan: ciare più processi in parallelo su un solo tmnsputer se non ve n'& necescia in quanto la vefocith di esecuzione non sarà maggiore, anzi sarà gravata anche dall'overhead (seppur minimo) introdotto dallo sckduling dei processi. Questo però non sempre 4 vero, basta guardare lo scheletro del programma seguente che esegue calcoli sulla CPU, FPU. e spediscédati su tutti e 4 i link esterni tutto in maniera concorrente (quasi...) grazie alla struttura interna dei transputer: FAR !Jmcesso che esegue calcoli integer Processo che esegue calooli flmt PAR i=l FOR 4 Processo che spdisce dati sul canale [i3

Dal programma sopra riportato si prende spunto per introdurre altre due caratteristiche di OCCAM. La prima è che si possono definire array di canali e utilizzarli come tali; la seconda il c u strutto di replicazione. Un' replicatore sì comporta in maniera simile ad un costrutto FOR, in questo c a s ~w r d viene valutato a tempo di compilazione e rew de il programma equivalente a questo: PAR

usuali (che in Omam sono processi),

Prccesso che esegue calcoli integer Processo che esegue calooli fimt

Prooessti che spedisce dati sul canale t31 Processo che spedisce dati sul canale [4j

Termina qui questa breve introduzie ne ad OCCAM; per concludere rìassumiamo quelle che sono luci ed ombre di questo linguaggio. OCCAM è un iinguaggio che soffre delle limitazioni imposte dallo stretto legame can I'hardware su cui B implementato. Riassumi* mo di seguito le principali mancanze imposte da questo legame: - un solo canale di comunicazione OCCAM pub essere mappato su ogni link fisico unidirezionale (si pub owiare in maniera sofware programmando ap positi processi multiplexer); - il progmmma parallelo è dipendente dalla csnfigurazione della rete di COP nessione; - non sono supportate le strutture dati gerarchiche; - non 8 supportata Sallocazione dinamica della memoria; - non e supportata la ritorsione. Con l'annuncio della Inmos di una nuova famiglia di tmnsputer denominata H1 parecchie delle limitazioni attuali di OCCAM saranno superate. Ciò non toglie che per applicazioni di tipo particola re (calcolo scientifico, sistemi di controllo, elaborazioni grafiche, ecc.) OCCAM si dimostra già da ora un ottimo linguaggio potendo cantare su una efficenza (in termini di occupazione di memoria) ed una velocità non raggiungibili con altri linguaggi di tipo convenzionale. Per concludere diamo un riassunto delle camtteristihe hardware e software disponibili con la prossima generazione di transputer e compilatori OCCAM.

Transpuler H1:

- commercializzazione prevista per il 1491;

- 100 Mip. 20 Mflop;

- Link fisici 5 volte più velmi (100

Mbitlsec);

- MMU con schema di protezione della memoria. Sistema di eanali virtuali:

- Multiplexinq hardware per la condivisione dei iink fisici; - High performance routirig ~ h i pC104 per la realizzaziane di reti a commuta-

rione di pacchetto. Implementazione fult (XCAM:

- canali many to me; - ellocazione/riallocaziane

dinamica

dei processi;

- gestione dinamica della memoria con strutture dati gerarhiche; - ricorsfcrne.

PAR Processo che spedisce dati sul canale [l] Processo che spedisce dati sul canale 121

MCmicrocomputerTi. 1M)- ottobre 1990


m

di Stefano Toria (MC0170)

ra i problemi che si pongono a chi si occupa di sicurezza di sistemi informativi, un posto di rilievo B occupato dai virus: termine introdotto nel 1983 da Len Adleman (un collaboratore di Fred Cohen. che fu il primo a teorizzare il funzionamento di un virus I211. Il problema virus è rilevante nella definizione e nella gestione della sicurezza dei sistemi informativi basati su pernal computer, sicurezza che tuttavia non B limitata alla protezione dai virus o dagli altri analoghi fattori di rischio, ci& dai programmi aggressori. Non è questa la sede per una più ampia trattazione dell'argomento della sicurezza dei per-

T

MCmicrowmputer n. 100 - ottobre 1990

h n a l computer e si rimanda quindi ai numerosi testi disponibili. Questo articolo sì propone tre scopi: dare una definizione dei diversi tipi di programmi aggressori e descriverne il comportamento; esaminare in dettaglio i virus. con una serie di esempi tratti dall'arnbiente Ms-Dos; fornire una indicazione,di massima del rischio costituito dai virus e di come tutelarsi.

Si definisce virus un programma che ha la capacità di riprodursi introducendo una copia di se stesso in un altro p m

gramma, il quale diviene a sua volta portatore di virus. Possiamo rappresentare il funzionamento di un virus utilizzando una simbolagia che si awicina ai pih comuni linguaggi di programmazione. Un esempio di struttura di un virus B riportato in figura 1 [21. Il funzionamento del virus è semplice. La prima operazione eseguita dal p r e gramma B il tentativo di infettare un prcgrammaaggetto non ancora infeno. Il programmatore che realizza il virus sceglie un proprio criterio per stabilire se un programma B già stato infettato. Nell'esempio abbiamo usato un criterio banale, e cioè che ogni programma infetto deve iniziare con una riga che


PANORAMICA SUI VIRUS

YLL

COMPUTER

m = Al234567 ;

Figura 7 di wtus. Esempio

4.'

v= ,

Fk

h

'

i

m q l--

,,

'hntiene a 1234567n. Una volta accertato che il programma scelto e incontamk nato, il virus lo infetta anteponendo una copia di se stesso al programma. In questo modo. quando quel programma verrà eseguito, saranno eseguite per prime le istruzioni del virus: il program-

so ma un cosìportatore infettato di B diventato virus e a essa sua stesvolta infetterà altri programmi. Per contro, se il programma scelto a caso dovesse risultare gid infetto, la procedura di infezione proseguirebbe con la ricerca di un altro programma da contaminare. Si potrebbe obiettare che l'esempio dato non B completo in quanto B indefinito il comportamento del virus nel caso che nel sistema su cui il programma portatore viene eseguito non vi siano programmi incontaminati; ma lo scopo di questa trattazione non B di istruzioni per guastatori informatici. AI termine della prwedura di infemione, it virus passa il corrtrollo al progmmma portatore (goto fine). Il concetto di virus in sé non comporta alcun elemento qualitativo. Tuttavia, B grande i! rischio che un.virus sia a sua volta portatore di un ucavallo di Troian. Si definisce cavallo di Troia un p m gramma aggressore che nasconde la sua presenza dietro le apparente di un programma innocuo o dichiaratamente utile. A differenza del virus, il cavallo di Troia non ha alcuna capacità di r i p m dursi. La possibile struttura di un programma (ad es. una rubrica telefonica) che contiene un cavallo di Troia B rappresentata in figura 2. Apparentemente si tratta di un normale programma che gestisce una rubrica telefonica. ma in realtà al termine della esecuzione di ciascuna funzione del menu, viene eseguita una routine nascosta (il cavallo di Troia) la quale controlla se una data condizione si è verificata; potrebbe tmttwsi dello scadere di una data prestabili-

ta, oppure di un numero predeterminato di esecuzioni del programma che contiene la routine. In ogni caso. se la condizione sì verifica Iif innesco), allora la mutine compie il danno che il programmatore aveva predisposto b e n danneggia). Tutto questo accade all'insaputa deiI'utente. a cui viene consegnata una versione compilata del programma, e che non è quindi in grado di rendersi conto del rischio che corre in quanto ovviamente non vede per intiero la struttura logica del programma stesso. Accade quindi quasi sempre che I'utente scopra che un dato programma mntiene un cavallo di Troia soltanto dopo che questo ha svolto l'azione dannosa prevista. Una carattenstica comune ai virus e ai cavalli di Troia è di avere bisogno di un programma portatore. Nel caso del virus, qualsiasi programma può divenire portatore quando viene contaminato. Nel caso del cavallo di Troia, I'immissi*

ne nel programma portatore deve, invece, essere effettuata da parte del pro-

grammatore che lo realizza. La situazione purtroppo più frequente B quella in cui coesistono un virus e un cavallo di Troia (v. fig. 3). In questo caso il prcgramma svolge due funzioni distinte: quella di infezione tipica del virus, e il controllo del verificarsi della condizione che dà f'awio all'azione dannosa, tipica del cavallo di Troia. Esiste una terza tipologia di programma aggressore: è quella detta verme. Si definisce verme un programma che si riproduce in una rete di sistemi di elaborazione, trasmettendo una copia di se stesso a uno o più sistemi collegati e avviandone l'esecuzione 131 Esso svolge la propria azione esclusivamente in un sistema distribuito. Un verme, attivato su uno dei nodi di una rete, si awale delle funzioni di comunicazione con gli altri sistemi della rete per awiare I'esecuzione di una copia di se stesso su ciascuno dei sistemi collegati. Ciascuno dei vermi cosl originati svolgerà poi la stessa operazione, causando la propagazione di un programma che pub sfuggire al wntrbllo dei gestori di ciascuno dei sistemi collegati in rete. La situazie ne ipotinzaia è potenzialmente disastre sa. Un esempio basti a confermare questa affermazione: il 2 novembre 1988 Robert T. Morris Jr., uno studente della Cornell University statunitense, attivò un verme su uno degli elaboratori del MIT. passando per una delle connessioni tra il MIT e la Cornell. Sfruttando alcune particolarità del sistema Unix. nel Q ~ di O otto ore il verme di Morris si propagò su circa 6.000 sistemi collegati alla rete DARPA tnternet. causando ral-

FMUra 2

Esemm di camib di Troia.

main-prqram :a {loop: presenta mn0j ff icolta-fim then goto fine3 esegui funzione sc6klta; f f innesco then danneggia; gota 1-9i

1


PH~D~@MIGASUI WRWS BEL CQMpUTER

~igura3 Wrusportatore di cevallo di TroW.

parte dei casi, a tuttl~ggi,la protezbne realizzata esclusivamente a posterr'o19'. .Dopo che un virus ha colpito con gli effetti del cavallo di Troia che contene va. l'utente cerca in quaìche moda di ricostituire il proprio patrimonio di informazioni. It danno può essere pio o meno grande, a seconda del tempo che richiede tale rìcostituzione; un danno limitato ne[ caso che l'utente avesse effettuato di recente un back-up dei propri dischi; danni giù ingenti quando i dati debbano essere ricostruiti manualmente. Inoltre, un sistema già colpito da un virus pub reinfettarsi, e ariche questa eventualit5 d w r h essere tenuta in considerazione, Piu avanti presenteremo uno schema di protezione elementare, ma tuttavia &!e da garantire una sufficiente tutela dal rischio di danneggiamento del patrimonia informativu.

Strumra e descrizione dai vinrs maggiormente diffusi lentamenti e in molti casi interruzione del servizio sui sistemi colpiti. Il costo degli effetti di questo verme è stato stimato in quasi cento milioni di dolbri tra ore di lavoro specialistico per l'identificazione e la eliminazione del verme su tutti ì sistemi colpiti e disservizi all'utenza degli stessi sistemi. Morris è stato condannato a tre anni di arresto, una mutta di $10.000 e 400 ore di lavoro a favore della oollettività [4]191.

L'utente di persona1 computer e i virus

Vedremo pia avanti che iosistono dii verse decine di tipi di virus, e la lista è destinata ad allurgarsi. Prima di esaminare i modi in cui il problema si pone in concreto. esaminiamo in breve alcuni principi generali. 1, Diffusione di v i w : un virus si diffonde quando vieng eseguito il p m gramma portatore. E specificamente richiesta l'esecuzione di un programma: non si pub diffondere un virus sempticemente perché viene listata la directory di un di=, appure perch8 viene stampato it file che contiene le istruzioni del programma, a meno che la stampa del file di istruzioni non venga effettuata eseguendo un programma presente sullo stesso dischetto, e che questo programma non sia portatore di virus. In genere. comunque. l'unica possibilitd perch8 un virus si diffonda 8 che venga eseguito il programma che lo contiene. Questo include anche il sistema operativo: che sia il Dos oppure il Finder. se si preleva il sistema operativo da un disco

MCmicrmmputer n. 1M) - ottobre 1990

che non I quello che viene comunemente utilizzato per questa operazic~ ne. si deve considerare la passibiliti che esso sia infetto. 2. Latenza &f virus un virus può raggiungere uno specifico sistema in diversi modi ma sempre per esmuziona del programma che Io trasporta., Una volta che si sia irnpianmto in un sistema. esso agirà secondo le modalitA previste da CI% lo ha realizzato. In particalare, B ossi bile che Der hn certo perioda il hms non dia aicuna manife stazione della propria presenza. Questa latema non B dovuta al caso ma spesso si tratta di un artificio vduto da chi ha realizzato il virus; per un dato periodo il virus si limita a replicarsi, attaccando uno o piQ programmi ogni volta che viene eseguito. Se il portatore del virus B una dei moduli del sistema operativo (ad esempio COMMAND.COM per il Dos) le infezioni saranno molte e ripetute. In questo m d o il v,irus può diffondersi anche piuttosto rapidamente, sia sullo stesso sistema ospite che anche su altri sistemi, se l'utente del sistema infetto distribuisce ad altri copie di dischetti infetti. 3. Attivazione del virus: si è detto che I caso più frequente è quello delI'abbinarnento di un cavalo di Troia a un virus. Allo scadere del periodo di late* za, l'esecuzione di un programma portatore del virus scatena gli d e t t i del cavallo dì Troia. Questi possano essere i pih disparati: dalla scrittura di messaggi sul video, alla formamione del disco fisso del sistema ospite. 4. Protezione cbl virus: nella maggior

Nel mese di febbraio ?9&9,un artice lo pubblicato sulla rivista ucomputerworldii a firma di Jahn McAfee, presidente della {(Computer Virus Industry AssocH;.jationn,Taceva riferimento ai sei virus più diffusi, precisando nel contempo che il numero di virus nati. pari a sette nel febbraio 1988, era salito nel fratt~mpoad oltre 30 [IO]. Prendeva cos? avvio quella che possiamo definire ~epidemiologiainformaticm, la quale ha mutuata dalla scienza medica buona Darte della tmninolwia. Come la microbiologia, infatti. distingue tra ~ceppiiie uvariantifi di virus biologici, anche per i virus informatici sì adottano gli stessi termini per definire rispettivamente un determinato tipo di programma-virus, identificabile dal suo wmpdrtamsnto, e le varianti suocessjwmente sviluppate a partire dal tipo originario. Lavere mutuato queste denominazie ni ha costituito allo stessa tempo un wnfaggio e uno svantaggio. Il vantaggio consiste nelt'avere a disposizione: una terminologia già consolidata, senza la necessith di svilupparne una ex novo. Lo svantaggio B dato dal fatto che l'uso di questa terminologia, spesso citata a sproposito da persone non corremente informate n6 in medicina ne in informatica. ha determinato una confusione nel pubblico il quale. sottopasto a un bersagliamenta di informazioni sulI'AIDS da un lato e sui virus informatici dall'altro, può aver assimilato tra di loro due fatti totalmente estranei quali la diffusione di un problema che riguarda la sicurezza delle informazioni e la diffusione, ben più grave e preoccupante. di

'


PANORAMICA SUI VIRUS DEL COMPUTER

Gli effem rksl viw ~Jenisalern~ SO^ h visibih rispetto a i l ' i r n ~ i n eorigin&.

una patologia umana attualmente incurabile. L'elenco compieto dei virus,noti nell'ambiente MsDoS pubblicato sul numero di agosto del *Virus Bulletini. comprende 93 diversi ceppi virali esaminati o in corso di ctucbo, pih altri 18 di cui si ha notizia, ma che non è ancora stato possibile esaminare. I numeri c e incidono pih o meno con quelli riportati da altre liste, ma poiche ciascun ricerm tore adotta un proprio criterio di classifi-

cazione, accade che alcuni considerino ceppi autonomi quelli che per dtn sono varianti, e viceversa. Tuttavia si può tranquillamente affermare che esistono oltre 110 tipi diversi di virus conosciuti. Non esiste ancora una tassonomia ufficiale dei virus, e pertanto accade che lo stesso programma sia conosciuto con nomi diversi. In molti casi i nomi derivano dagli effetti apparenti &l virus (B il caso di r PingPongii, ricascaden, e altri), oppure dai messaggi che il pro-

gramma scrive sul video (~Dataerimen. u h n Zukii, etc.), o ancora dalla provenienza geografica del virus o dal luogo di prima identificazione (uNew Zealandn, aJenisalémr, iLehigh~).Un diverso criterio di denominazione fa uso delta dimensione in byte del virus, stabilita come incremento M a lunghezza del prcgrarnrna portatore in seguito a& l'infezione. Questo criterio viene utilizzata a volte in aggiunta al precedente, altre volte in alternativa; in quesro modo, R virus Datacrime B noto anche come 1280 e il Traceback come 3056, mentre i virus 405 e 800 non hanno altro nome all'infuori della propria lurtghezza. L'esame di un virus richiede che il pmgrarnma portatore sia m f r o n t a t o con una versione non infetta dello stesso programma. per isolare quele che presumibilmente sono le istruzioni che costituiscono il virus. Si procede quindi a disassemblare il virus per studiarne il comportamento o stabilire tre cose: il meccanismo di ripmduzione, il criterio di attivazione degli eventuali effetti danmi (se il virus contiene un cavallo di Troia), e quale sia il danno che I'evek tuale cavallo di Troia pub compiere. Si cerca quindi di identificare una stringa unica di ricerca, detta nfinnan, che mnsenta di distinguere il virus oggetto di studio da tutti gli altri possibili programmi: in questo modo diviene possibile determinare se un programma generico B infetto da un dato virus mtrollando se all'intem del programma sospetto è presente la firma specifica di quei particolare virus. Il primo virus dì cui si ebbe notizia in Italia fu il PingPong. Sembra che sia stato sviluppata da un ignoto studente deI Poiiiecnico di Torino, e anche se un rappresentante dello stesso Politecnico. in un convegno sui virus tenutosi lo scorso anno a Milano, avrebbe affenn* to il contrario, il virus è noto all'estero come rltalian virusii. Si tratta di un virus che infetta il boot sectar, ciad il settore iniziale di un dk sco, che contiene l'immagine del p w gramma di caricamento del sistema operativo. il virus occupa i'intero boot sector e un cluster nell'area dati. il quale viene marcato ndla prima copia della File Altomtion Tabie (FAT) come ubad dusterii. Il virus si installa aggam ciando h funzione Int 13H del 610s. che gestisce I'inputloutput su dsco. si attiva ad ogni richiesta di lett m da disco, e cmtrolla periodicamen e (per circa un secondo agni rnezz'ora) se deve essere attivata l'immagine sul video. L'immagine consiste in una spallinar (il carattere 07HJ che si sposta diagonalmente sul video. ccrimbalzandoi~contro i

I

MCrnicrocomputern. 100 - ottobre 1990


bordi e contro determinati caratteri All'infuori del periodo di attivazione dell'immagine, tuttavia, il virus è perma nentemente in controllo del sistema, poiché intercetta la funzione di lettura da disco e, in deteminate condizioni, si riproduce trasferendo una copia di se su dischi non infetti. La versione originale del PingPong contiene un errore che ne rende irnpossibile il funzionamento sui rnicroprocescon 80286 e 80386. Su queste macchine, l'attivazione del virus causa un loop infinito che blocca il sistema. Una variante del virus & stata modificata in m&o da funzionare anche su macchine 286 e 386. Il virus Lehigh fu identificato alla Lehigh University nel novembre 1987. Si trasmette utilinando come portatore lo shell del sistema Ms-Dos, COMMAND .COM, di cui sfrutta uno spazio disponibile (lo stack) e che pertanto non crasce in dimensione. Ad ogni esecuzione di COMMAND.COM (e quindi ad ogni comando dato al Dos tramite la tastiera o da un file balch) il virus si attiva per tentare l'infezione di una nuova copia di COMMAND.COM, ad esempio in un dischetlo appena inserito nell'unitA A o B. Dopo la quarta infezione, il virus distrugge il contenuto del disco contenuto nell'unità centrale. La distruzione viene effettuata riscrivendo i primi 32 settori successivi al boot sector. Dato il ristretto tempo intercorrente tra l'infezione e la distruzione dei dati, è probabile che il Lehigh passi inosservato all'utente. Esiste una variante del Lehigh che si attiva dopo dieci infezioni anziche quattro. Il virus Yale o Alameda fu isolato al Merritt College di Atameda. California. nel 1987. Si compone di un boot sector. e infetta soltanto dischi removibili da 5" 114 contenuti nell'unità A. Anche questo virus blocca il funzionamento di macchine 286 e 386; si reptica in occasione di un warm boot ICtrl-Ait-Dell. trasferendo una copia di se stesso sul boot sector del disco contenuto nell'unitA A, ma soltanto se si tratta di un disco da 5" 11 4)). 360 Kb. Il virus contiene le istruzimi per la formattazione della traccia 39 testina 0, ma sembra che tali istruzioni non vengano mai attivate. Un caso interessante di virus è il Brain. Si tratta di uno dei virus più comunemente osservati. ma non è que sta la particolantA che lo rende interessante; ia peculiaritd di questo virus consiste in due caratteristiche: è stato il primo virus di cui siano stati identificati gli autori, avendo essi lasciato il-proprio nome e indirizzo tra te istruzioni del virus (Brain Cmputer Services, 730 Nizam block. Allama Igbal Town, Lahore. Pakistan), ed è anche il primo virus che MCmicrmmputer n. 1O0 - ottobre 1990

Il virus ucascadeii: I'imrnagine o~iginariaed al temine della rrcedutali doi caratteri.

sia stato scritto in modo da tentare di sfuggire deliberatamente all'identificazione. Si tratta anche di uno tra i primi virus di cui si ebbe notizia, dato che le prime manifestazioni della sua presenza risalgono al 1986. Il Brain consiste in un bwt sector e tre cclster (6 settori) marcati ubad clustersii nella FAT. Il primo di questi settori contiene l'immagine dell'originario boot sector del disco; la'vercione originale di questo virus colpisce soltanto i

dischi removibili da 5" 114, 360 Kb. Il dispositivo di schermatura per n? ipedirne l'identificazione B piuttosto ingegnoso: qualsiasi richiesta di servizio al sistema operativo che possa determinare la lettura del boot sector viene ridiretta verso quel settore in cui il virus ha depositato la copia del boot sector originario. Pertanto, l'utente ritiene di vedere il settore O della traccia O ma in realtà vede il contenuto di una diversa zona del disco, mentre gli viene nasce


sto il vero boot sector. che contiene le imsioni del vkus {peraltro facilmente iifentificabiii in quanto contengono In chiaro la dicitura qtc)Bfainn). Un virus piuttosto diffuso P1 il Cascade. Di questo programma esiste anche una versione non vneaift (che pertanto non è un vinis), che m i f e s t a gli stessi effetti sul video- Anche questo virus possiede una caratteristica singoiare, in quanto contiene le istruzioniper identifimra se I'elaboratm su cui viene eseguito B una macchina IBM a meno; se . sitmttadiunPCIBM,odiunXToATo P W . nan viene eseguita alcuna infa& W ; su diverse macchine, invece, il programma pracede all'infezione. come v e dremo tra poco. Questa parrìcalare ' comportamento del virus fa rtflettere sulle sue, possibili origini. Patrebbe es, sere il pi-ìrno sintoma .di una ctguerm btteiFo1~gi~r tra conmrenti sul mercato dell'inform&ca, ma in ogni caso, anche volendo limitare al massimo le ' ipotesi futurologiche. è la prima indiczrione della possibiiii che i virus siano , costruiti con un preciso obiettivo, anzich8 semplicemente per colpire quanti più sisterni rieswno a raggiungere. . La versione originale del Cascade consiste in due varianti. l'una da 1701 e I'attra da 1704 byte. Mella prima I'identi, ficazione dei sistemi 1BM non funziona; la seconda B stata leggemente rnodift cata per togliere alcuni errori, ma in ogni caso sembra che I'ignoto programmatere non sia riuscito a otrenare il corretto fumionamenta del controllo. L'infezione awiene senza fare uso delle funzioni del Dos, forse p evitare che il virus venga identificata &i dispp sitivi software di protezione che controilano appunto le i n t e r c e a o n i agli interrupt (accenneremopiù avanti ad alcuni di questi dispmiii~i).In ogni cmc, I'infei o n e awiene soltanto se Ia data di sistema è compresa fra rirtabre e dicembre 1988. oppure se I'anno è 1980 (che indica che l'utente non ha inserita la data e I'om e che I'elahratore 6 privo di orologio perpetuo). Portatori del virus sono tutti i file .COM.ivi incluso COMMAND.COM. Una volta installato. Cascade verifica nuovamente la data: e al di fuori del periodo indiwto, quindi prima dell'ottc bre 1988 e dopo il dicembre dello stesm anno: attiva b modifica dei dati sul video. Questa mdifica, che ha valso il nome al virus, consiste nel trasportare . versa il basso i caratteri presenti sullo scherno, che sembrano quindi ucade: re&e uamrnumhiarcii~sul bordo inferip h

E

'

re del video. Il virus non ha alcun altro effetto sui

' dati; esiste tuttavia una variante che si attiva unicamente nei mesi tra ottobre e

dcembr~diquelsiasi anna ad eccezione del 7 9 9 3 , e che form'atta la traccia O del primo disco fisso incontrato. Il virus noto m e Dark Avenger fa p t e di un gruppo di v h s che si presumona sviluppati in Bulgaria. (Abbiamo giA trattatu, in un pretedente articolo. l'argomento delta ufabbrh dei virusr che sembra esserci instaurata in Bulgari&. Il funzionamento dei Dark Avenger è Ifiirrttdsto complesso. Si tratta dì un virus che si awate wme partatori di file .COM e .EXE, aumentandone la lunghezza di 4800 byte. Una volta installarci. il virm interetta alcuna tra le principali funzioni del Dos, tra cui la Int 21H che svolge molti dei servizi relativi ai file. Anche operazioni apparentemente innocue come la copia di un file da un d i o o a un akm, o da una directory all'altra, oppure il semplice cambio del nome di un file, possono provocare l'infezione. k t a caratteristica rende il Dark Avenger estremamente infettivo ed è la causa della grande diffusione che ha avuto questo virus. L'attività del virus procede con I'infezhne di qualsiasi programma oggetto che riesce a raggiungere, sia .CONI che .=E. Ad w n i infezione riuscivtail programma incrèrnenla a una unita un contatore. In un caso su sedici, inohre dopo r'infezione il virus punta casualmente a un settwe deli'area dati del d m da cui B stato prelevata il progrqnrna portatore; se poi il contatore è arrivato a 15, prima di riportarlo a O il virus distrugge il contenuta del settore appena seIezidnatU. Questa azione pwd provocare la perdita di infnmiazionì. Tra le istruzioni del virus sono IegigibilÌ anche deUe frasi, le quali, perb, nan vengwio scritte sul video. Il create re &l virus fa riferimento a se stesso mme uDark Avengerri (il vendicatore Oscuro*, da mi il noma del viruS); molke C"& una citazione da un album di un grupp~musicale indese. e il nome di battesimo di una persona non meglio identificata. ' Un altro virus piuttosto comune B il Den Zuk (in olandese: la ricerca). Sembra che sia originano dell'lndanesia. ed B nato sin dal settembre 1988. 1 I portatore dell'infezinne & il boot sector dei dischetli da 5" 114. 380 Kb. il quale viene ricoperto con le istruzioni di &o del virus anche se il dism soggetto all'infezione non contiene sistema; il resto del virus è contenuto nella traccia 40,normalmente non ulilinata. Quando viene' effettuato il bmt da un disco infetto, compare la scritra violetta uDEN ZUKn. nei madi grafici C M , EGA o VGA; la scriTta si forma entrando simultaneamente da destra e da sinistra, e scompare rapidamente. m

Il virus sopmwive a un warm reboot; la versione ariginaria del programma non aveva effetti dannosi, e anzi sembra che sia stato scritto a scopi utili. Infatti okre a procedere all'infezione dei dischi non infetti, il Den Zuk prowede anche alla ricerca (da cui il nome) e alla eventuale rimozione &i virus dei ceppi Brain e Ohio. Il criterio seguito dal realinatore del Den Zuk sembra essere stato che gli utenti per lo più non possiedono b cognizioni tecniche sufficienti ad avvedersi del fatto che il proprio sistema e stato contaminato da un virus, che nella maggior parte dei casi non prestano sufficiente attenzione a questa possibitità ed B quindi opportuno che se ne occupi qualcuno al loro posto. Mentre si pub in parte concordare sullo premessa, non possiamo assolutamente condividere la conseguente linea di azione delt'ignato programmatore. li motivo 8 semplice: una volta sviluppato e messo in circolazione un programma autoreplicante, ci& un virus. non si pud prevedere quale uso verri fatto di tale programma; lo dimostra il fatto che esiste una variante del Den Zuk che dopo un dato numero di wam reboot procede alla formattazione del disco da cui B awenuto l'ultimo reboat, il cui contenuto va quindi irrimediabilmente perduto. Il programma ubenignoii B divenuto nmalignox per volontà di qualcuno che certamente non e l'originario r e a f i i tsre. Tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre delb s c m o anno. si & molta parlato di virus in seguito alla scoperta del Datacrime. Questo che è uno dei più maligni tra i virus noti. esso rimane latenie fino al giorno suceesivo 1 12 ottobre. limitandosi ad infettare tutti i files .COM ad eccezione di quelli il cui nome contiene una uDw insettima posizione, e quindi anche COMMAND .COM. Nel 1989 il 12 ottobre, che negli Stati Uniti corrisponde al ~Columbus Dayr {la data della scoperta dellSAmeR ca), cadeva di giovedl, e pertanto il giorno successivo era un venerdì 13. Malto è stato data a sproposito sull'origine, sul funzionamento e sullo cc* po di questo virus, anche per&& come si B detto - il virus B particolarmente aggressivo. Quando si attiva, sul video compare la scritla DATACRIME VIRUS RELEASED: 1 MARCH 1989 e viene awiata la formattazione a basso livello del d i c o fisso. Per la caratteristica data di attivazione, il virus DaBcrime B stato erronaamente chiamato anche rYensrdl 13n; MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


PANORAMICA SUI VIRUS DEL COMPUTER

questo e invece uno dei nomi con cui B noto un altro diffusissimo virus. il Jerucalem. Il virus, originario di Israele da cui il nome, infetta sia i .COM che gli . U E ; questi ultimi, a causa di un errore nel meccanismo di replicazione, vengono infettati ripetutamente. L'effetto più direttamente visibile del Jerusalem è la trasposizione di un gruppo di caratteri sul- video: tutto ciò che si trova tra la riga 5 colonna 5 e la riga 16 colonna l6 viene spostato in alto di due righe, lasciando uno spazio vuoto in basso. Un altro effetto visibile della presenza del virus è dato dal rallentamento che I'elaboratore subisce mezz'om dopo I'infezione. Tuttavia, se l'infezione awiene quando la data del sistema è posta al giorno 13 in un mese in cui tale giorno cade di venerdì, il virus canceita dal disco ogni programma di cui l'utente chiede I'esecuzione. La variante Jerusalem-3 B probabilmente il virus più diffuso in assoluto. In molti casi non si trasmette ai file .EXE, mentre sembra che aggredisca i .SYS e i segmenti di programma oggetto (.OVL e simili). ',Il virus Jerusalem e le sue varianti discendono da tre versioni di uno dei primi virus sviluppati, il Suriv. Questo vinis è interessante in quanto sembra in grado di autoaggiornarsi: quando un programma portatore viene aggredito da una versione di Suriv che riscontri la presenza di una versione precedente, tale versione viene rimossa e sostituita con la pih recente [71. L'ultimo virus che tratteremo è il New Zealand o Stoned. Il veicolo che questo virus utilizza per propagarsi e il boot sector, con una particolarità: nel caso dei dischi fissi viene infettato il master boot record, quello che wntiene la tavola delle partizioni in cui il disco stesso è suddiviso. Apparentemente il virus non 6 stato progettato per danneggiare, limitandosi a scrivere Sul .video (~YourPC is now stonedi) ( i l ' t ~ rPC~ hacfurnato hashish); tuttavia l'autore - uno studente di WelIington - si è preoccupato di non danneggiare alcuna area di disco che possa contenere dati, ma non ha tenuto conto della possibilith che un disco contenga oltre 360 Kb di memoria. Infatti, il boot sector originario viene sostituito con quello tipico del vinis. e viene archiviato nella traccia 0, testina 1, settore 3, che in un dischetto da 360 Kb è il settore finale deBa directory, che raramente conterrà riferimenti a file; ma in un disco da 1.2 Mb lo stesso settore è il terzo della directory, ed B probabile che in questo caso il vinis risulti distruttivo (se il disco contiene piil di 32 file). MCmicrowmpuler n. 100 - uttobre 1990

Il wVIrus~ D e nZukii, originarimente prodotto wme stmmento di identificazione ed elimina zione di a h virvs. è stato poi reso disoutriva da un ignoto hacker.

Come difendersi L'aspetto più grave del problema virus consiste nel fatto che la comunità mondiale degli utenti di personal computer si rifiuta dì affrontare il problema. Disinformati dalla stampa non specializzata, gli utenti minimizzano il problema anche perché in molti casi gli effetti dei virus si limitano ad azioni infantili, risibili. poco dannose: scritte poco serie quali ciYour PC is now stonedn. oppure «pallineii che rimbalzano. caratteri che cicadonoa in fondo al video, musichette. e cose simili. A nostro parere, invece, i virus costituiscano un problema molto grave e urgente, per due ragioni: perchb esiste no virus estremamente distruttivi e m+ Iigni e in ogni caso non è impossibile costruirne e dare loro ampia diffusione; e perché gli stessi utenti che minimizza no il problema non soltanto non sono in grado di riconoscere l'assalto di un virus da una loro manovra errata, ma probabilmente non sanno nemmeno quali sono i comportamenti che possono portare ad essere vittime dell'assako di un virus. -Si pensi ad esempio ad un virus biole gico. che colpisca quindi gli esseri viventi, che sia infettivo al 100% e si trasmetta in occasione di qualsiasi contatto fra gli organismi. rimanendo latente - ma infettivo - per una settimana. senza manifestazioni visibili, e quindi uccidendo istantaneamente il proprio

ospite, con una mortalit3 anch'essa pari al 100%. Qualora un virus del genere i.dovesse realmente svilupparsi, in breve tempo resterebbero in vita soltanto gli abitanti di pochi remoti villaggi, tagliati fuori dal flusso mondiale delle comunicazioni: il resto dell'umanità sarebbe rapidamente e totalmente cancellato. Un virus informatico con analoghe caratteristiche potrebbe mettere in gL nocchio buona parte delle attività che comportano il trattamento di inforrnarioni. Ma senza giungere a esemplificazioni estreme, B necessario che si stabRisca la mentalità secondo cui un pmgramma che ottiene in qualche modo l'accesso a un sistema di elaborazione di dati, senza che il legittimo utente del sistema ne sia a conoscenza, è comunque un aggressore e un fattore di rischio: anche se poi lo stesso prwramma si limita a far rimbalzare una pallina sul video. Cosa deve fare un utente, per evitare che il proprio personal computer sia aggredito da un programma sconosci& to? Fino a poco tempo fa la risposta era: uNon utilizzare alcun programma che non sia stato regolarmente acquistato in scatola sigilIata, ed e s q i r e regolarmente una copia dei propri datin. La situazione adesso è leggermente cambiata, da quando la Aldus Corporation. uno dei principali produttori mocdiali di software, ha distribuito inawertitarnente una nuova versione di un proprio prodotto (il Freehand) infetto da un


virus, Come questo sia stato possibile, veuA e s ~ i h 8 t oin un prosiirno aiticolo in cui mrranno detraglia~mm#-ite esaminati i perr;&i che l'infezione pub segui-

re nel diffondersi. f irnpaimnte tuttavia &e ogni utente sahaguardi' il proprio patrimonio informativo tenenh presente una semplice regplx nessun psogmmrna, da qualsiasi fohte pfovenga, t2 sicurarnank immune da c p n t m i r ~ ~ o nvirafe. e Quemnorma vale per i programmi dì u w praf~ssionalec o m p e r quelli d uso domestico; vale per il software acquistalo in negozb e maggiormente per quello copiato in modo pih o meno legale. Vale @che per il software pcele vato da BBS e gruppi dì utenza. Cìsignifica che mn si deve utiiiiare nessun wovo programmaS Certamente nan& questo il Sehso della Wraaffermazione; l'utente deve apprerrdew non a qcacartare i nuovì programmi che gii vengono sottoposti, ma a sperimentadi in modo responsabile. In una Qmnde azienda. che può permettersi il costo, dovrh esistere un narnbiente sterileii. costituito da uno o più persona1 computer dedicati esclusivamente alla sperimentgzione dei nuovi programmi. L'utmte individuale, che non può permettersi di acquistare un secondo persona1 computer su cui sperimentare i pr& grammi. dovrà seguire alcune elementari norme di sicurezza. che qui riporti* mo in sintesi. 1) Cercare di acquisire un minimo di dimestichezza con il proprio elaboratore, e con ciò che esso contiene, in modo da farne un uso razionale e nan cieco. Senza dover divenire un progmmmatore, l'utente può informarsi su C& me funziona il propria carnputer, come vengano registrati i dati sui dischi, che

,M.

~

cmvmzioni e che nomi vengono utilizzati, etc.. 2) S w ~ r a r e le informaioni nel prw prio elaboratore in m& da mantenere ben separati e di'stinB i programmi e le informazioni su cui tali pro~rarnrnia p e rano, Per questa operazione gti utenti meno esperti potranno 63-iìedere I'assistenza di uha spe~ialista;tuttavia è. essenziale che dati s p q r a m m i restino sempre e comunque separati e rapidamente identificabili per le operazioni qui di seguito de~c~ritte. Inoltre, per tutelarsi dalla pascibilità che il proprio sistema sia colpito da uri virus che si trasmette attraverso il bwt sector e quindi attr* verso il si-ma operativo, si dovrà conseivare un dischetta contenente una copia sicuramente upylitas del sistema apemtiva, possibj4msnte ottenuta da un disco originale e ,sigillato. Tale dischetto non dovrà mai essere t$ilizrato per nessun motivo, salvo pw xecupero da un'infezime viraié. Inoltre dovrà essere conservato protetta contro la scrittura, e la protezione nan dovr8 mai essere rimossa, can l'avvertenza che la dispe nibilifh di un simile disehetto in molti -si Pi l'unica possibilità di recupero da un attacco distruttivo di un virus. 3) Eseguire regolarmente la copia su dischi removibili del contenuto del disco fisso. Questa opemziane non dovrd essere eseguita in blocco sull'intera disco, ma separatamente per ciascun raggrup parnento di f i i (dati o programmi): in questo modo le q i e successive alla prima richiederanno tempi inferiori, in quanto non B necessario ripetere le copie di ciò che presumibilmente Ftmane invariato (i pqrarnmi) ma sarà s u f f ciente copiare ci8 che varia periodicamente (i dati). Inoltre, se per qualsiasi ragione B necessario prelevare il conte-

- r

W . aigh; c h

~

~ ' t M~&w h W W + & 1 & m~,

l=. w

c

R&&d

nuto delle copie, B facilitata I'identificazione di cih che si cerca. 4) Le copie debbano essere eseguite secondo criteri che consentano di ma$ simizzare il risultato minirnizzando il t e m w per ottenerlo.E necessario poter disporre dì più versioni cuccescive degli stessi dati; nom si davriii pertanto riutilizzare lo stessa gruppo di dischetti per sovrapporre alla precedente una nuava copia. ma si dovranno usare a rotazione due o tre serie diverse di dischetti, ciascuna delle quali dovrà essere caredata della indirazione della data in cui vi è stata registrata una copia; i dischetìi da utilizzare saranno sempre quelli che portano la data più vecchia. Se si d i s p iae- di un progmmrna di copia di sicurezza che consente le copie c.d. incrementali. ossia dej soli dati aggiunti o rnridificati dopo l'ultima copia, sarà preferibile farne uso. 5) Prima di provare un nuovo programma. conviene fare una copia extra, e tenere strettamente sotto controllo il funzionamento del sistema: al primo verificarsi di comportamenti inconsueti (modifiche al video, rallentamenti, inattesa attivia del disco fisso o dell'unita di kettura del disco removibile, etc.) si davrà interrompere il lavoro, spegnere cumplstamente l'elaboratore, inserire il disco ccpuliton precedentemente predisposto, riaccendere e ripristinare tutto il sistema alla stato della copia effettuata prima della installazione del nuovo p r e gramma. Possibilmente si dowd procedere alta riformanazione dell'intero disco fisso, e alla ridefinizione della tavola delle partizioni. Non B qui il caso di trattare gli strw menti software che possono essere utilizza.ti per tutelarsi dall'aggrescione dei virus. Sì tratta di programmi che intercettano le normali funzioni del sistema operativo e controllano che nessun altro programma tenti a sua volta di intercettarie, Vi sono anche dej programmi di ricerca, che esaminano il contenuto di un disca per determinare se i programmi in esso contenuti sono portatori di una dei virus conosciuti ed analizzati. L'efficficia di questi programmi B relativa, in quanto possono essere mdto utili per eliminare completamente gii effetti di un'infezione da parte di un virus conosciuto, ma poiché si basano sulla conoscenza dì un virus per determinarne l'identificazione, sono owiamente inutili per tutelare i'utente dall'aggressione da parte dì virus dì nupva reaIinazZwe. In un possirno articolo sarà approfondito l'argomento degli strumenti di difesa dai programmi aggressori. M


IMPORTAZIOWE

-

SERVIZIO CASH CARRY EXPRESS

-

-

Gianni Vecchietti GVH 40131 Bologna Via Della Selva Pescarola, 1218 Tel. 05116346181 Se nella vosfru città non trovate i nostri pmdoiti, rivolgetevi direttamente

- Fax 05116346601

allo nostra sede di Bologna

IF 3

COMPUTER C O N SCHEDE MYCOMP CERiIFfCATE Mainboard con CPU 80386 SX 16 MRz (21 MIIz speed) - 8 slot di espansione zoccolo 80387 - chip set INTEL o NEAT-Bios AMI o Phoenh l Mbyte RAM imtabte (espandibili 8 Mb) 4 1 Floppy dnve 1,2 Mb TEAC * 1Fioppy drive 1,44Mb TEAC iScheda video VGA 16 bit 266K iScheda doppia seriale t m e l a Scheda oontroiìer HD+FD M bus 16 bit *lHard&40~28rnSMuuseribeoWD 4 InvoIum me^& desk top oppurernini lbwer (Vedi foto) Monitor 14" monocrornatico 'Igstiem estesa. 101 tasti italiana Alimentatore switch 200 W iMouse Genius Montato e coliaudato compreso spese di trasporto

ll

Main board con CPU 80386125 MHz certificate chip set NEAT Cache memory da 6-4K 1 Floppy iRitminstaliate4Mbvte7OnS ... dive da 1,44Mb * 1 Hard disk 80 Mby l9 mS * l F1oppy drive da 1,2 Mb , video 16 bit 256 iScheda dopprnse& mela Sctieda oontrolier HDtFD AT bus 16 bit HI-Speed Involucm meUca lbwer da pavimento +

+

Alimentatore switch 220 W ~~tieniestesa101tastittaliana Montato e collaudato compreso spese di spdhhne

£ 2.450.000 +IVA

Opone per monitor VGA colori 14"

£ 5.450.000 + r v ~

L. 390.000

t

STARLclO ....L. 360.000 STAR U: 24110 L. 550.000 NEG P2 Plus .. L. telefonare Citisen Swift 24 L. teiefonare

Main board 286112 MHz 0 WS chip set G2 I Mby installate I Hard &k 20 Mb 28 mS 3,5" I Floppy dnve da 1,2 oppure l! * Scheda video VGA 16 bit 256 K. OAK * Scheda doppia seriale t paraiiela

4

Scheda controlier HDtFD AT bus 4 b e n t a ~s ewiw 200 W Involucro metaluco desk top da tavolo i'Wstiera estesa 101 tasti * Monitor monwromatioo VGA I6 toni di pigio, base swivel - antidew i i

1 450.000

Montato e coliaudato +IVA - Spese twporto L. 30.000 Opzione per monitor VGA a colori + L. 390.000

Handy ber HS4500 .. ............ ..... L. 290.000 Fioppy disk 720K buk (min. 50 p.). L.

80287112 - 80287t16 80387SX - 80387125

A TUTTI I PREZZI VA AGGIUNTA IVA 19%

LA BOTTEGA ELETTRONICA BOLOGNA - Via S. Pio V' 5 - Tel. 550761

MODENA - Via Canaletto Sud, 276 - Tel. 315802

MANTOVA Vio Pilla, 291A TeI. 381 159

RED TELEMATICA -

FORLI Via F.lli Valpiani 61A - Roncaddlo - Ti[. 31323

NAPOLI - Via Scipione Capece, 2 - Tel. 640268

RIDEL

GENERAL COMPUTER SALERNO - Corso Garibaldi 56 - Tel. 237835

-DUAL SOFT

Riwlgetew' con fiduciu ai nostri distributori troverete un vasto assodimento di proda% G V M YCOMP

TRIESTE Via Valdirivio, 401E - Tel. 631226

ELECTRONIC CENTER -

PLAYER


Cento numeri di MC con la Grafica di Francesco Petroni

Come scritto in altre pagine, nell'introduzione all'articolo della rubrica Spreadsheet, una delle caratteristiche principali della nostra Rivista B stata quella di aver dato spazio, sin dali'inizio, a rubriche di argomento fisso, che hanno permesso di presen fare altri punti di vista sul mondo dei Microcomputer e della Informatica Individuale, spesso alternativi al punto di vista dominante, che B quello che passa attraverso le notizie stampa o attraverso le prove dei nuovi ~rodottihardware e 'La rubrica più antica, nel . . , ' senso che era presente gid

11

, 1 1 1 1 1 . .

!

!l

l' i "

'

+

'l'

I 'L-

l

:

dal primo numero, anzi da 'prima del primo numero, per .?chi ci ha seguito sin da allora, che non ha mai subito interruzioni, è proprio questa relativa alla Computer Grafica

.

Limitandmì quindi a questo argomento, potremo dire che il lettore che ci segue dal primo numero ha vissuto varie stagioni. anche pionieristiche, in cui ha potuto sperimentare direttamente la umaterian CG su macchine che via via si evolvevano e con programmi che via via si arricchivano di funzioni grafiche. L'altro ipotetico lettore, quello che comincia ora ad utilizzare il Persona1 Computer. magari giA dotato di un'interfaccia grafica (la immancabile sigletta è in questo caso GUI). trova direttamente disponibili funzionalità complesse che in realtà costituiscono il punto di arrivo (e non sono ancora probabilmente il punto finale], di un lungo processo wolutivo. Questo aspetto, ora descritto, B ovviamente comune a tutte le tecnologie. che iniziano sempre grazie a pochi p i e nieri. presi in genere per matti, e che poi diventano di diffusione universale al punto che spesso purtroppo, gli stessi pionieri vengono dimentimi. Vogliamo ora chiarire lo scopo del nostro articolo, destinato contemporcinearnente ai due lettori ipotetici, quello della prima ora (per noi il primo numero) e quello dell'ukima ora. Tratteremo alcuni argomenti di Com puter Grafica illustrandone anche alcune

problematiche sottostanti, problematìche in genere già trattate nel corso degli anni, e che oggi assumono sia un significata di unassunto delle puntate precedentiii sia, per il lettore nuovo, un riguardare dietro le quinter di un m* derno programma di Computer Grafica.

La mutine di Bawa Per quanto materia relativamente giovane anche la Computer Grafica si basa su alcuni principi fondamentali, opportb namente tradotti in routine ormai consolidate. utilizzate da tutti i programmi grafici. Tanto pio evoluto, da un punto di vista Computer Grafico. èr un prdotto tanto più B ricco dì funzionalith. Ma & chiaro che queste funzionalità comportano sempre il richiamo di una o più routine di base, unascosteii nel codice del prodotto. Si pub tranquillamente affermare che l'evoluzione di un prodotto consiste non tanto nell'introduzione di funzionalità nuove, alle quali nessuno aveva pens+ to, quanto nella concretizzazione di queste funzionalità, che richiamano spesso un complesso processo elaborativo, in un comando semplice ed immediato da attivare.

Figura l - W r i t m o delta linea di Bre-

senhsm. Un m i t o r qrafim d caramrinsto d4 punti luminosi chiamati Pi-

xel. QuaEciasi funalità di un qiiakiasi prodotto sclflware che vi su^ un qua(crasi disegno sul monitor cmnprta l'iiiutninazb ne, e s e i l r m i o i f o ~ ~ a

M i3 mbrsnwie. di pixei. Una della mutine iomimentali. uhlk

ateda tutti ie che h m ' v i e m o nel testo. B quella che serve per tracciare wia linea fatta di pid, tra due punti. ed 1 tq8i-a di Bresmhsm.


GRAFICA

Tale processo, o meglio il funzionamento di tale processo. può assere del tutto ignorato dall'utente che si accontenta del'effetto e quindi deli'immediztezza del risultato. ' Ad esempio. se durante la scrittura ti! questo articolo premo un certo tasto ( B, per la cronaca, dato che sto utilizzando un vecchio computer e un vecchio Wordstar) ottengo la giustificazione del paragrafo, ma posso trartquillame~ te ignorare come e perché ciò awenga. Oppure se incolonno una lunga serie di nomi in celle di un tabellone elettronico e eseguo 1 semplice wrnando di ordinamento ottengo. chissà come, la stessa serie di nomi in ordine alfabetico. Chi di noi sarebbe in grado di giustificare un para~rafoo di mettere in ordine velocemente una serie di nomi ce non disponesse di così comode funziona IitA? Il comando SORT, o ORDINAMENTO. in realtà si appoggia su una speciA ca routine unasoostan. A tale roirtine, o meglio alla ottimizzazione di tale routine, hanno lavorato per anni decine e decine di specialisti d o di appassionati. E ora noi. spesso premendo un solo tasto, sfruttiamo, un po' piratescamente, l'imponente iavoro di tante persone. In Computer Grafica vale lo stesso discorso. Tutti i prodotti permettono di tracciare linee. cerchi. oggetti pio o meno complessi. ecc. Ebbene in fondo al prodotto ci deve essere comunque una benedetta routine che, in basa al tipo di comando impostato. cdecideii quali pixel del video illuminare o meno. Appre fondiremo ora questo argomento aculturalen.

Traeciimento di una linea genwrwrta punto per punto .

,

Un monitor grafico è composto .di punti chiamati Pixel. Qualsiasi funzionali di un qualsiasi prodotto software che visualini un g m fico sul monitor comporta, wme risultato finale, l'illuminazione. e se il monitor è a colori. la color+one o meno di pixel.

Una delle routine fondamentali. che

descriveremo brevemente, B quella che serve per tracciare urta linea. fatta di pixel, tra due punti. L'algoritmo su cui si basa d stato sviluppato da Bresenham, e sfrutta solo operazioni di addizione, sottrazione e moltiplicazione del numero 2 per numeri interi. Sfrutta quindi operazioni eseguite con la massima velocit8 dei processori dei computer. Un segmento è definito tramite due punti estremi. Qualsiasi prodotto di

Computer Grafica permette di tracciare il segmento indicando. o definendo con il rnous>e, direttamente i due punti estremi. L'operazione è talmente intuitiva e veloce che B improbabile che ci si chieda perche e per come il segmento, concretizzato in una serie di pixel accesi, faccia ad apparire. Il problema si pud affrontare analiticamente. I punti interni ai due estremi cono definibili mediante un'equazione.

- TridimionaW con B8sic - Limo di un programmiiio. stesso esercizio s m mn E m l 13) viene k d t o con un mini progiiimma in h&. Come si mie in genemle. quando b c o l u h e di un problema un -mio di cshmb questo p d e r e & d o m qualsiasi pradotto software che m e t t a d apeguire dei =&di., In p r t b h e se si tratta cb; W triqwnimetki sono adatti sia ii Sasic, che d un -l mmttfico. &e uno Spm&heet snchésco YerCab ai m k d ~ . Fqura 2

m.

Lo

Egum 3 - Destinazione carta owero k

.-

Anche i prodotti gratii

sona ormai udeYiOB dipl-dentx.

Questo

si-

gnificachelelomium nnmaIitàsi adeguana totairnente aila perrfefica dichiarata cwmi deslhzione fimk del levom e quindi del disegno. 152 infatti una bella differenzad i m sWM tm video, platter e stmpmti, s EQ lori o in b i a m n m . Qui vediamo una s&mpasodondige nere artistico.


- Funzianalitd di Preview g r a b in p d m ' non grafici. Figura 4

Quando 1s periferica

scelta come destinaz i m finale del lawm d una stampante. a colori o in bianmnero che sia, e si opsra sul video. C'& sempre il problema di controllare su quest'ultimo il risultato durante i1 la w m . Sono sempre pii) diffuse, in tutte le mregorie di programmi sofhvsre, delie funzicn; di PrevEew che servono per riprodurre il più fedelmente passibile sul video grafico quella che ve& riporiato sulla wm.

---*,-

-----.-W

,

-

--

== +-=:=L...+ == --I ---.. = --- - .

-

A+.--

Figura 5 - Modalità video VGA 258 colori Questa modalitd video. permessa dalla wcchedas VGA. mnsenre una riproduzb ne molto fedele della

realtd e quindi ben si presta alla n'prnduzione di immagini di tipo fotagrafico in cui serve UM buona fedeitd

sd un o r n a l e . l pixel sono solo 320 per

200. ma i colori. 258 scelti tra 262 l&, e

compensano abbondantemente la riduzb ne della risduzione.

.

.-, . *,. -

m ;T-', . ,. ., .

-

-.----;A

Se i punti estremi sono Pf(XI,Y1] e PZ(X2,YZ) l'equazione della retta e: Y = MX+N in cui M B la pendenza della retta ed è identificabile con il rapporto (Y2-Y1 )/(X2X1 I. N e il valore assunto dalla Y quando X e pari a zero, owero quando la retta passa per l'asse Y. Questa equazione, che sul piano identifica infiniti punti tra P1 e P2, non può essere direttamente trasportata su un monitor, fatto di un numero discreto di pixel, e iri cui il problema B semmai quello di individuare quali pixel occorra illuminare. fermo rimanendo che la miglior rappresentazione delia linea reale (quella dell'equazione) è data dalla illuminazione dei pixel che meglio I'approssimano. Tornando alla routine di Bresenharn occorre partire dal punto P1(X1 ,Y1) che viene illuminato. Occorre poi valutare quale pixel, se quello immediatamente a destra o quello immediatamente in alto o quelto immediatamente in alto a destra deve venire illuminato (fig. 1). Questa valutazione viene eseguita calcolando una variabile di decisione D, che rappresenta la differenza tra gli scarti dei pixel che ricadono sopra la retta teorica e quelli che ricadono sotto. Non vogliamo entrare nei dettagli deli'algeritmo. ma vogliamo solo farvi riflettere sul fatto che anche l'operazione (apparentemente) più elementare, c e me quella di tracciare un segmento sul video, in realtA mette in azione una serie di complesse routine. Per chi volesse approfondire queste teorie e questi algoritmi di base consigliamo il volume COMPUTER GRAFICA pubblicata dalla Etas Libri, nella collana SCHAUM (n.76).

Il caro vecchio Basic Il linguaggio Basic ha avuto una notevole importanza nella storia del Persona1 Computer. Si tratta di un linguaggio leggero, inizialmente implementato su ROM di pochi kbyte e quindi instailabile a costi molto bassi sui primi Microcomputer che non disponevano ancora di molta memoria. Anche il PC IBM d i s p neva inizialmente di un Basic in ROM, che partiva automaticamente anche se sulla macchina non era installato il DOC. Una delle caratteristiche principali del Basic è sempre stata quella di permettere facilmente di sfruttare le possibilità hardware della macchina, e quindi. limitandosi alla Computer Grafica, quella di disporre di alcune istruzioni in grado sia di richiamare direttamente le varie m u

<:.*.e

' l .

,I"

'

-

l i

, /

,;,

, ./'

.--.,-P

- -.L

+ .:

--,

Fgum 6 - Busrness Gmphic. l a prima attivit8 grafica fmsfcrita dal ravdo del disegn~toraal vi& e aiie pedferidie del computer B stata la Business Gmphtc, sta pereh4 B poco impsgn~tivsdal punto di vista ekbratiw, sta perché-permette una radicale nduzrwe dei costi dr produztorra, sia perdi8 ornar i dati da graficare rrsiedono da qualche parte sul computer e quindi d g~ustoche questo ultimo sr occupi dr tuno. sn&e-d_di tiramf fuori dei diagrammi.

MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


-

datti video di'sponibili, sia di attivare semplici primitive grafiche (fig. 2). Ad esempio l'istruzione SCREEN 9 nel listato di figura 2 attiva una modalitg video EGA e conseguentemente le istruzioni di tracciamento (WINDOW, LINE, SET, ecc.) si adeguano direttamente alla situazione. Questa caratteristica del Basic & rirnasta anche nelle sue successive evolw zioni, ed B stata, in un certo senso, trasferita anche ad altri linguaggi. L'ipotetico lettore anziano forse ricorderà come in questa rubrica siano stati continuamente proposti programmi in Basic come supporto a trattazioni teoriche di argomenti grafic~. Con la diffusione dell'lnforrnatica Individuale (quella che ha portato davanti alle tastiere dei computer milioni di persone) sono nati prcdotti più sempiici da utilizzare in quanto in essi sono state implementate direttamente delle routine grafiche, più o meno evolute, sufficienti ad evitare al neofita, alle prese con problemi applicativi standard, I'impatto con un linguaggio. Questi nuovi prodotti di Informatica Individuale (detti anche software intermedio, in quanto non sono ne linguaggi ne applicativi chiusi, o software orizzontale. in quanto i destinatari sono potenzialmente tutti) hanno introdotto anche una nuova entitA, prima, ai tempi pionieristici del Basic, inesistente, quella dei Driver di colloquio con le periferiche. Il Driver, come noto, è quel prcgrammino che lega il prodotto software in uso, ed in particolare tutti i suoi comandi che hanno qualcosa a che vedere con la gestione dei dispositivi esterni, ad esempio la stampante (fig. 3 e fig. 4b ad una periferica hardware particolare, permettendo I'ottimizzazione dell'uso del prodotto software. La ricchezza e la bontA dei Driver è una caratteristica importantissima per qualsiasi prodotto software e a maggior ragione per i prodotti di Computer Grafica, che richiedono sempre dispositivi di input e di output particolari. Se si utilizza il Basic. quindi, il rapporto con la periferica, ad esempio un Plotter, è possibile solo se si implementano, nel programma che si sta scrivendo, delle routine (specifiche per quel plotter e reperibili solo nel manuale dello stesso) che attivano i vari comandi del Plotter, con un prodotto di informatica Individuale questo compito viene invece svolto dal Driver. L'utente in fase di installazione deve colo dichiarare la periferica che ha a e lanciare, al momento opportuno, il ccMCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

Figura 7 Lotus Freeiaoce - Un classico m t t o di tipo DrawMg. &?tipm b gmfm d e g (è~costir i Sdr

I Figura

Uita dai proolofti VettWitWiali in cui vmgoo niemwirrati i d aggetti wmpwienti il dis3gno. mesti passoi10quindi 8s-

&

polari indipendentemente @i uni dsgfi alm' mcha s t f r a ~ ~ ~nusri merose tipo!@ di fumionsliirs di editing. L+=

-no

un unico insiemi di -ti.

w b su a su

I

*-

di

~ ~ j o p $ ~ r ~ ~ ~ l i n dispongono ormai di ncche librerie che con-

dEzL.:z

da disegnini, asportabrli

Per essere incollaii nella propria wmposizims. Grazie poi alle numerose routrne di conversione $. quasi

" " g , ~ ~ ~ d ~ ~ gno di libwn'a mo qualsiassipmdom

, ,,

~~~~~ ,,,,, ed

ornai anche un coitezionista di #figurine#.

. 8

..

Figum 9 - M ~ m f Wjndows t 3.0 - PaintB~sh. I prodotti grafici possono essere catagoriusti in varie maniere. La categorizza lime principale è quella che li sudd~videin prodotri Vector e non-vtxtor. ,'dei secondi. di cui mostriamo una esernplific~zimecon il classim PsinrBnish, ora sotto Whdows 3. viene rnemori2zato ilrisultato finale dcl disegno, e quindi un insieme di pkel (do cui l'aitro nome Bit-iWapped). Anche gli strumenti dr disegno s le funzboaliià di editing presenti nel pacchetto dipendono &/la t i m i a de! prodono.

I

, .-. ,.

,

p

, : - . . i? . i '


Figura IO

-

- Aubdesk

Proiezioni ortogonalr e assone

A&&

merria

La pculiarit& dr un prodotto Cad rispetto

ad un comune W t to Drawing consiste nella presenza. nei pnmi. di abrifmi di cal-

colo e di p m d i m e n t i castruttrvi. propri detk g m f m tecnica. Le 4 w t e nella vid8ata e lizzats con Autocad m sono disegni autrr nomi. ma sono 4 riste, sviluppare dal pro&tto stesso. del sog gepo un& che rn defin~twa,il vero risuitaro del bwm di disegndprrigenstione.

e

-

Fgum 11 Aurodesk Autocad - Tridrnensio-

nalitd Ls tridimsnsibm/irt)va padroneggiata come concetto prrms che carne funrionalità. La sus diffi.coM principale wcce dal fam che l'uomo non d abituaro a mgEonare in teminr w i a 1 1 p r c h d utilizza

Le categorie di prodotti grafici

prevalentemente sup porti bidimensionsli (@/I di carta. monitor.

tele. pamti. ecc) su

cui si ;!esce a vis~liz-

me solo un acpem,

limitato e spesso riistorto, delle reaità

Mentre tale proliferazione di schede video comporta tuttora un po' di confusione, fortunatamente in altri settori hardware si è andati verso una standardizzazione. Ad esempio nel settore dei plotter e delie stampanti laser nel mercato ha costruito e consolidato lo standard HP, per cui qualsiasi plotter e qualsiasi stampante Laser di qualsiasi marca dichiarano e dispongono di una modalità operativa HP compatibile. Conseguentemente in fase di installazione del p r e dotto sofhuare si dichiara di utilizzare apparecchiature HP, anche 'se queste sono di tutt'attra marca. In definitiva quando si sceglie un p r e dotto grafico B indispensabile una preventiva valutazione delle necessità di in~ue t di outriut. e una verifica che il prodotto ccvedaii, nveda bene), le periferiche che si prevede di utilizzare in uscita.

I

mando di ptottaggio. Pur essendo, per questa serie di motivi, diventato meno importante il Basic è tuttora adatto, limitando il nostro discorso aila Computer Grafica. sia alla sperimentazione delle modalità grafiche (si veda l'articolo sulla grafica con 256 colori del numero 88 di MC), sia alla realizzazione di programmi grafici particolari. non possibili con prodotti di tipo generalizzato.

La wmscenxa e la dipendenza dell'hardware Altro elemento che ha contribuito al notevole sviluppo della Computer Grafica in questi ultimi anni è la contempomnea evoluzione delle periferiche specificamente grafiche. Queste vanno cafegarizzate o w i a mente in unith di input (mouse. digiti-

I zer, scanner, videodigitizer, ecc.) e in unità di output (printer grafiche, plotter, slide recorder, ecc.). In alcuni casi esiste una ulteriore specializzazione. In pratica periferiche specializzate per attività di Computer Grafica specializzate. Ad esempio il mouse è ormai diventato uno strumento di uso generalizzato e sfruttabile con qualsiasi prodotto gmfico. mentre il Videdigitizer, in pratica una scheda che permette di collegare al computer una telecamera a colori, è necessario solo in particolari attività di desktop presentation. Non va poi dimenticata la proliferazione, addirittura eccessiva, delle schede video. Già limitandosi a quelle standard IBM e a quelle quasi standard (Olivetti M24 e Hercules e Super VGA) si arriva a una dozzina di modalità video, in cui, e specie per il neofita, un po' difficile districarsi (fig. 5).

I prodotti grafici utilizzabili su Personal Computer sono numerosissimi ma ricadono in poche categorie, che è bene conoscere per poter scegliere il prodotto più adatto alle proprie necessità. Questo è un aspetto critica specie per il principiante che spesso. o per i~noranzao per cattivi conslgli ricevuti, sbagliato inizia un lavoro con il e quindi perde inutilmente tempo ed energie. Èd in genere con il prodotto sbagliato si può raggiungere comunque un risultato v d ~ t osolo che lo si raagiunge a costi eccessivi. Non esistono metodoiogie ufficiali per la categorizzazione dei prodotti grafici e se anche esistessero varrebbero per pochi mesi. Quindi la categorizzazie ne che faremo qui di seguito è semplicemente funzionale al presente articolo. Innanzitutto vanno citati i prodotti di CHARTING (Business Graphics o in italiano Grafica Commerciale). Sono senza dubbio i pih diffusi e orinai sono intesi come prodotti per il Reporting Grafico (fig. 6). I Computer trattano dati. questi dati possono essere visti in varie maniere. In forma numerica, nei tabulati, e in forma grafica, in diagrammi di vario tipo. Così come pub essere automatizzata la prcduzione dei tabulati, si può autornatizzare la produzione dei grafici, che visualimzano, in forma piii sintetica e più immediatamente leggibile. gli stessi dati. I prodotti di Charting possono essere MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


delle macrofunzionalità presenti in prodotti di altro tipo, in genere di tipo spreadsheet. o nel caso del Paradox. di tipo DBMS, oppure possano essere prodotti stand alone. Ouest'ultimi sono ovviamente più evobti dal punto di vista stertamente grafico, e possona dialogare direttamente con i file esterni in cui risiedono i dati. Quindi possono consentire anch'essi una totale automazione nella produzione, DRAWING. Per prodotti di tipo Drawing si intendono quelli che permettno di fare della grafica semitecnica di tipo VettoriaIe. Si trattano quindi oggetti geometrici elementari, assernblabili in oggetti dì vario livello di complessità (fig. 71. Gli oggetti elementari possono essere di vario tipo (quadrati, frecce, linee spezzate, linee curve. ecc.). Tutti c e munque rimdono in due grosse categorie, gli oggetti lineari e gli oggetti chiusi, che racchiudono, ci08 un'area. Gli oggetti lineari posseggono. oltre alta forma, tre caratteristiche: il colore. lo spessore e fa tipotogra di tratteggio. Quelli chiusi posseggono le prime tre, riferite al proprio bordo, in pih il tipo di retinatura interna e il suo calare. Le funzioni presenti in un prodotto di tipo Drawing possono essere ridotte a tre categorie. Quelle di tracciamento di un oggetto, quelle di editazione e quelle di servizio. Quelle di ediiazione a loro volta agiscono a su un solo elemento, per modificarne la forma o le caratteristiche estetiche, ecc. oppure su gruppi di oggetti. Tali gruppi possono essere scelti secondo vane logiche. gruppi di oggetti omogenei. gruppi di oggetti adiacenti, ecc.

Altro tipo di funzioni di editing è costituito dalle funzioni di bimco, come duplica, copia, sposta. ingrandisci, rimpìccotsci, ruota, duplica specularmente. allinea. ecc. anch'esse importantissime. Va subito precisato che. qualsiasi sia il tipo di disegno da realizzare, percentualmente, in termini di tempo, si utilizzano molto piri le funzioni di editing che quelle di tracciamento. Tutte le altre funzionalitd possono e+ sere definite di servizio {file manager. stampa, piottaggio, ecc.) in guanto non incidono sul contenuto e quindi sull'aspetto del disegno. La grafica Drawing, che è pressoche sinonimo di grafico Vettoriale, e quella che meglio si presta ad operazioni di trasferimento di disegni. Infatti questi possono' essere sempre ricondotti ad

Figura 12 - (1 Cad V87so 11 SoIid Modellirrg. Lg gmfica Cad pii) e k mentare t m s t m g / ~o@ gm' solidi Ni rnadah'tà afil di fenris, ad esempto un cubo viene m* s m o attraverso I mi spg011, i/che fa perde m, in rndti casi. I's spetio m l e deii'ogche B fatto di s e i e non di coli sprgdi !I gradiho successi~ a1CadBiI uw

gem.

lid rnodellings in cu~ un m t a sol& assume i/ suo aspetto

mie. Si

ttatta

di p m

doit~pid rmpsgnatiw che possono essere

installati produftrvamente solo su PC par. ticubrmente dotati

Figura 73

-

T n d ~ m

smai1L4con Micmsoft Ex& Qui presenfiamo un

&serciz~ettod i z z ~ t o m MS Excel, ma svi-' l~ppsb~le m tutti gli Spmdsheet ddk ulìS me generazioni, s dirnaitrazhone $e( fatto che la ~trictrnensiona litàs pud esseyes@, mta

con a h n t m t di

calwio scrivibili M n quslsrasi strumento softwere in grado di eseguire caloolr e visuslirzare Irnee.

una serie di eiernenti memarizzabili in file secondo varie ccdifiche. Inoltre tutti i prcdotti di grafica vette riale ormai posseggono librerie di imma gini fatte per facilitare il lavoro dell'utilizzatare. E il fatto che disegni possano essere trasferiti da un formato all'altro significa che si può usare qualsiasi d i s e gno di qualsiasi libreria con qualsiasi prodotto (fig. 8). PAINTING. Nei prodotti di tipo Painting non viene memorizzata una serie di oggetti, ma una serie di Pixel (mappa di bit). Nei prodotti pi8 semplici di questa categoria il numero di pixel corrisponde a quello del monitor (fig. 9). Successivamente, anche in conseguenza della nascita degli Scanner. sono nati prodotti in cui la dimensione in pixel della figura, -ottenuta da scanner o disegnata dall'utents, Pi indipendente &Ha dimensione del video. Gli strumenti di disegno e le funzion*

litA di editing sono abbastanza differenti da quelli propri della grafica Vettoriak. Nel Painting ha, ad esempio, senso disporre di una pistola a spruzzo che sparge pixel colorati sul foglio. Mai e poi mai questi possono essere ridotti ad oggetti e quindi nei prodotti Drawing la pistola a spruzzo non C'&. Oppure la funzione di cancellazione in un prodotto di tipo Paint opera sul f e glio. Per cui si può usare una icgommar o una funzione che serve per ritagliare una zona il cui contenuto viene asporta& dal disegna. Nel prodotto Draw invece occorre selezionare uno o più oggetti e poi cancelarli. Nella zona dove si & eseguita la cancellazione nel pnmo caso riappare il foglio cottostante. in seconciu (il caso Draw) riappare l'eventuale oggetto sottostante, disegnato prima o disegnato sotto a quello che è stato asportato. L'importanza dei prodotti di tipo


Figura 14 - Stereotipo in computer grafica. Nella trasmissione t e levisiva Driw In veniva messa all'asta una opera M noto pittore Teornondo Scrofalo (mi pare si diiamasse m/).rappresentante un vecchm ubrimne vicino alla sua fida bottiglia. Anch in Cornputer Gmfm esistono immagini nsrereotipon, ovvero che ripm duwno pa$sEvamante temi vecchi 8 m v e n zKinali. [7uello mostram ne d un evidente esempio.

nalità del prodotto, trarre tutti i disegni. meglio le viste, che si vuole. Questo aspetto, il fatto ci06 che il prodotto Cad genera un file che memorizza, apparentemente in modo astratto. un oggetto di cui si può cogliere l'aspetto solo disegnandolo, è emerso in maniera netta solo quando i prodotti Cad sono diventati effettivamente tridimensionali. Con i prodotti bidimensionali si realizza infatti direttamente il disegno, con quelli tridimensionali si realizza un progetto da cui il prodotto stesso permette di ricavare tutti i disegni che si vogliono.

.

La tridimensionalitsi.. ad esempio

...

Poiché abbiamo toccato il problema della tridimensionalitd ci permettiamo di presentare due esempi tendenti a dirne strare come la tridimensionalith stessa vada padroneggiata come concetto prima che come funzionalità Ifig. 2 e fig.

mura 15

- Micrmft Windows 3.0. Windows 3.0 m p

senta un m m e n t o

cruciale nelle storia non soio deMa grafica, ma a n h del mondo del sofrware su PC: I rrmtin' sono numerosi e in a m i casi COPIF plessi. L'aspetto pirl srgnificaiivo b che Wirfdows 3.0 sotto DOS e Presentatior? ~ a n a g e rsorto D C P ~ sono e s t d m t e e fumEonalmente a!line ari. Ornaai anche le C+ se di sofiware pir)... oonmrrenti nspztfo al la Microsuft si sono m e a quasta k terfxm g m b ,

Painting si B consolidata con la diffusi* ne degli scanner che producono solo immagini Bitrnapped, e delle schede di interfaccia con le telecamere, in quanto e difficile che immagini prese dal mondo reale (una foto, un quadro. ecc.) possano essere ridotte ad oggetti elementari trattabili con prodotti vettoriali. Siamo tornati pio volte in questa categorizzazione perché deve essere conosciuta e capita a fondo da chiunque voglia utilizzare un prodotto grafico o che abbia, in qualche misura, che fare con file grafici, come ad esempio i prodotti DTP o i WP delle ultime gene razioni. CAO. Quarta ed ultima categoria, in questo elenco. che è solo, ripetiamolo. funzionale alla nostra trattazione, i, quella costituita dai pmdotti di Computer Aided Design ( f i g . 10, 11 e 12 realizzate con Autocad e Autoshade).

13). La sua difficoltà, ooncettuale prima e, operativa poi, nasce dal fatto che I'url mo non è abituato a ragionare in termini

Questi sono prodotti in cui la grafica B solo l'aspetto esteriore in quanto posseggono al loro interno complessi programmi di calcolo che servono per la costruzione degli oggetti progettuali. Gli strumenti di tracciamento di oggetti (anche Cad è grafica vettoriale) quindi sono la traduzione delle varie metodologie proprie del disegno tecnico, nel quale, ad esempio, un cerchio si può determinare fornendo non solo il centro e il raggio (metodo più elementare e presente in tutti i prodotti grafici di qualsiasi categoria) ma anche tre punti d o elementi di tangenza. Inoltre mentre in un file ottenuto con prodotti Paint e Dmw viene memorizza to un disegno o gli elementi per c e struirlo, nel file ottenuto con il prodotto Cad non c'è semplicemente un disegno, ma l'oggetto del progetto, dal quale è possibile, attraverso svariate funzio-

spaziali perché utilizza esclusivamente supporti bidimensionali (fogli di carta, monitor, tele, pareti, ecc.) su cui si riesce a visualizrare solo un aspetto, limitato e spesso distorto, della realtà. La grafica Cad tridimensionale piu elementare mostra gli oggetti in modalitB {(fil di ferroi. ad esempio un cubo viene mostrato attraverso i suoi spigoli, il che fa perdere in qualche caso I'aspetto reale dell'oggetto che è fatto di superfici non di spigoli. Il gradino succes sivo al Cad è il rsolid modellingn in cui un oggetto solido assume il suo aspetto reale. Si tratta di prdotti più impegnativi che possono essere installati prociuttivamente solo su PC particolarmente dotati. Gli algoritmi su cui ci basano le viste tridimensionali sono abbastanza semptici da essere aesploratin con prodotti tradizionali (in questa rubrica lo abbiamo fatto più volte), non perche con questi si possano sostituire i prodotti grafici, ma perchk una padronanza degli algoritmi migliora sicuramente la cornprensie ne generale del problema tridirnensie nale da affrontare. Qui presentiamo un esercizietto realizzato con MS Excel Ifig. 13). ma svilup pabile con tutti gli spreadshe~tdelle ultime generazioni, a dimostrazione del fatto che la ~tridimensionalitàiipuò essere esplorata con algoritmi di calcolo svituppabili con qualsiasi strumento MCmicrocamputer n. 100 - ottobre i990


GRAFICA

software in grado di eseguire calcoli e visualizzare linee. L'applicazione Excel comporta tre f+ gli. Uno. di tipo Foglio di Calcoio. in cui sono inserite le coordinate spaziali, e quindi tridimensionali, dei punti che cm stituiscono i vertici dell'oggetto e sono calcolate le coordinate bidimensionali dello schermo. Il secondo foglio, dì tipo Macro, contiene due funzioni personalinate scritte proprio per eseguire la conversione da tridimensionale a bidimensionale. Infine il terzo, di tipo Grafico, in cui viene visualiuato il risubto finale, tramite un grafico di tipo Dispmione (che corrisponde al tipo XY del Lotus 123). Lo stesso esercizio sviluppato con Excel viene risolto crwi un mini programma in Basic (fig. 2). Come si vede in generale quando la soluzione di un p m blema richieda un algoritrno di calcolo, questo pud essere risalto con qualsiasi prodotto s o h a r e che permetta di eseguire dei calcoli. In particolare se si tratta di calcoli trigonometrici sono adatti sia il Basic. che è un linguaggio scientifico. che uno spreadsheet, anch'esso versato ai calcoli.

I formati grafici Altro elemento importante nella ctcultura grafican B castituito dalla con* scenza dei formati grafici. Al contrario dei prodotti che trattano gesti o dati alfanumerici, in cui esiste il formato ASCII, che permette a chiunque di interpretare il contenuto dei file, nei prodotti grafici non esiste un formato universale, ne potrebbe. se ci pensate bene, esistere. Ogni prodotto ha. per i propri file, un suo formato (identificabilein genere dalla desinenza apposta al nome del file) che raccoglie tutte le informxioni del disegno. Se esistesse un formato unica tutti i prodotti grafici sarebbero uguali, per lo meno in termini di risultati r a g giungibili. Ma poiché la necessità dì passare file da un prodotto all'altro esiste effettivamente. sono disponibili. per tale problema. delle soluzioni. Innanzitutto delle routine, interne o esterne ai prodotti. per la conversione da un formato all'altro. Evidentemente in certi casi tali mnversioni non sono possibili e in altri awengono con qualche rperditaii di informazioni. La strada piu promettente è quella della diffusione di formati ristandardn. ricchi di informazioni, e riconosciuti da pio prodotti. Il più diffuso in grafica vettoriale è il Computer Gmphic MetafiMCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

Figum 76 - Nuove rendefue - A-k AnC mator.

Altra direzione promettente mlki swlup pa della Computer Grafica è 4iielia deltm ata $ali'Atwmstor. uik mo nato rn casa Autp desk. che introduce perla prima wlta in un prodotto sofiware nw meross tecniche di diWRCI e di movimento

u t i l h t e nella produzione dt cartoni animti.

le (desinenza CGM), che, non essendo legato ad un prodotto particolare, in quanto nato su raccomandazioni dell'Associazione Americana degli Standard, non genera incompatibilità tia i produttori di pacchetti.

Comprrter grafia: Temia o arte?

Nella trasmissione televisiua Orive In veniva messa all'asta una opera dei noto pittore Teomondo Scrofaio (mi pare si chiamasse così}, rappresentante un vecchio ubriacane vicino alla sua fida bttiglia. Anche in Computer Grafica esistono immagini ((stereotipor, owero figure che riproducono passivamente temi vecchi e convenzionali. Quello mostrato in figura 14 ne è un evidente esempio. Questo per dire che anche nella C o m puker Grafica esistono più tipologie di attività. in alcune delle quali B necessaria anche creatività, che è una dote naturale e personale difficilmente trasfet-ibile. I pericoli sono, anche in Computer Grafica, come nelle altre... arti figurative, le cadute nel K m h e nello Stereotipo.

Conclusiuni owero verso la grafica totale In questi anni quindi C'& stata una evoluzione dei prodotti grafici sia perché sono aumentate e migiiorate le funzionalità, sia perchg sono nate nuove tipologie di prodotti che hanno wnse guentemente allargato i campi di utikzzarione del Perconal Computer. interessarido buona parte delle attività umane. La grafica ha anche sinvasor gli altri settori software e non a caso i1 futuro si

B ormai perfettamente delineato e p r e vede grafica s volontà anche. addirittura, nel sistema operativo. Owiamente parliamo di Windows 3.0 sotto DQS e di OSI2 Presentation Manager (fig. 15). Inoltre si aprono continuamente nuovi orizzonti sofhvare, prima inesistenti, e che quindi vanno totalmente esplorati. Ad esempio citiamo quello delineato dall1Animatm, ultimo nato in casa Autodesk, che introduce, per la prima volta in un prodotto saftware, numerose deC le tecniche di disegno e di movimento utilizzate nella produzione di cartoni animati. Chi ci +I accostato al PC già dieci anni fa ha potuto seguire passo passo l'eve luzinne della Grafica su Computer ed ha potuto, conseguentemente. cmstatarne di persona l'entità. Chi invece arriva solo ora trova parecchi giochi già fatti. Ma se vuole, spinto da sete di con= scema, può trovare facilmente prodotti che consentono di ripercorrere qualche passo all'indietro. alla ricerca delle radici della Computer Grafica. Questa ricerca non serve solo per soddisfare m h s i t h «sturicher. ma consente di conoscere meglio i prodotti attuali. Una bella collezione dei numeri passati di MCmicre computer potrà. in questo caso, tornargli utile. Affermato infine che 1a grafica è ormai dappertutto si w r i i anche alla iogica conclusione che la conoscenza di problematiche grafiche è in buona pafie indipendente dal prodotto ssftware che si sta usando. Si tratta quindi di urra cuitura generale che B bene avere mrnunque, ma che & indispensabiie avere se si vuole utilizzare bene e con sddisfazione gersanaleii il praprio mrnpu'ter e i propri prodritti grafici. Ylt


SPREADSHEET

Aspetti significativi ., ell'evoluzione degli spreadsheet ,(,,

-

..I.;_

l,l

dT

.11

l i t i .

di Francesco Petroni

Siamo arrivati al numero 100 di MCmicrocomputer. I cento numeri coprono il periodo di tempo che va dal settembre 4 98 1 all'ottobre 1990. In questo lungo periodo di tempo C'& stata una costante evo/uzione in tutti i settori dell'ln formatica e quindi anche in quelli che rientrano nel campo di interesse di MCmicrocomputer e dei suoi affezionati Lettori. Sono evoluti i Persona1 Computer basati sui microprocessori e sono evoluti i vari programmi che li sfruttano. In questi cento nume^; sono apparsi diverse centinaia di articoli che hanno puntualmente descritto i vari aspetti di questa evoluzione

Articoli che hanno trattato aspeni tecnici, aspetti di mercato, e finanche aspetti legali. legati all'uso della microinformatica. In particolare gli aspetti tecnici hanno riguardato I'hardware. quindi le macchl ne e gli accessori, e il s o h a r e , quindi i programmi di base, come i linguaggi per ì tecnici, e i programmi per gli utenti, programmi sia di tipo orizzontale (di uso generalizzato indipendente dall'attività deil'utentel che di tipo verticale (applicativi in senso stretto). Gli articoli riguardanti i programmi sono stati sia Prove. il cui scopo B quello di descrivere il prodotto, sia Prove di A p profondimento, ormai necessarie per i prodotti delle ultime generazioni che sono molto complessi, e che presenno delle funzionaiit8 talmente evolute per cui la loro descrizione può occupare... un intero articolo. Altra categoria di articoli relativi al software sono quelli rtper argomentoii e in questo, e non solo in questo, M C m i c o computer si differenzia dalle altre riviste del settore. Articoli per argomento si intendono le trattazioni su temi uculturaliii. non legati, in genere, a prodotti specifici o ad hardware particolari, ma che permettono, ed è questo I'obiettiVO. ai lettori interessati o di approfondire temi d'interesse. o di verificare nucve possibilità cui non avevano pensato,

o. piii semplicemente, di imparare alcuni ntrucchi del mestieren un po' difficili da scoprire da soli. In questo stesso periodo milioni di utilizzatori si sono affacciati al mondo della microinformatica. Si tratta non solo di utilizzatori convi~ltiche hanno ciscelton di usare per la propria attivith un computer, ma anche, e sona ormai quelli percentualmente più numerosi. utilizzatori non per scelta, cui è stato in qualche misura imposto di utilizzare computer e programmi scelti da altri. In occasione del numero cento vogli* mo idealmente avvicinare due ipotetici lettori, uno che ci segue dal primo nw mero e un altro che si awicina. e lo fa con interesse, solo ora alla Microinformatica e inizia a comprare oggi, dal numero 100, la nostra rivista.

Gli scenari differenti Cento numeri fa si accostavano alla microinformatica prevalentemente gli appassionati, e quindi o hobbisti di varie provenienze... hobbistiche (alta fedekà, elettronica, ecc.) o professionisti in varie discipline (diplomati, laureati nelle più svariate materie, ma anche studenti, ecc.).

In molti casi. accanto all'interesse. poco definibile. dell'hobbysta, è nato anche un interesse concreto, finalizzato alla monetizzazione della oonoscenra di Fgum 1 - MS Multiquesta tecnologia. Si è infatti subito . plan - Una versme di capito che l'informatica, ed in particolaalcuni anni fa. re la microinformatica, sarebbe esplosa. L'evoluzione negli in quanto si tratta di una tecnologia spreadsheet e -istita essenriahente talmente orizzontale che riguarda e nnella pragmssiva i n t m guarderà. prima o poi, tutti. duzione di ulteriori Va anche precisato che, al contrario di funzionalirS, aggiuntiVe M 8/18 fu& altre tecnologie, altrettanto diffuse, c e nslitt) di base, che m me il telefono o la fotocopiatrice, tanto no quelle su w i si Lxper non far nomi, la nostra richiede da sa il semplicissimo ed parte dell'utilizzatcrre generico un note inturtiw modello di b glio elettronico Qui vole impegno nell'apprendimento nev e d m una vecchia cessario per il suo miglior sfruttamento. W del ~ ~ ~ ~ U S I S S Quindi immediatamente dopo gli h o b ma, E SUO tempo MS Mult@.an, che si eutobysti e i lungimiranti si sono fatti avanti i definiw foglio wntabi- professionisti pr illuminati*, che hanno le elettronico. Non cominciato ad autornatizzare settori delemm ancora state inla propria attività. l primi prodotti utilizrrodotte funzioni dr stringa. zati erano i primordiali Word Processor, MCrnicrocomputer n. 1 0 0 - ottobre 1990


con i quali produrre documenti, e i primi rudimentali pacchetti gestionali, con i quali dare una maggiore dinamicità al proprio lavoro. Successivamente sono cominciati ad apparire i primi PC nelle Aziende, in genere acquistati su insistenza di qualche dipendente appassionato, che ha capito che tale tecnologia poteva migliomre il rendimento della propria attività nell'ambito dell'kienda. Il fine riconosciuto di un PC in una Azienda è duplice. Innanzitutto permette ali'utilizzatore di svolgere meglio e più velmemente il proprio lavoro, specie se questo e di tipo ripetitivo, poi, conseguentemente, gli consente di svolgere ulteriori lavori. Tali iniziative sporadiche nelle Aziende hanno causato in genere più danni che vantaggi ma hanno avuto il merito di aver gettata il ctassico sasso nello swno. Le strutture Aziendali, dapprima le più dinamiche, ma ormai anche i pio bure cratizzati dei Ministeri, si sono accorte della importanza di questa tecnologia e la stanno affrontando con strategie a largo raggio che contemplano non solo l'acquisto delle macchine, che B addirìttura l'aspetto meno rilevante, ma s e prattutto [a preparazione degli utenti e la riorganizzazione delle procedure aziendali in dipendenza dell'introduzione di PC e degli strumenti di Informatica Individuale. Contemporaneo allo svolgersi delle fasi ora descritte. B stato lo sviluppo dell'hardware e quello del software. Quindi. via via che nuove categorie di utenti si affacciavano (il fenomeno si continua a verificare) alla microinformatica, cambiava lo scenario software. In pmtica mentre all'inizio (i famosi cento numeri fa) ci si trovava di fronte a macchine con Basic in ROM e con pochissime alternative d'utilizzo, rispetto al doversi scriversi da sB il programma o a rivolgersi a applicativi scritti da akri, oggi lo scenario B totalmente cambiato. I linguaggi. aumentati di numero e anch'essi evolutisi, continuano, o w i a mente. ad esistere. ma sono lasciati all'interesse dei tecnici o degli appassi* nati. Gli applicativi verticali disponibili, ne esistono voluminosi cataloghi. sono migliaia e coprono ormai tutti i senon delle attività produttive. L'aspetto più rilevante è stata la n* sci# e la diffusione dei prdotti di Informatica Individuale. Per tali prodotti è stato anche coniato il termine di Software Intermedio, in quanto non sono né linguaggi, per utilizzare i quali occorre non tanto conoscere il prodotto quanto saper programmare MCrnicrwmputer n. 100 - ottobre 1990

(e l'utente non deve e può diventare un programmatore), ne applicativi chiusi, che presentano soluzioni standard quasi sempre differenti da quelle reaimente necessarie all'utente. 1 prodotti, ricadenti nella macrocategoria dell'lnformatica Individuale, sono in realtà numerosissimi, e a loro volta hanno comportato la nascita {e in taluni casi anche la morte) e i1 consolidamento di più sottocategorie software. Tra queste tre sono quelle principali. in quanto contano milioni di utilizzatori e quindi milioni di utilizzazioni produttive. Oggi, quando in un'Azienda si diffonde l'Informatica Individuale. viene sempre tenuto conto del fatto che esistono queste tre categorie e che oltre alla scelta delle macchine è ancor più importante scegliere. per ciascuna categoria, il prdotto. insomma la Marca e il Tipo del prodotto da diffondere. Le tre categorie consolidatisi nel corso degli anni sono il WP, lo Spreadshe et e il DBMS. Ciascuno di queste mariterebbe un lungo discorso che tratti la

sua evoiuzione. i suoi sconfinamenti verso altre categorie, gli attacchi subiti da parte di altri. H Word Processar era inizialmente un prodotto di uso personale, con il quale scrivere testi, lettere. documenti, artiwli. libri, ecc. Oggi, parliamo delle ultime versioni dei prodotti più diffusi, si è evoluto in molte direzioni. Serve per automatizzare la produzione di documenti ripetitivi e complessi, serve per starw pare gli stessi con qualità tipografica. In ambito aziendale un WP moderno è il mezzo con cui produrre i documenti, poi messi in circolazione dai prodotti di Posta Aziendale, che si appoggiano sulle Reti. sui collegamenti agli Host, sui collegamenti remoti via Modem. Il DBMS moderno nasce dal Filer, in pratica il semplice schedario elettronico, ma si evolve notevolmente in varie direzioni. Innanzitutto da semplice filer, adatto al trattamento delle rarissime problematiche monoarchivio, si tmsforma in DBMS vera e proprio, che tratta più archivi legati da relazioni e che di-

F b ~ m2 - 1BM - P h Assistant. Anche t'IBM. ad un certo punto delia st* ria. ce& di rntrodursi con propri prodotti software n81 mondo deII'lnformatica individuale e io fece acqursendo una mllana di pacchetti, realizzati dalla casa Software Publishing, altrimenti noti con il n m PFS. La caratteristica pid appariscenre dello spreadsheet che si chrarna P i ù N ASSISTANT; & che lavora per righe e per colonne anzi&& per celie ed d quindi adatto sob per applicaz~onre l e menran. Figura 3 - Lotus 123 Reiease l A Il Lotus l23 vemmne l A. mai tmdotta in lta liano, di cui vedismo /a scarna videate iniziale (allora esistevano sprattutto computer non grafici),m r e s e r ta il momento di psssaggio pio hportante neli8 storia dqli spre adsheet e quindi dell'In fomarica individua le. Si B passa$/da p r ~ dotti destinatisi c~tcolr. il rnitim I r ~ b l ci,Isolido Multipian, a prodotti di b&n pill ampio wzm t e spplmtyyc1.Le i+ rovazioni erano n u m rosissims e sono state via vra adottate da turri gli ahri produttori.

- .-


SPRMDSHEET Figura 4 Formati.

*.

Yr-2-3

*

mi-

spone di generatori di Maschere di Gestione, generatori di Report, generatori di Programmi Batch. Tutti i DBMS più diffusi dispongono anche di un proprio linguaggio di programmazione con il quale affrontare le problematiche più evolute, quelle che escono fuori dal raggio di azione della modalità interattiva. L'evoluzione in ambito aziendale dei DBMS prevede innanzitutto I'utihzzo in Rete, il che permette di affrontare problematiche non solo complesse, ormai alla portata dei DBMS su PC. ma anche voluminose. in termini di dimensione degli archivi e di numero degli accessi. Il passo successivo è quello detl'aggancio ai Server. come il tanto citato SOL Server. con il quale l'utente attr8verso il suo prodotto su PC accede, in maniera per lui del tutto trasparente, direttamente alla Banca Dati Aziendale. Infine, la terza categoria, è rappresek tata dagli Spreadsheet che costituiscono t'argomento di questo articolo.

M8r

rché proprio lo praadshget?

È probabile che tra qualche decina d'anni quando. sul nujmero 500 o 1000 di MCmicrocomputer, scriveremo la storia dell'lnformatica e dovremo indicare le motivazioni della diffusione dell'lnforrnatica Individuale, ne indicheremo due. Una hardware, più owia, la nascita del Personal Computer, e la seconda. software, i'invenzione del Foglio Elettronico o Spreadsheet. Delle tre categorie di prodotti citate in precedenza, lo spreadsheet B sicuramente la più innovativa. in quanto il Word Processor in pratica già esisteva, e le sue caratteristiche erano ben delineate, sotto forma di Sistemi di Videos~nttura.che a loro volta erano una evoluzione delle macchine per scrivere, e i Filer esistevano sotto foma di sche dari nfisiciii, ed erano già abbastanza funzionali e quindi molto diffusi. Lo spreadsheet, come noto, rappresenta la metafora del foglio di carta a quadretti, strumento noto a tutti, ma talmente banale da non suscitare nessun interesse da parte di chi si occupava di organizzazione o di automazione. Volendo awalorare i[ significato di tale metafora si -pUò affermare non solo che lo spreadsheet serve un po' a tutto, e quindi B lo strumento software pio uoriuontalen possibile. ma anche che si pub utilizzare in tutte le fasi in cui si suddivide un processo di automazione. dalla nascita dell'idea, alla sua fonnalizzazione, fino alla gestione dell'applicazione, esattamente come quando si utilizza il foglio di carta a quadretti.

-

MS Exml

-

Un concetto fondameni?& che regola la vita del fogb elettm nioo B che jn una cella convivono due elementi. il cuntenuro, che pud essere numei h O ~ff8l?lJI?E di~~. gitaio diretramente o oltermto dai caloo(o di una forrnuia. e Yaspst-

esteriore, che gli si attribuisce attraverso le funzioni di Formato. to

eche /n ceRi&pud

anche rtradirem la comprensione del contenuto.

Figura 5 - Borland Ouattro Pro - Le fun-

zioni d i i ~ ~ ~ i o lMo& im. te soluzioni ai problemi applicativi si rmwn o nelle funzionr chiocciolina (iniziano, in quasi tutti i prodotti, con un m t t e r e di riconmimento @I. che vanno inserite nelle formuls e che eseguono direttamente c a l m li, anche complessi, con la stessa facilitd

eù immediateza con le quali vengono es* guite le classrche q u m opearioni. Qui vediamo una pagine deiwelp. organizzato per argomento. disw nibile sul Q u a m Pro.

Gnzioni di stringa. Uno dei fondamentali momenti di passaggio generazionale nella storia degli spresdshe-

et e stato quando, con il Lotus 123 release 2.m, sona ctaie infm dotte le funzioni di stringa, adottate poi da tutfi git altri. che hanna wnsentito l'uso del foglio elettronim anche per applimioni non esclusivamente numeriche.

E questo, il fatto ci08 che lo spreadsheet sia anche uno strumento con il quale mettere a fuoco le idee, è l'esatto contrario di quello che richiede un DBMS. che pretende al contrario uno studio a tavolino della organizzazione degli archivi (la famosa analisi dei dati1 solo alla fine della quale si può passare alla fase realinativa.

All'espiorazione delle funzioni sconosciute I lettori nvecchir sanno che i nostri articoli hanno sempre avuto un taglio pratico. Si è cioè sempre privilegiata l'esposizione degli aspetti applicativi dei vari argomenti trattati. rispetto all'esw sizione delle astratte teorie. MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Fgura 7 - Lotu$ 723 Rekase 2.2 - M ~ n i p iaziane Min date La data e Ibm vengono mverti'm in un nlt mero &ornaie in cui /a pane inrera rappresenta d giorno fl nu-

rnem l d in genere il primo QennSiO 7 5 W e 4a prte decimale I'orsrio rappresentato in

miliwiesimi di giornata 10.5 è mezlogiomol. Esktono Une sene di funzioni chiocciolina che permettono dr eseguire tuite le wnversioni possibili tra giomdom e numeri e meversa

Figura 8 - MS Ex& Funzionalità di cosmizime di ssrie. E una classica funzb ne di semiia che permette di riempire delle mne di celle wn n& men t% date che seguano una certa $6quenm. Per chi ha dimestichezza con qualche linguaggio si pub aifermare che.la fun-

2ime Serie se,w p r creare dei ci'cli che in .un foglio elettmnim debbono però nece$sariamenb svilupparsi su più mlle.

modo autodidattico succede che I'utente capisce subito alcuni concetti e alcune funzionalit8 di base che gli permettono di cominciare a lavorare. Poi si adagia sugli allori, nel senso che si sente appagato da quanto ha imparato. e non si pone pi2i il problema di scoprire altre funzionalità, che ci sono, ma di cui non awerte la mancanza. Evidentemente non si tratta di f u n z i ~ nalità fondamentali, in quanto si pub sopmwivere anche non conoscendole, ma sono funzionalità che possono o facilitare alcune operazioni o permettere delle operazioni più complesse. non reaIizzabili con i comandi normali. Rimrcorrendo la storia dello spreack sh&t si può anche notare un t a le varie generazioni di prodotti e le f unzionatità introdotte. In altre parole I'evolu~ion~ consistita è essenzialmente nella introduzione di nuove funzionalità, aggiuntive rispetto alle funzionalita di base, che sono quelle su cui si basa il modello concettuale di foglio elettronico. In definitiva qui di seguito tratteremo alcuni argomenti, particolarmente legati all'evoluzione dello spreadsheet. dotandoli di illustrazioni esemplificative. I più esperti probabilmente gi$ padroneggiano tutte queste funzioni, i meno esperti troveranno sicuramente qualche informazione utile.

I formati Figura 9 - Lotus 123 -

FunWni evoiute di c e

pia

-

Zona valori.

Questa B un esempio d una fun~ionalitdun

po' naswsta. In pratica permette di fare una @a &le in cui le formule della zona di origine diwntsnri. neila zona di destinazione, i risuItati delle stesse. Nella figura d a r n o un procedimenta di c a b b per tradurre una sequenza

continua di numeti in una sequenza continua di due lettere. Quest'uItirna poi subisce un'opemzMne 2 b

na Vaiori.

Anzi, la maggiore efficacia della pratica sulla teoria & una caratteristica propria del Personal Computer. Si apprende molto più lavorando alla tastiera che non leggendo manuali, libri, articoli, ecc. Conferma questa affermazione il fatto che ormai tutti i nuovi prodotti di Perse nal Computing sono dotati di Tutorial e/ o di materiate autdidattico. che preveMCmicrocomputer n. 100 - ottobre t 990

dono situazioni operative reali in cui l'utente opera direttamente con il p w dotto. Il fine pratico che ci vogliamo proporre in questo articolo è quella di esplorare le funzionalità meno appariscenti del foglio elettronico. che l'utente inziate non conosce. Quando l'apprendimento awiene in

Uno dei concetti fondamentali che regola la vita del foglio elettronico B costituito dalla doppia identith della cella. In essa convivono due elementi. il contenuto, che può essere numerico o alfanumerico o una formula, che a sua volta produce un numero o una stringa (o un errore], e l'aspetto esteriore che gli si attribuisce attraverso le funzioni di formato, che in certi casi possono addirittura tradire la comprensione del contenuto. Ad esempio se nella cella si scrive la formula 100*200, sul foglio apparira il risultato. che B 20000, e che può esse re visto, ad esempio, con un formato che separa con dei punti le migliaia e che prevede un decimale. Il suo aspetto sarà quindi 20.000.0. In certi casi l'aspetto del numero può trarre in inganno in quanto il formato assegnato pud far sparire alla vista alcuni dei numeri decimali. Ad esempio se in una cella si scrive U3,e il formato scelto comporta due decimali. sul foglio apparirà 0.67. Ma se questa numero viene poi moltiplicato per 1000 diventa 666.57 e non 670.00, Attenzione quindi. Il formato assegnato alla cella non altera il numero ma solo il suo aspetto. In figura 4 una sernplifi-


SPREADSHEET Figura 10 - Boriand Qusnm Pm Fumi* naliià data base. Le funziond~tAdi Data Base sono un =mpm, forse i / piu impor-

-

cazione di formati, scelti tra il ricchissimo campionario. ampliabile con formati personalizzati, possibile con Microsofi Excel.

Se invece si vuole che il numero 2i3 sia troncato e arrotondato alla seconda cifra decimale. occorre utilizzare la funzione rchiocciolinaii che provoca I'arrotondamsnto. Quindi, invece di scrivere m,occorrer&scrivere C@ARROT(2/3;2) e il numero prodotto sarà effettivamente 0.67, senza decimali nascosti. Molte soluzioni ai vari problemi appficativi possono essere trovate nelle funzioni chiocciolina (iniziano in auasi tutti i prodotti con un carattere di' riconoscimento @i, che vanno inserite nelle formule e che eseguono direttamente calcoli, anche complesi, con la stessa facilità ed immediatezza con le quali vengo no eseguiti i normali calcoli aritmetici (fig. 5). Ne esistono, in tutti i prodotti, nurnerossime e sono raggruppabiti per t~pologia. L'utente normale ne utilizza una minima parte {se ie utiiizzasse tutte non sarebbe un utente normale). Ad esempio di funzioni finanziarie, in ciascuno dei vari prodotti citati nell'artido, ne esistono oltre 10. Soio un superesperto di analisi finanziaria conosce il significato di tutte e ne usa comunque solo una parte.

tante, di mme la sirut-

tura fisica dello spw a d s k t possa i o s p taren anche amwta pu w / u t e , non a s s m r a bili perd altrettanto im tuitwamente e drretta mente al fogtto come quelle dr Liase.

Fmura I r - L O ~ U S 123 has se 3 - Funzioni di

2,

~

~

del 123 ~~l~~ 3 B msetuita do,potenzia-

i

~

,

"

~

rum1

~

~ IO P8 I8

P J EDt YYI IBS ~

-v

i . .

di quclie di

=D=

-=M0 wui OMT

Qusry. che ora permettono (10 fa solo lo 123 rsl. 3) dr interroga-

I

a

, ,,," ,

P

i W l D HID1 wz ~ S S I ~ ~ * E R D I \11I1.yIWI

CSC*

m

~~t~,d~B!!;;2 ,,l,,

m] -SINIO

ntm:

~

~

~

&

vg ,

~

~

Cu UJ-cm ~ FMX (*IR e

me SU buona parte

SUOI

~

~

t=

M0

2

P Al.2 L non

P P

I nMl

MOR WRD

I

ABB1

3 RSW 1 M82 2 ~ l m t 3 API1 z AIOI 1 HO*

4 W O PEIRI ~ 1 uoz I E

'

l2

o

A

5

!

ZP

2 10

I

I d

PO IYITTTP 3~ VIIZ

~n

uot PEnm tl

m aw PEH*

10.8

RCBSI

1.w M12 ws1:

woz JDW -W M~ MTIW m m IOY EM v ~ awiciir aa~ ~iicitr c26I WP ~ IS ~ \nia U l L -W lb PUrm 111 1118 B I I Y l C i i i

~

100 numeri. dsgii

artrmIi

III

u.P

ce

gli altri citati in questo

~

m

PIGHE D I isim

6 no01 5

~

W I

m m miii W

BIM

IL-o no1 Vlu I ~ m r l n u l P y I D I ~+a~.-un r n e v o u

ti e permettono an&e che questi siano file

qusstoawmento,

M 0 3 q1 -1

W* I E R I -r(UCHMO

=LI

AEOB ADE5 M E A O Y~ A ~ M02 AW

pll

16U

n= IIU U S I

S ~ ~ ~ I C I .

I

Una delle future evoluzioni dei p r ~ dotti di tipo spreadsheet consrsterh proprio nel potenziamento di tali funzioni, sia come numero di tipi, che come numero di funzioni per ciascun tipo. L'EXCEL (in cui le funzioni non cominciano con la chimciolina ma con il segno uguale) permette anche la costruzione di funzioni utente, cosa che si fa abbastanza semplicemente, e che si aggiungono a quelle in dotazione. Anche 1'1 23 e il Quattro lo permette no {la costruzione delle funzioni utente), ma solo con prodotti aggiuntivi, piu complessi da maneggiare. e quindi rneno adatti a{l'utilizzatore medio. Uno dei momenti fondamentali di passaggio generazionale e stato quello costituito dalla nascita del Lotus 123 Rel 2.01 in cui tra le altre, sono state introdotte le funzioni di stringa che hanno aperto l'uso dello spreadsheet anche ad applicazioni non esclusivamente numeriche (fig. 6). Metta figura vediamo un'esemplificazione di funzioni di stringa. In particolare si pub notare anche come esistano la possiblitA di conversione ASCII. la poscibi%tàdi concatenamento, ecc. Funzi* ni analoghe a quelle che ci trovano in un linguaggio evoluto.

220

Figura l2

- L O ~ U S 123 - Dati frp

Relmse 3

quenza Con tale funnonalrtd. data una s e r e di vabn nurnerrci e costruita una tabellina contenenta una serre di {ntervalli.-è possibile ottenere i/ mnteggro di qliantr va/m nume& rtcadom h ciascun infervalb. /I risultato ottenuto d quasi sernpre. adatto ad una g r a ficimiwie.

?q

-. ..

.

..

,

-

^<

.<

,,-

-.. ..

H Cogliamo l'occasione per citare la presenza, in tutti i prdotti di tipo spreadsheet. di funzioni per maneggiare le date, che sono notoriamente una cibrutta gatta da pelareii. Le date e l'orario vengono sempre convertite in un numero decimale in cui la parte intera rappresenta il giorno (il numero 1 è in genere il primo gennaio

1900) e la parte decimale l'orario tradotto in milionedmi di giornata. Esiste una serie di funzioni chiocciolina che permette di eseguire tutte le conversioni possibili tra giornolora e numeri e viceversa (fig. 7). Queste funzionalità risolvono solo alcuni dei problemi di calcolo delle date. Ad esempio una elaborazione generalizMCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Fgua 13

-

- MS

&ce1

FunzronsI~tBd produ2ione fabeik. Se posso esprimere una m a personaiissim q p r n m e !a f u n m nalitt) Tabella A una Mie pru Interessntr. Per giudicada tale rleve perd essere intesa pd come fummnalrts d semzm che come funrianalitd di cahlo frne s se stessa La wa magg~ored i f f k l t d concettuale sta nel fatto che le formule ,dd tipo Y = F(X) op pwe L = F(X YJ. non potendosr a p p w i m su vantibili, cha negli spreadsheet non esistono. utrlizzano delle cello. 123

figura 14

-

Borland

Quattro Pm - Grafica. Altra presem costante ne$// spreadsheet delle ultfrne genemzm nt e la gmfrca di tipo commerciale (Businessl che va intesa come un'ulterbre form di w5ta sui dati mmerici. Nel Borland

Ouatm Pro tale ma crofunzmne non è pn) totaimcnte asservita al fogllo di calcdo ma d+ vents un prodotto autonomo, dr t i p Dmwrng. utile sra per mmpiemm i diagmmmr prodpttr d a dati sia per creare dal nulla dsegni dr tipo Presentatnin

Figura 75 - MS Excel

-

Bordi. cornici, filetti, coiori. wc. Le funzronali~d che permettono di eseguire u n trattamento estetico del lavora esegUlt0 m la s p r e adsheet sono essen-

rialmenre due. Quella che permette di scie gliere t/ tipo di font at-

trihibrle al mntenuto dr ciascuna cella e quek che *mette di

inserire comici attom a mlle srngok o a zw ne di cella senza d&

versprecam ahre cede per inserire caratteri speCia11

zata del tipo iccalcolo della data tre anni a partire da oggia non pub essere ese-

guita altrettanto facilmente in quanto vanno sempre considerati i mesi e gli anni reali (che come noto possono non avere durata uguale). Sempre nella figufa 7 vediamo una funzione Add-In de11'223 release 2.2. Si tratta della @D360Ix;y),che calcola la differenza tra MCmicrocomputer n. 100 - ottobre f 990

due date, utilizzando mesi teorici di 30 giorni. Da questa differenza in giorni teorici è possibile calcolare facilmente la differenza in anni, mesi e gioni.

vaTi ti,,i di serie Quella che cerve per generare delle

sene & una classica funzione di servizio

che permette di riempire delle zone di celle con numeri e10 date che seguano una certa sequenza. Per chi ha dimistichezza con qualche linguaggio si pud dire che la funziono serie sewe per creare dei cicli che in un foglio elettronico debbono perd svilupparsi su più cetle In pratica basta indicare il primo va+@ re, indicare. poi la sana in cui la serie si deve sviluppare {oppure, in alternativa, il valore massimo che deve raggiungere) e poi la funzione produce r vari valori successivi. Con I'EXCEL, del quale vediamo una figura, le operazioni avvengcr no attraverso una finestra di dialogo che oermetie di verificare le varie riossibili;A, ad esempio quella di eseguire serie aritmetiche e geometriche (fig. 8). o serie di date che poi possono essere aggiustate impostando i formati piu adatti.

Funzioni evolute di zona Per zona si intende un insieme rettangolare di celle. identificabile molto semplicemente attraverso le coordinate estreme di una diagonale. Può estendersi lunga una colonna, lungo una riga, oppure su più righe e colonne. Oltre alle funzianalit8 più intuitive, che sono quelle che permettono d copiare e spostare delle zone da una parte all'akra del foglio, ce ne sono di meno intuitive, ma che possono in certi casi risolvere problemi particolari. Funzionalità di trasposizione, tra righe e colonne, funzianalità di copia di form* ti e non di contenuti, funzionalità di copia di valori che si sommano. o sottraggono, ai valon presenti nella zona di destinazione. Esiste anche la comoda funzionalità che copia solo i risultiiti calcolati da una zona in cui sono presenti formule. Queste funzioni particolari possono essere eseguite sulle stesse zone di origine. Ad esempio si può convertire una zona di formule in una zona di valori. E chiaro che questa operazione ha senso quando non occorre più ricalcolare le formule, che anzi cosi venge no consolidate. Se ne ricava uri noteve le risparmio di memoria in quanto nelle celle non ci sono più le formule, ma direttamente i numeri (fig. 9).

Funzionalità di data base Le funzionalità di Data Rase sono un esempio. forse il più importante, di come la struttura fisica dello spreadsheet possa essere utilizzata anche per attività più evolute, non associahli ai foglio altrettanto intuitivamente di queiie di base.


SPREAOSHEET Figura 16

-

Boriand

Quattro Pro - Fumione di Prevlew.

Mentre abbastanza intuitivo considerare come archivio una tabella piena di dati, con le intestazioni in cima alle culonne che rappresentano i nomi dei campi, mentre le righe rappresentano i record. non lo sono n& l'introduzione della Zona di Condizioni e della Zona di Emissione. Queste sono le due strutture. che l'utente deve aggiungere al foglio. necessarie per poter eseguire le interrogazioni dell'archivb. Questa modatità operativa B stata adottata da tuttf i produttori di sprea& sheet. per cui. malgrado la sua scarsa intuitività (rispetto al lavoro sul foglio). si B diffusa ormai come cultura generale. stata ripresa anche in alcuni prodotti di tipo DBMS. in cui le operazioni di Query sono eseguibili attraverso il linguaggio di interrogazione QbE (Query by Example) (fig. 10). Le funzionalità di Data Base rappresentano un fronte aperto nel senso che nelle prossime versioni dei vari prodotti le vedremo ulteriormente potenziate. Oggi B giA possibile dialogare con file esterni Iscritti in altri formati). Lo, fa direttamente il Quattro Pro, lo fa I'Excel, attraverso il prdotto ausiliario Q+E. lo fa 1'123 Release 3. Altra importante novità de11'123 Retease 3 B il potenziamento delle funziona-, lità di Query del Data Base, che ora permettono di interrogare più archivi relazionati e permettono che anche questi risiedano in file esterni scritti in vari formati (fig. 11). Anche su questo argomento, come su buona parte degli altri citati prima e dopo, M C ha pubblicato degli articoli specifici. #me ulteriore funzionalità inseribile hella chtegoria D0 citiamo quella che esegue il conteggio delle frequenze (non c'b stranamente, neli'Excel, ma pub essere simulata con la funzione dati Tabella). Con tale funzionalit8, data una serie di valori numerici e costruita una tabellina contenente una serie di intervalli. è possibile ottenere il conteggio di quanti valori ricadano in ciascun intervallo (fig.

Una delle direzioni prese da ahwnt degli

spreadsheet deile ultime genemzioni 8 stata @la

di fornire anche di un sumrta OTP il cksEco foglm di calwlo. Questo srgnrfk

che esistono alcune funzionalità che si W Citpsno

bella.

e

121.

La funzione data table Se posso esprimere una mia personalissima opinione la funzionalità Tabella (in alcuni prodotti stata chiamata Simulazione) $ una delle più interessanti. Per giudicarla tale deve però essere intesa più come funzionalit8 di servizio. che come funzionalitb di calcolo fine a se stessa. Permette due (e 'ne11'123 Release 3, ben cinque) varianti. Si può scrivere una serie di valori variabili e una serie di formule che fanno loro riferimento, op-

esdusiwmek

te degli aspetti uesteticii. Oggi b infarti quasi mp M i e s t a una buona estetica nella stampa dsMa ts-

Ftgura 17 Quattro Pro

m.

-

-

Borland W&

il Microsoft Excel e stato il primo prodatto fmlmente altematiw ai Lotus 123 ed d stsai seguita dal Boriand Quattro. subito pmmosso alla versione Professional.&~arsttet~stica comune (e in forma ridotta anche dalle due attuali versioni del 123) quella che permettere & reai-'D ne di appiicm'mi su più fogli. m possibilita di formule che si rirsrismno ad altri fogli e con possibiiitd di irnm i n a r e piri Mi sullo stesso vrdeo. ...che però comincia ad essere un po' piccolo.

pure due serie di valori variabili e una sola formula (e cosl via. ne11'123 re1.3). Tale strumento può essere utiiiuato per realizzare tabelline di consultazione con calcoli già predisposti, oppure, se si scrivono delle formule di tipo Statistiche di Database, per eseguire delle analisi di dati. Tra i vari prodotti ci sono delle differenze di comportamento. Ne11'123 e nel Quattro la funzione viene attivata con uno specifico comando. Neli'Excel la Tabella diventa una zona rriservatai che viene ricalwtata direttamente ogni voka che se ne cambia un elemento. ad esempio la formula o i valori della serie. Mi B capitato più volte di dover spie gare tale funzionalità e la maggiore rresistenzar che ho incontrato nei miei interlocutori è stata quella di capire che la f6rmula (che è del tipo Y=FOC), nel caso di una serie di valori, e del tipo Z=F(X,Y), nel caso di due serie di valori) non potendo utilizzare realmente delle variabili X. Y (perch8 in un foglio elettru nico non esistono). deve necessariamente appoggiarsi a due celle. a cui il prodotto fa svolgere la funzione di variabili (fig. 13).

Aìtra presenza costante negli spreadsheet delle ultime generazioni B la grafica di tipo commerciale (Business) che va intesa come un'ulteriore forma di vista sui dati numerici. la cui caratteristica principale è quella di essere irnmediahmente ridisegnata. al variare dei dati numerici da cui dipendono (fig. 14). C'è stata, anche in questa particolare

funzionalità, una notevole evoluzione che ha comportato aumento dei tipi di grafici e delle camttenstiche estetiche impostabili, per cui ormai IBgrafica in dotazione allo spreadsheet è adatta a coprire il 90 per cento delle necessità di produzione di Business Graphic. Nel Quattro Pro tale macrofunzione si B ulteriomente evoluta al punto di non essere piO totalmente asssrvita al foglio dì calcolo e diventa un prodotto di tipo Drawing a sé stante. Cosi copre un'ulteriore afettaii dì fabbisogni grafici dell'utente normale.

Esf efica La

co!pevoleii, rea confessa, della

i{

MCmicrocomguter n. 100 - ottobre 1990


F i g ~ t 878 - LO~US123 RekJs53 - T i l o i m siooalit8. La Lotus, w n la mm e 3 del suo besi-

seller r23, ha esmm W akune strade nuove, merenda elcwie

importanti fuorEonaIik+. che prò, stando alle staiist~hedi vendita,

non sono state un granchk apprezzate dal rnercsrto Inotoriamente influemto ari. che da altri fattori) Una di queste lunzb nalitd B la tridirnensb

, m

natitt), la cui @l) evidente conseguenza è che ora (a mila deve essere identificata t m mite tre coordinate

i4:AiI.

nascita dei prodotti di tipo DeskTop Publishing e della diffusione delle funzionalita di DTP anche nelle altre categorie di prodotti software è stata senza dubbio la stampante Laser, che ha reso possibile il raggiungimento di una qualitA di riprduzione paragonabile a quella raggiungibile in tipografia. Poiché tutti i prdotti. di qualsiasi tipo, debbono prima o poi stampare qualche cosa, B normale pretendere di farlo bene sfruttando direttamente te capac* della Laser. chiaro che q u e ste funzionalith sono del tutto estranee alla logica del foglio di cajmlo. Prwa di questa estraneità è, ad esempio. il fatto che la Lotus. ha urelegatoii tale funzie nalità estetiche in un prodotto Add-h. I'Aliways, che produce un file esterno a quello WKI, e che contiene solo le carattetistiche estetiche. Le funzionalità che permettono di eseguire un trattamento estetico dal [avaro eseguito con lo spreadsheet se no essezialmente due. Quella che permette di scegliere il tipo di font attribuibile al contenuto di ciascuna cella e quella che permette di inserire comici attorno a celle singole o a zone di celle... senza dover sprecare aRre celle per inserire caratteri speciali (fig. 15). Sono in genere presenti anche funzio-ni di Preview, attraverso le quali si sìmula al meglio, sul video grafica, I'aspetto delta m i n a che verrà poi stampata (fig. 16).

/I lavoro m u l t ~ g l i u e il windowing II Microsoft Excel è stato il primo prodotto realmente alternativo al Lotus 123. Oltre all'adozione delt'interfaccia grafica Winduws, che ben si pwsta ad una applicazione di tipo spreadsheet, ha presentato anche numerose novit8 o p e rative. Una delle piii rivoluzionarie, adottata in s ~ u i t oe in varie forme, da tutti gli attri, è stata quella di permettere la MCmicrowmputer n. 1 0 0 - ottobre 1990

realizzazione di applicazioni su più fogli, oorr possibilità di formule che si riferiscono ad altri fogli (Linking)e con possibilità di impaginare più fogli sullo stesso vidm... che conseguentemente comincia ad essere un po' piccolo. 11 poter lavorare su più fogli significa soprattutto organizzare meglio il lavoro, in quanto i vari peni dell'applicazione possono essere sistemati in vari fogli dal contenuto omogeneo. Il Multifoglio e il Windowing sono stati adottati dal Quattro Pro (fig. 17). il Multifoglio e un Windowing ridotto. in quanto permertono solo due organizzazioni fisse della videata, sono stati adottati dal Supercalc ReJease 5 e dal Lotus t23 Release 3. mentre un minimo di Linking B stato introdotto nellA123Release 2.2.

Ieri oggi domani Ieri quindi il foglio elettronico era un semplice tabellona adatto al calcolo numerico, oggi B uno strumento molto più sofisticato, compre basato però sulla metafora del foglio di carta a quadretti, il cui successo è dovuto principalmente alla sua intuitività. Tra i vari pradotti C'& una base comune. ma cominciano ad emergere n u m e rose differenziazioni. Per base comune si può considerare praticamente i1 Lotus '123Release 2.01, in quanta tutti i p r e dotti più diffusi leggono e scrivono in tale formato Standard, e sono quindi in grado di riconoscere tutte le funzionalità pih importanti in esso presenti. Citiamo alcune differenziazioni più significative. L'&ce1 distingue tre tipi di fogli e seconda che contengano dati grafici o macra. Oppure il Borland Quattro Pro introduco delle funzionalità matematimscientifiche proprie della ricerca operativa (di cui dovremo prima o poi parlare dffusamente]. E il Lotus 123 Release 3 introduce il foglio tridimensi~ nale (che non è una semplice sovrappm sizione di fogti bidimensionali) (fig. 18).

Vanno poi considerati gii sconfìnamenti della Spreadshet wrso gli altri prodotti, tutti gli integrati (i prodotti che fanno r u m ) contengono ormai d u l i Spreadsheet, e dwti altri prodotti verso gli Spreadshmt. Vediamo Word Processor con funzionalità psr B creazione di fabelle numeriche, con tanto di calcoli, oppure Data Base che permettono viste iabellari e utiiizzano linguaggi di interrogazione tipici degli Spreadsheet. Ultimo aspetto che caratterizza gli xlierni spreadsheet B la presenza delle Macro, che da funzionalità di servizio, che permetteva di autornatizrare facilmente le operazioni più ripetitive. si sono evolute fino a diventare un vero e proprio linguaggio di programmazione. Ma attenzione, per utilinarle produttiva mente occorre non tanto conoscere le funzioni del foglio elettronico, quanto saper programmare. Risolto. in varie maniere dai vari prodoni, il pmblema delio utilizzo della memoria RAM ben oltre la barriera imposta dal DOS, ormai lo spreadsheet rappresenta, e rappresenterà per un bel pezro. il miglior modo per acmtarsi al mondo del Persona1 Computing (parliamo owiamente di un utente medio, che non abbia necessÌtA particolari risolte da licativi specifici). facile da imparare. poche ore per eseguire i primi lavoretti, ma dispone di numerose funzionalità, ognuna delle quali pu6 diventare un potente strumento elabomtiw. in grado di soddisfare anche esigenze applicative pesanti. E difficile che in un prossimo futuro vi possano essere dei cambiamenti so: stanziali. che ne alterino il moda di lavorare, soprattutto perchb sarebbe il pubblico a non accettare le innovazioni. Le novità, nel rispetto quindi della fitosofia di base, consisteranno non solamente in un progressiva aumento delle funzionalità ma saranno anche legate alla necessità di d'fiusiwie di tale tipo di prodotti nelle grosse aziende. Ad essmpio molto promettente è I'aswtto reiativo al Linking con i Data Base esterni, non solo quelli presenti sullo stesso PC, ma anche sui server di rete o. tramite delle interfacce software di tipo SQL Server, anche sui rnainframe. In tal modo lo Spreadsheet diventa un importante elemento anche nel Sistema Informativo delle Aziende, con il quale l'utente può risolvere per conto proprio, pib rapidamente e con risultati sicuramente più soddisfacenti. buona parte delle proprie necessith infomatiche, anche quelle che necessitano di dati aziendali gestiti da altri.

T

223


L MC-

CAMPUS

m

S O W A R E & UNIVERSITA'

1

. ., fare tutto ciò che Napoleone ha fatto dumnte i primi trentacinque anni di vita dei cinquanta vissuti; e quanti riuscirebbero a divenire in cento anni di vita uno Chopin che visse trentanove anni, un Mozart che ne campd solo trentacim que, uno Schubert che quando defunse ne aveva trentuno, o a comporre cib che compose Bach nella primissima parte della prbpria vita fino ai ventiquattro anni quando diede vita all'immortale Toccata e fuga in re minore? Ma voi mi direte: a noi interessa sull'encictopedia solo una citazione in un riquadrino e non venti pagine intere. Va be' ma non usciamo troppo fuori dal seminato. I

'

I,

.

O

ramai l'autunno sta muovendo ' gli ultimi passi e tra breve ci troveremo nel freddo inverno sospinti dal turbinio degli eventi e dalla nostra incessante voglia di correre e di fare. La calda estate B proprio finita: tutto passa. Delle stagioni trascorse ci rimane solo il ricordo, pio o meno intenso, di alcuni momenti di vita, qualche volto ma poco altro. Sicuramente però nella nostra mente sono scolpite, questa WC ta indelebilmente, tutte le esperienze vissute e che ora fanno parte dì noi stessi completandcci. come in un gros so mosaico bizantino. Anche la prima edizione di microCAMPUS sta volgendo al termine: tutto passa. È strano che il tempo trascorra così velocemente ed è ancora più s t e no se pensa che un anno e otto mesi fa (passati in un attimo) l'idea di un qualce sa che assomigliasse. sia pur vagamente. a MCmicroCAMPUS non era nemmeno in procinto di formarsi. Nun c'è niente da fare: il tempo sfugge di mano. Sembra non bastare mai mentre si armnca e ci si dimena nel tentativo di costruirsi qualcosa di nuovo, magari di più bello, qualcosa di duraturo m cui credere. Eppure. passando dal sospiro alla burla, possiamo dire di essere molto pih fortunati dei nostri avi. In media campiamo di piii e quindi in te* da possiamo fare pib cose di quanto loro non siano riusciti a fare e se ce la mettiamo tutta alla fine dei nostri giorni (magari anche prima). con un pizziw di fortuna e genialità, potremo riuscire anche a divenire immortali (! ! ?! !), ricordati dai posteri tino alla fine dei tempi. Ma (continuando nella divagazione giocosa) non C'& niente da fare: potremrno campare cento anni senza riuscire a

hDopo questa bizzarra divagazione sul tema B giunto il momento di fare un po' il punto della situazione. ricapitolando brevemnte le tappe che hanno caratterizzata la vita di questa rubrica. guardwido i risuttati conseguiti in questo primo anno di attività. I motivi e gli scopi che animano q u e sta iniziativa sono oramai noti a tutti (ai ritardatari consiglio di leggere la prima domanda fatta al Magnifico Rettore deil'università Federico Il di Napoli, pmf. Carlo Ciliberto. nell'intervista presente in queste stesse pagine o la presentazione della rubrica sul numero 87 di MC); il modo in cui perseguirli. nel nostro piccolo. è stato (e lo sara ancora nella seconda edizione) il lancio di un concorso per la premiazione e pubblicazione dei dieci migliori lavori universitari non tesi di laurea, a sfondo infonnatico, pervenuti in redazione. Tale premio di partecipazione consiste in un assegno di studio di trecentomila lire. Una com-

missione di esperti e docenti universitari. riunitasi in questi giorni, avrà pM il compito di indicare il migliore fra questi dieci lavori. inizialmente scek da una commissione interna alla redazione, a cui verrà assegnato il primo premio: un assegno di 700 mila lire ed un abbonamento gratuito ad MC. Il suo nominativo ed i componenti della commissione saranno indicati sul prossimo numero in cui verrà presentata inoltre la seconda edizione.

Quando alla fine del mese di mano dello scorso anno proposi tale rubrica al direttore, notai che l'unica cosa su cui storceva il naso era il nome. Questo era infatti inizialmente uUniversit4 2000n che. ringraziando il cielo, fu rimpiazzato da quello tutt'ora presente grazie ad una brillante idea del uprincipalen. Si incominciò così con un trafiletto sulle News del numero 86 di M (giugno 1989). con la presentazione all'iniziativa il mese successiva e con Ihnatisi del mio Net SoIver Sys fuori concorso (come iesempio chiarificatoren si di+ se) sul numero di settembre, per poi partire regolarmente con la presentazim ne dei migliori lavori arrivati (dal numero 89 fino al numero 98 di luglidagocto 1990 in cui si B conclusa la prima edizione). I lavori sono giunti in redazione a partire dall'uscita ds! numero 87, cioè dai primi di agosto. in un crescendo fino a febbraio per poi calare man mano seguendo, come B immaginabile, una curva a campana. Il grafico a torta nella prima figura mostra in proporzione il numero di lavori giunti in redazione divisi per regione. Si MCrnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


MCrnicroCAMPUS SOFTWARE & UNIVERSITA

nota subito il grosso buco che separa il

gna, Palermo che posseggono le Facoit2 più grandi, più affollate e stoncamente importanti d'Italia. eppure le pi2i udistratteii (questo B il termine che mi piacerebbe adottare per definirle). Nel secondo grafico ritroviamo gli stessi lavori giunti in redazione divisi per città. Per quanta riguarda il Lazio natia mo che l'unica città presente t! la Capitale in quanto in essa sono concentrate tutte le F m l t à di maggior spicco della regione ed in particolare quelle a sfondo tecnim-scientifiw. Anche in Lombardia il capoluwo di regione & a dettar legge con la Statale ed il Politecnico, la prima con la FacoitA di Scienze dell'lnformazione, la seconda con Ingegneria Elettronica. Infatti anche Bergamo, Brescia, Cremona, Varese hanno le proprie FacoM. ma sono tutte a sfondo u m a n i s t i ~ w n o m i c o . Grosse delusioni me le ha procurate Napoli, con una delle Facola più antiche

separano la regione Lazio dalla Lombardia. Un altro fattare importante, in parte collegato ai primo, è che tutti i lavori recapitatici provenienti dalle Facoltà di Economia e Commercio e Lettere, esclusa qualche rara eccezione. sona stati realizzati da studenti romani dell'Università La Sapienza. Il fattore predominante sta comuw que. a mio giudizio, nel numem di studenti che ogni anno sì iscrivono alle Facoltà della Capitale. Esse infatti vantano una popolazione universitaria che $ quasi il 19% più grande di quella milanese, particolare che ha una importanza non trascurabile. Una delle cose che non comprendo B invece I'incdmabile gap che separa la seconda dalla terza ed in particolare le ultime sei regioni daHa seconda (in media quasi venti punti percentuali). Infatti tra queste regioni ci sono città come Torino, Napoli, Genova, Salemo, Bole

Lazio (con il 35% del totale di lavari giunti in redazione) dalla Lombardia (23%) e da tutte le altre regionj. Ma come mai tanta differenza tra regioni che vantano, ognuna di esse, Facoltà e centri di ricerca di primo ordine? Ad esempio in Sicilia, nel Piemonte. come in Liguria non mancano di certo FacoM di Ingegneria o di Scienza dell'lnfome zione (i cui studenti più di altri ci hanno mandato lavori. come si nota dal quarto grafico) eppure si trovano ai piedi della scaletta. Riflettendoci. alcune cose sono facilmente ccrmprensibili altre invece meno. Ad esembio il fatto che la nostra sede sia a Roma ha agevolato, e forse anche invogliato, i lettori romani ad inviarci i loro elaborati, recapitati molte volte addirittura di persona. Questo può essere uno dei motivi, sicuramente non l'unico, che spiegano i 12 punti percentuali che

MGrn&&l4.MPMS prima edizione 1989/1990

1

prima edizione 1989/1990

AZ10

b T ! a (La Saplsnra)

MlW ( P d l M e o )

SICILIA PIEMONTE IGWlA PANIA

EWLIA R

M

A

FRIULI Lavori giunti in mdazEone per

Lavori giunti M redazione per rsgione.

m.

MGmkr&AMPMS prima edizione 1989/1990

prima diione 1989/1990

Roma (La W m a i 1NQ E L E T T W I W

ELETTRDPIIM

a

FM(PI

1

hrma

1

1

Lsvwi pu-.

' MCmicmmputer n. 100 - ottobre 1990

PnwenEenza lavori giunti in redazione.

F181M


e gloriose d'Italia (fondata a quanto pare

da Federico Il nel 1224). che nel secondo grafico ho unito a Salarno (come per Parma e Bologna. Trieste ed Udine) in quanto citt8 appartenenti alla stessa regione e con un ugual riscontro; la rin* mata Pisa (che addirittura dispone come Milano sia della FacoltA di Ingegneria, sia dì Fisica sia della Facoka di Scienze delt'lnfomarione) che ha sfigurato innanzi alla meno attrezzata Firenze (dove manca infatti la FacoltB di Scienze delI'lriformazione); Torino e soprattutto Genova da cui mi sarei aspettato senz'altro un ritorno maggiore soprattutto perch6 Genova attira a se inevitabilmente tutti colora che in Liguria o nel sud del Piemonte vogliono continuare gli studi (in essa sono infatti concentrate tutte le Facoltà della regione]. Inoltre mi sarei aspettato {(almeno qualcosar dalle piemontesi Alessandria e Vercelli (non si può dire ccqualcosa in pi2iii perché da esse non è arrivato proprio nulla) l'una con una bella Facola di Scienza dell'lnformazione e Fisica, l'altra con Ingegneria Elettronica; dalle

pugliesi Bari e Lecce, poli di ricerca universitari di primo ordine, che, in particolare per Bari, hanno ben poco da invidiare alle più rinomate Università di Roma o Milano; ed infine dalle UniversitA di Palermo, culla della contestazione studentesca dell'inverno scorso, e Ca-

L'intervista: Carlo Cilibe~to, Magnifico Rettore - dell'Univetsità Federico Il di Napoli Durante questi mesi di attivie mi sono giunte, per via telemati- e cariacea, messaggi e lettere i n c o m i a n t i ih cui moito Spesso mi si ponevano domande di vario genere sul mondo universitario ed a cui awiamente ho dato rispose tempestiva. Mi e sembrato però opportuno riprendere alcune di queste (le più stimdanti e di interesse generale) e sottoporle all'atte~zionedi una persona che, vivendo e i'avorando s contatto diretto coi mondo universitaio, pio di ogni altro avrebbe potuto dare risposte esaurienti. Per questo si è deciso di realizzare una intervista. gentilmente concessaci, al pmf. C& Cilibem, Magnifico Rettore dell'Uniccemit4 F d e r i m Il di Napoli. riporma qui di seguito. Essa .si muove lungo tre direttive: 13scarsa presenza dì premi universitari che non siano premi dìlaurea, il problema delie scuole dirette a fini speciali nell'ambiro della riformaunivem'taria awiata dal Miiiistm Huberti, il grosso problema della sceh della Facoltà per chi ora h ainseguito b maturitd e vuole proseguire gli chidi. P u t t w gli studenti universitari. non potendo produrre reddito, sono del tutto trascurati da industrie, enti nazionali ed inremiunali e dagli istituti di formazione voiFri m e sono solo a ricercare affanrwsamente (mediante bandi di concorso e iniziative mirate) prodotto finito d.a.c.. ci& il buon laureato uunder venticinqueai. Mtti esistono ben poche inriTatve wlte a facilitare s premiare la s f m a cui B suggem wni studente nellsrco dei suoi studi, mentre sarebbe a mio giudizio giusto progettare quaanche per lom, spronando le spcietd desid8ro~edi acquisire personale altamente specializzato, a guardare un po' pio in là &l proprio naso ed a fare in &le settore investimenti anche a medio termine. In questo modo andrd avanti; evitando pericolosissime fru-

t a

gliari. Non B possibile però dir nulla sul Trentino Alto Adige o sul Veneto in quanto esse non dispongono di grosse realtà cosi come per Molise, Basilicata e Calabria i cui tifigli* soffrono forse più degli altri per i lunghi spostamenti e per la dura vita di fuorisede.

strazioni, non solo il divora libn: che per passione o per necessità non vuole o non pud permettersi distraz~onidi sorta. ma anche chi, durante il peridi formazmne, sviluppa idee Iudevoli, progetti interessnti, 7-i d o tesine di un certo valore djdattiro investendo risorse mentali e temporali pio degli aitri, dem &ndo mteresse, impegnaohsi oltre il libro di testo (se si è desiderosi di laureami in brevissimo tempo non ci si impegna di certo in attività mentali che portano sl nuove esperienze, ma che vanno oltre d 3 alf'esame); ci& anche tutte quelle persune (la maggioramj che guardano I'Univemità non come un esamificb, un luogo inerte in cui cultura e scienza ristagnano di fronte ai meccanismi burocmtict legati alla sola conquista del .peno di mrlai~,ma un luogo di incontro e sviluppo, di studio e rifle~~~~o msl come dovrebbe essere. L bssistenzialismo e la valanga di servizi mirati forniti dall'Opera Universitaria sono cacmsanti e necessari per estendere il diritto allo studio dawero a tutti; ma ora 1! forse giunto il momento di sperimentare qualcosa di diverso che si affianchi s 1 i ' ~ ~ ~ e gdin studi o e che premi dinamismo e wg'lia di fare. A questo punto m i preme che Lei esprima il Suo pensiero cirm la fattibilitd di iniztattve del genere. focalizzando httewone su quelle in fase di awio o di studio.

In effetti, è evidente che lo studente che si impegna in forme partecipative effettivamente originali ha (ed ha sempre avuto) più frecce al suo arca di chi studia passivamente. I diversi premi di laurea, tra cui cito, a titdo meramente eCernplificativo, quelli, tutt'altro che trascurabili, della Fondazione Pasquale Corsicato, vanno proprio a vantaggio di questo tipo di studente. Il consorzio Ndmpresa poi ha h d i t o quest'anno a Napoli un nuovo premio per gli studenti universitari bacato proprio sulla proposizione di idee originali in campo imprenditoriale. Quindi esistano tali iniziative. anche se poche, e ne esistono di analoghe anche in vane altre città italiane sedi di Università. E necessario solo che lo studente si informi. legga, mmumehi, partecipi. il resto verrà

da

solo.

Ora Le vorrei girare una domar& che ci è stata posta in una

'

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


In realt4 non esiste una filosofia particolare seguita nella scelta dei dieci lave n pubblicati. Si B tentato solo di comprendere fra questi q d l i che avevano qualcosa di particolare da esprimere, quelli che maggiormente potevano sollecitare la fantasia dei lettori, variando B pib possibileitemi trattati ei la Facoltà di provenienza. Si sono pubblicati infatti non solo lavori provenienti da FaicoltB come Ingegneria o Informatica (Scienza dell'lnformazione) ma anche da Lettere ed Economia e Commercio, cosa che a qualcuno potrebbe apparire strano. Assicuro invece che non si B trattato affatto di una fonatura ma un doveroso riconoscimento verso lavori estremamente interessanti quali essi si sono dimostrati. Inoltre non si sono privilegiati i lavori più seri (come ad esempio gli ultimi due visti) ma si è dato spazio anche a lavori minorì e'su argomenti più frivoli (come ad esempio quel programma di etaborazione di semplici composizioni melodiche) che comunque facevano riflettere ed offrivano spunti interessanti.

La diffusione Come si leggeva sul n. 87 di MC alla

base dell'iniziativa vi B sostanzialmente l'idea di rendere di dominio pubblico, tramite MC-Link, tutto il materiale p u b blicato in modo da permettere loro di girare per le Università italiane sempre carenti di materiale didattico valido ed aggiornato e per arginare quello spreco di risorse che comporta il superamento dell'esame ed il parallelo abbandono del materiale per esso preparato (il più delle volte potenzialmente utile ad altri magari come trampolino di lancio per studi più approfonditi o per comprendere m e glio e più velocemente gli stessi arge menti). Tutto questo è rimasto però lettera morta fino all'inizio dell'estate 1990. Infatti MC-Link, giA dalla fine dell'anno scorso, lamentava grossi problemi di spazio su memoria di massa, problemi risolti con la versione quattro. Per questo B stato possibile (verso luglio c.a.) chiudere il cerchio, scaricando almeno parte del materiale in questione (diversi mega di roba) sulla nostra appendice telematica. Il successo è stato grande ma, devo dire, aspettato. Infatti per la fine di ottobre il numero di download dei file microCAMPUS, secondo wattendibili stime$, dovrebbe aver superato quota 350 (oggi, ai primi di settembre si sfiorano i

(ettera giunta in redazione qualche mese fa e che qui di seguito Le riporto: ul. ..l lnnanzitutta vogliamo preci'sare che chì scrive sono tre studenti della Scuola Diretta a Fini Speciali (SDFS) in Informatica della s6de di Roma. Via Salaria 113 (ex BNLI, e come tali Vi - contattano per due motivi precisi: far sapere dell'esistem di ' tale scuola a chi non ne fosse a conoscenza (e noi riteniamo siano in molti] e far luce sulla situazione in cui si viene a trovare la stessa e in generale tutte /e SDFS riguarda la riforma universitaria proposta dai Ministro Ruberti Per Vostra conoscenza la pmpocta sul Nuovo Ordinamento , Didattim Universitatio si propone di istituire R Dioloma Universitario (DU).la cosiddeita uiaurea Ereveai. In tale contesto le SDFS si vengono a trovare in una situazione ambigua nei senso che la proposta prevede la gradrsak estinzione delle SDFS o delie forme di adeguamento di tali scuds a DU. A tale proposito essendo noi a rutti gli effetti studenti universitart che sosteesami con docenti di cattedra e pagano fiordi tasse ed avendo un cumculum di studi che garantisce un livello formatiw profemonale~ tale scuola d a nastro parere facilmente assimilabile nel DU. E nostra convinzione che gli organi competenti all'ktituzione del DU tengano h considerazione l'esperienza acquisita in ambito nazionale dalle SDFS in Informatica. senza contare che a quasi dimi anni dalla creazione delle Scuole il nostro diploma non B riconosciuto da nessun ente statale! [...]>P Questi tre studenti che ci hanno scritto non sono napoletani però credo che i loro colleghi di Napoli, rosi come quelli di tutìa Italia, si trovino comunque nelle stesse condizioni di incertem e mi chieda: perché si insiste tanto sulla rvolonM politima di istituire il DU per la forte richiesta di una fgura professionale intemidia? Se già esistono le scuole che etargiscono tali diplomi (create a quanto pare ben dieci anni fd perch6 mai non ricono scerli pienamente e dargli validit.4. rendendo produttivi tutti gli sfoci che decine di migliaia di ragazzi hanno fatto da allora ad w i ? Se le scuole dirette a fini speciali, che sono previste dalla

-

MCrnicracornputer n. 1 0 0 ottobre 1990

200),soprattutto perch6 per quel periodo si saranno scaricati tutti e undici i lavori (dieci concorrenti Net Solver Sys) che attualmente sono fermi a sei. Owiamente non B possibile indicare qual è il lavoro più udownloadaton in assoluto mentre 8 ovviamente possibile fare un discorso parziale. Ouello piii richiesto per il momento B il lavoro pubblicato sul numero 95 (Breve introduzione alle banche dati). l'unico lavoro pubblicato realizzato da una studentessa (oggi laureata) del c.d.1. in Antropologia della Fawltd di Lettere di

+

Roma. Il secondo è Yankee pubblicato sul numero 92, per il quale ci vogliono quasi 12 minuti (contro i 3 del pyimo) per completare il trasferimento in quanto grande ben 143 Kbyte compattati. Il terzo è Net Solver Sys analizzato fuori concorso sul numero 88 di MC, per il quale ci vogliono addirittura 40 minuti in quanto è il risultato del compattamento di quattro dischi da 360 Kbyte in un unica file di 478. YL

Legislazione universitaria non da dieci anni ma da molti decenni. avessero le caratteristiche che loro attribuiscono i tre studenti in questione. il problema effettivamente non esisterebbe. invece il: mercato del lavoro chiede da tempo (e non r i m e ) figurs, professionali intermedie, che peraltrn esistono in tutti i sistemi di' educazione superiore. e che vannu inquadrate in una normativa" nazionale adeguata alle nuove esigenze imposte dallo sviluppo tecnologico e sociale, quale sarii quella dei diplomi e non B quella delle scuole dirette a fini speciali. Né B esatto che il funzionamento delle poche swole a fini speciali che oggi esistono sia tanto arnmFrev01e (il che non significa che non oe ne siano di ottime. che facilmente e in gran parte si trasformeranno in corsi di diploma). D'altronde è da tenete presente che le carattefistiche delle scuole dirette a fini speciali sono pio finalinate a settori particolari, come ad esempio quello della medicina, mentre i Diplomi Universitari ad aree tecniche. Quali mnsig(i si sente di dare a tutti coloro che, a M i a T a la maturiti, desidemno continuare gli studi? Non B farse vero che chi sceglie una FacoEtB umanistia ha m e probabili@ d; vedete sprecati anni di duri sacrifici?Nw è forse meglio seguire si le proprie inclinazioni ma tentare comunque di dimttafie versoA Facoltà econornicdscientifiche? La sua impostazione e troppo semplicistica. La sceka della Facolti universitaria dovrebk discendere da considerazioni pio articdate. che includano almeno una analisi attenta delle proprie preferenze, una considerazione accurata dell'offerta didattica esistente in generale. e in partiwlars della propria zona di appartenenza, e una valutazione della possibilità di lavoro a medio temine. Purtroppo accade spesso che i giavani scelgano con approssimazione s con scarsa convinzime. per sentito dire. in ragione della presunta facilità e comodità di a r t i percorsi Q addirittura condirionati da made effimer~.Il consiglio è di analizzare ed approfondire i punti di cui prima all'atto della sceita che dovrd essere fatta con la massima wnvinzione: pensare all'Università come un temporaneo parcheggio da t a x i a i ~entro i due o tre anni B oltremodo p e r i c o h .

227


Anche se il centesimo numero di MC non segna la centesima puntata di IntelliGIOCHI è comunque un 'occasione irripetibile per fermarci a dare uno sguardo indietro, ricordando Tutti gli argomenti che ci hanno impegnato in questi lunghi anni Ed anche però per darne una avanti, verso tutti i temi che ancora non abbiamo trattato

Cento di questi giochi! . I on sono precisamenlavoro svoÌto anzi&$ p r e te cento. le edizioni grammare freneticamente di IntelliGIOCHI p u b quello da svolgere; ma q u e blicate su MC, ma sono sta B una di quelle. Lasciateugualmente in buon numemi dunque per una volta d e ro: per la precisione 57, dicare la puntata non agli Inconsiderando anche questa telligiochi ma alla rubrica che sta'te leggendo. Sono stessa, in una sorta di metadunque ben cinque anni ed rubrica nella quale ripercorun mese esatti che ci inconrere rapidamente le tappe e triiamo su queste pagine: ia gli argomenti che hanno seprima puntata di IntelliGIO- gnato questi anni. CHI vide infatti la luce su Ma prima di procedere laMC numero 44 del settemsciatemi esprimere un rinbre 1985. e confesso che graziamento, non retorico mentre la preparavo non ma veramente sincero, a voi pensavo certamente che tutti che mi leggete. Intelliavrei potuto portare così GIOCHI B nata, dicevo, c e avanti quella che all'epoca me scommessa e come disembrava quasi una scomvertimento personale. Il mio messa. ((Ma chi ti credi di intento era (ed è1 quella di essere, Martin Gardner?~ interessare e coinvolgere i mi dicevo da solo; e {(Dove lettori di MC in un'attività di lo trovi un argomento divergioco intellenuale presenso ogni rnese?m, mi dicevatando loro di volta in voIta no gli altri. Beh, fino ad ora temi e problemi connessi l'ho sempre trovato, e tutto tanto al gioco quanto all'inmi lascia credere che sì posformatica. Sono felice di v e sa andare avanti ancora per dere come questa rubrica, un bel po'. che ancora oggi mi diverto a Tuttavia solo ora che MC fare casi come mi divertivo svolta la boa dei cento n w a farla i primi tempi, abbia meri rnì accorgo che in efvia via raccolto attorno a s& fetti è veramente tanto temun piccolo ma agguerrito po che vi parlo di giochi su manipolo di fedelissimi che queste pagine. Ben più di la seguono con costanza e cinque anni, in effetti, consinon mancano di animarla e derando anche la rubrica ansostenerla con passione ed tesignana di IntelliGIOCHt. intelligenza. Dunque oggi il Bene, purtroppo sono rare mio ringraziamento va a tutti le occasioni nelle quali si voi che mi seguite e mi inpuò fare una battuta d'arrecoraggiate, a tutti voi che sto, fermandosi a guardare il collaborate con me a fare la

'

. *',,, ' . ,,: . locazione fissa neila rivisia e l

L

(inostraw nibnca. sia in&do lavori e temi sia sernpli cemente scrivendomi consigli o suggerimenti. Siete tutti voi che la leggete che contribuite a farla, ed io spero sempre di riuscire ad interpretare al meglio i vostri desideri quando mensilmente decido gli argomenti della puntata ~uccessiva.

ln prineì'pio , frr il videogame.

..

IntelliGIOCHl esordì nel settembre 1985 ma non fu la prima rubrica di MC ad occuparsi di giwhi al computer; essa nacque infatti come evoluzione di una rubrica preesistente che si chiamava semplicemente ciMC giochin e si occupava essenzialmente di videoga me per computer. MC giochi comparve uufficialmente* sul numero 26 del gennaio 1984 (ossia diciotto numeri prima di IntelIiGIOCHI) con la recensione di nDemon Attackn. gioco arcade in cartuccia per VIC 20. Uno ustrillou nel corso dell'articolo annunciava: i(MC si occuperà di giochi tutti i mesi da questo numero. Non perdete il prossimo! n. In effetti dal numero successivo venne creato uno spazio dedicato istituzionalmente alle recensioni dei giochi, dotato di una col-

,

>. ;

L

di una propria connotazione grafica ben precisa. Alle recensioni si affiancavano una breve sezione di news ed un articolo di un paio di pagine che avrebbe dovuto essere dedicato all'approfondimento di temi più o meno connessi ai videogiochi. E così fu in effetti per qualche mese. nei quali MCGiochi si occupo' di argomenti quali gli Adventure Garnes, i nuovi (per l'epoca) arcade basati su videodiséo, le classifiche di vendita. A dicembre in& ne questa rubrica, che nel frattempo aveva cambiato autore un paio di volte e non era uscita per un paio di mesi, fu ciaffidatan definitivarnente al sottoscritto; con gran gioia di tutti, devo dire, che ta vedevano prrncipalmente come una notevole gatta da pelare. Il i(manifesto programmaticon dalla mia appena iniziata gestione era un articoietto di una pagina e mezza intitolato n l giochi del computer)). In esso spiegavo che i videogame non erano tutto e che il computer pcteva essere utilizzato per -giocare* in tanti modi inusuali e molto lontani da quelli tipici del videogioco; e citava tra l'altro il classico Life ed il nuovissimo (per allora) Core Wars come esempi di giechi ndeln CBC

MCrnicrocomputer n. 1.00- ottobre l


colatore, ossia per niente interattivi, ma non per questo meno affascinanti. In effetti avevo intenzione di raccontare in dettaglio le rneraviglie di Life ai lettori dì MC, ritenendo che fossero tutti troppo giovani per averne letto altrove (l'ultima trattazione approfondita wmparsa in italiano era infatti quelia di Gardner pubblicata su uLe Scienzen oltre quindici anni prima). Cosl organizzai subito un breve ciclo in tre puntate sul ugiocoii di Conway, cui segui come appendice una puntata sugli aute mi ceilulwì. La curiosità suscitata presso i lettori fu parecchia e cosl pensai di proseguire su una linea simile pubblicando due puntate dedicate a vari tipi dì percorsi bidimensionali, ispirati ad un u g i o c o ~i n v e n t a t o d a Seymour Papert ed alle cur.ve npatoiagicher di Hilbert. Kock. Peario e Mandelbrot. Siamo cosl arrivati all'estate del 1985. Inutile dire che oramai quello che nelle intenzioni originali avrebbe dovuto essere un articoletto di commento sul mondo dei videogiochi era diventata tutt'altro: innanzjtutto dalla pagina e mezzo iniziate aveva finito per occuparne ommai tre scritte fitte fitte; e peggio ancora non trattava affatto di videogiochi ma di strampalate divagazioni ludicumatematiche, che tuttavia sembravano interessare parecchio i lettori! Cosi dunque non si poteva andare avanti: dovevo scegliere se far rientrare MCGiochi nei ranghi o cambiarla radi& mente e proseguire sulla strada che piaceva a me. La scelta non era difficile: la collocazione fra i videogie chi, la scarsa interazione coi lettori, e lo stesso nome rMCGiochiii mi andavano oramai stretti per gli argomenti di cui scoprivo aver voglia di parlare. E fu casi che, dopo aver preparato un {(piano di battagliaii piutte sto sommario ed essermi consultato con Marco (il quale forse per non dovermi soppartare oltre mi diede subito carta bianca), feci inft ne uscire sul numera 43 di lugliolagosto 1985 quella che doveva essere la nona

ed ultima puntata curata dal sottoscritto di w MCGiochiu. Per la cronaca essa era dedicata ai più annosi problemi matematici risolti m n I'intervento del calcolatore; e verso la fine un riquadro intite lato uMCGiochi carnbiaii d e va sommessamente I'annuncio delle novità in bello, rinviando a settembre per la prima puntata di una nuova tubrica dal nome al momento non ancora deciso!

1985: ricomincio da otto E così sul numera di set-, tembre 1985, ii.mernorabileii nella storia di MC in quanto dedicato per la maggior parte alla gigantesca prova a confronto di ventiquattro PC compatibili, vede per la priMa volta la luce la neonata rubrica ulntelliGIOCHlir nella sua forma che conosciamo ancora oggi. Essa era situata avicinon e non ccnellen pagine dei giochi, ed aveva una impostazione grafica e redazionale che la distingueva inequivocahilmente dalla vecchia MCGiochi. II suo budget iniziale era di tre gine, aumentabili tuttavia di volta in volta secondo necessità. Per iniziare in degno rnodo la nuova rubrica scelsi un argomento a me molto caro,

MCmicrocmputer n. 1 0 0 - ottobre 1990

quel problema delle otto regine che di tanto in tanto mcom oggi ritiro fuori. An-

espandere su due o anche tre numeri della rivista. I temi principati di quelle due che nello stile aspositivo depuntate erano dunque la gecisi di sowertira le regole: e nerazione al calcolatore di anziché adoperare il freddo trame e racconti, la gener* ed impersonale anoin reda- .zione di prosa uplausibilen zionale scelsi di scrivere (col metodo CIMP} e quella di ii.simil-linguaggioii solo sempre tutto in prima persona, per propormi ai lettori statisticamente simile ad in modo più diretto ed inforuno reale; m n qualche accenno ad un altro argomento male ed invitarli ad un diale a me molta caro, la critte go aperto con la rubrim. Il tema del mese successi- grafia. vo, scelto proprio per dirne Con la seconda puntata di strare tangibilmente la mag- questa serie ero giunto oragiore ccinterattivitAn fra la mai a dicembre. numero nuova rubrica ed i lettori, fu uspecialea in quanta ultima une rassegna di programmi dell'anna e dunque immandi upasseggiate ricorsiven incabile checkpoint di verifica viate dai lettori in riposta ai dollo stata delle cose. E duntemi pubblicati da MCGiochi que? IntalliGIOCH1 mi piace va. mi divertiva farla e semqualche tempo prima; il clou della puntata era mstituito brava anche riscuotere un da un programmino scritto in buon successo; decido pertanto di continuare a farla, Logo per il T199/4A (chi se lo ricorda?) che tracciava sulla uscendo dall'esperimento ed impegnandomi a produrre schermo delle belle cuwa ricorsive. una puntata al mese per tutti Il teno argomento di cui i tempi futuri ... o quasi. Nel mi occupai su InteIliGIOCHI, frattempo sul fronte ludico di MC altre cose nascono e si anch'esso uno dei miei preferiti, era quella della mani- assestano: nasce ad esempio Playworld come rubrica polazione del linguaggio. S i o come si trattava di un sogdedimta ai peculiari aspetti del videogioco e del$ sua getto sostanzioso e ricco di ((cutturar. e tutto lo spazio spunti interessanti decisi dì relativo ai giochi, ccintetligensvilupparlo netl'arco di due tili e non. viene ulteriormenpuntate, inaugurando cosi la consuetudine mantenuta ante riorganizzato finendo c m che in seguito di Iion ((com- l'assumere un'importanza primerei) argomenti corposi sempre crescente nella riin un unico mese ma lasciarli vista.


lNTELLIGIC1CHI gorosamente mantenuta) di dedicare ad essi sempre piU spazio in futuro.

1986: anagrammi e salmoni, Elrza e Turing, numeri stravaganti

1deduzioni, Mandelbrot, &re Wars

Il nuovo anno comincia con un'appendice al tema appena trattato della manipoladone del linguaggio; la puntata. suggerita dal programrna di un lettore, verte sul teme rtAnagrammi e di- ,, ,, " zionari. che è uno di quelli che si ripresenteranno nuo&%"n: " A L I -5 -11-W Il*--+ -a*vamente in futuro. * ,% SWPS; Febbraio e marzo sono in- %# -% * % * Lvece dedicati alla simulazie CiTTpi'. ne. argomento ancora mai 2 W--apparso sulle pagine della rubrica. Vediamo cosl come semplici simulazioni econaIl numero di settembre di metriihe possano diventare MC segna il primo anno di interessanti giochi, prendenvita della nuova InteltiGIOdo spunto da quello delta CHI, non c'è dunque da me{(pescadel salmoneu propo- ravigliarsi se scelgo di fare sto da due lettori e corredato una pausa di riflessione per dal relativo programma. Anvalutare il lavoro svolto fino a che questo tema sviluppa, il quel momento; l'occasione mese successivo, la sua br* si accompagnava tra l'altro va appendice, dedicata queal1'attivazione ufficiale di sta volta a l a simulazione di MC-Link e dunque ne appre dinamiche elertorali. fitto anche per spiegare i A maggio la puntata B derapporti fra IntelliGIOCHI e la dicata all'intelligenza delle conferenza Giochi di MCmacchine: fulcro dell'orticolo Link, e le modalità di interaB owiamente il test di Turione telematica con la rubriing. che ci porta a profondi ca (ad esempio per prelevare ragionamenti sulla sottile difvia mordein i programmi pub ferenza che intercorre fra il Micati sulla rivista}. sembrare intelligenti e I'es Le nuove possibilit8 offerserlo realmente. Ci fanno te da MC-Link vengono imcompagnia celebri programmediatamente sfruttate per mi piis o meno intelligenti distribuire in modo semplice quali Shrdlu, Student. Eliza, ed efficiente {(Anno DomiParry e Racter. nin, una interessante simulaUna nuova serie in due zione econometrica a piA puntate occupa i numeri di giocatori ambientata nel megiugno e luglio-agosto. Si d i e v o scritta da un lettore chiama ({Numeri stravagarr per C-64. tin e si occupa, evidenteAd Anna Domini furono mente, di questioni legate aldedicate due puntate, che la teoria dei numeri. Il primo sarebbero state molte di più mese sono di scena i numeri se avessi dovuto pubbliare primi, i numeri amicabili, i l'intero listato del gioco. numeri socievoli, i numeri Gli ultimi mesi de11'86 nel M e t t i ; il seconda mese enfrattempo mi facevano ac trano invece in gioco le loro corgere di una graduale ma estensioni dette catene nunetta tendenza dei miei letmenche. Come inleressanle tori ad evolvessi dal weccordlario del discorso pubblichioa Basic verso linguaggi co anche, nella prima punw più strutturati e più efficienti ta. un tabellone contenente quali il C ed i1 Pascal. Cosl gli interi da uno a mille didecisi di incentivare questa sposti in ordine alfabetico; crescita e dedicai il numero una curiosità che all'epoca di dicembre proprio alla prenon rnancd di meravigliare sentazione di programmi dei lettori scritti in questi lindiverse persone per la sua assoluta e totale inutilità... guaggi, con la promessa (ri-

1 temi dominanti del 1987 sono stati relativamente pochi: erano infatti tutti argomenti assai corposi sin ed interessanti, a ciascuno dei quali ho dovuto di necessità dediare più puntate. L'anno si apre con due puntate dedicate nuovarnente all'intelligenza artificiale, ed in particolare al tema della deduzione automatica. Lo spunto mi viene dall'interessante programma di un letto re in grado di risolvere problemi logici del tipo uSmith, Jones e Rohirtcona, sia del tipo a relazioni dirette sia di quello. a relazioni indirette (problema dei posti a tavola). Il successivo numero di marzo e, conseguentemente, dedicato all'immancabile a p pendice provocata dalla cele re e sostanziosa messe di programmi giunti in risposta alle prime due puntate; fra di essi degno di nota uno scritto in Logo. Il mese di aprile vede I'inizio di una vera e propria saga che accuperh per lungo tempo. anche se in modo abhastanza saltuarii, le pagine di IntelliGIOCHI: quella sui frattali in generale e sull'lnsieme di Mandelbrot in particalare. Responsabili, anche qui, due lettori che mi inviarono alcuni programmi di calcolo in grado di generare interessanti immagini delt'lnsieme di Mandelbrot, che all'epoca era un oggetto piuttosto nuovo e poco conosciuto dal grande pubblico. Dedi-i cw si la puntata di aprile ad intrdurre teoricamente I'argomento s te due successive a presentare i programmi di calcolo. dando anche qualche suggerimento pratico per realizzarne unoper conto proprio; il tuno era accornpagnato da belle immagini realizzate sul PC IBM e sull'Amiga nonché, sul numero di giugno, dal resoconto di una breve intewista che ero riuscito a strappare a Mandelbrot in persona in occasione di una conferenza da lui r e centemente tenuta all'Acca-

i * + - w a M *

,skz

~5~s~

s;~i &

-

demia dei Lincei. La puntata estiva di luglioagosto ci porta nel mondo dei programmi che giocano a giochi icumanili quali il bridge o gli scacchi, mentre quella di settembre ritorna sul tema dei frattali presentando il lavoro di un lettore sugli ({strani attratforin e le Map pe di Henan. A ottobre inizia quindi un'altra tappa fondamentale per IntelliGIOCHI con la presentazione di Core Wars. un tema che prevedo avere un buon successo. Il nbudgeti> iniziale riservato all'argomento è infatti di ben tre punta te, da ottobre a dicembre. La prima è dedicata ad u n ' i n t r ~ duzione generale al gioco e parla anche dei suoi meno famosi e fortunati predecesson, la s a n d a illustra il linguaggio denominato RedCode nel quale si scrivono i programmi da battaglia, e la terza presenta infine tecniche e suggerimenti di carattere slratqico per ta messa a punto di buoni combattenti. Si trattava della piU c o m gleta e approfondita tmttazione apparsa in italiano sulle Core Wars, e la disponibilità completa dei programmi di sviiuppo del gioco contribuì ad interessare e coinvolgere il pubblico dei lettori anche più di quanto mi ero aspettato. tanto da creare icstrascichi, sostanziosi anche nel corso dell'anno successivo.

1988: crittografia e Core Wars Il primo numero del 1988 si apre con un «rep&ch.agew di un vecchio argomento, quel famoso problema delle Regine e delle Amazzoni col quale avevo inaugurato la nuova rubrica InteliiGIOCHI due anni e mezzo prima. Nel frattempo non avevo smesso di lavorarci sopra e volevo presentare ai vecchi lettori i risultati cui ero giunto, nonché far conoscere ai n u e vi lettori questo interessante problema nella sua generalizzazione più ampia. Anche la puntata di f e b braio B un ritorno su temi gi8 trattati. In particolare essa & dedicata alla presentazione dei lavori inviati dai lettori sul tema dell'lnsieme di Man-0computer n. 100 - ottobre 1990


debrot; fra varie belle imm* ginr spicca per interesse il listato di una compatta routìne in Assembler che permette di svolgere tutti i cc!coli relativi ad un punto internamente al coprocessore numerico 8087 e dunque a velocità elevaticsima. A mano, dopo molti tentennamenti, pubblico la prk ma puntata di quello che nelle mie intenzioni avrebbe dovuto essere un breve cido dedicato alla crittografia. Tale argomento è una mia vecchia passione ma non ne avevo mai parlato in precedenza, salvo brevi cenni nelle primissime puntate. perch6 mi sembrava facendolo di uscire un po' troppo dal seminato dellla rubrica. Scelgo pertanto di fare degli articoli aventi soprattutto dei risvolti pratici, corredati ad esempio da semplici programmini che mettessero in pratica le varie questioni te^ riche via via affrontate, e mi getto ad occhi chiusi neil'avventura. Devo dire adesso che i miei timori erano del tutto ingiustificati: la serie sulla crittoawfia fu infatti probabilrnen?e quella che riscosse il maggior successo in tutta la storia di IntelliGIOCHI, dando origine anche ad un elevatissirno feedback dai molti risvolti divertenli. La scaletta delle puntate sulla crittwrafia B la seguente: ci inizia a marzo con un discorso intrriduttivo che, dopo aver fatto un po' di storia, introduce il concetto, gli ambiti e la terminologia del tema. La puntata di aprile prende,[#esame i tipi più sernplh I cifmrio. quelli cm siddetti monoalfabetici (fra i quali il più celebre è quello detro ndi Cesare))),discutendone le facili procedure di decrittaziane: A maggio il discorso prosegue con i ben più wmglessi cifrari polialfa betici, parlando dei lavori d e l I'Alberti, di Tritemio, del B e t laso, del della Porta per finire a quello erroneamente attribuito a Vigenere ma oramai universalmente noto appunto come ucifmrio di Vigenerei) che fu ritenuto indecrittabile per circa tre secdi. La quarta ed ultima tappa fra quelle- inizialmente previste si occupa dei più recenti svi- luppi della crittografia icclas-

no amivati i risultati del primo torneo italiana di Core Warc e dunque la puntata di no-

sicaii situabili fra la fine de11'800 ed i primi del '900: il metodo inventato da Kasiski perdecrittare i cifrari poliaifabetici tipo Vigenere, I'elegante cifrario attribuita a Playfair e largamente usato dagli inglesi durante la prima guerra mondiale. il tuttora misteri* so testo cifrato di Thomas Beale che nasconde I'indicazione di un ricchissima te coro. Nei due mesi successivi la rubrica torna ad occuparsi di Core Wars: sul numero di luglieagosto presentando i risultati del tomeo mondiale tenutosi a Boston qualche mese prima, e sul numero di settembre discurendo le tecniche dei tornei e presentando il primo torneo italiano che si sarebbe svolto da Il a pom. Nel frattempo però avevano cominciato ad arrivare moltissime lettere dei lettori in merito ai temi relativi alla crittografia; cosi, piacevolmente sorpreso. decido di ritornare sull'argomenta dedicandogli una ulteriiw puntata per il mese di ottobre. In essa, oltre a discutere di a!cune questioni poste dai lettori. pubblico un breve crittogramma inviato da un lettore anonimo proponendo ai leitori di trovarne la soluzione. Certo non immaginavo cid che stava per suncedere: poche questioni hanno infiammato così tanto la mia audisnce come questo ~cprc' tjlema del crittcgramma ane rrim~ii! Tuttavia nel frattempo era-

M%microwmputern. f 00 - ottobre 1990

vembre (anche in attesa de& le risposte dei lettori al problema del crittograrnma anonimo] torna a dedicarsi a Core Wars commentando l'andamento delio scontro e presentando il programma vincitore. Di crittografia torno cocl a parlare nella puntata di dicembre, non a caso intitolata ({Crypto-feedbackii in quanto dedicata ai primi interventi 'ricevuti in merito alla decrittazione del crittogramrna anonimo (che nel frattempo anonirno non era più). Comincia a delinearsi un abbono di soluzione, e comunque la strada lungo cui muoversi per completare la decrittazi* ne è oramai individuata, grazie al lavoro di alcuni lettori. Tanto per agitare ulteriormente le acque, nello stesso numero pubbJico anche una cartolina cifrata ricevuta nel frattempo. invitando i lettori a risolvere anche questo nuovo problema.

7989: pangrammi e labìrinti, griglie e turmiri Per la prima puntata dell'anno 1989 scelgo un argomento a mio awiso piuttp sto stimolante, situato a metà strada fra i temi della rnanipolazione del linguaggio e quelli dell'enigmistica più tradizionale: i pangrammi. ossia quei particolari enunciati autoreferenziali che descrivono la propria struttura in termini lessicografici. Gli unici lavori svolti in precedenza in questo settore erano esclusivamente in lingua inglese e così nel corso dell'articolo bandisco la cidicerca del Taut~pangramrnaItalicoi} al fine di trovare, se esistano, pangrammi in lingua italiana. In attesa degli sviluppi delle numerose questioni rimaste aperte, e per non mettere al fuoco più carne di quanta giA non ce ne sia, scelgo per febbraio l'argomento particolarmente tranquillo dei labirinti: un tema che mi ha sempre affascinato e che ripropongo non solo nella sua veste storicpculturale ma anche matematica, par-

lando del noto algoritmo ui Tremaux e suggerendo l ' l dea di scrivere un pmgwmma che sia in grado di trovare automaticamente ta via di uscita da un labirinto gene rico. Alcuni grandi misten, che per mesi avevano agitato gli animi dei lettori appassionati di crittografia, si dirimono infine a mano: trovano infatti soluzione l'oramai famoso cccrittagramrna anonimo)> nonch8 la cicartolina cifratai pubblicata nel dicembre precedenze. Particolare curioso, la cartolina viene decrittata nientemeno che dall'autcire del crittogmmma misterioso, con un procedimento veramente esemplare. Ricchi premi e cotillon comludono per il momento questa lunga avventura crittografica, ma i l'interesse generato nel p u b blico mi fa capire che dovrò tornare in futuro ad occuparmi di questo tema. Anche il mese di aprile porta la soluzione ad altri problemi rimasti in sospeso dai mesi passati: si concludo infatti col notevole bottino di ben nove splendidi esemplari la caccia al tautopangramma italico apertasi tre mesi prima. Ospite d'onore della puntata un curioso ed e l e gante pangramma in latino, con i numeri scritti in cifre romane anziché in lettere. I labirinti tornano di scena a maggio. Quello che reputavo essere un argomento no io so^ aveva invece suscitato un lusinghiero i n t e resse tra i lettori. alcuni dei quali mi avevano mandato i propri programmi solutori di labirinti. Tre di essi, rispettivamente in Basic, Pascal e Prolog, vedono w s ì la p u b blicaione in quella puntata. L'argomento di giugno è invece totalmente nuovo. Si tratta di un problema di mllocazione di numeri su scacchiere quadrate, imparentato alla lontana ai ngiri di cavall o di ~ Euleriana memoria ed ai famosi ~quadmtimagici)). proposto indipendenternent e da due lettori. L'occasione mi sembra buona per lanciare l'ennesimo mini-concorso e dunque propongo ufficial-


mente alla tribù di Intelligiu chisti di risolvere quello che viene denominato per l'occasione aprobiema della grigliai). Per il numero estivo di l u glio-agosto, che tradizionalmente cerco di fare ((leggerinon, decido di cambiare radicalmente tema. Scelgo dunque di occuparmi di quei gia chi interattivi di ruolo e simuiazione ispirati a temi di Fantasy che stanno guadagnando popolarita sempre crescente fra gli appassionati di tutto il mondo. Parlo cosl di giochi come Rogue, Moria e Hack, veri cult-game di pubblica dominio diffusi su p i c coli e grossi sistemi; non senza rievocare peri, i loro venerabili predecessori che giravano sui mainframe di venti anni fa. Per una volta tanto i giochi dt cui mi occupo sono realmente tali! Il problema della griglia, assieme ad alcune notevoli varianti. torna di scena a settembre quando pubblica le numerose soluzioni dei lette ri. E cosi un altro problema teoriio dall'apparenza assai ardua passa invece, grazie all'acutezra ed alla perseveranza degli appasionati intelligkochisti, dalla categoria di quelli irrisoltr alla categoria dì quelli totalmente risolti. A ottabre mi acizupo di grafica fantastica parlando di Hopaloag, programma s c e perto quasi casualmente da Barry Martin e presentato al mondo da ccscientific Americani>. Esso permette di generare beliissime immagini situate a metà fra il caleide scopico ed il biologico, ed è assai semplice da implementare. Con pochissime istruzioni infatti chiunque può produrre sul suo persona1 dei disegni estremamente delicati ma assai complessi, come chiaramente testime niato dalle immagini d i esempio che accompagnano il testo. Novembre mi vede ritornare ad uno di quei temi più a meno ricorrenti, e comunque a me molto cari, quali la rna@polaziane del linguaggio. In particolare mi sofferma questa volta a partare di

anagrammi, per mostrare come ii computer sia di fondamentale aiuto per la costruzione di anagmmmi anche assai compiessi. La puntata si chiama proprio ({Amgrammaticai) perché in essa si discute di come sia possibile generare in modo pressoch4 automatico un c i dizionario degli anagrarnmiii da cui altingere per creare o risolvere anagrarnmi composti. A dicembre infine metto insieme due proposte indipendenti di altrettanti lettori per parlare di alcune interes santi simulazioni che si svolgono nel piano; protagonisti sono le Turmiti, piccole rnacchine di Turing semoventì su un piano infinito, e alcune colonie di microbi e batteri che costituiscono un intewssante ecosistema in continua evoluzione.

1990: biomadi, mbabilitir rnonde e h a nce... Giungiamo cosi all'inizio di questo anno T990. Il primo argomento del nuovo decennio e nuovamente Core Wars, con una puntata interamente dedicata a commentare andamenti e r i s u b ti del secondo torneo nazic nale. Il tema successivo occupa la rubrica per i mesi d febbraio e mano. Si parla di biomorfi, strane ed affasck nanti forme franali dall'apparenza biologica scopert~da un collega di Mandebrot ed imparentate agli insiemi di Julia. Sono due lettori a condurci alla caccia di queste interessanti ncreatureii fornendoci un apposito programma di ricerca. Ad aprile tornano alla ribaC ta le catene numeriche, incontrate per la prima volta quasi quattro anni prima, grazia all'accurato lavoro di un lettore e del suo fido nonché stakanovista personal che insieme riescono a raggiungere risultati assai interessanti. Maggio mi vede toccare un tema nuovo per queste pagine (credevate Iron vi fossero più cose nuove di cui parlare, eh?): i paradossi della probabilith. Con alcuni semplici programrnini di simulazione cerco di verificare al computer tre famosi para-

dossi del catwlo della probabilità, per vedere se e quant o i loro risultati siano effetti vamente paradossali. La puntata di giugno è dedicata invece ad un gioco vero e proprio, anche se di tipo un po' particolare. Si tratta di Ciobots, illustre antesignano di core Wars. Esso consiste nel mettere a punto un robot da combattimento programmandone la strategia in modo che riesca a cavarseta nel duro scontro con altri robot simili a lui. L'idea 6ì un Torneo di Crobrits, che lancio in quell'oc casione, non sembra avere attecchito; mi permetto dunque di riproporla oggi in quanto a me sembra abbastanza graziosa. Il nurnem estivo di luglioagocta presenta un interessante lavoro di un lettore sul celebre filone di problemi delle monete e delle pesate. Fra le vane e stimolanti que stioni teoriche presentate spicca quella di definire una procedura generalizzata per risolvere tutti i problemi di una medesima classe. Si tratta di un argomento ancom aperto (i vostri primi interventi mi stanno giungendo in questi giorni] che tuttavia promette bene; e credo che dovrb presto tornarci sopra per presentarvi alcuni not* vali aggiornamenti sulla neonata aTeoria delle Monete e delre Pesate}). E siamo così giunti al numero d i settembre, ossia quello delfo scorso mese. dedicata come ricorderete al resoconto del ventesimo campionato nordamericano di scacchi al computer. Ed a quello di ottobre che, se non ve ne siete accorti, è interamente dedicato alla rievocazione deHe prime cinquantasette uscite della rubrica IntelliGiOCHI (senza contare quelle della rubrica Giochi che l'ha preceduta) in mc+ sione del centesimo numero di MCmicrocomputer.

E poi? E dopo, cosa succeder&? Difficile dirlo. Le scalette che mese dopo mese prepara sono sempre assai flebili e suscettibili di cambiamenti anche all'ultimo minuto. Certo qualche idea nel cassetto

C'& ancora; per quanto s e m bri impossibile non ho a n c e m esaurito l'elenco degli argomenti di cui avrei interesse a parlare! E naturalmente ci sono anche numerosi argomenti crvecchiu che me+ tano di essere ripresi ed a p grofanditi. Ma oggi come qgi non so ancora dirvi quati saranno i temi che sceglierò di affrontare nei prossimi mesi. Meglio, un pizzico di suspence non guasta mai... Certo che, visti a posteri& ri, i temi che abbiamo visto e discusso assieme in questi anni sano proprio tanti. E, debbo dire, mi sembrano anche oggi tutti interessanti. In effetti tutti quanti hanno suscitato il vostro fedback, in m~suramaggiore o minore ma senza eccezioni. Segna che il discorso che faccio da cinque anni si sviluppa sempre in sintonia con le vostre aspettative ed i vostri interessi. D'altronde come dicevo anche in apertura siete voi che, in un certo senso, fate con me la rubrica; non mi piace affatto fare la parte di quello che propone temi astratti dall'altro lata di una fredda pagina stampata, incurante dell'interesse suscitato presso i lettori. Preferisco di gran lunga basarmi sulla vostre proposte e nchieste per fare una rubrica quanto più possibile interattiva ed apem ad ogni tipo di intervento da parte vostra. Detto questa mi vedo C(F stretto per impellenti motivi di spazio a terminare questa strana ed anomala puntata di IntelliGIOCHI. Spero che vi sia piaciuto rievocare assieme a me tutte le tappe ed i temi che hanno costellato la storiia di questa rubrica nel corso d e gli anni. Se invece non vi & piaciuta sappiate che si B trattato di un evento eccezionale, che non conto di ripetere presto. Solo, forse, per la centesima puntata di IntelliGIOCHI che sarà p u b blicata nel mese di... beh, ditemelo voi! Appuntamento, questa volta come di consueto, at prossimo mese. Con tanti saluti e auguri a tutti di... cento di questi Giochi!

3cornputer n. 100 - ottobre 1990


CAD-CAE ad alte prestazioni

Un nuovo swumento flessibile e completo per progettare e realizzare PLD ,~artendo - - - - - - da: -Schema circuitale disegnato con Equazioni logiche Booleane; Equazioni con indic~; Tabelle di verjtà; M'apbe ed equazioni,numeriche; Macchi~e, a stah logici; Pseudo forme d'onda. 'or-nicce: File in formato JEDEC per programmatore di memorie; Vettori di test per la vertica del chip dopo la pro rarnrnazione; Documentazione di progetto integrabile in ORCA~GDT.

numeco uno per il disegno di schemi elettrici per velocità, ?mplicitàd'usa e potenza.

-

Librerie~onpi@.di,6000 simboli espandibili ~ o edltor n grafico. Oriuer video (piu di 1001, Iotter e *mpnb (più di 75). Lista parti e raet-list per i [AD - PCB piu diffusi. Schemi $orchici: fino a.4000fogli con 200 livelli di gerarchia. . Potenti unaoni grafiche. rotaaone e ribaltamento simboli, spostamento blocchi. drag dei collegamenti, irnport export di blocchi e file didtesto. Numeraz~oneautomatica componenti, controllo degli errori, gestione collegamenti a bus. Macrocoy,%A. A-K-'h"' rl-.ll'i

l 3

potenza ai una worKmanon su L.

n simulatore digitale ad alte prestazioni: veloce, potente e facile da usare,

Il simulatore analogico pio diffuso su Persona1 Computer:

?r verificare la funzronalità del circuito man mano che si sviluppail progetto.

Analisi in-DC e AC; Risposta ai transitori; Risposta m frequenza; Analisi del rumore; Analisi in funzione della temperatura; Ampia libreria di moduli espandibile col modulo PARfS; Analisi uisuatizzabili in forma grafica (modulo PROBE); Bhcchi funzionali simulabili inserendo la risposta in frequenza o la trasformata di Laplace ,(moduloANAOG BEHAVIOR+); dnahsi del circuito variando statisticamente i parametri (modulo MONTE CARLO).

Libreria completa di componenti: l l ,CMOS, Memor'ie; ampliabile dall'utente. Simutatore a 12 stati. Velmith di elaborazione 65.000 eventi al secondo. Visualizzazione dei segnali graficamente come su analizzatore logico, possibilità di raggruppare segnali in bus. Marker (3) per la misu,ra di intervalli di tempo. Possibilità di inserire frno a 10 break pointcome AND-OR di 16 segnali.

m

I

I

.

.

-.

+-l44++

=-pppp

o strumento più evoluto su PC per Ilayout di schede. Griglie di lavoro selezionabili da 50 a 5 rniis. Schede mubstrato (fino a 16) e componenti SMD. Autorouter tndirizzabile: per pad, net, moduli o blocchi. Router manuale con controllo isolamenti in linea DRC. RIP-UP e ottirnizzatore per ridurre il numero di fori. Selezione di ampiezza piste, forma e dimensione pad. Possibiliti di modificare dopo il roder autornotico: ampiezza piste e dimensione paU. Gestisce zone ramate, zone proibite e senza fori. Macter del circuito, &grafia, maschera per solder, piano di fortura; W plotter, stampante o, fotoplotter. drill tape per rnacchin~automatiche di foratura.

Il naturale complemento per guaiunsue C A D F B : un sofisiicato Ed'tor grafrco ed oftirnizzatore per file di-fotoplottatura in formato GERBER; Permette di visualizzare, editare, modihare file di fotoplottatura; Ottimizza la lunghezza del file; Permette di comporre sullo stesso film i van piani della scheda o piu m pie dello stesso piano; Permette di modificare il set di apertura e visualizzare il risultato; Coriuerte file da formato plotter: HPGLe DMPL; Poscibilità di uscita su stampante grafica e laser.


-

GLI HARD DISI

--

DIGITALIZZATORI AU D18 VIDE(

.,.,...-,.

-.-

#ULmw-~~e~~b~corrrrolierpBT~.~d0b00t~ut0~ Forma

.

.

E

m6S.b c a i e W c i a ~ ~ 1 ~ a % ~ ~ . - ~ ~ ~ m tO &m~ 0 , 4 0 m ~

9mm

FUCKER FIXER a MmitmMulbayne

gsOBW

ZORRO BIG B L U E - ~ s m e t a l ~ ~ ~ f ~ i ~ o ~ n m a i n b o a r d a i n ~ ~ A2000 più 3 slot XT. 3 slot UT wmpaUblA 1 slot PU a 86 pln p r schede cm WD2W 68881 (hrricane.A2620). &n 1 altffl. swikhing da 180 W.Predisposizine perldive da 33. T drive da 5,114' 1 HD da 3.5o 5.1t4" e digiboapd. 470JIW A~ENZIONEIIl NELLOZORROBIG BLU€ SI POSSCitdOMWARETUìTELECCHEDEPERLARWQAZOMI ( J A t i U - XTIAT -AMEGADRIVE A2058 -0 - IMPACT - /\2821) - m - ECC.)

-

-

Came s q a ma con aspmslaneda I Mb Comesopra ma con e?#m?Ime da 2.5 Mb M G A m 0 - C C I I mmeenynuai1eonga?anzi&&mm4m1& Cow sopra @ eyiambrm li dada% +HOa&bmlSCSidai10~~e#.daZ~

~

~

~ ~ aLEDe imuMn n per &hml~ mm . SD(mr4,7m 4 8 0 m XPANDER- Esp. di mwrw&&2Mger A53XlCNhQtjpodim.EsbrnaOlMaitState. Munita di nnsmittnredi d'inserimento. AutomnQuraMB. IHmanslwY- 13x10X25cm.

t-m. serm d~~

~

t

Q 2 O . m

M N T E R A M - Espanslonefimriaper A500h5.I W .Si i m e n ' w n d l ' ~ b dotddcoo~mputer &n b-La em

a&m

a tampone

125.imI ImWR 2 HARDiTAL- Esp. di mem. da2Mb per AMw. Esp. lamemwlaa 25 Mb n e ~ w ~ m n i r e c e h i A g n u s e a Z , % irrquslllconinwvi BfG'Agni~s,dimilM b cemechb RAMI 1,5mmefastRRM.Siinsei~~@ nelPappo&osbtdelmmDuter Cwi orrilogb e baMa&npnB. ZBABBO

IE%SIDER4ìlAR%iAt-Comrr~opmmad84Mb

4 8 0 m SUPEROiTO HARDITAL- kp da W46-lv6bsulla sch*per kXWD o ZsB. Con dway c&indmzhedekmemonadispqnfbcleedl Mdi automfgum. tero wajt state+ 2Mò SIfDAXHi - 4Mb 980.000 - 8Mb 9QOm -8 C b M M O m E850da 2a 8 W& per MOw,

A1W

W l 3 W-

-

~9a~rierA1XIBOm ~ nw ~ w . rmdscewi e . &

a

~

~

I PERSONAL ( * P , .

. ., ,

.

-. ,

~

a

taaow

.WW T ~ W D

~

~

.

IPUTER IBM COMPATIBI

.

-

Babg ATAllm. 2W W C M m k t p e r k p p y e rwst rnb-SEh6daVGAmXEnO-tBgt6st 102Msti

-

per AT-BUS t driw daf,2 %Bmoll ~~cop~emsmnCPU236dalGMHz 850ODU HARM-CPU3BslisMHzOWMSTAE-2mRAM-2Ml t pWa-Case EabyATail1~11aW200 W-Cmlmkrprperfloppyetiost AbaprerwATgtlS-l drhpe da f.2Mb-sDhsdaVG.4800>$00 -Weme s W a 1 0 2 W 1240mQ Come ~ a m a o o n C P U ~ d a 2 5 M l v 1.7511mO &me ma con CPU 386 86 33 MMhz 2ABaow HARM-CW&~hzOWatf~-2h8bRam-Pmtiall i parallela-*Torre alim 3aQW-Comoll~pa~110pweHoctAd~rperkTB~-1 dmiedal.ZMb-Ccheds V M 8 0 0 m - f&kra:l@3W. FAPTDP~ ~ ~ - C P U ~ W I & M I I F - % - J Z~ D w W W A ~ - 1 MùRam-1 d n w 3 . 9 - ~ M b - H l H D 4 9 ~ ~ - T ~ n m drim-mo k - f 5.114" da 1.2 Mb con hpslftWIe. b f s a dt traspwtip 2.mkCQn Con CPU 38&m Mfu rl MkdiFkm 4i~aoao

V

-

PERlFEmmE-

COPROCESCORE MAlXW~@28710 Mhz s3Qh COPWXSWRE MATEMAMS~~? 18 M ~ Z m.00~

@PROCESSORE Y A ~ w d ~ m I . Mhr 2 5

I DRIVE

HURRICANE H500 Sche-l per ASQO cantenents&WQ a14,3MMhze iMtr dRAMa3eMirspa&zowok~M~Switeh~Ira$8000i~

HARU DISK S E A G d T E S T ~ 2 ~ù@ & 5.5"ST-&SWm$ HARD DICK SEAGATE m 5 P A & M b wA~-~l.&&ms; W DISK MICROECiWCEt S M b 3,V ATBi;IsUrr@ W D W SEAGAE Si* H l M b 8 3 AT-Bl&lSni$ MdNlTC% 14' t@M3DWP& FgEaSCHERMQ WlTU MONlTM 14' M(INOrVLWHOX&% MONIToR74"mmmLTImi~ MORlTOH 14" 18" WL~MULTBX?dCfg24WE-3

SGHmEVGAzeKb~ SCHEDE VGA 512 Kb 1024X7B8 SCHEDE VGA 1024 K 3 1024x76856 COLORI RCPIETREELOCALEAI M B R S W + m .

scaonar 20WaW1400 dpi Hadyccmimr wbn20Q*WI4Daqir m k . 1 2 " x I P mmp Summaskxk T2Dt

PER INFORMAZIONI E/O ORDINAZIONI: V i Forze Amate 260 20152 Milano - Tel. OZ4890213

=QOD

'440.406

W

* m 0 8 8 3'ro.lWl 16)aih ,EqLwQ

z.ml.om

'tZB,880

=.m

290.000

2 8 a m =W0 44aOM

Y W O ~ T A S O L D P E R M W I ~ - T U T ~ I ~ ~ I V A W M ~ E S A

1


Mentre continua a ritmo serrato l'arrivo dei racconti per I'angolo letterario di MC, si verificano i primi casi di plagio: puttroppo, accanto ad opere ccintercettaten prima della presentaziune, si registra lo spiacevde incidente di una pubblicazione clamorosamente M immeritataa

L'incontenibile bellezza del copiare:

"M

P

. 111

Con questa parafrasi del tititolodi un notissimo romanzo di Milan Kunde ra. apro una delle più amare parentesi dell'ancor breve vita della rubrica letteraria di MC. Prima o poi doveva succedere, ma dispiace che I'ineluttabilitd dellaevento si sia dime strata dawero fale; ho contato sulla mia scrivania almeno una decina di lettere di protesta inviate da lettori che denunciano il furto letterario perpetrato da tale Giuseppe Cacciamani da Gubbio ai danni di due au fori sacri alle f ~ l l edi appassionati di SF.

mltro evitato in qualche altro caso di plagio sventato in tempo.

Torniamo a noi Si. torniamo a noi! Anche perchb Io spazio dedicato ab l'incidente è inesorabilmente andato a discapito di quello serbato per la pubblicazione dei racconti. D'altra parte l'intervento era necessario, anche per si in un esercizi fine deve risultare inesorabjk mente pericoloso. Vi lascio quindi alla lettura di quanto siamo riusciti a far entrare nel nostro contenite re mensile, dandovi appunw mento al mese prossimo per una puntata che speriamo più allegra.

L'indegna azione Il racconto incriminato è nLa creazione finaleii. pubblicato sul numero estivo di MC, per il quale il sedicente 'autore ha attinto a piene mani dai' romanzi ul'ultima domandan di Isaac Asimov e addirittura, per alcuni passi particolarmente pregnanti, da ~2001,odissea nello spazio)), di Asthur Clarke. La lettera che accornpagnava l'invio dell'opera (che forse B meglio chiamare u l'indegna azioneii) recitava laconi~menteaSpett. MC, seguendo l'invita apparso sul numero 95 (rubrica Storyware) Vi invio un mio breve racconto, di cui attesta i'originalità e l'autenticità. Nella speranza che questa mia opera possa interessa re, Vi saluto cordialmente.

'

Giuseppe Cacciamanii. Ora, pedorneno per quanto riguarda l'interesse che la sua uindegna azioner ha suscitato, non vi possono essere dubbi: è stato enorme! Sul tipo di tale interesse invece, temo propria che non sia quello che lei si aspettava; se il suo scopo era quello di vedere il proprio nome stampato sulla rivista, debbo dire che il successo 8 stato superiore alle aspettative, dato che I'eventa. si è registrato già in due occasioni (e forse non B finita qui), ma se il motivo che i'ha spinta a comportarsi in maniera così scorretta era quello di un successo di tipo letterario. credo proprio che abbia sbagliato il nome della Musa da cui farsi ispirare.

).

. m

h

Con fante scuse Prima di chiudere I'arge

mento. debbo qualche spiegazione a quanti hanno segnalato i1 fatto e più in generale a tutti i nostri lettori. Mi B stato rimproverato di non aver riconosciuto nel racconto-furto i pur ampi stralci copiati dalle opere citate; a mia parziale discolpa debbo dire che si tratta di romanzi che creda di aver letto almeno quindici anni fa ed ai quali è seguita la lettura di altre centinaia di opere di SF, senza contare i 286 racconti finora selezionati per Storyware. Appare comprensibile quindi la mia distrazione, fermo restando che sempre di un errore si tratta, errore pe-

di Mascirni7iano Chiodi

.

- I computer rendono I'uw

.

mo più felice, - era ci& che Max McNils leggeva sulla targa posta sopra al monumento di quell'antico IBM 586.' che lo accoglieva tutte la mattine nella hall del PaAnagrafe di Stato. Come cgni mattina attese che il turno di notte uscisse, poi sfilando davanti a quel rudere di 100 anni prima, cume i suoi colleghi si diresse al proprio ufficio, quella siglato A3. Si sedette davanti al termi-

'l

'

, ,


nale Serie 9; antiquato, con ancora Io scanner sonoro, il video e quel rauco sintetizza tore vocale. Ah! Se avesse avuto il più moderno Serie 13 a wmando ottico. sì, come quello dell'ufficio AF. Il lavoro era monotono, ma non faticoso, tutto si risolveva nel prendere quelIe cartelle dalla pila alla sua sinistra, sillabare il nome e c c gnome che vi era riportato sopra, al suo terminale serie 9 e attendere che quella ascatolaii come Max la chiamava amichevolmente, con voce metallica se ne uscisse con - Cancel OK - Bastava quindi attendere il gutturale - Ready - e iniziare con una nuova cartella. Alla fine del turno si diresse verso l'ascensore che lo avrebbe riportato alIa hall, e lì mentre scendeva si rivolse al Capo Servizi che gli stava accanto. - Scusi, signore -. - SI? - lo guardb il Capo Servizi con l'aria scocciata. - Sono Max McNils, dell'ufficio A3, posso rivolgerle una domanda. signore? - Prego - proferì i[ Capo Servizi con aria ancora piO scocciata. - Ma quelle cartelle che mi mandate, owero ..., ci08 ..., in cosa consiste ciò che faccio, OWETO SO come farlo, ma cosa faccio? - Non si preoccupi, è un po' che la stiamo osservando, abbiamo pensato ad una gratifica; comunque lei w n tinui a fare il suo lavoro, ufficio A3 giusto? Sì. certo - si espresse il Capo Servizi sfoggiando un grande sorriso. Tutta la notte aveva pensato a quelle parole ma non lo avevano convinto e non riusciva ak'capire che lavoro egli stesse svolgendo. L'indomani mentre si trG vava di fronte al suo Serie 9, realizzò come poteva sapere iri cosa consisteva il suo lavoro; sarebbe stato sufficiente inserire il proprio ne me nella ~scatolane stare a vedere. Cid avrebbe potuto c o w promettere lo splendido I*

voro che da un anno stava facendo, quindi abbandonà l'idea. A met8 mattina giunsero le mille schede di ogni giorno, e, in cima al gruppo ce ne era una con il suo nome. finalmente avrebbe saputo, decise di saltare la pausa pranzo e sillabare il suo

nome.

- Max McNils - quindi imposto come ogni altra volta l'operazione Cancel. Attese la risposta, ci voleva sempre una decina di minuti, ma quell'atmosfera d'attesa fu interrotta dall'aprirsi della porta. Due agenti della sicurezza di stato entrarono: il primo portava in mano un Serie 13 portatile, mentre l'altro imbracciava l'arma d'ordinanza. Il primo agente, senza alzare mai gli occhi dal pwtatile, disse: - Il Signor Max McNils -. - Sì, sono io -. Una silenziosa raffica raggiunse Max allo stomaco e alle gambe, ma prima che la seconda raffica partisse per finirlo colpendolo nel petto, egli udì dalla sua uscatolaii Serie 9, quella familiare rauca voce che sentenziava: - Cancel OK. Readv -.

Incontro di Andrea Avagliano

Non credo fosse stato un rumore, ma piuttosto qual-

che strana sensazione che mi spinse ad afzarmi in piena notte per controllare chi, o cosa, fosse entrato in casa; e fu proprio nel mio laboratorio che incontrai la Morte. Non pensate però alla classica vecchia, vestita di nero, che brandisce fa falce; anche la Morte ha dovuto adeguarsi al progresso. Infatti alla mia scrivania sedeva una giovane donna, dall'atteggiamento molto professionale, vestita con un camice bianco: avanti a s6 aveva poggiato uno di quei piccoli terminali portatili, e sul display si leggeva il mio nome, seguito dal tempo che restava: in quel momento indicava 28 minuti. Mi spiegb infatti che era consuetudine concedere rnezz'ora di preavviso a chi

uera in scadenzau (parole sue], per dargh modo di prepararsi all'evento che lo at-

tendeva, Cominciai a pensare febbrilmente alla ricerca di qualche scappatoia, ed il terminale mi offri il pretesto p e r chiedere come awenisse la scelta dei ucandidatiii del giorno. La M o r t e f u m o l t o esauriente: raccontò infatti che ogni mattino si recava neila Sala dell'Elaboratore Centrale, ove durante la notte erano state redatte le liste destinate ad ogni u lncaricataii; ciascuna di loro, a turno, connetteva il proprio terminale portatile al computer e vi trasferiva i nominativi da ccincontrareii durante la giornata. Aggiunse che spesso era necessario effettuare straordinari, ed in tal caso l'operazione di trasferimento degli elenchi veniva ripetuta una seconda volta nella stessa giornata. L'occasione era propizia, ed andava colta senza indugio. Accesi il mio computer, gli apparecchi per la trasmissione dati e cominciai ad illustrare come sarebbe stato più comodo e veloce collegarsi, tramite un piccolo m e dem, all'Elabomtore Centrale da qualunque luogo, purché fosse disponibile un telefono... La Morte, assai irtteressata, si recd presso il banco degli apparati e si sedette alla tastiera del mio camputer; sul terminale portatile, rimasto sulla scrivania, i numeri continuavano a soorrere indietro... ormai restava pochissimo tempo! La Morte mi volgeva la schiena, non poteva vedermi; io, del resto, non avevo pio niente da perdere. Presi il terminale portatile, digitaì tControl> €... niente! Alle m tentai con <Controt>-Break ed istantaneamente, CP me accade in tutti i programi di questo mondo (ed evidentemente anche di quell'altro) il conteggio si arrestò, poi il mio nome scomparve dal display e fu sostituito dal m e 5 saggio n Esecuzione interrotta - Tutte le informazioni in memoria sono andate perdute~. Alzai la testa, e vidi che la Morte era voltata verso di me; sorridendo, senza una

parola. si alrd. prese il teminale e andb via, lasciandami con mille domande senza risposta ... Ma, direte voi. cosa si può desiderare più che essere sfuggiti alla morte? Bene, devo precisare che l'episodio che ho narrato è awenuto più di due anni or sono; da allora ogni mattina, davanti allo specchio, ho cercato invano di scorgere sul mio volto i normali segni del trascorrere del tempo, ma non li ho mai più visti comparire... Ho paura di essere diventato immortale!

La solita prova di Fabio Celi

Arnold disse a Map:

- Naturalmente ricordi la prova classica per la valuta zione dell'intelligenza artificiale. - Naturalmente - rispose M ~D L'ho fatta decine di voite. - Oggi ci riproviamo. - 4ncora? Stavo finendo di lavirare su quei dati... - Map! Rispetta Ie gemrchie! - O.K. - Bene. Ti ripeto le regole. - Non ce n'& bisogno. - Ne sono sicuro. Ma si usa ripeterle ogni volta. I protocolli sperimentali hanno le loro leggi. Dunque. Non sai se quello con cui sei collegato nell'altra stanza è un uomo o un computer. Puoi fargli tre domande. Poi d+ vrai dirmi il tuo parere. Puoi cominciare. Map riflette qualche secondo. Poi chiese: - Qual è il tuo sentimento predominante in questo momento? Una voce molto metallica, distorta di proposito per evitare un riconoscimento in base al tono piuttosto che per le cose dette. rispose: - Ho fame. Sembrava un partita a scacchi, con l'avversario nascosto nell'ornbra, invisibile. Map fece la sua seconda mossa: - E okre alla fame, a cosa stai pensando? - Che sei in una situazione difficile. Non ti invidio. racornputer n. 100 - ottobre 1990


.

- SBi

uri wmo o un wk<m latore?-demandh Map alla sua tema ultima inossa. - Avrei istruzioni precise di non rispondere a questa d+ manda, ma voglio aiutarti. Sano un calcolatore. Il contatto venne staccato. - Allora. Map? Cosa ne dici? - chiese Arnold. - È un uama. - Zuccone! la quinta vo[ta consecutiva che sbagli. E un mrnputer. come te. E anche dei tuo stesso modello, un Map 80014. - Secondo me questa p r u va non è leale - disse Map dopo quatche secondo di silenzio. - Perche? Non C'& nessun trucco e si tratta di un prote collo sperimentale classico e collaudato. - Non & questo il punto. È l'interpretazione che non mi convince. Quando riesco a distinguere un uomo da un calcdatore mi dite: rc Ecco la prova che l'intelligenza artidciale 6 ancora molto diversa da quella umanar. Quando sbaglio mi dite: wZumne! Ecco la prova che non sei poi tanto furbon. Non mi sembra un compmtamento molta amichevole da parte vostra.

Signori. desidero innanzitutto ringraziarvi per aver voluto ascoltare la mia testime nimza come primo atta di questa commissione di inchiesta. Come richiesto, esporrd i fatti in ordine rigorosamente cronologico. Comprendo che molti d i voi non hanno conoscenze S ~ E eifiche nei campi di cui ci occuperemo. Spero, cornunque, di essere abbastanza chiaro. Se ms1 non fosse le vostre domande saranno estremamente utili. Dunque, fui messo a capo del prwetto ucarontew sin dal suo inizio, poco più di tre anni fa. Vorrei fosse verbalizzato che, nonostante g5 sviluppi successivi, mi sento ancora estremamente onorato di essere stalo scelto. Il p r a getto nasceva con uno degli scopi più ambiziosi mai pensati: la comprensione totale

del cervelto umaho e &i sud meccanismi. Nohostante i notevoh passi avanti del passato, da qualche anno la neurofisiologia ci era arrestata, nessuna ricerca portava significativi risultati. Potremmo dire che quella scienza aveva trovato il suo limite. Il cervello rimaneva, in gran parte, sconosciuto. La risposta al problema venne non dalla biologia m e lecolare, ma dall'infomatica pura. Si tratta'dei upastulato di Ferrettin. La spiegazione matematica $i di una complessità estrema. vi esporrò sola l'enunciato: u Una entità logica. di qualunque livello, non può comprendere se stesso. La cmprensione di entità logiche, pertanto, è possibile solo da parte di altre entitd, di complessit8 uguale, ma di differente strutturai. In parole povere significa che la mente um* na non pud studiare se stessa al di 18 di un certo limite. Per procedere, quindi, em necessaria una mente diversa, complessa come la n e stra, ma non umana. Moki di voi noteranno che questo non B un concetto nuovo. Alcune religioni arcaiche, infatti. sostenevano che Dio avesse creato l'Uomo per comprendere se stesso. Per chi volasse approfondire I'argomento, comunque, c'e il bellissimo libro delto stesso Ferretti: uUna breve storia delIa logica comparatail. Giungiamo al progetto: si puntava ad un computer di m p l e s s i t à paragonabile alla mente umana, ma basato su una logica sostartzialmerite diversa. Ad esso, quindi. sarebbero state affidate le ricerche sul cervello. Alle mie dipendenze furono posti alcuni dei migliori informalici neurofisiologi del mondo. I l progetto prese carpo con una rapidith incredibile: in soli sei mesi avevamo uno schema di lavoro soddisf* cente. Non fu dafo un graw de risalto all'awio della nostra ricerca, penso che il governo in carica, con buono dose di ottusi& (noto con piacere che IramminiJtrazione è stata radicalmente modificata), la ritenesse quanto meno campata in aria. Caronte fu costruito e prograrnmato in soli tre anni. Vorrei

ire 1990

puter, con la sua programmazione, e l'essere umano. Per farla breve, arrivammo al mamento in cui tutto era pronto. Per l'entrata in fuw zione del sistema fu organizzata una diretta televisiva (che ci diede non pochi pmblemi]. Una dei nostri ricwcatori fu convinto ad apparire in TV e tradurre i risultati in concetti comprensibili a l grande pubblico. Ecco, a questo punto 6 necessario che io introduca due nozioni apparentemente estranee aC l'arwmento. Della prima s i e te owiamente a mnoscenza: lo spaventoso aumento del numero di suicidi negli ultimi cinque anni. La seconda è una notizia di qualche mese fa. apparsa senza damore su ~Naturer:8 stata rilevata nello spazio una forte emissione di segnali dettromagnetici, mai registrati prima. La loro fonte appare in rapido wvicinamenTo al sistema solare. Vi prego di n* tare che anche questi dati erano stati inseriti nella base di conoscenza di Caronte. Quando injzib l'elabarazione non sapevamo bene casa sarebbe venuto fuori. Vi ricordo che stiamo pa&ndo.di una macchina conosciuta molto poco aneha dai suoi progettisti. Pensavamo, comunque, che il computer si sarebbe limitato a fornire delle prime analisi su schemi di neumni, vie nervoseme cosi via. Contrariamente a tutte le previsioni. invece, C+ ronte elaborò una visione completa sulla razza umana e sulla sua storia. E indispensabile. ora, che io traduca un nuovo argomanto: le macchine di Von Neumann. Ci tratta di m u ni macchine, cosbuite per specifici lavori, ma con la psssibilitd di generare copie di se stesse. Macchina di Von Neumarm vengono attualmente impiegate per l'e stmzione di minerali dalla superficie degli astemidi. Utiliz-

tempo. possono essere svolti lavori cobssali. Non vi sfuggirà l'analogia con i c e muni batteri e le forme viventi in genere. Signori, vi prego di continuare a prestare la vostra attenzione. La mia esposizie ne durerà solo pochi minuti ancora. Bene, se non avete niente in mntrario, vi riassumerd le conclusioni di Caronte in modo schematiw: a) La razza umana non pub essere il risultato di un'eve luzione naturate. b) Essa B stata creata aTtificialmente da una civiltà alie na. All'inizio furono posti in aitivita solo pochi esemplari, che poi si moltiplicarono. cJ Gli esseri umani, pertanto, sono assimilabili a rnac chine di Von Meumann. prcgramrnate con lo scopo di rendere questo pianea perfettamente abiibile per ta specie costruttrice (che dobbiamo, quindi. presumere simile a noi). d) Tale compito è stato e s e guito. E, ora, necessario che tutte le macchine cessino di esistere. e) A questo sono collegate le emissioni radio scoperte da poco. Esse agiscono su particolari aree del cervella, appositamente predisposte dal codice genetico umano, inducendo gli individui al suicidio. Provengono, tra l'altro. da un'astronave in awicinamento alla Terra. Ordinai di interrompere la diretta televisiva. Il nostro collaboratore non trasmise mai queste conclusioni. Dam neggiai permanentemente ia memoria di Car~nte. Per questo, come sapete, vengo inquisitoora. Signori, ora siete a con* scenza di tutti i fatti. La razza umana si sta awicinando alla sua fine. O meglio: le mac chine di Von Neumann si stanno spegnendo. Non s+ rebbe meglio lasciar vivere in pace questo tempo che resta alla nostra gente?

.


Scrivo il mio solito editoriale inferattivo il giorno di

Ferragosto sul mio PC negli uffici di Simiilmondo. Sono tornato da tre giorni dalle vacanze e sto per andarci ancora fra poco. Ma prima voglio scrivere il Playworld del numero cento di MCmicrocomputer

L"

PGA Tour Golf Sterling Silver Software, Le8 Actor e Dennw Koble (USAI Electronic Arts (USAI p~ e co,. CGA. EGA, VGA (immagini vsrs. EGAJ

C'era una volta lo standard dei simulatori di golf. Quello standard si chiamava Leader Board ed era uscito per tutti i persona1 computer in circe

e per questo ho deciso che la ricorrenza merita ampiamenre il sacrifico di una settimana di vacanze. MC, dicevo, compie cento numeri, Credo di non avere qualcosa di particolare da dire sul fatto e poi caratterialmente

iasione ed era stato anche upgradato in molti modi e con un'infinità di veri campi prof. in cui gareggiare. Le* der Board era uscito nel 1985 e da quell'anno ad ora, in molti si erano provati a superarlo. Ricoiderete. immagino, i migliori tra questi: it bellissimo .Charnpionship Golf della Gamestar (adesso disponibile nella Classic Hits della CTO a 19.000 lire...l del 1987, Mean 18 e Jack Nicklaus della Accolade. World Tour Golf della Electronic Artc e il recente e deludente Greg Norman Golf della Gremlin, Tutti per una ragie ne o per I,altra .t al di sotto di Leader Board. Cinque anni dopo esce PGA Tour Golf disegnato dalla Sterling Silver (mai sentita prima) e pubblicato dall'Electronic Arts in collazione con la PGA (Prof. Golf Association) che ha mnsentito che I 4

INDEX: 1 tre FW Awenimento sono rispettivamente dedicati al n&i@ standard in fatto di s~mulatongolfistici PGA Tour Golf delt'Eiectronic Arts. a Street Rod della California Dreams che simula gli anni Sessanta e gli American Gmffiti e a Formula 7 T e D di Shulmondo, il s~mulntoredei Gran Premio di M m a di Formula I . Sotto la caluda e con i chip sfrigolanti, ho provveduto a interagre un paio di centina~adi nuovi software Amiga, Atari ST. IBM, C64 e perfino una nuova card deli'Atari Lynx: ne troverete l'arduo resoconto in PW Panorama. La rubrica PW BIS (Best In Sohare) è dedicata questo mese alla Anco, straordinaria piccola casa ~ngleseresponsabile del successo, di Kick Off. Respingo, di testa, un pallone simulato e passo al primo PW Awenimento. L

.

"

non amo te cekbmzioni e l'enfasi, così posso solo una bella e completa rivista d'informatica e che t u t t ~i wllaboratori siano ugualmente compefenti precisi e documentati. Con questa formula MC si B

scelto il suo pubblico: lettori esigenti, attentissimi, perù fedeli Da sessanta numeri questi lettori scorrono, bonta loro, anche le pagine di Pia yworld. Il mio auguri^ interessafo è che continu~noa farlo per un aìtro migliaio di numeri. Almeno

venissero utilizzati tre suoi campi del circuito prof. del golf americano, TPC Swagrass, TPC Avenel, PGA West, piu un quarto di fant* sia Sterling Shores. PGA è disponibile solo per il PC, ma sta per essere adattato alllAmiga e forse alI'Atari ST. Quella che segue e l'analisi interattiva delle caratteristiche di questo software. Buon giro. La prima cosa che vogiio dire è che spero che abbiate un hard disk e un 286 VGA o EGA, Se avete un PC CGA senza hard disk nulla di troppo male, solo che il godimento cui state per prendere parte diminuisce un po' a colpi di breve waiting syndrome e di poca velocità in MHz del chip. Idem per i colori della graphic board. Io ho simulato PGA su un 286 EGA e quello che sto per dirvi riguarda quella configumtion. Percid niente malintesi. La prima nota di plauso va ai menu di controllo e option del software: grandi! E non nel senso dell'ampiezza, ma anzi nel senso della precisi* ne, della rapidità d'esecuzie ne e dello zero waiting che offrono. L'€A aveva già fatto dei grandi menu in Indianapolis 500 e qui si migliora. Altra plauso al manuale. In italiano, solo in italiano e in vero italiano. In più il manuale è stato impostato per essere comprensibile e utile e

non 6 un libro di studia. Non cornplicatissima, meglio di LHX Choppex per intenderci, anche la protezione: dovete individuare le yard richieste sul video netle tabelle stampate al centro del manuale grande. Dopo un po' è facilissimo. Eccitante e rapjdissìma anche la sistemazione sull'HD. Ci sono riuscito anche io senza ricorrere a Wiz mio assistente in un sacco di cose (valido quasi sempre) e soprattutto consulente di PC version dei software in circu lazione. Appena avrete PGA sull'HD basterà scrivere GOLF e dare una rapida occhiata alla velocissima presentazione, misurata, non ingombrante e miosa. Le migliori software house hanno ormai capito che il successo di un interattivo dipende dalle sue parti simulanti e non da quelle solo visive. Chi se ne frega, infatti, di una bella presentazione e di un brutto software. Qui in PGA, invece, la presentazione è essenziale e I'interazione è wonderful. Sto per raccontarvelo. Ho messo PGA su HD e ho visto la rapida intro a p puntandomi i nomi degli autori e i credit vari. Adesso siamo nello shop che è il menu del software. Qui C'& tutto quello che si pud fare in PGA e le option sono tutte inseribili e disinseribili con dei pull down menu. Potete

scrivere in fretta quello che penso: credo che MC sia

YCmicrkomputer n. 100 - ottobre 1990


- .: . . . ....-... . ..

m*;.*.*1.' , ..

L',.' -,-

~FJ--.A-

-

.

'

-

, ,

:. -,

L

.

,

'I.

l.

fare pratica, torneo, o provare il drive e il put che sono i due momenti fondamentali del golf. Ho scelto tournament per fare un bel giro con Mario Bruscella di Simulrnondo, grande a p p a s s i ~ nato di agonismo simulato e terribile avversario anche gerch8 non molla mai se perde ed 6 sempre assolutamente deteminato a vincere. Abbiamo giA scritto i n*

.'

-. ---e-

.

.

i

stri nomi e siamo arrivati dalle parti del TPC Avenel dove ci aspettano una sessantina di altri prof. per dare inizio al torneo: adesso si pud dare un'occhiata alla prima buca che arriva rapidamente con una panoramica vettoriale di tipo televisivo. Il caddy ci ha scelto la nostra dotazione default di bastoni e ferri e possiamo cominciaw con il primissimo driver. Il cornpu

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

catore e che cambia continuamente direzione ed intensità e anche questa è una novit8 rispetto a Leader Board. Con il primo tiro faccio un paio di centinaia di yard e mi avvicino a cente cinquanta yard dalla buca. Durante il tiro ho visto che il medesimo viene spezzato in due parti: C'& il drive in cui seguiamo la pallina scagliata lontano e con un rapidissimo montaggio che evita fratture visive, nella seconda inquadratura continuiamo a vedere la pallina che vola fino al suo atterraggio. ?l una grande idea che permette di entrare ancora più dentro nella simulazione. Poi il software torna sulla buca vista dali'alto e per intero e traccia una righina azzurra per identificare il pezzo di campo percorso con il tiro precedente e la posizione attuale detla pallina rispetto alla buca. Cosi il campo si sente meglio e I'orientamento 15migliore. Con il secondo tiro arrivo in green usando l'effetto. La barra di tiro è fatta benissimo: è divisa percentualmente per un facile calcolo delle y a d percorribili con ogni mazza; il controllo dell'effetto è reso volutamente complesso inizialmente a forma ad una grande, realistica concentrazione, per evitare che la palla scappi via. Dopo un po' diventa familiare, ma rimane impegnativo. Ed B giusto così. Durante i tiri è possibile finiter fa vedere anche la buca re nell'erba atta, nei bunker dal'alto tutta intera e segnadi sabbia e in acqua. Oppure la il numero di yard totali e il numero di yard percorribili sul green come è capitata a me in questo momento, tancon ogni singolo colpo. E nato che devo accingermi al turalmente il par della buca e put. Sono a sedici feet dalla i colpi giA effettuati. Affronto il primo driver con una certa buca e vorrei tanto andare dentro con un tiro per finire spavalderia: posso facilmenquesta buca con un birdie, te governare le yard che mi cioè con un colpo in meno separano dalla buca e tengo rispetto al par che era di in conto relativo il vento che quattro tiri. Nel frattempo, spira visualizzato da un indi-


mentre sto per dedicarmi allo studio del colpo, lo speaker simulato mi aggiorna

7

? -A I

'I - 4 --

ì'-

'

continuamente su quello che accade in altre zone del campo e riferisce sui birdies e sui bogies degli altri giocatori. Adesso tocca a me. Preparo il put studiando attentamente il vento e analizzando sul reticolo isomoriim alla Marble Madness che è possibile consultare, le caratteristiche anche minime del terreno del green. Il campo simulato non B immaginario: contiene i veri ostacoli e le autentiche morfolqie delle buche dei veri a r s e . E questa novith dB più fascino e piZi interesse alla simulazione. Adesso, dopo lunghi studi intemttivi, è giunto il momento di puttare. Ho deciso di dare un po' di effetto a sinistra e di s h t tare una leggera pendenza verso la buca che ho visto SUL reticolo. Ho colpito la pallina con decisione e adesso la vedo mtotare velocemente verso la buca e improwisamente si rivela un'aitra optian innovativa di PGA: nell'angolo in alto a sinistra dello screen si apre un discreto ed efficace microscreen che inquadra in un close up la zona immediatamente circostante la buca. Perciò vedo precisamente la palla che scivola sul green e va in buca. Il software mi manda immediatamente in onda un instant replay (c'em nel leggendario One on One delI'EA... e più recentemente in Hard Drivin') che sottolinea a discrezione degli autori solo i corpi realmente spettacolari e meritevoli. Un'altra possibilità che mi piace molto. Così ho finito la prima buca onn un birdie e sono al quindicesimo posto delta classifica generale che comprende le diciotto buche del torneo ripetute per quattro giri (ma sarete ammessi solo se avrete finito i giri in una buona posizione). Ma ' qualcuno di voi si starh chie' dendo che fine abbia fatto Mario. In questo istante lo :vedo, simulato sullo screen, incastrato in un bunker della seconda buca. Ha altre sedi*ci buche per rifarsi. .

FOmUis

b m u l a 1 7're-D h;, R. cawjRi, ~

;

~(\ta/ja) ~

l

~

Simulmondo (Italia) Amiga, C M , PC IBM e Co., CGA, EG.4, VGA A m i ST jrnmwini vers. Amisa)

Mentre scrivo queste note sul nuovo simulatore di Formula l di Simulmondo po

appena comprato e letto Computer & Video Garnes. la bibbia europea del s o h a re ~ simulatorio ~ d e ho ~ constatato. con soddisfazione a stento celata da quel po' di understatement che mi & rimasto, che la medesima bibbia dì cui sopra ha inserito Formula 1 Tre-D nelle sue selettivissime e preziosissime preview del numero di a g e

sto. Descrive i1 software di Smulmondo come una vel* ce simulazione del Gran Premio di Monza e sottolinea la novità della prospettiva UOCchi del pilotaii. simile a queC la resa famosa dalle riprese cbn le telecamere conficcate in atto sulle monoposto. Formula 1 Tre-D. che uscird tra ottobre e novembre w r Amiga, Atari ST e C64 e

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


in seguito per PC, è I'evoluzione delilidea di Simulrnondo sulla simulazi~neinterativa. In Fl Manager del 1989 si poteva gestire una scuderia di Fl e farla correre m tutte le gare del mondiale, in questo. nuovo simulatore. complementare a F1 Marr* ger. si corre su un solo circuito, quella di Monza. circuito replicato con ansiosa fedeltà costata anche sopralluoghi nell'autodromo e studi oertosini sute mappa del Gran Premio. I menu sono ridotti al minimo. La scelta fondamentale è tra simulazione fedele o arcade. Nel primo caso si avrà la possibilitd di scegliere una quantith di minuti reali per fare il tempo di qualifica e fatta la g k glia di partenza si correranno i giri veri del Gran Premio di Monza mntro le altre vere scuderie del mondiale. Naturalmente avremo deciso in precedenza che macchina e che pilota vogliamo essere. Si può inserire il proprio nome o noleggiarne uno piQ famoso tra quelli disponibili. Esaurite queste formalit8 tocca al semaforo. Al vede si parte e forse sentite gih i suoni digitalizzati delle vere rnonoposto. Anche q u ~ s t a operazione B costata non poche autorizzazioni e fatiche, stress oltretutto maggiorato dalla poca capienza'dei computer scarsamente disponibili ad accogliere dispendiosi suoni campionati. Adesso siamo partiti e cominciamo a vedere le curve e i rettifili di G.P. Monza così come sono in realtA e pista facendo vediamo anche tribune accl~tmanti e i due ponti-tunnel della Pirelli e della Marlboro. Il cruscotto contiene i controlli dell'olio. del motore, delle gomme, della potenza, del cambio e del carburante. Poi c'è lo cteno e il cambio a cinque marce con la retromarcia se dovesse venirvi voglia di andare contromano o se più seriamente vi servisse per tornare in gara dm po un testacoda. Un giro di pista simulato al G.P. di Monza dura piii o meno m me uno vero e dwete percorrere tutti i giri previsti per '

vedere la vostra posizione finale, guasti e incidenti permettendo. Durante la gara potete costituire le gomme e vedere i replay delle azioni più interessanti: sorpassi o sconquassi incidentosi o altro e potete seguire sul radar che ha la stessa sagoma a pistola del G.P. di Monza, la vostra posizione e quella degli avversari. Negli specchi potete controllare le mosse dei piloti piri vicini. Alla fine: classifica generate e un giudizio tecnico e agonistico del coftware suiia vostra candotta di gara, con eventuali consigli per un migliore piazm mento. Questo e altro nella opzione s'mulazione. In quella arcade le regale sono di verse. Il circuito non cambia e non cambiano i partecipanti. Potete scegliere la macchina e il pilota (anche il vostra nome va bene...l e prepararvi al giro di qualifica. Durante questo giro verrà preso il tempo e avrete un pasto nella griglia se sarete riusciti a fare almeno il tempo minimo. Partenza della gara e tempo che decresce fino a zero: in questo tempo, cercando dì risparmiare più secondi possibai; dovrete fare un giro di pisQ. Ogni volta che tagliate il traguardo il software vi dB I'extended play, ci08 un tempo aggiuntivo per fare il giro successivo e così via teoricamente in eterno. Nello stesso tempo avrete anche il problema di vincere la gara, ma non quello di evitare collisioni e rotture se non per il ternpa che perderete: nella opzione arcade a differenza dj quello che succede nella simulazie ne, non ci sono collisioni fatali e gomme, etc. non si consumano mai. Pia giocabile e interattivo, non trovate? Simulatore tecnico e valoce dei Gran Premio d'Italia a Monza, Formula 1 TreD utìlizza la tecnolagia &i veltori solidi per dare il massimo realismo e la massima iibert A all'interattore. In settembre ci hanno messo le mani alcuni piloti di F1 (Nannini, Martini. Larini. De Cesaris e Capelli) per dare il loro pare re autorevole.

Wfornia Drearris Caìifomia Dreams I Arniga. CGA, EGA, VGA

e,

Non credo che questo bellissimo prdotto sia distribuito ufficialmente in Italia e h cosa mi dispiace alquanto perché ciò significa che la pirateria farA festa. Pefd io voglio ugualmente parlarne diffusamente perchb è un in'terattivo supermeritevole per qualith tecnica. originalità e senso deil'humriur. uSono Ricky di Milwaukee. &alcuno di voi si ricorder&ancora dì me per via di quella serie di telefilm che non voglio nominare,ma che avrete visto tulti. Sona appena uscito da Street R d con l'incarico di padarvi di questo simulaore di American Gmffiti. Lo faccia con buona lena, perché gli amici di Francesco Carla sono miei amici

,

simulati. Credo che tutto a b bia avuto inizio quando ho comprato quel giornale di Los Angeles. Nella zona delle auto usate c'era una Corvette del 1958 che mi faceva letteralmente impazzire. Il problema era che costava 6000$ e io ne avevo solo 750. Cod ho dovuto, non ditelo a Fonzie, imbarcami in una stupida storia di corse in macchina sul vialone che porta fuori citià. Prima perb ho dovuto comprarmi una scassata Buick del 1946 che ho truc ca.to giù in garage e con quella mi sono pianato fuori al bar aspettando che qua& che teddy boy mi sfidasse. Lo fanno sempre e quindi, non C ' & stato m'olto da aspettare. Con un tipaccio con un tatuaggio e una C h e vrolet un po' andata ho scommesso 100$. Cosi qualche minuto dopo mi avreste dovuto vedere attac-


1-

.

.

-

1

-

-*'

Street Rod.

-7

1'

I

cato al volante della mia Buick, immerso nella notte e deciso a tutto per stare davanti a quel tipo e fare un po' di $$$ per la Corvette dei miei sogni. Mentre attaccavo le curve più difficili pensavo a mia madre e a mio padre che mi credevano al bar a succhiare un milk shake e che non sapevano neppure che ave~siuna macchina. Insomma,;non la farò tanta lunga: ho perso quella corsa e mi sono sfracellato contro il parabrezza. Ma non fa niente, ho qncora un sacco di vite e fra goco sarò ancora davanti al bar con un'altra carcassa trovata sugli annunci econcmici. Non rn'interessa dei soldi, lo faccio solo per I'interattività. E per simulare gli anni Cinquanta dentro una bella macchinai>. Neanche noi lo facciamo per i soldi, ma per la vecchia pelle dei sedili delle Chrysler e per i vestiti verdi e azzurri delle pupe con i codini biondi. E se posso suggerire un upgrade: vi prego, un simulatore di traversata coast to coast da New York a Los Angeles. Con quella Corvette da 6000$.

v

wme Anco

Solo un anno e mezzo fa la Ancu era considerata una delle peggiori software house del mondo. E in fondo era vero, anche se il suo boss Anhil Gupta era uno dei

più simpatici e furhacchioni personaggi dell'industria interattiva. Poi e uscito Kick Off. E l'immagine della Anco ne t? uscita trasformata. Ammaliata dalla giocabiliti e dalla grazia del migliore simulatore di calcio disponibile, la gente ha cambiato idea anche sulla casa di produzione. E stato interessante: quando Kick Off B uscito ha stentato ad essere recensito. Non si itrovano riviste interessate a $aidare di un s o h a r e della Anco. Poi qualcuno lo fece anche se i giudizi, certo bue ni e come poteva essere diversamente, rimasero lontani dall'entusiasmo che Kick Off avrebbe di lì a poco suscitalo nel pubblico. Poi I'effetto tam tam, accentuato

dalla nota propensime del software ad essere ({scambiato)>con facilita. E la stranezza: Kick Off sedici bit, (per il Commodore 64 Kick Off è molto brutto) Amiga soprattutto e Atari ST un po' meno, sì vendeva benissimo

nonostante ci fosse in giro la copia sprotetta. Sembrava quasi che gli user volessero, con i loro soldi, esprimere il giudizio di gradimento massimo nei confronti del prodotto. Certo è che Kick Off è rimasto in testa a tutte le

I

I

!

IblCmicrocomputer n. 180 - ottobre 1990 .


classifiche per più di un anno e non s'B mosso neppure quando è uscito Ptayer Manager, variazione sul tema con in più dovizia di possibilit $ strategiche e tattiche, senza nulla togliere alla parte

giocata. e secondo molti ci resterà anche adesso che & sul mercato I'attesissimo e un po' deludente Kick Off 2. Capita ad una piccola casa. Un prodotto bellissimo viene mccolato con amore e

gli vengono riservate mille cure, mentre, si deve pur mangiare, si continuano a pubblicare cose scadenti. Poi il s o h a r e esce ed ha sumesso. Tutte le energie allora sono per lui. E la casa

diventa monoprodotto e ri- . schia tutto. la stessa storia che vi ho raccontato qualche mese fa con la Access e l'opera di Leader Board e che vi racconterò con la FTL e il suo Dungeon Master. Con Kick Off la Anco B nata ancora (pochi sanno che la Anco discende dalla Anirog, una delle più vecchie software house inglesi...). E molti gli hanno già perdonato Grid Start, XR35 e Tee Up. Ma sono in pochi a rinfac ciargli il tremendo Maria Whittaker X-MAS Strip P* ker, i'incredibile strip poker di Natale.

I I

PW panorama intemtandard (Amiga, W, Atari ST, PC IBM e co.). Tra le centinaia di titoli uscitianche in questo periodo estivo ha scelto alcune cose che mi sano sembrate particolamente merite~oli.Seguono i miei giudizi sulle medesime e le immagini relative

Qualche mese fa vi ho partato di un game della System 3 di Mark Cale, uscito per il C64 e che si chiamava Tusker, Esce adesso anche la versione Amiga, e colgo l'occasione per dire che è buona se non ottima. E buona esteticamente e anche tecnicamente. t interattiva e vivace, veloce e interessante. E nel deserto si possono incontrare miraggi interattivi. Mi è piaciuto molto q u e sto Midnight Resistance della Ocean. derivato da un p? co noto arcade della Data East. Storia: un rambo vele cissimo e superarmato (e si amerà molto di più e di armi bellissime e tecnologiche, se solo sarete sufficientemente veloci ed abili con I'interazione ...l deve assassinare un sacco di gente per liberare i suoi famigliari tenuti prigionieri da un cattivaccio. La

versione Amiga, da cui prcvengono gli screen che v+ dete, B veramente bella. Il ramboide è ftessibile, animatissimo e morbido. E si piega, striscia e soprattutto spara e mena. E poi corre, corre supervelox in un ambiente simulato gornrnossissimo e scintillante, ambiente reso di continuo interessante da pause di suspense e agguati decisivi. Uno dei migliori vi-

MCrnicrucomputer n. 100 - ottobre 1990

Tusker

L,:

$

' -

: .

1


deogame di questo tipo che conferma I'abilit8 della Ocean nell'adattarnento di software arcade. Tralascio di interessarmi a Matrix Marauders della Psyclapse e Web of Terror della Impression. perch8: dovrei dire atroci cattiverie (che cattiverie nan sarebbero data la scarsa qualità dei due sofiware di cui sopra...l e dedico le prossime righe a The Punisher della The Edge, versione interattiva di un recew te fumetto della Marvel che sta avendo un buon successo. Figura moderna di Robin

sparatoria che mortifica a b

bastanze lo spessore del personaggio. Non male la qualità estetica, anche se le due macchine pistol che v e diamo in soggetiva (noi interagiamo, per così dire, da dentro il Punitore...) potreb ber0 essere di chiunque. Venus Flytrap della Gremlin, disegnato da George Allan e da Greggs Berni, è un The Future anche in versi& ne sofìware. Ho provato un demo giocabile e il videog* me mi sembra carino e il personaggio riuscito e ve[@ ce sul suo skateboard atomico. Probabilmente ne ripar-

lerd. Mi è piaciuto moltissimo The Hoyle Book Of Games n. 2 della Siem, un simulatore dì solitari con le carte da poker. realizzato con tremenda cura e con particolarissi-

The hnisher.

H.od intenzionato a punire i mtti3i per restituire ai buoni. il Punitore le cui storie sono in edicola anche in Italia, è qui impegnato in una grande

ma attenzione all'interagibilisimulatare di mosca camminante e in qualche caso v+ lante. che ha l'interessante particolarith di funzionare anche al rovescio. Questo capita quando la mosca. nostra intsrattrice. esegue una spettacolare capriola per evitare un ostacolo e si ritrova nel manda a specchio c o m preso nella parte alta dello

t 3 delle carte. Diretto da Ken screen. Procedendo ottusamente verso destra, la m o sca incontra, e se siete in gamba supera, ostacoli e mondi non eccessivamente interessanti. Lo ricorderò per quel sogno della vita a specchio. Uscirà da qui a poco, op pure è giA uscito mentre mi leggete, il sequel di Back To

Williarns che della Sierm 8 il presidente e il fondatore, fa venire una gran voglia di cimentarsi con le decine di solitari simulabili, anche se di nessuno di essi in Europa qualcuno sa niente. Fortuna che alcune brevi note d+ scrittive sono disponibili. E uscito per Amiga p PC IBM EGAIVGA.


Future Ciassic.

Dalla Millennium, nuovo

nome della ex logotron inglese, escono quasi wnternpmneamente due titoli dal valore assolutamente diverso. Di Thunderstrike sono costretto a comunicarvi senza tanti infingimenti che si tratta della solita solfa vette rialelspaziale, privata dagli autori del benchb minimo interesse interattivo; di Resolution 101, invece, che è stato disegnato dagli stessi visonari simulati che avevano pubblicato l'anno scorso Archipelagos, posso dire che sarebbe un capolavoro se le capacità tecniche ed esteriche del team che sono eccezionali, fossero state mixate con un fagottino di buone idee. E purtroppo esse qui non si presentano. Resolution f 01 B il solito atollo di violenza interattiva nel qude la comunicazione B ristretta alla sparatoria. Dagli Stati Uniti arriva una collection di cinque game classici. rivisitati da Curt Tournanian per la Live Studios. Dei cinque titoli mi è piaciuto soprattutto Block Alanchè che è un clone di Block Out migliorato e Lost'n Maze che ironizza sulle sparizioni interattive nei labirinti. Niente di particolare da dire su Disk Man, Tank Battle e Diet Riot (ricorda Burger Time) che compietano la compilazione. E un p r e dotto interessante per i n u e vi arrivati. Negli Stati Uniti e nel resto del mondo è molto vivo il culto della Harley Davidcon. Celebrata da migliaia di chilometri di celfuloide cinemate grafica, eretta a simbolo di più generazioni. negli ultimi anni è diventata un feticcio

.'

della società sparita del dopoguerra e nella versione originale degli anni Cinquanta & wntesa a sacchi di dollari. Alta Mindscape è venuto in mente che poteva forse diventare il centro iconico dì un buon prodotto interattivo. Cosl B nato Harley Davidson, simulatore delle gesta della motocicletta più famoso del mondo. Devo dire che il mito non ha retto troppa in versi* ne simulata e forse I'Harjey si meritava un team pih esperto in faccino e fascin* zioni. Qui C'& solo un raid negli Stati Uniti e un brutto freak anticipata in &la alla Harley nera. Marton Bmdo l'avrà presa male. Bandit KEngs Of Ancient China B un nuwo titolo ddla Koei che si sta specialimndo in software di argomento orientale, visto che ha in uscita anche un intemttivo su GENGIS KAN. Disegnato da Kou Shibousawa che occidentalissimo nel suo albero genealagico non deve sssere, Bandit Kings... e un vorticoso simulatore di scontri e di situazioni legate alle continue e terribili lotte. che a v e vano per teatro il grande im-

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

pero. Sviluppato con la tecnica del montaggio di finestre in p i m l e zone dello screen, ha il suo pregio maggiore nell'atmosfera che si riesce a creare. La US Gold sta migliorando continuamente la qualità delle sue versioni di coh ops


e questo Dinasty Wars della Capcom è probabilmente uno dei massimi risultati finora raggiunti dalla casa inglese. Il tema B quello delle rivalità dinastiche che periodicamente si accendevano nel Giappone antico e il focus deli'interattività è centrato sulla grossa quantitA di violenza simulata che le varie famiglie usavano per dirimerle. Adesso che i giochi originali buoni sono cosi pochi, comincio a trovare sempre piii interessanti alcune ottime versioni arcade come questa e come la succitata Midnight Reaistance. TheKilling Game Show della Psygnosis è uno spettrale videogame che deve molto a Xenon 2 e parecchio ad una moltitudine di altri videogame che non citerd perché l'elenco sarebbe interminabile. Un mezzo da sbarco sirnile ad un insetto, B stato sprofondato da non so quale triste sorte interattiva in una profonda caverna piena d'a* qua. Uscirne, vivere, morire, sparare, questi i soliti verbi che è necessario coniugare da quelle parti. lo non ne ho

1

l'intenzione. Oltretutto lo scrolling è traballante e acce cante, e l'unica cosa che mi piace B l'acqua. La ARC ha pubblicato la versione sedici bit di un titolo di Jeff Minter che a sua volta ha l'aria di essere una specie di clone di Space Duel, vecchio vette

riale a linee coloratissimo e divertente della Atari, seguito ideale di Asteroids. Il soHware s i chiama Photon Storm e sono sicuro di fare bene a cansigliarvelo. Non B uno di quegli interattivi cui ci stiamo abituando: monolitici duri e spettrali. E un caleido-

I

scopio d'invenzioni visive, connesse con coscienza del mezzo interattivo, a volte sorprendente e brillarrte. Lo stivo nei ricordi dei pionieri della simulazione. Dalla Eagle Tree Software esce Chinese Chess, simulatore grazioso della dama cinese che suggerisco soprattutto a auelii che ne con& stono le ;eg&. Non che e& se siano complicate, ma certo possono far arretrare chi ne sia digiuno. Sempre di argomento orientale B Shadow Warriorrs della Tecmo giapponese, sistemato sul monitor a quattordici pollici (ma non B proibito collegare I'Amiga ad un TV cator jumbo da 36...) dalla Ocean. Anche qui botte da orbi come di pxammatica e la particolar i t i interessante, dimostra che i generi circolano tra i vari mezzi incessantemente, dell'uso delle maschere da Hockey giA viste in Friday the 13th da parte di alcuni bellicosi guerrieri simulati. Anche se qui fanno meno paura e si disintegrano alla prima mazzolata. Ben gli sta. E adesso due titoli entrambi legati all'Atari. Sull'Atari ST potete simulare, B la prima volta, Hockey Pista, ci08 Hockey a rotelle, grazie all'omonirno software -della

MCrnicrowmputer n. 100 - ottobre 1990


Lindasoft, casa italiana d' software che porta il nome della figlia del ritolare e del mentore, Mr. Benaglia, anche e soprattutto software manager deIl1Atari Italia. B e naglia e il team della Linda sofi hanno tutti i titoli per interessarsi di Hockey a rotelle, visto che Benaglia medesimo è anche dirigente dell'Hockey Monza, squadra campione d'ltalia 1990 di questo sport che mi assicurano vorticoso e affascinante. Il simulatore delta Lindasoft adotta la vista aerea e I'irnpostazione videogame. Pattinare per credere. Dopo la prima presentazione di quafche mese fa molta gente ha comprato il Lynx delI'Atari. E io sono fiero che così sia stato perché il portatile a colori se Io meritava. Solo che, avvertito in quella recensione, tutto il successo futuro del Lynx sarebbe dipeso dal software. Quantità e qualits. Dall'Atari mi arriva il sesto titolo disponibile do-

Una quarta immagine dr Dinasty Wars.

Losth Maze.

Die t Riot.

The Killing Gomn

Bandir Kings In Ancient China.

MCmicrocornputer n. 100 - ottobre 1990


po i primi cinque messi sul mercato insieme alla mac-

china. t un famosissimo videogame multiplayer delconquests of ~ m e / o t . W

I'Atari arcade cui rnomen est Ghuntlet. Bellissimo. lo dico subito a scanso di equivoci. Solo che credo che il genere bbirintico non sia quello più adatto a questo tipo di console che ha lo schermo di

pochi pollici. Perci&, occhi qcassati a parte, invito,a)l'acquisto di Gauntlet che potete anche giocare collegando Lynx tra loro e spero che al più presto arrivino sul serio le promesse card di Hard

I

.

1,

.:

;:,q-

F,x-'T.?--.T-r.r!r ;-, -., , I . . '"'. J.,,-;z:m;' '

8

.

Drivin' e di altri furibondi gic-

chi sportivi e di guida. Secondo i miei amici all'Atari Italia, negli USA ne stanno per uscire una marea. Li attendo con entusiasmo. L'ultima awentura della Sierra B anche l'ultimo titolo di cui ho intenzione di ~ a r i a r vi in questo panorama' di ottobre. Conquests Of Carnelot usa il solito tool Sierra ben conosciuto e a volte a p prezzato. Al centro della s t e ria i cavalieri della tavola r e tonda notoriamente residenti nella ridente contrada di Camelot. da cui il nome dell'interattivo. Inutile dire che siete di fronte ad un'immensa quantità di dischetti da infilare nel vostro hard disk e auindi ad una ororiorzionale suantitd di tempo necessaria per sbrogliare I'intricatissima matassa simulata. Vi basti. mentre vi accingete a cid. sapere che nulla del regno di re Artù e dei suoi discutibili cavalieri B stato trascurato. Comprese le fatteue e gli intrighi delle donne. Che ritrarte in risoluzione 320 per 200, pixel hanno un fascino t u t t o particolare. E, cosl chiudo. YiC


Realizzazione ed istalkione reti da 2 a 300 posti hvom sotto DOS - Xenix Ukiix

-

amiqpr~base:

-

HITACHI OCE HOUSTON MUTO SamerArO-p.datip@b ROiAND8pemeA3 fire 1-5m.m

Studio e reabwicrne software personalizzato Assistenm tecnica Corsi individuali

1Ub ram =p a 4Mb [per ATi6)8Mb per rata ChbhetSIìmoBabyowalim.daAW]Wwn TBstom eturb spkhiHL,Tas~lOlmtik mppy da 12MblI1.44Mb HDda20MbvèlqceSeapte3,Y5CTTS4 Scheda video B h q . Hmdes-CGA MMm 14' bfbimco b i € q . W t e DesorigimieinI~ianocwmanuali Mome Smti seriale oon s o h m e 2saiaii l paraiieh

P m t m i e elSwghi..L. 365.00D P a m m n i c ~62~4l01 i 10 ~-dcwwgiuz

455.m

P m n i c 136mI24agL. m Star L C 2 4 - 1 O ~ L599.m OiiwettiDM998Mh L 299.W

LiL 1,M.m-

EPWN--N-= OFFERTA DTP P-nic hm f m e r e mouse b&cB

eServixia k ~ n k ~ sono la ficrstra arma

Ut. 2.m.m

12 m e i di gmmzh

~

3oaow

~ ~ + F . - 55aOW ~ ~ l q i k c h + l i a a g e - I P J I P J " " u8 m5am ~Rlot~tecb-, h 75.m

H D d i ~ - p t c ~ , - . km u 0 0 HD&sshmFmjibishsikdim #.m W A l s b i t l ? & ò ~ - . - - - L k e 299.W

~ - . , - , . . . - - . - - . " A l c #.m mmJwh...-mliia mm ,---

+d i isaomi C h p p o d i ~ t . d a ~ . . , - ~ - ~ & ~mT d & & ..-.,,,., Lire mm ww*

00144Roma EUR Tei. 592 19 77 -78 Fax 69


ARCHIMEDES

Approfondimento prima parte di Massimo Micmii

Dopo i'overview curata da Bruno Rosari, prende ilvia da questo mese la seconda parte del corso SUIR. O. (RISC-OSI. È owio che i'oven/iew di Rosati B da

4. , -

,

!

,

considerarsi propedeutica a questa seconda parte, vi rimando quindi a tutti i precedenti articali sul/'argomento (MC96.98). Noi considereremo l'overview sul R.O. come una specie di sommario generale di ci6 che tratteremo ed analizzeremo nei nostri futuri appuntamenti mensili. Senza perdere continuitd di logica, partiremo dall'introdurre in dettaglio /e S WI, owem le chiamate aVdi sistema. Analizzeremo in particolare i parametri che esse coinvolgono ogni volta che vengono chiamate in causa e per far ciò daremo innanzitutto un 'occhiata alla strurtum dei 76 registri user del ARM. Cercheremo ancora, quando possibile, di eseguire I'esposizione filologica del Programrner's Reference Manual. Una volta vista la Struttura generale dei registri e come essi vanno gestiti e manipolati nell'uso della SW1 ($oftware Interrupt), tratteremo dell'intemzione fm le diverse S W1 e i moduli stessi che le contengono, cercando di seguire ancora una volta it modello satomico~fra Kernel e Sysfern extension modules proposto daiPHM. Assodato ciò, passeremo in rassegna mese per mese ogni modulo di estensione del R.O., ponendo l'attenzione sulle SWI in esso contenute cercando di svidenziare i legami che intercorrono fra modulo stesso e Kernel. Dopo questa breve e necessaria introduzione entriamo nel merito della questione.

ARM CiP SET Oltre aIIIARM,vero mvailo da tiro di Tutta l'architettura hardware di questa

risc machine, sulla piastra madre delI'Archimedes trovano posto altri tre chip che affiancano I'ARM nel suo oneroso lavoro: il VIDC, ovvero il video controiler che oltre alla gestione del video si occupa anche della gestione sonora di Archie. il chip IOC per la gestione Input/ Output, interrupt e periferiche, ed infine il MEMC per la gestione della memoria e t'interfacciamento fra ARM, VIDC e IOC. Nel nostro corso ci occuperemo ovviamente di detti chip. In particolare li analizzeremo in dettaglio ogni volta che verranno direttamente chiamati in causa dal R.O., o per essere più precisi. dalla relativa SWI. Per il momento, ci basti sapere. che sia i chip che le relative periferiche, come i floppy e le stampanti, sono visti dall'ARM come semplici locazioni di memoria. Rimandando la trattazione deli'argornento ad un m* mento più propizio, ciod a quando disporremo di piU elementi chiarificatori a riguardo, diamo uno sguardo all'organizzazione della memoria attraverso il MEMC. Il R.O. usa il MEMC per mappare la memoria fisica in 16 Mbyte di memoria logica. La base di detta memoria logica è a 32 Mbyte. Il Risc-OS, non può direttamente indirizzare questo spazio di memoria logica, per questo motivo crea ad hoc, in accordo con l'ampiezza del BUS indirizzi delllARM che B di 26 bit, uno slot di 32 Mbyte per un totale di 64 Mbyte di memoria indirizzabile attraverso il BUS stesso (26"2=64Mbyte]. Questo dot di memoria. può essere mappato attraverso il MEMC, in pagine di memoria logica. La mappatura può essere di tipo ONE-TOQIiIE o ONE-TOMANY. il tutto sempre riferito alle pagine. Il R.O. può leggere e scrivere solo pagine con Mapping ONE-TO-ONE, mentre usa il Mapping ONE-TO-MANY quando pih applicativi vengono caricati

in ram allo stesso indirizzo (di solito dalla locazione &8000 in su). AffinchB il processare possa all'atto pratico servirsi della memoria, il BUS indirizzi viene affiancato nella sua opera dal DATA BUS. owero il vassoio sul quale I'ARM preleva e poggia tutti i dati di cui necessita. L'ARM ha un DATA BUS di 32 bit grazie al quale B in grado di manipolare dati di pari ampiezza, una WORD (parola di 32 bit). Una istruzione è contenuta in wia intera WORD. il che significa che in un solo ciclo I'ARM B in grado di processare una intera istruzione, e non è tutto. Grazie all'implementazione del Pipeline in un solo ciclo, mentre un'istruzione viene prelevata dalla memoria, un'altra viene decodificata ed un'akra ancora eseguita e così a seguire. Da ciò deriva la gestione della memoria in WORD allineate. ovvero mappate in memoria in celle multiple di quattro. Se cosl non fosse il Pipeline non sarebbe in grado di processare in un singolo ciclo tre istruzioni intere. M a torneremo sull'argomento quando ci occuperemo del MEMC; per il momento ci occorre sapere che I'ARM lavora su dati di 32 bit di ampiezza. L'ARM dispone di 27 registri interni da 32 bit. Di questi 26 registri solo sedici sono accessibili da parte del programmatore, ed in particolare due di questi registri svolgono specifiche funzioni: il registro R15 riservato ai P r e gram counter, e il registro R74,il quale svolge la funzione di subroutine linker. L'ARM ha quattro modi diversi di operare, I'user mode. modo riservato all'utente per l'esecuzione dei propri applicativi, il Super Wsor M o d e (SVC) ambiente operativo delle SWI, Interrupt Mode (IRQ) riservato al trattamento delle periferiche ed in fine il Fast Interrupt Mode,modo privilegiato per la gestione delle periferiche. A seconda del modo nel quale I'ARM opera, i sedici registri user assumono una diversa configuraziane. cosl come riportato in figura 1. Sempre dipendente MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


Pigura 1 C d i r a z i a m dei registri w r a manda &l modo o p m t i v o delFARM. User Mode

SVC Mode

IRQ M&

FIQ Mode

RO R 1 A 6

dal modo operativo è il ruolo che rivestono i registri R I Z S V C , R I U R Q e: R I L F I Q i quali vengono usati come stack pointer per il salvataggio dei registri, prima di eseguire il cambiamento di modo operativo. Il registro R15 come gih osservata r i c u pre il ruolo fondamentale di program counter (vedifigura 2). In pratica in esso è contenuto I'offset delta successiva istruziom da prelevare in ram. A questo specifico scopo e riservato nel registro R'15 il field di bit che va da 2 a 25. A questo punto il lettore più attento n o t e rà una discrepanza che risiede nel fatto che in precedenza abbiamo visto che il BUS indirizzi dell'ARM e di 26 bit, mentre I'offset di fetch istruzione B allocato in 24 bit del registro R75. Questo accade per la particolare configurazione della memoria che, come giA più volte detto. è strutturata in WORD allineate i cui indirizzi hanno sempre i due bit più bassi posti a zero. Per questo motivo i due bit low 'non vengono considerati nel

p -

R7

-

R8

Wfq

R9

R9W4

RIO

RlO-fiq

Rl1

Rll-lis

.

R1Z

R 12-As

R13

R1-C

Rl3-irq

R 13-fq

114

R 14-svc

Rl4-irq

R14-i-14

R H (xmw

-or

-2 11m&ro R1S con reiattn flae di siaio.

O

I

O

1

,M:31-fO E,,

:

29

28

27

26

MCmicrocomp~rter n. 100 - ottobre 1990

I

1 Fagt Wermpt mode (FIRP)

mI;--i;Fc,,l,;.q+i

1~~rmoQefSVCICj

ll

i 2 1

25-

O

--

-

L

FRQ:FS% Iniermpi daaable IRQ :h~twniptdhble

ovcmow

--

Il modo più efficiente per accedere alle routine di sistema &t R.O.,B attraverso l'uso delle CWI. L'uso delle SWI rispetto all'uso delle direttive impartite da Comrnand Line risulta essere molto piiì duttile, ed in

nmde :

OIhmode

I1 , , , .b,I

R15. Oltre alla funzione di PC (Program Counter) questo registro si occupa di settare, attraverso i suoi due bit pih bassi (bit 1.0},il modo operativo &l processore. mentre i bft da 25 a 31 sono riservati alla memorizzazione dello stato dei flag. owero a quelIe particolari condizioni che si verificano dopo aver eseguito una qualsiasi istruzione, o nel momento in cui si verifica un errore di sistema. Come vedremo in futuro appuntamento, i'irnplementazione di flag di ~ t v to, permette la realizzazione di istruzioni condizionali molto potenti, caratteristi= peculiare deli'ARM.

"

cm

-

Zero

-

Ne~atiue

.,


BASIC

-bkr -pio

-Ho

l

I @nsic =rnhIer)

MOV RO,#65

MOV R0.#65 ;catimmenio io rO del d i c e ascii &l carnitere A SW1 O :siamp del caraitm

;caricamento in r0 &l c o d i ~ eascii di A

S W "0s-Writd? ;sramp del caratiere Qoesto escmpio,non BiFferisce molto dal primo esempio visto in

Mmpio h locaiiom.

m b l e r . T w n e che pet le virgolette che ccirr-hiudono h SWL Va s o t t o h t o it ratto che in ~ m b k r . SWI k m a o esiere chiainaie solo ailraversti il proprio nome.

o di SW in ambleraltraverso il proprio numero di

ampio 2 M D W RO,#65 ;caricamento in rO &l c d c e ascii del carattere A SWI OS-WrlteC ;stampa del caratitre

esempio 2 (interprete bpsic)

SYS "O!-WriteCm,65 A ditdeli'estmpio 1, qui' viene usato il Mme d e h SWI ai m t o del suo i d i r k m di locaeioneln ogni modo, li ~~ aara' a m b l a i o , i 24 bh di identificazione della SWI verranno lutti posti a m,

In questo caso,lc SWI vengono iwocak dimtammte dal basic m&11 Mw SYS,i1 quale awerle I'interpme delh pieserua mSWJh notare in prticolare jl direiio del pmmetro.

Linguaggio C

--1

-mi--

rrgs; P d M i m P o n e della stmtim dei registri *I

-65; Pcarbmmlo in rO dtl codict ascii di A krnel-swi((3-Writ&, Brregs, &ED); P chianiah della swi

*/

*/

Questo e' un ampio deih siatassi L seguire quando risiaia0 il C Ra -re che in C, i registri w r vengono scisiiirriti da pseudo

rtgistri,oppmtunamnlemliaaii tramite linguaggio.

di memoria senza scomodare il Kernel stesso. Per forra di case, dobbiamo interrompere anche questo argomento per il momento, per riprenderlo in rnaniera più approfondita quando ci occuperemo dei vettori software del Risc-

0s.

1 24 bit di identinmzione i 24 bit di identificazione delle SWI icolare permette una notevole pararizzazisne delle mutine stesse. Ed

programma inkntra una SW?. effettua' un cambio di r n d o operativo. passando

allocano tutte le SWI di sistema nel range di memoria che va dall'indirizzo O all'indirizzo &3FFFF (16777215). Questo

outine è immagazzinata. Risultando

la routine. il registro R14 restituir$ il

delle SWI, cioè quando le invochiamo

RAM che implementi SWI di si-

parole non tutte le SWI richiedono per la propria decodifica accesso diretto al

della configurazione che assumono i bit in essi posti.

ione di routine di sistema, ognuna

maggior parte dei casi cioè quando non

sono posti a zero mentre sotto RISC iX

MCrni~rocomputern, 100 -ottobre 1990


Read

kaddress

Wriie

3FFFFFF

Logica1 t0 Phial Addlì-aslator

ROM 0

metro in ingre,sso viene fornito attraver3&Mm

-4

DMA A d h s

m m m

ROM ( l o ~ )

3690000

Video Comller 3400000

Inpa/Outpii Cmtrallers 3000000

*

Pbisically Map@ RAM

2000000

hacdMapped RAM 0000000

Nello specchietto, e' riportafa b mappatura deih memoria di Archie.Le zone asteticcatepssmo eswre u t i b t e soh

mi modi SVCJRQ e VQ.

ca del software attualmente residentè implementante SWI. Ad esempio, I'Operating System che implementa te SWI con prefisso OS (0s-Word, OLWriteC ecc.) ha entrambi i bit posti a zero, mentre le SWI implementate nel Dpemting System Extension Module hanno il bit 19 settato ad 1 ed il 18 a O. Il bit 17 o come riporta il PRM bit X viene usato per il trattamento degli erre ri in esecuzione SW/, cosa che vedremo in dettaglio quando c i occuperemo del trattamento degli errori. Il field 6..16contiene la locazione di memoria a partire dalla quale saranno allocate consecutivamente 64 SWI. Questo field di bit è di-fondamentale importanza per ia creazione di moduli di estensione rilocabifi. I bit 0..5 identificano un gruppo di SWI in un unico blocco di memoria. In genere per usare le SWI, non occorre conoscere tutti i dettagli tecnici che abbiamo visto fino a questo punto, anche perct-18 ogni volta che ad esem-

pio usiamo una SWI tutte le situazioni che si verificano. come cambiamento operativo del processore, salti a locazioni di memoria e via dicendo. vengono eseguite in background senza coinvolgere I'user. D'attm parte tali conoscenze tecniche se pur barbose per i pih incalliti smanettoni, diventano assotutamente necessarie quando vogliamo estendere il sistema operativo creandoci delle SWI personali ad hoc.

I parametri IN/OUT Tutte le SWI possono essere considerate come funzioni le quali una volta passati loro gli opprtunì parametri ritornano valori. Per fornire parametri alle SWI dobbiamo servirci (owiamentej dei 16 registri user dell'ARM. In generale non tutti i 16 registri vengono usati. Quando invochiamo l'e secuzione di una SWI al massimo vengono usati 7 dei registri disponibili. NeC la maggior parte dei casi il primo par&

3

Bit 31

O

t-

Iacaeim O

Byk3

Byte2

Byk 1

ByteO

Word 9

iA&m 4

Byte 7

Byte 6

Byte 5

Byte 4

(W&

Locaziooe 8

&te11

-10

me9

ByteI

wod 2)

Lodm 12

M 1 6

Byle14

me13

3yteI2

g v o d 3)

StmtlumPm &h memoria in Word allineate.

MGnicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

1)

so il registro RO. il secondo tramite R2 e così via. Non sempre i 32 bit dei registri sono sufficienti a passare dati alle SWI. In

particolare una stringa di caratteri facilmente supera l'ampiezza di un registro; lo stesso accade se il parametro da passare è un numero che nella sua rappresentazione eccede i 32 bit del registro. In entrambi i casi il parametro passato B un puntatore alla locazione di memoria che contiene la stringa o il dato numerico ed ancora vedremo in seguito, soprattutto quando tratteremo le routine del WINDOWNANAGER per la cui gestione sono richiesti addirittum blocchi di dati, che anche in questo caso verranno passati alla relativa SWI o routine, attraverso un registro contenente il puntatore alla locazione di memoria in cui tale blocco 8 immagazzinato. .

La pratica Fin qua ci siamo occupati della teoria. ora cercheremo di vedere qualche applicazione pratica dell'uso delle SWI. Per il momento non ci preoccuper&mo molto delle SWI usate negli esempi anche se su di esse c'è ben poco da dire in quanto sono state scelte quelle più semplici dal punto di vista didattico. Infatti tutte le SWI riportate nei piccoli listati di questo mese, prendono un soio registro in ingresso. D'altro canto, quello che sopratturto ci preme in questo primo appuntamento è rivolgere la n e stra attenzione sulla sintassi da seguire nell'uso delle SWI in quanto non sono ammesse libei%à di nessun genere. Se prattutto quando le djgitiamo attraverso il loro nome devono essere scrupolos+ mente rispettati tutti gli spazi, le maiuscole, le minuscole e il classico trattino che divide il prefisso dalla funzione. Le SWI possono essere usate con qualsiasi linguaggio di programmazione di sponibile per Archie. Ovviamente a seconda del linguaggio. la sintassi da seguire assume rnorfologie diverse. Nei piccoli esempi che accompagnano l'articolo è usata la SWI OLWriteC, la quale prowede ad inviare su tutti i canali correntemente attivi, il carattere corrispondente al codice ASCII passate gli attraverso il registro RO. Bene, il nostro primo appuntamento termina qui. Spero di non avervi annoia to fin da questa prima puntata, il che sarebbe un bel guaio vista la mole di lavoro che ci aspetta in futuro e che questo prirn.0 articolo non $ altro che una piccola introduzione al Risc-OS.


Claris Cad quila non capif muscasii, dicevano i latini, e per la precisione Suetonio, che dei vizi umani doveva essere buon conosc; tore. L'aquila non capisce le ragioni delle mosche tradurremmo letteralmente noi. Vale a dire, in altre parole che chi ha di più ben difficilmente riuscirebbe a capire le difficoltd di chi invece neM'oro non naviga e, di conseguenza, non ha a disposizione tutto quello di cui ha bisogno. Facciamo un esempio; alla sua c o m parsa il Mac non aveva certo molto software a disposizione; gia bastava giocherellare un poco con MacWriter e iì vecchio Paint (che additfttuta giravano su macchine con 128K. che tra l'altro dovevano contenere anche il sistema operativo) per senlirsi su un altro pianeta e snobbare i comuni mortali che ancora si dibattevano nelle pastoie di un WordStar non certo facile da usare o di fogli elettronici troppo vicini al leggendario VisiCalc per essere dawero m e demi Allora eravamo aquile in mezzo alle mosche, e così B sempre stato, almeno dal punto di vista della facilità d'uso delle applimioni; man mano che il divario diminuiva, tenevamo le distanze dalle mosche grazie a splendidi pacchetti; tra cui primeggiavano quelli di grafica (potevi non essere così?); si passava quindi dal primigenio MacDra W (che c u munque ha tenuto il mercato per lum ghissimo tempo) agli integrati di grafica pittorica e geometrica come Canvas, SuperPaint, Draw it again Sam, e cosi via! Giunti alla frontiera di questi pacchetti si ritornt3 alla specialirzazione pill pura, con capatavori come Power Draw, Dreams, e fa naturale (e completa) evcluzione di Draw, con la sua versione Il, di cui abbiamo parlato qualche mese fa. Poco dopo l'apparizione di Il, appunto, Claris annunci6 e poco dopo presentd sul mercato un package completamente nuovo, che sulla carta annunci* va potenzialità sorprendenti, tanto da far impallidire lo stesso Power Draw (oggi giunto però alla release 111, che ha ristabilito del tutto l'equilibrio delle f m e in giocol e da far sembrare Dmw Il, che pure ha muscoli da vendere, come un

la guida ali'utente; vestito che, imprawisamente, ci si r i f m un videonastro di tutorial; va stretto di spalle. un volume di corredo al tutorial; E dawero, dando anche una semplice le schede di garanzia. di riferimento, occhiata d'apertura a questo paccheito, ci si ritrova a chiederci some sia stato e una serie di fogli volanti di vario possibile fare un tal salto di prestazioni genere che sono completati dal solito e qualira dai fratello Draw Il, che pure read-me dell'ultima ora. quando provammo defjnimmo come Il software è rappresentato da: uno dei migliori guerrieri in campo! Ma i l'applicazione principale Claris Cad; la cosa che dawero sbalordisce è stata i una serie di risorse finalizzate all'uso quella di vedere che questa cura ricosti- di un'ampia varietà di plotter; una serie di esempi, da usare nella fuente B stata ottenuta senza alcun sacrificio al/'interfaccia haacintosh; in al- visita guidata; una serie di documenti includenti i tri termini chi usa Draw Il non avrà alcuna difficoltà a passare a Cad, e le formati di disegno dei cinque standard sue conoscenze, ancorché approfondi- di disegno maneggiati da Cad; te, potranno essere utilizzate come puit i un esempio di documento di libreria. La configurazione minima per poter to di partenza per scalare le caratteristiche ben più estese di questo pacchetto. far girare il programma rappresentata Ma di questo diremo tra poco! da un Pius (almeno 1 mega di memoria centrale), Cad non gira sui 512 semplicemente espansi nella memoria (ma ormai ce ne saranno ancora in giro?). e, La classica confezione Claris, dal de- per l'ingombro del programma. abbisosign accurato e semplioe, comprende il gna di un hard-disk (per la verità, sarebsoftware. rappresentato dal programma be possibile fare a meno di questo con i principale, di oltre 1 mega di stazza, e nuovi drive da 1.4. ma ormai chi non da una serie di librerie-setupoprioni che dispone più di un minimo di HD) e di un raddoppiano quasi il volume totale. System della versione 6. Ciononostante Il contenuto del package è così com- effettivamente il minimo compatibile posto: con la pazienza dell'utente B un SE, il set di dischetci di programma e anche se un uso professionale dovrà utility; prevedere l'uso del pmessore 68030, un dischetto tutorial, contenente la u? video a colori, e almeno due mega di solita visita guidata; memoria per maneggiare documenti di La window di help del programma. che riporta anche turre b infomazbn~reiattve al &mento

mnre.

MCrnicrommputer n. 100 - ottobre 1940


una e r t a grandezza o per bvorara salto Multifinder. Una laser a, meglio un plotter fina al formato A0 rappresenta infine il meglio dì una configumsione ideale, anche se nm guasterebbe una bsta stampante termica a d o r i , come se ne cominciano a vedere in giro. anche a prezzo non proprio astronomica.

li manuale si apre con una breve ma significativa awerteriza agli utenti di Draw Il che si ritroveram (vengono avvisati) in una eccellente posizione in quanta. mme avevamo già detto, Cad incorpora tutte le caratteristiche di H. Ma la wmiglìanm B solo esteriore; gli utenti di'Draw Il si pkparino ad affrontare lo studio (tutthkro che spiacevole) di nuovi e piii efficienti tml. Si consideri ihfatti, a titolo di esempio^soloquesto; invece dei gi8 noti 9 t001presenti nella paktte di Dmw, Cad ne possiede 25; ma soio formalmente sono il triplo; la particolare filosofia di utilizza di questi tool fa in modo che, in pratica. siano disponibili alcune centinaia di attrsui diversi tra di loro, tra cui, comunque, t2 estremamente facile muoversi. Cad fornisce tutti i mezzi per disegnare. ricostruire, modificare tratti e, linee, poligoni regotari. cerchi, anche mncent k , curve mcardate, s linee, anche pamilole ad altre giA tracciate, Il tutto non solo attraverso il rnouse, ma anche, no vi^ portata al massimo grado di perfezione, mediante un'opportuna finestra di dirnensionamento che calcola e m* stra in ternp reale i valori dimensionali e di orientamento dell'elemento su cui si sta lavorando, incluso i valori di tdle ranza, in un'ampia varietà di stili. Prima però di partire neli'espbmzione di Claiis Cad occorre avere ben chiari (come fatto r i g m r n e n t e notare dal manuale) gli scopi e le funzionalità delle tre famiglie principali di oggetti cui g e nemlmente si accede per il disegno; i, tml. i rnetwli e i modificatori; .per-m d i r ~ m osemplicemente che i tool permattono di disegnare 'ogoetti sullo schermo, i metodi individuano i sistemi d'uso e le tipotogie di funzionamenta dei'tool, e i modificatori permettono di posizionare in maniera appropriata gli oggetti l'uno rispetto all'altro, e di eseguire certe funzioni geametriche. Ma avremo modo di parlare ancora molto di ciò in seguito.

I toal a b tecnim dE' base & disegno i La selezione &i tool segue 1s m n dard giA vi* in Draw; anche qui una selezione semplice è temporanea, men-

-

MCmimcornputer n. 100 ottobre t990

miati da una piccala freqcia suli'icnna

-*re:

Clatis Corpwati~nlnc. Clyde Av8. Mountain View C A m Te/. (4151 W1m Versione ?.M MWihtom? Pltelia: Elwm C& Italia 1M, 3 7 7 Gwizia Tal. W 9 1 1 R8azo L f.580.0eW IVA 119%)

+

tre un doppio click la rende permanente. Il principio generale d'uso B che, nella generallta dei casi, viene selezionata il t m I di disegno. poi viene scelto il metodo e infine il modificatore. C'è da tener conto che numerosi t001(eviden-

stessal, sono articolati secondo la tecnica del popup menu. ~ a l ea dire che A possibile, nell'ambita de1ko stesso ~ m l , eseguire una scelta di opzioni. Infine i W i f i c a t o r i possano essere regalati secondo una serie di preferenze che ren-

de fa loro azione. molto, mediamente o poco sensibile alla prekena ,e alle m t terisfiche degli elementi già presenti sul disegno. Ai contrario della maggior parte dei wnmrrenti Claris Cad possiede una serie numerosa di sistemi di n-aeciamento degli oggetti; ad esempio. un cerchia Pisb essere tracciata specificando tre punti attraverso cui deve prrssare, due punti che rappresentano gli %stremi def diametro, un punto e un vafore numerim, che corrispandonb 81 m t r o e al raggio. 1 cinque differenti ambienti di disegno (DIN, ISO, BS-308,ANSI, JIS) coprono quasi tutte le esigenze di m-

I Anwralawindawdi (swm,c m le due Finestrinedi rinfow e rdimmsimi* che si aggmm &rnSticat?IW7b

8

mmnota de/I'mtto

selezianato: si noti. a sinistra. in fmcb rills tamkka, un esempio dtoolmmu gemrchico.


@ BIinm e nero

A /I setup dei righdli e dei retiri, simile a quello presente in Draw Il; alcuni retini

sooo convertiti

automaticamenta, su stampami

laser.

daII'interpmte Post-

Script

A Il menu icompmiu; interessante il srstema di dupiicazMne pdare, che permette di realizzare efferti grafici di notinteresse; ancora, si noti la pss~~bilità di stabiyire d m 0 i di CUrV8tUfE degli spigdt secondo /e propria prefemnm.

I tool di sllineammm degli oggetti. con /'utile opzione ndistribuisciiu.

dard prof_essionali,e. in caso di specifiche divehe B possibile customizzare uno standard esistente o crearne uno nuovo. Il tutto è pilotato e monitorato da una serie di finestre finalizzate, come quelle che gestiscono tutte le informazioni circa l'oggetto tracciato, o quelle ancora che permettono una serie di controlli di riduzione o ingrandimenti su una determinata area di selezione del disegno stesso. Ma non basta; andando a braccio vediamo come sia possibile duplicare gruppi di oggetti specificando anche la loro disposizione relativa che può essere lungo una linea orizzontale, verticale, obliqua o addirittura arciforme; e su singoli elementi o su blocchi di essi è possibile eseguire separazioni, riunioni, compressioni, fino ad arrivare all'editing degli elementi costitutivi di un elemento (es. poligono, che può essere scomposto nei suoi lati, che possono e s s e x e ~ o separati, i mozzati. riposizie nati come elementi singolari).

All'apertura la finestra di Cad non mostra grandi differenze con altre giA abbondantemente viste; soliti sizing box, scroll bar, rìghetli. ecc.; si notano, però, due piccole differenze; la palette, piuttosto affollata di tool (25 presenze, ma alcune sono dotate di menu gerarchico), e, in basso, proprio sulla barra di scorrimento orizzontale. una serie di box. :evidenzianti alcune dimensioni; a sinistra, in basso, ci sono i box di zoom, simili a quelli di Draw, ma con una presenza in più. Pagsiamo alle nozioni di base della tecnica di disegno; Cad permette di adottare diverse tecniche di tmcciamento, come abbiamo evidenziato in precedenza a proposito del cerchio. Ma la vera differenza è data dai modificatori, in numero di otto, che, per la precisione, vengono detti rnodificatori posizionali, modificatori che forniscono, innanzitutto, il vantaggio di individuare in maniera assolutamente precisa i punti si-

gnificativi del disegno. Ad esempio, per collegare una linea con il punto finale di un'altra linea basta scegliere ii m d i f i c a tore cosiddetto di end-point e la linea che stiamo tracciando si collegherà automaticamente con l'estremo di quella già esistente; ma il vantaggio sta nel fatto che non è richiesto neppure un grande sfono per ~agganciarenI'estre mo stesso; basta accostarsi all'estremo desiderato ed il programma esegue per voi l'aggancio. Ma non è ancora tutto; come dicevamo gi8 prima, in aggiunta ai modificatori posizionali per individuare i punti di disegno. B possibile specificare locazioni, coordinate, angoli, distanze e lunghezze battendo informazioni numeriche nella barra di locazione di cui abbiamo parlato precedentemente; in essa una serie di dati, relativi ai valori precedentemente nominati, che si riferiscono alle varie azioni del puntatore in rdazione al disegno, alla sezione o al riposizionarnento degli oggetti stessi; cosl avremo le coordinate X e Y dell'hot point del cursore, la distanza affzzontale e verticale dall'ultimo punto specificato, l'angolo di rotazione (o comunque, quello con I'orizzontale). la lunghezza e la distanza (sempre dall'ultimo punto specificato). Inoltre la stessa barra si modifica adeguatamente quando si stanno eseguendo operazioni o si stanno disegnando oggetti particolari. come, ad esempio, un poligono (nel qual caso viene mostrato i[ numero dei lati stessi). Appositi modificatori agiscono, inoltre su certe particolari forme geometriche, consentendo di tracciare perpendioolari o parallele a poligoni od oggetti, tangenti a cerchi e archi, figure concentriche ecc. Infine cinque modificatori particolari consentono di agire sull'oggetto per alterare la sua grandezza o forma, e cambiare la sua posizione. MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


' I

flirnivio

Componi Lnyout

uSa~aiitoln-l"

T-

f

l

z

?-.

i

ofantn size l ~~ t l l s

i

Trattlnl...

Trntte: i@ Hldden

OCeater

OTratto lungo OTrstto corto

Lo notevdipmsibilitd d dimens~~onarnento e costruzione della penna; si notino i

presetrelativia certa simbdogia tecnica.

-8

-0 '

/ O

O -0

Angolo

Wmenstene

Le operazioni principli eseguite da questi modificatori sono I'ingrandimento e la riduzione, il ritaglio, la modifica della forma, la rotazione e il rovesciamento. Inoltre attraverso una semplice tecnica, è possibile costruire lucidi sovrapponibili, che risultano molto utili nel disegno tecnico di una certa qualitA.

Il- manuale d'istruzioni Il manuale d'istruzioni è particolarmente ricco di chiarimenti e esempi sull'utilizzazione dei tool descritti. Per la ,verità, come d'altro canto d'uso in quasi tutto il materiale proveniente dagli States, non viene dato nulla per scontato e hnche le più semplici tecniche vengono minuziosamente descritte a fondo. Molte. per la veritd, sono quelle giA note; raggruppare e dividere oggetti, riposizionare e sovrapporre gli uni agli altri, scegliere tratto, pattern, spessore e tipo di linea, battere del testo, tracciare linee MCmicrooomputer n. 100 - ottobre 1990

e rettangoli, arrotondati e non, B del

tutto aderente alla ben nota interfaccia Mac. Ma appena si supera il moment.0 iniziale e si va a studiare di fino il tool che si sta usando. si vede come ogni componente della tavolozza possieda un suo submondo da esplorare. Tanto per capirci, e per usare l'esempio più banale. accanto alla ben nota tecnica del trascinamento per tracciare una linea da un punto ad un altro punto, si affianca quella di tracciamento della metà della linea stessa, o quella di tracci* re, ancora. una linea che va dal centro della periferia. Una linea pud avere tratti diversi e personalizzabili, ma anche endmark raffinati (ce ne sono sei precostituiti), e un rettangolo, un rettangolo arrotondato, una elisse, un cerchia. un arco, e, in teoria, qualunque oggetto possono essere tracciati sia con la solita tecnica. sia specificando i punti caratte ristici. Ancora, le linee a mano libera pQssono essere tracciate tal quali, o

O Paantam O Sszlone

adottando la tecnica delle curve raccordate. tanto cara ai programmi che poi riversano in PostScript. In questo caso, proprio adottando il principio dell'input numerico, è possibile specificare (o semplicemente cliccare) i punti ~ipilotaii della curva stessa perché il programma si incarichi di eseguire quanto gli si chiede. Come ben si sa, infatti. una curva raccordata è una curva destinata a passare per certi punti specifici del piano. Occorre specificare almeno quattro punti del piano stesso destinati a upB* tareii la curva, in base ai quali Claris Cad disegna i[ tracciato usando la tecnica di approssimazione polinomiale cubica cosiddetta B-spline (spline, in inglese B il tracciacu rve f tessibile ben noto in grafica tecnica e non). La tecnica completa di tracciamento e uso delte curve raccordate B pubblicata in D. Foleye e A. Von Dam, u Fundamentat of interactive computer Gmphicsii; non è certo possibile descriverne qui gli usi particolari. Nel caso piu semplice, per tracciare una curva, posizioneremo il cursore sul primo punto, cliccando, poi passeremo al secondo cliccando ancora e cosl via; un doppio click segnerà il termine della cuwa stessa. A questo punto interviene Cad, che traccia la linea e seleziona i[ profilo, mostrando le maniglie già note per averle viste in tante applicazioni, da Quark X-f ress a FreeHand. a Illustrator. e così via. I comandi cifleshaper e c(Srnoothii permettono di modificare, arrotondare, aggiungere o rimuovere maniglie. Non' B certo possibile fermarsi sulle singole caratteristiche dei tool a disposizione in un articola come questo, n& $ possibile e comunque B inutile riassumere un manuale d'istruzioni a dir poco monurnentale, ma comunque chiaro da leggere e facile da capire. Ci interessa 257


La rnanrp0,azme dei fmt anchequestag~ YLFfB SU Dmw.

Cmmttd... @Cambia

menu

0Lembie sui2iane

l fogli p r s m m ' t i

secondogli ctardard pid diffusi.

invece dare, una occhiata a certe temiche di input, piuttosto perfezionate, caratteristiche dei CAD in genere e di questo in particolare; una delle pih pratiche & quella dei tre e quattro punti (a seconda della figura da tracciare), Vediamo in particolare di cosa si tratta. Per tracciare un rettangolo con la tecnica ben nata in altri programmi di grafica, siamo stati abituati a cliccare in un vertice e a rtrascinareii in quello opposto. Esiste però qualoosà di meglio, .mme vedremo. Occorre, inizialmente, scegliere, dalla tavoltszza e dal refativo w g u p menu, il tòol specifico per, il metodo dei tre punti. Dopo di che si posiziona il puntatqre su punto di partenza, poi su quello di arrivo, poi, ancora, sulla distanza. Ecm individuato il rettaigolo nei tre punti cararteristici (estremi di un lato e distanza del lato parallelo da questo]. La stessa tecnica. c m le appartune

modifiche, pub essere utilizzata per tracciare triangoli, punti quotati. sviluppo di disegni dimensionati, anche con i valori numerici accatastati, evidenziazie ne di valori angolari (in questo caso mcorre adottare il metodo dei quattro punti. del tutto analogo a quello precedentet e di quelli c ~ r a t t ~ s t i (diameci tro, raggio, coordinate del centro) di cerchi ed elissi. Ma. ancora pih interessante +I I'uso dei modificatori pocizionali.

I mdifjcaton' posizionali Lo scopo di questi modificatori è di localizzare in maniera facile e precisa particolari punti dell'area di disegno. Tanto per capirci, facciamo un esempio: per tracciare due segmenti con un vertice in comune, la tecnica B quella di tracciare il primo e successivamente il secondo partendo da un vertice di q u e

sto. Questa tecnica presentava alcuni difetti non facilmente owiabili; il più fastidioso era quella deli'aggancio dei due punti in comune, non sempre agevole. che comportava, spesso I'uso della griglia, cosa non sempre desiderabile. o il passaggio a ingrandimenti superiori. Con Claris Cad tutto cid B superfluo; basta porre il puntatore in prossirnia dell'estremo desiderato e l'aggancio è automatico e immediato. Il principio èi sempre Io stesso, quella cioè che anima un po' tutta la filosofia Clarìs Cad; quello della adozione di un tool, di un metodo e di un modificatore, eventualmente, se desiderato, eseguendo un aggiustaggio ddla sensibilitd del cccoordinatoreii. ! modificatori, come avevamo già detto, sono otto; c'è quello cosiddetto libero (any-point) che permette la più assoluta libertà di movk mento, subordinato ovviamente alla sensibiiitA e alla presenza della grigtia. E l'opzione di default, che è selezionata all'apertura di un nuovo documento e che si riseleziona automaticamente dopo I'uso di un altro rndificatore. Segue I'endpoint modifier, che collega I'oggetto che si sta disegnando con il punto finale pih prossimo di un altro oggetto. C'è poi il center modifier, che esegue la stessa operazione, ma m n il centro dell'oggetto awicinato e I'intersection modifier che unisce l'oggetto che si sta disegnando con il punto in cui si intersecano altri due oggetti (I'ap zione B utilizzabile più volte, ove mai si desiderasse intersecare in uno stesso punto diversi oggetti disegnati uno dopo l'altro: l'opzione è utilizzabile con qualunque forma geometrica tranne, ovviamente, con le curve disegnate a mano libera o raccordate). Una opzione estremamente interessante e la cosiddetta intersezione invisibile. E il caso di due segmenti non paralleli, e non aventi alcun punto in comune: il punto di riferimento del m e dificatore, in questo caso è rappresentato dall'intersezione ideale rappresentata dall'ipotetico prolungamento dei due segmenti stessi. In questo caso, però, la procedura d'uso e un poco diversa; occorre selezionare prima i due segmenti su cui si intende lavorare. poi il modificatore, e infine tracciare l'ometto che dovrà ccconftuires nella intersgzione ideale dei due tratti re ce denti. Un modificatore di uso pib generale B il cosiddetto point-on, in base al quale è possibile oolkgare un oggetto con qualsiasi punto di uno precedente; pub essere utile per uno svariato numero di operazioni, come, per esempio collegare una linea a un vertice di un poligono; ma questa operazione pub essere guiMCmicrocmputer n. 100 - ottobre 1990


data con maggiore destrezza e facilità usando il ncorner modifiern dall'uso a b , bastanza intuitivo. Ma il più strabiliante di tutti è sicuramente il percent-modifier che permette di collegare quanto sti+ mo tracciando a un oggetto specificando la distanza, in percentuale, da un suo elemento discreto (8s.un vertice o un estremo). Si tratta di una opzione davvero estremamente utile, che nelle operazioni di Cad meccanico si rivela di grande aiuto in quanto evita I'uso. sempre incerto del mouse come posizionatore. Tre modificatori sono cosiddetti getF metrici, con essi B possibile, nell'ordine, tracciare una perpendicolare e una p+ rallela a una linea già esistente, e, a n m ra, tracciare una tangente ad un cerchio; in quest'ultimo caso è impressionante guardare come. muovendo il mouse, il programma si adatti al cerchio stesso tracciando la tangente, cosa che lascia immaginare solo in parte il grande lavorio del programma alle spalle che, tra calcolo delle mordinate e degli elementi caratteristici della tangente, cancellazione della linea già tracciata, refreshing dello scherno e ritraociamento della nuova linea, non sta certo con le mani in mano; il tutto poi con una velocith, anche su un semplice SE, tale da far figurare il tutto in tempo reale, senza le penose attese cui ci avevano abituato peraltro programmi anche di un certo nome.

Le window di complemento Lasciando adesso la tavolozza (che peraltro meriterebbe ben altro approfondimento). e passiamo all'analisi di alcu ne finestre di complemento che aurnentano in maniera notevole la già elevata potenzialitA del programma; due sono quelle principali e ne vedremo brevemente le caratteristiche di seguito. La prima, ta Info Window, B forse la più interessante, utile e potente. Essa, articolata proprio come una normale finestra. con ianto di dose box, mostra automaticamente tutte le caratteristiche e i parametri dell'oggetto disegnato; a seconda del tipo di questo le informa zioni sono rappresentate da coordinate (nella misura e nella scala scelta in default) dei punti caratteristici (estremi o vertici), lunghezze. azimut, coordinate del baricentro, ecc. Ma la vera potenza del programma, che In rende unico ( c e me I'arnaretto) è rappresentata dal fatto che tutti i valori sono cliccabili e modificabili, con modifiche che intewerranno direttamente sulla figura. Questo B di estrema utilità in quanto si può guidare da tastiera la costruzione e la modifica MCmicmcomputer n. 100 - ottobre 1990

Macintosh ~ r a w i n g Symbols ~i6mries ~ectricai& Electronic

I

pesidentiai Archltectural

Commercial Archite-

I

wechanlcai Desiga

I

Akuni esempi di drsegnr realmati m il programma, tratti dagli esempi o malinati direttamente: si noti m e . wn un poco di pazienza, si possami ottenere risultai, ed effeit, prop' di pacchetti diversamente spmlinab.

dei diversi pezzi e delte diverse parti, superando, anoora una volta, I'uso del rnouse. Non mancano poi alcune informazioni più generali, come ad esempio area, perimetro, circonferenza e così via. Questo unito alla possibilitA di zoom, che può essere generico o pilotato su un'area circoscritta, consente di ottenere risultati, in termini di tmcciamento di figure, estremamente sofisticati; se poi si aggiunge la possibilità di costruzione di alayerii lucidi che si scvrappongono automaticamente alla figura già costruita, e che contengono informazioni customizzate, si vede come un disegnatore anche di oggetti complessi, non abbia dawera nulla da rimpiangere al più attrezzato tavolo da disegno. Un'altra finestra molto interessante è quella relativa alle dimensioni. che è finalizzata invece alla dimensione g l o b le dell'oggetto; essa si applica anche ai blocchi di testo e alle figure composte.

La cosa e particolarmente utile quando si traccia un disegno quotato, in quanto consente di inserire certe notazioni particolari. come frecce interne, testo centrato o chiuso in un riquadro, presenza di vatori di tolleranza. tipo di misura e sue unità decimali, ecc. Abbiamo tralasciato del tutto di parlare di caratteristiche più ordinarie (si fa per dire!), come la scelta di pattem, di linee e di spessori. Ma anche qui Claris Cad ci distingue; così abbiamo una s e rie di pattern a disposizione finalizzati alla rappresentazione simbolica di materiali diversi (acciaio, alluminio, bronzo e cosl via). Come se non bastasse tali opzioni sono customizzabili e il pattem del tutto individualizzabile nelle sue parti. Tanto per intenderci, un rettangolo campito con un tratteggio pud essere scomposto nelle sue parti ed B possibile eliminare non solo uno o più lati, ma uno o piii tratti del pattern che valgono


Mac Notizie come unit8 individuali e singolarmente manipolabili con tutti i tool precedentemente descritti. Ma mi sono accorto. come al solito, di. essermi lasciato prendere la mano. Dirò solo, per concludere che I'output possibile sia sulla Imagewriter, sia laser o, ancora mèglio. specie per disegni eccedenti il talora frustrante formato A4, su plotter fino al formato A0 (il foglio massimo gestito è di oltre sei metri quadrati (ben t30 fogli A4)). Di più non è proprio il caso di dire; le figure allegate sono certo ben pih eloquenti! I+

Conclusioni Quando, qualche puntata fa, parlammo di Draw Il dicemmo che il salto di qualità rispetto alla versione precedente era stato tale da far meritare, al nuovo pacchetto un diverso nome.Cad intervenuto oggi e ha messo nell'angolo il pur potente Draw; ma sicuramente il paragone è improponibile, visto che il primo è un prodotto multipurpose, e il secondo è un tool tecnico estremamente specializzato ed efficiente, che va studiato a fondo per potergli far sprizzare tutta la potenza di cui è capace. Qualche difetto, inutile dirlo. I'abbiamo notato, ma si tratta di peccati veniali; i[ più fastidioso {e forse l'unico significativo] è quello che zoornando in out, gi8 al 50% il testo non è piu rirnpiccialito in proporzione con le figure; si tratta di qualcosa di dawero fastidioso, come dicevamo, solo se nel disegno si fa uso di riquadn di testo dì una certa dimensione. Inoltre il programma ha una elevata idiosincrasia con numerosi INtT, per cui occorre prima del SUO lancio disattivarii, o rinunciarci (gli stessi problemi li abbiamo trovati in Draw Il). A questo punto ci si chiede veramente dove intendiamo arrivare. La concorrenza si è fatta agguerrita ed e pronta a sferrare il suo attacco (sdl'ultimo numero di una rivista americana dedicata al Cad si contano ben 27 pacchetti di uso generale e dalle caratteristiche simili a Ciaris Cad); ma riusciremo mai a imp* rare tutto prima di vederci proporre la nuova versione o I'upgrade? CIaris Cad B gi8 uno dei prodotti migliori attualmente disponibili sul mercato; e al momento di consegnare I'artice lo in redazione {fine agosto) già si parla della versione 2. che pare sia stata distribuita in beta-version e che sarà disponibile per i primi mesi dell'anno prossimo (o forse ancora prima). Si preannuncia un taddoppio delle funzioni, di cui numerose intelligenti; staremo a vedere, anzi, a disegnare!

A proposito dell'integrazione tra Mac e le macchine di livello superiore. Oggi, negfi USA, il mercato della connessione tra Mac e mainframe & tanto ampio da superare il numero di 50.000 prodotti I'anno e si prevede che il valore possa triplicare nel 4992. In particolare Apple ha orientato parte della sua rìcerca verso la connessi~nedelle sue macchine con Digital. Questa scelta parziale è stata motivata da Jarnes O'Gam, direttore dell'Apple Integrate Systerns Group per lasciare ampio spazio (politica gi8 usata in passato) agli sviluppatori indipendenti. Ciononostante. proprio in virtù dell'elevata domanda di prodotti di integrazione che. negli ultimi nove mesi, si B verificata, Appie ha garantito un supporto diretto per i servizi di integrazione ad almeno una trentina di cornpa gnie. Sì è trattato di un grosso impegno. anche in termini finanziari, che ha avuto come base una serie di lavori sperimen tali su un progetto di integrazione {cui ha collaborato anche la CSX Transportation lnc di JacksonVille) di una rete che aveva come workstation dei Mac collegati a un network di VAX Digital, interconnessi da una rete telefonica progettata dalla AT&T. li secondo grande impegno portato avanti dalla Apple è partito nel gennaio 1988, nel momento in cui Apple e Digital raggiunsero un accordo per Io svilup po di prodotti che consentissero un collegamento diretto di Mac con network Digital. tenendo conto che stime attendibili, eseguite dalla stessa Digital, rivelavano che almeno il 14% delle periferiche collegate con i VAX erano Ma cintosh. 1 risultati non si fecero attendere; a distanza di otto mesi dalla stipula dell'accordo apparvero sul mercato due prodotti di questo sforzo congiunto. LanWorb, un programma per Mac che consente di collegare come server Mac, e che permette di collegare direttamente questi ad un network DecNet. anche con modalità local area. La connessione permerte inoltre numerosi servizi complementari, come condivisione di memorie di massa, file (ivi compresi database costruiti con uno dei due sistemi) e periferiche di stampa; inoltre Mac beneficia dell'accesso alla rete di posta elettronica All-In-l , il sistema di automazione ufficio di Mac. II secondo prodotto della collaborazione Apple-Digital B il pacchetto SQLServices dedicato al Mac. E possibile attraverso questo la integrazione di a p plicazioni Mac con basi di dati prodotte da pacchetti del tipo RDB Diaital o D02 IBM.

Comunque, Apple ha lasciata I'impegno della presentazione e delta distribuzione di questi prodotti alla Digital, giustificando la decisione con la necessith di disporre una rete di assistenza (nella fetta di mercato) che essa non ha. Sempre nel campo della integrazione tra Mac e VAX si è mossa anche la Polaroid Corp. che ha tra l'altro cos.tniito un sistema di scambio diretto di dati attraverso Hypercard, utilizzando uno. dei più potenti tool di sviluppo da poco imrnesso sul mercato dalla Apple, il Data Access Language, formalmente detto CUI. Pih recentemente Apple ha stretto un altro accordo con la Peat Marwick Main Co.; con la partecipazione finanziaria della Apple, Marwick ha creato la Excutive Information Services (EXIS), che commercializza. dal luglio di quest'anno, MACDDS, un sistema decisionale basato su Mac, mentre un altro pacchetto dalle specifiche caratteristiche di gestione dell'integrazione, sarA disponibile per I'anno prossimo. Ancora, Apple collabora con la SHL System House Inc. - Ottawa, per la realizzazione di un progetto per conto della AMEX Life Insumnce, di San Rafael, Califomia. Questa compagnia ha in animo di sostituire la sua rete di mainframe ISM con una rete costituita da VAX 6220 e server Mac Ilci, capaci di scambiare dati tra applicazioni Hypercard e database Horacle. Accanto alle coIlaborazioni dirette di Apple esistono prodotti di notevole rilievo, prodotti da terzi. Nel 1989 si è creato un gruppo di progettazione 1s finalizzato ancora. a iniziative di integrazione. Esso ha dato origine al Managing Apple Computers in Inforrnation Systems (MACIS), che ha come compito principale l'assistenza ad organizzazioni che desiderano utilizzare Mac in prwetti di integrazione e realizzazione di grandi reti. L'iniziativa ha avuto tanto sue cesso che, oggi, alla organizzazione risultano concorrenti ben 1 10 compagnie, con compiessivamente oltre 120.000 Mac. Fanno parte del gruppo, per essere direttamente contributori o perché beneficiari dei servizi, oltre 500 compagnie nominate in Fortune, collegi, universitd e gruppi di ricerca. Non B mancato, in tutto questo fiorire di iniziative e novità il supporto e I'ap porto degli user group. Le possibilità (e, per fortuna, anche le esigenze) di questa categoria, in fatto di intercambiabilitA, sono certo più ridotte, e, in attesa del sempre prossimo a venire System MCmicrocomputer n. I00 - ottobre 1990


7, e del suo effettivo multitasking, il supporto fornito agli user group B finaI i m t o e pilotato daile stesse richieste dei gruppi. Non manca il rovescio della medaglia; nonostante i notevoli benefici derivati datl'integrazione, molti affermano che l'inserimento di Mac in una rete divenificata non è priva di inconvenienti. La limitazione più lamentata è la perdita dell'interfaccia Macintosh, ma non mancano lamentele circa la non completa portabilit3 da parte dei programmatori. La Seattte First NationaI Bank / S U FIRST) è un compagnia che ha sposato del tutto I'interfaccia Macintosh. Quattro anni fa la banca comprò 2500 Macintosh da integrare nella sua rete ma già l'anno successivo si cominciò a parlare e due anni dopo divenne realtà I'abbanLa strategia delle alleanze Apple . d i a r e a I I i u a z ~ edi prodOttri di Integra&e

Digiial Equip. alpSoftware di coilegamento in rete con DECnst; servizi di SOL direttamente forniti ai clienti. E k b o n i c Daia System Corp. Sistemi di monitoraggio per il mercato della manutenzione e della diagnosi.

SHL System H m Inc. Realiaazione congiunta di contratti di integrazione. i

Peat Marwick Main Co. Sistemi di informazione via EXIS, unità realizzata indipendentemente per la g e stione del mercato umsh invectrnentii. Tandem COI&. Inc. La Tandem Inc. rivende Mac come parte del suo network OLTP, ed offre il tool di sviluppo MitemView, sviluppato dalla Mitem Corp. di S. Jose, capace di creare una interFaccia Hypercard per il cisterna operativo Tandem 90,disponibile cial gek naio '89. iì4trzie dedotte da Dsiamah?, m pubblks m e Cahners. Iug1.b 1990.

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

Contemporaneamente Apple ha annunciato una modifica anche al listino delle macchine già sul mercato. Scompare la IISC, che utilizzava il protocollo QuickDraw invece del piu costoso (e potente) PostScript, che viene rimpiazzata dalla Personal SC, con caratteristiche analoghe; accanto alle 2 11 (NT e NTX, che restano disponibili) si affianca la Personal NT (creare una personal NTX sarebbe stata una contraddizione in termine} prowista di un connettore AppleTalk per rete. Le caratteristiche delle nuove macchine sono riassumibili in un profilo pih basso, in un peso di un terzo minore e dono, per le aperazioni di routine, del in una migliore ergonomia (la stampante calcolatore utilizzata come terminale, ha bisogno solo di un Iato libero, quello per passare alle più comuni tecniche dela cassetta portafogli e tutti gli altri Mac. Mike Harburg, vicepresidente deC comandi, spie prese e interruttori sono la Seafirst, tenne a precisare che ricer- anch'essi sistemati in modo da permetche eseguite nelle filiali delle banche tere di incastrare la stampante in uno avevano confermato che l'utilizzo deC spazio piuttosto ristretto). Tutto cib $ I'interfaccia M a c aveva oonsentito di stato in parte possibile anche grazie superare, come lo stesso Harburg lo all'adozione di un diverso motore Cadefinì, il ubank oonquer personal c o n non, il P-1 10. più piccolo (6 lo stesso puter phobiaii. che equipaggia la compatta LaserJet Altra obiezione è che. sebbene sia HP anche se meno potente; la vita stato possibile e si sia già realizzato il media è ritenuta di 150.000 copie, concollegamento ad altre macchine della tro te 200.000 della versione che equiserie mini e mainframe, questo non B paggia la vecchia (?) SGNT-NTX) e m m né facile né poco costoso. La conclusi^ patto, ma che pud produrre solo 4 copie ne, probabilmente, pih giusta è quella al minuto. Ciononostante, i risultati, in che ha dato Richard Bailey, presidente termini di qualità, sono senz'altro su* e fondatore defllApple Professional Ex- riori e, finalmente abbiamo la possibilità change. a Sunnyvale, California, un di avere dei neri molto compatti, come gruppo di sviluppatori e programmatori non ci era dato di vedere col motore SX. indipendenti, di venditori di software, e I costi delle due macchine sono idi integratori di sistemi: non è possibi- spettivamente di L. 2.750.000 e le servire due padroni; se Apple deside- 4.500.000 + IVA (per la CC occorre ra la collegabilità con i sistemi piii alti prevedere la spesa aggiuntiva deI cavo non pub pretendere di fornire contem- SCSI del terminatore). poraneamente una macchina classica con le caratteristiche di un personal computer, oltre .tutto dotato di quella Qualche notizia a proposito interfaccia; produca allora una nuova del Sysfem 7.0 macchina dedicata e lasci perdere il Finalmente cominciano a trapelare problemaii. Non B detto che non abbia notizie circa il sistema operativo 7.0. ragione. Premesso che, ancora una volta, la sua presentazione B stata rinviata ai primi mesi del '91 (speriamo bene!] Apple, Le nuove Laserwriter nella WordWide Developef s ConferenLa grande novità nel campo dell'hard- se di maggio ha fornito notizie più chi* ware è sicuramente rappresentata dalla re circa le nuove potenzialità di questa disponibilità (anche in Italia) di un nuovo release. che si presenta come la pio gruppo di stampanti laser dedicate alla potente e articolata modifica dal mofascia bassa del mercato. Di esse parle- mento della sua comparsa. rem.0 prossimamente in una prova dediProbabiImeflte Apple sente sul collo il cata, ma ci preme evidenziare come fiato di avversari di gran calibro, come Apple sia molto sensibile alla concorren- Microsoft, Next e Hewlett-Packard, che za, soprattutto nei prezzi, esercitata da- stanno sviluppando pacchetti di IAC (Ingli altri costruttori. terApplication Cornmunication) di gran Se si aspettava, come mossa succes- pregio. Con queste nuove applicazioni siva sul mercato delle Laser, una nuova pckage diversi saranno capaci di inviarmacchina con risoluzione superiore ai si e scambiare dati. informazioni, fiie, 300 punti, le attese sono andate deluse: ecc.


porte virtuali). L'uso di IAC potrebbe per6 essere di

'1.1i

-i'

r7 P

Purtroppo {per l'utente) la disponibili-

t& di IAC non è automatica con I'adozione del nuovo System; questo, per così

dr

I

'

2,

W -

L

31,

--

-:F

C

,I

i

i'

1-

-.

41m,

i

:'

h1

4;

dire, ne ciabilita)} la potenzialità, ma la disponibilita di caratteristiche IAC dovd essere propria dei pacchetti applicativi. In altri termini i costnittofi dovranno prevedere lo sviluppo di nuove release' comprendenti questo nuovo aspetto tecnico. Ouesto vuol dire che l'utente, su cui ovviamente si scaricherd tutto il peso economico, per poter disporre di tali potenzialith, dovrà aggiornare fa sua bibliotem s o h a r e (si spera a prezzi ragionevoli). La stessa Apple. nella confhrenza. non & stata molto prodiga di notizie circa queste nuove caratteristiche (stra tegia di mercato o difficoltà tecniche ancora presenti?). in linea generale B prevedibile che, attraverso IAC sarA possibile eseguire scambio dinamioo di dati, maneggio di Event ad alto livello (come supportati, oggi, da AppieEvents) e CO-

non primaria importanza per una cospicua fetta di utenza. Vediamo quindi qualche altra carattenstiw interessante. La prima e una delle piii divertenti B i1 cosiddetto copy-paste dinamico. Iri una beta version distribuita a una ristretta cerchia di utenti gih da un paio di mesi, queste funzioni si chiamano rispettiva mente ctpublishii e rtsuhscribeii ed e s se non sostituiscono quelle da cui hanno origine. Il principio che le anima B quello dell'aggiornamento dinamico. Ad esempio, selezionando un testo in wp. e applicando l'opzione, appare un dialog box che permette di salvare la selezione in una certa locazione, e con un tal nome. La selezione stessa resta contornata da un riquadro che la evidenzia come area pubblicata. Per incollare la selezione in un altro documento (che pud essere anche di genere diverso) si usano le solite tecniche, scegliendo però l'opzione uSubscriber; attraverso un box dì selezione sarA possibile incollare diverse ccsottw scrizionia a questo punto. ogni volta che

si manipoleH il testo originale, nella finestra di pubblicazione (da cui il nome dell'opzione) le modifiche si rispecchie ranno automaticamente nei documenti contenenti parti usottoscritteri. Il processo publish-subscribe potrà funzionare anche sotto AppleTalk così che, lavorancio su un network, questo meccanismo diventerà di potenza sconfinata. Ma ancora piij interessahte appare il mondo di Apple-Events. Gli utenti Mac ben sanno cosa è un evento; si tratta di una azione (movimento o click del mouse, uso degli scroll bar, dei close e resizing box, chiamata ai menu, ecc.) cui Mac risponde immediatamente superando l'azione in corso. Apple ha aggiunto. nella release 7, una nuova categoria di eventi, gli Apple-Events, appunto. che permettono dì inviare messaggi da una applicazione all'akm (generalmente richieste di aiuto, ricerca di dati, ritorno da una applicazione ad un'altra in modo automatico, ecc.). Si tmtterh. comunque, di opzioni rivotte agli sviluppatori, anche se, owiamente i risultati saranno disponibili, sotto forma di utility, alt'utente finale. Uno degli effetti

I

1

Appunti di programmazione del Macintosh

3;

t

Il-refreshing dello schermo Lo spazio occupato dalle altre rubriche non ci permette stavolta, di parlare di programmazione objectariented. ci risentiremo la prossima puntata. Camunque. per non lasciare a bocca asciutta chi si interessa di questi argomenti approfittiamo del poco spazio a disposizione per trattare un argomenta, forse banale, ma che spesso tormenta chi fa programmazione, anche solo per usi personali e senza grandi ambizioni. La situazione è la seguente; abbiamo scritto la nostra bella applicazione nel nostro bravo linguaggio {che. giusto per localizzare l'esempio. avremo reaiizzato in' TLM Pascal o in Atzec C); tutto B al . s+o posto, menu, finestre, tool. tutto lavora alla perfezione. Lanciamo il programma e immaginiamo che. nel suo corso. apra una seconda finestra, che so, di output, oppure che compaia una fihestra di awiso sulla finestra corrente stessa; nei due casi, quando sarà sparito l'elemento che- si sovrappone alla finestra orinciriale. ci ritroviamo con un oirendo 'buco'nellk schermo.

5.' ~

t:,: r

1

t

8

Un altro esempio può essere quello in cui la finestra viene trascinata {anche per errore) fuori dallo schermo e poi rimessa al suo posto; la parte che è ciandata fuoriii ritorna priva però dello scritto o delle figure in esse contenute. Generalizzando la cosa possiamo affermare che non viene eseguito refreshing dello schermo. A questo punto la strada più lunga B quella di creare un codice immensamente lungo che, in occasione della copertura dello schermo inferiore con un intruso, proweda, alla sua scomparsa. a rieseguire tutte le operazioni di ritracciamento sullo schermo stesso. Ma il Grande Fratello ci guarda! E una vergogna che un p r e grammatore ricorra a questi mezzucci; e poi, che fare quando, appunto, una finestra è trascinata fuori dallo schermo in maniera del tutto casuale? Niente paura! Il sistema operativo ha la passibilit8, in ogni momento di eseguire I'updating dello schermo quando ce ne sia bisogno; è sufficiente affidare a lui questo ingrato compito (d'altro canto come fanno, se no, tutte le applicazioni in commercio?); il compito, per

la veRtB viene svolto dall'Event Queue, vero demiurgo del System di Mac. Gli Event, per la verità, sono di diverso tipo, nel nostro caso di tratta dell'llpdate Event (vedi Inside Macintosh]. Per renderci conto di come funziona guardiamo alla struttura generica di un Event. r a p presentata in figura a). Un evento di tal genere è disegnato con la costante (gie bale) {t UpdateEvtii, con codice 6, nel campo del codice Event in questo record. La finestra che occorre n rinfrescarei) B designata dal puntatore presente nell'Event message. A questo punto maneggiare un Update Event, è molto semplice, tanto semplice che il nostro intervento non è più necessario. Quando il programma si rende conto che C'& bisogno di eseguire un updating passa il controllo all'update Procedure che aggiorna la finestra indicata nel puntatore del campo messaggio. li fatto di cui tener conto, in ogni momento, per evitare sorprese, e che, in ogni caso, gli Update Event sono maneggiati dal sistema operativo e sono veri e propri System Event. In altre parole il System li crea e si riserva il compito di monit* MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


immediati sarà quello di poter scrivere progymmi modulari in maniera più semplice e veloce. E passiamo alla terza caratteristica, le cosiddette porta virtuali; porrebbe capitare che due o più applicazioni debbano lavorare in maniera tanto stretta (ad esempio per prestazioni in tempo reale] che neppure le disponibiPt3 offerte da Edition Manager e Apgle-Events siano sufficienti. Ecco allora il PPC (Programto-Program-Cornmunicationl tool box, che intrduce il concetto di porta. una periferica virtuale di I/O attraverso cui due applicazioni passano comunicare; sorgono delle perplessità a proposito di quanto possa succedere in reti PippIeTalk particolarmente affollate. Circa le piO piccole utility e tutta la serie di nuovi comandi a disposizione dell'utente non sì sa ancora nulla di preciso al momento della redazione di questo articolo (agosto '90). $ passibile che nuove notizie siano disponibili a breve. Comunque. e qui mi faccio forte del parere anche di Bruce Webster redattore di MacWorld, il passaggio di grado dal 6 al 7 non sarà indolore e privo di Micalt8 come nei casi prece-

denti. E probabile che molti utenti tradii zionali continuino s convivere con il 6; dali'altro canta, e qui sono ancora para le di Weibster. non si potrà passare dall'qgi al darnani al System 7 se non si avrà pazienza, tempo e maneia uper pagare il suonatore che suuna la m*

sican.

Il software più venduto mgIi USA Da quanto risulta dalla puntuale clas sifica dei prodotti Mac più venduti negli States. classifica riportata mensilmente da MacWorld, rileviamo che nel campo def software cosiddetto nbiisinessn, che raccoglie il generico software oriznonlale (o. ci si perdoni ii termine, ttdebolmenten verticale), primeggia (da civersi mesi) il potentissimo Wmd 4, seguito a ruota da Works, e nell'ardino, da Eml (complimenti alla Microsoft). Pagemaker. Filemaker, QwrkXpress, Macwrite Il, MacDraw. Wingz e Free-. hand; protagonista di una formidabile rimonta è WriteNaw, nonostante risenta dell'eti (è. in pratica, la stessa versi* ne da noi pravata circa. tre anni fa,

aggiornata nel vwabolario; a quando la ralease IIi'1). Nel campo giocoso la fa da padrone Terris (è, come noto. stato sviluppato in URSS anche se poi è commercializzato dalla Spectrum Hole M e ) seguito da SimCity e dagli immortali MacGolf e Microsoit Flight Simulator. Tops monopolizza il campo del network, mentre nell'area delle Irtitity sono immediatamente saltati al comando i pacchetti S M - S U M seguiti da Viiex, oggi alla versione 3 e da Adobe Type Manager. Hanno avuto il maggior incremento percentuale di vendite Muse, un database che utilizza un linguaggio naturale, Radius TV, un sistema di trasferimento immagine ad uno schermo TV. e Sky Shadow un arcade di recente pubhlic* zione. (I dati sono tratti dal numero di settembre di MacWcrrld, e dedotti da una indagine della Exciusive InfpCorp sulla base di 125 rivenditori Apple).

La nwtine di rizzarli per essere sicuro che funzionino refreshing descritta alla perfezione. nel testo Type EventRecord = Record Una volta stabilita la connessione tra Update Event e finestra relativa occorre wath: Integer; {codice evento) quindi notificare al sistema operativo di badare all'updating della finestra da noi message: Longlnt; [messaggio di evento) desiderata. Ciò avviene semplicemente when: Longint [tlck daiio stcirtug) invocando la routine uBeginUpdaten prima di aprire la finestra; da questo puntu where: Polnt: [locadone del mousel in poi è tutto automatico, ricordando solo che ogni operazione di disegno. modifiers: Integec (fiag del modificatore) per essere efficace nel refreshing. deve essere cornpIetata dalla rt-iutine aEndtlpdater; owiamente, nel corso del programma possono esserci diverse coppie di chiamate nBeginUpdateii ed -sua; il guaio B che [o stesso System. vecchio HP 87 aveva 27K di memoria eEridUpdateii. man mano che avanzano le versioni, centrale); diviene sempre più grande e, anche se e~cludereINIT, Memoria tampone, esso non B materialmente presente del WEY, e cosi via, se ancora non basta, tutto in memoria, scava certo una gran usare la veqione t .O. 1 (quella superiore Hypercard e b memoria quantità di RAM. A ciò si aggiunge il & soprattutto svituppata in funzione deC fatto che la versione 1.2.1 di Hypeycswd la prograrnmasicme. che poTrebbe nwi interessare; Sebbene Hypercard non abbia rag- B molto pi2i grande della precedente e mantenere le Card piuttosto sernpligiunto da noi il successo (in proponio- da questa a giungere a saturare la m e cb tenendo conto che l'uso dei tool da ne, owiarnente) decretatogli negli USA moria il passo 6 breve, se poi si aggiun(dove addirittura esistano degli Hyper- gono i vari INIT o diverse utility (come disegno aggrava in maniera drammatica card User Group), nessuno si sognereb- Stepping Out. Cbrnment o SuitCase) [a necessità di memoria; be di negare che è uno dei più poliva- che, bene o male, ognuno si installa, il m rimuovere i commenti; r. con programmi come VVtdgsts specilenti prodotti mi comparsi sul mercato. gioco B fatto. Manco a parlare, owiaIl suo cavallo vincente è la facilità; facile mente, di Multifinder. t opportuno allo- ficare wia spazio di memoria piii ridotto per I ' b p di Sistema; da impamre, facileda usare, e, addirittu- ra se non si vuole fare a meno di per i più esperti, B ancora pùssibik ra. facile da programmare. Ma, se non questo bel programma a non si intende si ha a disposizione almeno un Mega di spendere danaro per M M aggiuntive. intervenire per crearsi routine di segRAM, neppure ci si pub awicinare; ma tenere a mente alcune precauzioni, formeritarione piir corta del residente in pensare di poter giocherellare un poco ce owie, ma almeno utili: memoria (stranamente il Systm 6 sul seria con HC anche m n il Mega 6 m non provare a far funzionare Hyperadotta segmenti pivrtbsto lunghi. @ti& card con Multifinder su macchine c m effettivamente, Ingombrano la rnemaPja pura illusione. mdto di piZi). Y Per la verità la colpa non è proprio un Mb di memoria (e pensare che il mio


scerta del titolo è sfafa fatta cercando di unire sotto un simbolo gli utenti ST. Una scommessal li B stata quella che fece il sott~~critto, insieme a pochi altri prodi, 5 anni fa, acquistando una macchina venuta dal nulla e piena di sole pmmesse. Una scommessa che a tuft'oggi non rilascia un vincitore, ma che in qualunque caso non ha frenato h crescita degli utenti o dei prodotti hardware e software.

Gli ink; Nella primavera del 1989. sulla rivista americana Creative Computing appare un articolo che annuncia il ritorno ella grande della Atari. Il prodotto in primo piano B un compatto 130ST, microprocessore 68000 ad 8 MHz. 128 KByte dì RAM (per grossi lavori era disponibile una versione espansa a 512 KByte!?). tecnologia VLSI e sistema operativo sviluppato dalla Digital Reserarch. Ouest'ultima aveva incluso nel progetto ST anche la sua nuova interfaccia utente grafica (giA disponibile per MS DOS) IGEM. Le periferiche principali di interazioni erano lo schermo ed il mou-

se. Patron della nuova Avari e del progetto ST era un certo Jack Tramiel che negli anni passati aveva segnato il successo del C M . I persona1 disponibili in quel periodo erano PUAT MS DOS e Mac per l'area Office e C64,M Spectrum, MSX, QL per l'area Home. PoichB avevo voglia di svinwlarmì dai sistemi dipartimentali deli'llniveisità, ero ben deciso atl'acquisto di una macchina u s e riaii con la quale cavalcare i1 cavallo dell'informatica. Il Mac riceveva te mie attenzioni maggiori: ero affascinato dalla sofisticaterza grafica e dalla nuova interfaccia utente, sicuramente molto attraente sia per I'utente finale che (almeno a mio awiso) per il programmatore. Ciò che raffreddava i miei slanci e r a no i costi. Dopo la lettura del succitato articolo avevo l'impressione di aver scoperto l'uovo di Colombo: acquistare una mac china con la stessa potenza e filosofia del Mac, con un terzo dell'investirnento pwvisto. Difatti non acquistai il Mac e nell'autunno del 1986 finalmente riuscii ad acquistare un ST. Non si chiamava più 130ST. ma 520ST. Lo acquistai in versione assolutamente monocromatica. il colore mi sembrava superfluo, con un drive da 360 K. Il primo contatto, con la nuova macchina, fu eclatante; all'accensione il pr* gramma di boot chiedeva l'inserimento del,disw dì sistema (il TOS!). la grafica

era stupenda ! Sfortunatamente dietro quell'immagine si celava una prima verità poco piacevole: il Sistema Operativo non risiedeva in ROM come promesso ed una volta caricato occupava circa 200 K di RAM. Questo peraltro giustificava I'assenza sul mercato di un modello come il 130ST. L'assenza del S.O.su ROM non mutava il mio giudizio, l'approccio con le risorse era semplice e sensibilmente affascinante! Bastava poco a forrnattare un disco, leggere una directoiy. spostare dei file.

1 primi prodotti I primi prodotti per il 520ST furono chiaramente software ed in particolare la serie GEM della DR: GEM Draw. GEM Paint e GEM Wiìte. Secondo le promesse, dei rivenditori e della stessa Atari. lo stile di questi prdotti avrebbe fatto scuola e il numero delle applicazioni sarebbe stato rapidamente consistente. La loro caratteristica principale era, tra l'altro, quella di sfruttare due degli dementi pih affascinanti del nuovo sistema operativo il VDI ed il GDOS; questi avrebbero permesso da un lato il miglioramento automatico delle prestazioni, senza aggiornamenti del s o h a re, nel momento in cui Irhardware (in particolare grafico) si fosse evoluto e dall'aitro una stampa sempre ai massimi livelli, dipendente dalle sole qualrt8 della periferica. In realtà proprio i primi tre capostipiti sembravano deludere le iniziali aspettative. La causa, vinta. dalla Apple nei confronti della OR, costrinse questi ultimi ad abbandonare lo sviluppo delle prime applimzioni GEM e a rivedere la sostanza stessa dell'interfaccia. Cosl i primi tre prodotti GEM non videro mai la luce in maniera ufficiale ma circe larono, con numerosi bug, tra gli utenti grazie alla pirateria. In realtà. nonostanl e tutto. GEM Dmw si rivelava utile e semplice tanto da rappresentare un'alternativa a MAC Draw. Nel campo del Word Prooessing il buio era fitto. ST Writer dell'Atari era un prodotto assolutamente spartano e senza un briciolo di GEM. MCrnicrocpmputern. 100 - ottobre 1990


Nel caso delle periferiche e delle espansioni si era in alto mare. Riguardo alle prime non si vedeva ombra di Hard Disk, stampanti e drive w n capacità maggiori, per le espansioni il discorso era-ancora più serio (e sotto certi aspetti lo è tuttora). in quanto I'ST era un sistema chiuso. Cancellavo i miei dubbi con la battuta: *Cosa posso pretendere di pih, ho 512 K e tutte le interiacce necessarie?!^. Ouell'ingenuitB adesso mi fa sorridere.

immagine

'

, l t ~ t t a ~ & * ~ ~ ~

La mancanza di sfandard , La situazione del GEM sembG8 in >

m

grado di bloccare lo sviluppo della mae china. Rimaneva. comunque. la carta sviluppatori locali. It primo linguaggio di sviluppo disponibile era un ST Basic molto lacunoso e mal documentato. Tutti i tentativi di sviluppare qualcosa che somigliasse pio ad un programma che ad una routine, finivano miseramew te. Prima o poi il sistema rispondeva in maniera inaccettabile. Cera anche un L q o della DR nel software di base, ma oltre alla curiosità di scrivere qualche semplice routine k corsiva, non si poteva pretendere altro. Tantomeno valeva la pena affidarsi ai kit della Philon. Una via più professionale era quella dell'acquisto di un voluminoso (800 pagine) kit di sviluppo. Questo mmprendeva un C ed un Assembler. Quanto detto per GEM Draw valeva parimenti per questo kit. Era necessario inchinarsi ai pirati (e a che prezzi!). In qualunque caso, I'utilino dei C Alcyon della DR e le risorse del GEM sembrarono a tutti ben presto troppo complicate. Per questo motivo i primi programmi in GEM erano poco affidabili e generalmente poco funzionali (il programmate re era tanto assorbito dalle difficoltà del GEM. da perdere di vista gli obiettivi principali). L'ST Basic in fondo ne era esempio. Probabilmente proprio le difficoltà che i programmatori incontravano nello sviluppare prodotti in GEM, hanno fatto nascere una serie di prodotti character based, tipici della prduziane per MS DOS. MCmicrmmputer n. 100 - ottobre 1990

Qusdricmmia sotto Cranach.

v


ATARI Ci

In questa linea di prodotti rientrano tutti i primi prodotti di una certa consiste"i-m.Tra i nomi che r i t o r m o in mente ci sana i vari linguaggi delta Mecomco. i Data Base ispirati al dBH o al dBill, i primi programmi di wafica come Degas, i prirrri word processar in stile WordStar. A difendere la linea GEM rimanevano tentativi, speso poco efficaci. c o m la linea Kdelb Kuma o troppo lenti come Easy k w della Migraph. Nonostante l'indubbia impartanza di alcuni prodotti chamcter based, su tutti dBMAM. I'andamento generale a scavalcare il GEM per semplificarsi la vita. unita alla latitanza della Digital, in rotta di coilisime con I%tari, B stata a giudizio di molti, compreso il sottoscritto. la causa di una mancanza di uno standard e sopmttutto della perdita di una ben precisa identith.

sionale. Questa assistenza si misurava in sduzioni sicure nella gestione di plotter e periferiche avanzate, nella possibilitA di dacumentare i progetti, nella gestione di piii formati grafici.

mesm non B awenuto, anche se la stirpe generato da CAD 3D (Cyber Famiiy) ha avuto i1 suo peso in ambito Atari e non. In un momento in cui pirateria e scarsa affidabilità del software la facevano da padroni, la diffusione dell'ST era affdata a dò che da sempre, in passato, aveva caratterizzato I'Atari e speravo non lo facesse più: il software ludico. Le differenze. rispetto ai vecchi giochi per 8 bit, erano le prestazioni grafiche ed interame. Le sofhuare house pih impegnale erano quelle inglesi ed a m e ricane. La vendita di ST come game machine, ha sempre bilanciato i canti delt'Am ti. ma non certo stimolato a pensarlo come abrnativa ai tradizionali PC. La svolta dei Mads in Germany Una prima svolta nel destino dell'ST e La prima produzione di suftware ame- dei sud utenti si è avuta con il DTP. ricano ed inglese non eta scadente, ma Il lancio. da parte detllAtari, di una stentava nello scegliere vie professiona macchina per il DTP ad uso personale e lì. First Word, dB Master One, Fleet (orrore!) casalingo, accompagnato da Str* Easy D w , C4D 30 reggevano una (fortunatamente) ottima stampante la barm, ma era fin troppo chiaro che laser e dal programma Fleet Street Puqualcosa bloccava le possibilith dehnti- blisher. si 4 dimostrato di limitato impatMac. to, anche dopo la commercializzaziane Anche se non espressamente rivela- di Timeworks (piii pratico di Fleet to, un elemento frenante per molte Street). software house, era il principio del c i PoNon che non fosse attraente la propuwer Without the Pricen. Anche se evi- sta, ma non si stimolava la giusta fascia dentemente su questi giudizi ci si pud di utenza: I'utenza habbystica è sempre esprimere solo in maniera soggettiva, poco attenta alla qualit8 assoluta, così non si possono trascurare i costi di acquistare una copia del programma e produzione del software, soprattutto stampare su una 9 aghi (tutt'al più una quando la pirateria schiaccia tutti i mi- 24 aghi) è gi8 sufficiente. gliori prop~siti. È stato necessario il lancio di un Prduire a costi bassi per acconten- prodotto Made in Geamay, in linea con tarsi del classico giudizio: u...le qualità la produzione professionale. m e Cala (anche cotta forma di propositi) messe mus, per dimostrare all'utenza Atari ed in evidenza. dal prodotto, sono buone e. al mercato in generale l'esistenza di poi... ad un prezzo cosl basso!^. è un un'altemativa, almeno nel settore DTP. obiettivo minimo. Quei giudizi quando In realtà Calamus non è stato altro m n risuonano in maniera sibillina lascia- che la punta di diamante di una produna almeno il sospetto che ci si debba zione tedesca, non sempre caratterizzaaccontentare. ta da elementi di raffinatezza, ma semPrendiamo l'esempio di CAD 3D; per pre attiva e pragmatica. alcune sue caratteristiche era il primo Non a caso il primo linguaggio di. serio modellatore 3D in circolazione per programmazione di ampia diffusione e personal. Non era un Auto &ad ma di riconosciuta quali#, il GFA Basic, era garantiva, se adeguatamente assistito, frutto dell'impegno di una piccola socieuna vera svolta ne\l'approccio Ftridimen- tà spinta da entusiasmi giovanili che

RBG Splitter esterno per VIDI ST L'EumSoft di Firenze fa sapere che il VIDI Si garantisoe I migliori risultati, facendo uso di un RGB Splitter esterno non disponibile nella confezione in prova sul numero 99 di MC. infatti proprio grazie e questo accessario che il software Miximage riesce a produwe un'adeguata separazione di colore e successiva niscelazione.

pretese di sviluppare un interprete Basic che non solo fosse il massimo (nell'ambito degli interpreti Basic in gener* le) in velocità e compattena. ma soprattutto caratterizzato da elementi innovativi, come la precornpilazione, I'editor irv telligente, la programmazione strutturata e modulare. Questa volont8. dell'w tenza teutonica. di non attendere i prodotti dalla casa madre o dai tradizionali inglesi ed americani, ma di sviluppare in proprio soluzioni, ha rappresenlato per I'ST una svolta ma al tempo stesso, e gli effetti di ciò si stanno attenuando solo ora, una eccessiva pemnalizzazione per il mercato interno ed una grossa inerzia verso I'internarionaliuarione tegata all'tiandicap linguistico.

Il dominio nel MIDI Se nel settore del DTP Ibbiettivo era e rimane quello dell'alternativa. nel campo musicale ed in particolare quello delle tastiere elettroniche, la scelta dell'ST B se nop l'unica certamente la migliore. Non B raro sentir dire da un operatore del settore: uChi tratta di musica elettronica non pud non conoscere I'Atarir. Questo perch8 come ben noto nel mercato informatico. la qualita pud fare utenza I'utenza fa domanda. la domarr da fa qualit8. Passato il primo livello, il successo è garantito. Il successo. nel campo musicale. dell'ST ha come elementi base la presenza di un'interfaccia MIDI standard. il b s s o costo di un sistema integrato, di potenza adwuata e logisticarnenta c e modo come il 1040 e sopmktutto la presenza di un sdtware che trova nel 68000 e nella grafia raffinata il giusto motore per superare le poco flessibili soluzioni tradizionali. Neanche a dido... il vero s o b a r e musicale p e r ST ha padri tedeschi; tra. i titoli Pro 24, Notator, CuBase. La diffusione dell'ST come prodottQ musicale, è tale che oggi lo si trova nel retro palco dei concerti iive. in primo piano netie sale di incisione. come console nella messa in onda di uno studio radio.

Gli emulatori Poco dopo ì'uscita dell'ST, si iniziò a parlare, stimolati dalle notevoli similitudini HW e SW, di compatibilità con I Mac. All'atto pratico c'era ben poco da sperare. non era possibile neanche un banale scambio di file. Il cccolpaccior lo fece un ragazzetto americano (un certo D. Small), il pi2i ardito dei semplici ccparlatorii. scrivendo un vero e proprio emulatore Mac software: Magic Sack.


.l

sfcibieriq~e :dq1 $oi6ra~ffyn'&hal@. ?a forse msl'parlan* ~:.2!'~jl sosp~tlb' di,q@e<re !n mntraddiiime, Per mi utenti. ~faftuna%n+&te1 le ritB cono altre; quella rrpggick@enteishiarnb-inc&~eraziond:e~s&ondgrs d un compqfqr chk d ~ c e con ' te. cinceire spinte. dd $@ .utenti @i*chi5 fidara ha raggiunto in .hri &i' d o n ' dZ vertice, non può..ch$ *re mnzie. l merifi dei sumesai ST rlpo pssono Che =&re visti% in Questa'bt-,

'

e$

tiw, Una dirn~stiazipriel ;Se Q vero che h scelta Ami di Iaakizre l'$T Per QTP, a l i e v a ~ m ~ ' @ ~ m e s s &

un Buon sistema mnmromarim +i uri'm'rna slat-t@nte l s i ~ & ~'r,kpA@nto vdro & che ben p-, gli m s t i , works "eF I e t SWèeL aur&b+w"ìnjecgtidito Apple & (io. s e p a Ira\ivBnW C$ un Càfamlis $vilcippa$rrda uh p i c ~ 1 0gqup po di pmg~mmatoritpdekhi. I il DTP.deve valere di esempio g e p rale.

m

Attualmente si sta ~9i~t~n$,,a~+~daf&ma dì schede grhfi*e e-dih$oft&r&)

b&

a p j A i k i ~ h "mfassipnali, i & 3, m&

seguir4 un'aitematiiva: ad e s h p i w al Mac IlI, an&& 'nelh grafia 3D.i'meri$ saranm di una prodlna U D M N$r ora sconosciuta,

Il suocesso di PC Speed B stato enarNanestanfe Fa mancmna di rsab affidabilita deii'emubtore, la iola schema- -meed ha stimolato Er tal punto i p^aQiQ dì saiufo del Mac &aiordiva chjun- tori di schede che in pochi mesi abbi* Non w k v o 6 @OD hO f3tto ma @boa qwe, sopratXtltto fa A p p l ~chè a d & wbi- ma avutq il lancio di un ATSpeed @&l >delk*$T. ha cima alcuni punti fm&e di k h l ò 6iek 15B61. tg p e ~ vie legali: della mowhi* ' Al di ld di quwi B s a h t i risultati1 un rAentaiÌ nel~qvo~mione II pih dellevmite avere MoEJic Sack serviva per m ~ v i r i e mqi qnvjncsre di buon atar'ista k p r e rifbXteree-s& W ,che v o m i &sem chiah' a tutti gli 1 utenti- La sastanza &i discor~2! @tra-avere tra le mani dw macchine al costb 10 SWt'tTD Che si nESCOn_Gfe una, ma m gqarrtiva serie appliw miglior emulatore: la perdita di iwrato ta sulla nece& di una qualificata p m per il 9D&#e Iegqo qlh yLq&im .&z&b a msti giusti, unifa ad *uqa zrani. spinta n& diribuziane ufFiiale. %h D T ~ X ~Pid ~G d .un s m flsih, t'emufazione Mm. s o m ST 6 .=i, alb ed allerMle (m? grazie s 1 ; 2 quasi una q w sObrattulto il m i l i W a m W &j mtli afFid! tibiiita. Gli a~era-j nel %8are puhli- Pid avaiTatÌ. ha d i m a s t ~C& ~ e s l o prewi~mi I Mi vkne in Mem i1 pmverf$o $qco,y SFtiici & S E O ~ O t m q u i i l a m ~ t ea 4 ~ risch? h, 'phfi@ilaq i non ripèiere.?~ D'&o canto 1e p a ~ & l i t $opemh've dp v i ai sbaglia o ~ gper fibe risorse tra i due s e m i . ciwmni., EpQlif$ t!alI!ap Nei prcssimo.kituia ci sard uno Spec che sj apmm W il nywp W o w -stas$i +m CI& un lT,acui si vuoi fai fare la tre 512 (p),con QuickDraw a 2 &t che mésm o dispmidorie dai sisbmi multi H & purgatòrid d4SSTI e$ utilirti una Scheda PrOCeSP@ @-te al@ poss#ifitA O#giri .sotto 1 1 m o t t i qmmari non ~end& ,e. a$ alra definizione? Pernonalmente, ne ferb,bal Modulo Delta di gmim Gn'uni@ si '&an&m .troppa a rilepfu%q113 sona sieum. ca W sia s@W m S che MSAWSJ, n di unamàcchina anr&@dm +tribu&m Nel W p a ~ell'emulazioneM5 DQS pub ~asform&e- un ST in t& da dah .A risÈhi~^di fatla n m - q < i il Mrno serio tenmvo /o stata fatto . -chinevecchii. della Avantgarde mn il sua pcdifta. 11 ] 3rnhndo ~arX*dolu di Cfmtik h; . paagramma funziomiw adeguahrnenw L e m w e m a puocg ,d@ cui m o parkite le n'dre? in r m i n i di pmpatibim ma ad una &n$ iWa2kni; Ifarticolist8. ~ c l y ~ e ~ a ~ C'G una q r i t a in g w o di faqrafare v&to'cE 6 s s d u b k n t e penosa. sa-Q che come &a s u c ~ b , p e t L'in?emseper l:.emula&ne M'S DOS I'Gttuale $kwao"rr'e&A STF sua 'Famigliaveniva da parta di midenti o MfiwrabQm w$r@hevenire il CW; .l.Tr2rrn7kl e ancora uncuQ~ . 6 chnUper pie m t Qvmawnrx ~ su un daiY&Wi&thb .W 200 a3&itm"I delfa &ebbe. potuta -nare micrap"m$ayter. fiera di i&is+ldwf a +i @di nella t$. il dssbirra, PC M &e*vann 8 casa un"ST. Per una se& di motivi t'ST noh ha- " preSii i q soluziaje defifinjtiq &;stgria picitt~ prodmiwie -#i ' n u d -ti fqttij th sto& dei fwbaiSa1 deJsuo ip&. -9 (&i.lTl, d a &M,PG , Sp& (odo# dalla o aeinum.atic@pG qpdu. t~descaSack) per meno di meno mifie o dalla premura {Yirmia m Q#&&, ne assicura un MS DOS ad 8 MHz sotto m stimaXiB $m l'Apri ib/'i, mduw 1 ScudhBnW, ped. ha, fiiW Ia 5w libri: knira!, -pWr2(mmi e aila d'i

~~

,

<

p?, I


News ~ t a r desse, i Dusseldorf '90 1,. I

I!iI :

t

- h

..ml

- -

;,

.

-

l *

-

I..

La maggior parte delle notizie riportate su queste pagine, sono state m o i t e

durante ia fiem, per soli prodoto' Atari, tinutasi a DLIsseIdorf 242526 agosto. @ 19B7, i a questa fiera, erano stati

piesentati 79.&positori su una . superficie di 4000 m2ed i visitatonn

furono 20.000. Quest'anno gli espositon sono stati 200 su una superficie di 2 0 . m m' ed i visitatotipili di 50.000. La maggior parte dei prodotti HW e SW esposti hanno dimostmto lo stato d; buona salute della produzione parallela @er lo più made in Germay) ed insieme a k novità vere e proprie hanno avuto

largo spazio espositivo le nuove release dei prodotti piu affermati

l

. T - - - -

l

2 5 .,:A~

-

,h

,.,

l

,..

., --:o-.

di Vincenzo Folwre/ii

In apertura le ultime novità su grafica pittorica e grafim di presentazione. Dopo essere stata al palo per anni ed aver affidato le sorti dell'ST profession* le al DTP ed alle applicazioni musicali. produttori Hardware e Software aembrano essere ben entrati in sintonia per sviluppare prodotti di alta qualità. Le schede grafiche. che ormai vado presentando da tempo e che saranno in prova nel prossimo numero di MC, han-

no attratto moRi pwrammatori nella loro orbita. Per ora, comunque, i prodotti gmfici avanzati sono rivolti al DTP a colori.

Tra le sofnuare house più attive. (oltre a quelle che si muovono nel mondo DTP), la SciLab con il programma SciGraph e la TriCOM con il sistema LEO. SciGraph è un completo editor 2P3D per business graphic in grado di gestire il True Color e di intetfacsiarsì con molti programmi grafici giA esistenti. La DMC, creatrice di Calamus, ha sviluppato quattro moduli grafici per DTP che, per l'elevata qualith e flessibilità raggiunta, potrebbero essere tranquillamente considerati prodotti pitt* rici. Di questi prodotti si parla tra le news sul DTP. La ben nota scheda Chili prodotta dalla Marvin, è stata finalmente prepara ta per un lancio adeguato. La caratteristiche di questa. che per molti versi ricorda la Targa 16 della AT&T (scheda grafica tuttora utilinata dalla maggior parte degli studi grafici professionali], sono di prim'ordine: - scheda grafica a 16 bit (65.536 c e tori) multi-risoluzione 1512+500. 1024~250,640x400). - Digitalizzatore video in tempo reale (0.02 sec) con 55.536 cotori gestibili contemporaneamente ad una risoluzie ne massima di 512+500 pixel. - Gestione della mappa video in più modalità. Permette Zoom e Scrolling in hardware (quindi molto veloce). - Dispone di 384 KByte di V-RAM owero un tipo di memoria. moko vele ce, che permette un accesso contemporaneo in lettura e-scrittura (duaCport). - Genlock digitale per la swraimposizione di immagini analogiche su immagini digitali generate dal calcolatore. - Software per grafica pittorica. effetti video e titolazione elettronica. La Chili per ora è interiacciabile soltanto m n la linea Mega ST, ma non B da escludere l'uscita di una scheda adattatrice per 1040 ST. Il casto dwreb be aggirarsi sui 3 milioni di lire e non dovrebbe spaventare i piO interessati. MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


1

DIN A7 Handy Scanner GT-1000

/

Sempre rimanendo in ambito videografico, due parole su Snapshot Pro, digitalizzatore di alta qualità con risoluzione grafica di 704r552 pixel in 64 toni di grigio. Utilizzando un RGB Splitter ed un adeguato s o h a r e di filtratura elettronica si ottengono 260.000 colori. E prevista anche una prossima versione in '256toni di grigio e 16 milioni di colori.

Sembrano senza limiti le proposte dei produttori tedeschi nel settore delle CPU Motorota spinte a 16. 2532 MHz. Iniziamo con la Maxon. Mach 18 B l'acceleratore con 68000 a 16 MHz, con ne 1.4 e disponibile anche per STE) sotto Spectre per stampare direttamen16 KByte di cache rnernory (O wait rivoluzionario per sicurezza e compat- te su SLM 804. senza dover passare state) e zoccblo per 68881. Disponibile tezza, si B arrivati al Modulo Delta un'alper I'ST ed Ultrascnpt. per l'intera linea $T a circa 5Q0.000lire. temativa ed una soluzione per la magBoard 20 B la proposta a 32 bit, gior parte delle esigenze di un qualun- G8dget sempre Maxon, per le esigenze più que professionista. spinte in grafica e DTP. Il pmessore Come spesso si &*no; i gadget a Tra i due poli Supercharger (in versi& utilizzato è il 68020 a 16 MHz con 32 ne 1-4). ATSpeed (in prova sul prossi- semplici kit disponibili per ST si rivelaKByte di cache memory, zoccoIo per mo MC) ed ATonce a fare da ponte no. il piO delle volte. non solo utili quanto indispensabili. Questi prodotti coprocessore matematico, bus di ~ ~ C B O ~ W ~ C O . espansione a 32 bit; la casa promette I primi esempi di multiprocessing li ha nascono spesso da progetti sviluppati un miglioramento delle prestazioni del promessi Supercharger. vediamo cosa da appassionati ed il pio delle volte 360%, il prezzo orientativo dovrebbe otterremo con Modulo Delta. Questo appaiono su riviste dedicate all'ST. Da essere di 1.500.000 lire. per ora B un box esterno che collegato queste idee, con qualche ritocco miniDalla pro-VME oltre ad una aggiornata via DMA ad un ST permette I'emulazìe mo, i distributori traggono sicure fonti di hypercache+ con 46 XByte di cache ne di un AT-386. La scheda interna. che introiti. veloce. arriva una nuova hyperCACHE- verrà ridotta per essere inclusa in un Laserintehce ad esempio è un p i e 030 basata su 68030 con clock a 25 Mega ST, contiene un 80386SX a 46 culo gadget che interposto sulla presa MHz. 16 KByte di cache, coprocessore MHz corredato di coprocessore, 16 DMA tra stampante laser e computer, matematico. zoccolo per il vecchio KByte dì cache memory ed ha spazio risolve egregiamente il problema del 68000 e promette miglioramenti fino ad per ospitare fino a 2 MByte di RAM. blocco delle funzioni di V 0 dell'ST quanun fattore 6. 11 prezzo (copmessore Sulla stessa scheda alloggia un 68000 a do la stampante è spenta. HDKit permette di trasfomiare un incluso) è di circa 2.250.000 lire. t 6 MHz anch'esso corredato di copre La Eickmann Computer, famosa per i cessore, la memoria è condivisibile con dive da 3,5" oon formattazione da 720 suoi Hard Disk. ha prodotto una scheda 1'80386SX. Sono inoltre disponibili tre K in uno con formattazione da 1 - 4 4 MB. simile alla precedente, ma con 68030 siot di espansione AT a 16 bit, su uno di Questo kit B disponibile anche per drive switchabile a t 6 o 32 MHz. questi pud essere installata una VGA da 5.25" e risulta installabile sia su drive che. tmmite un opportuno software, interni che esterni. SpeedBridoe è un semplice adattate potrà essere gestita sia dall'AT che Emulaturi a Modub Delta dall'CT. Mouse, inlerfacce e periferiche re per bus Mega ST che evita qualun t ormai un dato di fatto: oltre aCinte sono owiamente tutti condivisibili. Si que intervento sul 68000 per istallare grazione dell'ST in reti e ambienti Ms può volere di più? Sempre, ma per ora PC-Speed, ATonce, etc... MegaScreen o in qualunque altro m e Dos. Unix, Mac i produttori hardware ci accontenteremo di una adeguata disviluppano microschede e software tali stribuzione e dì un prezzo terrestre (p do verrà chiamato. non B altro che. il semplice circuito (affiancato da routibe da trasformalo, con una spesa minima, co superiore al milione dì lire)! in una macchina muttiprooessore. Sul fronte Mac una novitA importante. di interfacciamento) che permette a l l ' q Si è partiti da PC-Speed (ora in versi* un interprete PostScript da utilinare ai sfruttare l'overscari. 1 risultati più ihte


ressanti si otteiagono in monocromatico con un aumento della risoluzione ad 832w624 punti. Simili vamaggi si ottengono anche in bassa ed in media (640~350)risoluzione a colori. Le maggiori risoluzioni si possono ottenere con monitor multisync a scherno piatto (tipo NEC GS).

Memoria di massa Passi avanti nelle prestazioni degli Hard Disk per ST. A meno di voler necessariamente rimanere legati ai prodotti Atari, degni di attenzione sono i nuovi Hard Disk tutti con capacità elevate, alta velocità d'accesso ed interiaccia SCSI. A titolo di esempio si possono considerare i prodotti delta Hard & Soft A. Herberg, come I'Uitra Speed Orive da 42 o 80 MByte con tempo d'accesso di 19 ms e 64 KByte di cache oppure lo streamer da 155 MB con velocità di trasferimento di 6,5 M8 al minuto. Un discorso particolare merita la prossima distribuzione in Italia del CSS-Gig& file 650, dive per dischi rnagneto-ottici con una capacità di 650 MByte, con un'interfaccia Hardware e Software sviluppata espressamente per ST. Questo prodotto owiamente non è rivolto ad un'utenza hobbystica ma assolutamente professionale, operatori DTP (nella gestione di stampe a colori in altissima risoluzione la quantità di dati è enorme), CAD, CAM. Grande utilità potrà avere se inserito come elemento centrale in grandi basi di dati per immagini. Questo e infatti quello che si sta cercando di fare in Germania, sfruttando tra l'altro le nuove schede digitalizzatrici disponibili. Sul fronte sicurezza dati, un cenno ad XDISC della Omega (la stessa del Modulo Delta) che permette una gestione protetta dei dati su ogni hard disk, la caratteristica particolare è che essendo stato sviluppato per ST e MS DOS è possibile una gestione unificata con PC (ATkSpeed e gli altri emulatori.

Applicazioni IndustrrtrraIi, CAD Pur non essendo, in Italia, un settore applicativo considerato dall'utenza Atari. non sono da sottovalutare le sempre più numerose proposte che provegono dal resto d'Europa. La Rhothron è la società pic importante in questo settore; in questi anni e riuscita a sviluppare tutto queli'insieme di interiacce, unith di conversione DIA-PJ D, software per il wntr4lo delle macchine di processo, et.c. (else si hanno esigenze specifiche è bene tener presente), uno dei suoi ultimi prodotti 'è una scheda grafica a colori 6409480 in 256 colori, in grado di far girare, le applicazie

ni finora sviluppate, simultaneamente su un monitor monocromatico (come I'SM124) e su un monitor a colori VGA, ovvero fornisce la possibilitA di visualizzare informazionialfanumeriche in mono e grafici in colore. La scheda B disponibile sia per bus Mega ST (900.000lire) sia per bus VME (1.200.000 lire). , Oltre alla Rhothron sono venuti fuori nomi nuovi per queste applicazioni particolari. Ad esempio la Computer Mai ha sviluppato per ST un sistema completo di Stampa e Lettura di C d i c i a barre, con software per la gestione del carico e scarico automatico dei magazzini e l'eventuale invio dei dati in rete locale o commutata via modem.. Sul fronte CADICAM non si registmno novità di rilievo se non la conferma di pr@otti C-omeTechnocadd adeguata-

I

mente aggiornato per poter fare uso del colore e dell'alta risoluzione. La nuova versione è stata ribattezzata Technobox e affiancata a schede come la MGE o la Matrix permette l'utilizzo di 16 colori ad una risoluzione di 1280x1024 pixel. i

LAIV e Unix La Biodata, che commercializza la sua

' ~ i ~ 100 e t tthernet Subsystern nella

{versione 3.0, è la principale installatrice idi reti per ST. Le sue reti come B ben ,noto includono nei vari nodi sistemi 'operativi diversi Mac, Ms Dos, Unix e iTOS. Il nodo per ST sfrutta come interfaccia la DMA con velocità di tmsferimento di 10 MBitlcec. Il nuovo software è stato aggiornato sia per i nuovi sia per le nuove schede grafiAtari che. Finalmente visibile la LAN Ethernet a basso costo di Aiari! Tra le caratteristiche principali della scheda di coliegamento, troviamo connessione diretta sul bus del Mega ST. chip custom VLSI per la gestione intelligente della L4N. 64 KByte di RAM statica; la velocità è di 10 MBitisec ed è possibile far girare software di File service, pmtocallo di comunicazione TCPI IP ed il sistema operativo XISTMiindow. Come facilmente intuibile la rete per ora disponibile soltanto per Mega ST. Tra le proposte a basso prezzo. la più appetibile B senza dubbio quella detla Eickrnann con una LAN dedicata per ST le cui note disponibili sono la velocità di 1 00 Kbls e un msto per nodo di 400.000 lire. Il sistema operativo Unix per eccellenza disponibile su ST rimane WSTI Window. Ouest'ultimo sembra non trovare ostacoli ad una sempre maggiore diffusione. A Dusseldori sono stati m e strati i nuovi moduli per I'interazione Unix-GEM (3.1) ed i programmi per gestire i nuovi standard grafici.

(m

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


DTP

2 sicuramente il settore con maggior tasso di crescita. Le nume periferiche ed il nuovo software, sono rivolti ad una utenza sempre più professionale. A pochi mesi da[ lancio del Logirech Pibt Mouse, ecco una nuova novità Logitech: i'Handy Scanner. Le prestazioni sono le stesse del corrispondente per PC: 32 toni di grigio con risoluzione variabile 100-400 dpi e traccia di scansiane di 105 mm. Nella confezione del mouse incluso il software, per la gestione di immagini (monocromatiche) digitaliuate, Repro Studio junior.. Questo programma, sviluppato per lavorare in stretta connessione con Calamus, B venduto in tre versioni, Oltre alla gi8 citata junior (semplice ed irnmedi* -1, B presente una versione semipro (Repro Studio) ed una professionale {Repro Studio pro). Le caratteristiche di quest'ultima sono di prim'ordine: - gestione dell'immagine in 256 toni di grigio (con adattamento atle attuali schede grafiche). - Separazione dei colori (per stampe professionali a colori). - Definizione del tratto raster da 1 a 356 linaelcm. - Gestione grafica vettoriale. - Autotracer (vettorialiszazione di immagini lette da scanner) tramite curve di Bezier. - Manipolazione di blocchi. - Undo multiplo. - Gestione dei formati .CVG e GEM. - Gestirne virtuale di immagini fino a 16 MByte. La versione per la gestione diretta di immagini a colori, sarà disponibile a breve (almeno wsì promettono produttori e distributori). Comunque il punto fondamentale B la separazione per la

-

MCmicrocosoputer n. 100 ottobre 1990

stampa in quadricromia e quella fortunatamente &... giB disponibile! Cmach della TmS ha invece già risolto i suoi problemi di gestione reale del colore e. almeno per ora, è il primo software professionale per la gestione della pagina tipografica a wlori. La TmS si 8. inoltre, ben mossa sia nel settore della gestione vettoriale delle immagini. aggiornando alla versione 2.5 il suo TmS Vector ed approntato una nuova versione di Cmnach (Cranach Studio), sia nel sofhuare di gsstione che per gli scanner a colori. Sono infatti dì sua produzione I'interfacciamento HW e SW dei vari Epson GT-7000 (handy scanner), Epson GT-6400 ITrue Color e 600 dpi in formato A4) e Sharp JX 7 0 0 (handy scanner). Il GT-GDOO B stato gi8 provato sulle pagine di MC, il GT-l000 B un handy scanner con pagina A7 (74+105). 256 toni di grigio per 16 milioni di colori mrrispondenti, 2Q0 dpi. Il JX 100 della Sharp ha una pagina 1'00+180, 256 toni di grigio, 16 milioni di mlori, 400 dpi. : Hanno avuto nuovo software di geSione anche plotter da taglio per seri&afia e fotounità diverse dalla L i n o t o nic (come la Compugraphic). Tra le fotounità una buona notizia B l'uscita di una macchina dedicata all'ST ed a Calamus DTC Desktop Setter. Con prestazioni di prim'ordine (utilizza la tecnologia laserdiode, ha una risoluzione da 480 a 3000 dpi, una velocità di una pagina A4 ogni 3 minuti, può stampare .sia su carta che su film] ed un rapporto $reuolprestazionì molto vantaggioso, viene pronosticato come il prodotto p r c ~ fessionale DTP più ricercato. Sul fronte delle stampanti laser tmdizionali, una buona (direi ottima) natizia per i possessori di SLM 804: grazie alta tecnologia RET, la MaMn ha sviluppato il GOODPI-Laserkir in grado di alzare la

risoluzione delta laser Atari da 3Q0+30Q dpi a 6OU*300 dpi. Questo gadget sarà in prova prossimamente su queste pagine. Sul fronte Calamus purtroppo ancora qualche ritardo per la versione SL, per ora in fiera era disponibile una nuova demo. ma per la distribuzione deI prodotto ufficiale sarà necessario attendere ancora qualche tempo. Comunque vorrei ricordare i moduli che caratterizzeranno la nuova versione: Photo Art. Logo Art, Line Art e Type Art Photo Art, B un modulo per la gesti* ne di immagine a colori in modalita raster. Evidentemente le qualità migliori di questo programma saranno nelta separazione dei coiori. nelle possibilia di controllo di stampanti a colori, soprattutto del tipo a sublimazione, ma owiamente non mancheranno le tradizionali funzioni di manipolazione dei blocchi e ritocoo. Logo Ari è un modulo espressament e sviluppato per il disegno di logo e marchi pubblicitari. La tecnica B vettoride. Line Art B specifico per la realizzazie ne di Form sofislieati e Moduli. Gestie ne vettoriale. Type Art è l'evoluzione del tradizionale Font Editor. Gli strumenti sono ovviamente molto sofisticati ( m e la vette rializnazione automatica dei fonti bit rnappedl.

Linguaggi di programmarione Oltre alle nuove versioni dei tradizio nali interpreti ed alla presenza di alcuni unorni nuovi,, ciò che più domina il settore della programmazione sono i toolbox di sviluppo. Se ne sono visti per i prodotti più diffusi. i pih interessanti sqno quelli per GFA Basic, Omicwn Basic, Turbo C e Modula 2. .Tra le nume versioni, la più intesante 6 sicuramente il Turbo C 2.0 con un nuovo Debugger. Sempre rimane* du in tema di compilatori C, merita menzione il p r i m (7) C object orientd per ST. In realtà M:OOP più chk un compilatore B un pre~mpilatore,dopp il @rima passo di tradiz~orr~sard necessario far uso di un compiiatore C standard. Trà i nuovi interpreti in evidenza un Faswl dell? Maxon tori ottime pre rogative: completa canipatibilitÈi a livelEo sorgente e moduli c m il Turbo Pascal 5.0. compitazione ad un passo con vele cità di 20.000 linee al minuto (W un normale ST ad I3 MHz). sistema integrato Compiler-Linker-Debugger. Ancora dalla Maxon un interprete P m log di nuova concezione finalmente in linea con la normale produzione Atari. M


Caligari Consumer & Co, di Massimo Novelli

Credo non ci sia stato mai alcun programma msl tanto a lungo atteso. /I sinonimo di animazione per eccellenza, agli albo# della genesi Amiga gid preannuncia to nelle sue caratteristiche principali, dopo un 'infinità di beta pre-release, ecc. ecco10 qui, nelle due versioni, I'una casalinga e i'dtra professional, a farci godere l ' e b r e a di {(giocarea con il mondo dei numeri fatti immagini..^ come dice il fondatore della Octree Sohare, M nCa!igari è il primo programma commerciale ad impiegare, nell'uso, il paradigma della realtà virtuale))

l

Ben pochi programmi, infatti. credo siano stati attesi, così a lungo come Caligari della 0-8 software, sccietà incarnata in tutto e per tutta da Roman Ormandy in quel di New York. Brevemente annunciato nel lontano 1985, anno di nascita commerciale di Amiga, egli presentd una pre-release l'anno d* po. con una splendida animazione ad una delle SigGraph Conferente e fu subito successo. Successo alternato da continui rinvii nella commercialiuazione e. soprattutto, nella messa a punto di una strategia finalizzata a fare acceltareil prodotto e le sue scelte. Da non molto tempo è presente sul mermto nelle due, o meglio tre versioni, che ne fanno un naturale upgrade da una all'altra. C'è infatti Caligan Consumer, la versione Pro Design e Pro Animate e la Caligari Broadc88t. GiB ma. per gli ultimi amvati nel mom da Amiga. o per quelli un po' smemor* ti. che cosa rappresenta il nome Caligan? Detto in poche parole, uno dei pid eccezionaii programmi di modeilazione ed animazione in 3D mai apparsi per persona1computer, e questo senza o m bra di dubbio. Se non altro per la scale tura di prezzo delle varie versioni, dai circa 250 dollati per la Consumer ai 790 per la Pro Design, 1995 per la Pro Animate ed addirittura 3495 dotlaii per la versione Broadcast. Un bel pagare, non C'& che dire. Ma in che cosa sostanzialmente sì rivela differente dai suoi diretti concorrenti attuali? Senz'altro per il suo #tremende menteu semplice modo di usarlo, almeno ad un certo livello di impiego. Caligarì, infatti, B un modeler 30 che incarna una vera e propria risposta in tempo reale alla manipolazione degli oggetti sullo schermo e ciò significa che si possono tranquillamente saltare varie fasi deHo sviluppo dì un progetto ranimatoa, quali I'ideazione su carta più o meno dettagliata o le successive messe a punto per quanto riguarda angolazioni di vista, luci e superfici. In sintesi, tutta la produzione si concentrerà in quattro fasi: disegnare o selezionare gli oggetti, studiare e scegliere una scena in cui appaiano. sviluppare una adeguata c e reografia e finalmente wrenderer le immagini su videotape.

Nel parlare del prodotto faremo una carrellata sulle varie opzioni presenti nelle diverse release, anche se la filose fia di utilizzo 6 la stessa per ciascuno di loro. A proposito di configurazioni minime per il suo uso, viene consigliato 1 maga di memoria, ma raccomandati alrneno)2o 4 mega per te versioni Consumer e Pro. per la Broadmst vedremo più avanti. Esso B composto. come altri prodotti. di un modulo Oùject Design, di uno Scene Design e di un Rendering. ed alla partenza il programma ci presenta un pannello di controllo, in basso sullo schermo, che cì offre tali ambienti più un Utili- ed il Load Workspace, per settare il path di utilino dei vari file creati lavorando. Le utilitys, al momento attuale. contengono solo la generazione di barre colore, rigorosamente a norme CCIR in PAL oppure NTSC - barre cobre e scala dei grigi per un evidente riferimento genlmk su VTR. Nell'Object Design si potranno quindi selezionare gli oggetti che fanno parte della nostra scena, m s t ~ e n d o lda i libre r i i esterne di prossima produzione, o p pure tramite rprimitive~grafiche presenti all'intemo di Caligari. che vanno da semplici figure quali cubo. cono, ecc. a semisfere. sfere e toroidi, da importare sul upianon di lavoro permettendoci altresì di unire tali primitive per pi2i complessi oggetti. mine pure niotarli, ridurli o muoverli in coordinate relative o assolute. A proposito di piano di lavoro eccoci ad analizzare una delle affermazioni fatte all'inizio: esso è perfettamente tridimensionale e gli oggetti presenti sullo schermo, in modo ancora wirefr* me, potranno essere rcatturatiii dal puntatore del rnouse e trasportati in oghi dove, seguendo docilmente i vostri movimenti e oorreggendone istantaneamente la prospettiva scelta; si potranno quindi umontareil cose abbastanza complesse in un batter d'occhio. Sem plicemente favoloso! E tutto ciò in tempo reale con redraw istantaneo! In sintesi un'interfaccia grafica che fa onore a Roman Orrnandy ed al sistema scelto per lo sviluppo di tale software. Le peculiarità più evidenti netl'Object Design sono riunite nella scelta dei piani di lavoro. dalla Perspective in modo

-.


W,W =m

Sirwwww W v&

deffwItalle .classic@ Tdwl Ftmt e Lei? e wl Wsa luWnu, panwilo di eonirolto pgwnte in dgni m;odulo, a, mig richjes8; vi sona opzioni me-Status. &RE d ihfomia in # d o numerico kdta nostra scena, h d e S m , b sezim Ptiitìith ed i. T* srwrtehenti un& suhpziyw Unglue 43 Capy pw wri're o divide& bggm *Ita m&rione a&. alia sezione Exlmclec che ci ofim un pzrno di la(r'c;rmbldjmem s i a d e per lawazigrig di oggetti mmk .te tramiatura poliganele, con "hsibilit3 di @h, Goae ed ktmd%d d nostro 2D da genegate ed importare in sul piano di lavoro principale. A tuttom cid A quindi aggiunta il modiilo Render che ci eonsente la fracciatum, nwjn standard rayt-tracingma in uno s i d e sviluppo dalla stessa matto piii v o w del classi@, degli

m-

u*

~,F..~frn

-dc-..

/*,m

-e-&-,

m.

m>ww&,&h

o;,

3 menu

~us,f~md&jl:l~,im~~si':al o invowla ci.eyMen.&F$dhqi.sf p a e , *ali a ~ ~ m e r i e r r ~ a t t ~ ~ nato su 'cui alamo l a ~ ~ ; l l g n @ , ftTimd il e p a . in di ~ ~ G Q A &.m Q c w r i ai rendenng, x y a z le cwrdinate del'oggetto nello spazio,EYE x y e z l$ mdnate dei m m d am$b di &ta, Mem ia ,memoria s$Ìsisi&&r'S Eimk la rat@i~ne~ : o m h i q~~e nelb spazio. m h fikrirriemh Q su $&ha La sezione Render ci uitimarà il nostra lavora e la sua velociti di esecuz10ne B quantommo eccezionale m vifiii anche del fatto che tracciatura ci offre colo una rappresentazione di mh a , Cxin una sala sorgente di luce ed un set di dori IimiMti, dare salo

te r i ~ o n i usate . seno, in m d o MTSC di 736x482 pixd in ykefmw, la st&a in P6 mron rnda wdering, ~$ure~@Ux40Q in SOIO yn$sring m s t a d r d aartuafi, Cwi~imsandoad espiuere I'Qbject Design trovii Yafi P m e m, per prnhiare i'mgdo di visza relativo $I ptana di' lavo,m. M&a ci mmte di t r r u w nel mando apparente. Encirele ci trasporta in una skrà irnmagb iMiia attorno $li'-, e, Znoiri per ingrandire parzioni d e b ctesu; tutto citi al semplice tomo del mause e dei due tasti assuciati, una pw lo dii-=ioni x il destro p e l'asse ~ z. Nelta m a n i p h a e dell'oggetto avremo poi PCck p r s e l e t i m e una a nostra scelta c m in

&H'ufeima w z i a n i e -&&ita; iVediarn~. ma ah# erci ,&r?

arizhnkile.

m-

#ee3&x432~32oM~lari.La ersidne PAL segud corrqmrnmm gli

I

fi&~U b n visra 9- ;a*,+-& L@ +l p ~ r - ~yF P T SU qudlo ?q-,@& a t w d w &un m d o E & @ s r ehnimre o g m * non voMi e 1'Chidp

mr

il conmibdi gerarchia sugli oggetti cornp~-tl+iqmi@ cuhori up e @m. Tmns che m s m e di muovere lo stesm secondo la dikeziorse del muuce, e W per h sua romziwie secondo gli SCM, uno alla voita, deforma*io o r i t ~ t al~ variare e delta pre spei&va ma iizpttandone le perpendicolar& sugli assi scelti. Nella sezione \fiews possiamo evidmziarne le' quattro po&ibilit&, quali P e r s p d w I di cui abbiamo gia parlato, s le classiche orìo@naii sanb Top, wn Wsta gD partato, e te ciassiche

-

un'idea di qu& ahe abbiamo d i z m - e che idea! -. 1 varo rày-tmcing awerrà in un dtro mntem. In @le ambita. tuttavia, si patt-21agire sbi m m b n mediante Cursori, stampamie ii ' r i s e 0 oppure salvare il tututto in IFF sta&. Wtra menu interessam B @ ~ l I am thssiegmto EiC. che CI mnsente' di in input numerici su tutto ir.set@ggÌo dell'abjkt Design con wsSiWlM di tdoue. Encircie, Fati e Tik ddrangob di visuale, Tmm R a t e Scale.Ml'oggewma della griglia di riferimmto del Wtm di

tovoro, ' E ~ m ~ i a mm o alb Same DesW, abbiente di 9ssemMoggia dei nastri getri Angoli: il Base menu 4 sostanzhl-

e


AMIGA

I. ;

7 -

%m in ambii0 Script: ci vengono offens opzioni m e Compile, Debug, PrevEew. R m r d e Save oltre al Render. che trasporterà su videotape iquadri generati.

mente identico ail1Object Design con in più dei nuovi Tools. 6 importante dire che gli oggetti in questo ambito non potranno essere editati, ma solo riposizionati o traslati. Tutte le proprietà delI'Object Design, per quanto riguarda angoli di vista e posizionamenti, valgono in egual misura nello Scene Design ma, dicevamo, dell'entmta in azione dei n u e vi Tools che vanno sotto il nome di Copy, Scripts e Lights. Copy ci consente di replicare un oggetto, mantenendone le caratteristiche ma non creandone un nuovo codice associato, e ciò per risparmiare meme ria non appesantendo il programma; Lights ci offre le possibilità di selezionare le sorgenti di luce posizionandole nello spazio in numero illimitato, mediante controllo di intensitd sugli assi x y e z e relativamente a sorgenti diverse ne verrà interpolata un'intensità media tra due valori contrastanti, sako modifiche; Softsize, poi, sorgenti di luce puntiforme, con possibilità di valori da O a 1000 per una diffusa riflettenza sui poligoni esposti alla luce, diretta o diffusa che sia. Come per I'Object Design poi, in ogni momento si potr8 avere un rendering della scena composta, owiamente con molte più capacit8; vi sono infatti i settaggi dei tre attributi associati ad ogni colore degli oggetti considerati: la tinta - il colore -, l'intensità - la diffusione -, e l'ornbreggiatura - la specularitA -, mediante azione su slider e sulle bande dei colori presenti. In questo modulo è anche compreso Setup che ci offre la possibilità di cambiare risoluzione, bassa o alta, e I'Overscan o I'Underscan dell'immagine ray-tracing; tra parentesi le modalità wireframe sono sempre in overscan in hi-res. Dopo essere stati soddisfatti del lavoro svolto avremo cosl bisogno del m e dulo Swipt che ci consente la vera e

A scene Design; attivate le sez~wi Status e T d s comprendenti i menu Scnpt e Lighe.

Abbiamo appena fatto b un r-ng della scena e, i n m h

Setup, C; vengwio offenerimluzioni diverse con B senza uverscan per un

I

risultato frnale di

nostm gradimento.

propria animazione del tutto; esso si awale di una sintassi di comandi, pochi ma potenti, da editare in qualsiasi wp, composti da umodulis di azione che descrivono la nostra rsceneggiaturan. Al suo caricamento esso potrà quindi essere compilato. debuggato, con messaggi di errore chiari e semplici, oppure visto in preview - in modalitd wirefr* me ma in tempo reale a 30 quadri secondo. variabili, come pure salvato. Usando invece il Render esso attivera, nella versione Pro e Broadcast, un Single Frame Controller, indispensabile per controllare un VTR in Single Frame Record. potendo quindi rendere un'imrnagine, salvarla come quadro video su VTR, e continuare così fino alla fine. Il linguaggio degli Script va da comandi come Move e Arnove, per muovere l'oggetto o l'angolo di visuale con pammetri coordinate spaziaii e numero di frame, a Scak, Rotate, Lwkat, Pause, Rate, ecc. con un'infinità di parametri, ma nonostante tutto semplici da ricor-

dare.

non perfettamente standard almeno in ambito importazione o esportazione di oggetti, in solo formato Octree. è il massimo ottenibile a questo livetlo. D'altra parte la Syndesis offrirh presto un modulo di conversione oggetti Interchange mentre la Active Circuits ne ha gi8 presentato uno, a livello dì immagine generata, nel suo ImageLink. che abbiamo già visto su queste pagine. Molti ambienti, professionali e non, credono molto in Caligari e nelle sue potenzialità; onestamente, a questo prezzo non si potrebbe avere di meglio anche se la domanda di tali strumenti, in ambienti di produzione televisiva, è piU un fatto di ccrnode correntia su questo o quell'apparecchio o software grafico che sia. che di vera versatilit8 a prezzo adeguato. Qualcuno dei Guru del villaggio globale potrebbe storcere il naso sentendo parlare di soli 3000 dollari di investimento. ma tant'&! [Irisultato è quello che conta e Caligari assolve magnificamente il suo compito. te updated e

Concludendo, insomma. un prodotto eccellente che, anche se continuamenMCmicrooomputer n. 100 - ottobre 1990


LA FORZA DELLE IDEE

SMAU PAD. 19 - STAND C1 2

CM"LLIGENTE C,.-.E IL TUO COMPUTER. ORA E SUBITO: q w t a 2 la traduzione italha di 'Hic et Nurnc". ''SPECIALIX": querlalla fraduzioneinfomatica di "Hic et Nunc". Le nuove schede intelligenti "'Speclix" hanno infatti, risptto alle vecchieschedetradirionali, carattdiche nettamentesuperiori in termini di 'Ipotenza", "velocitd"e "versatilitd': P o t e w il microprmore Zilog Z-280a20 MHz. installato StllbpiW mudregesfiwsenur ahrementi dipmi~zioni b varie configurazionidi uscita che offrono unasceltadi 4, 8, 12, 16, 20,24, 28 e 32 porte seriali di I/O intelligenti. Y M :k d m è fcSpaciaIh"àeI&~e"W,pr&m'della terza generazioni, hannop?iforma~mdi 50 volte superiori ai conlroller "NONinlelligenti"raggiungendo la ddhìdi 57,600 bauds per ogni mitd di [/O. V&fd: k schede "Specialix"sono disponibiliper Persona1 Computer con bw A Ta l6 bit d a 3 2 bit sia che Mimo Channel (MCA),offrendo di serie "device d r i m " per SCO XENX, SSCO UNJX, INTERA CTIVEIX386, PC - MOS ed AIX. Queste caratterhtick fanno di "SPECIALIX" una scelia Intelligente.

-

R E O EMILIA:Via Ci 'ani, 2 - 42 100 RE - Tel. 0522092641 Fqx U522Ji7W - Tlx 53 1059 STIW0L.D I. MILANO: Via Dante 4 - 20121 MI - Tel. 02B72732- ~ e l0 . ~72~2 ~2 ag 02/i2001474 xTORINO:C.w Rinc Oddone, SIA h olo AVET, 2) -,l0144 T0 - Tol. O1 114373366- FBX01 1@1M]O. VICENZA:V.kMazzini 123/125- 361W V I - &l. W44P24291-Pax%4/545248. R'odA: Via Wrnooia, i l - W!83 Roma - Tcl. 0617W234- bax 061 7001474.NABOAI:Via 2. AlfDe Li ori, 3 - Xq141 NA - Te1,081T29M83457084 - Fax 081/260283. BARI: Via Resiste48/B --70125BA - Tel. -8430 - Flu: 080/364437.~DTeam:Viak b i a v e l l i , 2 1 - 20052 Monza (Mi) - Tel. 039p3416- I;ax 039/2003540,


AMTC A, coordinamento di Andrea de Pnsco

~rogrammiamovideogiochi

(3 ,

,

di Marco Pesce

Con questa puntata metteremo nelle mani dei le tton' gli ultimi strumenti indispensabili e quindi sufficienti, se usati unitamente a quelli delle scorse puntate, a realizzare un videogioco di una certa levatura; owiamense i risultati dipendono in misura maggiore dalla vostra fantasia che, carne in tuRe le discipline, B di gran lunga più imporlante della tecnica v e h e propria

Gli argomenti che tratteremo riguardano la gestione del joystick, ['utilizzo del processare audio, il controllo del Copper e I'allocazione della RAM, il tutto realizzato in ambiente Linguaggio Macchina, m n accesso diretto ai registri del computer. E in effetti questi sono gli unici fondamenti che ancora vi mancano; abbiamo gi8 parlato di come si aprono schermi, di come si utilizza il blitter per disegnarci, di come si caricano dati dal disco e di come si usano in generale le librerie dell'Amiga. Puntia mo la nostra attenzione su quei partice lari dispositivi di controllo esterni detti volgarmente joystick. Niente di ipercomplicato ma qualcosa di insolito ci aspetta se vogliamo sapere quali interruttori sono chiusi e quali aperti. Le porte 1 e 2 sono collegate con le locazioni, rispettivamente $DFFOOA e $DFFDOC (in esadecimale). Per sapere se gli interruttori di destra o di sinistra sono chiusi o aperti occorre testare rispettivamente i bit 1 o 9 (se posti a uno l'interruttore B chiuso, owero il joystick B spostato in quella direzione). Per le direzioni alto e basso interviene la stranezza e occorre effettuare un OR esclusivo tra i bit 1 e O per sapere se l'interruttore della direzione averso ilbass~r& chiuso e un OR esctusivo tra i bit 9 e 8 per la direzione averso I'alton. Dal momento che non esiste una istruzione specifica del 68000 che effettua l'OR esclusivo &OR) dobbiamo arrangiarci con mezzi propri. Le seguenti sono due subroutine che risolvono il pmblema per la porta 2. testandone il contenuto e saltando alla giusta routine: HOVK. W SWFIIC ,W MD.W 83.W WW . #I,W BEQ ESEWI GIUt WW . #2.M

BEQ ESEGUI GIUt RTS pI0VE.U $DFFIQBC.DB

AiTD.W #$0388,lM CHP .W #$I 10I, Da ESEGUI SU CMP.W #$02%0,W

B!%Q WEGUI SU RTS

Per conoscere lo stato del tasto Fire è sufficiente testare il bit 7 deUa locazione $BFE001 per il joystick in porta 2 e il bit 6 della stessa locazione per il joystick in porta 1; se posti a 1 il fire B premuto. Sul joystick non c'è molto altro da dire; se vogliamo testare una direzione diagonale del tipo i i n alto a sinistraii basta testare I'internittore di sinistra e verifimre che contemporaneamente sia chiuso anche quello uverso I'altow; discorso simile va fatto anche per le altre direzioni diagonali. Occupiamoci ora della gestione del Copper e delle sue ~listes. Abbiamo gi8 accennato al fatto che il Copper altro non è che un piccolo ccprmessore che si occupa di operare in funzione del cosiddetto raster o, se preferite. pennello elettronico. Il suo operato B fondamentale soprattutto in vista del fatto che la gestione della pagina grafica di Amiga presenta delle particolarità di rilievo rispetto ad altri computer. Da sottolineare che senza il Copper nessuna pagina grafica potreb he mai essere visualizzata. Il principio di funzionamento è il seguente: tramite l'istruzione WAIT i1 Copper attende che una determinata posizione del raster sia raggiunta; a tal punto entrano in azione le istruzioni MOVE (in quantità pih o meno elevata, a seconda della funzione da eseguire), che trasferiscono dei dati in formato WORD nei registri di inputl output situati a partire dalla locazione $DFF000. La posizione del pennello ejettronico B definibile in termini di c e ordinata x e di coordinata y, quindi con una precisione molto spinta. In figura 1 potete osservare un elenco di alcuni registri fondamentali da utilizzare in a b binamento al Copper; è omessa il prefisso w$DFF-r anche in virtù del fatto che nelle istnizioni del Copper non va indicato IperchB dato per scontato). Vediamo come si rassemblanos le istruzioni. Innanzi tutto esistono 2 puntatori (indipendenti)che ci consentono di scegliere la locazione di partenza del nostro ccprogmmmas. limitala comunque ai primi 512 Kbyte (regola valida per tutti i chip custom di Amiga). I puntaton sono due, ma se ne utilizza uno alla volta,

MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


owiamente. Le istruzioni sono c o m p ste da due word distinte. L'istruzione WAIT ha la prima word con il bit meno significativo posto a 1 (sempre), mentre i bit da 15 a 8 sono quelli che specifim no la posizione verticale del pennello elettronico (bit meno significativi); i bit da 7 a O specificano la posizione orizzontale (bit piil significativi}. Da notare che essendo solo 8 i bit che specificano la posizione verticale, quindi insufficienti per ricoprire l'estensione del raster che è di ben okre 256 linee. occorre usufruire di un artificio per le posizioni più elevate; è sufficiente aspettare fino alla linea 256 e poi imporre una nuova ccattesan, in modo che la somma delle due dia i1 risuttato voluto, quindi, per esempio, per aspettare fino alla linea 300 mxorre imporre una WAIT che attenda fino alla linea 256 e poi una nuova WAIT che attenda fino alla linea 44. La seconda WORD ha il bit meno significativo posto sempre a zero; il bit 15 15 un particolare bit da utilizzare per i1 funziw namento del Copper in abbinamento al blitter e normalmente è posto a 1. t bit da 14 a 8 sono bit di confronto per la posizione verticale, cosl come i bit da 7 a 1 lo sono per la posizione orizzontale; la loro funzione 6 quella di escludere bit dal confronto se posti a zero; si tratta di un discorso un po' particolare che magari affronteremo in seguito (nloopr di istruzioni eseguitì con il Copper...l, per il momento diciamo che devono essere settati a 1 (tutti). Le istruzioni uMOVEii si assemblano impostando il bit meno significativo della WORD a zero. I bit da 8 a 1 specificano il registro ttdestinazionen (ad esempio uno di quelli in fig. 1). I bit da 15 a 9 non vengono utilizzati, ma devono essere posti a zero. In sostanza la prima word di una istruzione tt MOVEip equiva le numericamente al registro destinazione. che essendo sempre pari ha il bit zero sempre impostato a zero e non arrivando per estensione ad occupare i bit da 15 a 9 li ha sempre impostati a zero. La seconda WORD di questa istruzione contiene il valore da trasferire nel registro specificato con la prima; tate valore B owiamente a 16 bit. MCmicrocomputer n. l00 - ottobre 1990

0 1 4 ; b i t I, posizione verticale del pennello elettronico ( b i t piu'

significativo) 106; bit 15-8, posizione verticale del pennello e l e t t r n f f i e o ( b i t meno significativi>; bit 7 4 pasizione orizzontale del pennello elettronico ( 7 bit piu' significativi) IN; locazione d i stsrt della prima copper list ( 3 b i t p i u ' significativi) 082; locazione di start della prima copper list ( 1 5 bit meno fiignificativi) 184; locazione di start dalla seconda copper list ( 3 bit p i u ' significativi) fl86; locazione di start d e l l a seconda copper list I15 bit piu' significativi) 088; restart della prima copper list (quando viene l e t t o ) 888; restast d e l l a sacbnda copper list (quafido viene letto) I W ; puntatore al primo bit plane ( 3 bit piu' significativf) BE2; puntatore al primo blt plane ( 1 5 bit meno significativi) 0E4; bit plnae 2 Ibit alti)

0E6; b i t plane 2 @M;b i t plane 3 IEA; b i t plane 3 @W;b i t plane 4 @W;bit plane 4 i F i ; blt plane 5

,

(bit Ibit (bit (bit tbit Ibit BP2; b i t plane 5 (bit $F4; bit plane 6 (bit 0 ~ 6 b ; i t plane 6 I b i t

bassi) alti} basi) alti) bassi) alti) bassi)

alti) bassi)

1$6; palette colore numera 0 1821 palette colore 1 184; palette colore 2 186; palette colore 3 188; palette colore 4 188; palette colare 5 18C; palette colore 6 18E; palette colore 7 19B; palette cnlore 8 192; palette colore 9 194; palette colore l 0 196; palette cnlore 11 198; palette colore 12 19A; palette colare 13 19C; palette colore 14 19E; palette calore 15 1M; palette colore 16 1A2; palette colore 17 1A4; palette colore 18 1A6; palette colore 19 1M; palette colore 20 IAA; palette colore 21 IAC; palette colore 22 IAE; palette colore 23 1W; palette colore 24 182; p a l e t t e colore 25 1B4; palette colore 26 lab; palette cnlore 27 188; palette colore 28 XEiA; palette colore 29 1BC; palette colore 31Q 1BE; palette colore 31


se i canali devono essere accesi o s p e n t i b i t 14; BBUSY- stato BUSY del b l i t t e r b i t 13: BZERU- stato ZERO del blitter

. b i t 15; SETIRESET- controlla

Spiegato il funzionamento delle istruzioni vediamo cosa possiamo effettivamente farci. La funzione che esse d o vranno assolutamente svolgere è quella di riazzemre i puntatori dei bitplane ad ogni scansione del raster. LO ripetiamo ancora una i puntatod ai bit piane di ~~i~~ sono dinamici, owero vengono incrementati durante la visualizzazione della pagina grafica, di conseguenza se non fossero riportati al loro valore iniziale. d o ~ ola arima visualizzazione. verrebbero' visualizzate le aree di me: moria successive con a l effetti cat* strofici che potete ben "immaginarvi. Il problema si potrebbe risolvere con un sistema di interruzioni tramite 68000,

2 ~ ~ , f m

DMli

il Macroassembler Amigados impostate la seguente struttura dati:

v

- .

nountdndo i bitpiane ogni quaivoita 11 raster raggiunge la posizione limite della pagina grafica, ma sarebbe uno sforzo inutile; abbiamo la comodits di avere il Copper, perche non dovremmo utilizzarlo. Owiamente questo e solo l'impiego pih ubanaler; ad esempio possiamo fare in modo di avere lo schermo suddiuiso in più modi grafici (come credete che siano realizzati gli screen a «teodinai di intuition?), o una sfumatura del fondale in 256 colori utilizzando un solo bitplane! Molte delle ~presentazioninche si vedono sui dischetti dei vari crpiratin sfruttano il Copper per realizzare incredibili arcobaleni animati ..., ma diamo un esempio pratico di utilizzo. Realizziamo uno schermo grafico a 4 bitplane con il Copper usufruendo dei bitplane ricavati tramite l'apertura sotto Intuition, in m* do da ccirnmobilizzareii lo screen e da eliminare la possibilità di scrolling con il puntatore del mouse. I registri che ci interessano sono i 4 (8 Word) a partire dalla locazione $DFFOEO. In essi dovranno essere depositati i puntatori ai bitplane agni volta che il pennello elettre nico ricomincerd a disegnare la pagina grafica. Dobbiamo innanzitutto ricavarci i 4 puntatori ai bitplane e questo ve l'ho insegnato la scorsa puntata, poi dobbiamo preparare la Copper list. La prima uistruzioner sarA una MOVE e non una WAIT come molti di voi si aspetterebbero e questo perché non dobbiamo aspettare nessuna posizione del penneC lo elettronico. ma agire subito. Se usate

kssa ci seMrB da base ed è standard per qualunque screen a 4 bitptane. bassa risoluzione. Impostate anche la prossima linea dati: COPLICT dc.l

@

Questa locazione mernon-nerà la locazione di start della Copper list. Dal momento che la Copper list deve essere allocata nei primi 512 Kbyte non possiamo utilizzare direttamente la struttura dati DCOPLIST in quanto se il nostro computer08 espanso il programma (quindi anche tale struttura) verrd caricato a partire dalla RAM più in alto (fast), con conseguente matfunzionamento. Per risolvere basta farci wdedicare)) una zona RAM chip da Exec e trasferiwici dentro la struttura {debitamente completata) DCOPLIST. E giunto quindi il momento di aprire una parentesi sutl'allocazione della RAM tramite Exec. Su Amiga infatti non è possibile impassessarsi liberamente di un blocco di RAM qualsiasi senza provocare come minimo un bel uGuruii a causa del sistema multitasking; la procedura da seguire è quella di uchiederlaii a Exec. che senza problemi ce la Rserved esclusivamente a noi (sempre che ci sia) e ci dea dove B situata. Quello che noi dobbiamo fare B specificare che tipo di RAM ci serve (CHIP o FAST), quindi la sua ampiezza. Il seguente B un esempio di ucRiama1a)i della rouQge; r '

-.

HOYE.L 4,Ab.

,l

- -

I

bit l2 ' e mn bit 10; BLTPRI- p r i o r i t a ' d e l blitter sul 68101 ( s e posto a 1) bit 3; generale del bit 8; BPLm- diiTitaziow dei bit piane b i t ,7: COPEN- a b i l i t a z i o n e d e l copper b i t 6; m ~ m -a b i l i t a z i o n e d e l blitter b i t 5 ; S P m - abl itazione degli sprite b'f DSKEN- .abilitazione del Di& Driue bit 3; AZm3eA- abilitazione del canale audio 3 b i t 2; AUD2BN- a b i l i t a z i o n e del canale audio 2 bit Amlw- abilitazione del bit I; AUDIQEW- abilitazione del canale audio 0

-

Quella che ci viene data è una fettina di chip mm (come specificato dal valore posto in DI); per chiedere FAST o in alternati. CHIP (se la prima non c'è} basta sb5tit'uire il valore $10003 con il valore $1 0000. Esiste-anchela possibilità di chiedere esctusivamente e fonatamente la FAST (impostando il valore $10002), ma cid equivale a escludere il funzionamento su un Amiga inespanso. Chiudiamo pure la parentesi e torniamo alla Copper tist. Ci resta ancora da sostituire al valore O di ogni MOVE della struttura DCOPLIST preparata in precedenza, il valore effettivo dei puntatori ai bitplane. Per semplicità suppongo che avete preparato una struttura (come suggerito la scorsa puntata) che contiene i bitplane degli schermi aperti, chi* mando i bitplane c o n 0 1 BITP1, B1 BITP2. ecc. memorizzandoii in ordine crescente. Il seguente programmino trasferisce detti valori al punto giusto della DCOPLIST: MVE.L #BlBITFI , A l

M0VE.L #DCOPLESTl,AZ ADD.L #2,A2 LOOP M0W.W (All+,(A2)+ ADD.L #2,A2 Ct4F.L #B2BITPl,A1 BNE LOOP

B I BITPI è quindi il primo bitplane del primo schermo da voi aperto, mentre B2BITP1 è i1 primo bitplane del secondo schern~bda voi {si spera) aperto. A questo punto la DCOPLIST 6 pronta per diventare Copper Iist effettiva. Non ci resta che trasferirla in chip ram con il seguente programmino:

1

M0VE.L #36,W ; CHIEDIAMO 36 BYTe MDVI3.L #$18883,Dl JSR -198(A6) m 8 . L DB,COPLIST; HETTE IL WNTATOBE ALLA RAM IN "COPLIST"

E ora l'ultima operazione; attivare la MCmicrocomputer n. i00 - ottobre 1990


@A@; locazione d i start d e l

BA2; locazione di start del

cariale B (3 bit piu' nignificativi) canale IB ( 1 5 bit meno significativi)

aA4; lunghezza d e l canpione

lA6; periodo del campione e M ; VOIW

I

0Aà; dati UBB; locazione d i start d e l canale 1 ( 3 b i t piu' significativi) @B2; lncazinne di start del canale 1 I15 b i t meno s l g n i f i ~ ~ t i ~ i ) 1B4; funghezza d e l campione

BB6; periodo d e l campione 888; volume B M ; dati @C@; locazione di start del canale 2 ( 3 b i t piu' s i g n i f i c a t i v i )

OC2; locazione di start del canale 2 (15 b i t meno ~ignificativi) RC4; lunghezza del campione BC6; periodo del campione @CB; vnluml BCA; dati 0M; locazione di start del canale 3 I 3 bit piu' significativi) BD2; locazione di start del canale 3 ( 1 5 bit meno significativi)

ID4; lunghezza del campione @D6; periodo del campione $M;volume BDA; dati

Range d e l volume; 0-64 (64=max volmel Rame d e l periodu; 124-65535 (1249nax frequenza) Range della lunghezza; 0-65535 t i n vord, quindi max 128 Kbyte) Figura 3 - Registri del chip audio (da aggiungere il prefisso $DFF ...h

copper list; è sufficiente memorizzare in $DFF080 l'indirizzo di partenza (COPLIST) e i~leggereb la locazione $DFF088 (per I'awiamento); il tutto se vogliamo utilizzare il pqmo dei due puntatori alle Copper list. E bene attendere una ben determinata posizione del raster prima di effettuare il trasferimento, per evitare inceppamenti; basta esegul re la seguente subroutine:

sioni da far effettuare tramite convertitore digitalelanalogico alt'altoparlante del monitor {o del televisore). Tale s u e cessione di byte può essere definita grazie a un campionatore esterno, corredato di apposito programma per la sua gestione. oppure può essere sinte tizzato internamente al computer. con un algoritmo matematico. Noì supponiamo che il blocco di byte sia già pronto

7 LP1 H0Vk.W SDFF004,TM

I

AND.U W1,DB BNP. LP1 M0VE.W #2B,$DFFS96 M0VE.L COPLIST,$DFF@80 M0VE.H $DFF@BS,W M0VE.W #$2C81,$DFF08E; impostano le dimensioni M0VE.W 1SF4BlA,$DFF098; dello schermo

La locazione $DFF(196 B il contraiio del DMA; nel nostro caso vengono disabilitati gli sprite quindi anche il fastidioso puntatore del mouse. Tra breve vedremo meglio come funziona tale in+ portante registro. Possiamo a questo punto ritenere conclusa la trattazione del Copper; lascio a voi la sperimenm zione di giochi con la palette colore. Siamo giunti all'ultimo argomento del mese: la gestione del chip audio. .Come tutti sapete I'Amiga utilizza suoni campionati, o almeno questo B l'usa più frequente che subiscono i suoi chip; in questa sede ci occuperemo di come si sfrutta tale modalità. Un qualunque suono campionato e costituito da una successione più o meno lunga di byte che indicano le escurMCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990

I

per I uso e già presente' ih RAM (se non avete un campionatore non dovreste avere difficoltà a ({rimediarei suoni da qualche programma musicale o da qualche videogame, spulciando nel dischetto). Innanzi tutto dobbiamo fornire a Paula (il chip audio) la locazione di partenza dei blocco dati, memorizzandola in uno dei 4 registri relativi ai 4 canali audio. I[ secondo passo è quello di definire la sua lunghezza. Il periodo si riferisce alla frequenza di riproduzione, che ci permetter$ di eseguire note di diversa ualtezzaii con lo stesso ucampioneii. Infine il volume, indipendente per ciascuno dei 4 canali. Tutto questo comunque non è sufficiente ad udire un suono in quanto occorre anche abilitare il relativo canale DMA. Approfittiamone

per parlare un po' del registra che controlla tutti i canali DMA di Amiga. In figura 2 potete osservare una sommaria descrizione dei bit in esso compresi. [l bit '1 5 B fondamentale e serve a specificare se con la nostra operazione vogliamo attivare o disattivare il canale specificato; quando tale bit e a 1 tutti i canali DMA specificati, ponendo il loro bit r a p presentativo a I,verranno attivati. mentre se esso è posto a O gli stessi canali saranno disattivati; tale accorgimento ci permette di scrivere in questo registro senza preoccuparci di sapere Io stato degli altri canali che non ci interessano. Per attivare il canale DMA O {quello del canale audio 0) basta impostare nel registro controllo DMA il valore binario 1000000000000001 ($8001 in esadecimale). Solo se un canale DMA è attivo il chip ad esso relativo pub funzionare. Il bit 9 è l'abilitazione generale; se si spegne tale flag tutti i DMA vengono bloccati, ma basta riaccenderlo per riportare la situazione alla normalità. La stessa accortezza. avuta nel richiedere la RAM per la Copper list ad Exec, occorre per memorizzare i campioni del chip Paula. Il seguente è un esempio di utilizzo del canale 0: M V E . L WCPARTEAZA,$DFWM KQVl3.W #10001,SDFFBA4 HDVI3.V #440,$DFFBAb m . w # U , $ D P F ~ A ~ ;max 64 M0VE.W #$8@Bl,$DFF098

Tale sequenza fa partire il canale in un loop infinito; se vogliamo effettuare una sola ccscansionee di dati, owero vogliamo che il campione venga eseguito una volta sola. basta impostare, dopo un ciclo raster:

e la sequenza avr8 termine dopo il primoupassaggion. Per realizzare un motivo musicale occorre campionare i singoli strumenti e realizzare una lista delle note da eseguire, badando a rispettare i tempi, ma se volete sbrigarvela basta campionare un intero brano e mandarlo in ioop, magari avendo l'accortezza di variarne il periodo ogni tanto, per rendere meno m n e tona la ucantilenaii che si realizza con tale sistema. I canali possono essere sfruttati owiamente anche per realizzare effetti sonori; in tal caso occorre utilizzare la modalità ad un solo upas saggion, per non ripetere ail'infinito I'effetto impostato. E con questo abbiamo proprio finito. A mesto. YC


.

.

-. . . -

.-

-

I . .

-

.

!

coordinamento di Andrea de Prisco

--

I

di Marco Pesce

tn questo numero

affronteremouna lunga serie di istruzioni (quasi fossero un nemico da sconfiggere) e ci proponiamo di esaurire il discorso per quanto riguarda le possibilità del 68000 nudo e crudo. I passi successivi saranno quelli di rendere le nostre conoscenze nmmpatibiliil con il sistema operativo di Amiga

Quello che segue sarh più a meno un lungo elenco in ordine alfabetico di istruzioni con sintassi, modi di indirizzamento possibili e altre specifiche, oltre ad un breve commento esplicativo, il tutto nel tentativo di realizzare una sorta di promemoria sufficientemente ordinato e pronto all'uso. Veniamo ai simboli utilizzati. Per quanto riguarda i flag occorre far riferimento alla seguente tabella :

--

inalterato O= azzerato 1 = senato a= alterato tranne se uDESTINAZIONEii d un registro degli indirizzi A= alterato (in funzione dal valore) ?= non necessariamente alterato (dipende dal valore) X= indefinito

Per quello che riguarda la sintassi di indirizzamento i simboli sono i seguenti: An. Ax o Ay= registro degli indiriui Dn. Dx o Dy= registro dati Rn. Rx o Rv= qualunque registro dati o indirizzi iAn)= registro degli indiriui indiretto D (An)= registro degli indiriui indiretto con Swstarnenlo +n)= registro degli indirizzi indiretto con decremento precedente &n)+ = registro degli indirizzi indiretto con incremento successivo {dato)= dato immediato CCR= byte più basco del registro di stato SR= registro di stato

Con la prossima tabellina elenchiamo i simboli adottati per specificare la rnodalità di indirizzamento: {m); uno qualunque dei m d i di indin'namento effettivo {atea) ; modo alterabile {C/-) ; modo controllo {dlea) ; modo dati {C&); m d o controllo alterabile {dalea}; m d o dati alterabile {malea); modo memoria alterabile

Come detto nella scorsa puntato, lo ripetiamo per chiarezza, occorre fare riferimento alla tabella pubblicata nella prjrna puntata per verificare se un dato modo di indirizzamento B possibile o meno con l'istruzione che ci interessa; ad esempio se nella sintassi possibile troviamo una sigla del tipo CHK {dlea),Dn

vorrh dire che l'istruzione (KHKI (owero l'istruzione di check) utilizza come operando sorgente una mdalita da scegliere tra quelle del ((mododatin (vedi la tabella appena esposta] owero tra queb le che nella tabella della prima puntata hanno la colonna dell'indirizzarnento (iDatin contrassegnata con una X; I'operando destinazione è uno qualunque dei registri dati (DI, D2 ecc.). Da notare che alcune istruzioni hanno più di una sintassi; noi le elencheremo tutte. Andiamo quindi ad incominciare.

ABW che effertua la di due byte decimali (in codice binario). Pud essere eseguita tra i contenuti di due registri dati o tra quelli di due indirizzi di memoria specificati utiliuando la modalità di indirinarnento con ndecremento precedente* sintassi: ABCD Dx, Dy ABCD 4Axh 4Ay) formato: byte atterazione dei flag: N=x; Z=?; V=X; C=A; X=A

ADD Ne esistono 5 varianti. La funzione è quella di sommare i due operandi; il

risultato è come al solito depositato nell'operando destinazione. La variante aADDQn utilizza il modo Quick. La variante {(ADDXs aggiunge il valore del flag di estensione del segno al risultato MCmicrocomputer n. 100 - ottobre 1990


sintassi: ADD {ea), Dn ADD Dn,{malea} ADDA {ea}.An ADDI +{dato), (dalea) ADDO #{dato), {%a) ADDX Dx.Dy ADDX iAx). -MyI forniate: byte,word e longword akerazione dei flag ADD: N=A; Z=A; V=A; C=A; X=A alterazione der flag ADDA: N=-; Z=-; V=-;

C=-;x=-

alterazione dei flag AODI: N=A; Z=A; V=A; C=A, X=A alterazione dei flw ADDQ: N=a; Z=a; V=a; C=a; X=a alterazione dei fiag ADDX: N=A; Z=?; V=A; C=A; X=A

AND Effettua I'AND logico tra sorgente e destinazione sintassi: AND {dlea), Dn AND Dn,{mdea} ANDl (dato), {dalea) ANDI +(dato),CCR ANDI +(dato),SR formato AND: b, W. I formato AND1: b, W, 1 formato ANDI con CCR: byte formato ANDI con SR: word alterazione dei fiag AND: N=A; Z=A; V=O; C=O; X=alterazione dei flag ANDI: N=A; Z=A; V=O; C=O; X=alterazione dei ftag ANDI con CCR: N=?; Z=?; V=?; C=?;X=? atterazione dei ftag ARIDI con SR: N=?; Z=?; v=?; C=?; X=?

+

ASL e ASR Tali istruzioni permettono di effettuare lo spostamento dei bit del dato sorgente in una delle due direzioni (rispetrivamente verso sinistra e verso destra). Il bit, rispettivamente, più significativo o meno significativo viene trasferito nel flag di Carry e in quello di estensione del segno. Il posto lasciato uvuotoii viene riempito con uno zero sintassi: ASL Dx.Dy (oppure ASR) ASL a{dato),Dy (oppure ASR) ASL {rnalea) (oppure ASR) formato: b, W o l alterazione dei ilag. tutti uAn

In questo gruppo di istruzioni sono incluse tutte quelle che effettuano dirrnazioni (owero salti ad altri punti del programma) in funzione del risultato delle operazioni precedenti, quindi in funzione del registro di stato.

Ne esistono 16 e noi le elencheremo ' affiancandovi il flag che viene testato e la condizione che deve verificarsi in esso affinchk ci sia la diramazione; a volte verrà indicata tra parentesi una descrizione più ciumanan di quello che viene controllato. La sintassi prevede l'utilizzo del mnemonico con affiancata la label destine zione (esempio: BEQ SUBROUT)

registro dati. Se la destinazione B m i r o re di zero o se è maggiore delia sorgente viene attivata una rteccezioneii; quest'ultirna è un'operazione che prevede un complesso sistema- di salti ed è normalmente utilizzata dal sistema operativo per situazioni particolari. Noi non tratteremo le ecce