Page 173

PLAYWORLD

1/ Gas-Dril/er.

1/ mondo

Le Piramidi.

Vietato l'accesso.

interattiva come pochissime altre volte (mi vengono i soliti nomi, Impossible Mission, Starglider 2, Interceptor etc etc ...) era stato dato di vedere. Scommetto che vorrete sapre di che tipo di software si tratti. E scommetto anche che lo vorreste sapre in iperfretta senza darmi neppure il tempo di fare la mia introduzione inevitabile. Sia fatto. Driller è la storia di una difficile esplorazione in un mondo (una luna) non eccessivamente popolata. La luna ha diciotto facce tutte a superficie quadrata di estensione paragonabile (ognuna di queste facce) a quella di un medio videogame intero del C64 dei bei tempi. Diciotto facce comprese tutte le facce oscure (le Dark Side of the Moon) illuminate esclusivamente dalla nostra artiglieria pesante e dalla terribile velocità di movimento che fa

si gira.

scintille come la macchina di Senna. Vorrei pubblicare la mappa tridimensionale com· presa nel prezzo del software. È un piccolo lavoro di bricolage: il foglio di cartone steso, incollando qua e là, diventa una biglia con diciotto facce (deve avere un nome questo poliedro gigantesco e complicato, ma io questo nome non lo so.~.) e in questa eccezionale mappa tridimensionale che restituisce un'immagine più precisa del mondo da esplorare, l'unica faccia conosciuta e disegnata è quella di partenza. E allora partiamo. Sono nello screen copertina. Premo il tasto «esc)) e il sipario simulato si alza lasciando il posto al primo screen di simulazione. I comandi sono molto semplici (quelli Basic) e consistono nel c1iccare sulle frecce di direzione usando la freccia

MCmicrocomputer n. 80 - dicembre 1988

del pointer del mouse. Per alzare e abbassare il punto di vista trovate un altro comando (altri due) a destra delle quattro frecce di direzione. La città fantasma è ai nostri piedi. Mancano poche ore al diluvio e manciate di minuti precedono il passaggio del tifone. Insomma immaginatevi una minaccia per dare ali simulate alle nostre dita cliccamouse. Quando siete certi di essere carichi a sufficienza non vi resta che dirigervi da qualche parte. lo m'irifilo sempre nella prima porta che trovo e poi mi metto a girare in tutte le stanze. Almeno in quelle che sono riuscito finora a trovare che non sono moltissime (sei o sette). Le altre mi sembrano decisamente ben nascoste e finisce sempre che credo prima di averle rintracciate. Lo scopo del gioco (so che molti ci tengono ad avere

uno scopo nella vita simulata) è quello di sparacchiare ai vari elementi geometrici solidi dispersi nelle stanze e infine piazzare il Driller (che dovrebbe essere quella torretta romboidale che troneggia nella copertina del game e sulla schermata iniziale in alcuni formati). Il Driller è· una specie di torre dell'altoforno futuristico che infatti, come tutti gli altiforni degni di un qualche rispetto, emette fumo dalla cima. Per depositare il segno del nostro potere mettete mano al mouse e c1iccate il simbolo del Driller nella plancia di comando. Questo per gli amanti del «che si deve fare)). Per me che da sempre preferisco l'esplorazione senza colluttazione e senza incidenti, il giro simulato all'interno dei mondi software, per me il vero scopo di Driller è godermi lo splendore delle sue città deserte, il torpore dei ponti e degli angoli di strada, l'angoscia alla De Chirico degli spari che vengono da lontano. Mi piace moltissimo Driller perché si esplora senza sosta. Poi spengo l'Amiga e guardo la TV.

Battle chess Interplay (USA) Amiga, Apple 2 GS, 18M, Amstrad e eo.

CTO Giocare a scacchi vedendo animarsi la lotta, per secoli immaginaria, dei pezzi sulla scacchiera. Un· piccolo sogno che finalmente si avvera. E certo ci vuole una bella fantasia a vedere le cose che stanno sempre sotto gli occhi. Sapete, è la cosa più difficile: capire le cose che non vogliono rivelarsi. Scoprire le abitudini e cambiarie. Ecco quello che in questo Battle Chess hanno fatto gli autori della Interplay, che ha 173

080 MCmicrocomputer  

Dicembre 1988

080 MCmicrocomputer  

Dicembre 1988

Advertisement