Page 85

Super Huey IX Paul Norman

COSMI

USA 1984/1986 Atari ST, AMICA, (64

Mastertronie Super Huey IX è la simulazione di volo di un elicottero da guerra, che è stata pubblicata dalla Cosmi Americana fin dal 1984 per il Commodore 64. Il software ha riscosso un buon successo in quello standard, con successiva vendita dei diritti alla US Gold per la distribuzione in Europa. Ora, a distanza di due anni e mentre già è uscito il seguito della prima avventura, Paul Norman ha prodotto questa simulazione per lo standard 68.000, cioè per l'Amiga e l'Atari STo

Discovery David Joiner

Microillusions 1986 Amiga

Disitaco Discovery è un videogame educational, che ad una grafica mozzafiato, aggiunge un notevolissimo sistema di speech computerizzato e una buona possibilità di divertirsi ampliando 'ia propria conoscenza dell'ingle-

MCmicrocomputer

Qui vedete la versione Atari ST che non differisce assolutamente in nulla da quella per Amiga. Di questo programma la cosa più bella è probabilmente la presentazione, testimonianza di quello che l'Atari è in grado di dare dal punto di vista grafico. Si vede un elicottero che sale verso la cima dello schermo, un elicottero verde bellissimo, con un effetto di scintillio di metallo davvero riuscito. Per il resto la simulazione non è niente di speciale e non sembra neppure diversissima da quella per il Commodore 64 che già conoscevamo. Il punto di vista è quello classico, da dietro il vetro della cabina, ma non ha certo un impatto particolarmente emozio-

se parlato. La vicenda non è neppure banalissima: uno dei quattro personaggi visualizzati all'inizio nel «cast of characters», possono essere adottati come partecipanti al gioco. Un sistema simile, anche se ristretto a due possibilità, un bimbo e una bimba, veniva usato in «Cave of the Word Wizard» per il Commodore 64, forse il migliore degli educational destinati a migliorare lo spelling.

n. 59 - gennaio 1987

Dentro l'elicotlero.

nante. Oltretutto per muovere anche semplicemente la cloche e cercare di decollare bisogna penare moltissimo. Eppure so che non mancano gli appassionati di questo genere di voli simulati, anche se franca-

Una volta fatta la scelta si inizia una faticosa ricognizione (l'animazione è un po' lenta) nei meandri di un'immensa mothership, una specie dell'astronave madre di Rendezvous with Rama della americana Trillium. Tra scale e botole, porte di sicurezza e bestiole assassine (qui la memoria corre' naturalmente ad Alien), dobbiamo recuperare i cristalli, sparsi da un nemico disordinato. Per andare da un settore all'altro bisogna superare porte sigillate: la macchina scandisce una parola e noi dobbiamo riscriverla sulla tastiera. Se la risposta è esatta, via libera, se è sbagliata si può riprovare anche se l'energia diminuisce. Non troppo ofi-ginale in effetti, ma la bellezza della grafica vale a bilanciare il giudizio, cosÌ alla fine Discovery diventa senz'altro un software interessante, un altro tassello sulla via della tanto auspicata, e ormai abbastanza possibile, simulazione interattiva totale.

mente questo mi sembra abbastanza deludente. E non possiamo neppure consolarci con gli effetti sonori o con le immagini perché anche quelle sono nettamente al disotto delle possibilità della macchina.

Strip Poker Doug .Me Farland

Artworx 1984/1986 Atari ST

Disitaco Nato 3 anni fa per il Commodore 64, questo famosissimo e pruriginoso software della Artworx, ritrova una seconda giovinezza grazie alla grafica dell' Atari STo Melissa e Susi, le due ragazze spogliabili di questa simulazione del poker, sono più affascinanti del solito, anche se le fattezze simulat.e del corpo muliebre non rIescono ancora a convincere come lo Shangay. Oltretutto le due giovi nette sono due schiappe feroci nel gioco più crudele del mondo, e sarebbero comunque spogliate a qualunque tavolo, a Las Vegas come in famiglia a Natale. Quindi non ci sentiamo di compiangerle più di tanto, né di ricorrere ai vetusti stereotipi femministi della donna oggetto. Il videogame è un affare 85

059 MCmicrocomputer  

Gennaio 1987

059 MCmicrocomputer  

Gennaio 1987

Advertisement