Page 54

"

"

'.

.. ..

CompSoft è una giovane software-house inglese che in quasi sei anni di attività è riuscita a conquistare una solida posizione commerciale nel mercato d'oltremanica, fino a diventare una delle maggiori softwarehouse britanniche: il suo fallurato da aprile 1983 ad aprile 1984 ha sfiorato i due milioni di sterline, e dalla fine dell'84 le sue azioni sono quotate in borsa. Recentemente, infine, lUllO l'organico dell'azienda (una quarantina di persone, di cui diecifra programmatori e addelli al settore R&D), si è spostato nella nuova sede di Godalming, nel Surrey, grosso modo a metà strada fra Londra e Dover. Dalla fine dell'83, forte della propria situazione di leadership nel Regno Unito, CompSoft ha intrapreso una vasta manovra di penetrazione commerciale in tulla Europa, Italia compresa. Jl suo cavallo di ballaglia è un interessante Data Base Management System denominato Delta, che pare stia spopolando nel regno d'Albione. Strano a dirsi, questo cavallo è il solo in corsa con i colori CompSoft, almeno per quanto riguarda il mercato overseas, ossia non inglese; colà infalli vengono commercializzati altri due pacchelli che da noi per il momento non sono ancora destinati a giungere: DeltaGraph, un generatore di Business Graphics a partire dai dati archiviati con Delta, e Domino, uno strano/interessante prodollo per grafica finalizzato ad applicazioni CAI/CAL (Computer Aided lnstruction e 54

,

"

'.

..

.

\1

•.. "

Comp 50ft DELTA

di Corrado Giustozzi

Computer Aided Learning, ossia insegnamento ed apprendimento assistiti da calcolatore) , training, produzione di audiovisivi e cose affini. Se l'esperimento tentato con Delta avrà successo non c'è da dubitare che presto giungeranno anche gli altri prodolli. La cautela nell'aprirsi ai mercati esteri, più che segno di riserbo, è indice della voglia di CompSoft difare le cose per bene: infalli i pacchelli destinati alle altre nazioni sono completamente tradotti nella lingua nazionale sia come documentazione che come messaggi di programma; e dobbiamo dire che almeno a giudicare dal Delta italiano, l'opera di traduzione viene falla in modo serio ed accurato, con un ollimo risultato finale. Questo mese comunque ci occupiamo a

fondo di Delta che, se vi ricordate, avevamo già presentato brevemente sul numero dello scorso gennaio assieme ad Open Access e Symphony, così completiamo la terna di prove promesse in quell'occasione, relative a tre diverse realtà del moderno personal computing "serio": una multiapplicazione, un ambiente integrato ed un package specializzato. E tanto per mantenere la tradizione instaurata con le altre due prove, anche la versione di Delta in prova questo mese non è la stessa che vi presentammo a gennaio. Abbiamo infalli ricevuto all'ultimissimo minuto la nuova release 4.1, decisamente molto migliorata rispello alla vecchia versione: in effelli il nuovo Delta è un pacchello decisamente potente e versatile, tanto che definirlo semplicemente data base appare piUllosto MCmicrocomputer n. 40 - aprile 1985

Profile for ADPware

040 MCmicrocomputer  

Aprile 1995

040 MCmicrocomputer  

Aprile 1995

Profile for adpware
Advertisement