Page 22

26

Lunedì 7 marzo 2011

Il tecnico Cosco guarda alla prossima partita casalinga: “Dobbiamo assolutamente tornare a vincere. Ma non c’è niente di facile”

Cosco con l’intera panchina rossoblu

CAMPOBASSO. Al termine del match, c’è sicuramente amarezza per il mancato risultato positivo conquistato dai Lupi a Trapani. Mister Cosco riassume così i tratti salienti del match. “E’ stata innanzitutto una bella partita, soprattutto aperta fino al 93’. Abbiamo avuto un ottimo approccio, siamo riusciti a trovare subito il vantaggio con Todino. Purtroppo, abbiamo subito immediatamente il pareggio su calcio di punizione. Il match è rimasto molto aperto, abbiamo creato alcune occasioni molto pericolose in area avversaria. Prima della mezz’ora è stato bravo Ficarrotta a infilarla con un gran colpo al volo. Nella ripresa la partita l’abbiamo fatta sempre noi, con tanto possesso palla. Probabilmente,

strato di non voler regalare niente a nessuno e che ce la giochiamo alla pari con tutti. Tirando le somme, la prestazione è stata buona, abbiamo giocato su un ottimo terreno di gioco rispetto al nostro nella partita contro

“Il pari sarebbe stato più giusto” avremmo meritato il pareggio per quanto visto in

campo, anche perché siamo usciti tra gli applausi

dello stadio di Trapani. Con questo abbiamo dimo-

l’Isola Liri. Alla fine loro si sono difesi, cercando di non prendere il gol del pareggio: non pensavano, forse, di andare così in difficoltà contro di noi. Gli episodi hanno fatto la differenza. Devo dire che nonostante le tante problematiche abbiamo avuto la giusta mentalità. Domenica prossima dobbiamo assolutamente ritrovare la vittoria in casa contro la Vibonese. Niente è facile, e lo dimostrano i risultati di oggi (ieri, ndr), come la vittoria del Catanzaro e il pareggio del Melfi. E’ un campionato strano, equilibrato”. Discorso giovani. “Mancano tante partite alla fine, ma noi siamo il Campobasso, c’è un blasone da preservare. I giovani non bisogna bruciarli ma inserirli con intelligenza, magari soprattutto i locali. Di brutte figure non ne vogliamo fare, e mi appello alla piazza affinchè resti vicina ai colori rossoblu”.

Tifosi rossoblu, non è stato un ‘viaggio a vuoto’ La squadra ha lottato CAMPOBASSO. Il drappello di tifosi che ha seguito i Lupi a Trapani merita una menzione particolare. Quaranta sostenitori che si sono sgolati per tutti i novanta minuti sostenendo con orgoglio una squadra che di sacrifici ne sta facendo tanti, con Cosco in prima fila. L’applauso convinto con il quale hanno salutato Minadeo e soci al termine del match la dice lunga sull’importanza della prestazione contro i forti siciliani. E’ chiaro che tanti chilometri sulle spalle

(circa novecento) avrebbero meritato un risultato positivo, ma tutto va al di là del semplice riscontro numerico. Cori, bandiere rossoblu e sciarpette al collo: il gruppetto compatto ha messo verve e adrenalina all’interno della tribuna nella quale era sistemato. L’appuntamento è alla prossima sfida: contro la Vibonese l’unico grido dovrà essere quella della vittoria.

Profile for giovanni testa

il quotidiano del molise  

07 marzo 2011

il quotidiano del molise  

07 marzo 2011

Advertisement