Issuu on Google+

ANNO XIII - N. 29

1.00*

SABATO 30 GENNAIO 2010

* IL QUOTIDIANO DEL MOLISE + IL MESSAGGERO euro 1,00 NON ACQUISTABILI SEPARATAMENTE

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Ripabottoni

San Giuliano di Puglia

Il Comitato vittime: ‘Giustizia è fatta’

Scomparso da 10 giorni Ricerche senza sosta

SAN GIULIANO DI PUGLIA. E’ il giorno dei commenti a poche ore dalla sentenza della Corte di Cassazione. Per il Comitato vittime è stata “finalmente fatta giustizia”. Parla Antonio Morelli: “Volevamo dei responsabili e adesso ci sono”.

SERVIZIO A PAGINA 21

SERVIZIO A PAGINA 21

Il partito disfatto? di Leopoldo Feole Quando tre anni fa gli ottimati dei Ds e della Margherita pensarono d’unirsi, per fare un “grande partito”, non forzarono la fantasia per definirne l’identità. Fu facile chiamare Partito Democratico un contenitore indefinito, in cui c’era tutto e nulla, ma soprattutto il desiderio di voti e potere. Alla prova delle urne ha mostrato invece molte criticità, dalla sacralità delle nomenklature agli individualismi a schema neofeudale tra centro e periferie, all’uso della visibilità mediatica come surrogato della più utile pratica di collegarsi con il divenire sociale. Le migrazioni di elettori e notabili, effetti non calcolati al tempo degli entusiasmi, ma che dovevano esser messi nel paniere degli imprevisti, hanno avvilito il PD. SEGUE A PAGINA 3

Campobasso

Via Longano Il Tar condanna Comune e impresa

Fondi Fas, Iorio rassicura: saranno sbloccati 452 milioni

CAMPOBASSO. La prima sezione del Tar ha deciso di annullare la concessione edilizia rilasciata al Comune sull’edificio di via Longano.

CAMPOBASSO. “Siamo convinti che sia solo una questione di tempo”. Così il governatore Michele Iorio dopo lo slittamento della Conferenza Stato-Regioni avvenuto nei giorni scorsi. Quindi, i 452 milioni di euro saranno sbloccati non appena si riunirà il Cipe. Nelle prossime settimane, quindi, potrebbero arrivare novità importanti.

SERVIZIO A PAGINA 6

SERVIZIO A PAGINA 2

Si schianta contro un palo Giovane in coma

Campobasso

Omicidio Niro Felice verso il processo CAMPOBASSO. Dopo due anni di indagini, arriva la prima vera svolta sull’omicidio di Lucio Niro. Il 22 aprile si deciderà se l’unico indagato, Domenico Felice, affronterà un processo. SERVIZIO A PAGINA 5

Lo Sport

Arnaldo Franceschini lascia il Petacciato PETACCIATO. Le dimissioni del tecnico giallonero sono state comunicate alla società nel tardo pomeriggio di ieri. Al suo posto Mario Parente. SERVIZIO A PAGINA 24

TERMOLI. Auto esce fuori strada e finisce contro un palo della luce: un 18enne è in coma. L’incidente in via America. Il ragazzo alla guida dell’Opel ha riportato ferite lievi, mentre per E.S., le iniziali dell’amico, le condizioni sono gravi: la sua vita è appesa a un filo. SERVIZIO A PAGINA 15

1


2

Sabato 30 gennaio 2010

Fondi Fas, Iorio assicura: “Saranno sbloccati” Il governatore prudente: “Stiamo premendo affinchè avvenga nel più breve tempo possibile” Il presidente Michele Iorio di Stefania Potente CAMPOBASSO. “Siamo convinti che sia solo una questione di tempo perché il Programma regionale è stato istituito e deve essere solo messo all’ordine del giorno del Cipe”. E’ cauto, ma pacatamente ottimista il presidente della Regione Michele Iorio nonostante alcuni giorni fa sia ‘saltata’ la Conferenza Stato-Regioni in programma a Roma. Un segnale non positivo visto che le Regioni si aspettavano tempi di soluzione più rapidi sull’approvazione da parte del Cipe dei Piani attuativi per le aree del Mezzogiorno. Ma a Campobasso, nella sede di via Genova, non si fanno drammi. “I 452 milioni di euro della quota Fas regionale – assicura il governatore – saranno sbloccati non appena si riunirà il Cipe. Naturalmente noi stiamo premendo affinchè avvenga in tempo più breve possibile”. Sarà necessario aspettare qualche settimana. “A febbraio dovrebbe esserci una svolta da questo punto di vista”, conclude. Insomma, è abbastanza fiducioso Michele Iorio, che della Conferenza Stato-regioni è anche vice presidente. L’arrivo dei finanziamenti sarà fondamentale per proseguire le politiche di sviluppo che l’Esecutivo ha intenzione di mettere in campo. Certamente il clima preelettorale che si respira a livello nazionale non aiuta. Aspre cri-

tiche, del resto, sono arrivate dal presidente della Conferenza Stato-Regioni Vasco Errani. “L’impegno del Governo non è ancora stato rispettato”, ha di-

chiarato. Ma le rassicurazioni del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, e del ministro Raffaele Fitto fanno ben sperare: i due

esponenti del Governo, infatti, hanno dichiarato che presto i programmi saranno esaminati dal Comitato intermisteriale. Poi, sarà dato il via libera.

Imprenditori formati e informati Consegnati gli attestati dopo il corso di Bruxelles CAMPOBASSO. Ultimo atto del corso formativo frequentato dai 23 imprenditori selezionati dalla Confercommercio molisana. Ieri la consegna ufficiale degli attestati di partecipazione da parte dello stesso presidente Michele Iorio. L’iniziativa è stata organizzata dall’Ufficio delegazione di Bruxelles, coordinato dal Dirigente del Servizio rapporti istituzionali e relazioni economiche esterne, Alberta De Lisio, e dal consigliere del presidente per le Politiche comunitarie, Francesco Cocco. Numerosi i temi affrontati: dalla politica dell’Unione europea su turismo, informazione, innovazione e ricerca alle opportunità per

finanziare le piccole e medie imprese, dalle iniziative per l’educazione allo spirito d’impresa ai nuovi servizi fino alle attività dell’Ice e alle filosofie d’intervento dei fondi Fesr e Por. Questi alcuni dei temi trattati, nei tre giorni di dibattito e confronto, nella sede di rappresentanza regionale nella capitale europea con relatori di grosso rilievo di fama nazionale e internazionale. Il Presidente Iorio ha espresso soddisfazione per questa ini-

ziativa che si somma alle tante esperienze già realizzate in passato, anch’esse coordinate dalla De Lisio e da Cocco, tese a formare e informare professionisti sulle strategie di sostegno allo sviluppo portate avanti dall’Unione Europea. “Abbiamo sempre detto –ha evidenziato il Presidente Iorioche la sede della Regione di Bruxelles deve essere la casa di tutti e deve essere la base operativa per consentire ai vari strati della società molisana di accrescere le proprie conoscenze e di relazionarsi sempre meglio con le Istituzioni Europee. Un obiettivo che stiamo seguendo e che sta riscuotendo l’apprezzamento che merita”.

Medaglia d’oro al Molise contro la diffusione dell’abusivismo edilizio CAMPOBASSO. Il Molise è tra le regioni più virtuose d’Italia in tema di abusivismo edilizio insieme al Friuli Venezia Giulia e alla Valle d’Aosta. Sono infatti 28000 gli immobili abusivi del Belpaese e prima nella classifica del ciclo illegale del cemento è risultata la Campania, con 1267 infrazioni accertate, 1685 persone denunciate e 625 sequestri nel 2008. A fornire i numeri della mappa delle case illecite un recente rapporto di Legambiente. Per avere un’idea dell’estensione della criminalità nell’ambito delle costruzioni, basti pensare – dice Legambiente – che il 67% dei comuni campani sciolti per infiltrazione mafiosa, dal 1991 a oggi, lo sono stati proprio per abusivismo edilizio. Secondo il rapporto, infatti, il cemento è il luogo ideale per riciclare i proventi dalle attività criminose che nel caso della Campania si traducono in interi quartieri abusivi senza risparmiare le località di pregio, a cominciare dalla costiera amalfitana e da quella cilentana, dall’area dei templi di Paestum, fino a Ischia. Nella cartina dell’abusivismo italiano, il secondo posto lo occupa la Calabria con 900 infrazioni, 923 persone denunciate e 319 sequestri. E in continua ascesa la marcia del Lazio che quest’anno si colloca al terzo posto nella classifica del cemento illegale, superando la Sicilia. Seguono la Puglia, la Toscana e la Sardegna. Nella top ten si collocano poi Liguria, Abruzzo e Lombardia. In mezzo alla classifica si piazzano Umbria, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Basilicata e Trentino AltoAdige. In totale le infrazioni accertate sono state 7.499, con quasi 10.000 persone denunciate e circa 2.700 sequestri. E l’abusivismo non fa che aumentare la fragilità del suolo italiano: il territorio del Belpaese è a rischio sbriciolamento nel 70% dei comuni. E in Calabria, come in Umbria, l’intera popolazione vive su una zona “rossa”: la sicurezza idrogeologica manca nel 100% dei comuni.

Mignelli (Cgil): no alla soppressione degli elenchi anagrafici agricoli “Potrebbero essere cancellati i diritti per migliaia di lavoratori” CAMPOBASSO. Tornano gliaia di lavoratori agricoli. Un sul piede di guerra i sindacati provvedimento così radicale sidopo la presentazione in Sena- gnifica per i lavoratori del setto del decreto “mille proroghe” tore agricolo perdere la propria dove è presente un emendamen- posizione assicurativa e la stesto soppressivo degli elenchi sa indennità di disoccupazione. anagrafici agricoli. “Tale scel- Ciò che manca è una seria e orta è maturata senza che fosse dinaria attività ispettiva e di vistato posto in essere alcun pre- gilanza di approfondimento di ventivo confronto di merito” – situazioni individuali e collethanno fatto sapere i sindacati. tive”. L’emendamento, se fosse apLe segreterie nazionali di Fai, provato, modificherebbe in ter- Flai e Uila hanno pertanto rimini strutturali il sistema pre- chiesto un immediato incontro videnziale e assistenziale in agricoltura dal momento che gli elenchi anagrafici rappresentano oggi la fonte del diritto per il riconoscimento delle prestazioni di disoccupazione, infortuni e malattie. “Se l’emendamento che intende sopprimere gli elenchi anagrafici passasse – ha commentato il segretario della Cgil, Ermina Mignelli – si assisterà con un colpo di spugna alla cancellazione di fatto dei Ermina Mignelli diritti e delle tutele per mi-

sul tema al ministero del Lavoro e al relatore del disegno di legge. E’ stato inoltre dichiarato un primo pacchetto di otto

ore di sciopero che saranno effettuate nella prima decade di febbraio con la presenza a Roma di delegazioni di lavora-

tori provenienti da tutte le Regioni d’Italia con richiesta di incontro a tutti i gruppi parlamentari.

Invalidità civile, tempi più brevi e maggiore trasparenza CAMPOBASSO. Novità importanti per il processo dell’invalidità civile: riconoscimento dei benefici, gestione coordinata delle fasi amministrative e sanitarie e una diminuzione dei tempi di erogazione delle prestazioni. Lo rende noto l’Inps. “queste novità – ha sottolineato il presidente del Comitato regionale Notaro – permetteranno la tracciabilità delle domande di tali prestazioni, una maggiore trasparenza del procedimento e soprattutto una notevole riduzione dei tempi per il riconoscimento delle prestazioni in parola nel limite massimo di 120 giorni”. Un bel ‘risparmio’ di tempo,

L’Inps

quindi, se si considera che la media regionale è di circa 370 giorni. Tuttavia, come fanno sa-

pere dall’istituto di previdenza, restano alcune criticità: dalla carenza dei dirigenti medici alla questione del contenzioso che ora da giudiziario diventa amministrativo, probabilmente di competenza dei Comitati provinciali. Per ovviare a tali problematiche, Notaro ha assicurato la massima disponibilità al fine di sensibilizzare l’ente Regione nei confronti delle novità in parola, a sostegno delle iniziative che l’istituto ha già attivato nei confronti di tutti i soggetti coinvolti nel processo dell’invalidità civile.

FONDATO NEL 1998 DIRETTORE RESPONSABILE: GIULIO ROCCO EDITORE: ITALMEDIA s.r.l. SEDE LEGALE: VIA MONTEGRAPPA 51/D 86100 CAMPOBASSO SEDE OPERATIVA

VIA S.GIOVANNI IN GOLFO 86100 CAMPOBASSO SITO INTERNET: www.quotidianomolise.it EMAIL:redazionecb@quotidianomolise.it

Pubblicità ITALMEDIA s.r.l. Tel. 0874.484623 Via S.Giovanni in Golfo Campobasso EMAIL: commerciale@quotidianomolise.it

CENTRO STAMPA ROTOSTAMPA - LIONI (AVELLINO) Registrazione Tribunale di Campobasso N. 157/87


Sabato 30 gennaio 2010

3

Dure parole dell’avvocato Messere dopo la sentenza della Cassazione sulla ‘Jovine’ di S. Giuliano

“Non sempre la legge è uguale per tutti e la giustizia è giusta” CAMPOBASSO. Ha suscitato numerose reazioni la sentenza della Corte di Cassazione di Roma sul crollo della scuola ‘Francesco Jovine’ di San Giuliano di Puglia. A circa 24 ore dal pronunciamento, abbiamo raccolto il commento dell’avvocato Arturo Messere. Avvocato Messere, come valuta la sentenza della Cassazione? “La Corte di Cassazione ha ritenuto valide le mie tesi di mancata motivazione e violazione di legge da parte dei giudici d’Appello di Campobasso in relazione alla pena di 6 anni e dieci mesi per ciascuno dei miei difesi. Tant’è che ha annullato la sentenza impugnata limitatamente a tale capo: ‘con il rinvio per il nuovo giudizio alla Corte d’Appello di Salerno’”. Cosa significa ciò? “Questo significa che la Corte di Cassazione ha ritenuto non motivata l’eccessività della pena irrogata dalla Corte territoriale in relazione al grado di colpa degli imputati La Serra e Marinaro”. Avvocato, cosa ne pensa dell’esito del processo? “Di fronte alla montagna oscura del pregiudizio e alla montagna immane del potere non sempre la legge è uguale per tutti e non sempre la giustizia è giusta”. Non è una dichiarazione forte la sua? “La decisione della Cassazione, come ogni altra decisione dei nostri giudici, merita rispetto; attendo di leggerne la motivazione, pur restando dell’opinione che a determinare la morte dei bambini e della maestra di San Giuliano, nei confronti L’invito a ritrovarsi questa sera tutti in Piazza della Vittoria dalle 17 in poi per esprimere attraverso un sit in la più convinta e strenua difesa della Costituzione Italiana è espresso dalla preside Maria Giuseppina Fusco che ha assunto l’iniziativa che è civile ancor prima che politica dal momento che è sganciata da qualsiasi organizzazione partitica. “Come cittadina – conferma la Fusco – invito i campobassani ad esprimere il loro dissenso nei confronti di ogni tentativo di saccheggio della Costituzione che si concretizza attraverso le manovre che il Governo sta portando avanti. Ogni giorno si è costretti ad ascoltare nuovi proclami come quello espresso da qualche ministro che ha chiesto addirittura di cancellare l’Art. 1 della Costituzione che recita (l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro…). Di fronte a tutto ciò al cittadino italiano non restano che due strade da perseguire: o as-

dei quali e del dolore delle loro famiglie continuo ad inchinarmi, resto dell’opinione che a

causare la tragedia sia stata l’incuria dello Stato con i suoi ritardi e la forza terribile di un

L’avvocato Messere

“A causare la tragedia l’incuria dello Stato”

terremoto inaspettato soprattutto nella sua magnitudo”. sp

Processi lumaca, e il Molise paga In regione le imprese spendono 8milioni di euro a causa dei rallentamenti giudiziari CAMPOBASSO. I ritardi della giustizia civile costano tantissimo. La spinosa questione è stata trattata dal presidente

In Italia costano 2miliardi di euro l’anno SEGUE DALLA PRIMA Per rafforzare il consenso era stata codificata la pratica delle primarie. Ma, a parte l’inesistenza di garanzie strutturali sulla certezza delle operazioni – le cronache hanno riportato casi di ubiquità nei seggi – il rito cartaceo moltiplica le occasioni per dividersi, nel misurare la forza dei singoli e dei gruppi organizzati. Lo spreco delle risorse mentali, per montare gli egocentrismi con ansie di potere interno e proiezioni esterne, emargina inoltre la necessità d’impegnare l’intelletto politico, com’era tradizione dei “partiti di massa”, in progetti a ventaglio: dalle questioni internazionali a quelle locali, dai problemi economici a quelli sociali.

della Cassazione, Vincenzo Carbone, alla cerimonia d’apertura dell’Anno giudiziario in Cassazione. In particolare, sarebbero le imprese del Nord a rimetterci di più: ogni anno le aziende lombarde sono penalizzate dalla lentezza dei processi per un totale di 454 milioni di euro. E anche in Molise le aziende sarebbero penalizzate per un totale di 8milioni di euro.

In pratica il Belpaese non appare in alcuna posizione competitiva al pari degli altri paesi europei che occupano i primi 50 posti della classifica. La giustizia lumaca costa circa 371 euro ad azienda e i ritardi costano alle imprese circa 2,3 miliardi di euro l’anno, una sorta di “tassa occulta”, ha rivelato Carbone. Ci vogliono circa mille giorni affinché una causa civile

Il partito disfatto? di Leopoldo Feole La strategia appare quindi limitata al contingente e soprattutto alla guerra a Berlusconi – e non al centro destra – sperando che il giustizialismo antipolitico di Di Pietro e l’anima politica d’alcuni filoni della stampa e della magistratura possano sollevare reazioni sociali, necessarie per uscire dall’inferno elettorale e colorare il paradiso piddino. Ma nel libro dell’utopia il diavolo ha infilato la coda. L’informazione non ha potuto evitare gli scivoloni nella “questione morale”, che hanno dimostrato l’inesistenza del primato di partito “illibato”. Nelle primarie in Puglia per il candidato

presidente della regione, ha preso una sventola da Vendola, che più sonora non poteva essere per un partito, ricattato dal bisogno d’una vittoria elettorale qualsiasi. I radicali hanno imposto la candidatura della Bonino alla presidenza della Regione Lazio. Il “guastafeste” Di Pietro fa il rullo pressore con il viola quaresimale. Casini pende tra destra e sinistra con il centralismo democratico dell’UDC/6%. Il PD è in affanno, tra illusioni e delusioni. Nel Molise frana per le fughe di chi è salito sul carro di Di Pietro, che ne saccheggia il bacino elettorale oppure di chi consolida

il primato del presidente della Regione, Iorio, per stare in un porto sicuro. Prende sventole anche da Antonio D’Ambrosio che, per le elezioni comunali anticipate di Termoli, vuole esser capo d’un ennesimo movimento personale: ha bisogno d’ossigeno politico per dimostrare d’esistere ancora, dopo i percorsi nella CGIL e nel PCI-PDS-DS-PD. Alcuni “compagni” ancora ricordano l’ex presidente del consiglio regionale come tesoriere del PCIPDS nei tempi del collasso economico, determinato dalla interruzione dei fondi sovietici - irregolari per Craxi - causa dello smantellamento del par-

prenda il via in primo grado e la giacenza media varia a seconda delle aree del Paese: i tempi di attesa sono di 762 giorni nel Nord, 954 nel Centro, 1.172 nel Sud e 1.079 nelle Isole. Giustizia lumaca anche con le separazioni: nei tribunali servono circa 800 giorni alle coppie per dirsi addio in primo grado. mic. s tito e del trasferimento d’alcuni “funzionari” presso il gruppo consiliare della regione, con l’anomala funzione di salvagente per chi vantava salari non pagati. Il PD è un soggetto politico. Ma la crisi ne evidenzia definizioni negative: da declinante a disfatto. Quest’ultimo aggettivo sintetizza meglio le responsabilità dei dirigenti, passati e presenti: ognuno, per salvare la propria auto-referenzialità, ha contribuito a frenare o scardinare le buone intenzioni di costruirlo. La società non ne ha bisogno. In una democrazia normale sono utili e necessarie, al governo e all’opposizione, forze politiche con l’intelletto aperto alla realtà nel suo divenire e con l’etica della responsabilità nel disegnarne il futuro.

La Costituzione Repubblicana difesa dai cittadini, sit-in piazza sistere passivamente oppure reagire con la prontezza e la determinazione democratica che situazione richiede. Invito i campobassani a scegliere la seconda alternativa e partecipare a questo sit-in che intende ribadire che la Costituzione della Repubblica Italiana è nata dalla Resistenza antifascista e rimane, ad oltre 60 anni dalla sua emanazione, il principale strumento di garanzia del patto di convivenza civile di una società che fonda le proprie basi sul principio dell’uguaglianza tra i cittadini e rappresenta l’anticorpo più efficace contro il rischio di nuove derive autoritarie”.


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Omicidio Niro, verso il rinvio a giudizio Il 22 aprile si saprà se l’unico indagato, Domenico Felice, affronterà un processo. Una prima vera svolta dopo due anni di indagini serrate Due anni di indagini. Mille punti interrogativi. Tante, forse troppe, risposte che non sono mai arrivate. Un movente, quello passionale, che ha guidato gli investigatori; un indagato, l’unico, che si è sempre discolpato dicendo di non aver ucciso il muratore di Baranello. E’ uno dei gialli più intricati della cronaca molisana, purtroppo segnato da una sola, drammatica, verità: Lucio Niro è stato freddato a bruciapelo con tre colpi di fucile la notte tra il 10 e l’11 febbraio del 2008 mentre, in auto, tornava da Santa Croce del Sannio, paese della sua fidanzata (ora madre anche di una bimba) che nel giro di qualche mese avrebbe portato dinanzi all’altare. Ora, però, potrebbe essere il

L’auto su cui viaggiava il muratore momento di una svolta: il giudice del tribunale di Benevento ha fissato l’udienza preliminare

Anno giudiziario Oggi la cerimonia d’inaugurazione

L’inaugurazione dello scorso anno Inaugurazione dell’anno giudiziario 2010 oggi anche in Molise. La cerimonia a Campobasso si svolgerà nell’aula magna del Convitto nazionale Mario Pagano. Ed anche a Campobasso come in tutti i distretti di Corte d’Appello, i magistrati si presenteranno con una copia della Costituzione in mano. Lo scopo è simboleggiare il “forte attaccamento alla funzione giudiziaria ed alla Carta Costituzionale”. Ed anche a Campobasso i magistrati abbandoneranno l’aula al momento dell’intervento dei rappresentanti del Governo per testimoniare “il disagio per le iniziative legislative in corso che, sostiene la Giunta dall’ANM nazionale, rischiano di distruggere la giustizia in Italia” e “per la mancanza di interventi necessari ad assicurare l’efficacia del sistema”. Insomma basta a leggi ad personam che distruggono il sistema giudiziario. Il loro dissenso riguarda soprattutto il provvedimento sul processo breve che “rischia di produrre più danni che benefici se non è preceduto da una riforma radicale del sistema processuale”. I presidenti delle sezioni locali dell’ANM leggeranno quindi un documento predisposto dalla Giunta esecutiva centrale mostrando infine una copia del dossier ‘Le verità dell’Europa sui magistrati italiani’ che sarà consegnato al Presidente della Corte ddg d’Appello.

per decidere sul rinvio a giudizio del 28enne agricoltore, Domenico Felice. Il suo destino

sarà deciso il 22 aprile. Secondo il pm Antonio Clemente è lui il responsabile del delitto di Morcone. Omicidio volontario, aggravato da futili motivi, accuse che pesano come un macigno e che, se confermate, potrebbero portarlo a sedere di fronte ai giudici. Il 22 aprile toccherà al gup Di Carlo valutare se questi due anni di accertamenti, testimonianze, intercettazioni, bastano a ricostruire il mosaico. Convinti che la pubblica accusa abbia in mano ben poco, invece, gli avvocati di Felice, i legali Fusco e Di Maria. Ma questo si saprà solo alla fine di aprile: voci e indiscrezioni, però, danno l’allevatore vicino di casa di Rosanna Parlapiano per ‘spacciato’. Ma la parola spetta al giudice. E se Domenico Felice non sarà rin-

tre indagini? Solo domande, le stesse che si sono ripetute in questi anni. Dubbi, diversi, ma pur sempre dubbi: quante volte Lucio si sarà chiesto il motivo di quegli ostacoli che ha più volte trovato sulla strada del ritorno da San Croce. Ad attendere risposte c’è anche la famiglia del giovane di Baranello che ha combattuto un dolore lancinante con una discrezione inverosimile. Ma, con una speranza ancora viva: che si faccia giustizia. Lucio Niro An.Sa.

viato a giudizio? Cosa succederà? Dove bisognerà scavare per cercare risposte? Ci saranno al-

Squillo cinesi: filo diretto Lombardia-Molise Aveva radici anche in Molise, nel campobassano, l’organizzazione cinese smantellata ieri dalla Mobile di Brescia. Quasi esclusivamente donne, abili nel gestire un giro di prostituzione in appartamenti affittati a prestanome. Classico il modus operandi dei clienti: recuperavano il numero di cellulare sulla stampa locale, telefonavano e ricevevano tutte le istruzioni per arrivare al nido d’amore. La cronaca ricorda come anche in città la Squadra Mobile ha individuato diversi appartamenti dove si consumava sesso a pagamento, soprattutto con ragazze orientali; chiaro il collegamento con il nord Italia, che si concretizzava quando le chiamate dei clienti venivano rigirate ad un call center di Milano pronto a metterli in contatto con le squillo. Proprio per questo, la Squadra Mobile di Campobasso ha inviato (sia nei giorni scorsi che negli ultimi mesi di indagini) informative alle questure del settentrione, utili a ricostruire il giro. Allo stesso tempo nella giornata di ieri la polizia ha effettuato decine e decine di perquisizioni in tutta Italia, proprio per cercare di ricostruire e individuare il raggio d’azione dell’organizzazione. An.Sa.

Archivio

Sigilli alla torre anemometrica La stazione abusiva installata ad insaputa del Comune di Toro TORO. Sigilli ad una stazione anemometrica installata abusivamente nelle campagne di Toro. Ieri mattina gli uomini del Corpo Forestale dello Stato hanno effettuato tutte le verifiche del caso, accertando come la ‘torre’, completa della relativa strumentazione per la rilevazione di dati, fosse sprovvista dell’autorizzazione del Comune, nonché di quella urbanistica e paesaggistica. In effetti l’amministrazione guidata dal sindaco Simonelli aveva dato l’ok ad una ditta esclusivamente per l’installazione di un impianto. Ed è proprio dagli uffici comunali che è parti-

L’impianto sequestrato dalla Forestale

ta la segnalazione alla Forestale, non appena è spuntata la seconda ‘torre’, per giunta a non più di cinquanta metri dalla prima. Ieri mattina in località Bracciolo-Bosco è scattato il sopralluogo dell’ingegnere comunale, insieme al Corpo Forestale: l’antenna, alta circa 40 metri e piazzata in territorio di proprietà del Comune di Toro, è stata immediatamente sottoposta a sequestro penale, a disposizione della Procura della Repubblica. Intanto, grazie alle analisi della strumentazione elettronica, gli inquirenti conAn.Sa. tano di risalire presto agli autori.

LE TORRI ANEMOMETRICHE Le torri anemometriche vengono utilizzate per le verifiche sul campo relative alla fattibilità di campi eolici. Le torri possono essere montate con altezze variabili fra 40 e 80 metri, consentendo di installare inizialmente una parte della struttura ed in un secondo tempo la sopraelevazione garantendo così la massima flessibilità di impiego. In sommità viene montata un’asta per il supporto di parafulmini ed alla base della sono predisposti gli opportuni sistemi di messa a terra. Le torri sono in moduli di 3 metri dal peso contenuto, che possono essere sollevati e montati in sequenza utilizzando un accessorio di sollevamento fissato direttamente alla torre. Le strutture sono in grado di resistere a venti fino a 160 km/h.

5


6

Sabato 30 gennaio 2010

Al Savoia incontro per una lettura della Terza Enciclica del Papa

Caritas in Veritate spiegata da Stefano Zamagni di Ylenia Fiorenza Un ampio approfondimento sull’ultima enciclica di Papa Benedetto XVI, “Caritas in Veritate”, quello avvenuto presso il Teatro Savoia di Campobasso nella serata di giovedì 28 gennaio. Un evento promosso dal Progetto culturale dell’Arcidiocesi di Campobasso-Bojano. Ad offrire una vigorosa relazione sul tema “Lo sviluppo dei popoli”, è stato Stefano Zamagni, ordinario di Economia Politica all’Università di Bologna, nonché l’economista-consulente del Papa, che ha tanto contribuito alla stesura dell’enciclica. La conferenza è stata incentrata intorno ad alcuni specifici aspetti trattati nell’enciclica del Papa, che, come ha voluto sottoliena-

re Zamagni “non ha lo scopo di deliberare né di imporre alcuna ricetta o soluzione riguardo la crisi in cui si ritrova la società attuale; ma, anzi, le parole del Papa hanno soltanto l’intento di dare indicazioni per risolverla, senza violare così il principio di laicità”. E’ emerso, secondo le linee guida di questa enciclica sociale, che occorre unire, ricucire due realtà che sembrano sempre più separate tra di esse: quella del Vangelo e quella del sistema economico, vale a dire le istanze morali della carità con le regole dell’economia. “La distanza di queste tra le due sfere - ha evidenziato ancora Zamagni dipende da tre separazioni importanti: quella dell’econo-

mia dal sociale, quella della cultura dal lavoro, e quella del mercato dalla democrazia. Una triplice separazione che sta sempre più condizionando il modo di pensare e di agire, sia all’interno della vita individuale che collettiva”. Il pensiero sociale è una rotta su cui la Chiesa sta sollecitando e vigilando - come ha concluso l’arcivescovo di CampobassoBojano, Giancarlo Maria Bregantini, ritenendolo “verità seminata nella storia, valore assoluto su cui bisogna impiegare forze intellettuali e proposte di bene comune”, perché il lavoro si rimetta al centro, cercando di recuperarne la dignità originaria, dove la persona per essere libera deve lavorare e piantare una

speranza di sviluppo e di crescita uguale per tutti. La prospettiva della serata è stata contrassegnata e accolta da un condiviso dibattito tra i partecipanti e lo stesso Stefano Zamagni. Da questa lettura sull’enciclica affiora che la categoria della libertà è sostenuta dalla carità sociale come forma mentis, come controcultura con cui occorre svolgere nelle istituzioni il principio di fraternità, di reciprocità, che va applicato dentro l’economia stessa, nell’organizzazione dell’impresa e nel mercato come nell’intera famiglia umana. “Perché il messaggio portante dell’enciclica, afferma Zamagni, è un “realismo morale che appartiene all’ordine dell’essere”. L’espe-

Il professore Stefano Zamagni rienza etica come sfida intellettuale, oltre che pratica, si traduce, dunque, umanamente, nella continua ricerca di bene di fronte a responsabilità che bisogna assumere mediante l’esercizio di una giustizia commutativa, distributiva e contributiva, come una normativa che deve essere presente in tutto ciò che si fa e occorre darne un giudizio razionale. La carità nella verità allora è una rivisitazione degli orien-

tamenti economici e morali, alla quale segue una ricognizione dell’orizzonte concettuale della globalizzazione in chiave eticosociale, a proposito di coscienze, di persone e non di numeri né di calcoli. Dopo questo di giovedì sera, il terzo, il programma del progetto culturale dell’arcidiocesi di Campobasso-Bojano proseguirà con altri cinque appuntamenti, per concludersi nel prossimo mese di giugno.

Sentenza di condanna nei confronti del Comune e dell’impresa GF dalla prima sezione del Tar Molise

Via Longano, annullato il titolo di costruire Resta aperta la strada del ricorso. Non tutto l’edificio è stato considerato illegittimo I lavori di costruzione in via Longano

di Vittoria Todisco Sulla vicenda del costruendo edificio di via Longano nuova decisione della Prima Sezione del Tar Molise che ha emesso una sentenza definitiva di annullamento della concessione edilizia rilasciata dal Comune ed ha condannato il Comune e la società di costruzioni, in solido tra loro, a risarcire i ricorrenti delle spese di giudizio. Nuovo capitolo dunque, certamente non ultimo dal momento che la sentenza è ricorribile, per una vicenda che vede in pericolo la realizzazione di una

struttura per civile abitazione che l’impresa GF Costruzioni sta realizzando in via Longano, bloccata per ben due volte dal ricorso presentato dai residenti della zona. Sono gli inquilini delle abitazioni di via Capriglione, via Bellini e via Longano che lamentando la illegittimità, sotto vari profili dei titoli rilasciati dal Comune, hanno chiesto la revoca dei lavori di realizzazione dell’immobile. Tra i profili di illegittimità quello che i lavori sono cominciati quando la concessione edilizia era già scaduta e, soprat-

tutto, che il permesso di costruire è stato rilasciato dal Comune violando le disposizioni sulle distanze dai confini e l’asse stradale. A contrastare i motivi di censura il Comune e la società costruttrice. Cosa accadrà adesso si chiedono in molti, il fabbricato dovrà essere abbattuto? Ribadendo che la sentenza è ricorribile occorre sottolineare che il collegio giudicante non ha considerato abusivo l’intero fabbricato ma solo una parte di esso; ovvero gli ultimi due piani del fabbricato andrebbero arretrati di alcuni metri. A questo punto si apre la discussione sul significato del termine “arretramento”, ovvero se bisognerà abbatterli oppure basterà un condono a sanare tutto. Una cosa è chiaro che la costruzione del palazzo rimane difficile, che i tempi di realizzo della costruzione si allungano ulteriormente e che a pagare lo scotto sono i privati che hanno anticipato somme per l’acquisto di un domicilio e naturalmente la stessa impresa.

Un muro di due metri per fermare la frana Ripalimosani. Comune al lavoro per realizzare un argine di blocchi in calcestruzzo

Un’immagine della frana che avanza scattata ieri mattina

Piano sociale di zona Le critiche del Pd Il consigliere del Pd Antonio Battista “Il piano sociale adottato dal Consiglio comunale risulta una Piano sociale di Ambito senza respiro politico, sociale e con risorse finanziarie insufficienti”. E’ il primo del capogruppo del Pd al Comune di Campobasso. Antonio Battista denuncia il mancato coinvolgimento, nella

stesura del piano sociale, non solo dei Consiglieri ma anche “il contributo fondamentale del terzo settore, del volontariato, dell’associazionismo cattolico e quello laico, dei sindacati, del territorio”. Sotto accusa la maggioranza di Di Bartolomeo che “non ha saputo dare indirizzi e dimostrare capacità di governo”. Il centrodestra del capoluogo, dunque, non ha tenuto conto di quelle che sono “le esigenze reali” dei cittadini. A questo si aggiunge la mancanza “dei risultati di gestione del vecchio Piano”. Il Pd, dalla voce di Battista, parla di “amministrazione impreparata a reggere il peso

di una così importante responsabilità nei confronti della popolazione del capoluogo e dell’intero ambito”. Secondo Battista, la riprova di quanto affermata è da ricercare nell’accettazione del sindaco Di Bartolomeo, “costretto ad ammettere le manchevolezze del Piano impegnandosi nei confronti della Regione Molise per reperire nuove risorse finanziarie da destinare al sociale e rivedere il Piano”. Inoltre, sempre il sindaco, “ha dovuto condividere l’eccezione che le sedute delle Conferenze dei sindaci devono tenersi a porte aperte, in ossequio ai principi di trasparenza”.

Ancora inarrestabile, la momento, la frana che minaccia la località Ingotte – Covatta. In movimento acque soprattutto, melma fangosa movimentate come da un’eruzione che rischia di compromettere seriamente l’attività commerciale di alcune aziende ma anche la viabilità regionale bloccando il tratto della Bifernina teatro di una storica devastazione ambientale. Il comune di Ripalimosani sta dando fondo alle poche risorse economiche disponibili (5 mila euro) e ieri mattina dall’Ufficio Tecnico sono stati avviati i lavori per cercare di intervenire

Marco D’Avino il commissario di San Giovanni in Galdo

sul piede della frana. Sono stati caricati 44 blocchi di calcestruzzo che serviranno a costruire un argine alto 2 metri e lungo 30 per formare una barriera che dovrebbe deviare il piede della frana indirizzandolo vero il by-pass realizzato a valle nello scorso mese di luglio. Tentativo utile per arginare la corsa del fango che tracimando andrebbe ad invadere le attività commerciali e scongiurare che possa finire nel vallone con il risultato di bloccare del tutto il tratto di strada che collega il capoluogo all’Adriatica. V.T.

Dopo la decisione del Consiglio di Stato sulle elezioni di San Giovanni in Galdo, in paese arriva il Commissario. Il massimo organo giudiziario amministrativo ha infatti ritenuto inammissibile il ricorso, decretando il ritorno alle urne per il ballottaggio tra i due candidati Eugenio Fiorilli (sindaco uscente) e Mario Piunno. Per effetto della decisione, risulta caduta la proclamazione dell’elezione del sindaco e dei consiglieri. Ieri la Prefettura di Campobasso ha nominato Marco D’Avino, viceprefetto, per la provvisoria amministrazione. Intanto si attendono notizie sul fronte elettorale: la data per lo svolgimento delle operazioni di ballottaggio deve essere ancora determinata.


Sabato 30 gennaio 2010

7

Grande attesa per l’arrivo del personaggio femminile del momento: Belen Rodriguez

Buon compleanno Red Passion Il club spegne la sua prima candelina Belen Rodriguez

Dopo averla corteggiata come il miglior Don Giovanni fa con le sue donne, il Red Passion Sound Club è riuscito a sedurre la show girl che ha rapito il cuore di milioni di italiani. Il profumo del Sud America avvolge il club di Campobasso che dà il benvenuto a Belen Rodriguez. Sarà lei la madrina del primo compleanno del Red Passion. Una festa in grande stile, con il personaggio femminile che ha conquistato le prime pagine dei più accreditati giornali di gossip. E’ entrata nelle case di tanti ita-

Da sinistra Lello Di Iorio, Rosaria Renna di Rds il presidente Michele Picciano e Francesco Pasquali (Rds) liani (ovviamente grazie al calendario), ma stasera delizierà con la sua presenza il parterre del club. Un compleanno atteso da tutti gli amanti della buona musica, del divertimento e, perché no, anche del buon gusto. E chi meglio della tanto chiacchierata Belen, femme fatale

e inimitabile in quanto a portamento e ‘savoire a faire’ saprà regalare. Dopo i suoi primi successi in Argentina, la 26enne ha conquistato il Bel Paese: prima la sua love story con l’attaccante rossonero Borriello, poi l’Isola dei Famosi, vero trampolino di lancio. Che l’ha portata alla conduzione, insieme a Teo Mammuccari e Claudio Amendola, di Scherzi a Parte. Testimonial della campagna pubblicitaria di Tim, accanto a De Sica, ha rapito il cuore del bello e maledetto Fabrizio Corona. Chissà se il manager dei paparazzi la accompagnerà questa sera al Red Passion. Per saperlo c’è solo una possibilità: partecipare ai feAn.Sa. steggiamenti.

Un bel 110 e lode L’Unimol coinvolge gli studenti chiamati a lavorare di fantasia perAntonella Caruso Crea lo slogan della tua università Un mare di auguri a Vincenzo Volpe

Ha raggiunto un traguardo importante Antonella Caruso che si è brillantemente laureata presso la Facoltà di Scienze biologiche di Pesche d’Isernia con il punteggio di 110 e lode. Alla neo dottoressa gli auguri di mamma Anna, papà Carmine e di Luigi, Michela e Francesca. Congratulazioni anche dal Quotidiano.

Torna, come ormai di consueto, il concorso “Crea lo slogan della tua Università”. “E’ da una parte assolutamente proficuo e dall’altra curioso da parte nostra – ha spiegato il Rettore Cannata – riuscire a sapere e capire cosa rappresenta l’Ateneo della propria regione nell’immaginario collettivo e nella fantasia dei ragazzi molisani. “L’Università degli Studi del Molise...siamo noi” e “Unimol...energie intelligenti” sono le headline che hanno accompagnato le ultime due campagne pubblicitarie in vista delle immatricolazioni. Mille euro è il premio per il primo classificato in questa gara di creatività, che diventa ogni anno sempre più competitiva. Cinquecento, invece, al secondo classificato e trecento al terzo. Venerdì 19 febbraio 2010 è la data di scadenza improrogabile per la consegna degli elaborati che verranno valutati da un’apposita commissione interna.

Tanti auguri a Giuseppe Tiano In questi 18 anni con la tua serenità, dolcezza, simpatia, ci hai dato immense soddisfazioni lasciandoci sempre un Tanti auguri a Vincenzo Volpe che oggi comsegno nei nostri cuori! D’ora in poi pie 35 anni. Auguri, in particolare, da Fabio, Milascerai un segno nel mondo... chele e tutta la redazione de ‘Il Quotidiano del Mamma e papà Molise’.


SABATO 30 GENNAIO 2010

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIII - N. 29

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Al tavolo dei relatori erano presenti anche l’assessore Perrella ed il responsabile dell’urbanistica Robusto

La Consulta illustra il Piano Casa Seduta monotematica per spiegare ai cittadini cavilli e commi della legge 30

Il direttivo della Consulta Seduta monotematica per la ha spiegato nel dettaglio la legConsulta comunale “Città di ge regionale 11 dicembre Bojano”, presieduta da Giu- 2009, n.30, finalizzata alla riseppe Risi, che si è riunita mer- presa edilizia e quindi all’incoledì pomeriggio, dietro sug- centivazione delle attività progerimento dell’assessore alla duttive e dell’economia in gePolitiche Sociali Carlo Perrel- nerale. Robusto: “Lo spirito la, affinchè venissero fornite della Legge parte dalla necesinformazioni dettagliate alla sità di collegarsi alle ultime dicittadinanza interessata al nuo- sposizioni in materia, il DPR vo Piano Casa Regione Moli- 49/2009, che obbliga i propriese . tari delle nuove costruzioni ad Ha partecipato alla seduta il utilizzare i materiali in funzioresponsabile del settore urba- ne della certificazione energenistica di palazzo San France- tica. sco, l’architetto Robusto che Ne deriva una classificazio-

ne, come categoria A, B, C, D ed E a seconda del valore che il progettista andrà a riscontrare nel calcolo del fabbisogno energetico dell’edificio”. Continua poi precisando che la legge si applica a strutture completate esistenti al 29 giugno 2009 o in corso di realizzazione, purché le strutture in cemento armato siano state ultimate nella stessa data, e che tale ultimazione deve ricavarsi dalla certificazione del Direttore dei Lavori. Si hanno due anni di tempo, dal 16 dicembre scorso, per presentare la pratica per l’ottenimento delle agevolazioni allo sportello edilizio del Comune di Bojano. Robusto ha poi spiegato la possibilità di aumenti di volumetria fino al 30 per cento con ulteriori premialità se si au-

mentano gli indici di copertura, se si usano materiali fonoassorbenti con raggiungimento del 20 per cento di risparmio energetico. La premialità è del 35 per cento per le demolizioni e contestuali ricostruzioni con aumento di volumetria, e ancora, ulteriore deroga al limite di volumetria, pari al 50 per cento, se il 60 per cento dell’acqua calda sanitaria sia prodotta da fonti rinnovabili,pannelli termici solari, geotermia ecc. Facendo riferimento alla stessa legge si può mutare la destinazione d’uso dei locali in zona agricola e andare in deroga agli strumenti urbanistici e alle previsioni dei regolamenti comunali, è consentito realizzare strutture sportive e ricettivo complementari. La norma prevede anche agevolazioni per la rimozione dell’amianto, riduzione dei costi di costruzione. Il discorso si sposta poi sull’edilizia scolastica, alcune cittadine chiedono se è possibile , con l’intervento di privati secondo la legge discussa, far diventare polo scolastico l’Itam; Maria Grazia Tagliaferri pone invece un altro quesito riguardo alla

riqualificazione di edifici ad uso scolastico e nel caso si decidesse di operare in tal senso si dice pronta alla battaglia: “ Non possono essere riqualificati edifici che vengono allineati in un senso e restano poi carenti per quanto riguarda il rispetto di altre norme. Noi vogliamo impegno e lavoro per il reperimento dei fondi.” DaDo

L’architetto Robusto

La critica è volta a sollecitare l’inserimento di uno dei pochi centri turistici di montagna nel meridione

Meteo Sky, Campitello assenza ingiustificata Il consigliere provinciale Giovanni Varra protesta con il gruppo Murdoch per la non visibilità della stazione sciistica Il Consigliere provinciale di Campobasso Giovanni Varra ha indirizzato una nota di protesta e sollecitazione alla direzione della televisione privata a pagamento SKY del Gruppo Murdoch, nella quale si segnala l’assenza delle stazioni sciistiche molisane dall’apposita rubrica dedicata alle previsioni del tempo. “Ai distratti o ai superficiali potrà apparire trascurabile l’appunto che ho mosso alla direzione di SKY, ma in tempi in cui l’economia dei territori, se opportunamente vocati, si regge anche e soprattutto sul turismo e sull’economia che questo im-

8

portantissimo settore riesce a muovere, l’assenza ingiustificata di Campitello Matese, così come di Capracotta, da uno spazio televisivo che quotidianamente viene visto da milioni di persone mi ha sollecitato ad intervenire. Personalmente credo molto nelle potenzialità turistiche della nostra provincia, ricca di storia, cultura e di un patrimonio archeologico importante. Se solo pensassimo alla bellezza dei nostri preziosi borghi, spesso dimenticati e in via di spopolamento, in termini di opportunità e attrattività turistiche, capiremmo di avere una ricchezza che aspetta solo di essere svi-

luppata in favore dell’intera comunità”. In effetti la diffusione attraverso un canale importante quale è Sky sicuramente gioverebbe a dare rilievo nazionale alle località sciistiche molisane che dovrebbero essere al pari di tutte le altre stazioni sciistiche italiane, proprio in un momento così importante di rinascita turistico economica che stanno vivendo le località molisane. Soprattutto Campitello Matese che negli ultimi fine settimana ha fatto registrare un numero di presenze davvero soddisfacente ed inaspettato. Millecinquecento biglietti solo per gli impianti di risalita il che vuol dire almeno il doppio di turisti che non si sono dedicati allo sport. Grande soddisfazione così per albergatori ed esercenti, che come preannunciato cominciano a credere in questa stagione invernale che inizialmente ha fatto dubitare un po’ per il freddo che tardava a fare il suo ingresso, e un po’ per dare un tempo minimo di rodaggio alla nuova gestione di “ Funivie Molise”. Lo scorso fine settimana infatti tanta gente ha deciso di scegliere le montagna di Campitello Matese per il proprio tempo libero. La neve ormai ha raggiunto la giusta consistenza tanto da innevare artificialmente

e mantenere così sostanzioso e duraturo il manto. Tanti i turisti che sono giunti anche dalle regioni limitrofe e che hanno portato tanta speranza e nuove motivazioni per chi, come gli operai di Funivie Molise, aveva indetto una giornata di sciopero proprio per domenica scorsa. E visto che su Sky non se ne parla altre fonti metereologiche preannunciano una buona giornata di sole per domani che permetterà così, come domenica scorsa di godersi al meglio il sole e la neve. DaDo

L’Airc è in Corso Amatuzio con le Arance della Salute E’ stato fissato per oggi il tradizionale appuntamento con L’Airc, l’associazione italiana per la ricerca sul cancro, che si avvale del contributo della regione Sicilia che concorre coprendo il costo delle arance. La manifestazione , che copre con oltre 3000 punti di distribuzione le piazze e le scuole italiane è al suo ventesimo anno di svolgimento. L’evento bojanese è stato promosso da un gruppo di volontari che sostengono il lavoro dei ricercatori. Si procederà così in corso Amatuzio alla distribuzione della Arance della Salute attraverso la partecipazione di un contributo associativo minimo. DD


SABATO 30 GENNAIO 2010

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

Il gruppo consiliare Pdl di Riccia ha organizzato un incontro – convegno con i giovani, che si terrà sabato 30 gennaio alle ore 17 presso la sala convegni Beato Stefano. L’obiettivo è quello di rilanciare il Sud, nell’ottica di una politica della concretezza, rendendo protagoniste appunto le giovani generazioni, con le loro idee, i loro valori e le loro aspirazioni. All’incontro interverranno l’on. Pdl Nunzia De Girolamo, l’Avv. Davide di Giacinto, Coord. Reg.le Giovane Italia Abruzzo, l’Avv. Stefano Maggiani, Coord. Reg.le Giovane Italia Molise, il Dr. Riccardo Memeo, Coord. Reg.le Giovane Italia Puglia, il Dr. Giampaolo Zarro, Coor. Prov.le Gio-

ANNO XIII - N. 29

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Coordinatore dei lavori l’avvocato Michele Coromano

Sviluppo e rilancio del Sud: il Pdl ‘chiama’ i giovani vane Italia Benevento, l’Avv. Costanzo Della Porta, Pres. Giovane Italia Reg. Molise, il Dr. Giuseppe Giglio, Pres. Prov.le Giovane Italia Campobasso e il Cons. Valerio Palange, Coord. Prov.le Giovane Italia Campobasso. Precederanno la discussione i saluti del Coord. Reg.le Pdl, sen. Ulisse Di Giacomo, del Presidente del Consiglio Regio-

nale Molise, Avv. Michele Picciano e del Consigliere Regionale, dott. Enrico Fanelli. A coordinare Michele Coromano, capogruppo Pdl al Comune di Riccia, che ha dichiarato: “L’incontro si appresta a diventare un grande evento non solo per i giovani di Riccia ma per i giovani di tutta l’area limitrofa e costituirà il punto di partenza di un nuovo percorso

tutto improntato sul principio della concretezza. E’ il primo di una serie di appuntamenti programmati dal gruppo: si parte dai giovani per coinvolgerli poi in prima persona nella organizzazione dei prossimi incontri che riguarderanno, tra l’altro, l’imprenditoria femminile e ulteriori aspetti connessi al commercio, all’artigianato, al turismo”.

Sopra l’avvocato Michele Coromano, coordinatore dei lavori A lato la locandina dell’evento

Organizzata dall’Ansi e dalla dirigente scolastica Pelle

In piazza Sedati la commemorazione dello sterminio degli ebrei L’Associazione Nassirya 2003, Sezione provinciale dell’Associazione Nazionale Sottufficiali d’Italia (A.N.S.I.) e l’Istituto scolastico Omnicomprensivo di Riccia hanno organizzato per oggi 30 gennaio una cerimonia commemorativa del “Giorno della Memoria della Shoah”, istituito con legge del 20 luglio 2000 e fissato al 27 gennaio, giorno della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz da parte delle truppe sovietiche. La manifestazione, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio della Regine Molise, organizzata in stretta collaborazione e piena unità di intenti con l’Associazione Nazionale combattenti e reduci, l’amministrazione comunale di Riccia, il Comando militare esercito Molise ed il coro dell’Università del Molise, tende a proporre, in particolare ai giovani studenti, oltre che l’odiosa persecuzione razzista dell’epoca, anche il poco conosciuto calvario dei prigionieri italiani schiavizzati nei lager nazisti, privati del riconoscimento giuridico di “prigioniero di guerra” e dichiarati “internati militari italiani” onde poterli così escludere da ogni forma di tutela umanitaria stabilita dalla convenzio-

ne di Ginevra. Sarà un momento di riflessione e di dibattito rivolto soprattutto alle giovani generazioni per la commemorazione delle vittime del nazismo e del fascismo, dell’Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. Il programma del Giorno della Memoria, articolato in tre momenti importanti, prenderà il via alle ore 9 al Monumento ai Caduti, in piazza Giacomo Sedati, dove si svolgerà un mo-

mento commemorativo in onore di coloro che sono caduti per la Patria e di coloro che sono dispersi in tutte le guerre e nelle operazioni di pace. Seguirà alle ore 9,30 nella scuola elementare di piazza Umberto I un momento estremamente significativo: lo scoprimento della targa commemorativa intitolata a Michele Cima, insegnante, poeta dialettale, ufficiale combattente del Primo Conflitto Mondiale e prigioniero di guerra in Ungheria.

Alle 10 nell’auditorium della scuola media F. Ciccaglione ci sarà il dibattito a cui interverranno, per i saluti di apertura, il sindaco Micaela Fanelli e il dirigente dell’Istituto scolastico omnicomprensivo, Annamaria Pelle. Ci saranno poi i saluti del presidente di “Nassiriya 2003” Gennaro Ciccaglione, di Monsignor Gabriele Teti, cappellano militare capo dell’Esercito Italiano e del presidente del consiglio regionale Michele Picciano. La dirigente Annamaria Pelle si soffermerà sul tema “La Shoah: Ebrei…non solo!”; gli alunni delle ultime classi dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente e del Liceo Scientifico di Riccia si fermeranno ad ascoltare le toccanti testimonianze di Nicolangelo Ciamarra dell’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci e di Michele Montagano dell’Associazione Nazionale Reduci dalla Prigionia, testimoni diretti della vita degli “internati militari italiani” nei campi di sterminio della Germania nazista. Sono stati invitati a partecipare, oltre che le autorità civili e militari, anche gli ex internati militari italiani residenti nei comuni della Valle del Fortore o i loro familiari.

RICCIA

Zone franche: soddisfazione del sindaco Fanelli “Esprimiamo soddisfazione per il recepimento della proposta dell’Anci relativamente alle Zone Franche Urbane, poiché il Relatore ha fatto interamente propria la proposta emendativa avanzata dall’Associazione in sede di audizione presso la Commissione Affari Costituzionali del Senato”. Così Micaela Fanelli, Sindaco di Riccia e delegata Anci per le Politiche comunitarie, commenta l’emendamento al decreto milleproroghe presentato dal Relatore, Lucio Malan. “Con la presentazione di questo emendamento – spiega Micaela Fanelli - il Relatore ha dimostrato serietà poiché si era impegnato a valutare una proposta emendativa che tenesse conto non soltanto della nostra idea originaria che era quella di ritornare alla situazione ante milleproroghe, ma andasse anche incontro alle richieste che erano state avanzate sostanzialmente dal Ministero dell’economia che, per motivi di cassa, proponeva di limitare l’impatto finanziario della proposta. Avevamo quindi trovato una ipotesi di mediazione individuando una restrizione sul tempo di durata del beneficio e sulla pletora dei beneficiari quindi sul target dei destinatari. Per questo il commento dell’Anci non può che essere di soddisfazione per la sensibilità espressa dal Relatore e a questo punto di forte attesa rispetto all’approvazione, essendo la Zona Franca una proposta bipartisan sia dal punto di vista politico che dal punto di vista territoriale, condivisa sia dalle organizzazioni datoriali che da quelle sindacali. Ci attendiamo quindi che la proposta emendativa del Relatore venga accolta anche in sede di discussione d’Aula. Questo rappresenterebbe una sicura considerazione delle posizioni dell’Anci. Un’ottima notizia – conclude Fanelli – per il comune di Campobasso”.

Le arance dell’Airc nelle piazze del Fortore Anche i comuni del Fortore aderiranno all’iniziativa deall’Airc. I volontari saranno impegnati nelle piazza di Riccia, in piazza Municipio a Sant’Elia a Pianisi grazie all’impegno dell’Associazione dei Genitori che da 6 anni porta avanti l’iniziativa. A Gambatesa e Tufara. Volontari impegnati anche a Pietracatella, per dare continuità alla raccolta fondi organizzata il 2 agosto 2009 dagli agricoltori di Pietracatella e patrocinata dal Comune stesso e dalla Pro Loco. Oggi e domanisaranno distribuite le arance dell’Airc nelle

sale del palazzo comunale di fronte al belvedere. Gli organizzatori sperano in una buona risposta da parte del paese e dei paesi limitrofi. A gennaio AIRC dà il buon anno alla ricerca sul cancro con l’iniziativa “Le Arance della Salute”. Basta un contributo associativo minimo di 9,00 euro per ricevere in omaggio una reticella da 3 kg di arance rosse della Sicilia, di qualità e provenienza garantite, contrassegnate dal marchio dell’Associazione. Questo contributo consente di fare il pieno di vitamine, far del

bene alla ricerca e diventare Soci AIRC per un anno. Un’idea così salutare, visto che le arance sono fra i protagonisti di una corretta alimentazione, viene diffusa da una campagna pubblicitaria e concretizzata dai Comitati Regionali AIRC che, grazie all’impegno dei volontari, animano le piazze di tutta Italia in una giornata di festa e di incontro. È ormai noto a tutti che le arance racchiudono un grande patrimonio di antiossidanti. Sono ricche, innanzitutto, di vitamina C che sembra avere un ruolo anche nel rafforzare le

difese immunitarie. Questa preziosa vitamina, inoltre, protegge il sistema cardiovascolare e ha proprietà antinfi ammatorie. In particolare l’arancia rossa di Sicilia contiene circa il 40 per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi e contiene gli antociani, pigmenti naturali dagli straordinari poteri antiossidanti. È quindi la più adatta nella prevenzione oncologica. L’arancia fresca è ricca anche di vitamine A, B e PP e di flavonone, l’elemento maggiormente protettivo soprattutto nei confronti del tumore allo stomaco.

9


SABATO 30 GENNAIO 2010

DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

ANNO XIII - N. 29

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL. 0874/484623 - FAX 0874/484625

Sono circa 100 gli occupati nelle attività del posto che lavorano per il polo tessile di Pettoranello

Ittierre, in crisi le aziende satelliti I riflessi negativi si fanno sentire. Alcune realtà già hanno chiuso i battenti L’Ittierre

di Vittorio Scarano Crisi della It Holding si allarga anche alle periferie. Nel comune di Trivento, come in altre località del Molise, sono diverse le aziende satelliti che fanno riferimento diretto al

polo tessile di Pettoranello. Sarebbero almeno 100 gli occupati nel settore, che lavorano presso le stirerie o le aziende che confezionano gli abiti. Ne erano molti di più negli anni scorsi ma il costante calo

Torella. Al consigliere Meffe

Arriva l’attestato di benemerenza TORELLA DEL SANNIO. Un attestato di Benemerenza è stato attribuito al consigliere comunale di Torella del Sannio Gianni Meffe, Tenente in congedo dell’Aeronautica Militare. L’importante testimonianza che la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha assegnato tramite il Dipartimento della Protezione Civile ha voluto riconoscere a quanti abbiano partecipato attivamente alle attività di soccorso, avendone apprezzato il valore, l’impegno e la disinteressata dedizione. Si tratta di un importante riconoscimento, istituito ai sensi del D.P.C.M. 22 ottobre 2004, a quanti hanno prestato attività di soccorso, assistenza e solidarietà in occasione di eventi della Protezione Civile in Italia e all’estero. Nel caso di Gianni Meffe l’attestato con relativa medaglia sono stati attribuiti per il lavoro svolto durante i funerali di Papa Giovanni Paolo II° che morì il 2 aprile 2005 a Roma. Le esequie, che si tennero l’otto aprile, richiesero sforzi professionali altissimi. Meffe prestava allora servizio presso il terzo G.M.T. di Ciampino che si occupava di assicurare la copertura dello spazio aereo della Capitale e di altri delicatissimi compiti che richiesero un servizio continuativo in quei giorni concitati. L’aeroporto di Ciampino fu chiuso al traffico civile per permettere atterraggio e sosta agli aerei che accompagnavano Capi di Stato e delegazioni di tutto il mondo. Abbiamo chiesto a Meffe un commento per la pubblica benemerenza: “Sono molto fiero ed onorato di aver ricevuto questo importante riconoscimento dalla Presidenza del Consiglio e lo sono ancor di più perché riguarda un avvenimento tanto toccante quale la morte di Giovanni Paolo II°. Papa Wojtyla ha accompagnato tutta la mia vita, era il mio Papà, quello che ho avuto modo di seguire sin da quando ero piccolo e attraverso tutte le mie esperienze di vita cattolica: lo Scoutismo, le Giornate della Gioventù, il volontariato…Quei giorni tristi avevano in sé una luce di speranza che nel momento di massimo dolore ci ha fatto capire la Santità di Papa Wojtyla e dopo la proclamazione di Venerabile, del 19 dicembre 2009, attendo con ansia la conclusione del processo di Canonizzazione”.

10

del comparto ha costretto a diverse realtà imprenditoriali di chiudere i battenti o di ridurre il personale. Oggi, con la crisi acuta che ha colpito la It Holding c’è ancora più preoccupazione, “ seguiamo con molto attenzione la vicenda – afferma un imprenditore locale – anche perché la stiamo vivendo sulla nostra pelle. Alcune conseguenze già le abbiamo pagate, ora si passa dalla padella alla brace. Purtroppo le speranze sono appese ad un filo che si assottiglia sempre più. A Trivento il tessile è ancora una risorsa, ma nonostante tutto non abbiamo avuto il conforto di nessuno. Questo è certamente negativo, anche perché se dovessero chiudere tutte le aziende che lavorano con il tessile, aumenterebbe la crisi che già attanaglia la nostra città”. All’ Ittierre si va verso la resa dei conti. I tempi sono davvero stretti e nell’arco dei prossimi due mesi sarà segnato il destino dello stabilimento di Pettoranello. Nelle ultime setti-

mane si sono ripetute assemblee sindacali, incontri in Regione e vertici nella Capitale, nei quali è andato delineandosi il piano di rilancio, messo a punto dai tre commissari chiamati a risollevare le sorti di una realtà produttiva, oramai in ginocchio. Basti pensare alla perdita di 500milioni di euro di fatturato solo nel 2006. I commissari straordinari, dicevamo, Roberto Spada, Andrea Ciccoli e Stanislao Chimenti, hanno prodotto un’integrazione del piano di rilancio presentato nel mese di novembre, al Ministero dello Sviluppo Economico, per così procedere alle cessioni dei tre rami societari del gruppo It Holding. Sembra oramai questo un passaggio obbligato che comporterà inevitabili conseguenze anche sugli oltre 800 lavoratori. La fase di smembramento avrà inizio con la cessione di una delle tre società del polo tessile isernino, Malo, operazione questa che potrebbe essere già chiusa entro la metà del mese di febbraio. Successivamente si procederà con Ittierre e con Gianfranco Ferré. Ancora non è chiaro se queste ultime due società saranno messe in vendita separatamente o congiuntamente. Ma in realtà il risultato finale non cambia. Resta tra gli obiet-

tivi fondamentali, sia della Regione Molise che dei sindacati, quello di far rimanere Pettoranello sede della produzione. In questi ultimi giorni si sono fatti già importanti nomi dell’Industria nazionale, interessati a rilevare Ittierre, ne citiamo uno su tutti, il gruppo Borletti. Nello specifico Maurizio Borletti, socio del gruppo La Rinascente, che così ha commentato: “Ittierre ha un Know how unico nello sviluppare seconde linee per giovani e conosciamo diverse marche che vorrebbero espandersi in questo segmento”. Se le cessioni delle tre società oramai sembrano un passaggio certo, ciò che rimane avvolto dall’incertezza è il futuro dei lavoratori. Come anticipato, la fase di smembramento comporterà una contrazione inevitabile della forza lavora. Anzi,

più che conseguenza, sembra essere una condicio sine qua non dettata dai potenziali acquirenti. Sul numero degli esuberi, anche gli stessi commissari non si sono mai sbilanciati più di tanto, ma le cifre inclementi purtroppo già si conoscono: con la cessione Malo si avranno una ventina di esuberi; mentre il dato più inquietante riguarda Ittierre, dove i tagli potrebbero aggirarsi a poco più di 400. La Regione Molise, d’intesa con i sindacati, ha già predisposto per questa dura fase di ristrutturazione aziendale degli ammortizzatori sociali, rivolti ai quei lavoratori colpiti dai tagli. Politiche attive del lavoro atte al riassorbimento delle unità lavorative. Intanto, sono già 175 i lavoratori messi in cassa integrazione ordinaria.

Oggi pomeriggio il Consiglio comunale Tra i 10 punti il Bilancio di previsione Convocato per oggi pomeriggio, alle ore 16 e 30, il Consiglio comunale. Presso il centro polifunzionale di Colle san Giovanni saranno discussi ben 10 punti. Ci saranno le comunicazioni del sindaco e degli assessori. Poi, si provvederà all’approvazione del piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari. Quarto punto messo a dibattito, l’approvazione dell’ipotesi di bilancio di previsione stabilmente riequilibrato per il 2009, e con esso la relazione revisionale e programmatica e l’ipotesi di bilancio pluriennale 2009/2011. Saranno individuati i criteri per l’assegnazione della legna da ardere alle famiglie bisognose. Al sesto punto è stato inserito il Piano Sociale di Zona, poi ci sarà l’interpretazione autentica delle norme di attuazione del vigente programma di fabbricazione. Infine, si provvederà all’approvazione del regolamento comunale delle sponsorizzazioni. Prima della chiusura dei lavori consiliari, saranno date risposte alle interrogazioni e interpellanze. Ultimo punto, la mozione presentata il 30 novembre del 2009 dal consigliere comunale Eldo Fierro avente ad oggetto “ Mozione urgente relativa al ruolo Tarsu”.

Fiori d’arancio per Ludovico ed Enrica Il fatidico “si” LUCITO. Fiori di arancio per Ludovico ed Enrica. “Udite, udite – la dedica degli amici oggi, Sabato 30 gennaio 2010 a Lucito, l’evento dell’anno che tutti noi aspettavamo. In questo giorno meraviglioso del vostro matrimonio, in cui guardandovi negli occhi pronuncerete il fatidico “si”, auguriamo, con infinito affetto, a Ludovico ed Enrica, un futuro sereno e luminoso e che la felicità di oggi sia domani e per sempre .Auguroni di cuore dai vostri amici”. Auguri anche dalla redazione de “ Il Quotidiano del Molise”.


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VICO I° ALFERIO n. 2 - 86170 ISERNIA

Solidarietà ai lavoratori da parte di partiti e istituzioni che aderiranno allo sciopero in programma martedì

Ittierre, il 15 febbraio parla Scajola I sindacati sono stati convocati a Roma dal Ministro per lo Sviluppo economico di Mario Greco Potrebbe essere reso noto il prossimo 15 febbraio il piano di rilancio dell’Ittierre presentato dai commissari al ministro Claudio Scajola lo scorso novembre. I sindacati sono stati, infatti, convocati il 15 febbraio alle ore 15 dal Ministero dello Sviluppo economico. I sindacati nazionali hanno, inoltre, chiesto ed ottenuto per il 12 febbraio un incontro a Roma con i commissari per fare chiarezza sul piano industriale e, quindi, di conseguenza sugli eventuali esuberi. Sindacati e lavoratori sperano, però, di conoscere qualcosa di più sul destino dell’Ittierre già in occasione del Consiglio provinciale di Isernia che si terrà il 3 febbraio e in cui interverrà il commissario Stanislao Chimenti. Intanto, è grandissima la mobilitazione per lo sciopero generale del gruppo proclamato per il 2 febbraio a Isernia e negli altri stabilimenti del gruppo. “Lo sciopero proclamato per il 2 febbraio dal coordinamento

nazionale di tutti gli stabilimenti del gruppo It Holding, e la sua buona riuscita, - si legge in una note dei sindacati Femca-Cisl e Ulita-Uil Molise - diventa un momento strategico e determi-

Ma solo nel periodo invernale

nante per il futuro della vertenza : chiunque abbia delle responsabilità sulla vicenda dovrà tenerlo in debito conto. Basti dire che la sola proclamazione dello sciopero ha già ottenuto

il primo grande risultato : siamo stati convocati al ministero per il giorno 15 febbraio alle ore 15. Ma all’incontro – sottolineano i sindacati - dobbiamo arrivarci con un grande risultato di mobilitazione che veda una manifestazione con protagonisti, oltre ai lavoratori Ittierre, tutti i cittadini, gli enti pubblici provinciali e comunali e tutte le associazioni molisane. Facciamo appello a tutti i soggetti della società civile, politica ed associativa affinché – concludono garantiscano la massima partecipazione alla manifestazione”. Alla manifestazione aderirà anche il Partito Democratico. “ Il Pd Molise e la segreteria nazionale ritengono che – affermano i consiglieri Leva e D’Alete - la Regione ed il Governo nazionale non possano limitarsi a ratificare quanto previsto dai commissari straordinari, ma che invece debbano contribuire a definire, insieme alle forze sindacali, un progetto di sviluppo del distretto del tessile. Con queste

Il ministro Claudio Scajola motivazioni il Pd Molise ha deciso di aderire alla giornata di mobilitazione dei lavoratori Ittierre, indetta dalle rappresentanze sindacali per martedì 2 Febbraio”. Anche il gruppo consiliare di “Sinistra e Libertà” alla Provincia di Isernia esprime pieno sostegno alle iniziative dei lavoratori della Ittierre in lotta per la salvaguardia del proprio posto di lavoro. “Le notizie che si susseguono in questi giorni cir-

ca una enorme riduzione del personale e le incertezze sulle prospettive dell’azienda e dei lavoratori – scrive il capogruppo Antonio Sorbo - ci preoccupano perché, oltre al diritto al lavoro, è in gioco anche il futuro socio-economico del nostro territorio. Riteniamo che le istituzioni e le forze politiche debbano dare risposte concrete per fare in modo che una azienda come la Ittierre, continui a produrre e ad operare nella nostra provincia salvaguardando i livelli occupazionali. Anche per questo, insieme agli altri gruppi di centrosinistra, ci siamo adoperati affinché l’argomento venisse al più presto portato all’attenzione del Consiglio provinciale, cosa che accadrà il 3 febbraio”. Solidarietà ai lavoratori arriva anche dai Comuni di Venafro e Castelpetroso che esprimono la loro vicinanza ai lavoratori della Ittierre che martedì 2 febbraio scenderanno in piazza in difesa del proprio posto di lavoro.

Consegnata la struttura al dirigente scolastico Loprevite. Lunedì l’inaugurazione

Scuola, Rosa Iorio dà le chiavi

Zona a traffico limitato Il Pdl chiederà di posticipare il divieto dalle 21 alle 24 Completato il prefabbricato dove faranno lezione gli alunni della Silone Zona a traffico limitato nel centro storico di Isernia, i consiglieri comunale del Popolo della Libertà chiederanno al sindaco e all’amministrazione comunale di modificare l’orario invernale dell’entrata in funzione del divieto per le auto. I consiglieri presenteranno, infatti, nel corso del prossimo consiglio comunale un ordine del giorno nel quale si chiederà di non far entrare in funzione la Ztl alle 21.30 ma alle 24. Tutto ciò al fine di non penalizzare gli esercizi commerciali notturni che si trovano nel borgo antico della città. Infatti, durante, l’inverno, soprattutto con la pioggia i cittadini, sapendo di non poter entrare con l’auto nel centro storico preferiscono frequentare altre zone della città. Intanto, i commercianti della zona si stanno organizzando per protestare contro la ztl e già nei prossimi giorni si riuniranno per dar vita ad un vero e proprio comitato civico.

L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Isernia, Rosa Iorio, ha consegnato ieri nelle mani del direttore scolastico dell’Ignazio Silone, Gaetano Loprevite, le chiavi dei nuovi prefabbricati antisismici che ospiteranno gli alunni della scuola. La struttura, moderna ed accogliente, è stata realizzata nel quartiere San Leucio e comprende sette aule che potranno ospitare ciascuna 27 bambini. Le aule rispondono a tutti i requisiti di sicurezza. Ora dovranno soltanto essere arredati con i banchi e tutte le altre suppellettili necessarie allo svolgimento delle lezioni. Anche la fase riguardante l’arredamento sarà rapidissima. Infatti già lunedì

Piero Sassi, Gaetano Loprevite e Rosa Iorio durante la cerimonia di consegna del prefabbricato primo febbraio, alle ore 10, il militari. La cerimonia si è tenusindaco Gabriele Melogli e l’as- ta all’indomani della sentenza sessore comunale ai lavori pub- definitiva sulle responsabilità blici, Rosa Iorio, inaugureran- sul crollo di San Giuliano e, anno il fabbricato alla presenza che per questo motivo è stata delle autorità civili, religiose e ancor più significativa. “L’am-

Piccole imprese Fondi in arrivo da Italia Lavoro

Abolizione della provinciale di Pesche Il sindaco incontra i cittadini

Spogliatoio dell’antistadio al via i lavori

In merito all’articolo da noi pubblicato lo scorso 21 gennaio sul “Programma Arco” da parte di Confartigianato, precisiamo che i fondi in favore delle micro e piccole imprese dei settori artigianato e commercio non sono stati finanziati da Sviluppo Italia ma da Italia Lavoro. La finalità del programma è quella di accrescere la competitività delle imprese, rafforzare il tessuto produttivo locale e migliorare le opportunità d’inserimento nel mercato del lavoro.

PESCHE. Il Comitato civico, costituitosi per impedire che si chiuda la S.P. 39 “Pesche”, così come previsto nel progetto del “Lotto zero di collegamento alla Isernia-Castel di Sangro”, incontrerà oggi alle 9 in Comune, il Sindaco di Pesche. Per la circostanza il Comitato civico pro S.P. 39 “Pesche” (di cui fanno parte Cinzia Perpetua Ferrara, Maria Grazia e Stella Ciampittiello, il procuratore legale Letizia Testa e l’ex Sindaco di Pesche Annibale Pizzi) consegne-

L’amministrazione comunale ha avviato l’iter per un progetto finalizzato alla realizzazione degli spogliatoi e al potenziamento dell’impianto di illuminazione del campo di allenamento (antistadio) in località Le Piane. Il nuovo elaborato verrà estrapolato dal progetto preliminare di sistemazione generale dell’area sportiva cittadina. La spesa complessiva dei lavori si aggirerà intorno ai 433mila euro”.

rà al sindaco le firme finora raccolte. Il Sindaco, a sua volta, ha scritto una lettera a due dei tre coprogettisti del “Lotto zero”, gli ingengeri Maurizio De Vincenzi e Giovanni Paolo Cané,

perché almeno uno dei due assicuri “a titolo di collaborazione” la sua partecipazione “alla predetta riunione”. Nel frattempo i cittadini di Pesche continuano a firmare la petizione per il mantenimento della S.P. 39 “Pesche”, in sintonia anche con la Provincia di Isernia che si è già opposta alla chiusura della provinciale, mettendo per iscritto che il collegamento “per Pesche e da Pesche” alla nazionale proveniente da Campobasso per Isernia-Venafro è intoccabile.

ministrazione comunale – ha detto l’assessore Rosa Iorio – ha sempre considerato prioritaria la sicurezza degli alunni. Quello di oggi – ha sottolineato – è un primo importante passo che dovrà portarci entro la fine della legislatura a mettere in sicurezza tutti i plessi scolastici cittadini”. Rosa Iorio, infatti, ha evidenziato come l’amministrazione è già al lavoro per realizzare una struttura in prefabbricato con 18 aule che potrà ospitare i bambini della San Giovanni Bosco. Molto soddisfatto per la consegna della nuova struttura anche il dirigente scolastico Gaetano Loprevite: “È un traguardo importante per rendere più sicure e maggiormente fruibile la nostra scuola. Ringrazio l’amministrazione comunale e l’assessore Rosa Iorio per quanto fatto”. Le rivendicazioni e le proteste dei genitori svoltesi nei mesi scorsi, seppur ancora parzialmente, sono state recepite dall’amministrazione comunale che le ha trasformate in provvedimenti concreti per tutelare la sicurezza degli alunni e il loro diritto allo studio. M.G.

11


12

Sabato 30 gennaio 2010

A Breccelle il tour tra gli stand con i prodotti tipici locali farà da cornice ad importanti convegni

Olio, Isernia incorona l’eccellenza Prende il via oggi la quinta edizione della Festa dell’extravergine d’oliva Appuntamento con il gusto questo week end a Isernia, prende il via infatti la 5^ festa dell’olio extravergine d’oliva. La manifestazione, organizzata dall’Oleificio Cooperativo Fraterna Seconda di Isernia, ripropone l’imperdibile occasione di gustare una delle indiscusse eccellenze del capoluogo pentro. La manifestazione, patrocinata dalla regione Molise, dall’Arsiam, dalla Coldiretti, dalla Provincia di Isernia, dall’Ept, dal Moligal, da Coredimo, dalla Camera di Commercio pentra e dall’associazione Millesensi, si svolgerà come di consueto in località Breccelle, alle porte di Isernia. Si comincia oggi pomeriggio alle 16 con un convegno dal tema “Promozione del territorio attraverso la valorizzazione dell’olio extravergine” , incontro al quale prenderanno parte esperti del settore e istituzioni. Dopo i saluti di Maria Teresa Marracino – che darà inizio ai lavori –

ci sarà l’intervento dell’agronomo Mario Stasi del Consorzio Regionale Molisano di Difesa,

Isernia che farà un bilancio Fitosanitario dell’annata 2009. A seguire, intervento di Gior-

gio Pannelli dell’Istituto Sperimentale per l’olivicoltura, sezione di Spoleto C.R.A. Oli che illustrerà la semplificazione delle Chioma per una riduzione dei costi. A parlare dei benefici che l’olio extravergine d’oliva può portare alla salute di ognuno sarà Giovanni Fabrizio, presidente Lilt di Campobasso e direttore di Chirurgia presso l’ospedale di Larino. Non mancheranno interventi istituzionali come quello di Nicola Cavaliere, assessore regionale alle Politiche Agricole che parlerà del futuro del settore agricolo molisano. Le conclusioni saranno affidate al Governatore della regione Molise Michele Iorio. a fine dibattito prenderà il via la festa vera e propria che come ogni anno non manca di deliziare i palati più esigenti, con tanti stand enogastronomici per la degustazione non solo dell’olio ma anche tante altre tipicità locali. A fare da sottofondo al tour

delle bontà, ci sarà musica dal vivo - con tanto di serata danzante – con la partecipazione del duo Fiore (con la splendida voce

È questa la mission che si è imposta la cooperativa ‘Fraterna Seconda’

L’oro verde, strumento di sviluppo Puntare tutto sulla qualità per ottenere la crescita economica del territorio pentro Promuovere concretamente la “cultura dell’olio”, quello extravergine, così da poter offrire una valida occasione di crescita economica ad un’area che, in fatto di produzione olearia di qualità, può dire certamente la sua. È questa la “mission” che si sono dati all’Oleificio cooperativo “Fraterna Seconda” di Breccelle, località a pochi chilometri dal capoluogo pentro, che da alcuni anni a questa parte è diventato uno dei punti fermi della provincia di Isernia in fatto di trasformazione olivicola. Prova né è la costante crescita del numero dei soci, arrivati a circa 700, e gli oltre 5 mila quintali di olive lavorate in questa stagione. Qui, al “Fraterna

Seconda”, l’olio di oliva, oltre a rappresentare il simbolo del forte legame con il territorio, è la punta di diamante di quella che è vera e propria tradizione alimentare. Infatti, è un prodotto dall’indiscusso valore nutrizionale per la composizione chimica e per le caratteristiche organolettiche esaltate dal suo impiego nella cucina. E quando si parla di olio di oliva, soprattutto di quello extravergine, non si può non parlare di salute. Già nell’antichità era particolarmente raccomandato per la cura dei sofferenti di stomaco, di fegato e di intestino, ma anche per facilitare il rimarginarsi della pelle dalle ustioni e per preservarla dall’irraggiamento solare, ed

era infine considerato indispensabile per i massaggi muscolari ed articolari. L’attuale ricerca

medica ha ampliato il raggio di azione benefico dell’olio di oliva, raccomandandone l’uso nel-

l’alimentazione per prevenire l’invecchiamento e per preservare l’organismo dalle malattie cardiocircolatorie. Secondo studi accreditati, riduce il colesterolo LDL, aumenta la frazione HDL del colesterolo totale, diminuisce la glicemia, ha un’azione antiossidante, previene le malattie cardiovascolari e protegge da alcune forma tumorali. Questo “nettare degli Dei”, come viene comunemente definito assieme al vino, è fortemente presente in diverse aree della provincia di Isernia diventatane importante produttrice. Nell’intero territorio, infatti, ci sono alcuni dei migliori oliveti dai quali si estrae un prodotto di ottima qualità, che ora viene com-

di Rebecca). Ma a farla da padrone sarà lui, l’olio d’oliva anzi pane e olio – rigorosamente di Isernia.

mercializzato anche fuori dai confini del Molise, iniziando così quel percorso che potrebbe portarlo ad assurgere un ruolo di primaria importanza nei processi di crescita economica del territorio regionale. Per sviluppare ulteriormente questo concetto, l’Oleificio cooperativo “Fraterna Seconda” ha organizzato la 5^ Festa dell’Olio Extravergine d’Oliva della provincia di Isernia. Una manifestazione cresciuta anno dopo anno, confermandosi importante momento di confronto tra i vari produttori oleari, diversi dei quali provenienti da fuori regione, volto alla promozione del territorio pentro attraverso la valorizzazione di un prodotto di cui l’intera provincia è ricca. La manifestazione ha avuto il patrocinio oltre che della Regione Molise, anche dell’ARSIAM, della Provincia di Isernia, della Coldireti, dell’EPT, del MoliGAL, della Camera di Commercio di Isernia, del Coredimo e dell’Associazione Millesensi.


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

VICO I° ALFERIO n. 2 - TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973

REDAZIONE 86170 ISERNIA

L’opera è stata inserita nei progetti Pit. Per la struttura occorre un milione e mezzo di finanziamento

Capracotta avrà lo stadio olimpico Sarà realizzato a Prato Gentile e ospiterà gare internazionali di sci nordico CAPRACOTTA. La Regione Molise con delibera n. 1257/ 2008 ha dettato le linee guida che dovranno portare alla realizzazione del PIT dell’Altissimo Molise. I progetti finanziabili devono riguardare i territori interni di interesse naturale e paesaggistico che vantano una vocazione ed una attrattiva non ancora adeguatamente affermatesi sui mercati nazionali e internazionali. Il Comune di Capracotta, socio dell’Agenzia di sviluppo locale, SFIDE, insieme agli altri 21 comuni del PIT Alto Molise ha conferito all’Agenzia la funzione di soggetto attuatore e responsabile del PIT. L’Amministrazione comunale di Capracotta, coerentemente con le linee guida e le finalità del PIT, ha presentato cinque idee progetto. E proprio in quest’ottica va vista la realizzazione dello stadio olimpico di sci di fondo. Un’opera del valore di un milione e 500mila euro che potrebbe sorgere da qui a breve a Prato Gentile.

Le recenti innovazioni nel settore delle manifestazioni – si legge sul mensile Voria dell’amministrazione comunale - dello

sci di fondo, ufficialmente riconosciute dalle Federazioni Nazionali e Internazionali (F.I.S.I. e F.I.S.) degli sport invernali,

rispetto a quelle tradizionali del passato impongono diversi e nuovi requisiti funzionali delle piste, del relativo stadio, zona partenza, arrivo e transito. Per questo si rende necessario un intervento che va nella direzione di implementare e aggiornare quanto già esistente. Nell’ottica di poter effettuare con ricorrenza eventi agonistici di interesse nazionale ed internazionale, è indispensabile l’aggiornamento dei circuiti della esistente pista, già ben nota ed apprezzata negli ambienti agonistici ed amatoriali per lo sci di fondo. Questo obiettivo lo si sta perseguendo in collaborazione con l’apposita Commissione Federale preposta alla verifica dei requisiti di omologazione ufficiale dei circuiti medesimi. Alla data odierna gli impianti risultano omologati per gare di interesse nazionale ed europeo infatti si sono già disputate importanti manifestazioni del circuito di Coppa Europa nel 2004 e 2008 mentre nel

Antonio Monaco 1997 sono stati ospitati i campionati italiani assoluti di sci di fondo. E’ pertanto inevitabile l’esigenza di provvedere all’adeguamento delle strutture esistenti interessanti sia i tracciati delle piste e sia gli schemi funzionali dell’annesso stadio

del fondo. Il progetto è finalizzato alla valorizzazione ed allo sviluppo non soltanto delle peculiarità meramente sportive e agonistiche del complesso sciistico di Prato Gentile, ma anche di quelle turistiche del comprensorio inteso nel senso più ampio del termine, attraverso un processo di destagionalizzazione di manifestazioni di vario genere, nella consapevolezza che tale obiettivo deve essere quello cardine su cui concentrarsi per potenziare le presenze non solo nei periodi invernali ma per accrescerle anche nelle altre stagioni dell’anno. La struttura sportiva può convertirsi per attività di corsa in montagna e come futuro centro di preparazione d’altura per l’atletica leggera, come avviene in molte stazioni del nord Italia e che da qualche anno si sta verificando anche a Prato Gentile con alcuni atleti di livello nazionale e internazionale che svolgono stage di allenamento a Capracotta.

Cittadini sul piede di guerra: riqualifichiamo l’intera zona

Raccolta firme per arginare la frana di località Panoramica

AGNONE. “Il cittadino chiede, vediamo chi risponde?”.

Questo il titolo del gruppo nato sul famoso social network Fa-

CIVITANOVA DEL SANNIO

La storia del paese durante la seconda guerra mondiale illustrata in un convegno CIVITANOVA DEL SANNIO. Questa mattina alle ore 10:00 presso l’auditorium comunale di Civitanova del Sannio si terrà il convegno: “Storia di un paese durante la seconda guerra mondiale”. L’evento è organizzato e promosso dall’associazione di volontariato a carattere culturale Civitanovesi nel Mondo per un momento di studio e di riflessione, rivolto soprattutto alle nuove generazioni, su una delle pagine più terribili della storia attraverso le testimonianze dei nostri concittadini deportati nei campi di concentramento o trattenuti come prigionieri di guerra. Il prof. Renato Lalli, esperto di storia molisana, relazionerà sull’esperienza della guerra nel Molise con un particolare approfondimento su Civitanova. Il presidente del MoliGal, Paolo Nuvoli interverrà alla consegna delle targhe al valore che l’associazione Civitanovesi nel Mondo donerà ai Civitanovesi reduci della IIGM, salutando quanti hanno vissuto il dramma della guerra e della prigionia. A chiusura dell’incontro ci sarà la premiazione del concorso indetto presso le scuole elementari e medie di Civitanova sui temi della tolleranza, del rispetto della dignità umana e della pace.

cebook dedicato al comune di Agnone. Il gruppo è stato creato ( i fondatori sono Guido Marinelli, Laura Carosella, Gaetano Saia, Serenella Carosella e Lucrezio Leonhart) con l’intento di sensibilizzare gli amministratori su problemi che, giorno dopo giorno, vengono presentati da tutti gli utenti del portale. “Questo gruppo - si legge nella descrizione dello stesso gruppo - nasce, gemellato con quello pro-valorizzazione della panoramica, per discutere insieme delle tematiche che da anni affliggono Agnone ed i suoi cittadini, perché esse non si limitano semplicemente alla “Questione Panoramica”, bensì perché sono profondamente radicate in

ogni aspetto della nostra piccola realtà. Noi cittadini desideriamo questo spazio perché la nostra voce si faccia finalmente sentire...e desideriamo delle risposte”. Proprio il problema relativo alla frana di località Panoramica è quello più sentito dagli utenti. Al punto che domenica 7 febbraio è stata organizzata una passeggiata ecologica nella zona per sensibilizzare i cittadini a questo annoso problema. Nell’occasione ci sarà anche una raccolta firme da presentare in Comune. Il popolo di internet, insomma, si mobilità per risolvere una volta per tutte le problematiche riguardanti il Comune di Agnone.

La strada bloccata a causa della frana Tra gli argomenti affrontati dal gruppo anche quello relativo ai parcheggi a pagamento, con l’interrogazione presentata dal consigliere comunale d’opposizione Maurizio Cacciavillani. E i fondatori del gruppo assicurano che nei prossimi giorni

saranno trattati altri importanti argomenti. Il gruppo sta avendo sempre più successo. Sono già circa cento gli utenti di Facebook che si sono iscritti. In tempi moderni, dunque, i problemi si affrontano anche in modo digitale.

Dove andremo a finire, Massimo Bagliani in scena al teatro Italo Argentino AGNONE. Continua al teatro Italo Argentino la stagione dell’Atam. Il prossimo 11 febbraio andrà in scena “Dove andremo a finire” della Nuova Compagnia di Prosa. Regia di Enrico Vaime con Massimo Bagliani. Un sospettacolo da non perdere che ha entusiasmato anche il pubblico del Parioli di Roma. Piccole e grandi manie del mondo teatrale, canzoni meravigliose come “ Piove”, “ Mack the knife “, “ Buonasera Signo-

rina”, “ Vivere “ e altri classici, una carovana di battute e di invenzioni comiche sono gli ingredienti di questo spettacolo interpretato da Massimo Bagliani per la regia di Enrico Vaime che conferisce a questa storia dal finale surreale un ritmo coinvolgente con l’ambizione di divertire e senza lasciare allo spettatore il tempo di domandarsi : “ Dove andremo a finire?” Perché quello si sà! La fortuna di questa domanda è quella di non avere una rispo-

sta possibile o meglio di averne mille. Quando qualcuno dice questa frase che serve a riempire i vuoti di conversazione (e fa il paio con “ Hai visto? Ha rinfrescato “) nessuno ti sa dire niente di preciso, nessuno indica un punto dicendo “Andremo a finire lì”. Questa frase ha un tono apocalittico se viene detta seriamente. Se invece è accompagnata da un sorriso sa di provocazione. E’ come un gioco: indovina un po’? Provate anche voi ad indovinare dove andrà a

finire il nostro protagonista custode di un teatro non si sa bene se per vocazione o per caso. Amante del pianoforte e della musica moderna, chiuso nel giorno di ferragosto in uno scantinato in attesa di un segno del destino, della protezione civile, dell’amministrazione comunale, qualcosa insomma che gli dimostri che la vita continua, che il teatro sopravviverà e si potrà comunicare finalmente senza paura dove siamo veramente andati a finire.

13


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

TEL. 0865/415513 - FAX 0865/403973 e-mail: redazioneisernia@quotidianomolise.it

REDAZIONE VICO I° ALFERIO n. 2 - 86170 ISERNIA

Il consigliere: la nostra città non può essere l’unica a pagare per un sistema che funziona male dappertutto

“Ospedale,Ioriomantengagliimpegni” Scarabeo: il Ss Rosario è di importanza vitale per Venafro e per le zone limitrofe Il consigliere regionale Massimiliano Scarabeo chiama direttamente in causa il presidente Michele Iorio per la vertenza Ospedale. Il politico venafrano, richiama il lavoro fatto in sede di commissione regionale alla sanità e ribadisce il suo dissenso sul piano di riordino presentato dal sub commissario Isabella Mastrobuono che, di fatto, ridimensiona la struttura ospedaliera cittadina. “Non posso condividere il teorema- scrive Scarabeo-: per ripianare i debiti dell’intero comparto, taglio i costi cominciando dall’ospedale di Venafro, perché esso, così come posto, non consente una giusta valutazione utile a stabilire se una struttura ospedaliera deve continuare o no ad esistere, quasi a volere trovare nelle già deficitarie cifre del bilancio sanitario regionale, le uniche giustificazioni a sancire la fine di questo ospedale. Sarei anche d’accordo nell’applicare questa formula, se però, si palesasse davvero la volontà di riformare se-

Il Ss Rosario; nel riquadro Massimiliano Scarabeo riamente tutta la sanità regio- anni ormai, non funziona come nale, a vantaggio dell’efficien- dovrebbe. Posto che questo tipo za dei servizi offerti all’utenza di problema esiste in tutte le e non per quelle semplici equa- strutture ospedaliere pubbliche zioni matematiche discutibili. della regione - prosegue il conL’ospedale di Venafro può an- sigliere regionale -, andiamo alche essere oggetto di attenzioni lora ad analizzare ogni singola particolari da parte dei vertici realtà, seguendo criteri che tendell’Asrem ma, non può e non gano conto, certamente delle deve pagare per gli errori ed i esigenze di bilancio, ma anche problemi di un sistema, che da e soprattutto quelle legate ai cit-

tadini.” Il segretario dell’assise regionale ricorda al presidente Iorio gli impegni presi in campagna elettorale per la salvaguardia e il potenziamento del Santissimo Rosario. “Forse scrive ancora Scarabeo-, sarà proprio il S.S. Rosario a salvarsi prima di altri, anche perché, la sua salvaguardia, è stato un preciso impegno della politica regionale, nonché dell’Amministrazione cittadina che ne ha fatto oggetto prioritario nella propria campagna elettorale. Per questo, prima delle cifre, è importante ridare alla politica, il compito di affrontare la questione, recependo le istanze dei cittadini, che sono propedeutiche e vincolanti sulle scelte che si andranno ad operare per rendere l’ospedale di Venafro il valore aggiunto alla crescita della città e non il problema da risolvere. Perciò - conclude Scarabeo - ribadisco ancora una volta la mia contrarietà ad una scelta che non tiene conto delle reali esigenze della popolazio-

ne venafrana e delle zone limitrofe, che vedono nel proprio ospedale un punto indispensa-

Montaquila. Lavori Ss 158: è scontro

Rossi a Ciummo: dinosauro sarà lei In riferimento ai lavori inerenti la Statale 158, il sindaco di Montaquila Francesco Rossi, replica alle accuse ricevute nei giorni scorsi dai vertici dell’Unione dei comuni dell’Alto Volturno: “A muoversi come un dinosauro – scrive Rossi - è stato il Presidente dell’Unione dei Comuni Ciummo, che con un linguaggio arrogante ha espresso le sue opinioni in modo non corretto, travisando la verità dei fatti. Il Comune di Montaquila ha espresso il suo parere negativo su un progetto redatto da un libero professionista su in-

Il doppio incontro con Scajola fa ben sperare gli operai. Ma per ora non ci sono acquirenti

Geomeccanica, cig verso la proroga Avanzata la richiesta per prolungare la cassa integrazione ormai in scadenza

Geomeccanica ancora occupata dagli operai di Marco Fusco Geomeccanica, il Ministro dello sviluppo e attività produttive Scajola accelera le procedure. Una notizia che fa veramente piacere perché, a quanto pare, la regione Molise è riuscita a intavolare una trattativa di ampio respiro a livello nazionale. A seguire molto da vicino la vicenda Geomeccanica, l’Assessore regionale Franco Giorgio Marinelli che ha avuto già modo di incontrarsi con i dirigenti del Ministero per fare il punto della situazione. E così il prossimo due febbraio, il Ministro Scajola incontrerà la proprietà e la regione Molise. A distanza di due giorni, precisamente il prossimo quattro febbraio, sarà la volta delle parti sociali. Gli incontri si terranno sempre a Roma, presso la sede del Ministero delle attività produttive.

14

Un doppio appuntamento che lascia ben sperare gli addetti ai lavori. Secondo indiscrezioni,

sarebbe già pronta una richiesta di proroga della cassa integrazione guadagni per i novanta lavoratori. La scadenza di quella precedente è per il prossimo 14 febbraio. Questa mattina ci sarà una riunione davanti alla fabbrica lungo la statale 85 venafrana con un confronto tra i sindacati e i lavoratori, per decidere cosa fare in attesa dei prossimi appuntamenti di Roma. Rimane come macigno la situazione finanziaria della fabbrica. Intanto D’Aguanno della segreteria regionale della Cgil Molise interviene sulle tante voci di questi giorni su possibili acquirenti della Geomeccanica. “Noi non ne sappiamo nulla-

ci dichiara D’Aguanno-. Sono solo voci e nulla più. Ufficialmente sul tavolo non ci sono proposte per rilevare lo stabilimento. Sarebbe il caso che non si esagerasse nel fare nomi di possibili cordate pronte ad investire sulla Geomeccanica. Ora dobbiamo solo capire se le Istituzioni vogliono fare sul serio per far ripartite il ciclo produttivo e salvare novanta posti di lavoro.” A livello nazionale a seguire questa vertenza, i vertici della Cgil, Cisl e Uil. Femmoni, segretario confederale della Cgil, ha ribadito la necessità di salvare la fabbrica venafrana che produce un prodotto conosciuto in tutto il mondo. Per questo

bile per le loro necessità medico-sanitarie ed assistenziali in genere”. M.F.

Femmoni prenderà parte ai lavori degli incontri di Roma. La regione comunque sta lavorando per tentare di trovare risorse aggiuntive da indirizzare verso la Geomeccanica. Occorrerà comunque azzerare la società e costituire un nuovo consiglio di amministrazione. L’unica proposta valida rimane quella dell’Europea 92 di Montaquila. I vertici di questa società che fa capo all’imprenditore Marciano Ricci, attendono di conoscere gli esiti dei due incontri che si terranno la prossima settimana al Ministero dello sviluppo economico. All’acquisto della Geomeccanica, invece, non sarebbe interessato il gruppo Patriciello.

Francesco Rossi carico del Presidente Ciummo, senza aver avuto la possibilità di conoscere il parere dell’Anas e quindi senza sapere se il progetto è stato fatto suo dall’Ente appaltante ed ha giudicato il progetto con varie osservazioni: non è chiaro se il progetto redatto è un ammodernamento del vecchio tracciato o è un nuovo tracciato, diverse sarebbero le osservazioni da fare; lo studio di fattibilità non è stato preceduto da un attento esame delle cartografie, che risultano non aggiornate, per cui in alcuni punti la superstrada “sventra” edifici nuovi in piena attività commerciale; il parere negativo è stato espresso in attesa di un richiesto incontro con l’Anas per conoscere il parere dello stesso Ente ed in quella sede esternare le varie ipotesi alternative, nell’interesse della comunità dell’Alto Volturno, della cittadinanza da me rappresentata e della viabilità nazionale. L’Amministrazione di Montaquila – conclude Rossi - non è né retrograda, ma è attenta, razionale, custode puntuale del suo patrimonio naturale, archeologico, commerciale e non ha secondi fini”.

Soddisfatto l’assessore Iannacone: siamo riusciti a evitare i doppi turni e i container

Pilla, gli alunni traslocano nelle aule di via S. Ormisda Ennesimo trasloco per gli studenti della scuola media di Venafro. Questa volta si passa dalla Caserma della Finanza di via Maiella, ai locali di via S. Ormisda, parco Di Bona in pieno centro della città. La nuova sede è stata adeguatamente sistemata per dare la parvenza di una sede scolastica. Il Comune di Venafro, per questi spazi pagherà circa 4 mila euro al mese, per un contratto quinquennale. La soluzione trovata dall’Assessore all’Istruzione Benedetto Iannacone non sembra soddisfare

tanti genitori di ragazzi, sorpresi non poco anche dalla velocità con cui si è chiusa l’operazione da 250 mila euro. Soddisfatti, invece, per il risultato raggiunto dal palazzo municipale. “L’Amministrazione Comunale- scrive in una nota l’Assessore Iannacone- ha rispettato gli impegni presi e, a partire da lunedì prossimo, alcune classi dell’istituto Leopoldo Pilla saranno trasferite nei locali di via S.Ormisda. Le nuove aule sono state ricavate da locali, presi in affitto dal Comu-

Benedetto Iannacone ne che la proprietà ha provveduto, a proprie cure e spese, ad attrezzare e rendere funzionali

per lo svolgimento dell’attività didattica. Sono stati eseguiti tutti gli interventi necessari per approntare anche le misure di sicurezza necessarie. Le nuove aule sono perfettamente idonee per dimensioni e servizi. Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale- prosegue l’Assessore hanno inteso accogliere le giuste istanze delle famiglie e provvedere alla sistemazione di nuovi locali, piuttosto che ricorrere all’uso di containers, al fine di rendere più confortevole lo svolgimento dell’attività didat-

tica. Abbiamo affrontato con serietà e prontezza la questione scuole pur trovandoci di fronte un’emergenza difficile da gestire. Ciononostante siamo riusciti a garantire l’inizio regolare dell’attività scolastica e soprattutto ad evitare che anche un solo alunno fosse costretto a frequentare le lezioni nelle ore pomeridiane, migliorando con questa nuova soluzione le difficoltà esistenti. Ci auguriamoconclude Iannacone- di aver soddisfatto le esigenze della cittadinanza “ M.F.


SABATO 30 GENNAIO 2010

ANNO XIII - N. 29

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0875/84242

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Torna in auge l’ex sindaco Di Giandomenico che potrebbe presentarsi alle elezioni

Comunali, Di Brino piace ai termolesi Continua il dibattito intorno ai partiti della coalizione di centrodestra di Sonia Fasulo titi del centrodestra per fare il Il centrodestra si prepara al- punto della situazione e giungel’incontro definitivo. Le ultime re ad un accordo definitivo. Alvicende hanno ‘mischiato’ nuo- berto Montano, ex sindaco di vamente le ‘carte’ in tavola. Il Termoli, aveva sottolineato primo ad allontanarsi dalle linee l’importanza della coesione e lui del Pdl è stato Oreste Campo- stesso trovava nel ‘prescelto’ del piano, che molto probabilmen- Pdl un ottimo candidato. Infatti te ‘correrà’ alle amministrative per le vie cittadine Antonio Di con una lista civica. Invece le Brino è ancora il più ‘quotato’. decisioni dell’Adc, AlleanIl candidato za di centro e sindaco del centrodestra Udc, Unione di Antonio Di Brino Centro sono giunte solo lunedì. Da quanto affermato rispettivamente da Antonio Spezzano e da Luigi Velardi ‘il metodo di decisione non è stato apprezzato’. Quindi ieri sera si è tenuto un incontro con tutti i par-

Le immagini del terrbile incidente

Ma a quanto pare la scelta fatta dal governatore Iorio e dal senatore Di Giacomo non è stata gradita da tutti. Proprio in queste ore si decideranno le prossime azione che il centrodestra deciderà di intraprendere. Non bisogna dimenticare che gli unici giudici sovrani saranno i termolesi che andranno alle urne il 28 marzo. Per loro non ci sono dubbi: Antonio Basso Di Brino ‘piace’ alla popolazione. Da non sottovalutare l’indiscrezione che sta facendo mormorare la città: Remo Di Giandomenico potrebbe presentarsi alle elezioni. E se la notizia fosse vera? Certo che allora la

Il comune

coalizione nel centrodestra e nel centrosinistra sarebbe obbligatoria perché l’ex sindaco è amato dai termolesi. Quello che sta succedendo nelle linee politiche del centrodestra ricorda molto un noto film, dove i candidati politici cercano di ‘alzare la posta’ con inutili e superflui teatrini. Questo ‘tira e molla’ sta

Terribile incidente in via America Il 18enne in coma al San Timoteo mente costatato la gravità del sinistro. Infatti il 18enne non dava

Il lato più danneggiato

anni del luogo, al volante, e E.S. 18enne di Petacciato, sul lato passeggeri, è uscita fuori strada. Terribile l’impatto contro il palo della luce a pochi metri dall’incrocio di via Canada. Gli uomi-

Anziana raggirata da un napoletano e derubata di 2500 euro di Tea Mugnano Anziana raggirata da un giovane napoletano, si riaccende l’allarme per i pensionati lasciati da soli. La mattinata di ieri si svolgeva come di routine quando, d’un tratto, una signora di 84 anni ha sentito bussare alla porta della sua abitazione. Un ragazzo ben vestito era sul ciglio dell’ uscio presentandosi, all’anziana donna, come un venditore di stoviglie. La signora lo ha fatto accomodare in casa sua. Una conversazione lunga, un giro di parole ha intrattenuto la donna ma,

qualcosa di strano accadde durante la singolare ‘visita’. L’84enne ha preso tutti i risparmi che aveva messo da parte per le occasioni di maggiore difficoltà, e li ha affidati al giovane napoletano. Una volta preso il ‘bottino’, di circa 2500euro, il ragazzo distinto si è dato alla fuga. Ne è conseguito un momento di confusione ma, una volta ripresa coscienza dell’accaduto, l’anziana donna ha dato l’allarme ai parenti ed i vicini di casa. Nello stesso istante sono stati contattati i Carabi-

E’ in pieno fermento la campagna elettorale

Sul posto la polizia stradale, i vigili del fuoco e gli uomini del 118

ni del 118, giunti sul luogo dell’accaduto hanno immediata-

Auto si schianta contro un palo della luce, giovane in coma. Terribile incidente in via America nella tarda serata di lunedì. Intorno alle 22,45 un Opel Corsa grigia con a bordo G.D.N. 19

allungando i tempi della campagna elettorale, quindi danneggiando anche tutta la coalizione. E se alla fine l’accordo risultasse quello che il governatore aveva già scelto giorni a dietro, perché alzare una polemica? Fatto sta che i cittadini attendono con ansia il nome del ‘pre-

scelto’ e che sia definitivo, appoggiato da una coalizione forte e che sia termolese. Tutte caratteristiche che Di Brino presenta. La popolazione, probabilmente, ha già scelto. Quindi è solo questione di ore e poi, forse, tutto potrebbe essere ben delineato sia per quanto riguarda li linee politiche di sinistra che per il centrodestra. Alcune indiscrezioni vedono ancora come soluzione ultima la candidatura di Di Brino. Non resta che attendere le prossime azioni per delineare correttamente il quadro politico termolese che si darà ‘battaglia’ per le amministrative di marzo.

nieri di Termoli. La pensionata, ha esposto denuncia verso ignoti. Raccontando l’accaduto agli uomini del 112, l’84enne è riuscita a fare un chiaro identikit del mal vivente, puntualizzando sull’accento tipico napoletano. Gli anziani lasciati soli in casa, diventano le ‘prede’ preferite dai truffatori e mal viventi. Sempre più spesso vengono denunciati episodi di raggiri e truffe ad anziani. Fatti di cronaca che vedono protagonisti i nonni o gli zii di chi, in cerca di fortuna, lascia

da soli i propri parenti per andare altrove, magari, anche solo in un altro quartiere. Nonni che, stanchi, si affidano al sorriso di chi anche solo per un ora li ascolta, li comprende e ci dialoga, ma con uno scopo ben preciso: il loro piccolo ‘tesoro’.

Indagano i carabinieri

segni di vita. Dopo averlo estratto dalle lamiere accartocciate dell’auto E.S. è stato trasportato d’urgenza al San Timoteo. Il giovane combatte tra la vita e la morte. È ricoverato nel reparto di rianimazione in coma costantemente osservato dai sanitari del nosocomio. Per G.D.N. invece solo ferite lievi, ma era sotto evidente stato di choc. Avevano organizzato una serata tra amici ed i due giovani stavano raggiungendo il posto dell’appuntamento. Ma il fato era avverso. Mancavano pochi metri all’incontro quando, forse a causa dell’asfalto

bagnato, G.D.N. ha perso il controllo del veicolo ed ha terminato il viaggio contro il palo. Lo scenario era raccapricciante; l’auto è andata completamente distrutta. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco che hanno estratto i giovani dal veicolo e la Polizia stradale che sta effettuando le indagini di rito per ricostruire le dinamiche del sinistro. Intorno alle 23,40 i resti dell’Opel Corsa sono stati rimossi dagli uomini del 115 della locale stazione. Gli amici ed i parenti trattengono il respiro nel reparto di rianimazione del San Timoteo dove E.S. è ricoverato. S.F.

Il fortunato è ancora anonimo Vincita da 96mila euro nel tabacchino di via Molise Vincita da 96mila euro nella tabaccheria di via Molise a Termoli. La dea bendata sembra preferire la città costiera più di tutte le altre. Un nuovo gioco, 10 e lotto, si è rivelato molto fortunato per la persona che ha voluto sfidare il fato con appena 3 euro. Le vincite cospicue, però, non sembrano delle novità nel basso Molise. Il giocatore, rimasto ancora anonimo, con una piccola posta è riuscito ad indovinare nove numeri su dieci estratti, portando a casa l’ingente ‘bottino’. Nel quartiere Sant’Alfonso, non si chiacchiera d’altro. Si cerca di capire, e scoprire, l’identità della persona baciata dalla dea bendata. Sembrerebbe che la febbre da gioco stia per invadere nuovamente la città. Il montepremi del superenalotto ha superato i 130 milioni di euro. Si riprende a giocare e sperare nella vittoria, sulla costa molisana.

15


18

Sabato 30 gennaio 2010

“Per risanare la città appoggerò il candidato sindaco del centrodestra Di Brino”

Alberto Montano: serve coesione L’ex sindaco interviene sull’attuale situazione politica e guarda alle prossime elezioni L’ex sindaco Alberto Montano

L’unità politica, dei vari schieramenti, sembra essere l’unica arma di vittoria per qualsiasi fazione. Alberto Montano, ex sindaco di Termoli, sembra appoggiare il ‘prescelto’ Di Brino. “In questi giorni, in silenzio, mi sono speso per

mantenere l’ unità e la coesione del centrodestra e continuerò a farlo perché essi sono valori irrinunciabili. Per essi e per un forte senso di responsabilità verso la città è necessario che tutti ora usino buon senso e moderazione.- afferma Alberto

Montano - Dopo tre anni trascorsi a condurre contro la Sinistra una difficile battaglia di libertà senza tregua né cedimenti, non permetterò a nessuno di commettere errori che possano farci correre il rischio di vivere un’ altra stagione nefasta che sarebbe mortale per la nostra comunità. Data la gravità della situazione amministrativa, è certo che in Comune non c’è bisogno di un santo salvatore ma di un gruppo di uomini esperti che con umiltà e dedizione si rimbocchino le maniche e comincino la ricostruzione amministrativa di Termoli mattone su mattone. Di certo questa soluzione non ci potrà essere offerta né dalla Sinistra, che ha dimostrato quello che vale e che si arrabatta ancora tra Monaco e Greco, né da D’Ambrosio il quale, vista la mala parata, si è sfilato all’ultimo momento la maglietta rossa comunista che per quarant’ anni ha vestito da dirigente del Pci, del Pds, dei Ds e ora del Pd, ne

ha indossato una nuova bianca, profumata e confezionata ad hoc, ed è stato mandato a fare da specchietto per le allodole per i fessi ma non per coloro che hanno veramente a cuore le sorti di Termoli. – continua Montano - Aggiungo ancora che in questo momento particolare della vita della nostra Città c’è un bisogno estremo di coesione oltre che politica anche istituzionale e il lavoro di gruppo

dovrà coinvolgere Comune, Consorzio Industriale, Azienda Sanitaria, Provincia e Regione per far riemergere Termoli dall’abisso in cui la sinistra l’ha precipitata. La difesa della città e del territorio non passa infatti attraverso ridicole battaglie di campanile, ma attraverso uomini forti e indipendenti che saranno presenti nella nuova amministrazione e in ruoli acquisiti dove si incide sul sistema

Antonio Spezzano

E’ critica la situazione di degrado in via Duca degli Abruzzi

Il calvario degli universitari Strade dissestate e luoghi fatiscenti

regionale. Uomini capaci di illustrare un nuovo disegno di sviluppo e progresso per la nostra città e far sentire con autorevolezza le ragioni dei Termolesi. Questa – conclude l’ex sindaco - è la sfida a cui è chiamata la classe dirigente del centrodestra termolese e io non mi tiro mai indietro rispetto alle sfide.”

“Per la rinascita di Termoli non servono le ridicole battaglie di campanile ma uomini forti”

L’asfalto con la crepa

La parete laterale in dissesto

Il marciapiede insicuro

Privo di illuminazione di notte e fatiscente di giorno, il ponte dell’Università di Termoli sembra aver bisogno di ristrut-

turazione. Ci sono diversi modi per raggiungere l’ateneo termolese, uno fra tutti è il cavalcavia di via Duca degli Abruzzi.

Numerosi progetti sono stati ideati per migliorare quella particolare area urbana. Dalla copertura completa della ferrovia,

per limitare l’inquinamento acustico, allo spostamento della centrale elettrica in un luogo più idoneo.

Questi sono stati soltanto alcuni dei numerosi piani di lavoro rimasti chiusi in qualche cassetto di una scrivania. Infatti i cavi della corrente continuano a passare sopra i parchi giochi per bambini, ed il cavalcavia inizia a presentare qualche crepa causata sia dall’anzianità della struttura, che dalla sua esposizione alla salsedine marina. Marciapiedi, ormai, decadenti, hanno un piccolo guardrail per protegge i pedoni dalle autovetture. La struttura arma-

ta, completamente arrugginita, inizia ad uscire allo scoperto. Crepe sull’asfalto, spaccano in due parti l’intero cavalcavia. L’illuminazione è quasi del tutto inesistente, lungo il tragitto di collegamento. Il cavalcavia più utilizzato sia dai ragazzi universitari che dagli automobilisti stanchi degli ingorghi del centro città, inizia a mostrare a pieno la sua lunga vita. Non vi sono pericoli di cedimento ma ha bisogno di qualche ritocco per rinforzarlo. T.M.


Sabato 30 gennaio 2010

19

Montenero di Bisaccia. Sulle linee di Di Pietro e Bersani anche i partiti locali si riuniscono in un’alleanza

L’Idv chiede il dialogo con la sinistra L’incontro si terrà nell’ufficio di ‘Montenero viva’per tentare la strada della coesione sinistra per costruire un progetto comune”. Da qui l’invito a “Pd, Prc, Montenero viva, Piazza pulita e Sinistra, ecologia e libertà a partecipare ad un confronto politico in vista delle prossime amministrative”. Il comunicato dell’Italia dei valori conferma la recente volontà di ricucire lo strappo in maggioranza che, da settembre, si è

Il Municipio di Montenero di Bisaccia

MONTENERO DI BISACCIA. “La riconfermata convergenza tra il segretario nazionale del Partito democratico, Pierluigi Bersani, e il presidente dell’Italia dei valori, Antonio Di Pietro, ha creato le condizioni per una larga alleanza progressista, competitiva con il centrodestra”. Per questo il Circolo

montenerese dell’Idv invita le altre forze di centrosinistra all’incontro fissato per sabato alle 18.00 presso la sede del comitato Montenero viva, in piazza della Libertà. Si parlerà delle prossime elezioni comunali, in vista delle quali, si legge in una nota, è necessario “l’impegno di tutte le componenti del centro-

Oggi l’inaugurazione

man mano aggravato. Resta da verificare, a questo punto, se le altre forze di centrosinistra parteciperanno all’incontro. E se, soprattutto, ci sarà ricucitura. R.d’A.

La riunione è alle 18

La piazza principale della cittadina

Il Prc interviene sul dibattito

Rifondazione: un clima sereno e proficuo MONTENERO DI BISACCIA. Anche Rifondazione comunista interviene nel dibattito politico. In una nota a firma del segretario cittadino, Loris Antonelli, il Prc ritiene che “in questo momento di divisione del centrosinistra sia importante che i partiti si assumano la responsabilità di rilanciarlo, avendo come unico obiettivo sconfiggere un centrodestra pericoloso e affaristico”. Perciò occorre ristabilire “un clima sereno e proficuo” nel centrosinistra. Critiche infine per Montenero viva, al quale inizialmente Rifondazione aveva aderito: “Abbiamo verificato che l’attività politica posta in essere dal movimento negli ultimi tempi è stata completamente stravolta e strumentalizzata”.

L’evento permetterà di conoscere più da vicino il ruolo dei vigili

Pd, una nuova sede La Polizia municipale in festa in via Cannarsa Muccilli: sarà un momento di riflessione Il Partito democratico inaugura la nuova sede a Termoli. In vista delle prossime elezioni amministrative, il circolo del Pd apre un nuovo centro di raccolta per tutti i tesserati e simpatizzanti del partito nella città costiera. L’evento che si svolgerà oggi in via Cannarsa, prevede la presentazione della campagna di mobilizzazione ‘100 circoli in 60 giorni’ su tutto il territorio Molisano. Un appuntamento, quello delle 11,30, a due passi dal palazzo di via Sannitica.

La tredicesima edizione della festa regionale della Polizia Municipale, si svolgerà a Termoli. L’incontro, che avrà luo-

go domenica, permette alla cittadinanza di conoscere più da vicino il ruolo svolto dai vigili urbani. “La Giornata della Poli-

zia Municipale dovrà essere un momento di incontro e di discussione sulle tematiche di competenza del settore e sull’attuazione di nuove misure nell’anno che trascorre. – conferma l’Assessore Regionale alla Polizia Locale e Sicurezza, Salvatore Muccilli – La figura del Poliziotto Municipale negli anni ha subito varie modifiche, che ci impongono un lavoro impegnato al fine di elevare la qualità professionale, rivolta a fronteggiare le sempre maggiori necessità della collettività. Il mio impegno, in qualità di Assessore regionale preposto al settore, sarà quello di tenere in doverosa considerazione le indicazioni provenienti dagli operatori

impegnati nel settore, al fine di svolgere un lavoro sinergico per il territorio e per la cittadinanza”. Il programma prevede alle 9,00 l’esposizione dei veicoli, delle attrezzature e dei mezzi in dotazione in P. zza S. Antonio con un caffè di benvenuto per gli appartenenti ai comandi ed i servizi di Polizia locale. A seguire gli operatori di Polizia saranno a disposizione del Cittadino per informazioni, negli stand, sui vari temi di competenza. Alle 10,30 è prevista la sfilata dei Gonfaloni partecipanti da piazza S. Antonio verso piazza Duomo. L’evento si concluderà in Cattedrale con la solenne celebrazione Eucaristica.


SABATO 30 GENNAIO 2010

ANNO XIII - N. 29

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/484625

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Nuova sede dell’istituto Agrario: l’ex presidente della Pro Loco commenta con soddisfazione la notizia

“I fatti ci hanno dato ragione” La Provincia ha confermato quello che sostenevano le associazioni locali L’opposizione incalza il sindaco

“La politica della fiducia ha fallito”

Il Vietri I consiglieri comunali di minoranza Giampiero Cataffo e Pasquale Di Lena interpellano nuovamente l’amministrazione comunale sulla questione sanità. Con una lettera protocollata ieri mattina, i due consiglieri chiedono chiarimenti al sindaco Giardino. Nello specifico, chiedono “i motivi che, a tutt’ oggi, hanno determinato la mancata convocazione di un nuovo consiglio comunale sulla questione sanità e Vietri. Considerato che la commissione sanità si è riunita venerdi 22 gennaio , il tempo intercorso, appare lungo e senza valide motivazioni. Stante la gravità in cui versa il nostro ospedale con il tentativo,chiaramente in atto, di trasformarlo in una sorta di poliambulatorio, ogni minuto perso è di enorme gravità e chiama in causa la responsabilità di tutti noi. Ci viene spontaneo pensare che questa ennesima perdita di tempo, da parte della maggioranza, sia un ulteriore tentativo di nascondere la gravità della situazione del nostro ospedale, tanto più, in considerazione delle notizie che provengono da Venafro. Se le voci di Venafro sono vere, se la situazione è così e se il Vietri ha lo stesso destino, c’è da prendere atto del fallimento della sua politica di attesa e di fiducia mal riposta mentre per noi il tutto non è che l’ulteriore conferma che, da subito, serviva una azione forte, incisiva, corredata da un programma serio. Se la situazione è questa ci sarebbero inoltre tutti i motivi per accogliere l’invito del consigliere Di Lena, fatto all’assessore alla Sanità Quici , a rimettere nelle sue mani il proprio mandato o da parte sua a ritirargli la delega. Da parte nostra, ci riserviamo di concordare con gli altri membri della minoranza, la messa in atto di ogni strumento necessario. Ciò detto, restiamo in attesa comunque della convocazione del consiglio comunale “ad horas”, che è doveroso e urgente, così come concordato nella prece- dente assise”.

di Naide Fiscarelli “Ci hanno messo tre anni per arrivare alle nostre stesse conclusioni. Ancora una volta i fatti confermano che avevamo ragione. Avevamo ragione nel ritenere un grande errore costruire l’Istituto Tecnico Agrario nei pressi di villa Romano Petteruti”. L’ex presidente dell’associazione Pro Loco, Nicola Lozzi, commenta con soddisfazione la notizia, riportata nei giorni scorsi, che segna la conclusione di una lunga vicenda, quella legata alla individuazione della sede per il nuovo Istituto Agrario di Larino. Dopo tre lunghi anni di indagini, sopralluoghi, incontri e polemiche, la Provincia di Campobasso, che ha la competenza sugli istituti superiori, ha finalmente preso la sua decisione. L’edificio non potrà più essere costruito in via San Rocco, nei pressi della villa liberty Romano Petteruti, sede della scuola fino al sisma dell’ ottobre 2002.

Il nuovo istituto sarà realizzato in contrada Cappuccini, sui terreni che il Comune dovrà espropriare. Una decisione che conferma, a distanza di tempo, tutto ciò che le associazioni locali, compresa la Pro Loco, hanno per lungo tempo sostenuto con forza. E cioè che la zona era inadatta alla costruzione dell’edificio in quanto interessata da un vincolo archeologico. Ma non solo. Le associazioni locali avevano evidenziato un altro aspetto che qualche giorno fa la Provincia ha dovuto confermare. L’area circostante alla storica villa non è idonea all’edilizia scolastica in quanto non sufficientemente stabile e pianeggiante. Questo importante passaggio era stato sottolineato in una lettera che le associazioni avevano inviato, il 31 gennaio 2008, al presidente D’Ascanio cui avevano suggerito di “costruire la scuola su terreni pianeggianti e dove possa raccordarsi con altre strutture scolastiche”. Dunque la lunga battaglia

Il futuro dei giovani al centro dell’incontro di Larinascita Il Movimento politico-culturale apartitico Larinascita ed il circolo di Larino dell’Italia dei Valori organizzano un incontro-dibattito per discutere di politiche giovanili. “Giovani: quale futuro?” è il titolo dell’incontro che si svolgerà alle 18 e trenta di oggi 30 gennaio, presso la sala consiliare del Comune di Larino in via Cluenzio. Nell’occasione Larinascita e l’Italia dei Valori si sofferme-

ranno sulle questioni più urgenti che interessano la categoria, illustrando anche i risultati di un attento e scrupoloso questionario sottoposto precedentemente ai giovani di Larino. I relatori saranno Stefano Mancinelli, esponente IdV, Arturo Gasdia, esponente Larinascita, Michele Urbano, assessore comunale alle Politiche Sociali. Moderatore il giornalista Michele Mignogna.

Pirandello ‘fa il botto’ al teatro Risorgimento di Lucia Rita Carfagno “Uno, Nessuno e Centomila”, l’ultima opera di Luigi Pirandello è andata in scena al cinema teatro Risorgimento di Larino, giovedì 28 gennaio. L’adattamento teatrale dell’opera è di Giuseppe Manfridi, la regia di Giancarlo Cauteruccio, e, sul palco, un cast di bravi attori, composto da Fulvio Cauteruccio, nei panni di “Vitangelo Moscarda” detto Gengè, Monica Bauco, in quelli di “Anna Rosa”, Laura Bandelloni, invece, ha interpretato il personaggio di “Dida”, la moglie di Moscarda. L’opera pirandelliana vuole mettere in doloroso e grottesco risalto il soggettivismo che è alla base delle nevrosi che caratte-

20

rizzano il Novecento, lo stesso Pirandello definisce il suo lavoro un romanzo umoristico in cui vengono sintetizzati un po’ tutti i temi legati al relativismo soggettivo. Lo spettacolo è un vero e proprio debutto dell’opera che lo stesso autore definisce come “la sintesi completa di tutto ciò che ha fatto e la sorgente di quello che farà”. La storia narra di un certo Vitangelo Moscarda, detto appunto Gengè, che è un uomo benestante, residente nel piccolo paese di Richieri. La moglie Dida, un giorno, gli fa notare un suo piccolo difetto: il naso di Vitangelo pende leggermente a destra. Ma quello non è l’unico difetto messo in rilievo dalla moglie,

ve ne sono degli altri, ignorati fino a pochi minuti prima dallo stesso Moscarda e familiari, invece, a tutte le persone che lo circondano. Vitangelo si rende conto, allora, di non essere più lui, ma un altro, anzi, un individuo diverso per ogni persona che incontra e per ogni azione che compie. Nella nevrotica ricerca di autenticità, Vitangelo arriva a compiere atti del tutto inusuali agli occhi di chi lo conosceva prima della crisi. Ma alla fine esplode dall’ira, pronunciando strani discorsi, fino a sembrare matto, tanto da far fuggire sua moglie e rischiare di venire interdetto. Ma Anna Rosa, amica della

Villa Romano Petteruti delle associazioni, iniziata nel 2007, non è stata vana. Resta l’amarezza, però, per il fatto di essere rimasti inascoltati per tutto questo tempo e per le ingiuste critiche ricevute. “Quando abbiamo sollevato la questione - ricorda Lozzi - ci hanno accusato di voler far perdere i finanziamenti alla scuola. Adesso i fatti dimostrano che se fossimo stati presi in considerazione, i lavori sarebbero già iniziati”. Riprendiamo i fatti. Nel 2007ad amministrare il Comune di Larino era la giunta Anacoreta. Il 3 settembre il consiglio comunale approva il progetto di costruzione dell’edificio scolastico accanto alla storica villa. Un progetto ritenuto esteticamente riprovevole, uno “scatolone” che avrebbe deturpato l’area per sempre. Il 7 settembre l’ Associazione Turistica “Pro Loco”, il “Gruppo Animatori” Centro Storico e l’ Associazione Culturale “Larino 2000”, ritenendo la scelta inadeguata, con una lettera, chiedono al sindaco, al presidente della Provincia, alla Soprintendenza ai Beni Archeologici, al responsabile del settore Beni Ambientali, ai consiglieri comunali, agli assessori ed ai consiglieri provinciali, ai componenti della Commissione Edilizia ed al preside dell’Istituto Agrario, una riesamina della localizzazione dell’opera pubbli-

Un momento dello spettacolo

moglie, lo avvisa delle pratiche in corso, attuate dalla stessa Dida e da altri suoi amici, per farlo rinchiudere in manicomio. Per difendersi da questo complotto, Vitangelo diventa amico di Anna Rosa e le svela le conclusioni che egli stesso ha tratto dalla sua vita. Ma Anna Rosa, donna buona e troppo semplice per riuscire a capire l’animo di Moscarda, rimane talmente sconvolta da ten-

tare di ucciderlo. Vitangelo troverà pace solo dopo essersi rivolto al vescovo Mons. Partanna, il quale gli consiglia di donare tutti i suoi beni ai poveri; Moscarda finirà i suoi giorni in un ospizio per i poveri, da lui stesso fondato e dove è, paradossalmente, più felice di prima cercando di liberarsi da quell’Uno e da quei Centomila, allo scopo di diventare, per tutti e per se stesso, Nessuno.

ca. Nella richiesta si invita la Soprintendenza a verificare se, nell’area dove doveva essere costruito l’edificio, esistesse un vincolo archeologico. Un’altra richiesta simile parte il 6 ottobre dello stesso anno. Il 23 ottobre 2007 dalla Soprintendenza arriva al Comune la conferma di quanto paventato dalle associazioni: “la particella 27 del foglio 59 del Comune di Larino è sottoposto a vincolo archeologico”. Viene così individuata una nuova area dove costruire il nuovo edificio: sempre nei pressi della Villa, ma fuori dall’area soggetta a vincolo archeologico. Il 28 novembre 2007 le associazioni inviano un’ulteriore appello all’ora ministro dei Beni Culturali, Francesco Rutelli, affinchè intervenga con il suo parere sulla questione. Nella lettera si denuncia anche “l’affrettata e incauta maniera di procedere dell’amministrazione comunale che ha approvato un progetto su un’area vincolata dal Ministero”. Seguono incontri con le forze politiche di destra e di sinistra: sono tutte concordi con il punto di vista delle associazioni, tranne l’Italia dei Valori. Il 12 febbraio 2008 le associazioni trasmettono una nota all’amministrazione di Larino affinchè “scongiuri la sventurata collocazione dell’Istituto alle spalle dell’Agip, tentando di aggirare il problema senza risolverlo”. Il 2 ottobre del 2008 le associazioni inviano una nota al nuovo sindaco Giardino, al nuovo preside dell’Agrario Luccitelli ed ai consiglieri comunali per esortarli a rivedere la collocazione della scuola. “I terreni sono in forte pendenza - è scritto nella nota - e sarebbero necessari costi aggiuntivi per opere di consolidamento e sostegno”. Ma qualche giorno dopo, il consiglio comunale, su invito della Provincia, decide di approvare la costruzione dell’edificio nella nuova area individuata. Le associazioni sono sul piede di guerra: in una nuova lettera ai consiglieri comunali annunciano la raccolta firme per indire il referendum cittadino. Trascorre un altro anno, il 2009. Le ultime indagini confermano quanto sostenuto dalle associazioni. “Ci auguriamo - ha concluso Lozzi - che non siano stati spesi soldi pubblici per finanziare un progetto che non è stato mai realizzato”.


SABATO 30 GENNAIO 2010

ANNO XIII - N. 29

VIA ANDREA DA CAPUA, 6 - TEL. 0875/707896 - FAX 0874/730606

REDAZIONE 86039 TERMOLI

Gli avvocati dei quattro imputati per cui saranno ridotte le pene aspettano le motivazioni dei giudici

Chiuso il capitolo delle responsabilità Il Comitato Vittime: è stata fatta giustizia. L’attesa dei parenti durata quasi 8 anni La Corte di Cassazione La scuola ‘Jovine’ crollata il 31 ottobre 2002 “annulla la sentenza impugnata relativamente al capo relativo al capo sanzionatorio limitatamente agli imputati La Serra Giuseppe, Marinaro Mario, Martino Giovanni e Abiuso Carmine con rinvio sul capo della Corte di Appello di Salerno”. E’ lo stralcio del dispositivo la decisione della Suprema presidente del Comitato Vittidella sentenza emessa a Roma Corte con la copia di due fogli me, Antonio Morelli, che ora giovedì sera dalla Corte di Cas- timbrati e firmati dai giudici del chiede silenzio. sazione e che ha confermato la Palazzaccio. Davanti la Corte di Cassaresponsabilità penale dei cin“Noi chiedevamo solo la ve- zione, i genitori, tante mamme que imputati con il rinvio per rità, volevamo dei responsabi- in lacrime dopo un’attesa dula riduzione della pena di quat- li e adesso ci sono” ha inteso il rata quasi otto anni.Hanno tro di loro, confermando invece in toto la sentenza relativa all’ex sindaco di San Giuliano di Puglia, Antonio Borrelli. Per tutti è previsto l’indulto. Se per Borrelli sono confermati i due anni e undici mesi di reclusione, per gli altri bisognerà aspettare la decisione della Corte di Appello di Salerno per sapere l’entità della pena. Quelle decise dai giudici di Campobasso nella sentenza di secondo grado (sei anni e dieci mesi RIPABOTTONI. Di lui non vive in paese, preoccupato, ha per La Serra e Marinaro, cin- si hanno più tracce da una de- denunciato la scomparsa ai Caque anni per Martino e Abiu- cina di giorni. Matteo Di Fabio, rabinieri. Le ricerche sono suso) saranno riquantificate al ri- 81enne di Ripabottoni, sembra bito partite ma fino a ieri sera basso da parte dei magistrati sparito nel nulla. Il figlio che nessuno sembrava aver visto della città campana che valul’anziano. Da teranno le rispettive posizioni. anni il pensionaL’indulto copre tre anni di reto vive tra il picclusione. colo centro, dove Dunque, il giorno dopo della c’è l’abitazione sentenza che ha messo la parovicino il cimitero la fine al processo sul crollo e la campagna, della scuola “Jovine”, almeno dove ci sono i terper quanto riguarda le responreni di famiglia. sabilità, è anche il giorno dei E proprio in concommenti. Per il Comitato Vittrada Vignali time “è stata fatta giustizia”. I Cupe, in prossifamiliari sono rientrati a San mità della stazioGiuliano in pullman solo dopo ne ferroviaria di Ripabottoni, si sono concentrate le ricerche. Sul posto sono impegnai i Carabinieri di Ripabottoni, agli ordini del maresciallo Ricciardella coordinati dalla Compagnia di Larino, i Vigili del Fuoco di Santa Croce di Magliano e quelli della sede centrale di Campobasso che hanno impiegato anche l’unità cinofila addestrata. Le squadre hanno setacciato la zona per cercare le tracce del possibile allontanamento. La notte ha reso più difficili le operazioni. I familiari sono in apprensione e sperano che all’81enne non sia successo nulla di grave e che possa tornare a casa. Chiunque avesse notizie dell’uomo può contattare la stazione dei Carabinieri e i numeri di emergenza.

aspettato l’ultimo grado di giudizio per darsi una risposta, quella della magistratura. E poi c’è anche la difesa. L’avvocato Gianfederico Cecanese, difensore dell’imprenditore, Carmine Abiuso, commenta così il verdetto della Suprema Corte: “Le sentenze vanno sempre rispettate. Il dato drammatico è costituito dal fatto che rimangono in vita tanti dubbi. Uno di questi riguarda i presupposti relativi al giusto processo. Sono stati messi in crisi al danno di chi si ritiene innocente. Ora aspettiamo le motivazioni”. Questa, invece, la posizione di Agostino De Caro, legale dell’imprenditore, Giovanni Martino: “Si tratta di una sentenza sbagliata. Io rispetto le sentenze, quindi ritengo di non dover dare alcun giudizio ma nella mia ottica è sbagliata in quanto c’erano dei problemi che non sono stati posti. Sono convinto che Martino non è responsabile del crollo della scuola”.

I genitori delle piccole vittime

A San Giuliano una decisione definitiva sul crollo della scuola Dunque, l’ultimo frammento giudiziario sarà quello di Salerno, relativo esclusivamente alla questione delle pene che saranno irrogate. Le motivazioni po-

trebbero arrivare nell’arco di un mese, poi saranno fissate le relative date per la discussione da parte dei giudici. Fa.Oc.

Anziano scomparso La cooperativa ‘Nardacchione’: il Tar ha sospeso la delibera da dieci giorni L’81enne Matteo di Fabio sembra sparito nel nulla

sul centro sociale Mater Dei

CASACALENDA. Ci sono novità sulla vicenda del Mater Dei di Casacalenda. Ad annunciarle, in un comunicato stamoa, è la presidente della cooperativa Nardacchione, Carmen Vaccaro. “Con Ordinanza n. 26/2010 - si legge nella nota - il Tribunale Amministrativo Regionele del Molise ha accolto il ricorso proposto dalla Cooperativa Nardacchione nei confronti del Comune di Casacalenda, sospendendo la delibera con la quale il Sindaco e la Giunta comunale si sono rifiutati di rispettare gli impegni assunti nei confronti della Nardacchione e della Caritas della Diocesi di Termoli Larino dal 2005 in poi”. Secondo la cooperativa, “tali accordi prevedevano che il Comune concedesse in comodato gratuito l’immobile “Mater Dei”, sito nel centro di Casacacalenda alla Cooperativa Nardacchione che avrebbe ivi gestito una residenza per anziani, ottenendo dalla stessa un generoso finanziamento, con fondi messi a disposizione della Caritas della Diocesi di Termoli - Larino, per la ristruturazione e l’adeguamento della struttura”. Dopo l’ordinanza del TAR Molise - sottolinea la presidente Vaccaro, “il Comune dovrà consentire alla Cooperativa di attivare finalmente la residenza per anziani, che costituirà una cruciale realtà sociale nel

Il ‘Mater Dei’

Criticato il comportamento del Comune di Casacalenda territorio di Casacalenda. Si ricorda che la Nardacchione gestisce da circa trent’anni importanti servizi socio assistenziali anche nell’ambito della psichiatria e dà lavoro a oltre trenta dipendenti. Il comportamento del Comune di Casacalenda è criticabile non solo perchè ha tentato di ostacolare l’iniziativa imprenditoriale di un soggetto privato, ma anche per le famiglie dei lavoratori, che essendo anche soci (d’altronde questa è la Cooperativa), sono molto interessati al progetto. E pensare che vi era stato anche il tentativo di comporre bonariamente la controversia (prima dell’azione legale) in occasione di un incontro che si sarebbe dovuto tenere davanti

al Vescovo della Dicocesi di Termoli Larino, ma il Sindaco ha declinato l’invito. La condotta del Comune conclude la presidente - ha arrecato dei danni alla Cooperativa, tant’è che nei prossimi giorni questa agirà anche in sede civile per responsabilità precontrattuale”. L’azione davanti al Tribunale Amministrativo Regionale di Campobasso è stata promossa dagli avvocati Pietro D’Adamo e Annamaria De Michele, quest’ultima studiosa di diritto amministrativo presso l’università di Bologna. I lavori per il recupero con miglioramento sismico del Mater Dei sono stati effettuati in questi mesi. Quale sarà la posizione del Comune?

21


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

REDAZIONE: 86100 CAMPOBASSO

VIA SAN GIOVANNI IN GOLFO - TEL 0874/484623 - FAX 0874/484625

‘Carota e bastone’ per la squadra: “Ottimi gli approcci alle gare, ma dobbiamo gestire meglio la palla” Sul rinvio: “Le regole vanno rispettate. Non bisogna trovare attenuanti ma solo lavorare sodo”

CAMPOBASSO. La nave rossoblu sta viaggiando con il vento in poppa. Ma l’attenzione e la tensione restano su livelli massimi, per evitare uscite di rotta. Mister La Cava ha lavorato molto, a inizio settimana, sulla condizione fisica, forzando con i carichi. E si dice soddisfatto delle risposte che sta avendo dai suoi, anche se ci sono degli aspetti da migliorare. Che indicazioni sta traendo dal lavoro dei suoi? “Abbiamo fatto due giorni alla grande, caricando bene. E soprattutto lavorando in un certo modo, ed è quello che mi interessa. Domani (oggi, ndr) abbiamo questa amichevole importante per tenere alta la tensione. Sono contento anche dell’amichevole svolta giovedì, visto che di fronte abbiamo trovato una squadra che si è impegnata tanto. C’è stato anche qualche screzio, e questa è una cosa positiva: c’è impegno e voglia”.

Sergio La Cava sprigiona tutta la sua gioia al triplice fischio finale... dopo tutta la tensione accumulata in panchina con il presidente Capone e i suoi giocatori

“Per i Lupi sto dando più del 100%” La Cava: “Allenare il Campobasso in D è come guidare l’Inter in A” Le dà fastidio il rinvio della partita contro il Real Montecchio? “Esistono delle regole e vanno rispettate. Il Montecchio poteva chiedere il rinvio, ha

I NUMERI DI SERGIO LA CAVA 9

Le gare di Sergio La Cava alla guida del Campobasso. L’esordio a L’Aquila il 15 novembre 2009 (2-1 per i rossoblu).

17

I punti conquistati dal Campobasso con alla guida il tecnico irpino, frutto di 5 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.

5

Le giornate senza sconfitte per i Lupi. E’ la serie migliore della stagione: 13 punti conquistati nelle ultime cinque partite.

14

I gol messi a segno dal Campobasso da quando Sergio La Cava siede in panchina. Dodici solo nelle ultime cinque gare con la squadra tutta rinnovata.

fatto bene a farlo. Noi non dobbiamo trovare scuse o attenuanti relative alla sosta, ma pensare solo a lavorare bene. Trovare scuse è sintomo di mediocrità”. Ad Agnone cosa le è piaciuto di più e cosa di meno della sua squadra? “A me è piaciuto molto l’approccio e tutta la prima mezz’ora di gioco, fatta bene e alla grande. Succede da tre o quattro gare. Non mi è piaciuta, invece, la gestione della palla nel momento in cui avevamo un uomo in più, potevamo chiudere la gara. Ho notato, comunque, che le palle gol avute dall’Agnone nascono da errori dei singoli e da movimenti sbagliati. E questi aspetti sono da limare”. Gli infortuni di Iannitti e Castiello potrebbero pesare sul Campobasso? “Abbiamo anche altri under bravi. Iannitti penso che nel giro di un mese lo abbiamo a disposizione. Ora c’è la pausa, quindi eventualmente salterà altre due partite successivamente. Credo che stiamo bene così. Ma se arriva qualche under bravo certamente non rinuncio ad averlo. Del resto, abbiamo un grande di-

rettore sportivo che sta dimostrando la sua bravura anche con le partite che riesce ad organizzare nel corso della settimana. Molino conosce il suo mestiere”. La gente si sta affezionando sempre di più a La Cava… (Sorride). “Essere amati fa sempre piacere. Ma nel calcio sei amato quando fai risultato e odiato quando non arrivano le vittorie. Io lavoro per il Campobasso e cercherò di farlo nel migliore dei modi fino alla fine per portare questa piazza più in alto possibile. Questo era il mio scopo iniziale, e continua ad esserlo”. E’ contento della scelta fatta? “Io accetterei sempre e comunque di allenare il Campobasso. Credo che è come allenare l’Inter in serie A, per me è una grande soddisfazione allenare qui. E quindi svolgo il mio lavoro con ancora maggiore impegno: ho sempre dato il 100 per cento, qui sto dando oltre il 100 per cento. Per il rispetto che ho per i molisani: mi sono sempre trovato bene qui in Molise perchè caratterialmente somiglia alla mia Irpinia”. F.d.S.

Alle 15 il fischio d’inizio dell’amichevole di prestigio contro il Frosinone di Moriero CAMPOBASSO. I Lupi saranno impegnati questo pomeriggio nell’amichevole di prestigio contro il Frosinone allenato da Francesco Moriero. Una sfida organizzata dal ds Molino per l’amicizia che intercorre con il tecnico attuale dei laziali. Un test probante, nel quale il risultato (com’è normale che sia) conterà ben poco, viste le tre categorie di differenza che intercorrono tra le formazioni. Il Frosinone, dopo un inizio di campionato esaltante, ha vissuto un periodo di crisi per poi tornare ad occupare le posizioni di vertice della cadetteria. E al ‘Matusa’ si troverà di fronte un Campobasso galvanizzato dopo le ultime vittorie che hanno fatto tornare il sorriso nello spogliatoio. L’entusiasmo si è risvegliato anche nel capoluogo dal quale partiranno almeno una cinquantina di tifosi. Il fischio d’inizio

22

sarà dato alle 15.00 e l’ingresso è gratuito. Altra udienza ieri in Tribunale per la questione ‘bollette’. E’ stata ancora una volta riconosciuta la mancata costituzione del Comune, ma il giudice vuole dare la possibilità di costituirsi all’Esattoria. Allo stato attuale, per dirla in parole povere, le cartelle esattoriali restano sospese. Ci saranno altre udienze, ma fin quando non ci sarà l’udienza di merito non si troverà la soluzione definitiva al problema. E gli avvocati del Nuovo Campobasso, Franco Mancini e Salvatore Di Pardo, hanno preparato anche il ricorso relativo alle altre bollette, quelle giunte a inizio gennaio. Martedì sarà presentato. A margine, inviamo gli auguri di una pronta guarigione allo storico tifoso dei lupi Paolo Spina.

I treni di Moggi e le lettere e cartoline di Bronzetti di Gennaro Ventresca Il geometra. Potremmo chiamarlo anche così. Perché no. In fondo è quello il suo primo lavoro. Geometra, appunto. Una professione un po’ retrò che ha perduto fascino e adepti, per la perniciosa crisi dell’edilizia che ha fatto scappare i giovani verso altre branche scolastiche. Sergio La Cava unisce “mestiere” e professione. Nella terra con i maggiori picchi dell’arte di arrangiarsi lui ha preferito fare le cose a modo. Prima il sicuro e poi l’effimero. Così ha messo a frutto il “pezzo di carta” e si è piazzato in Comune, senza dimenticare però il mondo dei calci d’angolo, di cui è innamorato e che, tutto sommato, lo ripaga con ingaggi non proprio da scartare. Pochi hanno scritto del geometra La Cava. Eppure è da anni che bazzica il Molise. Prima a Bojano e poi a Campobasso. Nel frattempo è stato visto anche qualche volta in tribuna, quando suo figlio Mario, un giovanotto con doti di bomber, giovanissimo, gonfiò l’organico dell’ultimo Campobasso dell’Adelmo, già in via di disfacimento. Quando Ferruccio annunciò la sua scrittura furono in molti a storcere il muso. Per via di quel curriculum un po’ così, da centro del gruppo. Senza squilli in carriera, eccetto a Bojano, ma eravamo in Eccellenza. In pochi hanno sfiorato l’altro aspetto di uomo con la valigia in mano. Con un contratto part-time con il Comune per avere più spazio da destinare al quattotretre e un ingaggio decoroso assicurato dal sindaco di Montella. Ogni giorno, eccetto il lunedì, naturalmente, Sergio La Cava prende l’auto e scappa. Lascia Avellino e raggiunge il Molise. Due ore, minuto più minuto meno, ed eccolo a Selva Piana, già in tuta. La pendolarità non gli pesa affatto. Si sente allenato non solo a girare per il campo accanto ai suoi ragazzi, ma anche a pigiare il piede sull’acceleratore. Lui irpino imprestato alle montagne molisane prega il buon Dio di preservarlo dalle grandi nevicate. Le strade intasate e con il rischio di ghiaccio sarebbero un ulteriore ostacolo per i suoi giornalieri spostamenti. Cosi prima di aprire Il Corriere dello sport, al mattino si sintonizza sul canale 501 di Sky, dove una schiera di brillanti giovani, a turno, gli profetizza le condizioni del tempo. E quando vede che le stelle, intese come segnali di neve, stanno lontane, tira un bel sospiro di sollievo. Anche Gigi Molino, ex pericolo delle difese, a 38 anni fa il ragazzo con la valigia. Anche lui giunge ogni giorno da Avellino dove tiene famiglia. Al contrario del mister, Gigi fa solo il diesse. Con interessanti prospettive per il futuro. Da poco il suo nucleo familiare è cresciuto con l’arrivo di un bebè e la pendolarità si è resa ancor più urgente. Ma, in fondo è meglio così. Il calcio dilettantistico dovrebbe reggersi su questi personaggi, senza l’assillo di un professionismo esacerbato che solo pochissimi club potrebbero sostenere. Ben vengano i geometri o gli impiegati comunali come Bruno Iovino. Del resto Luciano Moggi, per anni, è riuscito a unire il lavoro di capostazione di Civitavecchia con quello di manager. Poi, un bel giorno, si è accorto che le ferrovie erano troppo lente per il suo passo, ha salutato tutti, ha riconsegnato il berretto e si è dedicato ad altro. Ernesto Bronzetti timbrava lettere e cartoline a Chioggia, appena fuori Venezia, mentre l’allora giovanissimo Giambattista Digati, faceva il tenente dei carabinieri e solcava in motoscafo le acque della laguna.


Sabato 30 gennaio 2010

23

Nonostante le difficoltà la squadra granata proverà a fare risultato sul campo del Morro d’Oro

di Giose Trivisonno Il lavoro dell’Agnone non è solo tattico e fisico. In vista della partita di domani in casa del Morro d’Oro la squadra granata ha sostenuto anche una ‘seduta’ psicologica. Mister Agovino e i dirigenti granata hanno parlato con i giocatori per infondere loro fiducia e per togliere di dosso un po’ di negatività. “Siamo consapevoli delle difficoltà che abbiamo a causa degli infor-

L’Olympia deve pensare positivo Grieco costretto ad operarsi al menisco tuni e delle squalifiche” – ha detto il tecnico Agovino – “ma non è il momento di soffermarci su questi aspetti bensì dobbiamo pensare a fare una buona gara contro gli abruzzesi”. In effetti l’Olympia ha

LE DESIGNAZIONI ARBITRALI DEL GIRONE F Atletico Trivento – Casoli: Diomaiuta di Albano Laziale Bojano – Atessa Vds: Fiore di Barletta Centobuchi – Luco Canistro: Di Stefano di Brindisi Chieti – Recanatese: Lacagnina di Caltanissetta Civitanovese – L’Aquila: Lanza di Nichelino Elpidiense C. – R.C. Angolana: Cacciapuoti di Napoli Miglianico – Santegidiese: Ferrari di Mestre Morro d’Oro – Ol. Agnonese: Caso di Verona

le carte in regola per uscire fuori da una crisi che è solo di punti e non di gioco. La squadra granata, infatti, ha offerto delle buone prestazioni sia con l’Atessa Val di Sangro che contro il Campobasso nel derby della scorsa settimana. In queste due gare è arrivato solo un punto, un preziosissimo punto in casa della allora capolista Atessa. Contro i Lupi, invece, le speranze di pareggiare si sono infrante a causa della scarsa lucidità sotto porta degli attaccanti granata. Segnare. Proprio dalle punte ci si aspetta che tornino a fare gol, il loro contributo è fondamentale per far ritrovare all’Olympia il gusto della vittoria. Soprattutto si attende il primo gol di Roberto Aqua-

Juniores. Big match per l’Agnone contro la seconda Sant

Trivento-Bojano derby ‘testacoda’ Campobasso in trasferta con il Luco

ro: l’attaccante deve ancora trovare la forma migliore ma già sta dando un valido apporto al reparto offensivo altomolisano in termini di fisicità e di movimento. L’attacco granata dovrà fare a meno di Grieco per ulteriori 40 giorni dato che la giovane punta esterna dovrà operarsi al menisco. Salvezza. Stamattina la squadra sosterrà la rifinitura, domani è prevista la partenza per Morro intorno alle ore 8. La squadra va ad affrontare la trasferta abruzzese con la consapevolezza che è possibile fare punti. I dirigenti hanno ribadito ai giocatori che l’unico obiettivo per questa stagione è la salvezza. Nessuna pressione dunque né tantomeno ansie da prestazione: l’Olympia è una squadra costruita per salvarsi, ottenere qualcosa in più è solo prestigio, non un obbligo. La dirigenza e il mister vogliono infondere serenità al gruppo perché è chiaro che l’Agnonese può offrire il me-

Mister Massimo Agovino glio di se stessa se gioca con spensieratezza e senza grandi pressioni. Le scelte del tecnico per la formazione anti Morro sono praticamente obbligate visto il ristretto numero di giocatori a disposizione, solo oggi pomeriggio saranno valutate le condizioni di Mirko

Di Matteo: il giocatore della juniores non è al massimo della condizione ma scenderà in campo nella partita della juniores di oggi pomeriggio contro la Santegidiese. Al termine della gara si deciderà in merito alla convocazione di Di Matteo in prima squadra.

Un duro scoglio da superare per raggiungere la salvezza

Bojano, c’è la vicecapolista Atessa Val di Sangro L’Olympia Agnonese Oggi pomeriggio si gioca un turno decisivo per il campionato juniores nazionale girone H. In programma, infatti, ci sono parecchie partite che potrebbero risultare determinanti ai fini della classifica. Il big match di giornata è lo scontro fra Olympia Agnonese e Santegidiese. La squadra altomolisana allenata da mister Menna deve vedersela contro la seconda della classe. Una vittoria servirebbe, dunque, ai granata per completare l’operazione sorpasso e per piazzarsi al secondo posto. Da valutare le condizioni del bomber Di Matteo che ha qualche acciacco ma dovrebbe essere della partita. Menna potrà contare, inoltre, sulla prestazioni di Pifano ancora squalificato in prima squadra. L’Agnone potrebbe fare anche un grosso piacere ai cugini del Trivento, l’attuale capolista del girone. Proprio i trignini sono impegnati in casa contro il Bojano. Un derby non facile per il Trivento visto che i matesini sono in netta ripresa di gioco e di risultati e non a caso provengono da due vittorie consecutive. Nel Trivento sono squalificati Pistilli e Fratangelo, per il resto mister Rienzo può disporre di tutti i giocatori della rosa. Il Bojano schiererà

Polise e Rendente, giocatori che fanno parte della prima squadra: sarà dunque un match aperto ad ogni risultato, il Bojano in campo per continuare la striscia positiva, il Trivento per confermarsi capolista indiscussa.

PROSSIMO TURNO

Infine il Campobasso. La squadra allenata da Bavota sarà ospite del Luco Canistro: i lupetti inseguono una vittoria che potrebbe proiettarli in piena zona play-off. G.T.

di Felice Pettograsso Domani pomeriggio, al “Colalillo”, il Bojano affronterà una delle migliori squadre del girone, quell’Atessa Val di Sangro che, sino alla settima scorsa, ha stazionato stabilmente in testa alla classifica. I sangrini, reduci da due pareggi consecutivi, hanno dovuto cedere lo scettro del comando al L’Aquila e, pertanto, sono intenzionati a ritornare a fere bottino pieno proprio contro l’undici di Farina per agganciare nuovamente la vetta della classifica. Insomma, non sarà impresa agevole per Gioffrè e compagni fare risultato anche contro i sangrini ed allungare a nove la striscia di risultati utili consecuti-

LA CLASSIFICA Il portiere Massarese

vi. Il pericolo maggiore per Gioffrè e compagni, oltre alle altissime qualità tecniche della Atessa- Val di Sangro, sarà dato dall’attacco della formazione abruzzese che può vantare, alle prime posizioni, ben due cannonieri: Miani e Lazzarini che, anche nel match di andata, segnarono la sconfitta dei biancorossi di Farina ( 3-0 n.d.r.) Un altro fattore di difficoltà, per entrambe le compagini, sarà dato dalle condizioni del terreno di gioco del “Colalillo” fortemente inzuppato d’acqua dopo le ultime abbondantissime precipitazioni piovose. Tuttavia la squadra biancorossa ha dato già ampia dimostrazione, anche nella vittoriosa trasferta di L’Aquila, di sapersela cavare egregiamente anche sui campi pesanti e di saper mettere in difficoltà, anche su terreni di gioco quasi impraticabile, formazioni composte da elementi di grande fisicità. Mancheranno all’appello nelle fila dei bifernini, oltre agli infortunati difensori in età

di lega Gaetano Toraldo e Fabio Desiderio ed all’esterno sinistro Luigi Parentato, anche i classe 91’ Antonio Polise e Dario Rendente, entrambi fermati in settimana dal giudice sportivo. Pertanto, con ogni probabilità, si potrà assistere all’esordio con la maglia biancorossa, nell’undici titolare, di alcuni elementi della formazione juniores, ed in particolare del portiere Luigi Russo e del centrocampista Pierre Coretto. Non è da escludere neppure la possibilità di vedere all’opera, sin dal primo minuti di gioco, la seconda punta guineana Lamine Djallo che formerà assieme a Francesco Grillo ed alla prima punta Massimiliano Fusco il tridente offensivo biancorosso. Il reparto mediano bojanese beneficerà del rientro dalla squalifica del classe 89’, Michele Altieri, la cui assenza ha pesato notevolmente in occasione dell’ultima trasferta in terra marchigiana contro L Recanatese. Prevista anche la presenza sulle tribune del “Colalillo” di un buon numero di sostenitori sangrini al seguito, peraltro anche gemellati con la tifoseria bojanese. E’ stato designato a dirigere il match tra Bojano ed Atessa Val di Sangro l’arbitro barlettano Francesco Fiore che sarà coadiuvato dagli assistenti Salvatore Petrone della sezione di Potenza e Luigi Faraldi della sezione di Bernalda.


24

Sabato 30 gennaio 2010

Giornata movimentata per il Petacciato con dimissioni e ripensamenti. Nel tardo pomeriggio il definitivo divorzio

di Eric Moscufo Giornata movimentata quella di ieri al Petacciato. L’allenatore Arnaldo Franceschini, infatti, ha rassegnato in mattinata le proprie – sorprendenti – dimissioni dall’incarico, decisione sulla quale, contattato telefonicamente, ha preferito non rilasciare dichiarazioni. Il sodalizio giallonero ha di conseguenza promosso il tecnico della Primavera, Mario Parente, alla conduzione dei grandi a partire già dall’imminente match di campionato contro la Frentana Larino al Marchesi Battiloro, che Parente seguirà perciò dal posto occupato finora dall’allenatore dimissionario. Franceschini lascia una squadra in salute, che proprio domenica scorsa, battendo 30 la Virtus Matesina, aveva operato il sorpasso alla Turris al terzo posto in classifica, alle spalle del duo molto extra e poco terrestre Venafro-Capriatese. Ora il testimone passa dunque nelle mani di Parente che, alla vigilia della sfida ai bianconeri allenati da Jhonny Precali, ci ha rilasciato le prime impressioni da neo-mister. Mario, allora è ufficiale: sei il nuovo allenatore del Petacciato. “Sì, oggi sono stato contattato dai dirigenti che mi han-

Franceschini abbandona Il club opta per la soluzione interna Il nuovo tecnico sarà Mario Parente no comunicato le dimissioni di Arnaldo, che a me dispiacciono tantissimo, e dunque domenica sarò in panchina contro la Frentana Larino e poi da martedì presenzierò agli allenamenti” Non è una novità assoluta, hai già sostituito Franceschini in una circostanza, ma stavolta si prospetta un incarico più lungo: con che spirito vai ad affrontarlo? “Lo spero, che sia un incarico più lungo, anche se mi dispiace dirlo perchè sono un intimo amico e stimo tanto Arnaldo, ma conoscendolo non

credo che tornerà sui suoi passi. Io sto agli ordini della società, sono anche il tecnico della Under 18 e quindi quello che il presidente mi dice di fare, io faccio. Per me non è una questione economica, ovviamente è importante anche quella, ma non è la principale, ho anche giocato senza guardare ai soldi, quindi è un aspetto secondario” Prendi una squadra che sta bene, ha un ottimo piazzamento in classifica e un organico di livello: obiettivi? “Spero innanzittutto di non dilapidare quanto di buono ha

fatto finora, altrimenti farei una figuraccia! Sono sicuro, perchè li conosco tutti, di avere in mano una grande squadra, spero che restino tutti, perchè non conosco gli accordi esistenti tra il presidente e i giocatori e quindi non so se ci sarà qualche cambiamento a livello di organico, e poi spero di arrivare secondo, anche perchè sono un combattente di natura, non mi tiro indietro!” Pensi di apportare corretivi a livello di modulo e giocatori, oppure di seguire il percorso tracciato da Franceschini?

Arnaldo Franceschini sempre, e quindi sicuramente il modulo sarà quello usato da lui, i giocatori sono quelli e quindi si andrà avanti così. Poi, ovviamente, ogni partita ha una storia a sè”.

Contro il Campobasso 1919 la difesa sarà sotto esame dopo i gol subiti con il Real Isernia

Il Venafro non recupera Armonia Urbano dovrà fare a meno del centrocampista e di Patriciello squalificato per tre turni I tifosi del Venafro presenti domenica scorsa al “Colalillo”

Mario Parente

“No, non penso di apportare stravolgimenti, sono un estimatore di Arnaldo perchè l’ho avuto tre anni come allenatore e poi quest’anno ci ho lavorato gomito a gomito conoscendolo sempre come persona splendida, lo dico da

di Marco Fusco Archiviata la prima sconfitta del campionato, il Venafro vuole ritornare alla vittoria contro il Campobasso 1919 di mister Lozzi. La compagine bianconera per tutta la settimana è stata sottoposta a un lavoro intenso da mister Urbano. Tante le analisi fatte in casa Venafro per l’inaspettato stop di Bojano. L’Isernia ha vinto il derby meritatamente per aver giocato senza particolari patemi reverenziali al cospetto della prima della classe. Per tutta la setti-

mana, di certo, mister Urbano avrà sbobinato la pellicola del match appena archiviato tirando fuori le tante, troppe anomalie della prestazione del gruppo capitanato da Bubù Keytà. Un primo campanello d’allarme per la corazzata del presidente Patriciello o un semplice incidente di percorso? Sta di fatto, però, che da alcune giornate gli osservatori più attenti hanno notato qualche difficoltà dei venafrani, con diverse situazioni paradossali soprattutto in zona difensiva. Perdere il der-

by con i cugini biancocelesti è stato veramente un brutto colpo per i tantissimi tifosi del Venafro che domenica scorsa hanno popolato le tribune del “Colalillo”, garantendo lo spettacolo nello spettacolo. Ma occorre assolutamente non aprire nessun processo all’intenzione e non bisogna fare drammi. Ma solo valutare ogni cosa con grande serenità e disponibilità alla critica. A tutto questo ovviamente pensa Corrado Urbano che sa dialogare con i suoi ragazzi e capire cosa non ha

Quest’oggi l’attesa estrazione Ci sarà oggi l’attesa estrazione della lotteria messa in atto dalla società del Campobasso 1919. Lo staff dirigenziale del sodalizio campobassano sarà presente insieme ai giocatori, attori dell’estrazione dei numeri vincenti. Appuntamento alle ore 18 presso il centro commerciale Monforte per i possessori dei biglietti della lotteria. La società rossoblu ringrazia tutti gli acquirenti dei biglietti che con il loro gesto hanno contribuito a dare un piccolo sostegno per la prosecuzione dell’attività sportiva.

funzionato a Bojano, tutto qui. Sulla graticola questa volta finisce, a pieno organico, la difesa. Basta riandare alla partite per rendersi conti degli errori commessi da Esposito e compagni. Sul primo gol, l’intera retroguardia bianconera si è fatta tagliare fuori dal doppio movimento di Sibilla e Cifani. Sul secondo gol, Catalano è riuscito a staccare nel traffico della difesa venafrana, con i vari Borrelli, Covilo, Martone, Esposito, fermi, imbambolati. E Russo a completare l’opera appiccicato sulla linea di porta, senza far valere minimamente la sua stazza in uscita. Il terzo gol, beh, non si può far rientrare Cifani e consentirgli quasi di prendere le misure per piazzare la palla all’angolino alto alla sinistra di Russo che, ancora una volta, è apparso fin troppo sorpreso dal gesto dell’attaccante isernino. La difesa contro il Campobasso 1919 sarà sotto esame. Ancora fermo Armonia. Avrà bisogno di almeno un’latra settimana di riposo. Il forte fantasista napoletano non sarà in campo e nemmeno in panchina. Una perdita pesante per la squadra di Urbano. Non sarà del match di domani pomeriggio nemmeno Roberto Patriciello, fermato per tre turni dal giudice sportivo per i fatti di Bojano. La società ha annunciato ricorso. Capitan Keytà sarà affiancato da Agbonifo, con Capezzutto ancora spostato in avanti sull’out destro. Mister Urbano potrebbe presentare qualche novità anche per il centrocam-

po rispetto a sette giorni fa. Risalgono, in tal senso, le quotazioni di Marziale e Balestra. I TIFOSI CHIEDONO UNA NUOVA TRIBUNA. PER SVENTOLARE LE BANDIERE Ma quando si farà la nuova tribuna? Ci riferiamo a quella che era prevista nel progetto. I tifosi vogliono uno spazio adeguato anche per sventolare le bandiere bianconere. La società dovrebbe venire incontro a queste sacrosante richieste. Così pure si chiede quando sarà sistemata la tribuna stampa, ancora senza corrente e in balia di agenti atmosferici. E domani sulle tribune i tifosi esibiranno uno striscione per la difesa dell’Ospedale Santissimo Rosario, a rischio chiusura. Un gesto importante che qualifica questi ragazzi.

Roberto Patriciello


Sabato 30 gennaio 2010

25

Pomeriggio delicato per le squadre campobassane. Cb Calcio-De Sisto e Lupi -Maronea

di Leandro Lombardi Il campionato ci prepara a vivere un altro week-end di passione. Giornata numero venti in promozione, giornata di scontri senza esclusione di colpi. La classifica dice che è arrivato (per tutti) il momento di giocarsi le rispettive carte, con o senza l’organico titolare a disposizione: i punti prima di ogni cosa. E allora si parte dalla vetta, dalle primissime posizioni. Lassù c’è un dominio incontrastato del Monti Dauni, capitanato da un trainer ben noto dalle parti di Campobasso: Walter Chiarella. Sotto la sua gestione il cammino è stato trionfale, non tanto sul piano dello spettacolo, bensì sull’efficienza al triplice fischio finale. Il ‘tesoretto’ parla chiaro, con la bellezza di quarantatre punti messi insieme in diciannove partite tirate, ma quasi sempre decise di misura da una singola prodetta dell’attaccante di turno. Una squadra quadrata. Niente da dire. La ventesima fatica (oggi, ore 14,30) propone lo scoglio (l’ultimo?) chiamato Oratoriana, seconda forza del campionato, anche se distante ben nove lunghezze dalla battistrada pugliese. Le squadre sono accomunate da una non entusiasmante vena realizzativa e da una difesa arcigna, con la differenza che i dieci pareggi dell’Oratoriana sono poco in confronto alle tredici affermazioni dei boys di Chiarella. Morale della favola: i gialloneri somigliano alla capolista sul piano tattico e non su quello della continuità. Guidati dai soliti Izzi, Venere, dal ritrovato Borrelli e da una consolidata intelaiatura, la truppa di Limosano spera sotto sotto di poter strappare il colpaccio, sfruttando magari qualche possibile rilassamento di un undici che ha pressochè vinto il campionato con largo anticipo. L’impresa è riuscita domenica scorsa al Roseto, perché non credere nel bis? Civico farà i debiti scongiuri, augurandosi prima di tutto di vedere la miglior versione possibile dei suoi ragazzi. Giornata fondamentale per Carlo Oriente (Campobasso Calcio)

Monti Dauni, ecco il primo match-point

Mister Walter Chiarella della Monti Dauni

Pugliesi contro l’Oratoriana: in caso di vittoria metterebbero l’ipoteca sul titolo

La Rinascita Bussese

Il Casale Riccia le squadre del capoluogo, anch’esse impegnate in anticipo. Entrati nel vivo della stagione, i rispettivi tecnici hanno chiesto di non guardarsi troppo allo specchio, preferiscono di gran lunga i tre punti senza brillare. Il Barometro-pensiero alla

vigilia della sfida interna con la Maronea (oggi, ore 17) . “La squadra di Cordisco ha fino a questo momento evidenziato un rendimento tutto sommato altalenante: si passa da sconfitte pesanti ad ottimi risultati nel giro di poche settimane, rendendo più difficile la lettura per le formazioni avversarie. Sabato è riuscita a vincere contro una buona squadra come il Campobasso Calcio, giocando bene, ma rimasi sorpreso principalmente

dal pareggio ottenuto sul campo del Roccasicura, che considero sempre la migliore compagine sul proprio campo. Io e la squadra – prosegue sappiamo quanto siano importanti i prossimi confronti per tentare di riprendere una serie positiva di risultati. Nelle prossime tre gare si punta ai nove punti, al massimo della posta in palio; possiamo ambire a qualcosa di importante e sappiamo quanto sia favorevole il calendario in questo

momento della stagione. Battiamo la Maronea, poi guarderemo oltre con ulteriore spinta”. Leggermente più grigio il momento del Campobasso Calcio, frenato dalla sconfitta rimediata proprio sul campo della Maronea. I numeri impietosi mettono a nudo tutti i limiti del reparto offensivo della formazione di Carlo Oriente, chiamata a gonfiare le reti avversarie con più frequenza. Il Domenico De Sisto arriva nel capoluogo molisano con l’obiettivo di bissare il successo di domenica scorsa ai danni dell’Isernia Pentra, per di più rinvigorito dagli acquisti provenienti dal mercato invernale. Uno su tutti: Scungio L’allenatore rossoblu Oriente arriva alla sfida con una squadra incerottata dalle (pesanti) assenze di Dei Medici e Cordisco, ma mostra eterna fiducia nei confronti del gruppo in generale. “Inutile dire che con la Maronea siamo stati sfortunati, avremmo meritato migliori fortune. Ora guardiamo avanti e pensiamo al Domenico De Sisto, formazione che sorprende per la posizione occupata in classifica: l’organico non merita assolutamente l’ultima posizione. Conosco il valore di alcuni giocatori campani, per ultimo Scungio, tutti in grado di fare la differenza e disposti al sacrificio nelle restanti giornate di campionato; la squadra di Palmiero può ancora giocarsi le sue carte per la salvezza at-

LE DESIGNAZIONI DESIGNAZIONI ARBITRALI ARBITRALI LE

traverso i play-off”. Il rischio resta sottovalutare l’impegno. “Ma è un’ipotesi che non deve emergere – sottolinea il tecnico – nonostante le assenze, sappiamo che in questo momento tutti possono metterci in difficoltà se non ci mostreremo bravi ad opporci con tutte le forze. Devo fare i conti con qualche defezione di troppo, ma ho fiducia in coloro i quali scenderanno in campo per dare una grossa mano alla causa. Speriamo di trovare finalmente i gol, a coronamento di una manovra offensiva che non è mai stata insufficiente”. Tre anticipi si disputeranno regolarmente, il quarto originariamente previsto, Roccaravindola-Gambatesa, è stato rinviato a mercoledì 3 febbraio causa lutto che ha colpito la società del presidente Rosario Conte. Cambia l’orario di inizio: la gara scatterà dalle ore 16. Il dirigente Pasquale Castaldi accoglie in maniera neutra la notizia. “Mercoledi mancheranno gli infortunati Varricchione, Forte e Iannarelli, ai quali si sono aggiunti Romano e D’Ottavio appiedati da un turno di squalifica. Il rinvio non migliora, né peggiora la nostra situazione. E’ un momento abbastanza delicato, ma abbiamo il dovere di non mollare anche perché, tutto sommato, siamo ancora sesti in classifica generale”. Aspettando il recupero. E aspettando il ritorno di Varricchione.


26

Sabato 30 gennaio 2010

A Venafro arriva l’ostico Team Matera ma i biancoazzurri inseguono un solo risultato

La Scarabeo può solo vincere Terenzi: “Non ci basta il pareggio, in campo solo per i 3 punti” E’ il momento di vincere per la Scarabeo Venafro, senza se e senza ma. La squadra allenata dal duo Terenzi – Troiano deve

assolutamente trovare i tre punti nella gara odierna contro il Team Matera. Un partita non facile contro un avversario di

spessore che non a caso naviga nella zone medio alte della classifica. Il match di oggi, però, è una sorta di ultima spiaggia per

i venafrani che devono assolutamente ottenere dei punti per mantenere in vita le speranze salvezza. Nella Scarabeo sono tutti a disposizione tranne il solito infortunato Peluso, mentre nel Matera mancherà l’uomo più rappresentativo, il player manager Gasparetto. I venafrani dovranno approfittare anche di questa pesantissima assenza che penalizza gli avversari. “Siamo determinati a vincere” – spiega il giocatore-allenatore Luca Terenzi – “Non ci basta il pareggio, dobbiamo centrare i tre punti. Le nostre dirette concorrenti alla salvezza hanno delle partite impegnative e quindi non dobbiamo assolutamente sciupare questa opportunità. Una vittoria ci serve per la classifica ma anche (soprattutto) per darci una spinta psicologica. Siamo una buona squadra, dobbiamo solo sbloccarci”. Parola al campo. triz

Calcio a 5 - Serie B 19^ giornata Olimpiadi A. Pescara Sp. Ortona Barletta Real Molfetta Manfredonia Atl. Giovinazzo Loreto Apr. Dep. Matera Sp. Modugno Scarabeo F. Matera Riposa:

Squadre P A. Pescara 41 R. Molfetta 34 Loreto Apr. 32 Olimpiadi 28 S. Modugno 26 Dep. Matera 26 F. Matera 26 Sp. Ortona 25 Barletta 14 GG Pellegr. 14 C5 Manfred. 13 Scarabeo 13 A. Giovinaz. 11

G 17 17 17 16 17 16 17 17 16 17 16 17 16

V N P Gf Gs 13 2 2 76 45 10 4 3 65 45 10 2 5 81 47 8 4 4 57 51 8 2 7 78 64 8 2 6 63 60 7 5 5 60 57 7 4 6 69 63 4 2 10 51 68 4 2 11 38 60 3 4 9 40 60 3 4 10 44 67 2 5 9 53 88

GG Pellegrino

Prossimo turno (13 febbraio) A. Pescara-Atl. Giovinazzo Manfredonia-Sp. Ortona Barletta-Scarabeo Sp. Modugno-Olimpiadi F. Matera-Dep. Matera GG Pellegrino-R. Molfetta Riposa: Loreto Apr.

Impegni facili per le formazioni di vertice ma occhio alle sorprese. Per Chaminade e Torre trasferte adriatiche

Bacigalupo-Fuorigioco: brivido salvezza Futsal Cb ed Arcadia si giocano le ultime chance per rimanere agganciate al treno play-off

La quarta giornata di ritorno del campionato di serie C1 calcio a 5 non presenta (almeno sulla carta) partite difficili per le squadre di testa. Questa settimana vogliamo partire dalla coda dove, invece, ci sono degli scontri diretti che potrebbero risultare decisivi per la marcia salvezza di alcune squadre. Con questa premessa il big match di giornata è senza dubbio la partita di Campomarino fra Bacigalupo e Fuorigioco Cb. Entrambe le squadre sono in un ottimo periodo di forma con i padroni di casa che provengono da due vittorie consecutive e i campobassani che sono galvanizzati dopo l’affermazione sul Pietrabbondante di 7 giorni fa. Sarà una gara aperta ad ogni risultato, per entrambe le squa-

dre c’è in gioco una buona fetta di campionato: Muccillo e C. possono continuare la serie positiva anche perché in casa sono veramente eccezionali. Non c’è due senza tre ma non è molto d’accordo la squadra di Amodio che proverà a fare il blitz. Altro match importantissimo è quello fra All Blacks e Frentana Larino: anche i questo caso si affrontano due squadre che sono entrambe alla ricerca di punti preziosi per la salvezza e che vantano una buona condizione psicofisica. Per i campobassani di mister De Michele c’è la possibilità di compiere l’operazione sorpasso ed uscire così dalla zona play-out. A Campobasso passa l’ultimo treno per la zona play-off. La sfida fra Futsal Cb ed Ar-

Calcio a 5 - Serie C1 19^ giornata All Blacks Frentana Larino Bacigalupo Pl Fuorigioco Bonefro PS Cimauno Edly Torre Magliano F. Aesernia Capracotta Futsal Cb Arcadia Pietrabbondante Isernia Termoli Chaminade

Squadre T. Magliano Chaminade Bonefro Isernia F. Aesernia Pietrabbond. Futsal Cb Arcadia Fr. Larino Termoli Edly All Blacks Bacigalupo Capracotta PS Cimauno Pl Fuorigioco

P 46 43 41 34 33 26 26 25 21 21 20 19 19 16 13 13

G 17 18 18 18 18 18 17 18 18 18 18 18 18 18 18 18

V N P Gf Gs 15 1 1 81 28 14 1 3 87 43 13 2 3 80 45 10 4 4 71 60 10 3 5 92 65 8 2 8 77 71 8 2 7 77 80 8 1 9 86 88 6 3 9 78 88 7 0 11 69 79 6 2 10 65 79 6 1 11 80 95 6 1 11 85 104 5 1 12 74 115 4 1 13 61 89 4 1 13 48 82

Prossimo turno (6 febbraio) All Blacks-Futsal Cb Arcadia-Edly Capracotta-Pietrabbondante Frentana Larino-Chaminade

Isernia-Bacigalupo Pl Fuorigioco-Bonefro PS Cimauno-Termoli Torre Magliano-F. Aesernia

cadia sembra essere, infatti, un vero e proprio spareggio: chi vince potrà continuare a coltivare il sogno di raggiungere la quinta posizione in classifica, l’ultima utile per partecipare alla coda del campionato. L’Arcadia è una squadra che riesce sempre a sorprendere sia in positivo che in negativo, la Futsal potrebbe essere favorita dal fatto di giocare in casa. Anche il Pietrabbondante è alla ricerca di punti utili a raggiungere i play-off: oggi c’è una ghiotta occasione per i rosanero dato che dovranno ospitare l’Isernia. La squadra del tecnico Nini è attualmente quarta e si gode il primato cittadino: per il Pietrabbondante non sarà facile avere la meglio sulla squadra rivelazione della stagione ma gli uomini di Barile sembrano intenzionati a fare di tutto per accorciare le distanze dai pentri. L’Aesernia, invece, può approfittare dell’agevole turno casalingo contro il Capracotta per conquistare tre punti importanti in chiave play-off. Gli uomini di Matticoli devono dare continuità ai risultati e oggi non possono permettersi cali di tensione. Gli alto moli-

sani, invece, non possono pretendere di ottenere punti salvezza su un difficile campo come quello dei biancoazzurri. Ve n i a m o , infine, alle zona alte della classifica. Il Bonefro ospita una Promoservice Cimauno in netta crisi e senza tanti infortunati. La squadra di Eremita ha il L’Edly morale a mille per la vittoria ottenuta martedì scorso contro il Potenza nel turno di Coppa Italia nazionale. I campobassani si presenteranno in formazione rimaneggiata ma proveranno a smuovere la classifica: Sassano e C. devono utilizzare altri tipi di gare per conquistare i punti utili al raggiungimento della salvezza. Anche la seconda della classe Chaminade non dovrebbe patire ecces-

sive difficoltà contro il Termoli visto all’opera negli ultimi tempi. I giallorossi sono una squadra che può battere chiunque solo se gioca al completo, in caso contrario i termolesi sembrano più deboli. La Chaminade dovrà essere comunque concentrata e fare attenzione a non incappare in altri scivoloni come quello di due settimane fa contro il Bacigalupo. Trasferta adriatica

LE DESIGNAZIONI DESIGNAZIONI ARBITRALI ARBITRALI LE

anche per la capolista Torre Magliano che dovrà vedersela contro l’Edly. La squadra di mister Sanginario, dopo un periodo di appannamento ma pur sempre vincente, potrebbe aver recuperato lo smalto e la condizione grazie anche al turno di riposo della scorsa settimana quando non si è disputata a causa della neve la partita contro la Futsal Cb. triz


Sabato 30 gennaio 2010

27

Un anticipo in Eccellenza, tre in Promozione. Roccaravindola-Gambatesa rinviata a mercoledì

Il weekend calcistico in Molise Eccellenza 20^ giornata Aurora Ururi S. Campano Guglionesi Real Isernia Petacciato Fr. Larino R. Liscione C. Montenero Termoli Miletto Turris Capriatese Venafro Cb 1919 V. Matesina oggi Vastogir. 14.30

Squadre P Venafro 52 Capriatese 44 Petacciato 39 Turris 38 Real Isernia 33 Fr. Larino 29 Vastogirardi 26 S. Campano 25 V. Matesina S. 23 Aurora Ururi 22 Cb 1919 19 R. Liscione 16 Miletto 14 Termoli 14 C. Montenero 12 Guglionesi 12

G 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19 19

V N P Gf Gs 17 1 1 48 16 13 5 1 34 7 12 3 4 42 18 10 8 1 33 16 9 6 4 35 24 8 5 6 19 21 7 5 7 26 26 7 4 8 21 25 6 5 8 17 26 5 7 7 17 23 5 4 10 19 30 3 7 9 17 32 3 5 11 17 29 3 5 11 16 34 3 3 13 18 34 3 3 13 18 37

Prossimo turno (7 febbraio) C. Montenero-Venafro Cb 1919-Guglionesi Capriatese-Aurora Ururi Fr. Larino-V. Matesina S.

Ferrazzano oggi R. Gildone 14.30 Hermes Toro Fossaltese Macchia Valf. Carpinone Macchiagodena R.Baranello Matrice Santo Stefano R. Sanbart. dom. Roccamand. 15.00 Ripalimosani oggi Oratino 14.30 S. Angelo L. oggi Volturino 14.30

Squadre Ripalimos. Macchiagod. R. Sanbartol. Matrice M. Valfortore Roccamand. Carpinone S. Stefano Real Gildone Volturino Hermes Toro Oratino S. Angelo L. Ferrazzano R. Baranello Fossaltese

P 46 45 42 32 27 25 25 23 22 21 18 17 17 10 9 4

G 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 16 17 17 17

V N P Gf 15 1 1 50 15 0 2 59 13 3 1 39 10 2 5 48 8 3 6 25 8 1 8 25 8 1 8 20 7 2 8 23 6 4 7 23 5 6 6 14 5 3 9 21 5 2 9 24 4 5 7 36 1 7 9 18 2 3 12 11 1 1 15 25

Gs 12 19 16 27 28 19 28 25 31 23 29 34 40 31 32 67

R. Baranello-Matrice Real Gildone-Real Sanbart. Roccamandolfi-Ripalimosani Carpinone-S. Angelo Lim.

Seconda cat. - Girone B 18^ giornata Alba.Car Camp. Sepino C.C. Olympus Carovilli Casalciprano Bagnolese Chiauci Pro Frosolone Salcito oggi Monteverde 14.30 S. Giul. Del S. Spinete Sanmarianese N. Vinchiaturo Torella del S. Terventum

Squadre Alba.Car C. Monteverde S. Giul. d.S. Terventum Spinete Carovilli C.C. Olymp. Sanmarian. Bagnolese N. Vinchiat. Sepino Chiauci P. Frosolone Torella del S. Casalcipr. Salcito

P 37 36 33 30 29 29 26 24 23 23 20 19 18 9 8 8

G 17 16 16 17 17 16 16 16 17 17 16 17 17 17 17 17

V N P Gf Gs 12 1 4 37 20 11 3 2 32 15 10 3 3 44 21 9 3 5 37 32 9 2 6 34 21 9 2 5 33 20 8 2 6 31 18 5 9 2 22 10 6 5 6 26 18 7 2 8 39 34 5 5 6 28 39 4 7 6 26 30 5 3 9 19 28 2 3 12 28 40 2 2 13 21 59 2 2 13 17 68

Prossimo turno (7 febbraio) Bagnolse-C.C. Olympus Carovilli-Alba.Car Camp. Monteverde-S. Giul. Del S. N. Vinchiaturo-Casalciprano

Squadre Monti Dauni Oratoriana Roccasicura Cercemag. R. Bussese Roccarav. L. Molinaro Roseto Fornelli Gambatesa Santeliana Cb Calcio C. Riccia Isernia P. Maronea De Sisto

P 43 34 33 31 28 27 26 25 25 25 23 23 20 18 18 11

G V N P Gf 19 13 4 2 33 19 8 10 1 28 19 9 6 4 28 18 8 7 3 20 19 9 1 9 20 19 8 3 8 30 19 7 5 7 39 19 7 4 8 32 19 7 4 8 26 19 5 10 4 22 18 6 5 7 27 19 5 8 6 13 19 4 8 7 15 19 4 7 8 23 19 5 3 11 22 19 3 2 14 17

Gs 15 18 19 14 21 24 31 29 29 24 34 16 23 27 33 38

Casale Riccia-Monti Dauni D. De Sisto-Lupi Molinaro Maronea-Roccarav. Oratoriana-Roseto

P. Gambatesa-Fornelli P. Cercemag.-Roccasicura Rin. Bussese-Cb Calcio Santeliana-Isernia P.

Prima cat. - Girone C

Prossimo turno (7 febbraio) Volturino-Ferrazzano Santo Stefano-Hermes Toro Fossaltese-Macchia Valf. Oratino-Macchiagodena

20^ giornata Cb Calcio oggi De Sisto 14.30 Fornelli Casale Riccia Isernia P. Rin. Bussese L. Molinaro oggi Maronea 17.00 Monti Dauni oggi Oratoriana 14.30 Roccarav. 03/02 P. Gambatesa Roccasicura Santeliana Roseto Pro Cercemag.

Prossimo turno (7 febbraio)

Miletto-R. Liscione Real Isernia-Petacciato S. Campano-Termoli Vastogirardi-Turris

Prima cat. - Girone B 18^ giornata

Prima cat. - Girone A

Promozione

P. Frosolone-Sanmarianese Sepino-Torella del S. Spinete-Chiauci Terventum-Salcito

18^ giornata Bacigalupo Rotello Campomarino Castelmauro Ol. Kalena A. Petacciato O. Montenero oggi F. Folgore 14.30 Portocannone R. Roccavivara Roccavivara Castelnuovo S.J. Palata San Martino Zvizda Cliternina

Squadre A.C. Petac. Ol. Monten. R. Roccaviv. Ol. Kalena Campomar. Cliternina Bacigalupo Roccavivara Rotello Portocann. San Martino Fiamma F. Castelnuovo S.J. Palata Castelmauro Zvizda

P 38 37 37 36 33 31 30 24 23 21 19 15 11 8 8 6

G 17 17 17 17 17 17 17 16 17 17 17 17 17 17 16 17

V N P Gf Gs 12 2 3 39 16 11 4 2 32 12 12 1 4 42 23 11 3 3 25 10 10 3 4 24 16 9 4 4 28 12 8 6 3 24 13 7 3 6 26 28 6 5 6 34 22 5 6 6 22 25 6 1 10 28 33 4 3 10 18 38 2 5 10 12 30 1 5 11 14 33 2 2 12 18 43 2 1 14 22 54

Prossimo turno (7 febbraio) A.C. Petacciato-S.J. Palata Castelmauro-Ol. Montenero Castelnuovo-Campomarino Cliternina-Portocannone

F. Folgore-Zvizda R. Roccavivara-Bacigalupo Rotello-Ol. Kalena San Martino-Roccavivara

Seconda cat. - Girone C 18^ giornata Carlantino Jelsi Cercemagg. oggi Riccia 15.00 Endas CB oggi Capoiaccio 14.30 Morgia P. Mirabello Quart. Cb Nord Campolieto Reds dom. Acli CB 17.00 S.Giov. In G. oggi Quelli Che 14.30 Sp. Fortore Campodipietra

Squadre Campodip. Capoiaccio Quartiere Cb Acli Cb Morgia P. Riccia Mirabello Reds Jelsi 1984 Sp. Fortore Cercemagg. Quelli Che Endas Cb S. Giov. in G. Carlantino Campolieto

P 42 39 39 31 30 30 27 23 23 20 19 17 17 14 10 1

G 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17

V N P Gf Gs 13 3 1 49 16 12 3 2 50 19 12 3 2 43 23 9 4 4 27 14 9 3 5 29 17 8 6 3 28 19 8 3 6 38 22 6 5 6 25 27 6 5 6 21 25 6 2 9 28 39 5 4 8 24 36 4 5 8 26 33 5 2 10 26 34 4 2 11 23 49 3 1 13 26 45 0 1 16 17 62

Prossimo turno (7 febbraio) Acli Cb-Cercemaggiore Campodipietra-Carlantino Campolieto-Reds Capoiaccio-S.Giovanni in G.

Jelsi-Morgia P. Mirabello-Endas CB Quelli Che-Quart. Cb Nord Riccia-Sp. Fortore

18^ giornata Alife Pescolanciano Atl. Sessano Virtus Pozzilli Ciorlano Joyland Mat. Civitanova Sant’Agapito Colli A Volturno Miranda Fr. Pagliarone oggi San Leucio 14.30 S. Pietro Av. Donkeys Agn. Sampietrese Real Prata

Squadre Atl. Sessano Real Prata Sampietrese V. Pozzilli Joyland Mat. D. Agnone Civitanova S. Pietro Av. Alife Ciorlano Pescolanc. San Leucio Sant’Agapito Miranda Fr. Pagliarone Colli a Volt.

P 45 43 40 36 33 26 24 20 20 19 19 16 16 14 6 2

G 17 17 16 17 17 17 17 17 17 17 17 16 17 17 16 16

V N P Gf Gs 14 3 0 42 10 14 1 2 45 16 13 1 2 56 12 11 3 3 34 20 10 3 4 45 21 7 5 5 26 24 6 6 5 34 25 6 2 9 32 38 5 5 7 23 29 5 4 8 16 24 5 4 8 27 36 5 1 10 18 29 4 4 9 23 41 4 2 11 16 39 2 0 14 13 44 0 2 14 11 53

Prossimo turno (7 febbraio) Donkeys Agn.-Pagliarone Joyland Mat.-S. Pietro Av. Miranda Frat.-Alife Pescolanciano-Ciorlano

Real Prata-Civitanova S. Leucio Acq.-Sampietrese Sant’ Agapito-Atl. Sessano Virtus Pozzilli-Colli a Volt.

Seconda cat. - Girone A 18^ giornata Atl. S. Agapito Mastrati Cerro Al Volt. Pesche Compr. C. V. dom. N. Montaquila10.30 C. Casale oggi Cerrese 14.30 Diavoli Rossi Pettoranello Montenero Valle Agricola Real Mignano Forulum Sp. Rionero Rufrae

Squadre Pettoran. C. Montenero N. Montaq. Valle Agricola Compr. C.V. Rufrae Mastrati Forulum R. Mignano Pesche Cerrese Cerro al Volt. Diavoli Rossi Atl. S. Agapito Conca Cas. Sp. Rionero

P 42 38 37 34 34 33 27 25 24 23 21 20 16 11 2 -2

G 17 17 16 16 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17 17

V N P Gf 14 0 3 67 12 2 3 46 12 1 3 55 11 1 4 39 10 4 3 36 10 3 4 48 8 3 6 30 8 1 8 32 7 3 7 43 7 2 8 33 6 3 8 24 5 5 7 24 4 4 9 34 3 2 12 9 1 0 16 4 0 0 17 15

Gs 22 18 27 16 17 20 20 33 28 38 28 29 30 40 76 67

Prossimo turno (7 febbraio) Cerrese-Real Mignano Forulum-Sporting Rionero Mastrati-Conca Casale N. Montaquila-Cerro Al Volt.

Pettoranello-Atl. S. Agapito Pesche-Montenero Rufrae-Compr. C.V. Valle Agricola-Diavoli Rossi

Seconda cat. - Girone D 18^ giornata Angioina C. oggi F. Larino 14.30 G.S. Giuliano oggi T. Collotorto 18.00 Montecilfone oggi R. Guglion. 14.30 Montemitro Morrone Petrella oggi Munxhufuni 14.30 Real Larino oggi Cil Castellino14.30 Real Termoli Mare Termoli Ripabottoni Divinus S.G.

Squadre Real Termoli R. Guglion. Divinus S. G. Ripabottoni Real Larino Angioina C. Montecilfone G. S.Giuliano F. Larino Morrone C. Castellino Montemitro M. Termoli Munxhufuni Petrella T. Colletorto

P 43 41 38 36 30 29 24 23 19 18 17 16 11 11 8 1

G 16 16 17 17 17 15 16 16 16 16 15 15 17 15 16 16

V N P Gf Gs 14 1 1 46 8 13 2 1 49 18 12 2 3 36 11 11 3 3 35 20 10 0 7 33 20 8 5 2 24 15 6 6 4 22 15 7 2 7 32 25 5 4 7 20 18 5 3 8 18 35 5 2 8 25 29 5 1 9 29 36 3 2 12 21 28 3 2 10 21 44 2 2 12 16 42 0 1 15 10 74

Prossimo turno (7 febbraio) Cil Castellino-Montecilfone Divinus S.G.-Real Termoli Fiamma Larino-G.S. Giuliano Mare Termoli-Montemitro

Morrone-Petrella Munxhufuni-Angioina C. R. Guglionesi-Ripabottoni T. Colletorto-Real Larino


28

Sabato 30 gennaio 2010

Serie C Dilettanti. Questa sera l’Italcom è impegnata sul parquet del Fondi.

Banca Etruria - Martino Group: domenica il derby molisano

Umberto Anzini della Italcom Mens Sana di Alessandro Correra Giornata che si apre con la Italcom Mens Sana Campobasso impegnata questa sera alle ore 18:00 al “Palavirtus” di Fondi (LT), gara in cui la squadra di Coach Salvemini cercherà di conquistare il temporaneo primato solitario in classifica, aspettando il risultato dello scontro ad alta quota tra il Ceglie e il Francavilla anch’esse al primo posto del girone. Eventualità tutt’altro che remota, visto il buono stato di forma della compagine campobassana, anche se il suo uomo di punta Andrea Benassi è alle prese con i postumi di un infortunio alla schiena patito nella partita contro il Monteroni e non ancora del tutto risolto e di fronte si presenterà una squadra reduce da due sconfitte consecutive (ultima a Termoli) che cercherà di invertire il trend. Nelle fila dei laziali inoltre è da tenere in considerazione ,oltre all’ex di turno Stefano Cecchetti, anche l’esperto play maker Antonello Lilliu, la guardia Giuseppe Romano e il lungo Orlando Di Marzo. Arbitri dell’incontro saranno i signori Arcioni Ilario di Loro Ciufenna (AR) e Bettarini Andrea di Castelfiorentino (FI) La giornata n. 18 del campionato prosegue con il sentitissimo derby tutto molisano che prenderà il via domenica alle ore 18:00 al “Pedemontana” di Venafro tra la Banca Etruria Venafro e la Martino

Gruop Termoli. Entrambe le formazioni sono a caccia del successo, anche se per motivi diversi, e reduci da una vittoria nell’ultima uscita di campionato,. La Martino Group di coach De Florio cerca il successo per

rimanere nelle zone alte della classifica e di riavvicinarsi al terzetto di testa, mentre la Banca Etruria di Coach Mascio vuole allungare la serie vittoriosa per cercare di uscire dai bassifondi della classifica. Arbitri dell’incontro saranno il signor Mottola Christian di Taranto e il signor Lucarella Danilo di Taranto. La giornata si chiude con la sfida di domenica sera alle 18:00 al Palavazzieri di Campobasso tra la Cestistica Campobasso attualmente in zona play off e il Globo Giulianova che sta lottando tra la zona play-off e quella dei play-out. Coach Di Salvatore dovrà però fare a meno oltre che del lungodegente Luca Antonelli, per i già noti problemi alla spalla, anche della guardia

Andrea Casasola infortunatosi alla schiena, che sarà comunque a referto. I campobassani reduci da due vittorie consecutive e dal turno di riposo cercheranno di allungare sulle inseguitrici allontanandosi dalle zone pericolose della classifica, compito non facile perché il Giulianova verrà a Campobasso per interrompere la serie negativa che la vede sconfitta da tre giornate consecutive avendo inoltre già espugnato il Palavazzieri nel girone di andata imponendo la prima sconfitta all’Italcom Mens Sana Campobasso. Da tenere d’occhio nelle fila del Giulianova Gianluca Cannavina, molisano doc, che vorrà sicuramente fare una buona partita nella sua regione, oltre al forte playmaker

Marco Paganucci e alla guardia Siro Braidot. Arbitri dell’incontro saranno

il signor Pepe Francesco di Adelfia (BA) e il signor Rizzi Gianfranco di Barletta (BA)-

Serie B Eccellenza femminile

Women’s, prima in casa nella poule promozione Claudia Anastasio

Serie C regionale. I campobassani fanno visita al Roseto

Turno in trasferta per Olimpia Cb e Maccabi

La Serie C regionale vede entrambe le formazioni molisane cercare punti pesanti in terra straniera. Il compito sulla carta risulta più facile per l’Olimpia Campobasso che , viene dalla buona gara casalinga di sabato scorso e dalla vittoria nel confronto con la Virtus Roseto, fa visita all’ultima in classifica Basket Ball Roseto. La posizione in classifica dei rosetani non deve però ingannare infatti, tranne in poche occasioni, la squadra allenata da Tavani ha giocato tutte le partite vendendo cara la pelle ed in alcuni casi solo per sfortuna non è riuscita ad ottenere la vittoria. In Casa Olimpia da annotare l’assenza di Elio Scotto ancora alle prese con un infortunio che però sembra sulla via del completo recupero. Palla a due alle ore 21 al Palazzetto dello Sport di Via Salara a Roseto, arbitri dell’incontro saranno i ignori Di Pasquale di Bucchianico (CH) e Tiberio di Teramo. La Visure On-line Ripalimosani dovrà fare i conti con il Chieti Basket che reduce da 6 sconfitte consecutive cercherà davanti al pubblico amico di invertire la rotta. Dal canto suo la squadra allenata da coach

Di Pasquale vuole dimenticare in fretta la sconfitta patita a Nereto e ricominciare a macinare punti per togliersi dalle zona play-out del campionato. Palla a due alle ore 18:00 al palazzetto di Piana Vicolato (CH), arbitri dell’incontro saranno il signor Moro Paolo di Teramo ed il signor Palazzeschi Danilo di Francavilla al Mare (CH). A.C. Giocatori della Visure in azione

Dopo la vittoria sofferta (56-68) sul parquet della Gymnasiun Caserta nella 1° giornata della poule promozione del girone D, le ragazze della Women’s Campobasso si preparano all’esordio casalingo, questa sera alle 18:00 al Palavazzieri, contro la formazione siciliana della Fontalba Messina. Coach Ladomorzi non si fida delle Messinesi uscite vincitrici (75-66) dalla scontro casalingo contro la Basilia Potenza e spiega:”Ci aspetta una partita complicatissima da non sottovalutare” errore fatto, per fortuna senza conseguenze, contro le Casertane e che il coach spera di non ripetere: ”Purtroppo abbiamo sbagliato i metodi di giudizio delle avversarie, ma questo incontro ci ha fatto comodo perché è stata una di quelle partite che si vincono con difficoltà e proprio per questo fanno morale ma anche le messinesi arriveranno con il morale alto avendo battuto una squadra di alta classifica” . Una vittoria, quella contro la Gymnasium, che ha permesso di mantenere viva la corsa delle campobassane contro le due battipagliesi, anch’esse vincitrici nelle loro gare con la Futura Brindisi e la Cestistica Latina, ai vertici della classifica, e ora inseguite, a 4 punti, solo dalle giocatrici della Women’s Campobasso. A.C.

La Generazione Venafro espugna con difficoltà il campo della Virtus Termoli

Foto archivio Vince, ma non senza soffrire, la formazione venafrana della Generazione Vincente in un derby molto equilibrato e

sentito. Una affermazione fondamentale per i ragazzi di coach Vettese che ora guardano con fiducia agli immediati im-

pegni di campionato con le prossime 2 gare da disputare tra le mura amiche. Tosta e determinata la compagine di coach Pezzella che ha dato l’anima per cercare di portare a casa 2 punti preziosi. La cronaca della gara non registra particolari emozioni nelle prima battute con le due squadre speculari in tutto: nell’atteggiamento,negli errori e nella verve agonistica. Marone e Tiziano Sirugo incidono la loro firma in tutte le azioni d’attacco e la tripla a fine quarto di Mirco Fanelli completa il lavoro. Sul versante opposto, la torta è tutta spartita tra i terribili gemelli Cardarelli che giocano a piacimento pur sbagliando anche molto in fase conclusiva. Un primo quarto di assoluta parità:1515. La seconda frazione è leg-

germente ad appannaggio ospite. Casapenta e Serrelli danno un contributo alla causa venafrana,mentre in casa Termoli, Celenza e Molinari entrano maggiormente nei giochi offensivi strappando anche applausi. Si và così al riposo con Venafro avanti di soli 2 punti:28-30. Dopo l’intervallo il sostanziale equilibrio permane anche se si segna molto di meno rispetto ai quarti precedenti(9-7). I gemelli Cardarelli falliscono ottime opportunità in contropiede,anche in uno contro zero,e permettono ai locali di recuperare l’esiguo margine che porta le due formazioni sul 37 pari con gli ultimi 10 minuti da disputare. La frazione finale,però, segna la maggiore maturità e freddezza dei ragazzi di coach Vette-

I TABELLINI VIRTUS TERMOLI GENERAZIONE VINCENTE VENAFRO Parziali 15-15/28-30/37-37

41 50

VIRTUS TERMOLI: Fanelli G. 2, Celenza 3, Marone 3, Molinari 10, Sirugo T. 10, Fanelli M. 9,Sirugo P. 2, Ritucci 2, Ercolessi n.e., Barone n.e.. Allenatore: Massimo Pezzella. GENERAZIONE VINCENTE VENAFRO: Casapenta 3, Montanaro, Bruno 6, Cardarelli Ant. 17, Cardarelli Enz. 22, Bisceglia, Serrelli 2. Alenatore: Luca Vettese. Arbitri: De Stefano e Bernardi di Termoli. Note: uscito per falli Molinari(Termoli). se che infilano un 13-4 di quarto che non concede repliche ai termolesi,frutto anche della migliore freschezza atletica dei giocatori venafrani. Ora sulla strada dei giocatori

della Generazione Vincente Venafro due importantissimi impegni casalinghi,il primo contro l’Airino Termoli e il secondo al cospetto dell’Olimpia Campobasso.


Sabato 30 gennaio 2010

29

Il coach Lorizio: “Siamo terzultimi in classifica ma vedo il bicchiere mezzo pieno. Credo nella rimonta”

Katay Geotec Isernia serve positività e voglia

Positività, voglia di fare e fare bene, è questo il messaggio che traspare dalle parole di coach Lorizio, ospite ieri sera della trasmissione sportiva di TVI. Il tecnico castellanese, ha fat-

to un analisi della situazione in cui verte la Katay Geotec Isernia, ha parlato di avvio difficile, e di una squadra con diversi problemi fisici, ora rientrati e per tanto presto il team avrà

modo di mostrare a tutti di cosa sia capace. Sono parole di incoraggiamento, quelle di espresse ieri verso una squadra che non merita assolutamente la posizione che occupa in classifica, “...escludendo le prime due, Castellana e Roma, che sono nettamente superiori alle altre – sottolinea il tecnico – le squadre in questo campionato si equivalgono, certo occupiamo il terzultimo posto della classifica ma io amo vedere sempre il bicchiere mezzo pieno e secondo me siamo solo a 3

punti dai play off e le squadre che sono sopra di noi devono preoccuparsi!” Invitato a parlare del neo arrivato martello argentino, Leandro Maly (che oggi compie gli anni) commenta: “Ho lavorato con lui quando era un astro nascente della pallavolo, con Castellana nel campionato del ’97, oltre ad essere un ottimo martello, è anche un buon ricevitore, ma soprattutto è una grande persona.” Il tecnico torna a chiedere anche il supporto dei tifosi, che dovrebbero essere più vicini alla squadra proprio nel momento del bisogno, “...possono arrabbiarsi quando non danno il massimo ma questi giocatori lo stanno facendo, si stanno impegnando. Fiore si è sacrificato per un mese intero, rinviando l’intervento alla spalla destra. Ieri è stato dimesso, ora è convalescente nella sua Taran-

Coach Lorizio to e tornerà quanto prima a dare il suo supporto ai compagni.” Il coach non ha risparmiato considerazioni neanche sull’argomento pronostici e obiettivi, Mantova e Santa Croce, sono squadre che si equivalgono, la prima sta vivendo un momento difficile, mentre la seconda sta affrontando un positivo girone

di ritorno, il vantaggio del team pentro sarà quello di affrontarle in casa. Per ora il primo obiettivo della Katay Geotec è quello di raccogliere quanti più punti possibile e raggiungere una posizione che dia tranquillità, da quel momento sarà possibile ritarare gli obiettivi e puntare a qualcosa di più.

Torball. Appuntamento alle ore 15 presso il Palazzetto di Ascoli Piceno

Esordio per i ‘Guerrieri della luce’ nel campionato nazionale di serie C

CAMPOBASSO. 30 gennaio 2010, ore 15.00, luogo Palazzetto dello Sport «A.Galosi» di Ascoli Piceno. Queste le coordinate che rimarranno a lungo negli annali del Comitato Italiano Paralimpico del Molise e che segnano il debutto assoluto in un torneo nazionale

maschile di Torball. «I Guerrieri della Luce», infatti, saranno in campo per la prima giornata del campionato nazionale di serie C e si confronteranno con le formazioni della Picena non Vedenti (Ascoli Piceno), Eureka Chieti, U.S.S.C.R. Capitanata (Foggia), Polisportiva Fio-

rentina «S.Doni» (Firenze). un traguardo al ungo desiderato da Giuseppe Celli e compagni e che finalmente, dopo circa un anno di intenso lavoro, si è tramutato in realtà concreta. Tutta la squadra ha il morale alle stelle e nel contempo sente l’adrenalina scorrere a fiumi nelle

Atletica leggera. Cross 2010 A Venafro terzo turno stagionale La partenza degli Juniores

Terzo capitolo della stagione invernale di atletica leggera (quarto se si considerano i campionati regionali indoor dello scorso week end). Nelle campagne alle porte di Venafro, domenica 31 gennaio, si svolgerà una serie di gare valide per diverse competizioni. Con la speranza di un clima più mite rispetto alle due precedenti giornate, inizieranno gli esordienti con una manifestazione regionale, seguiti da cadetti e cadette, i quali correranno la terza prova del campionato regionale di società. Le altre due gare fanno parte entrambe del Gran Prix 2010, di cui costituiscono la seconda

prova stagionale, l’una riservata alle categorie allievi, juniores, promesse, seniores, l’altra ai masters. Alle precedenti gior-

nate, a Termoli ed a Castropignano, ha partecipato un gran numero di concorrenti di tutte le categorie. Il gruppo durante la gara

vene. «I ragazzi sono tutti in ottima forma - ha dichiarato l’allenatrice Mariella Procaccini - e sono consci delle proprie possibilità. Ci siamo allenati alacremente per questo debutto e debbo dire che i risultati si sono visti in particolar modo nelle ultime uscite. Dei nostri avversari conosciamo ben poco fatta eccezione per la compagine dell’Ascoli Piceno contro la quale abbiamo già giocato diversi tornei. Domani pomeriggio si svolgeranno le prime partite, mentre domenica, a partire dalle ore 8.30, si terrà l’ultimo turno. Il nostro auspicio - ha detto la Procaccini - è quello di ben figurare e portare il vessillo del Comitato Italiano Paralimpico e dell’Unione Italiana Ciechi del Molise in alto. Ad una squadra debuttante non si può certo chiedere di vincere il campionato, ma sono sicuro che

I Guerrieri della Luce i nostri ragazzi saranno in grado di dare del filo da torcere a tutte le società che incontreranno sul campo. L’affetto, poi, dei nostri sostenitori e dei nostri tifosi lo sentiamo molto vicino e questo non può che renderci orgogliosi del lavoro svolto in palestra. I miglioramenti e la crescita di ogni singolo atleta ha evidenziato la Procaccini - è stata tale in questi ultimi mesi che quasi ha sbalordito anche me. Tutti sono in possesso di una grinta e di una forza d’animo davvero invidiabile. Almeno da questo punto di vista non

c’è assoluta differenza tra loro e le più blasonate squadre di serie A. Anche da un punto di vista strettamente tecnico e tattico i ragazzi sono ben strutturati, tanto da aver realizzato una formazione molto solida e coriacea dove anche se si cambia qualche elemento, la forza del tam non viene mutata - ha concluso la Procaccini-». Al fianco de «I Guerrieri della Luce» ci sarà anche il presidente del Cip Molise, Donatella Perrella, che non ha voluto far mancare il proprio apporto e sostegno ai ragazzi del Torball.

Danza ‘Emozioni Latine’ in pista a Catania Nel fine settimana 31 Gennaio 2010,presso il Palasport di Catania Sicilia nella “ 5^ Tappa Coppa Italia”. L’unica Coppia impegnata nella gara di ‘Latino Americano’: per la cat. B2-16/18 anni Casciotto Michael e Lorito Angela. Pronta , con tanta grinta per non perdere posizione nella classifica Nazionale. La coppia, è preparata dai Competitori Nazionali di classe A Cristian Falcone e Mariaclelia Carota titolari della scuola di Ballo “EMOZIONI LATINE” sita a Termoli . Forza Ragazzi date il massimo in Sicilia per dare lustro sia al nostro Sodalizio che alla nostra Città.

Michael Casciotto e Angela Lorito


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

Oggi al cinema Multisala MAESTOSO Campobasso C.da Colle delle Api, 1 Tel. 0874.484770 Baciami ancora 18:30 - 21:30 Avatar 3D 18:00 - 21:30 Alvin superstar 2 18:00 - 20:30 - 22:30 Bangkok Dangerous 18:00 - 20:00 - 22:00 Io loro e Lara 18:15 Il quarto tipo 20:30 - 22:30 Tra le nuvole 18:15 - 20:30 - 22:45 Cuccioli 15:00 - 17:00 Avatar 19:00 - 22:00 Nine 15:00 La prima cosa bella 17:30 - 20:00 - 22:30 Teatro Italo Argentino Agnone, tel. 0865/779030 Io, loro e Lara sabato 30 22:00 domenica 31 18:00 - 21:30 lunedì 1 21:30 Cinema ODDO Termoli, via Pepe, 14 tel. 0875/704631 Avatar 3D 18:30 - 22:00 Cinema 8½ Isernia, via De Gasperi, 23 tel. 0865/50888 Baciami ancora 18:00 - 21:00

Molise in treno

Molise in autobus Molise Trasporti Tel. 0874.493080 - 60276 Fax 0874.628193

CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza

TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli (Terminal) Campobasso (Terminal) Bojano (P.zza Roma) Isernia (P.zza Repubbl.) Venafro (S.S. 85) Cassino (P.zza Garibaldi) Roma (Staz. Tiburtina) Perugia (Staz. Fontivegge) Siena (P.zza Rosselli) Firenze (P.zza Adua)

R

01:38

06:49

08:35

R

01:46

Fer 09:30

11:07

R

01:37

14:11

R

01:51

15:56

R

01:44

Fest 15:44

17:27

R

01:43

13,55 16,30 19,25

Fer 17:14

19:01

R

01:47

8,20

10,30 12,20 11,30 14,25 17,00 19,50

18:23

20:08

R

01:45

8,45

10,55 12,45 12,00 14,50 17,25 20,15

20:55

22:45

R

01:50

18,00

9,30

11,30

13,30 16,00 19,00

5,20 6,18 6,30

7,50

10,00 11,55

5,45 6,50 7,00 6,05 7,18 7,25 7,45 7,55

11,20 13,20 12,25 15,15 17,55 10,30 13,00 14,50

16,45 19,30 22,00

11,25 12,40 13,45

FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze (P.zza Adua) Siena (P.zza Rosselli) Perugia (Staz. Fontivegge) Roma (Staz. Tiburtina) 7,00 Cassino (P.zza Garibaldi) 8,30 Venafro (S.S.85) 9,00 Isernia (P.zza Repubbl.) 9,25 Bojano (P.zza Roma) 10,00 Campobasso (Terminal) 10,30 Termoli (Terminal) 11,30

Durata

07:40

12:20

12,30 7,30

9,25

Treno

Fer 06:02

Fer 14:12

5,10 5,00 5,45 6,10

8,00

Arrivo

TERMOLI-CAMPOBASSO Arrivo

Treno

Durata

Fer 05:46

Partenza

07:39

R

01:53

06:49

08:23

R

01:34

12:13

13:56

R

01:43

Fer 13:22

15:00

R

01:38

Fer 14:40

16:25

R

01:45

16:13

17:59

R

01:46

Fer 17:14

18:55

R

01:41

20:40

22:30

R

01:50

Partenza

Arrivo

Cambio

Arrivo

Treno

05:50

08:53

-

-

R

03:03

08:28

11:40

-

-

R

03:12

14,10

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI

15,15 16,30 9,30

11,30

13,30 15,00 16,30 18,30 20,15

Durata

14:15

17:16

-

-

R

03:01

Fest 16:28

19:28

-

-

R

03:00

11,35 9,55 13,15 14,30 15,35 17,00 18,15 20,30 22,00

Fer 16:30

19:25

-

-

R

03:00

12,00 10,25 13,45 15,00 16,00 17,25 18,45 20,55 22,25

Fer 17:00

21:39

Benevento

17:59

R

04:39

19:43

22:50

-

-

R

03:07

11,00 9,30

14,05 15,00 16,30

20,00

12,25

14,10 15,30 16,25 18,00 19,10 21,25 22,45

12,50

14,30 16,05 16,45 18,30 19,30 21,45 23,15 17,45

22,45

Autolinee Sati Tel. 0874.65050 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 4,35 - 5,30 - 6,15 (solo festivo) - 6,30 - 6,45 - 7,00 - 7,45 - 8,05 (festivo) - 9,25 - 10,00 (solo festivo) - 10,20 - 12,00 - 12,35 12,45 (solo festivo) - 13,45 - 14,10 - 14,15 - 15,30 (anche festivo)16,10 - 17,10 (solo festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,10 - 19, 45 - 20,35 (solo festivo) 20,45 (solo festivo) - 21,15

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO Partenza

Arrivo

Cambio

Arrivo

Treno

Durata

06:15

09:18

-

-

R

03:03

Fer 07:38

11:05

Benevento

10:00

09:15

12:15

-

-

Fer 09:45

15:22

Napoli cen.

12:14

ES-S.Sost. 03:27 R

03:00

ES-S.Sost. 05:37

Fer 10:27

15:22

Caserta

12:35

R

04:55

Fer 10:45

16:02

Benevento

14:04

R

05:17

14:15

17:30

-

-

R

03:15

Fer 15:38

20:15

Benevento

17:59

17:15

20:46

-

-

R

03:31

19:40

22:40

-

-

R

03:00

Partenza

Arrivo

Cambio

Arrivo

Treno

Durata

05:18

07:48

-

-

R

02:30

Fer 05:30

07:56

Benevento

6:25

R

02:26 03:36

ES-S.Sost. 04:37

PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO

Gratin di pennette al prosciutto Ingredienti (per 4 persone) 300 gr. di pasta formato pennette rigate 200 gr. di prosciutto cotto in una unica fetta 100 gr. di parmigiano grattugiato 1,5 dl. di panna da cucina 50 gr. di burro 3 uova noce moscata sale, pepe

Procedimento Portare a ebollizione abbondante acqua salata, e lessare le pennette. Mentre la pasta cuoce, tritare grossolanamente il prosciutto e sbattere le uova con un pizzico di sale e di pepe. Scolare la pasta ancora piuttosto al dente, versarla in una pirofila e condirla con la panna, 30 gr. di burro, il formaggio grattugiato e la noce moscata. Aggiungere il prosciutto tritato ed il composto di uova. Mescolare bene e completare cospargendo la superficie con altro formaggio grattugiato e qualche fiocchetto di burro. Passare la pirofila in forno già caldo a 180° per circa 15 o 20 minuti fino ad ottenere una bella gratinatura uniforme.

5,55 - 6,10 (solo festivo) - 6,25 - 6,40 - 6,55 - 7,40 - 8,15 - 8,30 (solo festivo) - 9,00 - 8,40 (Pe) - 10,00 - 11,10 (Pe) - 11,20 - 12,30 - 12,40 - 13,30 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) - 14,10 - 14,35 (Pe) - 15,20 - 15,55 - 16,20 - 17,10 - 17,40 (anche festivo) - 18,40 (anche festivo) - 18,30 (Pe anche festivo) - 20,00 - 20,15 (Pe solo festivo)- 21,35 (solo festivo) - 22,10 - 22,20 (solo festivo)

CAMPOBASSO-NAPOLI

Fest 05:50

09:26

Cassino

7:29

E

VENAFRO-ISERNIA-BOJANO-CAMPOBASSO-TERMOLIRIMINI-CESENA-IMOLA-BOLOGNA

Fer 06:24

09:16

-

-

R

02:52

Fer 07:30

10:17

Benevento

08:29

S.sost.-R

02:47

3,40 - 4,05 - 4,35 - 5,00 - 6,00 - 9,00 - 10,20 - 11,05 - 11,55 - 12,40

Fest 08:28

12:18

Isernia

09:32

R

03:50

Fer 13:11

16:02

-

-

R

02:51

Fest 14:15

19:01

Venafro

15:32

R

04:46

Fer 14:50

17:39

Benevento

15:49

S.sost.-R

02:49

Fest 16:28

19:54

Venafro

17:47

R

03:26

Fer 17:00

19:36

Benevento

17:59

S.sost.-R

02:36

Autoservizi Cerella Srl Tel. 0873.378788

18:03

21:00

-

-

R

02:57

CAMPOBASSO-ISERNIA-NAPOLI 6,50 - 8,00 - 13,30 - 15,40

Partenza

Arrivo

Cambio

Arrivo

Treno

Durata

05:51

08:35

Isernia

07:49

R-R

02:44

Fest 06:48

09:54

Salerno

07:39

R-S.Sost.

03:06

08:24

11:05

Benevento

09:46

R-S.Sost.

02:41

Fest 08:30

12:15

Venafro

10:00

R

03:45

Fer 12:14

15:22

-

-

R

03:08

Fer 12:40

16:02

Benevento

14:04

R-R

03:22

BOLOGNA-IMOLA-CESENA-RIMINI-TERMOLI-CAMPOBASSO-BOJANO-ISERNIA-VENAFRO 15,20 - 16,05 - 16,55 - 17,40 - 19,20 - 22,00 - 23,00 - 23,25 23,55 - 00,20

NAPOLI-ISERNIA-CAMPOBASSO 7,00 - 8,30 - 12,30 , 16,00 - 18,00 CAMPOBASSO-BENEVENTO-NAPOLI 5,15 - 12,50

NAPOLI-CAMPOBASSO

NAPOLI-BENEVENTO-CAMPOBASSO 5,40 - 15,00

14:15

17:09

-

-

R

02:54

Fer 15:06

17:30

Benevento

16:22

R-S.Sost.

02:24

Fest 15:27

20:46

Venafro

17:06

R

05:19

CAMPOBASSO-TELESE-NAPOLI 8,45 - 14,00

Fer 17:30

20:28

-

-

R

02:58

Fer 18:25

21:14

Benevento

19:44

R-S.Sost.

02:49

NAPOLI-TELESE-CAMPOBASSO 6,20 - 10,15

Fest 19:41

22:33

-

-

R

02:52

Fer 19:43

22:20

-

-

R

02:37


ANNO XIII - N. 29

SABATO 30 GENNAIO 2010

I NUMERI UTILI

CAMPOBASSO

TERMOLI

Farmacia di turno Di Toro p.zza Pepe, 22 Tel. 0874.311018 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria 892021 (call center) Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

Farmacia di turno Caruso v. delle Querce, 1/F Tel. 0875.751898 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria 0875.706432 Capitaneria di porto 0875.746484

ISERNIA

LARINO

VENAFRO

Farmacia di turno San Lazzaro via Tedeschi, 39 Tel. 0865.415753 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio 0865.50601 Stazione Ferroviaria 0865.414143

Farmacia di turno Caradonio c.so Magliano, 47 Tel. 0874.822263 Ospedale Vietri centralino 0874.8271 Municipio 0874.8281

Farmacia di turno Del Prete Pirolli p.zza Vittorio Emanuele II, 22 Tel. 0865.900015 Ospedale S.S. Rosario centralino 0865.9071 Municipio 0865.9061 Stazione Ferroviaria 0865.900246

BOJANO

TRIVENTO

RICCIA

Farmacia di turno De Blasio c.so Amatuzio, 54 Tel. 0874.778131 Guardia medica Tel. 0874.778130 Municipio: 0874.77281

Farmacia di turno: San Nazario p. Fontana, 19 Tel. 0874.873357 Guardia medica 0874.871079 Municipio: 0874.87341

Farmacia di turno: Pettarelli v. Roma, 2 Tel. 0874.716609 Guardia medica 0874.710348 Municipio: 0874.716719

ercato MM olise Annunci economici gratuiti

Rubrica: ............................... VENDO

FITTO

ercato MM olise Annunci economici gratuiti Tutto

COMPRO

Testo (non più di 20 parole da comporre a macchina o a stampatello)

................................................................................. .................................................................................. .................................................................................. .................................................................................. .................................................................................. Mittente obbligatorio (per esclusivo uso archivio, dati riservati come previsto dalla legge 675/96) NOME.........................................................COGNOME............................................................................. VIA....................................................................... CITTA’........................................................... TEL...................................... CELL. ................................................DATA .................................

Non verranno accettati annunci su fotocopia, utilizzare esclusivamente il coupon originale L’annuncio va spedito o consegnato ai seguenti indirizzi: Campobasso: Il Quotidiano del Molise Contrada San Giovanni in Golfo, 205 Cap. 86100 Campobasso Isernia: vico Alferio, 2 Cap. 86170 Isernia Termoli: via Andrea da Capua, 6 Cap. 86039 Termoli

VENDO Suzuki Vitara, impianto Gpl, anno ‘90. Euro 4.000. Tel. 0874.871613 AUTO VENDESI Peugeot 206 anno ‘98, cc. 1100 benzina, 5 porte, revisione effettuata, colore rosso amaranto, tenuta in ottime condizioni. Prezzo Euro 2.300. Tel. 320.7870681 VENDO 4 gomme Kleber 185-60-R14 nuove. Euro 100,00. Tel. 328.4146966 VENDESI impianto a metano funzionante (2005) con bombola di 95 litri, per auto a carbuante. Euro 300,00 tratt. Tel. 339.8919152 VENDESI 4 gomme da neve Pirelli 165/65 R14. Nuovissime. Utilizzate solo 4 mesi. Euro 140,00. Tel. 380/3411432 VENDESI Punto ELX 1.2 cc Anno 2001, Km. 98.00. Prezzo 2.400 euro. Tel. 328.3330002 VENDO Yamaha Virago VX-535 anno 2000, Km 20.000 colore nero perla con piccole modifiche. Euro 3.000,00 tratt. Tel. 339.3767183 VENDO Renault Megane “Coach”, 1,4 benzina 16v, full optional. Eruo 2.100. Tel. 331.8001053 VENDO Fiat Stilo Dinamic JTD 1.900cc anno 2002, metallizzata, full optional, km 68.000. Eruo 6.500 trattabili. Tel. 338.3145318 BELLISSIMA bicicletta tipo Graziella, anno 1970, con motore alimetato a miscela. Vero affare. Tel. 339.6157329 VENDO Fiat Grande Punto, anno 2006, grigio metall., full optional. Km. 37.000. tre porte. Eruo 7.500. Tel. 338.3145318 VENDO Quad 110 c.c. anno 2008, n. 3 marce più retro, ottime condizioni. Euro 1.000,00. Tel. 328.8179193 VENDO 156 JTS 2000 cc euro4, fine 2002, 130.000 km, tagliandata Alfa mai incidenti. Ottime condizione, prestazioni e consumi. Euro 6.300. Tel. 328.3366707 VENDO Opel Zafira, 7 posti, colore grigio, anno fine 2004, 1.9 Diesel, gomme nuove. Euro 7.600,00 Tel. 339.4049101 VENDESI a S. Elia a Pianisi, vico II Convento 6, appartamento 2° piano, 123 mq., mansarda, garage 20 mq. Euro 120.000,00 trattabili. Tel. 0874.481831 - 338.2439162 VENDESI a Fossalto casa d’epoca 1800 in via Cavour 20-termometano-primo piano, 9 ampie camere-p.t. ingresso ampio porticato e camera laboratorio-p.int. cantina a volte su tufo-frutteto-legnaia-stalla. Tel. 0124.629816 - 339.7872842 VENDESI sul corso di Montagano, casa completamente ristrutturata di mq. 115 composta da 7 vani, ben rifinita. Euro 85.000. Tel. 328.9242539 VENDESI appartamento in zona centrale a Campobasso. Due camere, due bagni, sala, tinello, cucinino, ripostiglio, cantina. Euro 165.000. Tel. 338.4572886 VENDESI casa grande su 3 livelli più orto/giardino in provincia di Salerno, nelle vicinanze delle grotte di Pertosa/Certosa di Padula a 5 km dall’uscita autostradale. Euro 35.000,00. Tel. 0865.411954 FITTASI appartamento piano terra uso studio-ufficio, composto da 5 vani, doppio servizio, in via De Pretis a Campobasso, parcheggio protetto. Disponibile dal 20 gennaio. Tel. 328.8254304 FITTASI a Termoli, corso Umberto I, n30 (centro) appartamento mq. 60/ 70 cat. A/10 per studio professionale. Tel. 0875.705072 AFFARONE! Vendesi 1 appartamento (140 mq.) 1 appartamento (70 mq) + garage, cantina e giardino in stabile moderno a 20 minuti da Campobasso. Euro 100.000,00. Tel. 0874.839157 FITTASI a Campobasso in via Mazzini, appartamento uso ufficio e/o abi-

VENDO Moto GuzziNevada 750 Club anno 2004, km 3.000, perfetta - condizioni pari al nuovo. Euro 5.000,00 trattabili. Tel. 347.9034269 VENDO cerchi in lega auto (serie) per Mini - Alfa - Delta Cooper - Audi - Golf - Abarth campagnola ecc. Tel. 328.7162744 VENDO Volkswagen polo 1200 12V 3 porte mod confortline anno 2002 km 100.000 EURO 3000.00 Tel. 338.7989650 VENDO Fuoristrada Daihatsu Feroza 1600 16 v anno 90 colore bianco in buone condizioni Euro 2000.00 Tel. 338.7989650 VENDO Panda 4x4 anno 1992 km 110.000 manutentatarevisionata mai incidentata (Trekins). Tel. 333.2246236 VENDO Fiat Doblò chiuso porte post. e laterale, anno 2002, occasione. Tel. 3287162744 VENDO Fuoristrada Nissan Terrano 2, anno 1999, meno della quotazione, occasione, nero/bello. Tel. 328.7162744 VENDO Maserati biturbo coupè, pochi km, bella, occasione a Campobasso. Tel. 328.7162744 SCOOTER Garelli mod. Capri Lx50 da concessionario, nuovo, ancora da immatricolare. Prezzo di listino euro 1.200 vendo causa inutilizzo euro 800. Tel. 388.9333742 VENDO Kawasaki Z750, maggio 2006, colore nero, km 7600. Euro 4.500 non trattabili. Tel. 320.8292769 VENDO Panda 4x4 Clembing multijet, fine 2006, nera, 4 gomme termiche nuove. Euro 12.000 tratt. Tel. 333.4990359 VENDO scooter MBK Booster colindrata 50, nero, ottime condizioni. Euro 450,00 tratt. Tel. 339.5943538 VENDO Aprilia Pegaso 650, anno 97, causa inutilizzo. Ottime condizioni, sempre in garage. Euro 1.900,00 tratt. Tel. 333.5948776 VENDO Peugeot 1007 1.4 HDI, luglio 2005, 82.000 km. euro 7.500,00. Tel. 348.5283652

& MOTO

CASE & TERRENI tazione, 1° piano, recentemente ristrutturato, 5 camere, 2 bagni, termoautonomo. Tel. 0874.62263 - 329.6241824 AFFARONE proprietà due appartamenti da 2 camere, salone, bagno, cucina abitabile. villino da rifinire. Giardini. 4 tomboli terreno. Trattabili. 10 metri strada san Giuliano Monteverde. Tel. 334.2135652 VENDESI appartamento in via Lombardia, 71 di 120 mq., cucina, salone, tre camere, doppi servizi, garage, cantina. Tel. 329.0138284 FITTASI a Campobasso in via Lombardia, 71 vicino università, camera singola -camera doppia già occupata da una studentessa- a studentesse/ lavoratrici. Tel. 329.0138284 VENDESI a Bonefro casa centrale composta da 3 camre, cucina, bagno, con negozio e soppalco più altri locali e terreni anche separatamente. Prezzo affare. Tel. 0865.77424 VENDESI a Campodipietra appartamento cucina-salone con camino-3 camere, 2 bagni, ampio balcone, garage, cantina, posto auto, cortile, soffitta comune. Tel. 389.9985543 VENDESI-FITTASI Castelpetroso anche separatamente negozio ampio parcheggio - appartamento 5 camere, 5 bagni, arredato - appartamento 3 camere, cucina, bagno arredato. Tel. 339.8797375 VENDESI in Campobasso, centro storico, appartamento ristrutturato di 220 mq. composto da: cucina, tinello, salone, 3 camere da letto, 3 bagni, studio. Tel. 339.8797375 FITTASI in Campobasso tipico risto-

VARIE VENDO fucile sovrapposto calibro 12 - artigianale “ G.Graziano” come nuovo prezzo interessante. Tel. 3383145318 CEDO ultraventennale attività calzature e pelletteria – massima disponibile trattativa e collaborazione. Tel. 336-650568 RAGAZZO 28enne, cerca lavoro come cassiere, deposito, custode, agenzia viaggi, biblioteca, segreteria medica, ecc. zona Isernia, Campobasso e limitrofi. Tel. 339.2561253 (Adolfo) VENDO videocamera Hitachi 2003 e VHS completa di borsone. Euro 230,00. Tel. 0865.411954 (serali) VENDO abito prima comunione bimba. Euro 80,00 Tel. 0865.411954 (serali) VENDO pianoforte Kawai CX 5H, come nuovo. Euro 2.300,00 Tel. 0865.411954 (serali) VENDO stupendo ed originale abito da sposa tg. 42, stile impero con merletto chantilly regalo acconciatura. Euro 250,00. Tel. 0865.411954 (serali) VENDO motoagricola Nibbi, 18 cv., 4x4, impianto elettrico nuovo, causa inutilizzo. Euro 3.000. Tel. 339.3549414 LAUREATO in Economia e Commercio impartisce lezion di Ragioneria, Computisteria, Tecnica Bancaria, Diritto. Tel. 338.3145318 VENDO attività di bar gelateria circa Mq.105 in pieno centro a Frosolone prezzo modico. Tel. 0874.890895 VENDO due mobiletti pensili inbox (1 scolapiatti) come nuovi, euro 500 insieme più cucina per comunità, 4 fuochi più forno ed altri accessori (tavolini, sedie, vatri da tavoli). Prezzi da concordare. Tel. 334.2275441 VENDO congelatore a pozzo 400 lt a euro 100. Frigo orizzontale e banco lavoro cm 250 motore nuovo euro 500. Banco bar artigianale con curva e piano in marmo stile liberty-decò. Prezzo da concordare. Tel. 334.2275441 VENDO Nokia N80 in ottimo stato. Euro 140,00 tratt. Tel. 338.6034384 CERCO LAVORO come saldatore a filo continuo, manovale, magazziniere. Patente B - mobilità nel Molise. Ho urgentemente bisogno di lavorare. Grazie. Tel. 331.5853912 VENDO tastiera Solton X1 in ottime condizioni euro 1.000 Tel. 340.9673643 VENDO quadri contemporanei e dell’Ottocento importanti: Scoppetta Califano - Loria - Michetti. Tel. 338.9508757

rante con ampio parcheggio. Tel. 0874.61078-339.7422372 FITTASI in Campobasso appartamento 5 vani, cucina, doppi servizi. Tel. 0874.61078-339.7422372 FITTASI in Campobasso appartamento arredato 2 vani, cucina, bagno. Tel. 0874.61078-339.7422372 FITTASI in Campitello Matese ristorante, bar, self-service appartamento arredato 2 vani, cucina, bagno. Tel. 0874.61078-339.7422372 VENDESI in Campobasso avviatissimo negozio di ferramenta. Ottimo investimento. Tel. 0874.61078-339.7422372 VENDESI in Campobasso ville bifamiliari, ottime riffiniture, con terreno circostante. Tel. 0874.61078-339.7422372 VENDO un appartamento camera, cameretta, salone, cucina abitabile, veranda, un appartamento 2 camere, salone, angolo cottura, una villetta da rifinire con 3 giardini. Affarone. Trattabile. A 100 metri dalla strada San Giuliano/ Monteverde. Tel. 334.2135652 VENDESI appartamento a Campobasso in via G. Vico composto di 4 camere: cucina, bagno, cantina e ampio terrazzo. Primo piano. Per info Tel. 333.3632887 VENDESI in Campobasso, San Giovanni dei Gelsi, appartamento di 180 mq circa composto da tre camere, sal, soggiorno, cucina, doppi servizi. Divisibile. Tel. 335.7518923 VENDESI box ufficio ottime condizioni con impianto elettrico intenro e esterno, misure 4,90x2,80. Subito. Tel. 328.7162744 VENDESI a Isernia loc. Castagna 4 appartamenti in casale da 90 mq cadauno più giardino. Euro 185.000,00. Acconto euro 50.000,00 più euro 600 mensili. Tel. 331.5027535

RELAZIONI SOCIALI RAGAZZA 26enne, bella e prosperosa nel Molise per momenti di relax. Brava massaggiatrice. Annuncio sempre valido. No anonimi, no sms. Tel. 328.0018957 47ENNE celibe, impiegato, con handicp, conoscerebbe 40enne nubile, bell’aspetto, buon carattere, zona Termoli e dintorni per amicizia ed eventuale matrimonio. Astenersi perditempo. Annuncio sempre valido. Tel. 340.9673643 CERCO compagna da 50 a 60 anni. Tel. 346.6782213 RAGAZZA cerca amica per momenti rilassanti. Max 35enne. Tel.345.4583678 OFFRESI accompagnatore per signore dai 40 anni in su. Tel. 333.3027012 Jessica travestito in privato in Molise attraente e seducente piacerebbe conoscere giovani amici. Posso ospitare. Gentilezza e riservatezza. No anonimi, non sms. Annuncio sempre valido. Tel. 331.8644961 CERCO ragazza solare di bella presenza, seria, di cultura universitaria per unione sentimentale. Tel. 389.9974438 (se spento lasciare sms) MASSAGGIATORE estetico, sportivo, anti-stress, per odnne benestanti. Tel. 329.2923105 30ENNE cerca amiche per momenti di relax. Tel. 334.7121934 RAGAZZO 27enne cerca amica, a Campobasso, bella, seria, educata come me per intima amicizia. Bravo massaggiatore. Tel. 345.4143586 VASTO bella giapponesina 24enne, completissima, 5^ misura, fondoschiena da favola, piccanti preliminari. Tutti i giorni. Tel. 333.1231589 TERMOLI è tornata l’indimenticabile Mary, casalinga italiana. Riceve per appuntamento dal lunedì al sabato dalle 8 alle 13. Tel. 333.9577636 CAMPOMARINO Marika, 30enne, bella presenza, dolce, confidente e appassionata seduttrice, classe e riservatezza. Tel. 338.6976216 CAMPOMARINO Nicol 20enne e Marina 30enne finalmente sono tornate disponibili singolarmente o in coppia. Tel. 338.6924703 TERMOLI bella ragazza cinesina effettua massaggio rilassante, benefico, antistress. Massima riservatezza. Tel. 334.8511231



quotidianomolise