Issuu on Google+

Il fenomeno delle frodi creditizie attraverso il furto di identità Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services

Roma 30/01/2009


© 2008

Il gruppo CRIF • CRIF è una azienda italiana che, in Italia e all’estero,

supporta e crea valore per operatori

finanziari, imprese e cittadini, in modo che possano decidere in modo sereno e consapevole.

• In Italia, oltre 650 Istituti di Credito sono clienti di CRIF e il 90% degli sportelli e filiali è collegato online quotidianamente per usufruire dei suoi servizi in fase di valutazione dell’erogazione di credito.

• In Europa e nelle Americhe, più di 1.400 banche e società

Tampa, USA

finanziarie utilizzano le soluzioni di

Londra, UK Capodistria, Slovenia Varsavia, Polonia Mosca, Russia

Atlanta, USA

CRIF.

• In sono

Italia più di 10.000 cittadini abbonati

al

servizio

protezione dei dati personali frodi

creditizie

IDENTIIKIT,

Pechino, Cina

di dalle

Bangalore, India Austin, USA

che

Bologna

Bologna, Mestre

sfrutta il patrimonio informativo e

Roma Mexico City, Messico

l’expertise di CRIF in materia. 2 Roma 30/01/2009

Praga, Rep. Ceca

Bratislava, Rep. Slovacca

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


© 2008

L’Osservatorio CRIF sulle Frodi Creditizie •La centralizzazione delle informazioni creditizie sul mercato italiano, consente a CRIF di elaborare studi sui fenomeni e le tendenze del credito alle famiglie.

•Il fenomeno delle frodi creditizie è un fenomeno che colpisce le famiglie e il mercato del credito. CRIF realizza dal 2004 l’Osservatorio sulle Frodi Creditizie che rappresenta un riferimento per il mondo bancario e finanziario.

•L’Osservatorio CRIF sulle Frodi Creditizie rappresenta una analisi del fenomeno delle frodi dal punto di vista quali / quantitativo.

•Il monitoraggio di Crif sul fenomeno delle frodi creditizie rappresenta un’attività continuativa. 3 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


© 2008

Il fenomeno: le dimensioni in Italia Osservatorio Frodi Creditizie CRIF – dati 2007

Anche nel 2007 il fenomeno risulta essere in forte crescita (+32%): si stimano oltre 22.500 casi di frode per un importo di 112 mil. €

25.000 20.000

+ 32%

15.000

22.500

+ 55% 17.000

10.000 5.000

11.000

0 2005

2006

2007 Fonte: Osservatorio Frodi Creditizie CRIF

4 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


© 2008

Profilo sociodemografico delle vittime Osservatorio Frodi Creditizie CRIF – dati 2007

▪ Prevalentemente uomini (80%) ▪ Con un’età compresa tra i 31 e i 40 anni (28,7%) ▪ Registriamo un calo (-3,3%) delle vittime in questa fascia di età rispetto al 2006, quando la percentuale dei vittimizzati era del 32% Il 69% delle vittime scopre di esserlo dopo oltre 6 mesi

▪ Rispetto al 2006 crescono le vittime comprese nella fascia di età degli under 30 ▪ La percentuale delle vittime in questa fascia di età 27,8% 5 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


© 2008

Le aree più colpite dalle frodi creditizie Osservatorio Frodi Creditizie CRIF – dati 2007 La top ten delle regioni per numero di frodi: 1.

Campania

2.

Sicilia

3.

Lombardia

4.

Lazio

5.

Puglia

6.

Emilia Romagna

7.

Piemonte

8.

Calabria

9.

Toscana

10. Veneto Il 60% dei casi registrati avvengono tra Campania; Sicilia; Lombardia; Lazio e Puglia

6 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


Š 2008

Ripartizione delle frodi per tipologia di operazione Anche nel 2007, la forma di finanziamento maggiormente oggetto di una frode risulta il Prestito Finalizzato, seguito dalle frodi tramite carta di credito e dai prestiti personali. Rispetto al 2006 i Prestiti finalizzati registrano un decremento (-10,44%); crescono le frodi attuate mediante la richiesta di una carta di credito e la richiesta di un prestito personale.

Prestiti Finalizzati

Carte di credito

Prestiti Personali

Da 86,70% del 2006 a 76,26% del 2007

Da 7,45% del 2006 all’ 11,72% del 2007

- 12%

+ 58%

Da 3,06% del 2006 al 5,07% del 2007

7 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services

+ 66%


© 2008

Perché le frodi creditizie mediante furto di identità crescono ?

Il reperimento dei dati personali, è piuttosto facile grazie all’utilizzo di tecniche che sfruttano da un lato l’ingenuità delle persone e dall’altro le nuove tecnologie (anche per la contraffazione e riproduzione di documenti).

Gli istituti di credito non hanno a disposizione sufficienti strumenti di controllo per l’identificazione dei clienti; in grado di contrastare i diversi schemi di frode.

I frodatori difficilmente vengono scoperti (nel 93% la vittima ha dovuto sporgere denuncia contro ignoti) e la giurisdizione in materia non è un deterrente sufficiente in quanto non fa incorrere in particolare rischi e/o sanzioni il frodatore

Oggi il costo / opportunità di questo tipo di crimine è fortemente a vantaggio dei frodatori sia perché la prevenzione è limitata e sia perché non ci sono sufficienti deterrenti 8 Roma 30/01/2009

Enrico Lodi – Director Credit Bureau Services


© 2008

GRAZIE PER L’ATTENZIONE!

Enrico LODI e.lodi@crif.com Contact number: +39 051 417 6111


convegno sulle frodi creditizie: CRIF