Issuu on Google+

Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 56 - 14 novembre 2008 Stampato in proprio in novembre 2008

In questo numero:

Aumento canone Telecom: Adiconsum contraria Bonus gas: bene, ma l’importo deve essere più alto

Telecomunicazioni

- Aumento canone: Adiconsum contraria

- Connessioni internet: ora possibile comparare le varie offerte commerciali

Energia

- Bonus gas: bene, ma l’importo deve essere più alto

Assicurazioni

- Polizza sanitaria: come sceglierla

Trasporti

- In viaggio con i nostri amici animali

Appuntamenti

- Diritto dei Consumatori: più garanzia per il consumatore, più preparazione per l’impresa

Test noi consumatori

periodico settimanale di informazione e studi su consumi, servizi, ambiente

Registrazione Tribunale di Roma n. 350 del 9.06.88 – Iscriz. ROC n. 1887 Sped. in abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma


Telecomunicazioni

Aumento canone Telecom: Adiconsum contraria Chi garantisce gli utenti che l’aumento del canone andrà in investimenti e non a tappare un buco finanziario?

L’

aumento del canone dovrebbe essere richiesto solo a coloro che dispongono della fibra ottica e della banda larga e non a quei clienti che da 30 anni hanno lo stesso doppino. Tuttavia la rete della telefonia fissa, ne siamo consapevoli, richiede rilevanti investimenti. Da anni denunciamo il disimpegno di Telecom in questo senso, i ritardi sulla manutenzione e le difficoltà o l’impossibilità ad avere nuove linee. Investimenti che avrebbero dovuto fare gli azionisti, che, invece, hanno preferito distribuirsi i profitti ed elargire laute stock option all’Amministratore. Condividiamo l’esigenza di un progetto di investimenti. Il problema è: chi garantisce il consumatore che queste risorse andranno effettivamente a migliorare la rete e non a tappare l’ennesimo buco finanziario? Non dimentichiamo che impianti e immobili non sono più di proprietà Telecom, ma sono in leasing. Adiconsum chiede, quindi, all’Agcom di adottare rigorosi criteri, affinché queste risorse vadano in investimenti sulla rete. Ciò è possibile solo con una separazione trasparente di quest’ultima dalla gestione del servizio. A Telecom diciamo, inoltre, che dall’aumento del canone devono essere esentate non solo le fasce deboli, ma che devono essere esclusi anche tutti quegli utenti il cui traffico telefonico è limitato a qualche decina di euro. Per Adiconsum la banda larga rappresenta il nuovo servizio universale e come tale deve essere garantito a tutti i cittadini su tutto il territorio nazionale. Purtroppo la privatizzazione di Telecom rappresenta un esempio da manuale di come un processo di privatizzazione senza regole si traduca in un peggioramento della qualità del servizio per i consumatori e, a seguito dei mancati investimenti tecnologici, in un danno per l’intero Paese.

Energia

Bonus gas: bene, ma l’importo deve essere più alto Rispetto al bonus elettricità, quello del gas, se non verrà adeguato alla spesa media delle famiglie, inciderà solo per il 10%.

“R

iteniamo decisamente positiva la bozza di decreto emanata dal Ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, che accoglie una proposta che da tempo Adiconsum proponeva al Governo e all’Autorità dell’Energia elettrica e del gas a sostegno delle famiglie disagiate.

Test noi consumatori 


Sarà però necessario che l’importo dedicato all’iniziativa sia maggiormente proporzionato alla spesa media di una famiglia”. Così si è espresso Paolo Landi, segretario generale Adiconsum, appena appresa la notizia. I 400 milioni di euro stanziati, infatti, (stessa cifra destinata per il Bonus sociale dedicato all’elettricità), porteranno un contributo di circa 60/70 € a fronte di una spesa media per una famiglia di 4 persone con consumi di 1400 mc annui, di circa 800/900 €. Insomma, rispetto al bonus sociale sull’elettricità, che comporterà un aiuto pari a circa il 20%, il bonus sul gas non toccherà neanche il 10%. Inoltre, ad avviso di Adiconsum, resta indispensabile che sia fatta pressione sui Comuni, affinché si organizzino e siano in grado di raccogliere le domande dei cittadini già da gennaio, altrimenti non sarà possibile presentare la domanda per la richiesta del bonus con valore retroattivo a gennaio 2008, entro il 28 febbraio prossimo. Attualmente non ci risulta ancora la predisposizione di una piattaforma di gestione delle domande da parte dei Comuni, nonostante gli aiuti economici ricevuti.

Telecomunicazioni

Connessioni internet: ora possibile comparare le varie offerte commerciali Un risultato conseguito anche grazie all’impegno di Adiconsum.

C

i sono voluti quasi due anni perché l’Agcom deliberasse sul lavoro svolto dal gruppo tecnico istituito per consentire al consumatore di paragonare le offerte commerciali dei vari provider, avendo come parametro velocità reali e non utopiche e di poter misurare con esattezza quanto la propria connessione rifletta l’offerta stessa. Adiconsum vede così premiati i propri sforzi, avendo partecipato a tutti i lavori del tavolo tecnico, sostenendo con forza le esigenze degli utenti per giungere alla comparazione fra le offerte commerciali dei vari operatori, fino ad oggi impossibile, sulla base dell’effettiva velocità di connessione e non più solo in base a “promesse” di connessioni a velocità fantascientifiche. Adiconsum chiede ora di passare velocemente all’assegnazione del soggetto terzo per le misurazioni. Soggetto che Adiconsum auspica sia istituzionale, indipendente dagli stakeholders e storicamente autorevole, altrimenti il lavoro di questi anni verrà vanificato.

Assicurazioni

Polizza sanitaria: come sceglierla Riproduciamo i consigli del nostro responsabile del settore assicurativo, Fabrizio Premuti, pubblicati sulla rivista Viver sani & belli, sulla copertura assicurativa offerta dalla polizza sanitaria.

Test noi consumatori 


• Il massimale è la somma massima che l’assicuratore è disposto a risarcire. In altre parole, esso indica fino a quanto la copertura assicurativa arriva a liquidare. Più è alto il massimale più alto sarà, di conseguenza, il rimborso. • La franchigia e gli scoperti sono la parte del danno che la compagnia non risarcisce e che rimane sempre a carico dell’assicurato. Questo importo può essere fissato in rapporto ad ogni sinistro o ad ogni periodo di assicurazione. • Il limite di indennizzo rappresenta la somma massima che viene risarcita dall’assicurazione, al verificarsi del danno, indipendentemente dal massimale. Per esempio, se il limite di indennizzo è il 10 per cento del massimale assicurato pari a 50.000 euro, vorrà dire che il rimborso per le spese di ricovero o di intervento non potranno superare i 5.000 euro. • La durata può essere diversa: quella annuale offre la possibilità di rivedere le condizioni, di adeguarle a nuove situazioni ed eventualmente di cambiare la compagnia; quella pluriennale, in genere consente di ottenere uno sconto sulla durata, ma vincola per un certo numero di anni. Infine, la scelta di una polizza poliennale andrebbe bene solo se abbinata a una clausola di rescindibilità annuale, cioè di rottura del contratto allo scadere di ogni anno. • Preferire i contratti che forniscono una visita medica preventiva al fine di eliminare la possibilità di contestazioni sulle malattie pregresse da parte delle compagnie in presenza di una denuncia.

Trasporti

In viaggio con i nostri amici animali In vigore dal 1° dicembre la nuova disciplina sul trasporto degli animali sui treni. Ecco i dettagli: • I cani di piccola taglia, i gatti e gli altri piccoli animali da compagnia sono ammessi gratuitamente su tutti i treni nell’apposito trasportino (dimensioni massime cm 70x30x50 per tutte le categorie di treno tranne quelli effettuati con materiale ETR 450). • I cani di qualunque taglia, muniti di museruola e guinzaglio sono ammessi su treni IC Plus, IC ed Espressi, a pagamento, nell’ultimo compartimento (ovvero negli ultimi 6 posti delle carrozze a salone) dell’ultima carrozza di 2^ classe. Il posto di fronte al viaggiatore con il cane non è prenotabile da altro cliente. L’eventuale presenza di contemporanea di cani “incompatibili” sarà, volta per volta, gestita dal personale di bordo, appositamente istruito. • I cani di qualunque taglia, muniti di museruola e guinzaglio, sui treni Regionali sono ammessi, a pagamento, sulla piattaforma o vestibolo dell’ultima carrozza con la sola esclusione delle ore di punta del mattino (fra le 7 e le 9) dei giorni feriali dal lunedì al venerdì, salva diversa indicazione da parte della Regione competente. • I cani di qualunque taglia (a pagamento) e gli altri piccoli animali da compagnia (negli appositi contenitori e gratuitamente), sono ammessi nelle carrozze cuccette e letto solo nel caso di disponibilità dell’intero compartimento. • Il trasporto dei cani guida per ciechi è ammesso gratuitamente su tutti i treni, senza vincoli. • Per tutti i cani ammessi al trasporto, l’accompagnatore deve essere in grado di presentare, in ogni momento, il certificato di iscrizione all’anagrafe canina per l’animale trasportato, secondo la normativa in vigore. • I cani reattivi (appartenenti a razze ritenute pericolose), secondo specifico elenco del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, non sono ammessi.

Test noi consumatori 


Appuntamenti

Diritto dei Consumatori: Più garanzia per il consumatore, più preparazione per l’impresa Per il terzo anno accademico consecutivo, Adiconsum contribuisce all’organizzazione di un Master di II livello dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, per l’anno accademico 2008/2009, diretto dal Prof. Papanti Pelletier, coordinato dal Dott. Cristiano Iurilli ed erogato in modalità teledidattica (www.scuolaiad.it). Il Master si pone l’intento di approfondire specificatamente le materie giuridiche nel settore del consumo, con particolare riferimento alla tutela dei consumatori, al fine di offrire una specifica ed elevata preparazione agli operatori del diritto. Le iscrizioni – che possono avvenire in qualsiasi momento dell’anno accademico – sono già aperte. Per informazioni ed iscrizioni: Scuola Iad Via Orazio Raimondo, 18, 00173 Roma tel 06/72594887 o 06/72594881 fax 72679582 e-mail iadmast@scuolaiad.it sito www.scuolaiad.it

Test noi consumatori 


www.adiconsum.it un click e sei in adiconsum online per te tutte le notizie ed i servizi dell’associazione • news e attualità dei consumi • comunicati stampa • eventi (forum, seminari, convegni, corsi) • dossier e studi specifici • facsimile di reclami, ricorsi, richieste di risarcimento • tutte le pubblicazioni (Test noi consumatori, Guide del consumatore, Adibank, CD Rom ecc.) • iscrizione e consulenza online Partecipa anche tu alla nostra attività di difesa del consumatore: sei il benvenuto tra noi

ADICONSUM, DALLA PARTE DEL CONSUMATORE. Direttore: Paolo Landi • Direttore responsabile: Francesco Guzzardi • Comitato di redazione: Angelo Motta, Fabio Picciolini • Amministrazione: Adiconsum, via Lancisi 25, 00161 - Roma • Reg. Trib. Roma n. 350 del 9.06.88 • Iscriz. ROC n. 1887 • Sped. abb. post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 46/2004) art. 1, comma 2, DCB Roma ADESIONI E ABBONAMENTI • Adesione individuale: euro 31,00 (15,00 per gli iscritti Cisl) • Abbonamento al settimanale ”Adiconsum News” + mensili “Adifinanza”, a cura del settore credito e risparmio, “Consumi & diritti”, a cura del Centro giuridico Adiconsum e “Attorno al piatto”, a cura del settore sicurezza degli alimenti e nutrizione: euro 25,00 (15,00 per gli iscritti Cisl) • Abbonamento al bimestrale ”La guida del consumatore”: euro 25,00 (12,00 per gli iscritti Cisl) • Adesione + Abbonamento a ”La guida del consumatore”: euro 43,00 (27,00 per gli iscritti Cisl) I versamenti possono essere effettuati su c.c.p. 64675002 intestato ad Adiconsum

Test noi consumatori 


Adiconsum news- anno XX - n. 56 - 14 novembre 2008