Issuu on Google+

AIUTO!

UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO

AL A F LEN

ADI Media

Forse sei venuto a sapere che una persona a te cara è stata colpita da un tumore e ti senti sgomento. Trovi difficile accettare la diagnosi e non sai a chi rivolgerti per chiedere aiuto. Questo libro ti offre delle informazioni pratiche al riguardo e dei suggerimenti che saranno utili a prendere le decisioni giuste. Ma, più di ogni altra cosa, l’autore del libro addita a Gesù: l’Unico che può dare vero conforto in queste situazioni.

AIUTO! UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO

N

AIUTO-CANCRO_copertina_xp8_Layout 1 17/01/11 10:56 Pagina 1

Deborah Howard, infermiera professionale, con esperienza ventennale tra i malati di cancro, spesso visita chiese, svolge seminari e scrive libri per aiutare quanti sono stati colpiti, direttamente e non, da questa malattia.

ISBN 978-88-89698-52-5

Via della Formica, 23 - 00155 Roma Tel. 06 2251825 - 2284970 - Fax 06 2251432 adi@adi-media.it - www.adi-media.it

€ 4,50

9 788889 698525

AIUTO! UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO Deborah Howard

ADI Media

ADI Media

Servizio Pubblicazioni delle “Assemblee di Dio in Italia”

ADI Media

Consulente editoriale: Dott. Paul Tautges


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 3

AIUTO! UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO Deborah Howard

Consulente editoriale: Dott. Paul Tautges


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:13 Pagina 63

INDICE

Introduzione

7

1 Fammi camminare con te

11

2 L’importanza di sapere le cose

19

3 Le scelte possibili

31

4 Quando ho paura, confido in Dio

43

Spunti per la riflessione personale

59

Qualche ulteriore suggerimento

61


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 4

Titolo originale: “Help! Someone I Love Has Cancer” © Day One Publications 2010 Published by Day One Publications Ryelands Road, Leominster, HR6 8NZ Edizione italiana: “Aiuto! Una Persona Che Amo ha il Cancro” © ADI-Media Via della Formica, 23 - 00155 Roma Tel. 06 2251825 - 06 2284970 Fax 06 2251432 Email: adi@adi-media.it Internet: www.adi-media.it Servizio Pubblicazioni delle Chiese Cristiane Evangeliche “Assemblee di Dio in Italia” Gennaio 2011 - Tutti i Diritti Riservati Traduzione: A cura dell’Editore - L.T. Tutte le citazioni bibliche, a meno che non sia indicato diversamente, sono tratte dalla Bibbia Versione Nuova Riveduta - Ed. 1996 Società Biblica di Ginevra - Svizzera Stampa: Produzioni Arti Grafiche - Roma

ISBN 978 88 89698 52 5


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 5

Alle centinaia di pazienti (e alle loro famiglie) che il Signore ha posto sul mio cammino di infermiera specializzata per malati di cancro, per quello che mi hanno insegnato – e al mio amato fratello, John Koon, la cui attitudine vittoriosa verso la malattia è stata per me una valida testimonianza cristiana di guida e modello divino.


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 6


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 7

INTRODUZIONE

Q

uesto libricino non potrà rispondere a tutte le tue domande sul cancro. Piuttosto, offrirà a te e alla persona che ami, e a cui è stato diagnosticato un tumo­ re, delle informazioni basilari che certamente vorrete e dovrete sapere. Alla fine del libro, troverai anche una se­ rie di suggerimenti pratici e un elenco di siti internet per avere ulteriori indicazioni utili. Ti sarà data una defini­ zione semplice e corretta della parola tumore e una spie­ gazione del modo in cui si forma, cresce e si diffonde nonché la descrizione di alcune tra le terapie mediche più comuni. In qualità di infermiera professionale, con esperienza ventennale tra i malati di cancro, sento il dovere morale di parlare dei benefici che le strutture sanitarie dette ho­ spice forniscono ai malati terminali. Ti accorgerai che questo libro si rivolge principal­ mente ai cristiani, ossia ai credenti e ai seguaci del no­ stro Signore Gesù Cristo. Benché le nozioni mediche sia­ no di interesse generale, i rimandi spirituali alle pro­ messe di Dio potrebbero forse non esserlo. I riferimenti alle promesse contenute nella Bibbia e che cito di fre­ quente sono rivolti, infatti, prevalentemente ai figli di Dio. Ma, dal momento che il mio cuore trabocca dal de­

7


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 8

Aiuto! Una Persona che Amo ha il Cancro

siderio che tutti giungano alla salvezza, lasciatemi rivol­ gere alcune parole anche ai lettori non credenti. Forse non hai mai avvertito la necessità della salvez­ za, ma la situazione che ti ha portato a prendere in ma­ no questo libro, probabilmente ti ha spinto a riflettere sull’argomento e ti ha reso maggiormente sensibile an­ che sul piano spirituale. Proprio a te, voglio dire che la salvezza non dipende dalle opere buone che compi o dalla prevalenza numerica delle azioni buone rispetto a quelle cattive. In una delle epistole scritte dall’apostolo Paolo, infatti, si legge: “Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia” (Romani 9:16) La salvezza, dunque, dipende soltanto dal Signore! Sai, Dio è così santo che non può scusare né tollerare il peccato. Anche se siamo bravi ad accampare giustifi­ cazioni di ogni genere, queste possono soddisfare il no­ stro senso di giustizia, ma non le richieste del Signore. È qui che entra in gioco Gesù. Egli si è caricato di tutte le nostre colpe, ed è il nostro Salvatore. Non avendo mai peccato, ha preso su di Sé tutte le colpe del Suo popolo di ogni tempo: passato, presente e futuro. Gesù è morto sulla croce per espiare la pena che altri­ menti sarebbe ricaduta su noi a motivo dei nostri pecca­ ti: in questo modo ogni credente può essere dichiarato giusto.

8


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 9

Introduzione

In definitiva, Cristo ha barattato la propria “perfezio­ ne” con la nostra “empietà”: il nostro castigo, perciò, è già stato pagato completamente e perfettamente. “Voi, che eravate morti nei peccati … voi, dico, Dio ha vivificati con lui, perdonandoci tutti i nostri peccati; egli ha cancellato il documento a noi ostile, i cui comandamenti ci condannavano, e l’ha tolto di mezzo inchiodandolo sulla croce” (Colossesi 2:13, 14) Quando Cristo morì sulla croce, lo fece sostituendosi a noi, portando su di Sé il giudizio che noi meritavamo. Nella prima epistola di Pietro troviamo ribadita questa stessa verità: “Anche Cristo ha sofferto una volta per i peccati, lui giusto per gli ingiusti, per condurci a Dio. Fu messo a morte quanto alla carne, ma reso vivente quanto allo spirito” (3:18) Gesù non è salito sulla croce per restarvi, né il Suo corpo si trova più nella tomba in cui Lo avevano depo­ sto. Pur ricordando il Suo sacrificio ed essendone eter­ namente grati, quando pensiamo a Cristo abbiamo bi­ sogno di comprendere che Egli ha sconfitto la morte, è risuscitato ed asceso in cielo, dove siede alla destra di

9


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 10

Aiuto! Una Persona che Amo ha il Cancro

Dio Padre. Così facendo, Egli ha assicurato la vittoria a quanti si affidano a Lui ed è per la Sua misericordia che possiamo riposare in quella promessa. Anche tu puoi es­ sere uno di quelli per cui Gesù morì. Ecco la buona notizia! Se riconosciamo e confessia­ mo a Lui il nostro peccato e la nostra totale incapacità di meritare il paradiso, e se confidiamo nella grazia di Dio, Egli ci salverà per mezzo del sangue del Suo Figliolo. Gesù, infatti, scambia la propria giustizia perfetta con la nostra natura imperfetta e peccaminosa. Possia­ mo entrare nel regno di Dio liberi dalla contaminazione del peccato, perché Egli lo ha cancellato ed ha pagato il prezzo del riscatto che gravava su noi. Perciò, se ancora non l’hai fatto, affidati alla grazia di Dio. ChiediGli di liberarti e di salvarti e Lui lo farà! Nella lettera ai Romani è scritto: “… perché, se con la bocca avrai confessato Gesú come Signore e avrai creduto con il cuore che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvato” (10:9) È una promessa! E la mia preghiera è che tu possa an­ dare a Lui. Affrontare il cancro è difficile. Affrontarlo senza la speranza che scaturisce da una relazione viva con Gesù Cristo è spaventoso.

10


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 11

Fammi camminare con te

“S

cusi, credo di non aver capito. Che cos’ho?”. “Di­ cevo che gli esami sono chiari. Lei ha un cancro. Mi dispiace davvero”. Non importa cos’è accaduto prima che noi o il nostro congiunto abbia sentito queste parole, né importa quel che accade in seguito. In quel primo gelido momento restiamo come tramortiti. L’impatto è talmente forte da paralizzarci emotivamente ­ a volte anche per mesi. La nostra prima reazione di fronte al disastro è l’incre­ dulità: “No, non può essere vero. Sicuramente gli esami sono sbagliati. Forse dobbiamo andare da un altro dotto­ re! Non può accadere proprio a me”. Forse siamo noi i diretti interessati che ascoltano l’esi­ to della diagnosi, oppure quelle parole tremende sono di­ rette a qualcuno che noi amiamo. E forse è anche peggio.

Una pagina dalla mia storia personale Ricordo il giorno in cui uscii con mio fratello John per andare nel parco vicino casa. Voleva un posto carino e

11


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 12

Aiuto! Una Persona che Amo ha il Cancro

tranquillo dove parlarmi. Quando apprese di avere un tumore aveva 47 anni. I pochi anni che seguirono furo­ no segnati, alternativamente, dalla chemio e dalla radio terapia, da remittenze e ricadute. Ogniqualvolta si sot­ toponeva ai controlli periodici, noi tutti pregavamo per­ ché risultassero negativi. Tuttavia, quel giorno, a distan­ za di quasi quattro anni da quando gli avevano diagno­ sticato il cancro, mi comunicò l’esito degli ultimi esami: il tumore non soltanto era riapparso nei polmoni ma era comparso anche in altre parti del corpo. “Questo è quanto, Deb”, disse semplicemente. Lottando con tutte le mie forze per mantenere un certo contegno, volsi lo sguardo verso di lui e vidi un’e­ spressione di serenità completa. “John, sei davvero così tranquillo come sembra o stai facendo il coraggioso per me?”, gli chiesi. “Lo sai che non devi recitare, non con me almeno, e non sempre”. Rise in modo sommesso, mentre l’azzurro dei suoi occhi incontrava quello del cielo. I miei occhi erano velati di lacrime ma i suoi rimasero limpidi, splendenti, quasi gioiosi. Allora mi afferrò la mano e disse: “Lascia che ti spieghi una cosa. Se questa notizia avesse riguardato te, non so come avrei reagito. Ma visto che riguarda me, sappi che sto bene. Io ne uscirò comunque vittorioso: se Dio mi concede più tempo quaggiù, vinco, ma se non me lo concede vinco ugualmente. So che sarò con Cristo in cielo, ecco la vera vittoria. Perciò, non c’è bisogno che mi metta a strepitare, a piangere o a buttare le cose al­ l’aria. Questo pensiero mi rende davvero tranquillo.

12


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 13

Fammi Camminare con Te

Anzi, più mi avvicino alla meta più mi sento entusiasta della cosa!”. Allora, per la prima volta, mi accorsi che è molto più difficile percorrere questa strada se il diretto interessato non sei tu, ma una persona che ami. Se sei un credente hai tutto da guadagnare dopo la morte! È ovvio che il pensiero di dover morire fa male. Alcu­ ni trovano davvero difficile accettarlo. È necessario del tempo per riflettere sulla propria vita e, infine, per la­ sciarla andare. Ma il cristiano che affronta la morte, da­ vanti a sé non ha altro che gioia e splendore. La prospettiva di chi deve trovare un modo per dire addio, invece, è un po’ differente. Per John significava, in definitiva, essere con Cristo per l’eternità, andare a casa. Per me significava perdere mio fratello, vivere sen­ za di lui per il resto dei miei giorni sulla terra. Tuttavia, per milioni di persone avere un cancro non equivale necessariamente ad una sentenza di morte. Più semplicemente, esse giungono ad un punto dell’esisten­ za terrena in cui tutto cambia: si focalizza l’attenzione sulle cure e le terapie da seguire; ogni energia ed ogni sforzo si concentrano verso il solo obiettivo di stare me­ glio e guarire. L’esperienza con il cancro diventa un in­ terludio significativo nell’esistenza di un individuo. Per quanti sconfiggono questo male, la vita prosegue. Mio marito ne è un esempio. Nel 2007 gli fu diagno­ sticato un cancro alla prostata, decise di sottoporsi ad un intervento di prostatectomia e ora, per la grazia di Dio, non è più malato. Dopo l’intervento ha affrontato

13


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 14

Aiuto! Una Persona che Amo ha il Cancro

qualche lieve disagio, è stato ricoverato per un breve pe­ riodo in ospedale, ha sperimentato alcuni piccoli cam­ biamenti dovuti all’operazione, ma fondamentalmente è tornato alla vita di prima. Tuttavia, come infermiera di hospice, devo ammette­ re che non sono tanti i casi in cui l’incontro con la ma­ lattia si evolve positivamente. Al contrario, sono stata testimone di centinaia di vicende familiari, in cui i con­ giunti hanno camminato, assieme ai propri cari soffe­ renti, lungo quella strada tortuosa fino al termine della loro vita. La stessa strada che ho percorso io con mio fratello John. Ho raccontato molte volte del modo in cui egli ed altre persone abbiano affrontato vittoriosamente la malattia. Ho visto anche la grazia che le famiglie han­ no dimostrato viaggiando insieme al proprio caro attra­ verso il campo minato del tumore. La mia preghiera è che questo libro possa essere utile a quanti si sono sentiti diagnosticare un cancro. Ma an­ cor di più, spero che possa essere importante per le ani­ me coraggiose che circondano tali persone. È per loro che ho scritto questo libro.

Senza via di scampo? La prima tappa di questo viaggio prevede il superamento della fase di non accettazione della malattia. Si tratta di un mostruoso nemico che impedisce qualsiasi atteggia­ mento costruttivo. Esso pone una barriera tra te e Dio quando questa è l’ultima cosa che vorresti! Non dovrebbe

14


AIUTO_CANCRO_interni_xp8_Layout 1 21/01/11 09:12 Pagina 15

Fammi Camminare con Te

esserci nulla nella tua vita o nel tuo atteggiamento tale da ostacolare le tue preghiere. Quando siamo nella fase del rifiuto, neghiamo ­ di fatto ­ la provvidenza di Dio. Dob­ biamo allora ricordare che Dio è il “progettista divino” della nostra intera esistenza. Nulla ci accade che non sia permesso da Lui e che non sia concesso per uno scopo ben preciso. Morte, malattia, difficoltà ­ tutti effetti del primo peccato compiuto nel giardino dell’Eden ­ sono parte integrante del Suo piano per noi. Non piombano nella nostra vita senza una ragione, per il semplice capric­ cio di Dio. Non hanno nulla a che fare con il destino o il caso, ma rientrano nel piano accurato di un Padre giusto e santo, che permette certe cose per uno scopo divino. Cercare in tutti modi di sfuggire al disastro che si è abbattuto su noi è la reazione più naturale che possia­ mo avere e non si tratta nemmeno di una novità. Il re Davide ha descritto eloquentemente questo particolare tipo di angoscia in uno dei suoi Salmi: “Dentro di me palpita violentemente il mio cuore e una paura mortale mi è piombata addosso. Paura e tremito m’invadono, e sono preso dal panico; e io dico: «Oh, avessi ali come di colomba, per volar via e trovare riposo! Ecco, fuggirei lontano, andrei ad abitare nel deserto …»” (Salmo 55:4­6)

15


AIUTO!

UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO

AL A F LEN

ADI Media

Forse sei venuto a sapere che una persona a te cara è stata colpita da un tumore e ti senti sgomento. Trovi difficile accettare la diagnosi e non sai a chi rivolgerti per chiedere aiuto. Questo libro ti offre delle informazioni pratiche al riguardo e dei suggerimenti che saranno utili a prendere le decisioni giuste. Ma, più di ogni altra cosa, l’autore del libro addita a Gesù: l’Unico che può dare vero conforto in queste situazioni.

AIUTO! UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO

N

AIUTO-CANCRO_copertina_xp8_Layout 1 17/01/11 10:56 Pagina 1

Deborah Howard, infermiera professionale, con esperienza ventennale tra i malati di cancro, spesso visita chiese, svolge seminari e scrive libri per aiutare quanti sono stati colpiti, direttamente e non, da questa malattia.

ISBN 978-88-89698-52-5

Via della Formica, 23 - 00155 Roma Tel. 06 2251825 - 2284970 - Fax 06 2251432 adi@adi-media.it - www.adi-media.it

€ 4,50

9 788889 698525

AIUTO! UNA PERSONA CHE AMO HA IL CANCRO Deborah Howard

ADI Media

ADI Media

Servizio Pubblicazioni delle “Assemblee di Dio in Italia”

ADI Media

Consulente editoriale: Dott. Paul Tautges


Una Persona che Amo ha il Cancro