Issuu on Google+

[18

]

LA PROVINCIA

COMO

DOMENICA 17 APRILE 2011

[ REFERENDUM ]

Tutti in pista per dire «no» al nucleare A maggio sul palco di Rebbio anche gli attori di Zelig. Mobilitazione anche per l’acqua «bene di tutti» Per fermare il nucleare e affermare il diritto irrinunciabile alla fruizione dell’acqua pubblica, scende in campo a Como la squadra di Zelig. Un nutrito gruppo di attori della fortunata trasmissione di Italia Uno si esibirà giovedì 12 maggio alle 20.30 al teatro di Rebbio: scopo dichiarato ridere e divertirsi volgendo però lo sguardo ai referendum abrogativi del 12 e 13 giugno, dove i “Comitati per il Sì” comaschi che organizzano lo spettacolo chiedono tre “Sì” per: “evitare che entro al fine del 2011 le società che gestiscono attualmente le risorse idriche pubbliche debbano in tutta Italia cedere il 40% della società ai privati senza che i cittadini guadagnino un bel nulla in termini di servizio”; “evitare che ai privati venga garantito il 7% di utili nella gestione dell’acqua (che significa bollette più alte per il cittadino) senza che la collettività riceva nulla in cambio”; “fermare il piano di sviluppo del nucleare, che non risolve il problema energetico del nostro Paese e espone tutti a enormi pericoli”. I dettagli sul costo dei biglietti e altre specifiche sono in corso di definizione, ma si sa già che la pattuglia di Zelig in campo a Como sarà composta da: Alberto Patrucco (che si è potuto apprezzare sul piccolo schermo anche a Colorado Café); Nadia Puma (la “Marisa” di Colorado Café); Luca Klobas (che ha vestito i panni dell’albanese “Ratko” a Zelig Off); Diego Parassole (artista, cabarettista, in tour con lo spettacolo ecosostenibile “Che Bio ce la mandi buona”); Flavio Pirini (cantautore). Un team di comici e artisti di alto livello, che promette di offrire una serata scintillante all’insegna del buon umore, in cui temi civici di primo interesse, quali l’acqua e

Tra gli altri Patrucco; Nadia Puma (la “Marisa” di Colorado Café) e «Ratko» Luca Klobas

il nucleare, saranno coniugati all’interno di uno spettacolo che punta comunque a far ridere e divertire. Quello di giovedì 12 maggio rimane l’appuntamento di cartello all’interno di una lunghissima serie di iniziative promosse dal Comitato “2Sì per l’acqua bene comune” in coordinamento con il Comitato “Sì, per fermare il nucleare” per sensibilizzare l’opinione pubblica tutta (i Comitati hanno preso le distanze dai partiti) a recarsi alle urne il 12 e 13 giugno: banchetti per la distribuzione del materiale informativo sono previsti nei

sicuramente una biciclettata il 14 o 15 maggio, con partenza da tutta la provincia e arrivo nel capoluogo. Nelle stesse date verrà organizzato un dibattito all’Elmepe di Erba. Il 28 maggio, poi manifestazione di varie associazioni con sfilata a Como. Intanto, in attesa che Pdl e Lega definiscano una posizione ufficiale sui referendum, il primo partito a prendere posizione per il “Sì” a tutti e quattro i quesiti è il Pd con una nota della neo segretaria provinciale Savina Marelli. Luca Marchiò

[ I QUESITI ] Primo quesito (acqua/1) Modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica (acqua) A Como si è costituito il Comitato “2Sì per l’acqua bene comune” che chiede l’abrogazione «della norma che impone entro il 31 dicembre 2011 la cessione ai privati del 40% delle attuali gestioni dirette di Comuni ed enti pubblici, senza che i cittadini ne ricavino nulla in cambio». Non si ha notizia a Como della costituzione di un comitato per il “no” Secondo quesito (acqua/2) Determinazione della tariffa del servizio idrico integrato in base all’adeguata remunerazione del capitale investito Il Comitato comasco “2Sì per l’acqua bene comune” chiede l’abrogazione «della previsione obbligatoria del 7% degli utili ai privati in cambio di un bel nulla». Il sito internet è www.acquacomo.it . La sede del Comitato per il “sì” è in via Teresa Ciceri 12 a Como. Tel. 031.2740609, oppure la coordinatrice Eva Gabaglio 339.7527382. Non si ha notizia a Como della costituzione di un comitato per il “no” Terzo quesito (nucleare) Nuove centrali per la produzione di energia nucleare. E’ un referendum promosso dall’Italia dei Valori. A Como si è costituito un Comitato autonomo dai partiti “Sì, per fermare il nucleare” che punta ad abrogare le norme che prevedono la costruzione di nuovi centrali nucleari: sito internet comoenergiafelice.wordpress.com, telefono del coordinatore Paolo Di Adamo 331.8479988. Non si ha notizia a Como della costituzione di un comitato per il “no” Quarto quesito (legittimo impedimento) Legittimo impedimento del Presidente del Consiglio dei Ministri e dei Ministri a comparire in udienza penale. E’ un referendum promosso dall’Italia dei Valori. Si tratta del referendum più “partitico”. Non si ha la notizia a Como di Comitati indipendenti dai partiti

I TEMI Acqua pubblica, nucleare e legittimo impedimento le tematiche dei referendum di giugno

[ LA FIERA ]

Porchetta, piadina e patatine fritte A Pasqua sì al cibo sulle bancarelle (g. alb.) Con la “Festa di primavera”, che ha preso il via ieri sotto i portici del Broletto e proseguirà fino all’8 maggio (con apertura tutti i giorni dalle 9 alle 19), si sta entrando nell’atmosfera di Pasqua, e fra pochi giorni - per la precisione il 21 - lungo viale Varese torna anche la tradizionale “Fiera del giovedì santo”. Per l’occasione saranno ben 161 gli ambulanti provenienti da quasi tutta Italia che animeranno, fino al 25, lunedì di Pasquetta, la convalle. La graduatoria, stilata dal settore Commercio del Comune, è il risultato della selezione tra le 203 richieste pervenute agli uffici di via Odescalchi, con la regola della naturale riconferma per coloro che erano già presenti in passato. Si rinnova quindi quasi immutata l’offerta della Fiera, che si affiancherà al tradizionale mercato delle mercerie allestito lungo le mura cittadine, e che farà sparire per quasi una settimana tutti gli stalli blu tra piazza Cacciatori delle Alpi a viale Cattaneo. Tornando alle bancarelle e agli ambulanti, ve

mercati e in vari appuntamenti che si svolgeranno a Como, Cantù, Erba, Cernobbio, San Fermo della Battaglia, Fino Mornasco, Dongo, Gera Lario. Il Comitato “2Sì per l’acqua bene comune”, guidati dalla giovane Eva Gabaglio, può contare sul lavoro di 37 referenti territoriali che coprono tutto il territorio provinciale, da Sorico a Mariano Comense, da Erba a Olgiate. Il Comitato “Sì, per fermare il nucleare” è invece coordinato da Paolo Di Adamo e, oltre alle iniziative comuni con il Comitato per l’acqua, ha in programma

ne sono 4 che hanno l’opzione per la somministrazione di alimenti (frutta esotica fresca e disidratata, specialità alimentari dell’Emilia Romagna, porchetta e piadina romagnola, dolciumi pizze patatine fitte e bibite), mentre 17 sono gestite da stranieri. I primi 8 ambulanti in graduatoria hanno una anzianità di presenza di ben 33 anni, l’ultimo di soli 13 anni. Solo 9 poi sono le bancarelle comasche (14 provengono dalla provincia), mentre ve n’è una con autorizzazione rilasciata a Sassari e una a Cerignola in provincia di Foggia. Per quanto riguarda infine le volumetrie, i banchetti vanno dai 6 metri quadrati ai 24 dei più grandi. In tema di generi merceologici le bancarelle della Fiera di Pasqua proporranno, tra l’altro, oltre al gran numero di articoli dimostrativi, abbigliamento, casalinghi, utensili, calzature, ferramenta, fiori, articoli da regalo, giocattoli, pentole, artigianato in legno, ombrelli, articoli per la persona, bicchieri incisi, artigianato russo, animali, bigiotteria, maschere etniche, biancheria intima, borse tappeti e biancheria per la casa.


LaProvincia_17aprile