Issuu on Google+

Gennaio 2012

Organo di informazione mensile di ACCOA - Associazione Camere di Commercio per l’Europa Centrale

NEWS

n. 78

In Viaggio con ACCOA: Chisinau, capitale della Moldova! (p.4)

OSSERVATORIO

LE COMPAGNIE INFORMANO

BORSINO

Notizie e aggiornamenti dal mondo economico e finanziario dell’Europa CentroOrientale (p.3)

Aggiornamenti e novità sui collegamenti fra Italia ed Europa Centrale (p.5)

Consulta gli annunci e scopri nuove opportunità per il Tuo business (p.6)

EDITORIALE - novità e prospettive per il nuovo anno []

(p.2)


ACCOA Chambers of Commerce for Central Europe Via degli Arcadi, 7 34170 Gorizia - ITALY t. f. e. w.

+39 0481 550118 +39 0481 549768 redazione@accoa.it www.accoa.it

Nata come Camera di Commercio ItaloJugoslava, ACCOA, Camere di Commercio per l’Europa Centrale, è un’Associazione senza scopo di lucro che da quasi 60 anni si occupa di sviluppare le relazioni economico istituzionali fra l’Italia ed i Paesi del centro-est Europa. Si pone come punto di riferimento nei processi di internazionalizzazion e delle imprese italiane nell’area di competenza offrendo servizi a supporto, quali ricerca partner, individuazione di professionisti in loco, traduzioni, interpretariato e missioni ad hoc.

EDITORIALE Novità e prospettive per il nuovo anno L’anno che si è chiuso è sicuramente stato uno dei più difficili che la storia recente ricordi e quello appena iniziato già si intuisce non sarà facile. Molti sacrifici attendono le nostre imprese che faticano ogni giorno per uscire dalla crisi e dalle molte difficoltà che vengono via via riscontrate. Una delle risorse più importanti e che mostra, nonostante tutto, segnali positivi, è certamente l’export. L’Italia rimane fra i primi paesi esportatori in UE: secondo i dati ISTAT, infatti, il nostro Paese precede addirittura la Germania e la Francia. L’ i n t e r n a z i o n a l i z z a z i o n e e politiche internazionali mirate ed efficaci si dimostrano quindi, ancora una volta, strumenti vincenti in cui ACCOA ha sempre creduto e lavorato. L’Associazione per il 2012 ha in programma numerose novità a partire proprio dalla newsletter. Ai lettori più attenti, ma anche a quelli distratti, non sarà certamente sfuggita la nuova grafica, studiata per essere più accattivante e consultabile in modo rapido ed efficace. Anche il sito www.accoa.it sarà oggetto di restyling accanto all’ormai avviata presenza sui principali social networks (Facebook e Twitter).

Nei programmi di quest’anno sono previste anche diverse missioni per imprese italiane interessate ai mercati dell’Europa centro-orientale: Montenegro, Belarus, Croazia e Slovenia sono le mete messe in calendario (per le date e per i dettagli relativi alla partecipazione si rimanda a future comunicazioni apposite). Tali eventi saranno preceduti da incontri informativi dedicati ai settori chiave dei singoli paesi che saranno meta dei viaggi, in modo da fornire un quadro aggiornato e puntuale. Per rilanciare i servizi della nostra Associazione ed essere sempre più vicini alle imprese, saranno presto presenti sul territorio dei “promotori” che si faranno carico di raccogliere le nuove adesioni e le richieste c o m m e rc i a l i . C o s ì f a c e n d o ACCOA potrà rispondere in maniera sempre più efficace ai propri associati. Nell’augurarvi una buona lettura di questo primo numero di ACCOA News del 2012, Vi ricordiamo che la Segreteria G e n e r a l e r i m a n e s e m p re a disposizione per qualsiasi tipo di segnalazione e richiesta.

2


OSSERVATORIO Notizie e aggiornamenti dal mondo economico e finanziario dell’Europa Centro-Orientale

Montenegro: abolita tassa ecologica dal 1°gennaio 2012 Dal primo gennaio 2012 la tassa ecologica, entrata in vigore quattro anni fa e prevista per tutti i veicoli che entrano nel paese, è stata abolita. Il Ministero dello Sviluppo Sostenibile e del Turismo ha comunicato, infatti, che “la tassa ecologica è stata abolita al fine di adeguare le disposizioni del settore all’accordo sulla stabilizzazione e associazione (Asa) con l’Unione europea e alla Direttiva del Parlamento europeo sul pagamento dell’utilizzo di infrastrutture da parte dei mezzi pesanti”.

Serbia: 400 milioni di euro di investimenti per i Corridoi Paneuropei La società di costruzioni Koridori Srbije ha annunciato un piano d’investimenti per il 2012 del valore di 400 milioni di euro per la costruzione di infrastrutture stradali, dando rilievo e priorità a quelle riguardanti il Corridoio Paneuropeo 10 e il Corridoio 11, che collegherà Belgrado all’area dell’Adriatico meridionale. Il direttore di Koridori Srbije, Mihajlo Misic, ha reso noto che nel 2011 sono stati completati 88 chilometri dell’autostrada che collega la città di Horgos, al confine con l’Ungheria, con Novi Sad, capoluogo della Vojvodina. Sono stati inoltre realizzati circa 180 chilometri del Corridoio Paneuropeo 10 in territorio serbo. Misic ha poi aggiunto che nel 2012 si prevede il completamento delle parti del percorso del Corridoio che conduce verso il confine bulgaro e contemporaneamente verrà iniziata la costruzione della tratta che porta al confine con la Macedonia.

Russia: iniziata la progettazione delle condotte n°3 e 4 dal gasdotto north stream La società Gazprom nei prossimi mesi inizierà lo studio di fattibilità relativo alla realizzazione delle condotte n°3 e n°4 del gasdotto North Stream, che collega la Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico. La notizia è stata annunciata da A. Miller, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Gazprom, il quale ha sottolineato come dopo la messa in funzione della terza e quarta condotta, la capacità totale di trasporto del gasdotto dovrebbe raggiungere i 110 miliardi di metri cubi all’anno. A titolo di paragone, Miller ha evidenziato che nel 2011 Gazprom ha esportato in Europa poco più di 150 miliardi di m3 di gas.

3


La Capitale della Moldova: la verde Chișinău C h iși nău è l a c a p i t a l e e principale città della Moldova essendo anche il maggiore centro industriale e commerciale dello stato. Conta all’incirca 650.000 abitanti ed è collocata al centro del paese, sulle sponde del fiume Bîc, affluente del Dnepr. Il nome Chișinău nasce dall’unione di due parole in rumeno antico chișla (sorgente) nouă (nuova) poiché la leggenda narra che la fondazione della città, ad opera di alcuni monaci ortodossi, avvenne nelle vicinanze di una sorgente d’acqua. La città nacque nel 1436 e fece parte del Principato della Moldavia prima di cadere sotto l’influenza dell’Impero Ottomano all’inizio del XVI secolo. Nel 1812 fu ceduta dalla Turchia alla Russia che ne fece la capitale del Gover natorato di Bessarabia. Alla fine del secolo, a causa del diffondersi di forti sentimenti antisemiti in tutto l’Impero Russo e grazie alle favorevoli condizioni economiche, molti Ebrei decisero di trasferirsi a Chișinău fino a divenire il 43% della popolazione nel 1900. La città, però, fu teatro di due sanguinosi Pogrom nel 1903 e nel 1905, i quali provocarono una vasta emigrazione della popolazione ebraica verso l’Europa Occidentale e gli U.S.A. Dopo la Rivoluzione d’Ottobre la Bessarabia dichiarò la propria indipendenza dalla Russia e successivamente si unì al Regno di Romania. La città attraversò un periodo estremamente difficile durante gli eventi bellici della Seconda Guerra Mondiale. Infatti, fu occupata dall’Armata Rossa (1940) e nello stesso anno venne anche colpita da un forte terremoto. Nel

luglio del 1941 fu pesantemente bombardata e poi conquistata dall’esercito tedesco che durante l’occupazione sterminò le quasi 10.000 persone di religione ebraica che risiedevano ancora a Chișinău,. La città fu poi definitivamente

IN VIAGGIO CON ACCOA

riconquistata dall’Armata Rossa nell’agosto del 1944, a questo punto la città aveva perso il 70% dei suoi edifici. Dopo la guerra, la Bessarabia fu integrata all’interno dell’Unione Sovietica con il nome di Repubblica Socialista Sovietica di Moldavia e Chișinău ne divenne la capitale. In questo periodo la città fu completamente ricostruita secondo i dettami architettonici del realismo socialista. A seguito della dissoluzione dell’URSS la Moldova dichiarò la propria indipendenza il 27 agosto 1991 e Chișinău rimase la capitale del nuovo stato. A causa della complessa storia della città non sono molti i monumenti ad essere sopravvissuti, fanno eccezione la Cattedrale della Natività di Cristo eretta nel 1836 e caratterizzata dall’imponente campanile e l’Arco di Trionfo risalente al 1840 dedicato alla vittoria nella Guerra Russo-Turca del 1829. Di recente costruzione sono invece la statua di Stefano il Grande (1927) e l’Eternitate monumento eretto in ricordo dei caduti della Seconda Guerra Mondiale (1975). C h iși nău h a u n

clima

continentale caratterizzato da estati secche e calde con temperature medie di circa 25 gradi e da inverni ventosi in cui la colonnina di mercurio scende spesso sotto allo

In alto: il Palazzo Presidenziale Al centro: la Cattedrale della Natività di Cristo In basso: le Porte della città

a partire da marzo 2012 verranno attivati numerosi voli diretti dalle principali città del nostro paese (per

zero. La capitale della Moldova ad

informazioni maggiormente dettagliate si veda la sezione “le

oggi non è raggiungibile

compagnie informano” di questo numero di ACCOA news).

direttamente via aereo dall’Italia, ma

4


LE COMPAGNIE INFORMANO

Aggiornamenti e novità sui collegamenti fra Italia ed Europa Centrale Da Bologna, Bergamo, Roma e Venezia a Chisinau con Bruxelles, Barcellona, Istanbul, Varsavia, Praga, Atene, Bucarest, Sofia, Tirana, Palma di Maiorca e Minorca. Carpatair La Carpatair, compagnia aerea regionale romena con sede a Timisoara, ha annunciato l’apertura di ben quattro nuove rotte dall’Italia verso la capitale della Repubblica di Moldavia, Chisinau. Le città dalle quali saranno operativi i collegamenti sono Bologna, Bergamo, Roma e Venezia. I Voli dallo scalo di Bologna partiranno dal 20 luglio fino a metà settembre 2012, dall’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo) dal 29 marzo, dallo scalo di Roma Fiumicino dal 27 marzo e da Venezia dal 26 marzo. È già possibile acquistare i voli sul sito ufficiale della compagnia aerea (www.carpatair.com). I quattro nuovi voli si sommano alle rotte già operative dal vettore rumeno. Dall’Italia,infatti, partono voli regolari verso Timisoara, hub della compagnia, da Bari, Ancona, Roma Fiumicino, Bologna, Venezia e Bergamo Orio al Serio.

I biglietti, con un prezzo di partenza di 19 euro, sono già

acquistabili sul sito www.flyairone.com, attraverso il Call Center di Air One al numero 892.444 o presso le agenzie di viaggio. Rocco Sabelli, amministratore delegato di Alitalia, ha dichiarato: “I nuovi voli Air One da Venezia testimoniano il nostro impegno ad investire, nonostante la difficile congiuntura economica, nel presidio del mercato nazionale e nello sviluppo dell’offerta di collegamenti internazionali. Venezia ha grandi potenzialità di crescita del traffico aereo, siamo convinti che i nuovi voli di Air One rappresenteranno un forte stimolo al turismo tradizionale e a quello di affari”. Enrico Marchi, Presidente di SAVE, società che gestisce l'aeroporto di Venezia, ha affermato: “Per l’aeroporto di Venezia i nuovi voli Air One rappresentano una tappa molto importante della strategia di sviluppo dello scalo e ci permettono di chiudere l’anno con una nota di particolare ottimismo. L’operazione consolida l’intero network del nostro aeroporto,

Air One, 11 nuovi collegamenti internazionali da Venezia con un’offerta complessiva che offre soluzioni di viaggio per Air One, lo smart carrier del gruppo Alitalia, ha deciso di ogni specifica esigenza. I nuovi collegamenti vanno inoltre a posizionare su Venezia il proprio terzo scalo operativo, che va a rafforzare il ruolo del Marco Polo come scalo di transito insieme sommarsi a quelli di Milano Malpensa e di Pisa. A partire dal 4 marzo, due Airbus A320 garantiranno ben 11

ai grandi hub nazionali”. 

nuovi collegamenti internazionali da Venezia con le città di:

LE COMPAGNIE

CARPATAIR

AIR ONE

Per contattare Carpatair: reservations@carpatair.com oppure dall’Italia: Tel: +(39) 0236 006 676 

Per contattare Air One: piazza Almerico da Schio, Pal. RPU 00054 Fiumicino (RM) Tel. 892.444

www.carpatair.com

www.flyairone.com

5


BORSINO Per informazioni relative agli annunci scrivete a: service@accoa.it

Croazia Azienda croata è alla ricerca di partner italiani produttori di profili in alluminio per la produzione di antenne.

Polonia Produttore polacco di caldaie a pellet è alla ricerca di distributori in Italia. Si offrono caldaie ad alta efficienza di buon design.

Slovenia Ditta specializzata nella produzione di mobili in legno massello, mobili da giardino, accessori da cucina e giocattoli in legno è alla ricerca di nuovi partner commerciali in Italia.

Slovenia A Sezana (Slovenia), vendesi terreno edificabile di 325.000 m2 con permesso di costruzione di edifici per le attività commerciali o per l’industria alberghiera.

Russia Società russa operante nel settore della cosmetica professionale, attualmente distributore esecutivo di sei aziende internazionali, è interessata ad una nuova eventuale collaborazione con aziende italiane operanti nel settore.

Ungheria Società produttrice di strutture metalliche industriali, accessori di metallo per elettrodomestici e accessori per impalcature, è alla ricerca di clienti sul territorio italiano.

6


I NOSTRI SOCI “Sunblow: dove nasce il futuro” Sunblow è il marchio utilizzato dalla società Frames Network srl per presentarsi nel mercato delle nuove fonti energetiche. La società è la risposta italiana alla Frames Network co Limited di Hong Kong; società con la quale è avvenuto l’ingresso nel settore delle energie rinnovabili cinque anni or sono. Frames Network si è proposta nel fotovoltaico prima con materiali quindi con impianti chiavi in mano, ampliando poi il suo portafoglio prodotti inserendo nel portafoglio altre fonti energetiche quali biomasse, eolico e biogas. Frames Network sta vivendo un forte sviluppo nel mercato Italia grazie ad una scelta attenta di materiali ed una organizzazione capillare sul territorio. Frames Network sta altresì sviluppando la propria attività in mercati esteri. A tal proposito sono state recentemente costituite due società in Sud Africa, Energy Now e Sunblow S.A. e sono in corso trattative per aprire sedi in Brasile ed in alcuni paesi dell’est europeo. La missione: • Offrire servizi e prodotti avanzati; • Cogliere aspettative più o meno manifeste  dei clienti; • Offrire soluzioni economicamente ragionevoli e tecnicamente inappuntabili; • Costruire relazioni durature grazie a prestazioni professionali di ottimo livello; • Il valore di Frames Network è definito dalla qualità delle relazioni con i clienti e con i  partners. • Il rispetto e la fiducia sono alla base dei principi di Corporate Governance. • Focus sui clienti e impegno per offrire il miglior servizio disponibile. • Professionisti qualificati all’interno ed all’esterno impegnati a costruire e raggiungere l'eccellenza. Perché scegliere Sunblow: Frames Network definisce chiaramente gli obiettivi, e presenta una serie di aspettative che diventano parametro per valutare le prestazioni di ogni collaboratore e degli stessi partner; Frames Network persegue la propria attività con integrità, rispettando le diverse culture, la dignità ed i diritti degli individui in tutto il mondo; Frames Network mantiene il più alto livello di discrezione e di riservatezza; una priorità per proteggere clienti e partner a tutti i livelli; Frames Network lavora in modo professionale, evita i conflitti di interesse e non tollera la corruzione; Frames Network rispetta le leggi internazionali, promette solo ciò che può mantenere, non induce in errore gli altri e non partecipa ad inaccettabili pratiche commerciali; Frames Network crede nella costruzione di relazioni a lungo termine, e comprende le esigenze degli individui, clienti, appaltatori, fornitori, partner, comunità ed enti o organizzazioni;

Sedi operative a: Fano, Milano, Roma, Reggio Calabria

7


!

Siamo operativi per voi in: Albania, Belarus, BosniaErzegovina, Bulgaria, Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Macedonia, Montenegro, Moldova, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Ucraina, Ungheria.

FOLLOW US ON:

Pubblicazione periodica a cura della Redazione – viene inviata ai soci a titolo gratuito. Per richieste di numeri arretrati, informazione, approfondimento e cancellazioni dalla lista dei destinatari si prega di inviare un messaggio a: redazione@accoa.it Finito di impaginare a Gorizia il 17 gennaio 2012. Responsabile della pubblicazione: dott. Valerio G. Fratelli

8


ACCOA News - gennaio 2012