Page 1

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA


VG

visioni grafiche


40.000 copie

40.000

Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense)

EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) GS (Ostia - Staz. Lido C.) GS (Acilia - Via C. Beschi) GS (Dragona-V. Criminali) GS (Dragoncello Via O. Fattiboni) GS (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) GS (Fiumicino Via Angonio Angeloni) GS (Infernetto Viale Castel Porziano) GS (Infernetto Via Antonio Angeloni) GS (Infernetto - Via Boezi) GS IPERMERCATO (Torrino - V. Fosso Torrino) GS IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Acilia-V. di Saponara) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) STELAC CASTORO (Ostia

Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione

Bar Roberto Bar Mandara Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Extima Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Miss Pizza Ristorante El Matambre Selvaggio Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Torrino Sporting Center Vasian ACILIA - MADONNETTA Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika

SERVIZIO DI PORTA A PORTA PRESSO Axa - Casalpalocco - Infernetto - Villaggio Alitalia (Acilia)

Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante La Romanina Ristorante Mr. Beef Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi VITINIA - CALTAGIRONE Bar Caltagirone Edilmarmi La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante Frivolezze Ristorante La Carbonella Ristorante La Locanda Ristorante West Coast Tabaccheria Pirfo OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto International Bar

Lambretta Store Officine Interni Ristor. Cascina Spiga d’oro OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Ristorante Nemo Ristorante Zenit Snai Vancleef OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s

5


Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro

Jack’s ristorante Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Ristorante Add’e’ Scugnizz Ristorante La Bitta Tabacchi Fumi e Profumi

Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo St. Odont. Podda & Sorci

I nostri partners Pag. 124

Abitare Oggi

164

Lazioterm

14

Adidas Store

104

Leccornia (La)

68

Airtecnic

122

Legno + Ingegno

26

Alesì

66

Luna Piena (La)

138

Alessandra Sechi

53

Maison Douce

109

Angel’s hair

58

Mandarino asilo

45

Ariò

20

Marinauto

76

Arte Serramenti

152

Marriott Rome Park

96

AS Roma Store

139

Matilde Pelagalli

98

Autoscuola Campione

105

MC traslochi & trasporti

Axa Bike

140

Menandro Bar

103

AXA

88

Bali England

28

Mobili al centimetro

Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Pizza Eschilo Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Tru Trussardi Twinky

24

Baroni gioielli

84

Oasi arredo con stile

65

Bazaar delle idee regalo (Il)

32

Officina Estetica

118

Betting 2000 Premium

10

62

Biclim

CASALPALOCCO

INFERNETTO

Bar “44”

Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Rist. D’Arfredo ar Casale Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà

01-38

Officine Interni Ottica Baroni

108

Boccardi Donna

101

Bruna Man and Woman

60

Buffetti

42

Parco Giochi giocattoli (Il)

61

Calida Bodywear

34

Patio antico (Il)

52

Cannavale Immobiliare

98

Pets Shop

72

Caracolita (La)

140

PK Elite

20

Centro Estet. di Buccafurni A.

130

Pianeta Indaco

50 135

Ottica Romano Paola Sgrò estetica e make-up

36

Centro Estetico Fisiorelax

30

Playlife

70

ClimArt

02

Podda & Sorci Studio Odont.

82

Colossea Immobiliare

74

Priolo

119

Compro Oro

68

Prontotel

06

Conauto

110

Quality Gardenline

04

Consorzio Euroservices

52

Ranieri Costruzioni

37

Della Rocca pelletteria

112

Regie Auto e Car Service

65

Dettagli

56

Romanina Centro Comm. (La)

143

Dino Terracciano

40

Romus Re immobiliare

116

DMA e DMS

106

Donne Più

54

Seasons

138

Dott.ssa Galvani e Dott. Leacche

116

Se.Ma. Traslochi

100

Edil Immobiliare

66

Shen Center

102

Edilmarmi 3000

95

Sindici parrucchieri (I)

27

Easy Credit

46

Smile Body & Smile Hair

92

EnneBi Uomo

18

142

Sapore DiVino

100

Sole e Colore

Eschilo 1 Polisportiva

53

Studi in Corso

22

Estetica Lucia

73

Studio Bonardi Perugi

86

Extima Consulting Group

127

Studio Britos Architettura

36

Farfalle abbigliamento

128

Studio Odont. Assoc. Puzzilli

137

Fisioter

139

Studio Odont. Angelo Caputo

120

Flessi Porta

132

Studio Odont. Dr. Miniati

64

Francesca O.

48

114

Gamboni motorsport

114

Gamma Auto

12

Tor Vergata Centro Comm.

94

Giuliana Muti

78

T.R. Arredamenti

126

Golden Dragon Gym

92

Tru Trussardi

08

Granai C. Comm. (I)

30

Undercolors of Benetton

63

Idea Luce

22

Vancleef calzature

64

Ieva Scuola d’Arte

34

83

Ist. Scolast. Archimede 3000

136

Vasian

120

Vermaaten amministr. immobil.

163

Supermobili Thun

Vanity Center

44

Ist. Scolast. Giovanni XXIII

131

Jessica Melluso

90

Vivai Esotica

134

Kiflow

80

Vivai Primaverde

104

Lambretta Store

37

Lawrence

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@mirabiliagroup.it

144

GUIDA AI RISTORANTI

7


sommario ANNO 8 - NUM. 73 Speciale

15

15 16 19 19 23

Cinema

Roma 2009, il mondo in vasca Calendario

la 9a edizione

Roma vale una Olimpiade Un mondiale tutto particolare

Filmfest

87 L’Isola che c’è

23 Un tuffo nella storia 25 Maria (Marconi) full of grace 27 Un costume tutto d’oro

31

85 Ostia ha finalmente il suo

Tania Cagnotto: tuffi da finale mondiale

35

89

85 Filmare Festival: parte

87 I film del mese

97

Sport

Politica interna

97 100 Vele verso l’Abruzzo

Amministrative 2009: ecco

99 L’erba voglio

i risultati

35 Unione di Centro, ma con chi? 11

Esteri 39 Cuba in bilico 41 L’Europa recede nella

39

recessione

Costume e società 49 Immondizia in Campania, ecco tutte le “Ecoballe”

55 Salute e vecchiaia: meglio non rimanere soli

59 Se telefonando...

49

99

73 Consulenza del lavoro La libreria di Primaverde

83 Teatro 93 Spettacolando 101 Libri 103 Televisioni

113

105 DVD del mese 107 Moda e tendenze 113 Questione di cilindri

Plastica addio

115 Viaggi

Note speziate al ritmo di

121 Condominio e consumatori

Don Pasta

125 Arredamento

63 Sagre in vista 67

Editoriale

73 Cultura 81

43 Lituania è donna 43 Crisi di diritti umani

61

Rubriche

127 Architettura

Cose dell’altro mondo

131 Salute e benessere 137 Scienze

Arte

139 Psicologia

75 Riscoprire un Raffaello

75

nascosto

141 Budget e ricette

115

143 Ricette dello Chef

77 Angelico tra terra e cielo

162 Oroscopo

Spettacoli 79 Luglio suona davvero bene

144 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694

79 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

144 9


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE anno 8 - n.73 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@ac-overall.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@ac-overall.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@ac-overall.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@ac-overall.it

Redazione Grafica Giada Gargano - Marco Valeriani Pubblicità Simona Del Moro - Renata Di Santo Sergio Marà - Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto Relazioni Esterne Anna Calà anna@ac-overall.it

Dott. Paolo Fiore paolo@ac-overall.it

Amministrazione Ombretta Petrollo Segreteria Stefania Brunetto Hanno collaborato Elisa Marini - Anna Claudia Bianchi Simona Bottoni - Eleonora Isgrò Alessio Calamita - Stefania Paoli Michela Carè - Chiara Rovan Mario Sordi - Lorenzo Avellino Leonardo Caviola - Dante Cruciani Barbara Zorzoli - Simona Torri Ludovica Botti - Luca Salustri Valentina Mancini - Valeria Fanelli Gaetano Gaggiottino Armando Perugi - Dott. Angelo Caputo Lucia Bianco - Dino Terracciano Dott.ssa Matilde Pelagalli Avv. Nicholas M. Vermaaten Jessica Melluso - Paola Sgrò Antonio Balsamà - Andrea Bonardi Editore Associazione Culturale Overall Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@ac-overall.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi

editoriale

“In democrazia nessun fatto di vita si sottrae alla politica.” Gandhi Italia è davvero un angolo di terra eccezionale. Per gran parte della sua storia, da Roma al Rinascimento, se ne sono accorti in pochi. Chi aspirava alla civiltà doveva sostanzialmente conformarsi al Bel Paese: la devianza era tutta straniera, e tale era percepita. In seguito, in un quadro di allargamento del mercato mondiale, di cambiamento delle gerarchie internazionali, di nuove potenze emergenti, l’Italia ha comunque conservato i tratti distintivi di un Paese eccentrico. La versione ultima di questa singolarità tricolore riguarda il modo in cui noi percepiamo il concetto di moderna democrazia e il modo in cui le moderne democrazie percepiscono noi. Si è svolta da poco un’importante tornata elettorale. I risultati delle urne hanno sostanzialmente confermato i rapporti di forza esistenti in parlamento. Qualche piccolo spostamento di voti è avvenuto all’interno delle due coalizioni. Per il resto, il Paese ha ribadito il verdetto del 2008. Una situazione del genere, altrove, farebbe pensare ad un governo stabile, ad una legislatura in piedi fino alla sua scadenza naturale, ad un periodo in cui la coalizione in sella spenderebbe il consenso a favore di riforme incisive. Non in Italia. Sin dai giorni relativi alla celebre intervista a D’Alema - quella che ha parlato di possibili “scosse” e di “opposizione responsabile” - il mondo che ruota intorno ai palazzi del potere è in subbuglio. Già da prima, Berlusconi si era inabissato in un’insolita (almeno per lui) linea del basso profilo. La richiesta di divorzio, l’insistente campagna stampa interna e internazionale, il fallimento delle previsioni elettorali (Pdl oltre il 40%) hanno evidentemente fiaccato un uomo che ha fatto sempre di se stesso il prodotto politico migliore da vendere. Mettendo da parte l’inchiesta di Bari e le famose 10 domande poste da “La Repubblica” al Pre-

L’

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

mier, ciò che più stupisce di questa faccenda è la ricorrente incapacità per Berlusconi di capire che la politica vive delle regole della politica, che un conto è il messaggio relativo al marketing politicoelettorale, un altro è adeguarsi alle regole ineludibili del vivere da uomo di stato. Sono passati ormai 15 anni dal fatidico 1994. Le letture di questo quindicennio, tantissime, hanno ai due lati estremi la tesi sulle toghe rosse e quella sul consenso ottenuto attraverso il tubo catodico. Forse, ad un passo dalla possibile resa dei conti, rimane in piedi un’altra credibile ipotesi. Silvio Berlusconi, per quanto abile centralizzatore di istanze politiche e interessi sociali, è sempre stato vissuto dagli altri leader politici (compresi quelli a lui vicini) come un uomo lontano dalla politica, estraneo al linguaggio istituzionale, non svezzato ai comportamenti propri della vita di partito. Giunto alla politica per interesse e intuito, Berlusconi ha continuato a viverla dall’alto, con la mentalità ammaestrante dell’imprenditore lombardo. Essendo un pezzo dell’Italia profonda, all’estero è incompreso e spesso oscurato nel ruolo di rappresentanza che è chiamato a svolgere. Nessuno dei media internazionali si fa sfuggire l’opportunità di tramutare la grigia notizia di un importante summit internazionale in una pagina sulle eccentricità del Presidente del Consiglio italiano. A prescindere da come andrà a finire, così facendo Berlusconi si è ormai bruciato l’ultimo pezzo di strada che voleva percorrere (quello verso il Quirinale). Dunque, politico di fatto, non fatto per la politica.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.554 del 2-10-2002

11


speciale

di Elisa Marini

Roma 2009 il mondo in vasca le nazioni partecipanti, 2.500 gli atleti in gara, 400.000 i visitatori previsti: a 15 anni di distanza dalla precedente edizione italiana, ecco i numeri dei campionati mondiali di nuoto in programma a Roma dal 17 luglio al 2 agosto. Quello di allora fu il mondiale di Popov e della Van Almsick: lo “zar” conquistò l’oro nei 50 e nei 100 stile libero e trascinò la staffetta russa alla conquista dell’argento nella 4x100 stile e nella 4x100 misti; la nuotatrice tedesca infiammò e vinse l’oro nei 200 stile registrando il nuovo record del mondo. Gli appassionati si domandano se questo sarà il mondiale di Michael Phelps: dopo le 8 medaglie di Pechino c’è da aspettarselo, ma la storia del nuoto insegna che nulla può essere dato per scontato. A contendere il podio allo statunitense ci saranno Cseh nei misti e nella farfalla, Bernard e Sullivan nei 50 e nei 100 stile e, ovviamente, il nostro Filippo Magnini che, archiviata la prestazione olimpica, è chiamato a difendere il titolo conquistato due anni fa a Melbourne. Tra le star internazionali più attese anche Mellouli, Hacket e Stevens sulle lunghe distanze (1500 e 800 stile). Per ciò che invece concerne gli azzurri, impossibile non nominare i beniamini del pubblico: Rosolino e Marin, oltre al giovane Colbertaldo, bronzo negli 800 stile ai precedenti campionati. L’Italia è pronta a giocarsi il podio anche nelle competizioni a staffetta: Stati Uniti, Australia e Francia le nazioni da battere. Sul versante femminile, in attesa di capire se la Manaudou scenderà ancora in vasca, l’attenzione

182

si concentra soprattutto su Rice, Jones, Hoff e Jedrzejczak. Il pubblico, naturalmente, aspetta le due fuoriclasse medagliate olimpiche Alessia Filippi e Federica Pellegrini. I mondiali di nuoto avranno come centro il Villaggio accoglienza realizzato al Foro Italico: un’area di 68.000 mq che ospiterà anche eventi, spettacoli e concerti ed avrà ogni giorno un “sindaco” d’eccezione. Tra gli altri, hanno confermato la presenza Francesco Totti, Alessia Marcuzzi e Carlo Verdone. Allestita anche una piscina in cui i più piccoli potranno sfidare un nuotatore professionista per vincere un biglietto d’ingresso. Lo “storico” Stadio del nuoto (da 14.000 posti) ospiterà le competizioni in vasca e i tuffi, l’impianto Nicola Pietrangeli (5.000) le gare di nuoto sincronizzato, il centrale del tennis (7.000) gli incontri di pallanuoto. La cerimonia di apertura - 18 luglio alle 21 in diretta Rai - si svolgerà allo Stadio dei Marmi e avrà per protagonisti Monica Bellucci, Giovanni Allevi e Claudio Baglioni, autore dell’inno ufficiale della manifestazione. La competizione si aprirà, però, il giorno prima con i tuffi, disciplina in cui sono particolarmente attesi i nostri atleti - Cagnotto, Dallapè, Dell’Uomo e Marconi in particolare - e i campioni cinesi, russi e canadesi. Appuntamento a partire da sabato 18 per il sincronizzato, con Russia, Spagna, Cina e Giappone a contendersi il gradino più alto del podio. Il 19 e il 20, poi, prenderanno il

Partono i mondiali di nuoto: ecco le strutture, i numeri e i probabili protagonisti via gli incontri di pallanuoto: Ungheria, Stati Uniti, Serbia e Croazia le nazioni favorite. L’Italia, subito dietro, dovrà dimostrare di essere compagine da prima fascia. Il nuovo polo natatorio di Ostia - con una tribuna in spiaggia di circa 600 posti - ospiterà infine le gare di nuoto in acque libere: 5, 10 e 25 km. Tra le squadre maggiormente accreditate, oltre a quelle russa e tedesca, anche la nostra nazionale, che ha dominato gli ultimi europei di specialità e ottenuto importanti risultati anche in coppa del mondo.

MICHAEL PHELPS

15


17 Luglio VENERDÌ 17 LUGLIO TUFFI 10,00/13,00 Trampolino 1m U Preliminari 14,15/17,00 Piattaforma 10m D Preliminari 17,30/19,00 Trampolino 1m U Finali SABATO 18 LUGLIO TUFFI 10,00/11,30 Piattaforma 10m D Semifinali 12,30/14,30 Trampolino Sincronizzato 3m U Preliminari 15,30/16,45 Piattaforma 10m D Finali 17,15/18,30 Trampolino Sincronizzato 3m U Finali NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/13,30 Team tecnico Preliminari DOMENICA 19 LUGLIO NUOTO IN ACQUE LIBERE 8,30/10,00 5km D 11,00/12,30 5km U TUFFI 10,30/13,00 Trampolino 1m D Preliminari 13,45/15,15 Piattaforma Sincronizzata 10m D Preliminari 16,00/17,15 Trampolino 1m D Finali 18,15/19,30 Piattaforma Sincronizzata 10m D Finali

16

Calendario PALLANUOTO FEMMINILE 9,30 CHN-HUN 10,50 RUS-GRE 12,10 USA-KAZ 13,30 NZL-RSA 15,00 CAN-AUS 16,20 GER-ESP 17,40 BRA-NED 19,00 UZB-ITA NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,30 Team tecnico Finali 17,00/20,00 Singolo tecnico Preliminari LUNEDÌ 20 LUGLIO TUFFI 10,00/13,15 Trampolino 3m D Preliminari 14,00/17,15 Piattaforma 10m U Preliminari 18,00/19,30 Trampolino 3m D Semifinali PALLANUOTO MASCHILE 9,30 RSA-GER 10,50 CAN-HUN 12,10 MNE-CHN 13,30 CRO-BRA 17,00 KAZ-AUS 18,20 SRB-ESP 19,40 MKD-ROU 21,00 USA-ITA NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,15 Singolo tecnico Finali 17,00/20,30 Duo tecnico Preliminari

TUFFI 10,00/11,45 Piattaforma 10m U Semifinali 15,30/16,45 Trampolino 3m D Finali 17,45/19,15 Piattaforma 10m U Finali

17,00/20,30 Singolo libero Preliminari

PALLANUOTO FEMMINILE 9,30 KAZ-GRE 10,50 RUS-USA 12,10 AUS-RSA 13,30 NZL-CAN 17,00 NED-ESP 18,20 GER-BRA 19,40 UZB-CHN 21,00 HUN-ITA

TUFFI 13,00/14,30 Trampolino Sincronizzato 3m D Preliminari 15,15/16,45 Trampolino 3m U Finali

NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,30 Duo tecnico Finali 17,00/19,45 Libero combinato Preliminari MERCOLEDÌ 22 LUGLIO NUOTO IN ACQUE LIBERE 10km U TUFFI 10,00/14,45 Trampolino 3m U Preliminari 17,00/18,45 Trampolino 3m U Semifinali PALLANUOTO MASCHILE 9,30 BRA-CHN 10,50 MNE-CRO 12,10 ESP-AUS 13,30 KAZ-SRB 17,00 USA-MKD 18,20 HUN-GER 19,40 RSA-CAN 21,00 ROU-ITA

MARTEDÌ 21 LUGLIO NUOTO IN ACQUE LIBERE 10,00/12,30 10km D

NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/13,05 Libero combinato Finali

GIOVEDÌ 23 LUGLIO NUOTO IN ACQUE LIBERE 8,30/14,30 25km D

PALLANUOTO FEMMINILE 9,30 NZL-AUS 10,50 CAN-RSA 12,10 GER-NED 13,30 BRA-ESP 17,00 UZB-HUN 18,20 RUS-KAZ 19,40 USA-GRE 21,00 CHN-ITA NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,30 Singolo libero Finali 17,00/20,30 Duo libero Preliminari VENERDÌ 24 LUGLIO TUFFI 13,00/14,45 Piattaforma Sincronizzata 10m U Preliminari 15,45/17,00 Trampolino Sincronizzato 3m D Finali PALLANUOTO MASCHILE 9,30 KAZ-ESP 10,50 SRB-AUS 12,10 USA-ROU 13,30 RSA-HUN


2 Agosto 17,00 CAN-GER 18,20 MNE-BRA 19,40 CRO-CHN 21,00 MKD-ITA

LUNEDÌ 27 LUGLIO

TUFFI 13,00/14,30 Piattaforma Sincronizzata 10m U Finali

NUOTO 9,00/11,30 100m Dorso D 200m Stile libero U 100m Rana D 100m Dorso U 1.500m Stile libero D 18,00/20,30 100m Rana U 100m Farfalla D 100m Dorso U SF 100m Rana D SF 50m Farfalla U 100m Dorso D SF 200m Stile libero U SF 200m Misti D

PALLANUOTO FEMMINILE 9,00/21,00 Preliminari II

PALLANUOTO FEMMINILE 8,40/21,00 Quarti di finale

NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,40 Team libero Finali

MARTEDÌ 28 LUGLIO

NUOTO SINCRONIZZATO 11,00/12,30 Duo libero Finali 17,00/19,55 Team libero Preliminari SABATO 25 LUGLIO NUOTO IN ACQUE LIBERE 8,30/14,30 25km U

DOMENICA 26 LUGLIO NUOTO 9,00/12,30 100m Farfalla D 400m Stile libero U 200m Misti D 50m Farfalla U 400m Stile libero D 100m Rana U 4x100m Stile libero D 4x100m Stile libero U 18,00/20,30 100m Farfalla D SF 400m Stile libero U 200m Misti D SF 50m Farfalla U SF 400m Stile libero D 100m Rana U SF 4x100m Stile libero D 4x100m Stile libero U PALLANUOTO MASCHILE 9,00/21,00 Preliminari II

NUOTO 9,00/11,30 50m Rana U 200m Farfalla U 200m Stile libero D 800m Stile libero U 18,00/20,30 200m Stile libero U 100m Dorso D 50m Rana U SF 1.500m Stile libero D 100m Dorso U 200m Stile libero D SF 200m Farfalla U SF 100m Rana D PALLANUOTO MASCHILE 8,40/21,00 Quarti di finale MERCOLEDÌ 29 LUGLIO NUOTO 9,00-11,30 50m Dorso D 100m Stile libero U 200m Farfalla D

200m Misti U 18,00/20,30 100m Stile libero U SF 50m Dorso D SF 200m Farfalla U 200m Stile libero D 50m Rana U 200m Farfalla D SF 200m Misti U SF 800m Stile libero U PALLANUOTO FEMMINILE 9,00/21,00 Semifinali GIOVEDÌ 30 LUGLIO NUOTO 9,00/11,30 100m Stile libero D 200m Dorso U 200m Rana D 200m Rana U 4x200m Stile libero D 18,00/20,30 100m Stile libero D SF 200m Misti U 200m Rana D SF 100m Stile libero U 200m Farfalla D 200m Rana U SF 50m Dorso D 200m Dorso U SF 4x200m Stile libero D PALLANUOTO MASCHILE 9,00/21,00 Semifinali VENERDÌ 31 LUGLIO NUOTO 9,00/11,30 50m Stile libero U 50m Farfalla D 100m Farfalla U 200m Dorso D 4x200m Stile libero U 800m Stile libero D 18,00/20,30 100m Stile libero D 200m Dorso U

50m Farfalla D SF 50m Stile libero U SF 200m Rana D 100m Farfalla U SF 200m Dorso D SF 200m Rana U 4x200m Stile libero U PALLANUOTO FEMMINILE 9,00/21,00 Finali SABATO 1 AGOSTO NUOTO 9,00/12,30 50m Stile libero D 50m Rana D 50m Dorso U 4x100m Mista D 1.500m Stile libero U 18,00/20,30 50m Farfalla D 50m Stile libero U 200m Dorso SD 50m Rana D SF 100m Farfalla U 50m Stile libero D SF 50m Dorso U SF 800m Stile libero D 4x100 Mista D PALLANUOTO MASCHILE 9,00/21,00 Finali DOMENICA 2 AGOSTO NUOTO 9,00/11,30 400m Misti U 400m Misti D 4x100m Mista U 18,00/20,30 50m Dorso U 50m Rana D 400m Misti U 50m Stile libero D 1.500m Stile libero U 400m Misti D 4x100m Mista U

17


speciale

di Elisa Marini

Roma vale una Olimpiade Fioravanti pronostica i possibili protagonisti e l’auspicabile ruolo di Roma I campionati potrebbero regalarci qualche sorpresa? Ci sono molti atleti giovani di talento. Penso, in particolare, ai ragazzi della rana che avranno un’occasione in più per l’assenza dei due grandi campioni Kitajima e Hansen.

DOMENICO FIORAVANTI

o ricordiamo sul gradino più alto del podio a Sydney nel 2000, durante la XXVII edizione delle olimpiadi (oro per i 100 e 200 metri rana). Uscito dal mondo del nuoto professionistico nel 2004 a causa di una diagnosi medica che sconsigliava la continuazione dell’attività agonistica, Domenico Fioravanti è diventato negli ultimi cinque anni un uomo della comunicazione. In tale veste, in particolare come testimonial dei prossimi mondiali di nuoto, il campione piemontese ci ha parlato della squadra italiana, degli impianti di Roma e della controversia sulle tecnologie riguardanti i nuovi costumi.

L

Quali sono a tuo parere le potenzialità, le ambizioni, i possibili obiettivi della squadra italiana ai prossimi Campionati del mondo? Oggi il settore femminile è il fiore all’occhiello della nazionale: sono le ragazze ad essere sotto i riflettori e a trainare il gruppo! Gli atleti maschili hanno le potenzialità e la forza agonistica per giocarsi qualcosa, ma le difficoltà sono tante perché gli stranieri sono molto forti, soprattutto i francesi nello stile libero. Noi possiamo puntare sicuramente sulla staffetta 4x200, in cui siamo leader da anni.

C’è un impianto che ti ha particolarmente colpito? Un bell’impianto è certamente quello dell’Aniene, che è utilizzato dalla squadra per completare gli allenamenti e che ospiterà la nazionale di sincronizzato. Qual è la tua opinione sull’uso dei costumi che migliorano le prestazioni? Penso che il nuoto debba restare il

nuoto, cioè non debba essere condizionato da eventi “extra”. Un po’ di tecnologia in più va bene per migliorare il rendimento, ma non bisogna arrivare a snaturare lo sport. Quanto può fare il Mondiale di Roma per l’ambiente del nuoto? L’obiettivo dell’evento è certamente quello di lasciare qualcosa a Roma e all’Italia e di ampliare un bacino di utenza che è già molto alto: attualmente i praticanti sono 5 milioni. Un bel Campionato, in termini di risultati e di buona riuscita dell’organizzazione, rappresenta poi un ottimo biglietto da visita per candidarsi ad ospitare una prossima Olimpiade.

Un mondiale tutto particolare Intervista a Luca Sacchi: le emozioni da commentatore, i nomi da tenere d’occhio e le evoluzioni di uno sport pieno di cambiamenti Quanto è cambiato x atleta di primo LUCA SACCHI il mondo del nuoto piano del nuoto itanel corso degli anni? liano (bronzo ai 400 misti alle Olimpiadi di BarNel tempo abbiamo cellona del 1992 e primatiassistito all’introdusta del mondo nello steso zione di tante gare anno), ora commentatore che prima non televisivo, Luca Sacchi è c’erano: in passato una guida tecnica preziosa la stagione prevedeper orientarsi nei cambiamenti relativi va pochi appuntamenti mirati, poi al più importante sport acquatico. Con sono state aggiunte molte competilui abbiamo discusso di come è perce- zioni importanti - trial interni, vasca pito il nuoto in Italia, di che tipo di pre- corta, meeting internazionali - e queparazione è necessaria per mantener- sto ha portato cambiamenti anche si ad alti livelli, di quale potrebbe nella preparazione. Oggi quasi tutti gli essere lo scarto tra le attese e le sor- atleti europei nuotano ad alti livelli più prese al prossimo mondiale. Se a spesso ed è migliorata la capacità di quello che dice seguiranno i fatti, affrontare le competizioni: l’agonismo potrebbero arrivare molte soddisfazio- è più strutturato, più alto come livello. ni per la nostra nazionale… Anche il mondo intorno al nuoto ha

E

19


speciale MASSIMILIANO ROSOLINO

fatto dei grandi balzi in avanti: la struttura organizzativa è più solida e l’atleta è diventato un punto di riferimento per giornalisti, sponsor e curiosi. Qual è la gara che ti ha emozionato di più nella tua esperienza da commentatore? Senza dubbio i giochi olimpici di Sydney, sia perché si trattava della mia prima esperienza sia per il grande fascino dato dalla straordinaria partecipazione. L’emozione più grande è stato commentare il primo oro italiano, quello di Domenico Fioravanti (record olimpico nei 100 metri rana, ndr). Alla luce dei risultati dei Mondiali di Melbourne e delle Olimpiadi d ello scorso anno, cosa ci si può aspettare da questa edizione dei campionati? Bisogna premettere che ci sono grandi differenze tra un mondiale preolimpico e un mondiale post-olimpico. Chiaramente mi aspetto risultati inferiori rispetto ai campionati del 2007, che comunque sono stati particolari perché si sono svolti fuori stagione. Alcuni grandi personaggi non ci ALESSIA FILIPPI saranno - penso, ad esempio a Natalie Coughlin - altri faranno un programma ridotto, come Phelps. Questo potrà togliere un po’ di valore tecnico alla competizione, ma non inciderà certamente sullo spettacolo. Per quanto riguarda gli italiani, l’interesse si sta spostando verso il settore femminile, e questo è paradossale perché il livello maschile è avanti di 10 anni in termini di competitività. Le favorite restano la Pellegrini e la Filippi, ma attenzione alla Scarcella: potrebbe essere la sorpresa di questi campionati (ha ottenuto il record italiano agli ultimi assoluti di Pescara nei 100 e nei 200 metri rana, ndr). Vedo grandi possibilità di andare a medaglia anche per le staffette della 4x200 metri stile libero, maschile e femminile.

sare del tempo; ci sono anche atleti, però, che decidono di smettere ancora molto giov ani. L’ap pagamento d at o dalle vittorie ottenute può convivere NATALIE COUGHLIN

c on il desiderio di r a g g i u n g e r e n u o vi traguardi? Il nuoto è per natura uno sport di auto motivazione, una disciplina che ti permette - se impari a conoscere te stesso - di andare avanti nel tempo e di far valere l’esperienza. Certamente assistiamo ad un progressivo invecchiamento da parte degli atleti, che restano motivati nonostante il passare del tempo. Quello che impressiona, in particolare di Rosolino, non è tanto l’età anagrafica quanto la longevità sportiva: ha partecipato a quattro olimpiadi. Gli atleti che smettono presto in genere sono quelli che hanno ottenuto grandi risultati in età molto giovane e sono stati sottoposti a stress e responsabilità che i loro coetanei non hanno dovuto subire.

FEDERICA PELLEGRINI

Ci sono nuotatori, come Massimiliano Rosolino, che continuano a trovare la motivazione per gareggiare nonostante il pas-

21


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


speciale

di Elisa Marini

Tania Cagnotto: tuffi da finale mondiale lasse ‘84, indiscussa regina italiana del trampolino, Tania Cagnotto è un’atleta giunta da tempo alla consacrazione internazionale. Sebbene molti insistano su un Dna da predestinata - il padre è il celebre Giorgio Cagnotto e la madre è Carmen Casteiner (anch’essa dominatrice del trampolino negli anni ‘70) - Tania Cagnotto si è conquistata i gradini più alti dei podi internazionali con il lavoro e la passione di chi ce l’ha messa tutta. Abituata ai metalli nobili sin dal 2002 (bronzo agli Europei di Berlino), Tania è fresca dei successi degli ultimi Campionati Europei di Torino (aprile 2009): suoi tre dei sette ori che hanno fatto della squadra italiana la compagine da battere a livello continentale.

C

Partiamo dalle ultime Olimpiadi: come giudichi la tua prestazione? Sono soddisfatta del mio quinto posto.

TANIA CAGNOTTO

Intervista alla campionessa italiana: le avversarie da battere, la ricerca della giusta tensione, i pronostici sulla squadra italiana Certo, dopo due bronzi mondiali non nego di aver sperato e creduto, almeno un poco, alla possibilità di vincere una medaglia, ma la russa ha fatto la gara della sua vita. Essere arrivata dopo due cinesi e una campionessa olimpica va bene comunque.

Ho ottenuto questi risultati a Torino anche grazie al pubblico. Sono molto felice del fatto che a Roma arriveranno una ventina di amici da Bolzano per vedermi. Sarà comunque una bellissima esperienza. Quali sono le atlete che ti impensieriscono maggiormente? Come al solito le cinesi. Ma quelle da battere sarebbero la russa, un’australiana e un’americana... Quali sono le chance della squadra italiana? CHRISTOPHER SACCHIN

Quale obiettivo pensi di poter raggiungere a questi Campionati del mondo? L’obiettivo è, innanzitutto, quello di entrare in finale e di dare il massimo. Poi si vedrà. Gli ottimi risultati ottenuti agli Europei di Torino fanno pensare che non soffri la tensione data dal gareggiare “in casa”: le aspettative e il tifo del pubblico romano rappresenteranno una tensione in più o saranno la carica per fare meglio?

Abbiamo Christopher Sacchin che ha già vinto un bronzo ai mondiali di Melbourne, e Francesco Dell’Uomo che potrebbe entrare in finale dalla piattaforma, come Nicola Marconi. Poi ci sono anche Noemi Batki dai 10m e il sincro femminile, sempre dai 10m.

Un tuffo nella storia Breve excursus della disciplina più spettacolare n Italia le origini della disciplina sportiva dei tuffi risalgono all’800. Più precisamente, tali origini sono legate ai “salti” che si effettuavano presso la vasca dello stabilimento Bagno di Diana di Milano. Sembra che la prima gara relativa a questa disciplina si sia svolta nel 1896, mentre il primo campionato nazionale è datato 1900 (la gara si è svolta sempre presso i Bagni di Diana). Di lì a poco la disciplina acquisterà anche rilevanza internazionale, con un atleta italiano (Carlo Bonfanti) subito sulla vetta nella prima edizione dei “Campionati del Mondo” (Parigi, 1905). Molto curioso il fatto che, pur cambiando le strutture e i supporti tecnici, il programma delle gare internazionali (piattaforma e trampolino) è rimasto pratica-

I

23


VG

visioni grafiche


mente immutato dal 1928 al 2000, quando ai Giochi di Sydney sono state introdotte quattro prove (due maschili e due femminili) di salti sincronizzati. A livello internazionale, il grandissimo Greg Louganis (4 ori

speciale

Maria (Marconi) full of grace Intervista alla tuffatrice romana. Canada, Usa e Cina le nazioni da battere aria Marconi, classe ‘84, è una delle speranze azzurre al prossimo mondiale. Presente sui podi internazionali sin dal 2002 (bronzo nel sincronizzato da 3m con Tania Cagnotto), la tuffatrice romana giocherà in casa, forte dell’argento conquistato agli ultimi campionati europei di Torino (aprile 2009). Con lei abbiamo parlato dei possibili avversari, dello stato di forma della squadra italiana e del “fattore pubblico”.

M

GREG LOUGANIS

olimpici e 5 titoli mondiali) è considerato unanimemente il più grande di tutti i tempi. In Italia la storia della disciplina è legata soprattutto ai nomi di Carlo GIORGIO CAGNOTTO Dibiasi, Klaus Dibiasi e Giorgio Cagnotto. Carlo Dibiasi partecipa ai Giochi di Berlino 1936 e diventa poi il maestro del figlio Klaus, destinato a diventare l’unico tuffatore a vincere l’oro nella stessa specialità (piattaforma) in tre diverse edizioni consecutive dei Giochi (Città di Messico 1968; Monaco 1972; Montreal 1976). GiorKLAUS DIBIASI gio Cagnotto, inserito anch’egli dal 1991 nella Hall of Fame internazionale degli sport acquatici, ha collezionato due argenti (Monaco 1972 e Montreal 1976) e due bronzi olimpici (Monaco 1972 e Mosca 1980).

Come si presenta ai Mondiali la squadra azzurra? Il gruppo è praticamente lo stesso di Pechino, fatta eccezione per Brenda Spaziani che si è qualificata per la piattaforma da 10 metri e per il duo DallapéCagnotto, qualificato nel trampolino da 3. Rispetto alle Olimpiadi, la partecipazione ai Campionati del mondo viene vissuta in genere con maggiore tranquillità perché le pressioni sono minori. Io sono soddisfatta della mia prestazione olimpica e spero di partecipare alla competizione di Roma con una marcia in più. Ovviamente dovremo vedercela con atleti molto forti, sia europei che del resto del mondo. Canada, Stati Uniti e Cina restano le nazioni favorite. Come ti stai preparando ad affrontare la tua gara? Attualmente stiamo lavorando ancora sulla quantità. Solo in una fase successiva gli allenamenti si concentreranno sulla qualità dei tuffi. La gara, come sempre, la farò per me stessa. Cercherò di affrontarla con tranquillità ed equilibrio, perché nel trampolino da 1 metro se fai errori è molto difficile risalire la classifica.

Hai qualche ricordo dell’edizione dei campionati che si tenne a Roma nel 1994? In realtà pochi, perché ero troppo piccola. Mi ricordo però che mia madre mi ha portato a vedere molte gare. MARIA MARCONI

Quanto può incidere sulla prestazione il fatto di gareggiare “in casa”? Sicuramente sentiremo la pressione, perché ci sono molte aspettative su di noi. Allo stesso tempo, però, il pubblico rappresenterà un aiuto e ci darà una grande carica. Lo dimostrano gli ottimi risultati che abbiamo ottenuto agli Europei di Torino: la grande presenza dei tifosi ci ha sostenuto e ci ha permesso di fare molto bene (Maria Marconi ha conquistato l’argento nel trampolino da 1 metro; Tania Cagnotto l’oro nel trampolino da 1 metro e da 3 metri, e nel sincro con Francesca Dallapé, ndr).

TANIA CAGNOTTO FRANCESCA DALLAPE'

25


VG

visioni grafiche


speciale

di Anna Claudia Bianchi

Un costume tutto d’oro Tessuti tecnici sotto accusa, scoppia il caso dei costumi evento acquatico più atteso della capitale è nato sotto una cattiva stella. Come se non bastassero gli scandali edilizi e i sequestri delle strutture, a pochi giorni dal taglio del nastro la FINA mette “fuori legge” alcuni costumi da gara. La Federazione internazionale di nuoto (FINA), insospettita dalla valanga di record registrati negli ultimi 16 mesi (126 primati mondiali stabiliti dal marzo 2008) e sotto l’impulso delle nuove regole stabilite con la Carta di Dubai il 14 marzo scorso, ha ordinato al Prof. Jan-Anders Manson del Politecnico federale di Losanna (EPFL) di eseguire dei test per verificare una possibile relazione tra i risultati strabilianti ottenuti dagli atleti e i costumi high-tech di ultima generazione. Oggetto del contendere sono i nuovi modelli composti da neoprene, poliuretano e altri materiali altamente idrodinamici che svolgono un’azione di compressione fisica e aumentano la galleggiabilità dell’atleta grazie all’incameramento di bolle d’aria tra gli strati. Su 348 costumi esaminati da Manson e dalla sua équipe di ricercatori, la FINA ha bocciato 10 modelli rimandandone al “costruttore” 136 che dovranno essere modificati entro giugno. Tra i modelli incriminati indossati dai campioni nelle gare oggetto di record disputate nei mesi scorsi, compaiono anche il Jaked 01 portato da Frederick Bousquet (50 stile libero) e dalla nostra Federica Pellegrini (200 stile libero), e l’X-Glide dell’Arena utilizzato dal francese Alain Bernard (100 stile libero). Nel 2005 sono stati introdotti nelle gare degli indumenti moderni a seguito dell’emanazione di una norma che obbliga i fabbricanti a creare costumi con una superficie liscia e aderente al corpo. Quando nel 2008 l’azienda Speedo ha presentato il suo nuovo modello Lzr Racer è iniziata una competizione industriale per la creazione di nuovi modelli sempre più tecnologici. Le prestazioni ottenute con l’Lzr Racer sono davvero straordinarie: durante le Olimpiadi di Pechino, i nuotatori che lo indossavano, tra cui lo statunitense Michael Phelps, hanno vinto il 94% delle medaglie d’oro e conquistato 23 dei 25 primati olimpionici. Il mondo del nuoto è in subbuglio, le Federazioni nazionali e le società, in polemica con la FINA per le nuove regole sull’omologazione e preoccupate per gli impegni presi con i fornitori di materiale tecnico, minacciano proteste durante i prossimi mondiali di Roma.

LZR RACER

L’

27


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


di Simona Bottoni

politica interna

Amministrative 2009: ecco i risultati

GIANNI AL EM AN N

Avanza il Centro-destra in tutto il Paese. Il Centro-sinistra cerca di contenere l’ondata sfavorevole e di ragionare sulle alleanze future

O

LUCIA NO CI OC CH ET T

Provinciali Su 62 Province in lizza il Centro-destra se ne è aggiudicate 26 al primo turno; il Centro-sinistra 14. I ballottaggi hanno riguardato 22 province. Nella precedente tornata elettorale del 2004 il Centrosinistra aveva conquistato 50 Province, il Centro-destra 9. Il risultato del 2009 è

FRA NC ES CO

ST

I

L’

E AC OR

FA BI O

stato di segno molto diverso: 34 sono andate al Centro-destra e 28 al Centro-sinistra. Nel dettaglio. Il Centrodestra (solo in alcuni casi alleato con l’Udc) strappa al primo turno Pescara, Teramo, Avellino, Napoli, Salerno, Piacenza, Latina, Chieti, Cremona, Lecco, Lodi, Macerata, Biella, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Bari. Si conferma a

ME LI

I LL

esito delle elezioni amministrative del 6 e 7 giugno scorsi e dei ballottaggi di domenica 21 si potrebbe riassumere così: il Popolo della Libertà e la Lega avanzano soprattutto al Nord, il Pd tiene al Centro. Il bilancio complessivo per i comuni è di 16 a 14 per il Centro-destra (la situazione precedente era di 25 a 5 per il Centro-sinistra). Il bilancio complessivo per le Province è di 34 a 28 per il Centro-destra (si partiva da un 50 a 9 per il Centro-sinistra). Sono stati chiamati al voto circa 35 milioni di elettori per il rinnovo di 62 Province e 4.281 Comuni, di cui 30 capoluoghi di Provincia.

31


VG

visioni grafiche


politica interna

Pordenone, Bergamo, Brescia, Sondrio, Isernia, Cuneo, Padova, Verona. Vince anche nelle nuove Province di Monza e Barletta-Andria-Trani. Il Centro-sinistra conferma 14 Province al primo turno: Matera, Potenza, Bologna, Forlì, Modena, Reggio Emilia, Pesaro, Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia, Siena, Perugia, Terni. Il ballottaggio si è svolto a Cosenza, Crotone, Ferrara, Parma, Rimini, Frosinone, Rieti, Savona, Milano, Ascoli Piceno, Alessandria, Torino, Brindisi, Lecce, Taranto, Arezzo, Grosseto, Prato, Belluno, Rovigo, Venezia.

Comunali Dei 30 Comuni capoluogo di Provincia il Centro-destra se ne aggiudica al primo turno 9 contro i 5 del Centro-sinistra, strappando 6 sindaci al Centro-sinistra stesso. Al ballottaggio sono andati altri 16 Comuni, con un risultato decisamente favorevole al Centro-destra. Alla fine della conta il risultato è stato decisamente favorevole alla Pdl e alla Lega: su trenta amministrazioni, venticinque erano infatti in mano al Centro-sinistra. Il Centro-destra ne deteneva solo cinque. Dopo l’ultima tornata elettorale il bilancio è 16 a 14. Nel dettaglio. Il Centro-destra conquista al primo turno i sindaci di Pescara, Bergamo, Pavia, Campobasso, Biella, Verbania; conferma i sindaci di Imperia, Vercelli e Teramo. Il Centro-sinistra conferma al primo turno i sindaci di Modena, Reggio Emilia, Pesaro, Livorno, Perugia. Il ballottaggio si è svolto per i Comuni di Potenza, Avellino, Bologna, Ferrara, Forlì, Cremona, Ancona, Bari, Foggia, Caltanissetta, Firenze, Prato, Terni, Padova, Ascoli Piceno, Brindisi. Per ciò che concerne il Lazio sono stati fatti accordi dell’ultim’ora per aggiudicarsi i ballottaggi nei capoluoghi di Provincia per i quali non c’è stato un verdet-

to definitivo col primo turno, in particolare per le Province di Rieti e di Frosinone. Per Rieti, accordo che ha portato ad una vittoria, l’apparentamento tra Pd e Udc è passato per un giudizio di merito sulla persona: Fabio Melilli è stato giudicato “il candidato più moderato” e con maggiori convergenze programmatiche. Come ha ribadito il segretario regionale dell’Udc, Luciano Ciocchetti, “Le alleanze a livello locale si fanno sulla base dei programmi”. Per Frosinone, dove il candidato del Centro-destra, Antonello Iannarilli aveva ottenuto il 44,4% dei voti al primo turno, l’accordo tra PD e UDC non ha comunque sortito un risultato di vittoria. Da destra Storace ha ammonito Alemanno: “È evidente che la scelta del partito di Casini di apparentarsi con il Centrosinistra nel Lazio è propedeutica alle prossime elezioni regionali. Ed è altrettanto evidente l’errore di valutazione commesso dal Pdl nei confronti de La Destra e che la colpa ricade anzitutto sul sindaco di Roma”. Il segretario de La Destra, proprio riferendosi all’elezione del sindaco di Roma, ricorda: “Un anno fa lo portammo in Campidoglio senza apparentamento, perché condizionato da altri poteri e con l’alibi che senza l’Udc non poteva allearsi con noi al secondo turno, altrimenti sarebbe apparso troppo sbilanciato a destra. Lo votammo lo stesso e lui vinse. Un anno dopo, l’Udc ripaga il Pdl del Lazio con altri ceffoni”.

Centro-sinistra ne aveva presi 71, mentre 33 erano andati al Centro-destra. Il totale della tornata elettorale dice che 108 comuni vanno al Centro-sinistra (ne aveva 142) e 70 al Centro-destra (ne aveva 37). Dieci se li aggiudicano le liste civiche, tre le liste di centro e tre la Lega Nord.

Referendum elettorale: cosa sarebbe cambiato se avesse vinto il sì ttualmente la legge elettorale prevede un sistema proporzionale con premio di maggioranza. Attribuito su base nazionale alla Camera e su base regionale al Senato. Chi andrà al seggio si è trovato davanti 3 schede: 2 con un quesito relativo all’assegnazione del premio di maggioranza. Ora va alla lista o alla coalizione che ottiene più voti; se vince il sì, andrà solo alla singola lista più votata. Conseguenza: l’innalzamento delle soglie di sbarramento per tutti: Il 4% a Montecitorio, l’8% a Palazzo Madama. La terza scheda del referendum si riferisce alle candidature multiple.

A

Comuni non capoluogo Anche in questo caso il Centro-destra avanza ma non travolge l’avversario. I ballottaggi erano 82: 37 sono andati al Centro-sinistra e altrettanti al Centrodestra. Sette saranno i comuni governati da liste civiche, due da liste di centro e tre dalla Lega Nord. Al primo turno, il

33


VG

visioni grafiche


politica interna di Maurizio Carta

Intervista a Pier Ferdinando Casini: si profila un partito nuovo e lo spazio per intese che vadano oltre le logiche consolidate della politica italiana

Unione di Centro, ma con chi? iugno è un mese che ha portato decisamente bene a Pier Ferdinando Casini. L’UDC è uscito parzialmente rafforzato dalle elezioni europee, il referendum è andato secondo i desideri e il Centro-Destra ha accusato una battuta d’arresto che apre spazi alla manovra politica. Quando Casini è uscito dall’alleanza con Berlusconi, molti si chiedevano dove potesse portare una scelta simile. Oggi l’UDC è sopravvissuto a quella scelta, ha consolidato un solido zoccolo elettorale e si muove sulla doppia prospettiva strategica della nascita di un nuovo grande partito di centro (data, secondo indiscrezioni, per la fine di quest’anno) e della resa dei conti in casa PD. Relativamente all’inchiesta della Procura di Bari, Casini dichiara esplicitamente che “la lettura dei giornali è veramente penosa. Che tristezza per chi ritiene che il Paese sia in una crisi drammatica e che abbia bisogno di governanti che si occupino di questo. Si fa davvero fatica a giustificarsi con i nostri figli” (Il Messaggero). Anche su

G

fronte internazionale, in particolare per ciò che concerne la candidatura di Mario Mauro a Presidente del parlamento di Strasburgo, il leader UDC non risparmia critiche a Berlusconi (“Evidentemente non basta la politica delle pacche sulle spalle del nostro Presidente del Consiglio”). Abbiamo avuto modo di incontrare Casini e di porgli qualche domanda sui temi che riguardano la vita di tutti i giorni degli italiani e sulle prospettive a medio termine del partito che guida. Le risposte lasciano intravedere un autunno caldo e molte novità all’orizzonte. La politica italiana è stranamente in movimento, l’UDC probabilmente sarà il tassello più mobile del quadro complessivo. On. Casini, il vostro è l’unico partito che si è schierato apertamente e nettamente contro la riforma relativa al federalismo fiscale. Perché? Perché è uno spot della Lega, un federalismo senza numeri non è un federalismo ma una presa in giro. Prima bisogna

riordinare le autonomie locali e poi valutare seriamente cosa si può fare dal punto di vista del federalismo fiscale. Questa però è l’ultima parte della faccenda. La prima parte, il tema vero, è riordinare le autonomie locali e vedere che fine fanno i comuni, le province e le regioni. Stiamo lentamente ma inesorabilmente perdendo metà del Paese. Quali sono le vostre proposte per il Mezzogiorno? L’idea è quella di un grande piano di infrastrutture. Non bisogna spostare sistematicamente i fondi FAS dal sud al nord Italia, come sta capitando, per rattoppare tutti i conti. C’è poi il tema delle piccole e medie imprese: possibilità di erogazione del credito, fondo di garanzia e defiscalizzazione degli investimenti nelle zone disagiate. Il Congresso autunnale del PD sarà strategico anche per voi? No, noi facciamo il nostro, sarà il Partito della Nazione il nuovo protagonista della stagione politica. Al PD auguriamo solo buon lavoro.

35


VG

visioni grafiche


di Eleonora Isgrò

esteri

Cuba in bilico on una decisione definita “storica” per Cuba, lo scorso 4 giugno i 34 ministri degli esteri dei paesi aderenti all’OSA, l’Organizzazione degli Stati Americani, hanno revocato il bando che vietava all’isola di fare parte dell’organizzazione. Il veto durava dal 31 gennaio del 1962, quando per volontà americana, Cuba venne espulsa. Si può definire una vittoria del blocco dell’Alba, Alternativa bolivariana delle Americhe, un gruppo di stati guidati dal Venezuela di Chavez e dalla Bolivia di Morales, stretti alleati di Cuba nel continente. “La Guerra Fredda è finita. Fidel Castro e il popolo cubano sono stati assolti dalla storia”, ha dichiarato il presidente dell’Honduras, anche se Cuba non ha espresso l’intenzione di voler entrare a far parte dell’OSA, considerata un “cadavere politico”. Gli Stati Uniti, seppur contrari all’abolizione del veto, non considerano questo avvenimento uno smacco. Cuba è ancora fondamentale per la politica estera americana, e piccoli ma importanti passi di avvicinamento sono stati fatti con la nuova amministrazione. Nel suo programma elettorale, Barack Obama aveva promesso l’apertura ai nemici storici americani, Siria, Iran e ovviamente Cuba. Gli USA applicano un embargo economico sull’isola, il bloqueo, da 47 anni, anche se esso è parzialmente aggirato nel caso di pagamento in contanti: stando infatti ai dati 2008, il 30% delle importazioni dell’Havana nel

C

settore agroalimentare arriva proprio dagli Usa (trattasi principalmente grano dall’Iowa, riso dal Texas, bestiame dalla Florida). Ad aprile Hillary Clinton aveva ripreso le parole del senatore repubblicano Richard Lugar: “dopo cinquant’anni possiamo dire che l’embargo è stato un fallimento”. Sono seguiti una serie di incontri tra Raúl Castro e i parlamentari americani all’Havana. Washington ha annunciato la revoca di alcune sanzioni, in particolare quelle relative all’invio delle rimesse degli emigrati e alla possibilità per i cubani residenti negli Stati Uniti di visitare l’isola caraibica. Anche Raúl Castro ha aperto agli Stati Uniti, almeno nelle dichiarazioni. Lo scorso anno, il parlaRAUL CASTRO

mento nominò Raul presidente del Consiglio di Stato, rendendolo così capo di Stato e di governo. Il leader maximo, Fidel, fratello di Raúl, è uscito dalle scene dopo aver detenuto un potere indiscusso e assoluto per 47 anni. Si pensò subito a nuove aperture, specialmente quando fu autorizzata di lì a poco la vendita di prodotti fino ad allora interdetti: oltre ai dvd e ai computer, elettrodomestici come televisori a 19 e 24 pollici, bollitori, biciclette elettriche, allarmi per auto e forni a microonde. E su tutti, l’accesso a internet. Tutto ciò però in un paese dove il salario medio è di 20 dollari al mese, un pc ne costa 800 e l’accesso a internet si attesta

Cronaca di un Paese in transizione. Tra timidi tentativi di svolta e frenate scomposte sui 4 dollari per mezz’ora. Rimane l’irrisolta questione dei diritti politici e civili. Cuba, esperimento unico al mondo, spesso è stata osservata con la lente distorta del comunismo e dell’anticomunismo. Recente è la polemica scoppiata in Italia tra il giornalista Gianni Minà e la blogger cubana Joani Sanchez sulla questione della libertà a Cuba. L’uno preoccupato “non tanto per l’informazione a Cuba, ma per la disinformazione che regna in Italia”, l’altra che gli propone un’ipotetica quanto improbabile intervista al suo “amico” Fidel sulla mancanza di libertà nell’isola.

39


esteri di Eleonora Isgrò

L’Europa recede nella recessione A

vanzamento della destra, sconfitta dei socialisti e astensionismo sono i dati più significativi delle scorse elezioni europee. Parliamo delle più grandi elezioni transnazionali della storia, dove 380 milioni di cittadini europei sono stati chiamati ad eleggere 736 membri di un parlamento sovranazionale. Si tratta dell’unica istituzione europea con elezione a suffragio universale, con poteri ampliati, che ha la capacità di gestire un budget di 116 miliardi di euro. Dei cinque grandi partiti transnazionali, il partito popolare europeo ha mantenuto la sua leadership, ottenendo anche nuovi seggi. Il partito socialista, pur rimanendo in seconda posizione, ha perso molti seggi, molti dei quali passati al grande partito dei Verdi, che ha ottenuto un significativo successo, diventando il quarto partito. L’ago della bilancia continua a rimanere il partito liberale, che in passato ha sostenuto sia la destra che la sinistra. I principali dati politici emersi da questo scrutinio evidenziano che i partiti conservatori hanno beneficiato dell’effetto recessione che ha impaurito l’elettorato. La sinistra è in declino in tutta Europa, probabilmente perché non è più in grado di comunicare con la sua base elettorale, e c’è stato il più grande astensionismo della storia dell’Unione Europa (43% di voti). C’è stato anche un aumento della destra estrema, ostile al processo di integrazione europea, che ha avuto significativi successi in Inghilterra, Olanda, Austria e Ungheria. Con l’auspicata ma tuttora incerta ratifica del Trattato di Lisbona da parte dell’Irlanda, e la sua conseguente entrata in vigore il 1° gennaio 2010, il Parlamento europeo, dotato di nuovi poteri, si troverà a cogestire una serie di sfide che avranno una profonda influenza sul futuro dell’Unione. Il Trattato prevede infatti un ruolo rafforzato per il Parlamento europeo: sarà dotato di nuovi importanti poteri per quanto riguarda la legislazione, il bilancio dell’UE e gli accordi internazionali. In particolare, l’estensione della procedura di codecisione garantirà al Parlamento europeo una posizione di

STRASBURGO PARLAMENTO EUROPEO

parità rispetto al Consiglio, dove sono rappresentati gli Stati membri, per la maggior parte degli atti legislativi europei. Per quanto riguarda gli effetti delle elezioni sulle politiche nazionali si può rilevare la crescita in Olanda dello xenofobo e antieuropeista partito delle libertà di Geert Wilder che ha ottenuto il 15% dei voti; l’implosione del partito laburista di Gordon Brown colpito dagli scandali; il trionfo dell’opposizione in Irlanda con un voto di sfiducia al governo che ha affrontato la crisi; la prova generale tedesca per le elezioni per il Bundestag di settembre. Emerge quindi una disaffezione di questo importante strumento di democrazia sia da parte degli elettori, sia da parte dei politici stessi, che spesso considerano queste elezioni come un presondaggio per i propri scopi nazionali. L’europarlamento non è ancora visto come la piattaforma di discussione di temi globali, ad esempio l’ambiente, la recessione, la sicurezza, che non possono avere soluzioni nazionali.

L’analisi del voto dimostra che il parlamento di Strasburgo è sempre meno avvertito come una priorità politica delle diverse classi dirigenti nazionali

41


VG

visioni grafiche


esteri

di Eleonora Isgrò

di Eleonora Isgrò

Lituania è donna

Crisi di diritti umani

Il piccolo paese baltico riparte da un Capo di Stato in rosa

Presentato il rapporto annuale di Amnesty International

l 18 maggio la Lituania ha scelto per la prima volta nella sua storia un Capo di Stato donna. Si tratta di Dalia Grybauskaite, famosa in patria per essere stata commissaria dell’UE al bilancio per cinque anni, che grazie al 69,5% di preferenze riceverà l’investitura il prossimo 12 luglio. “Il gusto della vittoria è il peso della responsabilità”, ha dichiarato non appena è stata eletta. Mentre i precedenti Presidenti lituani si erano occupati principalmente di politica estera, la Grybauskaite si trova invece ad affrontare la grave recessione economica che ha colpito il paese. La Lituania, insieme alla Lettonia e all’Estonia, è una delle tigri baltiche, così chiamate per l’inarrestabile crescita economica che ha riguardato i tre paesi negli ultimi anni. La situazione, a causa della recessione globale, si è però totalmente capovolta. Le tre repubbliche devono far fronte ad un considerevole crollo del PIL: nel primo trimestre del 2009 il pil lituano è infatti precipitato del 10% rispetto al trimestre precedente. La disoccupazione è ora al 15,5%, mentre un anno fa si attestava al 4,3% È proprio grazie ai disordini scoppiati a gennaio come protesta alla crisi, i più violenti dal 1991, anno dell’indipendenza, che è nata la decisione della Grybauskaite di candidarsi. La nuova presidente succederà a Valdas Adamkus, 82 anni, rimasto dieci anni alla guida della ex repubblica sovietica, che fa parte dell’Unione europea dal 2004 e ha già dichiarato che manterrà una linea europeista. Il punto principale del suo programma è stato la trasparenza. La classe politica Lituana infatti è stata colpita da una serie di scandali a partire dal 2004 che hanno riguardato prima il Presidente Paksas, sospettato di avere rapporti con il crimine organizzato, e poi il politico Viktor Uspaskich, accusato di una cattiva gestione delle finanze. Paragonata a Margaret Thatcher, la lady di ferro lituana ha appoggiato la proposta di diminuzione del 15% dei salari dei dipendenti pubblici ed ha dichiarato che il giorno dopo il suo insediamento “il mio primo compito sarà quello di valutare il lavoro del governo e presentare entro 15 giorni la candidatura di un nuovo premier”.

l mondo è seduto sopra una bomba a orologeria sociale, politica ed economica. Dietro alla crisi economica si cela un’esplosiva crisi dei diritti umani”: con queste parole, Christine Weise, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International, ha presentato il Rapporto Annuale 2009 sullo stato dei diritti umani. Il “J’accuse” di Amnesty arriva anche in conseguenza della crisi economica. Essa ha dimostrato che per salvare le proprie economie, i paesi ricchi sono riusciti a mobilitare una quantità di denaro enorme, ma per la lotta alla povertà non hanno fatto nulla, o quasi. Trattasi dunque di mancanza di volontà politica, piuttosto che uno stato di impossibilità economica. Il rapporto analizza la situazione dei diritti umani in 157 paesi ed il quadro che ne esce è desolante, anche per i paesi cosiddetti industrializzati. Le violazioni più diffuse registrano 2.390 prigionieri giustiziati in 25 stati (il 78% di queste esecuzioni nei paesi del G20), maltrattamenti e torture nel corso di interrogatori sono avvenute in 80 paesi (il 79% nei paesi del G20), 27 paesi hanno infine respinto persone che chiedevano asilo politico perché fuggivano da paesi in cui andavano incontro a torture, arresti e morte certi. La crisi economica ha accresciuto le fila dei milioni di persone che soffrono la fame in Asia ed in Africa le proteste per il drastico aumento dei prezzi hanno portato all’uso dello strumento della repressione in paesi come Mali, Camerun, Tunisia, Somalia, Zimbabwe e Sudafrica. Per quanto riguarda l’Italia, Amnesty denuncia la discriminazione ed il razzismo verso la comunità rom. In particolare, si sottolinea la mancanza del reato di tortura nel nostro codice penale, di cui sarebbero stati vittime molti emigrati, reati già contestati tra l’altro ai poco chiari incidenti del G8 di Genova. “Di fronte a questa situazione - conclude Irene Khan, Segretaria generale di Amnesty International - il mondo necessita una leadership differente, un modello politico economico differente, che funzioni allo stesso modo per tutte le persone, con soluzioni tendenti all’integrazione, sostenibili e rispettose dei diritti umani. Per questo Amnesty lancerà una nuova campagna chiamata “Esigiamo dignità”, che mobiliterà ogni singola persona per fare pressione sui leader politici affinché si rendano conto degli abusi contro i diritti IRENE KHAN umani che generano o acutizzano la povertà”.

I

DALIA GRYBAUSKAITE

esteri

“I

43


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Istituto Giovanni XXIII La via più semplice per raggiungere gli obiettivi scolastici a qualsiasi livello! istituto Giovanni XXIII è una realtà presente sul quartiere di Dragoncello dalla primavera del 2007. Nato dall’idea di due professoresse, Alunni Daniela ed Alunni Cristina, che hanno maturato una lunga esperienza nell’ambito della scuola statale e privata, l’istituto Giovanni XXIII si propone di offrire corsi regolari e di recupero anni scolastici per tutti i corsi di studio, sia di mattina che di pomeriggio, ed assistenza allo studio in orario pomeridiano per studenti di elementari, medie e superiori. Numerosi sono infatti gli studenti lavoratori che possono frequentare soltanto in determinati giorni ed orari, ed in virtù di questo fatto la scuola Giovanni XXIII mette a disposizione dei suoi iscritti la possibilità di personalizzare il più possibile l’orario ed il giorno di frequenza. Infatti l’istituto è aperto mattina e pomeriggio, il sabato mattina, e resta inoltre aperto tutta l’estate chiudendo soltanto le due settimane centrali di agosto. Questo, per permettere anche ai ragazzi che devono recuperare il debito formativo durante i mesi estivi, di frequentare assiduamente le lezioni. È possibile avere inoltre assistenza in sede con un qualificato gruppo di insegnanti per la preparazione di tesine per l’esame di stato. In estate si organizzano poi corsi di preparazione ai test di ammissione universitari. Persone grandi che vorrebbero inserirsi nel mondo del lavoro in modo più qualificato e che non hanno conseguito un diploma di scuola superiore, si rivolgono all’istituto, e riescono a frequentare lavorando, fino a conseguire il tanto agognato diploma che magari dieci o venti anni prima era loro sfuggito. Soprattutto viene loro consigliato il titolo di studio più consono al lavoro che vogliono svolgere. Per i ragazzi di scuole elementari e medie, poi, vengono organizzati corsi di potenziamento e recupero per le lacune che si verificano nel corso dell’anno scolastico ma anche per ripasso ed approfondimento durante l’estate. Il tutto a cura personalmente della preside, che è anche psicologa, la prof.ssa Alunni Daniela.

L’

INFO: Istituto Scolastico Giovanni XIII Via Ottone Fattiboni, 214 (Dragoncello) Tel. 06.5210379 - 346.2110140 - 333.1801729

45


VG

visioni grafiche


VG visioni grafiche


di Alessio Calamita

costume e società

Immondizia in Campania, ecco tutte le “Ecoballe” arlare con Paolo Rabitti significa avere una guida sicura nel ginepraio dell’emergenza rifiuti a Napoli e dintorni. Venti minuti di colloquio chiariscono perfettamente i contorni di una faccenda relativamente semplice che la stampa ha invece responsabilmente complicato. Ecco cosa ci dice uno dei più importanti consulenti della Procura napoletana...

P

che gli incentivi per il recupero energetico vengano estesi ai rifiuti. Per ciò che concerne il Decreto Ronchi, confluito sostanzialmente nella legge successiva, lei ha scritto nel suo libro che c’è stato uno svuotamento delle norme di tutela ambientale. Qual è la situazione normativa oggi in Italia? La valutazione di impatto ambientale è stata superata e svuotata con una serie di

Intervista a Paolo Rabitti, autore del libro “Ecoballe” e consulente della Procura di Napoli nel processo relativo allo smaltimento dei rifiuti in Campania. Cronaca di un disastro perseguito con lucida follia Che si intende per recupero energetico? Considerando che il Decreto Ronchi lo definiva così: “utilizzazione principale come combustibile o altro mezzo per produrre energia”. Significa che bisogna recuperare energia, cioè bruciare rifiuti e produrre elettricità mediante vapore che fa girare una turbina ecc... Cosa prevedono le direttive europee? È una questione un po’ complessa da affrontare. Non prevedono, come in Italia,

zi, mi sembra nel ‘92, per agevolare le fonti rinnovabili. Lì dentro ci sono poi finite fonti che non possono essere certo definite rinnovabili, come le morchie delle raffinerie, che vengono incenerite a nostre spese (come se la benzina fosse gratis o costasse poco), e i rifiuti urbani. È un contributo piuttosto elevato, mi sembra 293 delle vecchie lire per Kw prodotto. Tanto per avere un’idea, ogni Kg di Cdr frutta un Kw. Il combustibile derivato dai rifiuti viene prodotto in una proporzione del 30% sul peso del rifiuto. Ciò significa che ogni Kg di rifiuto frutta 100 delle vecchie lire. Un’enormità.

leggi. L’Italia è infatti spesso bersagliata da sanzioni dell’Unione Europea per il mancato rispetto di direttive riguardanti la tutela ambientale. Ma tanto le multe le paga la collettività, dunque nessuno se ne fa un problema. Ci può spiegare cos’è il contributo economico CIP6? Ci può dire anche a quanto ammonta? È un contributo fissato da una delibera del Comitato Interministeriale Prez-

49


costume e società

In Sicilia esiste l’Amia, l’ex municipalizzata, il cui presidente era Vincenzo Galioto. All’interno dell’Amia c’erano bonus gonfiati in ragione della produttività e spese di rappresenta per missioni all’estero in vista di eventuali appalti. Lei è tuttora consulente della procura di Napoli. Sa dirci se ci sono stati casi simili in Campania e se è possibile tracciare un parallelo di massima tra la situazione scoppiata da poco in Sicilia e l’emergenza rifiuti in Campania? Io ho trattato per conto della Procura di Napoli la questione degli impianti di selezione dei rifiuti classificati come Cdr, ovvero le balle che sarebbero dovute finire negli inceneritori. Quindi, non nel suo complesso. Non so stabilire un parallelo. So che la tipologia impiantistica siciliana non è simile a quella campana. Per quanto riguarda la questione delle spese gonfiate, dobbiamo capire che i rifiuti sono il petrolio attuale, che la loro gestione comporta cifre enormi. Faccia conto che un cittadino produce circa un kg e mezzo di rifiuti urbani al giorno e che lo smaltimento costava 100/150 lire al Kg. Moltiplichi la cifra per il numero di cittadini di Palermo e per 365 giorni, e tiri le somme. Che cosa sono le ecoballe e che cosa sono quelle finte create da Impregilo, Fisia e Fibe? Le ecoballe non esistono. Vengono chiamate così delle balle compresse di rifiuti che devono andare all’incenerimento. Di eco non hanno nulla. Quelle prodotte fino al 2005 da Fisia e Fibe (rispettivamente la società che ha curato la gestione degli impianti per tutte le altre province campane e quella che ha provveduto all’indivi-

duazione e all’allestimento dei siti di stoccaggio e di smaltimento, ndr) non erano Cdr, non era combustibile derivante dai rifiuti, senza le specifiche previste dal Decreto del 5 febbraio 1998, che stabiliva per questo tipo di combustibile dei minimi di potere calorifico di 15.000 Kj/Kg, dei massimi di umidità del 25%, dei massimi di concentrazioni di metalli pesanti e sostanze pericolose. Lo scarto prodotto come Cdr dagli impianti campani non aveva queste caratteristiche. Era stato imballato pure avendo dentro sostanze organiche che producevano biogas pergolato, causando disturbi per la popolazione che viveva intorno ai siti di stoccaggio. I siti di stoccaggio conoscono milioni di ecoballe che pesano ognuna più di una tonnellata. Lei parla dello stravolgimento del progetto del Presidente Napolitano, allora Ministro dell’Interno con delega alla protezione civile... Il progetto era fatto per rispettare il Decreto Ronchi che stabiliva dei minimi di raccolta differenziata (35% entro il 2000). Stabiliva, inoltre, che a valle della raccolta si costruissero impianti per la selezione dei rifiuti che avrebbero potuto produrre combustibile derivante. C’erano due condizioni: la prima era che il combustibile fosse smaltito da subito in inceneritori esistenti. Se questa clausola fosse stata rispettata non ci sarebbe stata l’invasione delle ecoballe in Campania. La seconda clausola era che il CIP6, il contributo, venisse concesso all’energia prodotta dal combustibile derivante al massimo dalla metà dei rifiuti prodotti prima che cominciasse la raccolta differenziata (perché, essendo un contributo molto

forte, se fosse stato esteso a tutto - come poi è stato fatto - non avrebbe mai incentivato la raccolta differenziata, che infatti non è mai partita). Queste clausole sono saltate nella stesura del contratto. E sembra che in questo Impregilo, Fisia, Gestione Napoli e Fibe siano state aiutati dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana)... È successa una cosa che in un paese normale non dovrebbe succedere. La gara d’appalto inizia nell’agosto del ‘98. Era una gara europea cui vennero invitate imprese anche come la Kawasaki (la quale si ritirò sostenendo che la gara d’appalto era viziata). Fissati i paletti stabiliti dall’ordinanza di Napolitano di cui si è parlato prima, si va a gara (dovevano presentare progetti e prezzo). Succede che un mese prima della chiusura della gara, l’ABI, tramite il proprio direttore Zadra, manda una lettera al presidente della Regione Rastrelli (allora anche commissario straordinario ai rifiuti) nella quale dice che per finanziare il progetto in project financing i soggetti locali avrebbero dovuto attenersi a determinate condizioni. Tra queste, un meccanismo in base al quale i comuni avrebbero dovuto comunque pagare per la quantità di rifiuti stabilita; si chiedeva che venisse tolta la clausola del Ministro dell’interno in base alla quale bisognava smaltire da subito il combustibile prodotto; si chiedeva che venisse tolta la clausola del CIP6. Rastrelli invece che dire che la richiesta fosse illegale, ha chiesto di parlarne dopo. Sta di fatto che Impregilo vinse la gara presentando un prezzo molto basso, nonostante - secondo me i progetti presentati avessero un valore molto limitato (anzi erano impossibili). Perché Impregilo può fare quel prezzo? Perché fa riferimento alla lettera dell’ABI, che era un documento, tra l’altro, non in gara. Tali condizioni vengono dunque immesse nel contratto, aggirando il rispetto del capitolato iniziale. Non solo,

51


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

VG

costume e società

la Regione si prende a carico anche la questione del CIP6: se non fosse stato concesso per il totale delle balle, la tariffa sarebbe stata “adeguata”, cioè presa dalle tasche dei cittadini campani! È stato un processo lungo... Al processo ho parlato 15 ore mostrando 350 slide. Ho mostrato una slide in cui si vede che nel contratto vengono usate le stesse parole usate nella lettera dell’ABI. Il contratto è stato firmato da Bassolino, al quale è stato chiesto dai magistrati perché ha firmato un contratto cambiato rispetto al capitolato iniziale. Ha risposto che non l’ha letto. Si parla di un contratto di circa un miliardo di euro. Due parole sul Decreto “Salva-Impregilo”... Succede che la Impregilo non riesce a produrre Cdr e annaspa. Non riesce a gestire la faccenda e non vede l’ora di uscirvi. C’era ancora il governo Berlusconi (che è stato lì per 5 anni durante le fasi cruciali dell’emergenza) che sciolse il contratto senza nessuna sanzione per il mancato rispetto del capitolato. Il giorno dopo infatti, quando Romiti si dimette dalla guida, la società ha un balzo in borsa. In un Paese normale i soldi presi per cinque anni avrebbero dovuto essere restituiti. Nel frattempo Fibe continua a gestire gli impianti, a lavorare e a salvaguardare gli interessi Impregilo... Fibe è Impregilo e anche adesso continua a gestire gli impianti. È pesantemente dentro questa vicenda. Il Direttore di Acerra dei lavori del nuovo inceneritore è uno di quelli coinvolti nella passata gestione. Il bello è che Berlusconi va ad Acerra e indica come eroi proprio queste persone. È un Paese con la testa in giù. Attualmente cosa succede in Italia? Le emergenze sembrano essere sempre di più. Penso anche a Malagrotta... In Italia il pericolo pubblico numero uno non è la crisi ma i magistrati. Liberi tutti, specialmente per quanto riguarda i problemi ambientali. Le emergenze vengono decretate per travalicare la normativa esistente. Secondo me i nuovi cinque inceneritori in Campania dal governo Berlusconi, molto sovradimensionati rispetto alle esigenze della regione, serviranno in particolar modo a Sicilia e Lazio.

53


VG

visioni grafiche


meglio non rimanere soli

di Stefania Paoli

costume e società

Salute e vecchiaia:

n italiano su tre si sente (o è) più povero. La crisi economica non è un tormentone mediatico, ma una realtà confermata da numeri drammatici. Una bufera che investe e mette a dura prova in misura maggiore i pensionati. Tutti. Non risparmia nemmeno i pensionati del cosiddetto “ceto medio”, che a fronte di maggiori spese per (sopra)vivere subiscono anche la decurtazione della rendita previdenziale, praticamente dimezzata nel suo potere d’acquisto, pur avendo versato fior di contributi durante tutta la vita lavorativa. C’è poco da stupirsi. La sperequazione, ormai cronica, e l’aumento vertiginoso del costo della vita (un aumento di gran lunga superiore rispetto a quello ufficiale, e alchemico, dichiarato dall’ISTAT) penalizzano fortemente i pensionati, spesso inascoltati, trascurati, dimenticati, abbandonati. Uno scenario allarmante: aggregarsi per difendere se stessi e il futuro dei propri familiari può essere una scelta intelligente

U

Intervista al Dottor Miscetti, Presidente di un’associazione che ha cura di non lasciare in solitudine chi è più debole e responsabile. Di questi argomenti, di bruciante attualità, abbiamo parlato con il Dottor Eumenio Miscetti, presidente nazionale della FEDER.S.P.EV. (Federazione sanitari pensionati), che accoglie 20.000 iscritti tra medici, farmacisti, veterinari e le loro vedove. 86 anni prodigiosamente portati, autore di un gustoso libretto, “Piccole storie di un piccolo mondo”, in cui racconta 43 anni di attività al servizio di Ippocrate, il presidente, ormai storico (in carica da 20 anni e più e recentemente rieletto) della FEDER.S.P.EV. risponde alle nostre domande con determinato fervore. Dottor Miscetti quando ha appeso, come suol dirsi, il camice al

chiodo? Sono andato in pensione nel 1992. E da allora ha cominciato ad occuparsi della FEDER.S.P.EV. Perché? Il problema degli anziani è ancora molto lontano da soluzioni soddisfacenti e richiede serie mobilitazioni. Alludo ad una necessità di interventi non solo sul piano pratico ma anche su quello morale. Gli obiettivi (fondamentali) che la nostra (longeva) associazione sin dalla sua nascita (quasi cinquant’anni fa) persegue con tenacia e combattività sono la difesa delle pensioni dei titolari e delle vedove e l’aiuto materiale e morale agli orfani. Ogni giorno che passa ci vede impegnati sul fronte delle ingiustizie previdenziali, non di rado, subite con rassegnazione. Ma quali sono i vantaggi per chi voglia iscriversi? Per tutti i nostri iscritti è attivo un efficiente servizio di consulenza previdenziale, assistenziale, legale e fiscale. Chiamateci senza esitare (tel. 06.3221087, fax 06.3224383) o scriveteci (FEDER.S.P.EV., via Ezio 24, 00192, Roma, e-mail:federspev@tiscalinet.it), e (perché no?) raggiungeteci. In sintonia con il nostro motto “Non soli ma solidali”, abbiamo, tra l’altro, istituito un fondo di solidarietà per l’assistenza economica ai soci indigenti o alle loro famiglie in situazioni di particolare bisogno e premi di studio annuali in varie discipline scientifiche per gli orfani, nonché un premio letterario e uno di pittura per gli iscritti. Numerose ed attraenti poi sono le attività culturali e di svago. Non mancano infine simpatiche convenzioni con alcuni noti centri termali. Sono buone intenzioni… Sì, ma soprattutto azioni concrete. Ad esempio? Nel corso della mia Presidenza ho assegnato 600.000 euro in contributi di solidarietà e premi studio.

55


VG

visioni grafiche


costume e società

di Michela Caré

Se telefonando… Se fino ad ora, prima di compiere viaggi all’estero, ci hanno sempre messo in allerta per scegliere la miglior offerta che gli operatori mobili mettevano a disposizione, dal 1° luglio 2009 cambieranno molte cose. Un sms spedito dall’estero nell’UE, infatti, costerà al massimo 0,11 euro, rispetto agli 0,28 euro attuali. Entro luglio del 2011 anche i prezzi delle chiamate subiranno delle notevoli riduzioni: una chiamata da cellulare all’estero passerà progressivamente da 0,46 euro a 0,35 euro al minuto e dagli attuali 0,22 euro a 0,11 euro per le chiamate ricevute in roaming all’estero. Lo stesso dicasi per la navigazione web o del download dei film. Il costo massimo sarà di 1 euro per megabyte scaricato, contro il prezzo attuale di 1,68 euro. Inoltre è stato introdotto il principio di fatturazione al secondo dopo i primi 30 secondi per chiamate fatte in roaming e dal primo secondo per le chiamate ricevute all’estero. Le nuove norme approvate dall’Europarlamento, dunque, consentiranno ai clienti della telefonia mobile di risparmiare fino al 60% delle loro bollette.

Plastica addio La catena di supermercati Auchan, presente in tutta Italia con 49 punti vendita, dal prossimo mese darà il via alla totale eliminazione dei sacchetti di plastica, anticipando gli obblighi di legge previsti per il 2010. I clienti potranno utilizzare quattro alternative ai classici shopper che sinora hanno sempre utilizzato: un sacchetto al 100% biodegradabile, il sacchetto di carta, il box in cartone oppure una shopping bag da riutilizzare più volte. Le suddette borse saranno a pagamento per invitare la gente al riutilizzo delle stesse. Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente, è intervenuto al riguardo dicendo che “è un bene che qualcuno abbia deciso di anticipare la scadenza e che a farlo sia stato un privato che non opera in settori di nicchia, ma un leader della grande distribuzione con una clientela ampia e diversificata: è il segnale indiscutibile che iniziative di questa natura vengono finalmente percepite come iniziative popolari”. L’iniziativa, in realtà, è già stata intrapresa questo mese dalla Unicoop di Firenze, che utilizza borse di polimero vegetale prodotti da un’azienda di Scarperia, la Industria Plastica Toscana.

59


VG visioni grafiche


costume e società

di Anna Claudia Bianchi

Note speziate al ritmo di Don Pasta Dai piatti del dj a quelli della tradizione mediterranea: recensione-presentazione di un artista a tutto campo on Pasta, al secolo Daniele De Michele, è un artista eclettico che ha intrapreso un viaggio nel Mediterraneo mescolando diversi linguaggi artistici per rallegrare i sensi. Il suo percorso esplora le città di mare, si nutre di vino, musica e cibi etnici. Don Pasta è un musicista da gustare e un cuoco da ascoltare. Di origine salentina, economista di professione, inizia a farsi conoscere come dj nei centri sociali e nei club della capitale, suonando e amalgamando le sue performance con un’altra passione, la cucina. Il suo spettacolo, presentato in Italia e in Europa, non si presta a definizioni. La sua forza è nell’impulso di emozioni che vive in prima persona e trasmette al pubblico con un sorriso grande e generoso. La sceneggiatura è solo il punto di partenza delle sue esibizioni in cui si susseguono un reading letterario, una lezione di cucina live, proiezioni e dj set, tutto in una notte. Frammenti di vita, suggerimenti gastronomici abbinati al vino e a pezzi cult della storia della musica sono oggi la sua seconda opera letteraria di successo. Dopo “Food Sound System”, è infatti in uscita “Wine Sound System - 30 vini accompagnati da buon cibo e buona musica”, per le edizioni Kowalski-Feltrinelli. Il libro è una raccolta di sensazioni di chi, come Don Pasta, ama i piaceri della vita che originano dalla tradizione, dall’intelletto dell’uomo, dalle sperimentazioni. È un momento per riflettere sul patrimonio di conoscenze legate alla terra. Una ricchezza che si va perdendo nel ritmo concitato della nostra vita. Daniele ci ricorda l’importanza di vivere con passione, di cucinare ascoltando musica, di aprire una bottiglia pregiata senza aspettare ospiti, in altre parole, di prendersi cura di sé. La felicità non sta in un luogo lontano, è una carezza che dobbiamo alle nostre esistenze, una dimensione da ricercare. È divertente e divertito Don Pasta, non si prende mai troppo sul serio neanche quando si definisce un “gastrofilosofo”. Se pensate che l’arte debba superare i confini geografici e gli ambiti in cui la critica è solita relegarla, se avete voglia di rivivere le vostre storie o fantasticare attraverso i ricordi inebrianti di Don Pasta, questo autore farà proprio al caso vostro.

D

61


VG

visioni grafiche


costume e società

di Michela Caré

Sagre in vista Luglio promette bene per chi è goloso di piatti tipici arrivata l’estate ed è tempo non solo di mare, vacanze e tuffi in acqua, ma anche di feste e sagre dei prodotti tipici nei piccoli paesi della nostra regione. Ma vediamo quali sono le più caratteristiche fra le tante nel mese di luglio. Il 4 e 5 luglio, nel centro storico di Tolfa, si terrà la seconda edizione della Sagra della Bistecca Tolfetana, organizzata dal Rione Cappuccini. Non solo carne, ma anche cultura. Sarà possibile infatti trovare mostre fotografiche, mostre di pittura, artigiani locali e stand con prodotti tipici. Anche i bambini per due pomeriggi avranno giochi, animazione ed uno stand tutto per loro. Il 29 luglio Nerola, paesino vicino Roma, ospiterà la Sagra delle Stracciose, un tipo particolare di pasta all’uovo simile alle fettuccine. Con ogni porzione di stracciose sarà possibile ricevere una scifetta di legno decorata a mano, riutilizzabile ad esempio per effettuare “polentate in famiglia”. Spostandoci nella provincia di Latina, dal 17 al 19 luglio avrà luogo a Giulianello la Sagra dello Gnocchitto realizzato con farine prodotte dal grano delle splendide colline che circondano il territorio del paese stesso. Ha inizio il 31 luglio la quinta Sagra della Pizza fritta e degli Arrosticini che si terrà a Passo Corese. Alle ore 20.00 ci sarà l’apertura dello stand gastronomico dove sarà possibile degustare, oltre alle fragranti pizze fritte dolci o salate e gli arrosticini di pecora, anche tanti altri piatti della cucina tipica sabina. La sagra sarà inoltre accompagnata da musica dal vivo con balli in piazza. Infine, sempre il 31 luglio, partirà a Sezze, nei dintorni di Latina, la Sagra della Zuppa di Fagioli. Si potrà gustare l’ottima zuppa di pane e fagioli tipica del paese (città di Martufello), in un contesto molto pittoresco, con stand e tavoli immersi nel verde di prati. La cena verrà completata da altre pietanze tipiche e da carne cotta rigorosamente alla brace come gli arrosticini di maiale. Novità di quest’anno saranno la serata di liscio con 4 orchestre, il raduno di auto e moto d’epoca, giochi e musiche della tradizione popolare e spettacolo pirotecnico.

VG

visioni grafiche

È

63


VG

visioni grafiche


VG visioni grafiche


di Chiara Rovan

cose dell’altro mondo

Il reggiseno rivelatore rriva dall’Inghilterra lo “smart memory bras”, apparentemente un reggiseno comune, ma che in realtà nasconde una dote segreta: provvisto di una schiuma sensibile al calore, quando rivela un aumento della temperatura, segnale di attrazione sessuale, si dilata sollevando il seno. Presentato alla mostra di lingerie di Parigi, il magico indumento sarà in commercio da quest’estate al costo di 25 sterline (35 euro circa). Il reggiseno intelligente rende più affascinante la donna quando si sente attratta, per poi riadattarsi alla sua forma naturale quando la temperatura diminuisce. “È sempre perfetto” ha commentato Suzana Gorisek, designer della ditta Lisca che ha messo in vendita il capo. Pura fantascienza? Provare per credere. Lasciamo a voi immaginare se il miracoloso procedimento schiumoso dovesse essere applicato anche per altri indumenti intimi.

A

Avete dei quadri da pro...porci? opo chi scrive con zampe di gallina e chi recita da cani, ecco alla ribalta un maiale che dipinge come un espressionista. È lo strano caso di Smithfield, un bel maiale di 10 anni che vive (e dipinge) in Virginia con il suo padrone Fran Martin, un fattore di 54 anni. “È un animale molto intelligente” ha commentato con orgoglio il signor Martin. Smithfield, con il suo pennello in bocca, ha eseguito ormai centinaia di tele che sono servite sia per raccolte di solidarietà che per arrotondare le entrate del padrone. L’artista dal grugnito facile è diventato una celebrità e molte trasmissioni televisive se lo contendono come ospite. Una particolarità della sua pittura? Sembra che Smithfield prediliga il blu, sebbene scienziati sostengano che i maiali non possano distinguere i colori.

D

Riposi in pace... tra le patatine orse pochi conoscono l’identità del signor Fredric J. Baur. Comprensibilissimo. Sappiate che l’americano in questione è l’inventore della celebre confezione cilindrica delle patatine Pringles, conosciute ormai in tutto il mondo. Ebbene, il signor Baur ne andava talmente fiero che decise, anni fa, di chiedere ai suoi figli di raccogliere le sue ceneri, una volta morto, proprio dentro il famoso barattolino. L’anno scorso, a maggio, l’inventore americano è morto all’età di 89 anni e i figli hanno esaudito il suo desiderio. Le sue ceneri sono state interrate nel cimitero di Springfield Township, l’Arlington Memorial Garden, in Ohio, versate proprio dentro la confezione delle patatine Pringles. Almeno in parte. La nipote Linda, infatti, ha voluto conservarne l’altra parte per sé in una normale urna.

F

Yacht on-line in super saldo ualche mese fa, in Germania, sul sito di aste online AllesAuktion, è comparso questo annuncio: “Vendesi barca a vela Jeanneau Sun Way 21 a 22,50 euro”. Peccato, però, che il proprietario dello yacht in questione avrebbe voluto scrivere 12.000 euro e che, per un errore di digitazione, abbia ribassato il prezzo in modo esorbitante. La vicenda è finita in tribunale perché il venditore si è rifiutato di consegnare lo yacht alla persona che si è aggiudicata l’oggetto, la quale ha deciso di fargli causa accusandolo di truffa. La società che gestisce il sito sostiene l’acquirente: “Il venditore aveva molte possibilità di verificare la correttezza dell’inserzione prima di pubblicarla e quindi, secondo le norme che regolano questo tipo di compravendite, la barca deve ora passare di proprietà per 22,50 euro”. Avrà fatto un buon affare? Lo deciderà la Corte… dei miracoli!

Q

67


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


cose dell’altro mondo

di Chiara Rovan

Lupin è on line l manuale del perfetto rapinatore e scassinatore è sbarcato su YouTube. Che sia un’istigazione a commettere furti e furtarelli? Da oggi bambini e adolescenti penseranno che rubare è tutto sommato semplice, ma soprattutto che le armi sono un giocattolo. Una guida perfetta per scassinare serrature di casa, delle auto e delle cassette di sicurezza. I video sono liberamente visionabili on line su YouTube con tanto di concorso a premi per i migliori Lupin del globo. È la nuova moda del “lockpicking”, letteralmente dello scasso che, importata dagli States, sta spopolando on line. Lo scopo, ovviamente, è quello di imparare a forzare le serrature e ad entrare con destrezza. Il lockpicking “è e deve essere un hobby” dicono nel loro blog: una sfida di destrezza e di intelligenza, che vede diversi giovani impegnati ad aprire serrature sempre più complicate. Per facilitare il compito, diversi video insegnano nei minimi dettagli quali attrezzi utilizzare. Trattasi dunque di un vero e proprio corso/concorso per maghi della serratura, una sfida professionale al termine della quale saranno in premio tre video inediti di Killermaru, colui che è considerato un guru della specialità e che trasmetterà anche le sue conoscenze più segrete.

I

Il chewing gum

che non inquina piedi né agli indumenti e in sole sei settimane si polverizza nel nulla eliminandosi nell’acqua o nella terra. Il chewing gum biodegradabile è già in commercio nei negozi inglesi e permetterà all’amministrazione comunale un bel risparmio di denaro, ma anche di tempo: per la rimozione delle “cicche”, infatti, occorrono fino a 17 settimane di lavoro.

rriva dal Messico la gomma da masticare biodegradabile. È questa la novità che da oltre oceano ben presto ci aiuterà a salvaguardare e a rendere più pulito l’ambiente in cui viviamo. Alzi la mano, infatti, chi non ha mai gettato il chewing gum masticato per terra, non preoccupandosi di avvolgerlo in un pezzetto di carta o di gettarlo negli appositi bidoncini della spazzatura. La nuova gomma, prodotta in Messico dal Consorcio Chiclero, si chiama Chicza Rainforest Gum: è totalmente biologica, non si attacca né ai marcia-

A

In vendita sul web i fantasmi chiusi in bottiglia ottiglia con fantasma assieme al certificato d’autenticità: sembra strano ma è così. Per chi non può permettersi una vero e proprio maniero infestato dai fantasmi, esiste la possibilità di acquistarne perlomeno uno (di fantasma). A commercializzarli è la Roland-Deese Productions, piccola società situata a St. Augustine, in Florida (www.shop.aghostinabottle.com/main.sc). Sarà cura e tentazione del cliente non tentare mai di stappare la bottiglia.

B

69


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


ARPINO PORTA A OGIVA

consulenza del lavoro a cura di Armando Perugi (Consulente del Lavoro)

Forme contrattuali:

Stage

di Mario Sordi

cultura

Le pietre parlano Le antiche mura megalitiche raccontano di noi dal cono oscuro dei millenni rmai assorbiti dalla modernità senza storia, tra velocità e consumismo, le nostre coscienze hanno perso il ricordo di un tempo remoto, quello dominato dai Giganti. Quella forza primordiale battuta solo dagli dei, la forza del Ciclope che scagliando enormi massi uccise Aci, ritorna alla mente se un giorno, magari per caso, ci troviamo al cospetto delle severe mura megalitiche. Già i protagonisti dell’ottocentesco Grand Tour rimasero atterriti dall’imponente bellezza delle antiche strutture murarie di alcuni borghi agricoli a sud di Roma. “Quando vidi queste pietre nere e titaniche la mia ammirazione per la potenza umana divenne molto più grande di quando avevo visto il Colosseo”, scrisse il tedesco Gregorovius. Le antiche fortificazioni costruite in pietra da molti popoli affondano le loro origini nella notte dei tempi, in quel momento in cui umano e divino ancora s’abbracciano, in cui mito e storia si fondono (Euripide, Strabone e Pausania le attribuirono ad esseri giganteschi, i Ciclopi, altri ai mitici e antichissimi Pelasgi). Oggi una mostra allestita presso il Complesso del Vittoriano, prima a trattare in modo approfondito l’argomento, fa luce su un’arte arcaica e un periodo lontano, ancora molto oscuro. “Le mura megalitiche. Il Lazio meridionale tra storia e mito” offre, fino all’8 luglio, un percorso attraverso un’insolita raccolta che alterna incisioni, disegni, acquarelli, dipinti, libri, lettere, fotografie d’epoca, planimetrie, scenografie e video alla scoperta degli antichi centri megalitici laziali e delle altre civiltà che nel mondo hanno sviluppato simili tipologie architettoniche: dalla cultura nuragica in Sardegna, a Micene, agli Inca. Erette tra V e IV secolo a.C. dagli antichi Ernici e Volsci, popoli avvolti da grande mistero, e ancora oggi visibili ad Alatri, Arpino, Atina, Cassino, Ferentino, Sora, Veroli, ma anche Anagni, Aquino, Boville e altri, le poderose strutture murarie furono realizzate con grandi blocchi di pietra, di forma poligonale irregolare, perfettamente incastrati tra loro senza l’uso di alcun legante. Cingevano le acropoli, costituivano inespugnabili porte e furono l’ultima opera di uomini vissuti nel tempo del mito, giganti nell’ingegno; ultimo e più fiero baluardo italico di fronte all’inarrestabile avanzata romana.

O

no strumento molto utilizzato nel panorama lavorativo da parte delle Aziende/Imprese è il contratto di Stage. Con tale contratto le Aziende/Imprese possono offrire periodi di Stage al fine di agevolare le scelte professionali e consentendo allo Stagista di inserirsi in realtà aziendali che gli permetteranno di svolgere una prima esperienza lavorativa. Attraverso lo Stage un’azienda può valutare le capacità sul campo di soggetti che potrebbero essere inseriti nell’organico. Per avviare uno Stage l’Azienda deve ottenere dall’Ente promotore la documentazione necessaria per attivare la convenzione, nominare un tutor aziendale come responsabile didattico organizzativo delle attività che seguirà lo stagista e garantire uno stretto contatto tra quest’ultimo e il tutor. Al termine dello Stage il tutor aziendale dovrà redigere una relazione del lavoro svolto dallo stagista, ed una valutazione dello svolgimento del progetto formativo. Di particolare rilevanza è che lo Stage non costituisce un rapporto di lavoro e quindi non vincola l’Azienda al termine dello stesso, di conseguenza essendo solo un periodo di formazione le prestazioni fornite sono da considerarsi a titolo gratuito. La legge comunque lascia a discrezione dell’Azienda la possibilità di riconoscere allo stagista un rimborso spese. In Italia non è obbligatorio il versamento dei contributi previdenziali da parte delle aziende; l’unico dovere è quello di sostenere la spesa relativa alla copertura assicurativa antinfortunistica. Con il contratto di Stage lo stagista non matura né permessi né ferie, né gli spettano giorni di malattia. Inoltre, non esiste alcun tipo di obbligo delle parti circa lo scioglimento del contratto di stage, in tal caso non è necessario alcun preavviso o giustificazione da nessuna delle parti. È da considerare che per un’impresa il costo sostenuto per uno stagista è ancora più economico del personale assunto attraverso i co.co.pro.

U

73


arte

di Leonardo Caviola

Riscoprire un Raffaello

nascosto uscita del volume “Le Logge di Raffaello l’Antico, la Bibbia, la Bottega, la Fortuna”, seconda opera della collana “Monumenta Vaticana Selecta”, presentato a metà Maggio in Vaticano, è stata l’occasione per riscoprire e ammirare quel tratto dei palazzi pontifici in cui di norma l’accesso è contingentato o proibito. Gli interventi del Card. Lajolo, di A. Paolucci, Direttore Musei Vaticani, di F. Buranelli, Segretario Beni culturali della Chiesa e dello storico dell’arte C. L. Frommel hanno delineato al meglio i contenuti dell’opera, soffermandosi, ciascuno secondo il proprio settore, sulla storia delle Logge (ideate da Bramante per l’appartamento di Giulio II come struttura a tre piani di cui il secondo fu interamente decorato dall’urbinate nel biennio 1518-1519, sotto Papa Leone X Medici) e sulla magnificenza dell’arte di Raffaello Sanzio, che “quando visse, la natura temette d’essere vinta, ora che egli è morto teme di morire” (così riporta l’epigrafe al Pantheon), o anche, parafrasando i dotti del suo tempo “faceva ciò che faceva senza sforzo apparente”. Nicole Dacos (ricercatrice, studiosa, professoressa e specializzata saggista), autrice del volume, ha diviso la sua ricerca in quattro aspetti. Il primo, “l’Antico”, evidenzia il revival delle grottesche, oggetto di rinascimentale reinterpretazione provocata dalla scoperta di quelle antiche della Domus Aurea, in cui molti artisti furono soliti calarsi per ammirare la vitalità di antiche decorazioni. Il secondo, “la Bibbia”, insiste sulla raffigurazione dei personaggi del Vecchio e Nuovo Testamento, i quali, ritratti nell’apice delle loro imprese bibliche, si presentano, nei cinquantadue episodi presenti, con l’innovativo linguaggio tipico raffaellesco che richiama alle pose della statuaria romana ma con una rivisitazione in chiave popolare. Alla “Bottega” è invece dedicato il terzo capitolo, che espone, data l’immensità dell’intervento (65 metri di lunghezza divisi in 13 arcate), la collaborazione di specialisti di stucchi e di grottesche come Giovanni da Udine, di esecutori affidabili come Tommaso Vincidor (il Vasari) o come il Penni, di luogotenenti come Giulio romano o di giovani allievi, non ancora ventenni, ma dalla vena pronta ed inventiva come Perin del Vaga o Polidoro da Caravaggio. Non meno importanti l’apporto degli spagnoli Berruguete, futuro primo scultore di Castiglia, e Machuca che riceverà da Carlo V la commissione per il progetto dell’Alhambra a Granada. Con questa equipe affiatatissima, Raffaello moltiplicò esponenzialmente le proprie forze, realizzando più di quanto non avrebbe potuto da solo e riuscendo anche dopo la morte (avvenuta nel 1520, l’anno dopo il termine dei lavori alla Loggia), a determinare

L’

Presentato uno studio sulle Logge che il grande urbinate ha lasciato in eredità ai Papi lo stile figurativo ed il ruolo dell’artista universale delle corti di mezza Europa. Con la consegna a Roma del primato dell’egemonia artistica e culturale prende vita il quarto capitolo, “la Fortuna”, improntato sulle incisioni di Volpato ed Ottaviani nel XVIII secolo che, delle Logge, ne diffusero lo stile e l’arte nel continente al punto che Caterina II ne fece realizzare una copia a grandezza naturale, tutt’oggi ammirabile all’Ermitage di San Pietroburgo. Segno, testimonianza e palese manifesto della magnificenza dell’arte del pittore urbinate, una grandezza con pochi pari nella storia.

75


arte

informazione redazionale

di Mario Sordi

Angelico tra terra e cielo

Festa della Creatività, festa di tutti

Il Frate pittore: dopo 50 anni un’eccezionale mostra a Roma

omenica 21 giugno Ieva Scuola d’Arte e l’Associazione Culturale “Il Laboratorio” hanno organizzato, presso la grande sala Eschilo 2 Dancing, la “Festa della Creatività”. L’evento, giunto alla sua quinta edizione, è il coronamento di un lungo percorso professionale: lo Studio d’Arte ha infatti 38 anni mentre l’Associazione è attiva sin dal 2000. Della festa e delle altre attività legate al mondo della creatività abbiamo parlato con Anna Maria Ieva. Innanzitutto, la domanda più semplice: come è andata? Il mondo della creatività è eccezionale, tira fuori il meglio che c’è in noi. È stata una festa bellissima, al di là delle mie aspettative. Hanno esposto gli allievi della Scuola d’Arte Ieva e gli artisti del Circolo Lorenzo Viani di Ostia. Aspettavamo gli artisti dell’Accademia nazionale di Roma, purtroppo avevano in contemporanea una mostra al Colosseo e non sono potuti venire. Cosa ti è piaciuto di più? La cosa più interessante è stato il momento della scuola, della formazione. Al centro di questi 1.000 metri quadri dell’Eschilo 2 si svolgevano tutti i corsi. Il motto “scopri il tuo talento creativo” è diventato realtà. Ci sono stati corsi di intaglio di vegetali, di ceramica, di porcellana, di cucito creativo. C’è stato anche un grande artista, Rudy Pulcinelli, che ha tenuto delle dimostrazioni. Ovviamente, sono stati premiati gli insegnanti e gli allievi. A fine serata abbiamo fatto anche una sfilata. Le bambine che hanno frequentato il corso di disegno di moda hanno sfilato con i modelli da loro stesse disegnati. Erano presenti alla Festa anche autorità politiche? C’era Antonio Zanon, Presidente della Commissione Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio; il Presidente del XIII Municipio Giacomo Vizzani e Giancarlo Innocenzi, Assessore per le Politiche Ambientali, lo Sport e il Turismo. Avete in mente un calendario delle iniziative in cui sarete presenti? Come tutti gli anni saremo all’Hobby Show, presso il Palazzo dei Congressi dell’Eur. Ieva è presente anche a L’Oro di Roma, che nel settembre 2009 esporrà presso i musei capitolini. La manifestazione raggruppa orafi e artisti italiani per proporre il made in Italy nel mondo. Le opere sono già partite per Chicago e Huston, dove esporranno a breve. Poi torneranno in Italia e inizierà la mostra presso i Musei Capitolini. Cosa ci dici invece sulla vostra attività? La stagione è sul finire. A luglio abbiamo aperto i laboratori a tutti. Proporremo lezioni gratuite acquistando solo i materiali d’uso. Si possono provare diverse tecniche per decidere quali poi approfondire.

ome in cielo, così in terra”; in principio fu una timida naturalizzazione del divino, poi un’inarrestabile rivoluzione intellettuale, assolutamente umana. Il monaco domenicano Giovanni da Fiesole, Beato Angelico, trovò in pittura la giusta misura tra cielo e terra, tra novità e tradizione. Fino al 5 luglio, presso i Musei Capitolini, sarà possibile visitare la Mostra-evento: “Beato Angelico, l’alba del Rinascimento”. A conclusione delle celebrazioni per il 550° anniversario della morte del maestro, Roma ospita la più vasta esposizione dedicata all’artista toscano dopo quella realizzata a Firenze e in Vaticano nel lontano 1955. Un capolavoro come il Paradiso degli Uffizi, il grande trittico di Cortona completo della sua predella, la luminosa policromia dell’Annunciazione di San Giovanni Valdarno, la Madonna di Cedri del Museo di Pisa, affiancano opere mai esposte prima come: Il Trittico della Galleria Corsini di Roma; la predella della Pala di Bosco ai Frari; la complessa predella di Zagabria; tutti restaurati per l’occasione. L’esposizione è stata anche momento per ulteriori sviluppi nello studio dell’opera del frate pittore. Un’approfondita campagna di indagini riflettografiche agli infrarossi, condotta su diversi dipinti angelichiani dalla Scuola Normale Superiore di Pisa, dà modo di osservare l’eccellente perizia del maestro nell’arte nel disegno, tutta la raffinatezza e la compiutezza dello studio grafico preventivo e sottostante alla pittura. Muovendo i primi passi nell’arte raffinata della miniatura, ancora legato ad eleganze tardogotiche dove l’oro, prezioso, splendeva, l’Angelico comprenderà presto la grande potenza innovatrice della “maniera nuova” fiorita in Toscana. Forme regolari, pulite, si rivelano in colori alti e trasparenti che accendono corpi scolpiti da una luce alta e diffusa. È una pittura concreta che incita alla fede, che indica la strada della redenzione e che cederà il passo, negli ultimi anni di attività, ad un diretto ed essenziale rapporto col divino, senza mediazione. Il processo è concluso, la meta è raggiunta, il geniale domenicano ha trovato l’alternativa, un umanesimo profondamente religioso.

“C

D

INFO: IEVA Scuola d’Arte - Via Terpandro 36 (Axa) Tel. 06.52356966 - 347.5657838 - www.ieva.it

77


VG

visioni grafiche


spettacoli

Lugliosuona davvero bene Il clima si scalda e i palchi si riempiono di grandi protagonisti n luglio ricco di appuntamenti all’orizzonte per la capitale. Frances co “il Principe” De Gregori, sulla scena musicale da oltre 40 anni, e ormai a pieno titolo pietra miliare della musica italiana, aprirà, il 4 luglio all’Auditorium, con la prima data del suo tour estivo, un intenso mese di esibizioni. Per tutto il mese il Parco della Musica resterà un’arena ricca di appuntamenti. Si parte con Brad Mehldau (5 luglio), per seguire con i mitici Steely ACIA ANAST Dan (6), Buena Vista Social Club (11), Anastacia (12), Michael Bolton (14), Javier Girotto e Aires Tango (15), Mogwai (18), James Taylor (19), David Byrne (20), Ivano Fossati (22), Incognito (23), Burt Bacharach (24), Bjork (25) e la grande Tracy Chapman (27). Sul fronte della musica elettronica, torna la quattro giorni dell’ex-Sonica (che da quest’edizione prende il nome di Reloaded Festival). La rassegna techno sarà a due passi da Roma, a Monte Gelato (Mazzano Romano), dal 31 luglio al 3 agosto.

Concerti a Roma

U

BRUCE SPRINGSTEEN

di Lorenzo Avellino

E poi, ancora, un evento imperdibile per tutti gli amanti dell’indierock. Il 14 luglio insieme sul palco dell’ippodromo delle Capannelle forse le due rock band più lanciate del momento a livello mondiale: Franz Ferdinand e The killers. Sempre all’ippodromo due ottimi appuntamenti per gli amanti del rap: J-Ax (9 luglio) e Caparezza (18 luglio). Da segnalare anche il ritorno a Roma della regina del rock contemporaneo Patti Smith, che il 6 luglio infiammerà il pubblico sotto le stelle di Villa Ada con un esperimento tutto “acustico”. E il festival della villa, “Roma Incontra il mondo”, da sempre molto attento alle vibrazioni in levare, che propone i concerti di uno dei protagonisti della musica jamaicana Anthony B (15 Luglio), del fenomeno italiano (ma trapiantato in Jamaica) Alborosie (27 luglio) e degli storici salentini Sud Sound System (30 luglio). Dulcis in fundo, l’arrivo a Roma del Boss, Bruce Springsteen, che sarà nella capitale per un concerto eccezionale il 19 luglio allo Stadio Olimpico.

Concerti in Italia i sa che l’estate è periodo di festival, e un’interminabile serie di rassegne per ogni genere (e ogni ascoltatore!) impazza per la penisola. Cominciamo con il Veneto Jazz Festival, che propone una serie di eventi tra cui spicca, il 16 luglio, a Mantova, l’esibizione di uno dei massimi pianisti jazz contemporanei, Keith Jarrett (ovviamente insieme ai fedelissimi Gary Peacock e Jack Dejohnette). Da non perdere anche l’appuntamento a Pistoia per il Pistoia Blues Festival (2 al 5 luglio), che vedrà, tra gli altri, la partecipazione di Franco Battiato. Impossibile non menzionare anche

S

l’esibizione dei The Prodigy: i re del big beat, con sedici milioni di dischi venduti all’attivo, saranno presenti a Padova il 15 luglio allo Sherwood Festival. Lenny Kravitz (11 luglio) e Moby (25 luglio) saranno invece tra i protagonisti del Lucca Summer Festival. Dal 16 al 19 luglio, a Livorno, l’Italia Wave festival offre a tutti gli appassionati di musica elettronica un live del grande Aphex Twin e omaggia Woodstock rivisitando alcuni brani dello storico festival insieme a Afterhours e Caparezza.

E come non segnalare la XVI edizione del Rototom Sunsplash? Il più grande festival reggae d’Europa animerà Osoppo (UD) dal 2 all’11 luglio e ospiterà la prima esibizione italiana di sempre del leggendario Bunny Wailer. Chiudiamo con la segnalazione di due grandi eventi milanesi, probabilmente indimenticabili per i fortunati che vi parteciperanno: i concerti degli U2 (7 luglio) e di Madonna (14 luglio). MADONNA

79


visioni grafiche

VG

Piante acquatiche, Bonsai, Vasto assortimento di piante mediterranee, austrialiane e tropicali, Piante da interno, Bulbi e semi anche biologici, Piante grasse, Vasto assortimento di vasi, terrecotte e ceramiche artistiche, Show-Room di Fiori freschi, secchi, artificiali e composizioni artistiche, Concimi e Substrati (COMPO e CIFO), Materiali per l’irrigazione (GARDENA), Attrezzature e macchine da giardino, Fornitura e Montaggio di strutture in legno (pergole, grigliati, ecc...) ACILIA (10.000 mq di esposizione): Via P. Cocchi, 151 - Tel: 06.523.57231 - Fax: 06.52352865

www.primaverde.it


ALSTROEMERIA Origine: America del Sud Famiglia: Alstromeriaceae Nome comune: Alstremeria scheda n. 50

a cura di Lorenzo Palmieri

DESCRIZIONE: è una pianta dai fiori incantevoli, cui fanno da sfondo foglie anch’esse molto decorative. Dà l’impressione di essere delicata, invece è una bella sorpresa scoprire che si tratta di una specie bulbosa molto rustica. TIPOLOGIA: erbacea perenne (bulbosa). DIMENSIONI: H 50 cm,

75 cm.

FOGLIAME: scompare in inverno (è una bulbosa); le foglie sono glauche (fra il verde e il celeste), ritorte e lanceolate. FIORITURA: dalla primavera all’autunno, purché le radici abbiano lo spazio per crescere (coltivata in vaso utilizzare contenitori ampi). I fiori (molto utilizzati anche come recisi) sono larghe infiorescenze imbutiformi che variano dal bianco a diverse tonalità di rosa, giallo o arancio, spesso con macchie o striature contrastanti. CLIMA: del tutto rustica, resiste anche a temperature molto basse (-15°C). ESPOSIZIONE: pieno sole o in leggera ombra (mai eccessiva). TERRENO: leggero, fertile, ben drenato. ACQUA: abbondante nel periodo vegetativo; i tuberi in letargo (in inverno) non hanno bisogno di annaffiature (il riposo è utile per raccogliere le forze per un nuovo sforzo produttivo). CONCIMAZIONI: periodiche per tutto il periodo vegetativo. POTATURA: in autunno, alla caduta delle foglie, si recidono i fusti a livello del terreno. AVVERSITÀ: non è una pianta soggetta a malattie, fare solo attenzione alle lumache. POSSIBILI IMPIEGHI: questa pianta, inizialmente coltivata per la produzione commerciale di fiori recisi, si è guadagnata da tempo un posto d’onore in giardino, grazie all’incantevole bellezza dei suoi fiori e alla grande facilità di coltivazione. Coltivata in vaso (ampio: per garantire una lunghissima fioritura) è molto utilizzata per decorare terrazzi.


teatro

di Chiara Rovan

Sotto le stelle a passo di danza Terme di Caracalla e Villa Adriana: la storia accompagna musiche e corpi estate 2009 si apre all’insegna della musica e della danza en plen air sotto lo sfondo di due suggestive cornici dell’architettura romana come le Terme di Caracalla a Roma, “sede estiva” del Teatro dell’Opera, e la meravigliosa Villa Adriana a Tivoli, che ospita il FestiVAL di Arti contemporanee giunto alla sua terza edizione. L’1-2-3-7-8 luglio l’orchestra e il corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma presenterà il nuovo allestimento in due atti del balletto “Sogno di una notte di mezza estate”, per la regia di Beppe Menegatti e la direzione musicale del Maestro Jonathan Webb. Nel bicentenario della nascita di Felix Mendelssohn-Bartholdy, che appena diciassettenne strumentò dapprima l’overture all’opera per eseguirla con la sorella Fanny, Paul Chalmer ha ideato inedite coreografie per raccontare la celebre e frizzante commedia shakespeariana. Ad Atene si intrecciano le complicate storie d’amore tra giovani coppie: Ermia e Lisandro, Elena e Demetrio, il Duca Teseo e Ippolita; mentre nella vicina foresta incantata assistiamo, tra fate, elfi e folletti, ai litigi fra Oberon e Titania e alle disavventure dello spiritello Puck. L’estate della danza continua il 15 e 16 luglio col balletto del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, una delle compagnie di danza più celebri della storia (in scena dal 1782, ha visto tra le sue file Rudolph Nureyev, Roland Petit e Maurice Béjart), che presenta alcune delle più importanti coreografie di William Forsythe, erede del genio di Gorge Balanchine. Il contemporaneo artista newyorkese, conosciuto in tutto il mondo, ha creato numerose coreografie per rinomate compagnie di danza: Ballet Basel, Balletto di Monaco, Deutsche Opera Ballett di Berlino, New York City Ballet, The National Ballet of Canada, The Royal Ballet, il Covent Garden, il Balletto dell’Opera di Parigi, diventando il direttore artistico del Ballett Frankfurt in Germania. A Villa Adriana assisteremo a Steptext (1985), Approximate Sonata (1996), The Vertiginous Thrill of Exactitude (1996), In the Middle Somewhat Elevated (1987), in cui i codici del balletto classico si armonizzano con le novità della danza contemporanea e il rigore geometrico penetra nell’impatto emotivo delle inquietudini moderne.

L’

83


cinema

di Anna Claudia Bianchi

cinema

Filmare Festival: parte la 9a edizione

Ostia ha finalmente il suo Filmfest

Due giorni di nuove proposte: il litorale si prepara a giudicare nuovi filmaker

Nasce il primo Festival cinematografico del litorale

resieduto dal regista Giovanni Veronesi (Italians, Manuale d’Amore, Che ne sarà di noi, ecc…) e in programma l’8 e 9 luglio presso la multisala Cineland, il Filmare Festival è stato organizzato anche quest’anno dall’Associazione Isabella Ossicini ed è stato sostenuto sia dal Comune di Roma che dal Municipio 13. Il tema della prossima edizione è libero. I vincitori, supportati da Technicolor e Canale 10 (che trasmetterà i corti in concorso), accederanno al Kerry Film Festival, rassegna con la quale la manifestazione è gemellata (il festival irlandese è diretto da Jason O’Mahony e ha potuto vantare per la scorsa edizione una giuria presieduta dall’attore Liam Neeson). Le opere, non più divise in sezioni, gareggeranno per il miglior corto internazionale, il miglior corto del Lazio, la migliore fotografia, il miglior interprete, la migliore sceneggiatura ed il corto più votato dalla giuria popolare presente in sala. A giudicare una serie di personalità di primo piano: a parte il citato Veronesi, faranno parte della giuria Gianni Maritati (giornalista, scrittore, responsabile del TG1 Rai spettacolo), Barbara Folchitto (attrice caratterista), Massimiliano Camaitti (vincitore dell’8a edizione), Paola Pau (responsabile area sud delle biblioteche di Roma), Jacopo Werther Selvi (regista), Paolo Zapelloni (programmista regista Rai, esperto media). Circa 100 opere sono pervenute alla commissione selezionatrice. Veronesi e Maritati hanno infine decretato quelle meritevoli di passare in finale. Il Filmare Festival è da sempre attento a monitorare e promuovere nuovi linguaggi e nuovi talenti. Tra coloro che hanno partecipato alle edizioni passate, molti sono ormai i nomi che lavorano nel mondo del cinema: è il caso Genovese e Miniero, vincitori della quarta edizione, o attori come Guido Caprino, sorpresa televisiva dell’anno col “Commissario Manara”). Spazio dunque alle nuove proposte, nella speranza che le buone idee trovino il giusto spazio in un mondo abbastanza chiuso.

P

GIOVANNI VERONESI

di Dante Cruciani

ll’inizio di giugno si è svolta al Multiplex Cineland la 1a edizione dell’OstiaFilmFest, il Festival Internazionale del Cinema di Ostia. Ideata e diretta da Francesco Cinquemani, la rassegna è stata pensata con gli obiettivi di promuovere le migliori pellicole italiane e internazionali e di valorizzare la creatività dei giovani artisti. È la prima volta che il litorale romano ospita un Festival del cinema così articolato. Questa edizione è stata dedicata al viaggio, tema che si presta a molteplici declinazioni e che è stato affrontato attraverso diverse sezioni: Anteprima, Italiana, Ultravisioni, Derive ed Orme. Alla fine delle proiezioni, ne è risultato un viaggio attraverso i vari generi e linguaggi cinematografici, che ha dato spazio a nuovi talenti come ad autori affermati. Dentro c’è stato il cinema d’autore, le proiezioni per ragazzi, i documentari, ma anche l’horror e l’innovazione del cinema in 3 dimensioni, oltre a storie dai toni più sentimentali o delicati. Pur essendo stato patrocinato da diverse istituzioni locali, per questa sua prima edizione il Festival ha dovuto far conto solo sulle proprie forze, sfruttando il lavoro e la passione di chi ci ha lavorato in maniera tanto intensa quanto disinteressata al lato economico. A conclusione della kermesse, sono stati premiati alcuni illustri protagonisti del cinema italiano. Il maestro Mario Monicelli ha ricevuto il premio alla carriera, Daniele Vicari quello per la miglior regia, Umberto Lenzi quello per la versatilità e l’intelligenza con cui si è mosso attraverso tutti i generi (sono più di 60 i film al suo attivo). Non sono mancati i premi agli attori, in particolare quelli ad Antonio Catania, Alessandro Haber e Valeria Solarino, nonché la presenza di ospiti d’eccezione come RAOUL BOVA E CHIARA GIORDANO Raoul Bova e Chiara Giordano, che hanno ritirato il premio assegnato alla Sanmarco come miglior produzione. Gli organizzatori del Festival hanno voluto scommettere su un territorio decentrato rispetto al cuore di Roma, un esperimento che alla fine si è rivelato vincente. La manifestazione, grazie al fatto che tutte le proiezioni erano rigorosamente gratuite e aperte a tutti, ha infatti registrato una notevole partecipazione di pubblico.

A

85


SPINACETO RENZI Stabile con portiere rifinito salone cucina 2 camere cameretta doppi servizi terrazzo balcone ripostiglio box 20mq € 339.000,00 Rif. 50.09

VITINIA ARGELATO

MOSTACCIANO

VITINIA SARSINA

Panoramico bilivelli ampia metratura salone cucina 4 camere doppi servizi terrazzo 30mq balcone posto auto

Monolocale piano terra di 50mq composto da salone c/angolo cottura camera servizio

€ 909.000,00 Rif. 53.09

€ 149.000,00 Rif. 26.09

TORRINO CITTÀ D’EUROPA

CENTROGIANO

In cortina delizioso attico di 45mq con terrazzo rifinito luminoso box e cantina

Ristrutturato salone cucinotto 2 camere 2 servizi terrazzo 40mq + box auto

€ 285.000,00 Rif. 63.09

€ 539.000,00 Rif. 51.09

€ 165.000,00 Rif. 54.09

MONTEVERDE

MOSTACCIANO MODIGNANI

MOSTACCIANO BONETTI

Seminterrato sbancato salone cucina abitabile camera servizio 2 giardini 50mq

Salone cucina 2 camere doppi servizi terrazzo posto auto coperto soffitta buono stato

Totalmente arredata ottimo stato salone cucina abitabile 2 camere doppi servizi terrazzo 30mq box auto AFFITTO

€ 289.000,00 Rif.60/09

€ 419.000,00 Rif. 49.09

€ 1.400,00 Rif. 57.09

TORRINO AVIGNONE

MONTEVERDE

MOSTACCIANO

Ottimo stato salone cucina camera 2camerette doppi servizi balconi soffitta cantina posto auto coperto

Nuovo attico panoramico salone doppio 3 camere cucina ab.servizio ripostiglio balconi terrazzo da ristrutturare

€ 585.000,00 Rif. 58.09

€ 589.000,00 Rif. 48.09

Affittasi ristrutturato non arredato salone cucina abitabile 2 camere cameretta doppi servizi terrazzo balcone posto auto coperto AFFITTO € 1.500,00 Rif. 61/09

TORRINO CITTÀ D’EUROPA

SAN PAOLO CHIABRERA Vicinanze metro ingresso salone 2 camere cucina servizio terrazzo 20mq balcone soffitta da ristrutturare

MALAFEDE CALTAGIRONE

In condominio signorile salone doppio 3 camere cucina ab.con tinello 2 servizi balconi terrazzo 57mq cantina box ottimo stato € 1.079.000,00 Rif. 56.09

€ 389.000,00 Rif. 32.09

€ 249.000,00 Rif. 59/09

TORRINO FIUME GIALLO

GARBATELLA

Soggiorno cucina abitabile 3 camere doppi servizi terrazzo balcone posto auto scoperto cantina € 440.000,00 Rif. 30/09

Ristrutturato monolocale salone c/angolo cottura servizio patio esterno di 20mq

Ottimo stato soggiorno cucina abitabile camera servizio terrazzo posto auto coperto

Nuda proprietà 80enne piano alto luminoso salone 2 camere cucina abitabile servizio ripostiglio balconi cantina ottimo investimento € 289.000,00 Rif. 10/09


cinema

di Lorenzo Avellino

I FILM del mese cinema

L’Isola che c’è Borderland

Parte la rassegna più suggestiva, quella che unisce le emozioni del cinema al fatto di viverle nel cuore più antico di Roma nche quest’anno l’Isola Tiberina tornerà ad essere il fulcro per i cinefili romani. Dal 18 giugno al 30 agosto, infatti, niente vacanze per il grande schermo: comincia “L’Isola del Cinema”. La sempre più vitale rassegna cinematografica, giunta ormai alla sua XV edizione, ha in cartellone un programma intenso e quanto mai vario. Quest’anno il festival omaggerà un film che ha contribuito a formare, forse più di qualsiasi altro, l’iconografia di Roma: una gigante scenografia tratta da La dolce vita sarà infatti posta sul portale d’ingresso della Sala Cinema, che diventerà per tutta l’edizione la Sala Fellini. Grande attenzione dunque alla storia del cinema, ma non mancheranno novità assolute e serate speciali. Gli ambasciatori di Argentina, Australia, Messico, Francia, Giappone, Israele, Polonia e Spagna presenzieranno ad alcune serate dedicate alle rispettive cinematografie nazionali. Particolare attesa c’è per l’anteprima mondiale (13 luglio) del film Amalfi di Hiroshi Nishitani, per la proiezione del pluripremiato Valzer con Bashir e per l’anteprima nazionale di It All Begins at Sea di Eitan Green, presentato da Pnina Blazer, direttrice del Festival Internazionale di Haifa. Senza contare che L’Isola del Cinema rimane un ottimo appuntamento per “recuperare”, nella tranquillità estiva, tutti i film persi nella stagione appena conclusa. Tra gli altri, ci piace segnalare Fortapasc di Marco Risi, Diverso da Chi? di Umberto Carteni (con Luca Argentero, Claudia Gerini e Filippo Nigro), Due partite di Enzo Monteleone (con Margherita Buy, Isabella Ferrari, Claudia Cortellesi, ecc…), Ex di Fausto Brizzi , Milk di Gus Van Sant, il musical Mamma mia!, Il curioso caso di Benjamin Button (nomination per Brad Pitt), Vicky Cristina Barcellona (Oscar a Penelope Cruz), The Reader, Australia, Two lovers, La felicità porta fortuna di Mike Leigh, Un matrimonio all’inglese di Stephan Elliott, Il matrimonio di Lorna dei fratelli Dardenne e Giù al nord di Dany Boon. Da segnalare anche la presenza della Comunità di Sant’Egidio, che presenterà all’Isola del Cinema il film Tutta colpa di Giuda (16 luglio) di Davide Ferrario, realizzato nel carcere di Torino con la partecipazione di alcuni detenuti e del personale. Un grande spunto di dibattito e approfondimento con una delle associazioni che più da vicino conosce il doloroso ambiente carcerario e le sue tragedie.

A

Regia: Zev Berman Cast: Brian Presley, Martha Higareda, Sean Astin USA 2007 Genere: Commedia

19 Giugno

Ed, Henry e Phil, tre studenti americani partono per un weekend di sesso e bagordi al confine tra Messico e Texas. Sul confine però gli amici incrociano una strana setta che pratica sacrifici umani per avere il dono dell’invisibilità. Le loro vittime preferite sono proprio i gringos, gli americani. La spensierata vacanza si trasforma in un incubo.

Transformers La vendetta del Caduto Regia: Michael Bay Cast: Shia LaBeouf, Megan Fox USA 2009 Genere: Azione

26 Giugno

Gli Autobot rimasti sulla Terra si autoproclamano guardiani dell’umanità, e installano un segnalatore per indicare agli Autobot disseminati nella galassia che la Terra può ospitarli. La scelta è azzeccata considerando che Starscream dei Decepticon si allea con i Constructions per cercare il Caduto, l’unico in grado di condurli a vittoria certa.

Ritorno a Brideshead Regia: Julian Jarrold Cast: Matthew Goode, Ben Whishaw, Emma Thompson GB 2008 Genere: Drammatico

26 Giugno

Il trasgressivo Charles Ryder, aspirante pittore, conosce ad Oxford il raffinato Sebastian Flyte, figlio di Lord e Lady Marchmain. Charles viene rapidamente attratto dalla vitalità di Sebastian divenendone l’amante e accettando di essere invitato nella sua sontuosa dimora di Brideshead. Qui conosce sua sorella Julia e si innamora anche di lei.

Crossing over Regia: Wayne Kramer Cast: Harrison Ford, Sean Penn, Ray Liotta, Ashley Judd USA 2009 Genere: Drammatico

26 Giugno

L’agente Max Brogan lavora all’ente per l’immigrazione di Los Angeles. Il suo compito è quello di catturare clandestini e riportarli oltre confine. Un lavoro che non permette di avere il cuore tenero ma certe storie non lasciano impassibile neanche Brogan, come quella di una madre messicana costretta a lasciare il figlio.

Moonacre I segreti dell’ultima luna Regia: Gabor Csupo Cast: Ioan Gruffudd, Dakota Blue Richards - FRA/GB 2008 Genere: Fantasy

26 Giugno

Maria, rimasta orfana a 13 anni, si trasferisce dallo zio, Sir Benjamin, che vive presso la misteriosa Moonacre Manor. Una volta giunta a destinazione la ragazza scopre l’esistenza di un’antica maledizione risalente a molti secoli prima. Per rompere l’incantesimo Maria dovrà trovare delle magiche perle di luna.

87


VG visioni grafiche


cinema

I FILM del mese

3 Luglio

3 Luglio

Outlander - L’ultimo vichingo

Ghost town

Regia: Howard McCain Cast: James Caviezel, Sophia Myles, Jack Huston USA 2008 Genere: Avventura

Regia: David Koepp Cast: Greg Kinnear, Ricky Gervais, Téa Leoni USA 2008 Genere: Commedia

Norvegia, 709 dopo Cristo, un’astronave impazzita si schianta su uno dei maestosi fiordi del paese. Dal relitto esce un uomo proveniente da un altro mondo: è Kainan, un guerriero umanoide, e non è solo. A sua insaputa è venuto con sé un pericoloso clandestino, il Moorwen, una creatura pronta a tutto pur di compiere la sua vendetta.

Da sempre il dentista Bertram Pincus crede di possedere poteri fuori dal comune. Durante un semplice intervento chirurgico, il suo cuore cessa di battere per oltre sette minuti. Quando si sveglia Bertram si accorge di essere capace di comunicare con i morti. In particolare un fantasma gli chiede di metterlo in contatto con la sua ex moglie.

17 Luglio

Fighting

Immagina che

Regia: Dito Montiel Cast: Channing Tatum, Terrence Howard, Peter Anthony Tambakis USA 2009 Genere: Drammatico

Regia: Karey Kirkpatrick Cast: Eddie Murphy, Talen Ruth Riley, Thomas Haden Church USA 2009 Genere: Commedia

Ragazzo di provincia, Sean arriva a New York senza un soldo in tasca. Si guadagna da vivere vendendo merce contraffatta fino a quando incontra l’artista della truffa Harvey Boarden che scopre il suo naturale talento per lo street fighting. Harvey introduce Sean nel circuito corrotto della boxe clandestina...

Evan Danielson, consulente finanziario di successo, antepone il suo lavoro alla figlia di sette anni Olivia. Quando però la sua carriera comincerà ad andare a rotoli, Evan inizierà a dedicare più tempo alla sua bambina, scoprendo che la fervida immaginazione di Olivia riuscirà, inspiegabilmente, a trovare tutte le soluzioni per i suoi problemi.

24 Luglio

Il superpoliziotto del supermercato

La rivolta delle ex

3 Luglio

Regia: Mark Waters Cast: Matthew McConaughey, Jennifer Garner, Breckin Meyer USA 2009 Genere: Commedia

Regia: Steve Carr Cast: Kevin James, Jayma Mays USA 2009 Genere: Commedia

Durante il matrimonio di suo fratello Paul, il famoso fotografo dei divi Connor Mead, scapolo impenitente, riceve la visita del fantasma di suo zio Wayne, leggendario playboy sulle cui gesta ed avventure Connor ha modellato tutta la propria vita. Lo zio cerca di redimerlo attraverso le storie di altri fantasmi: quelli delle sue ex fidanzate.

Paul, papà single, lavora come guardia giurata in un grande centro commerciale del New Jersey anche se il suo grande sogno è sempre stato quello di entrare nella polizia. Il suo momento di gloria arriva quando un gruppo di banditi penetra nel centro commerciale e prende in ostaggio un gruppo di clienti tra cui c’è sua figlia.

31 Luglio

Harry Potter

Alieni in soffitta

e il Principe Mezzosangue

15 Luglio

17 Luglio

Regia: David Yates Cast: Daniel Radcliffe, Emma Watson - USA/GB 2009 Genere: Fantastico

Regia: John Schultz Cast: Ashley Tisdale, Robert Hoffman, Kevin Nealon USA 2009 Genere: Avventura

All’inizio del suo sesto anno alla Scuola di Magia di Hogwarts, Harry Potter, ormai sedicenne, entra in possesso di un vecchio libro appartenuto a un certo Principe Mezzosangue. Seguendone le note scritte a mano, il maghetto riesce a compiere straordinari esperimenti e nel frattempo scopre di essere innamorato di Ginny, la sorella minore di Ron.

Il mondo è minacciato da un gruppo di alieni che è in grado di controllare la mente degli esseri umani. I giovani Tom e Jake, insieme ai loro amici, scoprono però che le armi per il controllo mentale possedute dagli invasori non hanno effetto sui bambini. La salvezza della terra è quindi nelle mani di Tom e Jake...

7 Agosto

Notorious

L’Era Glaciale 3

Regia: George Tillman Jr Cast: Charles Malik Whitfield, Marc John Jefferies USA 2009 Genere: Drammatico

Regia: Carlos Saldanha USA 2009 Genere: Animazione

La breve vita di Christopher Wallace, in arte Notorious B.I.G., per gli amici Biggie, nato a Brooklyn, New York, e come tanti ragazzi del suo quartiere, divenuto spacciatore e criminale prima di diventare una delle più grandi star mondiali dell’hip-hop. Morto in seguito ad un regolamento di conti fra opposte gang a soli 25 anni il 9 marzo 1997.

Terzo capitolo della saga. Dopo essere sopravvissuti all’era glaciale, il bradipo Syd, la tigre con i denti a sciabola Diego e il mammut Manny devono abituarsi alla convivenza con i dinosauri, abitanti della nuova era. Tra i nuovi arrivi una donnola con un occhio solo di nome Buck che odia i mostri preistorici e li caccia senza sosta.

L’alba dei dinosauri

28 Agosto

89


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


spettacolando

Nicole Kidman incinta?

di Barbara Zorzoli

econdo alcune voci, Kidman, Nicole mamma della piccola Sunday Rose, sarebbe nuovamente incinta. “Da qualche tempo Nicole sembra più solare e soprattutto più rotonda all’altezza della vita”, ha dichiarato una fonte a un noto osì piccola e già così diva. La figlia di tabloid. Il portavoce dell’attrice ha, Tom Cruise e Katie Holmes, Suri, non manperò, già smentito la notizia. gia se non ha le sue bacchette cinesi. “Durante una recente visita al bistrot Le Pain Quotidien, Suri non ha voluto toccare né il suo panino né le paste senza i bastoncini cinesi”, ha dichiarato una fonte a un noto tabloid.

Capricci, fobie… e strane manie

S

Nuove avventure per le nostre amate star

Suri, che capricciosa...

C

Katy Perry: “Sposerei Pete Wentz” aty Perry e Travis McCoy sono tornati insieme, ma la popstar di “I kissed a girl” ha rischiato di incrinare nuovamente il rapporto con il fidanzato dichiarando, durante un’intervista all’emittente radiofonica 2Day Fm, che avrebbe avuto volentieri una relazione con John Mayer e che le sarebbe piaciuto sposare Pete Wentz (marito di Ashlee Simpson).

K

Sarah Michelle Gellar:

Rihanna

in arrivo una bambina

all’udienza contro Chris ihanna è stata chiamata a presenziare all’udienza del 22 giugno contro l’ex fidanzato Chris Brown, accusato di averla picchiata lo scorso febbraio alla vigilia dei Grammys. Il rapper, che durante la prima udienza si era dichiarato innocente, rischia fino a quattro anni di carcere. Rihanna avrà il coraggio di testimoniare contro di lui?

R

arah Michelle Gellar e il marito Freddie Prinze Jr. diventeranno presto genitori di una bambina. Il pancione, però, per la star di “Buffy” non è un impedimento alla carriera: l’attrice è sempre presente sul set del suo ultimo film “The wonderful maladys”.

S

Winona: il successo e la depressione n una lunga intervista a un noto tabloid, Winona Ryder ha confessato di aver sofferto di depressione quando era all’apice del successo. “Avevo appena fatto Dracula e Edward mani di forbice e allo stesso tempo avevo appena avuto la mia prima delusione amorosa (quando è finita tra lei e Johnny Depp, ndr). È stata una situazione paradossale: tutti pensavano che avessi tutto, ma non era così, mi sentivo persa”, ha rivelato l’attrice.

I


spettacolando Michael Jackson: paura di perdere il naso Michael Jackson, di recente sottoposto a un intervento per un cancro alla pelle, sarebbe terrorizzato dall’idea di perdere il naso. “Gli è stato detto che ha ottime possibilità di guarire e che il suo cancro è curabile”, ha dichiarato un fonte vicina al cantante al quotidiano “The Sun”. E ha aggiunto: “Michael, però, è convinto che perderà il naso anche se i medici gli hanno assicurato che non avverrà”.

Marilyn Monroe: memorabilia all’asta Il prossimo 26 giugno, oggetti appartenuti a Marilyn Monroe verranno messi in vendita dalla casa d’aste Julien al Planet Hollywood Resort Casino di Las Vegas, insieme ad altre memorabilia di Elvis Presley. Tra gli oggetti all’asta i suoi bigodini, alcuni costumi da bagno, una vestaglia, alcuni bijou, delle foto e molto altro.

Sacha: animalier agli Mtv Movie Awards Ecco cosa si è inventato Sacha Baron Cohen per promuovere il suo nuovo film “Bruno”. L’attore ha posato sul tappeto rosso degli Mtv Movie Awards in maglietta e slip griffati Roberto Cavalli. Dopo l’irriverente “Borat”, anche “Bruno” promette di creare scalpore…

Andie 50enne sexy e single Il segreto della sua bellezza? Rimanere single. A dichiararlo è stata Andie MacDowell: “Ora sono più sexy che a quarant’anni. I miei amici si preoccupano del fatto che sono sigle, ma a me piace. Mi sono presa un anno sabbatico dagli uomini: mi serve del tempo per capire chi sono. In una relazione finisci per fare tanti di quei sacrifici per essere come l’altro vuole che tu sia che finisci per perderti”.

95


di Maurizio Carta

SER GI O

P

100 Vele

sport

verso l’Abruzzo

NI AG AP

ergio Papagni si autodefinisce “un Papagni anomalo”. Una lunga chiacchierata a proposito del suo circolo velico e della manifestazione di punta da esso organizzata, la 100 Vele, chiarisce perfettamente il senso delle sue parole. 59 anni, “nato e cresciuto ad Ostia”, Sergio Papagni è soprattutto un appassionato di vela, un velista che critica il modo usuale in cui i romani e i lidensi si rapportano al mare: “siamo un popolo di bagnanti più che di navigatori; non capisco perché dicono ai bambini che il mare è pericoloso e poi tutti hanno il motorino”. Questa passione è una delle ragioni che spiega perché la 100 Vele cresce di anno in anno (sono ormai 15) e perché trova sempre più un senso compiuto sia dal punto di vista degli scopi che da quello della qualità dei partecipanti. Quest’anno la manifestazione ha avuto come obiettivo la solidarietà con L’Aquila, in particolare con la sua Università e con il Dipartimento di Fisica. Spiega Sergio Papagni: “Michele Nardone è uno dei nostri 160 soci, è titolare di un’Unità di ricerca presso la Facoltà di Fisica dell’Università de L’Aquila. Si è salvato per circostanze fortuite. Abbiamo dunque sentito particolarmente la faccenda. Il problema è serio, la paura è stata tanta. Bisogna ricostruire gli edifici ma anche creare fiducia. Rimettere in piedi l’Università è il primo passo, poi rimane però una questione gigantesca: chi si iscriverà in futuro all’Università de L’Aquila? Il 90% de

S

L’Aquila si fondava sulla scuola della Guardia di Finanza e sull’università. La città, un capoluogo di provincia, rischia di morire. E qui torniamo al progetto che vogliamo promuovere: borse di studio per invogliare i ragazzi ad iscriversi e a frequentare la Facoltà di Fisica dell’Università de L’Aquila. Mio padre era abruzzese, di Avezzano, per cui la sento particolarmente”. Ecco dunque la necessità di uno sforzo serio legato alla 100 Vele: “Noi abbiamo destinato tutte le iscrizioni. Tengo a precisare: tutte, integralmente, non detratte le spese. In più abbiamo deciso di mettere in vendita ad un prezzo simbolico di 5 euro la maglietta delle 100 Vele di quest’anno. È uno sforzo mio e degli sponsor. La Federazione Italiana Vela ha poi appoggiato questa manifestazione come non ha mai fatto negli altri anni. È la prima iniziativa che il mondo della Vela fa per la ricostruzione dell’Abruzzo”. Questa la cornice di una due giorni di vela che ha ospitato personaggi noti del mondo dello sport e della vela (Giulia Michelini, Cino Ricci, Adriano Panatta e Giulio Guazzino) e il prestigioso ketch New Zealand Endeavour che, con Grant Dalton al timone, ha vinto un’edizione della Whitbread, regata intorno al mondo. Rossella Dorelli, Presidente del circolo Achab, sottolinea: “Quest’anno hanno partecipato anche i piccolini della Lega Navale, bambini di 8 anni sugli Optimist. Fa un certo effetto. Il sogno dell’Achab è di coinvolgere tutti quanti: come se fosse una maratona. Devo poi fare un ringraziamento particolare alla Asd Maxi share Sailing Team che ha messo a disposizione le imbarcazioni”. La 100 Vele si afferma sempre più come regata democratica, come festa della vela a cui possono partecipare tutti. Educare a vivere il mare significa crescere culturalmente e misurarsi con la pazienza, l’attesa e la tenacia. Non sarebbe male se più giovani si avvicinassero a questo splendido sport.

Intervista a Sergio Papagni e Rossella Dorelli. Contro il terremoto si è svolto lo tsunami di solidarietà della 100 Vele

97


VG visioni grafiche

VG

visioni grafiche


Wimbledon 2009, si annuncia un’edizione viziata dal grande assente: Rafael Nadal. Cadono piccole tradizioni legate al tennis che fu

L

meglio sfruttare l’elasticità delle sue movenze. Oltre alla sorella Serena (vincitrice nel 2002 e 2003), Venus se la dovrà vedere principalmente con l’agguerrito gruppo delle ragazze dell’est: le russe Sharapova (seppur di ritorno da 9 mesi di assenza per un infortunio alla spalla tale da farla precipitare al 126° posto nel ranking), Safina, Dementieva, Zvonareva e Kuznetsova e le serbe Jankovic e Ivanovic. Occhi puntati sul tennis femminile anche per la presenza della nostra Pennetta, quattordicesima nel ranking, unica italiana di top class. Grande attesa, infine, anche per la principale rivoluzione in ambito extrasportivo. Dopo tre anni di lavori, anche per venire incontro ad un calendario talmente fitto di partite da non poter più prolungare un torneo causa pioggia, è stato inaugurato (il 17 Maggio con la disputa di un doppio misto esibizione AgassiGraf contro Henman-Clijsters), nello storico campo centrale, un tetto retrattile di 5.200 metri quadri che, in caso di avverse condizioni meteo, può essere dispiegato in dieci minuti. Una storica ristrutturazione che, seppur ledendo la tradizione ultracentenaria dei campi di Wimbledon (rigorosamente all’aperto), ha comportato anche un aumento della capacità dell’impianto, arrivato ora a 15.000 spettatori, 1.500 in più rispetto al passato. A buon rendere. FEDERE R GER RO

a prossima edizione del torneo di Wimbledon, in programma dal 22 Giugno al 6 Luglio, vivrà della surreale situazione. Il “terraiolo” Nadal, pur essendo detentore del titolo, non si presenterà; mentre l’“erbaiolo” Federer (dal 2003 al 2007, cinque volte consecutive vincente a Londra) arriverà carico della vittoria al Roland Garros e dell’ambizione di puntare alla leggenda (vincere il quindicesimo titolo dello Slam, impresa mai riuscita a nessuno). È un peccato che Wimbledon non possa vivere il confronto tra le due massime figure tennistiche dei nostri tempi. Ancora più un peccato se si considera che entrambi, alternatisi nella vetta del ranking, non hanno smesso mai di migliorarsi e di adeguarsi alla superficie a loro inizialmente nemica. Veniamo però a King Roger. Il giocatore elvetico si presenta sui prati verdi dell’All England Club in condizioni psico-atletiche invidiabili. Con la recente vittoria a Parigi, Federer è diventato il sesto uomo della storia a vincere in carriera, almeno una volta, tutti i tornei dello slam. Prima di lui solo Fred Perry, Donald Budge, Roy Emerson, Rod Laver e Andre Agassi erano arrivati a tanto. In più, e non è cosa da poco, ha già eguagliato Pete Sampras per numero complessivo di tornei del Grande Slam vinti: ben 14! Nadal invece, partito benissimo in questo 2009 (Australian Open a Gennaio piccolo “slam rosso” di Montecarlo, Barcellona e Roma), ha dovuto dare forfait causa ginocchio malconcio. Ecco allora farsi largo come possibili antagonisti di Federer i vari Murray (3° nel ranking ad inizio Giugno), Djokovic (4°), Del Potro (5°) e Roddick (6°). Discorso diverso in ambito femminile, dove circola da anni solo il nome di Venus Williams, vincente cinque volte (seppur non consecutive) nelle ultime nove edizioni, manifesto di come si trovi sempre a suo agio sull’erba, dove può al

RAFAEL NA DAL

di Leonardo Caviola

sport

L’ERBA voglio

99


libri

di Simona Torri

Ostia Antica: territorio d’arte e santità Pubblicato uno studio inedito: “Aurea. La santa, la storia, la basilica” appena stato pubblicato dalla casa editrice Publidea 95 il primo libro monografico sulla Patrona di Ostia Antica. Il libro “Aurea. La santa, la storia, la basilica” è l’opera di Lucia Battaglia (giornalista e studiosa) e Mario Sordi (storico dell’arte e guida turistica ufficiale del Comune e della Provincia di Roma). Il testo si divide in due parti ben distinte: una storica e l’altra artistica. Nella primo caso si parla del culto e della storia del Borgo di Ostia Antica dall’antico sito ad oggi, della vicenda di Aurea, della Chiesa e del monastero. Anche la descrizione artistica della Basilica è formata da più sezioni. L’autore analizza storicamente ed artisticamente la Basilica descrivendone la struttura, la decorazione e l’arredo. Scopo principale è quello di divulgare i passaggi storici e gli aspetti artistici legati alla Chiesa di Sant’Aurea, situata proprio al centro del Borgo di Ostia Antica, cercando non solo di risvegliare l’interesse dei turisti, ma di tutti coloro che tengono al patrimonio storicoartistico del proprio territorio. Per permettere una lettura scorrevole ai turisti stranieri, è compresa anche la versione in inglese dell’intera opera. Inoltre il libro contiene molte foto che testimoniano la bellezza, l’importanza storica e la grandiosità del Borgo di Ostia Antica e della Chiesa di Sant’Aurea. Ma le qualità della pubblicazione non finiscono qui. Di particolare interesse la pubblicazione dei documenti inediti che appartengono all’archivio segreto del Vaticano e all’archivio del Convento delle Suore Oblate di Gesù e Maria. La vita di Aurea si intreccia con l’intera storia di Ostia Antica. Aurea era infatti talmente importante per la popolazione, che la chiesa fatta erigere da Costantino nel VI secolo in onore di San Pietro, San Paolo e San Giovanni prese il nome della santa. Nel libro vengono raccontati anche i miracoli attribuiti alla santa. Gli eventi prodigiosi sono principalmente due: la salvezza di un bimbo che cadendo da una finestra viene fermato in tempo e salvato e la guarigione di un malato. L’auspicio è che questo libro possa trovare spazio anche nelle scuole e nelle librerie dei più giovani, per sensibilizzarli alla scoperta del territorio in cui vivono.

VG

visioni grafiche

È

101


VG

visioni grafiche


televisioni

di Ludovica Botti

Digitale terrestre o Extraterrestre? Per saperne qualcosa in più su un nuovo modo di vedere la tv i siamo quasi! Entro il 2012 in tutta Italia le trasmissioni televisive avverranno esclusivamente in tecnologia digitale. Ma cosa è il digitale terrestre? È un nuovo sistema di trasmissione di canali televisivi che utilizza il linguaggio digitale - quello dei computer, di internet e dei cellulari per migliorare la diffusione del segnale tv. Non parliamo solo di qualità audio-video, ma la vera novità sarà l’enorme offerta di canali, con la possibilità da parte degli utenti di ricevere programmi in lingua originale, segnali radiofonici e servizi interattivi. Questa modalità di trasmissione cerca di risolvere l’annosa diatriba sorta delle frequenze radiotelevisive. Infatti, non verrà più occupata una frequenza da ogni emittente ma tutti potranno trasmettere sulla stessa o su gruppi di frequenza comuni. Per esempio, se ora i 7 canali nazionali impegnano 7 frequenze differenti, con il digitale terrestre ne impegneranno solo una, liberando così lo spazio per altri canali. Come funziona? Non è necessario un abbonamento e neppure la parabola. Si utilizza l’antenna esistente e lo stesso apparecchio televisivo. È importante però acquistare un decodificatore digitale (decoder). Gli apparecchi televisivi di ultima generazione nascono già con il decoder incorporato. Esistono agevolazioni economiche per l’acquisto. A questo proposito, un emendamento al decreto incentivi e rottamazione approvato recentemente (26 marzo 2006) dalle Commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera, prevede incentivi in tutta Italia per l’acquisto di decoder per il digitale terrestre. Gli importi dei rimborsi verranno calcolati in base a parametri di reddito ed età, con la possibilità per le fasce di reddito più basse e gli anziani di ottenere un rimborso integrale, o quasi, della spesa sostenuta. Ecco il calendario dell’avvento su tutto il territorio nazionale: 2008 (Sardegna); 2009 (Valle D’Aosta, Piemonte occidentale, Lazio, Campania, Trentino e Alto Adige); 2010 (Piemonte orientale, Lombardia, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Veneto e Liguria); 2011 (Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia); 2012 (Toscana, Umbria, Sicilia e Calabria).

VG

visioni grafiche

C

103


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


Una favola dolce, amara e, soprattutto, romantica

opo diversi tentativi (Steven Spielberg aveva pensato a Tom Cruise come protagonista, Ron Howard a John Travolta), David Fincher ha finalmente trasposto su grande schermo “Il curioso caso di Benjamin Button”, breve racconto del 1922 di Francis Scott Fitgerald. Benjamin Button nasce a New Orleans. Il parto è drammatico: la mamma muore ed il neonato ha problemi di salute tipici dell’anzianità (artrosi, cataratta, sordità). Thomas Button (Jason Flemyng), il papà del piccolo, sconvolto, decide di abbandonare il figlio nei pressi di una casa di riposo. Trovato dalla signora Queenie (Taraji P. Henson), il piccolo Benjamin cresce nella casa di cura. A contatto con gli anziani dell’ospizio, il neonato non sembra a disagio. Benjamin stringe una forte amicizia con Daisy, una bambina che spesso va a trovare la nonna alla casa di riposo. Il piccolo-grande bambino all’età di sedici anni decide di partire e di lavorare con il capitano Mike Clark (Jared Harris) all’interno del suo rimorchiatore. Durante il suo peregrinare, Benjamin sente di ringiovanirsi ed il suo fisico, da debilitato che era, si fa man mano più forte. Conosce e si innamora di Elizabeth Abbott (Tilda Swinton) che, sebbene sposata, per un breve periodo instaura con lui una relazione. Dopo la seconda guerra mondiale, Benjamin decide di tornare a New Orleans, dove suo padre, preso dai rimorsi, vuole incontrarlo e svelargli la sua identità. Nel frattempo il ragazzo e Daisy (Cate Blanchett) non si erano mai del tutto persi di vista: il loro rapporto si consolida a seguito di un grave incidente stradale che la ragazza, ballerina di successo, subisce a Parigi. I due decidono di vivere per un po’ di tempo insieme a New Orleans ed a suggellare questo bel periodo nasce Caroline (Julia Ormond). Passano gli anni e Benjamin, però, regredisce allo stato di bambino. È così che, per far crescere la figlia con un papà normale, decide di allontanarsi. Dopo quasi quindici anni, Daisy riceve una Regia: David Fincher telefonata in cui le si dice che è stato ritroCast: Brad Pitt, Cate Blanchett, vato un bambino con i sintomi della Julia Ormond, Tilda Swinton demenza senile che ha con sé un diario che Paese: USA Anno: 2008 riporta più volte il suo nome. Daisy capisce Durata: 166’ subito che si tratta di Benjamin e lo accuGenere: Drammatico dirà fino alla sua morte, nel 2003.

visioni grafiche

D

VG

DVD del mese di Luca Salustri

Il curioso caso di Benjamin Button

105


VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

moda e tendenze

Bellezze al bagno!

piagge assolate. Baie deserte dal sapore esotico e selvaggio o gioiose e brulicanti di vita. Aperitivi sul bagnasciuga al tramonto, quando il sole cala sui corpi abbronzati e le luci del lungomare risvegliano la voglia di chiacchiere, giochi e sorrisi furtivi. Sensuali risa ed effimere storie di stagione. È il sogno di una notte di mezza estate. Che inizia al mattino con un buon caffè freddo e termina a notte fonda con l’ennesimo ultimo drink. Se agogni la vacanza perMISS BIKINI

S

fetta, non perderti in un mar d’acqua. Essere la regina dello stabilimento non è facile: prevede tutti gli accorgimenti di un’uscita del sabato sera. Perché anche al mare la competizione è alta, seppure la moda offre le giuste armi per affrontarla. La scelta del costume è fondamentale: può nascondere le imperfezioni ed esaltare le curve. Per credere, basti dare un’occhiata alle proposte d’alta moda in fatto di beachwear. Il trikini la fa da padro-

ne, ed è un alleato miracoloso. dalle stampe anni ‘70 per il giorno e caftani Ma non passano di di seta, leggeri e sensuali, da far svolazzare moda bikini e costume nella brezza serale, sono le proposte di intero. La Perla propone Miss Bikini. Dalle tinte forti e audaci le scaruna collezione mare raffina- pe Paranà: comode e fresche, in materiali ta e preziosa, con finiture talmente comodi da farle divenire tascabili. elaborate e linee sensuali. Facile infilarle in borsa per sostituirle all’ocParah esalta i trikini con correnza con un paio di zeppe o sandali dal stampe animalier e motivi tacco non discreto, come quelli proposti da etnici; giochi di luce e colo- Burberry. Comodi ed eleganti i trendy ri risaltano su interi e biki- mocassini firmati Paciotti. Gli accessori da ni. La donna Parah è pro- spiaggia sono versatili e colorati, come D&G tagonista assoluta, spu- quelli di Zippo, le cui due collezioni, Ivete e meggiante e femminile, Mariana, sono l’una allegra e romantica, con un tocco di aggressività. In l’altra vintage dai toni sgargianti. Una venbella vista con i minibikini Calvin tata di vitalità anche per Furla, che accende Klein, dai colori tenui e sbarazzi- la moda nei colori rosa, verde, arancio e giallo con la collezione fluo stile ni, con un’attenzione partianni ’80. Le proposte colare al dettaglio, per d’allegria lasciano una prima donna che PARANA' comunque spazio non teme confronti. Rosa Chà, designer brasiliano, ha al fascino dell’intramontabile e non passa creato una linea di moda la classica shopper in vitello. Fluobagno sofisticata, rescenti gli orologi e i portachiavi in resina PARAH seducente ed eccen- ceramicata colorata. Ancora, non dimentitrica: trikini di ogni chiamo l’eyewear. Caratterizzati da un tipo, in materiali perfetto equilibrio tra funzionalità e pregiatissimi, per design, gli occhiali da sole Ferré; essere ammirate eleganti, dal design innovaanche in spiag- tivo e moderno i Dunhill; gia. Eleganti con ricercati e romantici, iroun costume nici e provocanti quelli di Vivienne D&G, la coppia Westwood. Pronte per un’apparizione da di creativi sempre sulla cresta diva. Perfette nei dettagli, di giorno e di dell’onda che questa estate opta per la sera, per non passare inosservate, per vivere appieno ogni attimo, per saper reggere sobrietà, in bianco o nero. Si passa gli accessori. Capi in raso lucido un languido sguardo.

107

BURB ERRY

LA PERLA

Stile e glamour anche in spiaggia, per un’estate da protagonista


VG

visioni grafiche


moda e tendenze

di Valentina Mancini

Dandy in pigiama Uomini rilassatevi, ma non troppo! a slow fashion, così come la definiscono i modaioli di grido, bussa alle porte di casa vostra. È tempo di comodità e freschezza. Addio ai capi strizzati che mettono in evidenza bicipiti e addominali, nei quali vi siete sentiti un po’ ingessati un po’ mannequin. In passerella hanno fatto il loro trionfale ingresso capi dal massimo comfort, estremamente chic e di gran classe. Capi che assomigliano a pigiami. Questa la novità, sicuramente ben accolta, per i maschietti. “Sogno o son desto?” Parliamo di abiti trendy, al passo con i tempi, da indossare nelle serate più glamour, non per andare a nanna o ad un pigiama party a casa dell’amico per riguardare (ancora!) i mondiali dell’80. L’uomo delle sfilate è un dandy cosmopolita ed elegante che non rinuncia alla comodità, purché sia stilosa e griffata. Mettete dunque da parte gli abiti aderenti per fare spazio nel guardaroba a modelli stile pigiama sartoriale. Perché, di certo, non ci riferiamo a quelli utilizzati in ospedale o che indossate quando siete soli soletti tra le braccia di Morfeo. Pantaloni morbidissimi, con coulisse o elastico in vita; camicie dal taglio easy e maglioncini larghi: il top in quanto a comodità! Tutto ciò, badate bene, discerne completamente dalla trasandatezza. I modelli sono asciutti sì, ma presentano una cura maniacale per i dettagli e un’attenzione allo stile che riflette personalità e allure. È l’esaltazione del tempo libero. Nella collezione Zegna, blazer senza cravatta e bermuda si incontrano perfettamente trovando nuovi volumi: pantaloni larghi sopra, stretti sotto. Il papillon si mostra in alternativa alla cravatta. I colori sono antistress e ultralight. Il bianco la fa da padrone. Dsquared2 mescola tessuti e colori per creare un mix un po’ street wear cui non mancano i dettagli dell’eleganza. Shorts e sneakers in primo piano. Bottega Veneta propone il total white e una versatilità di materiali dal cachemire al jersey alla lana intrecciata. Gli accessori rubateli al mondo femminile: largo spazio a borse, cappelli e infradito. La cura per il corpo diventa maniacale. Sappiate che l’80% delle donne non considera sexy i peli: il dandy dei nostri tempi è glabro. Dalla pelle di seta.

L

FOTO: DSQUARED2

109


VG

visioni grafiche


VG visioni grafiche


Audi Q3

di Luca Salustri

questione di cilindri

Classe e dimensioni tra Spagna e Germania diretta, 1.8, 2.0 e 3.2 V6, mentre ci saranno un 1.9 ed un 2.0 turbodiesel Bluetec, ovviamente con filtro antiparticolato FAP. Detti motori dovrebbero essere omoopo l’uscita dell’Audi Q7, Suv di discreto successo, e la presentazione della Q5, c’è forte attesa per l’uscita del Q3, il nuovo Suv dell’Audi. Prodotto nello stabilimento di Martorell in Spagna, già utilizzato per diversi modelli Seat, il nuovo Q3 è il risultato di un investimento sui 300 milioni di euro (sono previste 80.000 unità l’anno). In verità il nuovo Q3 è un modello di Suv particolare, a metà fra una coupé ed un crossover. La vettura deriva, infatti, dal prototipo Cross coupé quattro. Riguardo dimensioni e caratteristiche, questa nuova versione dell’Audi si dovrebbe avvicinare alla Volkswagen Tiguan, differenziandosene per l’aspetto più sportivo ed un profilo più dinamico. L’Audi Q3 sarà immessa sul mercato con una gamma completa, che prevede motorizzazioni a benzina, con iniezione

D

logati Euro 6. Il cambio potrà essere manuale o automatico del tipo Tiptronic. Di serie ci saranno alcuni strumenti utili ed all’avanguardia, quali lo Stop e Start, il cruise control intelligente che massimizza anche il consumo del carburante. La Q3 riprende il pianale della A3, con una trasmissione a quattro ruote motrici permanenti, con una frizione centrale Haldex a controllo elettronico, che è in

grado di garantire una ripartizione ottimale della coppia motrice tra i due assali, in base alle condizioni di aderenza sull’asfalto. Nella versione concepì Audi cross coupé quattro - che ha debuttato al Salone di Shangai - si possono scorgere anche i cerchi da 20 pollici e la gestione personalizzata dal nome di Audi drive select, che permette di selezionare le tre regolazioni della vettura: Dynamic, Sport ed Efficiency. Da sottolineare come ogni selezione abbia la propria mappatura del motore, la rigidezza delle sospensioni, in base al tipo di percorso e dello stile di guida.

S400 Blu eHybrid Un’ammiraglia tutta po tenza e st ile

ià presentata al Salone di Parigi, la nuova S400 BlueHybrid è pronta per essere lanciata sul mercato. Sarà un modello decisamente ecologico, dato che il consumo nel ciclo di marcia europeo combinato risulta di appena 7,9 litri ogni 100 km. Le emissioni di CO2, pari a soli 190 grammi per km, sono le più basse al mondo per questa categoria di vetture e di potenza. La particolare innovazione della Mercedes consiste nell’aver ideato per la prima volta, per questo modello, un sistema a propulsione ibrida: ad un motore 6 cilindri a benzina è accostato, infatti, un propulsore elettrico. Il motore è, dunque, a V e può portare 3,5 litri con potenza massima di 279 cv, mentre il propulsore elettrico è da 20 cv e 160 Nm. La potenza massi-

G

ma combinata è di 299 cv, la coppia massima a 385 Nm. Ulteriore particolarità è rappresentata dall’essere la prima autovettura alimentata con batterie al litio. Quest’ultima funziona, infatti, sempre in una fascia di temperatura ottimale (15-30 gradi) e garantisce, inoltre, una lunga durata (dieci anni o 600.000 cicli di carica). La trasmissione posteriore è integrata dal cambio automatico 7G-Tronic a sette marce, modificato per l’uso specifico di questo modello e per ottenere economia d’esercizio. Le batterie sono, infine, controllate da una sofisticata centralina elettronica. Tale caratteristica ha permesso a Daimler AG ed il suo partner Continental di aggiudicarsi la categoria “Innovazione e ambiente” del premio Yellow Angel 2009 promosso dall’Adac, l’automobile club tedesco.

113


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

viaggi

New York la magia di una città unica al mondo Una miscela sensoriale, culturale e paesaggistica ai confini del reale a sensazione è quella di essere piombati in un Luna Park: miriadi di lucine colorate, scritte luminose a caratteri cubitali e grattacieli in vetro. A un primo impatto la città è frenetica, caotica, trafficata. Odori, rumori e lingue diverse colpiscono i sensi e un po’ frastornano, ma solo inizialmente. New York è sempre viva, mai ferma, mai silente, ma non nervosa. Times Square il punto di partenza. Una piazza atipica, così come non l’avete mai vista. Per gli amanti del teatro qui si trova TKTS, uno dei centri in cui trovare biglietti last minute scontati per molti degli spettacoli in scena nei teatri di Broadway e Off-Broadway. La strada dello shopping di lusso è la 5a Avenue. Assolutamente da vedere Tiffany and Co., i negozi Apple e Nike, l’NBA Store. Abercrombie and Fitch è meta privilegiata per l’abbigliamento casual; Victoria’s Secret il mondo dell’intimo femminile; Macy’s e Bloomingdale immensi centri commerciali. A Soho, quartiere giovane, tante le boutique, esclusive e piccine, in cui si scovano splendidi abitini dal sapore vintage. I veri affari però si fanno altrove. Uno degli outlet migliori è Century 21, proprio davanti Ground Zero. Approfittatene per vedere questo cantiere semPONTE DI BROOKLYN pre all’opera, un immenso spazio vuoto, inconsueto, nella pienezza dei grattacieli. Edifici alti anche oltre cento piani, come l’Empire State Building, costruiti per necessità quando i terreni, a Manhattan, avevano di gran lunga oltrepassato la soglia di accessibilità di costo. L’ingresso per l’Empire è di 16 dollari; una somma ben spesa, rimborsata dallo spettacolo che si profilerà dinanzi ai vostri occhi una volta raggiunto l’82° piano. Un’altra

L

“torre” da cui ammirare il panorama è Top of the Rock. Fa parte del RockFeller Center, una minicittà nella città, con negozi, ristoranti, caffè, attrazioni. La piazza di questo complesso diviene una pista di pattinaggio su ghiaccio nei mesi invernali, mentre in estate è costellata di tavolini e ombrelloni. La cucina è variegata e multietnica: ce n’è per tutti i gusti. Da non perdere i principali Musei: Solomon Guggenheim, Moma (Museum of Modern Art) e Metropolitan. New York bisogna conoscerla passo dopo passo: a piedi! Camminando si notano grattacieli particolari, come il “ferro da stiro” o il “rossetto”; strade a tema, quali Wall Street, quartiere finanziario, o la “via degli ebrei”, la 47a Street, in cui si susseguono centinaia di gioiellerie. Al Pier 17 potrete fare un giro in battello per soli 25 dollari con una guida preparata e simpatica. Vedrete il maestoso ponte di Brooklyn, CENTRAL la statua della Libertà e Staten Island, l’isola in cui sbarcavano gli immigrati e vi restavano in quarantena; l’isola del Padrino, insomma. Central Park è un Paradiso naturale nel bel mezzo di Manhattan: natura selvaggia e artisti di strada, laghetti, statue e ristorantini rendono l’atmosfera magica. È possibile affittare una canoa o prenotare un tour del parco in carrozza. La notte è al Greenwich Village, le cui strade pullulano di locali, ristoranti e club: il divertimento è assicurato sette giorni su sette. Ma la città non finisce qui: Little Italy e Chinatown sono dei veri e propri insediamenti, distaccati eppure completamente integrati. New York è un piccolo Mondo, un angolo di Terra unico, che vi resterà nel cuore.

115

PARK


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


viaggi

La Sicilia da assaporare di Valeria Fanelli

Piccolo itinerario alla scoperta di sapori, bellezza, arte e storia

MONDELLO

on bisogna andare dall’altra parte del mondo per scoprire posti da favola, mare cristallino e fondali trasparenti. Con circa un’ora di volo si può raggiungere la bellissima Sicilia. Esplorando la parte a nord-ovest, ci si può imbattere in posti veramente fantastici. Ideale è affittare una macchina direttamente all’aeroporto di Palermo (consigliamo la AutoEuropa: www.autoeuropa.it). A questo punto comincia il tour. Andando verso la parte ovest dell’isola, uno dei posti migliori da visitare è San Vito Lo Capo. Prima di arrivare a destinazione, è consigliabile una breve sosta a Scopello, un delizioso paesino. Proseguendo ed arrivando a destinazione, si scopre il paradiso. Il bed and breakfast dove alloggiare è “Tra cielo e sabbia”, una sistemazione veramente ideale di fronte al mare, per chi ama il relax in un posto piacevole sia per comodità e pulizia, ma soprattutto per l’ospitalità dei proprietari (www.tracieloesabbia.it). La cosa principale da vedere in zona è la Riserva dello Zingaro, un’area protetta di circa 7 km, composta prevalentemente di roccia, con tante piccole calette da poter visitare, arrivando solamenERICE te a piedi. Il percorso è piacevole e ricco di meraviglie faunistiche. Il mare è sensazionale, un vero e proprio paradiso per gli amanti dello snorkeling. San Vito Lo Capo è famosa anche per le specialità culinarie a base di cous cous (dal 22 al 27 si svolge anche un festival: www.couscousfest.it). Per mangiare i migliori piatti locali, ottimo è il ristorante “Profumi di Couscous” in viale Regina Margherita 80, oppure “Syrah” in via Savoia 5. Rimettendosi in marcia con la macchina, in

N

poco tempo si può raggiungere un’altra città particolarmente affascinante: Trapani. Per dormire il posto migliore è il Residence-Hotel “Alle Due Badie” (www.duebadie.it). In pieno centro città si può passeggiare per le graziose stradine notando in particolar modo i numerosi negozietti dove si fa la lavorazione del corallo. Inoltre, per vedere un tramonto mozzafiato, basta prendere la funicolare e recarsi ad Erice, in cima alla montagna che sovrasta il centro. Da lì la vista è meravigliosa e si possono cogliere tutte le sfumature di una città che è anche un ponte ideale sul Mediterraneo. Riprendendo la via del ritorno, sulla strada verso Palermo, d’obbligo è una sosta a Segesta. Da vedere ci sono infatti i resti dell’antico teatro e del tempio greco. Finita la visita, è il momento di rimettersi in marcia alla volta di Monreale. La perla della città è il magnifico Duomo, costruito nel XII secolo. Lo stile di questo monumento, conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo, è composito, poiché si uniscono gusti differenti che rimandano all’architettura dell’Europa del nord e all’arte araba. A questo punto un assaggino rapido del mare di Palermo non si può evitare, recandosi a Mondello, una spiaggia di sabbia chiarissima, con mare cristallino. Per fare uno spuntino, sul lungo mare, bisogna recarsi da “Scimone”, al numero 18 di via Miceli, con tutte le specialità tipiche della zona. E per dormire a Palermo, un Bed and Breakfast favoloso è “San Gabriele”, in pieno centro (via Alloro 107), dove accoglienza e gentilezza sono di casa e le due uniche camere, sole e luna, sono veramente complete di ogni comfort. La gentilezza e la cortesia dello staff sono indiscutibili (www.bebsangabriele.it). E per MONREALE la notte, sempre sul lungomare di Mondello, il locale giusto è “Solemar club”, dove poter ballare a bordo piscina, di fronte ad un mare stupendo.

SEGESTA

117


VG

visioni grafiche


paradiso delle Egadi Perla del Mediterraneo e rifugio incontaminato di antiche tradizioni pochi chilometri dalla costa della Sicilia, c’è un piccolo paradiso terrestre, un’isola dalle tantissime meraviglie: Favignana. Per raggiungerla da Roma, l’ideale è prendere un volo per Trapani e da lì, direttamente con il pullman dell’aeroporto, arrivare sul lungomare, dove imbarcarsi sull’aliscafo per l’isola. I collegamenti sono organizzati molto bene, si parte circa ogni ora e ci si impiega approssimativamente 30 minuti. Appena arrivati ci sono varie opzioni per visitare il posto. La prima è quella di muoversi attraverso i numerosi taxipulmino, che portano da una caletta all’altra. Un altro modo è quello di affittare uno scooter o una bicicletta. Nel primo caso non ci sono problemi di viabilità e si può raggiungere tutto facilmente, mentre se si prende la bici, un po’ di sforzo fisico verrà sicuramente ripagato dal piacere di una passeggiata a contatto con la natura. L’isola è famosa, oltre che per il mare, per le Tonnare e la Mattanza, ossia l’uccisione dei tonni. Ed è proprio in questo posto, infatti, che tradizione della pesca porta a provare, ancora oggi, uno dei tonni migliori al mondo (genuino e lavorato alla vecchia maniera). Ma le spiagge sono la vera attrazione di Favignana. Cala Rossa, Cala Azzurra, Grotta Perciata, Cala Rotonda e la Grotta del Bue Marino, anticamente abitata dalla foca monaca. Da vedere anche le grotte, raggiungibili brevemente dal porto con le piccole barche dei pescatori. Il centro abitato, invece, dall’aspetto moderno, era un piccolo borgo medievale difeso dal forte San Giacomo e dal forte di Santa Caterina, situato sul punto più alto dell’isola, ora raggiungibile da una scalinata illuminata e dal quale si può godere di una vista mozzafiato. Il paesaggio è caratterizzato da muretti a secco che delimitano le varie proprietà e dai numerosi giardini ipogei da tempo in disuso che, diventate rifugio ideale dai venti, ospitano oggi orti e piante varie, attribuendo all’isola un fascino insolito. Per dormire, la sistemazione migliore è l’hotel Il Portico, un delizioso tre stelle dotato di comfort e situato in via Meucci 3 (www.hotelilportico.it).

visioni grafiche

A

VG

di Valeria Fanelli

viaggi

Favignana,

119


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


condominio e consumatori a cura dell’Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Tel. 06.98872850/329.7818845 e-mail: avv.vermaaten@hotmail.it

L’impianto dell’ascensore negli stabili condominiali impianto di ascensore di cui è dotato uno stabile appartiene a tutti i condomini salvo titolo contrario che attribuisca la proprietà di tale bene ad una parte ristretta dei condomini. Con riferimento ai condomini proprietari di negozi con accesso diretto dalla pubblica via, si è posto il problema di un eventuale esenzione dalle relative spese. Se nulla risulta diversamente dal titolo (regolamento condominiale), l’impianto appartiene in proprietà anche a tali soggetti. Tale bene, difatti, non può essere considerato solo in relazione all’uso concreto o a quello eventuale che ne potrebbero fare i condomini (App. Bologna 1 aprile 1989, Arch Locaz., 1990, 67 e Trib. Milano 16 marzo 1989, idem, 1989, 515), ma anche con riferimento al fatto che esso costituisce una caratteristica positiva dell’intero edificio del quale aumenta pregio e valore in rapporto a quegli immobili che ne siano sprovvisti. Installare l’ascensore in un immobile condominiale che ne sia privo configura un’innovazione ai sensi del 1 comma dell’art. 1120 c.c. in quanto: da un lato, il godimento delle cose comuni è migliorato e reso più comodo proprio grazie a tale opera; dall’altro lato, l’intervento in parola incide, spesso in misura rilevante, sulla struttura dello stabile attraverso la modifica della tromba delle scale, dei pianerottoli ecc. Per quanto riguarda l’uso dell’ascensore è stata ritenuta “illegittima la delibera di un condominio, adottata a maggioranza, con la quale si stabilisce un onere di contribuzione delle spese di gestione maggiore a carico di alcuni condomini, sul presupposto della loro più intensa utilizzazione, rispetto agli altri, di parti o servizi comuni, non solo perché la modifica ai criteri legali (art. 1123 c.c.) o di regolamento contrattuale delle spese richiede il consenso di tutti i condomini, ma anche perché il criterio di riparto in base all’uso differenziato, derivante dalla diversità strutturale della cosa, previsto dal 2o comma dell’art. 1123 c.c., non è applicabile alle spese generali, per le quali opera invece il criterio di cui al primo comma dello stesso articolo, ossia la proporzione al valore della proprietà di ciascuno.” (Cass. 19 febbraio 1997 n.1511). In merito alle spese, non esistono norme specifiche che indichino con chiarezza come deve avvenire la ripartizione delle spese. Nello specifico, per quanto riguarda le spese di impianto, si farà riferimento ai rispettivi millesimi come criterio di suddivisione. Così anche per l’adeguamento dell’ascensore alla normativa Cee, compresi i proprietari degli appartamenti al piano terra. Per le spese di esercizio, in considerazione del maggior uso dei proprietari dell’ultimo piano si applicherà il principio enunciato dall’art. 1124 c.c.

L’

informazione redazionale

Tirrena Sicurezza: serrature inviolabili estate è notoriamente il periodo dell’anno dove si registra il maggior numero di furti. Oltre ad un valido sistema di allarme, dunque, è necessario proteggere le proprie abitazioni con delle buone serrature da applicare a porte e finestre. Ne abbiamo parlato con Domenico Pandolfi, titolare del centro chiavi “Tirrena Sicurezza” di Ostia. Quanto è importante avere delle serrature sicure? Per avere serrature sicure, è fondamentale avere una chiave non duplicabile o con la duplicazione controllata. Molti non si rendono conto che nell’arco di un anno si presta involontariamente la propria chiave a moltissime persone. Oppure viene persa. Altro fatto importante è la facilità del cambio del cilindro. Quando si perde la chiave, bisogna immediatamente cambiare il cilindro. Un cilindro a profilo europeo si può cambiare in pochi minuti. In tempi molto più brevi rispetto alle vecchie serrature. Quali sono gli ultimi ritrovati per rendere estremamente più sicure le porte? Oltre al cilindro a profilo europeo di buon livello, abbiamo adesso delle forme di difesa nuove che stiamo installando già da circa un anno e che proteggono il cilindro nel punto in cui la protezione è più debole. Ovvero dove il cilindro si unisce alla serratura: c’è un foro filettato il cui corpo è estremamente debole e per questo è molto attaccabile. Noi abbiamo tutti i nostri cilindri protetti da una barra di acciaio supplementare; è un optional che montiamo di serie sui nostri cilindri. Ma la vera protezione è l’optional cosiddetto “anti-shock” che stiamo vendendo da circa un anno. Non è altro che una tazza fatta in acciaio ovviamente ottonato che ha dentro il defender, cioè l’anti-trapano. Quindi se un ladro prova a spezzare il cilindro questa tazza evita di far mettere tubi o arnesi di qualsiasi genere che possono spezzare il cilindro. Un’altra novità che stiamo trattando ultimamente è un defender (protezione anti-trapano) che ha però una chiusura magnetica quindi chiude la toppa della chiave ed evita atti vandalici. La toppa si apre su un magnete polarizzato. Ci parli della sua attività presso il suo punto vendita… Siamo aperti ormai da 11 anni. Facciamo tutti i tipi di chiavi e penso che ormai ad Ostia siamo un vero e proprio punto di riferimento nel settore chiavi e serrature. Da due anni abbiamo anche le casseforti sia da muro che da pavimento e seguendo la nostra politica abbiamo preso la migliore marca italiana sul mercato la JUWEL, una delle aziende di più antica tradizione in Italia. Cosa consiglia ai lettori di 13 Magazine per quanto riguarda la sicurezza? Per i lettori posso dare dei consigli non prettamente commerciali ma generali: farsi rilasciare sempre quando fanno un preventivo i pezzi montati, la marca e il tipo, quanto viene il lavoro e quanto vengono i cilindri. Quindi il preventivo deve essere frazionato voce per voce perché è facile che nel prezzo finale il cilindro ha un costo bassissimo e il montaggio è molto più costoso. Confrontare i prezzi, le marche e i modelli da altre parti prima di effettuare l’acquisto. Farsi specificare la persona che lo monta e se ha un punto di riferimento come punto vendita e una reperibilità. Un altro fattore importante è scegliere sempre la persona più vicina in zona perché in caso di urgenza i tempi si abbreviano e così i costi.

L’

INFO: TIRRENA SICUREZZA - Via Stazione del Lido, 38 (Ostia Lido) Tel. 06.5622699 - 347.3639144

121


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche


arredamento

di Simona Bottoni

Corposo desig n ella nostra epoca - della materializzazione e della fluidità - il design s’ispira al corpo per modellare arredi ed oggetti: se il modernismo celebrava le macchine ed il postmoderno decretava il ritorno al figurativismo classico, il tempo che viviamo, il surmoderno, sancisce il NAZARETH ritorno alla corporeità. Così, Clémence Dumont, una giovane designer francese, presente anche alla Triennale di Milano conclusasi da poco, ha creato “Bobby”, un arazzo che sembra una foto, realizzato a mezzo punto dopo 250 ore di lavoro. “Bobby” è un culturista che espone, di spalle, i suoi muscoli scolpiti e levigati: ha le mani poggiate sulle natiche sode e spalle larghe e possenti. La realizzazione audace, tra l’erotico ed il pornografico, lascia il segno. Anche il cantante Pharrell Williams, sulla scia delle nuove tendenze, si cimenta nel design e sceglie di guardare al corpo: la sua sedia ha quattro gambe, ma umane, con tanto di piedi che garantiscono un ottimo LA SEDIA PHARRELL appoggio a terra. Sceglie il realismo e parla con schiettezza. La sedia di Pharrell ha una forte connotazione pop data dal disegno elementare e dal tratto sicuro con cui scolpisce la scocca. Anche i fratelli brasiliani Fernando ed Humberto Campana, famosi nel mondo per la loro estetica del recupero e della trasformazione, si cimentano col corpo:

N

Tempi e cultura nostrani si concentrano sempre di più sull’armonia del corpo. Ora la mania delle forme fisiche ha contagiato anche il design hanno realizzato “Nazareth”, un centro tavola in porcellana di Limoges (realizzazione Bernardaud) che riproduce un groviglio di gambe e braccia DI WILLIAMS intrecciate; in bianco oppure smaltate in platino o bronzo. Lo stampo per colare il caolino di Limoges è stato creato dai due fratelli con una serie di gambe e braccia di vecchi bambolotti di celluloide. Anche il giovane designer inglese Ryan McElhinney si mette sulla scia della corporeità e crea “Miss Jones”, una lampada da terra ispirata al famoso tavolino basso di Allen Jones del 1969 (un piano di vetro sostenuto da una donna inginocchiata in abiti succinti). “Miss Jones” è un paralume, di forma classica, poggiato su uno svettante paio di gambe femminili, dove i piedi calzano scarpe con tacchi altissimi (per eccellenza oggetti del desiderio nell’immaginario maschile). Dunque, ancora una volta, antropomorfismo nel design, percorso da una vena erotica. L’abbiamo notato anche al Salone del Mobile di Milano 2009: nella Galleria Nina Lumer si è svolta la mostra “Love design”, dove noti designer internazionali hanno proposto una serie di oggetti erotici. Che sia questa la nuova missione del design? MISS JONES

ALLEN JONES (1969)

BOBBY

125


VG visioni grafiche


architettura

di Leonardo Caviola

La pornografia dei progetti d’architettura Si allarga sempre di più lo scarto tra ciò che si vede su carta e ciò che appare nella realtà empre più numerose e variopinte, le riviste d’architettura (parimenti quelle d’arredamento e design) prendono posto nelle scaffalature delle edicole. Hanno tutte una caratteristica condivisa: sono accomunate dall’uso sapiente di belle fotografie, da prospettiche e scenografiche inquadrature, da uno studio sapiente di luci e ombre e, se il soggetto è esterno, da un senso maniacale della scenografia (mai una foglia fuori posto sul prato, mai una slavatura sull’intonaco faccia a vista, mai una macchia sulle vetrate di uffici progettati dall’architetto di grido). Frotte di studenti universitari, idolatranti il progetto presentato nelle aule delle loro lezioni, supinamente identificano la purezza fotografica come la reale rappresentazione dell’architettura e parimenti il professionista è certo che quel giunto di dilatazione mostrato nella rivista di dettagli verrà fedelmente riproposto in cantiere perché bello, piace e può dar credito al motto che sia più importante apparire (o ben apparire) che essere. Poi, alla prova dei fatti, tutti immancabilmente delusi al momento di toccare con mano o apprezzare dal vivo l’oggetto della idolatria cartacea: l’edificio sembrava più grande, il bianco della pietra più candido e l’atmosfera di quel museo più zen e minimalista rispetto a quella congestionata per la (ovvia) presenza dei visitatori. Nasce così la controrisposta degli stessi architetti che anelano alla veridicità estrema dei rendering virtuali di progetto inserendo immagini ritagliate di bimbi che giocano per strada, cani al guinzaglio sui prati, coppiette a passeggio, donne sorridenti che sorseggiano un caffè sulla panchina oggetto di un concorso per un nuovo arredo urbano. Manca e mancherà sempre la vera vita, quella che, nelle panoramiche dei quartieri dove si innesta il progetto, ha un cassonetto stracolmo all’angolo della strada, la cameretta in disordine e i letti da rifare nel progetto d’arredamento, la fila di macchine al semaforo, i grigi nuvoloni prodromi di una pioggia che si infiltrerà negli interstizi dell’edificio creando dilavamenti, corrivazioni e brutture di ogni sorta. Progetti e disegni al pari di una donna. Bellissima, truccata, cotonata e ben vestita nelle riviste. Diversa (mai brutta) dal vivo. Guardare per credere.

VG

visioni grafiche

S

127


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio invisibile el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

duzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la pro-

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamen-

to Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

129


di Valentina Mancini

salute e benessere

con figli a carico... Paura che il sogno si trasformi in un incubo? Seguite i consigli inalmente ferie. Il timore è che vada tutto storto, causa bambini o pancione. Non c’è di che preoccuparsi. Di seguito, qualche dritta perché tutto fili liscio. I bambini, si sa, sono incontenibili: fanno castelli di sabbia o buche interminabili, gallerie profonde fino a trovare l’acqua; secchiello e paletta alla mano, starebbero al sole da mattina a sera. O peggio, in acqua tutto il giorno, con le labbra blu e la pelle d’oca. Gli accorgimenti per evitare di sbraitare in spiaggia in preda all’isterismo, o concludere anticipatamente la vacanza causa eritemi o ustioni solari, sono pochi e semplici. Un mese prima della partenza, aumentate il consumo di frutta e verdura di stagione, soprattutto di quelle ricche di betacarotene. Fate in modo, inoltre, che in particolare i più piccoli assumano proteine di origine animale, contenute nel latte, nelle uova e nella carne: contrastano l’aggressione del calore e dei raggi solari. Una volta giunti in spiaggia, preferibilmente dalle 8.00 alle 10.00 del mattino, applicare la protezione solare ai pargoli risulterà impresa ardua. Mettetegliela a casa, quindi, anche perché ha effetto solo mezz’ora dopo spalmata. Riungeteli spesso, evitando di esporli alle radiazioni tra le 12.00 e le 16.00. Se sotto l’ombrellone proprio non riuscite a tenerli fermi, fate indossare loro una maglietta e un cappellino a larga tesa. Utilizzate un solare waterproof con fattore di protezione alto, mai minore di 25. Dopo la doccia massaggiate i corpi con prodotti idratanti, perfetti quelli a base di aloe e camomilla. Così non correrete rischi di eritemi o insolazioni. Se invece siete delle quasi mamme, limitate le esposizioni alle prime ore del mattino. Indossate sempre un pareo, che, pur leggero e impalpabile, offre un’adeguata protezione al feto. Sì alle passeggiate in riva, purché il livello dell’acqua non superi le cosce. Dunque, abbronzatura parziale e bagni veloci. Per combattere fastidiosi gonfiori, non indossate anelli, bevete molta acqua o succhi non zuccherati. Infine, utilizzate delle calzature comode, anche di una misura più grandi: allevieranno il peso sulla schiena. E ora via, si parte, a cuor leggero.

F

a cura della Dott.ssa Jessica Melluso

i sono voluti ben cinquanta anni di studi, prima di riconoscere che la depressione post-partum sia un problema di salute. Nell’immaginario collettivo, la nascita di un figlio rappresenta un evento straordinario nel quale sembra impossibile, per una madre, non provare una gioia indescrivibile. La comunità medica ha riconosciuto alcune caratteristiche cliniche nella depressione che alcune donne provavano dopo la nascita di un figlio, dividendole in tre categorie principali: il baby-blues, la depressione post-partum e la psicosi post-puerperale. Solitamente i sintomi insorgono da 2-3 giorni fino a qualche mese dopo il parto e con manifestazioni più o meno gravi che vanno dalla tristezza, all’irritabilità, al pianto immotivato, all’ansia, all’insonnia, all’instabilità dell’umore, alla perdita dell’appetito, alla comparsa di lamentele della madre che nutre sentimenti ambivalenti verso il bambino e manifesta dubbi e timori circa la capacità di prendersi cura di lui fino alla comparsa di deliri ed allucinazioni (convinzioni che il bambino sia malato, che abbia poteri speciali, ecc…), fino al risentimento ed all’odio nei confronti dello stesso. In quest’ultimo caso si tratta di un’emergenza psichiatrica che richiede un intervento medico importante in quanto spesso è forte il rischio di suicidio ed infanticidio. Difficile indicare una causa precisa, tuttavia ci sono diversi fattori concorrenti: dal brusco calo post-partum degli ormoni sessuali e tiroidei, a fattori emotivi, legati alla trasformazione fisica della donna, alla sua perdita di libertà ed al cambiamento di identità da donna a mamma. Altro fattore rilevante sembra essere la riduzione della serotonina, il cosiddetto “ormone della felicità” i cui livelli nel sangue sono legati all’assunzione di acidi grassi essenziali. È stato dimostrato che il livello di acidi grassi essenziali nel sangue materno, durante la gestazione, decresce progressivamente, riducendosi di oltre il 50% e può risultare ancora insufficiente sino ad oltre 6 mesi dal parto. Si è visto come diete ricche di pesce, fonti di acidi grassi essenziali (soprattutto pesce azzurro, tonno e salmone) siano correlate con una minore insorgenza di depressione post-partum. Nella maggior parte dei casi la sintomatologia è transitoria e, grazie al precoce riconoscimento da parte del ginecologo nonché al supporto delle persone circostanti la neo-mamma, si risolve spontaneamente. La pratica clinica ha riconosciuto, nei casi più gravi, l’utilità dei farmaci antidepressivi.

C

In vacanza

salute e benessere

Depressione post-partum

131


VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

salute e benessere

Tintarella di luna o pelle da pantera? e dive sfuggono il sole per mantenere una pelle lattea. Così le modelle, che sfilano eteree dal colorito bianco candore. Che l’abbronzatura sia passata di moda? Difficile dirlo, ciò che è certo è che in alcuni casi viene addirittura definita volgare. Eppure un colorito dorato maschera imperfezioni e difetti, rende i corpi luminosi e i visi solari. Se si usa cautela nell’esporsi al sole. Più che di moda, il discorso si sposta quindi sul fattore salute. L’inquinamento ha rarefatto la barriera dell’ozono, i raggi solari risultano più nocivi perché non filtrati, diretti. È ciò che i nostri saggi nonni in parole povere esprimono con frasi quali “il sole è cattivo, non è più quello di una volta”. Dalle ricerche scientifiche emerge un collegamento ineludibile tra l’esposizione senza protezione, la cosiddetta abbronzatura selvaggia, e il profilarsi di malattie tumorali della pelle. I rischi di sviluppare un cancro sono solo la peggiore ipotesi tra i vari problemi che comporta il sole se non si utilizzano protezioni adeguate al proprio tipo di carnagione. Le radiazioni che esso emana si distinguono in raggi infrarossi e raggi ultravioletti, a loro volta classificati in UVA, UVB, UVC. Gli infrarossi, nonostante alcune qualità indiscutibili, come la stimolazione di vitamina D e la distruzione di batteri nocivi, sono pericolosi per chi soffre di pressione alta, fragilità di capillari e vene varicose, in quanto provocano l’allargamento dei vasi sanguigni. I raggi ultravioletti determinano l’insorgere della barriera di melanina: l’abbronzatura, che altro non è se non una protezione per il derma proprio dai raggi solari. Di contro, gli UVA penetrano la pelle in profondità, che conseguenzialmente perde di tono e vede il formarsi di rughe; gli UVB possono provocare eritemi e ustioni; gli UVC, infine, considerati un tempo trascurabili, sono

L

oggi ritenuti pericolosi a causa del buco dell’ozono. La prima precauzione da prendere è quella di non esporsi ai raggi nelle ore centrali del giorno, quando scendono perpendicolari. Per capire la potenza delle radiazioni basti pensare che all’equatore, l’uomo, per adattarsi e sopportare il sole, ha cambiato il colore della propria pelle, nel corso dell’evoluzione, da bianca a nera. La crema protettiva è d’obbligo, sempre. Il fattore di protezione, grazie a una direttiva dell’Unione Europea, è visibile su ogni flacone a norma. Esso va scelto considerando il proprio fototipo. La classificazione prevede 6 fototipi: 1) pelle chiarissima, capelli biondi o rossi, efelidi e occhi chiari; 2) pelle chiara, capelli biondi, occhi chiari; 3) pelle pallida, capelli e occhi castani; 4) pelle olivastra, capelli e occhi scuri; 5) pelle, capelli e occhi scuri; 6) pelle nera. Ovviamente, il grado di protezione diminuisce proporzionalmente all’aumentare del fototipo e al trascorrere dei tempi di esposizione. La crema deve essere applicata mezz’ora prima di prendere la tintarella, e rinnovata ogni ora; nel caso di bagni frequenti, si consiglia di utilizzare un prodotto waterproof. Per mantenere la pelle idratata è bene bere molta acqua e mangiare frutta e verdure fresche, alleate dell’abbronzatura sana. Infine, risciacquarsi sempre e abbondantemente con acqua dolce e applicare un latte doposole su tutto il corpo.

Al sole sì, con qualche accorgimento per rimanere belle, giovani e senza macchia

133


salute e benessere

a cura di Paola Sgrò

Ayurveda

VG

PERCHÉ IN ESTETICA? È un pensiero che va oltre i limiti di un lavoro tradizionale, che si interessa delle persone nel suo insieme e non solo per ciò che concerne gli inestetismi, così come delle cause piuttosto che degli effetti. Ma che, proprio per questo, consegna un risultato estetico più completo, profondo, definitivo. Ayur è il primo trattamento ayurvedico con specifiche finalità di trattamento. L’inestetismo estetico si insesrisce in uno squilibrio più complesso, segno di un malessere che l’organismo manifesta attraverso la pelle. E così come nella pratica terapeutica, la soluzione delle malattie passa attraverso il riequilibrio di Vata, Pitta e Kapha, le tre forze che controllano tutte le funzioni della nostra unità psicofisica; anche nel lavoro estetico la soluzione dell’inestetismo è la conseguenza di un ristabilito equilibrio dei tre Dosha.

visioni grafiche

CHE COSA È? Ayurveda è un sistema di pensiero nato in India, le cui origini leggendarie risalgono a 500 anni fa. Non è solamente un’antica medicina tradizionale indiana ma una vera e propria scienza di vita che si occupa di tutti gli aspetti psichici, spirituali e fisici dell’uomo. È un preciso sistema di pensiero che vede l’universo e le parti che lo compongono come una realtà indissolubile ed unica. L’uomo, la natura e l’universo, soggetti alle medesime leggi e costituiti dai cinque elementi, diventano un insieme unico. È un sistema di medicina che si occupa non solo della malattia attraverso il ripristino di un equilibrio energetico, ma a fare della vita una vita sana. La scienza della vita, però, non è solo un sistema filosofico, oggi l’Ayurveda rappresenta uno dei modelli più completi e personalizzati di diagnosi e di trattamenti estetici. È la scienza delle tre energie che sono responsabili di tutti i processi di crescita, decadimento e morte così come nel mantenimento della salute e dell’insorgere delle malattie.

COME VIENE APPLICATA NEL VOSTRO ISTITUTO? Nel nostro lavoro prendiamo in considerazione i tre elementi di base della diagnosi ayurvedica (la costituzione individuale, lo squilibrio momentaneo di un Dosha ed il periodo stagionale), proiettandoli all’interno di un programma estetico specifico. La costituzione individuale è come un’impronta che caratterizza la nostra esistenza e che, caratterizzata dai tre Dosha, resterà immutata fino alla fine.

135


scienze

di Gaetano Gaggiottino

I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

Pet Therapy: imparare da un somaro La Pet Therapy, nata in america diversi anni fa, sta rapidamente prendendo piede anche in Italia. Gli animali più indicati sono cani, cavalli e asini. I cavalli sono i più indicati per la riabilitazione fisica, grazie all’irrobustimento prodotto dallo sforzo necessario a restare in sella. I cani e gli asini, invece, vengono utilizzati soprattutto in caso di deficit emotivo e mentale. Ma i maggiori risultati si sono raggiunti nell’attenuare i disturbi emotivi e di relazione. Infatti cani e asini non sono in grado di provare angoscia ma solo paura che però scompare con la minaccia che l’ha provocata, perciò la sola presenza dell’animale è sufficiente a trasmettere calma e serenità. Si può affermare che la Pet Therapy è come una tappa di avvicinamento per riconquistare piena capacità di relazione anche con gli uomini e rafforzare la fiducia in se stessi.

Il cervello migliore è a 39 anni Così afferma una ricerca della Università di California. Questo è il picco massimo della funzionalità, mentre dopo tale età si ha una progressione sempre più veloce di deterioramento a causa di una diminuzione della “mielina”. La mielina è la guaina midollare delle fibre nervose che ha funzione protettiva nella conduzione dello stimolo nervoso e che permette la trasmissione ai circuiti del cervello. Superati i 39 anni il cervello non riesce più a riparare la mielina e a riportarla alle sue condizioni ideali.

Anziani longevi ma pieni di acciacchi Nel nostro Belpase vivono gli anziani più longevi d’Europa. Il problema è che sono pieni di acciacchi. I nostri anziani, infatti, arrivano a fare i nonni con un alto carico di malattie cardiovascolari, osteoarticolari e demenze. Purtroppo ne risente la qualità della vita, che non è certo delle migliori.

Artroscopia di ginocchio L’artroscopia di ginocchio è un intervento chirurgico mini-invasivo per cui si praticano sull’articolazione due o tre piccole incisioni, attraverso le quali vengono introdotti una microcamera computerizzata e una serie di strumenti studiati Centro Fisioterapico su misura per questo tipo di chirurgia. AttraverFISIOTER so la videocamera il chirurgo può esplorare l’interno del ginocchio per confermare la diagnosi, valutare l’entità del danno e intervenire sul problema - tutto nel corso della stessa operazione. Il vantaggio degli interventi mini-invasivi come l’artroscopia rispetto alla chirurgia tradizionale (cosiddetta “a cielo aperto”) è che, non comportando ampie incisioni cutanee, non richiedono lunghi tempi di degenza né di convalescenza. I tempi di ripresa variano a seconda della patologia e dell’entità del danno, ma in molti casi il ginocchio riacquista la piena funzionalità nel giro di pochi giorni. L’artroscopia di ginocchio, nella maggior parte dei casi, si esegue in anestesia locale. L’anestesia può essere somministrata a piccole dosi nel tessuto circostante, oppure iniettata nell’area lombare o nella coscia per togliere sensibilità alla parte inferiore del corpo. I problemi più comuni sui quali si interviene per via artroscopica sono le lesioni meniscali (con eventuale distacco di frammenti), la lesione dei legamenti, le lesioni della rotula. • LESIONI MENISCALI: il menisco è una specie di cuscinetto a forma di C che funge da ammortizzatori e riduce l’attrito durante il movimento. La rottura del menisco è una delle più comuni tra le lesioni a carico del ginocchio e provoca difficoltà nei movimenti, gonfiore e dolore. A seconda dell’entità e della localizzazione del danno la cartilagine meniscale viene limata, suturata oppure asportata. Se non trattata, la lesione può sfociare in artrosi. • LESIONE DEI LEGAMENTI: una delle cause principali di ginocchio instabile sono le lesioni del legamento crociato anteriore, che può lacerarsi solo in parte oppure staccarsi completamente, provocando gonfiore, dolore, instabilità articolare e la sensazione che il ginocchio “ceda”. Un legamento lacerato, se si pratica sport e non si è sopra i 40 anni, andrebbe riparato il più presto possibile, per evitare la compromissione della cartilagine e/o degli altri legamenti. • LESIONI DELLA ROTULA: nel ginocchio sano il lato inferiore della rotula è rivestito di cartilagine liscia che, in seguito a trauma o usura, può divenire scabra e irregolare, provocando dolore, gonfiore e un caratteristico rumore come di qualcosa che viene “macinato”. Il chirurgo può risolvere il problema limando le asperità superficiali dell’osso; nei casi più gravi può essere necessario sostituire la rotula con una protesi femororotulea. Gli interventi in artroscopia, soprattutto se riguardano i legamenti, devono sempre essere seguiti da una riabilitazione professionale e attenta per non compromettere gli esiti di un’operazione ben riuscita.

Le bufale della scienza Il New Scientist ha selezionato i più clamorosi falsi “scientifici” della storia. La più antica è del 1725, quando il fisico tedesco Bering trovò incredibili fossili, ci scrisse libri e poi scoprì che erano dei falsi (scolpiti sulla pietra dai suoi colleghi). La più curiosa è quella di un filmato dove una famiglia raccoglieva da una pianta pasta fresca.

SEDE NUOVA

137


VG visioni grafiche


psicologia

a cura della Dott.ssa Matilde Pelagalli

Solitudine, paura, esclusione... Ancora sull’aborto procurato e riprendo questo tema, trattato da tutti in questi ultimi tempi, in molti modi, non è certo per continuare e contestare una legge che è e rimane una cattiva legge, che permette di sopprimere la vita nascente ed inerme; ma per evidenziare alcuni elementi stranamente sottaciuti riferiti al tipo di ambiente affettivo familiare, prima di tutto, e poi sociale in cui il soggetto vive. Vorrei cioè illuminare quella che mi sembra una zona d’ombra affettiva molto particolare, della ragazza soprattutto, e poi del ragazzo coinvolti: un vedere-non vedere, un vedere ed essere coscienti dei genitori che però si rifiuta alla responsabilità e all’affetto e alla comprensione e all’aiuto nei confronti di un figlio o di una figlia. Una famiglia in cui la ragazza ha ricevuto il mestruo ed è come se la madre si fosse offesa di questo e quindi non le abbia fatto capire, non le abbia spiegato da quale grazia era stata toccata. La ragazza così si è sentita sola di fronte a qualcosa di così enorme, che non era in grado né di comprendere né di dominare. Un qualcosa che dentro di sé sentiva bello ma la cui bellezza veniva negata dall’atteggiamento dei familiari anche nei confronti di tutti gli oggetti che segnalavano la presenza di questo elemento di crescita. Quante volte i genitori si sono astenuti dal parlare di tutto questo con loro, dando per scontato che “certe cose” si fanno e se accade il prevedibile, che i ragazzi se la vedono da sé, che tanto se sono abbastanza grandi per mettersi nei guai, lo sono anche per uscirne. E quindi se accade qualcosa non disturbassero i genitori che tanto fanno finta di non vedere e non capire perché essi, le loro bestialità, le risolvessero da sé. Il figlio o la figlia sono abituati a vivere una totale confusione in cui a volte non hanno neanche coscienza di essere stati loro a combinare “il guaio”, non il bambino figlio del loro amore. Sembra che non si possa parlare con nessuno, gli amici sono poco convincenti. È chiaro che tra i genitori anche c’è un problema che ha a che vedere con la sessualità. Tutte le porte sono chiuse e la ragazza che dovrebbe cominciare a sentire, anche per un fatto ormonale, con piacere la presenza nel suo corpo di qualcosa di vivo, percepisce invece il feto come un ospite indesiderato, un parassita, qualcosa che la distruggerà da dentro e di cui quindi si deve liberare. Continua

S

salute e benessere a cura del Dott. Angelo Caputo (Medico Chirurgo - Odontoiatra)

I consigli del dentista n sorriso aperto e luminoso e una bocca sana restano il più appariscente biglietto da visita. Per questo vorrei poter essere utile ai lettori con dei semplici e mirati consigli. Sempre più spesso si arriva alla nostra osservazione quando ormai il problema è dilagante e bisogna intervenire in maniera drastica ed anche onerosa. Vorrei quindi iniziare questa serie di incontri con l’aspetto più importante: come tenere pulita la nostra bocca e i nostri denti. Purtroppo ancora oggi constato il fatto che molti hanno un brutto rapporto con lo spazzolino, o perché non lo usano correttamente o perché trascurano l’igiene dentale. Io dico sempre che una persona può spazzolare i denti anche dieci volte al giorno ma se non lo fa nella maniera corretta non raggiunge lo scopo. Questa mancanza d’igiene è la causa principale di molte patologie; le più importanti sono: la carie e le infezioni parodontali. Queste possono essere devastanti. Un’adeguata igiene orale è fondamentale per avere denti e gengive sane. La salute del cavo orale influenza il generale benessere psicofisico. Le malattie parodontali possono essere collegate alle malattie cardio-vascolari e respiratorie; le donne in gravidanza affette da grave parodontite possono dare alla luce un bambino prematuro e sottopeso; nel diabetico la malattia parodontale può peggiorare il metabolismo glucidico; lo stress psicologico può influire sulla salute del cavo orale; l’assunzione eccessiva di zuccheri con una non adeguata igiene può dare problemi di carie dentali. Dopo aver mangiato sulla superficie dei denti si forma una pellicola che si deposita sullo smalto: tale pellicola depositata, dopo alcune ore diventa placca; essa è come una fitta rete di batteri che lavorano insieme e producono scorie (acidi) che irritano la gengiva fino a portarla a sanguinare; tali acidi possono aggredire anche la superficie del dente portando alla perdita dello smalto e alla formazione della carie. La prevenzione delle infezioni parodontali e delle carie dentali deve essere impostata su un uso adeguato dello spazzolino da denti e del filo interdentale. Come si usa lo spazzolino? 1) spazzolare i denti almeno tre volte al giorno e comunque sempre dopo ogni pasto per un tempo non inferiore ai due minuti. 2) usare uno spazzolino di consistenza media con setole di nylon a punta arrotondata. 3) cambiare lo spazzolino ogni tre mesi. 4) fare movimenti orizzontali piccoli e veloci con lo spazzolino che abbia un’angolatura con l’asse dentale di 45 gradi. 5) alternare questi movimenti con altri rotatori e con movimenti verticali dall’alto in basso per l’arcata superiore e dal basso verso l’alto per l’arcata inferiore. Non è importante la marca dello spazzolino o del dentifricio, l’unica cosa veramente importante è “l’olio di polso”: spazzolare. Coadiuvanti possono essere l’uso del filo interdentale e dell’idropulsore (secondo le indicazioni del dentista). Consiglio ancora un uso più che corretto di questi coadiuvanti perché è facile provocare micro-lesioni gengivali. Se questi miei consigli contribuiranno a rendere meglio puliti i vostri denti, avrò raggiunto il mio obiettivo.

U

La Dottoressa risponderà alle domande c he i nv ieret e v ia mai l al l’i nd irizz o info@ac-overall.it.

Dott.ssa Matilde Pelagalli Largo Glorenza, 28 (Infernetto) Tel. 06.50913755 - Cell. 339.6467249 www.matildepelagalli.it - e-mail: psimat@libero.it

139


VG

visioni grafiche


di Lucia Bianco

budget e ricette

Estate e voglia di freschezza iao a tutti, sono tornata alla base con fresche ricette per accompagnarvi nella calda estate. Parleremo anche di gelato, che possiamo servire come dolce oppure, perché no, come ottimo sostituto di un bel pranzo.

C

Crumble di ciliegie PREPARAZIONE: Lavate, asciugate e denocciolate le ciliegie, poi ponetele in una ciotola dove unirete 100 gr di zucchero e la scorza grattugiata di 1 limone non trattato. Lasciate riposare le ciliegie per almeno una mezz’ora, rigirandole un paio di volte con un cucchiaio. Nel frattempo, preparate la pasta per la ricopertura del crumble. Incidete la stecca di vaniglia per il lungo e, con un coltellino dalla lama liscia, estraete i semini interni, raschiandoli via. Ponete in una ciotola la farina, lo zucchero di canna, la cannella in polvere (se non la gradite, potete non aggiungerla), i semini della vaniglia e il burro ammorbidito: lavorate gli ingredienti con le punte delle dita fino ad otteIl crumble (briciola) è un dolce al cucchiaio cotto al forno e di nere delle briciole medio grosse. Preriscaldate il forno. Imburorigine inglese, formato da uno strato superficiale granuloso e rate una pirofila non troppo bassa e cospargetela con 2-3 cucchiai di zucchero di canna, poi versateci dentro il composto di croccante che nasconde un ripieno di morbida e calda frutta. Il crumble può essere realizzato con molti tipi di frutta, meglio ciliegie. Livellate le ciliegie e ricopritele con le briciole di pasta se un po’ acidula per meglio contrastare la dolcezza della pasta precedentemente ottenute. Infornate per circa 40 minuti e frolla sbriciolata che lo ricopre: classico è il crumble al rabarba- quando la superficie sarà dorata e croccante, estraete il crumro, alle ciliegie, alle mele, alle pere, ai frutti di bosco, oppure ble dal forno e servitelo ancora caldo, accompagnandolo con del gelato. Per realizzare la copertura del crumble, alcune perquello realizzato con più frutti uniti assieme. sone preferiscono utilizzare del burro fredINGREDIENTI: • 1 kg di ciliegie • 100 gr di zucchero • scorza grattugiata di 1 limone do da inserire in un robot assieme agli altri • vaniglia • 100 gr di burro a temperatura ambiente • 1 cucchiaio di cannella ingredienti: frullando il tutto con le lame • 160 gr di farina • 100 gr di zucchero di canna • burro per ungere la pirofila per pochi secondi si ottengono delle brie 2-3 cucchiai di zucchero di canna per spolverarla ciole adatte allo scopo.

Gelato alle nocciole È una ricetta che amo molto. Non è difficile preparare il gelato, importante è seguire la ricetta rispettando quantità e qualità: avrete così la sorpresa di un sapore unico, ben diverso dai gelati in commercio. Provate e... fatemi sapere. PREPARAZIONE: Tostate 100 gr di nocciole sgu• 100 gr di nocciole sciate in forno a 160° per 10/12 sgusciate minuti, poi lasciatele raffredda• 330 gr di latte fresco intero re e togliete con cura la pellici• 1 tuorlo d’uovo na. Trasferitele in un robot da • 90 gr di zucchero cucina e lasciatelo lavorare a veloINGREDIENTI:

cità elevata per 10 minuti in modo che esca l’olio dalle nocciole. In una ciotola dai bordi alti versate poi 330 gr di latte fresco intero, 1 tuorlo d’uovo e la pasta di nocciole ottenuta. Frullate molto bene col minipimer aggiungendo a pioggia 90 gr di zucchero. Mettete il composto in gelatiera per 20/25 minuti e gustatelo ad occhi chiusi… Alla prossima care amiche!

141


VG

visioni grafiche


ricette dello Chef

a cura di Dino Terracciano

Dolce estate! C

È la stagione dei cibi freschi. Può però essere anche la stagione di dolci appetitosi

he è tempo di mare ormai lo sappiano e tanti già da diversi mesi stanno ridimensionando l’alimentazione per la fatidica prova costume. Purtroppo, in questo clima di austerity, i dolci sono tra i primi ad essere allontanati. Ma per non rinunciare a una bella fetta di torta o qualche sfiziosa crema anche d’estate, basta stare attenti con gli altri pasti della giornata. Considerate, innanzitutto, che soprattutto d’estate abbiamo bisogno di energia perché le giornate si allungano e si esce di più. Questa energia ce la danno gli zuccheri, intesi anche come amido, cioè farine, elemento base di torte e pasticcini. Quindi non abbiate sensi di colpa, ma gustatevi anche nelle giornate d’estate un buon dolce. Basta qualche accorgimento e un po’ di fantasia, il corpo ringrazierà!

Torta di carote con zabaione al marsala e mandorle e nocciole pralinate

(8 porzioni) avate e raschiate 250 g di carote e grattugiatele. In una boulle sbattete 2 uova con 100 g di zucchero fino ad ottenere una crema spumosa. Aggiungete quindi 75 g di farina di mandorle e 60 g di farina di nocciole (se non ne avete la potete ottenere semplicemente frullando la frutta secca), mescolate con una spatola, aggiungete 30 g di olio extra-vergine, 50 g di farina “00” setacciata e 10 g di lievito chimico: otterrete un impasto abbastanza asciutto. Infornatelo in uno stampo imburrato e infarinato per 35-40 minuti a 180°C. Controllate la cottura infilando uno stuzzicadenti al centro della torta, ne dovrà uscire asciutto. Preparate lo zabaione sbattendo 2 tuorli con 2 cucchiai di zucchero, aggiungete 2 mezzi gusci d’uovo di marsala e cuocete a bagnomaria senza mai smettere di mescolare, fino a far quasi raddoppiare di volume. In un pentolino portate a bollire 80 g di acqua con 125 g di zucchero e tuffatevi 125 g di nocciole e mandorle. Mescolate con un cucchiaio di legno fin quando caramellerà la frutta secca (formerà la crosticina bianca attorno). Servite una fetta di torta fredda a porzione spolverata di zucchero a velo con qualche nocciola caramellata e un po’ di zabaione o se preferite del gelato.

L

Cheese Cake albicocche e frutti di bosco

(6-8 porzioni)

nite insieme 100 g di ricotta, 100 g di mascarpone, 50 g di zucchero e un tuorlo e 100 g di panna montata. Lavate e tagliate a pezzetti 56 albicocche e aggiungetele alla crema e mettete in frigo a rassodare. Preparate dei biscotti (10 biscotti grandi) sbattendo 1 uovo con 125 g zucchero, unite 125 g di burro ammorbidito, 250 g di farina e i semini di mezza bacca di vaniglia. Fate riposare in frigo un’oretta e formate su una placca con carta da forno 10 dischi, forateli con le punte di una forchetta e cuocete per 8-10 minuti a 180°C. Preparate la salsa passando nel mixer ad immersione 100 g di frutti di bosco, poca acqua e un cucchiaio di zucchero. Servite in un piatto o in una coppa con il biscotto sotto, la crema sopra e la salsa attorno.

U

143


VIA

VIA

MOSTACCIANO

MA

V.O.GHIGLIA

V.PRASSILLA

INFERNETTO

PAL

OCCO

28 VIA U. GIORDANO

5

VIA CANALE DELLA LING UA

NO

19

F FERRA RI

30

CASAL 2 PALOCCO

RAGON CELLO

23

DI

CA

TE

A S TEL

V I A DI C

VIA

FU

SAN

O

11

T.

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

10

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

PORTO DI OSTIA

C.SO REGINA MARIA PIA

15

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

34

L.MARE DELLA SALUTE

VIA C. PASSERO

DIO AU CL

4

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

VIA C. COLOMBO

L

VIA

V. AZZORRE

V. MARINA

SCHE

SAL

V I A W OL

L O T TI

LONGARINA

24

I

31

.SA NT O

VIA DI P

SSO D

CA

L

VIA A.

P O R ZIA

VIA FO

OSTIA ANTICA

VIA D. BALENIERE

V. BE Z Z

V.

VIA C. ZUGNA

VIA DE

LLA SC AFA

V. F A R O

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

APONA RA

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

17

DI

E .D

ATORI DEI PESC

VIA R EDIP UGLIA

VIA PO V.LE TRA IANO

VIA T. CL

EMENTIN

A

MICINA

F O CE

VIA DI

P.ZZA GRASSI

GIUGNO

RO INDA VI A P

V.

L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

1 PONTILE

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE

V.

P. T E 2

SAPONA RA

MADONNETTA

TO VIA DELL'AEROPOR

ISOLA SACRA 22

ACCHIA

OSTIA STELLA POLARE

A VIA DELLA SCAF

9

TENUTA DEL PRESIDENTE

S

R T UE NSE

20

SPINACETO

NTINI EO

V. COLLETTORE PRIMARIO

VIA DEI ROMAGNOLI

VIA DI M

P.ZZA ESCHILO

AXA

R A TO

VIA DI S

NI T I 33

DRAGONA

TE VE RE

29 VIA DI ACILIA ACILIA

32

BO

T V IA O . F A

8

VIA L ORC INA

V. P

V IA

VIA DEL MARE

V. G.CARPINE

LOCCO VIA DI M. PA

POG DEL

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

LI GO

V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

VIA DI MALAFE DE 12 CASALBERNOCCHI 27 AXA 26 7 MALAFEDE

V. IN

ORT VIA P

V.ALBARETO

VIA C. MAESTRINI

CALTAGIRONE

CORNELI O

A AN IOR GG

18

6

NAPOLI

14

VIA G

DI

LLE CASE BA DE SS E VIA

O

VIA SA RS INA

DI GIA NO

ACILIA NORD

21

M M IN

VIA DEI

VIA

ETTO

OCA

VITINIA 13

CENTRO GIANO A S AL

EZZ

VIA MOLAIOLI

VIA C

DI M

VIA D. PURIFIC ATO

19 Eschilo 2 Dancing 20 Cascina Spiga d’Oro 21 La Romanina 22 I Giardinetti 23 Zucchero e limone 24 Il Miglio Verde 25 Zenit 26 La Villetta 27 Tana del Bradipo 28 D’Arfredo ar Casale e Le Tre Scimmie 29 Pizza 120 30 Wogs 31 Add’e’ Scugnizz 32 Punto d’incontro 33 Il Cielo sul Mare 34 Village

CELLO RAGON V. DI D

16

QUIN O BO RGH I

E GRANDE RACCORDO ANULAR

DRAGONCELLO

FIUMICINO

. P AS

LEGENDA

1 Nemo 2 Polimeno 3 El Matambre 4 Per Gola 5 Eden 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 La Bitta 9 Maharajah 2 10 Omnia Pizza 11 Donna Carmela 12 La Carbonella 13 La Locanda 14 Frivolezze 15 Ferrantelli 16 Donna Beatrice 17 Mr. Beef 18 Il Pinzimonio

VIA ARZANA

C

V.BAZZINI

FIRENZE

IU

IAN

VIA CRISTOFORO COLOMBO

USCITA 28

F D.

B ME

3

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V. GRANDE MURAGLIA

VIA D

O

EUR TORRINO

VIA DI DECIMA

LITORANEA

25


VG

visioni grafiche


MagnaRoma IL MIGLIO VERDE

INDIRIZZO Via di Piana Bella, 30 (traversa di Via di Castel Fusano) TELEFONO 338.9953162 CARTE DI CREDITO Sì (no American Express) SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Cena

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE - PIZZA Immerso nella rigogliosa e rilassante campagna di Ostia Antica, all’interno di un antico casale ristrutturato mantenendo le caratteristiche originali, questo locale ha la capacità di trasportare i suoi ospiti in una dimensione così tranquilla e familiare da dimenticare lo stress ed il caos assordante della città. Il menù, rispettando le regole rurali, offre prevalentemente piatti a base di carne di rilevante qualità. Ottime le varie tipologie di tagliata (prima fra tutte quella all’aceto balsamico) e gli sfiziosi antipasti “casarecci” con formaggi, salumi e verdure, accompagnati da una croccante focaccia. Per chi invece desidera le specialità di pizza, non deve fare altro che scegliere tra le numerose varietà! Arricchito da un meraviglioso spazio esterno, è la location ideale per organizzare ricevimenti e banchetti.

ZONA

24

OSTIA ANTICA

LA VILLETTA SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Gestito da ben oltre 40 anni, con grande determinazione, professionalità ed immancabile accoglienza, La Villetta è uno dei siti culinari “storici” nella zona di Acilia. Fatevi trasportare dai sapori della sua cucina casareccia, ricca di piatti genuini a base di ingredienti di prima scelta: primi della più tipica cucina nostrana, secondi di pesce freschissimo o a base di carne cotta rigorosamente su pietra lavica, mirata a non alterare il suo naturale nonché vero sapore. La carrellata delle prelibatezze continua con le numerose specialità di pizza disponibile sia a pranzo che a cena. Il locale, dotato di un ampio spazio interno e di un secondo più ridotto all’esterno, solo su richiesta, organizza rinfreschi e banchetti con menù personalizzati.

INDIRIZZO Via G. Antonucci, 35 TELEFONO 06.52350056 PREZZO MEDIO 25/30 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 180 interni, 80 esterni LOCALE CLIMATIZZATO Sì SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo/Cena

ZONA

26

ACILIA

LA LOCANDA SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PESCE - PIZZA

INDIRIZZO Via di Mezzocammino, 92 A TELEFONO 06.52373177 SITO INTERNET www.ristorantelalocanda.eu PREZZO MEDIO 25 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si MUSICA DAL VIVO Ven. Sab. e Dom. PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 250 APERTO Cena (Dom. e festivi anche Pranzo)

13

La Locanda è un ristorante capace di offrire ai suoi clienti la sincerità di una cucina basata sui sapori tradizionali. Dotata di forno a legna e di spazi adattabili alle più diverse esigenze, La Locanda può soddisfare i palati più esigenti. I quadretti della locanda, i tonnarelli cacio e pepe, i secondi a base di agnello e maialino, la coda alla vaccinara, insieme a tante altre specialità di pesce e all’ottima pizza, costituiscono i tradizionali punti di forza di una cucina fatta utilizzando gli ingredienti più genuini.

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

149


VG

visioni grafiche


MagnaRoma TANA DEL BRADIPO vino brace e cucina SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA E REGIONALE - CARNE ALLA BRACE - DOLCI FATTI IN CASA Siamo una giovane osteria con un ambiente rilassato ed informale dove poter bere bene e mangiare meglio. Proponiamo una cucina basata sulla tradizione romana e regionale italiana ma costantemente aggiornata e rivisitata con una particolare cura nella selezione delle materie prime e seguendo la stagionalità dei prodotti con una continua proposta di piatti nuovi. Una selezione di carni di qualità superiore da fare alla brace rigorosamente da allevamenti al pascolo, un’ampia cantina in continua evoluzione con vini provenienti da tutte le regioni d’Italia con una particolare attenzione agli ottimi vini del nostro Lazio e per finire i nostri dolci tutti fatti in casa.

INDIRIZZO Via Luigi Pietrobono, 3 TELEFONO 06.5258790 - 333.2317500 SITO INTERNET www.tanadelbradipo.it PREZZO MEDIO 20/25 € CARTE DI CREDITO Visa, Mastercard, Keyclient NUMERO POSTI 70 interni, 50 esterni PORTICO ESTERNO Sì RIPOSO SETTIMANALE Lunedì APERTO Cena - Sabato e Domenica anche Pranzo

OFFERTA LUGLIO: 27

Veniteci a trovare, il VINO ve lo offre il Bradipo

ZONA

CASALBERNOCCHI

NEMO

PANE AR PANE VINO AR VINO

SPECIALITÀ > PESCE - CRUDI DI PESCE Collocato nello stabilimento balneare “La Nuova Pineta”, Nemo è il primo Oyster bar del litorale, l’unico a garantire il proprio crudo di pesce, ad aver ottenuto l’attestato “Alta cucina” dall’Academie Internationale des Gourmet et des Traditions. Nato da un’idea di Tony e di Ermanno, Nemo affida i suoi fornelli alla venticinquennale esperienza di Rossana. I prodotti ittici lavorati da Nemo sono pescati da “i pescatori del Borghetto”.

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!! INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Lungomare Lutazio Catulo, 6/b TELEFONO 348.3966520 - 333.8036856 SITO INTERNET www.nemorestaurant.it RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì NUMERO POSTI 40 interni, 20 esterni APERTO Pranzo/Cena PARCHEGGIO Sì

1

ZONA

7

OSTIA LIDO

ZONA

MALAFEDE

OMNIA PIZZA

INDIRIZZO Via dei Velieri, 93 TELEFONO 06/5692745 PREZZO MEDIO 15 € (pizza) - 35 € (ristorante) NUMERO POSTI 100 interni (con aria condizionata) - 100 esterni AREA BANCHETTI Sì CARTE DI CREDITO Tutte (No American Express) RIPOSO SETTIMANALE Lunedì APERTO Pranzo (09:00-15:00)/Cena (17:00-24:00)

10

SPECIALITÀ > PIZZA A LIEVITAZIONE NATURALE - PESCE - COUS COUS - KEBAB Gestito da ben 15 anni con sapienza e grande professionalità, questo delizioso ed accogliente locale, di recente ristrutturazione, è un vero paradiso per gli amanti della pizza. Ideale per organizzare banchetti o serate in compagnia, magari intrattenuti da un’ammaliante danzatrice del ventre... Omnia Pizza invita i più curiosi a lasciarsi travolgere dal gusto di una pizza a lievitazione naturale, cotta rigorosamente nel forno a legna, lavorata a vista e ricca di ingredienti sempre freschi ed accuratamente scelti! Ottimi anche i piatti di Cous Cous, Kebab e pesce tra i quali i premiatissimi Tagiolini allo Scoglio. Ampia la scelta dei vini bianchi e rossi.

ZONA

OSTIA LIDO

151


MagnaRoma I GIARDINETTI SPECIALITÀ > CARNE DANESE ALLA BRACE - PIZZA NAPOLETANA grande cordialità dei due titolari Dino e Anna. Tra le speI buongustai della cucina casereccia e della pizza napolecialità, oltre alle pizze cotte con il forno a legna, da protana hanno un nuovo punto di riferimento: il ristorante “I vare assolutamente l’ottima carne danese preparata alla Giardinetti” di Fiumicino. Un locale familiare ed accoglienbrace. te dove gusto, qualità e prezzi si legano saldamente alla

MENÙ SPECIALE BISTECCA 1a SCELTA (Gr. 500) CONTORNO A SCELTA VINO 1/2 Lt. • ACQUA • PANE DESSERT DELLA CASA CAFFÈ • LIMONCELLO

INDIRIZZO Via G. Maffettone, 95 TELEFONO 06.6583069 SITO INTERNET www.bisteccheriaigiardinetti.it PREZZO MEDIO 15/20 € APERTO tutte le sere a Cena

tutto a s o li

€ 20,00

MENÙ DI PESCE SU ORDINAZIONE 22

ZONA

FIUMICINO

PER GOLA

FRIVOLEZZE

SPECIALITÀ > PESCE - CRUDI DI PESCE Ideale per gustare ottime specialità di pesce (mezze lune ai formaggi con gamberi e radicchio, carbonara di mare, gnocchetti alla crema di scampi, tagliata di tonno, gamberi in pasta Kataifi e, solo su prenotazione, una vasta scelta di crudi), questo delizioso locale accoglie la sua clientela con piacevoli serate dedicate alla musica e al ballo. Tutti i sabati Karaoke (con menù Paella e Sangria a € 18,00), mentre il venerdì Piano Bar per gli amanti della Salsa e dei balli di gruppo.

SPECIALITÀ > GOOD MUSIC Ambiente unico e di atmosfera, il ristorante Frivolezze è arredato secondo uno stile elegante ed accurato, che crea piacevoli sensazioni di benessere. La cucina soddisfa pienamente la voglia di assaporare piatti preparati con cura che richiamano i sapori della cucina sarda. Si annoverano tra le altre pietanze: Spaghetti ai ricci di mare (sardi), Faraona al mirto e fragoline di bosco, Seadas dello chef. Questa miscellanea di differenti sapori fa di Frivolezze un posto tutto da scoprire.

INDIRIZZO Via Doberdò, 60/A TELEFONO 320.0695189 (Alessia) PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 interni, 40 esterni SPAZIO ESTERNO Sì Venerdì PIANO BAR AREA BANCHETTI Sì Sabato LOCALE CLIMATIZZATO Sì KARAOKE INTERNET WI-FI FREE Sì APERTO Cena (Sab. e Dom. anche Pranzo)

4

INDIRIZZO Via Codigoro, 30 TELEFONO 06.52372604 - 339.2479722 SITO INTERNET www.frivolezze.altervista.org PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Domenica e

Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 40 APERTO Pranzo/Cena

ZONA FIUMICINO

14

ISOLA SACRA

ZONA

VITINIA

MAHARAJAH 2 SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di alta

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

9

qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.

ZONA

AXA

153


VG

visioni grafiche


MagnaRoma RISTORANTE EDEN SPECIALITÀ > PESCE LOCALE Da circa venti anni il Ristorante Eden è uno delle mete preferite dagli amanti della buona cucina e del buongusto. Raccolto in un’oasi di verde e tranquillità il locale, un antico casale completamente ristrutturato nelle vicinanze del mare e a pochi

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 111 TELEFONO 06.50916969/333.6803470 SITI INTERNET www.ristoranteeden.it - www.edenmatrimoniroma.com PREZZO MEDIO 35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte eccetto Diners Possibilità AREA BANCHETTI Si pagamenti rateali NUMERO POSTI 450 PARCHEGGIO Si banchetti APERTO Pranzo (ven. sab. e dom.) / Cena Menù per celiaci

ZONA

5

minuti dall’EUR, mette a disposizione della sua clientela ampi saloni interni, arredati con sobria eleganza, e un paradisiaco giardino dove è più facile sentirsi in pace con la natura e se stessi. La cucina è prevalentemente basata sulla preparazione del pesce, una girandola di sapori freschi e veraci con gli arrivi giornalieri di prelibatezze locali. Anche gli amanti della carne però sapranno come godere i piaceri della tavola con una selezione accurata dei migliori tagli della nostra tradizione. La scelta degli ingredienti e il rispetto della cultura gastronomica italiana sono invece alla base della ricca offerta di primi che lo chef propone (da non perdere gli strozzapreti con vongole veraci e tartufo). Il Ristorante Eden è anche un solido punto di riferimento per chi desidera affidarsi ad un’organizzazione professionale, attenta e preparata, per banchetti di nozze, comunioni, battesimi, ricevimenti, meeting e colazioni di lavoro. Per saperne di più basta consultare le proposte di menù e i preventivi personalizzati che troverete nei siti: www.ristoranteeden.it e www.edenmatrimoniroma.com.

INFERNETTO

DONNA CARMELA

CASCINA SPIGA D’ORO

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA-CARNE-PESCE In un ambiente rinnovato, vivace ed accogliente, il ristorante “Donna Carmela”, di Nadia e Lorena, offre un menù vasto e di qualità. Propone piatti tipici romani (coratella, trippa, coda alla vaccinara, ecc...) e un’ottima selezione di carne nazionale e danese. Inoltre, vasto menù di pesce con arrivi giornalieri (imperdibili il fantastico risotto alla crema di scampi, l’astice alla catalana, il rombo al forno con le patate e il rombo al guazzetto). Tra i dessert, il famoso “tiramisù” di Nadia.

SPECIALITÀ > ANTICHE RICETTE RIVISITATE Incantevole ristorante nel verde delle campagne romane all’interno di un antico casale di fine ‘800, Cascina Spiga D’Oro vanta 30.000 mq di parco con piscina, baby park e fattoria. La sua cucina, creativa e genuina, è curata da qualificati chef e basata su prodotti freschi della zona. Carne alla brace, piatti semplici ed importanti potranno essere gustati davanti al fuoco presente nell’accogliente sala interna. Potrete scegliere sulla carta più di 240 tipi di vino accompagnati da un ampio carrello di formaggi.

INDIRIZZO Via Alessandro Piola Caselli, 78/b TELEFONO 06.50930900 PREZZO MEDIO 20/35 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 60 interni, 30 veranda SPAZIO ESTERNO Sì RIPOSO SETTIMANALE Martedì APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via del Collettore Primario, 270b TELEFONO 06.5652386 INFO EVENTI E RICEVIMENTI 06.5211078 RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO/PISCINA Si NUMERO POSTI 80 sala ristorante,

Dal Lunedì al Venerdì solo A PRANZO MENÙ FISSO

APERTO Cena/Pranzo solo la Dom.

250 sala ricevimenti

11

ZONA

20

OSTIA LIDO

ZENIT

ZONA

OSTIA ANTICA

www.zenitostia.com

SPECIALITÀ > PIZZERIA CON FORNO A LEGNA - CARNE ALLA BRACE - PESCE - CUCINA NO GLUTINE • Unico punto ad Ostia no glutine. • Situato sul litorale di Ostia con parcheggio interno, vista mare, spazio ludico esterno per bambini. • FESTE PRIVATE SU PRENOTAZIONE: feste 18 anni, comunioni, battesimi, matrimoni, cene aziendali, feste varie, serate a tema, karaoke. bibite incluse • Su prenotazione lo chef Ibrahim vi delizierà con una cena tipica araba a base di couscous e altre specialità.

PIZZA

NO STOP

€15,00

Speciale SERATA ROMANTICA

INDIRIZZO L.re Amerigo Vespucci 46-48 TELEFONO 06.56307626 - 333.3547764 PREZZO MEDIO 15/30 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e martedì SPAZIO ESTERNO Si, vista mare PARCHEGGIO Si, interno NUMERO POSTI 120 interni / 110 esterni APERTO Pranzo/Cena

OFFERTA LUGLIO Mercoledì e Giovedi a CENA Menù Pesce

25

€ 25 ZONA

Per tutta l’estate il ristorante Zenit ti offre l’occasione di vivere una serata speciale in riva al mare. Prenota l’unico esclusivo tavolo che ogni sera verrà allestito sulla spiaggia a pochi metri dalle onde e gusta il delizioso menù che accompagnerà la tua cena in completa intimità. A coppia

€ 120

OSTIA

155


VG

visioni grafiche


MagnaRoma LA BITTA

TERRAZZA SUL FIUME (100 mt. dal ponte levatoio)

SPECIALITÀ > CRUDITÀ DI PESCE - CROSTACEI - FRUTTI DI MARE E TANTO ALTRO...

MENÙ LIGHT PRANZO

Per saperne di più visita il sito

ENGLISH SPOKEN

INDIRIZZO Via Portuense, 2489 TELEFONO 06.65047752 - Cell. 333.2518158 SITO INTERNET www.ristorantelabitta.com E-MAIL info@ristorantelabitta.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì PARCHEGGIO Si ACCESSO AI DIVERSAMENTE ABILI Si AMBIENTE CLIMATIZZATO Si APERTO Pranzo/Cena

ZONA

8

FIUMICINO

IL PINZIMONIO

ZUCCHERO E LIMONE

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana.

Accogliente, ampio parcheggio, “Il Pinzimonio” fa forza sulla sana cucina italiana basata solo su prodotti di qualità. Confortevole con aria condizionata, “Il Pinzimonio” offre un’ampia scelta di Carne Nazionale e Internazionale di primissima qualità, Pesce, oltre 15 Primi e Pizza (anche da asporto) rigorosamente preparata senza aggiunta di grassi animali ma solo con una piccola dose di olio extravergine e con una giusta lievitazione. Non mancano i dolci fatti in casa che potrete gustare con i nostri vini da dessert. INDIRIZZO Via dell’Albareto, 70 TELEFONO 06.88540136 347.3507872 - 347.5403812 SITO INTERNET www.ilpinzimonio.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO No American Express PREZZO MEDIO 25/30 € Si accettano NUMERO POSTI 75 prenotazioni per PARCHEGGIO Si Banchetti PRENOTAZIONE consigliata APERTO Cena (a pranzo su richiesta) COLLEGAMENTO SKY Si

18

INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

ZONA

23

ACILIA

ZONA

INFERNETTO

LA CARBONELLA

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Il ristorante è ospitato in un antico casale a ridosso della Via Ostiense. La cucina è curata da chef italiani, con piatti di ispirazione romana, continuamente rinnovati carne e pesce - una ricerca attenta di gusto e qualità. La pizza è sottile e croccante. Da non perdere: la carne tenera e gustosissima.

INDIRIZZO Via di Malafede, 8 TELEFONO 06.52458130 E-MAIL info@ristorantelacarbonella.it PREZZO MEDIO 25 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Martedì a pranzo SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 140 interni e 80 esterni APERTO Pranzo/Cena

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

12

ZONA

MALAFEDE

19

ZONA

NUOVA PALOCCO

157


visioni grafiche

VG VG

visioni grafiche

dal nostro Menù ANTIPASTI Misto mare € 10,00 Insalata di seppie € 7,00 Insalata di polpi € 7,00 Moscardini al pomodoro € 7,00 Soutè di cozze € 6,50 Cocktail di gamberi € 5,00 Ostriche € 2,00 (l’una) Carpaccio di tonno o pesce spada affumicato € 10,00 PRIMI PIATTI Fettuccine allo scoglio € 7,50 Spaghetti alle vongole veraci € 7,00 Fagottini pere e formaggio alle noci € 7,50 Fagottini pere e formaggio alle verdure € 7,50 Ravioli alla rana pescatrice con vongole e pachino € 9,00 Gnocchetti alle mazzancolle € 7,00 Spaghettini alle rocce rosse € 9,00 Culurgiones € 8,00 Spaghetti alla bottarga € 9,00 Malloreddus alla campidanese € 7,50 Malloreddus allo zafferano € 8,00 Zuppa gallurese € 9,00 SECONDI Bistecca Americana di PRIMA SCELTA € 17,00

Tagliata all’aceto balsamico € 15,00 Straccetti alla rughetta € 11,00 Straccetti ai funghi € 12,00 Scaloppine al vino o al limone € 10 Scaloppine ai funghi € 12,00 Maialino al forno € 12,00 Pecora in cappotto € 12,00 Anatra all’arancia € 15,00 Calamari con rughetta € 10,00 Fritto calamari e gamberi € 11,00 Fritto di paranza € 12,00 Gamberoni al cognac o al vino € 15 Gamberoni o scampi ai ferri € 13 Orata o spigola (al kg) € 31,00 Orata o spigola di mare (al kg) € 40 Trancio di ricciola fresca (l’etto) € 6,50 DOLCI Seadas € 4,00 Cialde con cioccolato bianco, nero e panna € 5,00 Tortino al cioccolato caldo con panna € 4,00 Semifreddo allo yogurt con frutti di bosco € 4,50 Crème brulè ai frutti di bosco € 4,00 VINI Vino della casa € 6,00 Greco di Tufo € 9,00 Gemelle € 11,00 Cannonau di Sardegna € 11,00

Lunedì riposo - chiuso il Martedì solo a pranzo

Via Prato Cornelio, 126 · T. 06.5250388


MagnaRoma LA ROMANINA SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Ristorante-pizzeria dotato di forno a legna, La Romanina vanta una struttura ampia (due sale riservate) e ben organizzata, ideale per celebrare banchetti, svolgere meeting o semplicemente affidarsi alla sua grande competenza nel catering.

La cucina è ricca di succulente specialità come: la fantasia di primi di pesce, il rombo con patate al forno o (il giovedì) gli gnocchi caserecci e le fregnaccie. Per completare, un delizioso spazio esterno con gazebo ed un parcheggio riservato alla clientela.

LR

INDIRIZZO Via della Maggiorana, 19 TELEFONO 06.5250344/338.2313091 SITO INTERNET www.ristorantelaromanina.com PREZZO MEDIO 25/35 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì AREA BANCHETTI Si GIARDINO/GAZEBO Si (giardino con giochi per bambini) NUMERO POSTI 300 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

21

ACILIA

DONNA BEATRICE

FERRANTELLI

SPECIALITÀ > CRUDI DI PESCE Per saperne di più visita il sito: w ww .do nna be atri ce .com

SPECIALITÀ > PESCE Ben 50 anni di esperienza hanno reso il Ristorante Ferrantelli un vero locale storico nel panorama lidense. Le aspettative di tutti gli amanti della buona cucina a base di pesce potranno quindi essere confermate da un menù mirato a soddisfare anche i palati più raffinati. Astice, scampi, pesce crudo e tante altre specialità di prima scelta, preparate con cura e creatività aspettano di essere gustate magari “in compagnia” di uno degli ottimi vini selezionati sulla carta.

INDIRIZZO Via della Foce Micina, 119 TELEFONO 06.6507615

16

INDIRIZZO Via Claudio, 5/9 TELEFONO 06.56304269/fax 06.56309445 PREZZO MEDIO 35/45 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si NUMERO POSTI 90 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

ZONA

15

FIUMICINO

OSTIA

EL MATAMBRE

MR. BEEF

I PIACERI DELLA CARNE SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE-CRUDITÈ-PRIMI PIATTI

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE La cucina di questo locale si distingue per la vasta scelta di carni: Danese, Argentina, Irlandese, ma anche stuzzicanti salsicce di produzione propria, tagliate di manzo servite con vari condimenti, secondi piatti che richiamano la tradizionale cucina mediterranea fino alle carni bianche alla griglia e non; inoltre ricchi antipasti, primi piatti per tutti i palati, il tutto accompagnato dall’ampia selezione di vini alla carta. E per chiudere chiedete sempre un dolce... rigorosamente fatto in casa!

I colori caldi e un design raffinato fanno di “El Matambre” un locale unico per riscoprire i piaceri della carne e non solo... “El Matambre” è una piacevolissima sorpresa per i sensi da scoprire all’interno del Parco dello Stardust Village. Si parte con una coppa propiziatoria di sangria, per poi passare agli sfiziosi antipasti e ai primi piatti rigorosamente fatti in casa. Di primissima scelta la carne, cotta alla brace a vista. Per finire, l’assortimento di dolci della casa e il “bacio di mezzanotte”. Sorprendente anche la selezione di vini. INDIRIZZO Via del Pianeta Urano, 60 TELEFONO 06.52207540 SITO INTERNET www.elmatambre.it PREZZO MEDIO 25/30 € PRENOTAZIONE Gradita RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Visa - Mastercard SPAZIO ESTERNO Si GIARDINO Si SALA FUMATORI Patio APERTO Cena (19:30-24:00),

INDIRIZZO Via Macchia Palocco, 186 TELEFONO 06.5213845 SITO INTERNET www.mrbeef.it PREZZO MEDIO 20/30 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO Si NUMERO POSTI 60 APERTO Cena tutte le sere

Pranzo solo sabato e domenica

Domenica anche a pranzo (12:30-15:00)

3

ZONA

EUR TORRINO

17

ZONA

MACCHIA PALOCCO

159


VG

visioni grafiche


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

Servizio animazione per bambini gratuito

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

2

161


oroscopo di luglio

PAOLA PEREGO (17/4/1966)

TONY BLAIR (6/5/1953)

ALANIS MORISSETTE (1/6/1974)

TOM CRUISE (3/7/1962)

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

A luglio le temperature salgono e voi sarete proprio bollenti. Il vostro sentirvi cacciatori, il vostro spirito di iniziativa, la vostra voglia di vivere vi portano a vivere con brio la ricerca del partner. Godetevi, nell’ultima parte del mese, l’inizio del meritato riposo dopo un anno pieno di lavoro.

A luglio cercano tutti di rilassarsi, adagiandosi sugli allori e attendendo al fine degli impegni. Vista la vostra dedizione, non illudetevi e dimostrate che la vostra guardia è sempre ben alta. Lo scopo è quello di scoraggiare tutti quegli individui che vi avvicinano solo per sfruttare le vostre capacità.

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

Pur essendo arrivata l’estate, forse siete stati presi dal lavoro a tal punto da esservi dimenticati di pianificare la vacanza giusta per i prossimi mesi di sole. È il caso di non preoccuparsi: le stelle dicono che sono in vista sorprese e proposte da parte di persone a cui avete fatto del bene.

Non date retta alle troppe offerte stracciate sulle vacanze. State attenti a quelle persone che vi avvicinano per proporvi pacchetti vacanza talmente convenienti da essere sospetti. Pensate a rilassarvi ma fatelo nella certezza di aver scelto la meta giusta e a prezzi ragionevoli.

162

MEG RYAN (19/11/1961)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Siete un po’ nervosi e anche le persone che vi sono attorno se ne sono accorte. A vostra discolpa possiamo dire che il lavoro e la crisi non vi aiutano a stare sereni. Pensate dunque all’amore che, per ora, rimane il vostro punto fermo. Dedicatevi al partner con dolcezza e generosità.

È il mese della riscossa rispetto a tutte le persone che hanno detto su di voi cattiverie in passato. A partire da luglio potrete girare a testa altissima perché godrete del lavoro che avete fatto nel guadagnarvi il rispetto della gente che vi ha sempre e solo invidiato. Ora, però, rilassatevi.

ED HARRIS (28/11/1950)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Il mese precedente non è stato granché, e le nuvole grigie sopra il vostro cielo hanno rappresentato il vostro stato d’animo. Con luglio tutto cambia radicalmente, in particolare il vostro punto di vista su famiglia, lavoro e amore. Serenità e relax diventeranno parte del vivere quotidiano.

Siete degli eterni sognatori e lo sapete benissimo. È venuto però il momento di passare dalla teoria alla pratica, di edificare nella realtà ciò che avete in testa da tempo. Ricordatevi di non scoraggiarvi: nulla è impossibile, basta solo avere la giusta determinazione. ALESSANDRA MUSSOLINI (30/12/1962)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Tutta l’estate e in particolare a luglio raccoglierete i frutti per la vostra determinazione nell’affrontare i problemi. Rispetto alle questioni delicate dimostrerete ancora di essere forti e preparati. Ne beneficerete voi e soprattutto le persone care che vi sono intorno.

A luglio vivrete quell’aria primaverile che forse quest’anno non avete ancora sentito arrivare. Sarà un mese di rinascita generale che comprenderà diversi aspetti: famiglia, amore e lavoro. Attenti però a non farvi coinvolgere in situazioni che potrebbero riportare l’inverno nel vostro cuore.

WHITNEY HOUSTON (9/8/1963)

RONALDO (22/9/1976)

RENATO ZERO (30/9/1950)

VALENTINO ROSSI (16/2/1979)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Tutti coloro che vi sono intorno sanno che affrontate il lavoro con una passione che sa coinvolgere anche loro. Luglio è il mese in cui raccoglierete i frutti: molte persone infatti ringrazieranno con sorprese, stile, riconoscenza il vostro buon lavoro. Godetevi l’estate!

Siete persone trasparenti e sincere, doti che spiegano i successi che avete avuto durante i mesi passati. Ciò ha permesso a voi e alle persone a cui volete bene di affrontare al meglio questo difficile anno lavorativo. Ora dovete assumere una posizione un po’ più passiva: aspettate che gli altri vi diano qualcosa in cambio.

EVA LONGORIA (15/3/1975)


13 Magazine Giugno 2009  

13 Magazine Giugno 2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you