Page 1

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 9 路 n. 81 - 2010 路 www.13magazine.it


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) GS (Ostia - Staz. Lido C.) GS (Acilia - Via C. Beschi)

GS (Dragona-V. Criminali) GS (Dragoncello Via O. Fattiboni) GS (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) GS (Fiumicino Via Angonio Angeloni) GS (Infernetto Viale Castel Porziano) GS (Infernetto Via Antonio Angeloni) GS (Infernetto - Via Boezi) GS IPERMERCATO (Torrino - V. Fosso Torrino) GS IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Acilia-V. di Saponara) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna)

TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Mandara Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico

Birreria Spaten Body Vip Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Extima Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Miss Pizza Ristorante El Matambre Selvaggio Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Teatro Torrino Torrino Sporting Center Vasian ACILIA - MADONNETTA Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro

SERVIZIO DI PORTA A PORTA PRESSO Axa - Casalpalocco - Infernetto - Villaggio Alitalia (Acilia)

Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante La Romanina Ristorante Mr. Beef Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi VITINIA - CALTAGIRONE Bar Caltagirone Edilmarmi La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante Frivolezze Ristorante La Carbonella Ristorante La Locanda Ristorante West Coast Tabaccheria Pirfo La Trattoria Moderna SPINACETO Rist. Pizzeria da Natalino Rosso Peperoncino CASAL BRUNORI Miss Pizza OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido

Car Service Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Ristorante Nemo Ristorante Zenit Snai Vancleef OSTIA PONENTE AGL Clima Bar Alexander

5


VG

visioni grafiche


Bar Amigos Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino

Gioielleria Sospiri d’oro Jack’s ristorante Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Tabacchi Fumi e Profumi CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo

Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo St. Odont. Podda & Sorci AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Pizza Eschilo Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Ristorante T-Bone Station Tru Trussardi Twinky INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà

I nostri partners Pag. 96

Abitare Oggi

66

Lambretta Store

58

Acacia e Tre T.

60

Lazioterm

16

Aceis

44

Legno + Ingegno

39

Angel’s hair

20

Maison Douce

38

Aries gruppo immobiliare

10

Marinauto

77

Ariò

108

MC Surgery

70

Arte di Chiara

28

Mobili al centimetro

46

Arte Serramenti

32

Oasi Arredo con Stile

82

A.S.T. Impianti

06

Officina Estetica

57

Axa Bike

36

Officine Interni

40

Babel

22

Oggetti Smarriti

26

Bali England

42

Ottica Baroni

54

Biclim

63

Body V.i.p.

76

Calandrelli Group

112

Pets Shop

105 18

Paola Sgrò estetica e make-up Patio antico (Il)

Camillo Immobiliare

02

Podda & Sorci Studio Odont.

58

Cannavale Immobiliare

14

Priolo

65

Casa del Fungo (La)

112

Prontotel

34

Centro Estetico Fisiorelax

114

Punto Caffè... e non solo

50

Climart

72

Punto Professionisti

79

Colf di Toni (Le)

88

Regie Auto e Car Service

95

Compro Oro

56

Romus Re

08

Conauto

116

Sapore DiVino

98

C.R.S. Centro Ricerca Studi

86

Sarte Allegre (Le)

35

Della Rocca pelletteria

01-20

Scent Profumeria

30

Dettagli

35

Seasons junior outlet

86

Donne Più

24

Seasons prêt à porter

70-92

106

Dott.ssa Galvani e Dott. Leacche

113

Dott. Stefano Giammetti

62

Sisley Young e Clothes

102

Eleonora Bassi Osteopata D.O.

85

Smile Body

48

Eschilo 1 Polisportiva

92

Spy Shop

52

Extima Consulting Group

27

Stock Chic

Farfalle abbigliamento

53

Studi in Corso

34 107

106

Shen Center

Fisioter

100

Studio Odont. Assoc. Puzzilli

Flessi Porta

109

Studio Odont. Angelo Caputo

30

F.lli Magistri

72

Tartaruga (La)

18

Francesca O.

78

Teatro del Torrino

66

Frimm Immobiliare

68

Gamma Auto

12

Twinky Home

94

Golden Dragon Gym

74

Vasian

53

GPA Solutions

65

Vele (Le) Associazione

04

Granai (I) Centro Commerciale

80

Vivai Esotica

103

Jessica Melluso

90

Vivai Primaverde

104

Kiflow 117

GUIDA AI RISTORANTI

68

62

K’s Cosmetics

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

132

Thun

7


VG

visioni grafiche


sommario 17

59

ANNO 9 - NUM. 81 Speciale

Cinema

17

Matrimonio in ritirata

19

Questo matrimonio non s’ha

75 I film del mese

da fare?

Teatro

23 Il mio grosso grasso matrimonio italiano

79 Teatro India: da Medea a

25 Mi sposo o non mi sposo? Strindberg

Le tendenze in Italia e

71

in Europa

Rubriche

37

Politica interna 31

Quanto mi costi, “cara”

13

Editoriale

73 Condominio e consumatori

politica?

73 Architettura

Esteri

47

83 DVD del mese

37 Lula vs Obama 43 Incontro Peres-Abu Mazen

75

83 Videogames 84 Spettacolando

L’intervista 47 Giusva e Valerio 64 Myriam Catania: viso angelico

51

e personalità da vendere

Costume e società

64

51

87 Moda e tendenze

89

89 Questione di cilindri 91

La libreria di Primaverde

93 Viaggi

Olimpiadi 2020: Roma ci

97 Arredamento

prova

103 Salute e benessere

55 Un mondo di giornalisti 59 Vinitaly d’annata

107 Scienze 113 Veterinaria

67

Cose dell’altro mondo

115 Budget e ricette

93

Spettacoli 71

67

Aprile in musica

117 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

117 11


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE anno 9 - n.81 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà anna@visioni-grafiche.it

Dott. Paolo Fiore paolo@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Hanno collaborato Lara Nicosia - Andrea Giovanni Sorge Michela Flammini - Sara Mondaini Rossella Smiraglia - Simona Bottoni Eleonora Isgrò - Leandro Abeille Simone Felicetti - Chiara Rovan Anna Claudia Bianchi Sara Mondaini - Leonardo Caviola Emanuela Andreocci - Luca Salustri Valentina Mancini - Barbara Zorzoli Riccardo Colella - Penelope Salomone Gaetano Gaggiottino Dott. Stefano Giammetti Dott. Angelo Caputo - Paola Sgrò Lucia Bianco - Jessica Melluso Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Antonio Balsamà - Lorenzo Palmieri Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita.

editoriale

“È stato detto che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte quelle altre forme che si sono sperimentate finora.” Winston Churchill on si mente mai tanto come prima delle elezioni, durante la guerra e dopo a caccia”: è un vecchio aforisma del Cancelliere Otto von Bismarck, maestro insuperato della Realpolitik e artefice dell’unità tedesca. A circa duecento anni dalla nascita, viene allora da chiedersi cosa avrebbe detto l’anziano e consumato diplomatico di fronte allo spettacolo dell’ultima campagna elettorale italiana. Fatta la tara dell’impietoso confronto tra la dimensione imperiale e storica di Bismarck e l’entità locale e cronachistica delle ultime elezioni, probabilmente non gli sarebbe sfuggita la più grande novità: il superamento della bugia, del confine tra il ragionevolmente falso e l’impossibilmente reale. Una bugia ha senso se a determinate condizioni può anche essere una verità. Viceversa non è bugia: è arte, è frode, è sogno. Purtroppo in Italia si vive da tempo in questo clima di assuefazione all’assurdo. Complice la tv, la cortese vuotezza con dei mezzi busti, la continua ricerca della frase o del ragionamento breve e ad effetto, la cinica confezione mediatica dei bassi istinti ad uso dei grandi ascolti, si è persa completamente la cognizione della complessità della realtà. Promettere la sconfitta del cancro in tre anni, il repentino trasferimento a Viterbo del secondo aeroporto di Roma o la costruzione in qualche anno di un’autostrada dal raccordo anulare a Latina, coincide Più con il vaneggiare che con la propaganda. Eppure chi dice certe cose pensa che abbiano un effetto positivo, al massimo nessun effetto. Nella politica, come in moltissimi altri ambiti, esiste un’intera generazione che si è abituata ad identificare la propria occupazione con la comunicazione. A dire il vero, nel breve periodo c’è anche una certa logica a pensarla così. In una società nella quale la produttività del lavoro si è impennata a livelli impensabili solo

“N

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

trent’anni fa, bastano pochissime persone competenti a tenere in piedi la baracca. Gli altri, coloro che devono inventarsi un ruolo, vanno benissimo nella parte degli attori. Ovviamente, non è tutto così semplice. Fatto da parte il circo burlesque che questo stato di cose produce - il continuo accavallarsi di personaggi deformi, onirici, irreali, degni della compassione piuttosto che dell’attenzione - la marginalizzazione culturale, politica, economica e sociale del corpo vivo del Paese coincide con il segare il ramo su cui quest’ultimo si poggia. C’è un’intera classe dirigente (e chiamarla così è un insulto al termine) che sta esponendosi a quello che è accaduto appena vent’anni fa, quando il senso della politica era confuso con gli equilibri tra correnti, con la ricerca delle clientele, con le alleanze di palazzo, con la conquista delle poltrone nelle società partecipate o detenute dallo stato. Considerata la nostra struttura del welfare, le nostre tendenze demografiche, i nostri squilibri economico-territoriali, il nostro provincialismo, verrà il giorno in cui la società italiana chiederà alla politica risposte improrogabili. Tornando a Bismarck, quel giorno capiranno tutti repentinamente che le guerre si perdono a forza di cannonate in testa. Non basterà un rimediato colpo di teatro, un discorsetto in parlamento, per dire che erano tutti complici. Speriamo almeno di evitarci il successivo vittimismo.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


speciale

di Lara Nicosia

Matrimonio in ritirata L’ Italia era uno dei Paesi occidentali con un’elevata propensione al matrimonio. Negli ultimi quarant’anni l’andamento della nuzialità ha però subito una decisa inversione di tendenza: dai 419.000 del 1972, il numero dei matrimoni è infatti passato ai 250.000 nel 2005. Diversamente, le coppie conviventi oggi sono sempre più in aumento: se ne calcolano 510.000 ogni anno. Tra di esse, sono sempre più numerose quelle che scelgono di formare una famiglia al di fuori del vincolo matrimoniale. Gli esperti calcolano che nel 2015 il numero delle convivenze supererà quello dei matrimoni, come già oggi avviene nelle grandi città del nord Italia, dove sette coppie su dieci si sposano dopo aver vissuto insieme. Recenti studi dimostrano poi che il 70% delle coppie che convivono avranno un matrimonio più saldo. Tra le cause della convivenza ci sono l’età (persone di mezza età che non vogliono perdere vantaggi pensionistici), i motivi fiscali e patrimoniali, l’incidenza delle coppie omosessuali e, infine, la presenza di coppie formate da persone già sposate e non ancora divorziate. Attualmente, gli sposi alle prime nozze hanno un’età media di 32 anni e le spose di 30, quattro anni in più dell’età che avevano in media i rispettivi genitori al primo matrimonio. Questi quattro anni di posticipazione sono dovuti, in molti casi, al completamento degli studi o alla ricerca di un lavoro, oppure al desiderio di trascorrere un periodo godendo di tutti i vantaggi economici, organizzativi e talvolta anche emotivi di una lunga

Alla grande promessa si preferisce sempre più il rinnovo quotidiano di un patto che permanenza nella famiglia di origine. sta nei fatti Dallo scorso decennio, la tendenza a rinviare le prime nozze si è ulteriormente accentuata (il 32,4% di matrimoni in meno solo negli ultimi trent’anni) e, inoltre, il fenomeno presenta delle importanti differenze territoriali. Ci si sposa più al Sud e nelle Isole, dove ci sono 4,9 e 4,6 matrimoni l’anno per 1.000 abitanti, che al Nord, dove tale grandezza è fissa a quota 3,8. Ciò che comunque è incontrovertibile è che in Italia l’età media per arrivare al fatidico sì si è allungata in maniera supe-

riore a qualsiasi altro paese europeo, e così anche quella della nascita del primo figlio, ormai collocata abbondantemente sopra i trent’anni. Lo slittamento è tanto più vero quando si tratta degli uomini, quelli che sono nati nella prima metà degli anni ‘60, diventati papà dopo i 33 anni, con un aumento di ben tre anni e mezzo rispetto alla generazione degli anni ‘50 (dato che continuerà a salire). L’ultimo esposto è uno dei tanti dati in lievitazione che caratterizzano il nostro paese: aumentano gli anni di fidanzamento prima del matrimonio, aumenta l’età in cui si va a vivere fuori casa (circa il 30% in più rispetto agli altri paesi

17


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


di Andrea Giovanni Sorge

europei) e quella in cui si diventa indipendenti finanziariamente. Allo stesso tempo, ci sono altri dati che scendono: diminuiscono i chilometri di distanza tra il nuovo nucleo e la casa di appartenenza, almeno a quella di uno dei due coniugi, di solito della donna, ed è sempre bassissimo, com’è noto, l’indice di natalità. Quest’altalena ci restituisce una fotografia della vita e delle abitudini delle giovani coppie italiane e delle scelte e delle prospettive dei giovani nel nostro paese.

Il cocktail di aspirazione al benessere economico e all’affermazione professionale, unito alla mancanza o alla carenza di ammortizzatori sociali adeguati alle esigenze reali, soprattutto per le donne, con l’aggravante della crisi economica e dello squilibrio tra stipendi e costo della vita, contribuiscono senz’altro a rendere la situazione quella che è. Ma non è solo questo; alla base di tutto c’è forse la paura o l’incapacità di vedere adattate le vecchie istituzioni alle esigenze della vita moderna. C’è dunque un’ultima domanda da farsi: di questi

speciale

matrimoni, quanti durano e quanto? Gli ultimi dati aggiornati a disposizione (quelli del Ministero della Giustizia, relativi al primo semestre 2009) non lasciano molto spazio al romanticismo: un matrimonio su tre naufraga, quasi 300 coppie sposate ogni 1.000 chiedono la separazione, soprattutto consensuale. Il record di separazioni si conta in Piemonte, mentre alla Basilicata spetta il primato della fedeltà coniugale. Una ricerca Eures del 2006 ha attestato che in Italia divorzia una coppia ogni quattro minuti.

Questo matrimonio non s’ha da fare? Quando l’amore non c’è, quando c’è ma non basta. Luci ed ombre sui matrimoni misti in Italia

1967

Le certezze borghesi, conservatrici e “wasp” di Spencer Tracy e Katherine Hepburn crollano quando la figlia porta a casa il fidanzato, un medico di colore. Ma due testardi innamorati vinceranno pregiudizi e stereotipi e alla fine l’amore trionferà. 1990. Andie McDowell è una donna single, sulla carta ha bisogno di un consorte per acquistare un appartamento. Anche Gerard Depardieu necessita con urgenza di una moglie, per ottenere il visto di soggiorno. Si sposano, la fanno franca con quelli dell’ufficio immigrazio-

19


speciale

ne, s’innamorano addirittura. E vissero tutti felici e contenti. A Hollywood, certo. I film sono l’epocale Indovina chi viene a cena? e il delizioso Green Card. La realtà, però, può essere molto diversa e può anche succedere, con questo tipo di matrimoni, che l’amore c’entri poco o nulla. La cittadinanza, godere dei diritti civili e politici come un italiano a tutti gli effetti, questo, spesso, il movente di molti matrimoni misti. Una pratica così diffusa che diversi comuni italiani, fra cui Novara, hanno bloccato più di una pratica considerata “sospetta”. Certo i numeri parlano chiaro: dal 1998 al 2008 in Italia si è assistito ad un incremento dei matrimoni misti davvero consistente, dal 3% al 10%. Il nostro è un paese sempre più multietnico, con i suoi 3.432.651 di cittadini stranieri, di cui 1.684.906 le famiglie con almeno un componente non italiano (circa 6,9%). Di conseguenza, è aumentato del 2% anche il numero dei bambini nati da relazioni fra italiani e stranieri. La frequenza dei matrimoni misti è proporzionale all’incidenza della presenza straniera nel nostro paese, pertanto

sono più diffusi al Nord che al Sud e nelle Isole, zone in cui il fenomeno assume ancora delle proporzioni contenute. Nelle coppie miste, la composizione più frequente è quella in cui lo sposo è italiano e la sposa è straniera (il 58,1%). Il caso contrario, quello relativo alle donne italiane che scelgono un partner straniero, si attesta dunque al 41,9% della casistica. Questo tipo di nozze, che rappresenta ormai il 10,5% del totale, mostra inoltre una diversa propensione da parte delle donne e degli uomini nella scelta dei rispettivi compagni. Gli uomini italiani che sposano una cittadina straniera scelgono nel 49% dei casi donne dell’Europa centro-orientale e nel 21% donne dell’America centro-meridionale. Le donne italiane che sposano un cittadino straniero, invece, mostrano una preferenza per gli uomini di origine nordafricana (23% dei matrimoni), per lo più provenienti dal Marocco o dalla Tunisia, o per i cittadini dell’Europa centroorientale (22% dei casi), soprattutto albanesi e rumeni. Tra queste, sono tantissime le testimonianze di coppie che ce la fanno, dando

vita a nuclei affettivi solidi e duraturi. Ma non sono tutte rose e fiori. L’Istat conferma si l’aumento dei matrimoni misti al ritmo di 6.000 l’anno. Gli studi fatti osservano però che 4.800 di questi sono destinati al fallimento. I motivi sono molteplici: in pole position le differenze religiose e culturali, soprattutto laddove si insinuino i dettami dei fondamentalismi o il migrante si trova in situazione di lontananza dal proprio nucleo familiare (la sensazione di sradicamento può facilitare l’avvio verso la separazione). “I matrimoni misti sono delle grandi potenzialità - sostiene Mara Tognetti, docente di Politiche migratorie all’Università Bicocca di Milano - ma sono visti come particolari e diversi dalla Chiesa, dai vicini, dai parenti. E così loro tendono ad auto isolarsi o ad essere isolati”. E poi di seguito problemi di integrazione, situazioni di razzismo, gestione dei soldi e, naturalmente, l’educazione dei figli. Che purtroppo, nei giochi di potere - e di cuore - degli adulti rischiano di diventare moneta di scambio.

21


VG

visioni grafiche


di Michela Flammini

speciale

Il mio grosso grasso matrimonio italiano…

N

LA TORTA NUZIALE PIU' COSTOSA DEL MONDO

L'ABITO DA SPOSA PIU' COSTOSO DEL MONDO

onostante la crisi che ancora pervade un po’ tutti i settori economici del nostro Paese, la tendenza degli italiani è quella di rinunciare a tutto, tranne che ad un affollatissimo, lussuosissimo e costosissimo matrimonio. Secondo quanto calcolato da Federconsumatori nel 2009 sembra che il costo medio di una celebrazione con 100 inviati sia stato di 50.840 euro. La ricerca ha inoltre evidenziato come rispetto agli scorsi anni siano diminuiti i costi per le riprese video e per le fotografie e siano invece nettamente aumentati quelli per gli addobbi floreali e per il ristorante. Ma quanto costa effettivamente un matrimonio? Le spese più consistenti riguardano indubbiamente il pranzo nuziale, che ha un costo medio di 90/100 euro a persona e il vestito della sposa, che può andare dai 500 euro di un abito corto (più adatto al rito civile), fino ad arrivare ai 2 milioni di euro dell’abito da sposa più costoso del mondo, realizzato da Lorenzo Riva per una principessa indonesiana (sopra vi erano cuciti 250 carati di diamanti). Se poi si vuole esagerare, c’è veramente l’imbarazzo della scelta: tra le novità più stravaganti, ad esempio, la possibilità per la sposa di raggiungere la chiesa addirittura in elicottero (1.500 euro), oppure scegliere,

sempre per un’entrata d’effetto, la classica carrozza stile Cenerentola (circa 800 euro). Preziosa oltre che appetitosa, è invece la torta nuziale più costosa del mondo, realizzata dalla pasticceria “Delicious Cakes” in collaborazione con la “Dallas Gold & Silver Exchange”: circa 1,3 milioni di dollari dovuti non tanto alla panna e al pan di spagna, quanto ad una cascata di zaffiri e ai 1.200 carati di diamanti. Non bisogna quindi stupirsi se i perso-

David Gest, con un matrimonio da 3,5 milioni di dollari celebrato nel 2002 a New York (per inciso va detto che una celebrazione così costosa è finita con un divorzio l’anno successivo).

LIZA MINNELLI E DAVID GEST

Spose alle stelle e stravaganze da riccone: il giorno del sì è soprattutto un grande business naggi famosi arrivano a spendere cifre altissime per le proprie nozze: se Francesco Totti e Ilary Blasi nel 2005 hanno speso “solo” 100 mila euro, nel 2008 Briatore-Gregoraci sono arrivati a spendere la modica cifra di 1,5 milioni di euro, anche se il primato del matrimonio più costoso spetta ai vip d’oltreoceano Liza Minnelli e

Se si considerano anche liste di nozze, bomboniere e lune di miele sempre più lunghe, esotiche, ma soprattutto costose, solo in Italia, ogni anno, intorno al “business” del matrimonio, esiste un giro d’affari di oltre un miliardo di euro. E se la tendenza attuale è, per gli sposi, di provvedere personalmente alle spese del matrimonio (tradizionalmente dovrebbero pagare le famiglie), risulta quantomeno fantasiosa l’idea di due fidanzati canadesi che stanno mettendo da parte 400 mila lattine di alluminio per riciclarle e sostenere così le spese del matrimonio: un mezzo stravagante ma sicuramente economico. E pensare che in Italia funzionerebbe solo in Piemonte, unica regione in grado di indennizzare per il riciclo del prezioso materiale.

23


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Sara Mondaini

speciale

Mi sposo o non mi sposo? Le tendenze in Italia e in Europa

atrimonio sì, matrimonio no, famiglia sì, famiglia no. A sentire la scienza il matrimonio sarebbe la cura ideale contro i mali dell’era moderna. Attraverso una ricerca scientifica neozelandese, condotta in 15 paesi diversi, è stato infatti dimostrato che convivere con un partner aiuta a risolvere i problemi legati alla salute mentale, all’umore e al benessere in generale. Lo studio, eseguito su un campione di circa 34.500 persone, ha dunque evidenziato come il matrimonio aiuti a migliorare le condizioni di vita. Ma quando? Tardi, sempre più tardi. La media dell’età varia molto a seconda delle nazioni, ma circa il 19% dei ragazzi europei (statistica aggiornata al 2009) dichiara di convivere con il proprio partner e, tra queste unioni, la maggior parte sono unioni legali. E come vanno le cose? Qual è la sorte di questi matrimoni? Ebbene, i dati non lasciano molto spazio al romanticismo: l’Europa potrebbe

M

Tra Pacs, divorzi e figli in seconde nozze: le mille facce di quelli che oggi in Europa scelgono di dire sì essere ribattezzata l’Unione dei divorzi, per il loro aumento spropositato e la cifra record che hanno raggiunto l’anno scorso. In Spagna, ad esempio, complice l’approvazione nel 2005 della legge fortemente voluta dal governo socialista di Zapatero, si è registrato negli ultimi anni un vero e proprio boom di divorzi, che sarebbero aumentati, a detta di uno studio pubblicato dal quotidiano La Razon, del 140%. In pratica, il numero delle separazioni legali nel paese è passato da 50.974 del 2004 a 121.923 del 2008. Un incremento a dir poco vertiginoso, indubbiamente agevolato dal fatto che divorziare con la nuova legge è diventa-

to molto più semplice e breve: si può arrivare ad un periodo di soli tre mesi. Ma resta da chiedersi: possibile che sia sufficiente solo questo? In Francia è stato recentemente constatato un dato singolare, almeno quanto a speranza: le donne che si separano tendono a fare più figli. Questo è naturalmente dovuto al loro legarsi, dopo la fine del primo matrimonio (circa il 45% delle unioni naufragano), ad un altro uomo in seconde nozze, cosa che, a quanto pare, raddoppia la possibilità di avere un altro parto. Per una persona di 35 anni al secondo matrimonio (con uno o più figli) le probabilità di avere un altro bambino sono 2,5 volte superiori a quelle di una persona nelle stesse condizioni rimasta al primo matrimonio, secondo l’ultimo studio dell’Ined, l’Ente nazionale degli studi demografici. Sarà il desiderio di ricominciare e di consolidare la nuova unione, accompagnato dal fatto che i francesi si sposano giovani, dettaglio che rende possibile tutto questo.

25


VG

visioni grafiche


VG

Attualmente la Francia può fregiarsi del primato di campionessa europea di natalità. Le cose non sono molto diverse per numero di divorzi in Germania, dove ha fatto discutere tempo fa la proposta choc di una aspirante leader di uno dei maggiori partiti cattolici d’Europa, la Csu bavarese, che avrebbe voluto vedere sancita dalla legge la cosiddetta crisi del settimo anno. L’idea è quella di introdurre un matrimonio a scadenza. Sette anni, al termine dei quali, risposarsi o considerare il legame sciolto, senza costi aggiuntivi né avvocati di mezzo. Per quanto bizzarra e facilmente ridicolizzabile, come è stato fatto dalla Bavaria più oltranzista e non solo, la questione del matrimonio a termine ha incuriosito più di quanto non si immaginasse. I matrimoni misti infatti sono un fenomeno in generale aumento. Quelli celebrati in Italia con un coniuge straniero sono stati oltre 34 mila nel 2007, pari al 14% del totale delle nozze. E sono sempre di più i matrimoni misti “combinati”, anche perché il matrimonio è ancora uno dei canali più utilizzati per ottenere la regolarizzazione e il permesso di soggiorno. Infine, in aumento costante le unioni civili, i cosiddetti Pacs, che ad esempio in Francia hanno tanto successo, e relativamente alle quali è consentita anche l’unione tra omosessuali. I Paesi Bassi hanno riconosciuto per primi tale diritto nel 2001, poi è stata la volta del Belgio, della Spagna, della Norvegia e della Svezia, il cui governo è il primo ad aver incluso nella propria legislazione il divieto di rifiutare il matrimonio religioCHRIS BRYANT so per le coppie omosessuali. In Inghilterra il ministro degli esteri Chris Bryant ha confermato il suo matrimonio con il compagno Jared Cranney nientemeno che nella sala da pranzo del parlamento inglese. Sarà infatti il primo parlamentare a beneficiare dei cambiamenti introdotti dal governo per le coppie dello stesso sesso e usufruirà di conseguenza, per la cerimonia con rito civile, dello spazio messo a disposizione per le nozze dei parlamentari. Una nota marca di pasta manda in onda ogni giorno sulle nostre reti una pubblicità il cui slogan recita: “La famiglia è la nostra linea di partenza. Quando sei lì in mezzo capisci che per sentirti davvero libero bisogna avere radici”. Fin qui possiamo essere d’accordo; ma di quale famiglia si tratta?

visioni grafiche

speciale

27


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


politica interna di Rossella Smiraglia

Ma quanto mi costi, “cara” politica? LA GALLINA DALLE UOVA D’ORO Ad ogni consultazione elettorale tornano gli interrogativi su quali siano i costi effettivi della politica, cioè in che termini i cittadini, attraverso il sistema di rimborso ai partiti, pagano le campagne elettorali. Ad oggi, nonostante un referendum popolare abbia decretato la fine dei finanziamenti pubblici ai partiti, il sistema dei rimborsi è nella sostanza un finanziamento pubblico. Regolato da una legge del 3 giugno 1999, tale sistema prevede per ogni partito un rimborso pari a cinque euro per ogni voto ricevuto per cinque anni, ovvero per tutta la durata della legislatura, anche in caso di scioglimento anticipato delle Camere e dei consigli Regionali. Nelle ultime elezioni Politiche (2008), il Popolo delle Libertà ha ottenuto un rimborso di 206 milioni di euro, per una spesa di 53 milioni. Il Partito Democratico ne ha spesi 18 e gliene sono stati rimborsati 180; la Lega 3 milioni e ne ha ottenuti 41. Come ha reso noto nella sua relazione annuale la Corte dei Conti, l’ultima consultazione elettorale per 110 milioni di euro spesi dai partiti complessivamente, ne sono stati rimborsati 503. La legge sui rimborsi prevede che ne abbiano diritto anche quei partiti che raggiungono l’1% (e che quindi sono fuori del Parlamento) ma, cosa ancor meno equa, la legge 5122 stabilisce che nell’eventualità della caduta del governo i rimborsi elettorali siano dovuti comunque per tutti gli anni della legislatura.

Nessuna azienda pubblica o privata ha un tale ritorno economico. Raggiungere l’1% dei voti è come avere tra le mani una gallina dalle uova d’oro. Sarà anche questo il motivo per il quale in Italia i partiti politici, nonostante il bipolarismo, si moltiplicano? COSA DICONO GLI INTERESSATI: MICCOLI, AZUNI E BERSANI Secondo il coordinatore del Partito Democratico di Roma, Marco Miccoli, i costi delle campagne elettorali sono aumentati negli ultimi anni per due motivi principali: perché il confronto si sposta sempre di più dalle piazze, dalle strade, dal rapporto porta a porta, al piano mediatico (da qui l’esigenza di stampare molti manifesti, e pagare molti passaggi televisivi e radiofonici); e perché c’è la questione della preferenza unica, che in una competizione come quella regionale comporta un budget molto alto per i singoli candidati. La stima di Miccoli per i candidati di centro-destra arriva fino a 100.000 euro a candidato: costi finanziati per lo più da cene elettorali e da rapporti che ogni singolo candidato ha con il mondo dell’economia. Stando a quanto dichiara lo stesso Miccoli, per il PD i finanziamenti sarebbero il frutto di un lavoro di coinvolgimento più ampio: la raccolta di quote piccole, come quelle

dei singoli elettori o dei commercianti e quote più consistenti, come quelle delle imprese. “C’è da notare - continua Miccoli - che in queste consultazioni regionali, la Federazione romana del PD ha avuto un finanziamento molto ridotto da parte del Partito centrale: una quota che non supera i 10.000 euro per candidato e che per il partito di Roma non arriva a 100.000 euro”. Rispetto alle elezioni europee non c’è dunque un aumento consistente dei costi, mentre rispetto alle politiche l’aumento è considerevole, proprio in ragione della preferenza unica (nell’altro caso bastava fare una campagna centrale per la lista unica). “Bisogna fare una riflessione, rispetto a queste cifre, sul fatto che non è vero che la

Tramontata la stagione di tangentopoli i costi della politica hanno ricominciato progressivamente a correre. È necessario fissare una meta

preferenza unica è più democratica, perché non è vero che gli elettori si scelgono i candidati, perché se non c’è un budget abbastanza consistente non è possibile candidarsi”. Di diverso avviso è la Consigliera comunale Maria Gemma Azuni, candidata al consiglio regionale per Sinistra e Libertà, che ha basato la sua campagna

31


politica interna

mento dei partiti e gli stipendi dei parlamentari, fare una media, attestarci su quella e non parlarne più”.

MARIA GEMMA AZUNI

elettorale sul contatto diretto con le persone, rinunciando ai costosi cartelloni con foto e ai passaggi televisivi e radiofonici. I costi della sua campagna elettorale si aggirano intorno ai 25.000 euro, e sono estremamente più elevati della campagna elettorale con la quale è stata eletta, “a dispetto di qualunque previsione”, consigliera comunale (circa 5.000 euro complessivi). La raccolta di fondi è stata fatta attraverso una sola cena elettorale con 200 persone e con un contributo di 50 euro a persona. Inoltre, non essendo in Parlamento, il partito non riceve rimborsi elettorali. Il resto dei costi è stato coperto da donazioni volontarie di aderenti al partito e naturalmente da contributi personali della Azuni. Sulla questione dei rimborsi abbiamo sentito il segretario del Partito Democratico, Pier Luigi Bersani, il quale ci ha dichiarato che “Occorre una Maastricht dei costi della politica, prendere quattro o cinque paesi europei paragonabili ai nostri, fare la media dei costi che riguarda la campagna elettorale, il finanzia-

IL CONFRONTO CON GLI STATI UNITI E L’EUROPA La questione dei finanziamenti ai partiti è un tema affrontato in modo diverso in molte democrazie. Un caso limite è quello americano, in cui le aziende che finanziano i partiti sono le stesse che poi ricevono i benefici delle leggi. Nei giorni scorsi è stata abrogata la legge che imponeva limiti al finanziamento alle campagne elettorali da parte delle lobby, decisione che secondo una parte della magistratura rappresenta “una minaccia all’integrità delle istituzioni elettive”. In relazione a tale questione, il Presidente Obama e il mondo Liberal sono molto preoccupati dal possibile rafforzamento dei repubblicani. In Europa gli Stati membri hanno regole diverse. La Francia, ad esempio, al fine di moralizzare la politica, ha emanato la legge n. 90-55 del 15 gennaio 1990, che regola il finanziamento pubblico ai partiti con uno stanziamento previsto nel

disegno di legge finanziaria e fissa dei limiti al finanziamento da parte dei privati. È proibito ricevere donazioni da parte di persone giuridiche di diritto pubblico, di persone giuridiche di diritto privato il cui capitale appartenga maggioritariamente ad una persona di diritto pubblico, dalle case da gioco, dalle persone giuridiche di diritto straniero o da uno Stato straniero. I partiti ed i gruppi politici hanno l’obbligo di tenere una contabilità; i loro conti annuali vengono certificati da due revisori dei conti e presentati alla commissione nazionale dei conti della campagna elettorale e dei finanziamenti politici, che si incarica della loro pubblicazione sommaria sulla Gazzetta ufficiale. Il Regno Unito regola il finanziamento ai partiti in modo molto diverso. Esistono, dal 1975, finanziamenti solo per i partiti all’opposizione, per compensare i vantaggi del partito al potere. Tali fondi sono elargiti in forma molto limitata e vengono assegnati solo su richiesta del capo del partito alla Camera dei comuni fornendo la prova delle spese sostenute per le sole attività parlamentari.

PIER LUIGI BERSANI

33


VG

visioni grafiche


di Simona Bottoni

ra Brasile e Stati Uniti sta per scoppiare una guerra commerciale. Ad annunciarlo era, lo scorso anno, il quotidiano britannico Financial Times. Dopo il fallimento dei negoziati di Doha il gigante sudamericano si era rivolto all’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC) per contestare i sussidi statunitensi concessi ai produttori di cotone e i dazi imposti da Washington sulle importazioni dell’etanolo brasiliano. L’obiettivo era di ottenere dall’OMC - per vie giudiziarie - quanto non era stato possibile attraverso i negoziati. Le intenzioni brasiliane erano state espresse dal ministro degli Esteri del governo Lula, Celso Amorim, in un’intervista: “Il tempo sta per scadere - aveva detto Amorim - i nostri rapporti con gli Stati Uniti sono sempre stati buoni, ma gli Usa sono il paese che garantisce i sussidi più alti al mondo, e questo ci danneggia”. A giugno 2009 l’OMC aveva già accolto un reclamo del Brasile sullo scarso impegno degli USA nell’eliminare i sussidi ai suoi produttori di cotone: il Paese sudamericano aveva così avuto il lasciapassare per chiedere l’autorizzazione all’OMC di imporre oltre un miliardo di dollari di sanzioni compensatorie su vari servizi e brevetti di proprietà intellettuale statunitensi. Inizialmente Brasilia aveva deciso di bloccare l’iter, nella speranza che a Ginevra i negoziati del Doha Round arrivassero finalmente ad un accordo. Ma così non accadde e, quindi, Amorim aveva avvertito Washington del fatto che: “Ora saremo costretti a rivedere gli Stati Uniti di fronte alla corte dell’OMC”. Oltre ai sussidi agricoli il Brasile ha conte-

T

LUIZ INACIO LULA

esteri

stato di fronte all’OMC anche i dazi all’importazione di 0,54 dollari al gallone (pari a 3,79 litri) imposti dagli Usa sull’etanolo verde-oro. Le tariffe imposte da Washington sulle importazioni di etanolo sono “discriminatorie”, aveva denunciato Amorim, rivelando al Financial Times che il suo paese stava preparando un’azione congiunta con il Canada contro i sussidi degli Stati Uniti. Nonostante le dichiarazioni ufficiali, la Casa Bianca non ha mai eliminato i dazi sull’etanolo ed i sussidi per i coltivatori del cotone, anche perché l’America è il maggiore esportatore mondiale di cotone, con il Texas e Georgia che ne sono i maggiori produttori. Il gigante sudamericano ha deciso, perciò, di applicare sanzioni commerciali contro un ampio ventaglio di prodotti made in Usa: ovviamente il cotone (+100%), ma anche le auto (dal +35 al +50%), gli orologi, la frutta fresca, la gomma da masticare, il latte in polvere (+20%) e gli occhiali da sole. Il tutto col placet dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, che ha stabilito il pieno diritto di Brasilia di applicare sanzioni commerciali contro gli Stati Uniti, rei di assistere indebitamente la propria industria e la propria agricoltura. La contromisura da parte del Brasile di imporre milioni di dollari in multe annuali come risposta ad anni di sussidi anti-competitivi pagati ai coltivatori statunitensi entrerà in vigore ad aprile; intanto, entrambe le parti affermano che c’è ancora l’opportunità di risolvere la disputa negoziando. “Sono sussidi arcaici”, ha tuonato il governo brasiliano, apostrofando gli aiuti che la Casa Bianca continua a elargire imperter-

Lula vs Obama L’Organizzazione Mondiale del Commercio dà ragione al Brasile: stop ai sussidi che gli USA pagano ai coltivatori di cotone perché sono anticompetitivi BARACK OBAMA

37


esteri

rita a chi coltiva la terra. Un giudizio condiviso anche da tutti i produttori di cotone dell’Africa occidentale, che lamentano da tempo immemore un forte calo delle vendite sul mercato internazionale. “È chiaro che il Brasile si sta muovendo sul tema del cotone prevalentemente per dare voce proprio a questi paesi africani - spiega Alfredo Somoza, storico argentino - è da tempo che Lula sta tentando, così come fa la Cina, di rappresentare le esigenze dell’Africa nei consessi internazionali. Il tema del cotone, infatti, in Brasile è piuttosto marginale, mentre è fondamentale per paesi come il Senegal e il Mali, che hanno un Pil inferiore all’ammontare dei sussidi che la Casa Bianca elargisce ai coltivatori del cotone. Una cosa di una gravità inaudita e che va contro ogni regola concorrenziale del mercato internazionale. I paesi africani denunciano questa violazione da almeno dieci anni, nel silenzio e nell’indifferenza del mondo. Finora. Perché la voce grossa del Brasile ha finalmente tutto un altro peso”. “La OMC - continua Somoza - ha più volte emesso sentenze a favore di paesi vittime dei più grandi violatori degli accordi internazionali, che sono UE ed Usa. Ci sono sempre state buone possibilità per questi paesi succubi di poter aver ragione. Il problema si presentava, però, nel trasformare tali sentenze in sanzioni. L’Omc non è un ente delle Nazioni Unite, è un ente trasversale e le sue sentenze cadono spesso nel vuoto. Il Brasile, invece, sembra che non intenda mollare e, appellandosi al diritto di reciprocità calpestato da Washington per anni, agisce e continuerà ad agire con vigore”. Al di là della sentenza della OMC più di qualche dubbio sorge sulla possibilità che Obama riesca a smantellare il sistema dei sussidi; quindi la sentenza è un colpo duro alla supremazia statunitense nel commercio mondiale, costretta a pagare dazio. Il Brasile, che deve all’importexport con gli USA solo il 13-15% del proprio commercio estero, teme comunque poco le rappresaglie statunitensi. Ormai è evidente la nascita di un mondo multipolare, in cui non è solo la Cina ad avere la forza economica e politica per andare oltre gli indirizzi statunitensi: anche il Brasile è - oggi - una grande potenza libera di giocare un ruolo chiave nell’economia e nella politica internazionale.

39


di Eleonora Isgrò

esteri

Incontro Peres-Abu Mazen Roma crocevia della pace in Medio Oriente l prossimo 22 aprile Roma ospiterà un importante incontro tra il Presidente di Israele, Shimon Peres, e il Presidente dell’Anp, l’Autorità Nazionale Palestinese, Abu Mazen, che si terrà presso l’Ara Pacis in occasione delle celebrazioni del Natale di Roma. Il Sindaco Alemanno, alla presentazione del vertice, ha dichiarato che egli punta a “lanciare un messaggio per dimostrare che Roma può essere il luogo ideale per parlare di convivenza pacifica, utile alla stabilizzazione e alla crescita del Mediterraneo”. Saranno due i giorni dedicati all’incontro. Per il primo, il 21 aprile, sono previste le iniziative della società civile, con l’insediamento del “Consiglio per la Dignità, il Perdono e la Riconciliazione” e un confronto con le più importanti Ong del mondo. Il secondo sarà invece direttamente dedicato al vertice Peres-Abu Mazen. Anche se sulla carta il meeting sembra essere un’importante tappa nel processo di pacificazione dei rapporti israelo-palestinesi, nella realtà purtroppo la situazione è molto critica.

I

SHIMON PERES

Secondo gli esperti non sembra essere stata una coincidenza l’annuncio da parte israeliana di costruire 1.600 unità immobiliari a Gerusalemme est proprio in occasione della visita del Vice Presidente americano Biden nei territori palestinesi occupati. Gerusalemme est è il nodo, il simbolo, il cuore del conflitto, rivendicata dai palestinesi come capitale del loro futuro Stato. L’annuncio ha creato non poco imbarazzo da parte dell’alleato di ferro di Israele. Esso è stato definito del segretario di stato USA “insulting” e l’ambasciatore israeliano a Washing-

ton, Michael Oren, ha ammesso che le relazioni tra i due paesi non sono mai state così delicate e critiche negli ultimi 35 anni. La visita americana rientra nella serie di tentativi e di sforzi di far nuovamente dialogare, seppure attraverso colloqui indiretti, israeliani e palestinesi dopo un anno di stallo a seguito della guerra nella striscia di Gaza del dicembre 2008 (la tristemente nota “operazione Piombo Fuso”), che causò la morte di 1.320 palestinesi (di cui 904 civili) e 13 israeliani. Lo scopo della ABU MAZEN

guerra era il tentativo di eliminare la struttura portante di Hamas, l’organizzazione politico militare che dal 2007 ha il controllo della Striscia e le cui milizie sono state dichiarate fuori legge da Abu Mazen nel giugno dello stesso anno. Va comunque ricordato che Hamas - boicottata dalla comunità internazionale e da Israele perché nel suo statuto è incluso un articolo che prevede la distruzione dello Stato di Israele - ha vinto regolari elezioni nel gennaio 2006, ottenendo 76 seggi a fronte dei 43 di Al Fatah, l’altra grande organizzazione politica palestinese fondata da Arafat. A seguito dell’occupazione della Striscia, Israele nei mesi successivi dichiara Gaza “entità nemica” e stringe la Striscia sotto un durissimo embargo, che sfocerà poi nel conflitto del 2008. Nella cornice dell’originaria Risoluzione ONU 181 (1947), che prevedeva di risolvere il conflitto tra ebrei e arabi ripartendo il territorio palestinese fra due Stati, era prevista una Gerusalemme sotto controllo internazionale. Dopo oltre sessant’anni di conflitti, trattati di pace, vertici internazionali e, soprattutto, centomila morti, ancora la soluzione della questione sembra essere lontana. L’incontro del 22 aprile potrebbe rischiare di ridursi alla solita formale stretta di mano tra i due leader mediorientali.

43


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche


di Leandro Abeille

l’intervista

Giusva e Valerio renta anni fa era di moda il terrorismo politico e la morte: unica costante di un fenomeno che ha poco a che vedere con l’Islam radicale. Tutti sanno chi è stato Giusva Fioravanti, pochi conoscono Valerio. L’enciclopedia on line Wikipedia inizia la sua descrizione in questo modo: “Giuseppe Valerio Fioravanti detto Giusva (Rovereto, 28 marzo 1958) è un ex terrorista italiano. Dopo una breve carriera di attore diviene un militante neofascista a capo del gruppo terroristico di estrema destra Nuclei Armati Rivoluzionari. Riconosciuto colpevole con sentenze passate in giudicato della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e complessivamente dell’omicidio di 93 persone, dopo ventisei anni di detenzio-

T

sta o similare? Non lo sono mai stato. Ma tutti ti definiscono un neofascista… Se non è un insulto gratuito, fa parte di quelle definizioni che accetto per brevità, mi si può definire in questo modo se da quel momento in poi si inizia un discorso costruttivo. Ho sentito che ti definivi terrorista… Sì Sarò più preciso: sei stato un terrorista? Considero stucchevole la polemica che dura da trent’anni sulle parole. Terrorista è una parola inesatta, che molti usano per metterti in difficoltà già dall’inizio del dialogo, ha un’accezione volutamente negativa, ma è inutile interrompere il dialogo e litigare sulla prima parola detta. Accetto questa definizione e forse fa parte della mia punizione e andiamo avanti col discorso,

tempo può tranquillamente parlare all’Onu, allora ha più senso fare una differenza tra terroristi efficienti e non efficienti. La tua motivazione era politica adesso i terroristi hanno una motivazione religiosa, qual è, secondo te, la motivazione più forte? Il terrorista religioso spesso non ha paura di morire e rispetto a quello politico, che invece questa paura la sente, è un bel passo avanti. Ad ogni modo, il fanatico più è stupido più è efficiente come macchina di morte, più è stupido però, meno è efficiente come macchina politica. Come si combatte il terrorismo fondamentalista? Ho conosciuto dei terroristi del Gia e del Fis in carcere, anche uno di al-Qaeda, e devo

Intervista a Fioravanti: il terrorismo degli anni ‘70, la storia italiana, il senso di una vita vissuta al limite 1982

ne è attualmente un uomo libero, senza più nessun carico giudiziario pendente”. Poche righe iniziali che, facendo il proprio lavoro, definiscono freddamente la persona e le sue azioni. Altra cosa è accostarsi alla complessità di Giuseppe Valerio Fioravanti (detto Giusva). La certezza di verità ideologiche preconfezionate potrebbe portare ad un errore fatale: giudicare senza capire. Avrai fatto milioni di interviste, il tuo telefonino manca poco che fonde, ricevi mille inviti per i posti più disparati… Hai mai sospettato che avere al proprio tavolo Valerio Fioravanti, il nero, il terrorista, faccia “tendenza”? Sì, per questo non vado mai da nessuna parte. Sei mai stato nazista, fascista, neo fasci-

l’accetto perché così si usa, non perché la sento mia. Ancora non si è arrivati ad una definizione di terrorismo in ambito internazionale, hai una tua definizione? No, io sono oggi una persona libera per una Costituzione estremamente garantista, scritta da persone che tre anni prima di scriverla erano considerate terroristi. Il terrorismo cambia con il tempo e con i regimi politici. Abbiamo avuto israeliani che sono stati terroristi, diventati poi primi ministri e poi Nobel per la pace. Stesso discorso vale per palestinesi, irlandesi, protestanti o cattolici. La guerra fa parte dell’essere umano, ci sono momenti in cui si fa e momenti in cui si è in pace, ci sono momenti in cui il terrorista è in minoranza e ci sono momenti in cui è al governo. Se il terrorista è bravo con il

dire che facevano paura; con loro non c’è spazio per il ragionamento, è gente estremamente determinata con un estremo potere di ricatto sui conterranei che temono rappresaglie in patria. Sicuramente questi terroristi si combattono con l’intelligence, con le truppe sparse in missione nei vari punti della terra, ma soprattutto bombardandoli di informazioni. Dobbiamo farci odiare di meno, tutti abbiamo bisogno di un rapporto più disteso. Considerando il percorso della nostra Repubblica, da mani pulite, al crollo dei partiti tradizionali, l’arrivo al potere di figure diverse dai politici degli anni ‘70, insomma considerando il punto in cui siamo nel 2009, tutta la tua lotta ha avuto senso? In chiave non marxista sì, nel senso che una cosa si può fare anche se non funzionerà, anche se non garantisce la presa del pote-

47


l’intervista A SINISTRA IN BASSO GIUSVA CON FRANCESCA MAMBRO

re. La nostra versione della lotta armata era poco più di un’affermazione al diritto alla sopravvivenza, proclamavamo il diritto all’inattualità, ad essere fuori dal coro. Era nelle cose che avremmo perso. La cosa buffa è che hanno vinto dei nostri parziali compagni di strada, che oggi fanno finta di non conoscerci, ma questo succede spesso nella vita, con le ex fidanzate come con gli ex compagni di scuola che hanno avuto successo nella vita. Che emozioni provavi durante un’azione? Una risposta a questa domanda potrebbe facilmente essere fraintesa e strumentalizzata. Ti faccio un esempio: esisteva la mistica dell’azione militare per cui chi rischia la propria vita diventa giudice della vita degli altri, equazione che ho sempre considerato sbagliata, può essere una sensazione viscerale ma non un ragionamento valido. In guerra si predilige ferire il nemico così da fargli impegnare più risorse, i Nar spesso utilizzavano il colpo di grazia, è un comportamento contrastante con le tue idee organizzative… Il gruppo è stato composto e capitanato da persone diverse, io ho sempre rivendicato che dopo 50 e più rapine non ho mai ucciso e nemmeno ferito nessuno. Era per me un vanto considerare solo il minimo uso della forza, era così che concepivo il ruolo del terrorista. Se devi scontrarti con lo Stato sulla base del volume di fuoco, lo Stato sarà sempre superiore. Non ha senso scendere ad un confronto basato sulla violenza pura. Lavoravo sempre nell’insegnare ai ragazzi che il terrorista sorprende e convince laddove porta a compimento, in maniera pulita, azioni in cui la stragrande maggioranza dei criminali userebbe brutalità. Se vuoi fare politica le cose stanno così, altrimenti fai il mafioso; il camorrista campa terrorizzando il quartiere. Se Valerio potesse ritornare indietro nel tempo cosa direbbe a Giusva? Direi a Giusva le stesse cose che mi diceva mio padre, a cui non ho dato ascolto proprio perché venivano da mio padre. Il Vale-

rio di oggi, sopravvissuto a 20 anni di carcere, di cui 8 in isolamento, direbbe a Giusva che la coerenza ed il rispetto per se stesso e per gli altri gli appartengono, e alla lunga pagano; anche se a livello interiore, anche se non portano ad un favoloso stipendio o alla promozione sociale. Consiglierei comunque il giovane Giusva di evitare errori troppo clamorosi. Lo spontaneismo armato nasce dalla rabbia. Durante gli anni di piombo erano arrabbiati i camerati e lo erano i compagni, trenta anni dopo, alcuni giovani sono ancora arrabbiati, sono quelli che mettono a soqquadro le città durante i grandi eventi internazionali e che bruciano banche e McDonald’s, ti sembra la stessa rabbia? La scelta violenta derivò dalla profonda convinzione che non potevano esserci altri modi di essere ascoltati. I ragazzi di oggi sono più fortunati, hanno a disposizione tanti mezzi, da Internet ai media alternativi, per cui il rischio che si creino sacche di disperazione con la conseguente rabbia è molto minore. Non c’è da dimenticare però che in tutti i Paesi esiste una sacca di disagio sociale, e a volte di disagio mentale, esiste inoltre una certa percentuale di irriducibili che non hanno voglia di ragionare e di confrontarsi con i problemi veri. Esiste un antidoto alla rabbia? La mia generazione è stata punita da un eccesso di retorica. Ci hanno consegnato una versione della storia italiana palesemente falsa. I nostri genitori, sia di destra che di sinistra, che quei fatti li avevano vissuti, ce lo dicevano: la storia della Repubblica Italiana non è andata esattamente come è stato scritto; è stato tutto più controverso e spesso più sporco. Invece ci

obbligavano ad una rilettura estremamente buonista, dove i buoni erano tutti da una parte e tutti i cattivi dall’altra. I giovani percepiscono la falsificazione della storia e ne traggono deduzioni incredibili. Credo che l’antidoto alla disperazione e alla rabbia sia quello di ridurre il tasso di retorica e cominciare a raccontare, nei limiti del possibile, le cose come realmente sono andate. Un leader politico italiano che hai apprezzato? Forse Craxi, per la sua abilità a portare un piccolo partito a fare l’ago della bilancia, barcamenandosi tra Dc e Pci senza farsi fagocitare. È stato un uomo politico molto abile e per molti versi ideologicamente corretto. È uno di quelli che ha governato tentando di non spaccare il Paese, senza cavalcare la strategia della tensione o il pericolo rosso. Un uomo quasi costretto alla corruzione, in quanto capo di un partito che doveva sopravvivere in mezzo agli squali e doveva farlo anche macinando denaro. Perche sei andato a lavorare a “Nessuno tocchi Caino”? Perché volevo dimostrare che un criminale anche feroce se trattato in un certa maniera, senza troppe umiliazioni, senza troppe percosse e con la speranza di una via d’uscita, può cambiare. Proprio questo rende la pena di morte superata. Con il mio lavoro quotidiano e con la mia presenza vorrei inoltre testimoniare che non tutti i processi sono giusti, ho subito dei processi giusti per cose gravi e su quelle c’è stato spazio di recupero e ragionamento, e alcuni su cose gravissime in cui sono stato condannato e non sono colpevole. Ed io non sono l’unico caso. Sei stato tu a mettere la bomba nella stazione di Bologna? No. Si dice in giro che hai contattato i familiari delle persone che avete ucciso… è vero? Sì. Con qualcuno c’è stato un chiarimento? Con qualcuno sì…

49


VG visioni grafiche


di Rossella Smiraglia

costume e società

Olimpiadi 2020: Roma ci prova

Al via la corsa, la Capitale non è sola, ma parte da favorita

I

d’Aosta. Circa 12 km di corso d’acqua resi navigabili, con approdi che mettono in comunicazione le aree di Saxa Rubra, Salaria, Grottarossa, Tor di Quinto e Acquacetosa, creando un sistema di collegamento alternativo e naturalistico: dalle piste ciclabili, ai ponti pedonali, fino alle stazioni ferroviarie e ai parcheggi di scambio. Per restituire alla città questa grande area verde, si pensa alla sostituzione del depuratore di Grottarossa, che verrebbe interrato, e all’applicazione di

GIANNI ALEMANNO

l guanto della sfida è lanciato: il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e il sindaco di Venezia, Massimo Cacciari, hanno consegnato, venerdì 5 marzo, le rispettive candidature alle XXXII Olimpiadi al Presidente del CONI, Gianni Petrucci. La candidatura di Roma ha visto un consenso unanime di tutte le rappresentanze politiche, dalla Regione Lazio alla Provincia di Roma, dall’ex sindaco Francesco Rutelli alle associazioni degli industriali. Tutti sanno che l’occasione è di quelle che contano, e sembra che nessuno dei soggetti coinvolti voglia lasciare spazio al caso. Il Progetto presentato al CONI prevede una grande opera di riqualificazione ambientale che riguarda in particolare l’area del Tevere: il Parco Fluviale Olimpico (P.F.O.). Se Roma si aggiudicherà i giochi, la grande MASSIMO CACCIARI eredità per la città sarà proprio il Parco Fluviale, che prevede la riqualificazione di un’area di 40 ettari. L’area parte dalla Diga di Castel Giubileo fino a Ponte Milvio e a Ponte Duca

turbine che trasformino il depuratore in un generatore di energia rinnovabile, affrontando anche il problema delle acque dell’Aniene. Inoltre, intorno al Tevere, sono state individuate aree per 500 ettari da bonificare e restituire alla città, già nota come la città più verde d’Europa. DUE GRANDI AREE OLIMPICHE Lo svolgimento dei giochi è stato pensato su due grandi aree: a nord il Parco

Olimpico e a sud ovest la Fiera di Roma. Il Parco Olimpico sarà il cuore dei giochi e ospiterà i principali impianti sportivi e le sedi ufficiali, mentre gli atleti soggiorneranno tutti insieme in un Villaggio Olimpico dalla capienza di 18.000 persone, situato nelle vicinanze del centro della città e dal quale gli atleti potranno raggiungere le aree di gara in circa 14 minuti. I padiglioni della Fiera di Roma, appositamente allestiti con tribune e strutture di servizio, ospiteranno 12 discipline olimpiche. All’esterno della struttura fieristica verranno allestiti due nuovi padiglioni dedicati al Ciclismo, alla BMX e al Pugilato. In particolare l’area dell’EUR vedrà le gare preliminari della Pallacanestro, le finali di pugilato e il Triathlon; a Ostia la Vela e il Nuoto in acque libere. Il Ciclismo su strada, partendo dai Fori Imperiali, si svolgerà su un circuito che comprenderà i Castelli Romani. Oltre al potenziamento delle strutture di Tor Vergata, in Piazza di Siena si terrà l’Equitazione e al Circo Massimo il Beach Volley. Infine, per le Finali di Calcio, verrà coinvolta la città dell’Aquila, così come fu nel 1960. Il Sindaco dell’Aquila, Caliente, intervenuto alla presentazione

51


VG

visioni grafiche

TOR VERGATA PROGETTO CITTA' DELLO SPORT

del progetto, ha dunque ringraziato l’amministrazione romana per la vicinanza dimostrata nell’ultimo anno, ricordando che ancora oggi ci sono 35.000 sfollati. L’appello è stato chiaro: “il grande sogno di “Roma 2020” dovrà essere l’occasione per mostrare al mondo non più le ferite che in occasione del G8 hanno potuto vedere tutti, ma finalmente una città ricostruita”. I NUMERI DI ROMA L’intera città sarà coinvolta dal grande spettacolo, offrendo ai 3 milioni di spettatori previsti una cornice suggestiva che non ha eguali nel mondo. Forse è proprio per la suggestiva cornice che i romani intervistati hanno dichiarato nell’88% dei casi di essere favorevoli alle Olimpiadi in città (sondaggi effettuati da Unicab Unione Industriali di Roma ed SWG per conto del Comune di Roma). È una grande opportunità di rilancio dell’economia, sono previste ricadute economiche sui servizi, sulla ricettività alberghiera e sulle attività commerciali. La candidatura è credibile, vista la prova offerta dalla città in occasione del Giubileo. Con le sue 183 etnie residenti, Roma è ormai da tempo grande “Capitale dell’Accoglienza” e dell’integrazione. LE TAPPE Per conoscere l’esito della prima grande sfida tra Roma e Venezia, bisognerà attendere tra la fine di aprile e i primi di maggio, quando la giunta del Coni deciderà quale sarà la città candidata in base ai questionari consegnati il 5 marzo 2010. A novembre 2012 scadrà il termine per la presentazione del dossier delle candidature e solo nel giugno 2013 la Commissione di Valutazione comunicherà la città scelta. Alle amministrazioni e ai romani aspetta un lungo cammino e un grande impegno per un sogno che potrebbe lasciare una traccia indelebile nella storia della città.

53


VG

visioni grafiche


di Simone Felicetti

costume e società

Un mondo di giornalisti

olti saranno gli appuntamenti, i dibattiti e le iniziative dell’edizione 2010 del Festival internazionale del giornalismo di Perugia (dal 21 al 25 aprile). Presentato ufficialmente a Milano lo scorso 19 marzo, come ogni anno, il festival rappresenta un’occasione per approfondire questioni attorno al ruolo del giornalismo nel panorama dell’informazione globale. Non a caso, il tema centrale di questa quarta edizione riguarda il futuro dell’informazione e il rapporto che questa ha e dovrà avere con le nuove tecnologie. Altre ancora saranno le tematiche dibattute nell’arco delle cinque giornate stabilite per l’evento: il delicato e controverso tema della satira politica, il rapporto tra le donne, i media e il potere, i nuovi modelli del giornalismo contemporaneo (informazione investigativa o finanziaria), l’inchiesta di guerra. Si indagherà, grazie alla presenza di esperti del settore, sul rapporto tra media e potere, tra i giovani e la stampa, nonché sull’impatto di internet e dei social network sull’informazione. Tra i volti noti che da relatori prenderan-

M

no parte all’evento, vi saranno diversi esponenti del giornalismo italiano e straniero, dal mondo della carta stampata alla televisione, al Web: Bianca Berlinguer del Tg3, Mario Calabresi de La Stampa, Luigi Contu dell’Ansa, Concita De Gregorio de L’Unità, Ezio Mauro de La Repubblica, Gianni Riotta de Il Sole 24 Ore e Antonio Preziosi del Giornale Radio Rai e Radio1 nonché Dexter Filkins, corrispondente di guerra del New York Times e Premio Pulitzer 2009, e Moeed Ahmad, responsabile new media di Al Jazeera Arabic. Inoltre, giungeranno

stesso è stato fondatore - considerato da molti un social network per lo scambio di informazioni sul mondo dell’attualità. L’intervento di Al Gore sarà incentrato sull’informazione indipendente. L’International Journalism Festival sarà, inoltre, un’occasione per approfondire i ruoli e le nuove tendenze dell’informazione dei nostri tempi: come sta cambiando la professione del giornalista in funzione delle innovazioni come la rete, la multimedialità e il cosiddetto “street journalism” o delle profonde modificazioni dei linguaggi e della fruizione delle notizie. Altra delicata questione, tema delle con-

a Perugia, da tutto il mondo, più di 200 volontari appassionati di giornalismo ed almeno altri 200 tra giornalisti ed esperti di comunicazione. Molto attesa sarà la partecipazione dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore, premio Nobel per la pace 2007, che giungerà in Italia su invito del canale satellitare e Web, Current TV - di cui lui

ferenze, riguarda la probabile se non ineluttabile fine della stampa e quindi dell’informazione cartacea entro il 2020, ipotizzata circa tre anni fa dall’editore del New York Times, Arthur Sultzberger. Tuttavia, altri, come Arianna Huffington, giornalista greca naturalizzata statunitense, conosciuta per aver fondato uno dei blog più letti e influenti degli Stati

Al Festival di Perugia si discuterà della professione ma anche delle prospettive dell’editoria

BIANCA BERLINGUER

55


visioni grafiche

Uniti, The Huffington Post, sostengono che non sarà poi così immediato il passaggio definitivo all’informazione web a pagamento, tanto più che in molti non auspicano affatto che ciò avvenga, considerandola un’ipotesi scarsamente efficace e superata. Lo scetticismo sulla monetizzazione del web, attraverso i finanziamenti pubblicitari come unica forma di introito, è motivato dalla stessa natura dell’informazione telematica che per molti deve mantenere le sue insite caratteristiche di libertà e gratuità. Saranno presenti, durante le cinque giornate, anche allestimenti di mostre ed una di queste riguarderà il terremoto in Abruzzo dello scorso aprile. Il terremoto coincise con l’ultimo giorno del Festival e fu un’occasione, per i molti partecipanti, di recarsi nelle zone colpite per documentare quella tragedia. Ad un anno di distanza sarà possibile fruire di un’articolata raccolta di immagini e reportage del disastro. Ad arricchire la manifestazione si susseguiranno più di cento eventi tra seminari, interviste, proiezioni di documentari, mostre fotografiche, presentazioni di libri e spettacoli teatrali nonché approfondimenti su enogastronomia, inchieste ambientali e analisi sullo sviluppo del giornalismo digitale. Sky Tg 24 proporrà due dirette pomeridiane il 22 e il 23 aprile, per seguire da vicino l’evento, commentato in studio da personalità delle istituzioni, dell’industria e ovviamente del giornalismo. Arianna Ciccone, organizzatrice del Festival, ha affermato che “non si tratterà di una manifestazione dedicata esclusivamente agli addetti ai lavori bensì di un evento che il più possibile dovrà fare presa e coinvolgere tutti coloro abbiano a cuore il mondo dell’informazione e che siano attenti e sensibili alle tematiche dell’attualità”. Ha aggiunto e sottolineato inoltre quanto sia centrale in questa prospettiva il tema della rete, da cui lo stesso festival è nato e a partire dal 2006 si è sviluppato.

VG

costume e società

AL GORE

57


costume e società di Anna Claudia Bianchi

d’annata initaly, organizzata dall’8 al 12 aprile a Veronafiere, è la manifestazione di riferimento dell’universo enologico nazionale ed internazionale. Giunta alla 44a edizione, ha conquistato nel tempo sempre più rilievo aprendosi alle innovazioni e imponendosi all’attenzione degli operatori non solo come salo-

V

ne commerciale, ma anche come vero e proprio evento primario del settore. Un ruolo costruito in anni di attività che ha attestato il vino come miglior ambasciatore del made in Italy nel mondo, divenendo il rappresentante d’eccellenza del sistema agroalimentare di qualità. In un’area di quasi 80.000 metri quadrati, espositori italiani e stranieri propongono la loro migliore produzione con degustazioni, abbinamenti food&wine e alta cucina. Oltre 150.000 operatori professionali, di cui più di 45.000 stranieri provenienti da 112 nazioni, hanno incontrato nel 2009 circa 4.200 espositori presso i propri stand, nei workshop di degustazione. Ma Vinitaly è soprattutto opportunità di

business in una fiera che concentra in 5 giorni il più alto numero di contatti realizzabili in un intero anno, attraverso azioni mirate di incontro diretto. La campagna 2010 “The World We Love” è incentrata sulle relazioni interpersonali, che mettono al centro della vita le emozioni e la storia di ognuno. Il mondo del vino è fatto di donne e di uomini che con passione conservano storia e cultura proiettandole nel futuro. Vinitaly è il luogo dove queste persone si incontrano. Per dare impulso a questa prospettiva, nei giorni di fiera, “Vinitaly for you” animerà le serate degli enoappassionati nel cuore di Verona, nella splendida cornice del palazzo della Gran Guardia, in piazza Bra. Dall’happy hour alla mezzanotte, feste, musica dal vivo e soprattutto una grande enoteca, quella di Vinitaly, gestita anche quest’anno in collaborazione con l’Associazione Donne del Vino e affiancata dai cocktails a base di Durello del Consorzio. A dare voce al pubblico di Vinitaly for you sarà la trasmissione Decanter di Rai Radio 2 con le sue dirette serali. Collegati a questa grande manifestazione saranno numerosi con-

corsi come riconoscimento ai personaggi o alle aziende italiane ed estere che, grazie alla loro attività, hanno raggiunto un ruolo di eccellenza nella produzione enologica mondiale e nella diffusione della cultura legata al vino. Tra questi verranno assegnati i premi speciali “Vinitaly Nazione 2010”, “Gran Vinitaly 2010”, “Vinitaly Regione 2010” e ancora International Packaging Competition; il premio riservato alla veste estetica dei vini, dei distillati e dei liquori. Una curiosità: secondo il recentissimo sondaggio di www.winenews.it, uno dei siti più cliccati dagli amanti del buon bere, una donna che sa destreggiarsi abilmente tra calici, carte dei vini e terminologia da sommelier è decisamente sexy. Lo afferma il 91% dei maschi eno-appassionati intervistati. Se l’interesse dell’universo femminile per l’enologia è in continua crescita, il 74% delle signore afferma di aver frequentato un corso di degustazione, il mondo maschile sembra guardare al fenomeno con interesse e curiosità. E al ristorante? Ben il 41% delle donne afferma di scegliere spesso il vino quando esce a cena con il compagno o con gli amici, il 31% afferma addirittura di sceglierlo sempre. E cosa ne pensano gli uomini? Apprezzano: le signore che si interessano al vino sono considerate attraenti, curiose e affascinanti.

Per appassionati e addetti del settore sarà l’appuntamento più atteso dell’anno

59


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Parchi della Colombo: imprenditoria in rosa na donna con le idee chiare, esperienza da vendere e un grande amore per i bambini, ai quali si è dedicata lavorando in un asilo fino a quando ha cominciato a percorrere le orme che l’avrebbero portata alla realtà di un’imprenditoria tutta al femminile, di nuovo per i bambini. Valentina Pesaturo da commessa a imprenditrice, socia di un’azienda d’abbigliamento young che lei stessa ha voluto e sognato.

U

L’esperienza acquisita negli anni rappresenta la chiave del successo del suo primo store. Le abbiamo chiesto come è nata l’idea… “Il mio sogno è sempre stato quello di aprire un’attività tutta mia. Per caso ho conosciuto i rappresentanti della Sisley e abbiamo deciso subito di intraprendere quella che all’inizio era anche un po’ una sfida. In realtà, il negozio, Sisley Young, è andato benissimo da subito.” La collezione è moda casual per l’infanzia dai 2-3 anni fino ai 14. Insieme con Valentina, ad affiancarla, sua sorella Martina e la mamma Nadia, in quello che è l’unico store monomarca nell’intero Lazio, motivo di orgoglio per la famiglia Pesaturo. Ma la storia continua con l’appena inaugurato negozio di calzature e abbigliamento femminile a marchio Kocca. Ci spiega Valentina che, di nuovo, le cose sono successe un po’ per caso… “Ho fatto la rappresentante Kocca per un anno e sono innamorata dei suoi prodotti, così mi sono detta: ma sì, proviamoci!”. Entrambi gli store, Sisley Young e Clothes, si trovano nelle villette a schiera che compongono il centro commerciale Parchi della Colombo, in via Maurice Ravel. Uno spazio verde immenso, un’oasi idilliaca per grandi e piccini. Aperti tutti i giorni tranne il lunedì mattina. Per info, telefonare al numero 06.50916687.

63


l’intervista

Myriam

di Valentina Mancini

Catania: Mi sento sicuramente più attrice. Il doppiaggio è molto limitante, non è creativo; devi rifare una cosa che qualcun altro ha già fatto. Non puoi metterci del tuo, non devi stravolgere niente. È un lavoro estremamente tecnico. Un doppiatore deve piangere come quell’attore ha pianto, urlare come ha urlato quell’attore e ridere come lui ha riso. Hai iniziato a lavorare come attrice da bambina, in fiction quali Papà prende moglie o Caro maestro; sei cresciuta con film importanti interpretando sempre ruoli molto diversi, come ne L’uomo privato o in Che ne sarà di noi. Cosa c’è di tuo in questi personaggi? Sono un’attrice camaleontica, come dice sempre il mio agente. Penso che l’ideale dell’attore sia la versatilità. Io ce l’ho e in questo sono aiutata dal mio aspetto. Ho una faccia molto angelica, occhi tristi, sono magrolina ma ener-

viso angelico e personalità da vendere ttrice e doppiatrice poliedrica, ragazza schietta e “senza peli sulla lingua”. È questa Myriam: una forza della natura. La sua voce fa uno strano effetto, sembra di essere al telefono con Keira Knightley, Natalie Portman o Jessica Alba, per citare alcune tra le attrici che ha doppiato. Moglie di Luca Argentero, per l’invidia di qualche lettrice, è attivissima anche nel lavoro: il 19 Marzo è uscito nelle sale “Tutto l’amore del mondo”; il cast è stato presente al cinema Adriano in occasione della prima. Il tuo nome è legato imprescindibilmente a quello della tua famiglia. Essere una Izzo quanto ti ha aiutato? Le donne Izzo hanno un grande carisma, quindi hanno inciso indubbiamente sulla mia vita. Quando ero piccola avevo paura di non farcela a essere come loro. Oggi so che sono talentuosa, come loro, ma diversa. Sono contenta di avere DNA Izzo. Pensa che a 4 anni, durante il mio primo turno di doppiaggio, dovevo piangere e lo sapevo fare. Non so perché. Ho ereditato qualcosa di tutte, nel bene e nel

A

64

male. Ho la loro forza e la loro energia e anch’io sono un po’ particolare. La tua voce è forse più celebre del tuo viso. L’hai prestata ad attrici splendide e di grande calibro... Sì, è vero. Pensa che in questo periodo vedo continuamente la faccia di Amanda Seyfried perché la sto doppiando in 4 film, sembra li abbia fatti tutti lei in questo periodo. Ce n’è una a cui hai voluto assomigliare? No. Forse una sì, ripensandoci: mi sarebbe piaciuto interpretare il ruolo di Jessica Alba in Dark Angel. Era una donna forte, col giubbotto di pelle, in sella alla sua moto e io ho un po’ quel carisma lì. Ma in Italia questo non è possibile. Il doppiaggio ti fa sognare cose che non accadranno mai, non nel cinema italiano. È una critica? No, una diversità. I nostri film sono più quotidiani. Gli effetti speciali non ci appartengono. Abbiamo la nostra storia da raccontare e i film rappresentano ciò che siamo. Il nostro cinema mi piace. Ti senti più attrice o doppiatrice?

gica, e allo stesso tempo fragile. Devo scavare dentro di me per cercare personaggi diversi ogni volta; in Che ne sarà di noi ero libera e aggressiva, quando ho fatto L’uomo privato ero sola, così come in Io no ero alla ricerca di stabilità. Queste cose ce le abbiamo tutti, perché tutti, almeno una volta, siamo stati aggressivi, abbandonati o soli. L’attore deve saper riportare a galla quelle emozioni. È semplicemente questo. Difficilmente questo. Su Youtube ho scovato un video, uno spettacolo abusivo sul tram 8 di Roma: Io lotto. Qual è lo scopo del corto e come è nata l’idea? Avevate avvertito i pendolari? No! Era quella la provocazione! Durante le prove generali non c’era nessuno che mi conosceva, ed è stata una vera sperimentazione. La gente mi guardava sbalordita, e anche se durava poco, circa venti minuti, era molto bello. Racconta di una ragazza che tornava dalla comunità e ricordava la sua vita. Giovanni Franci, il regista, e in questo caso sceneggiatore, è molto coraggioso. Grazie a internet, altri hanno potuto vedere Io lotto,


VG

sennò sarebbe finita lì quell’esperienza così bella e particolare. Sul set di Carabinieri hai conosciuto tuo marito, Luca Argentero. È stato amore a prima vista? Sì. L’ho visto la prima volta durante le prove costume, ci siamo guardati e subito innamorati. Nella fiction non avevamo mai scene insieme, quindi i contatti erano pochi, ma ogni volta che ci incrociavamo c’era un energia che ci catturava. Poi siamo riusciti a vederci, una sera per caso, in un ristorante. È che dove giravamo ci sono due ristoranti, capisci che era facile incontrarsi. Abbiamo cominciato a chiacchierare e da lì è nato tutto. Lui è protagonista della campagna pubblicitaria di Intimissimi. Sei una moglie gelosa? (Tossisce) Sì! Ma non per la campagna pubblicitaria. Né per Luca, che non mi dà alcun motivo per esserlo. Mi fa arrabbiare la gente. Le fan, vuoi dire? Sì, alcune fan. Non gliene frega niente che io e lui stiamo camminando insieme: lo circondano come se io non esistessi. Mi fa arrabbiare la mancanza di rispetto. Voglio dire, se assalissero il vostro ragazzo mentre passeggiate con lui? Luca è molto rispettoso nei miei confronti, al contrario di queste persone. Per non offendermi è molto discreto, molto educato. Come è cambiata la vostra relazione dopo il matrimonio? È cambiato tutto. In meglio. Sposarsi è la cosa più bella che abbia fatto in vita mia. Il matrimonio è nato come un gioco. Due ragazzi che chiacchierano e si dicono “se mi sposi sei veramente figo”, un gioco proprio. Poi, parlandone, abbiamo tirato fuori l’idea di sposarci a Città della Pieve, dove ci eravamo conosciuti. Era una cosa romantica. È stato il giorno più felice della mia vita. Non pensavo che l’avrei mai detto e invece è proprio così. Nelle sale, Tutto l’amore del mondo di Riccardo Grandi. Qual è il messaggio che vorresti arrivasse al grande pubblico? Quattro ragazzi affrontano un viagTUTTO L'AMORE DEL MONDO gio in quattro modi diversi. Ognuno parte per un suo motivo e ognuno vuole fare la sua vacanza. Nicolas (Vaporidis) parte per scrivere la guida dei luoghi romantici in Europa. Ma lui non ne sa niente dell’amore; accetta perché ha bisogno di soldi, perché la mamma sta morendo. Parte insieme a un compagno caciarone, tutt’altro che voglioso di lavorare, che invita me, la sua nuova… si può dire tresca, perché l’ha appena conosciuta in chat. Valentina è una ragazza istintiva che prende, parte e va, che vuole sperimentare nella vita. Lei si porta dietro Anna, una sua amica. Le persone possono cambiare e mettersi in discussione con un’esperienza forte; ci si accorge che non è tutto vero quello di cui sei convinto. Forse è questo il messaggio del film.

visioni grafiche

Intervista alla giovane attrice: tante idee chiare e qualche traguardo raggiunto

65


AGENZIA FRIMM 4885 Via G. USELLINI, 459 Axa/Malafede (Roma) - Tel. 06/83961944 - Fax 06/83962058 e-mail: frimm4885@frimm.com • mq2@libero.it AXA/MADONNETTA appartamento 100mq piano terra: salone doppio, angolo cottura, 2 camere matrimoniali, cameretta, doppi servizi, ripostiglio, balcone, giardino 200mq, dependance, cantina, triplo posto auto interno € 279.000

DRAGONA appartamento II piano, 100mq su 2 livelli, salone, cucinotto, 2 camere, 2 camerette, doppi servizi, ripostiglio, terrazzo 15mq, box + posto auto, PRONTA CONSEGNA € 287.000

INFERNETTO in comprensorio: 3 porzioni di villa nuova costruzione, 170 mq su 3 livelli, salone, cucina, 4 camere matri., 3 bagni, ampii portici, giardini, posto auto, rifinitissime, zona centrale da € 440.000

AXA/MADONNETTA appartamento 60mq, I piano: salone, angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, ripostiglio, 2 balconi, cantina, posto auto interno, ESPOSIZIONE SUD/EST. OTTIMO STATO € 247.000

INFERNETTO in comprensorio, disponiamo di alcuni appartamenti, vari tagli da 40 a 106mq, con giardini o terrazzi. NUOVA COSTRUZIONE, PRONTA CONSEGNA € 169.000

AXA/MALAFEDE Negozio/Ufficio 40 mq, piano terra tre vetrine, accesso da strada OTTIMO USO INVESTIMENTO € 85.000

INFERNETTO villa unifamiliare 140mq unico livello: salone quadruplo con camino, cucinotto, 2 camere matrimoniali, 2 camerette, bagno, ampio ripostiglio. Giardino 500mq, cantina, quadruplo posto auto interno, ZONA CENTRALE, da ristrutturare € 480.000

DRAGONA delizioso appartamento 40 mq piano terra, soggiorno, cucinotto, camera, bagno, ripostiglio, completamente ristrutturato, totalmente arredato € 180.000

MALAFEDE disponiamo di 4 porzioni di villa 160 mq, su tre livelli, nuova costruzione, completamente divisibili in due unità abitative, prossima consegna da € 330.000

AFFITTI disponiamo di varie tipologie di appartamenti e villini, varie metrature in zona: Axa/Malafede, Infernetto, Acilia, Ostia, Ostia Antica da € 500

OSTIA PONENTE appartamento 40 mq, II piano soggiorno/letto, cucinotto, bagno ripostiglio, balcone, posto auto interno buono stato, ottimo uso investimento € 180.000

ACILIA NUOVA appartamento 75 mq, I piano, soggiorno, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, 2 bagni, 2 balconi, posto auto coperto, ottimo stato € 230.000

OSTIA ANTICA disponiamo di 2 villini da 50 a 70 mq, unico livello, ampii portici, giardini da 180 a 200 mq, posto auto, recente costruzione da € 250.000 OSTIA ANTICA/BAGNOLETTO disponiamo di 4 porzioni di villa da 100 a 120mq su 2 livelli, fuori terra: PT: salone, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno. PM: camera matrimoniale bagno. Giardini da 50 a 250mq, posto auto interno, OTTIME RIFINITURE, CONSEGNA 6/2010 € 310.000

DRAGONCELLO Appartamento 90mq, I piano Ingresso, salone, cucina abitabile 2 camere matrimoniali, 2 bagni ripostiglio, terrazzo 30mq cantina, posto auto interno buono stato € 245.000 INFERNETTO disponiamo di alcuni locali commerciali in locazione, 140mq circa, su due livelli, con canna fumaria. Consegna 6/2010, ZONA CENTRALE, CONTESTO SIGNORILE € 2.700,00

VG

visioni grafiche

O G N I A G E N Z I A A F F I L I ATA È G I U R I D I CA M E N T E E F I N A N Z I A R I A M E N T E I N D I P E N D E N T E


di Andrea Giovanni Sorge

cose dell’altro mondo

Dead penguin walking

Volo annullato causa rissa ew York. Una mattina come le altre in aeroporto. Tutto è pronto per quello che dovrebbe essere un tranquillo volo di linea, destinazione Atlanta. Eppure, ai passeggeri già imbarcati e in attesa di decollo, è stato ordinato di scendere. Guasto al motore? Pericolo attentati? Avverse condizioni meteorologiche? Niente di tutto ciò. Il motivo della cancellazione del volo Delta Connection Flight 887 è da attribuirsi a due inferocite hostess che, per cause ancora da chiarire, stavano litigando furiosamente. Pare che lo scontro fisico sia stato scongiurato ma i toni verbali della rissa si erano fatti davvero accesi, a detta dei presenti. Un altro volo è stato così trovato per i passeggeri, mentre le due donne sono state sospese dal servizio in attesa di provvedimenti.

N

l riscaldamento globale è uno dei temi “caldi” di questo nuovo millennio. Fra la mobilitazione generale degli organismi non governativi e delle associazioni ambientaliste si è distinto in particolare un giovane artista cinese, creatore di un’installazione curiosa ma quanto mai efficace. L’attivista ha appeso ad una transenna del Millenium Bridge di Londra due pinguini di vetro nell’atto di… suicidarsi. Insieme a loro, un orso polare di peluche. Sono specie animali che in realtà non coesistono ma che, per richiamare l’attenzione sui disastri climatici, la mente del giovane artista ha voluto riunire in questo simbolico, disperato gesto.

I

Vedo nudo pencer Tunick ha colpito ancora. Il fotografo famoso per immortalare scene di nudo di massa nelle locations più disparate (piazze, centri commerciali, spiagge, ecc…) ne ha pensata un’altra delle sue. Dove? Sul tetto dell’avveniristica Opera House di Sidney. 5.000 individui è l’impressionante cifra di persone che l’eccentrico artista è riuscito a raggruppare davanti all’obiettivo... Tutti rigorosamente come mamma li ha fatti. La cosa più difficile, ha commentato Tunick, è stata convincere gli etero ad abbracciare i gay e viceversa. Ma alla fine tutti, nudi e contenti, si sono prestati a rendere questa gigantesca installazione vivente un messaggio di tolleranza e apertura, contro tutte le discriminazioni. Restate sintonizzati per sapere dove si terrà il nuovo happening adamitico…

S

Sesso e volentieri ex and the City, il leggendario serial televisivo, ha certamente spostato in avanti gli steccati censori dei newyorkesi. Forse, stando ad un’indagine, lo ha fatto un po’ troppo. Una recente inchiesta ha rivelato che il 70% dei cittadini della Grande Mela ascolta quotidianamente le performances erotiche dei vicini di casa. Grida, cigolii, spesso altro. La cosa curiosa è che solo il 14% è infastidito dal dover essere ascoltatore forzato dei convegni amorosi dirimpettai. La maggior parte degli intervistati infatti ha candidamente dichiarato: “Perché dovrebbe infastidirmi? Se fossi io al loro posto non vorrei mai che qualcuno mi intimasse di smettere!”.

S

67


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Chiara Rovan

cose dell’altro mondo

Spia il marito e rimane sotto il SUV na donna di Pittsburgh, in Pennsylvania, è rimasta vittima di un incidente (fortunatamente illesa) mentre stava spiando il coniuge sospettato di infedeltà. La protagonista della vicenda si è nascosta sotto un Suv per osservare da lontano la casa della donna con la quale sospettava che il marito avesse una relazione extraconiugale. Sfortuna ha voluto che la noia per l’attesa si sia trasformata in sonnolenza. Mentre lei russava, qualcuno, forse la presunta amante, ha sgonfiato le ruote del mezzo fino ad intrappolarla sotto. Al suo risveglio la donna si è accorta di non esser più in grado di uscire e ha cominciato ad urlare. Un vicino si è accorto del fatto e ha chiamato la polizia. Le autorità stanno indagando per identificare il responsabile, ma resta ancora da provare l’adulterio!

U

L’albero mangia mucca n India, più precisamente a Mangalore, nello stato di Karnataka, è accaduto un fatto che ha dell’incredibile: un gigantesco albero carnivoro è quasi riuscito a ingoiare una vacca intera. La pianta, nella vicina foresta di Uppinangady, avrebbe intrappolato l’animale con i suoi fitti rami e avrebbe poi tentato di ingoiarlo. Alcuni passanti si sono accorti dell’attacco per via dei forti muggiti del bovino. Per convincere l’albero a mollare la preda, i soccorritori hanno dovuto percuotere violentemente la pianta sui rami. Un funzionario del Servizio forestale indiano ha confermato che il suo ufficio aveva già ricevuto alcuni reclami riguardo a vacche che avevano perso la coda mentre pascolavano in prossimità di questi alberi carnivori.

I

Impiegata in punizione anno scorso a Genzano (Roma), un signore di 52 anni si è presentato presso la sede dei servizi sociali per sollecitare una pratica di carattere privato. Il banale diverbio burocratico si è trasformato in una vera e propria lite. L’uomo si è messo a urlare contro la responsabile dell’ufficio che, secondo lui, non aveva risposto ai suoi reclami. Poi, per “vendicarsi”, ha chiuso a chiave l’impiegata in una stanza lasciandola prigioniera. La “punizione” è durata diversi minuti, fino a quando i carabinieri sono arrivati sul posto con alcuni agenti della polizia municipale. La donna è stata liberata e a finire dentro è stato il suo antagonista. I militari, oltre alla violenza e alla minaccia a pubblico ufficiale, hanno accusato il signore di sequestro di persona.

L’

A gara di lancio del... cellulare n Estonia il lancio di telefonini non è più soltanto un gesto antistress, ma è diventato un vero e proprio sport. L’annuale competizione MIKKO LAMPI dura un intero fine settimana e attira turisti da ogni parte del mondo. La gara è aperta a tutti, adulti e bambini. Record del mondo: 94,47 metri stabilito dal finlandese Mikko Lampi. Per le donne, il record imbattuto è dell’estone Valeria Kadorova, che ha lanciato il telefonino a 41 metri. Il lancio del cellulare è uno sport che fa sentire meglio chi lo pratica. “Abbiamo organizzato questa gara perché vogliamo liberare le persone dalle frustrazioni dei cellulari” ha detto Christine Lund, organizzatrice del torneo. Il peso dei cellulari ammessi alla gara varia dai 220 ai 400 grammi. A fine gara, riciclo dei telefonini inutilizzabili.

I

69


VG visioni grafiche


NIERI MO RA MASSI

MARI O BI ONDI

di Sara Mondaini

spettacoli

Aprile in musica l compito di inaugurare il mese di aprile e la stagione primaverile spetta ad un artista dell’esperienza e del calibro di MASSIMO RANIERI, in scena dal che approderanno 1° aprile al Teatro Sistina (repliche nella capitale da Verona (loro fino al 4 aprile). Ranieri torna nel città natale) per esibirsi più famoso teatro della capitale, anch’essi al Gran Teatro. I dopo il grande successo ottenuto due giovanissimi fratelli la scorsa stagione, con il suo Fainello, muniti di chitarre grande show. Le coreografie e tagli di capelli alla moda, di Franco Miseria, arricchite sono alle prese con la dai costumi di Giovanni promozione del loro Ciacci, incorniceranno la nuovo disco “Metà”, scena composta da anticipato dal singolo un’orchestra di sole “Seguimi o uccidimi”. Il loro WHITNEY HOUSTON donne e un corpo di successo tra i teenager è noto, ballo sempre commolto meno noto invece il fatto che i pletamente al femminile. L’ex scugnizzo Sonohra hanno inciso singoli e pezzi in spanapoletano, che, come recita il titolo, canta gnolo, portoghese ed inglese. Certo non da 40 anni… perché non sa nuotare, ese- possono ancora competere con le star guirà i brani che lo hanno reso famoso, ma internazionali quali i TOKIO HOTEL, la rock si cimenterà anche nell’interpretazione di band tedesca che mancava dall’Italia da alcune fra le più belle canzoni d’autore due anni e degli ultimi decenni: brani di grandi artisti che con le come Battisti, Battiato, Mina ed altri. Da 4 date, tra bravo showman canterà, ballerà e reciterà, ripercorrendo quelle che sono state le tappe più importanti ed emozionanti della sua vita. A seguire, il 2 aprile, l’appuntamento da non perdere è con la voce calda e avvolgente di MARIO BIONDI, dalla quale ci lasceremo emozionare al Gran Teatro. L’anima black della musica italiana propone la sua musica, una fusione tra jazz e soul, a tre mesi dall’uscita del suo disco, che si è già classificato ai primi posti nelle vendite. C’è spazio anche per i più giovani, sia in termini di pubblico che di protagonisti; il 10 aprile sarà infatti il turno dei SONOHRA,

I

SONOHRA

Da Mario Biondi ai Tokio Hotel: i concerti e gli eventi musicali di aprile più importanti della capitale cui l’11 aprile al Palalottomatica, conquisterà sicuramente il tutto esaurito. Per chi invece fosse amante delle belle voci femminili, il mese si chiude in bellezza con i concerti di ELISA, il 16 al Palalottomatica, e di FIORELLA MANNOIA, il 20 al Gran Teatro. Entrambe le artiste sono in tour, l’una per l’uscita del nuovo album, “Heart”, l’altra per riproporre in versione acustica i suoi successi con l’aggiunta di alcuni preziosi inediti. Chi infine dovesse perdere queste date avrà l’occasione di rifarsi presto: il 4 maggio, sempre al Palalottomatica, si esibirà niente meno che WHITNEY HOUSTON!

TOKIO HOTEL

71


condominio e consumatori

di Leonardo Caviola

architettura

a cura dell’Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Tel. 06.98872850/329.7818845 - e-mail: avv.vermaaten@hotmail.it

Stendhal architetto Condominio e consumatori l Condominio si caratterizza per la coesistenza tra unità abitative di proprietà privata dei singoli condomini e per la presenza di parti comuni strutturalmente e funzionalmente connesse alle prime. Gli artt. 1118 e 1119 c.c. stabiliscono due connotati distintivi della proprietà e cioè la irrinunciabilità e la indivisibilità dei beni condominiali. Nella comunione la condizione dei diritti deve ritenersi una vicenda occasionale e per lo più transitoria mentre la proprietà comune condominiale è una proprietà collettiva che si acquisisce e si trasmette con il trasferimento della proprietà individuale cui quella comune è necessaria, accessoria e destinata. Passando alla disciplina dello scioglimento dell’originario condominio, oggetto del presente articolo, bisogna ricordare come quest’ultimo goda di una forte stabilità e per cui non è consentito al singolo condomino di richiedere lo scioglimento del vincolo condominiale salvo come previsto dagli artt. 61 e 62 delle disp. att. del c.c. Il legislatore vede con sfavore le organizzazioni condominiali troppo complesse nelle quali il numero delle proprietà immobiliari sia tale da rendere difficoltose le riunioni assembleari ed il conseguimento dei quorum legalmente richiesti. Il presupposto primo per lo scioglimento è che gli immobili abbiano le caratteristiche di edifici autonomi. Ma quando un edificio si può definire “autonomo”? Innanzitutto si può sostenere che l’autonomia sussiste indipendentemente e dalle semplici esigenze di carattere amministrativo. Secondo la dottrina sono edifici autonomi “quelle parti dello stabile che hanno una certa autonomia statica pur essendo legate od unite ad altre”. Lo scioglimento del condominio una volta appurata la divisibilità in autonomi edifici, può essere deliberato dall’assemblea con la maggioranza richiesta (ex art. 1136 2 o comma c.c.) per l’assemblea in prima convocazione vale a dire, con un numero di voti che rappresenti la maggioranza degli interventi e almeno la metà del valore dell’edificio. Nel caso in cui non si raggiunga la prescritta maggioranza e tuttavia ricorrono gli evidenziati presupposti di fatto, un terzo dei comproprietari di quella parte dell’edificio per la quale si chiede la separazione possono ricorrere all’autorità giudiziaria perché disponga lo scioglimento del condominio. La Suprema Corte si colloca in quest’ultima linea quando afferma che è ben evidente che quel terzo deve essere inteso con riferimento al numero dei comproprietari della parte da staccare e non con riferimento alle quote da ciascuno di essi rappresentate infatti si è fuori dal campo dell’amministrazione condominiale, in presenza cioè di una disposizione eccezionale, cui non possono essere estesi i principi che governano il computo delle maggioranze ai fini delle attività proprie dell’assemblea condominiale (11.02.1974). Diversa maggioranza è richiesta dall’art. 62 2 o comma c.c. nel caso in cui la divisione non possa attuarsi senza modificare lo stato delle cose e occorrano opere per la sistemazione dei locali o delle dipendenze tra i condomini. In questo caso ci sono delle spese da affrontare e pertanto la legge prescrive, la maggioranza dell’art. 1136 c.c. 5 comma ossia la maggioranza per le innovazioni (maggioranza dei partecipanti al condominio e 2/3 del valore dell’edificio). In questo caso viste le spese non è possibile ricorrere al giudice perché lo disponga potendolo fare solo l’assemblea. È coerente con il principio per cui il giudice dispone lo scioglimento solo ove questo non comporti oneri aggiuntivi per i condomini (Cass. 15.02.1982 n. 937).

I

Passeggiata romana sulla base delle suggestioni del grande scrittore ria di primavera a Roma e l’atmosfera della nuova stagione, seppur sotto il velo delle trasformazioni avvenute nei secoli, ancora rispecchia il fascino che ammaliò lo scrittore Stendhal, giunto in città sull’onda del gran tour, romantico viaggio che poeti, scrittori e artisti facevano sin dal ‘700. Scorrendo la sua “Promenades dans Rome” del 1827, ritroviamo intensi passi d’architettura. Del Colosseo, Stendhal scrive: “È la più bella rovina, dove regna tutta la maestà dell’antica Roma. I ricordi di Tito Livio riempivano la mia mente, vedevo comparire Fabio Massimo, Publicola, Meneio Agrippa. Oltre San Pietro vi sono al mondo altre chiese notevoli (…) ma non ho mai visto niente che si possa paragonare al Colosseo”. Si sofferma poi su Villa Madama, incompiuta opera di Raffaello Sanzio del 1516, felice mix tra gli allora nuovi canoni della villa rinascimentale e i moduli dell’architettura classica: “… ci è bastata una tranquilla passeggiata nei dintorni di Villa Madama per godere completamente del piacere di vivere. Abbiamo gustato la divina architettura di Raffaello. Ancora una volta presi dall’entusiasmo per questo grande siamo andati a vedere, prima di rientrare, la sua piccola chiesa della Navicella. Ecco un esempio di bello italiano, lontanissimo dal rococò”. Entusiasti, infine, i commenti sulla romana composizione urbana e d’arredo, poiché egli non si capacita come non esista un portico ad otto colonne sul tipo di quello del Pantheon, per nascondere l’orribile portone del Louvre o su come nel confronto con i palazzi dell’Urbe “i nostri architetti (francesi, ndr) curino così poco la linea del cielo. Per evitare che si vedano i camini, cosa sempre assai brutta, pur lasciando l’altezza degli edifici così com’è, basterebbe rialzare l’altezza degli edifici di pochi centimetri”. Infine, ricordando il nostro lungotevere si chiede “perché non alberare i lungosenna? Ogni volta che torniamo a Parigi da Roma, ci accorgiamo di quanti lavori si potrebbero fare nei prossimi cent’anni”. Non deve essere stata male la Roma papalina di un tempo. A noi romani, oggi, il compito di non dimenticare la lezione compositiva di un passato che tanto ha reso grande l’Urbe nel mondo.

A

73


I FILM del mese Il cacciatore di ex Regia: Andy Tennant Cast: Gerard Butler, Jennifer Aniston, Christine Baranski, Jason Sudeikis Usa Genere: Commedia romantica

9 Aprile

Spetta a Milo Boyd, ex poliziotto diventato cacciatore di taglie, trovare e catturare l’ex moglie Nicole Hurly, scappata mentre era in libertà vigilata. Il protagonista del nuovo film di Andy Tennant, però, non sa che la polizia è interessata alla donna per metterla a tacere riguardo l’omicidio sul quale stava indagando…

9 di Emanuela Andreocci

cinema

Quando i numeri contano From Paris with love Regia: Pierre Morel Cast: John Travolta, Jonathan Rhys-Meyers, Kasia Smutniak, Richard Durden Francia Genere: Azione

16 Aprile

Charlie Wax, agente della Cia dai metodi poco ortodossi, viene inviato a Parigi per aiutare il rigoroso James Reece a sgominare una banda di trafficanti di droga. Il tema della coppia di agenti dai modi e pensieri antitetici costretti a lavorare insieme è un classico. L’arrivo dell’atipico poliziotto causerà non pochi problemi all’altro…

Fantastic Mr. Fox Regia: Wes Anderson Voci originali: George Clooney, Meryl Streep, Bill Murray, Jason Schwartzman Usa, Gran Bretagna Genere: Animazione

16 Aprile

È dura la vita di una volpe: Mr. Fox, da buon padre di famiglia, procura tutte le sere la cena a moglie, figli e amici… rubando da mangiare a tre contadini dalle diete strampalate! Il giorno in cui questi decidono di unire le proprie forze per porre fine ai continui furti, le cose per l’astuta volpe si complicano.

Misure straordinarie Regia: Tom Vaughan Cast: Harrison Ford, Brendan Fraser, Keri Russell, Jared Harris Usa Genere: Drammatico

23 Aprile

Proprio mentre la sua carriera è finalmente pronta al decollo, John Crowley la abbandona per dedicarsi totalmente ai suoi figli più piccoli, ai quali è stata diagnosticata una tremenda malattia. La sua speranza risiede tutta nell’anticonformista Dott. Stonehill, insieme al quale fonda una compagnia di biotecnologia.

Oceani 3D Regia: Jean-Jacques Mantello Voci: Aldo, Giovanni e Giacomo Gran Bretagna Genere: Documentario

30 Aprile

7 anni di lavoro, 26 spedizioni subacquee e 60 location diverse. Oceani 3D, oltre ad essere la più grande avventura subacquea mai realizzata, è anche il primo film subacqueo girato completamente in digitale 3D. Siamo pronti a seguire la tartaruga Aris alla scoperta delle meraviglie marine nascoste nell’oceano?

ttenzione a non confonderli: a pochi mesi dall’uscita di Nine, il musical di Rob Marshall di felliniana ispirazione, ecco che nelle sale cinematografiche arriva 9, il film d’animazione che vede alla regia Shane Acker, impegnato per la prima volta in un lungometraggio d’animazione. Tratto dall’omonimo cortometraggio che valse al regista la candidatura all’Oscar nel 2006 (premio poi andato a The Moon and the Son di John Canemaker), cos’ha questo film in comune con The nightmare before Christmas? Innanzitutto Tim Burton come produttore (affiancato qui da Timur Bekmambetov); poi, anche se realizzato con la computer graphic, un impatto visivo che ricorda molto la tecnica della stop motion, usata proprio nel film del 1993 di Henry Selick; infine, se la protagonista femminile che affiancava Jack Skeletron era una bambola di pezza di nome Sally, 9 non solo prende il titolo dal nome, pardon, dal numero di una bambola di pezza, ma racconta le vicende di un gruppo di suoi simili ai quali si unisce. In uno scenario apocalittico dove gli umani sono spariti, è infatti fortuito l’incontro tra il protagonista (caratterizzato nella versione originale dalla voce di Elijah Wood) e un gruppo di bambole in cerca di rifugio e riparo dalle terribili macchine assassine che si muovono sul pianeta seminando distruzione. I personaggi, frutto della mente di uno scienziato che, come indica il trailer, ha dato loro la scintilla vitale durante gli ultimi giorni dell’umanità, sono caratterizzati da un numero segnato sulla schiena: c’è 1, un veterano di guerra tanto forte quanto prepotente; 2, un vecchio inventore; 3 e 4, le gemelle, che indossano sempre un cappuccio e hanno la mania del catalogare ogni cosa; 5, un coraggioso meccanico con un occhio solo; 6, un artista visionario; 7, una valorosa guerriera; e 8, un grosso guerriero, l’unico con il numero sulla spalla. Nonostante sia l’ultimo (è proprio il caso di dirlo) arrivato, 9 dimostra di avere la stoffa del leader e conquista la fiducia del gruppo. Le bambole, infatti, decidono di seguire i suoi consigli e capiscono che nascondersi è inutile: se vogliono sopravvivere devono cercare di capire perché le macchine vogliono distruggerli e passare all’attacco. L’unione fa la forza e i numeri… contano!

A

75


VG

visioni grafiche


cinema

di Emanuela Andreocci

L’uomo nell’ombra PIZZA AD ALTA DIGERIBILITA’ L’ombra di Polanski asato su The Ghost Writer di T. Harris e sceneggiato dai due a quattro mani, L’uomo nell’ombra non è solo il titolo del nuovo film di Polanski, ma, per uno strano gioco del destino, rappresenta anche la condizione del regista che non ha potuto prendere parte alla presentazione della sua opera alla Berlinale di quest’anno perché costretto agli arresti domiciliari in Svizzera. Il film, che gli è valso l’Orso d’Argento per la regia, narra la storia, come dice il titolo del libro da cui è tratto, di un ghost writer, uno scrittore professionista che accetta di scrivere per conto di qualcun altro: il giovane, interpretato da Ewan McGregor, è infatti l’uomo incaricato di redigere la biografia dell’ex primo ministro britannico Adam Lang (con le fattezze di Pierce Brosnan), continuando il lavoro del suo predecessore morto in una strana e misteriosa circostanza. Quando lo scrittore raggiunge il politico in un’isola sulle coste orientali degli Stati Uniti, capisce però di essersi imbarcato in un’impresa troppo grande e difficile da gestire: Lang infatti viene accusato di attività illegali, di un legame inconfessato con la Cia e di aver permesso la tortura di prigionieri sospettati di terrorismo. Alla luce delle nuove terrificanti scoperte, il giovane scrittore comincia a credere che la morte del suo predecessore non sia stata solo una tragica sfortuna e inizia a temere per la propria vita. Al di là di quelle che sono le sue vicende personali, sulle quali ognuno può giustamente avere la propria opinione, va detto che Roman Polanski è sicuramente uno dei maggiori cineasti esistenti: solo per citare un paio dei suoi lavori, l’inquietante Rosemary’s baby è considerato a ragione uno dei migliori film horror di tutti i tempi e rappresenta una delle vette più alte raggiunte dal genere, mentre il drammatico Il pianista gli è valso sia la Palma d’Oro a Cannes che l’Oscar per la regia. Le opere di Polanski sono tutte caratterizzate da una ricerca espressiva fuori dal comune e da una varietà non indifferente di generi. Anche L’uomo nell’ombra ci darà prova, ancora una volta, delle sue incredibili capacità.

B

Cari amici e clienti, con questo breve scritto vorrei portarvi a conoscenza che in questa Pizzeria mangerete solo pizza ad ALTA DIGERIBILITA’ superiore alla norma. La preparazione dell’ impasto, che è la cosa più importante, viene effettuata con un procedimento all’ avanguardia: farina speciale alla soia, olio extra vergine di oliva ( al posto del tradizionale strutto o grasso animale), sale e lievito. Quest’ ultimo viene maturato nel frigorifero dalle 36 alle 48 ore, in modo tale da ottenere una pizza prima di tutto più digeribile e allo stesso tempo più gustosa delle altre.

Caffetteria | Latte Art | Wine Bar | Cocktails | Aperitivi

Pizzeria | Steak House Take Away

Via Anselmo Banduri, 53/55 00119 Ostia Antica (Rm) Tel. 06 56.51.086 - 06.56.51.082 77


teatro

di Chiara Rovan

Teatro India: da Medea a Strindberg Due appuntamenti imperdibili a stagione pasquale del Teatro “al Gazometro” di Roma offre due rappresentazioni degne di nota: Medea e la luna, tratta da La lunga notte di Medea di Corrado Alvaro, con la regia e l’adattamento di Giancarlo Cauteruccio, noto per la sua trilogia beckettiana (dal 6 al 16 aprile), e Pasqua, di August Strindberg, per la regia di Monica Conti (il 7 e l’11 aprile). Il mito femminile della tragedia di Euripde rivive nell’atmosfera calabrese cara al regista e all’autore, dove la Corinto greca trascolora nel meridione di casa nostra. Siamo alla fine del fascismo, un periodo pervaso da melodie popolari riscritte da Peppe Voltarelli ed eseguite dal vivo. Patrizia Zappa Mulas (antecedenti illustri Irene Papas, Piera degli Esposti, Mascia Musy) interpreta il ruolo di una Medea distrutta, immigrata, delusa ma ancora forte per affrontare un destino di rinunce, scelte disperate e angherie feroci subite da lei stessa e dai suoi figli. Medea, per Alvaro, è “un’antenata di tante donne che hanno subito una persecuzione razziale e di tante che, respinte dalla loro patria, vagano senza passaporto da nazione a nazione, popolano i campi di concentramento e i campi di profughi”. Intense le interpretazioni di Fulvio e Giancarlo Cauteruccio, supportate da una scenografia di originali proiezioni visive e forti giochi di luce. In Pasqua Strindberg racconta in tre atti i tre giorni che precedono la Santa Festività vissuti da una famiglia reietta, gli Heyst, che vive nell’incubo del feroce orco creditore Lindkvist. Marchiati dall’ignominia della galera, della follia e della povertà, gli Heyst capiranno che una resurrezione è possibile, anche per loro, se riusciranno a cambiare il modo di vivere e osservare gli eventi. Unica opera del drammaturgo svedese con finale lieto e gesto inatteso dell’antagonista. Afferma la regista: “È il segno di un possibile cambiamento che ci riguarda da vicino, soprattutto oggi. Basterebbe uscire dal proprio ego che ci fa essere sempre più ansiosi e nevrotici, e compiere nella vita di tutti i giorni piccoli gesti di umanità”. Nel cast: Michela Martini, Federico Manfredi, Silvia Ajelli, Greta Zamparini, Alessandro Lussiana, Nicola Stravalaci.

PASQUA

MEDEA E LA LUNA

VG

visioni grafiche

L

79


VG

visioni grafiche


di Riccardo Colella

videogames

di Luca Salustri

DVD del mese

Pirates of the Burning Sea

L’uomo che fissa le capre Sgangherata commedia su una generazione di combattenti americani

ob Wilton (Ewan McGregor) è un giornalista che tenta affannosamente di affermarsi nella sua professione. I suoi insuccessi lavorativi si affiancano, inoltre, ad una non rosea situazione sentimentale, poiché il suo matrimonio è oramai agli sgoccioli a causa dei continui tradimenti della moglie. La svolta della sua vita avviene quando, inviato in Iraq con lo scopo di raccogliere news dal Medio Oriente, entra in contatto con Lyn Cassady (George Clooney). Quest’ultimo è un soldato Jedi e monaco guerriero che fa parte di un reparto segreto dell’esercito statunitense denominato New Earth Army. La caratteristica di tale truppa, fondata nel 1983, risiede nel cosiddetto “flower power”. Questa singolare metodologia di combattimento trova il suo punto di forza nei poteri paranormali di cui sono dotati i componenti della curiosa brigata. Il giornalista scopre, così, che l’esercito della New Earth Army riesce a leggere il pensiero del nemico, attraversare i muri e addirittura uccidere una capra mediante la potenza del solo sguardo. Improvvisamente, però, il fondatore del gruppo, Bill Django (Jeff Bridges) - un hippy di lunga data - si dà per disperso e i suoi compagni iniziano una disperata ed affannosa ricerca. Bob Wilton decide, così, di unirsi definitivamente al gruppo e di partecipare alla loro missione. Al termine di innumerevoli peripezie, il giornalista riuscirà, finalmente, a scrivere il suo articolo, corredato ed arricchito dalle iniziative uniche intraprese durante la sua esperienza al fianco di Lyn Cassady e all’interno del suo esercito. La pellicola, distribuita nella sale cinematografiche italiane nel novembre del 2009, è diretta da Grant Heslov. “L’uomo che fissa le capre” - il cui titolo originale è “The men who stare at goats” - è tratto dal libro “Capre di guerra”, scritto dal reporter americano Jon Ronson. Dopo l’esperienza del 2005 con “Good night, and good luck”, Heslov e George Clooney tornano a lavorare insieme. Durante la precedente occasione, i due erano stati, infatti, insieme sia alla sceneggiatura sia al soggetto della realizzazione, con il solo Clooney che ricopriva anche le vesti di regista ed attore. Ora, invece, i ruoli si sono “rimescolati”: come detto, Heslov è alla regia e Clooney ricopre il ruolo di Lyn Cassady, ma entrambi, insieme a Paul Lister, sono i produttori.

B

n principio era il vino, che col passare degli anni migliora. Poi fu Sean Connery, per il quale vale lo stesso ragionamento del vino. Oggi parliamo invece di “Pirates of The Burning Sea”. Un titolo che, nonostante sia ormai da qualche tempo sul mercato, sta racimolando sempre più estimatori, e pare ancor tenere botta, se non addirittura surclassare molti dei MMORPG (Massive(ly) Multiplayer Online Role-Playing Game: gioco di ruolo online multigiocatore di massa) ultimamente apparsi in commercio. La trama è molto semplice. Siamo nel 1720 e le potenze che si contendono il predominio dei mari sono tre: Inghilterra, Spagna e Francia. A noi non spetterà altro che scegliere quali di queste tre nazioni servire. Ovviamente, se girare a zonzo per il Mar dei Caraibi sotto la bandiera di un regnante non è di vostro gradimento, potrete rivolgervi altrove. Perché non provare quindi la quarta fazione disponibile? In una parola sola... Pirati! Diventare un vero Signore dei Mari sarà però impossibile senza l’ausilio di un’imbarcazione. Per poter far questo, dovrete innanzitutto tener d’occhio l’aspetto economico. I vostri risparmi potranno essere incrementati attraverso razzie e “trade”, così da poter acquistare orpelli e materiali per la vostra imbarcazione. A proposito di imbarcazioni, notevole è la flotta messa a disposizione dagli sviluppatori di Flying Lab Software: sloop, golette, vascelli e galeoni e quant’altro desideriate, vi aspettano al porto. Ovviamente, come ogni MMORPG che si rispetti, particolare attenzione è riservata al PVP (Player contro Player). Arrembaggi, scontri e battaglie saranno quindi all’ordine del giorno per accaparrarsi l’area portuale. Poco altro da aggiungere: se amate il mare, le storie di pirati o i libri di Patrick O’Brian, è il titolo che fa per voi.

I

83


spettacolando

di Barbara Zorzoli

Anime inquiete

Tra i vip scatta il demone della ricerca: della forma fisica, della felicità e di una casa!

Nonna Timberlake ustin Timberlake e Jessica Biel negli ultimi mesi hanno avuto una relazione piuttosto turbolenta. Si è parlato di crisi ma anche di riconciliazione. Ora a metterci bocca è la mamma del cantante, la signora Lynn Harless, che ha espresso un desiderio: vedere il figlio all’altare con la splendida attrice. La donna ha spiegato che lei e il marito Paul considerano Jessica come una di loro e vogliono che costruisca una famiglia insieme a Justin anche perché desidera diventare nonna al più presto. “Ho amici che hanno nipoti - ha raccontato in un’intervista la mamma di Timberlake - e ho cercato di far capire a Justin che sto perdendo il treno. Però, ho dei cagnolini per nipotini. Justin possiede due boxer e Jessica un pitbull che ora fa parte della famiglia”. Più che una nonna… diverrà una dog-sitter!

J

Gwyneth Paltrow tonica grazie a Tracy Anderson a sua amica Tracy Anderson l’ha aiutata a combattere i cedimenti fisici dovuti all’età. Gwyneth Paltrow oggi è una 37enne in formissima. Il video dell’attrice in cui vengono mostrati i progressi e i miglioramenti durante gli esercizi è stato pubblicato ad inizio marzo. Del resto la personal trainer Anderson è una star tra i vip e ha tra le sue clienti Jennifer Aniston, Madonna, Courtney Cox, tanto per fare qualche nome. Gwyneth, sposata con Chris Martin e mamma di Apple, 5 anni, e Moses, 3, è al culmine della gioia. “Ha preso a calci i miei cedimenti - ha spiegato la diva - Le sarò sempre riconoscente. È riuscita a fare miracoli mentre mi preparava per girare “Iron Man”, soprattutto con le braccia e il problema del “pipistrello” tanto comune tra le donne”. Le fa eco pure la Cox: “Avevo sentito parlare di Tracy e avevo visto risultati fantastici, così l’ho voluta pure per me. Ha risollevato il mio sedere, ha scolpito le mie braccia, ora la pelle del mio corpo è di nuovo aggrappata al muscolo. Eccezionale!”. Donne di tutto il mondo: se volete un personal trainer con i fiocchi, non vi rimane che cercare di contattare il nuovo guru del corpo, all’anagrafe Tracy Anderson... il compenso poi, sarà solo una bazzecola!

L

84

Eva Mendes, psicoterapia per la felicità olo una moda? Forse. Sono sempre di più i famosi e non che si rivolgono allo psicologo nel terzo millennio. La bellissima Eva Mendes è tra questi. L’attrice ha la sua seduta una volta a settimana e ritiene sia fondamentale non bucare l’appuntamento. Eva è convinta che la psicoterapia sia un aiuto importante per trovare la felicità. Parlare con qualcuno che non sia direttamente coinvolto con i problemi della propria esistenza è salutare e fa bene. “È bello quando c’è una persona che non ha un legame emotivo con la nostra vita e fa di tutto per farti sentire meglio - ha detto la diva a In magazine - Non potrei rinunciare alla mia seduta dallo psicologo”. La 35enne, fidanzata dal 2002 con il film-maker peruviano George Augusto, adora stare dentro una relazione. “Sono un’innamorata dell’amore!”, ha sottolineato. Nonostante la vita appagante e sotto i riflettori, nel 2008 ha deciso di andare alla Cirque Lodge, una rehab nello Utah, per un supporto professionale in grado di alleviarla dallo stress. “Eva ha lavorato tanto lo scorso anno - chiarì il suo portavoce - Ha preso una decisione positiva. Ha bisogno di risolvere alcune questioni personali. Voleva un aiuto esterno”. Le è servito. E ora non riesce più a fare a meno dello psicologo!

S


Johnny, ricco Johnny… ohnny Depp è uno degli attori più bravi ed affascinanti del mondo. Ora, per vestire di nuovo i panni di Jack Sparrow nel quarto capitolo di “Pirati dei Caraibi”, potrebbe diventare anche il più pagato: 38 milioni di dollari stanno infatti per transitare sul suo conto. Sembra che i boss della Disney puntino tutto su di lui dato che Orlando Bloom e Keira Knightley hanno deciso di prendere altre strade e di abbandonare una delle saghe cinematografiche più amate degli ultimi tempi. Si pensa anche che il quarto film dedicato alle avventure di Jack Sparrow possa diventare tranquillamente un campione di incassi come gli altri tre. Insomma una vera e propria miniera d’oro e Johnny entrerà così nell’Olimpo dei nababbi di Hollywood insieme a colleghi del calibro di Tom Cruise, Tom Hanks e Mel Gibson. Tornando ai “Pirati”, si mormora che Penelope Cruz possa essere la nuova protagonista femminile. Depp e l’attrice spagnola insieme? Una bella accoppiata... caliente!

J

Nicole, una gravidanza a 43 anni? icole Kidman, mamma di due figli adolescenti, Connor e Isabella, adottati quando era sposata con Tom Cruise, ha avuto anche la fortuna di vivere la maternità con il secondo marito, il cantante country Keith Urban. Ora la star hollywoodiana, 42 anni, vuole provare di nuovo le gioie della gravidanza ed è determinata a dare un fratellino o una sorellina all’ultimogenita. La star di “Nine” e il consorte sono stati avvistati nel centro per la fertilità di Los Angeles e una fonte ha raccontato al giornale “National Enquirer” che la bella australiana sta facendo di tutto per rimanere incinta: “Nicole e Keith sono entrambi determinati a dare un fratellino o una sorellina a Sunday Rose. Alla sua età, Nicole non può pianificare una gravidanza a caso. Già la prima volta ha avuto bisogno di aiuto per rimanere incinta e sa bene come funziona tutto l’iter. Nicole e Keith sperano nella natura e nei trattamenti per la fertilità. La Kidman sta cercando opzioni alternative perché vuole rimanere incinta entro il suo 43esimo compleanno, che festeggerà a giugno. Lei e il marito sono consapevoli che concepire un bambino non sarà un’impresa facile, visti anche i problemi clinici di Nicole, ma sono molto determinati”. Teniamo le dita incrociate per loro!

VG

visioni grafiche

N

85


VG visioni grafiche

VG visioni grafiche


BLUGIRL VARRA NO NA GAETA

di Valentina Mancini

moda e tendenze

È ora di uscire allo scoperto! Come s-vestirsi nella bella stagione, dal militare al floreale Jacobs, seduzione e trasparenza per Laura Biagiotti. Ma l’estate è anche floreale, e non rinnega la bellezza della natura. Macro o micro, le stampe a fiori sono multicolor e multi sfaccettate, per la donna che non rinuncia a un sano romanticismo. Enrico Coveri utilizza tonalità accese, dal giallo al rosa shock, in lungo e corto con accessori combinati; quello di Krizia è un abito sbarazzino, dai colori tenui a stampa macro, ideale per una passeggiata sul lungomare; Dior propone abiti decisaLAURA mente più “scoprenti”, un vero elogio al corpo femminile; elegante ed eccentrica la tuta firmata Blugirl, sfondo bianco in contrasto con grossi papaveri rossi; da cocktail, il tubino raffinato e seducente di Luisa Beccaria. Il trend è ostentare, scoprire, mostrare. Adatto a tutte le bellezze senza pudori, si esplica attraverso spacchi vertiginosi, tessuti PVC o a rete, pizzo, seta e chiffon. I toni più in voga sono i classici

ENRICO COVERI

arlumi di sole fanno da intermezzi a giorni piovosi e riscaldano l’aria ricordandoci che è alle soglie la Primavera. Si cominciano a sfilare i collant e a ridurre gli strati d’indumenti. Strisce di pelle, fino ad ora nascoste da mesi di freddo, tornano a respirare, accarezzate da una brezza non più tagliente. Il rigido inverno trascorso apre i battenti ai primi soli, e il guardaroba a una ventata di freschezza e novità. È ora di fare il cambio di stagione. Pochi rimasugli di abiti in saldo sono relegati agli angoli di negozi e boutique per lasciare la scena alle nuove collezioni. Ma prima che le vetrine possano esercitare un fascino irresistibile all’acquisto istintivo, e magari sbagliato, è bene dare un’occhiata alle proposte moda degli stilisti. Il must delle collezioni Primavera/Estate 2010 è guerra. Ma solo di stile. Maglie, pants e hot pants ricordano eroi militari, solo con una raffinatezza inusuale, impreziosita da ruches, lacci, balze iperfemminili e accessori cool. I toni del verde e del marrone la fanno da padrone, monopolizzando la stagione: abiti lunghi ed eleganti per John Richmond, minidress e giacca per Marc Jacobs, canotta e gonna tubino per Iceberg; questi, alcuni tra i look più in voga. Largo spazio a cappellini, leggins e cinture in vita. Accanto al military look, s’impone il tribal-chic che evoca una donna selvaggia, libera, sexy e scintillante. Motivi zebrati per Gaetano Navarra, colori intensi e linee geometriche per Marc

B

bianco e nero, cui si aggiunge il cipria, delicato e sognante, ma nessun colore è messo al bando. In vista la lingerie, sotto corpetti e abiti in tessuti molto più vedo che non-vedo. Camicia white in pizzo per Max Mara, così come le décolleté Nina Ricci; un incanto l’abito semitrasparente di Ermanno Scervino con fiori ricamati tono su tono; in pizzo persino gli occhiali da sole firmati Chanel. E sotto questi abiti non si può nascondere nulla. Culottes, babydoll, reggiseno e corpetti sono ben in vista, sotto o sopra. Già, perché torna la mania del top sulla t-shirt, del collant sui pantaloni o che da essi fuoriesce. SemBIAGIOTTI bra assurdo, eppure basta dare un’occhiata alle collezioni di Just Cavalli, Ermanno Scervino, Bottega Veneta, Fendi, e molti altri, per accorgersi che l’intimo è emerso. È il momento di mettersi allo scoperto, che la mise sia aggressiva, romantica o sensuale.

MARC JACOBS

ICEBERG

JOHN RICHMOND

87


VG

visioni grafiche


di Luca Salustri

questione di cilindri

Saab 9-3X

Grande comfort con una speciale attenzione all’ambiente

on l’arrivo della primavera l’attenzione del mercato automobilistico di nicchia volgerà lo sguardo soprattutto sulla nuova Saab 9-3X. Presentata un anno fa durante il Salone di Ginevra, rispetto alla precedente versione 9-3 Station Wagon, questo modello prevede un rialzo dell’assetto di 3,5 centimetri, di modo che la nuova vettura possa agilmente affrontare qualsivo-

C

glia terreno. Molto alti risultano i livelli relativi alla capacità di carico, con 477 litri che possono anche arrivare ad un massimo di 1.331 litri. Per consentire il massimo confort in tema di trasporto bagagli, il vano portabagagli posteriore è estremamente ampio. Dal punto di vista dei motori, la Saab 9-3X ha una versione 2.0 Turbo benzina da 210 cavalli adattato per supportate l’alimentazione ad etanolo E85. Un’ulteriore versione prevede, invece, il gasolio, TTiD da 180 cavalli che, comunque, consente di raggiungere ottimi risultati relativamente ai consumi ed alle emissioni inquinanti. Con questa nuova autovettura, la Saab ha deciso

Kia Cadenza C on lo scopo di far finalmente breccia anche all’interno del mercato europeo, la Kia sta per lanciare definitivamente la sua nuova berlina media, l’attesissima Kia Cadenza. Questo nuovo prodotto dovrebbe sostituire le precedenti versioni dell’Optima e della Magenits, i cui risultati in termini di vendite europee non hanno fatto registrare picchi molto alti.

di unire per la prima volta un motore BioPower, che è azionabile con la miscela E85 a base di bioetanolo, con la già apprezzata trazione integrale XWD. Tuttavia, la nuova 9-3X sarà anche disponibile con un motore a 2.000 turbo benzina e con il turbodiesel commonrail 1.9 TTiD unito alla trazione anteriore. E’, inoltre, presente anche il cambio manuale a sei marce. Dal punto di vista estetico, invece, il bagagliaio si presenta interamente rivestito di moquette e l’illuminazione è data da due luci riposte all’interno dei quarti montanti del tetto. Per chi ne fosse interessato, il prezzo oscilla tra i 36.101 euro ed i 41.551 euro.

La Corea prova a conquistare l’Europa

Gli addetti ai lavori si sono già potuti ampiamente fare un’idea in merito. Un “primo contatto” lo si è, infatti, avuto durante la presentazione della versione Kia KND-5 Concept allo scorso Motor Show 2009 di Seul, mentre il modello definitivo è stato presentato a novembre rispettivamente nei saloni di Dubai e Kuwait. Per cercare di compiere il tanto auspicato salto di qualità, la casa automobilistica sudcoreana ha deciso di cambiare notevolmente lo stile della vettura, dandole una linea decisamente più slanciata e raffinata delle precedenti. Non si può non notare, in proposito, il particolare profilo laterale e la cromatura nell’area dedicata al battitacco. Con l’uscita della Cadenza, la Kia sembra aver inoltre abbandonato il ricorso

al sistema BorgWarner con frizione elettromagnetica in favore del nuovo sistema Haldex, dotato di pacco ad azionamento elettroidraulico. Sul versante delle motorizzazioni, abbiamo tre propulsori benzina con delle potenze che variano tra i 165 ed i 295 cavalli con il nuovo quattro cilindri da 2.4 litri e 201 cavalli. Non mancheranno neanche i V6 della serie Lambda (2 litri) ed i nuovi Diesel della serie R (2,2 litri) con potenze fino a 197 CV. Il cambio - prodotto dalla Hyundai sarà, invece, automatico a sei rapporti. Le reali caratteristiche della nuova autovettura saranno però rappresentate dalle luci diurne a LED e dal peculiare stile per la plancia che prevedrà la parte centrale della console riprodurre la forma della calandra, protesa verso l’abitacolo.

89


visioni grafiche

VG

www.primaverde.it Piante acquatiche, Bonsai, Vasto assortimento di piante mediterranee, austrialiane e tropicali, Piante da interno, Bulbi e semi anche biologici, Piante grasse, Vasto assortimento di vasi, terrecotte e ceramiche artistiche, Show-Room di Fiori freschi, secchi, artificiali e composizioni artistiche, Concimi e Substrati (COMPO e CIFO), Materiali per l’irrigazione (GARDENA), Attrezzature e macchine da giardino, Fornitura e Montaggio di strutture in legno (pergole, grigliati, ecc...)

ACILIA (10.000 mq di esposizione): Via P. Cocchi, 151 - Tel: 06.523.57231 - Fax: 06.52352865


a cura di Lorenzo Palmieri

La Libreria di Primaverde HIBISCUS SYRIACUS Origine: Cina Famiglia: Malvaceae Nome comune: Ibisco DESCRIZIONE: alberello o arbusto a portamento eretto. Con i suoi fiori a forma di tromba regala al giardino un lussuoso aspetto esotico, che sa di luoghi lontani, caldi e assolati. La specie ha molte varietà e ibridi.

TIPOLOGIA: albero o arbusto.

DIMENSIONI: H 3 m, Ø 2m.

FOGLIAME: caduco; foglie ovate, trilobate, dentate ai margini, di colore verde scuro.

FIORITURA: estate-autunno; i fiori abbondantissimi, campanulati-imbutiformi, vanno dal bianco al rosa, al rosso e al viola.

CLIMA: rustico, resiste bene al freddo. Può essere coltivato dal livello del mare fino ad altitudini di circa 1000 m.

ESPOSIZIONE: in pieno sole la fioritura è più abbondante;

TERRENO: si adatta a qualunque tipo di substrato, anche arido, purché ben drenato.

ACQUA: quantità medie

CONCIMAZIONI: concimare periodicamente con concimi minerali bilanciati.

POTATURA: a fine inverno. Dopo la fioritura è possibile eliminare i rami intricati. Accettando senza problemi la potatura, forma splendide siepi.

POSSIBILI IMPIEGHI: allevato su un solo fusto diventa un albero di piccole dimensioni quindi molto adatto per piccoli giardini. In gruppi è utilizzato per formare aiuole e siepi, sovente per costituire schermi visivi.

scheda n. 57


VILLA LANTE

informazione redazionale

Spionaggio e Controspionaggio: è Boom! on il progressivo abbassarsi del costo della componentistica elettronica, sono arrivate da qualche anno sul mercato strumentazioni per Spiare a prezzi prima impensabili. Stiamo parlando di Microspie, Localizzatori Satellitari, Microregistratori, Microcamere, Cellulari Spia, Microfoni, Microauricolari: il paradiso di chi vuole Spiare. Oggi il mercato di queste strumentazioni si è aperto a nuove tipologie di clienti, vediamo quali. Se prima era destinato primariamente a Forze dell’Ordine, Agenzie Governative, settore dell’Investigazione privata, oggi la maggior parte dei clienti sono semplici Privati e Imprenditori & Manager, che a seconda dei casi vogliono proteggersi dalle intercettazioni o eliminare la possibilità di incorrere in fughe di informazioni riservate (ma anche effettuarne). Non solo, presso lo Showroom Spy Shop dell’Infernetto è frequente l’arrivo di molti genitori preoccupati, che chiedono soluzioni per il controllo dei minori, come quello di fidanzati gelosi che vogliono fugare i propri dubbi, o di mogli tradite che cercano prove concrete. Nel negozio è presente anche la strumentistica relativa al settore opposto, quello che possiamo chiamare di difesa: i cosiddetti sistemi di “Contromisura Elettronica”, atti a rendere inefficaci ad esempio localizzatori satellitari, oppure a rilevare microspie piazzate in auto, casa o ufficio. Attualmente sono molto richiesti anche i Rilevatori di Cellulari e di trasmittenti Gsm/Umts (spesso nascosti in comuni elettrodomestici e oggetti di uso comune) molto insidiosi perché hanno una portata illimitata. Installati a Roma è possibile ad esempio ascoltarli o vederli anche a New York. Non è raro che qualche Vip si rechi presso Spy Shop preoccupato della presenza intorno alla propria dimora di paparazzi “tecnologicamente attrezzati”. Le attività di Spy Shop includono consulenze di protezione elettronica/informatica e bonifiche ambientali con strumentazioni di grado militare. La visione degli articoli è possibile Online sul sito della rivendita oppure presso lo Showroom tramite appuntamento esclusivo. Dare la massima discrezione e privacy, a tutti i nostri clienti è la nostra prima regola.

C

Davide Cavacece - Esperto di Strumentazione per Spionaggio & Controspionaggio Elettronico. www.protezioneglobale.com - e-mail: sales@nucleotek.com

Alla scoperta di

Bagnaia

viaggi di Sara Mondaini

Piccolo borgo medievale impreziosito da una villa dimora di Papi e Cardinali agnaia è un borgo medievale situato a pochi chilometri da Viterbo, lungo la strada che attraversa i monti Cimini. L’ingresso nel cuore (vecchio castrum) della cittadina attraversa una torre cilindrica, presidio dell’antico castello medievale. All’interno vi si trova subito una bellissima piazzetta con al centro una caratteristica fontana, dalla quale si diramano un reticolo strettissimo di vie, in cui si trovano, come perle, diverse chiese, e in cui perdersi con l’immaginazione tra l’odore dei caminetti accesi. La permanenza di vescovi e cardinali, che nel XV e XVI secolo avevano l’abitudine di frequentarla come residenza estiva, ha portato alla costruzione anche di una Bagnaia “fuori” dalla porta, che ha raggiunto l’apice con la realizzazione della famosa “Villa Lante”, un’attrazione per il luogo e per tutti coloro che vogliano visitare uno dei più mirabili esempi di “giardino rinascimentale all’italiana”. La villa è stata costruita alla metà del Cinquecento per volontà del cardinale Giovan Francesco De Gambara, e da allora ha subìto vari ampliamenti che ne hanno esaltato la bellezza e il fascino. L’elemento che la domina e la caratterizza è sicuramente l’acqua: acqua che sgorga da una sorgente dei colli Cimini, che si alimenta e precipita in piccole cascate e che scorre nelle eleganti fontane, impreziosite da geometriche scale e confluenti nella cosiddetta Fontana del Quadrato. Dalla fontana dei Delfini ha inizio una catena a forma di gambero che degrada fino alla sottostante Fontana dei Giganti, che precede un’originale vasca, detta tavola del Cardinale. Dalla balaustra della Fontana dei Lumini si può godere di una splendida vista di questo giardino all’italiana, disposto su cinque terrazze, con al centro la citata Fontana del Quadrato. Le due palazzine all’interno possono vantare un importante ciclo di affreschi. Nella palazzina di destra, edificata ai tempi del cardinal Gambara, le pareti e i soffitti sono animati da scene mitologiche e di caccia, opera dei manieristi della Scuola degli Zuccari e di Antonio Tempesti. La palazzina Montalto, a sinistra, venne completata intorno al 1590 e affrescata ai primi del Seicento da Agostino Tassi, dal Cavalier d’Arpino e da Orazio Gentileschi, dei quali sono imperdibili le scene marinaresche e le figure allegoriche.

B

93


VG visioni grafiche


informazione redazionale

Medaglie d’oro per la scuola Golden Dragon

VG

arco Galiè è il maestro Caposcuola del Laojia Shan Lung, antichissimo stile del kung fu cinese (detto del Drago della montagna). Lo abbiamo intervistato, di ritorno dal festival wushu internazionale ad Hong Kong, presso la scuola Golden Dragon. Per Marco Galiè e per i suoi allievi la trasferta cinese è stata fonte di enormi soddisfazioni… Di che tipo di manifestazione parliamo? All’ottavo festival di wushu di Hong Kong hanno gareggiato 7.000 iscritti. Tantissime le categorie per tre giorni di gare serrate: molto più di un campionato del mondo. Che tipo di kung fu riusciamo a praticare noi italiani? Ovviamente non siamo uguali ai cinesi. È un problema di stile di vita: loro iniziano da piccoli e lo praticano per 3 ore al giorno tutti i giorni. Hanno una vita sportiva più breve, a 25 anni sono consumati. In vecchiaia sono fenomenali: ho visto ex monaci Shaolin di sessant’anni fare ruote senza mani e spaccate, bambini di sei anni che si allenano con una devozione e una tenacia che qui ci scordiamo. Loro sono un’altra cosa. Che ci dici del mito dei monaci Shaolin? Che è una grande tradizione, piena di grandissimi maestri. Alcuni importanti cultori della disciplina Shaolin vivono in Italia. Contestualmente a questo, c’è anche tanta mitizzazione. All’Università di Pechino, all’Università di Shangai e di altre città cinesi si trovano atleti altrettanto forti. E della gara di Hong Kong? Si è trattato di mettersi in gioco davanti ai propri allievi. La nostra scuola ha preso 10 ori, 2 argenti e 1 bronzo. È stato un grande risultato. Ho iniziato io nella categoria maestri tra i 45 e i 48 anni. Ho preso l’oro nella forma a mani nude, oro nella forma con alabarda e argento nella sciabola. La mia atleta migliore è stata Luana Di Pasquale con 5 ori e 1 argento. Risultati importanti anche per Daniele Petrazzini e Davide Araneo. Da quanto tempo fai arti marziali? Da 40 anni, kung fu dall’82. Preciso che il kung fu serio, tradizionale e cinese cerchiamo di farlo noi. Siamo impegnati ad aderire il più possibile alle loro tradizioni e alle loro pratiche, aggiorDA SINISTRA: MARCO GALIÈ, , nandoci e andando a studiaLUANA DI PASQUALE, DANIELE PEDRAZZINI re in Cina periodicamente. Perché un giovane deve scegliere il kung fu? Consiglio di fare una distinzione tra gli sport da combattimento e le arti marziali. Queste ultime sono uno stile di vita, un continuo lavoro psicofisico su se stessi. Sono necessari educazione, rispetto, onore, disciplina, obbedienza, sopportazione alle avversità, agli stress e al dolore. C’è una grande ignoranza di tutto questo perché molte persone si sono improvvisate maestro. Noi organizzeremo conferenze e seminari a livello mediatico e scolastico per insegnare ciò che è veramente un’arte marziale. Un bravo maestro si vede da quanti bravi atleti riesce a formare.

visioni grafiche

M

95


VG

visioni grafiche


Achille

di Simona Bottoni

arredamento

Castiglioni: spirito innovativo De Padova gli dedica una mostra nel suo showroom milanese chille Castiglioni mette tutti d’accordo: figlio di uno scultore si laurea al Politecnico di Milano nel 1944 e dopo la laurea lavora in Piazza Castello, nello studio dei fratelli maggiori Livio e Pier Giacomo. In quello stesso anno partecipa, insieme ai fratelli, alla VII Triennale di Milano dove presenta l’IRR126, apparecchio radio concepito per la produzione industriale. Nel 1956 è tra i fondatori dell’Associazione Italiana del Disegno Industriale. Tra il 1955 ed il 1979 vince sette Compassi d’oro. Ha curato il design di sedie come “Mezzadro”, “Sella”, la poltrona “Sanluca”, la lampada da scrivania “Tubino”, la lampada da terra “Luminator”, la lampada da tavolo “Taccia”, il sedile “Allunaggio” e la famosissima “Arco” prodotta da Flos. Quattordici delle sue principali opere sono presenti al MOMA di New York che ha realizzato in suo onore la più grande

A

SELLA

retrospettiva mai dedicata ad un designer italiano. È morto nel 2002 TACCIA all’età di 84 anni. Achille Castiglioni, si diceva, mette tutti d’accordo perché è stato un grande designer ed anche un grande uomo, come lo ricorda chi l’ha conosciuto personalmente: amava parlare con tutti ed era un uomo dal pensiero essenziale. Insieme ai fratelli Livio e Pier Giacomo ha firmato i più bei mobili, accessori, lampade e oggetti popolari: tutti hanno in casa un Castiglioni. Per la prima volta, dal 12 al 24 aprile prossimi, presso lo showroom De Padova a Milano, saranno

SANLUCA

esposti 23 modellini originali nella mostra “Effetto Castiglioni” curata da Didi Gnocchi. Sarà un percorso che coprirà il periodo che va dagli anni ‘50 al 2000: andrà dalla maquette in una valigia da rappresentante ai padiglioni della BTicino, agli allestimenti itineranti per la Rai e alle vetrine del negozio De Padova a Milano. Molti di coloro che lo conoscevano o che hanno collaborato con lui sostengono che il suo segreto fosse la genialità e il non smettere mai di essere curioso, guardandosi intorno. Italo Lupi, un grafico di fama internazionale, già direttore di Abitare, dice che: “C’è una frase che spiega più di tutte la sua forza ed è ‘peccato che tutto si trasformi in lavoro!’ Con lui infatti si lavorava in modo disteso, affrontando le cose seriamente ma mai seriosamente. Le idee più originali venivano sempre da lui, perché aveva la capacità di pensare in modo libero, senza TOIO ARCO preconcetti, sapendo mantenere la memoria del progetto, ma senza mai storicizzarsi”. Tra le sue creazioni più significative ci piace citare l’interruttore rompifilo applicabile a qualsiasi filo di conduzione elettrica con un corpo in plastica termoindurente; la lampada da terra ready-made, ispirata da un fanale d’auto americana e da una canna da pesca, con una base di acciaio verniciato e stelo in ottone nichelato; il tavolino pieghevole cumano di Zanotta, ispirato al classico tavolo da caffè per esterni fine ‘800, con struttura in tondino di acciaio e piano in lamiera verniciata nei colori bianco, nero, amaranto o alluminio.

ALLUNAGGIO

97


VG

visioni grafiche


a cura del Dott. ANTONIO SEMENTILLI Chimico iscritto all’Ordine N. 1835 per Lazio, Unbria, Abruzzo e Molise e della Dott.ssa MARIA GRAZIA MELE - Specializzata in Citopatologia Clinica

La prevenzione della Trombofilia Per prevenire l’evento trombotico è indicato uno screening in alcuni tipi di soggetti: pazienti con precedenti episodi di tromboembolismo venoso o trombosi arteriosa; donne che intendono assumere contraccettivi orali ; donne con poliabortività; pazienti diabetici. I test consigliati per lo screening sono: • Tempo di protrombina • Tempo di tromboplastina parziale attivato • Fibrinogeno • Resistenza alla proteina C attivata (e/o Fattore V di Leiden) • Mutazione 20210A del gene della protrombina • Omocisteina • Antitrombina III • Proteina S Coagulativa • Proteina C Coagulativa • Anticorpi antifosfolipidi (LAC) • Anticorpi anti cardio lipina • Gene del’MTHFR

L

QUANDO CONVIENE FARE IL CONTROLLO? Alcuni soggetti presentano uno stato di ipercoagulabilità che può portare ad uno stato di tromboembolismo venoso (TEV). Generalmente l’attenzione su questo aspetto patologico viene rivolta ai pazienti relativamente giovani (sotto i 45 anni) che abbiano già avuto un episodio trombotico o a pazienti in cui l’evento trombotico si manifesti in sede insolita (fegato, reni, cervello, addome, retina). Attualmente si tende a porre maggiore attenzione sulla prevenzione delle patologie tromboemboliche attraverso l’esecuzione di una serie di test coagulativi che evidenziano uno stato di ipercoagulabilità prima che si manifesti l’evento tromboembolico. Si fa riferimento ai risultati del pacchetto di esami sulla coagulazione. In particolare se i valori della Resistenza alla Proteina C attivata risultano variati allora circa il 95% dei pazienti risultati positivi saranno sicuramente affetti da mutazione, di un gene (soggetto eterozigote) o di entrambi i geni (soggetto omozigote) rispetto al Fattore V (o fattore di Leiden) o alla proteina PT 20210. In questo caso il rischio dell’evento tromboembolico è aumentato da 3 ad 8 volte, per soggetto eterozigote, e da 30 a 140 volte per il soggetto omozigote. Una volta che i

PROFILO COAGULATIVO I

PROFILO COAGULATIVO II

PROFILO COAGULATIVO III

PROFILO COAGULATIVO COMPLETO

Descrizione Esame FIBRINOGENO P.T.T. PROTEINA C COAGULATIVA ANTITROMBINA III PROTROMBINEMIA PROTEINA S COAGULATIVA APCr (RESISTENZA ALLA PROTEINA C ATTIVATA)

Descrizione Esame FIBRINOGENO P.T.T. OMOCISTEINA PROTEINA C COAGULATIVA ANTITROMBINA III PROTROMBINEMIA PROTEINA S COAGULATIVA APCr (RESISTENZA ALLA PROTEINA C ATTIVATA) ASPETTO DEL SIERO

TOTALE PROFILO € 80,00

TOTALE PROFILO € 100,00

Descrizione Esame FIBRINOGENO L.A.C. P.T.T. OMOCISTEINA PROTEINA C COAGULATIVA ANTITROMBINA III PROTROMBINEMIA PROTEINA S COAGULATIVA ANTI FOSFOLIPIDI Ig G ANTI FOSFOLIPIDI Ig M APCr (RESISTENZA ALLA PROTEINA C ATTIVATA)

Descrizione Esame FIBRINOGENO L.A.C. P.T.T. OMOCISTEINA PROTEINA C COAGULATIVA ANTITROMBINA III PROTEINA S COAGULATIVA ANTI FOSFOLIPIDI Ig G ANTI FOSFOLIPIDI Ig M APCr (RESISTENZA ALLA PROTEINA C ATTIVATA) ASPETTO DEL SIERO FATTORE V DI LEIDEN MTHFR-MUTAZIONE C677T E A1298C

TOTALE PROFILO € 180,00

TOTALE PROFILO € 500,00

PROFILO COAGULATIVO GENETICO

FATTORE V DI LEIDEN MTHFR-MUTAZIONE C677T E A1298C

TOTALE PROFILO € 400,00

CHE COSA È LA TROMBOFILIA? È una condizione clinica caratterizzata dalla tendenza a soffrire di episodi trombotici, in età giovanile (sotto i 45 anni) e con facilità alle recidive anche in sedi anomale come: Fegato, Rene, Cervello, Retina... I fattori che contribuiscono alla trombofilia possono essere acquisiti o congeniti. I fattori acquisiti comprendono: • Età • Fumo • Inattività fisica • Gravidanza • Uso di contraccettivi estrogenaci orali • Immobilizzazione • Tumori I Fattori congeniti sono rappresentati dai difetti o dalle mutazioni di alcuni geni che codificano per delle proteine che prendono parte al processo coagulativo. I geni, maggiormente presi in considerazione, sono quelli relativi al Fattore V di Leiden, al Fattore II o Protrombina ed il gene MTHFR.

valori dei test coagulativi indicano la possibilista di esistenza di mutazioni genetiche allora sarà necessario definire i diversi livelli di rischio effettuando alcuni test geneciti onde rilevare possibili mutazioni di: Fattore V di Leiden, Proteina PT 20210, MTHFR.

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682551

99


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio invisibile el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la produzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamento Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

101


DAL 1990 AL 2009 CONSEGUO: • Diploma di Massoterapia - M. Brunetti; • Laurea triennale come Terapista della Riabilitazione. Osp. S. Giacomo; • Corso di Terapia Cranio Sacrale 1° e 2° Livello- Accademia Upledger: • Diploma di Osteopatia D.O. presso le Centre pour l’Etude, la Recherche et la Diffusion Osteopathiques (C.E.R.D.O.).

CORSI POST-GRADUATE: • Metodo Feldenkrais (ginnastica dolce); • Back School (esercizi di gruppo che mirano a far acquisire la giusta postura, ergonomia, rilassamento dei muscoli della colonna vertebrale per prevenire danni e alleviare i dolori). • Nutrizione ed Alimentazione in relazione al trattamento Osteopatico di J.M. Michelin (D.O. M.R.O Fr).

• Metodica dei Blocchi di De Jarnette (un metodo dolce e rapido in cui l’uso di cunei ed il peso corporeo del paziente determinano un’autoregolazione del sistema perturbato).

S

rientra nella nostra competenza. Competenza Osteopatica: in merito a questo l’Osteopata è stato ampiamente sensibilizzato ad attenersi “strettamente” ai propri campi applicativi, escludendo tutte le lesioni e patologie anatomiche e le urgenze mediche; non essendo un medico, l’Osteopata non fa diagnosi ma valuta, non cura solo il sintomo ma ne ricerca la causa, non utilizza e prescrive farmaci, non usa aghi o presidi medici.

degli innumerevoli strumenti che si possono utilizzare per ottenere un risultato e per ristabilire il comfort originario. Ogni individuo “chiama” il suo specifico trattamento, sia per costituzione fisica che per assetto psico/emotivo, per alcuni si usano delle tecniche articolati, per altri tecniche molto più dolci: è questo che fa la differenza e caratterizza il “professionista competente”.

Cosa fa un Osteopata? L’Osteopata D.O. cerca con dei test di mobilità “le cause” che hanno determinato un “blocco funzionale”, che condizionano la vascolarizzazione e l’innervazione alterando l’equilibrio fino a determinare il sintomo o la sofferenza. Ogni parte del corpo è in relazione con un’altra, è per questo motivo che l’Osteopata valuta “L’INSIEME” per ripristinare l’equilibrio in modo naturale, confidando nelle enormi capacità di ripresa di un organismo potenzialmente sano. L’aspetto meccanico dell’Osteopatia (conosciuto come “lo scrocchio”, tecnicamente “trust”) è il più conosciuto, poiché ripristina la mobilità delle articolazioni, ma questo non è che uno

In conclusione possiamo dire che l’osteopata è il “meccanico” del corpo umano dal quale ogni tanto il paziente si reca per fare il “tagliando” specifico per le Sue esigenze ricevendo un tecnica specifica per il suo caso che a volte richiede una meccanica più grossolana a volte più fine! Un professionista preparato, onesto ed umile è potenzialmente utile non solo al paziente ma a tutti gli operatori “della salute” che potrebbero avvalersi di un professionista che non toglie niente a nessuno ma può aiutare molti con lo scopo di creare un approccio “d’insieme” attorno al paziente con l’unico scopo di risolverne la sofferenza ed il disagio.

Rimango a completa disposizione per qualsiasi domanda, spiegazione, dubbio, bisogno, nei limiti della mia competenza, mettendo a disposizione il mio indirizzo di posta elettronica: eleobassi@hotmail.com e poiché è mia intenzione creare delle schede informative nei prossimi numeri di 13 Magazine trarrò spunto dai Vs. quesiti per creare degli articoli che possano divenire d’interesse comune.

STUDIO RONCONI:

P.zza Filippo il Macedone 54 “Le Terrazze” (Casal Palocco) Tel. 06.50.91.13.52 - 06.50.98.439

TRATTAMENTI PRIVATI SU APPUNTAMENTO: Cell. 368.900426 • E-mail: eleobassi@hotmail.com

visioni grafiche

Chi è un Osteopata? Un Osteopata è un professionista che ha concluso un ciclo formativo di 6 anni di studio, con discussione di una tesi (la mia è pubblicata nel sito della CERDO www.cerdo.it) che permettono il conseguimento del titolo di Osteopata D.O. In questi 6 anni si acquisisce la conoscenza teorico-pratica dei tutti i Sistemi Corporei sui quali si applicano test e trattamenti. Inoltre si studia la Semeiotica e Metodologia clinica che ci indica il trattamento più idoneo ma soprattutto se il caso

VG

pesso mi viene chiesto: “Chi è, e Cosa fa un Osteopata?”. Vi ringrazio per questa domanda, perché mi date modo di informarVi su questo meraviglioso modo di prendersi “cura” del prossimo. Farlo in poche e semplici parole non è facile. Oggi più che mai la chiarezza e l’informazione devono essere alla base di ogni rapporto; tali principi infatti tutelano sia Voi pazienti in quanto Vi mettono in grado di conoscere chi Vi accoglierà, e tutelano anche noi operatori sanitari da concorrenze da parte di figure non professionali e non sufficientemente preparate.

Attualmente lavoro presso lo STUDIO FISIOTERAPICO RONCONI di Casal Palocco dove effettuo Mobilizzazioni della colonna vertebrale con il S.S.N.


Città inquinate, danno alla crescita Proteggere la salute dei bambini in un ambiente che cambia al 10 al 12 Marzo scorso, si è tenuta, a Parma, la V Conferenza Ministeriale Ambiente e Salute promossa dall’OMS (Organizzazione Mondiale per la Salute) in collaborazione con il Ministero della Salute, il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare insieme al Comitato Europeo Ambiente e Salute. In tale occasione è stato pubblicato un rapporto dell’OMS in cui vengono messi in evidenza i dieci trend dei principali paesi. Il rapporto si focalizza sui principali fattori di rischio: acqua e igiene insicure, incidenti e inattività fisica, inquinamento dell’aria, sostanze chimiche e rumore. Per l’analisi è stata selezionata una gamma d’indicatori dello European Environment and Health Information System. Lo status delle politiche di salute ambientale è stato valutato attraverso dati forniti da quaranta paesi che hanno risposto a un’indagine OMS del 2009. Mettiamo in evidenza alcuni dati. Fonti d’acqua pulite e igiene hanno permesso un calo dell’80% delle malattie diarroiche nei bambini; la percentuale degli obesi o in sovrappeso tra gli undici e i quindici anni varia dal 3 a oltre il 30%; è scesa l’incidenza di mortalità infantile per malattie respiratorie grazie alla riduzione dell’inquinamento dell’aria outdoor e delle emissioni di piombo; d’altro canto, si stima che fino all’80% dei bambini è esposto al fumo passivo, umidità e muffe in ambiente domestico; il rumore è considerato una delle maggiori cause di stress. I dati sono stati esposti da Legambiente in cinque punti fondamentali relativi a inquinamento e vivibilità delle città italiane. Primo, microconflittualità e stress: sei italiani su dieci si stressano stando in coda nel traffico. Secondo, incidenti stradali. Terzo, obesità: 1/3 degli italiani ne è affetto a causa dell’alimentazione sbagliata e dell’inattività fisica. Quarto, insonnia: in città si dorme 30 minuti a notte in meno per i rumori da traffico e altre fonti di inquinamento acustico. In ultimo, smog: 57 città italiane su 88 superano il limite di emissioni dannose; fra queste Napoli, Torino, Roma, Milano. A conclusione della Conferenza, è stata sottoscritta una Dichiarazione con cui i Governi si impegnano a ridurre, entro i prossimi dieci anni, gli impatti dell’ambiente sulla salute. Altro obiettivo, ambizioso, quello di restituire ai bambini, entro il 2020, pari opportunità.

D

L’interruzione volontaria di gravidanza

salute e benessere

di Valentina Mancini

n base alla legge n. 194 del 1978, in Italia è consentito alla donna di decidere di interrompere la gravidanza per motivi familiari, psicologici, sociali ed economici entro 90 giorni dal primo giorno dell’ultima mestruazione. Una volta accertata la gravidanza, è necessario effettuare un colloquio medico per accertare le motivazioni che la inducono alla richiesta. A questo punto viene rilasciato un certificato con l’attestazione di gravidanza e la richiesta di interruzione della stessa, nel quale specifica che la donna deve soprassedere per ulteriori 7 giorni, in modo da fornire un ulteriore periodo di riflessione, prima di potersi sottoporre all’intervento. Qualora il medico riscontrasse l’esistenza di condizioni tali da rendere urgente l’intervento, è previsto un certificato di urgenza con il quale l’intervento può essere eseguito prima. Nel caso di minorenni è necessaria l’autorizzazione di entrambi i genitori o del giudice tutelare se non è possibile ottenere l’assenso di entrambi. L’intervento può essere effettuato in un ospedale pubblico o in una casa di cura autorizzata dalla Regione. Il ginecologo o l’assistente sociale del consultorio indicano alla donna i luoghi a cui rivolgersi e spiegano le modalità per avere l’appuntamento in ospedale. LA SEGRETEZZA DI QUESTE PROCEDURE È GARANTITA DAL SEGRETO PROFESSIONALE E DALLA LEGGE. L’intervento può essere eseguito in anestesia totale, in analgesia (la donna è sveglia ma non dovrebbe avvertire dolore) e in anestesia locale. La durata è di pochi minuti e solitamente la donna viene dimessa dopo qualche ora con una terapia antibiotica e farmaci per far contrarre l’utero da assumere nei giorni successivi. Una volta dimesse non bisogna fare sforzi fisici eccessivi nei due-tre giorni successivi. Non preoccuparsi se compaiono perdite di sangue e dolori addominali analoghi a quelli delle mestruazioni, o una fuoriuscita di siero/latte dal capezzolo. Le perdite di sangue successive all’IVG possono essere in un primo momento piuttosto scarse; successivamente possono farsi abbondanti ed essere accompagnate da dolori addominali (quando le perdite diventano abbondanti significa che è scomparso l’ormone della gravidanza). Non bisogna spaventarsi di questo fenomeno, ma se persiste è bene rivolgersi al ginecologo. Si possono avere di nuovo rapporti sessuali dopo 15-20 giorni dall’interruzione della gravidanza. Le mestruazioni verranno entro circa 35/40 giorni dall’interruzione. In questo periodo c’è però l’ovulazione e quindi il rischio, se non si prendono precauzioni, di rimanere di nuovo incinta. Dopo 15/20 giorni è bene sottoporsi ad una visita ginecologica di controllo; in questa occasione si possono avere informazioni sui metodi di contraccezione da usare.

I

a cura della Dott.ssa Jessica Melluso

salute e benessere

103


salute e benessere

a cura di Paola Sgrò

Come esaltare il fascino femminile dei 20 anni

VG

Possiamo prima di tutto affidarci ad un consiglio esperto quando si vuole per la prima volta acquistare il necessario per il trucco, in particolare se si tratta di una giovane ragazza dove con pochi prodotti ma giusti possiamo ottenere un esaltante risultato. Un elenco di base* senza rubare qua e là nei beauty degli altri: • Una crema di base • Un fondotinta leggero • Correttore • Cipria • Una matita • Un ombretto chiaro e uno scuro • Un gloss o un rossetto Ecco il risultato... Pochi tocchi e senza esagerare otteniamo un risultato ottimo per una serata come in questo caso. Il trucco non è un mascherare ma un esaltare. Un trucco perfetto si ottiene quando si riesce a dare al viso un aspetto armonioso e curato, che sia in sintonia con la propria personalità, che rispetti i caratteri somatici di ognuno di noi, che si adatti all’abbigliamento e, perché no, all’occasione...

visioni grafiche

Il trucco è sempre stato ritenuto un mezzo importante di comunicazione, non esistono RAGAZZE brutte, esistono RAGAZZE che si trascurano o al contrario vogliono apparire trasgressive e grandi prima del tempo. Vorrei con queste poche righe raccontare come e quando usare il mezzo più bello e femminile da utilizzare per esaltare la bellezza che in ogni viso regna. È questo che fa la differenza...

*Tutto il necessario che occorre per rendere possibile il risultato. Paola e il suo staff sono a completa disposizione per consigli e prodotti.

105


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

di Gaetano Gaggiottino

scienze

La rieducazione funzionale nella distorsione di caviglia

Olio d’oliva estratto a freddo L’indicazione “estratto a freddo” è riservata solo all’olio di oliva extravergine ottenuto a -27°C con un processo di centrifugazione della pasta d’olive con decanter e centrifuga orizzontale. I macchinari per separare la pasta dalle olive sono tutti in acciaio inox, si ottiene così un olio dal gusto delicato che mantiene tutto il suo sapore e le sue caratteristiche nutritive nel corso di un anno.

La banana: un frutto sempre presente Le banane sono una fonte di elementi benefici per la nostra salute. Contengono vitamine A, B, C, minerali come il calcio, il fosforo, il ferro e il potassio, fibre e zuccheri semplici. Possono essere di aiuto in caso di stress e problemi legati al sonno. La vitamina B aiuta a mantenere rilassati e a calmare il sistema nervoso, il Ferro migliora le condizioni di chi soffre di anemia. L’alto contenuto di Potassio e il basso contenuto di Sodio le rende un alimento che riduce l’ipertensione. Alcune ricerche hanno evidenziato che il potassio contenuto nella frutta aiuta il processo di apprendimento e la concentrazione. L’alto contenuto in fibre può contribuire a ristabilire una normale attività intestinale. È uno dei pochi frutti che è possibile mangiare quando si soffre di ulcera perché riduce il senso di irritazione. Inoltre, la banana lenisce i gonfiori e l’irritazione in seguito a punture di insetti. Per finire aiuta a superare la dipendenza da tabacco in persone che stanno cercando di smettere di fumare! Insomma, un frutto che è anche un farmaco.

Il mese scorso abbiamo visto come la distorsione di caviglia sia il trauma di arto inferiore più frequente nella pratica sportiva. La rieducazione funzionale assume dunque una importanza fondamentale per il recupero completo dell’atleta (propriocettività e forza) e per ridurre al minimo le possibilità di recidive. La propriocettività è quella capacità che consente di informare il sistema nervoso centrale della posizione delle nostre articolazioni e delle pressioni a cui vengono sottoposte ed ha lo scopo, dove necessario, di attivare i meccanismi di difesa riflessi che ci consentono di non subire danni. Facciamo un esempio: un corridore campestre mette il piede su un avvallamento del terreno od un giocatore di basket dopo un salto ricade sul piede di un avversario; il meccanismo propriocettivo, tramite dei recettori presenti all’interno della capsula articolare, dei tendini e dei legamenti, consente di attivare rapidamente ed in via del tutto automatica, il riflesso di difesa che ci consente di non subire l’infortunio. In caso di distorsione questo meraviglioso automatismo può incepparsi per la perdita di funzionalità dei recettori propriocettivi. La rieducazione si basa su esercizi di equilibrio che progressivamente aumentano di difficoltà con l’utilizzo di tavolette basculanti e chiedendo al paziente di chiudere gli occhi durante l’esercitazione. Una caviglia infortunata, a causa del forzato periodo di riposo, perde anche forza: è quindi necessario integrare nella rieducazione anche esercizi di preatletismo come andature e saltelli. Dove purtroppo non si può intervenire direttamente con la rieducazione funzionale è la lesione dei legamenti della caviglia. In questo caso, con una lesione importante ed in presenza di una lassità eccessiva dell’articolazione, l’atleta durante l’attività fisica deve utilizzare il taping (fasciatura). Se la lesione legamentosa è totale la riparazione sarà chirurgica. Centro Fisioterapico FISIOTER

Dove nasce il buonumore? Fino a pochi anni fa il meccanismo che genera gli stati d’animo era un vero mistero. Oggi si è in grado di definire con precisione i processi che lo determinano. Ogni cellula nervosa può arrivare ad avere diverse migliaia di connessioni con altri neuroni. Il passaggio delle informazioni tra un neurone e l’altro avviene per mezzo di neurotrasmettitori quali acetilcolina, endorfina, dopamina e altri. Sono loro che, orchestrando magistralmente a livello biologico le connessioni neuronali, determinano il nostro umore e le nostre emozioni.

NUOVA

SEDE

107


scienze

di Penelope Salomone

Ci vuole fegato

salute e benessere a cura del Dott. Angelo Caputo (Medico Chirurgo - Odontoiatra)

Odontoiatria estetica Un organo vitale da monitorare e di cui avere cura er vivere ci vuole fegato”: è lo slogan, che è forse superfluo commentare, della neonata Fondazione Italiana per la Ricerca in Epatologia (Fire) costituita dall’Associazione Italiana per lo Studio sul Fegato (AISF) con il nobile (e pragmatico) intento di promuovere e finanziare la ricerca scientifica in tale campo di studi. Contrariamente a quanto si pensa, le malattie epatiche sono molto diffuse e non sono una prerogativa esclusiva dell’età matura ma colpiscono anche gli adolescenti. 7 milioni d’italiani soffrono di epatopatie: da abuso di alcool, da virus dell’epatite B e C, da danno causato da sostanze tossiche e da farmaci, da obesità. Epatocarcinoma e colangiocarcinoma sono in costante aumento e 300.000 sono i casi di cirrosi epatica diagnosticati ogni anno. “A complicare questo quadro allarmante - ci spiega il prof. Daniele Prati, segretario dell’AISF, fondata 40 anni fa da un gruppo di giovani ricercatori - è il fatto che le patologie epatiche sono spesso silenti per lungo tempo e quando si manifestano clinicamente i danni sono già cronici e irreversibili”. Ma come mantenere il nostro fegato sano? Adottando semplici e salutari abitudini di vita. Naturalmente vige sempre la massima “prevenire è meglio che curare”. Se qualche insidia (epatica) fosse in agguato, la diagnosi precoce e la “tempestività” dell’intervento giocano un ruolo fondamentale per l’efficacia del trattamento terapeutico. Sono molte le iniziative, anche attraenti, che la Fire e il suo dinamico presidente, prof. Antonio Gasbarrini, in attività al Policlinico Gemelli, ha messo in campo a sostegno della prevenzione e della ricerca in epatologia. Particolare successo, soprattutto in termini di sensibilità e generosità, ha riscosso “Il primo grande concerto per organo: il fegato” tenuto dai Solisti Veneti, diretti da Claudio Scimone, presso l’Auditorium della Conciliazione a Roma. All’evento hanno partecipato anche Lucio Dalla, Alexia e Roberto Pedicini che ha recitato l’Ode al fegato di Pablo Neruda. Non è solo il cuore ad ispirare i grandi poeti.

“P

egli ultimi anni, l’odontoiatria ha subìto l’inesorabile tendenza del nuovo millennio nel quale il concetto di salute si è evoluto in quello di bellezza e benessere. Sempre più pazienti ci chiedono di avere un sorriso perfetto, con denti allineati e dal colore sempre più bianco. Oggi, l’odontoiatria è in grado di soddisfare queste richieste grazie alla cosmetica dentale, branca dell’odontoiatria che ha avuto enorme sviluppo nell’ultimo decennio. La cosmetica dentale racchiude tutte quelle procedure atte a valorizzare l’estetica di un sorriso unendo i criteri di estetica ideali ai desideri personali, nel rispetto della dentatura naturale. Le procedure sono di progressiva complessità fino al raggiungimento del risultato desiderato: si va dallo sbiancamento dentale che ormai si è dimostrata essere una procedura efficace dai tempi sempre più brevi (30 minuti circa per lo sbiancamento in studio), alla ricostruzione estetica con resine composite in caso di piccoli difetti, fino a procedure più complesse che attraverso l’utilizzo di faccette in ceramica particolarmente sottili (fino a 0,3 mm), che ci permettono di modificare completamente l’estetica del sorriso nel massimo rispetto delle strutture dentali. Quest’ultima procedura, chiamata dagli americani additional veeners, è una tecnica che utilizza l’incollaggio al dente naturale di manufatti protesici in porcellana costruiti artisticamente in laboratorio. Anche le tecniche di adesione sono migliorate negli ultimi anni, tanto che la letteratura scientifica afferma che la resistenza biomeccanica tra un dente sano e uno con faccetta è la stessa. I risultati estetici sono ottimali e l’affidabilità nel tempo è ormai ampiamente documentata; le procedure sono sempre meno invasive e questo ci permette di trattare i pazienti in assoluto comfort e con il massimo rispetto del dente naturale.

N

109


VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

salute e benessere

Smettere di fumare I rischi del tabagismo, i motivi per dire basta

uongiorno, caffè e sigaretta. Un fumatore “vero”, o incallito che dir si voglia, si sveglia al mattino con in testa già il profilarsi di quel pensiero che è anche ossessione. Il pensiero del fumo, dipendenza fisica e psicologica. C’è chi fa colazione prima, chi la doccia, chi non aspetta nemmeno di preparare la caffettiera. Sul pacchetto le scritte in neretto non fanno più effetto. Ci si è abituati a leggere: “Il fumo uccide”, “Il fumo danneggia gravemente te e chi ti sta intorno”. Per abitudine le parole perdono senso, sì, ma non verità. I rischi del fumo sono ingenti e gravissimi. L’organismo ne risente a vari livelli: dall’apparato respiratorio a quello circolatorio alle prime vie digestive. Le conseguenze comportano ripercussioni cardiache, cerebrali, circolatorie, metaboliche e non solo. È ormai accertato che cancro e fumo sono indissolubilmente legati in un binomio mortalmente funzionale. Non siamo ipocriti, non nascondiamoci dietro il fatto che, come si usa dire, niente è accertato. Perché, almeno, è accertato, e universalmente accettato, che il fumo nuoce gravemente, e in vari modi, alla salute.

B

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il tabagismo rappresenta la causa principale delle morti evitabili nel mondo. Il fumo di tabacco è coinvolto nella patogenesi di almeno otto tipi di cancro (polmone, vie respiratorie, fegato, pancreas, esofago, stomaco, rene, cervice uterina, leucemie) e di diverse altre malattie non tumorali ma potenzialmente mortali, quali il cuore polmonare, la broncopneumopatia cronica ostruttiva, le coronaropatie, gli accidenti cerebrovascolari. Da non sottovalutare, ancora, i rischi per il feto e il bambino. Lo sappiamo, i dati sono disponibili - per tutti - sul sito del Ministero della Salute. Ma l’ostinazione a non voler capire viene malcelata da una sorta di indifferenza apparente che caratterizza in maniera più o meno forte tutti i fumatori, preservandoli così da un confronto personale troppo pesante da sostenere. Senza generalizzare. Ci sarà pur qualcuno, si immagina, che abbia consapevolezza del male che fa a se stesso giorno dopo giorno, tiro dopo tiro. Gli ultimi dati relativi al tabagismo

in Italia risalgono al 1999, provenienti da un’indagine Istat sulle famiglie. Si osserva che l’abitudine al fumo è più diffusa nella classe di età 45-54 anni per i maschi (39,1%) e 35-44 anni per le femmine (28%); inoltre riguarda il 21,6% dei giovanissimi tra i 14 e i 24 anni (24,9% nelle aree metropolitane). Ciò, con una tendenza alla stabilità per gli uomini e all’aumento per le donne. E se i problemi legati all’aspetto salutistico non sono abbastanza convincenti, basti pensare al costo di un pacchetto e fare due conti per capire che anche per quanto riguarda l’aspetto economico sarebbe meglio smettere. È qui che sopraggiunge la paura di ingrassare, di sfogarsi sul cibo. In realtà, basterebbe fare un po’ d’attività fisica e seguire una dieta, inizialmente, povera di grassi e ricca di fibre. Si può chiedere aiuto a uno dei tanti centri specializzati, al medico di famiglia, al farmacista sotto casa, a un amico che ha smesso, a un libro, quello di Carr Allen, che sembra essere miracoloso: “È facile smettere di fumare se sai come farlo”.

111


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

APPROCCIO ORIENTATO ALLA RAZZA:

Il collasso tracheale... e il verso dell’anatra bbiamo già detto come spesso si rie- dorsale e simulando la presenza di un re per brevi periodi degli antinfiammatori sca ad inquadrare una patologia corpo estraneo, determina il sintomo cortisonici. Da qualche anno è stato introassociando tra loro alcuni sintomi, Tosse. Questa è quasi sempre caratteristi- dotto l’uso dello Stanozololo, un farmaco con la razza del cane che ne è affetta. Uno ca, inizialmente secca e dal suono acuto, anabolizzante che ritarda la degenerazione della cartilagine tracheale. Gli antibiotici e i degli esempi più ecclatanti è il Collasso tra- proprio come il verso emesso dalle anatre! cheale, una grave patologia degenerativa Se non diagnosticata e curata, questa farmaci per il cuore, si rendono necessari della trachea, la cui causa è ancora scono- malattia porta ad una infiammazione di solo in un secondo momento. Tutti questi sciuta e che colpisce tipicamente i cani tutto l’apparato respiratorio. A causa poi rimedi sono spesso efficaci, ma solo se il adulti, di razze nane (barboncino, yorkshire del ridotto apporto di aria e quindi di Ossi- loro uso è costante. terrier, volpino, maltese e chihuahua); a geno ai polmoni, si giunge presto ad una - Nei casi più gravi e avanzati si ricorre alla Chirurgia, utilizzando delle volte si presenta in giovane protesi di polipropilene, età e solo raramente intesuturate esternamente agli ressa i cani di taglia grande anelli tracheali per restituire o i gatti, nei quali è più rigidità all’organo, se il spesso di origine traumatiGRAVE difetto riguarda la trachea ca. Con il progredire della COLLASSO TRACHEALE, TRACHEA NORMALE, BRONCHITE, EDEMA POLMONARE VISIBILI GLI ANELLI cervicale. malattia, si giunge al “rammollimento” degli anelli tracheali, le strut- insufficienza cardio-vascolare e respiratoria Solo recentemente è stato introdotto l’uso ture cartilaginee collegate tra loro da tessu- irreversibili: il cuore soffrendo per la caren- di dispositivi intraluminali, che vengono to fibro-muscolare, che costituiscono il za di ossigeno, aumenta di volume e può inseriti nella trachea e la dilatano dall’inter“tubo” (simile al corrugato di plastica che assumere un aspetto circolare (il “famoso” no: questi possono essere utilizzati per protegge i fili elettrici), che porta l’aria dalla quanto inefficace “cuore a palla”!). Anche i risolvere il collasso sia intra che extra-toralaringe ai bronchi e ai polmoni. Per linfonodi mediastinici si ingrandiscono, cico. Attualmente sono ancora molto costoun’anomalia che inizia in giovane età, que- insorgono una tracheobronchite e l’edema si e non sempre reperibili in Italia. Qualora sti anelli, aperti verso la parte della colonna polmonare conseguente allo sfiancamento siano sopraggiunte una paralisi o un con collasso della laringe, si rendono necessavertebrale come tante “U” ravvicinate, ten- cardiaco (la tosse diviene più grassa). dono progressivamente a perdere la loro La diagnosi di Collasso Tracheale viene con- rie rispettivamente, la Lateralizzazione delle tipica consistenza (si parla di fibromalacia): fermata dall’esame radiografico, che mette cartilagini aritenoidi della laringe o la Tradiventano via via più morbidi e quindi inca- in evidenza il restringimento del lume tra- cheostomia permanente. paci di mantenere il loro aspetto quasi cir- cheale, a livello cervicale e/o intratoracico. colare. Con il passare degli anni, gli anelli - Per tenere sotto controllo i sintomi e ritartendono addirittura a schiacciarsi in senso dare l’insorgenza di tutte le complicazioni dorso ventrale e con la pressione negativa citate, è importante sostituire il collare con GRADI DEL COLLASSO TRACHEALE generata durante le fasi della respirazione, la pettorina, far dimagrire i cani in soprappossono arrivare a chiudersi quasi del tutto. peso ed evitare gli stress emotivi. In assenA M B U L ATO R I O V E T E R I N A R I O Quando questo avviene, la mucosa tra- za di polmonite si utilizzano inibitori della Dott. STEFANO GIAMMETTI cheale che riveste l’organo al suo interno tosse e broncodilatatori (se è insorta una nella parte ventrale, tocca quella della parte bronchite cronica). Si possono pure utilizzaVia Ferdinando Acton, 94/98 Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884 dal Lun. al Ven. 8.30 - 19.30 Sabato 9.30 - 17.30 Emergenze 320.5715565

A

CHIRURGIA GENERALE - ORTOPEDIA ODONTOSTOMATOLOGIA OFTALMOLOGIA - ANALISI CLINICHE ECOGRAFIE - RADIOGRAFIE DAY-HOSPITAL - EMERGENZE 24H


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


Profumo di

mimosa

di Lucia Bianco

budget e ricette

Tanto colore e tante calorie per un dolce molto goloso er questa torta è necessario preparare due Pan di Spagna, uno farcito con crema pasticcera arricchita da panna montata (che farà da base alla torta), l’altro per ricavarne dei piccoli cubetti che andranno a ricoprire la torta. Mettete le uova e lo zucchero in una planetaria e montate gli ingredienti per circa 15 minuti a velocità elevata. Il composto deve essere ben gonfio. A questo punto aggiungete i tuorli e lavorate per altri 5/6 minuti. Unite al composto la farina e la fecola preventivamente setacciate ed amalgamate delicatamente con una spatola, con movimenti che vadano dal basso verso l’alto per incamerare aria. Versate l’impasto ottenuto in due teglie imburrate ed infarinate del diametro di 2224 cm. Cuocete in forno statico a 180-190 gradi per circa 30 minuti. Una volta cotti, sfornate i pan di spagna e capovolgeteli su di un foglio di carta forno, quindi lasciateli raffreddare. Nel frattempo preparate la crema pasticcera. Mettete in un tegame il latte, aggiungete la panna e portate il tutto ad ebollizione. In un altro tegame mettete i tuorli e lo zucchero: mescolate con un cucchiaio di legno, poi aggiungete la farina e i semini della bacca di vaniglia. Unite il composto di latte e panna calda, quindi stemperate il tutto con una frusta. Accendete il fuoco e fate addensare: non appena la crema comincerà a sbuffare, spegnete il tutto e versatela in una teglia bassa e larga. Ricoprite la crema pasticcera con della pellicola aderente alla superficie e mettete a raffreddare in frigorifero o in freezer. Preparate la bagna facendo sciogliere in un

P

pentolino lo zucchero assieme all’acqua e al liquore, quindi fate raffreddare. Montate la panna ben fredda con uno sbattitore: non appena comincerà a gonfiare unite lo zucchero a velo e portate a termine la montatura, poi mettete il tutto in frigorifero. Quando la crema pasticcera sarà fredda, mettetela in una ciotola, ammorbiditela lavorandola con una spatola e unite delicatamente la panna montata, tranne due cucchiaiate che terrete da parte. Eliminate dai due pan di spagna la parte scura esterna, con un coltello dalla lama lunga dividete uno dei pan di spagna e ricavate da uno di essi tre dischi di uguale spessore. Dall’altro tagliate delle

la panna stendete la crema pasticcera mista a panna e quindi poggiatevi sopra il secondo disco di pan di spagna: ripetete quindi tutto da capo fino a che non avrete poggiato il terzo disco. Una volta ricoperta tutta la torta con la crema passate alla decorazione facen-

do aderire i cubetti di pan di spagna alla crema che fungerà da collante. A questo punto mettete la torta in frigorifero, meglio se coperta da una campana di vetro o plastica che eviterà al dolce di prendere odori sgradevoli o di seccare troppo.

ingredienti PER I DUE PAN DI SPAGNA Farina 200gr - Fecola di patate 40gr Uova 4 intere + 8 tuoli Zucchero 220gr PER LA CREMA PASTICCERA Farina 55gr - Zucchero 200gr Latte fresco intero 300ml Panna fresca liquida 300 ml Uova 8 tuorli - Vaniglia mezza bacca PER LA BAGNA AL LIQUORE

fette dello spessore di un centimetro che poi taglierete in 3 striscioline da ridurre successivamente in cubetti. Ora passiamo ad assemblare la torta: il primo disco di pan di spagna va inzuppato con la bagna e su di esso va steso un velo di panna montata zuccherata. Sopra

Acqua 100ml - Cointreau 50ml Zuccchero 50gr PER LA PANNA MONTATA Panna liquida fresca 200ml Zucchero a velo 20gr

115


VIA

VIA

.SA NT O

VIA C. MAESTRINI

25 SPINACETO 15 10

RO INDA VIA P

CA

SAL

PAL

CASAL PALOCCO

19

RAGON CELLO

V.BAZZINI

VIA A.

V I A W OL

2

L O T TI

F FERRA RI

21 INFERNETTO

OCCO VIA U. GIORDANO

5

VIA CANALE DELLA LING UA

A S TEL

V I A DI C SAN

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

VIA D P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

DIO AU CL

SCHE

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

VIA C. COLOMBO

FU

OSTIA PONENTE V. MARINA

V. BE Z Z

L

V. AZZORRE

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA 1

TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

GIUGNO

VIA C. ZUGNA

VIA DE

LLA SC

AFA

A VIA DELLA SCAF

CA

ORI EI PESCAT

VIA R EDIP UGLIA

VIA PO

DI

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

EMENTIN

A

MICINA F O CE

VIA DI

P. T E 2

VIA

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE

V.

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

SSO D

DI

L

22

NO

LOCCO VIA DI M. PA

VIA FO

V.

E .D

V.PRASSILLA

SAPONA RA

VIA CRISTOFORO COLOMBO

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

R A TO VIA DI P

ACCHIA

MADONNETTA

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

AXA

TENUTA DEL PRESIDENTE

NTINI EO

VIA DEL MARE

11

9

27

CORNELI O

APONA RA

VIA DI S

NI

VIA DI M

P.ZZA ESCHILO

ACILIA

23

BO

I TT VIA O. F A 16

VIA DEI ROMAGNOLI

6

V.O.GHIGLIA

ORC INA

V. P

VIA DI ACILIA

LI GO

CELLO RAGON

V. COLLETTORE PRIMARIO

O

VIA

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

V. G.CARPINE

DRAGONA

M M IN

VIA DI MALAFE DE 12 CASALBERNOCCHI 8 26 AXA 18 4 7 MALAFEDE

V. IN

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

VITINIA 13

NAPOLI

CALTAGIRONE

DRAGONCELLO V. DI D

I

14

VIA DEL MARE

A

AN IOR GG

ACILIA NORD

OCA

VIA SA RS INA

DI GIA NO

LLE CASE BA DE SS E VIA

V.ALBARETO

ORT VIA P

EZZ

VIA G

ETTO

DI M

MA

17

INO BOR GH

MOSTACCIANO

VIA L

A S AL

S QU

VIA DEI

VIA C

CENTRO GIANO

DI

VIA ARZANA

24

VIA

15 Rist. Pizz. Da Natalino 16 Il Cielo sul Mare 17 La Romanina 18 La Villetta 19 Eschilo 2 Dancing 20 Spiagge Mediterranee 21 I Mandriani 22 QKing 23 Punto d’incontro 24 La Trattoria Moderna 25 Miss Pizza 26 Gibraltar 27 Pizza Eschilo

. PA

E GRANDE RACCORDO ANULAR

LEGENDA 1 I Giardinetti 2 Zucchero e limone 3 El Matambre 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Eden 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Riso e Panelle 9 Maharajah 2 10 Rossopeperoncino 11 T-Bone Station 12 La Carbonella 13 La Locanda 14 Frivolezze

C

VIA MOLAIOLI

FIRENZE

IU

IAN

VIA D. PURIFIC ATO

USCITA 28

F D.

B ME

3

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V. GRANDE MURAGLIA

VIA D

O

EUR TORRINO

VIA DI DECIMA

L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA

20 PONTILE


MagnaRoma

T-Bone Station T-Bone Station nasce nel 1996, portando nel centro di Roma un ristorante tipicamente americano sul modello della classica steakhouse. Il tema architettonico dei locali TBS è quello della stazione ferroviaria d’inizio secolo, in uno stile “minimal chic” che rende l’ambiente accogliente e informale. Prodotto di punta la carne, preparata nei modi più diversi e originali. Si possono scegliere ben 8 tagli diversi di bistecche: dalla King Cut (fiorentina da 1,5 Kg) alla Club Steak (200 gr. di controfiletto) passando per la più famosa Ribeye (costata da 400

11

118

The American Steakhouse a Casal Palocco

gr). La carne viene grigliata su Fry Top in ghisa rigata, ma i tipi di cotture sono molteplici per assecondare sempre i gusti della clientela. Nei nostri ristoranti è possibile gustare, inoltre, una gran varietà di Burgers rigorosamente freschi e fatti in casa e i piatti tipici della cucina TEX MEX, come fajitas, chili con quesadillas e nachos. Ancora, menù vegetariani e per bambini. Ottima la selezione di vini e dolci di tradizione americana. Il nuovo T-Bone Station di Casalpalocco, con struttura stand alone, mette a disposizione un grande parcheggio ed è dotato di

un fantastico spazio all’aperto dove è possibile gustare l’aperitivo ascoltando buona musica. La soddisfazione degli ospiti è il punto cardine della nostra filosofia. Elementi essenziali per raggiungere tale obiettivo sono: alta qualità dei prodotti, accurata selezione di fornitori e personale. Da marzo, il T-Bone Station di Casalpalocco offre un servizio all around, dalla colazione proseguendo per tutto il giorno con caffetteria e sala da thè. A pranzo, durante la settimana, è possibile usufruire di un Easy Lunch veloce e a prezzi particolarmente vantaggiosi.


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

Servizio animazione per bambini gratuito

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

15

119


VG

visioni grafiche


MagnaRoma LA LOCANDA SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PESCE - PIZZA

INDIRIZZO Via di Mezzocammino, 92 A TELEFONO 06.52373177 SITO INTERNET www.ristorantelalocanda.eu PREZZO MEDIO 25 € RIPOSO SETTIMANALE Aperto tutti i giorni CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si MUSICA DAL VIVO Ven. Sab. e Dom. PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 250 APERTO Cena (Dom. e festivi anche Pranzo)

13

La Locanda è un ristorante capace di offrire ai suoi clienti la sincerità di una cucina basata sui sapori tradizionali. Dotata di forno a legna e di spazi adattabili alle più diverse esigenze, La Locanda può soddisfare i palati più esigenti. I tonnarelli della locanda, i tonnarelli cacio e pepe, i secondi a base di agnello e maialino, la coda alla vaccinara, insieme a tante altre specialità di pesce e all’ottima pizza, costituiscono i tradizionali punti di forza di una cucina fatta utilizzando gli ingredienti più genuini.

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

8

121


VG

visioni grafiche


MagnaRoma I GIARDINETTI SPECIALITÀ > CARNE DANESE ALLA BRACE - PIZZA NAPOLETANA I buongustai della cucina casereccia e della pizza napolegrande cordialità dei due titolari Dino e Anna. Tra le spetana hanno un nuovo punto di riferimento: il ristorante “I cialità, oltre alle pizze cotte con il forno a legna, da proGiardinetti” di Fiumicino. Un locale familiare ed accoglienvare assolutamente l’ottima carne danese preparata alla te dove gusto, qualità e prezzi si legano saldamente alla brace.

MENÙ SPECIALE BISTECCA 1a SCELTA (Gr. 500) CONTORNO A SCELTA VINO 1/2 Lt. • ACQUA • PANE DESSERT DELLA CASA CAFFÈ • LIMONCELLO

INDIRIZZO Via G. Maffettone, 95 TELEFONO 06.6583069 SITO INTERNET www.bisteccheriaigiardinetti.it PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo e Cena

tutto a s o li

€ 20,00

MENÙ DI PESCE SU ORDINAZIONE 1

ZONA

FIUMICINO

LA VILLETTA SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Gestito da ben oltre 40 anni, con grande determinazione, professionalità ed immancabile accoglienza, La Villetta è uno dei siti culinari “storici” nella zona di Acilia. Fatevi trasportare dai sapori della sua cucina casareccia, ricca di piatti genuini a base di ingredienti di prima scelta: primi della più tipica cucina nostrana, secondi di pesce freschissimo o a base di carne cotta rigorosamente su pietra lavica, mirata a non alterare il suo naturale nonché vero sapore. La carrellata delle prelibatezze continua con le numerose specialità di pizza disponibile sia a pranzo che a cena. Il locale, dotato di un ampio spazio interno e di un secondo più ridotto all’esterno, solo su richiesta, organizza rinfreschi e banchetti con menù personalizzati.

INDIRIZZO Via G. Antonucci, 35 TELEFONO 06.52350056 PREZZO MEDIO 25/30 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 180 interni, 80 esterni LOCALE CLIMATIZZATO Sì SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo/Cena

18

ZONA

ACILIA

LA ROMANINA SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Ristorante-pizzeria dotato di forno a legna, La Romanina vanta una struttura ampia (due sale riservate) e ben organizzata, ideale per celebrare banchetti, svolgere meeting o semplicemente affidarsi alla sua grande competenza nel catering.

INDIRIZZO Via della Maggiorana, 19 TELEFONO 06.5250344/338.2313091 SITO INTERNET www.ristorantelaromanina.com PREZZO MEDIO 25/35 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì AREA BANCHETTI Si GIARDINO/GAZEBO Si (giardino con giochi per bambini) NUMERO POSTI 300 APERTO Pranzo/Cena

17

ZONA

ACILIA

LR

La cucina è ricca di succulente specialità come: la fantasia di primi di pesce, il rombo con patate al forno o (il giovedì) gli gnocchi caserecci e le fregnaccie. Per completare, un delizioso spazio esterno con gazebo ed un parcheggio riservato alla clientela.

123


MagnaRoma

INDIRIZZO Via di Malafede, 8 TELEFONO 06.52458130 E-MAIL info@ristorantelacarbonella.it PREZZO MEDIO 25 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Martedì a pranzo SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 140 interni e 80 esterni APERTO Pranzo/Cena

12

ZONA

MALAFEDE

LA CARBONELLA

FRIVOLEZZE

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Il ristorante è ospitato in un antico casale a ridosso della Via Ostiense. La cucina è curata da chef italiani, con piatti di ispirazione romana, continuamente rinnovati carne e pesce - una ricerca attenta di gusto e qualità. La pizza è sottile e croccante. Da non perdere: la carne tenera e gustosissima.

SPECIALITÀ > GOOD MUSIC Ambiente unico e di atmosfera, il ristorante Frivolezze è arredato secondo uno stile elegante ed accurato, che crea piacevoli sensazioni di benessere. La cucina soddisfa pienamente la voglia di assaporare piatti preparati con cura che richiamano i sapori della cucina sarda. Si annoverano tra le altre pietanze: Spaghetti ai ricci di mare (sardi), Faraona al mirto e fragoline di bosco, Seadas dello chef. Questa miscellanea di differenti sapori fa di Frivolezze un posto tutto da scoprire. INDIRIZZO Via Codigoro, 30 TELEFONO 06.52372604 - 339.2479722 SITO INTERNET www.frivolezze.altervista.org PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Domenica e

Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 40 APERTO Pranzo/Cena

14

ZONA

VITINIA

10

125


zione minimo 4 persone)

Zuppe di legumi (da ottobre ad aprile) SECONDI Bistecca Americana di PRIMA SCELTA € 17,00 Tagliata all’aceto balsamico € 15,00 Scaloppine al vino o al limone € 10 Maialino al forno € 12,00 Calamari con rughetta € 12,00

Fritto calamari e gamberi € 11,00 Fritto di paranza € 12,00 Gamberoni al cognac o al vino € 15 Gamberoni o scampi ai ferri € 13 Orata o spigola (al kg) € 31,00 Orata o spigola di mare (al kg) € 50 Trancio di ricciola fresca (l’etto) € 6,50 DOLCI Seadas € 4,00 Cialde con cioccolato bianco, nero e panna € 5,00 Tortino al cioccolato caldo con panna € 4,00 VINI Vino della casa € 6,00 Gemelle € 11,00 Cannonau di Sardegna € 11,00

Grande

ESCLUSIVA!!! Per gli amanti della carne...

BISTECCA DI BISONTE AMERICANO

€7

visioni grafiche

ANTIPASTI Misto mare € 10,00 Insalata di polpi € 7,00 Soutè di cozze € 6,50 Cocktail di gamberi € 5,00 Ostriche € 2,50 (l’una) Carpaccio di tonno o pesce spada affumicato € 10,00 PRIMI PIATTI Fettuccine allo scoglio € 7,50 Spaghetti alle vongole veraci € 7,00 Gnocchetti alle mazzancolle € 7,00 Culurgiones € 8,00 Spaghetti alla bottarga € 9,00 Malloreddus alla campidanese € 7,50 Malloreddus allo zafferano € 8,00 Zuppa gallurese € 9,00 (su ordina-

VG

dal nostro Menù

all’etto

Lunedì riposo - chiuso il Martedì solo a pranzo

VG

visioni grafiche

Via Prato Cornelio, 126 · T. 06.5250388


MagnaRoma ZUCCHERO E LIMONE

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana.

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

19

ZONA

NUOVA PALOCCO

MENÙ PRANZO (dal Lun. al Ven.) Primo, Contorno e 1/2 Acqua Secondo, Contorno e 1/2 Acqua Insalatona e 1/2 Acqua GIOVEDÌ: Gnocchi e 1/2 Acqua

€ 7,00 € 7,00 € 5,00 € 8,00

Alcuni nostri piatti: Carbonara, Amatriciana, Seppie con i piselli, Pollo alla cacciatora, Spezzatino

INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

2

ZONA

INFERNETTO

BIANCO ROSSO E PANNONE SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZERIA FORNO A LEGNA - CUCINA VEGETARIANA - PANE E PASTICCERIA ARTIGIANALE DA NON PERDERE: • Gnocchi Bobo chef con speck, fontina e porcini • Fettuccine con pesce spada e pesto di rughetta e pistacchi • Tagliata “istrice” con tartufo e porcini • Grigliata senza spine • Rana pescatrice in crosta di pane • Pizza con frutti di mare

INDIRIZZO Via Giuseppe Fagnano, 2 TELEFONO 06.52360181 SITO INTERNET www.biancorossoepannone.com NUMERO POSTI 140 AREA BANCHETTI Sì CARTE DI CREDITO Tutte (No American Express) RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e Martedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena

4

ZONA

ACILIA

RISTORANTE EDEN SPECIALITÀ > PESCE LOCALE Da circa venti anni il Ristorante Eden è uno delle mete preferite dagli amanti della buona cucina e del buongusto. Raccolto in un’oasi di verde e tranquillità il locale, un antico casale completamente ristrutturato nelle vicinanze del mare e a pochi

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 111 TELEFONO 06.50916969/333.6803470 SITI INTERNET www.ristoranteeden.it - www.edenmatrimoniroma.com PREZZO MEDIO 35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte eccetto Diners Possibilità AREA BANCHETTI Si pagamenti rateali NUMERO POSTI 450 PARCHEGGIO Si banchetti APERTO Pranzo (ven. sab. e dom.) / Cena Menù per celiaci

5

ZONA

minuti dall’EUR, mette a disposizione della sua clientela ampi saloni interni, arredati con sobria eleganza, e un paradisiaco giardino dove è più facile sentirsi in pace con la natura e se stessi. La cucina è prevalentemente basata sulla preparazione del pesce, una girandola di sapori freschi e veraci con gli arrivi giornalieri di prelibatezze locali. Anche gli amanti della carne però sapranno come godere i piaceri della tavola con una selezione accurata dei migliori tagli della nostra tradizione. La scelta degli ingredienti e il rispetto della cultura gastronomica italiana sono invece alla base della ricca offerta di primi che lo chef propone (da non perdere gli strozzapreti con vongole veraci e tartufo). Il Ristorante Eden è anche un solido punto di riferimento per chi desidera affidarsi ad un’organizzazione professionale, attenta e preparata, per banchetti di nozze, comunioni, battesimi, ricevimenti, meeting e colazioni di lavoro. Per saperne di più basta consultare le proposte di menù e i preventivi personalizzati che troverete nei siti: www.ristoranteeden.it e www.edenmatrimoniroma.com.

INFERNETTO

127


VG visioni grafiche


MagnaRoma PANE AR PANE VINO AR VINO

EL MATAMBRE

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE-CRUDITÈ-PRIMI PIATTI

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

I PIACERI DELLA CARNE I colori caldi e un design raffinato fanno di “El Matambre” un locale unico per riscoprire i piaceri della carne e non solo... “El Matambre” è una piacevolissima sorpresa per i sensi da scoprire all’interno del Parco dello Stardust Village. Si parte con una coppa propiziatoria di sangria, per poi passare agli sfiziosi antipasti e ai primi piatti rigorosamente fatti in casa. Di primissima scelta la carne, cotta alla brace a vista. Per finire, l’assortimento di dolci della casa e il “bacio di mezzanotte”. Sorprendente anche la selezione di vini. INDIRIZZO Via del Pianeta Urano, 60 TELEFONO 06.52207540 SITO INTERNET www.elmatambre.it PREZZO MEDIO 25/30 € PRENOTAZIONE Gradita RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Visa - Mastercard SPAZIO ESTERNO Si GIARDINO Si SALA FUMATORI Patio APERTO Cena (19:30-24:00),

Domenica anche a pranzo (12:30-15:00)

7

ZONA

3

MALAFEDE

ZONA

EUR TORRINO

SPIAGGE MEDITERRANEE

Come prima... più di prima... Cari clienti, lunedì 5 Aprile 2010 salutiamo lo dopo 4 anni di successi, e Vi aspettiamo pochi metri più avanti per continuare ad offrirVi il meglio... RISTORAZIONE SENZA GLUTINE FESTE • EVENTI • SERATE A TEMA

INDIRIZZO Viale Amerigo Vespucci 54 TELEFONO 06.56307626 - 392.9093134

20

www.zenitostia.com

ZONA

OSTIA

INFO E CONTATTI 06.56307626 - 392.9093134 RISTORANTE CINESE IL CIELO SUL MARE SPECIALITÀ > CUCINA CINESE Preparatevi ad un viaggio culinario per scoprire i più tradizionali ed interessanti piatti della Cina realizzati con prodotti e materie prime rigorosamente italiani. Qui, anche grazie all’impeccabile accoglienza della proprietaria Luisa e del servizio in sala, avrete l’opportunità di essere consigliati sulle portate, scegliere e gustare in tutta tranquillità sapori di una terra tutta da scoprire... Oltre ad un menù con i “classici” della cucina cinese: involtini primavera, alghe fritte, ravioli con verdure o gamberi, riso alla cantonese, riso all’ananas, maiale in salsa agrodolce, pollo alle mandorle, gamberoni sulla piastra... “Il cielo sul mare” offre l’opportunità (meglio su ordinazione) di assaporare: • orata, rombo, spigola con cipolline fresche; • scampetti crudi con aceto e salsa di soia; • gamberoni in crosta di sale; • fettuccine di riso con verdure e gamberi; • spaghetti cinesi all’aglio e aceto; • riso del cielo sul mare con gamberi secchi e verdure; • manzo con cinque sapori. A Dragoncello, la Cina è più vicina di quanto pensiate!

INDIRIZZO Via Ottone Fattiboni, 73/75 TELEFONO 06.52169451 SITO INTERNET www.ilcielosulmare.it PREZZO MEDIO 10/15 € CARTE DI CREDITO No American Express RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 100 APERTO Pranzo/Cena

16

ZONA

DRAGONCELLO

129


oroscopo di aprile

VICTORIA BECKHAM (17/4/1975)

MICHELE PLACIDO (19/5/1946)

BROOKE SHIELDS (31/5/1965)

WILLEM DAFOE (22/7/1955)

ELENA SANTARELLI (18/8/1981)

FABIO CANNAVARO (13/9/1973)

130

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Inizia una fase divertente e trasgressiva che durerà fino a giugno. Dovete modificare il vostro atteggiamento: serve maggiore disponibilità al lavoro e meno autoritarismo con il partner in amore. Il cambio di stagione potrebbe portare ad un appesantimento degli arti inferiori. Cercate di rifuggire lo stress.

Sarà un mese dall’andamento singolare, con pochi problemi riguardo al lavoro e con tanti problemi nel campo dei sentimenti. Siete alle prese con vecchi equilibri emotivi che stanno per rompersi. Non sempre le riconciliazioni andranno a buon fine. Fate molto sport, vi aiuterà a scaricare le tensioni della vita di coppia.

TIM ROBBINS (16/10/1958)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

La stagione primaverile richiede piccole rinunce a favore della forma fisica. Nel lavoro dovrete utilizzare l’ingegno e mantenere la calma, soprattutto davanti a piccoli imprevisti. La mancanza di sincerità di qualche amico vi metterà poca tranquillità. Ciò avrà ripercussioni in amore. Vi serve qualche serata divertente.

Siete chiamati ad assumervi le vostre responsabilità, sia sul lavoro che nei sentimenti. Non create con il partner le condizioni per inutili nervosismi. È meglio riflettere prima di parlare. Tornando al lavoro, ricordate che per raggiungere i vostri obiettivi dovete mettere da parte l’orgoglio. Salute a gonfie vele.

GIOVANNA MEZZOGIORNO (9/11/1974)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

È un periodo difficile: gli astri raccomandano attenzione in ogni ambito della vita quotidiana. Sul lavoro mettete da parte vecchi rancori. Con il partner e con i familiari fatevi invece rispettare, perché c’è qualcuno che potrebbe approfittare della vostra disponibilità. Cercate di dispensare fiducia a piccole dosi.

Siete pronti a dimostrare a tutti di che pasta siete fatti? Molti vi noteranno per la vostra semplicità e le vostre qualità. Sarete apprezzati sia dal partner che nel lavoro, dove i superiori noteranno il vostro estro e le vostre capacità artistico-creative. Non lasciatevi vincere dalla pigrizia incombente.

JOHN MALKOVICH (9/12/1953)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Siete stanchi e si vede, soprattutto ad inizio Aprile. Siete pieni di buona volontà e voglia di impegnarvi, cosa che è compresa dalla persona che vi sta accanto. Aumenterà dunque la complicità con il partner, senza contare che non mancheranno le occasioni per un’avventura. Anche nel lavoro sono in vista buone novità.

Non è il vostro mese. In amore e in famiglia ci saranno piccole discussioni che ipotecheranno la fiducia in voi di alcune persone care. Il lavoro sarà molto impegnativo ma alla fine verrete ripagati per gli sforzi profusi. La salute dipende da due cose: bere acqua e fare molto movimento.

ANNALISA MINETTI (27/12/1976)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Siete innamorati persi. È il periodo buono per iniziare a stabilizzare una relazione o iniziarne una. Sul lavoro pretenderete molto, sforzandovi di raggiungere i vostri obiettivi il prima possibile. Piccoli successi sono all’orizzonte accompagnati da una forma fisica smagliante. Altro da desiderare?

Sarete quadrati e razionali, specialmente in amore. Il rapporto di coppia sarà all’insegna della pignoleria e questo vi porterà a perdere di vista alcune cose importanti. Causa stanchezza e stress non mancheranno tensioni con il datore di lavoro o con i colleghi. Cercate di rimandare il rimandabile.

PHIL COLLINS (30/1/1951)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

L’arrivo della primavera porterà anche l’inizio di un periodo rigenerativo. Qualcuno avrà invidia della vostra concentrazione sugli obiettivi prefissi. Qualche momento di confusione in amore e qualche problema di secondo piano nel lavoro. Attenzione alla cervicale, soprattutto in considerazione dei cambi di temperatura.

È il mese dell’instabilità e delle incertezze. Metterete in discussione anche i rapporti con le persone più care. Pazientate per un po’ e non siate nervosi, questo periodo è destinato a passare. Nel lavoro un progetto non darà forse i frutti sperati. L’aiuto e l’affetto degli amici vi aiuteranno però a rimettervi in carreggiata.

EVA LONGORIA (15/3/1975)


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 9 路 n. 81 - 2010 路 www.13magazine.it

13 Magazine Marzo 2010  

Free Magazine, 13 Magazine, Roma, Italia

Advertisement