Page 1

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 8 路 n. 78 - 2009 路 www.13magazine.it


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) GS (Ostia - Staz. Lido C.) GS (Acilia - Via C. Beschi) GS (Dragona-V. Criminali) GS (Dragoncello Via O. Fattiboni) GS (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) GS (Fiumicino Via Angonio Angeloni) GS (Infernetto Viale Castel Porziano) GS (Infernetto Via Antonio Angeloni) GS (Infernetto - Via Boezi) GS IPERMERCATO (Torrino - V. Fosso Torrino) GS IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia

Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Acilia-V. di Saponara) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino)

EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Mandara Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico Birreria Spaten Body Vip Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Extima Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Ristorante El Matambre Selvaggio Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Teatro Torrino Torrino Sporting Center Vasian ACILIA - MADONNETTA Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante La Romanina Ristorante Mr. Beef Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Snai Studio Iacobucci

Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi VITINIA - CALTAGIRONE Bar Caltagirone Edilmarmi La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante Frivolezze Ristorante La Carbonella Ristorante La Locanda Ristorante West Coast Tabaccheria Pirfo SPINACETO Rist. Pizzeria da Natalino OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni Ristor. Cascina Spiga d’oro OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto

Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Ristorante Nemo Ristorante Zenit Snai Vancleef OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro Jack’s ristorante Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar

Cantine d’Offizi Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Ristorante Incannucciata Ristorante La Bitta Tabacchi Fumi e Profumi CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo St. Odont. Podda & Sorci AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Pizza Eschilo Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Ristorante T-Bone Station Tru Trussardi Twinky INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Rist. D’Arfredo ar Casale Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà

SERVIZIO DI PORTA A PORTA PRESSO Axa - Casalpalocco - Infernetto - Villaggio Alitalia (Acilia) PER INFO SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

5


sommario ANNO 8 - NUM. 78 Speciale Giustizia 15

Giustizia senza numeri

17

Magistratura italiana: una

15

Cinema 79 Io, loro e Lara

77

gerontocrazia da riformare

21

Teatro

Giustizia fai da te

23 Parola alla difesa

79 Carlo Giuffrè e la Napoli di

25 Emergenza carceri

79

Armando Curcio

Politica interna

29

29 Berlusconi e il colore viola

Rubriche

33 Il dialogo non si ferma

Esteri

11

Editoriale

81

Giochi

37 Il mondo di Davos 83 DVD del mese

39 L’urna irachena

79

83 Videogames

37 Costume e società 41

86 Spettacolando

Dalla rinegoziazione alla

89 Moda e tendenze

moratoria

46 Imprese verticali 49 L’anno che verrà: i mille volti

91

Questione di cilindri

91 93 Viaggi

del 2010

97 Condominio e consumatori

46 59

L’Oroscopo del 2010

65

Cose dell’altro mondo

99 La libreria di Primaverde 101 Arredamento 105 Salute e benessere

Oroscopo

2010 59

Arte e cultura 71

L’arte come immagine e

115 Veterinaria somiglianza

75 Il dovere di non dimenticare

115 Mondo Cane 117 Budget e ricette

93

Spettacoli 77 Musica e spettacoli: il 2010 parte alla grande

71

111 Scienze

119 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

119 9


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

editoriale

“La giustizia è l’insieme delle norme che perpetuano un tipo umano in una civiltà.” Antoine De Saint-Exupery

13 MAGAZINE anno 8 - n.78 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

2010:

è

sconfortante

guardare il calen-

Da

un

secondo

punto vista, fare

dario e trovarsi

dei magistrati ita-

ancora a parlare di una specifica questione giu-

liani degli eroi per

stizia. Probabilmente il problema non si porreb-

carica acquisita è

be se non esistesse quella singolare anomalia

altrettanto

fuori

politica chiamata Silvio Berlusconi. La giustizia,

luogo. È vero: al

uno dei tanti capitoli infelici di quella catastrofe

contrario della poli-

Capo Redattore Massimo Mostacci

di inefficienza chiamata Stato italiano, sarebbe

tica, il potere giudi-

massimo@visioni-grafiche.it

posta di sicuro a margine di tante altre delicate

ziario ha offerto

Art direction Cristian Bifolco

questioni. E invece no. Causa le preferenze poli-

all’Italia dei martiri che hanno pagato per tutti.

tiche degli italiani, la personale storia imprendi-

Sono spesso stati definiti perseguitati politici

toriale del Presidente del Consiglio, i gravi limi-

Andreotti, Craxi, Mastella, Forlani, De Mita,

ti dei passati governi di centro-sinistra, la giu-

ecc… Scommetteremmo senza timore sul fatto

cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà

stizia rimane da ormai 15 anni il tema più scot-

che tra cento anni i libri di storia li inseriranno in

tante del dibattito pubblico.

contesti diversi da quelli di Falcone, Borsellino,

Gli articoli che seguiranno hanno volutamente

Livatino, ecc… Eppure non bisognerebbe mai

cercato di fare un bilancio della questione il più

dimenticare che questi magistrati sono figure

anna@visioni-grafiche.it

possibile lontano dai veleni della polemica poli-

eccezionali perché appartengono ad un ordine

Dott. Paolo Fiore

tico-giornalistica corrente. La scelta è derivata

che li ha costretti a farsi eroi, a sfidare sia le

paolo@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Hanno collaborato Valentina Mancini - Simona Bottoni Sara Mondaini - Rossella Smiraglia Luca Salustri - Michela Carè Anna Claudia Bianchi - Valeria Fanelli Eleonora Isgrò - Simone Felicetti Michela Flammini - Chiara Rovan Andrea Giovanni Sorge Riccardo Colella - Emanuela Andreocci Leonardo Caviola - Barbara Zorzoli Gaetano Gaggiottino Graziella Iannarone - Lucia Bianco Dott. Angelo Caputo - Paola Sgrò Riccardo Colagreco - Jessica Melluso Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Antonio Balsamà - Lorenzo Palmieri Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright,

dalla profonda convinzione che entrambe le

gerarchie interne che le connessioni di queste

posizioni in campo - quelle più critiche verso il

ultime con la politica e gli altri poteri dello

potere della magistratura e quelle che invece lo

stato. La presenza di eroi è sempre l’implicito

sostengono - siano l’evidente frutto di un paral-

indicatore che qualcosa non va nella vita ordi-

lelo abbaglio.

naria di un Paese e nelle sue istituzioni. È lì che

Da un primo punto di vista, criticare generica-

deve indirizzarsi la necessaria attività di riforma

mente le sentenze dei magistrati italiani appare

che il Parlamento ha il dovere di compiere.

del tutto ridicolo. Se c’è un tratto incontroverti-

C’è un comprensibile clima di sospetto ogni

bile della giustizia italiana è infatti il suo ecces-

volta che il governo Berlusconi agita il tema

sivo garantismo, il fatto che i colpevoli non

della riforma della giustizia. È normale che la

siano mai tali, che i processi siano oltremodo

tensione salga laddove un leader politico

lunghi e che il codice penale non sia un deter-

costringe l’intero Paese a convergere con

rente valido per chi delinque (nel momento in

l’agenda personale. Rimane il fatto che la sepa-

cui questo pezzo viene scritto, giunge la notizia

razione delle carriere tra giudici e pubblici mini-

che Rudy Guede, riconosciuto in appello

steri, la ragionevole durata dei processi e

responsabile dello stupro e dell’omicidio di

l’innalzamento della produttività complessiva

Meredith Kercher, ha già ricevuto un dimezza-

sono ragionevoli istanze di riforma della mac-

mento della pena a 16 anni di carcere).

china giustizia.

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

la collaborazione a questo mensile è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.554 del 2-10-2002

11


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

VG AP CONSULTING SRL

EDIL C.E.A. SRL

EDILIMPIANTI 2009 SRL

EDILMARMI 3000 SRL

MC TENDAGGI

MC TRASPORTI

Consulenza Fiscale e Tributaria Lo studio di consulenza fiscale e societaria AP Consulting si avvale dell’opera di professionisti esperti nel campo del diritto civile, societario, tributario ed amministrativo, nonché in tema di finanza, bilanci e contabilità. Lo scopo dello studio è quello di costituire una moderna struttura nella quale le prestazioni professionali si fondano in un insieme tale da rispondere alle esigenze di clienti sia nazionali che internazionali.

Costruzioni e Ristrutturazioni In continua espansione offre alla clientela vaste ed ottime scelte per affrontare ogni problema legato all’ambiente; effettua anche progettazione e realizzazioni di abitazioni su singole esigenze e si impone sul mercato immobiliare a prezzi competitivi. Grazie ad un consilidato gruppo di lavoro riesce a soddisfare qualsiasi esigenza del cliente: dall’arredo di interni alle ristrutturazioni di edifici residenziali.

Impianti Termici e Idraulici Si occupa della realizzazione, dell’installazione, della riparazione, della manutenzione e della gestione in proprio e per conto terzi di impianti idrotermoidraulici civili, industriali e di condizionamento. Con il suo staff di tecninci la Edil Impianti garantisce anche un servizio di pronto intervento e assistenza rapida, nonché di manutenzione caldaie con rilascio di certificati di garanzia come previstro per legge.

Lavorazione Marmi e Graniti Lavorazione, levigatura e finitura di marmi, graniti, travertini e pietre pregiate. Progettazione e realizzazione di arredamenti di interni e di esterni. Inoltre si realizzano lavori artistici su commissione. La struttura opera all’interno di un laboratorio specializzato, fornito delle più moderne attrezzature. Mani esperte realizzano pavimenti, arredi per bagno, cucine, rivestimenti, basi per tavoli, capitelli e cornici per caminetti.

Tappezzerie e Arredamento Sorta da pochi mesi, ma ricca di esperienza nel settore, si occupa della fornitura e della realizzazione di tappezzerie, tendaggi, divani e cuscini. La clientela può scegliere tra un’ampia varietà di tessuti e sfumature adatte ad ogni tipo di ambiente. I nostri arredatori vi consiglieranno le stoffe più adatte all’armonizzazione delle vostre abitazione e alla personalizzazione dei vostri uffici. Punto vendita: viale Europa, 333 (RM).

Trasporti e Traslochi Con il suo ampio e moderno parco vetture, la Mc Trasporti è specializzata da anni nel settore dei traslochi in tutto il territorio nazionale. Fornisce un servizio completo, di alta qualità e per tutte le esigenze della clientela sia nel settore privato che aziendale. Si avvale di ottimi professionisti che curano non solo il trasporto ma anche lo smontaggio, l’imballaggio e il rimontaggio di cucine complete e di ogni tipologia di mobili.


di Simone Felicetti

speciale

Giustizia senza numeri a lunghezza della durata dei processi nell’ordinamento giuridico italiano e la conseguente incertezza della pena rappresentano materie di profondo allarme da parte dei giuristi, politologi e opinione pubblica in generale. Le motivazioni possono essere riassunte in almeno tre questioni chiave. In Italia ci sono circa 200.000 avvocati, contro i 14.000 del Regno Unito e i 48.000 della Francia; un numero altissimo, anche tenendo presente che si tratta di paesi che hanno una popolazione maggiore della nostra. In più, le cifre dicono che, in media, su 100.000 abitanti, vi sono ben 290 avvocati e solo 11 magistrati, un numero molto inferiore rispetto alla media europea. Nel 2006, il numero di processi per reati gravi è stato il più alto d’Europa. La giusti-

L

In Italia c’è un’evidente sproporzione tra accusa e difesa. Siamo un’anomalia europea zia si trova pertanto ad avere una mole di lavoro al di sopra della media, dove fin troppi tribunali, specialmente al Sud, lavorano in condizioni di emergenza a livello strutturale e logistico. Una sezione del tribunale di Napoli, nella quale lavorano 48 magistrati, ha totalizzato 700 sentenze in un anno, circa due al giorno. Lo Stato, dal canto suo, negli ultimi due anni ha ridotto la spesa per la giustizia da circa 8 miliardi di euro l’anno a poco più di 6. Le enormi carenze dal punto di vista tecnologico rendono pressoché assente l’informatizzazione del sistema giudiziario, elemento essenziale e indispensabile nel processo di accelerazione dei procedimenti. L’insufficienza degli spazi, proprio da un punto di vista strutturale, non fa che peggiorare notevolmente una situazione di per sé già grave.

La legge n° 89 del 24 marzo 2001, denominata comunemente “legge Pinto”, ha introdotto nel nostro ordinamento l’equa ripartizione dei danni per la non ragionevole durata del processo. Questa norma - già garantita dall’articolo n° 6 della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali e il diritto ad un processo di durata ragionevole - detta che “chi ha subito un danno patrimoniale o non patrimoniale per effetto della violazione di tale salvaguardia, sotto il profilo del mancato rispetto del termine ragionevole ha diritto ad un’equa ripartizione”. Tuttavia, ad oggi, per le motivazioni suddette, la legge ha grandi difficoltà ad essere applicata. A tale proposito la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo, a causa della lentezza dei processi e dei danni che la giustizia provoca ai cittadini, ha comminato all’Italia circa 280 procedimenti di infrazione per un totale di circa 20 milioni di euro.

Di strettissima attualità, c’è il disegno di legge, presentato al Senato lo scorso 12 novembre dal senatore Maurizio Gasparri denominato comunemente “ddl sul processo breve”, che stabilisce che ognuno dei tre gradi giudizio - primo grado, appello e cassazione - con cui si articola il processo penale deve avere una durata massima di due anni, per un totale di anni sei a partire dalla richiesta di rinvio a giudizio del pubblico ministero. Qualora i giudici non arrivino ad emettere una sentenza prima della scadenza dei due anni, in uno dei tre gradi di giudizio, il processo andrebbe prescritto per decorrenza dei termini e il reato estinto. Sulla base di quanto stimato dall’Associazione Nazionale Magistrati, qualora fosse approvata la legge, circa il 50% dei processi in corso verrebbero prescritti. Per la stessa associazione sarebbe urgente mettere mano alla riforma della giustizia mirata allo snellimento delle procedure in sede civile e penale e ad un potenziamento degli organici e dei mezzi a disposizione della macchina giudiziaria.

15


speciale

di Simona Bottoni

Magistratura italiana: una gerontocrazia da riformare on molti ricorderanno la sentenza della Corte Costituzionale del 20 giugno 2007 che ha dichiarato non conforme ai principi costituzionali la disposizione di legge che fissava a 66 anni il limite di età dei magistrati per partecipare a concorsi per dirigere uffici giudiziari di merito. Norma che aveva fatto riaprire il dibattito sui requisiti e sul ruolo del magistrato dirigente e sul criterio dell’anzianità. La motivazione della sentenza censurava la disciplina sotto il profilo dell’irragionevolezza, giustificata, invece, dal legislatore, con l’esigenza che gli aspiranti assicurassero almeno un quadriennio di presenza ai vertici dell’ufficio giudiziario, periodo calcolato con riferimento all’età ordinaria di pensionamento fissata a 70 anni. La disciplina contrastava, secondo la Corte, con un’altra norma che prevedeva per il magistrato la possibilità di posticipare il pensionamento fino al 75° anno di età. Tale possibilità non era soggetta a controlli o valutazioni da parte del Csm, sicché risultava incoerente che, da un lato, si consentisse al magistrato di decidere unilateralmente di restare in servizio ben oltre i 70 anni mentre dall’altro gli si impedisse di partecipare a concorsi per incarico direttivo avendo come parametro proprio tale tetto. Vale la pena, forse, ricordarla questa sentenza, perché, con essa, il giudice delle leggi ha messo in discussione i concorsi banditi dal Csm negli ultimi due anni, applicando il limite dei 66 anni; ed ha fortemente ridotto la possibilità, con le regole attuali, di favorire l’accesso di magistrati meno anziani alla direzione degli uffici. L’introduzione del tetto di 66

N

anni aveva modificato in positivo equilibri che fanno anche della magistratura italiana una gerontocrazia nella quale un magistrato di 50-55 anni (che, quindi, ne ha alle spalle 25-30 di servizio) non ha alcuna speranza di dirigere un ufficio di una certa dimensione o rilevanza. Quella legge aveva avuto il merito di far riprendere il dibattito sui requisiti che deve avere un magistrato dirigente, sul peso del criterio dell’anzianità e sul ruolo stesso che il dirigente deve rivestire. Il binomio leggi non esaltanti e decisioni che ne annullano le parti meno conservatrici produrrà l’effetto di una permanenza in servizio dei magistrati più anziani e di un innalzamento dell’età in cui sarà possibile dirigere anche le Procure della Repubblica ed i Tribunali, mentre abbonderanno magistrati che si cimenteranno per la prima volta con compiti di direzione di un ufficio dopo 40 anni di carriera, ad un’età che in altri paesi coincide con il pensionamento. Dall’ultimo rapporto Cepej (Commissione Europea per l’Efficacia della Giustizia), pubblicato all’inizio di ottobre, emerge che le risorse pubbliche impegnate nel settore giustizia in Italia non sono scarse, ma in linea con la media di altri paesi dell’Europa a 15, che hanno, però, tempi dei processi molto inferiori. Non è, quindi, una carenza di spesa la causa dell’inefficienza del nostro sistema giudiziario. È la composizione della spesa ad essere diversa da quella degli altri paesi: la parte incomprimibile per l’Italia è molto alta; infatti, il 77% del budget dei tribunali è assorbito dalle retribuzioni dei magistrati e del resto del personale. In Austria questo rapporto è del 55%; in Francia del 54%;

I dati parlano chiaro. Come tutte le altre professioni, la magistratura italiana è in mano agli over 65

in Germania e Svezia del 60%. Importanti differenze si riscontrano anche nel livello degli stipendi dei magistrati: mentre all’inizio della carriera la retribuzione dei nostri giudici è in linea con quella degli altri paesi, ai livelli più alti non è così; l’Italia, infatti, è il paese in cui la progressione di stipendio con l’avanzare della carriera (dal livello iniziale a quelli del grado più alto) è maggiore: 3,2 volte, contro il 2,4 dell’Austria, il 2,2 della Germania e l’1,7 dei Paesi Bassi. Inoltre, tale progressione in Italia avviene per anzianità e non per incarichi svolti, dunque il numero di soggetti che ne fruisce è molto ampia. L’adeguamento automatico degli stipendi, introdotto dalla legge n.97/1979, ha voluto evitare che la categoria dovesse

17


VG

visioni grafiche


speciale

ricorrere ad una contrattazione periodica: il sistema automatico consente ai magistrati di recuperare, con un ritardo di tre anni, gli incrementi stipendiali medi già ottenuti dal pubblico impiego, in base a rilevazioni Istat accertate con un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. Riguardo all’orario di lavoro, i magistrati, come i dirigenti o i professori universitari, non ne hanno e, quindi, non esistono dati sulle ore di lavoro effettivamente prestate. La mancanza di spazi e di strumenti, secondo quanto sostenuto dai magistrati, determina che la gran parte di loro, dopo l’udienza, porta il lavoro a casa dove vengono studiati i fascicoli e scritte le sentenze. Lo stipendio (lordo) annuo dei magistrati (fonte Wikipedia.org) va dai 78.474,39 Euro del Primo presidente della Corte di Cassazione, ai 66.470,60 Euro dei Magistrati ordinari alla settima valutazione di professionalità, ai 31.940,23 dei Magistrati ordinari, ai 22.766,71 dei Magistrati ordinari in tirocinio. Il personale in servizio al 31.12.06 era pari a 10.429 unità. La variazione più significativa riguarda il

personale dei TAR e del Consiglio di Stato che cresce; in controtendenza, la magistratura militare, dove si verifica una diminuzione dovuta a cessazioni non reintegrate da assunzioni. Benché il 32,7% del personale sia costituito da donne, nelle due qualifiche apicali (Primo presidente di Corte di Cassazione e Presidente) sono presenti solo uomini, mentre nella qualifica di Presidente di Sezione, che si raggiunge attraverso il normale sviluppo di carriera, le donne rappresentano solo il 7,1%. Il rapporto s’inverte nelle qualifiche iniziali (es. uditore giudiziario dopo 6 mesi con il 55% di presenze) e presenta un sostanziale equilibrio in quelle intermedie (es.: referendario 48,8%). Fra le democrazie consolidate l’Italia è l’unico Paese in cui le funzioni di giudice e quelle di pubblico ministero sono affidate allo stesso corpo di magistrati indipendenti. La riforma del processo penale del 1988 e l’introduzione, nel 1999, dei principi del “giusto processo” nella Costituzione hanno posto pubblico ministero e avvocato difensore sullo stesso piano in relazione al giudice.

Pubblico ministero e giudice, però, vengono reclutati con lo stesso concorso, si autogovernano con lo stesso Consiglio Superiore della Magistratura, partecipano alla stessa associazione e possono appartenere alla stessa corrente: ben si comprende come tali circostanze danneggino l’immagine d’imparzialità che deve essere propria del giudice; di regola, infatti, nei regimi democratici pubblico ministero e giudice appartengono a organizzazioni diverse. Solo in Francia si ha una situazione simile a quella italiana, ma lì il pubblico ministero è comunque sottoposto alle direttive del Ministro della Giustizia. Parecchie sono le obiezioni sollevate contro la separazione delle carriere, specie se attuata con la creazione di due corpi separati. Il timore principale è che in questo modo si finisca per mettere il pubblico ministero alle dipendenze del Governo. Ma è altrettanto vero che il principio di obbligatorietà dell’azione penale non è in grado di rendere il pubblico ministero un semplice automa, privo di qualunque discrezionalità.

19


VG

visioni grafiche


di Sara Mondaini

speciale

Giustizia fai da te Si moltiplicano le iniziative di tribunali e procure per velocizzare una macchina lentissima

IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA ANGELINO ALFANO

ra gli elementi costitutivi della virtù civica dei cittadini italiani possiamo dire oggi che c’è anche l’esatta amministrazione della giustizia? Lo scorso 21 dicembre il ministro Alfano ha dichiarato: “Sto lavorando a una riforma della giustizia che è quella figlia del nostro programma di governo per arrivare a un lavoro che sia il più condiviso possibile anche da una maggioranza più ampia di quella che ha vinto le elezioni”. Ma il punto è: come rendere tutto ciò possibile? E soprattutto: si vuole davvero renderlo tale? Perché in effetti, strano ma vero, qualche esempio positivo in Italia proprio a questo proposito c’è: il tribunale di Torino, senza richiedere risorse aggiuntive, senza postulare ulteriori riforme del processo civile, ma con una semplice iniziativa del suo presidente, ha ottenuto nell’ultimo quinquennio dei risultati così significativi da meritare una specifica menzione della Commissione europea. Il motore dell’efficienza è stata l’adozione di un decalogo, ossia una serie di norme di compor-

T

tamento rivolte a giudici e cancellieri, che ha consentito, a parità di risorse e organico, di aumentare in modo notevole la produttività. Se tutti i tribunali italiani avessero fatto altrettanto, il numero di giorni medio per un giudizio di primo grado, nelle cause di contenzioso civile, sarebbe sceso da 1.007 giorni nel 2001 a 769 giorni nel 2005, quindi una riduzione del 33% del carico pendente in cinque anni. Eppure le regole sono semplici: alcune disposizioni sono volte a rendere più fruttuoso il tempo trascorso in udienza, altre puntano a concentrare le attività (sconsigliati gli intervalli eccessivamente lunghi tra un’udienza e l’altra), altre ancora a rendere più snella ed efficace la parte più propriamente

istruttoria del processo (anche qui con richiami all’effettiva osservanza delle norme di procedura, spesso trascurate nella prassi). Sulla stessa linea sembra andare anche il progetto pilota “Giustizia@Governance”, un’iniziativa, della durata di due anni, che punta all’analisi e all’ottimizzazione dei servizi erogati dagli uffici giudiziari della Procura di Palermo, del Tribunale di Catania e della Corte d’Appello di Catania e che punta al rafforzamento della capacità di azione della magistratura. Così, se è vero che i mezzi mancano e che al Tribunale di Latina si riciclano ruolini delle udienze stampati sul retro di trascrizioni di intercettazioni telefoniche per le quali è ancora in corso il processo, è anche vero che la necessità aguzza l’ingegno e che qualcosa, anche subito, si può fare.

Due casi di ingiustizia made in Italy • ENZO TORTORA, popolare conduttore di “Portobello”. Il 17 giugno 1983 Tortora fu prelevato, alle 4 del mattino, dalla sua camera d’albergo e portato in carcere. L’accusa rivoltagli da alcuni pentiti era gravissima: associazione camorristica finalizzata al traffico di droga. Fu l’inizio di un calvario durato anni. Le accuse erano inventate di sana pianta, addirittura il numero di telefono trovato tra le carte dei camorristi non corrispondeva a quello di Tortora. Tortora non si avvalse dell’immunità parlamentare. Cinque anni dopo l’arresto fu prosciolto con formula piena. • GRAZIELLA CAMPAGNA, uccisa a 17 anni da alcuni boss mafiosi perché ritenuta in possesso di materiale compromettente. Il suo assassino, in carcere fino a poco tempo fa, ha ottenuto gli arresti domiciliari per motivi di salute. I familiari hanno interpellato in merito il Ministro Alfano. di Rossella Smiraglia

21


VG visioni grafiche


speciale

di Luca Salustri

Parola alla difesa Due anni di pratica più un esame finale, la lunga strada per l’avvocatura i un buon avvocato e di un buon medico c’è sempre bisogno”. Nell’immaginario collettivo di molte famiglie italiane, le due professioni di riferimento, cui all’occorrenza poter fare ricorso, sono sempre state la medicina e l’avvocatura. E sì che in questo secondo settore c’è soltanto l’imbarazzo della scelta, almeno a guardare i numeri, decisamente alti, dei professionisti che esercitano in Italia. La nostra penisola annovera, infatti, 213.081 abilitati alla professione forense, 1 ogni 283 abitanti. Nel Regno Unito se ne contano, invece, soltanto 117.000, con un media di 1 avvocato ogni 342 abitanti, mentre la vicina Francia ne registra addirittura 47.765 (1 legale ogni 1.465 cittadini). Un numero così corposo non deve, però, trarre in inganno: il percorso che porta un giovane neo laureato in giurisprudenza ad ottenere il titolo di avvocato è, infatti, lungo ed impegnativo. Il giovane giurista fresco di titolo accademico che intende avvicinarsi all’avvocatura dovrà, infatti, svolgere due anni di cosiddetto praticantato presso uno studio legale abilitato. L’Ordine prescrive che l’aspirante avvocato dovrà frequentare i luoghi principe in cui vengono affrontate, e decise, le cause. In un apposito libretto, il praticante annota, infatti, le 80 udienze civili e/o penali - 20 per ciascun semestre - cui è tenuto a partecipare. Oltre la registrazione della frequenza presso i Tribunali, il libretto da presentare all’Ordine dovrà contenere anche l’indicazione di determinati atti giudiziali o stragiudiziali alla cui stesura il praticante ha partecipato. Al termine di questi due anni di “tirocinio”, il praticante terrà l’esame di abilitazione professionale indetto, con cadenza annuale, dal Ministero della Giustizia. La prova consiste in tre test scritti ed uno orale (in questo caso sono sei le materie giuridiche che il candidato dovrà scegliere tra una rosa di tredici). La strada è, dunque, tortuosa e ricca di impegni. Nonostante ciò, risultano sempre molti i neolaureati nelle materie giuridiche che decidono di intraprendere la strada della professione forense. Considerata l’importanza del ruolo e la fiducia che i cittadini rivolgono negli avvocati, questo percorso impegnativo può essere considerato una garanzia di competenza e professionalità della categoria degli avvocati.

VG

visioni grafiche

“D

23


VG

visioni grafiche


speciale

di Michela Carè

Emergenza carceri Sovraffollamento, malcontento e suicidi. A pochi anni dall’indulto siamo di nuovo all’emergenza ono 63.587 i detenuti nelle carceri italiane. Si tratta dei numeri più alti dalla seconda guerra mondiale ad oggi. Secondo i dati del Ministero della Giustizia, su un totale di 63.587 reclusi, 30.436 sono in carcere in qualità di imputati, mentre altri 31.192 sono invece già stati condannati. Gli internati per motivi psichici sono 1.820. La posizione di altri 139 detenuti, infine, risulta ancora da classificare. Tra le regioni, con 8.455 reclusi, la Lombardia è quella con il maggior numero di carcerati. Seguono Sicilia (7.587) e Campania (7.437). Inoltre, secondo il sindacato autonomo di Polizia penitenziaria, sono 11 le regioni che hanno superato la capienza tollerabile: Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Puglia, Sicilia, Toscana, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Veneto. Basilicata e Lombardia sono invece al limite. Secondo un’indagine effettuata dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, sono le detenzioni a brevissima durata la causa principale del sovraffollamento. Stando ai loro dati, nel 2007 più di 3.000 sono stati i detenuti sottoposti a rito direttissimo e dei circa 90.000 ingressi, quasi 29.000 (32%) sono seguiti da scarcerazione entro 3 giorni. I casi di breve durata riguardano soprattutto la produzione e lo spaccio di stupefacenti, il furto, la violenza e la resistenza a un Pubblico Ufficiale. Il problema di sovraffollamento fa scattare anche proteste ed episodi non gradevoli. Un mese e mezzo fa, infatti, al Marassi di Genova, si è verificato un tentativo di suicidio di un detenuto fortunatamente messo in salvo dagli uomini della polizia penitenziaria. Sempre a novembre, a Lucca, i detenuti hanno battuto le suppellettili contro inferriate e porte, per richiamare l’attenzione dell’amministrazione penitenziaria sul problema del sovraffollamento. Il carcere della cittadina, infatti, ha una capienza di 82 posti ed ospita più di 200 detenuti. Franco Iota, direttore Dipartimento amministrazione penitenziaria, in una recente audizione in commissione Giustizia, ha parlato di “situazione in grado di compromettere la sicurezza del Paese”. Nelle carceri italiane muoiono in media circa 150 detenuti l’anno, un terzo dei quali per suicidio: sono 1.005 i casi accertati dal 1990 ad oggi.

VG

visioni grafiche

S

25


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


politica interna

di Anna Claudia Bianchi

Berlusconi e il colore viola he se ne condividano o meno i contenuti, la manifestazione del 5 dicembre, organizzata per chiedere le dimissioni dell’attuale Presidente del Consiglio, ha fatto parlare di sé. Un po’ per la guerra dei numeri, per gli organizzatori nella capitale c’erano oltre un milione di persone, per la questura meno della metà; un po’ perché si è tentato di collegare la mobilitazione pacifica del popolo viola con l’aggressione di Milano ai danni di Silvio Berlusconi per mano di un folle. Al di là delle polemiche, è indubbio che il “No B Day” è stato un autentico fenomeno sociale. Ci siamo incuriositi e abbiamo rivolto alcune domande a uno degli organizzatori del nascente movimento, Gianfranco Mascia. Quando i partiti si fanno da parte la piazz a s i r i e m p i e d i g io v a n i . I l s o c ia l network , mezzo utilizzato per veicolare il “No B Day”, ha

C

avuto il suo peso, ma non basta da solo a spiegare la numerosa a d e s i o n e de g l i un de r 3 0 a l l a manifestazione. Secondo te perché il moviment o v io la a t t r a e t a n t i ragazzi e i partiti no? Innanzitutto va detto che questo è un movimento assolutamente orizzontale. Molti cervelli si sono incontrati da principio in rete e poi in piazza. Hanno lavorato duro, si sono messi in gioco concretamente creando molti gruppi locali che sono diventati la spina dorsale della manifestazione. Mentre i partiti tendono ad annullare le individualità, questo movimento, non avendo riferimenti di spicco, responsabilizza ogni singolo partecipante. Il “No B Day” si fonda sul rifiuto delle scelte politiche di Silvio Berlusconi. Una delle critiche più frequenti rivolte ai movimenti è quella di saper aggregare per opporsi a un qualcosa, ma di non saper avanzare proposte a lungo termine . T i chiedo , du nq ue, se c red i che nel vo s t r o ca s o c i s i a q u e s t a possibilità… Io credo che sia ancora presto per definire questo un movimento perché è un piccolo seme del quale non conosciamo le evoluzioni future; stiamo cercando di farlo germogliare con molta cura. L’atteggiamento del PD nei vostri confronti è stato ondi-

Intervista a Gianfranco Mascia, organizzatore del “No B Day”

SILVIO BERLUSCONI

GIANF RANCO MASCI A

vago; u n b a ll e t t o v a d o - n o n vado che alla fine si è chiuso con l’adesione isolata di alcuni esponenti. La mancata partecipazione di Bersan i è s t a t a cr i t i ca t a anche dal quotidiano La Repubblica. C’è il risc hio che la vostra mobilitazione venga utilizzata per esasperare il dibattito interno al PD o quello tra PD e Italia dei Valori? Lo scopo di questo movimento nascente è di strumentalizzare noi i partiti, non certamente quello di farci strumentalizzare da loro. Si può dire che le posizioni espresse da voi al “No B Day” coincidano con quelle rappresentate in Parlamento dall’Italia dei Valori? Se l’Italia dei Valori si farà carico di risolvere il problema del conflitto d’interessi, di difendere la Costituzione e di opporsi alle leggi ad personam, l’IDV sarà uno dei nostri riferimenti. Ma la nostra speranza è che ci sia una forte adesione dei cittadini e che siano loro stessi a farsi sentire all’interno dei partiti. Quindi un vero e proprio gruppo di pressione… Esatto, che operi in modo pacifico attraverso un dialogo maturo. Tenete a specificare che il movimento del popolo viola non ha connotazioni partitiche. Quest o segno di distanza dalla lotta politica istituzionale e dai partiti significa che in qualche modo non credete alla rappresentatività delle istituzioni repubblicane?

29


politica interna

VG

scaldato gli animi contro l’attuale Presidente del Consiglio. Temono il ritorno a una lotta dura nelle strade come avvenne negli anni Settanta. Pensi che esista il rischio reale di tornare a quel clima di violenza? La maggioranza ha generato lei stessa la personalizzazione della politica in Italia: prima della cosiddetta “discesa in campo” di Berlusconi la politica era plurale, con molte facce e molti partiti. Grazie al possesso di tre televisioni private e al controllo della Rai, si è compiuto il disegno berlusconiano della personalizzazione della politica. Vorrei ricordare, inoltre, che proprio gli esponenti della Lega e del PDL alzano i toni della dialettica politica in Italia e si oppongono a un dialogo civile con tutte le minoranze. Il clima di scontento è utile in qualsiasi Paese, ma più si criminalizza il dissenso e più si rischia che questo si inasprisca. A distanza di diversi giorni dall’evento cosa resta di organizzato? Quali proposte sono in cantiere per non disperdere la forza dell’ “onda viola” nel prossimo futuro? Il mio auspicio è che il popolo viola si trasformi in un gruppo di pressione con tutte le caratteristiche del move on americano, un movimento quindi che compia delle scelte concrete e che dia impulso a dei progetti specifici.

visioni grafiche

Uno degli obiettivi primari del movimento è di difendere la nostra bella Costituzione, noi crediamo nell’importanza di tutti gli istituti democratici in essa previsti. Quali sono i motivi che vi hanno spinto a promuovere una giornata di mobilitazione contro la realizzazione del ponte sullo stretto di Messina? Coincidono con il fatto che l’opera sia un pallino di Berlusconi oppure vanno incontro a ragioni più pertinenti al progetto e ai suoi effetti? Il nostro progetto è di intervenire ovunque il berlusconismo causi dei danni. Il ponte è un esempio manifesto degli annunci ad effetto di Berlusconi. È un’opera intorno alla quale girano fiumi di soldi, e che non risolve i problemi del Sud. Non è da sottovalutare, inoltre, il rischio di infiltrazioni mafiose nelle imprese coinvolte per la sua realizzazione. In quelle terre ci sono tante strutture carenti che necessitano di interventi immediati, penso alla Salerno-Reggio Calabria e alla rete ferroviaria siciliana. Gli esponenti del PDL attaccano il movimento, vi accusano di aver concentrato il dissenso su un’unica persona e di avere

31


VG

visioni grafiche


politica interna

di Michela Caré

Il dialogo non si ferma L’anno si apre con un segno di fratellanza tra comunità ebraica di Roma e Chiesa cattolica l prossimo 17 gennaio Papa Benedetto XVI visiterà la sinagoga di Roma. Il Pontefice si recherà nel tempio maggiore ebraico di Lungotevere de Cenci per incontrare la comunità israelitica, in occasione della 21a Giornata per l’approfondimento e lo sviluppo del dialogo fra cattolici ed ebrei, e della Festa del Moed di Piombo che quest’anno coincide con tale data. La festività ebraica ricorda il 12 gennaio 1793, quando una folla di rivoltosi romani si radunò intorno al Ghetto per incendiarlo. Circolava la convinzione che gli ebrei dessero aiuto e protezione agli odiati sostenitori delle nuove idee rivoluzionarie provenienti dalla Francia. Il fuoco venne appiccato al portone della Regola, ma grazie ad una provvidenziale tempesta che oscurò il cielo fino a farlo diventare plumbeo, le fiamme si spensero e i rivoltosi furono dispersi. Quello del 17 gennaio sarà un incontro storico, uno tra i più importanti del pontificato di Benedetto XVI. L’ultimo incontro tra cattolici ed ebrei nella sinagoga di Roma risale al 13 aprile 1986, quando Giovanni Paolo II venne accolto nel Tempio dal Rabbino Capo di Roma, il Prof. Elio Toaff. Una visita che il Pontefice commentò dicendo di voler recare “un deciso contributo al consolidamento dei buoni rapporti tra le nostre due comunità, sulla scia degli esempi offerti da tanti uomini e donne che si sono impegnati e si impegnano tuttora, dall’una e dall’altra parte, perché siano superati i vecchi pregiudizi e si dia spazio al riconoscimento sempre più pieno di quel “vincolo” e di quel “comune patrimonio spirituale” che esistono tra Ebrei e Cristiani”. E cosi è anche per il nuovo Pontefice. Un incontro che esprime un nuovo modo di rapportare ebrei e cristiani, ebraismo e cristianesimo. Un incontro nato dalla volontà dello stesso Pontefice con un telegramma di auguri inviato il 17 settembre al rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, per le ricorrenze ebraiche dello Yom Kippur e del Sukkot. Quella di Roma sarà la terza Sinagoga che Benedetto XVI visiterà, dopo quelle di Colonia, in Germania, nell’agosto 2005, e di Park East a New York.

VG

visioni grafiche

PAPA BENEDETTO XVI

I

33


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


DAVOS (SVIZZERA)

Il mondo di Davos al 27 al 31 gennaio prossimo l’elite privata mondiale si riunirà, come consuetudine, per discutere le sorti dell’economia del pianeta a Davos, in Svizzera, in occasione del World Economic Forum Annual Meeting 2010, l’appuntamento più importante organizzato dal WEF, il World Economic Forum. Il vertice di Davos è la punta di diamante del WEF, istituzione privata con sede a Ginevra, fondata nel 1971 dal professore Klaus Schwab, che ha come obiettivo la creazione di una piattaforma sulla quale si incontrino le persone più influenti a livello mondiale, per discutere essenzialmente su questioni di politica economica e per raggiungere un consenso riguardo gli sviluppi economici futuri. Vi sono poi anche tutta una serie di incontri e Forum regionali. Requisito essenziale per divenire membro del WEF è essere un’impresa globalizzata ed avere un fatturato di 5 miliardi di dollari. L’invito alla partecipazione al vertice di Davos ha luogo ad personam e non viene rinnovato tutti gli anni. Quest’anno, per esempio, Kai Bucher, Senior Media Manager del WEF, ha annunciato che nessun cittadino libico potrà partecipare al vertice. “Finché le relazioni tra Berna e Tripoli non saranno tornate alla normalità non vi saranno partecipanti libici”, ha affermato, mentre alla scorsa edizione aveva partecipato Saif al-Islam Gheddafi, figlio e probabile successore del colonnello Gheddafi. Dei 2.500 partecipanti ogni anno, circa 1.000 sono dirigenti delle più importanti aziende mondiali, poi vi sono i rappresentati dei governi delle economie più avanzate e di quelle emergenti, ed una

D

Appuntamento in Svizzera, a fine gennaio, quando economisti, finanzieri, banchieri ed esperti cercheranno di fare il punto sulle tendenze dei mercati internazionali

IL CANCELLIERE TEDESCO ANGELA MERKEL NELL'EDIZIONE 2009

di Elenora Isgrò

esteri

piccola parte dei rappresentanti della società civile, come sindacati e ONG. Il quadro informale degli incontri al Forum è condizione ideale per creare delle alleanze tra economia, stato e personaggi chiave della società civile. La crisi finanziaria del 2008 e la “grande recessione” del 2009 sono le questioni principali che verranno affrontate a gennaio da coloro i quali ne sono stati anche la causa. Quest’anno lo slogan della manifestazione è: “Improve the State of the world: Rethink, Redesign and Rebuild” (miglioriamo lo stato del mondo: ripensiamolo, ridisegnamolo, ricostruiamolo). Per “ripensarlo”, mille esperti attivi in oltre settanta consigli si sono incontrati a novembre ed il programma del vertice di gennaio riassumerà le loro raccomandazioni. Per “ridisegnarlo”, le discussioni a Davos faranno leva sul Global Redesign Initiative (GRI), un forum lanciato al vertice del 2009 con il patrocinio dei governi del Qatar, di Singapore e della Svizzera, il cui scopo è di trovare soluzioni per adeguare i sistemi e le strutture della cooperazione internazionale alle sfide del futuro. Per “ricostruirlo”, si cercherà principalmente di ridare fiducia e sicurezza al sistema. A questo scopo è stata istituita la piattaforma WELCOM, che integra la tecnologia WEB 2.0 che permetterà la costruzione di una comunità online durante tutto l’anno. L’esclusività di questo vertice rende quasi nulle le critiche al sistema che vengono dall’esterno, specialmente sul Web. È nato un forum, “l’Altro Davos”, che giudica negativamente questo vertice e pone una serie di riflessioni sugli alti costi sociali della crisi.

37


VG

visioni grafiche


esteri

di Rossella Smiraglia

L’urna irachena Le elezioni saranno un passaggio decisivo per normalizzare la vita del Paese e prime elezioni democratiche in Iraq sono avvenute nel 2005, dopo la fine del regime di Saddam Hussein. Dopo cinque anni, il parlamento iracheno si prepara ad una nuova tornata elettorale, per rinnovare il governo. Ma in un paese ancora devastato da anni di guerra, gli ostacoli non sono pochi. Le fazioni sono divise tra una maggioranza sciita, una consistente presenza sunnita, una minoranza curda e altre minoranze religiose per le quali è stata di recente approvata una modifica della legge elettorale che ne garantisca la rappresentanza politica. Proprio l’approvazione degli emendamenti alla legge elettorale, avvenuta il 6 dicembre, aveva già fatto rischiare il rinvio delle elezioni previste per il 21 gennaio 2010. Il pericolo sembrava scampato grazie all’impegno dei deputati iracheni che, dopo una riunione fiume, erano giunti all’approvazione della nuova legge elettorale, evitando così l’ennesimo veto da parte del vicepresidente sunnita Tareq al Hashemi. Purtroppo, nonostante l’impegno del parlamento, la nuova ondata di violenza nel paese ha comunque obbligato il Consiglio presidenziale iracheno a dover rimandare il voto al prossimo 7 marzo 2010. Il tentativo è quello di sedare le lotte interne tra il governo iracheno (appoggiato dalle milizie curde e sciite) e la maggioranza sunnita delle province del centro Iraq, attraverso un governo forte e democratico, che tenga in considerazione tutte le esigenze di una popolazione alquanto variegata, tra le 18 province in cui è suddiviso il paese. Coesistono infatti sul territorio sunniti, sciiti, curdi iracheni, arabi e minoranze religiose cattoliche. Senza contare poi gruppi appartenenti alla rete di Al-Qaeda. Ad oggi, la temuta guerra civile sembra un’ipotesi lontana, grazie anche all’intervento del comandante americano David Petraeus. Ma restano irrisolte le questioni riguardanti il Kurdistan e il relativo controllo di Kirkuk. In sostanza, il rischio è rappresentato non più dagli attriti tra sunniti e sciiti, ma dalla contrapposizione tra curdi e arabi, spesso volta ad affermare diritti su terre ricche di petrolio. Le prossime elezioni hanno dunque una duplice valenza: da un lato evitare che le spinte autonomiste curde si affermino creando scompiglio nella già difficile gestione del paese; dall’altro, dare regole certe e un governo capace di governare tutte le anime del paese senza per questo paralizzarne lo sviluppo economico e la stabilità sociale.

TAREQ AL HASHEMI

L

39


VG visioni grafiche


costume e società

di Valentina Mancini

Dalla rinegoziazione alla moratoria Da gennaio il via al Piano Famiglia, con la sospensione delle rate sui mutui el Maggio dello scorso anno, con il Decreto Legge numero 93, il governo stabiliva una serie di misure economiche per affrontare la crisi e venire incontro a quei consumatori indebitati e sfiancati da oneri ingestibili. Punto focale del Decreto, la sezione riguardante la rinegoziazione dei mutui. Tale rinegoziazione riguardava le persone fisiche, gli individui, che avevano contratto un mutuo sulla prima casa entro il 28 Maggio scorso. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze insieme con l’ABI (Associazione Bancaria Italiana) definiva i criteri, seconda apposita convenzione, per poter usufruire dell’agevolazione. Con il Decreto ABI Tremonti sanciva dunque la possibilità di optare per un mutuo a tasso fisso al posto di quello variabile, con la possibilità di una rata più bassa protratta per un più lungo arco temporale. Il cliente aveva inoltre il diritto di vagliare e rifiutare l’offerta, per chiedere poi la portabilità del mutuo. Portabilità del mutuo che non comporta più costi aggiuntivi, tantomeno quello del notaio. Altro caso era quello di non essere in condizioni di poter rinegoziare, causa l’inadempimento dei pagamenti, il ritardo, e infine la possibilità di vedersi la casa pignorata. In queste

N

41


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

VG

costume e società

situazioni border-line, l’opzione ultima era quella della rata calmierata con conseguente allungamento della durata del rimborso. A oggi la situazione sta per cambiare nuovamente e completamente. Il 18 Dicembre è stata posta la firma per il via formale al Piano Famiglia, programma di agevolazioni creditizie per i cittadini impossibilitati a sostenere il pagamento dei mutui. Scatterà da Gennaio 2010 la moratoria sulle rate del mutuo stabilita dal Comitato esecutivo dell’Abi, con durata di 12 mesi. Si stima che gli aventi diritto alla moratoria siano circa 110-120 nuclei familiari. Precisamente, chi si ritrova, a seguito della crisi, in una delle seguenti condizioni: lavoratore dipendente a tempo indeterminato che ha perso il posto di lavoro; lavoratore dipendente a tempo determinato, parasubordinato o assimilato, il cui contratto è terminato; lavoratore autonomo che ha cessato l’attività; nucleo familiare in cui è deceduto uno dei componenti percettore del reddito di sostegno della famiglia; lavoratore in cassa integrazione ordinaria o straordinaria; sospensione o riduzione dell’orario di lavoro per almeno 30 giorni. Queste situazioni devono aver avuto luogo tra il 1° Gennaio e il 31 Dicembre 2009. Infine, la moratoria non comporta interessi di mora per il periodo di sospensione stabilito. Altre specifiche da tenere presenti riguardano il tetto di mutui per l’abitazione principale, il cui limite è fissato a 150.000 euro; il reddito annuo, per un ammontare complessivo di 40.000 euro; il periodo massimo di ritardo del pagamento oltre il quale la moratoria non viene applicata, esteso a 180 giorni, rispetto ai 90 inizialmente preventivati. Al termine dei 12 mesi di moratoria il cliente ricomincerà il pagamento delle rate con modalità ancora a definire. Il debito sarà presumibilmente dilatato nell’arco di cinque o dieci anni. Così, a seguito del Piano Famiglia, si spera che tutte quelle persone affogate da debiti al di sopra delle proprie attuali possibilità possano finalmente ricominciare a respirare.

43


costume e società

di Anna Claudia Bianchi

Imprese verticali I 10 grattacieli più alti del mondo NOME

CITTÀ (STATO)

ALTEZZA (m) PIANI ANNO

1 Burj Dubai

Dubai (Emirati Arabi Uniti)

818

160

2009

2 Taipei 101

Taipei (Taiwan)

509

101

2004

3 Shanghai World Financial Center

Shanghai (Cina)

492

101

2008

4 Petronas Tower 1

Kuala Lumpur (Malesia)

452

88

1998

4 Petronas Tower 2

Kuala Lumpur (Malesia)

452

88

1998

6 Greenland Square Zifeng Tower

Nanchino (Cina)

450

69

2009

7 Willis Tower

Chicago (Stati Uniti)

442

108

1973

8 Guangzhou International Finance Center

Canton (Cina)

438

103

2009

9 Jin Mao Tower

Shanghai (Cina)

421

88

1998

10 International Finance Centre

Hong Kong (Hong Kong)

415

88

2003

10 Trump International Hotel and Tower

Chicago (Stati Uniti)

415

96

2009

n tempo erano le cattedrali gotiche. Con le loro linee architettoniche l’uomo voleva rappresentare l’anelito delle anime verso Dio. Una passione, quella della verticalità, che ha sempre accompagnato l’uomo. Oggi i grattacieli traducono la sfida lanciata dall’uomo alla forza di gravità. Sorprendono e affascinano queste lance scagliate nel cielo, ma soprattutto sono in perenne gara tra di loro per conquistare il tetto del mondo. Il grattacielo Taipei 101, il più alto mai costruito, 509 metri per 101 piani, sta vivendo gli ultimi giorni da primatista. Il 4 gennaio si inaugura il Burj Dubai, la torre più alta del mondo. L’altezza effettiva sarà svelata solo in occasione della cerimonia di apertura, ma le stime parlano di 818 metri, e di 162: per avere un’idea, doppierà l’Empire State Building. La “Torre di Dubai” orna lo skyline della città già da qualche tempo, ed è visibile in tutta la sua altezza, da oltre 90 chilometri di distanza. Sua Maestà lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum ha

U

BURJ DUBAI IL GRATTACIELO PIÙ ALTO DEL MONDO

(Fonte: Wikipedia)

dichiarato che con la celebrazione ufficiale della “Torre di Dubai” festeggerà il suo quarto anniversario alla guida dell’Emirato Arabo. L’Imenocàllide è una pianta ornamentale molto amata a Dubai; si caratterizza per un forte fusto floreale, verde affusolato, che regala fiori bianchi e molto profumati. Ed è stato questo arbusto elegante ad aver ispirato la forma e il disegno della Burj Dubai agli architetti Skidmore, Owings & Merril. Sfortunatamente nel mondo non è sempre festa per i grattacieli; le ultime notizie in fatto di costruzioni di vette in acciaio e cemento fanno intravedere qualche difficoltà. A Chicago, a causa della crisi finanziaria che ha colpito l’industria immobiliare negli USA, i sindacati edili della città sono pronti a finanziare il progetto dell’architetto spagnolo Santiago di Calatrava. Il grattacielo più alto degli Stati Uniti, 610 metri, spiccherà sulle sponde del Lago Michigan. Per scongiurare la disoccupazione, i sindacati sono decisi a finanA SIN. TAIPEI 101 SECONDO GRATTACIELO PIÙ ALTO DEL MONDO


VG

ziare l’opera con i fondi pensionistici di categoria. Il grattacielo di Calatrava, un’elegante spirale, prevede 1.200 appartamenti, con un prezzo che oscillerà tra i 750.000 dollari per un piccolo studio, ai 15 milioni per un grande attico. Ma non è finita qui. A Mosca la crisi economica sforbicia quello che sarebbe dovuto diventare il grattacielo più alto d’Europa. La Torre della Federazione sarà ridotta da 94 a 64 piani. La società costruttrice Mirax, ha confermato l’impossibilità di completare il progetto firmato Norman Foster per difficoltà finanziarie. Secondo il quotidiano Kommersant, i lavori sarebbero fermi a 243 metri, ben lontano dai 612 previsti all’inizio per battere ogni record nel vecchio continente. La crisi ha colpito non solo la Torre della Federazione ma anche gli altri grattacieli di Moscow City, la nuova città finanziaria della capitale russa. In ambito nazionale sono partiti i lavori per i cantieri che trasformeranno l’ex Fiera di Milano nella futuristica zona con le tre torri firmate Daniel Libeskind, Zaha Hadid e Arata Isozaki. È ancora sulla carta ma già fa parlare di sé, il grattacielo “storto” definito orribile dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. “Cercheremo di raddrizzarla un po’ ha commentato l’immobiliarista Salvatore Ligresti - nella fase esecutiva si cerca di risparmiare e una torre storta costa di più”. Del resto CityLife, oltre alle battaglie legali con i comitati dei cittadini, ha dovuto fare fronte anche alla crisi ecoCITYLIFE nomica e a quella del mercato immobiliare. Entro il 2015, anno dell’Expo, verrà realizzato in un’area di 366.000 mq un quartiere pedonale con residenze, uffici, servizi e un parco di 160.000 metri quadrati. I grandi azionisti di questa opera sono il gruppo Fonsai, Generali, Allianz e Lamaro. Per capire le origini di queste costruzioni bisogna fare un salto nel passato di poco più di un secolo. Il grattacielo è una creatura di fine Ottocento, ufficialmente nacque a Chicago, dopo il grande incendio del 1871, sintetizzando varie esigenze, tra cui la rapidità della costruzione e il massimo sfruttamento della superficie. Fu il frutto di una mentalità rivolta all’efficientismo capitalista. Infatti la nascita dei primi grattacieli è legata più all’esigenza di raggruppare le funzioni amministrative e commerciali dandone un’elevata visibilità e concentrandole in un unico centro, che a ragioni abitative. La costruzione dei grattacieli a uso residenziale è fondata principalmente su considerazioni di carattere speculativo da parte dei costruttori e non su prospettive di benessere dei cittadini. Apparentemente la coabitazione coatta di migliaia di persone sembrerebbe più tollerata in Asia che in qualsiasi altro continente. Negli Stati Uniti l’idea dei grattacieli come soluzione generalizzata al problema abitativo è decisamente malvista.

visioni grafiche

Grattacieli: è in corso una lotta per il tetto del mondo. Le imprese stanno però facendo i conti con la morsa della crisi. C’è chi si adegua e chi invece decide di tirare avanti

47


VG

visioni grafiche


di Michela Flammini

costume e società

L’anno che verrà: i mille volti del

Anniversari, scadenze, speranze, statistiche e appuntamenti: ecco il menu dei prossimi dodici mesi l 2010 sarà certamente un anno dai mille volti, progetti, invenzioni e passioni. Numerosi, ad esempio, saranno gli anniversari di nascita: dai musicisti romantici Frédéric Chopin (01-03-1810) e Robert Schumann (08-06-1810), all’italiano Giovanni Battista Pergolesi (04-01-1710), fino ad arrivare a pittori illustri del calibro di Henri Rousseau (02-09-1910) e dell’italiano Sandro Botticelli (17-05-1510), dei quali ricorre invece l’anniversario della morte. Quest’anno si commemorerà anche il 50° anniversario della morte del ciclista Fausto Coppi (02-01-1960) e il 10° dalla scomparsa del rivale e amico di sempre, Gino Bartali (05-052000). Infine, è d’obbligo ricordare la nascita di due donne che hanno lasciato un segno indelebile nella storia moderna, seppur in maniera completamente diversa: Edda Ciano (01-09-1910), la più controversa dei cinque figli di Mussolini, e Madre Teresa di Calcutta (26-08-1910), premio Nobel per la pace nel 1979, proclamata beata nel 2003, che sarà commemorata soprattutto in Kosovo, patria natale dei suoi genitori. Alcuni volti, oltre ad essere ricordati in eventi, concerti, manifestazioni culturali, saranno anche impressi a fuoco su monete da collezione. La Zecca francese, ad esempio, per il 2010 propone una moneta con il profilo di Jean de La Fontaine, che nella versione “oro” costerà ben 440 euro. L’isola di Tuvalu, che fa parte dell’arcipelago polinesiano, invece, farà coniare una moneta con il volto di Anton Checov, uno dei più grandi esponenti della letteratura russa, in vista del 150° dalla nascita (17-01-1860). Inoltre, la

I

Banca Centrale di Russia renderà omaggio alla famosa ballerina Galina Ulanova, celebrando, con una moneta commemorativa in argento, il 100° anniversario dalla nascita (08-01-1910). Il 2010 sarà anche un anno di impegni politici e sociali: è stato eletto, infatti, dall’Unione Europea, “Anno europeo di Lotta contro la Povertà e l’Esclusione Sociale”, mentre l’ONU ha preferito dichiararlo “Anno internazionale per la salvaguardia delle Biodiversità”. Un anno che sarà per il mondo l’anno della ripresa economica, anche se in Italia l’aumento del tasso di disoccupazione sfiorerà la soglia del 10%. Intanto, anche il ministro degli Esteri, Franco Frattini, si è dato un bel da fare impegnando il 2010 sia come “Anno dell’Italia in Turchia” (ovviamente durante un soggiorno ad Istanbul), sia come “Anno dedicato a padre Ricci e alla Cina in Italia”, prendendo la parola durante un convegno sul gesuita maceratese, missionario in Cina, di cui ricorrono i 400 anni dalla morte. Il ministro Renato Brunetta, dopo aver rivoluzionato nel 2009 FRANCO FRATTINI

49


visioni grafiche

VG Tel. 06.50912488 06.50916231 s.r.l.

CASALPALOCCO VIA A. DI ALESSANDRIA villa in trifamiliare composta da salone doppio cucina abitabile quattro camere da letto pluriservizi sala hobby con cucina box per un auto giardino bifrontale con portico coperto buone le condizioni interne € 779.000,00 CASALPALOCCO VIA FRINICO villa bifamiliare sala hobby con cucina servizio e box salone con camino una camera e servizio zona notte tre camere e doppi servizi ampia mansarda esternamente patio coperto e giardino di 300 mq € 680.000,00 CASALPALOCCO VIA DIOFANTO villino duplex superiore di testata soggiorno due camere cucina abitabile e servizio terrazzino giardino posto auto mansarda da realizzare € 360.000,00 CASALPALOCCO VIA ANASSARCO appartamento soggiorno con angolo cottura camera bagno € 159.000,00 CASALPALOCCO VIA DEMOCRITO appartamento delizioso completamente ristrutturato soggiorno cucinotto camera cameretta servizio piccolo giardino con gazebo parco condominiale € 239.000,00

AXA TERRAZZE DEL PRESIDENTE appartamentino delizioso al secondo piano composto da soggiorno con angolo cottura camera e servizio piccolo balcone posto auto scoperto € 189.000,00 MALAFEDE CALTAGIRONE appartamento al secondo piano luminosissimo soggiorno cucina una camera e servizio aria condizionata ampio balcone abitabile box personale di 22 mq € 229.000,00 MADONNETTA VIA M. PINI intero bifamiliare nuova costruzione bilivelli fuori terra salone cucina quattro camere pluriservizi mansarda giardino con posto auto di 200 mq € 489.000,00 ad unità

INFERNETTO VIA LIVIABELLA villino bifamiliare ottime rifiniture trilivelli salone cucina quattro camere pluriservizi terrazzi giardino € 459.000,00 INFERNETTO VIA CAVIZZANA bifamiliare due livelli fuori terra diviso in tre appartamenti completamente indipendenti composti da salone cucina due camere servizi giardino € 980.000,00 INFERNETTO VIA ALALEONA villino recente costruzione trilivelli, salone, cucina, tre camere doppi servizi box per un auto esternamente giardino pavimentato di 90 mq € 349.000,00

DRAGONCELLO VIA M. THEODOLI appartamento secondo piano rifinito ottima esposizione salone cucina tre camere doppi servizi balcone posto auto coperto e scoperto € 289.000,00

INFERNETTO VIA TORCEGNO appartamento uso ufficio soggiorno con angolo cottura una camera e servizio balcone e posto auto interno scoperto luminosissimo recente costruzione € 169.000,00

OSTIA ANTICA STAGNI due bifamiliari di costruzione bilivelli fuori terra composti da salone due camere cucina e un servizio al piano superiore mansardato una camera con servizio ampi giardini con posto auto ottime finiture € 325.000,00 a porzione

INFERNETTO VIA GUGLIELMI trifamiliare trilivelli, soggiorno, due camere, cucina e doppi servizi, sala hobby indipendente, con angolo cottura, terrazzino e giardino di 200 mq con posto auto scoperto € 359.000,00

INFERNETTO VIA DOBBIACO villino trilivelli nuova costruzione salone cucina abitabile quattro camere da letto cabina armadio pluriservizi esternamente patio coperto e piccolo giardino perfette condizioni e rifiniture € 399.000,00 INFERNETTO VIA BOEZI delizioso villino trilivelli salone cucina a vista due camere cabina armadi mansarda con servizio giardino € 399.000,00 EUR - DECIMA VIA A. PINI appartamento ultimo piano luminosissimo salone doppio cucina abitabile con lavanderia quattro camere da letto doppi servizi terrazzo e soffitta doppia esposizione € 399.000,00 AXA PIAZZA ESCHILO negozio su strada 60 mq circa con 60 di sottonegozio servizio affittato € 1.850,00/mese ottimo investimento € 399.000,00 AXA CENTRO ESCHILO cessione attività articoli da regalo oggettistica e varie negozio 60 mq ristrutturato primo piano affitto € 1.500,00 al mese € 59.000,00

Viale Prassilla, 41 CASALPALOCCO (Roma) 1° piano - galleria commerciale - www.cannavaleimmobiliare.it


iPHONE

RENATO BRUNETTA

l’amministrazione pubblica, propone invece di intitolare il 2010 alla PEC (posta elettronica certificata), che agevolerà, a detta del ministro, la burocrazia, effettivamente ancora troppo lenta in Italia, sia per i privati che per le aziende, i quali troveranno anche un notevole giovamento economico da questa nuova tecnologia. Ma l’agenda 2010 più colma di impegni è quella di Papa Benedetto XVI, già atteso a Fatima il 13 maggio per l’anniversario della prima apparizione della Vergine Maria; a Malta (aprile), dove ricorre il 1950° anniversario del naufragio di San Paolo. Quello che tiene però tutti gli italiani, di qualsiasi religione, sesso ed età, con il fiato sospeso, è il mondiale di calcio, che quest’anno si svolgerà in Sudafrica e che vedrà la squadra azzurra difendere con le unghie e con i denti il titolo e la coppa vinti in Germania nel 2006. I tifosi Ferrari, invece, vedranno la partenza del loro beniamino Kimi Raikkonen, quest’anno impegnato nel campionato Rally, alla guida di una Citroen C4, e festeggeranno l’arrivo del pluricampione mondiale Fernando Alonso alla guida di una rossa. Per rimanere in tema di motori, ricordiamo che nel 2010 ricorre il 100° compleanno di Alfa Romeo (24-06-1910), uno dei marchi storici delle automobili made in Italy, mentre Volkswagen Polo è stata eletta, da una giuria di 59 giornalisti, “car of the year 2010”, sbaragliando le

concorrenti Citroen C3 Picasso e Fiat Punto Evo; a proposito dell’italiana Fiat, nonostante il 2009 abbia visto la conquista del mercato americano con l’acquisizione di Chrysler, il 2010 si prospetta negativo per gli stabilimenti italiani, che rischiano la chiusura di numerosi siti, come ad esempio quello storico di Termini Imerese. Buone notizie vengono invece dal Web: Internet è stato candidato dalla rivista Wired Italia al Nobel per la pace 2010, per essere “un’arma di costruzione di massa”, grazie ai social network, come Twitter, che sono diventati un importante strumento di denuncia ed hanno ad esempio consentito a tutto il mondo di assistere a ciò che stava accadendo nella lontana Cina. Inoltre, i social blog, nel 2010, saranno anche lo strumento più utilizzato per il marketing, secondo alcuni studi effettuati dall’agenzia Unisfair nel settore pubblicitario. A farla da padrone in campo digitale sarà, anche quest’anno, la tecnologia touch screen, che nel 2009 ha reso l’iPhone il prodotto più desiderato da giovani e non solo: sembra infatti che nel 2010 il prodotto dell’anno sarà un notebook touch screen, sempre firmato Apple, dalle dimensioni ridottissime rispetto agli altri computer portatili e con funzionalità simili a quelle dell’iPhone. Ma le curiosità del 2010 sono veramente tante. Tra queste ci piace ricordare “l’insetto dell’anno”, titolo attribuito al Formicaleone, un simpatico insetto ghiotto di formiche, e il compleanno di Pac Man, la pallina gialla protagonista degli omonimi videogames, che nel 2010 compirà addirittura 30 anni, anche se tutto sommato non li dimostra.

costume e società

Infine, cosa ci riservano le stelle per il 2010? Tralasciando una folle profezia di una stella di nome Orgus, che dovrebbe sfiorare il nostro Pianeta nel dicembre prossimo, permettendo a degli extraterrestri di atterrare sulla terra e colonizzare l’intero Pianeta, ricordiamo che queFORMICALEONE

st’anno, per l’oroscopo cinese, sarà l’anno della Tigre, ossia di tutte le persone nate negli anni 1926, 1938, 1950, 1962, 1974, 1986, 1998 e 2010, mentre per gli appassionati dell’oroscopo nostrano, il 2010 sarà l’anno dei Pesci; se poi siete nati sotto il segno dei Pesci, in un anno della Tigre… lasciatevelo dire: siete proprio fortunati! FERNANDO ALONSO

51


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


MEGAN FOX

costume e società

di Sara Mondaini

2010: facce da SSO EL BA INA D CRIST

calendario embra aver preso il posto del vischio sotto l’albero la tradizione che vede tante stelle e stelline immortalate dall’obiettivo di professionisti della macchina fotografica (e del foto-ritocco) per prestare viso e corpo ai vari mesi dell’anno che verrà. Tra i sexy calendari

S

Anche i divi del cinema non sono da meno, quasi tutti i più noti possono infatti vantare ormai un patinato calendario. Tra i tanti ricordiamo: quello della bella e impeccabile Megan Fox, protagonista tra l’altro del film in uscita

Tra sensualità e solidarietà: viaggio tra i calendari in uscita più scontati e più sfiziosi c’è ormai solo l’imbarazzo della scelta, e in questo senso il 2010 non deluderà. Si va dalle star nostrane a quelle internazionali, spaziando indiscriminatamente tra i campi dello spettacolo, della tv, del cinema, della musica e, naturalmente, dello sport. C’è chi ha scelto di posare con e chi senza veli, chi per il più tradizionale e patinato cartaceo, e chi invece, più trasversalmente, nella rete. Di sicuro non mancheranno le occasioni di presentazioni e, inutile a dirsi, di “visibilità”. E, come ogni anno, saranno puntuali anche i dibattiti sul perché e come si arrivi all’esaltazione di questo lato narcisistico potenzialmente presente forse in ciascuno di noi (o quasi). La sensuale cantante inglese Rachel Stevens, l’ex playmate Holly Madison, l’ex velina e naufraga dell’Isola Veridiana Mallmann o la finalista del GF9 Cristina Del Basso sono solo alcune tra le bellissime modelle e showgirl tra cui è possibile scegliere, abilmente catalogate nei vari mesi del 2010; tra loro troviamo persino l’ormai scomparsa Moana Pozzi, per un’idea bizzarra di Riccardo Schicchi, chiamata “Ricordo di Moana”. Per il suo immancabile calendario, Max ha scelto di puntare il tutto per tutto sulla sexy e onnipresente modella argentina Belen Rodriguez, che ha accettato di posare, in scatti che si annunciano molto caldi, nientemeno che con il suo altrettanto stupefacente alterego: sua sorella Cecilia.

a dicembre dal titolo quanto mai esemplare “Il corpo di Jennifer”; gli intramontabili Angelina Jolie e Brad Pitt; ancora, il giovane Zac Efron e il più adulto, ma sempre conturbante e amatissimo, Johnny Depp. E come non citare quello attesissimo da migliaia di fans, teenagers e non solo, del rampante Robert Pattinson. Pare infatti che l’affascinante vampiro dagli occhi azzurri, che interpreta Edward Cullen nella fortunata saga di “Twilight”, non si sia lasciato sfuggire anche questa occasione per impaginare il suo sguardo penetrante e tenebroso che gli è valso, di recente, da parte della rivista Glamour inglese, il titolo di uomo più sexy del mondo. E per non lasciare scontenti il resto dei twilighters non mancherà anche il calendario riservato all’intera saga, con immagini del noto triangolo amoroso tratte dal secondo film “New Moon”. Il binomio calendari-musica non è una novità: da sempre i grandi interpreti hanno alimentato l’amore dei fan con gadget di ogni tipo, tra cui i calendari. Si possono trovare quelli di Madonna e Robbie Williams, fino ai nostrani Vasco Rossi e Laura Pausini. Anche dal mondo dello sport non si fanno attendere proposte ed evergreen per il grande mercato degli appassionati. Si va dai classici calendari tematici delle squadre di BELEN RODRIGUEZ

53


VG

visioni grafiche


VG

calcio, cui si aggiunge l’uscita con Max del “Calendario 2010 dei calciatori”, il cui ricavato andrà in beneficienza alla Fondazione Cannavaro - Ferrara e che ritrae alcuni dei calciatori più belli o più noti, a Cannavaro e Gilardino; da Luca Toni a Materazzi. Il settore del MotoGP naturalmente “calendarizza” il suo campione, Valentino Rossi, con scatti che lo ritraggono sulla sua moto marchiata dal numero 46. Nel mondo del nuoto fa scalpore il calendario della squadra spagnola, i cui nuotatori hanno accettato di spogliarsi completamente per un duplice motivo: raccogliere fondi per la squadra stessa, nonché devolverne una parte ad un’associazione contro la leucemia. I nuotatori sono tutti di Valencia, tranne Erik Cappa, che è italo-spagnolo. La squadra aveva già fatto un calendario in passato, ma quest’anno ha deciso di osare di più e mostrare che, oltre a bravi sportivi, si avvale di uomini degni anche di altri apprezzamenti. Anche quest’anno, invece, per spostarci su un piano diverso, il ricavato della vendita del calendario della Polizia di Stato sarà destinato a diversi progetti di solidarietà, in particolare a quello dell’Unicef nel Sud del Sudan per combattere le violenze a donne e minori. La raccolta dei fondi consentirà la realizzazione di programmi di formazione rivolti a magistrati, funzionari di Polizia e assistenti sociali per la protezione dei bambini nel Sud Sudan. Il calendario, attraverso immagini di forte impatto emotivo, cattura istanti dell’attività di poliziotti in azione confezionati dal fotografo Giorgio Lotti. Per esaltare il lavoro dei professionisti della polizia e per l’alta qualità delle foto, la grande novità di quest’anno è la scelta di una dimensione molto più grande per la versione da parete (50x70) rispetto a quelle degli anni precedenti (47x35). Inoltre, con lo scopo di avvicinare sempre più i giovani all’istituzione e di diffondere i temi della legalità, il calendario della Polizia di Stato del 2010 sarà distribuito anche nelle scuole medie e superiori di tutta Italia.

visioni grafiche

NUOTATORI SPAGNOLI

55


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


AMORE State per passare sei mesi all’insegna della passione. Per i nati nel mese di Marzo, però, ciò non sarà sufficiente a garantire una stabilità affettiva. I vecchi legami sono in fase di verifica. Si prevede una nuova fortunata storia d’amore, nel caso che quella vecchia non riesca a superare il momento no. LAVORO Sempre nei primi sei mesi dell’anno, con l’aiuto di Marte, sarete più dinamici, volitivi e motivati. Per i nati nel mese di Marzo sarà un anno rivoluzionario! Alcune cose andranno abbandonate in favore di bellissime prospettive e di nuovi inizi. Forse quest’anno non avrete grandi periodi di ferie, ma non sarà il caso di lamentarsi: arrivano trasferimenti e avanzamenti! SALUTE Fino a Giugno avrete una grande forza da spendere. Fate attenzione ai periodi contrassegnati da troppo stress e tensione. Evitate di somatizzare situazioni che non vi vanno a genio. Le stelle consigliano un bel check-up generale. Russell Crowe (7/4/1964)

Barbara D’Urso (7/5/1957)

21 aprile • 20 maggio

toro

21 marzo • 20 aprile

AMORE Se il 2009 ha segnato un momento di rottura con il partner, questo è il momento di fermarsi a riflettere. Le occasioni di incontro non mancheranno: sta solo a voi decidere. Se siete in coppia, potete sorridere all’avvento dell’anno nuovo, poiché da Aprile a Luglio Saturno torna in V casa e vi appoggia. LAVORO Il 2010 porterà sicuramente molte soddisfazioni, soprattutto nel settore professionale, ma perché ciò accada sarà necessario avere chiari gli obiettivi e usare tutta la razionalità di cui siete capaci. Da Aprile a Luglio, con il rientro di Saturno in Vergine, potrete realizzarvi. A partire dalla primavera sono previsti sforzi che però porteranno gratificazioni. SALUTE Marte si trattiene nel segno del Leone sino a Giugno, perciò è fatale subire tensione e spossatezza; questo procurerà stress fisico ed emotivo, quindi attenzione a non esagerare. Prendetevi cura del vostro stomaco, da sempre punto debole, con cibi sani.

gemelli

oroscopo

AMORE 2010, tempo di riconferme e di sorprese. Le coppie ritroveranno equilibrio ed un improvviso risveglio della passione. Stiano in campana i single, per tutto l’anno: fino a Dicembre, incontri frizzanti e nuove avventure in arrivo, addirittura il miraggio di una storia seria. Si consiglia però di vivere il tutto restando vigili, ponderando bene. LAVORO Gemellini di tutto il mondo, rincuoratevi: se il vostro attuale lavoro non vi gratifica più di tanto, il 2010 potrebbe riservarvi più di una sorpresa. Nuove opportunità da cogliere al volo, ma anche la chance di affrancarvi da rapporti lavorativi sterili e dequalificanti. SALUTE Si preannuncia da questo punto di vista un anno più che tranquillo, il vostro corpo sprizzerà maggiori energie e buona salute da Maggio a Luglio. Approfittatene per tonificarvi e rigenerarvi con qualche giorno di vacanza. Vincete la pigrizia: un po’ più di sport potrà esservi soltanto di beneficio. Per i timidi: vietato isolarsi.

21 maggio • 21 giugno

Paul McCartney (18/6/1942)

AMORE State allegri! Questo è l’anno della riscossa, dimenticate ogni precedente storia che vi ha fatto soffrire, da ora in poi il sole splenderà su di voi illuminando il vostro cammino. Riuscirete finalmente a vedere con gli occhi dell’amore. Il periodo migliore per voi è l’estate, ma non pensate di dover aspettare… LAVORO Avrete grandi soddisfazioni, dovrete impegnarvi molto ma i risultati arriveranno. Buone prospettive per chi pensa di mettersi in proprio, fate però attenzione ai partner scelti. Cominciate subito! Gennaio è il mese giusto per fare progetti. Ci vuole coraggio, la grinta non vi manca, attenti alle invidie. SALUTE Sarete al top da Marzo in poi; fino ad allora avrete qualche fastidio dal vostro punto debole: lo stomaco. La grande sensibilità ed emotività, che fino ad ora vi hanno reso vulnerabili, in questo splendido anno, per voi e per gli altri segni d’acqua, diventeranno un punto di forza. Aida Yespica (15/7/1982)

22 giugno • 22 luglio

cancro

ariete

L’Oroscopo del 2010

di Alehandra

59


VG

visioni grafiche


oroscopo

AMORE L’anno sarà costellato di periodi amorosi fantastici, all’insegna dell’hot. Passionalità e sensualità saranno sempre con voi, donandovi un fascino stellare, grazie anche al transito di Venere. Agosto è il periodo sì dei single, fatto di incontri in cui sarete protagonisti. Per le coppie, qualora si fosse spenta, riarde la passione. LAVORO Un cambiamento generale è alle porte: la vostra vita subirà dei notevoli sbalzi positivi, senza tralasciare il lavoro. In campo professionale, però, è bene vagliare varie possibilità per evitare di prendere decisioni affrettate e correre rischi inutili. Sarà un 2010 pieno di sfide e anche di qualche sacrificio. SALUTE Marte transita nel segno fino ai primi di Giugno. Ciò significa energia incontenibile, sia fisica che mentale. La salute ne gioverà, purché non si ecceda portando il corpo in situazioni di eccessivo dinamismo. Potreste avere bisogno di qualche visita di controllo generale; tutto ciò, senza troppo allarmismo. Robert De Niro (17/8/1943)

AMORE Il buon aspetto di Plutone vi rende molto fascinosi verso chi vi guarda con un certo interesse. Se scegliete la strada della schiettezza, nei primi tre mesi dell’anno potrete avere qualche malinteso comunicativo. Cercate di evitare le discussioni infinite e non destabilizzate il partner con la vostra indole critica! LAVORO Non siete più disposti a farvi da parte, magari svolgendo tutto il lavoro e facendo prendere il merito agli altri. Cercate di mettervi in luce, nel vostro lavoro attuale come altrove (dove potrebbero aprirsi strade). Cercate di non esagerare con le critiche e le lamentele, specialmente in primavera e in autunno. SALUTE I guai di origine psicosomatica saranno arginati al minimo dal fatto che vi sentirete forti e piacenti. I nati nel mese di Settembre già dall’anno scorso hanno avuto a che fare con terapie ricostitutive, ricostruttive, riabilitative, ecc... È un momento di vaglio generale nel campo della salute. Date ascolto al vostro corpo.

bilancia

Beyoncé Knowles (4/9/1981)

23 agosto • 22 settembre

vergine

23 luglio • 22 agosto

AMORE Il 2010 rappresenterà un momento di svolta! Nei rapporti di coppia saranno richiesti passi decisivi. Via libera a matrimoni, convivenze e possibilità di mettere al mondo un figlio. Nelle relazioni poco chiare, è giunto il momento delle decisioni. Basta tira e molla! Per i single, l’estate è il momento per passare all’azione. LAVORO Aspettatevi grandi opportunità. Finalmente sta per passare il vostro treno! Tirate fuori le unghie: Saturno, dopo 30 anni, torna nel vostro segno per raggiungere i vostri obiettivi e rendervi più forti. Novità e aria di cambiamenti si presenteranno soprattutto nella parte iniziale e finale del 2010. SALUTE Fastidi e preoccupazioni, ma solo all’inizio dell’anno, poi tutto si calmerà. Infatti, potrete contare sull’appoggio di Marte che vi darà l’energia giusta per spazzare via la stanchezza e vi fornirà la forza necessaria per affrontare le occasioni da cogliere al volo. Godrete di buona salute.

23 settembre • 22 ottobre

Pedro Almodóvar (24/9/1949)

AMORE I nati in Ottobre subiranno l’influsso positivo di Plutone, che ne aumenterà il fascino. Quest’anno nasceranno nuove relazioni da cui pretenderete, come al solito, passione e profonda complicità. Bene anche per le coppie che hanno un rapporto avviato: le stelle dicono che potrete rivitalizzare la relazione. LAVORO I nati in Ottobre daranno sfogo a tutte le loro ambizioni. Tra gennaio e marzo avrete grandi opportunità, non lasciatevele sfuggire. Favoriti soprattutto coloro che osano. Giove è dalla parte dei nati nel mese di Novembre. Se volete cambiare lavoro o qualifica siete sostenuti da Urano. SALUTE Il vostro organismo parla chiaro: vi sentite forti e in grande forma. Plutone si trova molto a favore, per cui sarete votati ad assecondare gli eccessi. Attenzione a non esagerare con gli eccitanti (caffè, cioccolata, ecc…). Forse è l’anno buono per mettere un po’ d’ordine nelle vostre abitudini alimentari. Alessia Marcuzzi (11/11/1972)

23 ottobre • 21 novembre

scorpione

leone

L’Oroscopo del 2010

61


oroscopo

AMORE Il 2010 sarà un anno quanto mai imprevedibile dal punto di vista sentimentale. Le relazioni stabili potrebbero subire qualche scossa a causa di possibili sbandate da parte vostra. La situazione migliorerà da Luglio in poi, periodo in cui i diverbi si spianeranno e l’amore rifiorirà. Per i single sarà l’anno del divertimento. LAVORO In arrivo molte novità. Sarà di vitale importanza vagliare nuove proposte ed imboccare percorsi fino ad ora considerati troppo avventurosi e totalmente ignorati, anche dovendo talvolta fare buon viso a cattivo gioco. Saranno possibili viaggi di lavoro, anche frequenti. Non sperate nella collaborazione dei vostri colleghi. Potete contare soltanto su voi stessi. SALUTE Un 2010 piuttosto tranquillo. La salute andrà piuttosto bene eccetto qualche piccola malattia nei mesi primaverili. Fate però attenzione a non sottovalutare patologie pregresse e soprattutto non rimandate a un domani problemi legati ai denti e alla colonna vertebrale. Steven Spielberg (18/12/1946)

AMORE La presenza di Plutone nel segno conferisce ai nati in Dicembre fascino, orgoglio e passionalità. Sul vostro percorso affettivo non mancheranno molti ostacoli. Chi è nato nel mese di Gennaio potrà avere molte chance. In primavera e in autunno Giove renderà più semplice la comunicazione con il partner. LAVORO Si annuncia un anno altamente competitivo nell’ambito professionale. Desiderate emergere, ma dovete guardarvi da alcune circostanze che vi sono contro. Cercate di scansare chi percepite disonesto. È un anno di quelli in cui fare tesoro di esperienza e mettere da parte risorse economiche. SALUTE Per i nati in Dicembre, visto il carico di stress, le stelle consigliano di fare delle terapie depurative o cercare una stabilità attraverso tecniche di rilassamento o di meditazione. I nati nel mese di Gennaio hanno l’appoggio di Saturno in primavera: se prevedono interventi chirurgici o terapie dentistiche questo è il periodo migliore.

acquario

Manuela Arcuri (8/1/1977)

22 dicembre • 20 gennaio

capricorno

22 novembre • 21 dicembre

AMORE L’anno non comincia nel migliore dei modi. L’armonia con il partner sarà messa in discussione a causa di un leggero egoismo iniziale da parte vostra. Già intorno al mese di Maggio comincerete a raggiungere una maggiore serenità di coppia. A Luglio, un’importante decisione vi riconcilierà con il partner. LAVORO Un importante impegno di lavoro richiederà tutte le vostre energie, ma alla fine ne uscirete vincenti. Valutate con calma e con molta pazienza ogni nuova decisione e cercate di mantenere buoni i rapporti con i colleghi. Verso l’estate arriverà l’opportunità che stavate aspettando, ma fate attenzione a prendere il treno al volo. SALUTE Nei primi mesi dell’anno sarete fiacchi. Cercate di tenere a riposo il vostro fisico senza inutili stress. Con l’arrivo della primavera vi sentirete rinvigoriti e pieni di energie. Cerate di non esagerare con l’uso di alcolici e con la vita mondana. Provate anche l’omeopatia.

21 gennaio • 19 febbraio

Claudio Amendola (12/2/1963)

AMORE Se l’amore parte un po’ in sordina per chi è in coppia, durante il corso dell’anno tende a migliorare notevolmente, regalando ai Pesci intensi momenti di passione con il partner. Avrete voglia di dare una maggiore stabilità al vostro rapporto, magari consolidandolo con un matrimonio o un impegno concreto per il vostro futuro insieme. Parola d’ordine: concretezza. Estate bollente per i single. LAVORO Avrete in mente molti progetti e nuove idee da portare a compimento. La fine del 2009 vi ha destabilizzato, adesso è il momento di ripartire alla grande. Alcuni di voi avranno voglia di cambiare lavoro o di tentare la fortuna mettendosi in proprio. Valutate però a fondo le opportunità. SALUTE La salute è buona. Fate attenzione alle fratture se praticate sport pericolosi. In vacanza, questa volta, cercate di rilassarvi, invece di lanciarvi all’avventura. Nel 2010 Urano in opposizione lascia il vostro segno e subentra Giove, molto positivo, che porterà fortuna e forma. Jessica Biel (3/3/1982)

20 febbraio • 20 marzo

pesci

sagittario

L’Oroscopo del 2010

63


di Chiara Rovan

cose dell’altro mondo

Condannato fan di Freddy Krueger costata cara l’ossessione per i film horror al giovane inglese Jason Moore, che ha tentato di emulare il celebre personaggio della saga “Nightmare” inventata da Wes Craven negli anni ‘80. Dopo essersi fabbricato il famoso guanto con gli artigli, ha quasi ucciso il suo amico John-Paul Skamarski, 59 anni, mentre dormiva. Incriminato per tentato omicidio, il ragazzo è stato condannato dal tribunale di Leicester all’ergastolo. Jason passava le sue giornate a vedere e rivedere gli episodi della saga, impiegando ore per fabbricare l’arma usata nel film. “Si esercitava squarciando le tende”, ha dichiarato il pubblico ministero Balraj Bahtia. Dopo aver ferito gravemente l’amico al volto, al collo e alle mani, il giovane stesso ha avvertito la polizia ed è stato subito arrestato.

È

Questa strada porta sfortuna Washington esiste una strada chiamata “Good luck road” (“Strada della buona fortuna”), ma è la più jellata del circondario e molti abitanti vorrebbero che cambiasse nome. È lunga oltre 11 km e si snoda attraverso le colline del Maryland, dai sobborghi della capitale fino a uno dei centri della Nasa. Dal 2000, ha registrato 132 furti e 123 rapine, e dal 2002 al 2007 ha subito 496 incidenti stradali di cui 5 mortali. “Serve un nuovo nome”, afferma Keith Mitchell, tecnico di computer cinquantenne, che vi abita dalla nascita. “Ogni mese gioco alla megalotteria del nord est. Non ho mai vinto niente, ma l’unica volta che mi sono dimenticato di giocare è uscito il numero che avevo in mente”. La strada è sfortunata da sempre: quando ci passava la ferrovia, non era raro che i treni si guastassero. Solo superstizione?

A

Colpita da un manichino ottiene risarcimento danni n California una donna ha accusato di essere stata “aggredita” da un manichino in esposizione. Diana Newton, casalinga di 51 anni, si era recata ai grandi magazzini della catena J.C.Penney a Westminster. La giacca che voleva acquistare era esposta su un manichino e la signora ha chiesto aiuto ad un commesso che, nel tentativo di sfilarla, ha inavvertitamente fatto saltare un braccio di plastica che è finito proprio sulla testa della malcapitata cliente. Risultato dell’incidente: una brutta botta e un dente spaccato. I dirigenti della catena J.C.Penney si sono offerti di pagare un risarcimento per le cure odontoiatriche della Newton, ma si sono rifiutati di considerare le ulteriori conseguenze lamentate dalla signora, che al momento dell’incidente aveva accusato solo un leggero dolore alle spalle e una momentanea insensibilità alle mani.

I

Eva Kant in manette successo a Rimini. La dirigente di un ipermercato, quarantenne di Ancona, prelevava la merce dai magazzini in cui lavorava, la portava nel suo ufficio, privandola dei contrassegni di riconoscimento, e la rivendeva. In vendita, anche sul sito di aste online eBay, telefoni, computer, iPod, dvd, giochi elettronici e abbigliamento. Sul sito, la donna aveva scelto un nickname che era tutto un programma: Eva Kant, la compagna del ladro dei fumetti Diabolik. Qualcosa, però, non ha funzionato: la merce che spariva dai magazzini ha cominciato ad andare ben oltre il normale trend dei furti e così i vertici dell’ipermercato si sono rivolti alla polizia. L’indagine è andata avanti per più di un mese, con varie intercettazioni audio e video, e alla fine gli indizi hanno portato a smascherare l’astuta ladra-caporeparto.

È

65


VG visioni grafiche

VG

visioni grafiche


cose dell’altro mondo

di Andrea Giovanni Sorge

L’importante è partecipare? oveva essere solo una goliardata, si è trasformata in una roulette russa. Lea Jennifer Strange, cittadina della California, è morta nel tentativo di vincere una consolle per videogiochi che una emittente radiofonica metteva in palio a chi riuscisse nell’impresa di bere la maggior quantità d’acqua nel minor tempo possibile senza urinare. A nulla è servita la telefonata, giunta nel corso della trasmissione, di un’infermiera che metteva in guardia i concorrenti dai pericoli per la salute che la cosa comportava. La sventurata concorrente è morta per intossicazione dovuta all’eccesso di acqua accumulata in corpo. La famiglia della ragazza, sconvolta, si prepara ad un’azione legale contro la stazione radio.

D

Ladro gentiluomo... ma non troppo ilwaukee, Usa. Uno studente dell’Università del Wisconsin stava tranquillamente recandosi al lavoro quando quattro uomini l’hanno trascinato di peso in un vicolo e lo hanno costretto a mettersi faccia a terra, con una pistola ben puntata alla nuca. Sarebbe stata una rapina come le altre se, al momento di sottrarre il portafoglio dalla tasca del derubato, colui che doveva evidentemente essere il leader della banda non avesse trovato all’interno una tessera di appartenenza all’esercito. Il rapinatore si è quindi prontamente scusato col giovane, affermando di avere molto rispetto e sincera ammirazione per il suo lavoro e gli ha infine restituito il portafogli, defilandosi coi sui complici velocemente. Non prima però di aver sferrato un pugno al giovane, tanto per non perdere la reputazione da “duri”. Curiosamente, poco dopo, la stessa gang ha commesso un’altra rapina, stavolta ai danni di un detenuto in permesso speciale, come testimoniava un documento che l’individuo custodiva in tasca. I rapinatori stavolta non hanno avuto scrupoli e hanno ripulito il malcapitato.

M

Il ballo di San Vito ontrabbandava animali… portandoseli addosso. Un giovane danese di soli 22 anni è stato fermato a bordo di una nave diretta verso la Norvegia e condannato ad una multa di 12.500 euro per trasporto illegale di rettili. Insospettiti dai suoi movimenti scomposti, simili a convulsioni da crisi epilettica, alcuni ufficiali della dogana hanno perquisito il ragazzo. Sotto la camicia, accuratamente rinchiusi in dei calzini tenuti legati al torace da alcune cordicelle, 14 esemplari di pitone reale! Nei pantaloni, invece, il novello Indiana Jones teneva delle lattine fissate alle gambe col nastro adesivo e ripiene di rari gechi albini.

C

Eccesso di zelo on sempre l’onestà paga. Lo sa bene Paul Clarke, un inglese di 27 anni, ex soldato. Quando nel suo giardino ha notato un sacco abbandonato, il giovane non ha resistito alla tentazione di aprirlo. Dentro c’era un fucile a canne mozze. Da onesto cittadino qual è, Clarke si è affrettato a consegnare alla polizia il sacco col suo scottante contenuto. Ne ha ricavato un’accusa per possesso illegale da arma da fuoco, con conseguente condanna a 5 anni di carcere. “Intenti e circostanze sono irrilevanti, chiunque detenga un’arma da fuoco commette reato” hanno assurdamente replicato il procuratore distrettuale e il giudice. Quando la legge è al di sopra di tutto, anche dell’intelligenza e del buon senso.

N

67


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Il Patio Antico Qualità e stile senza tempo l Patio antico è un negozio unico nel suo genere perché offre ai clienti il gusto e l’esperienza di Lidia Fiori, evitando accuratamente di proporre le linee, gli arredi, l’oggettistica e i complementi imposti da industrie del settore sempre più standardizzate e prive di originalità. Forte dei 30 anni di esperienza alle spalle e di una grande passione per il suo lavoro, Lidia ci parla della sua attività con estrema cortesia… La domanda più semplice: cos’è il Patio Antico? È difficile dirlo con esattezza, abbiamo tessuti, tappeti, tende, mobili, salotti, argenteria, posateria, cristalleria, porcellane, lampade. Siamo nati nel periodo in cui le liste di nozze significavano soprattutto oggetti per la casa. Oggi abbiamo ampliato molto il discorso, in particolare per ciò che riguarda l’illuminazione. Ci tengo a precisare che siamo arredatori e che proponiamo mobili antichi, in stile e pregiati complementi d’arredo. Mi sembra che la vostra forza sia nel fornire ad ogni cliente un servizio e dei prodotti unici… Offriamo una consulenza d’arredo molto qualificata e professionale, mia figlia Laura è arredatrice e sa cosa significa indirizzare nel modo migliore il cliente. Poi c’è il lato creativo e quello legato all’esperienza: io creo molte cose personalmente, in particolare le lavorazioni con fiori su tessuto. Abbiamo tendaggi particolari e una più che trentennale esperienza nel campo dell’argento. Da noi si trova anche la cristalleria e la tovaglia francese. Insomma, da voi esistono cose che non si possono trovare altrove… Credo proprio di sì. Va considerato anche che siamo esclusivisti di zona e punto vendita più importante d’Italia di Paolo Marioni, una delle più prestigiose imprese ceramistiche italiana. Parliamo di una tradizione che ha pochi eguali nel mondo. Tra illuminazione e complementi d’arredo abbiamo più di cento articoli. Quanto è importante l’illuminazione? Molto, moltissimo. Oltre alla consulenza tecnica su come valorizzare al meglio l’ambiente della casa, bisogna sempre considerare che la luce va di pari passo con i mobili e lo stile d’arredo scelto. E per i mobili? Abbiamo l’antiquariato italiano e possiamo far realizzare anche mobili personalizzati (su disegno). Mi dicevi poi dell’arte… Mio marito è pittore, io compro quadri da quando ero adolescente. Abbiamo avuto anche una galleria d’arte (“Il Torchio”). Da noi è possibile anche trovare il pezzo giusto per rendere la propria casa un luogo unico.

I

INFO: IL PATIO ANTICO - Centro Commerciale “Le Terrazze” Via Filippo il Macedone, 31 (Casal Palocco) - Tel./Fax 06.50915228 www.ilpatioantico.it

69


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Il Parco Giochi Giocattoli a prova di mamma lessandra Di Carlo, titolare dei negozi “Il Parco Giochi” (uno all’Infernetto - via Wolf Ferrari - e l’altro presso i Parchi della Colombo) è una donna che ha fatto della sua passione di mamma un lavoro. Da mamma è infatti diventata presto un’assidua frequentatrice di negozi di giocattoli. Poi, trasferitasi all’Infernetto, ha notato che il quartiere era sprovvisto di rivenditori di giocattoli. Così è nata una scommessa doppia, di genitore e di imprenditrice, un gioco che oggi è diventato una realtà affermata della zona e che coinvolge uno splendido staff di ragazze e un padre che non ha mai fatto mancare il suo supporto. “Sono orgogliosa delle persone che collaborano con me perché non lo fanno come se fosse un lavoro qualsiasi ma ci mettono una grande passione. Ho anche la fortuna di essere aiutata da mio padre, una persona per me molto importante” afferma Alessandra. E continua: “Sono contenta di portare avanti un’attività che resiste alle logiche della grande distribuzione e che si basa su una filosofia che privilegia sempre il cliente. Cerco sempre il giocattolo nuovo, di qualità, in modo da offrire qualcosa di diverso”. Orgogliosa dei risultati raggiunti, la titolare de “Il Parco Giochi” sottolinea proprio l’aspetto del rapporto esclusivo con il cliente: “mi ha fatto molto piacere la visita recente di alcune persone che venivano apposta dall’Eur. Il fatto che vendiamo cose particolari e che abbiamo tante soluzioni da offrire è apprezzato. Sappiamo che anche il giocattolo ha una sua stagionalità, dunque, finite le feste, ci stiamo preparando per il prossimo carnevale. Da noi i clienti potranno trovare una quantità notevole di vestiti ed accessori, sia nella versione per bambini che in quella dedicata agli adulti”. L’invito è dunque quello di scoprire il fantastico mondo de “Il Parco Giochi”. Le sedi sono all’Infernetto (Via Wolf Ferrari 235 Tel. 06.50916506) e presso i Parchi della Colombo (Via Maurice ALESSANDRA Ravel - Tel. DI CARLO 06.50918165). I vostri bambini apprezzeranno…

A

di Chiara Rovan

arte e cultura

L’arte come immagine e somiglianza Il giovane artista lidense Simone Nevolo racconta la sua passione lasse 1979. Attualmente tatuatore, illustratore (del libro Easy Ulysses, guida alle avventure e ai personaggi di Ulysses nella Dublino di James Joice di Bernardino “J.J.” Savelli) e ritrattista. Tra i suoi lavori: ideazioni scenografiche per ambienti cinematografici (produzione Cattleya) e teatrali (Teatro Stabile di Ostia Antica) e progettazioni di arredi. Queste solo alcune delle attività svolte del giovane artista del XIII Municipio che ha esposto per la prima volta i suoi originali disegni in una recente mostra all’Infernetto molto apprezzata da un vasto pubblico di esperti. Soggetti originali a matita, acquerello, penna biro. Colori a olio e gessetto in cui l’artista ha mostrato il suo percorso creativo partendo dalle opere più realistiche fino alle ultime composizioni astratte e geometriche, in cui prevale uno scavo interiore profondo e personalissimo.

C

Perché questo titolo per la sua mostra? Ogni nostra creazione penso sia frutto di qualcosa che un po’ ci appartiene e ci assomiglia e che fa da contorno a quella che è l’immagine nascosta di noi stessi. Quando è nata la sua passione per il disegno? È nata insieme a me. Ritengo naturale esprimere attraverso il disegno ciò che davvero sento dentro, non potrei farne a meno. Quando mi sono accorto che ne avevo bisogno più di qualsiasi altra cosa, allora è diventata una vera passione. Cosa l’affascina di quest’arte? Pensare che tutto è possibile, che non esistono limiti alla nostra fantasia. L’infinito, ad esempio, può avere forme semplici o astratte che già sono scritte dentro di noi. È come se tutto già esistesse e non aspettasse altro che noi per esistere. Come accade per le canzoni e le poesie, così nel disegno devi saper cogliere quel meraviglioso mondo che si cela dietro un semplice foglio di carta. Chi l’ha sostenuta in questo percorso? Di certo i miei genitori sono stati i primi ad avere fiducia in me e nelle mie capacità. Da due anni, poi, ho anche io una bellissima famiglia ed è una sensazione grande, unica. Per ora sono ancora all’inizio della mia carriera, ma spero di proseguire su questa strada e scoprire anche nuove opportunità artistiche.

71


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Immagina di sentirti sempre al “top” della forma... ...ben nutrito, in salute e sempre pronto a dare il meglio di te stesso • Nel mondo, circa 1,6 miliardi di persone adulte sono in sovrappeso: gli obesi sono circa 400 milioni (tra cui sempre più bambini). • La popolazione mondiale invecchia: oggi 700 milioni di persone hanno più di 60 anni e gli esperti prevedono che la loro percentuale è destinata a salire. • Ricerche di mercato evidenziano come le persone siano sempre più “sensibili” al proprio benessere e sempre più impegnate a svolgere attività fisica con regolarità. • Lo stress e i ritmi frenetici delle persone che conducono una vita piena di impegni rendono sempre più difficile preparare un pasto sano. • Un pasto completo deve mettere l’organismo nell’ambito di un regime alimentare per il controllo del peso e per una sana nutrizione.

PIÙ DI 29 ANNI DI PROVATA EFFICACIA Abbiamo aiutato milioni di persone a raggiungere i propri obiettivi di benessere. Persone di tutto il mondo testimoniano che è possibile seguire un’alimentazione sana e ribilanciare il proprio peso grazie all’esperienza, al lavoro ed all’attività di ricerca svolta dai nostri esperti nutrizionisti di fama mondiale.

BENESSERE E NUTRIZIONE: OBIETTIVO PRIMARIO Fortunatamente l’attitudine delle persone sta cambiando: cresce sempre più il numero di coloro che sono disposti a scegliere una vita più sana ed attiva in cui il benessere è al primo posto. Per te una magnifica opportunità per aiutarci a diffondere la sana nutrizione, interna ed esterna, nel mondo... chiedici come per far parte della nostra equipe.

VUOI SAPERE COME: Sentirsi speciali? Star bene? Mantenersi in forma? Sentirsi pieni di energia?

CHIAMACI! Programmi personalizzati gratuiti

349.55.14.173 Consulente del Benessere: Angela Familari

73


VG visioni grafiche


informazione redazionale

Prontotel Una scommessa vincente iste le categorie merceologiche alquanto standardizzate dei tempi che corrono, definire Prontotel sarebbe davvero molto complicato. Vero e proprio emporio del digitale, il negozio di Dante Zinni è un luogo dove poter trovare tutto ciò che serve a stare in connessione con il mondo, nonché i servizi annessi al mondo della telefonia e della fotografia. Una piccola chiacchierata con il titolare ci ha schiarito le idee… Direi che Prontotel è il tipico luogo dove cercare l’ascolto e l’assistenza persa altrove… Sì, cerchiamo di dare servizi a 360 gradi, di offrire al cliente un vasto spettro di possibilità. Insieme a questo, ci tengo a dirlo, siamo ampiamente concorrenziali: ogni persona che si reca abitualmente qui sa che da ogni punto di vista può trovare i prezzi migliori e una scontistica non presente altrove. Troppo facile, ci dica come fa… Non è così complicato come sembra. Non scarico sul cliente i miglioramenti di costo che riesco ad ottenere a monte. Cerco sempre di favorire il prezzo finale e quindi di riversare sul cliente tutti i vantaggi che riesco a spuntare in prima persona. Per me il discorso fondamentale è stare sotto il mercato generale, risparmiando sull’acquisto e favorendo il compratore finale. Chi ci conosce sa che difficilmente potrà trovare condizioni migliori altrove. Bene, allora mi dica cosa vendete… Abbiamo tutti i migliori articoli di telefonia fissa e mobile. Oltre a questo, abbiamo accessori, articoli per computer, videogiochi, consolle di tutte le marche e cartucce per stampanti. Stampiamo foto e riusciamo a fare prezzi davvero convenienti, specialmente sulle grandi quantità. Siamo rivenditori Tre e facciamo assistenza sui telefoni, sia ordinaria che per ciò che riguarda la garanzia. Se si ha un telefono danneggiato e si vuole recuperare solo la memoria, siamo in grado di salvare i dati. Insomma, facciamo un po’ di tutto. E si può anche scommettere… Certamente, accettiamo scommesse su eventi sportivi e da ciò che dicono i clienti stessi, risulta che siamo in grado di remunerarle in maniera migliore che in altri punti scommesse. Tengo inoltre a sottolineare che ci troviamo presso il Centro Commerciale di Via Wolf Ferrari (Tel. 06.50918126) e che qui il parcheggio si trova sempre.

V

di Michela Caré

cultura

Il dovere di non dimenticare Ecco alcune delle più importanti iniziative legate alla Giornata della Memoria 2010 l 27 gennaio 2010 si celebrerà la Giornata della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico. In attesa, le città stanno programmando già da ora attività culturali sul tema dell’Olocausto. L’Università degli studi di Macerata organizza un convegno di 3 giorni (27-28-29 gennaio) intitolato “Auschwitz prima e oltre. Nuovi conflitti e percorsi altri tra esclusione, identità e differenze”. L’obiettivo dell’incontro è quello di proporre una rilettura delle circostanze che hanno avviato a regimi in cui tutto è apparso possibile affiancandovi una riflessione sui nuovi conflitti e sulle nuove forme di chiusura identitaria. Temi principali del convegno saranno la discriminazione delle minoranze, gli scontri nel mondo contemporaneo e i totalitarismi. Iniziativa importante è anche il Treno della Memoria, un convoglio che partirà da Torino alla volta di Cracovia e che permetterà a 1.400 studenti piemontesi di visitare i campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau. A Venezia il Museo Ebraico, in collaborazione con la comunità ebraica cittadina, organizzerà attività didattiche che permetteranno all’utenza di accostarsi a questo tema in maniera coinvolgente. In programma anche una mostra con opere di Giorgio Celiberti, artista profondamente colpito in gioventù dalla visita al campo di concentramento di Terezin, vicino Praga, dove migliaia di bambini ebrei, prima di essere deportati nei campi di sterminio, avevano lasciato disegni e poesie. A Roma, invece, presso la Casa della Memoria vi sarà la presentazione al pubblico del volume “I Giorni del sole nero”, una ricerca sulla deportazione romana nei lager nazisti. Infine, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha istituito l’ottava edizione del concorso “I Giovani ricordano la Shoah”, una rassegna rivolta a tutti gli allievi delle scuole elementari e medie al fine di promuovere studi e approfondimenti, da parte dei giovani, sul tragico evento che ha segnato la storia europea del ‘900.

I

75


VG

visioni grafiche


di Riccardo Colella

Musica e spettacoli: il 2010 parte alla grande

T

MODENA CITY RAMBLERS

ginale, presenteranno il loro ultimo disco “Last look at Eden”. La band svedese, famosissima nel corso degli anni ‘80 con “The Final Countdown”, torna in Italia in occasione del suo Tour Mondiale, che toccherà, oltre Roma, anche Milano, Padova e Modena. Ancora a Modena, l’8 Gennaio sarà possibile assistere al concerto dei Modena City Ramblers che si esibiranno al Kalinka per festeggiare i tre lustri dall’uscita del loro primo album. Il particolare Tour, che porterà la band modenese in giro per l’Italia, prende infatti il nome dallo storico album “Riportando tutto a casa”, diventando quindi “Riportando tutto a casa, di nuovo in concerto 15 anni dopo...”.

Per evitare che il ritorno al lavoro sia eccessivamente traumatico, ecco la guida dedicata agli eventi sparsi sul territorio nazionale

il Teatro Carlo Felice di Genova. I prezzi partono da 35 euro più prevendita per la Balconata, fino ai 70 euro più prevendita per la Poltronissima. Eccezionale e graditissimo ritorno, poi, in quel di Roma, presso l’Atlantico all’Eur, il 28 Gennaio. Joey Tempest, John Norum, John Leven, Mic Michaeli e Ian Haugland, ossia gli Europe nella loro formazione ori-

EUROPE

A chi invece volesse cimentarsi con musica di tutt’altro genere, consigliamo, il 16 e 17 Gennaio, di non perdere l’intrigante appuntamento con Wolfgang Amadeus Mozart presso la sala della Biblioteca del Forum Austriaco di Roma. In quei giorni si svolgeranno infatti due serate di stu-

dio interamente dedicate al compositore austriaco. Nel corso della prima serata verrà presentato il libro “WAM - La vita e il tempo di Wolfgang AmaCLAUDIO BAGLIONI deus Mozart” di Piero Melograni; per poi chiudere l’appuntamento con la presentazione in anteprima del prezioso documento Ueber die Zauberflote (Sul Flauto Magico) di Gernot Friedel, prodotto dall’Istituto Da Ponte di Vienna. Gennaio però non è solo musica; ed ecco quindi Corrado Guzzanti in scena col suo spettacolo, il 26 al Palasport di Vasto (CH). Appuntamento poi in Toscana, a Piombino e San Casciano Val di Pesa, con Paolo Poli e il suo “Sillabari”; uno spettacolo nel quale dei piccoli poemi in prosa, articolati tra gli anni ‘40 e ‘60, la fanno da padrone, in scena l’11 e il 31 Gennaio. Sempre il Teatro a offrire una gran quantità di spunti interessanti, con un classico di Eduardo de Filippo. A Roma dal 26 Gennaio al 14 Febbraio, appuntamento con “Uomo e Galantuomo”, con la partecipazione di Francesco Paolantoni e Nando Paone, al Teatro Sala Umberto. Chiudiamo la nostra rubrica con l’eccezionale appuntamento a Roma, presso la Galleria Borghese, con l’inedito incontro tra Caravaggio e Bacon. Fino al 24 Gennaio, infatti, in occasione del IV centenario della morte del Maestro Italiano e il centenario della nascita di Francis Bacon, sarà possibile ammirare trenta capolavori di entrambi gli artisti, provenienti dai maggiori musei del Mondo. CORRAD O GUZ ZANTI

anta carne al fuoco e per tutti i gusti, in questo Gennaio del 2010 che apre subito i battenti con il concerto di uno dei cantautori più amati d’Italia. A Bologna, infatti, sarà di scena, il 4 e 5 Gennaio, Claudio Baglioni, presso il Teatro EuropAuditorium. L’artista romano replicherà poi, sempre a Gennaio, con due concerti, il 9 e il 10, presso

spettacoli

77


di Chiara Rovan

teatro

Carlo Giuffrè e la Napoli di Armando Curcio “I casi sono due”, dal 15 dicembre al 10 gennaio al Teatro Quirino l vecchio barone Ottavio (Carlo Giuffrè) è una sorta di malato immaginario: passa tutte le sue giornate prendendo pillolette e inventando le più assurde patologie. La moglie Aspasia (Angela Pagano), invece, è una donna piuttosto burbera, chiusa nella propria asprezza e perdutamente innamorata del suo cagnolino. Le loro vite trascorrono grigie e tristi: la mancanza di un figlio che possa essere loro di supporto si fa sentire ogni giorno di più. La coppia decide così di incaricare un investigatore per trovare l’erede illegittimo di CARLO GIUFFRÈ Ottavio, avuto da una relazione clandestina tempo addietro con una cantante. Con grande sorpresa, i coniugi scoprono che l’erede tanto cercato non è altro che il giovane Vincenzo (Ernesto Lama), scontroso cuoco che lavora per loro. Divenuto improvvisamente ricco, Vincenzo darà sfoggio di tutta la sua gretta e travolgente furbizia. “I casi sono due” è una commedia scritta nel 1941 da Armando Curcio, fondatore dell’omonima casa editrice nel 1927, nonché giornalista e commediografo di origine partenopea. Al suo attivo alcune commedie scritte in collaborazione con Edoardo e Peppino De Filippo (“La fortuna con l’effe maiuscola”, “Casanova farebbe così!”, “A che servono questi quattrini”) che rappresentano tutte una Napoli allegra e colorata, ma sempre profondamente amara e malinconica. La farsa diretta e interpretata da Carlo Giuffrè si districa abilmente tra ritmi frenetici, comicità scoppiettante ed equivoci divertenti, sostenuti dalle indiscusse qualità attoriali di due maestri del nostro teatro, Giuffrè e la Pagano, custodi della ben salda tecnica recitativa della commedia ANGELA PAGANO napoletana. Lo spettacolo piacque molto anche a Federico Fellini che scrisse: “Ecco il teatro, quello vero che funziona da sempre, come una bella festa fra vecchi amici con cui stai subito bene. Nutro la speranza che tutto ciò che di spensierato, allegro, buffonesco, patetico, assurdo e umano hai visto accadere su quel palcoscenico, spente le luci e uscito dal teatro, tu possa ritrovarlo fuori nella vita”.

di Emanuela Andreocci

cinema

I

Io, loro e Lara Torna il Carlo Verdone che tutti si aspettano. Sarà successo? arlo Verdone torna nei cinema a gennaio con “Io, loro e Lara”, pellicola che lo vede, come ormai sua abitudine, nella triplice veste di sceneggiatore, regista e attore. Già osservato in abiti talari in “Un sacco bello”, “Acqua e sapone” e “Viaggi di nozze” (dove però quello del prete era un ruolo secondario e altro rispetto a quello dei protagonisti da lui stesso interpretati all’interno di ciascun film), in “Io, loro e Lara” l’artista romano veste nuovamente i panni di un sacerdote, questa volta però in un ruolo unico, complesso e multisfaccettato. Verdone si cimenta in una bella e difficile prova d’attore che, dall’alto della maturità acquisita in trent’anni di continuo e proficuo lavoro, supera a pieni voti. Il prete che interpreta è assai lontano sia dalle caricature degli stereotipati sacerdoti presi in giro nei film citati, sia dagli ingenui ragazzotti romani che l’hanno reso famoso in molte altre sue pellicole. Nel film Carlo è dunque padre Mascolo, un missionario in Africa che in preda ad una forte crisi spirituale ed esistenziale decide, su consiglio dei superiori, di tornare a casa per riflettere. La situazione che trova una volta rientrato in patria gli fa rimpiangere tutte le difficoltà di quando stava fuori: il padre Alberto (interpretato da Sergio Fiorentini) si è tinto i capelli e si comporta come un ragazzino; il fratello (Marco Giallini) è un broker stressato eccessivamente impegnato nei sempre più superficiali rapporti con le varie donne, e la sorella (Anna Bonaiuto) è una psicologa con problemi molto più evidenti di quelli riscontrabili nei suoi pazienti. Sono tutti troppo impegnati con i loro rispettivi problemi per pensare a quelli di Carlo. E qui subentra il personaggio di Lara, una ragazza in apparenza ambigua (all’inizio non si capisce se lavora in una pornochat o se ha gravi disturbi mentali) interpretata da una Laura Chiatti castana naturale ed entusiasta del ruolo. Arriverà ulteriore caos nel caos: sarà proprio il personaggio di Lara a fare da raccordo tra padre Mascolo e la sua famiglia.

C

79


CESARE PAVESE

MEZZOCAMMINO

TORRINO NORD

Posizione centrale 4° piano di ampia metratura ingresso salone 3 camere di 17 mq l’una cucina abitabile doppi servizi 2 balconi di 20 mq l’uno in buono stato interno

Attico e Superattico di nuova costruzione salone a vista 3 camere cucina biservizi ampi terrazzi posto auto e ampio box

Viale Città d’Europa 1° piano di 105 mq ca Salone a vista 2 camere Cucina abitabile doppi servizi terrazzo di 28 mq. ampio box

` 625.000

` 650.000

` 530.000

CENTRO GIANO

AXA

Via Canolo Villino su 3 livelli di 90 mq. ca Rifinito Soggiorno con angolo cottura e camino 2 camere 2 bagni parcheggio

INFERNETTO

Splendida Villa su 4 livelli di 500 mq. ca con giardino 1000 mq 2 saloni tripli con camino 5 camere 2 cucine box doppio e cantina

` 390.000

MOSTACCIANO B Porzione di Villa divisibile con entrata indipendente 300 mq interni su 4 livelli giardino privato di 350 mq cantina ampio box

Trattative riservate

EUR CENTRO Villa divisibile su tre livelli di 500 mq. giardino privato di 1200 mq. ca 2 box auto e 3 parcheggi coperti

Trattative riservate

` 1.390.000

MOSTACCIANO B In Via Elio Chianesi Proponiamo bilocali con cucinotto camera cameretta servizio posto auto coperto

a partire da ` 199.000

EUR SIC Attico e Superattico Contesto Prestigioso Piscina Condominiale e Privata 220 mq. ca su 3 livelli terrazzatissimo

Trattative riservate

Villa Monofamiliare di ampia metratura articolata su 3 livelli divisibile giardino privato di 1000 mq ampia zona parcheggio

Trattative Riservate

MOSTACCIANO A Via P.A. Filippini Bilivelli di 160 mq divisibile da ristrutturare in contesto silenzioso con affaccio nel verde di ampia metratura terrazzato giardino privato di 100 mq cantina ampio posto auto

` 690.000 - Trattabili

VALLERANO

Villa di 175 mq. ca nuova costruzione su 2 livelli divisibile contesto esclusivo rifiniture di pregio giardino 450 mq

Trattative riservate


giochi

di Leonardo Caviola

Othello: sfida continentale Roma diventa tappa del Grand Prix Europeo ome tradizione in ogni mese di Gennaio, prenderà via, con la tappa romana, il Gran Prix Europeo di Othello: prestigiosa manifestazione internazionale, non professionistica, dedita al gioco da scacchiera parente - e solo all’apparenza più povero - degli scacchi e della dama. Novità 2010, l’elitarietà degli appuntamenti che rispetto agli altri anni si sono ridotti a sei, per massimizzare la partecipazione di giocatori provenienti dai quattro angoli d’Europa. Si inizia con Roma per poi proseguire a Cambridge, Alkmaar, Copenhagen, Stoccolma e Danzica. Rispetto all’edizione 2009 tenutasi sulla Laurentina, a Roma cambierà la location, quest’anno fissata sulla Tiburtina per accogliere al meglio i tanti stranieri previsti. Differente sarà anche il contesto tecnico in cui i giocatori si affronteranno nelle sfide in programma. L’Italia, nell’ultimo Mondiale tenutosi a Gand (Belgio), ha infatti perso la leadership internazionale poiché il titolo di “World Champion” è passato dall’italico Michele Borassi (vincente nel 2008) al giapponese Takanashi; parimenti, nel torneo a squadre, dall’argento si è passato ad un, seppur sempre prestigioso, quarto posto ottenuto grazie ai buoni piazzamenti dei altri due alfieri azzurri: i romani A. Di Mattei (all’esordio in un Mondiale) ed al pluri-campione italiano F. Marconi. Per entrambi i nostri concittadini, il 16 e 17 Gennaio nella casalinga Roma, ci sarà quindi voglia di mantenersi ad alti livelli per riacciuffare la qualificazione al prossimo Mondiale. In cosa consista il gioco è presto detto: ribaltare fisicamente le pedine avversarie imprigionandole fra le proprie nelle varie direzioni possibili: orizzontale, verticale e diagonale. Vince chi, a fine partita, dopo il periodico alternarsi della posa delle pedine sulla scacchiera, possiede più pezzi del proprio colore. Gioco, quindi, semplice ma allo stesso tempo pieno di molteplici situazioni da affrontare: un'attività che accomuna appieno neofiti principianti e campioni affermati, così come si spera avvenga alla prossima tappa romana del Gran Prix. Non rimane che il più classico degli auguri: vinca il migliore!

C

81


VG

visioni grafiche


di Riccardo Colella

videogames

Sherlock Holmes contro Jack lo Squartatore

DVD del mese

Il grande

sogno Il ‘68 visto da dentro

di Luca Salustri

quattro anni di distanza dall’uscita di “Romanzo criminale”, Michele Placido si presenta al pubblico delle sale cinematografiche con l’intento di descrivere il Sessantotto. Dopo essersi, infatti, occupato della storia di malavita della Banda della Magliana, il regista pugliese decide questa volta di dedicarsi ad un periodo politico e sociale di grande importanza per la storia italiana. Nell’approcciarsi al racconto di quest’epoca di contestazione giovanile, Placido ha voluto attingere direttamente dalla sua esperienza personale. Appena giunto nella Capitale con il sogno di diventare attore, nel periodo precedente l’iscrizione all’Accademia di arte drammatica, il futuro regista si arruolò, infatti, per qualche tempo, all’interno della Polizia di Stato, con l’obiettivo di metter da parte un po’ dei suoi risparmi. E così anche Nicola (Riccardo Scamarcio), uno dei protagonisti della pellicola, è un giovane poliziotto che vive a Roma da fuori sede con la passione del teatro. Infiltratosi all’interno del gruppo di studenti che con le loro proteste ed occupazioni animano le giornate universitarie, il ragazzo conosce Laura (Jasmine Trinca) ed immediatamente se ne innamora. La ragazza ha una buona estrazione sociale e vive il periodo con forte contraddizione ed entusiasmo. Proveniente da una famiglia della borghesia romana, Laura è sempre stata vicina agli ambienti cattolici. Nonostante ciò, si appassiona alle tematiche ed alle lotte degli studenti-contestatori, e comincia a frequentare - in disaccordo con i suoi genitori - le occupazioni all’università. Dopo un primo periodo in cui la ragazza è scettica nei confronti di Nicola (che continua a tenerle segreto il suo reale mestiere), tra i due nasce una storia coinvolgente. Durante una manifestazione degenerata in violenti scontri tra studenti e celerini (che riprende i noti incidenti di Valle Giulia), Laura riconoRegia: Michele Placido sce Nicola tra le file dei poliziotti. La deluCast: Riccardo Scamarcio, sione è tanta e, forse, irreparabile… Jasmine Trinca, Luca Argentero, Il film, distribuito nelle sale cinematoMassimo Popolizio grafiche l’11 settembre 2009, ha anche Paese: Ita/Fra Anno: 2009 concorso alla 66ma edizione della Durata: 101’ Mostra internazionale d’arte cinematoGenere: Drammatico grafica di Venezia.

A

Realtà e fantasia mescolate nella sfida tra due icone della storia inglese ondra, 1888. Le strade della capitale inglese sono cupe e insicure di questi tempi. Un pazzo, maniaco e omicida, sembra aggirarsi indisturbato tra le vie della nebulosa capitale inglese, lasciando dietro di sé una scia di cadaveri, sempre e solo di sesso femminile. Ad indagare sugli omicidi è chiamato uno degli investigatori più famosi e in gamba di sempre. Anch’egli inglese, si trova nella sua abitazione al 221B di Baker Street, intento a suonare il violino, mentre il suo inseparabile amico ed assistente si cimenta nella lettura di un giornale. Stiamo parlando ovviamente di Sherlock Holmes e di Watson, e quella appena descritta è la situazione che ci si parerà davanti agli occhi non appena installato il gioco. Halifax ha infatti da qualche tempo rilasciato sul mercato l’accattivante titolo “Sherlock Holmes contro Jack lo Squartatore” per PC. Ciò che balza immediatamente all’occhio sono: la cura con cui l’ambientazione di Whitechapel è perfettamente ricreata; l’intrigante idea di mescolare due affascinanti storie, seppur talvolta cupe, come quella reale dell’assassino londinese e quella partorita dalla geniale mente di Arthur Conan Doyle. Lo scopo del gioco viene da sé; dovremmo infatti calarci nelle vesti dell’investigatore con la pipa in bocca, per porre fine all’azione criminosa del perfido Jack. Ovviamente, nella migliore tradizione investigativa, ci troveremo spesso a dover fare i conti con situazioni intricate, dalle quali solo un sapiente uso della ragione e dell’intelletto potrà tirarci fuori. A questo proposito, è da sottolineare il sistema di ragionamento che guida il nostro Sherlock. Sullo schermo apparirà, infatti, un sistema di fili che lega dei pannelli rettangolari all’interno dei quali dovremo inserire le nostre deduzioni. Ebbene, se il ragionamento riuscirà ad avere una sequenza logica, allora il filo da rosso diverrà verde, permettendoci così di proseguire nelle nostre indagini. Ovviamente l’avventura alternerà sequenze deduttive “calme” ad altre di azione, facendoci quindi restare sempre col fiato sospeso. Cos’altro aggiungere? Compratelo se il mestiere dell’investigatore vi affascina!

L

83


spettacolando

Elisabetta Gregoraci: fiocco azzurro

di Barbara Zorzoli

Vip a saldo Amore, famiglia, lavoro: niente sembra semplice e lineare

lisabetta Gregoraci e Flavio Briatore avranno un maschietto. La showgirl, sposata dal 14 giugno 2008, è in attesa del suo primo figlio con l’imprenditore. È contenta? Sì, ma se fosse stata una femmina sarebbe stato meglio, come ha rivelato lei stessa in un’intervista: “Avrei preferito una femmina ma sono felice lo stesso. Un maschio vuol dire che proseguirà la dinastia Briatore”. Amen.

E

Penelope e Javier sposi?

tando alle indiscrezioni, Penelope Cruz e Javier Bardem sarebbero intenzionati a sposarsi entro l’arrivo del 2010. “Si sposeranno presto, probabilmente durante le vacanze. Penelope vorrebbe che il suo abito da sposa fosse firmato da uno stilista spagnolo”, ha rivelato un’amica dell’attrice. Ottima scelta.

S

Leo e Bar: ritorno di fiamma?

R

Katie Holmes taci un po’! orse Katie Holmes si ritroverà con qualche fan in meno. Il motivo? Pare che la moglie di Tom Cruise abbia disturbato il pubblico presente alla proiezione del film New Moon. Come? Sembra che Katie non abbia smesso un secondo di chiacchierare con le sue amiche. «Katie ha parlato per tutta la durata del film. Lei e le sue amiche non si sono fermate un attimo. Alcune persone avrebbero voluto dirle di smetterla ma, quando hanno visto chi era, non l'hanno fatto. Nessuno voleva zittire la Holmes», ha raccontato una fonte a Fox News.

F

itorno di fiamma tra Leonardo Di Caprio e l’ex fidanzata Bar Refaeli? Si mormora di sì. Pare infatti che i due si siano regalati un weekend romantico a Baker’s Bay, alle Bahamas… non male vero?

Sylvester Stallone stop please!

Lady Gaga:

“I party? Meglio il lavoro” ady Gaga non ha tempo per la vita mondana. Ai party preferisce la carriera. “Non vedrete foto di me per terra ubriaca: non vado più nei night club. Adoro il mio lavoro e mi risulta difficile andare fuori e divertirmi”, ha dichiarato la popstar all’emittente Mtv. E per l’amore ne avrà di tempo?

L

86

ylvester Stallone è stato fermato a bordo della sua auto. Il motivo? L’attore aveva fatto sedere due bambini sul sedile del passeggero della sua Mustang, come ha dichiarato il detective Bill Bustos al sito Radaronline.com. Ma come, non sai contare?

S


spettacolando Miley Cyrus: “Il migliore? Zac!” In fatto di sex symbol Miley Cyrus non ha dubbi. Il suo preferito? Zac Efron: “Penso che sia la persona più bella del mondo. Mi piace veramente tanto ed è strano perché è mio amico”, ha dichiarato l’attrice in un’intervista. Evviva la sincerità!

Per le celebrities un tacchino speciale… Quest’anno il giorno del Ringraziamento è stato speciale per alcune celebrità del jet set. Il motivo? Il programma Access Hollywood ha assegnato ad alcune di loro un premio molto speciale: il “tacchino della vergogna”. Kanye West se l’è guadagnato interrompendo gli Mtv Video Music Awards mentre Lindsay Lohan e suo padre Michael se lo sono aggiudicati per via delle loro continue liti mediatiche.

Courteney Cox lascia il set di “Cougar Town” Un misterioso problema familiare ha costretto Courteney Cox ad interrompere le riprese del suo telefilm, “Cougar Town”. Courteney non ha voluto rivelare di cosa si trattasse, anche se nell’ambiente si dice che l’attrice e il marito David Arquette stiano cercando di avere un altro figlio…

Heidi Klum: quattro bastano Di avere un altro figlio non se ne parla proprio: Heidi Klum, da poco mamma per la quarta volta, ha dichiarato di non volere altri figli: «Il negozio è chiuso. Mi sono fatta dei tatuaggi per i miei figli. Mi sono appena tatuata una stella per il mio piccolo Lou (l’ultimo nato, ndr). Stavo pensando di mettere un segnale di stop dopo la stella». Mitica Heidi!

87


VG

visioni grafiche


moda e tendenze

di Valentina Mancini

Tempo di SALDI: via libera alle

compere al 2 gennaio, store, boutique, negozi e negozietti aprono le porte al risparmio, all’affare e al facile acquisto. Facile quanto rischioso. È triste vedere abiti presi in saldo rimasti sepolti sotto mucchi di altri vestiti senza aver neanche provato l’ebbrezza di una passeggiata. E - siamo obiettivi - è capitato a chiunque di comprare qualcosa preso dalla foga dello sconto a tutti i costi per poi pentirsi nell’immediato. Cadere in tentazione è umano, per cui è bene premunirsi di pazienza e utilizzare qualche semplice accorgimento “salvatasche”. Prima che i commercianti tappezzino le vetrine con numeri che fanno gola, è bene dare un’occhiata per capire cosa davvero ci interessa. Provare i capi, selezionarli dalla lunga lista stilata, annotare brand, prezzo iniziale, taglia. In questo modo si avrà un’idea più precisa di ciò che realmente ci serve o, semplicemente, ci piace, allontanando il rischio che percentuali di sconto più o meno alte finiscano per allettarci e distoglierci dall’acquisto ponderato. Quando il vostro sguardo si focalizza su qualcosa provate a pensare: “quando lo metterò?”. Se la risposta non equivale a: subito, appena arrivo a casa, stasera per uscire con le amiche, domani a cena con lui... probabilmente non lo volete davvero. Dunque, se vi ritrovate a pensare che forse lo indosserete domani, beh, lasciate stare. Attenzione poi alle mode passeggere, ai capi stagionali, a quelle stravaganze che molto probabilmente non avranno alcun seguito la prossima stagione. Con colori shock e modelli estrosi è bene non rischiare. Ma se da inizio stagione una borsa o un vestito che non potevate permettervi vi perseguitano persino in sogno, il periodo dei saldi è l’occasione per ricominciare a dormire sereni. È il momento giusto per placare un capriccio di stile e sfoggiarlo con placido benestare delle finanze. Le grandi firme diventano accessibili, dalla A di Armani passando per D&G fino a Valentino e oltre. Il segreto è comprare capi classici, basic, quelli che non passano mai di moda. Dai maglioncini a tinta unita al tubino nero, alla camicia bianca, le intramontabili décolleté, ma anche t-shirt e jeans a vita “media”. Non tralasciando l’intimo, ovviamente. Che sia di cotone, pizzo o microfibra, purché rispecchi il proprio modo di essere e sia ancora disponibile la taglia giusta.

D

Come e cosa comprare, Altro peccato di shopping: comprare qualcosa che esaltazione non ci sta bene, troppo stretto, con l’intenzione di perdere qualche chilo. Il proposito di mettersi a del momento dieta per poter entrare nel corsetto nuovo si profila a parte il più delle volte fallimentare. E, per il capo, il destino è quello di finire in fondo al guardaroba con il cartellino intatto, fino a divenire obsoleto. Un ottimo alleato per tornare a casa con le buste giuste è quello di pazientare: guardate più negozi, non fermandovi ai primi di strada. È probabile che troviate lo stesso accessorio o capo d’abbigliamento, una via più in là, a minor costo. Nel momento in cui avrete prescelto la vittima da accaparrare, fermatevi. Uscite dal negozio e tornate a casa. Se al risveglio quell’abito, o gonna che sia, eserciterà su di voi lo stesso irresistibile fascino di ieri, correte a prenderlo prima che faccia la felicità di qualcun altro. Indossatelo e siate pure orgogliosi del vostro acquisto oculato, quanto mai desiderato.

89


VG visioni grafiche


di Luca Salustri

questione di cilindri

Nuova Toyota

Land Cruiser

Grinta e prestazioni unite a basse emissioni di CO2 Select, il qu

dotti dalla giappon casa e se, e p ottici po er i gru steriori. ale perm ppi n Gli inte distanz ette di im e opzio rni son a di postare n sette an i o re s lative a ta ti, invec rinnova alcuni, la To deciso d p ll’assett ortamen ti, ed o e, totalm yota ha i rinnov o to ra ed al c nuovo m s e la tr n a te a s c d rs e o a omn n i le ta sole ce lanciand odello d strada. in cond un amp ntrale p ella Lan o un izioni di io scherm nuova v re d d fu iv C oriruiser. Q ersione erse fun o touch Due sara screen - che è uesta zioni tra nno i mo Salone con d stata pre cui il na sistema d e automo ll i p a s re una par entata a vigatore Bluetoo senti su bilistico sarà lan te una v th. l Sott l mercato ed il di Fran ciata su ersione o l’aspe passo c : c o fo l a tre po r m o te tt r ercato a o to e zio del 2 d e e d i r te a sottolin motori, ll ’a c partire o 010 - si lt n W ra parte agon cin eare la è impo dall’inicaratteri una vers que por potenza te resty rtante zza per sore die ione te a pas ling de d V e a l u ri n n s a u e e b so lung l ovo pro i mode v il 3 id i .0 a e n D n c l’aspett -4 h o ll e p D . i u i , p p lc C a re re o v o esteti mmon R zzi di m cedenti alli ed u il mode co e per ercato, ail, con na copp sotto llo bas zioni da anche s le profo 173 4 ia mass e dovre Ovviam l punto e n 1 d im .2 e b e n 0 b a in te 0 e d d n e , i i o attestars u v 4 a v ista dell ro. 10 Nm. nche il a- be ne e de i sui a motori lle presta relativo nzina 4 zzazio.0 V6 D motore zioni. Per qua ual VVT della To nto rigu -i . y L o ’o ta b arda il iettivo sarà an nuova T che otte primo p mi decis oyota L nere co rofilo, la amente and Cru nsuaddetti p iù bassi iser ha sato e ra ai lavori rispetto colpito g g iu p a e n l r g g pasdetto, è li sio ere live il fronta lli minim ni inquin le, che, in linea i di emis come anti di C con gli ultimi m O La Nuo 2. odelli p va Lan ro- a d C ruiser p nche d otrà us ell’utile ufruire disposit ivo Mu lti Terra in

A

Emozio ni e pot enza pe r una le ggenda delle

MV Augusta Brutale el mondo delle moto il 2010 si prevede che sia un anno ricco di novità ed aggiornamenti.

N

Tra i nuovi arrivi spicca senza ombra di dubbio la nuova MV Augusta Brutale. Rispetto al modello precedente, la versione del 2010 presenta infatti notevoli differenze sotto molti punti di vista. Prima delle novità apportate è importante, però, evidenziare che i

modelli della nuova MV Brutale saranno sempre due: la 990 R e la 1090 RR. Entrambe presentano motori da quattro cilindri ma con dimensioni differenti tra loro. Se quello della prima versione è da 998cc, il motore del modello più grande registra i 1078cc. Il nuovo cambio risulta decisamente più confortevole, mentre il manubrio sarà più largo di 10mm, con un ammortizzatore di sterzo che sarà presente soltanto sulla 1090 RR, mentre costituirà un optional per la 990 R.

due ruo te

Leggermente differente anche la linea della sella, che è stata studiata per essere più lunga e confortevole sia per il pilota sia per l’eventuale passeggero. Sotto l’aspetto dell’elettronica, la nuova di Augusta è gestita dalla centralina Magneti Marelli 5 SM, ed è caratterizzata dal controllo di trazione regolabile su otto intensità e due mappature che consentono al pilota diverse opzioni in caso di strada bagnata. Non meno importante l’innovazione dei freni che sono stati per l’occasione migliorati, e dei dischi che risultano più leggeri. Dai primissimi ed indiscreti commenti sembra che anche la stabilità ne abbia giovato tantissimo. Per quanto riguarda il prezzi, la 990 R costa 15.500 euro, mentre per la 1090 RR sono stati fissati 18.500 euro.

91


VG

visioni grafiche


viaggi

di Valeria Fanelli

Un gioiello chiamatoPraga OROLOGIO ASTRONOMICO

Atmosfere mitteleuropee, cultura, divertimento, buona cucina Sinagoga Spagnola, Pinkasova, Klausovà, Vecchionuova (la più antica funzionante dell’Europa centrale), le Case delle Cerimonie ed il Vecchio Cimitero Ebraico. Quest’ultimo, estremamente suggestivo, contiene apparentemente circa 12.000 lapidi, anche se il numero dei sepolti è sicuramente superiore. La sua particolarità è quella di essere stato ampliato aggiungendo nuovi strati di terra alla superficie, creando così in alcuni settori, molteplici lapidi sovrapposte. Infine, una visita da non lasciarsi scappare è sicuramente quella al Museo Nazionale, il più grande del Paese, situato in Piazza Venceslao. All’interno si trovano collezioni di mineralogia, zoologia, paleontologia e preistoria. La sua posizione, inoltre, è piacevole anche per ammirare la piazza sottostante.

CARLO PONTE

raga è una città che da secoli splende in Europa, per la sua rilevanza culturale e le meraviglie architettoniche. Centro principale del regno di Boemia, la sua posizione strategica l’ha collocata fin dall’antichità al centro di una rete di scambi di merci e idee che hanno arricchito la città, creando una cultura particolare, una fusione tra arte, filosofia e religioni differenti. La prima cosa da visitare a Praga è il Castello, una delle mete irrinunciabili. Edificato su un’altura che domina la riva sinistra della Moldava, lo si può considerare una città nella città. Suddiviso in tre cortili, comprende numerosi edifici, tra cui il Palazzo Reale, antica residenza dei Principi e dei Re boemi, e la maestosa Cattedrale di San Vito. La residenza reale, dal 1918, è dimora del Presidente della Repubblica. Da non perdere il suggestivo Vicolo d’Oro, affascinante sequenza di minuscole e variopinte casette, dimora prediletta un tempo degli alchimisti ed oggi degli artisti. Un’altra opera splendida da ammirare è il famosissimo Ponte Carlo, il più antico di Praga. Costruito in pietra, in stile gotico, collega la Città Vecchia a Malá Strana; è lungo 515 metri e largo 10. Alle due estremità del ponte ci sono delle torri, ed è possibile salire su entrambe per godere di un panorama unico sulla città. Sui lati del

P

Ponte Carlo sono collocate diverse statue, una trentina, la più nota delle quali è probabilmente quella di San Giovanni Nepomuceno; inoltre, è facile imbattersi in numerosi artisti locali, musicisti e venditori di souvenir. Simbolo di Praga è anche l’Orologio Astronomico, risalente al 1410, che spicca sulla torre del Municipio. Quest’ultimo, noto per la processione di Apostoli che esce ad ogni ora dai quadranti blu ed oro, rappresenta un’altra piccola meraviglia. Le Come arrivare Le compagnie figure degli apostoli risalgono al low cost Wizz Air e Click4sky collegaXVII secolo. Riunirsi ad ammirare no Roma con Praga; altrimenti, la compail cambio dell’ora è una delle gnia di bandiera Czech Airlines. esperienze più emozionanti Dove dormire Uno dei migliori hotel è l’Hilton da provare in città. Prague, in via Pobrezni 1. Altrimenti l’ABE Hotel, in Curiosando tra le strade ed via Legerova 22, un albergo di piccola categoria ma i vicoli di Praga, bisogna molto grazioso ed accogliente. necessariamente fare Co sa man giare Zuppe, brodi e una tappa al quarcarne sono ottimi in tutta la Repubtiere ebraico, dove blica Ceca, ma non si può non resisono racchiusi stere alla tentazione di assaggiare moltissimi luoghi il “trdlo”, un dolcetto tipico del da visitare. La luogo. Ottimi anche gli strudel. TRDLO

93


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Ieva Diventa socio della bellezza o Studio d’Arte Ieva, più che un negozio, è un grande laboratorio di benessere psicofisico. Al riparo dai ritmi imposti della vita quotidiana, Ieva offre infatti un punto d’incontro dove scoprire il proprio talento creativo e, attraverso appositi corsi professionali, trasformare la sensibilità estetica in un hobby o, perché no, in una professione. Tante le specialità da imparare: dal country painting ai quadri ad effetto materico, dalla tecnica stencil al decoupage, dalla ceramica al gioiello, dalla pittura su tessuti ai complementi d’arredo. Da gennaio 2010 c’è però una grande novità: Ieva offre infatti a chiunque lo desideri la possibilità di entrare, per la modica somma di 31 Euro, in un grande club della creatività. Sottoscrivendo una tessera annua si avrà quindi la possibilità di usufruire di sconti sui corsi, di essere invitati a partecipare ad eventi, di presenziare ad alcune mostre, ecc… La prima offerta riguarderà proprio i laboratori creativi. Con soli 15 euro ad incontro (esclusi i materiali) sarà possibile acquistare un carnet di 10 incontri nel quale approfondire ciò che si è appreso in precedenza ad un corso base. Sarà l’occasione per imparare nuove tecniche ma soprattutto per passare più di due mesi insieme agli altri, scambiare opinioni, entrare in una piccola società fatta solo di arte e creatività. Lo Studio d’Arte Ieva ricorda poi che non esistono orari impossibili, perché è possibile frequentare anche corsi serali o in ogni fascia d’orario della giornata. Basta inviare

L

un sms al 347.5657838 o telefonare allo 06.52356966 per ricevere tutte le informazioni dettagliate. Entrare nel “club della creatività” potrebbe essere il modo migliore per dare un carattere di svolta al nuovo anno! INFO: Ieva Scuola d’Arte - Via Terpandro 36 (Axa - Roma) Tel. 06.52356966 - 347.5657838 - www.ieva.it

95


VG

visioni grafiche


condominio e consumatori a cura dell’Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Tel. 06.98872850/329.7818845 - e-mail: avv.vermaaten@hotmail.it

Il Decoro Architettonico nel Condominio di Edifici l codice civile in tema di decoro architettonico lascia agli interpreti ogni valutazione ed elaborazione stante il carattere generico del termine. I concetti di decoro si trovano ora negli artt. 1120 c.c. e 1127 c.c. e 1138 c.c. In primis, il codice civile si riferisce al decoro quando tratta del fabbricato e/o dell’edificio e quando su questi si pongono in essere opere di ristrutturazione, innovazione, ripristino. Ma quale interesse o bene giuridico si tutela con la non alterazione del decoro? Secondo l’opinione prevalente: interesse collettivo. Per decoro si intende: “quello che risulta dall’insieme delle linee e dei motivi ornamentali, i quali, in definitiva, costituiscono la nota dominante ed imprimono alle varie sue parti una determinata fisionomia ed un particolare pregio estetico”. Non è necessario secondo la giurisprudenza che si tratti di edifici di particolare pregio artistico (Cass. 8.6.1995 n. 6496). Altro elemento da valutare, quando si tratta di decoro architettonico di edifici, che il mutamento estetico non debba cagionare un pregiudizio economicamente valutabile o che, pur arrecandolo, si accompagni a un’utilità la quale compensi l’alterazione architettonica che non sia di grave e appariscente entità (Pret. Taranto 21.9.1993, in ALC, 1994, 145). Bisogna sempre considerare che il decoro architettonico va di pari passo con l’uso dato dai condomini e dagli eventuali e pregressi interventi che gli stessi hanno posto in essere. In virtù del principio dell’autonomia privata, legittimamente le norme del regolamento di condominio - aventi natura contrattuale - possono derogare od integrare la disciplina legale ed in particolare, del concetto di decoro architettonico, una definizione più rigorosa di quella accolta dall’art. 1120 c.c. estendendo il divieto di immutazione sino ad imporre la conservazione degli elementi attinenti alla simmetria, all’estetica, all’aspetto generale dell’edificio, quali esistenti nel momento della sua costruzione od in quello della manifestazione negoziale successiva (Cass. 6.10.1999 n. 11121; id 22.1.2004 n. 1025). Da notare che l’azione del condomino a tutela del decoro architettonico dell’edificio in condominio, estrinsecazione di facoltà insita nel diritto di proprietà, è imprescrittibile, in applicazione del principio per cui in facultativis non datur praescriptio. L’imprescrittibilità, tuttavia, può essere superata dalla prova dell’usucapione del diritto a mantenere la situazione lesiva. Quello che risulta chiaro alla luce della disamina sopra brevemente descritta è che: • non ogni opera la quale implichi una modificazione del primitivo aspetto esteriore dello stabile deve considerarsi vietata a priori; • è quindi da ritenersi lecito un mutamento estetico che non comporti un pregiudizio economicamente valutabile; • è necessario accertare, caso per caso, tenendo conto di tutte le circostanze all’uopo utili o rilevanti, se l’edificio ha in realtà un’armonia di linee e di stile e se la modificazione l’ha in effetti compromessa o turbata in maniera appariscente ed apprezzabile, in modo da incidere negativamente sul decoro dell’edificio stesso per risolversi in un deprezzamento di esso e conseguentemente dell’unità immobiliare.

VG

visioni grafiche

I

97


visioni grafiche

VG

www.primaverde.it

Piante acquatiche, Bonsai, Vasto assortimento di piante mediterranee, austrialiane e tropicali, Piante da interno, Bulbi e semi anche biologici, Piante grasse, Vasto assortimento di vasi, terrecotte e ceramiche artistiche, Show-Room di Fiori freschi, secchi, artificiali e composizioni artistiche, Concimi e Substrati (COMPO e CIFO), Materiali per l’irrigazione (GARDENA), Attrezzature e macchine da giardino, Fornitura e Montaggio di strutture in legno (pergole, grigliati, ecc...)

ACILIA (10.000 mq di esposizione): Via P. Cocchi, 151 - Tel: 06.523.57231 - Fax: 06.52352865


a cura di Lorenzo Palmieri

La Libreria di Primaverde VIBURNUM TINUS Origine: Europa sud-est, Italia Famiglia: Caprifoliaceae Nome comune: Lentaggine DESCRIZIONE: il Viburnum Tinus è sicuramente uno dei migliori arbusti a fioritura invernale. Di bella presenza anche nelle altre stagioni. Gradevole il portamento, belle le foglie, molto decorativi e persistenti i bocci (rosa nella varietà “Eve Price”, rosa scuro nella varietà Gwenllian”). TIPOLOGIA: arbusto dal portamento eretto, cespuglioso, denso. DIMENSIONI: non contenuto da potature H e Ø 1 m (varietà “Eve Price”); H e Ø 2 m (varietà Gwenllian”). FOGLIAME: sempreverde; foglie da strettamente ovate ad oblunghe, di colore verde scuro (ampi margini in giallo cremoso nel ”Variegatum”). FIORITURA: invernale (si protrae fino alla primavera); i piccoli fiori, bianchi o bianco-rosati, riuniti in piatte cime terminali, sono del tutto resistenti al gelo ed alla pioggia. Fanno seguito delle bacche ovoidali, di colore blu inizialmente, nero a maturazione. CLIMA: del tutto rustico; sopporta temperature fino a -15°C. Non teme il vento e l’inquinamento atmosferico. Cresce bene nelle zone marittime. ESPOSIZIONE: pieno sole (fiorisce prima e di più), anche in ombra non delude mai. TERRENO: fertile, fresco, ben drenato, non calcareo. ACQUA: quantità medie. Evitare i ristagni. CONCIMAZIONI: periodiche, durante il periodo vegetativo; a fine inverno è utile una concimazione organica. POTATURE: dopo la fioritura; cimare gli apici per rendere più fitta la vegetazione. La potatura delle siepi, al raggiungimento dell’altezza desiderata, renderà la vegetazione più fitta. AVVERSITÀ: afidi e mosca bianca si combattono agevolmente con prodotti di facile reperibilità. POSSIBILI IMPIEGHI: viene impiegato isolato o in gruppi. Vivendo molto bene in vaso è molto utilizzato per decorare terrazzi, per delimitare spazi esterni di ristoranti e bar. Il fitto fogliame sempreverde rende il Viburno ideale per creare siepi anche con funzioni antismog (distanza consigliata tra le piante: 60 cm). Esteticamente molto interessanti sono anche le siepi lasciate in forma libera.

scheda n. 55


VG

visioni grafiche


arredamento

TORRES DE SATÉL LITE

di Simona Bottoni

Graffiti messicani

L’

A Città del Messico è arrivata l’onda nueva del design

area metropolitana di Mexico City è gigantesca; la densità di abitanti è seconda soltanto a Tokyo: ben ventiquattro milioni di abitanti. Alcuni simboli di questa città nel 2005 diventano spunti creativi per cinque designer locali giovani ed intraprendenti: primi tra tutti i colossi che dominano il paesaggio della megalopoli, monumenti postindustriali che diventano immagini dalle quali riemergono ricordi di degrado e di abbandono, che, però, conservano in sé valori estetici forti, come antiche rovine romantiche. I creativi si riuniscono sotto il nome di NEL (www.nel.com.mx) e sono: Ricardo Casas (1979), Alejandro Castro (1982), Hector Esrawe (1968), Emiliano Godoy (1974), Cecilia Leon de la Barra (1975). Trasformano con ironia questi simboli di un’architettura del passato recente in oggetti di design. Ad esempio, le torri altissime della Ciudad Satellite - un’area residenziale della città costruita in stile modernista negli anni ‘50 - diventano librerie/separé in compensato di noce con superficie laccata. Come unità accostate l’una all’altra ripropongono i colori e l’esperienza delle torri reali che svettano nel cielo in scala domestica. I tralicci dell’elettricità entrano in casa: moloch di ferro nero intrecciato a fili (ad alta tensione) diventano motivo decorativo di portavasi per piante rampicanti, leggerissimi e colorati, realizzati in Corian (inventato e prodotto da DuPont, è un composito avanzato per superfici da arredamento e architettura, versatile quanto il legno, è disponibile in oltre 100 colori). Entrano in casa anche i serbatoi dell’acqua, che in città sono in cemento ed hanno forme di SCT fungo o clessidra, e sono reinterpretati come vasi di ceramica bianca decorati da graffiti. I disegni vengono fotografati e rifatti in scala su ceramica, come “Tinacos”. Il risultato è molto realistico: i colori sono appena percettibili, come se fossero stati cancellati dal tempo. Anche le torri per le telecomunicazioni sono protagoniste dell’interior design e diventano sculture alte oltre un metro, con forme minacciose e futuribili, come “SCT - Secretarìa de Comunicationes y Transportes”, in legno di pioppo e acciaio. I cinque giovani designer condividono anche l’attenzione all’ecologia ed alla TINACOS sostenibilità (il tappeto “Global warming” ricorda l’effetto serra), come pure agli eventi tragici dei nostri giorni: gli appendiabiti a forma di soldato, ad esempio, sono dedicati alla guerra in Iraq. Il cuore è però sempre vicino al tema della sostenibilità: su questo fronte progettano mobili per una cooperativa di produttori di bambù messicani.

TREPADORAS

ARMADA

GLOBAL WARMING

101


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio invisibile el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

duzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la pro-

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamen-

to Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

103


salute e benessere

salute e benessere

di Valentina Mancini

Un viso sano è un viso bello Come combattere il freddo, nemico della pelle ento e gelo disidratano la pelle fino a farla apparire spenta e secca. Capita che si screpoli o si arrossi proprio come le guance di Heidi, donando un aspetto stanco e poco curato. Le pellicine che si staccano dal naso, nel frattempo diventato tipo clown, non sono il massimo, senza contare l’aspetto medico del problema. Per contrastare la disidratazione e lo smog, altro nemico della pelle sana, si comincia a tavola. Innanzitutto, va ricordato che il derma è composto di circa il 30% della complessiva acqua corporea; è dunque necessario bere molto per compensare la mancanza del liquido a livello cutaneo. Alleati di un viso pulito e idratato sono inoltre collagene e lipidi. Quando la pelle “tira”, è il momento di intervenire, aumentando l’elasticità dei tessuti, in modo da ottenere una migliore difesa contro freddo e stress da inquinamento. Gli elementi che contengono vitamina C, la quale stimola la produzione di collagene, sono i nostri migliori alleati; cibi amici sono arance, limoni, carote, pomodori, zucche, cavoli, fragole, peperoni verdi, frutti rossi e, dulcis in fundo, il kiwi. Questo frutto contiene 85 milligrammi di vitamina C ogni 100 grammi, contro i 50 di media degli agrumi. Fatto questo, si passa all’azione diretta, in modo da agire simultaneamente sui fronti interno ed esterno. La pelle secca va pulita, eliminando le cellule morte per favorirne il ricambio e aumentare l’efficacia dei successivi trattamenti. Perfetto, al proposito, un bagno di vapore: si porta a bollore un pentolino d’acqua; si versa poi in una bacinella; con il viso a una distanza di 20 centimetri e un asciugamano sul capo si sta in posa per dieci minuti. In tal modo i pori si dilatano per permettere allo sporco di fuoriuscire e a eventuali impacchi di agire in profondità. Con un batuffolo di ovatta bisogna asciugare e pulire l’epidermide. È controindicato, a causa dell’elevata temperatura, per chi soffre di couperose. A questo punto si può optare per una crema idratante che restituisce acqua, o nutriente che apporta lipidi, da applicare quotidianamente massaggiando con movimenti leggeri circolari. Per scegliere la più adatta al caso, è bene consultare un dermatologo o farmacista.

V

Ritrovare il buonumore

di Michela Caré

Vittime della depressione da inverno? Impariamo a gestirla e giornate si sono accorciate, fa freddo, piove, passa la voglia di uscire, di farsi belle, persino di passeggiare tra i negozi. Neanche le festività natalizie, il Capodanno, le lucine per strada riescono a tirarvi su. I rimedi ci sono: shopping compulsivo o cioccolato a volontà. Ma a quale prezzo? Rimanere al verde o aumentare il girovita non vi faranno sentire bene nel lungo termine. E’ per questo che non bisogna esagerare, pur concedendosi qualche ingordo strappo alla regola. Ma la regola c’è, ed è bene attenervisi. Bisogna stare il più possibile all’aria aperta quando il sole è alto, poiché la depressione stagionale dipende spesso da mancanza di luce; esistono persino delle lampade apposite per la luce-terapia. E’ bene mangiare sempre frutta e verdura, soprattutto alimenti ricchi di vitamina C che aiutano a proteggere contro i malanni; pesce almeno due volte la settimana, poiché ricco di Omega3, indicato proprio per i trattamenti anti-depressivi. Altrettanto utile risulta darsi degli orari, tenere un’agenda con impegni a scadenza fissa e improrogabili, a qualunque costo. Per esempio, iscriversi in palestra, seguire un corso di Yoga, andare al cinema o a teatro, prenotando i biglietti con largo anticipo. Svolgere delle attività fuori casa permette di uscire dall’isolamento in cui si pensa di stare bene, che in realtà porta al degenerare di quello che era solo un diffuso malumore. Fare sport, inoltre, produce serotonina, elemento in grado di apportare benessere fisico e mentale. Dunque, tre volte a settimana, per almeno mezz’ora, sono dedicate all’attività fisica, qualunque essa sia. Ancora, concedersi il lusso di essere coccolati è una delle più funzionali medicine per la malinconia. Quando si è davvero giù, non c’è niente di meglio di una giornata tutta per sé, alle terme, in una Spa o un centro benessere: massaggi, pedicure, percorsi ad hoc, sauna e bagno turco. Ne uscirete rilassati, con addosso un’energia positiva. Se questo è troppo, non c’è il tempo, o il conto corrente piange, una seduta dal parrucchiere è altrettanto gratificante. Si sa che cambio capelli equivale a cambio vita, per ogni donna che si rispetti. Al mattino aprite le tapparelle e datevi il buongiorno: la Primavera non tarderà ad arrivare.

L

105


salute e benessere

a cura di Paola Sgrò

Benessere globale l principio su cui si fonda l’attività dell’Istituto di Estetica Sgrò, si basa sulla cura del corpo e dell’immagine, entrambe indissolubilmente legate al benessere psico-fisico globale. Grazie ad una lunga e consolidata esperienza nel settore, siamo in grado di elaborare programmi personalizzati in base alle esigenze specifiche della clientela e di garantire, attraverso l’utilizzo di tecniche all’avanguardia nel settore del Benessere e della cura del corpo, risultati efficaci e duraturi. Una filosofia, uno stile di vita, un concetto semplice e puro di benessere e di bellezza. Atmosfere evocative, programmi personalizzati per ritrovare equilibrio e distensione. Un’attenzione particolare è riservata alla cura del viso e del corpo, dove in perfetta armonia l’estetica moderna si sposa a concetti millenari di benessere e rispetto della persona. L’efficacia è garantita dall’alta qualità dei prodotti e dalla professionalità del nostro team. La Ki Flow Spa di Paola Sgrò si sviluppa su una superficie di 360 mq all’interno del centro sportivo Ki Flow ed offre: • doccia cromoemozionale • idromassaggio • bagno turco, zona relax con chaise lounge • ampia gamma di massaggi e trattamenti olistici • trattamenti viso personalizzati • trattamenti corpo per ogni esigenza • manicure spa, pedicure spa • speciale mamme • trucco, trucco cromatico • epilazione, elettroepilazione, luce pulsata • spa suite. A proposito della SPA SUITE, in che cosa consiste? È una mini SPA attrezzata per due persone nella quale si effettuano percorsi idroterapici abbinati a trattamenti personalizzati. Fa parte di un sistema di benessere globale in cui sono coinvolti tutti i sensi per attivare un processo rivitalizzante ed energizzante del corpo. È un ambiente unico dove rigenerare il corpo e la mente. Tecnologia e design si fondono in un oggetto dalle linee eleganti ed essenziali. Il sistema di benessere globale perché? Perché coinvolge tutti i sensi: udito, olfatto, vista, tatto e gusto. UDITO: perché all’interno è dotata di un impianto stereo per consentire la diffusione di una musica adatta alla tecnica massaggistica. OLFATTO: un’alternanza di aromi inebriano mente e spirito. VISTA: corpi illuminati garantiscono il cambio colore all’interno cabina creando un vero corpo di luce. TATTO: materiali naturali accarezzano il corpo. GUSTO: una gradevole e dissetante tisana accompagna il trattamento. Così pensando a questo, se la nostra descrizione è arrivata proprio lì... dove solo tu puoi provare l’emozione che abbiamo voluto trasferirti raccontandola... Vieni a regalarti un momento di coccole entrando nella nostra oasi di tranquillità e pace... dove il cielo è stellato e le mani sapienti accompagnano il Tuo rilassamento! Ti aspettiamo!

VG

visioni grafiche

I

Paola Sgrò ed il suo Staff

107


VG

visioni grafiche


Allarme carne Tempi duri per chi ama la bistecca e i suoi derivati ono mesi, in qualche caso anni, che questo “sostanzioso” alimento viene periodicamente messo sotto processo per le più disparate ragioni. Le prime avvisaglie sono state di natura propriamente nutrizionale: per molto tempo si è accostato l’eccessivo consumo di carne rossa con delle gravi patologie intestinali o del colon. Già nel 2005 uno studio condotto dall’American Cancer Society ha dimostrato che l’incidenza del tumore colon-rettale è doppia in coloro che consumano troppa carne e maggiore del 40% in coloro che preferiscono la carne rossa. È possibile che la spiegazione di questo fenomeno risieda nelle tossine che si sviluppano durante la cottura, o in presenza di un’errata conservazione. In più a inflazionare e scoraggiare l’uso di carne nella nostra quotidiana alimentazione come è noto c’è l’alto tasso di colesterolo contenutovi e di conseguenza i gravi disturbi che ne possono derivare. Ma le problematiche non si fermano qui. Infatti c’è chi associa, come recentemente è accaduto, l’abuso di questo alimento anche con disfunzioni e patologie cardiache nonché sindrome metabolica che essenzialmente è una condizione che predispone a diabete e disturbi cardiovascolari. L’allarme giunge dallo statunitense National Cancer Istitute, dove il Dr. Rashmi Sinha ha dimostrato, attraverso un campione di 500.000 persone, che la carne rossa, soprattutto quella di maiale, ricca di grassi saturi, inciderebbe del 30% sul contrarre tali patologie. Altri elementi recentemente emersi dimostrano come l’incidenza negativa del consumo di carne su ambiente e malattie (vedi morbi bovini e suini) sia ormai un dato certo. L’aumento degli allevamenti intensivi che puntano sulla massima quantità di prodotto con il minimo costo e con una riduzione drastica degli spazi, in un processo di industrializzazione mondiale dell’allevamento, e lo stesso processo di cottura della carne, determinano un incremento considerevole di emissioni di CO2, metano e ossido di azoto. Incredibile a dirsi ma è dimostrato dalla F.A.O. che la produzione di metano in seguito a processi digestivi dei ruminanti e all’evaporazione dei composti presenti nel letame causa l’emissione del 18% dei gas serra complessivi, più del settore dei trasporti.

S

Il parto spontaneo

salute e benessere

di Simone Felicetti

Il parto spontaneo, per via vaginale, rappresenta l’evento culminante conclusivo di 9 mesi di gravidanza e viene solitamente suddiviso in tre fasi, precedute nelle 2-3 settimane antecedenti dalla comparsa di contrazioni irregolari, preparatorie, nella maggior parte dei casi indolori. • La fase dilatante che corrisponde al travaglio vero e proprio è caratterizzata da contrazioni più o meno dolorose ritmiche che si susseguono e che sono intervallate da periodi che si accorciano sempre più: dai 5 minuti ai 30-40 secondi. Il collo uterino si modifica e si dilata progressivamente di circa 1 cm ogni ora fino ad arrivare a 10 cm. In questa fase il collo offre ancora molta resistenza e la progressione del feto è in parte bloccata o molto lenta. Di fondamentale importanza è il controllo del respiro e del rilasciamento della muscolatura: in questo modo evitiamo pressioni addominali disastrose per il collo uterino. Per certi versi è la fase più lunga e faticosa del parto in cui la donna deve semplicemente sopportare le contrazioni respirando senza agire in maniera attiva. È nel momento in cui il collo si è adeguatamente appianato che le membrane fetali si rompono in modo spontaneo sotto la pressione del liquido amniotico e ne causano la fuoriuscita. Le membrane possono anche essere rotte artificialmente per accelerare i tempi del parto. Altre volte invece la rottura delle membrane può essere l’evento iniziale del parto. • La fase espulsiva che ha inizio quando la dilatazione del collo uterino si è completata e la testa del bambino comincia a scendere lungo il canale del parto: in questo momento, le contrazioni sono più efficaci, intense e frequenti. La donna sente il bisogno di spingere durante ogni contrazione, avvertendo come una sensazione di premito a livello del retto. Le spinte devono essere razionali ed equilibrate: all’inizio di ogni contrazione è necessario inspirare profondamente, trattenere l’aria nei polmoni e spingere verso il basso come se ci si dovesse sforzare per defecare cercando di non interrompere lo sforzo per tutta la durata della contrazione. Al momento in cui la testa fetale affiora al piano vulvare, l’ostetrica può, se opportuno, praticare un taglio obliquo all’ingresso della vagina per facilitare la fuoriuscita della testa, cui segue l’espulsione del resto del corpo del neonato. • La fase di secondamento che corrisponde al periodo che va dall’espulsione del feto a quella della placenta e delle membrane e che si distingue in due tempi della durata complessiva di 15-20 mn: prima assistiamo al distacco della placenta, possibile grazie alla riduzione ed al ritirarsi dell’utero dopo essersi svuotato, poi alla sua espulsione. Successivamente si ha la formazione del “globo di sicurezza”, ossia l’utero, contraendosi, assume una forma globosa, consentendo così l’arresto dell’emorragia nella cavità uterina.

a cura della Dott.ssa Jessica Melluso

salute e benessere

109


VG visioni grafiche


I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

Il legamento crociato anteriore scienze di Gaetano Gaggiottino

Sole e intelligenza Esporsi al sole fa bene al nostro umore perché aiuta il cervello a produrre sostanze euforizzanti come la serotonina, ma a quanto dicono gli esperti, l’effetto non si esaurisce in questo. Da uno studio condotto da alcuni Ricercatori dell’Università Alabama, che ha coinvolto circa 15.000 volontari, è risultato che la luce del sole agisce non solo sull’umore ma anche sulle facoltà intellettive. La prova è che in persone che vivono in condizioni di scarsa luce, insieme all’umore, anche la capacità di ragionare si va offuscando. Insomma, senza il sole si spengono sorriso e intelligenza. Finalmente la prova dell’estrema genialità e litigiosità degli italiani?

Nucleare prossimo venturo La sviluppo del nucleare dipenderà da quattro fattori: il consenso democratico, i problemi legati all’ambiente, l’economicità del sistema di produzione di energia rispetto ad altre fonti alternative, la non proliferazione e la sicurezza. Negli ultimi dieci anni la popolazione mondiale è aumentata del 12%, i consumi di energia primaria del 20% e quelli di elettricità del 30%. La produzione di elettricità è il principale fattore di incremento delle emissioni di CO2 e, fattore non trascurabile, è in aumento. I problemi ambientali di questi ultimi anni hanno portato a riconsiderare il nucleare, che è privo di emissioni di CO2. Inoltre, l’uranio incide di poco sui costi di un kw/ora; basti pensare che una ricarica di combustibile nucleare dura 2 anni. La tecnologia che sta imponendosi è quella dei reattori di terza generazione, detti di “larga taglia”. Tali reattori hanno una vita progettata per 60 anni e una bassissima probabilità di danni al “nocciolo” che, in ogni caso, darebbe minime conseguenze in caso di perdite. Vedremo se convinceranno tutti. Specialmente coloro che avranno una centrale a qualche km da casa.

Il legamento crociato anteriore (LCA) è situato nel ginocchio ed ha lo scopo di assicurare la stabilità articolare tra tibia e femore. Sentiamo spesso parlare di lesione del LCA perché è un infortunio molto comune tra gli sportivi anche di alto livello e la sua riparazione è necessaria per il proseguimento dell’attività agonistica. Il meccanismo lesionale è la distorsione del ginocchio che può provocare un danno anche al menisco interno e al legamento collaterale. L’intervento consiste nella sostituzione del legamento lesionato con una strisciolina di tendine presa in un’altra zona del ginocchio e fissata in loco con due piccole viti. Elenchiamo qui una serie di consigli utili per chi dovesse sottoporsi ad un eventuale intervento di ricostruzione del LCA. • Dopo l’infortunio non immobilizzare per troppi giorni il ginocchio. Aspettare serenamente che il gonfiore si attenui ed evitare gessi o fasciature rigide. • Prima di sottoporsi ad intervento cercare di riportare il tono muscolare del quadricipite ad un livello accettabile in quanto l’intervento ne causerà una notevole diminuzione. • Prima dell’intervento anche l’articolarità deve essere ottimale (il ginocchio si deve flettere e estendere come prima della lesione). • Dopo l’intervento, nei quindici giorni successivi e prima della rimozione dei punti, affittare di propria iniziativa, qualora il centro ospedaliero ne fosse sprovvisto, il Kinetec, un macchinario che passivamente impedisce eventuali blocchi articolari. • La riabilitazione post intervento è fondamentale per il recupero completo soprattutto se si pratica costantemente attività fisica. Affidarsi ad un centro che garantisca almeno due ore quotidiane di trattamento. • La motivazione è alla base di un recupero ottimale. Impegnarsi negli esercizi come se si dovesse andare alle olimpiadi. • Capitano spesso dopo il primo mese di trattamento momenti di sconforto dovuti agli apparenti scarsi risultati: il ginocchio è ancora in parte dolente, il quadricipite è la metà di quello dell’altra coscia, non è nemmeno pensabile di poter fare una corsetta. Tutto ciò è perfettamente nella norma; il ginocchio ha bisogno di almeno tre mesi prima di poter inviare al cervello segnali di normalità. • La ripresa dell’attività sportiva, se la riabilitazione è stata fatta con impegno e costanza e il paziente è un atleta abituato a fare sport, non può essere autorizzata prima di 6/7 mesi dalla data dell’intervento se il tendine usato per l’innesto è il rotuleo, 5/6 se il tendine è quello del semitendinoso. Centro Fisioterapico FISIOTER

SEDE NUOVA

111


scienze

di Gaetano Gaggiottino

salute e benessere a cura del Dott. Angelo Caputo (Medico Chirurgo - Odontoiatra)

Donne ed evoluzione Le donne diventano sempre più belle. È il sorprendente gioco dell’evoluzione che porta le donne ad essere sempre più belle ed attraenti. Così dice uno studio condotto dall’Università di Helsinki. Pare invece che il sesso “forte” (l’uomo?) sia rimasto quasi uguale rispetto agli antenati cavernicoli. La donna bella fa figlie ancora più belle, così la bellezza si diffonde. In pratica si crea una “catena” per cui, di madre in figlia, la bruttezza si allontana mentre si tramanda la bellezza. L’evoluzione va dunque incontro ai desideri dello specchio.

Vino e sessualità femminile La conferma scientifica del mitico legame tra vino e sessualità è stata confermata da andrologi, ginecologi e altri specialisti della sessuologia, i quali hanno dimostrato che una quantità di vino rosso come quella contemplata dalla dieta mediterranea, pari ad un bicchiere, ha un effetto disinibente che assomiglia a quello degli estrogeni. Il segreto dell’effetto disinibente e antiossidante del vino rosso si troverebbe in un suo componente, il “resveratrolo”. La ricerca, condotta su donne di età compresa tra i 18 e 50 anni, è stata fatta con l’unico strumento considerato affidabile dal punto di vista scientifico, il Female Sexual Function Index. Si sono così distinti tre gruppi di donne: a) Bevitrici moderate. Con un bicchiere di vino rosso al giorno: hanno un ottimo punteggio di 27 su 36 della scala Female Sexual e sono quelle del “sesso felice”; b) bevitrici irregolari con un punteggio di 25: sono quelle del “sesso quanto basta”; c) astemie che non toccano alcool: sono quelle del “sesso così e così”. Insomma un brindisi fa proprio bene all’amore!

Il tumore del cavo orale una malattia altamente invasiva ed invalidante. Questo tipo di tumore si sviluppa più frequentemente su lingua e mucosa delle guance e sul pavimento della bocca. Fino al 40% dei casi possono essere preceduti dalla presenza di lesioni “pretumorali”.

È

I NUMERI 7% di tutti i carcinomi nell’uomo. 1% nella donna. 12 nuovi casi per anno ogni 100.000 abitanti. 9 morti anno (maschi tra 35-64 anni) ogni 100.000 abitanti. 2 morti anno (femmine tra 35-64 anni) ogni 100.000 abitanti. I FATTORI DI RISCHIO Lo sviluppo del tumore è legato nel 75% dei casi ad abuso di alcol e fumo. La combinazione di queste due abitudini voluttuarie aumenta il rischio di sviluppare la malattia di ben 15 volte. Una cattiva igiene orale incrementa ulteriormente questo rischio. Altri fattori sono: • microtraumi ripetuti (denti scheggiati, protesi irritanti); • una dieta povera di VERDURA E FRUTTA; • l’infezione da Papilloma Virus Umano (HPV16-18). Una diagnosi tardiva significa ridurre la possibilità di guarigione ed affrontare terapie più complesse. Per questo le visite periodiche sono molto importanti: più il tumore è piccolo (minore di 2 cm) maggiori sono le possibilità di guarire (fino al 90% dei casi). LE LESIONI SOSPETTE Le mucose che tappezzano il cavo orale sono normalmente ROSA. Se vedi: • chiazze bianche (leucoplachie-Lichen planus); • chiazze rosse (eritroplachie); • vegetazioni (papillomatosi); • ulcerazioni e lesioni facilmente sanguinanti (lichen erosivo); anche senza dolore, possono essere la spia di qualcosa che non va. Se non scompaiono in 15-20 giorni mostrale al tuo dentista. La facile ispezione del cavo orale permette una diagnosi precoce. CONSIGLI PRATICI 1) Smetti di fumare e non abusare di alcolici. 2) Assumi una dieta ricca di frutta e verdura. 3) Migliora la tua igiene orale. 4) Esegui visite periodiche dal tuo dentista (ogni 6 mesi). 5) Fatti insegnare dal tuo dentista l’auto esame della bocca.

113


VG

visioni grafiche


veterinaria

di Riccardo Colagreco

Medico Veterinario - Specialista in patologia e clinica degli animali d’affezione Master universitario II livello in medicina comportamentale del cane e del gatto

Via Alfredo Soffredini 28 - 00124 Roma - Tel 06.50917085 - Cell. 338.1163049

di Graziella Iannarone

mondo cane

La razza del mese:

Parliamo di artrosi… artrosi può essere definita un’artropatia cronica com-

L’

plessa rivelatrice di uno squilibrio metabolico. Tale

malattia porta ad una degenerazione della cartilagine, a lesioni proliferative del tessuto osseo adiacente e a lesioni infiammatorie a livello di sinovia. È una patologia che in veterinaria occupa un posto importante, sia per impatto epidemiologico, sia per complessità di gestione terapeutica. Su anca, spalla, gomito e ginocchio, converge una serie di fattori genetici, di sviluppo o acquisiti, che innescano un ciclo progressivo di degenerazione articolare. In condizioni normali la cartilagine è deputata ad assolvere complesse e vitali funzioni, legate sia all’accrescimento scheletrico, sia alla biomeccanica articolare, fungendo da “cerniera” di scorrimento interosseo e da “ammortizzatore idraulico” di tensioni, trazioni e pressioni che su essa si concentrano. Purtroppo, questo tessuto così indispensabile all’omeostasi dell’articolazione è caratterizzato dall’assenza di vasi e nervi che ne caratterizza l’anatomia e questo fa si che la cartilagine non sia in grado di circoscrivere il danno né tantomeno di avviare un adeguato processo di riparazione. Tutti fattori che rendono il tessuto cartilagineo particolarmente esposto all’azione lesiva di condizioni, quali instabilità e incongruità articolari, osteocondrosi, traumi che alterano la struttura tessutale e ne determinano la progressiva e irreversibile degenerazione. Terapie di tipo conservativo o sintomatico sono normalmente utilizzate nella pratica veterinaria, come supporto al trattamento chirurgico e come mezzo per contrastare dolore, infiammazione, e zoppie. Ciò nonostante tali interventi non hanno alcuna capacità di influenzare la natura progressiva della patologia né di rallentarne l’evoluzione. La cartilagine ialina non è innervata, il dolore quindi compare in seguito ad alterazioni della capsula, dei legamenti, della sinovia, e della componente muscolare ed ossea. Ecco dove gli antinfiammatori godono di “successi” terapeutici a breve termine. La comprensione della fisiopatologia del danno cartilagineo ha contribuito ad aprire un nuovo capitolo nella terapia delle patologie articolari ad andamento degenerativo: la condroprotezione. Si tratta di un intervento terapeutico mirato a mantenere o ripristinare quei meccanismi intrinseci al tessuto che proteggono la cartilagine dal danno e ne bloccano, o perlomeno ne limitano la progressiva alterazione degenerativa.

Bracco Italiano • ORIGINE Italia. • CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo 7 - cani da ferma. Il Bracco Italiano è stata una razza molto popolare soprattutto nell’epoca rinascimentale. Era molto apprezzata dai nobili e dai regnanti in diversi paesi e soprattutto corti europee. Il Bracco veniva impiegato spesso nelle cacce che si svolgevano nei boschi, a quei tempi ancora ricchi di selvaggina. Ebbe un grosso declino verso il diciannovesimo secolo, quando venne preferito ad altri tipi di cane, ma nell’ultimo secolo è stato rivalutato. Il Bracco è molto usato per la caccia alla selvaggina da piuma. Ha una tipica andatura di caccia al trotto, caratteristica questa condivisa solo con lo spinone: a differenza dei due, tutte le altre razze da caccia lavorano al galoppo. È un cane dalla costituzione forte, che deve dimostrare un aspetto di vigoroso e armonico al tempo stesso. Il Bracco si distingue decisamente per il suo aspetto asciutto e la sua particolare testa, dove è evidente il cesello suborbitale. A differenza di alcune razze inglesi da ferma, le quali hanno maggiori possibilità di grande cerca e notano con velocità la presenza della preda, il Bracco Italiano è più lento, ma in compenso può essere utilizzato in ogni tipo di terreno e zona. È una razza molto intelligente ed affettuosa e con una sorprendente capacità di apprendimento. • STANDARD Altezza: maschi da 58 cm a 67 cm, femmine da 55 cm a 62 cm. Peso: tra i 25 kg ed i 40 kg. Tronco: la sua lunghezza è pari all’altezza al garrese e in alcuni casi leggermente superiore. Il garrese è rilevato ed il torace è ampio e profondo. Testa e muso: la testa si dimostra stretta nelle arcate zigomatiche. Gli assi cranio-facciali sono divergenti. Il muso misura la metà della lunghezza totale della testa e la sua altezza è pari ai 4/5 della sua lunghezza. Le sue facce laterali, viste di fronte, sono lievemente convergenti. La caratteristica principale della testa è quella di avere gli assi cranio-facciali divergenti mentre il cesello è importante perché sinonimo di distinzione. La divergenza indica il tipo, come nel pointer devono essere convergenti e nel setter paralleli. Il tartufo è voluminoso e visibilmente sporgente sulla linea anteriore delle labbra, la pelle risulta essere elastica ma molto consistente e mai con macchie nere. La muscolatura di questa razza è ben sviluppata ed evidente. Il pelo deve essere corto, fitto e lucente, i colori ammessi sono due, il bianco arancio ed il roano-marrone (bianco punteggiato di marrone).

115


VG

visioni grafiche


di Lucia Bianco

budget e ricette

Inverno al sapor di zucca iao a tutti, il freddo è arrivato e nell’aria c’è profumo di legna. Recentemente mi trovavo sul Lago di Garda, pensando che l’ingrediente che va ultimamente per la maggiore è la zucca. Di zucca quindi parleremo oggi, con due primi piatti saporiti e gioiosamente invitanti.

C

Risotto alla zucca iatto allo stesso tempo molto semplice da preparare e molto gustoso, ottimo soprattutto nelle fredde sere invernali, il risotto alla zucca trae origine dalle tradizioni povere. La zucca era infatti un ortaggio molto a buon mercato che veniva coltivato e mangiato prettamente dai contadini.

P

PREPARAZIONE Mettete a cuocere la zucca nel brodo vegetale per circa 10 minuti dal momento dell’ebollizione. Nel frattempo, mettete a rosolare in un tegame abbastanza grande 50 g di burro e la cipolla finemente tritata. Quando la cipolla sarà ben INGREDIENTI dorata, aggiungete il riso e il vino, mescolando il tutto per qualche minuto per impedire al riso di attaccarsi brodo vegetale: 1 litro al tegame. Lasciate cuocere per almeno 10 minuti. Infine, aggiungete la zucca, che avrete precedentemenparmigiano reggiano: 100 gr te frullato. A mano a mano dosate anche il brodo in cui la zucca è stata cotta. Il tutto deve stare sul fuoco vino bianco: 1/2 bicchiere per almeno 20 minuti. A 2 minuti dalla fine della cottura aggiungete gli altri 50 g di burro e il parmigiano; zucca: 300 gr - burro: 100 gr mescolate il tutto per bene. Lasciate riposare il riso per due minuti e servite in tavola ben caldo. riso: 400 gr cipolle: 1 Se volete dare maggior sapore al vostro risotto, a metà cottura potete aggiungere un rametto di rosmarino ben legato, in modo che non si disperdano gli aghetti.

Gnocchi di zucca con salsa di taleggio G

li gnocchi di zucca con salsa di taleggio sono un primo piatto tipicamente invernale, sostanzioso e molto saporito: composti da un impasto di zucca, patate, farina, uova e spezie, sono conditi con una salsa di taleggio che li rende golosamente invitanti.

PREPARAZIONE Accendete il forno a 180°C. Tagliate la polpa di zucca a pezzetti piuttosto grossolani e, per ammorbidirli, infornateli per circa 20-25 minuti, ponendoli su di una placca (o in una teglia) rivestita con carta forno. Nel frattempo lessate le patate con tutta la buccia in acqua salata. Quando saranno cotte, scolatele, lasciatele intiepidire e poi sbucINGREDIENTI ciatele. Per gli gnocchi di zucca: Una volta cotta, estraete la zucca dal forno e lasciatela intiepidire. Passatela al passaverdura. Cannella Fate così anche per le patate. Unite le due puree in un’unica terrina dove aggiungerete anche la Parmigiano: 2 cucchiai farina, il parmigiano, l’uovo, la cannella, la noce moscata, il sale e il pepe. Impastate bene gli sale farina: 160 gr ingredienti tra loro fino a che il composto risulti omogeneo, liscio ma non duro. Lasciate riposapatate: 350 gr re qualche minuto. Su di una spianatoia, con l’impasto ottenuto, dovrete formare dei lunghi uova: 1 bastoncini che taglierete a pezzetti delle dimensioni di una grossa nocciola. noce moscata:un pizzico A parte, versate in un pentolino, che metterete a bagnomaria, il latte e il taleggio tagliato a pezzucca (polpa): 350 gr zetti. Fate sciogliere il formaggio lentamente rimestando di tanto in tanto. Per il condimento: A questo punto, fate cuocere gli gnocchi condendoli poi con la salsa di taleggio. Servite immelatte fresco intero: 150 ml diatamente. taleggio: 200 gr

117


VG

visioni grafiche


V

VIA D

.SA NT O VIA L

DI

CA

V.PRASSILLA

V.

E .D

SAL

V.BAZZINI VIA WOL

23

31 INFERNETTO

OCCO VIA U. GIORDANO

5

VIA CANALE DELLA LINGU A

P O R ZIA

CA

TE

A S TEL

V I A DI C

DI

FU

SAN

O

OSTIA STELLA POLARE

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

V. MARINA

V.

T.

VIA D. BALENIERE

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

VIA C. PASSERO

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA DIO AU CL

SCHE

V. AZZORRE

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

VIA C. COLOMBO

L

SCATORI

24

PORTO DI OSTIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA

1

25

PONTILE

LA LOCANDA SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PESCE - PIZZA

13

F FERRAR I

LONGARINA VIA

L.MARE DELLA SALUTE

INDIRIZZO Via di Mezzocammino, 92 A TELEFONO 06.52373177 SITO INTERNET www.ristorantelalocanda.eu PREZZO MEDIO 25 € RIPOSO SETTIMANALE Aperto tutti i giorni CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si MUSICA DAL VIVO Ven. Sab. e Dom. PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 250 APERTO Cena (Dom. e festivi anche Pranzo)

LOTTI

NO

19

28 VIA A.

10

PAL

CASAL PALOCCO

RAGON CELLO

L

TENUTA DEL PRESIDENTE

VIA CRISTOFORO COLOMBO

PESCAT ORI V. ARISTOFANE IL O H C S E VIA

RO INDA

VIA G

OCCO VIA DI M. PAL

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

SSO D

VIA R

LA SCAF VIA DEL

VIA C. ZUGNA

A

V. BE Z Z

VI A P

VIA DEI PE

EDIP UGLIA

R T UE NSE VIA PO A

EMENTIN

VIA T. CL

V.LE TRAI ANO

MICINA FOCE

VIA DI

2

V. F A R O

11

CHIA SA PONARA

V.

P.ZZA GRASSI

GIUGNO

SPINACETO 15

NTINI EO

P. T E 2

ISOLA SACRA 22

VIA C. MAESTRINI

S

FIUMICINO

17

TO VIA DELL'AEROPOR FA VIA DELLA SCA

9

AXA

MADONNETTA

VIA FO

OSTIA ANTICA

TE VE RE

8

VIA DEI ROMAGNOLI

VIA DI M AC

20

P.ZZA ESCHILO

VIA DEI

PONARA

NI

VIA DI PR

ATO

VIA DI SA

29

BO

I TT VIA O. F A 27

V.O.GHIGLIA

ORC INA

V. P

VIA DI ACILIA

ACILIA

LI GO

V IA

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

O NCELL DRAGO

V. COLLETTORE PRIMARIO

6

NAPOLI

CALTAGIRONE

V. G.CARPINE

DRAGONA

O

VIA DI MALAFE DE 12 CASALBERNOCCHI 16 30 AXA 18 4 7 MALAFEDE

DRAGONCELLO V. DI

QUIN O BO RGH I

14

V. IN

POG DEL

26

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

LLE CASE BA DE SS E VIA

M M IN

VIA

ACILIA NORD

OCA

CORNELI O

21

V.ALBARETO

O VIA P

EZZ

VIA SA RS INA

DI GIA NO

VIA DEL MARE

A AN IOR GG

E

ETTO

DI M

MA

E NS RTU

A S AL

. P AS

MOSTACCIANO

VITINIA 13

CENTRO GIANO

DI

VIA ARZANA

VIA

VIA C

NC

E GRANDE RACCORDO ANULAR

LEGENDA 17 Mr. Beef 18 La Villetta 19 Eschilo 2 Dancing 20 Cascina Spiga d’Oro 21 La Romanina 22 I Giardinetti 23 Zucchero e limone 24 Il Miglio Verde 25 Zenit 26 Il Pinzimonio 27 Il Cielo sul Mare 28 QKing 29 Punto d’incontro 30 Gibraltar 31 I Mandriani

VIA

1 Nemo 2 Incannucciata 3 El Matambre 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Eden 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 La Bitta 9 Maharajah 2 1 0 Wogs 1 1 T-Bone Station 1 2 La Carbonella 1 3 La Locanda 1 4 Frivolezze 1 5 Rist. Pizz. Da Natalino 1 6 Tana del Bradipo

BI A

ME

VIA MOLAIOLI

FIRENZE

FI U

VIA D. PURIFIC ATO

USCITA 28

. IA D

3

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V. GRANDE MURAGLIA

VIA DI DECIMA

O

EUR TORRINO

La Locanda è un ristorante capace di offrire ai suoi clienti la sincerità di una cucina basata sui sapori tradizionali. Dotata di forno a legna e di spazi adattabili alle più diverse esigenze, La Locanda può soddisfare i palati più esigenti. I tonnarelli della locanda, i tonnarelli cacio e pepe, i secondi a base di agnello e maialino, la coda alla vaccinara, insieme a tante altre specialità di pesce e all’ottima pizza, costituiscono i tradizionali punti di forza di una cucina fatta utilizzando gli ingredienti più genuini.

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

119


VG visioni grafiche


MagnaRoma BIANCO ROSSO E PANNONE

21 Gennaio SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZERIA FORNO A LEGNA CUCINA VEGETARIANA - PANE E PASTICCERIA ARTIGIANALE DA NON PERDERE: Gnocchi Bobo chef con speck, fontina e porcini Fettuccine con pesce spada e pesto di rughetta e pistacchi Tagliata “istrice” con tartufo e porcini - Grigliata senza spine Rana pescatrice in crosta di pane - Pizza con frutti di mare

SERATA PAELLA Sangria, Tapas, Paella e Crema catalana € 25,00

INDIRIZZO Via Giuseppe Fagnano, 2 TELEFONO 06.52360181 SITO INTERNET www.biancorossoepannone.com NUMERO POSTI 140 AREA BANCHETTI Sì CARTE DI CREDITO Tutte (No American Express) RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e Martedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena

4

ZONA

ACILIA

11

121


dal nostro Menù ANTIPASTI Misto mare € 10,00 Insalata di polpi € 7,00 Soutè di cozze € 6,50 Cocktail di gamberi € 5,00 Ostriche € 2,50 (l’una) Carpaccio di tonno o pesce spada affumicato € 10,00 PRIMI PIATTI Fettuccine allo scoglio € 7,50 Spaghetti alle vongole veraci € 7,00 Gnocchetti alle mazzancolle € 7,00 Culurgiones € 8,00 Spaghetti alla bottarga € 9,00 Malloreddus alla campidanese € 7,50 Malloreddus allo zafferano € 8,00 Zuppa gallurese € 9,00 (su ordinazione minimo 4 persone)

Zuppe di legumi (da ottobre ad aprile) SECONDI Bistecca Americana di PRIMA SCELTA € 17,00 Tagliata all’aceto balsamico € 15,00 Scaloppine al vino o al limone € 10 Maialino al forno € 12,00 Calamari con rughetta € 12,00

Fritto calamari e gamberi € 11,00 Fritto di paranza € 12,00 Gamberoni al cognac o al vino € 15 Gamberoni o scampi ai ferri € 13 Orata o spigola (al kg) € 31,00 Orata o spigola di mare (al kg) € 50 Trancio di ricciola fresca (l’etto) € 6,50 DOLCI Seadas € 4,00 Cialde con cioccolato bianco, nero e panna € 5,00 Tortino al cioccolato caldo con panna € 4,00 VINI Vino della casa € 6,00 Gemelle € 11,00 Cannonau di Sardegna € 11,00

Grande

ESCLUSIVA!!! Per gli amanti della carne...

BISTECCA DI BISONTE AMERICANO

€7

all’etto

Lunedì riposo - chiuso il Martedì solo a pranzo

Via Prato Cornelio, 126 · T. 06.5250388


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

Servizio animazione per bambini gratuito

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

15

123


MagnaRoma INCANNUCCIATA SPECIALITÀ > CRUDI DI PESCE Il ristorante Incannucciata è noto per la particolare attenzione che da sempre dedica alle sue specialità. Pesce fresco, crudo,

INDIRIZZO P.zza G.B. Grassi, 17 TELEFONO 06.6506380/339.3814695 PREZZO MEDIO 35/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e Domenica a cena CARTE DI CREDITO Tutte (esclusa Diners) AREA BANCHETTI Si SALA FUMATORI Si TERRAZZA Si NUMERO POSTI 100 al chiuso, 80 all’aperto APERTO Pranzo/Cena (Domenica solo a pranzo)

di paranza ed una vasta scelta di piatti attendono di essere gustati in un locale che da sempre consente di godere pienamente i raffinati sapori del mare. Da sottolineare l’ambiente unico adatto ad ogni occasione. Tra le specialità da non perdere vi consigliamo: tagliolini alla carbonara di spigola, gnocchi di patate con vongole veraci, crema al tartufo e radicchio fresco, fettuccine al nero di seppia con zucchine e moscardini, ricciola al vino bianco, tonno con crema di ceci e astice alla catalana. Ampia la carta dei vini. Il locale dispone inoltre di una sala per banchetti e feste.

ZONA

2

FIUMICINO CENTRO

TANA DEL BRADIPO vino brace e cucina SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA E REGIONALE - CARNE ALLA BRACE - DOLCI FATTI IN CASA Siamo una giovane osteria con un ambiente rilassato ed informale dove poter bere bene e mangiare meglio. Proponiamo una cucina basata sulla tradizione romana e regionale italiana ma costantemente aggiornata e rivisitata con una particolare cura nella selezione delle materie prime e seguendo la stagionalità dei prodotti con una continua proposta di piatti nuovi. Una selezione di carni di qualità superiore da fare alla brace rigorosamente da allevamenti al pascolo, un’ampia cantina in continua evoluzione con vini provenienti da tutte le regioni d’Italia con una particolare attenzione agli ottimi vini del nostro Lazio e per finire i nostri dolci tutti fatti in casa.

INDIRIZZO Via Luigi Pietrobono, 3 TELEFONO 06.5258790 - 333.2317500 SITO INTERNET www.tanadelbradipo.it PREZZO MEDIO 20/25 € CARTE DI CREDITO Visa, Mastercard, Keyclient NUMERO POSTI 70 interni, 50 esterni PORTICO ESTERNO Sì RIPOSO SETTIMANALE Lunedì APERTO Cena - Sabato e Domenica anche Pranzo

OFFERTA GENNAIO: 16

Veniteci a trovare, il VINO ve lo offre il Bradipo

ZONA

CASALBERNOCCHI

WOGS SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Un ambiente intimo e particolarmente curato nello stile caratterizza questo raffinato locale di Casalpalocco, specializzato nella preparazione di: crudi di pesce, primi piatti (di carne e pesce), grill di carne e pesce, pizza condita con ingredienti di varia scelta e... paradisiaci dolci fatti in casa. L’ottima cucina vanta inoltre piatti tradizionali dal sapore classico e ricette più ricercate. Oltre al suo ampio spazio interno, Wogs offre l’opportunità, grazie ad un’incantevole sala esterna, di godersi una cena all’aperto, magari in buona compagnia, immersi nella tranquillità della zona. Aperto tutte le sere, è gradita la prenotazione.

INDIRIZZO Viale Gorgia di Leontini, 3 TELEFONO 06.50912206 PREZZO MEDIO 30/40 € CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 70 PARCHEGGIO Si APERTO Tutte le sere È gradita la prenotazione

10

124

ZONA

CASALPALOCCO


MagnaRoma I GIARDINETTI SPECIALITÀ > CARNE DANESE ALLA BRACE - PIZZA NAPOLETANA grande cordialità dei due titolari Dino e Anna. Tra le speI buongustai della cucina casereccia e della pizza napolecialità, oltre alle pizze cotte con il forno a legna, da protana hanno un nuovo punto di riferimento: il ristorante “I vare assolutamente l’ottima carne danese preparata alla Giardinetti” di Fiumicino. Un locale familiare ed accoglienbrace. te dove gusto, qualità e prezzi si legano saldamente alla

MENÙ SPECIALE BISTECCA 1a SCELTA (Gr. 500) CONTORNO A SCELTA VINO 1/2 Lt. • ACQUA • PANE DESSERT DELLA CASA CAFFÈ • LIMONCELLO

INDIRIZZO Via G. Maffettone, 95 TELEFONO 06.6583069 SITO INTERNET www.bisteccheriaigiardinetti.it PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo e Cena

tutto a s

22

ZONA

o li

MENÙ DI PESCE SU ORDINAZIONE

€ 20,00

FIUMICINO

27

125


MagnaRoma IL MIGLIO VERDE SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE - PIZZA Immerso nella rigogliosa e rilassante campagna di Ostia Antica, all’interno di un antico casale ristrutturato mantenendo le caratteristiche originali, questo locale ha la capacità di trasportare i suoi ospiti in una dimensione così tranquilla e familiare da dimenticare lo stress ed il caos assordante della città. Il menù, rispettando le regole rurali, offre prevalentemente piatti a base di carne di rilevante qualità. Ottime le varie tipologie di tagliata (prima fra tutte quella all’aceto balsamico) e gli sfiziosi antipasti “casarecci” con formaggi, salumi e verdure, accompagnati da una croccante focaccia. Per chi invece desidera le specialità di pizza, non deve fare altro che scegliere tra le numerose varietà! Arricchito da un meraviglioso spazio esterno, è la location ideale per organizzare ricevimenti e banchetti.

INDIRIZZO Via di Piana Bella, 30 (traversa di Via di Castel Fusano) TELEFONO 338.9953162 CARTE DI CREDITO Sì (no American Express) SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Cena (aperto a pranzo la Domenica e i giorni Festivi)

24

ZONA

OSTIA ANTICA

ZENIT

www.zenitostia.com

SPECIALITÀ > PIZZERIA CON FORNO A LEGNA - CARNE ALLA BRACE - PESCE - CUCINA NO GLUTINE • Unico punto ad Ostia no glutine. • Situato sul litorale di Ostia con parcheggio interno, vista mare, spazio ludico esterno per bambini. • FESTE PRIVATE SU PRENOTAZIONE: feste 18 anni, comututti i lettori per nioni, battesimi, matrimoni, cene aziendali, feste varie, serate a tema, karaoke. • Su prenotazione lo chef Ibrahim vi delizierà con una cena tipica araba a base di couscous e altre specialità.

Ringraziamo

i

GRANDI SUCCESSI del 2009,

e auguriamo di cuore

INDIRIZZO L.re Amerigo Vespucci 46-48 TELEFONO 06.56307626 - 333.3547764 PREZZO MEDIO 15/30 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e martedì SPAZIO ESTERNO Si, vista mare PARCHEGGIO Si, interno NUMERO POSTI 120 interni / 110 esterni APERTO Pranzo/Cena

un meraviglioso 2010 ricco di tante

Lo Staff

BELLE NOVITÀ! ZONA

25

OSTIA

LA VILLETTA SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Gestito da ben oltre 40 anni, con grande determinazione, professionalità ed immancabile accoglienza, La Villetta è uno dei siti culinari “storici” nella zona di Acilia. Fatevi trasportare dai sapori della sua cucina casareccia, ricca di piatti genuini a base di ingredienti di prima scelta: primi della più tipica cucina nostrana, secondi di pesce freschissimo o a base di carne cotta rigorosamente su pietra lavica, mirata a non alterare il suo naturale nonché vero sapore. La carrellata delle prelibatezze continua con le numerose specialità di pizza disponibile sia a pranzo che a cena. Il locale, dotato di un ampio spazio interno e di un secondo più ridotto all’esterno, solo su richiesta, organizza rinfreschi e banchetti con menù personalizzati.

INDIRIZZO Via G. Antonucci, 35 TELEFONO 06.52350056 PREZZO MEDIO 25/30 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 180 interni, 80 esterni LOCALE CLIMATIZZATO Sì SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo/Cena

ZONA

18

ACILIA

126


MagnaRoma LA BITTA

TERRAZZA SUL FIUME (100 mt. dal ponte levatoio)

SPECIALITÀ > CRUDITÀ DI PESCE - CROSTACEI - FRUTTI DI MARE E TANTO ALTRO...

Per saperne di più visita il sito

La Pausa Pranzo

LA BITTA vi propone un modo sfizioso per concedersi una delicata Pausa Pranzo...

INDIRIZZO Via Portuense, 2489 TELEFONO 06.65047752 - Cell. 333.2518158 SITO INTERNET www.ristorantelabitta.com E-MAIL info@ristorantelabitta.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì PARCHEGGIO Si ACCESSO AI DIVERSAMENTE ABILI Si AMBIENTE CLIMATIZZATO Si APERTO Pranzo/Cena

ZONA

8

ENGLISH SPOKEN

• UNA FANTASIA DI ANTIPASTI • UN PRIMO • ACQUA • CAFFÈ

€ 20,00

FIUMICINO

ZUCCHERO E LIMONE

LA CARBONELLA

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana.

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Il ristorante è ospitato in un antico casale a ridosso della Via Ostiense. La cucina è curata da chef italiani, con piatti di ispirazione romana, continuamente rinnovati carne e pesce - una ricerca attenta di gusto e qualità. La pizza è sottile e croccante. Da non perdere: la carne tenera e gustosissima.

INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via di Malafede, 8 TELEFONO 06.52458130 E-MAIL info@ristorantelacarbonella.it PREZZO MEDIO 25 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Martedì a pranzo SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 140 interni e 80 esterni APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

23

ZONA

12

INFERNETTO

ZONA

MALAFEDE

MAHARAJAH 2 SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di alta

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

9

qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.

ZONA

AXA

127


MagnaRoma RISTORANTE EDEN SPECIALITÀ > PESCE LOCALE Da circa venti anni il Ristorante Eden è uno delle mete preferite dagli amanti della buona cucina e del buongusto. Raccolto in un’oasi di verde e tranquillità il locale, un antico casale completamente ristrutturato nelle vicinanze del mare e a pochi

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 111 TELEFONO 06.50916969/333.6803470 SITI INTERNET www.ristoranteeden.it - www.edenmatrimoniroma.com PREZZO MEDIO 35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte eccetto Diners Possibilità AREA BANCHETTI Si pagamenti rateali NUMERO POSTI 450 PARCHEGGIO Si banchetti APERTO Pranzo (ven. sab. e dom.) / Cena Menù per celiaci

ZONA

5

minuti dall’EUR, mette a disposizione della sua clientela ampi saloni interni, arredati con sobria eleganza, e un paradisiaco giardino dove è più facile sentirsi in pace con la natura e se stessi. La cucina è prevalentemente basata sulla preparazione del pesce, una girandola di sapori freschi e veraci con gli arrivi giornalieri di prelibatezze locali. Anche gli amanti della carne però sapranno come godere i piaceri della tavola con una selezione accurata dei migliori tagli della nostra tradizione. La scelta degli ingredienti e il rispetto della cultura gastronomica italiana sono invece alla base della ricca offerta di primi che lo chef propone (da non perdere gli strozzapreti con vongole veraci e tartufo). Il Ristorante Eden è anche un solido punto di riferimento per chi desidera affidarsi ad un’organizzazione professionale, attenta e preparata, per banchetti di nozze, comunioni, battesimi, ricevimenti, meeting e colazioni di lavoro. Per saperne di più basta consultare le proposte di menù e i preventivi personalizzati che troverete nei siti: www.ristoranteeden.it e www.edenmatrimoniroma.com.

INFERNETTO

EL MATAMBRE

IL PINZIMONIO

I PIACERI DELLA CARNE SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE-CRUDITÈ-PRIMI PIATTI

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA

I colori caldi e un design raffinato fanno di “El Matambre” un locale unico per riscoprire i piaceri della carne e non solo... “El Matambre” è una piacevolissima sorpresa per i sensi da scoprire all’interno del Parco dello Stardust Village. Si parte con una coppa propiziatoria di sangria, per poi passare agli sfiziosi antipasti e ai primi piatti rigorosamente fatti in casa. Di primissima scelta la carne, cotta alla brace a vista. Per finire, l’assortimento di dolci della casa e il “bacio di mezzanotte”. Sorprendente anche la selezione di vini.

Accogliente, ampio parcheggio, “Il Pinzimonio” fa forza sulla sana cucina italiana basata solo su prodotti di qualità. Confortevole con aria condizionata, “Il Pinzimonio” offre un’ampia scelta di Carne Nazionale e Internazionale di primissima qualità, Pesce, oltre 15 Primi e Pizza (anche da asporto) rigorosamente preparata senza aggiunta di grassi animali ma solo con una piccola dose di olio extravergine e con una giusta lievitazione. Non mancano i dolci fatti in casa che potrete gustare con i nostri vini da dessert.

INDIRIZZO Via del Pianeta Urano, 60 TELEFONO 06.52207540 SITO INTERNET www.elmatambre.it PREZZO MEDIO 25/30 € PRENOTAZIONE Gradita RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Visa - Mastercard SPAZIO ESTERNO Si GIARDINO Si SALA FUMATORI Patio APERTO Cena (19:30-24:00),

INDIRIZZO Via dell’Albareto, 70 TELEFONO 06.88540136 347.3507872 - 347.5403812 SITO INTERNET www.ilpinzimonio.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO No American Express PREZZO MEDIO 25/30 € NUMERO POSTI 75 PARCHEGGIO Si PRENOTAZIONE consigliata APERTO Cena (a pranzo su richiesta)

Domenica anche a pranzo (12:30-15:00)

ZONA

3

26

EUR TORRINO

INDIRIZZO Via Codigoro, 30 TELEFONO 06.52372604 - 339.2479722 SITO INTERNET www.frivolezze.altervista.org PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Domenica e

Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 40 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

14

VITINIA

128

ZONA

ACILIA

FRIVOLEZZE

PANE AR PANE VINO AR VINO

SPECIALITÀ > GOOD MUSIC Ambiente unico e di atmosfera, il ristorante Frivolezze è arredato secondo uno stile elegante ed accurato, che crea piacevoli sensazioni di benessere. La cucina soddisfa pienamente la voglia di assaporare piatti preparati con cura che richiamano i sapori della cucina sarda. Si annoverano tra le altre pietanze: Spaghetti ai ricci di mare (sardi), Faraona al mirto e fragoline di bosco, Seadas dello chef. Questa miscellanea di differenti sapori fa di Frivolezze un posto tutto da scoprire.

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!! INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

7

ZONA

MALAFEDE


LR

MagnaRoma

LA ROMANINA SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Ristorante-pizzeria dotato di forno a legna, La Romanina vanta una struttura ampia (due sale riservate) e ben organizzata, ideale per celebrare banchetti, svolgere meeting o semplicemente affidarsi alla sua grande competenza nel catering.

La cucina è ricca di succulente specialità come: la fantasia di primi di pesce, il rombo con patate al forno o (il giovedì) gli gnocchi caserecci e le fregnaccie. Per completare, un delizioso spazio esterno con gazebo ed un parcheggio riservato alla clientela.

CHIUSO PER FERIE DAL 6 AL 26 GENNAIO INDIRIZZO Via della Maggiorana, 19 TELEFONO 06.5250344/338.2313091 SITO INTERNET www.ristorantelaromanina.com PREZZO MEDIO 25/35 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì AREA BANCHETTI Si GIARDINO/GAZEBO Si (giardino con giochi per bambini) NUMERO POSTI 300 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

21

ACILIA

NEMO

CASCINA SPIGA D’ORO

SPECIALITÀ > PESCE - CRUDI DI PESCE Collocato nello stabilimento balneare “La Nuova Pineta”, Nemo è il primo Oyster bar del litorale, l’unico a garantire il proprio crudo di pesce, ad aver ottenuto l’attestato “Alta cucina” dall’Academie Internationale des Gourmet et des Traditions. Nato da un’idea di Tony e di Ermanno, Nemo affida i suoi fornelli alla venticinquennale esperienza di Rossana. I prodotti ittici lavorati da Nemo sono pescati da “i pescatori del Borghetto”.

SPECIALITÀ > ANTICHE RICETTE RIVISITATE Incantevole ristorante nel verde delle campagne romane all’interno di un antico casale di fine ‘800, Cascina Spiga D’Oro vanta 30.000 mq di parco con piscina, baby park e fattoria. La sua cucina, creativa e genuina, è curata da qualificati chef e basata su prodotti freschi della zona. Carne alla brace, piatti semplici ed importanti potranno essere gustati davanti al fuoco presente nell’accogliente sala interna. Potrete scegliere sulla carta più di 240 tipi di vino accompagnati da un ampio carrello di formaggi. INDIRIZZO Via del Collettore Primario, 270b TELEFONO 06.5652386 INFO EVENTI E RICEVIMENTI 06.5211078 RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO/PISCINA Si NUMERO POSTI 80 sala ristorante,

INDIRIZZO Lungomare Lutazio Catulo, 6/b TELEFONO 348.3966520 - 333.8036856 SITO INTERNET www.nemorestaurant.it RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì NUMERO POSTI 40 interni, 20 esterni APERTO Pranzo/Cena PARCHEGGIO Sì

1

250 sala ricevimenti APERTO Cena/Pranzo solo la Dom.

ZONA

20

OSTIA LIDO

ZONA

OSTIA ANTICA

MR. BEEF

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE La cucina di questo locale si distingue per la vasta scelta di carni: Danese, Argentina, Irlandese, ma anche stuzzicanti salsicce di produzione propria, tagliate di manzo servite con vari condimenti, secondi piatti che richiamano la tradizionale cucina mediterranea fino alle carni bianche alla griglia e non; inoltre ricchi antipasti, primi piatti per tutti i palati, il tutto accompagnato dall’ampia selezione di vini alla carta. E per chiudere chiedete sempre un dolce... rigorosamente fatto in casa! INDIRIZZO Via Macchia Palocco, 186 TELEFONO 06.5213845 SITO INTERNET www.mrbeef.it PREZZO MEDIO 20/30 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO Si NUMERO POSTI 60 APERTO Cena tutte le sere

Pranzo solo sabato e domenica

17

ZONA

MACCHIA PALOCCO

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

19

ZONA

NUOVA PALOCCO

129


VG

visioni grafiche


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 8 路 n. 78 - 2009 路 www.13magazine.it

13 Magazine Dicembre 2009  

Free Magazine, 13 Magazine, Roma, Italia

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you