Issuu on Google+

visioni grafiche

13 magazine 路 Anno 9 路 n. 82 - 2010 路 www.13magazine.it TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

VG


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) GS (Ostia - Staz. Lido C.) GS (Acilia - Via C. Beschi)

GS (Dragona-V. Criminali) GS (Dragoncello Via O. Fattiboni) GS (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) GS (Fiumicino Via Angonio Angeloni) GS (Infernetto Viale Castel Porziano) GS (Infernetto Via Antonio Angeloni) GS (Infernetto - Via Boezi) GS IPERMERCATO (Torrino - V. Fosso Torrino) GS IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Acilia-V. di Saponara) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna)

TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Mandara Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico

Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Miss Pizza Moustique Club Ristorante El Matambre Selvaggio Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Teatro Torrino Torrino Sporting Center Vasian ACILIA - MADONNETTA Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar

SERVIZIO DI PORTA A PORTA PRESSO Axa - Casalpalocco - Infernetto - Villaggio Alitalia (Acilia)

Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante La Romanina Ristorante Mr. Beef Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi VITINIA - CALTAGIRONE Bar Caltagirone Edilmarmi La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante Frivolezze Ristorante La Carbonella Ristorante La Locanda Ristorante West Coast Tabaccheria Pirfo La Trattoria Moderna SPINACETO Rist. Pizzeria da Natalino Rosso Peperoncino CASAL BRUNORI Miss Pizza OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service

Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Ristorante Nemo Ristorante Zenit Snai Vancleef OSTIA PONENTE AGL Clima Bar Alexander Bar Amigos

5


VG

visioni grafiche


Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro

Jack’s ristorante Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Tabacchi Fumi e Profumi

Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo St. Odont. Podda & Sorci AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Pizza Eschilo Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Ristorante T-Bone Station Tru Trussardi Twinky

I nostri partners Pag. 96

Abitare Oggi

40

Legno + Ingegno

58

Acacia e Tre T.

48

Maison Douce

Aceis

70

Margherita (La)

Analisi C.R.S. Centro Ricerca Studi

10

Marinauto

102

MC Surgery

16 100 63

Angel’s hair

56

Aries gruppo immobiliare

28

73

Ariò

26

Moustique Club

54

Arte di Chiara

60

Oasi Arredo con Stile

62

Arte Serramenti

32

Officina Estetica

82

A.S.T. Impianti

38

Officine Interni

33

Axa Bike

1-6

Oggetti Smarriti

24

Babel

111

Paola Sgrò estetica e make-up

46

Bali England

30

Patio antico (Il)

20

Biclim

112

Pets Shop

77 106

INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà

2 34

Podda & Sorci Studio Odont. Priolo

44

Punto Caffè... e non solo

58

Cannavale Immobiliare

88

Regie Auto e Car Service

53

Casa del Fungo (La)

72

Romus Re

22-48-112 Camillo Immobiliare

Centro Estetico Fisiorelax

114

Sapore DiVino

Chirurgia estetica Salus

86

Sarte Allegre (Le)

14

Climart

10

Scent Profumeria

95

Compro Oro

51

Seasons junior outlet

50 106

CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal

Bruna Man and Woman Calandrelli Group

Mobili al centimetro

Conauto

36

Seasons prêt à porter

18

8

CS Impianti

57

Segreteria Studi Professionali

51

Della Rocca pelletteria

64

SE.MA. Traslochi

22

Dettagli

108

Shen Center

108

Dott.ssa Galvani e Dott. Leacche

30

Sisley Young e Clothes

113

Dott. Stefano Giammetti

39

Smile Body

109

Eleonora Bassi Osteopata D.O.

131

Sole Energy

52

Eschilo 1 Polisportiva

64

Spy Shop

50

Farfalle abbigliamento

27

Stock Chic

Fisioter

53

Studi in Corso

94

Flessi Porta

98

Studio Odont. Assoc. Puzzilli

36

F.lli Magistri

18

Studio Ronconi

44

Francesca O.

74

Tartaruga (La)

70

Frimm Immobiliare

78

Teatro del Torrino

94

Gamma Auto

54

Tru Trussardi

68

Giovanni XIII Istituto Scolastico

12

Twinky Home

66

Golden Dragon Gym

74

Vancleef

79

GPA Solutions

92

Vasian

Granai (I) Centro Commerciale

85

Vele (Le) Associazione

Irkam

80

Vivai Esotica

Jessica Melluso

90

Vivai Primaverde

116

GUIDA AI RISTORANTI

107

4 86 109 110

Kiflow

132

Lazioterm

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

7


VG

visioni grafiche


sommario 23 ANNO 9 - NUM. 82

71

Speciale

Spettacoli

17

Profitto pulito ed etico

21

Italia in controtendenza

71

23 Verde speranza

37

Maggio suona bene

Cinema

25 I 5 elementi più

75 I film del mese

ecosostenibili del mondo

27 Roma a impatto zero:

75 Robin Hood

75

77 Far East Film 12

sono e realtà

Teatro

Politica interna 31

79 Orsini, Popolizio e Lojodice Hanno vinto i vecchi in Copenaghen

42 Esteri Rubriche

37 Narcos: guerra al Messico 42 Russia e Caucaso: un rapporto di sangue

45 La Finanziaria a stelle e strisce

13

Editoriale

59 Libri

85

73 Architettura 83 DVD del mese

Costume e società

47

83 Videogames

47 La polvere killer

84 Spettacolando

49 “Facciamo” la pace!

87 Moda e tendenze

53 Lazio mangereccio e godereccio

89 Questione di cilindri 91

La libreria di Primaverde

89

55 Di che gusto sei? 93 Viaggi 57 Giornata internazionale 95 Salute e benessere dei musei

63 World Press Photo

93

97 Arredamento 107 Scienze 113 Veterinaria

Arte

55

59 Adottare l’arte sopravvissuta

115 Budget e ricette

69 Luce e natura

130 Oroscopo

65

Cose dell’altro mondo

116 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694

69

È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

116 11


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE anno 9 - n.82 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà anna@visioni-grafiche.it

Dott. Paolo Fiore paolo@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Hanno collaborato Anna Claudia Bianchi Rossella Smiraglia - Valentina Mancini Simone Felicetti - Riccardo Colella Eleonora Isgrò - Sara Mondaini Andrea Giovanni Sorge Penelope Salomone - Chiara Rovan Leonardo Caviola - Luca Salustri Emanuela Andreocci - Barbara Zorzoli Valeria Fanelli - Simona Bottoni Gaetano Gaggiottino - Paola Sgrò Lucia Bianco - Jessica Melluso Antonio Balsamà - Lorenzo Palmieri Dott. Stefano Giammetti Eleonora Bassi Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi

editoriale

“Gli italiani perdono le partite di calcio come se fossero guerre e perdono le guerre come se fossero partite di calcio.” Winston Churchill e due sponde di Roma stanno vivendo a parti invertite un campionato che entrerà nelle rispettive storie calcistiche. È difficile spiegare il pallone a chi non lo capisce. Quando brucia il divano, quando l’ultimo scalino d’accesso al settore svela il verde del campo e toglie il fiato, quando i tuoi colori sono i colori della tua città, dei posti che ami, degli amici, della Storia, è difficile spiegare. Cerchiamo allora di fare un ragionamento diverso: visto che il dio calcio è indecifrabile, rintracciamo cosa è decifrabile attraverso il dio calcio. Sembra un paradosso filosofico ma il segreto è tutto qui. Sei anni fa un giornalista americano, Franklin Foer, scrisse un libro dal titolo eloquente: “Come il calcio spiega il mondo - teoria improbabile sulla globalizzazione”. Dentro c’erano storie note e meno note: il ruolo degli ultras della Stella Rossa di Belgrado nella guerra in Bosnia-Erzegovina, lo scontro tra i cattolici Celtic Glasgow e i protestanti Glasgow Rangers, la triste vicenda dell’Hakoah di Vienna (imbattibile squadra ebrea sterminata dai nazisti), la corruzione della Federcalcio brasiliana, la nostra “Calciopoli” (prima che scoppiasse), le surreali avventure dei giocatori africani in Ucraina, l’identità profondamente catalana e antifranchista del Barcellona, ecc... Per quanto ben documentato e corposo, il volume rendeva giustizia solo parziale al rapporto tra il calcio e il mondo. Si potrebbero infatti scrivere altrettanti e interminabili capitoli sui goal con cui Maradona vendicò la guerra delle Falkland (InghilterraArgentina, Messico ‘86), sul rapporto tra la vecchia mentalità sovietica e il gioco a zona del colonnello Lobanovsky, sul rapporto tra sensibilità nazionali e modo di giocare (gli inglesi sono empirici, gli italiani utilitaristici, i brasiliani narcisistici, gli africani istintivi, i tedeschi organici

L

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

e così via). In ogni caso, sarebbe ben poco. Un tifoso prova emozioni per ciò che gli è vicino e racconta di lui: i tornei giovanili, il viale dello stadio tenendo la mano del papà, l’album delle figurine, il picchetto, il campetto sotto casa, i pomeriggi passati ad imitare le cose viste la domenica. Passano gli anni e il calcio diventa per molti l’unico diario attendibile della propria vita. Uno scudetto, un abbonamento, una stagione intensa restituiscono alla memoria un partner andato via, un vecchio lavoro, una casa abbandonata, pensieri diventati inutili. Il mondo contemporaneo mangia la vita, il calcio la restituisce. La Roma di Viola o di Sensi, la Lazio di Chinaglia o di Cragnotti, l’Italia di Bearzot o di Sacchi dicono di più su noi stessi, su Roma e sull’Italia che un retorico articolo di giornale. Tra la Garbatella e Tor Marancia c’è un graffito che ritrae Agostino Di Bartolomei: calcia, ha la gamba tesa e rigida, come oggi non si usa più. Tirava forte Di Bartolomei, perché quei palloni erano pesanti, non arrivavano mai. Oggi quel gesto è fissato anche nella foto della pagina personale di Wikipedia, l’enciclopedia libera e universale di internet. La storia di Agostino è finita in tragedia il 30 maggio 1994, a dieci anni esatti dalla finale di Coppa dei Campioni persa con il Liverpool (30 maggio 1984). Se fosse stato cosciente di aver lasciato una traccia così forte, forse non sarebbe andata così. È il calcio: la somma sempre indeterminata dei sogni propri e di quelli altrui.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

speciale

L’attenzione all’ambiente e al sociale: il business delle multinazionali giudicato da chi vorrebbe che avesse un volto umano

Profitto pulito ed “C

etico

orporate Knights” è una rivista che si occupa di “Capitalismo pulito”. Quest’anno, in collaborazione con Inflection Point Capital Management e Phoenix Global Advisors LLC, ha presentato presso il Forum di Davos - importante consesso svizzero tra esperti di finanza, banchieri, economisti ed esponenti di governo di tutto il mondo - l’annuale classifica globale delle imprese più attente e attive sul fronte delle questioni ambientali, sociali e di governance. Iniziamo con una nota dolente. Tra le prime 100 imprese del mondo che si occupano di ambiente, sociale e governance, solo una è italiana: il gruppo Intesa Sanpaolo (89°). Il fatto che sia una banca la dice lunga, come del resto la dice lunga che nei piani alti della classifica si parli soprattutto inglese - 5 delle prime dieci aziende sono britanniche o americane - e che gli altri posti siano occupati da realtà riconducibili comunque al nord Europa (Olanda, Germania, Svizzera, Finlandia e Svezia). Se cambiamo prospettiva e consultiamo

la stessa classifica dal punto di vista del paese di provenienza, ci accorgiamo che cambiano le latitudini ma non cambia la musica di fondo: Australia, Canada, Stati Uniti, Danimarca, Svezia, Germania e Francia dominano gli scenari, mentre l’Italia è in una posizione del tutto trascurabile, confinata dietro realtà nuove e dinamiche come Brasile e India. Per verificare i dati offerti da “Corporate Knights” sarebbe stato opportuno averne di eguali al contrario, ovvero una classifica che con la stessa metodologia indicasse le imprese meno attente alle questioni ambientali, sociali e di governance. Mancando uno studio del genere, è stato possibile trovare un solido sostituto nella Convalence EthicalQuote Ranking del 2010 (pubblicata lo scorso 15 aprile), cioè la classifica stilata dalla Convalence (società di consulenza svizzera) sull’eticità di 581 imprese multinazionali operanti in 18 settori diversi. Va premesso che esistono diverse ragioni per le quali è possibile definire etico o meno il comportamento di un’impresa. Detto questo, leggendo la classifica

dagli ultimi posti (minore eticità) e soppesando le ragioni del giudizio, salta all’occhio che il comportamento negativo di un’azienda è quasi sempre associabile proprio alla devastazione ambientale o a condotte palesemente antisociali e antisindacali. Nella gerarchia stilata da Convalence sono molti i nomi controversi. C’è un gruppo di imprese minerarie: la Newmont (leader mondiale nell’estrazione dell’oro, 565a in classifica), responsabile dell’inquinamento di alcune regioni in Ghana, Perù e Indonesia, nonché accusata di atti di intimidazione contro minatori e comunità contadine locali; la Freeport-McMoran (produttrice di oro e rame, 576a); la Harmony Gold (terza produttrice mondiale d’oro, 569a); la Grupo Mexico (prima produttrice di rame al mondo, 577a). C’è un gruppo di imprese petrolifere: la Shell (processata a New York con l’accusa di aver attivamente collaborato con la dittatura nigeriana per l’uccisione del poeta Ken Saro Wiwa nel 1995 e impegnata nel finanziamento

17


VG

visioni grafiche


speciale

di campagne anticatastrofiste sui temi ambientali, 561a), la ExxonMobil (accusata nel 2001 di pagare l’esercito indonesiano per difendere i suoi impianti di Aceh in Indonesia con metodi brutali, 565a) la Total (accusata in passato di intrattenere rapporti poco trasparenti con il regime di Saddam Hussein, oggi con la sanguinaria giunta militare del Myanmar, 572a), la Occidental Petroleum (contro cui lottano comunità di contadini ecuadoregni e colombiani, 575a), la Halliburton (penultima, accusata di inquinamento e al centro di uno scandalo di aver praticato sovrapprezzi sulle forniture al governo Usa durante la guerra in Iraq). C’è infine - ultima - la celebre Monsanto, azienda nota per essere all’avanguardia nello studio e nella distribuzione di sementi geneticamente modificate, al centro di molte questioni controverse: è stata accusata di biopirateria (aver utilizzato senza averne titolo in India una parte del codice genetico del batterio Bacillus thuringiensis), di pubblicità ingannevole (aver definito il pesticida Roundup “ecologico e bio degradabile”), di riversamento di rifiuti tossici (inquinamento in Galles). Certo, se consideriamo che aziende discusse in tema di ambiente e tutele del lavoro - nomi come BP, Nike, Nestlé, Unilever, Coca-Cola e moltissimi altri - occupano i posti medioalti della classifica, va compreso che è necessario trattare cautamente il lavoro della Convalence. Anche il posizionamento di tre celebri realtà italiane Telecom Italia (538a), Unicredit (564a) e Mediaset (571a) - pone dei dubbi: qualunque sia l’opinione su di esse, la ragione sociale e il quadro normativo in cui operano le rendono difficilmente assimilabili ad imprese che devastano

l’ambiente o sfruttano selvaggiamente il lavoro. C’è infine un altro grande dubbio: possibile che nel calderone Convalence non sia per niente menzionato (nel bene o nel male) Gazprom, il colosso russo dell’energia? Tra il 30 maggio e il 3 giugno prossimi si discuterà, in una particolare sessione del forum di Davos, sui rischi globali concernenti ambiente e economia.

Siamo sicuri che le stime di cui abbiamo parlato saranno ancora una volta riviste e sconvolte. Ciò di cui però siamo purtroppo già certi, è che l’Italia non giocherà un ruolo di primo piano. Prima ancora che per comportamenti corretti o scorretti, è infatti la consistenza media delle imprese italiane a renderle raramente degne dell’attenzione dei grandi consessi internazionali.

Verde o Rosso Dragone? reentouch media - il portale che raccoglie analisi di mercato, organizza eventi e orienta a livello internazionale il business relativo alle energie rinnovabili - ha recentemente pubblicato la “Top 10 Green Giants”, ovvero la classifica dei 10 “soggetti” nel mondo che più giocano un ruolo nello sviluppo, la promozione e la produzione di idee e prodotti che avranno largo effetto nel nostro futuro. I 10 sono:

G

1 - Partito Comunista Cinese 2 - General Electric 3 - Siemens 4 - Nissan 5 - Dow Chemical 6 - Panasonic 7 - Johnson Controls and Honeywell 8 - Wal-Mart 9 - Veolia 10 - Cisco Il primo posto incuriosisce sicuramente. A tal proposito gli esperti parlano chiaro: in Cina sono in corso di sperimentazione 13 nuovi modelli di auto elettrica e il gigante asiatico ha recentemente programmato investimenti diretti nelle aziende legate alle energie alternative per 200 miliardi di dollari e incentivi per 300 miliardi di dollari (da spalmare nei prossimi 10 anni). La Cina si muove verso le nuove energie in maniera compatta e collaborativa con l’occidente: First Solar, IBM e Intel stanno costruendo impianti e fornendo conoscenza, mentre aziende cinesi come la ENN stanno costruendo impianti negli Stati Uniti. Molti esperti prevedono che i cinesi replicheranno per le nuove tecnologie il successo che a suo tempo i giapponesi ebbero con le tv e le automobili. Governi come quello tedesco, spagnolo e americano hanno cercato di dare stimoli forti al mercato, il regime cinese lo vive da dentro.

19


VG

visioni grafiche


di Anna Claudia Bianchi

speciale

Italia in controtendenza Eco-incentivi e green-economy: pochi fondi e poca convinzione marzo il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sugli ecoincentivi per il 2010, pari a 300 milioni di euro, di cui 200 milioni finanziati con entrate derivanti da una stretta all’evasione fiscale e alle frodi Iva e 100 dal Ministero dello sviluppo economico con il fondo per la finanza d’impresa. A questi sono stati aggiunti 70 milioni a supporto della realizzazione di campionari tessili e altri 50 milioni per il sostegno a determinati campi innovativi, per un totale di 420 milioni di euro in agevolazioni volte a rilanciare i settori in crisi. I contributi al consumo riguardano principalmente la mobilità sostenibile, i motocicli elettrici, le abitazioni, gli elettrodomestici, le cucine, le macchine agricole, le gru, i motori per la nautica. Lo scorso anno, il sistema produttivo italiano poté contare su 900 milioni di euro mentre per il 2010 la cifra si è ridotta di due terzi. Sono rimasti fuori dalla manovra alcuni settori industriali strategici per il made in Italy, primo fra tutti il comparto dell’auto. L’attuale normativa non prevede meccanismi di sgravi fiscali come in precedenti campagne d’incentivazione: il bonus di molto inferiore rispetto a quello dello scorso anno, che fu destinato in gran parte al settore delle auto, sarà infatti erogato fino ad esaurimento delle somme stanziate per ciascun settore.

A

L’Italia si distingue per il suo essere in controtendenza rispetto agli obiettivi dell’Unione europea in materia di green-economy. La maggioranza di governo apostrofa le tesi dell’Europa in tema di ambiente come “catastrofiste”, getta discredito sui dati elaborati dagli scienziati dell’Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) e si è spinta fino a presentare una mozione al Senato con la quale chiede sostanzialmente di abbandonare la linea che ha trasformato la Germania in uno dei paesi leader nel settore dell’efficienza e delle fonti rinnovabili. Già in ritardo rispetto agli altri Paesi europei, l’Italia rischia così di rimanere impaludata all’interno della vecchia logica energetica basata sul petrolio e sul carbone. I consumatori stanno già beneficiando dal 6 aprile degli sconti direttamente nei punti vendita. Le somme stanziate variano a seconda del prodotto: 60 milioni di euro per l’acquisto di una nuova casa ad alta efficienza energetica che si traducono per l’acquirente in 83 euro per metro quadrato di superficie; 60 milioni per la sostitu-

zione della vecchia cucina con una nuova, componibile, dotata di almeno due elettrodomestici ad alta efficienza, pari al 10% (fino a un massimo di 1.000 euro) ad acquisto; 50 milioni ovvero il 20% di sconto per elettrodomestici di nuova generazione; 12 milioni per i motocicli, uno sconto del 10% di sconto con un contributo massimo di 750 euro, per un due ruote euro 3 fino a 400 cc di cilindrata oppure con potenza non superiore a 70 kW, con la contestuale rottamazione di un ciclomotore euro 0 o euro 1; 20 milioni per le macchine agricole; 40 milioni per l’acquisto di gru a torre per l’edilizia; 20 milioni a favore di tutti quei giovani di età compresa tra i 18 e i 30 anni, che provvederanno all’attivazione di una nuova connessione a banda larga e 20 milioni nel settore della nautica.

21


VG

visioni grafiche


di Rossella Smiraglia

speciale

Verde speranza La rivoluzione verde, un progetto comune attuato, o quasi, in modo diverso dai vari paesi industrializzati del mondo

a rivoluzione verde è tradizionalmente legata al nome dello scienziato americano Norman Borlaug (premio Nobel per la pace nel ‘70), che sperimentò in Messico metodi rivoluzionari di incremento della produttività agricola. Tra il 1960 e il 1990, Asia e America Latina hanno seguito la stessa strada. Dai primi anni ‘90 ci si è però resi conto che la Rivoluzione Verde, considerata un successo, aveva i suoi effetti negativi: riduzione della “biodiversità”, uso intensivo dei pesticidi con relativi danni alla salute, riserve idriche pesantemente intaccate, emissioni di CO2. La nuova rivoluzione verde, la nuova sfida globale, è quella di mantenere inalterati i livelli di vita a cui siamo abituati riducendo le emissioni di CO2. Già in campagna elettorale il presidente americano Obama ha messo in agenda le energie rinnovabili. Oggi gli Stati Uniti investono nel settore 15 miliardi l’anno (150 in dieci anni), puntando contemporaneamente alla creazione di nuovi posti di lavoro.

L

della Svezia con 75mila abitanti, è stata nominata nel 2007 la città più ecologica d’Europa. Dalle ciminiere che svettano su case ed abeti fuoriesce soltanto vapore e l’odore non è quello acre delle tradizionali fornaci, ma qualcosa di più simile ad una sauna. Nelle fornaci di Vaxjo non c’è petrolio, ci sono trucioli di legno e scarti di legname delle segherie e delle cartiere intorno. L’impianto fornisce oltre all’energia elettrica anche il 90% dell’acqua calda e del riscaldamento necessari alla città. Il sistema prevede che i gas derivati dalla combustione vengano purificati e incanalati in modo da raggiungere capillarmente tutta la città, per poi andare verso la centrale, dove le ceneri di scarto che fuoriescono vanno verso le foreste facendo da fertilizzante. L’energia prodotta con il petrolio costa ad ogni cittadino 16.000 corone l’anno, circa 1.700 euro, mentre quella prodotta dalla nuova centrale consente un risparmio del 30% procapite. La città aveva annunciato VAXJO

IL CASO SVEDESE La Svezia può essere considerata la guida planetaria della nuova Rivoluzione Verde, la nazione che più di altre ha messo in pratica la riduzione di CO2. Vaxjo, cittadina del sud

già dieci anni prima che si cominciasse a parlare di una vita a emissioni zero di anidride carbonica, avendo come obiettivo il 2050, e di dimezzare le emissioni di CO2 già entro il 2010. I dati rivelano cha a Vaxjo le emissioni procapite sono di 3,5 tonnellate, rispetto alle 5 tonnellate del resto della Svezia, che paragonate alle 20 tonnellate procapite degli Stati Uniti sono veramente un’inezia. Inoltre il governo svedese incentiva l’uso di macchine a bassa emissione, e ha previsto anche per l’edilizia dei piani per la costruzione di interi condomini sostituendo il cemento con il legno, con un risparmio del 5% dei costi e soprattutto a zero emissioni di CO2. IL CASO ITALIANO Bacchettati spesso per la mancanza di sforzi da parte del loro governo, gli italiani cercano di cavarsela nel settore privato, dove alcune aziende dimostrano di voler investire nelle energie alternative. Uno dei casi più emblematici è quello della Merloni, che ha messo in cantiere la produzione di 300mila metri quadri annui di solare termico, lasciando sbalorditi gli americani per come si è arrivati a gestire il problema della temperatura dei led.

23


i

5

di Valentina Mancini

elementi più ecosostenibili del mondo

miglior sviluppo urbano eco-compatibile. Il premio è stato assegnato da una giuria di esperti secondo dieci indicatori ambientali ISLANDA IL PAESE PIU' VERDE DEL MONDO

birciando tra volti conosciuti, negozi d’abbigliamento e un ASCENSION (LONDRA) po’ tutto ciò di cui è fatta la IL NEGOZIO PIU' ECO DEL MONDO pazza realtà del nostro tempo, abbiamo cercato di scoprire, per quali il contributo categorie, i “cinque elementi” maggior- locale al cambiamenmente ecosostenibili del pianeta. to climatico globale, Partiamo dalla geografia: al primo posto, la mobilità e il trasportra i paesi più verdi del mondo, l’Islanda, to dei passeggeri, la seguita da Svizzera e Costa Rica. Quarta e disponibilità di aree verdi quinta posizione se le aggiudicano Svezia e aperte al pubblico, la qualità Norvegia; l’Italia, sconsolante, è dell’aria, l’inquinamento acusolo diciottesima. La classifica stico, la produzione e il è stata sfilata attraverso trattamento dei rifiul’Indice di perforti, il consumo di mance ambientale acqua e il tratta(EPI) 2010 da una mento delle acque squadra di esperti di scarico, la gestiodi Yale e della Columne sostenibile delbia University. I dati, presentati a Davos, al l’autorità locale e l’utilizzo sostenibile del World Economic Forum, risultano dalla territorio. La città si è proposta di arrivare a valutazione di 25 diversi parametri che emissioni zero di anidride carbonica entro vanno dalla qualità dell’aria alla gestione quarant’anni. delle risorse idriche, delle foreste e della Continuiamo con il trasporto. L’automobile pesca, dalla biodiversità alla salute più ecologica in commercio è la Toyota ambientale, dall’agricoltura al cambiamen- Prius, grazie alla nuova versione del mototo climatico. Titolo di capitale verde 2010 va re ibrido benzina-elettrico di 1.800 cc di invece a Stoccolma, Svezia. La “Venezia del cilindrata, capace di produrre soltanto 89 nord” è la più rispettosa dell’am- grammi di CO2 per chilometro. È Legambiente e ha il biente che lo sostiene, con la Eco Top Ten 2010, la classifica dei beni di consumo più ecologici. Quella più inquinante? La Lamborghini Murciélago, con 495 grammi di CO2 per Km (test a cura dell’Unione Europea). Proseguiamo con il settore moda. Il negozio più eco in assoluto si trova nel cuore di COMMON GROUND Londra, il suo nome è Ascension. Tutte le

S

speciale

etichette - People Tree, Komodo, Kuyichi, Noir, Beyond Skin - nonché il brand stesso Ascension, sono completamente ecologiche; sedie e tavoli provengono dalla mano di un artigiano locale. L’elenco dei cinque continua con architettura/ingegneria: si parla di edifici. Il residence a vincere il premio Best of green 2010 è il Common Ground, costruito dalla Lopez Community Land Trust, nelle isole San Juan (Porto Rico). Il designer, Mithun, ha progettato le undici case con balle di paglia e intonaco di terra. Le costruzioni sono dotate di bacini di raccolta per l’acqua piovana, di acqua calda proveniente da energia solare e di un sistema fotovoltaico pari a 33,8 chilowatt. Questa sì che è una dimostrazione straordinaria di sviluppo diverso, in cui tutto viene condiviso dalle famiglie che abitano il residence. Concludiamo con le persone. Primeggia il bel Leo di Titanic. L’attore è da oltre tredici anni impegnato nel sostenere la causa ecologica: ha girato due documentari sui rischi ambientali; guida una Toyota Prius; la sua casa è all’interno di un grattacielo ecosostenibile a New York e non perde occasione per ribadire - e perseguire- il suo punto di vista. E chi non vorrebbe seguire Di Caprio?

Paese, Trasporto, Edificio, Moda, Vip: scopriamo chi si aggiudica i primi posti per la salvaguardia dell’ambiente

LEONARDO DI CAPRIO

BEST OF GREEN 2010

25


speciale

di Anna Claudia Bianchi

Roma a impatto zero: sogno e realtà Tante ambizioni pochi risultati concreti on “Roma 2010-2020, nuovi modelli di trasformazione urbana” si è conclusa lo scorso 9 aprile la quinta tappa del Progetto Millennium, ulteriore passo verso la programmazione del Piano di sviluppo strategico di Roma Capitale. A partire da marzo 2009, il sindaco Gianni Alemanno ha infatti fissato alcuni obiettivi ambiziosi per la riduzione delle emissioni a Roma, anche in previsione della candidatura alle Olimpiadi 2020. Ha dichiarato di voler realizzare sui territori del XII e XIII Municipio il secondo polo turistico della capitale, ha proseguito con la presentazione del nuovo sistema aeroportuale romano (14 ottobre 2009), con la Conferenza cittadina sul piano strategico per la mobilità sostenibile (28 e 29 ottobre 2009) e con il convegno tenutosi nel dicembre del 2009 per la definizione del Piano di azione energetico e ambientale per Roma (al quale ha onerosamente partecipato l’economista Jeremy Rifkin e il suo staff). Un piano che prefigura una metropoli in cui ciascun quartiere produce più energia di quanta ne consuma; le auto si alimentano attraverso le colonnine elettriche o si riforniscono di idrogeno misto a metano; le scuole abbattono i consumi elettrici del 50% e quelli termici dell’80%; l’illuminazione stradale si converte alla tecnologia Led. Dall’incontro con Rifkin, noto per il suo impegno nel movimento pacifista e ambientalista statunitense, dovrebbe uscirne una città riconvertita, in cui ripensare gli edifici come piccole centrali energetiche. Il sogno di Alemanno è di trasformare Roma nella capitale più sostenibile d’Europa attraverso interventi a breve e medio periodo: una nuova rete del trasporto pubblico di superficie, il potenziamento della rete tranviaria (tram 8 verso il centro e su viale Marconi), l’ultimazione della linea metro B1 e C, l’ammodernamento delle linee metropolitane già esistenti, la trasformazione in metro della Roma-Lido, l’ampliamento delle aree pedonali del centro (Tridente), il parcheggio del Galoppatoio. Per ora i cantieri dei progetti-pilota sono solo una chimera e l’Agenzia “Roma Energia”, unico organo tecnico-scientifico di cui si era dotato il Comune per raggiungere gli obiettivi di Kyoto, è stata messa in liquidazione. Senza contare i dati diffusi da Legambiente in merito alle polveri sottili, che bocciano l’aria del Lazio confermando l’esito dello scorso anno: la soglia di Pm10 è stata superata ogni due, tre giorni a Frosinone, Colleferro e Roma.

visioni grafiche

VG

JEREMY RIFKIN

C

27


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Simone Felicetti

politica interna

Hanno vinto i

vecchi GIOR GIO NAP OL IT AN O

L’

i migliori interpreti dell’innovazione e del progresso, forse perché inadatti a farsi promotori delle nuove esigenze; dall’altra la constatazione che una classe dirigente vecchia quanto quella nostrana sia lo spec-

S

O VI IL I CON US RL BE

ultima tornata elettorale ha ancora una volta messo in risalto un dato allarmante, ovvero quanto sia anagraficamente avanzata la nostra classe politica. Sarebbe sufficiente andare a verificare l’età media dei candidati nelle ultime elezioni amministrative per renderci conto di quanto poco abbiano un peso i giovani nei meccanismi di potere. Il confronto con altri paesi europei sarebbe impietoso: solo per fare qualche nome conosciuto, Carlo Azeglio Ciampi ha lasciato la Presidenza della Repubblica a 86 anni e Giorgio Napoletano gli è subentrato a 81; Romano Prodi ha lasciato la politica a 69 anni e l’attuale Presidente del Consiglio Berlusconi è pienamente in sella alla soglia dei 74. Se ci limitiamo al mondo occidentale, troviamo Zapatero e Tony Blair che hanno ottenuto la presidenza a 44 anni, e altri quarantenni come Obama e Sarkozy che dominano la scena dei rispettivi paesi. In sostanza più di vent’anni di differenza. Tuttavia la gerontocrazia nel nostro paese è un fenomeno talmente ben radicato e ampiamente diffuso da non riguardare esclusivamente il contesto della politica, bensì la società nel suo complesso (manager, amministratori e dirigenti inclusi). Gianluca Violante, in un articolo apparso sul sito web lavoce.info, ha affermato che “in Italia quando la quasi totalità delle carriere si esaurisce, in politica si raggiunge l’apice”. Dalla sua analisi sono emersi almeno due dati che denotano in modo chiaro quale che sia l’anomalia di cui parliamo: da un lato la legittima preoccupazione da parte del cittadino (in particolar modo in giovane età), che politici troppo vecchi non siano

l’anziana leadership tende a mantenere il proprio status, traendone i conseguenti benefici, in modo del tutto indisturbato, poiché questa è la prassi. Il merito è visto come una minaccia e lo svecchiamento delle generazioni al potere fatica ad emergere tanto nella politica nazionale quanto in quella locale. C’è da chiedersi: rispetto all’ascesa sociale del mondo giovanile, in che modo questo meccanismo collaudato della gerontocrazia può essere vincolante? E nel rapporto tra l’elettorato dei giovani e la politica in quale modo controproducente? Le risposte sono molteplici: intanto la mancanza di opportunità di farsi strada negli apparati di potere e nello stesso mondo del lavoro induce inevitabilmente i giovani a guardarsi intorno. Spesso si è costretti a travalicare i confini nazionali per riuscire ad affermarsi (una rego-

Giovani e politica: un chio della condizione del rapporto difficile, mondo del lavoro fatto di quasi bassa mobilità sociale e inesistente avanzamento di carriera non per merito ma per anzianità. Più di un’indagine statistica mostra che in Italia, nell’ambito del mondo del lavoro, soltanto il 15% delle retribuzioni di dirigenti e amministratori d’azienda sono strettamente correlate al tipo di prestazione svolta secondo criteri meritocratici, la restante percentuale, come suggerisce Giancarlo Bosetti in un articolo de la Repubblica del novembre 2008, “è carriera”, ovvero anzianità, buone relazioni e conoscenze. In pratica

31


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

VG

politica interna

la ormai consolidata nel mondo accademico) o anche ad ottenere un miglioramento della condizione sociale ed economica. Fermo restando che il tema della migrazione dei cosiddetti “cervelli” all’estero sia un’altra delle tante prerogative tipiche del nostro paese, è interessante verificare quanto sia influente sul futuro del paese stesso. A tale proposito una classifica prodotta dal Think-Tank Vision rivela quanto determinante sia nelle prospettive di un paese il numero di studenti stranieri che riceve all’interno del suo sistema universitario. Ad esempio gli Stati Uniti accolgono circa il 25% dei 2 milioni e 700 mila studenti che optano per un’alternativa in paesi esteri e l’11, il 10, e il 9% spettano rispettivamente a Inghilterra, Germania e Francia. Tra i paesi sviluppati, l’Italia è uno dei pochissimi a confrontarsi con un saldo negativo, un’inversa tendenza: sono, infatti, circa 4 mila in più quelli che espatriano. Viceversa coloro che restano per mancanza di possibilità o semplicemente per scelta, devono inevitabilmente confrontarsi e rapportarsi con le diverse problematiche che scaturiscono e ruotano ad un assetto sociale di stampo così gerontocratico. Per quanto riguarda la politica, il rapporto di disinteresse è reciproco: questa sembra non interessarsi sufficientemente ai giovani, così come i giovani dimostrano a più battute il loro disinteresse per la politica. Forse si tratta del fatto che le diverse generazioni faticano a trovare un modo per dialogare, che l’affermazione del bipolarismo quindi di una notevole riduzione della scelta d’appartenenza unita a vecchi e obsoleti modelli di conduzione delle campagne elettorali - allontana le nuove generazioni. Dei recenti dati Istat non fanno che confermare tale fenomeno: il 46,8% dei giovani di età compresa tra i 14 e i 17 anni non parla mai di politica, mentre il 46,6% di loro non si informa mai su questioni politiche. Infine il 24,8%, circa un quarto dei giovani, tra i 18 e i 19 anni, ha perso la fiducia in essa e ben il 13,8% di loro considera la politica un argomento complicato.

33


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


Narcos:

di Riccardo Colella

esteri

FELIPE CALDERON

guerra al Messico per la El Dorado della droga

Gli Stati Uniti vogliono un’intesa. La guerra alla criminalità legata alla droga è come la guerra ad Al Qaida on accenna a placarsi l’ondata di violenza che si è abbattuta su tutto il territorio messicano e che, da tre anni a questa parte, ha fatto registrare più di 18.000 vittime tra civili, militari e narcotrafficanti, di cui più di 250 dal 1° Gennaio allo scorso marzo. Una escalation che assume sempre più le dimensioni di una vera e propria guerra, e che rifocalizza l’attenzione su un problema mai completamente debellato. L’annosa rivalità tra i cartelli della droga messicani che da sempre si contendono il predominio del mercato per il controllo del narcotraffico destinato agli Stati Uniti, attualmente primo consumatore al mondo, sta attraversando in questo momento una delle fasi più cruente mai registrate. Il picco è stato raggiunto a febbraio, quando nella zona sud-occidentale del paese, nello stato di Guerrero, sono state trucidate ben 24 persone in una singola giornata. La polizia ha rinvenuto quindi i corpi di altre 5 persone crivellati di pallottole, più altri 2 decapitati nella sola zona di Acapulco. Sempre nell’ex paradiso, ormai terra del cartello de “La Familia”, 32 persone hanno perso la vita in un agguato. Nella stessa zona,

N

i narcos hanno quindi ucciso ben 5 agenti di polizia di pattuglia. L’ondata di violenza non è però solamente circoscritta alla parte meridionale del Paese. Il fulcro della lotta intestina messicana, infatti, è tuttora condotto nella parte nord del territorio, al confine con gli Stati Uniti. Nello stato di Chihuahua, dirimpetto al El Paso (Texas) c’è quella che, probabilmente a ragione, è considerata la città più pericolosa al mondo. Ciudad Juárez rappresenta, ad oggi, un quadro desolante in uno Stato che a fatica cerca di contrastare gli attacchi che provengono dal suo stesso interno: le infrastrutture della città sono altamente inadeguate, mentre la popolazione vive quasi esclusivamente di manodopera al minimo salariale. Oltre il 40% dei giovani è analfabeta e disoccupato, e la scarsa prospettiva di un futuro roseo, unito alla possibilità di “guadagni facili”, favorisce il fiorire di continue gang urbane, future affiliate dei narcotrafficanti. La città di Ciudad Juárez è una terra di nessuno; dove la vita vale meno di zero e dove i cartelli messicani sono ormai diventati i più potenti dell’intero conti-

nente. La guerra non risparmia nessuno: dai politici ai poliziotti, dai giornalisti agli uomini di chiesa, il Governo messicano sta svolgendo una lotta spietata alle organizzazioni criminali. Importanti successi per il presidente Felipe Calderon sono arrivati nei mesi di Gennaio e Febbraio, prima con l’arresto di 13 esponenti del cartello dei “Los Zetas” e l’uccisione del loro leader; poi con l’uccisione del “padrino” de “La Familia”, Antonio Chavez Andrade, e del “boss dei boss” Arturo Beltran Leyva

(sul quale pendeva una taglia di 3 milioni di pesos), freddato in uno scontro armato con le forze speciali della marina. La rappresaglia della criminalità organizzata ai colpi inferti dall’amministrazione Calderon è stata rapida e feroce, come era prevedibile. Di tutta risposta le teste di 6 agenti di polizia son state rinvenute in sacchi di plastica in un giardino antistante una chiesa a Cuecame, nello Stato di Durango: una zona non a caso definita il “triangolo d’oro”, snodo nevralgico e passaggio obbligato dei narcotrafficanti verso gli Stati Uniti, nonché terra di marijuana. Ancora Ciudad Juárez è stata scenario dell’omicidio di tre persone legate al consolato statunitense, due delle quali cittadini americani. Lesley Enriquez, impiegata del consolato americano, e

37


visioni grafiche

VG

suo marito Redelfs Arthur hanno perso la vita in un agguato avvenuto in pieno giorno nella periferia della città, mentre erano a bordo della propria auto, in compagnia della figlioletta di appena sette mesi, rimasta illesa. Poco dopo, a perdere la vita è stato il marito di un’altra funzionaria, stavolta messicano. Jorge Salcido Ceniceros è stato infatti ucciso mentre si trovava anch’egli in auto coi figli, di quattro e sette anni, rimasti feriti nella sparatoria. Secondo gli inquirenti, la responsabilità degli attentati sarebbe riconducibile ad un commando di killer affiliato al cartello di Juárez. A seguito della sparatoria, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, alla sua seconda visita ufficiale dal suo insediamento, si è detto “profondamente triste e indignato” per quanto accaduto. Lo stesso segretario di stato Hilary Clinton ha dichiarato che “questa è una responsabilità che USA e Messico devono assumersi insieme”. Come facilmente intuibile, la questione del narcotraffico messicano non era tra le priorità di Obama; ma i rapporti di Cia ed Fbi, che hanno collocato il problema narcos nella top priority, al pari del terrorismo di Al Qaeda, hanno portato Obama a rivedere la situazione e ad intensificare i rapporti con l’amministrazione Calderon, tanto da considerare la possibilità di condividere le tecniche di guerra utilizzate in Iraq e Afghanistan. Alla base del “patto” ci sarà quindi un impegno da parte degli USA a fornire supporto economico, strutturale ed organizzativo ad un paese dove le forze di polizia troppo spesso vengono abbandonate al proprio destino, soprattutto a livello locale. Ma quello di cui necessita il Messico, ad oggi, non è solo una potenza di fuoco da opporre ai narcotrafficanti. Ciò che occorre è un programma che consenta al Paese una ripresa costante e duratura nel tempo, e che assicuri quindi una solida ed efficiente macchina giudiziaria, un migliore e più accessibile sistema d’istruzione e programmi di sviluppo per i giovani e le categorie a rischio.

39


VG

visioni grafiche


Russia e Caucaso: l volto paffuto di Zhannet, la martire bambina che insieme ad un’altra ragazza-kamikaze ha provocato 39 morti negli attentati terroristici del 29 marzo scorso alla metropolitana di Mosca, è la prova, per il Cremlino, che la politica di repressione attuata in Cecenia si è rivelata inadeguata a garantire la sicurezza. Il terrorismo non solo non è stato debellato, ma si è diffuso anche nelle repubbliche vicine del Daghestan e dell’Inguscezia. Secondo Kavkazskij Uzel, principale media online che si occupa della regione, solo nel 2009 si sono registrati 892 morti nelle repubbliche del Caucaso del nord, di cui 319 in Inguscezia, 280 in Cecenia e 263 in Daghestan. Il Caucaso nei secoli è stata la vera frontiera tra Europa e Asia, tra cristianesimo e islam. Dopo la dissoluzione dell’Urss, i territori del Caucaso settentrionale, abitati prevalentemente da popolazioni musulmane con una lunga tradizione di resistenza al dominio russo prima e sovietico poi, sono rimasti nella Federazione Russa,

I

VLADIMIR PUTIN

manifestando però una notevole attitudine alla conflittualità.

Cecenia Il territorio più irrequieto è risultato essere sicuramente la Cecenia, centro di ben due guerre, la prima di indipendenza (1994-1996) che ha visto la sconfitta della Russia, e la seconda iniziata nel 1999 con modalità non chiare e che ha portato Vladimir Putin alla ribalta politica. Il terrorismo non ha mai cessato di vivere in Cecenia, e gli spaventosi attacchi al teatro Dubrovka nel 2002 e alla scuola di Beslan nel 2004 ne sono stati la triste testimonianza. Putin si è allora affidato a Ramzan Kadyrov,

RAMZAN KADYROV

prima separatista e poi alleatosi con i russi, nominandolo Presidente. Dopo la guerra, il temibile governatore ha instaurato un regime del terrore attraverso l’eliminazione fisica dei suoi avversari e la costruzione di un esercito personale, i “kadyrovski”. Alla ricostruzione del paese con i fondi arrivati da Mosca, Kadyrov ha affiancato una politica di sequestri, torture, abusi, sparizioni forzate, esecuzioni sommarie. Nell’aprile del 2009, dopo duecentomila morti su un milione

42


di Eleonora Isgrò

esteri

un rapporto di sangue di abitanti, Mosca ha dichiarato la fine ufficiale del regime speciale antiterrorismo in Cecenia.

Inguscezia È la piu piccola e povera delle 83 repubbliche di Russia. Nel 2009 ci sono stati più morti che in Cecenia. Tanya Lokshina, esponente di Human Rights Watch, la più autorevole organizzazione per i diritti umani, avverte che “le brutali politiche anti-insurrezionali della Russia si stanno guadagnando l’ostilità della popolazione”. Lo scorso giugno è stato un mese nero per l’Inguscezia: il presidente Yunus-Bek Yevkurov YUNUS-BEK YEVKUROV

locali per giorni, con l’obiettivo della creazione di uno stato islamico. L’intervento dell’esercito russo è stato il trampolino di lancio per la seconda guerra in Cecenia. Dal 1999 il wahabismo è fuorilegge: chiuse moschee e media d’ispirazione islamica più estremista. Fino al 2006 il sistema politico era basato sulla distribuzione del potere tra gruppi etnici. Mosca ha introdotto la carica presidenziale, fomentando nuove tensioni. Anche qui, da anni, la vita della repubblica è funestata da decine di attentati ed attacchi, spesso mirati alle forze di polizia. Nel giugno 2009 è stato ucciso il ministro dell’Interno. Zhannet, la ragazza-kamikaze degli attentati alla metro di Mosca, era daghestana.

Il Cremlino deve cambiare passo nella sua politica verso il “vicino estero”. Il rischio è la “palestinizzazione” Nuova strategia russa del Caucaso

Doku Umarov è rimasto gravemente ferito da un attacco dinamitardo, la vice presidentessa della Corte Suprema, il giudice Aza Gazgireyeva, è stata freddata da un commando. È seguito infine l’assassinio dell’ex vice premier, Bashir Aushev, che fu anche ministro degli interni. Eppure, Yevkurov ha tentato una politica basata sulla multilateralità e sulla riconciliazione, onde evitare le derive autoritarie e la persistente violazione dei diritti umani tipiche della regione.

“Se i russi pensano che la guerra succeda solo in televisione, da qualche parte lontano, e che non li riguarda, noi gli dimostreremo come la guerra può entrare nelle loro città, nelle loro case”. Questa è la dichiarazione da un sito di separatisti ceceni dello scorso febbraio di Doku Umarov, leader dell’organizzazione DOKU UMAROV

Daghestan Secondo il politologo Kagarlitsky: “Se il Daghestan esplode, la Cecenia sembrerà una barzelletta educata”. Il Daghestan è la repubblica del Caucaso russo più meridionale, più islamizzata, più grande e multietnica: 2,7 milioni di abitanti, oltre 30 etnie e lingue. Negli anni novanta è stata retrovia della guerriglia cecena, e nel 1999 teatro del clamoroso attacco da parte di unità islamiste locali e militanti ceceni che hanno tenuto in scacco le autorità

diamante del terrorismo caucasico, che ha come obiettivo l’instaurazione di un emirato fondato sull’islam wahabita. I suoi sermoni sono seguitissimi su internet e hanno molta presa sulle giovani generazioni caucasiche. Ma in tutta la regione sono tanti i gruppi di guerriglieri che operano per i più diversi motivi, anche solo per soldi, creando un’economia in nero fatta di armi e corruzione, altro fattore di instabilità.

“Emirato del Caucaso” che ha come scopo lo stabilimento della Sharia in un Caucaso del nord indipendente. Pare sia stato attribuito ad un gruppo vicino a Umarov l’attentato dello scorso novembre al treno Mosca-San Pietroburgo “Nevskij Ekspress” (28 morti). Umarov è il ricercato numero uno di Mosca, la punta di

Recentemente, Mosca ha cambiato la sua strategia in Caucaso. In territori dove convivono una corruzione strisciante, una disoccupazione alle stelle ed un’economia arretrata che fa leva principalmente sull’agricoltura, non basta la repressione per fermare il radicalismo islamico. Il 19 gennaio scorso, Dmitrij Medvedev ha istituito, attraverso un decreto presidenziale, il Distretto Federale del Caucaso del Nord, allo scopo di accorpare la gestione delle repubbliche caucasiche in un unico centro direttivo, nominando l’economista Alexander Khloponin Rappresentante speciale per il Caucaso, per creare condizioni di benessere e sicurezza. Probabilmente però il cambio di strategia è tardivo. Già nel 2004 Anna Politkovskaja, la giornalista russa barbaramente uccisa nel 2006 in circostanze poco chiare e che si occupava della Cecenia, parlava di un pericolo di “palestinizzazione del Caucaso”. La spirale di violenza innescata ha portato ad altra violenza. “Non si può fare una frittata senza rompere le uova”, usava dire Stalin per giustiANNA POLITKOVSKAJA ficare le sue politiche repressive. Putin, per la soluzione dei problemi caucasici, ha rotto molte uova, forse troppe, e la frittata è venuta male. A pagare, come sempre in questi casi, la popolazione civile.


VG visioni grafiche


di Riccardo Colella

esteri

La Finanziaria a stelle e strisce l Presidente americano Barack Obama ha presentato al Congresso la prossima legge finanziaria destinata a veder luce nel corso del 2011. La nuova manovra, stando alle parole dell’inquilino della Casa Bianca, non comporterà una drastica riduzione del deficit “da un giorno all’altro”. La finanziaria prevede, infatti, dei tagli alle spese pubbliche definiti talvolta “dolorosi”, altre di “buon senso”. In una sorta di gestione del bilancio “del buon padre di famiglia”, l’inquilino della Casa Bianca ha dichiarato che “Washington deve fare come stanno facendo le famiglie americane: stringere la cinghia e tagliare e ridurre le spese non necessarie”. Proprio in quest’ordine di idee, l’amministrazione Obama ha sottolineato che i primi tagli saranno effettuati inevitabilmente alla maggior parte dei programmi di spesa interna del prossimo triennio, salvaguardando però i fondi relativi alla spesa di sicurezza nazionale, all’assistenza sociale oltre che a quella sanitaria per gli anziani. Le prime manovre avranno inizio a partire dall’anno fiscale (1° ottobre) per un totale di circa 20 miliardi di dollari. In tal senso la scure cadrà immediatamente sui fondi destinati al programma di esplorazione spaziale, ponendo, almeno per il momento, la parola fine al progetto di ritorno della Nasa sulla Luna. In precedenza, la spesa per il proseguo del progetto era stata stimata attorno ai 230 miliardi di dollari in 20 anni, mentre

I

BARACK OBAMA

attraverso il piano TARP (700 miliardi di dollari - cifra su cui tutt’oggi si discute usati per salvare il sistema bancario dal crack del 2008) e per ridurre la propensione al futuro rischio”. Il provvedimento in questione, rimpinguerà le casse americane di circa 90 miliardi di dollari in 10 anni, ma ha immediatamente suscitato clamore e polemiche tra gli addetti ai lavori. Secondo uno dei massimi finanzieri del mondo, Warren Buffet, la manovra ha infatti il sapore di una “vendetta” di Obama nei confronti delle banche, già “costrette” a restituire i fondi ricevuti proprio nell’ambito del TARP. Dal canto suo, Obama ha replicato sostenendo di aver proposto una tassa sulle maggiori banche “non per punire le stesse, ma per salvaguardare l’economia a stelle e strisce”. Contro Obama, anche l’ex Presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan, che ha aspramente criticato la Volcker Rule, ossia quella norma che impone il blocco delle attività speculative più a rischio delle banche sui mercati finanziari. A sostegno del Presidente statunitense si è invece schierato l’ex segretario del Tesoro dell’amministrazione Clinton, Lawrence Summers che si è detto sicuro dell’approvazione della finanziaria in Congresso.

Missione impossibile: Obama vuol rilanciare il mantenimento l’economia americana della flotta degli allargando le garanzie space-shuttle costerebbe alle casse sta- sociali e recuperando tunitensi circa 3 miliarquanto dato alle di di dollari all’anno. Alla banche fine è stata cancellata la costruzione del razzo di lancio Ares I, ma la navicella Orion sopravviverà nella versione ridimensionata di scialuppa di salvataggio per gli astronauti che vivono nella stazione orbitante. La Presidenza americana ha orientato quindi la bussola verso le maggiori istituzioni finanziarie del paese. Proprio nei confronti degli istituti bancari, il Presidente Obama ha previsto “una tassa di responsabilità per ripagare i contribuenti della straordinaria azione assunta

45


VG

visioni grafiche


La polvere killer

di Gaetano Gaggiottino

costume e società

È uno dei problemi più grandi delle metropoli occidentali. Troppo spesso si prende alla leggera 5.000 metri di altitudine, sopra i campi base della catena himalayana, sono state trovate tracce inquinanti di polveri sottili: è la dimostrazione di quanto il problema inquinamento sia ormai di portata planetaria e non ci sia più angolo della terra che possa dirsi incontaminato. Sono anni che i Ricercatori del C.N.R., più precisamente il Laboratorio Inquinamento Atmosferico di Monterotondo, studiano scientificamente la presenza inquinante delle P.M. - Particulate Matter (polveri sottili) - nella città di Roma. Finalmente da qualche tempo se ne comincia a parlare anche a livello politico e, si spera, decisionale. Con il termine polveri sottili o materiale particolato - Particulate Matter - si intende una miscela eterogenea di particelle solide e liquide disperse nell’aria. Le polveri possono essere costitute da varie sostanze, tra le quali ci sono il carbonio organico e inorganico, i metalli, i nitrati, i solfati, gli idrocarburi e gli acidi organici. In ambito urbano la concentrazione atmosferica di polveri è maggiore in estate, in quanto molte reazioni sono di tipo fotochimico, cioè attivate dalle radiazioni solari. Per quanto riguarda l’origine, possono derivare da erosioni del suolo, incendi boschivi o, nel caso di Roma, soprattutto dal traffico veicolare, dai processi industriali o dalle combu-

A

stioni di residui agricoli. In linea generale le polveri di dimensioni più grossolane provengono dal suolo, mentre le più sottili dai processi di combustione: ne sono un esempio le centrali a carbone di riscaldamento domestico. Le particelle sottili possono essere trasportate per lunghe distanze, addirittura fino a centinaia di chilometri: ecco perché se ne trova traccia anche in Paesi molto lontani da quelli in cui hanno origine. Gli effetti dannosi delle polveri sulla salute umana si manifestano principalmente a livello dell’apparato respiratorio e cardiovascolare. Sono comunque le frazioni di polveri fini a destare l’attenzione delle autorità sanitarie, in

quanto hanno più capacità di penetrare profondamente e provocare danni dell’albero respiratorio a livello polmonare. Ogni cittadino può quotidianamente contribuire a

diminuire l’emissione di polveri sottili scegliendo forme di mobilità a basso impatto ambientale. Le vie per dimostrarsi responsabili sono tante: controllare annualmente gli impianti di riscaldamento (in particolare le caldaie private), abituarsi a temperature di 18-20 gradi e, quando possibile, limitare la durata giornaliera degli impianti termici. Un Decreto Ministeriale, il N.60 del 22 aprile 2002, stabilisce i limiti di concentrazione per i diversi inquinanti atmosferici. Le organizzazioni che si occupano di ambiente puntano sempre più spesso il dito verso le istituzioni locali, colpevoli troppo spesso di chiudere un occhio rispetto ai dati forniti dalle centraline di rilevazione (a loro volta, secondo molti esperti, non posizionate correttamente). Bloccare il traffico durante i giorni lavorativi o chiudere intere porzioni della città sarebbe ovviamente molto impopolare. Il punto è che le polveri sottili uccidono silenziosamente e varrebbe la pena affrontare il caos di una protesta per salvare molte vite.

La classificazione delle polveri si misura in micron. Si distinguono in: • ULTRAFINI con micron sotto lo 0.1 • FINI con micron 0.1/2.5 • GROSSOLANE con micron 2.5/10

47


di Rossella Smiraglia

costume e società

“Facciamo” la pace!

Da Perugia ad Assisi, in marcia per 24 chilometri, per “fare” la pace, per costruirla insieme acciamo la pace! Una frase semplice per invitare alla riconciliazione. Chi non l’ha sentita per una lite tra fidanzati, fratelli, o tra condomini? Oggi assume un significato molto più ampio. È l’invito che i promotori della marcia per la pace fanno a tutti: bambini, giovani, adulti, istituzioni e associazioni. Come dice lo slogan scelto per la marcia del 16 maggio, “Abbiamo bisogno di un’altra cultura”. È necessario promuovere una nuova scala di valori che inverta la situazione, “sostituendo la cultura della violenza e della guerra con la cultura della pace, dei diritti umani e della nonviolenza, sostituendo l’esclusione con l’accoglienza, l’intolleranza con il dialogo, il razzismo con il riconoscimento dell’altro, l’egoismo con la solidarietà, l’illegalità con la legalità, la separazione con la condivisione, l’arricchimento con la giustizia sociale, la competizione selvaggia con la cooperazione”. A tale scopo la nuova marcia Perugia-Assisi intende mettere in primo piano i giovani, attraverso un Forum e una Tavola rotonda, il 14 e il 15 maggio, due giorni prima della marcia, prevedendo una serie di incontri con le scuole di ogni ordine e grado e con gli studenti universitari, spostando così l’asse, dalle istituzioni che pure sono coinvolte in prima linea, ai giovani, affinché si diffonda una nuova cultu-

F

ra di educazione alla pace. Il problema della pace nel nostro paese non riguarda solo le guerre in cui siamo coinvolti in giro per il mondo. Riguarda la convivenza civile. La cronaca, la televisione, la vita di ogni giorno offrono continuamente casi di violenza, da quella fra amici o condomini alla violenza familiare, a quella sui bambini e tra bambini, verso lo straniero e il diverso, contro la natura. “È ora di cambiare rotta”, dicono al comitato promotore per la pace. Cambiare cultura significa non assuefarsi alla violenza fino a diventarne indifferenti; significa che la risoluzione di tale problema non può essere più legata esclusivamente alle iniziative delle associazioni pacifiste e ai movimenti non violenti. È una necessità di tutti riconciliarsi con il mondo che ci circonda, perché ognuno sia responsabile e costruisca una pace duratura partendo dalle piccole cose. Le adesioni all’iniziativa sono state superiori alle aspettative: dai 2.000 studenti previsti, si passa a quota 5.000; da Roma saranno presenti, tra gli altri, gli studenti del Liceo Scientifico Lazzaro Spallanzani. Stando ai dati delle scorsa edizione, il popolo in marcia è stato di oltre 200.000 persone; anche per l’edizione 2010 un fiume di gente marcerà insieme lungo i ventiquattro chilometri che dividono Perugia da Assisi. Secondo il

coordinatore nazionale della tavola rotonda, Flavio Lotti, “la crisi che stiamo vivendo a livello economico e sociale distoglie l’attenzione dalla profonda crisi culturale. Ed è da una nuova cultura che bisogna ripartire, perché ognuno sia responsabile della pace. Ci ispiriamo ai principi fondamentali della nostra Costituzione e della Carta dei Diritti Umani per affermare una cultura dell’accoglienza, avendo particolare attenzione dei nuovi italiani e degli immigrati. C’è stata grande partecipazione da parte delle scuole che hanno aderito in maniera propositiva. Proprio con le scuole affronteremo anche il tema del dopo marcia, ossia una programmazione didattica che duri almeno un anno, per consolidare i concetti e la cultura della pace. Continuando a coinvolgere, in un grande progetto, l’informazione, la scuola, le università e le associazioni per una società migliore”. C’è grande mobilitazione intorno a questo evento, e lo dimostra il fatto che a finanziare l’iniziativa sono i Comuni, le Provincie, le Regioni, insieme alle Famiglie, alle scuole ed alle Associazioni: “una rete di soggetti che vogliono lavorare insieme”, ribadisce Lotti. Senza bandiere e logiche di partito, si marcia tutti insieme uno accanto all’altro.

49


VG

visioni grafiche


costume e società

di Sara Mondaini

Lazio mangereccio e godereccio Il meglio delle sagre, e non solo, nel mese di maggio l fiorire della primavera si colora di sagre ed eventi in tutto il Lazio. Si comincia il primo maggio con la storica sagra delle fave con il pecorino che si svolge a Filacciano, un piccolo paese appoggiato sulla valle del Tevere. Alle 12,00 l’apertura al pubblico degli stand gastronomici che offriranno pennette alla sabinese, vari tipi di formaggi sabini e la tipica “scafata”; il tutto sarà condito da musica dal vivo, karaoke, bancarelle, spaghettata finale, e, naturalmente, dalle fave col pecorino. A seguire, il 2 maggio, ci sarà la XV sagra agro-alimentare che si svolgerà invece a Priverno, in provincia di Latina. Nel corso dell’evento, che avrà come cornice il centro storico della cittadina laziale, saranno disponibili anche visite guidate; artigiani e imprenditori agricoli, della zona e non solo, saranno presenti per deliziarvi con il meglio delle loro produzioni. Sarà possibile osservare in diretta la produzione della mozzarella, gustare sott’olii, sott’aceti e il “carciofino di Priverno”, considerato un po’ il fiore all’occhiello della produzione locale. Il 9 maggio, invece, a Roma, si terrà una manifestazione di carattere completamente diverso: la fiera dell’artigianato femminile, manifestazione giunta alla sua seconda edizione. Un’intera giornata, dalle 9.00 alle 20.00, dedicata all’abilità artistica e manuale delle donne, in zona Conca d’Oro-Valli, nel IV Municipio. Il 15 del mese si prosegue con la “Sagra del focarone”, un’antica tradizione di Vasanello, paesino in provincia di Viterbo. Il rito prevede che la sera della vigilia della festa dell’Ascensione una grande catasta in legno, ammassata appositamente nei giorni precedenti sotto il campanile della chiesa di San Salvatore, venga incendiata per simulare l’ascesa del Signore in cielo. Le lingue di fuoco molto alte che vi si sprigionano rappresentano un’attrazione suggestiva, soprattutto per i bambini, ma anche per tutti gli altri che potranno ammirare il profilarsi del contrasto tra le fiamme e il monte Cimino. Per l’occasione ci saranno anche, naturalmente, a partire dalle 18.00, degustazioni di prodotti tipici e cena. Infine, il 29 e 30 maggio, ecco la sagra che va sotto il nome di “Al di là del giardino”, la quale vede protagonista il borgo storico di Pianiano, nei pressi di Viterbo, località affermata come polo florovivaista. Dalle 10.00 al tramonto di entrambi i giorni, il borgo sarà animato da fiori e piante dei più importanti vivai e aziende agricole d’Italia, sotto la supervisione dell’architetto paesaggista Alessandro Zannoni. Un’esperienza da non perdere!

VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche

I

53


VG visioni grafiche

VG

visioni grafiche


costume e società di Andrea Giovanni Sorge

Di che gusto sei? n miliardo e novecento milioni di euro. Non è il fantasmagorico montepremi dell’ultima lotteria, ma l’ammontare di quanto all’incirca si spende in Italia annualmente per... i gelati. Proprio così. A muovere i fili del mercato al tempo della crisi è, anche, l’irresistibile tensione verso uno degli alimenti più golosi e completi dal punto di vista nutrizionale. Confartigianato calcola che almeno 82 euro a famiglia vengano annualmente spesi in gelati. Un vero e proprio successo insomma, da festeggiare ormai non solo d’estate, essendo il gelato sempre più trans-stagionale. A celebrarne i fasti ci pensa quest’anno la prima edizione del Firenze Gelato Festival, che in fatto di (caloriche) sorprese promette bene almeno quanto l’invernale Eurochocolate di Perugia. Dal 28 al 31 maggio, infatti, il capoluogo fiorentino ospita una manifestazione interamente dedicata ai gelati. Si attendono circa 300.000 visitatori armati di cucchiaini per godere dei piaceri che il fresco dessert, in tutte le sue varianti, offre. Incontri a tema, percorsi guidati, “cene di gola”, degustazioni rigorosamente gratuite disseminate in ogni angolo del centro storico della città, ma anche laboratori didattici, convegni, approfondimenti tutti da gustare e, naturalmente, attività in ludoteca per i più piccini, che del gelato si sa - sono fra i consumatori più instancabili. Come dire che c’è qualcosa di dolce nell’aria, e non ci riferiamo soltanto alla primavera. Ma qual è il segreto del gelato? La sua gloriosa storia affonda le zuccherine radici addirittura fin nel Rinascimento, quando l’architetto Buontalenti,

U

appassionato di cucina, mise a punto la formula della “crema fiorentina”, deliziando letteralmente la corte di Cosimo de Medici a colpi di zabaione e aromi di frutta. L’illuminata Caterina De Medici avrebbe poi fatto esportare in tutto il mondo la redditizia prelibatezza. Da allora la fortuna del gelato non ha conosciuto crisi: dissetan-

La fiera del gelato in una Firenze da leccarsi i baffi. Dal 28 al 31 maggio. te, nutriente, estremamente gratificante per l’umore, consigliato, misuratamente, persino dai dietologi più intransigenti e severi. Negli ultimi anni poi, gli artigiani del gelato ma anche le aziende di produzione industriale si sono sbizzarriti nello sperimentare nuovi gusti, nuove colorazioni, azzardando accostamenti quanto mai singolari. C’è da scommettere che gran parte di questa ondata creativa si riverserà nelle vie fiorentine, per la gioia di tutti. Firenze capitale mondiale del gelato dunque, richiamo per i curiosi e i golosi di ogni dove. Con un occhio alla salvaguardia dell’ambiente però: saranno distribuiti ai visitatori soltanto contenitori alimentari rigorosamente biodegradabili. Inoltre, verrà fornita a tutti una speciale tessera che consentirà l’utilizzo dei mezzi pubblici, al fine di inquinare meno. Non c’è che dire, hanno pensato proprio a tutto! Per consultare il programma completo e per ulteriori informazioni, è sufficiente connettersi al sito www.firenzegelatofestival.it. Dopodiché, non resta che fare il proprio dovere di turisti. E peccare di gola in libertà, adesso che le porte dell’estate, con le sue micidiali diete pre-prova costume, sono ancora socchiuse.

55


costume e società

di Sara Mondaini

Giornata internazionale dei musei Il 18 maggio il mondo parlerà la lingua universale della cultura ome possono i musei migliorare la nostra esperienza del mondo e contribuire a diffondere cultura e armonia sociale? Questo il tema dell’anno per la Giornata internazionale dei musei, manifestazione giunta ormai alla sua trentesima edizione, stabilita per il 18 maggio in Italia. L’intento è quello di richiamare l’attenzione sul ruolo sociale che si propone di rivestire il museo contemporaneo. L’ultima sfida, infatti, per quelli che si propongono di essere luoghi di conservazione della memoria collettiva, sembra essere diventata quella di riconoscere e promuovere la diversità culturale, un tema centrale delle moderne politiche museali. L’obiettivo è quello di favorire l’accessibilità e la partecipazione in maniera sempre più ampia e trasversale, promuoPUGNALONI vendo dunque la trasformazione del museo in una sorta di “forum”, ossia un terreno di confronto, uno spazio aperto in cui ritrovarsi per favorire il coinvolgimento di strati sociali sempre più differenziati: non più solo professionisti, ma studenti, appassionati, famiglie, anziani, così come stranieri e immigrati di diverse generazioni. Come ogni anno, la manifestazione è promossa dall’ICOM, l’organizzazione internazionale dei musei creata nel 1946. Molte le iniziative in Italia: da quella che si terrà per due giorni (17 e 18 maggio) a Torre Alfina (provincia di Viterbo), nel cui Museo del Fiore, riserva naturale Monte Rumeno (loc. casale Giardino), sarà possibile scoprire l’arte locale dei Pugnaloni, fantastici mosaici costituiti di fiori, a quella di Nuoro, dove il Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde e il Museo Deleddiano - Casa Natale di Grazia Deledda di Nuoro aderiscono con l’ingresso gratuito fino alle ore 23.30. Altrettante iniziative si svolgeranno in Toscana, a Modena, a Milano, a Bergamo, a Parma, a Bologna, a Forte dei Marmi e a Bolzano. ICOM Italia invita inoltre a visitare “The Tech Museum of Innovation” su SECOND LIFE per la prima celebrazione virtuale della Giornata internazionale dei musei nell’universo virtuale (www.thetechvirtual.org).

C

57


arte

di Penelope Salomone

Adottare l’arte sopravvissuta Mostra e iniziativa dei Musei Vaticani in collaborazione con l’Arcidiocesi de L’Aquila a memoria e la speranza. Arredi liturgici da salvare nell’Abruzzo del terremoto” è il titolo illuminante della mostra realizzata dall’Arcidiocesi de L’Aquila e dai Musei Vaticani, che accolgono ben 200 pregevoli esemplari di suppellettili sacre e argenti antichi miracolosamente scampati alla devastante furia del sisma che un anno fa ha colpito il capoluogo abruzzese. In attesa di tornare all’antico splendore, le opere esposte (croci, ostensori, calici, pissidi, turiboli, ampolline, reliquari, ecc…) mostrano le “ferite” procurate dalle scosse telluriche ad un patrimonio, peraltro poco noto, fiorito dalla geniale creatività e dall’indiscutibile abilità degli orafi abruzzesi tra il XIII e il XX secolo. Ai visitatori (ma non solo) è data la possibilità di partecipare al restauro con micro-sponsorizzazioni: chi lo vorrà, potrà adottare un’opera d’arte e contribuire al suo recupero attraverso il versamento di una somma, anche minuscola, sul conto corrente bancario intestato a: Arcidiocesi dell’Aquila - IBAN: IT33 Q 05584 03200 000000061704, attivo presso Banca Popolare di Milano Agenzia 251 - Roma. Abbiamo tempo fino al prossimo 31 maggio per ammirare (e adottare), tra l’altro, la scultura in terracotta policroma raffigurante la Madonna con Bambino, commissionata nel 1507 dalla città de L’Aquila all’artista Saturnino Gatti in ricordo dell’apparizione di Maria durante una predica di San Bernardino, e il busto reliquiario del papa eremita Celestino V, entrambi estratti dalle macerie di Santa Maria di Collemaggio. Ed ancora la croce processionale di Nicola da Guardiagrele, in argento sbalzato, recuperata tra i detriti della Cattedrale di SS. Massimo e Giorgio, così come le tele di Giulio Cesare Bedeschini risalenti al XVI secolo che rappresentano i Santi patroni de L’Aquila: Massimo, Bernardino (il cui saio è presente in mostra), Pietro Celestino ed Equizio. Infine, la cassetta delle reliquie di San Franco Eremita, datata 1480, proveniente da Assergi, opera dell’orafo sulmonese Giacomo di Paolo, è esibita al pubblico per la prima volta in 530 anni. L’ingresso è libero.

“L

di Anna Claudia Bianchi

libri

Cultura da vendere 23a edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino i rinnova l’appuntamento a Torino della più grande libreria della comunità italofona e dell’intera area culturale del Mediterraneo. Dal 13 al 17 maggio, con i suoi 300.000 visitatori e 1.400 espositori, torna il Salone Internazionale del Libro. Una vetrina dove gli editori piccoli e medi hanno la stessa visibilità dei grandi marchi e dove anche l’editoria locale può farsi conoscere oltre i confini del proprio territorio. Il Salone è anche un vivace festival internazionale della cultura, con un programma di oltre mille presentazioni editoriali, convegni, appuntamenti, dibattiti, spettacoli e più di 2.000

S

relatori e ospiti in cinque giorni. Premi Nobel, scrittori, scienziati, filosofi, storici, giornalisti, artisti. Esponenti di spicco del mondo contemporaneo si confronteranno per comprendere le sfide della società in cui viviamo. Il Salone dedica tradizionalmente uno spazio speciale ad un Paese ospite. Quest’anno è la volta dell’India, che sarà presente a Torino con un proprio stand, autori ed editori, mostre, spettacoli, artisti e approfondimenti. Anche il tema scelto per l’edizione 2010 - la memoria - sarà punto fondamentale di riflessione, in particolare per l’uso politico cui troppo spesso è asservita. Il Salone Internazionale del Libro è promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, un’istituzione costituita dalla Regione Piemonte, Provincia di Torino e Città di Torino, e si avvale del sostegno di partner e sponsor privati. Rolando Picchioni, Presidente della Fondazione, ha espresso più volte le sue preoccupazioni per il futuro impegno governativo a sostegno della cultura nel nostro Paese. Lo scorso dicembre, durante la presentazione dell’edizione 2010, ha fatto cenno alla crisi finanziaria, che ha imposto tagli radicali alle politiche della cultura pubbliche e private e ha espresso la sua contrarietà alla prospettiva che in tempo di crisi il primo “lusso” da tagliare sia proprio la cultura. Picchioni ha inoltre sottolineato come la realtà attuale abbia reso necessario individuare nuovi strumenti di finanziamento che vadano oltre la prassi della sovvenzione pubblica. C’è l’urgenza di arrivare a un fondo unico per lo spettacolo regionale (FUS), che grazie al federalismo fiscale possa garantire risorse certe che superino le “meteoropatiche” leggi finanziarie emanate dai singoli governi.

59


VG

visioni grafiche


costume e società

di Anna Claudia Bianchi

World Press Photo Mostra a Roma dedicata ai migliori fotoreporter italiani inflazione di immagini alla quale siamo sottoposti, l’assuefazione visiva da cui siamo affetti, non riescono a segnare una flessione del potere evocativo e narrativo degli scatti d’autore. Il linguaggio espressivo della fotografia non è invasivo, è silenzioso, e resta ancora oggi un luogo privilegiato dove allenare l’immaginazione e le emozioni. Roland Barthes, in un’analisi su cos’è l’attrattiva che fa esistere una fotografia scriveva: “Tutt’a un tratto la tale foto mi avviene […] In sé, la foto non è affatto animata, però essa mi anima: e questo è appunto ciò che fa ogni avventura”. Il viaggio inizia alla 10b Photography Gallery che espone fino al 31 maggio, nel cuore del quartiere storico della Garbatella (via San Lorenzo da Brindisi 10b), le fotografie dei vincitori italiani del World Press Photo, il più celebre concorso di fotogiornalismo. “Testimoni del nostro tempo”, questo il titolo della mostra, è un mosaico di istantanee che documentano le vicende della storia contemporanea. C’è da chiedersi chi sono i testimoni di questi affreschi storici; se i volti, le case e le strade ritratte o gli stessi fotografi, medium della realtà che documentano frammenti di vita. In oltre mezzo secolo dalla sua fondazione, il Wpp ha premiaPHOTO OF THE YEAR 2009 to 47 professioDI PIETRO MASTURZO nisti italiani, per un totale di 74 differenti premi assegnati. È la prima volta che una mostra celebra i photoreporter italiani premiati dal Wpp, compresi i vincitori dell’edizione 2010. Il World Press Photo, oggi costituito in fondazione, nasce nel 1955 ad Amsterdam da un’associazione di fotografi intenti ad avviare una competizione di giornalismo fotografico a livello internazionale. Il Wpp ha contribuito nel tempo ad esaltare la figura del photoreporter e oggi, è la più autorevole voce nel campo. I premi sono suddivisi in varie categorie: Spot News, Contemporary Issues, Daily Life, Portraits, Arts and Entertainment, Nature, Sports Features, con riconoscimenti agli scatti singoli e ai servizi; con tre assegnazioni per ciascuna sezione (primo, secondo e terzo classificato) e una honorable mention. Il primo premio assoluto va alla Photo of the year e non è ricompreso nelle sezioni citate: Francesco Zizola l’ha vinto nel 1996, quest’anno è andato a Pietro Masturzo, secondo italiano di sempre a ottenere il massimo riconoscimento del fotogiornalismo mondiale.

L’

63


VG

visioni grafiche


di Andrea Giovanni Sorge

cose dell’altro mondo

Rapina in extremis os’è una “bucket list”? È una lista di cose da fare prima di morire. Il termine, utilizzato per la prima volta in un film dal titolo omonimo del 2007 con Morgan Freeman e Jack Nicholson (da noi tradotto in “Non è mai troppo tardi”), è entrato di prepotenza nel linguaggio comune americano. Anche la povera Patricia Edward, cittadina della Florida sofferente di un disturbo bipolare e gravemente malata di leucemia, aveva deciso di compilare la sua personale lista di cose da fare prima di morire. Peccato che non tutti i propositi di tale vademecum fossero poi così candidi. Uno dei punti della bucket list era: rapinare una banca. E così è stato: per ben due volte la Edwards ha rapinato due banche, per poi essere arrestata in seguito al secondo colpo. La donna si è scusata, assumendosi la piena responsabilità del gesto. La lista incriminata è stata trovata a casa della Edwards: dopo la voce “rapine”, non vi erano altri reati da commettere.

C

Rei confessi per forza leveland. Magari fosse sempre cosi facile catturare chi trasgredisce la legge. Sembra la scena di un telefilm ma è accaduto davvero. È finito nel più rocambolesco dei modi un inseguimento fra una macchina della polizia e quattro giovani rei di non essersi fermati al segnale di accostare per un controllo di routine, ma soprattutto accusati di trasportare all’interno della loro auto della marjuana. Come se non bastasse, il guidatore aveva anche la patente scaduta. Colto da un raptus, il giovane ha ignorato la macchina della polizia spingendo forsennatamente sull’acceleratore. La corsa - illesi i passeggeri, un braccio ingessato per il guidatore - è finita contro il muro di una prigione femminile. Oltre al danno, la beffa.

C

AAA accompagnatore disoccupato ome Bobby Davis non lo conosceva nessuno. Come Markus ha fatto passare a più di una signora le cosiddette “ore liete” al prezzo di 200 dollari l’ora. Questa era la tariffa del primo gigolo legale d’America. In Nevada, infatti, la prostituzione è legale. Markus aveva messo fine allo strapotere delle quote rosa nel campo del mestiere più antico del mondo affermandosi come prostituto per sole donne con tanto di sentenza che gli consentiva di esercitare la professione. Suo quartier generale, un ranch della sua socia in affari Shady Lady (ma un nome normale no?). Ora però il bellimbusto ha mollato tutto ed è tornato al suo primo amore: il cinema porno. Lo chalet pare abbia avuto diversi problemi con la centrale elettrica. In molti sospettano che la crisi abbia colpito persino questo settore. Intanto, la lungimirante maitresse proprietaria del ranch ha già assunto un nuovo gigolo.

C

Letture dell’altro mondo ono stati scritti, nel corso della storia dell’editoria, libri sugli argomenti più disparati. Ci mancava però un manuale pratico su come affrontare una “invasione domestica di zombie”. Cosa fareste infatti, se nell’apparente tranquillità della vostra casa, intenti davanti al vostro pc o comodamente distesi

S

sul divano davanti alla tv, foste assaliti alle spalle da uno zombie? A firmare l’improbabile prontuario, tale Roger Ma, che senza indugiare troppo su nozioni storiche e iconografie varie dei morti viventi, consiglia, come armi di difesa, coltelli da cucina e attrezzi da giardino. C’è da credergli?

65


VG visioni grafiche


di Chiara Rovan

cose dell’altro mondo PRIMA

Un Robinson Crusoe dei nostri giorni Esce dal coma e parla tedesco

icky Megee, australiano di 35 anni, può di certo essere considerato una leggenda. A causa di un guasto alla macchina, nel bel mezzo del deserto, l’uomo è stato costretquanto accaduto a una tredicenne croata che, in seguito a un incito qualche anno fa ad abbandonare dente per cui era rimasta in coma ventiquattro ore, al momento del il veicolo e a vagare in risveglio non riusciva a parlare la sua lingua originaria, il croato, O cerca d’aiuto. Per tre mesi DOP ma parlava perfettamente il tedesco. La giovane, appassi è cibato di grilli, lucersionata della lingua teutonica, aveva cominciato a stutole e sanguisughe. diarla a scuola, ma i suoi genitori hanno confermato che “L’unica cosa che cuciancora non aveva appreso una conoscenza fluente della navo erano le rane, che nuova lingua. Nella città di Knin, medici e psichiatri si sono facevo seccare al sole interrogati sul fatto: “Non si sa mai come il cervello possa infilzate in un ramo”, reagire in seguito a un ricovero dovuto a un trauma di una ha detto. Il suo fisico tale portata”, ha affermato il direttore dell’ospedale ha sofferto anche Duojomir Marasovic. La storia della medicina riporta l’esposizione al caldo torrido di gioraltri casi di risvegli anomali a seguito dei quali i no e al freddo pungente di notte. Megee si era costruito malati parlavano altre lingue; addirittura, il linun riparo rudimentale sulla sponda di una diga distendenguaggio biblico usato nell’antica Babilodo la camicia per farsi ombra. Alla fine è stato avvistato da un nia o in Egitto. mandriano nel nord del Paese, ai margini del deserto di Tanani. Ricky aveva perso 60 Kg nel suo vagabondaggio ed è stato ricoverato all’ospedale di Darwin.

R

È

Auguri e figli... grassi! arto da Guinness negli Stati Uniti: una donna di Milwaukee, nel Winsconsin, ha dato alla luce una bambina del peso di 6,3 chilogrammi, nata con tre settimane di anticipo rispetto alla data prevista. Delaney Jessica Buzzell, questo il nome della “piccola”, sta bene e, ad appena una settimana di vita, pesa già quanto un bimbo di cinque mesi. Ma per i genitori non è una novità. Anche i fratellini di Delaney non furono da meno: al momento del parto pesavano entrambi più di 5 chili. Si tratta di casi rarissimi: secondo uno studio del Centro nazionale statunitense di statistiche sulla salute, meno dell’1% dei bambini nasce con un peso maggiore ai cinque chili. L’ultima arrivata dei Buzzell è stata subito soprannominata “Grande Enchilada”, un pasto messicano ipercalorico e iperabbondante.

P

Da Dublino distributori di Coca-Cola multimediali arte, in Irlanda, la diffusione di nuove macchinette elettroniche marchiate Coca-Cola: insieme ai rinomati drink analcolici verranno venduti file digitali. L’idea di unire venditori automatici di Coca-Cola e jukebox multimediali connessi ad Internet nasce dai britannici di Leisure Link Group. Sono piccoli chioschi interattivi che, al fianco delle tradizionali bibite, offrono l’opportunità di acquistare canzoni in formato digitale. Equipaggiati di touchscreen, le macchinette sono dotate di dispositivi Bluetooth e lettori di memory-card per garantire la compatibilità con smartphone, palmari e portatili. Basterà inserire una manciata di spiccioli e gli utenti potranno accedere ad un servizio on-line costantemente aggiornato con le ultime novità del mondo musicale.

P


VG

visioni grafiche


"DA COROT A MONET" CLAUDE MONET NINFEE, ARMONIA IN BLU (CA. 1914)

di Penelope Salomone

arte

Luce e natura

Il mag dell’art e a Rom gio a: un viaggio emozio nel rap nante paesag porto tra gio e uo mo

Roma la primavera dell’arte è piena di eventi culturali e nuovi stimoli. In calendario moltissime mostre, a cominciare da quella che queste settimane si tiene presso la Fondazione Roma Museo, in via del Corso, dove è di scena fino al CO CHIRI 13 giugno Edward H opp er 5) IO DE GIORG UO (1914-1 D LE (1882-1967), il caposcuola del realismo americano che anelava “dipingere (catturandola mirabilmente) la luce del sole sulle pareti di una casa”. Se di luce poi si parla, impossibile non menzionare l’evento epocale in corso presso le Scuderie del Quirinale, dove tutti i giorni file interminabili di caravaggiofili attendono pazienti l’incontro con i 24 capolavori di Michelangelo Merisi, il genio della pittura barocca di cui si festeggia quest’anno il quattrocentenario dalla nascita. Ma i grandi eventi non terminano qui. Agli impressionisti, e al ruolo trainante avuto nel (rivoluzionario) scardinamento estetico che tanto avrebbe influenzato l’arte contemporanea, sono state dedicate ovunque molte mostre. Ciò nonostante la megaesposizione (170 opere, provenienti dai più importanti musei europei e americani) intitolata “Da Corot a Monet. La sinfonia della natura” in corso al Vittoriano, che si protrarrà sino al 29 giugno, ha l’indiscutibile pregio di accendere, per la prima volta, i riflettori sul rapporto tra natura ed impressionismo pittorico. Stando a quanto affermato da Stephen Eisenman, docente di storia dell’arte alla Northwestern University di Chicago, tra i curatori della mostra, già nell’Ottocento cominciava infatti a profilarsi la consapevolezza della necessità di tutela e cura del patrimonio paesaggistico, degno di protezione quanto quello monumentale. Nella mostra, fotografie d’epoca riproducono, in un inedito e avvin-

A

cente confronto, gli stessi panorami immortalati nelle tele di Monet, Sisley, Pissarro, Coubert ed altri, nonché degli estrosi artisti (Corot, Rousseau, Díaz de la Peña, Dupré e Daubigny) della Scuola di Barbizon, situata nel cuore della foresta di Fontainebleau, tra le prime riserve naturali del mondo (venne istituita nel 1861 da Napoleone III). Altri percorsi interessanti renderanno Roma viva fino all’estate. “La Natura secondo De Chirico” è protagonista al Palazzo delle Esposizioni sino all’11 luglio. Nella balsamica cornice di Villa Torlonia, il Casino dei Principi ospita sino al 4 luglio alcuni tra i più emblematici dipinti e sculture della prima metà del Novecento appartenenti alla collezione della Galleria Nazionale d’arte moderna, chiusa per restauro. Da non perdere la godibilissima mostra, curata da Enzo Di Martino al Museo Carlo Bilotti (Aranciera di Villa Borghese), che ripercorre la storia della Biennale di Venezia scandita da 50 dipinti di celebri autori del secolo scorso tra cui Boccioni, Ciardi, De Pisis, Carena, Casorati, Depero, Cagnaccio di San Pietro, Vedova, Pizzinato, Tancredi e, naturalmente, dallo splendore di 30 creazioni in vetro di Murano firmate dai designer Tapio Wirkkala, Carlo Scarpa e Paolo Venini; “Venezia e il secolo della B ie n n a l e ” sarà aperta fino al 9 maggio. Ai Musei Capitolini trionfano, nell’allestimento di Luca Ronconi e Margherita Palli, i capolavori dell’arte antica, greca e romana, de “L’età della conquista”, la prima tappa del ciclo di cinque mostre che racconterà “I Giorni di Roma” dal III al I secolo a.C. (sino al 5 settembre). E in autunno? Torna a Roma, dopo 20 anni, Vincent Van Gogh (“Dalla campagna alla città”: 8 ottobre - 6 febbraio 2011).

"L'ETA' DELLA CONQUISTA" SPINARIO IN BRONZO MUSEI CAPITOLINI


AGENZIA FRIMM 4885 Via G. USELLINI, 459 Axa/Malafede (Roma) - Tel. 06/83961944 - Fax 06/83962058 e-mail: frimm4885@frimm.com • mq2@libero.it AXA/MADONNETTA appartamento 100mq piano terra: salone doppio, angolo cottura, 2 camere matrimoniali, cameretta, doppi servizi, ripostiglio, balcone, giardino 200mq, dependance, cantina, triplo posto auto interno € 279.000 INFERNETTO in comprensorio: 3 porzioni di villa nuova costruzione, 170 mq su 3 livelli, salone, cucina, 4 camere matri., 3 bagni, ampii portici, giardini, posto auto, rifinitissime, zona centrale da € 440.000 INFERNETTO Villetta bifamiliare 100mq, unico livello, salone doppio, cucina, 2 camere, 2 bagni, portico, giardino 400mq, triplo posto auto interno ristrutturato € 270.000 INFERNETTO villa unifamiliare 140mq unico livello: salone quadruplo con camino, cucinotto, 2 camere matrimoniali, 2 camerette, bagno, ampio ripostiglio. Giardino 500mq, cantina, quadruplo posto auto interno, ZONA CENTRALE, da ristrutturare € 480.000

DRAGONA appartamento appartamento 75mq, 1° piano salone, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno, ampio balcone, completamente ristrutturato € 225.000 ACILIA appartamento 55mq, 1° piano, salone, angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, terrazzo 10mq, cantina, posto auto coperto, totalmente ristrutturato € 210.000 INFERNETTO: Speciale Cantiere disponiamo di 24 villini/duplex, nuova costruzione, da 87 a 101mq, giardini da 30 a 115mq, posti auto, rifiniture di pregio, consegna gennaio 2011 da € 298.000 ACILIA/MONTI SAN PAOLO appartamento 75mq, piano terra, salone, cucina semiabitabile, 2 camere matrimoniali, bagno, 2 balconi, giardino 250mq, posto auto interno, ottimo stato € 295.000

OSTIA appartamento 92mq, 2° piano, salone, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, 2 bagni, 2 balconi, posto auto coperto, totalmente ristrutturato € 310.000

AFFITTI disponiamo di varie tipologie di appartamenti e villini, varie metrature in zona: Axa/Malafede, Infernetto, Acilia, Ostia, Ostia Antica da € 600

OSTIA LEVANTE appartamento 85mq, piano terra salone doppio, cucina tinello, camera matrimoniale, bagno, giardino 50mq completamente ristrutturato € 350.000 tratt.

ACILIA appartamento 85mq, piano terra, salone, angolo cottura, 2 camere matrimoniali, cameretta, 2 bagni, giardino 60mq, box + posto auto, totalmente ristrutturato € 310.000

OSTIA ANTICA appartamento 75mq, su 2 livelli: p1 salone, angolo cottura, camera matrimoniale, bagno, terrazzo 12mq, pm: camera matrimoniale, bagno, ripostiglio, posto auto, ottimo stato € 259.000 OSTIA ANTICA/BAGNOLETTO disponiamo di 4 porzioni di villa da 100 a 120mq su 2 livelli, fuori terra: PT: salone, cucina abitabile, 2 camere matrimoniali, bagno. PM: camera matrimoniale bagno. Giardini da 50 a 250mq, posto auto interno, OTTIME RIFINITURE, CONSEGNA 6/2010 € 310.000

TERRAZZE DEL PRESIDENTE appartamento 55mq, 3° paino, soggiorno, cucina, camera matrimoniale, bagno, terrazzo 12mq, posto auto interno, recente costruzione ottimo stato € 265.000 INFERNETTO disponiamo di alcuni locali commerciali in locazione, 140mq circa, su due livelli, con canna fumaria. Consegna 6/2010, ZONA CENTRALE, CONTESTO SIGNORILE € 2.700,00

VG

visioni grafiche

O G N I A G E N Z I A A F F I L I ATA È G I U R I D I CA M E N T E E F I N A N Z I A R I A M E N T E I N D I P E N D E N T E


di Sara Mondaini

spettacoli

Maggio suona bene GOTAN PROJECT

tour mondiale dei Black Eyed Peas. Il loro irresistibile pop rap, che nel 2009 ha dominato le classifiche di tutto il mondo, farà ballare tutto il pubblico, trepidante di attesa, del Mediolanum Forum di Assago, a Milano. Dalle nostre parti, prosegue invece con la seconda data (17 maggio) il tour di Mario Biondi che animerà con la sua voce calda la sala del Gran Teatro. Il 18 maggio sarà inoltre imperdibile l’appuntamento con MARCO MENGONI il James Taylor Quartet, che porterà nello storico locale dei Parioli, il Piper, la sua miscela vitale di Soul, Funk, Jazz, Spy Movies e R’n’B, il tutto tenuto insieme dall’organo Hammond più caldo del mondo. Per apprezzare invece le frequenze più dure e metalliche di altre star internazionali si dovrà andare ad Udine, dove il 19 maggio allo stadio Friuli si esibiranno gli AC/DC: le icone dell’hard rock mondiale apriranno così il loro tour europeo, il “Black Ice World Tour 2010”, il cui nome prende il titolo dall’omonimo ultimo album. E il mondo internazionale del rock vedrà anche Milano protagonista; ancora il 18, infatti, al Mediolanum Forum di Assago, si esibirà la storica band dei Kiss nell’ambito della sua “Sonic boom over Europe Tour”. Sempre a Milano, al Mediolanum Forum, il 23 maggio sarà il turno di un altro grande e amatissimo della scena mondiale, stavolta di genere più melodico, Michael Bublé, che presenta al pubblico italiano il suo nuovo album Crazy Love. Il 25 maggio all’Atlantico Live (ex Palacisalfa) di Roma sarà invece la volta del celebre gruppo francese dei Gotan Project, con sonorità che attraversano generi come il tango, l’elettronica, il new jazz e il trip-hop. Per chi infine fosse più amante dei musicisti nostrani, ricordiamo le esibizioni dal vivo dell’8 maggio de Le Vibrazioni all’Alpheus, e del vincitore di X Factor 3 Marco Mengoni, nelle due tappe a Milano e a Roma, rispettivamente il 4 e il 6 maggio, all’Alcatraz e all’ex Palacisalfa con il suo “Re Matto tour”.

La stagione entra nel suo d animare il tradizionale concerto che dal 1990 affolla Piazza san Giovanni a Roma, momento più vivo: il giorno della festa dei lavoratori, sarannote e personaggi no quest’anno il sound e l’atmosfera creati dal da tutto il cantautore e polistrumentista Vinicio Capossela, che avrà il posto d’onore disponendo di un set esclumondo

A

MIC HA EL

BU B

sivo di 40 minuti. Saranno presenti oltre a lui, come di consueto, anche ospiti internazionali quali Paolo Nutini, e nostrani, come Carmen Consoli, Irene Grandi e altri. ' LE Chi non avesse partecipato all’evento nella capitale troverà presto modo di rifarsi andando il 2 maggio a Verona, dove, nella bellissima Arena, storico palcoscenico di eventi musicali dai tempi del Festivalbar, arriverà la voce limpida e potente di Alicia Keys, in una tappa italiana del suo The Freedom Tour, a promozione del nuovo album The Element of Freedom, uscito lo scorso dicembre. Sempre ad inizio mese, saranno importanti i concerti del 4 maggio al Palalottomatica a Roma e del 3 al Forum di Milano, quando si esibirà salvo annullamenti dell’ultimo momento - un’altra icona dal calibro e dalla fama internazionale: Whitney Houston. Bisognerà invece attendere il 12 maggio per l’unica tappa italiana del

ALICIA KEYS

71


architettura

di Leonardo Caviola

Il Piano casa che verrà Difficile trovare un equilibrio tra semplificazione burocratica, sicurezza e decoro l recente cambiamento di molte amministrazioni regionali in Italia porterà ancora una volta a diverse modalità (ostruzionistiche o favorevoli) di applicazione della modifica dell’articolo 6 del Testo Unico sull’edilizia varato con il Dpr 380/2001, inserito nel “Decreto Legge incentivi a sostegno dei settori industriali in crisi”. Trattasi della liberalizzazione degli interventi di manutenzione straordinaria che ciascun privato cittadino, secondo il motto propagandistico “padroni in casa propria”, può adempiere senza presentazione ai comuni o agli uffici tecnici preposti della denuncia di inizio attività (D.I.A.). Lontano dall’esaltazione o dalle speculazioni filosofiche dei progetti di auditorium, musei, o grandi opere urbane, il mondo dell’architettura si interroga oggi su pregi e difetti di tale situazione. Se è pur vero che di colpo vengono eliminate obsolete pratiche burocratiche e, troppo spesso, salate parcelle professionali dei tecnici incaricati, dall’altro senza l’ausilio di un addetto qualificato (architetto, geometra o ingegnere) al controllo o alla comunicazione preventiva di ciò che si va a modificare, si rischia di intaccare parti potenzialmente strutturali (giudicate però non tali in fase di appalto) di edifici lasciati alle scellerate scelte di persone ignare dei rischi potenziali a cui andare incontro. A troppa libertà infatti può seguire l’instabilità dello stabile, specie se condominiale. Ruolo fondamentale, nella gestione non dei singoli privati interventi ma a monte, cioè, di concessione di tale liberalizzazione, possono giocarlo le Regioni, le quali, costituzione alla mano, hanno competenze specifiche nell’edilizia. L’applicazione del provvedimento è tale infatti “salvo norme regionali contrarie”. A favore della liberalizzazione ovviamente l’Ance (Associazione dei costruttori), pronta a dar credito alle imprese che riceverebbero lavori più celermente di prima, e le regioni pro-governo. Alle amministrazioni di diversa fede politica probabile toccherà l’ostruzionismo. Chi ci va di mezzo sono al solito gli architetti, come gli ignavi di dantesca memoria, alla ricerca di un vessillo di riferimento.

I

73


VG

visioni grafiche


I FILM del mese Draquila L’Italia che trema Regia: Sabina Guzzanti Cast: Sabina Guzzanti Italia Genere: Documentario

7 Maggio

A poco più di un anno dal terribile terremoto che il 6 Aprile 2009 ha sconvolto L’Aquila e l’Italia intera, Sabina Guzzanti, carte alla mano, punta il dito contro gli abusi e le incoerenze della cosiddetta ricostruzione. Il titolo, scelto dai tanti suoi fan, è l’emblema di un paese dove c’è chi soffre e chi ne approfitta.

Robin Hood

Puzzole alla riscossa Regia: Roger Kumble Cast: Brendan Fraser, Brooke Shields, Matt Prokop, Ken Jeong, Angela Kinsey Usa, Arabia Saudita Genere: Commedia

7 Maggio

Il costruttore edile Dan Sanders ha per le mani il progetto milionario che prevede la costruzione di un modernissimo residence in una riserva naturale nel profondo Oregon. L’imprenditore, però, ignora che un gruppo di accanite puzzole (le “legittime proprietarie”) farà di tutto per distoglierlo dall’impresa…

Prince of Persia Le sabbie del tempo Regia: Mike Newell Cast: Jake Gyllenhaal, Gemma Arterton, Alfred Molina, Ben Kingsley Usa Genere: Avventura

19 Maggio

Finalmente tutti gli appassionati del famoso videogame Prince of Persia potranno vedere il loro eroe sul grande schermo con le fattezze di Jake Gyllenhaal. Il suo compito? Impedire ad un nobile malvagio di impossessarsi delle sabbie del tempo.

The Final Destination 3D Regia: David R. Ellis Cast: Bobby Campo, Shantel VanSanten, Mykelti Williamson, Nick Zano Usa Genere: Horror

21 Maggio

Grazie alla premonizione di un incidente durante una corsa automobilistica, Nick riesce a salvare la sua vita, quella della ragazza e degli amici. Ma per quanto tempo riuscirà ad ostacolare i piani della morte? La trama è sempre la stessa ma, grazie alle nuove tecnologie, gli amanti della serie potranno godere degli spettacolari incidenti in 3D.

Sex and the City 2 Regia: Michael Patrick King Cast: Sarah Jessica Parker, Kim Cattrall, Kristin Davis, Cynthia Nixon Usa Genere: Commedia

28 Maggio

E dopo due anni le ragazze sono tornate, con tacchi ancora più alti, vestiti sempre più costosi e un’amicizia più che mai solida. Tra viaggi lontani e nuovi avvenimenti, lacrime e risate, amore e sesso, siamo certi che il sequel del film che ha preso il via dalla nota serie televisiva non deluderà.

di Emanuela Andreocci

cinema

Il generale che divenne schiavo. Lo schiavo che divenne gladiatore. Il gladiatore che divenne… Robin Hood o sguardo fiero, le battaglie, il viso e l’aspetto inconfondibile; se capitasse di guardare di sfuggita il trailer del nuovo film di Ridley Scott, il pensiero sarebbe sicuramente uno, comune a tutti: il gladiatore è tornato! E invece no, signori: Massimo Decimo Meridio riposa in pace nei campi elisi. E Ridley Scott, non potendolo far resuscitare, si serve di Russell Crowe in quella che è la loro quinta collaborazione (dopo Il gladiatore, Un’ottima annata, American gangster e Body of lies) per riportare in vita un altro mito, quello di Robin Hood. Il grande attore australiano si è detto entusiasta, affermando di averne sempre apprezzato la storia e di voler interpretare il personaggio in un film purché fosse reso in maniera fresca, secondo una chiave di lettura non ancora usata nelle pellicole che hanno trattato l’argomento. Ricordiamo, infatti, oltre al noto cartone animato del 1973 della Walt Disney nel quale i personaggi erano tutti animali (Robin Hood e lady Marion delle volpi), film importanti sulla vita del leggendario eroe, interpretato da nomi altrettanto importanti: c’è il Robin Hood di Erroll Flynn, quello di Sean Connery, quello di Kevin Costner. Ma quindi, cosa può dire (e mostrare) il Robin Hood di Crowe che non sia già stato detto (e mostrato)? Il fiero protagonista del nuovo film non è solo il ladro buono che rubava ai ricchi per dare ai poveri (alcune leggende, tra l’altro, lo indicano come colui che “prestava” ai poveri, facendone un moderno strozzino!), ma anche un uomo del tempo, appena tornato dalle crociate, profondamente impegnato nel combattere le disparità nel proprio paese e l’inedia regnante tra i suoi simili. Robin di Loxley, infatti, esperto arciere, dopo la morte di Riccardo Cuor di Leone, torna a Nottingham, assoggettata a uno sceriffo despota (Matthew MacFadyen) e colpita pesantemente dalle tasse, dove, per liberare la cittadina dalla rovina e dalla miseria, e per far breccia nel cuore di Lady Marion (una decisa e appassionata Cate Blanchett), riunisce un gruppo di mercenari che depredano la nobiltà e combattono i soprusi dello sceriffo. Tra avventura, romanticismo, humour e azione, siamo certi che il film risveglierà l’eroe che riposa in ognuno di noi.

L

75


cinema

di Emanuela Andreocci

Far East Film 12 Udine capitale occidentale del cinema asiatico l 23 Aprile Udine è tornata terra di conquista. Non siamo nel lontano Far West, bensì ai suoi antipodi, con la dodicesima edizione del Far East Film, il più grande Festival dedicato al cinema asiatico. Nella capitale del Friuli, il Centro Espressioni Cinematografiche ha dunque indagato gli spazi visivi e gli stili dell’estremo oriente, servendosi degli spazi del Teatro Nuovo e del Visionario con oltre 60 pellicole provenienti da Cina, Hong Kong, Corea del Sud, Giappone, Thailandia, Indonesia, Malesia, Filippine, Singapore e Taiwan. Il festival trailer, da cui è stata tratta l’immagine ufficiale della locandina di questa nuova edizione, firmato dal geniale Joko Anwar, ha sintetizzato con estrema efficacia l’anima stessa dell’evento, colorato e vivace come il Luna Park dello spot, ma allo stesso tempo appassionato e spericolato. Tutta l’essenza del festival è stata abilmente racchiusa nelle quattro parole chiave del trailer: exotix, authentic, hands-free, no safety. E la sua apertura non è stata da meno con l’attesissimo slasher Dream Home di Pang Ho-Cheung, presentato in anteprima mondiale al festival ancor prima di esser distribuito nelle sale asiatiche. Nei nove giorni, durata totale di questa nuova edizione (23 aprile - 1 maggio 2010), due sono state le grandi retrospettive in cartellone. La prima ha puntato l’occhio sulla Shin-Toho, importante casa di produzione giapponese specializzata in noir thriller, analizzandola attraverso 15 pellicole prodotte tra gli anni ‘50 e ‘60 mai distribuite fuori dal Paese del Sol Levante (la casa di produzione è talmente importante e famosa in Giappone che si considera l’equivalente della factory di Corman per l’America). La seconda retrospettiva, invece, è stata dedicata al cinema di Patrick Lung Kong, figura di riferimento degli artisti di nuova generazione (il capolavoro di John Woo, A better tomorrow, è il remake di un suo film del 1967, Story Of The Discharged Prisoner). Più che un festival, il Far East Film si è rivelato sin dall’inizio una rassegna culturale a tutti gli effetti. Prima dell’apertura ufficiale, gli appassionati hanno infatti potuto assaporare lo spirito orientale grazie alle performance di “Les Javanais”, la compagnia di danza costituita dai più bravi ballerini di Giava che nelle loro esibizioni hanno interpretato, perfetti nella loro millenaria tradizione e nel loro stile, passato e modernità in un connubio unico.

VG

visioni grafiche

I

77


teatro

di Chiara Rovan

Orsini, Popolizio e Lojodice in Copenaghen Al Teatro Eliseo il thriller scientifico-politico di Frayn all’11 al 23 maggio il Teatro Eliseo ospiterà l’avvincente spettacolo del drammaturgo inglese Michael Frayn (Rumori fuori scena) che, con Copenaghen (1998), indaga sulla vicenda del viaggio di Werner Heisenberg, fisico tedesco Premio Nobel nel 1932 e inventore del principio d’indeterminazione, a Copenaghen per incontrare Niels Bohr, fisico e matematico danese anch’egli Premio Nobel nel 1922 e padre della meccanica quantistica. L’anno è il 1941 e la Danimarca è da un anno occupata dai nazisti. I due ex colleghi di ricerca, costretti a guardarsi intorno con diffidenza a causa della guerra, si ritrovano per discutere sul rapporto tra scienza e morale, alla luce delle nuove scoperte che da lì a qualche anno porteranno all’uso della più potente arma di distruzione di massa: la bomba atomica. Quell’incontro, cui assistette solamente la moglie di Bohr, rimase un mistero umano, politico e scientifico. Quale ne fu il motivo? Cosa si dissero i due? I resoconti di Heisenberg sul viaggio rimasero estremamente vaghi, mentre Bohr lasciò traccia della vicenda in alcuni documenti e lettere mai spedite che sono stati resi pubblici solo negli ultimi tempi. Frayn non si lasciò intimidire dall’assenza di fonti, anzi, si fece forte del mistero per indagarne le vaste implicazioni. Amicizia, scienza, politica, confronto di generazioni e di modelli differenti: questi ingredienti muovono il dialogo tra i due fisici e la moglie di Bohr. La regia di Mauro Avogadro è attenta ad analizzare i contenuti scientifici mescolandoli con elementi comunicativi, puntando soprattutto sui ritmi in una sorta di arringa dove si fronteggiano i due scienziati: un teso e intenso Umberto Orsini con risvolti di amara ironia, un tormentato e passionale Massimo Popolizio, accompagnati dalla femminilità e dalla saggezza di Giuliana Lojodice. Suggestiva la scenografia di Giacomo Andrico, formata da lavagne nere piene di un’infinita serie di calcoli che riempiono lo spazio. Le angoscianti riflessioni, alla vigilia della seconda guerra mondiale, procedono con implacabilità storica, tensione umana e congetture scientifiche immerse in un’atmosfera da thriller in cui fatti reali e schieramenti storici, tuttora controversi, fanno emergere il fattore umano, a dispetto dei temi infinitamente grandi che la pièce, volontariamente o involontariamente, mette in gioco.

D

informazione redazionale

GPA Solutions Un’azienda vicina alle aziende Non è raro che lo stato complichi la vita al mondo del lavoro e dell’impresa. Spesso avere una buona consulenza significa salvarsi da brutte sorprese e da spese inutili, potendo così concentrare le energie personali sulla propria attività. La Società Cooperativa GPA Solutions risponde esattamente a tali esigenze. Una qualificata squadra di professionisti e consulenti del lavoro è infatti a disposizione per coprire tutte le esigenze dell’impresa (bilanci, fatturazione, costituzione di società, visure camerali, pratiche presso la Camera di Commercio, amministrazione del personale, adempimenti fiscali, 730, unico, cedolini paga, adempimenti mensili, cassa integrazione, mobilità, assenteismo, conteggi per vertenze di lavoro, controllo della singola busta paga, ecc…), nonché per capire come garantire i propri dipendenti e allo stesso tempo risparmiare sulle forme contrattuali prescelte. L’invito è a contattare GPA Solutions per scoprirne le tariffe vantaggiose e per utilizzare a proprio favore i regimi e le agevolazioni previsti dallo stato. La società offre una consulenza caso per caso, venendo incontro al cliente per i pagamenti e cercando di diluire il più possibile gli oneri a suo carico. GPA Solutions ha una sede ad Ostia ed un’altra nei pressi di viale Mazzini.

79


VG

visioni grafiche


di Riccardo Colella

videogames

DVD del mese

Call of Duty 4: Modern Warfare 2

Il mio amico

Eric

La vita vista dagli spalti e dal campo

di Luca Salustri

ric (Steve Evets) è un postino sui cinquanta nato e cresciuto nella grigia Manchester. La sua vita sentimentale racconta solo delusioni e rimpianti: sposato a vent’anni con il suo grande amore Lilly (Stephanie Bishop), dopo la nascita della piccola figlia Sam, decide di lasciarsi per via delle sue manie. Eric si trova, così, a vivere quasi per caso con Ryan (Gerard Kearns) e Jess (Stephan Cumbs), i due figli della seconda moglie, che senza troppe spiegazioni ha abbandonato tutti e tre. Nel bel mezzo della monotonia dettata dalla routine quotidiana, Eric viene scosso dalla richiesta della figlia Sam (Lucy-Jo Hudson) - ormai trentenne ed a pochi mesi dalla laurea di prendersi cura della nipotina. Sconvolto dal dover rincontrare Lilly dopo tempo immemore, ed assorto nelle personali riflessioni sulla propria vita, Eric comincia improvvisamente a vedere davanti a sé l’idolo di sempre: Eric Cantona. Il Manchester United è, infatti, ciò che il postino considera l’unica sua gioia, e da sempre vede nel campione francese un suo importante riferimento. Come in un mondo parallelo, Eric - cominciando ad avvertire sempre più spesso la presenza di Cantona vicino a sé - intraprende dialoghi lunghissimi, arrivando in qualche caso anche a litigare. Con la sua esperienza e la sua forte personalità, il Cantona immaginario (ma siamo sicuri che sia proprio così?) svolge il ruolo della coscienza di Eric, che - attraverso questo singolare confronto - riesce dapprima a superare insicurezze caratteriali ed in seguito a recuperare importanti rapporti familiari. “Il mio amico Eric” ha il pregio di evidenziare la positività che certi campioni dello sport, seppur lontani dalle persone comuni per abitudini e stile di vita, possono tuttavia trasmettere qualcosa. I frequenti “battibecchi” e confronti tra l’Eric postino e l’Eric calciatore diventano molto interessanti proprio quando evidenziano il punto d’incontro tra le due strade parallele di colui che è sugli spalti ad incitare e colui che è, invece, protagonista in campo soprattutto grazie al supporto dei fans. La pellicola, diretta da Ken Loach, è stata distribuita in Italia a dicembre del 2009, ed è stata presentata in concorso al Festival di Cannes 2009. Da vedere.

E

Titolo riuscito: grande avventura ed emozioni a non finire e premesse c’erano tutte: l’hype (la pubblicità) per il titolo e il dubbio di sapere se gli sviluppatori dell’Activision Blizzard sarebbero riusciti a tenere alto il livello dell’ennesimo titolo della saga bellica meglio riuscita di tutti i tempi, sia a livello di giocabilità che di storyline. Sgombriamo il campo dai dubbi: già nei primi minuti, capiamo che il prodotto che abbiamo tra le mani (anzi tra i pollici...) è una vera chicca. Modern Warfare 2 apre a cinque anni di distanza dal capitolo precedente, ed è ambientato in una Russia ultranazionalista, comandata dal mercenario Makarov, nella quale si celebra il defunto leader Imran Zakraev come martire. La nostra avventura ha invece inizio in Afghanistan, dove il nostro alter-ego, il soldato Allen, dopo aver preso familiarità con le armi, sarà impegnato in più d’una missione in territorio nemico. Guadagnata la necessaria fama, il buon Allen sarà quindi reclutato dalla CIA e “invitato” ad infiltrarsi in un gruppo terroristico capeggiato proprio dal losco Makarov. Ma, ahimè, le spie hanno occhi dappertutto, e il caro Allen dovrà penare non poco per mettere la pellaccia al sicuro... La grafica del nuovo Call of Duty è eccezionale, come per ogni pezzo della serie che si rispetti, così come la giocabilità, l’audio e la colonna sonora, affidata niente di meno che ad Hans Zimmer ed Eminem. Disponibile per PC, PS3, Xbox 360 e Nintendo DS, Modern Warfare 2 è un titolo che non può mancare nella collezione di qualsiasi maniaco o semplicemente appassionato di videogame. Da molti indicato come il miglior capitolo della serie, questo Call of Duty trova un’intrigante longevità non solo nella modalità “Campagna”, ma anche in quella “Operazioni Speciali”, oltre che nell’immancabile modalità “On-Line”. Non occorre sottolineare, comunque, che stiamo parlando di un titolo da maneggiare con cura: è vietato ai minori di 18 anni.

L

83


spettacolando

di Barbara Zorzoli

Dannii Minogue: “I miei primi 38 anni”

Naomi: È “Mi vergogno di quello che ho fatto” quasi 40 anni, la top cambia registro. Sì, avete capito bene. La Pantera Nera addomesticata? Si spera, per la sua tranquillità e per quella degli altri. Di recente è stata accusata da un autista di limousine di aggressione. Questo è solo uno dei tanti episodi che si vanno ad aggiungere alla lunga lista di “piazzate” di cui la Venere Nera è stata protagonista: nel 2000 ha aggredito una sua assistente. Nel 2003 un’altra assistente ha accusato la top model di averle tirato dietro un cellulare. L’anno successivo ha schiaffeggiato una cameriera. Nel 2005 Naomi ha colpito in testa un altro assistente con il telefonino e nel 2006 ha, nuovamente, usato il cellulare come arma impropria tirandolo contro una governante. Nel 2008 è stata arrestata con l’accusa di aggressione nei confronti di un poliziotto dopo che una sua valigia è andata persa all’aeroporto di Heathrow a Londra. Ora, Naomi, che il prossimo 22 maggio compirà 40 anni, vuole mettere la testa a posto. La modella ha detto di essere molto imbarazzata dai suoi comportamenti passati: “Tutti sanno quello che ho fatto - ha dichiarato - sono umana, ho fatto degli errori ma ora voglio ripulirmi da tutto. Non nego i miei sbagli e sono imbarazzata da molte cose del mio passato. Non sono orgogliosa degli incidenti accaduti nella mia vita. Ma ho fatto qualcosa al riguardo e voglio imparare dai miei sbagli. Non mi sono mai sottratta a nessuna delle mie azioni. Mi prendo tutta la responsabilità. Ma sono anche responsabile del mio cambiamento”. La Campbell ha anche dichiarato: “Non sono perfetta ma ci sto lavorando. Sto cercando di smussare gli angoli del mio carattere. Questo è tutto quello che posso fare. Ho lavorato molto per correggere i miei difetti e non sarò mai tenuta in ostaggio dai miei comportamenti. Sono maturata. Voglio una vita più tranquilla. Il periodo delle feste è passato. Quando invecchi, la tua vita cambia. Le cose che sono importanti a vent’anni, non lo sono più quando ci si avvicina ai quaranta”.

A

84

in attesa del suo primo figlio, per la felicità del futuro papà, il compagno Kris Smith. Dannii Minogue ha deciso di mettere per iscritto il bilancio dei suoi primi 38 anni in un’autobiografia che sarà in libreria entro la fine del 2010. La sorella della più famosa Kylie è molto conosciuta in Australia. Prima tanti show in tv negli anni ‘80, poi la musica, dal ‘90 al 2000. Nel 2007 ha ritrovato il successo grazie al ruolo di giudice nel talent Australia’s Got Talent; un anno dopo nella versione britannica di X-Factor. Dannii vuole raccontare episodi non conosciuti della sua intensa vita: “Sento che si sta chiudendo un capitolo e se ne sta aprendo un altro. È il momento giusto per mettere sulla carta tutto ciò che è accaduto finora. Il libro conterrà gli alti e i bassi, con tante storie inedite”.

Lady Gaga litiga con Madonna a figlia di Madonna? “È più fan mia che di sua mamma”. A lanciare la provocazione è Lady Gaga, che con la sua intervista a People ha fatto infuriare Madame Ciccone. E la rissa tra le due pop star continua. Sembra infatti che la Material Girl

L

avrebbe immediatamente diffidato Lady Gaga intimandole di smentire o quantomeno chiarire la dichiarazione. Non male per l’emergente reginetta del pop che fin dagli esordi si è presentata come l’erede di Madonna. È lei stessa a ripeterlo con insistenza: “Con Madonna ho in comune il fatto di essere italo-americana, di aver iniziato nei seminterrati di New York, di essere diventata famosa quando mi sono fatta bionda, di non avere paura e di avere molto carattere”. Come smentire?


costume e società

A scuola di Othello seguito del mancato successo di un italiano alla recente tappa dell’Europeo tenutasi a Gennaio in Roma, la Federazione Nazionale Gioco Othello (FNGO), con la speranza di accrescere l’interesse per questo gioco da scacchiera accrescendone eventualmente le file dei già talentuosi giocatori, offre gratuitamente a neofiti, curiosi ed appassionati di tutte le età, un corso didattico/strategico per meglio divulgare i principi base e le tattiche per vincere le partite, minimizzando gli errori e massimizzando il posizionamento delle proprie pedine. La didattica verte sulle situazioni di gioco più ricorrenti dell’Othello: la combinazione delle prime mosse (le “aperture”), l’attacco ai bordi, la presa degli angoli, l’analisi degli spazi vuoti a partita in corso. Ultimi appuntamenti, sempre gratuiti e aperti a tutti, le mattine di sabato 8 e 15 Maggio nell’oratorio della chiesa di S. Michele in Via Marica 6 (Metro “B” Pietralata). Test finale, domenica 23 Maggio: il torneo valevole per il ranking nazionale. Al di là dell’ufficialità del corso, rimane comunque la possibilità, anche per chi si volesse amatorialmente dilettare a giocare con gli amici, di conoscere al meglio gli strumenti di questo appassionante gioco.

A

Il fratellino di Beyoncé l test del Dna non ha lasciato scampo a Matthew Knowles, papà e agente di Beyoncé. Matthew, dopo 18 mesi di relazione extraconiugale, ha avuto un figlio, chiamato Nixon. Il nome della mamma è Alexandra Wright. E adesso è bufera in casa Knowles: la madre della popstar, Tina, vuole il divorzio; lui, il marito traditore, sta cercando di trattare la cifra degli alimenti da passare alla sua ex amante. Lo scorso ottobre Matthew aveva ricevuto dalla futura mamma la richiesta iniziale di 8.200 dollari al mese come contributo alle spese del piccolo. Ne vedremo delle belle.

I

web site: www.fngo.altervista.org e-mail: othello.roma@gmail.com

Mr. Lagerfeld: “Toglietemi tutto, ma non i miei occhiali!” ai chiedere a Karl Lagerfeld di togliersi gli occhiali da sole. “Sono il mio burka: un burka per gli occhi. Un burka da uomo”, ha spiegato il direttore creativo di Chanel, che vela sempre lo sguardo dietro a grandi lenti scure. “Sono un po’ miope ha proseguito lo stilista tedesco - e la persone quando sono miopi e si levano gli occhiali, sembrano teneri cagnetti che vogliono essere adottati”. Il designer ha raccontato che quando una giornalista sua connazionale gli chiese di scoprire gli occhi, lui le diede una rispostaccia. “Era una donna brutta, orribile. Era da poco caduto il muro di Berlino e lei indossava un maglione giallo piuttosto trasparente. Aveva un seno enorme e portava un gigantesco reggipetto nero. Mi disse “è maleducato, si tolga gli occhiali” e io le risposi “le chiedo forse di togliersi il reggipetto?”. No comment.

M

85


VG visioni grafiche


di Valentina Mancini

moda e tendenze

La Primavera sul viso A

nche il make-up, così come l’abbigliamento, è testimone e insieme partecipe di un cambiamento che coinvolge l’intero settore moda. E dunque, cambio di stagione per guardaroba e beauty-case. Le stagioni si sono susseguite senza apportare cambiamenti esaltanti, piuttosto tenendo alta la bandiera della tendenza smoky-eyes. Le affezionate dello sfumato si tranquillizzino, lo smoky-eyes è ancora glamour, eccome. Perché sia giusto, però, bisogna mettere da parte grigi e neri, optando per le nuances calde, dal marrone all’ambra, passando per il verde. Il must della Primavera Estate è comunque un altro; si sprigiona dalla natura, dai ciliegi in fiore, dalle fragole polpose e dalle terre non più aride. Stiamo parlando del rosa, romantico per eccellenza, e di tutti i colori naturali, adatti a un nude look o quasi. Il pink domina nei toni brillanti su occhi e bocca, evidenziando il luccichio di una donna che, se vuole, può essere anche un po’ bambola e giocare con se stessa. Svantaggio del rosa è che si adatta soprattutto alle carnagioni chiare e un po’ eteree. Chi ha la pelle scura, olivastra, baciata dal sole, non deve però rinunciare al tocco moda, semplicemente ben dosarlo. Al gloss neutro si può associare un fard rosa, al rossetto confetto un ombretto leggero o nei toni caldi. Se l’effetto Lolita non fa per voi, meglio optare per qualcosa di diverso, che esal-

ti al massimo la femminilità di ognuna rispettandone i colori base. Perfetto per il giorno un rosso fuoco sulle labbra e poco altro. Un look da femme fatale che non diventi inappropriato, associato solo a un fard che metta ben in evidenza gli zigomi o al mascara, irrinunciabile

che si disegnano sui contorni per accattivare e proporsi in versione dark lady. Scura, introversa, fascinosa è la donna di questo millennio... o come essa vuole apparire. Qualunque sia il look scelto, in effetti, non ci si dovrebbe mai prendere troppo sul serio, ma giocare un po’ con se stesse, cambiando ombretto a seconda dell’umore, della pochette o del tempo. Grande attenzione meritano le sopracciglia, da non lasciare al caso: sono curatissime, ben definite, in alcuni casi quasi inesistenti. Inoltre, bisogna sempre ricordare, prima di uscire, di applicare sul viso una crema nutriente, adatta al proprio tipo di pelle e, immancabilmente, con protezione dai raggi UVA e UVB. Ancora, per un aspetto ottimale che non preveda l’esibizione di macchie e imperfezioni varie, è d’obbligo il fondotinta. Sceglietelo riflettente la luce, in modo che la pelle appaia naturale, luminosa e sana. E, dopo il trucco, il parrucco. Gli stilisti hanno proposto liscio e cotonato in ogni salsa, con capelli sciolti o legati. Ma appare anche, forse ancora un po’ timido, il frisè. Il finto disordinato resta in pole position, seguito subito dalla coda di cavallo, da sempre elegante e raffinata dimostrazione di bellezza senza ostentazione. Un bentornato anche al classico chignon.

Make-up e acconciature moda per la stagione frivola

accessorio per tutte. Usatelo water proof, di giorno trasparente e di notte nero. Serata fuori con un rosso leggermente più scuro, sempre e comunque mat. Altro motivo sempre a galla è quello dell’eyeliner, proposto in versione strong. Linee precise incorniciano gli occhi regalando uno sguardo che non può non colpire nel segno; ecco che linee geometri-

87


VG

visioni grafiche


di Luca Salustri

Seat Alhambra

n vista dell’estate del 2010, il Gruppo Volkswagen ha deciso di puntare in modo deciso sulla versione Seat della Sharan, la nuova Alhambra. In linea con la sorella tedesca, rinnovata da poco, questa monovolume spagnola presenta le porte posteriori scorrevoli ed ha una lunghezza di quattro metri e 85 centimetri. I passeggeri che potranno prendere posto a bordo saranno, in base alle versioni, cinque, sei o sette. Oltre alle appena citate caratteristiche, la nuova Alhambra presenta punti in comune

I

questione di cilindri

Tanto spazio a disposizione, stile e consumi ridotti

con la Sharan anche sotto il profilo della gamma dei motori. Si possono, infatti, apprezzare due unità a benzina TSI (1.4 16V da 150 cavalli e 2.0 da 200 cavalli) e due turbodiesel TDI (2.0 da 140 e 170 cavalli). Dalle recenti dichiarazioni degli addetti ai lavori, la 2.0 TDI da 140 cavalli dovrebbe consumare in media 5,5 litri di gasolio ogni 100 chilometri. Per quanto riguarda il profilo estetico, oltre ad un frontale più sportivo, è importante segnalare rivestimenti dei sedili meno ricercati rispetto alle precedenti versioni e

un volante più sportivo. Gli allestimenti disponibili sul mercato saranno due: i cosiddetti Reference e Style. Di serie il sistema stop & start e sette airbag. A richiesta si potrà usufruire del cambio automatico Dsg, il nuovo sistema di ausilio al parcheggio, la telecamera posteriore, il tetto panoramico e l’apertura elettrica delle porte scorrevoli. Le prime immagini, in esclusiva ed in anteprima, sono state rivelate, improvvisamente, lo scorso 19 aprile.

BMW R 1200 RT Un gioiello adatto a lunghi viaggi vissuti con il massimo del comfort a nuova fiamma della BMW sta ottenendo risultati eccellenti. E, d’altronde, bisognava aspettarselo. Oltre all’elevato livello di finitura e all’ottimo assemblaggio, anche per via della lunga lista degli optional che presenta, si può infatti intuire che con la R 1200 RT la casa tedesca ha voluto davvero fare le cose in grande. Attraverso i pulsanti montati sui blocchetti elettrici possono, dunque, essere gestiti l’importante e nuovo impianto stereo, la pressione dei pneumatici (RDC), le sospensioni a controllo elettrico (ESA) ed il sistema di controllo della trazione ASC. Il conducente potrà scegliere l’altezza da terra del piano di seduta, che varia tra gli 820 e gli 840 mm.

L

Dal punto di vista della potenza, la R 1200 RT offre 110 cavalli (81 kw) a 7.500 giri/min. ed una coppia di 115 nm a 6.000 giri/min. Il peso complessivo della motocicletta si attesta sui 259 kg quando è in ordine di marcia e con il pieno di benzina. La capacità di carico notevolmente ampia (si possono far salire fino a tre valigie) permette a questo nuovo modello di affrontare anche lunghi viaggi, sia in coppia che ovviamente in solitudine. Durante i viaggi in autostrada è possibile apprezzare una accurata ricerca aerodinamica applicata alla parte anteriore della carenatura. Degno di nota è il controllo della trazione ASC, che consente di evitare che la ruota posteriore si trascini oltre

modo in caso di eccesso di gas. Qualora il motociclista dovesse sbagliare eccedendo con il gas, oppure lo stesso dovesse valutare male il coefficiente di attrito della strada, perdere il controllo della moto sarebbe comunque molto difficile. Per chi fosse interessato alle impressionanti prestazioni della nuova R 1200 RT, il prezzo base è di 16.500 euro. I concorrenti della categoria Touring sono avvisati. A loro la prossima mossa.

89


visioni grafiche

VG

www.primaverde.it

Piante acquatiche, Bonsai, Vasto assortimento di piante mediterranee, austrialiane e tropicali, Piante da interno, Bulbi e semi anche biologici, Piante grasse, Vasto assortimento di vasi, terrecotte e ceramiche artistiche, Show-Room di Fiori freschi, secchi, artificiali e composizioni artistiche, Concimi e Substrati (COMPO e CIFO), Materiali per l’irrigazione (GARDENA), Attrezzature e macchine da giardino, Fornitura e Montaggio di strutture in legno (pergole, grigliati, ecc...)

ACILIA (10.000 mq di esposizione): Via P. Cocchi, 151 - Tel: 06.523.57231 - Fax: 06.52352865


a cura di Lorenzo Palmieri

La Libreria di Primaverde CAMPSIS RADICANS Sinonimi: Bignonia radicans, Tecoma radicans Origine: America Famiglia: Bignoniaceae Nome comune: Bignonia DESCRIZIONE: è un arbusto rampicante a foglia caduca, vigoroso, molto rustico e ad accrescimento rapido. Si arrampica in virtù delle sue radici avventizie; ha bisogno di sostegno solo nei primi anni di vegetazione. TIPOLOGIA: rampicante. ALTEZZA: può arrivare sino a 10 m. FOGLIAME: caduco; le foglie sono ovate, pennate, verde scuro, lunghe 2,5-10 cm, composte da 7-11 foglioline ovate, dentate. FIORITURA: da luglio a settembre; è costituita da cime apicali di 4-12 fiori esili, tubulari o a trombetta, da arancione a rosso. Di colore giallo per la radicans “Flava”. CLIMA: è una pianta molto rustica che non presenta particolari esigenze climatiche. Sopporta bene le gelate del clima di Roma. ESPOSIZIONE: pieno sole. TERRENO: si adatta a qualsiasi terreno ben drenato. ACQUA: tollera la siccità. CONCIMAZIONI: richiede un terreno moderatamente fertile. AVVERSITÀ: eventuali attacchi di crittogame (oidio) e di fitofagi, cocciniglie farinose e aleurodidi si combattono con prodotti specifici di facile reperibilità. POTATURA: a fine inverno. POSSIBILI IMPIEGHI: questo rampicante ha un notevole valore ornamentale per la bella fioritura. È molto utilizzato, grazie alle sue radici aeree avventizie, per ricoprire rapidamente muri, colonne e pergolati. Coltivato in vaso preferisce contenitori piuttosto grandi.

scheda n. 58


di Valeria Fanelli

viaggi

Vivere lo spirito americano a Una metropoli unica al mondo: cultura, arte, modernità, relax e buona cucina

li Stati Uniti sono diventati ormai una delle mete più gettonate dagli italiani. Il forte valore dell’Euro e la facilità dei collegamenti attirano sempre più turisti in quella che è una delle metropoli a stelle e strisce più famose: Chicago. Elegante, funzionale, multietnica, Chicago è la terza città del Paese per popolazione e tra le 10 più influenti al mondo. Il suo fascino è pulito, lineare, suggestivo. Le strade, in perfetta sintonia con l’immaginario americano, sono geometriche. I grattacieli dominano il centro. Tra tutti spicca la Willis Tower, la torre più alta del mondo fino al 1998, ancora oggi prima negli Stati Uniti. Salire fino in cima può rivelarsi un’esperienza estremamente emozionante. Il panorama è sensazionale ed in alcuni punti si può rimanere sospesi su una pedana trasparente, in modo da vedere l’effetto dei bei 442 metri dall’alto. Passeggiando nel cuore della metropoli, ci si può perdere nel verde del Millennium Park. L’area è attrezzata per concerti, picnic, sport e relax. Inoltre, una grande fontana ammalia turisti e cittadini con i suoi sorprendenti giochi d’acqua. In città c’è anche un magnifico acquario comprensivo di pesce martello, squalo bianco e persino una balenottera. Durante il tour è consigliato, inoltre, lo show in 4D. Proprio vicino a questa struttura sorgono il planetario ed il Field Museum, all’interno del quale si trovano le ossa di Sue, il tirannosauro Rex più grande, più completo e più

G

Chicago

famoso del mondo. Da non perdere assolu- ottimi ristoranti italiani. Il migliore in città tamente anche l’Art Institute of Chicago, è Cibo Matto, in North State Street. Per che, oltre a vantare opere di grandi artisti provare invece un’esperienza locale, da internazionali, ha da poco inaugurato non perdere è la Cheesecake Factory un’ala progettata dal nostro caro architetto dove, oltre alle decine di varietà di cheeRenzo Piano. La via principale per lo shop- secake, bisogna assolutamente assaggiaping è Michigan Avenue, dove tutte le più re le costolette in salsa Barbecue. Per la importanti catene del mondo della moda sera, tantissimi locali per tutti i generi e hanno un negozio o una fashion house. Tra per tutti i gusti. Il più gettonato è sicurai marchi più importanti, i famosissimi Tif- mente il Rockit, con musica rock ed interfany & Co., Victoria’s Secret e Ralph Lauren. nazionale, dove si può cenare, giocare a Moltissimi anche i centri commerciali, come Bloomingdales, Nordstrom e Macy’s. Per quanto riguarda l’arte culinaria, al Come arrivare Alitalia contrario di quanto si possa immacollega Roma direttamente con Chiginare, Chicago non è solo Fast cago: www.alitalia.com. Food. La multiculturalità della Dove dormire Il grattacielo Trump è un città ha permesso lo sviluppo must, anche se parecchio costoso. e la diffusione di moltissime Un’alternativa è il Central Loop Hotel, in 111 West varietà di cucina internazioAdams Street Loop, nel cuore del quartiere storico nale e, ovviamente, anche di e finanziario della città. Dove mangiare La catena più famosa per assaggiare le tipiche ali di pollo è Buffalo Wild Wings, dove si può vivere una vera e propria esperienza culinaria, american way.

biliardo e scatenarsi tutta la notte grazie ad una varietà di bravissimi e preparatissimi dj. Durante l’estate, per sfuggire al caldo afoso della città, si può approfittare del lago e godere di una spiaggia attrezzatissima, pulita e piacevole.

93 WILLIS TOWER


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


salute e benessere

di Valentina Mancini

Il marker genetico del cancro a seno Una spia naturale per prevedere le metastasi e ne parla continuamente, si cercano soluzioni, si finanzia la ricerca per tentare di risolvere quella che è stata definita la piaga del millennio: il cancro. L’ultima news riguarda quello della mammella. La rivista Nature ha pubblicato la scoperta di Hotair, il marcatore genetico in grado di identificare le forme più aggressive di tumore al seno. La ricerca è stata condotta da studiosi dell’Università di Stanford, a capo della quale troviamo Howard Chang, professore associato di dermatologia e membro dello Stanford Cancer Center. Sostiene Chang: “Questo RNA, chiamato Hotair, gioca un ruolo importante per la salute umana”. Hotair è un RNA (lincRNA, large intervening non-coding RNA) che, se espresso in eccesso nel tessuto tumorale, favorisce lo sviluppo di metastasi nelle cellule. La sua soppressione, al contrario, potrebbe contrastare l’espansione del tumore. Ciò significa, in breve, che Hotair, così come altri RNA, può influenzare l’attività dei geni al punto di modificare il DNA. Il team di Chang ha seguito una linea d’analisi rigorosa, effettuando gli studi su donne con tessuti mammari normali, donne con cancro al seno e donne il cui tumore mammario si era diffuso, portando pertanto alla formazione di metastasi. I risultati dimostrano che livelli più alti di Hotair erano presenti nelle persone i cui tessuti avevano sviluppato metastasi; livelli dell’RNA nella norma, o a essa vicini, invece, in coloro il cui cancro non aveva trovato invasività. L’analisi è stata inoltre ripetuta su campioni congelati e conservati al Netherlands Cancer Institute per approdare infine alle medesime conclusioni. Si tratta di una sorta di spia che, tenuta sotto controllo, potrebbe allungare la vita, identificando la possibilità di formazione di metastasi, a circa un terzo delle donne affette da tale patologia. In Italia, quasi una donna su dieci sviluppa il tumore al seno. In totale, 37.000 donne l’anno. In prospettiva, il marcatore genetico potrebbe divenire un target per la terapia e per la diagnosi, quindi per la prevenzione di una malattia che, a oggi, miete troppe vittime.

VG

visioni grafiche

S

95


VG

visioni grafiche


I

zia, dove si può visitare la mostra “Viaggio nel giardino magico”. Qui, lo studio milanese di Alberto Salvati ha trasformato i disegni di bambini dai 4 ai 7 anni in tracce e modelli per il design di mobili e complementi d’arredo. Stropicciando, ingrandendo ed intervenendo pittoricamente sugli schizzi originali. La seconda tendenza, il design per i bambini, è al centro della rassegna “Children Design World”, curata dall’architetto Patrizia Scarzella ed ospitata nella Biblioteca di Santa Maria Incoronata in Corso Garibaldi, dove sono esposti oggetti d’arredo di fama, miniaturizzati per adattarsi al mondo dell’infanzia: un esempio è la sedia “junior” del danese Werner Panteon, per Vitra. Il Salone Satellite è una fiera dai grandi numeri, con un’offerta merceologica davvero ampia, che comprende anche una zona vivace e frizzante. Qui espongono oltre 700 giovani designer in cerca di fortuna; qui c’è l’avanguardia del design che si mette in mostra alla ricerca di un autore, di qualcuno che quei prototipi li faccia diventare prodotti e li faccia entrare negli showroom e nelle case. A fare da ponte tra questi giovani designer e le aziende, un comitato di selezione che ha scelto i progetti che saranno esposti nei padiglioni 22-24. Marva Griffin, curatore del SaloneSatellite e volto della manifesta-

Fuorisalone e SaloneSatellite: due esposizioni si occupano dei bambini con un design pensato da loro e per loro

PIEZO SHOWER

l Salone internazionale del mobile di Milano è una grande festa per molti, in particolare per gli organizzatori e gli espositori; una settimana infernale per altri, soprattutto per gli addetti ai lavori e per i cittadini milanesi. L’evento degli eventi è giunto lo scorso mese alla 49esima edizione, attirando visitatori da tutto il mondo con un ricco “palinsesto” fatto di cultura, divertimento e design. Forte del successo dell’edizione 2009 313.385 visitatori tra operatori, pubblico e stampa - Milano, durante la bollente settimana che è andata dal 14 al 19 aprile, si è dunque trasformata in un palcoscenico che molti hanno voluto calcare: circa 2.500 espositori su una superficie di 200.000 metri quadrati nel quartiere fieristico di Rho. Le seduzioni del design generano una babele di opportunità che, a Milano, fanno da controcanto alla fiera. La kermesse è animata, ad esempio, da una costellazione di iniziative che rientrano nel cosiddetto Fuorisalone, evento collaterale del Salone, modaiolo, alternativo, tappa ormai quasi obbligata anche per le aziende presenti in Fiera, che si svolge tra il più elegante centro milanese e l’area più “indie” di via Tortona. Occasioni che, a volte, con il design, hanno poco a che fare. Proprio dal Fuorisalone emergono due nuove tendenze: il design con i bambini ed il design per i bambini. I risultati della prima tendenza sono esposti nelle sale del Casello Ovest di Porta Vene-

zione, spiega: “Per questa edizione ai partecipanti abbiamo chiesto uno sforzo in più: presentare, oltre ai loro prototipi, uno o più progetti per Eurocucina e per il Salone internazionale del bagno. Qualcuno ha rifiutato l’invito. Molti hanno accettato con entusiasmo”. Tra tutti i progetti presentati per cucina e bagno, tre sono premiati con uno stage presso un’azienda e un servizio di consulenza e ufficio stampa. La vincitrice si chiama Nao Tamura dello studio Nownao degli Usa per “Seasons”: grandi foglie colorate che fungono da piatto per servire i cibi con originalità. E, quando non servono più, si riavvolgono per essere riposti in poco spazio. Al secondo posto, un gruppo francese composto da Sebastian Jansson, Fernanda Piza, Victor Stelmasuk e Natalie Weinmann dello studio Jansson/Sandelin. Il loro progetto, “Piezo shower”, è una doccia autoriscaldante basata sul recente sviluppo delle nanotecnologie. Infine, Gabriele Meldaikyte, lituano, già vincitore del SaloneSatellite Moscow 2009: il suo progetto è un kit da cucina pensato per i disabili, precisamente un’attrezzatura da cucina per utilizzo con una mano, a sette configurazioni, adatta anche per i mancini. SEASONS

arredamento di Simona Bottoni

Il mondo del mobile a Milano

97


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio trasparente el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la produzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamento Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

99


VG

visioni grafiche


a cura del Dott. ANTONIO SEMENTILLI Chimico iscritto all’Ordine N. 1835 per Lazio, Unbria, Abruzzo e Molise e della Dott.ssa Schiano Moriello Viviana - BIOLOGA NUTRIZIONISTA

L’importanza della Nutrizione Dieta & Salute ’alimentazione è il più importante modo per ricavare energia “vitale” e per mantenerci in buona salute. Ognuno ha un’idea diversa sul concetto di nutrizione. Alcuni mangiano semplicemente per scacciare la fame, e molti invece sostengono che il cibo è un elemento che dà una piacevole sensazione di soddisfazione. Se l’assunzione di cibo diventa prevalentemente emotiva si possono innescare disturbi del comportamento alimentare e favorire il sovrappeso. Cattive abitudini alimentari inducono il rischio di sviluppare patologie diverse, quali a titolo esemplificativo obesità, malattie cardiovascolari, diabete. La dieta Mediterranea è il modello alimentare che comporta l’assunzione di alimenti benefici (cereali, legumi, verdure, frutta, olio di oliva, pesce) e che gratificano il palato. L’obiettivo di tutti dovrebbe quindi essere una dieta equilibrata, consumando quotidianamente cibi diversi, aumentando alimenti ricchi di fibra, introdurre nella dieta quotidianamente ortaggi, frutta, ridurre l’assunzione di grassi animali e prediligere i grassi vegetali, ridurre il consumo di dolci, ridurre il consumo eccessivo di bevande alcoliche, aumentare il consumo di pesce e carni bianche. Da non dimenticare è l’assunzione giornaliera di 2 litri di acqua e l’attività sportiva. Tutto ciò per ottenere più benessere e più salute, senza tuttavia eliminare il piacere della buona tavola. Se però abbiamo qualche chilo di troppo dobbiamo cambiare il nostro stile di vita, e seguire una dieta personale prescritta da un esperto in nutrizione che allontani lo spettro di diete restrittive che indu-

L

cono a squilibri nutritivi. Sappiamo infatti che esistono numerose diete “miracolose” che fanno perdere rapidamente i chili di troppo, ma l’eccessiva diminuzione di calorie può causare danni al fisico anche gravi (disfunzioni ormonali), e molto spesso, in breve tempo si riacquista il peso perso tanto faticosamente. Il Nutrizionista sceglie il modello dietetico più appropriato valutando attentamente diversi fattori quali lo stato di salute, il tipo e la durata dell’attività fisica, il tipo di lavoro svolto, l’età dell’individuo ed il metabolismo basale,il sesso e non ultimi gli integratori assunti. Importante è anche la valutazione della composizione corporea, per conoscere la massa grassa, la massa magra e la quantità di acqua nel corpo. Attualmente è possibile determinarla in modo rapido tramite una tecnica innovativa “non invasiva” la “Bioimpedenziometria”. Con tutte le informazioni raccolte il Nutrizionista modifica le sviste che commettiamo involontariamente ogni giorno e contribuisce a migliorare il rapporto con il cibo, sottolineando l’importanza dell’abbinamento dei cibi, per migliorare lo stile di vita e la salute individuale.

30%

Il presente Coupon da diritto ad uno sconto all’accettazione per una visita del nutrizionale completa con Impedenziometria. Se possiedi la CRS Gold Card il tuo sconto arriva al

50%

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682551

101


di Valentina Mancini

salute e benessere

Preparate gli zaini, è l’ora del fitness Tante le novità in palestra per riprendere l’attività fisica con nuovo slancio giunto il fatidico momento. Quello in cui si guarda la propria immagine riflessa e si capisce di aver esagerato con leccornie e pigrizia. Dieta e shopping non sempre bastano a ridare energia e beltade, così come massaggi, lampade e rimedi naturali. Certo, tutto fa brodo. Ma ad alimentazione sana e nuovo look è necessario abbinare un po’ di dolente attività fisica. La palestra è a due passi da casa; e la voglia su un altro pianeta. Forse perché ci si stanca di fare sempre le solite cose: attrezzi, tapis roulant, cyclette e step. Persino il pilates, novità che destò,

È

TRX SUSPENSION

illo tempore, curiosità e nuovo slancio emotivo, è finito nel fondo dell’armadio insieme a felpe e scarpe da gym. Ma il tempo di tali improbe scuse è terminato. I centri fitness si sono rinnovati, tra panettoni e serate cinema e pop corn. Le novità, al solito, arrivano dalla nazione a stelle e strisce e dai paesi dell’est asiatico, sempre dediti alla riscoperta di tradizioni che fondano benessere mentale e fisico, con buona riuscita per l’estetica che più preme a noi occidentalizzati. Vediamole subito. ANTIGRAVITY YOGA, un Al primo posto l’A mix di pilates, ginnastica ritmica e yoga che prevede una serie di movimenti in sospensione, su un’amaca sollevata da terra; i benefici riguardano la colonna vertebrale e il drenaggio. Direttamente dagli Stati Uniti arriva invece il BOOT CAMP, disciplina presa in prestito dai campi di addestramento militare. Gli esercizi, da

ANTIGRAVITY YOGA

fare in coppia o in squadra, migliorano velocità, muscolatura e resistenza. Ma non è finita qui. C’è anche il NIA, ovvero Neuromuscolar Integrativ e Action, un melting pot in cui si fondono la concentrazione del tai chi, danza moderna e jazz, lo yoga e, infine, le arti marziali, specificamente tae kwon do e aikido. Si contano 52 posizioni base che migliorano corpo, donandogli più forza e agilità, mente e spirito. Musica e kettlebell per il KB FIT, allenamento che attraverso un particolare strumento, appunto il kettlebell, aumenta metabolismo e tono muscolare, puntando sull’attività cardiovascolare, sui pesi e la coordinazione. La disciplina del DAINAMI è utile a rafforzare la colonna vertebrale, e a rendere elastica e tonica la muscolatura. Due i metodi utilizzati: corpo libero con attrezzi e gravity. Versione rivisitata dell’altalena, lo strumento per praticare il TRX SUSPENSION TRAINING è costituito da due fasce di tessuto al fondo delle quali ci sono due maniglie o una barra in grado di sostenere il corpo allenandolo con lo sfruttamento della forza di gravità. Equilibrio, coordinazione, stabilità i principali punti d’approdo dell’allenamento. Salute, prosperità e lunga

vita non è lo spot di un praticante di magia ma il nome di tre divinità, tradotto dal cinese - FUK LUX SAU - designante l’omonima attività fitness che incorpora bellezza e terapia. La promessa: risultati efficaci in breve tempo. Ancora, infine, ACQUA KICK BOXING, variante in apnea l’A della già nota disciplina, utile al dimagrimento e alla tonificazione. Questi e altri i modi per sudare in compagnia e regalarsi un po’ di benessere fisico e sfogo psichico. Per saperne di più, ricordiamo l’appuntamento, dal 13 al 16 maggio, alla Fiera Rimini Wellness. Un appuntamento cui amanti del benessere e aspiranti tali non possono mancare.

KETTLEBELL

103


di Federica Gramegna

salute e benessere

Ahi, le voglie… La maternità porta con sé strani desideri alimentari. Il consumismo fa tutto il resto

di Valentina Mancini

salute e benessere

Allergie in vista! Primavera: fiorita, poetica, romantica... soprattutto fiorita tagione delle temperature miti, la Primavera, della brezza leggera, dei sensi in tumulto. Il profumo dei boccioli permea l’aria di sensazioni felici. Qualcuno si innamora, qualcun altro si ammala. Già, perché molti, in Italia, sono i casi di allergie da fieno e pollinosi. Recenti studi rilevano un progressivo aumento degli individui affetti da ipersensibilità al polline, soprattutto tra i bambini. Causa principale delle reazioni allergiche è la predisposizione di tipo ereditario: nel caso in cui entrambi i genitori siano allergici, la probabilità che il bambino presenti la stessa patologia raggiunge il 60%. L’OMS parla di vere e proprie epidemie. I cosiddetti soggetti allergici soffrono di rinite, congiuntivite e asma. Altro che periodo “rose e fiori”! Coloro che hanno a che vedere con tali fastidi presentano una sensibilità al polline superiore alla soglia di tolleranza dell’organismo, equivalente a 10-20 grani di polline per metro cubo d’aria. Per avere un’idea più chiara, facciamo riferimento al fatto che in Primavera, in particolare nel mese di Maggio, si raccolgono tra i 100 e i 500 grani di Graminacea. La tribolazione viene poi acuita o scatenata da fattori collaterali: inquinamento atmosferico, aria condizionata, fumo di sigaretta. I disturbi legati agli occhi si manifestano con eccessiva lacrimazione, prurito, arrossamento e fastidio al contatto visivo con una sorgente luminosa. I disturbi legati all’apparato respiratorio sono riconducibili al broncospasmo, starnuti e tosse, con il rischio di sfociare in crisi asmatiche. Per stabilire quale polline sia causa dell’allergia, esistono diversi test in circolazione, da quelli cutanei, all’analisi delle abitudini e degli stili di vita del paziente. Una ricerca più accurata si esegue individuando le immunoglobuline E (IgE) nel sangue. Limitare i danni si può, attraverso qualche accorgimento: tenere le finestre chiuse, utilizzare filtri dell’aria, evitare gli ambienti con sistema di condizionamento.

S

104

ioccolato, fragole, dolci… Le “voglie” delle mamme in attesa sono un fenomeno noto a tutte le donne e al quale le nostre nonne hanno indicato, come sano rimedio, quello di un sano abbandono, altrimenti il bimbo in arrivo nascerà con una macchia sulla pelle. Al di là di delle leggende metropolitane, restano alcuni dati di fatto: le voglie contagiano tre donne in dolce attesa su quattro e spesso i desideri riguardano mescolanze di sapori piuttosto “originali”. Infatti, accanto a prelibatezze “classiche” come frutta, dolci e patatine fritte, le future mamme si sentono attratte da gusti insoliti, come tonno e banane o, addirittura, il sapone da bucato e il dentifricio. Secondo uno studio condotto attraverso il sito dedicato alle gestanti e ai neonati www.gurgle.com, sembra che tre quarti delle donne in gravidanza oggi sperimenti una voglia, contro una percentuale che

C

cinquant’anni fa non superava il 30%. La ricerca, condotta sulle voglie di 2.231 gestanti britanniche, rivela che in un terzo circa dei casi (31% circa) la voglia non riguarda un particolare cibo, ma oggetti come ghiaccio (22%), carbone (17%), dentifricio (9%), spugne (8%), sapone da bucato (5%) e addirittura gomma da cancellare (1%). Il sapore prelibato è comunque il classico cioccolato, seguito dal gelato e dalle caramelle. I momenti in cui le voglie si fanno più frequenti sono il pomeriggio (40%) e la sera (38%), mentre l’8% delle donne in attesa si sveglia per uno spuntino notturno. Le voglie sarebbero diventate più comuni per la maggiore disponibilità di cibi e snack rispetto al passato, visto che oggi si possono soddisfare i desideri alimentari non appena si presentano. Mentre la voglia di dentifricio o sapone dipenderebbe più dall’odore e dalla consistenza di questi oggetti che dal loro sapore. Non c’è la necessità di sopperire a una carenza nutrizionale e il consiglio per le donne che si sentono attratte da oggetti troppo dissimili dai comuni alimenti è quello di usare il buon senso e consigliarsi con l’ostetrica o con il ginecologo, mentre si può cedere agli impulsi che riguardano cibi anche dal sapore forte, sempre che questo non comporti l’allontanamento da una dieta sana.


di Valentina Mancini

salute e benessere

Tintarella di luna o pelle da pantera? e dive sfuggono il sole per mantenere una pelle lattea. Così le modelle, che sfilano eteree dal colorito bianco candore. Che l’abbronzatura sia passata di moda? Difficile dirlo, ciò che è certo è che in alcuni casi viene addirittura definita volgare. Eppure un colorito dorato maschera imperfezioni e difetti, rende i corpi luminosi e i visi solari. Se si usa cautela nell’esporsi al sole. Più che di moda, il discorso si sposta quindi sul fattore salute. L’inquinamento ha rarefatto la barriera dell’ozono, i raggi solari risultano più nocivi perché non filtrati, diretti. È ciò che i nostri saggi nonni in parole povere esprimono con frasi quali “il sole è cattivo, non è più quello di una volta”. Dalle ricerche scientifiche emerge un collegamento ineludibile tra l’esposizione senza protezione, la cosiddetta abbronzatura selvaggia, e il profilarsi di malattie tumorali della pelle. I rischi di sviluppare un cancro sono solo la peggiore ipotesi tra i vari problemi che comporta il sole se non si utilizzano protezioni adeguate al proprio tipo di carnagione. Le radiazioni che esso emana si distinguono in raggi infrarossi e raggi ultravioletti, a loro volta classificati in UVA, UVB, UVC. Gli infrarossi, nonostante alcune qualità indiscutibili, come la stimolazione di vitamina D e la distruzione di batteri nocivi, sono pericolosi per chi soffre di pressione alta, fragilità di capillari e vene varicose, in quanto provocano l’allargamento dei vasi sanguigni. I raggi ultravioletti determinano l’insorgere della barriera di melanina: l’abbronzatura, che altro non è se non una protezione per il derma proprio dai raggi solari. Di contro, gli UVA penetrano la pelle in profondità, che conseguenzialmente perde di tono e vede il formarsi di rughe; gli UVB possono provocare eritemi e ustioni; gli UVC, infine, considerati un tempo trascurabili, sono

L

oggi ritenuti pericolosi a causa del buco dell’ozono. La prima precauzione da prendere è quella di non esporsi ai raggi nelle ore centrali del giorno, quando scendono perpendicolari. Per capire la potenza delle radiazioni basti pensare che all’equatore, l’uomo, per adattarsi e sopportare il sole, ha cambiato il colore della propria pelle, nel corso dell’evoluzione, da bianca a nera. La crema protettiva è d’obbligo, sempre. Il fattore di protezione, grazie a una direttiva dell’Unione Europea, è visibile su ogni flacone a norma. Esso va scelto considerando il proprio fototipo. La classificazione prevede 6 fototipi: 1) pelle chiarissima, capelli biondi o rossi, efelidi e occhi chiari; 2) pelle chiara, capelli biondi, occhi chiari; 3) pelle pallida, capelli e occhi castani; 4) pelle olivastra, capelli e occhi scuri; 5) pelle, capelli e occhi scuri; 6) pelle nera. Ovviamente, il grado di protezione diminuisce proporzionalmente all’aumentare del fototipo e al trascorrere dei tempi di esposizione. La crema deve essere applicata mezz’ora prima di prendere la tintarella, e rinnovata ogni ora; nel caso di bagni frequenti, si consiglia di utilizzare un prodotto waterproof. Per mantenere la pelle idratata è bene bere molta acqua e mangiare frutta e verdure fresche, alleate dell’abbronzatura sana. Infine, risciacquarsi sempre e abbondantemente con acqua dolce e applicare un latte doposole su tutto il corpo.

Al sole sì, con qualche accorgimento per rimanere belle, giovani e senza macchia

105


VG

visioni grafiche


I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

Valutazione posturologica a valutazione posturologica si avvale di esami clinici che devono essere eseguiti e integrati in equipe dal fisioterapista specializzato in rieducazione posturale e dal medico fisiatra. Il primo passo è costituito da una visita completa per la valutazione di eventuali problematiche legate ad un alterato assetto posturale che potrebbero innescare dolorabilità a carico delle varie articolazioni (anca, ginocchio, caviglia, colonna). Successivamente si può integrare l’esame clinico con la valutazione della distribuzione dei carichi dell’organismo. Questo esame è suddiviso in “esame posturografico ed esame stabilometrico statico e dinamico” che è di competenza del medico fisiatra. Con l’esame posturografico si possono valutare alcune patologie mediche che si manifestano con disturbi dell’equilibrio come patologie neurologiche o legate a disfunzioni a carico dei canali semicircolari dell’orecchio. Con l’esame stabilometrico statico e dinamico si valutano: lo spostamento della proiezione a terra del baricentro corporeo, la rotazione del corpo in senso orario o antiorario, il cavismo o il piattismo del piede, il cedimento della volta plantare durante l’atto del cammino e l’instabilità del piede durante il movimento di esecuzione del passo. Questo esame è possibile grazie all’uso di una pedana su cui cammina il soggetto. Questa è collegata ad un computer che, grazie ad un programma specifico, elabora tutti i dati rilevati. Grazie a questo esame si andrà a completare una valutazione posturologica che permetterà di progettare un programma riabilitativo specifico per ogni paziente. Centro Fisioterapico FISIOTER

scienze

di Gaetano Gaggiottino

Alimentazione cavernicola Solo carne e verdura per ispirarsi allo stile di vita di Neanderthal: è l’ultima “moda” che viene da New York in fatto di alimentazione. Il concetto è semplice: nutrirsi degli stessi cibi che mangiavano gli uomini delle caverne, quindi consumare carne preferibilmente cruda, pesce e verdure. Nessun cibo deve essere trasformato. Mangiare anche un chilo di carne in un giorno e poi digiunare almeno per 36 ore, quindi saltare e correre preferibilmente a torso nudo e in pantaloncini anche alle temperature più rigide. In sostanza si assumono quegli alimenti che si potevano trovare in natura all’epoca delle caverne, prima dello sviluppo delle tecniche agricole, come prodotti di selvaggina varia. La dieta cavernicola “tipo” comprende insetti, uova, rettili, crostacei, vermi e vegetali quali radici, bulbi, semi e noci. Insomma, tornare all’uomo delle caverne, sempre pronto a cacciare e sfuggire alle belve. Il punto è che quell’uomo aveva un’età media di meno di 25 anni.

Evoluzione: lenta e senza pause Gli organismi continuano ad evolversi per adattarsi sempre alle nuove condizioni ambientali, adattamento che, in linea con le leggi di Darwin, ha come fine ultimo la sopravvivenza. Alcuni ricercatori hanno scoperto che in Africa negli ultimi 10.000 anni si sono verificate ben 25 nuove mutazioni. Rispetto all’uomo, si è scoperto che il cranio è più sottile in quanto non deve più proteggersi costantemente da colpi accidentali. Ma non è finita qui. Anche la pelle sta mutando: è meno scura e meno coperta di peli perché con la diffusione dei vestiti i pigmenti danno una minore protezione ai raggi UV e perché non deve più combattere il freddo. Il cambiamento più visibile spetta infine alle mascelle: nei soli ultimi 20 anni, grazie all’evoluzione dell’alimentazione, si sono notevolmente ridotte portando alla scomparsa dei denti del giudizio.

NUOVA

L

SEDE

107


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


Indicazioni e controindicazioni dell’osteopatia ccoci al nostro 2° appuntamento, pronta a rispondere ad alcune delle Vostre numerose domande. Mi è stato chiesto: Quali sono le indicazioni e controindicazioni dell’osteopatia? Ci sono Indicazioni meccaniche, dove largo impiego è dato a: • Colonna vertebrale: dolori e disfunzioni, con o senza irradiazioni, tipo: sciatiche, cruralgie, lombalgie, lombo-sciatalgie, nevralgie intercostali, dorsalgie, cervicalgie, nevralgie cervico-brachiali, torcicollo, ecc. • Arti: dolori e disfunzioni di tutte le articolazioni, come distorsioni, tendiniti, blocchi, “reumatismi” ecc. • Cranio: dolori e disfunzioni come: mal di testa, emicranie, certe affezioni di carattere ortodontico e della mascella, nevralgie facciali, alcuni problemi degli occhi, sinusiti, le affezioni craniche dei bambini piccoli legate al parto, ecc. • Visceri: I visceri, come tutti gli organi del nostro corpo, si muovono e dunque possono “bloccarsi”. I loro movimenti dipendono da loro stessi e dalle strutture muscolari e membranose adiacenti. Quando una lampadina elettrica non si accende, il problema può trovarsi nell’interruttore (la colonna vertebrale) oppure nella lampadina stessa (i visceri), così, problemi quali coliche epatiche, cattiva funzionalità della colecisti, gastrite, colite, diarrea, stipsi, cistite, certe forme di sterilità così come i problemi legati al ciclo mestruale possono trovare rimedio nell’osteopatia. Le controindicazioni: Il limite dell’osteopatia si ha quando la malattia ha raggiunto uno stadio tale per cui provoca gravi lesioni anatomiche. In questo caso si è arrivati ad un punto di “non ritorno” ed il trattamento osteopatico risulta inefficace.

E

Studio Infernetto: Cell. 368.900426

salute e benessere

a cura di Eleonora Bassi Fisioterapista - Osteopata D.O.

Patologia della ghiandola di Bartolino

e ghiandole di Bartolino sono due ghiandole, una per lato, situate all’interno della plica tra il grande ed il piccolo labbro vaginale, ricoperte dalla cute e da uno strato muscolare, che producono un secreto denso e vischioso che serve a favorire la lubrificazione vaginale durante il rapporto sessuale. In condizioni normali non sono né visibili né palpabili, ma crescono dopo la pubertà e si atrofizzano con la menopausa. In alcune donne, per la presenza di piccoli detriti o germi, o a seguito di piccoli traumatismi, il dotto escretore della ghiandola può occludersi. La ghiandola però continua a produrre il suo secreto che, non potendosi riversare all’esterno, si accumula all’interno della ghiandola stessa che di conseguenza si gonfia: in questi casi si parla di “cisti della ghiandola di Bartolino”. Il più delle volte la cisti è asintomatica e viene scoperta casualmente dalla donna stessa durante le procedure di igiene intima o dal ginecologo durante una visita. Si manifesta come una piccola tumefazione a livello della parte inferiore della plica tra le labbra vaginali, di consistenza teso-elastica, mobile di dimensioni variabili da una nocciola a una piccola prugna. Nel caso in cui siano presenti dei germi questi possono colonizzare la cisti infettandola. In questi casi si parla di “ascesso della ghiandola di Bartolino” e la sintomatologia si rende evidente con la comparsa di arrossamento, gonfiore ed aumento della temperatura della zona, dolore anche molto forte ed improvviso tale da ostacolare la deambulazione e le più banali attività quotidiane. Può essere presente anche febbre. Il trattamento dell’ascesso può iniziare con impacchi caldo-umidi insieme a sostanze disinfettanti da ripetersi più volte al giorno in modo da favorirne la maturazione ed eventualmente l’apertura spontanea con la fuoriuscita del pus accumulatosi all’interno cui segue l’immediato sollievo del dolore. Va associata una terapia antibiotica locale e per bocca ed una terapia antinfiammatoria per bocca. Nel caso in cui il trattamento medico non sia sufficiente, si può procedere ad un’incisione chirurgica dell’ascesso per drenarlo o, qualora l’infiammazione si fosse cronicizzata, all’asportazione completa della ghiandola.

L

a cura della Dott.ssa Jessica Melluso

i consigli dell’osteopata

109


salute e benessere

a cura di Paola Sgrò

Attraverso la ritualità e le emozioni utti i trattamenti sono stati ideati in modo da regalare emozioni uniche ed esclusive. Attenzioni particolari, gestualità e accessori esclusivi rendono ogni trattamento un vero e proprio rituale di bellezza e benessere. Attraverso i 5 approcci è quindi possibile rispondere ai diversi inestetismi legati al viso e al corpo. Nel rispetto e nella soddisfazione della sfera emozionale del cliente.

T

RITUALI POLISENSORIALI Rituali di trattamento per il corpo e per il viso caratterizzati dall’utilizzo esclusivo e coinvolgente di cromoterapia, immagini, profumi, musiche rilassanti, salviette calde e morbidi pennelli che accarezzano la pelle. Tutto finalizzato alla coccola e al coinvolgimento totale dei sensi.

VG

RITUALI AROMATERAPICI Un coinvolgimento totale attraverso l’utilizzo calibrato degli oli essenziali e piacevoli massaggi aromatici, inebrianti immersioni aromatiche per il corpo e per il viso avvolgono i sensi in un delicato abbraccio di fragranze e profumi.

visioni grafiche

RITUALI DI MASSAGGIO Esperienze rituali esclusive per un profondo momento di contatto: per il corpo manualità avvolgenti, fagottini di riso, preziosi pennelli di seta per trattare i principali inestetismi. Per il viso la sinergia di pietre vulcaniche e gestualità esclusive per ridare tono e vigore ai tessuti.

RITUALI SPA Trattamenti di ispirazione talassoterapica e termale per ridare leggerezza alla silhouette e splendore al viso e regalare nuove sensazioni attraverso i massaggi stimolanti con le conchiglie, la delicata esfoliazione con la Loofah. Gli impacchi con le salviette calde. Il massaggio cervicale decontratturante con i sacchetti di sabbia tiepidi. RITUALI TECNOLOGICI Tecnologie innovative ed altamente efficaci per il corpo e per il viso integrate a momenti rituali di coccola. Come il massaggio a mani e piedi, l’offerta della tisana... per trattare in modo mirato e piacevolmente rituale i principali inestetismi.

111


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

APPROCCIO ORIENTATO ALLA RAZZA:

Si può guarire anche dal tumore... Due casi di Mastocitoma e due di Carcinoma

N

egli ultimi anni i nostri amici a quattro zampe vivono sempre più a lungo, vuoi per una maggiore attenzione alla prevenzione delle malattie, vuoi per un’alimentazione più corretta e adeguata alle varie fasi della crescita; sicuramente grazie al sempre maggiore successo della Medicina Veterinaria nella cura degli stati 2 patologici. Non è raro infatti

alcuni tumori sono decisamente maligni e al giorno d’oggi non sono curabili a lungo termine, è pure vero che per molti altri, la chirurgia radicale associata alla Chemioterapia e/o alla Radioterapia, ha fornito degli ottimi risultati.

to circostante, senza l’amputazione dell’arto: i margini di escissione risultano liberi da cellule tumorali e sta bene. Il Carcinoma SquamoCellulare è un tumore maligno, dalla notevole invasività locale ma dalla

In questa occasione vorrei lanciare un messaggio di speranza e una ventata di ottimismo, raccontandovi la storia a lieto fine di alcuni nostri amici a quattro zampe.

scarsa tendenza a dare metastasi; è uno dei tumori cutanei più frequenti nella specie felina nella quale si riscontra prevalentemente a carico della testa. Nella patogenesi di questo tumore è stato accertato il ruolo fondamentale dei raggi ultravioletti, infatti vi è una predisposizione nei gatti a mantello bianco o chiaro, per i quali si

3

1

1 MASTOCITOMA CUTANEO DI ROCKY 2 ESCISSIONE MASTOCITOMA 3 RICOSTRUZIONE E SUTURA FINALE

avere tra i nostri pazienti geriatrici, cani di taglia piccola di 19-20 anni, di taglia grande che arrivano a 16-17 anni e gatti addirittura di 23 anni di età! Se questa è senz’altro una bella notizia, il rovescio della medaglia è dato dal sempre maggior sviluppo di malattie neoplastiche che, come nell’essere umano, vengono diagnosticate più spesso in età avanzata. Non è ancora chiaro se questo aumento di frequenza sia anche il risultato dell’esposizione ad SUGAR alcuni fattori ambientali oppure no. Il Cancro rappresenta la prima causa di morte dei CONCHECTOMIA cani e dei gatti geriatrici e PER MASTOCITOMA

recentemente si è osservato un crescendo in senso assoluto dei malati nella popolazione animale. È anche vero che in Oncologia Veterinaria sono stati fatti enormi progressi e il paziente neoplastico, se adeguatamente trattato, non presenta inevitabilmente una prognosi sfavorevole. Se è vero infatti che

Il nostro approccio orientato alla razza, ci fornisce ancora una volta lo spunto per parlare di una determinata malattia, più frequentemente diagnosticata in un animale piuttosto che negli altri. Il Mastocitoma per esempio, che è uno dei tumori più frequenti e rappresenta circa un quarto di tutti i tumori cutanei maligni, ha una forte predilezione per i cani di razza brachicefala. La causa non si conosce, anche se si pensa possa essere di natura virale. In generale, è un tumore che trattato chirurgicamente in modo corretto, ha una prognosi ottima. SUGAR è un bellissimo meticcio di boxer e pit-bull al quale è stato diagnosticato il Mastocitoma tre anni fa. Per guarire ha dovuto subire l’amputazione del padiglione auricolare destro e come si vede da una foto recente, gode di ottima salute, anche se ha un profilo molto particolare. Un altro cagnolino che aveva un mastocitoma di II grado sulla coscia, è ROCKY: lui ha subito un intervento di asportazione radicale della massa tumorale e del tessu-

sconsiglia l’esposizione prolungata al sole; all’inizio si presenta sotto forma di Dermatite attinica fotosensibile e poi si trasforma in Carcinoma. In tutti i casi in cui la chirurgia sia effettuabile, l’escissione in toto è la terapia di scelta. Questo è il caso di TOMMY, un bel TOMMY gatto bianco che ha subito l’asportazione di entrambi i padiglioni auricolari (conchectomia): ha un aspetto insolito ma è guarito del tutto. Anche l’asportazione totale del tartufo (nosectomia), è generalmente ben tollerata nel gatto e può essere risolutiva.

SOPRA: CONCHECTOMIA BILATERALE PER CARCINOMA SOTTO: NOSECTOMIA PER CARCINOMA

In ogni caso, l’intervento va affrontato prima che insorgano eventuali metastasi ai linfonodi regionali o ai polmoni e quando le lesioni sono ancora superficiali e di piccole dimensioni: per questo motivo è indispensabile, ancora una volta, fare una diagnosi precoce.

A M B U L ATO R I O V E T E R I N A R I O

Dott. STEFANO GIAMMETTI Via Ferdinando Acton, 94/98 Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884 dal Lun. al Ven. 8.30 - 19.30 Sabato 9.30 - 17.30 Emergenze 320.5715565 CHIRURGIA GENERALE - ORTOPEDIA ODONTOSTOMATOLOGIA OFTALMOLOGIA - ANALISI CLINICHE ECOGRAFIE - RADIOGRAFIE DAY-HOSPITAL - EMERGENZE 24H


di Lucia Bianco

budget e ricette

Un primo di Sardegna arissimi, anche questa volta attingo dalle ricette sarde. I ravioli che vi propongo erano il piatto preferito di mio padre, quindi apparivano spesso sulla tavola domenicale ed erano una buona consuetudine della mia famiglia. Vi chiedo di cucinarli, di assaggiarli e di farmi sapere. Ho deciso che da questo mese inizierò anch’io ad ascoltare le vostre proposte. Mandatemi dunque le vostre ricette e i vostri suggerimenti, li pubblicherò mettendo in evidenza il nome di chi me le propone nei prossimi numeri di 13 Magazine. Il mio indirizzo di posta elettronica è:

C

luciabianco@hotmail.it

Ravioli sardi di mamma Maria PREPARAZIONE FINALE PREPARAZIONE DELLA PASTA Setacciate e disponete la farina a fonta- Riprendiamo l’impasto per la pasta; na sul piano di lavoro, poi formate un dopo il riposo, la pasta fresca risulterà incavo nel centro e aggiungete acqua a più morbida ed elastica: preparatevi poco a poco usando la forchetta, in quindi a stenderla. modo che non cada ai lati. La pasta si A questo punto avete due opzioni: usare lavora fino a quando la farina non assor- il classico mattarello o usare la macchibe nella maniera dovuta l’acqua. È netta che vi aiuterà a tirare una sfoglia necessario impastare con le mani dall’e- fine al punto giusto. sterno verso l’interno, fino a quando la Mettete la striscia di sfoglia tesa sul consistenza della pasta non si appiccica tavolo, fate dei mucchietti a più alle dita ed è morbida. Nel distanza di 3/4 cm caso l’impasto non dovesse nella parte inferioINGREDIENTI raccogliere completamente re della striscia, • Per la pasta: 500 gr di farila farina o risultasse legquindi piegate na di semola e acqua quanto germente duro, aggiunla striscia di basta. gete uno o due cucchiai • Per il ripieno: 500 gr di ricotta di di acqua tiepida e contipecora, 2 rossi d’uovo, una bustina nuate a impastare fino a di zafferano, la buccia grattugiaquando non risulterà ta di due arance, prezzemoliscio e compatto. Avvollo a piacere. gete dunque la pasta otte-

pasta a coprire il ripieno (se la pasta si è asciugata bagnate delicatamente i bordi con un velo di acqua). Giunti a tal punto, schiacciate con le dita il contorno per togliere la maggior parte dell’aria e con una rotella o con un coltello tagliate per separare i quadrotti. Per essere certe che i tortelli siano ben sigillati, premete con i rebbi della forchetta il contorno dei ravioli. Il condimento può ovviamente essere scelto a piacere. Il mio consiglio è di accompagnare i ravioli ad un sughetto leggero di pomodori freschi e aggiungervi due foglie di basilico. Buon appetito!

nuta nella pellicola trasparente e lasciatela riposare per circa 1 ora in un luogo fresco e asciutto. PREPARAZIONE DEL RIPIENO Mescolate tutti gli ingredienti per il ripieno in una ciotola. In via propedeutica, sarebbe bene passare la ricotta attraverso un colino schiacciandola con un cucchiaio, questa operazione serve per evitare i grumi.

115


VIA

CENTRO GIANO

SPINACETO 15 10

RO INDA VIA P

DI

CA

SAL

V.BAZZINI V I A W OL

2

L O T TI

F FERRA RI

OCCO VIA U. GIORDANO

5

VIA CANALE DELLA LING UA

NO

19

VIA A.

INFERNETTO

PAL

CASAL PALOCCO

RAGON CELLO

L

22

SAN

A S TEL

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

VIA D P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

DIO AU CL

SCHE

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

VIA C. COLOMBO

FU

OSTIA PONENTE V. MARINA

V. BE Z Z

L

V. AZZORRE

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA 1

TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

GIUGNO

VIA C. ZUGNA

VIA DE

LLA SC

AFA

A VIA DELLA SCAF

CA

V I A DI C

21

ORI EI PESCAT

VIA R EDIP UGLIA

VIA PO

DI

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

EMENTIN

A

MICINA F O CE

VIA DI

P. T E 2

VIA

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE

V.

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

SSO D

V.

E .D

V.PRASSILLA

SAPONA RA

VIA CRISTOFORO COLOMBO

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

R A TO VIA DI P

ACCHIA

LOCCO VIA DI M. PA

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

AXA

MADONNETTA

VIA FO

9

26

CORNELI O

APONA RA

VIA DI S

NI BO

11

AXA MALAFEDE

NTINI EO

VIA DEI ROMAGNOLI

25

TENUTA DEL PRESIDENTE

P.ZZA ESCHILO

ACILIA

23

VIA DI M

V. COLLETTORE PRIMARIO

6

V.O.GHIGLIA

ORC INA

VIA DI ACILIA

LI GO

I TT VIA O. F A 16

7

VIA

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

CELLO RAGON

18

V. P

4

V. G.CARPINE

DRAGONA

O

VIA DI MALAFE DE 12 CASALBERNOCCHI 8

DRAGONCELLO V. DI D

M M IN

VIA C. MAESTRINI

CALTAGIRONE

V. IN

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

VITINIA 13

NAPOLI

14

VIA DEL MARE

A

AN IOR GG

ACILIA NORD

OCA

VIA SA RS INA

DI GIA NO

LLE CASE BA DE SS E VIA

V.ALBARETO

ORT VIA P

EZZ

VIA G

ETTO

DI M

MA

17

I

MOSTACCIANO

VIA L

A S AL

INO BOR GH

VIA DEI

VIA C

S QU

.SA NT O

24

DI

VIA ARZANA

VIA

VIA

15 Rist. Pizz. Da Natalino 16 Il Cielo sul Mare 17 La Romanina 18 La Villetta 19 Eschilo 2 Dancing 20 Spiagge Mediterranee 21 Il Miglio Verde 22 QKing 23 Punto d’incontro 24 La Trattoria Moderna 25 Miss Pizza 26 Pizza Eschilo

. PA

E GRANDE RACCORDO ANULAR

LEGENDA 1 I Giardinetti 2 Zucchero e limone 3 El Matambre 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Eden 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Riso e Panelle 9 Maharajah 2 10 Rossopeperoncino 11 T-Bone Station 12 La Carbonella 13 La Locanda 14 Frivolezze

C

VIA MOLAIOLI

FIRENZE

IU

IAN

VIA D. PURIFIC ATO

USCITA 28

F D.

B ME

3

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V. GRANDE MURAGLIA

VIA D

O

EUR TORRINO

VIA DI DECIMA

L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA

20 PONTILE


MagnaRoma LA LOCANDA SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PESCE - PIZZA La Locanda è un ristorante capace di offrire ai suoi clienti la sincerità di una cucina basata sui sapori tradizionali. Dotata di forno a legna e di spazi adattabili alle più diverse esigenze, La Locanda può soddisfare i palati più esigenti. I tonnarelli della locanda, i tonnarelli cacio e pepe, i secondi a base di agnello e maialino, la coda alla vaccinara, insieme a tante altre specialità di pesce e all’ottima pizza, costituiscono i tradizionali punti di forza di una cucina fatta utilizzando gli ingredienti più genuini.

INDIRIZZO Via di Mezzocammino, 92 A TELEFONO 06.52373177 SITO INTERNET www.ristorantelalocanda.eu PREZZO MEDIO 25 € RIPOSO SETTIMANALE Aperto tutti i giorni CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si MUSICA DAL VIVO Ven. Sab. e Dom. PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 250 APERTO Cena (Dom. e festivi anche Pranzo)

13

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

BIANCO ROSSO E PANNONE SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZERIA FORNO A LEGNA CUCINA VEGETARIANA - PANE E PASTICCERIA ARTIGIANALE

I MENÙ CERIMONIA MENÙ TERRA

20 maggio ore 20,00 DEGUSTAZIONE DI VINI E CUCINA FRANCESE

Antipasto misto salumi e formaggi Due assaggi di primi piatti Grigliata mista di carne - Contorno Torta Millefoglie

INDIRIZZO Via Giuseppe Fagnano, 2 TELEFONO 06.52360181 SITO INTERNET www.biancorossoepannone.com NUMERO POSTI 140 AREA BANCHETTI Sì CARTE DI CREDITO Tutte (No American Express) RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e Martedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena

4

€ 25,00

Serata Francese

MENÙ MARE

ZONA

€ 28,00

Soute di cozze e polpo Due assaggi di primi piatti di pesce Grigliata di pesce - Contorno Torta Millefoglie con crema chantilly, frutti di bosco e cioccolato fuso

€ 25

Su pr

,00

enota

zione

ACILIA

RISTORANTE EDEN SPECIALITÀ > PESCE LOCALE Da circa venti anni il Ristorante Eden è uno delle mete preferite dagli amanti della buona cucina e del buongusto. Raccolto in un’oasi di verde e tranquillità il locale, un antico casale completamente ristrutturato nelle vicinanze del mare e a pochi

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 111 TELEFONO 06.50916969/333.6803470 SITI INTERNET www.ristoranteeden.it - www.edenmatrimoniroma.com PREZZO MEDIO 35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte eccetto Diners Possibilità AREA BANCHETTI Si pagamenti rateali NUMERO POSTI 450 PARCHEGGIO Si banchetti APERTO Pranzo (ven. sab. e dom.) / Cena Menù per celiaci

5

ZONA

minuti dall’EUR, mette a disposizione della sua clientela ampi saloni interni, arredati con sobria eleganza, e un paradisiaco giardino dove è più facile sentirsi in pace con la natura e se stessi. La cucina è prevalentemente basata sulla preparazione del pesce, una girandola di sapori freschi e veraci con gli arrivi giornalieri di prelibatezze locali. Anche gli amanti della carne però sapranno come godere i piaceri della tavola con una selezione accurata dei migliori tagli della nostra tradizione. La scelta degli ingredienti e il rispetto della cultura gastronomica italiana sono invece alla base della ricca offerta di primi che lo chef propone (da non perdere gli strozzapreti con vongole veraci e tartufo). Il Ristorante Eden è anche un solido punto di riferimento per chi desidera affidarsi ad un’organizzazione professionale, attenta e preparata, per banchetti di nozze, comunioni, battesimi, ricevimenti, meeting e colazioni di lavoro. Per saperne di più basta consultare le proposte di menù e i preventivi personalizzati che troverete nei siti: www.ristoranteeden.it e www.edenmatrimoniroma.com.

INFERNETTO

119


VG

visioni grafiche


MagnaRoma LA VILLETTA SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Gestito da ben oltre 40 anni, con grande determinazione, professionalità ed immancabile accoglienza, La Villetta è uno dei siti culinari “storici” nella zona di Acilia. Fatevi trasportare dai sapori della sua cucina casareccia, ricca di piatti genuini a base di ingredienti di prima scelta: primi della più tipica cucina nostrana, secondi di pesce freschissimo o a base di carne cotta rigorosamente su pietra lavica, mirata a non alterare il suo naturale nonché vero sapore. La carrellata delle prelibatezze continua con le numerose specialità di pizza disponibile sia a pranzo che a cena. Il locale, dotato di un ampio spazio interno e di un secondo più ridotto all’esterno, solo su richiesta, organizza rinfreschi e banchetti con menù personalizzati.

INDIRIZZO Via G. Antonucci, 35 TELEFONO 06.52350056 PREZZO MEDIO 25/30 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 180 interni, 80 esterni LOCALE CLIMATIZZATO Sì SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo/Cena

18

ZONA

ACILIA

8

121


VG

visioni grafiche


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

Servizio animazione per bambini gratuito

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

10

123


LR

MagnaRoma

LA ROMANINA SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Ristorante-pizzeria dotato di forno a legna, La Romanina vanta una struttura ampia (due sale riservate) e ben organizzata, ideale per celebrare banchetti, svolgere meeting o semplicemente affidarsi alla sua grande competenza nel catering.

INDIRIZZO Via della Maggiorana, 19 TELEFONO 06.5250344/338.2313091 SITO INTERNET www.ristorantelaromanina.com PREZZO MEDIO 25/35 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì AREA BANCHETTI Si GIARDINO/GAZEBO Si (giardino con giochi per bambini) NUMERO POSTI 300 APERTO Pranzo/Cena

17

ZONA

ACILIA

La cucina è ricca di succulente specialità come: la fantasia di primi di pesce, il rombo con patate al forno o (il giovedì) gli gnocchi caserecci e le fregnaccie. Per completare, un delizioso spazio esterno con gazebo ed un parcheggio riservato alla clientela.

11

125


zione minimo 4 persone)

Zuppe di legumi (da ottobre ad aprile) SECONDI Bistecca Americana di PRIMA SCELTA € 17,00 Tagliata all’aceto balsamico € 15,00 Scaloppine al vino o al limone € 10 Maialino al forno € 12,00 Calamari con rughetta € 12,00

Fritto calamari e gamberi € 11,00 Fritto di paranza € 12,00 Gamberoni al cognac o al vino € 15 Gamberoni o scampi ai ferri € 13 Orata o spigola (al kg) € 31,00 Orata o spigola di mare (al kg) € 50 Trancio di ricciola fresca (l’etto) € 6,50 DOLCI Seadas € 4,00 Cialde con cioccolato bianco, nero e panna € 5,00 Tortino al cioccolato caldo con panna € 4,00 VINI Vino della casa € 6,00 Gemelle € 11,00 Cannonau di Sardegna € 11,00

Grande

ESCLUSIVA!!! Per gli amanti della carne...

BISTECCA DI BISONTE AMERICANO

€7

visioni grafiche

ANTIPASTI Misto mare € 10,00 Insalata di polpi € 7,00 Soutè di cozze € 6,50 Cocktail di gamberi € 5,00 Ostriche € 2,50 (l’una) Carpaccio di tonno o pesce spada affumicato € 10,00 PRIMI PIATTI Fettuccine allo scoglio € 7,50 Spaghetti alle vongole veraci € 7,00 Gnocchetti alle mazzancolle € 7,00 Culurgiones € 8,00 Spaghetti alla bottarga € 9,00 Malloreddus alla campidanese € 7,50 Malloreddus allo zafferano € 8,00 Zuppa gallurese € 9,00 (su ordina-

VG

dal nostro Menù

all’etto

Lunedì riposo - chiuso il Martedì solo a pranzo

VG

visioni grafiche

Via Prato Cornelio, 126 · T. 06.5250388


MagnaRoma I GIARDINETTI SPECIALITÀ > CARNE DANESE ALLA BRACE - PIZZA NAPOLETANA I buongustai della cucina casereccia e della pizza napolegrande cordialità dei due titolari Dino e Anna. Tra le spetana hanno un nuovo punto di riferimento: il ristorante “I cialità, oltre alle pizze cotte con il forno a legna, da proGiardinetti” di Fiumicino. Un locale familiare ed accoglienvare assolutamente l’ottima carne danese preparata alla te dove gusto, qualità e prezzi si legano saldamente alla brace.

MENÙ SPECIALE BISTECCA 1a SCELTA (Gr. 500) CONTORNO A SCELTA VINO 1/2 Lt. • ACQUA • PANE DESSERT DELLA CASA CAFFÈ • LIMONCELLO

INDIRIZZO Via G. Maffettone, 95 TELEFONO 06.6583069 SITO INTERNET www.bisteccheriaigiardinetti.it PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Pranzo e Cena

tutto a s

1

ZONA

o li

MENÙ DI PESCE SU ORDINAZIONE

€ 20,00

FIUMICINO

15

127


MagnaRoma IL MIGLIO VERDE SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE - PIZZA Immerso nella rigogliosa e rilassante campagna di Ostia Antica, all’interno di un antico casale ristrutturato mantenendo le caratteristiche originali, questo locale ha la capacità di trasportare i suoi ospiti in una dimensione così tranquilla e familiare da dimenticare lo stress ed il caos assordante della città. Il menù, rispettando le regole rurali, offre prevalentemente piatti a base di carne di rilevante qualità. Ottime le varie tipologie di tagliata (prima fra tutte quella all’aceto balsamico) e gli sfiziosi antipasti “casarecci” con formaggi, salumi e verdure, accompagnati da una croccante focaccia. Per chi invece desidera le specialità di pizza, non deve fare altro che scegliere tra le numerose varietà! Arricchito da un meraviglioso spazio esterno, è la location ideale per organizzare ricevimenti e banchetti.

INDIRIZZO Via di Piana Bella, 30 (traversa di Via di Castel Fusano) TELEFONO 338.9953162 CARTE DI CREDITO Sì (no American Express) SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Cena (aperto a pranzo la Domenica e i giorni Festivi)

21

ZONA

OSTIA ANTICA

SPIAGGE MEDITERRANEE

Come prima... più di prima... Cari clienti, abbiamo salutato i 4 anni di successi allo ed ora Vi aspettiamo allo ZANZIBAR... solo pochi metri più avanti! RISTORAZIONE SENZA GLUTINE FESTE • EVENTI • SERATE A TEMA

INDIRIZZO Viale Amerigo Vespucci 54 TELEFONO 06.56307626 - 392.9093134

20

www.zenitostia.com

ZONA

OSTIA

INFO E CONTATTI 06.56307626 - 392.9093134 RISTORANTE CINESE IL CIELO SUL MARE SPECIALITÀ > CUCINA CINESE Preparatevi ad un viaggio culinario per scoprire i più tradizionali ed interessanti piatti della Cina realizzati con prodotti e materie prime rigorosamente italiani. Qui, anche grazie all’impeccabile accoglienza della proprietaria Luisa e del servizio in sala, avrete l’opportunità di essere consigliati sulle portate, scegliere e gustare in tutta tranquillità sapori di una terra tutta da scoprire... Oltre ad un menù con i “classici” della cucina cinese: involtini primavera, alghe fritte, ravioli con verdure o gamberi, riso alla cantonese, riso all’ananas, maiale in salsa agrodolce, pollo alle mandorle, gamberoni sulla piastra... “Il cielo sul mare” offre l’opportunità (meglio su ordinazione) di assaporare: • orata, rombo, spigola con cipolline fresche; • scampetti crudi con aceto e salsa di soia; • gamberoni in crosta di sale; • fettuccine di riso con verdure e gamberi; • spaghetti cinesi all’aglio e aceto; • riso del cielo sul mare con gamberi secchi e verdure; • manzo con cinque sapori. A Dragoncello, la Cina è più vicina di quanto pensiate!

INDIRIZZO Via Ottone Fattiboni, 73/75 TELEFONO 06.52169451 SITO INTERNET www.ilcielosulmare.it PREZZO MEDIO 10/15 € CARTE DI CREDITO No American Express RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 100 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

16

DRAGONCELLO

128


MagnaRoma LA CARBONELLA

PANE AR PANE VINO AR VINO

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Il ristorante è ospitato in un antico casale a ridosso della Via Ostiense. La cucina è curata da chef italiani, con piatti di ispirazione romana, continuamente rinnovati carne e pesce - una ricerca attenta di gusto e qualità. La pizza è sottile e croccante. Da non perdere: la carne tenera e gustosissima.

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

INDIRIZZO Via di Malafede, 8 TELEFONO 06.52458130 E-MAIL info@ristorantelacarbonella.it PREZZO MEDIO 25 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Martedì a pranzo SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 140 interni e 80 esterni APERTO Pranzo/Cena

12

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

ZONA

7

MALAFEDE

ZONA

MALAFEDE

ZUCCHERO E LIMONE

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana. INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

2

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo.

ZONA

Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

19

INFERNETTO

ZONA

NUOVA PALOCCO

FRIVOLEZZE

MENÙ PRANZO (dal Lun. al Ven.) Primo, Contorno e 1/2 Acqua Secondo, Contorno e 1/2 Acqua Insalatona e 1/2 Acqua GIOVEDÌ: Gnocchi e 1/2 Acqua

€ 7,00 € 7,00 € 5,00 € 8,00

Alcuni nostri piatti: Carbonara, Amatriciana, Seppie con i piselli, Pollo alla cacciatora, Spezzatino

EL MATAMBRE I PIACERI DELLA CARNE

SPECIALITÀ > GOOD MUSIC Ambiente unico e di atmosfera, il ristorante Frivolezze è arredato secondo uno stile elegante ed accurato, che crea piacevoli sensazioni di benessere. La cucina soddisfa pienamente la voglia di assaporare piatti preparati con cura che richiamano i sapori della cucina sarda. Si annoverano tra le altre pietanze: Spaghetti ai ricci di mare (sardi), Faraona al mirto e fragoline di bosco, Seadas dello chef. Questa miscellanea di differenti sapori fa di Frivolezze un posto tutto da scoprire. INDIRIZZO Via Codigoro, 30 TELEFONO 06.52372604 - 339.2479722 SITO INTERNET www.frivolezze.altervista.org PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 40 APERTO Pranzo/Cena

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE-CRUDITÈ-PRIMI PIATTI I colori caldi e un design raffinato fanno di “El Matambre” un locale unico per riscoprire i piaceri della carne e non solo... “El Matambre” è una piacevolissima sorpresa per i sensi da scoprire all’interno del Parco dello Stardust Village. Si parte con una coppa propiziatoria di sangria, per poi passare agli sfiziosi antipasti e ai primi piatti rigorosamente fatti in casa. Di primissima scelta la carne, cotta alla brace a vista. Per finire, l’assortimento di dolci della casa e il “bacio di mezzanotte”. Sorprendente anche la selezione di vini. INDIRIZZO Via del Pianeta Urano, 60 TELEFONO 06.52207540 SITO INTERNET www.elmatambre.it PREZZO MEDIO 25/30 € PRENOTAZIONE Gradita RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Visa - Mastercard SPAZIO ESTERNO Si GIARDINO Si SALA FUMATORI Patio APERTO Cena (19:30-24:00),

Domenica anche a pranzo (12:30-15:00)

14

ZONA

VITINIA

3

ZONA

EUR TORRINO

129


oroscopo di maggio

MINA (25/3/1940)

HARVEY KEITEL (13/5/1939)

STEFANIA SANDRELLI (5/6/1946)

PAOLO MALDINI (26/6/1968)

MELANIE GRIFFITH (9/8/1957)

RAZ DEGAN (25/8/1968)

130

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Siate concentrati sul lavoro, vi servirà per non farvi sfuggire importanti opportunità. L’amore e l’affetto vivranno fiammate di entusiasmo che renderanno lo spirito giovane. Le avventure audaci si concluderanno positivamente. Sarà un periodo positivo se saprete incanalare l’aggressività nei giusti binari.

Se saprete rimanere con i piedi per terra potrete compiere scelte positive. Mese di rilassatezza: tornerete ad essere liberi dal sovraccarico di responsabilità e sarete meno esigenti. È un periodo in cui predomina l’equilibrio e la capacità di raggiungere compromessi. La vita matrimoniale e sociale avrà aspetti di evasione e confusione.

GIANMARCO TOGNAZZI (11/10/1967)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

È il vostro mese: in ripresa il lavoro e gli affetti. Sarete addirittura più brillanti di quanto previsto. Sarete molto disponibili e la vostra intelligenza sarà concreta, volta a sviluppare abilità commerciali e finanziarie. L’ultima settimana del mese prenderete iniziative intellettuali. Cercate di non perdere il senso della misura.

Vi siete stabilizzati e anche nel lavoro state andando davvero bene. Continuate così e cercate di sfruttare le vostre doti. Nella prima metà del mese, le insicurezze e le paure vi renderanno tesi e instabili. Non saranno da escludere vostri atteggiamenti di doppiezza come mezzo di difesa, come anche atteggiamenti di esibizionismo.

SOPHIE MARCEAU (17/11/1966)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Questo mese recupererete tanta forma e potrete sfruttare le eventuali opportunità in ambito lavorativo. Cercherete nuovi stimoli giovanili e la vita sentimentale subirà piccole scosse che ne metteranno in pericolo la stabilità. Nella prima decade del mese sentirete la mancanza di inibizioni e vi lascerete andare.

Maggio 2010 è il mese per riflettere sui rapporti con il vostro partner. Nella prima decade del mese è consigliata una dieta: saranno giorni nei quali prevarrà quella parte di voi che ama disinteressarsi delle cose. Nella seconda decade, il vostro ottimismo, l’apertura verso gli altri, risentirà di una fase negativa.

SAMUEL L. JACKSON (21/12/1948)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Cercate di ricambiare le attenzioni che avete ricevuto nell’ultimo periodo e di allentare le tensioni con il vostro partner. Sarete riflessivi nei confronti di voi stessi. Le cose belle, ma anche quelle in ombra, torneranno a galla. Troverete la vostra strada e saprete liberarvi da ciò che vi condiziona.

Il periodo che stavate aspettando da tempo. Metterete a fuoco la realtà che vi circonda come mai avete fatto ultimamente e maggio 2010 sarà ricco di occasioni lavorative. Avrete la forza di saper ricominciare e infondere concentrazione e prudenza nei nuovi progetti. Non vi farete scoraggiare da niente e nessuno.

DIANE KEATON (5/1/1946)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Non prendete decisioni affrettate! Sarà il periodo finale della vostra volontà autoritaria, fatto che a volte vi renderà preda dell’ira. Nell’ultima settimana del mese rischierete di eccedere, perché la fantasia potrà essere alla base di errori di valutazione. Vorrete imporre il vostro punto di vista con metodi anche discutibili.

Stavate un po’ troppo sulle nuvole e questo maggio 2010 sarà la vostra occasione per tornare con i piedi per terra. Vorreste liberarvi dall’oppressione di una vita condizionata dalla confusione, dall’incertezza, dall’irregolarità. Il periodo più difficile sarà la metà del mese quando sarete instabili e dispotici.

VALERIO MASTANDREA (14/2/1972)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Periodo davvero in discesa: sono alle spalle diversi problemi e la tenacia non vi ha abbandonato. La prima settimana del mese sarete pessimisti e insofferenti verso tutto ciò che considerate poco concreto. La vita sentimentale rischierà di essere arida. Cercate di limitare il vostro il senso del dovere, la precisione e la freddezza.

Chi vi critica, vi invidia. Abbiate fiducia in voi stessi, anche se talvolta può capitare che non tutto vada come dovrebbe. Sarete troppo seri e troppo prudenti, con difficoltà a rinnovarvi. Cercate, sbagliando, soprattutto l’approvazione degli altri. La riuscita avverrà solo attraverso un atteggiamento maturo, uno sforzo di crescita.

RACHEL WEISZ (7/3/1971)


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

13 magazine 路 Anno 9 路 n. 82 - 2010 路 www.13magazine.it TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

VG


13 Magazine Aprile 2010