Issuu on Google+

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 10 路 n. 95 - LUGLIO-AGOSTO 2011 路 www.13magazine.it


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) Doc (Torrino - Via Fosso Torrino) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) Carrefour (Ostia - Staz.

Lido C.) Carrefour (Acilia - Via C. Beschi) Carrefour (Dragona - Via Criminali) Carrefour (Dragoncello Via O. Fattiboni) Carrefour (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) Carrefour (Fiumicino Via Angonio Angeloni) Carrefour (Infernetto Viale Castel Porziano) Carrefour (Infernetto Via Antonio Angeloni) Carrefour (Infernetto - Via Boezi) Carrefour IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) SIMPLY SMA MARKET (Acilia-V. di Saponara) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta

Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) ACILIA - MADONNETTA CASAL BERNOCCHI Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini

Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Avoja Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante Bi Trattoria Ristorante Don Payo Ristorante La Romanina Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Slot House Europa Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II°

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

Tru Trussardi Twinky CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo St. Odont. Podda & Sorci DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Ocy & Stè Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Di Carlo Cafè Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Mandara Bar pizzeria Iacopucci Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Extima Immobiliare Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria

Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Iacopucci Bar Pizza a taglio Lops Queen’s Club Roma Ristorante El Matambre Ristorante Squisito Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Teatro Torrino Torrino Sporting Center Vasian FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Casa di riposo Villa Faieta Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Ristorante Chi cerca trova Tabacchi Fumi e Profumi INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano

5


Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Pizzeria Antica Ricetta Priolo Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni Ristorante Bagnolo Ristorante Il Frantoio OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo

Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Snai Vancleef OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s

Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky SPINACETO TOR DE CENCI Bar Tabacchi Europa VITINIA - CALTAGIRONE VILLAGGIO AZZURRO Antichi Sapori Bar Caltagirone Edilmarmi Idrotermica Sanitaria La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante Frivolezze Ristorante Dal Pannocchia Ristor. Pizz. Porta del Sole Ristorante West Coast Slot House Europa Slot House Europa Tabaccheria Pirfo

I nostri partners Pag. Abitare Oggi

74

H&D Home Design

Ago & Filo

62

Idea Giardino

53

Amati

76

Idrotermica Sanitari

94

Analisi C.R.S. Centro Ricerca Studi

12

I Love Design

98

Andromeda srl - Villa Faieta

40

APNO

75

Architettura Studio & Design

38

Aurora asilo nido (L’)

32

Legno+Ingegno

24

Autocarrozzeria Cirillo

44

Lilù

36

Babel

57

Lops

60

Bali England

6

104

Betting 2000

53

Mister Camicia

132

Biclim

28

Officina Estetica

128

Boccardi donna

30

Officine Interni

128

Brico Acilia

54

Oggetti Smarriti

70-105 128

2 96 4

105

Ines’ Nails Kiflow Lauricella

Marinauto

Ottica Baroni

34

Calandrelli Group

80

Cannavale Costruzioni

97

Paola Sgrò estetica e make-up

80

Cannavale Immobiliare

14

Parchi della Colombo area comm.

Caseificio “Zi Teresa”

26

Patio antico (Il)

Climart

81

Pets Shop

Compro Oro

50

Playlife

Conauto

72

Priolo arredamenti

CS Impianti

58

Queen’s Club Roma

Cucciolissimi onlus

52

Retrò in

128 68 1-79 8 46 100 51

Della Rocca

81

Ricci e capricci

53

Desigual

66

Salotto (Il)

20

Dettagli

128

S. Eugenio onoranze funebri

Dino Terracciano

26

Scent Profumeria

99

Dog & Cat’s Friend

52

Seasons donna & bambino

93

Dott.ssa Schiano Moriello Viviana

82

SE.MA. Traslochi

101

Dott. Stefano Giammetti

42

EmmeElle Serramenti in PVC

64

Smile Body & Sun - Smile Hair

83

Enerwatt

55

Smile Body - Smile Sun

90

Eschilo 1 Polisportiva

54

Sogno (Il)

44

Exploit

92

Solartech

50

Farfalle abbigliamento

86

Studio Odont. Assoc. Puzzilli

89

Fisioter

22

Twinky Home

34

F.lli Magistri

50

Undercolors of Benetton

22

Francesca O.

88

Vasian

84

Gamma Auto

10

Venturini ceramiche

128

130

Slot House Europa

48

Geometra Massimo Mazzanti

102

112

Giralc - Grandi Impianti Rosati

56

Vivai Esotica Volpe Argentata (La)

18

Granai Centro Commerciale (I)

40

Gymseng

115

GUIDA AI RISTORANTI

7


VG

visioni grafiche


sommario 45

21 ANNO 10 - NUM. 95 - LUGLIO-AGOSTO 2011 Speciale 16

63 64° Festival del Film di Locarno

Quell’azzurro rappresenta milioni di dollari

17

23

Mini e maxi: tendenze per

47

Cose dell’altro mondo

63

accontentare tutti o input

Rubriche

discriminanti?

19

21

Gli immancabili sotto il sole...

13

e quelli assenti di dovere

57 Teatro

Si saldi chi può

59 Sport

23 I saldi on-line: come fare per

31

risparmiare cifre realmente consistenti

Editoriale

71

67 Spettacolando 71

Arredamento

75 Architettura

27 In & Out

77 Libri

29 L’ansia da prova costume

77 Arte e cultura

78

78 Viaggi

Esteri 81 31

Una gita fuori porta

Al Qaeda in ginocchio

85 Questione di cilindri 35 Le segrete stanze del Gruppo 89 Scienze Bilderberg

89 I consigli del fisioterapista

Costume e società

35

39 Giornata Mondiale della

Salute e benessere

93 I consigli del nutrizionista

85

99 Vederci chiaro

Gioventù 2011

39

91

39 Un mondo ago e filo

100 Vita da cani

41

101 Veterinaria

Agosto suona bene

45 L’agosto delle Sagre

113 Budget e ricette 129 Oroscopo

105

Cinema 43 Il cinema regna nell’estate

105 Interno 13

romana

43

63 Civita Film Fest

115 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

115 11


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE Anno 10 - n.95 - LUGLIO-AGOSTO 2011 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà anna@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Collaboratori 13 Magazine Valentina Mancini - Dante Cruciani Michela Carè - Chiara Ferraro Eleonora Isgrò - Emanuela Andreocci Andrea G. Sorge - Ludovica Botti Rossella Smiraglia - Chiara Rovan Leonardo Caviola - Barbara Zorzoli Simona Bottoni - Simone Felicetti Gaetano Gaggiottino - Paolo Baroni Dott. Stefano Giammetti - Paola Sgrò Dott.ssa Schiano Moriello Viviana Antonio Balsamà - Lucia Bianco Collaboratori Interno 13 Simone Felicetti - Chiara Ferraro Roberta Riga Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi

editoriale

“Democrazia significa governo fondato sulla discussione, ma funziona soltanto se si riesce a far smettere la gente di discutere.” Clement Richard Attlee arà un’estate sospesa. La disposizione mentale dell’italiano medio, o perlomeno di quello minimamente informato, sembra essere quella del paziente prima della visita medica. Nel dubbio, non è facile essere ottimisti. Riassunto delle puntate precedenti: la tornata elettorale delle amministrative e la vittoria dei sì ai referendum non hanno prodotto nessuna alternativa politica a Berlusconi. Nell’alchimia dei giochi parlamentari, la spinta propulsiva delle urne si è esaurita in un nulla di fatto, complice soprattutto un’opposizione che, ancora una volta, ha dimostrato di non aver per niente le idee chiare sul da farsi. Qui sta il punto della crisi italiana. Tutti conoscono i problemi, tutti sanno che il Paese cammina sul limite del baratro, nessuno ha il coraggio di dire cosa bisogna fare e come bisogna farlo. Il Partito Democratico è forse la punta avanzata di questo psicodramma fatto di cinismo e cialtroneria. Prima ha cercato maldestramente di mettere le mani sulla vittoria referendaria e amministrativa (estraneo sia ai comitati che hanno proposto i quesiti, sia ai candidati vincenti), poi ha ricominciato a ballonzolare tra Casini, Vendola e Di Pietro. Proposte per l’immediato e per l’Italia? Zero. È sconfortante pensare che nel momento del bisogno, l’Italia non abbia una carta migliore da spendere che la grigia ragioneria di Tremonti. Sulle capacità e la competenza del tecnico, niente da dire. Sulla necessità di perseguire la linea del rigore, neppure. Ma è plausibile che un Paese affidi i propri destini al diligente compitino di un Ministro delle Finanze? Anche qui, come invece vorrebbero insinuare alcuni, la colpa non è affatto di Bruxelles. L’Europa chiede a Tremonti ciò che è necessario fare per evi-

S

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

tare il fallimento del Paese. Il drammatico problema è che arrivati a questo punto, ostaggi del peggior governo e della peggiore opposizione della storia repubblicana, gli italiani giocoforza vincolano i propri destini ad un Ministro che esegue e che si limita a farlo nel recinto della sua quasi inesistente forza politica (i voti che l’hanno portato ad occupare la poltrona sono di Berlusconi, non suoi). Tradotto in parole più semplici: nessuna scelta di fondo, nessun provvedimento che incida sulle rendite di posizione, nessun cambio di passo. I giornali li chiamano “tagli lineari”, in realtà sono la traduzione in numeri del contenimento dello status quo. Oltre Tremonti non può spingersi. Un celebre aforisma di Mussolini recita che “governare gli italiani non è difficile, è inutile”. La sensazione è che le parti si siano invertite o che l’intera classe dirigente italiana abbia deciso di adattarsi al motto in maniera prescrittiva. Il decennio berlusconiano passerà alla storia come un disastro non per quello che è accaduto, ma per quello che non è accaduto. Fatti da parte i tristi modelli culturali e un sistema dei media arretrato a causa delle rendite di posizione di Mediaset (due danni assolutamente reversibili), il resto si può tranquillamente archiviare alla voce “non pervenuto”. Peggio ancora il Partito Democratico che riesce ad essere il nulla pur non dovendo svolgere nessun ruolo. Come se ne uscirà? Difficile dirlo, viste le nubi all’orizzonte, è meglio godersi l’estate.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13


VG

visioni grafiche


speciale

di Valentina Mancini

u pensi che questo non abbia nulla a che vedere con te. Tu apri il tuo armadio e scegli... non lo so... quel maglioncino azzurro infeltrito, per esempio, perché vuoi gridare al mondo che ti prendi troppo sul serio per curarti di cosa ti metti addosso. Ma quello che non sai è che quel maglioncino non è semplicemente azzurro, non è turchese, non è lapis, è effettivamente ceruleo. E sei anche allegramente inconsapevole del fatto che nel 2002 Oscar de la Renta ha realizzato una collezione di gonne cerulee (...) Dopodiché è arrivato poco a poco nei grandi magazzini e alla fine si è infiltrato in qualche tragico angolo casual dove tu evidentemente l’hai pescato nel cesto delle occasioni. Tuttavia, quell’azzurro rappresenta milioni di dollari e innumerevoli posti di lavoro e siamo al limite del comico quando penso che tu sia convinta di aver fatto una scelta fuori dalle proposte della moda.

T

da Il Diavolo veste Prada

16

Quell’azzurro rappresenta milioni di dollari! Il settore della moda e del tessile ha risentito fortemente della crisi. Nelle pagine dello speciale estivo qualche consiglio per appagare se stessi e ridargli vitalità

IL MAGLIONCINO AZZURRO DI "IL DIAVOLO VESTE PRADA"

he significa questo incipit? Forse che siamo tutti alla moda perché ne siamo pervasi, perché non possiamo farne a meno, perché qualunque cosa acquistiamo fa già parte del circuito. Inutile dire che non può essere e che non è così: non siamo tutti “alla moda”. E comunque è altrettanto vero che l’industria fashion condiziona le nostre scelte perché ci propone “cose”, oltre che valori. Tuttavia, ciò non ci nega la possibilità di porre un veto su quei capi che non amiamo e, inutile dirlo, la nostra libertà non è limitata alla sola scelta di cosa non indossare, a una sorta di libero arbitrio per estromissione. L’identità di ognuno viene esperita attraverso aggiustamenti, accordi di tonalità, abbinamenti, dettagli… Ed è chiaro che le differenze esistono, eccome. Ma non è questo il punto. Dal breve stralcio del monologo riportato, che quella meraviglia di Meryl Streep interpreta in modo sublime, emerge, tra le righe, un altro importante nodo: il mercato moda. Non è solo bellezza, ovvio. Si tratta di soldi, e dunque di posti di lavoro. La crisi che ha colpito e attraversa il Paese è stata motivo

C

di una politica dell’austerity che ha coinvolto le famiglie inducendole al risparmio. E ad essere più colpito è proprio il settore dell’industria tessile; ne risentono dunque i negozi d’abbigliamento, specie i piccoli, costretti al confronto con i colossi nostrani e d’oltreoceano. Il fatturato, secondo una media nazionale, diminuisce nel 2009 del 12,3% (stime di SMI). La situazione è in miglioramento nel 2010 con una crescita complessiva del 5,6% e le stime per il primo trimestre 2011 lasciano presagire buone nuove. Un sospiro di sollievo per i commercianti. Agli acquirenti, il consiglio è quello di approfittare dei saldi per fare man bassa del meglio delle proposte delle collezioni Primavera-Estate 2011. Magari approfittandone durante un viaggio, da stabilirsi verificando le date delle svendite nelle città in cui ci si vuole recare. O semplicemente vicino casa, nei negozi preferiti, dove avete già adocchiato i vostri prossimi acquisti. Nelle pagine dello speciale troverete consigli moda, indirizzi utili, pezzi must have e qualche buccia di banana da evitare…


VERDISSIMA

M

ini e Maxi

di Valentina Mancini

speciale

Tendenze per accontentare tutti o input discriminanti? com’è nel mood del marchio - rinikini striminziti, brasiliane e novata attenzione al mondo triangolini, infradito arrotoladelle curvy, realizzando bili, asciugamani in microfiuna collezione complebra dal volume ridottissimo, minita di costumi (interi e dress senza spalline, shorts. Ecco tankini) e accessori le linee guida della moda, o di una TEZENIS dedicati al mondo plus parte di essa che sembra ideata size. Fra essi anche slip per le sole taglie zero. L’altro lato perizoma, a dimostrare che della moda è quello che, teoricamenqualche taglia in più non toglie femminilità te, aiuta le donne curvy, fatto di abiti che scendono morbidi fino alle caviglie, di maxi né bellezza e, dunque, non preclude alcun maglioni vedo-non-vedo, di pantaloni a vita tipo di indumento. Romantica e marinaretta la alta e camicie taglio maschile, di t-shirt e collezione Tezenis; semplici e floreali i bikini, bluse nient’affatto aderenti. L’idea tra PARAH le righe sembra essere una poco confortante discriminazione così tradotta: scopritevi se siete magre (e quindi belle), copritevi se avete qualche chilo di troppo. Sarebbe interessante vedere questa tendenza anfibia della stagione estiva da un’altra prospettiva. Una scelta tra due tendenze adatte a tutte le donne, purché esse si sentano a proprio agio nei panni indossati. E allora così sia. Perché è vero che una donna è bella quando si sente tale, in pace con se stessa. Largo dunque ai capi più hot sulla spiaggia: i bikini. Sono colo- ma anche i costumi interi, firmati Verdissima. rati, allegri, d’ispirazione navy o etno-chic, Per Guess beachwear, oltre alle tendenze delineatesi, spunta qualche fantasia animalier impreziositi da pietre, fiocchi, franper trikini e bikini formato slip, versione con ge e bijoux. Imbottiti, pushlaccetti, culotte e perizoma. Non manchi in up, lisci, a fascia, sgamvaligia l’eleganza della tinta unita e del bati, a triangolo, slip o bianco in particolare. Fascia di prezzo brasiliana. media anche per Calzedonia e Etnici e un Benetton, Golden Point e po’ eccenTriumph, ma si sono moltiplitrici quelli cati, in effetti, i marchi che di Parah, che ne sfornano due pezzi a garantisce vestibilità e prezzi che non includacomfort; ampia scelta per la colno le pratiche per un lezione beachwear Yamamay, mutuo... fresca e tropicale; delicata quelFatta questa breve carla di H&M, con i colori più rellata sul costume, torcaldi della stagione, come nando per un quel verde intenso, smeralmomento alla do, che con l’abbronzatura discriminante è il top. H&M dimostra -

B

Non lasciatevi intimorire. Il mini (bikini) è anche per donne curvy H&M

CALZEDONIA YAMAMAY

di cui sopra, o pseudo tale, è bene ricordare una delle ultime copertine di Vogue su cui troneggiano splendide modelle taglie forti. Non è un apologetico discorso sull’obesità. È sì, però, un pensiero che vuole smantellare l’equazione “bellezza uguale (estrema) magrezza”. Detto questo, sembra banale puntualizzare che non tutto sta bene a tutte. Una prima e una quarta di seno vestono differentemente e comportano accorgimenti diversi. Dove l’una cercherà di enfatizzare, l’altra di evidenziare senza troppo mostrare. Ma gli accorgimenti per apparire più belle e in forma valgono per le une (le taglie zero) e per le altre (le soft size), senza se e senza ma. Punto.

GUESS

17 BENETTON


IA SON

di Valentina Mancini

KI RY

speciale

SO L NIA RYKIE

D2

I must have femminili irrinunciabili per non essere vittima di cadute di stile

a stagione estiva propone i suoi must have. Chicche, accessori, capi che non possono mancare nell’armadio, costi quel che costi. O forse no, perché le case di moda low budget propongono alternative alle grandi firme con cartellini decisamente low cost. Basta avere le idee chiare sul “da comprarsi”. Cominciamo. Immancabili, nel guardaroba femminile, un paio di ballerine classiche o di mocassini, comode flat che ci accompagnano nelle passeggiate, specie in città, dove indossare le infradito non è sempre la scelta più cool. Ai piedi, inoltre, non possono mancare i sandali in cuoio minimal e un paio di MOSCHINO comode ma altissime zeppe stile naturale, con la base in paglia, per esempio. Sono un’alternativa molto trendy agli stiletto, da indossare solo per occasioni che richiedono formale eleganza, specie se fanno da sostegno a impettite decollete. Ultimo acquisto necessario per i piedi, ovvi protagonisti dell’outfit estivo, gli zoccoli. La testa va invece coronata di un cappello a foggia maschile; must have il fedora in paglia nei toni naturali della sabbia o in bianco. E per il capo ci basta questo: niente eccessi per un’estate che richiede semplicità. Al bando, dunque, ferretti e strani fermacapelli, compreso il cerchietto, ammesso solo in spiaggia, dove invece riacquista un suo “glamourous” perché. Non possono mancare i pantaloni capri, quelli alla Jackie Kennedy per intenderci, proposti in ogni salsa e fantasia, per ogni tasca ed età. Immagino che sia già presente in ogni casa delle lettrici il pantalone a vita alta. Richiamato all’ordine già da qualche tempo, non è più una novità, dunque, e di certo un obbligo, perché neanche la stagione calda autorizza la pancia scoperta. Vita alta anche per il must have più amato della stagione: l’abito lungo leggero, in seta, lino o cotone. Quello giusto arriva alle caviglie, scende morbido e rende la figura romantica, anche vagamente principesca; imperdibile. Normale, poliedrica e multifunzionale, la si abbina a tutto: è la t-shirt bianca. Imperdonabile sostituirla con la versione menomata della canotta, da indossare, quest’ultima, solo in spiaggia. Non lasciatevi scappare neppure la camicia bianca di taglio maschile. Stessa cosa per una blusa morbida, molto aperta sulle spalle, chic senza volgarità.

L

BLUMARINE

No alle ciabatte di gomma, al total look nero - soprattutto di giorno - e ai colori vitaminici con la tintarella di luna. Ancora, no al maculato, al connubio shorts e tacchi, alla già rimembrata pancia scoperta, alla longuette e alle tute super-aderenti. Quando scegliete un outfit che sia un must have ricordate che deve rispettare linee minimal, soffici, leggere e fresche. Niente di troppo elaborato, schematizzato, incastrato in rigidezze e, all’opposto, niente che trasudi eccessi di trascuratezza dovuti al caldo o all’euforia di potersi finalmente scoprire. Ultimi immancabili, gli occhiali da sole. Must have? Li abbiamo visti su tutte le passerelle: quelli a farfalla o i “cat-eyes”. Hanno un sapore vintage che dona praticamente a tutte, allungano l’occhio e fanno molto diva anni ‘50, MAN GO per omaggiare Marylin o tributare le nostre nonne che, ai tempi, ne avevano già fatto il loro accessorio irrinunciabile. Sulla scia del “devo averli!”.

S I' EV

A DOLC E & GABBAN

LIU JO

Gli immancabili sotto il sole... e quelli assenti di dovere

L

DSQUA RE

EL

GUESS

19


VG

visioni grafiche


di Dante Cruciani

speciale

Si saldi chi può a anni è in corso una eutanasia economica non dichiarata. È la guerra del commercio, dei saldi, del bilancio di imprese - in particolare quelle che si dedicano alla distribuzione dell’abbigliamento sempre più in crisi. Dicevamo l’abbigliamento, ovvero il 63% del volume del paniere dei saldi. Un settore che durante lo scorso periodo dei ribassi invernali aveva stimato vendite per 6,2 miliardi di euro e che invece ha registrato un consuntivo ridimensionato per una quota tra il 15 e il 20% . Insomma, gli affari non vanno, e non vanno per ragioni strutturali la cui analisi potrebbe fornire l’immagine allo specchio dell’intero sistema-paese. Da anni i saldi sono attesi con spirito messianico. Gli ultimi, quelli di gennaio, erano stati addirittura preceduti da un’indagine Fismo-Confesercenti secondo la quale 6 italiani su 10 avrebbero avuto tutte le intenzioni di fare shopping sfrenato. Il presupposto stava nel fatto che a Natale le spese erano state magre perché le tasche vuote degli utenti non permettevano di fare acquisti a prezzi pieni. È andata come abbiamo visto. Cosa si è rotto dunque negli ultimi dieci anni? Innanzitutto è dimagrita la base di sostegno del commercio, ovvero la capacità di spesa dei consumatori. Gli

D

Il commercio e i nodi irrisolti di un ultimi dati OCSE decennio che ha (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviimpoverito il luppo Economico), Paese divulgati lo scorso 11 maggio e largamente taciuti dai media italiani, dicono che la media dei salari per una persona senza figli è di 17.773 euro, mille euro sotto la media dell’area (18.655) e paurosamente sotto la media dell’Europa a 15 (21.211 euro: ricordiamo che dell’Europa a 15 fanno parte anche Irlanda, Grecia e Portogallo). In secondo luogo, è regredita in maniera esasperante la distribuzione della ricchezza: c’è un 10% delle famiglie italiane che possiede il 45% della ricchezza del Paese (fonte Bankitalia). Se si guardano le cose da questo punto di vista, i conti tornano e dunque non ci si stupisce dei dati divulgati dall’ADOC (Associazione per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori) a proposito dello scorso inverno, secondo cui le vendite sono calate del 18% e la spesa media del 12%. Male le calzature (-23%) e l’abbigliamento di bassa qua-

lità (-30%); bene, invece, quello di alta qualità (+2%). Il raffronto con il 2010 segue la stessa linea: relativamente alla sola Roma, il Codacons affermò che il 50% dei romani non aveva comprato nulla a saldo e che “a sollevare la media sono state le boutique di alta moda del centro città, mentre le cose sono andate decisamente peggio per i negozi di periferia”. D’altra parte, se i numeri non si smentiscono tra loro, non contraddicono affatto ciò che i commercianti percepiscono tutti i giorni. Perché se la crisi riguarda persino il periodo dei ribassi, figuriamoci che aria tira durante la stagione regolare delle vendite, quando è ormai prassi comune vedere commesse con le braccia conserte per interi pomeriggi. Una tendenza, questa, ancora più scandalosa se si pensa che ciò che consumiamo viene prodotto in Asia a prezzi ridicoli (complice lo sfruttamento e la politica di svalutazione dello Yuan cinese), dunque teoricamente con ampie possibilità di realizzarci ottimi utili. In conclusione, l’andamento dei saldi

21


VG visioni grafiche

VG

visioni grafiche


di Dante Cruciani

italiani e del commercio in generale è lo specchio del Paese. Molti anni fa il settore ha colpevolmente evitato di guardare al futuro e di programmare la sua ristrutturazione. Gli è stata data la pillola indorata della speculazione selvaggia legata all’introduzione dell’euro, quando molti piccoli imprenditori si sono fregati le mani nell’equiparare la moneta unica alle mille lire (valeva invece il doppio). Quella piccola sbornia, unita alla bolla immobiliare, ha impoverito la società nel suo complesso, non evitando, contemporaneamente, che arrivas-

se la marea montante di internet e della grande distribuzione organizzata. Oggi, con gli stipendi fermi ormai dal 2000, la prospettiva per il piccolo commercio non può che essere seriamente problematica. Il 90% delle famiglie italiane è vicina a raschiare il fondo del barile, un fatto che spiega meglio di ogni altro il successo degli outlet o delle vendite via internet (incrementi costanti a due cifre). Non è quindi un caso che negli ultimi due anni i grandi centri del ribasso abbiano aumentato il fatturato del 10% l’anno, colmando il ritardo storico

speciale

con il resto d’Europa. Dieci anni esatti: il tempo in cui in Italia sono state edificate quella trentina di strutture che hanno uniformato il paese al resto del continente. Dieci anni esatti: il periodo in cui la politica di destra e di sinistra ha strizzato l’occhio alla speculazione (meglio la droga del cambio favorevole che una seria vigilanza sui prezzi e una seria riforma fiscale), in cui ben due Presidenti di Confcommercio son finiti agli arresti, in cui si è assistito al “si salvi chi può”. Ora rimettersi in piedi sarà veramente complicato.

I saldi on-line: come fare per risparmiare cifre realmente consistenti Piccola guida ai migliori siti del commercio via internet e il 50% è tanto, figuriamoci il 70%. Già, il 70%, perché è questa la cifra che promettono di far risparmiare alcuni store on-line. Il punto è che nel mondo delle libertà anarchiche, quelle di internet, è sempre più difficile disporre di una guida che orienti, di un’autorità che dica di quali soggetti fidarsi e di quali no. Di solito, è la stessa utenza che certifica, di transazione in transazione, l’attendibilità di un sito. Tuttavia, nell’attesa che un canale si affermi e diventi di pubblico dominio (vedi il caso di eBay), si rischia sempre di andare incontro a sorprese sgradite, magari relative alle modalità di pagamento, alle registrazioni delle transazioni, ecc... Per i saldi estivi 2011 abbiamo dunque pensato una miniguida. Di seguito i siti da tenere d’occhio e le caratteristiche (l’ordine è casuale, non c’è gerarchia).

S

23


VG

visioni grafiche


speciale

.com È assolutamente da tener d’occhio. Per disporre delle offerte occorre registrarsi (nome, cognome, e-mail, password, ecc...). Il sito è cresciuto grazie al passaparola e all’ “invito” di utente in utente. Vengono posti in vendita una serie di articoli per ogni marca. La merce è esposta per 3 o 4 giorni ed è in sconto fino al 70% (in qualche caso la riduzione è anche maggiore). Un sistema garantisce che un unico utente non faccia piazza pulita e acquisti tutti gli articoli disponibili (come potrebbe fare un rivenditore al dettaglio). Il canale è diretto: dal brand al cliente. L’organizzazione di saldi privati si occupa della distribuzione (di solito via posta). Alcuni utenti hanno segnalato dei problemi con i resi.

È il portale dello shopping di lusso. Anche in questo caso bisogna registrarsi e creare un proprio account. Una volta effettuato l’accesso, si mette nel carrello ciò che più si gradisce. L’ordine può essere seguito: più o meno si sa con buona approssimazione quando la merce arriva. I saldi estivi promettono di arrivare al 70%. I brand sono tutti di alto livello: Dolce & Gabbana, Givenchy, Galliano, Marc Jacobs, Dior, John Richmond, Moncler, Cavalli, ecc…

Non solo abbigliamento ma anche borse, accessori e gioielli. Anche in que-

sto caso siamo nel territorio dei brand di lusso e della forte scontistica (fino al 50%). Interessante la sezione “saldi al quadrato”, dove si può direttamente andare a scovare cosa è scontato della metà. Si può anche decidere la fascia di spesa delle cose da comprare a saldo: fino a 40 euro, dai 40 agli 80, oltre gli 80. Ovviamente bisogna registrarsi e creare un account. C’è una sezione apposita “mare e piscina” con centinaia e centinaia di costumi per uomo e per donna. Si può anche selezionare il materiale per marchio.

Si autodefinisce il “numero uno delle scarpe su internet”. È il paradiso degli ossessionati delle scarpe: 400 marche per 15.000 modelli, praticamente un negozio senza fine. I saldi sono fino al 60%. Interessante la sezione “grandi misure” per chi ha difficoltà a trovare il proprio numero. Si può scegliere per numero, per sesso, per colore, addirittura per altezza di tacco. C’è anche una sezione riservata ai bambini e un centralino con un numero rivolto ad aiutare l’utente (lunedì-venerdì 9-18). La consegna è gratuita e in cinque giorni.

.it Ormai è il sito rivelazione in Italia. Come per gli altri è necessaria la registrazione e a dire il vero non è un semplice sito di commercio on-line. I ribassi, infatti, riguardano soprattutto i servizi, le

vacanze, le cene al ristorante, i trattamenti di bellezza. Groupon fa parte di un gruppo internazionale e ultimamente, visto il successo riscontrato in Italia, sta cercando personale che lavori come promoter. La sua forza è anche nella pagina facebook: appositi avvisi informano ogni giorno gli iscritti delle novità.

.com È come saldi privati, ovvero uno shopping club (oulet privato o virtuale). Anche in questo caso la promessa è impegnativa: gli sconti arrivano fino al 90%. Per luglio è prevista un’apposita stagione dei saldi. È presente in Francia, Germania, Austria, Belgio, Spagna, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Regno Unito, Portogallo e Paesi Bassi. I prodotti moda disponibili sono ben 49.000.

Sono entrambi shopping club e sono entrambi stranieri. Sono particolarmente interessanti per chi è alla ricerca di brand non presenti in Italia. Il secondo, vista la nostra atavica poca conoscenza delle lingue, ha addirittura una sezione di aiuto per gli italiani. Sono dedicati alla moda più di lusso e hanno delle apposite sezioni di comunicazione. Tali canali servono anche ad orientare i gusti, ad informare, a creare l’atmosfera giusta per uno shopping che assomigli il più possibile a quello reale. Ideali per chi ha disponibilità e vuole spendere risparmiando.

25


di Michela Caré

speciale

In & Out

MILLA JOVOVICH

i vip? Come si vestono? Sono “in” o “out”? Se ne parla spesso, in particolare nelle riviste specializzate e in apposite rubriche televisive. Per questa estate, vista l’occasione dei saldi, abbiamo voluto anche noi dare qualche pagella, magari per orientare la particolare sete di acquisti del periodo pre-vacanziero. Iniziamo da eventi recenti. Alla 64a mostra del cinema di Cannes, il ruolo di star sul tappeto rosso è spettato a Milla Jovovich, in lungo scamiciato Prada bianco, rosso e rosa, e Doutzen Kroes, in attillatissimo Emilio Pucci bianco. In abito da bomboniera, romantiche e amanti dello strascico, sono state invece ammirate la modella Julia Saner (vestito verde petrolio), la giornalista Anna Dello Russo (bianco tulle by Alberta Ferretti) e l’attrice Tang Wei (principessa orientale in rosa Roberto Cavalli dalla coda grafica e bustier). Sempre sulla Croisette, i migliori cavalieri non potevano che essere i più affascinanti attori hollywoodiani, in particolare Adrien Brody in un completo nero Dolce & Gabbana senza giacca, Jude Law in un abito grigio con camicia bianca e Johnny Depp con cappello a falda larga e casual look. Fino a qui le note positive. Meno bene inve-

JOHNNY DEPP

E

Come si vestono i vip e come è possibile somigliare loro spendendo molto poco ce la regista Angela Ismailos, in un lungo e largo abito giallo, colore che non si intonava con la sua personalità, e la modella Candice Boucher, che ha calcato il red carpet con un vestito nero osè trasparente che ricopre solo le parte intime. Molto spesso gli sguardi sognatori dei fans ignorano che i guardaroba dei vip contengono anche capi comuni. Demi Moore è stata per esempio paparazzata, in una giornata qualunque, con vestiti H&M, mentre la fashionista Sarah Jessica Parker, in una serata di gala, è stata notata indossare un abito con stampa floreale della sua collezione d’abbigliamento Bitten (prezzo per il pubblico: 15 dollari). Persino Rachel Bilson, notoriamente ben vestita e icona di stile per le più giovani, non disdegna il minidress firmato creato da Jovovich-Hawk per Target (appena 21 dollari). Ma la lista non finisce qui. Mariah Carey è stata immortalata con un tubino American Apparel abbinato ad una giacca rosa bubble di Gucci, la multimilionaria Paris Hilton cede spesso alla tentazione degli abitini a basso costo di H&M. Secondo la rivista inglese Glamour Uk, la ragazza più alla moda del 2011 è la maghetta di Harry Potter, Emma Watson. L’attrice ha prestato il volto per diverse campagne Burberry, è la nuova testimonial Lancome e, nel 2010, ha lanciato ufficialmente la sua collezione di abiti ecosostenibili, “Love from Emma”, nata dalla collaborazione con uno dei

più famosi marchi di moda ecofriendly del-

DEMI MOORE

RKER CA PA JESSI SARAH

CANDICE BOUCHER

l’Inghilterra, People Tree. MARIAH CAREY Seguono nella classifica, Cheryl Cole, Kristen Stewart, Dannii Minogue, Alexa Chung, Rihanna, Kate Moss, Blake Lively, Olivia Palermo, Lea Michele, Jennifer Aniston, Ashley Greene, Anna Kendrick, Vanessa Hudgens, Victoria Beckham, Sienna Miller, Diane Kruger, Leighton Meester, Samantha Cameron e Carey Mulligan.

EMMA WATSON

27


VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

speciale

L’ansia da prova costume Genera depressione, fa ricorrere al bisturi o a diete drastiche e abbiamo già parlato, ampiamente discusso. Abbiamo sentito i commenti delle donne. E, del resto, chiunque può facilmente sperimentarne gli effetti chiedendo a mamme, sorelle, fidanzate cosa comporta e cosa significa l’ansia da prova costume. Che sarà mai? Veramente la gente sta tutta a esaminare i nostri difetti invece di leggere un libro o giocare a beach volley? Ebbene, pare proprio di sì. Che tristezza questo pensiero. Sintomo e ovvia conseguenza di una società che pone i suoi principi nell’immagine piuttosto che nella sostanza. E non è un caso che i sociologi contemporanei parlino per frasi quali “noi siamo le immagini che vediamo”. Ma anche “noi vediamo ciò che siamo”. Un bel circolo vizioso, non c’è che dire. Ci propongono dei modelli perché possiamo ammirarli, seguirli, invidiarli, per diventare come loro. Ci proviamo almeno, ad assomigliare ai mannequin delle pubblicità stravaccate sui manifesti che tappezzano la città. E, se non riusciamo, le conseguenze talvolta comportano gesti o comportamenti estremi. Non entro in ambiti che comprendono anoressia, bulimia e, in generale, disturbi legati al cibo per non andare a toccare temi che richiederebbero un approfondimento e una sede diversi. In luce, però, uno studio condotto dall’associazione Donne e qualità della vita su un campione di 300 persone tra i 20 e i 50 anni. Le conclusioni mostrano una carenza di piacere estetico che provoca depressione per il 35% del campione analizzato. Ecco come hanno risposto gli intervistati alla domanda “cosa si prova a stare in costume da bagno?”. Si prova forte disagio (34%), senso di inadeguatezza (25%) o grande imbarazzo (20%). Quasi l’80% è quindi colto da sentimenti negativi, mentre solo un 36% si dichiara soddisfatto o felice di mostrarsi in bikini o in boxer. Per le donne risultano essere la cellulite e le smagliature (38%) le parti che generano maggiore insoddisfazione, seguite dall’infelicità per un seno troppo piccolo (30%) e, in ultimo, per i segni del tempo (25%). Per gli uomini, invece, il difetto meno tollerato è la pancetta (35%). Le une e gli altri sono inoltre depressi per l’antiestetico tessuto adiposo che convoglia sulle braccia (25%) e, ancora, per quel nasino che, in molti casi, è imbruttito dalla gobba (30%). Che la bellezza possa includere qualche difettuccio e risultare dall’equilibrio delle forme pare una delle ipotesi meno accreditate. Non è la bellezza, ma la perfezione, che si ricerca. Pensiamo di ottenerla attraverso il chirurgo, in sala operatoria, spinti dagli innumerevoli programmi che ci vengono propinati dalla tv e che ci mostrano il prima e il dopo bisturi. E poi ci sono le diete dell’assurdità. La dieta Dukan, meglio conosciuta come la dieta della principessa Kate, quella delle proteine insomma, o la dieta del gelato, della banana, dell’acqua, del limone. Ma, udite udite, c’è un’altra “soluzione miracolosa”: quella del sondino naso-gastrico. Se avete voglia di farvi inserire un tubicino nel naso per essere nutriti con dei liquidi tramite esso, e digiunare per qualche giorno, la perdita di peso è assicurata e veloce. Chissà quanto possa essere duraturo il risultato. Per questo sistema come per tutte le diete che non siano fatte su misura, proprio come un abito ben cucito addosso, secondo esigenze che variano completamente da persona a persona. Perché questo siamo: persone, non mannequin.

N

29


di Chiara Ferraro

esteri

Al Qaeda in ginocchio

iustizia è fatta”: così il presidente degli USA, Barack Obama, ha annunciato al mondo la morte di Bin Laden, ucciso il 2 maggio ad Abbottad in Pakistan durante un blitz nel suo compound. Un duro colpo al cuore di Al Qaeda, ma ancora insufficiente a mettere definitivamente in ginocchio la più pericolosa organizzazione terroristica esistente. In Pakistan nel corso dell’Operazione Geronimo, la stessa che ha portato alla morte di Bin Laden, il 6 maggio sono stati uccisi 17 militanti terroristi e ne sono stati arrestati altri 40. L’11 giugno invece a Muqdisho, in Somalia, è stato ucciso Fazul Abdullah Mohammed, capo di Al Qaeda per l’Africa orientale, accusato di aver organizzato gli attentati del 1998 alle ambasciate USA in Kenya e Tanzania. Soltanto un mese prima un altro importante esponente del gruppo, Khaled Hathal Al Qahtani, si era costituito in Arabia Saudita per motivi ancora da chiarire. Nonostante le gravi perdite, Al Qaeda non rinuncia alla sua lotta. Come successore dello “sceicco del terrore” inizialmente è stato scelto l’egiziano Said Al-Adel, poi l’ex

“G

numero due Ayman al-Zawahri, che ha promesso di vendicare la morte di Bin Laden e di continuare la jihad contro “gli invasori dalle terre dei musulmani”. John Brennan, capo dell’antiterrorismo della Casa Bianca, riferendosi allo stato di salute di Al Qaeda ha dichiarato che “Ora è come una tigre ferita mortalmente ma che ha ancora un alito di vita”, La morte di Bin Laden sembra aver dato un nuovo impeto alle azioni dei gruppi integralisti islamici, legati in modo diretto o solo ideologico con ciò che resta del movimento. Lo stato d’allerta in tutto l’Occidente è quindi molto alto: possibili obiettivi potrebbero essere la Francia e l’Inghilterra, ma i controlli per la paura di nuovi attentati sono aumentati in tutti i paesi vicini agli USA, Italia comBIN LADEN presa. Il loro primo bersaglio saranno di sicuro gli USA, tanto che Washington ha subito applicato severe misure di sicurezza. Ad avvalorare il pericolo di attacchi sono state le informazioni trovate nei pc sequestrati nel covo di Bin Laden: si è scoperto che lo sceicco stava organizzando un attentato ferroviario per colpire l’America in occasio-

A due mesi dalla morte di Bin Laden e di altri dirigenti, la rete del terrore cerca di non dissolversi e si riorganizza ne del decimo anniversario dell’11 settembre 2001. L’unico paese dove ci sono state le prime rivendicazioni islamiche è il Pakistan, il cui Governo è accusato dai talebani di essere asservito agli Usa; per questo dal 2 maggio scorso gli attacchi terroristici si sono intensificati in tutto il Paese. Ancora non è chiaro se il governo di Islamabad fosse o no a conoscenza delle operazioni americane ma all’interno dell’Intelligence Usa si sospetta che Bin Laden possa aver avuto protezione e aiuto anche da parte dei servizi segreti pachistani. A rinforzare questa ipotesi, il rapimento e l’uccisione del giornalista Syed Saleem Shahzad, che aveva supposto in un suo articolo l’esistenza di negoziati segreti tra Al Qaeda e la marina pakistana come causa dell’attentato alla base navale di Karachi dello scorso 22 maggio. Quel che è certo è che, dopo i recenti fatti, i rapporti tra Washington e Islamabad si sono deteriorati e questo rappresenta un passo falso rispetto agli obiettivi militari americani nelle regioni afghano-pakistane, dove sono impegnati da 10 lunghi anni.

31


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


di Eleonora Isgrò

esteri

Le segrete stanze del Gruppo Bilderberg i hanno letteralmente presi a spintoni. Mi hanno dato anche un colpo sul naso che ora è sanguinante: è stata un’aggressione violentissima”. Mario Borghezio, europarlamentare della Lega Nord, commenta così il modo in cui è stato accolto all’ingresso dell’Hotel Suretta di Saint Moritz, lo scorso 9 giugno, nel tentativo di partecipare alla segretissima riunione del gruppo Bilderberg, un privatissimo meeting annuale che si svolge dal 1954 e di cui si sa poco o nulla. Ma in cosa consiste realmente questo club esclusivo? Ufficialmente, una volta l’anno, un gruppo di

“C

MARIO BORGHEZIO

Walter Veltroni, Giovanni Agnelli. La peculiarità di questi eventi è che non è permesso a nessun giornalista di assistere alle riunioni e nessun comunicato stampa viene emanato alla fine dei lavori. Quindi, quello che viene detto è coperto dal più assoluto segreto. Ed è proprio da questo segreto che derivano le più svariate teorie sulla natura di questi incontri, dalle versioni complottistiche a quelle del semplice incontro riservato. The Times, nel 1977, definì i Bilderbergers “una congrega dei più ricchi, dei più economicamente e politicamente potenti e influenti uomini nel mondo occidentale, che si incontrano segretamente per pianificare eventi che poi sembrano accadere per caso”. Secondo Daniel Estulin, autore del libro “La vera storia del Gruppo Bilderberg”, il consesso, insieme ad altri due, il Council on Foreign Relations (CFR) e la Trilateral Commission (TC), sarebbe una sorta di governo ombra la cui priorità è cancellare la sovranità di tutti gli Stati nazione e soppiantarla con il controllo corporativo globale delle loro economie sotto la sorveglianza di uno “Stato di polizia globale elettronico”. Questo potere sopranazionale che decide le sorti del mondo influenzerebbe anche i mass media. Per l’Italia, quest’anno sarebbero

Si riunisce ogni anno e funziona per cooptazione. Non è dato sapere se circa 130 partecipanti si è un club informale o riunisce, tramite invito una società transpersonale, in località esclunazionale sive, di solito hotel o resort

stati presenti a Saint Moritz Franco Bernabè (Telecom Italia), John Elkann (Fiat), Mario Monti (Università Bocconi), Paolo Scaroni (Eni), Giulio Tremonti (ministro italiano delle finanze). Secondo voci ed indiscrezioni, ovviamente non confermate, il Bilderberg group si sarebbe occupato delle rivoluzioni arabe dall’Egitto, alla Libia, alla Siria - e le avrebbe considerate positivamente. Internet è considerato un rischio, quindi andrebbe sottoposto a censura e sotto il controllo dei governi. Si sarebbe anche deciso di salvare Grecia, Irlanda, Portogallo e gli altri soci UE, poi di far lievitare il prezzo del petrolio, ridurre le autonomie nazionali e creare una moneta unica mondiale. Si sarebbe anche parlato del problema della sovrappopolazione della terra. Per quanto riguarda il sostituto di Dominique Strauss-Kahn, ex bilderberger, si vocifera che siano state discusse le candidature dell’israeliano Stanley Fischer, del messicano Agustín Carstens e della francese Christine Lagarde. Secondo il malmenato Borghezio, l’accaduto “smaschera la reale natura di questa consorteria: il club di Bilderberg è una società segreta e non un gruppo di persone che si riuniscono in modo riservato. Chiediamo che chi decide sui destini del mondo lo faccia in modo trasparente”. A noi poveri mortali, nel bene e nel male, nulla è dato sapere. HOTEL DE BILDERBERG A OOSTERBEEK (PAESI BASSI) SEDE DELLA PRIMA CONFERENZA BILDERBERG DEL 1954

sparsi per il mondo, per discutere di temi globali quali l’economia, la politica, le questioni militari. A queste riunioni partecipano le più alte personalità mondiali della finanza, dell’economia, della politica, tra cui, in passato, personaggi del calibro di Bill Clinton, Paul Wolfowitz, Henry Kissinger, David Rockefeller, Zbigniew Brzezinski, Tony Blair e, tra gli italiani, Romano Prodi,

35


VG

visioni grafiche


di Chiara Ferraro

costume e società

Giornata Mondiale della

Gioventù 2011 Il grande raduno di giovani cattolici in Spagna neare la centralità della figura di Gesù nella vita di ciascun giovane cristiano. Tale messaggio è espresso anche dal logo dell’evento: l’autore José GilNogués ha spiegato che il disegno raffigura “i giovani di tutto il mondo che si uniscono, ai piedi della Croce, per celebrare la propria fede accanto al Papa e formano assieme la corona della Vergine Almudena, patrona di Madrid”. La corona rappresenta inoltre la “M” di Madrid e di Maria. “La via giusta per arrivare a

Cristo è la Vergine Maria, Madre di Dio e degli uomini - ha aggiunto Gil-Nogués - I giovani hanno, nella fede di Maria, l’esempio e il modello per arrivare a Cristo e realizzare la finalità prioritaria della GMG: far conoscere al mondo il suo messaggio”. Il programma della GMG di Madrid è scaricabile dal sito ufficiale: www.madrid11.com.

al 16 al 21 agosto Madrid diventerà la capitale del mondo giovanile in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù. Dal luglio 2008, quando Benedetto XVI annunciò, chiudendo la GMG di Sidney, che Madrid avrebbe ospitato la successiva edizione, la macchina organizzativa si è subito attivata per allestire i luoghi dell’evento (l’Aerodromo di Cuatro Vientos e piazza de la Cibeles), per trovare il numero necessario di volontari e per accogliere i pellegrini. Secondo l’arcivescovo di al 5 al 10 agosto Roma ospiterà il più imporMadrid, D. Antonio Maria Rouco Varela, tante appuntamento per il mondo della moda arriveranno nella capitale spagnola su misura: il 34° “Congresso Mondiale dei Maequasi 2 milioni di giovani, la metà stri Sarti”. madrileni e il resto proveniente da Organizzato dalla “Federazione Mondiale dei altri luoghi, che troveranno ospiMaestri Sarti” presso lo Sheraton Golf Parco de’ talità presso famiglie e diocesi Medici, il Congresso festeggerà in quest’occaspagnole sia per i Giorni della sione il suo Centenario. La prima edizione si svolDiocesi (11-15 agosto) sia se a Bruxelles nel 1910 alla presenza di 250 maestri per la GMG. sarti di 15 diverse nazioni; in seguito si è sempre svolto Il direttore finanziario con cadenza biennale, salvo dei periodi di pausa per guerre e crisi economiche. Fernando B. Giménez ha È stata scelta Roma per ospitare questa edizione poiché è la città che si può avvalere del titolo dichiarato che la GMG di “Capitale mondiale della Sartoria” grazie ai suoi famosi atelier che hanno contribuito a creadi Madrid sarà “a re negli anni ‘50 il mito del “Made in Italy”, promuovendo il nostro paese in tutto il mondo come costo zero” per gli modello di stile, eleganza e bellezza. spagnoli, poiché Come ogni edizione, parteciperanno all’evento i più grandi sarti artigiani provenienti da tutto il autofinanziata dai mondo che arriveranno nella Capitale con il loro bagaglio culturale e professionale per condividepellegrini e dalle re la propria Arte e apprendere nuove tecniche. Per questo scopo sono stati organizzati una serie aziende-sponsor: di eventi come defilé, mostre, convegni, dibattiti e un tour per la città alla scoperta delle sue belquesto porterà un lezze. apporto di oltre 100 Durante i lavori saranno inoltre conferiti due premi: il “Premio Manichino milioni di euro per d’Oro”, istituito dall’Accademia Nazionale dei Sartori, la più antica associal’economia spagnola. zione italiana del settore abbigliamento; e il “Premio Dandy”, che andrà Il tema scelto per queall’uomo che nella società dell’omologazione veste ancora l’abito su misura, unico e originale st’anno è tratto da una in ogni dettaglio. frase di san Paolo, “In un’epoca in cui la massificazione è prevalente - ha spiegato Mario Napolitano, Presiden“Radicati e fondati in Crite della federazione - l’eleganza di quanto è prodotto su misura rappresenta un valore sto, saldi nella fede” (cfr. aggiunto”. Col 2,7), che vuole sottoli-

D

Un

o ago e filo d n o m A Roma 100 anni di storia della sartoria

D

39


Agosto suona bene La seconda metà di luglio e tutto il mese di agosto sarà impossibile restare a casa

di Andrea Giovanni Sorge

hi l’ha detto che questa del 2011 non possa essere un’estate da ricordare anche per chi resta a casa? Proprio così: chi per scelta o necessità decide di non lasciare Roma nei mesi caldi, potrà comunque godere dei benefici di una città più vivibile e soprattutto piena di cose da fare. Non va infatti in vacanza la musica a Roma. Chi predilige il rock per scatenarsi e liberarsi attende il 17 luglio a Villa Ada i Verdena. Giusto un attimo di respiro con la musica raffinata e retrò di Mario Ermanno Giovanardi il 26 luglio a Roma Vintage per poi chiudere il mese in bellezza sempre a suon di rock: nell’ambito della rassegna Rock in SLASH Roma che avrà luogo anche quest’anno presso l’Ippodromo delle Capannelle, il 29 luglio, l’ormai ex Guns’n Roses Slash promette assoli infuocati con la sua leggendaria chitarra. Per i palati più raffina-

C

ti, invece, la Cavea dell’Auditorium Parco della Musica ha in serbo due appuntamenti imperdibili per il mese di agosto, entrambi nel segno bianco e nero del pianoforte: il 1° agosto le follie jazz dell’eclettico Stefano Bollani saranno protagoniste assolute in un concerto pianosolo. A seguire, il 2, le melodie contemporanee ed immediate di Giovanni Allevi, in giro col suo eloquente “Alien tour”. Chi alle note struggenti del pianoforte preferisce il cantautorato introspettivo di Niccolò Fabi, non ha che da recarsi presso il pontile di Ostia il 15 agosto, per passare un ferragosto all’insegna della buona musica italiana. Ma l’estate romana è anche ritmo, energia, divertimento: esemplare da questo punto di vista il carnet messo a segno dalla prima edizione del Saturday Swing Fever, festival

LLEVI I A NN VA

costume e società

GI O

che ripercorre i fasti della musica swing dagli anni Trenta ai Cinquanta, complice la suggestiva cornice del Parco Egeria in via dell’Almone 105. Per il mese di luglio in programma ci sono lo spettacolo-concerto Duellin’ Tenors: Joe Marranzano vs Baby Face. Il 9 sarà la volta del Let’s Dance! con Francesca Ciommei,

NICCOLO' FABI

Red Pellini e Gianluca Galvani. Si chiudono i battenti il 23 con la Marco Da Silva’s Memphis Extravaganza. Dallo swing al jazz in tutte le sue possibili declinazioni, il passo è breve. La stagione estiva della Casa del Jazz ha quest’anno un cartellone impressionante, per quantità ma soprattutto per qualità.

41


di Emanuela Andreocci

cinema

Il cinema regna nell’estate romana Film sotto le stelle: tanti gli appuntamenti di luglio e agosto OMAR SOSA

Si Comincia il 31 luglio con la prima data della manifestazione Guitar Legenda: protagonista Omar Sosa, cui seguiranno David Kikoski il 2 e Steve Lukather il 4. Il 1° agosto è poi atteso un terzetto di tutto rispetto: Rita Marcotulli, Javier Girotto e Luciano Biondini. Il 3 sarà la volta di Stefania Tallini con il suo “Intimate Brasil”, il 5 del Marco Albani Project. Attesissimo e doppio l’appuntamento, il 6 e 7 agosto, con l’eccezionale reunion degli Area: al piano e alle tastiere Patrizio Fariselli, alle chitarre Paolo Tofani, al contrabbasso e al basso elettrico Ares Tavolazzi, e con la partecipazione di Walter Paoli alla batteria. Da non perdere poi il 9 l’esibizione della talentuosa vocalist Susanna Stivali, famosa anche per le sue collaborazioni con Giorgia. Il 10 agosto sono previste grandi emozioni con l’eclettico pianista e compositore brasiliano João Donato. Sarà invece una “Notte Mediterranea” quella dell’11 agosto in compagnia di Stefano Saletti e della sua “Piccola Banda Ikona”, ospiti d’eccezione Ambrogio Sparagna, Jamal Ouassini, Rashmi Bhatt. Si ballerà sulle appassionate note del tango dal 12 al 15 agosto all’interno della rassegna Jazz & Tango con Carlos Tero Buschini il 12, con Norma Beatriz Santillo il 13 e con Javier Javier Girotto il 14 ed il 15. A seguire, Vito Favara il 17, Antonella Vitale il 18, Marco Siniscalco con Federica Zammarchi il 19. Il 20 il quartetto di R oberto Gatt o ROBERTO GATTO promette faville: a non farlo rimpiangere ci penserà il 21 un altro quartetto, quello di Enzo P iet ropaoli. Il 22 Antonello Salis, Gavino Murgia, Paolo Angeli e Hamid Drake presenteranno a Roma l’album “Giornale di Bordo”, edito per la Sard Music. E ancora Gegè Munari il 23, Davide Pettirossi il 28, Riccardo Biseo Quartet il 29. Chiude il cerchio il 31 un altro quartetto, quello del sassofonista (anche lui con all’attivo una collaborazione con Giorgia) Rosario Giuliani, special guest Fabrizio Bosso. Da segnalare, infine, sempre alla Casa del Jazz e sempre ad agosto, il Festival Manouche con Robin Nolan il 25, Dorado Schmitt il 26 e Angelo Debarre il 27. In questo mare di note, sarà fin troppo dolce naufragare… buona estate e buona musica a tutti!

nche quest’anno l’estate romana offrirà, a chi resta nella Capitale, la possibilità di svagarsi e divertirsi con interessanti attività culturali in molti punti strategici della città, che diventano veri e propri luoghi di incontro per chi cerca un po’ di fresco e relax senza potersi muovere da Roma. Molte, quindi, le possibilità di intrattenimento: bancarelle, manifestazioni, rassegne, incontri e, soprattutto, arene: Roma, infatti, emblema della dolce vita e centro nevralgico del cinema italiano, offre a tutti gli appassionati varie arene estive dove poter ammirare film di tutti i tipi, dai capolavori di un tempo a quelli più recenti, dalle pellicole di nicchia ai blockbuster record di incassi. Dall’8 luglio all’11 settembre si potrà assistere alle proiezioni dell’ormai consolidata rassegna Notti di cinema a Piazza Vittorio nei giardini della piazza romana che dà il nome alla rassegna; il pubblico potrà quindi scegliere tra un ricco programma di proiezioni comL'ISOLA DEL CINEMA prendenti gli ultimi successi cinematografici, nazionali ed internazionali. L’Isola del cinema, invece, alla sua XVII edizione, in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, dedica il suo salotto lungo il Tevere proprio ai talenti Italiani. Le proiezioni sono suddivise in quattro sezioni: “Nuovo Cinema Italiano” promuove i talenti di nuova generazione e le opere prime; “Ciak d’Italia” è un omaggio agli autori già affermati e conosciuti della cinematografia italiana; “I Grandi Classici del Cinema Italiano” prevede una serie di incontri e approfondimenti che hanno la Settima Arte come chiave di lettura dei 150 anni dell’Unità d’Italia; infine “Italiani da Oscar” offre l’interessante possibilità di poter ammirare, studiare e analizzare i 12 film vincitori del massimo riconoscimento internazionale come miglior film straniero. Parlando di arene, non possiamo dimenticare la V edizione di Cinema all’aperto organizzata dall’Accademia di Francia, che dal 4 al 15 luglio 2011 apre i Giardini di Villa Medici con una rassegna dedicata a due star del cinema italiano e francese: Gian Maria Volonté e Yves Montand. Dal 10 al 17 luglio, inoltre, il Cinema Farnese in Campo de’ Fiori Asian Film Festival. Ce n’è per tutti i gusti! ospiterà l’A

A

43


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


L’agosto delle Sagre

Umbria

POR CH E

R

TT

Dal 3 al 7 agosto si terrà a Monte Santa Maria Tiberina, provincia di Perugia, la XIX edizione della SAGRA DELLA PORCHETTA E DEI FAGIOLI CON LE COTICHE. Cinque giorni dedicati alla degustazione di piatti tipici locali, con al centro delle degustazioni il porcello cotto al forno e succulenti fagioli con le cotiche. Il tutto accompagnato da musica, spettacolo, ballo con l’orchestra, tornei di briscola e gare podistiche. Dal 22 al 28 agosto Macchie di Amelia (Terni) ospiterà la FESTA DEL BOSCAIOLO. Durante la sagra si potranno gustare i piatti tipici dei boscaioli, come la polenta alla carbonara e il cinghiale alla cacciatora. Nel pomeriggio di domenica 29 sarà possibile assistere alla rievocazione storica dell’antico mestiere del boscaiolo. Particolarmente ricco ed interessante il calendario degli spettacoli serali che prevede la partecipazione di orchestre spettacolo, cabarettisti e gruppi pop e rock.

Abruzzo P

imanere in città d’estate non è più una sciagura. Intorno a Roma il mese di agosto è il periodo più ricco di sagre e feste paesane. Siamo dunque andati alla ricerca dei più importanti eventi enogastronomici nel Lazio e nelle regioni che ci circondano: Umbria, Abruzzo e Toscana. A

A OR EC

C ALLA ALLAR A

Dal 5 al 7 agosto avrà luogo a Macchia del Sole, Teramo, la SAGRA DEL FORMAGGIO PECORINO E DELLA PECORA ALLA CALLARA, giunta alla 43a edizione. Nella tre giorni ci sarà la dimostrazione di come veniva fatto il formaggio un secolo fa con assaggi di ricotta e derivati. Il 15 agosto, a Gallo di Tagliacozzo, la tradizionale SAGRA DELLA SALSICCIA. Dalle 18.00 si comincerà a mangiare e a bere panini, bistecche, pancetta e vino, cui faranno seguito musica dal vivo e balli di gruppo.

Toscana Il primo weekend di agosto, come ogni anno, a Ciciano (Siena) si terrà la SAGRA DEL CIACCINO, una schiacciata cotta nei forni a legna del paese secondo una ricetta tramandata a livello familiare da generazioni. L’impasto ha come base il grasso di maiale che viene poi arricchito in alternativa da noci tritate, uvetta, sfrizzoli, patate o semplicemente dall’ottimo olio di oliva delle colline locali. Il 14 e 15 agosto, invece, a Cortona, provinSAGRA DELLA BISTECCA

cia di Arezzo, avrà luogo la SAGRA DELLA BISTECCA. Si tratta di una meravigliosa grigliata all’aperto dove vengono preparate bistecche alla fiorentina (carne chianina), salsicce e costolette su una graticola di 14 metri. Le bistecche sono molto spesse e vengono arrostite al sangue, come vuole l’antica tradizione toscana.

Lazio

PASTA AL LA

Il 18 agosto, a Grisciano di Accumoli (Rieti), si rinnova l’appuntamento con la SAGRA DELLA PASTA ALLA GRISCIA, il piatto tipico di Grisciano di Accumoli. Si tratta di un piatto semplice e gustoso di antica tradizione, a testimonianza del passato rurale e pastorale della zona. La giornata si sviluppa attraverso un mercatino di prodotti tipici ed artigianali, spettacoli musicali e per bambini e la distribuzione di un considerevole numero di piatti di pasta alla griscia. Infine, il 20 agosto, a Scandriglia (RI), una delle sagre più apprezzate, ossia la SAGRA DELLE SAGNE SCANDRIGLIESI, un particolare tipo di pasta all’uovo, simile alle fettuccine, preparata a mano dalle donne del posto e condita con un sugo cucinato secondo un’antica ricetta locale. La serata sarà allietata dall’esibizione di un’orchestra che proporrà musica dal vivo e danze per tutti.

45

CIA IS GR

di Michela Carè

costume e società

Intorno a Roma tanti gli appuntamenti per staccare dalla città e allietare il palato


VG

visioni grafiche


cose dell’altro mondo

di Andrea Giovanni Sorge

Noi Puffi siam così… razzisti? oliticizzare qualsiasi cosa, connotandola di sovrastrutture simboliche e dietrologie a volte ai confini dell’assurdo, è uno dei mali del nostro secolo. Non c’è film, canzone o spot all’interno della cui composizione sociologi, psicologi e “tuttologi” vari non abbiano riscontrato questo o quel significato nascosto. Certo non potevamo pensare che un giorno se la sarebbero presa anche con i Puffi. Proprio così, quegli adorabili esserini blu nati dalla penna del fumettista Belga Peyo nel 1958 e divenuti protagonisti di una longeva serie

P

animata targata Hanna e Barbera nel 1981. Veniamo ora sapere dal sociologo - e ti pare…- francese Antoine Bueno, che i Puffi altro non sarebbero che una riproduzione in scala di un sistema politico nazionalsocialista e antisemita. L’ecosistema del villaggio di Puffolandia riprodurrebbe infatti la vita ai tempi dei totalitarismi, di

Una lezione da ricordare C he non si dica più che la scuola è noiosa. Saranno stati contenti i bam-

Il cimitero abusivo degli animali mmaginate la sorpresa di un gruppo di poliziotti del New Mexico quando, insospettiti dai cattivi odori provenienti da una zona vicina alla loro proprietà, hanno rinvenuto decine di cadaveri di animali di grossa taglia tra cui cavalli, pecore e perfino un rinoceronte. Autore della bella pensata sarebbe un addetto alla soppressione di animali malati: per problemi personali l’uomo, una volta praticata l’eutanasia, avrebbe trasportato altrove e abbandonato le carcasse senza preoccuparsi del loro smaltimento. Evidentemente, pensando di essere ancora fermo all’Età della Pietra. Vergogna.

I

bini della scuola elementare di Tualatin, un sobborgo di Portland, quando, qualche mattina fa, le lezioni sono saltate per motivi di forza maggiore. Un gigantesco esemplare di orso bruno, infatti, ha scorazzato indisturbato per alcune ore nel campetto della scuola, per la gioia dei piccoli curiosi che lo osservavano affac-

cui il saggio Grande Puffo sarebbe il capovillaggio di hitleriana memoria. Puffetta, l’altra meta del puffo-cielo, sarebbe stata disegnata secondo i biondissimi principi della razza ariana. Mentre il cattivone Gargamella avrebbe qualche somiglianza di troppo con gli sbeffeggiati protagonisti di origine ebraica di alcune vignette antisemite d’epoca, complice anche il suo spelacchiato gatto Azrael (da noi Birba), dal nome tipicamente ebreo. Povera la nostra infanzia…

ciati alle finestre, a debita distanza di sicurezza dall’interno dell’edificio. La gita del novello Yogi è durata poco: l’imponente mammifero è stato prontamente catturato e riportato al suo habitat naturale, un bosco non lontano da lì. Agli studenti rimarrà senz’altro impressa questa lezione di scienze sul campo!

Pericolo squali… premere “play” he la musica avesse effetti calmanti è cosa nota e gli studi nel campo della musicoterapica hanno ricevuto negli anni le più svariate applicazioni. Che però la magia delle sette note riuscisse ad avere dei significativi effetti calmanti anche su soggetti poco raccomandabili come gli squali, non era ancora cosa nota. A scoprirlo, un gruppo di ricercatori americani. Osservando un gruppo di squali, il team di esperti ha infatti constatato come la canzone You shook me all night long degli AC/DC tranquillizzi i predatori del

C

mare e li renda meno aggressivi. Decisamente da uno squalo non ci saremmo aspettati altri gusti musicali che l’hard rock! I surfisti e i sub si armino di lettori mp3 subacquei…

47


cose dell’altro mondo

di Rossella Smiraglia

Cleptomania? Roba da gatti... servizio, facendolo addirittura seguire da telecamere ad infrarossi, che lo hanno ritratto durante le sue “imprese”. Il gatto ha trasformato la casa dei suoi padroni in un museo dell’oggetto rubato. Almeno, i proprietari di Dusty avrebbero potuto provare a restituire gli oggetti ai vicini, magari esponendoli in giardino. Ma forse alla simpatia felina è perdonato un furtarello...

n California un gatto è stato sorpreso con oltre 600 oggetti rubati. Sembra che la cleptomania sia una patologia che anche gli animali possono avere. Dusty, l’Arsenio Lupin dei Gatti, come tutti i suoi simili ama andare in giro a casa dei vicini, lui però non resiste a portare con sé un “ricordino”. Al “peloso criminale” il San Francisco Chronicle ha dedicato un intero

I

Caduti della Seconda Guerra Mondiale a casa dopo 65 anni o scorso mese di ottobre 2010 sono rientrate in Italia 121 salme appartenenti a nostri militari caduti in Russia e altre 7 provenienti dalla Moldavia. Il Commissariato Generale per le Onoranze per i Caduti in guerra, l’Onorcaduti, ha provveduto immediatamente alle delicate operazioni di riconoscimento e di identificazione che hanno portato, in pochi

L

mesi, all’individuazione certa dell’identità di 9 Caduti. Oggi, grazie alle nuove indagini sul DNA, è stato possibile restituire alle famiglie i resti mortali di eroi sconosciuti, che adesso hanno un nome. Accogliendo un legittimo desiderio dei familiari, cinque dei Caduti identificati saranno consegnati e trasportati nelle località di origine: a Mantova, Torrazza

Coste (PV), Altopascio (LU), Urbino (PU) e Ruoti (PZ). Il 21 giugno scorso, presso il Tempio dell’Ossario di Cargnacco (UD), si è tenuta la cerimonia religiosa e militare con la consegna dei Caduti identificati alle proprie famiglie. I meno fortunati riposeranno presso il Tempio insieme con le altre migliaia di Militi Ignoti.

Un seno “troppo grande” M

olte donne ricorrono a interventi di chirurgia estetica per aumentare il seno, ma a volte è proprio la natura a giocare strani scherzi. Per Julia Manihuari il seno è diventato un problema: dopo la sua terza gravidanza è infatti cresciuto a dismisura, arrivando ad una coppa N. In medicina è una patologia conosciuta con il nome di Ginecomastia bilaterale. La povera Julia era arrivata al punto di restare immobilizzata per sei mesi a causa di un seno che le impediva anche i più piccoli movimenti. Quando la sua storia è stata seguita dai media, è partita una raccolta di fondi per permetterle l’intervento di riduzione. I medici l’hanno dunque sottoposta ad un intervento molto delicato asportandole 16 chili di materiale stando ben attenti a non danneggiare i polmoni. Oggi a Julia resta solo il ricordo di un seno che cresceva di giorno in giorno, impedendole i movimenti rischiando di soffocarla.

Tradito dal guasto alla tv ue ragazze giapponesi sono state salvate dal tecnico che, durante la riparazione di un televisore, ha trovato un biglietto di SOS, in cui la ragazza chiedeva aiuto e diceva di essere stata rapita, indicando numero e persone da contattare. L’incredulo tecnico, dopo qualche esitazione, ha fatto il numero indicato, chiedendo se nella casa chiamata fosse scomparso qualcuno.

D

Immediatamente la polizia ha raggiunto la casa dove erano segregate due ragazze, rapite da circa un anno da un uomo, Zhen Xiangbao, di 39 anni. Il rapitore è stato descritto come un tipo tranquillo, almeno fino a quando la separazione dalla moglie non gli ha sconvolto la vita. Le ragazze, trovate legate con delle catene alle caviglie, sono sopravvissute con acqua e pochi viveri che il rapitore gli aveva lasciato. Nel frattempo era infatti stato arrestato proprio per i sospetti di rapimento che gravavano su di lui.

49


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


teatro

di Chiara Rovan

30 anni di attività per la

Pirandelliana 2011 Il genio siciliano in scena in un contesto unico al mondo na delle manifestazioni più attese dell’Estate romana giunge alla sua 30a edizione: la celebre rassegna teatrale Pirandelliana, che si svolgerà dal 5 luglio al 7 agosto nel suggestivo giardino della Basilica di Sant’Alessio, uno degli spazi più belli dell’Aventino, un splendido balcone che si affaccia maestosamente su Roma. La nota compagnia teatrale La bottega delle maschere, diretta da Marcello Amici, rappresenterà, a sere alterne, due famose opere di Luigi Pirandello: Sei personaggi in cerca d’autore (martedì-giovedìsabato) e I giganti della montagna (mercoledì-venerdì-domenica). Inaugurano la rassegna i Sei personaggi, confusi e disorientati, che arrivano in un teatro dove una compagnia sta provando Il giuoco delle parti dello stesso Pirandello e chiedono al capocomico di rappresentare il loro dramma, perché l’autore che li ha partoriti non li ha poi più voluti. Un dramma familiare, il loro, dalle tinte forti, viscerale e vero, tanto “più vero di quelli che respirano e vestono panni”… Gli attori della compagnia proveranno a interpretare i sentimenti della famiglia, ma non riusciranno a coglierne la vita e la cruda disperazione. BOTTEGA DELLE MASCHERE Quanta forza può avere la verità di un padre immaginario e quanta la finzione di un attore reale? Sono passati 90 anni da quella sera del 10 maggio 1921 in cui questo testo andò in scena per la prima volta al Teatro Valle di Roma e ancora oggi, a distanza di tanti anni, lo spettatore viene colpito da un’intensa emozione quando quei sei fantasmi appaiono sul palcoscenico e avviene quel misterioso contatto metateatrale tra vita e scena. Diversa la storia dei Giganti della montagna, che narra di una compagnia di attori in miseria arrivata a villa Scalogna, in una valle deserta, dove vivono il mago Cotrone e i suoi Scalognati, gente strana che guarda la realtà con occhi trasognati. Cotrone invita gli attori a fermarsi nel suo regno magico, dove i sogni dell’arte si realizzano, ma Ilse, l’attrice della compagnia, vuole proseguire la missione e portare nel paese dei bruti giganti quella tragedia, La favola del figlio cambiato, sempre del nobel siciliano, che è diventata per lei tormento e vita. La volontà di Ilse di poter diffondere l’arte con la sua sensibilità e poesia avrà vita breve: l’attrice andrà incontro a un destino crudele, essendo quel pubblico della montagna ancora ottuso e incapace di ricevere un dono così speciale. L’opera, incompiuta e terminata dal figlio dell’autore, ha comunque un finale aperto che lascia dentro lo spettatore la speranza che il sacrificio di Ilse non sia stato vano.

U

LA

57


informazione redazionale

Un tuffo nel relax e sport sotto al sole

PER MAGGIORI INFORMAZIONI: Queen’s Club Roma Via Cristoforo Colombo, 1800 - Tel. 06.52370612 - 06.52370253 E.M.

PISCINA ESTIVA PACCHETTI INGRESSI GIORNALIERI (compreso lettino) € 200,00 12 ingressi (€ 140,00 + € 60,00) € 300,00 30 ingressi (€ 240,00 + € 60,00) € 400,00 50 ingressi (€ 360,00 + € 60,00) INGRESSO GIORNALIERO (compreso lettino) Ospiti Over 18 € 25,00 € 15,00 Tesserati, Over 65, Under 18 e dal secondo ingresso per “Familiare diretto” € 10,00 Under 12 € 5,00 Under 6 PER TESSERE GREEN, FREETIME E AEROBICA: Pacchetto da € 90,00 12 ingressi giornalieri L’accesso alla piscina è permesso tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30. Nel costo d’ingresso sono comprese le lezioni di Acquagym e l’animazione del Club.

Coppa del Mondo di Rugby: pronti al via La nazionale italiana sarà in ritiro per tutta l’estate on la solita cadenza quadriennale, in questo 2011 si terrà la 7a edizione della Coppa del Mondo di Rugby (dal 9 settembre al 23 ottobre), una manifestazione che per diffusione mass-mediatica si pone dietro solo alle Olimpiadi e, nei paesi calciofili, al Mondiale di Calcio. Qui si parla di rugby e la location scelta per questa edizione dà credito al paese ospitante, la Nuova Zelanda, dove lo sport della palla ovale è anche una filosofia di vita, poiché diffuso nelle scuole primarie, nei campetti di periferia ed in mille altre situazioni quotidiane della vita. Affascinerà veder giocare gli “Allblacks”, la nazionale neozelandese, sia perché sono i favoriti alla vittoria finale sia perché prima di ogni incontro verrà eseguita la propiziatoria danza “haka”, tanto eccitante quanto più sarà spontanea e creativa l’interpretazione delle parole cantate con i movimenti del corpo e le espressioni del volto dei giocatori. L’Italia si presenterà all’appuntamento col Mondiale allenandosi inizialmente a Villabassa (Bolzano) per la preparazione in montagna dal 3 luglio all’11 agosto, per poi svolgere un test-match contro il Giappone a Cesena il 13 ed affrontare la Scozia il 20 in trasferta ad Edimburgo. Tutto ciò per affrontare al meglio le altre quattro squadre del Girone C, nel quale l’Italia è inserita, e puntare alla qualificazione, mai ottenuta in nessuna delle precedenti partecipazioni, ai quarti di finale. I bookmakers danno per certe la sconfitta contro l’Australia (l’11 settembre a Auckland) e le vittorie sulla Russia (il 20 a Nelson) e USA (il 27 sempre a Nelson). Ci si giocherà presumibilmente il tutto per tutto contro l’Irlanda il 2 ottobre a Dunedin. Il divario tra gli azzurri e gli irlandesi, almeno a valutare i match nel 6 Nazioni, seppur sempre a favore della nazionale del trifoglio, si sta riducendo e chissà che proprio in questo Mondiale non riesca l’impresa all’Italia di vincere e qualificarsi. Per il sudafricano Nick Mallet, attuale allenatore azzurro, sarebbe il miglior modo per salutare la federugby che ha già scelto il prossimo ct: il francese Jacques Brunel, con il quale si intraprenderà il cammino verso l’ottavo Mondiale nel 2015 in Inghilterra.

C

59

di Leonardo Caviola

uffarsi nell’acqua limpida dopo una giornata di lavoro, trascorrere un giorno di relax a bordo piscina, poter nuotare o fare ginnastica all’aria aperta fanno parte delle gioie dell’estate. Con il caldo si sente sempre più il desiderio di immergersi nell’acqua, ma anche di provare su di sé la piacevole sensazione del ristoro del vento. Tutto questo è possibile anche in città! Il Queen’s Club Roma offre a tutti i suoi Soci e ai loro amici la possibilità di fare una vacanza senza partire! La piscina semi-olimpionica del Club, una volta scoperta (e lo rimarrà fino al 24 settembre), infatti, si è trasformata in “area vacanza”: lettini singoli e doppi, una postazione bar a bordo vasca, lezioni per tenersi in forma, corsie riservate per i nuotatori sono solo alcune delle proposte per passare giornate diverse e rilassanti. Gli istruttori del Club, dal lunedì al venerdì, tengono lezioni di fitness (G.A.G., pilates, rowing e ginnastica per i glutei) a bordo vasca e naturalmente… di acquagym. E dopo aver tonificato i muscoli in acqua o con una lezione a bordo vasca, cosa c’è di meglio di una sauna, di un bagno turco, di un idromassaggio o di un massaggio? Basta spostarsi di poco e recarsi alla QSpa, la nuova area benessere del Club. Qui il rilassamento è assicurato! A completare l’atmosfera di vacanza si aggiunge quest’anno anche la possibilità di fare shopping. Al QShop, aperto in primavera, si può trovare un capo sportivo tecnico, dalle scarpe da tennis alla racchetta, dal costume da nuoto al telo griffato Queen’s, ma anche accessori moda, come deliziose collane o borse in paglia, e abiti per il tempo libero.

T

sport

Fino al 24 settembre in vacanza al Queen’s Club Roma


VG

visioni grafiche


VG visioni grafiche


di Emanuela Andreocci

cinema

64° Festival del Film di Locarno Il Pardo non va in vacanza

di Emanuela Andreocci

cinema

Civita Film Fest

al 3 al 13 Agosto 2011 il Pardo torna a ruggire nella 64a edizione dell’importante kermesse cinematografica di Locarno

D

Motore… azione! 8, il 9 e il 10 Luglio 2011 il borgo di Civita di Bagnoregio (che è stato nel tempo set di pietre miliari della storia del cinema italiano come La strada di Fellini o Amici miei e L’armata Brancaleone di Monicelli) torna ad ospitare per la seconda edizione il Civita Film Fest. Tema portante e sottotitolo della manifestazione: “I motori del cinema”. Il primo ed unico Festival Internazionale dedicato ai motori e alle arti visive ha quindi nel motore il suo fil rouge: il motore viene inteso nella sua accezione più ampia, come protagonista dei film, come soggetto cinematografico, come forza dinamica e spunto per nuove sfide, viaggi e scoperte. La direzione artistica della manifestazione è affidata a Leonardo Metalli, giornalista del TG1 che, oltre alla sua esperienza, porta con sé, guarda caso, la sua passione sia per il cinema che per le auto d’epoca; il comitato tecnico della giuria è invece presieduto da Laura Delli Colli, presidente del Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani. Il Festival è articolato in sei sezioni, quattro definite “ordinarie” più due “speciali”. Tra le prime troviamo “Film d’Epoca” (la sezione dedicata ai grandi capolavori della storia del cinema, antichi o anche recentemente restaurati, che hanno i motori come protagonisti della storia), “Ultime Uscite” (dove verranno proiettati i film dell’ultimo anno considerati i più fedeli e rappresentativi dell’idea della rassegna stessa), più le sezioni “Cortometraggi” e “Documentari” di film a tema. Le due sezioni speciali sono, invece, più giovani e innovative: “Sotto controllo” è infatti aperta a più generi (lungo/medi/corto-metraggi) che abbiano come tema principale la sicurezza stradale, mentre “Road Cult Movie”, come indica lo stesso titolo, è dedicata ai film che hanno fatto la storia e la fortuna del genere on the road. Aspettando la Notte dei motori del 9 luglio, durante la quale verranno assegnati i premi, nei tre giorni della manifestazione gli appassionati potranno anche ammirare auto in esposizione e godere di mostre a tema e percorsi enogastronomici.

L’

e la sua Piazza Grande diventa una platea capace di accogliere fino a 8.000 spettatori che formano la giuria più grande del pianeta (ogni sera, infatti, vengono chiamati a votare per l’assegnazione del celebre Prix du Public UBS); l’altra giuria, quella formata dai critici cinematografici di professione, attribuisce il Variety Piazza Grande Award per promuovere la diffusione a livello internazionale di uno dei film della selezione. Le sezioni dei concorsi sono: “Internazionale” (presenta un panorama del cinema d’autore contemporaneo, dove le opere prime dei giovani talenti affiancano i lavori dei cineasti affermati), “Cineasti del presente” (presenta le opere prime e seconde di giovani ed emergenti registi provenienti da tutto il mondo) e “Pardi di domani” (propone due concorsi: uno, internazionale, è aperto a opere da tutto il mondo, mentre l’altro, nazionale, è riservato ai giovani registi svizzeri). Affiancherà i concorsi una retrospettiva integrale dedicata a Vincente Minnelli. Come ogni agosto, quindi, la famosa cittadina svizzero-italiana accoglierà per 11 giorni appassionati, professionisti, lavoratori e semplicemente curiosi del cinema e dintorni, offrendo una programmazione eclettica e interessante capace di combinare sapientemente tradizione e innovazione, ospiti di prestigio e talenti emergenti, incontri di lavoro, workshop e proiezioni, insieme al sano relax dell’assai godibile cittadina. Avere la possibilità di prendervi parte è un onore: Claude Chabrol, Stanley Kubrick, Paul Verhoeven, Milos Forman, Marco Bellocchio, Paul Ruiz, Aleksander Sokurov, Jim Jarmusch, Spike Lee, Abbas Kiarostami, Gus Van Sant, Fatih Akin e Kim Ki-Duk, solo per citare alcune delle pietre miliari della settima arte, sono passati per Locarno.

63


di Barbara Zorzoli

spettacolando

Leonardo DiCaprio e Blake Lively: nascita di un love affair ossip girl di tutto il mondo tenetevi forte, questa potrebbe essere davvero la storia più hot dell’estate. Stiamo parlando del love affair che sembra stia nascendo tra Leonardo DiCaprio e Blake Lively. La star di Inception non ha fatto in tempo a tornare single, archiviando la storia con Bar Refaeli, che già è stato avvistato in compagnia della collega Blake Lively. Mentre la bella modella israeliana, infatti, ancheggiava avanti e indietro sui red carpet della Croisette e dei vari party organizzati a Cannes, Leonardo se la spassava in compagnia di Blake Lively a bordo dello yacht di Steven Spielberg, al largo delle coste a Sud della Francia. Sorridenti e felici in mare aperto, pare che i

G

due non si siano curati minimamente degli altri ospiti a bordo e abbiano trascorso tutto il tempo a flirtare e chiacchierare, tra coccole e abbracci, come solo una coppia di piccioncini in pieno amore sa fare. E come se non bastasse, a destare ulteriori sospetti ci pensano anche i rumors di alcuni insiders che nelle settimane scorse avrebbero visto l’attore uscire furtivo alle prime luci dell’alba dall’appartamento della protagonista di Gossip Girl. A quanto pare galeotta fu la cena di lavoro che Blake e Leo fecero a novembre per le trattative del remake del Grande Gatsby: l’attrice si sarà fatta pure soffiare il ruolo da Carey Mulligan, ma in compenso è riuscita a soffiare DiCaprio a Bar Refaeli. E non è poco!

Jessica Alba e il parto ome affrontare il fatidico momento del parto senza ansia e sofferenze? Chiedetelo a Jessica Alba, in dolce attesa del secondo figlio, che dall’alto della sua esperienza regala consigli alle future mamme sulla nascita dei loro bebè e suggerisce di provare l’autoipnosi. Si chiama hypnobirthing e altro non è che una forma di rilassamento che si avvale si tecniche yoga e di respirazione per affrontare con serenità il momento del parto. “Anche per il mio secondo parto farò l’autoipnosi, una tecnica che suggerisco a tutte. Adesso so cosa aspettarmi ma fisicamente questa volta la gravidanza è un po’ più dura: Honor vuole ancora che la prenda in braccio, ma da quando è spuntato il pancione è molto più faticoso. E lei non mi lascia un minuto!” ha dichiarato la star. Che fatica! Ma Jessica Alba non ha uno stuolo di assistenti, tate e baby sitter, come tutte le celeb, pronte a fare qualsiasi cosa per lei? A quanto pare da qualche parte a Hollywood la normalità è ancora di casa…

C

Il matrimonio e il sesso secondo Cameron Diaz ameron Diaz, alla richiesta di fare una considerazione sull’amore e sui vincoli matrimoniali, ha risposto: “Il matrimonio è morto”. La star, infatti, da sempre ha mostrato una certa allergia e insofferenza agli obblighi e alle convenzioni imposte dalla società. E, seppur innamorata del giocatore di baseball Alex Rodriguez con cui è fidanzata da 6 mesi, non pensa affatto di sposarsi. “Credo che siamo noi a dover fare le regole, non possiamo vivere le relazioni sulla base

C

di vecchie tradizioni che ora, invece, per questo mondo non vanno più bene. Non è che non creda nell’amore ma lo vivo semplicemente in maniera diversa”. E a quanto pare, Cameron Diaz - che ha appena conquistato il titolo della quarta donna più hot del 2011 secondo Maxim - sa bene come tenere viva la fiamma di un rapporto e consiglia a tutte di praticare il “dry humping” (fare sesso con gli abiti addosso) almeno una volta al giorno. Ok Cameron, faremo del nostro meglio!

67


VG visioni grafiche


VG

visioni grafiche


FLORA FUTURA CLIPPER

ALFA

di Simona Bottoni

arredamento

SHADE

Stanze open air L

a bella stagione è finalmente arrivata ma ancora in molti sono costretti a restare in città per lavoro, in attesa dell’agognata vacanza. Intanto, però, che si abbia a disposizione un balcone o un grande terrazzo, tutti possiamo consolarci esponendoci al sole e respirando l’aria mite dell’estate. L’eterogeneo mondo della progettazione di arredo è ormai decisamente approdato nel settore dell’outdoor e fornisce soluzioni originali per vivere al meglio gli spazi esterni delle nostre abitazioni. Lo sguardo è sempre attento a soluzioni che sappiano conciliare l’impiego di materiali ecocompatibili ed hi-tech, con la necessità di praticità e comodità che i destinatari di questo settore dell’arredamento richiedono. Per ripararsi dal sole del terrazzo Unopiù ha pensato ad un ombrellone con struttura in legno e telo di tessuto acrilico; mentre Christophe Pillet ha progettato “Shade” per Emu, con struttura in alluminio anodizzato e telo in poliestere; c’è anche l’ombrellone color terracotta di Pircher, struttura in alluminio verniciato antraBEACHER cite e copertu-

REY SUNBED

ra in acrilico antimuffa ed idrorepellente. Al palo di tutti e tre si può attorcigliare la luce sdraio che arredavano i primi tubolare “Solvinden” ad energia solare di transatlantici da crociera la “Titanic” di Unopiù, in teck con dettagli in ottone, regoIkea. labile in 3 posizioni, completa di Nel novero delle sedie a cuscino e poggiapiedi sdraio entrano di diritto: la SOLVINDEN rimovibile. “Beacher” di Royal Botania in teck e tessuto batyline turchese, che Se si sogna di essere cullati dolcemente da si completa di cuscino poggiate- un’amaca ma non si hanno due alberi dove sta e poggiapiedi; la “Transa- attaccarla, è senz’altro da provare “E-Z” di tube XL Plus” di Lafuma è Royal Botania, leggerissima e pieghevole, pieghevole (chiusa occupa ha una struttura in acciaio inossidabile ed il pochissimo spazio), regola- tessuto in batyline. bile in 3 posizioni, con Per gli appassionati della tintarella il lettino struttura di metallo e tessu- prendisole è irrinunciabile: c’è “Alfa” di Nardi con struttura in polipropilene rivestito batyline milta da tessuto sintetico tralerighe; la sdraio spirante, reclinabile in 4 “Amarcord” di Jaquiò, posizioni; il lettino “Flora” realizzata recuperando i vecdi Unopiù in ferro zincato chi telai degli anni ‘60-‘70 verniciato in color lavanda dagli stabilimenti balneari; con o in altri 3 colori, è impitessuto jacquard ecosostenibile AMARCORD labile e dotato di ruote di allumiEcolefine di Plastitex che è riciclabile; nio; “Rey Sunbed” di RD Internae poi una sdraio versione doppia la tional ha struttura in alluminio rivestita in “Menaggio” di Promemoria, con struttura in frassino tinto marrone, dettagli in bronzo synthetic wicker intrecciato, nei 3 colori e tessuto per esterni color mattone ed ecrù. moka, bianco o naturale; il lettino dei sogni E poi tanto spazio alle chaise-longue, per è il “modello 142” disegnato da Rodolfo leggere, dormire, rilassarsi: è comoda e Dordoni per Roda, in massello di teck, con pieghevole la “Futura Clipper” di Lafuma, schienale regolabile e materassino rivesticon posizioni regolabili tramite i braccioli e to in tessuto Grains White.

È ora di vivere outdoor con comode sdraio, eleganti chaise-longue, ombrelloni a prova di solleone

cuscino removibile, ha struttura in tubo di metallo e tessuto in batyline; evoca le E-Z

TITANIC TRANSATUBE XL PLUS

LETTINO DI RODA

MENAG GIO


VG

visioni grafiche


architettura

di Leonardo Caviola

Fratelli d’architettura Scelti i monumenti che descrivono meglio lo spirito tricolore 150 anni dall’Unità d’Italia, il mondo architettonico si è interrogato su quali siano stati gli edifici, sparsi in tutto il territorio nazionale, più rappresentativi dei primi 50 anni del Regno d’Italia, cioè dal 1861 al 1911, periodo comunemente denominato “umbertino”. La scelta è ricaduta su 18 opere che per specifica tematica, dislocazione geografica e cronologica possono mostrarci l’evoluzione sociale e storica della neonata nazione. Ecco l’elenco: il PALAZZO CARIGNANO Palazzo Carignano (1861-67) a Torino in ricordo della prima Capitale, la facciata del Duomo (1861-1867) di Firenze per le allora metodologie di restauro, l’Accademia di Belle Arti (1865-84) a Napoli per le esposizioni artistiche nazionali, il Palazzo dell’Ateneo (1868-81) a Bari per il neorinascimento, il Palazzo del Governo (1869-73) a Perugia per la pittura decorativa, il mercato di S.Lorenzo (1869-74) per Firenze seconda Capitale, il Ministero delle Finanze (1871-1876) in rappresentanza di tutti i nuovi dicasteri a Roma terza Capitale, il Palazzo del Governo (1872-78) a Sassari per il rapporto tra opere pubbliche e spazio urbano, la Stazione Centrale (187376) di Bologna per le nuove infrastrutture ferroviarie, il Convitto Nazionale (1874-91) a Campobasso per la capacità aggregativa, la Reggia Carrarese (1877-80) a Padova per il ruolo dell’istruzione, il Palazzo del VITTORIANO Governo (1877-81) a Cuneo per le sedi periferiche del Governo, il Vittoriano (1881-11) per i nuovi concorsi d’architettura indetti, i monumenti ai caduti di Santa Maria Capua Vetere (1884-05) e di Calatafimi (1885-92) per l’intreccio tra architettura e scultura, il Palazzo Comunale (1886) di Vergato a Bologna per la ricerca di un nuovo stile nazionale che non dimenticasse le identità regionali, il Museo di Scienze Naturali (1888-07) per la diffusione di una nuova cultura museale ed infine l’ampliamento di Montecitorio (1904-11) per sottolineare le nuove funzioni delle sedi del Parlamento. Ricercare nel nostro territorio queste architetture post-unitarie, sovente ed erroneamente bistrattate, significa ripercorrere il viaggio che ha contribuito a gettare le basi della nostra identità nazionale.

A

75


VG

visioni grafiche


libri

di Dante Cruciani

Cecenia, il disonore russo Un libro indispensabile per non dimenticare una doppia tragedia

di Ludovica Botti

arte e cultura

L’epicentro creativo Museo del Corso: un dialogo artistico tra Roma e Milano. Fino al 31 luglio

opo il miracolo economico di fine anni ‘50 si assiste ad un on è un libro agevole quello che ci sentiamo di consialtro miracolo. Quello artistico. gliare per l’estate. È semplice: nel senso che è scritto in Roma e Milano diventano maniera chiara, diretta, stringata, lineare. Non è invece facil’epicentro creativo di una sperile: nel senso che di pagina in pagina precipita in un buio mentazione proficua e dinamica, misto a inquietudine che è difficile rintracciare altrove. Perdestinata a determinare il futuro. ché? Perché Anna Politkovskaja ha raccontato, finché ha La mostra “Gli irripetibili anni potuto, storie vere, reali, accadute; storie private e tragiche ‘60. Un dialogo tra Roma e Miladi chi la guerra non l’ha comno” nasce con l’intento di racbattuta ma l’ha subita. contare al grande pubblico quel“Cecenia, il disonore russo” lo che fu un momento di svolta è un volume pubblicato nella cultura artistica del nostro tempo fa dalla Fandango Paese. Ricerche d’avanguardia, Libri. Dentro, sette storie sperimentazione, innovazione: questo e molto ancora hanno agghiaccianti su una guerra ANNA reso stimolante e davvero unico il dialogo tra le due città antae un popolo che, per ragioni POLITKOVSKAJA goniste e complementari. Tra il 1958 e il 1963, Roma vive poco umanitarie e molto un’esaltante stagione che vede come protagonista la cultura geopolitiche, non hanno avuto la ribalta della grande storia. di massa sia nel contesto socio-culturale sia in quello urbaniCosì, mentre il mondo silente rumoreggiava e piangeva per stico e della comunicazione contemporanea; Milano, invece, la Bosnia, per il Kosovo, per il Kuwait, la Cecenia, la “Svizzediventa sinonimo di modernità. Roma implode artisticamente, ra del Caucaso”, doveva immolarsi sull’altare sacrificale è il centro propulsivo della scena artistica internazionale, della ricostruzione della verticale del potere moscovita. Per mentre Milano è vista come il fulcro delgli orgogliosi montanari ceceni e per la loro jihad, tormento l’Avanguardia Internazionale, dove dei militari russi sin dal primo ‘800, non c’era nessu968) TO (1 CHRIS ELS prendono vita movimenti e tendenze. na possibilità di vivere in uno stato che non gravitasRR 28 BA RE UCTU R T S La mostra, promossa dalla Fondazione se intorno al Cremlino. Così, terra di mezzo tra due Roma e realizzata in collaborazione orgogli fondamentalisti, la Cecenia è diventata un cimicon il Comune di Milano, organizzata tero di società, un luogo dove la legge non esiste da dalla Fondazione Roma-Arte-Musei e anni, dove lo stupro etnico, l’assassinio sadico, le tortuda Arthemisia Group, è a cura di re, le vendette sono stati per anni tormento quotidiano. Luca Massimo Barbero. Oggi Anna Politkovskaja non c’è più. Dopo 40 viaggi nel All’interno delle suggestive sale Caucaso, dozzine e dozzine di articoli, due mediazioni in del Palazzo Cipolla, la narrazione artistica, che si seguito ad atti terroristici (strage di Beslan e strage del compone di oltre 170 opere, è suddivisa in quattro sezioni che Teatro Dubrovka), è stata assassinata a Mosca il 7 ottobre esemplificano le strade percorse negli anni ‘60: l’azzeramento 2006. I mandanti dei suoi assassini, nemmeno a dirlo, sono espressivo della monocromia, l’impiego di immagini e oggetti a piede libero. Ramsan Kadyrov, Primo Ministro Reggente dell’emergente cultura Pop, l’internazionalità e la nuova sculdella Cecenia, ha dichiarato invece la sua terra pacificata, tura, la sperimentazione tra materiali, segni e figure. Insomchiamando Rudd Gullit ad allenare la squadra della Capitama, la suddivisione è efficace e funzionale alla comprensione. le (il Terek Grozny, da lui presieduta) e inaugurando lo staÈ una sorta di mappatura delle energie creative. Alla fine del dio cittadino con un’amichevole cui hanno preso parte percorso espositivo ad attendere il visitatore c’è una speciale Maradona, Papin, Vieri, Zamorano, Costacurta, Baresi, Figo, sezione audiovisiva multimediale, che farà rivivere tutta Barthez (11 maggio di quest’anno). Leggere i reportage l’effervescenza del periodo mettendo in correlazione arte, della Politkovskaja significa comprendere che, oltre il circo design, teatro, giornalismo e musica. L’appuntamento “irripedel calcio e della propaganda, i problemi ceceni non possotibile” con gli anni ‘60 è fino al 31 luglio. no che essere lontani da una reale soluzione.

N

D

77


viaggi

di Simone Felicetti

Misteriosa Transilvania Viaggio in Romania tra storia, miti e natura er tutti coloro che, con l’avvento della bella stagione, decidano di non spendere le proprie ferie in una località di mare, magari per il troppo caldo, o per la troppa folla che si raduna sulle spiagge, un’idea potrebbe essere quella di scegliere un luogo nuovo, dal clima mite e che dia la possibilità di essere visitato, se lo si vuole, in modo del tutto itinerante. Qualora si ricercassero questi requisiti, un posto ideale potrebbe essere la Transilvania, regione nel cuore della Romania conosciuta da tutti per essere una terra di leggende e di misteri, quasi si trattasse solo di un luogo da

P

romanzo, frutto della fantasia umana. In realtà, benché si presenti all’occhio di un visitatore esterno come una terra molto lontana dalla realtà alla quale siamo abituati visitando le grandi capitali europee o quella nostrana di tutti i giorni, non immediatamente se ne percepiscono le ricchezze e le peculiarità.

SIGHIŞO OARA

Sibiu capitale di turismo e tradizioni ibiu, anticamente denominata Cibinium, e soprannominata “la terra al di là della foresta”, capitale della cultura in Europa nel 2007, è la cittadina capoluogo della Transilvania, da sempre contesa tra influssi europei e sassoni. I primi coloni tedeschi vi si stabilirono fin dal 1150. Essi la chiamarono Hermannsdorf poi Hermannstadt, mentre la popolazione romena la ribattezzò definitivamente Sibiu. Il piccolo e singolare centro urbano nel cuore della Romania è diviso in città alta, la vetrina turistica recentemente ristrutturata e quasi unicamente pedonale, e città bassa. Il centro, cuore pulsante della vecchia cittadella arrampicata su una bassa collina e protetta da mura in parte conservate, è estremamente intimo e raccolto e si esaurisce in un insieme di piazze collegate tra loro da stretti passaggi su cui si affacciano torri e campanili affusolati, tra cui la famosa Torre del consiglio, realizzata tra il Duecento e il Trecento, da cui è possibile ammirare lo stupendo panorama della città e preziosi edifici colorati. Per visitare il centro storico, che risente in modo consistente del passato medievale di cui la numerosa comunità sassone tedesca ha influenzato l’architettura, sarebbe sufficiente una giornata, ma scandire la visita in più tappe ne farà assaporare maggiormente ogni sua peculiarità, anche la più remota. Sebbene si tratti di una città particolarmente frequentata da turisti, i suoi luoghi simbolo sembrano non risentire di particolari problemi di sovraffollamento e non sono affatto soffocati da negozi e locali rivolti ai soli visitatori. Un particolare, questo, che rende Sibiu un centro autentico e non snaturato nelle tradizioni.

S

78

Arrivati in Transilvania, dopo essersi ambientati, magari stabilendo a priori un itinerario da seguire, si spalanca una terra realmente suggestiva e misteriosa: un luogo sospeso nel tempo e conteso nei secoli. Una volta giunti a Târgu Mureş, una piccola cittadina, da secoli abitata dai Secleri, etnia di lingua ungherese, si ha subito l’impressione che di romeno la regione non abbia nulla o quasi, fatta eccezione per le bandiere, le scritte e le targhe delle automobili. Si tratta, infatti, di una terra da sempre sede di contrasti tra TÂR RGU MUREŞ

Ungheria e Romania, annessa a quest’ultima solo dal 1918. Ancora oggi esistono forti tensioni tra le due comunità. Sotto il regime di Ceauşescu, Târgu Mureş era una città a porte chiuse. L’unico popolo autorizzato a stabilirvisi era quello romeno, riducendo così la comunità ungherese ad una mino-


ranza etnica. All’interno di un centro storico molto raccolto, la presenza di un’imponente cattedrale ortodossa, di una chiesa cattolica in stile tipicamente Barocco e di una sinagoga, non fa che confermare le molteplici differenze culturali e religiose. Lasciata questa roccaforte medioevale, si entra nella sconfinata e rurale pianura transilvanica. Già a distanza di pochi chilometri, lungo l’unica strada percorribile, si costeggiano le coloratissime case Rom, campagne e colline a perdita d’occhio e poco altro. Giunti a Sighişoara, si ha la possibilità di entrare in contatto con la più tradizionale e caratteristica città di questa regione. Famosa per essere il luogo di nascita del sanguinario Vlad Tepeş (1431), conosciuto da tutti come il conte Dracula, qui tutto è più tipicamente romeno. Si tratta di un piccolo centro dalle mura di cinta ancora intatte, scarsamente abitato, tuttavia paradossalmente ospitale. Trecce d’aglio scaccia vampiri fuori dalle porte, cimiteri, antichi carretti trainati da asini, una popolazione non più giovanissima sono gli elementi più curiosi. Oltrepassando la catena montuosa dei Carpazi si giunge a Braşov, nella regione sassone, la città più visitata della Romania. Ribattezzata la Praga della Transilvania, che con la sua atmosfera rilassante attira giovani bohemiens da tutta Europa, e data la vicinanza con le foreste, i castelli, le chiese e gli impianti sciistici, attira anche e soprattutto sportivi ed escursionisti. A pochi chilometri da Braşov si giunge nel piccolo villaggio di Bran dove ha sede il favoloso castello che fu di Vlad Tepeş. Posto su un’altura, di colore bianco, circondato da torri rosse fiammanti, svela un fascino fiabesco e tutt’altro che minacIL CASTELLO DI BRAN cioso (come invece lo si potrebbe immaginare).

79


VG

visioni grafiche


una gita fuori porta di Paolo Baroni PALAZZO

Incantarsi nella Valle delle Cannuccete Palestrina e dintorni: un monumento alla natura e alla cultura alestrina, fondata secondo la leggenda su uno sperone roccioso del monte Ginestro da Telegono, figlio di Ulisse, fu celebre in età romana per il Santuario della Fortuna e l’oracolo, che ancora oggi si mostrano in tutta la loro imponenza con, all’apice delle terrazze artificiali, il palazzo Colonna-Barberini che oggi ospita il Museo archeologico nazionale. Non lontano da Palestrina c’è un bosco straordinario: di estensione modesta ma con esemplari di alberi vecchi di secoli tra i quali aceri, cerri, tigli e faggi che, scampati al taglio in virtù di un vincolo secolare suggellato per proteggere le sorgenti che alimentavano in passato l’acquedotto dell’antica Praeneste, offrono rifugio con i loro tronchi al picchio verde, al picchio muratore, alle cince e ai rapaci notturni come l’allocco e l’assiolo. Lungo il sentiero, partendo dal paesino di Castel S. Pietro Romano, costeggiando il torrente e arriCOLONNA-BARBERINI vando alla rovere vecchia di 7 secoli dove secondo una storia locale amava sostare il musicista Pierluigi da Palestrina, gli escursionisti possono scoprire una giungla in miniatura: in un rigoglio lussureggiante di felci vivono numerosi anfibi tra i quali rane verdi, l’ululone dal ventre giallo e la salamandrina dagli occhiali. Ma le sorprese di questo angolo di Lazio non si esauriscono qui: nel bosco e nei pascoli adiacenti sono presenti anche lo scoiattolo, l’istrice e, grazie alla natura oggi solitaria di questi luoghi, anche il gatto selvatico ed il lupo. Nel centro storico di Palestrina troviamo lembi di mura megalitiche, il duomo con campanile di forme romaniche dedicato a S. Agapito, la piazza Regina Margherita con un monumento a Pierluigi da Palestrina (poco distante la casa natale del musicista, che ospita la fondazione a lui intitolata). Castel San Pietro Romano, che conserva i ruderi del castello Colonna e tratti di mura megalitiche, fu il set di numerosi film anni cinquanta come il famosissimo Pane, amore e fantasia di Luigi Comencini interpretato da Gina Lollobrigida e Vittorio De Sica. A tutti un buon weekend!

P

81


informazione redazionale

Un mondo migliore è possibile Intervista al Sig. Fabio Guidi, Amministratore Delegato della Enerwatt srl i può raccontare in poche parole come nasce la Enerwatt? Nasce nel

C

2008 ad opera di un gruppo di professionisti che, in base ad espe-

rienze maturate nel settore del fotovoltaico sin dal 1980, ha deciso di mettere in comune le proprie competenze. Cos’è e come funziona un impianto fotovoltaico? Materiali come il silicio possono produrre energia elettrica se irraggiati dalla luce solare. I moduli fotovoltaici (costituiti da celle di silicio) possono essere installati ovunque ci sia un’esposizione diretta ai raggi solari (es. tetti, terrazze, cortili, terreni ecc.). Ci spieghi allora perché un cittadino dovrebbe dotarsi di un impianto fotovoltaico? In primo luogo perché la materia prima che usiamo, la luce solare, è pulita, gratuita ed inesauribile. Il costo dell’impianto si recupera entro 6-7 anni grazie ai contributi statali che vengono elargiti per 20 anni e costituiscono una vera e propria fonte di reddito. C’è inoltre l’azzeramento dei consumi della “bolletta elettrica” se l’impianto è correttamente dimensionato. Non solo: con l’ultimo “Conto Energia”, varato dal Governo il 5 maggio, è previsto un “bonus” aggiuntivo del 10% sull’incentivo per gli impianti realizzati con componenti prodotti all’interno dell’Unione Europea. Infine c’è la possibilità di accedere, se si vuole, a finanziamenti tipo “credito al consumo”. Dove può essere installato un impianto fotovoltaico e di che superficie necessita? Per una normale famiglia è sufficiente disporre di una superficie di circa 20 mq. Tetti, terrazzi, coperture di vario genere (pergolati, pensiline) si prestano molto bene, se opportunamente orientati. Disponendo di superfici più ampie (coperture di capannoni industriali, terreni) si può optare per la realizzazione di impianti più grandi finalizzati anche alla vendita dell’energia prodotta con conseguenti interessanti introiti economici. Quanto tempo può durare un impianto fotovoltaico? Oltre 25 anni. Dunque quanto costa un impianto fotovoltaico ed a quanto ammontano i costi di manutenzione? Ultimamente i prezzi a kilowatt di impianto installato si sono notevolmente ridotti e ciò è dovuto ad un abbassamento dei costi dei moduli fotovoltaici (circa il 60% al costo complessivo dell’impianto). Attualmente la nostra azienda è in grado di offrire l’impianto “chiavi in mano”, ossia dalla progettazione/realizzazione fino alla predisposizione delle pratiche per i permessi e per la richiesta degli incentivi, ad un prezzo che va da 3.300 euro a kilowatt di potenza installata (impianti di piccola taglia), a poco meno di 2.800 euro (impianti di grosse dimensioni). In parole povere oggi siamo in grado di fornire un impianto da 3,0 Kwp “chiavi in mano” ad un prezzo di circa 9.900 euro. La manutenzione è assolutamente irrilevante dal punto di vista degli interventi; normalmente gli agenti atmosferici (vento, acqua) provvedono a “pulire” la superficie dei pannelli. Se non ci sono imprevisti particolari, possiamo dire che la manutenzione non richiede un impegno particolare. Cosa bisogna pretendere dall’installatore quando si acquista un impianto fotovoltaico? Molto importante la garanzia sui difetti di fabbricazione dei moduli fotovoltaici e dell’inverter, nonché la garanzia della loro resa in termini di efficienza negli anni. Se l’azienda costruttrice garantisce il suo prodotto ciò è sicuramente sinonimo di ottima qualità, robustezza e affidabilità negli anni.

83


VG

visioni grafiche


questione di cilindri di Simone Felicetti

Toyota Yaris HSD l Salone di Ginevra 2011, che si è tenuto tra il 3 e il 13 marzo scorso, ha avuto tra le principali protagoniste la nuova Toyota Yaris HSD. Si tratta della nuova concept del marchio nipponico concepita come vettura ibrida e compatta che anticiperà la terza generazione delle citycar di fabbricazione Toyota e che verrà affiancata al più presto dalla Auris e dalla Prius. Dotata della tecnologia Hybrid Synergy Drive, la nuova Toyota Yaris ibrida si distingue dalle sorelle con motore tradizionale per diverse soluzioni estetiche

I

Restyling ecologico per la più venduta di casa Toyota

come i nuovi profili aerodinamici, la presa d’aria anteriore di grandi dimensioni, lo spoiler sul lunotto posteriore e i cerchi in lega da 18 pollici. Il motore pensato per questo modello è a benzina, accoppiato ad un propulsore elettrico sincrono a magnete permanente, scelto per permettere alla citycar di funzionare anche in modalità ibrida. Una tecnologia, questa, che permetterà alla nuova Yaris di poter emettere zero CO2 qualora non si superino i 50 km/h, dunque studiata prevalentemente per muoversi in città.

Un altro accorgimento che mira a rispettare l'ambiente è l'installazione di pannelli solari sul tetto, in grado di accumulare energia necessaria per il funzionamento di condizionatore, chiusura centralizzata, vetri elettrici e luci interne. La versione europea della nuova Yaris HSD sarà prodotta nello stabilimento Toyota di Valenciennes a partire dal 2012, dove dal 2001 vengono costruite le Yaris vendute in Europa, facendone così il terzo modello ibrido di Toyota e il secondo costruito sul nostro Continente.

Dacia MPV opo il grande successo riscosso dalla Dacia con il suo modello Duster, la casata, un tempo romena, oggi partner dei francesi della Renault, torna con un innovativo e avanzato progetto automobilistico. Per ora si sta lavorando a dei prototipi ma alcune indiscrezioni parlano già di una sua imminente uscita sul mercato europeo nel corso del 2012. Pensata per insidiare il mercato delle grandi monovolume come la Citroen C8, la Volkswagen Sharan o la Renult Megane Scenic, la nuova MPV si contraddistinguerà per spaziosità, affidabilità e

D

comfort. Questi i tre principi fondamentali sui quali costruire questa nuova vettura. La data di presentazione ufficiale del modello definitivo è stimata per il prossimo autunno, al Salone di Francoforte. Dunque non sono ancora state rese note molte delle peculiarità meccaniche ed estetiche dell’automobile. Quel che si sa è che si tratterà di una Concept car, capace di contenere un numero massimo di sette passeggeri (al pari delle sue dirette concorrenti), costruita sulla base della Renault Kangoo e che sfrutterà le motorizzazioni della sorella maggiore Duster. La gamma della monovolume romena dovrebbe essere identica a quella della Dacia Duster

L’ex casa romena continua a crescere e a proporre novità

appunto, anche se è esclusa la nascita di versioni 4×4 a trazione integrale. La MPV della Casa di Pitesti avrà, infine, le porte laterali scorrevoli per facilitare l’accesso alla zona posteriore e, molto probabilmente, sostituirà l’attuale Logan MCV. Dalla nuova MPV potrebbe infatti nascere un ulteriore veicolo commerciale, ancora non in fase di progettazione.

85


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio trasparente el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la produzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamento Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

87


scienze

di Gaetano Gaggiottino

I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

Le frontiere dello sballo Pubalgia in gravidanza

Cosa dice la scienza su quattro delle droghe più diffuse

l dolore al pube è un problema che si presenta prevalentemente negli atleCentro Fisioterapico ti agonisti e non, che sollecitano eccesFISIOTER sivamente durante il gesto sportivo la muscolatura adduttoria (interno coscia) ed addominale. C’è però un’altra situazione predisponente: la gravidanza. Durante la gestazione l’articolazione del pube (sinfisi pubica) e le articolazioni sacro iliache aumentano la loro mobilità per favorire il posizionamento ed il movimento del feto e per favorire il parto. Ciò è reso possibile dalla produzione di particolari ormoni che rendono più elastici il legamento pubico ed i legamenti sacroilaci. Nonostante questa facilitazione ormonale senza la quale la sinfisi pubica ed il sacro sono pressoché immobili, si può sviluppare una sindrome pubica importante caratterizzata dai seguenti sintomi: dolore profondo al pube e/o all’osso sacro, impotenza funzionale nell’eseguire gesti quotidiani come vestirsi, sedersi, sollevarsi, girarsi nel letto, in alcuni casi si può presentare incontinenza vescicale temporanea. È consigliabile, in presenza di questo fastidioso disturbo, seguire piccole regole di comportamento: vestirsi da sedute e mai in piedi; nel salire e scendere dalla macchina e nei movimenti nel letto muovere le gambe contemporaneamente contraendo gradualmente gli addominali; limitare la salita di scale; non sollevare pesi e non compiere movimenti bruschi con gli arti inferiori. Il lavoro in postura con un fisioterapista facilita il processo di guarigione.

I

SMART DRUGS - Sono sostanze psicoattive di origine sia naturale che sintetica, presenti in commercio sotto forma di bevande, pillole o gocce che contengono sostanze quali caffeina, taurina, guaranà, the e cola. Il loro uso non è al momento perseguibile dalla legge ma sono ugualmente pericolose perché alterano le funzioni cerebrali producendo stimolazioni anomale e pericolo di allucinazioni. Gli effetti negativi più comuni sono nausea, vomito, ansia e palpitazioni. KETAMINA - È un anestetico generale con effetto rapido e molto forte, usato soprattutto in veterinaria. È presente sul mercato in forma liquida. Dopo riscaldamento, si trasforma in polvere per essere sniffata o fumata. Gli effetti principali sono quelli di produrre gravi alterazioni e stimolazioni del cervello, generando allucinazioni visivo-uditive e sensazione di inerzia. L’uso di ketamina associata ad altre droghe quali eroina e barbiturici, arresta la funzione respiratoria e cardiaca portando perfino alla morte. È illegale. ANFETAMINE - Sono sostanze sintetiche prodotte generalmente in laboratori clandestini e dalle scarsissime condizioni igieniche. Si presentano sotto forma di polvere bianca, compresse o capsule che possono essere ingerite. La polvere viene sniffata o iniettata dopo diluizione. Le anfetamine agiscono direttamente sul cervello, con effetto disturbante. Producono sensazione di potenza ed energia violenta che può sfociare in comportamenti suicidi e omicidi. Sono sostanze capaci di dare forte dipendenza e il loro uso è assolutamente illegale. GHB - Il nome chimico è acido gamma idrossibutirrico ed è un farmaco utilizzato dai medici per il trattamento dell’insonnia e dell’alcolismo. Sul mercato è noto come “droga dello stupro” perché spesso impiegato per indurre nelle ragazze perdita del controllo e abusare sessualmente di queste. La principale caratteristica del GHB è infatti produrre incapacità di resistere ad atti contro la propria volontà e incapacità di ricordare ciò che è accaduto nelle ultime ore. Considerata la grande diffusione del prodotto, è consigliabile nei locali non accettare bevande da persone sconosciute e farsi sempre aprire la bottiglia in propria presenza.

LO STUDIO FISIOTERAPICO “FISIOTER” COMUNICA L’ATTIVAZIONE NELLA PROPRIA PALESTRA DEL SERVIZIO

“PERSONAL TRAINING” PREVIA VALUTAZIONE DELL’OBIETTIVO IL CLIENTE SARÀ SEGUITO E MONITORATO COSTANTEMENTE DA OPERATORE ALTAMENTE SPECIALIZZATO DESTINATARI DEL SERVIZIO TUTTI COLORO CHE VOGLIANO MIGLIORARE LE PROPRIE CAPACITÀ FISICHE, SIANO ESSI ATLETI AGONISTI CHE CONVALESCENTI POST OPERATORI

NUOVA

SEDE

Fonte: Dipartimento Politiche Antidroga

89


di Michela Carè

salute e benessere

Donare il sangue, salvare una vita ldo Ozino Caligaris, presidente nazionale della FIDAS, ci ha concesso un’intervista lo scorso 14 giugno, in occasione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue. Con lui abbiamo discusso i dati relativi allo studio Censis/Fidas sullo stato della donazione di sangue nel nostro Paese. Ne emerge una realtà in crescita ma non ancora pronta a far fronte alle sfide del futuro. C’è bisogno di sangue e c’è bisogno che intere aree geografiche e sociali del Paese facciano di più.

A

Intervista ad Aldo Ozino Caligaris, Presidente della FIDAS, Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue

Presidente, ci può dire a che punto è oggi la cultura della donazione del sangue nel nostro Paese? Il nostro Paese ha fatto grandi passi avanti. Negli ultimi anni la diffusione dei donatori in Italia ha registrato una crescita rilevante. Nel 2008, infatti, i donatori italiani sono stati 1.619.143, pari a 27,2 ogni 1.000 abitanti, mentre nel 2005 erano 1.502.858, pari 25,7 ogni 1.000 abitanti. Nel triennio considerato, dunque, si è assistito ad un aumento significativo del numero dei donatori (7,7%). Ma ancora tanto c’è da fare. Questi dati emergono da uno studio curato da Fidas e Censis, una fotografia dello stato della donazione in Italia, che offre indicazioni importanti riguardo ai settori dove andare ad operare e alle modalità con cui avvicinare nuovi soggetti alla donazione del sangue.

le che metterebbe a repentaglio molte vite di cittadini italiani. I dati suggeriscono che a donare sono soprattutto le persone attive nel tessuto produttivo del Paese. La maggioranza dei donatori intervistati è diplomata o laureata. Perlopiù si tratta di lavoratori (il 74,7%, contro il 56,9% della popolazione italiana), mentre le persone inattive, tra cui casalinghe, pensionati e studenti, rappresentano il 21% del campione, contro il 37,8% della popolazione italiana compresa tra i 15 ed i 64 anni. Più diffusa la donazione tra gli impiegati e gli operai, minore invece l’apporto di liberi professionisti, insegnanti, artigiani e commercianti. Anche la regione di appartenenza è importante. Dal punto di vista geografico, infatti, risulta che la maggior concentrazione di donatori si trova nel Nord-est, al Sud e nelle isole, mentre solo una piccola percentuale nel Nord-Ovest e al Centro.

Q u a l è il p r i m o r is u lt a t o relativo al donatore tipo che emerge dallo studio Fidas/Censis? Il primo dato ad emergere è alquanto preoccupante. Lo studio indica il 2020 come anno limite nel quale è prevista una forte riduzione dei donatori di sangue, si parla dell’8-10%, a fronte di un aumento dell’età media dei cittadini, cioè dei pazienti che più necessiteranno di trasfusione. Saranno interessati potenziali donatori compresi nella fascia d’età che va dai 18 ai 55 anni e che risulteranno un milione in meno rispetto ad oggi. Un risultato terribi-

Secondo i dati, quale risulta, ad oggi, se ci è concesso usare questo termine, la fascia di popolaz io n e p iù “ v ir t u o s a ” , e quale quella meno coinvolta nella donazione? Decisamente, una maggiore incidenza rispetto alla popolazione di riferimento si registra tra gli under 29 e tra i “giovani adulti” (2935 anni): al primo gruppo - che rappresenta il 18,4% degli italiani - appartiene il 20,3% dei donatori, nel secondo (15,3% degli italiani)

91


salute e benessere

i consigli del nutrizionista a cura della Dott.ssa Schiano Moriello Viviana BIOLOGA-NUTRIZIONISTA Via Carlo Bosio, 117 (Ostia) Tel. 347.6804886 - e-mail: viviana73@alice.it

rientra il 19,4% del campione. Ma non è sufficiente, perché di loro c’è gran bisogno. Fino ad ora alcune fasce della popolazione non si sono impegnate molto su questo fronte. Le donne, per esempio, risultano solo il 31,2% dei donatori periodici, contro il 68,8% degli uomini. Infine, ci sono gli immigrati. Il nostro impegno più grande è proprio quello di diffondere una cultura della donazione che riesca a coinvolgere anche chi fino ad ora, per motivi diversi, ne è rimasto escluso.

Qu ale sentimento sp ing e i donat ori a salv are d egli sc on o s c i u ti ? I n s o s t a n z a , Pr e s i d e n t e , c o m e s i di v e n t a d o n a to r i ? Le ragioni che muovono qualcuno a salvare la vita di una persona totalmente sconosciuta, sono le più disparate e indefinite. Tra gli altri dati emersi dalla ricerca, per esempio, risulta che fra le motivazioni che inducono alla prima donazione, al di là dell’altruismo, prevale la possibilità di tenere sotto controllo il proprio stato di salute (60,3% del campione) o l’avere amici che donano regolarmente (42,8%) o magari la consuetudine familiare (32,8%). Molti studenti donano perché questo permette l’accumulo di crediti formativi, e come questi, molti altri esempi si potrebbero fare. Quello che invece io vorrei che fosse pienamente compreso dalla popolazione è che donare sangue non è un semplice gesto di altruismo o “beneficienza”. Donare sangue significa “salvare la vita” di qualcuno. Non sono esagerato ad usare questa terminologia. È la verità più lampante. I talassemici o i dializzati sono soggetti che vivono grazie ai donatori e che altrimenti non riuscirebbero a sopravvivere. A questo pochi fanno caso. L’istituzione della Giornata Mondiale del Donatore di Sangue rappresenta un sentito ringraziamento ai donatori per il loro impegno continuo e la loro immensa generosità. Inoltre è un momento importante che permette di promuovere la cultura del dono per far avvicinare tanti a questo gesto gratuito, anonimo e volontario.

Tossinfezione alimentare L

a tossinfezione alimentare è causata dalla ingestione di alimenti contaminati da batteri o tossine patogene. Ciò causa l’insorgenza di disturbi al sistema gastrointestinale (nausea, vomito, crampi addominali, diarrea, brividi ed in alcuni casi anche febbre), in un arco di tempo che va da due ore a giorni. Negli ultimi anni è aumentato il rischio di venire a contatto con questi microrganismi patogeni, poiché si consumano prevalentemente pasti fuori casa e si preferisce l’acquisto di prodotti alimentari già pronti, i quali dovrebbero essere consumati immediatamente oppure essere opportunamente conservati. I principali patogeni responsabili delle intossicazioni alimentari sono: il batterio Campylobacter che si trova soprattutto nei suini, pollame, ma anche in ovini e bovini; la Salmonella, diffusissimo negli intestini di rettili, uccelli e mammiferi; il batterio Escherichia Coli che colonizza frequentemente gli allevamenti animali, e viene trasmesso all’uomo tramite ingestione di carni ed acque contaminate dalle feci degli animali. Nelle conserve sott’olio preparate in casa, ma anche nei prodotti industriali, si può sviluppare una tossina altamente nociva, prodotta dal batterio Clostridium Butulinum, che colpisce il sistema nervoso, inducendo nei casi più gravi paralisi respiratoria. La presenza della tossina può essere rilevata per il leggero rigonfiamento che si forma sul coperchio del contenitore. L’Epatite A è invece il virus che contamina soprattutto molluschi bivalvi (cozze e vongole). Ha un periodo di incubazione che va dai 15 ai 20 giorni. Per ridurre al minimo lo sviluppo degli agenti infettanti occorre fare attenzione alla conservazione (proteggerli con pellicole di plastica o fogli di alluminio), alla cottura, alla data di scadenza, all’utilizzo di utensili puliti, al lavaggio di frutta e verdura e al raffreddamento che non deve essere troppo lento. Inoltre, nei periodi caldi il cibo non deve essere esposto troppo tempo a temperatura ambiente. Nel prossimo mese: ALIMENTAZIONE E MORBO DI CROHN

93


informazione redazionale a cura del Dott.ssa Laura D’Alessandri

Quelle fastidiose “mosche volanti”! Devo preoccuparmi? uesto è ciò che si chiede chi percepisce la comparsa di macchioline, anelli, filamenti o ragnatele che popolano il campo visivo e che si muovono con i movimenti oculari. Sono le miodesopsie, comunemente note come mosche volanti o corpi mobili vitreali. Costituiscono un vero e proprio disturbo visivo che può accentuarsi in primavera e in estate poiché risultano particolarmente evidenti se si rivolge lo sguardo verso una superficie chiara come una parete bianca o il cielo azzurro. La causa è una modificazione della struttura del vitreo (colliquazione), ovvero del gel che riempie l’occhio tra la retina e il cristallino. Si manifesta principalmente in età avanzata tuttavia il disturbo è noto anche ai più giovani in quanto può presentarsi in caso di miopie elevate, in seguito ad interventi chirurgici o a traumi oculari e per diversi disordini congeniti. La colliquazione è un processo che porta ad una progressiva liquefazione del vitreo e ad una degenerazione delle fibre collagene le quali tendono così a riunirsi e a formare i corpi mobili. Si tratta di un fenomeno che in alcuni casi risulta del tutto innocuo da un punto di vista clinico mentre in altri può insorgere in maniera più acuta e generare un distacco posteriore del vitreo dalla retina. Tale evento, in presenza di forti aderenze vitreo-retiniche, può manifestarsi con la percezione di lampi luminosi (fotopsie) e dare origine ad una rottura retinica. Quest’ultima deve essere tempestivamente trattata con il laser al fine di prevenire il distacco della retina. Alla comparsa quindi delle miodesopsie, maggiormente se associate a fotopsie, deve seguire un attento esame del fondo oculare per valutare lo stato di salute della retina. Nei casi in cui la retina non sia compromessa, le mosche volanti permangono come un fastidioso disturbo visivo la cui eliminazione può avvenire solamente attraverso l’asportazione chirurgica del vitreo, considerando però che si tratta di una procedura invasiva non priva di rischi anche molto seri, va limitata solamente a casi selezionati. In alternativa viene consigliata al paziente una corretta idratazione (almeno 1,5 litri di acqua al giorno) e un’integrazione di sali minerali con risultati purtroppo molto limitati. È importante quindi che il paziente impari a convivere con la sintomatologia poiché aiuta notevolmente a diminuirne il disagio e a migliorare la qualità della vita.

Q

Per i mesi di LUGLIO, AGOSTO e SETTEMBRE

PROMOZIONE ECOGRAFIA MAMMARIA + ECO PELVICA + PAP TEST € 100,00 Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

Per i mesi di LUGLIO, AGOSTO e SETTEMBRE

PROMOZIONE TEST GENETICO INTOLLERANZA AL LATTOSIO € 100,00 € 60,00 Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

Per i mesi di LUGLIO, AGOSTO e SETTEMBRE

PROMOZIONE ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO € 110,00 € 60,00 Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

CAMPAGNE PREVENZIONE Da Luglio a Settembre: MESI DELLA PREVENZIONE ECOGRAFICA Da Settembre a Novembre: PROGETTO OFTALMICO

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

95


salute e benessere a cura di Paola Sgrò

Il Massaggio Una tecnica per il corpo che purifica la mente arte di massaggiare il corpo è una pratica antichissima che è stata convalidata a livello fisiologico dagli studi di numerosi autori, dai quali ne viene accettato un effetto diretto sulla parte trattata; è un’azione riflessa che può manifestarsi sia nella regione massaggiata che su tutto l’organismo. La cute non è soltanto un organo di protezione inerte per le strutture più profonde dell’organismo, ma per le sue proprietà anatomiche e chimico fisiche è un vero organo funzionale e reattivo. Proprio attraverso la cute il massaggio, che è il gesto più semplice per trasferire sensazioni, prende corpo attraverso le conoscenze, i profumi, i suoni, i colori per attraversare le barriere ed entrare nel più profondo lasciando che il frastuono diventi un dolce suono, per indurre e condurre la mente in un viaggio di completo abbandono. La ricerca dell’equilibrio con se stessi, il desiderio di sentirsi in pace è un miracolo che si conclude tra il cliente ed una estetista che abbia nel tempo approfondito le conoscenze e che attraverso questo sappia consigliare una tecnica specifica utilizzando prodotti per finalizzare al meglio il tipo di massaggio scelto. L’operatore, con delle manualità specifiche e attraverso la sua percezione interiore, riuscirà a trovare il punto di minor tensione così da provocare una spirale di apertura che influenza positivamente tutto il corpo. L’attenzione nei confronti di ogni singola persona e la vigilanza, attimo per attimo, nel percorso di lavoro ci porta sempre ad essere vincenti in ogni nostro cammino per cliente.

VG

visioni grafiche

L’

97


VG

visioni grafiche


vederici chiaro

di Paolo Baroni

I difetti della refrazione Parte 1 - Come si sviluppa la miopia ffinché la funzione visiva si sviluppi normalmente, occorre l’integrità anatomica dei bulbi oculari, delle vie ottiche ed una corretta refrazione. Quest’ultima avviene in funzione di tre parametri fisiologici: la lunghezza dell’occhio, la curvatura della cornea e la potenza del cristallino; l’equilibrio armonioso di questi tre elementi permette alle immagini che arrivano all’occhio di proiettarsi con nitidezza sulla retina. L’occhio è uno strumento assai complesso. Semplificando si può dire che funzioni come una sofisticata macchina fotografica: anche l’occhio, infatti, possiede lenti, diaframma, pellicola; può fare lo zoom, cioè acquisire il fuoco per lontano e per vicino (“accomodazione”). La cornea ed il cristallino sono le lenti che formano gli “obbiettivi”: tra di loro è interposta l’iride, il cui punto centrale (“pupilla”) è in grado di stringersi e allargarsi a seconda dell’intensità dell’illuminazione come fosse un diaframma. Grazie agli “obbiettivi” cornea e cristallino, che devono essere perfettamente trasparenti ai raggi luminosi e di potere ottico esatto, attraversando una sostanza gelatinosa trasparente che dà forma all’occhio (“vitreo”), l’immagine va a fuoco sulla retina, funzionante come una pellicola fotografica a colori che riveste interamente le parti media e posteriore del bulbo oculare. La distanza focale di questo sistema a riposo è dunque tale che, in un occhio normale, detto emmetrope, l’immagine di un oggetto situato all’infinito finisca, rovesciata, esattamente a fuoco sulla retina. Quando uno qualsiasi di questi elementi è imperfetto, soprattutto se il potere ottico non è in rapporto armonico con la lunghezza del globo oculare, l’immagine risulta imperfetta. Ad esempio, se le immagini degli oggetti distanti sono percepite confusamente, perché la “scatola” dell’occhio è troppo lunga oppure il sistema ottico fa convergere troppo i raggi luminosi, si parla di miopia. Nei bambini il difetto si riconosce perché il soggetto, per aiutarsi, strizza gli occhi o cerca di avvicinarsi all’oggetto che lo interessa per apprezzarne i dettagli. Nella miopia congenita ed elevata vi possono essere danni oculari organici più o meno progressivi a carico della corio-retina; questo tipo di miopia, fortunatamente, non è molto frequente. Più frequente, invece, la “miopia scolare”, talora progressiva fin oltre i vent’anni.

A

99


Cerco casa!

vita da cani Dedicato agli amici in cerca di adozione

Se lo ami proteggilo All’inizio della primavera per pulci e zecche ricomincia la stagione riproduttiva. Per evitare infestazioni e malattie è utile iniziare dal mese di marzo la giusta prevenzione. Rivolgiti con fiducia al tuo veterinario per sapere come meglio proteggere il tuo cane.

SCHIZZO

FRED

ROSITA

È uno jagd terrier a pelo corto, ha circa 8 anni. Prelevato da un canile a Tolfa, le sue zampette sono un po’ doloranti.

Ha circa 5 anni, buon carattere e va d’accordo con maschi e femmine. Pesa meno di 10 Kg. Proviene dal Canile di Tolfa.

È una dolcissima spinona adulta brava con i suoi simili e dolcissima con le persone. Soffre molto la reclusione. Adottatela.

SONIC

SANSONE

Derivato maremmano bravo e bello, non più tanto giovane. È ora che qualche persona di buon cuore lo liberi.

Maestoso San Bernardo di circa 5 anni, operato ad una zampa, ha iniziato la sua corsa alla guarigione ed alla ricerca di una famiglia.

Adozione del cuore

SOFIA Meticcia nera a pelo raso. Un pochino timida, in canile da quando aveva solo 7 mesi. Sono trascorsi tanti anni!!!

GIPSY Bellissima Pit, affettuosissima e sempre in cerca di coccole. È sorda quindi nessuno la vuole. Noi continuiamo a sperare di trovare una famiglia anche per lei.

100


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario Via Ferdinando Acton, 94/98 - Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

Rollo, un caso raro di “Alopecia X” Ecco perché sterilizzare anche i cani mashi egli ultimi mesi abbiamo affrontato spesso il discorso della sterilizzazione dei nostri animali da compagnia. Molte persone continuano ad essere contrarie, visto che gli animali vengono al mondo (come noi!) con tutti i loro attributi e può sembrare una cosa contro natura impedirgli di procreare; è pure vero che le cose innaturali che facciamo con i nostri animali sono tante, come tenere un gatto chiuso in quattro mura per tutta la vita o decidere di far mangiare al cagnolino solo le pappette che noi vogliamo e farlo dormire sotto le lenzuola del nostro letto! Abbiamo anche già detto che i “nostri” animali da compagnia oggi, grazie alla medicina preventiva, alla corretta

N

tumori dell’apparato genitale e delle mammelle: tutte brutte malattie non riscontrabili (o solo in casi eccezionali) negli animali sterilizzati prima della pubertà. Questo è il motivo per cui i Medici Veterinari in tutto il mondo consigliano sempre più la sterilizzazione precoce degli animali non destinati alla riproduzione. Ciò premesso, vorrei raccontarvi la storia di Rollo, un dolce e affettuoso cane bulldog inglese di 4 anni: come molti cani della sua razza o simili (Bulldog francesi o Carlini), a causa della Sindrome Brachicefalica (“testa corta e naso schiacciato”, palato molle troppo lungo e narici quasi chiuse, che gli impedivano di respirare), aveva già subito un paio

una rara malattia, “l’Alopecia X”. Dal nome si intuisce che le sue cause esatte, così come le terapie più efficaci, ancora non sono state accertate. Questa malattia è fondamentalmente un disturbo estetico, senza ripercussioni sistemiche e a volte regredisce spontaneamente. Di sicuro si sa che molti cani guariscono grazie alla sterilizzazione, in quanto gli ormoni della sfera sessuale (estrogeni e progesterone), prodotti in eccesso in questi casi, interferiscono con la normale crescita del pelo. Altri cani migliorano molto con la Melatonina e farmaci come il Trilostano e il Mitotano. Dopo l’intervento, i peli di Rollo stanno ricrescendo: anche in questo caso la castrazione, una metodica contro natura, si è rivelata molto utile per non dire indispensabile per curare una malattia. Lo stesso vale per i cani

maschi dominanti e molto territoriali che aggrediscono i loro simili e non solo: dopo l’intervento Rollo, Alopecia Rollo, Alopecia del collo Rollo, Alopecia diventano meno aggressivi. simmetrica delle e biopsia interscapolare su spalle e collo cosce e biopsia Non dimentichiamoci le neoplaalimentazione e a terapie efficaci, vivono, d’anni fa l’intervento di palatoplastica e rino- sie dei testicoli, della prostata e delle ghiancome gli esseri umani, molto più a lungo che plastica. Recentemente è “tornato a trovar- dole epatoidi (non solo perianali, ma anche in passato, quando morivano senza un per- ci” con gravi disturbi dermatologici: il cane della coda, dell’inguine, delle cosce e del ché, abbastanza giovani. Oggi vediamo ha iniziato a perdere i peli pur senza grattar- dorso): tutte queste patologie abbastanza spesso cani di 16-18 anni, gatti di 23 e perfi- si, prima sulle cosce e sul tronco, poi sui fian- frequenti, non solo nei cani anziani, si risolno conigli di 8-10 anni, età impensabili fino a chi, intorno al collo e dietro le guance; la vono o meglio si prevengono mediante la qualche anno fa! Se ci pensate, per lo stesso motivo, solo nel dopoguerra, le persone erano considerate “vecchie” già a 60 anni: oggi ci sono tanti ottantenni che guidano l’auto e fanno sport tutti i giorni. Essendo più comuni in età avanzata, malattie prima molto rare nel cane, nel gatto o nel coniglio, come le neoplasie o le patologie ormonali, oggi sono diventate di frequente riscontro. Abbiamo parlato del rischio della Piometra, ovvero la raccolta di pus nell’utero delle femmine non sterilizzate, così come dei

pelle è diventata più scura e dura, come avviene in tutte le dermatopatie croniche, e Rollo stava diventando nudo! Come spesso accade in questi casi, l’iter diagnostico è stato abbastanza lungo e complesso: tramite esami del sangue e citologici, abbiamo dovuto escludere tante malattie sistemiche che si presentano in modo simile, dalle allergie all’Ipotiroidismo, dalla Sindrome di Cushing alle parassitosi della pelle (alcune delle quali contagiose). Alla fine la diagnosi è arrivata tramite le biopsie: Rollo è affetto da

sterilizzazione. La decisione di far sterilizzare il proprio animale, oppure no, è esclusivamente del proprietario: è una decisione difficile da prendere e il Medico Veterinario ha solo il compito e il dovere di informarlo sui pro e i contro dell’una e dell’altra opzione. Nessuno vi può garantire la salute certa per il vostro compagno a 4 zampe sterilizzato, ma le statistiche e gli studi in tutto il mondo confermano che la possibilità di contrarre certe malattie è notevolmente ridotta senza l’influenza degli ormoni.

101


VG

visioni grafiche


www.internotredici.it - info@internotredici.it

FATTI, NOTIZIE, CURIOSITÀ E APPROFONDIMENTI PER CHI VIVE NEL MUNICIPIO XIII

Dai Quartieri

La Movida della discordia: molte proposte e altrettanti i dubbi sul rispetto delle regole È da anni il cruccio di molti residenti e la gioia di altrettanti ragazzi e operatori del settore. Difficile trovare un accordo che metta insieme esigenze diverse Ostia vive da anni un boom della vita notturna che non riesce a coniugarsi con la tranquillità dei residenti. Tante le proposte in campo, le rassicurazioni e le buone intenzioni. Alle parole però seguono raramente i fatti, in particolare quelli vincolati ad un accordo tra gestori e Municipio che fatica ad essere rispettato integralmente. (pag. 106)

Il XIII Municipio si gemella con Le Vésinet (pag. 109)

Primo Piano

Luglio e agosto: vietato stare a casa! Luci ed ombre nel mondo scolastico del XIII Municipio (pag. 106)

Primo Piano

Artisti internazionali, jazz, classica, rock: Ostia e il suo entroterra offriranno uno spettacolo degno di una grande estate (pag. 111)

Altri 1.100 abitanti su Via di Acilia (pag. 107)

Lo sport di luglio e agosto

Premio “Città di Ostia”

Estate all’insegna degli sport all’aperto e della vita da (pag. 110) spiaggia.

Si è chiusa un’edizione importante in nome della migliore (pag. 108) poesia italiana


Primo Piano

106

Le scuole nel XIII Municipio

Servizi pubblici

Prospettive a breve e in rapporto alla riforma Gelmini

L

o scorso 15 giugno la Commissione Scuola del XIII Municipio, dopo essersi riunita con gli uffici e i dirigenti scolastici, si è espressa favorevolmente in merito alla proposta di dimensionamento degli istituti di istruzione e formazione. Come ha tenuto a precisare l’Assessore alla Scuola del XIII Municipio, Ludovico Pace, “il percorso di ammodernamento e di allineamento con gli obiettivi previsti dal Ministero della Pubblica Istruzione è iniziato tre anni fa con la creazione di nuovi istituti”, cosiddetti verticalizzati, ovvero comprensivi di più ordini come materne, elementari e medie. Due di questi, stando alle dichiarazioni ufficiali, saranno operativi a partire dall’inizio del prossimo anno scolastico. Uno sorgerà nel quartiere Giardini di Roma, l’altro a Malafede. In seguito, a partire dal settembre successivo, nel 2012, verranno inaugurati quattro nuovi istituti comprensivi ad Ostia: uno in via Mar dei Caraibi che ingloberà l’ex scuola media statale “Stella Polare” oltre alla materna di via Segurana, un altro che accorperà la scuola elementare e materna di via Quinqueremi con la scuola media statale “Caio Duilio”, un altro ancora che comprenderà la scuola media “Vivaldi” e la scuola materna e media di via Capo delle Armi. Infine è previsto un accorpamento tra la scuola elementare “Garrone” e la scuola media “Giuliano da Sangallo”. L’Assessore Pace, a margine dell’incontro, ha inoltre aggiunto che “vi

sono attualmente 18.000 studenti che riteniamo possano avere una migliore offerta da parte delle scuole, attraverso le modifiche apportate che garantiranno una più efficace continuità didattica”. In attesa che tale proposta andrà all’attenzione delle Giunte comunali, provinciali e regionali per ottenere un avallo definitivo, l’Associazione delle Scuole Autonome del Lazio avanza invece più di una perplessità sulle carenze del sistema scolastico; carenze in termini finanziari e legate alle risorse umane che coinvolgono l’intero paese, e che potrebbero complicare enormemente la realizzazione di questo progetto di dimensionamento. Per quel che riguarda il finanziamento delle scuole statali, “nel 2010 le sup-

plenze, ad esempio, sono state finanziate a posteriori, mese per mese, secondo il fabbisogno delle scuole, ma il budget assegnato in sede di previsione resta largamente insufficiente e non fornisce al dirigente certezze di coperture finanziaria nel momento delle nomine dei supplenti”, nell’innovazione e nelle spese di investimento per laboratori sussidi e nuove tecnologie. Per quanto concerne invece i dati sulla riduzione del personale, “in tre anni la scuola pubblica italiana ha perso 132.000 dipendenti di cui 87.400 docenti, tanto nella scuola dell’infanzia, quanto in quella primaria, media e superiore”. Esiste dunque più di un motivo per dubitare che l’offerta formativa possa crescere. Simone Felicetti

Sicurezza e decoro urbano

Movida, Rumore, Comitati e Sballo

C

ittadini che non dormono e turisti che lasciano di notte il Camping Internazionale Castelfusano: questi sono stati per ora gli effetti della delibera del XIII Municipio che permette alle discoteche sul lungomare di rimanere aperte 5 giorni su 7. Secondo gli accordi, i gestori dei locali avrebbero dovuto in cambio ridurre le emissioni sonore del 30% fino alle 3.00 del mattino e del 60% fino alle 4.30 (ora di chiusura), condotte di comportamento sulle quali è difficile sapere se esiste una sufficiente vigilanza. Da quasi due mesi i cittadini che abitano vicino al lungomare lamentano notti insonni per colpa della musica alta, percepibile anche a molti metri di distanza. Il problema riguarda in particolare la zona del lungomare di Ostia Levante, dove i locali sulla spiaggia non sono dotati, come dovrebbe essere, d’impianti a basso impatto acustico. In prima linea nella lotta contro la movida “pazza” di Ostia vi è il comitato cittadino di Lido di Castelfusano, che si sta impegnando per restituire ai cittadini la pace perduta. “Il Municipio XIII e le forze dell’ordine ci hanno assicurato un monitoraggio più intenso sul fronte della sicurezza con controlli incrementati nelle zone calde del litorale” ha dichiarato Fabio Rencricca, pre-


Primo Piano Case senza strade: il modello di sviluppo del territorio

107

Viabilità e vivibilità

500 automobili in più su Via di Acilia

S

empre più cubature, sempre più incremento demografico nel territorio del XIII Municipio. Ma i servizi e le infrastrutture faticano a stare dietro a questo boom abitativo. Ogni qualvolta si concedono spazi dedicati all’urbanizzazione, il territorio cresce spaventosamente nel numero dei residenti senza che però le principali arterie stradali possano stare al passo. Si tratta di un problema che fino a qualche anno fa riguardava esclusivamente le tre principali strade che connettono il centro della capitale con il litorale di Ostia: Via del mare, Via Ostiense e Via Cristoforo Colombo. Il tempo ha purtroppo solo peggiorato lo stato delle cose e oggi anche le strade interne del XIII Municipio stanno via via collassando. Questo però è solo uno dei problemi. L’al-

sidente del comitato. “Per quanto riguarda l’inquinamento acustico - prosegue Rencricca - i controlli già ci sono e i rilievi dimostrano il mancato rispetto in alcune fasce e orari. Purtroppo l’iter per le sanzioni è molto lungo”. “Concedere licenze per le discoteche soltanto a fronte di dimostrati investimenti in misure antirumore, consentirebbe di ordinare la movida e di diminuire il numero di discoteche, privilegiando la qualità alla quantità”: questa è la soluzione al problema della movida ostiense proposta da Ruggero Barbadoro, titolare dello stabilimento Venezia e presidente regionale della Federazione Balneari. “Discoteche senza alcool” è invece la proposta avanzata da Piero Cucunato, presidente della Commissione Riforme Istituzionali della Provincia di Roma, per tentare di risolvere un problema connesso alla vita notturna: il fenomeno dello sballo alcolico tra i giovani è infatti spesso causa di incidenti stradali. 44%: è la stima dei giovani che esce la notte dai locali con un tasso alcolico superiore alla soglia consentita. Fino a quando non si prenderanno dei provvedimenti seri e concreti, spetterà alle forze dell’ordine cercare di garantire l’ordine e la sicurezza Angelo Bonelli pubblica: per questo motivo sono stati intensificati i controlli, soprattutto su Piazzale Cristoforo Colombo. Chiara Ferraro

tro, come si sa, riguarda il fatto che tali cubature molto spesso sfruttano terreni o spazi verdi, in teoria, adibiti ad uso pubblico o quanto meno a servizi per la collettività. Non è così. Capita sempre più frequentemente che gli spazi concessi all’edilizia in fase di cantiere prospettino la possibilità di coniugare cubature e spazi verdi. Questo purtroppo non è altro che il progetto su carta che serve ad attirare potenziali clienti. La realtà è un altra. Ovvero molti edifici e sempre meno verde. La condizione nella quale si è trovata negli ultimi anni Via di Acilia è in questo senso emblematica. Una strada tale e quale a quella costruita dai romagnoli all’inizio del secolo scorso, oggi alle prese con un aumento demografico difficilmente supportato da strade anche molto più ampie. Il “famoso” raddoppio della Via di Acilia, proclamato da anni, non ha visto ancora la sua prima pietra. Forse perché in realtà di spazio e fondi per il raddoppio di fatto non ve ne sono. Ma i cantieri adiacenti, di edilizia residenziale, aumentano a vista d’occhio. L’espansione del quartiere Malafede, ad esempio, ha messo a dura prova la capienza della Via di Acilia oltre alla pazienza di chi vi abita in prossimità. Ma non basta. La congestionata strada avrà presto altre 500 macchine in più al giorno. Altri 1.100 abitanti verranno infatti ad abitare a ridosso della Via di Acilia, nella variante “Sexies del piano di zona C-10 Malafede”. Auguri. Simone Felicetti


108

Dai Quartieri

Decoro urbano

Sgomberi e minaccia denunce alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo

P

ugno duro contro gli insediamenti abusivi del XIII Municipio: è questa la soluzione messa in pratica dall’amministrazione capitolina per far fronte al problema dell’emergenza abitativa. Parco delle Acquerosse, Via delle Orcadi, Via degli Atlantici, Via Fattiboni e Via Lilloni, luoghi e strade in cui per anni hanno vissuto o sopravvissuto i nomadi di Ostia e del suo entroterra, ora spazi rimasti senza vita, sgomberati in nome del decoro e del turismo. Riqualificare la Capitale e il litorale romano è il corollario ufficiale della recente rincorsa ad abbattere ogni accampamento abusivo. Già, perché durante i tre mesi estivi Ostia si popola di turisti e non è bello presentare un luogo pieno di bivacchi improvvisati. Peccato che nel cuore della “Ostia bene”, sotto ai portici del palazzo del governatorato, vicinissimi a Piazza Anco Marzio, tutte le notti si accampino dei senzatetto ai quali l’amministrazione locale non sia riuscita a trovare una sistemazione opportuna. Il Presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, Fabrizio Santori, ha dichiarato la sua in maniera rude e netta: “Coloro i quali non hanno le carte in regola e vivono di stenti a danno del paese ospitante, tornino da dove sono venuti” . Più o meno sulla stessa linea anche

Un incrocio da mettere in sicurezza

N

el litorale messo a festa per l’estate 2011 piovono incidenti all’incrocio tra Via Casana e Via Marenco di Moriondo. L’ultimo solo a fine giugno, preceduto da un incidente mortale, qualche settimana prima, sulla stessa via. L’emergenza sicurezza stradale si fa sentire in un quadrante di Ostia forse poco acceso dalle luci della movida estiva e quindi non di primissimo interesse. “È passato ormai un mese - afferma Giulio Notturni, coordinatore Cambiare Davvero e responsabile giovanile

Luigi Zaccaria, Presidente della Commissione Sicurezza del Municipio XIII, e Monica Picca, Presidente della commissione cultura. In seguito a tali dichiarazioni (in particolare una nota congiunta lo scorso 23 giugno) e all’attività di sgombero, il Comitato Civico 2013 ha pubblicamente reso nota la volontà di denunciare presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il consigliere comunale Santori e i due consiglieri municipali Picca e Zaccaria. Il comitato ha dichiarato che “con il loro comunicato stampa, abbiamo toccato il fondo. Razzista e senza alcun rispetto per la dignità umana”, sottolineando inoltre che “ad allontanare il turismo da Ostia è il degrado generale del municipio: aree verdi abbandonate, strade dissestate, bancarelle/tendopoli ovunque, chiassose discoteche notturne e pesanti infiltrazioni mafiose e camorristiche”. Le ragioni della denuncia alla Corte Europea sarebbero inerenti soprattutto sulla violazione dell’articolo 8 della Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Il Comitato ha ribadito: “uno scempio - quello del Tredicesimo - che deve finire”. Roberta Riga

Udc del XIII Municipio - dall’ultima rassicurazione del consigliere Colloca sulla realizzazione di una rotatoria. Non si può davvero più aspettare”. In realtà l’amministrazione locale si è già da tempo pronunciata a favore della messa in sicurezza dell’incrocio per il quale sarebbero già pronti i fondi necessari. “È da Marzo scorso - continua Notturni - che ci stiamo occupando della messa in sicurezza di questo incrocio maledetto ed è da allora che stiamo ricevendo parole rassicuranti ma, purtroppo, da allora, alle parole (spesso anche eccessivamente stizzite) non è seguito nessun fatto concreto”. Ancora nessun atto concreto quindi per la messa in sicurezza dell’incrocio. Roberta Riga

Premio Internazionale Città di Ostia: vincitori e premiati

L

o scorso 25 giugno, presso il teatro Nino Manfredi, si è svolta la serata finale del Premio Internazionale “Città di Ostia”, organizzato dall’Associazione Culturale “Anco Marzio”. Giunta alla sua quarantesima edizione, la manifestazione culturale ha visto salire sul palco del teatro lidense due dei più importanti poeti contemporanei italiani: Franco Loi, poeta dialettale di origini liguri, e Giovanna Mulas, poetessa sar-


Dai Quartieri attivo per il rilascio di carte di identità e di certificazioni anagrafiche e di stato civile, esclusi i giorni 12 e 19 agosto. Il lunedì l’Ufficio di via Claudio 1 sarà aperto dalle ore 8,30 alle 12 e il pomeriggio dalle ore 16 alle 20 solamente per il rilascio di carte di identità e certificazioni anagrafiche; il martedì mattina verrà osservato il medesimo orario, da più volte candidata al Premio Nobel per la letteratura. Ad aprire ufficialmente la serata è stata la musica di Alberto Caruso, nipote del più celebre Enrico e pianista, compositore e direttore d’orchestra. La kermesse culturale è ormai diventata un appuntamento fisso dell’estate lidense. Durante la serata, in onore della ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, sono state premiate tutte le forze dell’ordine e le forze armate presenti sul territorio. Hanno infatti ritirato i premi i rappresentanti di Esercito Italiano, Capitaneria di Porto, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia e Polizia di Roma Capitale. Roberta Riga

Sportello pomeridiano per le carte d’identità

109

tuttavia il pomeriggio lo sportello riceverà dalle 14,30 alle 16,30; il mercoledì solo la mattina dalle 8,30 alle 12. Per quel che riguarda il giovedì l’orario sarà continuato, dalle 8,30 alle 16,30, mentre nel mese di agosto l’orario sarà il medesimo del martedì. Il sabato e la domenica il servizio non sarà attivo. Simone Felicetti

Associazione

Il XIII Municipio si gemella

È

stata siglata, lo scorso 11 giugno, nella Sala Consiliare Massimo di Somma del XIII Municipio, l’unità d’intenti (una sorta di gemellaggio), tra il quartiere di Ostia e la cittadina francese Le Vésinet, alla presenza del sindaco Robert Varese e del Presidente del Municipio, Giacomo Vizzani. I due firmatari, in uno scambio di battute, hanno dichiarato reciprocamente di essere onorati di aver sottoscritto questo documento che unisce le due cittadine e che rafforza formalmente il legame storico, artistico e culturale tra Ostia e Le Vésinet. Un esperimento, questo, già da anni adottato da moltissimi comuni italiani “gemellati” con molteplici cittadine europee, sopratutto francesi. L’incontro tra i due rappresentanti politici è stata anche l’occasione per inaugurare una mostra nel chiostro del Palazzo del Governatorato che ospita la sede del municipio lidense. Paris-Rome, questo il titolo della rassegna che ha dato luogo ad una esposizione di quattro artisti francesi ed uno italiano: Pascal Barat, Mò Mathey, François Pohu-Lèfevre, François Weber e Francesco Zero. Le Vésinet è un comune di circa 16.000 abitanti, distribuiti in 5 kmq, situato nel dipartimento degli Yvelines, nella regione dell’Ile de France. Il suo nome deriva dal latino visioniolium e i suoi abitanti sono chiamati Vésigondins o Vésinettois. Il comune residenziale, creato il 31 maggio del 1875, è uno dei più ricchi della periferia occidentale di Parigi ed è noto per le sue abitazioni immerse nel verde e lungo diversi corsi d’acqua. Simone Felicetti

D

a lunedì 13 giugno è stato attivato, anche per quest’anno, lo sportello “fuori orario” per il rilascio delle carte di identità negli orari pomeridiani. L’iniziativa, promossa dal XIII Municipio, si concluderà il prossimo 30 settembre osservando le seguenti modalità e i seguenti orari: nei giorni di lunedì e venerdì dalle 16 alle 20 lo sportello sarà

Robert Varese Giacomo Vizzani


110

Sport

Tutto lo sport di luglio e agosto

Eventi estivi

Skate, surf, nuoto, beach soccer, vela: tante le occasioni per divertirsi all’aperto

È

giunta l’ora di entrare nel vivo dell’estate romana 2011 e anche durante i mesi di luglio e agosto Ostia sarà lo scenario di una serie di eventi legati al mare e allo sport. Lo scorso 19 giugno, un mare troppo agitato ha impedito lo svolgersi della regata da 100 a 1000 vele. L’impegno velistico, organizzato dall’Achab Yatch Club, è stato quindi rimandato a domenica 25 settembre, quando il litorale si colorerà di centinaia d’imbarcazioni. È finita l’ultimo weekend di giugno la Settimana dello Sport, evento promosso da circoli e associazioni del quadrante Ovest di Roma, tra l’Eur e il Tredicesimo ed alcuni comuni del litorale. Circa 500 atleti in gara, tutti appartenenti alle categorie giovanili, si sono affrontati in tornei di volley, calcio e basket. Patrocinata dalla Regione Lazio e dalla Provincia di Roma, la competizione si è conclusa, con finali e premiazioni, presso lo Sporting Club dell’Infernetto e il Circolo Roma Eur Torrino. Qualche settimana fa si è concluso il torneo di basket “BasketTiamo 2011” che ha visto la vittoria, oltre che delle formazioni partecipanti, dell’ADMO Lazio. L’Associazione Donatori Midollo Osseo è riuscita infatti a raccogliere i fondi per la propria attività e a svolgere opera di informazione circa le pratiche del trapianto. Durante le premiazioni fi-

nali sono state presentate testimonianze di donatori ed ex malati di leucemia e inoltre si è svolta una breve partita tra alcuni medici ematologhi del Policlinico Umberto I di Roma e alcuni giocatori locali. Tornando in tema di mare, il 2 luglio si svolgerà sul litorale romano, il Roxi Girl Surf Festival. Anche se non appassionate di surf, tutte le ragazze lidensi potranno gratuitamente prendere parte alla manifestazione. Previste, oltre ad alcune gare a premi, lezioni di surf con i maestri di Roxi e Quicksilver, un motivo in più partecipare.

Il 3 Luglio sarà invece possibile assistere all’ultima giornata del World Cup Skateboarding, il più prestigioso tour di skateboard del mondo. Organizzato nel tempio dello skate lidense, il The Spot di via Baffigo, il campionato vedrà la partecipazione di oltre 100 ska-

teboarders, uomini e donne provenienti dai cinque continenti che si sfideranno nelle tre specialità dello skateboard freestyle: “street” e “bowl” presso The Spot skatepark di Ostia, e “vert” presso Piazza Sirio. Al Pontile invece, dopo aver assistito nel mese di giugno alle esibizioni delle scuole di danza del Tredicesimo, sarà la volta di saggi di Break Dance. Dal 26 al 28 luglio si svolgeranno ad Ostia le finali scudetto di Beach Soccer. A concorrersi il titolo di prima della classe potrebbero essere le formazioni romane di Colosseum, che sta svolgendo un ottimo campionato, e Mare di Roma, reduce da qualche sconfitta ma con la possibilità di tentare il miracolo durante l’ultima tappa, quella di Lignano Sabbiadoro, prima delle finali lidensi. Proprio il beach soccer è diventato negli anni lo sport estivo per eccellenza tanto che la Roma Beach Soccer Academy, la prima scuola di calcio su sabbia del litorale, svolgerà attività per tutto il periodo estivo, fino al 13 agosto. Infine, l’ultima settimana di luglio arriveranno al Polo Natatorio di Ostia gli Azzurri del nuoto per la terza collegiale della stagione, in vista degli impegni europei di Copenaghen e Alicante. Da non perdere. Roberta Riga


Spettacoli

Ostia: un’estate intonata

111

Estate lidense

Tanti gli eventi in cartellone a luglio e agosto

Q

uella del XIII Municipio sarà un’estate caratterizzata dalla musica: non solo quella assordante delle discoteche del lungomare, ma anche quella dei concerti e degli eventi che caratterizzeranno i prossimi due mesi. Inaugurata lo scorso 25 giugno con un concerto di Peppino Di Capri, ritorna a Piazza Anco Marzio a Ostia la kermesse “Ostia Classic”, giunta alla sua terza edizione. Fino al 15 settembre offrirà un programma ricco e variegato con oltre trenta spettacoli gratuiti che spazieranno dalla musica classica alla lirica, dal jazz alla canzone d’autore e popolare. In particolare il 9, 15 e 16 luglio è in programma un festival della canzone romana con Fabrizio Amici, Luciano Rossi, il maestro Fabrizio Masci, Antonella Baiocco, Wilma Goich e Giorgio Onorato; nell’ultima settimana di luglio invece ci saranno il concerto di Manuela Villa, il recital di Katia RicManuela Villa

ciarelli e l’omaggio del soprano Marta Vulpi ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Il resto del programma sarà comunicato a breve. Dal 2 al 24 luglio a Parco Pallotta in via della Martinica a Ostia, si svolgerà invece la quinta edizione di “Pizza in tour”, organizzato come sempre dall’associazione Litorale Romano di Gerardo Zaccaria. Durante l’evento si terranno convegni e serate a tema e si avrà modo di gustare questo piatto prelibato grazie alla presenza di maestri pizzaioli di li-

vello internazionale che parteciperanno a gare di pizza acrobatica freestyle. Le serate della festa della pizza saranno allietate anche dalle esibizioni canore di Katia Ricciarelli, Enrico Ruggeri, Luisa Corna, Luca Barbarossa, Nino D’Angelo, Marco Masini e Massimo

Di Cataldo; e da concerti di band emergenti, spettacoli di danza e di varietà. Il programma completo è consultabile sul sito: www.pizzaintour.it. In concomitanza con “Ostia Classic” e “Pizza in Tour”, Davide Bordoni, assessore alle Attività Produttive e al Litorale, ha concesso a tutte le attività commerciali di Ostia di rimanere aperte fino all’1 di notte per intrattenere così i tanti romani e turisti che scelgono il litorale romano come meta ideale delle loro serate estive. A completare il quadro delle manifestazioni “by night” del Tredicesimo è la manifestazione culturale di “Approdo alla lettura” che già da un mese anima le serate sul Pontile di Ostia e continuerà a farlo fino a settembre. Ad agosto saranno decretati i vincitori dei concorsi letterari, banditi dall’organizzazione della kermesse: saranno così assegnati il “Premio Elia Catalano 2011” e il “Premio Massimo Di Somma 2011” durante la serata di premiazione del 31 agosto. La musica sarà la protagonista anche delle serate del Teatro romano di Ostia Antica che farà da cornice a tanti concerti: sono infatti attesi sul suo palco Franco Califano (12 luglio), i Jethro Tull (18 luglio), Max Gazzè (19 luglio), i Tiromancino (21 luglio), Lucio Dalla

(23 luglio), Lando Fiorini e Riccardo Galopeira (29 luglio) e Gianluca Grignani (3 agosto). Niccolò Fabi invece si esibirà il 15 agosto in Piazza dei Ravennati a Ostia in una delle tappe del suo lungo tour estivo che lo porterà in giro per l’Italia. Al teatro di Ostia Antica sono in programma anche due spettacoli comici: l’8 luglio si morirà dal ridere in compagnia di Giorgio Panariello in scena con “Panariello non esiste”, mentre il 20 Marco Baldini, voce storica della radio, guiderà la band rivelazione dei “Cifratonda” in uno show con numerosi comici cabarettisti e tanti ospiti del mondo dello spettacolo. Altri famosi comici dello show business italiano saranno i protagonisti indiscussi della programmazione estiva dell’Anfiteatro Parchi della Colombo. Si esibiranno in successione Rodolfo Laganà (8 luglio), Andrea Rivera (22 luglio), il gruppo comico romano “Area 51” (23 luglio), Bruce Ketta e Massimo Bagnato del gruppo di “Zelig” (24 luglio), Marco Marzocca (29 luglio), Maurizio Battista (5 agosto) e infine Giobbe Covatta (29 agosto). Altri concerti sono stati organizzati dalla “Way Out Eventi” e da “Black Rock”: nella calda atmosfera dell’Open Bar di Ostia sul Lungomare Lutezio Catulo, suoneranno molti grandi nomi della scena live italiana, tra cui gli Statuto, i 24 grana e Marta sui Tubi. Per maggiori informazioni e prenotazioni: www. wayouteventi.it e www.open-bar.it. Chiara Ferraro

Maurizio Battista


VG visioni grafiche


di Lucia Bianco (inviate le vostre ricette a luciabianco@hotmail.it)

budget e ricette

Dalle Alpi alla Sicilia Due ricette gustose e fresche per un’estate che non sacrifichi la gola iao a tutti, questa volta vi voglio portare in un posto speciale. Imboccate l’ultima traversa a destra di via della Macchiarella ed entrate in un piccolo paradiso. È un nuovo maneggio, curatissimo, con edifici colorati, tanti fiori ed un’atmosfera molto serena. Il club house si chiama “Erba cipollina” ed è gestito da una mia giovane amica, Gaia. Ho avuto il piacere di passare con lei la prima settimana di apertura godendo della rilassante magia del posto. Desidero dunque dedicare a Gaia, alla sua forza, determinazione e sensibilità questa pagina. A voi darò due ricette di Maddalena, amica e cuoca del club. La prima è la Pasta alla “Norma” con melanzane e pomodoro (avevo dimenticato quanto fosse buona questa pasta! Profuma di estate e di Sicilia!), la seconda è la mia amata Torta Verde, ricordo della mia infanzia piemontese (è velocissima da preparare e può essere benissimo un piatto unico).

C

Pasta alla Norma offriggete l’aglio intero e aggiungete al soffritto il pomodoro senza buccia e semi, tagliato a pezzi e con qualche foglia di basilico. Aggiustate di sale e pepe e fate cuocere a fuoco basso. Quando il pomodoro sarà appassito, toglietelo dal fuoco, passatelo al setaccio e mettete da parte la salsa ottenuta. Sciacquate le melanzane, togliete il picciolo assieme ad una parte di melanzana, tagliate soltanto una striscia di buccia praticando un taglio verticale da punta a punta (la buccia deve rimanere, tranne questa striscia). A questo punto bisogna scegliere se tagliare le melanzane a fette o a cubetti, io le preferisco a fette, il risultato non cambia, quindi friggetele in abbondante olio ed appoggiatele su carta assorbente da cucina per togliere l’olio in eccesso. Cuocete la pasta al dente, amalgamate con la salsa di pomodoro e servite adagiandovi sopra le melan• 500 grammi di maccheroni zane fritte, qualche foglietta (ma va bene qualunque tipo di pasta) di basilico e una bella spolve• 1 kg di pomodori maturi per salsa rata di ricotta salata grattugia• 4 melanzane nostrane ta al momento. Troppo buona! • 1 ciuffo di basilico

Ingredienti

S

Ingredienti • 2 confezioni di pasta sfoglia • 400 gr di zucchine a fettine • 1 cipolla • Olio • 80 gr di riso • 75 gr di parmigiano • 2 uova più 1 tuorlo per spennellare la torta

Torta Verde

• 2 spicchi d’aglio • Olio per friggere • Sale e pepe q.b. • Ricotta salata

n una padella fate soffriggere la cipolla in due cucchiai d’olio e unite le zucchine. In una piccola casseruola fate bollire il riso per 5 minuti, scolatelo ed unitelo alle zucchine, quindi fate freddare. Foderate una teglia con un rotolo di pasta sfoglia, potete lasciare la carta forno se volete, bucherellatela abbondantemente per evitare che gonfi in cottura. Unite ora alle zucchine il parmigiano e le due uova mescolate, dunque versate tutto nella teglia. Usate l’altro rotolo di sfoglia come coperchio chiudendo bene con un bel bordino. Nel mezzo del “coperchio” di pasta fate un buco grande come una moneta per fare uscire il vapore che verrà a crearsi in cottura. Spennellate bene con l’uovo ed infornate a forno caldo a 180° per 30 minuti, poi spostate la torta sulla parte inferiore del forno e cuocete per altri 5 minuti.

I

113


VG

visioni grafiche


V. GRANDE MURAGLIA

VIA D

O

EUR TORRINO

VIA DI DECIMA

VIA

28

DI

CA

V.PRASSILLA

VIA G

V.

E .D

SAL

L

2

F FERRA RI

1

PAL

OCCO VIA U. GIORDANO

VIA CANALE DELLA LING UA

SAN

SCHE

FRA

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

VIA D

CAVALCAVIA NUOVO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

C.SO REGINA MARIA PIA

11

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

PONTILE

V I A DI C

A S TEL

O

VIA C. COLOMBO

FU

V. AZZORRE

V. MARINA

V. BE Z Z

L

12

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA

13 TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

GIUGNO

VIA C. ZUGNA

VIA DE

LLA SC

AFA

A VIA DELLA SCAF

CA

ORI EI PESCAT

21

EDIP

UGLIA

DI

VIA R

VIA PO EMENTIN

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

IA

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

P. T E 2 A

MICINA F O CE

VIA DI

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA 18 V

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

NO

19

V I A W OL

L O T TI

INFERNETTO

CASAL PALOCCO

RAGON CELLO

V.BAZZINI

VIA DEI

RO INDA VIA P

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V.O.GHIGLIA

ORC INA

LOCCO VIA DI M. PA

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

SAPONA RA

VIA A.

NTINI EO

VIA DEI ROMAGNOLI

26

ACCHIA

SSO D

9

AXA

MADONNETTA

VIA FO

AXA MALAFEDE P.ZZA ESCHILO

ACILIA

APONA RA

VIA DI S

NI

VIA DI M

V. COLLETTORE PRIMARIO

7

CORNELI O

22

BO

I TT VIA O. F A 16

10

VIA DI ACILIA

LI GO

CELLO RAGON

24

SPINACETO

TENUTA DEL PRESIDENTE

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

23

DRAGONA

6

VIA C. MAESTRINI

CALTAGIRONE

V. P

20 4 27

V. G.CARPINE

15

O

NAPOLI

VIA DI MALAFE DE

DRAGONCELLO V. DI D

I

CASALBERNOCCHI

V. IN

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

LLE CASE BA DE SS E VIA

M M IN

VIA

VIA DEL MARE

ACILIA NORD

A

AN IOR GG

E

DI GIA NO

R A TO

ETTO

OCA

VIA VITINIA SA 25 RSINA V. S. A RC. D I ROM AGNA

MA

S UEN

EZZ

VIA DI P

A S AL

INO BOR GH

.SA NT O

CENTRO GIANO

V.ALBARETO

ORT VIA P

DI M

14

DI

VIA ARZANA

5

VIA C

S QU

MOSTACCIANO

8

VIA L

LEGENDA 16 Il Cielo sul Mare 17 Iacopucci Bar Pizza a taglio 18 Il Frantoio 19 Eschilo 2 Dancing 20 Bi Trattoria 21 Il Miglio Verde 22 Pane ar pane vino ar vino... e pure pizza 23 Don Payo 24 Bagnolo 25 Porta del Sole 26 Il Marchese del Grillo 27 Gibraltar 28 Antichi Sapori

. PA

E GRANDE RACCORDO ANULAR VIA

VIA

1 Antica Ricetta 2 Zucchero e limone 3 Gran Caffé Iacopucci 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Dal Pannocchia 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Squisito 9 Maharajah 2 10 Avoja 11 Ping Pong 12 Chi cerca trova 13 La Pineta 14 Frivolezze 15 Di Carlo Cafè

C

VIA MOLAIOLI

FIRENZE

IU

IAN

VIA D. PURIFIC ATO

USCITA 28

F D.

B ME

VIA CRISTOFORO COLOMBO

3

17

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA


MagnaRoma GRAN CAFFÈ IACOPUCCI SPECIALITÀ > BAR - TAVOLA CALDA - TABACCHI - RINFRESCHI - GASTRONOMIA “Primogenito” nella famiglia dei locali Iacopucci sorti nella rafben gestito ed accogliente dove molti desideri, soprattutto se finata zona dell’Eur Torrino, vanta uno spazio sempre curato, legati alla gastonomia, potranno essere esauditi. Sempre aperto dalle 7:00 alle 20:00 (orario continuato) è la location ideale per godersi un rilassante coffee break, assaporare un pranzo in compagnia piacevolmente seduti nell’ampia sala della ristorazione, organizzare un ottimo rinfresco, ritrovarsi per uno stuzzicante aperitivo o semplicemente consumare un pasto veloce. Ogni giorno, inoltre, vengono proposti dallo chef diversi menu, tra cui il conveniente MENU FISSO. Chi varca le porte del Gran Caffè Iacopucci: Bar - Tavola Calda - Rinfreschi Aperitivi - Tabacchi - Sisal - Intralot Scommesse Sportive, ha solo l’imbarazzo della scelta! A pranzo si accettano anche i ticket.

INDIRIZZO Via Oslo, 7 TELEFONO 06.5291061 RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto APERTO 7:00-20:00 orario continuato

ZONA

3

EUR TORRINO

5

116


MagnaRoma IACOPUCCI BAR PIZZA A TAGLIO SPECIALITÀ > BAR - PIZZA A TAGLIO - WINE BAR Dopo l'enorme successo riscosso in questi anni, Iacopucci raddoppia, inaugurando dal mese di Maggio 2011 un nuovo

INDIRIZZO Viale Amsterdam, 56-58-60 TELEFONO 06.52208013 RIPOSO SETTIMANALE Domenica APERTO 8:00-22:30 orario continuato

17

locale, nella zona Eur Torrino, dall’inconfondibile stile elegante ed accogliente, ideale per godersi una pausa culinaria. Oltre alla sfiziosa gastronomia del bar (rustici, tramezzini, panini e stuzzicanti salatini), si possono gustare oltre 50 tipi di pizza a taglio, sia da asporto che da consumare comodamente seduti al tavolo; prelibatezze i cui ingredienti, sempre freschi e variegati, sottolineano la cura e la professionalità della preparazione. A partire dal pomeriggio, invece, porte aperte per l’aperitime, dove, nella zona riservata al wine bar, ci si può sbizzarrire scegliendo, dalla ricca carta, variegati cocktail e pregiati vini. Chiuso la Domenica, il locale durante la settimana è aperto dalle 8:00 alle 22:30 seguendo un orario continuato. Si accettano i ticket.

ZONA

EUR TORRINO

10

117


VG

visioni grafiche


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

PARCO GIOCHI

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

24

119


MagnaRoma PING PONG SPECIALITÀ > BAR - GASTRONOMIA - WINE BAR Posizionato sul lungomare di Ostia, a pochi metri dalla spiaggia, il Ping Pong invita la sua clientela a godersi qualche minuto in tranquillità all’interno del suo storico locale, o perché no all’esterno, allestito con una veranda, tavolini e comode sedute. Bar, gastronomia e wine bar, qui si possono gustare ottimi panini, sfiziosi rustici o tramezzini, magari... guardando sullo schermo una delle partite del campionato 2010-2011 e non solo.

INDIRIZZO Lungomare Paolo Toscanelli, 84 TELEFONO 06.45438673 CARTE DI CREDITO No SPAZIO ESTERNO Sì RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto APERTO Dalle 6:30 alle 24:00 CAMPIONATO DI CALCIO 2010-2011 E NON SOLO...

ZONA

11

OSTIA LIDO

23

120


MagnaRoma SQUISITO SPECIALITÀ > PIZZA - CARNE ALLA BRACE - PESCE Il ristorante Squisito si trova in via Fiume Bianco 26, zona EurTorrino. Da noi si può gustare sia la tradizionale cucina partenopea in tutte le sue sfaccettature, i primi di pesce, le pizze con impasti da 300 grammi, sia la classica cucina capitolina. Tutto questo nel suo splendido chalet immerso nel verde dove, grazie ai suoi ben 400 posti a sedere interni più 300 esterni,

INDIRIZZO Via Fiume Bianco, 26 TELEFONO 06.45426085 SITO INTERNET www.squisitogroup.com E-MAIL info@squisitogroup.com FACEBOOK squisitoeur CARTE DI CREDITO Sì PREZZO MEDIO 15/35 € SPAZIO ESTERNO Sì AREA BANCHETTI Sì NUMERO POSTI 400 interni, 300 esterni RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto APERTO Pranzo e Cena

8

ZONA

EUR TORRINO

si possono organizzare ricevimenti, banchetti di ogni genere, battesimi, comunioni o matrimoni. La qualità della nostra carne è diventata ormai un nostro marchio: la carne viene cotta alla brace con cottura a vista dove ci si può sbizzarrire nella scelta: argentina, danese, tedesca, americana, australiana e la classica nazionale; il tutto in diverse modalità come la bistecca o la fiorentina o il filetto, tutto scelto dal cliente stesso sul momento. Parlando invece del pesce, i primi particolari e sfiziosi come il pacchero imperiale con pesce spada tagliato a cubetti, capperi e pomodorino pachino tra i più gettonati, ai classici con crema di scampi, pescatora e con vongole veraci. Passando ai secondi, la freschezza del pesce si può vedere, dato che anche qui il cliente stesso può scegliere tra rombi, orate, spigole in vetrina o addirittura un delizioso astice pescato sul momento grazie all’acquario. E dulcis in fundo, la pasticceria: tutti dolci e gelati in lavorazione artigianale, anche questi di tradizione napoletana come il babà, la pastiera o la torta caprese accompagnati da deliziose cassate siciliane, tiramisù e profitterol. Tutto questo di fronte ai nostri maxi schermi per vedere i più importanti eventi sportivi.

4

121


VG

visioni grafiche


MagnaRoma LA PINETA

INDIRIZZO Via del Circuito, 68 (secondo cancello) TELEFONO 06.50930096 - 339.5340667 SITO INTERNET www.lapineta.biz CARTE DI CREDITO Sì PREZZO MEDIO 20 € SPAZIO ESTERNO Sì AREA BANCHETTI Sì NUMERO POSTI 100 RIPOSO SETTIMANALE Martedì APERTO Pranzo e Cena

13

ZONA

CASTELFUSANO

SPECIALITÀ > CARNE - PASTA, PANE E DOLCI FATTI IN CASA Immerso nella suggestiva quiete della pineta di Castelfusano, Tra alberi, cavalli e tanta tranquillità, i buongustai della cucina all’interno di un meraviglioso circolo ippico, questo locale dalla casereccia potranno deliziare i loro palati con primi di pasta struttura rustica e accogliente, è dotato di ampi spazi verdi fatta in casa, vasto assortimento di carne danese, irlandese, esterni, con parco giochi per bambini e parcheggio privato. scozzese e piemontese. La verdura, cucinata come da tradizione nostrana, è freschissima, per non parlare del pane e dei dolci fatti in casa e preparati giornalmente, da non perdere! La carta dei vini è vasta e ben fornita, basta solo scegliere. Per non parlare dell’ottima birra alla spina. Su prenotazione, inoltre, si possono organizzare pranzi e cene a base di pesce. La Pineta, oltre ad offrire relax e ottima cucina, ama dedicare ai clienti tutta la sua competenza e dedizione nel campo della ristorazione, per questo una volta entrati... è difficile non tornare! Per maggiori informazioni o visualizzare il menù e i prezzi trasparenti, consultate il sito: www.lapineta.biz.

1

123


MagnaRoma IL MIGLIO VERDE

INDIRIZZO Via di Piana Bella, 30 (traversa di Via di Castel Fusano) TELEFONO 338.9953162 CARTE DI CREDITO Sì (no American Express) SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Cena (aperto a pranzo domenica e festivi)

ZONA

21

OSTIA ANTICA

18

124

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE - PIZZA Immerso nella rigogliosa e rilassante campagna di Ostia Antica, all’interno di un antico casale ristrutturato mantenendo le caratteristiche originali, questo locale ha la capacità di trasportare i suoi ospiti in una dimensione così tranquilla e familiare da dimenticare lo stress ed il caos assordante della città. Il menù, rispettando le regole rurali, offre prevalentemente piatti a base di carne di rilevante qualità. Ottime le varie tipologie di tagliata (prima fra tutte quella all’aceto balsamico) e gli sfiziosi antipasti “casarecci” con formaggi, salumi e verdure, accompagnati da una croccante focaccia. Per chi invece desidera le specialità di pizza, non deve fare altro che scegliere tra le numerose varietà! Arricchito da un meraviglioso spazio esterno, è la location ideale per organizzare ricevimenti e banchetti.


MagnaRoma

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

7

ZONA

MALAFEDE

PANE AR PANE VINO AR VINO

PANE AR PANE VINO AR VINO... e pure PIZZA

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PIZZA Aò, e mò v’aspettamo pure ner novo locale, n’dove, ortre a magnà e cose romane, ve potete aggustà pure a pizza... cor sugo de coda, de trippa, co’ a carbonara e co’ amatriciana, ecc... e pure ‘a classica! E si volete va’ portamo pure a casa! O’, semo sempre noi! Sortite presto!

INDIRIZZO Via Giovanni da Pian del Carpine, 24 TELEFONO 06.52350987/3348473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE Lunedì (annate all’ar-

tro “Pane ar Pane Vino ar Vino” a Malafede) CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO te devi arrangià! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

22

ZONA

ACILIA

15

125


VG

visioni grafiche


MagnaRoma BI TRATTORIA

CHI CERCA TROVA

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA La nostra filosofia è quella di portare in tavola solo la freschezza e la qualità di piatti cucinati con ingredienti di stagione e selezionati di persona come pesce fresco, carne alla brace, pizza lievitata naturalmente e cotta al forno a legna. Non abbiamo un menù fisso ma solo proposte del giorno. Il locale è nuovo e lo stile anni ‘70, curato ed ironico in ogni particolare. Una splendida cucina a vista è il regno di Federico, Manuel e Tonino e i dolci e la pasta fatta in casa sono le specialità di mamma Rossella.

SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Chi cerca... trova un locale, nella zona Isola Sacra, da anni gestito con sapienza e cordialità, pronto ad accogliere la sua clientela in un ambiente curato e luminoso. Mirata a soddisfare tutti i palati, la cucina propone un menù sempre amplio di prelibatezze e dagli ingredienti freschissimi. Primi e secondi piatti a base di pesce (arrivi giornalieri) o carne potranno essere accompagnati da birra o vino delle migliori marche. Inoltre una vasta scelta di pizze cotte nel forno a legna.

INDIRIZZO Via Brunone Bianchi, 19 TELEFONO 06.5257052 - 392.0192090 SITO INTERNET www.bitrattoria.it NUMERO POSTI 60 interni, 70 giardino PREZZO Onesto CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Mai PARCHEGGIO Sì (privato) APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via della Scafa, 445/449 TELEFONO 06.6583099 NUMERO POSTI 200 AREA BANCHETTI Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì PARCHEGGIO Sì (riservato) APERTO Pranzo/Cena

TUTTE LE PARTITE DI SERIE A-B, CHAMPIONS LEAGUE, EURO LEAGUE

20

ZONA

12

CASAL BERNOCCHI

ZONA

FIUMICINO

ESCHILO 2 DANCING

FRIVOLEZZE

RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO SPECIALITÀ > GOOD MUSIC Ambiente unico e di atmosfera, il ristorante Frivolezze è arredato secondo uno stile elegante ed accurato, che crea piacevoli sensazioni di benessere. La cucina soddisfa pienamente la voglia di assaporare piatti preparati con cura che richiamano i sapori della cucina sarda. Si annoverano tra le altre pietanze: Spaghetti ai ricci di mare (sardi), Faraona al mirto e fragoline di bosco, Seadas dello chef. Questa miscellanea di differenti sapori fa di Frivolezze un posto tutto da scoprire.

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via Codigoro, 30 TELEFONO 06.52372604 - 339.2479722 SITO INTERNET www.frivolezze.altervista.org PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 40 APERTO Pranzo/Cena

€ SI ORGANIZZANO MENÚ A 25€ ANTIPASTO + 2 ASSAGGINI + SECONDO

Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

19

ZONA

14

NUOVA PALOCCO

ZONA

VITINIA

ZUCCHERO E LIMONE

RISTORANTE CINESE IL CIELO SUL MARE

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana.

SPECIALITÀ > CUCINA CINESE Preparatevi ad un viaggio culinario per scoprire i più tradizionali ed interessanti piatti della Cina realizzati con prodotti e materie prime rigorosamente italiani. Qui, anche grazie all’impeccabile accoglienza della proprietaria Luisa e del servizio in sala, avrete l’opportunità di essere consigliati sulle portate, scegliere e gustare in tutta tranquillità sapori di una terra tutta da scoprire... Oltre ad un menù con i “classici” della cucina cinese, potrete assaporare piatti unici ed originali.

INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via Ottone Fattiboni, 73/75 TELEFONO 06.52169451 SITO INTERNET www.ilcielosulmare.it PREZZO MEDIO 10/15 € CARTE DI CREDITO No American Express RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 100 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

2

ZONA

INFERNETTO

16

ZONA

DRAGONCELLO

127


La Vetrina di Tredici


oroscopo dell’estate

CESARE CREMONINI (27/3/1980)

ANDIE MacDOWELL (21/4/1958)

MIKE MYERS (25/5/1963)

LAURA CHIATTI (15/7/1982)

MASSIMO BOLDI (23/7/1945)

NATALIA ESTRADA (3/9/1972)

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Se desiderate novità nei rapporti sentimentali, dovrete farvi avanti. Nella prima settimana di agosto, Marte entra in una posizione sfavorevole. Per non farvi fregare, dovete dedicarvi alle persone prima, quando Mercurio sarà amico. A quel punto vivrete di rendita. Per tornare in forma, aspettate fine settembre.

Estate piena di novità. Si susseguiranno momenti esaltanti e periodi fin troppo calmi, al limite della noia. Sole e Venere vi osteggeranno nel mese di luglio, rendendovi pessimisti se qualcuno non risponderà alle vostre attenzioni. Mercurio nel mese di agosto contribuirà a rendervi più spensierati e amichevoli. A fine estate conquiste e grandi occasioni.

AVRIL LAVIGNE (27/9/1984)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

Giove è nel segno; significa che vivrete un’estate interessante, in cui incontrerete gente piacevole. Nel mese di luglio, Sole e Venere avranno un aspetto favorevole, per cui avrete ciò che vi spetta dal punto di vista dell’amore. Ad agosto e settembre, Mercurio in aspetto disarmonico vi toglie fascino.

Avete aspettato l’estate con una certa ansia. Avevate molte aspettative e ora rischiate la disillusione. Giove quest’anno è in opposizione e, seppur non riesce a ridimensionare il vostro fascino, vi rende possessivi e poco intraprendenti. In agosto evitate di pretendere troppo per voi stessi, non è il momento!

EROS RAMAZZOTTI (28/10/1963)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Nel mese di luglio, Marte è nel segno. Sarete brillanti, sarcastici, ironici. Verrà apprezzata la vostra intelligenza, attenzione però a non offendere. Venere avrà un aspetto positivo in agosto, quindi sarete intraprendenti con l’altro sesso. A settembre, invece, il vostro spirito critico diventerà esagerato e ciò vi toglierà fascino.

Sarà un’estate in crescendo. La prima metà della stagione avrete Marte in opposizione e le cose non andranno come volete in amore. Ad agosto, Marte si sposta dall’opposizione e vi permette di godere appieno delle belle e intriganti posizioni di Venere e Mercurio. Sappiate sfruttare il momento e godere dell’estate nel miglior modo possibile.

DARYL HANNAH (3/12/1960)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

L’estate partirà con sprint. Avete Venere nel segno, quindi potete pretendere di stare in coppia o di concedervi un’avventura erotica. Attenti però a non prenderci troppo gusto, perché Marte entrerà nel segno ad agosto e rischierete di essere troppo irruenti. Cercate di mostrare maggiore modestia e di non farvi prendere la mano. L’estate è lunga…

Dovete essere più ottimisti. Venere, in opposizione a luglio, vi costringe spesso a guardare indietro. Avrete occasioni per divertirvi, grazie alla posizione favorevole di Giove. Ad agosto, con Marte in opposizione, sarà il momento ideale per riposarvi. Venere invece sarà dalla vostra parte da fine mese, approfittatene!

CHRISTIAN DE SICA (5/1/1951)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Lo sapete: è la vostra stagione. La Luna nuova è nel vostro segno proprio a Ferragosto, dandovi la possibilità di conoscere gente nuova e molto interessante. Dovete recuperare un po’ di spirito d’iniziativa, Giove in posizione difficile vi rende infatti troppo passivi nelle situazioni in cui dovreste fare bella figura.

Siete coscienti della vostra originalità e dei mezzi a disposizione. A inizio estate il vostro modo eccentrico di presentarvi non vi aiuterà. Marte è in posizione armonica e vi rende molto reattivi. Col passare delle settimane, tuttavia, dovrete confrontarvi prima con l’opposizione di Venere e poi con quella di Mercurio. Abbassate le vostre pretese, non tiratevela!

MICHELLE HUNZIKER (24/1/1977)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Mercurio e Venere nel mese di luglio contribuiscono a rendervi comunicativi con gente che considerate attraente. Giove sarà in aspetto armonico per tutta l’estate. Avrete la fortuna di frequentare persone che fanno al caso vostro e che vi fanno sentire a vostro agio. A fine agosto e a settembre, grandi novità in amore.

Nel mese di luglio Venere è dalla vostra parte. Ciò vi renderà irresistibili, anche se un po’ con la testa fra le nuvole. Ad agosto saranno Marte e Giove a riportarvi sui binari e a rendervi più realistici. Attenti a come vi relazionate con altri nel mese di settembre. Venere, Sole e Mercurio sono in opposizione e vi rendono insaziabili.

WILLIAM HURT (20/3/1950)

129


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 10 路 n. 95 - LUGLIO-AGOSTO 2011 路 www.13magazine.it


13 Magazine N. 95