Issuu on Google+

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 12 路 n. 116 - GIUGNO 2013 路 www.13magazine.it


VG visioni grafiche


SABATO 22 GIUGNO ORE 16:30

UN POMERIGGIO CON CHICCO DI GRANO

VG

visioni grafiche

Aspe tt tutti o i miei picco amici li !

La simpatica mascotte del Centro Commerciale aspetta i piccoli ospiti per trascorrere un divertente pomeriggio insieme.

FREE

P

CUP

Via Mario Rigamonti, 100 - EUR (Tintoretto) 路 Infoline 06 51955890


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

AL MERCATO (Caltagirone V. Massimo Troisi) CARREFOUR (Ostia - Staz. Lido C.)

ELITE (Eur - Via O.Indiano)

Via dell’Idroscalo)

ACILIA - MADONNETTA

Parrucch. Angelo Di Pasca

ELITE (Eur Torrino

SUPER ARI (Acilia - Via di

CASAL BERNOCCHI

Ristorante Maharajah 2

Bar Via Baldovinetti

Via della Cina)

Macchia Saponara)

Acilia Immobiliare

Ristorante Pane e Vino II°

Birreria Spaten

ELITE (Eur Torrino

TODIS (Axa-P.zza Eschilo)

Abbo Bar

Tru Trussardi

Bread & Coffee

Via della Seta)

TODIS (Acilia Madonnetta

Bar Benevento

ELITE (Eur Torrino

Via di Macchia Palocco)

Bar Domino

CASALPALOCCO

Caffè Tazza d’Oro

Via Salisburgo)

TODIS (Infernetto

Bar Laura

Bar “44”

Caffè Viola

ELITE (Eur - Via d. Tecnica)

Via Castelporziano)

Bar Marica

Bar Casa del Tramezzino

Euro Caffè

ELITE (Infernetto

TODIS (Poggio di Acilia)

Bar Pasticceria Fredolini

Bar Colombo

Via C. Colombo)

TODIS (Infernetto-V.Cilea)

Bar Verde Rosa

Bar Cristal

ELITE (Mezzocammino

TUO (Dragona-V. Dragone)

Baroni Gioielli

Bar Drive In

Via C. Colombo)

TUO (Ostia - V. Gondole)

Baroni Ottica

Bar Flaming

EUROSPIN (Acilia

TUO (Ostia-V. P. Orlando)

Biclim

Bar Le Mimose

Via Prato Cornelio)

TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi)

Bitton Bar

Cannavale Immobiliare

EUROSPIN (Caltagirone

TUODÌ (Acilia - V. di

Bricofer

Centro Sportivo Eschilo 2

Vitinia - Via Ostiense)

Macchia Saponara)

Caffè Bistrot

La Boutique del pane

Calandrelli Group

La Tabaccheria d. Terrazze

Caffè d’Arte

CARREFOUR (Dragona Via Criminali) CARREFOUR (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) CARREFOUR (Infernetto Viale Castel Porziano) CARREFOUR (Infernetto

Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Lops Romus Re Sha.mo Bar Snack Tanaka

Via Antonio Angeloni)

Sturdust Village

CARREFOUR (Infernetto -

Torrino Sporting Center IPER TRISCOUNT (Via

Via Boezi)

Vasian Ostiense)

CENTRI COMMERCIALI

Caseificio Zì Teresa

Priolo

LEON (Infernetto

C. COMM. BERSONE

Climart

Quelli dell’Albero Azzurro

Viale Castel Porziano)

(Infernetto)

Compro Oro

St. Odont. Podda & Sorci

CARREFOUR (Via di Casal Bernocchi) CONAD (Acilia

FIUMICINO Villa Faieta MA Supermercato (Acilia

C. COMM. COLUMBIA

Fisioter

Via di Acilia)

(Infernetto)

Gastronomia Marika

DRAGONA-DRAGONCELLO

MAP (Infernetto

C. COMM. 2000 (Acilia)

Giocheria

Abitare Oggi

Via Wolf Ferrari)

C. COMM. ESCHILO (Axa)

La Cartareccia

Bar Oly & Stè

MAXI SIDIS (Acilia

C. COMM. I GRANAI (Eur)

MC Traslochi

Bar Phelipe

Via di Macchia Saponara)

C. COMM. LE TERRAZZE

M. & G. Tabacchi

Bar Pinco Pallino

Via di Casalpalocco)

MD (Caltagirone Vitinia

(Casalpalocco)

Mobili al centimetro

C.I.M. Costruzioni

CONAD (Eur Torrino

Via Borghini)

C. COMM. SIC (Eur - bar)

Pink Bar

Di Carlo Cafè

Bar Cristal

Via della Cina)

ONEPRICE (Acilia

C. COMM. WOLF FERRARI

Ristorante Bianco Rosso

Hosteria Dai Dragoni

Bar Dolce Paradiso

CONAD (Ostia

Via Prato Cornelio)

(Infernetto)

Legno + Ingegno

Bar Evandro

Via Isole di Capoverde)

PAM (Axa Malafede

CENTRO VECCHIO

Snai

Panificio Signori Luciano

Bar Gatta

CONAD (Ostia

Via G. Usellini)

(Casalpalocco)

Tabaccheria Sirio

Ristor. Il cielo sul mare

Bar La Vela

Via della Stella Polare)

PAM (Ostia - V. Gondole)

PARCHI DELLA COLOMBO

Vivaio Primaverde

Se.Ma. Traslochi

Bar Star

CONAD (Ostia - Viale

PAM (Ostia-V. Promontori)

(Infernetto)

Vega/Via della Tolda)

SMA (Casalpalocco

PORTO TURISTICO OSTIA

AXA

EUR - EUR TORRINO

Bar Tabacchi Gli Angoli

Axa Bike

MOSTACCIANO

Bar Tabacchi Il Cigno

Via di Macchia Saponara) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco

e Pannone

INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco

Bar Strauss

DICO (Infernetto)

Via Pindaro)

DIXDI (Ostia - V. P. Caselli)

SMA (Via Monti S. Paolo)

ISTITUZIONI

Bar Cristiano

Bar Bonsai

Bar Tabac. Castelporziano

DOC (Torrino - Via Fosso

SMA (Nuova Palocco

DISTACCAMENTO

Bar Menandro

Bar gelat. gastronomia 3

Bar Via San Candido

Torrino)

Via Zenone di Elea)

MUNICIPIO XIII (Piazza

Centro Sportivo Eschilo 1

Bar ristorante di via Lione

Bruna Coiffeur - Estetica

EFFE + (Ostia

SIMPLY SMA MARKET

del Capelvenere - Acilia)

Euroservice

Bar Roberto

Il Gelatiere

Via dell’Appagliatore)

(Acilia-V. di Saponara)

MUNICIPIO XIII

Gelateria Alessia

Bar Tentazioni

Il Parco Giochi

ELITE (Acilia - Via di Acilia)

STELAC CASTORO (Ostia

(Via Claudio - Ostia)

Paola Sgrò estetica

Bar Tornatora

La Boutique del pane

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. e fax 06.88540120 - Cell. 333.8626296 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

5


VG

visioni grafiche


La Cucineria

Bar Jolly

Bar Canarie

Priolo

Bar Krapfen

Bar Corallo

Twinky

Bar Kristall

Bar Cristian

Zucchero e Babà

Bar Lo Spuntino

Bar del Corso

Bar Lo Stadio

Bar Derby

OSTIA ANTICA

Bar Maffei

Bar Garden

Bar Centro

Bar Marechiaro

Bar Green

Bar Stazione Roma-Lido

Bar Mattei

Bar Grigo

Ceramiche Ostia Antica

Bar Olivieri

Bar Idea

Conauto

Bar Paradise

Bar International

International Bar

Bar Paradiso

Bar King

Officine Interni

Bar Piper

Bar La Bussola

Ristorante Il Frantoio

Bar Polo Nord

Bar Lauretta

Bar Romin

Bar Nanù

Distribuito anche presso

i nostri partners Pag. 2G Tecnologie

42

Legno+Ingegno

Abitare Oggi

33

Libreria CinqueStorie

70

Andromeda e Villa Faieta

32

Life Solution

32

Angel’s Hair

72

Livio Gallottini Studi Odont.

94

Antichi sapori

34

Loft

10

Appolloni gioielleria

18

Maison du Chocolat

28

Babel

20

Mister camicia

Bali England

50

Money & Gold

14

Biclim

49

Officina di architettura

25 56-76

2

OSTIA LIDO

Bar Sisto

Bar Pines

In estate gli stabilimenti

Bar Smeraldo

Bar Prestige

balneari del litorale

Bar Stazione Stella Polare

Bar Remondi

82

Carla Residence

68

Parafarmacia Tropea - D’Alberti

Bar Studente

Bar Ringo

52

Ceramiche Ostia Antica

86

Parco di Plinio

OSTIA LEVANTE

Gran Caffè Salerno

Bar Roma Lazio

Petit Cafè

Bar Scacco Matto

45

CIM Costruzioni

48

Parent coach

Assithermo Bar Antinori

Pizza Metro

Bar Sport

60

Cirillo autocarrozzeria

64

Per te Istituto di estetica

Bar Bingo

Snai

Bar Top

Vancleef

Bar Velieri

1

Compro Oro

34

Pets Shop

Bar Caprini

8

Conauto

22

PrimeOffice

48

Cornice Azzurra (La)

66

Primigi

26

CS Impianti

12

Priolo

92

Cucineria (La)

49

Professore di matematica

44

Di Carlo Cafè

22

Punto Caffè

24

Digifon Italia

87

Quadrifoglio immobiliare

27

Domus Bike

33

Ricci e capricci

55

Dr. Gabriella Rovelli

16

Samanta Eventi

SPINACETO

74

ENPA

46

Sarte allegre (Le)

TOR DE CENCI

36

Eschilo 1 Villaggio sportivo

80

Sexy Shop 24h

38

Estetica Lucia

99

Slotter

16

F.lli Magistri antichità

100

90

Fragole & peperoncino

35

Studio Tributario Caramelli

85

Genesi immobiliare

66

Tagliati per il successo

38

Giovaruscio Gioielleria

88

Villaggio Verde Roma

83

13 IMMOBILIARE

93

GUIDA AI RISTORANTI

Biblioteca Elsa Morante

Bar dello sport Bar Europa

OSTIA PONENTE

Cineland Multisala

Bar Fortuna

Bar Alexander

Duca Bar

Bar Friends

Bar Amigos

Gamma Auto

Bar Giusti

Bar Andrew’s

Gelateria Harley

Bar Gran Caffè

Bar Baleari

Gelateria Martin

Bar Isola Mauritius

Bar Caffè Fiore

Gelateria Tartarughino Marinauto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres

Bar Tabacchi Europa

VITINIA - CALTAGIRONE

Studio Odontoiatrico Puzzilli

VILLAGGIO AZZURRO Antichi Sapori Antichi Sapori pizza Bar Caltagirone Idrotermica Sanitari La Bombonera Caffè

4

Granai Centro Commerciale (I)

6

Green Tea

Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Slot House Europa (Villaggio Azzurro)

80

Irkam

40

ITC

44

Kambiz Abbigliamento

Slot House Europa (Vitinia) Tabaccheria Pirfo

7


VG

visioni grafiche


sommario 54 ANNO 12 - NUM. 116 - GIUGNO 2013 Speciale 15

55 Letteratura Architettura

Roma: adesso la verità!

Viaggi

15

Esteri

62 Cronache dalla Romania

23 Un’altra Europa è possibile

profonda: pettegolezzi

27 Serbia ed Europa: si può fare

su Dracula

62

65 Viterbo e la Tuscia: cultura

Costume e società

e bontà della tavola

30 Tendenza Burlesque

Rubriche

37 Giugno e luglio: è Estate

30

13

Romana

65

Editoriale

47 Moda e tendenze

Economia

49 Fotografia

35 Ipotesi aumento dell’IVA

57 Arredamento 58 Spettacolando

Cinema

37

61

Questione di cilindri

39 Verdone racconta “Carlo!”

67 Sagre

39 Giuseppe Maggio: preparatevi

71

a ridere con Pieraccioni!

61

Salute e benessere

73 Scienze 75 Veterinaria

39

51

Arte e cultura

91

L’immenso Tiziano

98 Oroscopo

Budget e ricette

76

e sua Santità

76

X News

83

13 Immobiliare

93

MagnaRoma

Architettura 53 Quel mistero di forme

51

83

chiamato Villa Perugini

54 Linee e proporzioni dell’Euro

Per la vostra Pubblicità Tel. e fax 06.88540120 • cell. 333.8626296

53

È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

93 11


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

editoriale

“Grillo è, ad oggi, un populista, non un demagogo. La demagogia, in Italia, sta al governo.” Giovanni Sartori

13 MAGAZINE Anno 12 - n.116 - GIUGNO 2013 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it IN ALLEGATO: 13 Immobiliare Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Giuseppe Regalbuto Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Collaboratori 13 Magazine Dante Cruciani - Angelita Papa Alessandro Cortellessa Sveva Guerreri - Rossella Smiraglia Valentina Mancini - Federico Zaza Penelope Salomone - Simone Felicetti Leonardo Caviola - Simona Bottoni Barbara Zorzoli - Leandro Abeille Camilla Trandafilo - Lucia Bianco Gaetano Gaggiottino Dott. Stefano Giammetti Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via delle Case Basse, 210/212 00126 Roma Tel. e Fax 06.88540120 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13 Magazine Seguici su Facebook

PER LA PUBBLICITÀ

Anna Calà Te l . 0 6 . 8 8 5 4 0 1 2 0 Cell. 333.8626296 Fa x 0 6 . 8 8 5 4 0 1 2 0 a n n a @ v i s i o n i - g ra f i c h e . i t

on ci siamo. Due mesi di governo Letta e la sensazione è che l’apprendista stregone stia evocando spiriti che poi non potrà più controllare. Ampie fasce della società italiana sono da tempo sull’orlo del baratro. Il voto di febbraio, da molti definito epocale, in realtà è la rappresentazione al ribasso di ciò che si agita nel corpo del paziente Italia. La politica avrebbe dovuto capirlo. E invece? Invece al Quirinale, a Montecitorio e a Palazzo Chigi siedono gli stessi inquilini, trincerati all’interno degli stessi equilibri, degli stessi attori, delle stesse politiche. Da due anni il Paese naviga a vista, ostaggio di una classe dirigente cresciuta nel mito del presente permanente, della tattica di breve periodo e del governo ordinario. Insomma, dai vertici massimi dello stato fino all’ultimo bidello, la filosofia d’azione è quella del “si fa quel che si può”, strappando un giorno di più alla vita abituale e rimandando i conti da fare. L’illusione è tutta qui. Si pensa che camminando radenti alla montagna, lentamente, a piccoli passi, si possa uscire dal casino di contraddizioni che è diventata l’Italia, magari sognando tempi migliori, quando chissà quale miracolo (ovviamente esogeno) farà ripartire l’economia e ridarà fiato all’intervento pubblico. Sono follie. Chiunque - giornalista, politico, economista, professore, ecc... - pensi una cosa del genere, non è più lucido del pulcino Pio. Il nodo è semplice: l’Italia è vincolata all’Europa e l’Europa non può permettersi di tracollare a causa dell’Italia. La politica monetaria è un falso problema. Ovviamente dovrebbe essere ricalibrata, considerando anche le esigenze dei paesi che la patiscono tra mille difficoltà. Ma iniziare a stampare banconote e dare fiato all’inflazione, come si faceva alla fine dei gloriosi anni ‘80, quando è esploso il debito che

N

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

l’Italia si porta sulla schiena, significa reclamare da tossicodipendenti una dose di metadone. Chiunque abbia girato un minimo l’Europa centrale o parte dell’Europa dell’est e del nord, sa benissimo come stanno le cose. Tra i paesi fruitori dell’euro, nessuno ha un terzo del proprio territorio in mano alla mafia, nessuno versa ogni anno 85 miliardi di interessi sul debito, nessuno ha lo stesso livello di burocrazia, di costi della politica, di corruzione, di inefficienza dei trasporti, di sottosviluppo comunicazioni, di decadenza del sistema scolastico, di atrofia del sistema media, di decadenza urbana, ecc… Il ritratto dell’economia pubblica e parapubblica italiana assomiglia più alla Russia di Putin che alla Mitteleuropa. Lo stato dei servizi al cittadino, il livello dei trasporti pubblici, il sistema di trattamento dei rifiuti sono invece su standard africani. Le tariffe dell’energia sono ovunque altissime. La concorrenza non esiste, e quando dice di esistere, non porta mai benefici reali (ovunque si è privatizzato un servizio, i prezzi sono schizzati in alto). Insomma, i nodi da sciogliere del sistema Italia sono sotto gli occhi di tutti. Come si possa affrontare queste faccende con un governo che è la foto di gruppo della gioventù democristiana, è un mistero. Ai Letta, agli Alfano, ai Fassina, ecc... manca lo spessore, il coraggio e la coscienza del da farsi. Loro stessi espressione del sistema che pretendono di riformare.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

13


VG

visioni grafiche


di Dante Cruciani

speciale

Roma: adesso la verità! Finito il chiacchiericcio della campagna elettorale, la città deve guardarsi allo specchio per capire quanto terreno ha perso negli ultimi dieci anni. Il confronto con le altre metropoli europee è l’unica misura possibile per capire il da farsi li osservatori sono rimasti stupiti della percentuale di affluenza alle urne. Quasi un romano su due non è andato a votare. Eppure, a guardare i dati obiettivi di Roma, lo stupore si fa contrario: coraggioso è chi si è recato al seggio. Perché l’astensionismo è l’altra faccia della medaglia dell’unica e reale immagine di Roma che il nuovo sindaco avrà davanti a sé: una città progressivamente ridotta a maceria. Forse non è un caso che Sorrentino abbia stupito il pubblico di Cannes raccontando il deserto sociale e culturale dell’ultima Roma (“La grande bellezza”). Così, finito il chiacchiericcio della campagna elettorale, sulla scia di quel ritratto di decadenza, 13 Magazine ha provato a comparare la città con altre realtà europee dello stesso peso. Ecco, se si esclude che l’Urbe sia scivolata in Africa, il quadro che ne emerge è davvero sconfortante. In un’ipotetica corsa della civiltà, Roma è indietro su tutto. Trasporti, mobilità,

G

politiche abitative, cultura, gestione dei rifiuti, servizi sociali non reggono quasi mai di fronte alle rispettive controparti europee. Roma è da questo punto di vista l’immagine più fedele dell’Italia: un macrosistema che sprofonda lentamente, guardando se stesso e rimpiangendo il tempo che fu. TRASPORTO PUBBLICO: ULTIMI DELLA CLASSE Siamo all’anno zero. I dati oggettivi parlano da soli. Roma è estesa appena 200 Km² in meno di Londra (1.300 Km² contro 1.500 Km²) e ha 2 linee della metropolitana contro 11, 52 stazioni contro 270, 40 Km di ferrovie contro 408. A Roma si sta larghi, tremendamente larghi. Nondimeno, pur avendo un terzo degli abitanti della capitale inglese (2 milioni 642.000 contro 8 milioni 173.000), la città è perennemente congestionata. Si dirà: Londra è un esempio di virtù. No, proprio no: il confronto con altre realtà europee è altrettanto impie-

toso. Prendiamone alcune. Parigi ha 14 linee, 303 stazioni, 214 Km di ferrovie e 105,4 Km² di superficie (pur avendo 2 milioni 234.000 abitanti è ben dieci volte più piccola di Roma!); Berlino ha 10 linee, 173 stazioni, 146 Km di ferrovie e 892 Km² di superficie; Madrid ha 12 linee, 300 stazioni, 293 Km di ferrovie e 605 Km² di superficie; Budapest ha 3 linee, 40 stazioni, 31,3 Km di ferrovie e 525 Km² di superficie; Amburgo ha 4 linee, 91 stazioni, 105 Km di ferrovie e 755 Km² di superficie; Bucarest ha 4 linee, 48 stazioni, 72 Km di ferrovie e 228 Km² di superficie. Insomma, considerando i numeri, i fatti, Roma ha di gran lunga la peggior metropolitana d’Europa. Non esiste città che le si possa accostare. Anche là dove si è vissuto il disastroso cinquantennio del comunismo reale (abbiamo visto i casi di Budapest e di Bucarest), lo stato delle infrastrutture cittadine è incredibilmente più avanzato di quello di Roma. E il discorso sulla difficoltà di scavare - più volte sen-

15


VG

visioni grafiche


speciale

tito in campagna elettorale - non regge per niente, perché nel migliore dei casi è un’ammissione di colpa, nel peggiore una menzogna. È una colpa politica per-

Quelli pubblici addirittura vanno ancora più lenti: 15,4 Km/h. Secondo il TomTom Congestion Index (uno strumento di raccolta dati del noto mezzo di orientamen-

elettorali) si è presa ultimamente la briga di verificare le affermazioni del candidato sindaco De Vito (secondo il quale la velocità media a Roma è di 10

ché racconta l’incapacità di prendere per il collo le burocrazie amministrative (spesso preposte a svolgere il loro compito grazie ai favori e alle nomine della politica) e legiferare sia a livello nazionale che locale in maniera adeguata. È una doppia menzogna sia perché esistono metropolitane ben più profonde e sviluppate (un esempio può essere quella di San Pietroburgo - 5 linee, 65 stazioni, 123 km di ferrovie - scavata sotto il letto del fiume Neva fino a 86 metri di profondità), sia perché lo stato del trasporto su superficie di Roma è, se possibile, ancora più penoso della metropolitana.

to, un prezioso punto di riferimento perché raccoglie cifre dal 2007), dopo Varsavia e Marsiglia, Roma risulta essere la città più congestionata d’Europa. Inutile dire che nella speciale classifica (31 città), dietro Roma si trovano tutte le grandi capitali europee (Parigi, Londra, Berlino, Vienna, Madrid, Amsterdam, ecc…). Ma il punto interessante sta nel metodo di rilevamento e nella qualità del dato. L’indice è infatti la deviazione percentuale tra il tempo di percorrenza di un dato itinerario con la strada libera e il tempo di percorrenza nelle ore di picco del traffico. Bene, stando al TomTom Congestion Index, la media europea di incremento della percorrenza è del 24%. Roma, con il suo 34% di incremento medio e il suo 76% durante il picco di traffico mattutino, è un caso quasi disperato (per dire: Napoli ha meno traffico). Ciò significa che un pendolare medio, un automobilista che percorre circa mezz’ora in auto al giorno, perde nell’arco dell’anno 94 ore di vita nel traffico. Per la cronaca i giorni peggiori della settimana sono il lunedì e il giovedì. C’è poi chi è andato oltre. In merito alla mobilità romana, Pagella politica (https://pagellapolitica.it/: un sito che si occupa di confutare o meno le affermazioni dei politici durante le campagne

Km/h mentre nelle capitali europee è di 16/17). Bene, il confronto con le altre realtà europee dice che la media velocità di Parigi si attesta tra i 15 e i 16 Km/h e quella di Berlino e a Madrid circa 25 km/h.

MOBILITÀ: TRA LA TARTARUGA, IL BRADIPO E LA LUMACA I mezzi privati viaggiano a Roma alla ragguardevole velocità di 16,8 Km/h (al centro ci si muove a meno di 10 Km/h).

VERDE URBANO: POTENZIALMENTE ESTESO, NELLA REALTÀ INUTILIZZATO I dati ingannano, e di parecchio. Secondo il Comune di Roma il 33,4% della superficie cittadina è adibito a verde. Ciò significherebbe 149 mq ad abitante (parliamo di dati del 2011, prima dell’accorpamento di alcuni Municipi). Come al solito, considerate le dimensioni, la città con la quale è meglio fare comparazioni è Londra. Nella capitale inglese, stando alle cifre ufficiali, il 40% della superficie è adibito a verde. Il punto però è nella disomogeneità del dato. Come riuscire a coniugare un’area semi-abbandonata come la Caffarella (nonché diverse altre zone della città), con i magnifici parchi cittadini londinesi (Green Park, Sant James’s Park, Hyde Park, Kensington Gardens, Regent’s Park)? Ma il confronto è impietoso soprattutto sul versante delle piazze verdi: Russel Square, Soho Square, Lincoln’s Inn Fields sono spazi adibiti a servizi e al verde che Roma, semplicemente, si sogna. Basta guarda-

17


VG

visioni grafiche


speciale

PARCO DELLA CAFFARELLA

RIFIUTI Un dato su tutti, quello sulla raccolta differenziata. A Roma è al 30%, a Berlino è a quota 83%. E c’è chi ha anche da eccepire sulle cifre fornite dall’AMA. Per anni il business dei rifiuti è stato a beneficio delle tasche di pochi privati (Malagrotta) e a detrimento del bilancio della città. La situazione è ancora in stallo perché le

CASA: UNA BOMBA PRONTA AD ESPLODERE A Roma 30.000 persone aspettano un alloggio popolare, 200.000 alloggi sono vuoti (considerati anche quelli affittati in nero) e altri 50.000 sono invenduti. Tutto questo all’interno di un mercato bloccato, con 7.000 sfratti l’anno, prezzi che scendono assai lentamente (-5%), transazioni che tracollano (-25%), quotazioni immobiliari e canoni di locazione ancora del tutto sproporzionati rispetto alle reali capacità di reddito dei romani.

soluzioni individuate dall’ex ministro Clini sono del tutto provvisorie. Nel frattempo la commistione tra malapolitica e interessi privati ha ancorato Roma ad una specie di medioevo dei rifiuti. Contro la gestione dei rifiuti in città ha spesso puntato il dito Legambiente. Ciò che è certo è che non si riuscirà ad attuare una degna differenziata in poco tempo. Dunque, senza alternative valide e di medio periodo a Malagrotta, la città rischia di precipitare in un’altra emergenza stile Napoli.

Per capire quanto la questione casa sia una bomba economica e sociale pronta ad esplodere, basta confrontare il reddito pro capite dei romani con le quotazioni degli immobili e degli affitti. La domanda è molto semplice: con i circa 20.000/30.000 euro l’anno che sostanziano il pil pro capite del romano - numeri su cui Istat, Censis e altri istituti sono discordi e a cui fare delle sostanziose correzioni perché in città esistono forti sperequazioni e la media è quella del

re le aree giochi per bambini dei parchetti di periferia: puntualmente vandalizzate.

pollo di Trilussa -, come potersi permettere un appartamento a Testaccio (tra i 460.000 e i 620.000 euro per un immobile di 100 mq, tra 1.500 e 2.100 euro per affittarlo), al Prenestino (tra i 270.000 e i 350.000 euro per comprare un appartamento di 100 mq, tra 1.000 e 1.300 euro per affittarlo), al Quadraro (tra i 260.000 e i 360.000 euro per comprare un appartamento di 100 mq, tra 1.000 e 1.400 euro per affittarlo), a San Giovanni (tra i 380.000 e i 510.000 euro per comprare un appartamento di 100 mq, tra 1.400 e 1.800 euro per affittarlo) e così via? I dati sono quelli dell’Agenzia del Territorio. Ciò che non torna sono i conti. È ovvio che i romani, allo scopo di sopravvivere, stanno rosicchiando progressivamente patrimoni accumulati dalle generazioni precedenti. Ma questa dote sta finendo. È immolata quotidianamente sull’altare delle separazioni, dei licenziamenti, delle ristrutturazioni aziendali, del blocco dei concorsi pubblici, ecc… E se si vuole capire cosa significhi equilibrio tra reddito disponibile e casa, basta come al solito fare un confronto con i paesi civili. A Berlino il costo medio di un affitto a metro quadro è di 7,5 euro (100 metri quadri 750 euro) e il reddito pro capite disponibile (a cui si aggiunge una percentuale di attivi alta) è di circa 30.000 euro. Tutt’altra storia è invece Parigi, dove le case costano tra i 6.000 e i 10.000 euro al metro quadro (16° arrondissement) ma il reddito pro capite si avvicina ai 47.000 euro l’anno. In ogni caso, ovunque in Europa si confrontino i dati, la situazione sembra più in equilibrio che a Roma. È ovvio che il sistema non regge. Il sospetto è che venga tenuto in piedi artificiosamente (troppo alto il calo delle compravendite rispetto alla discesa dei prezzi) perché i valori immobiliari sostanziano i patrimoni delle banche. Ma è solo una questione di tempo.

19


PALAZZO FARNESE (CAPRAROLA)

speciale ABBAZIA DI FARFA

VILLA LANTE (BAGNAIA)

TURISMO E CULTURA: UN TESORO TENUTO BEN NASCOSTO A Roma i turisti si fermano in media per 25 milioni di notti. A Parigi per 34. A Londra per 100. Considerando il clima, la consistenza del patrimonio artistico, la cucina è un dato la cui razionalità sfugge. Detto che Roma ha la metà degli alberghi di Londra e che i turisti non sono proprio il ritratto di un’umanità ricca di sale in zucca (il Parco di Valmontone, 1 milione di visite, ha gli stessi visitatori della Galleria Borghese; Disney Paris, 15 milioni di biglietti l’anno, ha il doppio dei visitatori del Louvre e il triplo dei Musei Vaticani), la situazione della città ha comunque parecchi punti critici. Della mobilità e dei trasporti abbiamo già detto. Poi ci sono i costi. È difficile spiegare al medio turista europeo che il biglietto aereo per Roma costa più o meno come il taxi per raggiungere la città dall’aeroporto. Soprattutto, è difficile spiegargli i prezzi e la frequenza dei treni che da Fiumicino collegano la stazione Termini (appositamente studiati per limitare la concorrenza). Se poi tale turista è portatore di handicap, il consiglio è di rinunciare ad una visita tanto impossibile quanto umiliante. A Roma non funziona quasi nessuno dei servizi collaterali al turismo. I chioschi informazioni sono pochissimi e dislocati solo al centro, il bike sharing del Comune (l’affitto delle biciclette) è un servizio nato morto, acquistare i biglietti di trasporto pubblico e di ingresso ai musei è spesso un’impresa. Senza infine dimenticare che Roma è una specie di isola nel nulla. Nessuno si occupa di informare i turisti delle incredibili bellezze che si trovano a pochi km dalla città. Ad eccezione parziale di Villa d’Este e Villa Adriana, l’Abbazia di Fossanova, il Circeo, Palazzo Farnese (Caprarola), Villa

Lante (Bagnaia), Palazzo Chigi (Ariccia), l’Abbazia di Farfa, il Santuario di Greccio, l’Abbazia di Casamari, Palazzo Barberini (Palestrina) sono tutti posti sconosciuti, per gran parte dell’anno vuoti. POLITICHE GIOVANILI DI ISTRUZIONE E LAVORO: TUTTO DA RIFARE In giro per l’Europa esistono situazioni che per Roma e per l’Italia hanno i connotati del romanzo utopistico. In Danimarca le politiche giovanili, quelle rivolte alla fascia d’età 15-25 anni, comprendono addirittura le esigenze abitative (a Roma non esiste una politica della casa per le famiglie, figuriamoci per i giovani). Francia, Svezia, Danimarca hanno un loro parlamentino giovanile che si riunisce ogni due anni. Il programma per il lavoro danese è destinato ai ragazzi sotto i 25 anni che ricevono le indennità di disoccupazione e che sono stati disoccupati per sei mesi negli ultimi nove. La legge prevede l’obbligo e il diritto di partecipare ad un corso di formazione di 18 mesi, preferibilmente all’interno del sistema di formazione professionale ordinario. 30 ore di formazione professionali a settimana danno diritto ad un’indennità pari al 50% dell’assegno di disoccupazione ordinario. In Germania le municipalità prevedono un forte intervento già due anni prima della fine della scuola. A parte le visite obbligatorie presso le aziende e le realtà produttive, è istituito a livello locale un vero e proprio tutoraggio. Tutti i giovani che richiedono un appuntamento indi-

viduale sono consigliati da specialisti del mercato del lavoro. L’80% dei contratti di apprendistato tedeschi sono siglati in quest’ambito. Chi non fa il tirocinio è tenuto a fare un corso di formazione pre-professionale di un anno. E a Roma? A Roma la situazione delle politiche giovanili è come al solito disorganica, frammentata e caotica. Da anni non esiste un intervento sistematico e tutto è demandato a bandi e programmi estemporanei, privi di metodo e poco trasparenti. Unica eccezione il centro Porta Futuro della Provincia di Roma a Testaccio. Sebbene le occasioni reali siano poche, è presente in sede personale formato che può dare consigli di orientamento a chi cerca occupazione dopo la scuola.

21


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


di Angelita Papa

esteri

Un’altra Europa è possibile “C risi”: parola di origine greca, derivante dal verbo kríno, “separare”, che designa un momento di rottura o cambiamento - sia esso positivo, sia esso negativo - rispetto ad una condizione pregressa. Tale accezione è particolarmente familiare in

rio della Camera di commercio italo-slovacca: “Nel Paese sono attive cinquecento imprese italiane: trecento sono piccole società commerciali. […] Enel, in particolare, si distingue per il più grosso investimento privato nella storia della Slovacchia: ha messo in campo 2,775

L’Europa mediterranea agonizza, la Francia flette spaventosamente e la Germania inizia a sentire i contraccolpi dell’austerity. Intanto un’altra Europa viaggia a gonfie vele campo medico, dove con la parola “crisi” si indica quella fase nel corso di una malattia in cui il paziente può, a seconda dei casi, avviarsi verso la guarigione o il tracollo: è una vox media, una parola neutra, con prospettive di scenari rosei o funesti. Accezione binaria non contemplabile oggigiorno in economia, specialmente in quella europea, dove il senso negativo del vocabolo sembra aver preso il sopravvento. Eppure, nell’Europa della crisi, quella dalle prospettive positive c’è, sebbene taciuta, poiché ormai solo i problemi fanno notizia. Si prenda il caso della Slovacchia: viene definita la “tigre dell’Est” per la sua stabilità politica, i suoi livelli di crescita, l’ambiente cosmopolita e la sua capacità di attrarre gli investimenti esteri. L’introduzione dell’euro è stato un vero e proprio toccasana per l’economia del Paese. Afferma Giorgio Dovigi, segreta-

miliardi di euro per la costruzione di una centrale nucleare da 880 megawatt a Mochovce, a 120 chilometri da Bratislava. Ma sono decine le piccole e medie aziende attratte dal prezzo contenuto della forza lavoro e da un diritto del lavoro snello”. Ottime prospettive anche per l’Estonia, quotata dallo Index of Economic Freedom 2013 come una delle economie più libere al mondo (tredicesima su 177 Paesi presi in esame). Ai vertici delle classifiche anche per quel che riguarda

trasparenza e competitività (quest’ultima misurata in base alla tecnologia, alla qualità delle pubbliche istituzioni e all’ambiente macroeconomico), per tutto il 2013 si prospetta una crescita economica del 3% e, per il quadriennio 2014-2017, del 3.5%. Del resto, basti considerare che in Estonia il commercio estero, praticato per un buon 73% con Paesi membri dell’Unione Europea, nel 2012 ha avuto un fatturato pari ad 8.3 miliardi di euro. L’irrisoria entità del debito pubblico ed un tasso di disoccupazione in de-crescita (dal 10.2% del 2012 all’auspicato 8.9% di quest’anno) completano il quadro (felicemente) “critico” di questo dinamico Stato baltico. Recita così il motto di apertura al sito della Repubblica di Lettonia in Italia: “Benvenuti in Lettonia, un Paese dal clima economico favorevole tutto l’anno!”. Nella pagina principale vi è un quadro sinottico con offerte oltremodo invitanti: “Pochi minuti per aprire un conto bancario presso una banca lettone”, “solo due giorni per costituire una tua azienda in Lettonia”. Il Paese dei

TALLINN (ESTONIA)

23


VG

visioni grafiche


visioni grafiche

sogni? Martin Wolf, editorialista del Financial Times, propenderebbe per una risposta affermativa: secondo la sua tesi “baltofila”, la politica di austerity praticata dalla Lettonia ha permesso di fronteggiare la grande depressione economica di cui tuttora gran parte dell’Europa è vittima. Il PIL è infatti ancora largamente al di sotto del picco antecrisi (sebbene sia ancora alto il tasso di disoccupazione). In ogni caso, lo scarto con il tenore di vita medio dei Paesi europei occidentali fa sì che lo scenario di crescita economica sia nettamente positivo - auspicando che l’entrata in vigore dell’euro dal prossimo 1 gennaio 2014 non crei eccessivi squilibri. Che dire poi del mondo non-euro dell’Est? Quello monetariamente confinante? Si prenda il caso della Polonia: unico Paese ad esser sopravvissuto alla grave recessione del 2008-09, per quest’anno è prevista una crescita del 2.5%, anche grazie all’acquisita stabilità geopolitica e legale. Come a dire: in Polonia i vostri soldi sono al sicuro. “La Polonia è un paese con solide basi economiche, produce quasi il 40% del PIL nell’Europa centro-orientale. I giovani europei, compresi italiani o spagnoli, sono benvenuti, contribuiscono col loro talento al dinamismo della nostra economia” afferma il vicepremier e ministro dell’Economia polacco, Janusz Piechocinski, in occasione della proiezione tenutasi a Berlino lo scorso mese di un reportage su Wroclaw (città della Polonia sud-occidentale), sede di numerose multinazionali e nuovo domicilio per 2.000-2.500 giovani italiani qualificati. Secondo dati recenti, la Repubblica Ceca non sta invece passando un buon periodo. Ma nemmeno uno dei peggiori, dal momento che può permettersi di devolvere lo 0.12% del proprio PIL alla cooperazione per lo sviluppo: proprio lo scorso mese è diventato il 26° Paese facente parte della OECD Development Assistance Committee (DAC), la commissione delle nazioni che sono in grado di produrre il 95% dell’aiuto totale nel mondo. E non solo: le strade delle città sono state invase dai principali franchisors nazionali ed internazionali, settore che ha registrato un incremento del 22% - cifra astronomica se si considerano gli attuali tassi di crescita in tutto il mondo. Il basso costo degli immobili (sia in affitto che in vendita) e la richiesta di prodotti più accessibili in termini di prezzo hanno decretato un vero e proprio boom del franchising. Euro o non euro, il futuro è indubbiamente ad Est.

VG

JANUSZ PIECHOCINSKI

esteri

25


VG

visioni grafiche


esteri

di Angelita Papa

Serbia ed Europa: si può fare Avviato l’iter definitivo per l’adesione. Ultimo atto di un rapporto sofferto iter è iniziato nel 2003 durante il summit del Thessaloniki European Council, quando fu identificata come potenziale candidata per l’ingresso nell’Unione Europea, e culminato con la firma dell’Accordo di Stabilizzazione e Associazione (ASA) e la presentazione della domanda di adesione alla UE nel 2009. Dal primo marzo 2012 la candidatura della Serbia è dunque ufficiale, e la decisione del Consiglio Europeo di sbloccare l’inizio delle trattative per giugno 2013 sembra arrivare proprio all’indomani della lieta novella che riguarda l’esito positivo dei negoziati tra Serbia e Kosovo. Il miglioramento delle relazioni tra i due Stati era, infatti, obiettivo primario nonché condizione inderogabile per l’ingresso in UE. Con 89 voti a favore e 5 contrari, lo scorso aprile Pristina e Belgrado hanno infine approvato i principi contenuti nella bozza d’accordo sul Nord del Kosovo. Bilancio roseo per la politica internazionale da una parte, meno fortunato per quella locale dall’altra: circa diecimila serbi, abitanti della contesa porzione di territorio, sono scesi in piazza a Mitrovica Nord, sventolando bandiere serbe e cantando l’inno nazionale per protestare contro la decisione di rendere il Kosovo indipendente e chiedere un referendum anti-intesa. Di contro, a Belgrado, circa duemila simpatizzanti del partito Dss dell’ex premier Kostunica, si sono riuniti in piazza per chiedere le dimissioni di Dacic, primo ministro serbo, reclamando che «il popolo venga interpellato» sull’intesa con «i separatisti albanesi». Stando così le cose, è d’obbligo una riflessione sulla percezione del popolo serbo in merito ad un eventuale ingresso in UE: imposizione dall’alto o condivisione di principi umanitari universalmente riconosciuti? La tutela delle minoranze etniche o la lotta contro la corruzione (tutti punti stabili dall’agenda del Consiglio Europeo per la Serbia), la crescita economica del Paese (il cui tasso di disoccupazione è attualmente al 24%) sono obiettivi raggiungibili solo in presenza di un clima politico e sociale disteso, collaborativo.

L’

27


costume e società

di Alessandro Cortellessa

Tendenza

AMOR BURLESQUE AI MOTODAYS DI ROMA

rima un po’ di storia. L’origine del Burlesque in senso lato non è ben definita, essendo condivisa tra un genere più teatrale e comico, con sfumature e intenti satirici e di parodia, che arriva dalla Gran Bretagna del ‘600 e ‘700, e un genere più musicale e di spettacolo che si diffuse ampiamente negli Sati Uniti sul finire del 1800, seppur essendo cominciato in forma simile a quella inglese già dal ‘700. Il Burlesque come viene oggi più comunemente inteso, ossia una forma di passatempo leggero, simile alla burletta, per lo più comico, cantato e recitato attraverso il ballo sensuale, è proprio della fine dell’800 e i primi anni del secolo scorso fino alla prima guerra mondiale, quando raggiunse il momento aureo di massima diffusione e prese una deriva a sfondo più dichiaratamente sessuale con la complicità di impresari che misero un po’ di piccante negli spettacoli. Successivamente, contro le feroci campagne di stampa dell’epoca (parliamo pur sempre di circa un secolo fa!), le artiste per sopravvivere dovettero man mano creare proprie compagnie, e puntare più alla performance artistica e intellettuale che allo spogliarello. Lustrini,

P

30

paillettes, strings, tassel fecero la loro comparsa per occultare maliziosamente le nudità e non incorrere in problemi con le severissime leggi di allora. Dopo un periodo di parziale oblio tra il primo e secondo dopoguerra e nei decenni successivi, quando il Burlesque divenne solo una forma di revival del passato, negli ultimi anni si data all’inizio degli anni ‘90 la rinascita del genere grazie ad alcune artiste americane - è tornato prepotentemente di moda come una vera e propria forma d’arte, maliziosa ma non volgare, che fa ormai parte in pianta stabile del più grande contenitore dello show-business contemporaneo. IL BURLESQUE OGGI Una sintesi sensuale e stuzzicante di ballo e interpretazione, che vuole sedurre senza mai superare la sottile linea di demarcazione tra erotismo e volgarità: si può così sintetizzare il Burlesque attuale. Il facile, e fin troppo immediato, accostamento tra un banale spogliarello e il Burlesque si potrebbe equiparare, con una metafora, alla distanza che passa tra le foto di un calendario da officina e i nudi del calendario Pirelli…

Il Burlesque di oggi strizza l’occhio a vari generi musicali, potendo contare sulla presenza scenica delle artiste che, nelle loro livree lussureggianti, nei sontuosi abiti di scena, nei capelli cotonati o nelle vistose parrucche, reinterpretano con appassionato trasporto brani famosi ma anche canzoni sconosciute al grande pubblico. Il trucco vistoso, le paillettes, i lustrini si fondono in una sfolgorante sintesi di sensualità e performance artistica, tra giarrettiere e calze che lentamente scivolano via, lasciando a guepiere e corsetti il malizioso compito di strizzare i corpi in una seduzione antica ma sempre attuale. Sensualità, ironia, un sottile gioco di seduzione, il “tease” tipico dell’arte burlesque, fanno la differenza, in misura inversamente proporzionale ai centimetri di pelle scoperta, arricchiti da performance che possono spaziare dal canto alla piroetta circense, dall’interpretazione teatrale al mangiafuoco! Da sottolineare, nell’aspetto ludico di coloro che vogliono avvicinarsi al genere, che il Burlesque gode anche di un interessante valore aggiunto: l’interpretazione artistica, il fascino, l’ironia, prevalgono, e di molto, sulla bellezza fine a se stessa. Si tratta quindi di una forma di spettacolo aperta a qualsiasi donna che abbia dentro il seme dell’ammiccamento, della sensualità, del gesto teatrale, prescindendo in buona parte da età, avvenenza o forme fisiche stereotipate dai canoni moderni di bellezza. QUALCHE NOME DAL PALCOSCENICO Sdoganato ormai anche da numerose apparizioni in tv, il Burlesque è diventato oggi una delle più creative forme di spettacolo - quasi un modo di essere, uno stile di vita - e conta decine, centinaia di artiste di fama internazionale.

DITA VON TEESE


Burlesque Qui, ovviamente, non possiamo citarle tutte, ci limiteremo quindi a qualche nome, spesso molto evocativo della personalità e dello stile della performer. La famosissima Dita Von Teese, artista che è ritenuta universalmente la numero uno, ha raggiunto un successo planetario anche grazie alla celeberrima scena del languido bagno in una enorme coppa di champagne, coreografia ripresa da una altrettanto celebre scena del passato Burlesque. Satans Angel ha mosso i primi passi a San Francisco negli anni sessanta come ballerina, conosciuta poi come “tassel twirler”, stupisce ancora oggi riuscendo a far roteare ben cinque tassel (i copricapezzoli con il filo che regge una nappina) alla volta; ovviamente, due sul seno, gli altri in punti maliziosamente provocanti come l’ombelico. Dirty Martini, altra storica artista d’oltreoceano ormai avanti con gli anni, legata ad un genere

molto enfatizzato - tipico di molte artiste di scuola americana - che si caratterizza per uno stile più “diretto” rispetto alle colleghe europee; così come Immodesty Blaize, performer dalle giunoniche forme delle attrici anni ‘50, con il suo stile barocco ed eccessivo. Elegante e raffinata invece Eve La Plume, artista italiana che si ispira ad un repertorio più classico, senza sconfinare nella volgarità; il suo aspetto fisico rispecchia la grazia

Quando l’arte della seduzione incontra l’ironia e diverte le nuove generazioni

AMOR BURLESQUE

31


costume e società

Foto: A. Cortellessa

delle sue esibizioni. Sempre tra le italiane, da citare Sweety J, vistosamente tatuata, vocata ad un aspetto piuttosto “dark” che ne fa la sua cifra stilistica. IL BURLESQUE A ROMA Pur se ormai diffuso in mille rivoli è facile trovare corsi di burlesque più o meno professionali in molte palestre o associazioni teatrali - si deve al Micca Club, storico locale del centro di Roma, la maggior diffusione di questa forma di spettacolo nella Capitale. Una parte delle artiste italiane ha mosso lì i primi passi o si è esibita calcando il palco del club romano. Tra queste, Dixie Ramone è probabilmente quella che ha raggiunto la maggiore popolarità. Tra le emergenti, da segnalare la compagnia delle Amor Burlesque, che vedete in alcune delle foto pubblicate in queste pagine nello spettacolo di fine corso al Micca Club del 2012, quando il pubblico ha letteralmente invaso ogni ordine di posti del locale romano. Così come successo durante le recenti esibizioni in versione Pin-Up ai Motodays di Roma dello scorso marzo. Nato a Roma come spin-off delle BB Burlesque di Bologna (entrambi i gruppi capitanati nella direzione artistica da Claudia Rota, coreografa di caratura internazionale e valente istruttrice del Vasco Rossi Dancing Project, dove le artiste romane hanno tenuto il corso di perfezionamento), il gruppo conta ben sette performer, vera e propria novità nel mondo Burlesque. Ognuna con sue caratteristiche peculiari, tutte accomunate da autentica passione, contano su un ricco repertorio di coreografie che pesca anche nella tradizione popolare romana. PER SAPERNE DI PIÙ www.burlesque.it www.miccaclub.com www.amorburlesque.it

33


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


economia

di Dante Cruciani

Ipotesi aumento dell’IVA Con l’inizio dell’estate potrebbe arrivare l’ennesimo provvedimento depressivo aumento dell’Iva, previsto ormai da mesi per il primo di luglio prossimo, è oggetto di trattativa politica. Se l’imposta sul valore aggiunto salisse dal 21 al 22%, deprimerebbe ulteriormente i consumi e l’economia italiana, raccontando così implicitamente di un governo nato morto, che nulla ha capito della congiuntura in atto. Secondo Confcommercio, la prima ipotesi di aumento dell’Iva (quella del governo Monti) toccherebbe il 60-70% dei consumi e comporterebbe un esborso per una famiglia media (3 persone) di circa 135 euro. Sempre secondo l’ufficio studi dell’associazione dei commercianti, ciò significherebbe circa 26.000 imprese in meno. In ogni caso, sembrano escluse dal provvedimento alcune categorie di beni che godono dell’Iva agevolata (del 4 o del 10%). Pare sia allo studio un’ipotesi di riforma che comporti una revisione dei panieri che prevedono un’Iva agevolata solo per alcune categorie ristrette di beni (bibite e alimenti contenuti nei distributori automatici, gadget delle edicole, ecc...) e un aumento di mezzo punto o di un punto esteso non a tutti i generi che oggi prevedono l’Iva al 21% (forse saranno esclusi i telefonini). Tutto questo al netto dell’altra possibile stangata in arrivo: quella che a dicembre vede cumularsi la Tares (la tassa sui rifiuti) e l’IMU (ricordiamolo, per ora solo rimandata, non cancellata). Il punto nodale della faccenda è che per abolire Iva e Imu lo stato dovrebbe rinunciare a circa 6 miliardi di euro di mancato introito, una somma che secondo l’Europa dell’austerity (tutta attenta agli equilibri di bilancio) non sarebbe altrove reperibile. In tutto questo nessuno sembra preoccuparsi del fatto che i redditi degli italiani, già ridotti all’osso, non sembrano poter sostenere un ulteriore inasprimento della pressione fiscale. Strategie di elusione, evasione, rinunce ai consumi faranno il loro corso. Le stime dei ragionieri di stato, fatte sulla carta, sembrano al di fuori del minimo senso del reale.

L’

35


di Sveva Guerreri

costume e società

Giugno e luglio: è Estate Romana TERME DI CARACALLA

Partono le grandi rassegne musicali, cinematografiche, liriche, culturali che sostanzieranno i mesi estivi di Roma

A

giugno parte la nuova edizione di Luglio Suona Bene 2103 all’A Auditorium Parco della Musica. Di seguito alcuni nomi che

Springsteen (il giorno 11) e Mark Knopfler (il 15). Ma non ci sarà solo il rock. A Roma tornerà il Festival di mu sica dal vivo all’aria aperta di Villa Ada. Si inizia sabato 15 giugno con la band CocoRosie, il 16 salirà invece sul palco Steve Vai & Evolution Tempo Orchestra. Tra gli eventi di luglio, da segnalare assolutamente lo spettacolo di Giorgio Faletti ( il giorno 1), Neffa (il 2), Lillo e Greg (sabato 6 Luglio). Non è però tutto. Sempre sul versante appuntamenti musicali, si segnala Il Centrale Live presso il Foro Italico di Roma (20 Giugno al 9 luglio). Tra gli spettacoli da non perdere quelli di Ian Anderson, Massimo Ranieri, Leonard Cohen, Sting, Maurizio Battista ed Alex Britti. Finito? Proprio per niente, perché dal 26

sostanzieranno l’evento: Goran Bregovic Wedding & Funeral Band Champagne for Gypsies, The National, Paco de Lucia, El Grupo, Diana Krall, Asaf Avidan. In questa prossima estate romana Ostia ospiterà il festival mondiale della Salsa. Professionisti da tutto il mondo si esibiranno a Soylatino! per il S a ls a W o r ld Festival 2013. La rassegna si terrà da giovedì 27 a domenica 30 giugno all’interno dello spazio C ineland. Nelle quattro giornate si alterneranno sul palco spettacoli e coreografie che hanno fatto il giro del globo. Sul versante spettacoli teatrali si ricorda l’inizio dell’edizione estiva del Globe Theatre a Villa Borghese. Dal 27 giugno in scena con “Fool i comici in Shakespeare” e il 4 luglio con “Sogno di una notte di mezza estate”. Per i cinefili ritorna invece la XVIII rassegna cinematografica estiva intitolata L’Isola del Cinema, nella suggestiva cornice dell’IIsola T iberina (da metà giugno).

partire da giugno prenderà il via la 36a edizione dell’Estate Romana. Nell’ambito della kermesse, sarà imperdibile l’appuntamento a Capannelle con “Rock in Roma”, un’edizione con un cast superlativo. Fino a metà luglio si alterneranno sul palco i Green Day (5 giugno), poi i The Killers e gli Stereophonics (11), i Toto (21), i Korn (25). Prima della metà di luglio previsti anche i concerti di vere e proprie leggende come Bruce

Per gli estimatori della lirica, il Teatro dell’Opera di Roma si prepara alla stagione estiva 2013 nell’incantevole platea immersa tra storia e archeologia delle Terme di Caracalla. Dal 13 al 16 giugno la stagione si apre con il “Dido and Aeneas” di Henry Purcell, la celebre opera ispirata al quarto libro dell’Eneide di Virgilio, mentre dal 2 luglio sarà in scena la “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni. Infine il 7 luglio presso il Parco San Sebastiano (Via delle Terme di Caracalla) si terrà l’evento The Beatles’ day 2013, nell’ambito delle celebrazioni dei 50

anni di “Please Please Me”, primo album della storica band di Liverpool. Prenderanno parte diverse “Beatle Bands” provenienti da tutta Italia; oltre ai concerti e alla presenza di considerevoli ospiti, sarà allestita una mostra fotografica con le immagini più importanti dei Beatles e un’altra di fumetti che illustrano la loro storia.

37


VG

visioni grafiche


di Rossella Smiraglia

cinema

Verdone racconta “Carlo!” Pochi giorni per gustare al cinema il documentario sul grande Carlo Verdone uando mi hanno proposto di fare un documentario su di me, ho pensato che potesse sembrare un epitaffio da vivo. Ho accettato dopo essere stato rassicurato che non fosse un documentario celebrativo. Il film è un ritratto autentico e onesto dei miei 34 anni di lavoro”: Carlo Verdone presenta così il documentario “Carlo!” di Gianfranco Giagni e Fabio Ferzetti, un ritratto inedito e privato in programmazione nelle sale The Space Cinema dal 3 al 5 giugno, e in uno spazio Extra il 15, 16, 17 giugno. Il documentario ripercorre la vita professionale e personale di Verdone, raccontando con grande semplicità ed onestà pregi e difetti di un regista che, nella sua lunga carriera, ha rappresentato un pezzo della storia italiana, mettendone in evidenza vizi e virtù. “Carlo!” però è molto di più. È la commozione delle immagini della casa paterna, con sequenze che lo stesso Verdone aveva girato prima di riconsegnare l’appartamento “sopra i portici” al Vaticano. È la visione che di lui hanno i figli. È un omaggio al pubblico. “Ho ripreso la casa stanza per stanza -

“Q

spiega Verdone - per avere un ricordo. Volevo fare un racconto brillante, invece mi sembrava di camminare in un cimitero. Arrivato alla camera dei miei genitori mi sono dovuto fermare e, ancora oggi, non ho rivisto quella sequenza”. Carlo Verdone è così, non nasconde la sua commozione, la sua insana conoscenza degli ansiolitici, l’amore verso i figli, di cui confessa di essere fiero: “mio figlio sta per conseguire un master in scienze politiche all’estero e ha fatto tutto da solo” spiega. I suoi film così brillanti nascondono una malinconia profonda, sono il frutto di un’osservazione costante del mondo che lo circonda, legato ancora una volta ad un momento personale: “devo tutto a mia madre che mi diceva sempre ‘osserva tutto, vivi il quartiere’ ed è così che ho cominciato”. Verdone ha però, anche nei momenti più commoventi, la capacità di strappare un sorriso di gusto, come nel racconto che fa dello scherzo al padre, noto critico cinematografico ed esperto

di futurismo… Per raccontare tutto Verdone non sarebbe bastato un giorno. Il documentario ha il pregio di ritrarlo bene, in una forma garbata e vera, senza cadere nel gossip, in un paio d’ore. “È un regalo al pubblico che mi segue, confesso di sentirmi come i Led Zeppelin, sono tre giorni al cinema!” ha scherzato Carlo ringraziando il produttore, Marco Velardi, che ha voluto realizzare il progetto. E il pubblico ha già dimostrato il suo affetto all’anteprima del Festival di Roma.

Giuseppe Maggio: preparatevi a ridere con Pieraccioni! Intervista al giovane coprotagonista del nuovo film di Pieraccioni. Qualche anticipazione su uno dei film più attesi della prossima stagione he bello chiamarsi Maggio! È un anno particolarmente fortunato per chi ha questo cognome: scherziamo con Giuseppe, ricordando il vincitore di Sanremo giovani e il calciatore del Napoli. Giuseppe Maggio, un bel volto giovane del panorama degli attori italiani, ha già al suo

C

attivo diversi ruoli da protagonista con registi come Moccia e Baglioni, cominciando la sua carriera artistica come protagonista in Amore 14, film di Federico Moccia, quattro anni fa. Bello, giovane e preparato. Il suo esordio è avvenuto per caso mentre era ancora al

39


VG

visioni grafiche


GIUSEPPE MAGGIO NEL FILM "AMORE 14"

Quali sono le tue esperienze precedenti? Ho iniziato con “Amore 14”, di Federico Moccia. Poi “Almeno tu nell’universo” sempre al cinema e altre cose in tv indipendenti.

liceo. Partecipò al casting di Moccia, mentre i compagni di scuola lo prendevano un po’ in giro, non credendo che sarebbe riuscito a superare i provini. E invece eccolo, dopo tante altre esperienze, anche televisive, coprotagonista del film che Leonardo Pieraccioni sta girando per la prossima stagione: “Un fantastico via vai”. Giuseppe sarà uno dei quattro ragazzi che ospitano il quarantottenne Leonardo nella sua fuga dalle responsabilità, alla ricerca di emozioni vecchie e nuove. Giuseppe racconta con molta tranquillità del suo esordio e della voglia che ha di studiare per essere sempre più professionale nel lavoro: “È importantissimo per un attore avere una buona dizione, ma bisogna anche saper parlare i dialetti, come fanno bene i grandi attori”. A ottobre lo vedremo in “Provaci ancora prof”, in cui sarà il fidanzato della figlia della professoressa, Veronica Pivetti, e poi ancora protagonista della prima serie web Rai “La grande famiglia, venti anni prima” nel ruolo che fu di Alessandro Gassmann.

Ad oggi come ti sembra l’esperienza con Pieraccioni? Il bello dei film di Pieraccioni è che lui li studia nei minimi dettagli. Essendo autore, sceneggiatore, regista e protagonista dei suoi film, conosce benissimo l’intero iter produttivo. Chiacchierando con lui ne è molto soddisfatto. Gli sembra sia il più riuscito. Quali sono gli altri progetti a cui stai lavorando? A ottobre sarò nella serie “Provaci ancora Prof ”: sono un nuovo personaggio, il fidanzato della figlia. Inoltre ho appena finito di girare la prima web series, che andrà in onda sui canali Rai, che è il prequel de “La grande Famiglia”, dove sono Edoardo Mengoni, Gassman venti anni prima.

di Rossella Smiraglia

cinema

sempre osservare e imparare, come ad esempio fa Verdone. Come è stato il tuo esordio? Ho iniziato nel film di Moccia. Cercava un giovane come protagonista ma non voleva un volto noto. È venuto a fare i provini nelle scuole, così ho cominciato ad imparare le battute mentre i miei compagni mi prendevano in giro, non credevano che sarei stato preso. Ho superato il primo provino e poi ne ho superati altri e sono stato scelto. Sei un bel ragazzo, che rapporto hai con la tua fisicità e con le fan che immagino siano tante? Mi diverto molto a leggere quello che scrivono, io scrivo su Twitter, ma la cosa che mi fa piacere è ricevere i complimenti per il mio lavoro.

GIUSEPPE MAGGIO

Hai già incontrato Alessandro Gassman? Gli somigli un po’… Ancora no, lo incontrerò quando faremo i posati insieme, mi hanno detto che è un po’ più alto di me…

Come è stato il casting con Pieraccioni? Il casting è stato durissimo, ho fatto quattro provini. È stata dura anche perché Leonardo è sempre brillante e devi stargli dietro, è un vulcano. Porti un provino e lui ti dice: “Ok! Adesso improvvisiamo!”. Quindi le battute te le dà lui e tu devi stargli dietro, se vai un attimo down è finita, e poi c’è l’emozione del provino…

Quale è stata la tua formazione? Avendo cominciato a lavorare da subito, non ho avuto modo di studiare in scuole come la Silvio D’Amico, così mi sono preparato con degli insegnanti privati. Trovo che oltre ad essere fondamentale lo studio della recitazione sia anche molto importante per conoscere se stessi. È importante anche avere una dizione perfetta e saper parlare tutti i dialetti. Trovo fantastici Pier Francesco Favino e Elio Germano.

Qual è il tuo ruolo nel film? Sono uno dei quattro ragazzi che lo ospitano. Lui è un uomo che vuole ritornare giovane, cosa che va molto di moda ultimamente…

Sei giovanissimo eppure hai già una bella esperienza… Sì ho 20 anni. Credo che soprattutto in questo periodo sia fondamentale impegnarsi per riuscire, puntando al massimo. Devi

Foto: Michelangelo Arizzi

41


VG visioni grafiche


informazione redazionale

Lavori condominiali Cosa dice la legge e che soluzioni offre la CIM Costruzioni

hi abita in condominio deve mette in conto che, saltuariamente, dovrà far fronte a spese straordinarie per la manutenzione dello stabile. Tra le opere più diffuse ci sono quelle che riguardano il tetto o le facciate, il pavimento del cortile, l’installazione di un ascensore, ecc... Bene, dal prossimo 18 giugno 2013 - data in cui entrerà in vigore la Riforma del condominio - ogni volta che l’assemblea delibererà opere di questo tipo, avrà l’obbligo di istituire un fondo speciale di importo pari all’ammontare dei lavori da eseguire. In sostanza: bisognerà pagare tutti i lavori nel momento stesso in cui vengono approvati. L’intento della norma è ovviamente quello di tutelare i costruttori da eventuali morosità e ritardi (uno sport ormai troppo diffuso in Italia). Il punto è che la nuova normativa potrebbe anche essere un disincentivo a fare i lavori o a rimandarli all’infinito. Al fine di prevenire tale situazione di stallo, CIM Costruzioni, in sinergia con importanti istituti di credito, ha studiato una soluzione che coniuga le esigenze della nuova legge con quelle dei condomini. La risposta si chiama Credito al Condominio: un finanziamento di 5 anni senza alcuna garanzia fideiussoria. In sintesi, l’istituto di credito anticipa l’importo e i condomini si sgravano delle spese con rate che vanno dai 24 ai 60 mesi. I vantaggi? Interessi bassi, rate certe e concordate prima, interventi di qualità, nessun pericolo di sanzioni civili e penali per amministratori e condomini, risparmio di tempo e denaro perché più lavori possono essere programmati all’interno di un unico intervento. La CIM Costruzioni è azienda specializzata in risanamenti statici, impermeabilizzazioni, risanamenti di intonaci esterni e molte altre mansioni. È inoltre un’azienda certificata ed è nota in tutto il X Municipio (ex XIII). Chiedere un preventivo non costa nulla e potrebbe prospettare soluzioni economiche e agevoli. Basta chiamare i numeri 06.5218579, 06.52310370 e 06.52310231. E-mail: cimsrl@tin.it.

C

45


VG

visioni grafiche


di Valentina Mancini

moda e tendenze

AAA Abiti cercasi! Dal lunedì alla domenica Cocktail, evening, party, day office: c’è un abito per ogni occasione all’ufficio all’aperitivo in spiaggia, dalla serata tra amiche all’appuntamento romantico, tra le tendenze dell’estate c’è un abito per ogni evento, e ogni eventualità.

da Alice + Olivia, che abbina al rinnovato little-dress accessori rosso fuoco in vernice.

LUNEDÌ - Si ricomincia con la routine, il lavoro, la sveglia al mattino presto. La tentazione di cedere al grigio per sintonizzarsi sull’umore del giorno è forte. Ma per iniziare la settimana con un po’ di verve è bene optare per qualcosa che dia energia e carica. Perfetto il giallo vitaminico, colore della primavera-estate 2013, a tingere un tubino o, meglio, un abito che sappia di leggerezza, morbido ed elegante, come proposto dalla collezione di Tracy Reese.

VENERDÌ - Serata di gala? Nessun problema. Con il nero non si sbaglia mai, specie se arricchito dal brillio di una valanga di strass. Ricorda vagamente, per forme e rigidità, un kimono, ma ha tutta l’eleganza di un vestito da sera; è l’abito Armani abbinato a pantaloni morbidi neri alla caviglia. L’effetto è sorprendente.

D TRACY REESE

MARTEDÌ - Secondo giorno della settimana. La fase di assestamento è ufficialmente conclusa ed è ora di darsi una sistemata. Il martedì è il giorno perfetto per provare una nuova acconciatura che dia una seconda vita a un abito da ufficio visto e rivisto. Sotto il sole estivo è perfetto un look total white, elegante e raffinato. Un esempio? L’abito strapless firmato Amaya Arzuaga, immancabilmente abbinato a un blazer colorato che spezzi la monotonia.

PHILLIP LIM

AMAYA ARZUAGA

MERCOLEDÌ - Metà settimana. Il classico ‘day office look’ deve potersi riciclare per adattarsi a un cinema con le amiche dopo il lavoro. La lunghezza rimane al ginocchio e ben si adatta a un abito asimmetrico che gioca con i tessuti sovrapponendoli, come fa Phillip Lim con il vestito stretto in vita da una cinta tono su tono. La scollatura si nasconde durante il giorno con un foulard che sparisce al tramonto.

GIOVEDÌ - Appuntamento in un locale cool per l’ormai immancabile aperitivo, che sia tra colleghi o con gli amici. L’outfit diventa più fresco e di tendenza. L’orlo si accorcia leggermente e le nuance si fanno più accese. Perfetto l’abitino con gonna a pieghe effetto jeans; perfetto nella versione proposta

ALICE + OLIVIA

ARMANI

PARAH SABATO - Di giorno in spiaggia, la sera a un party eco-chic. Fa un certo effetto chiamarli copricostume, perché le creazioni proposte per l’estate 2013 sono incredibilmente chic, come l’abito bianco traforato in fantasia fiorata firmato Parah, perfetto per una passeggiata sul bagnasciuga. Per la sera, invece, abito eco-friendly e accessori in paglia, o vimini, se si è invitate a uno MARIANGELA GRILLO dei party eco-chic di gran voga negli ultimi tempi. L’abito lungo e asimmetrico dai volumi maestosi proposto da Mariangela Grillo è principesco e moderno insieme; dona un fascino d’altri tempi con un tocco di originalità. BLUGIRL

DOMENICA - Cena a lume di candela. L’abito, che sia lungo e mini, ha il sapore di un romanticismo perduto e la freschezza estiva. Colpisce per il suo effetto dolce e sbarazzino l’abito Blugirl in lilla pastello. Sensuale grazie al gioco di trasparenze, con un pizzico di bon ton dato dalle maniche a sbuffo e la gonna a ruota è leggero e leggiadro. L’ideale per una serata speciale.

47


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


fotografia

di Federico Zaza (www.federicozaza.it)

I ritratti di Avedon e Toscani Piccolo confronto tra due lavori celebri Italia è un paese di straordinari talenti ed allo stesso tempo un paese scarsamente meritocratico. Pensando ad uno dei progetti più recenti di uno dei più famosi fotografi del nostro Paese, Oliviero Toscani, non può che tornarne in mente un altro, di progetto, strutturato da un fotografo internazionale di enorme fama, Richard Avedon. I due lavori in questione si chiamano “Razza Umana” ed “In the American West”. L’associazione mentale è facilmente comprensibile: sono due ricerche molto vaste basate sulla ritrattistica di gente comune. Entrambi i lavori sono ritratti su sfondo neutro. L’enorme differenza dei due progetti è la profondità, però, a cui arrivano i due autori. Assolutamente deludente e superficiale Toscani, che peraltro riprende l’idea da Avedon. Non è un caso, del resto, che il progetto dell’americano sia nato nel 1979 e si sia sviluppato nel corso OLIVIERO TOSCANI di ben 15 anni di lavoro. Tutto questo tempo è stato necessario per costruire un rapporto con i soggetti fotografati e poter arrivare ad un livello di comunicazione ed empatia tale da poter costruire un ritratto di altissimo livello. Concettualmente Avedon era partito con l’idea di tirar fuori la bellezza dalla parte “nascosta” ai riflettori e “brutta” dell’America. Soggetti specifici, ricercati a lungo, seguendo una linea di sviluppo del progetto molto precisa. Il lavoro RICHARD AVEDON dell’italiano invece è sviluppato non esclusivamente dal fotografo stesso, ma da tre team che hanno girato l’Italia e scattato in maniera decisamente meno attenta ai tempi necessari. Non è sempre Toscani a scattare, non esiste una ricerca specifica. Non c’è una struttura formale adeguata. Le differenze di una massa di gente che si mette in fila per farsi fotografare. La pura bellezza, secondo l’autore, ripresa frontalmente, senza fronzoli. Non esiste nessun rapporto, nessuna intimità. E si vede. Esattamente come si intravede il nulla assoluto del famoso scatto dell’autore italiano. Quello del bacio tra la suora ed il giovane prete. Uno dei suoi scatti più celebri. Provocazione vacua, inutile, senza alcuno spessore. Avedon ci ha già abituato a ben altro. Bisogna crescere, non accontentarsi di qualcosa già fatto e riproporlo in maniera semplificata e superficiale, cercando, peraltro, di dargli un senso che non può avere, perché manca proprio la terza dimensione. La profondità: quella dei grandi ritrattisti.

L’

49


di Penelope Salomone

arte e cultura

L’immenso Tiziano e sua Santità

Giugno: due eventi in scadenza e da non perdere in questo anticipo d’estate

TO ITRAT AUTOR

CARLO V CON IL CANE

randioso, l’evento. Prestigiosa, la cornice. “Tiziano”. Alle Scuderie del Quirinale. Fino al 16 giugno. Vale a dire ancora per poco più di una dozzina di giorni. Raccomandiamo di non perdere l’incontro con il Vecellio (Pieve di Cadore 1485 circa - Venezia 1576) anche perché chissà quando tornerà nella Capitale questo gigante del Cinquecento. Quaranta i capolavori del pittore cadorino riuniti a Roma, provenienti dai musei di tutto il mondo. Ne citiamo alcuni: il Concerto e La Bella da Palazzo Pitti, la Flora dagli Uffizi, la Pala Gozzi da Ancona, la Danae da Capodimonte, il Carlo V con il cane e l’Autoritratto dal Prado o La Punizione di Marsia da

G

empre in questo scorcio d’estate, da non perdere è la mostra “Argentina. Il Gaucho”, ospitata nel Braccio di Carlo Magno, in piazza San Pietro. Un omaggio a Papa Francesco, alla sua terra e alle sue origini italiane. Accanto agli oggetti della liturgia (ostensori, calici, crocifissi), quelli della civiltà gaucha (fibbie, sproni, staffe, testiere,

S

LA BELLA

Kromeriz. Ammirandoli sarà possibile ricostruire la splendente e longeva carriera di Tiziano, conteso, ai suoi tempi, da pontefici e corti sovrane: dagli esordi veneziani in seno alle botteghe di Giovanni Bellini e Giorgione all’autonomia acquisita con le grandi tele per i dogi, gli Este e i Della Rovere fino alle committenze imperiali di Carlo V e poi del figlio Filippo II. La mostra, a cura di Giovanni C. F. Villa, sottolinea del maestro veneto non solo la dimensione religiosa ma anche l’attività di ritrattista della nobiltà del tempo e riesce così nell’intento di far comprendere al pubblico (rapito) la sorprendente grammatica compositiva di Tiziano, artista capace, secondo la definizione del poligrafo Ludovico Dolce, di accordare “la grandezza e terribilità di Michel Agnolo, la piacevolezza e venustà di Raffaello et il colorito proprio della Natura”.

ponchi, occorrente per il mate) per un percorso illuminante tra “Tradizione, Arte e Fede”, come recita il sottotitolo della mostra. L’esposizione è altresì arricchita da stampe, filmati e fotografie anche di grandi autori contemporanei da Lucio Boschi a Daniel Sempé fino a Juan Pablo Pereda. Ingresso libero. Fino al 16 giugno. Chi non potesse per quella data,

non si rammarichi: “Il Gaucho” sarà alle Cantine del Bramante nel Palazzo Apostolico di Loreto fino al 1° settembre. Perché nelle Marche? La risposta ce la dà Gian Mario Spacca, presidente della Regione Marche, che insieme ad Artifex, ha realizzato l’evento: “Le Marche e l’Argentina sono legate da un rapporto di amicizia speciale. Una famiglia argentina su tre ha origini marchigiane”.

51


VG

visioni grafiche


architettura

di Simone Felicetti

Quel mistero di forme chiamato

Villa Perugini

n relitto abbandonato, apparentemente incomprensibile e dai connotati avveniristici: così può apparire agli occhi del passante incredulo Villa Perugini. Situata in una zona residenziale nel cuore della pineta di Fregene, la villa, detta anche “la casa albero” o “casa sperimentale”, fu progettata e realizzata tra il 1968 e il 1971 dall’architetto italoargentino Giuseppe Perugini. All’opera collaborarono anche il figlio Raynaldo e la moglie Uga de Plaisant. Benché Perugini sia stato riconosciuto sin dal dopoguerra tra i più noti e importanti esponenti dell’architettura romana, e sia ricordato per aver realizzato il Mausoleo ai martiri delle Fosse Ardeatine ma anche diversi altri edifici sparsi nella Capitale, la sua “casa albero”, raro esempio di architettura brutalista, è rimasta famosa solo presso gli addetti ai lavori e la gran parte degli abitanti della zona. L’edificio, che rappresenta quindi un’eccezione, è dunque il frutto di anni di ricerche su forme innovative, funzionalità e significati; fervori creativi che nei primi anni Settanta andavano manifestandosi massicciamente e che hanno lasciato testimonianze in tutto il tessuto urbanistico della città. Quel che però rende Villa Perugini unica è senz’altro l’ubicazione. Inserita in un contesto residenziale e di villeggiatura, per lo più isolata nel verde, la villa presenta una carica espressiva e un impatto impossibili da ignorare. L’eccentrico edificio balza facilmente agli occhi per la sua recin-

U

A Fregene, quasi inghiottito dalla vegetazione, sta marcendo un pezzo di storia dell’architettura italiana

zione di cemento e metallo curvato di colore rosso. All’interno l’elemento principale è costruito interamente in cemento armato, fatta eccezione per gli infissi e le porte di acciaio rosso e vetro, e per le scale esterne e le tubazioni a vista, anch’esse rosse. La costruzione, che sorge da un basamento liquido rappresentato dalla piscina, ha una struttura portante fatta di imponenti travi e pilastri su cui poggiano tre cubi all’interno dei quali si sviluppano gli spazi abitativi. Sulla facciata principale e su quella laterale vi sono i bagni: due grandi dischi, identici, con un piccolo oblò al centro. Oltre alla villa, all’interno del parco esistono due architetture sperimentali: una cellula abitativa di 5 metri di diametro (il “pensatoio”) e i “tre cubetti”, ovvero un’unità abitativa di 35 mq. Come un grande gioco di costruzioni, la casa è concepita in modo da consentire una libertà creativa assoluta e offre una illimitata possibilità compositiva delle singole parti. Villa Perugini appare dunque come un grande parco ludico, una sensazione indirettamente confermata alcuni anni fa anche da Raynaldo Perugini: l’erede dell’architetto la considerava in un’intervista come il giocattolo di famiglia, un plastico in scala reale. Ad oggi l’incuria e il vandalismo hanno reso un relitto precario e inquietante quel che potrebbe essere un patrimonio culturale inestimabile. Negli anni tuttavia non pochi sono stati i tentativi da parte di esponenti delle varie amministrazioni locali di tutelare e salvaguardare l’edificio. L’unica via di salvezza per Villa Perugini sono infatti le istituzioni. Solo così, solo stando accanto alla proprietà nei lavori di ristrutturazione, si potrebbe recuperare l’immobile e, perché no, destinarlo ad un utilizzo pubblico.

53


di Leonardo Caviola

architettura

Architettura delle banconote europee. Una storia che riguarda da vicino soprattutto l’Italia

Linee e proporzioni dell’Euro ella quotidianità esistono spesso realtà poco considerate o sfuggenti. Una delle più curiose è sicuramente legata al denaro. Ai tempi della lira, chiunque sapeva dare un volto definito a Bernini (50.000 lire) o Caravaggio (100.000 lire). Sui social network c’è ancora chi li rimpiange, condividendo pagine e pagine di infinita nostalgia. L’entrata in circolazione delle nuove banconote da 5 Euro effigianti Europa leggendaria ragazza, eponima del continente, che a cavallo di Zeus-Toro approdò a Creta e diede vita alla prima civiltà mediterranea - ci offre dunque il pretesto per porre l’attenzione su quanto impresso nei vari tagli e formati dell’euro. Parliamo delle architetture di porte o finestre (simboleggianti l’apertura) e dei ponti (simboli di unione tra i popoli) di varie epoche storiche, tutte magistralmente disegnate dal bozzista della Banca Nazionale austriaca, R. Kalina, che nel 1996 vinse il concorso indetto dall’Istituto Monetario Europeo. Le banconote da 5 Euro hanno

N

un’impronta classica: arco in muratura quasi di trionfo con colonne ioniche; sul retro un richiamo a Pont du Gard (18

54

A.C.), acquedotto romano nel sud della Francia. Quelle da 10 Euro, dedicate al Romanico, raffigurano una volta a botte e archi a

tutto sesto; sul retro, un ponte ricorda quelli di epoche passate (ponte S. Angelo a Roma del 134 D.C.). Con i 20 euro si approda al Gotico. Gli archi a sesto acuto che slanciano le cattedrali immerse nella luce policroma delle vetrate sono rappresentate sul fronte. Sul retro invece è raffigurata una rara testimonianza di ponte gotico: dell’Ammiraglio (Giorgio di Antiochia) a Palermo. Sempre in Italia si rimane con i 50 Euro. Parla il Rinascimento: timpani, balaustre, colonne e archi sono disposti in geometrica proporzione e omaggiano i grandi progettisti dell’epoca. Barocco e Rococò prendono vita nei 100 euro grazie alle forme ellittiche dei ponti (sul retro, di similari se ne possono vedere a Parigi, periodo illuminista del 1700) e agli artificiosi effetti prospettici di corridoi o scalinate (fronte) tipiche di Regge o Ville. I 200 Euro presentano l’architettura del

vetro (richiamo al Crystal Palace sul fronte) e del ferro i cui ponti rimandano a quelli dell’ingegner Rondelet (sul Wear a Sunderland e sul Tamigi a Stain). Ultimo formato i 500 Euro. In questo caso, quasi a simboleggiare il fatto raro di averle in tasca, architetture trasparenti, quasi eteree, tratteggiano le facciate e le ardite tecnologie delle strallature in acciaio di ponti quali l’Erasmus sulla Mosa a Rotterdam. Alla fine, senza accorgersene, solo sfogliando quanto abbiamo nel portafoglio, percorriamo quotidianamente avanti ed indietro non solo la geografia ma anche la più che bimillenaria storia del nostro continente. Nelle banconote è tratteggiata un’identità profonda, multinazionale, difficile da far propria per gli abitanti dei 17 stati che usufruiscono della moneta unica. Gli italiani dovrebbero però capire che il tratto dominante di quella identità si trova a casa loro.


architettura

di Leonardo Caviola

Letteratura Architettura Via la materia! Calvino racconta le città per sensazioni… crivere di Architettura è logica conseguenza di un’analisi o un approfondimento su un tema definito: la biografia del progettista, la genesi di un edificio rivoluzionario, la storia del linguaggio architettonico succedutosi nei secoli. Impegno arduo è scrivere invece sulle emozioni che l’architettura genera: compito straordinariamente svolto da “Le città invisibili” (1972) di Italo Calvino, di cui la Casa dell’Architettura a Roma celebra, a partire dal 13 Giugno e fino al 15 Ottobre, i 90 anni dalla nascita. Nell’opera lo scrittore immagina Marco Polo esporre i suoi viaggi al Kublai Khan. Il bello è che le città incontrate non sono descritte per le loro caratteristiche fisiche, ma per le sensazioni che sono in grado di suscitare: “D’una città non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda”. I racconti presentano cioè le città come “un insieme di tante cose: di memoria, di desideri, di segni d’un linguaggio… luoghi di scambio, di merci, di parole, di ricordi”. Riprendendo le stesse parole di Calvino da una conferenza del 1983: “Che cos’è oggi la città per noi? Penso d’aver scritto qualcosa come un ultimo poema d’amore alle città, nel momento in cui diventa sempre più difficile viverle”. Difficile allora come oggi poiché a distanza di quarant’anni i problemi, i disagi, le aspirazioni dei cittadini dei grandi agglomerati urbani non sono cambiati. In Despina i desideri si manifestano a seconda di dove arrivi, se dal mare o dal deserto, perché si brama sempre l’opposto di ciò che si ha. In Ottavia la caducità della vita si identifica in una città-ragnatela sospesa sull’abisso da funi i cui cittadini comunque “sanno che più di tanto la rete non regge”. Nella città di Ersilia la complessità dei rapporti umani viene segnalata da caotici e intrecciati fili tra le case fino all’occlusione degli stessi spazi vitali che impediscono il passaggio stesso delle persone, al punto che giunti al limite i cittadini abbandonano la loro stessa città. L’invito è immergersi nella lettura delle restanti 52 città descritte con altrettante caratteristiche umorali: le visioni di Calvino scopriremo sono ancora incredibilmente attuali!

S

ITALO CALVINO

55


VG

visioni grafiche


di Simona Bottoni

arredamento

Pezzi iconici e novità del Salone del mobile di Milano presentati a Cape Town dal comparto friulano dell’arredo

Show di sedie italiane in Sud Africa ervasoni, Moroso, Domitalia, Fornasarig Sedie Friuli, Frag, Potocco e Tonon: sette eccellenze del comparto arredo friulano si uniscono per la prima volta per dare vita all’esposizione dal titolo “ITALIAN CHAIR DISTRICT meets CAPE TOWN”; una temporary show room, di scena dal 28 al 31 Maggio, DIDÙ a Cape Town, la prossima Capitale mondiale del Design nel 2014. Obiettivo dell’incontro e dell’unione di queste aziende sarà la promozione del Made in Italy attraverso uno degli elementi più caratterizzanti della produzione d’arredo, la sedia, attraverso la quale saranno approfonditi e divulgati, con incontri mirati ed un fitto calendario di eventi, gli aspetti caratterizzanti del comparto produttivo friulano pronto a cogliere le sfide di un mercato lontano, che sta dando grandi segnali di attenzione verso il design italiano. Nello showroom, collocato strategicamente in uno dei quartieri più di tendenza di Cape Town, saranno esposti i prodotti icona di ciascun marchio e le novità presentate durante lo scorso Salone del Mobile di Milano, realizzati dai migliori designer internazionali. Si passerà da Moroso, con le sue sedie imbottite ed il coffee table firmati dalla spagnola Patricia Urquiola; alle collezioni di sedute e poltroncine in cuoio di Frag nate dalla collaborazione con Gordon Guillaumier, Michele di Fonzo, Calvi & Brambilla; alle innovative sedute in design 3d di Mac Stopa e alle nuove declinazioni in pelle di Martin Ballendat per Tonon; alle sedute in legno disegnate da Luca Nichetto per Fornasarig; alle collezioni di sgabelli e poltronVELA

G

GHOST

cine proposte da Potocco per l’indoor e l’outdoor, firmate Hannes Wettenstein e Wolfgang Mezger; alle versatili proposte di sedute in polipropilene e policarbonato di Domitalia ideate da Radice&Orlandini, Fabrizio Batoni, Fabio Di Bartolomei e Dual Design; alle sedute in intrecci naturali, poltroncine e complementi in legno firmate da ECHO Paola Navone per Gervasoni. È proprio il caso di dire, quindi, che le eccellenze italiane si mettono in gioco attorno ad una sedia per mettere in relazione professionisti del settore ed instaurare un legame FJORD continuativo con il Sud Africa, grazie anche ad eventi organizzati all’interno della rassegna, come l’interessante workshop “MADE IN ITALY meets SOUTH AFRICAN DESIGN”, in cui una cinquantina dei più influenti player dell’architettura e dell���interior design italici verranno introdotti alle esperienze di ricerca delle sette aziende friulane da Sam Baron, Art Director di Fabrica. Una quattro giorni ricca di spunti che vedrà l’esportazione di un fare sistema, non legato alle individualità, ma alla UP-CHAIR condivisione.

WOLFGANG

57


spettacolando

di Barbara Zorzoli

Jennifer Aniston e il matrimonio che slitta are che Jennifer Aniston e Justin Theroux abbiano deciso di rimandare le nozze. Secondo alcuni si tratta di un piano per organizzare una cerimonia privata lontano dai riflettori. “Jen è cosciente dell’interesse dei media per il matrimonio, e nessuno sarebbe sorpreso se cercasse di evitare tanto clamore”, ha raccontato un’amica all’attrice. Il mese scorso la Aniston è stata oggetto (per l’ennesima volta) di speculazioni riguardanti una possibile gravidanza. Pare infatti che su consiglio di Gwyneth Paltrow si sia sottoposta a delle sedute di coppettazione (una procedura di medicina alternativa) per incrementare la propria fertilità. Anche

P

L’ira di Reese opo l’arresto che li ha visti protagonisti nei giorni scorsi, Jim Toth ha rivelato che sua moglie Reese Wiherspoon, dal carattere normalmente tranquillo, incappa in momenti in cui perde completamente le staffe. Un po’ come dimostra il video recentemente pubblicato dell’attrice che litiga con un poliziotto quando suo marito viene arrestato per guida in stato di ebbrezza, incidente verificatosi lo scorso 19 aprile. “È una brava donna. Solo che di frequente le succede di arrabbiarsi per un nonnulla”, ha commentato dal sedile posteriore mentre la polizia lo portava in prigione. Quando Toth è stato preso in custodia anche la Witherspoon è stata messa in manette per aver intralciato il lavoro degli agenti. “Rispetto voi e quello che fate”, ha riferito l’uomo, come si apprende da un nuovo audio. “A volte è facile giudicare le nostre vite, ma non ci si rende conto che spesso c’è molta angoscia”. “Non mi aspetto che voi capiate. In fondo dovete fare il vostro lavoro”. Quando la Witherspoon è stata arrestata per molestie Toth ha detto alle autorità: “Io non ho assolutamente nulla a che vedere con questo”. L’attrice ha dovuto pagare una multa di 162 euro, mentre il suo compagno dovrà prestare 40 ore di servizio sociale e seguire un corso di educazione all’assunzione di alcolici. L’uomo resterà anche in libertà condizionata per 12 mesi.

D

se non è ancora incinta, gli amici giurano che i due fidanzati desiderano avere presto dei figli. Ci sono però anche altre questioni per cui Jennifer Aniston e Theroux potrebbero aver deciso di rimandare le nozze. Entrambi hanno fitte agende lavorative e una pausa dalle riprese è

spesso impossibile. La loro casa è ancora in via di ristrutturazione e pare che anche questo abbia contribuito al rinvio. Jennifer vorrebbe sposarsi in California, mentre Justin preferirebbe New York, dove vivono la maggior parte dei suoi parenti, o le Hawaii.

Emma Watson: mai con un fan di Harry Potter mma Watson ha rivelato quali sono le tipologie di uomini che più la infastidiscono. “I peggiori sono quelli che ti scrivono in chat: “Ma tu sei la ragazza di Harry Potter?”, ha dichiarato divertita l’attrice. Emma è giunta al successo dopo aver interpretato Hermione Granger nella celebre saga creata da J.K. Rowling, ma sta cercando in tutti i modi di staccarsi dal passato per costruirsi un’immagine pubblica più adulta e sensuale. Non a caso la star ha di recente posato per la copertina di GQ in una serie di scatti sexy e mali-

E

58

ziosi. La Watson ha inoltre un’avversione per gli uomini vanitosi e ossessionati dal look. “Il peggior appuntamento della mia vita è stato con un ragazzo che ripudiava le persone grasse o brutte. Dopo avermi confessato questa cosa ho capito che era un cretino”. Al momento, però, Emma Watson può archiviare la ricerca dell’uomo giusto perché è felicemente fidanzata con Will Adamowicz. La coppia si è incontrata nel 2011 alla Oxford University. Dopo essersi laureati, i due innamorati si sono trasferiti a Rhode Island.


di Barbara Zorzoli

Keira Knightley e James Righton sposi novelli

rumors giravano da qualche giorno, e così è stato: Keira Knightley ha sposato James Righton a Mazan, poco lontano da Marsiglia. Per la coppia una cerimonia semplice, durata solo mezz’ora, alla presenza di una decina di ospiti, tra cui Sienna

I

Miller e gli altri componenti dei Klaxons, la band dello sposo. “Non è stato un rito lungo”, ha riferito una fonte. “Keira era bellissima. Ha indossato un vestito grazioso e molto elegante”. Pare che durante lo scambio delle promesse la star si sia commossa fino alle lacrime. Il party di nozze si è svolto nella casa in campagna di Keira Knightley. Sul posto è stato eretto un gazebo ad hoc, dove si sono esibiti i Klaxons. Per mantenere la segretezza dell’evento, anche gli invitati sono stati avvisati soltanto la sera precedente. “Ci hanno avvisati solo la sera prima”, ha rivelato il padre dello sposo, Nicholas Righton. Anche in quel momento la coppia ha semplicemente chiesto ai suoi invitati di presentarsi per festeggiare insieme a loro la decisione di convolare a nozze. A quanto pare, la coppia sta pianificando una seconda festa di matrimonio in Gran Bretagna.

spettacolando

Jason Segel: basta alcool! opo anni e anni di dedizione alla bottiglia, Jason Segel ha deciso di dare un taglio alla dipendenza dall’alcol, iniziando a frequentare un gruppo di Alcolisti Anonimi di Hollywood al quale ha recentemente annunciato: “Sono sobrio da 12 giorni”. “Jason ha detto a tutti quanti che è arrivato il momento di smettere di bere, per il suo stesso bene, ed è rimasto per più di un’ora ad ascoltare le storie degli altri alcolisti. Michelle è molto preoccupata per Jason, ma non è pronta a impegnarsi. Probabilmente se fossero stati insieme quotidianamente lei avrebbe avuto

D

Kate Hudson, la dieta e lo stile rotagonista di Elle UK per la cover del numero di maggio, Kate Hudson ha elencato i look da red carpet che ha amato di più, ammettendo di aver avuto parecchie difficoltà ad indossare alcuni modelli. La figlia di Goldie Hawn è ritratta nelle pagine del giornale con indosso abiti couture mozzafiato di Gucci, Balenciaga, Miu Miu e Nina Ricci. “Mi sono divertita un sacco a fare questo servizio”, racconta in un video di backstage. “Il mio preferito è l’outfit di Roland Mouret”. “Ho amato il vestito che ho indossato per gli ultimi Golden Globes, mi sono divertita molto ad indossarlo. Ho amato anche tutti gli abiti che ho portato quando ero incinta, Stella McCartney me ne ha confezionato uno che ho scelto per il Met Ball e l’ho adorato. Il grande vantaggio di essere in dolce attesa è che puoi mettere al primo posto la comodità”. Kate ha poi ammesso di non credere alle diete e di aver avuto qualche difficoltà a smaltire il peso acquistato con la prima gravidanza. Da qui ha imparato l’importanza di mangiare in modo sano. “Dopo la nascita di Ryder ho imparato cose nuove sulla nutrizione e su come funziona… e ora mangio molto meglio. Non credo alle diete, anzi, credo che l’intero concetto dovrebbe essere eliminato. Mangiare sano, è questo il segreto per stare bene”. La star ha anche un figlio di quasi 2 anni, Bingham, con il fidanzato Matt Bellamy, rocker dei Muse.

P

più fiducia nel futuro. Ma così non poteva continuare. Jason ha fatto ogni sforzo per mettere lei e la bambina in cima alla sua lista di priorità, ma non poteva lasciare Los Angeles abbandonando la sua vita e la sua carriera”, ha rivelato un amico dell’attore. La star della sitcom How I met your mother avrebbe preso questa decisione lo scorso febbraio, dopo essere stato lasciato da Michelle Williams. La fine della relazione ha lasciato entrambi con il cuore spezzato, visto che tutto sembrava andare a gonfie vele; peccato però che i due non riuscissero a portare avanti le cose, abitando a migliaia di chilometri di distanza l’uno dall’altra. La Williams vive infatti a New York con la figlia Matilda di 7 anni (orfana di Heath Ledger), mentre Jason abita a Los Angeles.

59


VG

visioni grafiche


di Dante Cruciani

questione di cilindri

La Mille Miglia della Vespa! Si è conclusa lo scorso 25 maggio la “1000 Km Vespistica”, una specie di Mille Miglia in Vespa che riprende, appunto, la storica kermesse di auto d’epoca. Nata in realtà nel lontano 1951, la gara è stata un omaggio al mezzo simbolo del boom economico italiano (il cui rimpianto è oggi più forte che mai) e ha coinvolto circa 300 vespisti provenienti da tutto il mondo. La 1000 Km Vespistica ha una strana storia. Tenutasi per dieci volte fino al 1970, è caduta nell’oblio per quarant’anni ed è infine stata riportata in vita nel 2011. Quest’anno la gara ha toccato le città di Mantova, Treviso, Rovereto, Ravenna, Firenze, Pontedera (città del Museo della Piaggio), Sarzana e Parma.

Viaggiare in automobile fa bene alla coppia L’automobile fa bene all’amore. No, non è come si pensa. Fa bene all’amore non perché è il secondo rifugio ideale dove farlo (dopo il comodo letto di casa). Fa bene all’amore perché, secondo uno studio commissionato dalla Ford, i lunghi viaggi vengono percepiti dalle coppie come tempo dedicato a se stesse, come spazio sottratto alla routine e come evasione e fuga dalla routine. L’80% degli intervistati ha confessato di recuperare attraverso i viaggi in auto lo spazio sottratto alla coppia. Addirittura la stessa percentuale di persone ha confessato di aver fatto le migliori conversazioni con il partner proprio in automobile. Tra le cose che piacciono di più alle coppie “on the road”, quasi scontata la presenza di un buon impianto stereo (28%) e del sistema di navigazione (22%), nonché i contenuti costi del carburante (33%). Sorprende invece che il 44% prediliga il viaggio senza una destinazione precisa. Segno che l’importante non è la meta, ma il viaggio stesso…

Thor: lo scooter con grinta Questo pezzo è un piccolo omaggio a Thor. Chi è Thor? È il cane della redazione di 13 Magazine. Thor, poi, è anche il nuovo scooter presentato dal gruppo Over. Spigoloso nei tratti, proprio come il nostro bull terrier, Thor è uno di quei “cinquantini” che piacciono potenzialmente tanto ai giovani e che certe volte sono indispensabili nel traffico di Roma. Freni a disco anteriori e posteriori, 6,8 litri di serbatoio, motore a due tempi di 4,3 cavalli, 84 kg di peso, Thor sarà lanciato nel prossimo luglio (in tempo per diventare il regalo ideale per le promozioni scolastiche?). Interessante anche il prezzo indicativo: 1.890 euro.

Mobilità alternativa: quota 10 milioni di torrette entro la fine del decennio 10 milioni di torrette elettriche: questa la cifra ragguardevole che il mondo raggiungerà entro il 2020. Il dato è parte di uno studio condotto dalla Ims Research sulla mobilità a zero emissioni. I paesi più interessati da questa rivoluzione saranno gli Sati Uniti, la Germania, la Cina e il Giappone, cioè le nazioni le cui case automobilistiche - Nissan, General motors e Volkswagen - hanno maggiormente investito sul fronte dell’auto elettrica.

61


E TORRE DI SIGHIşOARA INGRESSO DALLE MURA

Cronache dalla Romania profonda:

pettegolezzi su

Dracula on avrebbe senso fare gossip su un uomo vissuto tra il 1431 e il 1476, del quale, senza Bram Stoker, nessuno, se non qualche esperto di storia romena, ne conoscerebbe l’esistenza. Invece Vlad III Tepes Draculea (“l’impalatore”, il “figlio del drago”), nella versione romanzata si è trasformato ed è diventato Dracula il Vampiro. Il nome deriva dal vero stemma del casato di famiglia raffigurante un Dragone, il Dracul, intorno ad una croce. Il Padre, Besarab Vlad II Dracul, era membro del segretissimo Ordine (tedesco-ungarico) del Drago, a cui appartenevano i Signori e i Cavalieri che difendevano

N

62

la cristianità dall’Islam. Vlad III (da ora semplicemente Vlad) non ebbe un’adolescenza felice. Insieme al fratello, fu lasciato dal padre quale ospite/ostaggio al sultano ottomano, in cambio della sua vita. Da questo momento iniziano i pettegolezzi su un uomo che riempirà di morte e sangue la sua vita. Le informazioni che seguono non sono verificabili, non sono fonti storiche, si tratta solo di leggende popolari, ascoltate, non senza una qualche difficoltà, in Transilvania durante un piovoso pomeriggio primaverile. A raccontarmele, poco fuori Sighişoara, è Cefka, una zingara con la fama di sensiti-

va, davanti ad un decotto di erbe amare appena mitigate da abbondante miele. Nelle sue storie non c’è nulla di vero (o forse sì), ma incredibilmente spiegano le radici delle diverse saghe vampiresche così come riportate nella cinematografia, nella letteratura e nelle paure delle persone. Dracula adolescente visse, insieme al fratello, ostaggio di Murad ad Adrianopoli. il Sultano diede ai ragazzi - rispettivamente 13 e 9 anni cultura e preparazione militare. Al tempo stesso non gli fece mancare le proprie attenzioni intime. Attenzioni sempre rifiutate con sdegno e con forza da Vlad, il quale, puntualmen-


La vera storia di Dracula secondo le leggende di una vecchia zingara transilvana

di Leandro Abeille

viaggi

INTERNI CASA DI DRACULA (OGGI UN RISTORANTE)

te, ne subiva le violente conseguenze. Qualche anno dopo, a seguito di una camCASA DI DRACULA E CASA STILE VENEZIANO ACCANTO pagna turca andata male, il padre di Vlad, tratto in inganno (non Besarab, indicato dal Cavaliere Bianco Hunyadi (che c’era nessun figlio suo aveva disastrosamente condotto la guerra) quale capro nel grembo della poveespiatorio, perse i suoi possedimenti in Valacchia e rina). Detto questo, con le mani ed il viso intriso di sangue, Transilvania. Il sultano allora propose a Vlad di mettercontinuò tranquillamente il suo pasto. si alla testa dei suoi uomini, combattere per lui e venAltro fatto storico fu il primo atto di vendetta di Vlad nei dicarsi. Dracula accettò. Con l’aiuto delle truppe del confronti degli odiati turchi. Nel 1462, quando era ancoSultano, riconquistò alcuni possedimenti del padre e ra “il cristiano più amato d’Europa”, perché l’unico ad ostacolare la riprese Tirgoviste, centro della Valacchia e delle terre paterne. Ritornato in possesso dei suoi storici possedimenti, la reputazione spinta espansionistica di Mehemet II, Dracula riuscì a fermare le di Vlad si fece piuttosto oscura. Era un bell’uomo, affascinante quan- truppe del sultano senza combattere nemmeno una battaglia. Ci riuto violento, che puniva con estrema rigidità le mancanze e i tradi- scì semplicemente accogliendo gli invasori su strade ai cui margini menti. Impossibile non ottenere qualsiasi cosa volesse. È il caso erano impalati vivi migliaia di loro compatrioti, catturati nei mesi predella moglie veneziana del capo della Gilda degli orafi di Sighişoara, cedenti. Fu così tanto il terrore ed il disgusto per quelle scene stracittà natale di Vlad. La bella signora abitava ancora di fronte al palaz- zianti, che i turchi fuggirono via, inseguiti dalla fame e dalla peste zo natio di Dracula, il quale pare sognasse di lei sin dai tempi della nera inviata (pare) dal Vlad mediante un maleficio. Questo ed altri prigionia. In età adulta, le fantasie adolescenziali ebbero seguito. episodi simili diedero a Vlad il nomignolo di “Tepes” (l’impalatore). Complice la bella e matura signora veneziana, pare che Vlad inizias- Ad ogni modo il costante ricorso a queste sadiche pratiche costò a se a spostarsi sempre più spesso dalla non vicinissima Tirgoviste, Vlad la fine delle simpatie del papato di Roma e dei re cristiani. Tansede dei suoi possedimenti, con una velocità, una frequenza e una tissimi mercanti e nobili sassoni - storici colonizzatori della Transilcadenza (sempre di notte, dopo l’alzarsi della bruma) che istigavano vania - fecero la stessa fine dei turchi. Così il giovane voivoda perse le voci di villaggio. Gli incontri avvenivano in segreto, col silenzio l’appoggio degli “sponsor” storici. consapevole dello spaventatissimo marito: silenzio rispettato anche Sul Dracula storico circolano da secoli molte leggende e poche verità. Prima che Stoker scrivesse il suo quando i segni del passaggio di Vlad sulla moglie erano ANTICA SCALINATA COPERTA romanzo (1897), erano già stati editi in più che inequivocabili. CHE SALE SUL PUNTO PIÙ ALTO DI SIGHIşOARA diverse lingue - tedesco, russo, ecc... Pare nasca da questi pettegolezzi la storia del morso sul molti testi che raccontavano le sue collo dato dai vampiri. A tutto ciò si associano poi fatti gesta e che partivano dalla storia per dal carattere più storico. Pare che una delle tante concuarrivare alla leggenda. Lasciando casa bine di Dracula fosse così follemente innamorata e della zingara che mi ha ospitato e intratvogliosa di essere sposata da inscenare una falsa gravitenuto, la sensazione di straniamento e danza. Scoperto il trucco, durante una cena, Vlad uccise incredulità è molto forte. Una cosa è la donna trafiggendone la pancia con un’affilatissima però certa, io e il mio compagno di viaglama e giustificandosi con i commensali poiché era stato gio non abbiamo nessuna intenzione di accettare l’invito a cena della gentile vecchietta (troppo l’aglio nella ciorba la zuppa - che stava preparando). Dopo aver pagato i 30 lei (circa 8 euro) pattuiti, ci diamo appuntamento per il giorno dopo, perché pare ci siano ancora un paio di cose da sapere. Purtroppo, la Transilvania è così: infiniti i villaggi da vedere e sempre troppo poco il tempo da dedicargli. Fatto sta che non abbiamo ritrovato più la casa della vecchina, dissolta nella nebbia e nel labirinto di strade di un villaggio tra Sighişoara e Sibiu. CIMITERO DI SIGHIşOARA

63


Cari lettori, a due mesi dall’apertura della PER TE Istituto di Estetica specializzato, il bilancio è assolutamente positivo, le nostre Clienti sono soddisfatte dei risultati ottenuti e tutti i nostri sforzi organizzativi sono stati e continuano ad essere premiati. Oggi però abbiamo intenzione di informarvi circa le nostre proposte che ci rendono unici ed al vertice del nostro settore:

VG

visioni grafiche

TraTTamenTi viso con ProdoTTi FiTocosmeTici esclusivi e ProFessionali: tutti i nostri prodotti viso hanno un’azione cosmetica gradevole e sicura. Dalle rughe all’acne, dalla disidratazione alla couperose, mettiamo a disposizione dei nostri Clienti una miriade di Trattamenti dedicati ad ognuno di loro. I laboratori CLARIDE di Maranello lavorano al nostro fianco per offrirci i Princìpi Attivi più moderni. Per esempio per questa estate presentano le nuove formulazioni per le CREME SOLARI VISO, ideate con un nuovo sistema emulsionante PEG-free 100% di origine naturale approvato ECOCERT, l’effetto è una crema molto vellutata e filmogena, idratante, si applica al mattino come una crema da giorno e garantisce una protezione 50 o 25 nei confronti del sole. TraTTamenTi viso con aPParecchiaTure ProFessionali: elettrostimolazione dei micro muscoli facciali con effetto tonificante - elettroporazione viso, ultima generazione di veicolatori trans dermici - trattamenti con Iper-ossigenazione profonda e mirata, quattro accessori viso interamente dedicati - trattamenti di Radio Frequenza Estetica… Tutte le apparecchiature viso ed i trattamenti associati, sono uniche e studiate per noi dai nostri tecnici associati. TraTTamenTi corPo ProdoTTi FiTocosmeTici esclusivi e ProFessionali: bendaggi, fanghi cosmetici, complessi anticellulite a base di bioflavonoidi, alghe, carnitina, estratto di centella, pantenolo, caffeina; estratto glicolico di edera e ippocastano, olio di germe di grano; vitamina E acetato; complesso iodato anticellulite; estratto glicolico di edera, fucus, ippocastano e betulla; glicosaminoglicani; olio di calendula, questi sono solo alcuni degli Attivi utilizzati per i nostri trattamenti corpo. Tutto è ovviamente coadiuvato da prodotti destinati al mantenimento domiciliare come il famosissimo GEL AROMATIC: mentolo; estratto glicolico di mirtillo, amamelide, edera e finocchio; olio essenziale di menta, eucaliptus, niaouly, zenzero, cannella e noce moscata, indicato per ottenere un’immediata sensazione di freschezza che porta poi a una maggior riattivazione periferica dei tessuti. è utile per prevenire eventuali gonfiori di gambe e caviglie, nei trattamenti rassodanti o per il benefico refrigerio immediato. TraTTamenTi corPo con aPParecchiaTure ProFessionali: in questo segmento l’Istituto offre un vero e proprio settore specializzato. Dal 2011, infatti, la tecnologia ha deciso di metterci a disposizione strumenti efficacissimi, in grado di rendere più durevoli i già ottimi risultati. La Radiofrequenza corpo - tonificazione e cellulite, l’Ossigeno corpo - telangectasie ed adipe, Pressomassaggiatore computerizzato Total Body - drenaggio. Per concludere un nuovo modo di stimolare e “correggere” la muscolatura con più di 500 possibilità operative. FoTo-ePilazione con luce PulsaTa: da meno di due anni una legge ha regolamentato questa tecnica, dedicando un tipo di apparecchiatura agli Istituti più all’avanguardia. I servizi di LP sono sempre efficaci, ma la novità sta nel prezzo delle applicazioni, certamente più alla portata di tutti.

PER TE · P.le Filippo il Macedone, 26 · 00124 Roma · T. +39 0650930697 pertesrl@tiscali.it · www.paolasgro.it


di Camilla Trandafilo

l territorio della Tuscia domina l’alto Lazio e fu patria del popolo etrusco (deriva infatti il suo nome da “Etruria”), come testimonia la presenza di diverse necropoli. Venne poi conquistato in epoca imperiale dai Romani, che disseminarono edifici lungo tutta la via Cassia. Diversi papi

I

viaggi

Viterbo e la Tuscia: cultura e bontà della tavola CIVITA DI BAGNOREGIO

A pochi km da Roma c’è un tesoro fatto di paesaggi, opere d’arte e squisitezze della tavola subirono il fascino di questi luoghi, dove nel medioevo costruirono le proprie residenze. È una terra dal sapore antico costituita da piccoli borghi, custodi gelosi della tradizione, dove ancora oggi la vita scorre scandita dal ritmo delle stagioni. Tra gli innumerevoli paesi che meritano di essere visitati, non si può non citare Bagnoregio, villaggio in cima ad una collina di argilla che ha mantenuto intatta la sua struttura medievale. Si raggiunge solo a piedi, attraverso un ponte che sembra sospeso nel nulla. Montefiascone invece, con il suo centro storico sormontato dalla cupola del Duomo, è abbarbicato sul lago di Bolsena ed offre un panorama che domina l’intera area. Una fiorente industria enologica produce i vini Est! Est!! Est!!!, resi noti dalla leggenda secondo cui un barone tedesco al seguito dell’imperatore Enrico V inviò un suo servitore ad assaggiare i vini della zona, contrassegnando con la scritta “est”

(c’è) la locanda che ne servisse di buona qualità: sbalordito dal gusto del vino locale, lo indicò ripetendo tre volte il segnale stabilito. La tradizionale festa del vino si svolge a Montefiascone i primi 15 giorni di agosto. Nel cuore della Tuscia, la città di Viterbo è un centro vivace ed una rinomata meta turistica. Grazie alla sua posizione strategica fu tappa, in epoca medievale, di migliaia di pellegrini in viaggio verso Roma. Il quartiere di San Pellegrino, oggi sede di botteghe di antiquari ed artigiani, è rimasto intatto nei secoli con le sue viuzze, le sue scale, i suoi archi e le sue caratteristiche fontane di peperino. Conservano il carattere medievale anche le alte mura e le torri che cingono la città. Lo sviluppo raggiunto in quell’epoca, consentì a Viterbo di sottrarre a Roma la sede pontificia per un quarto di secolo, ospitando ben 5 papi. Il Palazzo Papale e la Cattedrale di San Lorenzo celebrano il ricordo di quel fasto. Non mancano importanti testimonianze rinascimentali, come l’imponente Palazzo Comunale e il Santuario dedicato alla Madonna della Quercia, 2 km fuori le mura. La “Città dei Papi” è famosa per la tradizione del trasporto della “Macchina di Santa Rosa”: il 3 settembre 100 facchini portano a spalla una statua illuminata della santa

patrona alta 30 metri, lungo le strade buie della città. L’estate viterbese, ricca di manifestazioni, culmina in giugno con “Caffeina”, che ha in programma una serie di eventi culturali nelle piazze della città. Viterbo è nota anche per le sue sorgenti termali, le cui benefiche acque sono apprezzate sin dai tempi dei Romani. Dopo una visita alle “Terme dei Papi”, percorrendo pochi metri, si può gustare un ottimo coniglio al ristorante “Felicetta”. Chi preferisse del pesce può recarsi a Marta, a 15 km da Viterbo: il paese affacciato sul lago di Bolsena, che in giugno ospiterà la sagra del lattarino, offre una serie di piacevoli ristorantini. E per smaltire il tutto? Una sosta a Bagnaia, dove “Villa Lante” e i suoi meravigliosi giardini con fontane e giochi d’acqua sono uno splendido esempio di residenza cinquecentesca. Più di così… VITERBO

65


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


INFIORATA DI GENZANO

di Sveva Guerreri

sagre

L’estate si annuncia nelle Tanti gli appuntamenti intorno a Roma. Vietato non concedersi almeno un weekend di sapori tipici li amanti dei percorsi enogastronomici potranno approfittare dell’inizio della stagione estiva per andare alla scoperta dei piccoli borghi e per immergersi nel folklore locale delle manifestazioni legate ai prodotti locali della terra e alla cultura popolare. Tanti gli appuntamenti per il mese di giugno nel Lazio. Eccone alcuni: presso la zona Villini (alle porte di Roma), il giorno 9 si inaugura la SAGRA DELLE SAGNE DI FARRO, dalle ore 13 iniziano invece le degustazioni accompagnate da bruschette, arrosticini di pecora e da un ottimo vino locale. A Valmontone (Roma), dal 14 al 16 giugno si terrà la FIERA DEGLI GNOCCHI A CODA DE SORECA, storico primo piatto tipico del territorio, dove si potranno assaggiare anche tanti altri prodotti locali. Tra il 27 e il 30 giugno, nel verde della campagna laziale, a Colle San Giovanni (Roma), si dà il via alla 33a SAGRA DELLA LUMACA, piatto antico e prelibato che sarà condito da musica, attività sportive

G

Sagre di paese e spettacoli vari. All’inizio della stagione estiva nel territorio viterbese, dal 14 al 16 giugno, verrà allestita (nella località di Grotte Santo Stefano) la 13a edizione della SAGRA DELLE FETTUCCINE, che propone tante diverse degustazioni di questo primo piatto tradizionale: al ragù, ai funghi porcini e al maiale. Ovviamente non mancheranno succulenti arrosti ed tanti altri piatti locali. Dal 28 giugno al 7 luglio 2013, presso gli impianti sportivi di Viterbo, si celebrerà la seconda SAGRA DELL’ACQUACOTTA, pietanza caratteristica della cucina della bassa Maremma. La sua storia deriva dal pranzo tipico dei butteri, che vivevano lunghi periodi in aperta campagna a seguito delle mandrie, e si cucinavano una zuppa povera, che cambia di zona in zona e al variare delle stagioni. Tra gli altri appuntamenti da evidenziare, si ricorda domenica 9 giugno a Pastena (Frosinone) la storica SAGRA DELLE CILIEGIE, un evento arrivato ormai alla sua 68a edizione. La cittadina, invasa da un mare di ciliegie, apre le

sue porte a numerosi turisti pronti a degustare il delizioso frutto. La festività viene abbinata ai festeggiamenti dedicati alla Madonna di Lourdes, venerata dagli abitanti nella “Chiesa delle Grotte”. All’interno della manifestazione è da non perdere la sfilata dei carri allegorici, realizzata da contrade diverse in competizione tra loro per la creazione del carro più bello. Ai lati della parata vengono distribuiti gratuitamente cestini di ciliegie a tutti i visitatori intervenuti, così che tutti possano deliziarsi con il gustoso frutto, intrattenuti anche da un allestimento musicale. Infine da non perdere, domenica 16 e lunedì 17 giugno, l’IINFIORATA DI GENZANO, un appuntamento storico del folklore laziale, che ogni anno da circa due secoli si svolge lungo la via principale della cittadina, che per l’occasione viene totalmente ricoperta da un meraviglioso tappeto floreale raffigurante opere d’arte famose. Un evento inoltre che permette ai turisti di assaporare le specialità tipiche genzanesi, particolarmente rinomate anche per i vini eccellenti.

67


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio trasparente el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la produzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamento Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

69


VG

visioni grafiche


salute e benessere

di Sveva Guerreri

Depurazione primavera/estate È il momento giusto per sottoporsi a pratiche di disintossicazione e rigenerazione inverno è alle spalle da un pezzo. Il corpo è quindi uscito da un lungo periodo caratterizzato dal freddo, dalla pioggia e dalla scarsità di luce: un tipo di clima che spinge a mangiare senza preoccupazioni e a muoversi con parsimonia. In inverno si preferisce infatti consumare prodotti più grassi che nel resto dell’anno (carne, insaccati, formaggi stagionati e molteplici tipi di carboidrati), uno stile alimentare figlio del patrimonio genetico: migliaia di anni fa occorreva garantirsi la sopravvivenza soprattutto nei periodi più freddi (grazie al processo della termogenesi, che consiste nella produzione di calore da parte dell’organismo). Stiamo vivendo un nuovo cambio di stagione. Spesso, durante i periodi come questo, il corpo risente delle tossine accumulate nei mesi precedenti. Per questo, cerca di eliminare tutte le scorie in eccesso con un processo interno di depurazione. Tuttavia un regime alimentare scorretto non permette al corpo di compiere compiutamente il proprio compito. L’eccessivo sforzo digestivo grava su diversi organi (fegato, reni e intestino), ed è così che iniziano a manifestarsi alcuni sintomi: eruzioni cutanee, forti cefalee, prolungata stanchezza, nervosismo, insonnia e nei casi più gravi una vera e propria intossicazione. La stagione appena passata, quella a cavallo tra inverno e primavera, sembra essere il periodo ottimale per i trattamenti depurativi: sia per eliminare quindi le tossine accumulate nel periodo invernale, che per preparare così l’organismo alle calde temperature del periodo estivo. Se però non ci si è dati da fare, ecco qualche consiglio per rimediare prima della piena estate. Innanzitutto non devono mancare dalla tavola alimenti vegetali proteici: i legumi, i semi e la frutta secca oleaginosa (mandorle, noci, nocciole, arachidi, tutti elementi ricchi di calcio, ferro, potassio, fosforo, magnesio e zinco). Si raccomandano inoltre i cereali quando sono integrali. Il pane è davvero sano quando è rea-

L’

CA R

DO lizzato con farina MA RI AN non raffinata e lieviO tato con pasta madre. Il cereale ideale per la depurazione di primavera è il riso, ma ottimo è anche il miglio; meno indicato è il grano, per il suo contenuto in glutine. La dieta alimentare deve essere costituita principalmente da frutta e verdura, ricche di flavonoidi (potenti antiossidanti, utili per garantire l’ottimale funzioCURC UMA namento di fegato, del sistema immunitario e dei capillari) e di carotenoidi (pieni di vitamina A, retinolo e B-carotene, quest’ultimi sono presenti nella zucca, nella carota, nell’anguria, nell’albicocca e nel melone). Esistono in natura diversi rimedi, che aiutano la disintossicazione del fegato, dei reni e della pelle, veri e propri trattamenti depurativi a base di Aloe Vera, acqua, fitoestratti e antiossidanti. Si consiglia con l’arrivo della bella stagione, anche l’assunzione del CARDO MARIANO, il suo estratto contiene alte quantità di silimarina, utilizzata per la terapia del danno tossico al fegato (indotto da alcol, cibi molecolarmente complessi e tossine ambientali). Anche la CURCUMA è stata usata per millenni come rimedio disintossicante del fegato. Da non dimenticare infine che una terapia depurativa prepara adeguatamente il nostro corpo alle prime esposizioni al sole, momento in cui viene stimolata la produzione di melanina, la proteina prodotta dai melanociti, che crea uno schermo naturale dell’epidermide contro i raggi nocivi del sole.

71


Dì Sì ALLA SALUTE DENTALE!

IMPIANTI E PROTESI DOPO 24 ORE Impianti post-estrattivi immediati e protesi fisse complete in 24-48 ore

ORTODONZIA INVISIBILE E GNATOLOGIA

Ortodonzia fissa estetica con allineatori “invisibili” e cura dei disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare

FINANZIAMENTI SU MISURA

costi sostenibili con finanziamenti su misura fino a 60 rate mensili a tasso zero*

APERTO TUTTO AGOSTO

+ SERVIZIO DI URGENZA ODONTOIATRICA sempre attivo il

*salvo approvazione alla richiesta di finanziamento

338.5412968

PRIMA VISITA+ORTOPANORAMICA+VALUTAZIONE SPECIALISTICA GRATUITI! fino al 31-12-2013

CASAL PALOCCO

CHIAMATA GRATUITA

Piazzale Filippo il Macedone, 89 – 00124 Roma Centro commerciale “Le Terrazze” - 2° piano

(Sopra il supermercato Carrefour)

Tel. 06.45436038 /6338

LIVIO GALLOTTINI E.U.R. PROF. Medico Chirurgo – Specialista in Odontostomatologia

Via Deserto di Gobi, 65 – 00144 Roma Tel. 06.52279482

info@liviogallottini.com www.liviogallottini.com Ordine Provinciale di Roma dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri - Albo Medici Chirurghi M 44688 Albo Odontoiatri O 03829 C.F. GLLLVI66L04H501J – P.I. 08299591001

Dottore di Ricerca in Discipline Odontostomatologiche - Professore Universitario di Ruolo

Direttore dei Livio Gallottini Studi Odontoiatrici®

CONVENZIONI DIRETTE CON ALCUNI TRA I MIGLIORI FONDI INTEGRATIVI SANITARI

BLUE ASSISTANCE - FASCHIM - FASDAC- FASI - FASI OPEN - NEW MED PREVIMEDICAL - PRONTO-CARE - UNISALUTE


di Gaetano Gaggiottino

scienze

Lampi gamma: meglio stare lontani i confini dell'Universo c’è un oggetto celeste, distante 13 miliardi di anni luce, che da tempo manda un lampo di luce della breve durata. Lo fa per alcuni minuti e poi sparisce nel nulla. Per trent’anni la comunità scientifica internazionale si è interrogata a vuoto su questo fenomeno. Oggi, grazie ad osservazioni di satelliti italiani, il mistero è stato parzialmente svelato: trattasi di “lampi gamma”, cioè immense esplosioni di energia. La loro origine risiede in violentissimi fenomeni astrofisici che avvengono in galassie distanti fino a miliardi di anni luce. Ed è un bene: se non fossimo a distanza dovuta, l’enorme quantità di energia rilasciata ci incenerirebbe all’istante!

A

Nautica ad Idrogeno

l prossimo Salone della Nautica a Genova sarà presentato, per la prima volta a livello mondiale, il progetto “Nautica ad Idrogeno”. Sviluppato

A

Petrolio alle Isole Tremiti e ne parla da anni. Ora però le trivelle si avvicinano alle Isole Tremiti per fare attività di prospezione petrosismica per la ricerca di idrocarburi in mare. La superficie interessata è un pezzo di circa 30.000 km² del nostro Mare Adriatico. Ovviamente la faccenda non è così semplice. Parliamo di autentiche perle del patrimonio paesaggistico e storico italiano. Francesco Tarantini, Presidente di Legambiente Puglia, ha infatti dichiarato: “È un progetto folle che ipoteca lo sviluppo futuro della nostra economia, fondata sull’uso sostenibile del mare”. Persino Lucio Dalla, grande appassionato delle Tremiti, si era schierato contro e aveva per questo tenuto un concerto di beneficienza.

S

con H2U (l’Università dell’idrogeno), l’Assessorato all’Ambiente della Regione Liguria ed Energethica, l’accordo prevede la realizzazione di una barca a vela ad idrogeno prodotto da fonti rinnovabili realizzate direttamente nei nostri porti.

Deserto di sale e litio in Bolivia

12.000 km² di cloruro di sodio: un paesaggio unico al mondo, fatto di bianco accecante sotto un cielo incredibilmente blu. Purtroppo, di recente, si è scoperto che ha potenzialmente una nuova prospettiva di sfruttamento economico delle risorse. Il deserto è infatti ricco di litio. Più precisamente, dire che è ricco è dire nulla: il 50% del litio esistente al

l Salar boliviano è il deserto di sale più grande al mondo. Parliamo di più di

I

Tartarughe nel Cilento nche se in via di estinzione, la tartaruga “caretta caretta”, la più comune nel mar Mediterraneo (da adulta è lunga tra gli 80 e i 140 cm e pesa tra i 100 e i 160 kg), sembra trovarsi bene sulle spiagge del Cilento, tanto da deporre le proprie uova presso alcune dune locali. Secondo quanto affermato dalla direttrice dell’acquario di Napoli, forse la progenitrice di queste tartarughe appartiene proprio a queste spiagge. La specie è minacciata dalla riduzione degli habitat di nidificazione, dalle reti a strascico, dall’inquinamento marino e da diversi altri sistemi di pesca.

A

mondo sarebbe concentrato nel Salar! Il litio, metallo di colore argento, è l’elemento chiave per lo sviluppo di batterie ricaricabili destinate alla mobilità elettrica. Presto un paesaggio tanto suggestivo diventerà probabilmente un ricordo.

73


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario Via Ferdinando Acton, 94/98 - Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

Attenzione! Rischio avvelenamenti anche in città: c’è chi lascia esche avvelenate al parco pubblico! bbene sì, il vostro cane, anche al parco pubblico sotto casa potrebbe leccare o ingerire sostanze tossiche preparate e appositamente lasciate sull’erba, sotto forma di polpette o esche avvelenate! La storia che vi voglio raccontare questa volta ha avuto un lieto fine ma sarebbe potuta finire in modo ben più drammatico se i suoi protagonisti fossero stati più distratti e meno fortunati. Poco tempo fa,

E

Anche un parco pubblico può essere pericoloso

una simpatica cagnetta meticcia di 12 anni, Nocciolina, si trovava in pieno giorno sul prato di un noto e frequentato parco del X Municipio (ex XIII): ignara di quello che sarebbe potuto accaderle, ha pensato di assaggiare una polpetta trovata sull’erba. Per sua fortuna, la padroncina attenta e scrupolosa, si è accorta del “pasto” fuori orario, oltre che del suo aspetto poco rassicurante (carne macinata frammista a granuli di colore verde smeraldo). Temendo giustamente il peggio, dopo aver raccolto e incartato ciò che era rimasto delle polpette, è corsa in ambulatorio per mostrarcelo e farci visitare il cane. Nocciolina al momento della visita stava ancora benissimo ma considerando il contenuto delle polpette, abbiamo attuato comunque la procedura d’urgenza: fleboclisi, gastro-protettore e induzione del vomito per eliminare subito tutto ciò che il cane aveva da poco ingerito.

Quello che accomuna l’ingestione di molte sostanze tossiche all’inizio, è la sintomatologia gastro-enterica: l’organismo reagisce spesso con il vomito e la diarrea tentando da solo di eliminare ciò che può essere irritante e comunque pericoloso, ma queste difese naturali non sempre sono efficaci e tempestive. Può capitare infatti che se le quantità ingerite sono minime oppure sono mescolate al cibo e lo stomaco non le riconosce subito come tossiche o irritanti, la sostanza in questione passi nell’intestino attraverso il piloro, venga assorbita e i suoi componenti chimici determinano la sintomatologia dell’avvelenamento, che sarà diversa a seconda del veleno. È per questo che, tranne quando si sospetta l’ingestione di corpi solidi appuntiti o taglienti come vetri o chiodi oppure di sostanze acide o

Nel caso di Nocciolina, il colore verde smeraldo e l’aspetto dei granuli presenti nelle polpette, ci ha fatto subito pensare ai preparati a base di Metaldeide, utilizzati in agricoltura come lumachicidi. Questa sostanza, una volta assimilata, interferisce con i mediatori chimici, abbassando la soglia di eccitabilità, nei molluschi come nei mammiferi: l’animale (o l’essere umano!) che la ingerisce inizia ad avere sintomi come ansia, midriasi, nistagmo (tipico nel gatto), tremori, spasmi muscolari, tachicardia, vomito e diarrea verdi dall’odore caratteristico; poi febbre, spasmi muscolari e convulsioni che precedono il coma e la morte per Carne e Metaldeide

Nocciolina

caustiche che possono lesionare la mucosa gastro-esofagea, è importantissimo indurre il vomito per eliminare dallo stomaco prima possibile la sostanza ingerita. A questo scopo basta far ingerire al cane del banale sale da cucina o acqua ossigenata. Controindicato invece è fargli bere il latte, perché questo potrebbe facilitare il passaggio del veleno nell’intestino e il suo assorbimento.

arresto cardio-respiratorio! Nocciolina si è salvata ma ogni anno migliaia di cani, gatti e animali selvatici muoiono a causa di esche avvelenate che vengono sparse ovunque, nei parchi, nei giardini e nelle strade, con il preciso scopo di uccidere gli animali. E cosa dire al solo pensiero che le stesse “esche invitanti” potrebbero finire tra le mani o nella bocca di un bambino? La denuncia contro ignoti, con tanto di certificazione e analisi ufficiale del contenuto della polpetta è stata fatta: servirà almeno ad aumentare i controlli?

75


www.13magazine.it Allegato a 13 Magazine

Fatti, Notizie, Curiosità e Approfondimenti per chi vive nel Municipio X di Sveva Guerreri

Differenziata ad Acilia. Quali le cifre reali? Il comitato di Quartiere Acilia Sud 2000 chiede sin dal periodo preelettorale la certificazione di un organo terzo

P

rima che terminasse il mandato, il Sindaco Alemanno è stato destinatario di una serie di domande da parte del Comitato di Quartiere Acilia Sud 2000. Il centro della questione riguardava una pubblicità preelettorale nella quale si asseriva che negli ultimi 5 anni la raccolta differenziata in zona fosse aumentata del 76%. Sono ormai anni che il Comitato di Quartiere Acilia Sud documenta gli inadempimenti dell’AMA, confutando spesso i dati numerici di raccolta differenziata dichiarati dalla stessa azienda municipale. Stando alle cifre comunicate, l’unico dato ufficiale che l’AMA fornisce sul suo

sito (Carta dei Servizi del 2003), riferisce una percentuale di raccolta differenziata del 14,11%. Successive dichiarazioni rilasciate dall’azienda riportano invece percentuali tra il 15% ed il 30%. Il problema è che finora tutto è autocertificato e senza possibilità di riscontri e controlli oggettivi. Il Comitato Di Quartiere di Acilia, effettuando proprie ricerche, è per esempio giunto a tutt’altre conclusioni: stando ai dati in suo possesso, il quantitativo della differenziata nel proprio quartiere varierebbe tra il 6,25% ed il 12,5%. Dunque ha chiesto alla stampa e ai Consiglieri comunali di rendersi portavoce presso il Sindaco, affinché venga

istituito un ente terzo che possa certificare il livello di efficienza dei servizi offerti dall’AMA, dimostrando così l’effettivo tasso di raccolta differenziata effettuata. Infine - ma siamo al libro dei sogni - tale ente dovrebbe garantire la reale percentuale di materiale destinato al riciclo.

Riceviamo e pubblichiamo la mail di un nostro affezionato lettore

A

bito a Dragoncello (X ex XIII) da sei anni. Ci sono strade che finiscono nel-

lo splendido nulla della campagna romana. Un quartiere che non può vantare nemmeno

Baubeach: al via la stagione 2013

una piazzetta con un ufficio postale. C’è un parco bellissimo e abbandonato a se stesso,

Un’alternativa per chi non ha voglia di separarsi, nemmeno in spiaggia, dal proprio amico a 4 zampe

dove la moda criminale di rubare i tombini

Nella località laziale di Maccarese sorge da 16 anni BAUBEACH, la prima spiaggia libera per cani. La struttura ha riaperto la nuova stagione lo scorso 25 Aprile. Anche quest’anno sarà possibile per i soci usufruire tutti i giorni di innumerevoli iniziative. L’Associazione inoltre proporrà un ampio ventaglio di proposte sportive. Tra queste: “Yoga & Bau armonia”, il primo corso di Yoga della storia in compagnia del proprio cane e “Bau loving the sea”, ovvero la socializzazione in acqua con il cane e la propedeutica per il salvataggio in acqua. Tra le recenti iniziative, si trova anche l’originale corso “BAUskipper” (corso di vela con cane a bordo, oltre che per bambini e adulti in gruppo). Inoltre gli iscritti potranno fare uso di un’area ristoro bio, di un’area Beauty per cani ed infine di un’area Sport. All’ingresso i soci avranno a disposizione un kit dedicato (ciotolina, snack, bustine igieniche e assistenza e copertura assicurativa all’interno della struttura).

ai “caduti del nazismo”. Saracinesche chiu-

di ghisa si è sostituita all’altrettanto inquietante furto della targa marmorea dedicata se causa gli esosi affitti degli enti. Strade ridotte un colabrodo. Altro che GP F1: qui al massimo si può fare un evento di rally. L’unico ufficio pubblico, il collocamento, è stato spostato ad Ostia. Degrado, sporcizia ed emarginazione caratterizzano i ponti pedonali che attraversano Via A. Ruspoli. Ora l’erba alta nasconde a tratti l’incuria umana. Il castello dei giochi per bambini finalmente è caduto all’ultimo assalto di un quartiere che avrebbe potuto essere un modello e come al solito è stato abbandonato a se stesso. Per colpa di tutti noi che lo abbiamo lasciato andare senza mai opporci o lamentarci. Emiliano Albanese

INVIATE COMUNICATI E SEGNALAZIONI A: redazioneinterno13@gmail.com


di Sveva Guerreri

X

News

Giugno 2013

Acquerelli in libertà

Casali abbandonati trasformati in inceneritori

Iniziata lo scorso 5 maggio, è durata 10 giorni la retrospettiva collettiva di artisti del Laboratorio d’Arte Ieva. 10 giorni per ammirare le opere del gruppo di lavoro di Rosanna Riccardi, insegnante di tecniche di disegno ed acquerello, illustratrice, guida insostituibile a cui hanno affidato il loro estro Carla Raffaelli, Caterina Piec, Fabio Galli, Fatima Choudhary, Federica Lauria, Giada Gargano, Giulia Pasquinelli, Guido Cavaliere, Ivano Ioannucci, Lidia Di Ottavio, Marisa Guastella, Mariella Savani, Maura Tamarri, Maurizio Valeri, Patrizia Ruscio e Rita Vitetta. Il laboratorio, attivo da circa vent’anni, tiene corsi annuali che iniziano ad ottobre e finiscono a giugno. Rosanna Riccardi lo anima praticamente da sempre, lavorando molto sul progredire delle metodologie di insegnamento (il fine è di ottenere risultati notevoli in tempi brevi). La prima mostra del Laboratorio Ieva si è tenuta quest’anno a Roma, in via dei Coronari 101. A luglio partiranno i corsi estivi. Sarà possibile provare 10 incontri e poi inserirsi ad ottobre. Lo scopo è animare un gruppo, fare aggregazione, dare sfogo alla propria voglia di creatività. I risultati saranno visibili alla prossima mostra.

Rifiuti dati alle fiamme: la campagna di Ostia Antica è una bomba ecologica

per il Laboratorio d’Arte Ieva

Scuola dell’infanzia: discriminate le famiglie di Ostia Antica-Saline Una circolare del Ministero complica la vita alle famiglie della zona La segnalazione è di Giovanni Zannola, Segretario PD di Ostia Antica. Tutto parte dal caso di Ludovica, una bambina di Ostia Antica la cui iscrizione presso la scuola dell’infanzia statale “Marco Ulpio Traiano” di Dragona è stata respinta. Nella graduatoria provvisoria dell’anno scolastico 2013/2014, la bambina è risultata 65ª in riserva, nonostante abbia un fratello frequentante lo stesso istituto. Questo perché il consiglio di istituto ha individuato le priorità di accesso alla struttura in base al bacino di appartenenza (una zona delimitata da via Paschini, via Grassi, viale Ruspoli, via Patrasso, via dei Romagnoli, via della Macchiarella, via di Bagnoletto). Il punto è che il quadrante di Ostia AnticaSaline non ha una scuola materna, dunque le domande provenienti dalla zona sono tutte “fuori bacino di utenza”. I genitori di Ludovica hanno presentato ricorso al consiglio d’istituto, ma non è stato accolto in virtù delle linee guida del Ministero dell’Istruzione. Zannola chiede all’Istituto comprensivo “Marco Ulpio Traiano” di far valere l’autonomia che anche il Ministero gli riconosce, rivedendo i parametri per l’assegnazione dei posti.

Quintali di calcinacci, materassi, pneumatici e altri materiali inquinanti e pericolosi. Molto spesso dati alle fiamme senza alcun controllo. È lo spettacolo di inciviltà cui spesso assistono i residenti della campagna di Ostia Antica, area che lentamente si sta trasformando in una bomba ecologica. Le foto si riferiscono ad un rudere di via del Macchione Rotondo, ma è una situazione comune a tutti i vecchi manufatti agricoli. Nel territorio di Roma ne esistono oltre diecimila, sparsi su 52mila ettari di campagna. Un vasto patrimonio in lento degrado che, opportunamente riconvertito, potrebbe rappresentare una grande risorsa. Manca un attendibile censimento di casali, fienili, silos, stalle, granai, ruderi e appezzamenti presenti nel X Municipio. Uno strumento che sarebbe utile per farne case da affittare in equocanone e, soprattutto, per rilanciare l’agricoltura, l’eco-turismo e gli sport all’aria aperta.

Filippo Crocé Cavaliere del Commercio Primo agente immobiliare ad essere insignito in Campidoglio del titolo Lo scorso 25 marzo, Filippo Crocé, titolare dell’agenzia Quadrifoglio Immobiliare di Ostia e dirigente ANAMA, è stato insignito del titolo di Cavaliere del Commercio. Nell’ambito della serata, svoltasi in Campidoglio, il Sindaco di Roma, Gianni Alemanno, e l’Assessore alle Attività Produttive, Davide Bordoni, hanno riconosciuto il valore, le capacità e la professionalità di 35 nuovi Cavalieri del Commercio. A loro, per evocare la centralità del commercio romano, è andata la scultura bronzea ricoperta d’argento che rappresenta la colonna del Foro Traiano. Da quando è stato istituito il riconoscimento, Crocé è il primo agente immobiliare ad esserne insignito. Il neo Cavaliere ha dichiarato di “voler condividere il riconoscimento con tutti i colleghi agenti immobiliari, a prescindere dall’appartenenza alle varie associazioni, per affermare un primato di categoria ed un riconoscimento alla figura del mediatore immobiliare“. La presidenza ANAMA ha formulato le più vive congratulazioni a Filippo Crocé, confermando la stima e l’ammirazione verso un dirigente che ha saputo dare merito all’intera categoria.

77


78

X

News

Giugno 2013

È arrivata l’estate: al via la seconda edizione di “Cancelli Village” Partita il 1° giugno, la manifestazione ha già visto svolgersi (sab. 8 e dom. 9) il primo torneo di Footvolley “Coppa Roma” in collaborazione con AFP Italia

D

al 1° Giugno al 31 Agosto 2013, presso la splendida Spiaggia di Castel Porziano, si terrà la seconda edizione di “Cancelli Village”: una kermesse che prevede anche quest’anno tantissimi appuntamenti sportivi e musicali. Pratita con RomaFootVolley, il primo torneo di footvolley “Coppa di Roma”, la manifestazione ha già visto scontrarsi le migliori squadre del panorama italiano contro una selezione di formazioni nazionali (Spagna, Portogallo, Francia, Germania, Italia). Oltre al divertimento, Cancelli Village offre la possibilità di godere della più estesa spiaggia libera d’Europa, quella di Castel Porziano, situata tra Ostia e Torvajanica, si estende per ben 2 km di tenuta presidenziale donata da Saragat al popolo italiano nel 1965. Una spiaggia dal sapore e dal cuore popolare che è da sempre punto di riferimento per gli abitanti della Capitale. L’edizione 2013 ha in serbo tante novità. Prevista un’ampia scelta di attività sportive: dallo zumba alla capoeira, dai tornei di beach volley a quelli di beach tennis (c’è un’area

fitness e quattro campi sportivi dedicati). Senza dimenticare che anche i più piccoli potranno trovare speciali animazioni all’interno dell’area bimbo. Tra le novità anche l’esclusiva piscina dove degustare fresche bibite divertendosi godendo il sole immersi nel totale relax. Dalle prime ore del mattino sino alla notte, speciali contest, musica e aperitivi saranno il fil rouge dei weekend presso Cancelli Village. Importanti anche le novità tecnologiche: il braccialetto My Tag (un nuovo sistema di pagamento in-

tegrato basato sulla tecnologia RFID - radio frequency identification e Wifi) è prenotabile attraverso il portale www.castelporziano.com. Attraverso My Tag sarà possibile prenotare servizi ed effettuare pagamenti, rendendo tutto molto più semplice ed evitando di portarsi dietro il portafogli e snellendo le lunghe file alla casse. La manifestazione ha il patrocinio di Regione Lazio, Provincia di Roma e Roma Capitale. Cancelli Village offre aggiornamenti sulle sue attività grazie alla pagina Facebook Cancelli Resort Castel Porziano e all’account Twitter @CancelliResort.

Choreographic Team Festival Un evento unico sul territorio

L

o scorso 19 maggio si è svolta nella struttura dell’Eschilo 2 Dancing la terza edizione del Festival del Ballo di Gruppo. Otto scuole di ballo di Roma e più di 600 spettatori sono accorsi per vedere e prendere parte in prima persona ad un divertentissimo spettacolo. Giuliana Rapone, l’organizzatrice, ci racconta: “È una manifestazione che cresce nel numero e nell’organizzazione ogni anno di più, e che permette agli appassionati della danza di esprimersi in libertà senza distinzioni di sesso o di età”. Lo spettacolo è iniziato alle 15 ed è durato tutto il pomeriggio. In pista si sono alternate le esibizioni di ballo sincronizzato e ballo coreografico. Le coreografie di gara sono state intervallate da coinvolgenti momenti di balli di gruppo. Tra i balli originali e i coloratissimi vestiti, i padroni di casa hanno saputo tener testa alla dura competizione. Antonietta, allieva della Dreamland ci dice: “Qui si respira un bel clima e c’è molta partecipazione, di questo si deve dare il merito alla nostra maestra Giuliana che ha avuto l’idea di creare una tale manifestazione che serve oltre che per muoversi anche per socializzare”. La scuola si è esibita con il Cha cha cha, per i balli sincronizzati, e con la Rumba per i coreografici. “Questa giornata è stata un motivo di vanto per noi e per il nostro territorio essendo questa l’unica manifestazione del genere sul litorale!” afferma con fierezza Giuliana Rapone.


X

News

Giugno 2013

79

Italia-Croazia: 8ª edizione, un grande successo Venerdì 19 e sabato 20 aprile il calcio giovanile del litorale ha vissuto il sapore della sfida europea

V

enerdì 19 e sabato 20 aprile il Centro Sportivo dell’A.S. Ostiamare ha vissuto una gradevole parentesi di calcio europeo. Sui campi dell’Associazione Sportiva si sono svolte infatti le partite del torneo Italia-Croazia, appuntamento ormai irrinunciabile della primavera sportiva lidense. Giunta alla sua ottava edizione, la kermesse di calcio giovanile ha visto impegnate ben sei scuole calcio: quattro del litorale e due croate. Hanno dunque preso parte al torneo i padroni di casa (l’A.S. Ostiamare), la Totti Soccer School, la Fiumicino Calcio 1926, la A.S.D. CVN Casal Bernocchi, la NK “Omladinac” Vranjic e la NK Ponikve Zagreb. La formula è stata quella consolidata: un primo giorno a gironi e un secondo giorno ad eliminazione. Il torneo Italia-Croazia, organizzato grazie al costante lavoro della Sig.ra Vesna Pilic, Presidente dell’Associazione Cultura e Sport, è ormai diventato qualcosa di più che un semplice evento sportivo. Negli anni, centinaia di bambini croati e centinaia di bambini italiani hanno vissuto, per la prima volta nella vita, l’emozione dell’incontro di livello continentale e del sano agonismo sportivo. La lezione, il battesimo con la diversità e al tempo stesso con la comune identità europea, è di quelle che non si dimenticano. Perché nel tempo, così come sono cambiate le generazioni di giovani calciatori, sono anche cambiate le realtà nazionali (dal 1° luglio Zagabria sarà la capitale del 28° stato fruitore della moneta unica). D’altra parte l’attenzione delle istituzioni su questa piccola ma signifi-

cativa realtà non è affatto mancata. L’anno scorso presenziò all’inaugurazione Tomislav Vidoševi, Ambasciatore a Roma della Repubblica di Croazia. Quest’anno al Torneo non è mancato il sostegno dell’Assessorato alle Attività Produttive, Lavoro Litorale e della Commissione Politiche Sociali del Comune di Roma. «Ho un debito di riconoscimento profondo con tutti quelli che hanno permesso che il torneo arrivasse alla sua ottava edizione» dichiara la Sig. ra Vesna Pilic. E conclude: «Ringrazio dunque l’Onorevole Davide Bordoni e l’Onorevole Tredicine per il continuo interessamento e l’aiuto sostanziale. Allo stesso tempo ringrazio coloro che hanno dato con grande generosità tutto l’apporto che potevano: i Centri Diagnostici e di Medicina Preventiva Marilab, l’Assessorato allo Sport e al Turismo del XIII Municipio, i media locali (Canale 10, il Giornale di Ostia e

13 Magazine)». Il Torneo è stato disputato da due categorie: “pulcini” ed “esordienti”, bambini nati nel 2003 e ragazzi nati nel 2000. Per la categoria “esordienti” si è qualificata al primo posto la squadra dell’A.S. Ostiamare. Secondo posto all’NK “Omladinac” Vranjic e terzo posto all’A.S.D. Casal Bernocchi. Per la categoria “pulcini”, primo posto per l’NK Ponikve di Zagabria, secondo posto per l’A.S. Ostiamare e terzo posto per la Totti Soccer School. Una medaglia e un ricordo è andato a tutti i bambini che hanno partecipato.

Tempo di bilanci per il Giulio Verne Scherma Un anno a raccogliere i frutti delle glorie olimpiche: tante le soddisfazioni, i piazzamenti, i piccoli campioni da crescere. Ora ci vuole solo costanza…

T

empo di bilanci per il Giulio Verne Scherma che chiude la stagione agonistica 2012-13 con risultati eccellenti. L’anno post-olimpico è sempre quello che dà maggiori soddisfazioni per le sale d’armi: la scherma si dimostra ancora una volta uno sport che affascina il pubblico televisivo e la vetrina delle medaglie olimpiche è sempre un ottimo traino per il movimento schermistico. Più di cento iscritti, soprattutto bambini, hanno frequentato il sodalizio dell’EurTorrino, un vero record che testimonia l’ottimo lavoro degli istruttori coordinati da Maria Pia Bulgherini. Tra i ragazzi, Davide Di Veroli, oltre ad aver vinto tutte le gare di qualificazione nazionale, si conferma per il secondo anno consecutivo il vice-campione italiano e campione regionale di fioretto categoria giovanissimi. Nella categoria allievi Joshua Bifolco è il nuovo campione regionale di fioretto ed ha fatto parte con Lorenzo Marzano della rappresentativa della regione Lazio al Campionato Italiano per regioni; selezionata anche Lucrezia Grimaldi nella spada nella squadra femminile che si è aggiudicata la competizione.


VG

visioni grafiche


X

News

Ottimo risultato anche per le competizioni a squadre: il fioretto femminile ha mantenuto la permanenza nella B1, la spada femminile in C1. Ottimo risultato della spada maschile che conquista una storica promozione in B2 (Salvatore Viola, Francesco Bocci, Francesco Leoni, Riccardo Mastroianni). Tutto questo è avvenuto dopo che a maggio si è chiusa la PlayHall di Riccione, la settimana di gare di scherma che hanno assegnato i 24 titoli italiani giovanili nelle tre specialità: fioretto, sciabola e spada. Nel dettaglio, Davide Di Veroli si è aggiudicato l’argento nella categoria giovanissimi del fioretto. Il mancino del Torrino, che aveva vinto tutte le gare quest’anno in calendario, non è riuscito a prevalere solo su Alessio Di Tommaso del Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo che ha prevalso nell’assalto finale, con il punteggio di 10-8. Miglior risultato femminile Lucrezia Grimaldi 18a nel fioretto femminile allieve. Prima ancora, a fine aprile, si sono disputati ad Ancona anche i campionati assoluti a squadre. Qui il Giulio Verne ha confermato la permanenza in B1 di Fioretto Femminile con il 9° posto (Fabiola Spano, Marina Musci, Carolina Cianni, Irene Zucchi) e in C1 di spada femminile con il 7° posto (Fabiola Spano, Marina Musci, Lavinia Carracino, Matilde Forni). La squadra maschile di spada, piazzandosi 4a (Salvatore Viola, Francesco Bocci, Francesco Leoni, Riccardo Mastroianni), ha ottenuto la promozione dalla B2 alla B1 prevalendo nell’assalto che valeva il passaggio alla categoria superiore con il Pentamodena per 45 a 39. Infine, domenica 26 maggio, presso l’impianto di Navacchio (Pisa) si è disputato il Trofeo delle Regioni di Scherma giovanile che conclude la stagione schermistica 2012-2013. La squadra delle ragazze del Lazio (Gambino Flaminia e Bellucci Sara della Lazio Scherma Ariccia, Puglia Serena, Palumbo Maria Chiara e Monjoux Caroline del Frascati Scherma, Pappone Arianna del Centro Scherma Latina, Arpino Giulia del Club Scherma Roma, Forastieri Cecilia delle Fiamme Oro Roma e Grimaldi Lucrezia della Giulio Verne Scherma) ha vinto la competizione imbattuta, dimostrando una netta superiorità in tutti gli assalti disputati, regolando di seguito negli incontri di qualificazione l’Umbria per 60 a 27 e le Marche per 60 a 28, poi la Puglia nei quarti per 60 a 33, in semifinale la Lombardia per 60 a 40 ed in finale il Piemonte per 60 a 46. La squadra maschile (Joshua Bifolco e Lorenzo Marzano della Giulio Verne Scherma, Alberto Polverosi e Giacomo Mignuzzi della Lazio Scherma Ariccia, Marronaro Emanuele del Frascati Scherma, Bufarini Giorgio dell’Olympia Scherma, Cristiani Muzio del Club Scherma Formia, Molluso Marco dello Scherma Ostia e  Bellucci Gabriele delle Fiamme Oro Roma) dopo un ottimo girone di qualificazione in cui avevano vinto con le Marche per 60 a 48 e perduto di sole due stoccate con il Piemonte (60 a 58), hanno fallito l’assalto in semifinale cedendo alla Toscana dopo un tiratissimo incontro per 60 a 56, chiudendo al 5° posto.

Giugno 2013

81

informazione redazionale

La Cucineria: coccolati meglio che a casa!

N

ovità di primavera presso “La Cucineria”. Il locale ha infatti cambiato look, cercando di creare un ambiente caldo e familiare, nel quale i clienti potranno sentirsi a casa loro. Ne abbiamo parlato Luca Alicicco, responsabile della comunicazione… A cosa puntate Luca? Desideriamo che tutti i clienti possano trascorrere qualche ora da noi, mangiando bene e sentendosi a proprio agio, come a casa loro. Abbiamo dunque investito sia negli arredi esterni che interni. Il vostro punto di forza? Menu, servizio e soprattutto la location. Michele Aprile, proprietario anche di altri 6 ristoranti in tutta Roma, è sempre attento al Menu. Da maggio, oltre alla pizzeria con forno a legna e alla nostra cucina romana (rivisitata dallo Chef), ha inserito uno sfizioso menu di pesce. Stefano Sain, il nostro Direttore, con la sua ultra ventennale esperienza “accoglie e coccola” i clienti. Inoltre siamo all’interno del Centro Commerciale Colombia, studiato e realizzato su una vasta area verde. Prima, durante e dopo i pasti, i nostri clienti possono passeggiare e far giocare i propri bambini. A tal proposito, abbiamo appena realizzato con tutti gli altri negozianti un nuovo parco giochi accessibile e illuminato anche la sera. Quali gli obiettivi del locale? Diventare punto di riferimento del quartiere e di un’utenza che arrivi a Roma e Ostia. Vogliamo distinguerci dal solito locale di ristorazione con un bel format e un buon menu. Da noi il cliente trova situazioni ambientali ed enogastronomiche sempre nuove. Ad oggi offriamo un’ottima pizzeria con forno a legna, antipasti sfiziosi e deliziosi, una cucina romana rivisitata e arricchita dai nostri chef, un ricco e fantasioso menu di pesce. Il tutto corredato da un menu di vini e di birre che stiamo selezionando. E le novità non finiscono qui… Certo, ci sarà un “angolo” enogastronomico in cui si potranno acquistare e degustare prodotti da noi selezionati. In estate ci saranno serate con musica dal vivo, cene a tema, corsi di cucina e di enologia. Da noi è possibile comprare anche gli oggetti di design che arredano il locale (lampade, poltrone, tavoli, ecc...). Quando siete aperti? A cena tutti i giorni d’estate, a pranzo solo la domenica. Siamo organizzati per ospitare meeting aziendali sia a cena che a pranzo. Da noi non esiste problema di parcheggio e si possono proiettare sia filmati che slide. Disponibili per colazioni, merende, pranzi e cene. Il cliente deve potersi identificare con “La Cucineria”, sentirsi a proprio agio, mangiare, bere, leggere, stare in compagnia e coccolati dal nostro personale. INFO: LA CUCINERIA - Via Giambattista Bassani, 3A Infernetto - Centro Commerciale Colombia Tel. 06.50 91 09 72 - www.lacucineria.eu


www.13immobiliare.it

Allegato a 13 Magazine

Mensile gratuito di annunci immobiliari · Anno 3 · N. 25 · Giugno 2013

VENDITA da pag. 85

E

ACILIA.............................................. pag. 83 caltagirone.................................. pag. 83

C

CASALPALOCCO.............................. pag. 83 CENTRO.......................................... pag. 83 centro giano............................... pag. 84

I

DRAGONA........................................ pag. 84 EUR................................................. pag. 84 INFERNETTO.................................... pag. 84

D

MAcchia palocco......................... pag. 84 MADONNETTA................................. pag. 84 OSTIA.............................................. pag. 84

N

portuense.................................... pag. 84

AFFITTO da pag. 87

I

acilia............................................. pag. 85 dragona........................................ pag. 85 INFERNETTO.................................... pag. 85 OSTIA.............................................. pag. 85

COMMERCIALE da pag. 85

VENDITA ACILIA QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Acilia bepi romagnoni Rifinitissimo luminoso soggiorno all’americana 2 grandi camere cucina abitabile 2 servizi 4 armadi a muro soppalco balcone terrazzino abitabile posto auto coperto cantina A.C.E.: G Tel. 06 5601944 ACILIA Via Fabiano Landi Splendido Piano terra con giardino in villa trifamiliare 70 mq. salone con cucina arredata a vista ampia camera matrimoniale cameretta servizio ripostiglio 250 mq. di giardino A.C.E.: G € 250.000 Tel. 338 3653070 335 7368937 acilia App.to 70 mq. 1° piano di villa totalmente ristrutturato con pregio e indipendente salone angolo cottura e servizio cameretta camera matrimoniale con servizio privato e cab armadio no condominio 2 balconi e terrazzo con patio A.C.E.: G € 205.000 Tel. 340 7621253 ACILIA via Domenico Morelli Recente costruzione ottimo stato

2 piano 80 mq. salone ang.cottura 2 camere servizio terrazzo possibilità box auto A.C.E.: G € 230.000 Tel. 339 1005072

CASALPALOCCO

ACILIA via Bocchi Quarto ed

Magno Villa quadrifamiliare

ultimo piano salone cucina abitabile 2 grandi camere 2 servizi

genesi IMM.RE CASALPALOCCO Via Alessandro capofila 2 livelli ampio giardino e patio Ristrutturata A.C.E.: C

dei quali uno con areatore balco-

€ 605.000 Tel. 06 89160248 -

ne abitabile in salone ascensore

339 7264822

cantina posto auto coperto in garage A.C.E.: G € 219.000 Trat-

CASALPALOCCO Centro Unità

tabili Tel. 335 6472854

indipendente su 2 livelli in villino al piano rialzato ingresso

Acilia Appartamento in grazioso

salone doppio studio 2 camere

comprensorio Piano terra entrata

cucina abit. 3 servizi terrazzo

indipendente. interni 65 mq. sa-

al seminterrato sala hobby ri-

loncino camera cameretta cucina

scald. centralizzato giardino di

servizio ingresso esterni 80 mq.

500 mq. box doppio A.C.E.: C €

2 giardini veranda abitabile box

790.000 Tel. 334 9916169

cantina posto auto A.C.E.: G € 210.000 Tel. 388 3787413

CAltagirone

CENTRO QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Via San

CALTAGIRONE via Paolo Stoppa

Lucio Attico panoramicissimo vi-

App.to bilocale 55 mq. 2° piano

sta Cupola San Pietro triplo in-

panoramicissimo

esposizione

gresso salone con camino 3 ca-

ovest con terrazzo angolare 33

mere cameretta tripli servizi

mq. soggiorno camera cucina ba-

cucina abitabile terrazzi box

gno box auto A.C.E.: G € 265.000

A.C.E.: G prezzo su richiesta

Tel. 06 52440900 347 3323327

Tel. 06 5601944


84

Immobiliare

Giugno 2013

Infernetto - App.to VIA ALeSSAnDro MAGno e 605.000 Porzione di quadrifamiliare trilivello 160 mq. giardino angolare di 380 mq. ristrutturata A.C.E.: D

genesi IMM.RE INFERNETTO Bocenago Villa nuova completamente sbancata con grande salone cucina abitabile 5 camere 3 servizi giardino. A.C.E.: C € 480.000 Tel. 06 89160248 - 339 7264822

genesi IMM.RE INFERcamillo immobiliare NETTO Villa unifamiliare di Macchia Palocco Vilprestigio nuova costruzione mq. laggioVerdeRoma Complesso 460 con giardino privato di 600 residenziale ecosostenibile corso mq. A.C.E.: B Trattative riservate Tel. 06 89160248 - 339 costruzione villini indipendenti 2 livelli fuori terra salone 4 vani 7264822 pluriservizi patio giardino parQUADRIFOGLIO Immobi- cheggio A.C.E.: A da € 348.000 liare Rovere Infernet- mutuabili permute Tel. 06 547900 to Via Bedollo In quadrifamilia- www.camilloimmobiliare.it

QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere balduina Via Romeo Rodriguez pereira Nuda proprietà ingresso salone doppio 3 camere cucina 2 servizi ripostiglio armadi a muro balcone cantina 2 posti auto A.C.E.: G Tel. 06 5601944

Dragona centro Ultime disponibilità Villini porzioni angolari di mq. 150 interni ampi giardini e portici strutturati su 3 liv. e composti da soggiorno zona cottura 3 camere tripli servizi mansarda e sala hobby ottime rifiniture predisposizione camino A.C.E.: G € 290.000 Tel. 349 4281347

CENTRO bilocale Via delle Fornaci A 200 mt da S.Pietro mq. 70 Piano rialzato ingresso 2 ampie camere servizio cucina abitabile soffitta doppia esp. su via privata - possibilità posto auto - ottima anche uso professionale A.C.E.: G € 385.000 solo privati wapiti.gs@tiscali.it

eur

MAcchia palocco

camillo immobiliare Eur Fonte Laurentina Via Pia Nalli In contesto signorile proponiamo 3 piano salone 3 camere cucina abitabile doppi servizi entrambi con finestra terrazzo box auto e cantina A.C.E.: D € 369.000 mutuabili permute Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it

camillo immobiliare Macchia Palocco VillaggioVerdeRoma Complesso residenziale ecosostenibile in costruzione villini indipendenti su 2 livelli salone 3 camere servizi patio giardino parcheggio A.C.E.: A da € 298.000 mutuabili permute Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it

CENTRO bilocale via montebello 4 piano senza ascensore disposto su 2 livelli con piano superiore mansardato 84 mq. EUR CENTRO v.le Aeronautica A.C.E.: G € 420.000 Tel. 328 Adiac. metro 3° piano ingresso 8126656 salone doppio 3 camere + cameretta cucina doppi servizi veranda balconi tripla esposizione box cantina A.C.E.: G € 700.000 Tel. CENTRO GIANO Villini in corso di 347 7711253 costruzione mq. 140 su 3 livelli + portici e giardini mq. 200 ampio posto auto disponibili 2 ville caposchiera + una villa centrale genesi IMM.RE INFERsi valutano permute con terreni NETTO Villa in quadrifamiedificabili A.C.E.: Esente Tel. 347 liare bioedilizia soggiorno angolo 6003017 cottura camera servizio grande

CENTRO GIano

INFERNETTO

dragona camillo immobiliare Dragoncello ad. Romagnoli Appartamento salone 3 camere cucina abitabile 2 servizi terrazzo cantina 2 posti auto in garage A.C.E.: G € 225.000 mutuabilissimi permute Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it

patio locale mansardato hobby e lavanderia Box auto A.C.E.: A € 269.000 NO COMMISSIONI Tel. 06 89160248 - 339 7264822

residenziale ecosostenibile pronta consegna appartamenti soggiorno angolo cottura camera servizio patio giardino o terrazzo A.C.E.: A da € 165.000 ultime disponibilità mutuabili possibilità box Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it

re mq. 160 circa su 3 livelli con giardino di 120 mq. circa.Ottime condizioni interne A.C.E.: F Tel. 06 5601944

camillo immobiliare Macchia Palocco VillaggioVerdeRoma Complesso residenziale ecosostenibile prossima consegna villini indipendenti rifinitissimi trilivelli salone 4 vani pluriservizi patio giardino parcheggio A.C.E.: A da € 349.000 mutuabili permute Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it camillo immobiliare Macchia Palocco VillaggioVerdeRoma Complesso residenziale ecosostenibile prossima consegna ville indipendenti su 3 livelli 198 mq. con annesso locale accessorio patio giardino parcheggio A.C.E.: A da € 377.000 Tel. 06 547900 www. camilloimmobiliare.it

genesi IMM.RE INFERNETTO Il Villino quadrifamiliare 3 livelli soggiorno sala da pranzo cucina 2 camere da letto doppio servizio balcone patio giardino privato camillo immobiliare angolare A.C.E.: G €. 450.000 Tel. Macchia Palocco Vil06 89160248 - 339 7264822 laggioVerdeRoma Complesso

MADONNETTA genesi IMM.RE MADONNETTA Villa bifamiliare in cortina su 3 livelli 2 saloni cucina 4 camere servizi ampi patii giardino 400 mq. A.C.E. in attesa di cert. € 570.000 Tel. 06 89160248 - 339 7264822 MADONNETTA Appartamento in splendide condizioni composto di soggiorno cucina in muratura a vista camera cameretta doppi servizi terrazzo 15 mq. soppalco posto auto A.C.E.: G € 265.000 Tel. 339 3328499 MADONNETTA via padre vitale Villino indipendente 3 livelli recente costruzione composto da salone cucina 3 servizi e camere letto cameretta sala hobby con camino garage terrazzo porticato mq. 195 giardino mq. 150 A.C.E.: G € 475.000 Tel. 335 6856024 MADONNETTA P. terra rialzato composto da ingresso salone cucinotto con finestra camera da letto con cabina armadio bagno con finestra 2 giardini 65 mq. pannelli solari ristrutturato arredato posto auto coperto A.C.E.: F € 220.000 Tel. 329 8418587

OSTIA genesi IMM.RE STAGNI DI OSTIA Villa unifamiliare 160 mq. moderna nuova costruzione completamente fuori terra piscina privata Impiantistica ecologia

A.C.E.: A € 390.000 Tel. 06 89160248 - 339 7264822 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Ostia fiamme gialle Delizioso 2° piano completamente ristrutturato rifinitissimo luminoso soggiorno angolo cottura camera servizio soppalco A.C.E.: G Tel. 06 5601849 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Ostia viale paolo orlando Delizioso ristrutturato Ingresso soggiorno cucina a vista camera cameretta 2 servizi soppalco cantina A.C.E.: G Tel. 06 5601944 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere ostia nel cuore del centro storico Prestigioso Attico vista mare in elegante palazzina con ascensore grande salone di rappresentanza stanza padronale con servizio privato 2 camere con servizio cucina tinello lavanderia terrazzo a livello e box auto A.C.E.: G Tel. 06 5601849 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere promontori Rifinito luminoso Villino indipendente 3 livelli + mansarda grande cantina giardino mq.150 ca. posto auto A.C.E.: F Tel. 06 5601849 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere costanzo casana ampia metratura secondo piano ingresso salone 2 camere cameretta cucina tinello 2 servizi ripostiglio 2 balconi A.C.E.: G Tel. 06 5601944 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere OSTIA levante mare Quinto ed ultimo piano ampio ingresso soggiorno 2 camere stanza da bagno con vasca idromassaggio cucina abitabile studio ripostiglio armadio a muro grande soppalco balcone terrazzino vista mare posto bici e moto termoautonomo A.C.E.: G Tel. 06 5601849

portuense camillo immobiliare Portuense Monti del-


Immobiliare le Capre Palazzina in cortina ingresso soggiorno 2 camere cucina abitabile servizio e 2 balconi A.C.E.: G € 235.000 mutuabilissimi permute Tel. 06 547900 www.camilloimmobiliare.it PORTUENSE Muratella cen-

ACILIA Nuova Appartamento completamente ristrutturato e arredato (esclusa la cameretta) composto da soggiorno con cucina a vista camera cameretta servizio climatizzato 2 balconi cantina e posto auto A.C.E.: G € 900,00 Tel. 339 3328499

tro Altamira App.to 85 mq. cucina salone 2 camere 2 servizi terrazzo 40 mq. con affaccio parco condominiale e box auto inclusi arredi nuovi climatizzato riscaldamento autonomo ottime

ACILIA via Amedeo Bocchi App. to panoramico ottimo stato salone 2 camere cucina servizi balconato cantina p. auto A.C.E.: G € 800,00 Tel. 06 5110704

condizioni A.C.E.: G € 320.000 Tel. 334 6252534

AFFITTO acilia ACILIA appartamento ammobiliato perfette condiz. 48 mq. 1° Piano con piccolo ingresso soggiorno cucinotto a vista camera

ACILIA Prato Cornelio App. to su 2 liv. I e II piano camera letto bagno + bagno di servizio ripost. ampio soggiorno con cucina a giorno parz. te arredato con balcone termoaut. no posto auto A.C.E.: G € 800,00 Tel. 334 7503852

dragona

Giugno 2013

tore parquet per single o coppie max 2 persone solo con busta paga A.C.E.: B € 700,00 Trattabile Tel. 335 491298

OSTIA QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere ostia promontori Completamente ristrutturato 2° piano ampio ingresso salone doppio camera cameretta doppi servizi 2 balconi affittasi solo referenziati A.C.E.: G Tel. 06 5601849

matrimoniale grande parquet e

DRAGONA App.to bilocale nuovo bagno con vasca cantina risc aut. rifinitissimo affitto arredato 38 contratto 4+4 A.C.E.: G € 700,00 mq. balcone termoautonomo lavatrice lavastoviglie condizionaTel. 338 8378649 333 4645976

Accreditata società immobiliare ricerca immobili di prestigio in tutta Italia per la sua clientela Russa Si garantisce serietà e tutela giuridica

INFERNETTO genesi IMM.RE INFERNETTO AFFITTO Ville stile casale trilivello ampie metrature con giardino nuove costruzioni 2 ingressi indipendenti ottime per 2 famiglie A.C.E.: C a partire da €. 1.300,00 Tel. 06 89160248 - 339 7264822

QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Ostia Piola caselli Ingresso soggiorno

Tel. +39 06.89160248 camera cucina servizio armadio a muro balcone affittasi arredato uso transitorio o 4 anni + 4 A.C.E.: G Tel. 06 5601849 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere Ostia mar rosso Affittasi solo referenziati in bel complesso con servizio di portineria 3° piano ristrutturato luminoso (esposizione est/ sud) ingresso salone 2 ampie camere cucina abitabile 2 servizi ripostiglio 2 terrazzi posto auto scoperto cantina di 18mq ca A.C.E.: G € 1.100,00 Tel. 06 5601944

OSTIA Via Poggio di Venaco App.to 60 mq. + terrazzo 15 mq. 2 camere con cucina abitabile servizio ingresso acqua calda caldaia a gas no arredata tranne cucina cedolare secca A.C.E.: G € 750,00 mensili + condominio Tel. 328 8036232

Vendita-affitto

commerciale acilia ACILIA Via Amedeo Bocchi Ufficio arredato 2 posti lavoro molto luminoso servizio facilità di par-

Abbiamo ribassato tutti i prezzi... questo è il momento di comprare

Via Salorno (c/o uff. vendite Parco di Plinio) - Tel. 06.89160248 - Cell. 339.7264822

AFFITTI

EuR TRE PINI Appartamento 55 mq. arredato A.C.E.: G e 750,00 INFERNETTO - VIA CAVARENO Prestigiosa villa con piscina. Su 3 livelli 160 mq. con 250 mq. di giardino A.C.E.: F e 1.550,00 INFERNETTO - PARCHI DELLA COLOMBO Appartamento 60 mq. A.C.E.: B e 800,00 INFERNETTO - “I PARCHI DELLA COLOMBO” Villa ai Parchi dellaColombo, 140 mq., salone doppio, cucina abitabile, 2 camere, 2 bagni, ripostigli e soppalchi, patio, ampio giardino. A.C.E.: C e 385.000

INFERNETTO - VILLA VIA DE gIOSA Proponiamo villa su più livelli di mq. 165, composta da salone, 2 cucine, 3 camere, 4 bagni, patio giardino A.C.E.: B

e 350.000

INFERNETTO - VIA MONguELFO Villa 3 livelli 160 mq. A.C.E.: B e 1.300,00 INFERNETTO - VIA MERANO Villa prestigiosa 260 mq. A.C.E.: C e 2.400,00 possibilità di affitto con riscatto

MACCHIA PALOCCO - VILLE Ville bifamiliari prestigiose su 2 livelli, ampia metratura, box, giardino fronte - retro A.C.E.: C

www.genesimmobiliare.com

e 360.000 NO COMMISIONI D’AgENZIA e-mail:

85

INFERNETTO In comprensorio con piscina appartamento mq. 60 salone angolo cottura 2 camere bagno terrazzo + posto auto A.C.E.: A

e 228.000

INFERNETTO - APPARTAMENTO Delizioso appartamento di mq. 75 al piano terra rialzato, composto da salone, cucina, doppi servizi, 2 camere da letto, patio di 35 mq., giardino angolare 320 mq. L’appartamento è ristrutturato Ottima posizione A.C.E.: C e 267.000

genesi.immobiliare@gmail.com


Immobiliare cheggio € 550,00 Tel. 347

di 8 mq. A.C.E.: G Tel. 06 5601849

per

informazioni

Tel.

cantieri

centro

genesi IMM.RE GESTIONE QUADRIFOGLIO Immobi-

CANTIERI In questo mo-

liare Rovere QUARTIE-

mento di grave crisi generale ed

RE MONTI Centralissimo via

in particolar modo dell’edilizia e

baccina Locale commerciale

di tutto il suo indotto vorremmo

C/1 ristrutturato e soppalcato Tel. proporvi un valido supporto nelle

INSERZIONI A PAGAMENTO 333 8626296 349 6538907

vendite in cantiere Contattateci

06 5601944

ostia

PRIVATI: Inserisci il tuo annuncio GRATIS

QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere ostia U. sacchetto Vendesi Locale commerciale varie metrature Tel. 06 5601944 QUADRIFOGLIO Immobiliare Rovere ostia via Claudio Proponiamo in locazione locale commerciale con una vetrina ristrutturato così composto livello strada 40mq sottonegozio di 16 mq. ca. + altra stanza

Invialo via e-mail: 13imm@visioni-grafiche.it o via Fax: 06 88540120 (max 25 parole compreso numero telefonico) Gli annunci per i privati sono gratuiti ma non saranno accettati più annunci con lo stesso numero telefonico. Pubblicando l’annuncio su 13 Immobiliare l’annuncio sarà visibile anche on-line sul sito www.13immobiliare.it

Info: 06 88540120 Sfoglia 13 Immobiliare on-line sul sito www.13immobiliare.it L’editore Visioni Grafiche srl, si riserva il diritto di modificare, rifiutare o sospendere una inserzione a proprio insindacabile giudizio. L’editore non risponde di eventuali errori di stampa, ritardi o danni causati dalla non pubblicazione di inserzioni per qualsiasi motivo. Gli inserzionisti dovranno rifondere all’Editore ogni spesa da esso eventualmente sostenuta a causa di dichiarazioni, violazione di diritti o altri elementi contenuti negli annunci. Visioni Grafiche srl offre solo un servizio, non riceve percentuali o compensi sulle compravendite in oggetto, non è perciò responsabile della qualità, provenienza o veridicità delle inserzioni. È vietata la riproduzione, anche parziale, di questa copia di giornale.

Affiliato: CI.ESSE IMMOBILIARE S.r.l. Responsabile: Filippo Croce’ Piazza G. della Rovere 18/A Ostia Lido (Rm) Tel. 06 5601849 Fax: 06 56320501 dellarovere@quadrifoglioimmobiliare.com Ostia

Ostia

Ostia

vIALE dELLA pInEtA Signorile 4° piano attico vista mare doppio ingresso salone tre camere 2 servizi studio cucina tinello ripostiglio spogliatoio ampio terrazzo a livello A.C.E.: G tel. 06 5601489

pAOLO ORLAndO proponiamo la vendita di un piano rialzato rifinitissimo con materiali di pregio composto da salone all’americana con cucina a vista, camera matrimoniale, cameretta, 2 bagni (uno con vasca l’altro con doccia) soppalco armadio a muro cantina A.C.E.: G tel. 06 5601944

vIA COStAnzO CASAnA 2° piano ampia metratura Ingresso salone 2 camere cameretta cucina tinello 2 servizi ripostiglio 2 balconi A.C.E.: G tel. 06 5601944

Ostia

06

89160248 - 339 7264822

2515402

vIALE dEI pROMOntORI Rifinito e luminoso villino indipendente su 3 liv. + mansarda giardino mq.150 ca. cantina posto auto A.C.E.: F tel. 06 56019849

87

Giugno 2013

CERCHI LAVORO? CHIAMA AL NUMERO 065601849 Infernetto

vIA BEdOLLO villino trilivelli ristrutturato ottima esposizione di 160mq ca. con 120mq ca. di giardino. Ottime condizioni interne. A.C.E.: G tel. 06 5601944

Acilia In complesso tranquillo 3° piano luminoso (esposizione est/ovest) completamente ristrutturato Soggiorno all’americana cucina abitabile 2 grandi camere 2 servizi 4 armadi a muro soppalco balcone terrazzo cantina posto auto coperto A.C.E. G tel. 06 5601849

Fiumicino

Ostia

Roma Centro

Centralissimi disponiamo di 2 Appartamenti posti al piano Rialzato composti da: Ingresso camera cucina servizio ripostiglio A.C.E.: G tel. 06 5601849

vIA CELLI In palazzina d’epoca del 1860 con ascensore proponiamo la vendita di 1 appartamento al 1° piano sul rialzato con doppia esposizione così composto: ingresso soggiorno 2 camere cucina servizio e 3 balconi A.C.E.: G tel. 06 5601944

vIA SAn LuCIO Attico panoramicissimo vista cupola San pietro triplo ingresso salone con camino 3 camere cameretta tripli servizi cucina abitabile terrazzi box prezzo su richiesta A.C.E.: G tel. 06 5601944


VG

visioni grafiche


informazione redazionale

Villaggio Verde: nuove tecnologie per un futuro a misura d’uomo o scorso mese abbiamo visto alcune caratteristiche del VillaggioVerdeRoma, il nuovo complesso edilizio nel cuore del 10° Municipio (ex 13°). In particolare ci siamo soffermati sulle caratteristiche dei pannelli fotovoltaici e sui moderni sistemi di riscaldamento/condizionamento. L’articolo, ancora consultabile sul sito www.13magazine.it (n.115 13 Magazine, pagina 55), sottolineava le notevoli prestazioni e i grandi risparmi del sistema. Ma il quadro non è ancora chiaro se non si capisce che tipo di tecnologia i costruttori hanno utilizzato per dare caratteristiche di assoluto pregio agli appartamenti e ai villini del Villaggio Verde.

L

All’interno di questo discorso, LA TECNOLOGIA DEGLI INVERTER DELL’IMPIANTO FOTOVOLTAICO È UN PUNTO FONDAMENTALE. Tradizionalmente i pannelli fotovoltaici sono collegati in serie attraverso un inverter di grandi dimensioni che converte la corrente continua (CC) generata dai pannelli fotovoltaici in corrente alternata (CA) per la connessione alla rete, quella cioè a 220 V normalmente utilizzata nelle abitazioni. I moduli solari infatti trasformano la luce del sole in elettricità a CC che, per essere connessa alla rete, deve essere convertita in CA. Gli inverter rappresentano un componente importante nel settore del fotovoltaico e gli sviluppi apportati alla tecnologia degli inverter negli ultimi tempi hanno contribuito alla progettazione di sistemi di ottimizzazione e supporto alla rete energetica sempre più ottimizzati ed efficienti a livello residenziale. Ma il VillaggioVerdeRoma è andato oltre.

Tra le tendenze di mercato in forte sviluppo vi sono infatti quelle dei microinverter, sempre più diffusi a livello globale. La tecnologia dei microinverter, piuttosto nuova, è particolarmente interessante e si caratterizza per l’enorme potenziale di sviluppo per il mercato del fotovoltaico. A differenza degli inverter centrali, i m i c r o i n ve r t e r s o n o f i s s a t i a c i a s c u n modulo (alcuni microinverter sono collegati a un modulo singolo, altri a due moduli) e operano la conversione della corrente, da continua in alternata, direttamente sul tetto, senza che sia necessario un inverter centrale. In poche parole il cablaggio ad alta tensione viene eliminato: la conversione da CC a CA avviene in ogni modulo solare e non vi è rischio di formazione di archi elettrici. L’energia prodotta da ogni combinazione di modulo e microinverter agisce quindi come un generatore di energia CA a 220V autonomo ed indipendente dal resto del sistema. La potenza sopportabile dai microinverter è dimensionata in base a quella tipica del pannello. CARATTERISTICHE E VANTAGGI DEI MICROINVERTER La tecnologia dei microinverter presenta diversi vantaggi. Le differenze principali fra un microinverter e un tradizionale inverter per applicazioni fotovoltaiche consistono nelle dimensioni, relativa potenza e nell’impiego. Rispetto agli inverter tradizionali l’eliminazione della rete in CC garantisce prima di tutto una semplicità di progett az ione e installa-

zione. Inoltre viene monitorata in continuazione l’efficienza del singolo pannello, che ha una resa ottimale in ogni condizione climatica. Nel caso dei sistemi con inverter tradizionali con pannelli solari connessi in serie, quando un qualunque modulo è in ombra, l’ “effetto domino” riduce le prestazioni dell’intero sistema solare. Nel caso dei microinverter i problemi sono se mai limitati al solo modulo in ombra. In caso di guasti è possibile individuare il modulo coinvolto e ripararlo, senza che si debba intervenire su tutto il sistema. I microinverter garantiscono una maggiore sicurezza, permettono infatti di eliminare l’alta tensione CC dai tetti, riducendo il rischio per gli installatori di sistemi e per i vigili del fuoco in caso di incendio dell’edificio. L’efficienza iniziale inferiore dei microinverter è compensata dall’aumento di raccolta energetica e dal minor costo per watt prodotto, oltretutto gli inverter durano per tutto il ciclo di vita dell’impianto. Il possibile monitoraggio (tramite componente aggiuntivo) dell’impianto può indicare qualsiasi variazione rispetto alle prestazioni ottimali e allertano immediatamente i proprietari e gli installatori, rendendo così possibili interventi rapidi e una pronta risoluzione delle problematiche e dell’efficienza produttiva. Ma le parole in alcuni casi sono troppe. Venite a scoprire le meraviglie del Villaggio Verde (www.villaggioverderoma.it) direttamente presso il cantiere. Scoprirete che le case del futuro sono già nel presente e lo sono a prezzi di mercato molto vantaggiosi. L’ingresso è a via Corrado Cagli 57, traversa di via Giuseppe Molteni.

89


di Lucia Bianco (inviate le vostre ricette a luciabianco@hotmail.it)

budget e ricette

Un ricordo dalla Toscana e una torta deliziosa Un secondo e un dolce nel segno della golosità a Toscana! La Toscana non assomiglia a niente altro che alla Toscana, non ci sono termini di paragone. Lasci Roma, il caos, il traffico e, dopo circa un’ora, magia! Sulla strada sei quasi solo,

L

Fagioli al fiasco Ingredienti I • 300 gr di fagioli • Olio evo • Salvia • Rosmarino • Aglio

“fagioli al fiasco” devono essere i “fagioli del papa”. Vanno messi a bagno la sera. La mattina dopo si fanno bollire da soli, quando sono cotti si scolano. In un tegame mettete olio buono, salvia, rosmarino e aglio in camicia, fate dorare e togliete gli odori. Aggiungete ora i fagioli ben scolati, sale e pepe. Fate insaporire per soli 5 o 6 minuti e servite. Poi ne parliamo…

niente case una sull’altra, solo verde, verde, verde in tutte le sue tonalità. I piccoli centri medievali toscani, spesso costruiti di pietra dorata, sono abitati da gente gentilissima e, spesso, nascondono meraviglioso cibo. Veniamo dunque ai piatti di questo mese. Vi propongo due ricette che, tanto per cambiare, non c’entrano niente l’una con l’altra. Una è curiosità, gusto e stupore; l’altra, piccola piccola, è l’ultimo sapore regalato dalla cuoca di un minuscolo ristorante toscano nel quale sono finita per caso: solo perché era l’unico del paese. Si è rivelata una sorpresa meravigliosa. Post Scriptum. A dire il vero, con tutti i signori piatti che abbiamo gustato, quasi mi sento in colpa a proporvi questo piccolo e povero contorno. Il fatto è che il mistero è fitto: come fanno i fagioli ad entrare e ad uscire dal fiasco? Semplice, basta non metterceli. Ecco cosa succede oggi nell’intimo della cucina…

Chiffon Cake l nome fa molto scena ma non perdiamoci d’animo. Prima di iniziare preriscaldate il forno a 160°. Setacciate in una ciotola capiente la farina, il lievito e il sale. Aggiungete l’olio, i 6 tuorli, l’acqua e una scorza di limone. Amalgamate tutto con uno sbattitore elettrico fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Ora montate a neve fermissima i 6 albumi con il cremor tartaro. Aggiungete gli albumi al composto incorporandoli lentamente sino a quando l’impasto non formerà delle bolle. Ver• 280 gr di farina sate l’impasto ottenuto nello stampo • 300 gr di zucchero a velo

I

Ingredienti

non imburrato della chiffon cake (è uno stampo particolare che assomiglia ad un grosso stampo da ciambellone). Infornate a 160° per 50 minuti, poi alzate il forno a 175° per altri 10 minuti. Noterete che la torta crescerà moltissimo. A fine cottura fatela raffreddare capovolta lasciandola nello stampo, io la appoggio su un imbuto rovesciato. Quando la torta sarà fredda scivolerà da sola fuori dallo stampo. Buon divertimento!

(potete frullare lo zucchero semolato per ottenere quello a velo) • 6 uova grandi • 190 ml di acqua • 120 gr di olio di semi • 1 bustina di lievito • 8 gr di cremor tartaro (si compra in farmacia, è un sale acido che ha proprietà lievitanti naturali) • 1 pizzico di sale • 1 buccia grattugiata di limone • zucchero a velo a spolvero • Stampo da Chiffon Cake

91


La Cucineria è tradizione & innovazione

familiare & raffinato per momenti sereni

ma festosi!

s Via Giambattista Bassani, 3A 00124 Roma LocalitĂ  Infernetto Centro Commerciale Colombia A 200 mt da Via Cristoforo Colombo &


MA

SAPONA RA

VIA CRIST

VIA G

LOCCO VIA DI M. PA

MADONNETTA V.

DI

DARO

E .D

CA

SAL

VIA FO

V I A W OL

L O T TI

F FERRA RI

13 INFERNETTO 14

PAL

CASAL PALOCCO

1

L

V.BAZZINI

V.O.GHIGLIA

IN VIA P

VIA CRISTOFORO COLOMBO

ACCHIA

VIA A.

OCCO

9 VIA U. GIORDANO

S S O DR

VIA CANALE DELLA LING UA

NO

AGONC ELLO

RE

A S TEL

V I A DI C SAN

VIA C. PASSERO

OSTIA

SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di

8

FU

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

VIA D

CAVALCAVIA NUOVO

MAHARAJAH 2

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

L

V. AZZORRE

SCHE

FRA T.

A A C. ZUGNA

A SCAF A DELL

ISOLA SACRA

TE

OSTIA STELLA POLARE

TO VIA DELL'AEROPOR A VIA DELLA SCAF

CA

COLOMBO

2

ORI EI PESCAT

DI

EDIP

UGLIA

VIA

VIA R

VIA PO NA

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA 6

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

V. COLLETTORE PRIMARIO

VIA DI SAPONARA

DRAGONA

VIA OSTIENSE

12

VIA DEL MARE

VIA DI M

V.PRASSILLA

R A TO VIA DI P

3

VIA DEI ROMAGNOLI

5

TI

AXA

NTINI EO

9 Sidra Libre 10 Antichi sapori 11 Antichi sapori pizza 12 Di Carlo Cafè 13 Fragole e peperoncino 14 La Cucineria

T V IA O . F A

8

VIA DEI

APONA RA

VIA DI S

NI BO

LEGENDA

P.ZZA ESCHILO

ACILIA

LI GO

1 Eschilo 2 Dancing 2 Il Miglio Verde 3 Sushissimi 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Hosteria dai Dragoni 6 Il Frantoio 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Maharajah 2

VIA L

VIA DI ACILIA

V. G.CARPINE

AXA MALAFEDE

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

CELLO RAGON

7

VIA MOLAIOLI

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

4

DRAGONCELLO V. DI D

TENUTA DEL PRESIDENTE

CASALBERNOCCHI

V. IN

ORT VIA P

VIA DI MALAFE DE

VIA D. PURIFIC ATO

A

VIA DEL MARE

AN IOR GG

VIA ARZANA

V.ALBARETO

SPINACETO

10 11 CALTAGIRONE

ORC INA

DI

LLE CASE BA DE SS E VIA

O

VIA VITINIA SAR SI N A V. S. A RC. D I ROM AGNA

DI GIA NO

ACILIA NORD

M M IN

V. P

ETTO

OCA

VIA

VI A

A S AL

EZZ

CORNELI O

VIA C

CENTRO GIANO

DI M

.SA NT O

VIA

PINETA DI CASTEL

alta qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.

ZONA

AXA

93


VG

visioni grafiche


MagnaRoma HOSTERIA DAI DRAGONI SPECIALITÀ > BISTECCHERIA - CUCINA TIPICA ROMANA Nel cuore di Dragona, la tradizione e la sapienza culinaria si sono fuse per dar vita ad un’originale hosteria dove la cortesia e la buona cucina sono di casa! A conduzione familiare, il locale vanta specialità tipicamente romane annoverando un menù di bisteccheria ricco di pregiate carni nazionali, danesi, scozzesi, irlandesi, argentine. Per gli amanti dei primi piatti, da non perdere gli intramontabili: carbonara, cacio e pepe o amatriciana. Per chi vuole usufruire del servizio a portar via e a domicilio il locale offre prenotazioni sulla cucina espressa. D al lune dì a l venerdì (sol o a pranzo) ottimi menù fissi a pa rti re d a € 8, 00 oppure, in alternativa, menù c ompleti da € 11,00! Il venerdì e il sabato pesce fresco.

INDIRIZZO Via Renato Massa, 9/9A TEL. 06.45493057 SITO INTERNET www.hosteriadaidragoni.com CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 40 interni/40 esterni SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Domenica sera APERTO Pranzo/Cena BABY PARKING

5

ZONA

DRAGONA

4

95


MagnaRoma

INDIRIZZO Via di Piana Bella, 30 (traversa di

Via di Castel Fusano) TELEFONO 338.9953162 CARTE DI CREDITO Sì (no American Express) SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì RIPOSO SETTIMANALE Mercoledì APERTO Cena (aperto a pranzo domenica e festivi)

ZONA

2

OSTIA ANTICA

3

96

IL MIGLIO VERDE

SIDRA LIBRE

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE - PIZZA Immerso nella rigogliosa campagna di Ostia Antica, all’interno di un antico casale, questo locale ha la capacità di trasportare i suoi ospiti in una dimensione così tranquilla e familiare da dimenticare lo stress ed il caos cittadino. Il menù offre prevalentemente piatti a base di carne di rilevante qualità. Ottime le varie tipologie di tagliata e gli sfiziosi antipasti “casarecci” con formaggi, salumi e verdure, accompagnati da una croccante focaccia. Ottima anche la gustosa pizza.

SPECIALITÀ > CUCINA SPAGNOLA Questo delizioso locale nasce con la filosofia di far conoscere lo spirito, lo stile e i sapori della tipica cucina spagnola che i proprietari hanno appreso con passione nella Terra del Sol. Fatevi inebriare il palato con squisite pietanze: pollo “asado” a la sidra, papas arrugadas con mojo verde y rojo, zarzuela, paella de pescado y marisco, paella mista, callo, cocido madrileno; inoltre postres (dolci tipici), pinchos e tapas, il tutto da assaporare sorseggiando un bicchiere di sidra... INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 72 TELEFONO 349.4724031 - 06.94537097 SITO INTERNET www.sidralibre.com CARTE DI CREDITO Sì PREZZO MEDIO 15/25 € SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì NUMERO POSTI 35 RIPOSO Lunedì APERTO Cena (Sab. e dom. anche Pranzo) Possibilità menu a prezzo fisso Take Away - Pranzi e Cene Aziendali Feste Private - Eventi Sportivi - Free Wi-Fi Offerte settimanali

9

ZONA

INFERNETTO


MagnaRoma

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

PANE AR PANE VINO AR VINO

ESCHILO 2 DANCING

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA

RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

NUOVO MENÙ SI ORGANIZZANO

EVENTI E BANCHETTI INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo in parquet di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

7

ZONA

MALAFEDE

1

ZONA

NUOVA PALOCCO

6

97


oroscopo di giugno

MINA (25/3/1940)

GABRIELE MUCCINO (20/5/1967)

KYLIE MINOGUE (28/5/1968)

ROBIN WILLIAMS 21/7/1951)

CHARLIZE THERON (7/8/1975)

HUGH GRANT (9/9/1960)

98

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Qualche frizione con gli amici o in famiglia potrebbe presentarsi. Mercurio in Cancro, assai dispettoso, riceverà il sostegno di Venere per buona parte di giugno. Dalla vostra parte ci sono il Sole e Giove (che però saranno in Cancro a fine mese) e Marte in Gemelli. Queste combinazioni potrebbero rendervi irruenti e impazienti.

La famiglia sarà il fulcro delle tensioni e dei momenti piacevoli. Mercurio, dispettoso nel Cancro per tutto giugno, riceverà il supporto di Venere che sarà nello stesso segno per parecchio tempo. Dalla vostra parte ci sono Giove e Sole. Preparatevi a continui alti e bassi che affronterete con grinta e fortuna.

MICHAEL DOUGLAS (25/9/1944)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

Per ciò che concerne la famiglia, Mercurio in Cancro annuncia un mese piuttosto sereno. Da fine giugno Giove sarà nuovamente vostro alleato. Intendiamoci: Saturno è contro ma parecchie energie astrali lavorano a favore. La vita sociale avrà il vento in poppa e voi vorrete conoscere e viaggiare. Risulterete simpatici e brillanti.

Mese che scorre liscio in famiglia: Mercurio in Cancro e, da fine mese, Giove alleato significheranno grande voglia di benessere e divertimento. Saturno appesantisce un po’ il vostro umore, ma con il ritorno del sole tornerà anche l’ottimismo. Vita sociale piena di gioie. Ottimo periodo per viaggiare ma anche per studiare e imparare.

DEMI MOORE (11/11/1962)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Atmosfera frizzantina per il prossimo giugno. Giove sarà nel vostro segno quasi fino al termine del mese. Anche Sole e Marte daranno il loro contributo per farvi vivere un periodo ricco di soddisfazioni. Avrete molte energie: voglia di fare e di disfare, di cambiare e di darvi da fare per migliorare quello che non funziona.

Qualche tensione in ambito familiare renderà giugno un periodo controverso. Sarete impulsivi. Marte e Giove sono contrari in Gemelli e potrebbero esasperare i nervosismi e le insoddisfazioni. Da fine mese Giove però la smetterà di farvi i dispetti. Non solo: anche Venere diventerà vostra alleata e darà un tocco di piccante all’atmosfera.

BRAD PITT (18/12/1963)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Mercurio in Cancro per tutto il mese sarà garanzia di divertimento, nuove amicizie e vita familiare serena. Da fine giugno avrete poi Giove nel vostro segno. Attenzione: l’estate sarà davvero esplosiva! La vita sociale sarà effervescente, avrete una gran voglia di viaggiare, di conoscere, di godervi la vita.

Giugno non sarà un mese riposante. Mercurio, dispettoso nel Cancro, riceverà il sostegno di Venere. Purtroppo a fine mese anche Sole e Giove saranno nella stessa posizione, annunciando nervosismo con gli amici e in famiglia. Dalla vostra parte avrete però Saturno e Plutone. Significa che i problemi si supereranno.

MARGHERITA BUY (15/1/1962)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Fino alla fine del mese, Giove in Gemelli sarà accompagnato da Marte nella stessa posizione. Sarete dunque energici, grintosi, vogliosi. Dunque sarà un periodo favorevole. Non dimenticate però di moderarvi, di stemperare gli impeti vendicativi (specialmente in caso di prepotenze altrui). Un’estate di piaceri vi aspetta…

Fino alla fine del mese Giove in Gemelli sarà accompagnato da Marte. Ciò significa che avrete voglia di fare tantissime cose, di andare alla ricerca di novità, di darvi da fare. La disposizione degli astri favorisce l’entusiasmo, la carica, la grinta. Attenzione ad essere troppo irruenti verso fine mese.

VALENTINO ROSSI (16/2/1979)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Mercurio in Cancro sarà dalla vostra parte per tutto il mese di giugno! Ciò significa spazio per il divertimento, serenità in famiglia, nuove amicizie. Attenzione però all’aspetto oppositivo di Marte: potrebbe rendervi puntigliosi ed esasperare le tensioni. Da fine mese sarà dalla vostra parte anche Giove. Rilassatevi!

Marte, contrario nel segno dei Gemelli, potrebbe rendervi petulanti e puntigliosi in famiglia. Esistono però anche buone notizie. Avrete davvero molti pianeti a favore. Su tutti, Mercurio per tutto il mese e Venere per buona parte. Dal 26 giugno Giove poi la smetterà di farvi i dispetti. Potrete chiarirvi con gli altri.

SHARON STONE (10/3/1958)


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 12 路 n. 116 - GIUGNO 2013 路 www.13magazine.it


13 Magazine N. 116