Issuu on Google+

Profumo di buono.

BUONO SCONTO 100% Vieni a trovarci, in regalo per te la nostra PROMOTION CARD valida per un trattamento Gratis. Ti aspettiamo.

Il buono è utilizzabile, previo appuntamento, nei giorni di martedì e mercoledì del mese di maggio. Prenotazioni solo in sede.

&

Trattamenti viso/corpo donna/uomo n Skin diagnostic n Estetica di base con particolare cura nei dettagli n Doccia emozionale Cromoterapia n Radiofrequenza Pressoterapia n Luce Pulsata Massoterapia medica n Massaggi anche a 4 mani n Hammam Siamo aperti da lunedì a sabato dalle 09:30 alle 18:30 e la domenica su prenotazione dalle 09:00 alle 13:00

www.somawell.it

C E N T R O

A X A

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine · Anno 11 · n. 104 - maggio 2012 · www.13magazine.it

Il giusto senso.


VG

visioni grafiche


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) Doc (Torrino - Via Fosso Torrino) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino

Via Portuense) Carrefour (Ostia - Staz. Lido C.) Carrefour (Acilia - Via C. Beschi) Carrefour (Dragona - Via Criminali) Carrefour (Dragoncello Via O. Fattiboni) Carrefour (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) Carrefour (Fiumicino Via Angonio Angeloni) Carrefour (Infernetto Viale Castel Porziano) Carrefour (Infernetto Via Antonio Angeloni) Carrefour (Infernetto - Via Boezi) Carrefour IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) SIMPLY SMA MARKET (Acilia-V. di Saponara) STELAC CASTORO (Ostia

Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) ACILIA - MADONNETTA CASAL BERNOCCHI Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell

Bar Domino Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante La Romanina Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Slot House Europa Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Tru Trussardi Twinky CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo Quelli dell’Albero Azzurro St. Odont. Podda & Sorci DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Ocy & Stè Bar Phelipe Bar Pinco Pallino C.I.M. Costruzioni Di Carlo Cafè Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Euro Caffè Gelateria in via degli Astri

Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Lops Queen’s Club Roma Ristorante Dal Pannocchia Romus Re Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Torrino Sporting Center Vasian FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Casa di riposo Villa Faieta Gran Caffè Conti Oasi Arredo Stile Tabacchi Fumi e Profumi INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico

5


sabato

5

Lezioni Dimostrative di “Cake Design”

Dalle ore 16.00

COMETA ADV

Un prato fiorito è il tema di questo nuovo appuntamento per accogliere la primavera. In collaborazione con “Dolci tentazioni decorate”.

sabato

Set Game

12

Dalle ore 11.00 prove libere Dalle ore 16.00 alle ore 19.00 gara

Console multimediali ti permetteranno di sfidare il tuo avversario a Formula 1! Inizia ad accelerare!

Le fiabe dell’albero parlante

Dalle ore 17.00

Una fata e un folletto ti aspettano in un bosco incantato per raccontarti tante magiche favole. Per tutti i partecipanti una piacevole sorpresa presso la Libreria del Centro Commerciale.

sabato 5 domenica 6 sabato 12 domenica 13 sabato 19 domenica 20 sabato 26 domenica 27

via Mario

Mille storie italiane Mille storie per ridere Mille storie magiche Mille storie di mare

Rigamonti, 100 EUR

(Tintoretto)


Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni Ristorante Il Frantoio OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends

Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Snai Vancleef OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo

Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky SPINACETO TOR DE CENCI Bar Tabacchi Europa VITINIA - CALTAGIRONE VILLAGGIO AZZURRO Bar Caltagirone Edilmarmi Idrotermica Sanitaria La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante West Coast Slot House Europa Slot House Europa Tabaccheria Pirfo

I nostri partners Pag. 58

Abitare Oggi

56

Irkam

92

Ago & Filo

92

J’Adore

78

Analisi D.M.Q.S.

86

Legno+Ingegno

82

Andromeda e Villa Faieta

52

Lilù

42

Arma Game

63

Lops

29

Assithermo

22

Mangano

96

Axa bike

4

Marinauto

14

Babel

16

Michelessi

66

Bali England

26

Million Bay

12

Biclim

50

Miss Cake

41

Borghi Factory

64

Mix Auto Service

92

Brico Acilia

48

Mobili al centimetro

35

Bruna Man and Woman

46

Money & Gold

62

Calandrelli Group

18

Officine Interni

92

Caseificio Zi Teresa

38

Oggetti smarriti

70

Centro Commerciale 2000

115

OP Mad Officine Pubblicitarie

32

Centro Commerciale Colombia

93

Ottica Baroni

101

CIM Costruzioni

85

Paola Sgrò estetica e make-up

94

Cirillo autocarrozzeria

60

Parchi della Colombo area comm.

24

Climart

20-52

Patio antico (Il)

1

Compro Oro

92

Petite Maison (La)

8

Conauto

39

Playlife

2

Crisalide

72-93

Priolo

44

CS Impianti

10

RDA Motors

39

Cucine & dintorni

62

Sarte allegre (Le)

37

Della Rocca

41

Sciunnach

100

Di Carlo Cafè

38

Seasons donna & bambino

104

SE.MA. Traslochi

89

Dott.ssa Carla Ciccardi

83

Dott.ssa Schiano Moriello Viviana

36

Smile Body

91

Dott. Stefano Giammetti

34

Smile Sun, Smile Hands & Feet

54

Eschilo 1 Polisportiva

20

So Curvy

36

Farfalle abbigliamento

116

SomaWell

88

Festando

92

Traslochi e sgomberi Giulio

30

Finestre & dintorni

56

Twinky Home

96

Gamma Auto

39

Undercolors of Benetton

40

Giocheria

28

Vetral Acilia

102

Vivai Esotica

107

GUIDA AI RISTORANTI

6

Granai Centro Commerciale (I)

80

Idrotermica sanitari

68

I Love Design

7


sommario 47 ANNO 11 - NUM. 104 - MAGGIO 2012

17 17

Speciale

47 Mirò! Poesia e luce

Casa: un sogno diventato

51

pensiero

Tra Umbria e Campania: arte senza confini

47 23 Interni

Rubriche

23 Violenza sulle donne: le parole non bastano

23 Il corso dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato

27 25 Lobby e democrazia, due parole conciliabili

13

Editoriale

53 Spettacolando 57 Moda e tendenze

65

59 Arredamento 63 Architettura 65 Questione di cilindri 69 Viaggi

Esteri 71

Una gita fuori porta

69

27 Essere donna nello Yemen 75 Salute e benessere

33

33 La guerra del cellulare 77 Scienze 83 I consigli del nutrizionista

Costume e società 83 Vederci chiaro 35 Correre contro la malattia 89 I consigli del

35

77

comportamentalista cinofilo

Cinema

90 Vita da cani

43 Hunger Games

91

43 I film del mese

Veterinaria

105 Budget e ricette 114 Oroscopo del mese

Musica

93

45 Musica: ultime serate da Club 93

43

Interno 13

Arte e cultura 47 Obiettivo sull’Italia

107 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

107 11


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE Anno 11 - n.104 - MAGGIO 2012 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it IN ALLEGATO: 13 Immobiliare Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà anna@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Collaboratori 13 Magazine Valentina Mancini - Dante Cruciani Claudia Garavani - Roberta Riga Walter Cristiano - Rossella Smiraglia Chiara Ferraro - Penelope Salomone Barbara Zorzoli - Simona Bottoni Leonardo Caviola - Simone Felicetti Alessandro Fresilli - Paolo Baroni Gaetano Gaggiottino Paola Sgrò - Dott.ssa Carla Ciccardi Dott. Stefano Giammetti - Lucia Bianco Dott.ssa Schiano Moriello Viviana Collaboratori Interno 13 Chiara Ferraro - Roberta Riga Angelita Papa Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi

editoriale

“La politica esige i partiti, lo spirito umanitario li vieta” Hermann Hesse Uomo Qualunque” di Giannini. Quando vengono chiamati in causa per commentare il fenomeno Grillo, dirigenti di partito e intellettuali non hanno niente di meglio da rispolverare. Convinti di dare una risposta sensata - qualcuno perfino di fare bella figura - tirano in ballo la fiammata populistica alimentata, più di 65 anni fa, dal quotidiano e dal partito dello scrittore e giornalista napoletano. Dopo le ultime elezioni, è molto divertente osservare l’inversione dei ruoli che una risposta del genere implica. In primo luogo perché rivela la profonda ignoranza rispetto all’argomento in questione: Giannini ebbe una parabola di appena 4 anni (1944-48), prese i voti soprattutto in un’area geografica (il Mezzogiorno), si scontrò con un sistema di partiti forte e appena nato, si gonfiò e si sgonfiò in seguito alle vicende che coinvolsero la costituente e che produssero il testo fondativo della Repubblica (istituzioni e partiti avevano il vento in poppa, altro che crisi attuale). In secondo luogo perché il fenomeno per il quale cercare comparazioni storiche appare non essere affatto Grillo (un comico approdato alla politica, un blogger che usa internet, un catalizzatore di voti urbani e interclassisti, un carismatico propugnatore di liste civiche: tutte cose mai viste prima), quanto piuttosto il sistema dei partiti che lo attacca. Si può discutere infinitamente sulla bontà o meno delle proposte di Grillo, sulla sua sospetta insofferenza alle critiche, sulla sua sistematica sottrazione al confronto. Probabilmente è una strategia che ha a che vedere con il cinico calcolo politico (mischiarsi significherebbe identificarsi) e che, a maggior ragione, sembra essere perseguita da qualcuno che non sta affatto scherzando. Ma è l’attuale sistema dei partiti ad essere il vero imputato, il soggetto finito sul bancone della storia. Delegittimato da

“L’

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

se stesso, causa prima della crisi (basta comparare Italia e Germania), incapace di rinunciare ai privilegi (il presidente della commissione preposta a tagliare gli indecenti stipendi dei politici si è dimesso per sfinimento), alle centinaia di milioni di euro di finanziamento pubblico, alle poltrone delle municipalizzate, l’apparato delle sanguisughe di stato sembra infatti essere al suo capolinea. E l’aria che tira non è affatto quella precedente a Tangentopoli. In quel contesto i partiti conservavano una riserva di consenso. Oggi dietro si avverte il baratro. L’aria che spira pare essere quella del crollo del sistema giolittiano, della fine della repubblica di Weimar, del governo Kerenskij. Si dirà che questi episodi richiamano posti lontani, anni remoti o eventi bellici. Meglio allora fare un esercizio di realismo e ricordare cos’è l’Italia attuale. Oltre al lavoro e all’economia, esistono seri problemi demografici (sempre più vecchi e malati), strutturali (famiglie in sfacelo), culturali (razzismo), sociali (casa), educativi (scuole in rotta), infrastrutturali (collegamenti e servizi fermi agli anni ‘60), sessuali (violenza sulle donne), ambientali (emergenza rifiuti ovunque, mari razziati senza pietà, Mezzogiorno in perenne dissesto idrogeologico, ecc.), urbani (centri storici senza manutenzione, patrimoni inestimabili lasciati marcire, ecc.). Con questa Italia, il politico che si mette in tasca 15.000 euro al mese, e che a malapena parla l’italiano, non ha niente di cui discutere. Grillo o non Grillo, andrà bene se ne uscirà in maniera discreta e indolore.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13


speciale

di Maurizio Carta

Casa: un sogno diventato pensiero La bolla immobiliare italiana, a lungo negata, è sul punto di rivelarsi ualcuno ricorderà ancora la storia della crisi dalla quale dovevamo essere immuni. Non più tardi del biennio 2010-2011, quel genio di Giulio Tremonti, insieme alla maggior parte degli economisti italiani, sosteneva che il Belpaese sarebbe stato immune alla congiuntura generata dalla bolla immobiliare americana e dagli hedge-funds. Si diceva che le banche italiane non parlavano inglese (tradotto: non avevano investito in quella robaccia). Puntualmente, è andata invece a finire come tutti sanno: con la maggior parte degli stati occidentali impegnati a ripianare i buchi delle banche e a ingigantire il proprio debito pubblico. La conseguente ricerca di risorse aggiuntive sul mercato del debito - uno sport nel quale l’Italia primeggiava da decenni - ha prodotto un’inaspettata concorrenza e una divaricazione dei tassi che ha messo in grande sofferenza la sostenibilità del nostro bilancio pubblico (nonché quello di tutti coloro che, avendo la stessa moneta, non hanno le carte in regola). Insomma, la spazzatura si è fermata alla porta ed è entrata dalla finestra. In compenso,

Q

l’idea dell’immunità dalla crisi è finita nell’immondezzaio della storia (per fortuna portandosi dietro anche qualcuno). Era necessaria questa premessa per raccontare una storia che si sta per ripetere. Già, perché l’autocompiacimento per la cafoneria finanziaria tricolore ha da sempre avuto il suo primo contraltare nel sermone sull’orgoglio proprietario. Quante volte si è sentita celebrare la solidità patrimoniale degli italiani? Il fatto che il loro risparmio privato sia consistente e fondato sulla religione del mattone? Bene, a memoria futura, è il caso di ricordarsi i nomi e i cognomi di coloro che hanno sostenuto certe tesi. Non più tardi di un anno fa, l’osservatorio Nomisma, Società di studi economici particolarmente attenta al mercato immobiliare, pubblicava un rapporto nel quale sottolineava, con malcelato ottimismo, che i prezzi medi degli immobili italiani, rispetto al tracollo subito altrove, erano scesi dal 2008 di appena il 10%. Addirittura si auspicava e si lasciava presagire una ripresa del mercato a breve. È passato qualche mese, è arrivata la gelida doccia di realismo del governo Monti

(riforma delle pensioni e patrimoniale basata sull’Imu), ed ecco il nuovo de profundis. Giuseppe Roma, direttore del Censis, ha recentemente affermato che il 41% delle famiglie italiane è in difficoltà con le scadenze del mutuo e che la reintroduzione della tassa patrimoniale sulla casa porterà ad un crollo del valore degli immobili dal 20 al 50%. In breve, sono state sufficienti poche settimane per ribaltare completamente lo scenario. Se non fosse che si tratti dei punti di vista di Nomisma e Censis, due dei maggiori istituti di ricerca italiani, sembrerebbero gli sbalzi umorali di una coppia di adolescenti. Per fortuna la faccenda, trattata senza l’urgenza dell’analisi contingente, appare molto più chiara. UN DESTINO INELUTTABILE Che il valore degli immobili crolli a causa dell’IMU - diciamolo subito - è una castroneria da bar dello sport. Prima che essere definitivamente fiaccato dall’IMU, il valore di mercato delle case degli italiani è infatti passato per una serie di randellate non di poco conto. Le banche, dall’anno scorso, hanno chiuso bottega:

17


speciale

definitivamente tramontato il tempo dei mutui al 120% per 40 anni (casa, mobili, auto e, perché no, viaggio di festeggiamento). Gli enti pubblici previdenziali non investono più (lo stato ha le casse vuote). Gli stranieri non comprano più (troppa sperequazione rispetto ad altre realtà europee: Berlino e Londra in primis, città per giunta premiate anche dagli investimenti italiani). Finita anche l’epoca dei condoni: l’ultimo “piano-casa”, un condono non chiamato tale, ha lasciato sostanzialmente indifferenti sia i proprietari che gli inquilini. Il risultato di questi disincentivi pre-IMU è stato abbastanza chiaro. Molti proprietari, anziché cedere l’immobile ad un valore inferiore a quello di supposto realizzo, lo hanno tenuto sfitto. Sempre stando il citato rapporto Nomisma, ciò non ha comunque impedito che nel biennio 2009-2010 si registrasse una perdita complessiva di valore di circa 60 miliardi di euro. Aumentati dunque i tempi di vendita, diminuito il volume d’affari degli intermediari (gli immobiliaristi hanno recentemente denunciato un -30%), diminuite le compravendite (si passa dalle 869.000 l’anno dei tempi pre-crisi alle stimate 600.000 dell’anno in corso), divaricata la forbice tra aspettative del venditore e prezzo di vendita dell’immobile. Detto questo però è detto nulla. Perché sotto la prossima crisi del mattone c’è di più, molto di più che i soli fattori pertinenti alle dinamiche del settore immobiliare. Il convitato di pietra del problema casa è infatti un altro, qualcosa che ha a che vedere con le capacità reddituali e le dinamiche sociali. Secondo gli ultimi dati relativi all’Irpef, il reddito lordo medio degli italiani è di appena 19.250 euro. 20 milioni di contribuenti si trovano addirittura al di sotto della soglia di 15.000 euro. Un terzo non supera addirittura i 10.000 euro. Il differenziale tra redditi da lavoro dipendente e inflazione, cioè la perdita secca di valore delle retribuzioni, cresce (quest’anno +2,2%, mai così alto dal 1995). Secondo l’ISTAT, gli stipendi hanno una crescita tendenziale talmente bassa che bisogna risalire al 1983 per ritrovare un dato simile. Ma c’è altro. Con il passare degli anni, i patrimoni delle famiglia d’origine si stanno paurosamente erodendo. Il vecchio contributo in dote di mamma e papà alla casa di proprietà dei figli neosposi è spesso

19


speciale

mangiato dalle dinamiche relative a separazioni e divorzi (rispettivamente in incremento del 60% e del 100% dal 1995). Il disfacimento dei nuclei familiari tradizionali è poi tanto più costoso quanto meno esiste in Italia un welfare destinato all’educazione e alla crescita dei figli (alte le rette degli asili, sport ostaggio delle strutture private, ecc.). Insomma, i mutui trentennali concessi alle giovani coppie spesso non reggono sia ai redditi medi che alle prove della vita. Se poi si è single e si abita a Roma o a Milano, rimane un mistero come pretendere che ci si possa indebitare per 250/300.000 euro, il costo medio di un appartamento in città. La risultante è chiara: scartata l’ipotesi di una nazione di senzatetto, i prezzi delle case o gli affitti dovranno per forza di cose scendere. COME LA PENSANO ALTROVE Della bolla immobiliare si è parlato soprattutto in relazione agli Stati Uniti. Dopo il 2008, non è stato raro vedere programmi tv nei quali case da sogno venivano vendute a 300.000 dollari, il prezzo più o meno di una camera e cucina al Pigneto. Il problema è però molto più esteso e persistente. Scoppiata quella americana, la bolla immobiliare di cui più si discute è quella cinese. La Cina è da tempo un cantiere aperto. Da decenni palazzinari di ogni tipo tirano su città dal nulla. Gli analisti però osservano che dal marzo scorso i prezzi scendono: in 46 città su 70 sono in calo. Ovviamente cifre ufficiali non esistono (sempre di regime si parla), ma c’è chi addirittura sostiene che il 50% degli immobili sia invenduto e che esistano 64 milioni di appartamenti nuovi di zecca e senza inquilini. Gli osservatori della Reuters arrivano ad ipotizzare che il rallentamento del settore sia responsabile del rallentamento di tutta la Cina (+8,1% contro il + 8,9% dell’ultimo trimestre 2011). Lo scenario è dunque di quelli che preoc-

cupano un po’ ovunque. Mark Carney, governatore della Banca centrale canadese, prevede problemi a breve termine nel mercato immobiliare nazionale. L’attenzione è indirizzata soprattutto al mercato dei condomini nelle città dove il prezzo ha avuto maggior tenuta: Vancouver e Toronto. Anche lì si parla di tassi di interesse che cresceranno, ragion per cui i canadesi che si impegnano a pagare un mutuo “devono essere sicuri di poter sostenere il debito”. Nella seconda metà di aprile, Ardavan Mobasheri, Capo-economista di AIG, una delle più grandi multinazionali delle assicurazioni del mondo, ha affermato presso l’International Economic Forum delle Americhe che esistono elementi di apprensione. Addirittura i prudenti svizzeri (un paese dove i prezzi stanno ancora salendo) sentono la necessità di prevenire: il management della UBS ha elaborato lo Swiss Real Estate Bubble Index, un indice che mostra su base trimestrale il rischio di bolla immobiliare sul mercato svizzero degli immobili di proprietà. Su tutti si stagliano le nere predizioni di Gerald Celente, un tizio con la fama di guru che viene invitato con regolarità nei maggiori talk-show americani, secondo il quale i prezzi delle case non potranno

che crollare in tutto il mondo. CONCLUSIONI In Italia la proprietà privata della casa è addirittura sancita dalla costituzione. L’articolo 47 recita che “La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito. Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione…”. Il grafico pubblicato dimostra che il cuore produttivo dell’Europa, la tanto ammirata Germania, ha un mercato immobiliare nel quale i prezzi sono bassi e costanti. Nel Belpaese per decenni si è invece pensato e agito nella direzione esattamente opposta: speculando e tesaurizzando il più possibile. L’Ance, l’Associazione dei costruttori edili, continua in questi mesi a sostenere che in Italia non esistano le condizioni per uno scoppio della bolla immobiliare. È invece il caso di evidenziare che i valori immobiliari italiani sono incompatibili con i redditi disponibili, con le variabili relative ai comportamenti sociali (crisi della famiglia), con le dinamiche internazionali e con una nuova fiscalità basata sul patrimonio invece che sul reddito. L’adeguamento dei livelli dei prezzi delle case e degli affitti ci sarà perché non potrà che esserci.

Prezzi delle case fatta base 100 nel 1970

Fonte: Banca dei Regolamenti Internazionali Analisi condotta da Haver Analytics e MCKinsey Global Institute analysis

21


di Dante Cruciani

interni

Violenza sulle donne: le parole non bastano L’indignazione corre sui media ma non dà risultati pratici. Attendendo i tempi geologici dei cambiamenti culturali, meglio valutare l’alternativa di un corso

54

donne uccise dall’inizio dell’anno. Una ogni 3 giorni. Con la sicurezza che tra la stesura e la pubblicazione di questo pezzo il numero salirà. È l’altra faccia delle donne a consumo, dei bunga-bunga, delle carriere televisive fondate sul nulla dell’apparire. Per-

ché il confine tra il bel materiale da mostrare e il l’oggetto da possedere (quindi da buttare a capriccio) è molto

labile. Così, nel silenzio generale, in Italia l’omicidio da parte di padri, mariti, fratelli, parenti, uomini è la prima causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Ad inizio maggio la protesta della rete “Se non ora quando” si è limitata a chiedere che questa mattanza sia chiamata “femminicidio” e che la stampa non riduca tali tragedie ad un trafiletto in cronaca. Alcune parlamentari hanno annunciato l’ennesimo provvedimento emergenziale: in Senato è stato depositato un ddl per l’inasprimento delle pene contro il femminicidio. Telefono Rosa ha scritto al premier Monti: “Servono risorse economiche e una commissione straordinaria”. Tutto formalmente utile, alto, necessario. Ma per arginare il fenomeno ci vuole ben altro. A cominciare da un’educazione pratica all’autodifesa.

Il corso dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato artendo dal presupposto che non esistono metodi infallibili per sventare un’aggressione, qualcosa può e deve essere fatto, al limite per darsi una possibilità di fuga o, nella peggiore delle ipotesi, quando cioè l’aggressione non è evitabile, per favorire una punizione futura. I Corsi di Difesa Personale Femminile sono moltissimi. Purtroppo la maggior parte si focalizza sulla presentazione delle “tecniche”, tralasciando, in tutto o in parte, l’aspetto psicologico o, ancora peggio, quello della prevenzione. Non è importante, infatti, conoscere le manovre per liberarsi da una presa, quanto capire quando è il caso di reagire e quando è meglio, purtroppo, “subire” (valutare rischi e benefici, fare i conti con le proprie paure, ecc.). Un valido aiuto in questo senso viene dal corso “Be Safe” organizzato dall’Associazione Nazionale Polizia di Stato della sede di Fiumicino (si è tenuto un incontro lo scorso marzo e se ne preve-

P

dono altri in futuro). I docenti, il Dott. Leandro Abeille per ciò che concerne l’aspetto psico-sociologico e la presentazione delle tecniche di difesa, e l’Avvocato Antonio Paletta per ciò che riguarda l’aspetto giuridico, affrontano con informalità un argomento per molte donne angustiante. Tre i capisaldi: sopravvivere; dare sempre ascolto al proprio sesto senso evitando situazioni che non sembrano sicure; ragionare sui comportamenti per evitare di mettersi in situazioni pericolose. Il corso è costituito da una prima parte teorica in cui vengono illustrati i passi da seguire per denunciare un’aggressione subita, i controlli medici da effettuare e gli articoli del codice che tutelano la donna condannando gli atti violenti. La seconda parte è invece tutta pratica. Vengono illustrate le tecniche, semplici ma efficaci, da utilizzare in caso di affronti diretti, di attacchi ricevuti alle spalle e, non meno importanti, di aiuto a terze persone in balìa di un aggressore.

Lo scopo, ovviamente, non è di creare delle nuove “combattenti”, ma di aumentare la consapevolezza delle partecipanti, consentendo a ciascuna di affrontare la vita di tutti i giorni e di rientrare a casa, se capita, in solitudine e in sicurezza. Per info: leandro_wasp@yahoo.com di Claudia Garavani

23


VG

visioni grafiche


interni

di Dante Cruciani

Lobby e democrazia, due parole conciliabili obby è una parola che non gode di buona reputazione. Il fatto che sia associata ad un interesse particolare la rende indigesta all’opinione pubblica. Vent’anni di governi in conflitto d’interessi - quelli mastodontici di Berlusconi ma anche quelli legati al mondo delle banche e delle cooperative - non hanno contribuito a rendere la faccenda più digeribile. Che poi di lobbies si sia parlato in relazione ai casi Papa, Lavitola, Bisignani, o peggio ancora in relazione alla realizzazione della TAV, non ha aiutato. Per non dire del connubio lobbies-interessi sanitari, legati ai servizi pubblici (gestione delle risorse idriche) o all’energia (pulita o sporca che sia). Di questo, di come accettare le lobbies, di come conciliarle con la democrazia, abbiamo discusso con Gianluca Sgueo, autore di “Lobbying & lobbismi. Le regole del gioco in una democrazia reale” (Egea 2011), un libro che dimostra come fare lobbying possa essere un’attività trasparente e regolamentata, per la quale serve solo una crescita culturale complessiva del Paese.

L

Intervista a Gianluca Sgueo, autore di un interessante volume sulle lobbies in Italia

Secondo lei perché in Italia la parola “lobby” è quasi esclusivamente utilizzata con una connotazione negativa? È una delle prime domande a cui provo a rispondere nel libro. La negatività del termine lobby da noi è frutto della

disinformazione della stampa (a cui piace molto giocare con questo termine) e, di riflesso, della cattiva informazione dei cittadini. Ovviamente, il fatto che nessuna legge regoli il lobbying non è di grande aiuto. Qual è lo stato della legislazione italiana in materia? Alcuni dicono che non ci siano norme. Non è vero. Ci sono, ma sparse nell’ordinamento e non sempre perfettamente omogenee. Uno studioso della materia, Pier Luigi Petrillo, parla di norme “schizofreniche”. Che differenza c’è tra lobbismo politico e lobbismo economico? Non credo sia una distinzione utile. Ciascun lobbista cura gli interessi del proprio cliente, e le materie possono essere infinite. Distinguerei semmai tra lobbying e malaffare. Un esempio positivo e un esempio negativo di lobby? Un esempio positivo è certamente quello delle regioni italiane a Bruxelles. C’è

un giro d’affari estremamente sviluppato e molte amministrazioni territoriali esercitano un’eccellente attività di pressione sulla Commissione e sul Parlamento. Di esempi negativi invece se ne trovano a centinaia. Mi vengono in mente i casi di cronaca dell’estate 2011 (quelli di Bisignani per capirci) ma anche i tanti casi di corruzione di politici nazionali e locali, che quasi sempre vedono coinvolto uno o più “pseudo”-lobbisti. Che limite fisserebbe per legge al lobbismo? Quello della trasparenza. Stabilirei cioè che tutte le azioni compiute da lobbisti o società di lobbying siano tracciabili, che i bilanci siano resi pubblici, e così anche i compensi degli studi. La trasparenza è la vera chiave di volta di questo sistema. In che senso si può pensare ad un lobbismo democratico? Il lobbismo è parte della democrazia per sua natura. A conti fatti il lobbista è un agevolatore dello scambio proficuo di interessi tra decisori pubblici e privati. In realtà, quindi, pensare al lobbying equivale a pensare a una democrazia. Mi farei anche un’altra domanda: un lobbying opaco e senza regole è il segno di una democrazia immatura? La risposta, purtroppo, è positiva.

25


VG

visioni grafiche


di Gaetano Gaggiottino

esteri

Intervista al Dottor Schettino sulla condizione femminile nella penisola arabica

Essere donna nello

Yemen

i ritorno dallo Yemen, abbiamo incontrato il Dottor Schettino di Medici Senza Frontiere, chirurgo italiano che ha speso tre mesi in mezzo a baracche di fango e distese di sabbia per cercare di alleviare grandi sofferenze e salvare qualche vita umana. Inizialmente voleva essere un’intervista che comprendesse anche i temi della politica, della società in generale e del lavoro. Il Dottor Schettino ha però puntato da subito l’attenzione sulla condizione della donna nello Yemen, una situazione per la quale non si può non provare che dolore e rabbia. Iniziamo dalle sue prime impressioni… Poco tempo dopo il mio arrivo in ospedale, si era creato un buon rapporto con la popolazione. Pur non parlando arabo, ogni mattina decine di persone, spesso con bambini tra le braccia, mi tendevano un pezzo di carta dal quale dovevo riuscire a dedurre un sintomo. A volte ci riuscivo, altre no. In alcuni casi, cercavo con difficoltà di fare una diagnosi a partire dall’indicazione di un punto del corpo. Poi ci diceva del problema femminile… La prima doccia gelida rispetto al gravissimo problema della condizione femminile l’ho fatta quando un bambino è nato e morto nelle mie mani. Stavo aiutando una donna a partorire, constatata la sua sofferenza fetale, ho fatto presente la necessità di un cesareo urgente.

D

Purtroppo, mancando il marito per dare il consenso, eravamo in un vicolo cieco: la donna nello Yemen non può firmare il consenso anestesiologico e chirurgico. La mia rabbia è salita alle stelle. Mentre qualcuno cercava il padre, ho tentato comunque di velocizzare i tempi, trasportando la partoriente sul lettino mobile per poi trasferirla in un complesso operatorio. I minuti passavano, l’uomo non si trovava e il bimbo si sforzava di venire alla luce. Io e l’anestesista notavamo aumentare la sofferenza fetale, per cui ho iniziato a pregare il personale di

farmi intervenire. Tutto inutile. Il bambino ritenta l’uscita e finalmente ci riesce. Lo prendo nelle mani, sento il cuore battere e poi fermarsi! Tutto tra le mie dita: una vita inizia e finisce tra le mie mani! Guardando alle sue diverse esperienze all’estero, ha cercato di farsi un’idea del perché possano accadere cose del genere? Il problema ha essenzialmente una radice religiosa. Va però aggiunto che la condizione della donna nell’Islam varia grandemente da paese a paese. I paesi a maggioranza musulmana concedono alla donna vari gradi di diritti riguardo al matrimonio, al divorzio, ai diritti civili, allo status legale, all’abbigliamento e

Yemen e donne

AMAT EL ALIM ALSOSWA

osto all’estremità meridionale della penisola araba, lo Yemen, il più povero dei paesi arabi (reddito procapite di soli 2.400 dollari l’anno), conta 23 milioni e mezzo di abitanti. Delle circa 11 milioni di donne yemenite, una su un milione non porta il burqa e il 60% è analfabeta. Qualcosa però nell’ultimo decennio inizia a cambiare. Nel 2003, Amat el Alim Alsoswa è diventata la prima ministra donna dello Yemen e l’unica ministra per i diritti umani del mondo arabo. Prima ancora di arrivare a tale traguardo, Amat è stata la prima anchorwoman della tv, la prima sottosegretaria del governo e la prima ambasciatrice. Amat fu destinataria di una fatwa (una specie di scomunica) emessa da un gruppo di sceicchi. Si sosteneva che gli uomini non potessero prendere ordini dalle donne. Le elezioni però dettero loro torto. Da allora si è rotto nello Yemen il tabu di avere una donna come capo.

P

27


VG

visioni grafiche


VG

all’istruzione. Tutto dipende dalle diverse interpretazioni della dottrina islamica e dalla penetrazione nelle suddette società dei principi di laicità. I passi del Corano che fanno riferimento alla condizione femminile sono numerosi. Spesso però sono soggetti ad interpretazione (ijtihād), e le opinioni sul loro significato variano molto da coloro che affermano che il testo religioso preveda una chiara supremazia dell’uomo sulla donna, a coloro che li considerano volti ad un miglioramento progressivo della condizione femminile rispetto alla società araba pre-islamica (interpretazione storico-giuridica). La donna, finché rimane in famiglia, è sottoposta all’autorità del padre. Dopo, quando si sposa, passa sotto l’autorità del marito. Paradossalmente esclusa da questa tutela (wilāya) è la nubile non più giovane (anīs), che può in tutto e per tutto gestirsi senza dipendere dall’altrui beneplacito. Non stupisce dunque il fatto che alcuni paesi islamici abbiano alcune donne in alte posizioni politiche o addirittura abbiano eletto capi di stato donna. Tutto questo ha inciso sulle sue scelte personali? Ho vissuto storie molto forti che spesso mi hanno spinto a pensare: “Basta! Non posso continuare…”. Poi mi dico no, che non è nella mia mentalità lasciare un lavoro a metà. Piuttosto che mollare vorrei porre il problema come un problema pubblico. Viviamo in un Paese dove le uniche guerre a cui assistiamo sono le inutili diatribe tra i politici, dove è possibile camminare per le strade senza rischiare di saltare su una mina, dove le donne possono decidere come curarsi. Ma al di là del mare, tutto è quotidianamente diverso: gli uomini sono armati e le donne vivono tra fughe, morte e distruzione. L’uomo impone le sue decisioni e la donna nasconde sotto il burqa la gioia e il dolore, la vita e la morte. Ecco, io ho avuto la fortuna anche di vedere in volto queste donne (causa l’urgenza chirurgica): donne oppresse ma non vinte che danno voce ad oltre un milione di donne senza volto e senza corpo. Il loro coraggio e le loro speranze ci aiutano a capire perché da sempre il fanatismo religioso è terrorizzato dalla serena forza del femminile.

visioni grafiche

esteri

29


VG

visioni grafiche


di Roberta Riga

esteri

La guerra del cellulare

Nell’indifferenza generale, il controllo delle miniere congolesi di coltan ha già provocato milioni di morti erzomondismo e mafia locale, guerriglia civile e miseria, tanta, troppa miseria. È questa la fotografia del Congo, la nazione africana attraversata dall’Equatore, culla di una delle più grandi aree forestali del mondo. Il Congo è un mistero per noi occidentali, un non luogo dove, per dirlo nei termini di McLuhan, nulla succede se non se ne parla. E del Congo, nessuno - o quasi mai parla. Per esempio, pochi sanno che i nostri cellulari, i nostri personal computer, i nostri navigatori satellitari e i nostri i-Pod contribuiscono alla guerra e allo stato di povertà in cui versa il paese dell’Africa centrale. Nell’ex Zaire infatti si trovano circa l’80% delle riserve di coltan: un minerale preziosissimo composto dalla combinazione di colombite e tantalite. Il tantalio, un metallo duro e resistente alla corrosione, è l’estratto

T

che viene utilizzato per la produzione dei nostri strumenti tecnologici: serve ad ottimizzare il consumo della corrente elettrica nei chip di ultima generazione e in sostanza viene utilizzato per accumulare energia. L’uso del tantalio nella realizzazione degli strumenti tecnologici era, in un primo momento, limitato alla produzione missilistica e nucleare. Solo successivamente, con il ridursi delle dimensioni dei nostri sofisticatissimi apparecchi, si è estesa l’area di competenza alla produzione commerciale, soprattutto per quanto riguarda la telefonia mobile. Il coltan viene estratto principalmente nella regione del Kivu, la zona orientale al confine con il Rwanda. Intorno alle miniere di coltan si sono formati, nel corso degli anni, accampamenti d’improvvisati minatori: uomini, donne e bambini - quest’ultimi più adatti a calarsi nei buchi scavati nel sottosuolo - che lavorano la ricca terra congolese con vanghe o addirittura a mani nude. Il coltan, una volta raccolto, viene ridotto in frantumi, diventando così una sabbia nera che frutta milioni di dollari. Il commercio di tantalio è controllato illegalmente da bande armate di guerriglieri, trafficanti legati agli interessi delle grandi multinazionali della tecnologia. Il minerale estratto dal suolo congolese viene infatti trasportato illeci-

tamente in Rwanda, dove, ogni giorno, prende la via dell’estero. Le grandi società industriali, legate soprattutto alla produzione di telefonia mobile, sono accusate di finanziare illegalmente e indirettamente, attraverso decine d’intermediari che passano per l’Europa, in maniera particolare dal Belgio, le guerre relative al controllo delle miniere di coltan, armando e pagando i contrabbandieri del Kivu. Nokia, Sony e Eriksson sarebbero le principali potenze industriali ad avere un interesse diretto o indiretto nel controllo dei flussi estrattivi e commerciali della tantalite. Si stima che la guerra per il coltan dal 1998 abbia ucciso più di 4 milioni di congolesi: morti nelle miniere, uccisi dai guerriglieri o deceduti per malattia. Infatti il coltan sembra contenere, oltre al tantalio e alla colombite, una piccola percentuale di metallo radioattivo che provoca impotenza sessuale e tumori. Oltre al danno economico e sociale, l’estrazione del coltan sta contribuendo al pericolo ambientale del Congo. Il WWF, presente dal 1988 nella zona nord orientale della Repubblica congolese, ha denunciato che due dei luoghi più prestigiosi del paese, il parco nazionale di Kahuzi-Biega e la riserva naturale di Okapi, sono devastati dall’estrazione scriteriata dei minerali.

33


Correre Roma ospita la 13a edizione della corsa contro il tumore al seno al 18 al 20 maggio torna a Roma “Race for the cure 2012 - Tre giorni di salute, sport e benessere”. Giunta alla sua tredicesima edizione, la manifestazione dedicata alla lotta al tumore del seno vedrà anche quest’anno la partecipazione di migliaia di donne, uomini e bambini impegnati nella maratona di 5 km oppure nella passeggiata di 2. Madrine dell’evento saranno nuovamente Maria Grazia Cucinotta e Rossana Banfi, recentemente colpita dalla malattia. Il nastro di partenza sarà tagliato alle ore 10 di domenica 20 maggio nello storico scenario della manifestazione: le Terme di Caracalla. I partecipanti potranno così correre o passeggiare tra le via del centro di Roma, vivendo un momento di aggregazione e impegno civile e sociale. L’obiettivo principale della “Race for the Cure”, che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è quella di esprimere solidarietà alle “Donne in Rosa”: donne che hanno affrontato il calvario del tumore al seno e che testimoniano la loro guarigione. Tutte le donne che hanno combattuto o che ancora combattono il tumore al seno potranno iscriversi alla corsa chiedendo esplicitamente di far parte della squadra delle “Donne in rosa”. Inoltre, con un contributo minimo di 13 euro, si riceverà la borsa gara con gli omaggi degli sponsor, il pettorale ricordo e la nuova t-shirt dell’edizione 2012. Il villaggio Race invece aprirà i battenti già da venerdì 18 maggio e sarà caratterizzato da moltissime attività: gli stand dei numerosi sponsor della manifestazione, un’area giochi per i bambini e tanti spazi gratuiti dedicati alla salute, al benessere e alla prevenzione delle malattie più comuni dell’universo femminile. È possibile partecipare alla Race anche in squadra, iscrivendo almeno 10 persone entro il 26 aprile. Tanti i premi in M.G.CUCINOTTA R.BANFI palio: gruppo più simpatico e originale, gruppo proveniente da lontano, circolo sportivo o palestra più numerosa, più grande squadra aziendale, femminile, scolastica o universitaria, ospedaliera, in divisa, diplomatica, nuova iscritta o la più numerosa in assoluto. Per avere informazioni sulla gara a squadre scrivere a squadre@komen.it. Per prendere parte alla manifestazione come volontari contattare volontari@komen.it o chiamare il numero 06.35405533. Infine, per iscriversi o per fare una donazione, consultare il sito www.raceforthecure.it oppure chiamare il numero 06.3540551-2.

visioni grafiche

D

VG

di Roberta Riga

costume e società

contro la malattia

35


I FILM del mese di Walter Cristiano

Chronicle

di Walter Cristiano

cinema

Regia: Josh Trank Cast: Dane DeHaan, Michael B. Jordan, Alex Russell, Michael Kelly Gran Bretagna, USA Genere: Fantascienza Tre liceali si accorgono di aver acquisito degli incredibili superpoteri in seguito a un’incredibile scoperta. Poco a poco i ragazzi imparano a controllare le loro abilità e a utilizzarle per i propri scopi, fin quando le loro vite sembrano non essere più sotto controllo…

Hunger Games 9 Maggio

L’Utopia nera di Suzanne Collins approda al cinema ratta dal best seller letterario di Suzanne Collins, approda in Italia, direttamente da oltreoceano, una pellicola per ragazzi ambientata in un futuro distopico. Hunger Games, diretto dal regista Gary Ross (Pleasantville, Seabiscuit - Un mito senza tempo), rompe dunque con il fantasy tanto di moda nei film per adolescenti degli ultimi anni, proponendosi come lungometraggio adatto anche a un pubblico adulto. E lo fa in maniera che potremmo definire classica: declinando le preoccupazioni e le paure quotidiane nel genere della distopia (quello diventato universale con Orwell per intenderci), un filone che nel recente passato ha dato vita a validissimi film come V per vendetta. Molto buone, da un punto di vista più tecnico, sia la fotografia di Tom Stern che le musiche, tra cui spicca la colonna sonora di James Newton Howard. Giovane il cast: Jennifer Lawrence e Josh Hutcherson, nei panni dei due protagonisti della storia, sono nati entrambi negli anni ‘90. Le performance degli attori convincono, soprattutto quella della protagonista femminile, che a soli 21 anni riesce a riempire molto bene il suo personaggio. Il lungometraggio, dopo un avvio piuttosto faticoso, inizia a prendere slancio quando ci si addentra nel vivo della trama, ovvero quando comincia la gara mortale tra i giovani partecipanti. Questa drammatica prova agonistica ha luogo a Panem, nazione erede di un’America post-apocalittica, un territorio ripartito nella città di Capitol e nei dodici poverissimi distretti che la circondano. Qui, ogni anno, attraverso una lotteria, ogni area sceglie un ragazzo e una ragazza di età compresa tra i 12 e i 18 anni per partecipare agli Hunger Games, un evento nel quale i partecipanti sono costretti a combattere tra di loro fino alla sopravvivenza di un solo concorrente. Katniss Everdeen, sedicenne della regione carbonifera del Distretto 12, si offre volontaria per partecipare alla 74a edizione dei giochi, nel desiderio di salvare la vita alla sorella minore che era stata scelta dall’inquietante lotteria. Il “tributo” maschile è invece Peeta Mellark, figlio di un panettiere. Il film è un mix di azione, fantascienza e drammaticità.

Dark Shadows Regia: Tim Burton Cast: Johnny Depp, Chloe Moretz, Helena Bonham Carter, Eva Green USA Genere: Horror, Fantasy

T

11 Maggio

Diciottesimo secolo: Barnabas Collins è un uomo ricco e potente, nonché un esperto playboy. Quando spezza il cuore alla strega Angelique Brouchard, questa lo trasforma in vampiro e lo seppellisce vivo. Due secoli più tardi, Barnabas è liberato involontariamente dalla sua tomba…

Margin Call Regia: J. C. Chandor Cast: Kevin Spacey, Paul Bettany, Jeremy Irons, Zachary Quinto USA Genere: Thriller

18 Maggio

Eric Dale, banchiere, è licenziato in tronco. Prima di andarsene consegna una chiavetta usb al giovane analista Peter Sullivan. Questi, dopo che i suoi colleghi di lavoro sono usciti, apprende dai file di Eric che la banca, appoggiandosi su azioni virtuali, ha le ore contate…

Il pescatore di sogni Regia: Lasse Hallström Cast: Ewan McGregor, Emily Blunt, Amr Waked, Kristin Scott Thomas Gran Bretagna Genere: Drammatico

18 Maggio

È la storia di Alfred Jones, uno scienziato introverso che lavora per il Ministero della Pesca e dell’Agricoltura britannico. Quando uno stravagante sceicco gli propone il bizzarro progetto di introdurre la pesca del salmone negli aridi altipiani dello Yemen, la sua monotona vita è messa sottosopra…

La fuga di Martha Regia: T. Sean Durkin Cast: Elizabeth Olsen, Christopher Abbott, Brady Corbet, John Hawkes USA Genere: Drammatico Martha fugge dalla casa di campagna nella quale ha vissuto per due anni insieme alla setta che l’ha accolta come parte della famiglia, al costo di un altissimo prezzo psicologico da pagare. Con l’aiuto della sorella e del cognato, tenta di ritrovare una vita normale…

25 Maggio


VG

visioni grafiche


musica

di Walter Cristiano

Musica: ultime serate da Club

BIAGIO ANTONACCI

il mese dei fiori, del sole e delle prime calde sere dell’anno, durante le quali è più che giusto uscire di casa e recarsi ad assistere a un bel concerto. Chi vive a Roma, se pensa alla musica del mese di Maggio, non può certo non pensare all’appuntamento dell’anno: il concerto del Primo Maggio. Anche quest’anno, infatti, i sindacati hanno preparato un evento ricco di artisti, dando agli spettatori il consueto appuntamento in Piazza San Giovanni. Tuttavia, quello del Primo Maggio è nel vero senso della parola soltanto il primo dei concerti in cartellone questo mese presso la capitale. Al Palalottomatica vanno segnalati tre importanti appuntamenti con la musica italiana: si parte il 2 maggio con i pugliesi NEGRAMARO, si continua il 5 maggio con ANT ONEL LO VENANTONELLO DITTI (di nuovo sul palco VENDITTI del palazzetto dell’Eur dopo appena un mese), si conclude il 12 maggio con BIAGIO ANTONACCI (in scaletta i pezzi del nuovo album “Sapessi dire no”). Numerosi sono poi gli eventi offerti dall’Auditorium Parco della Musica: ce n’è davvero per tutti i gusti. Si passa dagli appuntamenti dedicati al mondo della musica classica e contemporanea, come quello sul genio innovatore di JOHN CAGE (John Cage - Le percussioni infinite), il prossimo 10 maggio, a contest musicali per la musica emergente: dal 18 al 22 maggio, l’Auditorium di Viale de Coubertin ospita infatti la rassegna musicale “Generazione X”, giunta ormai alla settima edizione, che in realtà quest’anno cambia nome in “Generazione XL”, data la collaborazione diretta con la testata musicale XL di Repubblica. Spazio anche ai singoli artisti,

È

Il tempo dei concerti all’aperto sta per arrivare. La stagione inizia con il concertone del Primo Maggio

ARISA

interpreti o cantautori, con concerti previsti per il 19, il 20 e il 25 maggio. Rispettivamente e nell’ordine saliranno sul palco ARISA, PACIFICO e MORGAN. MARLENE KUNTZ

All’interno di questo viaggio nel maggio musicale, non poteva certamente mancare il solito Orion Club di Ciampino: questo mese, il locale live music alle porte di Roma offre una serie di concerti veramente rock. L’11 salirà sul palco STEVEN WILSON, fondatore e leader del gruppo rock britannico Porcupine Tree. Il giorno seguente, il 12, sarà la volta dei MARLENE KUNTZ, reduci dalla loro prima e curiosa esperienza sanremese. Il mese si conclude poi con i FEAR FACTORY, band industrial metal statunitense, in concerto il 29 maggio. Da segnalare due concerti anche al Piper Club, lo storico locale romano di musica live: il 3 maggio c’è il concerto di CRISTINA DONÀ, mentre il 10 dello stesso mese è la volta di ERMINIO SINNI. Concludono questa rassegna musicale due concerti in programma al Circolo degli Artisti, molto differenti l’uno dall’altro per genere e personaggi. Il 9 maggio calcano la scena le sonorità punk degli statunitensi JON SPENCER BLUES EXPLOSION; l’11 maggio, invece, c’è spazio per il rap impegnato del PIOTTA.

NEGRAMARO

45


di Rossella Smiraglia

di Chiara Ferraro

arte e cultura

Obiettivo sull’Italia Ultimi giorni per ammirare al Museo di Roma in Trastevere un’Italia scomparsa ino al 27 maggio, il Museo di Roma in Trastevere ospiterà la mostra “Leonard Freed - Io amo l’Italia”, un omaggio al nostro paese attraverso cento storici scatti del celebre fotografo newyorkese. L’esposizione, curata da Enrica Viganò, propone una selezione delle migliaia di fotografie che Freed raccolse durante i suoi numerosi viaggi in Italia: 100 istantanee in bianco e nero, alcune delle quali inedite, scattate tra Roma, Firenze, Napoli, Milano e Palermo. I soggetti raccontano soprattutto la vita quotidiana, i volti e i gesti del Belpaese. L’Italia fu una delle principali fonti d’ispirazione di Freed, una terra che lo affascinò per tutta la vita. Più che l’arte, l’architettura o il paesaggio, ciò che attraeva l’artista e il professionista erano gli italiani e loro “italianità”. Non a caso il suo obiettivo si focalizzò proprio sulle persone, immortalandone le fattezze per decenni con empatia e sensibilità. Che si tratti di foto corali o singoli ritratti, a prevalere è infatti la gente comune: pescatori siciliani, donne napoletane, soldati, aristocratici veneziani e romani, bambini che giocano in piazza o uomini che passeggiano. Tra le immagini più celebri, sicuramente si fa notare quella dei due seminaristi in tonaca nera, ritratti mentre si tirano palle di neve in Piazza San Pietro a Roma. Si può dire che Freed guardasse la realtà con gli occhi dell’artista, più che del fotoreporter. “Leonard Freed si poneva molte domande - spiega la curatrice Enrica Viganò - Nei suoi diari appuntava la profonda ricerca che stava svolgendo sull’esistenza e sulle motivazioni del vivere umano. Il suo strumento era la macchina fotografica, il suo talento era la comprensione istintiva delle forme visive, il suo impegno era tutto dedicato alle persone e, di conseguenza, alla madre di tutte le domande: chi siamo?”. Dai suoi scatti infatti non traspare la ricerca della notizia, bensì la volontà di approfondire la dimensione più intima della natura umana. Per informazioni e prenotazioni, visitare il sito www.museodiromaintrastevere.it, oppure telefonare allo 060608.

F

arte e cultura

Mirò! Poesia e luce 80 opere inedite del grande artista a suggestiva cornice del Chiostro del Bramante ospita fino al 10 giugno la produzione artistica dell’opera di Jean Mirò. Ottanta opere mai arrivate prima in Italia - dipinti, tele, sculture e bronzi - danno vita a un percorso di nove ambienti nel quale si ripercorrono gli ultimi trenta anni di attività del Maestro. Curata da Maria Luisa Cacho, la maggiore esperta internazionale dell’opera di Mirò, la mostra si concentra sulla produzione degli anni in cui l’artista ha finalmente realizzato il sogno di avere un suo studio a Majorca: un luogo in cui poter lavorare nel silenzio e nella pace che solo la locale natura poteva offrirgli. Ed è proprio la ricostruzione scenografica dello studio di Mirò che colpisce per prima l’attenzione dello spettatore: un ambiente riprodotto nei dettagli che apre un percorso suddiviso sia cronologicamente che tematicamente. Mirò, è noto, venne influenzato profondamente dall’opera dall’architetto Gaudì, in particolare da un’estetica che realizzasse il benessere pubblico attraverso progetti di grande portata (murales, opere visibili a tutti, progetti che permeassero le città). Lavorare su muri o edifici dava all’artista la possibilità di collaborare con architetti e artigiani (nella mostra si possono ammirare a tal riguardo lo “Schizzo per la pittura murale del Terrace Plaza Hotel de Cincinnati” (1947) e i disegni del “Progetto murale per la sede delle Nazioni Unite” a New York). Tra i lavori più noti, nel gruppo delle opere “Senza Titolo” spicca un dipinto ad olio e acrilico su tela raffigurante un pupazzo: momento a partire dal quale i tratti figurativi iniziano a scomparire. Proseguendo il percorso si ritrovano le iconografie tipiche dell’astrattismo, dove le figure si semplificano in pochi tratti aumentandone le dimensioni. Un’intera sala è dedicata al periodo degli anni ‘70, in cui l’artista produce tele monocromatiche di grande formato, fase in cui si evidenzia la predilezione per il nero e per gli espressionisti astratti americani. L’ultima sala propone le opere scultoree dell’ultimo periodo della sua vita, in cui dipingeva con i pugni usando materiali di riciclo, creando sculture con materiale che lui stesso collezionava, che altrimenti sarebbero diventate “cose morte da museo”, come lui stesso disse.

L

47


VG

visioni grafiche


di Penelope Salomone

arte e cultura

Tra Umbria e Campania: arte senza confini Quattro proposte per lasciarsi stupire dagli insoliti percorsi della creatività a stagione in corso è ricca di appuntamenti (irrinunciabili) per gli aficionados dell’Arte e della Cultura. Ecco, a nostro giudizio, quattro mostre da non perdere nella Capitale e non solo.

L

Il Museo della Civiltà Romana ospita una interessante rassegna dedicata alla Croazia che, attraverso pittura, fotografia, musica, poesia, film, sfilate in costume, artigianato ed enogastronomia, traghetta i visitatori oltre le sponde dell’Adriatico. Il Mosaico Croato, promosso dall’Assessorato capitolino alle Politiche

Culturali e dalla consigliera aggiunta per l’Europa Tetyana Kuzyk, promette emozioni e sorprese fino al 12 maggio. A Palazzo Sciarra la Fondazione Roma presenta le opere, dall’Età imperiale sino al Settecento, raccolte da due importanti esponenti del collezionismo italiano: Federico Zeri e la coppia Dino ed Ernesta Santarelli. Lungo il percorso espositivo, inedito e di grande fascino, è stata ricostruita altresì la bottega di uno scultore provvista di tutti gli strumenti del caso. C’è perfino una sezione dedicata a Gildo Pedrazzoni e Alceo Dossena, celebri falsari romani della prima metà del

Novecento. Le Sculture dalle Collezioni Santarelli e Zeri si potranno ammirare fino al 1° luglio. Bando alla pigrizia: val davvero la pena mettersi in viaggio per raggiungere Perugia, Orvieto e Città di Castello allo scopo di rendere omaggio a Luca Signo-

relli “de ingegno et spirto pelegrino”. Potremo così ripercorrere l’itinerario artistico del geniale pittore (Cortona 1450-1523 circa), dall’apprendistato ad Arezzo presso Piero della Francesca all’incontro con Perugino (Firenze, nella bottega di Andrea del Verrocchio), fino alla sua intensa attività a Perugia e nell’Alta Valle del Tevere. Tra i capolavori esposti alla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia, le Madonne di Boston, Oxford e Venezia, nonché la celeberrima Presentazione al Tempio, venduta di recente da Sotheby’s a New York e gentilmente prestata dal nuovo proprietario. Inoltre sono state ricomposte per l’occasione, con esiti felici, alcune opere smembrate in passato e oggi disperse in vari musei italiani: la pala Bichi, parti delle pale di Arcevia e di Matelica e l’Annunciazione di Volterra. D’obbligo è la tappa al Duomo di Orvieto nella Cappella di San Brizio, con i celeberrimi affreschi del Finimondo, dell’Inferno e del Paradiso, da cui Michelangelo trasse ispirazione per la Cappella Sistina. Grazie alle tecniche digitali, il

sorprendente Giudizio di Signorelli si anima in uno spettacolo realizzato da UmbriaEnsemble “Storie degli ultimi giorni”. Dal Museo del Duomo, che custodisce la tavola di Santa Maria Maddalena e la Pala di Paciano in restauro ma visibile, si può accedere alla Libreria rinascimentale Albèri, decorata con soggetti profani ispirati alla poetica del maestro cortonese. A Città di Castello il già cospicuo nucleo di dipinti del Signorelli racchiusi a Palazzo Vitelli alla Cannoniera è impreziosito da opere provenienti da Bergamo, dalla Val di Chiana e da Bucarest. Innumerevoli gli eventi collaterali. Fino al 26 agosto. Cambio di rotta e di atmosfera. Napoli, Villa Pignatelli: centocinquanta Fotografie dal Giappone (1860-1950), alcune firmate Felice Beato, originali su carta all’albumina colorate a mano una per

una costituiscono il fulcro della mostra, deliziosa e coinvolgente, patrocinata dalla Fondazione Italia Giappone. Fino al 3 giugno.

51


di Barbara Zorzoli

Amore tra Katy Perry e Baptiste Giabiconi er un amore vissuto in ombra, ce n’è un altro alla luce del sole: se Rihanna e Ashton Kutcher vivono in segreto la loro relazione, c’è un’altra coppia che non si nasconde. E che coppia! Stiamo parlando, infatti, di Katy Perry e il modello francese Baptiste Giabiconi, pupillo di Karl Lagerfeld e volto di Dior Homme. A rivelare la loro relazione è stato il modello 22enne, pubblicando sul suo account Twitter una foto che lo ritrae assieme alla pop star, commentando con un “mia gattina sei fantastica in questa foto”, lasciando pochi dubbi sull’affetto tra i due. Entrambi erano presenti alle scorse sfilate parigine (dove Katy Perry ha sfoggiato delle mise da vera regina di stile) e proprio lì sarebbe nato un interesse reciproco, tanto che erano iniziate a girare le prime voci di un possibile flirt. Baptiste Giabiconi e Katy Perry, infatti, hanno partecipato assieme alla sfilata di Chanel, per poi essere avvistati assieme per le strade di Parigi, la città più romantica del mondo. In più, la relazione non sarebbe il classico chiodo scaccia chiodo, vista la recente separazione tra la cantante e Russell Brand: a testimoniarlo la volontà del modello di trasferirsi a Los Angeles, per stare vicino alla sua bella. Romantico, no?

P

spettacolando

Karl Lagerfeld si scusa con un regalo o scorso febbraio era scoppiata la bufera: Karl Lagerfeld aveva definito Adele “un po’ troppo grassa”, scatenando un putiferio per la battuta. Ora, finalmente, sono arrivate le scuse ufficiali, con tanto di regalo di riparazione. Il direttore creativo di Chanel, infatti, ha inviato alla cantante inglese un set di borse del prestigioso marchio. E non è finita qui: una fonte vicina a Karl Lagerfeld ha dichiarato al The Sun che Adele potrebbe entrare nel club dei volti Chanel come testimonial della Mademoiselle Bags, una volta finito il contratto con Blake Lively, attuale musa della maison. Ma non è l’unico colpo di scena che riguarda Adele: in questi giorni, infatti, la star inglese ha rivelato che nel 2012 uscirà una sua nuova canzone e, per tutte le amanti del gossip, è stata svelata l’identità misteriosa dell’uomo che le ha spezzato il cuore, ispirando le canzoni dell’album dei record, 21. Il ragazzo è il fotografo Alex Sturroc. Senza dubbio, da ora, uno degli uomini più odiati dagli amanti di Adele…

L

Rihanna è single

e felice

a nuova telenovela di Hollywood è appena iniziata e sembra destinata a durare: il love affair tra Ashton Kutcher e Rihanna, infatti, ha scatenato un vero e proprio vespaio nella rete. Alla premiere londinese di Battleship, la bella cantante e attrice ha dichiarato: “Sono single e felice”, smentendo tutte le insinuazioni sulla sua relazione con Ashton Kutcher. Ma le voci non si sono certo placate. Anzi, ogni giorno emergono nuovi dettagli: il sito TMZ ha rivelato che Rihanna sarebbe letteralmente impazzita per l’attore, tanto da volersi convertire alla Kabbalah, religione praticata da Ashton e dall’ex moglie Demi

Moore. E proprio a proposito di Demi Moore, in rete si è diffuso un altro pettegolezzo, che vorrebbe la star hollywoodiana distrutta dal dolore per la possibile relazione tra i due. A rivelarlo è il magazine Grazia Uk, secondo il quale Demi è “disgustata e ossessionata dalla nuova coppia tanto che continua a cercare ogni notizia che parli di Ashton e Rihanna”. In più, l’attrice si sentirebbe umiliata dal comportamento dell’ex marito, che sembra essersi ripreso molto velocemente dal divorzio. Divorzio che per Demi Moore, invece, è stato traumatico, costringendola a una cura in rehab.

L

53


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


moda e tendenze

di Valentina Mancini

Da professionista a glamour: viveur in poche semplici mosse Alcuni consigli per cambiare look con un esiguo nécessaire “salva-sera” mpeccabile in ogni occasione, perfetta da mattino a sera, dal brunch in ufficio all’aperitivo con le amiche. Scegliere l’outfit giusto, non sbagliare l’accessorio, il taglio di capelli, gli accostamenti cromatici, il make-up. Ciò rappresenta, per molte donne, un’esigenza, una vera e propria iniezione di fiducia. Soprattutto per le occasioni mondane, le feste e gli aperitivi glamour commettere un errore di stile significa sentirsi a disagio e, quindi, limitare e nascondere carisma, simpatia, sensualità. Sentirsi belle è, infatti, il primo passo per apparire tali. E, naturalmente, la sicurezza gioca, in questi casi, un ruolo fondamentale. La questione non riguarda strettamente l’uscita del sabato sera, solitamente preceduta da un’attenta preparazione, con annessa seduta dal parrucchiere ed estetista. Basti pensare che, per lo più, si trascorre la maggior parte del tempo in ufficio, o comunque sul posto di lavoro. Bisogna quindi essere preparate a un’improvvisata del cliente o del capo, a un impegno dell’ultimo minuto o a una cena a sorpresa. Missione impossibile? No, se ci si è preparate in anticipo, con

I

qualche accorgimento necessario. Il kit “salva-sera” è poco ingombrante e molto utile, provare per credere. Innanzitutto bisogna sgomberare un cassetto della scrivania per fare spazio a dentifricio, spazzolino e deodorante, che devono essere sempre a portata di mano, insieme con matita e mascara per sottolineare lo sguardo senza rifare l’ombretto e, infine, un semplice gloss trasparente; si tratta di pochi elementi base che, però, fanno la differenza. Prescrittivo, poi, per non farsi trovare impreparate, tenere in auto delle scarpe di ricambio facilmente adattabili; per esempio, un paio d’intramontabili décolletée a punta nere. I capelli, di giorno sciolti sulle spalle, vanno raccolti per la sera in un raffinato chignon morbido; se non sono freschi di shampoo, invece, soluzione migliore è tirarli su in una coda di cavallo, purché impreziosita, secondo le tendenze in voga al momento, da un gioiello. Non un fermaglio gioiello, ma orecchini a clip, spille preziose o, come insegnano le star da red carpet, collier che, passando dal corpo alla testa, sono perfet-

ti alleati del cambio look repentino talvolta inevitabile. Così la coda di cavallo sembrerà una scelta fashion, più che una necessità dettata da ritmi un po’ “sopra le righe”. I capi d’abbigliamento da ufficio sono generalmente tailleur e tubino, indumenti che per la sera, però, potrebbero dare vita a un outfit un po’ troppo formale, spento, rigoroso, noioso. E allora via la giacca e, sul tubino, a incorniciare le spalle, una pashmina colorata che faccia contrasto; la stessa che era avvolta intorno al collo e che diventa, in un attimo, una stola elegante e glamour. Se indossate un tailleur gonna o pantalone, il cambio look richiede un po’ di lungimiranza: al mattino, sotto la camicia, bisogna indossare un top elegante, da sfoggiare al calar del sole. Infine la borsa, ultimo ma decisivo accessorio per non sfigurare nei locali “in”. Quella da giorno è una maxi-bag, per contenere di tutto, come per ogni donna che si rispetti; dentro, basta infilarci una clutch, elemento cult per completare il look, e il gioco è fatto.

57


VG

visioni grafiche


arredamento

di Simona Bottoni

Studio-Museo Castiglioni a Milano: non si crea senza oronare un sogno, in un assolato pomeriggio di aprile, significa visitare lo studio di Achille Castiglioni a Milano. Un’esperienza emozionante ed indimenticabile per chi Castiglioni ha potuto conoscerlo “soltanto” attraverso le sue opere. Entrare nel suo studio, che oggi è un Museo grazie alla caparbia passione di sua moglie Irma e di sua figlia Giovanna (ma anche di due sue collaboratrici storiche, Antonella Gornati e Dianella Gobbato), è stato come tornare indietro nel tempo ai giorni in cui era tutto un proliferare di progetti. Lo Studio Castiglioni si sviluppa con una pianta a forma di ferro di cavallo: la parte destra conduce all’ambiente dedicato alle riunioni attraverso una stanza-disimpegno le cui pareti sono affollate di mensole, scaffalature e vetrine piene di riviste di arredamento, di prototipi e di oggetti utilizzati per studiare e progettare. Vi campeggia un grande tavolo rettangolare di legno massiccio al centro, circondato di sedute tutte diverse tra loro che Antonella Gornati rivela essere state acquistate da Castiglioni nel tempo perché di suo gradimento. Dalla stanza delle riunioni è possibile tenere d’occhio, per volere del grande designer, tutto il resto dello studio attraverso un enorme specchio posto a 35° sulla parete del disimpegno. La parte sinistra dello studio, invece, conduce alle due stanze-laboratorio dove venivano sviluppati i progetti. Nella prima sono collocati grandi tavoli da disegno con squadre da usare, matite a china, scotch-carta. Tutt’intorno si notano pareti mensole e scaffalature piene di libri, riviste specializzate, oggetti e appunti. Nella seconda ci sono scaf-

C

SELLA

curiosità falature a tutta parete sui quattro lati, dove sono riposti tubi contenenti i lucidi degli oltre 1.000 progetti originali recuperati dagli eredi, e tantissime scatole di cartone che contengono i modellini dei prototipi dei progetti realizzati per i committenti prima

Visita guidata in un tempio del design italiano. Antonella Gornati e la figlia del grande artista svelano la storia di una grande officina di creatività che l’oggetto entrasse in produzione. Antonella Gornati spiega l’improbo lavoro che insieme agli eredi ha dovuto fare per recuperare i lucidi: i più vecchi recano infatti i segni lasciati dalle colle degli scotch MEZZADRO applicati e dalle chine delle matite da disegno che, nel tempo e con le variazioni di temperature, si sono inglobati nel tratto del progetto, rendendolo, a volte, illeggibile e da ricostruire. Ci racconta, poi, come sono nate alcune delle sedute più famoARCO

se del maestro, come “Sella”, concepita come sgabello per rispondere al telefono fissato a muro (quindi, volutamente scomoda per indurre a dilungarsi poco); o come “Mezzadro”, nata come sedia da lavoro (quindi molleggiata per consentire a chi vi si siede di ricevere una spinta ed arrivare anche alle parti più lontane del tavolo da lavoro). Ci rivela che il foro a tutto spessore praticato nella famosa lampada “Arco” era stato pensato da Castiglioni perché potesse essere spostata più facilmente. Ci svela che il cucchiaio “Sleek” - rieditato nel SLEEK 1997 da Alessi - era nato per il packaging di una nota maionese che doveva essere lanciata in Italia. Tutto il resto lo lasciamo alla curiosità del lettore, sperando di aver fatto venir voglia di visitare questo gioiello della memoria del design italiano.

59


VG

visioni grafiche


architettura

di Leonardo Caviola

Cina: la nuova “America” del fare Architettura Studenti e professionisti guardano a Oriente a recente assegnazione dell’annuale e prestigioso premio Pritzker (una sorta di Oscar dell’Architettura) al cinese Wang Shu, ha reso giustamente merito WANG SHU al paese che sta, negli ultimi anni, surclassando per committenze (sia pubbliche che private) le altre nazioni nel mondo. Se gli Emirati Arabi si stanno specializzando nelle grandi opere (grattacielo più alto, isole artificiali più grandi, alberghi più lussuosi), in Cina le autorità locali non stanno ponendo limiti di edificabilità anche alla piccola scala urbana, finanziando progetti che altrove sarebbero scartati, perché eccessivamente azzardati, costosi o irrealizzabili. È certamente affascinante il paradosso per il cui nel paese dove è oggettivamente limitata la libertà di parola, di scrittura e di opinione, si sia innescata una miccia edilizia che ha come detonatori fattori quali i soldi (tanti), la manodopera (infinita), la velocità di esecuzione (quattro anni per costruire dal niente il “Nido d’Uccello”, lo stadio delle Olimpiadi!) e una fruttuosa libertà creativa (di stampo per lo più mitteleuropeo). Alcuni esempi pratici: il Vanke Center a Shenzhen di Steven Holl, una sorta di grattacielo orizzontale ed ecosostenibile, dove il progettista, bistrattato in Europa per le sue rivoluzionarie idee urbanistiche, ha potuto in Cina finalmente e liberamente esprimere i suoi concetti. A Changsha un altro grattacielo, stavolta tradizionalWANG SHU CERAMIC HOUSE (CINA) mente verticale (30 piani) è stato edificato in soli 15 giorni grazie ad una inedita quanto rigida fase propedeutica di programmazione delle fasi costruttive. Non meno meritevole l’iniziativa pro-Cina avvenuta nel nostro paese, dove la lungimirante facoltà di Ingegneria edile e Architettura di Pavia ha consegnato da poco le prime lauree italo-cinesi riconosciute in entrambi i paesi, grazie alle quali studenti italiani hanno terminato i loro studi direttamente alla Tongji University di Shangai (lo stesso ateneo del su citato Wang Shu). Altri ragazzi stanno poi già svolgendo il tirocinio, e alcuni di loro già lavorano con regolare stipendio nel paese considerato come la “nuova America”. Insomma, si può rimodellare il mondo mescolando felicemente tradizione europea con innovazione orientale.

VG

visioni grafiche

L

63


Euro 24.900

Euro 11.900

Euro 11.500

Euro 20.500

Euro 32.500

Euro 21.900

Euro 20.500

Euro 24.900

Euro 21.800

Euro 22.900

Euro 30.500

Solo da noi in caso di furto entro 3 anni dall’acquisto ti sarà consegnata un’altra auto di pari valore a costo zEro! Per saperne di più ti aspettiamo nei nostri showroom di roma/Latina.

Euro 49.900

Euro 35.900

Euro 39.900

Euro 67.500

Euro 56.900

Euro 21.500

Euro 36.900

Euro 36.500

Euro 23.900

Euro 23.500

Euro 39.500

Euro 30.900

Euro 39.900

Euro 29.900

Euro 48.900

Euro 149.000

Euro 39.500

Euro 165.000


di Simone Felicetti

questione di cilindri

Nuova Punto Un’utilitaria dal piglio giovane

in dalla sua nascita, nel lontano 1993, la Fiat Punto ha rappresentato, nell’ambito del mercato nazionale, l’auto italiana di maggior successo commerciale. A testimoniare questo dato sono i circa 12.000 acquirenti che da allora, ogni mese, la scelgono. Al

F

quarto restyling, la Nuova Punto mira a riaffermare il suo primato puntando ancora una volta sul rapporto qualità-prezzo e sull’introduzione di forme più accattivanti e al passo coi tempi. Le novità estetiche della Nuova Punto 2012 riguardano il frontale (con paraurti in tinta e indicatori di direzione posti accanto alla presa d’aria) ed il posteriore, in cui una forma in rilievo accoglie e circonda l’area del vano targa e quello

Nuova Smart Fortwo Rilancio di stile e motorizzazioni per la protagonista indiscussa del traffico urbano velata in anteprima al Salone di Ginevra 2012, la nuova Smart Fortwo sarà commercializzata a partire da aprile nei consueti cinque allestimenti: Pure, Pulse, Passion, Brabus, Brabus Xclusive.

S

Rispetto all’ultima versione, che ormai risale al 2010, la city car si rinnova in modo sostanziale, pur rimanendo fondamentalmente fedele all’idea originaria. Sei sono le motorizzazioni previsti per questi nuovi modelli: la diesel da 800 cc, la 1000 cc da 61, da 71 e da 84 cavalli (le prime due nella versione mhd), la Brabus da 102 cavalli e, infine, la versione elettrica, la Smart ED. Nel dettaglio, la Cdi ha una potenza di

54 cavalli, una cilindrata di 799 cc, una coppia massima di 130 Nm, un consumo di 3,3 litri per 100 km, raggiunge la velocità massima di 135 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 16,8 secondi. La Mhd da 61cv ha una cilindrata di 999 cc, una coppia massima di 89 Nm, un consumo di 4,2 litri per 100 km, raggiunge la velocità massima di 145 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 16,8 secondi. La versione da 71 cv ha una coppia massima di 92 Nm, un consumo di 4,2 litri per 100 km, raggiunge la velocità massima di 145 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 13,7 secondi. La versione da 84 cv ha una cilindrata di 999 cc, una coppia massima di 120 Nm, un consumo di 4,9 litri per 100 km, raggiunge la velocità massima di 145 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 10,7 secondi. La versione Brabus ha una potenza di 102 cv ha una cilindrata di 999 cc, una coppia massima di 147 Nm, un consumo di 5,2 litri per 100 km, raggiunge la velocità massima di 155 km/h ed accelera da 0 a 100 km/h in 8,9 secondi.

delle funzioni ausiliarie dei fanali. Per quel che riguarda gli accorgimenti legati agli interni, invece, la Punto 2012 presenta sedili dai rivestimenti completamente rinnovati e con nuovi inserti nella plancia che ne arricchiscono l’idea di auto completa e ricca di accessori. Oltre a queste novità, la Punto 2012 viene proposta con tre nuovi colori di carrozzeria piuttosto audaci e giovanili (il grigio grafite, il rosso rubino ed il turchese), oltre che con nuovi cerchi in lega da 15 pollici. Sul fronte motorizzazioni, la rinnovata utilitaria di casa Fiat debutta con motore 900 cc TwinAir turbo con 85 cavalli di potenza e l’esclusivo e innovativo propulsore due cilindri capace di regalare prestazioni davvero esaltanti a fronte di consumi ed emissioni inquinanti davvero ridotti. Il motore 1.3 Multijet da 85 cavalli, con coppia di 200 Nm a 1500 giri/min, inoltre è stato ulteriormente ottimizzato in modo da ridurre ulteriormente le emissioni raggiungendo i 90 g/km.

65


VG

visioni grafiche


di Alessandro Fresilli

viaggi

Barcellona, vita da vivere Mix di cultura e divertimento: una giostra da cui non si vorrebbe mai scendere a prima cosa che colpisce è la varietà di colori: un susseguirsi di lampi cromatici che avvolgono i passanti, ancor prima delle varie miscele dei suoi odori e sapori, dell’aria salata che dal mare si spande lungo le vie zeppe di persone, dei suoni che arrivano da più parti. Barcellona è una città in cui passato e presente convivono senza infastidirsi, una città di mare, quindi crocevia di varie culture e modi di essere che si autoalimentano. E questa sua peculiarità la custodisce con orgoglio. Da secoli. Girovagando per i viali della capitale di Catalogna, le attrattive culturali spuntano quando meno una persona se le aspettata. La città offre nutrimento per l’anima e la mente a portata di biglietto della metropolitana: dalla Sagrada Familia (Temple Expiatori de la Sagrada Familia), il monumento più visitato di Spagna, frutto dell’immaginazione di Anton Gaudì e ancora in costruzione, al Museu Nacional d’Art de Catalunya (un viaggio attraverso il tempo, dal Medioevo ai giorni nostri); dai giardini profumati di Montjuïc, dove ci si può riparare dal frastuono cittadino ed

L

PARC GÜELL

ammirare la Font Magica che danza e si illumina a ritmo di musica, al Parc Güell (magnifica la sua lucertola di ceramica e gli oltre tre chilometri di sentieri); dal Tibidabo alla statua di Cristoforo Colombo, dall’acquario alla Barceloneta (un tempo luogo di moli in disuso, oggi quartiere pieno di vita). Ma Barcellona è anche locali e quindi vita notturna, che al calar del SAGRADA FAMILIA sole si anima e rapisce. E nelle ore della movida sale alla ribalta, più delle altre zone cittadine, la Rambla: un’arteria che da Plaça de Catalunya arriva fino al mare, separando il quartiere di El Raval da quello storico del Barri Gòtic. Aperitivi e pasti serali si sovrappongono, anche per via delle tapas, quello che oggi è considerato il più popolare piatto spagnolo: fette di pane farcite con un po’ tutto - dalle olive ai pezzetti di salsiccia, dal merluzzo fritto alle verdure - da accompagnare con un buon vino bianco, come consigliano al Bar Celta, locale rinomato per il pulpo a la gallega (polpo bollito e condito con olio leggermente aromatico). Ovviamente, oltre alle tapas, c’è anche la più tradizionale e gustosa cucina catalana:

l’arròs a la cassola (o arròs a la catalana, la paella catalana cucinata in una pentola di coccio e senza zafferano), l’arròs negre (il riso cotto nel nero di seppia), la botifarra e il solomillo (rispettivamente salsiccia e controfiletto), i calçot (cipolle dolci arrostite nella carbonella e intinte in una salsa piccante), la crema catalana e il Mel i matò (miele con formaggio fresco e cremoso). Questi solo alcuni dei piatti più richiesti nel più vecchio e pittoresco ristorante di Barcellona (fondato nel 1786), il Can Culluretes. Ma si parla comunque sulla Rambla, un luogo dove la vita notturna è viva in ogni angolo. Che si voglia scegliere l’Harlem Jazz Club, una meta per gli amanti del jazz che propone musica tradizionale e contemporanea (anche dal vivo), il Jamboree, in cui si sono esibiti anche Chet Baker ed Ella Fitzgerald (a notte fonda vira sull’hip hop e il funk), o La Macarena Club, che propone musica elettronica e house, non fa differenza. L’importante è tirare tardi fino al mattino ed aspettare che apra il Mercat de La Boqueria (uno dei più grandi d’Europa), per tuffarci di nuovo nei toni sgargianti di questa città in perenne movimento.

69


informazione redazionale

Diventa farfalla: torna in forma con il Centro ora di rimettersi in forma. Da qualche mese questo pensiero gira sicuramente per la testa di molte persone. C’è chi ha provato a riuscirci in proprio ed è rimasto o rimasta molto male. Con le diete fai da te i kg da colmare spesso aumentano. Eppure il da farsi sarebbe molto meno complicato di quanto sembra: basterebbe affidarsi a professionisti del settore e “con un paio di mesi, ottenere risultati del tutto apprezzabili”. Questo è quanto afferma la Dott.ssa Aurelia Capasso, titolare di Crisalide, un Centro Benessere e Dimagrimento che ha curato con successo migliaia di casi. Con lei abbiamo avuto una breve chiacchierata… Che fa il Centro Crisalide? Programmi personalizzati relativi a problemi nutrizionali, sia nell’ambito di un soggetto sano che con patologie. Facciamo terapie per soggetti che devono perdere peso ma anche per chi deve acquistarlo o mantenere un regime particolare in seguito a patologie. Si avvicina l’estate, molti vorrebbero perdere peso, cosa consiglia? Di visualizzare la silhouette. Se c’è qualche kg di troppo, provvedere a dimagrire o cercare un supporto con trattamenti estetici per inestetismi specifici. Spesso il problema è individuale: eccesso di grasso locale, bisogno di rassodamento, problematiche legate alla cellulite. Su questo il Centro Crisalide ha trattamenti d’avanguardia? Senza dubbio. Nei nostri centri abbiamo la VelaSmoothPro, l’ultima macchina disponibile sul mercato, uno strumento molto efficace perché usa 3 tecnologie diverse per ridurre le adiposità localizzate. Nel XIII Municipio siamo gli unici a poterne disporre. VelaSmoothPro lavora sul ristagno dei liquidi, a livello cellulare, sul tono della pelle e la sua elasticità. Con una frequenza bisettimanale di un’ora, nel giro di due mesi si hanno ottimi risultati. Ovviamente tali trattamenti vanno abbinati ad una corretta alimentazione. Sono strumenti utilissimi per le donne che hanno appena avuto una gravidanza o che non possono fare attività fisica per altri problemi. Avete promozioni stagionali? Questo è un periodo promozionale. Si apre la stagione estiva e diamo la possibilità ad un certo numero di persone di accedere ai nostri trattamenti a condizioni vantaggiosissime. Ad Ostia abbiamo due centri aperti tutto l’anno. Il centro pilota è a via Alessandro Piola Caselli 151: lì siamo aperti da 12 anni. Da un paio di anni siamo anche presso lo stabilimento Le Dune Village. Siamo aperti tutta l’estate, domenica compresa. Per info: www.centrocrisalide.com.

È

di Paolo Baroni

una gita fuori porta

Parco naturale del Pineto Escursione nel cuore di Roma. La natura non è poi così lontana! oco nota anche a molti romani, questa piccola e preziosa area protetta si estende nel settore nord-occidentale della città e offre una vista della cupola di San Pietro incorniciata da prati e boschetti. Il parco del Pineto è un residuo di Agro Romano affacciato sul cuore di Roma, delimitato a sud dal quartiere di Valle Aurelia, a ovest dalla Via Pineta Sacchetti, a nord dalla Via Trionfale e ad est dalla ferrovia Roma Nord. Comprende il territorio della Valle dell’Inferno (mai nome più evocativo) che si estende dalle propaggini occidentali delle colline di Monte Mario a quelle settentrionali del Vaticano. Circondata dai quartieri che via via le crescevano intorno, negli anni Settanta la Vallata fu al centro di una lunga battaglia di comitati cittadini che, fortunatamente, portò all’istituzione dell’area protetta, bloccando i piani di lottizzazione previsti. L’area del parco, ritenuta una delle perle botaniche della città, è caratterizzata dalla presenza dominante nei suoi boschi sempreverdi della Sughera, che qui raggiunge i 12 metri di altezza, e che forma i lembi residui delle foreste che un tempo occupavano tutta la fascia tirrenica. Oltre alle bellissime orchidee e alla ricca flora erbacea, lungo i pendii più freschi è presente una boscaglia a nocciolo, alloro e pioppo bianco. Nonostante sia immerso nel mare di asfalto e cemento dei quartieri, il parco offre un angolo di verde ai tanti romani e turisti che lo frequentano, ed è ancora in grado di vantare un interessante patrimonio faunistico. L’allocco, la civetta, l’usignolo di fiume sono solo alcune delle settanta specie di uccelli censite, e significativa è anche la presenza degli anfibi, tra i quali vanno menzionati il tritone punteggiato, il rospo comune e la rana italica. A stupire è però soprattutto la presenza dei rettili: nell’area è presente infatti la natrice dal collare e la ormai rara vipera comune.

P

71


di Roberta Riga

salute e benessere

Rebound: perdere peso con il sorriso estate sta per fare capolino e ormai urge farsi trovare pronti alla prova bikini. I parchi stanno tornando ad affollarsi di runners e walkers implacabili: tutti, giovani e anziani, sentono

L’

balzo che hanno dimostrato che rimbalzare sul tappeto circolare è più efficace, in termini aerobici, del 68% rispetto alla corsa, con il vantaggio di eliminare quei traumi muscolari ed usura del sistema

Un metodo per arrivare in forma all’estate senza sforzi eccessivi e frustrazioni la necessità di perdere i chili di troppo messi su durante l’inverno e le recenti vacanze pasquali. Tuttavia molti, soprattutto i meno inclini all’attività fisica, si stuferanno dopo pochi tentativi oppure dovranno appendere le scarpette al chiodo per via dei microtraumi osteomuscolari causati dall’impatto del corpo sul terreno (ginocchia,

scheletrico. Il rebound è inoltre un attrezzo polivalente, in grado di sostituire, in un colpo solo, il lavoro che svolgono ben 4 attrezzi: il tapis roulant, la macchina isotonica, la pedana vibrante e le macchine per lo stretching. Rimbalzare sul rebounder è un esercizio adatto a tutte le età ed a tutte le condizioni psicofisiche, non ha controindica-

caviglie, schiena, ecc.). Per porre rimedio a tali “acciacchi”, e per combattere la noia di un gesto ripetitivo e solitario come la corsa, tutti - medici, istruttori e fisioterapisti - consigliano il ReboundAir: un tappeto elastico sul quale rimbalzare e saltellare contrastando la forza di gravità, assorbendo gli impatti e divertendosi da matti. Ideato nel 1977 dall’ex trampolinista Albert Earl Carter, il rebound nasce principalmente a scopi salutistici e di recupero. Solo successivamente diventa una vera e propria disciplina d’allenamento. Negli anni ‘80 anche la Nasa ha attivato degli studi e ricerche scientifiche sul rim-

zioni, è utile come percorso riabilitativo successivo ad interventi chirurgici e allena ogni cellula del nostro organismo facendo lavorare contemporaneamente ossa, muscoli, organi ed apparati. Non solo, il rebound stimola il sistema linfatico rinforzando le difese immunitarie e migliora l’equilibrio e la postura in quanto è necessario mantenersi perpendicolari alla base. Infine, sviluppa la coordinazione tra gambe e braccia, nonché il senso del ritmo e la respirazione. Il rebound è consigliato per tutti coloro che vogliono eli-

minare i chili di troppo in modo semplice e divertente. L’aspetto del piacere è poi fondamentale: pare che l’attività del rimbalzare produca un’energia positiva e un rinforzo psicologico che non rendono mai stressante l’allenamento. Il tappeto, chiamato anche trampolino o mini trampolino, può essere acquistato per svolgere attività domestica anche se è consigliabile affidare la propria salute fisica a professionisti ed esperti, capaci di dettare i ritmi dell’allenamento. Esistono 4 tipologie di rimbalzo che si possono compiere sul tappeto elastico: gli health bounce, letteralmente i rimbalzi per la salute, consistono nel poggiare entrambi i piedi mantenendoli attaccati alla superficie elastica; gli aerobic bounce, i balzi aerobici che si compiono poggiando alternativamente i piedi sul tappeto, simulando una corsa; gli strenght bounce, i salti di rafforzamento, a piedi uniti staccare ripetutamente i piedi dall’elastico; i sitting bounce, i balzi da seduti, con i glutei sulla pedana (è necessario spingere per rimbalzare sfruttando la forza addominale). Oggi il rebound è entrato a pieno titolo nel campo della riabilitazione, della medicina preventiva e nell’ambito della preparazione atletica a qualsiasi disciplina sportiva.

75


salute e benessere a cura del Dott. Fabio Treia - Specialista in Ortopedia e Traumatologia

L’alluce valgo: novità sul trattamento chirurgico alluce valgo è una delle patologie più diffuse a carico del piede. È caratterizzato da una deformità dell’alluce che comporta una deviazione laterale della falange, con lussazione dei sesamoidi, due piccole ossa entro le quali si trova l’articolazione dell’alluce. In genere, questa deformità è accompagnata da una tumefazione dolente della parte interna del piede, la cosiddetta “cipolla” o “patata” (in base alle regioni geografiche), che altro non è che una forma di borsite, cioè di infiammazione da sfregamento con la calzatura. La deformità dell’alluce valgo si associa spesso al piede piatto, in quanto la ridotta curvatura della pianta porta a sovraccaricare in modo esagerato la parte anteriore del piede, e può causare, oltre a lesioni cutanee (callosità, ulcerazioni), anche deformazioni al secondo e terzo dito, definiti “a martello” e meta tarsalgie associate, con conseguenze quindi sulla deambulazione e sulla postura. Chi maggiormente soffre di alluce valgo è la donna (dieci volte più dell’uomo), in genere di età matura o senile, e soprattutto se vi sono casi di ereditarietà. Per correggere alluce valgo, dita a martello, metatarsalgie e altre frequenti problematiche del piede oggi scende in capo la chirurgia mininvasiva con tutti i vantaggi che ne derivano, a partire dal recupero più veloce e al minor rischio di complicazioni. L’importante, però, è intervenire al momento giusto perché se la situazione degenera bisogna optare per soluzioni più impegnative dal punto di vista chirurgico. Introdotta in Europa da Mariano De

L’

76

Prado, questa nuova tecnica chirurgica, messa a punto da Stephen Isham negli anni ‘90, utilizza dei piccoli forellini cutanei attraverso i quali vengono introdotte delle frese con le quali si eseguono delle osteotomie (tagli dell’osso) per correggere le deformità e la fastidiosa cipolla. Questa tecnica non prevede, contrariamente alle altre metodiche in uso, l’utilizzo di nessun mezzo di stabilizza-

zione esterna (fili metallici semirigidi) o interni (viti o placche), ma semplici fasciature applicate con tecnica particolare che vengono rinnovate una volta alla settimana per tre settimane al termine delle quali si può passare all’utilizzo di una calzatura comoda, ma chiusa. Questo tipo di intervento chirurgico si effettua con anestesia loco-regionale (ankle block), assicurando un minore stress e un rapido recupero funzionale anche grazie all’utilizzo di anestetici a

lunga durata che eliminano completamente il dolore post-operatorio tanto da poter far camminare immediatamente dopo il paziente con una semplice scarpa piatta in modo da eseguire questo intervento in regime di day hospital. Grazie a questo tipo di approccio, inoltre, il piede si gonfia meno e il dolore è nettamente minore rispetto alle altre tecniche. Non solo, anche il rischio di infezioni diminuisce notevolmente. Pertanto una breve durata dell’intervento, in media 20 minuti (circa 1 ora negli interventi tradizionali), un post-operatorio più semplice e meno doloroso, una deambulazione praticamente immediata, con apposita calzatura, e le minori complicanze la rendono oggi una tecnica particolarmente gradita dal paziente. D’altro canto però non tutti gli alluci valghi sono uguali e la soluzione mininvasiva può essere proposta solo se l’angolo di deviazione dell’alluce verso l’esterno non supera una certa soglia. Ecco perché prima di scegliere l’approccio chirurgico più adatto è fondamentale un attento studio radiografico del piede in appoggio e un controllo specialistico, in quanto non va dimenticato che è il chirurgo a dover scegliere l’intervento più appropriato per ogni piede e che qualunque sia la tecnica, tradizionale, percutanea od “ibrida”, un misto delle due, deve essere la più risolutiva e vantaggiosa per il paziente.

PER INFO E APPUNTAMENTI 345.7121095 - 320.0695947


scienze

di Gaetano Gaggiottino

Donare gli organi, atto d’amore e

civiltà

a fatto recentemente scalpore la notizia che tramite Facebook sarà possibile esprimere l’opzione “donatore d’organo”. Ad oggi tale possibilità è data agli utenti americani e inglesi. È certo però che in futuro la novità arriverà anche in Italia. Perché italiano è

H

si prefigge lo scopo di fornire informazioni sul trapianto di fegato, sostenere moralmente pazienti e familiari prima e dopo il trapianto, collaborare con le strutture specialistiche, promuovere attività di

una dichiarazione di volontà, la famiglia è chiamata a testimoniare la scelta del congiunto in vita. Ripeto l’importanza di riflettere, per essere sicuri che la nostra volontà venga rispettata. Ci sono limiti di età per donare organi e tessuti? Non esistono particolari e precisi limiti di età. In particolare le cornee ed il fegato possono essere prelevati da donatori di età anche superiore agli 80 anni. Un’ultima domanda: il trapianto è una terapia risolutiva? Il trapianto di organi, tessuti e cellule è l’unica terapia in grado di consentire a molti malati di continuare a vivere ed è in questo gesto di amore il dono più grande che ognuno di noi può fare.

Facebook ha recentemente riaperto il dibattito. Al di là delle parole, rimane il problema: scarseggiano i donatori e le necessità di trapianto aumentano stato l’imput attraverso il quale Zuckerberg e il suo staff si sono convinti della bontà dell’idea. A suggerirla è stato infatti il Prof. Antonio Gasbarrini, ordinario di gastroenterologia all’Università Cattolica di Roma. Il problema italiano è che mancano donatori. L’offerta di organi copre infatti solo il 30% della domanda. Esistono poi criticità più grandi di altre, sia per quanto riguarda le diverse regioni italiane che per quanto riguarda gli specifici organi. A Roma, nel marzo 2006, nasce ad esempio l’Associazione Amici del Trapianto di Fegato (AATF). L’iniziativa è portata avanti da pazienti, trapiantati e alcuni medici dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e del Policlinico Gemelli. Seguendo i principi della solidarietà umana, l’Associazione

studio e ricerca nell’ambito dei trapianti d’organo. Ma il programma di punta della AATF rimane quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche della carenza di donatori, promuovendo una “cultura della donazione”. Per capire di più abbiamo fatto alcune domande al Presidente dell’Associazione, la Sig.ra Emanuela Mazza. Come posso fare una donazione? La questione fondamentale da capire è che non esiste trapianto senza l’atto della donazione. La dichiarazione di volontà di donare è un gesto di generosità che permette di aiutare chi soffre a riprendere una vita normale. È necessario informarsi per scegliere in modo consapevole. Si può fare una donazione quando ancora si è in vita? Certamente. Possono essere donati diversi organi. Per esempio il rene, parte del fegato, cellule staminali emopoietiche, cute, placenta e segmenti ossei. E dopo la morte, cosa si può fare? Se la persona ha espresso in vita la volontà di donare, la donazione di organi e tessuti può avvenire solo dopo l’accertamento della morte. In assenza di

ASSOCIAZIONE AMICI DEL TRAPIANTO DI FEGATO - AATF Presidente Sig.ra Emanuela Mazza Vice Presidente Prof. Salvatore Agnes Segretario Prof Antonio Gasbarrini INFO: Emanuela Mazza Tel.335.5232319 sito internet: www.trapiantofegato.org e-mail: aatf2006@libero.it

77


informazione redazionale a cura del Dott. Riccardo Marchi - Dottore in Fisioterapia - Esperto in Terapia Manuale, Posturologia ed Estetica

Fisioterapia estetica dalla salute al benessere a Fisioterapia estetica nasce dall’esigenza dei pazienti e delle pazienti di ricevere trattamenti altamente professionali per il benessere del proprio corpo. Il fisioterapista, infatti, basandosi su solide basi scientifiche e usando sapientemente mani e strumentazioni, è in grado di rispondere con massima professionalità al bisogno di salute e benessere dei propri pazienti. Le apparecchiature che utilizza sono potenti, sicure e dotate di autorizzazione medicale. Radiofrequenze, Cavitazione, Vibrazioni e Bendaggi possono essere usati con successo nel campo della fisioterapia estetica. L’utilizzo di queste tecnologie in unione con terapie manuali personalizzate consente il trattamento dei più comuni inestetismi del viso e del corpo, come rughe, cellulite e gonfiore delle gambe. Tutto questo senza apportare modifiche all’aspetto estetico unico e personale di chi vi si sottopone. Prima però è necessaria un’attenta valutazione, in cui vengano considerate indicazioni e controindicazioni e steso un piano di trattamento personalizzato.

L

TRATTAMENTO ANTICELLULITE La cellulite (più propriamente PEFS - Pannicolopatia Edemato-Fibro-Sclerotica) nasce da un disordine infiammatorio del microcircolo, che degenera fino a formare dei noduli fibro-sclerotici di fibrille. Il fisioterapista può trattarla con radiofrequenze, cavitazione, terapie manuali e bendaggi di drenaggio linfatico. Elettrodi e manipoli scivolano dolcemente sulla cute e, senza risvegliare dolore, agiscono sulle differenti strutture colpite, disgregando le formazioni nodulari e riattivando questo delicato distretto vascolare. Linfodrenaggio e bendaggi aiutano ad eliminare i liquidi che ristagnano nelle zone colpite. Obbiettivo del trattamento è l’instaurarsi di un circolo virtuoso che può riassumersi in questo modo: allentamento delle formazioni fibro-sclerotiche e dello stiramento esercitato dai tralci connettivali sulla superficie cutanea, con liberazione dei capillari; stimolazione della microperfusione sanguigna che consente l’incremento della velocità di flusso nei capillari, la riduzione della stasi micro-circolatoria e la regressione dell’edema; riattivazione della lipolisi e ripristino del normale ricircolo che serve a mantenere sempre qualitativamente giovane il grasso contenuto negli adipociti; diminuzione della tendenza a formare noduli fibro-sclerotici. TRATTAMENTO DEL VISO La pelle invecchia perché, col tempo, i processi di rinnovamento rallentano e non riescono più a compensare gli effetti dei processi degenerativi. Intervenendo direttamente sui processi biologici che sostengono i meccanismi di invecchiamento cutaneo si ritrova immediatamente luminosità, elasticità ed equilibrio permettendo alla pelle di rimanere giovane. La terapia manuale consente di allentare le tensioni tra cute e tessuti sottocutanei. Le radiofrequenze stimolano i meccanismi anti-età a tornare efficacemente attivi: invece

di mascherare gli effetti, si concentrano sulle cause e “allenano” la pelle del viso; si ottiene un maggior apporto sanguigno e perciò una migliore ossigenazione delle cellule, che agisce positivamente su tutto il metabolismo cellulare e conseguentemente stimola le potenzialità rigenerative delle cellule stesse. La circolazione linfatica della zona trattata è migliorata e ciò favorisce lo smaltimento delle tossine, e dei radicali liberi. Per questo motivo i risultati sono più rapidi, profondi e stabili nel tempo. I risultati sono evidenti: la pelle diventa più turgida e distesa, le rughe si attenuano e l’aspetto estetico complessivo appare visibilmente migliorato. L’indicazione al trattamento è duplice: preventiva per allontanare nel tempo i processi di senescenza tessutale e perciò idonea alla donna (e all’uomo) ancora giovane che desidera conservare la sua pelle nelle condizioni ottimali di nutrizione, idratazione e ricambio; curativa per orientare verso una situazione di maggior equilibrio i processi del metabolismo cutaneo alterati dal passare degli anni e quindi adatta alla persona non più giovane che vuole migliorare il proprio aspetto e rendere la propria pelle più resistente alle aggressioni del tempo e dell’ambiente esterno.

Fino a Luglio 2012

PROMOZIONI TRATTAMENTO CELLULITE comprensivo di Radiofrequenza, Cavitazione, Linfodrenaggio e Taping drenante (circa 90 min.)

€ 150,00

€ 100,00

TRATTAMENTO RUGHE VISO comprensivo di Radiofrequenza e Trattamento manuale (circa 50 min.)

€ 110,00

€ 60,00

Presentando questo coupon potrai usufruire delle offerte solo se possiedi la Gold Card

D.M.Q.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

79


VG

visioni grafiche


informazione redazionale a cura del Dott. Antonio Sementilli

Prevenzione e qualità della vita n medicina si indica come prevenzione qualunque attività che riduca la mortalità o la morbosità di una patologia. In particolare la “prevenzione secondaria” punta alla diagnosi precoce di una patologia emergente, così da intervenire precocemente sulla stessa nell’intento di prevenirne la progressione e ridurne gli effetti negativi. A nostro avviso la prevenzione si propone come un valido strumento per migliorare la “Qualità della vita” di ciascuno di noi. Oggi con l’espressione “Qualità della vita” viene indicato il livello di benessere dei cittadini che la società civile deve tendere a realizzare con le condizioni economiche e di lavoro, ambientali, sociali e con la prevenzione delle malattie fisiche e mentali. Gli sforzi tesi a migliorare la “Qualità della vita” hanno come obiettivo l’aumento della cosiddetta “speranza di vita” che nelle società industriali e post industriali è già abbastanza consistente o dovrebbe essere tale. La D.M.Q.S. Analisi, presente nel territorio da più di 40 anni, ha sempre avuto la convinzione della validità della prevenzione e spesso ha suggerito percorsi diagnostici mirati, ed anche oggi in questo grave periodo di crisi, propone ai propri pazienti dei

I

PREVENZIONE DONNA BASE Pap-Test, Ecografia mammaria, Ecografia Pelvica sovra pubica e/o Transvaginale € 171,00 ,00

€ 95

Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

pacchetti di prevenzione uomo-donna realizzati dai nostri specialisti e resi dall’amministrazione economicamente accessibili con lo scopo di dare un significato concreto e reale al concetto di prevenzione.

PREVENZIONE UOMO BASE PSA, Ecografia Vescicale, Ecografia Prostatica Transrettale € 172,00 ,00

€ 75

Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

Presentando il talloncino di sconto potrai ottenere un ulteriore sconto sulla tessera se si aderisce al programma preventivo completo.

D.M.Q.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

81


i consigli del nutrizionista a cura della Dott.ssa Schiano Moriello Viviana BIOLOGA-NUTRIZIONISTA Via Carlo Bosio, 117 (Ostia) Tel. 347.6804886 - e-mail: viviana73@alice.it

Il miele l miele è il prodotto che le api ricavano, tramite il secreto di particolari ghiandole, dal nettare dei fiori. A seconda della zona di produzione, e dei trattamenti impiegati per il commercio, la composizione chimica è molto variabile. È un alimento che contiene per il 90% glucidi, in prevalenza fruttosio, il 17% di acqua, ed il restante 3% da acidi organici, sali minerali, enzimi ed aromi. Il fruttosio è uno zucchero che viene consumato lentamente dal nostro organismo, poiché deve essere prima trasformato in glucosio, quindi l’energia fornita dura nel tempo. Per questa caratteristica è spesso consigliato agli atleti, che la dovrebbero assumere prima o anche dopo una intensa attività fisica per il recupero delle forze. È importante che sia quotidianamente presente sulla nostra tavola, soprattutto per gli anziani malnutriti e per i bambini nell’età dello sviluppo date le diverse proprietà benefiche, antinfiammatorie per la gola, disintossicante per il fegato, astringente, calmante e antisettico delle vie polmonari e respiratorie. Per chi ha la tendenza ad aumentare il proprio peso si consiglia di utilizzare il miele al posto del comune zucchero, ha infatti un potere calorico di 320 Kcal per 100 gr di prodotto contro le 400 Kcal, è facilmente digeribile, ha un alto potere dolcificante, ciò significa che è necessaria una quantità minore rispetto allo zucchero, ma anche perché dotato di aromi gradevoli, che risultano piacevoli al nostro palato e che lo rendono un prodotto unico. Il miele è un alimento che, grazie all’alta concentrazione di zuccheri e l’elevata acidità, impedisce ai microrganismi nocivi di crescere. Per mantenere le proprietà organolettiche inalterate, l’alimento deve essere conservato in un ambiente asciutto, altrimenti i lieviti (non tossici) fermentano, rendendo scadente il prodotto. Un’ultima considerazione, per l’elevata percentuale in zuccheri deve essere usato con particolare cautela dalle persone che soffrono di diabete.

I

di Paolo Baroni

vederci chiaro

L’ambliopia 2a Parte - Disturbo subdolo e spesso non diagnosticato. Vediamo le cure proposito dell’ambliopia, abbiamo visto lo scorso mese quanto questa malattia possa presentarsi in forma subdola, nascondendo i suoi sintomi agli occhi dei genitori e viziando, alla lunga, l’occhio dei bambini colpiti. E se è necessaria pazienza e spirito di osservazione per scovarla (nonché una visita specialistica che confermi o smentisca i sospetti dei genitori), tale scrupolosità è necessario preservarla anche per ciò che concerne i trattamenti correttivi. La terapia dell’ambliopia si basa infatti su principi semplici quanto difficili da coniugare con la vivacità tipica dei bambini. Normalmente consiste, da un lato, nella correzione del difetto refrattivo dell’occhio ambliope con appropriata correzione ottica (occhiale o più raramente lente a contatto) e la rimozione dell’eventuale causa organica che l’ha provocata; dall’altro, nell’occlusione dell’occhio sano con apposite bende adesive (occlusione totale). È ovvio che nell’applicare il trattamento, che sarebbe privo di effetti senza l’effettiva collaborazione del bambino, il genitore si trovi a ricorrere alle minime doti di psicologo per far capire al piccolo stesso i vantaggi della cura. Il fine è di stimolare maggiormente le cellule corticali deputate alla visione che sono correlate all’occhio più debole. Purtroppo, pur trattandosi di una terapia semplice, va chiarito che resta molto lunga e che, come dicevamo, non sempre è sopportata volentieri. Per giungere a risultati concreti, la correzione deve essere infatti fermamente proseguita fino al consolidamento del recupero ottenuto, il che significa anche fino ai 12 anni. I risultati sono buoni, talora eccellenti, ma questo certamente dipende, oltre che dalla perseveranza, dal momento in cui il trattamento è stato intrapreso. In conclusione, è necessario ribadire che il bambino ambliope può avere gli occhi diritti e sembrare del tutto normale. Talora accade invece che mentre l’occhio che vede bene fissa l’oggetto, l’occhio ambliope devia dal suo asse. In quest’ultimo caso può accadere che l’ambliopia generi uno strabismo. Più frequentemente è invece lo strabismo che la genera, anche se non tutti i casi di strabismo esitano in ambliopia.

A

83


salute e benessere a cura di Paola Sgrò

La Bellezza C0s’è veramente? nche per Voi è così? Esistono delle parole che vengono pronunciate, ma delle quali non si conosce veramente il significato. Bellezza è proprio una di queste parole. È molto gettonata! I classici sono “il fine settimana della bellezza” o “Wellness Hotels”, ma questa parola così amata dai pubblicitari si ritrova anche nelle brochure dei saloni di cosmetica, sulle home pages dei centri termali o anche sui pacchetti di cereali e succhi. Secondo le statistiche lavorano milioni di persone intorno a questo settore, sia esso nel campo medico o di consulenza o di prevenzione. Ma cosa lega tutte queste professioni? Cos’è la bellezza? Cosa si nasconde dietro questo anglicismo che viene utilizzato così facilmente e senza una connotazione definitiva? Ci si vuol riferire alla salute o alla sensazione di benessere? Ebbene, l’etimologia richiama al termine “wealnesse”, un riferimento che risale al 1654 che fu per la prima volta pronunciato da Sir A. Johnson e tradotto con il termine “buona salute”. Effettivamente oggi descrive uno stile di vita, quello legato al fitness, alla cura del corpo e soprattutto è divenuto sinonimo di felicità. Per la donna significa un aspetto attraente e salutare, per l’uomo rimanda alla forza mentale e corporale. In questa sessione voglio offrirVi il massaggio arabo, che si avvale dell’uso di diverse tecniche massaggistiche, tra cui la manipolazione profonda, l’ascolto del respiro, lo scioglimento delle articolazioni, la lettura del corpo che libera la mente! Per saggiare i risultati sorprendenti di questa tecnica olistica abbiamo previsto un pacchetto speciale per i nostri lettori, che prevede 5 massaggi anticipati da un peeling al sale e miele che agisce direttamente attraverso la pelle sull’organismo e incentiva il ricambio metabolico. Oltre a nutrire la pelle secca, è attivo contro la cellulite e la ritenzione idrica. Questa tecnica aiuta il sistema nervoso e il sistema immunitario in caso di emicrania, tensioni muscolari, disturbi circolatori. Come tutti sanno il miele contiene 60 diversi elementi naturali che, assorbiti dalla pelle, aiutano ad eliminare veleni e scorie dai tessuti e nella situazione attuale, nel nostro mondo “inquinato”, può essere un valido supporto! Provate!

VG

visioni grafiche

A

85


VG visioni grafiche


informazione redazionale

i consigli del comportamentalista cinofilo a cura della Dott.ssa Carla Ciccardi

il futuro è nei giovani omawell è un’organizzazione che mette a disposizione la propria professionalità per aiutare i giovani a fare giuste scelte imprenditoriali. Un progetto integrato per i giovani che va dalla gestione dei finanziamenti al coordinamento di centri estetici e benessere sul territorio italiano. La scelta non è dettata dalla volontà di fare business, ma dalla voglia di dare a molti ragazzi la possibilità di avviare un’attività in proprio e strutturalmente rispettosa degli obblighi di legge. L’intenzione è quella di rendere questo tipo di attività più imprenditoriale e meno artigianale. Rita Mosca, titolare dell’iniziativa, ribadisce: “Chi opera nel settore non deve più pensare solo al proprio tornaconto e alla propria realizzazione personale, calpestando il ruolo dei giovani e in qualche caso arrivando a sfruttarli. Deve invece spingere le proprie conoscenze verso un percorso progettuale che migliori il settore e i contesti locali. Noi offriamo supporto, assistenza e formazione proprio per questo”. Cosa prevede il programma di franchising? Si tratta della progettazione e della realizzazione di centri estetici che permettano a chi andrà a gestirli di tenere sotto controllo sia i costi e che la qualità dei servizi. Nascono oggi strutture che si definiscono SPA ma che praticano normali trattamenti estetici, servizi che si possono offrire anche in strutture meno grandi. Tutti sanno che la SPA è caratterizzata da percorsi termali, trattamenti veicolati con l’ausilio dell’acqua, talassoterapie, che in nessun caso possono essere praticati all’interno di piccoli centri a servizi integrati. Il nostro obiettivo è dunque misurato, funzionale, accogliente, riservato ed europeo: nei nostri centri si parlano almeno due lingue. Quanti centri intendete realizzare? Tutto ha i suoi tempi. Attualmente abbiamo aperto il primo centro pilota a Piazza Eschilo 8. La persona che lo dirige ha tutte le caratteristiche della professionista: competente, formata, intelligente, comunicativa, seria e soprattutto onesta. Un altro centro è in via di progettazione e la sua realizzazione consoliderà il nostro programma per il 2012. Di questo siamo orgogliosi, perché abbiamo constatato un vivo interesse da parte dei giovani, gente che porta nuove idee e nuove energie nel settore. Purtroppo nell’ambiente circolano metodi di vendita inutilmente aggressivi, che stanno riducendo la qualità dei servizi e logorando il mercato. Noi intendiamo contrastare questa malsana abitudine, cercando invece di fidelizzare il cliente con i fatti. INVITIAMO A PROVARE GRATUITAMENTE IL PRIMO SERVIZIO A TUTTI COLORO CHE LEGGONO IL 13 MAGAZINE DI MAGGIO.

S

Quando ero cucciolo... Terza parte (continua dal numero di Aprile) evo ammettere che il mio adopter è davvero una persona facile con cui vivere. Ho capito che ottenere qualcosa da lui è la cosa più semplice del mondo: sia che io abbia voglia di una coccola, di giocare, di uscire o di mangiare, basta che io mi metta seduto e tranquillo ad aspettare perché al resto ci pensa lui. Sembra che sappia leggere la mia mente e interpretare i miei bisogni. Invece molti miei amici mi raccontano che per loro è un po’ più difficile: se vogliono giocare devono portare un gioco al loro adopter; se vogliono una coccola devono dargli dei colpetti col muso e strofinasi contro le loro gambe; se vogliono uscire o mangiare devono abbaiare. Io non li invidio proprio perché la gestione di queste attività li pone direttamente in alto nella scala gerarchica del loro “branco misto”, con una serie di responsabilità e stress che non tutti riescono a gestire… e da qui nascono non pochi problemi! Vorrei infine dedicare le ultime parole di questo racconto al mio amato adopter. Gli sarò sempre grato per questa sua scelta adottiva d’amore che ricambierò con tutto me stesso, cercando di essere un valido compagno di questo viaggio chiamato vita, arricchendogliela con tutte quelle sfumature che senza di me non potrebbe mai vivere. Non sarà facile, ma proverò ad insegnargli che il mondo non è fatto solo di colori ma anche di odori, che io sento suoni che lui non riesce a percepire, che si può comunicare anche senza parole usando il linguaggio del corpo, che bisogna essere aperti verso le diversità, che l’alterità è una ricchezza da preservare, che una sana ed equilibrata relazione è il legame invisibile più forte che mi leghi a lui, che il linguaggio universale intraspecifico è il rispetto e che se è arrivato a questo punto nell’evoluzione della specie umana, una parte di merito è anche mio.

D

89


Cerco casa!

vita da cani Dedicato agli amici in cerca di adozione

I cani che vi proponiamo questo mese, provengono da una grave situazione di disagio. Sono 7 degli oltre 60 cani che vivevano in un piccolo appartamento romano. Hanno sofferto la fame, non sanno nulla del mondo esterno. Arrivati in canile denutriti e molti di loro malati. Alcuni non sono sopravvissuti. Altri, i più forti, sono stati curati e adeguatamente nutriti. Sono pronti per iniziare una nuova vita. Non lasciamoli in canile.

CINDY

ORNELLA

STEN

È una dolce cagnolina di taglia piccola, è pronta per essere adottata, chi ha voglia di conoscere questa piccoletta?

È giovanissima, è una taglia piccola, grande circa come un beagle. Venite a darle la possibilità di essere felice!

Ha trascorso la sua vita chiuso in un piccolo appartamento con 60 cani! Ora è al sicuro, ma chiuso in gabbia, liberatelo!

ELISA

PINETTA

OTTO

È una dolcissima e timida simil labrador in miniatura. Si merita una famiglia affettuosa e premurosa!

Deliziosa e giovanissima cagnolina, sembra un pastore in belga in miniatua, circa 13-15 kg. È perfetta per chiunque!

Simpatico cagnolino di taglia medio contenuta a pelo raso, dopo una vita di stenti si ritrova chiuso in gabbia... adottatelo!

BRINA Giovane cagnolina di taglia medio piccola, dolce e tranquilla aspetta una famiglia che si prenda cura di lei come merita!

90


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario Via Ferdinando Acton, 94/98 - Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

Chicca: quando le ferite sono tanto gravi da richiedere un trapianto di pelle! redo che almeno una volta nella vita sia capitato a tutti di sentire un gemito tra i cespugli e soffermarsi per un attimo a pensare se è il caso di andare a vedere da cosa proviene quel rumore… o proseguire incuranti. Questo è quanto accaduto al signor Luigi, una fredda e umida sera d’inverno, in una stradina buia di campagna:

C

Chicca - Gravi fratture degli arti posteriori

colonna vertebrale, al torace (diaframma sano), al bacino e all’addome (la vescica e gli altri organi erano integri). L’esame neurologico ci ha consentito di escludere lesioni al midollo spinale e ai nervi periferici, nonostante le numerose fratture alle zampe! A questo punto non ci restava che dedicarci a queste ultime: per quanto riguarda il femore

Le fratture con il fissatore esterno

lui non ha avuto dubbi, ha spostato le foglie bagnate di un cespuglio, si è accorto della presenza di un gatto ferito e ce lo ha portato. Dal quel momento è iniziata una lunga avventura e una grande amicizia tra questa persona, la gattina che è stata chiamata Chicca… e noi che abbiamo cercato di aiutarla per molti mesi. La gatta, di circa un anno d’età, molto probabilmente era stata investita da un’auto. Era terrorizzata e in stato di shock, con numerose ferite agli arti posteriori: la sinistra aveva una brutta frattura del femore; quella destra era combinata assai peggio perché oltre alle fratture esposte della tibia e del perone, era scuoiata per due terzi della sua lunghezza! Non sapevamo da quanto tempo fosse in quello stato, forse da non molto, altrimenti sarebbe morta di sicuro. Prima di occuparci delle fratture, è stato necessario lavare e disinfettare le ferite, reidratare la gatta e rimetterla in grado di affrontare gli interventi chirurgici e ortopedici che le sue condizioni richiedevano; le analisi del sangue ci hanno permesso di valutare lo stato di anemia (quanto sangue aveva perso), di disidratazione e gli eventuali deficit metabolici (fegato e reni sembravano a posto). Con l’esame radiografico completo abbiamo potuto escludere danni importanti alla

Lembo libero di pelle prelevato dall’addome e pronto per l’innesto

malmente ricresce (dopo una piccola ferita), di coprire la parte scuoiata che sanguinava spesso. Quando il signor Luigi ci ha chiesto di sterilizzarla, gli abbiamo proposto, sfruttando la nuova anestesia e la sede dell’intervento, di effettuare un prelievo di pelle dall’addome da trapiantare sulla zampa (tecnicamente si chiama innesto di lembo libero).

Innesto di lembo libero sulla zampa scuoiata

abbiamo deciso di inserire un chiodo centro midollare (all’interno dell’osso nella sua lunghezza), mentre per le fratture di tibia e perone dell’altra zampa, abbiamo scelto di applicare un fissatore esterno: questo è un dispositivo costituito da chiodi inseriti perpendicolarmente nei frammenti ossei più grandi e collegati tra loro (all’esterno dell’osso) da una leggera ma resistente barra di resina. Entrambi questi mezzi di sintesi immobilizzano i monconi di frattura per il tempo necessario a formare il callo osseo. Mentre le fratture guarivano, abbiamo continuato a medicare le gravi ferite dei tessuti molli per diversi mesi. Qualche tempo dopo, Chicca era stata definitivamente adottata dal suo soccorritore Luigi e aveva ricominciato a camminare normalmente, ma sulla zampa posteriore destra la ferita cutanea non si era ancora rimarginata: il tessuto cicatriziale retratto stava impedendo alla pelle che nor-

Un anno dopo la pelle è quasi normale

Il trapianto ha attecchito e la ferita è guarita molto velocemente. Un anno dopo, Chicca ci è venuta a trovare e ci ha mostrato le sue zampe, non proprio dritte ma finalmente sane e ricoperte di pelo!

A M B U L ATO R I O V E T E R I N A R I O

Dott. STEFANO GIAMMETTI Via Ferdinando Acton, 94/98 Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884 dal Lun. al Ven. 8.30 - 19.30 Sabato 9.30 - 17.30 Emergenze 320.5715565 CHIRURGIA GENERALE - ORTOPEDIA ODONTOSTOMATOLOGIA OFTALMOLOGIA - ANALISI CLINICHE ECOGRAFIE - RADIOGRAFIE DAY-HOSPITAL - EMERGENZE 24H


La Vetrina di Tredici


www.internotredici.it - info@internotredici.it

FATTI, NOTIZIE, CURIOSITÀ E APPROFONDIMENTI PER CHI VIVE NEL MUNICIPIO XIII

SOMMARIO pag. 95

XIII Municipio Cardio-protetto Anche il salotto di Ostia ha i suoi problemi pag. 97

Nasce il Parco dei Germogli Sostrafficolombo: buone notizie sul corridoio Eur-Tor de Cenci pag. 98

Approdo alla lettura

Maggio dei libri Angeli nel vento Eventi in breve pag. 99

Playground e Skateboarding al The Spot Torneo di calcio Italia-Croazia: tutto pronto per la settima edizione

Ostia, tassa sull’estate: parcheggi a pagamento

“È

un’iniziativa necessaria e voluta da questa amministrazione per fronteggiare il problema dei parcheggiatori abusivi, che rientra nel piano di riordino e valorizzazione di Ostia”. Dopo le polemiche e le divisioni interne alla maggioranza stessa, Giacomo Vizzani, Presidente del XIII Municipio, continua a difendere la delibera che renderà a pagamento i parcheggi sul lungomare di Ostia, concedendone la gestione ai privati. Una decisione presa da una Giunta “dimezzata” dalle assenze, tra cui quella dell’Assessore ai lavori pubblici Amerigo Olive, che ha dichiarato; “Sono contrario ai parcheggi a pagamento di giorno, un’altra tassa che pesa sui romani in tempi di crisi”. Fin dall’inizio l’opposizione si è schierata contro la delibera, definita dal consigliere PD Paolo Orneli “illegittima, perché viola il Codice della Strada e non prevede che gli incassi siano destinati alla mobilità e ai trasporti pubblici; poco trasparente, perché oggettivamente non ci sono i tempi per una gara seria per affidare le aree; inutile, perché non servirà a sconfiggere la piaga dei parcheggiatori abusivi, e pasticciata, perché non chiarisce se e come i residenti del lungomare saranno esonerati dal pagamento del ticket”. Nella schiera dei “contrari” anche il Movimento Cinque Stelle, il gruppo Sel e La Destra. Intanto il Comitato Civico 2013 ha annunciato: “Appena il bando sarà pubblico, partiranno le denunce verso ogni firmatario dell’atto amministrativo per delitti contro la Pubblica Amministrazione e per il reato di abuso di ufficio in violazione di una precisa norma di regolamento”. Il capogruppo Udc in Campidoglio, Alessandro Onorato, si è invece detto pronto a presentare un esposto all’autorità giudiziaria “se ci sarà anche solo l’impressione di gestioni opache nell’affidamento delle concessioni”. In risposta a tutte queste polemiche, il Presidente Vizzani ha commentato così: “Nessun problema, entro il 15 maggio saremo operativi”. Quindi, fino al 30 settembre per sostare sul lungomare di Ostia sembra si dovranno pagare 2 euro per l’intera giornata e 4 per tutta la notte (previste anche tariffe per intervalli di tempo minori). Le uniche aree escluse sono Piazzale Magellano, Piazza Sirio e Largo Giuliano Da San Gallo.

Chiara Ferraro


VG

visioni grafiche


Primo Piano

XIII Municipio Cardio-protetto

L

o scorso 14 aprile, nell’aula Massimo di Somma del XIII Municipio, è stato presentato il progetto ”Città Cardio-Protetta”, una campagna di sensibilizzazione all’uso del defibrillatore. Ideato dall’associazione lidense “Le Aquile” in collaborazione con la società “Hutiliti” di Orvieto, il progetto è finalizzato alla diffusione di defibrillatori in luoghi pubblici, privati e istituzionali e alla formazione dei cosiddetti “rianimatori laici”, persone in grado di svolgere le manovre di primo soccorso. “Sul modello della città di Orvieto - ha spiegato Flavio Vocaturo, presidente de “Le Aquile” - noi vogliamo trasformare Roma in una città cardio-protetta. Partiremo dal XIII Municipio per poi diffondere l’uso dei defibrillatori in scuole, uffici, palestre di tutta la Capitale”. “Stiamo pensando - ha aggiunto - di installare anche dei defibrillatori

95

Educazione sanitaria

di pubblico accesso in punti strategici inutile dopo i dieci”. e video sorvegliati delle strade del XIII Finora hanno già aderito al progetto doMunicipio, come Hutiliti ha già fatto dici strutture, di cui sette del XIII Munel centro storico di Orvieto, città carnicipio, che si sono mostrate interessate dio-protetta per eccellenza”. a comprare l’apparecchio e a formare “Il nostro comune obiettivo - ha chiaridei rianimatori laici. “A fine maggio to Giampiero Giordano, Uno dei defibrillatori di Orvieto presenteremo il nostro Presidente Amici del progetto anche in CampiCuore di Orvieto, che doglio - conclude Flavio era presente alla confeVocaturo - e prossimarenza - è di diffondere mente ripartiremo con i nelle città un numero corsi di BLSD (Basic Life elevato di laici rianiSupport Early Defibrilmatori e di defibrillatolation) nelle scuole per ri, in modo tale che le insegnare a studenti, doprobabilità di trattare centi e personale d’istiun arresto cardiaco in tuto le manovre di rianitempi brevissimi siano mazione tramite l’uso del altissime, visto che la defibrillatore automatico rianimazione entro il minuto ha un riesterno. Dopo il Labriola, ha aderito il sultato positivo del 100%, per scendere liceo Anco Marzio”. al 50% dopo cinque minuti e del tutto Chiara Ferraro

Decoro urbano

Anche il salotto di Ostia ha i suoi problemi

L

o chiamano tutti il “salotto del litorale”, il centro nevralgico del turismo e delle calde serate estive lidensi: parliamo dell’area tra via dei Misenati e via dei Fabbri Navali, quella in cui si estende l’area pedonale di Piazza Anco Marzio. L’apparenza del bel salotto nasconde però una serie di problematiche che hanno influenzato la vita dei suoi abitanti (pochi ormai). Milena Casadei, presidente del Comitato di quartiere Centro Storico Lido di Roma, ci ha per esempio detto che “Quando sosteniamo che anche qui, nel cuore della Ostia imbellettata, ci siano problemi seri da risolvere, ci guardano tutti un po’ perplessi. In realtà la nostra situazione è particolare rispetto a quella del resto del Tredicesimo. Il problema dei parcheggi, 180 in meno dopo i lavori che hanno dato vita all’isola pedonale, è solo una parte dei disagi con i quali i residenti devono convivere. C’è poi leggenda di un aumento del valore dei

nostri immobili. Ho contattato diverse agenzie immobiliari e tutte hanno confermato lo stesso dato: il valore è diminuito perché sono aumentati i disagi. Siamo considerati dei privilegiati anche se durante tutta la stagione estiva siamo costretti a subire il rumore assordante degli amplificatori di “Ostia Classic”, autorizzati ad essere attivi dalle 22 alle 24 e sistematicamente accesi oltre l’orario stabilito. L’uso degli amplificatori risulta fuori legge. Alla fine della scorsa stagione, dopo una serie ripetuta di richieste e inviti, l’Arpa (Agenzia Regionale Protezione Ambientale) ha misurato emissioni sonore 4 volte superiori a quanto consentito dalla legge. Abbiamo cercato un compromesso con i rappresentanti della politica locale e comunale e, quasi in ogni circostanza, abbiamo ricevuto rifiuti alle nostre richieste. Siamo stati così costretti, lo scorso mese di novembre, ad intraprendere le vie legali, denunciando alla procura gli illeciti che abbiamo documentato”. Roberta Riga


VG

visioni grafiche


Primo Piano

97

Nasce il Parco dei Germogli

L

o scorso 29 aprile è stata organizzata dall’associazione di volontariato Zolle Urbane la pulizia collettiva di un’area verde di 7.000 metri quadri (ribattezzata dall’associazione stessa “Parco dei Germogli”) situata ad Acilia in Via Bepi Romagnoni. L’evento ha visto la partecipazione dell’assessore alle Politiche Sociali, Lodovico Pace, e dell’assessore all’Ambiente Giancarlo Innocenzi, entrambi impegnati a sostenere il progetto di riqualificazione dell’area (un programma che prevede la creazione di orti sociali e spazi per attività educative e culturali anche per persone diversamente abili). La pulizia del parco è stata effettuata grazie alla collaborazione del gruppo scout Agesci Roma 47 e l’Ama Roma, che ha messo a disposizione attrezzature e mezzi necessari per l’intervento di bonifica e il ritiro dei rifiuti direttamente in loco. La giornata si è con-

clusa con il concerto della Refectory Brass Band. L’associazione Zolle Urbane (nata nel 2009 e dedita al cosiddetto “agricivismo”, ossia al recupero ad uso collettivo di aree verdi urbane abbandonate e alla sensibilizzazione, all’educazio-

ne, formazione e ricerca rispetto ai temi della sostenibilità e della cittadinanza attiva) aveva già organizzato altri eventi presso il Parco dei Germogli: nel novembre del 2011 (giornata nazionale di “Guerrilla Gardening)” e nel febbraio 2012 (“Carnevale del

Ambiente

Giardino Solidale”). Intensa anche la collaborazione con le scuole locali: nel 2010 l’associazione ha supportato l’iniziativa “Adotta un parco” presso la scuola elementare Piero della Francesca, un progetto del Comune che ha portato al recupero del parco Pio Manzù ed alla realizzazione estemporanea di tre piccoli orti urbani. È invece in fase di progettazione un’iniziativa denominata “A come… adotta un’aiuola” presso la scuola Aristide Leonori di via Funi, con l’obiettivo di offrire agli studenti laboratori per la creazione di orti didattici negli spazi verdi della scuola. Per questa estate l’associazione prevede l’attivazione di un centro estivo con orti didattici e laboratori per la sensibilizzazione alle tematiche ambientali. Per contattare l’associazione scrivere a zolleurbane@gmail.com. Contatto Facebook: Zolle Urbane. Angelita Papa

Viabilità

Sostrafficolombo: buone notizie sul corridoio Eur-Tor de Cenci L’

adagio religioso recita che le “vie del Signore sono infinite”. Sembra però che anche quelle dei lavori pubblici e dell’amministrazione non scherzino. L’ingegner Lori, uno dei responsabili del Comitato Sostrafficolombo, si è detto stupito del fatto che siano iniziati gli scavi archeologici relativi ad un’opera di viabilità utile ma, per contingenti e risaputi problemi di fondi, difficile in precedenza da ipotizzare nella sua realizzazione pratica. Trattasi del corridoio Eur-Tor de Cenci, un’opera per la quale era stato previsto, fino allo scorso anno, il passaggio sul lato destro della Cristoforo Colombo, utilizzando dunque la complanare esistente. Nel marzo del 2011, il Comitato Sostrafficolombo segnalò il problema all’assessore competente, indicando al contempo l’occasione unica per costruire la complanare mancante sul lato opposto della stessa Colombo. Il problema era anche un problema di tempi pratici e burocratici: finita ormai la fase di progettazione,

si stava per procedere a quella di realizzazione. Minime dunque le speranze di mettere a frutto la segnalazione e di razionalizzare l’uso dei fondi europei (quelli destinati all’opera). Dichiara l’ingegner Lori: “È con estrema gioia che vedendo il progetto ho appreso che il corridoio previsto è stato spostato sull’altro lato della Colombo, e cioè quello verso la Pontina, prolungando la complanare esistente prima del raccordo fino allo svincolo degli Oceani con due corsie riservate al filobus che saranno utilizzate anche dai mezzi pubblici del XIII Municipio. Un corridoio della mobilità su corsia riservata da Ostia all’Eur non sarebbe mai stato possibile senza quest’opera. Ora lo è”. La speranza è, ancora una volta, che il tutto non passi per i soliti tempi biblici e che il XIII Municipio abbia finalmente una valvola di sfogo in uno dei suoi versanti più delicati. Chiara Ferraro


98

Eventi

di Chiara Ferraro

Approdo alla lettura

Disabilità e integrazione

I

l 25 aprile è stata inaugurata la 14a edizione della manifestazione “Approdo alla lettura”, che fino a settembre proporrà oltre 200 eventi gratuiti. Come ogni anno il libro sarà il protagonista indiscusso della kermesse con lo stand-libreria al Pontile di Ostia, ormai affermatosi come punto fermo delle estati del XIII Municipio. Si dovrà attendere i primi di giugno invece per l’inizio degli spettacoli e degli eventi; il calendario completo sarà consultabile a breve su: www.approdoallalettura.it. Per questa 14a edizione tante novità ma anche piacevoli conferme: “Pennellate Romane”, gli “Incontri d’autore”, “Ballando sotto le stelle”, oltre alle mostre, al “Baby Show”, al cabaret, alla musica dal vivo e alle proiezioni cinematografiche. Riconfermati anche i due concorsi: il “Premio Massimo di Somma”, dedicato a cover band, narrativa inedita e arti figurative, a cui è possibile partecipare facendo pervenire le opere e le iscrizioni entro e non oltre il 30 maggio; e il Premio Elia Catalano dedicato alla canzone e alla poesia in dialetto romanesco. Per le modalità di partecipazione, consultare il bando sul sito di Approdo alla lettura.

Maggio dei libri A

nche la Biblioteca Elsa Morante di Ostia ha aderito a “Il Maggio dei libri” - la campagna nazionale di promozione della lettura, promossa dal Ministero dei Beni Culturali (www.ilmaggiodeilibri.it) - organizzando tre eventi speciali in ricordo della grande scrittrice Elsa Morante, di cui quest’anno ricorre il centenario della nascita. Il 4 maggio si terrà la conferenza-spettacolo “L’isola di Elsa”, un momento nel quale ripercorrere la vita, le passioni e le opere della scrittrice italiana. L’11 maggio l’associazione culturale G.B. Studio presenta “Elsa”, lettura scenica di e con Chiara Condrò ed Elisa Turco Liveri. Infine il 19 maggio alle ore 16,30 la narr’attrice Fiona Sansone leggerà a un gruppo di bambini dai 5 ai 10 anni alcune storie tratte da “Le straordinarie avventure di Caterì” (solo su prenotazione, via mail: s.camerini@bibliotechediroma.it o tel. 06/45460494). Per maggiori dettagli e per conoscere le altre attività della biblioteca scrivere a: d.zapelloni@bibliotechediroma.it.

C

irca 300 bambini e ragazzi con disabilità fisiche o mentali, 15 imbarcazioni, 75 tra armatori e sportivi dilettanti, 13 ragazzi dello staff di gestione dell’evento. Questi sono i numeri che caratterizzeranno la 4a edizione di “Angeli nel Vento”, che si svolgerà il 12, 13, 19 e 20 maggio presso il Porto Turistico di Roma. Organizzato dalle associazioni “ASD Anemos”, “Anemos Kids” e “Team vela Italia”, con il Patrocinio e il contributo della Provincia di Roma e della Regione Lazio, l’evento regalerà quattro giornate di velaterapia a ragazzi disabili e normodotati, che avranno la possibilità di fare un giro in barca a vela. L’obiettivo dell’iniziativa è di migliorare l’autostima dei ragazzi e favorire la loro integrazione con altre persone. La partecipazione è gratuita e aperta a tutti. Per maggiori informazioni su come aderire all’evento, scrivere a asclanemos@gmail.com o visitare il sito www.angelinelvento.it.

Eventi in breve

L’

1, il 2 e il 3 giugno ritorna il “Roma International Air Show”, che riempirà il cielo di Ostia con le spettacolari evoluzioni delle Frecce Tricolore e la sfilata degli aerei militari e civili. Per maggiori info: www.romaairshow.net. Il 9 e il 10 giugno invece si svolgerà “Il Palio della chiave” che tra il corteo in costume storico, la competizione equestre e le esibizioni di sbandieratori, danzatrici e coriste, riporterà il Borgo di Ostia Antica indietro nel tempo fino al Medioevo.


Sport

di Roberta Riga

99

Playground e Skateboarding al The Spot T he Spot Skatepark anche quest’anno sarà protagonista della stagione sportiva lidense. Il programma dell’estate 2012 inizierà il primo weekend di maggio con la manifestazione “Italian spot battle”, un contest dedicato agli amanti dei rollerblade e promosso dall’AICS (Associazione Italiana Cultura e Sport). Il 12 e il 13 maggio invece, si sfideranno a suon di streetball, breakdance e writing contest gli appassionati della cultura street. “The Spot on Fire” - questo il nome della gara di skateboard - sarà valida come prova di

qualificazione nazionale ai Worldcup Skateboarding di giugno. Al vincitore, oltre all’accesso al massimo campionato, un premio cash di 1.000 euro. Il campionato del mondo, giunto alla sua quinta edizione, si terrà invece dal 15 al 17 giugno e interesserà le specialità street, vert e bowl. Oltre allo skatepark The Spot, gli skater di tutto il mondo si affronteranno nella sugge-

stiva location dei “Cancelli Village”. Notevole il montepremi: 25 mila euro. Segnaliamo infine un appuntamento cestistico che si terrà la prima settimana di giugno. “Basket Life - La settimana del basket lidense” sarà un evento sportivo attraverso il quale le società del litorale e dell’entroterra si affronteranno in un doppio torneo dedicato alle prime squadre e al minibasket.

Calcio

Torneo di calcio Italia-Croazia:

tutto pronto per la settima edizione iunto alla sua settima edizione, il torneo di calcio giovanile Italia-Croazia è ormai diventato un appuntamento classico di fine stagione. Nella cornice dello Stadio “Anco Marzio”, Centro sportivo dell’A.S. Ostiamare, anche quest’anno le quattro migliori formazioni del territorio si scontreranno con due importanti rappresentative di Spalato. Per il XIII Municipio scenderanno in campo i padroni di casa, l’Ostiamare, e le società Pescatori Ostia, Ostia Antica e Atletico Acilia. Per la città di Spalato giocheranno invece l’NK “Omladinac” Vranjic (accompagnata da mister Paško Pilic) e l’NK Pomak Spalato. Le sei compagini si affronteranno in base a formule diverse. I pulcini giocheranno un minitorneo dal quale verranno selezionate quattro formazioni che si disputeranno semifinali e finali. I classe 1997 disputeranno invece un girone unico nel quale emergeranno, in base ai punti fatti, le prime quattro formazioni. Alla presenza di importanti autorità cittadine e internazionali, il torneo avrà la sua cerimonia di apertura venerdì 11 maggio alle 15 e si protrarrà fino alla sera del sabato. Nella seconda giornata, durante la pausa tra la sessione mattutina e quella pomeridiana, scenderà in cam-

po anche una rappresentativa di ragazzi disabili (ad affrontarli, i ragazzi dell’NK Pomak Spalato). Tutti gli incontri si svolgeranno ad Ostia, presso lo stadio “Anco Marzio”, in via G. Amenduni 15. La signora Vesna Pilic, organizzatrice della manifestazione sin dalla sua prima edizione, ha affermato che “Il torneo Italia-Croazia è nato per dare la possibilità a centinaia di bambini croati di visitare Roma, una città grande, lontana e da loro fantasticata. Non dobbiamo poi dimenticare le comuni origini. Spalato è stata una delle più importanti città dell’Impero romano”. La due giorni di calcio ItaliaCroazia vive soprattutto grazie al costante lavoro dell’Associazione presieduta dalla signora Pilic. Accanto a lei, nell’intento di sostenere il torneo attraverso strutture e un’ospitalità adeguata, si è speso negli ultimi anni soprattutto l’Assessorato alle Attività Produttive, al Lavoro e al Litorale del Comune di Roma. Hanno concorso alla realizzazione dell’evento anche il XIII Municipio e Turisport Europe. Appuntamento dunque allo stadio “Anco Marzio” nei giorni 11 e 12 maggio. ^

G

^


informazione redazionale

CIM e Di Carlo Cafè Due vie per migliorare dentro e fuori il XIII Municipio on 24 anni di esperienza nel settore edile, CIM Costruzioni è sicuramente la strada migliore per ristrutturare un immobile o un intero condominio. Attraverso specifici accordi stipulati con importanti gruppi finanziari, CIM dà infatti la possibilità ai condomini di contrarre specifici mutui per coprire le spese relative ai lavori necessari. Il risultato è efficace e funzionale: da una parte i condomini possono sgravarsi le spese di ristrutturazione con piccole rate (ad iniziare addirittura due mesi dopo la fine dei lavori), dall’altra l’azienda edile non ha alibi per lasciare i lavori a metà (causa mancanza di fondi o ritardi nei pagamenti). Specializzata in risanamenti statici e impermeabilizzazioni, la CIM è azienda certificata e nota in tutto il XIII Municipio. Massimo Di Carlo, il titolare, è al contempo l’ideatore del Di Carlo Cafè, punto di riferi-

balilla… Attraverso un accordo con la federazione nazionale, abbiamo riportato in zona il calcio balilla, il passatempo più popolare negli anni ‘80 e ‘90. È venuto un giocatore di livello nazionale a fare scuola: insegnare trucchi, tattiche, ecc... Stiamo organizzando un campionato di serie C e la squadra di Dragona, sponsorizzata dalla caffetteria, parteciperà alla competizione (facciamo parte del girone di Ostia e Fiumicino). La rosa è di 20 giocatori ed è aperta: di questi ne vengono convocati 5. Chi è interessato può contattarci. Mi fa piacere sottolineare che il movimento del calcio balilla è in crescita. L’anno scorso Roma ha avuto 500 iscritti, motivo per cui oggi si gioca un campionato di club. La prima compagine della Roma League accede direttamente al tabellone di Saint-Vincent di ottobre, finale nazionale. Per info: www.romacalciobalilla.it.

VG

visioni grafiche

C

mento degli abitanti di Dragona. Con lui abbiamo parlato delle tante attività del locale… Perché una caffetteria di questo livello a Dragona? Volevo dare qualcosa di nuovo e di moderno alla periferia. Abbiamo una bella struttura, aperta a mezzanotte, altrimenti la periferia è un mortorio: il lunedì, quando siamo chiusi, la gente soffre. Siamo stati i primi a fare un bar di alto livello in zona: musica dal vivo, amplificazione di livello, gelati, brioches. Il venerdì sera facciamo le prove di canto, c’è un insegnante che fa un karaoke divertentissimo. Spesso siamo anche tv: collaboriamo con Roma Uno per ciò che riguarda i problemi del XIII Municipio. Le puntate girate presso il Caffè si possono vedere anche su www.okkioaicittadini.it. C’è poi l’altra tua grande passione, il calcio

100


colorate i vostri giardini! a primavera a Roma non bussa mai, semplicemente entra: forse per questo gli antichi dividevano l’anno in stagione calda e fredda. Perciò, se a febbraio ci viene regalata una settimana con un primo tiepido caldo, si ha l’impressione che l’inverno sia alle spalle. Naturalmente non è mai così e per alcuni lavori in giardino vale la pena di aspettare ancora un po’, magari stando all’esperienza degli anni precedenti. L’esempio più attuale è per tutte quelle piantine stagionali che vivono la loro fase di crescita nelle serre di produzione, con una temperatura stabile e ideale, nonché con concimazioni e irrigazioni studiate da tecnici. Tali condizioni difficilmente saranno le stesse del nostro giardino o terrazzo. Vanno quindi scelti i tempi più opportuni. Chi verrà in questo periodo presso Vivai Esotica, troverà ampi spazi ricoperti da innumerevoli colori. Sono il risultato di tante erbacee perenni, una varietà che quando è in fiore regala paesaggi d’incanto. Le erbacee perenni vanno usate con intelligenza. Pensiamo ad un prato con un albero dove il manto erboso arriva fino al tronco. Falciare il prato risulterebbe difficoltoso, nonché potenzialmente dannoso per l’albero: facile martoriarlo con il tagliaerba o il decespugliatore. Se noi creiamo invece intorno un cerchio o un altro disegno, immettiamo un po’ di terriccio per creare una piccola duna, ricopriamo infine il tutto da una delle menzionate erbacee, otteniamo un impatto di colore inaspettato per un lungo periodo dell’anno. Quando poi l’erba smetterà di fiorire, si confonderà con il verde del prato, senza però il problema di doverlo sfalciare. Tale procedimento lo si può utilizzare anche per i bordi delle siepi, dove non si sa mai cosa fare: immaginiamo l’effetto cromatico di un bordo colorato. Le erbacee perenni furono introdotte dagli inglesi alla fine dell’800 per la creazione dei “giardini rocciosi”, da loro chiamati “giardini alpini”. Vivai Esotica ha selezionato le varietà più appariscenti, quelle che fioriscono più a lungo, soprattutto d’inverno, quando il nostro clima permette ancora che queste piante siano in fiore. Per scoprirne le proprietà e le possibilità di utilizzo, veniteci a trovare, consultate il nostro sito (www.vivaiesotica.it) o cercate questi nomi: Cultivar da Achillea, Aquilegia, Armeria, Alyssum, Aubrieta, Festuga, Dianthus, Heuchera, Iberis, Sedum, Phloxo e Saxifraga. A maggio faremo una mostra e promuoveremo tanti incontri al fine di socializzare in un ambiente colorato e sereno. Il Vostro suggeritore Dario Peso

L

101

informazione redazionale

Vivai Esotica:


VG

visioni grafiche


di Lucia Bianco (inviate le vostre ricette a luciabianco@hotmail.it)

budget e ricette

Ali di pollo che passione! Tre ricette per solleticare la gola con un secondo piatto goloso e veloce iao a tutti, anche se a Pasqua si mangerà nel segno della migliore tradizione, non ho nessuna intenzione di parlare di diete. Desidero invece ragionare con voi su una parte del pollo alla quale non diamo proprio nessuna importanza: le ali. Ma lo sapete che in Giappone è un piatto tra i più richiesti? Che le ali vengono cucinate in mille modi succulenti e ci sono persino ristoranti ad esse dedicati? In Inghilterra ed in America le ali di pollo fritte servite con patatine fanno parte della vita di ogni persona come il barbecue del giorno del Rin-

C

Ingredienti • 8 ali di pollo • 200 gr di pomodori maturi • Mezzo bicchiere di vino bianco • Una piccola cipolla • Olio • Origano • Sale e pepe

graziamento. In Cina ed in Thailandia erano il mio piatto forte prima di capire quanto era buono anche il resto. E noi non le mangiamo. Costano pochissimo, sono squisite e dobbiamo cominciare a guardarle con altri occhi. Possiamo cucinarle fritte, al forno, lesse, in insalata, in umido etc. Basta un po’ di fantasia, ingredienti appropriati et voilà: il pranzo e pronto. Non dimenticate di mandarmi suggerimenti e ricette! Un saluto a tutti ed appuntamento al prossimo mese.

Ali di pollo al forno iammeggiate, pulite e lavate le ali, spellate e tagliate a cubetti i pomodori, quindi pulite ed affettate finemente la cipolla. Mettete pomodori e cipolla in un contenitore, aggiungete il vino ed unite le ali preventivamente sezionate in parti. Fate macerare tutti gli ingredienti per circa un ora. Quando saranno ben insaporiti, prendete una pirofila e sistemateci sopra le ali. A questo punto versate a filo d’olio d’oliva e bagnate con un po’ di vino. Salate, pepate, spolverate con origano e cuocete in forno a 180 gradi. Servite con verdure grigliate o una bella insalata mista.

F

Ali di pollo piccanti reparate le ali per la cottura, versare la birra in un contenitore ed immergetele per un’ora. Mettete in un piatto la farina, la paprika, il curry, il peperoncino e mescolate bene. Sbattete a parte l’uovo con sale e pepe. A questo punto scolate ed asciugate le alette, bagnatele nell’uovo e infarinatele nel composto preparato. Sistemate le ali in una pirofila e cuocete in forno a 180 gradi sino a quando le ali non sono dorate e croccanti. Servitele subito e calde con una bella insalata mista.

P

Ingredienti • 400 gr di ali di pollo • 80 gr di farina • 500 gr di latte • Mezzo cucchiaio di paprica dolce • 1 uovo • Olio d’oliva • Origano • Sale e pepe

Ingredienti • 400 gr di ali di pollo • 2 uova • Mezzo litro di birra chiara • Mezzo cucchiaio di paprica piccante • Mezzo cucchiaino di curry dolce in polvere • Peperoncino in polvere • Farina, olio, sale e pepe

Ali di pollo fritte acerate le ali nel latte per circa un’ora. In un contenitore mescolate farina, paprika, origano, sale e pepe. In un altro contenitore rompete l’uovo, sbattetelo bene e immergete le ali preventivamente asciugate. Ora passate ogni ala nella farina e friggete in olio bel caldo. Mangiatele calde, sono squisite.

M

105


MagnaRoma

Mangiare al Marchese del Grillo: tradizioni e sapori di casa uando una trattoria familiare diventa un punto di ritrovo popolare, quasi sempre c’è dietro una storia che parte da lontano. Quella del Marchese del Grillo, tipico ristorante di via Domenico Purificato 171 (traversa di via di Macchia Saponara), non fa eccezione. È infatti a nonno Aldo e nonna Clelia che i gestori del locale rimandano i migliori ricordi e i motivi di forza per spiegare il successo di un’iniziativa che parte dall’ormai lontano 1996. Quasi vent’anni di attività dunque: vent’anni sostanziati da una crescita dovuta al passaparola, alla genuinità del menu, al continuo riferimento ai sapori tipici del nostro territorio. Antipasti rustici, bruschette, carbonara, gricia, amatriciana,

Q

106

cacio e pepe, carne alla brace (nazionale, danese e argentina), cicoria, broccoletti, fritti di tutti i tipi, pizze cotte nel forno a legna: queste sono solo alcune delle golosità che si possono gustare al Marchese del Grillo. Per non parlare poi delle specialità più richieste della casa: la pizza della Marchesa e il tiramisù della Marchesa. La cosa più funzionale del Marchese del Grillo è che tutto ciò può coniugarsi in maniera diversa a seconda che ci si accordi per un menu speciale riservato a gruppi o comitive, che si ordini a portar via, che si ordini presso il proprio domicilio, che si decida di organizzare feste private o di laurea, battesimi, cresime, anniversari. Il Marchese del Grillo ha inoltre un’ottima carta dei vini e un impeccabile servizio di

Catering. Il lunedì sera è prevista inoltre la musica dal vivo. La cucina è aperta tutti i giorni dalle 12,30 alle 14,30 e dalle 19,30 alle 23,30. In zona non è un problema trovare parcheggio. Non rimane che provare e, soprattutto, assaporare.


E GRANDE RACCORDO ANULAR

CENTRO GIANO

MA

SAPONA RA

MADONNETTA

RO INDA

V.

DI

E .D

CA

SAL

VIA FO

V I A W OL

2

L O T TI

F FERRA RI

INFERNETTO 13

PAL

CASAL PALOCCO

1

L

V.BAZZINI

V.O.GHIGLIA

VIA P

VIA CRISTOFORO COLOMBO

R A TO VIA DI P

ACCHIA

LOCCO VIA DI M. PA

VIA DI SAPONARA

OCCO

14 VIA U. GIORDANO

S S O DR

VIA CANALE DELLA LING UA

NO

AGONC ELLO

A S TEL

V I A DI C FU

SAN

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

VIA D

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

PONTILE

VIA C. COLOMBO

SCHE

FRA

CAVALCAVIA NUOVO

V. MARINA

V. BE Z Z

L

V. AZZORRE

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA

TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

VIA C. ZUGNA

LLA SC AFA VIA DE

GIUGNO

A VIA DELLA SCAF

CA

ORI EI PESCAT

EDIP UGLIA

DI

VIA R

VIA PO EMENTIN

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

VIA

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

P. T E 2 A

MICINA F O CE

VIA DI

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA 10

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

12

VIA A.

NTINI EO

VIA DEI ROMAGNOLI

8

AXA

V.PRASSILLA

APONA RA

VIA DI S

NI

P.ZZA ESCHILO

ACILIA

LI GO

BO

AXA MALAFEDE

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

9

VIA DI M

V. COLLETTORE PRIMARIO

VIA L

VIA DI ACILIA

TI

3

7

VIA G

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

V. IN

ORT VIA P

4 21

CELLO AGON

DRAGONA

SPINACETO

TENUTA DEL PRESIDENTE

CASALBERNOCCHI

V. G.CARPINE

11

VIA C. MAESTRINI

VIA DI MALAFE DE

VIA DEI

VIA DEL MARE

A

AN IOR GG

T V IA O . F A

NAPOLI

CALTAGIRONE

DRAGONCELLO R V. DI D

6

VIA MOLAIOLI

DI V.ALBARETO

O

VIA VITINIA SAR SI N A V. S. A RC. D I ROM AGNA

DI GIA NO

ACILIA NORD

M M IN

VIA D. PURIFIC ATO

ETTO

OCA

V. P

A S AL

EZZ

VIA

VIA C VIA

9 Pane ar pane vino ar vino... e pure pizza 10 Il Frantoio 11 Di Carlo Cafè 12 Il Marchese del Grillo 13 La Cucineria 14 Sidra Libre

LLE CASE BA DE SS E VIA

VIA ARZANA

DI M

LEGENDA

.SA NT O

VIA

1 Eschilo 2 Dancing 2 Zucchero e limone 3 Sushissimi 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Dal Pannocchia 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Maharajah 2

MOSTACCIANO

VIA CRISTOFORO COLOMBO

5

ORC INA

FIRENZE

V.FOSSO D.TO RRINO

CORNELI O

USCITA 28

EUR TORRINO VIA CINA

VIA OSTIENSE

VIA DI DECIMA

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA


VG

visioni grafiche


MagnaRoma

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

7

ZONA

MALAFEDE

PANE AR PANE VINO AR VINO

PANE AR PANE VINO AR VINO... e pure PIZZA

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PIZZA Aò, e mò v’aspettamo pure ner novo locale, n’dove, ortre a magnà e cose romane, ve potete aggustà pure a pizza... cor sugo de coda, de trippa, co’ a carbonara e co’ amatriciana, ecc... e pure ‘a classica! E si volete va’ portamo pure a casa! O’, semo sempre noi! Sortite presto!

INDIRIZZO Via Giovanni da Pian del Carpine, 24 TELEFONO 06.52350987/3348473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE Lunedì (annate all’ar-

tro “Pane ar Pane Vino ar Vino” a Malafede) CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO te devi arrangià! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

9

ZONA

ACILIA

10

109


MagnaRoma

Sidra Libre: riportare il palato alle vacanze spagnole angiare bene non è un vizio solo nostro. Complici i voli low cost e la relativa vicinanza, negli ultimi anni molti italiani hanno imparato a conoscere le tradizioni e i piatti iberici. Spesso però dei profumi e dei sapori spagnoli rimane solo il nostalgico ricordo. È infatti raro, anche in una grande città come Roma, trovare le stesse golosità e soprattutto le stesse atmosfere. Da qualche mese, all’Infernetto, non è più così. Ha infatti aperto Sidra Libre, tipico localino spagnolo dove rivivere il clima conviviale delle serate ispaniche (persino i mobili sono stati importati). Del ristorantino abbiamo parlato con Sarah De Sanctis, la titolare… Partiamo dalle cose semplici: cos’è Sidra Libre? Un tipico bar de tapas spagnolo, un posto raccolto, conviviale, vivo. Proponiamo tapas e pinchos: piccole porzioni di cibo che possono essere condivise. È l’essenza della loro

anche il resto? Siamo italiani ma abbiamo vissuto larga parte della nostra vita a Madrid. Per passione e amore verso quelle terre, abbiamo voluto portare una fetta di Spagna qui. Avendo esperienza pluriennale nel campo del commercio alimentare, importiamo tutto direttamente. Abbiamo il pata negra e gli altri salumi iberici: tutti dop e di alto valore qualitativo. Faccio qualche esempio: lomo, una specie di lonzino, e il chorizo, un salame piccante. Abbiamo poi il cabrales, un formaggio asturiano (il nome deriva dalla zona di provenienza) simile al gorgonzola ma con tempi di maturazione in grotta più lunghi. Ovviamente non manca una buonissima paella, un piatto che facciamo seguendo tutti i crismi della tradizione. E per il parcheggio? Siamo all’Infernetto, in via Umberto Giordano, nessun problema.

VG

visioni grafiche

M

tradizioni: da noi ognuno mangia il suo piatto, in Spagna sono abituati ad uscire, prendere le portate tutte insieme e condividere il tutto. Qualche nome delle golosità che offrite… Il pollo asado a la sidra, un piatto che prepariamo con un apposito girarrosto che viene dalla Spagna (va a gas butano e ha una cottura un po’ più lenta). Viene condito con la sidra asturiana, prodotta con dodici varietà di mele autoctone. Esiste la sidra naturale e quella dolce. Naturale viene versata dall’alto verso il bicchiere. Noi abbiamo un dosatore che versa la bevanda e riproduce il movimento corretto della sidra verso il bicchiere (in modo che si rompano le cellule e decanti nella giusta maniera): si chiama “escanciador”, ha la forma del contadino asturiano, molto divertente da utilizzare e carino da vedere. Mi sembra qualcosa di molto tipico, è così

110


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

PARCO GIOCHI

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

4

111


MagnaRoma MAHARAJAH 2 SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di alta

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.

ZONA

8

AXA

3

112


MagnaRoma ZUCCHERO E LIMONE

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana. INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

2

ZONA

INFERNETTO

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo. INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

1

ZONA

NUOVA PALOCCO

5

113


oroscopo di maggio

LUCA ARGENTERO (12/4/1978)

GIORGIA (26/4/1971)

LIAM NEESON (7/6/1952)

LICIA COLO' 7/7/1962)

PHILIP SEYMOUR HOFFMAN (23/7/1967)

SOPHIA LOREN (20/9/1934)

114

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Qualcosa si muove nella giusta direzione. Vita sociale impegnata, nuove conoscenze, progetti in cantiere. Sarà un mese pieno di fermento, nel quale i piccoli problemi, se arriveranno, proverranno dal fronte familiare. Mettete da parte i rancori. Servono due cose: leggerezza e semplicità.

Se qualche parente non è proprio di vostro gradimento, non preoccupatevi: nulla di nuovo sotto il cielo. Cercate di evitare le tensioni e, allo stesso tempo, di non rinunciare ai vostri desideri. La vostra realizzazione passerà per una sana e piccola quota di egoismo. Vedrete che il tempo vi darà ragione.

NAOMI WATTS (28/9/1968)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

Conquiste in vista, specialmente dal 9 al 24 maggio, quando Mercurio sarà nel segno. Stesso discorso per Giove, che darà sostegno specie in caso di discussioni e problemi. Approfittatene però, perché il passaggio è transitorio e questo periodo di sicurezza e forza interiore si affievolirà a giugno.

Maggio forse non è il mese che andrà incontro alle vostre attese. Mercurio è nel segno del Toro dal 9 al 24, dunque ci sarà qualche problema con i familiari, i colleghi o gli amici. Cercate di non ferire nessuno, di riconoscere le vostre responsabilità e di non preoccuparvi: pian piano ne verrete fuori.

MARTIN SCORSESE (17/11/1942)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

Sarà un maggio frizzantino, pieno di novità, sorprese, contraddizioni e chi più ne ha più ne metta. Inutile dire che è questo che volete dalla vita, perché se non è movimentata non vi piace. In famiglia, a parte le tensioni di base, scoprirete complicità inaspettate. Sappiate sfruttare la nuova situazione.

Meglio la prima parte del mese della seconda. Avete Mercurio in Ariete fino al 9, motivo per cui vi divertirete molto e potrete affrontare con serenità eventuali tensioni. A fine mese, terminato l’effetto positivo di Mercurio, qualche nodo potrebbe venire al pettine. Cercate di prevenire.

CAROL ALT (1/12/1960)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Ad inizio mese una notizia, una novità, un imprevisto, una discussione potrebbero guastare la vostra serenità. Le stelle dicono che molto presto potreste trovare una soluzione a tutto questo, a patto che prima non vi fate venire i nervi a fior di pelle. Nel mezzo del mese la vita sociale sarà più appagante.

Ad inizio mese avrete qualche preoccupazione o qualche stato di tensione di troppo. Che siano gli amici, la famiglia o una questione privata, non preoccupatevi: dal 9 Mercurio è in ottimo aspetto e vi offrirà soluzioni adeguate e tanta capacità di convincere gli altri. La parte centrale di maggio sarà vivace.

GIANFRANCO FINI (3/1/1952)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Maggio sarà un mese molto vivace per la vita sociale, per approfondire la conoscenza di personaggi interessanti oppure per introdurvi in ambienti nuovi. In famiglia c’è qualche discussione sulle scelte finanziarie. Attenzione alle giornate centrali del mese: le tensioni potrebbero esasperarsi proprio lì. Pazienza.

Il mese si apre all’insegna della vivacità e dell’ottimismo. Ancora meglio la parte finale, quella che va dal 24 maggio in poi. Non mancheranno i problemi ma avrete numerose possibilità di uscirne fuori. Vita sociale al top, specialmente per chi ha una comitiva di amici attiva. Cercate di non essere suscettibili.

CHRISTINA RICCI (12/2/1980)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Se dal mese scorso vi portate dietro un po’ di nervosismo e qualche conto in sospeso, coraggio: questo mese risolverete tutto. In famiglia abbiate coraggio, cercate di non girarvi dall’altra parte, evitate che le tensioni si accumulino diventando non gestibili. Sarete comunque l’amico o l’amica che tutti desiderano.

Sarete in una condizione di leggera indisposizione per tutto il mese. Le cose miglioreranno dal 24. Dell’amore o del lavoro c’è qualcosa che non vi piace e non vi quadra. Optare per l’aggressività o assecondare il nervosismo non vi aiuterà. Cercate nella diplomazia la vostra arma segreta.

CLAUDIO BISIO (19/3/1957)


Profumo di buono.

BUONO SCONTO 100% Vieni a trovarci, in regalo per te la nostra PROMOTION CARD valida per un trattamento Gratis. Ti aspettiamo.

Il buono è utilizzabile, previo appuntamento, nei giorni di martedì e mercoledì del mese di maggio. Prenotazioni solo in sede.

&

Trattamenti viso/corpo donna/uomo n Skin diagnostic n Estetica di base con particolare cura nei dettagli n Doccia emozionale Cromoterapia n Radiofrequenza Pressoterapia n Luce Pulsata Massoterapia medica n Massaggi anche a 4 mani n Hammam Siamo aperti da lunedì a sabato dalle 09:30 alle 18:30 e la domenica su prenotazione dalle 09:00 alle 13:00

www.somawell.it

C E N T R O

A X A

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine · Anno 11 · n. 104 - maggio 2012 · www.13magazine.it

Il giusto senso.


13 Magazine N. 104