Issuu on Google+

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 11 路 n. 101 - FEBBRAIO 2012 路 www.13magazine.it


40.000 copie Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) Doc (Torrino - Via Fosso Torrino) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Acilia Via Prato Cornelio) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense)

Carrefour (Ostia - Staz. Lido C.) Carrefour (Acilia - Via C. Beschi) Carrefour (Dragona - Via Criminali) Carrefour (Dragoncello Via O. Fattiboni) Carrefour (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) Carrefour (Fiumicino Via Angonio Angeloni) Carrefour (Infernetto Viale Castel Porziano) Carrefour (Infernetto Via Antonio Angeloni) Carrefour (Infernetto - Via Boezi) Carrefour IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MA Supermercato (Acilia Via di Acilia) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) MD Discount (Fiumicino Via Valderoa) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) SIMPLY SMA MARKET (Acilia-V. di Saponara) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Axa-P.zza Eschilo)

TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Fiumicino Via Valderoa) TODIS (Infernetto Via Castelporziano) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) TUODÌ (Acilia-V. A. Bocchi) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) ACILIA - MADONNETTA CASAL BERNOCCHI Abbo Bar Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino Bar Laura Bar Marica

Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Biclim Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Compro Oro Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Pink Bar Pizza 120 Quality Garden Line Ristorante Avoja Ristorante Bianco Rosso e Pannone Ristorante Don Payo Ristorante La Romanina Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Slot House Europa Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Vivaio Primaverde AXA Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Giuliana Muti Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II°

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@visioni-grafiche.it

Tru Trussardi Twinky CASALPALOCCO Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo Quelli dell’Albero Azzurro St. Odont. Podda & Sorci DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Ocy & Stè Bar Phelipe Bar Pinco Pallino C.I.M. Costruzioni Di Carlo Cafè Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Diamond Animals Store Euro Caffè Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi

Gran Caffè Iacopucci Iacopucci Bar Pizza a taglio Lops Queen’s Club Roma Ristorante Dal Pannocchia Ristorante El Matambre Romus Re Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village Teatro Torrino Torrino Sporting Center Vasian FIUMICINO Bar Aliante Bar Caffè e Cafè Bar Caffè Russo Bar Carlo Bar Concorde Bar Gaia Bar Island Bar La Glace Bar River Bar Rustichelli Bar Rustichelli Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Cantine d’Offizi Casa di riposo Villa Faieta Gran Caffè Conti Lazioterm Oasi Arredo Stile Tabacchi Fumi e Profumi INFERNETTO Babel Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido

5


VG

visioni grafiche


OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale

Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Gran Caffè Salerno Petit Cafè Pizza Metro Snai Vancleef

OSTIA LEVANTE Assithermo Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa

OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie

Bruna Coiffeur - Estetica C. Beness. Bioenergetico Il Corniciaio Magico Il Gelatiere La Boutique del pane Il Parco Giochi Priolo Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Zucchero e Babà OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto International Bar Lambretta Store Officine Interni Ristorante Il Frantoio

Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Biblioteca Elsa Morante Cineland Multisala Duca Bar Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro Marinauto Premaman Regie Auto Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky SPINACETO TOR DE CENCI Bar Tabacchi Europa VITINIA - CALTAGIRONE VILLAGGIO AZZURRO Antichi Sapori Bar Caltagirone Edilmarmi Idrotermica Sanitaria La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristor. Pizz. Porta del Sole Ristorante West Coast Slot House Europa Slot House Europa Tabaccheria Pirfo

I nostri partners Pag. 52

88 Sport Tennis

50

Lilù

60

Abitare Oggi

81

Lops

112

Ago & Filo

2

Mangano

76

Analisi C.R.S. Centro Ricerca Studi

4

Marinauto

93

Axa bike

74

MC Surgery

14

Babel

10

Michelessi

16

Babel e Bambino Gesù

56

Miss Cake

58

Bali England

32

Mix Auto Service

Biclim

29

Nené merceria

112

Brico Acilia

62

Officina di Architettura

20

Calandrelli Group

34

Officine Interni

116

Camillo immobiliare

39

Oggetti smarriti

48

Centro Commerciale 2000

93

Ottica Baroni

42

Centro Commerciale Colombia

85

Paola Sgrò estetica e make-up

29

Cercocasa

30

Parchi della Colombo area comm.

63

C.I.M. Costruzioni

90

Pets Shop

68

Cirillo autocarrozzeria

46

Piero Perosini Stars Studio 13

Compro Oro

70

Priolo

Conauto

20

Prontotel

39

Cucine & dintorni

66

Queen’s Club Roma

37

Della Rocca

38

Retrò in

88

Diamond Animals Store

45

Ricci e capricci

43

Dog & Cat’s Friend

18

Scent Profumeria

83

Dott.ssa Chiara Ciardullo

38

Seasons donna & bambino

81

Dott.ssa Schiano Moriello Viviana

62

SE.MA. Traslochi

91

Dott. Stefano Giammetti

54

Semi di Cotone

92

ENPA

114

Slot House Europa

24

Eschilo 1 Polisportiva

40

Smile Body, Sun, Hands & Feet

36

Farfalle abbigliamento

52

So Curvy

50

Gamma Auto

28

Solartech

12

Granai Centro Commerciale (I) 17/23

SomaWell

54

GymSeng

44

Teatro del Torrino

26

H&D Home Design

18

Twinky Home

80

Idea Giardino

82

Vasian

72

Idrotermica sanitari

45

Verde Fondente

90

Irkam

22

Vetral Acilia

112

Isola che non c’è (L’)

86

Vivai Esotica

84

Kiflow

98

Legno+Ingegno

6

1-112 8

103

GUIDA AI RISTORANTI

7


sommario 61 ANNO 11 - NUM. 101 - FEBBRAIO 2012 Speciale 17

Rubriche

Io dico NO

Esteri

17

23 La Russia entra nel WTO

13

Editoriale

41

Spettacolando

63

53 Moda e tendenze 61

Arredamento

Roma

23

63 Architettura 27 Roma 2020: una sfida 65 Viaggi

possibile

64

67 Una gita fuori porta

Costume e società

27

69 Questione di cilindri 33 Epopea Burlesque 64 Degustazioni all’italiana

73 Salute e benessere 75 Scienze

Teatro

33

81

65

I consigli del nutrizionista

45 Essenza Teatro 83 Vederci chiaro 83 Psicologia

Cinema

69

47 Hugo Cabret

89 Vita da cani

47 I film del mese 91

Arte e cultura 51

Veterinaria

113 Oroscopo del mese

Guercino e tanto altro...

47

93 93

Interno 13

Musica 57 La Roma di nicchia, rock e d’autore

51

103 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694 È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. ( VGvisioni grafiche )

103 11


COMETA ADV

domenica

5

CARTOON PARADE

Dalle ore 17.00

I più famosi cartoon della TV ti aspettano in galleria per iniziare a vivere l’atmosfera del Carnevale.

domenica

12

L’ASSALTO DE I PIRATI Dalle ore 17.00

Quattro impertinenti pirati assaliranno le zone del centro donando sculture di palloncini e cioccolatini.

martedì

14

SAN VALENTINO

Dalle ore 11.00

Un ritrattista ti regalerà un ricordo indelebile della tua coppia.

domenica

19

IL MONDO DELLE FIABE Dalle ore 17.00

Il mondo delle più belle fiabe ti aspetta mascherato per giocare e ballare insieme.

martedì

21

LA SFILATA DELLE MASCHERINE Dalle ore 17.00

Festeggiamo il Carnevale con la grande sfilata di mascherine di tutti i nostri piccoli ospiti. Iscriviti presso l’info-point!

via Mario

Rigamonti, 100 EUR

(Tintoretto)


di Maurizio Carta

editoriale

“Se i partiti non rappresentano più gli elettori, cambiamoli questi benedetti elettori” Corrado Guzzanti

13 MAGAZINE Anno 11 - n.101 - FEBBRAIO 2012 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it IN ALLEGATO: 13 Immobiliare Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@visioni-grafiche.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta maurizio@visioni-grafiche.it

Capo Redattore Massimo Mostacci massimo@visioni-grafiche.it

Art direction Cristian Bifolco cristian@visioni-grafiche.it

Redazione Grafica Giada Gargano Pubblicità Renata Di Santo - Sergio Marà Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto - Marina Preciutti Relazioni Esterne Anna Calà anna@visioni-grafiche.it

Amministrazione e segreteria Ombretta Petrollo Collaboratori 13 Magazine Rossella Smiraglia - Chiara Ferraro Barbara Zorzoli - Chiara Rovan Walter Cristiano - Penelope Salomone Valentina Mancini - Simona Bottoni Leonardo Caviola - Michela Carè Paola Stefanucci - Simone Felicetti Roberta Riga - Gaetano Gaggiottino Paolo Baroni - Paola Sgrò Dott. Stefano Giammetti - Lucia Bianco Dott.ssa Schiano Moriello Viviana Dott.ssa Chiara Ciardullo Collaboratori Interno 13 Chiara Ferraro - Roberta Riga Editore Visioni Grafiche S.r.l. Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@visioni-grafiche.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright, la collaborazione a questo mensile è da considerarsi

partiti politici sono finiti. Non la politica, no. La politica, come insegnava il presidente Oscar Luigi Scalfaro, fa parte dei bisogni primari dell’uomo, è come respirare, dormire, mangiare. L’uomo ha una sua naturale dimensione politica. Per cui, muteranno le forme ma la politica continuerà a vivere finché l’uomo camminerà sul pianeta. E che cos’è la politica? Sostanzialmente è un’arte dalle due facce: la risposta ai problemi pubblici contingenti e l’indicazione di un orizzonte futuro. È dunque per questo che i partiti politici italiani moriranno, perché non assolvono a nessuno dei compiti appena menzionati. Questa non è una tirata alla Grillo. Troppo rozzo, semplicistico e utopistico pensare che le sorti di una società complessa possano essere decise in rete da milioni di click. L’idea della rappresentanza diretta, con vincolo di mandato e revocabile in qualsiasi momento è nuova solo per chi frequenta raramente e con scarso profitto i libri di storia. Detto questo, non si vuole nemmeno sostenere che i partiti politici siano morti a causa del consenso di cui godono i tecnici al governo. Anche in tal caso sarebbe come giudicare il fenomeno in base agli effetti invece che alle cause. E poi i tecnici occupano le rispettive poltrone fino a quando avranno la fiducia del parlamento. Non un giorno oltre. Ma dicevamo dei partiti politici. Intanto non sono morti solo in Italia. Gran parte dell’Europa in crisi, Russia inclusa, vive un periodo di delegittimazione del ruolo dei partiti. Si avverte ad ogni latitudine un senso di distanza tra chi occupa le istituzioni e una società civile che vive a velocità doppia, che guarda da lontano i riti del compromesso parlamentare, con insofferenza e derisione. Poi c’è un problema del tutto italiano, ovvero il fatto che questa lontananza del corpo civile è anche un’estraneità materiale, fatta di diverse condizioni di vita, di difformi priorità,

I

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

problemi, risorse, mentalità, consumi, ecc… I partiti italiani finora il consenso se lo sono comprato con la spesa pubblica. I 900 miliardi di debito che lo stato ha accumulato tra oggi e la metà degli anni ‘90 sono in gran parte il frutto di un cinico calcolo politico (esattamente come i 1.000 miliardi accumulati nel decennio precedente). Tangentopoli non è servita a niente. I metodi attraverso i quali il vecchio PSI si è conquistato il suo spazio sono gli stessi che hanno usato i partiti della seconda repubblica per legittimarsi. Con la complicità di un’amministrazione ordinaria storicamente lottizzata e sostanzialmente inadeguata, fiumi di soldi pubblici hanno comprato il consenso elettorale attraverso commesse a imprese private, finanziamenti ad associazioni, consulenze, promozioni, assunzioni, condoni, manifestazioni pubbliche, sagre e chi più ne ha ne metta. I grandi collettori di preferenze, attraverso un generoso finanziamento pubblico alla politica e la conoscenza dei giusti meccanismi burocratici, hanno sostanzialmente comprato più della metà dei voti del mercato elettorale. Oggi questo immenso bacino aurifero è finito. Anzi, è diventato una generosa fonte di rendita per quei ricchi italiani e stranieri che si spartiscono gli oltre 80 miliardi di euro l’anno di interessi sul nostro debito pubblico. Chiuso il rubinetto di questo mezzo di consenso - è triste osservarlo - gli attuali partiti non hanno nulla da dire alla società. Si aprirà presto uno spazio di rappresentanza che occuperà il più scaltro. Speriamo non il più cinico.

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.439/2009 del 18-12-2009

13


di Maurizio Carta

speciale

Cresce la protesta contro i provvedimenti del governo. Il malcontento dovrebbe però indirizzarsi molto più lontano…

Io dico remessa sull’arte dei lavori. Tanti anni fa, nel 1995, venne pubblicato da Mondadori un trittico di saggi intitolato “Il fantasma della povertà”. A firmarlo erano tre illustri protagonisti del dibattito contemporaneo: il politologo Edward Luttwak, l’economista Carlo Pelanda e il celebre Giulio Tremonti. Dei tre saggi, quello iniziale, scritto da Luttwak, si è sicuramente dimostrato negli anni il più profetico. Vi si sosteneva una cosa semplice semplice: che con l’avvento della globalizzazione, cioè della costruzione di un mercato unico mondiale, il costo dei fattori della produzione (tra cui, ricordiamolo, c’è il lavoro) avrebbe subito un processo di convergenza verso una media ponderata mondiale (cioè una media che tenesse conto delle ore lavorate e della produttività). In poche parole, il nodo fondamentale del momento storico in arrivo non era tanto il confronto con le merci a basso costo provenienti dall’Asia, quanto il paragone con i salari da fame che venivano riconosciuti ai lavoratori che le producevano. Ma Luttwak cercava di spingersi anche oltre. In questo futuro scenario del mercato del lavoro, tentava di individuare chi avrebbe potuto sottrarsi. Così, tra le categorie passibili di estraneità al meccanismo, indicava quelle che per loro natura sarebbero state più a lungo al riparo dalla globalizzazione, quelle che cioè vendevano i propri beni o servizi esclusivamente all’interno di un mercato locale. E faceva l’esempio del barbiere: il barbiere di quartiere, globalizzazione o no, si diceva che avrebbe tagliato i capelli sempre agli stessi clienti. Bene, fatta questa dovuta premessa e tornado ai nostri giorni, possiamo dire che il politologo americano aveva ragione in tutto tranne che in una cosa. L’acqua alla gola sarebbe infatti velocemente arrivata anche al barbiere, una figura il cui posizionamento sociale potrebbe grandi linee essere confuso con le categorie attualmente in agitazione contro le liberalizzazioni del governo Monti: i tassisti, gli avvocati, i farmacisti, i notai, i giornalisti, ecc… Se si tiene conto dell’analisi di Luttwak, diventa più facile rispondere al paradosso su cui molti commentatori si interrogano da settimane. Il perché ci sia tanta differenza tra la lieve risposta di milioni di lavoratori alla riforma delle pen-

P

sioni (qualche ora di sciopero) e la dura agitazione di migliaia di professionisti alle timide aperture al mercato imposte dal governo (scenari da rivolta). Mettendo da parte l’insipienza dei sindacati italiani, la loro assenza di rappresentatività e la latitanza dei partiti, la risposta a questo quesito è sinteticamente una: i lavoratori subordinati la globalizzazione la subiscono da anni (buste paga ferme agli anni ‘90, precarietà, disoccupazione, flessibilità, mobilità, ecc…), i professionisti l’hanno solamente letta sui giornali. Così, quando il tassista romano dichiara di “non voler fare la fine del tassista newyorkese”, dimostra contemporaneamente di avere dieci in sociologia e zero in economia. È vero che il tassista americano occupa uno dei gradini più bassi della scala sociale, fa un lavoro faticoso ed è identificato quasi sempre

17


VG visioni grafiche


speciale

MARIO MONTI

con l’immigrato dequalificato. Ma mentre indica l’esempio d’oltreoceano, l’autista di taxi romano dimentica un particolare non secondario: che la sua corsa verso Fiumicino costa al cliente quanto il biglietto aereo per Londra. Ed è quella, la tariffa aerea verso Londra, che fissa le sue pretese reddituali future, non una qualsiasi protezione che lo stato non è più in grado di offrire.

persone che non hanno mezzi per soddisfare i propri bisogni essenziali. Poi esistono altri 8 milioni e 272.000 persone in povertà relativa, cioè cittadini che mensilmente spendono meno del 50% della media nazionale (la Banca d’Italia, nella sua ultima relazione, dice addirittura che sono di più, circa il 14,4% della popolazione). I dati forniti solo qualche mese fa dalla Fondazione Gramsci parlano chiaro: per povertà siamo quart’ultimi in Europa, peggio di noi solo Lettonia, Romania e Bulgaria. Senza contare che esiste un’enorme questione territoriale: il Mezzogiorno, dal punto di vista della povertà, sta quattro volte peggio del nord. Infine esistono i dati forniti da Renato Gaglianone, consigliere ecclesiastico nazionale della Coldiretti, secondo il quale la Chiesa solo nel 2011 ha distribuito 15 milioni di pasti. Ma chi sono questi poveri? Di chi si sta parlando? Qui veniamo al punto nodale dell’intera faccenda. Alle tradizionali figure dei senzatetto, degli anziani senza rete familiare di assistenza, degli invalidi soli, degli immigrati senza permesso di soggiorno, si sono aggiunti negli ultimi anni i giovani precari, i soggetti in cerca di prima occupazione, i disoccupati in cassa inte-

Come se la passa la base dell’iceberg. Il punto del quale non si convinceranno mai tutte le categorie di professionisti e sul quale, paradossalmente, saranno d’accordo anche gran parte dei precari, è che aprendo il mercato delle professioni ad una maggiore concorrenza qualcuno abbia realmente da guadagnarci. Perché il processo in cui è coinvolta l’Italia non è un processo di allargamento delle opportunità di ricchezza concesse dall’alto (più possibilità reali per chi è escluso dal mercato del lavoro), ma è un processo di ascesa della povertà dal basso (meno privilegi per chi occupa lo spazio tra la base e il vertice ultimo della società). La furba retorica dei discorsi professorali e pseudoriformisti identifica questi due movimenti ma non chiarisce mai qual è la direzione attraverso cui operano. Le liberalizzazioni, la riforma delle pensioni e la lotta all’evasione fiscale non sono all’ordine del giorno perché si vuole dare qualche opportunità in più a chi è alla porta, sono all’ordine del giorno perché quella parte di società su cui si basa il bilancio pubblico è esausta. Si può fare filosofia quanto si vuole sull’entità del sommerso e sulle ricchezze nascoste, prima di arrivare a questo è necessario però guardare lo stesso problema dalla parte opposta, quella cioè della povertà. Solo così ci si rende conto del reale stato degli italiani e del perché cadranno progressivamente anche le barriere dietro cui per anni sono ingrassati i liberi professionisti. In Italia esistono 3 milioni e 129.000 poveri assoluti, cioè

19


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


speciale

grazione, i lavoratori dipendenti non in grado di mantenere le rispettive famiglie. Quello che preoccupa della nuova povertà, è il suo labile margine, il fatto che oggi siano cadute quelle barriere tradizionali che per decenni avevano relegato all’interno di un cordone di sicurezza coloro che, seppur dipendenti, vivevano del proprio lavoro. Nel mondo dei subordinati e dei parasubordinati, chi ha un contratto di lavoro trema e chi deve entrare nel mercato del lavoro attende in fila. Un giovane su tre tra i 18 e i 24 anni non lavora, e se lavora, prende in media il 35% in meno dei colleghi più anziani. Essere giovani è una maledizione. Fino a 29 anni, il 25% dei giovani non ha mai avuto una esperienza lavorativa. Più di 2 milioni di giovani non lavora e non studia. Addirittura la gioventù è una condanna per le famiglie di origine: è povera una famiglia su 10 con un figlio e 1 famiglia su 3 con 3 figli e più. Sempre su questo versante, quello del reddito da lavoro o da pensione, particolarmente difficili le situazioni di donne e anziani. Le prime lavorano solo nel 47% dei casi e mediamente prendono uno stipendio del 16,8% inferiore dei colleghi con pari mansione e titolo di studio. I secondi sono invece alla canna del gas: su 16 milioni di pensioni Inps, il 50% è rappresentata da un assegno inferiore a 500 euro al mese.

intere categorie sono vissute per decenni. È indubbio che all’interno delle stesse esistano ragioni di sopravvivenza molto diverse. Il tassista che lamenta più licenze e più automobili in una città già congestionata come Roma, non sostiene ragioni indifendibili come quelle dei farmacisti. Torniamo però alla contraddizione iniziale: 45 euro per arrivare in taxi dalle mura aureliane a Fiumicino e 45 euro per coprire in aereo la distanza tra Fiumicino e Londra (1435 km). La società dei low cost e dei fondi sovrani, governi tecnici o non, piegherà tutti alle sue logiche.

La corta coperta e il recinto che cade. Di chi si è parlato finora? Di quei lavoratori dipendenti e pensionati che fanno l’88% dei contribuenti e il 93% delle entrate dello stato italiano. Se a questo aggiungiamo due fattori - gli aumenti di benzina, luce e gas previsti per i prossimi mesi e lo stato in cui versano le casse pubbliche a causa del debito l’equazione non potrebbe che apparire più chiara. Alla base dell’iceberg Italia non c’è più nulla da rosicchiare. Quella quota del 7% di entrate fiscali che garantiscono tutte insieme le altre categorie è diventata insostenibile. La vecchia storia per la quale il medio gioielliere italiano dichiara redditi inferiori all’operaio sta per finire. Salendo dal basso, il “fantasma della povertà” sta dunque rompendo il recinto di impunità fiscale e immunità concorrenziale entro il quale

21


VG

visioni grafiche


di Maurizio Carta

esteri

ELVIRA NABIULLINA

La Russia entra nel WTO li inglesi dicono “Business as usual”, noi potremmo dire “Gli affari sono sempre affari”. Fatto sta che mentre il mondo democratico osserva le convulsioni postelettorali della Russia putiniana, la comunità degli affari tende una mano all’orso russo e lo ammette all’interno del più grande consesso mercantile del mondo: il WTO, l’organizzazione mondiale del commercio. Così, nel silenzio dei più, mentre la nascente borghesia urbana di Mosca e San Pietroburgo dimostra in piazza, a Ginevra, lo scorso 16 dicembre, è stato firmato il protocollo d’intesa che lega il mercato interno russo a quello di altri 153 stati. Dopo 18 anni di trattative, la palla finalmente passerà dunque al parlamento, che avrà circa sei mesi per ratificare l’accordo e accettare la nuova disciplina degli scambi con il resto del pianeta. C’è da aspettarsi che ad uso e consumo della propaganda e dell’i-

G

riparo di barriere tariffarie che cadranno con gli anni. In particolare, i dazi alle importazioni scenderanno per i prodotti lattiero-caseari, per il grano, per i prodotti derivati dall’olio, per i prodotti chimici, per le automobili, per i prodotti elettronici, e per il legname e la carta. Ciò che più preoccupa l’oligarchia intorno a Putin è la situazione delle campagne e il mercato automobilistico. Le campagne russe fanno fatica da secoli a modernizzarsi e l’industria automobilistica nazionale è ancora molto in ritardo sugli standard mondiali. Chiunque sia salito su un’automobile di fabbricazione russa è ben cosciente del problema. La sensazione di un mondo a quattro ruote dai comfort ancora sovietici è palpabile. Forse è da qui, oltre che dai servizi legati all’informatica, che a vent’anni dal crollo dell’URSS la Russia deve cercare e battere la sua nuova strada verso il futuro.

Firmato l’accordo a Ginevra, entro l’estate si attende la ratifica del parlamento della Federazione Russa gnoranza dei media occidentali Putin non rinuncerà ad usare l’accordo come un successo epocale, magari rilanciando proprio a partire da esso la propria leadership personale. In realtà, l’ingresso della Russia nel WTO è stato un passo così travagliato (dicevamo delle lunghe trattative) perché di sostanziale c’è davvero poco. Oggi la Russia rappresenta circa il 2% del Pil mondiale. È evidente che il suo impatto sul mercato mondiale dei beni e dei servizi non è quello della Cina. Concedendo che parliamo di una grandezza comunque non trascurabile, a sostanziare il dato ce ne è un altro ben più importante: che la gran parte del Pil russo e dei beni di esportazione della Federazione Russa - parliamo di gas e petrolio - è sottratta alla disciplina del WTO e varca le frontiere in base ad accordi tra stati o logiche di cartello. In conclusione, la Russia contemporanea nel mondo dei beni di consumo è quasi inesistente. La controprova è nel fatto che anche il consumatore italiano più avvertito difficilmente saprebbe citare un prodotto di largo consumo “made in Russia”. È per questo che il Ministro dello sviluppo economico, Elvira Nabiullina, ha firmato un accordo molto graduale, un’intesa che permetterà a molti settori interni di avere altro tempo per riorganizzarsi al

VLADIMIR PUTIN

23


di Rossella Smiraglia

roma

ROMA 2020: una sfida possibile Olimpiadi: presentato il piano relativo alla candidatura di Roma. Una proposta sobria ma con investimenti utili e mirati

l percorso della candidatura di Roma ad ospitare le Olimpiadi 2020 è ancora lungo e si concluderà solo il 13 aprile 2013, quando verrà proclamata la città che ospiterà i Giochi Olimpici del 2020. I prossimi passi della candidatura saranno: il 15 febbraio 2012 la presentazione del questionario; il mese di maggio 2012 la selezione delle città ammesse alla fase finale di Candidatura; il 7 gennaio 2013 la consegna del “Bid Book”del dossier di candidatura; il mese di aprile 2013 la visita della Commissione Tecnica del CIO; il 7 settembre 2013 la proclamazione della città ospitante. L’occasione è imperdibile per la Capitale, e tutte le forze istituzionali e sociali sono state messe in campo per predisporre le condizioni favorevoli, per essere pronti alla sfida. Il 12 gennaio è stato presentato, presso il Campidoglio, il piano della Commissione di Compatibilità Economica, appositamente istituita dal Comune di Roma e presieduta dal professor Marco Fortis, il cui Presidente onorario è Gianni Letta. Si è sostenuto che in un periodo di crisi economica mondiale, non si può guardare al sogno romantico di un grande even-

I

to senza tenere conto delle reali compatibilità economiche per sostenere tale candidatura. Dunque no all’ipotesi di un’edizione faraonica, ma sì all’idea di un progetto sobrio, che riporti in auge il senso vero dei giochi Olimpici, lo spirito sportivo che, sin dalla sua istituzione, rappresentava un periodo di pacificazione e sospensione delle ostilità tra i popoli. In un generale entusiasmo e apprezzamento per l’opportunità che si offre alla città di Roma, che ha già dimostrato grande capacità di accoglienza per grandi

eventi come il Giubileo del 2000, emerge dunque il desiderio dei romani, dei cittadini del Lazio e degli italiani tutti, di poter vivere un evento che potrebbe segnare il punto di svolta rispetto alla depressione economica che ci affligge, come fu nel 1960, quando Roma ospitò le Olimpiadi e le prime Para Olimpiadi. Lo ha dimostrato ampiamente uno studio condotto dal professor Mannhaimer, da cui emerge che l’80% degli italiani sostengono con grande euforia la candidatura di Roma. In dettaglio, gli abitanti del Lazio sono favorevoli all’88% e i romani all’84% (vedi scheda). La spiegazione per tanto entusiasmo non riguarda solo il prestigio e la visibilità che ne deriverebbe, ma soprattutto il fatto che gli italiani sono consapevoli dell’indotto che ne potrebbe scaturire, in termini di turismo, occupazione e sviluppo, come si evince dallo studio della commissione di fattibilità economica. Vediamo però i particolari dell’ipotesi “Roma 2020”...

27


roma

IL PIANO FINANZIARIO IN DETTAGLIO La spesa complessiva per i Giochi è pari a 9,8 miliardi di euro, di cui: • 1,4 miliardi per la realizzazione e l’adeguamento degli impianti; • 1,4 miliardi per la realizzazione del villaggio olimpico, centro Tv/stampa; • 2,8 miliardi per le infrastrutture urbane e di mobilità; Per un totale di 8,2 miliardi che lo Stato deve garantire. L’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino con un costo di 1,6 miliardi, sarà invece a carico di Aeroporti di Roma S.p.a. Lo studio prevede poi un ritorno degli investimenti per lo Stato derivanti dagli sponsor, diritti dei media etc. che coprirebbero 2,3 miliardi di euro; e 1,2 mld derivanti dalla valorizzazione immobiliari, quindi l’investimento pubblico netto sarebbe di 4,7 miliardi, perché compensato dal maggiore gettito erariale. I costi organizzativi invece sono interamente coperti da risorse private. Il dato più interessante riguarda le previsioni di ritorno economico e di occupazione a livello nazionale, che

vedrebbe una crescita del PIL di 17,7 miliardi di euro e la creazione di 29.000 posti di lavoro nel 2020 (vedi scheda). L’aumento del Pil cumulato dal 2012 al 2020 sarebbe per l’Italia un +1,4%. Di cui lo 0,5% al nord; +3,9% al centro e +1% al sud. Insomma, il quadro tracciato dallo studio del professor Fortis sembra incoraggiare gli investimenti come farebbe una qualunque azienda che voglia intraprendere un’attività di successo, pur nella imprevedibilità degli accadimenti. Per le classi dirigenti Roma 2020 potrebbe essere l’occasione per lavorare insieme, senza colori politici e schieramenti, in modo compatto e determinato, così come dovrebbe essere sempre quando si tratta di “bene comune”, per usare un’espressione cara al Primo Ministro. Che i valori dello sport, quelli veri, antichi, possano insegnare qualcosa alla politica?

29


VG

visioni grafiche


Euro 24.900

Euro 11.900

Euro 11.500

Euro 20.500

Euro 32.500

Euro 21.900

Euro 20.500

Euro 24.900

Euro 21.800

Euro 22.900

Euro 30.500

Solo da noi in caso di furto entro 3 anni dall’acquisto ti sarà consegnata un’altra auto di pari valore a costo zEro! Per saperne di più ti aspettiamo nei nostri showroom di roma/Latina.

Euro 49.900

Euro 35.900

Euro 39.900

Euro 67.500

Euro 56.900

Euro 21.500

Euro 36.900

Euro 36.500

Euro 23.900

Euro 23.500

Euro 39.500

Euro 30.900

Euro 39.900

Euro 29.900

Euro 48.900

Euro 149.000

Euro 39.500

Euro 165.000


costume e società

di Diego Carmignani

Epopea

Burlesque ualcuno se ne sarà accorto. Il Burlesque sta vivendo un nuovo periodo d’oro. È tornato alla ribalta come neoBurlesque, cioè in una forma diversa da quella in auge negli Usa o in Inghilterra negli anni ‘30, ‘40 e ‘50, e che rappresentava, di fatto, il progenitore dello spogliarello che ora si vede nei night. Il neo-Burlesque invece è molto di più di un semplice strip-tease: non c’è più una donna che si spoglia per un pubblico principalmente maschile, bensì un’artista che si spoglia, spesso in maniera comica, per un pubblico misto senza arrivare al nudo integrale. Il lato erotico slitta in secondo piano e rimangono la sensualità, la provocazione e l’ironia. È un genere d’intrattenimento adatto a tutti, dove lo strip non è l’unico protagonista. Sul palcoscenico tra una coreografia e l’altra, secondo un preciso copione si alternano musicisti, illusionisti, attori e cabarettisti. Il risultato è uno spettacolo

Q

DITA VON TEESE

Dozzine di dive e decine di corsi in tutta Italia. L’arte dello spogliarello si liberà della volgarità e diventa gioco sensuale e leggero, che seduce e diverte allo stesso tempo, coinvolgendo così il pubblico sia maschile sia femminile. Basta assistere a un solo spettacolo di burlesque per rendersi conto che la maggior parte degli spettatori (circa il 60%) sono donne. Dita Von Teese (al secolo Heather Renèe Sweet, ex moglie del cantante Marilyn Manson) è l’icona e regina del neoBurlesque del terzo millennio. È stata lei a lanciare questa particolare forma di arte, fatta di sguardi ammiccanti, guêpière e completini sexy, piume e paillettes. Dopo Dita, sono arrivate tutte le altre dive e starlette che hanno contribuito a diffondere in tutto il mondo, dagli Stati Uniti all’Europa, lo stile Burlesque: Amber Topaz, Chrys Columbine, Grace Hall (regina indiscussa del Burlesque made in Italy), Dixie Ramone, Sophie D’Ishtar, Candy Rose e Luna Rosa, tanto per citarne alcune. Sono le nuove “effeuilleuses”, maestre nello “sfogliare” indumenti come petali di un fiore, ed esperte conoscitrici dell’arte del sedurre con ironia, utilizzando le armi della danza, della musica, della magia, del canto e delle arti circensi. BURLESQUE MADE IN ITALY Anche in Italia è scoppiata la Burlesque-mania. Da qualche anno ormai que-

33


costume e società CHRYS COLUMBINE

re il sito www.ladyburlesqueontour.com. Per rimanere aggiornati sugli eventi, organizzati in tutta la penisola, tra locali, teatri, feste e festival, vi consigliamo di visitare anche i seguenti siti internet: www.burlesque.it, il primo portale italiano sull’argomento e da sempre punto di riferimento per gli appassionati del genere; ma anche www.burlesquelife.com e www.burlesqueitalia.com. sto tipo di spettacolo è entrato a pieno titolo tra le forme d’intrattenimento preferite dal pubblico italiano, diventando una vera e propria moda. Il titolo di “Capitale italiana del Burlesque” spetta a Roma. Sulla scia del Crazy Horse di Parigi, GRACE HALL dell’Hurly Burly di Londra, del Shim-Shamettes di New Orleans e del Rififi Cinema Classics di New York, nel 2006 Alessandro Casella fonda il Micca Club (www.miccaclub.com). Da allora il club dell’Esquilino è stato il palcoscenico delle migliori performance in circolazione nel panorama internazionale. I due appuntamenti più attesi tra quelli organizzati dal Micca sono: il “Rome Burlesque Festival” e l’ “l’American Burlesque Revue”. Il primo è un festival internazionale, giunto all’ottava edizione, che vede in scena le più brave e preparate artiste sulla scena europea. Il secondo propone una retrospettiva sul burlesque americano con le migliori ballerine d’oltreoceano. La prossima edizione si svolgerà dal 15 al 18 marzo. Anche Milano da due anni ospita un festival molto importante, il Milan Burlesque Award, in occasione del quale si ritrovano le migliori performers internazionali per sfidarsi a colpi di lustrini e piume di struzzo e contendersi ambiti premi e riconoscimenti. La prossima edizione si svolgerà il 30 e 31 marzo al Teatro Elfo Puccini (www. milanburlesqueaward.com). Oltre a Roma e Milano, sono ormai tantissimi i locali e i teatri italiani che ospitano eventi Burlesque. In questo momento stanno girando per le principali città italiane le protagoniste del famoso talent show di Sky Uno, impegnate nel “Lady Burlesque on Tour”. L’unica tappa fissa di questa tournèe è quella romana: ogni venerdì al teatro Arciliuto è in scena il “Lady Burlesque Cabaret “ con un cast artistico di rilievo: Albadoro Gala, Marlò e Vesper Julie. Per conoscere tutte le tappe del tour, visita-

LA DONNA BURLESQUE: SICURA DI SÉ E SENSUALE In relazione alla popolarità appena descritta, sono sempre di più le donne italiane che vogliono imparare l’antica arte della seduzione. Per questo motivo sono nate diverse scuole e accademie che insegnano alle aspiranti “femmes fatales” come muoversi, vestirsi e truccarsi per essere come le dive del Burlesque. Ogni anno l’Accademia dell’arte Burlesque del Micca Club tiene corsi e workshop alla ricerca di nuove starlette da inserire nel proprio cast. Sempre nella Capitale troviamo il Tempio del Burlesque, scuola qualificata sotto la direzione artistica di Grace Hall. Salendo a Nord, c’è la Burlesque School Milan, guidata da Mizzy von Wolfgang, a cui si aggiungono le scuole di Ancona (Pin Up Burlesquer Factory), Verona (EStel Burlesque) e Torino (la scuola di Ruffy Lu). Inoltre moltissimi workshop sono organizzati presso i principali festival nazionali: per esempio il 26 febbraio, in occasione del “Danza in fiera” di Firenze (www.danzainfiera.it), sarà possibile partecipare a due lezioni di Burlesque, tenute da Betty Rose e Sweety-J. Ai corsi e ai workshop di questo tipo, si iscrivono donne di tutte le età ed estrazioni sociali: studentesse, casalinghe ma anche professioniste. Non ci sono limiti di età o canoni di bellezza prefissati: ogni donna con le sue curve, forme e taglie diverse è bella e sensuale a suo modo, anche con qualche chilo di troppo. Ne è un esempio Dirty Martini, la curvy star internazionale più famosa sulla scena del Burlesque, protagonista dello spettacolo teatrale “La dolce diva” e del film francese “Tournèe”: nonostante le sue forme abbondanti si esibisce con estrema sensualità e femminilità. Lo scopo principale di questi corsi è di insegnare alle donne ad accettarsi, acquisendo maggiore consapevolezza della propria femminilità. Ogni donna nasconde in sé una carica eccezionale di erotismo: deve solo imparare a esprimersi, senza mai cadere nel volgare. Il Burlesque non è quindi, come si potrebbe pensare, l’ennesima mercificazione del corpo femminile, ma la sua più pura e semplice celebrazione. DIRTY MARTINI

35


di Barbara Zorzoli

spettacolando

Justin Timberlake e Jessica Biel, nozze all’orizzonte? l 2012 a Hollywood comincia con un annuncio bomba che, se fosse vero, farebbe impallidire i love affair più intricati e intriganti degli ultimi tempi. Signore e signori, Justin Timberlake e Jessica Biel si sposano. Lo ha riportato il tabloid ad alto tasso di scoop, UsWeekly, secondo cui il cantante avrebbe chiesto ufficialmente la mano dell’attrice. Vi starete chiedendo: “Ma non si erano lasciati?”. In effetti, la coppia era scoppiata all’inizio del 2011, ma dopo una sana lontananza non ha saputo cedere a un ritorno di fiamma abilmente alimentato da romantiche passeggiate in bicicletta e da una frequentazione sempre più assidua, ufficializzata poi con apparizioni e pubbliche effusioni durante eventi mondani, fino ad arrivare alla fatidica proposta di matrimonio. Proposta che, secondo i beninformati, sarebbe arrivata durante una romantica vacanza di Justin Timberlake e Jessica Biel ad alta quota, tra le nevi del Wyoming. Che romantici!

I Sienna Miller incinta na splendida star diventerà mamma nel 2012. Stiamo parlando di Sienna Miller, che aspetta un figlio dal fidanzato Tom Sturridge, suo compagno da quasi un anno. E se l’agente dell’attore 27enne non commenta, come rivela il Daily Mail, a fare l’annuncio “ufficiale” su Twitter ci ha pensato la sorella di Sienna, scrivendo sul suo profilo la parola “thrilled” (eccitata, emozionata) che i ben informati hanno subito collegato alla gravidanza della sorella. Sienna Miller sembra così aver messo nel cassetto dei ricordi la sua relazione tormentata con Jude Law (che l’aveva tradita con la tata dei suoi tre figli), chiudendo definitivamente anche l’opzione “uomo sposato”, provata con l’attore Balthazar Getty. Nuova vita, quindi, quella con il giovane Tom Sturridge, anche se i due per il momento non hanno nessuna intenzione di sposarsi: unica certezza, visto il passato, siamo sicuri che Sienna Miller terrà baby sitter & co. a debita distanza.

U

ennifer Lopez non vuole saperne nulla più dell’ex marito Marc Anthony. Dopo il chiacchieratissimo tradimento, e quella che sembrava una tranquilla separazione di beni e sentimenti, qualcosa è cambiato. Secondo voci e indiscrezioni la cantante e attrice JLo starebbe organizzando una vendita di gioielli e vestiti, una specie di “svendita all’ingrosso” dei regali ricevuti dal marito fedifrago. Queste nuove voci smentiscono il riavvicinamento della coppia, ipotizzato da rumors su una ritrovata intesa grazie alla collaborazione lavorativa che vede le due celeb protagoniste di un reality show. I commenti più velenosi ritengono

J

Lo sbarazzo di Jennifer Lopez che la decisione di Jennifer Lopez sia dettata solo dalla ripicca, per rivalersi sui commenti poco gentili che Marc Anthony ha rilasciato a proposito del nuovo fidanzato Casper Smart. Alla fine si cade nel cliché, e come ogni divorzio mediatico che si rispetti, piccoli dispetti e cattivo gusto la fanno da padrone, poi che Jennifer Lopez tolga un po’ d’ingombro da armadio e cassaforte male non è, certo poteva scegliere di regalarli a qualche teatro di Broadway; tutti quei lustrini, siamo certi avrebbero reso felici molte ballerine.

41


VG

visioni grafiche


Britney Spears ritney Spears si sposerà per la terza volta. I rumors, che circolavano da tempo, sono confermati. Jason Trawick, fidanzato della pop star, le ha regalato un anello di brillanti di Neal Lane. La festa di fidanzamento - per volere del futuro signor Spears - si è svolta nella più classica delle cornici americane, ovvero Las Vegas. Gli invitati hanno assistito in diretta alla dichiarazione, un momento intimo e subito condiviso con i fan su Twitter. Infatti, la stessa Britney Spears ha immediatamente “cinguettato” la sua felicità promettendo di mostrare il prima possibile, via etere, il pegno d’amore ricevuto in dono dal fidanzato. L’anello in questione è costituito da un grosso diamante bianco, circondato da 90 piccoli diamanti. Questo sarebbe - e il condizionale è d’obbligo quando si parla di Britney - il terzo matrimonio per la Spears. Il primo durato 56 ore, con un amico d’infanzia, frutto di un momento di troppa euforia, le seconde nozze con Kevin Federline sono durate di più, ma ancora di più son durati gli eccessi post divorzio. Tre matrimoni non fanno certo scandalo, le celeb hanno abituato i loro fan a ben altri numeri. Certo considerando i trascorsi di Britney Spears le auguriamo che sia la volta buona.

B

o scorso gennaio Beyoncé è diventata mamma, ha, infatti, dato alla luce Ivy Blue Carter, nata presso il Lenox Hill Hospital di New York. E qui arriva il bello. Pare che Jay-Z, marito della cantante e attrice, abbia pagato oltre 1 milione di dollari per riservare un intero piano tutto per loro e tutelare al massimo la privacy della bimba. Tra guardie del corpo che piantonavano l’ospedale, sorvegliato più di un carcere di massima sicurezza, e requisizioni di telefoni a tutto il personale medico per evitare che venissero diffuse foto della piccola, il parto ha destato un interesse mediatico senza pari. Non c’è dubbio: ecco un’altra star in famiglia!

L

visioni grafiche

Beyoncé e il parto blindato VG

spettacolando

presto sposa

43


teatro

di Chiara Rovan

Essenza Teatro Nuova iniziativa, tante attività collaterali, un cartellone da gustare e abbiamo dato conto nelle pagine dedicate al 13° Municipio lo scorso mese: Essenza Teatro è una nuova iniziativa dedicata ad un vasto pubblico. Passione e sentimento sono da sempre i punti chiave della visione della vita e del teatro di Paolo Perelli, poliedrico regista e attore del Teatro delle Emozioni, portavoce di questa nuova scommessa che offre spettacoli, corsi di teatro e scrittura creativa, mostre fotografiche, eventi culturali e visione in diretta streaming degli spettacoli in scena. Essenza Teatro è uno spazio dove confrontarsi e formarsi, dove respirare la vera polvere del palcoscenico e dove sentirsi liberi di esprimere la propria creatività ed emotività. Ma veniamo alla programmazione di febbraio. Dopo i successi di Goya, la quinta del sordo, con lo stesso Perelli, e Filumena Forever con Liliana Stanziani, febbraio vedrà in scena Erotic dream, tratto da Sogno ma forse no di L. Pirandello, di e con Paolo Perelli e Serena Fragetti (18, 19, 25, 26 febbraio). In un’atmosfera onirica, una donna si riavvicina a un suo ex amante scatenando la gelosia del suo attuale amato sognando, ma forse no, di essere strangolata da quest’ultimo con una collana di perle che aveva ammirato in un negozio. Quanto è verità e quanto è illusione? Il 3 e 4 marzo la FLM Dance Company si esibirà nella performance La sindrome di Stendhal, scritta e diretta da Francesco Visone con le coreografie di Loredana Coppola e Melania Visone. Il noto turbamento, riscontrato dallo scrittore francese alla vista dei capolavori artistici fiorentini nel 1817, è lo spunto per uno spettacolo dove le passioni si mescolano all’arte, dove le allucinazioni scaturiscono da forti stati emotivi accompagnati da musica e danza. Conclude il mese di marzo (17, 18, 24, 25) l’adattamento di Paolo Perelli de Le serve di Jean Genet, con Micaela Sangermano e Viola Creti. Tratto da un episodio di cronaca realmente accaduto, sulla scia del Naturalismo letterario dell’epoca, Clare e Solange progettano di assassinare la loro Signora, facendo arrestare il suo amante e cercando di avvelenare la donna. In un gioco perverso, fingono a turno di essere la padrona e la serva, imitando in tutto le manie e gli atteggiamenti dei due ruoli fino al colpo di scena finale. Il cartellone di Essenza Teatro vi accompagnerà per tutta la stagione ed è online su www.essenzateatro.it.

VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche

N

45


VG

visioni grafiche


I FILM del mese di Walter Cristiano

Millennium Uomini che odiano le donne Regia: David Fincher Cast: Daniel Craig, Rooney Mara, Christopher Plummer, Stellan Skarsgård USA Genere: Drammatico

di Walter Cristiano

cinema

Hugo

Cabret

3 Febbraio

Magia, fantasia e 3D per l’ultimo film di Martin Scorsese ugo, il ragazzino orfano del romanzo di Brian Selznick (“La straordinaria invenzione di Hugo Cabret”), approda al cinema. Entusiasmo e curiosità: sono queste le sensazioni che ruotano attorno al primo film in 3D di Martin Scorsese, che per questo ha già recentemente vinto un Golden Globe come miglior regista. L’attenzione di pubblico, critica e media è davvero grande. Hugo Cabret (Hugo) è un evento internazionale. Se per sapere quanti Oscar porterà a casa questa pellicola (ben 11 nomination ricevute!) bisognerà attendere il prossimo 26 febbraio, quello che intanto è incontestabile è lo straordinario successo che ha riscosso. Hugo Cabret è uno di quei film con cui non si può non confrontarsi, uno di quelli che non si possono non vedere, se non altro per stabilire con la propria testa il suo livello di qualità e di godibilità. Veniamo ora alla trama. Siamo nella stazione ferroviaria centrale della Parigi anni Trenta. Il protagonista è Hugo, preadolescente di dodici anni costretto a rubare e a rimanere nell’anonimato per sopravvivere. La sua vita ha una svolta quando incontra una giovanissima ed eccentrica ragazza e quando conosce il proprietario di un negozio di giocattoli molto speciale, George Méliès, il regista e illusionista francese realmente esistito nonché considerato il “padre” degli effetti speciali. Da questo momento in poi, Hugo si ritroverà a fare i conti con un’avventura intrigante e al contempo pericolosa, fatta di un uomo meccanico, di chiavi rubate, di misteriosi disegni, tutti elementi che insieme nascondono alcuni importanti segreti. Sulla scia della popolarità è già stata elaborata una versione teatrale di Hugo Cabret, attualmente in scena sui palchi statunitensi. Il film ha ispirato perfino un videogioco, prodotto e distribuito dall’azienda colosso del settore, la Nintendo Company Limited. Il lungometraggio, uscito nelle sale italiane il 3 febbraio, non ha comunque ricevuto solamente giudizi positivi da parte del pubblico, ma si è detto: Hugo Cabret è uno di quei film che occorre vedere prima di giudicare. Non resta che andare al cinema.

Il giornalista Mikael Blomkvist, celebre per la sua scrupolosità, accetta un incarico del ricco e potente industriale svedese H. Vanger: scoprire la verità sulla scomparsa della nipote dell’uomo, avvenuta quarant’anni prima. Nelle sue ricerche, è aiutato dalla giovane e ribelle hacker Lisbeth Salander…

Tre uomini e una pecora Regia: Stephan Elliott Cast: Xavier Samuel, Kris Marshall, Kevin Bishop, Rebel Wilson Australia, Gran Bretagna Genere: Commedia

H

10 Febbraio

L’inglese David e l’australiana Mia stanno per sposarsi. Il matrimonio è previsto nel cuore delle Blue Mountains, dove lo sposo si recherà soltanto alla vigilia del gran giorno, assieme ai suoi tre più cari e pazzi amici. Il caotico giorno delle nozze metterà a dura prova sia il rapporto di coppia che quello con gli amici...

Paradiso amaro Regia: Alexander Payne Cast: George Clooney, Shailene Woodley, Beau Bridges, Robert Forster USA Genere: Commedia

17 Febbraio

Matt King, marito e padre da sempre distante dalla famiglia, è uno degli uomini più ricchi di Oahu, nelle Hawaii. Quando la moglie rimane vittima di un incidente in barca nel mare di Waikiki, è costretto a riavvicinarsi alle sue due figlie, riconsiderare il suo passato e valutare un nuovo futuro.

Un giorno questo dolore ti sarà utile Regia: Roberto Faenza Cast: Toby Regbo, Marcia Gay Harden, Peter Gallagher, Lucy Liu USA, Italia Genere: Drammatico

24 Febbraio

Tratto dal romanzo di Peter Cameron Someday this pain will be useful to you, è il ritratto lieve e appassionato della New York di oggi, raccontato attraverso gli occhi del diciottenne James, figlio di artisti divorziati, incerto sul suo futuro e sulle sue scelte...

Quasi amici Regia: Olivier Nakache, Eric Toledano Cast: François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Clotilde Mollet Francia Genere: Commedia

24 Febbraio

Una divertente commedia ispirata a una storia vera. Dopo un incidente con il parapendio, l’aristocratico Philippe resta disabile. Per svolgere le sue mansioni e i compiti domestici, Philippe assume un giovane ragazzo di colore, di nome Driss, originario della periferia e con un breve passato in carcere...


VG

visioni grafiche

VG

visioni grafiche


Guercino vento nell’evento: la Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini ha inaugurato gli spazi, situati al pianterreno, che sino a poco tempo fa ospitavano il Circolo Ufficiali, ora rinnovati e destinati alle esposizioni temporanee, con la spettacolare mostra “Guercino 1591-1666. Capolavori da Cento e da Roma”. Fino al prossimo 29 aprile, nello storico edificio acquistato dallo Stato italiano nel 1947, si potranno ammirare le opere più emblematiche di Giovan Francesco Barbieri, da quelle

E

e tanto altro…

pagare a parte) la felice carriera del prolifico e geniale artista di Cento, allievo di Ludovico Carracci, che attirava collezionisti, all’epoca, perfino dall’Inghilterra. Questa mostra rappresenta, senza dubbio, una delle iniziative culturali di maggior prestigio dell’inverno capitolino. Ma occhio al calendario: fino al 13 febbraio la sala Zanardelli ospita una mostra, erudita quanto coinvolgente, sui siti e i reperti estratti in decenni di scavi nell’area dei Colli Albani, meta dei principali archeologi e topografi nel periodo di massimo fulgore dell’archeologia. La manifestazione, che naturalmente s’intitola “Colli Albani. Protagonisti e luoghi della ricerca archeologica degli esordi, provenienti dalla Pinacodell’Ottocento”, è stata puntigliosamenteca di Cento, sua città natale, a te curata di Massimiliano Valenti, quelle dei fervidi anni romani, direttore del Polo Museale di al servizio di papa Ludovisi, Monte Porzio Catone, ed ha che lo hanno consacrato il pregio di illuminare colofra i giganti della pittura ro che hanno voluto e conbarocca. La rassegna, dotto gli scavi, nonché curata da Rossella Vodret, contribuito alla nascita dei soprintendente del Polo musei di Frascati, Lanuvio museale romano, e Faue Velletri. Ne citiamo alcusto Gozzi, direttore della ni: Antonio Nibby, Luigi Pinacoteca Civica centese, COLLI ALBANI Canina, Pietro Rosa, Giovuole essere altresì un omaggio a sir Denis Mahon, storico dell’arte van Battista de Rossi, Rodolfo Lanciani, scomparso nell’anno appena passato al Giuseppe Tomassetti, del quale nel 2011 quale si deve il rilancio della pittura del è caduto il centenario della morte. Un Seicento italiano da Caravaggio a Guido viaggio (a ritroso) Reni, e al Barbieri, soprannominato il nell’archeologia Guercino, come tutti sanno, perché stra- da non perdere, bico. Attraverso una selezione di trenta- tanto più che sei dipinti, i visitatori potranno ripercor- l’ingresso è libero. rere con dovizia di suggestioni prospetti- Infine, sempre in che, compositive e cromatiche (celebre il territorio di bello a blu lapislazzulo che Guercino faceva costo zero, alcune

Il menù artistico di febbraio comprende il barocco, l’archeologia e l’arte contemporanea

segnalazioni d’obbligo. “Arché. Bendini, Boille, Mariani, Turcato” nel complesso del Vittoriano (Sala del Giubileo) presen-

MARCELLO MARIANI

di Penelope Salomone

arte e cultura

OPERE DEL GUERCINO

ta le opere di tre celebri artisti contemporanei e del maestro dell’astrattismo italiano concepite e offerte per colmare il vuoto lasciato dal sisma del 2009 nella Basilica di Collemaggio a L’Aquila. Fino al 12 febbraio. Da non mancare inoltre

I GHETTI NAZISTI

nel Salone Centrale la toccante mostra “I ghetti nazisti”, inaugurata nella Giornata della Memoria (27 gennaio) che resterà aperta fino al 4 marzo. Qualche giorno in più c’è per l’incontro con “Santo Tomaino. SANTO TOMAINO Epic Painting”, a cura di Gianni Mercurio, al Museo Bilotti di Villa Borghese fino all’8 marzo.

51


VG

visioni grafiche

VG visioni grafiche


50%

di Valentina Mancini

moda e tendenze

Tempo di saldi e delle occasioni d’oro,

anzi, rosa cipria

50% L

Ad un mese dall’inizio, guida agli acquisti oculati per i saldi invernali

30%

a crisi ha colpito le famiglie italiane che, causa inflazione e rincari vari aumento dell’iva, di gas e luce, dei pedaggi autostradali, del carburante, dei prodotti alimentari e via dicendo hanno a disposizione un budget di spesa limitato. Impossibile lasciarsi sfuggire il “tempo dei saldi”, dunque, atteso da molti che scelgono di investire sui capi di fine stagione proprio per risparmiare e tenere fronte alla perdita di potere d’acquisto. Gli acquisti, però, sono oculati e meno “faciloni”. Il Codacons ha lanciato un decalogo per evitare le fregature. Nella lista si fa riferimento al fatto che prezzo iniziale e percentuale di sconto devono essere evidenti sul cartellino, che in caso di danneggiamento il negoziante è tenuto a sostituire la merce e che i pagamenti con carta di credito, qualora solitamente concessi, devono essere accettati dal negoziante anche durante i saldi. Raccomandazioni da tenere a mente, insieme con quella di avere una panoramica piuttosto ampia delle offerte, invece di comprare nel primo negozio che capita; inoltre, è bene diffidare di percentuali di sconto superiori al 50%, specie nel primo periodo di sconti. Sicuramente, molti hanno già dato un’occhiata alle vetrine, e si sono fatti prendere dall’ansia dell’acquisto a tutti i costi. Prima di dissipare anche gli ultimi risparmi, però, è bene stilare una lista delle cose che dovremmo compra-

re, per necessità o, semplicemente, perché con molta probabilità risulteranno attuali anche durante la prossima stagione invernale. Quest’anno ha spopolato il rosa cipria, delicato e raffinato. Gli abiti sono per lo più corti, romantici, semplici, ma anche con gonne ampie, a mo’ di ballerina di Degas. Mantengono un fascino antico ed etereo grazie alla nuance delicata, ma possono essere sexy e frivoli se hanno linee giovani e qualche dettaglio spiritoso che li sdrammatizzi. Il nero, sugli accessori, è un’ottima scelta. Altro colore caro alle tavolozze degli stilisti è il verde petrolio, perfetto per un morbido golf o un mini dress in raso. In tempo di saldi, poi, la lista delle cose da comprare include i pezzi classici: tailleur, camicie, jeans; insomma, gli indumenti che ognuno è solito indossare nel quotidiano, che siano per andare in ufficio o in palestra, pigiami, intimo e, soprattutto, accessori. È il sogno ricor-

rente di molte fashion addicted, quello di comprare borse, occhiali e scarpe a prezzo scontato; se si scelgono dei pezzi semplici, non si noterà che appartengono a collezioni della scorsa stagione. E poi, gli accessori si indossano più a lungo di maglioni pesanti e felpe imbottite. Si prospetta, ancora, un buon andamento del monospalla, nonostante ultimamente sia un po’ caduto in disuso. È il momento, inoltre, di comprare un cappotto di valore, avvolgente e caldo; uno di quelli che, a prezzo pieno, è difficile permettersi. Infine, è concesso, ovviamente, uno strappo alla regola. E, se avete aspettato l’arrivo dei saldi per comprare un capo d’abbigliamento particolare, pur se giallo canarino, concedetevi il lusso di portarlo a casa. Ma, al momento dell’acquisto, controllate bene, per ogni indumento, che non abbia difetti o macchie.

53


informazione redazionale

Semi di cotone Un’altra infanzia è possibile

informazione redazionale

La Rieducazione posturale globale e il Pilates

a cultura della sostenibilità ambientale si sta facendo faticosamente largo anche in Italia. Abbiamo in merito fatto qualche domanda ad Alice, titolare del negozio “Semi di cotone”. Perché per i più piccoli è meglio scegliere un abbigliamento naturale? Perché sarebbe impossibile trovare una ragione per sostenere il contrario. Negli ultimi anni la qualità è stata messa da parte. Non spetta a me puntare il dito sul fatto che è tutto made in China. Quando però parliamo di bambini dovremmo avere qualche cautela in più. Uno non ci pensa ma l’epidermide è il primo punto di contatto con l’esterno. I tessuti sintetici, attraverso l’epidermide, rilasciano nel nostro corpo le particelle chimiche derivanti dai trattamenti industriali utilizzati nella produzione. Un tessuto sintetico, ad esempio, non permette una corretta traspirazione. La sudorazione eccessiva può favorire la proliferazione batterica e aumentare il rischio di dermatiti e allergie, soprattutto nel caso dei più piccoli, la cui pelle è più delicata. Dunque il tessuto biologico… Certo, un tessuto trattato biologicamente sin dalla coltivazione, il cui cotone è naturale e proviene da campi in cui non sono stati usati disserbanti derivati dal petrolio. Dunque niente additivi o sbiancanti chimici, tinte naturali, assenza di nichel nei metalli delle zip e nei bottoni. Questa etica del prodotto concerne anche i lavoratori che lo producono. Noi acquistiamo solo abbigliamento certificato GOTS (Global Organic Texile Standard), cioè fatto nel rispetto dell’ambiente e del salario dei lavoratori (niente sfruttamento minorile e manodopera contrattualizzata). Tutto molto interessante. Devo però domandarti se questo significa prezzi eccessivi… Il tessuto biologico è più resistente, resiste ai lavaggi e si degrada molto meno facilmente. Il capo può essere passato di bambino in bambino. Ovviamente i costi di produzione sono più alti, così come il prezzo finale. Ma in nord Europa, dove esiste un mercato molto più vasto, l’hanno capito: meglio comprare una cosa che serve e che dura che comprare tante cose a poco. State facendo saldi? Certo, non sono altissimi, perché noi non facciamo un ricarico eccessivo sulle merci. Anche questo fa parte dell’etica del lavoro. Inoltre, successivamente ai saldi ci sarà una vendita promozionale che durerà fino a metà marzo. A parte l’abbigliamento, trattate altri prodotti? Certo, prodotti per la cura del corpo per grandi e piccini. Abbiamo i pannolini lavabili: scelta ambientalista e di risparmio. Con un acquisto iniziale di 10 pannolini (da noi 212 euro), si è tranquilli per tre anni, fino a quando il bimbo non toglie il pannolino. Per le mamme che hanno meno tempo abbiamo anche i pannolini biodegradabili e ipoallergenici. Abbiamo poi i cuscini per l’allattamento in pula di farro biologica, le fosse porta bebè e i detersivi per la casa ecologici.

a rieducazione posturale globale (R.P.G.) è una metodica riabilitativa di valutazione e trattamento delle patologie che colpiscono l’apparato locomotore. Elaborata agli inizi degli anni ‘80 da Philippe E. Souchard, è basata su 3 principi fondamentali: individualità - casualità - globalità. È un approccio terapeutico OLISTICO, GLOBALE basato sull’AUTO-ALLUNGAMENTO, quindi in contrazione eccentrica della muscolatura. L’obiettivo è ritrovare l’originale stato di salute modificando il modo di percepirsi e di usare le parti del proprio corpo, con particolare riguardo alla postura e alla mobilità articolare. Si applica sia in condizioni fisiologiche che patologiche.

INFO: Semi di cotone Via dei Traghetti, 46/48 (Ostia Lido) - Tel. 06.5694392

INFO: GymSeng - Via di Macchia Saponara, 151 (Axa) Tel. 06.45436368 - www.gymseng.org

L

L

COME SI ATTUA È una vera e propria presa di coscienza di ciò che ci dice il nostro corpo sulle condizioni dei nostri muscoli e articolazioni, individuando le tensioni muscolari presenti. Si effettua con movimenti precisi, millimetrici, esercitando i muscoli “dimenticati” (anche quelli della respirazione), al fine di restituire la loro lunghezza ed elasticità fisiologica. Il terapista aiuta, assiste, opera insieme al paziente. È un trattamento individuale con la possibilità di poter lavorare successivamente in un piccolo gruppo con le AUTOPOSTURE. INDICAZIONI Viene applicata per anomalie strutturali: scoliosi, ipercifosi, iperlordosi, ginocchia vare o valghe, piedi piatti o cavi; disturbi articolari: cervicali, dorsali, lombari; disturbi respiratori inerenti all’escursione toracica e del diaframma; insufficienze funzionali post-traumatiche e post-chirurgiche; patologie dello sport agonistico e non. IL “PILATES” prende il nome dal suo fondatore Joseph H. Pilates. È un metodo di “ginnastica” basato su esercizi di rinforzo e stretching selettivi per ogni distretto muscolare. L’obiettivo è la percezione del proprio corpo recuperando una postura corretta, la forma e la tonicità muscolare, rimodellando i punti “critici” dell’addome, dei glutei e delle gambe.

55


informazione redazionale

di Walter Cristiano

®

I corsi proposti da per imparare l’arte del Cake Design ISS CAKE presenta la “torta perfetta”. Creatività, passione, tempo, pazienza e l’uso sapiente della pasta di zucchero sono, infatti, gli ingredienti giusti per trasformare torte tradizionali in veri e propri capolavori d’arte. Per conoscere quest’antica arte, l’appuntamento per tutti sarà presso gli stand dell’Hobby Show, il Salone delle Belle Arti e ELEONORA GIUFFRIDA della Creatività, che si svolgerà presso la Fiera di Roma dal 10 al 12 febbraio, che ospiterà il cake design, nuova arte pasticcera importata dai paesi anglosassoni e ricalibrata da maestri pasticceri italiani. A far scoprire i segreti di quest’arte saranno i consigli, le proposte e le creazioni di MISS CAKE, partnership di “Ieva Studio d’Arte”, con corsi, show e dimostrazioni gratuite. Nel cake design creatività, stile e bontà, infatti, si fondono per dare vita a decorazioni per torte e dolci che sono una delizia per il palato e la vista: l’importante è fare la differenza rispetto ad una normale torta da cerimonia. Sono torte che in ogni caso si adattano a tutti quegli eventi che necessitano di personalizzazione ed originalità. La sugar art, cioè l’arte di realizzare sculture di zucchero in tutte le sue forme (filato, soffiato…) ha una storia antichissima. Si è sviluppata nelle corti europee medievali quando lo zucchero era una merce rara ma è soprattutto negli Usa e nel Regno Unito che ha mantenuto una grandissima tradizione, basti pensare, ad esempio, alla torta di otto piani realizzata per il matrimonio di William e Kate e confezionata dalla designer Fiona Cairs. Il cake design è un’arte che oggi conta tantissimi appassionati anche in Italia. Per questo, a rendere unico ed imperdibile l’evento alla fiera di Roma, penseranno gli artisti ed i maestri pasticceri ospitati da MISS CAKE: Teresa Insero, eccellenza italiana nel mondo del dolce decorato, vincitrice di prestigiosi premi internazionali; Moreno Rossoni, maestro Pasticcere e insegnante di vari livelli di pasticceria presso diverse aziende italiane, coadiuvato dal suo staff; Eleonora Giuffrida: Fashion designer e giornalista, autrice di diversi manuali d’arte e collaboratrice con la rivista del settore Cake Design Cucina Chic; Saracino, azienda italiana leader nella produzione di prodotti dolciari professionali e amatoriali.

M

La Roma di nicchia, rock e d’autore Sarà un febbraio alternativo a musica contemporanea mi butta giù” diceva Battiato in una canzone recentemente riarrangiata dai Subsonica. I concerti di Febbraio indicano però che la musica contemporanea non è solo quella delle radio e dei talent shows. Questa considerazione, dunque, “ci tira un po’ su”. Sarà infatti un mese in cui l’independent rock e la scena undergound la faranno da padroni, se escludiamo il grande appuntamento del 4 febbraio con i Negrita al Palalottomatica. Dopo questa partenza “alla grande”, il mese prosegue con due appuntamenti importanti, entrambi previsti per il 9 febbraio: quello con Vasco Brondi, in arte “Le luci della centrale elettrica”, e quello con Pete Doherty. Il primo si esibirà al Blackout Rock Club, mentre il secondo salirà sul palco dell’Atlantico. Ma l’Atlantico ospiterà anche altri artisti britannici. A salire sul palco, il 24 febbraio, saranno infatti i Kasabian, band tra le più importanti del panorama indie. All’Orion di Ciampino, l’11 febbraio sarà la volta della Bandabardò, uno dei gruppi più rappresentativi del folk-rock italiano. Una data da segnare sul calendario, per chi è alla ricerca di uno spettacolo veramente particolare nonché di un approccio al mondo musicale al di fuori della norma, è quella del 19 febbraio. Infatti, presso il Motel Salieri di Via Giovanni Lanza, si terrà il concerto di Jandek. L’artista in questione, texano, non ha mai rivelato la sua vera identità ma è individuato dalla maggior parte del pubblico con Sterling Smith. Proprio il suonare e il produrre dischi avvolto in un alone di mistero, conferisce alla musica di Jandek quel qualcosa in più e quell’intima riservatezza di cui oggigiorno la musica contemporanea sembra avere veramente bisogno. Il 22 febbraio, al Lanificio 159, si esibirà invece St. Vincent - pseudonimo di Annie Clark -, la giovane polistrumentista e cantautrice proveniente dall’Oklahoma. Non solo stranieri, ma anche italiani nelle notti romane dei locali di fine mese. Al Piper, il 29 febbraio, suoneranno i Cani, band emergente accostata da una parte della critica, con le dovute precauzioni, ai CCCP. Non poteva mancare poi, all’interno di questa rassegna musicale, il Circolo degli Artisti. Sul noto palco capitolino, tra i tanti, si esibiranno Cisco (17/2) l’ex voce dei Modena City Ramblers - e il cantante reggae Babaman (22/2).

“L

Per informazioni e per partecipare ai corsi presso l’Hobby Show: MISS CAKE Via Terpandro, 36 (Roma) Cell. 347.5657838 www.misscake.it

PETE DOHERTY

VA SCO BRONDI

Hobby Show Roma dal 10 al 12 febbraio

musica


VG

visioni grafiche


VG

visioni grafiche


arredamento di Simona Bottoni

appiamo tutti come in Italia le piccole e medie imprese rappresentino la struttura portante dell’intero comparto. Allo stesso modo siamo consapevoli che l’artigianato è un settore importante nel sistema produttivo italiano. In un mercato in cui la globalizzazione ha esasperato la competitività tra aziende, si rende sempre più necessario consolidare le posizioni che si è riusciti a ottenere, anche attraverso un maggiore sostegno pubblico all’export ed alle imprese che rappresentano punti di eccellenza per il Made in Italy. Tra queste, occupano senz’altro un posto di rilievo le aziende del comparto interior design. Sembrano essersene resi conto anche i vertici del Ministero per lo Sviluppo Economico visto che, in collaborazione con Confartigianato, Casartigiani e ciò che resta dell’Istituto del Commercio Estero, ha deciso di dare attenzione al settore promuovendo l’iniziativa “Accenti d’Italia”, attraverso la quale ci si è proposti di sostenere aziende che rappresentano l’eccellenza del design italiano nel mercato degli Stati Uniti, che resta un mercato fondamentale per il made in Italy. Il progetto ha compreso momenti di presentazione promozionale nel corso dei quali figure professionali esperte nei rapporti com-

S

Il Mise promuove l’interior design in USA

merciali con gli States hanno promosso e consolidato quanto già avviato dalle imprese su quel mercato. L’evento, che si è concluso da poco, ha avuto la durata di circa due mesi, ha visto protagoniste circa cinquanta imprese selezionate, ed ha coinvolto tredici store americani di alto profilo, ciascuno impegnato nel progetto per quindici giorni, in dodici diversi Stati. Il 1° dicembre scorso c’è stata l’apertura della manifestazione in contemporanea nei tre Stati di Georgia, California e Texas: tantissime le occasioni d’incontro tra domanda ed offerta con vetrine espositive negli store, eventi d’immagine, pubblicità, visite di compratori. Con la certezza che questo importante progetto porti alle aziende che ne sono state coinvolte nuove commesse ed all’interior design italiano in generale l’apertura di nuovi mercati, sarebbe auspicabile che il governo continuasse a destinare fondi per il sostegno all’internazionalizzazione, e che, anzi, potesse incrementarli perché la creatività italiana va sostenuta a livello sistemico se si vuole evitare che soccomba sotto la scure di un mercato globale non più in grado di apprezzare realtà produttive infinitesime anche quando esprimano delle eccellenze.

61


VG

visioni grafiche


architettura

di Leonardo Caviola

Santa architettura Giuseppe Facchini: la risposta più efficace alla moda delle archi-star uello che Bramante è stato per Giulio II e Bernini per Clemente X, Giuseppe Facchini lo è stato per gli ultimi quattro papi, Ratzinger compreso. Se ne è andato, poco tempo fa, l’architetto che un tempo veniva chiamato “Maestro delle Mura” e che ricopriva il ruolo di Vicedirettore dei Servizi Tecnici del Vaticano. Personaggio schivo ed intimista, lontano dalla mondanità e dall’esaltazione del proprio ego, Facchini ha sempre concepito la sua attività come “una professione artigianale, sia pure di altissimo livello, molto umana, che crea le cose per la gente e non per la gloria di chi le firma”. Da circa trentacinque anni (lui che ne aveva 66) aveva posto l’uso sapiente delle sue matite colorate, di cui era molto geloso, al servizio dell’architettura pontificia, delegando solo all’ultimo momento l’apporto del computer. Il suo tratto di matita era semplice, ma al tempo stesso veloce, sicuro, raffinato LA CENTESIMA FONTANA DEL VATICANO ed elegante, scevro da orpellici artifizi, come evidente risulta dalla ristrutturazione dell’atrio di ingresso dell’Ambasciata di Spagna presso la Santa Sede, dove si è accostato al disegno originale borrominiano dello scalone, liberandone le linee originali dalle ridondanti aggiunte successive. A lui si devono anche il progetto della piscina di Papa Wojtyla, la costruzione della Domus Sanctae Marthae, il nuovo accogliente ingresso dei Musei Vaticani, i centoventi comodi appartamenti destinati ai cardinali durante i conclavi, la progettazione, a partire dal 2005, del presepe (o “presepio” così come era solito chiamarlo con un arcaismo a cui era affezionato). Infine, non ultima per importanza, ma comunque opera terminale del suo operato terreno, si deve a lui anche la centesima fontana del Vaticano, dedicata da Papa Benedetto XVI alla figura dell’omonimo di entrambi (Papa ed Architetto) S. Giuseppe. Come un imperituro manifesto del suo modo di progettare, la fontana si presenta armonica nelle sue forme, spontaneamente in simbiosi con le sculture che la adornano, semplice non sempliciotta, frutto evidente del suo progettare per lo più a mano libera. Un esempio fulgido di come dovrebbe essere oggi fare architettura.

Q

63


costume e società

di Michela Caré

Degustazioni all’italiana A sud e nord di Roma febbraio sarà il mese delle calorie. In città da non perdere “Life of Wine” onostante il freddo invernale, a febbraio è ancora tempo di degustazione di prodotti tipici. Si comincia il 12 febbraio con la sesta edizione de “LA DISFIDA DEL SOFFRITTO DI MAIALE” che si terrà a Savignano Irpino in provincia di Avellino. Quasi tutte le famiglie delle valli Irpine e Daune “crescev’n’ lu puorc”, sia i contadini, sia quelli che abitavano in paese, i quali, spesso, avevano un riparo per i maiali davanti alle proprie case. Chi poteva cercava di allevarne almeno due: uno per uso personale e uno per venderlo, così si ammortizzava la spesa. Ricollegandosi quindi, a questa consolidata tradizione locale, si è sentita l’esigenza di conferirgli un più ampio respiro. È nata così l’idea di programmare l’evento che si propone come un percorso suggestivo che rievochi e valorizzi i riti e le pratiche della vita contadina di un tempo nel suo svolgersi quotidiano. In particolare l’uccisione e la successiva lavorazione della carne di maiale. Inoltre, durante la manifestazione non sarà distribuita né acqua minerale né acqua imbottigliata,

N

64

ma esclusivamente acqua di fonte dell’acquedotto “Calore Irpino”, sicuramente l’acqua più buona che possa esistere in Provincia di Avellino. Dopo l’esordio a Firenze del 2010 torna

LIFE OF WINE (www.lifeofwine.it), manifestazione unica nel suo genere ideata e organizzata da Studio Umami (www.studioumami.com), società con sede a Firenze specializzata in comunicazione e ideazione di eventi enogastronomici, che lunedì 13 febbraio 2012 vedrà la sua seconda edizione svolgersi a Roma. Oltre quaranta cantine provenienti da tutta Italia, in rappresentanza delle principali denominazioni della Penisola, si daranno appuntamento nella suggestiva cornice di Palazzo Rospigliosi per un evento che si posiziona quale momento imperdibile di cultura e conoscenza vinicola. Ciascuna azienda, in postazioni presiedute dagli stessi produttori, enologi o agronomi, porterà in assaggio della sua etichetta più rappresentativa l’ultima annata in commercio e due vec-

chie annate: un viaggio nel tempo per capire come il vino evolve, come si affina e si completa con il passare degli anni. Il tutto arricchito dalla possibilità di conoscere e confrontarsi con i vignerons, scoprendo, nei loro racconti, le storie e i territori sempre unici che ne accompagnano lavoro e passione. Infine, per gli amanti del dolce, da non perdersi è “CHOCCOLANDIA” che si terrà il 25 e 26 febbraio a Livorno. Famosi cioccolatieri e sapienti artigiani dolciari provenienti da tutta Italia faranno ammirare e degustare al pubblico dei golosi le loro prelibate lavorazioni tipiche e decorazioni particolari. Accanto alle tradizionali produzioni, non mancheranno le sperimentazioni e le nuove tendenze in materia di ingredienti e di presentazioni.

Le innumerevoli forme e sfumature di sapori del cioccolato delizieranno gli occhi e sazieranno le voglie e gli sfizi di tutti i visitatori.


di Paola Stefanucci

viaggi

Isernia: piccolo tesoro del sud roma inconfondibile. Sapore delicato. Leggendarie virtù afrodisiache e terapeutiche. Fin dalla più remota antichità il tartufo ha stimolato la fantasia di scienziati, poeti, gastronomi e gaudenti. Fu definito “miracolo della natura” nella Storia naturale da Plinio il Vecchio. Giovenale lo considerava figlio di un fulmine scagliato da Giove in prossimità di una quercia, albero sacro. Un tubero raro che non si trova ovunque, ma che da millenni circoscrive il suo habitat: il pensiero corre alle arcinote “città del tartufo” (Alba, Norcia, Acqualagna, ecc.), un titolo che comprende oltre cinquanta realtà italiane. Tra esse si annovera anche l’antica città sannitica di Isernia, nel cuore delle Terre Pentre (dal celtico “pen”, “sommità”, ovvero popolo dei montani). Un territorio che regala a profusione il tuber magnatum pico (tartufo bianco pregiato). Un paio di anni fa proprio qui fu rinvenuto un esemplare gigantesco (1,80 kg) e donato a Telethon dalla regione Molise. Lo scorso dicembre Isernia ha ospitato la 1a edizione della “Fiera nazionale del tartufo bianco molisano” nell’Officina della Cultura e del tempo libero. Innumerevoli

A

gli eventi nell’arco di una settimana: mostre mercato, incontri didattici, convegni, degustazioni e presentazioni di libri dedicati. A tal proposito, ci è sembrato di grande pregio anche sotto il profilo estetico l’opera di Sergio Rossi “Il tartufo”,

ISERNIA

li di Vastogirardi e Torella del Sannio. Ad Agnone, poi, la visita è obbligata: dalla minuscola città partono le campane dell’antica Fabbrica Marinelli per spargere i loro rintocchi in tutto il mondo e la ‘ndocciata, audace sfilata con le torce accese, è l’emblema di un folklore intatto da secoli. pubblicato dalla giovane Isernia è una sorpresa e illuminata casa editriper il turista. È una ce genovese Sagep. città colma di storia, di Non meno attraente e tradizioni e di monugodibile è il volume di menti: la Fontana FraBruno Gambacorta “Eat terna (a forma di loggiaParade”(Rai-Eri e A. Valto, tra le più belle lardi) presentato ad una plad’Italia), la Cattedrale dei tea altrettanto affollata ed SS. Pietro e Paolo, il temCASTELLO DI VENAFRO entusiasta. pio di Giove, l’acquedotto Il successo e l’interesse romano (ancora funzioper questa prima edizione nante), l’ardito Ponte Cardella Fiera sono stati tali darelli sul fiume Sordo che già sono in cantiere (posa della prima pietra varie iniziative per la 1887, durata lavori 5 anni, seconda. costo 300.000 lire). Ad Naturalmente non si è parogni angolo, poi, c’è un lato solo di tartufo ma anche delle varie palazzo storico ed una confraternita: peculiarità che plasmano l’identità e le tra- quella che porta il nome di Fraterna fu dizioni locali, il millenario scenario tanto istituita nel 1289 da Pietro Angelerio, il ricco di fascino incontaminato nonché di futuro papa Celestino V. flora e fauna, le tracce profonde della tran- Ci piace, infine, definire Isernia “città del sumanza, ovvero lo spostamento stagio- buon respiro”, perché, secondo i risultanale lungo i tratturi che per secoli pastori e ti della ricerca Mal’Aria 2010 di Legamgreggi hanno percorso tra i pascoli estivi biente, per qualità dell’aria si situa nei dell’Appennino e quelli invernali del Tavo- primissimi posti nella graduatoria italialiere pugliese. na. Occorre di più per una vacanza cultuCome ha lucidamente sottolineato il presi- rale, golosa e tonificante? dente della provincia Luigi Mazzuto, Isernia, con il suo territorio integro è destinata ad un grande futuro turistico. Il circondario isernino è disseminato di castelli. Ne possiamo citare solo alcuni, ma lo meriterebbero tutti: il castello Pandone a Venafro, Castel San Vincenzo, quel-

Cucina, cultura e natura. Una città non lontana da Roma che conserva le migliori tradizioni del genio italico

65


Nuoto in libertà QUEEN’S CLUB ROMA Una piscina sempre aperta e disponibile per il “nuoto libero”: 14 ore dal lunedì al venerdì (dalle 8 alle 22) e 11 ore il sabato, la domenica e i festivi (dalle 8 alle 19).

QUEEN’S CLUB ROMA Via Cristoforo Colombo, 1800 - Roma Tel. 06.52370612 - 06.52370253 amministrazione@queensclub.it www.queensclub.it

WWW.STUDIOMASI.COM

Su prenotazione e con un piccolo contributo, è possibile entrare in vasca tutti i giorni dalle 6.30.


di Paolo Baroni

una gita fuori porta

Riserva Naturale della Selva del Lamone

Nuoto Libero

Costi di utilizzo

informazione redazionale

Nuoto libero per tutti Al Queen’s Club Roma allenamento in acqua per 14 ore al giorno na piscina semiolimpionica dove potersi allenare tutti i giorni dell’anno per 14 ore, con corsie dedicate e assistente a bordo vasca: questa la proposta del Queen’s Club Roma per tutti coloro che desiderano praticare il nuoto libero. Il nuoto è una delle discipline sportive più complete, è lo sport maggiormente consigliato ai bambini, ma non andrebbe abbandonato mai! Infatti, coinvolge tutta la muscolatura e le articolazioni del corpo e con un buon allenamento si può raggiungere il completo controllo di tutti i movimenti… non solo in vasca. Muscoli saldi, articolazioni mobili, senso meno intenso della fatica fisica, consumo delle calorie in eccesso: tutto questo viene sollecitato facilmente dall’azione in acqua. I movimenti del nuoto, inoltre, azionano muscoli (specie quelli della schiena e del collo) che solitamente altri sport o attività fisiche non sollecitano. Contribuiscono, quindi, a un tono muscolare complessivo (non solo degli arti e dell’addome, ma anche e soprattutto della schiena, dalla zona lombare a quella delicatissima della cervicale) che è sinonimo di salute e benessere. Senza contare il rilassamento mentale che dona l’essere immersi nell’acqua. E questo vale a qualsiasi età. La piscina del Queen’s Club Roma è aperta per la pratica del nuoto libero dalle 8.00 alle 22.00 dal lunedì al venerdì, sabato e domenica dalle 8.00 alle 19.00 e su prenotazione si può entrare in vasca anche dalle 6.30. PER MAGGIORI INFORMAZIONI: Queen’s Club Roma - Via Cristoforo Colombo, 1800 - Tel. 06.52370612 - 06.52370253 E.M.

U

1 GENNAIO/31 DICEMBRE 2012 Tessera Ladies&Gentlemen: dal lunedì al sabato dalle 8.00 alle 13.00 € 500,00 Tessera Freetime Piscina: feriali dalle 8.00 alle 22.00 - festivi dalle 8.00 alle 19.00 € 640,00 Tessera Green Piscina: feriali dalle 8.00 alle 22.00 - festivi dalle 8.00 alle 19.00 € 790,00 (nuoto libero + corsi di Acquafitness) Tessera Green Freetime: feriali dalle 8.00 alle 22.00 - festivi dalle 8.00 alle 19.00 € 790,00 (nuoto libero + Sala Pesi) Tessera Special Green: feriali dalle 8.00 alle 22.00 - festivi dalle 8.00 alle 19.00 € 990,00 (nuoto libero + corsi di Acquafitness + ingresso libero nella QSpa + utilizzo di un’altra Area del Club a scelta) Tessera Special One: feriali dalle 8.00 alle 22.00 - festivi dalle 8.00 alle 19.00 € 1.390,00 (nuoto libero + ingresso libero nella QSpa + possibilità di usufruire di tutte le Aree del Club) Tessera Ingressi Freetime: 12 ingressi € 100,00

Un territorio impervio e ricco di sorprese intricata foresta di cerri si estende su un singolarissimo altopiano di natura lavica che copre un lembo di Lazio al confine con la Toscana. È davvero una selva fitta e solitaria come pochi altri boschi della regione; ricca di anfratti e di ammassi di rocce, su un’area modellata tra gli 800.000 e i 50.000 anni fa dalle manifestazioni eruttive del Vulcano Vulsino, da cui prese origine anche l’attuale Lago di Bolsena. La visita, su un terreno in gran parte pianeggiante, avviene lungo i sentieri segnati e percorribili solo se accompagnati dai guardiaparco. La difficoltà di orientamento, l’assenza di punti di riferimento e la fitta copertura vegetale rendono infatti difficile la perlustrazione in solitaria. L’albero più diffuso è il cerro, con esemplari maestosi alti fino a 20 metri, ma non mancano lembi di faggeta nel versante orientale, di lecceta in quello occidentale e la singolare presenza di bonsai naturali di bagolaro, formatisi per la natura impervia del terreno. La riserva ospita i tipici animali frequentatori delle aree boschive, come il ghiro, lo scoiattolo, il gatto selvatico, nonché uccelli come il picchio, il biancone e la maestosa aquila mediterranea. A Farnese, probabile paese d’origine della nobile famiglia che estese i suoi possedimenti su gran parte della Tuscia, è piacevolissimo aggirarsi tra le piazzette ed i vicoli, con le case e parte della pavimentazione in tufo. Il Museo civico conserva reperti che vanno dalla preistoria al rinascimento ed è anche centro visite della riserva nonché punto d’informazione per le numerose destinazioni della zona. La più nota festa locale è quella di Primavera che si tiene a maggio sugli ampi prati del Roppozzo con un programma che prevede passeggiate a piedi, a cavallo ed in mountain bike, concerti musicali, assaggi di gastronomia e vino locale ed esibizioni di artisti di strada. Dunque, la domanda è una: che aspettate?

L’

67


VG

visioni grafiche


questione di cilindri

di Simone Felicetti

Da enfant terrible a matura protagonista del panorama cittadino onsiderato il grande successo riscosso negli ultimi anni dal marchio Peugeot, in tutto il panorama automobilistico europeo, in special

C

modo per quel che riguarda il comparto delle utilitarie, la casata francese non poteva far altro che insistere su questo terreno. Il modello che più di tutti ha segnato un’era nell’ultimo decennio è la 206; un’auto talmente riuscita dal punto di vista commerciale (e non solamente), da restare tutt’ora in produzione, nonostante l’uscita della 207, già da 4 anni. Ma la Peugeot ha deciso di voler continuare a cavalcare l’onda. Infatti, proprio per quest’anno è atte-

Nuova Peugeot so l’ultimo modello: la 208. Proprio dalla Nuova Peugeot 208, disponibile sia nella versione da 3 che da 5 porte, saranno ricavate una coupè, una cabriolet e l’innovativo mini cross over 2008. In linea con i modelli precedenti, la 208 sarà un’auto equilibrata e semplice ma con grandi ambizioni commerciali. Rinnovata la gamma dei motori con i nuovi 3 cilindri-benzina da 1.0 e 1.2 litri di cilindrata, la 208 è capace di garantire consu-

el corso del 2012 la gamma Dacia si arricchirà di un nuovo modello. Si tratta della nuova Lodgy, una monovolume molto spaziosa a prezzi assai competitivi. Prodotta nello stabilimento, a zero emissioni, di casa Renault, a Tangeri, in Marocco, la nuova Dacia presenta uno stile a metà strada tra la Sandero e la Logan MCV. Tuttavia è esteticamente più armoniosa delle sue sorelle. Sempre di più, infatti, l’intento sinergico di Renault e Dacia è quello sì di proporre ai potenziali clienti vetture low cost ma anche delle auto dall’indiscutibile appeal estetico e dall’innovativo design. La Lodgy rappresenta proprio il connubio tra questi due ingredienti. Più alta e accattivante della

N

208

mi assai contenuti a partire da 4,3 litri per 100 chilometri. Inoltre è prevista dalla gamma una versione Diesel con consumi medi dichiarati pari a 3,4 litri. La prima occasione per poter ammirare l’ultimo gioiello del marchio transalpino, sarà all’82a edizione del Salone di Ginevra, primo auto show europeo dell’anno, che si terrà tra l’8 e il 18 marzo, dove si potrà assistere alla presentazione ufficiale, in cui verranno anche rese note nel dettaglio le caratteristiche nonché le differenti fasce di prezzo.

Nuova Lodgy Una monovolume che ha l’ambizione di coniugare stile e prezzi contenuti Logan, per linea e proporzioni, la nuova Dacia ha una lunghezza di 4,5 metri e dispone di una terza fila di sedili, per una capienza massima di sette posti. La capienza a bordo è inoltre ottimizzata e rimodulabile, grazie al sistema di posizionamento dei sedili, denominato easyseat. Si tratta di una vettura che risponde ai requisiti della familiare ed è particolarmente indicata per le vacanze, data l’eccellente volumetria dei bagagli, o comunque per i lunghi spostamenti. Per quel che riguarda le motorizzazioni, la Lodgy presenta diverse opzioni: il motore benzina 1.6 e l’1.6 a GPL, oltre all’1.5 dCi e l’1.6 dCi, a gasolio. La presentazione ufficiale della nuova monovolume avverrà durante il prossimo Salone di Ginevra e la sua commercializzazione per il mercato europeo è prevista già entro la metà dell’anno, con prezzi a partire da circa 10.000 euro.

69


VG

visioni grafiche


di Roberta Riga

salute e benessere

Ski Fitness: l’ultima frontiera del benessere invernale l primo vero freddo del 2012 si affaccerà forse sulla capitale e sul centro Italia solo a febbraio, quando le previsioni danno neve anche a basse quote. A gioire della notizia saranno sicuramente gli albergatori e i gestori d’impianti sciistici. Per chi invece del freddo e del ghiaccio non ne vuol sentir parlare, ma che, per le ragioni più diverse, si ritrova costretto a trascorrere le ferie in settimana bianca, è arrivata dagli Stati Uniti una soluzione. I non sciatori infatti potranno finalmente evitare di trascorrere giornate intere chiusi dentro una baita o in hotel e dedicarsi invece ad un’attività fisica salutare e divertente: lo Ski fitness. La nuova disciplina aerobica, arrivata anche in Italia, è capace di combaciare la ginnastica al più classico degli sport invernali, lo sci. A tempo di musica e con i piedi sulla neve lo Ski fitness si pratica all’aria aperta ed è divertente e salutare. In una sola ora di lezione si possono infatti consumare dalle 400 alle 500 calorie: un vero e proprio toccasana per i fisici più appesantiti e che hanno bisogno di rimettersi in forma, soprattutto per chi soffre ancora i postumi delle mangerecce feste appena trascorse. Anticipata all’inverno l’angoscia per la prova costume, lo Ski fitness sarà un’occasione da non perdere per tutti quelli che avranno la fortuna di trascorrere qualche giorno in alta quota. Tra laghi ghiacciati sui quali pattinare e piste dalle quali scivolare agganciati agli sci o alla popolarissima tavola da snowboard la montagna si è riscoperta capace di offrire ospitalità anche ad un salutare passatempo che chiunque può praticare senza controindicazioni. Oltre alla calorie bruciate e ai chili di troppo eliminati, la ginnastica sulla neve porterebbe, secondo un recente

I

studio americano, una serie di benefici all’intero organismo: aiuterebbe a migliorare le capacità condizionali di forza e resistenza e consentirebbe allo stesso tempo di rafforzare muscoli di spalle, petto e cervicale. L’allenamento aerobico dello Ski fitness è inoltre un ottimo punto di partenza per chi si approccia per la prima volta allo sci. Infatti attraverso degli esercizi specifici basati sull’equilibrio, i principianti possono apprendere la corretta postura da tenere durante le prime sessioni di salita e discesa. Le lezioni di Ski fitness si articolano, come tutte le attività aerobiche, in un’ora divisa in tre fasi: riscaldamento, training e defaticamento. Durante la prima fase di moto si svolge solitamente il passo dell’oca, ovvero, un movimento grazie al quale, attraverso una piccola oscillazione, si porta la gamba in estensione con la punta del piede rivolta verso l’alto, mantenendo la posizione per alcuni istanti. Seguono poi ulteriori esercizi che aiutano la mobilità articolare e lo scioglimento muscolare, per passare poi ad esercizi basati sui salti e sull’equilibrio, grazie ai quali, oltre alle gambe, lavorano contemporaneamente addominali e dorsali nello sforzo di mantenere il busto eretto. Al termine della lezione potete ricaricare le batterie con una bevanda energetica o tentare l’approccio con gli sci. Per chi invece, stanco dell’attività fisica, voglia dedicarsi un momento di benefico relax, eliminando dal proprio corpo tossine e sostanze di rifiuto della pelle, può concedersi trenta minuti di sauna, per concludere al meglio una giornata di freddo e di sudore.

Importata dagli Stati Uniti, la disciplina promette di rimettere in forma dopo gli eccessi delle feste

73


informazione redazionale

Metodo MCS

scienze ®

Per ritrovare l’armonia del corpo, non sempre è necessario il bisturi

Zucchero

®

a nascita del METODO MCS è relativamente recente, ma la sua storia è già ricca di riscontri e apprezzamenti. Parliamo di una metodica che permette di garantire risultati estetici in tempi brevi determinando un effetto duraturo, una procedura codificata ed elaborata dal Professor Mauro Casagrande, chirurgo generale a Roma, con all’attivo oltre 6.000 interventi di chirurgia generale e di rimodellamento corporeo. Le esigenze professionali hanno portato il Prof. Casagrande a studiare una procedura non invasiva (senza ricorrere al bisturi) per rimodellare il corpo che preveda l’applicazione integrata e con una sequenza ben stabilita di apparecchiature e trattamenti medici. Nel corso degli anni tale metodica è stata ottimizzata fino alla procedura attuale. Professor Casagrande lei è un chirurgo, cosa l’ha portata ad elaborare una metodica non invasiva per il rimodellamento del corpo? Molti dei pazienti che si rivolgevano a me per un problema di rimodellamento del corpo non avevano necessità di un approccio invasivo o rifiutavano la chirurgia. Così assieme ai miei collaboratori abbiamo studiato una metodologia che potesse rispondere alle esigenze di questi pazienti. Dopo circa due anni di sperimentazione abbiamo ideato il METODO MCS®. Concretamente, in cosa consiste il METODO MCS®? È una metodica integrata per il trattamento delle adiposità localizzate, della cellulite e del rilassamento cutaneo del corpo. Consiste nell’applicazione sequenziale, secondo un protocollo scientifico, di apparecchiature e procedure mediche in associazione ad un adeguato percorso di educazione alimentare, necessario per ripristinare il corretto metabolismo dei grassi. Perché parla di metodo personalizzato? Perché tutti i trattamenti sono personalizzati alle diverse esigenze dei pazienti. Fondamentale è la prima visita specialistica che ci permette, attraverso un’adeguata anamnesi, di classificare qualitativamente e quantitativamente il disagio estetico e quindi di programmare un corretto iter procedurale che generalmente consiste in circa 12-15 sedute. Quindi tutti si possono sottoporre al METODO MCS®, questi trattamenti sono sicuri per la salute ? Esistono delle controindicazioni assolute che sono determinate dalla presenza di patologie serie, come l’insufficienza renale, l’insufficienza epatica. Il diabete, così come tante altre patologie metaboliche sono delle controindicazioni relative, nel senso che di volta in volta dovranno essere valutate dal medico specialista. Possiamo comunque affermare che tutte le persone sane possono sottoporsi ai trattamenti. È prevista una visita medica preventiva? Assolutamente sì. INFO: Numero Verde 800 13 10 15 - www.metodomcs.it

L

di Gaetano Gaggiottino

contro dolcificanti effettiva validità pratica dei dolcificanti sintetici al posto dello zucchero nelle cure dimagranti resta molto difficile da dimostrare. Un lavoro scientifico pubblicato dall’American Journal of Clinical Nutrition ritiene che la sostituzione sia infatti ininfluente. L’argomento è complesso ma pare proprio che sostituire un paio di cucchiaini di zucchero con un qualsiasi dolcificante acalorico sia ininfluente sulla perdita di peso a lungo termine. Serve invece un cambiamento nello stile di vita; quindi, altre ben più importanti modifiche delle abitudini alimentari. C’è poi lo specifico problema dell’aspartame. È noto che il suo potere dolcificante sia altissimo (circa 200 volte quello dello zucchero). Il problema è che diverse sperimentazioni su animali da laboratorio hanno evidenziato la comparsa di tumori a seguito della sua assunzione orale. Ad oggi nessuno studio ha dimostrato un rapporto causa-effetto tra questi fenomeni, né ha potuto definire il meccanismo d’azione di una eventuale tossicità. Il punto è che l’uso alimentare dell’aspartame è stato autorizzato sin dal 1974 dalla Food and Drugs Administration (l’autorità americana per gli alimenti e i medicinali), ma ancora nel 2005 uno studio dell’European Journal of Oncology indagava e suggeriva nessi tra l’aspartame e alcune neoplasie cerebrali (nonché con linfomi e leucemie). Insomma, nel dubbio, è meglio concedersi un cucchiaino di zucchero o di miele. Le calorie relative sono pochissime anche rispetto ad un regime ipocalorico.

L’

Olive: una tira l’altra eglio che le ciliegie, non tanto per un fatto di palato quanto perché durano tutto l’anno e sono straordinariamente ricche di elementi nutritivi. Il frutto, detto anche “drupa”, ha una epidermide che contiene polpa e nocciolo ricchi di grassi insaturi e polinsaturi, quindi i più digeribili. A questi vanno aggiunti le vitamine A, D, E, K e costituenti fenolici che risultano una vera messe di antiossidanti. Non per niente questo piccolo frutto, che racchiude i grassi del latte materno, è l’emblema per eccellenza dell’alimentazione mediterranea. Solo in Italia esistono ben 395 varietà di olive, la maggior parte delle quali hanno una diffusione in ambito regionale. Inutile dire che un italiano vero le deve assaggiare tutte!

M

75


informazione redazionale a cura della Dott.ssa Laura Manganelli - Medico chirurgo specializzato in Microbiologia e Virologia

Gli ossiuri: quei piccoli ospiti indesiderati infezione da ossiuri (Enterobius vermicularis) o ossiu-

alla parte collosa dello scotch verranno poi facilmente identifi-

riasi è, senza dubbio, la parassitosi più diffusa in età

cate all’esame microscopico.

L’

pediatrica.

E. vermicularis può infestare sia lo stesso ospite che i conviventi. I bambini, grattandosi la zona perianale, trasportano,

ESECUZIONE SCOTCH TEST

con le dita, le uova dall’ano alla bocca e questo è uno dei modi

Raccomandazioni:

principali di autoinfestazione; inoltre, sempre con le dita, pos-

• La raccolta va eseguita al momento del risveglio mattutino

sono contaminare anche il cibo e gli oggetti quali i vestiti, la

prima di lavarsi e defecare.

biancheria, i giocattoli ed

• Utilizzare nastro adesivo (scotch) trasparente.

altri veicoli. Le uova posso-

Esecuzione:

no anche essere inalate e

1) Tagliare con le forbici un pezzo di nastro adesivo

quindi ingerite. In seguito

(5-6 cm) un poco più corto del vetrino fornito dal

all’ingestione di uova si

laboratorio. (Fig. 2)

determina la fuoriuscita

2) Con l’aiuto di un abbassalingua (o del manico di

delle larve le quali maturano

un cucchiaio) appoggiare il nastro adesivo sull’orifizio anale comprimendo bene sulle pliche perianali

in 2-6 settimane a vermi adulti.

L’accoppiamento

FIG.1

per circa 15-20 secondi. Staccare il nastro adesivo

degli adulti avviene nell’intestino cieco, la femmina fecondata

dall’orifizio anale ed applicarlo ben steso sul vetrino. (Fig. 3 e

migra nella regione perianale (di solito di notte) e deposita le

Fig. 4)

uova entro le pieghe cutanee. I movimenti del verme femmina

3) Identificare il vetrino con cognome e nome e data del pre-

e la sostanza gelatinosa in cui deposita le uova causano pruri-

lievo.

to anale. L’infestazione da ossiuri è relativamente innocua e

4) Consegnare il campione al laboratorio entro 2-4 ore dal pre-

riconosce nel prurito perianale il suo sintomo più comune.

lievo oppure conservarlo in frigorifero per non più di 48 ore.

Questo segno si fa più intenso nelle prime ore notturne e spinge la persona a grattarsi e a raccogliere involontariamente le

FIG.2

FIG.3

FIG.4

uova, che verranno poi disperse con le mani nell’ambiente circostante. Nelle donne il prurito da ossiuri si estende frequentemente anche nell’area vaginale e perineale (spazio compreso tra ano e genitali); talvolta è talmente fastidioso da disturbare il sonno

Dopo il prelievo lavarsi le mani: le uova sono spesso già

e causare cefalea, irrequietezza ed evidenti lesioni da gratta-

embrionate e infestanti.

mento. Altri sintomi di interesse clinico sono il dolore addominale e vari problemi di natura gastrointestinale (nausea, vomito). Le uova possono sopravvivere sui veicoli per 3 sett. a temperatura ambiente, per questo motivo si raccomanda di lavare ad alte temperature (60°C) tutta la biancheria intima, le lenzuola e gli asciugamani. Oltre che al reperto visivo degli ossiuri nelle feci e nella zona perineale, la diagnosi di ossiuriasi si basa su un semplice esame, chiamato “scotch test”, che consiste nell’appoggiare una sottile striscia di nastro adesivo trasparente sull’apertura anale del paziente; le uova del parassita (Fig. 1) rimaste adese

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

77


informazione redazionale a cura del Dott. ALESSANDRO DI MARZO Medico Chirurgo specialista in Ecotomografia e Radioterapia Oncologica

Ecografia addominale

L’

• masse e lesioni occupanti spazio (tumori benigni e maligni,

rare i parenchimi ed i tessuti molli del corpo umano.

nale;

L’ecografia risponde a tutti i requisiti ideali di un metodo dia-

• alterazioni a carico dei vasi venosi ed arteriosi (aneurisma

gnostico: è applicabile in tutti i pazienti, è indipendente dalla

dell’aorta, aumento di calibro della vena porta, ecc.);

ultrasonografia è una tecnica diagnostica che utilizza le riflessioni subite da un fascio di ultrasuoni nell’at-

cisti, ascessi, ecc.);

traversare i tessuti biologici. Essa permette di esplo-

• presenza di liquido libero o di raccolte nella cavità addomi-

funzione degli organi, non

• patologie vescicali (cistiti, calcoli, divertico-

invasiva e ben tollerata, di

li, tumori, ecc.);

elevata accuratezza dia-

• patologie prostatiche nell’uomo e ginecolo-

gnostica e di basso costo.

giche nella donna;

Grazie alle sue caratteristi-

• alterazioni dello spessore della parete inte-

che, rappresenta la prima

stinale (malattie infiammatorie croniche) o

modalità di screening per

dilatazione di segmenti intestinali (conse-

lo studio dell’addome.

guenti ad ostruzioni).

L ’ e co g r a f i a

a d d o m i n a le

serve, in primo luogo, per valutare la forma, le dimensioni, la

L’esame viene effettuato con paziente a digiuno da almeno sei

struttura degli organi. Attraverso tali informazioni il medico

ore. L’esame ha una durata generalmente di pochi minuti e

puo’ diagnosticare patologie di varia natura a carico di tutti gli

non è assolutamente doloroso né arreca alcun fastidio. Si ese-

organi addominali. In particolare, a livello dell’addome supe-

gue con il paziente in decubito supino e/o laterale. Non è

riore è possibile visualizzare il fegato, la colecisti e le vie bilia-

necessaria alcuna precauzione particolare, è utile praticare nei

ri, il pancreas, la milza, i reni ed i surreni, le principali struttu-

giorni precedenti una dieta priva di frutta e verdura, per ridur-

re vascolari ed i linfonodi e, a livello dell’addome inferiore, la

re il meteorismo intestinale.

vescica, la prostata nell’uomo, l’utero e gli annessi nella donna. Con l’aggiunta del Doppler è possibile avere informazioni sulla

Per i mesi di FEBBRAIO, MARZO e APRILE

circolazione all’interno dei vasi sanguigni dell’addome e di

PROMOZIONE

eventuali masse presenti al suo interno. Recentemente l’ecotomografia viene utilizzata anche nello studio del tratto gastroenterico. Brevemente possiamo affermare che l’ecografia addominale viene impiegata per valutare:

ECOGRAFIA ADDOME COMPLETO € 110,00 € 60,00 Presentando questo coupon potrai usufruire dell’offerta solo se possiedi la Gold Card

• malattie epatiche acute e croniche (epatiti, cirrosi, lesioni focali ecc.); • malattie della colecisti e delle vie biliari (calcoli e infiammazioni della colecisti, ostruzione delle vie biliari, ecc.); • malattie del pancreas (pancreatiti, neoformazioni solide o cistiche); • malattie renali (nefriti acute e croniche, calcoli, dilatazioni delle vie urinarie, lesioni focali, ecc.); • malattie della milza e dei linfonodi addominali (aumento di volume);

C.R.S. ANALISI - Sede centrale - Via Capo Soprano, 9 CUP Tel. 06.5664885 - fax 06.5682653

79


VG visioni grafiche


i consigli del nutrizionista a cura della Dott.ssa Schiano Moriello Viviana BIOLOGA-NUTRIZIONISTA Via Carlo Bosio, 117 (Ostia) Tel. 347.6804886 - e-mail: viviana73@alice.it

L’uovo uovo è un alimento completo ricco in proteine, costituito da acqua, sali minerali e vitamine. Le proteine sono di alta qualità, che contengono tutti gli amminoacidi essenziali al nostro organismo. I grassi contenuti in questo alimento sono per la maggior parte monoinsaturi e polinsaturi, quindi benefici per la salute. Il tuorlo oltre alle vitamine A ed E è uno dei pochi alimenti che contiene anche la vitamina D, necessaria alla regolazione dei livelli del calcio. L’uovo ha un peso che oscilla tra i 55-80 gr, ha un basso apporto di calorie (80 per un uovo di media grandezza), quindi consigliato nei regimi dietetici ipocalorici. Deve essere conservato in frigorifero nel proprio scomparto con la punta rivolta verso il basso, lontano dagli altri cibi per evitare l’assorbimento degli odori, e non deve essere lavato per evitare di togliere la pellicola di protezione contro i microrganismi. Dal 1 gennaio del 2004, oltre alla data di deposizione, di scadenza e di confezionamento che è un indice di garanzia della freschezza dell’alimento, le case di produzione devono stampare sulle uova un codice di 11 caratteri, costituito da lettere e numeri (Es. 2IT019FO138), necessario al consumatore per conoscere le tappe dall’allevamento al confezionamento. Il primo numero è quello che ci indica il metodo di allevamento (0 allevamento biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 intensivo). L’uovo è un alimento che ritroviamo spesso sulla nostra tavola anche perché è un ingrediente di molti piatti, quello più consumato è quello di gallina, ma in commercio troviamo anche quello di quaglia, di papera e di oca. È ideale nell’alimentazione del bambino e dell’adulto, ma chi ha alti livelli di colesterolo e chi soffre di calcoli nella colecisti deve limitarne il consumo. Molti credono che l’uovo sia un alimento poco digeribile, ma i tempi di digeribilità della carne sono sicuramente molto più lunghi. Infine l’uovo contiene alte dosi di metionina, amminoacido benefico al fegato, ed è inoltre ricco di colina che stimola la funzionalità epatica.

VG

visioni grafiche

L’

81


vederci chiaro

psicologia

di Paolo Baroni

a cura della Dott.ssa Chiara Ciardullo

Psicologa e Psicoterapeuta - Consulenze adulti e bambini

Misurare la vista Parte 1 - Come valutare le capacità visive nella primissima infanzia o sviluppo della capacità visiva nel bambino è valutabile con diverse metodiche a seconda della sua capacità di collaborazione, in genere correlata alla fascia d’età. Schematicamente ci si può regolare così: nel primo periodo di vita bisogna accontentarsi di osservare il suo comportamento e le sue capacità di seguire con lo sguardo piccoli oggetti (in caso di necessità ci sono tecniche particolari che possono quantificare con buona approssimazione le capacità visive). In questo periodo la madre dovrebbe cercare di seguire più volte, fino ad acquisirne una opinione certa, la cosiddetta “prova del rifiuto” o del “riflesso di ribellione”, una tecnica che può essere di una certa utilità per svelare precocemente l’esistenza di ambliopia (ciò che comunemente viene definito “occhio pigro”, ovvero un’alterazione della percezione dello spazio). Intorno ai due anni il bambino comincia ad essere in grado di svolgere qualche compito elementare (toccare oggetti oppure indicarne la collocazione). Un po’ più tardi sviluppa la capacità di riconoscere figure semplici di animali ed oggetti e di denominarli. È possibile in tal modo una misurazione soggettiva delle capacità visive ricavate dalla collaborazione del soggetto e comunicate all’esaminatore. Più avanti (generalmente dai 3 anni in su) si può usare il cosiddetto “test delle E”, mentre oltre i 4 anni la misurazione della vista diventa in genere facilmente eseguibile con i test in uso anche per gli adulti; sono i comuni tabelloni (detti ottotipi), oggi sostituiti spesso da proiettori, che contengono generalmente dieci righe di simboli (numeri e lettere) di grandezza scalare (crescente o decrescente). L’acutezza visiva si misura generalmente in “decimi”, poiché si è convenuto di attribuire un punteggio “dieci“ a ciascun occhio che ha una vista intera (in altri paesi si misura in ventesimi, sessantesimi, ecc…). Questo termine, che è di uso comune, sta a significare che se una persona legge tutte e dieci le righe di uno di questi tabelloni (dalla riga più grande alla riga più piccola) possiede dieci decimi di vista, cioè una vista reputata “intera”; se legge solo le prime cinque righe, ha solo cinque decimi di vista, cioè possiede metà della vista intera.

L

Tel. 392.6248051 - e-mail: c.ciardullo@libero.it

Felice relazione di coppia! a maggior parte delle relazioni di coppia entra in crisi a causa dell’utilizzo, da parte di entrambi i partner, di un modello di comunicazione errato. In una prima fase di innamoramento, nella coppia si tende a manifestare interesse e disponibilità a condividere le passioni e ad accogliere le idee dell’altro. Il partner viene investito di un ruolo illusorio e viene visto non per quello che è ma piuttosto per quello che vorremmo che fosse, tendendo a sorvolare sui difetti. In una seconda fase, la fase della quotidianità, si inizia a conoscere la persona per come è realmente, con i suoi limiti e difetti, ed è comune che ci sia una delusione delle nostre

L

aspettative, la quale deriva più dalla nostra iniziale immagine “ideale” e dunque illusoria dell’altro, piuttosto che dal partner stesso. Le emozioni tendono a diventare meno intense, ma ciò non significa che sia diminuito l’amore. È proprio in questa fase che può emergere l’esigenza di costruire nella coppia un nuovo modo di comunicare, affinché la relazione possa crescere in modo soddisfacente per entrambi i partner. Ecco alcune strategie di base per una nuova comunicazione: A) Comunicare per nutrire. Vuol dire comunicare prendendosi la responsabilità dei propri pensieri ed emozioni (es.“Quando ti comporti così, IO mi sento…”); in questo modo si evita di rivolgere all’altro una critica, una svalutazione (es. “TU fai sempre come ti pare…”), provocando un’inevitabile chiusura o risposta aggressiva per difendersi. B) Comunicare ciò che è importante per noi, le nostre aspettative, bisogni e desideri, considerando che non tutti i nostri bisogni psico-affettivi potranno interamente essere soddisfatti dal nostro partner. C) Riconoscere il valore di quello che c’è, valorizzando il positivo che c’è già nella relazione e nell’altro, piuttosto che concentrarsi quasi esclusivamente su ciò che non ci soddisfa.

83


Fitness • Sport • Danza • Centro Wellness ed Estetica

Da noi trovi: • Fitness • Acqua Fitness • Sala pesi • Studio Pilates • Yoga e Posturale • Indoor Cycling • Heat Program ...e tanto sport

il nostro obiettivo: il tuo benessere.

www.kiflow.it - Via Cristoforo Colombo - Parchi della Colombo - Infernetto


informazione redazionale

Paola Sgrò La SPA nel suo centro benessere erché la scelta del cambiamento, perché ti sei trasferita dall’Istituto di Via Euripide all’interno del Centro Sportivo Kiflow - Parchi della Colombo? È una scelta dettata dall’esigenza di completare il mio percorso professionale, passare da estetista imprenditrice a SPA Manager. Credo sia la realizzazione massima per chi ama il proprio lavoro, lo svolge con impegno e dedica gran parte della sua vita allo studio. Insomma, un punto di arrivo che premia costanza e coscienza nel lavoro. Perché non apri altri centri estetici? Per aprirne altri, dovrei avere delle location simili a quella che ho scelto per proseguire un mio cammino professionale. Questo perché ritengo che, per essere un punto di riferimento nel settore, si deve garantire una presenza costante dei valori come la serietà di comportamento, la serietà nelle proposte, la qualità del prodotto e del servizio e, non ultima, la formazione professionale. Se non si è presenti tutto questo decade! Ecco dunque spiegata la scelta di una singola location. La mia esperienza mi ha insegnato che in questo settore non è permesso di sbagliare e solo con la continua attenzione giornaliera si possono avere fidelizzazioni e risultati concreti. Io ci sono sempre! Se non sono visibile, sono in cabina con le mie collaboratrici a lavorare o a elaborare nuove soluzioni o nuovi trattamenti cercando di cogliere la possibilità di sviluppare nuove strade da percorrere all’insegna del benessere globale non più limitato al singolo servizio ma alla possibilità di realizzare percorsi in un ambiente di livello sia visivo che effettivo. La SPA è l’universo del trattamento per la bellezza e non può essere paragonato ad un centro estetico in quanto la clientela della SPA esige prestazioni diverse, esige location lussuose, eccellente piscina con idromassaggio, percorsi hammam, scelta di massaggi specializzati, potenti sinergie, trattamenti olistici e, perché no, qualcosa di speciale che si può ottenere solamente dopo lunghi anni di esperienza. Non è così semplice fornire tutto questo in piccole strutture. I centri di estetica classici trattano questi aspetti non approfonditamente sia per preparazione generale che per spazi disponibili. Anche la formazione del team è fondamentale, oggi, nell’universo della SPA; chi viene scelto per svolgere il lavoro all’interno di essa deve avere delle caratteristiche superiori sia di conoscenza che di esperienza, nonché di capacità di relazione anche con persone di altre nazionalità. Chi è per te l’estetista? È quella figura completa che non si fa dirigere da persone o gruppi che vorrebbero ridurre il suo lavoro a business. L’estetista deve saper ascoltare e rispondere a dei bisogni; è colei che non chiude il suo lavoro in soffitta o nella stanza vuota della sua casa; ma che fisicamente ed economicamente si mette in gioco cercando di realizzare i propri sogni, scambiando con colleghi e formatori le proprie conoscenze, cercando di evolversi continuando a studiare pensando al suo futuro, non al suo stipendio minimo, cercando collaborazioni senza giudicare ma avendo l’umiltà di pensare che

P

qualcuno puo sempre sapere più di te, che possono solamente nuocere alla sinergia (una cosa che mai dovrebbe mancare all’interno di un team). Oggi è necessaria anche la conoscenza almeno di una seconda lingua per relazionarsi con tutti. Poi ad ognuno la propria scelta rispettando i pensieri e le azioni. Momento molto difficile nel vostro settore? È il momento della qualità e del giusto margine. In questi mesi si sono moltiplicate le offerte “stracciate” su un modello di acquisto di “gruppo”... sono trend che provengono dagli USA e che gettano “scompiglio” nella sana concorrenza odierna... aderire a queste iniziative significa non valutarne gli aspetti negativi: eccessiva domanda, prezzi sotto costo, grande disparità con le cifre pagate dai clienti fedeli del centro e ritorno di un pubblico interessato solo a servizi a cifre minime. Lasciare un’impronta nel mercato nel quale si opera non è semplice soprattutto quando si fanno delle scelte radicali come oggi posso dire di avere fatto. La scelta migliore è questa per me... per ogni cambiamento sicuramente un prezzo da pagare c’è. E il suo qual è stato? La mia forza è la positività e quindi parto da ciò che di più bello mi è accaduto: diventare centro pilota scelto da una grande azienda cosmetica, formatore in centri di loro appartenenza per diventare SPA manager. Cosa altro aspettarsi? Una scuola? Chissà! L’altro verso della medaglia, non so se essere orgogliosa, ma la tanta pubblicità negativa sui prezzi, sulle mie scelte, sui miei cambiamenti e sulle modificazioni… ma il cambiamento fa parte della crescita di ognuno di noi o almeno di chi si mette in gioco. Chi frequenta il mio meraviglioso mondo Kiwell, sa valutare e sa che il mio benvenuto è costante e il mio saluto non manca mai, e la nostra attenzione è vigile come sempre è stato e per i prezzi… venite a trovarci e valuterete da soli quali sono i cambiamenti e saprete dare voi stessi il giusto significato alle parole… guardando i gesti!!!

85


VG visioni grafiche


Cerco casa!

vita da cani Dedicato agli amici in cerca di adozione

I cani che vi presentiamo in questo numero provengono quasi tutti da un maxi sequestro. Vivevano in condizioni di notevole disagio in un piccolo appartamento di Roma. Mancava loro cibo e cure. Ora hanno la giusta alimentazione e sono stati curati… ma vivono in una gabbia. Sono tutti cuccioloni e di taglia molto contenuta. Adottateli!

MAYA

LAMPO

BUBU

Affettuosa, di taglia medio contenuta, ha circa sei mesi e un passato da dimenticare, maltrattamenti... Vi aspetta!

Cucciolone di taglia medio contenuta, ha un carattere socievole e festoso nonostante il suo triste passato.

Dolcissimo cucciolone di taglia medio contenuta di circa 8 mesi... è arrivato in canile in condizioni pietose. Adottatelo!

PACO

GOCCIA

ILARY

Anche se pauroso è un cane buonissimo, ha meno di un anno ed una vita davanti. Liberatelo dalla sua gabbia!

Timida cucciolona che ora si ritrova in gabbia. Chi ha voglia di darle questa possibilità?!

Ha circa 8 mesi, nella sua breve vita ha conosciuto la sofferenza e adesso si ritrova in gabbia. Donatele la libertà!

FISCHIA Deliziosa cagnolina di taglia medio contenuta, buonissima, davvero adatta a tutti. Merita una vera famiglia!

89


VG visioni grafiche


veterinaria

a cura del Dott. STEFANO GIAMMETTI - Medico Veterinario Via Ferdinando Acton, 94/98 - Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884

Master Chirurgia del cane e del gatto Scivac 2005 • American Continuing education in clinical rotation 1999 American Continuing education in Radiology 2000 • Corso F.S.A. Displasia dell'Anca 2001 Corso sulla Tecnica di Fissazione Esterna 1994 • Corso Ortopedia AO-VET 1995 Corso Diagnostica Dermatologica 2007 • Corso di Terapia Dermatologica 2008

AIUTO! Il cane ha ingoiato un ago uando c’è un cagnolino vivace che corre per casa, ci si deve sempre aspettare di tutto. Nel senso che basta distrarsi un attimo e il danno è fatto! Quante volte vi sarà capitato di trovare il secchio dell’immondizia rovesciato in cucina, i bicchieri di cristallo in mille pezzi Tumefazione appuntita o i suoi bisogni sul tapsotto il collo peto persiano! Per non parlare del gatto che si arrampica sulle tende, si fa le unghie sul divano o sul mobile antico. In venti anni di professione mi è capitato spesso di dover intervenire per aiutare un animale ferito o che aveva ingerito un corpo estraneo, ma la scena a cui ho assistito ultimamente, proprio non la dimenticherò mai. Sheeva, una cucciola di piccola taglia, nata tra una barboncina e un Sheeva, Rx di cranio e collo focoso Chihuahua, a detta dei suoi “amici proprietari” estremamente attiva e giocosa (come quasi tutti i cuccioli, direi), mi è stata portata in stato di shock, molto spaventata e dolente, con una tumefazione appuntita di tre centimetri sulla parte anteriore del collo: sembr av a un’immagine da film dell’orrore!

sofago, sfiorando la trachea, i nervi e i grossi zio abbiamo pensato di dover ricorrere all’envasi sanguigni che si trovano in quella regio- doscopia. Poi spostando la tonsilla di sinistra ne (le vene giugulari e le arterie carotidi!) e e la laringe occupata dal tracheotubo dell’astava per forare la pelle, pochi centimetri nestesia, finalmente è apparsa la pallina sotto il mento. Qualunque fosse stato il per- bianca: con una lunga pinza, siamo riusciti ad corso di questo corpo estraneo, per passare afferrarla ed estrarla, senza troppe complicadalla bocca alla regione del collo, non aveva zioni. Alla pallina di plastica c’era attaccato un grosso grumo di cibo e peli, che ne rendecausato danni importanti, ma provocava dolore alla cagnolina; per questo motivo, per va difficile l’estrazione dalla cute del collo. procedere a qualsiasi manualità si rendesse La “cucciola aspiratutto” è andata a casa poco dopo, intontita necessaria per tentare di estrarlo, l’abbiamo sedata. Mediante per l’anestesia, ma felil’esame radiografico, ci siamo ce e ignara dell’accaduresi conto che non si trattava di to! Questa volta se l’è un ago con la cruna e il filo annescavata con un po’ di so, ma di una semplice spilla. antidolorifici, antibiotiDalla posizione sulla radiografia ci, antinfiammatori e e considerando il fatto che il cane qualche cucchiaio di n on tossiv a, abbiamo dedotto Sucralfato prima dei che la spilla non fosse incastrata pasti, per proteggere nella trachea. In un primo l’esofago. Noi tutti ci momento, abbiamo pensato che siamo sicuramente spasarebbe stata una banalità ventati più di lei! estrarla dal collo, facendo una Sheeva al controllo piccola incisione sulla pelle. I dopo 15 giorni realtà dopo un timido tentativo senza successo, abbiamo intuito che ci doveva essere qualcosa che tratteneva la spilla A M B U L ATO R I O V E T E R I N A R I O nell’esofago! Era una grossa pallina di plastiDott. STEFANO GIAMMETTI ca alla sua estremità, cosa poi confermata dai proprietari. Che fare? Continuare ad incidere Via Ferdinando Acton, 94/98 fino all’esofago e tentare di estrarre la spilla Ostia Lido (Roma) - Tel. 06.5683884 dal collo, o cercare di afferrarla passando dal Lun. al Ven. 8.30 - 19.30 dalla bocca? Considerando il Sabato 9.30 - 17.30 rischio di causare una stenosi Emergenze 320.5715565 (restringimento) dell’esofago, naturale esito di ogni cicatrice CHIRURGIA GENERALE - ORTOPEDIA Spilla appena estratta al quale va incontro questo Spilla di 3 cm con pallina finale con il grumo di cibo e peli ODONTOSTOMATOLOGIA organo più di ogni altro, abbiaOFTALMOLOGIA - ANALISI CLINICHE La visita è stata preceduta da una telefonata mo optato per la seconda ipotesi. Dal ECOGRAFIE - RADIOGRAFIE allarmata del figlio che diceva: “dottore, i momento che pur aprendo molto la bocca del DAY-HOSPITAL - EMERGENZE 24H miei genitori le stanno portando il cane che cane non si riusciva a vedere la spilla, all’iniha ingerito un ago, non so dove sta infilzato, ma dicono che si sente e si vede!”: poteva essere nella bocca, nell’esofago, oppure essere arrivato fino all’intestino e spuntare dall’ano, magari attaccato ad un filo! Il cucciolo è arrivato in ambulatorio molto spaventato e dolente. L’oggetto che aveva cercato di ingerire (chissà perché, mica c’era una salsiccia attaccata!?), si era fermato all’inizio dell’e-

Q


www.internotredici.it - info@internotredici.it

FATTI, NOTIZIE, CURIOSITÀ E APPROFONDIMENTI PER CHI VIVE NEL MUNICIPIO XIII

SOMMARIO pag. 94

Il bando della discordia

Quando la politica prende la complanare Una faccenda infinita, anni di promesse della politica e una via d’uscita: il cavillo burocratico

A

pag. 95

Dov’è finita l’Università del Mediterraneo? Riapre il Teatro del Lido pag. 96

Tredicesimo in maschera

Febbraio a teatro Mercatino di via delle Baleniere pag. 97

Si corre verso la primavera Save the Children

lcuni lo definirebbero atto di follia amministrativa, altri ancora potrebbero parlare di complotto dei poteri forti ai danni della cittadinanza, i restanti, con maggior semplicità semantica, si accontenterebbero di definirlo malcostume. Fatto sta che l’ordinanza del Sindaco di Roma n. 265 del 17 febbraio 2010 potrebbe adattarsi ad ognuna delle precedenti definizioni. La nota del primo cittadino romano autorizzava, ufficialmente, le complanari della Colombo. L’idea non è nuova ai cittadini del municipio XIII, i quali, da decenni, sono ormai abituati alle promesse elettorali dei politicanti di turno. Nel 2009 l’Assessore ai lavori pubblici del Comune di Roma, Fabrizio Ghera, chiese d’inserire il progetto delle complanari della Colombo nel “Piano di riqualificazione delle strutture viarie e per la mobilità”. Sembra fatta. Tutti, da destra a sinistra, annunciano lo storico passo avanti verso la promozione del litorale romano. Si comincia a parlare di “waterfront” e di “decentramento amministrativo”. Lo scorso luglio, in pompa magna, Alemanno presenta il progetto ad Ostia e il termine “riqualificazione” diventa il tormentone degli amministratori locali. La realizzazione delle complanari, intanto, è finanziata dal 2010 per un importo di 16 milioni di euro. Ma questi soldi da dove li prende Roma Capitale? Facile, attraverso l’alienazione dei beni. Il meccanismo è semplice e viene spiegato dal laboratorio di urbanistica Labur: “Per reperire fondi attraverso l’alienazione dei beni è possibile utilizzare il patrimonio dell’edilizia residenziale pubblica”. Se non fosse, che una legge del 1993 stabilisce che il ricavato dell’alienazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica è utilizzabile esclusivamente per la realizzazione di programmi finalizzati allo sviluppo di tale settore. Con la finanziaria del 2006 si chiariscono inoltre i tipi di destinazione dei proventi dell’alienazione: nuovi alloggi, contenimento dei mutui per l’acquisto della prima casa, il recupero sociale dei quartieri degradati, assistenza alle famiglie disagiate. Ci sono però due escamotage che il Comune di Roma sta percorrendo di questi tempi per rendere legale quello che è illegittimo. Il primo riguarda una Convenzione Urbanistica con un privato che prevede una maggiore edificazione concentrata in singoli comparti, grazie allo strumento della compensazione edificatoria. Il secondo escamotage è quello di legare le sorti delle complanari della via Cristoforo Colombo alle sorti del fumoso e inesistente progetto del “Waterfront”, cioè il milione di metri cubi voluti da Alemanno sul lungomare di Ostia. Fare nuove strade dunque significa portare nuovo cemento, senza mai recuperare il gap precedente. Siamo sicuri che è ciò che vogliono i cittadini?

Roberta Riga


94

Primo Piano

Il bando(lo) della matassa spiaggia

Pubblico demanio

Prosegue la battaglia contro il provvedimento preso dalla maggioranza in Municipio. La faccenda passerà dall’Aula Massimo di Somma al Tribunale

P

rosegue la battaglia del gruppo PD del XIII Municipio contro il bando definito “truffa” per l’affidamento delle spiagge pubbliche di Ostia. Dopo aver occupato l’aula municipale e aver raggiunto la popolarità nazionale attraverso la nota vicenda Orneli-Marchesi (la trasmissione Agorà si è addirittura dilungata nel “moviolone” di biscardiana memoria), la minoranza del parlamentino lidense ha deciso di cambiare “strategia”. La faccenda passerà infatti dalle aule politiche a quelle giudiziarie: saranno presentati ricorsi e intraprese azioni legali per bloccare un provvedimento che porterebbe alla privatizzazione delle ultime spiagge libere. I consiglieri del PD ne chiedono il ritiro e la modifica di alcuni punti, perché trasformerebbero le spiagge libere in ministabilimenti. Molto criticati gli articoli che riguardano la durata della convenzione (4 anni più altri 8 rinnovabili), il permesso di costruire chioschi fino a 250 mq e, infine, di occupare l’arenile fino a un massimo di 2.000 metri

quadri (un’enormità). Andrea Tassone, capogruppo PD, e gli altri dell’opposizione, per intercessione di Marco Miccoli, segretario Pd romano, incontreranno il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro per illustrare tutte le presunte irregolarità nel bando approvato dalla maggioranza. Inoltre la protesta approderà anche in Campidoglio e in Parlamento per iniziativa dei colleghi di partito. “La protesta non si ferma - ha dichiarato Paolo Orneli - ma si sposta su altri tavoli. Noi rimarremo comunque vigili e pronti a intraprendere qualsiasi azione necessaria”. “Dopo l’omicidio di via Forni - spiega il segretario Miccoli - il Prefetto, in merito all’assegnazione delle spiagge, chiedeva di essere interpellato e presente. Lo chiamerò per informarlo di quello che sta accadendo”. Il Presidente del XIII Municipio Giacomo Vizzani e la sua giunta avrebbero infatti pubblicato il bando non solo senza alcun passaggio in commissione o in aula, ma soprattutto senza coinvolgere il Prefetto com’era stato stabilito, di comune

accordo, a novembre dell’anno scorso. Il XIII Municipio si sarebbe dovuto occupare del lancio del bando per l’affidamento delle spiagge libere, ma sotto la supervisione di un funzionario della Prefettura per evitare che la criminalità organizzata potesse infiltrarsi nel tessuto economico di Ostia. Da parte sua il mini-sindaco Vizzani difende il bando e la sua scelta di non discuterlo in consiglio municipale. “Per regolamento, prassi e consuetudine - afferma - sin dal 2001 tutti i bandi relativi alle spiagge libere attrezzate sono stati emessi dalle giunte municipali. Inoltre il bando - conclude - è già stato inviato al Prefetto”. Si vedrà come andrà a finire. Ciò che è certo è che Ostia è un caso unico del mondo: una cittadina di mare nella quale il mare, per chilometri, è impossibile vederlo. Ecco, questa rara perla di urbanistica applicata al paesaggio non ha certo bisogno di ulteriori strutture che danneggino e privatizzino l’ambiente naturale, cioè l’ambiente di tutti. Chiara Ferraro


Primo Piano

95

Università

Casa della Cultura o Università del Mediterraneo? Nessuna delle due

Giulio Notturni, coordinatore di “Cambiare davvero”, risolleva una questione nata e morta durante l’ultima campagna elettorale

C

he fine ha fatto il progetto dell’Università del Mediterraneo? Questa è la domanda che per tanto tempo si sono posti i cittadini di Ostia, ma soprattutto gli studenti della zona, a cui avrebbe giovato la costruzione di un polo universitario sul litorale. Ed è la stessa domanda che torna a farsi Giulio Notturni, coordinatore di “Cambiare davvero” e responsabile giovanile dell’Unione Di Centro del XIII Municipio. “Sono ormai 4 anni che Vizzani e la sua Giunta sono al governo di questo Municipio e, non solo non si è fatto nulla, ma non se ne è sentito neanche più parlare”. L’idea di destinare i locali dell’ex colonia marina Vittorio Emanuele alla creazione di un’università (pubblica o privata, non è mai stato chiarito) è stata per la prima volta avanzata nel 2008: se ne parlò per un po’, soprattutto in campagna elettorale, ma alla fine alle chiacchiere non seguì né la presentazione di un progetto, né una qualsiasi proposta di fattibilità finanziaria o tecnica. Insomma, il più classico dei nulla di fatto. Ma c’è di più. Il progetto dell’Università del Mediterraneo era sostitutivo di un altro progetto: quello della “Casa della cultura”, un vero e proprio polo multidisciplinare che avrebbe dovuto essere ospitato all’interno dell’ex colonia e per cui erano anche stati stanziati, da parte della Regione e del Comune, dei fondi per un totale di quasi tre milioni di euro. “Il Presidente Vizzani - aggiunge Giulio Notturni - ha, in modo del tutto arbitrario, cancellato il progetto della “Casa della cultura” per fare spazio, a sua detta, all’Università del Mediterraneo”. Alla fine, come si è visto, nessuno dei due progetti ha mai visto la luce. E dei circa 3 milioni di euro non si è saputo più nulla.

Se per il momento, sembra lontana l’ipotesi che i progetti della Casa della Cultura o dell’Università vengano rispolverati e realizzati, sembra essere sicuro che il Vittorio Emanuele diventerà la sede del più grande centro giovanile di Roma. La realizzazione di questo centro rientra nel progetto “Azione InOnda” del XIII Municipio, che due mesi fa ha vinto un bando europeo, aggiudicandosi un finanziamento a fondo perduto di 38 mila e 200 euro. Grazie a una delibera di giunta, sono stati destinati al centro circa 1.000 mq del piano seminterrato dell’ex colonia sul lungomare Paolo Toscanelli, più precisamente lo spazio tra la mensa

della Caritas e il centro anziani. I lavori di ristrutturazione dell’area, cofinanziati da Comune e Regione, sono già partiti. Una volta terminato il centro, potranno avviarsi numerose attività, rientrate nel progetto “Azione InOnda” e volte a “contaminare la popolazione giovanile del municipio, coinvolgerla e responsabilizzarla”. Rimane il mistero dei progetti che la politica locale rispolvera in tempi di elezioni e chiude in una cassetto durante l’attività di ordinaria amministrazione. Un mistero che prima o poi dovrà essere risolto. Chiara Ferraro

Cultura

Teatro del Lido: forse è arrivato il semaforo verde Gasperini promette lavori di restauro e apertura nell’ottobre 2012

A

ottobre 2012 il Teatro del Lido potrà finalmente riaprire. È la promessa fatta dall’assessore alla Cultura del Comune di Roma, Dino Gasperini, lo scorso 25 gennaio in un incontro con il Comitato cittadino che da tre anni e mezzo lotta per la riapertura. A breve dovrebbero partire i lavori di ristrutturazione dello stabile di via delle Sirene (costo di 500 mila euro) che termineranno a settembre. Il nuovo gestore del teatro comunale sarà Zètema, che probabilmente assorbirà i 5 ex lavoratori del Teatro del Lido. Ma a gestire concretamente la struttura, secondo il Comitato cittadino, dovrà essere un Consorzio di Associazioni culturali, attive sul XIII Municipio, che si occupi della programmazione delle attività del teatro, permettendo anche ai cittadini di parteciparvi. Il delegato alla cultura del XIII Municipio, Salvatore Colloca, si è già impegnato a lanciare quanto prima il bando pubblico per la creazione di tale Consorzio. In attesa dell’inizio dei lavori, proseguiranno gli spettacoli della programmazione speciale (per info: www.teatrodellido.it). Non rimane che sperare nella sincerità delle istituzioni comunali. Considerato quanto accaduto in passato, il rispetto dei tempi non è affatto scontato. Chiara Ferraro


96

Eventi

di Chiara Ferraro

Tredicesimo in maschera

I

l XIII Municipio si prepara a festeggiare il Carnevale: in programma tante feste su tutto il territorio. L’evento più atteso, da grandi e piccini, è il “CarnevalOstia”, una due giorni di festeggiamenti organizzata dall’Associazione Tor San Michele e dal CDQ Repubbliche Marinare - Duca di Genova. L’appuntamento è per il 18 febbraio in Piazza delle Repubbliche Marinare a Ostia, dove saranno allestiti giochi gonfiabili, un teatrino di marionette e tanti stand di dolci e oggettistica. Alle ore 15,00 da Piazza della stazione vecchia partirà una sfilata di carri allegorici che, accompagnata da majorette, bande musicali, cosplay, maschere e ballerine brasiliane, si muoverà per le strade di Ostia fino a Piazza delle Repubbliche Marinare. Il 19 febbraio la festa si sposterà a Ostia Antica: da piazza Gregoriopoli partiranno carri e maschere che sfileranno dalle ore 15 alle 18. Per passare in allegria la sera di sabato grasso, il 18 febbraio l’associazione “Affabulazione” (www.affabulazione. com) ha organizzato il “Carnival Party

Affabulante”, una festa in maschera a cui prenderà parte il gruppo musicale “Sexanta” che allieterà la serata suonando pezzi degli anni ‘60 e dintorni. L’appuntamento è alle ore 19,30 con il “Laboratorio di face painting” per farsi truccare “a festa”, altrimenti direttamente alle 21,30 per la festa-concerto. Il 19 febbraio l’associazione “Events4Everyone” (www.eventsforeveryone.it), assieme al Centro Anziani Dragona, al Cdq Bagnoletto, al Comitato Cittadino di Dragona, al Comitato dei Genitori Istituto M.U.Traiano e al Gruppo Sportivo Dragon City, ha organizzato una festa di Carnevale per i bambini di Dragona e Bagnoletto e di tutto l’entroterra. L’appuntamento è presso la chiesa S. Maria Regina dei Martiri (via Casini 282) alle ore 10.30. Da qui alle ore 11 partirà un corteo di maschere che porterà i partecipanti fino al Centro Anziani di Dragona, dove ad attenderli ci saranno un rinfresco e tanti premi!

Mercatini

Mercatino di Via delle Baleniere

I

l prossimo 19 febbraio via delle Baleniere a Ostia sarà chiusa al traffico per il consueto mercatino della terza domenica del mese. Come sempre ci saranno bancarelle di specialità enogastronomiche locali e non, di ritrattisti, piante, borse, oggettistica e molto altro ancora. Ma in particolare ci sarà lo stand dell’Associazione culturale “Clemente Riva” che, dopo il successo dello scorso mese, ha deciso di ripetere l’esperienza. I volontari dell’Associazione saranno presenti con uno stand pieno di libri per una raccolta fondi. Per tutta la giornata sarà possibile acquistare, a offerta libera, libri di ogni genere, che sono donati all’Associazione da cittadini e case editrici: tutti i fondi saranno devoluti in beneficenza ad alcune realtà di volontariato di Ostia.

Teatro

Febbraio a teatro E

ccoci al consueto appuntamento con il calendario mensile degli spettacoli teatrali. Il “neonato” Teatro Essenza a Dragoncello il 18, 19, 25 e 26 febbraio presenta lo spettacolo “Erotic dream”, libero riadattamento di Paolo Perelli del celebre “Sogno ma forse no” di Luigi Pirandello. Il Teatro Nino Manfredi di Ostia risponde con Luigi de Filippo che dal 23 febbraio al 4 marzo sarà in scena con la commedia “A che servono questi quattrini”. Al teatro Dafne invece dal 9 al 19 febbraio andrà in scena “Anna dei miracoli” di William Gibson per la

regia di Gianni Pontillo; dal 23 febbraio al 4 marzo “Il professore e la fioraia” di Roberto Berrettini, liberamente ispirato a “Il Pigmalione” e “My Fairy lady”. Al teatro Fara Nume in programmazione ci sono due spettacoli: il 10, 11, 12, 17, 18 e 19 febbraio “Uccelli in gabbia” di Marco Simeoli; mentre il 24, 25 e 26 febbraio “Don Giovanni” di Molière, su adattamento e regia R. Costantini. Il teatro Traiano di Fiumicino il 17, 18 e 19 febbraio ospiterà Marco Falaguasta con la commedia “So tutto sulle donne... vent’anni dopo”, mentre il 23 febbraio ritorna il duo comico Pablo & Pedro con lo spettacolo di cabaret “Una volta al mese” che vedrà alternarsi sul palco tanti ospiti a sorpresa per un divertimento assicurato.


Sport

di Roberta Riga

97

Si corre verso la primavera

“C

ogito ergo run” è l’adattamento dello slogan cartesiano scelto per rappresentare la nuova edizione della maratonina “Euroma2run” all’interno della “Roma Ostia”. La famosissima mezza-maratona che unisce Eur e Lido di Roma è uno degli eventi sportivi più attesi della Capitale ed è ormai giunta alla sua 38a edizione, alla quale sono attesi circa dodicimila atleti tra uomini e donne, podisti provenienti da tutto il mondo. La gara dei runners di professione prevede lo start dal Palalottomatica dell’Eur e si snoda per tutta Via Cristoforo Colombo fino ad affacciarsi sul mare di Ostia, alla Rotonda, dove sarà installato il traguardo. Per tutti gli amanti della corsa e del jogging è ormai un appuntamento fisso la 5 km, la sfida per i principianti e gli appassionati che si svolgerà in concomitanza con la Roma-Ostia e che partirà dopo l’ultima onda della mezza-maratona. Dopo mezz’ora di riscaldamento, nella quale i concorrenti potranno divertirsi tutti insieme, il via è previsto per le 9:30, con partenza sempre dal Palalottomatica.

I primi 3.000 metri di percorso saranno gli stessi della gara podistica, poi superata Via dell’Oceano Pacifico, gli amatori percorreranno la corsia laterale della Colombo per arrivare a Via Paride Stefanini, al Centro Commerciale Euroma2. Tutti possono partecipare alla 5 km: non è necessario essere iscritti a nessuna società di podistica e non c’è bisogno del certificato medico. L’importante è consegnare la propria scheda

d’iscrizione, scaricabile dal sito www.romaostia. it, presso la sede del G.S. Bancari Romani, Viale Marco Polo 104, oppure presso l’EXPOSport (Salone delle Fontane). Per chi invece preferisce sfruttare le vie telematiche potrà inviare una mail all’indirizzo iscrizioni@romaostia. it, o un fax al numero 06.57136147. Per partecipare è richiesto un contributo di 10 euro ed ogni partecipante avrà diritto alla maglia ufficiale della competizione, messa a disposizione dallo sponsor tecnico Adidas, al pettorale non competitivo, al sacchetto ristoro e soprattutto all’esclusiva medaglia a fine gara.

Solidarietà

Save the Children

I

l prossimo 11 e 12 febbraio si svolgerà la prima edizione del torneo nazionale under 16 “Mare di Roma”, organizzato dalla società rugbistica Asd Nea Ostia Club. Durante il weekend di sport sarà promossa la campagna internazionale “Every One” contro la mortalità infantile nel mondo sostenuta dall’associazione “Save the children”, da anni impegnata per garantire il di-

ritto alla salute di milioni di minori in tutto il mondo. Dopo il successo dello scorso giugno con “Mini ruggers 4 chidren”, la Nea Ostia Rugby ha deciso di replicare il proprio impegno sportivo e sociale con una nuova iniziativa in collaborazione con l’organizzazione non governativa. Per info e dettagli visitate il sito www.savethechildren.it.


VG visioni grafiche


MagnaRoma GRAN CAFFÈ IACOPUCCI SPECIALITÀ > BAR - TAVOLA CALDA - TABACCHI - RINFRESCHI - GASTRONOMIA “Primogenito” nella famiglia dei locali Iacopucci sorti nella rafben gestito ed accogliente dove molti desideri, soprattutto se finata zona dell’Eur Torrino, vanta uno spazio sempre curato, legati alla gastonomia, potranno essere esauditi. Sempre aperto dalle 7:00 alle 20:00 (orario continuato) è la location ideale per godersi un rilassante coffee break, assaporare un pranzo in compagnia piacevolmente seduti nell’ampia sala della ristorazione, organizzare un ottimo rinfresco, ritrovarsi per uno stuzzicante aperitivo o semplicemente consumare un pasto veloce. Ogni giorno, inoltre, vengono proposti dallo chef diversi menu, tra cui il conveniente MENU FISSO. Chi varca le porte del Gran Caffè Iacopucci: Bar - Tavola Calda - Rinfreschi Aperitivi - Tabacchi - Sisal - Intralot Scommesse Sportive, ha solo l’imbarazzo della scelta! A pranzo si accettano anche i ticket.

INDIRIZZO Via Oslo, 7 TELEFONO 06.5291061 RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto APERTO 7:00-20:00 orario continuato

ZONA

3

EUR TORRINO

1

100


di Lucia Bianco (inviate le vostre ricette a luciabianco@hotmail.it)

budget e ricette

Mangiare bene e “vivere hygge!” iao a tutti, è inverno e, come sempre, partiamo all’avventura. Dicembre in Qatar, poi in Cambogia e Thailandia. Durante il viaggio ho incontrato tutto il mondo, ho chiacchierato con tutti quelli disponibili ed ho scoperto una parola magica: hygge, che vuol dire piaceri semplici, cioè felicità. Filosofia di vita seguitissima in nord Europa. Significa riscoprire gli amici, sorprendere il partner con un gesto gentile, giocare con i figli, ritrovare il piacere di fare il pane in casa ma, soprattutto, ricordarsi di sorridere. Questo è vivere hygge e, sicuramente, rende la vita più semplice e serena. Niente di nuovo vero? Però è bene che, ogni tanto, qualcuno ce lo ricordi. Il nostro viaggio hygge partirà dalla cucina con una ricettina semplice semplice, da fare in venti minuti, coinvolgendo anche i bambini: pre(per 2 torte, tra parentesi la quanpariamo dei biscottini di pasta frolla. tità per i vostri biscotti)

Ingredienti

C

• 400 gr zucchero a velo (io uso zucchero semolato 135 gr)

Biscottini di Pasta Frolla

• 160 gr tuorlo d’uovo (55 gr) • 600 gr burro (200gr) • 1 kg farina (335 gr) • 1 bacca di vaniglia • buccia di limone qb • 2 gr sale etacciate la farina, mettete al centro le uova, lo zucchero e gli aromi amalgamandoli con una forchetta. Poi, lentamente, raccogliete anche la farina. Unite il burro ammorbidito e lavorate l’impasto con le mani il più velocemente possibile fino ad ottenere un impasto morbido. Appiattite l’impasto su un foglio di carta forno (questo passaggio serve a permettere alla frolla di raffreddarsi in

S

maniera uniforme) e mettete in freezer per dieci minuti. La frolla può essere preparata anche una settimana prima, anche un mese. Quando vi serve, toglietela dal freezer, battetela con un matterello o con un batticarne: insomma, con quello che volete, serve solo per snervarla. Giunti a tal punto, lavoratela pochi minuti con le mani e stendetela uniformemente avendo la cura di predisporre uno spessore di tre o quattro millimetri. Se non vi va di affrontare la fatica di fare l’impasto, comprate la pasta

pronta. Il resto è semplice: srotolatela e divertitevi a ritagliare dalla pasta le forme che vi piacciono, spolverate con abbondante zucchero ed infornate a 180° per 20 minuti circa. Prima di estrarre il tutto controllate che il bordo sia dorato. Serviteli a colazione, sarà una gradita sorpresa.

Ingredienti

Linguine calamaretti e melanzane er una cenetta gustosa provate le linguine ai calamaretti e melanzane. In una padella fate soffriggere il guanciale con una cipolla, quando è trasparente unite il peperoncino ed un paio di pomodori pelati e tagliati a dadini. Mettete l’acqua a bollire. Prendete una melanzana, tagliatela a dadini e friggetela in olio bollente, scolate e mettete da parte. Fate cuocere le linguine al dente.

P

• 1 melanzana media • 400 gr di linguine • 150 gr di guanciale • ½ cipolla di medie dimensioni • 2 pomodori pelati • 800 gr di calamaretti

Preparate i calamaretti, se sono piccoli lasciateli interi altrimenti tagliateli a fettine ed uniteli al soffritto (si consiglia di non farli cuocere più di 6 o 7 minuti, altrimenti induriscono). Unite le linguine, mantecate ed aggiungete le melanzane. Buon appetito e non dimenticate: vivete “hygge”!

101


VG

visioni grafiche


V. GRANDE MURAGLIA

VIA D

O

EUR TORRINO

VIA DI DECIMA

VIA

MA

I

SPINACETO

TENUTA DEL PRESIDENTE

VIA DEI

ACCHIA

SAPONA RA

RO INDA VIA P VIA G

LOCCO VIA DI M. PA

VIA DI SAPONARA

DI

CA

SAL

PAL

CASAL PALOCCO

11

RAGON CELLO

L

2

F FERRA RI

NTINI EO

INFERNETTO 16 OCCO VIA U. GIORDANO

8

VIA CANALE DELLA LING UA

A S TEL

V I A DI C SAN

O

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

SCHE

FRA

VIA D

CAVALCAVIA NUOVO

T.

I

VIA DEI DIOSCURI

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

P.LE DELLA POSTA

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

PONTILE

VIA C. COLOMBO

FU

OSTIA PONENTE V. MARINA

V. BE Z Z

L

V. AZZORRE

VIA D. BALENIERE

V. F A R O

ISOLA SACRA

TE

OSTIA STELLA POLARE

V.

GIUGNO

VIA C. ZUGNA

VIA DE

LLA SC

AFA

A VIA DELLA SCAF

CA

ORI EI PESCAT

EDIP UGLIA

DI

VIA R

VIA PO EMENTIN

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

VIA

TO VIA DELL'AEROPOR

V.LE TRA IANO

P. T E 2 A

MICINA F O CE

VIA DI

FIUMICINO

TE VE RE

LONGARINA 13

OSTIA ANTICA

S

R T UE NSE

P O R ZIA

SSO D

V.

E .D

V I A W OL

L O T TI

NO

17

VIA A.

V.BAZZINI

VIA MOLAIOLI

AXA VIA D. PURIFIC ATO

APONA RA

VIA DI S

NI BO

P.ZZA ESCHILO

ACILIA

MADONNETTA

VIA FO

AXA MALAFEDE

VIA CRISTOFORO COLOMBO

7

V.PRASSILLA

9

VIA DI M

VIA OSTIENSE

10

VIA DI ACILIA

LI GO

I TT VIA O. F A 12

VIA DEL MARE

VIA C. MAESTRINI

CALTAGIRONE

V.O.GHIGLIA

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

CELLO RAGON V. DI D

VIA DEI ROMAGNOLI

6

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

4 21

DRAGONCELLO

V. COLLETTORE PRIMARIO

O

NAPOLI

VIA DI MALAFE DE

14

DRAGONA

M M IN

CASALBERNOCCHI

V. IN

POG DEL V IA

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E

19

V. G.CARPINE

1

OCA

ORC INA

VIA DEL MARE

A

AN IOR GG

S UEN

EZZ

VIA VITINIA SA 18 RSINA V. S. A RC. D I ROM AGNA

DI GIA NO

ACILIA NORD

DI M

V. P

DI V.ALBARETO

ORT VIA P

5

VIA

ETTO

LLE CASE BA DE SS E VIA

VIA ARZANA

INO BOR GH

.SA NT O

CENTRO GIANO A S AL

S QU

MOSTACCIANO

CORNELI O

VIA C

. PA

VIA L

VIA

VIA

10 Avoja 11 Eschilo 2 Dancing 12 Sushissimi 13 Il Frantoio 14 Don Payo 15 Iacopucci Bar Pizza a taglio 16 La Cucineria 17 Il Marchese del Grillo 18 Porta del Sole 19 Antichi Sapori

C

E GRANDE RACCORDO ANULAR

LEGENDA 1 Di Carlo Cafè 2 Zucchero e limone 3 Gran Caffé Iacopucci 4 Bianco Rosso e Pannone 5 Dal Pannocchia 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 Da mì fratello 9 Pane ar pane vino ar vino... e pure pizza

IAN

R A TO

FIRENZE

IU

VIA DI P

USCITA 28

F D.

B ME

VIA CRISTOFORO COLOMBO

3

15

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

LITORANEA


VG

visioni grafiche


MagnaRoma

INDIRIZZO Via Varna, 66 All’interno dello Sporting Club Infernetto TELEFONO 06/90204950 - 320.1738761

388.0547802 CARTE DI CREDITO Tutte (no American

Express) SPAZIO ESTERNO Si, con giochi per bambini NUMERO POSTI 80/100 RIPOSO SETTIMANALE Martedì APERTO Pranzo/Cena

DA MÌ FRATELLO

ZUCCHERO E LIMONE

SPECIALITÀ > CARNE - PIZZA - PRIMI ROMANI Locale dallo stile rustico e dall’ambiente confortevole, è situato all’interno di un centro sportivo, con ampi spazi verdi e giochi per i più piccoli. Dotato di forno a legna ed una brace invitante, le specialità sono numerose: dai vari tipi di pizza, anche da asporto, alla carne freschissima dalla cottura espressa, fino agli apprezzatissimi primi piatti (della più tipica cucina romana e non) e dolci fatti in casa. Il tutto da accompagnare ad uno dei vini consigliati sulla carta. Ottimo rapporto qualità prezzo.

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana. INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

8

ZONA

INFERNETTO

2

ZONA

INFERNETTO

10

105


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

6

PARCO GIOCHI

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

4

107


MagnaRoma DON PAYO SPECIALITÀ > ANTIPASTI - PIZZA - CARNE Da non perdere la nostra specialità: gli ANTIPASTI, sempre diversi e sfiziosi! PIZZE DA ASPORTO anche giganti e più gusti. SERATE A TEMA con musica dal vivo (jazz, blues, danza del ventre).

I NOSTRI MENÙ MENÙ PRIMI € 15 Focaccia - Bruschette miste Supplì vari gusti - Varie portate assaggini “Don Payo” PRIMO PIATTO DELLA CASA a scelta

€ 18 MENÙ SECONDI Focaccia - Bruschette miste Supplì vari gusti - Varie portate assaggini “Don Payo” SECONDO a scelta

INDIRIZZO Largo del Capelvenere, 7/8 (Via dei Romagnoli) TELEFONO 328.1053243 - 340.1227190 SPAZIO ESTERNO Sì PARCHEGGIO Sì NUMERO POSTI 60 RIPOSO SETTIMANALE Lunedì APERTO Cena 19:00-24:00

MENÙ PIZZA € 10 Focaccia - Bruschette miste Supplì vari gusti - Varie portate assaggini “Don Payo” PIZZA GIGANTE o NORMALE

(pranzi e cene di pesce su prenotazione)

14

ZONA

ACILIA

bevande escluse

5

109


MagnaRoma IACOPUCCI BAR PIZZA A TAGLIO SPECIALITÀ > BAR - PIZZA A TAGLIO - WINE BAR Dopo l'enorme successo riscosso in questi anni, Iacopucci raddoppia, inaugurando dal mese di Maggio 2011 un nuovo

INDIRIZZO Viale Amsterdam, 56-58-60 TELEFONO 06.52208013 RIPOSO SETTIMANALE Domenica APERTO 8:00-22:30 orario continuato

locale, nella zona Eur Torrino, dall’inconfondibile stile elegante ed accogliente, ideale per godersi una pausa culinaria. Oltre alla sfiziosa gastronomia del bar (rustici, tramezzini, panini e stuzzicanti salatini), si possono gustare oltre 50 tipi di pizza a taglio, sia da asporto che da consumare comodamente seduti al tavolo; prelibatezze i cui ingredienti, sempre freschi e variegati, sottolineano la cura e la professionalità della preparazione. A partire dal pomeriggio, invece, porte aperte per l’aperitime, dove, nella zona riservata al wine bar, ci si può sbizzarrire scegliendo, dalla ricca carta, variegati cocktail e pregiati vini. Chiuso la Domenica, il locale durante la settimana è aperto dalle 8:00 alle 22:30 seguendo un orario continuato. Si accettano i ticket.

ZONA

15

EUR TORRINO

12

110


MagnaRoma

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

7

ZONA

MALAFEDE

PANE AR PANE VINO AR VINO

PANE AR PANE VINO AR VINO... e pure PIZZA

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - PIZZA Aò, e mò v’aspettamo pure ner novo locale, n’dove, ortre a magnà e cose romane, ve potete aggustà pure a pizza... cor sugo de coda, de trippa, co’ a carbonara e co’ amatriciana, ecc... e pure ‘a classica! E si volete va’ portamo pure a casa! O’, semo sempre noi! Sortite presto!

INDIRIZZO Via Giovanni da Pian del Carpine, 24 TELEFONO 06.52350987/3348473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE Lunedì (annate all’ar-

tro “Pane ar Pane Vino ar Vino” a Malafede) CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO te devi arrangià! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

9

ZONA

ACILIA

13

111


La Vetrina di Tredici


oroscopo di febbraio

CELINE DION (30/3/1968)

JACK NICHOLSON (22/4/1937)

ALANIS MORISSETTE (1/6/1974)

CHRISTIAN VIERI (12/7/1973)

HALLE BERRY (14/8/1966)

RONALDO (22/9/1976)

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

Dall’8 in poi Venere sarà nel vostro segno. Tutto ciò renderà il mese di San Valentino memorabile. La vita affettiva non sarà sicuramente annoiante. All’orizzonte si vedono giornate dense di passione, di litigate furiose e colpi di fulmine. Sul fronte lavoro Mercurio incoraggia i nuovi progetti.

Sarà un mese meno favorevole per la vita familiare e amorosa e più favorevole per quella sociale. Avrete tre detrattori: Venere dall’8 febbraio si oppone, più o meno come fanno anche Urano e Plutone. Se ci sarà qualche giornata cupa, combattetela cercando distrazioni e di non ossessionarvi. Con il tempo troverete la soluzione.

BRUCE SPRINGSTEEN (23/9/1949)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

La prima parte del mese è un po’ sottotono: troppi impegni e stress. Mercurio infastidisce fino al 14. Poi tutto si libera: lavoro, amore, vita sociale ed energia. Non mancherà romanticismo, concretezza ed erotismo. La sfera economica sempre protetta dagli aspetti strepitosi di Giove e Plutone. Non c’è niente di cui preoccuparsi.

Sarete taglienti e salaci con le persone che vi irriteranno. Non dovete però farvi prendere la mano: evitate di cercare il pelo nell’uovo anche con le persone che vi stanno a cuore. Fino all’8 vi ammorbidirà l’aspetto di Venere. Dal 14 anche Mercurio diventerà alleato. Dunque mese positivo in amore e in società.

JULIA ROBERTS (28/10/1967)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

C’è una lieve insoddisfazione che riponete nel profondo di voi stessi e che percorre tutto il mese. Cercate di non tramutarla in una guerra, anche perché è un aperto dispetto del cielo: le stelle dispettose mettono nel mirino famiglia, amore e lavoro, ma non vi negheranno la serenità e le soluzioni adeguate.

Fino al 14 del mese avrete Mercurio come alleato. Ciò significa vita sociale frizzante, divertimento, nuove conoscenze e flirt in vista. Se non chiarirete le situazioni ambigue, a fine mese questo clima potrebbe esasperarsi. Marte vi rende un po’ insoddisfatti e nervosi. Cercate di evitare l’impulsività.

P.FERDINANDO CASINI (3/12/1955)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Al centro delle priorità saranno i rapporti sociali. Mostrerete determinazione e senso della polemica, specialmente per ciò che concerne l’amore e la famiglia. Attenzione dall’8 in poi. Mercurio rende la vostra vita sociale favorevole dal 14 in poi. Sarete ironici e brillanti, per cui attirerete l’attenzione altrui. Attenti alla gelosia.

Nettuno in Pesci e in sestile dal 4 febbraio vi porterà cambiamenti poco appariscenti ma profondi. Dunque pollice alto per quel che riguarda le amicizie e la vita interiore. Mercurio favorisce gli incontri simpatici e frizzanti dopo il 14. Dopo l’8 del mese attenzione a Venere: si pone in aspetto molesto.

ANNA TATANGELO (9/1/1987)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

Vi trascinate alcune questioni irrisolte di inizio anno, per cui il mese inizia con un po’ di nervosismo. Non vi sentite in perfetta forma. In ogni caso, superati i primi 10 giorni, vi sentirete più sereni e rilassati. Le stelle sono dalla vostra parte soprattutto nella parte finale del mese, quando amore e passione torneranno da voi.

Sarà un febbraio all’insegna dell’attivismo: avete voglia di girare, conoscere gente, approfondire interessi. Il cielo è dalla vostra parte in molti ambiti: amore, lavoro e famiglia non risentiranno di alcun problema. Insomma, questo mese godetevi il presente. Vietato pensare al passato e al futuro!

CHRISTIAN BALE (30/1/1974)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

La principale novità del mese è l’ingresso di Nettuno, il 4 febbraio, nel vostro cielo in aspetto di opposizione. Tutto ciò potrà portare confusione, disorientamento e soprattutto incertezze nel rapporto di coppia. Anche il lavoro ne risentirà ma niente paura: il mutamento è graduale e potrete prendere tutte le contromisure del caso.

Grazie all’immancabile tormento di Marte, in famiglia il clima di polemica permanente non accenna a placarsi. Questo mese sarà vostra alleata l’astuzia di Mercurio (dal 14) e la dolcezza di Venere (fino all’8). Se avrete pazienza e diplomazia non mancheranno gli appoggi anche per le situazioni più complicate.

GIORGIA PALMAS (5/3/1982)

113


TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA

13 magazine 路 Anno 11 路 n. 101 - FEBBRAIO 2012 路 www.13magazine.it


13 Magazine N. 101