Issuu on Google+

TARIFFA ROC: POSTE ITALIANE S.P.A. SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - D.L. 353/2003 (CONV. IN L. 27/02/2004 N. 46) ART. 1 COMMA 1 - DCB - ROMA


40.000 copie

40.000

Il mensile più diffuso e letto di Roma Sud Lo puoi trovare: SUPERMERCATI

CONAD (Acilia Via di Macchia Saponara) CONAD (Fiumicino via della Scafa) CONAD (Infernetto Via Castrucci) CONAD (Ostia Antica Via di Castelfusano) CONAD (Casalpalocco Via di Casalpalocco) CONAD (Eur Torrino Via della Cina) CONAD (Fiumicino Via Anco Marzio) CONAD (Ostia Via Isole di Capoverde) CONAD (Ostia Via della Stella Polare) CONAD (Ostia - Viale Vega/Via della Tolda) CRAI (Axa - P.zza Eschilo) CRAI (Infernetto Via Wolf Ferrari) DICO (Infernetto) DIXDI (Ostia - V. P. Caselli) EFFE + (Ostia Via dell’Appagliatore) ELITE (Eur - Via O.Indiano) ELITE (Eur Torrino Via della Cina) ELITE (Eur Torrino Via della Seta) ELITE (Eur Torrino Via Salisburgo) ELITE (Eur - Via d. Tecnica) ELITE (Infernetto Via C. Colombo) ELITE (Mezzocammino Via C. Colombo) EMME + (Fiumicino Via delle Ombrine) EUROSPIN (Caltagirone Vitinia - Via Ostiense) EUROSPIN (Fiumicino Via Portuense) GS (Ostia - Staz. Lido C.) GS (Acilia - Via C. Beschi) GS (Le Terrazze Casalpal.) GS (Dragona-V. Criminali) GS (Dragoncello Via O. Fattiboni) GS (Ostia Antica Via del Collettore Prim.) GS (Infernetto Viale Castel Porziano)

GS (Infernetto Via Antonio Angeloni) GS IPERMERCATO (Torrino - V. Fosso Torrino) GS IPERMERCATO (Via di Casal Bernocchi) LEON (Infernetto Viale Castel Porziano) MAXI SIDIS (Acilia Via di Macchia Saponara) MD (Caltagirone Vitinia Via Borghini) NATURA SÌ (Ostia Lido) ONEPRICE (Acilia Via Prato Cornelio) PAM (Axa - Via Terpandro) PAM (Ostia - V. Gondole) PAM (Ostia-V. Promontori) PAM (Via Ostiense) SIDIS (Fiumicino Via Portuense) SIGMA (Fiumicino Via Coni Zugna) SMA (Casalpalocco Via Pindaro) SMA (Via Monti S. Paolo) SMA (Acilia-V. di Saponara) SMA (Nuova Palocco Via Zenone di Elea) STELAC CASTORO (Ostia Via dell’Idroscalo) TODIS (Acilia Madonnetta Via di Macchia Palocco) TODIS (Fiumicino Via Coni Zugna) TODIS (Poggio di Acilia) TODIS (Infernetto-V.Cilea) TUO (Dragona-V. Dragone) TUO (Ostia - V. Gondole) TUO (Ostia-V. P. Orlando) VOLPETTI (Axa Malafede Via Francesco Menzio) CENTRI COMMERCIALI C. COMM. BERSONE (Infernetto) C. COMM. 2000 (Acilia) C. COMM. ESCHILO (Axa) C. COMM. I GRANAI (Eur) C. COMM. LA ROMANINA C. COMM. LE TERRAZZE (Casalpalocco) C.COMM. RISERVA VERDE (Infernetto) C. COMM. SIC (Eur - bar) C. COMM. TOR VERGATA C. COMM. WOLF FERRARI (Infernetto) CENTRO VECCHIO (Casalpalocco) PORTO TURISTICO OSTIA COMMERCITY (Fiumicino)

ISTITUZIONI COMUNE DI FIUMICINO (Via Portuense-Fiumicino) DISTACCAMENTO MUNICIPIO XIII (Piazza del Capelvenere - Acilia) MUNICIPIO XIII (Via Claudio - Ostia) VIGILI URB. FIUMICINO (Via Redipuglia-Fiumicino) UNIVERSITÀ ROMA 3 EUR - EUR TORRINO MOSTACCIANO Analisi e mercati Bar Bonsai Bar gelat. gastronomia 3 Bar ristorante di via Lione Bar Roberto Bar Mandara Bar Tentazioni Bar Tornatora Bar Via Baldovinetti Bar Via del Serafico Bimbissimi Birreria Spaten Bread & Coffee Caffè d’Arte Caffè Tazza d’Oro Caffè Viola Edil Coppola Euro Caffè Gelateria in via degli Astri Gran Caffè Astoria Gran Caffè Circi Gran Caffè Iacopucci Pizza Inn Ristorante El Matambre Ristor. L’Imperatore Sha.mo Bar Snack Tanaka Sturdust Village EUR - SAN PAOLO Gran Caffè Astoria MS Immobiliare Prestitempo Risolvi Mutuo Ristorante Burro & Sugo PORTUENSE Databags

ACILIA - MADONNETTA Abbo Bar Ago & Filo Americo Leonardi A tutta pizza Bar Benevento Bar Distributore Shell Bar Domino

Bar Laura Bar Marica Bar Pasticceria Fredolini Bar Verde Rosa Barone Baroni Gioielli Baroni Ottica Betting 2000 Bitton Bar Boccardi Bricofer Caffè Bistrot Calandrelli Group Capelli è Carmela Parrucchiere Il Casale dei Piccoli Caseificio Zì Teresa Centro Comm. Via Boldini Climart Climatronic Compro Oro Ediland Erica erboristeria Erredue Parquet Falcione Ferramenta Fisioter Flessi Porta Gastronomia Marika Giocheria Girodiboa Goa Center Goa Parrucchiere Hobby dei ricordi La Tartaruga MC Traslochi M. & G. Tabacchi M. Immobiliare Mobili al centimetro Motor Car Company New Car Perfect Nails Pink Bar Pizza 120 Pizza in piazza Pizzeria Biagio Pizzeria Lana Quality Garden Line Riso e Panelle Ristor. La Perla di Sicilia Ristorante La Romanina Ristor. Marchese del Grillo Ristorante Mr. Beef Ristorante Pane e Tulipani Ristorante Punto d’Incontro Shen Center Scarponi Cartoleria Snai Studio Iacobucci Tabaccheria Sirio Tappezzeria P. Imperatore Vivaio Primaverde V.I.T.

SERVIZIO DI PORTA A PORTA PRESSO Axa - Casalpalocco - Infernetto - Villaggio Alitalia (Acilia)

DRAGONA-DRAGONCELLO Abitare Oggi Bar Phelipe Bar Pinco Pallino Gamboni Gomme Golden Dragon Gym Legno + Ingegno Panificio Signori Luciano Ristor. Il cielo sul mare Se.Ma. Traslochi VITINIA - CALTAGIRONE Bar Caltagirone Edilmarmi La Bombonera Caffè Mille zampe Oasi Ice Gelateria Profumo di Caffè Ristorante La Carbonella Ristorante La Locanda Ristorante West Coast Tabaccheria Pirfo OSTIA ANTICA Armeni giardini Bar Ariò Bar Centro Bar Stazione Roma-Lido Car Service Conauto Fisiocenter Impresa Costruz. F.lli Gianni International Bar La Fattoria degli Animali Lambretta Store Officine Interni Ristor. Cascina Spiga d’oro OSTIA LIDO Tutti gli stabilimenti balneari del litorale OSTIA LEVANTE Assithermo Achab Yacht Club Bar Antinori Bar Bingo Bar Caprini Bar dello sport Bar Europa Bar Fortuna Bar Friends Bar Giusti Bar Gran Caffè Bar Isola Mauritius Bar Jolly Bar Krapfen Bar Kristall Bar Lo Spuntino Bar Lo Stadio Bar Maffei Bar Marechiaro

Bar Mattei Bar Olivieri Bar Paradise Bar Paradiso Bar Piper Bar Polo Nord Bar Romin Bar Sisto Bar Smeraldo Bar Stazione Stella Polare Bar Studente Di Erre Gran Caffè Salerno Letizia Salemme My Body Petit Cafè Pizza Metro Ristor. Donna Carmela Ristorante Nemo Ristorante Tra le Dune Ristorante Zenit Snai Vancleef OSTIA PONENTE Bar Alexander Bar Amigos Bar Andrew’s Bar Baleari Bar Caffè Fiore Bar Canarie Bar Corallo Bar Cristian Bar del Corso Bar Derby Bar Garden Bar Green Bar Grigo Bar Idea Bar International Bar King Bar La Bussola Bar Lauretta Bar Nanù Bar Pines Bar Prestige Bar Remondi Bar Ringo Bar Roma Lazio Bar Scacco Matto Bar Sport Bar Top Bar Velieri Cartoon C.D.V. (presso Cineland) Cineland Multisala Duca Bar Exploit Farmavista Gamma Auto Gelateria Harley Gelateria Martin

5


Gelateria Tartarughino Gioielleria Sospiri d’oro Jack’s ristorante Marinauto Pizzeria La Lanterna Premaman Regie Auto Rosticceria Ferrara Sintesi Snai Studio odontoiatr. Puzzilli Tabaccheria Peres Twinky Vintage Bazar FIUMICINO Acquofono Add’e’ Scugnizz Automercato Tirreno Bar Aliante Bar Caffè Borsigno Bar Caffè e Cafè Bar Carlo Bar Concorde Bar del faro Bar i Gabbiani Bar Il re del caffè Bar Island Bar La Dolce Sosta Bar La Glace Bar la Torre Bar L’ancora Bar Marcellino Bar Maurice Bar Resolution Bar River Bar Rustichelli Bar Je.Ga. Bar Sonia Bar Torre Clementina Bar Zanzibar Chiosco Gioia

Cinema UGC-P.co Leonardo Colantoni Auto Highlander Lazioterm Maiorana New Bar Non solo bar Oasi Arredo Stile Ottica Attardi Pizzeria Roma Antica Regie Auto Ristor. Donna Beatrice Ristorante Incannucciata Ristorante La Bitta Ristorante Per Gola Ristorante Trentuno.uno Simass cosmetici Speedy Pizza Tabacchi Fumi e Profumi CASALPALOCCO Animalmania Baby Angels Bar “44” Bar Casa del Tramezzino Bar Colombo Bar Cristal Bar Drive In Bar Flaming Bar Le Mimose Bar Orsetto Goloso Cannavale Immobiliare Centro Sportivo Eschilo 2 Confalone Dott. Mauro Cento Fineuro Helios Village La Boutique del pane La Tabaccheria d. Terrazze Priolo Ristor. Il Capitano Achab Ristorante Estància

Ristorante Gola Scuola privata Palocco St. Odont. Podda & Sorci AXA Aessenze Axa Bike Bar Cristiano Bar Menandro Bedda Matri Brums Centro Sportivo Eschilo 1 Dott.ssa Jessica Melluso Euroservice Gelateria Alessia Goya Car Center L’Arte di Gioire New Cast Paola Sgrò estetica Parrucch. Angelo Di Pasca Polvere di stelle Pub Guinness Quelli dell’Albero Azzurro Ristorante Maharajah 2 Ristorante Pane e Vino II° Tru Trussardi Twinky INFERNETTO Antiek Bar “Al Cinghiale” Bar “Cricket” Bar Andy Bar Casina del Bosco Bar Cristal Bar Evandro Bar Gatta Bar La Vela Bar Star Bar Strauss Bar Tabacchi Gli Angoli Bar Tabacchi Il Cigno Bar Tabac. Castelporziano Bar Via San Candido Bruna Coiffeur - Estetica Cav.Ambiente Il Corniciaio Magico Ecodomus Frimm Immobiliare Genesi Immobiliare Gold Car Jasper Art K’s nail center La Boutique del pane Lady B Il Mondo che non c’è Il Parco Giochi Priolo Property Company Rist. D’Arfredo ar Casale Ristorante Eden Rist. Zucchero e limone Sapore diVino enoteca Studi in corso Sweet Home URM traslochi Villa Victoria Zucchero e Babà

I nostri partners Pag. 88

Abitare Oggi

55

Malo Moda

34

Adidas Store

24

Marinauto

18

Alesì

61

MC traslochi & trasporti

23

Analisi & Mercati Fee Only srl

78

Menandro Bar

Angel’s hair

20

Mobili al centimetro

Ariò

78

Movieland

40

Arte Serramenti

118

Nonna Gemma

72

Autoscuola G.L. Center

122

Oasi Ice

57

Axa Bike

12

Officina Estetica

54

Bali England

10

Officine Interni

14

Baroni gioielli

82

Open Games

73

Beauty Suite

32

Ottica Baroni

94

Betting 2000 Premium

72

Ottica Dieci Decimi

86

Boccardi “Donna”

01-35 122

100

109

Paola Sgrò estetica e make-up

Bridge International

26

Parco Giochi giocattoli (Il)

43

Bruna Man and Woman

116

Pets Shop

96

Calandrelli Group

63

Piccolo Mondo

48

Cannavale Immobiliare

96

PK Elite

30

Caracolita (La)

74

Playlife

50

Centro Estetico Fisiorelax

02

Podda & Sorci Studio Odont.

68

ClimArt

95

Compro Oro

73

Property Company

06

Conauto

112

Quality Gardenline Quincy

60-73

Prontotel

04

Consorzio Euroservices

70

87

Data Bags

48

Ranieri Costruzioni

51

Della Rocca pelletteria

90

Regie Auto e Car Service Romanina C. Comm. (La)

22

Dettagli

28

119

Dino Terracciano

69

84

Donne Più

135

Rossini Porte & Finestre Sapore DiVino

107

Dott. Fabrizio Maretto

22

Seasons junior outlet

110

Edilmarmi 3000

66

Se.Ma. Traslochi

75

EcoTV

52

EnneBi Uomo

81

Sindici parrucchieri (I)

106

100

Shen Center

Eschilo 1 Polisportiva

64

Smile Body & Smile Hair

36

Exploit

46

Sole e Colore

50

Farfalle abbigliamento

70

Stefano Mileto fotografo

Fisioter

75

Studi in Corso

103 114

Flessi Porta

104

Studio Odont. Assoc. Puzzilli

46

Francesca O.

108

Studio Odont. Dr. Miniati

116

Gamboni motorsport

42

Supermobili

114

Gamma Auto

72

Tentazioni

133

Gemine Muse

136

102

Golden Dragon Gym

58

Tor Vergata C. Comm.

08

Granai C. Comm. (I)

86

T.R. Arredamenti

62

Ieva Studio d’Arte

66

Trilly

47

Ist. Scolast. Archimede 3000

16

Twinky Home

56

Ist. Scolast. Giovanni XXIII

74

Undercolors of Benetton

111

Jessica Melluso

36

Vancleef calzature

52

Lambretta Store

80

Vermaaten amministr. immobil.

51

Lawrence

76

Vetral Acilia

44

Lazioterm

38

Vivai Esotica

98

Legno + Ingegno

92

Vivai Primaverde

60

Luna Piena (La)

73

Made in Italy

72

Maison Douce

PER INFORMAZIONI SULLA PUBBLICITÀ Tel. 06.52363798 - Fax 06.52363694 - e-mail: anna@mirabiliagroup.it

123

Thun

GUIDA AI RISTORANTI

7


sommario 67

ANNO 8 - NUM. 70

15

Speciale

Cinema

15

Tutta la vita davanti

15

Salute a dimensione europea

71

I film del mese

e italiana

17

Buon senso, domande

Rubriche

e assenza di risposte

19

Le donne vivono di più: mai fidarsi delle statistiche!

19

11

Editoriale

69 Teatro

I più longevi d’Italia? I sardi!

77 Spettacolando 19

27

La speranza di vita nel mondo

23 Staminali sì, staminali no 25 Vaccinarsi contro il tumore

Politica interna

37

69

27 Ritorno al Turismo

81

Condominio e consumatori

83 Videogames 83 Televisioni

71

85 Moda e tendenze

Esteri 31

79 DVD del mese

Europa: ritorno al passato?

35 Haiti, quello che nessuno dice

87 Architettura 89 Arredamento

37 Afghanistan anno zero 37 Guinea Bissau: terra di omicidi

91

Questione di cilindri

93 La libreria di Primaverde

Costume e società

41

41

Emergenza violenza

43 Caro Fido, non mi fido

95 Viaggi 101 Libri

85

47 Termometro addio! 103 Salute e benessere 49 Aggirare la crisi 111 Scienze

43

53

61

Cose dell’altro mondo

115 Vita da cani

Arte

117 Budget e ricette

Hiroshige: naturalismo samurai

119 Ricette dello Chef

91

Spettacoli 67 Sinfonia di Primavera!

123 MagnaRoma

Per la vostra Pubblicità tel. 06.52364509 - 06.52368189 • fax 0652363694

61

È vietata la riproduzione anche parziale di testi, grafica, immagini ) e spazi pubblicitari realizzati dalla Visioni Grafiche S.r.l. (

123 9


di Maurizio Carta

13 MAGAZINE anno 8 - n.70 mensile d’informazione: politica, attualità, cultura, sport, spettacolo, moda www.13magazine.it Direttore Editoriale Claudio Petrollo claudio@ac-overall.it

Direttore Responsabile Dott. Maurizio Carta

“Il lupo non si preoccupa del numero delle pecore.” Virgilio Italia è davvero un paese singolare.

Sembra la storia di

Ogni anno, statistiche alla mano, i

chi vuol figurare

L’

ragazzi del Bel Paese scendono nelle

magro trattenendo

classifiche internazionali relative allo studio

il fiato. Il problema

della matematica. Fioccano così i dibattiti sulla

è che la classe diri-

necessità di studiare meglio i numeri, sulla

gente italiana dà

nefasta influenza di un certo tipo di cultura

l’impressione

di

maurizio@ac-overall.it

umanistica (crociana), sul ‘68, ecc… Eppure, a

non avvertire alcun

Capo Redattore Massimo Mostacci

guardar bene, i grandi accusatori, gli adulti, non

fastidio nei con-

massimo@ac-overall.it

Art direction Cristian Bifolco

editoriale

sembrano essere dei fenomeni del pallottoliere.

fronti di chi, irre-

A partire dai politici.

sponsabilmente, l’ha posta nella condizione di

Sono mesi di dura crisi economica. Nel numero

operare in tal modo. Il grande imputato di que-

scorso abbiamo dato cifre inquietanti sull’anda-

sti anni si chiama debito pubblico. Coloro che

mento mondiale della recessione. Di fronte alle

durante gli anni ‘80, attraverso la finanza alle-

mille emergenze, al susseguirsi dei piani finan-

gra e le svalutazioni, quel debito pubblico

ziari Usa, al grido d’allarme dell’est Europa, noi

l’hanno creato e portato a circa il 100% del Pil,

cristian@ac-overall.it

Redazione Grafica Giada Gargano - Marco Valeriani Pubblicità Simona Del Moro - Renata Di Santo Sergio Marà - Massimo Postiglione Giuseppe Regalbuto Relazioni Esterne Anna Calà anna@ac-overall.it

ci autodefiniamo un paese “solido”. Si può con-

sono puntualmente additati come eroi politici

cedere l’onore delle armi a questo governo: se

del tempo che fu. 14 gennaio 2009: tutti i sena-

andasse deserta un’asta dei titoli pubblici ita-

tori in piedi ad applaudire i 90 anni di Giulio

Dott. Paolo Fiore

liani, sarebbe un mezzo disastro. Nessuno vor-

Andreotti. 19 gennaio 2009: tutti i “riformisti” a

paolo@ac-overall.it

rebbe trovarsi di fronte ad un inasprimento dei

rimpiangere la figura di Bettino Craxi (statista

problemi di finanza pubblica. Rassicurare, più

condannato all’esilio). Ultimi vent’anni: tutti i

che una convinzione, è dunque un compito poli-

giornalisti ad ascoltare proni le ricorrenti “rive-

tico. Ma è sul resto che non ci siamo.

lazioni” di Francesco Cossiga.

La mancanza di liquidi in cassa mette il governo

Se proprio si vuole evitare di parlare di tangen-

nella condizione di contrastare la crisi attraverso

topoli, della stagione siciliana dei fratelli Salvo,

Amministrazione Ombretta Petrollo Segreteria Stefania Brunetto Hanno collaborato Eleonora Isgrò - Paola Stefanucci Alessio Calamita - Michela Carè Chiara Rovan - Luca Salustri Francesca Gisotti - Barbara Zorzoli Riccardo Colella - Ludovica Botti Valentina Mancini - Leonardo Caviola Simona Bottoni - Valeria Fanelli Gaetano Gaggiottino Anna Medici - Dino Terracciano Dott.ssa Matilde Pelagalli Avv. Nicholas M. Vermaaten Lucia Bianco - Lorenzo Palmieri Jessica Melluso - Paola Sgrò Antonio Balsamà Editore Associazione Culturale Overall Direzione e Redazione Via Padre S.F. Pifferi, 39 - 00126 Roma Tel. 06.52364509/52368189 Fax 06.52363694 e-mail: info@ac-overall.it Stampa Arti Grafiche Boccia S.p.A. Distribuzione M.E. Service 13 MAGAZINE - tutti i diritti di riproduzione riservati. Salvo accordi scritti o contratti di cessione di copyright,

cervellotiche architetture finanziarie (“riforme a

delle stragi di Stato, che almeno si parli dei

costo zero”). Non ci sono soldi da dare diretta-

numeri. Chi ha vissuto quegli anni, sa che gli

mente ai disoccupati e alle imprese? Meglio

eccessi erano all’ordine del giorno. Durante

usare i “Tremonti bond”, passare per le banche,

alcuni congressi di partito, c’era chi si faceva

farsi pagare corposi interessi e vincolare gli isti-

pervenire il catering attraverso voli aerei (e non

tuti di credito (ancora non si sa con che tipo di

c’erano le compagnie low cost). Era normale

successo) a dare quei fondi alle piccole e medie

costruire abusivamente, far pagare la carta

imprese. Non c’è abbastanza denaro per fare un

come il prosciutto, andare in pensione entro i

serio piano di edilizia pubblica? Meglio optare

50 anni. Quello stile di vita è diventato un maci-

per una specie di gigantesco condono edilizio.

gno sulle generazioni più giovani, rimaste oggi

Non si possono aiutare i precari? Meglio aspet-

senza copertura contro la crisi. I numeri però

tare e sperare che le famiglie svolgano il tradi-

non interessano a nessuno, specialmente agli

zionale ruolo di ammortizzatore sociale.

adulti.

40.000 copie: il mensile più diffuso e letto di Roma Sud

Distribuito nei seguenti quartieri:

ACILIA - AXA - AXA MALAFEDE - CASALBERNOCCHI CASALPALOCCO - DRAGONA - DRAGONCELLO EUR - EUR TORRINO - FIUMICINO - INFERNETTO MADONNETTA - OSTIA - OSTIA ANTICA - VITINIA

la collaborazione a questo mensile è da considerarsi del tutto gratuita e non retribuita. 13 MAGAZINE - Reg. Trib. di Roma n.554 del 2-10-2002

11


di Maurizio Carta

speciale

Tutta la vita davanti Molti i motivi per essere ottimisti: abbiamo più anni da vivere nonostante uno stile di vita da cambiare in meglio. I margini per invecchiare in salute sono davvero consistenti

Salute a dimensione europea e italiana isogna farsene una ragione e avvertire il Presidente del Consiglio: geneticamente non siamo fatti per andare oltre i 120 anni. Questo è il limite indifferibile imposto da Dio o dalla natura. Come regolarsi nel frattempo? Cosa si è fatto per vivere di più e meglio? Sono domande che molti si pongono e che hanno avuto parziale risposta lo scorso 20 marzo, quando è stato presentato ai cittadini europei il Rapporto Euglorech 2007 (lavoro congiunto dell’Unione Europea, del Ministero del Welfare e dell’Istituto Superiore di Sanità). Iniziamo dai dati positivi: gli europei hanno guadagnato in appena 10 anni (1995-2005) ben 3 anni di vita. La media è a quota 75,5 anni per gli uomini e 81,6 per le donne; un dato che nel caso italiano sale a ben 79,5 anni per gli uomini e 84,1 anni per le donne (secondo dati Istat, dagli anni ‘70 abbiamo guadagnato ben 7 anni di vita, il 70% dei quali grazie al successo contro le malattie cardiovascolari). L’aspettativa di vita aumenta dunque, e lo fa a causa della minore mortalità infantile, della riduzione dell’incidenza delle malattie cardiovascolari e del maggiore controllo sulle malattie infettive. Gli esperti però dicono che si può fare di

B

meglio e di più, soprattutto perché non calano i viziati (droga, alcol e fumo) e perché aumenta l’obesità, il sovrappeso e il diabete. L’Università di Oxford ha pubblicato studi in cui si dimostra che essere fortemente obesi (indice di massa corporea oltre quota 40) equivale a fumare e accorcia la vita di 10 anni. Il rapporto Euglorech, a tal proposito, parla chiaro: nel 1999, ogni cittadino dell’Europa a 15 ingeriva 300 calorie in più al giorno che negli anni ‘70. E l’attività fisica scarseggia: due cittadini adulti su tre non ne fanno abbastanza. Ma torniamo ai dati generali. Le cause di morte prima dei 65 anni sono soprattutto legate all’insorgenza dei tumori (insorgenza ben contrastata nella maggior parte dei casi ma non in quello del cancro al polmone), delle malattie cardiovascolari (gli esperti calcolano che su 15 milioni di ipertesi italiani, 3 milioni ne sono inconsapevoli), dei traumi e

degli avvelenamenti. Preoccupa l’incidenza della depressione, dell’ansia e i disturbi neuropsichiatrici: ne soffrono addirittura dal 15 al 20% degli adulti ed è la prima causa di suicidio oltre i 65 anni. Ovviamente, con l’andare degli anni, si moltiplicano anche altre tipologie di problemi: oltre i 50, 1 donna su 3 e 1 uomo su 8 sviluppano forme di osteoporosi; il 20% degli over 80 si ammala di demenza senile (dato italiano). Stupisce del rapporto la parte dedicata a fumo, alcol e droghe, ovvero i principali responsabili di sei delle otto principali cause di morte nel mondo. 42 milioni di europei hanno problemi con la bottiglia. La sbornia è diventato un appuntamento usuale specialmente per i più giovani. Cresce anche l’uso della cocaina e l’incidenza dell’epatite C, particolarmente legata all’uso delle droghe (1 milione di europei ne sono portatori). Senza contare il problema dell’AIDS, che ogni anno

15


speciale conta in Europa centrale e occidentale 15.000 nuove persone infette (cresce anche l’incidenza della clamidia, della gonorrea e della sifilide). Infine, il cosiddetto “fattore ambientale” non è affatto trascurabile: il 40% degli europei è sovraesposto ai rumori del traffico e il 90% di coloro che abitano in città è esposto a livelli di inquinamento atmosferico eccedenti i limiti raccomandati dalle pubbliche autorità (solo la metà delle città europee dispone di uno spazio verde accessibile a piedi in 15 minuti).

Buon senso, domande e assenza di risposte l rapporto Euglorech e gli altri dati citati presentano luci, ombre e qualche passo che non convince. A parte la singolarità di fantomatici studi che sosterrebbero che ad una riduzione della temperatura di casa da 25 a 20 gradi è associato un maggior successo scolastico per i bambini di 10-12 anni (quasi a giustificare atmosfericamente l’asineria degli studenti italiani rispetto a quelli svedesi), non è indagato un punto fondamentale nel rapporto tra ciò che gli europei ingeriscono e l’insorgenza di malattie mortali. Il testo parla fieramente dell’obiettivo di mantenere “i livelli di sicurezza alimentare perseguiti in Europa”. Chi ha viaggiato un po’, specialmente se italiano e in possesso delle giuste conoscenze in fatto di cucina mediterranea, non può che sorridere di fronte a certe affermazioni. La sicurezza alimentare non è un fatto di tabelle e di generiche definizioni su cibi grassi e dannosi. Se il costume è quello che domina il nord Europa (e purtroppo in ascesa in Italia), quello cioè di mangiare trash food, di consumare abitualmente pollo e patatine fritte, hamburger e hot dog affogati di salse, non c’è igiene, non c’è somministrazione corretta che tenga. Se si permette alla grande distribuzione alimentare di competere ferocemente con prezzi al ribasso, di importare indiscriminatamente merci

I

provenienti da altri emisferi (per niente fresche e chissà come conservate), di contare su scarsissimi controlli, non c’è normativa che tuteli. E poi ci sono i consumatori, sempre più di fretta, sempre più distratti rispetto alla qualità alimentare, sempre più colpevolmente vezzeggiati con banconi dei surgelati che si allargano e si allungano di anno in anno, con hard discount che sorgono come funghi, con cibi precotti e take away sempre a portata di mano. Plastica e cibo sono ormai diventati un connubio imprescindibile: tutto è impacchettato in comode confezioni la cui tracciabilità e il cui stoccaggio lasciano aperti tanti interrogativi (a cominciare dalle acque minerali, trasportate ogni estate a temperature di 40 gradi e lasciate in qualche caso sotto il sole). Prima ancora dei discorsi sull’obesità, quindi, è su questo punto che si dovrebbe concentrare l’attenzione pubblica. Si mangia male e, cosa ancor più grave, anche quando si tenta di mangiar bene, si corrono possibili rischi. Un campanello d’allarme, come al solito, lo ha offerto il blog di Beppe Grillo. La denuncia riguarda due

ricercatori che hanno analizzato per anni ciò che mangiamo e che sostengono la presenza di nanoparticelle di metallo (non biodegradabili e possibile causa di tumori e infezioni) in cibi come gli omogeneizzati Plasmon (manzo, vitello e prosciutto), i tortellini Fini, gli hamburger McDonald’s, il cacao in polvere Lindt, i cornetti Sanson, la mozzarella Granarolo, le gomme da masticare Daygum Microtech, il Pandoro Motta, i biscotti Galletti e Macine Barilla, gli integratori Formula 1 e 2 Herbalife, i Ringo Pavesi, il Pane morbido Barilla, il Paneangeli Cameo, le Nastrine Barilla, ecc... Beppe Grillo ha asserito che tali notizie sono state pubblicate nel suo blog (uno dei primi dieci al mondo) senza rimostranze da parte delle aziende coinvolte. La speranza è che le aziende stesse siano in buona fede (il microscoBEPPE GRILLO pio necessario a fare certe ricerche è uno strumento dalla tecnologia avanzatissima e dai costi non comuni). Oppure si potrebbe pensare che non abbiano dato peso alla faccenda per il semplice fatto che sanno di rispettare tutti i limiti e le prescrizioni di legge in materia.

17


speciale Qui sta dunque il vero punto del contendere, cioè lo scarto tra la sicurezza alimentare legale e quella sostanziale: la legge prescrive precisi confini di tolleranza per tutto ciò che di non salutare può esser presente in un singolo alimento; nessuna legge stabilisce però un tetto complessivo rispetto al quale il singolo essere umano corre pericoli. Concludiamo tornando al tema della speranza di vita, rispetto al quale Catherine Mayer, giornalista del Time e osservatrice di tendenze e costumi, ha coniato il nuovo termine di “amortalità”. Silvio Berlusconi e Nicolas Sarkozy, con le loro manie di giovanilismo, con la loro vita intensa e la continua ricerca di conquiste femminili, ne sarebbero affetti. Non sappiamo se tale tendenza diventerà un giorno di massa. Sappiamo però che ad essa preferiamo il contegno e la senescenza fascinosa di Clint Eastwood e Paul Newman. Divi si nasce, non si diventa.

I più longevi d’Italia? I sardi! on 330 centenari su 1.600.000 abitanti, la Sardegna continua a detenere il record dei centenari e ad essere uno dei posti dove si vive di più al mondo. Rispetto al dato, sembrano però fortemente in rimonta i lombardi, i veneti, i marchigiani, i trentini e i friulani. Queste cifre cambiano nel giro di una o due generazioni: 35 anni fa risultavano infatti ai primi posti i calabresi, gli abruzzesi e i lucani (oggi in fondo alla classifica).

C

Le donne vivono di più: mai fidarsi delle statistiche! n Europa gli uomini vivono in media 75,5 anni e le donne 81,6. In Italia tale cifra tocca quota 79,5 anni per gli uomini e 84,1 anni per le donne. Se guardiamo i due dati in parallelo, colpisce il differenziale quasi immutato di circa 5 anni. Tale stima va però interpretata. Secondo il rapporto Euglorech, “se si considera la vita in ‘buona salute’ le donne hanno un vantaggio di appena due anni”. A questo c’è poi da aggiungere che gli uomini fino ai 65 muoiono con un’incidenza 4 volte maggiore per incidenti stradali (perché semplicemente guidano di più) e soffrono di un’incidenza di malattie legate al lavoro pari ad 80 su 100.000: il doppio delle donne. Infine, secondo il demografo Matteo Bellinzas, la longevità maschile è proporzionalmente in crescita rispetto alle donne, perché se prendiamo i dati dal 1974 ad oggi, la forbice tra i due sessi si riduce.

I

La speranza di vita nel mondo iente è più capriccioso della morte, niente è più aleatorio della vita. Questo principio, purtroppo inerente al vissuto privato di ogni essere umano, per una volta trova conferma anche nelle anonime statistiche demografiche. Gli ultimi dati comparativi disponibili risalgono al 2004. Le differenze relative alla fortuna o meno di nascere in occidente sono spaventose. L’aspettativa di vita per un bambino nato in Botswana è di quasi 31 anni, quella di uno svizzero 81. È curioso però notare che molte volte tale differenziale non è del tutto riconducibile al divario economico tra mondo occidentale e resto del pianeta. Si vive molto, e bene, anche a Singapore e Hong Kong (circa 81,5 anni in media), in Kuwait (77 anni), in Libia, Ecuador e Cile (76 anni), in Georgia, Uruguay e Arabia Saudita (75 anni), in Tunisia, Turchia e Venezuela (74 anni). Nascere in Africa rimane comunque una condanna: la speranza di vita di Zambia, Mozambico, Malawi, Zimbawe e Ruanda non tocca i 40 anni.

N

19


speciale

di Eleonora Isgrò

Staminali sì, staminali no Il mondo si divide e l’America ne riprende la leadership a nuova amministrazione USA ha compiuto un’altra piccola rivoluzione nei confronti della precedente. Questa volta si va a toccare una delicata questione etica. Come promesso in campagna elettorale, Barack Obama ha firmato lo scorso 9 marzo un ordine esecutivo per la rimozione dei limiti al finanziamento pubblico alla ricerca sulle cellule staminali embrionali posto nel 2001 da George W. Bush. Il provvedimento assegna al National Institute of Health (NIH, il nucleo della ricerca scientifica americana) il compito di fissare entro 120 giorni le linee guida, ed al Congresso la responsabilità di realizzare una legge completa. “Le scelte sulla ricerca scientifica devono essere basate sui fatti, non sull’ideologia” ha dichiarato il Presidente. Il provvedimento cancella i limiti imposti dall’amministrazione Bush nel 2001: si stabiliva che non sarebbe stata finanziata la ricerca sulle staminali embrionali, ad eccezione dei 21 ceppi già esistenti. Di fatto, la ricerca era stata congelata e molti ricercatori americani si erano trasferiti in Gran Bretagna. Le cellule staminali embrionali, secondo la maggior parte dei ricercatori, vengono considerate neutre fino al 14° giorno, cioè in grado di generare qualsiasi tipo di cellula, per questo vengono chiamate “totipotenti”. Ed è grazie a questa caratteristica che potrebbero arrivare a curare malattie come l’Alzheimer ed il Parkinson. Alcuni ipotizzano addirittura la possibilità di generare cellule epatiche, cardiache, nervose, aprendo nuovi scenari per la medicina. Ma quali sono le posizioni nel resto del mondo? In paesi come Austria, Polonia, Lituania, la ricerca è vietata. In altri, come Belgio, Gran Bretagna, Svezia, Nuova Zelanda, è invece fortemente incoraggiata. In Italia, la legge di riferimento è la 40 sulla fecondazione assistita. Essa vieta qualsiasi sperimentazione sull’embrione umano, e quindi l’estrazione di cellule staminali a scopo di ricerca, anche se formalmente viene ammessa la ricerca su staminali create in altri paesi. Gli Usa hanno espresso la volontà di riprendere la leadership mondiale nella ricerca: “L’America guiderà il mondo verso le scoperte che questo tipo di ricerca potrà un giorno offrire”, ha dichiarato Barack Obama.

L

23


di Paola Stefanucci

speciale

Vaccinarsi contro il tumore Papilloma Virus: prevenire si può (e si deve) e infezioni da Hpv (Human Papilloma Virus) sono in forte aumento. Tale virus, peraltro, è potenzialmente in grado di sostenere una patologia neoplastica (carcinoma cervicale). Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità, la papillomatosi (o condilomatosi) rappresenta circa il 26% delle infezioni sessualmente trasmesse nella fascia d’età compresa tra i 25 e 64 anni. Sull’orizzonte prevenzione si profilano nuove ed ottimistiche prospettive: la vaccinazione gratuita su tutto il territorio nazionale sostenuta dal Ministero della Salute. A beneficiarne saranno 250.000 donne tra i 12 e i 26 anni. Chi non rientra nell’offerta può comunque vaccinarsi, naturalmente previa consultazione dello specialista. La vaccinazione, con la conseguente immunizzazione della popolazione giovane adulta esposta al rischio di contagio, azzererà i costi relativi alle cure per gli effetti devastanti dell’Hpv.

L

L’Hpv è annoverato tra i microrganismi più insidiosi entrati prepotentemente nella pratica medica comune. Come avviene il contagio? Come si presentano le lesioni e quali sono i sintomi? Le infezioni da Hpv si contraggono prevalentemente attraverso i rapporti sessuali. Lo spettro clinico varia da microlesioni visibili solo all’esame ad ingrandimento (ad esempio, con la colposcopia) fino ai condilomi acuminati, macrolesioni visibili ad occhio nudo, note sin dall’antichità e chiamate volgarmente “creste di gallo”. Il virus si replica negli epiteli dell’area anogenitale maschile e femminile, ma non è raro localizzarlo in altri distretti anatomici come il tratto faringolaringeo. Il papilloma può essere sintomatico o non. I sintomi sono rappresentati generalmente da disturbi soggettivi: bruciore e prurito. Nei casi asintomati-

DR. ITALO ARDOVINO

Sull’argomento intervistiamo il Dr. Italo Ardovino, Consigliere della Società Italiana di Ginecologia ed Ostetricia (SIGO). Il simpatico seguace d’Ippocrate, che in 39 anni di onorata attività si pregia di aver fatto nascere sotto la sua guida ben 47.000 bambini, ci risponde con competenza e fervore.

ci, la cui diagnosi è quasi sempre fortuita, l’Hpv pur non dando nessun segno di sé, svolge lo stesso la sua azione deleteria. È importante ribadire che: “non tutti i papillomi diventano cancro della cervice, ma non esiste cancro della cervice che non sia passato per il papilloma”. Qual è il trattamento terapeutico?

La laserterapia, localizzata, che ha minori effetti dannosi sui tessuti sani circostanti. Fondamentale sarebbe la prevenzione. Una cultura che in Italia non esiste per la scarsa informazione (1 donna su 4 sa cos’è l’Hpv) e per l’imbarazzo suscitato da ciò che concerne la sfera sessuale. Vorremmo conoscere la sua opinione sul programma di vaccinazione avviato dal Ministero della Salute… La campagna di vaccinazione è un’opportunità di enorme rilevanza sociosanitaria che potrebbe avere effetti positivi pari, ritengo, a quelli della vaccinazione contro il virus (ormai scomparso) della poliomielite. La sensibilizzazione è urgente. La propaganda necessaria. Bando all’inerzia. Occorre la mobilitazione di tutti: non solo dei ginecologi, ma anche dei medici di base, dei pediatri, delle società scientifiche, della scuola e dei genitori per trarre dall’iniziativa ministeriale gli (auspicati) risultati ottimali in termini di sanità e benessere.

25


politica interna di Simona Bottoni

Ritorno al

Turismo Nei prossimi mesi Michela Brambilla potrebbe diventare il nuovo Ministro del Turismo ra il 1993 e l’82,3% degli italiani, chiamati a decidere sull’abrogazione del Ministero del Turismo attraverso un referendum, espressero il proprio assenso. In questi sedici anni di assenza del Ministero, a seguito dell’approvazione della riforma del Titolo V della Costituzione ed alla luce del nuovo art.117, alle singole Regioni è spettata la competenza piena in materia di turismo. E si sono organizzate, hanno fatto promozioni continue delle loro attrazioni, in Italia e all’estero. Intanto, in relazione a due Decreti Legislativi (1999) e a due Leggi (1997 e 2001), il Ministero per le Attività Produttive ha acquisito importanti funzioni nel settore turistico. Tali funzioni nascono da norme superate, che attraggono entro la sfera delle competenze ministeriali praticamente tutti gli aspetti del turismo. Manca, dunque, secondo la dottrina prevalente, un quadro normativo coerente al nuovo impianto costituzionale, sicché c’è da auspicarsi che il processo di riforma venga completato, non soltanto nel rispetto delle prerogative costituzionali delle Regioni e delle Autonomie Locali, ma anche abbandonando ogni tentativo di ricentralizzazione, pur nella necessità di non disperdere il patrimonio di conoscenza e competenza ministeriale. Fino a qui gli argomenti giuridici. Poi c’è la realtà politica e, in particolare, l’intervento di Berlusconi allo scorso forum di Confcommercio di Cernobbio). Il Presidente del

E

Consiglio, rivolgendosi al Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, ha dichiarato: “faremo il Ministero del Turismo […] credo nel giro di un mese […] Tu conosci che ira di Dio è la signora Brambilla, una che non molla l’osso”. L’intervento si è concluso con la sottolineatura dei dati emersi da un rapporto delle Nazioni Unite, in base al quale il settore del turismo e quello della sanità saranno quelli che cresceranno di più nei prossimi anni. “Le dichiarazioni del Presidente Berlusconi - ha commentato la Brambilla (sot-

MICHELA BRAMBILLA

tosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al Turismo) - rappresentano un’ulteriore conferma della volontà di questo Governo di dare finalmente vita ad una politica nazionale del settore”. Assoturismo-Confesercenti ha accolto con favore l’annuncio, sottolineando che l’idea “fa parte da tempo della battaglia per rilanciare la competitività del settore. Si sente la mancanza di un Ministero che sappia coordinare meglio

competenze ed interventi a livello territoriale e settoriale al fine di dotare il turismo italiano di una più forte visibilità ed efficienza”. Il settore turismo, che vale il 12% del PIL in Italia, lancia segnali preoccupanti. I dati riferiti al 2008 non sono incoraggianti: -6,1% per le vacanze estive degli italiani in Italia; -1,6% gli arrivi dei turisti stranieri, con un -25,3% degli americani; una perdita di 4 miliardi di fatturato nel comparto (-0,3% del Pil) ed un decremento dell’occupazione di circa 40.000 lavoratori. Dopo che Michela Vittoria Brambilla si era dichiarata preoccupata perché nella finanziaria 2009 non erano previsti interventi (neppure quelli a costo zero) né fondi destinati al sistema turismo, il 6 febbraio scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il provvedimento che introduce il “buono vacanza”. Stanziati 5 milioni di Euro che copriranno parte della spesa delle vacanze per le famiglie meno abbienti. Il bonus, erogato dal Comune di residenza già dal prossimo mese di aprile, avrà validità 12 mesi e sarà spendibile nelle strutture convenzionate per soggiorni al mare, in montagna o alle terme (tranne che nei periodi di luglio e agosto e dal 20 dicembre al 6 gennaio). L’importo varierà dai 250 ai 500 Euro in base al reddito complessivo della famiglia e al numero dei componenti. Sono previsti contributi anche per famiglie con uno o due componenti.

27


di Eleonora Isgrò

esteri

Europa: ritorno al passato? a crisi economica che dall’Atlantico si è abbattuta sull’Europa, rischia di minare le basi dell’Unione Europea a 27, creando una spaccatura tra occidente e oriente, tanto che già si parla di nuova “cortina di ferro economica”. Come ha dichiarato il commissario Ue agli Affari economici Joaquin Almunia, gli allargamenti del 2004 e del 2007, con cui si è arrivati ad una Europa a 27

L

JOAQUIN ALMUNIA

membri, “hanno messo fine alla divisione dell’Europa, contribuito a consolidare la democrazia e beneficiato tutti i Paesi Ue in termini di maggiore competitività, crescita e occupazione”; aggiungendo: “Non dovremmo permettere alla crisi di oscurare questo innegabile successo”. Ma al di là delle dichiarazioni, nel vertice

Centro, est e nord Europa: gli effetti della crisi ipotecano lo sviluppo e i progressi degli ultimi quindici anni Ue del 1° marzo è emersa la mancanza di coordinamento tra i paesi per la soluzione alla crisi, l’emergere degli egoismi nazionali, il prevalere di misure protezionistiche e, cosa principale, la mancanza di una strategia condivisa per salvare il salvabile nei paesi dell’ex-Patto di Varsavia. Torna anche il dibattito tra gli euroscettici e non: secondo il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti, l’allargamento a Est dell’Unione Europea è stato troppo affrettato e “quando sarà chiara l’intensità della crisi nell’Europa centroorientale, saranno chiare anche le dinamiche che hanno portato a quella crisi”.

Di parer contrario Tito Boeri, economista della Bocconi e animatore del sito www.lavoce.info, secondo cui “l’espansione a Est è stata fonte di grande crescita per l’Europa”, ma è mancata l’integrazione politica che l’avrebbe dovuta accompagnare. L’Europa centro-orientale è colpita da una crisi economica che arriva dopo anni di crescita e che si è aggravata dal modello di sviluppo con il quale si è manifestata. Trattasi di un importante banco di prova per le giovani democrazie orientali, che dovranno fare i conti con gli altissimi costi sociali che questa crisi potrebbe avere, rischiando una recrudescenza nazionalista e autoritaria. Fino allo scorso anno, cospicui capitali occidentali finanziavano generosamente sia il sistema produttivo che la concessione di mutui e prestiti al consumo. Le banche occidentali possiedono tra il 60% e il 90% del circuito bancario dell’Europa centro-orientale. Il 90% dei prestiti proviene da una decina delle più grandi banche occidentali: la tedesca Commerzbank, l’austriaca Raiffeisen e Erste Bank, l’italiana Unicredit, l’olandese ING e la francese Società Generale. Il problema della crisi si è manifestato e si è acuito con la concessione dei mutui.

31


esteri

Le tigri baltiche opo il passaggio dai regimi comunisti ai sistemi capitalisti, Estonia, Lettonia e Lituania, a partire dalla metà degli anni novanta, hanno raggiunto uno sviluppo economico impressionante. La ricetta era TALLIN (ESTONIA) semplice: basso costo del lavoro, liberalizzazioni, riforme strutturali. Queste condizioni favorevoli hanno attirato ingenti capitali delle banche occidentali, che hanno permesso una crescita galoppante: ancora nel 2007 il PIL della Lettonia cresceva del 10,3%. La crisi di ottobre ha bruscamente invertito il fenomeno: nel solo mese di gennaio il PIL della Lettonia ha subito una contrazione del 10,5% (la peggiore mai subita dal ‘91). Nel 2008 il PIL della Lituania è crollato fino ad arrivare ad un misero +1,3%, e quello dell’Estonia è sceso del 9,4%. Gli effetti della crisi sono anche politici. In Lettonia il governo di centro-destra ha rassegnato le dimissioni dopo essere salito al potere da poco più di un anno. Forti proteste sono culminate nel saccheggio di supermercati, 100 arresti e il ferimento di una quarantina di persone dopo che 10.000 persone erano scese in piazza contro i drastici provvedimenti presi per diminuire la spesa pubblica, condizione necessaria per ottenere i 7,5 miliardi di euro dal Fondo Monetario Internazionale. Le amministrazioni locali subiranno un taglio del 40% del bilancio, mentre scuole ed ospedali sono a rischio chiusura. Anche in Lituania ci sono stati forti scontri. A gennaio un gruppo di dimostranti ha attaccato il parlamento contro l’aumento delle tasse e i tagli ai salari nel pubblico impiego.

D

Incentivati dall’apparente stabilità del cambio con l’euro, sono proliferati i mutui denominati in valuta forte, come euro e franco svizzero. Col dissolversi della bolla speculativa immobiliare, questi mutui sono diventati insostenibili per banche e proprietari. Le banche si sono così ritrovate con un’altissima percentuale di debito e con la paura di rimaner sole: secondo un rapporto di Swiss Bank, è previsto un calo del volume dei capitali bancari verso l’Europa dell’est dai 95 milioni di euro del 2008 ai 22 del 2009. La proposta del premier ungherese Gyucsany al vertice del 1° marzo di lanciare un programma straordinario di circa 180 miliardi di euro per aiutare i dieci paesi orientali a resistere all’impatto, potenzialmente devastante, della recessione economica, è stata respinta a seguito delle posizioni espresse dalla Presidenza Ceca (e sulla spinta di Ger-

mania e Polonia), ritenendo più opportuno limitarsi a valutare interventi specifici senza dare l’impressione di un blocco orientale sull’orlo del fallimento finanziario. Intanto, si rincorrono i dati negativi. In Bulgaria, lo scorso anno, le esportazioni sono precipitate del 22%; il settore agricolo, che per molti è ancora a livelli di sussistenza, è crollato del 20%. Si è passati dal miracolo economico alla recessione fulminante. L’esercito dei disoccupati continua a crescere: 50.000 in Bulgaria dall’inizio del 2009 e 45.000 nella Repubblica Ceca da gennaio. In Polonia il tasso di disoccupazione è balzato al 10,5%. I giovani paesi dell’est sono stati lasciati a loro stessi. Vedremo se saranno in grado di affrontare la più grande crisi economica degli ultimi cento anni.

Ungheria Ungheria è a rischio default. L’OTP, la banca privata più grande del Paese, l’unica pienamente nazionale, ha ventilato l’ipotesi di elezioni anticipate. In molti pensano che il governo Gyurcsany non riuscirà a reggere fino al 2010, data prevista per le elezioni politiche. Budapest è sotto osservazione da parte delle agenzie di valutazione finanziaria. C’è fortissima preoccupazione nella capitale magiara anche per la tenuta del settore bancario.

L’

BUDAPEST

33


esteri

di Alessio Calamita

Haiti, quello che nessuno dice Ricominciano i rimpatri dagli Usa: è un ritorno alla disperazione n un suo dossier, Stephen Lendman, noto blogger (http://sjlendman.blogspot.com) e autore del volume “The Iraq Quagmire: The Price of Imperial Arrogance”, ha recentemente messo in luce i dati dell’Immigration and Customs Enforcement (ICE) americano. Oltre 30.000 espulsioni riporteranno migliaia di haitiani nel paese d’origine, una Haiti che già vacilla sotto il peso della povertà, della repressione e della devastazione portata dagli uragani della scorsa estate. C’è poi la faccenda poco chiara dell’occupazione da parte dei caschi blu delle Nazioni Unite, giunti nell’isola per supportare il governo in carica e comandati in maniera abbastanza inconcludente da un contingente brasiliano. Dopo una pausa che si protraeva da settembre, lo scorso 9 dicembre l’ICE ha ripreso le espulsioni. La sospensione dei provvedimenti era dovuta alle devastazioni degli uragani estivi, che hanno lasciato 800.000 persone senza cibo, acqua e altri beni di prima necessità e 70.000 senza casa. La portavoce dell’ICE, Nicole Navas, ha annunciato che “Era in programma la ripresa dei voli per il rimpatrio degli espulsi non appena la situazione nel paese fosse stabile e sicura. Abbiamo ritenuto fosse appropriato farlo ora considerate le attuali condizioni sul posto. Le persone rimpatriate hanno ricevuto ordine definitivo di rimpatrio nonché i documenti di viaggio necessari”. La BBC ha definito la situazione di Haiti “impressionante” e il Miami Herald ha dichiarato che vi è stato il “disastro umanitario peggiore dell’ultimo secolo”. Gonaives, terza città dell’isola, è pressoché inabitabile. Gran parte del bestiame è andato perduto e i raccolti, gli attrezzi agricoli, le sementi e i sistemi di irrigazione sono andati distrutti. Si contano un miliardo di dollari di danni, 23.000 case demolite, 85.000 danneggiate e 964 scuole distrutte o gravemente danneggiate. Più di due milioni di haitiani (sui sei totali) vivono in stato di indigenza e sottoalimentazione (dati dell’USAID: United States Agency for International Development). Nell’ultimo mese i prezzi sono aumentati del 40% rispetto a gennaio. Senza parlare delle condizioni igienico-sanitarie del tutto inadeguate e della mancanza di acqua potabile o anche solo pulita. Haiti è un’emergenza che ha bisogno di risposte.

STEPHEN LENDMAN

I

35


esteri

di Eleonora Isgrò

di Eleonora Isgrò

esteri

Afghanistan anno zero

Guinea Bissau: terra di omicidi

La prossima Conferenza olandese potrebbe inaugurare una nuova strategia nell’area

L’omicidio del Presidente precipita il paese nell’anarchia

onquistare i cuori e lo stomaco degli afgani”. Questo è lo slogan della nuova strategia americana per la stabilizzazione dell’Afghanistan, una strategia che coinvolge i paesi limitrofi e che fa da premessa per la pace in tutta la regione mediorientale. Il futuro dell’Afghanistan è incerto. Sul fronte interno, la decisione della Commissione elettorale di spostare di quattro mesi le elezioni presidenziali che si sarebbero dovute svolgere il 20 aprile, mette in discussione la rielezione e la figura del presidente Karzai. Sul fronte esterno, “Una conferenza di alto livello sul futuro dell’Afghanistan sarà organizzata il 31 marzo all’Aia sotto gli auspici delle Nazioni unite” (comunicato del Ministero degli Esteri olandese). La decisione americana di coinvolgere l’Iran a questa conferenza segna la svolta della politica estera americana dopo anni di strategia Bush: l’Iran non è più considerato come un pezzo dell’ “Asse del male” e quindi paese da distruggere militarmente, ma come possibile interlocutore per la stabilizzazione dell’Afghanistan e quindi dell’intera area. Il problema afgano è quindi sempre meno militare e sempre più politico. Senza contare che USA e Iran hanno precisi interessi convergenti nell’area: lotta al traffico dell’oppio, opposizione ai talebani e lotta al fanatismo di Al Qaeda. HAMID KARZAI Sul fronte interno il Presidente Hamid Karzai non ha ottenuto le elezioni anticipate come richiesto. Da parte del popolo afgano c’è sfiducia sia in lui che nella comunità internazionale. Il suo consenso è sceso dal 90% al 50%. La ricostruzione non ha risollevato il paese, in preda a fame, malattie e con un’economia instabile. Manca sicurezza: i raid aerei della Nato continuano a mietere vittime innocenti. Secondo l’ONU, dei 2.118 civili uccisi nel 2008 (nel 2007 erano 1.523), il 55% è imputabile alla guerriglia talebana e il 39% agli effetti dei bombardamenti aerei delle truppe occidentali. La Nato nega questo tipo di responsabilità, ma il rischio più alto è quello del ritorno al potere dei talebani, che potrebbe avere effetti devastanti ed estesi al Pakistan.

“C

ncora un altro capo di stato ucciso in Africa. Questa è la volta di Joao Bernardo “Nino” Vieira, presidente della Guinea Bissau, giustiziato lo scorso 2 marzo da un gruppo di soldati nel palazzo presidenziale, per vendicare la morte del capo di stato maggiore dell’esercito, Tagme Na Waie, vittima a sua volta, poche ore prima, di un attentato dinamitardo. Nino (il soprannome è eredità JOAO BERNARDO della guerra di indipendenza) "NINO" VIEIRA era considerato il padre padrone della Guinea Bissau, da 23 anni al potere a fasi alterne. Il piccolo paese (1.600.000 abitanti) si era liberato dal giogo colonialista portoghese nel 1973, arrivando nel 1998 ad aver vissuto 9 anni di sanguinosa guerra civile. Nino era stato rieletto con elezioni democratiche nel 2005, dopo una pausa di sette anni. Il piccolo Stato africano è uno dei più poveri e instabili del continente. Il tasso di mortalità materna è di 1.100 decessi ogni 100.000 bambini nati vivi; quello di mortalità infantile è di 124 per 1.000. La speranza di vita alla nascita è di 45 anni. In questo oceano di miseria, negli ultimi anni molti colombiani hanno deciso di prendere la residenza con le loro splendide ville e macchine di lusso. Si tratta dei signori della droga. Dal 2004 il narcotraffico è entrato nell’economia del paese, distruggendo il resto dell’economia locale. Quelli che prima erano i vecchi magazzini per conservare il pesce nel porto di Bissau, ora servono per stipare i carichi di cocaina provenienti dal Sudamerica. Vi è un nuovo percorso ad alta velocità. Piccoli aerei, sostituendo le navi e dimezzando i tempi di consegna, portano la cocaina in grandi quantità. I trafficanti europei la smistano in Europa con piccole imbarcazioni da turismo o velivoli. In molti sospettano che dietro l’uccisione di Vieira ci sia il narcotraffico. In Africa sempre più spesso capi di stato democraticamente eletti vengono estromessi con le buone o le cattive maniere. Ad agosto vi è stato un golpe bianco in Mauritania. Lo scorso dicembre è stata la volta della Guinea Conakry. Ora è in atto una sanguinosa guerra civile in Madagascar. Probabilmente le democrazie soffrono il mal d’Africa.

A

37


di Eleonora Isgrò

costume e società

Emergenza violenza Intervista a Sabrina Frasca, Responsabile del Centro Maree per le donne in difficoltà tupro di Guidonia, stupro della Caffarella, stupro di capodanno. L’Italia sembra essersi accorta solo da poco del fenomeno della violenza alle donne. Ed anche se tutti sono terrorizzati al pensiero dell’aggressione dello sconosciuto per strada, in pochi sanno che nel nostro paese, ogni tre giorni, una donna viene uccisa dal proprio marito. Ne parliamo con Sabrina Frasca, dell’Associazione Differenza Donna di Roma, Responsabile del Centro Maree per donne in difficoltà nel quartiere del Trullo. Che attività svolge l’Associazione dove lavori? Tu di cosa ti occupi? L’Associazione nasce nel 1989 con l’obiettivo di prevenire e contrastare il fenomeno della violenza alle donne. Nel centro di cui sono Responsabile, ospitiamo 10 donne e 10 bambini, con una permanenza di massimo 6 mesi. Le restanti centinaia di donne che seguiamo usufruiscono dei colloqui, dell’assistenza legale, della rete costruita con i servizi sociali e i tribunali. Le donne che si rivolgono ai centri antiviolenza nel 75% dei casi escono dalla situazione di violenza con successo e cominciano una nuova vita in autonomia. Quali sono le tipologie di donne che aiutate? Quante sono? Le donne che si rivolgono al centro sono per il 75% italiane. Ogni anno si rivolgono in media ad ogni centro 500 donne nuove, con un incremento di richieste di aiuto pari al 35%. Il fenomeno è ancora in parte sommerso perché le donne hanno vergogna e paura a denunciare, proprio perché ad agire la violenza è il marito, il compagno, l’uomo che si è scelto di sposare e con il quale si hanno avuto dei figli.

S

Nella tua esperienza, cosa intendi per violenza sulla donna? Esistono tante violenze? La violenza che le donne subiscono è nella percentuale del 90% il maltrattamento, ovvero violenza fisica e psicologica agita all’interno delle mura domestiche. Questa dinamica comporta una graduale escalation di controllo e sottomissione della donna che arriva a durare anche 20 anni e che sfocia nelle aggressioni fisiche e sessuali. Al centro si rivolgono donne straniere prive di risorse economiche e sociali così come donne laureate con lavori prestigiosi. Si parla di violenza degli stranieri sulle italiane, hai notato questo fenomeno nella tua esperienza? Esiste un identikit del violento? Ad agire violenza sono gli uomini, a prescindere da nazionalità, religione o classe sociale. Generalmente non hanno patologie psichiatriche o problemi di alcolismo, ma sono uomini con vite e lavori normalissimi. Si parla di violenza alle donne solo in termini di emergenza e di “stupro”, mentre le aggressioni da

parte di uno sconosciuto per strada sono una percentuale bassissima. Questo tipo di stupro è senz’altro una forma della cultura patriarcale esistente nella nostra società, diremmo uno dei tanti tasselli in cui questa cultura si esplica. È in voga la parola “Sicurezza”. Quali sono le misure che si dovrebbero prendere per rendere la donna più “sicura”? Solo mettendo in discussione la relazione tra uomo e donna in famiglia, a scuola, sul lavoro si può rendere le donne più sicure. La sicurezza per le donne non si ottiene con misure solo di natura repressiva ma con piani di contrasto alla violenza che prevedano prevenzione nelle scuole, formazione nelle forze dell’ordine, nei tribunali e agli assistenti sociali, sensibilizzazione negli ospedali.

Centro Maree per donne in difficoltà Tel. 06.6535499 NUMERO VERDE ANTIVIOLENZA: 1522 (vi indirizzerà al centro antiviolenza più vicino)

41


costume e società

di Michela Caré

Caro Fido, non mi fido Stretta del governo sui requisiti necessari per possedere e portare a spasso i cani rriva la nuova ordinanza sui cani pericolosi. Presentata lo scorso 3 marzo dal Sottosegretario alla Salute Francesca Martini, prevede, a differenza della precedente ordinanza dell’ex Ministro Livia Turco, l’eliminazione della lista nera delle 17 razze più pericolose, introducendo il principio che ogni cane potrebbe essere potenzialmente rischioso. Si punterà soprattutto sulla prevenzione, sulla formazione e sulla responsabilizzazione dei proprietari. Ma quali sono le principali norme a cui si dovranno attenere i proprietari o i detentori del cane? Verrà innanzitutto introdotto un patentino che verrà rilasciato ai padroni attraverso la frequenza di percorsi formativi organizzati congiuntamente da Comuni e Aziende Sanitarie. Durante la conduzione dell’animale, dovrà essere sempre utilizzato il guinzaglio ad una misura non superiore a 1,50 m. (fatte salve le aree per cani individuate dai comuni), mentre la museruola dovrà sempre essere a portata di mano del padrone per applicarla al cane in caso di rischio o su richiesta delle Autorità competenti. Chi comprerà un cane sarà tenuto ad acquisirlo assumendo informazioni sulle sue caratteristiche fisiche ed etologiche, nonché sulle norme in vigore e, quando necessario, affidare il cane a persone in grado di gestirlo correttamente. Saranno invece vietati gli interventi chirurgici destinati a modificare la morfologia di un cane o non finalizzati a scopi curativi, con particolare riferimento alla recisione delle corde vocali, al taglio delle orecchie e al taglio della coda (in tal caso c’è un’eccezione per i cani appartenenti alle razze canine riconosciute alla F.C.I. con caudotomia prevista dallo standard). Il taglio della coda, ove consentito, dovrà essere inoltre eseguito e certificato da un medico veterinario entro la prima settimana di vita dell’animale. Infine sarà vietato l’addestramento di cani che ne esalti l’aggressività, mentre i veterinari saranno chiamati a segnalare alle Asl le situazioni di potenziale pericolo e i cani che hanno già dato qualche segno di aggressività saranno inseriti in un apposito registro.

A

43


costume e società

di Chiara Rovan

Termometro addio! Dal 3 aprile 2009 la UE mette al bando il vecchio termometro al mercurio on è un pesce d’aprile. A breve, il compagno delle nostre influenze, da agitare e tener stretto per vedere la striscia blu salire e scendere, verrà sostituito in base al decreto ministeriale del 30 luglio 2008. In attuazione di una direttiva CE, l’Unione Europea ha pubblicato una disposizione in tal senso per evitare che il mercurio contenuto nei vecchi termometri vada disperso tra i rifiuti, provocando danni all’ambiente e alla salute. Il mercurio liquido è altamente tossico, non degradabile e, anche in dosi basse, dannoso al sistema nervoso. Inoltre, quando è disperso nell’ambiente, inquina l’aria, l’acqua e la catena alimentare. Secondo alcuni studi del CNR, si sono recentemente riscontrate nel Mediterraneo forti concentrazioni di mercurio nei pesci. Obiettivo del decreto è dunque quello di ridurre l’immissione di mercurio nel ciclo dei rifiuti solidi urbani. È proprio lo smaltimento non adeguato a rappresentare un serio pericolo: attraverso discariche e inceneritori, il mercurio è disperso nell’ambiente, si concentra negli organismi viventi e l’uomo può ingerirlo mangiando ad esempio pesci contaminati. Le alternative? Oltre ai termometri elettronici, ormai non più costosissimi, sono sul mercato strumenti che contengono una lega di gallio, indio e stagno (galinstan). Questo composto si presenta come un metallo fluido a temperatura ambiente e con caratteristiche simili al mercurio per quanto riguarda la dilatazione al variare della temperatura (tempo richiesto: 3 minuti). Non è tossico e può essere smaltito con i normali rifiuti domestici. Avverte il segretario generale dell’Unione nazionale consumatori, Massimiliano Dona: “Le famiglie non dovranno buttare i termometri al mercurio che hanno in casa, poiché la norma riguarda soltanto quelli che saranno fabbricati. Anzi, sono esclusi dalla disposizione tutti gli oggetti contenenti mercurio che risalgono a più di 50 anni fa”. Nelle farmacie comunali, dal novembre scorso, è già possibile depositare i vecchi termometri in appositi contenitori per lo smaltimento sicuro. Non ci resta che attendere e toccare con mano alla prossima influenza!

N

47


costume e società

di Luca Salustri

Aggirare la crisi econdo l’Inps, nel periodo compreso tra gennaio e febbraio sono 370.561 i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro. Numeri che mettono ancor più inquietudine se si considera che l’anno precedente la percentuale dei licenziati era del 46,13% in meno. L’effetto dell’attuale crisi si riflette dunque anche sulla spesa. I consumatori tendono, inevitabilmente, a risparmiare. Ecco allora il bisogno di individuare e scovare le occasioni che il mercato offre.

S

Il libro “Penny Pincher’s book revisited”, a cura di John e Irma Mustoe, ha fatto molto scalpore in Inghilterra. I suggerimenti offerti dai due autori - masticare la più economica cera d’api invece che fumare, conservare il pane vecchio in frigorifero, conservare in freezer collant e candele, ecc… - risultano alle nostre latitudini rigidi e risibili. Meglio allora andare sul concreto e guardare alle offerte della “Bimboside” (azienda di prodotti per neonati che effettua vendite per corrispondenza), che per quattro confezioni offre l’esenzione delle spese di spedizione. Oppure recarsi a Cassino, dove un ristoratore ha deciso di fare i saldi sulle sue pie-

tanze (a Pisa, presso Navacchio, c’è chi ha pensato di andare ancora più al sodo: presso i tavoli servono “sexy cameriere”). Ma le sorprese non finiscono qui. A parte chi è particolarmente tirchio o previdente e ha previsto di fare i regali di Natale 2009 sfruttando i prossimi saldi estivi, c’è

da evidenziare il fatto che ormai non è raro trovare lezioni e/o traduzioni di lingua inglese a meno di 10 euro, così come non è raro imbattersi nelle nuove offerte delle compagnie telefoniche. La maggior parte delle tariffe stipulate fino al 2004 presentava una spesa minore se l’utente chiamato era dello stesso gestore (aumentando invece se la chiamata era verso un operatore diverso), attualmente quasi tutte le compagnie puntano invece a presentare tariffe con un costo unico per tutte le chiamate effettuate all’interno del territorio nazionale. Infine, un’altra spesa che scende sensibil-

Un po’ per tendenza e un po’ per accortezza: piccoli e grandi accorgimenti per risparmiare qualche euro in un periodo di crisi

mente è quella per la benzina. A parte la discesa vertiginosa del prezzo del petrolio e il conseguente sostanzioso sconto alla pompa, da un po’ di anni la tendenza è quella di rifornirsi ai distributori “fai da te” ed utilizzare meno l’automobile. Al di là di questi piccoli e grandi accorgimenti, in un mercato in cui i commercianti presentano prezzi non tondi per dare l’impressione di una cifra inferiore, è importante tenere a mente dei prodotti per i quali la differenza del prezzo non cambia la qualità della merce. In particolare l’acqua minerale da 0,40 centesimi è uguale a quella da 0,80; il pane casereccio da 1,80 euro non è inferiore al pane speciale da 4 euro. Allo stesso modo non si avrà una grande differenza qualitativa tra la fettina di quarto anteriore e posteriore, o tra la spalla cotta ed il prosciutto cotto. Questo a dimostrazione che il detto “chi più spende meno spende” non sempre è veritiero.

49


di Chiara Rovan

cose dell’altro mondo

“Pronto, agente? Mi arresti!” urtroppo sono molto frequenti le telefonate che giungono alla polizia per segnalare casi di guida pericolosa in stato di ebbrezza. La stessa cosa è accaduta di recente in una cittadina del North Dakota, dove una ragazza diciassettenne ha deciso di chiamare la squadra mobile per segnalare un caso di questo tipo. Nulla di strano. A parte il fatto che a guidare in tali condizioni era la ragazza stessa. Gli agenti, a seguito della telefonata, l’hanno raggiunta in un parcheggio nel centro della città. Lì l’hanno arrestata per guida in stato di ebbrezza, dopo averle effettuato il test. La ragazza, infatti, ha ripetuto agli agenti di aver guidato ubriaca per ore, prima di decidere di avvertire la polizia. “Non ho mai sentito niente del genere”, ha raccontato un tenente della polizia locale ai giornalisti che lo intervistavano.

P

Regalo di Natale con scasso d Hamilton, in Ohio, durante le ferie natalizie dello scorso anno, una coppia di sposi ha ricevuto dai pompieri proprio un bel regalo. I vigili del fuoco della città stavano svolgendo un’esercitazione. Qualcuno ha però segnalato loro un indirizzo sbagliato e, anziché recarsi presso un appartamento di proprietà della città e di prossima demolizione, sono finiti a casa di Mike e Cathy Grosse. Giunti sul posto, i pompieri hanno buttato giù la porta d’ingresso. Si sono subito resi conto che qualcosa non andava: l’appartamento non aveva l’aria di essere allestito per un addestramento, ma era regolarmente abitato. I Grosse non erano in casa al momento del fatto e sono stati gli stessi pompieri ad avvertirli dell’accaduto, scusandosi ed impegnandosi a risarcire loro i danni.

A

Un rapinatore... distratto

Ricetta fatale

isale al mese scorso la notizia di un diciottenne dell’Arkansas entrato in una banca di Cadmen per farsi cambiare in banconote un sacchetto di monete. Mentre il giovane contava i soldi nella busta, il cassiere della banca ha trovato nel sacchetto una pistola. L’impiegato ha immediatamente avvertito la polizia che, giunta sul posto, ha interrogato il ragazzo. Il giovane ha dichiarato di non aver avuto nessuna intenzione di effettuare una rapina in banca: semplicemente voleva vendere la pistola a un banco dei pegni e si è dimenticato di toglierla dal sacchetto prima di portarlo in banca. La polizia, però, lo ha fermato per porto d’armi abusivo, e ha perquisito la sua abitazione, trovando oggetti rubati e armi di vario genere. Il ragazzo è ora indagato per vari furti che la polizia sta ricostruendo.

orse non tutti sanno che la noce moscata, se presa in dosi elevate, è tossica e può causare convulsioni, palpitazioni, nausee e allucinazioni. Di certo, ora, non lo dimenticheranno i cuochi fai da te svedesi che, per un errore di stampa in una rivista culinaria, hanno usato “20 noci moscate” nella ricetta di una torta invece che “due pizzichi”. La casa editrice ha ritirato tutte le copie della rivista, inviato una lettera agli abbonati e lasciato un avviso nelle edicole per avvertire chi aveva già comprato delle copie. Gli editori si erano in realtà accorti dell’errore prima di venire a conoscenza dei casi di avvelenamento, ma non se ne erano preoccupati: pensavano fosse evidente che così tanta noce moscata avrebbe dato un sapore amarissimo alla torta e che pochi lettori avrebbero potuto averne in casa una tale quantità… previsioni sbagliate!

R

F

53


informazione redazionale

Ricreare il mondo in casa propria a BALI ENGLAND è una società che nasce per soddisfare le necessità di chi cerca un arredo selettivo e personalizzato, attraverso l’utilizzo di mobili, oggetti e accessori europei ed etnici riadattati con il gusto, lo stile e l’esperienza dell’architetto Giuseppe Lino e dei suoi collaboratori, Francesco Bao e la storica dell’arte Federica Lino. Selezioniamo elementi di arredo tipici di ogni paese da cui importiamo, arricchendoli sulla base di nostri disegni, creando così oggetti e mobili unici, con la collaborazione di artigiani qualificati: dal Marocco le maioliche di Safì e di Fes, le lampade di Marrakech e i tappeti berberi, dall’India i tessuti, le sete e gli argenti, dall’Inghilterra lo Sheffield, le porcellane e i mobili d’antiquariato, dalla Francia i mobili provenzali, dall’Indonesia gli oggetti in legno, le sculture in pietra ed i mobili in teak, banano e rattan, mentre, di produzione italiana, i vetri di Murano, le terracotte fiorentine e le ceramiche di Deruta e Caltagirone. Si fondono così insieme le tovaglie indonesiane, realizzate con diversi tessuti antichi, le lenzuola indiane, dai bordi lucidi e cotoni dai diversi colori, i copri-divani tibetani, impreziositi da cordoni e nappe, le ceramiche marocchine, con forme e disegni europei, le tovaglie damascate, che ricordano i fasti della corte francese, i molteplici colori dei bicchieri di Murano e l’eleganza di servizi vittoriani. Gli arredi che proponiamo sono luminosi e particolari, grazie alle molteplici cromaticità dei mobili e degli oggetti, ispirate ai loro luoghi di provenienza. Ecco così che i gialli balinesi, i rossi tibetani, l’arancio e i turchesi marocchini, i verdi inglesi ed i celesti provenzali si fondono creando un arredo solare, tipico delle zone asiatiche e al contempo ricercato, come gli arredi europei. La Bali England propone inoltre l’utilizzo di elementi di arredo antichi come pannelli, porte, portali, marmi, mobili attentamente selezionati e raccolti nei viaggi di ricerca. Studiamo soluzioni d’arredo per terrazzi e giardini proponendo l’utilizzo di mobili in teak, tavoli in mosaico e in marmo e gazebi in ferro battuto. Suggeriamo anche la scelta di maioliche, vasi, terracotte e giare ornamentali. Tra i servizi offerti dalla nostra società vi sono inoltre consulenze per arredamenti di interni ed esterni e consegne a domicilio dei prodotti acquistati. Vi aspettiamo all’IInfernetto in via Merano 207 per scoprire il nostro elegante showroom rimanendo sbalorditi dai nostri prezzi vantaggiosi. Info: www.baliengland.com.

L

55


cose dell’altro mondo

di Alessio Calamita

Kilt: verità e leggenda hi non ricorda l’immortale Highlander o i poeti guerrieri di “Braveheart”, uomini selvaggi ma nobili, suonatori di cornamusa, fasciati nei kilt, eredi della gloriosa tradizione dei bardi. Gli highlanders erano in effetti selvaggi e nobili (d’animo). Il kilt in realtà fu inventato molto più tardi, negli anni ‘30 del 1700, e lo strumento suonato negli anni di Wallace fu probabilmente non la cornamusa ma l’arpa irlandese. Le Highlands erano infatti una colonia irlandese, povera e impervia, disprezzata dai veri scozzesi, che abitavano le Lowlands. Dal 1727 gli inglesi sfruttarono le foreste scozzesi come scorte di legname e una miriade di highlanders fu assunta per lavorare nelle fornaci che producevano carbone. Il plaid indossato dagli scozzesi, però, poco si prestava per saltare fra i macchinari della fabbrica. Fu così che Rawlingstone, magnate anglosassone, disegnò il pratico philibeg: il kilt. Nel 1747 il Disarming Act bandì il kilt e per cinquant’anni non fu più indossato. I più lo dimenticarono. A riesumarlo, a fine secolo, furono nobili e intellettuali che, abrogata la legge, ne fecero tessere versioni raffinate. La memoria del kilt si era infatti mantenuta grazie ai militari scozzesi che gli inglesi adoperavano per le guerre nelle colonie. I soldati delle Highlands erano necessariamente immuni dal Disarming Act e per distinguersi dalle altre armate indossavano i kilt. Fu così che i nobili scozzesi - e così l’immaginario dell’epoca - iniziò a considerare quell’abito il simbolo di una nazione che non si arrendeva. Legare un particolare tartan a ogni clan fu un compito arduo, che coinvolse niente meno che Sir Walter Scott e un gruppo di cospiratori nell’occasione della visita di Re Giorgio IV ad Edimburgo (1822). Molti disegni furono improvvisati e vecchi stock riutilizzati, ma il Re d’Inghilterra si convinse che i kilt fossero una tradizione secolare. E con lui, tutto il mondo.

C

57


di Maurizio Carta

arte

Hiroshige: naturalismo samurai Inaugurata a Roma la grande mostra dedicata al maestro giapponese hi ha visitato il Van Gogh Museum di Amsterdam, non ha sicuramente potuto fare a meno di soffermarsi di fronte ad un dipinto misterioso. Alcuni uomini attraversano un ponte sotto la pioggia. Sul fiume sottostante, passa una giunca senza vele. Una cornice di colore rosso e verde, piena di ideogrammi, impreziosisce l’insieme. Pensare che il pittore olandese, per quanto geniale, potesse conferire quel tipo di vita pittorica ad un soggetto così orientale, è una mezza assurdità. “Ponte grande. Pioggia improvvisa ad Atake” era infatti, in originale, una delle 4.000 silografie del maestro Hiroshige (3.000 delle quali custodite presso l’Honolulu Academy of Arts). Van Gogh l’aveva semplicemente scelta e riprodotta per rifarsi a coloro “che vivono nella natura come se loro stessi fossero dei fiori”. C’è una grande verità nell’affermazione apparentemente ingenua del pittore olandese. Qualsiasi studioso del Giappone è a conoscenza del fatto che nella cultura nipponica non esiste una distinzione tra natura e uomo, tra mondo dei morti e mondo dei vivi (la stagione in cui sbocciano i fiori di ciliegio è quella in cui i morti vengono a visitare gli esseri viventi). Lo shintoismo, unica religione premoderna ancora in vita, non ha libri sacri, metafisica, filosofia giustificativa. Perfino il potere è permeato da questi fondamenti: “mentre in Cina si affermava la dottrina per cui l’Imperatore governava per ‘mandato del cielo’, in Giappone tale dottrina non è mai stata recepita. L’Imperatore non domina e governa per mandato celeste, ma perché egli stesso è celeste”, scrive Piero Corradini, storico del Sud Est Asiatico. Questo mondo naturale, culturale, antropologico è il fondamento ispirativo dei duecento capolavori che dallo scorso 17 marzo il Museo Fondazione Roma ha per la prima volta espo-

C

61


arte

LUNA E OCHE SELVATICHE

CINQUANTATRÉ STAZIONI DI POSTA DEL TOKAIDO

sto nella Capitale. Utagawa Hiroshige (1797-1858), autore delle opere, ne è l’insuperato interprete, colui che affonda la propria sensibilità al di là del tempo storico e che contemporaneamente, senza consapevolezza, lo rivela. Da una parte, dunque, la natura a misura della sensibilità nipponica: uno stormo di oche selvatiche che attraversano in volo la luna, una carpa che risale il fiume controcorrente, una cascata che sgorga da una roccia su un abisso con un rosso acero d’autunno. Dall’altra, il Giappone dell’epoca Tokugawa, della pacificazione, dell’accumulazione precapitalistica: le vedute di Edo (Tokyo), i mercati del riso, i diversi ritratti delle principali località del Tokaido, la via che congiungeva Kyoto e Osaka a Edo, ancora oggi principale arteria commerciale del paese (“Cinquantatré stazioni di posta del Tokaido” (1833-1834) è considerato il capolavoro del maestro giapponese). La mostra è un susseguirsi di suggestioni difficili da riassumere. A completarla c’è anche una sezione fotografica dedicata al vedutismo di Hiroshige nella prima fotografia giapponese (la documentazione dell’influsso che il maestro ebbe sull’immaginario dei primi fotografi) e una riproduzione dei capolavori che Vincent Van Gogh dipinse a partire dalle silografie del Maestro (“Ponte sotto la pioggia”, “Il giardino dei susini a Kameido” e “Piccolo pero in fiore”). Le opere sono state riprodotte al vero e in altissima risoluzione dalla Rai, secondo una speciale tecnica di elaborazione digitale che rende visibili i colori e i particolari dell’originale nei minimi dettagli. Questa però è solo una delle sorprese che i curatori dell’allestimento - attenti a rendere il percorso espositivo fruibile a tutti, a dedicare spazi appositi ai bambini e al gioco, a ricreare l’atmosfera del Sol Levante, ad ideare interessanti audioguide - hanno riservato al visitatore. Il resto, un misto di contemplazione, senso dell’equilibrio e dolcezza, è tutto da scoprire. C’è tempo sino a 7 giugno.

63


di Francesca Gisotti

spettacoli

Sinfonia di Primavera! PATTY PRAVO

I palchi italiani entrano nel vivo della bella stagione. E non è un Pesce d’Aprile

Concerti in Italia

Gazzè, che sarà il 6 al Teatro Puccini di Firenze ed il 18 all’Auditorium della Conciliazione di Roma. Passiamo ora agli artisti internazionali. L’appuntamento più atteso è sicuramente con Bob Dylan (15 aprile al Mediolanum Forum di Assago (Milano), 17 aprile al Palalottomatica di Roma, 18 aprile al Nelson Mandela Forum di Firenze). Molto meno conosciuta, ma comunque apprezzatissima, è invece la band statunitense degli Antony and The Johnsons. La band si esibirà tra il 20 marzo e il 1 aprile rispettivamente ad Ancona, Roma, Prato e Milano.

LAURA PAUSINI

BOB DYLAN

Dopo l’esibizione di Sanremo, Patty Pravo sarà di scena il 4 aprile al nuovo Teatro Carisport di Cesena. Tante invece le date per Laura Pausini (tra il 28 marzo e il 24 aprile sarà a Castel Morrone, Ancona, Pesaro, Bologna, Bolzano, Milano, Villorba, Livorno, Genova e Milano) e Fiorella Mannoia (tra il 27 marzo e il 30 aprile sarà a Varese, Brescia, Cesena, Grosseto, Ancona, Piacenza, Bergamo, Napoli e Civitanova Marche). In dirittura d’arrivo la tournée di Francesco Guccini (il 2, 3 e 17 aprile rispettivamente a Villorba, Udine e La Spezia) e in partenza il tour promozionale di “Dentro STAZIONE BIRRA Appuntamento da non perdere il 31 Ogni Casa”, marzo per tutti gli amanti dei Deep Purple. Ad omaggiarli sarà la ultima fatiband degli Hush. La domenica di Pasqua sarà invece di scena il celeca di Paciberrimo musical “Jesus Christ Superstar”. GINO PAOLI fico (tra il 4 aprile e il 18 sarà a Ad interpretare il dramma musicale più famoMilano, Pianengo, San Benedetso di tutti i tempi sarà la compagnia musicale to del Tronto, Bitonto e Foggia). “The Carinissimi Experience - Music & Theatre”. Concludiamo la sezione dedicaAUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA Un suggestita agli artisti nostrani con le vo ed intenso viaggio alla riscoperta delle canzoni date del mese d i aprile di Max del cinema di ieri e di oggi. Così può essere defini-

Concerti a Roma

to l’appuntamento in programma sabato 18 aprile presso la Sala Sinopoli. Protagonisti della serata saranno Gino Paoli e Danilo Rea che, insieme a numerosi altri artisti straordinari, ripercorreranDopo il grandissimo successo di no la storia del panorama cinematografico ita“Una notte bianca”, Gabriele Pignotliano ed internazionale attraverso le sue ta propone un’altra divertentissima melodie più belle e significative. commedia, “Scusa sono in riunione, ti CIRCOLO DEGLI ARTISTI Il 2 aprile appunposso richiamare?”. La commedia andrà tamento da non perdere con Nada e Massimo Zamboni. L’evento in scena fino al 29 marzo al Teatro Nino Manarriva in coincidenza con le riprese del film documentario fredi di Ostia e dal 14 aprile fino al 10 maggio al ispirato al libro della stessa Nada “Il mio cuore Teatro Manzoni di Roma. umano”. Sabina Guzzanti sarà invece protagonista di “Vilipendio”, spettacolo in scena all’Ambra GUZZANTI Jovinelli dal 27 marzo al 1 aprile e dal 28 aprile al 3 maggio. Tanti i personaggi oggetto della tagliente satira dell’attrice romana: la Finocchiaro, Si svolgerà dal 18 al 26 aprile la XI edizione della “Settimana della D’Alema, l’Annunziata, la Carlucci, Cultura”. Per tutte le informazioni relative alle numerose iniziative a Sgarbi, Di Pietro, Bertinotti. Roma e nel Lazio, è bene consultare il sito del Ministero dei Beni Culturali: www.beniculturali.it.

Eventi Teatrali

SABINA

Eventi Culturali

67


teatro

di Chiara Rovan

Gaia De Laurentis e Felice Della Corte “Sottobanco”: esilarante ritratto della scuola durante gli scrutini di fine anno a scuola è finita e i docenti di un istituto tecnico di Roma si riuniscono per decidere voti, promozioni e bocciature. Gli insegnanti si trovano a discutere animatamente, nella palestra maleodorante della scuola, sul destino di una classe turbolenta, in cui si distingue un ragazzo decisamente sui generis. Tra rancori, invidie, accuse e pettegolezzi, nasce anche un’imprevedibile storia d’amore tra la prof.ssa Baccalauro e il prof. Cozzolino. Uno spaccato divertente e decisamente realistico che l’insegnante, scrittore e sceneggiatore napoletano Domenico Starnone ha descritto con passione nel libro da cui, nel 1992, è stata tratta la piéce teatrale di Daniele Lucchetti (con Silvio Orlando e Angela Finocchiaro). Da questo e da altri resoconti scolastici di Starnone, sono nati i film “La scuola” e “Auguri Professore”. L’attuale regia di Claudio Boccaccini, reduce dal successo invernale del musical “Faust”, fa rivivere con la frizzante Gaia De Laurentis (applauditissima a teatro con “Buonanotte mamma” di Marsha Norman) e il carismatico Felice Della Corte (protagonista in “La parola ai giurati” di Reginald Rose) un’arguta commedia sul mondo della scuola, evidenziandone i pregi e i difetti di sempre. Alunni arroganti, professori scoraggiati e “don Giovanni”, supplenti col doppio lavoro, favoritismi e meschinità: questi i tasselli che compongono il mosaico dell’istruzione italiana, oggi come allora in bilico tra crisi e necessità di rinnovamento, atavici problemi e amare denunce. Esilaranti fraintendimenti e ciniche riflessioni fanno della commedia uno spettacolo godibilissimo, merito anche dell’affiatamento di tutto il cast d’attori: Riccardo Barbera, Silvia Brogi, Paolo Perinelli, Roberta Formilli, Carlo De Ruggieri. Già in tournée in tutta Italia, “Sottobanco” vi aspetta al Teatro Nino Manfredi di Ostia dal 14 al 26 aprile 2009, per spostarsi poi al Teatro la Cometa dal 5 al 24 maggio. “Gelminiani” e non, accorrete numerosi e dite la vostra! FOTO: Barbara Ledda

L

69


I FILM del mese

27 Marzo

27 Marzo

27 Marzo

27 Marzo

27 Marzo

di Francesca Gisotti

cinema

Il caso dell’infedele Klara

Io & Marley

Regia: Roberto Faenza Cast: Claudio Santamaria, Iain Glen, Laura Chiatti Italia 2009 Genere: Drammatico

Regia: David Frankel Cast: Owen Wilson, Jennifer Aniston, Eric Dane USA 2008 Genere: Commedia

Luca, musicista italiano che vive a Praga, è in preda a un’incontrollabile gelosia per la sua fidanzata Klara, studentessa in procinto di laurearsi. Insospettito dal rapporto della ragazza con Pavel, suo tutor all’università, Luca incarica un detective di controllarla. Dopo i primi pedinamenti il detective decide di nascondere alcune prove...

I neo sposini John and Jenny, giornalisti, comprano una casa e cominciano a pensare ad un bambino. Perplesso sul fatto di essere preparato a diventare padre, John confessa le sue paure al suo amico Sebastian, che gli fornisce una soluzione perfetta: John dovrebbe regalare a Jenny un cucciolo: e così arriva il teppista Marley.

3 Aprile

The International

Ballare per un sogno

Regia: Tom Tykwer Cast: Clive Owen, Naomi Watts, Armin Mueller-Stahl USA/GB/Ger 2009 Genere: Thriller

Regia: Darren Grant Cast: Mary Elizabeth Winstead, Riley Smith, Tessa Thompson USA 2008 Genere: Drammatico

L’agente dell’Interpol Louis Salinger e il Procuratore Distrettuale Eleanor Whitman cercano di smascherare un influente banchiere, coinvolto nel traffico illegale di armi. Salinger e la Whitman seguiranno il caso da Berlino a Milano, da New York a Istanbul, in una lotta contro l’illegalità che metterà a rischio le loro stesse vite.

Lauryn, una ragazza di un piccolo paese dell’Indiana, adora ballare sopra ogni cosa. Decide allora di andare a Chicago per studiare nella famosa scuola di danza ma, dopo una serie di vicissitudini, si ritrova a lavorare in un “club burlesque”. Il nuovo impiego creerà dei grandi conflitti in Lauryn ma al tempo stesso la aiuterà a crescere.

3 Aprile

Push

Gli amici del Bar Margherita

Regia: Paul McGuigan Cast: Chris Evans, Dakota Fanning, Camilla Belle USA 2009 Genere: Fantascienza

Regia: Pupi Avati Cast: Diego Abatantuono, Laura Chiatti, Luigi Lo Cascio Italia 2009 Genere: Drammatico

Nick, un ragazzo dotato di poteri paranormali, è in continua latitanza, da quando dieci anni prima suo padre è stato ucciso dalla Division, un’agenzia paragovernativa che trasforma geneticamente gli individui in psicoguerrieri. Ora Nick ha trovato rifugio ad Hong Kong, l’ultimo posto sicuro per i paranormali come lui.

Bologna, 1954. Taddeo, un ragazzo di 18 anni, cerca di frequentare a tutti i costi il mitico Bar Margherita, un locale molto conosciuto della città dove si dava appuntamento una strana combriccola. Con uno stratagemma, il giovane diventa l’autista personale di Al, l’uomo più carismatico e misterioso del quartiere, che gli darà protezione.

3 Aprile

I Mostri Oggi

Mostri contro Alieni

Regia: Enrico Oldoini Cast: Diego Abatantuono, Sabrina Ferilli, Claudio Bisio Italia 2008 Genere: Commedia

Regia: Rob Letterman, Conrad Vernon USA 2009 Genere: Animazione

In sedici episodi caustici, vengono parodiati tutti i vizi, le debolezze e le paure dell’Italia contemporanea. Perché passano gli anni, ma i difetti che affliggono l’Italia sono sempre gli stessi, qui illustrati in episodi divertenti e amari: cinismo, avidità, indifferenza, falso perbenismo, cialtroneria, vanità e via “difettando”.

3 Aprile

Il giorno del suo matrimonio Susan, una ragazza californiana, viene colpita da un meteorite che la trasforma in un mostro gigante. Il governo americano la porta immediatamente in un’area segreta dove conosce un gruppo di ex-umani ormai tramutati in mostri. Susan e la bizzarra compagnia dovranno salvare il mondo da un’invasione aliena.

Two Lovers

Fast & Furious Solo parti originali

Regia: James Gray Cast: Joaquin Phoenix, Gwyneth Paltrow, Vinessa Shaw USA 2008 Genere: Drammatico

Regia: Justin Lin Cast: Vin Diesel, Paul Walker, Michelle Rodriguez, Jordana Brewster USA 2009 Genere: Azione

Leonard torna dalla sua famiglia a New York per Natale. I suoi genitori hanno combinato per lui un matrimonio d’interesse con Sandra, la figlia di un concorrente commerciale. Il ragazzo ha un tormentato passato sentimentale alle spalle e si sta inoltre facendo coinvolgere dalla seducente vicina di casa Michelle...

Il poliziotto Brian O’Connor è stato scarcerato e comincia ad operare sotto copertura. La sua missione è catturare Braga, un pericoloso trafficante di droga di Los Angeles, che si nasconde nel deserto messicano. Per farlo ha bisogno dell’aiuto dell’uomo che aveva ingannato anni prima: il re delle corse Dominic Toretto.

17 Aprile

71


informazione redazionale

Playlife Il modo migliore di vivere la primavera! a aperto un nuovo negozio Playlife. Le titolari, Giorgia e Laura, affrontano questa nuova avventura con ottimismo, contando sulla clientela che da tempo si è affezionata al punto vendita Undercolors of Benetton dell’Axa, da loro gestito con successo. Playlife è una linea di abbigliamento del gruppo Benetton. Capi sportivi, per uomo e per donna, particolarmente versatili e adatti ad ogni età. Di interesse notevole la collezione che il negozio propone per questa primavera 2009. L’ispirazione è quella che viene da una commistione tra il revival ed il vintage, tra l’autenticità del passato e la creatività del presente: un gioco raffinato che respira atmosfere chic da college americano. La collezione maschile si veste di bianco, rosso, blu e verde brillante, spesso accompagnati dall’immancabile denim. Gli over sono blazer di cotone, felpe da palestra e barracuda a quadretti, da portare con pantaloni work in denim o in canvas usurato, oppure con bermuda dello stesso tessuto lunghi fino al ginocchio. Sotto spiccano polo di jersey confezionate come camicie con colletti di chambray vintage, Tshirt usurate in tinta unita o a righe con applicazioni, stemmi e ricami; maglie di tricot a righe, da rugby con numeri, rinforzi negli scolli e dettagli vintage. Per ciò che invece riguarda la collezione femminile, i colori usati sono gli stessi dell’uomo, vestendo però graziosamente preppie. Le righe sono a tutto campo o nei dettagli di polsi, profili e risvolti. Sul blazer spicca lo stemma, mentre la giacchina a doppiopetto di maglia a righe senza colletto si fa notare per le rouches sul fondo. Il giubbino piccolo e gessato con profili a fiorellini si porta con calzoni a sigaretta, jeans di misura o con pantaloni larghi da marinaio con sagole a far le veci delle cinture. Maglie e polo di foggia sportiva hanno dettagli dorati e finiture di pregio.

H

INFO: Playlife - Centro commerciale Eschilo Via Eschilo 90/a (Axa) - Tel. 06.5250089

75


spettacolando

Miley Cyrus vittima del bullismo

di Barbara Zorzoli

a star di Hannah Montana a 11 anni è stata tormentata da alcune “bulle” sue compagne di scuola. Lo racconta la Cyrus nell’autobiografia “Miles to Go”, di prossima pubblicazione, anticipata da alcune riviste americane. “Quelle ragazze mi rubavano i libri, mi chiudevano nel bagno… Vorrei aver avuto delle scuse da parte loro, ma mi rendo conto di non averne bisogno… Quell’esperienza mi ha aiutata a essere la persona che sono ora”, racconta Miley. Nell’autobiografia la n altro bebè? Solo se David torna a vivecantante parla anche della sua storia re a Los Angeles. Pare che Victoria Beckham d’amore con Nick Jonas dei Jonas sia stata chiara con il marito: finché non decideranBrothers. Curiosi? no dove vivere stabilmente non ci sarà un quarto figlio.

Vip: Marzo è Marte

L

Nel mese del dio della guerra le persone famose diventano peperine

Vic, David, il Milan e… un bebè?

U

“Secondo Victoria, questo non è il momento giusto per averne uno, anche se David lo desidera tanto”, ha dichiarato un amico della coppia. Ed ha aggiunto: “David si sente in colpa: sa che Victoria è stanca di fare avanti e indietro da Los Angeles e non ha il coraggio di confessarle, invece, quanto lui sia felice per la sua carriera in questo momento”. Ragazzi volete un consiglio? Parlatevi!

Naomi, shock: Vlad è già sposato uro colpo per Naomi Campbell: il fidanzato Vladislav Doronin è già sposato, e da ben 21 anni, con un’altra donna, Ekaterina, con la quale ha anche una figlia di 12 anni. La signora Doronin, che finora aveva preferito rimanere in silenzio, ha rivendicato il proprio ruolo di moglie quando ha avvertito che Naomi aveva intenzione di insediarsi stabilmente a casa di Vladislav. “Naomi sta ingannando se stessa se pensa di potersi prendere mio marito”, ha dichiarato Ekaterina ad un tabloid. Ed ha aggiunto: “Vladislav e io non siamo neanche separati legalmente!”. Della serie tutto è possibile!

D

Paris: un cane come pegno d’amore

Reese Witherspoon si sposa?

oug Reinhardt ha dimostrato il proprio impegno nei confronti della nuova fidanzata Paris Hilton regalandole un cane, l’ennesimo. Il cucciolo è costato al nuovo pretendente ben 10.000 dollari. “Io e Doug eravamo insieme a Tokyo e siamo entrati in un negozio di animali: ho visto il cucciolo e me ne sono innamorata”, ha dichiarato Paris. Ed ha aggiunto: “Doug me lo ha comprato subito!”. Più che un fidanzato, un genio della lampada!

D

on mi sorprenderei se lui e Reese si sposassero tra poco”. Questa la dichiarazione dell’attrice Malinda Williams, co-star di Jake Gyllenhaal nel film Nailed. “Sembrano sposati a tutti effetti”, ha poi aggiunto l’attrice. Dopo tutto, è da tempo che si parla delle nozze tra i due attori, senza contare che, di recente, Jake è stato visto nella gioielleria Fred Leighton di New York in cerca di un anello di diamanti... ucci ucci, sento odor di fiori d’arancio!

“N


spettacolando

Freida Pinto vola a New York Freida Pinto, star del film “The Millionaire”, vincitore di otto premi Oscar, è pronta a lasciare la sua città, Mumbai, per trasferirsi a New York. “In un certo senso New York è molto simile a Mumbai quindi non credo che sentirò troppo la nostalgia di casa”, ha detto l’attrice. A proposito della sua carriera cinematografica ha aggiunto: “In The Millionaire non sono apparsa sempre nella miglior luce possibile, in alcune scene avevo un occhio nero e una cicatrice…”. Vezzi da neo star?

Michael Jackson on stage Michael Jackson si esibirà per dieci date nello stadio 02 di Londra, tra l’8 e il 28 luglio. Già 1.500.000 fan sparsi in 220 paesi sono in lista di attesa per comprare i biglietti dei concerti. “Saranno le mie ultime performance a Londra”, ha dichiarato il re del pop in un’intervista. Non credete che merita un bell’augurio di incoraggiamento?

Mischa single Mischa Barton e Luke Pritchard si sono lasciati. E a dare la notizia è stata l’attrice stessa sul suo blog: “Non c’è stato nulla di tragico tra Luke e me. Non è mai facile prendere queste decisioni. È un grande uomo, ma è più adatto a essere un amico che un fidanzato. Sono certa che i nostri rapporti rimarranno ottimi”. Grande maturità, senza dubbio!

La Classe

Lezioni di vita nella scuola di una Banlieu

a Classe” - versione italiana di “Entre les murs” - racconta in forma di diario le vicende professionali di François Bégaudeau, insegnante di francese in una scuola media di una banlieu (quartiere periferico) parigina. Sprovvisto di una trama, il film ricalca il modello del documentario, descrivendo la vita di classe di una terza media durante il corso dell’anno scolastico. La pellicola narra diversi episodi che il professore si trova ad affrontare nell’ambito delle sue lezioni. In un contesto delicato e particolare quale è la periferia di Parigi, ciò che emerge sin dagli inizi è la difficoltà dell’insegnante ad instaurare un dialogo basato sulla fiducia reciproca con i propri alunni. Gli adolescenti, seppur in un’età teoricamente spensierata, risentono inequivocabilmente della cruda realtà sociale in cui sono cresciuti e si trovano a vivere. In una classe così eterogenea e multietnica, dunque, i problemi da affrontare sono molteplici e di diversa natura. In particolare l’approccio privo di regole che i ragazzi hanno nei confronti della scuola: il sottofondo delle lezioni spesso è caratterizzato dal brusio delle tante voci dei ragazzi e dai loro interventi spesso indisciplinati ed irrispettosi. “Entre les murs” è tratto dal libro semi-autobiografico del professore del liceo Mozart François Bégaudeau che, interpretando se stesso, nella pellicola ricopre anche il ruolo di attore protagonista. Questo diario di scuola di Bégaudeau è uscito in Francia nel 2006, riscuotendo un’importante partecipazione sia degli insegnanti che degli studenti ed un vivo apprezzamento anche da parte della critica. La versione italiana del libro è uscita di recente (Einaudi). Il regista Laurent Cantet ha deciso di presentare un cast interamente composto da attori non professionisti. La selezione, infatti, è avvenuta sulla base di alcuni provini in alcune scuoRegia: Laurent Cantet le di Parigi con ragazzi tra i treCast: François Bégaudeau, dici ed i sedici anni. Nassim Amrabt, Laura Baquela, Uscito nelle sale italiane il 10 Cherif Bounaïdja Rachidi ottobre del 2008, la pellicola ha Paese: Francia Anno: 2008 ottenuto il premio Palma d’Oro Durata: 128’ come miglior film al Festival di Genere: Drammatico Cannes 2008.

“L

79

di Luca Salustri

Bruce Willis è un duro dentro e fuori dal set. Citato in giudizio per 4 milioni di dollari lo scorso 27 febbraio dai produttori di “Three Stories About Joan” per averne lasciato la regia senza preavviso, violando così il suo contratto, il divo ha finalmente rilanciato l’accusa intentando nei confronti dei suoi avversari una causa per 8,7 milioni di dollari di danni. La contro-accusa di Willis? I produttori avrebbero dichiarato di avere tutti i fondi necessari per il progetto quando invece non era così…

DVD del mese

Bruce un vero duro!


condominio e consumatori a cura dell’Avv. Nicholas Matthew Vermaaten Tel. 06.98872850/329.7818845 - e-mail: avv.vermaaten@hotmail.it

La Revoca dell’Amministratore di Condominio: garanzie e tutele per i Condomini l terzo comma dell’art. 1129 c.c. dispone che l’amministratore può essere revocato: “oltre che nel caso previsto dall’ultimo comma dell’art. 1131, se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, ovvero se vi sono fondati sospetti di gravi irregolarità”. Soffermiamoci sul concetto di gravi irregolarità. La terminologia del codice risulta ambigua poiché si richiede la presenza di “sospetti”, che non possono configurarsi come certezze ma solo come dubbi, “fondati” e cioè basati su elementi oggettivi di una certa ed univocità sostanziale. Secondo la giurisprudenza: “fondati sospetti di gravi irregolarità… debbono rivestire la caratteristica di indizi precisi, gravi, molteplici e concordanti, che non vanno confusi né con illazioni gratuite, né con mere congetture, né con presunzioni di natura soggettiva” (Trib. Pescara 5 Ott. 1977). L’attività del giudicante deve essere finalizzata ad una valutazione complessiva di tutti gli elementi che presuntivamente presentino singolarmente una positività parziale, o almeno potenziale di efficacia probatoria, talché si possa accertare che nell’insieme essi concorrano a configurare in maniera valida i fondati sospetti richiesti dall’art. 1129 per la revoca dell’amministratore. Risulta interessante riportare parte della nutrita casistica giurisprudenziale in ordine al tema da noi trattato. La Corte di Appello di Genova (6 Nov. 1990) ha affermato che configura l’ipotesi di cui al 3° comma dell’art. 1129 c.c. il comportamento tenuto in assemblea dall’amministratore il quale, per l’assunzione di particolari delibere, influenzi l’assemblea dei condomini, caldeggiando soluzioni gradite ad alcuni e malaccette ad altri. È altresì censurabile la trasmissione ai condomini di un verbale di assemblea ove si attacca duramente il condomino dissenziente con espressioni grossolane e poco riguardose e con ripetuti “avvertimenti” circa ricorsi al giudice penale. Il comportamento così descritto giustifica la revoca giudiziale dell’amministratore per grave irregolarità. In questo senso, pertanto, un comportamento palesemente parziale potrebbe integrare gli estremi della “grave irregolarità” che giustifica il ricorso all’autorità giudiziaria per ottenere la revoca dell’amministratore, a meno che non si tratti di questione strettamente attinente ai rapporti amministratore/condominio, del tutto estranei alla gestione condominiale ovvero a rapporti personali tra due o più condomini. Infine dibattuto e se rientrino nelle “gravi irregolarità” di cui all’art. 1129 c.c., la non esecuzione delle delibere adottate dall’assemblea. Secondo il Trib. di Firenze con decreto in data 22 Aprile 1991, la fattispecie dei fondati sospetti di gravi irregolarità non si può ravvisare ogni qualvolta l’assemblea abbia adottato deliberazioni nulle o annullabili alle quali l’amministratore si sia limitato a dare esecuzione, poiché in questo caso il condomino che si ritiene leso ha il più agevole e corretto rimedio dell’impugnazione della delibera e del ricorso all’autorità giudiziaria mediante strumenti appositamente previsti dalla legge.

I

81


di Riccardo Colella

Ghostbusters: the videogame Un classico di sempre: adrenalina da cacciatore di fantasmi ozer il viaggiatore. Egli giungerà in una delle sue forme prescelte. Durante la rettificazione dei Vuldronaii egli giunse come un vasto e semovente Torb...”. Sono passati 25 anni da quando un buffissimo Rick Moranis pronunciava queste sconnesse parole. “Ghostbusters” è diventato da allora un film cult. E come ogni cult che si rispetti, è arrivata la trasposizione videoludica. Atari presenta quello che, molti scommettono, potrebbe essere il titolo di punta di tutto il 2009. Della trama ancora non si sa molto, se non che il tutto parte dal termine del secondo film e che ricalca la sceneggiatura di un ipotetico e mai realizzato terzo episodio. Il punto forte del gioco è però il realismo che avvolge tutta la storia. Ci troveremo, dunque, a girare per le vie di New York, con lo zaino protonico in spalla, a caccia di spettri e fantasmi. Molto divertente soprattutto il sistema di cattura degli spettri stessi. Proprio come nel film, infatti, sarà molto difficile riuscire non solo a padroneggiare completamente la spinta molecolare dei nostri fucili, e riuscire quindi a mirare, ma anche tenere sotto controllo e intrappolate le varie entità. Ovviamente, al momento giusto, dovremmo essere abili nel premere il pulsante che attiva le trappole. Grande curiosità anche attorno al doppiaggio (completamente in italiano), che promette scintille se dovessero essere confermati i vari rumors che vedrebbero i doppiatori originali del film impegnati nel doppiaggio del gioco. Interessante anche la modalità multiplayer, che ci porterà ad esplorare varie zone della città come il museo, la libreria e via discorrendo, in compagnia di tre amici, per poi affrontare numerose missioni (di varia difficoltà) finalizzate alla classifica online. “Ghostbusters” sarà disponibile dal Giugno 2009 per Nintendo DS, Wii, PC, PlayStation 2 e 3 e Xbox 360.

“G

di Ludovica Botti

televisioni

Il pubblico ha sempre ragione Assegnati i premi alla Regia Televisiva ove sta andando la televisione? E soprattutto, quali sono i gusti del grande pubblico? Per rispondere a queste domande ci è sicuramente d’aiuto analizzare uno degli eventi più importanti della televisione per la televisione. È da poco andata in onda la 49a edizione del Premio Regia Televisiva 2009. La manifestazione nasce nel 1960 dall’intuizione di Daniele Piombi, che capì l’importanza crescente del mezzo televisivo. La serata della premiazione si è tenuta sull’affascinante palco di Sanremo a sole due settimane dalla conclusione dell’evento canoro. Il compito di scegliere tra le nomination i 10 migliori programmi è stato affidato all’Accademia di Garanzia, composta per questa edizione da Renzo Arbore, Ferruccio De Bortoli (direttore del Sole 24 Ore), Silvana Giacobini (Diva e donna), Marisa Laurito, Gigi Vesigna (Famiglia Cristiana), Edoardo Vianello e dai giornalisti critici televisivi Donatella Aragozzini (Libero), Marida Caterini (Il Tempo) e Giampaolo Poleisini (Messaggero Veneto). Le trasmissioni non sono state divise in categorie e gli Oscar Tv sono stati assegnati a pari merito ai migliori dieci programmi della stagione televisiva. L’Accademia di Garanzia ha stilato una classifica, ma l’ultima parola l’ha avuta il pubblico da casa che, grazie al telefoto, ha proclamato “Ballando con le stelle” il Miglior Programma Televisivo dell’anno. Tra gli altri riconoscimenti assegnati, il Miglior Personaggio Femminile 2009 è andato a Michelle Hunziker, e il Miglior Personaggio Maschile a Carlo Conti; Rivelazione Televisiva del 2009 è stata proclamata Caterina Balivo; Premio per la Miglior Fiction è andato a “Tutti pazzi per amore”; quello per il Miglior Tg a Sky TG24; quello per lo Straordinario Evento Televisivo dell’Anno al 59° Festival di Sanremo; quello per lo Speciale televisivo dell’Anno a “La Bibbia Giorno e Notte” (RaiUno e RaiEdu 2); ventunesimo premio consecutivo assegnato a “Striscia la notizia”, e un riconoscimento anche al talent show musicale “X Factor”. Il panorama televisivo nazionale si presenta assai variegato e composto fortunatamente da professionisti sempre in grado di rinnovarsi (Bonolis e Chiambretti su tutti). Grandi assenti all’evento sono stati i reality trash e di cattivo gusto: possiamo sicuramente affermare che nessuno ne ha sentito la mancanza.

D

CATERINA BALIVO

videogames

83


di Valentina Mancini

moda e tendenze

Patricia Field stilista visionaria e geniale onquista il pubblico televisivo curando i look delle ragazze più amate di New York nella serie cult “Sex and the City”. Non sbaglia un accostamento ed è sempre un passo avanti. La sua icona di riferimento è l’intramontabile maestra di eleganza Audrey Hepburn. Costantemente alla ricerca di soluzioni innovative, come ogni guru del fashion che si rispetti, ha gli occhi puntati sulle tendenze che spontaneamente nascono e si insinuano nelle strade, tra i giovani. Ha firmato una linea di abiti e accessori, distribuita nei centri shopping della catena Marks and Spencer. Gestisce una boutique dal 1966. La Field ha lavorato per, e con, Sarah Jessica Parker, Britney Spears, Shakira, Lucy Liu e Anastacia (solo per citarne alcune). Acclamata dai registi, sfoggia creatività e mestiere anche sul grande schermo. Il glamour che ha conferito al film “Sex and the City”, tratto dall’omonima serie, ha sfiorato livelli mai raggiunti prima, consacrandola a leggenda in fatto di stile (milioni di donne hanno sognato gli abiti di Carrie, Miranda, Charlotte e Samantha). E che dire di chi, guardando “Il diavolo veste Prada”, ha immaginato di potersi trasformare da ragazza della porta accanto a giornalista di successo? Belle, bellissime, e soprattutto, ben vestite: proprio come nel (capo)lavoro fashion appena uscito al cinema (“I love shopping”). L’eleganza, l’attenzione ai dettagli,

C

ai colori, a ogni trascurabile inezia del look, rivestono, a oggi, un’importanza da non sottovalutare. E se l’abito non fa il monaco e l’apparenza inganna, è inutile negare che la prima impressione è quella che maggiormente colpisce, quella su cui preliminarmente, e spesso in modo indelebile, basiamo i nostri giudizi. Patricia Field e il “suo angelo” David Dalrymple formano un team imbattibile, il cui slogan, “Destination style”, è divenuto dogma: vestirsi a seconda della destinazione. Insomma, un look va scelto non solo, come ormai ogni donna sa, secondo la conformazione fisica, i colori e i tratti di chi lo indossa. No. Diviene requisito fondamentale il posto in cui ci si reca, inteso come luogo fisico e tipologia di situazione, per stabilire il “cosa mi metto”. La filosofia che investe interamente il modo di percepire e pensare della squadra newyorchese è un consiglio di cui anche noi mor-

Attraverso il cinema, rivoluziona il modo di seguire e fare moda nel mondo

tali, noi che non facciamo parte del jetset, possiamo servirci nella scelta del look. Certo, un armadio come quello di Carrie in “Sex and the City”, o il magazzino della redazione di Vogue ne “Il diavolo veste Prada”, non sono proprio alla portata di tutti. Poco importa, secondo la guru in questione. Un abito, una borsa o una cinta non sono infatti belli proporzionalmente al prezzo né alla firma stampatagli sul collo. L’imperativo è frugare tra i negozi vintage, nei mercatini e, perché no, anche nei centri commerciali popolari, finché qualcosa non arrivi dritto al cuore, passando per la vista. Il segreto è un occhio critico che sappia cogliere un pezzo splendido tra centinaia di altri dozzinali. La Field svela infine un ultimo trucco: per rinnovare un capo basta cambiare gli accessori da abbinare, scegliendoli diversi e colorati, in base all’umore, al giorno o alla sera. Ottimo. Ma la consolazione lascia comunque un po’ d’amaro in bocca.

LE PROTAGONISTE DI "SEX AND THE CITY"

85


architettura

di Leonardo Caviola

Roma città sostenibile

Architetti e ingegneri all’opera per renderci la vita facile e meno affollata resso la Fiera di Roma, dal 1° al 3 Aprile, si svolgerà il summit internazionale “Ecopolis 2009”, dedicato ai temi della Città, dell’ambiente urbano e della sostenibilità. L’architettura vestirà i panni di trade-union per i molti aspetti con i quali i conglomerati urbani, sempre più popolati, dovranno in futuro fare i conti. Disposte in un’area espositiva di 20.000 mq, saranno visibili le migliori soluzioni, studiate da aziende di tutto il mondo, divise in sette settori o indicatori di giudizio di un agglomerato urbano: energia, rifiuti, mobilità, acqua, natura urbana, urban design e salubrità ambientale. Sette parametri di giudizio per la valutazione di una città formalizzati già nel 2005 all’interno della Giornata Mondiale dell’Ambiente tenutasi a San Francisco. Obiettivo dichiarato di Ecopolis, quello di diventare il punto di riferimento per tutti coloro (aziende, costruttori, governatori, progettisti ecc.) che sono responsabili della qualità della vita delle persone e che siano in grado di presentare esperienze, tecnologie e proposte per costruire contesti urbani realmente sostenibili. Il ruolo che giocherà l’architettura nelle città sempre più affollate (si stima che nel 2030 circa 5 miliardi di persone saranno “cittadine”) è indubbio. Essa accompagnerà la vita delle persone nella loro quotidianità, lontana dalle celebrazioni delle archi-star dai nomi altisonanti e dei loro propagandistici progetti. Architetti e ingegneri (alcuni anche docenti e quindi giornalmente propensi alla comunicazione) si susseguiranno negli interventi in qualità di relatori e conferenzieri. Si parlerà di spazi pubblici e residenziali, bioedilizia, verde pensile, facciate ventilate, illuminazione fotovoltaica, arredo urbano, giardini, pensiline, panchine, cestini per rifiuti, riqualificazione ex aree industriali, studio e pianificazione di attrezzature e servizi. Un modo di fare architettura semplice, per un uso quotidiano. Ecopolis Expo & Conference diventerà così una grande assise mondiale sul tema della Città Sostenibile, un appuntamento che farà di Roma il luogo in cui la rinascimentale e italica “Città Ideale” diverrà “Città sostenibile”.

P

87


di Simona Bottoni

arredamento

Sedute disarmoniche G

illo Dorfles nel suo “Elogio della disarmonia” (Garzanti, Milano, 1992) afferma che “risale al secolo scorso la violenta rottura tanto degli schemi armonici quanto di quelli simmetrici”. Sembra, però, che il design non sia mai stato caratterizzato da disarmonia come ai nostri giorni. La testimonianza più evidente, come spesso accade quando si parla di elementi di arredo, la offrono le sedie. E questo perché la sedia è il banco di prova che, prima o poi, un designer affronta nella vita professionale. Disegnare una sedia, quindi, è come ascoltare il canto di una sirena: difficilmente si riesce a resistere alla tentazione del suo richiamo. Peraltro è vero che il repertorio delle sedie di design costituisce - come sostiene anche il teorico Andrea Branzi - una compiuta storia dell’architettura moderna. Dunque: sedia come architettura, quindi ossequiosa delle leggi della simmetria e dell’equilibrio. La sedia, poi, è espressione dell’imperativo del Bauhaus “la forma segue la funzione”, perché è fatta per sedersi, quindi, meglio comoda, poi anche bella. Rare sono state le licenze poetiche rispetto a questo assunto: la sedia “Singer” di Bruno Munari (1945), una seduta in noce con sedile in alluminio inclinato, dove non si riesce a stare seduti che Zanotta ancora edita anche se in serie numerata. Oppure i sedili anti SFD (Senza Fissa Dimora) dei metrò parigini, ai quali ci si può solo appoggiare, ma non sedere o sdraiarsi perché scomodissimi. SINGER

Cosa fare nel nostro tempo per passare alla storia con la propria sedia l’ha capito il designer belga Bram Boo che ha proposto le “Imperfect chairs” (2004): ostentano sostegni costituiti da blocchi di legno non in asse, molto simili alle pericolanti costruzioni infantili, rinunciano all’aspetto patinato per offrire superfici rugose. Le “Imperfect chairs” sono proposte in colori zuccherini o rivestite in carta d’argento come cioccolatini, sono sedibili, anzi, persino comode. Una giovane designer danese, Ditte Hammerstrom, vuole rimettere in discussione il linguaggio del design con un tocco d’ironia: si è cimentata con la sedia imbottita, un tempo lavorata da abili tappezzieri con abilità e pazienza, e l’ha rivisitata. Ha scelto una struttura basica in legno bianco, una L con quattro gambe stecchite, e l’ha avvolta con della schiuma poliuretanica bianca (quella per gli imballaggi di oggetti fragili) legandola ben stretta con una corda elastica. Il risultato è una sedia dall’aspetto non finito, il cui design sembra improvvisato. Il designer olandese Maarten Baas ha ideato sedie che sembrano modellate a mano con la plastilina. Sono irregolari e gibbose, viene

In passato erano indice di stabilità, normalità e armonia. Oggi le sedie sono l’immagine dei disequilibri moderni

MAARTEN BAAS

voglia di toccarle per verificarne la consistenza perché sembrano morbide e cedevoli, sembrano incompiute perché la manifattura dà l’idea che siano state abbandonate prima della rifinitura. Invece, sono volutamente estemporanee, realizzate in una speciale resina messa a punto da Baas e realizzate mediante stampaggio manuale. MAARTEN BAAS

DITTE HAMMERSTROM

BRAM BOO

89


di Riccardo Colella

questione di cilindri

Suzuki Alto Una piccola grintosa e dal grande avvenire

resca di fabbrica, la nuova Suzuki Alto arriva a fine marzo sulle strade Italiane. La casa giapponese svela infatti quella che sarà per Suzuki il cavallo di battaglia nel segmento A. Arrivare sul podio non è certo impresa da poco conto, se si considera che in quella fetta di mercato ci sono concorrenti agguerrite come Citroen C1, Peugeot 107 e Fiat Panda. La piccola nipponica, ma di adozione indiana, considerando che viene prodotta negli stabilimenti Suzuki Maruti, ha però tutte le carte in regola per non sfigurare. L’auto si presenta infatti come un mezzo agile, leggero e studiato apposta per consumare poco (sicuramente molto meno di

F

altre cinque porte attualmente sul mercato). La sagoma dei fari tradisce immediatamente le origini orientali, mentre gli interni sono curati e moderni. Innovativi sono infatti i tessuti dei sedili, così come i vani per cellulare e iPod. Ancora all’interno trovano spazio quattro passeggeri, mentre il bagagliaio ha una capacità di 129-367 litri. Il motore è un Euro 5 da 1.3 di cilindrata per 68 CV con un consumo di 4,4 litri per 100 Km su percorso misto. Il cambio è meccanico a cinque rapporti, ma con un supplemento è possibile montare il cambio automatico a quattro marce. Due sono poi gli allestimenti disponi-

Alfa MiTo GTA

llacciate le cinture. Dopo mesi di rumors, rinvii, anteprime, conferme e smentite, Alfa Romeo presenta al grande pubblico la sua ultima fatica: la nuova Alfa MiTo GTA. Presentata in occasione dell’ultimo Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra, la nuova Alfa avrà l’arduo compito di “sfidare” la Mini Cooper S John Cooper Works, in un periodo non proprio favorevole del confronto Italia-Inghilterra (almeno dal punto di vista calcistico!).

A

bili. La Suzuki Alto è infatti commercializzata nella versione GL (allestimento base) con un ottimo allestimento di serie: quattro airbag, climatizzatore, fendinebbia e radio; e la versione GLX, che alla dotazione base aggiunge ESP, due airbag, sedili di guida regolabili in altezza e due ulteriori altoparlanti. Il prezzo comunicato per la GL è di 9.940 euro, mentre per la GLX occorrono 10.800 euro.

La risposta italiana al predominio della Mini

L’Alfa MiTo, già da tempo sul mercato, sta mese dopo mese riscuotendo ottimi consensi da parte del pubblico; ma gli alfisti, abituati troppo bene nel corso degli anni, invocano un qualcosa di speciale, di aggressivo e sportivo al contempo. Ecco dunque svelata l’esigenza della nuova Gran Turismo Alleggerita. A prima vista è ben visibile, infatti, il carattere sportivo della neonata del Biscione: paraurti inediti (derivanti

dalla 8C) e minigonne appositamente progettate per contenere le prese d’aria, alle quali spetta il non facile compito di raffreddare i dischi posteriori e i cerchi in lega da 20” a cinque razze. Altro tocco grintoso è conferito dagli specchietti retrovisori, il tetto in carbonio e i fari anteriori con fondo nero. L’attenzione è per forza di cose rivolta al motore: un 1.8 T-Jet Multiair da 240 CV. Ovviamente un’auto del genere merita un adeguato apparato tecnologico ed è così che a supporto del 1.8 a trazione anteriore, arriva il differenziale elettronico Q2. Le premesse per un’adeguata “guerra” alla Mini Cooper S, come già detto, ci sono tutte; a partire dal prezzo che, nonostante non proprio economico (27.000 euro circa), rimane comunque al di sotto di quello della concorrente british.

91


w w w. p r i m a v e rd e . i t

VIVAI PRIMAVERDE Una scelta che cresce nel tempo

Via G.

hi, 151 . Cocc

Via P.A

ucci Anton

Via Cristoforo Colombo G

ww

ACILIA (10.000 mq di esposizione) Via P. Cocchi, 151 - Tel: 06.523.57231 Fax: 06.52352865

RDA IL NOST R

VIDEO SU

w.

O

UA

it

Via di Valle Porcina cilia Via di A

Via di Saponara

Piante acquatiche, Bonsai, Vasto assortimento di piante mediterranee, austrialiane e tropicali, Piante da interno, Bulbi e semi anche biologici, Piante grasse, Vasto assortimento di vasi, terrecotte e ceramiche artistiche, Show-Room di Fiori freschi, secchi, artificiali e composizioni artistiche, Concimi e Substrati (COMPO e CIFO), Materiali per l’irrigazione (GARDENA), Attrezzature e macchine da giardino, Fornitura e Montaggio di strutture in legno (pergole, grigliati, ecc...) e.

Via Ostiense

1 3m a gazin

SERVIZIO CLIENTI: 06.523.572.31


a cura di Lorenzo Palmieri

La Libreria di Primaverde FEIJOA SELLOWIANA Origine: Brasile Famiglia: Myrtaceae Nome comune: Fegioia, Guajabo del Brasile Sinonimi: Acca Sellowiana

DESCRIZIONE: è un attraente arbusto brasiliano dalla forma arrotondata, con un bel fogliame coriaceo, verde cenerognolo, argentato sotto. TIPOLOGIA: arbusto. DIMENSIONI: H 3-5 m. FOGLIAME: sempreverde; le foglie arrotondate, sono coriacee, di colore verde cenerognolo, argentato sotto. FIORITURA: maggio-giugno; i caratteristici fiori sono numerosi, di color bianco-rosato con stami rossi. FRUTTI: maturano in autunno, sono verdi, eduli, aromatici, grandi come uova. La fruttificazione avviene solo dopo un’estate sufficientemente calda, talvolta occorrono più esemplari vicini per ottenere il frutto. CLIMA: vive bene al clima di Roma. Resiste fino a -5°C. Sopporta climi e venti marini. ESPOSIZIONE: pieno sole (preferibile) o mezz’ombra. TERRENO: non tollera il ristagno idrico, occorre quindi un suolo ben drenato, leggero. ACQUA: poca; sopporta la siccità. CONCIMAZIONI: frequenti durante il periodo vegetativo soprattutto per piante che rimangono in contenitore. POTATURA: potare all’inizio della primavera, eliminando i rami eventualmente danneggiati dal freddo ed accorciando i getti dell’anno precedente. POSSIBILI IMPIEGHI: la Feijoa Sellowiana è una pianta di alto valore ornamentale. È impiegata sia come pianta isolata che in gruppo, per bordure, scarpate e schermi visivi; come siepe è utilizzata in forma libera. È coltivata con successo anche in vaso.

scheda n. 47


viaggi di Valeria Fanelli

Una passeggiata tra i Sassi di Matera Alla riscoperta di una città unica nel mondo uando si nomina Matera, automaticamente le vengono associati i suoi famosissimi sassi. Questi non solo sono stati dichiarati dall’UNESCO “Patrimonio Mondiale dell’Umanità”, ma sono anche stati scelti da tantissimi registi come ambientazione per i propri film (ultimo in ordine tempo il Mel Gibson de “La Passione di Cristo”). Ma cosa sono i sassi di Matera e che struttura hanno? Innanzitutto c’è da dire che per Sasso si intende un quartiere scavato nella roccia, di solito scolpito e ricavato a ridosso di un profondo burrone chiamato Gravina. I Sassi di Matera, rioni che costituiscono la parte antica della città, si distendono in due vallette, che guardano ad est, leggermente sottoposte rispetto ai territori circostanti, separate tra loro dallo sperone roccioso della Civita. Il Sasso Barisano, girato a nord-ovest sull’orlo della rupe, fulcro della città vecchia, è il più ricco di portali scolpiti e di fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo. Il Sasso Caveoso, che guarda invece a sud, è disposto come un anfiteatro romano, con le case-grotte che scendono a gradoni, prendendo il nome dalle cave e dai teatri classici. Al centro la Civita già nominata, sperone roccioso che separa i due Sassi, sulla cui sommità si trovano la Cattedrale ed i palazzi nobiliari. Questo insieme forma l’antico nucleo urbano di Matera. Di particolare bellezza è sicuramente il Duomo, edificato proprio sulla sua Acropoli. Costruito sulle rovine di due cripte, distrutte durante vari saccheggi, l’edificio è stato completato nel 1270. Ma oltre a questa meraviglia, ci sono circa altre 150 chiese rupestri, nate quando i monaci, perseguitati dai turchi, tra il XII ed il XV secolo, appagarono la loro sete di culto in queste cave nella roccia, abbellendole di affreschi e dipinti di non indifferente bellezza. Assolutamente da non perdere in un tour della città.

Q

95


viaggi

di Valeria Fanelli

Valencia: una città verso il futuro a Spagna affascina, colpisce e invita sempre a tornarci. Valencia rispetta questa regola: è una città giovanissima, ordinata, divertente e

L

PLAZA DEL AYUNTAMIENTO PLAZA DE TOROS

te da tutti i mari del mondo). All’interno c’è anche un bellissimo delfinario, un Museo della scienza e il palazzo delle arti della Regina Sofia. Il complesso, progettato dal grande Architetto Calatrava, è ormai famoso in tutto il mondo. Vale la pena visitare anche il Museo delle belle arti, una delle pinacoteche più importanti del Paese. Passeggiando per Valencia è anche il caso di visitare Torres de Serranos e Torres de Quart: tutto ciò che resta

Simbolo della modernità spagnola, terzo centro del Paese e importante porto sul Mediterraneo

pulita. Tra le mille cose da vedere in centro, da non perdere sono la Cattedrale, il mercato coperto, la Torres de Quart, la Biblioteca, Plaza del Carmen, Plaza Redonda, la Lonja dei Mercanti, la Plaza del Ayuntamiento, la Estacion del Norte con accanto la Plaza de Toros. Originale e decisamente piacevole trascorrere un pomeriggio passeggiando nel Rio, ovvero presso il vecchio letto del fiume Turia, deviato negli anni ‘60 per salvare i valenciani da una terribile inondazione. Trasformato oggi in un magnifico parco, il vecchio corso è pieno di piste ciclabili e strutture sportive. Percorrendolo, è possibile giungere presso il polo moderno, dove è sorta la Città delle Arti e delle Scienze, un meraviglioso complesso architettonico composto da cinque differenti strutture. Il polo è composto innanzitutto dall’Oceanografic (acquario davvero suggestivo, in cui osservare una fauna ittica provenien-

delle antiche mura della città. Le prime, affacciate sul letto del Río Turia e ancora ben conservate, sono la porta della strada per Barcellona e per il Nord. Le Torres de Quart, situate più a ovest, risalgono al Quattrocento e sono invece rivolte verso Madrid. Una volta giunti a Valencia, non si può non approfittare anche delle delizie locali. La sangria è presente in molti locali, ma i valenciani bevono sempre e solo “Agua de Valencia”, un cocktail alcolico a base di arancia, vodka, gin e vino frizzante, che viene servito in brocca

e preparato sul momento. Per una buona “Agua de Valencia”, bisogna recarsi presso il Bar Los Toneles, in Carrer Ribera, vicino Plaza del Ayuntamiento. Solitamente gli spagnoli mangiano la paella a pranzo piuttosto che a cena. Da queste parti, la paella tipica è ovviamente quella “valenciana”, e cioè con il pollo e senza pesce. Per mangiarne una ottima è consigliabile il ristorante Tapelia. Le migliori sono con le verdure, con il pesce e con la carne di cervo. Speciali le crocchette con la besciamella (croquetas) e un piatto con patate, uovo, prosciutto e peperoni (patatas, uevo, jamon y pimientos). Da non perdere anche la “muerte por el chocolate”, una torta con ben 4 varietà di cioccolato, in Avda Francia 27 (tel. 963300671). Altra prelibatezza tipica sono le tapas, che si possono davvero mangiare in qualunque bar. In pratica sono piccole porzioni di carne o di pesce che si mangiano in piedi lungo il bancone accompagnate da una birra (cerveza) e che di solito costano tra 1 e 3 euro. Ma i piaceri di Valencia si estendono anche alla frizzante vita notturna. Por la noche consigliamo quindi Calle Juan Llorens, una via piena di locali e disco bar, più frequentata da spagnoli. Molto carina è anche la Akuarela/Luna Rossa, probabilmente la discoteca più famosa di Valencia, dove spesso viene proposta musica commerciale spagnola.

97


informazione redazionale

Shen Center Il modo migliore per entrare in sintonia con l’estate hen, come dice l’ideogramma cinese, significa “anima”, “essenza”. Con questo obiettivo, quello del benessere supremo, dell’intimo star bene psicofisico, Simona e Vanessa hanno deciso tre anni fa di aprire il loro centro. Chi è alla ricerca di un sano equilibrio può dunque sperimentare in sede la riflessologia plantare, i massaggi e trattamenti shiatsu, il massaggio ayurvedico, i massaggi praticati con fanghi, i trattamenti destinati alla cellulite e all’adiposità localizzata, la pressoterapia, i trattamenti con avanzate tecnologie di stimolazione del metabolismo. I risultati su gambe, glutei, seno, braccia e viso non si faranno attendere, come sa bene chi frequenta abitualmente il centro. Con l’arrivo della primavera 2009, Shen Center però vuole dare ancora di più. Allo scopo di offrire maggior comfort e assistenza a chi decide di regalarsi un corpo nuovo in vista dell’estate, il locale è stato infatti ampliato nello spazio e nei servizi. Nuove e ancor più confortevoli cabine attendono chi decide di regalarsi un momento di benessere attraverso la sapiente esperienza di Simona e Vanessa. C’è infine una grande novità. Se il problema sono i peli superflui, è disponibile in sede il trattamento che ricorre alla “luce pulsata”, una tecnologia in grado di eliminare progressivamente il problema. Una volta al mese, grazie alla presenza di una persona appositamente specializzata, è infatti possibile ricorrere a tale tecnica di epilazione. Shen Center usa solo prodotti naturali, è aperto dal lunedì al sabato con orario continuato e riceve solo su appuntamento. L’ambiente è rilassante, vengono offerte tisane con sottofondi di musica new age, classica, araba e indiana. Infine, non manca l’estetica generale: ricostruzione unghie, mani, piedi, pulizia del viso, ecc... Shen Center: il modo migliore per ricordarsi di se stessi!

S

INFO: Shen Center - Vicolo dei Monti di San Paolo, 53 Acilia (Roma) - Tel. 06.52361354

di Anna Medici

libri

Nero a Manhattan Editore: Rizzoli Autore: Jeffery Deaver Anno: 2009 Pagine: 306 Prezzo: € 19,50 I numerosi lettori di Jeffery Deaver attendono sempre con ansia l’uscita di un nuovo romanzo del tre volte vincitore dell’Ellery Queen Readers Award, diventato famoso a livello mondiale con “Il collezionista di ossa”. Questa volta, la novità in libreria porta il titolo di “Nero a Manhattan” e l’intreccio creato dal maestro del thriller ci porta proprio nelle strade della Grande Mela, ovvero della città che non dorme mai… Per due professionisti come Haarte e Zane, togliere di mezzo Robert Kelly, un vecchio ossessionato dal guardare e riguardare lo stesso vecchio film giallo, è un gioco da ragazzi. Ovviamente gli imprevisti non sono nel conto. Rune ha vent’anni, è bella ed eccentrica, cambia lavoro con la frequenza con cui cambia colore di capelli. E, soprattutto, è curiosa. Lei, nella scalcinata videoteca del Greenwich Village, ha dato a noleggio a Kelly il solito film, “Nero a Manhattan”; sempre lei - che con il vecchio ha stretto un’improbabile quanto sincera amicizia - nutre il sospetto che nei fotogrammi in bianco e nero di quella vecchia pellicola possa celarsi la chiave per svelare il mistero.

a cura della Dott.ssa Matilde Pelagalli

psicologia

Capire e sentire. Tra noi e l’altro embrano sinonimi, e invece, quanta differenza: il capire finisce con l’essere del tutto esterno, mentale, il sentire tutto interno e sensibile. Ma l’altro si sente capito solo nella misura in cui è sentito, cioè è accolto nel suo vissuto dentro di noi che quel vissuto abbiamo in qualche modo sperimentato. Solo così si sente com-preso, solo così soffre meno. L’altro fa molto caso a queste cose e non si fida di noi se non può sperimentare questo vissuto in pieno. E più è grave la sofferenza, più la prova del sentire è ricercata e desiderata. Fateci caso, provate a sentire quanto gli altri vi dicono… Questo è l’invito che la psicologa Matilde Pelagalli propone ai lettori di 13 Magazine. Scrivete le vostre storie e cercate un confronto. La Dottoressa risponderà alle domande che invierete via mail all’indirizzo info@ac-overall.it.

S

Dott.ssa Matilde Pelagalli - Largo Glorenza, 28 (Infernetto) Tel. 06.50913755 - Cell. 339.6467249 www.matildepelagalli.it - e-mail: psimat@libero.it

101


I consigli del fisioterapista balsamantonio@libero.it

a cura di Antonio Balsamà (diplomato ISEF - Fisioterapista)

L’epicondilite

Allergie in vista!

Centro Fisioterapico FISIOTER

L’epicondilite è una tendinite che si manifesta con dolori talvolta invalidanti

a livello della regione laterale del gomito dovuta ad una serie di

di Valentina Mancini

salute e benessere

microtraumi ripetuti che indeboliscono o lesionano alcune fibre del tendine estensore radiale breve del carpo.

Primavera: fiorita, poetica, romantica... soprattutto fiorita

Nella maggior parte dei casi un trattamento fisioterapico corretto risolve la situazione dolorosa; tuttavia bisogna saper ricercare altre cause

tagione delle temperature miti, la Primavera, della brezza leggera, dei sensi in tumulto. Il profumo dei boccioli permea l’aria di sensazioni felici. Qualcuno si innamora, qualcun altro si ammala. Già, perché molti, in Italia, sono i casi di allergie da fieno e pollinosi. Recenti studi rilevano un progressivo aumento degli individui affetti da ipersensibilità al polline, soprattutto tra i bambini. Causa principale delle reazioni allergiche è la predisposizione di tipo ereditario: nel caso in cui entrambi i genitori siano allergici, la probabilità che il bambino presenti la stessa patologia raggiunge il 60%. L’OMS parla di vere e proprie epidemie. I cosiddetti soggetti allergici soffrono di rinite, congiuntivite e asma. Altro che periodo “rose e fiori”! Coloro che hanno a che vedere con tali fastidi presentano una sensibilità al polline superiore alla soglia di tolleranza dell’organismo, equivalente a 10-20 grani di polline per metro cubo d’aria. Per avere un’idea più chiara, facciamo riferimento al fatto che in Primavera, in particolare nel mese di Maggio, si raccolgono tra i 100 e i 500 grani di Graminacea. La tribolazione viene poi acuita o scatenata da fattori collaterali: inquinamento atmosferico, aria condizionata, fumo di sigaretta. I disturbi legati agli occhi si manifestano con eccessiva lacrimazione, prurito, arrossamento e fastidio al contatto visivo con una sorgente luminosa. I disturbi legati all’apparato respiratorio sono riconducibili al broncospasmo, starnuti e tosse, con il rischio di sfociare in crisi asmatiche. Per stabilire quale polline sia causa dell’allergia, esistono diversi test in circolazione, da quelli cutanei, all’analisi delle abitudini e degli stili di vita del paziente. Una ricerca più accurata si esegue individuando le immunoglobuline E (IgE) nel sangue. Limitare i danni si può, attraverso qualche accorgimento: tenere le finestre chiuse, utilizzare filtri dell’aria, evitare gli ambienti con sistema di condizionamento.

S

che potrebbero dare sintomi simili come ad esempio patologie articolari del gomito, instabilità legamentosa, sofferenza del nervo radiale del gomito, sindrome del tunnel carpale, tendinite della cuffia dei rotatori della spalla o artrosi cervicale. I tre segni clinici dell’epicondilite sono: dolore alla palpazione dell’epicondilo, dolore all’estensione passiva del gomito associata ad una flessione palmare del polso, dolore all’estensione del terzo dito con gomito e polso in estensione. L’epicondilite non si manifesta nella pratica del tennis, come erroneamente si crede, se non nei tennisti alle prime armi, ma soprattutto nelle comuni attività lavorative come nel prolungato utilizzo del mouse o della tastiera del pc, nel carpentiere, nei lavori ripetitivi in catena di montaggio o ancora nelle persone che stringono continuamente mani, come può essere nel caso dei politici. Il trattamento si basa sul riposo, sulla fisioterapia (laser, ultrasuoni, tecarterapia, massaggio trasversale profondo)e sull’eventuale utilizzo di un tutore specifico.

SEDE NUOVA

103


informazione redazionale

Denti dritti grazie all’apparecchio invisibile el corso della vita la posizione dei denti tende a modificarsi, per cui anche i soggetti che non hanno mai avuto una malocclusione dentale, possono notare un lento e graduale disallineamento o un peggioramento di una imperfezione trascurata negli anni. Ciò significa che per queste persone sorridere potrebbe non essere più un atto spontaneo, ma controllato e imbarazzante. Nella maggior parte dei casi, ci si rivolge agli odontoiatri nell’effettivo momento del bisogno, e cioè quando ci sono i sintomi; ma negli ultimi tempi, si sta rafforzando sempre di più anche l’esigenza estetica in generale tra i pazienti di tutte le età. Molti di questi pazienti, consapevoli dei propri difetti estetici e a volte anche funzionali, sono disposti a sottoporsi a trattamenti odontoiatrici, ed in particolare ortodontici, più o meno complessi e soprattutto più o meno prolungati nel tempo. Ma per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, continuano a rimandare o rinunciano al trattamento ortodontico tradizionale, esiste oggi la possibilità di poter risolvere la propria problematica grazie ad una tecnica ortodontica totalmente “invisibile”, che viene riconosciuta come “Tecnica Invisalign”.

N

Prima del trattamento con Invisalign:

Dopo 12 mesi di trattamento con Invisalign:

Che cos’è la Tecnica Invisalign? Per Tecnica Invisalign si intende una terapia ortodontica che consente il riallineamento dentale senza l’uso degli attacchi, ovvero dei classici ferretti. La tecnica prevede infatti l’impiego di mascherine trasparenti, che abbracciano i denti del paziente come un guanto su una mano, favorendo anche l’aspetto estetico in quanto danno loro molta lucentezza: ogni mascherina sposta gradualmente i denti che devono essere riallineati.

duzione delle mascherine necessitano della valutazione del caso clinico. Il suo lavoro in combinazione con un’avanzatissima tecnologia computerizzata tridimensionale, messa a punto dall’azienda Align Technology, consente la visualizzazione progressiva del piano di trattamento completo dalla fase iniziale fino a quella finale. Ogni mascherina, associata ad un ben determinato passaggio ortodontico, viene indossata in maniera sequenziale dal paziente in modo da ottenere il movimento dentale progettato inizialmente.

Qual è la dinamica del trattamento? Il progetto ortodontico e quindi la pro-

Volendo fare un esempio, una persona che si rivolge a voi per un eventuale trattamen-

to Invisalign, a cosa va incontro? Innanzitutto ci sarà una visita odontoiatrica preliminare, in cui saranno richieste delle radiografie digitali, seguita da una visita ortodontica durante la quale verranno prese delle impronte e scattate delle fotografie di precisione; il tutto verrà spedito al laboratorio americano Invisalign, insieme al piano diagnostico e al programma ortodontico formulato dall’equipe medica. Dopo pochissimo tempo, sarà disponibile il cosiddetto ClinChek, cioè la ricostruzione tridimensionale del piano di lavoro, che permetterà al paziente ed al medico di visualizzare direttamente sui monitor delle poltrone l’andamento sequenziale della terapia, dall’inizio alla fine, tanto da permettere di decidere se la terapia può ritenersi soddisfacente oppure se bisogna apporre qualche piccola modifica. Il progetto verrà visionato e discusso dal paziente insieme alla equipe medica. Una volta accettato il ClinChek, il trattamento potrà iniziare. Quali sono i vantaggi per i pazienti che si sottopongono al trattamento Invisalign? Quasi sempre chi si sottopone ad una terapia ortodontica lo fa per risolvere una problematica estetica, e fino a qualche tempo fa il compromesso maggiore era quello di portare per un periodo più o meno lungo gli attacchi metallici con i relativi disagi che tutti possiamo immaginare, legati soprattutto alle difficoltà oggettive nell’esecuzione dell’igiene domiciliare; per cui il fatto di poter eliminare completamente l’inestetismo della terapia ortodontica tradizionale ottenendo gli stessi risultati ci permette di poter dire oggi che il vantaggio maggiore per chi si sottopone ad una terapia ortodontica invisibile è nell’estetica.

105


salute e benessere

di Valentina Mancini

Napoli: Fiera del bambino 18-19 Aprile: mamme in attesa non disperate! a Fiera del bambino è la più importante esposizione d’Italia per il mondo premaman e dell’infanzia. Un week-end interamente dedicato a genitori e figli, per divertirsi e imparare. La manifestazione, giunta alla V edizione, è ricca di eventi, concorsi, divertimento e spettacoli. È inoltre l’occasione per ottenere una vasta gamma di informazioni, così da affrontare al meglio l’esperienza unica di diventare “mamma e papà”. Insomma, una guida completa per acquisire conoscenze e competenze al fine di orientarsi al meglio, valutare e scegliere consapevolmente le offerte dei vari espositori. La Fiera si propone, come nelle precedenti edizioni, di unire l’utile al dilettevole. Perché le mamme di domani giungano al lieto evento senza traumi, ecco qualche suggerimento, ricordando a tutte che ansie e dolori si affrontano meglio condividendoli. ATTACCHI DI FAME - È normale mangiare di più durante l’attesa. Detto questo, il cibo non deve diventare un’idea fissa. Bisogna aumentare l’apporto calorico nei pasti principali, preferendo alimenti a base di fibre. Due spuntini, a metà mattina e metà pomeriggio, attenueranno il senso di fame. NAUSEE - Nonostante siano molto fastidiose, esse rappresentano un fattore positivo, poiché indicano l’alta percentuale di progesterone, ormone indispensabile alla gestazione. Si presentano soprattutto al mattino, a digiuno. Per combatterle, ancor prima di fare colazione, bisogna mangiare uno o due biscotti appena sveglie, ed evitare il consumo di cibi troppo grassi. STITICHEZZA - Oltre alle già citate fibre, è necessario bere tanta acqua. ANEMIA - Normale la carenza di ferro in questo periodo. Per sopperire ad essa, mangiare carni rosse e assumere bevande o alimenti ricchi di vitamina C; diminuire il consumo di tè e caffè. IL CUORE BATTE PIÙ IN FRETTA - È normale che la frequenza cardiaca aumenti di 10-15 battiti al minuto, e che il ritmo vari. In ogni caso, meglio chiedere consiglio al medico. Le soluzioni a questi piccoli disturbi fanno emergere chiaramente che la dieta è il migliore alleato di una mamma in attesa. Ciò significa fare attenzione, con la guida di un esperto, a particolari tipi di alimenti e quantità da ingerire.

L

107


salute e benessere

a cura di Paola Sgrò

Funzione della pelle a pelle non è soltanto un tessuto di rivestimento ma, alla luce dei più recenti studi scientifici, un vero e proprio organo di protezione, di relazione e di trasformazione. La funzione principale della cute consiste nel mantenere le condizioni di omeostasi del corpo umano, cioè le condizioni di equilibrio necessarie alla vita. Il corpo umano è una struttura complessa, costituita per oltre il 70% da acqua, in cui avvengono tutte le trasformazioni biochimiche vitali. L’acqua è dunque l’elemento cardine della vita, il cui contenuto non può variare senza gravi ripercussioni sulle stesse esistenze. La cute contribuisce in modo decisivo a salvaguardare questo contenuto, evitandone perdite e assunzioni programmate. La vita è inoltre possibile a patto che la temperatura corporea rimanga costante o perlomeno non subisca variazioni notevoli; anche su questo fronte la cute appare un organo essenziale per la termoregolazione, contribuendo alla dispersione del calore ove necessario ma soprattutto salvaguardando la temperatura corporea. La cute rappresenta il confine tra un essere umano e l’ambiente esterno (da cui lo protegge): impedisce infatti aggressioni di tipo meccanico, fisico, chimico e microbiologico. La pelle, infatti, non solo ci protegge da sostanze estranee, come la polvere, ma anche da elementi dannosi e pericolosi, come gli agenti inquinanti chimici. La cute, infine, è anche un sistema di difesa nei confronti delle radiazioni solari pericolose. Grazie ai propri sistemi protettivi le neutralizza impedendo che esse possano penetrare e danneggiare organi interni più delicati e sensibili. Il ruolo centrale della cute nel mantenere il corpo in equilibrio (omeostasi) è stato intuito dall’uomo ben oltre 20.000 anni fa, come si può desumere dai sistemi di protezione che ha sviluppato con la sua intelligenza. I vestiti, che rappresentano una seconda pelle, hanno permesso all’umanità di vivere meglio e adattarsi ancor di più agli ambienti ostili, freddi o caldi, secchi o umidi. La pelle quindi, in sintesi, ha la funzione di proteggere gli organi interni da sostanze estranee e da radiazioni pericolose, di trattenere e regolare la temperatura corporea e di mantenere l’equilibrio idrico.

L

109


Gli ingredienti per una serata hot Il sesso? È anche quello che mangiamo. Con la giusta dieta, infatti, attiviamo i livelli di stimolazione legati ai processi biochimici che avvengono nel nostro organismo. È ormai generalmente accertato che un calo della libido possa dipendere da ciò che mangiamo. Perché il dopocena non sia deludente, proponiamo una cena che scateni i bollenti spiriti. PRIMO A BASE DI SALMONE - Ricco di Omega3, incrementa la dopamina, un neurotrasmettitore stimolatore del desiderio sessuale. Il flusso sanguigno aumenta in tutto il corpo, zone erogene incluse. CONTORNO DI SPINACI - Ricchi di Vitamina B essenziale per la produzione di ormoni sessuali e aumento del desiderio. AVOCADO - Frutto della sensualità, induce all’impulso sessuale grazie alla Vitamina E, contenuta anche in fragole, mirtilli e lamponi. Tutti afrodisiaci che attivano la sensibilità della pelle al tatto. Dessert: cioccolato fondente. Contiene la “droga dell’amore”, ossia la phenyletilenammina, stimolante che induce il cervello a pensare al sesso. CAFFÈ - Attiva due vie neurochimiche importanti: la dopamina, che dà energia e voglia di conquista; la serotonina, per migliorare l’umore. Un consiglio: accertatevi di avere casa libera!

L’Endometriosi on il termine endometriosi si

C

definisce una malattia caratte-

rizzata dalla presenza di tessuto endometriale (quello che riveste l’interno dell’utero e sanguina ad ogni mestruazione) in sedi diverse dall’utero (tra le più frequenti: ovaie, tube, legamenti intorno all’utero, vagina e tra gli organi extra-genitali, la vescica ed il retto). Purtroppo l’endometriosi è una malattia subdola, spesso mal diagnosticata e sempre più frequente tra le donne in età fertile. Le lesioni si manifestano come noduli o, a livello delle ovaie, cisti che subiscono lo stesso stimolo ormonale del normale

salute e benessere

di Gaetano Gaggiottino

a cura della Dott.ssa Jessica Melluso

scienze

tessuto endometriale e conseguentemente sanguinano con l’arrivo della mestruazione, irritando e causando infiammazione agli organi adiacenti ad essi, creando aderenze e distorcendo la normale anatomia pelvico-addominale; le cisti ovariche si riempiono di sangue e crescono ad ogni ciclo fino a raggiungere dimensioni anche notevoli. I sintomi si manifestano con forti dolori pelvici, spesso insensibili agli antidolorifici, dapprima solo come un’accentuazione dei normali dolori mestruali (dismenorrea), oppure come dolori durante i rapporti sessuali (dispaurenia) finché, nei casi più gravi, il dolore diventa cronico, a volte costante, tale da compromettere la normale vita sociale della donna. Altro sintomo importante dell’endometriosi è l’infertilità causata dai fenomeni infiammatori ripetuti a carico degli organi genitali interni la cui funzionalità può venire compromessa, nonché dall’alterata funzione delle ovaie in presenza di formazioni cistiche. La diagnosi della malattia può essere sospettata con l’ecografia e

Meno sale più salute In Italia, in media, un adulto consuma da due a tre volte più sale di quanto consigliato dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità. Vale a dire 10-15 grammi al giorno invece dei 5-6 consigliati, equivalenti a un cucchiaino da caffè. Per ovviare al problema è bene scegliere gli alimenti preferendo quelli freschi o surgelati. Dovremmo inoltre cucinare con poco sale o addirittura, talvolta, farne a meno. Questo tipo di cultura andrebbe esteso anche e soprattutto agli operatori della Ristorazione Collettiva. Il loro è infatti un ruolo cruciale, essendo “fornitori” di ciò che noi, quotidianamente, mangiamo quando non siamo a casa. Un piccolo “sacrificio” oggi farà i benefici di domani. È bene ricordare che circa il 15% del sale consumato ogni giorno si trova naturalmente nei cibi. Il 50% è usato nei processi di conservazione o produzione industriale. Circa il 33% è aggiunto in cucina.

con la risonanza magnetica, ma confermata solo tramite un intervento chirurgico di laparoscopia addomino-pelvica, che permette di visualizzare ed asportare le lesioni a carico delle strutture interessate.

111


Cerco casa!

vita da cani Dedicato agli amici in cerca di adozione

Sterilizzazione, un atto d’amore: fondamentale per combattere la piaga del randagismo di cani e gatti, necessaria per consentire ai nostri amici una serena convivenza nelle nostre case senza soffrire, risolutiva per arginare frequenti tumori e patologie legate all’apparato riproduttivo. Una scelta etica e non egoistica per dimostrare il nostro amore ai nostri amici.

MAIA (matricola 45-09)

TILLY (matricola 2023-08)

GOLIA

Dobermann di spettacolare bellezza dal carattere socievole, è entrata da poco in canile dopo un abbandono. Prendila con te!

Giovane cagnolina di taglia contenuta dal carattere simpatico con tutti, tranne che con i gatti… Per il resto è perfetta!

Ha solo 2 mesi, somiglia ad un orsetto ed è già bellissimo. Se lo vuoi portare via con te chiama il 349.3686976 e chiedi di lui!

PARSIFAL (matricola 1631-07)

CARTONCINO

Di taglia media, a pelo raso, buono e socievole, dallo sguardo stupendo e magnetico, al quale è impossibile resistere!

Delizioso, di taglia piccola e molto ubbidiente, aspetta da tempo una casa ed una famiglia che lo accolgano con amore.

Adozione del cuore

JASMINE (matricola 112-09) Splendida batuffola di 60 giorni dagli occhi verdi e dalla dolcezza unica, non lasciare che conosca la gabbia ma portala via!

Sei interessato all’adozione di un cane o di un gatto? Tel. 349.3686973 E-mail: adozioni@corrieredelcanile.org Sito internet: www.corrieredelcanile.org Canile Comunale della Muratella - Roma Via della Magliana, 856 (Lun-Sab 10:00-17:00) - tel. 06.67109550

CLEMENTINA (matricola 2076/08) Bella e buona da sembrare finta, investita, ha riportato un danno alla vescica e va solo aiutata ad urinare con una leggera pressione. Adorabile!

Da quando 13 Magazine ha dato la sua disponibilità nel promuovere questa iniziativa, tantissimi amici a quattro zampe hanno trovato una famiglia. Ringraziamo tutti i nostri generosi lettori.

115


budget e ricette

di Lucia Bianco

Cucina ed equilibrio Thai Inizia la primavera ed è un piacere scoprire i gusti d’oriente orno a scrivere con una sorpresa. Ho avuto la fortuna di entrare nella cucina di un famoso ristorante tailandese, godendo della simpatia e della disponibilità dello chef. Sono tornata a casa con i filmati delle ricette Thai che preferisco e, con grande piacere, le condivido con voi. La cucina tailandese è molto leggera, poco calorica e poco costosa. La soddisfazione sarà massima.

T

Fried noodles In Thailandia, dove si trovano in ogni mercato, i noodles di riso vengono usati solitamente freschi. In Italia sono invece reperibili solo quelli di tipo secco, che vanno dunque messi a bagno in acqua fredda per 1 ora allo scopo di ammorbidirli. INGREDIENTI PER 2 PERSONE: • 200 gr di noodles (se li trovate, comprate quelli larghi) • 200 gr di broccoli cinesi (dopo approfondita ricerca ho scoperto che i broccoli cinesi sono parenti del cavolo nero toscano, potete quindi usare questo) • 2 uova • 6 gamberi • brodo di pollo (va bene col dado) • zucchero, sale • 1 cucchiaio di salsa di ostriche • 1 cucchiaio di soya (sia quella chiara che quella scura) • olio insaporito con aglio (se non l’avete tritate bene uno spicchio ed aggiungete l’olio)

Mettete in una casseruola il brodo di pollo e portatelo a bollire. Lavate i broccoli ed usate solo le foglie, eliminando le coste, facendole bollire per 3 minuti nel brodo. Sgusciate i gamberi togliendo anche il filo nero sulla schiena e fateli bollire per 1 minuto nello stesso brodo. Nel wok (potete usare anche una normale padella) mettete due cucchiai d’olio, le due uova intere, i gamberi ed i noodles, non smettete mai di girare e cuocete per un paio di minuti. Aggiungete le foglie del cavolo tagliate grossolanamente, un cucchiaio di salsa di ostriche, un cucchiaino di zucchero, sale, un cucchiaio di soya chiara ed uno di soya scura (se non trovate la soya chiara non vi preoccupate, non importa). Spolverate di pepe ed aggiungete un cucchiaio di olio insaporito con l’aglio. Servite e buon appetito! Come antipasto potete servire degli involtini primavera che ben si abbinano con questo piatto. Il filmato relativo alla realizzazione della ricetta è visibile su youtube all’indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=Kc8ds62zOeo&feature=email

117


ricette dello Chef

a cura di Dino Terracciano

Che bel carciofo! orse non è il miglior complimento da fare, ma se ci troviamo in cucina siamo davanti ad uno dei più “prepotenti” ortaggi! È dal suo nome scientifico, Cynara Scolimus, che deriva il nome di uno dei più famosi digestivi presenti in circolazione dagli anni sessanta a oggi. Non è un caso. Infatti, forse non tutti sanno che, come studi scientifici dimostrano, la “Cinarina”, sostanza che si trova appunto nel carciofo, è innanzitutto un buon digestivo, è ottimo per abbassare il livello del cole(2 porzioni) sterolo, favorisce la diuresi, contiene molto ferro ed è un buon antiossidante. avorate 250 g di ricotta con delle foglioline di mentuccia tritate, sale e poco Rientra tra i prodotti mediterranei per eccellenza (la pepe nero. maggiore coltivazione è in Italia, Francia e Spagna). Lavate e pulite 2 carciofi togliendo il gambo, le foglie più dure, e rifilando la In autunno c’è una piccola parte di produzione (forpunta di tutte le foglie. Mettete il tutto in acqua acidulata con limone, separanzata) ma è in primavera che abbiamo le migliori do le foglie esterne tagliate julienne e il cuore diviso in due e tagliato nel senso varietà di carciofi (produzione non forzata). della lunghezza (eliminate la barbetta interna). Molto versatile, di gusto deciso e di richiamo alle traLe foglie julienne friggetele appena in olio caldo e mettetele da parte. Le due dizioni povere, questo ortaggio è da assaggiare metà del carciofo cuocetele in pentola rosolandole con olio, aglio e rosmarino, crudo quando è giovane e tenero (il cuore va tagliato Bagnate con vino bianco e coprite appena con acqua, portando a cottura fin fine e marinato con limone, olio e foglioline di quando saranno tenere. menta). Intanto mettete 2 fette di pancetta tesa In genere non amano il vino in abbinamento, eccetto tagliate fine tra due fogli di carta forno alcune preparazioni abbinate ad altri ingredienti pree mettetele al forno a 160°C per 8-10 valenti nella preparazione, come ad esempio carne o minuti per renderle croccanti. Impiattapesce. te mettendo la ricotta sul fondo del

F

BIS di Carciofo e Ricotta

L

piatto, cospargete con le foglie fritte e adagiate le due metà del carciofo con a fianco la fettina di pancetta. Decorate con una fogliolina di menta.

Risotto carciofi e vongole con gamberoni marinati

(2 porzioni)

prite in padella le vongole con uno spicchio d’aglio, mettete da parte il liquido di apertura e sgusciatele. Pulite un carciofo grande o 2 piccoli, tagliatelo a pezzi piccoli e rosolate 1 minuto in pentola con olio e uno scalogno tritato. Aggiungete 150 g di riso, tostatelo e bagnate con acqua o brodo portando a cottura (18-20 minuti) aggiungendo anche il liquido di apertura delle vongole filtrato. Quando mancherà 1 o 2 minuti alla fine della cottura mantecate il riso con una noce di burro fuori dal fuoco, aggiungete le vongole, regolate di sale, fate riposare 2 minuti e servite nel piatto. Aggiungete nel piatto 4-5 gamberi a testa, sgusciati e fatti marinare in anticipo in olio, sale, pepe e succo di limone. Cospargete infine con la salsa della marinatura. Se preferite potete precuocere i gamberi e poi marinarli.

A

119


V. GRANDE MURAGLIA

VIA DI DECIMA

VIA

.SA NT O

VIA CRISTOFORO COLOMBO

V.O.GHIGLIA

PESCAT ORI V. ARISTOFANE H IL O VIA ESC

VIA MOLAIOLI

VIA DEI

CA

V.PRASSILLA

DI

E .D

SAL

19

RAGON CELLO

L

V I A W OL

23

L O T TI

F FERRA RI

INFERNETTO

PAL

CASAL PALOCCO

OCCO

28 VIA U. GIORDANO

3

5

VIA CANALE DELLA LING UA

P O R ZIA

TE

A S TEL

V I A DI C

CA

O

L.MARE DUCA DEGLI ABBRUZZI

OSTIA PONENTE P.LE DELLA POSTA

26

C.SO REGINA MARIA PIA

L.MARE PAOLO TOSCANELLI

L.MARE DELLA SALUTE PORTO DI OSTIA

VIA C. PASSERO

DIO AU CL

VIA D. BALENIERE

FRA T.

VIA DEI DIOSCURI

VIA DELLA VILLA DI PLINIO

VIA C. COLOMBO

SAN

VIA D

FU

ORI EI PESCAT

L

11 CAVALCAVIA NUOVO

V. MARINA

SCHE

4

V.

VIA C. ZUGNA

LLA SC AFA VIA DE

V. AZZORRE

2

I

16

TR OIS I

R ATO DI

VIA R

V. BE Z Z

V.

OSTIA STELLA POLARE

A VIA DELLA SCAF

V. F A R O

RO INDA VI A P VIA G

VIA DI SAPONARA

VIA OSTIENSE

VIA DEL MARE

VIA

EDIP

UGLIA

R T UE VIA PO GIUGNO

V.LE TRA IANO

10

VIA T. CL

P.ZZA GRASSI

EMENTIN A

MICINA

F O CE

VIA DI

P. T E 2

SAPONA RA

L.MARE DUILIO

L.MARE LUTAZIO P.ZZA C. COLOMBO CATULO

1 PONTILE

PINETA DI CASTEL PORZIANO

OSTIA LEVANTE

V.

14

FIUMICINO

SSO D

TO VIA DELL'AEROPOR

ISOLA SACRA 22

ACCHIA

VIA A.

LONGARINA

OSTIA ANTICA

TE VE RE

8

9

S

NSE

20

VIA FO

P.ZZA ESCHILO

MADONNETTA

17

AXA MALAFEDE

NTINI EO

V. COLLETTORE PRIMARIO

VIA DEI ROMAGNOLI

VIA DI M

DRAGONA

VIA D. PURIFIC ATO

APONA RA

VIA DI S

NI

25

SPINACETO

TENUTA DEL PRESIDENTE

AXA

30

BO TI

7

29 VIA DI ACILIA ACILIA

LI GO

CELLO RAGON V. DI D

VIA C. MAESTRINI

M. ORC INA

V. G.CARPINE

NAPOLI

CALTAGIRONE

VIA DI P

POG DEL V IA

P.ZZA S.L. P.TO MAURIZIO

DRAGONCELLO

T V IA O . F A

6

VIA DI MALAFE 12 DE CASALBERNOCCHI

V. IN

ORT VIA P

V.ALBARETO

VIA DELLA SALVIA

GIO DI ACILIA

E S UEN

18

UG NO

V. P

VIA DEL MARE

A AN IOR GG

LLE CASE BA DE SS E VIA

O

T

VI A

MA

V.M OD

M M IN

V IA

DI

21

OCA

VIA L

VIA N .

DI GIA NO

ACILIA NORD

EZZ

CORNELI O

VIA

VIA ARZANA

ETTO

DI M

VITINIA 13

CENTRO GIANO A S AL

MOSTACCIANO

ANT AR O

VIA C

QUIN O BO RGH I

NO

LEGENDA 17 Mr. Beef 18 Il Pinzimonio 19 Eschilo 2 Dancing 20 Cascina Spiga d’Oro 21 La Romanina 22 I Giardinetti 23 Zucchero e limone 24 El Matambre 25 Il cielo sul mare 26 Rosso di sera 27 Zenit 28 D’Arfredo ar Casale e Le Tre Scimmie 29 Pizza 120 30 Punto d’incontro

. P AS

E GRANDE RACCORDO ANULAR

FIRENZE

1 Nemo 2 La Fraschetta del mare 3 Il Capitano Achab 4 Per Gola 5 Eden 6 Re Grano 7 Pane ar pane vino ar vino 8 La Bitta 9 Maharajah 2 10 Incannucciata 11 Donna Carmela 12 La Carbonella 13 La Locanda 14 Donna Beatrice 15 L’Imperatore 16 Add’e’ Scugnizz

C

LOCCO VIA DI M. PA

USCITA 28

FI U

IAN

V.BAZZINI

V

. IA D

B ME

24

VIA CRISTOFORO COLOMBO

VIA D

O

EUR TORRINO

15

LITORANEA

27


MagnaRoma I GIARDINETTI SPECIALITÀ > CARNE DANESE ALLA BRACE - PIZZA NAPOLETANA grande cordialità dei due titolari Dino e Anna. Tra le speI buongustai della cucina casereccia e della pizza napolecialità, oltre alle pizze cotte con il forno a legna, da protana hanno un nuovo punto di riferimento: il ristorante “I vare assolutamente l’ottima carne danese preparata alla Giardinetti” di Fiumicino. Un locale familiare ed accoglienbrace. te dove gusto, qualità e prezzi si legano saldamente alla

MENÙ SPECIALE BISTECCA 1a SCELTA (Gr. 500) CONTORNO A SCELTA VINO 1/2 Lt. • ACQUA • PANE DESSERT DELLA CASA CAFFÈ • LIMONCELLO

INDIRIZZO Via G. Maffettone, 95 TELEFONO 06.6583069 SITO INTERNET www.bisteccheriaigiardinetti.it PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Martedì APERTO Pranzo/Cena

tutto a s

22

o li

PASQUA e PASQUETTA aperti anche a pranzo ZONA

€ 20,00

FIUMICINO

25

125


MagnaRoma IL CAPITANO ACHAB

• Crudo di Pesce • Oltre 250 Etichette di Vini INDIRIZZO Via Solone, 2 (angolo C. Colombo) TELEFONO 06.62202431 - 06.916506565 - 333.8752119 (Luca) INTERNET www.ilcapitanoachab.it E-MAIL info@ilcapitanoachab.it PREZZO MEDIO 45 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 70 interni, 100 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Pranzo/Cena

• Giardino, Veranda, Sala Interna • Banchetti e Ricevimenti • Meeting e Pranzi di Lavoro • Aperti Pranzo e Cena

ZONA CASALPALOCCO

3

PER GOLA

NEMO

SPECIALITÀ > PESCE - CRUDI DI PESCE Ideale per gustare ottime specialità di pesce (mezze lune ai formaggi con gamberi e radicchio, carbonara di mare, gnocchetti alla crema di scampi, tagliata di tonno, gamberi in pasta Kataifi e, solo su prenotazione, una vasta scelta di crudi), questo delizioso locale accoglie la sua clientela con piacevoli serate dedicate alla musica e al ballo. Tutti i sabati Karaoke (con menù Paella e Sangria a € 18,00), mentre il venerdì Piano Bar per gli amanti della Salsa e dei balli di gruppo.

SPECIALITÀ > PESCE - CRUDI DI PESCE Collocato nello stabilimento balneare “La Nuova Pineta”, Nemo è il primo Oyster bar del litorale, l’unico a garantire il proprio crudo di pesce, ad aver ottenuto l’attestato “Alta cucina” dall’Academie Internationale des Gourmet et des Traditions. Nato da un’idea di Tony e di Ermanno, Nemo affida i suoi fornelli alla venticinquennale esperienza di Rossana. I prodotti ittici lavorati da Nemo sono pescati da “i pescatori del Borghetto”.

INDIRIZZO Via Doberdò, 60/A TELEFONO 320.0695189 (Alessia) PREZZO MEDIO 25/35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 interni, 40 esterni SPAZIO ESTERNO Sì Venerdì PIANO BAR AREA BANCHETTI Sì Sabato LOCALE CLIMATIZZATO Sì KARAOKE INTERNET WI-FI FREE Sì APERTO Cena (Sab. e Dom. anche Pranzo)

4

• Ricca Selezione di Rum, Grappe e Whisky

INDIRIZZO Lungomare Lutazio Catulo, 6/b TELEFONO 348.3966520 - 333.8036856 SITO INTERNET www.nemorestaurant.it RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì NUMERO POSTI 40 interni, 20 esterni APERTO Pranzo/Cena PARCHEGGIO Sì

ZONA FIUMICINO

1

ISOLA SACRA

ZONA

OSTIA LIDO

ROSSO DI SERA Crudo di Pesce • Ricca Selezione di Vini e Distillati Aperti a Pranzo

INDIRIZZO Lungomare Duca degli Abruzzi, 84 Locale Int. 885/a TELEFONO 06.56399938 - 06.916507769 INTERNET www.rossodiseraportodiroma.it E-MAIL info@rossodiseraportodiroma.it PREZZO MEDIO 45 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 20 interni, 30 esterni VERANDA SUL MARE Si PARCHEGGIO Adiacente ingresso Nord del Porto APERTO Pranzo/Cena Consigliata la prenotazione

26

ZONA OSTIA LIDO - PORTO TURISTICO

Direttamente sul Porto di Ostia 127


MagnaRoma INCANNUCCIATA SPECIALITÀ > CRUDI DI PESCE Il ristorante Incannucciata è noto per la particolare attenzione che da sempre dedica alle sue specialità. Pesce fresco, crudo,

INDIRIZZO P.zza G.B. Grassi, 17 TELEFONO 06.6506380/339.3814695 PREZZO MEDIO 35/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e Domenica a cena CARTE DI CREDITO Tutte (esclusa Diners) AREA BANCHETTI Si SALA FUMATORI Si TERRAZZA Si NUMERO POSTI 100 al chiuso, 80 all’aperto APERTO Pranzo/Cena (Domenica solo a pranzo)

di paranza ed una vasta scelta di piatti attendono di essere gustati in un locale che da sempre consente di godere pienamente i raffinati sapori del mare. Da sottolineare l’ambiente unico adatto ad ogni occasione. Tra le specialità da non perdere vi consigliamo: tagliolini alla carbonara di spigola, gnocchi di patate con vongole veraci, crema al tartufo e radicchio fresco, fettuccine al nero di seppia con zucchine e moscardini, ricciola al vino bianco, tonno con crema di ceci e astice alla catalana. Ampia la carta dei vini. Il locale dispone inoltre di una sala per banchetti e feste.

ZONA

10

FIUMICINO CENTRO

MR. BEEF

PANE AR PANE VINO AR VINO

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE La cucina di questo locale si distingue per la vasta scelta di carni: Danese, Argentina, Irlandese, ma anche stuzzicanti salsicce di produzione propria, tagliate di manzo servite con vari condimenti, secondi piatti che richiamano la tradizionale cucina mediterranea fino alle carni bianche alla griglia e non; inoltre ricchi antipasti, primi piatti per tutti i palati, il tutto accompagnato dall’ampia selezione di vini alla carta. E per chiudere chiedete sempre un dolce... rigorosamente fatto in casa!

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA Ve piace magnà bene secondo la tipica cucina romanesca? Allora venite da noi, Giovanni e Martino: a parcheggià nun c’è problema e quanno entrate drento a “Pane ar pane vino ar vino” potete aggustà tutto quello che ve pare dei piatti de Roma nostra, le minestre, le pastasciutte, li seconni de carne e puro de pesce (martedì e venerdì oppuro su ordinazione), er tutto annaffiato dal vino bono de li Castelli. I prezzi ce dovete da crede so proprio boni che de meno nun se pò. Aho, v’aspettamo!!!

INDIRIZZO Via Macchia Palocco, 186 TELEFONO 06.5213845 SITO INTERNET www.mrbeef.it PREZZO MEDIO 20/30 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO Si NUMERO POSTI 60 APERTO Cena tutte le sere

INDIRIZZO Via O. Ghiglia, 257 TELEFONO 06.52440063/334.8473257 PREZZO MEDIO de meno nun se pò! RIPOSO SETTIMANALE ce semo sempre! CARTE DI CREDITO abbasta che paghi! PARCHEGGIO ce sta! NUMERO POSTI voi venite, noi ve sistemamo! PRENOTAZIONE è mejo! APERTO Pranzo/Cena

Pranzo solo sabato e domenica

17

ZONA

7

MACCHIA PALOCCO

LA BITTA

ZONA

MALAFEDE

TERRAZZA SUL FIUME (100 mt. dal ponte levatoio)

SPECIALITÀ > CRUDITÀ DI PESCE - CROSTACEI - FRUTTI DI MARE E TANTO ALTRO...

MENÙ DEGUSTAZIONE DA € 25

INDIRIZZO Via Portuense, 2489 TELEFONO 06.65047752 - Cell. 333.2518158 SITO INTERNET www.ristorantelabitta.com E-MAIL info@ristorantelabitta.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì PARCHEGGIO Si ACCESSO AI DIVERSAMENTE ABILI Si AMBIENTE CLIMATIZZATO Si APERTO Pranzo/Cena

ZONA

8

FIUMICINO

128

Per saperne di più visita il sito


MagnaRoma RISTORANTE EDEN SPECIALITÀ > PESCE LOCALE Da circa venti anni il Ristorante Eden è uno delle mete preferite dagli amanti della buona cucina e del buongusto. Raccolto in un’oasi di verde e tranquillità il locale, un antico casale completamente ristrutturato nelle vicinanze del mare e a pochi

INDIRIZZO Via Umberto Giordano, 111 TELEFONO 06.50916969/333.6803470 SITI INTERNET www.ristoranteeden.it - www.edenmatrimoniroma.com PREZZO MEDIO 35 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte eccetto Diners Possibilità AREA BANCHETTI Si pagamenti rateali NUMERO POSTI 450 PARCHEGGIO Si banchetti APERTO Pranzo (ven. sab. e dom.) / Cena Menù per celiaci

ZONA

5

minuti dall’EUR, mette a disposizione della sua clientela ampi saloni interni, arredati con sobria eleganza, e un paradisiaco giardino dove è più facile sentirsi in pace con la natura e se stessi. La cucina è prevalentemente basata sulla preparazione del pesce, una girandola di sapori freschi e veraci con gli arrivi giornalieri di prelibatezze locali. Anche gli amanti della carne però sapranno come godere i piaceri della tavola con una selezione accurata dei migliori tagli della nostra tradizione. La scelta degli ingredienti e il rispetto della cultura gastronomica italiana sono invece alla base della ricca offerta di primi che lo chef propone (da non perdere gli strozzapreti con vongole veraci e tartufo). Il Ristorante Eden è anche un solido punto di riferimento per chi desidera affidarsi ad un’organizzazione professionale, attenta e preparata, per banchetti di nozze, comunioni, battesimi, ricevimenti, meeting e colazioni di lavoro. Per saperne di più basta consultare le proposte di menù e i preventivi personalizzati che troverete nei siti: www.ristoranteeden.it e www.edenmatrimoniroma.com.

INFERNETTO

ZUCCHERO E LIMONE

ESCHILO 2 DANCING RISTORANTE - PIZZERIA - SALA DA BALLO

SPECIALITÀ > PIZZA - PESCE FRESCO - CARNE Ristorante/pizzeria mirato a proporre una cucina creativa e ricca di sapori, il locale vanta uno stile di servizio professionale in grado di ospitare al meglio ogni tipo di esigenza culinaria. I piatti che il menù propone sono dei più vari: crudité imperiali di pesce di mare e crostacei vivi (visibili in acquario), pesce di mare freschissimo e succulente carni danesi ed argentine, il tutto da accompagnare ad un’ottima carta dei vini. Da non perdere i dolci della casa e le specialità della pizzeria napoletana. INDIRIZZO Via E. Wolf Ferrari, 273/279 TELEFONO 06.5090609 PREZZO MEDIO 30/40 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI Inverno 170 / Estate 400 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via del Fosso di Dragoncello, 201 TELEFONO 06/5216536 PREZZO MEDIO 15/20 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si (d’estate) PARCHEGGIO Si CARTE DI CREDITO Tutte (no American Express) NUMERO POSTI 80 APERTO Pranzo/Cena Sala da ballo di 1.000 mq. (con capienza di 300 persone)

Sconto 10% ai lettori di 13 Magazine

23

SPECIALITÀ > CUCINA ITALIANA - PIZZA Concepiti per appagare sia i vizi culinari sia la sfrenata passione per il ballo, questi due locali (ristorante e sala da ballo) vantano un’accogliente locazione all’interno del centro sportivo Eschilo 2. Gli ospiti possono godere di un menù ricco di specialità nostrane a prezzi competitivi. Per chi desidera trascorrere una serata danzante, il locale offre nel weekend una sala da ballo di 1.000 mq dove poter cenare scegliendo tra la pizzeria e le specialità del ristorante, e usufruire anche dei corsi di ballo.

ZONA

19

INFERNETTO

ZONA

NUOVA PALOCCO

ADD’E’ SCUGNIZZ SPECIALITÀ > PESCE - PESCE CRUDO - SPECIALITÀ NAPOLETANE mare nostrano e provenienti direttamente dalla pescheria di Se il desiderio di ottima cucina a base di pesce vi attanaglia... proprietà del gestore del locale SALVATORE GALLO , saziatelo gustando le numerose specialità di questo delizioso ed intimo ristorante situato nella zona di Fiumicino, proprio di è tale da rendere uniche e genuine tutte le pietanze. fronte al mare. La freschezza dei prodotti ittici, pescati nel Eccone alcune selezionate dal menù come “Le imperdibili”:

• Ravioli di pesce agli scampi • Paccheri ripieni all’astice • Gnocchetti royal di gamberi e limone • Millefoglie di spigola, patate e zucchine • Pesce spada con vellutata di carciofi • Crudi vari

INDIRIZZO Lungomare della Salute, 21 TELEFONO 06.65029226 - 331.9555025 SITO INTERNET www.dymmy.it PREZZO MEDIO 35 € NUMERO POSTI 40 interni AREA BANCHETTI Sì PARCHEGGIO Sì CARTE DI CREDITO Tutte (No American Express) RIPOSO SETTIMANALE Lunedì APERTO Pranzo/Cena

16

ZONA

A sottilineare la grande qualità degli ingredienti, la variazione rigorosamente settimanale del pescato, nonché del menù! Direttamente dalla capitale partenopea, inoltre, vasta scelta di dolci e prodotti napoletani.

FIUMICINO

129


MagnaRoma DONNA CARMELA SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA - CARNE - PESCE In un ambiente rinnovato, vivace ed accogliente, apre al pubblico il ristorante “Donna Carmela” di Nadia e Lorena, punto d’incontro per tutte le età. La cucina offre un menù vasto e di qualità. Propone piatti tipi-

INDIRIZZO Via Alessandro Piola Caselli, 78/b TELEFONO 06.50930900 PREZZO MEDIO 20/35 € CARTE DI CREDITO Tutte NUMERO POSTI 60 interni, 30 veranda SPAZIO ESTERNO Sì RIPOSO SETTIMANALE Martedì APERTO Pranzo/Cena

ci romani come una gustosa coratella, una trippa riccamente condita, una intramontabile coda alla vaccinara, un’appetitosa portata di fagioli con le cotiche ed una tradizionale zuppa di ceci. Tra i primi piatti, da non perdere gli spaghetti cacio e pepe e le mezze maniche alla vodka. Tra i secondi, un’ottima selezione di carne nazionale e danese. E non finisce qui... la cucina offre un vasto menù di pesce con arrivi giornalieri. Assortiti antipasti di mare, linguine all’astice, ottimi spaghetti alle vongole e per deliziare il vostro palato, la specialità del ristorante: un fantastico risotto alla crema di scampi. Chi invece vuole cimentarsi con i secondi piatti di pesce, può soddisfare il proprio palato con l’astice alla catalana, il rombo al forno con le patate e il rombo al guazzetto. Da non perdere, tra i dessert, il famoso “tiramisù” di Nadia.

Dal Lunedì al Venerdì solo A PRANZO MENÙ FISSO

Nadia e Lorena de “La taverna dei 7 peccati” si sono trasferite nel nuovo locale “Donna Carmela” di Ostia Lido

ZONA

11

OSTIA LIDO

IL PINZIMONIO

LA FRASCHETTA DEL MARE

SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA

SPECIALITÀ > PESCE Ristorante dall’ambiente familiare ed accogliente, rinomato per le sue specialità a base di pesce. Grande abbondanza di antipasti, tra cui spicca la ricca scelta di crudi. Da non perdere: Gnocchetti alla crema di scampi, Linguine ai gamberoni e Spaghetti alla pescatora. Tra i secondi, invece, si può scegliere tra le tante varietà di pesce cucinato al forno, arrosto o al sale, le freschissime fritture e le buonissime grigliate miste. Il tutto condito da ottimi vini campani e sardi. Dolci fatti in casa.

Accogliente, ampio parcheggio, “Il Pinzimonio” fa forza sulla sana cucina italiana basata solo su prodotti di qualità. Confortevole con aria condizionata, “Il Pinzimonio” offre un’ampia scelta di Carne Nazionale e Internazionale di primissima qualità, Pesce, oltre 15 Primi e Pizza (anche da asporto) rigorosamente preparata senza aggiunta di grassi animali ma solo con una piccola dose di olio extravergine e con una giusta lievitazione. Non mancano i dolci fatti in casa che potrete gustare con i nostri vini da dessert. INDIRIZZO Via dell’Albareto, 70 TELEFONO 06.88540136 347.3507872 - 347.5403812 SITO INTERNET www.ilpinzimonio.com RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO No American Express PREZZO MEDIO 25/30 € Si accettano NUMERO POSTI 75 prenotazioni per PARCHEGGIO Si Banchetti PRENOTAZIONE consigliata APERTO Cena (a pranzo su richiesta) COLLEGAMENTO SKY Si

INDIRIZZO Via Monte Cauriol, 33/a TELEFONO 345/4059755 - 329/7480869

338/8797954 - 340/8232250 NUMERO POSTI 150 interni, 120 esterni AREA BANCHETTI Sì SALA FUMATORI Sì PARCHEGGIO 800 mq RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto APERTO Pranzo/Cena

Il locale è segnalato sul sito www.cercaristoranti.com

ZONA

18

Si organizzano feste private e banchetti Giovedì ZUPPA DI PESCE

2

ACILIA

ZONA

FIUMICINO

MAHARAJAH 2 SPECIALITÀ > CUCINA INDIANA A Roma la cucina indiana vanta un nome considerato una garanzia: Maharajah (inserito nel 1999 nella guida Gambero Rosso e nel 1998 in quella Michelin) che, dopo il grande successo riscosso con la sua cucina pregiata e di alta

INDIRIZZO P.zza Eschilo, 86/87 TELEFONO 06.52357250 SITO INTERNET www.maharajah2.com PREZZO MEDIO 25/35 € NUMERO POSTI 65 interni/40 esterni AREA BANCHETTI Sì SPAZIO ESTERNO Sì CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì a pranzo APERTO Pranzo/Cena Menù a scelta TAKE AWAY

ZONA

9

AXA

130

qualità, apre un secondo locale all’Axa: Maharajah 2. Ambiente curatissimo, impreziosito da originali manufatti e da una squisita gentilezza nel servizio, come nella consueta ospitalità orientale, il ristorante propone peculiari e ricercate prelibatezze della più tipica ed originale cucina indiana. Tra le raffinate ricette del Nord, le preparazioni al curry, accompagnate dalle diverse qualità di riso basmati e di naan troviamo piatti unici quali: il chicken Maharajah tandoori, chicken tikka masala (con spezie ed erbe), il vindaloo lamb (piatto della regione di Goa), makhani paneer (formaggio con verdure e peanut sauce), e per chiudere al meglio kulfi (gelato al pistacchio) o rasmalia (dolce a base di latte). Ad accompagnare il tutto, vini italiani, birre (anche indiane), lassì ed una variegata scelta di thè aromatizzati.


LR

MagnaRoma

LA ROMANINA SPECIALITÀ > PESCE - CARNE - PIZZA Ristorante-pizzeria dotato di forno a legna, La Romanina vanta una struttura ampia (due sale riservate) e ben organizzata, ideale per celebrare banchetti, svolgere meeting o semplicemente affidarsi alla sua grande competenza nel catering.

La cucina è ricca di succulente specialità come: la fantasia di primi di pesce, il rombo con patate al forno o (il giovedì) gli gnocchi caserecci e le fregnaccie. Per completare, un delizioso spazio esterno con gazebo ed un parcheggio riservato alla clientela.

INDIRIZZO Via della Maggiorana, 19 TELEFONO 06.5250344/338.2313091 SITO INTERNET www.ristorantelaromanina.com PREZZO MEDIO 25/35 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì AREA BANCHETTI Si GIARDINO/GAZEBO Si (giardino con giochi per bambini) NUMERO POSTI 300 APERTO Pranzo/Cena

ZONA

21

ACILIA

LA CARBONELLA

EL MATAMBRE

I PIACERI DELLA CARNE SPECIALITÀ > CARNE - PESCE - PIZZA Ospitato in un antico casale del 1500, “La Carbonella” è un ristorante-pizzeria-bisteccheria dall’ambiente familiare, riservato ed accogliente. Offre piatti sempre rinnovati, risultato di un’attenta scelta di prodotti selezionati e di stagione. La pizzeria propone una grande varietà di pizze rigorosamente sottili “alla romana”. Da non perdere la carne di bufala senza colesterolo, gli strozzapreti del pescacciatore e tutti i piatti indicati con la dicitura “La Carbonella”. INDIRIZZO Via di Malafede, 8 TELEFONO 06.52458130 SITO INTERNET www.lacarbonella.it/2007 PREZZO MEDIO 20/25 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 120 interni e 30 esterni APERTO Cena (Sabato e Domenica anche

SPECIALITÀ > CARNE ALLA BRACE-CRUDITÈ-PRIMI PIATTI I colori caldi e un design raffinato fanno di “El Matambre” un locale unico per riscoprire i piaceri della carne e non solo... “El Matambre” è una piacevolissima sorpresa per i sensi da scoprire all’interno del Parco dello Stardust Village. Si parte con una coppa propiziatoria di sangria, per poi passare agli sfiziosi antipasti e ai primi piatti rigorosamente fatti in casa. Di primissima scelta la carne, cotta alla brace a vista. Per finire, l’assortimento di dolci della casa e il “bacio di mezzanotte”. Sorprendente anche la selezione di vini. INDIRIZZO Via del Pianeta Urano, 60 TELEFONO 06.52207540 SITO INTERNET www.elmatambre.it PREZZO MEDIO 25/30 € PRENOTAZIONE Gradita RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Visa - Mastercard SPAZIO ESTERNO Si GIARDINO Si SALA FUMATORI Patio APERTO Cena (19:30-24:00),

a Pranzo)

Domenica anche a pranzo (12:30-15:00)

12

ZONA

24

MALAFEDE

ZENIT

ZONA

EUR TORRINO

www.zenitostia.com

SPECIALITÀ > PIZZERIA CON FORNO A LEGNA - CARNE ALLA BRACE - PESCE - CUCINA NO GLUTINE nioni, battesimi, matrimoni, cene aziendali, feste varie, serate • Unico punto ad Ostia no glutine. a tema, karaoke. • Situato sul litorale di Ostia con parcheggio interno, vista • Su prenotazione lo chef Ibrahim vi delizierà con una cena mare, spazio ludico esterno per bambini. • FESTE PRIVATE SU PRENOTAZIONE: feste 18 anni, comutipica araba a base di couscous e altre specialità.

Comunioni & Cresime

Ultime disponibilità in promozione per

INDIRIZZO L.re Amerigo Vespucci 46-48 TELEFONO 06.56307626 - 333.3547764 PREZZO MEDIO 15/30 € CARTE DI CREDITO Tutte RIPOSO SETTIMANALE Lunedì e martedì SPAZIO ESTERNO Si, vista mare PARCHEGGIO Si, interno NUMERO POSTI 120 interni / 110 esterni APERTO Pranzo/Cena

Menù € 25 € 30 € 35

OFFERTA APRILE Terrazza sul mare Sabato e Domenica a PRANZO Menù Pesce ZONA 27

OSTIA

€ 20

PASQUA e PASQUETTA al mare Menù a partire da € 25

131


MagnaRoma RE GRANO arte della pizza

INDIRIZZO Via Lago Santo, 23 TELEFONO 06.52372983 INTERNET www.regrano.it - info@regrano.it PRENOTAZIONE gradita (dopo le 16:00) RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Tutte (no American Ex.) NUMERO POSTI 130 interni, 150 esterni AREA BANCHETTI Sì GIARDINO Sì PARCHEGGIO Sì (ampio) APERTO Cena

Servizio animazione per bambini gratuito

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

6

L’IMPERATORE

LA LOCANDA

SPECIALITÀ > PESCE - CARNE DANESE - PIZZA L’Imperatore è il posto giusto per chi desidera assaporare i gusti della tradizione mediterranea. Dotato di acquario per crostacei vivi e di uno spazio che concede il massimo comfort, L’Imperatore è uno dei rari ristoranti dove assaggiare la vera pizza napoletana e dove godere del gusto intenso dei piatti a base di pesce. Ravioli al granchio, linguine all’aragosta e specialità di pesce crudo aspettano i palati più golosi. Per non parlare poi dei piatti della cucina classica romana e delle altre regioni.

SPECIALITÀ > CUCINA ROMANA-PESCE-PIZZA La Locanda è un ristorante capace di offrire ai suoi clienti la sincerità di una cucina basata sui sapori tradizionali. Dotata di forno a legna e di spazi adattabili alle più diverse esigenze, La Locanda può soddisfare i palati più esigenti. I quadretti della locanda, i tonnarelli cacio e pepe, i secondi a base di agnello e maialino, la coda alla vaccinara, insieme a tante altre specialità di pesce e all’ottima pizza, costituiscono i tradizionali punti di forza di una cucina fatta utilizzando gli ingredienti più genuini.

INDIRIZZO Via Amsterdam, 72 TELEFONO 06.45421806 PREZZO MEDIO 35/40 € RIPOSO SETTIMANALE Sempre aperto CARTE DI CREDITO Si AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si NUMERO POSTI 200 APERTO Pranzo/Cena

INDIRIZZO Via di Mezzocammino, 92 A TELEFONO 06.52373177 PREZZO MEDIO 25 € RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si SPAZIO ESTERNO Si MUSICA DAL VIVO Ven. Sab. e Dom. PARCHEGGIO Si NUMERO POSTI 250 APERTO Cena (Dom. e festivi anche Pranzo) Locale climatizzato

ZONA

15

13

EUR

INDIRIZZO Via della Foce Micina, 119 TELEFONO 06.6507615

ZONA VITINIA EUR-MEZZOCAMMINO

DONNA BEATRICE

CASCINA SPIGA D’ORO

SPECIALITÀ > CRUDI DI PESCE Per saperne di più visita il sito: ww w.d onn abe at rice .co m

SPECIALITÀ > ANTICHE RICETTE RIVISITATE Incantevole ristorante nel verde delle campagne romane all’interno di un antico casale di fine ‘800, Cascina Spiga D’Oro vanta 30.000 mq di parco con piscina, baby park e fattoria. La sua cucina, creativa e genuina, è curata da qualificati chef e basata su prodotti freschi della zona. Carne alla brace, piatti semplici ed importanti potranno essere gustati davanti al fuoco presente nell’accogliente sala interna. Potrete scegliere sulla carta più di 240 tipi di vino accompagnati da un ampio carrello di formaggi. INDIRIZZO Via del Collettore Primario, 270b TELEFONO 06.5652386 INFO EVENTI E RICEVIMENTI 06.5211078 RIPOSO SETTIMANALE Lunedì CARTE DI CREDITO Tutte AREA BANCHETTI Si GIARDINO/PISCINA Si NUMERO POSTI 80 sala ristorante,

250 sala ricevimenti APERTO Cena/Pranzo solo la Dom.

ZONA

14

FIUMICINO

132

20

ZONA

OSTIA ANTICA


oroscopo di aprile

KLEDI KADIU (7/4/1974)

JANET JACKSON (16/5/1966)

COSTANTINO VITAGLIANO (10/6/1974)

PAMELA ANDERSON (1/7/1967)

BEN AFFLECK (15/8/1972)

NATALIA ESTRADA (3/9/1972)

134

di Alehandra

Ariete 21/3-20/4

Bilancia 23/9-22/10

In amore avete addosso il nervosismo di chi ha troppe scelte a disposizione. Se siete in attesa di un figlio potrebbe essere il vostro momento. Se siete in attesa del grande amore, pure. Per il resto è solo un problema di eccessi: troppo lavoro stanca. Il denaro, per chi fosse in attesa, arriverà a fine mese.

Verso metà mese potreste avere la sensazione di aver fatto l’incontro della vita. Il vostro fascino potrà creare confusione in chi vi conosce, sul fronte salute potreste soffrire dei mali di stagione (in particolare le allergie). Potrebbe presentarsi l’occasione di affrontare qualche spesa imprevista, cercate di essere abili strateghi.

AVRIL LAVIGNE (27/9/1984)

Toro 21/4-20/5

Scorpione 23/10-21/11

È in vista un rinnovamento della vita sociale mentre la vita interiore potrebbe provocare tensioni che poi sfociano in problemi psicosomatici. Durante il mese sarete spendaccioni, motivo per cui le finanze saranno altalenanti. Verso fine mese è possibile qualche entrata a sorpresa. Fatene tesoro.

Venere vi darà sensualità a partire dal 12 aprile. Gli incontri saranno quindi del tutto passionali, e non è escluso che la conoscenza avvenga in ambito lavorativo. Dovete rilassarvi e non farvi prendere dall’ansia, i giovani potranno fare incontri in ambienti nuovi e stimolanti. Le finanze non avranno problemi.

LEONARDO DI CAPRIO (11/11/1974)

Gemelli 21/5-21/6

Sagittario 22/11-21/12

La nuova luna del 17 potrebbe portarvi a fare nuove interessanti conoscenze. Un marte traumatico dice di fare attenzione agli incidenti domestici e a quelli di altro tipo. Avete un non più rinviabile bisogno di risposo. Sul lavoro siete ansiosi ma il colpo giusto è dietro l’angolo. Sfruttate il periodo gratificante.

L’ambiente domestico vi sta stretto e dunque saranno probabili liti accese. Lo stress domina il vostro quotidiano, motivo per cui è il caso di evitare eccessivi sforzi muscolari. Giove assiste il vostro desiderio di creatività, i datori di lavoro potrebbero tenervi in conto per un avanzamento di ruolo e per nuovi compiti.

CHRISTINA AGUILERA (18/12/1980)

Cancro 22/6-22/7

Capricorno 22/12-20/1

Avete bisogno di fiducia e la cercherete in modo involontario da qualsiasi partner. Mercurio indebolisce le vostre difese immunitarie ma i problemi di salute non saranno rilevanti. Non date retta ai pettegolezzi che sentite intorno a voi, il denaro arriverà attraverso una serie di occasioni o sfruttando alcuni stratagemmi.

Sarete molto cauti e dolci nell’esprimere i vostri sentimenti. In amore sarete molto determinati. A livello fisico è meglio cercare di calmare lo stress e il nervosismo. I giovani potrebbero trovare una professione innovativa e moderna. È il momento anche di rischiare un po’ e di concedervi qualche investimento.

GERARD DEPARDIEU (27/12/1948)

Leone 23/7-22/8

Acquario 21/1-19/2

La Luna Nuova del 17 aprile fa maturare veri e propri colpi di fulmine. Il desiderio di divertimento e di affettività è sempre presente. Per il fisico è consigliato un centro termale. Sul lavoro dovete concentrarvi e comunque sarete ottimi nelle trattative d’affari. La carriera avrà delle belle sorprese.

La relazione di coppia è favorita da una venere in posizione sublime. Dal punto di vista fisico non ci sono grandi cose da segnalare. Una dieta equilibrata vi aiuterà a non aumentare di peso. Guadagni, affari e lavoro vanno a gonfie vele. Anche se il vostro budget è aumentato, evitate di spendere troppo a fine mese.

ALICIA KEYS (25/1/1981)

Vergine 23/8-22/9

Pesci 20/2-20/3

Nei rapporti sentimentali cercate di evitare lo scontro e di mantenere la razionalità. Al bando dunque le ambiguità, possono essere solo fonte di guai. Per il benessere psicofisico concedetevi dei trattamenti del corpo. La situazione professionale non è da drammatizzare, quella economica volge al positivo.

Non fatevi distrarre da possibili fasulli colpi di fulmine. La convivenza con il partner ha un aspetto sereno, lasciatevi andare anche ad un po’ di romanticismo. Non eccedete in cibo e alcool. Fegato, mani e piedi da controllare. Avrete chance economiche e possibilità di avanzare in carriera.

STEFANO ACCORSI (2/3/1971)



13 Magazine Marzo 2009