Page 1

Via San Francesco d’Assisi, 16 23899 Robbiate (Lc), Italia Tel. +39 039 9515951 Fax +39 039 513257 www.accessafe.eu

Seguici anche su:

notiziario di certificazioni

Access è l’unica azienda di ripari al mondo con processo di saldatura certificato ISO 3834 UNI EN ISO 3834-3 “I REQUISITI DI QUALITÀ PER LA CERTIFICAZIONE DELLE STRUTTURE SALDATE” Access ha ottenuto la certificazione del processo di saldatura dei ripari di protezione macchinari secondo la normativa ISO 3834-3 incollaborazione con TÜV NORD il 12/05/2017. Il motivo di questa certificazione risiede nella esigenza di garantire la continuità della resistenza meccanica delle protezioni in conformità ai requisiti della ISO 14120 Allegato D ed alle caratteristiche di impatto previste nella valutazione del rischio. Un test di impatto condotto “una tantum” non è una garanzia sufficiente, infatti è necessaria la revisione dei processi di saldatura, dalla selezione della materia prima e dei materiali d’ apporto alla formazione dei salda-

tori ed ai controlli periodici effettuati con metodologie radiografiche e CND; solo un sistema di qualità che contenga queste procedure può garantire la conformità di prodotti realizzati su scala industriale. Tutti i nostri clienti ricevono il documento di Riesame dei requisiti tecnici di saldatura unitamente ai layout di protezioni macchinari elaborati secondo Direttiva Macchine e norme armonizzate UNI EN ISO 14120, UNI EN ISO 13857 in tal modo è possibile verificare che le strutture preventivate siano conformi alle aspettative di qualità ed eventualmente richiedere una variazione delle sezioni e delle metodologie di saldatura.

Nell’organigramma di Access è stato nominato il coordinatore di saldatura che è la persona responsabile di tutti i processi ad essa collegati, l’Ingegner Alessandro Forni è a disposizione dei clienti per l’analisi preventiva di fattibilità dei progetti strutturali e la loro compatibilità con i requisiti certificati che coprono ampiamente la produzione standard di Access ed anche la totalità delle combinazioni di sezione di profilati utilizzate nelle realizzazioni speciali di cui Access è leader di mercato.

Access certifica il prodotto partendo dal processo Per ottenere il massimo risultato abbiamo scelto la strada più complicata ma in assoluto la migliore per garantire ai nostri clienti la conformità alla Direttiva Macchine 42/2006 ed alle norme armonizzate (UNI EN ISO 14120:2015). In breve riassumiamo gli step che ci hanno consentito di raggiungere questo risultato unico nel panorama dei produttori di protezioni fisiche mondiale. 1. Selezione delle materie prime e tracciabilità totale 2. Stesura procedure di saldatura e utilizzo materiali di apporto certificati 3. Manutenzione programmata delle macchine di saldatura 4. Certificazione delle saldature ISO 3834, la normativa ISO che garantisce i processi di saldatura in qualità totale 5. Test di carico presso

Istituto Giordano Spa di tutte le nostre tipologie a catalogo 6. Verifica dei risultati e

test dei prodotti con TÜV NORD 7. Certificazione CE secondo ISO 14120 e Direttiva

Macchine 42/2006 di tutto il catalogo (reti nervate escluse) 8. Access è l’unica azienda

al mondo ad aver certificato il prodotto partendo dal processo Ecco l’elenco dei prodotti certificati: Pannelli Linee • Quadra • Penta • Lamiera • Policarbonato • Polyplus • RT • TEC

In abbinamento ai telai sia da 20 che da 30 mm con fissaggio META, piantane 40 e 60 mm. Access ha certificato CE anche i sistemi di porte automatiche tipo Alpha e Beta secondo la Direttiva Macchine 42/2006.


2

ACCESS SUPERA I TEST BRILLANTEMENTE I risultati delle prove di impatto secondo le specifiche ISO 14120 Access ha condotto i test di impatto dei ripari di sicurezza per macchinari in conformità alla ISO 14120 presso il laboratorio “Safety” Istituto Giordano. Ci siamo divertiti a colpirli nelle condizioni più sfavorevoli possibili, abbiamo accelerato ed aumentato i pesi alla ricerca del limite massimo di resistenza meccanica delle nostre protezioni al punto di spaventare il responsabile del laboratorio

su quanto sarebbe potuto accadere ai muri perimetrali del suo edificio. Nel corso delle prove abbiamo stabilito il record mondiale di resistenza all’impatto con 2100 J paragonabili a 90 kg lanciati a 100 kmh condotto su di un pannello intelaiato con sistema di fissaggio Meta 60 e kit vite 14120. I test 342823 e 342824 sono stati condotti per impatto esterno verso interno secon-

do la regola dei 115 Joule (forza derivante da un corpo di 90kg che impatta ad 1,6 m/s), I test di prova n. 342827 e 342825 sono stati eseguiti con un peso rigido per simulare l’ impatto dall’interno verso l’esterno in una situazione di pericolo per la potenziale espulsione di un materiale dalla macchina verso le persone al fine di valutare la resistenza dei nostri ripari standard. In dettaglio i test eseguiti:

Rapporto di prova n. 342824 Recinzione Integra H. 2020 con montante sezione 40x40 mm 4 Quick to clip resistenza 115 J. Per l’esecuzione della prova è stato utilizzato un corpo molle, diametro 350 mm e massa 90 kg, conforme alle specifiche del paragrafo

C.2.5.1 “Resistance of guards against impact from outside the hazard zone” della norma UNI EN ISO 14120 (codice di identificazione interna dell’apparecchiatura: EDI062) corredato di rapporto di taratura emesso da Istituto Giordano S.p.A.

Rapporto di prova n. 342827 Recinzione Integra H. 2020 con montante sezione 60x60 mm e 4 Quick to clip resistenza 1200 J. Per l’esecuzione della prova è stato utilizzato un corpo duro, diametro 250 mm e massa 90 kg, conforme alle specifiche del paragrafo

C.2.5.2 “Resistance of guards against impacts from inside the hazard zone - Hard body” della norma UNI EN ISO 14120 (codice di identificazione interna dell’apparecchiatura: EDI060) corredato di rapporto di taratura emesso da Istituto Giordano S.p.A.

Rapporto di prova n. 342823 Pannelli di protezione Linea Quadra T20 con sistema di fissaggio Meta® sezione 40x40 mm H. 2520 resistenza 115 J. Per l’esecuzione della prova è stato utilizzato un corpo molle, diametro 350 mm e massa 90 kg, conforme alle specifiche del paragrafo

C.2.5.1 “Resistance of guards against impact from outside the hazard zone” della norma UNI EN ISO 14120 (codice di identificazione interna dell’apparecchiatura: EDI062) corredato di rapporto di taratura emesso da Istituto Giordano S.p.A.

Rapporto di prova n. 342826 Pannelli di protezione Heavy Duty T30 H. 2020 sistema di fissaggio Meta® sezione 60x60 mm e kit vite 14120 resistenza 2100J. Per l’esecuzione della prova è stato utilizzato un corpo duro, diametro 250 mm e massa 90 kg ad una velocità di 29,2 metri al secondo (circa 105 kmh), conforme alle specifiche

del paragrafo C.2.5.2 “Resistance of guards against impacts from inside the hazard zone - Hard body” della norma UNI EN ISO 14120 (codice di identificazione interna dell’apparecchiatura: EDI060) corredato di rapporto di taratura emesso da Istituto Giordano S.p.A.

Rapporto di prova n. 342825 Pannelli di protezione Linea Quadra T20 con sistema di fissaggio Meta® sezione 40x40 mm H. 2020 resistenza 1000 J. Per l’esecuzione della prova è stato utilizzato un corpo molle, diametro 350 mm e massa 90 kg, conforme alle specifiche del paragrafo

Access è l’unica azienda di ripari al mondo con processo di saldatura certificato ISO 3834, che garantisce la continuità dei valori di resistenza meccanica nel tempo.

C.2.5.1 “Resistance of guards against impact from outside the hazard zone” della norma UNI EN ISO 14120 (codice di identificazione interna dell’apparecchiatura: EDI062) corredato di rapporto di taratura emesso da Istituto Giordano S.p.A.

Notiziario Access  
Notiziario Access  
Advertisement