Page 90

» di Denia Di Giacomo

GENITORI ALLA RISCOSSA”

:

“Vademecum per non smarrire i propri figli online”. È questo il titolo di un interessante volume che mette in guardia i genitori dai molteplici pericoli del cyberspazio, rimedi moderni al tempo del web

M

egan Taylor Meier era una quattordicenne americana di Dardenne Praire – vicino S. Luise, USA – Josh Evans un sedicenne simpatico e brillante che la ragazzina conosce su MySpace. Megan ha molti problemi, perennemente a dieta, insicura e un po’ depressa, quando incontra virtualmente Josh che comincia a corteggiarla la sua vita cambia, assumendo colori diversi. I genitori di Megan sanno bene che la loro figlia chatta con quel ragazzo ma la vedono molto più tranquilla di prima e la lasciano fare, convinti che un’amicizia virtuale non possa nuocerle in nessun modo. Purtroppo si sbagliano. Da un giorno all’altro, inspiegabilmente Josh molla Megan e lo fa nel peggiore dei modi, scrivendole “Tutti sanno chi sei. Sei una persona cattiva e tutti ti odiano. Che il resto della tua vita sia schifosa. Il mondo sarebbe un posto migliore senza di te”. Megan non si da pace, piomba in un forte stato depressivo e per la disperazione si suicida impiccandosi all’armadio di camera sua. Dopo qualche tempo dalla sua morte salta fuori che Josh non è mai esistito e che dietro la sua identità virtuale si celavano i genitori di una ragazzina con cui Megan tempo addietro aveva litigato, genitori aiutati nello “scherzo” da un’altra “amica” vicina di casa di Megan che possedeva la password per accedere al

88

profilo falso di Josh, sembra che sia stata proprio lei ad inviare a Megan quest’ultimo e spietato messaggio. Questo è un piccolo estratto di un articolo pubblicato da Repubblica.it il 19 novembre 2007 ed è stato probabilmente uno dei primi casi di cyberbullismo che ha messo in evidenza i molti pericoli del cyberspazio, pericoli che non necessariamente riguardano molestie da parte di terze persone, ma che possono essere di svariata natura, soprattutto per i minori. E’ del cyberspazio, dei suoi rischi e di come utilizzarlo mettendo i figli al riparo da usi impropri che parla il libro di Giammaria De Paulis dal titolo “Facebook: genitori alla riscossa. Vademecum per non smarrire i propri figli online” della Galaad Edizioni. Un vero e proprio manuale per tutti coloro che vorrebbero imparare un po’ tutto sul mondo facebook ma che, al contrario dei propri figli che in quel mondo navigano con disinvoltura, non sono ancora in grado di farlo. De Paulis descrive dettagliatamente in svariati capitoli tutto il mondo del social network più famoso del pianeta, dalla configurazione dell’account alle operazioni di controllo e sicurezza, passando naturalmente dalle impostazioni per la tutela della privacy (fondamentali per il buon uso di facebook) e arrivando naturalmente a parlare dei maggiori rischi connessi ad un uso improprio o inavveduto del social network. Ma nell’intento

Gennaio 2013  

Abruzzo Impresa, il mensile del manager

Gennaio 2013  

Abruzzo Impresa, il mensile del manager

Advertisement