Issuu on Google+

LA MARCIA MONDIALE PER LA PACE E LA NONVIO...

Progetto

Partecipa

Il Percorso

Adesioni

Partners

Documenti

http://www.marciamondiale.org/news/leggi/-/la-marcia-mondi...

Contatti

Internazionale

Blog

Home > News > Leggi International, Lombardia martedì 10 novembre 2009

LA MARCIA MONDIALE PER LA PACE E LA NONVIOLENZA E' ARRIVATA A MILANO Italia La Marcia in Italia Regioni Marcia con Noi! Attualità Foto di Shoot for Change

News >> Segnala una notizia Eventi Foto Video Sostieni Sostieni la marcia Shop Partnership Aziendali Siti sostenitori Comunità

Area Stampa Comunicati Stampa

Milano, 10 novembre.

Press kit Rassegna Stampa Press Room Contatti

Più di 3000 studenti delle scuole di Milano e provincia hanno dato il benvenuto alla delegazione dei marciatori che sono giunti questa mattina in città. Gli studenti hanno marciato simbolicamente con i rappresentanti dell'équipe base da Largo Cairoli a piazza Duomo dove ad attenderli c'erano Ivan Ramiro Cordoba, difensore colombiano dell'Inter, Alessandro Cattelan, dj di Radio 105, e Emanuela Fumagalli, portavoce italiana della Marcia Mondiale. In Piazza Duomo dopo il discorso di benvenuto ai marciatori si è svolto un breve incontro durante il quale Isabelle Bourgeois, portavoce dei marciatori giunti a Milano, ha raccontato l'esperienza vissuta dal gruppo di marciatori dal 2 ottobre da oggi. I festeggiamenti per l'arrivo della Marcia Mondiale si sono conclusi alla Sala della Provincia di Milano in via Corridoni dove si è svolto l'incontro pubblico con i marciatori, condotto da La Pina e Diego di Radio Deejay, e la premiazione delle classi vincitrici del concorso "Ci siamo innamorati della parola Pace". L'evento è stato realizzato grazie al supporto di moltissime realtà: associazioni, enti, aziende, agenzie e tantissimi volontari! L'elenco è sicuramente incompleto e non esaustivo ma è doveroso un grande Grazie!

1 of 2

11-11-2009 10:12


LA MARCIA MONDIALE PER LA PACE E LA NONVIO...

http://www.marciamondiale.org/news/leggi/-/la-marcia-mondi...

AZIENDE Guna Spa Miniitalia Navigli Lombardi Metaphora Libreria Ragazzi Libreria Passalibro Colorificio T.C.S. Cormano AGENZIE Interzone Comunicazione Leo Burnett MEDIA Urbanscreen Life gate Radio DJ Radio 105 BM radio ASSOCIAZIONI La comunità per lo sviluppo Umano Albero della vita Amma italia Anneau Manquant Anpi Arcobaleni in marcia ARDEN “luogo del possibile” APS Africa 70 Ass. culturale Senape Ass. Carla Crippa onlus Centro delle culture Centro olistico Entelechia Certi diritti Coperte strette Collettivo (r)Esistenza Emergency Essere Pace Fondazione Ivo De Carneri Onlus Fondazione “aiutare i bambini” Onlus Greenpeace_gruppo milano Grilli-Meetup1 Grilli Milano Gruppo Pesce Ken Ko Ho No Mas Mondo Senza Guerre Movimiento internacionalista LibertAmèrica Ponti di luce Ragazzi del varco SOS bambini onlus Senza confine Servas Squazzi Onlus Trekking Italia UmanaMente (Cesate) UnAltroMondo ONLUS Torna indietro la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza é promossa da Mondo Senza Guerre Movimento Umanista

Mappa del sito Credits Area Riservata Sito internazionale

web & hosting by krur.com

2 of 2

11-11-2009 10:12


Il Giorno - Milano - La Marcia mondiale per la Pace e la Non...

http://ilgiorno.ilsole24ore.com/milano/cronaca/2009/11/10/2...

La Marcia mondiale per la Pace e la Nonviolenza fa tappa a Milano L'iniziativa promossa dall'associazione umanitaria internazionale Mondo senza Guerre è partità il 2 ottobre in Nuova Zelanda e si concluderà il 2 gennaio in Argentina

invia per e-mail | stampa | dizionario

Trova significati nei dizionari Zanichelli In questa pagina è attivo il servizio ZanTip: Facendo doppio click su una qualsiasi parola presente nell'articolo, sarà visualizzata la definizione della parola, così come è stata pubblicata all'interno del Vocabolario della Lingua Italiana Zingarelli 2010. Alla fine del riquadro di spiegazione ne sarà proposta anche la traduzione in inglese, ripresa dal lemmario Italiano-Inglese del Ragazzini 2010.

| | Milano, 10 novembre 2009 - È arrivata a condividi Milano questa mattina la Marcia per la Pace e la Nonviolenza partita da Wellington in Nuova Zelanda e che si concluderà il 2 gennaio a Punta de Vacas in Argentina, con un totale di 160 chilometri percorsi in tre mesi, attraverso tutti i continenti. I marciatori si sono radunati in Largo Cairoli alle 9 per poi raggiungere piazza del Duomo.

L’iniziativa, promossa dall’associazione internazionale umanista Mondo Senza Guerre, ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema della guerra. Gli organizzatori, chiedono infatti alle istituzioni, di perseguire con ogni mezzo il raggiungimento della pace, attuando un disarmo nucleare a livello mondiale e firmando patti di non aggressione tra le nazioni.

Marcia della Pace

1 of 2

11-11-2009 10:24


Il Giorno - Milano - La Marcia mondiale per la Pace e la Non...

http://ilgiorno.ilsole24ore.com/milano/cronaca/2009/11/10/2...

La marcia di 160 chilometri ha coinvolto premi nobel, capi di stato e personaggi dello spettacolo, ma anche studenti delle scuole primarie e secondarie. Per quanto riguarda la città di Milano, sono state quaranta le scuole che questa mattina, insieme a una sessantina di associazioni fra cui l’Anpi, hanno aderito al corteo da via Dante a piazza Duomo.

Ad accoglier il corteo è stato Ivan Cordoba, il difensore dell’Inter che si è unito alla marcia per la pace, lanciando un messaggio ai giovani. ‘Iil fatto che i bambini diano un messagio agli adulti e’ una cosa bella, che dovrebbe essere fatta piu’ spesso’’. In piazza i ragazzi hanno successivamente lanciato centinaia di palloncino azzurri e una bandiera della pace con la scritta ‘Walk’, cammina.

La festa si è infine conclusa nella sala della Provincia in via Corridoni per la premiazione delle classi vincitrici del concorso ‘Ci siamo innamorati della pace’, patrocinata dall’ufficio scolastico provinciale e realizzato insieme alla collaborazione dell’associazione Mondo senza Guerra e alla Comunita’ per lo sviluppo umano, unitamente a Trekking Italia. In rappresentanza del presidente Guido Podestà, è intervenuta l’assessore provinciale all’Istruzione Marina Lazzati, la quale ha manifestato la volontà di “coinvolgere più scuole in questo progetto”. “Questa marcia - ha detto l’assessore - rappresenta un momento di consapevolezza per la lotta in favore della pace”.

Il video: la Marcia della Pace a Milano

HOME - Copyright © 2009 MONRIF NET S.r.l. P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP - Powered by

2 of 2

Softec

11-11-2009 10:24


F.C. Internazionale Milano

http://www.inter.it/aas/news/reader?N=46335&L=it

inter.it

Walk the future: Cordoba in marcia per la pace Martedì, 10 Novembre 2009 12:34:49

MILANO - Partita da Wellington in Nuova Zelanda il 2 ottobre 2009, la Marcia Mondiale per la pace e la nonviolenza, stamane, ha fatto tappa a Milano, in piazza del Duomo, dove Ivan Ramiro Cordoba ha portato il proprio saluto ai marciatori che stanno attraversanfdo tutti i continenti con l'obiettivo di generare consapevolezza dell'attuale situazione internazionale e proporre lo smantellamento degli arsenali nucleari e la progressiva riduzione delle spese militari. "Essere qui è una cosa bellissima - esordisce Ivan quello che tutti noi qui presenti stiamo dando oggi con questa iniziativa è un grande esempio che tutti dovrebbero seguire e tutti danno un messaggio a tutto il mondo. Poi tutti i bambini e i ragazzi che affollano questa piazza danno una gioia immensa, credo siano più di duemila. E'una cosa magnifica e credo che debba essere fatta più spesso'. Il difensore nerazzurro, sceso dal palco torna a parlare di Inter e del rapporto Mourinho-Balotelli: "Ciò che vogliamo è avere un gruppo sempre più forte e quando qualcuno di noi sbaglia è normale che ci sia una persona come l'allenatore che cerca di tenere tutti quanti sulla stessa via. Durante un'intera stagione questo tipo di cose possono capitare ed è normale. Ciò che conta, però, è essere consapevoli di dove si voglia arrivare e del fatto che al centro di tutto c'è sempre il bene del gruppo e di questa squadra. In questo modo, i risultati arrivano come conseguenza". Ppi, le domande si spostano su un altro giovane talento neazzurro, Davide Santon: "Lui deve stare tranquillo perchè è un ottimo ragazzo e un grande giocatore che ha avuto la possibilità di entrare e rimanere in questo grande gruppo perchè se l'è meritato". Dopo la vittoria di Kiev, i nerazzurri guardano con maggiore serenità alla Champions League, ma anche Cordoba è d'accordo con il suo allenatore: "Il mister ha parlato ricordandoci che quella di Kiev è stata solamente una partita molto importante, ma al di là del successo che è sempre una cosa bella perché in cinque minuti abbiamo cambiato la storia, la nostra storia, in questo momento capiamo che mancano ancora due partite molto importanti per completare il girone eliminatorio, non abbiamo passato ancora il turno, quindi bisogna continuare a fare bene. Ma il messaggio è arrivato: è questa la giusta mentalità che dobbiamo avere, è questo il carattere che si è creato e che può portare la nostra squadra a raggiungere grandi traguardi". Il difensore nerazzurro analizza poi la situazione del Milan, ammettendo che: "Ha grandi giocatori, un allenatore come Leonardo che sta crescendo e che ha tanta esperienza sia come giocatore, sia come uomo di gruppo. Inizialmente, la squadra ha attraversato un momento poco felice, ma possiede sempre delle armi per riprendersi e credo che l'Inter debba stare attenta a questo e quindi continuare a far bene come sta facendo". Ivan Ramiro Cordoba rappresenta un vero campione fuori e dentro il campo dove, ultimamente, le sue prestazioni hanno dato un contributo fondamentale ai successi nerazzurri. 'La cosa più importante è sempre il bene della squadra, perché alla fine siamo tutti ad essere contenti o tutti tristi per quello che abbiamo o avremmo potuto raggiungere. Si lavora sempre per dare il massimo e per

1 of 2

19-11-2009 23:08


F.C. Internazionale Milano

http://www.inter.it/aas/news/reader?N=46335&L=it

mettere "in difficoltà" il proprio allenatore al momento di scegliere chi di noi schierare in campo e, quando è il tuo turno, occorre farsi trovare pronti perchè, nelle poche possibilità che hai, bisogna far sempre bene. Per me è importante essere qui oggi con tutti questi bambini e tutti i ragazzi. Noi colombiani abbiamo una vocazione particolare per l'Italia e cerchiamo di andare avanti con l'aiuto di tutti gli italiani. La cosa più bella di oggi è vedere tutti questi bambini presenti qui. Devono cercare di fare bene qualunque cosa, perciò ragazzi, qualunque cosa vi capiti di fare, fatela sempre bene, anche il tifo deve essere sportivo, sempre". Ufficio Stampa

Foto e contenuti sono riproducibili da agenzie, giornali e siti internet, con l'obbligo di citare la fonte 'inter.it' e con l'espresso divieto di cederli a terzi a qualsiasi titolo nonché di utilizzarli a fini commerciali, promo-pubblicitari e/o di lucro.

2 of 2

19-11-2009 23:08


Cordoba a Balotelli: «Dai retta a Mourinho» Il colombiano sulle polemiche dichiarazioni del portoghese dopo Inter-Roma: «Le ha fatte per il bene di Mario»

Cosa sono? MILANO, 10 novembre - Mourinho per Balotelli è come un padre. E come ogni padre a volte è costretto a usare toni forti per farsi capire. Così Ivan Ramiro Cordoba interviene nella polemica sulle dichiarazioni che il tecnico portoghese ha rilasciato sul giovane attaccante dopo Inter-Roma («Ha giocato quasi da zero» ha detto fra l'altro Mou). «Ciò che vogliamo - dice il difensore colombiano, che questa mattina ha partecipato alla “Marcia Mondiale per la pace e la nonviolenza” - è avere un gruppo sempre più forte e quando qualcuno di noi sbaglia è normale che ci sia una persona come l’allenatore che cerca di tenere tutti quanti sulla stessa via. Durante un’intera stagione questo tipo di cose possono capitare ed è normale. ciò che conta, però, è essere consapevoli di dove si voglia arrivare e del fatto che al centro di tutto c’è sempre il bene del gruppo e di questa squadra. In questo modo, i risultati arrivano di conseguenza». «SANTON STIA TRANQUILLO» - Nell’Inter, comunque, non c’è solo il “caso” Balotelli. Negli ultimi tempi sembra essere caduto in disgrazia l’altro giovane di belle speranze del club nerazzurro, vale a dire Davide Santon. E Cordoba incoraggia anche di lui: «Deve stare tranquillo - afferma il centrale sudamericano - perché è un ottimo ragazzo e un grande giocatore che ha avuto la possibilità di entrare e di rimanere in questo grande gruppo perché se l’è meritato». CAPITOLO CHAMPIONS - Cordoba affronta poi l’argomento Champions. E, come già Mourinho, invita i compagni a non abbandonarsi a troppo facili entusiasmi dopo la vittoria di Kiev contro la Dinamo: «Il mister ha parlato ricordandoci che quella di Kiev è stata solamente una partita molto importante - dichiara Cordoba -. Ma al di là del successo, che è sempre una bella cosa perché in cinque minuti abbiamo cambiato la storia, la nostro storia, in questo momento dobbiamo capire che mancano ancora due partite molto importanti per completare il girone eliminatorio. Non abbiamo


passato ancora il turno, quindi bisogna continuare a fare bene. Ma il messaggio è arrivato: è questa la giusta mentalità che dobbiamo avere, è questo il carattere che si è creato e che può portare la nostra squadra a raggiungere grandi traguardi». ATTENTI AL MILAN - Cordoba si concede anche un breve commento sulla lotta per il titolo e sul ritorno del Milan a grandi livelli: «Ha grandi giocatori - dice il colombiano un allenatore come Leonardo che sta crescendo e che ha tanta esperienza sia come giocatore sia come uomo di gruppo. Inizialmente la squadra ha attraversato un momento poco felice, ma possiede sempre delle armi per riprendersi e credo che l’Inter debba stare attenta a questo e quindi continuare a fare bene come sta facendo». TUTTI TITOLARI - In ultimo, Cordoba parla della concorrenza serrata cui la ricchezza della rosa dell’Inter costringe i giocatori: «La cosa più importante è sempre il bene della squadra, perché alla fine siamo tutti a essere contenti o tutti tristi per quello che abbiamo o avremmo potuto raggiungere. Si lavora sempre per dare il massimo e per mettere in difficoltà il proprio allenatore al momento di scegliere chi di noi schierare in campo e, quando è il tuo turno, occorre farsi trovare pronti perché, nelle poche possibilità che hai, bisogna far sempre bene».


per celebrare la partenza della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Tutti in piazza a cantare per la pace Alle 18.30 s'intona «Imagine» con le band di X Factor 3, La Pina e Diego di Radio Deejay e Trio Medusa

Il Trio Medusa

MILANO - Venerdì 2 ottobre, per celebrare la partenza da Wellington (Nuova Zelanda) della Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, Milano si ritrova in piazza con il Trio Medusa e i giovani talenti di X Factor 3 (RaiDue) a cantare per la pace. Pubblico, testimonial della Marcia e personaggi dello sport, della musica e dello spettacolo canteranno insieme «Imagine» di John Lennon leggendo il testo della canzone sul maxischermo del Palazzo dell'Arengario. Il coro, diretto da La Pina, Diego e Trio Medusa, trasformerà così la piazza in un grande palco per la pace.

In piazza, tra gli altri, sono attesi i giovani di X Factor 3. E poi Barbara Cupisti, attrice e regista italiana, Gianluca Pessotto, dirigente sportivo, Emma Re, cantante, Francesco Sarcina («Le Vibrazioni»). La performance, trasmessa in diretta sempre sul maxischermo concesso da Urban Screen per l’occasione, sarà poi disponibile in internet sui principali canali di condivisione video. L’evento, ideato e realizzato dall’agenzia di comunicazione non convenzionale Piano B, sarà seguito «on air» da LifeGate Radio e da Radio Deejay. Partecipano all’evento anche la Compagnia teatrale Ombre di Luna, la Compagnia Atelier Teatro, Drum Circle, Lorenzo Pierobon, Zibba, Undersmokingdoors, e il coro di Voci Bianche «A.d'A.Mus.» diretto dal maestro Marco Tonini. In piazza Duomo gli stand sono aperti dalle ore 12, e si sono svolti una serie di spettacoli teatrali. Concerto di tamburi alle 18, poi i collegamenti in diretta con le altre città e, in differita, la proiezione della partenza della Marcia Mondiale dalla Nuova Zelanda. Infine alle 18.15 «Tune the world», intonazione del Do Diesis con Lorenzo Pierobon e il coro «A.d'A.Mus.» diretto dal Maestro Marco Tonini, e alle 18.30 il clou con «Sing a Song: Imagine di John Lennon». Nel Carcere di Bollate alcuni detenuti, il direttore, gli operatori del carcere e la Polizia Penitenziaria organizzano una marcia simbolica al termine della quale una delegazione raggiungerà piazza Duomo alle 18 per unirsi al pubblico presente. In serata, intorno alle ore 20.30, la compagnia teatrale The Limelight Theatre Company si esibirà all’Istituto Nazionale dei Tumori. Il programma delle iniziative dei sostenitori italiani è disponibile sul sito www.marciamondiale.org. 01 ottobre 2009(ultima modifica: 02 ottobre 2009)


2 Ottobre: Giornata della Nonviolenza a Genova - La Marcia...

Progetto

Partecipa

Il Percorso

Adesioni

Partners

Documenti

http://www.marciamondiale.org/news/leggi/-/2-ottobre-giorna...

Contatti

Internazionale

Blog

Home > News > Leggi Italia, Liguria domenica 04 ottobre 2009

2 Ottobre: Giornata della Nonviolenza a Genova La Nonviolenza vissuta come atmosfera

Italia La Marcia in Italia Regioni Marcia con Noi! Attualità News >> Segnala una notizia Eventi Foto Video Sostieni Sostieni la marcia Shop Partnership Aziendali Siti sostenitori Comunità

Area Stampa Comunicati Stampa Press kit Rassegna Stampa Press Room Contatti

Se Nonviolenza è un modo di stare con gli altri, un modo di trattarsi e di sentirsi vicini, ecco quello che abbiamo vissuto a Genova questo 2 ottobre, per le celebrazioni della Giornata della Nonviolenza e della partenza della Marcia Mondiale. Diverse associazioni, comunità e rappresentati dei principali gruppi religiosi e delle istituzioni, il Centro delle Culture, Emergency, Music for Peace, il CIMI, la Comunità Oregina, la Bibiolteca de Amicis, la Comunità Indiana e quella Islamica, il monaco buddista Daxim, animatori per bambini e rappresentanti della Provincia di Genova e della Regione Liguria, hanno animato dalle 16 alle 20 Piazzale Mandraccio,

1 of 2

19-11-2009 13:27


2 Ottobre: Giornata della Nonviolenza a Genova - La Marcia...

http://www.marciamondiale.org/news/leggi/-/2-ottobre-giorna...

larea del Porto Antico di fronte alla statua di Gandhi. Ai lati dellaerea una mostra con pannelli sui principali esponenti del percorso della nonviolenza nella storia. Dalle ore 16 la Biblioteca de Amicis ha tenuto letture sulla Nonviolenza per i bambini, per poi continuare con animazione e con una merenda a base di yogurt offerta da unazienda locale. Dalle 17 è partita una marcia quasi spontanea per le vie del centro storico, che è confluita, insieme alla marcia per la Nonviolenza partita da Napoli e diretta a Vicenza, in P.le Mandraccio. Qui, alle ore 18, si sono tenuti gli interventi di Patrizia Sassanelli, del Centro delle Culture di Genova che ha descritto le ragioni della Marcia Mondiale; del rappresentante della Comunità Islamica; di Mr Lall, rappresentante degli indiani a Genova che ha spiegato il significato di nonviolenza alla luce dellesperienza di Gandhi; e di Padre Mauro, missionario della Commissione Giustizia e Pace della Conferenza Istituti Missionari Italiani (CIMI). Quindi sono intervenuti Milò Bertolotto, Assessore alla Pace della Provincia di Genova e Franco Zumino, Assessore allAmbiente della Regione Liguria. Turi Vaccaro e Alfonso Navarra hanno portato lesperienza della marcia Napoli Vicenza. Infine il monaco buddista Daxim, dopo aver spiegato dal punto di vista buddista come la pratica nonviolenta dipenda dalla mente, ha guidato una meditazione dedicata a tutti gli esseri senzienti. Con questo momento alto e di grande commozione si conclusa questa prima iniziativa della Marcia Mondiale a Genova. Il prossimo appuntamento è per il 10 novembre, per larrivo in città di una delegazione di marciatori. Torna indietro la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza é promossa da Mondo Senza Guerre Movimento Umanista

Mappa del sito Credits Area Riservata Sito internazionale

web & hosting by krur.com

2 of 2

19-11-2009 13:27


on e ionaria er a i it o ae i o i na iona e

News

elefono 02. 10. 1

e-mail i ita

Epolis Milano 27 Maggio 2009

ie o i .it

2 .

Aziende

Un viaggio lungo tre mesi: Si parte il due ottobre da Wellington in Nuova Zelanda

Sei continenti in marcia per la pace

L’arrivo è previsto il due pomeriggio a punta De Vacas in Argentina, durante il cammino centinaia di città nel mondo saranno impegnate in eventi e iniziative dedicate

U

na marcia mondiale per la pace e la nonviolenza. L’iniziativa - senza precedenti ha numeri importanti: toccherà 100 città in 90 nazioni su 6 continenti. La data di partenza è il 2 ottobre, nascita di Gandhi e Giornata Internazionale della Non-Violenza dell’ONU: quel giorno genti di culture e religioni differenti si uniranno in un lungo cammino per dire no alla violenza e alla guerra, in una marcia lunga 160.000 chilometri. Tre mesi di viaggio, da Wellington, in Nuova Zelanda, a Punta de Vacas, ai piedi del Monte Aconcagua in Argentina, con arrivo previsto il 2 gennaio 2010. In tutto il periodo in centinaia di città del mondo si realizzeranno moltissime iniziative: marce, forum, incontri, festival, conferenze ed eventi sportivi, culturali, sociali, artistici ed educativi, come documenta il sito www.marciamondiale. org. Pace e nonviolenza. L’evento è stato lanciato il 15 novembre 2008, ed è promosso da Mondo senza Guerre, organizzazione internazionale del Movimento Umanista. In pochi mesi ha suscitato l’adesione di migliaia di persone, gruppi pacifisti e nonviolenti, istituzioni, personalità del mondo della scienza, del-

la cultura e della politica sensibili all’urgenza del momento. Hanno aderito nomi del calibro di Josè Saramago, il Dalai Lama, Noam Chomski e Desmond Tutu, e molti altri. Le proposte concrete. Il disarmo nucleare a livello mondiale, il ritiro immediato delle truppe di invasione dai territori occupati, la riduzione progressiva e proporzionale delle armi convenzionali, la firma di trattati di non aggressione tra paesi, la rinuncia dei governi a utilizzare le guerre come metodo di risoluzione dei conflitti. E per far sì che non resti un’iniziativa solo formale, si stanno coinvolgendo i governi, le istituzioni e i mass media. Per iniziare, il governo Argentino ha dichiarato l’iniziativa di interesse nazionale, dichiarando il 2009 Anno della Non Violenza, mentre a Santiago del Cile si svolgerà un seminario al quale parteciperanno tutte le forze armate della regione per dialogare sulla pace e il disarmo oltre all’adesione alla marcia del Presidente cileno Michelle Bachelet. Meno soldi in armi. A coloro che pensano che sia il momento sbagliato per rilanciare il tema della pace globale, in un momento in cui ogni singolo abitante del pianeta è preoccupato per le proprie finanze, sem-

pre più minacciate, Giorgio Schultze, Portavoce europeo della Marcia, risponde: “Ci saranno sempre urgenze, ma diminuendo solo del 10% la spesa militare mondiale si potrebbe risolvere la fame nel mondo ed investire sul lavoro e sulle politiche sociali. La riduzione degli investimenti militari ha un’incidenza diretta sulle nostre possibilità di sviluppo”. Ed aggiunge: “Viviamo in una situazione critica in tutto il mondo, caratterizzata da povertà in vaste regioni, da violenza e da discriminazione. Ci sono conflitti armati in numerosi punti del globo ed una profonda crisi del sistema finanziario internazionale, a cui oggi si aggiunge la minaccia nucleare in aumento, che potrebbe generare un conflitto devastante. È un momento di enorme complessità, non si tratta della somma di singole crisi: ci troviamo davanti al fallimento globale di un sistema la cui metodologia di azione è la violenza, ed il cui valore centrale è solo il denaro. È urgente una presa di coscienza di questi pericoli per gettare le basi per la rinascita di un’atmosfera sociale che rifiuti le guerre e la violenza come soluzione ai problemi. Sarà questa nuova sensibilità a mettere in moto azioni

Juve e Inter unite per la pace. Tra i testimonial della marcia, Gianluca Pessotto, team manager della Juventus, e Ivan Cordoba, difensore dell’Inter, uniti dalla bandiera della marcia mondiale per la pace e la nonviolenza. Foto di Fabrizio Ruffo/PianoB

concrete in direzione del rispetto dei diritti umani, e sarà la pressione dei popoli a spingere i governi in questa direzione”. L’elenco della adesioni alla Marcia Mondiale si allunga ogni giorno di più: già 4 Presidenti della repubblica (Argentina, Bolivia, Cile e Croazia), il Summit dei Premi Nobel per la Pace, numerosi esponenti delle più diverse religioni (come il Dalai Lama, padre Alex Zanotelli, Desmon Tutu, Ashin Sopaka, comunità Bahai, della Falun Gong, Hare Krishna), associazioni e movimenti di ogni tipo (come Amnesty International, Madres de Plaza de Mayo, Emergency, Greenpeace, PeaceLink – in Italia sono più di 400), parlamentari (Luisa Morgantini, Giulietto Chiesa, Tony Benn), scienziati (come Angelo Baracca, Richard Stallman) attori e personaggi dello spettacolo e della musica (come Philip Glass, Yoko Ono, Viggo Mortensen, Juanes, Francesca neri, Claudia Gerini, Ermanno Olmi) scrittori e saggisti (Noam Chomsky, Ariel Dorfman, Eduardo Galeano, Isabelle Allende, Dacia Maraini), sportivi (Gianluca Pessotto- team manager della Juventus, Ivan Cordoba- difensore dell’Inter, il ciclista spagnolo Carlos Sastre, il ginnasta Yuri

Chechi); ma l’adesione più importante è quella di centinaia di migliaia di persone comuni che in oltre 100 paesi del mondo stanno lanciando numerose iniziative locali. Sostenere la marcia. La Marcia Mondiale è un progetto che si realizza grazie al contributo di tutte le persone che aspirano a costruire la pace e un mondo nonviolento. Anche le aziende stanno dando il loro contributo, come Guna, azienda di medicinali omeopatici e prodotti naturali, che ha adottato 3000 km, invitando - per voce del Presidente Alessandro Pizzoccaro – “tutti i cittadini ad adottare chilometri di Marcia, ognuno secondo le proprie possibilità” Si può partecipare in molti modi: aderire alla Marcia sul sito o presso gli info point che sono in città; iscriversi alla newsletter; divulgare la Marcia in siti, community, blog; collaborare alla realizzazione degli eventi cittadini della Marcia; partecipare al gruppo promotore della propria città. Questo progetto è promosso dal Centro Servizi per il Volontariato nella provincia di Milano – CIESSEVI. Tutte le informazioni sono sul sito italiano della Marcia: www.marciamondiale.org - Contatto diretto per Milano: tel. 335/8328199.


Marcia Mondiale Notizia