Issuu on Google+

Anno 3 / Numero 12 Giugno-Luglio-Agosto 2010

5

Comuni DELLA VALLATA D’ALPONE

12

numero VESTENANOVA

SAN GIOVANNI ILARIONE

MONTECCHIA DI CROSARA

RONCÀ

MONTEFORTE D’ALPONE


EDITORIALE

ESTROCASA di Loretta Pandolfo

LISTE NOZZE CASALINGHI ARTICOLI DA REGALO BIGIOTTERIA

Hanno collaborato a questo numero: Giampaolo Aldighieri Nadia Bevilacqua Marco Bolla Giuseppe Boninsegna Dario Bruni Lara Carbognin Ugo Carnevali Giulia Cerato Franco Confente Roberta Costantini Marco dal Bosco Paola Danese Emma Erbogasto Enrico Filipozzi Pier Carlo Fracasso Pier Paolo Frigotto Lorenzo Gecchele Giancarla Gugole Mariella Gugole

Via Roma, 1 MONTECCHIA DI CROSARA (VR) Tel. 045 7450111

Rendi preziosa la tua lista nozze. Scegli ESTROCASA per la professionalità, il gusto dell’arredo ed il vasto assortimento di articoli delle migliori marche.

di Dario Bruni Giovanna Menghin Angelo Pandolfo Leonello Piccina Emanuel Righetto Emanuele Sartori Francesca Zambon Luca Zanetti Comitato Festa del Taio Gospel Prayers Gruppo Gastrofili Gruppo Scout Val d’Alpone

DOVE TROVARE IL “5 COMUNI” Se per qualche motivo, dopo la distribuzione, volete una copia del 5 Comuni (per un amico o una persona lontana, per parenti o conoscenti), la potete trovare presso uno dei seguenti punti di distribuzione: Vestenanova: - Edicola Corradini - Edicola Presa (Bolca) San Giovanni Ilarione: - Biblioteca Comunale - Edicola “Bosco” - Damini Elettrocasa Montecchia di Crosara: - Biblioteca Comunale - Municipio Roncà: - Municipio - Museo Paleontologico Monteforte d’Alpone: - Biblioteca Comunale

FESTA & ALCOOL: BINOMIO INSCINDIBILE?

S

embra proprio che dalle nostre parti una festa senza alcool non si possa davvero fare: birra a fiumi nelle calde serate estive, chioschi per alcolici di tutti i tipi e stands curatissimi con superalcolici presi letteralmente d’assalto da giovani (soprattutto) e meno giovani. Il problema del troppo alcool nelle tante feste che costellano l’estate della nostra vallata è sotto gli occhi di tutti eppure nessuno ne parla, anzi a ben vedere, nessuno lo considera nemmeno un problema, quasi fosse un dato da accettare come parte integrante di ogni manifestazione che si rispetti. Proviamo ad affrontarlo, o almeno a proporlo, noi del 5 Comuni, sperando almeno di avviare una riflessione fra quanti possono (o dovrebbero) fare qualcosa. Sappiamo bene quanto sia difficile, con i tempi che corrono, mettere in piedi una sagra o una festa degna di questo nome. Gli organizzatori, sempre più alla ricerca di introiti per le proprie iniziative, si vedono costretti ad allestire chioschi di questo tipo perché “sono gli unici che davvero fanno guadagnare”, lamentando il fatto che gli enti pubblici, attualmente in evidenti difficoltà economiche, non riescono più a sostenere le manifestazioni. Accade così che, senza che nessuno se ne accorga, i veri quesiti che dovremmo porci (perché i nostri giovani bevono così tanto? Come arginare il fenomeno dell’alcolismo che, dati alla mano, nel nostro Veneto sembra riprendere vigore in misura allarmante?) siano messi da parte per proporre soluzioni che, a nostro avviso, non solo non risolvono il problema, ma addirittura rischiano di assecondarlo (al di là delle buone intenzioni, assicurare il “servizio bus navetta gratuito” da molti giovani viene tradotto in “bevi quanto vuoi, tanto poi a casa ti portiamo noi”). Che fare allora? Noi crediamo che la cosa peggiore sia proprio quello che sta succedendo: non parlarne, facendo finta di nulla, con il rischio di trovarci a discuterne troppo tardi, di fronte a qualcosa di grave e di irreparabile (la notizia di scazzottature a ore molto piccole fra giovanotti molto “alticci” è già giunta da qualche sagra paesana, per non parlare poi di incidenti stradali che, come si sa, trovano nell’alcool e nel sonno, se non in altre sostanze eccitanti, un koctail dagli effetti devastanti). Nei prossimi mesi noi proveremo a porre la domanda a qualche amministratore locale o a qualche volontario impegnato nell’allestimento di feste o sagre paesane. Nel frattempo potete contribuire anche voi scrivendo le vostre impressioni sul nostro sito “www.5comunialpone. it”: è ora di dire la vostra! La tecnica dello struzzo che, di fronte al pericolo incombente, nasconde la testa sotto la sabbia non solo è controproducente, ma ci fa diventare complici.

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

AROMI

100% PRODOTTO ITALIANO

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

MEDITERRANEI

vendita diretta al pubblico presso la nostra sede OLICAF SpA

2

manifesto A3.indd 1

15/09/2009 12.37.15

Via dell’Artigianato, 15 - 37040 S. Stefano di Zimella (VR) - Tel. 0442 490930 - olicaf@olicaf.com - www.olicaf.com

3


��������������������� ������������������������� ������������������

���������������������

����

������������������������������������ ���������������������� ������������������������������� ������������������������������������������� ������������������������������� �����������������������������������������

�������� ������������� ��������������� �������������������������

������������������������������������������������������������������������������� �������������������������������������������������������� ������������������������������������������������������� ���������������������������

��������������������

5

Comuni

SOMMARIO

DELLA VALLATA D’ALPONE

Anno 3 / Numero 12 Giugno - Luglio Agosto 2010 Registrato presso il Tribunale di Vicenza al n. 1189 del 25.11.2008

numero

Sede legale Contro Riccardo & C. Edizioni e Grafica snc Via C. Ridolfi, 4/A 36045 LONIGO (Vicenza) Tel. e fax 0444 432670 studiocontro@email.it

12

Direttore responsabile Emilio Garon Direttore editoriale Dario Bruni 5comuni@gmail.com Redazione Mariella Gugole mariella.gugole@tiscali.it Dario Bruni dario.bruni@libero.it Vittoria Scrinzi biblioteca.montecchia@gmail.com Pier Paolo Frigotto pierpaolofrigotto@yahoo.it Marco Bolla marco.bolla@tele2.it Referenti di zona VESTENANOVA Mariella Gugole 340 4621949 micaela78@tiscalinet.it SAN GIOVANNI ILARIONE Dario Bruni 349 0657198 dario.bruni@libero.it MONTECCHIA DI CROSARA Vittoria Scrinzi 045 7450820 biblioteca.montecchia@gmail.com RONCÀ Gian Carlo Tessari 335 6074811 segreteria@comune.ronca.vr.it MONTEFORTE D’ALPONE Alice Nuca 340 8057822 alicenuca@gmail.com Pubblicità Giuseppe Frattini 333 4546209 giuseppe@controedizioniegrafica.it Grafica e impaginazione Contro Edizioni e Grafica Stampa Grafica Alpone srl Via del Lavoro, 90 37035 San Giovanni Ilarione (Verona) Tiratura: 8500 copie Il materiale prodotto in questo numero è di proprietà esclusiva © 2008 Contro Riccardo & C. Edizioni e Grafica snc. Tutti i diritti sono riservati. L’intero contenuto della pubblicazione e dei suoi allegati sono protetti da copyright, sono quindi vietate riproduzioni totali o parziali, in ogni genere o linguaggio, senza il consenso scritto della Contro Riccardo & C. Edizioni e Grafica snc. Tutti i marchi citati nella rivista sono proprietà dei rispettivi Titolari.

Foto di copertina: l’antica chiesa di Sant’Antonio Abate di Vestenavecchia (Foto di Giancarla Gugole)

Accade in valle Come sta il “mattone” in Val d’Alpone? • Incontro con i Primi Cittadini della vallata • Acqua bene comune Raccolte 1.400.000 firme per un referendum in materia. Alla scoperta della Val d’Alpone • Alte valli Un prezioso DVD affianca l’annuale dèpliant. Il Lions Club ricorda Bruno Anzolin e Lorenzo Gaiga Vestenanova Gruppo Giovani Da Vestenanova... al Consiglio Regionale. La campana maestra Campane in festa a Castelvero. Appuntamento a Castelvero • A Bolca il “Museo famiglia Cerato” Racconta tre secoli di ricerche in campo paleontologico. San Giovanni Ilarione Il prete novello Paolo Burato. Granfondo del durello Parla un giovane partecipante. Coro Gospel Prayers Feste dello Sport in vallata

Monteforte d’Alpone Il cielo sopra Monteforte Michele Bolla e la sua stazione meteorologica. Monteforte d’Alpone comune riciclone dell’anno? Dialetto “Boche de pièra” Una triplice festa per terminare l’anno scolastico Monteforte mia Dintorni Guarino Veronese Gli studenti realizzano un documentario sull’emigrazione. Mondogiovani Facebook e la Val d’Alpone by night • Giovani e Chiesa La buona terra Il mercato cerasicolo La parola ai lettori Dalla parte di Briciola

Montecchia di Crosara Viva Cile! Viaggio di volontariato di sei veronesi. Arrosticini e pallavolo 12a Festa del Taio. Essere scout in Val d’Alpone • Il Gruppo podistico con i bambini dell’infanzia

Pronto in tavola Tagliatelle con zucchine e uova Cinema Ingannevole è il cuore...

������������������

������������������������������������������

© 2008 Contro Riccardo & C. Edizioni e Grafica snc

Per qualsiasi articolo o segnalazione contattate i referenti di zona dei comuni della vallata

Roncà Avis Comunale di Terrossa Padre colui che separa. La vedova scaltra a Roncà • Una Gazzetta dello sport anche a Roncà

�������������

����������������������������� ��������������������� ���������������������������������������������������������������������������������������� ���������������������������

���������������������


ACCADE IN VALLE

COME STA IL “MATTONE” IN VAL D’ALPONE? Mariella Gugole

Fiorenzo Furlani e il sindaco di Vestenanova Maurizio Dal Zovo durante la consegna dell’opuscolo “Quaderno Piano Casa”

L

o abbiamo chiesto al geometra Fiorenzo Furlani, in occasione della consegna dell’opuscolo “Quaderno Piano Casa” al sindaco di Vestenanova Maurizio Dal Zovo. La pubblicazione, curata dallo stesso Furlani per il “Collegio Geometri e Geometri Laureati” della Provincia di Verona, affronta il tema del “mattone” attorno al quale, come è ben noto, ruota un intero cosmo artigianale fatto di muratori, imbianchini, idraulici, elettricisti, pavimentisti, fabbri, falegnami, mobilieri... E industriale-commerciale che produce e vende dai laterizi agli elettrodomestici. L’edilizia in Val d’Alpone, come altrove, è in sofferenza. Proprio per questo il Governo e le Regioni si sono mobilitate varando una Legge (L.R. 08 luglio 2009 n.14) a carattere straordinario, quindi con un tempo limitato, finalizzata a sostenere il settore edilizio, denominata “Piano Casa”. E tutti i comuni della Val d’Alpone vi hanno aderito. Di che cosa si tratta? Il Piano Casa offre ai cittadini l’opportunità di ampliare e migliorare la qualità abitativa, oppure ristrutturare ed anche ricostruire l’edificio esistente. Favorisce tra l’altro l’utilizzo delle energie rinnovabili. È consentito l’ampliamento pari al 20% del volume esistente degli edifici. Che può aumentare di un ulteriore 10% se si utilizzano tecnologie

con energie rinnovabili come pannelli solari o fotovoltaici. L’ampliamento può aumentare del 40% se l’edificio viene demolito e ricostruito. A suo tempo abbiamo assistito ad accesi dibattiti televisivi e posizioni contrastanti sulla stampa nazionale a proposito di questa legge, voluta da Berlusconi. Ora i toni si sono smorzati e si è fatta piena luce sulle norme applicative, che a mio avviso offrono buone opportunità a cittadini e costruttori. Si è fatta chiarezza su tutto ciò che non è derogabile, come le disposizioni del Codice della Strada e del Codice Civile, in materia di distanze e misurazioni; i parametri igienico-sanitari; il rispetto ambientale e paesaggistico. E direi che ci sono le condizioni, nel nostro territorio, per favorire il “ricupero” di abitazioni rurali lasciate nel degrado. Il timore è proprio quello che si dia libero sfogo a esigenze private e non si salvaguardi l’ambiente. Ovviamente ogni comune, al fine di prevenire scempi edilizi ha varato un piano attuativo della legge, ponendo dei paletti ben precisi. Ad esempio tutti i centri storici sono esclusi dal Piano Casa. Ogni realtà territoriale va poi tutelata nel rispetto della sua specificità. A Vestenanova, per fare un esempio, oltre ai centri storici anche le aziende avicole (allevamenti) sono escluse dal Piano Casa. Quali sono i termini per presentare le domande? La Legge vale due anni, quindi ne rimane ancora uno per le domande, ossia fino all’11 luglio del 2011. Ci sono agevolazioni fiscali e l’accelerazione dei tempi di esecuzione dei lavori che possono iniziare 30 giorni dopo aver depositato il progetto. Chi ha intenzione di usufruire di questa Legge a chi si deve rivolgere? Può chiedere qualsiasi chiarimento al n. verde: 800 974248 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 16. Uno di noi del Collegio Geometri di Verona, presieduto da Domenico Romanelli, risponderà a qualsiasi domanda. Oppure può rivolgersi all’ufficio tecnico del suo Comune. 7


Accade in valle

Accade in valle

INCONTRO CON I PRIMI CITTADINI DELLA VALLATA Com’era stato promesso, il 14 maggio scorso a Montecchia il “5 Comuni” ha riunito, un anno dopo la loro elezione, i sindaci della Val d’Alpone Dario Bruni

È

passato un anno e i sindaci della Val d’Alpone si sono ritrovati attorno al tavolo che li aveva visti, all’indomani della vittoria elettorale, nuovi protagonisti della scena politica della vallata. Ad eccezione del primo cittadino di Vestenanova, assente giustificato per seri problemi di carattere famigliare, i sindaci hanno risposto all’invito della nostra rivista, dimostrandosi a loro agio di fronte ai microfoni nel trattare i temi proposti dal moderatore Pier Paolo Frigotto. Gli argomenti messi in campo spaziavano a 360 gradi sui mille problemi che il non facile mestiere dell’amministatore locale deve quotidianamente affrontare, e sarebbe stato interessante vedere come un pubblico più numeroso e magari critico avrebbe reagito di fronte alle affermazioni dei propri sindaci sulle attività portate a termine nei dodici mesi appena trascorsi. Tutti concordi nell’imputare alle precarie condizioni finanziare la difficoltà nella realizzazione dei lavori già in corso o dei progetti preventivati, i quattro relatori si sono soffermati soprattutto sui punti di maggior attualità per la nostra vallata, dalla nota sempre dolente sulla viabilità alla situazione di crisi in ambito lavorativo, dall’utilizzo dell’ex base militare della Calvarina alla discussa fusione tra le cantine di Montecchia e di Soave, dalla presenza di un popolazione sempre più multietnica alle possibilità ancora in fase di gestazione offerte dal turismo locale. Nel corso della serata non sono mancate le prese di posizione anche forti su questioni controverse: duro ad esempio il giudizio dei sindaci di Monteforte e San Giovanni Ilarione, rispettivamente Carlo Tessari e Domenico Dal Cero, nei confronti delle limitazioni imposte dal Patto di stabilità, considerato alla stregua di Casotti restauri Dicem 23-11-2009 11:35 Pagina 1

ACQUA BENE COMUNE: L’ACQUA NON SI VENDE Raccolte in Italia 1.400.000 firme per un referendum in materia Ugo Carnevali - Giovanna Menghin (per il “Gas” San Bonifacio-Prova)

N

Nella foto un momento del dibattito.

una vera e propria “ghigliottina” per le pubbliche amministrazioni dei comuni con più di 5.000 abitanti. Nel settore delle politiche sociali, Roberto Turri, sindaco di Roncà, ha sottolineato quanto attuato dalla sua amministrazione a favore della scuola e della popolazione più anziana, mentre il sindaco di Montecchia, Edoardo Pallaro, non ha risparmiato una critica aperta verso la realizzazione della casa di riposo di Bolca, definita letteralmente un “cattedrale nel deserto”. Affermazioni, giudizi, opinioni, punti di vista più o meno condivisibili che meritavano di essere discussi, approfonditi o - perché no? - contestati e criticati, nel rispetto delle proprie e altrui convinzioni. La modesta presenza del pubblico in sala pone invece un serio interrogativo sull’effettiva volontà di partecipazione che la nostra gente nutre nei confronti della cosa pubblica. Malgrado ciò restiamo del parere che solo con il confronto e con il dialogo si possa crescere come comunità di persone consapevoli di quanto sta succedendo nello spazio in cui abitiamo, e che momenti come quello dello scorso 14 maggio siano, magari in forme e modalità diverse, da sostenere e da riproporre per il bene di tutti. Anche degli assenti.

ell’Est veronese, come del resto in tutta la provincia di Verona, sono state promosse diverse iniziative sia per informare la popolazione sul tema “Acqua bene comune” sia per promuovere la raccolta di firme per sostenere la campagna referendaria avviata dal Comitato provinciale per il referendum. Come è andata? Direi bene su entrambi i fronti. Il 7 maggio scorso, in collaborazione con la biblioteca comunale di Montecchia di Crosara, il Gruppo di Acquisto Solidale di Prova-San Bonifacio ha promosso una serata informativa sul tema dell’acqua e della privatizzazione dei servizi idrici che ha visto la partecipazione del sig. Luca Cecchi, che fa parte del comitato provinciale e che da diversi anni si interessa al tema dell’acqua inteso come “bene pubblico” e cerca di sensibilizzare le persone. La serata ha visto partecipare un buon numero di persone (non solo di Montecchia) che si sono dimostrate molto interessate alla tematica, hanno stimolato un interessante dibattito e si sono rese disponibili a promuovere analoghe iniziative anche nei propri paesi. Desidero ringraziare a titolo personale ed a nome del gruppo Gas la sig.ra Vittoria Scrinzi, responsabile della biblioteca monscledense, che ha raccolto con entusiasmo la proposta di promuovere la serata, collaborando attivamente per la buona riuscita e confermando particolare sensibilità verso le tematiche che hanno una rilevanza sociale. Successivamente (il 21 maggio) si è tenuto un analogo incontro a San Bonifacio presso l’oratorio, nato dalla collaborazione tra Gas ed associazioni locali. Il Gruppo Gas di San Bonifacio-Prova, aderendo alla campagna veronese promossa dal comitato provinciale, ha assunto un ruolo di coordinamento, per l’Est veronese, delle diverse iniziative promosse in collaborazione con associazioni, gruppi di volontariato, parrocchie con l’obiettivo sia di sensibilizzare la popolazione sul tema della “acqua bene comune” e della “privatizzazione dei servizi idrici” sia di promuovere la raccolta di firme a sostegno del referendum. Le iniziative messe in atto in occasione di sagre e/o altre manifestazioni già promosse sia in vallata che nei paesi limitrofi (Montecchia, Monteforte, Soave, San Bonifacio, Prova, ecc.). sono proseguite sia con la raccolta delle firme direttamente presso gli

uffici comunali di tutti e cinque i comuni della valle, sia con ulteriori azioni di sensibilizzazione in occasione delle sagre e/o feste locali fino al 4 luglio, termine ultimo per la raccolta firme. La campagna raccolta firme si è conclusa, a livello nazionale, con un risultato che va oltre alle aspettative, con la consegna alla Corte di Cassazione di 1.400.000 firme, un grande successo dei comitati e delle associazioni che si sono impegnate in tutta Italia per la sua buona riuscita. La vera grande sfida però sarà portare a votare 25 milioni di italiani. Il lavoro di coinvolgimento deve partire da subito diffondendo ad ogni occasione possibile la conoscenza di quanto prevedono le leggi in vigore e dei rischi connessi. Perché tutta questa mole di lavoro sul tema dell’acqua? L’informazione della popolazione ed il referendum sono le strade che il Comitato promotore per il Referendum ha deciso d’intraprendere a seguito dell’approvazione del decreto Ronchi il cui art. 15, modificando l’art. 23 bis della legge 133/08, sancisce la totale e definitiva privatizzazione dell’acqua potabile in Italia. Questa recente normativa stabilisce, come modalità ordinarie di gestione del servizio idrico, l’affidamento a soggetti privati attraverso gara o l’affidamento a società a capitale misto pubblico-privato, all’interno delle quali il privato sia stato scelto attraverso gara e detenga almeno il 40%. Si promuove questa l’azione referendaria convinti che il privato non possa gestire l’acqua perché: • misura l’efficienza del servizio sul suo profitto e non sulla qualità del servizio stesso; • nel momento in cui avrà bisogno di fondi per la realizzazione/sistemazione/manutenzione delle reti li chiederà comunque al pubblico, cioè ai cittadini • viste le esperienze italiane ed europee già in campo, impone significativi aumenti delle tariffe; • non si pone obiettivi di risparmio idrico dal momento che più la risorsa viene consumata, più il privato guadagna; • rende i cittadini dei clienti, che saranno costretti a rapportarsi non più agli amministratori locali ma ad un’azienda, ad un call center, agli avvocati nel caso di problemi.

Restauro mobili e trattamento antitarlo Progettazione e realizzazione arredamenti in stile e moderni Cucine, soggiorni,

ESPOSIZIONE MOBILI ANTICHI

camere e mobili bagno

Via Ca’ Rosse, 64/b - 37035 San Giovanni Ilarione (VR) • Tel. e Fax 045 6550107 - Cell. 349 8772742 www.casottorestauri.com • E-mail: info@casottorestauri.com

8

9


ACCADE IN VALLE

Accade in valle

ALLA SCOPERTA DELLA VAL D’ALPONE Giancarla Gugole

G

li Amministratori comunali della Val d’Alpone, delegati al turismo, stanno progettando una serie di iniziative finalizzate alla valorizzazione del territorio, con l’intento di farlo conoscere e frequentare da parte dei turisti, siano essi valligiani o provenienti da altre zone della provincia o regione. La Val d’Alpone è poco conosciuta, ma possiede una notevole ricchezza di mete turistiche, sia di carattere naturalistico e geologico, sia storico e artistico, sia enogastronomico. Sono presenti in Valle: • 2 Musei dei fossili (a Bolca e Roncà) e un Museo del vino (Ca’ Rugate) • 5 chiese romaniche (San Salvatore a Montecchia, Sant’Antonio Abate a Monteforte e a Vestenavecchia, San Zeno a Castello di San Giovanni Ilarione, Santa Margherita a Roncà) • 15 chiese ottocentesche nelle singole parrocchie, oratori e cappelline in ogni comune, con pregevoli dipinti, affreschi e opere d’arte, oltre a colonnine e capitelli di arte popolare • il Palazzo Vescovile a Monteforte e 14 Ville venete sparse nei 5 comuni, di cui alcune ben conservate • due Enoteche (a Monteforte e Roncà) • 25 cantine a Monteforte, 17 a Roncà, 8 a Montecchia, per la produzione del vino Soave e Durello • 5 caseifici (Roncà, San Giovanni Ilarione e Vestenanova) e un frantoio (Roncà) • 4 alberghi (a Montecchia, San Giovanni Ilarione e Bolca), 17 ristoranti, 7 trattorie, 13 pizzerie e 21 agriturismo o bed&breakfast • rinomati prodotti tipici locali (vino, ciliegie, olio, formaggi, salumi, castagne e frutti di bosco) • un paesaggio straordinario, caratterizzato dai più svariati colori stagionali e ricco di luoghi interessanti per le bellezze naturali, per la suggestione dei percorsi escursionistici, per la presenza di famosi basalti colonnari (Roncà, San Giovanni Ilarione e Vestenanova) e di siti di escavazione di fossili (Roncà e Bolca). Il Comitato per il turismo in Val d’Alpone intende proporre dei percorsi di visita ai luoghi più significativi della Vallata e organizzare degli eventi che promuovano il territorio. La prima iniziativa è stata realizzata il 19 aprile u.s. con “MontecChiAma”, quando, oltre ad un convegno sui prodotti vinicoli e sulle prospettive turistiche, è stato possibile accompagnare alcuni ospiti a conoscere la media valle con un percorso in

10

ALTE VALLI DELLA LESSINIA ORIENTALE Fra le iniziative di maggior rilievo, un prezioso DVD affianca l’annuale dépliant Giancarla Gugole

Q carrozza fra i ciliegi e i vigneti del Soave e del Durello. Il 20 giugno un giro turistico guidato ha portato un folto gruppo di visitatori alla scoperta dei “tesori” dei 5 comuni (chiese, palazzi, musei, ma anche caseifici e cantine), mentre il 27 luglio, nel secondo appuntamento del “MontecChiAma”, cinque relatori qualificati hanno affrontato in un interessatissimo dibattito tematiche vecchie e nuove legate al territorio. Altri 6 percorsi guidati sono programmati nei mesi successivi e sono in fase di predisposizione un opuscolo e un filmato sulla Val d’Alpone. Ogni cittadino della Valle è invitato a consultare i siti web dei Comuni per tenersi informato sulle singole iniziative e soprattutto è sollecitato a visitare la propria valle e a promuoverne la conoscenza.

fie e filmati riguardanti il proprio territorio. La collaborazione più illustre è risultata quella di Piero Piazzola, che ha supervisionato i testi ed apprezzato il lavoro intrapreso, senza peraltro poterne vedere la conclusione. Il montaggio video è stato eseguito da Emanuele Miliani. La voce fuori campo è di Federica Quattrina. Da menzionare le artistiche fotografie di Gianni Dalla Costa di Crespadoro. Numerose le immagini fornite da Bruno Menaspà e Serafino Zanderigo di Vestenanova e da Nereo Stoppele di Badia Calavena. Il DVD raccoglie in sé vari elementi: • L’introduzione è una panoramica generale del territorio dei quattro comuni delle alte valli del Chiampo, dell’Alpone e di Illasi. Il testo è stato scritto da Piero Piazzola e la musica venne registrata all’organo di Vestenanova, dove Bruno Menaspà il 20 settembre 2008 eseguì un brano inedito di Riccardo Grolli, vecchio organista della chiesa di San Leonardo in Vestenanova. • I filmati di ognuno dei 13 paesi appartenenti ai quattro comuni possono essere scelti cliccando su una carta geografica che rappresenta il territorio. Ciascuno, della durata di pochi minuti, presenta le caratteristiche storiche, naturalistiche e folcloristiche della singola località. I testi sono di Giancarla Gugole. Le musiche del territorio vestenese sono registrazioni dall’organo recentemente restaurato di Vestenanova, eseguite da Filippo Lovatin in due importanti occasioni celebrative. Il filmato è stato realizzato con il contributo della Comunità Montana della Lessinia, dei Comuni di Vestenanova, Badia Calavena, Selva di Progno e Crespadoro e con la collaborazione delle Pro Loco e delle Associazioni locali. L’auspicio di tutti coloro che hanno costruito o supportato l’iniziativa è che questo strumento possa diffondere la conoscenza di un territorio non sempre adeguatamente valorizzato e riesca ad avvicinare le persone alla cultura, alle tradizioni e alle bellezze naturalistiche della Lessinia.

uattro comuni della Lessinia Orientale (Vestenanova, Badia Calavena, Selva di Progno e Crespadoro) si sono uniti fin dall’inizio del 2007 con l’intento di creare un collegamento fra le Pro Loco e le Associazioni locali, per condividere le iniziative e le manifestazioni turistico-culturali del territorio e pubblicare annualmente un dépliant dove sono riportate le principali manifestazioni di ogni località e dove vengono delineati sinteticamente gli aspetti storici, artistici e folcloristici che connotano ogni paese della Lessinia orientale. Allo scopo di divulgare più diffusamente la conoscenza GLI ALPINI DI MONTECCHIA E SAN GIOVANNI del territorio e di valorizzarlo SFILANO ASSIEME AL RADUNO NAZIONALE in tutti i suoi aspetti peculiari viene ora presentato un DVD che illustra con le immagini la storia e le bellezze paesaggistiche dei quattro Comuni, le loro tradizioni religiose, le testimonianze artistiche, le feste e le attrazioni turistiche di tutta la Lessinia orientale. Ideata e diretta da Giancarla Gugole, l’iniziativa si è avvalsa dell’apporto di molti componenti del gruppo “Alte Valli”, i quali hanno fornito fotogra-


ACCADE IN VALLE

VESTENANOVA

IL LIONS CLUB “VALDALPONE” HA RICORDATO “DUE PENNE ILLUSTRI” DELLA NOSTRA VALLE: BRUNO ANZOLIN E PADRE LORENZO GAIGA Mariella Gugole

L

a Valle d’Alpone ha reso omaggio a due suoi illustri personaggi: Bruno Anzolin di Monteforte d’Alpone e Padre Lorenzo Gaiga di Vestenanova, lo scorso mese di marzo in Sala “don Benetti” a Vestenanova. È stato il Lions Club “Valdalpone”, presieduto da Katia Fornaro, a promuovere la serata, a tre anni dalla scomparsa di questi due personaggi che nella diversità dei ruoli hanno lasciato testimonianze tangibili della loro saggezza ed umanità. Anzolin e Padre Gaiga, il primo un laico, l’altro un religioso, con le loro opere letterarie hanno divulgato cultura e conoscenza, fede e fratellanza. Ambedue scrittori, ma prima di tutto uomini, hanno vissuto il loro tempo nel segno della missionarietà. Con un ampio mandato formativo e didattico nella realtà scolastica veronese Bruno Anzolin, e di apostolato religioso nel mondo cattolico missionario padre Lorenzo Gaiga. Durante la serata sono state proiettate immagini inedite dei due personaggi, presentate da Giancarla Gugole, vicepresidente del Lions e commentate da Giuseppe Zuccante, collega e amico di Anzolin e da Padre Elio Boscaini, comboniano amico di Padre Gaiga e attuale direttore del Piccolo Missionario. Letterato e saggista, Bruno Anzolin è autore di diverse pubblicazioni storico-narrative e di testi scolastici. Non a caso nel 2005 gli venne assegnato il titolo di “Magister Noster” dall’Associazione Ricercatori documenti storici, diretta dallo scomparso Massimo Priori. Prima insegnante e poi direttore didattico, Anzolin rimane un punto fermo nella memoria dei molti insegnanti che per

oltre mezzo secolo hanno fatto tesoro delle sue direttive pedagogiche, connotate da immediatezza nella didattica e attenzione verso la “persona”, ricco di quella umanità non ancora sopraffatta dalla burocrazia che investe oggi la gerarchia scolastica. Ha selezionato generazioni di maestri in qualità di commissario esaminatore nelle prove scritte e orali dei concorsi magistrali di Verona, con quella naturalezza e cordialità che egli sapeva mantenere in ogni ambito relazionale. Giornalista e scrittore instancabile Padre Lorenzo Gaiga, la “Penna dei Comboniani” per 16 anni fu direttore del “Piccolo Missionario” e per 10 anni direttore di “Amici dei lebbrosi”, la rivista dell’associazione fondata da Raoul Follerau. È autore di ben 102 libri: racconti, testimonianze d’Africa, storie di eroismo, biografie di missionari. Gravi problemi di salute avevano infranto sul nascere il suo sogno di par- 21 settembre 1986: padre Lorenzo tire come missionario Gaiga con Giovanni Paolo II per il sud del mondo. Così le “missioni” le ha raccontate attraverso i suoi scritti, senza mai lasciare l’Italia, con narrazioni virtuali, quasi a seguire le orme di Emilio Salgari. Lo definì “il missionario scrittore” papa Giovanni Paolo II quando nel settembre 1986 Padre Lorenzo ebbe il privilegio di concelebrare con lui la messa in San Pietro. Alcune delle sue opere sono state tradotte in polacco, francese, inglese, spagnolo, portoghese e arabo. Solo la malattia, devastante, strappò a Padre Lorenzo Gaiga la “penna” di mano, poco più di un anno prima della morte. Così avvenne anche per Bruno Anzolin che firmò ormai con grande fatica la sua ultima importante opera: “Socrate in montagna”, la drammatica esperienza personale (Socrate è il suo nome di battaglia) nella guerra partigiana.

������������������������������

���������������������������������������������������������� ����������������������������������

GRUPPO GIOVANI DA VESTENANOVA... AL CONSIGLIO REGIONALE! Giulia Cerato

U

n anno fa l’idea di costituire un Gruppo Giovani nel Comune di Vestenanova. Ora un primo bilancio positivo delle iniziative realizzate. Che sono veramente tante. Non tutte partecipate allo stesso modo, ma che hanno lasciato il segno. Questo grazie all’eterogeneità di un Gruppo nel quale ciascuno porta la propria esperienza e le proprie idee. Ed è grazie a molteplici contributi che hanno preso vita una serie di progetti che spaziano dal tempo libero al volontariato sociale, fino ad arrivare alla politica. Proprio in quest’ambito si è realizzato un progetto volto alla sensibilizzazione e all’avvicinamento dei giovani all’educazione civica, in collaborazione con l’associazione “Inprimapersona”. Il primo incontro intitolato “Si può ancora avere fiducia nella politica?” con ospite l’allora consigliere regionale Raffaele Bazzoni, è stato incentrato sul funzionamento della Regione. A questo incontro è seguito un momento “pratico” in modo da concretizzare quello che può apparentemente sembrare lontano ed astratto: i giovani hanno potuto visitare la sede del Consiglio Regionale del Veneto a palazzo Ferro-Fini. Consiglio che è stato rinnovato il 28 e 29 marzo scorsi. Il gruppo ha così visitato uno dei più bei palazzi che si affacciano sul Canal Grande, di impronta rinascimentale e nato dall’unione di due palazzi contigui, il palazzo Ferro e il palazzo Fini. Vi sono due entrate: una via mare, riservata un tempo ai nobili e una via terra, ora accesso dei visitatori. Originariamente residenza di nobili famiglie, trasformato poi in un albergo, ospita oggi la sede del Consiglio Regionale. Al piano terra il gruppo è entrato nell’aula consigliare nella quale si riunisce l’intero Consiglio. Ogni ragazzo ha così potuto vedere il funzionamento pratico delle assemblee, il modo con il quale vengono approvate le leggi e la disposizione dei gruppi politici nel Consiglio. Questo organo è composto da circa sessanta consiglieri eletti direttamente dal popolo, in carica per cinque anni; esercita la potestà legislativa e altre funzioni stabilite dalla legge e dalla Costituzione. I giovani poi hanno potuto ammirare alcune sale impreziosite da stucchi, affreschi, soffitti in legno dorato, pavimenti alla veneziana, tappeti e vetri di Murano al primo piano, il piano nobile dove ora si svolgono le riunioni dell’ufficio di presidenza. Al secondo piano si trovano invece le vicepresidenze e le commissioni. La visita a Venezia è poi proseguita al teatro “la Fenice”, recentemente ristrutturato e

����������

������������������

12

riaperto dopo l’incendio che lo distrusse completamente nel 1996. La serata si è conclusa in una tipica Hostaria veneziana. Nonostante l’acqua alta e la pioggia caduta ininterrottamente tutto il giorno, i giovani che hanno partecipato all’iniziativa hanno espresso interessamento ed opinioni positive e ciò consentirà di proseguire il progetto. Il gruppo rimane aperto a chiunque volesse farne parte, proprio perché la finalità principale è quella di promuovere l’inserimento del singolo nella comunità di cui è parte. L’intento di coinvolgere i giovani del paese sembra aver colto nel segno!

PRO LOCO DI BOLCA

Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VR • www.bolca.it tel. 333 4653861 - 346 5446353

ESCURSIONI SUI SENTIERI DI BOLCA 2010 Nell’anno 2010 la Pro Loco di Bolca ha organizzato uscite guidate sui sentieri tracciati dal Prof. Serafino Zanderigo. Gli ultimi appuntamenti in programma sono i seguenti: • 12 settembre 2010, ore 8,30-12,30 Pesciara, sentiero viola-Museo di Bolca • 26 settembre 2010. ore 9,00-12,00 Monte Pergo, sentiero verde-Museo di Bolca

���������������������������������� di Consolaro G.

����������������������������������������������������������������� ����������������������������������������������������� ��������� ���

Il Gruppo Giovani di Vestenanova nei “seggi” del Consiglio Regionale del Veneto

������������������������������������������������������������������ ����������������

�������������������� �������������������������

Immerso nello stupendo paesaggio naturale di Bolca Cucina casalinga mezzogiorno e sera, pizze tutte le sere con forno a legna rotante per i tuoi pranzi e le tue cene. Su prenotazione per gruppi di persone, pizze a mezzogiorno.

13

���������������������


CASTELVERO

Castelvero

LA “CAMPANA MAESTRA” Campane in festa a Castelvero per dare il benvenuto ad una nuova piccola campana

APPUNTAMENTO CON LA SIMPATIA

Mariella Gugole

I

l gruppo Alpini e l’associazione Campanari della frazione, aiutati dalla Cassa Rurale di Vestenanova, hanno unito forze e risparmi per acquistare la “campana maestra”, consacrata a San Salvatore e San Biagio. Pesa solo 25 chili e si presta dunque ad essere suonata dalle giovani leve che non mancano a Castelvero. “L’abbiamo pensata e comperata proprio per loro - afferma Tiziano Santi, 29 anni presidente e maestro del gruppo suonatori di campane; e aggiunge - Ci piace ritrovarci insieme per offrire un servizio alla comunità.” Una tradizione antica quella dei campanari, testimoniata dalla presenza accanto alla nuova campana di Benedetto Zandonà, 82 anni veterano del gruppo campanari, che ha guidato per 60 anni la compagnia. Ora non suona più, ma alimenta la passione per l’attività campanaria in una parrocchia la cui canonica risulta disabitata da ben 27 anni. I parroci frequentano Castelvero principalmente per le celebrazioni religiose e sono i parrocchiani stessi a conservare con cura strutture e arredi della chiesa. Attenzioni particolari sono riservate al campanile con le sue cinque campane, la più grossa di 12 quintali. Dopo i festeggiamenti di domenica (18 aprile) la “campana maestra” sulla quale come è consuetudine sono stati incisi i nomi dei parroci, don Sergio Marcazzani e don Gianluca Bacco, ha trovato alloggio nella postazione dei campanari, a metà campanile e non nella cella campanaria, proprio per favorire l’esercitazione dei ragazzi. Il gruppo è iscritto all’“Associazione suonatori di campane a sistema veronese”: il più giovane è Marcello, 12 anni, il più attempato Bruno Zandonà di 61.

VESTENANOVA

Emma Erbogasto

R

Nelle foto dall’alto al basso; La cerimonia con la campana maestra. I giovani suonatori nel campanile di Castelvero. I campanari veterani

Hanno ottenuto “ottimi profitti scolastici” nell’Esame di Stato del 2009 e il sindaco Maurizio Dal Zovo ha consegnato a: Marilena Pernigotto (100), Laura Roncari (100), Michele Pernigotto (100) e Daniele Gugole (100 e lode) un attestato nel corso di una seduta straordinaria del Consiglio Comunale, in occasione della visita della quinta elementare. L’assessore alla cultura Yuri Pandolfo nel complimentarsi con i neodiplomati ha dichiarato: “Mi congratulo con questi ragazzi che hanno dimostrato tanta tenacia e impegno nel perseguire eccellenti risultati scolastici e che rappresentano un esempio per tutti i nostri giovani.” E ha aggiunto “Affrontare con responsabilità l’impegno verso lo studio rappresenta l’unica vera base di partenza per una vita migliore e, magari, vissuta da protagonisti.”

itorna l’estate che si colora di feste, sagre e manifestazioni. La voglia di uscire, partecipare e godere delle serate in compagnia diventa un’esigenza sentita dalla maggioranza delle persone. Nei paesi della nostra vallata si susseguono ogni fine settimana, ma un appuntamento immancabile ad agosto è la tradizionale Festa della Birra a Castelvero, organizzata con grande entusiasmo dai giovani in collaborazione con il Gruppo Alpini del paese. Il clima che si respira è quello di ritrovo e di accoglienza, tipico di questa località immersa nel verde e lontana dal frastuono delle città, in cui la cortesia e la cordialità sono il vivere quotidiano. Anche quest’anno tutto è iniziato con l’apertura dei chioschi la sera di venerdì 6 agosto con i tradizionali piatti preparati con cura dai cuochi alpini e, oltre ai vini di qualità, i gazebo della birra alla spina e la casetta delle grappe di vario assortimento, gestiti con l’innata vivacità dei nostri ragazzi. La serata è stata tutta dedicata ai giovani, al ritmo di musica afro del Dj Morgan. Sabato 7 agosto è ripresa la festa in piazza, con la possibilità di cenare grazie ai molteplici tavoli messi a disposizione e, per gli amanti della musica rock, il divertimento è stato assicurato dall’esibizione del gruppo “Fuori Registro”. Domenica 8 agosto, come ogni anno, ecco la grande folla per l’attesa sfilata dei carri allegorici che portavano i “protagonisti” a partecipare all’ormai famosa gara denominata “Passeggiata con l’Oco”, la cui prima edizione è stata celebrata nel 2002. Quest’anno le 16 contrade in lizza, ciascuna caratterizzata dal colore che le contraddistingue, erano chiamate a realizzare i carri ispi-

randosi al tema “I mestieri de ‘na ‘olta”; dovevano inoltre allestire le bandiere e i costumi, trovare il nome adeguato all’Oco, scegliere il fantino e adornare la propria contrada già molto tempo prima del fatidico giorno. In un’atmosfera gioiosa e fragorosa hanno fatto il loro ingresso in piazza i carri con gli “atleti” seguiti dai rappresentanti della propria contrada e presentati al pubblico: alle ore 17,30 è stato dato il via alla manifestazione fra l’incitamento generale. Sebbene il percorso sia abbastanza breve, le improvvise deviazioni dei pennuti, richiamati pazientemente dai fantini a ritornare sulla retta via, sono motivo di coinvolgente divertimento per il pubblico: l’“Oco” che ha tagliato il traguardo per primo ha ricevuto la corona da “Tartuca”, Oco vincitore dell’edizione del 2009. La giuria ha assegnato il premio anche al carro definito più simbolico e caratteristico. Alle ore 21,30 tutti in pista con il Dj Manuel Love e proseguimento con il Dj Peter Mix. Lunedì 9 agosto ultima serata del programma con musica afro del Dj Gege e, per concludere la festa, tutti con il naso all’insù per assistere al grande spettacolo pirotecnico. Per vivere “in presa diretta” le fasi della manifestazione, collegatevi ai seguenti siti internet e preparatevi a gustare tutta la simpatia di una giornata anche quest’anno indimenticabile: www.castelvero.net http://castelvero.blogspot.com

mansoldo luca & C. S.A.S. Via Pergola, 9 - Località Costalunga 37030 Montecchia di Crosara (VR)

Tel. 045 6175025 Cell. 347 9551231

E-mail: mansoldo.luca@libero.it 14

15


SAN GIOVANNI ILARIONE

VESTENANOVA INAUGURATO A BOLCA IL “MUSEO FAMIGLIA CERATO”

GRANFONDO DEL DURELLO, OTTAVA EDIZIONE La fatica, l’emozione, la vittoria nelle parole di un giovane partecipante all’impegnativa gara di mountain bike

Racconta tre secoli di ricerche in campo paleontologico

Mariella Gugole

Enrico Filipozzi

M

I

nizio d’estate con un evento singolare nell’alta Val d’Alpone: l’inaugurazione di un museo di famiglia. Della famiglia Cerato di Bolca. Dei “pescatori di fossili” che da sette generazioni si tramandano di padre in figlio passione e abilità nella ricerca, estrazione e conservazione di reperti fossili estratti dalle viscere della montagna. Una dinastia di “cavatori” che ha contribuito a costruire un patrimonio scientifico e culturale inestimabile, consentendo agli uomini di scienza (fu Andrea Mattioli nel 1550 il primo a segnalare i “pesci impietriti” di Bolca) di studiare i misteri, non ancora del tutto svelati, di ciò che è accaduto 50 milioni di anni fa in questa nostra Valle, a quell’epoca (eocene medio) sommersa dalle tiepide acque di un mare tropicale. Potrebbe sembrare fantascienza, ma le pietre sono vere e appartengono proprio ad una laguna che si è pietrificata, conservando intatti pesci e piante fra le pieghe della montagna alle pendici di Bolca. Nel nuovo “Museo Famiglia Cerato”, nato accanto al prestigioso Museo dei Fossili, due sale minuziosamente allestite raccontano nelle loro teche la storia di questa famiglia che nel 1777 aveva acquistato i terreni sul monte Purga di Bolca, dove c’erano giacimenti di lignite. Insieme al carbone fossile affiorarono nelle cave straordinari esemplari di coccodrillo e il 22 maggio 1817 Giuseppe Cerato stipulò il primo contratto d’affitto della Pesciara con il marchese Antonio Maffei di Verona. È questo il documento più prezioso del museo, in cui si legge tra l’altro che il Cerato “pagherà ogni anno 8

In primo piano Massimo, Achille e Massimiliano Cerato con l’onorevole Giovanna Negro che taglia il nastro all’ingresso del nuovo Museo.

pesci; 6 se saranno grandi; 12 se saranno piccoli ma sempre di specie diversa.” “Sono tutti documenti originali - spiega Massimo Cerato che come i fratelli Achille ed Erminio si dedica con la stessa passione e competenza del padre Massimiliano (84 anni) e dei suoi antenati alla paleontologia - Nulla è stato fotocopiato. I manoscritti sono autentici e portano prestigiose firme di grandi naturalisti come Achille De Zigno, Enrico Nicolis, Federico Sacco, Giovanni Omboni, Paolo Lioy.” Quest’ultimo nel 1800 era un assiduo frequentatore di Bolca e ne descrisse e raccontò la vita agreste con particolare suggestione. Una raccolta epistolare, quella esposta, che mette in evidenza quanto già nell’800 i Cerato fossero “persone stimate ed a loro si può ricorrere per collezioni fatte con esattezza e di sicura provenienza” come scrisse Domenico Dal Lago nelle note illustrative alla carta geologica della provincia di Vicenza nel 1903. Gratitudine e ringraziamenti sono stati rivolti alla famiglia Cerato dalle autorità che il 3 luglio hanno presenziato all’inaugurazione, per aver messo in “vetrina” tre secoli della loro storia che si intreccia con quella di nomi illustri del mondo scientifico, a partire dal 1700 quando ancora si pensava che fosse stato il diluvio universale a trasportare a Bolca tutti quei pesci.

Lorenzo Bianchini fotografo

Via S. Croce 64, Monteforte (Vr) www.lorenzo-bianchini.it

Fotografia Pubblicitaria, Cataloghi e Servizi per l’Azienda Moda, Fashion, Ritratti

info@lorenzo-bianchini.it t. 320 08 03 792

Reportage di Cerimonia, Eventi e Fotografia Sportiva Servizio di Stampa Fine Art

16

Si riceve su appuntamento

Don Paolo Burato all’ambone nella chiesa di Santa Caterina in Villa, durante la sua prima messa (foto Corradini Igino)

UN INTERO PAESE FESTEGGIA IL PRETE NOVELLO Paolo Burato è stato ordinato il 5 giugno scorso dal Vescovo di Vicenza, il giorno dopo ha celebrato la sua prima messa nella chiesa di Santa Caterina in Villa

Angelo Pandolfo

A

lla presenza di quattro vescovi, un centinaio di sacerdoti e un numero considerevole di fedeli provenienti della sua parrocchia di origine, Paolo Burato, 24 anni, ha ricevuto il 5 giugno scorso l’ordinazione sacerdotale dalle mani del vescovo vicentino mons. Cesare Nosiglia. Il giorno successivo, festa del Corpus Domini, nella chiesa che l’ha visto nascere e crescere spiritualmente sotto la guida del parroco don Elio Nizzaro, c’era praticamente l’intero paese ad accogliere il giovane sacerdote: oltre al sindaco e alle autorità civili e militari, la banda “G. Verdi”, la corale e tante persone, dai familiari agli amici, ai tanti conoscenti, che hanno seguito e sostenuto il lungo cammino vocazionale del loro giovane parrocchiano, fra cui don Francesco Meneghello, il parroco che 24 anni fa l’aveva battezzato. Particolarmente significative le parole del neosacerdote, che nell’omelia ha manifestato la gioia della sua scelta di diventare “dono per gli altri”, sull’esempio di Cristo, a cui ha fatto eco il parroco don Elio, che ha ringraziato il Signore per aver avuto la grazia di veder crescere e giungere alla meta del sacerdozio un giovane della sua parrocchia. L’evento riveste infatti un carattere storico, essendo don Paolo il primo sacerdote diocesano nativo del luogo nei 121 anni di storia della parrocchia. La coincidenza con l’importante festa del Corpus Domini ha reso ancor più partecipata l’occasione, in quanto lo stesso don Paolo ha portato il Santissimo nella solenne processione per le vie del paese, accompagnato dai parrocchiani, mentre i bambini spargevano come vuole la tradizione i petali di rosa lungo il cammino, quasi un augurio rivolto al futuro per invitare altri giovani a seguire l’esempio del novello sacerdote. La vincitrice Anna Ferrari.

attina del 18 aprile a San Giovanni Ilarione, tutto è pronto per l’importante manifestazione del Granfondo del Durello, gara di mountain bike giunta all’ottava edizione: alle dieci in punto il via è dato dallo sparo fragoroso dei trombini e per il ciclista è uno scoppio di emozioni che fa impazzire il cuore. Quest’anno la partenza era resa ancor più emozionante grazie al giro “di lancio” attraverso le vie del paese, per poi partire già lanciati con gran sprint! Percorsi cambiati rispetto allo scorso anno, ma sicuramente migliori, sia nel giro breve sia nel lungo. Una gara tosta che, appena partiti dal centro, presentava subito l’impegnativa salita di Cattignano per arrivare fino al monte Cimo, per il giro corto, mentre per quello lungo ci si arrampicava su fino a Bolca, per scendere a Vestenanova e, attraverso Castello, arrivare al traguardo in paese. La gara è stata davvero tosta, ma lo scenario che si apriva di fronte ai concorrenti era a dir poco fantastico, ve lo posso garantire: la primavera non solo si vedeva ma si sentiva nell’aria e non a caso le iscrizioni sono state veramente tante. Il tempo non è stato dei migliori, visto che la pioggia è caduta fino a poco prima della partenza e siamo giunti al traguardo con molto fango addosso, ma tutto sommato il sole un po’ alla volta ha fatto capolino fra le nuvole e ci ha fatto compagnia per tutto il pomeriggio. L’edizione di quest’anno è stata vinta da Marzio Deho, al secondo posto Manuele Spadi e sul gradino più basso del podio Mario Alberto Rojas. L’emozione nel salire sul podio, vi assicuro, è veramente immensa ed indescrivibile: ve lo posso garantire, visto che ci sono salito arrivando primo dei minorenni! Bisogna assolutamente dire che lo staff Basalti ha organizzato la gara nel migliore dei modi, sia lungo il percorso, sia in piazza all’arrivo con stand attrezzati e perfino con la possibilità di avere dei massaggi gratis, optional veramente gradito alla fine di uno sforzo non indifferente e che non trovi in tutte le manifestazioni del genere. D’altra parte la mountain bike è uno sport dove non contano solo le prestazioni fisiche ma bisogna saper usare bene anche la testa, bisogna essere forti psicologicamente e non mollare mai! A tutti l’appuntamento è per l’anno prossimo, all’edizione 2011 della Granfondo del Durello!

17


SAN GIOVANNI ILARIONE

San Giovanni Ilarione

UNA PASSIONE DAVVERO VIVENTE Lorenzo Gecchele

U

n centinaio di persone coinvolte fra figuranti, attori (naturalmente improvvisati), costumisti, allestitori delle strutture e varie persone di buona volontà: sono i numeri della “Passione Vivente”, la manifestazione che la Parrocchia di Castello, in collaborazione con il locale Gruppo NOI, ha messo in piedi per rendere ancora più partecipato il venerdì santo, meditando sul senso del mistero della morte e risurrezione di Cristo. Suggestivo il percorso, che si snodava dal teatro parrocchiale, attraverso il sentiero del parco fino alle porte della chiesa; lungo l’itinerario sono stati posti i momenti fondamentali della Passione, recitati e interpretati dai figuranti in costumi del tempo antico.

FESTE DELLO SPORT IN VALLATA La folta, ma soprattutto rispettosa e partecipata attenzione del pubblico ha reso coinvolgenti le varie fasi, culminate con la crocifissione alle porte della chiesa, e con la deposizione nel sepolcro, allestito in chiesa. Un modo diverso, ma certamente più affascinante e fruibile anche da parte della gente comune, per prepararsi a vivere in modo meno banale e più concreto la Pasqua che era in arrivo.

IL CORO GOSPEL PRAYERS DI SAN GIOVANNI ILARIONE Gospel Prayers

N

ell’estate del 2006 a San Giovanni Ilarione, grazie all’idea e alla passione per la musica di alcuni giovani, è nato il coro Gospel Prayers. Il coro è sorto dal desiderio di condividere e trasmettere i valori della musica Gospel. Nel corso degli anni il gruppo si è allargato e ogni componente che si è aggiunto ha portato nuova linfa vitale al coro. Il nostro repertorio spazia dagli Spirituals a brani di Gospel contemporaneo e recentemente anche di musica Pop reinterpretati in chiave Gospel. A tutt’oggi il gruppo conta 11 voci femminili, 2 maschili, un tastierista, un bassista e un batterista. Con grande entusiasmo e desiderio di condividere la passione per la musica ci si trova una volta alla settimana per provare, ma terminate le prove si chiacchiera, si scherza si passa del tempo piacevole in compagnia, perché il nostro intento è anche quello di creare un gruppo dove si coltivi il valore dell’amicizia. I Gospel Prayers si sono esibiti in diversi contesti e per varie occasioni sempre con successo e sono disponibili per concerti in piazze, teatri, chiese essendo forniti di un adeguato impianto audio. Inoltre il coro è lieto anche di animare celebrazioni liturgiche quali matrimoni, battesimi, veglie natalizie, pasquali e messe. Per Manuel, Denis, Giuliano, Davide, Silvia, Lisa, Elisa, CLUB ALPINO ITALIANO Sezione di San Bonifacio COMMISSIONE ALPINISMO CON IL CAI ALLA SCOPERTA DELLA MONTAGNA È in pieno svolgimento il ricco il programma del XIX “Corso di Avvicinamento alla Montagna” organizzato dalla Sezione di San Bonifacio e diviso in tre livelli: 1° Livello. Corso di base 1° livello (ragazzi 8/11 anni) • 2° Livello. Corso di perfezionamento (ragazzi 11/l4 anni) • 3 Livello. Corso di perfezionamento per esperti (ragazzi 14/18 anni)

18

Ombretta, Orietta, Laura, Monica, Milena, Katty, Fiorenza e Monica è una gioia far parte di questo gruppo e una soddisfazione avere creato qualcosa di così bello partendo da zero. È doveroso, però, ringraziare don Elio, parroco di San Giovanni, che ha contribuito a concretizzare questo sogno e chi ci sostiene sempre soprattutto durante le nostre esibizioni, ossia le nostre famiglie e gli amici più cari. Ancora un caloroso grazie ad Angelo, che cura la parte pubblicitaria e le realizzazioni audio-video, e Alessandro responsabile del mixer. Noi del coro Gospel Prayers speriamo di riuscire a portare sempre avanti questa iniziativa dimostrando che, creando centri di interesse e dando l’opportunità di coltivare le proprie passioni, i giovani possono maturare e crescere insieme. Qualcuno è appassionato di canto e di musica ed è interessato a far parte del coro? Per informazioni contattare Manuel al 3483641655 oppure Silvia al 3471352549. Siamo anche su facebook: gospel.prayers@libero.it

Emanuel Righetto

A

San Giovanni Ilarione lo sport da quasi dieci anni fa rima con Polisportiva, l’associazione che si occupa di coordinare le società sportive, la gestione degli impianti e la promozione dello sport sul territorio. Nei primi mesi di questo 2010 la Polisportiva si è rinnovata: il dimissionario Arturo Burato ha passato il testimone della presidenza a Lucia Burato e il consiglio direttivo si è allargato a ben 11 membri. Le idee partorite dal neo gruppo di lavoro hanno portato nuova linfa ai progetti già imbastiti e a quelli in via di definizione. Il primo banco di prova è stata la Marcia tra i ciliegi dello scorso 5 aprile: un successo ben oltre ogni aspettativa, considerando il consistente incremento di presenze registrato. L’altro appuntamento di rilievo è stata la Festa dello Sport, dal 2 al 4 luglio. Tre giorni di manifestazioni sportive e musica dal vivo, allietati da fornitissimi stand gastronomici. Esibizioni di arti marziali, il torneo di bocce e quello di calcio a 6 sono hanno rappresentato il piattoforte della manifestazione. Per quello che riguarda l’aspetto musicale, il momento clou è stato nella serata del sabato, quando si sono esibiti i “The Fabulous Filters” , un gruppo proveniente da Como che si è conquistato un posto di tutto rilievo nel panorama delle etichette indipendenti. Sono stati affiancati nelle altre serate dai nostrani Fulvio Rossi (supportato dalla West Coast Band), Stereopaptil Project e DJ Coffee, oltre che dai vicentini “Raffaello Seltz” e “Jack La Motta & your bones”. Sul sito http://www.polisportivailarione.it si possono già trovare le foto delle serate, oltre che di quelle scorse manifestazioni, in aggiunta ad altre informazioni utili sulle attività promosse dalla Polisportiva. Più in giù in vallata, a Montecchia, nei giorni 26 e 27 giugno ha avuto luogo la prima festa dello sport. “Prima” dacché chi scrive ne ha memoria. Il consigliere comunale, con delega allo sport, Alessandro Pagani in collaborazione con la Società Sportiva Valdalpone e la Pro Loco ha creato un evento praticamente dal nulla. Un torneo di green volley e uno di calcetto, poi musica dal vivo, con Memo e gli Stereopaptil Project (sono nuovi e si devono far conoscere!) nelle serate di sabato e domenica, per promuovere lo sport anche nel territorio monscledense. La buona risposta dei giovani e il successo

Nella foto in alto a sinistra: il tendone che ospitava la festa dello sport a san Giovanni, novità di quest’anno. Qui sopra dall’alto in basso: torneo di bocce durante la Festa dello sport a San Giovanni. Le magliette della nuova polisportiva di San Giovanni. I vincitori del torneo di calcetto della Festa dello sport di San Giovanni.

riscosso dalla manifestazione sicuramente incoraggeranno gli organizzatori a fare il bis l’anno prossimo e ad ampliare l’offerta. Infatti questo primo passo, che corona l’evoluzione dei servizi legati allo sport, caratterizzata dall’accorpamento inter disciplinare in seno alla sopra citata S.S. Valdalpone originariamente impegnata solo in ambito calcistico, avrà un senso solo se sarà costante nel tempo.

������������

LE PROSSIME USCITE ED ESCURSIONI 28-29 agosto Lezione in ambiente di Topografia e Orientamento – Monte Pasubio, Strada delle 52 gallerie (1°-2°-3° livello) 11 settembre “Il mestiere del malgaro” – Altopiano di Asiago, Passo Vezzena Malga Fratte • 26 settembre Escursione colli di Soave e palestra di roccia. Tra le escursioni fuori corso aperte a genitori ed amici, vi sono: 16/10/2010 Incontro in Malga Terrazzo - Giazza - Giornata dedicata ai giochi • 03/10/2010 Serata conclusiva dell’attività dell’Alpinismo Giovanile con proiezione diapositive presso la sede CAI • 24/10/2010 Castagnata con il CAI - Rif. Boschetto -Giazza- escursione turistica gastronomica

����������������������� ���������������������������������� ����������������������������������� ���������������������������������������� �������������������� �����������������������

19

��������������������


MONTECCHIA DI CROSARA

Montecchia di Crosara

VIVA CILE!

ARROSTICINI E PALLAVOLO Sport, musica e allegria alla 12a Festa del Taio

Viaggio di volontariato in Cile di sei veronesi

Il comitato

Lara Carbognin

S

Q

uest’anno a cavallo dei mesi di gennaio e febbraio, abbiamo avuto la possibilità, grazie agli stimmatini di Verona di raggiungere una città all’altro capo del mondo, Santiago del Cile. 14000 km, un giorno di viaggio e ci troviamo catapultati nell’estate cilena. Ad accoglierci padre Daniele Giacopuzzi, superiore generale degli stimmatini in Cile, missionario veronese originario di Valgatara. È lui che ha richiesto alcuni volontari per fare dei banchi, e pavimentare una chiesa. Ed eccoci qua, pronti prontissimi, siamo in sei, Rosalinda e Giorgio, Luciano, Roberto, Federico ed io. Per i lavori ci dividiamo, due a fare i banchi nella chiesa di padre Hurtado, in tre andiamo a pavimentare la cappella di San Francesco d’Assisi, mentre Rosalinda presta il suo servizio in cucina e nel refettorio del seminario, dove siamo ospiti. Per finanziare i lavori, le famiglie della comunità si sono auto-tassate dell’1% dello stipendio per un anno. Per loro è un grosso sforzo, che però fanno con molto entusiasmo, sono orgogliosi della loro chiesa. A turno le famiglie ci ospitano per il pranzo, ed è sempre una festa, ogni giorno un piatto tipico diverso, ma sempre a base di “choclo”, un tipo di polenta, ma colta ancora verde dalla pianta. Il lavoro procede, e procede bene, e più i giorni passano, più gli abitanti della comunità sono contenti e si affezionano a noi, ci gratificano con piccoli doni e specialità culinarie. Per noi è un’esperienza bellissima, non siamo abituati a tutto questo calore. ... E poi il sabato e la domenica facciamo i turisti, abbiamo una guida eccezionale, Roberto, un seminarista di Santiago che completerà gli studi tra un paio d’anni. Lui ci porta alle terme su un vulcano andino, a visitare il centro della città, a vedere lo spettacolo della “pequena” gigante, un evento che ha mosso milioni di persone, anche dal vicino Brasile e dall’Argentina, in un paesino caratteristico per le sue ceramiche. Con lui prendiamo perfino l’aereo ed andiamo in Argentina a trovare le mie cugine. Quando i lavori finiscono siamo un po’ tristi, ma sappiamo che la comunità di San Francesco d’Assisi ci aspetta tra un anno o due per fare anche lì i banchi per la chiesa. E noi abbiamo un desiderio, tornare, fare i banchi, e poi andare a visitare la missione di Iquique ed il deserto del Nord. Gracias Chile, hasta luego.

PE SU

R M E R C AT

I

I volontari al lavoro durante la pavimentazione della cappella di San Francesco d’Assisi.

FESTA IN BASTIA

La statua della Madonna, all’interno della cappellina.

I

mmersa nel verde delle viti, a quattro chilometri da Montecchia, sul monte Bastia sorge il capitello “Regina della Pace”. Fu eretto su commissione dei fratelli Steccanella Carlo e Alessandro per essere tornati incolumi dalla guerra e venne inaugurato, con la straordinaria presenza del vescovo Carlo Zinato, il 15 agosto 1948. Da allora ogni anno la tradizione si ripete presso questa piccola cappellina, fin dal mattino con la Santa Messa molto partecipata dagli abitanti. E poi la festa prosegue con specialità culinarie (fettuccine caserecce, polenta e salsicce), buon vino, musica e tanta allegria.

Qualità e Convenienza nel prezzo Vendita Abbigliamento Via Montegrappa, 11 - 37030 Vestenanova (VR) • Tel. e Fax 045 7470883

20

Il comitato consegna a suor Mirella il contributo ricavato dalla “festa del Taio”.

“sociale” a cui hanno partecipato i residenti limitrofi al parco, e nel pomeriggio, sino alla sera, per la prima volta, è stato coinvolto il “Pagliaccio Karen” che ha intrattenuto i più piccoli, con giochi e musiche. La finale dei mondiali è stata un po’ la padrona della serata e sino alla chiusura della festa ha catturato l’attenzione di tutti i presenti. A causa delle ultime partite di calcio dei mondiali ed il gran caldo, il sabato e la domenica, la partecipazione non è stata quella degli scorsi anni. Sicuramente serve anche un maggior coordinamento nella programmazione degli eventi nella vallata al fine di non sovrapporre momenti di aggregazione. L’allegria delle persone presenti e l’entusiasmo degli organizzatori, comunque, hanno reso come al solito le serate belle, uniche ed ospitali. Per tutta la vallata è bellissimo ed importante che gruppi di persone dedichino del loro tempo per fare aggregazione e, al momento stesso, creare presupposti per sviluppare qualcosa che li renda orgogliosi di vivere in una delle più belle località della provincia.

CALCIO A 5: 6° MEMORIAL “SIGNORIN RENATO” Nadia Bevilacqua

Lunedì pomeriggio chiuso - Mercoledì aperto tutto il giorno

�����������������������

i è svolta dall’8 al 10 luglio la 12a edizione della Festa del Taio a Montecchia di Crosara, presso l’area antistante il parco di Via Domenico Dal Cortivo. La festa, organizzata dal “Comitato” del Quartiere, in collaborazione con la Pro Loco, è stata contraddistinta, per tutti i quattro giorni da un gran caldo. Il tema che il Comitato del Quartiere Dal Cortivo ha voluto come proprio per quest’anno è stata la pallavolo. Lo spirito che ha animato ed avvalorato questa decisione è stato il senso di profondo sconforto dato dai recenti risultati calcistici della nostra nazionale, che ha imposto di deviare l’attenzione verso questo sport bellissimo che vede coinvolte nella vallata d’Alpone parecchie decine di ragazze. La serata di giovedì 8 è stata completamente dedicata alla Pink Volley di Montecchia di Crosara/San Giovanni Ilarione. Le tante squadre di cui è composta la società fabbisognano di supporto, non solo con il calore del tifo, ma anche economico. La festa è stata caratterizzata, nei giorni successivi, come al solito in tutte le serate, da buona musica e dai caratteristici arrosticini abruzzesi accompagnati dai fagioli alla “cow boy”. Particolarmente interessante è stata la partecipazione, sabato sera, di “Jessica Acustic Trio”. L’esibizione è stata fantastica. La voce della solista è parsa meravigliosa e a dir poco l’accompagnamento delle due chitarre classiche è stato incantevole. La domenica è stata contraddistinta prima dal pranzo

Si è concluso venerdì 4 Giugno, presso il campetto di calcio a 5 di Montecchia di Crosara il “6° Memorial Signorin Renato”. Il torneo ha impegnato 8 squadre che si sono affrontate ad alti livelli per raggiungere l’ambito trofeo. Le finali hanno visto sfidarsi le squadre Tratine Ben - Dal Cero Metalworking per il 3°-4° posto e la finalissima Panato Impianti - Blues per il 1°-2° posto. I Verdetti: Coppa Disciplina: Broki. Miglior Portiere: Alberto Andreon. Capocannoniere: Devis Zanderigo (12 reti). 4° Classificato: Dal Cero Metalworking; 3° Classificato: Tratine Ben (Tratine Ben - Dal Cero Metalworking 3-2); 2° Classificato: Blues; 1° Classificato: Panato Impianti (Panato Impianti - Blues 4-3 supplementari) Alle premiazioni hanno partecipato i Direttori di Pianeta-calcio.it (Nocini A. - Paolini

G.B. ���������

��������������������� �����������������

La squadra vincitrice premiata dal sindaco di San Giovanni Ilarione.

G.) e il sindaco di San Giovanni Ilarione che hanno incoronato i vincitori. Ringraziamenti da parte dell’associazione sportiva Sporting Alpone a tutti i partecipanti alla manifestazione ed in particolare ai tifosi che col loro entusiasmo hanno allietato le serate. Tutti i risultati, foto e cronache del torneo su www. trofeosignorin.tk

����������� ���������������

������������������������������������������ ��������������������������������� ����������������������������������������������������� �������������������������������������������������

ILLU MINA ZIONE ���������������������


MONTECCHIA DI CROSARA

ESSERE SCOUT IN VAL D’ALPONE Intervista ai capi fondatori del gruppo operante in vallata Gruppo Scout Val d’Alpone

50

ragazzini (26 lupetti e 24 esploratori-guide) e 11 capi (di cui Michel è l’ultimo entrato): malgrado la sua giovane età, il gruppo scout in Val d’Alpone presenta già numeri significativi. A non tutti però è chiaro cosa sia lo scoutismo e cosa significa essere uno scout; abbiamo cercato di chiarirlo ponendo alcune domande ai capi fondatori, Emma Caltran ed Andrea Pravisano (assieme a Lisa Saccomani), dello scoutismo nella nostra vallata. D: Com’è nato lo scoutismo nella nostra vallata? R: Tutto è sorto grazie all’insistenza di don Franco che, essendo lui stesso uno scout, aveva da tempo il desiderio di far nascere un gruppo anche nella nostra vallata. È stati lui a proporre questa “avventura” a me, Andrea, trasferitomi da non molto a Montecchia, avendo sposato Emma. Io sono diventato scout all’età di 11 anni a Targento (UD) ma ho abbandonato il gruppo in seguito alla sciagura del terremoto avvenuto il 6 maggio 1976 in Friuli. Andrea ed Emma, assieme a Lisa, nell’ottobre 2005 decisero di fondare un gruppo scouts a Montecchia come iscritto al San Bonifacio 1, con 21 lupetti capeggiati da Andrea, Emma, Lisa e, i Rover, Manuel, Alessandro, Stefano e Alberto. Nel settembre 2007, in occasione del centenario dello scoutismo e l’inaugurazione di Piazzetta Baden Powell, parte il gruppo Valdalpone 1 con i colori che lo contraddistinguono: giallo, rosso, blu e verde. Il “Valdalpone 1” è attualmente composto da 26 lupetti, 24 esploratori-guide e 11 capi. I componenti del gruppo appartengono a quattro comuni della vallata: Montecchia, Roncà, San Giovanni Ilarione e Vestena. D: Qual è la finalità del gruppo scout? R: È quella di formare un “buon cittadino” valorizzando i vari aspetti della persona: ambito fisico, morale e religioso. Questi aspetti vengono sviluppati col contatto con la natura e nel servizio al prossimo: a seconda dell’età viene chiesto allo scout

Montecchia di Crosara di prestare un servizio adeguato. Per ora prestiamo ancora pochi servizi, essenzialmente presso le parrocchie, ma abbiamo partecipato alla giornata ecologica a Montecchia e abbiamo collaborato alla pulizia della Valnera a Roncà. Crescendo come gruppo si presenteranno altre opportunità e sicuramente parteciperemo. D: Qual è l’iter formativo di uno scout e come si svolge la vostra attività? R: Si entra a far parte degli scouts verso gli otto anni come lupetti ma la vera e propria promessa è quella che si compie entrando a far parte degli esploratori e delle guide all’età di 11 anni circa. Verso i 17-20 anni si entra a far parte del mondo “adulto” e cioè del Clan, accettando il Patto Associativo (con i suoi diritti e i suoi doveri). Incontriamo i ragazzi il sabato pomeriggio per due ore circa, affrontando l’argomento sviluppato da ogni branca, condividendo un momento di preghiera e uno di gioco. D: I ragazzi si divertono? R: Lo scoutismo dev’essere innanzitutto un gioco ed è questo che cerchiamo di far capire ai ragazzi anche attraverso le uscite, che per i lupetti si svolgono dal sabato pomeriggio alla domenica mattina. Per gli E/G, oltre a queste uscite, sono previste uscite di squadriglia e di reparto anche da soli e alcune con le tende. Per tutti poi, arriva il momento atteso del campo scouts che quest’anno avrà luogo la prima settimana di agosto a Mel (Belluno), nel corso del quale si sviluppano le attività a contatto con la natura e i ragazzi possono valutare i loro limiti e le loro capacità. D: I rapporti con le parrocchie? R: Sono buoni, in quanto le parrocchie ci mettono a disposizione i loro spazi per svolgere le nostre attività; i sacerdoti sono molto disponibili e ricordiamo in particolare Don Franco, il nostro Assistente Ecclesiale; in occasione della recente visita pastorale il nostro vescovo Cesare Nosiglia ci ha riservato un’accoglienza molto affettuosa! D: Prossimi appuntamenti? R: Attesa è la festa di chiusura che si terrà il 29 maggio, con la partecipazione degli scouts e delle loro famiglie, e poi sicuramente il campo estivo! Un grazie ad Andrea ed Emma per il loro prezioso servizio; ai ragazzi un augurio di “buon cammino” e come diceva B.P.: “Essendo l’onore la cosa più sacra che uno scout può avere, tenetevi sempre pronti, in spirito e corpo, per compiere il vostro dovere!”

IL GRUPPO PODISTICO CON I BAMBINI DELL’INFANZIA Giampaolo Aldighieri

U

n dì diventi nonno e ti vuoi regalare un sogno, ti alzi all’alba e aspetti l’aurora che improvvisa ti sorprende, e questa Aurora è in carne e ossa. Nasce in questo modo l’idea di una manifestazione che veda protagonisti i bambini dell’asilo, cioè il nostro futuro. Approvata dal gruppo podistico e raccolto il consenso delle responsabili della scuola materna, in particolare suor Emma, si lavora sul progetto che prevede quattro fasi ben distinte, con obiettivi educativi e ricreativi per i bambini, impresa certo non facile. La mancanza di esperienza non è un ostacolo se ognuno fa la sua parte e così il 22 aprile 2010 il sogno si avvera: al mattino, visto il bel tempo, maestre, suore e 110 bambini accompagnati da alcuni genitori partono per la scampagnata che prevede inizialmente una sosta nella fattoria di Giovanni Marchi e la visita alla nuova croce, posta in via degli Ulivi. Alle 11 esatte appuntamento nel cortile del ristorante Baba Jaga, dove viene allestito un piccolo ristoro e dove collochiamo il materiale che serve per la seconda fase, certamente la più folcloristica. Attendiamo l’arrivo dei protagonisti in compagnia di una entusiasta Norma, la padrona di casa: nel cortile a colorare il prato, oltre ai primi fiori, come per magia sono esposti 110 cartelloni con i disegni dei bambini, in parole povere il trionfo della primavera. Nel frattempo Attilio, Claudio, Battista, Flavio, Sante, Giovanni, Antonio, Ermanno, Giorgio, Paolo, Vittorio e Luigi preparano le corde e allineano i bambini, munendoli dei loro cartelloni colorati. Una magia del mago Charly trasforma tutto in un lunghissimo treno, il treno dei desideri. Al suono di un tamburo e preceduti da quattro bambine un po’ cresciute (Regina, Teresa e le due Imelde, che portano i doni da consegnare) il treno inizia il suo viaggio fermandosi prima davanti al monumento ai caduti, dove due rappresentanti depongono un mazzo di fiori, mentre i loro amici intonano l’inno nazionale. Nuova partenza con destinazione municipio, dove a attenderli in alta uniforme c’è il sindaco Edoardo, che dopo un breve saluto prende posto nella lunga corda e s’incammina verso la chiesa dove ad attenderci, anche lui in alta uniforme, troviamo il parroco don Franco che nel frattempo ha liberato a concerto tutte le campane in segno di gioia. Il saluto congiunto delle due autorità omaggia i presenti, poi i bambini consegnano loro i doni: un volante e un bastone a ciascuno, a testimoniare la fiducia assegnata alle figure istituzionali.

A questo punto ha inizio la terza fase, con il pranzo nell’atrio della Casa della Giovane, con tanto di lode meritatissima alle cuoche e un grazie alle mamme per i loro dolci squisiti, vere e proprie tentazioni a cui non sa resistere nemmeno il nostro sindaco. Nella quarta fase entra in gioco l’amico mago Charley, che si cimenta in numeri semplici ma che esaltano la spontaneità e il sorriso dei bambini, i quali sono conquistati fin da subito dalle magie, mescolate ai canti e ai balli, in cui si cimenta anche l’esperta Annalisa. Ci troviamo all’interno del campo da calcio, per un giorno abbiamo conquistato tutto il paese per i bambini, ma la realtà bussa alla porta e la giornata sta per terminare: l’immancabile foto di gruppo con il presidente dell’Avis di Montecchia di Crosara, Claudio, suggella una giornata davvero magica con una parola altrettanto magica: “Arrivederci e ... grazie a tutti!

Per sottolineare un aspetto tipico del periodo attuale, certamente diverso da quello in cui si viveva un tempo, abbiamo raccolto i nomi dei nostri bambini, così diversi da quelli in voga negli anni ’60-’80. Non compare, ad esempio, nessun Paolo e soprattutto, tra le femmine, non c’è alcuna Maria: è il segno che stiamo perdendo la nostra storia. Ecco l’elenco dei nomi nella scuola dell’infanzia di Montecchia di Crosara, accompagnate dal numero dei bambini che li portano: Mattia 6, Andrea 4, Filippo 4, Sara 4, Alessandro 3, Anna3, Martina 3, Riccardo 3, Enrico 2, Davide 2, Luca 2, Nicolò 2, Thomas 2, Michele 2, Asja 2, Giada 2, Nicole 2, Sofia 2, Lisa 2; hanno infine una sola presenza i seguenti nomi: Carlo, Carlo Augusto, Alberto, Daniele, Diego, Elia, Ettore, Fabio, Edoardo, Denis, Giacomo, Giordano, Giovanni, Giuseppe, Ivan, Igor, Italo, Mattan, Mohamed, Matteo, Manuel, Massimiliano, Kevin, Francesco, Nicola, Nicolas, Omar, Pietro, Simone, Tobia, Tommaso, Tristan, Sinranjit, Alessia, Arianna, Anita, Aurora, Bianca, Camilla, Chiara, Denise, Desiré, Emma, Eleonora, Elektra, Elena, Francesca, Greta, Irene, Laura, Marika, Milena, Megan, Misna, Stefania, Stefanj, Satvir, Tania, Valentina, Kavreevin, Ekampret, Iarnpret.

NUOVA GESTIONE - LOCALI COMPLETAMENTE RISTRUTTURATI

Il piacere dei nostri piatti tradizionali “dimenticati” 22

LOCANDA VENETA

LOCANDA VENETA

Via Btg. Valtellina, 138 - 36100 VICENZA - Tel. 0444 568007 - Cell. 340 8805497 Chiuso il lunedì


RONCÀ

Montecchia di Crosara

BUON COMPLEANNO, TRE MONTI! Il coro di Montecchia compie 35 anni Angelo Pandolfo

M

ontecchia festeggia il coro di montagna che più lo rappresenta e che perfino nel nome ricorda lo stemma comunale, ovvero le tre principali colline che circondano il paese. Nato nel 1975 per volontà di alcuni coristi e dell’allora curato don Bruno Bicego, il coro ha festeggiato questo importante traguardo lo scorso 30 aprile in occasione dell’annuale rassegna tenutasi a Montecchia di Crosara presso la “Sala della comunità”. In tutti questi anni di attività il coro ha cantato l’epopea degli alpini, i fatti e i problemi di ogni giorno ma soprattutto la montagna: tutti temi che il coro interpreta con grande passione. Il coro è stato guidato per dieci anni dal maestro Rinaldo Lovatin, col quale ha inciso il L.P. “Cantando Insieme”. Dal l986 il Coro è diretto da Adriano Del Cero, maestro autodidatta molto attento a migliorare la vocalità e l’esecuzione dei brani. Il coro ha partecipato a rassegne, manifestazioni e concerti in diverse città e regioni d’Italia ed anche all’estero, dove ha sempre trovato ampi consensi: nel 1992 dopo una breve tournée a Mainz, l’antica Magonza (Germania), il Coro è volato in terra d’America per partecipare al primo “International Choral Music Festival di Philadelphia “ a proporre il proprio repertorio e le proprie esperienze musicali nella città di Philadelphia, sulle rive del fiume Delaware, e tra i grattacieli di New York, la grande mela così ricca di fascino e stupore. Nel 1993 il Coro ha partecipato alla prima “Cantare in montagna “ a Wolfsberg (Austria) e nel marzo

del 1997 ha cantato in Piazza San Pietro durante l’udienza generale del mercoledì ed è stato in ricevuto in udienza particolare da Papa Giovanni Paolo II. Nel corso dell’annuale rassegna ha presentato la sua seconda incisione “Coro Tre Monti vol. 2” su CD e cassetta, che raccoglie i più bei canti degli ultimi dieci anni di vita. Dal settembre l998 la direzione artistica è stata affidata al maestro Silvano Zanella, diplomato al Conservatorio “F. E. Dall’Abaco” di Verona in Organo e Composizione Organistica. Nel settembre 2000 ha partecipato in Brasile al “9° Festival Internacional de Corais de Criciùma” nello stato di Santa Catarina e ad una rassegna corale a Novo Hamburgo. Nell’agosto del 2002 ha partecipato ad una tournée canora in Canada, esibendosi a Toronto, Montreal, Ottawa e Quebec. L’esperienza del viaggio in Brasile ha lasciato un profondo segno nei coristi, che dopo qualche anno, nel 2006, sono ritornati in questa magnifica terra per fare visita e cantare per i nostri connazionali là emigrati molti anni fa. Con la direzione artistica del maestro Zanella ha visto la luce anche il terzo CD del trentennale dal titolo “Coro Tre Monti Volume 3°”. Non dobbiamo dimenticare le due trasferte in Sardegna, dove il coro ha cantato a Desulo e nei paesi limitrofi, mettendo le basi per uno scambio con il locale coro “Boghes d’Ennargentu” ed un gemellaggio fra i comuni di Montecchia di Crosara e Desulo. L’ultimo impegno internazionale del coro risale a poche settimane fa quando il coro “Tre monti” è volato in Spagna a Marçanet de la Selva, vicino a Barcellona, dove ha partecipato ad una rassegna corale internazionale molto prestigiosa ed anche molto movimentata, a causa dei disagi nei trasporti aerei creati dall’ormai famoso vulcano islandese! Il coro continua con rinnovato vigore nella sua attività anche grazie all’arrivo di alcuni giovani che si sono sentiti attratti dalla passione del canto e che stanno portando nuova linfa che gli assicureranno una lunga vita! Il coro Tre monti durante un recente concerto.

����������������������������� ������������������������

������������������

����������������

�������������������������� �����������������������������������

Luca Zanetti

L’

attenzione verso le problematiche sociali è uno dei segni distintivi dell’attività promossa dall’Avis di Terrossa di Roncà: se ne è avuta un’ulteriore conferma con le due conferenze tenutesi il 16 e il 23 marzo scorso che hanno complessivamente radunato presso il Teatro Parrocchiale di Roncà un pubblico attento e interessato di circa 500 persone, fra cui molti genitori, educatori, insegnanti, giovani e, più in generale, persone sensibili all’ambito della formazione personale. Relatore d’eccezione è stato il prof. Pietro Lombardo, pedagogista e giornalista pubblicista del Centro Studi Evolution di Verona che nel corso delle due serate ha affrontato due tematiche di estrema attualità. La prima, intitolata “Il ruolo del padre nell’educazione dei figli”, ha analizzato una delle figure maggiormente in discussione nella società moderna (vedi l’articolo che segue). Nel secondo appuntamento, dedicato a “La resilienza: come af-

frontare i momenti difficili dell’esistenza umana attraverso il potere della forza interiore”, a diventare protagonista è stato l’uomo posto di fronte alla sofferenza e ai momenti di difficoltà, la sua capacità di reagire attraverso meccanismi di difesa a volte insospettati e la possibilità di trovare in sé stesso la forza di ricominciare anche nelle condizioni più drammatiche. Nell’ambito degli incontri, l’Avis ha voluto lasciare un messaggio di solidarietà promuovendo la donazione del sangue e ricordando che in Veneto nel 2009 si è registrato un record di trapianti di organi, con un aumento del 19% rispetto al 2008 e, di conseguenza, con un aumento di fabbisogno del sangue. Sono infatti circa 8.000 gli ammalati in Italia che, ogni anno, necessitano di un trapianto di organo. Per un trapianto di midollo osseo servono da 50 a 80 trasfusioni di sangue, con picchi di 200/300 sacche. Necessità di sangue vi sono anche negli ospedali dove si effettuano giornalmente terapie mediche e chirurgiche, terapie rianimatorie e di emergenza (pensiamo agli incidenti stradali). Il 65% degli italiani di età compresa tra i 18 e i 65 anni è potenzialmente donatore di sangue, ma solo il 3% dona. Donare il sangue è un grande gesto di umanità e di solidarietà. Donare il sangue salva una vita.

PADRE: “COLUI CHE SEPARA” Francesca Zambon

P

adre: colui che separa. Definizione derivante dal latino, la quale spiega in modo perfetto la principale funzione del padre, ossia quella di separare il bene dal male, quindi di dare una regola, un’autorità, un punto di riferimento per i propri figli. Questo e tanto altro è emerso dalla conferenza svoltasi martedì 16 marzo 2010, alle ore 20.30 presso la sala del teatro parrocchiale di Roncà, condotta dal Dott. Pietro Lombardo ed avente per argomento il ruolo del padre nell’educazione dei figli. L’incontro, aperto a tutti, è stato organizzato dell’AVIS di Terrossa, in collaborazione con le parrocchie di Roncà e Terrossa. La grande professionalità e la spiccata simpatia del Dott. Lombardo hanno permesso ai presenti di riflettere sul ruolo che attualmente e nel passato riveste ed ha rivestito il padre nell’ambito famigliare. Un ruolo non facile e ricco di tante sfumature ed aspetti molto profondi che spesso si ignorano. Innanzi tutto, si pensi all’inizio primordiale, alla primissima fase di vita dell’uomo: la fecondazione. Essa rappresenta già una “sfida” agli occhi, per così dire, delle migliaia di spermatozoi che devono “lottare” per arrivare all’ovocita, ossia alla cellula germinale racchiusa nell’ovario femminile, e solo uno di essi sarà in grado di portare a termine la fecondazione. Quindi l’ovocita è unico, mentre gli spermatozoi sono tantissimi: ciò dimostra che l’uomo sin dall’inizio ha da faticare, ha da impegnarsi per arrivare alla donna. Ella sceglie: l’uomo va alla conquista. L’uomo occupa una posizione complementare, ma diversa al tempo stesso da quella femminile. Nel ‘900, la donna rivestiva il ruolo di moglie e madre, mentre l’uomo era il capo-famiglia, quindi si occupava delle faccende pratiche, economiche, lavorative. Il papà aveva un ruolo marginale nell’educazione dei figli; era la madre dedita all’accudimento della prole. In seguito, col passare dei secoli, la donna ha cambiato il suo ruolo sociale e famigliare (si pensi al detto antico maschile riferito alla femmina “Che la tasa, che la piasa, che la staga sempre in casa”), affermandosi in vari ambiti lavorativi e conquistando diritti basilari come il diritto al voto politico e tanti altri.

Di conseguenza, è cambiato anche il ruolo maschile, quindi il padre ha assunto valore più rilevante riguardo la sua presenza in famiglia e l’educazione dei figli. La figura del padre è presente in tutte le culture: esso non è una presenza marginale, anzi, è molto più importante di quanto non si creda. La vera paternità è una conquista psicologica, emotiva e di fatto mette in gioco tutta la propria vita di padre e naturalmente quella del resto della famiglia. L’uomo deve andare alla conquista del figlio, perché egli vive la relazione genitoriale in modo esterno: è infatti la mamma che porta in grembo il bimbo per nove mesi e lo dà alla luce, possedendo fin dall’inizio un legame fortissimo con il bambino. Il padre entra nella relazione del figlio con la madre, passando per la realtà psichica di quest’ultima, come elemento del suo mondo interno. Il rapporto tra neonato e madre è influenzato dai sentimenti che la stessa nutre per il papà, come: oggetto presente e collaborativo, capace d’amore; oggetto assente fisicamente ed emotivamente; oggetto sadico, inaffidabile ed irresponsabile nei confronti della nuova coppia madre-bambino. Quindi è di fondamentale importanza che il papà faccia sentire la mamma rassicurata e protetta, così lei sarà in grado di trasmettere sentimenti positivi verso il padre. CONTINUA A PAGINA 26

25


Roncà DA PAGINA 25 -

Roncà

UNA GAZZETTA DELLO SPORT ANCHE A RONCÀ

PADRE: “COLUI CHE SEPARA”

La donna ha infatti bisogno, talvolta, di essere contenuta, domata, poiché di natura è emotivamente instabile e questo processo di rassicurazione è definito contenimento psichico. In base alle sensazioni che ci sono state trasmesse dall’infanzia, cresciamo e sviluppiamo un’immagine precisa sul papà e sulla mamma: tutti abbiamo una storia dentro di noi, con i suoi archetipi, che sono appunto i nostri genitori. Si deriva da un passato e non possiamo fare tabula rasa di esso, sarebbe un errore madornale, perché trasmetteremmo i nostri traumi ai futuri figli che verranno. È importante capire che il compito del padre è di entrare in un rapporto di dialogo con il figlio e ciò non basandosi su rimproveri o continue lamentele. Il papa deve fare riflettere, deve tracciare la separazione tra ciò che è Bene e ciò che è Male. Egli può essere visto come l’ homo selvaticus (uomo selvaggio della preistoria) che insegna ai figli maschi a cacciare nella foresta, che è rappresentata della nostra società moderna. Egli deve insegnare ai propri figli a lottare in quella foresta, a essere vigile e capace; egli deve trasmettere forza d’animo e amore per la vita. Un padre infelice, depresso, è come se dicesse al figlio “non vale la pena uscire dalla tana e lottare”. Così facendo, annienta il figlio, lo fa rimanere nell’orbita materna che lo nutre fino a farlo scoppiare, non permettendogli di crescere e maturare. Il padre infatti, insegna

LA VEDOVA SCALTRA A RONCÀ Serata di teatro organizzatadall’Associazione Libera-mente

F.C. Roncà, stagione 2009/10; ragazzi del 2001

Emanuele Sartori

A

che si vive gli uni per gli altri, e non l’uno per l’altro, quindi egli deve facilitare il “taglio” del cordone ombelicale tra madre e figlio, e anche in una situazione simile lui separa. A volte l’ideale personale di tutti noi verso i nostri padri non corrisponde con il padre reale, magari a causa di conflitti, di fraintendimenti e di errori da entrambe le parti. La cosa più bella è riconciliarsi con il padre vero, in carne ed ossa, anche se non è facile. Tutti possiamo sbagliare, sia i padri che i figli. Ma possiamo perdonare, senza giudicarci a vicenda. C’è sempre tempo per il perdono, perché il tempo è lento per chi aspetta, veloce per chi gioisce, lungo per chi soffre... ma per chi ama esso non esiste.

Wackernheim in occasione dell’incontro annuale di gemellaggio. La Commedia dell’Arte, nata nel 1500, è il genere che più di ogni altro ha reso teatralmente famosa l’Italia nel mondo. Commedia delle maschere e all’improvviso, è sostenuta dal mestiere e dalla bravura degli attori che si confermano artisti a 360°.

Paola Danese

nche a Roncà la vita calcistica dei bambini del 2001, 2002 e 2003 viene proiettata sulla stampa in “locale-visione”. Il tutto in maniera simpatica e senza esaltazioni. Il tutto nasce per caso una sera di dicembre quando tre allenatori del settore giovanile dell’ FC Roncà si ritrovano in una pizzeria della vallata discutendo di allenamenti, giochi e partite per i bambini. Da qui l’idea di formare un giornalino settimanale inizialmente improntato per scrivere la cronaca delle partite che i bambini disputano nella settimana a Roncà e fuori. Continuando l’entusiasmo tra gli allenatori ma soprattutto i consensi positivi dei bambini e dei genitori hanno fatto sì che il giornalino si allargasse a qualcosa di più “galattico”. Ecco quindi inserite le interviste del dopo partita con tanto di commenti dell’allenatore squadra per squadra, i “minivoti” ai piccoli calciatori con giudizi sempre comunque positivi e costruttivi, i tornei e le partite delle settimane a venire e per finire una rubrica dedicata a qualche giocatore

impegnato nel sociale o che si è contraddistinto per aver fatto nella sua carriera cose positive per lui e per il calcio mondiale. Il tutto coordinato dall’instancabile “direttore” del TUTTOPULCINI (nome del gazzettino) Alberto Pontalto il quale con molta pazienza e costanza ogni settimana, nonostante impegni universitari, riesce a unire gli articoli delle squadre e mandarle via mail alle famiglie dei bambini i quali lo aspettano con entusiasmo sperando di aver ottenuto a ogni partita almeno un... “6”. Questo, per gli allenatori dei piccoli del Roncà non è un motivo di vanto ma un modo per offrire ai loro allievi un calcio fatto di cose carine e divertenti perché il calcio è un bellissimo gioco fatto sì di cose tecniche, ma prima di tutto di valori umani come il rispetto, la passione e tanto puro divertimento.

U

n’importante anteprima dello spettacolo “La vedova scaltra”, protagonista Isabella Caserta, che firma anche la regia con Jana Balkan, si è tenuta mercoledì 21 luglio a Roncà nel cortile della Villa La Pastoria di Villardi organizzata dall’Associazione Libera-mente. Si tratta di un testo significativo di Goldoni sia perché interamente scritto, sia perché segna il passaggio dalla commedia delle maschere alla realtà, con personaggi tratti dalla vita vissuta. “La vedova scaltra” si presenta come un gioco di astuzie dirette da Rosaura, che abilmente riesce a scoprire la mancanza di sincerità dei suoi pretendenti per scegliere alla fine l’unico che non le ha mentito. È una figura nella quale la donna ancora oggi si può riconoscere perché presenta quella sensibilità e quell’intuizione che appartengono all’universo femminile e trasmette il bisogno di verità e sincerità che ogni donna vorrebbe avere dal suo uomo. La commedia prodotta dal Teatro Scientifico - Teatro/Laboratorio ha visto impegnati, insieme con Isabella Caserta, Andrea De Manincor, Maurizio Perugini, Francesco Laruffa, Elisa Bertato, Martina Colli. L’associazione Libera-mente con Isabella Caserta, Gianluigi Bertolazzi, Cristina Cavazza, Martina Colli, Paola Danese, Erika Fattori, Giuliano Milani, Alberto Novarin, Andrea Pasetto, Stefano Soprana, tecnico audio-luci Marco Prà, è impegnata il 23, 24, 25 agosto a Verona nella rassegna “Teatro Laboratorio Aperto” con il nuovo spettacolo sulla Commedia dell’Arte che porterà anche in Germania a Isabella Caserta

26

27


MONTEFORTE D’ALPONE

Monteforte d’Alpone

IL CIELO SOPRA MONTEFORTE

MONTEFORTE D’ALPONE, COMUNE “RICICLONE” DELL’ANNO?

Michele Bolla e la sua stazione informano in tempo reale sulle condizioni meteorologiche esistenti in vallata

Gli indubbi vantaggi della raccolta differenziata

Marco Bolla

Marco dal Bosco

C

he tempo fa nel Triveneto? Pioverà domani in Val d’Alpone? A queste e ad altre domande riguardante il tempo meteorologico potreste trovare la risposta direttamente... in Val d’Alpone, più precisamente a Monteforte. Visitate il sito www.meteomonteforte.it, frutto della competenza e di un pizzico di genialità di Michele Bolla, da tutti ormai considerato in vallata “l’uomo del tempo”. Michele, artigiano di 40 anni, cresciuto nell’impresa edile di famiglia, fin da giovane ha sempre avuto la passione per tutto ciò che accade in cielo. “I temporali, la neve, la forma delle nuvole ma anche la nebbia sono fenomeni che mi hanno sempre affascinato” racconta Michele. “Una volta comprato il computer, ho iniziato a navigare in internet, cercando di capire come funzionavano i siti, fino ad arrivare a crearne uno tutto mio.” Le cose cominciarono a farsi serie nel 2005 “quando acquistai una stazione meteo semi-professionale interfacciabile ad un computer, la quale mi permise di mettere on-line le mie rilevazioni. In seguito ho migliorato il sito spulciando qua e là in internet e soprattutto partecipando al forum meteo di www.meteotriveneto.it, il maggior punto di aggregazione degli appassionati di meteo del Triveneto”. L’idea di creare il sito è nata dal voler offrire informazioni in tempo reale delle condizioni attuali, tramite una stazione meteo e una webcam puntata sul cielo di Monteforte 24 ore su 24. La stazione meteo di Monteforte in questi quattro anni non ha mai smesso di funzionare, eccetto dei brevissimi periodi, necessari per la manutenzione: “Recentemente ho creato ed attivato anche un’altra stazione che ho installato a Sarmazza, in aperta campagna”. La stazione meteorologica di Monteforte, di fabbricazione americana, è della Davis Instruments, è munita di pluviometro, anemometro, idrometro e barometro con schematura a ventilazione forzata. La stazione è situata a sud-ovest del capoluogo, e tutti i sensori si trovano in un unico blocco a 2 metri circa dal tappeto erboso, eccetto l’anemometro, installato sul tetto di un edificio, a circa 13 metri dal piano. La stazione di Sarmazza, invece, è di fabbricazione francese, modello WS 2300, ed è allestita con pluviometro, thermo hygro e anemometro. Gli strumenti sono a 1,80 metri dal suolo, escluso l’anemometro che si trova a circa 3,5 metri. In cima ad entrambe le stazioni si trova una webcam panoramica che scatta una foto ogni due minuti a Monteforte, e ogni cinque minuti a Sarmazza. Tutti i dati raccolti finiscono in una consolle collegata ad un computer, la quale scarica dati in continuazione. Una delle cose più interessanti del sito sono gli Slideshow, che non sono altro che delle foto fatte in successione dalla webcam che vengono riunite una dietro l’altra in velocità: si ha così la possibilità di vedere cos’è accaduto in cielo durante l’arco della giornata. Inoltre nell’archivio si possono guardare gli slideshow di tutti i giorni a partire dal 2006 per Monteforte, da fine settembre di quest’anno per Sarmazza. 28

N

Nella foto in alto; Michele Bolla davanti alla sua stazione meteorologica. Qui sopra; la pagina del sito di Michele Bolla riguardante il meteo della vallata.

Il sito è poi interessante anche per la miriade di altre informazioni che vi si trovano: i dati in tempo reale su pressione, vento, pioggia e temperatura riguardanti Monteforte e Sarmazza, ma anche altri paesi del Triveneto munite di stazioni meteo; e poi ancora il nowcasting, ovvero le previsioni di breve termine: praticamente in questa sezione si possono trovare alcuni strumenti come mappe, radar e satelliti per capire che tempo farà nel Triveneto e nelle regioni vicine. E ancora: ci sono le immagini scattate in continuazione dalle due webcam, la storia e la geografia di Monteforte, i siti amici, la photo gallery, alcuni appunti meteo storici. “Un fatto curioso - racconta Michele - è che a Sarmazza, in presenza di inversione marcata al suolo, cioè quando il cielo è sereno e la pressione alta, si possono registrare minime anche di 5 o 6 gradi in meno rispetto a Monteforte. Questo perché si trova in aperta campagna e non è un luogo soggetto a brezze. A Sarmazza ogni anno si verificano una o due minime di meno 10 gradi, a Monteforte invece non si arriva quasi mai ad temperatura così bassa.” Il periodo più freddo dell’anno? “Qui da noi spesso si ha a fine gennaio o ai primi di febbraio. Nelle giornate di nebbia può capitare, almeno due o tre volte durante l’inverno, che si può restare sottozero anche di giorno”. E per quanto riguarda il caldo? “Nel periodo estivo, a Monteforte si toccano punte anche di 35 gradi. Per quanto riguarda la pioggia, infine, - conclude Michele - ho rilevato che ce n’è poca a Monteforte, rispetto ad altre città vicine, come ad esempio Vicenza: siamo ad una media di appena 700-800 millimetri all’anno.”

on mi dispiacerebbe leggere un giorno sul giornale che Monteforte è stato riconosciuto come comune “riciclone” dell’anno. Per chi non lo sapesse, questo è il riconoscimento dato ogni anno da Legambiente al comune più bravo in materia di riciclaggio che ha raggiunto una percentuale di differenziazione dei rifiuti maggiore. Lo scorso anno mi sembra che il riconoscimento sia andato a Cessalto, nel Trevigiano. Ma al di là del riconoscimento, quello del trattamento dei rifiuti è un problema e la raccolta differenziata spinta con il porta a porta è ormai diventata un’esigenza ed una scelta obbligata. Comuni vicini si sono o si stanno attrezzando: San Bonifacio la attua già da anni, Roncà ha iniziato da poco. Il rifiuto indifferenziato costa parecchio alle casse del comuni e di riflesso ai cittadini, e l’avvio del porta a porta dovrebbe risolvere in un solo colpo due problemi: il primo di natura ambientale, il secondo appunto economico. È una scelta impopolare perché comporta una noia per le famiglie, che devono prestare maggior attenzione alla divisione dei rifiuti, ma questa scelta a lungo andare paga e come tutte le cose finiremo col farne un’abitudine quotidiana. L’attuazione della differenziata spinta deve essere poi accompagnata dal cambio della tariffazione della tassa rifiuti (la gente giustamente dice: chi me lo fa fare se pago uguale?): non sono i metri quadrati di un’abitazione a produrre i rifiuti e a dover essere tassati, come succede oggi, e tanto meno non si può trasformarla in una tassa sulle persone tassando il numero di persone per nucleo familiare. Bisogna trasformarla a tassa

MANIFESTAZIONI ESTIVE MONTEFORTE D’ALPONE SETTEMBRE IN CLIVUS 10 Settembre: “No gh’è pace in amor”, Compagnia La Burla, a cura del Settore Cultura e Turismo. Ore 20.45 nel chiostro del Palazzo Vescovile. 12 Settembre: Chiostro Letterario nuova stagione alla Biblioteca Comunale, visita alle sale e reading dei libri recitati dai quattro vincitori del Mangialibri 2010. Ore 18 chiostro del Palazzo Vescovile di Monteforte. 11-12 Settembre - Centro Storico 80^ FESTA DELL’UVA a cura della Pro Loco 2° Raduno Camper: percorsi guidati tra i vigneti e le cantine del Soave • Sabato 11 settembre, dalle 19.30:

sui consumi con un occhio di riguardo a categorie penalizzate, come famiglie con bambini ed anziani, ai quali alcuni comuni hanno destinato sacchetti appositi per lo smaltimento dei pannolini. C’è poi il compostaggio dell’umido che io attuo già da anni e che andrebbe incentivato con sconti in bolletta, come succede a San Bonifacio. La modalità di raccolta cambia spesso da comune a comune ma da quanto ho letto, visto e sentito, solitamente rimangono le navette per plastica, carta e vetro, mentre spariscono i tradizionali cassonetti. Il comune di solito coordina la distribuzione di kit appositi formati da cassonetti nominativi antirandagismo e sacchetti trasparenti (o solo questi ultimi). La raccolta avviene a giorni stabiliti, secondo un calendario distribuito alle famiglie ed il pagamento della tassa rifiuti (a consumo come l’ho definita io) avviene con il pagamento dei sacchetti o del numero di svuotamenti del bidoncino. Vengono organizzati incontri e distribuiti opuscoli informativi oltre al calendario della raccolta. Sorgerà il problema dello scarico indiscriminato di rifiuti nelle zone industriali e nelle valli, ma siamo fortunati ad avere un’isola ecologica già funzionante da anni, un sistema di video sorveglianza in partenza, che a logica dovrebbe negli anni coprire il territorio comunale e poi dobbiamo far affidamento al senso civico delle persone e alle loro segnalazioni. In generale, negli anni siamo diventati grandi produttori di rifiuti. Se chiediamo ai nostri nonni ci diranno che “sti anni” non buttavamo via così tanta roba. È cambiato il sistema distributivo delle merci con tanti più imballaggi e ci siamo abituati all’usa e getta con pannolini, fazzoletti e tante altre cose che un tempo non esistevano. La tendenza, un po’ per moda, un po’ per esigenza, sta cambiando e sembra si cerchi un ritorno al passato. Si parla di pannolini lavabili ed in alcuni negozi e supermercati (non in zona) si vendono pasta, latte e detersivi sfusi utilizzando i contenitori che ognuno si porta da casa. Spero e credo di non essere l’unico a pensarla così e a voler la raccolta differenziata nel nostro comune, e mi auguro quindi che si inizi finalmente a pensare anche a Monteforte a questa esigenza.

I Sapori delle Contrade, percorso enogastronomico curato dalle otto contrade; Concorso della Taiadèla fatta con la Méscola, le donne delle contrade del paese si sfideranno a colpi di Méscola per realizzare le taiadèle • Domenica 12 settembre, dalle 16.00: Sfilata dei contadinelli e delle contadinelle; Storica e folcloristica Sfilata dei Carri delle Contrade; 23° Palio delle Contrade, gara di pigiatura a piedi scalzi nei tini tra le otto contrade; Concorso “Le uve migliori del vino Soave”; Luci e colori dal Campanile, spettacolo pirotecnico • Durante i due giorni di manifestazione saranno presenti stand gastronomici e di degustazione di vino Soave e Recioto di Soave.


Monteforte d’Alpone

Monteforte d’Alpone

CON IL DIALETTO ALLA RICERCA DI SENSO “Boche de piéra”, la raccolta di poesie dialettali di Marco Bolla Dario Bruni

D

a intervistatore ad intervistato. Una volta tanto si invertono le parti per Marco Bolla, articolista su vari periodici fra cui il 5 Comuni, perché deve sottoporsi alle domande del cronista di turno. L’occasione è data dalla pubblicazione della sua ultima raccolta di poesie dialettali che già dal titolo crea una certa curiosità: “Boche de piéra”, che è anche il titolo di un componimento, vuole indicare tutti coloro che manifestano il proprio parere con una violenza che non ammette repliche e che conoscono solo il linguaggio dei soldi e del profitto. Una fotografia del mondo moderno, perché purtroppo sono in tanti al giorno d’oggi ad esprimersi e comportarsi in questi termini. Montefortiano doc, poco più che trentenne, è laureato in Scienze politiche ed ha già alle spalle altri “libretti” - come lui li chiama - di poesie e uno di racconti, tutti in italiano. D.: Stavolta, invece, hai optato per il dialetto. Come mai? R.: Nel mio caso dipende dal fatto che certi sentimenti riesco ad esprimerli meglio in dialetto, che è davvero la mia “linguamadre”. In questo sono debitore nei confronti del prof. Bruno Anzolin, che mi ha incoraggiato a scrivere in dialetto dopo aver letto alcune mie poesie. D.: Come rispondi a chi dice che ormai preferire il dialetto è una scelta anacronistica? R.: Secondo me il dialetto è una lingua come le altre e come tale deve essere trattata. Sicuramente è un dialetto diverso da quello di 30-40 anni fa, ma non per questo bisogna abbandonarlo. Sapere una lingua serve per conoscere una data società, il suo modo di esprimersi e di pensare. Nel caso specifico, per me parlare in dialetto significa anche recuperare valori che sembrano scomparsi, come la solidarietà, la condivisione fra persone che abitano vicino, la semplicità nei rapporti, l’affrontare insieme problemi comuni... D.: Quindi non ne fai una questione di appartenenza ad un determinato gruppo di persone, chiuso a quanto viene dall’esterno. R.: Niente affatto! Sono lontanissimo da chi usa il dialetto per creare barriere o per vantare privilegi verso chi usa un’altra lingua o proviene da altri luoghi. Valorizzare ciò che è nostro, come le tradizioni, la lingua o la religione, non significa chiudersi al confronto e al dialogo, anzi, la diversità è un arricchimento per tutti ed è auspicabile che sempre più i giovani imparino più lingue, pur conoscendo il proprio dialetto. D.: Da cosa nasce questa passione per la poesia? R.: All’inizio era un modo per mettermi alla prova, poi è diventato un bisogno, una necessità. Non scrivo poesie per sentirmi dire che sono bravo, ma solo perché è un modo per esprimere ciò che sento di più profondo ed intimo. Se mi capita di partecipare

a qualche concorso, invio componimenti che già ho scritto, non scrivo per vincere o per farmi conoscere. D.: Da dove attingi il “tuo” dialetto? R.: Da chi lo parla abitualmente, soprattutto dagli anziani con cui ho vissuto, da loro ho imparato termini che nemmeno conoscevo. Poi calo questo linguaggio nelle mie poesie, provando forme nuove, accostamenti di parole che non sono abituali: la mia è una poesia in continua ricerca, sperimentale, come penso sia giusto per tutti coloro che fanno poesia. D.: I poeti a cui ti ispiri? R.: I classici innanzitutto (da Leopardi a Pascoli), ma anche poeti che hanno fatto del dialetto la “loro” lingua, come Berto Barbarani o Giacomo Noventa; ultimamente ho scoperto Ernesto Calzavara, scomparso nel 2000 ma ancora sconosciuto al grande pubblico. D.: Ti distacchi quindi dal modo tradizionale, diciamo “nostrano”, di concepire il dialetto. Noto ad esempio che raramente usi la rima. R.: Secondo me chi scrive poesie necessariamente va alla ricerca di qualcosa di nuovo, di “suo”, indipendentemente dal consenso della gente e del pubblico; altrimenti tutto scade ad un livello di puro diletto, di festa paesana, in cui i componimenti servono solo per richiamare un applauso e far contenta la gente. D.: Niente di decorativo, insomma. R.: Certamente no. Le mie poesie nascono da un’azione di scavo, da un tentativo di giungere al senso profondo e originario delle cose; per questo non è importante che siano “belle”, ma che sappiano dire quello che nel linguaggio quotidiano non riusciamo ad esprimere. D.: Un consiglio per chi vuole mettersi a scrivere poesie? R.: Leggere, leggere molto. E studiare! Arricchire il proprio bagaglio di conoscenze. Non si può scrivere nulla di valido se prima non si è arricchito il proprio “tesoro” interiore. D.: Sei in controtendenza anche nel modo di pubblicare i tuoi testi. R.: Sì, solo un centinaio di copie, che generalmente offro a chi so essere interessato: le copie si possono trovare nella biblioteca di Monteforte o alla libreria “Piramide” di San Bonifacio. Ma, ripeto, non scrivo per avere successo di pubblico, piuttosto per poter scambiare qualche parere con chi scrive o chi si interessa di poesia.

UNA TRIPLICE FESTA PER TERMINARE L’ANNO SCOLASTICO Giuseppe Boninsegna

S

abato 22 maggio la scuola primaria del capoluogo di Monteforte è stata protagonista di una triplice festa: i tradizionali giochi di fine anno, l’inaugurazione dei nuovi murales, l’intitolazione dell’edificio a Bruno Anzolin. I giochi non competitivi sono ormai diventati una tradizione che si ripete dal 1990. Coordinati dall’insegnante Michele Mafficini, coinvolgono oltre ad alunni e docenti della scuola elementare, molti genitori, associazioni sportive locali e il Gruppo Podistico Valdalpone. È un momento di saluto per festeggiare la fine dell’anno scolastico, ma anche una consolidata opportunità di apertura della scuola al territorio. Il secondo motivo di festa lo ha dato l’inaugurazione dei nuovi murales realizzati nel corridoio del piano terra del vecchio edificio dai bambini delle classi terze, quarte e quinte coordinati dagli insegnanti e dalla prof.ssa Greta Bastelli. Durante la chiusura natalizia l’amministrazione comunale (grazie al contributo dell’assessore Giuseppe Salvaro) aveva provveduto a “sanificare” le pareti con una adeguata tinteggiatura che è servita da sottofondo per tracciare i profili dei disegni e per la coloritura da parte dei bambini. Il terzo motivo di festa è stato offerto dall’intitolazione ufficiale dell’edificio a Bruno Anzolin, docente, pedagogista, scrittore. È una decisione assunta all’unanimità dal Consiglio di Istituto e condivisa appieno dalla Giunta Comunale per ricordare questo grande personaggio della storia locale che ha fatto e fa onore al paese di Monteforte. Oltre alle tre targhe, il ricordo si concretizza anche in una stanzetta-museo allestita e curata dai docenti Daniele Bogoni e Maria Grazia Cavazza proprio all’interno dell’aula che vide Anzolin per la prima volta Direttore Didattico nella nostra scuola. È uno spazio nel quale i due docenti hanno ricostruito la biblioteca personale del professor Bruno con gli scaf-

fali originali ed i 900 volumi donati all’Istituto Comprensivo dalla famiglia Ennio Santi. Inoltre vi si possono leggere tutti i libri da lui scritti, o nei quali si trovano suoi interventi, le foto e i diplomi commemorativi, i premi ricevuti e gli scritti inediti, raccolti in un quaderno a disposizione di chiunque voglia trarre, da tanto materiale, informazioni utili. Numerose autorità civili e scolastiche di Monteforte e dei paesi limitrofi hanno sottolineato l’importanza della realizzazione presenziando la sera precedente al convegno in ricordo di Anzolin e la mattina del 22 maggio alla festa dell’intitolazione che si è conclusa con il taglio del nastro da parte della nipote del professore, Stella Santi. D’ora in poi la stanza-museo sarà aperta al pubblico durante l’orario scolastico in modo che chiunque possa con calma prendere visione del materiale esposto, leggere eventualmente i libri ed i documenti inediti presenti, lasciare un pensiero nel quaderno degli ospiti. Per chi lo desidera, nella stessa occasione possono essere acquistate le due opere più famose del professore: “Socrate in montagna” e “Il tempo dei ciotoli”. Il contributo economico andrà a finanziare i progetti didattici del prossimo anno scolastico. Un sincero ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato per l’ottima riuscita della triplice iniziativa. In alto a sinistra; Bruno Anzolin. Sopra; il sindaco di Monteforte scopre la targa dell’intitolazione dell’edificio. A lato; l’inaugurazione dei nuovi murales.

���������������������������������������������������� �������������������������������������������������������

ALBERGO RISTORANTE

��������

���������������������������� ����������������������������

���������������������������������������������������������� ���������������������������������������������������������������������������������

30

���������������������������������

���������������������

������������������

31

��������������������


Monteforte mia

3

MONTEFORTE D’ALPONE

7

1

4 5

6

2 1) Un momento della cerimonia del Gran Sigillo Vicariale (Festa del Vino). 2) Carnevalon de l’Alpon (Foto di Andrea Ciresola). 3) Centro storico di Monteforte durante il Palio delle Contrade (Foto di Gianni Brighente). 4) Chiostro Palazzo Vescovile invernale (Foto di Gianni Brighente). 5) Il chiostro Palazzo Vescovile di notte. 6) Palio delle Contrade durante la Festa dell’Uva. 7) Concerto della Banda Comunale di Monteforte davanti alla Chiesa di Santa Maria Maggiore (Foto di Gianni Brighente). 8) Le colline di Monteforte con la foschia (Foto di Gianni Brighente)

32

33

8


MONDOGIOVANI

DINTORNI STUDENTI DEL GUARINO VERONESE OSPITI DEL MUSEO DELL’IMMIGRAZIONE DI NEW YORK

FACEBOOK E LA VAL D’ALPONE BY NIGHT

Realizzato un documentario sull’emigrazione veronese negli USA Pier Paolo Frigotto

S

AN BONIFACIO - “Il nostro documentario è un viaggio alla scoperta di vittorie, sconfitte, cadute e risalite. Attraverso considerazioni e valutazioni a cavallo di tanti decenni per scoprire che nessun italiano è poi così diverso da un americano, come un newyorkese non è diverso da un veronese. Mondi solo sulla carta così distanti, sono in realtà vicini per cultura, sogni, modo di affrontare le diverse epoche. Verona e New York, così simili perché in ognuna di loro, alla fine, scorre il sangue di tutti”. Ad affermarlo è Stefania Siviero, che con altri 11 studenti di quarta superiore - che nelle classi di appartenenza hanno conseguito le migliori valutazioni scolastiche - dei licei “Guarino Veronese” di San Bonifacio e “A.M. Roveggio” di Cologna Veneta hanno appena effettuato uno stage di due settimane presso il Museo dell’Immigrazione di Ellis Island a New York per girare un documentario sull’emigrazione veronese negli USA. Sono accompagnati dagli insegnanti Pier Paolo Frigotto e Chiara Marchesin. “Con il progetto sull’emigrazione abbiamo realizzato un’attività innovativa che ci permette di recepire quanto affermato nel nostro POF - afferma Frigotto, ideatore dell’iniziativa -. La nostra scuola mira al raggiungimento della formazione integrale della persona in primo luogo attraverso le discipline di studio, ma integrate da esperienze formative come quella che abbiamo progettato che sviluppino curiosità, apertura ai problemi del mondo ed al valore della cultura”.

Gli studenti del “Guarino Veronese” partecipanti al viaggio.

“Il documentario, scritto, diretto e montato dai ragazzi stessi è il frutto di un’attenta raccolta di dati, documenti, interviste, testimonianze e consultazioni bibliografiche - continua Frigotto - e ripercorre la storia dell’emigrazione veronese (in particolare dell’est veronese) negli Stati Uniti, tratteggiando la figura di alcuni veronesi che con le loro gesta e con il loro impegno hanno degnamente rappresentato il nostro territorio in terra americana a cominciare dal veronese prof. Speranza, docente alla Columbia University di New York e suo figlio, l’avvocato Gino Speranza, famoso per aver difeso gli emigrati italiani, non solo veneti, dal pregiudizio e dal razzismo presenti nella realtà americana della fine dell’800 e dei primi del ‘900”. Oltre a New York, il gruppo, per incontrare le persone da intervistare per la realizzazione del documentario, ha fatto tappa anche a Philadelphia, Washington, Boston, Niagara Falls, fino ad arrivare nel Canada orientale (Toronto, Ottawa, Montreal, Quebec). “Fa impressione pensare - conclude Stefania - che in cento anni sono usciti dai confini regionali circa 4 milioni di persone, una cifra vicina all’attuale popolazione della nostra regione. Di queste si diressero verso gli USA 129.360 unità. Attualmente, gli emigranti veneti iscritti come italiani residenti all’estero sono 289.000. Circa la metà vive all’estero da più di 10 anni. Il 9,3 % è originario da Verona”. Un documentario ci racconterà la loro storia.

Ho recentemente ricevuto il programma estivo de “La Val d’Alpone in movimento” che segna la nascita dell’Alpone by Night, che mira a dar filo da torcere alle serate delle vallate limitrofe, per scalare l’hit parade del divertimento selvaggio. Devo confessare una mia anomala commozione dinnanzi a tale iniziativa, viste le estati precedenti a base Il torrente Alpone ha un del piatto unico Yano Dj. E un senso di patriottismo profilo: richiedi l’amicizia Alponiano ha iniziato a sgorgare dai miei pori. La Val D’Alpone si sta digitalizzando e sta partendo proprio dal popolo giovanile che dilaga e informa su Roberta Costantini serate e eventi in programmazione. E tutti possono decidere se fare quelli dalla “Bocca buona” che partecipano a n ultimo sguardo al profilo di quella ragazza e poi, basta. tutto, quelli che fanno gli snob e avvisano che non partecipeMi impongo studio e riflessione zen. Poi, un numerino ranno e, infine, quelli che se la tirano e non danno per sicura là in alto compare magicamente e la tentazione è forte. Invio la loro partecipazione, cliccando sul “Forse” all’invito. messaggi criptici al mio dito indice trattenendolo dall’anda- E poi, il profilo si riempie di tanti album, tutti intitolati “Fere sull’icona. Ma poi, mi viene in mente Oscar Wilde: “C’è sta”, ma con gradazioni cromatiche e grandezze di carattere un’unica soluzione alle tentazioni, cedervi.” diverse in cui si testimonia la fisica partecipazione alla festa Visto che un intellettuale, seppur decadente, elargiva tali in un book di foto che farebbe concorrenza a quello di un messaggi mi sento legittimata e ammicco alla notifica rice- modello/a e pose snodabili davanti agli specchi dei bagni vuta e rispondo a mia volta. La fine. Dopo la dipendenza a dei locali. Beverly Hills e poi a Dawson’s creek per vedere quale ennesi- Ma Face diventa anche uno spazio virtuale dove rimorchiare ma paturnia mentale avrebbero sviluppato Joey e Dawson, è colui o colei che fermenta istinti suini, per poi, avere un valido arrivato l’ottavo peccato capitale, peggio della lussuria e della argomento di conversazione il giorno seguente nel tragitto in gola: Facebook. E anche lungo l’Alpone, costeggiato di ciliegi treno o all’università. Insomma, Face costituisce i preliminari e vigneti, la moda di “Faccia Libro” o dagli esperti chiamata per l’azione nella vita reale. Un training di presentazione e di comunicazione mediata, ha preso piede. ristrutturazione psicofisica prima di partire all’attacco e obbliLe strade acciottolate si sono trasformate in lastricati di fibre gare il nemico al ritiro. ottiche: ciascuno crea il proprio profilo virtuale in cui pubbli- Il diario multimediale che ha sostituito quello di Snoopy con care foto che provino che è ancora animale vivente e che usa la il lucchetto incorporato, e che non serve nasconderlo dentro sua porzione di ossigeno. I titolari di Enoteche o bar corrono al vaso di begonie, ma basta solo un indirizzo mail e una pasa creare il loro profilo e mantenere un contatto perenne con sword. E una buona dose di autoironia. Intanto, io mi limito i loro possibili clienti, mentre per le strade sono scomparsi a porre l’indice in alto e a cliccare su “Mi piace” e, quasi quasi, volantini e manifesti di feste perché ormai, con sollievo della condivido il link con tutti i miei amici. vegetazione, si viene informati tramite Face.

U

GIOVANI DELLA VALLE A CONFRONTO CON LA LORO CHIESA Pier Carlo Fracasso

M

onsignor Sigalini, vescovo di Palestrina, in un incontro tenutosi lo scorso 16 febbraio a Verona presso Casa Serena (sede del centro di Pastorale Giovanile) e intitolato “Agnelli in mezzo ai lupi: cristiani in tempo di minoranza”, ha raccontato un aneddoto significativo: “Mi sono invitato ad un’assemblea scolastica a Milano, gli insegnanti mi hanno obbligato, giustamente, ad invitare il Rabbino e l’Imam per garantire la rappresentanze delle diversità religiose. Convinti di scatenare una lotta per accaparrarsi le anime, si trovarono invece di fronte alla nostra unanimità nell’affermare che i giovani che avevamo davanti erano ormai senza Dio e senza speranza”. È veramente così? Siamo veramente dei senza speranza o, peggio, senza Dio? Nella Val d’Alpone non si può dire che la Chiesa non sia presente. Unità pastorali, iniziative interdiocesane, non possiamo lamentarci. Il problema è il numero di presenze. Devo dire che il giovane medio non cerca molto la Chiesa, preferisce andare al bar o chattare su face book. Insomma, è più divertente e stimolante prendere uno spritz con gli amici o condividere link piuttosto di andare agli incontri degli adolescenti o a messa. Inoltre c’è la Chiesa. La Chiesa che predica bene e razzola male. Quella che ci viene data in pasto dai mass-media 34

e che tutti possiamo facilmente giudicare. Proviamo a considerare la vera realtà della Chiesa, quella di Cristo. Ammetto che di fronte agli scandali e alla faccia che ci viene “mostrata” non c’è molto da stare allegri. Tutti noi però conosciamo delle splendide realtà di cristianità, ciascuno di noi conosce la Chiesa sulle orme di Gesù. Ma quello che ci viene proposto nelle nostre piccole realtà di valle è da “sfigati” ed è tutto una perdita di tempo, giusto? Crediamo che la Fede sia qualcosa per pochi eletti, sì andiamo a messa perché ci tocca e perché altrimenti la mamma ci fa la predica al posto del prete, e siccome la sua la sentiamo comunque, è meglio sentire anche un’altra campana. Prendiamo la Fede come se fosse qualcosa da usare la domenica e nelle grandi feste che implicano le vacanze scolastiche e poi la mettiamo via. La cosa credo più difficile per i ragazzi e i giovani (e anche per gli adulti spesso) è quella di testimoniare la propria Fede nella scuola o nel lavoro. Il mondo che noi chiamiamo “laico” è diventato “ateo” e parlare di Cristo un tabù. È un discorso fatto per muovere le coscienze e farci riflettere. Agnelli in mezzo ai lupi, tempi di minoranza, non ne sono convinto. Sono convinto invece che è sempre più difficile testimoniare la Fede e Dio nei contesti in cui operiamo. Le nostre parrocchie hanno però bisogno di adolescenti e giovani per avere nuova vita. Proviamo a bussare a quelle porte, entriamo e di fronte alle difficoltà non molliamo. Facciamo un tentativo e, se fallisce, un altro e un altro ancora. Una volta ad un giovane che gli chiedeva: “Cosa vede in me il Papa?”, Giovanni Paolo II rispose: “Tu per me sei un palpito del cuore di Dio!”. 35


LA BUONA TERRA

LA PAROLA AI LETTORI

IL “VENTO DEL CAMBIAMENTO” È ARRIVATO ANCHE AL MERCATO CERASICOLO Il parere del Presidente del Mercato Cerasicolo di Montecchia di Crosara Franco Confente

N

el Giugno dello scorso anno i cittadini di Montecchia hanno scelto, a grande maggioranza, una nuova Amministrazione Comunale, piena di entusiasmo, iniziativa e voglia di migliorare la gestione della “cosa” pubblica. Il vento del cambiamento è arrivato anche al settore agricolo, in particolare alla direzione organizzativa del Mercato delle ciliegie di proprietà del Comune di Montecchia. Infatti a Novembre è stata nominata la nuova Commissione del Mercato cerasicolo composta da dodici persone, in gran parte nuove e giovani, che però possono contare sulla lunga esperienza dell’attuale Assessore all’Agricoltura Giacomo Pegoraro e di qualche altro componente già pratico della gestione del Mercato. Essa è formata, secondo lo statuto, da quattro membri della maggioranza, due della minoranza, due rappresentanti dei commercianti e quattro che rappresentano i produttori. La Commissione è presieduta dal sottoscritto Franco Confente, il Vice Presidente si chiama Davide Danese mentre il nuovo Direttore del Mercato è il Dott. Roberto Zecchini. Il primo argomento che abbiamo voluto sviluppare è stato quello di voler migliorare l’immagine dei nostri prodotti, consapevoli che l’imballaggio delle ciliegie è molto importante per essere competitivi in un mercato sempre più agguerrito e intransigente. Abbiamo quindi deciso, dopo mesi di tentativi, di cambiare il cartoncino da due kg: da uno in carta opaca e anonimo, a uno in carta fotografica con l’aggiunta del nostro marchio “Le golose della Val D’Alpone”. Fino ad ora a godere del marchio erano soltanto le ciliegie con calibro sopra i 28 mm, che però

erano in numero alquanto irrisorio per poter sperare in una divulgazione del prodotto. Infatti sono passati dieci anni da quando è stato registrato il nostro marchio e purtroppo sino ad oggi pochissime persone sanno cosa sono le “Golose della Val D’Alpone”, (mentre per esempio tutti conoscono le mele “Melinda” o le banane “Chichita”!) Partendo da questa riflessione abbiamo deciso di estendere il nostro marchio anche ai cartoncini da due kg, che saranno chiamati “Le Golose di I” ed avranno un calibro minimo di 25 mm; mentre le “golose Extra” (quelle degli anni scorsi) dovranno superare i 28 mm di diametro. Un’altra importante iniziativa che abbiamo intrapreso è stata quella di produrre una brochure pubblicitaria del nostro Mercato, la quale è stata inviata a più di trecento commercianti in tutto il Veneto, con l’intenzione, per l’anno venturo, di estendere la divulgazione anche a tutte le Regioni che confinano con la nostra. Quest’anno sarà quindi fondamentale fare un salto di qualità, portando sui mercati delle ciliegie dalle elevate caratteristiche pomologiche ed organolettiche. Sono convinto che la ciliegia più diffusa e conosciuta della nostra vallata denominata “Mora di Verona” possa competere in maniera vincente con le concorrenti delle altre zone, in quanto può soddisfare pienamente le caratteristiche sopraindicate. Uno degli obbiettivi primari miei e della mia commissione è proprio quello di cercare di divulgare al massimo la nostra ciliegia autoctona, assieme a tutte le altre varietà di cui gode la nostra splendida vallata, con la certezza che potremo farcela proprio perché le nostre ciliegie sono veramente belle da vedere e specialmente gustosissime da mangiare. Auguro a tutti i produttori un prospero futuro per la loro azienda e consiglio a tutte le persone di mangiare molte ciliegie, ma attenzione alla provenienza: che siano dalla Val D’Alpone!

DALLA PARTE DI BRICIOLA Bricio Pasquino

Adesso che conoscete la mia storia, se vedete passare un bel gatto bianco e rosso con un occhio solo, guardatelo con gli occhi del cuore, io farò altrettanto... grazie.

Da Montecchia riceviamo, e volentieri pubblichiamo, la storia di una disavventura capitata ad un povero micio, preso di mira da qualche essere umano che di umano sembra abbia mantenuto davvero poco... Purtroppo non è la prima volta che accade.

S

alve, sono un gatto e mi chiamo Briciola. Passo le giornate in giro; a casa mi dicono che sono “uno sbrindolon”, ma sapete com’è... io amo la libertà. Sono uno spirito libero, stare troppo in casa mi opprime, mi sento soffocare e allora me ne vado a zonzo per ore, a dare la caccia ai topini e a “tèndare i osèi”, ma soprattutto a passeggiare su e giù per “el Rialbo”; lo conosco più io di chiunque altro. Ho compiuto nove anni e nella mia vita ho visto un po’ di tutto, ho lottato con i miei simili per il possesso del territorio, ho incontrato la faina, brutta bestia davvero, ve lo dico io, mi ha lasciato profonde ferite, ma ora è successo qualcosa da cui non posso difendermi. Uno di voi esseri umani mi ha preso di mira con un fucile ad aria compressa e mi ha spappolato un occhio. Siete una specie superiore, forse anche la più intelligente e mi domando perchè ancora oggi molti di voi ci odiano. Io faccio il possibile per non dare fastidio, se attraverso il vostro territorio lo faccio solo perché credo che la terra, il Buon Dio, l’abbia creata e data in dono a tutti gli esseri viventi, nessuno escluso. Danni non credo di farne, ma se ho mancato vi chiedo scusa e un po’ di comprensione.

PRONTO IN TAVOLA

TAGLIATELLE CON ZUCCHINE E UOVA Leonello Piccina

Ingredienti (per 4 persone) • 400 gr di tagliatelle fresche • 4 zucchine • 2 uova • 2 cucchiai di latte • 1 pizzico di noce moscata • 1 ciuffetto di prezzemolo tritato • 1 spicchio di aglio • 1/2 bicchiere di olio • 50 gr di parmigiano grattugiato • sale e pepe

VENDITA E ASSISTENZA PNEUMATICI EQUILIBRATURA E CONVERGENZA COMPUTERIZZATA REVISIONI AUTO - TAGLIANDI E BOLLINO BLU

36

PREPARAZIONE: Mondate le zucchine, lavatele, asciugatele, poi tagliatele a rondelle non eccessivamente sottili. Scaldate l’olio in una padella, mettete l’aglio e, appena sarà dorato, toglietelo e versate dentro le zucchine. Lasciatele rosolare per qualche minuto, quindi abbassate la fiamma e lasciate terminare la cottura a calore moderato, conditele poi con sale e pepe. In una terrina sbattete le uova con il latte, sale, pepe ed un po’ di noce moscata grattugiata, quindi incorporate il composto alle zucchine fatte in precedenza. Lasciate leggermente rapprendere le uova, poi spegnete il fuoco. Fate cuocere le tagliatelle in abbondante acqua salata, scolatele, e versatele direttamente nella padella con le zucchine e le uova. Mescolate il tutto, aggiungete il parmigiano grattugiato ed il prezzemolo. Rimescolate il tutto e servite subito.

37


DALLA PAROLA AL CINEMA INGANNEVOLE È IL CUORE PIÙ DI OGNI COSA Emanuel Righetto Ingannevole è il cuore più di ogni cosa e incurabile! Chi lo può conoscere? Geremia 17,9

La copertina del libro Autore: J.T. LeRoy Titolo originale: The Heart Is Deceitful Above All Things Pubblicato da: Fazi Editore Srl Data di uscita: 30/04/2002

J.T. LeRoy Titolo originale: Heart Is Deceitful above All Things Paese: Italia Anno: 2004 Durata: 98’ Genere: drammatico Regia: Asia Argento

38

TRAMA È la storia di un’infanzia rubata, vista dagli occhi di un bambino, Jeremiah, e di sua madre, Sarah, una giovane donna tossicodipendente preda di sempre più pericolose turbe psichiche, che si prostituisce ai camionisti nel sud degli Stati Uniti. Seguiamo Jeremiah nei suoi continui spostamenti: i genitori adottivi, i nonni ultra religiosi e la sua vita senza radici, sulla strada con Sarah, tra interminabili soste con i tir, motel fatiscenti e strip-tease clubs popolati da cafoni, sfruttatori e poco di buono. Il bimbo è continuamente costretto ad adattarsi a situazioni nuove e sempre più disagiate, ad una serie di “padri” scrocconi e nullafacenti ed alla crescente follia di sua madre. In questi ambienti Jeremiah impara e cresce. La sua incredibile forza nell’affrontare le avversità diventa il leit-motif della storia: nonostante le terribili esperienze, egli è ancora in grado di conservare la purezza ed il candore nel suo modo incantato di guardare e trasformare il mondo. IL ROMANZO Candidato al premio Strega, è stato il caso letterario del 2000, ha raccolto consensi e grandi approvazioni da nomi importanti della letteratura e dello spettacolo. Ma più che l’ottima capacità narrativa e la prosa creativa di J.T. LeRoy, ha contribuito al successo mediatico del romanzo, l’aura di mistero che si era sviluppata intorno all’autore stesso. Il famigerato J.T. LeRoy si concedeva pochissimo al pubblico e ai giornalisti, comunicava principalmente attraverso le pagine del suo sito web. Nelle rare apparizioni parlava pochissimo, esclusivamente tremolanti monosillabi, e nascondeva i suoi tratti androgini sotto vistose parrucche bionde, enormi cappelli e occhialoni da sole. Sfoggiava sempre un’espressione di disagio, del tipo “ho poco più di vent’anni ma tu non sai quante già ne ho già passate”, per dare credito alla teoria secondo cui i suoi romanzi erano da considerare maledettamente autobiografici. Tutti lo cercavano, tutti lo volevano il ragazzo prodigio. Senonché nel 2006, poco dopo che il film di Asia Argento era uscito nelle sale, quella che il sedicente Jeremiah Terminator LeRoy aveva indicato come tutor, Laura Albert, venne smascherata e quindi fu costretta ad ammette di essere l’autrice dei romanzi. J.T. LeRoy in pubblico veniva impersonato dalla sorellastra del marito di Laura Albert. E noi tutti lì sotto, con il naso all’insù e la bocca aperta, a lasciarci rigurgitare addosso la favoletta del giovane che si salva, grazie alla scrittura, dalla pazzia a cui lo aveva instradato il passato disagiato. Mentre invece l’artefice della beffa è stata una tranquilla trentacinquenne, madre di famiglia, reduce da un’infanzia e un’adolescenza normalissima, nella quale ha dovuto al massimo fare i conti con qualche disturbo alimentare. A parte questo, il libro è una “figata”. Forse all’Accademia della Crusca qualcuno storcerebbe il naso nel leggere questa definizione, ma rende bene l’idea del lessico presente nel libro, oltre che dell’effettiva qualità dello stesso. IL FILM Alla sua seconda prova come regista, Asia Argento scrive a quattro mani con lo stessa scrittrice americana (senza nulla sospettare dell’inganno) e dirige il film dimostrando che, in fondo, qualcosa di cinema ne capisce anche lei, tenendo alto il cognome del padre Dario. Dopo il non incisivo Scarlet Diva, perché troppo auto referenziale, rilegge secondo il suo personalissimo metro un romanzo già entrato nel culto della letteratura avantpop e compie un notevole salto di qualità. Con le immagini la regista riesce a comunicare, in maniera convincente, il degrado e la follia, senza speranza di riscatto, della provincia americana. Primi piani crudeli, uso sapiente di velocizzazioni e riprese sfuocate fanno assorbire appieno l’atmosfera malata ed eccessiva della storia. Corvi in origami che gli strappano le carni, sassi che lacrimano mentre lo rimproverano: inquietanti le scene in cui gli oggetti si animano di vita propria nelle fantasie in cui si estrania il bimbo. Il cast variopinto e non scontato non distoglie l’attenzione dal concept principale ma nemmeno riesce a dare quel qualcosa in più. Marylin Manson ha definitivamente dimostrato che riesce ad interpretare solo il personaggio per cui recita da una vita: sé stesso. Fuori da quel ruolo è un pezzo di legno. Ornella Muti invece si destreggia elegantemente nel ruolo della nonna bigottamente religiosa. Le musiche sono curate sapientemente dall’allora dolce metà di Asia, il talentuoso Marco Morgan Castoldi, che militava -semi sconosciuto- nei Bluvertigo e faceva degnamente il musicista. Mentre adesso si diletta solo nel far debordare il suo ego dalle telecamere del format televisivo X Factor. Piccola nota di costume: Asia Argento come lap dancer costantemente strafatta è sempre ad un passo dallo svacco totale, quindi credibilissima in quel ruolo.

����������������������������������������������������������������� ��������������������������������������� ������������������������������������������������������ �������������������������������� ��������������������������������������


Referente di Zona:

ing. SIMONE GECCHELE cell. 340. 5561495

Via Mazzini, 8 - 37035 SAN GIOVANNI ILARIONE (VR) www.tipimpianti.it - simonegecchele@libero.it


5 Comuni Numero 12 - 2010