Issuu on Google+

Fondato nel 1927

E SEMPRTI R E P A re

b

a dicem

Ristorante Pizzeria

S TA D I O 17 dicembre 2011

Via Dante Alighieri 19 Sesto Fiorentino (Fi) tel. 055 3850220 rossopachino@gmail.com

Fiorentina - Atalanta

Natale al Franchi sconti per i motociclisti

Via Boccaccio, 4 Certaldo Alto (FI) Tel 0571.652504 cel.347.8315645 www.labottegadichichibio.com info@bottegadichichibio.com

Aperto tutti i giorni

PRENOTA I TUOI PNEUMATICI INVERNALI SUBITO avrai in OMAGGIO il DEPOSITO DEGLI ESTIVI e su tutta la gamma Goodyear-Dunlop l’ASSICURAZIONE GRATUITA contro rotture accidentali per un anno!!!

info@mabogomme.com

via Chiantigiana Bassa sulla Greve, 4 San Casciano in Val di Pesa Firenze - loc. Gabbiano tel. 055 821127 - cel 335 1563717 vincenzocutugno@tiscali.it


www.gamma.fiat.com fiatgamma@tin.it

Campi Bisenzio - via A. Tassoni, 42/48 tel 055 8953346 - fax 055 8960525 Calenzano - via V. Emanuele, 81 tel 055 8824940 - fax 0558876460

Nuovo Doblò Work up

Su MISurA pEr Il Tuo lAvoro, A MISurA DEllA TuA CITTÀ. Cassone con pianale in legno marino multistrato

4 mq di superficie e fino a 1.000 kg di portata utile

Porta scala e vano portaoggetti chiuso Sponde sagomate ribaltabili in alluminio

PRENOTA IL TUO TEST DRIVE! DOBLO’ WORK-UP 1.3 Multijet 16v 90CV: 16.570,00 (Prezzo Detax) www.fiatprofessional.it


3

S TA D I O

Delio Rossi convinca la Fiorentina CHE SERVE UN’ANIMA DI UNA PROVINCIALE

Forse l’Inter, questa Inter non riesce a illuminare San Siro ma sicuramente la Fiorentina che è arrivata a Milano non era capace nemmeno di accendere la luce della portineria di San Siro. Neppure a Torino conto la Juventus la squadra viola allora allenata da Mihajlovic  era stata tanto arresa. Quella almeno aveva Jovetic: il ragazzo del Montenegro un guizzo, un gol, un intervento pericoloso era riuscito a metterli in campo. A San Siro invece Jovetic non c’era. Ma come lui non c’erano neanche tutti gli altri giocatori della Fiorentina. Brutta, talmente brutta che uno aveva difficoltà a riconoscerla. Più brutta di quanto era stato accettato un anno fa quando la squadra viola si era salvata almeno

con ampio anticipo. Ecco la cosa che ci spaventa: che questa Fiorentina non abbia neppure la forza di uscire dalla zona rischio. Per fortuna c’è Delio Rossi, un allenatore che di solito sa come riprendere in mano certe situazioni; per fortuna c’è Jovetic e speriamo che i problemi di sciatalgia lo lascino in pace; per fortuna questo campionato ci pare brutto quasi quanto la formazione viola. Ma è bene smetterla di parlare di Europa e pensare invece almeno fino a prova contraria a tenere a distanza le zone pericolose dalla classifica. Poi toccherà ai Della Valle: di andare in giro con una squadra così brutta sicuramente non hanno voglia, dovranno rimettere tutto in discussione e ricostruire davvero un progetto che sia credibile. Tenendo in piedi almeno le poche cose buone che anche a Milano abbiamo visto: il solito Behrami, il giovane Salifu, qualche spunto di Vargas e niente altro. Questa Fiorentina non può fare a meno neppure di Montolivo. Che sarà provvisorio quanto si vuole, che si sarà promesso a questa o a quella società, ma che indiscutibilmente - fino a quando avrà addosso la maglia viola - sarà bene smettere di fischiare. Perché può ancora dare una mano sostanziale per evitare di entrare davvero nelle zone che più fanno paura. Per questo diciamo che la partita di questa sera con l’Atalanta sarà senza dubbio uno scontro diretto: i bergamaschi nono-

Editoriale

di Alessandro Rialti

stante la penalizzazione stanno disputando una stagione importante dimostrando di avere più cuore della stessa Fiorentina. Se Rossi vuol tornare a vincere e a scuotere la classifica deve imporre alla propria squadra gli stessi meccanismi mentali dell’Atalanta. Ovvero lottare fino all’ultima energia perché un solo passo indietro sul terreno dell’impegno farebbe sì che pure con la squadra nerazzurra la strada per i viola si farebbe difficile. Non scordiamoci poi che subito dopo la Fiorentina andrà a Siena per un derby da sempre difficile, complicato, con tradizioni affatto positive e che classifica alla mano avrebbe, pure questo, i connotati di un match al coltello. Rossi insomma deve convincere la Fiorentina che senza l’anima di una provinciale da certe situazioni si esce con maggiori difficoltà.

“E’ la migliore schiacciata di Firenze e un posto dove chi viene può stare bene per un’ora” Francesco Flachi

OGNI DOMENICA

Da noi puoi trovare

SEGUI LA FIORENTINA CON NOI!

SCHIACCIATE RIPIENE DI TUTTI I TIPI! SALSE DI TARTUFO, FUNGHI, OLIVE E TANTO ALTRO ANCORA... E SE OGGI SI VINCE, UN GOTTINO DI VINO A TUTTI I TIFOSI VIOLA!

VIA XX SETTEMBRE, 1/R - FIRENZE (ang. Via Vittorio Emanuele II)

APERTO

DALLE 10,30 ALLE 24,00


4

17 dicembre 2011

L’esclusiva di Michela Lanza

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

MORFEO: NON HO MAI MESSO IN MORA LA FIORENTINA

Il doppio ex: Cecchi Gori un generoso, Batistuta il compagno più forte, Edmundo doveva giocare per forza. Auguro a Prandelli di vincere l’Europeo

Da quando ha lasciato Firenze non ha mai voluto parlare di Fiorentina. Non ha più rilasciato interviste, né dichiarazioni. Oggi, a distanza di 10 anni dal suo addio alla maglia viola, in occasione di Fiorentina-Atalanta, ha aperto al Brivido Sportivo la porta del suo accogliente locale nel centro di Parma (Dolce Vita dinner club), città nella quale ha deciso di fermarsi a vivere insieme alla bellissima moglie Francesca e ai figli Leonardo e Martina. Ci ha raccontato le sue verità. Stiamo parlando di Domenico Morfeo, doppio ex della sfida di questa sera, che solo pochi giorni fa è stato definito da Mondonico “il talento più puro che abbia mai sfornato il settore giovanile dell’Atalanta”. Tra

un servizio al tavolo e l’altro ci ha svelato un par- Paolo fummo tra i protagonisti in Vicenza-Atalanta ticolare che mai era venuto fuori: «Io non ho mai finita 1-3: io gli feci un assist, lui fece gol, quello messo in mora la Fiorentina». E poi tanti pensieri che sbloccò il risultato cui seguì una doppietta di su Cecchi Gori, Mihajlovic, Montolivo, Prandelli. Pippo Inzaghi». Un Morfeo a 360° da leggere tutto d’un fiato. Qual è secondo lei il segreto del settore giovaMorfeo e Bergamo. L’inizio della sua carriera, nile dell’Atalanta? dal settore giovanile al calcio che conta. I suoi «Il segreto è Mino Favini (responsabile del settore ricordi dell’Atalanta. giovanile dell’Atalanta ndr), una persona che cre«Di Bergamo ho solo ricordi belli anche perché de molto nel settore giovanile. Così come la some la sento come una seconda casa. Sono anda- cietà crede molto nei ragazzi. L’Atalanta è sempre to via dall’Abruzzo che avevo 11 anni, quindi il pe- stata una squadra dove, nonostante ci siano presriodo della vera giovinezza l’ho passato proprio a sioni più o meno come da tante altre parti, non Bergamo. Anche se con delle regole perché vive- ha l’obbligo di vincere campionati o accedere alle vo in un convento. Però, ripeto, Bergamo la sento coppe. Allora la società può mettere in atto ancora come una casa, là sono cresciuto, ho esordito, là meglio la sua politica basata sui giovani. Finché sono poi tornato e ho pensato di ci saranno squadre che faranno di viverci». questa politica il loro credo, nasceRingrazio Un ricordo particolare vissuto ranno sempre grandi giocatori». mister Mondonico Mondonico l’ha definita il talento sul campo con la maglia dell’Atalanta? più puro che abbia mai sfornato il tra noi un «Ricordo la partita seguente alla vivaio dell’Atalanta. Cosa si sente legame speciale scomparsa di un nostro compadi dire in proposito? Si sente davgno, Federico Pisani. Perse la vero così? E cosa ci dice di lui? vita nella notte tra l’11 e il 12 febbraio 1997 in «Lui mi ha allenato, lui può giudicare. Non è che un incidente stradale, insieme alla fidanzata.  Le mi posso giudicare da solo. Lui ha visto tanti giopersone che lo frequentavano di più, quelle con vani, tanti talenti, tanti giocatori e per quello che le quali aveva un rapporto di amicizia particolare, ha detto lo ringrazio. Tra me e lui c’è un legame eravamo io e Paolo Foglio. Ricordo che la dome- particolare in quanto, dopo l’esordio con Prandelnica dopo la sua morte (il 16 febbraio 1997), io e li (Morfeo era in Primavera quando a 17 anni ha

CO.BRA.MA. srl

Via Don Lorenzo Perosi, 4 - Scandicci (FI) tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it


5

S TA D I O debuttato in A nella stagione 1993-94), fui aggre- dall’11 settembre. Una provocazione: per torgato in pianta stabile alla prima squadra proprio nare al gol avrebbe bisogno dei suoi assist? da Mondonico. Quindi posso considerarlo come il «Gilardino i gol li ha sempre fatti. So che è stato mio primo allenatore. Mi ci sono trovato bene, ab- infortunato, che ha avuto dei problemi. E quando biamo avuto alti e bassi, entrambi, a livello com- rientri da un infortunio non è sicuramente facile. In portamentale, ma il bello di quell’uomo è che è una situazione delicata come quella che oggi sta un uomo vero. A fine gara finisce tutto. Non è uno vivendo la Fiorentina tutti poi ne risentono. Anche che porta rancore. Non è uno permaloso. Non un bomber come lui». è un caso se il nostro legame ha avuto seguito Il miglior talento viola di oggi? anche quando non ero più allenato da lui. E se, «Jovetic». dopo aver deciso di smettere di giocare a calcio, Che ricordo ha dell’esperienza in viola? Il mosono tornato ad indossare gli scarpini a Cremona mento migliore, se c’è stato, qual è stato? solo ed esclusivamente perché lui era l’allenatore «L’anno con Malesani (1997-98, 5 gol in 26 predella Cremonese». senze ndr). Poi ci furono problemi Vi siete sentiti ultimamente? con l’arrivo di Edmundo. NonostanJovetic è il «Sì l’ho chiamato per sentire come te stessi facendo bene, e contimiglior talento stava e per stargli vicino anche prima nuando a farlo sarei potuto arrivare Persi l’azzurro dell’intervento. Il calcio sul rettangoin Nazionale visto che ero già in per o’ animal lo verde è bello ma quando ci sono i Under 21, ci furono delle pressioni rapporti, quando c’è un’amicizia che per farlo giocare. E questo mi dette va oltre il campo, è giusto stare vicino alle per- fastidio». sone nel momento del bisogno, in momenti par- 7 reti segnate in serie A con la maglia della ticolari come quello che ha passato Mondonico». Fiorentina in 46 presenze. Quale ricorda con Ricorda il palo colpito nella finale di andata di piacere? Coppa Italia con la maglia dell’Atalanta (con «Sicuramente quella contro il Parma in casa in Mondonico in panchina) al Franchi contro la notturna. (Era il 7 dicembre 1997, la partita finì Fiorentina? 1-1 ndr)». «Ricordo che era una serata di pioggia. Ricordo Prima ha parlato di Mondonico. Ora le chieche per noi era già un’impresa essere arrivati in do dei tecnici conosciuti a Firenze: Malesani, finale. Ricordo che ci mancava Vieri. Ma ricordo Trapattoni, Terim (questi ultimi conosciuti di anche che la Fiorentina era superiore a noi, quindi passaggio), Mancini. Tre parole per ognuno di le nostre chance erano poche, indipendentemen- essi… te dal palo». «Con Malesani mi sono trovato bene anche se Prima di parlare di Fiorentina, ci dà un parere giocavo in un ruolo non mio, però i primi anni pur su Montolivo e Pazzini, due veri talenti nati, di giocare mi andava bene. Terim era un tecnico come lei, nel vivaio bergamasco? che faceva vivere bene i giocatori e quindi gli vo«Sono giocatori molto bravi, che stanno dimo- levano tutti bene. Trapattoni era ed è conosciuto strando tutto il loro valore. Si parla già molto di da tutti per quello che ha fatto e che sta ancora faloro ma sono sicuro che se ne parlerà per molto cendo. Mancini era un allenatore giovane al quale tempo ancora».  a Firenze non hanno dato tempo di lavorare. Se Montolivo, oggi, è un separato in casa. Entra i tifosi hanno urgenza, se non danno il tempo a in campo e, quando lo speaker legge il suo determinati elementi della squadra di potersi metnome nella formazione il pubblico di Firenze tere in mostra (e parlo di Mancini, ma questo vale fa sentire il suo disappunto con i fischi. Lui anche per i giocatori) non riusciranno mai a creasta convivendo con un rapporto finito. Quanto re un ciclo vincente». è difficile giocare tra i fischi dei propri tifosi? A proposito di Mancini, cosa pensa del suo «Sinceramente la situazione di Montolivo non l’ho addio burrascoso a Firenze? seguita. Però ascoltando quello che mi stai dicen- «So che ha avuto dei problemi anche con la famido, sicuramente non è facile per lui giocare così. glia, che non riusciva più a stare in una situazione I tifosi devono capire che se vogliono qualcosa di che nessuno più riusciva a reggere. Una situaimportante dai propri giocatori o se vogliono co- zione dalla quale tutti volevano scappare, perché struire una grande squadra, determinati giocatori non c’erano più le condizioni neanche durante la li devono far stare bene, devono stare loro vicini, settimana, neanche durante gli allenamenti, di soprattutto nei momenti di difficoltà». poter lavorare serenamente per preparare bene Da Montolivo a Gilardino: il bomber non segna le partite».

Da Mancini a Mihajlovic. Che idea si è fatto di lui e del suo esonero? «Ho saputo che lui è stato uno di carattere che ha affrontato la gente. Questa è la cosa più bella: quella di affrontare a testa alta chi hai davanti, di spiegare i problemi. Se poi la società non vede più la necessità di avere un allenatore del genere è libera di poterlo cambiare». Ma secondo lei, in base a quanto ha sentito e letto, la società si è sentita “libera” di cambiarlo oppure si è lasciata condizionare dalla piazza: cioè il malcontento dell’ambiente ha influito sull’esonero di Sinisa? «Sì. Certo». Ci dice, a distanza di tanti anni, quanto ha ostacolato il suo exploit a Firenze la presenza di Rui Costa? In molti hanno pensato che lei non trovasse spazio a causa della presenza del portoghese. «Dipende dal gioco. Quello mio e di Rui erano due ruoli diversi, quindi potevamo sicuramente coesistere. Io ho sempre fatto la mezzapunta e quindi potevo giocare dietro Batistuta. Mentre lui faceva il mediano avanzato con a fianco Cois, Schwarz o chi per loro. Volendo potevamo giocare insieme. Non l’ho mai vissuto come un problema». Qual è il più forte giocatore col quale ha giocato? «Batistuta». E di Vittorio Cecchi Gori cosa si sente di dire? «Persona generosa, ha pagato sulla sua propria pelle i problemi extracalcistici che suo malgrado si

S E C E RC H I U N P Ò DI EVAS ION E

LE CARCERI RISTOR ANTE WINE BAR PIZZERIA

ì ercoled Ogni m E PIZZA NE I C I L BOL ne con

borazio in colla io e Giovanni g o Ambr i Tenute Folonar

UN CARCERE che non ti aspetti Per mangiare in libertà

Piazza Madonna delle Nevi, 3 (ex carcere Le Murate) ingresso da via Ghibellina o via dell’Agnolo tel. 055 2479327 aperto pranzo e cena fino 23,30 - wwww.ristorantelecarceri.it Prezzi dai 10 euro per pizza con bevanda ai 35/40 euro per carne o pesce

GUSTOSISSIMI AUGURI A TUTTI!! Passa le feste con noi in libertà ed allegria! SEMPRE APERTI - ANCHE L’ULTIMO DELL’ANNO!

Mura in pietra, finiture di pregio, soffitti affrescati, porte e finestre che conservano antiche caratteristiche, come ad esempio le porte dei bagni, con tracce di disegni e messaggi dei detenuti. Una cornice intrigante e accogliente con il piacevole spazio esterno che si affaccia su una delle piazze rinate nell’ex complesso carcerario e dove si può gustare sia carne che pesce oltre a un’ottima pizza, alcuni nomi: Regina Coeli, Poggioreale, Ucciardone, Pianosa... Tra le specialità tortelli di radicchio, scrigno di pollo, polpo al radicchio, filetto di orata ... e dulcis in fondo, il tortino al cioccolato. Valida scelta di vini, oltre che di birre artigianali.


6

17 dicembre 2011

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

L’esclusiva

sono ripercossi anche così: se vai bene è tutto bello, tutti ti osannano. Avendo staccato la spina non ho mai pensato di all’interno della squadra Se vai male non ti lasciano vivere, non ti lascia- poter rientrare o fare qualcosa in ambito calcistie che lo hanno portato, no modo di recuperare la tranquillità per poter co. Mentre giocavo ho messo su delle attività che addirittura, a non poter cercare di rientrare sulla strada giusta. Non ti oggi preferisco seguire personalmente. E sto bene più vivere a Firenze. Il danno modo di lavorare serenamente». così. A livello televisivo lo seguo ancora. Mi hanno brutto di questo gioco è che Cosa risponde a chi dice che se avesse avu- anche chiamato per fare qualcosa in tv ma sono la gente purtroppo si ricorda to più testa sarebbe stato un uscito da casa a 11 anni, ho fatto sempre la fine, gli ultimi mesi, fuoriclasse di altissimo livello  zingaro per troppo tempo e oggi Questo calcio mai la storia della persona, quel- lo e invece in qualche modo come oggi non vedo la necessità di non mi manca lo che ha fatto per la squadra, per la si è accontentato di quello fare ancora quella vita». società. Questa cosa vale per Vittorio Cecchi Gori, che ha ottenuto? L’Italia di Prandelli… Stasera è dura «La conferma di questo non è ma in generale per tutti: giocatori, dirigenti, allena«Mi auguro che i suoi giocatori abfare pronostici possibile averla. Se dovessi tori. E’ il mondo del calcio». biano iniziato a capire che persona Due parole sulla vicenda clou che l’ha fatta rinascere e fare quello che gli è e soprattutto il suo modo di intenmal volere dalla gente: la messa in mora del- altri dicono, allora potremmo avere il risvolto dere il calcio e far giocare la squadra. Poi, per la Fiorentina. Ci racconta come andò? Fu un della medaglia e verificare se è veritiero il giudi- quanto riguarda il prossimo Europeo… faccio il gesto spontaneo vostro o suggerito da altri? zio di queste persone. Ma siccome questo non tifo per l’Italia perché sono un italiano ma faccio è possibile posso anche rispondere che se non anche il tifo per Prandelli. Mi auguro che vinca». Agirebbe ancora così? avessi avuto questo carattere non sarei nean- E un pronostico su Fiorentina-Atalanta, tra «Approfitto della possibilità che mi viene data che arrivato a giocare in serie A…». oggi per dire la verità dopo tanti anni. E’ una una squadra in crisi e una in forma, protagocosa che non ho mai fatto perché non mi andava Lei non ha mai segnato alla Fiorentina da ex: nista assoluta di questo inizio di stagione? di raccontare come erano andate le cose effet- ha mai pensato a come avrebbe esultato se «La partenza dell’Atalanta era scontata perché tivamente. Ma oggi come oggi, ripeto, visto che fosse accaduto? per recuperare dalla penalizzazione doveva fare «Non ho mai preparato delle esultanze perché una preparazione diversa per essere avvantagho la possibilità di farlo, dico realmente com’era sono una persona molto istintiva e vivevo la giata rispetto agli altri, per la fame di punti. Bila mia vera situazione. Parlo a livello personale, non di squadra. Io ero a scadenza di contratto gara e tutto quello che la riguardava al momen- sognerà vedere alla fine se riesce a mantenere e penso di essere stato l’unico giocatore a non to. Forse non avrei esultato, o magari l’avrei fat- questi ritmi. Per quanto riguarda la partita di staaver fatto la messa in mora. Essendo a scadenza to in modo rabbioso oppure in modo tranquillo. sera, fare   pronostici è estremamente difficile, di contratto, la mia messa in mora non avrebbe Sinceramente non lo so come avrei reagito ad ogni gara fa storia a sé».  avuto valore. Io non ho assolutamente messo un gol segnato alla Fiorentina da ex». in mora la Fiorentina. La gente questo lo deve Potesse cambiare il passato, cancellerebbe capire. Sono stato attaccato perché credo nelle la sua esperienza fiorentina nell’era Cecchi amicizie e presi le difese di un mio compagno Gori per giocare sotto la gestione-Della Valle con Prandelli in panchina? di squadra che era in difficoltà. Parlo di Nuno Gomes. Uscivo con lui, parecchie volte mi sono «Dico che se non avessi giocato nella Fiorentitrovato in mezzo a situazioni particolari e non ero na di Cecchi Gori mi sarebbe stato possibile arrivare a Firenze con Prandelli percerto una persona che lo avrebbe ché è un allenatore che ho seguito lasciato in pasto ai leoni. Quindi ho Con Rui Costa preso sempre le sue difese finendo potevo coesistere ovunque, che mi ha fatto esordire in A. Purtroppo avendo avuto un’eper andarci di mezzo pure io. Ma la situazione reale, ripeto, è che non Firenze se vai male sperienza negativa precedente, non ti dà serenità non mi sono sentito nelle condizioho mai fatto la messa in mora, sono ni di chiedere al mister di portarmi andato via da Firenze due mesi prima che finisse il campionato perché ero sta- con sé, non ho mai voluto metterlo in difficoltà». to l’unico giocatore ad aver preso solamente un Un parere sul calcio di oggi. mese di stipendio. Non c’era bisogno che facessi «Non è più un bel calcio perché adesso è tutto troppo fisico e si vedono sempre meno giocate. la messa in mora in quanto non sarebbe valsa Viale Pratese, 66 a niente perché a fine stagione mi svincolavo a È meno bello guardare una partita oggi rispetto parametro zero. Questa è la verità che Firenze a dieci anni fa». Sesto Fiorentino - Firenze Lei adesso ha attività che non hanno niente fino ad oggi non ha mai conosciuto». tel. 055 4217732 - 055/4200446 a che vedere col calcio. Ha mai pensato di Il suo pensiero sulla piazza di Firenze? Fax 055 4209375 «La città è bellissima, non sono io a doverlo dire rimanere nel calcio? Le manca? info@ferramentagiovanni.it e non sono certo io che la scopro. Per quanto «Adesso non mi manca questo calcio. Non mi riguarda, invece, la Firenze calcistica funziona manca né giocare, né stare in questo ambiente.

di Michela Lanza

PANIFICIO • PASTICCERIA • FOCACCERIA Pane, dolci e schiacciata calda anche il pomeriggio! I nostri punti vendita: Via Agostino di Duccio, 36 -Tel. 055 700141 Via di Scandicci (Torregalli) - Tel. 055 255998


Da 60 anni

propone l’ANTICA TRADIZIONE dei PIATTI TOSCANI

fra le specialità:

finocchiona sbriciolona, il prosciutto tagliato al coltello, la ribollita, la pappa al pomodoro, la bistecca alla fiorentina

RISTORO DI’ CAMBI

Via s. Onofrio 1r - zona Porta San Frediano Tel. 055 217134 - FIRENZE WWW. ANTICORISTORODICAMBI.IT INFO@ANTICORISTORODICAMBI.IT


Supplemento al n. 46 de ‘Il Brivido Sportivo’

CONSULENTE EDITORIALE Alessandro Rialti

DIRETTORE RESPONSABILE Luca Caneschi

EDITORE E PUBBLICITà Salvini editore srl

REDAZIONE redazione@brividosportivo.it GRAFICA E IMPAGINAZIONE Chiara Reggiani grafica@brividosportivo.it

STAMPA Grafiche Cappelli - Sesto F.no HANNO COLLABORATO Alessandro Rialti, Luca Caneschi, Michela Lanza, Ruben Lopes Pegna,

Alessandro Latini, Cristina Mattioli, Luca Capanni, Alfredo Verni, Federico Pettini FOTO La Presse

L’Inter insegna: SI POSSONO FARE PUNTI SENZA GIOCO La partita con l’Inter dovrebbe, sulla carta, aver fatto terminare il ciclo di ferro che Delio Rossi ha dovuto affrontare al suo arrivo sulla panchina e stasera con l’Atalanta dovrebbe invece cominciarne uno più abbordabile. Sulla carta, perché in realtà è  difficile pensare di affrontare squadre peggiori di come lo sono state la Roma e l’Inter, almeno contro i viola, ed anche perché l’Atalanta sta facendo benissimo e senza la penalizzazione sarebbe in piena zona  Europa League ed anche il Siena, pur in crisi di risultati, in questo campionato

non ha certo giocato peggio dell’Inter, per tornare al paragone con i nerazzurri. Quello che è certo è che la Fiorentina deve assolutamente fare punti in queste due gare prima della fine del 2011 per non trovarsi a passare il Natale con l’angoscia di dover lottare addirittura per non retrocedere, ipotesi che se non toglierà il sonno a  certi protagonisti della pedata in maglia viola, che casomai le notti bianche le passano per altri motivi, di certo non regalerà serenità a tifosi già abbastanza delusi da un bel po’ di tempo a questa parte. Anche l’allenatore in queste gare dovrà cominciare a dare la sua impronta, tecnica e caratteriale, alla squadra più di quanto non si sia  visto fino ad ora perché se è vero che non poteva fare miracoli, e lo  ha detto subito dicendo di non essere Padre Pio, ha però la possibilità, con scelte magari coraggiose anche sul piano degli uomini da mandare in campo, di mostrare che è al lavoro per l’oggi e per il domani, testando

9

La 25a ora

di Luca Caneschi

quindi giocatori più giovani e di prospettiva al posto di chi, per anagrafe o situazione contrattuale, queste prospettive non le ha. Risposte, in vista del mercato di gennaio, dovrà darle anche la società, ma Andrea Della Valle ha detto che le scelte saranno basate sulla classifica e quindi, anche su questo, le due partite con Atalanta  e Siena saranno decisive. Pensare ad una squadra ridisegnata, anche sulla base delle esigenze tecniche e tattiche dell’allenatore, è doveroso se si vuol affrontare una seconda parte della stagione propedeutica, quanto meno, ad un’annata meno tribolata delle ultime due. In sintesi: nei prossimi tre giorni occorrono sei punti, di riffa o di raffa. D’altronde non c’è bisogno di giocare bene per vincere: l’Inter insegna... 

PERSONALIZZIAMO T-SHIRT E MAGLIE DA CALCIO PRINT EXPRESS RIVENDITORE AUTORIZZATO ACF FIORENTINA LOTTO - ADIDAS Via dei Tavolini, 6r - 50122 Firenze - tel. 055 289169 - cell. 340 9037267

E-mail: alefiorentina@gmail.com


10 Amarcord

di R. Lopes Pegna

17 dicembre 2011

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

Fiore-Atalanta ovvero l’ultima volta di Baggio e Prandelli

Ci sono partite che valgono una stagione intera  soprattutto quando si disputano all’ultima giornata. Fiorentina e Atalanta si sono affrontate tra l’altro negli ultimi novanta minuti di campionato sia nel 1986/87

che nel 1989/90, entrambe le volte a Firenze. Nel 1986/87 i viola di Bersellini, dopo un torneo sofferto, si erano salvati alla penultima giornata pareggiando per 1-1 al San Paolo contro il Napoli di Maradona che quel giorno si laureò per la prima volta campione d’Italia. Quando affrontarono in riva all’Arno il 17 maggio 1987 i nerazzurri che avevano bisogno della vittoria per rimanere in serie A giocarono comunque ‘alla morte’. E conquistarono il successo per 1-0 con un gol di Di Chiara all’89’. Quel risultato condannò così l’Atalanta alla retrocessione e permise all’Empoli, vittorioso a Como, di ottenere un’insperata salvezza. Tre anni dopo la situazione all’ultima giornata era capovolta. I nerazzurri, settimi in classifica, avevano già conquistato la qualificazione per la Coppa Uefa, mentre i viola avevano bisogno della vittoria per non retrocedere tra i cadetti. Una partita entrata così nella storia quella disputata tra le due squadre al Comunale il 29 aprile del 1990. La Fiorentina, guidata dalla quartultima giornata da Ciccio Graziani dopo l’esonero di Bruno Giorgi, arriva alla sfida decisiva in un clima di tensione dopo la sconfitta rimediata a San Siro con l’Inter la domenica precedente. I viola tra l’altro si giocano la salvezza tre giorni prima della finale d’andata di Coppa Uefa con la Juventus a Torino. Graziani comunque pensa solo alla sfida con l’Atalanta e manda in campo la miglior formazione possibile. Scendono così in campo: Landucci; Dell’Oglio (Malusci dall’86’), Volpecina;

Biscotti di Prato Pasticceria produzione propria Guanciale lievitazione naturale Bozza pratese - Pane integrale Prime macine

Dunga, Pin, Battistini; Nappi (Callegari dall’82’), Kubik, Buso, Baggio, Di Chiara. Con molta fatica e anche tanta di paura alla fine la Fiorentina riesce a conquistare il successo che vale la serie A. La partita sembra mettersi bene per i gigliati. La squadra viola, infatti, passa in vantaggio con Buso al 5’. Però, si vede raggiungere dopo centoventi secondi da Evair su calcio di rigore. La sofferenza così ricomincia. Nei minuti finali del primo tempo la gara comunque di fatto si chiude nel modo migliore per la formazione di Graziani. Al 35’ Di Chiara realizza il gol del nuovo vantaggio e al 38’ Cesare Prandelli regala la prima gioia alla squadra che allenerà quindici anni più tardi, siglando un autogol. Dopo dodici minuti della ripresa, poi, Roberto Baggio fissa il risultato sul definitivo 4-1. La Fiorentina dunque è salva e nell’ultima mezz’ora può cominciare a pensare alla finale con la Juve, mentre i tifosi sugli spalti fanno festa per la scampata retrocessione. Ma sono anche altri i motivi per cui questa partita è poi entrata nella storia. E’ stata, infatti, l’ultima giocata da Roberto Baggio a Firenze con la maglia della Fiorentina (successivamente disputerà le due finali di Coppa Uefa contro la Juve a Torino e ad Avellino) e quella in cui Baggio ha segnato la sua ultima rete con la casacca gigliata. Ma è stata pure l’ultima gara da giocatore per Cesare Prandelli, che quindici anni più tardi sarebbe tornato in riva all’Arno come allenatore della Fiorentina. 

Articoli e complementi d’arredo

in plexiglass

FIOR

di

PANE

GRASSINA Via Costa al Rosso 28/32 tel. 055 640480

BUCELLI RENZA

Via Stazione delle Cascine, 7 - Firenze - Tel./fax 055/311164 www.brbucellirenza.com - renzabuc@tin.it


www.volkswagen-veicolicommerciali.it

Bifuel allo e l e u f o c E el diesel*. d o z z e r p stesso

Il lavoro duro fa venire sete a tutti. Tranne che ad uno. Si può dare un taglio ai consumi e ai costi di rifornimento? Con Caddy EcoFuel e Caddy BiFuel si può, grazie ai motori con alimentazione a metano e GPL. E se volessi risparmiare ancora di più? Ora puoi. Fino al 31 Dicembre, grazie all’offerta Volkswagen Veicoli Commerciali potrai avere Caddy EcoFuel e Caddy BiFuel allo stesso prezzo del modello diesel 1.6 TDI 75 kW.

Nuovo Caddy Van a metano da Euro 13.600 + IVA

Offerta valida su veicoli disponibili in concessionaria e immatricolati entro Dicembre 2011.

*Motorizzazione 1.6 TDI 75 kW. Volkswagen Veicoli Commerciali raccomanda


P izza Mr

sfizi e delizie

la tradizione napoletana a Firenze

Pizze

e! tt no a rd ta a no fi na ti at m lla da ti er ap

Insalate

Dolci via Pietrapiana 82/r

Hamburger

Hot Dog to go & delivery

Carpacci Fritto tel. 055 3860311


13

S TA D I O

Pazzolivo: tutto comincio’ a bergamo. Il Personaggio di Michela Lanza

Tutto finirà a Milano?

Dici Atalanta e pensi al settore giovanile. E allora ti viene in mente Riccardo Montolivo. Ma parlando di lui, non può non ricadere il pensiero anche su Giampaolo Pazzini. E la nostalgia riaffiora su Pazzolivo, su quella parola magica, binomio di due talenti emergenti che a Firenze dovevano diventare grandi insieme. IL RIMPANTO PIU’ GRANDE. Partiamo da chi Firenze l’ha già salutata da un po’ con una valigia di sogni che lo ha fatto arrivare lontano: Pazzini. Arrivato a Firenze nel gennaio del 2005 a soli 20 anni, oggi è il centravanti della Nazionale italiana e di una delle squadre più blasonate d’Italia, l’Inter. Il Pazzo arrivò col sorriso, tante speranze e la voglia di mettersi in mostra, da toscano, nella squadra più rappresentativa della sua regione: la Fiorentina. Per lui era un sogno giocare al Franchi. Ma era anche consapevole della sua giovane età e di avere davanti un centravanti come Luca Toni impossibile da scalzare, almeno in quel momento. Un po’ come una montagna da scalare. Lui, però, non si è mai rassegnato e si è messo a lavoro. Osservava, si allenava, si applicava. Uno studente modello che, però, in quel momento non rappresentava il centravanti né del presente, né del futuro per il tecnico gigliato Prandelli, il quale dopo l’addio di Toni e un anno di stasi tra Pazzini e Vieri (un’altra grande montagna), volle nella sua Fiorentina bella e vincente Alberto Gilardino. Pazzini, dal canto suo, soffriva la mancanza di fiducia nei suoi confronti e non poteva più lasciar passare treni in corsa senza tentare di salirci

sopra. Ne andava della sua carriera. Così fece la sua scelta: se a Firenze non aveva spazio, doveva cercarlo altrove. Doveva fare emergere le sue qualità e scaricare tutta la sua rabbia. Così dopo 25 reti in 108 presenze in serie A con la maglia della Fiorentina (alcune di esse bellissime, perle rare che avrebbero fatto capire a chiunque mastichi di calcio di avere davanti un patrimonio tecnico importante), Pazzini si trasferì a Genova, sponda Sampdoria dove venne accolto a braccia aperte da Mazzarri e Cassano. Da lì (gennaio 2009), la sua definitiva consacrazione. Poi la convocazione per il Mondiale in Sudafrica, la chiamata dell’Inter e la rivincita su chi lo aveva scartato, per poi richiamarlo per fare parte integrante della sua Nazionale, pronta per Euro 2012. C’è chi dice che Pazzini per esplodere non potesse rimanere a Firenze. Altri sono convinti che lo avrebbe potuto fare benissimo avendo comunque dalla sua la fiducia totale del tecnico. Non c’è mai una prova di quello che poteva essere e non è stato. Quello che è certo è che Giampaolo Pazzini oggi è uno dei centravanti più forti che ci sono in Italia, che l’Atalanta ha ‘colpito’ ancora dando i natali calcistici ad un altro talento (non dimentichiamo che pure Vieri è stato un prodotto del vivaio orobico) e chi lo ha portato a Firenze (Lucchesi-Galli) ci aveva visto decisamente lungo. Oggi il Pazzo è il rimpianto più grande dell’era Della Valle. FIDUCIA ILLIMITATA. Se è vero che Pazzini non ha fatto altro che avvalorare la tesi che l’ Atalanta è regina nello scoprire talenti, non da meno è Montolivo, giocatore che Mondonico ha definito ‘Principino’ per la ‘presunzione positiva’ sinonimo di capacità di credere in se stesso e allo stesso tempo di non essere condizionato da giudizi esterni. Il centrocampista di Caravaggio è arrivato a Firenze pochi mesi dopo l’amico fraterno Pazzini ma, al contrario dell’attaccante, ha sempre trovato spazio in squadra. E ha sempre avuto la fiducia totale da parte del tecnico e della società che in passato lo hanno coccolato come un vero componente di famiglia. Prandelli gli ha sempre dato le chiavi della squadra, quelle del giocatore essenziale in fase di interdizione ma fondamentale anche in fase di proposizione. Ogni pallone è sempre passato dai suoi piedi. È lui che detta i tempi del gioco della Fiorentina da ben sei anni dopo una prima stagione a studiare il veterano Liverani. La sua avventura a Firenze ha avuto alti e bassi nei rapporti con la piazza. Ci sono stati momenti di critiche, altri di esaltazione. Alla fine, Montolivo è stato un giocatore che non ha mai

convinto tutti fino in fondo. C’è chi crede che non abbia mai fatto la differenza. C’è chi crede che in un grande club possa perdersi. C’è chi crede che possa definitivamente esplodere ed entrare a far parte dei top player europei proprio inserito in un contesto tipo… Milan. Chissà chi ha ragione. La sensazione è che una volta che una squadra conosce Riccardo non possa più fare a meno di lui. Una semplice metafora, questa, per dire che Montolivo è stato spesso criticato (anche quando il rapporto coi tifosi era idilliaco), ma che quando manca la sua assenza si fa sentire come un macigno. Quando manca Monto, il centrocampo è spento, senza idee, senza anima, triste. Montolivo è imprescindibile per la Fiorentina (e anche per la Nazionale). Oggi il rapporto con la società e il pubblico si è deteriorato, incrinato. Riccardo, ex capitano viola e giocatore più presente dell’era Della Valle (239 presenze in viola per lui), a giugno arriverà a scadenza di contratto e lascerà (visto il suo carattere, forse in silenzio?) la città di Firenze e la maglia viola, libero di scegliere dove accasarsi. Forse nessuno lo rimpiangerà inizialmente… Forse. Poi chissà. RITROVARSI… A MILANO. Si parla di Juventus per Montolivo, ma soprattutto di una tra le due milanesi. Milan e Inter se lo contenderanno. Chi la spunterà nessuno ancora lo sa. Se Riccardo dovesse finire in rossonero, ritroverebbe l’amico Pazzini da avversario – come adesso – ma in sfide di maggior valore tecnico e psicologico: i derby. Se invece dovesse scegliere il club di Moratti, allora sì che potrebbe riformarsi quella coppia di ragazzini sorridenti che si ritrovano uomini, campioni e realizzati. Pazzolivo nerazzurro. Sarebbe un po’ come tornare bambini. Sarebbe un po’ come guardarsi indietro, prendere una fotografia di quando con la maglia dell’Atalanta addosso avevano solo speranze e sogni. Sarebbe un po’ come guardarsi allo specchio, vedere gli stessi colori di maglia ma due volti più vissuti, senza più quella barba incolta da adolescenti. Sarebbe un confrontarsi ancora con la voglia matta di portare avanti, anche sul campo, un’amicizia e un rapporto di complicità e stima reciproca nato sotto gli occhi vigili dei talent scout orobici. E poi insieme in Nazionale. Come sognavano da bambini. Come sognavano quando arrivarono insieme a Firenze facendo lo stesso percorso calcistico. Gemelli separati dalla nascita, uniti da un pallone e forse, sotto la nebbia, dalla Madunina…

Acquista

PAGAMENTO PER CONTANTI!!!

di Mario Grillo SU ORDINAZIONE svuotiamo SOFFITTE e CANTINE VALUTAZIONI SENZA IMPEGNO

Tel. 331.8690962

• mobili vecchi • bambole • giocattoli vecchi • soldatini • • scatole latta • quadri • stampe • libri • cornici e specchiere • vecchia pubblicità in carta e lamiera • • cartoline vecchie e santini • lampadari antichi • radio • • posate • serviti di piatti • piatti da muro • teiere • • caffettiere • vassoi • bottiglie • bicchieri • oggetti sacri • • macchine fotografiche • soprammobili • conche • • vasi e oggetti da giardini • terrecotte in genere • • utensili in rame • materiale militare 1a e 2a guerra mondiale • • tappeti • arazzi • penne stilografiche • • oggetti in bronzo • modellismo •


14 L’esclusiva di Alfredo Verni

17 dicembre 2011

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

Lucchesi: quando con l’Atalanta TRATTAI FINO ALL’ALBA

Sulle sue spalle il peso dell’esperienza. Fabrizio Lucchesi, toscano di origine, può vantare un curriculum di elevato spessore. Cresciuto a livello manageriale nell’Empoli allenata da un giovane Spalletti, la consacrazione è arrivata con la Roma prima e la Fiorentina poi. Nella capitale uno scudetto e una Supercoppa di Lega con una grande squadra allenata da Capello e guidata là davanti da un bomber come Batistuta, a Firenze la gagliarda scalata dalla serie C alla A. Anni di soddisfazioni e di vittorie di quel progetto ripartito con i Della Valle. Fu lui l’artefice del trasferimento di Batistuta alla Roma e fu  sempre l’ex direttore sportivo viola a individuare a soli 17 anni un certo Zlatan Ibrahimovic, ma non riuscì a chiudere la trattativa e l’Ajax lo acquistò sul finale. Intervistato in esclusiva dal Brivido Sportivo, Lucchesi analizza la situazione in casa viola e ci racconta alcuni aneddoti di mercato

relativi alla triade Pazzini-Montolivo-Lazzari. La Fiorentina dopo la buona gara disputata in casa contro la Roma è scivolata nuovamente a San Siro contro l’Inter. Quali difficoltà sta incontrando? «Le difficoltà maggiori sono di classifica. C’è stato un avvicendamento tecnico sulla panchina, la squadra sta avendo alti e bassi, ma non si possono tirare considerazioni dopo così poco tempo. La posizione in classifica non rispecchia il valore di questa squadra». Il suo ex vicino di casa Delio Rossi ha accettato una panchina bollente in una piazza prestigiosa come Firenze… «Delio Rossi è una persona preparata, i programmi non si misurano settimana per settimana. In questo momento sta lavorando sull’immediato. C’è un progetto ben  preciso che va portato avanti». Se potesse esprimere un voto relativo alla sessione di mercato estiva quale voto meriterebbe il ds viola? «Non mi piace parlare del lavoro degli altri, Corvino sta facendo molto bene e con il nuovo allenatore decideranno le nuove strategie di mercato». Da Lazzari ci si aspettava qualcosa in più: al momento non ha espresso al meglio le proprie potenzialità. «E’ un giocatore interessante, penso che a Firenze regalerà molte gioie. Ha bisogno di tempo, questa piazza lo consacrerà». Facciamo un passo indietro, lei fu  l’artefice di una grande operazione di mercato: la triade Pazzini-Montolivo-Lazzari. Ci racconta come andò? «Feci un accordo con l’allora presidente dell’Atalanta, Ruggeri, che prevedeva l’arrivo di

Pazzini a gennaio, gettando le basi per quelli successivi di Montolivo e Lazzari». Che cosa prevedeva nel dettaglio l’accordo? «L’acquisto di  Pazzini con l’opzione di prelazione sull’acquisto di Montolivo e Lazzari a fine stagione». Fu una trattativa lunga? «La ricordo bene, fu una trattativa lunga, iniziata in tarda serata e finita alle cinque del mattino con l’allora vice presidente viola Cognigni in collegamento telefonico dalla sua residenza che rimase sveglio tutta la notte. Mi dette il via libera alle 4,30 del mattino». Come finì? «A fine stagione  io andai via, arrivò Corvino che esercitò l’opzione su Montolivo mentre fece decadere quella per Lazzari». Torniamo al tormentone Montolivo: quando se ne andrà? E dove? «Penso che andrà via a giugno, è un giocatore importante. Le società milanesi sono in vantaggio per acquistare il cartellino del giocatore: se oggi dovessi puntare un centesimo lo scommetterei sul Milan». Questa sera la Fiorentina ospiterà l’Atalanta rivelazione di questo campionato: che partita prevede? «E’ una partita molto difficile. L’Atalanta è una delle realtà di questo campionato, ha un buon organico e cerca sempre la vittoria. Di contro troverà una Fiorentina che ha voglia di riscatto». Chi sarà l’uomo partita? «Difficile da dirsi, più che l’uomo partita prevarrà il gruppo. La Fiorentina dovrà essere attenta ai colpi di coda insidiosi della squadra di Colantuono». Un pronostico? «Vincerà la Fiorentina».

La Birrotecaiola! v i s o if t i e d Da noi c'è tutte le birre che tu' voi! Questa settimana Fede consiglia:

Kurt

Bad Attiture lattina a soli €

Via del Botteghino, 77 Borgo ai Fossi - Scandicci Tel. 055 720470 chiuso la domenica

3,50!

Passa a trovarci alla via Pacini, 45 Firenze - tel. 055 359704 - www.biobistrot.it


e i suoi clienti Augurano a tutti i lettori Buone Feste VitalMania

Via UliVelli, 35r

Firenze

per inFo:

AUGURI DI E BUONE FEST

393.5476197

VIA PER BARBIANA località BOCCAGNELLO Vicchio (Fi) Tel. 055/844503

DA 25 ANNI QUALITÀ/PREZZO SENZA CONFRONTO CAMPI BISENZIO

TanTi TanTi auguri!!

Via Tosca Fiesoli, 58 tel./fax

Un uomo deve fare almeno una scommessa al giorno, altrimenti potrebbe andare in giro fortunato e non venire mai a saperlo! J.Jones

Borgo San Frediano 161R Firenze tel. 055 223538

055 8979050

LE CURE FIRENZE

Via Madonna della Querce 87/r telefono

055 576073

SOFFIANO FIRENZE

CENTRO POLITERAPICO TOSCANO di Improda Lucia

Via G. Da Milano 6

Prodotti ortopedici e sanitari

055 713916

Esposizione e vendita: Via Taddeo Alderotti 26/28 Firenze Tel. fax 055 4368221 improdalucia@yahoo.it

(ang. Arcipressi)

NOLEGGIO BIANCHERIA

per piccole strutture (anche 2 camere) B&B

GHIBELLINO PERSIANO • Piadina romagnola • Centrifuga di frutta • Frullati • Panineria • Assortimento vini Borgo Santi Apostoli, 29/r - Firenze - tel 055 2645880

Realizziamo ceste natalizie!

Viale Nenni, 9 Firenze Tel. 055/7251246 cell. 335/1367827 - 339/8719091 www.pasticceriamercury.com

Via del Botteghino, 77 Borgo ai Fossi - Scandicci Tel. 055 720470 chiuso la domenica

MATTA IMBIANCATURE

Articoli e complementi d’arredo

di Mattoni Giacomo

Imbianchino, Verniciatore Decorazioni, Stucchi a cera Pareti e Controsoffitti in Cartongesso

in plexiglass BUCELLI RENZA

Via XXIV Maggio 203 Lastra a Signa (Fi) Cell. 339 24 28 398

V. Stazione delle Cascine, 7 Firenze Tel./fax 055/311164 www.brbucellirenza.com - renzabuc@tin.it

Da 60 anni

Da noi puoi trovare SCHIACCIATE RIPIENE DI TUTTI I TIPI! SALSE DI TARTUFO, FUNGHI, OLIVE E TANTO ALTRO ANCORA... E SE OGGI SI VINCE, UN GOTTINO DI VINO A TUTTI I TIFOSI VIOLA!

VIA XX SETTEMBRE, 1/R FIRENZE (ang. Via Vittorio Emanuele II)

APERTO DALLE 10,30 ALLE 24,00

propone TRADIZIONE CA TI l’AN I TOSC ANI ATT PI dei RISTORO DI’ CAMBI Via s. Onofrio 1r zona Porta San Frediano Tel. 055 217134 FIRENZE

Perdere Peso senza Perdere energia e VitaLità?

chiama subito 347/8444740

Via Pananti, 45 borgo san Lorenzo progettoinforma@teletu.it


MATTA IMBIANCATURE di Mattoni Giacomo

Imbianchino, Verniciatore Decorazioni, Stucchi a cera Pareti e Controsoffitti in Cartongesso Via XXIV Maggio 203 Lastra a Signa (Fi) Cell. 339 24 28 398 1a GIORNATA

A

R 29.01.12

A 11.09.11

0 1 2 2 2 4 0 2 4 1

0 3 2 0 2 1 2 2 3 2

A 18.09.11

1

0

0

2

2

1

1

0

0

0

1

2

3

1

2

1

0

1

2

0

A 21.09.11

1 2 1 0 3 0 3 0 1 1 1 2 1 1 3 1 3 2 1 1 ATMOSFERA

CA ORIENTALE

2a GIORNATA

R 01.02.12

Catania-Siena Cesena-Napoli Fiorentina-Bologna Genoa-Atalanta Juventus-Parma Lecce-Udinese Milan-Lazio Palermo-Inter Roma-Cagliari R 05.02.12

Atalanta-Palermo Bologna-Lecce Cagliari-Novara Catania-Cesena Inter-Roma Lazio-Genoa Napoli-Milan Parma-Chievo Siena-Juventus Udinese-Fiorentina 4a GIORNATA

Cesena-Lazio Chievo-Napoli Fiorentina-Parma Genoa-Catania Juventus-Bologna Lecce-Atalanta Milan-Udinese Novara-Inter Palermo-Cagliari Roma-Siena

0 2 3 0 2 3 0 1 1 0

A 16.10.11

0 0 2 0 0 0 2 3 1 0 R 12.02.12

1 3 0 1 1 0 0 0 1 0

A 02.10.11

0 1 0 2 0 3 2 3 3 2

Chievo-Novara

3a GIORNATA

A 25.09.11

2 1 0 1 2 0 1 0 0 3

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Cagliari-Milan Inter-Lecce Lazio-Chievo Napoli-Genoa Novara-Palermo Parma-Catania Siena-Fiorentina Udinese-Juventus

0 0 1 0 0 0 1 0 2 2

A 23.10.11

0 0 2 1 2 3 1 1 2 3

2 0 2 0 2 4 2 0 0 0

5A Giornata

R 19.02.12

Via di Vittorio 36 Lastra a Signa (Fi) Tel 055 8723574 fax 055 8723575 lautoricambiosas@virgilio.it A 26.10.11

Atalanta-Novara Bologna-Inter Cagliari-Udinese Catania-Juve Chievo-Genoa Lazio-Palermo Milan-Cesena Napoli-Fiorentina Parma-Roma Siena-Lecce 6A Giornata

1 1 0 2 2 1 4 2 1 2 R 26.02.12

A 30.10.11

3 0 2 1 1 1 2 2 4 1

Cesena-Chievo Fiorentina-Lazio Inter-Napoli Juventus-Milan Lecce-Cagliari Novara-Catania Palermo-Siena Parma-Genoa Roma-Atalanta Udinese-Bologna 7A Giornata

R 04.03.12

Atalanta-Udinese Cagliari-Siena Catania-Inter Cesena-Fiorentina Chievo-Juventus Genoa-Lecce Lazio-Roma Milan-Palermo Napoli-Parma Novara-Bologna 8A Giornata

R 11.03.12

Bologna-Lazio Cagliari-Napoli Fiorentina-Catania Inter-Chievo Juventus-Genoa Lecce-Milan Parma-Atalanta Roma-Palermo Siena-Cesena Udinese-Novara

1 3 1 0 2 1 0 3 1 0

A 06.11.11

1 0 1

0 1 0

1 4 3 0 3 2

0 0 3 2 1 1

A 20.11.11

0 1 0 1 2 3 0 2 2 2

ica

DAL CUORE DELL’INDIA atmtiposfera al centro storico di Firenze orientale ASHOKA - RISTORANTE INDIANO V. PISANA 86/R FIRENZE - Tel. 055 224446 www.ristoranteindianoashoka.com

1 1 1 1 1 1 1 0 1 0

1 2 0 0 1 0 0 0 1 2

9A Giornata

R 18.03.12

Atalanta-Inter Cesena-Cagliari Chievo-Bologna Genoa-Roma Juve-Fiorentina Lazio-Catania Milan-Parma Napoli-Udinese Novara-Siena Palermo-Lecce 10A Giornata

R 25.03.12

R 01.04.12

Bologna-Cesena Catania-Chievo Fiorentina-Milan Genoa-Novara Inter-Cagliari Juventus-Palermo Napoli-Lazio Parma-Udinese Roma-Lecce Siena-Atalanta

0 1 0 0 2 1 0 0 2 0

A 11.12.11

1 2 0 2 2 1 0 1 0 2 R 07.04.12

1 1 0 1 1 0 1 0 1 0

A 04.12.11

1 0 0 3 0 0 2 3 4 0

Atalanta-Cagliari Cesena-Lecce Chievo-Fiorentina Genoa-Inter Lazio-Parma Milan-Catania Napoli-Juventus Novara-Roma Palermo-Bologna Udinese-Siena 12A Giornata

A 27.11.11

1 1 2 0 0 4 2 2 0 2

Bologna-Atalanta Cagliari-Lazio Catania-Napoli Fiorentina-Genoa Inter-Juventus Lecce-Novara Parma-Cesena Roma-Milan Siena-Chievo Udinese-Palermo 11A Giornata

www.autoricambifirenze.it

1 2 0 0 3 1 1 1 2 1

A 18.12.11

13A Giornata

R 11.

Atalanta-Napoli Cagliari-Bologna Cesena-Genoa Lazio-Juventus Lecce-Catania Milan-Chievo Novara-Parma Palermo-Fiorentina Siena-Inter Udinese-Roma 14A Giornata

R 15.

Bologna-Siena Catania-Cagliari Chievo-Atalanta Fiorentina-Roma Genoa-Milan Inter-Udinese Juventus-Cesena Lazio-Novara Napoli-Lecce Parma-Palermo 15A Giornata

R 22.0

Atalanta-Catania Bologna-Milan Cagliari-Parma Inter-Fiorentina Lecce-Lazio Novara-Napoli Palermo-Cesena Roma-Juventus Siena-Genoa Udinese-Chievo 16A Giornata

Catania-Palermo Cesena-Inter Chievo-Cagliari Fiorentina-Atalanta Genoa-Bologna Juventus-Novara Lazio-Udinese Milan-Siena Napoli-Roma Parma-Lecce

R 29.0


UNCEM Toscana (Unione Nazionale Comuni Enti Montani) è l’ente che rappresenta i territori montani della Toscana. E’ impegnata in numerosi progetti che hanno come obiettivo quello di garantire lo sviluppo e la crescita socioeconomica per la montagna toscana che, nel corso degli anni, è diventata un efficiente laboratorio di innovazione in grado di migliorare la qualità della vita delle popolazioni.

Via Cavour 15 - Firenze - tel. 055.213151 - www.uncemtoscana.it

.04.12

A 08.01.12

17A Giornata

R 02.05.12

Atalanta-Milan Bologna-Catania Cagliari-Genoa Inter-Parma Lecce-Juventus Novara-Fiorentina Palermo-Napoli Roma-Chievo Siena-Lazio Udinese-Cesena 04.12

04.12

04.12

A 15.01.12

18A Giornata

R 06.05.12

Catania-Roma Cesena-Novara Chievo-Palermo Fiorentina-Lecce Genoa-Udinese Juventus-Cagliari Lazio-Atalanta Milan-Inter Napoli-Bologna Parma-Siena A 22.01.12

19A Giornata

Atalanta-Juve Bologna-Parma Cagliari-Fiorentina Inter-Lazio Lecce-Chievo Novara-Milan Palermo-Genoa Roma-Cesena Siena-Napoli Udinese-Catania

R 13.05.12

Via P. Caiani, 7 - Borgo San Lorenzo Tel 055 8402197 - chiuso il martedì

CLASSIFICA SERIE A

PARTITA G OL RIGORE C F T C F T RF RC SQUADRE Pt G V N P G V N P G V N P M.I. R S R S R S T R T R Juventus 30 7 5 2 0 7 3 4 0 14 8 6 0 2 16 5 9 6 25 11 1 1 3 1 Udinese 30 7 7 0 0 7 2 3 2 14 9 3 2 2 14 2 4 5 18 7 3 2 2 1 Milan 28 7 5 2 0 7 3 2 2 14 8 4 2 0 19 4 12 12 31 16 4 4 1 1 Lazio 28 7 3 2 2 7 5 2 0 14 8 4 2 0 8 5 14 6 22 11 0 0 1 1 Napoli 21 7 3 3 1 7 2 3 2 14 5 6 3 -7 13 8 9 6 22 14 2 0 0 0 Palermo 20 7 6 0 1 7 0 2 5 14 6 2 6 -8 16 7 0 9 16 16 2 2 1 1 Inter 20 7 3 1 3 7 3 1 3 14 6 2 6 -8 6 7 11 11 17 18 3 2 6 3 Genoa 18 7 3 2 2 7 2 1 4 14 5 3 6 -10 8 6 8 11 16 17 1 1 4 3 Cagliari 18 7 1 5 1 7 3 1 3 14 4 6 4 -10 3 5 9 8 12 13 2 2 1 1 Roma 18 7 3 2 2 7 2 1 4 14 5 3 6 -10 11 9 5 9 16 18 1 0 3 3 Catania 18 7 3 2 2 7 1 4 2 14 4 6 4 -10 7 6 8 14 15 20 3 2 3 3 Parma 17 7 4 1 2 7 1 1 5 14 5 2 7 -11 10 5 5 15 15 20 4 3 1 1 Atalanta 16 7 3 4 0 7 2 3 2 14 5 7 2 -6 7 4 10 12 17 16 3 2 2 2 Fiorentina 16 7 4 2 1 7 0 2 5 14 4 4 6 -12 12 4 1 9 13 13 2 2 1 1 Chievo 16 7 3 3 1 7 1 1 5 14 4 4 6 -12 6 4 5 14 11 18 2 1 3 1 Bologna 15 7 2 1 4 7 2 2 3 14 4 3 7 -13 7 11 6 9 13 20 1 1 2 2 Siena 14 7 3 1 3 7 0 4 3 14 3 5 6 -14 11 7 3 7 14 14 1 1 2 2 Cesena 12 7 1 3 3 7 2 0 5 14 3 3 8 -16 5 7 2 8 7 15 3 2 5 4 Novara 11 7 2 3 2 7 0 2 5 14 2 5 7 -17 10 11 5 14 15 25 3 3 0 0 Lecce 8 7 0 1 6 7 2 1 4 14 2 2 10 -20 7 15 6 11 13 26 2 2 3 3

10 Denis G. (Atalanta), Di Natale A. (Udinese), 9 Ibrahimovic Z. (Milan), 8 Klose M. (Lazio), Cavani E. (Napoli), Giovinco S. (Parma), 6 Jovetic S. (Fiorentina), Marchisio C. (Juventus), Matri A. (Juventus), Palacio R. (Genoa), Calaio’ E. (Siena), Nocerino A. (Milan), Osvaldo D. (Roma), Rigoni M. (Novara), Di Vaio M. (Bologna), Miccoli F. (Palermo), Moralez M. (Atalanta), Mutu A. (Cesena), Pepe S. (Juventus),

CLASSIFICA MARCATORI 7 5 4

3 Basta D. (Udinese), Bergessio G. (Catania), Boateng K. (Milan), Bojan P. (Roma), Cerci A. (Fiorentina), Conti D. (Cagliari), Destro M. (Siena), Hamsik M. (Napoli), Hernandez A. (Palermo), Hernanes A. (Lazio), Isla M. (Udinese), Lavezzi E. (Napoli), Milito D. (Inter), Moscardelli D. (Chievo), Pellissier S. (Chievo), Ramirez G. (Bologna), Rocchi T. (Lazio), 2 Acquafresca R. (Bologna), Almiron S. (Catania), Cambiasso E. (Inter), Campagnaro H. (Napoli), Cassano A. (Milan), D’agostino G. (Siena), De Rossi D. (Roma), Diamanti A. (Bologna), Dzemaili B. (Napoli), Giacomazzi G. (Lecce), Grossmuller C. (Lecce), Ilicic J. (Palermo), Kucka J. (Genoa), Larrivey J. (Cagliari), Legrottaglie N. (Catania), Lodi F. (Catania), Lulic S. (Lazio), Maggio C. (Napoli), Maxi Lopez G. (Catania), Morimoto T. (Novara), Motta T. (Inter), Nagatomo Y. (Inter), Paloschi A. (Chievo), Pandev G. (Napoli), Pazzini G. (Inter), Pinilla M. (Palermo), Robinho R. (Milan), Rossi M. (Genoa), Sculli G. (Lazio), Seedorf C. (Milan), Veloso M. (Genoa), Vidal A. (Juventus), Vucinic M. (Juventus), Zahavi E. (Palermo),

Ferrara P.zza G.B. Benvenuti, 15 44122 (FE) Via Bentivoglio, 103 44122 (FE) Bologna Via Ferrarese, 3 40128 (BO)

per informazioni 800 423999 - 347 2532945

NUMERO VERDE GRATUITO anche dai cellulari

www.eurotetti.biz euro.tetti@tiscali.it

Firenze Via Federico Grifeo, 4/R 50141 (FI) Roma Viale Luca Gaurico, 9/11 00143 - Roma

Forli Via Scaletta, 9 47122 (FC)


e i suoi clienti Augurano a tutti i lettori Buone Feste Autofficina

vendita e assistenza multimarche servizio revisione Firenze

Via G. Milanesi 19r tel 055 4633234

LA PIANA Immobiliare di Vecchio Marcello via S. Stefano 108 Campi Bisenzio (FI) tel/fax: 055 892135 Cell. 329.6169433 Cell. 338.7221218

NONDI RSENAI OLO FUMO L IBERA

Valori Articoli per Ricariche bollati fumatori telefoniche Lotto e molto altro...

Viale E. Duse 9/c - Firenze Tel. 055 609635

Via del Termine, 22 - Sesto Fiorentino (Fi) tel. 055.452547 - 055.450045

di Licari Fabrizio

Via Stazione delle Cascine int. 20 Firenze - Peretola Cell. 392 1916727 fabriziogomme@libero.it www.fabriziogomme.eu

cercokasa.it VIA DONI 4/A - FIRENZE - Tel. 055 360067 - Tel. 055 7094238

cercokasa.it

VIA DONI 4/A - FIRENZE - Tel. 055 360067 - Tel. 055 7094238 Direzione & Marketing

Via Carlo del Prete 106/108/110 Firenze Tel. 055.45.16.04 - Fax 055.4368670 www.cercokasa.it

AssistenzA e noleggio mAcchinAri per lA puliziA Daniele Degl’innocenti 348 2710543 Via cimabue, 4 50018 scandicci (Fi) Fax 055. 7301771 e-mail: tecnoclean.dd@tiscali.it

V. FONTANA 13/R - FIRENZE (FI) Tel. 055 353242 - 348 0928094 - Fax 055 353242 www.manutenzionecaldaiefirenze.com

Campi Bisenzio - via A. Tassoni, 42/48 tel 055 8953346 - fax 055 8960525 Calenzano - via V. Emanuele, 81 tel 055 8824940 - fax 0558876460 www.gamma.fiat.com fiatgamma@tin.it

Via G. Puccini, 216 Calenzano (FI) tel/fax 055/8879368 di Pier Luigi Garleni specializzato in lavori a calce

restauri conservativi

via Medici, 10 - san Piero a sieve (Firenze) tel./fax 055848489 - mob. 347 8103713 i.pennello@inwind.it

www.immobiliarepuccini.com

rimed2tour rimed Viaggi e vacanze

Via Aretina, 269 Firenze (FI) Tel/fax: 055-6503837 Cel: 335-7142848 info@brilliinterni.it www.brilliinterni.it

... per conoscere il mondo Via Capo di Mondo, 20/r - Firenze Tel. 055.697659 - Fax 055.3830179 info.fi@rimedviaggi.it

www.rimeduetour.it

GARAGE DELFINO

PIZZERIA

Il Pipistrello

dal 1981 FIRENZE - Via Senese, 160 Tel. 055.2048549 - chiuso il martedì www.pizzeriapipistrello.com

Via Don Lorenzo Perosi, 4 Scandicci (FI) tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it

OFFICINA AUTORIZZATA

VIA F. CORRIDONI 9R FIRENZE Tel. 055 4620106 cell. 335 6852365 Fax: 055 4620208 www.alteaimmobiliare.it info@alteaimmobiliare.it

LAVAGGIO A MANO

via Novelli, 17 - FIRENZE tel/fax 055 6541076

autorimessa.delfino@libero.it


S TA D I O

DA BERGAMO A FIRENZE: TANTO MERCATO (E QUALCHE FURBATA) Che il florido vivaio dell’Atalanta abbia visto trapiantare le pianticelle più belle e rigogliose in quel di Firenze è un dato di fatto, con Giampaolo Pazzini e Riccardo Montolivo simboli incontrastati di un’intesa di mercato assolutamente di primo piano. In realtà loro due (di cui parleremo approfonditamente più avanti) fanno parte di una nutrita pattuglia di calciatori che da Bergamo hanno raggiunto Firenze (e viceversa), con la speranza di vedersi aprire le porte del grande calcio. Partiamo da Domenico Morfeo. Arriva alla Fiorentina nell’estate del 1997, reduce da ottime stagioni in maglia nerazzurra e carico di aspettative. I tifosi viola identificano in lui l’unico vero colpo di mercato di quell’estate anche perché Cecchi Gori tira fuori più di 10 miliardi di lire per portarlo a Firenze. Arriva per fare il sostituto di Baiano, ceduto al Derby County. Disputa due stagioni su buoni livelli (nella prima è il terzo cannoniere della squadra, dopo gli inarrivabili Batistuta e Oliveira) prima di iniziare un giro d’Italia che lo porta al Milan, al Cagliari e al Verona (dove ritrova Prandelli, suo allenatore nelle giovanili dell’Atalanta e al quale dà una grossa mano per salvare gli scaligeri con 5 gol in 10 partite). Nel 2000 torna a Firenze di passaggio perché viene ceduto ancora una volta in prestito all’Atalanta. Si esprime bene e viene richiamato a Firenze per l’ultima volta. La stagione 2001/2002 (che culminerà con la retrocessione e il fallimento) è sfortunata un po’ per tutti. Morfeo finisce nell’occhio del ciclone. C’è chi lo accusa di fingere infortuni per non scendere in campo la domenica ed è uno dei sette a cui viene consegnata la celebre ‘maglia della vergogna’ (una t-shirt bianca da far indossare durante gli allenamenti ai giocatori che non erano ritenuti degni di indossare quella viola). Il rapporto con Firenze finisce di fatto lì. FAVOLE SENZA LIETO FINE. Passano gli anni e arriviamo al gennaio del 2005. Galli e Lucchesi bussano alla porta dell’Atalanta e ottengono la comproprietà di un giovane centravanti toscano:  Giampaolo Pazzini. Faccia da bravo ragazzo, un fisico ben strutturato e tanta voglia di emergere. Si capisce subito che quel giovane che fa impazzire le ragazzine della curva ha anche un certo talento. Poco senso del gol, è vero, ma quando segna fa venire giù il ‘Franchi’. Il biglietto da visita lo esibisce contro la Reggina, mettendo

a segno il primo gol in maglia viola, ma è un mese dopo contro la Juventus (il 9 aprile) che fa innamorare Firenze. Jorgensen taglia il campo per Fantini che con un tocco d’esterno serve il Pazzo al limite dell’area. Controllo con il sinistro e botta micidiale di destro sotto la traversa, Buffon è pietrificato. Mano roteante all’orecchio e via, ad esultare sotto una Maratona in festa. Firenze lo adotta e se lo coccola, sei mesi più tardi lo raggiunge il suo ‘gemello’. Separare Pazzini e Montolivo è un’impresa non da poco, perché i due fanno praticamente coppia fissa anche fuori dal campo. L’arrivo di Montolivo è opera di Pantaleo Corvino anche se Giovanni Galli aveva già strappato un’opzione (in ogni caso scaduta) per il centrocampista bergamasco. Frizioni fra ds a parte, il giocatore comincia a crescere sotto la direzione tecnica di Cesare Prandelli e anno dopo anno diventa un cardine del centrocampo viola nonché il capitano della squadra. Entrambe le favole sono però senza lieto fine. Pazzini viene ceduto alla Sampdoria nel gennaio del 2009 (dopo stagioni altalenanti che lo hanno visto spesso finire in panchina) e Riccardo Montolivo sta concludendo in modo amarissimo la sua esperienza in viola per le note vicende contrattuali, che all’inizio di questa stagione gli sono costate anche la fascia di capitano. L’EROE DI TORINO. Gli intrecci di mercato fra le due società sono proseguiti negli anni, con Corvino che ha dimostrato di avere un occhio di riguardo per il settore giovanile orobico ma anche per i giovani talenti arriva all’Atalanta da oltre Oceano. Pablo Daniel Osvaldo, approdato in Italia nel 2006 all’età di 20 anni proprio a Bergamo, arriva a Firenze nell’agosto del 2007 e deve affrontare la pesantissima eredità lasciata da Luca Toni. I tifosi storcono la bocca: un po’ per quel buffo cognome e un po’ perché il curriculum del giocatore non è esaltante. In una stagione e mezzo a Firenze mette a segno 5 gol, ma ha l’incredibile capacità di trovare la porta nei momenti più importanti della recente storia della Fiorentina. Due gol a Livorno al debutto, ma soprattutto il gol vittoria in pieno recupero in casa della Juventus (2-3 del 2 marzo 2008) e la storica rovesciata contro il Torino all’ultima giornata di quel campionato, che proietta i viola in Champions League. Se ne va al Bologna per 7 milioni di euro nel gennaio del 2009 (Corvino realizza una notevole plusvalenza avendolo pagato 4,5 milioni di euro) anche lui un po’ troppo frettolosamente. Sia Pazzini che Osvaldo rappresentano probabilmente i crucci più grandi della società viola. I due giocatori (al pari di Montolivo) fanno ormai parte della Nazionale di Prandelli: a Firenze c’è ancora il rammarico di non aver saputo aspettare questi due talenti. IL CASO BANGU. Chi il talento ce l’ha sicuramente, ma ha ancora tutto da dimostrare è Luzayadio Bangu. Probabilmente in molti non sapranno neanche chi sia. E’ un attaccante congolese classe

19 Intrecci di mercato di Alessandro Latini

’97 che gioca negli Allievi Nazionali della Fiorentina. Alla sua età dovrebbe giocare nei Giovanissimi, ma i mezzi tecnici e fisici sono talmente superiori a quelli dei coetanei che è stato inserito nella squadra degli Allievi, dove si confronta ogni settimana con ragazzi anche di due anni più grandi. Bangu è entrato in questa nostra rassegna per lo stesso identico motivo degli altri. Pantaleo Corvino lo ha prelevato dal settore giovanile dell’Atalanta e il suo trasferimento ha un po’ inasprito i rapporti fra le due società nell’ultimo periodo. Il presidente Percassi ha accusato di furto la Fiorentina, tanto che ha provato in tutti i modi a riprendersi il giovane calciatore. Alle accuse Corvino ha risposto così: “Dobbiamo parlare di opportunità creata dal mercato, che non regolamenta i tesseramenti per giocatori di quell’età. Non c’è stato nessun furto, se alcuni giovani ragazzi decidono di passare alla Fiorentina è perché i genitori si fidano del lavoro che facciamo”. Una ‘furbata’ messa in atto dal ds viola, che in quel giovane attaccante ci crede per davvero. Se non bastasse la sua parola c’è anche quella di Mino Favini (uno dei migliori talent-scout italiani), che conosce bene Bangu: “Erano anni e anni che non vedevo un talento del genere, in quella fascia d’età”. PILLOLE DI CALCIOMERCATO. Nomi da copertina a parte, è giusto completare la rassegna con le altre trattative che sono andate in porto o che si sono arenate sul più bello. In quest’ultima categoria rientra Andrea Lazzari, che alla Fiorentina è arrivato in estate ma poteva farlo molti anni fa. A margine dell’operazione che portò Pazzini a Firenze i dirigenti viola strapparono anche una promessa di Ruggeri, che nel caso in cui avesse ceduto Lazzari avrebbe dato la precedenza assoluta ai gigliati. L’affare non è andato in porto nel 2005, ma il destino ci ha messo lo stesso lo zampino. Chi invece ha fatto il percorso contrario è Luca Ariatti. Arriva a Firenze nell’anno della C2, contribuisce con la sua caparbietà e l’attaccamento alla maglia alla risalita in Serie A, per poi diventare il capitano della Fiorentina. 78 presenze e 2 gol dopo il suo arrivo viene ceduto proprio ai nerazzurri di Bergamo. Concludiamo con Davide Brivio, che la Fiorentina preleva dal settore giovanile dell’Atalanta nel 2005. Prandelli lo aggrega spesso alla prima squadra e lo fa anche esordire in A (15 aprile 2006 in Treviso-Fiorentina 1-3), ma il giovane esterno non riesce ad imporsi. Dopo due stagioni l’Atalanta risolve alle buste la sua comproprietà, versando 200.000 euro nelle casse gigliate.


20 L’esclusiva di Cristina Mattioli

17 dicembre 2011

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

GIOVANNI GALLI: TUTTI I RETROSCENA DELL’ACQUISTO DI MONTOLIVO

Errori di Corvino? Se avrò occasione glieli dirò a quattr’occhi Ha difeso la porta della Fiorentina per ben nove anni (dal 1977 al 1986), passando però anche per grandi squadre come Milan, Napoli, Torino, Parma per poi concludere la sua carriera da portiere con la Lucchese. Giovanni Galli, l’uomo dalle ‘mani d’oro’, ha però sempre portato nel cuore la sua Fiorentina, squadra che lo ha allevato fin dalle giovanili. La sua carriera da calciatore durata circa vent’anni gli ha regalato sicuramente molte emozioni e anche tanti trofei. Con il Milan l’ex numero uno viola ha vinto tutto, ma due trofei è riuscito a conquistarli anche lontano dai rossoneri: uno con il Napoli (1 Super Coppa Italiana) e uno con il Parma (1 Coppa Uefa). Grazie alla sua indiscutibile bravura Galli è stato chiamato anche in Nazionale da Bearzot come terzo portiere, dietro a Zoff e Bordon, sia nell’Europeo dell’80 che per il vittorioso mondiale dell’82, ed ha poi disputato il Mondiale dell’86 da titolare. Il rammarico per Galli è sicuramente quello di non essere riuscito a raggiungere traguardi importanti con la Fiorentina della quale però a fine carriera, dopo qualche anno da commentatore e opinionista sportivo, è stato direttore sportivo. A Firenze ha contribuito alla scalata che ha visto la Firenze sportiva risalire la china dalla serie C2 alla serie A in soli due anni, riuscendo a portare alla Fiorentina tanti giocatori che hanno dato il loro contributo alla squadra per la rinascita viola. Grazie a lui Firenze ha visto passare atleti tra cui un giovanissimo Fabio Quagliarella, un difensore alle prime armi come Christian Maggio e il bomber Christian Riganò. Nel 2005 però Galli ha deciso di interrompere il rapporto con la “sua” società. Lei è stato il direttore sportivo che fece ripartire il settore giovanile dopo il fallimento della Fiorentina: ci racconta un po’ di quel periodo e di quei momenti? «In quel momento ero il responsabile, il mio lavoro era incentrato molto sulla prima squadra perché mancavano i palloni, le maglie, gli armadietti, lo spogliatoio e soprattutto i giocatori. Insomma mancava tutto. L’inizio fu dedicato molto alla prima squadra. A fianco a me, poi, lavorava Francesco Buso che arrivava già da una vecchia esperienza, aveva già lavorato all’interno della Fiorentina, conosceva tutti, dai genitori ai ragazzi del settore giovanile quindi ci dividemmo i compiti: io seguivo la prima squadra e lui

da CRISTINA e GIACOMO Alimentari - Ortofrutta Macelleria

Negozio di quartiere dal 1960!

Proponiamo forniture per: compleanni, battesimi, comunioni. Prodotti naturali, freschi, genuini come fatti in casa propria,

si confezionano CESTI NATALIZI anche per le aziende RICHIEDICI UN PREVENTIVO GRATUITO!

4/ 6 - Fi re nz e vi a A. Bo ito 2/ 36 00 59 5 05 Te l. effettuiamo anche SERVIZIO A DOMICILIO

i giovani. Se siamo riusciti a rinascere è proprio grazie alle energie che tutti nel loro settore hanno messo in modo che la Florentia potesse ripartire». La ‘sua’ Fiorentina puntava molto sui giovani: come mai non viene dato molto spazio ai ragazzi? «Noi ripartendo dalla C2 e sapendo di dover ricostruire una squadra solo dal 7 d’agosto, era inevitabile che andassimo a cercare anche i giovani. Non avevamo assolutamente niente in quel momento quindi scavai nella mia mente per ricordarmi i giocatori che avevo visionato negli ultimi due anni e successivamente li contattai, tra questi c’erano indubbiamente tanti giovani perché avevo seguito squadre Nazionali come l’Under 17, l’Under 19… Con questi e con quei 3-4 ‘anziani’ che dovevano formare lo zoccolo duro della squadra, mi riferisco a Ivan, Di Livio e Riganò, tentammo di risalire la china. Riuscendoci».  Secondo lei la Fiorentina ha qualche ragazzo di valore in Primavera? «Io credo di sì. Un esempio è Romizi che dopo un campionato importante disputato con la Reggiana pensavo sinceramente che riuscisse a trovare più spazio nella Fiorentina. Mi auguro che Delio Rossi glielo dia da qui alla fine del campionato. Babacar, pur essendo arrivato giovanissimo, è stato aggregato alla prima squadra, lo stesso Camporese. Molti non sono riusciti a trovare spazio, ma adesso bisogna voltare pagina; l’allenatore che c’era prima (Mihajlovic ndr) probabilmente aveva bisogno di più certezze, mentre il tecnico di ora ha lavorato molto anche con i giovani quindi si apre per tutti un capitolo nuovo».  Come ha detto lei sono stati tanti in questi anni i ragazzi che sono stati portati in prima squadra: Di Carmine, Babacar, Camporese, Romizi, Iemmello, Carraro… come mai nessuno di loro è riuscito a conquistarsi un posto da titolare?  E perché vengono mandati in B o C a farsi le ossa e poi non se ne sente più parlare? «Partiamo dal presupposto che quando si è giovani si può commettere anche qualche errore che puoi pagare, dopodiché credo che vada fatto un discorso diverso. Molti dei ragazzi nominati purtroppo si stanno perdendo perché il meccanismo non è molto automatico, il fatto di mandarli in giro per l’Italia a farsi le ossa non è detto che sia produttivo. Se ci fosse una riforma a livello nazionale e si istituisse un campionato riserve si potrebbe abbassare l’età della Primavera. Si avrebbe così una squadra intermedia nella quale poter utilizzare quelle pedine che non giocano in prima squadra. Si potrebbe così continuare a crescere in casa i giovani bravi del settore giovanile e  farli giocare con atleti formati in modo da far loro assaporare anche lo spogliatoio della prima squadra». Sabato scorso abbiamo visto scendere in campo il giovane Salifu, ci dà un giudizio su questo giovane? «Il ragazzo ha già giocato in B per cui non è giovanissimo, visto che in Inghilterra i ragazzi giocano in prima squadra a 17 anni mentre in Italia purtroppo fanno ancora gli Allievi. Il ragazzo contro l’Inter si è inserito molto bene: ha fisico, corsa e ottime qualità. Credo che diventerà un giocatore molto interessante tra quelli che potranno portare linfa nuova a questa Fiorentina». Quali errori secondo lei ha commesso Corvino in questi anni? «E’ difficile rispondere a queste domanda. In questo lavoro si fanno delle cose positive, ma anche negative, è normale, ma non spetta a me giudicarlo. Magari se ci troveremo a quattr’occhi io e lui gli dirò quello che penso piuttosto che mandarglielo a dire». Il ds viola è in scadenza di contratto e potrebbe essere agli sgoccioli di questa sua avventura con

la Fiorentina: secondo lei a giugno se ne andrà? Se sì chi potrebbe essere il sostituto? «Sinceramente non so se sia arrivato al capolinea o meno con la Fiorentina. Certo oggi la situazione non è così semplice, è un momento molto strano perché secondo me i giocatori ci sono e ci sono anche tutte le componenti, ma penso che debba essere ristrutturato qualcosa all’interno. Io partirei da una figura istituzionale, serve una persona che rappresenti la società, che faccia o il direttore generale o il presidente, al posto della famiglia Della Valle. Ovviamente i Della Valle devono rimanere come proprietari, però penso che serva un uomo che sia presente e viva ventiquattro ore al giorno, sette giorni su sette, la realtà di Firenze. Non credo che sia redditizio il fatto di tenere un uomo part-time a fare il presidente o fare il presidente a 800 km di distanza. Bisogna vivere la quotidianità in modo da vigilare su quello che succede e sul lavoro dell’allenatore, del direttore sportivo e degli stessi giocatori. Vedrete che così facendo ci sarà la partecipazione da parte di tutti e quindi anche più punti in classifica. Per quanto riguarda il direttore sportivo, è quello che deve eseguire gli ordini che arrivano dall’alto e andare a scegliere i giocatori, mentre il direttore generale è colui deve portare 3-4 milioni di euro dalle sponsorizzazioni e fare accordi internazionali. Questa è la filiera corretta che deve partire dalla proprietà per poi passare attraverso la figura istituzionale, il resto sono tutti dipendenti e devono eseguire gli ordini».  Parlando di mercato, Riccardo Montolivo lascerà la Fiorentina. I viola riusciranno a trovare il ‘giusto’ rimpiazzo? «Bisogna a questo punto capire che cosa desidera la proprietà, qual è il progetto di questa società: un progetto giovani, un misto tra giovani e vecchi… Per esempio il Chievo prende tutti giocatori a giro per l’Italia e per l’Europa che hanno fallito, li rilancia e li rivende, questa è una politica; l’Udinese gira il mondo, prende tutti i giocatori più bravi pagandoli delle cifre interessanti, li ‘costruisce’ e li rivende e questa è un’altra politica; deve esserci quindi un’idea di come si vuole fare il calcio. La Fiorentina ha scelto un allenatore molto bravo che ha lavorato con i giovani e che sa insegnare calcio e questa credo che sia


21

S TA D I O la cosa fondamentale. A questo punto si deve chiedere al mister qual è la sua idea di calcio, dove vuole arrivare e con quale squadra. Rossi può chiedere per esempio un giocatore con le stesse caratteristiche di Montolivo oppure no, ma quello che deve essere chiaro è che quello che chiede l’allenatore gli sia dato». Rimanendo su Montolivo visto che stasera c’è l’Atalanta, l’ex squadra di Riccardo, ci può raccontare il arrivo a Firenze? «Chiariamo una volta per tutte questa storia. Noi andammo a prendere Pazzini, lo pagammo intorno ai 5 milioni di euro e all’interno di questo contratto c’era scritto che noi, a parità di condizioni, avremmo avuto la prelazione su Montolivo che scadeva intorno alla fine di maggio. Dopo poco però noi uscimmo dalla Fiorentina e arrivò Corvino. Forse questo documento di cui vi ho parlato il ds viola non l’ha mai visto perché nessuno gliel’ha mai fatto vedere, probabilmente per poca conoscenza, per timore o non so per quale altro motivo. Resta il fatto che Montolivo è arrivato alla Fiorentina un paio di mesi dopo la scadenza della prelazione, per cui noi avevamo fermato il giocatore e Corvino poi lo comprò. Da parte mia non c’è nessun rancore nei confronti del ds viola perché l’ha comprato, ma magari un po’ di rabbia perché poteva prenderlo due mesi prima della scadenza della prelazione. Alla fine però non importa perché non erano mica soldi miei quelli che aveva speso. Quello che dovevamo fare lo avevamo fatto,

Fuorigioco di Duccio Magnelli

una volta andati via non potevamo prenderci le responsabilità di quello che stavano facendo gli altri». I bergamaschi in quegli anni avevano una squadra di giovani promettenti, voi riusciste a portare in viola Giampaolo Pazzini: cercaste di portare a Firenze nello stesso anno anche Lazzari? «Sinceramente no. Era un ragazzo molto interessante, ma non potevamo prendere tutta l’Atalanta. Quello che posso dire è che il primo anno che giocò titolare

in Serie A gli demmo un premio in memoria di mio figlio Niccolò, come miglior giovane esordiente». La Fiorentina è a corto di attaccanti e il ‘Tanque’ finora non ha convinto: cosa pensa di questo giocatore? «Inizialmente avevo dei dubbi su questo giocatore, mi lasciava perplesso il fatto che fosse un giocatore di 31 anni, che avesse già avuto esperienze in Italia e che la squadra di appartenenza fosse così euforica perché la Fiorentina gli aveva pagato la clausola rescissoria. Una società che perde il cannoniere di due campionati ed è orgogliosa di farlo, ti fa capire che c’è qualcosa che non va. Sinceramente non conoscendolo gli avevo dato tutto il tempo necessario perché potesse ambientarsi e fare qualcosa nel nostro campionato, ma sinceramente a questo punto non credo che sia all’altezza».  I viola molto probabilmente a gennaio torneranno sul mercato. Che reparti dovrà andare a rinforzare secondo lei Corvino? «Intanto c’è un allenatore nuovo e credo che debba essere lui a dare dei suggerimenti, in base al tipo di gioco che vorrà fare. Sicuramente servono due attaccanti o per lo meno uno. Bisognerà inoltre capire la vicenda di Montolivo, come Corvino farà a recuperare quei 20 milioni per ripianare il bilancio del mercato estivo, se ci saranno delle cessioni importanti oppure no. Insomma non è così semplice la questione. Quello che è ovvio è che con Gilardino e Silva come riserva non si va da nessuna parte. Un attaccante è necessario». 

FEBBRE A QUARANTA: ma che tristezza pensando all’Europa

La Firenze ammalata di viola scopre di avere di nuovo la febbre a quaranta. Come il minimo sindacale di punti che le statistiche indicano per la quasi certa salvezza. Come l’anno scorso, quando a metà campionato alcuni tifosi impauriti iniziarono tremebondi a contare i punti che mancavano alla quota fatidica. Oggi alla Fiorentina di punti ne mancano ventiquattro. Certo, quest’anno c’è il valore aggiunto del nuovo allenatore, ma la paura comincia ad affiorare nei volti tesi e tirati della gente. Qualcuno si dice contento dei quattro punti guadagnati nel ciclo di ferro con Roma, Inter, Milan e Palermo (ma ci vogliamo mettere dentro anche il Chievo?) e che adesso avremo di fronte

squadre alla nostra portata: Atalanta, Siena, Novara… Ma che tristezza per chi aspirava all’Europa League. Per chi era partito, a inizio stagione, con la segreta speranza di aver buttato alle ortiche i grigiori dell’anno scorso. E che invece si ritrova a dover fare i conti, come un anno fa, con la matematica, e a confrontare i punti fatti con le partite giocate! La delusione, la noia e lo sconcerto sono fortissimi. La Viola gioca malissimo. Segna pochissimo. I giocatori nuovi sembrano degli alieni capitati lì per caso. Qualcuno dice che a Natale, con la sosta, Rossi dovrà rifare la preparazione. Intanto si mormora che abbia fissato allenamenti fino al 30 dicembre (compreso) e anche per il primo gennaio (però di pomeriggio). Che colpo per chi pregustava di

CUN ANTICIPO AUTO RIPARATA SENZA AL GALE, DA PAGARE. ASSISTENZA LE O DIRITTO. QUANDO OCCORE, E’ UN TU

inaugurare la nuova villa al mare o per chi sperava di andare a gozzovigliare in Sudamerica, tornando poi insieme ai Re Magi grazie a qualche sciopero aereo. Purtroppo la febbre comincia a salire. È vero che oggi la squadra ha uno Jovetic in più, ma ha in meno uno svincolato e qualcuno che vorrebbe già esserlo. E mentre i giocatori continuano a scusarsi e a dire che ce la metteranno tutta, che Rossi è un grande allenatore e così via − curiosamente le stesse cose dette quando c’era Mihajlovic − qualcuno dovrebbe avvertirli che bisogna iniziare la scalata ai quaranta, cominciando da stasera. Per poi cercare di buttarsi dietro le spalle l’ennesima delusione. Sperando, la prossima volta, di poter buttare via il termometro.

I NOSTRI SERVIZI: • Riparazioni certificate. • Servizio climatizzazione. • Tutela legale. • Gestione sinistri. • Auto sostitutive. • Consulenza assicurativa. • Lavaggio interni e tappezzeria

Via Cavalcanti 8/10/10 r, Firenze - Tel./Fax 055571389 www.carrozzeriagipierre.it info@carrozzeriagipierre.it


23

S TA D I O

Le probabili formazioni Fiorentina - atalanta Jovetic sembrerebbe recuperato. Montolivo no, così come Cassani. E allora Delio Rossi proverà con ogni probabilità a lanciare nella mischia dal primo minuto Salifu al centro della mediana con Lazzari vertice alto del rombo se opterà per il 4-3-1-2, come interno di centrocampo se sceglierà il 4-4-2. In ogni modo, dopo la buona prova di San Siro, il ghanese dovrebbe scendere in campo dal primo minuto. Promosso anche

1

BORUC

5

29

15

GAMBERINI

DE SILVESTRI

NASTASIC

85

6

17 SALIFU

BEHRAMI

21

8

LAZZARI

JOVETIC

23

PASQUAL

il difensore Nastasic che, dopo l’infortunio capitato a Natali in occasione del gol di Pazzini a Milano, potrebbe prendersi un posto da titolare al centro della difesa accanto a Gamberini. Formazione tipo, invece, per Colantuono che avrà a disposizione la squadra che nella prima parte della stagione è stata protagonista di un campionato strepitoso e, in particolar modo, del bomber Denis (10 reti), soprannominato come il nostro Santiago Silva “Tanque”, giocatore al quale la retroguardia gigliata dovrà fare molta attenzione.

FIORENTINA (4-3-1-2): Boruc; De Silvestri, Gamberini, Nastasic, Pasqual; Behrami, Salifu, Vargas; Lazzari; Jovetic, Gilardino. All.: Rossi ATALANTA (4-4-1-1): Consigli; Masiello, Lucchini, Manfredini, Bellini; Schelotto, Cigarini, Carmona, Padoin; Moralez; Denis. All.: Colantuono

VARGAS

11

GILARDINO

Arbitro: Peruzzo (sezione di Schio);

19

DENIS

22

PADOIN

6 BELLINI

17

11

MORALEZ

CARMONA

21

CIGARINI

5 MANFREDINI

Assistenti: Iannello – Bianchi;

7

SCHELOTTO

3 LUCCHINI

25 MASIELLO

47

CONSIGLI

DA NOI MANGIARE È GLAMOUR!

APERTO dal lunedi al venerdi PRANZO e CENA sabato solo a PRANZO

cel. 339

3021196 - 338 6660720 tel. 055 7322505 e-mail simone.gherdo@gmail.com Pagina Facebook Beagle di Casa Gherdovich Isolotto - Firenze

Quarto uomo: Candussio

ATMOSFERA IDEALE PER STARE IN COMPAGNIA

Carpacci, insalate, primi e secondi, ampia varietà di frutta e dessert.

FIRENZE Via del Ponte Rosso, 5/7/9 R Telefono 055 490772


24

17 dicembre 2011

Allo stadio di Luca Capanni

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

Furio Valcareggi, come essere ‘viola scuro’ La Primavera è l’architettura futura

Furio, ma che significa essere “viola scuro”?  «E’ molto semplice, il viola scuro è libero, ha la Fiorentina nella testa e nel cuore. Tutto qua, non ci sono tesseramenti, né gerarchie o altro».  Furio Valcareggi, fiorentino di piazza Santa Croce, agente di mercato nonché dirigente della Settignanese e, ovviamente, figlio di Ferruccio, indimenticato allenatore della Fiorentina e della Nazionale. Furio è anche l’artefice del tormentone “viola scuro” e dell’omonimo programma di Lady Radio. «Chi è viola scuro è innamorato di Firenze e la mattina si alza volentieri. La Fiorentina è un’estensione di Firenze, è il proseguimento di piazza della Signoria, del Ponte Vecchio, del Duomo… E’ un monumento anche lei, è una delle bellezze della nostra città».  Una metafora romantica e suggestiva che vale la pena sviluppare. La Primavera viola a quale piazza o monumento fiorentino è paragonabile? «La Primavera è una roba importante, è l’investimento per costruire qualcosa di bello e di grande. In poche parole è l’architettura futura, è come la Cittadella Viola».  Le partite della Primavera sono un “must” per un viola scuro? «Non è detto, non c’è da timbrare il cartellino. Siamo in tanti ad essere viola scuri, siamo tutti, purché attaccati alla Fiorentina e alla città. Personalmente non mi perdo una partita della Primavera ma non deve essere un obbligo».  Quanti e come sono i tifosi della Primavera? «Di solito siamo in seicento circa, più o meno sempre gli stessi. Poi, quando arrivano avversarie come

la Juve o l’Inter, il numero lievita. Il tifo è caloroso e incoraggia la squadra senza far polemiche; c’è gente di tutte le età e di tutte le categorie, un po’ come nella Maratona del ‘Franchi’. Il fatto che i ragazzi giochino in una struttura bellissima ma un po’ fuori mano, ovvero al ‘Poggioloni’ di Fiesole Caldine, forse limita un po’ l’affluenza. Un impianto più a portata di mano potrebbe invogliare i tifosi, e noi della Settignanese ci candideremo a ‘prendere’ la Primavera non appena avremo terminato i lavori di copertura della tribuna, cioè tra un paio di mesi».  Quali sono i giovani idoli viola? «E’ un bel gruppo, che sta maturando in fretta grazie ad un allenatore esperto come Leonardo Semplici. Il pubblico segue con attenzione Camporese, Babacar, Campanharo e Acosty. Quest’ultimo secondo me è vicino al salto in prima squadra, è un ottimo esterno che può far comodo considerando anche l’irregolarità di Cerci».  A proposito di giovani, come giudica le difficoltà del rinnovo contrattuale di Romizi? «Lui è assistito dal Gruppo Branchini, che negli ultimi tempi ha avuto dei problemi con la società per le questioni relative a Zanetti, al giovane Masi, a Frey e a Montolivo. Forse è sorta un po’ di antipatia fra le controparti, questo può succedere. Tuttavia, sia i procuratori di Romizi che il direttore Corvino sono persone navigate che sanno fare il loro mestiere, non vedo problemi insormontabili. Se l’intesa non arriva, generalmente è per una questione economica, inutile girarci intorno. Se Romizi chiedesse subito 250mila euro all’anno sbaglierebbe, ma questo i suoi agenti lo sanno benissimo. Probabilmente stipuleranno un contratto progressivo».  E’ d’accordo con chi vorrebbe un utilizzo mas-

PIZZERIA

Il Pipistrello dal 1981

Nell’ambiente accogliente e familiare del nostro locale potrete gustare diversi tipi di pizze e primi piatti. Tra le numerose varietà a disposizione, tutte cotte nel forno a legna e fatte lievitare naturalmente, LA PIZZA CON LA MOZZARELLA BUFALA è sicuramente la specialità e il maggior vanto dei nostri esperti pizzaioli.

più di

200 DI

TIPI A PIZZ

Altrettanto grande è la passione con cui i nostri cuochi preparano per voi, ogni giorno, e selezionando i prodotti migliori della nostra tradizione, diversi tipi di ottimi primi piatti, oltre che antipasti, pietanze della cucina toscana e gli imperdibili dolci della casa. Prepariamo anche PIZZE DA ASPORTO.

FIRENZE - Via Senese, 160 - Tel. 055.2048549 www.pizzeriapipistrello.com - chiuso il martedì -

siccio della Primavera in prima squadra? «Il calcio è strano, non ci sono regole. Comunque io inserirei questi ragazzi gradualmente e non in massa. A me piace fare la formazione il sabato, perché il lunedì col senno di poi è troppo facile. Ed il sabato preferisco sempre Vargas ad un ragazzo delle giovanili, tanto per fare un esempio. Se poi perdiamo, il lunedì sono avvelenato, ma dal martedì in poi penso già a vincere la prossima. E non penso mai a cacciare questo o quello, perché so che quando si caccia un allenatore, un dirigente o chicchessia, vuol dire che la Fiorentina sta andando male. Io voglio che la Fiorentina vinca sempre».  E così sia, l’Atalanta è avvisata…


S TA D I O

Vino sfuso bianco

Vino sfuso rosso

25


Salamanca dal 1996 è il TEMPIO DELLE TAPAS, più che di una pietanza precisa propone un modo di mangiare tipico degli spagnoli che si trascina fuori orario. Saltella tra un piatto ed un sorso di ottima SANGRIA. Nell’andar per tapas prevale l’ECLETTISMO DEL GUSTO, un piacere fatto di varietà ed assaggi, che rifugge la quantità e predilige la tavola come occasione d’incontro. Col passare delle ore il locale si trasforma in un autentico

DISCO-BAR LATINO.

o r t s e v l i S n a S i d Cenone Lotteria Serata con Dj e

MENU: 65 s€ona umi iberici Formaggi e Sal i d ix M r e rude Mix di Verdure C ap

aggio in crema di form e or fi ol av C e i ccol Sformato di Bro ne Sorbetto al limo ci o in crema di ce Insalata di polp ure con pesce Vellutata di verd ampagne Gamberi allo Ch ne Sorbetto al limo iano la ruco e parmig n co zo an M i d Tagliata lato Sufflè al Ciocco sone mante ogni 4 per u p S i d 1 e o in V 1 Bottiglia di

Per info e prenotazioni: Tel. 055 2345452 Via Ghibellina 80/R Firenze

www.salamanca.it


27

S TA D I O

QUANDO L’ORGOGLIO VALE DAVVERO PIU’ DI TUTTO

… ma c’è qualcosa che ti frena, è sempre il solito orgoglio che ti frega. Corri e fottitene dell’orgoglio, ne ha rovinati più lui del petrolio, ci fosse anche solo una probabilità, giocala giocala giocala…” <<Buongiorno, cari ascoltatori di Radio Senza Filtro. Questa settimana la trasmissione verrà trasmessa senza stacchi pubblicitari e in versione ridotta in segno di profondo rispetto per quanto è accaduto martedì scorso contro la comunità senegalese. Avete appena ascoltato  Giocala, di Vasco Rossi. E noi oggi dobbiamo giocarci l’ultima partita dell’anno davanti al nostro pubblico. Fiorentina e Atalanta, squadre diverse, ambizioni diverse e classifiche alla vista identiche. Sedici punti conquistati per le due squadre che si trovano a vagare nel limbo  del nulla. Né Coppe, né retrocessione. Ma, se non ci fosse stata la penalizzazione per il calcio scommesse, l’Atalanta sarebbe molto più  alto, al quinto posto addirittura e la partita di oggi quindi avrebbe  un valore del tutto diverso. Vincere vuol dire ripartire dalla brutta sconfitta di Milano, dove si è visto una volta per tutte che i ricambi non sono assolutamente all’altezza dei titolari. I giovani sono anche  meglio. Perché forse in quello che fanno c’è un pizzico di orgoglio in  più. Appunto l’orgoglio. Atalanta che con l’orgoglio ha superato lo scoglio della penalizzazione e merita ben altra classifica, la Fiorentina di oggi il cui orgoglio è una voce sparita dal vocabolario ma che nel passato ne ha fatto le fortune. Storie simili con finali diversi. Sei i punti di penalizzazione per la squadra di Colantuono, tre anni e mezzo per il giocatore simbolo, Doni. Una mazzata che avrebbe atterrito chiunque. Non loro. Che proprio spinti da tutta questa storia infilano un pareggio e tre vittorie all’inizio del campionato, che vuol dire senza il meno sei, vetta della classifica. E oggi l’Atalanta viene a Firenze con l’intento di fare risultato. Perché ormai oggi, spiace dirlo, risultato a Firenze pensa di poterlo fare chiunque. Il mordente, la passione e l’unità di intenti sembra  smarrita. Sono le individualità a fare la differenza e se queste  mancano si rischia spesso di fare figuracce, come a Milano. Ma quando la Fiorentina aveva meno diciannove punti all’inizio del campio-

nato 2006/2007, tutto questo non mancava. Ci volle qualche giornata per guardarsi negli occhi e decidere davvero quello che si voleva fare. Per se stessi, per una maglia, per una città. Alla fine, quella cavalcata portò alla qualificazione in Europa League che con quei 15 punti più (la penalizzazione era stata ridotta da 19 a 15 punti), sarebbe stata Champions. C’era Dainelli e c’era Liverani, c’era Mutu e c’era Toni, c’era Pazzolivo, c’era Ufo e Martino, c’era Prandelli. Sembra passata un’epoca. Nonostante alcuni dei giocatori che hanno vissuto quei momenti siano ancora vestiti di viola (Gamberini, Kroldrup, Pasqual,  Montolivo), le cose sono completamente cambiate. Fanno più discutere le  serate nei locali che le partite della domenica. Oramai a Firenze si parla di tutto tranne che di calcio. L’arrivo del nuovo allenatore ha ridato un minimo di entusiasmo, ha scosso qualcosa, ha portato una nuova spinta. Ma ancora c’è chi resta fuori perché è malato, quantomeno ufficialmente. E allora gennaio va sfruttato al massimo. Delio Rossi dovrà fare un grandissimo lavoro, scegliere chi resta e chi parte. Anche subito. Anche a poco. Ma questa squadra va ripulita da tutti quegli elementi che non solo non fanno il bene della Fiorentina, ma che la danneggiano. Con o senza Corvino, è lo stesso. O forse no. Bene gente, il tempo a nostra disposizione oggi è finito. Questa settimana  vi lascio con Overkill, di Colin Hay Band. E tutti allo stadio oggi, facciamo gli auguri a questa Fiorentina. Sempre che la squadra poi li faccia a noi nel migliore dei modi. Alla prossima!>>

Senza Filtro di Federico Pettini

Sgattaiolando fuori in tutta furia, Charlie per poco non si scontrò dietro l’angolo della palazzina con Jack, un ragazzo che aveva conosciuto la sera prima al pub. Una birra, quattro chiacchiere, una rissa nata e finita senza  troppo rumore. Un occhio nero e poco più. “Fai schifo”, il suo buongiorno. “Te non sei un fiorellino da cogliere nei campi”, quello di Charlie. Il telefono squilla. “Com’è che vieni a lavorare con quella faccia? M’hanno detto che non eri presentabile”. Era il direttore Calderone. “Sono cose che succedono”. “Ecco, non devono succedere.  Comunque volevo parlarti d’altro. Ci sarà una grande rivoluzione a gennaio. I fondi saranno tagliati e più della metà dello staff verrà fatto fuori. Quindi, se non vuoi essere tra questi, come lo sono anche io, vedi di non fare cazzate”. “Va bene, sono con un amico ora, la  chiamerò domani così mi spiega meglio. Ci devo fare l’abitudine a queste cose. Forse mai ce la farò. Sarà che sono troppo sensibile o  nella testa chissà che c’ho”, Charlie mise giù senza sprecare altro  tempo. “E’ solo dopo aver perso tutto che siamo liberi di fare qualsiasi cosa”, disse Jack, con calma, che poi continuò. “La pubblicità ci fa inseguire le auto e i vestiti, fare lavori che odiamo per comprare cazzate che non ci servono. Siamo i figli di mezzo della storia, non abbiamo né uno scopo, né un posto. Non abbiamo la grande  guerra, né la grande depressione. La nostra grande guerra è quella  spirituale, la nostra grande depressione è la nostra vita. Siamo cresciuti con la televisione che ci ha convinto che un giorno saremmo diventati miliardari, miti del cinema, rockstar. Ma non è così. E lentamente lo stiamo imparando. E ne abbiamo veramente le palle piene”. Charlie annuiva, riflettendoci su. Forse era davvero il momento di cambiare e di mollare tutto. Non prima però di essere andato allo stadio.

MET T IT I I N MO ST R A

con le maglie ufficiali dei tuoi campioni

Gadgets

Sciarpe Maglie

Palloni NON SOLO FIORENTINA... ma anche Juve, Inter, Roma, Napoli ecc...


IL MIGLIOR REGALO DI NATALE LO TROVI DA... COMPLEMENTI ARREDO GIOCHI

AMPIO PARCHEGGIO

PARURE BIGIOTTERIA

ABITI UOMO-DONNA

inoltreai troverBBI ADDO LIZI NATA

ALBERI DI NATALE

OROLOGI UOMO-DONNA

GRANDE OCCASIONE! COSMETICI

CASALINGHI

ACCESSORI DONNA

via Vittorio Emanuele, 41 Calenzano - FI cel. 328 2862222 - tel. 055 8869537


29

S TA D I O

I’ nonno Pilade dal nostro inviato in cantina

CONTRO L’ATALANTA METTETE LE CANDELE E FAE LE MACUMBE

Ovvia che, digerita co’ un barile d’Arka Sertzer la legnata di San Siro e si riparte pe’ la prossima. O icche tu ci vo’ fare? E gli è i’bello di’carcio, che i’ verso di’ rifassi e vien presto, a i’massimo una settimana. E gli arrivano a i’Franchi e’ nerazzurri taroccai, quelli di Bergamo, montagnosi e contadini, duri come e’ ceppi. Speriamo di rifassela con loro de’ dispiaceri che ci han dao e’ nerazzurri DOC. E un c’è miha tanto da scherzare perché ridendo e scherzando e gli arebben fatto se’ punti più di noi e, se e ci sono a pari gli è sortanto pe’ la penalizzazione che la gni vien da qui’ vizio di gioho che un si voglian leare. I’ gioho de’ tarocchi alle partite, non quello di’carcio. E gli hanno anche preso i’Tanche vero e quello fasullo e ce l’hanno lasciao a noi. Qui’

Dennisse che a Napoli e un movea tirella e anche a Udine e un n’è che abbia fatto sfracelli, e gli arria a Bergamo e marca a ripetizione! O va’ a capilli e Tanche! Bho? E basta che un marchi da noi e poi e po’ fare e’ miraholi che vole. E noi? Caravaggio e Nasello e sono ‘n restauro, speriamo che si ripiglino perché no la riedo buia. Senza loro e siam più spersi d’un cieco n’una sparatoria come e dihan e mi’ amici brasiliani. Anche perché quegli artri due che potrebben facci fare il sarto di qualità, iGGila e l’Inca, e seguitano a mandare a giohare e fratelli grassi e’ cugini scarsi. E allora come e si fa? Fae come e vi pare, mettete le candele e fae le macumbe, però co’ bergamotti e bisogna vincere e ci son pochi discorsi se no la faccenda e la si fa scura. Di tutta quella banda che l’ha preso i’Corvo quest’estate che ce ne fosse uno bono! E allora largo a’ giovani, perlomeno

Il Pungiglione

Pungo, pungo Franz  Beckenbauer, ex fuoriclasse tedesco, che si dichiara contrario  all’installazione di una telecamera sulla linea di porta, sostenuta dalla Fifa per evitare i ‘gol fantasma’. Beckenbauer ritiene che l’esperimento dei due arbitri supplementari sulla linea di fondo abbia dato esito positivo. “Sono d’accordo con Platini per i due arbitri supplementari. Il football è un gioco semplice con regole semplici, che vive di emozioni. La progressiva introduzione della tecnologia potrebbe prevaricare l’elemento umano del gioco”. La progressiva introduzione della tecnologia avrebbe come unico inconveniente, invece, per quelli come lui appartenenti alla “Casta”, di diminuire la possibilità di manipolazione delle

e si perde pensando a i’ domani. Basta con questa storia dell’antipatia pe’ Romme, Romulo e Romizi ‘n campo, ‘nsieme a Salifu, Nastasicce e i’Baba. Un ci fate riedere un’artra vorta i’sosia di Don Bachi, i’non risorto, i’marocchino e i’Tanche, pe’ piacere, e si son belle visti anche troppo e se Borucce e un la smette di andare a fa’ girate for da’ pali fori tempo e un si da’ i’ crosè a’ piedi e si lancia anche Neto che se un gioha alla fine e fa’ come l’ova anche lui. Linea verde pe’ la viola, armeno e si vedrà correre, speriamo. I’nonno ‘nvece e corre alle su’ bocce (sue, di lui, di qui’gobbaccio su che tanto e un se n’accorge preso come gli è dalle vertigini da primato, ora che un c’era più abituato). Bevuo di suo e gli è anche più bono, ma prima, come sempre, anzi più forte: Forza Violaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

partite importanti. E ne abbiamo doloroso e recente ricordo col famoso Ovrebo e gli abbracci in tribuna del Franz e di Platini. Una telecamera ed un replay avrebbero rotto le uova nel paniere, indubbiamente. Questa è almeno l’impressione che hanno da sempre dato tutti i tentativi, finora coronati da successo, di ritardare l’ingresso della tecnologia nello sport più popolare del 2000, dopo che è già entrata in tanti altri sport che muovono tanti meno soldi. E’ proprio questa la ragione? L’enorme quantità di denaro in gioco ha bisogno di essere “gestita” e non lasciata alla fredda ed imparziale decisione di un aggeggio elettronico? Molto meglio che a decidere sia l’“elemento umano del gioco”, manipolabile o anche solo fallace (magari occhiutamente fallace) come tutte le cose umane. Puncicatura profonda quindi al Franz, e senza rimorsi, già data in precedenza sull’argomento a Platini, a Blatter e a quanti altri reggono le sorti del calcio internazionale.

2A Strada Poggilupi 191 Terranuova Bracciolini Arezzo

Tel. 055 9199954

info@rexlapdance.com chiuso il lunedi

CENA SPETTACOLO € 25

CON LE NOSTRE SPECIAL EVENT PRESENTI ANCHE NEI GIORNI 22 - 23 - 24 - 25

I sapori Viola nell’ angolo di Firenze

Via Pisana 56/R - angolo via dellʼAnconella Tel. 055 224502

CENA SPETTACOLO € 35 INGRESSO € 25 CON CONSUMAZIONE


30 Mattinata Fiorentina di Chiara Baglioni

17 dicembre 2011

S TA D I O

Fiorentina - Atalanta

Renato Buso lancia Salifu: E’ GIA’ PRONTO PER STARE IN A

Chi meglio di Renato Buso conosce Amidu Salifu, salito agli onori della cronaca dopo la buona prestazione di sabato scorso contro l’Inter, uno dei pochi a salvarsi del gruppo viola. Sicuramente lo ha aiutato l’esperienza in B fatta col Vicenza, eppure Salifu,  centrocampista ghanese, è giovanissimo, classe 1992. Quando venne  acquistato nel gennaio 2011 in compartecipazione dal Vicenza, Buso lo  inserì immediatamente nella formazione titolare a formare la coppia di centrocampisti bassi con Agyei. La squadra della Primavera di Buso, già  ottima, con il suo inserimento fece un ulteriore salto di qualità che le permise di vincere la Coppa Italia e arrivare alla semifinali scudetto. Ma soprattutto Salifu dette l’impressione di avere già esperienza assicurando serietà e massimo impegno. Proprio Buso, il suo  primo allenatore in viola, spiega ai lettori del Brivido Sportivo le qualità ed i margini di miglioramento di questo ragazzo.  Come giudica la prova di sabato di Salifu contro l’Inter? «Mi fa piacere che sia entrato a Milano, anche se in una partita già compromessa. Ha doti fisiche importanti ed una buona tecnica. Con calma credo che Rossi lo  possa gestire bene ed inserire pian piano. Salifu ha fatto bene anche a Vicenza, ha già accumulato un po’ di esperienza. E’ un giocatore  importante che va gestito». In cosa può ancora migliorare? «Soprattutto la parte tattica: è molto ordinato in campo, ha  eccezionali doti fisiche, è veloce e robusto.

Ha grandi margini di miglioramento anche per quanto riguarda l’aspetto tecnico, ma questo è un giocatore di alto livello che potrebbe già giocare in serie A. Anche  se fare il salto di qualità dalla Primavera alla prima squadra non è semplice». Secondo lei, tatticamente, qual è il modulo che gli si addice di più? «Può giocare sia in un 4-3-3 come interno di  centrocampo, sia in un 4-2-3-1 ed era come lo utilizzavo io in coppia  con Agyei. Ha un discreto passo, è molto bravo nel contrasto e nell’aggredire, quindi secondo me non ha grosse difficoltà con il modulo adottato da Rossi». Lei che conosce entrambi perché Salifu è stato preferito a Romizi? «Anche se conosco meno Romizi, sono giocatori completamente diversi. Marco è un classico play basso dotato di un’ottima tecnica, Salifu tende più al contrasto, alla velocità e alla fisicità. Andrebbero fatti giocare insieme, uno non sostituisce l’altro». Invece rispetto a Daniel Agyei? «Salifu ed Agyei sono  simili, giocano veramente alla pari. Secondo me Salifu è stato scelto perché, avendo giocato già in B, è leggermente più avanti ma tutto  sommato si equivalgono. La preferenza è stata dettata dall’esperienza e dal fisico».  Da quando è arrivato Rossi ha visto miglioramenti nella gestione dei giovani? «Non credo che Mihajlovic abbia trascurato i giovani, anzi li prendeva in seria considerazione! Delio, essendo arrivato da poco, vuole vedere tutti, avere un quadro chiaro della situazione come è giusto

che sia. Anche in passato Rossi ha fatto ottime valutazioni sui giovani, nelle sue esperienze nella Lazio, a Palermo eccetera portando i ragazzi della Primavera in prima squadra. In generale il nuovo allenatore sta cercando di ridare entusiasmo e smalto alla prima squadra, cose che sono mancate in questa prima parte di stagione». 

l sconto de

% 0 1 lla carta l a ù n e a su m

ti li abbona per tutti g SPORTIVO O BRIVID Info & ne prenotazio tavoli

326

0571 913

via Della Pesa, 67 - Montelupo F.no


Firenze Nord Via Nobel, 8 Osmannoro (rotonda Ikea) - Tel. 055 318850 Scandicci Via dei Pratoni, 12 uscita A1/FI-PI-LI Tel. 055 7225521 Firenze Sud - Via Ambrosoli, 30 (L.no Dalla Chiesa) Tel. 055 671462

www.autoeur.bmw.it


Promozione ADDIO ADDIO NUCLEARE Promozione NUCLEARE Impiantofotovoltaico fotovoltaico 3kwp Impianto 3kwp “chiavi in mano” “chiavi in mano” con moduli SANYO ed SMA con moduli SANYO edinverter inverter SMA

€8.990,00 €8.990,00


Brivido Stadio speciale Fiorentina Atalanta