Page 20

segue dalla prima

Così come non possiamo dimenticarci che il Genoa straripante dei pronostici di qualche mese fa proprio adesso ha cacciato il suo tecnico-profeta e che pure il Palermo solo grazie al successo sui grifoni ha evitato un intervento di Zamparini. E’ la legge di questa strana stagione, nella quale nessuno vola via e nessuno ancora sprofonda nell’inferno calcistico. Certo la Fiorentina resta nel grigio limbo di un campionato pieno di infortuni, di interventi chirurgici e di malasorte. Oggi la Fiorentina di Mihajlovic è veramente ridotta all’osso, eppure qualche ridotto spazio di luce continua a fare capolino. Proprio la vittoria, che non è piccola, con il Chievo ha permesso di rivedere almeno per un tempo un buon Vargas. Non bisogna infatti mai dimenticarsi che Juan è uno dei motivi per i quali la Fiorentina di Prandelli ha saputo conseguire risultati importanti anche a livello internazionale. E anche quel gol più palo di Cerci ci hanno impedito di archiviare un giocatore di ventitre anni che sicuramente a volte fa arrabbiare per i suoi atteggiamenti in campo ma che ha qualità evidenti. Ora tocca proprio alla sua amatissima Roma, quella gestita da un tecnico, Ranieri, che faremmo bene a non dimenticare. Perché è stato l’unico a regalarci la bellezza di due trofei in rapida successione: la Coppa Italia e la Supercoppa Italiana. Prima, per altro, ci aveva permesso di traghettarci oltre la B con una vittoria nettissima nel campionato cadetto. Occhio quindi a uno così, un romano de Roma. Ma occhio pure a Mutu che magari all’Olimpico giocherà solo parzialmente, magari dandosi il testimone con Ljajic, ma anche il rumeno ha fatto il suo personalissimo passo avanti. Già perché è tornato al Franchi con il magone, sapendo di dover superare l’esame della gente. Quando ha sentito l’antico slogan: «Il Fenomeno l’abbiamo noi...» ha capito che era ancora possibile lottare insieme e si è commosso. Dunque ora la Fiorentina che sicuramente rischia in questa fase di campionato particolarmente difficile, può sperare di avere la forza per cercare dopo queste sue...piccole vittorie anche un grande successo. Su questi campi che sembrano impossibili.    

34,00 €

Gli orologi AVATAR sono disponibili presso: ZOPPINI STORE FIRENZE Piazza della stazione 48r Firenze e nelle migliori gioiellerie

Alessandro Rialti

L’Unghiata di Angela Giulietti

E’ tempo sprecato, per tutti i fidanzati, chiedersi perché tante donne quando Jose Mourinho appare in tv sembrano colpite dalla Sindrome di Stendhal. Ecco, appunto. Uno dei motivi è che Mourinho sa chi è Stendhal, e sicuramente ha letto almeno “Il rosso e il nero”....Se fosse solo un bell’uomo, dopo un’occhiata rapida la nostra attenzione calerebbe. E invece ci rapisce, ci affascina, è successo anche la settimana scorsa, al suo ritorno a

29,00 €

www.zoppini.com www.slavatar.it

MOU, IL SEX APPEAL DEL CERVELLO

Milano. Non è un bello dal sorriso un po’ anni ‘60 e “sapore di mare” stile Allegri. Non passa ore a scolpirsi il ciuffo come Cristiano Ronaldo. Non interpreta gag in tv come Totti. Non sbaciucchia la moglie in tv come fa Casillas con la sua bella (salvo poi dimenticarsi che Inzaghi è un attaccante e pure pericoloso, e passeggiargli davanti, stordito dalla fama improvvisa). No, Jose è intelligente, è presuntuoso quel tanto che basta, ride di rado

e lo fa a proposito. Dopo nemmeno due mesi che viveva a Milano aveva già una padronanza dell’italiano tale da consentirgli di rispondere in modo sarcastico. Si era preparato appena saputo dell’interesse di Moratti. Non è mai stato banale. Antipatico, forse. Esagerato. Ma poi, chi lo ha frequentato ancora non riesce a dimenticarlo. Non è solo uno che ha vinto, è uno che ha lasciato il segno. Non un tatuaggio, non un codino, non una gam-

ba depilata o una “tartaruga” mostrata alle telecamere che si pensa faccia tanto “fico”. Il suo sex appeal viene dal cervello, cari fighetti che scendete in campo più curati di noi donne. Possiamo anche esclamare “Oh, che carino”, ma quando diventiamo ebeti davanti alla tv è perché c’è qualcosa di più. C’è un uomo con una personalità prorompente. Talmente forte da oscurare la bellezza, che di certo non manca...

Brivido Sportivo n.39  

Il brivido sportivo del 9 novembre 2010

Brivido Sportivo n.39  

Il brivido sportivo del 9 novembre 2010

Advertisement