Issuu on Google+

anno

86 - n. 14 - Mercoledì 11 Aprile 2012

COP OMA IA GGIO

Passione d’oriente centro massaggio

Ristorante Pizzeria

Via Dante Alighieri 19 Sesto Fiorentino (Fi) tel. 055 3850220 rossopachino@gmail.com

orario: tutti i giorni 9.30/22.30 Settimanale

di critica e attualità sportiva

Fondato

nel

TEL. 055 4210073 Cell. 380 2118683 / 334 8441529 Via G. Leopardi, 82 Sesto Fiorentino (Fi)

1927

l’interno

al

A 6-7 pag.

LA RESURREZIONE

Brivido Stadio

FIORENTINA - Palermo

I Della Valle si sono ripresi la Fiorentina

Esclusiva Devis mangia:

“A chi non piacerebbe allenare la Fiorentina?”

12

a pag.

Esclusiva Fabrizio Lucchesi:

14

a pag.

“Fiorentina attenta a Miccoli e difendi Jovetic”

BEYFIN

.it

yfin

.be ww

w

la tempestività di un servizio a domicilio

A PREZZI STRAORDINARI

Il NUOVO SERVIZIO GPL IN BOMBOLE è abilitato anche per il centro storico e garantisce tempestivita’ nella consegna e PREZZI ASSOLUTAMENTE PROMOZIONALI. Per informazioni e ordini Tel. 334 2774455 La vendita diretta bombole GPL è attiva anche nelle stazioni di servizio Beyfin di: Firenze Via Rocca Tedalda tel. 055.690036 Scandicci Via Pisana Tel. 055.752475


Il Giardinodidi Il Giardino SVITAVVITA

SVITAVVITA vivi CoLoRAto!!

novità

Poltrone di ogni forma e dimensione, Per interno ed esterno,

naturalmente ... colorate!

ombrellone da Parete sPeCiale Per terrazzi. diametro 270 cm, braccio snodato

molto di Più di un grill,

una vera festa per la Bocca!

tanti colori

Con comoda borsa da trasporto

OFFERTA

0 € 498,0

ANCIO PREZZO L

ESEMPIO

0 € 299,0

0 € 108,0 vioLA! E CHE tiFAno R o n G Si LE oMAGGio PER

STRuTTuRE IN LEgNO E ALLuMINIO CON TENdE MObILI MOTORIZZATE esemPio: struttura in alluminio, 400x300 cm, colore a scelta, con tenda mobile motorizzata. Copertura garantita alla pioggia ed al vento. Possibilità di chiudere lateralmente.Completa di grondaia integrata nelle colonne.

un tocco di colore al tuo giardino tavoli, sedie e Poltrone in ferro verniCiati a Polveri in tanti bei Colori

,00 € 4.490 ,00

: € 490 ANTICIPO 0 A € 127,5 d E T A R 6 +3 si)

ESEMPIO dE LORE vER SEdIA CO PILAbILE SALvIA, IM

6 me (1° rata a ure Tutte le mis

€ 86,00

ELLE oFFERtE!! APPRoFittA D

PORTICATI IN LEgNO, CON COPERTuRE A SCELTA: CANAdESI, POLIPROPILENE, TELO PvC, LATERIZIO, CANNICCI esemPio: PortiCato in legno lamellare, 500x300 cm, con Perlinato spessore 20 mm, tegole Canadesi e lattoneria

PISCINA MORbIdA CON STRuTTuRA IN ACCIAIO, COMPLETE dI IMPIANTO dI FILTRAZIONE A SAbbIA E kIT MANuTENZIONE (MAdE IN ITALy) rettangolare 824X438x h150 cm

,00 € 3.700 ,00 +

,00 € 1.950 ,00 +

: € 200 ANTICIPO € 161,50 A d E T A R 24 i)

: € 450 ANTICIPO 0 A € 134,0 12 RATE d

6 mes (1° rata a

6 mesi) (1° rata a ure Tutte le mis

trasporto incluso nella provincia di firenze

PORTICATI E PERGOLE • CASE E CASETTE • MOBILI DA GIARDINO • GAZEBO • TENDE • LAMPADE • PISCINE, ACCESSORI E PRODOTTI CHIMICI FORNITURE PER BAR E RISTORANTI

www.svitavvita.it svitavvita@svitavvita.it

i prezzi sono iva inclusa

Tel./Fax: 055 8456648

800-989967


3

per tutti i nuovi clienti R A! LUCIDATURA CARROZZERIA E COMPLETA E LAVAGGIO AUTO P SUFERT 350€ 50€ DRAGONIUS F O offerta limitata alle prime 100 auto

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Via Gattinella 37 - Campi Bisenzio (Fi) Tel. 055.8985631 SOCCORSO STRADALE 24H Cell. : 3397477919

IL NUOVO PATTO DI SINDACATO (CALCISTICO) Ogni tanto serve la voce del ‘padrone’. E serve non solo e non tanto agli operai di qualche grande fabbrica, o ai collaboratori delle multinazionali. Serve anche agli strapagati calciatori, che spesso e volentieri hanno redditi tali da poter essere considerati aziende anche loro. Ascoltano quotidianamente gli allenatori, è vero; hanno direttori sportivi che li sorvegliano e gli sussurrano frasi che pensano (i ds) che possano essere magiche; le società ed i procuratori li circondano di lacchè di ogni tipo che soddisfano tutti i loro bisogni. Nonostante questo, però, c’è qualcosa che è ancora in grado di fare la differenza, soprattutto se manca, ed è l’autorevolezza di chi ha la proprietà della società e ti può far capire che in quello che fai, che poi è sostanzialmente correre dietro a un pallone e prenderlo a calci, c’è un senso e, soprattutto, c’è qualcuno al quale, più che a ogni altro, devi rendere conto. Per questo ritengo che sia stata fondamentale la presenza di Diego Della Valle in ritiro a Milano prima della partita di San Siro. Non ha vinto per quello, la Fiorentina, ma una differenza vera la si è vista. Non è stata la solita squadra, magari bellina, che gioca benino e perde spesso oltre i suoi demeriti (che ci sono comunque quasi sempre), ma ha avuto la convinzione e la cattiveria che le hanno consentito l’impresa. E’ una lezione, questa, che vale per tutti e forse vale di più proprio per il patron viola. Nei giorni in cui le cronache nazionali sono piene delle sue esternazioni sull’uscita dal patto di sindacato RCS, qualcosa di più importante di una squadra di calcio, an-

che Diego probabilmente ha capito che la Fiorentina era fuori brand. Forse durante la riunione della principale casa editrice italiana, mentre criticava apertamente chi la dirige, qualcuno gli ha sussurrato qualcosa sulla Fiorentina o forse è stato

lui a riflettere che quell’Ellkan (John) che stava criticando così apertamente lo può però, calcisticamente, guardare dall’alto in basso. Sia come sia, ha trovato le parole giusta e ridato vita ad una squadra morta. Ripartire da qui è un obbligo, fin da stase-

La 25a ora

di Luca Caneschi

ra contro il Palermo: mi piace pensare che quello di Milano sia il nuovo “Patto di sindacato” dei Della Valle con Firenze e con la Fiorentina. E che si possa tornare a gioire e a sognare, come ogni tifoso ha fatto sabato al gol di Amauri.  


4

DIRETTORE RESPONSABILE Michela Lanza direttore@brividosportivo.it REDAZIONE redazione@brividosportivo.it CONSULENTE EDITORIALE Alessandro Rialti

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Editoriale

di Alessandro Rialti

EDITORE E PUBBLICITà Salvini Editore srl Via S. Quirico 167 50013 Campi Bisenzio (Fi) tel. 055.9334666 Fax 055.9334667 info@salvinieditore.it GRAFICA E IMPAGINAZIONE Chiara Reggiani - grafica@brividosportivo.it

STAMPA Centro Stampa Editoriale srl Grisignano di Zocco (Vi) DISTRIBUZIONE distribuzione@brividosportivo.it

COLLABORATORI Alessandro Rialti, Luca Caneschi, Saverio Pestuggia, Michela Lanza, Ruben Lopes Pegna, Luca Capanni, Alfredi Verni, Federico Pettini, Chiara Baglioni, Alessandro Latini, Giampiero Tosi, Cristina Mattioli, FOTO La Presse

Oggi tutti al Franchi per una nuova alba viola

LA SPERANZA PASSA PER DELLA VALLE, TIFOSI, SQUADRA

La riva è vicina, bastano poche bracciate e finalmente la paura sarà archiviata. L’importante è adesso riuscire a continuare a insistere sui ritmi mostrati a San Siro. Quella vittoria può aver dato alla squadra la forza e la determinazione per tirarsi fuori da quel fiume di guai nel quale si era tuffata. Certo molto hanno contato le parole prima di Andrea e poi di Diego Della Valle, l’incontro con i tifosi e quello con la squadra, il patto per la salvezza, il cuore mostrato dai giocatori, la classe di Jovetic, il ritorno al gol di Amauri, il ritrovato De Silvestri. Ma ora bisogna chiudere la distanza e raggiungere la riva. Anche perché le promesse fatte dai patron della Fiorentina hanno finalmente riacceso tutte le speranze. Concludere bene questa stagione vorrebbe dire mettere in archivio le paure e le suggestioni negative e chiudere oltre le sbarre il partito della rottura e gli avvoltoi che Andrea Della Valle aveva visto volteggiare su quella Fiorentina che pareva morente. Ma a Milano è successo dunque qualcosa di importante, qualcosa che ha riacceso la gente e gli stessi Della Valle: il rapporto fra città e i proprietari viola è tornato ad essere vivo e questo, oltre ad aiutare la squadra a uscire da quel clima di

paura e sfiducia, ha restituito a tutti la consapevolezza che quel rapporto può essere ancora salvato. Si racconta che un ultrà viola ad Andrea Della Valle abbia detto: «Noi sogniamo ancora lo scudetto e sappiamo che lei e la sua famiglia potreste essere l’unica reale speranza per raggiungerlo…». Lo pensiamo anche noi, basta che scatti di nuovo la scintilla capace di accendere un gran-

de fuoco nella prateria del calcio. E’ un’occasione che crediamo Firenze non debba perdere. Per questo motivo insistiamo perché si possa davvero creare un tavolo per riavvicinare tutte le componenti della città: i Della Valle appunto, i tifosi, le istituzioni. Ma come sempre l’unica benzina giusta per accendere il motore della speranza la possono immettere i giocatori. Oggi si disputa una gara che conta non solo per la salvezza, che a questo punto è davvero molto vicina, ma anche per dare convinzione a tutti quelli che credono che il rapporto Firenze-Della Valle possa essere definitivamente ricucito. Per questo andare oggi al Franchi è un impegno giusto per tutti quelli che amano davvero la Fiorentina. A conquistare il successo sul Palermo può essere anche questo stadio, obsoleto, scomodo, che magari dovrà fare i conti pure con la pioggia. Però quello che più conta è che queste ultime bracciate potrebbero davvero condurci sulla riva e lì sedersi ad aspettare la nuova alba viola.

SOLDI SUBITO! Sgombero appartamenti, solai, cantine. Piccoli traslochi, smontaggio e rimontaggio arredi, trasporti in genere.

Serietà e prezzi modici

Chiama per un preventivo gratuito!

Tel.

333 4233131

www.carrozzeriamontesi.it

www.carrozzeriamontesi.it info@carrozzeriamontesi.it info@carrozzeriamontesi.it

..buOnA, CALDA e subITO !

Servizi Offerti

• Riparazioni eseguite su vetture di tutte le marche. • Utilizzo di ricambi originali.

• Autosostitutive gratuite. •

• Restauro auto d’epoca. Riparazioni eseguite su • Sostituzione vetri.

• Tagliandi e revisioni. • Lavaggio igienizzante per interni. • Convenzioni particolari per • Tagliandi e revisioni. aziende pubbliche e private.

• Lavaggio igienizzante

• Convenzionata Gruppo Allianz, per e interni. Fondiaria sai. vetture Genialloyd

1 7 1 7 . 055.70 171 7 . 1 7 . 5 05

Montesi

Servizi Offerti

• Autosostitutive gratuite.

Montesi

AUTOCARROZZERIA

LA PIZZA A DOMICILIO COn LATTInA In OMAGGIO

con i nostri menù risparmi fino a € 2,50

Valido per aziende e Uffici e acqUisti fatti in pizzeria Pizza classica + set posate + omaggio a scelta € 5,50 Pizza speciale + set posate + omaggio a scelta € 6,50

di tutte le marche. • Convenzioni particolari per Via del Pratignone, 80 Calenzano (FI) Tel/Fax 055pubbliche 8874083e private. aziende • Utilizzo di ricambi originali. via Antonio del Pollaiolo 188 - Firenze - www.superpizzafirenze.it orario: dal lunedì al venerdì 7.30-12.30 - 14.00-19.30 • Convenzionata Gruppo Allianz, • Restauro auto d’epoca. Genialloyd e Fondiaria sai. • Sostituzione vetri.

Via del Pratignone, 80 - Calenzano (FI) Tel/Fax 055 8874083 orario: dal lunedì al venerdì 7.30-12.30 - 14.00-19.30


sei liBero Di CHieDerle tUtto e Poi sCoPrire Di aVere aNCHe QUalCosa iN Più. • Più Versatile: 8 configurazioni dei sedili, 14 vani porta oggetti • Più sPaziosa: 5 posti per il massimo comfort a bordo • Più eCologiCa: nuovi motori TwinAir Turbo e Multijet II, Start&Stop • Più teCNologiCa: Blue&Me, TOMTOM Live 2, servosterzo Dualdrive

NUoVa PaNDa tUa Da 8.900 E + FiNaNziaMeNto CoN aNtiCiPo zero.

WWW.FIAT.IT

Panda Pop 1.2 bz 69 cv - prezzo promo €8.900 (IPT esclusa). Es. di Finanziamento con 1 anno di estensione di garanzia inclusa: Anticipo € 0, 72 rate mese €177,00, Importo Tot Credito €10.187,37 (inclusi spese pratica €300, Bolli €14,62, e servizi facoltativi SavaDna e Prestito Protetto per €972,75), Interessi €2.300,00, Importo tot. dovuto €12.763,67, spese incasso Rid €3,5 a rata, spese invio estratto conto €2,81/ anno, TAN fisso 6,95%, TAEG 9,21%. Salvo approvazione iniziativa valida fino al 30/04/12. Foglio Informativo su www.sava.it. Messaggio Pubblicitario a scopo Promozionale. Il Dealer opera, non in esclusiva per FGA Capital, quale segnalatore di clienti interessati all’acquisto dei suoi prodotti con strumenti finanziari. Consumi ciclo combinato: da 3,9 a 5,2 (l/100km). Emissioni CO 2 : da 99 a 120 (g/km).

Nome Concessionaria Via xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx tel. xxx-xxxxxx


6

ACQUISTO IN CONTANTI

PIAZZA DELLA CHIESA, 4 Sesto Fiorentino (Fi)

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Tel. 055 444153

cell. 338 4483467

ORO USATO

Dal patto stretto tra Andrea e i tifosi alla visita a sorpresa di Diego a Milano nel ritiro viola

L’evento

di Michela Lanza

Prima la salvezza poi il rilancio in Europa:

COSI’ I DELLA VALLE SI SON RIPRESI LA FIORENTINA Tre giorni. In soli tre giorni Diego e Andrea Della Valle si sono ripresi la Fiorentina e la stima di Firenze come ai vecchi tempi, come quando allo stadio veniva intonato il coro “Della Valle alè alè” che da ormai troppo tempo non si sente più. Nel momento più difficile della loro avventura a Firenze, più difficile ancora di quando appena arrivati dovettero affrontare una rinascita completa, più difficile della scalata dalla serie C2 alla A e, per certi aspetti, più difficile anche del caos Calciopoli visto che in tutti questi periodi a differenza di quello attuale c’erano unione di pensiero ed entusiasmo alle stelle da parte della città, oggi i Della Valle hanno mandato un segnale molto forte a tutti per ribadire con i fatti per chi non lo avesse capito a parole che loro ci sono ancora. Che non hanno intenzione di mollare. E per respingere al mittente ogni illazione relativa ad un loro disimpegno.

i

Disinfestazion

i Disinfestazioni Derattizzazion to volatili Allontanamen Derattizzazioni Firenze 4 Allontanamento tel. 05536844 volatili www.sberti.it

i.it sbert Firenzeinf - o@ tel. 055368444 www.sberti.it - info@sberti.it

ADV CHIEDE AIUTO. Andrea Della Valle, patron della Fiorentina, è arrivato a Firenze per un fine settimana lungo durante il quale ha voluto parlare con tutti i componenti del mondo Fiorentina. Ha parlato con l’ormai ex ds Pantaleo Corvino («Ha scritto pagine importanti e rimarrà fino a giugno per darci una mano  – ha detto di lui ADV – Anche lui sta soffrendo per questa situazione») , ha incontrato Delio Rossi e la squadra assistendo agli allenamenti e cercando di confortarla ma allo stesso tempo di scuoterla. Ha voluto parlare con il gruppo di giocatori per cercare di capire quali sono i problemi arrivando alla conclusione che non possono essere altro che di natura psicologica e non tecnica. Giovedì scorso, poi, alla fine dell’allenamento ha deciso di affrontare serenamente la stampa alla quale e tramite la quale ha mandato messaggi forti. Con chiarezza e senza remore ha chiesto aiuto ai tifosi per uscire fuori dalla lotta per non retrocedere «L’esperienza di periodi brutti come questo ce l’abbiamo (il riferimento è al campionato 2004-05 quando la Fiorentina si salvò all’ultima giornata di campionato ndr), ma verremo fuori sicuramente da questa situazione. Stiamo lottando per la salvezza, questa è una certezza. Dobbiamo cercare di capire perché giochiamo meglio fuori casa. Non è un problema tecnico, c’è da lavorare sulla testa dei ragazzi, che tra l’altro sono i primi a essere rattristati da questa situazione ma sono determinati a uscirne. Anche loro stanno soffrendo,

molti di loro sono orgogliosi e non è vero che non c’è personalità nel gruppo. Dopo aver parlato con loro un velo di ottimismo ce l’ho. Ma è chiaro che stanno subendo il nostro stadio, senza i nostri tifosi è tutto più difficile. Loro hanno le loro ragioni, non sto dando la colpa alla gente, ma dobbiamo essere tutti uniti. Paura della serie B? Non voglio nemmeno sentirne parlare. Rossi è determinato, ma quando uno non è sereno può fare anche degli errori. Se ci aspettavamo di più da lui ne parleremo a fine stagione, i processi adesso non servono a niente. Anche se è chiaro che se non ci fossero stati errori, non saremmo a questo punto. Gli errori li abbiamo fatti tutti a cominciare da me, ma spiegherò tutto a fine stagione. Dalla partita con la Juve in poi ci sarebbero da spiegare tante cose, ma aspettiamo ancora un mese e mezzo. Quella partita è una macchia che cercheremo di far dimenticare». DALLA SALVEZZA AL FUTURO. Il patron viola però non molla, rilancia. Prima la salvezza, poi un nuovo ciclo, nuovi investimenti, nuovo entusiasmo. L’obiettivo è tornare presto in Europa: «Mi viene da sorridere quando mi viene chiesto se la famiglia Della Valle ha voglia di investire ancora sulla Fiorentina... Mettere 30 milioni per poi lottare per la salvezza fa girare le scatole. Sono gli stimoli che non devono mancare e finché sentirò l’affetto dei tifosi la famiglia rimarrà perché la stima della gente è più importante di far

quadrare i conti. Le parole di Jovetic post Chievo sono state dettate dall’istinto del momento. Parole dette di pancia, ma la ricostruzione partirà da lui. Per quanto riguarda il nuovo direttore sportivo, lo comunicheremo a fine stagione. Abbiamo le idee chiare su tutto. E Diego tornerà allo stadio prima della fine del campionato». Al “se ci sei batti un colpo” non c’è dubbio che Andrea Della Valle abbia risposto battendo forte. TIFOSO TRA TIFOSI. Venerdì mattina intorno alle 12 Andrea Della Valle ha poi deciso di incontrare i tifosi (cinque rappresentanti della curva Fiesole, oltre al presidente del Centro Coordinamento Viola Club Filippo Pucci, a quello dell’Atf Valter Tanturli e l’ex presidente del Collettivo Stefano Sartoni). Un incontro al quale erano presenti anche il presidente esecutivo Mario Cognigni e l’amministratore delegato Sandro Mencucci, che è servito come non mai a restituire serenità, positività e stima reciproca tra la proprietà viola e Firenze. Tutti coloro che hanno assistito all’incontro ne sono usciti soddisfatti. Hanno riabbracciato un presidente ‘ferito’ da una situazione di classifica deficitaria e inaspettata, ma combattente. Un guerriero che ha parlato ai capi del tifo e ai leader degli ultrà con franchezza comprendendo le loro ragioni ma allo stesso tempo chiedendo loro di non abbandonare la squadra. Oggi col Palermo, parola d’onore, lo stadio sarà pieno e sosterrà i ragazzi di

PANIFICIO • PASTICCERIA • FOCACCERIA

AmICI dEl PANE

Pane, dolci e schiacciata calda anche il pomeriggio!

Via Agostino di Duccio, 36 -Tel. 055 700141 - Via di Scandicci (Torregalli) - Tel. 055 255998


PIAZZA DELLA CHIESA, 4 Sesto Fiorentino (Fi)

Tel. 055 444153

cell. 338 4483467

Rossi fino al 90’. Poi a salvezza ottenuta il via alla rivoluzione promessa da Andrea Della Valle nell’incontro costruttivo con i tifosi ai quali ha ribadito ancora una volta tutta l’intenzione della famiglia Tod’s di rilanciare il progetto con nuovi investimenti e tante novità a partire dalla dirigenza (si parla di molti volti nuovi, poi del ritorno di Andrea come presidente, nonché di un ritorno in grande stile di Diego il quale, da appassionato dell’immagine, aveva accusato probabilmente troppo il colpo ricevuto ingiustamente da Calciopoli). Il patron ha voluto metterci la faccia in prima persona e il gesto non poteva non essere apprezzato dal mondo del tifo viola che ha gradito forse come mai prima d’ora le parole da tifoso di Andrea Della Valle (riportate sabato scorso dal Corriere dello Sport-Stadio) «Noi non abbiamo che un interesse e un legame: i colori. Un amore senza incertezze. Un’adesione da sempre, una fedeltà assoluta». È arrivato il tempo di tornare a guardare avanti tutti insieme. L’ha capito Andrea Della Valle, lo hanno capito i tifosi.

7

ACQUISTO IN CONTANTI

ORO USATO

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

L’

sancito con un patto salvezza. Non c’è stato il consueto Precetto Pasquale, ma il ritorno a tutti gli effetti di Diego Della Valle. Il ritorno dell’ex patron, dell’uomo che con le sue parole ha restituito forza ad un gruppo intimorito e speranze nel futuro che per i più sembrava incerto e senza ambizioni. Inaspettatamente, tornando da un viaggio all’estero, venerdì ha voluto far visita alla squadra. Così si è presentato in hotel dove i viola alloggiavano vicino a Malpensa a Milano, in ritiro prima della gara con i rossoneri. La sua classe inconfondibile, il suo sguardo austero, le sue parole confortanti ma decise: una scossa improvvisa e gradita. Prima un lungo ma essenziale discorso alla squadra, poi la cena con tecnico e dirigenti. E l’aria intorno alla Fiorentina è sembrata di colpo cambiata. È come se un padre, di ritorno da un esilio forzato per motivi di lavoro, fosse tornato a riabbracciare i propri figli donando loro affetto e rassicurazioni, ma allo stesso tempo rimproverandoli per non aver adempito ai propri doveri in sua assenza: «Il mio motto è quello delle tre ‘D’: dignità, dovere, divertimento. Ma esattamente nell’ordine, in questo ordine assoluto. Ci siamo trovati davanti a una situazione che non ci aspettavamo e vi vedo troppo tesi – ha detto alla squa-

dra – Ci sono ancora otto evento partite (adesso sette, dopo di Michela Lanza quella di San Siro contrassegnata dalla grande impresa ndr) che dovete giocare con cuore e concentrazione. Eravamo partiti con altri obiettivi, abbiamo anche speso, ma adesso dobbiamo uscire da questa situazione e voi avete un tale curriculum per il quale dovete farcela… con la mano sinistra. L’obiettivo è quello finale, la salvezza. Poi ve lo prometto, ci divertiremo. Vogliamo tornare di nuovo a divertirci in Europa e perché no in Champions”. Con queste parole Diego Della Valle ha voluto rilanciare il progetto Fiorentina. Lui in prima persona come non succedeva da tanto tempo. Era dal 5 novembre del 2010 che il patron viola non incontrava la squadra. Era quasi un anno e mezzo che non spronava il gruppo, che non lo guardava negli occhi, che non lo bacchettava, che non lo coccolava. Erano diciassette mesi che la sua lontananza dalla Fiorentina pesava inconsciamente sui risultati della squadra. Senza Diego Della Valle la Fiorentina ha subito un calo psicologico e un lento degrado che l’hanno portata fino ad essere l’ombra di se stessa, troppo brutta per essere vera e con una classifica troppo bugiarda per le qualità della rosa che non saranno di primissimo ordine ma neanche pari a quelle di una squadra che lotta per non retrocedere. La Santa Pasqua ha restituito a Firenze la “voce del padrone”. Ha restituito alla città l’orgoglio ferito di Diego Della Valle. Il suo ritorno, gradito dalla tifoseria, è la ciliegina sulla torta di un fine settimana all’insegna del rilancio-Fiorentina. È il segnale più forte di una famiglia Della Valle pronta ad investire ancora, ad esserci ancora. Senza se e senza ma. Tutti insieme, ancora una volta Diego & Andrea. Ora, dopo l’inaspettato e per questo ancor più gradito e importantissimo successo ottenuto sul campo del Milan, non resta che il ritorno in coppia in tribuna d’onore come una ri-presentazione della proprietà. E poi il tornar a riveder le stelle.  

IL VENERDì… SANTO. Ma venerdì è successo qualcosa di più del pur sempre importante incontro tra Andrea Della Valle e i tifosi

Il Giardino di

sono arrivate le nuove offerte!!! LUN-SAB 9.30 DAL- 13.00 15.30 - 20.00

DA SCANDICCI - via Charta 77, N. 26-28 - tel. 055 7224344 30w% I AT IV neAL SONO ARR I SALDI! 80% DA ! SONO ARRIVATI TE RE OR ACC DA I SALDI! FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

DAL

30ET%E! I CORR AC SONO ARRIVAT I SALDI! 80% E! AL

ACCORRET

t-shirt twentisix

t-shirt donna silvian heach

9€ 45.99 €€ 44

CONVERSE

o € 99,00 solanzichè a soli

,00

CONVERSE

1€015 €

CAMICIA

solo anzichè € 39,00

anzichè € 89,00 a soli ,50

a soli

anzichè €CONVERSE 69,00 CONVERSE

€ 25€,00 44

anzichè € 99,00

,00 a solia€soli 45,00

anzichè € 89,00 a soli ,50

AL

FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

pantaloncino errea

€ 20 CONVERSE

JEANSsolo

FINO AD ESAURIMENTO SCORTE

DAL

30% 80%

anzichè € 99,00 a soli ,00

€ 45

CONVERSE

anzichè € 89,00 a soli ,50

€ 44

CAMICIA

anzichè € 39,00 a soli ,00

€ 15

JEANS

anzichè € 69,00 a soli ,00

€ 25

CAMICIA Direttamente daJEANS New York felpe ABERCROMBIE e FITCH

anzichè € 39,00 a soli ,00

€ 15

anzichè € 69,00 a soli ,00

€ 25

Direttamente da New York felpe ABERCROMBIE e FITCH

Direttamente da New York felpe ABERCROMBIE e FITCH ALLUMINIO

LUN-SAB 9.30 - 13.00 15.30 - 20.00 SCANDICCI - via Charta 77, N. 26-28 - tel. 055 7224344

LUN-SAB 9.30 - 13.00 15.30 - 20.00 SCANDICCI - via Charta 77, N. 26-28 - tel. 055 7224344

abbigliamento fashion uomo donna bambino

9.3015.30 - 13.00 15.30 LUN-SABLUN-SAB 9.30 - 13.00 - 20.00

- 20.00 SCANDICCI - via Charta 77, N. 26-28 - tel. 055 7224344

SCANDICCI - via Charta 77, N. 26-28 - tel. 055 7224344


O

A UT

I

A Firenze dal 1965

N IO

MOLIZ E D

PARADISO Demolire nel rispetto dell’ambiente

      

Ritiro e trasporto veicoli a domicilio Radiazione pratiche amministrative Smaltimento veicoli rottamati Magazzino ricambi usato selezionato Magazzino ricambi usato e nuovo Risposte rapide a prezzi concorrenziali Massima attenzione a ridurre l’impatto ambientale

i

Siamo a vostra disposizione per informazioni e preventivi.

Autodemolizioni PArAdiso Via Fornaccio, 1/c loc. Vallina | Bagno a Ripoli FI

tel. 055 696407 tel. 055 696434 tel/fax 055 696420

Vasto assoRtImento

ricambi auto

d’occasione

Il nostro magazzino computerizzato ci permette un rapido controllo di tutti i ricambi esistenti

info@autodemolizioniparadiso.it www.autodemolizioniparadiso.it


9

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Jovetic: vale 13 il primo gol di Stevan NELLA SCALA DEL CALCIO Un fuoriclasse autentico, un campione vero. Non ci sono altre parole per definire Stevan Jovetic, il valore aggiunto della formazione viola. E’ più che mai lui il giocatore intorno al quale ripartire per costruire la squadra che la prossima stagione dovrà tornare a lottare per l’Europa come è nei desideri della famiglia Della Valle e dei tifosi. Anche a San Siro il talento montenegrino è stato superlativo, come del resto lo era stato in tante altre partite e in tanti altri stadi importanti. Come non ricordare che quest’anno, con una sua prodezza, aveva regalato il temporaneo pareggio della Fiorentina allo Juventus Stadium lo scorso ottobre, quando in panchina sedeva ancora Sinisa Mihajlovic? Alla Scala del calcio Jovetic ha fatto 13. Tanti sono i gol realizzati in ventiquattro gare di campionato (con una media di 0,54 a incontro). Frantumato ormai ogni suo record in fatto di segnature (quello precedente risaliva alla stagione 2009/10 con 6 centri). E oltre alla rete del pareggio a San Siro ha confezionato anche l’assist (il terzo per lui in campionato) per il gol della vittoria di Amauri. Tra reti e assist siamo già a quota sedici. Se si pensa che la Fiorentina ha realizzato in totale 32 gol ciò significa che il talento montenegrino ha messo il proprio sigillo direttamente o indirettamente (con i suoi passaggi) nella metà esatta delle reti. Ecco quanto vale Jovetic, l’unico giocatore di questa squadra – non ce ne vogliano i suoi compagni – capace di far

sognare Firenze e di regalare ancora emozioni ma anche punti in classifica. La Fiorentina nelle sette partite che Jo-Jo è stato costretto a saltare per infortunio ha conquistato tre punti appena, frutto di tre pareggi. Non ha mai vinto senza di lui e questo la dice lunga sull’importanze del campione montenegrino. Sotto il profilo personale la sua stagione è

di Ruben Lopes Pegna

da considerarsi più che positiva. Ai gol segnati con la Fiorentina ne vanno aggiunti poi i due realizzati in Nazionale all’Islanda. Bisogna tra l’altro tenere conto del fatto che Jovetic veniva da un anno di inattività per il grave infortunio al ginocchio patito in allenamento a San Piero a Sieve nell’agosto del 2010. A San Siro l’ex capitano del Partizan ha ritrovato il gol dopo oltre due mesi: non segnava dal match con l’Udinese al Franchi dello scorso 5 febbraio quando aveva realizzato una doppietta grazie a due rigori trasformati. Da allora un lungo digiuno ma anche l’infortunio occorsogli nella partita con il Cesena del 4 marzo che lo aveva costretto a saltare tre gare consecutive tra cui quella disastrosa con la Juventus. E’ lui, senza ombra di dubbio, il leader della Fiorentina, il trascinatore vero. Non è certo un caso se nelle uniche due vittorie in trasferta della squadra viola in questa stagione c’è sempre stato il suo sigillo: prima di San Siro, la doppietta a Novara. E non è un caso neppure il fatto che quattro dei dieci gol siglati dalla formazione gigliata lontano dal Franchi portino la sua firma. Ora comunque i tifosi si attendono una nuova rete di Jovetic già stasera in occasione della sfida con il Palermo: se andrà a segno con i rosanero, come tutti si augurano, per lui si tratterebbe del decimo centro in campionato nel suo Franchi. Un bel bottino davvero.

Kharja: neppure l’aria da derby HA STIMOLATO L’EX INTERISTA Un mezzo gradino al di sotto dei suoi compagni. Non c’è dubbio che a San Siro la prestazione di Houssine Kharja sia stata più bassa di quella di tutti gli altri giocatori della Fiorentina. Il francese di nazionalità marocchina ce l’ha messa tutta in una gara che per lui era una sorta di derby, visto che da gennaio a giugno dello scorso anno aveva militato nelle file dell’Inter con cui aveva conquistato anche la Coppa Italia. Tuttavia, alla fine, ha deluso un po’ tutti. Schierato da Delio Rossi come interno destro, nel 3-5-2, si è dato indubbiamente da fare, impegnandosi al massimo ma i risultati, a dire il vero, non sono stati soddisfacenti. In fase di interdizione, in qualche modo, se l’è anche cavata ma è stato in fase di impostazione della manovra che la sua prova ha lasciato alquanto a desiderare. I suoi appoggi sono stati per lo più sbagliati. Ha finito così con il buttare via diversi palloni che avrebbero potuto trasformarsi per la Fiorentina in azioni offensive. D’altronde la stagione di Kharja purtroppo è stata quasi completamente negativa. Tra infortuni, sanzioni disciplinari (era stato multato e messo fuori squadra per essere andato a Milano dalla famiglia durante la settimana senza l’autorizzazione della società) e partecipazione alla Coppa d’Africa ha collezionato a San Siro soltanto il suo tredicesimo gettone di presenza per complessivi 497 minuti. In pratica è

L’Uomo in più

L’Uomo in meno

di Ruben Lopes Pegna

come se avesse disputato appena cinque incontri e mezzo. E solo quattro volte, compresa la gara di Milano, è entrato in campo dall’inizio. In nove occasioni è subentrato a partita in corso e in due è stato sostituto (contro i rossoneri da Olivera a sette minuti dal 90’). Insomma l’annata di Kharja è quasi da dimenticare. L’unico suo acuto rimane quello messo in mostra nell’incontro con il Parma al Franchi, quando fornì a Jovetic l’assist per il gol del tre a zero. Per il resto poco o niente. E la partita di San Siro ne è stata l’ulteriore conferma. Non che la sua prova sia stata disastrosa come è accaduto a tanti suoi compagni nel corso di questa brutta stagione. Ma rimane il fatto che nel giorno del trionfo viola contro la capolista del campionato Kharja non è riuscito a sfruttare l’occasione che Rossi gli aveva fornito per l’assenza di Montolivo squalificato dal giudice sportivo. Oggi con il Palermo quasi certamente l’ex giocatore dell’Inter e del Genoa tornerà in panchina. Magari potrebbe entrare in campo nel finale della partita. Quel che è certo è che la sua avventura a Firenze si concluderà tra poco più di un mese. E’ infatti assai improbabile che la Fiorentina lo riscatti dal Genoa, la società comproprietaria insieme a quella viola del suo cartellino. Eppure su di lui nell’agosto scorso c’erano tante aspettative, vanificate purtroppo dalle prove sul campo.   

CO.BRA.MA. srl Quando piccolo diventa Via Don Lorenzo Perosi, 4grande. - Scandicci (FI)

L’unica auto della sua categoria ad aver ottenuto entrambi i riconoscimenti.

tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it

CO.BRA.MA. CO.BRA.MA. srl srl

CO.BRA.MA. srl

Via Don Via Don Lorenzo Lorenzo Perosi, Perosi, 4 - Scandicci 4 - Scandicci (FI) (FI) tel 055-753371 tel 055-753371 Fax 055-7575484 Fax 055-7575484 www.cobrama.it www.cobrama.it scoprilo da CO.BRA.MA. srl Via Don Lorenzo Via Don Lorenzo Perosi, 4 - Scandicci (FI) Perosi, 4 - Scandicci (FI)

CO.BRA.MA. CO.BRA.MA. srlsrl

tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it

Via Don Lorenzo 4 - Scandicci(FI) (FI) Via Don Lorenzo Perosi,Perosi, 4 - Scandicci tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it tel 055-753371 Fax 055-7575484 www.cobrama.it


10

Ristorante Pizzeria Rosso Pachino

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Via Dante Alighieri 19 Sesto Fiorentino (Fi) tel. 055 3850220 rossopachino@gmail.com

A San Siro oltre alla vittoria

O’ Professore di Saverio Pestuggia

ANCHE SPUNTI TATTICI INTERESSANTI OFFICINA ORTOPEDICA avanzata tecnologia e alta specializzazione

Corsetti per scoliosi Ortesi pediatriche Tutori di arto inferiore Plantari su misura Protesi di arto inferiore Plantari propriocettivi PUNTO VENDITA

Viale G.B. Morgagni, 23 /r Firenze Tel. 055 410849

OFFICINA ORTOPEDICA

Viale Girolamo Fracastoro, 37 Firenze Tel. 055 4368799

www.ortopediarombifirenze.com

La grande vittoria di Milano non deve restare un’impresa isolata in questo campionato piuttosto desolante della Fiorentina. Rossi, a causa delle numerose assenze, è stato costretto a tornare alla difesa a tre con il supporto costante dei due esterni tanto che possiamo parlare di un 5-3-2 molto coperto, necessario quando vai a giocartela contro una compagine molto forte tecnicamente come il Milan. Al di là della vittoria, basilare per la classifica anche in virtù del netto risultato positivo del Lecce sulla Roma, la gara di Milano ha fornito alcuni spunti tattici interessanti. In difesa i due giovani Nastasic e Camporese non hanno sfigurato nonostante fossero opposti a Ibrahimovic e Maxi Lopez. A centrocampo Behrami è stato un muro invalicabile nella sua trincea centrale, affiancato da due mezza-

le piuttosto leggere come Lazzari e Kharja, ma capaci di proporre gioco al posto del classico regista centrale in questo caso dedito solo alla distruzione del gioco. Splendida è stata la prestazione di Lollo De Silvestri, vera e propria ‘macchina da guerra’ in fase difensiva e offensiva. Giusto sarebbe puntare su di lui per il finale di stagione per capire se la gara di Milano è stata solo un caso oppure un punto di ripartenza per il laterale romano che, prima

di perdersi, era arrivato fino alla Nazionale. In avanti abbiamo ammirato il solito Jovetic seppur non ancora, per sua stessa ammissione, al massimo della forma e poi un Ljajic uscito dal campo stremato dopo aver corso e lottato come non mai. Infine Amauri finalmente liberatosi dall’incubo del gol che promette di chiudere la stagione in crescendo.  Per la Fiorentina fu vera gloria? Col Palermo l’ardua sentenza.

MASSIMILIANO SOMIGLI IMPI

MILIANO SOMIGLI IMPIANTI

IL DIGITALE è ARRIVATO

È E R A I NG R ! A M I O DA N M O U GLA ATMOSFERA IDEALE

PER STARE IN COMPAGNIA

Carpacci, insalate, primi e secondi, ampia varietà di frutta e dessert.

Installazione e contratti SKY PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE impianti elettrici civili e industriali Installazione digitale terrestre Antenne tv e sat Impianti antifurto

37 Firenze Fagiuoli, Via G.B. 5178878 - 389 oli, 37 Firenze - cell. 339 5909518 5909518 cell. 339 5909518 - 389 5 - cell. 5178878 37 Firenze- 389 Fagiuoli, G.B.339 Via -mail: massimilianoimpianti@virgilio.it massimilianoimpianti@virgilio.it

E-mail: massimilianoimpianti@virgilio.it


Veronica Ciavardini dottoressa in tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione cinofila

11

cell. 334.2945150

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Che sorpresa nell’uovo di Pasqua: AMAURI SI SBLOCCA E RISORGE

Adesso è tornato davvero. Amauri Carvalho de Oliveira si è sbloccato nel momento più difficile della stagione, quando nessuno se lo aspettava e lo auspicava (nessun tifoso aveva previsto né pronosticato il gol del numero 11 a Milano al contrario di quanto fatto in tutte le sue precedenti partite in viola) ed ha regalato tre punti fondamentali alla Fiorentina grazie ad una vittoria inattesa come quella contro il Milan a San Siro, arrivata per giunta all’89’. 1° GOL ALLA PRESENZA N.11. Dopo dieci presenze in maglia viola e lo zero sul tabellino dei marcatori, chi aveva accolto l’italo-brasiliano con fiducia iniziava a spazientirsi, mentre i suoi detrattori iniziavano a marciarci su con la più classica delle esternazioni “Io l’avevo detto”. E allora, dopo aver mandato giù bocconi amari, dopo essersi sentito dare di ‘bidone’, di ‘giocatore finito’, dopo essersi visto riversare addosso seppur civilmente parte della rabbia dei tifosi dopo la sconfitta con la Juventus (lui che onestamente è stato l’ultimo dei problemi della Fiorentina 2011-12, fosse solo per il fatto di essere l’ultimo arrivato) e dopo essersi seduto in panchina a Milano per un’ernia inguinale che non gli ha permesso di allenarsi come dovuto nei giorni antecedenti la gara, ha finalmente reagito alla sua maniera: con un gol pesante quanto un macigno arrivato nel giorno della sua presenza numero 11 con la maglia della Fiorentina. Amauri è risorto e lo ha fatto alla Scala del calcio laddove i tre punti hanno il sapore di una doppia vittoria. Vederlo combattere con mestiere con Mexes, rubare palla, far partire l’azione e servire Jovetic per poi ricevere ancora dal montenegrino la palla della vittoria sui campioni d’Italia in carica non deve aver avuto prezzo per Amauri. Così come l’aver appreso di aver fatto godere un popolo (quello viola) come da troppo tempo non accadeva. Vedere la Fiorentina imporsi davanti ad avversari di tale livello, per giunta in trasferta, ricorda tempi lontani, troppo lontani.

MESSAGGIO A DDV. Quello che conta è che l’attaccante si sia sbloccato. Che sia arrivato il primo gol in viola e che da stasera si possa vedere un bomber rinato, risorto. Un po’ come la Fiorentina che con il ritorno di Diego Della Valle ha cambiato volto e atteggiamento. E poi quell’esultanza liberatoria davanti alla telecamera e quell’insinuazione sciocca alla quale il centravanti ha saputo rispondere con scaltrezza e intelligenza: «Il mio gol un favore alla Juve? No, un favore alla Fiorentina! – aggiungendo poi tramite il sito ufficiale Violachannel.tv – A pensare ad Amauri che fa un favore alla Juventus mi viene da ridere… Appena ho segnato ho pensato solo a mia moglie (alla quale ha dedicato il gol per il loro decimo anniversario di matrimonio, visto che i due si sono sposati l’8 aprile del 2002 ndr)». Ma a caldo, nel dopo partita di San Siro, il primo pensiero è stato per Diego Della Valle: «Ci venga a trovare più spesso». Non fa una piega: non è un caso se la squadra ha sfoderato una prestazione da campioni dopo la visita di Diego Della Valle. Non è un caso che i giocatori, soprattutto quelli che non l’avevano mai conosciuto (Amauri compreso), siano rimasti piacevolmente sorpresi dalla personalità e dal carisma di colui che col fratello Andrea è alla guida del club viola da 10 anni (a proposito di Andrea Della Valle, l’attaccante ha detto tramite il sito ufficiale della Fiorentina: «Ho parlato molto col presidente e mi ha fatto capire che avevo davanti otto finali per fare capire quanto io valga»). Nel mondo del calcio quasi niente è un caso, neanche il primo gol di Amauri da tre punti che di fatto ha semi-spalancato la porta della salvezza. In caso di mancata vittoria a Milano (come da copione, la vittoria della Fiorentina era data a 10) la Fiorentina oggi sarebbe a soli tre punti di vantaggio dal Lecce terzultimo in classifica (se non addirittura

'GATTILE AMA' DI BAGNO A RIPOLI - FIRENZE

www.amagatti.it

di Michela Lanza

a due come alla fine del primo tempo di sabato scorso) e la situazione sarebbe assai complicata e rischiosa. Ma con quel gol di Amauri i viola sono rimasti a 5 punti di vantaggio sui salentini inguaiando Parma e Genoa e con una partita di meno da giocare. Non ci resta che sperare che l’italo-brasiliano sia pronto per questo finale scoppiettante di stagione. BIS COL PALERMO?  Un finale che prevede sette partite (compresa quella di oggi contro il Palermo) e durante il quale l’attaccante dovrà provare a convincere la piazza delle sue ancor valide qualità tecniche e di finalizzatore. Non sarebbe poi così male se anche stasera, contro la squadra con cui si è consacrato ed ha messo in mostra numeri di alta scuola (basti pensare alla doppietta realizzata al Franchi nella stagione 2006-07 o al delizioso assist no-look per Miccoli al Barbera dell’8 dicembre 2007) tornasse ancora al gol. Per confermarsi e per dimostrare di poter ancora essere decisivo come in passato con la maglia rosanero, come un anno fa nella corsa-salvezza con la casacca del Parma. Talvolta non servono caterve di gol per convincere, ma realizzazioni mirate, determinanti. Amauri non è mai stato un bomber di razza (i 66 gol segnati in serie A in 248 presenze lo confermano), ma un attaccante che nell’undici giusto può diventare devastante in coppia con un fenomeno che una volta si chiamava Miccoli, poi Giovinco, oggi Jovetic. A Firenze non si è ancora visto molto di lui, se non tanto impegno e poca sostanza, ma da sabato qualcosa potrebbe essere davvero cambiato, almeno a livello psicologico. Oggi il fidanzato Amauri è pronto a dimostrare alla sua dolce metà (la Fiorentina) che non farebbe poi così male a fidarsi di lui. Che se solo gli concedesse le nozze, lui sarebbe disposto ad esserle fedele e a sorprenderla. Ma è presto per le partecipazioni, servono ancora un po’ di corteggiamento e qualche altro segnale di amore. Del resto una rondine non fa primavera e un gol, per quanto pesante possa essere, non significa ancora niente. C’è chi vuole essere assicurato circa la resurrezione dell’italo-brasiliano arrivata proprio sotto Pasqua (anche se non mancano coloro che dopo averlo ‘insultato’ sono già pronti a salire sul carro del vincitore). E allora che la colomba della pace porti ancora un suo gol, una sua esultanza. Che possa vincere il duello a distanza con l’altro grande ex del match Miccoli. Che possa finalmente tornare a gioire in uno stadio colmo di gente amica. E poi a giugno verranno tirate le somme e tutti capiremo se il benedetto matrimonio s’avrà da fare o meno…

U.S.P.A.

Studio Consulenza Automobilistica

Immatricolazioni Trasferimenti Variazioni

Pratiche auto e moto Assicurazioni Rinnovo patenti Bollo auto e moto

La Caravella rIS

TOrA

NTE pIZZEr

IA

mercoledì sera tutto peSCe A SoLi

€29

AL GATTILE DI BAGNO A RIPOLI-FIRENZE CI SONO BELLISSIMI E DOLCISSIMI GATTINI CHE SONO STATI ABBANDONATI SENZA PIETÀ, PER STRADA, NEL PERIODO ESTIVO. I MICINI CERCANO CON URGENZA UNA CASA E UNA FAMIGLIA CHE LI AMI PER SEMPRE! ADOZIONI FIRENZE E PROVINCIA, FIRMA MODULO ADOZIONE, RICHIESTA STERILIZZAZIONE

Per info O55-645255 dopo le ore 2O oppure 388-1O67914

Il Personaggio

lunedì e mercoledì sera 2 pizze + 2 bevute + 2 doLCi

Firenze Via Toselli 122/a

tel. 055 365691

orario: 9,00/13,00 15,00/18,30 lun/ven

€15 Via Del Gelsomino, 3 Campi Bisenzio

Tel. 0558997882


12

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

L’esclusiva

di Alfredo Verni

Antonucci Fabio falegname

Riparazioni a domicilio Vendita infissi e arredamenti su misura chiama!! 335 6347467

Parla il tecnico che, prima dell’esonero, alla guida del Palermo superò all’andata i viola 2-0

Devis Mangia: a chi non piacerebbe ALLENARE LA FIORENTINA?

Stasera tra le mura amiche del Franchi la Fiorentina si giocherà un altro pezzo di salvezza contro il Palermo. Il Brivido Sportivo ha contattato in esclusiva Devis Mangia, tecnico proveniente dalla Primavera del Varese ed ex allenatore del Palermo, squadra che ha guidato da settembre a pochi giorni prima delle feste natalizie (tutti ricorderanno il panettone che portò ironicamente in sala stampa durante una conferenza ndr). Tra i ricordi più belli c’è proprio la vittoria contro la Fiorentina al Barbera. Un tecnico, Mangia, che si è raccontato sulle pagine del nostro giornale analizzando la lotta salvezza dei viola e non solo. Devis Mangia, un anno fa tecnico della Primavera del ‘Varese dei miracoli’ (approdò alla semifinale del Torneo di Viareggio e conquistò il titolo di vice-campione d’Italia): che ricordi le ha lasciato quell’esperienza? «Ricordi bellissimi, ho vissuto dei momenti incredibili. Quelle sensazioni, quelle emozioni sono state uniche. Abbiamo fatto una cosa straordinaria, difficile da ripetere». Proprio con quella squadra il 9 giugno scorso ha compiuto una vera impresa nella semifinale del campionato Primavera contro la Fiorentina: tre espulsioni e la vittoria ai rigori. «Penso che sia stata la cosa più bella che abbiamo fatto lo scorso anno: una partita da cardiopalma, che si è conclusa in una maniera incredibile. La gioia di quella gara è

stata più forte della delusione per la sconfitta in finale. Quella partita fu un’impresa». Ci sono dei giovani viola che l’hanno colpita? «Ce ne sono tanti: Acosty, Carraro, Iemmello, Matos, Salifu e Camporese. La Fiorentina in questi anni ha costruito un grande settore giovanile, deve esserne fiera». Dall’Eccellenza alla Lega Pro, dalla Primavera fino ad arrivare in serie A. Ne ha percorsa di strada… «Dico sempre che la mia fortuna è stata quella di essere al posto giusto nel momento giusto. Le cose nella vita non arrivano a caso, ci devi mettere del tuo e un pizzico di fortuna completa il tutto». Sono passati un po’ di mesi dal suo esonero. A freddo cosa pensa del lavoro da lei svolto a Palermo? «Non posso esprimere un giudizio sul mio operato, quello lo lascio agli altri. Sono abituato a fare un’analisi nel complesso. Considerando tutte le dinamiche e le difficoltà che ci sono state, abbiamo fatto 20 punti in 15 partite: sono soddisfatto ma consapevole che si può fare sempre meglio». Nel girone d’andata al Barbera il Palermo s’impose per 2-0 sulla Fiorentina. Che squadra ricorda? «In quella partita ci comportammo bene, facemmo una buona gara. Dal punto di vista del possesso palla la Fiorentina fece qualcosa di più, noi avevamo diversi assenti, ma riuscimmo ad essere cinici sfruttando le occasioni e alla fine arrivarono i tre punti. La Fiorentina è una grande squadra che ha un ambiente di valore». La squadra viola si ritrova a dispetto delle previsioni d’inizio stagione a lottare per la salvezza. Sorpreso? «Nonostante le grandi qualità dei professionisti che ricoprono tutte le cariche della Fiorentina, dai giocatori ai dirigenti, ci sono delle stagioni che nascono in maniera sbagliata, sotto una cattiva stella e proseguono sempre peggio. Non si può però, per questo, mettere in discussione l’operato di tutti. Sicuramente ci saranno delle responsabilità ma non per questo deve essere tutto sbagliato».

Molti pensano che in un momento delicato come questo alla Fiorentina sarebbe servito più un allenatore psicologo che un insegnante di calcio. La ritiene una considerazione giusta? «La Fiorentina non andrà in B, ne sono certo. Rossi è uno degli allenatori più forti in Italia. Saprà sicuramente come gestire il gruppo. Chi può pensare di conoscere lo spogliatoio meglio di lui?». Cosa dovrà fare stasera la Fiorentina per mettere in difficoltà il Palermo? «Sono valutazioni che deve fare l’allenatore viola. La risposta l’avrà ben chiara in testa Rossi, non è giusto parlare di cose altrui anche perché sono abituato a parlare di situazioni che conosco». Lei è stato definito un grande motivatore, caricava i suoi giovani primavera con film e immagini adrenaliniche prima della partita. «Un conto è gestire una squadra Primavera, un altro è gestire una squadra di serie A. I calciatori professionisti trovano dentro di loro i propri stimoli, sanno leggere da soli il momento che vivono. Quelli della Fiorentina hanno chiaro il loro obiettivo». Le piacerebbe un giorno sedere sulla panchina viola? «A chi non piacerebbe? Un club prestigioso in una città bellissima, di cultura, che ha un passo in più. Penso che quella panchina sarà occupata giustamente per tanto tempo da Rossi. Ho avuto la fortuna di lavorare a Palermo e so che lì Rossi ha lasciato a tutti un grande ricordo, me ne parlavano tutti molto bene». Lo dice perché nella gara d’andata le ha fatto i complimenti? «Assolutamente no, lo dico perché è la storia che lo racconta. È una persona che ho sempre ammirato e stimato. I suoi complimenti erano disinteressati perché lui era già stato a Palermo. E’ stata una bella soddisfazione, per questo l’ho sottolineato». Stasera Fiorentina-Palermo: che partita si aspetta? «Sarà una sfida aperta, la Fiorentina deve cercare i tre punti, costi quel che costi, ma il Palermo non starà lì a guardare».


C’è una libreria differente a Scandicci! Nuova area area bimbi zona relax per fermarsi, leggere e gustare il tempo

Editoria varia

con i migliori titoli, le più importanti case editrici e gli autori del momento.

Unico negozio della zona con una completa offerta di editoria religiosa, una vasta gamma di icone, stampe, oggettistica sacra e per occasioni speciali

Si accettano ordinazioni per i titoli non presenti in scaffale Nuovo reparto libri dedicato a ragazzi ragazzi e ragazze ricco di titoli e di novità…

Orari di apertura: lunedì 15,30 / 19,30 dal martedì al sabato 9,00 / 12,30 e 15,30 / 19,30 domenica e festivi chiuso

Libreria “ LA COMETA” via Turri, 70/C - 50018 Scandicci 055.25.91.273 Mail: cometa@cometalibri.it - Sito Web: www.cometalibri.it


14

CodiCi TesTi professionali Manuali

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

L’esclusiva

di Cristina Mattioli

rivisTe giuridiChe TesTi universiTari TesTi per ConCorsi

servizio fotocopie e fax

Sconti Su tutti

i libri

Viale Guidoni 18c - Firenze tel./fax 055/0500451 - cell. 338/2252747 www.libreriaguidoni.com info@libreriaguidoni.com a 20m dal nuovo Palazzo di Giustizia di Novoli

L’ex dg viola presenta la sfida col Palermo e racconta rischi e prospettive

FABRIZIO LUCCHESI: FIORENTINA ATTENTA A MICCOLI E DIFENDI JOVETIC

La Fiorentina l’ha ‘guidata’ da direttore generale nel periodo più difficile della sua storia, quello della rinascita post fallimento. Dal 2002 al 2005 Fabrizio Lucchesi ha visto la squadra viola riconquistare passo dopo passo quella A che dalla serie C2 sembrava così tanto lontana. Degli anni nei quali la Fiorentina aveva perso la sua identità e la fierezza del suo nome, l’ex dg ha un bellissimo ricordo. Nella stagione 2004-2005, al suo primo anno di A sotto la gestione Della Valle, la Fiorentina neo promossa rischiò però di retrocedere in serie B, salvandosi solo all’ultima giornata di campionato. Chi allora meglio di Lucchesi, che lo visse così da vicino, poteva raccontare al Brivido Sportivo quel suo ultimo e travagliato anno in viola? La ‘sua’ Fiorentina si salvò all’ultima giornata di campionato battendo il Brescia al Franchi ma aspettando ansiosa anche il finale da altri campi, in particolare Lecce

dove anche il Parma si giocava la salvezza (Fiorentina, Parma e Bologna chiusero tutte a 42 punti: i viola si salvarono grazie alla classifica avulsa, gli altri due club andarono allo spareggio). Cosa ci racconta di quel periodo? «Quell’anno costruimmo una squadra che aveva come obiettivo un campionato di media classifica, visto che eravamo tornati da poco in serie A. Quel campionato avrebbe dovuto gettare un po’ le basi per la crescita della squadra affinché le stagioni successive fossero sempre migliori. Purtroppo però i risultati attesi non vennero e questo ci dava molte amarezze: inoltre avevamo la sensazione di ricevere molti torti a livello arbitrale, io addirittura presi quattro mesi di squalifica per aver protestato in merito alla gara Sampdoria-Fiorentina dove solo dopo otto minuti c’erano già stati espulsi due giocatori e uno ammonito. Vedevo che c’era qualcosa che non andava, ma più che lamentarci non potevamo fare. La squadra aveva delle buonissime potenzialità, tant’è che di quella rosa facevano parte Dainelli, Miccoli, Jorgensen, Donadel, Maresca, Chiellini… tutti giocatori che hanno fatto poi un’ottima carriera. Per fortuna l’annata finì e tirammo un sospiro di sollievo quando vincemmo contro il Brescia: era la salvezza. Successivamente Calciopoli ha dato un’altra chiave di lettura a quella stagione: dagli atti venne fuori che erano state date delle disposizioni affinché venisse fatta fuori la Fiorentina». Ci sono le analogie o differenze tra quella Fiorentina e quella di oggi? «Non vedo molte analogie, l’unica è una classifica deficitaria. Nel 2004-2005, pur essendoci una tifoseria non soddisfatta, non si ‘accaniva’ contro la squadra perché anche i tifosi, forse, si rendevano conto che c’era qualcosa che non andava. Non c’era poi astio nei confronti della società o nei confronti di allenatori e giocatori. Anche per i supporters, del resto, era il primo anno di ritorno in serie A». La permanenza in A della Fiorentina potrebbe avvenire anche per demeriti altrui? «Premesso che non credo che per la Fiorentina ci sia un rischio reale di retrocessione, pen-

sembra corretto. Molto dipenderà dal profilo e dall’impostazione strategica che verrà data al club viola. Se vogliono un manager a 360° gradi, si orienteranno verso un professionista con questa caratteristica, sennò sceglieranno un uomo che preferisca lo scouting alla gestione manageriale, rimanendo quindi sulla falsariga delle caratteristiche che aveva il precedente ds. Vediamo cosa decideranno i Della Valle». Parlando invece di mercato Jovetic è molto corteggiato dalle squadre inglesi, ma non solo. Secondo lei, se dovesse arrivare un’offerta importante alla Fiorentina, la società viola potrebbe cederlo? «Dipenderà molto dalla volontà della società come da quella del giocatore. Voglio però dire che nel mercato di oggi se arrivano offerte di un certo tipo è bene accettarle: cedere i propri atleti e ripartire con altri. Questo però è un discorso di carattere generale, la famiglia Della Valle poi farà le sue scelte. Comunque rinunciare a Jovetic in termini tecnici sarebbe molto pesante per la Fiorentina, perché è un giocatore di grandissimo talento». Si parla di una vera e propria rifondazione della squadra per il prossimo campionato. Lei da quali giocatori viola ripartirebbe? «Tutto dipenderà dagli obiettivi che si prefiggerà la Fiorentina, penso che sulla squadra ci sarà un intervento forte: per insoddisfazione di qualche giocatore o perché si ritiene giusto che qualche atleta cambi aria. Quello che è certo è che la società dovrà ripartire al meglio e di comune accordo con il tecnico che sceglierà il gruppo di elementi con cui lavorare». Visto che abbiamo parlato di rivoluzione, secondo lei la società viola punterà nuovamente su Rossi o preferirà affidarsi ad un altro tecnico? «Stimo molto Delio Rossi, è una persona capace, competente, che ha meritato la stima che riceve. Purtroppo quest’anno è stato ‘risucchiato’ da questa stagione così amara e travagliata, lui però non si è tirato indietro e sta cercando di rimettere insieme i cocci. Credo che sia un tecnico più che meritevole e che debba ripartire da zero rimettendosi in gioco, anche lui». 

so che possa riuscire a rialzarsi e ad uscire da questo momento di difficoltà anche grazie ai propri tifosi, che sono la forza di questa squadra. Credo che i viola dovranno puntare sui propri mezzi e non su cosa faranno gli altri». La Fiorentina del 2004-2005 aveva giocatori importanti (su tutti Miccoli, Maresca e Chiellini). Alla fine della stagione Chiellini tornò alla Juve così come gli altri due che non furono riscattati. Perché quella decisione? «Fu una decisione strategica quella di lasciare andare giocatori come Miccoli, Maresca e Chiellini, affinché si potesse in qualche modo rifondare la squadra, ma fu una decisione pagata anche a caro prezzo visto che molti di quei giocatori hanno fatto poi carriere molto importanti». Nel 2004-05 c’era un giocatore che portò la squadra alla salvezza: Fabrizio Miccoli. Stasera la Fiorentina se lo ritroverà davanti proprio come avversario e come pericolo numero uno. «E’ una brutta bestia (ride ndr). Miccoli è dotato di ottime qualità tecniche, è un giocatore imprevedibile che riesce a creare sempre molte difficoltà alle squadre avversarie. E’ un professionista eccellente che sta facendo molto bene con il Palermo. Non è un avversario facile da gestire». Dopo la pesante sconfitta interna con la Juve è stato annunciato l’addio tra la Fiorentina e Pantaleo Corvino. Pensa che la società viola abbia fatto la scelta giusta? «Sinceramente non lo so, io credo che tutti i cicli abbiano un termine e che quello di Corvino a Firenze fosse arrivato al capolinea. Sicuramente lui, insieme a Prandelli e alla società viola, ha raggiunto ottimi traguardi e fatto cose buone per questa squadra. Le ultime due stagioni, purtroppo, sono state avare dal punto di vista dei risultati e delle soddisfazioni. Il giudizio sui sette anni in viola di Corvino per me resta comunque molto positivo». In questi ultimi giorni sono stati fatti molti nomi su chi potrebbe essere il possibile sostituto di Corvino. Quali caratteristiche dovrebbe avere, secondo lei, il prossimo ds? «Un nome non glielo faccio perché non mi

A. & C. s.n.c.

Attività di puliziA SpECiAlizzAtA nei settori civili e industriali, militari, commerciali, turistici, didattici, sportivi il SiStEmA di QuAlità trovA in oltrE AppliCAzionE nEllE Attività di:

Scommesse Sportive

calcio • tennis • basket • altri sport

Conti on-line

poker • slot • casinò • corse virtuali

 Cristallizzazione dei pavimenti in marmo graniglia palladiana.  Trattamento di superfici in parquet.  Lavaggio pavimento cotto e pietra  Pavimenti interni ed esterni con soluzioni professionali - idropulitrice  Lavaggio e manutenzione di superfici tessili medio e piccole.  Giardinaggio e potatura  Facchinaggio

Via Chiantigiana, 92 - 50126 Firenze Tel. 055 64 02 93 - Fax 055 64 43 75 www.interno92.it interno92@gmail.com

Via S. Martino - Campi Bisenzio (FI) cell. 338. 7578991 / 338. 3010160 centropuliziemartino@virgilio.it tel/fax

Chiamaci!!! 055 8953270

5 to 5 I) t o i F G Via dicci ( 1 n 164 0 Sca 3 7

5

05 tel.

aperti tutti i giorni 10.30 /14:00 14:30/ 20.00 sabato 10.30/22.30 domenica 09.30/22.30


PER TE AMANTE DEGLI ANIMALI un nuovo punto di riferimento per i tuoi acquisti

O S S O X O OSS i & Co. r cani gatt e p li o c ti r A

noi siamo ...

Via Guido Biagi 1/R angolo Via della Rondinella - Firenze Tel. 055/3830449 mail. Ossoxosso@ymail.com

VIOLA! Riposare o gg i

tappezzeria a r re d o d ’ i n t e r n i tendaggi - tessuti divani letti - tende da sole p ro d u z i o n e d i m a t e r a s s i supporti anatomici 200 MQ. DI ESPOSIZIONE

Via A. deGasperi 22 - zona La Querciola - Sesto Fiorentino (FI)

055/4211167 - Fax 055/7189471

www.parigiflex.it - info@lparigiflex.it

CaFFÉ MoCaMbo ErEdi sCardigLi

snc

torrefazione artigianale Torrefazione artigianale produzione e vendita di caffé torrefatto in grani, macinato, in cialde e capsule vendita di cialde standard e.s.e. e capsule compatibili con vari tipi di macchine da caffé (LAVAZZA BLUE, LAVAZZA ESPRESSO

Autoservice

Romualdi

POINT, LAVAZZA A MODO MIO - NESPRESSO)

OFFERTA!!

AssistenzA Firenze centro

per tutto il mese di aprile presentando questo coupon nel nostro punto vendita avrete la possibilità di acquistare capsule compatibili Lavazza EsprEsso point biodEgradabiLi

Find

Your

a

Flavo

0,18 €

ur

Caffé Scardigli è un marchio della Caffé Mocambo Eredi Scardigli Snc e non è collegato in alcun modo a Luigi Lavazza Spa. Il Marchio Lavazza, Lavazza Blue, Espresso Point ed A Modo Mio sono marchi registrati dalla Luigi Lavazza Spa. Il marchio Nespresso è un marchio registrato dalla Societè Des Produits Nestlè S.A

vi aspettiamo

a Ginestra Fiorentina, Via Chiantigiana 59 tel. 3408717014 - cell: 3356086745 chiuso il lunedi mattina orari dal martedì al sabato: matt. 09.00/13.00-pom. 16.00/20.00

www.cialdecaffevendita.it

viA BernArdino telesio, 1, 50136 Firenze tel: 055674321 FAx: 055 6266294 info@autoserviceromualdi.it w w w. a u t o s e r v i c e r o m u a l d i . i t


Vela_200x150.indd 1

Daino Nero_A5.indd 2

La natura la storia l avventura

io sono ORIANA

io sono GRIFO

Info

05/04/12 09:13

05/04/12 09:13

320.9109998 • 0571 74865

Vieni a conoscere e a vivere la natura, come non hai mai fatto

WILD WACTHING

E insieme a tantissimi altri e FREE , siamo tutti amici nemici e competitori ma abbiamo trovato il nostro equilibrio, tu hai trovato il TUO? RICORDATI CHE LA NATURA E’ VITA, CONOSCI LA NATURA, CAPIRAI LA VITA.

io sono NERO

Io mi chiamo FREE e sono uno spirito libero che vivo molto vicino a te anche se tu non lo sai, Tu accarezzi consolle, usi telecomandi, il tuo telefonino è parte di TE... Ma da quanto non senti il vento o carezzi un albero, da quanto non ti fermi per cercarmi o per cercarti? Tu lo sai PUOI FARE A MENO DI TUTTO CIO’ CHE POSSIEDI MA NON POTRAI MAI FARE A MENO DELL’ARIA, DELL’ACQUA DEL SOLE, NON POTRAI MAI FARE A MENO DI ME IO SONO LA NATURA.

WILD WATCHING

05/04/12 09:13 Daino Nero_A5.indd 1

Perché è riposante, è economico, Perché è riposante, è economico, un bel modo perché tutto il viaggio una festa, perchéè tutto il viaggio è una festa, stare è più sicuro, perché nonsicuro, ci per sarà mai è più perché non in ci sarà mai una segnalazioneuna sulla patente, segnalazione sulla patente, compagnia! perché è soprattutto perché è soprattutto un bel modo per stare inmodo compagnia! un bel per stare in compagnia!

Il pulman una scelta intelligente, perché è riposante, è economico, perché tutto il viaggio è una festa, è più sicuro, perché non ci sarà mai una segnalazione sulla patente, perché soprattutto Il pullman: una scelta intellingente. Il pullman: unaèscelta intellingente.

cell. 320.9109998 tel. 0571 74865

Informazioni


) ) t

Veronica Ciavardini dottoressa in tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione cinofila

cell. 334.2945150

ATTENTI A SUPER MICCOLI,

17

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Il personaggio

di Michela Lanza

ex al veleno, leader rosanero, cuore leccese

La Fiorentina questa sera affronterà il Palermo, reduce dalla sconfitta interna con la Juventus e ‘complice’, insieme alla squadra viola, del sorpasso bianconero sui diavoli durante la giornata di campionato pre-pasquale. Proprio contro i siciliani la Fiorentina dovrà confermare quanto di buono visto a San Siro contro il Milan perché conquistare altri tre punti stavolta vorrebbe dire (quasi) salvezza e darebbe agli uomini di Rossi la serenità per concludere le ultime sei partite senza patemi d’animo e con la libertà di esprimersi al meglio senza pressioni. Perché accada tutto questo, però, c’è da sperare che l’effetto-Diego (Della Valle ndr) non sia già svanito e, soprattutto, c’è da limitare il pericolo numero uno della squadra di Mutti: Fabrizio Miccoli. Se c’è un giocatore che può spostare gli equilibri nell’undici rosanero è proprio lui. Se c’è un uomo che ha le capacità di pungere e far male ad una difesa avversaria è lui. Chiedere ad Amauri che ha giocato insieme al talento leccese a Palermo e che nel 2009 dichiarò: “E’ il giocatore più forte con cui abbia mai giocato. Del Piero? Per la continuità di tutti questi anni dimostra sempre di essere un campionissimo, ma Fabrizio ha doti veramente straordinarie”. Certo, ancora non aveva conosciuto Jovetic, ma Miccoli ha tutti i colpi per rimanere sul podio dell’amico Amauri. SPERANZE E RABBIA. Lo può confermare anche chi a Firenze lo ha visto giocare e impegnarsi con la maglia viola addosso. Era il primo anno di serie A per la Fiorentina dei Della Valle e Miccoli, arrivato in comproprietà dalla Juventus, disputò un campionato da leader scendendo in campo anche quando le sue condizioni fisiche non glielo

avrebbero permesso. Ma lui non voleva mollare, voleva esserci per la causa viola perché quella maglia in poco tempo aveva iniziato a sentirsela cucita addosso, così come aveva imparato ad amare senza risparmiarsi la gente di Firenze, una città nella quale si sentiva a suo agio. I tifosi della Fiorentina, del resto, sanno riconoscere i giocatori che spendono tutto per la maglia e non ci misero molto ad eleggerlo beniamino. Certo, per un attaccante l’impegno non basta per entrare nelle grazie di un popolo calcistico ed infatti Miccoli aggiunse ben altro: le reti. Il bomber tascabile grazie ai suoi 12 gol (con i quali conquistò lo scettro di re del gol della squadra viola 2004-05) prese per mano la Fiorentina e la portò alla salvezza in un anno decisamente sfortunato e difficile. Miccoli aveva messo in mostra tutte quelle doti che avrebbero potuto far comodo eccome alla Fiorentina del futuro: personalità, grinta, cuore, tecnica e fiuto del gol. L’attaccante sperava (e pensava) di aver conquistato la fiducia di tutti e che la società viola riscattasse l’altra metà del suo cartellino dalla Juve per formare la squadra del futuro intorno a lui. Non fu così. La Fiorentina considerò troppo esosa la richiesta dei bianconeri e andò alle buste dove offrì solamente 1,5 milioni di euro contro i 2 milioni della Juve che, dunque, se lo riprese. Miccoli per questa operazione, per la sua mancata permanenza in viola ci rimase molto male. Si arrabbiò molto con Pantaleo Corvino reo secondo il giocatore di avergli comunicato la notizia per telefono con un semplice “Siamo stati sfortunati”. Il numero 10 rosanero non ha mai mandato giù questa frase del suo ‘padre calcistico’ perché l’ha sempre ritenuta una scusa. Dal canto suo, la Fiorentina agendo come aveva agito, aveva dimostrato di non voler realmente puntare su di lui anche se Miccoli avrebbe pagato volentieri pur di rimanere a Firenze e diventare capitano della squadra dei Della Valle. Da qui nasce il suo astio nei confronti di chi non l’ha voluto trattenere in viola. Da qui nascono quelle esultanze ‘goderecce’ ai gol segnati contro la Fiorentina. Da qui, però, nasce quel sentimento che si chiama di odio-amore.  CITTADINO ONORARIO. Dopo aver dovuto lasciare Firenze e dopo un’importantissima parentesi in Portogallo nel Benfica, Miccoli ha trovato la sua identità a Palermo. È arrivato in Sicilia nella stagione 2007-08 e quello che sta per concludersi è il suo quinto campionato tra le fila dei

rosanero. In cinque anni è diventato il capitano, il leader , il simbolo, il talento numero uno della storia del Palermo nonché cittadino onorario di Corleone (comune in provincia di Palermo). Il giocatore più rappresentativo e più decisivo del club siciliano. I suoi gol sono valsi un terzo dei punti conquistati dai rosanero, le sue giocate hanno incantato il Barbera eleggendolo miglior giocatore e marcatore di tutti i tempi del Palermo (62 reti in 132 presenze nella massima serie, 67 reti in 146 gare in totale). Giocatore tecnico ma anche potente, imprevedibile e pure eccentrico, abile sui calci piazzati e nell’estrarre dal suo cilindro numeri ad effetto come i suoi (ahinoi) famosi ‘scavini’, rappresenta l’avversario da temere. Ai viola ha già fatto male in più occasioni, ma una sola volta al Franchi, ovvero nella stagione 2008-09 quando il Palermo si impose per 2-0 grazie alla sua rete e a quella di Simplicio. Quello che non è da sottovalutare, poi, oltre alla sua rabbia repressa nei confronti di quella che avrebbe voluto diventasse la ‘sua’ squadra, è il suo cuore salentino. Tutto il mondo del calcio conosce la sua fede giallorossa. Il Lecce è e rimarrà sempre la sua squadra del cuore e farebbe di tutto per dare una mano al club della sua città, a maggior ragione oggi che lotta per non retrocedere. Quella che disputerà Miccoli questa sera, dunque, sarà una doppia partita: da una parte vorrebbe castigare la Fiorentina e continuare ad impinguare il suo bottino di gol con la maglia del Palermo per onorare una stagione (quella dei rosanero) decisamente al di sotto delle aspettative, dall’altra parte vorrebbe segnare per il ‘suo’ Lecce, per non far allontanare troppo la Fiorentina dalla zona calda della classifica, per far sì che la squadra di Cosmi (l’allenatore che lo volle a Perugia e che lo fece esordire in serie A a 23 anni) possa avere più chance salvezza. Insomma, la difesa viola questa sera dovrà stare molto attenta al Romario del Salento (è così che Miccoli è soprannominato) perché scenderà sul terreno del Franchi con la sua solita grinta e col suo solito cuore. Ma soprattutto con le doti da numero 10, lo stesso numero che a differenza di molti giocatori che lo indossano senza le velleità per poterlo fare, Miccoli ha tatuato (è proprio il caso di dirlo…) sulla schiena.

SOLDI SUBITO! Sgombero appartamenti, solai, cantine. Piccoli traslochi, smontaggio e rimontaggio arredi, trasporti in genere.

Serietà e prezzi modici

Chiama per un preventivo gratuito!

Tel.

333 4233131

Fisioterapista Dottoressa

CHIARA CASTAGNOLI

Enoteca e Vino Sfuso VIA CHIANTIGIANA 236 - GRASSINA (FI) - TEL. 055 6461217 Massimo 338 1288266 - Danila 333 5907878 ilbaccodivino@libero.it - LUNEDÌ GIORNO DI CHIUSURA -

50012 GRASSINA Bagno a Ripoli (FI) Via Ponte del Lepri, 26

Telefoni: 338 1288266 (Massimo) 333 5907878 (Danila) E-mail: ilbaccodivino@libero.it

Rieducazione posturale, riabilitazione ortopedica, neurologica e patologie della colonna vertebrale Piazza dell’Indipendenza, 3 - Firenze Piazza Cairoli 7, - Pontassieve

cell. 333.3738921


18

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Amarcord

di Ruben Lopes Pegna

Antonucci Fabio falegname

Riparazioni a domicilio Vendita infissi e arredamenti su misura chiama!! 335 6347467

QUANDO CONTRO LIEDHOLM IL PALERMO FINI’ KO E IN B  Occhio al Palermo! E’ vero che la tradizione delle sfide tra viola e rosanero è favorevole alla Fiorentina che nelle venticinque partite giocate a Firenze in serie A ha ottenuto diciotto successi a fronte di un pareggio e sei sconfitte. E’ anche vero, però, che i siciliani si sono aggiudicati tre degli ultimi cinque incontri, compreso quello della passata stagione quando si sono imposti per due a uno (pesò, tuttavia, sul risultato l’errore dal dischetto di Ljajic che avrebbe permesso ai viola di pareggiare per due a due). Tra le vittorie della Fiorentina merita una citazione particolare quella ottenuta il 22 aprile 1973 alla quintultima giornata di campionato. L’allenatore svedese Nils Liedholm, alla sua seconda e ultima stagione in riva all’Arno, manda in campo per la sfida contro i siciliani la seguente formazione: Superchi; Roggi, Longoni; Scala, Brizi, Orlandini; Antognoni, Merlo, Desolati (Macchi dal 56’), De Sisti, Saltutti. La Fiorentina contro i rosanero cerca i punti necessari per andare in Coppa Uefa, mentre il Palermo è virtualmente già retrocesso tra i cadetti. La squadra viola si presenta all’appuntamento sulle ali dell’entusiasmo. E’ reduce, infatti, da due successi consecutivi, al Comunale con la Juventus per due a uno e a Vicenza per uno a zero. Nell’occasione Liedholm, privo per la terza partita consecutiva del centravanti titolare e goleador della squadra, il brasiliano Sergio Clerici, propone di nuovo al centro dell’attacco Claudio Desolati, che di solito viene impiegato come ala sinistra. Al posto di Desolati gioca, invece, Nello Saltutti.

E poi, come già avvenuto peraltro in altre gare, il barone svedese schiera Antognoni sulla fascia destra. La maglia numero dieci la affida, come consuetudine, a capitan De Sisti. L’incontro si mette subito bene per la Fiorentina, perché proprio “Antonio” dopo nove minuti realizza il gol del vantaggio. Per lui è il suo secondo centro con la maglia viola. Il Palermo comunque non demorde e cerca di riagguantare il pareggio. La partita rimane così in bilico per tutto il primo tempo. Nella ripresa, però, Nevio Scala, che da allenatore otterrà grandi successi alla guida del Parma, al 5’ segna il gol del 2-0. I siciliani a quel punto mollano e non riescono a reagire. Così dopo altri sei minuti appena Nello Saltutti sigla il gol del definitivo 3-0 (per lui è il terzo centro consecutivo dopo i gol alla Juve al Vicenza), prima di essere sostituito da Emiliano Macchi, nipote di Luciano Chiarugi. Al termine della stagione la Fiorentina si classificherà quarta, conquistando un piazzamento per la Coppa Uefa, mentre il Palermo, con il penultimo posto, retrocederà mestamente in serie B. 

SOLDI SUBITO! Sgombero appartamenti, solai, cantine. Piccoli traslochi, smontaggio e rimontaggio arredi, trasporti in genere.

Serietà e prezzi modici

Chiama per un preventivo gratuito!

Tel.

333 4233131

Biscotti di Prato Pasticceria produzione propria Guanciale lievitazione naturale Bozza pratese - Pane integrale Prime macine

FIOR

di

PANE

GRASSINA Via Costa al Rosso 28/32 tel. 055 640480


NOVITÀ ASSOLUTA IN TOSCANA. Il primo Privé che insieme all’eleganza ed alla raffinatezza unisce la libertà sessuale e la trasgressione in un ambiente unico ed accattivante. Per coppie, singoli e per tutti quelli che amano il sesso senza tabù.

L ’a m or e è un va lo re fo nd am en ta le. .. la lib er tà è un va lo re im po rta nt iss im o, qu in di .. . l’a m or e lib er o è in di sc ut ib ilm en te un va lo re

THE GAMER CLUB Via Della Querce 8/a, Campi Bisenzio, (Fi) Tel. e Fax 055 - 8974631 Claudia 331 - 7489838 Luca 331 - 7508795 entra@thegamerclub.it www.thegamerclub.it

www.margotclaudiadei.com


Vino sfuso bianco

A 21.12.11

1a GIORNATA

Vino sfuso rosso

R 29.01.12

4 0 0 4 0 6 2 3 0

1 2 2 1 0 1 2 3 0

Atalanta-Cesena Bologna-Roma Cagliari-Milan Inter-Lecce Lazio-Chievo Napoli-Genoa Novara-Palermo Parma-Catania Siena-Fiorentina

1 1 0 0 3 2 0 1 1

0 1 3 1 0 3 2 1 2

0

0

Udinese-Juventus

1

2

A 11.09.11

0 1 2 2 2 4 0 2 4 1

0 3 2 0 2 1 2 2 3 2

A 18.09.11

1

0

0

2

2

1

1

0

0

0

1

2

3

1

2

1

0

1

2

0

A 21.09.11

1 1 3 3 1 1 1 3 3 1

2 0 0 0 1 2 1 1 2 1

2a GIORNATA

R 01.02.12

Catania-Siena

1

0

Cesena-Napoli

0

0

Chievo-Novara

2 0 0 0 1 0 4 2

1 2 1 0 2 2 4 4

Fiorentina-Bologna Genoa-Atalanta Juventus-Parma Lecce-Udinese Milan-Lazio Palermo-Inter Roma-Cagliari

3a GIORNATA

Atalanta-Palermo Bologna-Lecce Cagliari-Novara Catania-Cesena Inter-Roma Lazio-Genoa Napoli-Milan Parma-Chievo Siena-Juventus Udinese-Fiorentina

4a GIORNATA

Cesena-Lazio Chievo-Napoli Fiorentina-Parma Genoa-Catania Juventus-Bologna Lecce-Atalanta Milan-Udinese Novara-Inter Palermo-Cagliari Roma-Siena

R 05.02.12

1

2

0

0

0

0

0

0

0

4

2

3

0

0

2

1

0

0

2

3

R 12.02.12

2 0

3 2

2

2

0

4

1

1

0 2 0 1 0

0 1 1 2 1

A 25.09.11

2 1 0 1 2 0 1 0 0 3

1 3 0 1 1 0 0 0 1 0

A 02.10.11

0 1 0 2 0 3 2 3 3 2

0 2 3 0 2 3 0 1 1 0

A 16.10.11

0 0 2 0 0 0 2 3 1 0

0 0 1 0 0 0 1 0 2 2

A 23.10.11

0 0 2 1 2 3 1 1 2 3

2 0 2 0 2 4 2 0 0 0

5A Giornata

Atalanta-Novara Bologna-Inter Cagliari-Udinese Catania-Juve Chievo-Genoa Lazio-Palermo Milan-Cesena Napoli-Fiorentina Parma-Roma Siena-Lecce

6A Giornata Cesena-Chievo Fiorentina-Lazio Inter-Napoli Juventus-Milan Lecce-Cagliari Novara-Catania Palermo-Siena Parma-Genoa Roma-Atalanta Udinese-Bologna

7A Giornata

Atalanta-Udinese Cagliari-Siena Catania-Inter Cesena-Fiorentina Chievo-Juventus Genoa-Lecce Lazio-Roma Milan-Palermo Napoli-Parma Novara-Bologna

8A Giornata

Bologna-Lazio Cagliari-Napoli Fiorentina-Catania Inter-Chievo Juventus-Genoa Lecce-Milan Parma-Atalanta Roma-Palermo Siena-Cesena Udinese-Novara

R 19.02.12

0 3 0 1 1 1 3 3 0 1

0 0 0 3 0 5 1 0 1 4

R 26.02.12

0 0 0 1 2 1 1 2 1 3

1 1 1 1 1 3 4 2 4 1

R 04.03.12

0 0 2 0 1 2 2 4 1 0

0 3 2 2 1 2 1 0 2 1

R 11.03.12

3 3 0 2 0 0 1 1 2 0

1 6 1 0 0 2 1 0 0 1

A 26.10.11

1 1 0 2 2 1 4 2 1 2

1 1 1 1 1 1 1 0 1 0

A 30.10.11

3 0 2 1 1 1 2 2 4 1

1 3 1 0 2 1 0 3 1 0

A 06.11.11

1 0 1 0 1 4 3 0 3 2

0 1 0 1 0 0 3 2 1 1

A 20.11.11

0 1 0 1 2 3 0 2 2 2

1 2 0 0 1 0 0 0 1 2

9A Giornata

Atalanta-Inter Cesena-Cagliari Chievo-Bologna Genoa-Roma Juve-Fiorentina Lazio-Catania Milan-Parma Napoli-Udinese Novara-Siena Palermo-Lecce

10A Giornata

Bologna-Atalanta Cagliari-Lazio Catania-Napoli Fiorentina-Genoa Inter-Juventus Lecce-Novara Parma-Cesena Roma-Milan Siena-Chievo Udinese-Palermo

11A Giornata

Atalanta-Cagliari Cesena-Lecce Chievo-Fiorentina Genoa-Inter Lazio-Parma Milan-Catania Napoli-Juventus Novara-Roma Palermo-Bologna Udinese-Siena

12A Giornata Bologna-Cesena Catania-Chievo Fiorentina-Milan Genoa-Novara Inter-Cagliari Juventus-Palermo Napoli-Lazio Parma-Udinese Roma-Lecce Siena-Atalanta

R 18.03.12

0 0 2 0 5 0 2 2 2 1

0 3 2 1 0 1 0 2 0 1

R 25.03.12

0 0 2 2 0 0 2 1 1 1

2 1 2 2 2 0 2 2 1 1

R 01.04.12

0 0 2 4 1 1 0 2 3 0

2 0 1 5 3 1 3 5 1 1

R 07.04.12

0 3 2 1 2 2 1 1 2 2

0 2 1 1 2 0 3 3 4 1

A 27.11.11

1 1 2 0 0 4 2 2 0 2

1 1 0 1 1 0 1 0 1 0

A 04.12.11

1 0 0 3 0 0 2 3 4 0

0 1 0 0 2 1 0 0 2 0

A 11.12.11

1 2 0 2 2 1 0 1 0 2

1 2 0 0 3 1 1 1 2 1

A 18.12.11

2 0 2 2 2 2 2 2 1 3

0 1 0 2 1 0 2 0 3 3

PARRuCChiERE uomo-doNNA / EStEtiCA- SoLARium BENESSERE-RELAx & SPA

e 12 Firenz anfani, 10/ F . P Via

553 1 3 4 055alice.it spa@ m arelax relaxspa.co ll ie z a a gr ll ie raz g www.

 Pressoterapia slimpress  Radiofrequenza Wonder Body RF  Aquaspa gold postazione polisensoriale  Epilazione luce pulsata

 Sensus macchina rassoda seno  La tisaneria nutrietica messegue  QQN dimagrimento passivo  Cosmetici Gil Cagnè

super sconti

20%

30%

40%

13A Giornata

R1

Atalanta-Napoli Cagliari-Bologna Cesena-Genoa Lazio-Juventus Lecce-Catania Milan-Chievo Novara-Parma Palermo-Fiorentina Siena-Inter Udinese-Roma

14A Giornata

R1

Bologna-Siena Catania-Cagliari Chievo-Atalanta Fiorentina-Roma Genoa-Milan Inter-Udinese Juventus-Cesena Lazio-Novara Napoli-Lecce Parma-Palermo

15A Giornata

R2

Atalanta-Catania Bologna-Milan Cagliari-Parma Inter-Fiorentina Lecce-Lazio Novara-Napoli Palermo-Cesena Roma-Juventus Siena-Genoa Udinese-Chievo

16A Giornata

Catania-Palermo Cesena-Inter Chievo-Cagliari Fiorentina-Atalanta Genoa-Bologna Juventus-Novara Lazio-Udinese Milan-Siena Napoli-Roma Parma-Lecce

R2


11.04.12

15.04.12

22.04.12

29.04.12

s o t r i n C o l I Spaghetteria - Pizzeria - Pub

Sempre aperto dalle ore 19 a tarda notte Pizza e primi da asporto - Cene per compleanni Pranzi su prenotazione e per gruppi sportivi

A 08.01.12

0 2 3 5 0 0 1 2 4 4

2 0 0 0 1 3 3 0 0 1

1 1 0 1 2 1 0 1 1 1

2 0 0 1 2 3 3 1 1 1

18A Giornata

R 06.05.12

Catania-Roma Cesena-Novara Chievo-Palermo Fiorentina-Lecce Genoa-Udinese Juventus-Cagliari Lazio-Atalanta Milan-Inter Napoli-Bologna Parma-Siena

A 22.01.12

0 0 0 2 2 0 5 5 1 2

R 02.05.12

Atalanta-Milan Bologna-Catania Cagliari-Genoa Inter-Parma Lecce-Juventus Novara-Fiorentina Palermo-Napoli Roma-Chievo Siena-Lazio Udinese-Cesena

A 15.01.12

1 3 1 0 3 1 2 0 1 3

17A Giornata

19A Giornata

Atalanta-Juve Bologna-Parma Cagliari-Fiorentina Inter-Lazio Lecce-Chievo Novara-Milan Palermo-Genoa Roma-Cesena Siena-Napoli Udinese-Catania

R 13.05.12

Via Vivaldi 45 - Scandicci - tel. 055 755689

CLASSIFICA - SERIE A PARTITA G OL RIGORE C F T C F T RF RC SQUADRE Pt G V N P G V N P G V N P M.I. R S R S R S T R T R Juventus 65 15 10 5 0 16 7 9 0 31 17 14 0 4 30 9 21 8 51 17 1 1 3 1 Milan 64 15 9 4 2 16 10 3 3 31 19 7 5 3 30 9 31 17 61 26 9 9 1 1 Lazio 54 16 9 4 3 15 7 2 6 31 16 6 9 -9 23 13 24 25 47 38 6 6 4 4 Udinese 51 16 11 4 1 15 3 5 7 31 14 9 8 -12 28 10 15 19 43 29 5 4 6 4 Napoli 48 15 7 6 2 16 5 6 5 31 12 12 7 -13 32 18 23 20 55 38 8 3 1 1 Roma 47 15 9 3 3 16 5 2 9 31 14 5 12 -14 31 15 18 26 49 41 3 2 7 7 Inter 45 16 7 4 5 15 6 2 7 31 13 6 12 -18 28 23 17 21 45 44 7 4 9 6 Catania 43 15 8 5 2 16 2 8 6 31 10 13 8 -18 21 10 20 31 41 41 9 8 4 4 Chievo 42 15 7 4 4 16 4 5 7 31 11 9 11 -19 15 14 15 25 30 39 3 2 7 4 Siena 39 16 8 3 5 15 2 6 7 31 10 9 12 -24 25 12 11 20 36 32 8 7 6 5 Palermo 39 16 10 1 5 15 1 5 9 31 11 6 14 -24 32 23 12 26 44 49 4 4 6 6 Cagliari 38 16 6 7 3 15 3 4 8 31 9 11 11 -25 20 14 13 24 33 38 6 6 3 3 Atalanta 37 16 7 6 3 15 3 7 5 31 10 13 8 -20 20 13 14 20 34 33 4 3 7 6 Bologna 37 16 5 4 7 15 4 6 5 31 9 10 12 -26 17 22 15 16 32 38 3 2 6 6 Fiorentina 36 15 7 3 5 16 2 6 8 31 9 9 13 -25 22 20 10 18 32 38 5 5 6 6 Parma 35 15 6 5 4 16 2 6 8 31 8 11 12 -26 25 19 14 31 39 50 6 5 5 3 Genoa 35 15 7 5 3 16 2 3 11 31 9 8 14 -26 23 18 19 39 42 57 6 5 9 8 Lecce 31 16 3 6 7 15 4 4 7 31 7 10 14 -32 21 24 14 23 35 47 6 6 5 5 Novara 25 16 3 8 5 15 2 2 11 31 5 10 16 -38 15 22 12 30 27 52 3 3 4 2 Cesena 20 15 2 6 7 16 2 2 12 31 4 8 19 -41 11 17 7 30 18 47 6 4 9 7

23 Ibrahimovic Z. (Milan), 20 Di Natale A. (Udinese), 19 Cavani E. (Napoli), 18 Milito D. (Inter), 17 Palacio R. (Genoa), 15 Denis G. (Atalanta), 13 Jovetic S. (Fiorentina), Klose M. (Lazio), 12 Miccoli F. (Palermo), 11 Calaio’ E. (Siena), 10 Di Michele D. (Lecce), Di Vaio M. (Bologna), Giovinco S. (Parma), Matri A. (Juventus), Osvaldo D. (Roma), 9 Borini F. (Roma), Nocerino A. (Milan), Pinilla M. (Cagliari), 8 Destro M. (Siena), Hernanes A. (Lazio), Lavezzi E. (Napoli), Lodi F. (Catania), 7 Hamsik M. (Napoli), Larrivey J. (Cagliari), Marchisio C. (Juventus), Muriel L. (Lecce), Mutu A. (Cesena), Rigoni M. (Novara) 6 Bergessio G. (Catania), Bojan P. (Roma), Budan I. (Palermo), Floccari S. (Parma), Pandev G. (Napoli), Pellissier S. (Chievo), Thereau C. (Chievo), Vu-

CLASSIFICA MARCATORI

cinic M. (Juve) 5 Acquafresca R. (Bologna), Basta D. (Udinese), Diamanti A. (Bologna), Gilardino A. (Genoa), Hernandez A. (Palermo), Jankovic B. (Genoa), Moralez M. (Atalanta), Paloschi A. (Chievo), Pazzini G. (Inter), Pepe S. (Juventus), Ramirez G. (Bologna), Robinho R. (Milan), Rocchi T. (Lazio) 4 Almiron S. (Catania), Barrientos P. (Catania), Boateng K. (Milan), Cambiasso E. (Inter), Cerci A. (Fiorentina), Conti D. (Cagliari), Legrottaglie N. (Catania), Lulic S. (Lazio), Marilungo G. (Atalanta), Maxi Lopez G. (Milan), Morimoto T. (Novara), Moscardelli D. (Chievo), Quagliarella F. (Juventus), Sculli G. (Genoa), Totti F. (Roma), Vidal A. (Juventus)

restaurodidiclasse classe Il Ilrestauro lascia osservare Ilche restauro Ilche restauro Il restauro Il restauro di classe diosservare classe di classe di classe sisi lascia

cheche siche lascia siche lascia si lascia si osservare lascia osservare osservare osservare

w w w m friffeirifirenrireenrzen zz. ize w w ww www www w.ww s...w isss.visi.ivav sivv am iaava m fm am ifm en e znn e ze . tie e..tii..ttiitt

RESTAURI INFISSIVERNICIATURA VERNICIATURA RESTAURI INFISSI RESTAURI INFISSI VERNICIATURA RESTAURI RESTAURI RESTAURI RESTAURI INFISSI INFISSI INFISSI VERNICIATURA INFISSI VERNICIATURA VERNICIATURA VERNICIATURA Via Macia, - 50041 Calenzano (FI) Via Macia, 2323 - 50041 Calenzano (FI)

Viatel. Macia, 23 - 50041 Calenzano (FI) Via Via Macia, Via Macia, Via Macia, 23 Macia, -23 50041 --23 50041 -23 Calenzano 50041 - Calenzano 50041 Calenzano Calenzano (FI) (FI) (FI)(FI) 055 8873101 fax: 055 8810224 tel. 055 8873101 -8873101 fax: 055 8810224 tel. tel. 055 tel. 055 8873101 tel. 055 8873101 055 8873101 fax: fax: 055 fax: 055 8810224 fax: 055 8810224 055 8810224 8810224 tel.E-mail: 055 8873101 fax: 055 8810224 RESTAURO info@sivamfirenze.it E-mail: info@sivamfirenze.it RESTAURO RESTAURO RESTAURO RESTAURO E-mail: E-mail: E-mail: info@sivamfirenze.it E-mail: info@sivamfirenze.it info@sivamfirenze.it info@sivamfirenze.it RESTAURO E-mail: info@sivamfirenze.it

VERNICIATURA

SOSTITUZIONE VETRI

NUOVI PRODOTTI

VERNICIATURA VERNICIATURA VERNICIATURA VERNICIATURA SOSTITUZIONE SOSTITUZIONE SOSTITUZIONE VETRI SOSTITUZIONE VETRIVETRI VETRI NUOVI NUOVI PRODOTTI NUOVI PRODOTTI NUOVI PRODOTTI PRODOTTI VERNICIATURA SOSTITUZIONE VETRI NUOVI PRODOTTI


Veronica Ciavardini

23

cell. 334.2945150

dottoressa in tecniche di allevamento del cane di razza ed educazione cinofila

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Le probabili formazioni Fiorentina - palermo Modulo che vince non si cambia, ma gli interpreti si. D’altra parte Delio Rossi è stato chiaro nel dire che le tre partite in una settimana incidono notevolmente nella scelta dei titolari, anche se oggi contro il Palermo sarebbe stato bello rimettere in campo gli undici che hanno espugnato ‘San Siro’ (Camporese a parte, che ha accusato una fastidiosa tendinite). Conferma dunque per il 3-5-2, nonostante che a livello tattico la partita potrà essere molto diversa rispetto a quella di sabato scorso. Contro il Milan la Fiorentina ha giocato inevitabilmente di rimessa (non poteva essere diversamente), lasciando ai rossoneri l’iniziativa per poi ripartire in contropiede. Questa sera la squadra di Rossi è chiamata invece a fare la partita, ad imporre il proprio gioco. Davanti a Boruc, la linea dei tre centrali sarà composta da capitan Gamberini (al rientro dopo l’infortunio), Natali e Nastasic. Il folto centrocampo dovrebbe essere composto da De Silvestri e Pasqual sulle corsie esterne, con Behrami, Montolivo e Lazzari al centro. In attacco ci sarà il rientro di Amauri dal primo minuto al fianco di Jovetic. Di ballottaggi ne resistono un paio, uno flebile e uno, al contrario, molto acceso. Il primo riguarda la fascia destra, con Cassani che è tornato a disposizione ma che dovrebbe accomodarsi in panchina. La splendida prestazione di De Silvestri a Milano merita continuità. Il secondo invece coinvolge Lazzari e Kharja, con il franco-marocchino che ieri è stato provato da Rossi fra i titolari. Possibile però che l’allenatore decida di affidarsi ancora una volta all’ex Cagliari sul centro-sinistra. Tanti indisponibili invece per il Palermo. Mutti ha lasciato a casa Silvestre, Migliaccio, Balzaretti, Acquah, Milanovic ed Aguirregaray e sembra orientato a schierare un 3-5-2 speculare a quello viola. In porta andrà il fiorentino e tifoso viola Viviano, mentre i tre centrali saranno Munoz, Mantovani e Labrin. Pisano è sicuro di un posto a destra nella linea di centrocampo, mentre a sinistra dovrebbe essere proposto Bertolo. Al centro sono sicuri di una maglia Donati e Barreto, con Della Rocca fortemente indiziato per giocare al loro fianco. In attacco Hernandez potrebbe essere preferito ad Ilicic per far coppia con Miccoli.

Fiorentina (3-5-2): Boruc; Gamberini, Natali, Nastasic; De Silvestri, Behrami, Montolivo, Lazzari, Pasqual; Jovetic, Amauri. All.: Rossi

1

BORUC

5

85 DE SILVESTRI BEHRAMI 8

ARBITRO: Doveri Assistenti: Iannello - Grilli IV uomo: Giacomelli

Sesto Fiorentino (Fi)

VIA BOCCHERINI, 5 Firenze

Telefono 055 444153

cellulare 338 4483467

23

PASQUAL

11

10

18 LABRIN

21 LAZZARI

AMAURI

11

HERNANDEZ

MICCOLI

5 BARRETO

Nastasic

18 MONTOLIVO

JOVETIC

14 BERTOLO

16

NATALI

29

Palermo (3-5-2): Viviano; Munoz, Mantovani, Labrin; Pisano, Della Rocca, Donati, Barreto, Bertolo; Miccoli, Hernandez. All.: Mutti

PIAZZA DELLA CHIESA, 4

14

GAMBERINI

23

DONATI

2

MANTOVANI

1

viviano

7

DELLA ROCCA

6

31

PISANO

MUNOZ


24

FIOR

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Intrecci di MERCATO di Alessandro Latini

di

PANE

Biscotti di Prato - Pasticceria produzione propria Guanciale lievitazione naturale - Bozza pratese Pane integrale - Prime macine

GRASSINA Via Costa al Rosso 28/32 - tel. 055 640480

Shopping sulla ruota Firenze-Palermo:

AFFARI, FURBATE E QUEI 500.000 DI MICCOLI

Una crescita parallela, che dalla serie B ha portato Palermo e Fiorentina in Europa. Zamparini non si è tolto le soddisfazioni dei Della Valle in Champions League, ma le ambizioni non gli sono mai mancate. E’ proprio per questo che le piste di mercato delle due squadre si sono intrecciate più volte nel corso degli anni. Spesso gli stessi obiettivi hanno portato a litigare le due società, come quando entrambe piombarono su Zdravko Kuzmanovic, giovane mediano serbo del Basilea. Zamparini aveva fatto visitare la città al giocatore, lo aveva sedotto e dava già per scontata la firma del contratto. I dirigenti rosanero non avevano però fatto i conti con Corvino, che strappò letteralmente il giocatore alla concorrenza e lo mise a disposizione di Prandelli il penultimo giorno di mercato della sessione invernale nel gennaio 2007. Le polemiche si fecero subito roventi. Da Palermo accusavano Corvino di essere uno ‘sciacallo’ e di aver corrotto il padre del giocatore. Il ds viola rispose da par suo: «Meglio essere uno sciacallo che un pollo. Se Foschi ha detto che ho dato dei soldi al padre faccio finta di non aver sentito, siamo amici da trent’anni e ci accomunano sette by-pass. Senza contare che per corrompere la gente ci vogliono soldi in mano e la mia proprietà ha altri progetti». DA FOSCHI A CORVINO. Eppure i due (Foschi e Corvino) di affari insieme ne avevano già fatti, come quando nel 2005 il ds viola si mise in testa di portare a Firenze il centravanti italiano più prolifico di quel periodo: Luca Toni. Corvino comprese che il talento di quel ‘pennellone’ un po’ scoordinato stava per sbocciare definitivamente, chiese 10 milioni di euro ai Della Valle e li versò nelle casse di Zamparini, che in principio non deve essersi reso conto di aver lasciato andare il futuro centravanti della Nazionale, nonché vincitore della classifica dei marcatori e della Scarpa d’Oro. Toni realizza 33 gol nella sua prima stagione a Firenze (31 in campionato e 2 in Coppa Italia) battendo il record di gol segnati in un solo campionato che apparteneva ad Hamrin e Batistuta, leader a pari merito fin lì con 26 centri. La sua stagione è esaltante, trasforma in oro tutto quello che tocca, anche se il suo ritorno a Palermo lo ricorderà per sempre in senso negativo. I palermitani lo ritengono un ‘traditore’ e il 30 aprile 2006 viene accolto come il peggiore dei nemici. Striscioni offensivi e fischi assordanti ogni volta che tocca palla, la gente si reca allo stadio addirittura munita di fischietto. Ma gli affari fra le due società non finiscono qui, perché esattamente un anno dopo arriva a Firenze anche Mario Alberto Santana. Un esterno chiesto da Prandelli, veloce e dotato tecnicamente, che ha la pecca di essere fragile come un cristallo di Swarovski. La sua parentesi fiorentina è in ogni caso positiva. Mette insieme 108 presenze arricchite da 15 gol, ma soprattutto si ritaglia un ruolo di cui Prandelli non può fare a meno per buona parte della sua esperienza in riva all’Arno. Il tecnico plasma Santana e lo fa diventare un ‘trequartista

di contenimento’. Un giocatore offensivo con precisi compiti in fase difensiva, una sorta di ossimoro calcistico che ha fatto le fortune della Fiorentina. L’ultimo a risalire la penisola e a fermarsi a Firenze è stato Mattia  Cassani, terzino destro in prestito con diritto di riscatto, che la Fiorentina dovrebbe esercitare la prossima estate. Cassani è stato uno dei pochi a salvarsi nel corso di questa stagione pur non facendo cose trascendentali. Nel ruolo non sembrano esserci interpreti tanto migliori di lui, ecco perché tutto lascia pensare che la Fiorentina verserà al Palermo i 5 milioni di euro necessari per il suo riscatto. PERCORSO INVERSO. A fare il percorso inverso sono stati invece Federico Balzaretti e Fabio Liverani, che sono approdati entrambi in Sicilia nel 2008: l’esterno a gennaio e il regista in estate. La parentesi a Firenze di Balzaretti non è indimenticabile. Corvino lo preleva dalla Juventus e lo mette a disposizione di Prandelli per la fascia sinistra, ma l’allenatore bergamasco gli preferisce talvolta Pasqual, talvolta Gobbi. Balzaretti viene impiegato 11 volte nella prima metà della stagione 2007/2008 e la scarsa considerazione da parte di Prandelli (evidenziata da ripetute tribune) lo spinge a chiedere la cessione al Palermo già nel mercato invernale. Corvino lo vende alla stessa cifra che aveva pagato per averlo (3,8 milioni di euro), non incidendo in modo negativo sul bilancio viola. Fabio Liverani invece lascia Firenze dopo aver scritto pagine importanti. E’ il perno del centrocampo, il gioco della Fiorentina passa quasi ed esclusivamente dal suo sinistro nelle stagioni che portano i viola a disputare una sontuosa Coppa Uefa e a raggiungere la qualificazione in Champions League. E’ grazie alla sua esperienza che Riccardo Montolivo matura e cresce dal punto di vista tattico. Anche nel suo caso Corvino non ci ha rimesso niente. Lo aveva ingaggiato a parametro zero dalla Lazio e lo ha lasciato andare senza rinnovo del contratto al Palermo due stagioni più tardi, dove ha trovato ad allenarlo Delio Rossi, uno che ha apprezzato particolarmente il suo modo di giocare. HA SCELTO IL DESTINO. Ma c’è un altro giocatore che ha lasciato il segno a Firenze e che è diventato capitano e leader del Palermo. Stiamo parlando ovviamente di Fabrizio Miccoli, il cui destino calcistico è cambiato per soli

500.000 euro. Se infatti la Fiorentina avesse messo nella busta 2 milioni di euro (come fece la Juventus) - anziché fermarsi a 1,5 - probabilmente Miccoli a Palermo non ci sarebbe mai andato. Era il 30 giugno 2005, Miccoli aveva praticamente salvato (quasi) da solo la Fiorentina, quando venne a conoscenza del suo futuro. Il cartellino era a metà tra la Juventus e i gigliati, che ritenevano eccessivi i 7 milioni di euro che servivano per riscattarlo. Decisero quindi di affrontare l’incognita delle buste. La Juventus (che non aveva nemmeno poi troppa fiducia nel giocatore) se lo aggiudicò con il minimo sforzo e lo girò in prestito al Benfica, prima di cederlo dopo due stagioni in Portogallo al Palermo. La delusione per Miccoli fu tanta, anche perché a Firenze stava bene e aveva intuito di essere il punto fermo della ricostruzione, il capitano da cui ripartire visto che per la Fiorentina aveva giocato anche infortunato. Qualche promessa non mantenuta gli fece poi pronunciare queste famose parole qualche giorno più tardi: «A Lecce dicono che sarei il figlio calcistico di Pantaleo Corvino, ma da martedì abbiamo definitivamente chiuso. Mi ha telefonato un minuto dopo l’apertura delle buste e mi ha detto: “Fabrizio siamo stati sfortunati”. Ma sfortunati cosa? Hanno offerto un milione e mezzo di euro, significa che non ci credevano in me. Potevano dirmelo prima, avremmo trovato una soluzione. Avrei aggiunto un altro milione e mezzo di tasca mia pur di restare a Firenze. Avevo persino chiesto la fascia di capitano». Una carriera decisa da qualche migliaio di euro, chissà se oggi sono più i rimpianti di Miccoli o quelli della Fiorentina. 

PIZZERIA

o l l e r t s i p PIZZERIA Il Pi Il Pipistrello miliare gliente e fa o c c a te n stare diNell’ambie potrete gu le a c lo ro st ra le del no mi piatti. T ri p e e z iz p i e, tutte versi tipi d disposizion a tà e ri a v numerose Nell’ambiente accoglientegna ee fafamiliare tte lievitare le a gustare o rn fo l e del nostro locale potrete diversi n LA Ntipi cotte IZZA CO P A L di ra pizze e primi piatti. , te n è sicuranatu lme BUFALA A L L E R A Tra le numerose varietà a disposizione, vanto rtutte MOZZ mag gionatuillievitare e tà li cotte nel forno alalegna e fatte ia c e sp ente Altrettanto aioli.MOZZAralmente,mLA PIZZAert CON izzLA p i sp e dei nostriè sicuramente RELLA BUFALA cui i nostri n specialità e cola ssionesperti a p la è e il maggior vanto dei nostri pizzaioli. e i giorno, grand er voi, ogn p o n ra a p della chi preè la passionettcon Altrettanto cui cuogrande lioirinoi mig rodoogni p i o d n a n stri cuochi preparano per voi, giorno, e i e selezio tipi di ottim rsidella e iv d , e selezionando i prodotti migliori nostra n io iz stra tradtipi ietanze nodiversi pasti, ppiatti, tradizione, di ottimi e antiprimi h c re lt o i, ibirimi piatt pietanze della oltre che pantipasti, cucina toimperd ana e gli scdolci to a in c u scana d e egli imperdibili della casa. c anche lla repariamo P . sa a c a ll lci de PIZZE DA ASPORTO. Prepariamo li doanche . ASPORTO PIZZE DA

dal 1981

dal 1981

Bar - Pasticceria - Pralineria Cerimoni, Rinfreschi, Servizio a Domicilio

oltre ai nostri dolci Vi proponiamo

Vi aspettiamo iù di per p le nostre

200 DI

colombe TIPI A e uoVa PIZZ pasquali FIRENZE - Via Senese, 160 - Tel. 055.2048549 nes e, 160 e S a i V E www.pizzeriapipistrello.com - chiuso - o il martedì F I R E NilZmartedì 49 - Chius

primi piatti secondi piatti aperitivi

Via Giovanni Pascoli n° 9/11 Scandicci (Fi) - 0552591053 Via Santa Maria a Greve n°26 Scandicci (Fi) - 055250042

4 Tel. 055.20

85

eriapip w w w.p iz z

i st re l l o.c o

m

più di i 200 tipa di pizz


noi siamo ... AUTOFFICINA

VIOLA!

Ballerini Luca

Riparazioni auto plurimarche italiane ed estere, benzina e diesel

Degustazioni e vendita vini provenienti da tutta italia. Vasto assortimento di birra artigianale

Servizio reviSioni

Campi Bisenzio (FI) - Via delle Corti, 23 - Tel. 055.890991

AUTOFFICINA

Enoteca

Se venite a trovarci nell’antico borgo di Scarperia soddisferemo il vostro palato con salumi e formaggi locali.

di OTTANELLI VINCENZO AUTORIPARAZIONI REVISIONI - PRONTO MARMITTE CONVENZIONE SOCI ACI

Via Cantone, 39 (ang. via Lungo L’Affrico) Firenze - Tel. 055 611532

Chiuso il lunedì Via Roma, 15/a Scarperia Tel. 055 846170 - www.vino-vendita.it

Il Crostino

VITO ANGELASTRO

CARTONGESSO I NOSTRI SERVIZI

Spaghetteria - Pizzeria - Pub

colonne controsoffitti di cartongesso pareti divisorie tagliafuoco contropareti pannelli di cartongesso pareti divisorie termoisolanti controsoffitti pareti divisorie cartongesso fibre minerali

Sempre aperto dalle ore 19 a tarda notte Pizza e primi da asporto Cene per compleanni Pranzi su prenotazione e per gruppi sportivi

Via Vivaldi 45 - Scandicci tel. 055 755689

via Cherubini, 8 - Scandicci (FI) tel 328 2315626 - vito.64v@libero.it

new d i V a l e r i o S a r t i

Color

Imbiancatura e Verniciatura Stucchi Decorativi e Patinature Trattamento Cotto Pareti e Soffitti in Cartongesso io e Montagg

io

smontagg

ggi

ponte

Via Tevere 92/2 - Osmannoro (FI) Tel 055375500 - NUOVI ORARI

Via Dante Alighieri, 51/c Carmignano (PO)

338 563 59 76


UNCEM Toscana

PROMUOVE DIECI PROGETTI PER IL SERVIZIO CIVILE REGIONALE dedicati a 20 giovani che vivono nei territori montani

UNCEM Toscana (Unione Nazionale Comuni Enti Montani) è l’ente che rappresenta i territori montani della Toscana. E’ impegnata in numerosi progetti che hanno come obiettivo quello di garantire lo sviluppo e la crescita socio-economica per la montagna toscana che, nel corso degli anni, è diventata un efficiente laboratorio di innovazione in grado di migliorare la qualità della vita delle popolazioni. E’ aperto il nuovo bando rivolto a tutti i giovani toscani per il servizio civile regionale: quest’anno per chi abita in montagna, UNCEM Toscana ha presentato dieci progetti per venti giovani per la valorizzazione del servizio civile attraverso i PAAS (Punti per l’Accesso Assistito ai Servizi online). Le iscrizioni sono già aperte e hanno scadenza il 27 aprile 2012. La domanda deve pervenire con Raccomandata A/R al seguente indirizzo: UNCEM Toscana, via Cavour 15 – 50129 – Firenze; oppure è possibile consegnarla sempre allo stesso indirizzo dal lunedì al venerdì nel seguente orario: dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 17:00. Per tutti gli approfondimenti, consultate il sito di Giovani in Montagna www.giovaninmontagna.it e scaricate l’applicazione per iPhone GIM.

PER INFORMAZIONI

UNCEM Toscana Via Cavour 15, 50129 Firenze tel 055-213151 segreteria@uncemtoscana.it www.uncemtoscana.it


Antonucci Fabio falegname

27

Riparazioni a domicilio Vendita infissi e arredamenti su misura

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

chiama!! 335 6347467

Il patto fra patron e tifosi culminato con la promessa di effetti speciali

ANCHE I RICCHI RIDONO E SOGNANO (IL GIRO SUL BUS SCOPERTO)

Ma è possibile vedere uno dei mille uomini più ricchi del mondo che ride e scherza dando le pacche sulle spalle agli ultras? Certo che sì, ed è anche un bel vedere agli occhi di una città che ha sempre fatto dell’ironia e dello scherzo la sua arma in più. Si pensi ai ‘Canti carnascialeschi’ di Lorenzo de’ Medici, al calcio in costume giocato spavaldamente in piazza Santa Croce sotto l’assedio delle truppe imperiali nel 1530, oppure ai cartelli dei ristoranti con scritto ‘stasera specialità in umido’ dopo l’alluvione del 1966. E si pensi, a questo punto, anche ad Andrea Della Valle che, alla vigilia di una sfida che molti davano per persa, si è ‘tuffato’ in una delegazione ben assortita della tifoseria fiorentina. All’incontro di venerdì scorso hanno partecipato Valter Tanturli e Filippo Pucci (presidenti rispettivamente dell’A.T.F. e del Centro di Coordinamento viola club, associazioni che rappresentano tutti i settori dello stadio), Stefano Sartoni (ex presidente del Collettivo) ed un manipolo di ‘non tesserati’ di curva Fiesole (fra cui Pietro Vuturo). Niente Digos, né vigilanza, solo otto tifosi più Andrea Della Valle, Mario Cognigni e Sandro Mencucci. Niente scrivanie, né microfoni: tutti in piedi, in cerchio dentro lo stadio a discutere e dirsi tutto in faccia. «E’ stato un incontro molto bello - svela al Brivido Sportivo Pietro Vuturo - nel quale ci siamo chiariti a 360 gradi. Noi avevamo la ‘lista della spesa’ delle cose che non ci andavano bene e anche Andrea (Della Valle ndr) ci ha detto cosa non gli andava».  Che c’era nella vostra lista? «Il declino e il progressivo distacco dopo l’apice raggiunto a Liverpool, quando mancava poco per diventare grandi davvero. E le repressioni allo sta-

dio, le perquisizioni prolungate a cinquanta ragazzi nella partita in casa col Chievo». Allora avrete parlato anche dei quattro Daspo inflitti a chi aveva portato le torce per la coreografia del pre-partita contro la Juve. «Certo. Lui ha elogiato il nostro attaccamento, ha riconosciuto i nostri disagi ed ha incaricato Mencucci di seguire i problemi da noi esposti».  E le cose che non andavano bene a lui? «Certe espressioni forti ed accese nei suoi confronti. Noi gli abbiamo fatto notare che da noi non potrà mai aspettarsi opere letterarie. Ma se non tenessimo a lui e a suo fratello non ci arrabbieremmo mai con loro, ed è in quel caso dovrebbero preoccuparsi.

La Birrotecaiola! v i s o if t i e d Da noi c'è tutte le birre che tu' voi! Questa settimana Fede consiglia:

Era stupendo…».  Che cosa? «Era stupendo Andrea Della Valle. Rideva, scherzava, saltava, controbatteva. C’era gente piena di tatuaggi, c’era qualcuno talmente grosso che aveva il braccio grande come Della Valle intero. Ma lui se ne stava lì spalla a spalla, ci guardava come ‘matti’ scatenati ma poi… lui pareva più ‘matto’ di noi. Si è rivelato un grande livellatore sociale».  Un pregio non da poco. «Senza dubbio. Poi gli abbiamo parlato della Cittadella, gli abbiamo detto che le volumetrie sono ok. Lui ha risposto: “Ah conoscete già le volumetrie? Allora mi fido”. Si è voltato verso Mencucci e gli ha detto ridacchiando: “Chiama subito Renzi e digli di venire qui”».

bottiglia da 33 ml a soli €

4,50!

Passa a trovarci alla via Pacini, 45 Firenze - tel. 055 359704 - www.biobistrot.it

Tifoso

di Luca Capanni

Che altro vi ha detto sul futuro? «Che non ha più intenzione di farsi prendere in giro dal fratello». Prego? «Suo fratello Diego, scherzando, gli dice spesso: “Cosa ci sta a fare uno come te alla guida della Fiorentina se poi ci ritroviamo con questa classifica?”. Così ci ha assicurato che vuole assolutamente riportare la Fiorentina in alto. Ci ha detto che il suo sogno è fare il giro col pullman scoperto».  Il giro col pullman… che si fa quando si vince lo scudetto? «Proprio quello. Noi gli abbiamo risposto che per ora ci accontentiamo di andare in Champions e di vedere i Della Valle in curva Fiesole». Diego Della Valle, qualche ora dopo, ha incontrato i giocatori per infondere la regola delle tre ‘D’: dignità, dovere, divertimento. «E le tre ‘D’ le abbiamo viste subito in campo contro il Milan. La squadra è apparsa trasformata, De Silvestri è stato strepitoso. Forse allora non eravamo così fuori di testa quando chiedevamo una maggiore presenza di entrambi i fratelli». Tornando all’incontro con Andrea, avete parlato di Antognoni? «Sì, gli abbiamo ricordato cosa significa Antognoni per Firenze».  E lui cosa ha risposto esattamente? «Ha detto… “Vedremo, sappiate che io ho già chiaro quale dovrà essere il management ma non ve lo dirò nemmeno sotto tortura, ed ho già chiari quali dovranno essere i nuovi giocatori ma non ve li dirò nemmeno sotto tortura”». Chiosa finale del faccia a faccia?  «Il suo sunto: “Tutti al Franchi contro il Palermo, togliamoci dalla… melma, e vi stupirò con effetti speciali”». 

RICAMBI

Punk IPA

Angolo del

AUTO

Batterie auto - camper - furgoni Ricambi delle migliori marche Accessori Auto Via Scialoia 45/r - FIRENZE tel. 055.2479900 fax. 055.2476706 adrricambi@libero.it


autocarrozzeria

a u t o r i z z ata

a n i h

c tiva c a tu

M

ti

S So

SESto FioREntino-FiREnZE - via lMbRiani.113

Tel./Fax 055 4489507 E-Mail :S.vignini@tin.it


29

4 aprile 2012 www.brividosportivo.it

SOGNANDO IRINA SOTTO L’URUGANO DIEGHINA ‘’Irina te amo... Irina... Irina...”. Charlie parlava nel sonno. E mentre il sogno continuava, lui si agitava sotto le coperte, come mosso da istinti primordiali. Quelli degli antichi fasti, di corse sotto la curva, di abbracci a gente che non conosce, di lacrime e di bandiere. Nel frattempo Wendy era accanto a lui cercando di dormire, ma infastidita da quello che alla fine era solo un gran fracasso. “Charlie, smettila, voglio dormire...”. Ma Charlie non la sentiva, era ancora nel suo sogno, quel venerdì notte. Quelle maglie viola, quelle rossonere, uno stadio bellissimo e pieno, quella voglia di vincere. “Irina... te amo Irina...”. Wendy si alzò di scatto e svegliò bruscamente Charlie. “Ora su, spiegami chi è questa Irina... sei così spudorato da sognarla anche, maiale!”, tuonò. “Tesoro via, calmati. Rivedevo la punizione di Batistuta, lui che corre verso la telecamera ed esulta e...”. “Si, va bene. Tutte scuse. Comunque non resterò a dormire qui per un po’. Non ne posso più di questa situazione, di questi sogni, di queste bugie. Basta, me ne vado”, prese i vestiti in fretta e furia e uscì. Charlie rimase fermo come un ebete, ancora sul letto. Voleva spiegarle che sognare Cynthia Cosini Valaderes era

troppo difficile. Un nome troppo lungo da urlare alla telecamera. E forse, un nome troppo dettagliato per farsi ancor più strani pensieri. Guardò l’orologio. In fondo era meglio prepararsi. Il treno che partiva per Milano era tra qualche ora, ma a lui piaceva stare un po’ alla stazione. Tirava uno strano vento, quel venerdì. Era il venerdì prima di Pasqua, prima di Milan-Fiorentina. Ma nessuna previsione poteva avvertire di quello che sarebbe successo. Intanto, negli studi di Radio Senza Filtro, si stavano organizzando turni ed orari per la giornata successiva. Charlie sarebbe rimasto a Milano, così le trasmissioni sportive passano quasi tutte in secondo piano. Essendo giorni festivi, a tenere banco erano le notizie del traffico e del tempo. Una in particolare avrebbe scosso tutto l’ambiente. “Buonasera amici di Radio Senza Filtro. Qui è Trevor che vi parla per le notizie del giorno. Non si placa l’uragano che da venerdì sei aprile ha creato problemi alle comunicazioni di tutta la Lombardia. Anche il nostro amico Charlie, a Milano per via della partita della Fiorentina, è bloccato nel capoluogo lombardo. Non si sa bene a cosa sia dovuto e da quali perturbazioni sia stato generato. Gli scienziati stanno ancora facendo tutte le analisi del caso, ma dai primi rilevamenti si pensa sia un uragano che si è originato nelle Marche, precisamente da Casette d’Ete. Ha fatto poi il giro del mondo per fermarsi proprio a Milano, in un famoso albergo dove certi dirigenti sono andati a rintanarsi senza farsi vedere e certi giocatori hanno capito cosa davvero vuol dire esser patron. Folate di vento fortissime e pioggia battente che rende scivoloso il terreno di San Siro, tanto che Maxi Lopez cade

S E C E R C H I U N P Ò D I E VA S I O N E

Radio Senza Filtro

di Federico Pettini

rovinosamente in area. E’ ancora il vento protagonista di questo uragano, che porta De Silvestri ad avere incredibilmente i piedi vellutati e a regalare a Jovetic la palla del pareggio. Ma ancora il meglio doveva arrivare. E gli scienziati ancora non capiscono come sia potuto accadere. Mexes è stato steso dal vento e poi Amauri è riuscito a segnare. E lì, in quel momento, c’è stato uno sbalzo spazio temporale. Amauri corre verso la telecamera, urlando il nome della moglie, urlando ti amo. Scene già viste da maglie bianche o viola di San Siro. Ancora si cercano le cause di tutto questo. In serata comunque l’uragano dovrebbe diradarsi per poi sparire del tutto e far tornare alla normalità. Tranne la lampadina di Zio Fester, che continua ad accendersi per via di quel fulmine a ciel sereno che lo ha colpito durante il temporale. Dopo aver conquistato praticamente tutto il mondo, l’uragano Dieghina è arrivato anche in Italia, passando per Milano e poi andando via, veloce quasi come il suo arrivo. Per oggi è tutto, cari ascoltatori. Vi terremo aggiornati della situazione. Vi saluto e vi auguro una Buona Pasqua. Fino alla fine, Trevor”. Il direttore Calderone, preoccupato per le condizioni di Charlie, cercò di mettersi in contatto con lui, ma senza risultato. Solo qualche ora più tardi, il telefono fece tre squilli brevi. “1 nuovo sms ricevuto, da Charlie”, recitava. Calderone chiamò Trevor, che era rimasto negli studi per vedersi al maxi schermo Palermo-Juventus. Insieme gli occhi puntati sul display, per leggere l’sms. “Caro direttore, le comunico che non rientrerò in sede oggi. Dopo la partita, infatti, resterò a Milano per via del maltempo. Ma non si preoccupi. Mai come oggi starò sotto l’acqua senza l’ombrello a cercare chi qui a Milano nasconde sciarpe o bandiere rossonere. Mi saluti tutti i colleghi, che mercoledì c’è da essere di nuovo protagonisti, ancora vincenti. Buona Pasqua direttore, poi vi porterò due uova, una per lei e una per Trevor. Ah, dite a Wendy che ogni tanto i sogni che faccio non portano solo guai. Saluti, C.”.

RISTOR ANTE WINE BAR PIZZERIA

Mura in pietra, finiture di pregio, soffitti affrescati, porte e finestre che conservano antiche caratteristiche, come ad esempio le porte dei bagni, con tracce di disegni e messaggi dei detenuti. Una cornice intrigante e accogliente con il piacevole spazio esterno che si affaccia su una delle piazze rinate nell’ex complesso carcerario e dove si può gustare sia carne che pesce oltre a ì oled c r un’ottima pizza, alcuni nomi: Regina Coeli, e m i Ogn Poggioreale, Ucciardone, Pianosa... E A Z Z I P Tra le specialità tortelli di radicchio, scriE N I C gno di pollo, polpo al radicchio, filetto BOLLIorazione b di orata ... e dulcis in fondo, il tortino al a ll o c in brogio cioccolato. Valida scelta di vini, oltre che di con Am anni Per mangiare in libertà birre artigianali. e Giov nute e T i r Piazza Madonna delle Nevi, 3 (ex carcere Le Murate) ingresso da via Ghibellina o via dell’Agnolo tel. 055 2479327 aperto pranzo e cena fi no alle 23,45 - wwww.ristorantelecarceri.it a Folon Prezzi dai 10 euro per pizza con bevanda ai 35/40 euro per carne o pesce

LE CARCERI UN CARCERE che non ti aspetti


30

PER TE AMANTE DEGLI ANIMALI un nuovo punto di riferimento per i tuoi acquisti

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

F

Mattinata iorentina di Chiara Baglioni

O S S O X O S OS & Co. cani gatti r e p li o c Arti

Via Guido Biagi 1/R angolo Via della Rondinella - Firenze Tel. 055/3830449 mail. Ossoxosso@ymail.com

LA PRIMAVERA NON SA PIU’ VINCERE: E IL 2° POSTO TRABALLA 

Continua il momento negativo della Fiorentina Primavera in netto calo di risultati da circa un mese. Contro la Sampdoria, la squadra viola non è andata oltre l’1-1 nella partita che valeva il recupero di campionato. Una partita nella quale i ragazzi di Leonardo Semplici avrebbero meritato di più. AMARO IN BOCCA. Il tecnico viola nell’occasione ha scelto di tenere in panchina Matos e affidarsi alla coppia d’attacco Beckham-Zohore. Nonostante il danese abbia faticato ad inserirsi dal suo arrivo Semplici lo ha riconfermato accanto il compagno brasiliano Da Silva,

reduce da un’ottima prestazione e una doppietta contro il Modena. Per il resto Svedkauskas preferito a Lezzerini tra i pali, centrocampo con un inedito Cenciarelli a fianco di Agyei e Campanharo. La Sampdoria si è portata in vantaggio grazie a Martinelli che ha calciato forte nell’angolino basso dove il portiere lituano della Fiorentina non è potuto arrivare. Ma la squadra viola ha reagito subito, svegliata dal brivido dello svantaggio ed avendo fatto ben poco. Al 27’ del primo tempo Zohore si è accentrato in area ed ha calciato rasoterra in diagonale dove il portiere doriano Tozzo non è potuto arrivare. Ristabilita la parità,

il gioco si è afflosciato, così come il campo zolloso del Poggioloni. Sotto la grandine ed il vento, i giocatori in campo scivolavano molto e il gioco ne ha risentito. Gli ultimi 10’ del match sono stati solo di stampo viola: prima Beckham, poi il neo-entrato Matos hanno tentato con tiri dalla distanza di portare a casa i 3 punti. Ma la partita è finita in pareggio nonostante le proteste di Semplici per un rigore non concesso nel finale. Intanto nell’altro recupero di campionato, il derby di Torino, i granata si sono imposti per 1-0 sulla Juventus. ANSIA CLASSIFICA. La vittoria contro i bianconeri ha portato il Torino a un solo punto dai viola in classifica a due giornate dal termine del campionato. Con la Fio-

rentina a 44 e senza gare da recuperare, il Toro a 43 ed il Livorno a 39, la classifica adesso preoccupa. Il terzo posto significherebbe l’accesso ai play off e non alle fasi finali di Gubbio, dove invece andrà la squadra seconda classificata. Al momento l’unica certezza appare il primo posto della Juve: nonostante la sconfitta nel derby, a 49 punti e con una partita ancora da recuperare, la squadra vincitrice del Torneo di Viareggio può dirsi definitivamente capolista del girone A. Nelle prossime due gare (le ultime prima delle fasi finali) saranno necessari 6 punti per la Primavera viola: sabato prossimo a Novara dovrà affrontare una sfida ostica contro una formazione che, sebbene sia a 31 punti e non lotti per particolari obiettivi, all’andata dette del filo da torcere ad Agyei & c. bloccandoli sul risultato di 1-1. Molto meglio invece andò con il Cagliari, l’ultima avversaria. Con un netto 4-0 fuori casa, i ragazzi di Semplici calarono il poker poco prima delle vacanze natalizie e che molti di loro, i più forti, fossero aggregati in pianta stabile in prima squadra da Delio Rossi. Da lì è iniziata la parabola discendente di un campionato che terrà in tensione fino all’ultimo i viola che ora sentono sul collo il fiato dei granata per un finale al cardiopalma.     Classifica: Juventus 49 punti;  Fiorentina 44; Torino 43; Livorno 39; Genoa e Sampdoria 37; Empoli 36; Parma 33; Novara 31; Cagliari 29; Sassuolo 27; Siena 20; Modena 18; Grosseto 11

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA tel. 055 6580040

SPECIALE ABBIGLIAMENTO!! Sconto 50%-70% dopo 90 giorni di giacenza!!

CENTRO ASSISTENZA FUNERARIA

Le nostre Agenzie: VIA G. CAPONSACCHI 5/R Firenze (zona Gavinana) VIA A. F. DONI 41/R Firenze (zona Redi)

Le nostre Agenzie: VIA G. CAPONSACCHI 5/R Firenze (zona Gavinana) VIA A. F. DONI 41/R Firenze (zona Redi) Le nostre Agenzie: VIA G. CAPONSACCHI 5/R Firenze (zona Gavinana)


32

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

Il Pungiglione

DA RIZZOLI A CELI, QUEI FISCHIETTI CI PUNGONO DAVVERO TROPPO Si torna a pungere, a consuntivo, una categoria che di punture ne ha già prese parecchie. Quella degli arbitri che, domenica dopo domenica, ci punzecchiano loro con le loro decisioni sempre mono-

dirette. Celi ha fatto un po’ traboccare il vaso con questo rigore decisamente “generoso”. Un altro che si aggiunge a quello di Rizzoli a Parma, quando lo stesso Rizzoli

si dimostra solo quindici giorni dopo di manica molto più stretta quando sorvola su due falli in area forse anche più netti di quello di Cassani, ai danni prima di Amauri e poi di Gamberini, nell’infausta partita casalinga col Chievo. Si giocherà anche da far pena ma partire da 1-0 o da 0-1 fa la sua differenza. Lo stesso Celi quella manica larga usata per dare il rigore a favore di Ibra se la strettisce subito quando perdona la gomitata dello stesso a Camporese. Con il Milan siamo stati più forti di tutto, anche della consueta malevolenza arbitrale, ma mica sempre va così, tante volte ci è costata punti pesanti, importanti, e sarebbe l’ora di farsi sentire un po’ anche noi. Magari senza strillare e, ovviamente, senza telefonare, ma con la calma eppure con la fermezza che sono necessarie. Nonostante l’impresa inaspettata e per questo ancora più bella Sgombero appartamenti, solai, cantine. di San Siro, ancora non siamo sulla Piccoli traslochi, smontaggio e terra ferma della tranquillità e non rimontaggio arredi, trasporti in genere. siamo in condizione di fare regali a Serietà e prezzi modici nessuno, nemmeno per le festività Chiama per un preventivo gratuito! Tel. 333 4233131 pasquali.

TU

N U I CINQU T S E V AN IN in omaggio avrai IL VIOLONE

T

ON E

SET

SOLDI SUBITO!

SEMPRE APERTI dal lunedì al venerdì dalle

19:30

alle

01:00

il sabato e domenica dalle

15:30

alle

01:00

NA APPE O IN M CAM VO’ IN A FERT TRAS

PERSONALIZZIAMO T-SHIRT E MAGLIE DA CALCIO

Rivenditore Autorizzato ACF FIORENTINA LOTTO - ADIDAS

www.planetkart.prato.it

ALE’ FIORENTINA

via dei Tavolini, 6r - 50122 Firenze - ITALIA tel. 055 289169 - cell. 340 9037267 alefiorentina@gmail.com

Via Bassa dei Confini, 54 - Prato - tel. 339 7748775 E-mail: postmaster@planetkart.prato.it


PER TE AMANTE DEGLI ANIMALI un nuovo punto di riferimento per i tuoi acquisti

O S S O X O SS

O

i & Co. r cani gatt Articoli pe

33

Via Guido Biagi 1/R angolo Via della Rondinella - Firenze Tel. 055/3830449 mail. Ossoxosso@ymail.com

Avessi trovao i’ genio della lampada

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

I’ nonno Pilade

UN N’AVRE’ POTUO CHIEDE’ DI PIU’

Sabato di passione (per loro)! Alleluia che i’cielo e un si rabbuia! L’uniho che ci vorrebbe fa’ rabbuiare gli è Celi, quello senz’ “i”, quell’arbitro ‘nqualificabile che e prova a affossacci co’ i’ solito rigore regalao a quegli artri. Come se n’avessen avuo bisogno! E primi ‘n crassifiha, contro una banda di raccattai che gli avean perso anche ‘n casa co’ i’ Chievo e gli avean lasciao a casa l’Inca e l’ex-Caravaggio, ortre a avere i’Mocio ‘n cassa malattia e quindi ‘n panca, o che avean bisogno de’ soliti aiutini delle giacchettacce un tempo nere ora di tutti e colori come quelle che ne combinano? Eppure e gnen’hanno dao, puntuale, come da richiesta di Festere, a i’seholo i’ pelato più brutto dell’Italia settentrionale, i’ Galliani. Ma noi questa vorta e siamo stai più forti anche di loro, de’ poteri (miha tanto) occurti. Diego finarmente risceso ‘n campo

P e l l i c c e r i a

da’ tempi delle prandelliadi e gli avea dato i’segnale forte, i’poero Andrea e se l’era coccolai tre giorni, ‘nsomma questa vorta e parean caricati a molla e Eupalla e se n’è accorto e ce l’ha riconosciuo anche lui. Non che ci abbia regalao gran che, anzi, e s’è ripartii un’artra vorta dallo 0-1 come sempre e come di già detto, però armeno e un ci ha remao contro come e fa di solito e gni venisse un bene anche a lui. Poi, qui’ finale, qui’ go’ all’89’, dopo che tre vorte di seguito a qui’ punto e s’era preso noi, e gli è stao da ‘nfarto pe’ i’ poero nonno. E son sartao come un tappo di sciampagna di quella bona, co’ i’ gomito che gli è partio ‘n sublussazione pe’ un gesto dell’ombrello troppo violento pe’ l’età e un bercio che, ‘n confronto, Tarzanne e si facea e gargarismi. I’ gobbo di sopra gli è sceso pe’ abbracciammi e questa gli è l’uniha cosa che la m’ha portao un po’ d’amaro. Fagni un piacere a lui e a tutti e gobbi come lui e n’avre’ fatto anche a meno ma e un siamo ‘n tempo di gnegne. Co’ i’ Lecce che massacra que’ brodi di’ giallozzozzi che, quando e s’accorgan che possan facci un piacere più volentieri e moiano, se un si fosse vinto questo mecce ‘mpossibile lo sai che scenario che s’avea ora? Quarturtimi con du’ punti di vantaggio! Da revorverata subito. Ringraziamo quindi e miraholi che gli esistano, e basta credici. Sbancao S. Siro co’ un go’ all’urtimo minuto, sverginao i’Mocio! Se avessi trovao i’genio della lampda e un n’avre’ potuo chiede’ di più!

F i r e n z e

dal nostro inviato in cantina

Ora continuiamo anche stasera contro la banda di Zampa manolesta. Rendiamogni que’ due che ci hanno dao laggiù e tutti amici come prima. E s’andrebbe a 39, ‘nsieme a loro. Le paure e le sarebbero passate su’ i’serio e con Diego che sembra sceso un’artra vorta ‘n campo e si sarebbe pronti davvero a vorta’ pagina e scrivere un artro libro bello armeno come quello di sett’anni fa. Ma che sarà vero? I’nonno e ci crede. Dopo ave’ fatto triste l’Allegri a S. Siro, tutto e mi sembra possibile e pe’ fallo sembra’ ancora più vero e ci ho la solita cura. Quello bono che frego a i’ gobbo, tanto oggi e s’ha a provare a dimmi quarche cosa! Forza Violaaaaaaaaaaaaaaaaa!

di Andrea Finotello

Custodia Estiva

50€

MURATURA IN GENERE IMbIANcATURA IMPIANTI ELETTRIcI IMPIANTI IDRAULIcI coNDIzIoNAMENTo LAvoRI IN cARToNGESSo

Fino al 31 maggio

20% di sconto su rimEssa a modEllo, Con ritiro ad ottobrE 2012

Firenze

rIFACIMENTO BAGNO COMPLETO

Via Libero Andreotti, 80 Telefono /fax 055 711618

347/1188056

Via Scipione Ammirato, 63r Telefono 055 2477562

CELL.

talento.furs@gmail.com www.pellicceriatalento.it

edilandrea@inwind.it www.ediliziaintoscana.it

FAX 0571 1600184 - 1782729475

.000

DA € 4 mano chiavi in


35

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

IL MAGO DIEGO A MILANO E L’AMPOLLA DEI MIRACOLI Mourinho che in un solo anno ha realizzato con i nerazzurri il famoso “triplete” ed è stato così “magico” (e furbo) da andarsene subito perché in pochissimo tempo da maghi ci si può trasformare in emeriti buffoni. Da sabato scorso noi fiorentini possiamo annoverare fra i maghi del football il nostro DDV (già da questo appare la comunanza con HH). Dopo aver bollato qualche giorno prima come “ragazzo” il presidente della FIAT, lui, il mago Diego Della Valle si è presentato nel ritiro della Viola a Milano, ha fatto quattro chiacchiere con i giocatori e ha trasformato una banda di giovanotti senza carattere in una sor-

Fuorigioco

di Duccio Magnelli

ta di corazzata Potëmkin capace di annientare l’invincibile armata rossonera, scesa in campo più ricca di boria e presunzione che di effettiva forza d’urto.  Il fatto è che Diego, un po’ come tutti i maghi, appare e scompare quando meno te lo aspetti. Può riapparire stasera o sparire per anni. Siccome, visti i precedenti, è più probabile la seconda ipotesi, chiediamo che il suo fluido magico venga conservato in una preziosa ampolla da usare nei momenti difficili. Una specie di sangue di San Gennaro, forse unica speranza di salvezza per questa squadra fin qui troppo altalenante.

Il gioco del calcio pullula di maghi. Pelè, per esempio, fu definito così quando segnò un gol di testa contro l’Italia in una finale mondiale (e qualcuno disse che si era staccato dal ramo dell’albero a cui era appeso). Ed era un mago Diego Armando Maradona, che con un piede solo (il sinistro) fece vincere il Mondiale a un’Argentina poco più che mediocre. Fra gli allenatori il mago per antonomasia è stato invece Helenio Herrera, detto HH, che vinse tutto il possibile con la grande Inter. Ma può essere considerato un mago anche Josè

IL MARMISTA Conticelli Marco

LAVORAZIONE SPECIALIZZATA, PIETRE, MARMI, GRANITI PER ARREDAMENTO ED EDILIZIA. PIANI PER CUCINE E BAGNI

- Arte funeraria vasta esposizione nel NUOVO SPAZIO ESPOSITIVO situato nel cimitero di San Colombano (Scandicci)

Lastra a Signa - Località Stagno (Fi) - Via dei Ceramisti, 6

E

N TA U R O

C

Tel. 055 8724776 - cell. 333 2347007

zzi C a r ro a t t re : nato c o n v e n z io 2 335 606299

LA CARROZZERIA a La nostra cucin nti è tipica del Chia sapori conserva tutti i mpresa la di un tempo, co Alighieri Poesia di Dante schezza Genuinità e fre sono d’obbligo

I NOSTRI SERVIZI: Informazione ed assistenza per ogni incidente Macchina in sostituzione Lavori con garanzia Preventivi gratuiti Lavori con finanziamenti agevolati In caso di riparazione presso di noi soccorso stradale gratuito nel raggio di 50Km. Riparazione di auto e veicoli commerciali di ogni marca Specializzati FORD e OPEL

Corso del Popolo 54, STRADA IN CHIANTI Tel. 055-858388 - Chiuso il giovedì

CENTAURO LA CARROZZERIA V. Livorno 8/15 - Firenze Tel. 055 7326052 Fax 055 7328399 www.carrozzeriacentauro.it carrozzeriacentauro@tiscali.it


Centro Ginnastica Firenze a.s.d.

36

ORGANIZZATORI TERZA PROVA CAMPIONATO NAZIONALE 2012 SERIE A1/A2 DI GINNASTICA ARTISTICA MASCHILE E FEMMINILE E TRAMPOLINO ELASTICO 24 MARZO 2012 AL NELSON MANDELA FORUM DI FIRENZE

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

GINNASTICA di Maria Consiglia Grieco

centroginnastica.firenze@virgilio.it

SIGNORE E SIGNORI… ECCO A VOI LA GINNASTICA

“Ecco, mi ha chiamata… adesso devo mettercela davvero tutta”. Devono essere più o meno queste le ultime parole che passano per la testa di una ginnasta o di un ginnasta nel momento esatto in cui il giudice all’attrezzo pronuncia il suo cognome. E poi c’è – al massimo – solo un minuto e mezzo, novanta secondi nei quali racchiudere il lavoro in palestra, perché dia i suoi frutti; le proprie paure, per metterle da parte per un momento; le proprie emozioni, perché si trasformino in energia positiva; e, non ultima, la propria passione, perché trasformi una sequenza di elementi in una storia da raccontare. E al termine del racconto cosa trovi? Trovi l’abbraccio delle tue compagne o dei tuoi compagni, ai quali non importa se tu abbia scritto una storia meravigliosa e incantato i giudici con una prova perfetta, oppure se tu sia incappato in una giornata da dimenticare: l’intensità della loro stretta non cambia, ed è capace di far sì che il giorno seguente tu sia di nuovo lì, tra le quattro mura di una palestra dai

Scherzando con le coppe

tappeti impolverati di magnese, a provare e riprovare ancora, magari quegli stessi elementi che poche ore prima ti hanno tradito, e che a volte ti fanno passare per la mente il pensiero di chiuderla lì, che quella sarà stata la tua ultima gara. Dura soltanto un attimo, però, perché le compagne o i compagni di squadra ti hanno già preso per mano, ricordandoti che c’è da ricominciare tutto daccapo, il riscaldamento, la preparazione fisica, e poi la scioltezza, quella che agli occhi dei tuoi amici – che non sanno cosa sia questo strano sport che ti fa stare in bilico sulle punte dei piedi anche quando l’allenamento è finito – ti fa sembrare snodata da far paura, mentre tu sai che c’è sempre altra strada da fare, prima che il tuo allenatore o la tua allenatrice possa pronunciare le fatidiche tre parole “così va bene”. Signore e signori… questa è la ginnastica. Raccontarla così, da un punto di vista che non si scorge con gli occhi, è il miglior modo per dare un grosso in bocca al lupo a tutti i ginnasti e le ginnaste del Centro Ginnastica Firenze per questi ultimi due mesi di attività agonistica, prima della chiusura dell’anno sportivo.

Al termine di una gara

Ginnasti sezione maschile

Appena fuori dal tran tran cittadino tra i vigneti del Chianti Classico

La vera cucina toscana in un’oasi di relax e gusto

Via Cassia per Firenze - San Casciano Val di Pesa (FI) - Tel. 055 828402 - 335 5795454 - www.trattoriadisorpaolo.it


37

Midland è lo sport a 360°

Eventi di ogni tipo inerenti al calcio a 5, calcio 7, calcio a 11, femminile e bambini, tennis e altri sport, ma anche vendita di materiale sportivo (forniture a società) e inoltre trasmissinone TV e redazione internet. Via G. Pagnini 16 - Fi - Tel. 055 4630649 fax 055 4631816 - info@midlandeuropa.com

4 aprile 2012 www.brividosportivo.it

FINISCONO I GIRONI: NUOVI CAMPIONI E GRANDI CONFERME! - Bellissimo il duello Galacticos-Futsal Euroflorence nel girone Montecarlo C5 con questi ultimi che la spuntano per soli 3 punti e vincono il loro primo campionato Midland. Diciotto su venti le partite vinte dai ragazzi capitanati da Tommaso Rossi. Per i blancos della Casamatta invece, oltre alla seconda piazza, anche la soddisfazione di vincere la coppa disciplina. - Dominio assoluto nel Danimarca-Turchia C5 dove i Back in Black chiudono l’anno con zero sconfitte ed un solo pareggio in tutto il campionato. Certamente Daniele Massari è stato fondamentale per la vittoria finale con i suoi 59 gol all’attivo sui 167 totali messi a segno dai Back in Black ma anche la difesa ha compiuto un vero e proprio miracolo: solo 30 gol incassati in 20 partite. - Nel girone Italia C5 i Puka FC si ripetono e vincono anche quest’anno il campionato a discapito del Ciclone Viola-Bookmaker Café, che nello scontro diretto ha perso la speranza del sorpasso finale, accontentandosi quindi del secondo posto.

dox amici di filippo

Subito dietro il Lupin Bistrot-la Fontana per la medaglia di bronzo nel girone. - Lo Svezia C5 nel nome invece degli Spartani KS che hanno confermato di essere davvero una fortissima squadra nel corso di tutto l’anno, vincendo sia contro Campone UTD che R&M Gialappa’s, rispettivamente secondi e terzi classificati. Solo il Campone Rifredi è riuscito a conquistare 4 punti su 6 negli scontri di andata e ritorno contro gli Spartani: per loro una insolita quarta posizione che li fa accedere comunque in Top League. - Sub Pedibus Alae al secondo anno di fila campione del girone Croazia C7. Le 4 sconfitte subite dai vincitori nell’intero campionato non sono bastate al Cral Ida che non è riuscito nel sorpasso finale ma che comunque hanno reso l’intero torneo fra i più combattuti e avvincenti del settore, con la Selecao Argentinos che conquista la sua prima “terza posizione” e il primo accesso in Top League. Proprio la Selecao ha raggiunto l’accordo con l’ex-bomber di serie A Luca Saudati come rinforzo di livello per le fasi finali, a conferma che i ragazzi vogliono fare sul serio. - Nel girone Italia C7 il New Garden viene beffato proprio nelle ultime battute per mano del Castello Huelva, autore di un girone di ritorno davvero incredibile: 10 vittorie, 1 pareggio e zero sconfitte. Per loro un’annata sportiva da incorniciare con la vittoria della Top League 2011 e dell’attuale campionato ma anche con un mercato davvero di alto livello con il tesseramento di bomber Flachi che in poche partite ha messo a segno 10 gol e promette scintille anche nelle imminenti fasi finali. - I Dox amici di Filippo.org terminano il girone Russia C7 con una vittoria facile facile contro i Mappeicché, che gli consente quindi di portare a casa il primo titolo in Midland. Campionato fra i più equilibrati del calcio a 7, con i Cral Dip Comunali che chiudono a sole 3 lunghezze e proprio i Mappeicché a 8 punti in terza posizione. Quarti i Gorditi che grazie alle 37 reti di Davide Faccenda, nonché capocannoniere del girone, accendono di diritto alla Top League.

MIDLAND MIDLAND

spartani ks

smartist fc

back in black

- Nel femminile sono invece già terminate le fasi finali, essendo campionati leggermente più corti, con le Smartist FC che vincono la Top League in una splendida finale contro le Aton F imponendosi per 3-1. Nella Golden League sono le Kerubine che hanno la meglio nella finale contro le Libertas Bisenzio F, sempre con risultato di 3-1. Nicola Cecconi

kerubine

AU TO C A R R O Z Z E R I A

rz so

La

a io C

rrozzerie A rtig i

a

ne

Co

Tutti i servizi per te e per la tua auto

"RETE TUTELA" nte q ua clie lità al servizio del

La tua autocarrozzeria di fiducia!! I NOSTRI SERVIZI RipaRazioni ceRtifi cate SeRvizio climatizzazione tutela legale geStione SiniStRi

auto SoStitutive conSulenza aSSicuRativa lavaggio inteRni e tappezzeRia

ATA IPAR ICIPO R O AUT LCUN ANT AA RE SENZ AGA DA P ZA STEN ASSI ALE, LEG OCCORE NDO DIRITTO. QUA O TU E’ UN

Via CaValCanti 8/10/10 r, Firenze - tel./Fax 055571389 - www.Carrozzeriagipierre.it inFo@Carrozzeriagipierre.it


38

11 aprile 2012 www.brividosportivo.it

CALCIO OICLAC TOSCANA ANACSOT

IL FC BRECCIA CALA IL TRIS NEL CALCIO A 7

Dopo Stempiaz FC C7 (A), CS Sorgane C7 (B) e Flamurtari (C) è stato il FC Breccia (girone D) a vincere l’ultimo dei quattro campionati del calcio a 7: il FC Breccia conquista così il suo terzo campionato consecutivo ed ora si appresta a difendere il titolo provinciale (per il Calcio Toscana) conquistato nella scorsa Top League. Girone A - Archiviata l’assegnazione del titolo del girone A vinto dagli Stempiaz FC C7 (46 punti), è rimasta viva sino alla fine la lotta per le altre posizioni: al vertice ci sono state ben quattro formazioni che hanno avuto la certezza del loro piazzamento solo al termine dell’ultima giornata. Il Dagnene Secche (39 punti), sconfiggendo per 3-0 la Sanger, ha ottenuto il secondo posto e così la vittoria per 1-0 sugli Stempiaz FC C7 serve al Futbol Club Nuoto Extremo (37 punti) per centrare il terzo posto ed accedere (anch’esso) in Top League. Non riescono invece a qualificarsi per la Top League, ed accedono di conseguenza alla Golden League, l’AC Bandino Papaya Viaggi (35 punti) ed il Meeting Place (34 punti): questi ultimi (vincitori dello scorso campionato) vengono scavalcati in classifica dai diretti rivali proprio in virtù della sconfitta (2-1) patita nello scontro diretto dell’ultima giornata. Alla Golden League accede anche l’AC Giglio (21 punti) per il quale è indolore il ko (1-0) subìto all’ultima giornata per mano del Ruzzo Albiseleste (20 punti) che deve invece accontentarsi di partecipare alla Silver League. A quest’ultima manifestazione prenderanno parte anche Lokomotive Oxfam e Sanger, mentre l’Ufo Calcio A 5, che ha chiuso il campionato con un solo punto, non prenderà parte alle Fasi Finali. Girone B - Chiude il campionato con 49 punti il CS Sorgane C7, formazione vincitrice di questo raggruppamento: il CS Sorgane potrà adesso concentrare tutte le forze sulle Fasi Finali della Top League. A questa manifestazione prenderà parte anche la l’AC Peruzzi (44 punti) che ha terminato il campionato al secondo posto. L’AC Peruzzi tenterà così l’assalto ai campioni provinciali in carica del FC Breccia,

AC GIGLIO C7

contro i quali perse la finalissima nella passata stagione. L’ultimo posto del girone per la Top League l’ha conquistato il Telerama C7 che, vincendo (per 7-4) all’ultima giornata lo scontro diretto con l’Atletico Coverciano, lo ha agganciato in classifica (a 33 punti) ed in virtù del pareggio nella gara d’andata, la classifica (scontri diretti) premia proprio il Telerama C7 per il terzo posto. L’Atletico Coverciano prenderà così parte alla Golden League assieme allo Sporting Pampero. Non disputeranno invece alcuna manifestazione I Terroni C7 che si sono ritirati dalle Fasi Finali. Infine disputerà la Silver League il FC Montalunga, che ha chiuso il campionato con 19 punti, ma che vanta il terzo reparto difensivo del girone (con 33 reti incassate, una sola in più dell’AC Peruzzi). Oltre al FC Montalunga disputerà la Silver League il FC Redox. Si erano precedentemente ritirate dal campionato X-Man e Cariparma, che pertanto non disputeranno le Fasi Finali. Girone C - Col Flamurtari che il 15 marzo aveva festeggiato la vittoria del campionato (chiuso poi con 48 punti e senza sconfitte - unica formazione nei quattro gironi di calcio a 7 a non aver mai perso), l’attenzione del girone C si è riversata sulla lotta per le altre posizioni. Alla fine la Polis Multietnic C7 (40 punti) è riuscita a conservare la seconda posizione conquistando l’accesso alla Top League assieme ad I Soliti Ignoti (37 punti). Questi ultimi hanno avuto la meglio sull’Avavava FC (32 punti) vincendo (3-0) lo scontro diretto dell’ultima giornata: così l’Avavava FC viene relegato nella Golden League, competizione vinta proprio dall’Avavava FC nella passata stagione (in una finale contro Gli Spartani conclusasi per 9-8 al termine della lotteria dei calci di rigore, dopo che il match si era chiuso sul punteggio di 1-1). Per la Golden League si sono qualificati pure i Sangue Blues e Gli Spartani che, come detto, hanno perso la finale un anno fa e cercheranno quest’anno di conquistare quel trofeo sfuggito loro per un soffio. Infine accedono alla Silver League quattro formazioni di questo gruppo: Ceppo Club, Florence Patriots, Secretkick 08 C7 ed Aston Birra C7. Queste squadre proveranno a succedere nell’albo d’oro a L’Austra, formazione

AL GATTILE DI BAGNO A RIPOLI-FIRENZE CI SONO BELLISSIMI E DOLCISSIMI GATTINI CHE SONO STATI ABBANDONATI SENZA PIETÀ, PER STRADA, NEL PERIODO ESTIVO. I MICINI CERCANO CON URGENZA UNA CASA E UNA FAMIGLIA CHE LI AMI PER SEMPRE! ADOZIONI FIRENZE E PROVINCIA, FIRMA MODULO ADOZIONE, RICHIESTA STERILIZZAZIONE

Per info O55-645255 dopo le ore 2O oppure 388-1O67914

'GATTILE AMA' DI BAGNO A RIPOLI - FIRENZE

www.amagatti.it

vincitrice della scorsa Silver League. Girone D - Il FC Breccia ha calato il tris: lunedì 26 marzo è stato il giorno in cui la capolista del girone D ha conquistato il suo terzo titolo consecutivo (sconfiggendo per 8-2 i The Cleavers e portandosi a quota 47 punti), probabilmente il più sofferto. Un solo punto ha infatti diviso i neo-campioni dal Groove Street: la vice-capolista è stata scavalcata il 5 marzo in occasione dello scontro diretto vinto dal FC Breccia per 3-0, dopo aver sperato di riuscire ad interrompere il predominio dei campioni provinciali in carica. Adesso il FC Breccia si appresta a difendere il titolo conquistato nella Top League, alla quale parteciperà, oltre al Groove Street, anche l’Ardigliona FC: questi ultimi infatti hanno terminato il campionato a pari punti (31) col Real Florentia, ma in virtù delle due vittorie negli scontri diretti prevalgono in classifica sui diretti rivali. Il Real Florentia sarà invece ai nastri di partenza della Golden League, insieme al Cral Nuovo Pignone (30 punti) ed al Riddim che al fotofinish ha superato (di un solo punto) la Dinamo Florentia grazie al successo (6-2) nello scontro diretto dell’ultima giornata di campionato. Per la Dinamo Florentia (27 punti) si aprono comunque le porte della Golden League, grazie al posto lasciato libero da I Terroni C7 nel Sgombero appartamenti, solai, cantine. girone B. Infine parteciperanno alla Silver LePiccoli traslochi, smontaggio e ague i The Cleavers e l’Atletico Per Nulla che rimontaggio arredi, trasporti in genere. hanno concluso a pari punti (10) il campionato (con l’Atletico Per Nulla meglio piazzato in virtù degli scontri diretti). Chiama per un preventivo gratuito! Steto  Tel. 333 4233131

SOLDI SUBITO! Serietà e prezzi modici

Lavori particolariunici unici Lavoriartigianali artigianali per per realizzare realizzare particolari

FC MONTALUNGA

Realizzazione e installazione: ● Infissi e persiane in alluminio e ferro ● Inferriate e ringhiere ● Soppalchi, scale e tettoie ● Avvolgibili in PVC ed alluminio ● Arredo da interni ed esterni ● Porte da interni ● Porte blindate

ART FABER snc - Via Ferdinando Livini, 10 - 53034 Colle di Val D’Elsa (SI) Info: 392 2646288 - 392 1202456 - 338 8459895 - art.faber@libero.it - www.artfaber.it

Realizzazione e installazione: Infissi e persiane in alluminio e ferro - Inferriate e ringhiere Soppalchi, scale e tettoie - Avvolgibili in PVC ed alluminio Arredo da interni ed esterni - Porte da interni - Porte blindate Via Ferdinando Livini, 10 - Colle di Val D’Elsa (SI) TEL.FAX 0577920513 / CELL. 3921202456

art.faber@libero.it - www.artfaber.it



Il Brivido Sportivo speciale Fiorentina Palermo